Sei sulla pagina 1di 166

Corso di Idraulica dei mezzi porosi

Proff A. Carravetta e R. Martino


Ultimo aggiornamento 30/04/2013

DISPENSE
DEL CORSO DI

IDRAULICA DEI MEZZI POROSI

1-1

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

INDICE
1.
2.

Introduzione al corso.................................................................................................................1-4
Le falde acquifere......................................................................................................................2-6
2.1.
Legge di Darcy..................................................................................................................2-7
2.2.
Falde freatiche e falde artesiane......................................................................................2-13
3. Estensione della legge di Darcy al continuo ...........................................................................3-15
4. Macroporosit in mezzo saturo ...............................................................................................4-17
4.1.
Mezzi omogenei..............................................................................................................4-17
4.2.
Mezzi fratturati................................................................................................................4-24
5. Variabilit spaziale..................................................................................................................5-27
5.1.
Classificazioni.................................................................................................................5-27
5.2.
Mezzi statisticamente omogenei .....................................................................................5-31
5.2.1.
Approccio deterministico............................................................................................5-31
5.2.2.
Approccio stocastico ...................................................................................................5-32
6. Equazioni indefinite ................................................................................................................6-43
6.1.
Equazioni indefinite del moto .........................................................................................6-43
6.2.
Equazioni di continuit ...................................................................................................6-47
6.3.
Equazioni del moto uniforme di un fluido pesante incomprimibile ...............................6-48
6.4.
Equazioni del moto vario di un fluido pesante incomprimibile ......................................6-50
7. Campi di moto in falda artesiana ............................................................................................7-53
7.1.
Emungimento da falda artesiana confinata .....................................................................7-53
7.2.
Prove di emungimento per falde artesiane......................................................................7-54
7.2.1.
Misure di livello allinterno dei piezometri ................................................................7-69
7.3.
Cambio di permeabilit in falda artesiana.......................................................................7-70
7.4.
Cuneo salino....................................................................................................................7-73
7.5.
Trattazione con interfaccia netta .....................................................................................7-77
7.5.1.
Ipotesi di interfaccia stazionaria .................................................................................7-80
7.5.2.
Legge di Ghyben-Herzberg.........................................................................................7-81
7.5.3.
Rilassamento della condizione di valle.......................................................................7-83
7.5.4.
Modello di Glover (1959) ...........................................................................................7-83
7.5.5.
Modello di Edelman (1972) ........................................................................................7-84
7.5.6.
Modello di Mualem e Bear (1974)..............................................................................7-89
7.5.7.
Effetti della marea sulla superficie libera ...................................................................7-89
7.5.7.
Modelli numerici con interfaccia netta .......................................................................7-90
7.6.
Misure di livello allinterno dei piezometri: trattazione con strato di transizione ..........7-91
7.6.1.
Equazioni di governo ..................................................................................................7-92
7.6.2.
Equazione di governo: conservazione della massa .....................................................7-93
7.6.3.
Equazione di governo: legge di Darcy........................................................................7-95
7.6.4.
Concetto di quota piezometrica di acqua dolce ..........................................................7-96
7.6.5.
Equazioni in termini di quota piezometrica di acqua dolce ........................................7-98
8. Moti a potenziale...................................................................................................................8-100
8.1.
Definizione di moti a potenziale ...................................................................................8-100
1-2

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
8.1.1.
Propriet delle funzioni armoniche ...........................................................................8-106
8.2.
Metodi di risoluzione ....................................................................................................8-107
8.2.1.
Esempio di metodo analitico.....................................................................................8-108
9. Campi di moto in falda freatica.............................................................................................9-115
9.1.
Teoria di Dupuit ............................................................................................................9-115
9.1.1.
Flusso bidimensionale su fondo impermeabile.........................................................9-118
9.1.2.
Superficie libera soggetta a pioggia o evaporazione (ricarica o esaurimento) .........9-119
9.2.
Cambio di permeabilit in falda freatica.......................................................................9-122
9.3.
Condizioni di moto lungo un pendio.............................................................................9-125
9.4.
Soluzione integrale completa del profilo di acquiferi non darciani a frontiera libera ..9-128
9.4.1.
Limiti allapplicabilit della soluzione integrale ......................................................9-131
9.5.
Dighe in terra ................................................................................................................9-132
9.6.
Emungimento da falda freatica .....................................................................................9-135
10.
Terreni non saturi ............................................................................................................10-138
10.1.
Risalita capillare......................................................................................................10-138
10.1.1. Effetti della capillarit su un terreno.......................................................................10-139
10.1.2. Curve di tensione ....................................................................................................10-144
10.1.3. Conducibilit idraulica............................................................................................10-147
11.
Equazioni del moto in mezzi non saturi..........................................................................11-150
11.1.
Equazione di continuit...........................................................................................11-150
11.2.
Valutazione dei parametri caratteristici di un mezzo non saturo ............................11-154
12.
Cenni sul trasporto di inquinanti in falda........................................................................12-164

1-3

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

1.

Introduzione al corso

Molti aspetti dellIngegneria sono legati alle condizioni di deflusso sotterraneo dellacqua nei moti
detti di filtrazione. Nella terminologia tecnica ogni materiale che presenta dei vuoti nei quali si pu
muovere un fluido detto mezzo poroso. NellIngegneria Civile ed Ambientale dinteresse il
flusso nei mezzi porosi, sia naturali, quali sono ad esempio, gli orizzonti geologici costituiti da
depositi sabbiosi, sia artificiali, come nel caso del materiale grossolano con cui si realizzano i
sistemi di drenaggio.
Molte delle motivazioni che inducono a studiare in maniera approfondita i moti di filtrazione sono
gi noti agli studenti che abbiano seguiti i Corsi di base di Idraulica e di Costruzioni Idrauliche.
Una delle principali motivazioni rappresentata dalla necessit di fornire un adeguato
approvvigionamento di acqua, ad uso potabile, irriguo o industriale, sfruttando i volumi di acqua
contenuti nel sottosuolo, le cosiddette falde acquifere. La progettazione dei sistemi di prelievo e la
tutela di queste acque dallinquinamento rappresentano gli obiettivi perseguiti per una gestione
sostenibile delle risorse idriche naturali.
Altra motivazione rappresentata dalla regimentazione delle acque sia superficiali che sotterranee.
Ad esempio, il dimensionamento degli spechi dei sistemi di drenaggio risulta fortemente legato alla
partizione dei volumi di pioggia, tra ruscellamento superficiale e infiltrazione nel terreno. I
coefficienti udometrici che si utilizzano nella progettazione sono per lo pi di natura empirica e
derivano da soluzioni approssimate che interpretano le dinamiche del movimento nei primi
orizzonti del suolo. Nelle situazioni pi critiche possibile risolvere in maniera accurata le
equazioni del moto dellacqua anche in terreni parzialmente saturi.
Il controllo delle acque sotterranee , spesso fondamentale anche nella costruzione di nuove opere
civili, parzialmente o totalmente interrate, onde evitare affioramenti di acqua sia nelle fasi di
realizzazione dellopera che nel corso dellesercizio.
Anche lanalisi della stabilit di un pendio o di un rilevato, in generale, deve preventivamente
valutare la presenza di moti di filtrazione che rappresenta, molto spesso, una causa di rottura
influenzando i valori di pressione neutra e quindi le resistenze a taglio del terreno.
Il programma del corso segue una suddivisione logica tra due dinamiche del movimento la prima
relativa ai mezzi porosi saturi, nei quali cio tutti i vuoti risultano essere pieni dacqua, la seconda
relativa ai mezzi non saturi, nei quali i vuoti risultano solo parzialmente pieni dacqua.
1-4

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Per ciascuna delle due parti, verranno sviluppate le equazioni indefinite del moto e della continuit
e verranno fornite le soluzioni analitiche nei casi pi semplici di mezzo omogeneo e isotropo,
sfruttando spesso particolari condizioni di simmetria. Sempre separatamente, per mezzo saturo e
non saturo, saranno descritti i metodi per la determinazione dei parametri idraulici che sono presenti
nelle suddette equazioni.
Infine, saranno mostrate alcune tecniche per il controllo delle acque sotterranee, al fine di una
gestione sostenibile delle stesse, sia in termini quantitativi che qualitativi.
Una terza parte del corso sar finalizzata a descrive alcuni programmi di calcolo commerciali che
consentono la risoluzione numerica di campi di moto pi complessi e a sviluppare applicazioni
semplici da confrontare con le soluzioni analitiche precedentemente descritte.

1-5

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

2. Le falde acquifere
Il ciclo dellacqua, rappresentato in Figura 2.1, un diagramma ben noto che sintetizza i flussi idrici
che si sviluppano sulla superficie terrestre, sottoterra e nellatmosfera.

Figura 2.1 Ciclo dellacqua

Evidentemente la percentuale pi rilevante dellacqua complessivamente presente sul globo


raccolta nei mari e negli oceani.

Figura 2.2 Distribuzione percentuale dell'acqua sulla Terra

2-6

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Lacqua presente nelle falde acquifere pu avere due diverse origini. Nel caso di rocce profonde
lacqua pu rappresentare un derivato di reazioni chimiche complesse che hanno avuto luogo
durante i fenomeni tettonici: solo in pochi punti della superficie terrestre queste acque trovano
recapito naturale con sorgenti in superficie.
Pi superficiali sono le falde acquifere che si alimentano con le acque provenienti dal piano
campagna per infiltrazione di acque meteoriche o per percolazione da fiumi e laghi (sub-alvea).
Queste falde sono evidentemente poco profonde e possono essere facilmente sottoposte ad
emungimento.
Prima di continuare la descrizione dei caratteri del deflusso nelle falde acquifere pu convenire
definire alcune grandezze proprie dei mezzi porosi.

2.1. Legge di Darcy

Verso la fine dell800 un Ingegnere francese Henry Darcy cerc di determinare le resistenze al
moto in un campione di terreno costipato, realizzando un apposito apparato sperimentale oggi detto
permeametro, schematicamente rappresentato in Figura 2.3. e Figura 2.4.

Figura 2.3

2-7

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 2.4

Il permeametro pu essere disposto orizzontalmente o verticalmente (figura 2.1.3.) ed


caratterizzato dalla presenza di un condotto circolare contenente terreno, detto filtro, di lunghezza L
e sezione trasversale S, nel quale defluisce un fluido newtoniano, generalmente acqua, per effetto
della differenza di quota piezometrica Y esistente tra gli estremi del filtro.

Figura 2.5 Permeametri

La prova, svolta in condizioni di moto permanente, per unassegnata geometria del filtro, prevede la
misura della portata circolante Q e del dislivello piezometrico Y.

2-8

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Darcy verific che la portata risultava direttamente proporzionale alla cadente piezometrica ed alla
sezione trasversale del filtro ed inversamente proporzionale alla lunghezza del filtro stesso.
Y

(2.1)

(2.2)

V= f I

(2.3)

Introducendo la velocit di filtrazione:


V=

la legge di Darcy si scrive:

dove il coefficiente di permeabilit f ha le dimensioni di una velocit ed funzione delle


caratteristiche del mezzo poroso e delle propriet del fluido filtrante. Il legame lineare tra velocit di
filtrazione e cadente piezometrica dimostra che il deflusso avviene in condizione di moto laminare.
Attraverso il criterio dellomogeneit meccanica possibile distinguere linfluenza sul coefficiente
di permeabilit delle caratteristiche del mezzo da quelle del fluido. Per analogia con la soluzione del
problema della determinazione delle resistenze nel moto uniforme laminare in un condotto
cilindrico (Legge di Poiseuille):
V =

1 2
Ir0
8

(2.4)

possibile assumere che il coefficiente di filtrazione debba anchesso dipendere dal peso specifico
del fluido g e dallinverso della viscosit . Una dimensione caratteristica dei meati potr essere
rappresentata da un diametro efficace dei granelli, d. Di conseguenza, dal punto di vista
dimensionale, avendo e dimensioni, rispettivamente pari a:
F
L3

L2
FT

(2.5)

E tenuto conto che il coefficiente di filtrazione ha le dimensioni di una velocit, dovr essere:
L
F L2
= L2 3
T
L FT

(2.6)

Pertanto, esplicitando la dipendenza del coefficiente di filtrazione dal quadrato di un diametro


caratteristico del mezzo poroso ed introducendo il coefficiente di permeabilit intrinseca, k, risulter
in definitiva:

2-9

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

f =k

(2.7)

Il coefficiente di filtrazione, attraverso il coefficiente di permeabilit intrinseca, dipender inoltre


dalle caratteristiche del mezzo poroso, in particolare dallassortimento granulometrico del terreno
Figura 2.6 e dal grado di costipamento, il cui effetto per un materiale monogranulare
rappresentato in Figura 2.7.

Figura 2.6 Curva granulometrica

Figura 2.7 Grado di costipamento

Entrambi questi parametri contribuiscono a determinare la porosit del mezzo, definita come
rapporto tra il volume dei vuoti (Wv) e il volume totale (Wt):
n=

Wv
Wt

(2.8)

Evidentemente, risulta impossibile esprimere in maniera analitica la dipendenza del coefficiente di


permeabilit intrinseca dalla struttura di un mezzo poroso naturale. Di conseguenza solo prove di
laboratorio con permeametro su campioni di terreno non rimaneggiato possono consentire una
valutazione attendibile del coefficiente di filtrazione.
2-10

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
In Tabella 2-1 sono riportati i campi di valori del coefficiente di filtrazione riscontrati per materiali
aventi diversa classificazione geotecnica.

Tabella 2-1

La velocit di filtrazione una velocit fittizia tramite la quale viene sintetizzato il movimento
dinsieme del fluido nel terreno. Questo movimento si esplica secondo percorsi tortuosi,
riconducibili alle interconnessioni esistenti tra i pori del mezzo. In Figura 2.8. riportato un insieme
di traiettorie percorse dal fluido, nonch lingrandimento di un ipotetica distribuzione di velocit
allinterno di un meato (Figura 2.9).
La velocit effettiva, con cui mediamente viaggia lacqua nei pori evidentemente maggiore della
velocit di filtrazione, ci in quanto, parte della sezione trasversale del campione occupata dai
granelli. La velocit effettiva legata alla velocit di filtrazione dalla relazione:
v=

V
na

(2.9)

in cui na la porosit areale, cio la quota parte della superficie trasversale del campione occupata
dai pori. Spesso la porosit areale posta pari alla porosit.

2-11

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 2.8

Figura 2.9

2-12

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

2.2. Falde freatiche e falde artesiane

Ogni mezzo poroso caratterizzabile idraulicamente mediante un valore medio del coefficiente di
filtrazione. Come si evince dalla Tabella 2-1, il coefficiente di filtrazione varia di diversi ordini di
grandezza a secondo del tipo di terreno. I terreni naturali saturi pi permeabili sono detti acquiferi,
mentre quelli meno permeabili possono costituire strati di confinamento per gli acquiferi stessi.
Generalmente sar sempre possibile individuare uno strato di confinamento inferiore di un
acquifero. Viceversa, superiormente un acquifero potr essere limitato o no da un secondo strato di
confinamento. Questa differenza consente unimportante distinzione tra falde artesiane e falde
freatiche:
-

Le falde artesiane (Figura 2.10. B) sono acquiferi completamente racchiusi tra due
formazioni impermeabili o semi-impermeabili (rocce, argille, etc.), che presentano una
quota piezometrica maggiore della quota geodetica misurata in corrispondenza della
formazione impermeabile superiore (tetto della falda).

Le falde freatiche (Figura 2.10. A) sono acquiferi confinati inferiormente da una formazione
impermeabile o semi-impermeabile, ma caratterizzati dalla presenza di una superficie libera
della falda a pressione atmosferica al disopra della quale lammasso filtrante solo
parzialmente saturo.

Figura 2.10 A- falda freatica, B- falda artesiana

In Figura 2.10 sono schematicamente rappresentati in sezione due acquiferi nei quali si sviluppa un
campo di moto piano, la falda A una falda freatica, mentre la falda B una falda artesiana. La
2-13

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
linea b-b rappresenta la piezometrica della falda artesiana, invece la piezometrica della falda
freatica coincide, ovviamente, con la traccia della superficie libera della falda.
E interessante notare come la falda artesiana possa presentare una quota piezometrica maggiore
della falda freatica sovrastante. In tal caso, anche in presenza di un collegamento tra le due falde, il
flusso allinterno dello strato di confinamento andrebbe dalla falda artesiana a quella freatica.
Altro punto da chiarire che concettualmente possibile avere una falda freatica anche al disotto di
altre falde pi superficiali, freatiche o artesiane.
Dal punto di vista della qualit delle acque contenute nelle due falde, va rilevato che le falde
freatiche che si sviluppano al disotto del piano campagna e che sono direttamente alimentate per
infiltrazione delle acque meteoriche risultano pi vulnerabili dal punto di vista qualitativo per
apporto di nutrienti o di sostanze di origine agricola -erbicidi, pesticidi, etc.-. Viceversa le falde
artesiane, specie se caratterizzate da elevati valori di quota piezometrica sono pi salvaguardate,
sempre che non vi siano interventi che modifichino lassetto della falda, come prelievi da pozzi che
determinano forti riduzioni della quota piezometrica.
Nellambito del corso studieremo largamente le falde idriche sotterranee, sia per la loro importanza
come fonte di approvvigionamento idrico, sia per verificarne le interazioni con manufatti.

2-14

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

3. Estensione della legge di Darcy al continuo


Lesigenza ingegneristica di applicare equazioni analitiche per la soluzione dei problemi inerenti il
movimento dellacqua nei mezzi porosi saturi implica la definizione di funzioni analitiche continue
e derivabili. Le propriet dei mezzi porosi, ad esempio la porosit, non rientrano a rigore tra le
grandezze di quel tipo: osservando la porosit facile riconoscere che il suo limite puntuale vale 0 o
1, a seconda se il punto ricada allinterno di un poro o della matrice solida. Le grandezze di tipo
idraulico, quali la velocit o la quota piezometrica, addirittura non risultano definite allinterno della
matrice solida.
Per ovviare a questo problema si soliti operare una media mobile su un volume centrato in ciascun
punto del campo di moto, in modo da riferire al punto il valore che la grandezza assume nel volume
sui cui si operata la media. Tale volume detto Volume Elementare di Riferimento (REV,
Reference Elementary Volume).

Figura 3.1 REV

La sua dimensione convenzionale si assume essere quella minima per mediare le variabilit di
piccola scala in modo da rendere definite le grandezze che intervengono nella modellazione
analitica del comportamento idraulico del mezzo poroso (Figura 3.1).
E facile osservare che al crescere della dimensione del REV, tali grandezze raggiungono
rapidamente un valore stabile in corrispondenza del volume U0 in figura. Ulteriori incrementi
della dimensione del REV, portano poi a nuove pi significative variazioni, dal momento che
cominciano ad intervenire le variabilit proprie dei mezzi naturali (inhomogeneous medium).
La legge di Darcy, con il suo riferimento alla velocit di filtrazione, ben si presta ad una estensione
ai mezzi continui, basta riferire al REV le due grandezze: quota piezometrica e coefficiente di
filtrazione, ed esprimere la stessa in forma vettoriale:
3-15

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
r

p
p
V = f z + = f grad z +

(3.1)

Figura 3.2 Estensione legge di Darcy ad un continuo

La risoluzione del problema idrodinamico passa, pertanto, per la determinazione del valore della
quota piezometrica in ogni punto del campo di moto. Allinterno della falda si pu immaginare la
presenza di superfici isopieziche che uniscono punti con egual valore di quota piezometrica. Il
vettore velocit di filtrazione normale in ogni punto alle isopieziche. In figura 3.2. le linee AA e
BB rappresentano, tratti di isopiezica. Il valore di questa piezometrica associato a ciascuna delle due
isopieziche evidenziato dalla presenza di due piezometri infissi nel terreno, in particolare ciascun
valore di quota piezometrica rappresentato ovviamente dalla distanza tra il menisco del
piezometro e la quota di riferimento z=0.
Generalizzando lespressione di Darcy per un mezzo anisotropo si ottiene:
r
V = [ f ]gradh

(3.2)

dove [f] un tensore.


Se si considerano gli assi principali x, y e z
Vx = f x

h
h
h
; V y = f y ; Vz = f z
y
x
z

Se il mezzo si presenta isotropo fx= fy = fz =f.

3-16

(3.3)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

4. Macroporosit in mezzo saturo


Nei mezzi a piccola granulometria la legge di Darcy esprime un legame di proporzionalit diretta
tra la velocit di filtrazione V e la cadente piezometrica J, tramite il coefficiente di filtrazione che
dipendente dalle caratteristiche del mezzo poroso e del fluido. La legge di Darcy non descrive, per,
adeguatamente i moti di filtrazione attraverso filtri a grana grossa o attraverso le fratture che
possono essere presenti allinterno di formazioni rocciose, di piccole o grandi dimensioni.

4.1. Mezzi omogenei

Nel laboratorio del DIGA (Dipartimento di Idraulica, Geotecnica, Ambientale) stata realizzata un
particolare permeametro (Figura 4.1) che consente di effettuare prove per la determinazione dellf
saturo su campioni di notevole dimensioni, sottoposti a forti valori della cadente piezometrica.

Figura 4.1 Permeametro

La condotta di prova stata riempita con materiale a granulometria grossolana (Figura 4.1), ricavato
in situ da un banco di pomici lungo un pendio dellentroterra campano, proveniente da processi

4-17

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
eruttivi del complesso Somma-Vesuvio (Figura 4.3). La necessit di operare su campioni di
diametro notevolmente maggiore della dimensione media delle pomici e la bassissima coesione
naturale di queste ultime non hanno consentito il prelievo di campioni indisturbati.

Figura 4.2 Materiale di riempimento della condotta

Figura 4.3 Complesso Somma-Vesuvio

Il bilancio idrogeologico di questi pendii caratteristici dellarea campana, lungo i quali possono
determinarsi distacchi del materiale di copertura con conseguenti fenomeni di colata rapida,
fortemente condizionato dalla capacit drenante degli strati a granulometria grossolana, lungo i
quali si sviluppano falde freatiche o artesiane con movimento prevalente parallelo al pendio (Figura
4.4).

4-18

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 4.4 Falda parallela al pendio

Una stratigrafia tipica rappresentata in Figura 4.5 mostra lalternanza di strati di pomici e di cineriti
paralleli al pendio.

Figura 4.5 Stratigrafia tipica

Le prove mostrano che al crescere della cadente piezometrica, il legame in moto uniforme tra V e J
tende rapidamente a non presentarsi pi lineare in quanto al crescere di J la V ha un incremento
minore rispetto a quello che avrebbe avuto nel caso di un mezzo con un comportamento di tipo
darciano.

4-19

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

10.00
J (-)
8.00
6.00
4.00
2.00
0.00
0.00

0.05

0.10

0.15

V (m/s) 0.20

Figura 4.6 Legane non lineare tra J e V

Lo scostamento dal regime lineare, proprio della legge di Darcy, dipende inizialmente (regime di
transizione) dallinstaurasi di effetti di scia a tergo degli elementi che costituiscono lammasso, solo
per valori molto elevati della velocit di filtrazione possono manifestarsi meccanismi turbolenti.
Questi fenomeni sono affini a quelli noti in idrodinamica che si osservano a tergo di una sfera o di
un cilindro investiti da una corrente.

Figura 4.7 Campo di moto di una corrente che investe una sfera e al crescere del numero di Reynolds

Quindi a prescindere se il moto sia laminare o turbolento si determinano delle dissipazioni,


aggiuntive a quelle dovute al solo attrito del fluido con la parete dei singoli elementi, dovute alla
presenza di particolari fenomeni di scia a tergo di ogni particella.
Numerose sono state nel tempo, le leggi di resistenza proposte in sostituzione della legge di Darcy,
per descrivere i moti di filtrazione in regime non lineare (regime di transizione e turbolento). Qui si
ricordano le:
Relazioni in forma esponenziale (J = aV)
Relazioni in forma di serie (J = aV+bV+cV+....)

4-20

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Relazione di Forchheimer (J = aV+bV)
Queste relazioni consentono facilmente di interpolare i dati sperimentali e possono essere usate in
fase di risoluzione dei problemi di deflusso della falda in moto uniforme o in moto permanente, per
determinare il legame Q(h) tra la portata e lo spessore della falda per unassegnata pendenza
dellacquifero. In Figura 4.8 vengono mostrate le scale di deflusso di una falda che defluisce in
moto uniforme (i=j) in un acquifero costituito dal materiale precedentemente descritto. Vengono
confrontati i risultati ottenuti utilizzando il modello di Foirchheimer sulla serie completa di dati
sperimentali e la legge di Darcy tarata sui dati sperimentali per bassi valori della cadente
piezometrica che verifica la legge lineare.
Dalla Figura 4.8 facile osservare che gi per piccoli angoli di inclinazione () del pendio, valutare
le resistenze al moto con la legge lineare comporta una fortissima sovrastima della velocit di
filtrazione, e, quindi, per assegnato spessore della falda, una fortissima sovrastima della portata
defluente.

Figura 4.8 Legame tra e V

Con procedimento analogo a quello che si utilizza per lintroduzione dellabaco di Moody,
possibile riportare la legge di resistenza di Forchheimer in forma dimensionale. Il procedimento
descritto da Ward consiste nella introduzione di due raggruppamenti dimensionali:
Rk =

V k

fk =

1
+ Cw
Rk

4-21

(4.1)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Rk una forma particolare del numero di Reynolds, mentre fk una forma particolare dellindice di
resistenza in cui 1/Rk rappresenta linfluenza degli effetti viscosi, mentre Cw rappresenta gli effetti
delle forze dinerzia e delle turbolenze ad alti numeri di Reynolds).
Rk ed fk sono legati ai parametri a e b della legge di Forchheimer:
a=

gk

e b=

Cw
g k

(4.2)

In tal modo la legge di Forcheeimer, o direttamente i dati sperimentali possono essere rappresentati
nel diagramma bilogaritmico (Rk, fk) (Figura 4.9). Dalla rappresentazione appare evidente il
comportamento delle resistenze al moto ed possibile darne uninterpretazione.

Figura 4.9 Legame tra fk e Rk

Per Rk<0.5 il termine Cw trascurabile rispetto a 1/Rk, quindi la curva (Rk-fk) tende a sovrapporsi
alla retta che identifica il regime alla Darcy. Per valori del numero di Reynolds superiori a Rk = 26,
il termine 1/Rk diventa trascurabile rispetto a Cw, la curva tende quindi ad assumere valore costante
fk = Cw (regime pienamente turbolento). Esiste, un ampio campo di valori intermedi del numero di
Reynolds (0.5<Rk<26) in cui si assiste ad una progressiva deviazione dal regime darciano.
Altro modello interpretativo delle prove in regime non darciano rappresentato dal modello
capillare proposto da Comiti e Renaud. Nel modello capillare si suppone il mezzo poroso come
costituito da un fascio di n tubi di flusso tortuosi di diametro dpori, lunghezza L, e superficie esterna
complessiva S.
Il modello consente di determinare i parametri geometrici del fascio di tubi capillari a partire dalle

4-22

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
costanti a e b della relazione: J = aV+bV.
I tre parametri geometrici fondamentali sono:

La tortuosit pari al rapporto tra la lunghezza L dei pori e la lunghezza del filtro di prova
H, =

L
;
H

La superficie specifica dinamica avd (superficie per unit di volume) pari al rapporto tra la
superficie del filtro bagnata dal flusso e il volume del solido del filtro, a vd =

Il diametro dei pori pari a d pori =

S
;
Volume solido

4n
in cui n la porosit del filtro.
a vd (1 n)

Comiti e Renaud forniscono le relazioni che legano e avd ad a e b, da cui possibile facilmente
ricavare anche il diametro dei pori.
Per le prove condotte presso il laboratorio del DIGA sono stati ottenuti i valori: : =1,030; avd
=1264,9 1/m; dpori = 1,558 mm.
Ottenuti i parametri possono essere calcolati i valori della velocit interporo Vp e del numero di
Reynolds interporo Rp:

V pori =

Rp =

(4.3)

V pori d pori Vd pori


=

(4.4)

16
+ 0,194
Rp

(4.5)

e del relativo indice di resistenza


fp =

Le coppie di valori sperimentali (Rp-fp) sono state diagrammate in un piano bilogaritmico


rappresentato in Figura 4.10.

4-23

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Diagramma sperimentale Rk-fk
100.0000

Diagr.
Rk-fk
10.0000

fk

Regime
darciano
1.0000

Diagr.
Rk-fk
speriment
ale

0.1000

0.0100
0.01

0.10

1.00

10.00

Rk

Figura 4.10 Legame tra fp e Rp

Per Rp>830 il regime di moto pienamente turbolento

Per Rp<15 il regime di moto darciano

Linteresse di questo metodo risiede nella determinazione di alcune grandezze geometriche dei pori
che possono essere di utilit laddove al problema idrodinamico si accoppi anche un problema di
diffusione di inquinanti, in quanto alcuni dei parametri del mezzo poroso quali la tortuosit e la
superficie specifica dinamica possono influire sulle dinamiche e sui tempi di trasporto degli
inquinanti.

4.2. Mezzi fratturati

Altra situazione particolare quella in cui il deflusso avviene allinterno di fratture che possono
presentare dimensioni trasversali anche notevoli (es. tufo fratturato).

Figura 4.11 Esempi di rocce fratturate

4-24

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Questi casi sono pi difficili da affrontare in quanto molto difficile determinare la dimensione e la
giacitura delle fratture.
Dal momento che linterpretazione delle prove di carotaggio molto dubbia spesso si desumono le
caratteristiche delle fratture dallosservazione diretta di strutture geologiche simili in affioramento.
Si utilizzano pertanto dei modelli semplici in cui compaiono le caratteristiche del mezzo che
possono essere misurate, come per es. la dimensione media delle fratture e il numero di
interconnessioni che ci sono tra una frattura e laltra.
Il pi comune di tali modelli la legge cubica in cui il deflusso nella frattura associato a quello
tra due lastre parallele, dove Q la portata per unit di larghezza e b la distanza tra le lastre.

b3
Q=
J
12

(4.6)

E evidente che questa equazione tiene conto unicamente degli sforzi viscosi.

Figura 4.12 Legame tra fk e Rk

Come mostrato paragrafo precedente, nel caso di macroporosit nei terreni sciolti le perdite di
carico aggiuntive si hanno a causa degli effetti di scia a tergo dei granelli, mentre in presenza di
lastre piane cio rocce fratturate non si hanno effetti di scia ma si ha un movimento tra le lastre con
valori di cadenti piezometriche modeste ben interpretate dalla (4.6).
Generalmente in un mezzo naturale le interconnessioni tra le fratture determinano apprezzabili
dissipazioni aggiuntive. Alle macroscale, per, l legame tra q e J rimane lineare.

4-25

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 4.13 Diagramma polare del coefficiente di filtrazione Legame tra fk e Rk

Frequentemente, per, si presentano altri due tipi di problemi:


-

presenza di spaccature in pi direzioni,

spaccature anisotrope.

Yang et al. (1989) hanno mostrato che una larga percentuale delle perdite di carico nelle fratture di
maggiori dimensioni ha luogo per le variazioni di forma e larghezza delle stesse. Cook et al. (1990)
hanno proposto una forma modificata della legge cubica

b3 1 d 1
Q=

J
12 1 + d f

(4.7)

In questa equazione f tiene conto della tortuosit fuori piano,invece il fattore (1 - d)/(1 + d) tiene
conto della tortuosit nel piano.

4-26

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

5. Variabilit spaziale
Nel capitolo II si definito un mezzo continuo equivalente di un mezzo poroso naturale. Nella
deduzione delle equazioni indefinite del moto e della continuit, che sono saranno ricavate per
mezzo saturo nel successivo VI capitolo e verranno ricavate per mezzo non saturo nel capitolo XI,
si far largo uso del concetto di Volume di Riferimento Elementare (REV). Si gi detto che
tramite lintroduzione del REV possibile eliminare gli effetti di variabilit di piccola scala.
In questo capitolo cercheremo di indicare come affrontare il problema delle variabilit di grande
scala propria degli acquiferi naturali.
Esistono due tipi di variabilit:
1- stratigrafica: sulla base delle propriet geologico strutturale medie dello strato possibile
identificare diversi strati con caratteristiche diverse,
2- propria di ogni strato.
La determinazione delle propriet statistiche (pi propriamente, come vedremo in seguito
stocastiche) dei mezzi naturali essenziale per i problemi di tipo ambientale.

5.1. Classificazioni

Numerose sono le classificazioni dei mezzi porosi naturali definite nelle diverse discipline tecniche.
Queste classificazioni devono essere note anche nellambito dellIdraulica dei mezzi porosi in
quanto orizzonti che presentano differente classificazione, su base agronomica, pedologica, etc.,
possono presentare propriet idrauliche anchesse differenti e, di conseguenza, possono dovere
essere trattati in maniera separata nellambito della modellazione idrodinamica e di trasporto.
Molto spesso losservazione diretta del mezzo ad un occhio non esperto non consente di
differenziare tali orizzonti, mentre queste differenze emergono solo allanalisi di un esperto delle
diverse discipline. Pertanto, la disponibilit di pi descrizioni dello stesso mezzo, sulla base delle
diverse classificazioni tecniche non ridondante, bens essenziale per la predisposizione del
modello idrodinamico e di trasporto.

5-27

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
1- Classificazione geologica: consente di distinguere nel sottosuolo orizzonti con
caratteristiche geologiche differenti. Evidentemente in questo caso non sipu che rimandare
lo studente a testi specialistici sulla disciplina.
2- Classificazione geotecnica: consente di suddividere i terreni in base alle loro caratteristiche
strutturali e meccaniche.
Per i nostri fini la caratterizzazione ci interessa senzaltro la curva granulometrica.

Figura 5.1 Curva granulometrica

Figura 5.2 Classificazione granulometrica

Altro elemento di interesse il risultato di prove meccaniche, in particolare quelle effettuate


con penetrometro, in quanto la variazione delle propriet meccaniche di resistenza del
materiale associabile, a pari contenuto dacqua, ad una variazione delle caratteristiche
strutturali (granulometria o grado di costipazione).

5-28

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 5.3 Prova penetrometrica dinamica

3- Classificazione agronomica: si basa sullantico concetto di lavorabilit del terreno.


Con questo tipo di classificazione si definiscono delle classi di suolo differiscono tra loro
per la predisposizione del terreno a subire lavorazioni agricole.
La classificazione pi comune quella messa a punto dal Soil Survey degli Stati Uniti, che
distingue i terreni in 12 classi

5-29

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 5.4 Diagramma triangolare

Nel diagramma rappresentato nella Figura 5.4 si entra con le tre coordinate: % argilla, %
sabbia, % limo e si trova un punto che posizionato in un raggruppamento che prende il
nome dellelemento pi rappresentativo (quello in % maggiore).
4- Classificazione pedologica: viene fatta in base al riconoscimento di alcune caratteristiche
che riguardano il manifestarsi di colorazioni particolari, di tessiture e strutture diverse, la
presenza o assenza di carbonati, di crepacciature, screziature o altro, originate dalla
concomitanza di combinazioni di fattori pedogenetici.

Figura 5.5 Classificazione pedologica

5-30

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
La classificazione pedologica viene effettuata attraverso un catalogo sistematico dei suoli
secondo criteri e principi specifici. La tassonomia pedologica, risentendo ancora delle
diverse impostazioni delle pi importanti scuole di scienza del suolo (Stati Uniti, Francia e
Russia), non propone un linguaggio unico e univoco, come le pi universalmente
riconosciute classificazioni di Linneo per il mondo animale e vegetale. Attualmente le
classificazioni pi utilizzate sono la Soil Taxonomy dellUSDA (Unites States Department
of Agriculture) e il WRB (World Reference Base), anche se ancora oggi sono diffusi termini
e criteri desunti dalle vecchie classificazioni nazionali (Francia, Germania, Russia, ecc.)

5.2. Mezzi statisticamente omogenei

A seconda del tipo di problema e delle caratteristiche dellacquifero dovr tenere pi o meno conto
delle eterogeneit. Utilizzando le classificazioni riportate nel paragrafo precedente (5.1.) si pu
effettuare una suddivisione in pi strati. Le maggiori complicazioni si hanno nel momento in cui si
vuole determinare la variabilit allinterno di ciascun strato.
Lo studio della variabilit spaziale delle propriet pu essere affrontato secondo due tipi di approcci
differenti: un approccio deterministico e uno stocastico.

5.2.1. Approccio deterministico

Nellapproccio deterministico occorre, tramite sondaggi e prove, stabilire:

lo spessore corrispondente ad ogni strato riconosciuto tramite le precedenti classificazioni,

le propriet medie strutturali ed idrauliche di ogni strato

assumendo che le caratteristiche di ogni strato siano omogenee. Quindi la realt fisica semplificata
in quanto si sono determinate solo le macro-differenze.
Lapproccio deterministico presuppone la conoscenza dei valori assunti dai diversi parametri in
ogni punto del mezzo poroso. Tali valori possono essere assunti attraverso due diverse
schematizzazioni:
5-31

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
1- mezzo omogeneo equivalente: si suppone che un acquifero possa essere trattato come un
equivalente omogeneo, con propriet costanti nello spazio,
2- mezzo con struttura eterogenea conosciuta: si cerca di fornire una descrizione pi dettagliata
del comportamento del dominio, mediante la conoscenza dei valori assunti dalle sue
propriet in regioni in cui siano state effettuate misure dirette. In questo modo si conoscono
le propriet in n punti del dominio. Per conoscere la variazione di un parametro in tutto il
dominio si effettua uninterpolazione (ad esempio lineare) tra i punti in cui noto il
parametro desiderato (es. permeabilit).
Evidentemente anche utilizzando metodi di interpolazione pi sofisticati propri della seconda
schematizzazione proposta il mezzo poroso naturale sicuramente presenter tra luno laltro degli
n punti noti propriet diverse da quelle determinate attraverso linterpolazione.

5.2.2. Approccio stocastico

Alla base di questa metodologia vi la consapevolezza della impossibilit di fatto di conseguire una
descrizione dettagliata dell'acquifero alle varie scale di interesse. Lo scopo non quindi quello di
descrivere il comportamento reale dellacquifero ma di fornirne la migliore previsione possibile
sulla base degli elementi (misure) disponibili.
Il metodo che si sta cercando un metodo di stima.
Uno dei vantaggi dellapproccio stocastico quello di poter quantificare in qualche modo il grado
di incertezza connesso con la mancanza di una "puntuale" conoscenza del mezzo. La descrizione
dell'andamento nello spazio di una data propriet (come la permeabilit) viene conseguita tramite la
conoscenza della distribuzione di probabilit congiunta dei valori assunti da detta propriet nelle
diverse localizzazioni nel dominio. Lobbiettivo di questo metodo consiste nel ricavare una
distribuzione statistica della propriet in esame che legata a come essa distribuita nello spazio.
Se si riesce a creare questa funzione densit di probabilit, in cui c una componente spaziale, si
in grado di generare un campo di moto che sia simile a quello in studio. Questa la base per avere
una risoluzione probabilistica.

5-32

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Si consideri la permeabilit f e con P il generico punto del campo di indagine, f(P) una funzione
numerica che rappresenta quindi la permeabilit nei punti del sito. In questo quadro si possono dare
le seguenti definizioni:
Variabile regionalizzata (VR)
Si intende la funzione matematica f(P) sopra introdotta. Il termine regionalizzata specifica che si
tratta di una funzione numerica il cui valore dipende dalla localizzazione, espressa normalmente
dalle coordinate spaziali, e che si presenta strutturata spazialmente
Campo:
E' il dominio nel quale la variabile f suscettibile di assumere determinati valori e, allinterno del
quale, se ne studia la variabilit. Coincide con lo spazio di osservazione (o di indagine) del
fenomeno in esame.
Supporto:
E' lentit geometrica sulla quale la variabile f definita od anche misurata; essa caratterizzata
dalle sue dimensioni e dalla sua forma. Quando le dimensioni sono molto piccole (rispetto alla scala
del lavoro) il supporto pu considerarsi puntuale (per es. un campione areale di suolo di qualche
decina di dm2 pu essere considerato puntuale rispetto ad una distanza tra campioni successivi di
alcune decine di m). Il concetto di supporto e le sue implicazioni giocano un ruolo importante nella
teoria e nelle applicazioni geostatistiche. Data una variabile regionalizzata riferita ad un determinato
supporto, si ha che, cambiando la forma e le dimensioni di esso, si ottiene una variabile
regionalizzata diversa dalla prima, ma non senza analogia con essa. Si osservi, a titolo di esempio,
la Figura 5.6. In essa riportato landamento della conducibilit idraulica misurata su campioni
successivi di terreno di dimensioni 10 cm; in tratto pi grosso riportato landamento dei valori
mediati su un metro (su 10 campioni). Nel primo caso la VR ha un supporto 10 cm e nel secondo ha
come supporto 1m. Si tratta di due variabili che presentano un andamento molto diverso tra di loro.

5-33

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 5.6

In base alla definizione data, una VR una variabile puramente deterministica; da un punto di vista
matematico una funzione f(P) che assume in ogni punto dello spazio un determinato valore
numerico. Si pu osservare, da una parte, un andamento irregolare alla piccola scala che non
incoraggia uno studio matematico diretto, e dallaltra, una variabilit strutturata, cio una variabilit
che sembra ubbidire a delle regole. Vi si notano infatti tratti con elevati valori della conducibilit e
tratti con medi e bassi valori. Pertanto, campioni prelevati in vicinanza dei tratti ad alto valore
avranno unelevata probabilit di avere una conducibilit elevata, mentre vi avranno una media e
bassa probabilit i campioni prelevati negli altri tratti.
Un approccio corretto allo studio dei fenomeni spaziali deve considerare entrambi gli aspetti della
variabilit e fornire degli strumenti operativi alla risoluzione dei problemi. Un tale approccio
quello probabilistico, cio basato sulle Funzioni Aleatorie.
Prima di passare ad illustrare lapproccio probabilistico vediamo come possibile, facendo uso dei
concetti di varianza, covarianza e coefficiente di correlazione empirici, caratterizzare intuitivamente
la variabilit spaziale di una VR.
Sia f(P) una VR, di supporto puntuale, definita in unarea S avente unestensione di alcune centinaia
di metri (fig. 3.3) e nota in tutti i punti. Si consideri una coppia di punti distanti h(vettore) di
posizione x e x+ h, con |h| = h1 piccolo rispetto alle dimensioni di S, per es. un metro (fig. 3.3 A1).
In corrispondenza dei due punti la VR assume i valori z(x) e z(x+h).

5-34

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Si introduce la funzione random che identifica le propriet del domini e che rappresenta una
realizzazione di un processo stocastico che costituito da uninsieme di variabili casuali che
concorrono al medesimo processo.
Si immagini di fare una serie di fori nel terreno e di andare a misurare ad una certa profondit delle
grandezze (ad es. permeabilit, porosit etc.), di questi n punti considerati chiaro che si possono
elaborare delle statistiche (media, scarto quadratico, simmetria, etc.). in questo modo si conoscono
le probabilit statistiche dellinsieme del dominio.
In realt le variabili considerate possono assumere uno qualunque dei valori della funzione di
probabilit. Nel diagramma riportato nella Figura 5.7 sono riportati i valori di permeabilit
determinati lungo un allineamento in un acquifero.

Figura 5.7 Valori di permeabilit lungo un allineamento

Il valore della permeabilit ad un punto x0 viene interpretato come uno dei possibili valori della
propriet.
La distribuzione spaziale della permeabilit viene intesa come un processo stocastico K(x0, w), in
cui w indica l'esistenza di molteplici possibilit nei valori di K al punto x0 (w definisce la
realizzazione particolare in cui si manifesta un dato valore di K nella posizione x0).
Pertanto, la permeabilit K lungo lallineamento una variabile random: in particolare, se questa
osservata nelle varie localizzazioni x1, x2, ........., xN, allora K(x1, w), K(x2, w), ......., K(xN, w), sono

5-35

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
tutte variabili random, ciascuna con una propria distribuzione di probabilit, che possono essere tra
loro correlate.
La probabilit di riscontrare una particolare sequenza, K(x, w1), nei valori di permeabilit lungo un
allineamento dipende, quindi, non soltanto dalla funzione di densit di probabilit (pdf) di questa in
una data posizione, ma anche da quelle corrispondenti ad altre posizioni, in quanto esistono dei
legami forti tra il valore che assume il parametro in un punto e quello che assume nel punto
adiacente. La distribuzione reale, di campo, della permeabilit allora una particolare delle infinite
sequenze possibili.
Naturalmente, nelle situazioni pratiche la pdf congiunta della variabile in esame non identificabile
nel senso sopra indicato, in quanto si ha a disposizione un insieme di misure derivanti da ununica
delle infinite sequenze possibili, cio quella reale.
Gli studiosi hanno elaborato una tecnica che permette di determinare le propriet di un sistema
partendo da questa singola realizzazione.
Questo possibile solo se sono rispettate due propriet:

stazionariet: una Random Function stazionaria in senso stretto soddisfa il requisito per cui
ogni propriet statistica del processo in studio (pdf congiunta, media, varianza) si mantiene
costante nello spazio.

ergodicit: presuppone che le caratteristiche statistiche d'insieme del processo possano


essere desunte dalla conoscenza del comportamento di una singola realizzazione.

Una volta verificate queste due ipotesi per rappresentare la variabilit della funzione random si
possono utilizzare in modo equipollent, la funzione covarianza o la funzione variogramma.
La funzione covarianza esprime lo scarto che mediamente si osserva tra i valori delle grandezze
assunte in un punto e nei punti distanti h dal punto stesso.
Partendo dalla media o valore atteso di N osservazioni:
n

V = pi i

(5.1)

i =1

con pi probabilit di occorrenza dellevento ni, si pu ricavare la varianza:

Var{V} = 2 = [V V ]
2

(5.2)

e successivamente la covarianza:

C (h) = Cov{V ( x)V (h + x)} =< [V ( x) < V ( x) >] [V (h + x) < V (h + x) >]


Questa propriet funzione di h, per h=0 si ottiene la varianza del valore atteso cio 1.
5-36

(5.3)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

C (h = 0) = Cov{V ( x )V ( x )} = Var V ( x )

Y3

Y1

h1

Y4
Y2

(5.4)

h1

hn
Yn-1

Covarianza

1. Valuto <Y> nel dominio


2. In ogni punto, calcolo Y'=Y-<Y>
3. Calcolo le varie distanze d1 e le
divido in classi
4. In ciascuna classe avr un dato
numero di punti e , quindi, un certo
numero di prodotti Y'(x) Y'(y)
5. Per ogni classe calcolo il valore
atteso (la media) dei prodotti delle
fluttuazioni <Y'(x) Y'(y)>

Yn

h1

h2

hn

Figura 5.8 Variazione della covarianza in funzione della distanza h

Seguendo i cinque punti riportati nella Figura 5.8 si ricava, per ogni classe di distanza, un valore di
covarianza.
Questa funzione covarianza ha un massimo per h=0 in quanto non c differenza tra il valore che
assume il parametro nel punto ed il punto stesso (non c varianza).
La funzione covarianza indica il grado di correlazione tra i valori della propriet al variare della
distanza tra i punti.
Al crescere della distanza h la covarianza pu portarsi a zero pi o meno rapidamente.
Nel caso in cui c il crollo immediato della covarianza non c affinit tra quello che accade in un
punto e quello che accade nei punti adiacenti ad esso. Invece se la covarianza resta invariata si ha
un legame tra la propriet in un punto ed un altro posto ad una certa distanza h (le differenze sono
pi sfumate).

5-37

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

AFFINITA MAGGIORE

Figura 5.9 Parentela tra covarianza e distanza

Leffetto del maggiore o minore grado di affinit riportato in Figura 5.9 sulla distribuzione di
permeabilit riportato in Figura 5.10 dove i valori di permeabilit sono espressi in tonalit di
grigio. Evidentemente in caso di minore affinit si osservano passaggi bruschi tra valori massimi e
minimi di permeabilit.

Aumenta
laffinit

Figura 5.10

La funzione variogramma consente di esprimere le stesse informazioni discusse per la funzione


covarianza.

1
2

1
2

(h) = var{V (h + x) V (x)} = < {V (x) V (x + h)}2 >

5-38

(5.5)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
La funzione covarianza e variogramma sono confrontate in Figura 5.11.

Figura 5.11 Diagramma di C(h) e g (h)

I valori della funzione variogramma, calcolata sulla base di rilievi disponibili, possono essere
interpolati sulla base di funzioni analitiche semplici quali quelle espresse in (Figura 5.12).

Figura 5.12 Esempi di funzioni variogramma

Va osservato che i vario grammi sperimentali non partono da zero, per leffetto cosiddetto
nuggett dovuto alla variabilit di piccola scala che non pu essere risolta con le misure disponibili
(Figura 5.13). La distanza alla quale i variogrammi diventano orizzontali detta campo e
rappresenta il limite spaziale oltre il quale rappresenta il limite spaziale oltre il quale il valore tra
due punti praticamente scorrelato.

5-39

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 5.13 Esempi di funzioni variogramma

La struttura della variabilit spaziale che stata trovata nel precedente paragrafo ed in particolare la
funzione variogramma consentono di ricreare realizzazioni della falda reale aventi le stesse
propriet geostatistiche. Per svolgere questa operazione esistono programmi commerciali. Nessuna
delle realizzazioni che ricreate la realizzazione reale in quanto la probabilit di riuscire a trovare
lesatta sequenza del dominio originario praticamente nulla.
Fatta questa operazione possibile risolvere n problemi deterministici, in quanto possibile
stabilire la risoluzione della minima distanza indagata con lanalisi statistica, determinando n
soluzioni del problema.
Si stabiliscono dei criteri (ad es. media della soluzione ottenuta, intervalli fiduciari) per verificare
quanto cambiato il fenomeno tra una singola realizzazione e laltra.
Quindi se alla fine non si in grado di raggiungere una definizione deterministica del campo
naturale si pu almeno affermare che esso si trova a 2s rispetto alla media di tutti i possibili
valori della funzione random.

5-40

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

5.2.3. Modellazione numerica


La possibilit di una caratterizzazione stocastica degli acquiferi ha aperto grandi prospettive ai
metodi di modellazione numerica degli acquiferi. Esistono infatti numerosi problemi di idraulica
delle acque sotterranee nei quali la schematizzazione di mezzo omogeneo equivalente risulta
insufficiente ad ottenere risposte ingegneristicamente utili. Il principale di questi problemi quello
legato alla qualit delle acque sotterranee in quanto il movimento e la dispersione degli inquinanti
sono fortemente legati alla variabilit delle propriet locali del mezzo poroso, tra le quali le
propriet idrauliche.
Il presupposto alla modellazione numerica in questi casi la consapevolezza della impossibilit di
determinare la conoscenza in tutti i punti della falda del valore assunto dalla propriet in esame, ad
esempio la permeabilit. Anzich individuare arbitrariamente il valore di questa propriet nei punti
della falda compresi tra i punti di misura attraverso tecniche di interpolazione, si preferisce
utilizzare le propriet geostatistiche precedentemente introdotte e determinabili se si dispone di un
adeguato numero di misure.
La conoscenza delle propriet statistiche complessive del mezzo -media, varianza- e della funzione
interpolare dei punti del variogramma, consentono di generare singole realizzazioni dell'acquifero
(ad esempio mediante il software PMWIN di Modflow, o altri).
Su ciascuna -esima realizzazione possibile, quindi, risolvere il campo di moto mediante le
equazioni dell'idraulica dei mezzi porosi (mezzo saturo o parzialmente saturo, moto permanente o
moto vario) e in maniera disaccoppiata le equazioni di trasporto del soluto.

Figura 5.14 Schema di modellazione numerica calcolo i-esimo

5-41

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
La risposta al problema idraulico verr fornita in termini probabilistici, in quanto si potr ottenere
per ciascuna grandezza idraulica del campo di moto (quota piezometrica, velocit, concentrazione)
la media delle soluzioni delle N realizzazioni considerate e lo scarto quadratico medio. La statistica
ci fornir le probabilit relative al comportamento del campo di moto reale.
Questo metodo di risoluzione, detto Montecarlo, consente di ottenere stime accurate della media gi
dopo un numero abbastanza ridotto di iterazioni (Figura 5.14).

Figura 5.15 Legame tra valore medio e numero di iterazioni

5-42

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

6. Equazioni indefinite

6.1.

Equazioni indefinite del moto

Si consideri un prisma elementare di terreno (Figura 6.1) nellipotesi di mezzo poroso


indeformabile

Figura 6.1 Prisma elementare

Il volume del fluido nel parallelepipedo :

ndxdydz

(6.1)

dove n=Vv/Vtot la porosit.


La massa del fluido nel parallelepipedo :

ndxdydz

(6.2)

Valutiamo le forze che contribuiscono allequilibrio dinamico del volume di fluido contenuto nel
cubetto.
FORZE di SUPERFICIE
Si ricavi il termine delle forze di superficie al contorno del volume elementare.
-

Azione del fluido sui pori

6-43

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Per conoscere lazione del fluido sui pori bisogna moltiplicare il valore di pressione per la
superficie dydz e per ns che diverso da n in quanto n rappresenta la porosit volumetrica mentre ns
la porosit areale cio la porosit che ottengo se seziono una faccia con una superficie.
p dx

ns p
dydz
x 2

(6.3)

Azione dei granelli sul fluido

E evidente che c anche unazione dei granelli sul fluido pari a:

(1 ns ) p p dx dydz

(6.4)

x 2

lazione totale a sinistra pari a:


p dx

p
dydz
x 2

(6.5)

p dx

p+
dydz
x 2

(6.6)

A destra si ha analogamente:

Per cui lazione globale (lungo lasse x) delle forze di superficie su sezioni normali allasse x :
p
p dx
p dx

dydz = dxdydz
p
dydz p +
x
x 2
x 2

(6.7)

FORZE di MASSA
Detta F la forza di massa per unit di massa di componenti X, Y, Z e r la densit del fluido, lungo
lasse x, se si considera che il fluido occupa solo la parte porosa dellammasso, si ha:

nXdxdydz

(6.8)

analogamente le altre due componenti rispetto agli assi y, z sono pari a:

nYdxdydz

(6.9)

nZdxdydz

(6.10)

6-44

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Tale forza di massa per unit di massa comprensiva anche delle forze di pressione che i granelli,
allinterno del volume, esercitano sul fluido, come si vedr meglio successivamente.
FORZE di TRASCINAMENTO
Tra i termini che contribuiscono allequilibrio dinamico del fluido oltre alle forze di pressione e al
peso c da considerare lazione di trascinamento che i granelli esplicano sul fluido e viceversa:
infatti il fluido si muove tra le pareti dei pori. Si considera la forza di trascinamento complessiva, in
quanto non si analizza cosa accade su piccola scala ma cosa avviene a livello del REV.
Nella direzione x si ha:

nRx dxdydz

(6.11)

Analogamente nelle direzioni y e z si ha:

nRy dxdydz

(6.12)

nRz dxdydz

(6.13)

FORZE di INERZIA
In ultimo occorre considerare le forze inerziali. Lungo la direzione x laccelerazione del fluido :
1 dv x 1 v x v x dx v x dy v x dz

=
+
+
+
n dt
n t
x dt y dt z dt

(6.14)

in cui al primo membro compare il termine 1/n in quanto bisogna considerare le velocit effettive e
non quelle di filtrazione e, quindi, per passare dalla velocit di filtrazione a quella effettiva si divide
per la porosit. Moltiplicando la (6.14) per la massa del fluido si ha la forza di inerzia lungo lasse x

ndxdydz

dv
1 dv x
= x dxdydz
n dt
dt

(6.15)

Scrivendo lequilibrio di tutte le forze lungo lasse x:

dv x
p
dxdydz dxdydz + nXdxdydz + nRx dxdydz
dt
x

Cio, in definitiva, per le tre direzioni cartesiane, lequazione indefinita del moto si scrive:

6-45

(6.16)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
1 p
dv x
dt = x + nX + nR x

dv y
1 p
=
+ nY + nR y

y
dt
dv z
1 p
=
+ nZ + nRz

z
dt

6-46

(6.17)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

6.2.

Equazioni di continuit

Lequazione di continuit si scrive ponendo che la differenza fra la massa entrante e la massa
uscente nellintervallo di tempo dt dal prisma elementare deve essere uguale alla variazione di
massa allinterno del prisma nello stesso intervallo temporale.
La massa entrante (lungo x) pari a:

v x dydzdt

(6.18)

La massa uscente (lungo x) pari a:

v x dydzdt +

(v x )dxdydzdt
x

(6.19)

Facendo lipotesi di mezzo indeformabile (fondamentale in quanto se il mezzo fosse deformabile si


dovrebbe tener conto anche delleffetto della porosit n oltre che di :

n
), la variazione di massa
t

nel tempo pari a:

ndxdydzdt
t

(6.20)

(v x ) (v y ) (v z )

+
+
ndxdydzdt
dxdydzdt =

x
y
z
t

(6.21)

(v x ) (v y ) (v z )

+
+
+n
=0
x
y
z
t

(6.22)

In definitiva:

cio :

Associando:
-

le equazioni del moto (6.17),

lequazione di continuit (6.22),

lequazione di stato =(p)

si ottiene un sistema completo di equazioni del moto di un fluido comprimibile filtrante attraverso
un mezzo poroso indeformabile. Una volta determinate le funzioni forze di trascinamento R
possibile, con lintegrazione determinare le cinque incognite:vx, vy, vz, p, .

6-47

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

6.3.

Equazioni del moto uniforme di un fluido pesante incomprimibile

Si consideri si consideri un moto di filtrazione che avvenga con traiettorie rettilinee e uniformi,
sicch laccelerazione media nulla. Sui granelli agisce la spinta archimedea, che vale:

(1 n)dW

(6.23)

uguale e contraria a quella che i granelli esercitano sul fluido.


Il fluido poi soggetto alla forza di gravit:

ndW

(6.24)

quindi in totale, la forza verticale diretta verso il basso agente sul fluido :

(1 n)dW + ndW = dW

(6.25)

e quindi la forza di volume F per unit di massa (di fluido) ha modulo:


F=

dW
g
=
ndW n

(6.26)

E da notare che tale forza di massa, sarebbe stata pari a g se il volume fosse stato pieno di solo
fluido (n=1).
Considerando un sistema cartesiano con lasse z diretto verso lalto ne consegue:
X = Y = 0

Z = n

(6.27)

Quindi le equazioni del moto (6.17) diventano:

1 p
R x n x = 0

1 p
=0
R y
n y

1 p g
+
Rz =
n z n

(6.28)

Introducendo la quota piezometrica:


h= z+

(6.29)

essendo g = cost per un fluido incomprimibile si ha:


6-48

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

1 p
h 1 p h 1 p h
=
;
=
;
= 1+
z
x x y y z

(6.30)

quindi le (28) diventano:

h g h
=
Rx =
n x n x

h g h
=
Ry =
n

y
n y

h g g h
Rz =
1 + =
n z n n z

(6.31)

In forma vettoriale si pu pertanto scrivere:


R=

g h h h g
g h
i +
j + k = h =
s
n x
y
z n
n s

(6.32)

essendo s la coordinata curvilinea lungo una linea di corrente.


In questo modo si determina lespressione della forza di trascinamento per unit di massa. La
cadente piezometrica :
J =

h
s

(6.33)

R=

g
J
n

(6.34)

Quindi la (6.33) diventa:

Utilizzando la legge di Darcy per un campo omogeneo ed isotropo, la (6.32) diventa:


R=

gV
n k

(6.35)

Le componenti della resistenza dattrito per unit di massa sono quindi:

g
R x = nf V x

g
R y = V y
nf

g
Rz = Vz
nf

agenti in ogni punto del campo di filtrazione in direzione opposta a quella della velocit.
6-49

(6.36)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
La forza di trascinamento per unita di volume, denominata dal Terzaghi Forza di filtrazione,
quindi pari a:
F =

g
Jn = J
n

(6.37)

Le espressioni della forza di filtrazione sono state ottenute nellipotesi di moto stazionario e
uniforme: esse si ritengono valide anche nel caso pi generale di moto vario e non uniforme.

6.4.

Equazioni del moto vario di un fluido pesante incomprimibile

Per la regola di derivazione euleriana si ha:


V y
dV x V x V x dx V y dy V z dz V x V x
V
=
+
+
+
Vx +
V y + z Vz
=
+
y
dt
x dt
y dt
z
t
z dt
t
x

(6.38)

Nella maggior parte dei casi nei moti di filtrazione il termine delle accelerazioni convettive
trascurabile in quanto risultano piccole sia le velocit di filtrazione che le loro derivate parziali
rispetto allo spazio. Quindi si possono trascurare i termini:

V y
V x
V
Vx ,
V y , z Vz
x
y
z

(6.39)

Pertanto le equazioni (6.17), tenuto conto delle equazioni (6.36), possono essere scritte nella
seguente forma:
Vx
1 p g
V
=
t
x f x x
V y
t

1 p g
Vy
y f y

V z
g
1 p
=
g Vz
z
t
fz

o in termini di quota piezometrica:

6-50

(6.40)

(6.41)

(6.42)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
1

g
1

g
1

V x h V x
+
+
=0
t
x f x
V y
t

h V y
+
=0
y f y

(6.43)

V z h V z
+
+
=0
t
z f z

Alle equazioni del moto cos ottenute va aggiunta lequazione di continuit (6.22) che nel caso di
fluido incomprimibile (=cost.) assume la seguente forma:

V x V y V z
+
+
=0
x
y
z

(6.44)

Notevoli ulteriori semplificazioni al sistema di equazioni precedente possono essere effettuate per i
seguenti casi particolari:
1- moto permanente,
2- moto piano,
3- moto a simmetria radiale.
Nel caso di moto permanente le velocit sono indipendenti dal tempo e pertanto dalla (6.43) si
ottengono le espressioni delle tre componenti di velocit:
Vx = f x

h
h
h
Vz = f z
, Vy = f y
y
x
z

(6.45)

Se si introducono tali equazioni nellequazione di continuit (6.44) si ottiene:


h h h
+ kz
kx
+ ky
=0
x x y y z z

(6.46)

che nel caso di mezzo isotropo si riduce all'EQUAZIONE DI LAPLACE:


2h 2h 2h
+
+
=0
x 2 y 2 z 2

(6.47)

Lequazione di Laplace pu essere risolta con svariate tecniche di risoluzione delle quali si parler
nel seguito. Di particolare importanza, per la semplicit formale delle soluzioni il caso delle falde
artesiane. Basta qui accennare che esistono due metodi di risoluzione pi diffusi.
-

La teoria dei moti a potenziale, che sar trattata nel capitolo 8, particolarmente idonea alla
soluzione dellequazione di Laplace nelle falde artesiane.

Lequazione integrata nei modelli numerici per le acque sotterranee.


6-51

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Nel caso di moto piano velocit e pressione sono funzione solo di due coordinate. Vi sono numerosi
casi importanti in cui le caratteristiche principali del moto di filtrazione (velocit e pressione) sono
funzioni di due sole coordinate. In tal caso ogni particella fluida si muove in un piano, le linee di
corrente sono linee curve contenute in un piano, e le superfici isopiezometriche sono superfici
cilindriche con generatrici perpendicolari a tali piani.
Le equazioni del moto sono quindi:
Vx = f x

h
h
; Vy = f y
y
x

(6.48)

e lequazione di continuit:
v x v y
+
=0
x
y

(6.49)

2h 2h
+
=0
x 2 y 2

(6.50)

Ovvero in definitiva:

La soluzione di tale equazione differenziale fornisce la funzione: h = f (x, y) e le linee


isopiezometriche hanno equazione: f (x, y) = cost
Nel caso dei moti assialsimmetrtrici le coordinate che entrano in gioco sono polari. Il raggio
langolo:
vr = k

h
kh
; v =
r
r

(6.51)

E quindi lequazione del moto diventa:

h 1 2 h
=0
r +
r r r 2
in una forma molto pi semplice.

6-52

(6.52)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

7. Campi di moto in falda artesiana


7.1.

Emungimento da falda artesiana confinata

Si consideri una falda artesiana sub-orizzontale di notevole estensione planimetrica, di spessore


costante e costituita da un mezzo poroso omogeneo ed isotropo (Figura 7.1).

Figura 7.1 Falda artesiana confinata

Facendo le seguenti ipotesi:


La falda ipotizzata originariamente in quiete,
il piano dei carichi idrostatici relativo orizzontale (a-a),
si considera un pozzo che attraversa completamente la falda,
si emunge dal pozzo, tramite una pompa, una portata Q,
per le caratteristiche della falda e del pozzo le velocit di filtrazione saranno vettori
orizzontali e diretti verso il pozzo.
Si in presenza di un problema a simmetria radiale: quelle in figura (fig. 7.1.) sono le tracce della
stratigrafia, delle pareti del pozzo e della superficie piezometrica su uno degli infiniti piani verticali
passanti per lasse del pozzo.
Le isopieziche sono verticali anche in presenza di emungimento,
la superficie piezometrica si deprime verso il pozzo,
si chiami labbassamento della piezometrica rispetto alla piezometrica statica allinterno
del pozzo.

7-53

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Per determinare landamento della piezometrica corrispondente allemungimento della portata Q si
applichi lequazione di continuit al volume di falda compreso tra il pozzo ed una superficie
isopiezica a distanza r dallasse del pozzo.
La superficie isopiezica considerata rappresentata dalla superficie esterna di un cilindro di altezza
s e raggio r:

Q = V n 2 rs = V 2 rs

(7.1)

La velocit di filtrazione infatti ortogonale alla superficie isopiezica


Ed ancora per la legge di Darcy risulta:
dh
2 rs
dr

(7.2)

dr 2 sf
=
dh
r
Q

(7.3)

Q= f

Riordinando si ottiene:

Ed integrando per parti si ha:


h=

Q
ln r + cost
2 sf

(7.4)

Dalla fig. 7.1. si nota che la superficie piezometrica un conoide di rivoluzione intorno allasse del
pozzo. Se si assume che ad una distanza sufficientemente grande (r=R) la piezometrica sia
indisturbata (h=H), risulta:
cost = H -

Q
ln R
2 sf

(7.5)

Da cui lespressione della superficie piezometrica:


h =H

7.2.

Q
R
ln
2 sf
r

(7.6)

Prove di emungimento per falde artesiane

Lobiettivo finale di una prova di emungimento consiste nel determinare dei parametri della falda su
una scala piuttosto ampia (fig. 7.2.1.). Infatti quando si caratterizzano le falde generalmente non si
7-54

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
caratterizza un solo campione di terreno mediante un permeametro, ma si cerca di caratterizzare la
falda nel suo insieme sfruttando le relazioni tra gli abbassamenti alle diverse distanze dal pozzo e la
portata emunta dal pozzo. La dimensione dellarea che andiamo a caratterizzare confrontabile con
il raggio di influenza del pozzo.

Figura 7.2 Passaggio da campi eterogenei a dominio omogeneo

Esistono due modi per caratterizzare un acquifero.


Il primo consiste nel fare una prova di emungimento in condizioni di moto permanente. Si realizza
un pozzo di prova oppure si pu utilizzare un pozzo gi esistente dal quale si emunge una portata
sufficiente a determinare un abbassamento del pozzo stesso per trovare una relazione tra Q,
labbassamento e la trasmissivit idraulica.
Se ci si trova in condizioni di moto permanente, esiste un legame tra labbassamento nel pozzo, la Q
emunta e il prodotto tra il coefficiente di filtrazione e lo spessore dell acquifero.
Ad ogni distanza r dal pozzo esiste una quota piezometrica (h) ridotta rispetto a quella del livello
indisturbato secondo il logaritmo tra la distanza a cui viene misurato labbassamento e il raggio di
influenza del pozzo (Figura 7.3).

7-55

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 7.3 Variazione quota piezometrica (h) in funzione della distanza r

Nelle falde di piccolo spessore, basta conoscere la trasmissivit dellacquifero per caratterizzare in
ogni punto lacquifero. In questo modo basterebbe misurare labbassamento dellacqua nel pozzo a
regime durante la prova.
Questa prova per imprecisa, uno dei problemi che c un condizionamento del foro, per la
presenza del ghiaietto, del tubo con le sfinestrature, di conseguenza ci sono dei fenomeni per cui il
livello dellacqua nel pozzo non rappresenta la quota piezometrica nel mezzo poroso. Quindi se si
operasse in questo modo per determinare il coefficiente di filtrazione per la trasmissivit, si
commetterebbe un errore, in quanto si andrebbe a sovrastimare il dislivello complessivo tra la quota
piezometrica allesterno del pozzo e quella indisturbata.
Un modo per ovviare a questo problema non fare affidamento sul livello interno del pozzo, ma di
realizzare due piezometri ad una certa distanza dal pozzo e di valutare labbassamento tra i
piezometri (Figura 7.4) utilizzando il metodo di Thiem.

Figura 7.4 Dislivello piezometrico d tra una coppia di piezometri alle distanze r1 ed r2

7-56

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Gli abbassamenti tra i due livelli piezometri nei singoli piezometri rispetto alla falda indisturbata
sono dati da:
h1 =

Q
R
ln
2T r1

(7.7)

h2 =

Q
R
ln
2T r2

(7.8)

Sottraendo le due relazioni membro a membro, si ottiene lespressione del dislivello d tra le letture
dei due piezometri:

= h2 h1 =

r
Q
ln 2
2T r1

(7.9)

Nellespressione (7.9) si osserva un effetto benefico perch compare il dislivello tra i due
piezometri dh1-dh2 e scompare il raggio di influenza del pozzo, quindi scompare lassunzione fatta
sulle condizioni al contorno. Il risultato di questa prova d un valore che non affetto da ipotesi sul
raggio di influenza. Dalla lettura di d e dalla misura della portata emunta si ricava si ricava il valore
della trasmissivit T utilizzando lespressione:

T=

r
Q
ln 2
2 r1

(7.10)

Il difetto di questa prova (anche se semplice perch consente di conoscere la trasmissivit nota la
Q emunta, il dislivello tra i 2 piezometri e la distanza dei piezometri dallasse del pozzo) che si
deve operare in condizioni di moto permanente, che generalmente si raggiungono in tempi molto
lunghi e difficilmente stimabili in quanto se si vedono le relazioni tra il tempo e labbassamento, gli
abbassamenti saranno molto rapidi allinizio e poi il livello tende a stabilizzarsi in maniera
asintotica. Per questo anche difficile stabilire quanto si distanti dalle condizione di regime.
Generalmente non sufficiente fare le prove con solo due piezometri perch nel mezzo ci saranno
sicuramente delle anisotropie, delle disomogeneit. Quindi anche se si vuole trattare il mezzo come
omogeneo ed isotropo conviene determinare la trasmissivit su pi coppie di piezometri.
Generalmente si dispongono quattro coppie di piezometri (Figura 7.5) e si valuta la trasmissivit
separatamente per le quattro coppie. Ci permette di verificare se ci sono anisotropie e
disomogeneit, e di conseguenza permette di fare la media dei valori ed inoltre permette di

7-57

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
confrontare i valori ottenuti in una direzione con quelli in unaltra e vedere se si differenziano di
ordini di grandezza.

Figura 7.5 Disposizione tipica di quattro coppie di piezometri

Per risolvere il problema del tempo di attesa possibile svolgere delle prove che non sono effettuate
in condizioni di moto permanente, ma in condizioni di moto vario al costo per di una maggiore
complessit nella elaborazione dei risultati (metodo del Theis). Tale metodo importante perch
mette in evidenza alcune problematiche che hanno luogo nelle falde artesiane. Nel caso di moto
vario non basta pi la misura statica allinterno del pozzo che veniva fornita immettendo un cavo
con degli elettrodi dove nel momento in cui cera il contatto con lacqua, veniva inviato il segnale in
superficie. Nel caso del moto vario, infatti, occorre avere una persona che ripete le misure svariate
volte oppure un apparecchio che rileva in maniera automatica e memorizza i dati.
Utilizzando il metodo di Theis la difficolt di interpretare il fenomeno deriva dal fatto che nel
momento in cui c il transitorio, ci saranno delle variazioni sia delle caratteristiche morfologiche
del mezzo poroso, ma anche delle caratteristiche del fluido. In particolare quando, facendo variare
in un certo punto la quota piezometrica (ad esempio emungendo o ripompando), aumenta o
diminuisce la pressione (Figura 7.6). Se varia la pressione ci possono essere degli effetti sia sulla
densit del fluido che sulla porosit dellammasso. Ovviamente si stanno considerando variazioni di
pressione consistenti, che si possono verificare nelle falde artesiane, perch in quelle freatiche
generalmente le variazioni di pressione sono dellordine dello spessore dellacquifero perch pi
che deprimere la superficie della falda non si pu fare. Invece nelle falde in pressione possiamo
rilevare delle forti variazioni di pressione.

7-58

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 7.6

Per comprendere gli effetti sullo scheletro solido occorre ricordare il principio delle tensioni
efficaci di Terzaghi. Se un certo carico agisce su una superficie AB dellacquifero, la tensione che
dipende dal carico agente sulla superficie bilanciata dalla somma di due effetti: tensione efficace
(che si sviluppa tra granello e granello) e la pressione nel fluido interstiziale:

=' + p

(7.11)

Figura 7.7 Effetti sulla falda delle variazioni di pressione

Quando si induce una variazione di carico, di conseguenza ci sar una variazione di entrambe le
aliquote:
d = d '+ dp

(7.12)

Se manteniamo costante il carico, ma induciamo una riduzione di pressione (ad esempio tramite un
pompaggio) determiniamo un incremento degli sforzi intergranulari di eguale intensit.
7-59

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
d = 0 = d '+ dp

(7.13)

d ' = dp

(7.14)

quindi:

Se si mantiene costante il carico, e si fa variare solo una delle due aliquote che bilanciano gli sforzi
di quella superficie, ad esempio la pressione, si induce una variazione di segno opposto alla
tensione agente sui granelli.
Il primo effetto della variazione di pressione si risente sulla massa fluida.

Figura 7.8 Effetti sullacqua

Una variazione di pressione induce una variazione della densit dellacqua legata al coefficiente di
compressibilit dellacqua:
d

dp

(7.15)

In particolare se 0 rappresenta la densit iniziale dellacqua, una variazione di pressione dal valore
p0 al valore p determina una variazione di densit dellacqua dal valore 0 al valore:

= 0e

1 ( p p )
0

= 0 e ( p p0 )

(7.16)

Una variazione di pressione comporta quindi una variazione di densit, e questultima legata al
coefficiente di compressibilit dellacqua per cui se c compressione la densit aumenta, se c
decompressione la densit diminuisce. La massa dacqua, m, di volume iniziale
U w0 =

(7.17)

7-60

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
occupa quindi, dopo la variazione di pressione, ul volume che per il principio di continuit risulta
essere
U w = U w 0 e ( p p0 )

(7.18)

Il segno meno indica che al ridursi della pressione (ovvero al ridursi della densit) il volume
occupato dallacqua aumenta. Ragionando su un volume di controllo la riduzione di densit implica
un flusso idrico netto verso lesterno del volume di controllo, cio un rilascio di parte dellacqua in
esso contenuto.
Vediamo ora quali sono gli effetti sullo scheletro solido per effetto della variazione di pressione, ad
esempio a seguito di un emungimento di una certa Q.

Figura 7.9 Effetti sullo scheletro solido

La matrice solida elastica, mentre possiamo considerare indeformabili i singoli granelli.


Una variazione di pressione e quindi degli sforzi intergranulari determina un riassestamento dello
scheletro solido ed una variazione di porosit.
Le propriet elastiche del materiale, considerando solo deformazioni verticali, sono espresse dal
coefficiente di comprimibilit della matrice solida:

7-61

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

U
U '

(7.19)

essendo

dU
= d
U

(7.20)

Lespressione (7.20) indica che la variazione di volume rispetto a quello iniziale pari al prodotto
tra la variazione delle tensioni effettive ed un coefficiente di comprimibilit dello scheletro solido.
Poich si assunto che i granelli sono indeformabili, risulter che la variazione di volume dei
singoli granelli per effetto degli sforzi intergranulari pari a zero:

dU s
=0
d

(7.21)

Dal momento che il volume occupato dai granelli rimane costante si ha:
U s = U (1 n ) = cost

(7.22)

Il coefficiente di comprimibilit dello scheletro solido, , legato alla porosit dellammasso:

U
d s
(1 n ) 1 n = (1 n ) U d 1
1 dU
=
=

s
U d
Us
d 1 n
d
Us

(7.23)

ovvero

1 dn
1 dn
=
(1 n ) d (1 n ) dp

(7.24)

Un emungimento in falda freatica o artesiana determina una riduzione di pressione.


Le espressioni dei due coefficienti di comprimibilit dellacqua e di comprimibilit della matrice
solida sono pertanto:

dp
d

(7.25)

1 dn
(1 n ) dp

Esse evidenziano gli effetti legati alla riduzione di pressione:


-

riduzione di densit e conseguente dilatazione dellacqua,

7-62

(7.26)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
-

riduzione della porosit

Figura 7.10 Effetti indotti da un emungimento

Da quanto visto sinora emerge che nel caso in cui si effettui un brusco aumento di pompaggio in un
falda artesiana, leffetto combinato della dilatazione dellacqua e dellassestamento della matrice
solida determinano una riduzione della massa dacqua contenuta nel mezzo poroso ed il
conseguente afflusso dei volumi idrici rilasciati verso il pozzo. A questo flusso si sovrappone quello
radiale determinato dal gradiente di quota piezometrica localmente presente alle diverse distanze dal
pozzo.
Nel caso di un ripompaggio il processo si manifesta generalmente con le stesse dinamiche, in
quanto, per effetto dellincremento di pressione, derivante da un improvviso aumento della portata
immessa in falda, certamente, si osserver una compressione dellacqua tra i pori, ma non
necessariamente una contemporanea deformazione dello scheletro solido in quanto, una volta subito
un assestamento, difficilmente il materiale potr dilatarsi.
Ora si cercher di trasferire i concetti che fino ad ora abbiamo introdotto nellanalisi teorica del
transitorio.
Per tener conto degli effetti descritti si introduce il coefficiente di immagazzinamento che la
variazione del volume di acqua immagazzinata in un prisma di superficie di base unitaria, per
7-63

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

effetto di una variazione di quota piezometrica. S =

den
dn
, essendo e n 1 il volume dacqua.
=e
dh
dh

Quindi il coefficiente di immagazzinamento adimensionale e rappresenta la variazione del volume


dacqua rispetto alla quota piezometrica, avendo assunto che lo spessore della falda rimanga
comunque costante.
Ora riscriviamo lequazione di continuit nel caso di matrice solida deformabile e fluido
incomprimibile.

Figura 7.11

Se si considera un anello di spessore dr, il volume di fluido che passa tra le due superfici esterne di
Q

questo anello, da una parte Qdt, dallaltra Q +


dr dt , la differenza di queste due aliquote
r

data da

W
dt che rappresenta la variazione del volume immagazzinato allinterno dellanello in
t

funzione del tempo dt.


Lequazione di continuit del moto vario sar quindi:
(Wv )
Q
Q

dr dt - Qdt =
drdt =
dt
Q +
t
r
r

(7.27)

La Q che compare nellespressione, evidentemente variabile allinterno dellacquifero, oltre che


rispetto al tempo. Alla fine si risolve il primo membro della equazione (7.27) ricordando che:

7-64

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Q = 2 rT

h
r

(7.28)

Si ottiene che:

Q
dt = 2
r

2 h h
T r 2 + dt
r
r

(7.29)

Ora si passa ad esplicitare il 2 membro:

(Wv )
h
n h
n
dr dt = 2rdrS dt
dt = 2redr dt = 2re
t
h t
t
t

(7.30)

Tutto il volume dellanello vale W = 2erdr , il volume dei meati occupati dallacqua vale 2rendr
e

n
rappresenta la variazione di porosit.
t

Semplificando lequazione e introducendo lespressione di S (coefficiente di immagazzinamento),


si ottiene alla fine lequazione fondamentale del moto vario in una falda artesiana. Lequazione
fondamentale del moto vario in una falda artesiana si scrive pertanto:

Q
dr = 2
r

2 h h
h
T r 2 + dr = 2rdrS
r
t
r

(7.31)

ovvero

2 h 1 h S h
2 +
=
r r T t
r

(7.32)

Avendo introdotto il coefficiente di immagazzinamento, si deve utilizzare questa equazione e non


pi quella di portata costante in ogni anello di raggio dr (moto permanente). Lequazione (7.32)
stata ricavata dopo aver introdotto la legge di Darcy, ma avendo scritto unequazione di continuit
in cui la parte del volume idrico pu essere immagazzinato o rilasciato nel volume di controllo.
Lequazione differenziale (7.32) ha per soluzione:

S r2
h C

= exp t
t
T
4t

(7.33)

Tale equazione esprime la variazione nel tempo della quota piezometrica a distanza r dal pozzo per
effetto di una variazione della portata emunta, ma il suo impiego subordinato alla valutazione
della costante C.

7-65

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Lequazione (53) indica che, a seguito di un incremento di portata emunta, la quota h si riduce nel
tempo, secondo una legge esponenziale in cui compare una C di integrazione e una dipendenza
dalla distanza dal pozzo e dalle due grandezze caratteristiche della falda S e T.
Lo scopo determinare S e T, attraverso una prova di emungimento, seguendo il metodo di Theis.
La costante C pu essere valutata con il seguente procedimento.
Immaginiamo di aumentare istantaneamente la portata emunta della quantit Q. Tale portata
lintegrale su r della variazione del volume dacqua immagazzinato:

S r2
dh
C
r dr
Q = 2 r S dr = 2 S exp dt
t
T
4t

0
0

(7.34)

Posto
u=

S r2
T 4t

(7.35)

la (7.34) si scrive

Q = 2

C
C
S e -u rdr = S e -u dr 2
t 0
t 0

(7.36)

Essendo
du =

S dr 2
4T t

(7.37)

si ottiene dalla (7.36)

Q = S

C -u T
e
4tdu = 4CT e -u du = 4CT

t 0
S
0

(7.38)

Da cui si ottiene
C=

Q
T4

(7.39)

Sostituendo nella (7.33) si ha:


S r2

Q - T 4t
Q -u
h
e
=
=e
tT4
tT4
t

(7.40)

Labbassamento che corrisponde alla variazione di portata Q nel tempo t pu essere determinato
per integrazione della (7.40):

7-66

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
t

Q e -u dt
h
dt =
T4 0 t
t
0

h =

(7.41)

Tenuto conto della (7.35) e che


du
dt
=t
u

(7.42)

si ha che

h =

Q
e -u
Q e -u
Q
du
du =

W(u)

T4 u
T4 u u
T4

(7.43)

in cui la funzione W(u) ha la seguente espressione in forma di serie:


W (u ) = 0.577216 ln(u ) + u

u2
u3
+
....
2 2! 3 3!

(7.44)

In definitiva la (7.43) rappresenta una relazione che lega h(r,t) alle grandezze caratteristiche della
falda S e T. Ovviamente data una serie di misure sperimentali h(r,t) relative agli abbassamenti
misurati nel tempo in pi piezometri possibile ricavare S e T con tecniche di ottimizzazione
numerica. Tuttavia per la determinazione dei due parametri possibile utilizzare anche un metodo
di risoluzione grafica. Tenuto infatti conto della (7.35), si ottiene:
Log u = Log

S
r2
+ Log
4T
t

(7.45)

mentre per la (7.43)


Q
Log h = Log
+ LogW(u)
T4

(7.46)

Si disegner allora in un diagramma Log-Log (Figura 7.12) la curva espressione della funzione
W(u) in funzione di u.

7-67

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 7.12 Diagramma log-log che mette in relazione W e r2/t

Si realizzer quindi un secondo diagramma (sempre bi logaritmico) con le coppie di punti

r2
sperimentali h; . Dalla sovrapposizione dei due diagrammi in modo che i punti sperimentali

r2
si adattino alla curva W(u), misurando quindi anche per un solo punto sperimentale h; i

valori di W ed u , si ottiene T dalla (7.43):

T =

Q
W
4 h

(7.47)

e S dalla (7.35):
S=

4uT
r

(7.48)

7-68

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

7.2.1. Misure di livello allinterno dei piezometri

La misura allinterno dei piezometri pu essere effettuata o mediante un elettrodo o tramite una
cella di pressione.
Nel primo caso viene calata nel foro una rollina metrica munita allestremo di una coppia di
elettrodi i quali quando vengono a contatto con lacqua chiudono un circuito munito di cicalino.

Figura 7.13 Rollina metrica

Nel secondo caso viene immersa in profondit nel piezometro una sonda munita di cella di
pressione che consente la misura nel tempo della pressione.

Figura 7.14 Cella di pressione

Avendo a disposizione il misuratore elettromagnetico di portate, c una centralina che


automaticamente acquisisce pressioni e portate che poi servono per le successive elaborazioni.

7-69

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

7.3.

Cambio di permeabilit in falda artesiana

Lomogeneit che si attribuisce al mezzo permeabile negli schemi semplici non trova quasi mai
riscontro nella realt. In questo paragrafo si tratta della variazione delle linee di flusso determinata
da una variazione del materiale che costituisce la falda.
Si immagini che la linea raffigurata nella fig. 8.3.1. rappresenta un interstrato che riproduce il
passaggio netto da un mezzo di permeabilit f1 ad uno di permeabilit f2.

Interstrato

f1

f2

Figura 7.15 Cambio di permeabilit

Ipotizzando una condizione di moto piano si immagini che questo cambiamento netto di
caratteristiche del mezzo poroso si propaghi in maniera continua nel piano ortogonale al foglio.
Definita una normale n alla superficie si tracciano una serie di linee di flusso (Figura 7.16).
h' h''

f1

Interstrato

f2

n
b c
a d

h'

h''

Figura 7.16 Linee di flusso

Attraverso una linea di flusso si individua un tubo di flusso. Si pu ipotizzare che questo tubo di
flusso abbia uno spessore unitario. A causa del passaggio attraverso linterstrato le traiettorie
7-70

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
deviano bruscamente. Langolo che queste traiettorie formano con la normale n cambia rispetto alla
normale (1 per il materiale con permeabilit f1 e 2 per il materiale con permeabilit f2).
Tracciando le isopieziche h e h, ortogonali alle linee di flusso, per le linee di flusso estreme di un
tubo di flusso, se deviano le linee di flusso devono deviare anche le isopieziche per mantenere la
loro ortogonalit.
Per scrivere lequazione di continuit si tiene conto che attraverso i due tubi di flusso relativi ai due
mezzi passa la stessa portata. La portata che passa attraverso un tubo di flusso e data dal prodotto
tra la velocit di filtrazione e la sezione retta del tubo di flusso:
V1l ab 1 = V2 l cd 1

(7.49)

ipotizzando la dimensione trasversale unitaria.


La lunghezza dellinterstrato interessato dal cambio di permeabilit lac. La isopiezica e la linea di
flusso formano un angolo di 90 quindi anche la normale n e linterstrato formano un angolo di 90.
Se la linea di flusso deviata di 1 rispetto ad n anche lisopiezica sar deviata di 1 rispetto
alinterstato. Quindi per il mezzo 1 si ha:
l ab =l ac cos1

(7.50)

La stessa cosa si verifica per il mezzo 2:


l cd =l ac cos 2

(7.51)

Essendo le velocit di filtrazione pari a:

V 1= f 1J 1

(7.52)

V 2= f 2J 2

(7.53)

possibile esplicitare J1
J1 =

h'h' '
lbc

(7.54)

J2 =

h' h' '


l ad

(7.55)

e J2:

ottenendo quindi:

7-71

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

V1 = f 1

h' h' '


h' h' '
= f1
lbc
l ac sen1

(7.56)

V2 = f 2

h' h' '


h' h' '
= f2
l bc
l ac sen 2

(7.57)

Sostituendo le espressioni (7.56) e (7.57) nella (7.49) si ottiene


f1

h' h' '


h'h' '
l ac cos 1 = f 2
l ac cos 2
l ac sen1
l ac sen 2

(7.58)

cos 1
cos 2
= f2
sen1
sen 2

(7.59)

sen1
f1 cos 1 tg1
=
=
f 2 cos 2 tg 2
sen 2

(7.60)

ovvero

f1
e cio

In questo modo si trovato un legame tra la variazione di permeabilit e langolo con cui le linee di
flusso abbandonano linterstrato. In particolare se f1>f2 si ha che 1>2.
A questo punto si in grado di dire qual la condizione rappresentata in fig. 8.3.2..
Avendo tracciato una situazione in cui 2<1 si ha che tg1 > tg 2 e che

tg1
> 1 quindi alla fine si
tg 2

ha che la condizione f2<f1 comporta un avvicinamento delle traiettorie rispetto alla normale.
Quindi se passo da un mezzo a maggiore permeabilit ad uno a minore permeabilit (f2<f1) langolo
che la linea di flusso forma con la normale si riduce, invece se f1<f2 le traiettorie tendono ad
allontanarsi dalla normale.
Questa propriet si pu sfruttare se, ad esempio, si vuole allontanare lacqua da alcuni terreni
andando a sostituire il materiale in sito con materiale a granulometria maggiore. Se questa soluzione
non basta si possono inserire nel terreno dei dreni per allontanare lacqua.
Altre situazioni in cui si utilizza questo sistema a tergo dei muri di sostegno oppure a tergo di una
diga. Se c un rilevato in terra molto probabile che nel suo interno si verifichi un moto di
filtrazione quindi si determinano delle traiettorie allinterno della diga. Se le acque filtranti
7-72

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
affiorano in superficie si possono creare condizioni di degradamento della superficie stessa. Per
evitare tale fenomeno, sul rilevato possibile disporre un materasso di materiale molto pi
permeabile e magari al piede si pu mettere un collettore o un dreno per allontanare lacqua (Figura
7.17).
materasso
filtrante
dreno

Figura 7.17 Filtrazione allinterno del corpo diga

Le traiettorie raggiungono con un angolo 1 linterfaccia e abbandonano linterstrato con un angolo


maggiore pari a 2 quindi in questo modo le traiettorie convergono verso il piede del rilevato
(Figura 7.18).

materasso
filtrante
f1

f2

1
dreno

Figura 7.18 Variazione dangolo allinterfaccia

7.4.

Cuneo salino

7-73

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
In molte occasioni si devono captare acque sotterranee in terreni prossimi al mare. In questi casi le
falde presentano livelli piezometrici di solo pochi metri superiori al livello marino. Lesperienza
porta a dire che lemungimento di notevoli portate da queste falde pu determinare lingresso di
acque salate nei pozzi. Quindi in questi casi si pu verificare il mescolamento tra acqua dolce ed
acqua salata. Tale rischio rende pi delicato e complesso il problema della determinazione delle
prestazioni massime che si possono chiedere ad un pozzo o ad una batteria di pozzi.
Laumento di salinit avviene in strati di transizione, i cui spessori, nelle nostre zone, sono di solito
relativamente piccoli. In altre zone, dove la marea particolarmente accentuata, lo strato di
transizione ha uno spessore notevole. In ogni caso lo strato di transizione, e quindi anche le acque
salate, si incontrano a profondit, rispetto il livello del mare, che sono via via crescenti man mano
che dalla costa si procede verso linterno.

Figura 7.19 Zona di transizione

Nella figura (Figura 7.19) si pu notare un graduale abbassamento dello strato di transizione con
laumentare della distanza dalla riva. Inoltre lo schema mette in evidenza che, al deflusso di acqua
di falda verso il mare, si accompagna una circolazione, molto debole, dellacqua salata sottostante,
indotta dallacqua dolce sovrastante.
Come si detto, nelle nostre zone, invece, lo spessore dello strato di transizione , di norma, molto
piccolo, per cui di notevole significato e utilit lo studio di prima approssimazione del fenomeno,
che si fa comunemente mediante uno schema nel quale lo strato di transizione viene considerato di
spessore nullo, viene ridotto, cio a una superficie di separazione (Figura 7.19). Questa ipotesi cade
in difetto quando vi un mescolamento tra acqua dolce e salata.
7-74

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Se si considera il caso in cui lemungimento avviene attraverso lutilizzo di un solo pozzo (Figura
7.20a) si ha che in corrispondenza di questo il livello si abbassa per poi raccordarsi a monte, a
distanza pi o meno grande, alla superficie di falda indisturbata.

Figura 7.20 Variazione del livello della falda dovuta allemungimento da pozzo

A valle si possono distinguere due zone, che ricevono, entrambe, le acque delle fasce laterali: la
prima, pi vicina al pozzo, che contribuisce ad alimentare il pozzo stesso e la seconda, che vede le
acque in essa fluenti dirigersi verso il mare, cos come avveniva prima dellemungimento. Agli
abbassamenti della superficie libera della falda si accompagnano, nella superficie di separazione,
degli innalzamenti, che sono pi accentuati dove maggiori sono gli abbassamenti della superficie
libera. La particolare conformazione della superficie di separazione, che si protende verso lalto in
corrispondenza del pozzo, ha suggerito il termine inglese water coning relativo a tale fenomeno.
Si capisce facilmente, allora, che lemungimento di una considerevole portata possa comportare
lingresso di acqua salata nel pozzo anche se, in questo, il livello idrico superiore al livello
marino: lintrusione ovviamente favorita dalla minore quota, rispetto al mare, del fondo del pozzo,
cio, dalla maggiore profondit di questo.

7-75

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Se lemungimento localizzato in un sol pozzo, si possono avere,nella fase iniziale
dellemungimento e sia pure per tempi non lunghi, ancora buone prestazioni del pozzo, cio
emungimento di sole acque dolci, anche se il livello nel pozzo corrisponde a condizioni che, in
moto permanente, comporterebbero lingresso di acqua salata, e anche, talvolta, se il livello idrico si
abbassa al di sotto di quello marino. Sono, per, queste, condizioni che possono mantenersi solo per
il tempo occorrente per emungere le masse di acqua dolce che lasciano il posto alle acque salate, o
meglio, per il tempo occorrente alla superficie di separazione, o alle prime acque salate, di
raggiungere la base del pozzo. Le cose cambiano di poco nei caratteri qualitativi del profilo se la
captazione delle acque avviene mediante una serie di pozzi paralleli alla costa (Figura 7.20b).
Come si deduce facilmente dallo schema esposto precedentemente si rileva impossibile la
captazione di tutte le acque naturalmente fluenti verso il mare, cio lintercettazione totale della
falda, in quanto essa comporterebbe la presenza di acqua stagnante salata a valle della serie di pozzi
e, quindi, linevitabile emungimento di acqua di mare mista ad acqua di falda.
Nella Figura 7.21, infine rappresentato schematicamente il cuneo salino in corrispondenza dello
sbocco di una falda artesiana.

Figura 7.21 Cuneo salino per una falda artesiana

Per questo schema si mette in rilievo solo il fatto che nelle falde artesiane i livelli piezometrici
possono essere, anche in vicinanza della costa, a sensibile distanza dalla riva; e che un eventuale

7-76

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
emungimento da pozzo determina, con la riduzione della portata sfociante a mare e con
labbassamento della piezometrica, un avanzamento verso terra del cuneo salino.

7.5.

Trattazione con interfaccia netta

Lapproccio di modellazione dellintrusione salina con interfaccia netta utilizzabile nei casi in cui
il regime di moto piuttosto stabile ed quindi possibile considerare che lo strato di transizione
abbia spessore nullo, cio si riduca ad una superficie di separazione tra i due liquidi, considerati non
miscibili. Tale ipotesi favorita anche dal fatto che si in regime laminare, per cui gli effetti del
mescolamento non sono notevoli.
In una trattazione generale nel caso di interfaccia netta si individuano nel dominio di calcolo due
regioni, ciascuna delle quali caratterizzata da una concentrazione costante di soluto, nulla nel caso
di acqua dolce, diversa da zero nel caso di acqua salata.
In ciascuna delle due regioni si pu considerare costante anche la densit del fluido, e di
conseguenza anche il peso specifico. Pertanto, le due regioni risultano definite come segue (Figura
7.22):
-

la regione occupata da acqua dolce, con peso specifico d, limitata superiormente dalla
superficie freatica 2(x,y,t), o da uno strato impermeabile 2(x,y) se la falda artesiana, e
inferiormente dalla superficie di separazione 1(x,y,t), la cui posizione pu variare per effetto
di modificazioni dei fenomeni di ricarica, delle maree e dellemungimento;

la regione occupata da acqua salata, con peso specifico s, limitata superiormente


dallinterfaccia 1(x,y,t) e inferiormente da uno strato impermeabile 0(x,y).
Nella figura seguente sono rappresentate tali regioni nel caso di una falda freatica.

7-77

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 7.22 Schema di cuneo salino in falda freatica

In ciascuna regione, essendo la densit costante, lequazione di bilancio di massa si pu scrivere


direttamente sotto forma di equazione di continuit:
v =

indicando con S 0 =

h
h
=
= S0
t h t
t

(7.61)

il coefficiente di immagazzinamento specifico, definito come il volume di


h

acqua rilasciato da un volume unitario dellacquifero per effetto di una diminuzione unitaria di
quota piezometrica, e con la porosit del mezzo.
Per un mezzo poroso con coefficiente di filtrazione pari a K la velocit di filtrazione si calcola con
la nota legge di Darcy:
v = K h = k

(7.62)

dove k la permeabilit intrinseca del mezzo poroso, la viscosit dinamica del fluido, il peso
specifico del fluido, h = z +

la quota piezometrica.

Combinando le due equazioni, si ottiene:


( K h) = S 0

dh
dt

ovvero, diversificando per le due regioni:

7-78

(7.63)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

(k

d
dh
hd ) = S 0 d d
d
dt

(k

s
dh
hs ) = S 0 s s
s
dt

con hd = z +

z [ 2 ; 1 ]

(7.64)

per z [ 1 ; 0 ]

(7.65)

per

e
con hs = z +

Il coefficiente di immagazzinamento, S0, spesso assunto indipendente dalla densit.


Per la risoluzione del problema occorre specificare le condizioni iniziali su entrambe le regioni e le
condizioni al contorno sulle superfici di contorno di entrambe le regioni; in particolare occorre
determinare la condizione allinterfaccia.
Per individuarne lespressione analitica si considerano le seguenti condizioni:
1)

una condizione dinamica, per cui sulla superficie di separazione la pressione deve essere la

stessa da entrambi i lati. Eguagliando le pressioni, definite a partire dalle quote piezometriche, si
ottiene:

d [hd ( x, y, 1 , t ) 1 ] = s [hs ( x, y, 1 , t ) 1 ] = p( x, y, 1 , t )

(7.66)

1 ( d s ) = hd ( x, y, 1 , t ) hs ( x, y, 1 , t )

(7.67)

da cui:

e quindi:

hd ( x, y, t ) d hs ( x, y, t ) s
d s

1 ( x, y , t ) =

(7.68)

La superficie di separazione, espressa nella forma F (x, y, z, t) = 0, risulta:

F ( x, y , z , t ) = z 1 ( x , y , t ) = 0 F = z
che, operando la sostituzione: =
2)

d
s d

hd d hs s
=0
d s

(7.69)

, diventa: F = z + hd (1 + )hs .

una condizione cinematica, per cui lo spostamento del fluido nella direzione ortogonale

allinterfaccia coincide con lo spostamento dellinterfaccia:


v

F +

F
=0
t

Sostituendo lespressione della legge di Darcy per la velocit di filtrazione:

7-79

(7.70)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
v = K h

(7.71)

si ottengono due equazioni differenziali parziali non lineari in hd e hs che definiscono la condizione
al contorno sullinterfaccia:

(K d hd ) [z + hd (1 + )hs ] (1 + )

hs
h
+ d = 0
t
t

(7.72)

(K s hs ) [z + hd (1 + )hs ] (1 + )

hs
h
+ d = 0
t
t

(7.73)

A causa della complessit di tale condizione, la risoluzione del problema risulta impossibile per via
analitica, a meno di introdurre ipotesi semplificative, mentre possibile per via numerica.

7.5.1. Ipotesi di interfaccia stazionaria

Una semplificazione del problema considerare condizioni di moto stazionario. In questo caso la
posizione dellinterfaccia non cambia nel tempo, e si ottiene la semplificazione:
F
=0
t

(7.74)

Tuttavia, la condizione allinterfaccia in moto stazionario pu essere scritta pi facilmente a partire


dallespressione della componente della velocit di filtrazione tangenziale allinterfaccia:
v = K h =

k
p
k
z +
= ( z + p )

(7.75)

Eguagliando il termine p , che deve essere uguale per entrambi i lati, si ottiene lequazione
differenziale rappresentativa della condizione allinterfaccia in regime stazionario:
p = qd

d
k

+ d z = q s

s
k

+ s z

(7.76)

cio:

Vd d V s s
= z
k ( s d )

(7.77)

Linterfaccia nelle falde acquifere costiere tende ad immergersi nel lato terra a causa del maggiore
peso specifico dellacqua di mare, determinando un cuneo di acqua di mare che a regime si estende
7-80

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
per una distanza considerevole allinterno. Inoltre si pu ritenere che la velocit dellacqua del mare
sia trascurabile, e pertanto si pu fare lipotesi di acqua del mare ferma, cio Vs = 0. In questo caso

z risulta proporzionale a Vd, e dal momento che linterfaccia aumenta di pendenza verso il mare,
se ne deduce che anche Vd aumenta andando verso il mare.

7.5.2. Legge di Ghyben-Herzberg

La Legge di Ghyben-Herzberg, cos denominata dai due autori che la dedussero per primi (W.
Badon Ghyben, 1889; B. Herzberg, 1901), una espressione approssimata della posizione
dellinterfaccia, ottenuta nelle ipotesi di interfaccia stazionaria, acqua del mare stagnante e falda
sub-orizzontale (ovvero isopieziche verticali). Tale legge esprime la profondit della superficie di
separazione in funzione della quota della superficie libera della falda rispetto al livello medio del
mare.

Figura 7.23 Zona di transizione di spessore unitario, Modello di Ghyben - Herzberg (1889)

In tale schema facile determinare la profondit della superficie di separazione in funzione della
quota idrica della falda freatica. Basta considerare, che in un punto A qualsiasi della superficie di
separazione, la pressione pA pu essere espressa, sia considerando il punto A come appartenente
7-81

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
alla massa dacqua marina in quiete, sia considerando A come il punto pi basso di una isopiezica
della falda idrica in movimento. Con riferimento alla Figura 7.23 e assumendo, con
approssimazione pi che sufficiente, che le superfici isopieziche siano piani verticali, si possono
scrivere le due seguenti espressioni della pressione pA:
p A ( s) = s h2

(7.78)

p A (d ) = d (h1 + h2 )

(7.79)

in cui gd e gs sono rispettivamente i pesi specifici dellacqua dolce di falda e dellacqua salata di
mare, h1 la quota sul livello del mare della superficie libera della falda, h2 la profondit, rispetto
al livello del mare, della superficie di separazione.
Quindi considerando il punto A appartenente sia allacqua dolce che allacqua salata si pu scrivere
la seguente uguaglianza:

p A ( s) = p A (d )

(7.80)

s h2 = d (h1 + h2 )

(7.81)

h1 s d
=
h2
d

(7.82)

cio:

Sviluppando i calcoli si ha:

Generalmente nelle nostre regioni il peso specifico dellacqua di mare pari mediamente a 10300
N/m3, mentre quello dellacqua dolce pari a 10000 N/m3. Dati questi valori si ha che:

h1 10300 10000
300
1
=
=

10000
10000 30
h2

(7.83)

quindi:
h1

1
h2
30

(7.84)

Dallespressione (7.84) si deduce che allaumentare della quota idrica della falda, aumenta la
profondit della superficie di separazione rispetto al livello marino. Poich nelle condizioni naturali
la falda fluisce verso il mare, man mano che ci si allontana dalla costa, la profondit a cui si
rinviene acqua salata aumenta con laumentare della distanza.

7-82

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Questa informazione ci serve nel momento in cui ci si pone il problema di prelevare lacqua dalle
zone costiere. Lipotesi introdotta di falda sub-orizzontale, per la quale si attribuisce lo stesso valore
della quota piezometrica a tutti i punti appartenenti a una stessa verticale, accettabile quando il
moto di filtrazione sensibilmente orizzontale, oppure, anche in presenza di sensibili inclinazioni
delle direzioni delle velocit di filtrazione, quando lo spessore della falda piccolo. Tale ipotesi,
come visto, consente una semplice risoluzione di questo problema, ma spesso risulta
eccessivamente grossolana, venendo meno in particolare in prossimit dello sbocco, come
evidente dal fatto che nella realt la portata di acqua dolce della falda fuoriesce nel mare attraverso
una superficie, e non in un unico punto presso la costa come risulterebbe secondo questo approccio.

7.5.3. Rilassamento della condizione di valle

Un certo numero di studi classici successivi fa ricorso ad un approccio idraulico per la


risoluzione analitica del problema, integrando le equazioni differenziali lungo le verticali per le due
regioni, e facendo riferimento ai valori medi di sezione delle variabili di campo.
Diversi modelli basati su questo approccio, pur continuando ad avvalersi dellipotesi di
Dupuit di isopieziche verticali, consentono di rilassare lipotesi del modello di Ghyben-Herzberg
per cui la portata fuoriuscirebbe in un unico punto presso la linea di costa, considerando un fronte di
infiltrazione orizzontale a largo attraverso il quale la portata di acqua dolce confluisce nel mare, in
particolare Glover (1959), Edelman (1972) e Mualem e Bear (1974).

7.5.4. Modello di Glover (1959)

Il modello proposto da Glover nel 1959, per falda artesiana confinata superiormente da uno strato
impermeabile orizzontale, e propriet del substrato uniformi e isotrope, considera la prosecuzione a
largo di una lingua di acqua dolce, ed assume che linterfaccia tra lacqua dolce e lacqua salata
abbia un andamento parabolico, secondo quanto rappresentato qualitativamente in figura:

7-83

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 7.24 Modello di Glover (1959)

Si osserva che in corrispondenza della verticale alla linea di costa la portata della falda fuoriesce
attraverso una superficie, e non in un unico punto.
Risolvendo lespressione della parabola per y = 0 si ottiene lespressione per la larghezza del fronte
di infiltrazione di acqua dolce a largo, data da:

x0 =

Qcos ta
d

2K s d

(7.85)

dove Qcosta la portata volumetrica alla costa per unit di lunghezza del litorale, K la conducibilit
idraulica e d e s sono rispettivamente la densit di acqua dolce e acqua di mare.

7.5.5. Modello di Edelman (1972)

Anche il modello proposto da Edelman (1972), per una falda artesiana confinata superiormente da
uno strato di argilla, considera la prosecuzione di una lingua di acqua dolce oltre la linea di costa.

7-84

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 7.25 Modello di Edelman (1972)

Lacqua del mare ipotizzata ferma, tranne che allinterno dello strato di argilla superiore,
attraverso il quale consentita uninfiltrazione verso lalto, cio verso il mare.
Sono applicate le ipotesi di Dupuit, cio le quote piezometriche di acqua dolce allinterno
dellacquifero sono assunte costanti con la profondit, supponendo un moto orizzontale, mentre le
quote piezometriche di acqua salata allinterno dello strato confinante al di sopra della lingua di
acqua dolce sono assunte costanti lungo lorizzontale, supponendo uninfiltrazione verticale.
In contrasto con il lavoro originale di Edelman, in questo paragrafo si segue la trattazione proposta
da Kooi et al. (2001), nella quale lacqua nello strato di argilla superiore alla lente di acqua dolce
assunta completamente salina, cos da evitare di avere un tasso di infiltrazione finito alla fine della
lingua di acqua dolce, dove il suo spessore diventa nullo.
Le variabili indipendenti del sistema sono la portata di acqua dolce alla costa, Qcosta, la conducibilit
idraulica orizzontale e lo spessore dellacquifero, K ed H, la conducibilit idraulica verticale e lo
spessore dello strato di argilla confinante, Kc e Hc, e la profondit locale del mare, W.
Le incognite per cui si risolve sono la lunghezza a largo di acqua dolce, L, e la quota piezometrica
di acqua dolce alla linea di costa, hcosta.
Le quote piezometriche sono misurate rispetto al livello del mare, con lasse z assunto positivo
verso lalto. Lorigine dellasse x localizzata alla fine della lingua, dove lo spessore di acqua dolce
Hd =0, in modo che la linea di costa corrisponde a x = L.
La lingua di acqua dolce suddivisa in due sub-regioni, una in cui lo spessore di acqua dolce
nellacquifero, Hd, minore dello spessore dellacquifero, e laltra pi vicina alla costa dove
lacquifero totalmente dolce. Le lunghezze di queste sub-regioni sono indicate con x1 e x2
rispettivamente, e la lunghezza della lingua di acqua dolce a largo risulta dalla somma delle due
aliquote, L = x1 + x2.
7-85

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Edelman originariamente ha analizzato il solo caso in cui Qcosta minore di un certo valore critico
tale che risulti x2 = 0 e lacqua salata si estenda nel terreno allinterno della linea di costa, mentre
Kooi et al. (2001) hanno proposto una trattazione pi generale, mostrata qui di seguito.
La portata per unit di larghezza dellacquifero nella lingua di acqua dolce data da:

Q = K H d

dhd
dx

(7.86)

dove hd la quota piezometrica di acqua dolce.


Lequazione di continuit per lacqua dolce nellacquifero pu essere scritta come:

K
dQ
= s c hs ( 2 )
dx
d Hc

(7.87)

dove d e s sono rispettivamente il peso specifico dellacqua dolce e dellacqua salata e hs(2) la
quota piezometrica di acqua salata alla sommit dellacquifero, cio alla base dello strato di argilla.
La moltiplicazione per il rapporto dei pesi specifici serve a convertire il coefficiente di filtrazione
per lacqua dolce, Kc, in un coefficiente di filtrazione per lacqua salata.
La relazione tra la quota piezometrica di acqua salata, hs, e la quota piezometrica di acqua dolce, hd,
data da:

hs =

d
d
hd + s
z
s
s

(7.88)

Avendo assunto acqua del mare ferma ed il livello del mare come piano di riferimento, risulta in
corrispondenza dellinterfaccia 1 = (W + H c + H d ) e hs ( 1 ) = 0 . Sostituendo questi valori
nellequazione precedente, si ottiene:

s d
(W + H c + H d )
d

(7.89)

s d
(W + H c + H d + z )
s

(7.90)

hd =
hs =

Alla sommit dellacquifero risulta 2 = (W + H c ) ; quindi si ottiene:

hs ( 2 ) =

s d
Hd
s

(7.91)

Combinando le equazioni (7.86) e (7.87) e sostituendovi le suddette espressioni di hd e di hs ( 2 ) si


ottiene lequazione differenziale che governa il problema:
7-86

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

dH d
Kc
d
Hd
=
Hd
dx
dx
KH c

(7.92)

la cui soluzione data da:

Hd =

Kc
x2
6 KH c

(7.93)

Combinando le equazioni (7.86) , (7.89) e (7.93), si ottiene la seguente espressione per la portata in
funzione di Hd:

Q=

s d
2 Kc
KH d
Hd
d
3 KH c

(7.94)

possibile indicare la portata nella regione in cui la lingua di acqua dolce tocca la base
dellacquifero come:
Q * = Q( H d = H )

(7.95)

In questo modo si possono distinguere due diverse situazioni:


1) Se Qcosta < Q*, lo spessore di acqua dolce alla costa minore dello spessore dellacquifero.
In questo caso si risolve prima la (7.94) per ottenere Hd(L) e quindi la (7.93) per calcolare
x1L (essendo x2 = 0); quindi dalla (7.89) si ottiene la quota piezometrica di acqua dolce alla
costa.
2) Se Qcosta Q*, si calcola direttamente x1 dalla (111), essendo Hd(x1) = H, ma occorre
determinare anche laliquota x2 per conoscere la L.
Per fare ci, la quota piezometrica di acqua dolce nellacquifero deve essere messa in funzione della
quota piezometrica di acqua salata alla sommit dellacquifero:

hd =

s
d
(W + H c )
hs ( 2 ) + s
d
d

(7.96)

Attraverso questa equazione, la portata pu essere scritta in funzione di hs(2), come:

Q = K H

s d hs ( 2 )

d
d x

(7.97)

Sostituendo lequazione (7.97) nella (7.87) si ottiene:


d 2 hs ( 2 )
= 2 hs ( 2 )
d x2

con

7-87

Kc
KHH c

(7.98)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
La forma generale della soluzione dellequazione suddetta :
hs ( 2 ) = c1 e x + c 2 e x

(7.99)

da cui la portata:

Q = KH

s
(
c1 e x c 2 e x )
d

(7.100)

dove c1 e c2 sono le costanti di integrazione.


Alle equazioni (7.99) e (7.100) si applicano tre condizioni al contorno:
1) la quota piezometrica di acqua salata per x = x1, sostituendo Hd = H nella (7.91):
hs ( 2 , x1 ) = c1 e x1 + c 2 e x1

(7.101)

2) la portata per x = x1, ricavata dalle equazioni (8???) e (9???):

Q * = KH

s
(
c1 e x c 2 e x
d
1

(7.102)

3) la portata per x = x1 + x2, che equivale a Qcosta:

Qcos ta = KH

s
(
c1 e ( x + x ) c 2 e ( x + x
d
1

(7.103)

Si pu mostrare che le tre condizioni al contorno si possono riscrivere come:


Qcos ta =

1 *
(
Q Q A ) e x2 + (Q * + Q A ) e x2
2

(7.104)

con:

QA = K H

c1 =

s
hs ' ( x1 )
d

(7.105)

Qcos ta e x2 Q *

K H

s
[e ( x x ) e ( x + x
d
1

c 2 = hs ( 2 , x1 ) e x1 c1

(7.106)

(7.107)

Lequazione (7.104) pu quindi essere risolta numericamente per x2, non potendo x2 essere
esplicitabile. Quindi c1 e c2 possono essere trovati dalle equazioni (7.106) e (7.107).
Infine dalla (7.99) si pu ottenere la quota piezometrica di acqua salata alla sommit dellacquifero
alla costa, e convertita nella quota piezometrica di acqua dolce con la (7.96).
7-88

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

7.5.6. Modello di Mualem e Bear (1974)

Mualem e Bear (1974) hanno considerato linfluenza della presenza dellacquifero pi in


profondit allinterno del sottosuolo, considerando il caso di una falda stratificata, secondo lo
schema rappresentato nella figura seguente:

Figura 7.26 Modello di Mualem e Bear (1974)

Gli autori presentano una soluzione analitica per tale problema, la cui validit limitata al caso in
cui la lingua di acqua dolce nello strato inferiore, al di sotto dello strato impermeabile, non si
estende verso il mare oltre la linea di costa; il caso opposto discusso soltanto qualitativamente.

7.5.7. Effetti della marea sulla superficie libera

Philip (1973) e Smiles e Stokes (1976) hanno mostrato analiticamente, nel caso semplificato di
litorale verticale e oscillazione di marea sinusoidale, che le maree determinano un innalzamento
della superficie libera al di sopra del livello medio del mare anche per una portata nulla della falda.
Nielsen (1990) ha sviluppato una soluzione analitica del problema per spiaggia inclinata e moto
unidimensionale, nelle ipotesi che le oscillazioni della superficie libera cessino lontano dalla costa,
e che non si verifichi il disaccoppiamento tra la superficie libera e il livello della marea.

7-89

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
La prima ipotesi unapprossimazione ragionevole per molte spiagge, mentre la seconda
probabilmente troppo semplice, in quanto durante il periodo di riflusso della marea il punto di
fuoriuscita a mare della portata spesso disaccoppiato dal livello del mare e si forma un fronte di
infiltrazione.
Dunque questa soluzione analitica significativa per i casi in cui il disaccoppiamento non si
verifica, ma non sufficiente per prevedere il comportamento di un punto di fuoriuscita della
portata dinamico e di un fronte di infiltrazione, e quindi per prevedere la completa dinamica della
falda e della superficie libera.
Inoltre i modelli analitici sono limitati dallassumere uno spessore costante della falda su uno strato
impermeabile al di sotto della spiaggia, un angolo di inclinazione della spiaggia costante, un
coefficiente di filtrazione e un coefficiente di immagazzinamento specifico costanti, una singola
condizione al contorno dal lato del terreno a cui le oscillazioni della superficie libera della falda si
riducono a zero. Infine, tutte le soluzioni analitiche sono basate sullipotesi che lacqua nella falda
sia un fluido omogeneo monofase.

7.5.7. Modelli numerici con interfaccia netta

Negli ultimi decenni sono stati presentati in letteratura diversi modelli che hanno utilizzato un
approccio di risoluzione numerica dellintrusione salina.
Attraverso lanalisi numerica possibile superare le limitazioni riscontrate nella modellazione
analitica e risolvere le equazioni di governo nella loro forma generale, sia nellipotesi di interfaccia
netta che considerando uno strato di transizione, anche in regime di moto transitorio e con
condizioni al contorno complesse come le oscillazioni di marea.
Inoltre possibile diversificare le propriet del terreno e la morfologia a seconda delle peculiarit
dei siti specifici studiati.
Un approccio numerico per calcolare la posizione di uninterfaccia netta stato usato da Meisler et
al. (1984) per il margine continentale del New Jersey, facendo riferimento a condizioni di moto
stazionarie e acqua del mare ferma, simulando il moto di filtrazione soltanto per il dominio di acqua
dolce e considerando linterfaccia come un contorno impermeabile.

7-90

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Il metodo prevede ladeguamento iterativo della posizione dellinterfaccia finch le pressioni
calcolate del fluido allinterfaccia coincidano con quelle di una colonna dacqua di mare idrostatica.
Gli autori hanno simulato il profilo della falda sia per la situazione attuale che per quella di basso
livello del mare verificatasi durante lultima era glaciale, effettuando anche unanalisi di sensibilit
rispetto alla conducibilit idraulica e al suo rapporto di anisotropia.
I risultati forniti indicano che le acque meteoriche di falda possono estendersi fino a circa 60 km a
largo, rispetto allattuale posizione della linea di costa, in regime di moto stazionario.
Essaid (1986) ha presentato un modello numerico per calcolare la posizione di uninterfaccia netta
in regime transitorio e capace di tenere conto degli effetti del moto dellacqua del mare, fornendo
un sistema accoppiato completo che consente di gestire realisticamente condizioni di moto
transitorio come le maree.
Il suo lavoro ha mostrato che le condizioni al contorno lato mare sono di grande importanza per i
transitori indotti dal pompaggio.
Della stessa autrice uno studio successivo (1990) riguardante la falda di Santa Cruz Country, in
California, nel quale mostra che la prosecuzione a largo dellacqua dolce di tale falda non in
equilibrio con le condizioni attuali del livello del mare, ma sta ancora rispondendo allaumento del
livello del mare verificatosi nellOlocene.
Modelli numerici basati sullipotesi di interfaccia netta sono stati presentati anche da Volker (1980),
che ha utilizzato il metodo degli elementi finiti sia per falde costiere artesiane che freatiche, da
Volker e Rushton (1982) e Taigbenu et al. (1984), che hanno applicato il metodo del contorno
integrale, da Mercer et al. (1980), Polo e Ramis (1983), Ledoux et al. (1990), che hanno utilizzato il
metodo delle differenze finite.

7.6.

Misure di livello allinterno dei piezometri: trattazione con strato di transizione

In molte situazioni reali, come nel caso di forti oscillazioni di marea o di eventi di ricarica molto
variabili, o nel caso vi sia unelevata dispersivit per effetto di eterogeneit macroscopiche del
terreno, lapproccio con interfaccia netta risulta troppo grossolano, in quanto non sono pi
trascurabili gli effetti della dispersione idrodinamica (Custodio, 1988).

7-91

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Un altro limite della trattazione con interfaccia netta limpossibilit con essa di prevedere
esattamente il campo delle concentrazioni, per effetto dellipotesi di concentrazione costante in
ciascuna delle due regioni. Si comprende come questo limite abbia un notevole impatto sulle
capacit predittive di questi modelli osservando che una concentrazione salina superiore all1% di
quella dellacqua di mare sufficiente a rendere lacqua della falda di qualit non potabile (Voss e
Souza, 1987).
Per questi motivi necessario fare ricorso a una modellazione pi raffinata, che tenga conto anche
dei fenomeni di diffusione e dispersione. La complessit delle equazioni di governo in tale forma
generale rende tuttavia impossibile una risoluzione per via analitica, ma essa possibile
esclusivamente per via numerica.
In realt possibile tenere conto del trasporto di soluto anche considerando il fenomeno
disaccoppiato dal moto di filtrazione. In questo caso lequazione di governo del moto di filtrazione
continua ad essere risolta nellipotesi di densit costante, e lequazione che governa il trasporto di
soluto viene risolta a partire dai vettori velocit del campo di moto calcolato in modo indipendente.
Tuttavia se le variazioni delle concentrazioni di soluto per effetto del trasporto sono tali da
modificare sensibilmente la densit del fluido il moto di filtrazione e il trasporto di soluto devono
essere considerati necessariamente quali fenomeni accoppiati.
In questo secondo caso lequazione di governo del moto di filtrazione deve essere ricavata
nellipotesi di densit variabile, e lequazione , che governa il trasporto di soluto deve essere
incorporata allinterno dello stesso sistema, in modo da bilanciare le incognite con le equazioni.

7.6.1. Equazioni di governo

In questo paragrafo sono descritte le equazioni di governo per il problema del moto di
filtrazione accoppiato con il trasporto di soluto in mezzi porosi per i quali sia possibile applicare il
concetto di REV e valga la legge di Darcy. Inoltre si considera valida la legge di Fick per la
dispersione e si fa riferimento a condizioni isoterme.

7-92

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

7.6.2. Equazione di governo: conservazione della massa

Applicando lequazione di conservazione della massa per lacqua e il soluto ad un volume


elementare rappresentativo del mezzo poroso, la variazione della massa nel REV, data dal termine
( )
x y z , indicando con la porosit del mezzo e con la densit del fluido, deve
t

essere uguale alla somma algebrica delle portate di massa uscenti ed entranti attraverso le superfici
r
r
del REV, data da ( q ) x y z , dove q il vettore velocit di filtrazione, pi la portata
di massa entrante da sorgenti o uscente da pozzi, pari a q s x y z , indicando con la
densit dellacqua entrante o uscente, e qs la portata volumetrica specifica entrante o uscente.
In termini matematici lequazione della conservazione della massa dunque espressa come:
r ( )
( q) +
= qs
t

(7.108)

Il termine che esprime la variazione di massa nel REV si pu scrivere nella forma:
( )

=
+
t
t
t

(7.109)

La variazione di porosit considerata limitata a quella associata alla variazione di pressione del
fluido, quindi si pu assumere:
p
=
t p t

(7.110)

In condizioni isoterme, la densit del fluido funzione della concentrazione di soluto, C, e della
pressione del fluido nei pori, p. Lequazione di stato per la densit del fluido quindi:

= ( p, C )

(7.111)

Derivando tale equazione rispetto al tempo si ottiene:


p C
=
+
t p t C t

(7.112)

Sostituendo le equazioni ricavate nellequazione precedente si ottiene:


p
C
( )
p
=
+
+
p t
C t
t
p t

(7.113)

I primi due termini a secondo membro rappresentano il tasso di accumulo di massa nel REV dovuto
agli effetti di immagazzinamento (per esempio, per la deformabilit del mezzo poroso o per la
7-93

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
compressibilit del fluido), mentre il terzo termine rappresenta il tasso di accumulo di massa dovuto
alla variazione della concentrazione di soluto.
Secondo Bear (1979), la compressibilit del mezzo poroso () data da:

1
1 p

(7.114)

mentre il coefficiente di compressibilit dellacqua () definito come:

1
p

(7.115)

Sostituendo queste espressioni nellequazione precedente, si ottiene:



C
p
C
( )
p
+
= [(1 ) + ] +
=
+
C t
t
C t
t
p t
p

(7.116)

in cui il termine [(1 ) + ] rappresenta la massa dacqua rilasciata da un volume unitario di


una falda elastica confinata per effetto di una variazione unitaria di pressione; per cui il coefficiente
di immagazzinamento specifico in termini di pressione dato da:
S p = (1 ) +

(7.117)

Sostituendo questa espressione del coefficiente di immagazzinamento specifico, si ottiene:


( )
p
C
= S p
+
t
t
C t

(7.118)

Il primo termine a secondo membro la variazione unitaria della massa fluida per effetto della
variazione di pressione del fluido, mentre il secondo termine la variazione unitaria di massa per
effetto della variazione della concentrazione di soluto.
Sostituendo questa equazione nellequazione di conservazione della massa si ottiene:
r
( )
p
C
( q) + qs =
= S p
+
t
t
C t

(7.119)

che , in forma generale, lequazione differenziale parziale del moto di filtrazione a densit
variabile in un mezzo poroso.
Se la densit costante, il termine

si annulla e la densit si semplifica nei rimanenti termini,


C

ottenendo lequazione di continuit della portata:

7-94

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
r
p
q + qs = S p
t

(7.120)

Questa equazione conserva sia la massa che il volume del fluido per un sistema a densit costante,
solo il volume per un sistema a densit variabile.
Lequazione del moto basata sulla conservazione del volume spesso utilizzata nel caso di densit
costante, ma inopportuna quando sono presenti considerevoli gradienti di densit o temperatura
(Bear, 1972). Evans e Raffensperger (1992) hanno confrontato la risoluzione di un sistema a densit
variabile attraverso equazioni basate sulla conservazione della massa o del volume, osservando
variazioni, per il caso specifico da loro considerato, anche del 9,55%, concludendo che se la
variazione di densit considerevole deve essere usata lequazione di conservazione della massa e
non del volume.

7.6.3. Equazione di governo: legge di Darcy


r
Nellequazione precedente compare la velocit di filtrazione q , governata dalla legge di Darcy. Per

un fluido a densit variabile tale legge pu essere espressa in funzione della pressione, ottenendo le
seguenti espressioni delle componenti della velocit di filtrazione:
qx =
qy =
qz =

k x p
x
k y p

(7.121)

y
k z p

+ g
z

in cui la viscosit dinamica del fluido, kx, ky, kz sono le permeabilit intrinseche nelle tre
direzioni coordinate, e g la costante gravitazionale.
In questa formulazione la densit influenza direttamente soltanto la componente verticale della
velocit di filtrazione, ma indirettamente tutto il campo di pressioni dipende dalla densit, e quindi
anche le altre componenti della velocit di filtrazione.

7-95

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Inoltre, in questo caso si assunto che le tre direzioni principali di permeabilit coincidano con il
sistema di coordinate ortogonali x, y, z. Tale assunzione usualmente accettabile per un acquifero
con fondo orizzontale.
Quando ci non accade occorre una formulazione pi generale della legge di Darcy, che pu essere
ottenuta utilizzando un nuovo sistema di coordinate coincidente con le direzioni principali di
permeabilit, in modo tale che i gradienti di pressione lungo le direzioni principali possano essere
formulati indipendentemente.
Tuttavia in questo caso, non essendo nessuna delle tre direzioni principali orizzontale, ed essendo
esse tra loro ortogonali, una componente della forza gravitazionale agisce in ognuna delle tre
direzioni. Ci conduce alla seguente espressione della legge di Darcy:
k p

+ g cos

k p

q =
+ g cos

k p

q =
+ g cos

q =

(7.122)

dove e sono le direzioni principali di permeabilit parallele al fondo e la direzione normale


al fondo dellacquifero, q, q, q sono le componenti della velocit di filtrazione secondo gli assi
coordinati, allineati secondo le direzioni di permeabilit, k, k, k sono le permeabilit secondo tali
direzioni, e , , sono gli angoli fra i rispettivi assi coordinati e lasse z.

7.6.4. Concetto di quota piezometrica di acqua dolce

Lequazione di governo del moto di filtrazione deve essere espressa in due sole incognite, che
usualmente possono essere pressione e densit del fluido, oppure quota piezometrica di acqua dolce
e densit del fluido. In questo modo, aggiungendo lequazione di advezione-dispersione, espressa
nelle stesse due incognite, il sistema risulta determinato.
In questa trattazione si deciso di utilizzare la seconda possibilit, seguendo Guo e Langevin
(2002). La quota piezometrica di acqua dolce equivalente, in un certo punto di un acquifero,

7-96

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
lelevazione rispetto a quel punto a cui risale il menisco di un piezometro contenente acqua dolce,
aperto in corrispondenza di quel punto.
Per stabilire la relazione tra quota piezometrica di acqua dolce e quota piezometrica nellacquifero
si pu fare riferimento allo schema illustrato nella figura seguente:

Figura 7.27 Quota piezometrica di acqua dolce

Siano dati due piezometri, aperti ad un dato punto N di un acquifero contenente acqua salata.
Il piezometro A contiene acqua dolce, ed ha un meccanismo che impedisce allacqua contenuta in
esso di mescolarsi con lacqua salata presente nellacquifero. Il livello dellacqua in tale piezometro
rispetto al punto N dato da

pN

, mentre la quota piezometrica di acqua dolce in tale punto, cio la

quota del menisco nel piezometro rispetto al piano di riferimento, data da: hd = z N +

pN

Il piezometro B contiene acqua salata con la stessa concentrazione di quella presente nellacquifero
nel punto N. Il livello dellacqua in tale piezometro rispetto al punto N dato da

pN

, dove il

peso specifico dellacqua salata presente nel punto N; la quota piezometrica in tale punto, espressa
in termini di acqua salata presente nella falda, invece data da: h = z N +

7-97

pN

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
La quota piezometrica espressa in termini di acqua salata presente nella falda varia dunque non solo
con la pressione e con la quota geodetica, ma anche con il peso specifico = g, quindi con la
densit .
Una quota piezometrica espressa in termini di acqua salata presente nel punto pu essere convertita
in una quota piezometrica di acqua dolce mediante la seguente relazione, ottenuta eguagliando la
pressione pN nelle espressioni di h e hd:

hd =

h
z
d
d

(7.123)

dove z la quota del punto considerato rispetto al piano di riferimento.


Viceversa per convertire le quote piezometriche di acqua dolce in quote piezometriche
nellacquifero, la relazione inversa la seguente:
h=

d
d
hd
z

(7.124)

7.6.5. Equazioni in termini di quota piezometrica di acqua dolce

Dallespressione della quota piezometrica di acqua dolce equivalente


hd = z +

p
d g

(7.125)

si ottiene la formula inversa:


p = (hd z ) d g

(7.126)

Sostituendo questa espressione nella legge di Darcy si ottiene:


q = K d
q = K d
q = K d

d hd d
+

hd d z

+

d
d hd d z

+

7-98

(7.127)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

dove K di la conducibilit idraulica nella direzione i-esima (definita come: K di =

ki d g

) e d la

viscosit dellacqua dolce a 20 C e a pressione atmosferica.


Se lacquifero stratificato orizzontalmente, la legge di Darcy data da:

d hd
x
h
q y = K dy d d
y

q x = K dx

q z = K dz

(7.128)

d hd d
+

z d

Le variazioni della viscosit per effetto della temperatura sono di norma trascurate; spesso si
trascurano anche le variazioni della viscosit per effetto della densit, fissandola al valore per
lacqua dolce, che equivale a considerare il termine

d
pari a uno.

Sostituendo nellequazione di conservazione della massa la legge di Darcy espressa in termini di


quota piezometrica di acqua dolce equivalente, si ottiene la seguente equazione di governo del moto
di filtrazione, espressa nelle incognite hd e :

hd d z
hd d z
hd d z
=
+
+
+
+
+
K d
K d
K d
d
d
d


h
C
q
= S d d +
t
C t

(7.129)

Questa lequazione che governa il moto di filtrazione a densit variabile, espressa in termini di
quota piezometrica di acqua dolce equivalente.
Per bilanciare le incognite con le equazioni, occorre aggiungere una seconda equazione
differenziale parziale. Essa lequazione di advezione-diffusione, che descrive il trasporto di soluto
nellacquifero.

7-99

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

8. Moti a potenziale

8.1.

Definizione di moti a potenziale

Si dice che un campo di vettori velocit v ammette un potenziale, quando esiste una funzione
scalare:

= ( x, y, z, t )

(8.1)

le cui derivate parziali in ogni punto siano uguali alle componenti vx,vy,vz di v nello stesso punto:

vy =
y

vz =
z
vx =

(8.2)

La funzione (x,y,z,t), che pu essere descritta da una serie di superfici i cui punti hanno lo stesso
valore di (superfici equipotenziali), viene detta il potenziale di v e il moto viene detto a
potenziale di velocit.
Il vettore v, viceversa, il gradiente di , e si scrive:
v = grad

(8.3)

Se i , j e k sono i versori corrispondenti agli assi cartesiani x, y e z, si scrive ovviamente:



v = v x i + v y j + v z k =
i+
j+
k
z
x
y

(8.4)

I moti di filtrazione con bassa velocit (regime darciano), per la presenza di termini inerziali
trascurabili, ammettono formalmente lesistenza di un potenziale:

= kh

(8.5)

La componente della velocit lungo una direzione s sar quindi


Vs =

(8.6)

I moti a potenziale si dicono anche irrotazionali perch in essi nullo il vettore F, rotore di v:
8-100

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

v y
v

Fx = z
z
y
v
v
Fy = x z
x
z
v y v x

Fx =

(8.7)

Un moto permanente che soddisfa le (6.45), irrotazionale essendo:


v x = k

h
h
h
v y = k
v z = k
y
x
z

(8.8)

Se si introduce nellequazione di continuit la relazione di moto a potenziale, cio le espressioni


(8.2), si ottiene:
div(v) =

v x v y v z
x y z
+
=0
+
+
=
+
x
y
z x x y y z z

(8.9)

2 2 2
+ 2 + 2 =0
z
y
x 2

(8.10)

da cui si ottiene:
2 =

Laddove il fluido incomprimibile ed vera la relazione (8.10) la funzione potenziale detta


funzione armonica.

Considerando un generico vettore spostamento ds pari a


ds = dxi + dyj + dzk
la variazione d che ne consegue risulta pari a

d =
dx +
dy +
dz
x
y
z
Se lo spostamento avviene lungo la superficie equipotenziale si ha

d =
dx +
dy +
dz = ds grad = 0
x
y
z

(8.11)

(8.12)

(8.13)

e cio
ds V = 0

(8.14)

conseguendo che una delle propriet delle superfici equipotenziali quella di essere ortogonali alla
velocit.

8-101

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 8-1

Con riferimento al caso piano di Figura 8-1, si fissi nel piano del moto un sistema di coordinate
cartesiane ed un punto P di coordinate (x, z), e siano l1 e l2 due archi di curve regolari che uniscono
P con lorigine O delle coordinate.
In ciascun punto di l1 e l2, sia vn la componente del vettore velocit nella direzione della
normale alla curva, positiva se il vettore velocit orientato in senso orario rispetto ad O. Fissato
come verso di percorrenza delle curve quello da O verso P, le quantit:
1 = Vn dl

(8.15)

2 = Vn dl

(8.16)

l1

e
l2

rappresentano i volumi (per unit di profondit) di fluido che attraversano le due curve nellunit di
tempo.
Per il principio di continuit, nellipotesi di fluido incomprimibile, il volume che
complessivamente attraversa la curva chiusa formata da l1 e l2 deve essere nullo, in assenza di
sorgenti interne. Pertanto il volume entrante attraverso l1 deve essere uguale a quello uscente da l2.
Poich questo risultato deve essere verificato comunque si scelgano le curve che congiungono
lorigine delle coordinate al punto P, ne segue che il flusso di massa che attraversa la generica curva
l che congiunge lorigine O al punto P dipende solo dalle coordinate di P. Ci consente di definire
lintegrale curvilineo lungo una generica curva che congiunge il punto P(x, z) allorigine del
sistema di coordinate:

8-102

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

P( x, z )

P ( x, z )

Vn dl =

V ndl

(8.17)

funzione delle sole coordinate del punto, poich indipendente dalla linea di integrazione, e che
rappresenta la portata volumetrica che attraversa la linea stessa. Se larco PP appartiene ad una
linea di corrente, tratteggiata in Figura 8-1, la portata che lo attraversa nulla poich il vettore
velocit sempre tangente ad esso in ogni suo punto. La funzione assume quindi un valore
costante lungo una linea di corrente.

Figura 8-2

Considerati due punti P(x, z) e P+dP (x+dx, z+dz) e un arco infinitesimo di lunghezza dl che li
congiunge (Figura 8-2), il versore normale sar pari a
n =

dz dx
i k
dl
dl

e si pu quindi scrivere che


d = V ndl = Vx i + Vz k dzi dxk

ovvero

d = Vz dx + Vx dz

Poich
d =

si ottiene che

)(

(8.18)

(8.19)

(8.20)

dx +
dz
x
z

(8.21)

= Vz
x

(8.22)

e che

8-103

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

= Vx
z

(8.23)

Se il moto a potenziale, il rotore della velocit nullo e quindi


Vz Vx
=
x
z

(8.24)

ovvero
2 2
+ 2 =0
z
x 2

(8.25)

mostrando che anche la funzione armonica.


Lungo una superficie equipotenziale
d =

da cui si ottiene che

dx +
dz = 0
x
z

dz
x = Vx
=

Vz
dx
z

Lungo una linea di corrente invece

d =
dx +
dz = 0
x
z
ovvero

dz
x = Vz
=
Vx
dx
z

Da questultima relazione e dalla (8.27)si ottiene che


1
dz
dz
=
dx
dx

(8.26)

(8.27)

(8.28)

(8.29)

(8.30)

che mostra che le due famiglie di curve presentano coefficienti antireciproci e quindi esse risultano
tra loro ortogonali, ad ulteriore conferma di quanto dimostrato precedentemente.
Nel caso di moto piano (x, z), pertanto, il campo di moto a potenziale pu essere rappresentato
tramite un reticolato idrodinamico, costituito da due famiglie di linee tra di esse ortogonali: linee
equipotenziali e linee di corrente (inviluppo del vettore velocit).

8-104

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 8.3 Reticolato idrodinamico

Il campo di moto compreso tra due linee di corrente individua un tubo di flusso. Se si nel caso
di moto piano esiste una relazione tra lavvicinamento e lallontanamento delle linee equipotenziali
e lavvicinamento e lallontanamento delle linee di corrente. In tale ipotesi infatti, in un tubo di
flusso, individuato da due linee di corrente, passa una portata elementare dq che costante lungo il
percorso. Se le equipotenziali si allontanano, per laumento della sezione trasversale, non pu che
verificarsi una diminuzione della velocit di filtrazione. Il contrario avviene ovviamente se le
equipotenziali si avvicinano.
Lincremento di da una linea allaltra corrisponde alla portata che defluisce (per unit di
profondit) nel tubo di flusso compreso tra le suddette curve, risultando
d =

ds n +
ds t =
ds t = Vds t = dq
s n
st
st

(8.31)

avendo indicato con st la direzione tangente alla equipotenziale (e quindi ortogonale alla linea di
corrente) e con sn la direzione normale alla equipotenziale (e quindi tangente alla linea di corrente).
Lequazione differenziale di Laplace permette di ottenere la funzione potenziale in tutto il
campo di moto una volta note le condizioni al contorno che possono essere di 2 tipologie: una
condizione del tipo

= V n
n

(8.32)

che esprime limpermeabilit di un corpo avente velocit V immerso nel campo di moto con n
normale alla superficie del corpo stesso; oppure una seconda del tipo

8-105

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

(8.33)

che esprime la congruenza, a grande distanza, del potenziale con la corrente indisturbata.
Una volta noto il potenziale in tutto il campo di moto, possibile valutare la funzione pressione
tramite la costanza del trinomio di Bernoulli. Lequazione di Laplace lineare e, pertanto, pu
essere applicato il principio di sovrapposizione degli effetti: possibile quindi costruire soluzioni
complesse tramite la sovrapposizione di soluzioni semplici note. La successiva risoluzione per
determinare la pressione, pur lavorando su unequazione non lineare, non presenta particolari
difficolt essendo unequazione algebrica.

Figura 8.4 Reticolato idrodinamico

8.1.1. Propriet delle funzioni armoniche

Per quanto riguarda le condizioni ai limiti, una funzione armonica univocamente determinata in
tutti i punti di un dominio chiuso, quando sono assegnati al contorno i valori di o della derivate
d/dn=vn secondo la normale n al contorno. Imporre o vn significa imporre o il valore della quota
piezometrica, o il valore della velocit di filtrazione (e quindi la portata entrante o uscente dal
dominio). Evidentemente lungo le superfici impermeabili dovr porsi

8-106

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

=0
n

(8.34)

Il reticolato idrodinamico di un campo di moto a potenziale armonico , rappresenta anche tutti i


campi di vettori che abbiano potenziale armonico , legato a da una relazione del
tipo:=m+n. Questa condizione (molteplicit) garantisce il trasferimento di risultati ottenuti al
variare delle condizioni al contorno.
Tra le funzioni f(x,z) che soddisfano le assegnate condizioni al contorno lunica che armonica
soddisfa alla condizione di minimo
2 2
x + z dA = minimo
A

(8.35)

dove A rappresenta il dominio, e i termini nelle parentesi tonde rappresentano le componenti (lungo
x e z) della velocit. L espressione (8.35) rappresenta una condizione di minimo contenuto
energetico ed la condizione che deve assumere la funzione armonica oltre alla condizione al
contorno. In questo modo si ha una condizione di unicit della soluzione.
Il campo di vettori risultante di due campi, definiti nello stesso dominio, e retti dai potenziali e
, anchesso a potenziale (principio di sovrapposizione degli effetti) e risulta essere pari a:
= ' + ''

(8.36)

Ad esempio per una falda artesiana in moto di spessore definito possibile sommare gli effetti
(abbassamento della falda) dovuti al suo movimento e allemungimento da un pozzo, se il dominio
viene scelto in modo che emungendo non cambino le condizioni al contorno cio se il raggio di
influenza del pozzo ricade nel dominio considerato.

8.2.

Metodi di risoluzione

La risoluzione dei campi di moto a potenziale passa per tre fasi:


a) corretta definizione delle condizioni al contorno del dominio,
b) determinazione del potenziale allinterno del dominio,
c) determinazione di velocit e pressioni.
Esistono quattro metodi di risoluzione:
8-107

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
1. Metodi analitici: si conosce la soluzione analitica per tutti i campi di moto elementari in
virt del principio di sovrapposizione degli effetti.
2. Tracciamento grafico per tentativi: si ricerca graficamente il reticolo idrodinamico assegnate
le condizioni al contorno e rispettando la condizione di ortogonalit tra le linee
equipotenziali e quelle di corrente (esiste ununica soluzione).
3. Metodi numerici.
4. Modelli analogici: sono usati in caso di falda freatica in quanto per tali falde landamento
della superficie libera diverso a seconda delle condizioni imposte al contorno.
Attualmente i metodi di risoluzione comunemente adottati sono il metodo analitico (per lo studio di
un caso semplice) ed il metodo numerico.

8.2.1. Esempio di metodo analitico

Come esempio di metodo analitico si tratter il caso di emungimento mediante un pozzo


completamente penetrante in una falda artesiana sub-orizzontale, di piccolo spessore, nellipotesi di
mezzo omogeneo ed isotropo. Il principio di sovrapposizione degli effetti si pu applicare se sono
verificate le seguenti due ipotesi:

il campo di vettori risultante riferito allo stesso dominio dei singoli campi di vettori,

le condizioni al contorno di ciascuno dei campi di moto elementari non sono influenzate
dagli altri.

Figura 8.5 Schema del moto della falda

8-108

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
La distribuzione del potenziale ed il campo vettoriale relativo al movimento unidirezionale della
falda artesiana in direzione x sono identificati univocamente una volta noti i valori della
trasmissivit della falda T e della cadente piezometrica i.
Le componenti della velocit di filtrazione nelle due direzioni risultano:

Vox = f i x

(8.37)

Voy = 0

La velocit di filtrazione lungo x legata alla cadente piezometrica attraverso la legge di Darcy,
mentre quella lungo y uguale a zero in quanto si scelto lasse x nel verso del moto.
Quindi le quote piezometriche variano con legge:

dh = -

q0
dx = i x dx
f

(8.38)

Labbassamento rispetto al valore h0 assunto allorigine degli assi

h1 = (h h0 ) = i x dx

(8.39)

La distribuzione del potenziale ed il campo vettoriale relativo allemungimento sono identificati


univocamente una volta noti i valori dello spessore e della permeabilit della falda e del raggio di
influenza del pozzo.

Figura 8.6 Emungimento

Il modulo della velocit di filtrazione a distanza a distanza r dal pozzo

8-109

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

V =-

Q
2 sr

(8.40)

2 s x2 + y2

Pertanto le componenti della velocit di filtrazione nelle due direzioni risultano essere pari a:

V px = -

Qp

2 s x2 + y2

x2 + y2

Qp x
2 sx 2 + y 2

(8.41)

V py = -

Qp

2 s x2 + y2

x2 + y2

Qp

y
2 s x + y2
2

(8.42)

Labbassamento delle quote piezometriche rispetto al valore assunto in asse al pozzo :

hr =

Qp
2 T

ln

R
x2 + y2

(8.43)

Il principio di sovrapposizione fornisce la distribuzione del potenziale ed il campo vettoriale


risultante. Componendo i due campi di moto si ha che il vettore velocit di filtrazione in ogni punto
del campo di moto la somma vettoriale dei vettori relativi al moto di base ed al moto legato
allemungimento.

Figura 8.7 Andamento della piezometrica dovuto al moto combinato della falda e dallemungimento

Le componenti della velocit di filtrazione nelle due direzioni risultano:

8-110

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Vrx = f i x -

Qp

x
2 s x + y2
2

(8.44)

Vry = -

Qp

y
2 s x + y2

(8.45)

Le quote piezometriche variano con legge:

hr = i x dx

Qp
2 T

ln

R
x2 + y2

(8.46)

Figura 8.8 Linee di flusso e isopieziche

Landamento delle linee di flusso (Figura 8.8) evidenzia la presenza di una linea di partizione che
divide il piano in due aree di cui una con traiettorie che convergono verso il pozzo.
Le quote piezometriche in ogni punto sono date dallabbassamento rispetto allorizzontale dovuto al
movimento della falda ( in assenza di emungimento), e ad un abbassamento simmetrico rispetto
allasse del pozzo determinato dalla curva di regressione della falda.
In corrispondenza dellintersezione tra lasse x e la linea di partizione risulta nullo il gradiente di
quota piezometrica e, di conseguenza il modulo della velocit di filtrazione.
Di conseguenza possibile determinare lascissa di detta intersezione dalla condizione:

V0x -

Qp 1
=0
2 s x0

da cui la distanza x0 in corrispondenza della quale lacqua ferma, pari a:

8-111

(8.47)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

x0 =

Qp
2 sV0x

(8.48)

La regola di sovrapposizione degli effetti valida in tutte le falde in pressione, in quanto in esse il
dominio spaziale in cui si svolge il moto univocamente determinato e generalmente le condizioni
al contorno possono essere determinate in maniera univoca.
Si possono affrontare anche problemi come lemungimento contemporaneo da pi pozzi artesiani.
Se si sta facendo un ripompaggio (punto sorgente) si ha un incremento della quota piezometrica
(cambia la direzione del vettore di velocit di filtrazione).
Il pozzo rappresenta un punto assorbente mentre unimmissione un punto sorgente.

Figura 8.9 Punto assorbente

Figura 8.10 Punto sorgente

Se si vanno ad osservare insieme un punto sorgente ed uno assorbente si ha che la portata si


trasferisce dal punto di emungimento al punto che assorbe.

8-112

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 8.11 Dipolo

Allinterno del campo di moto (Figura 8.12) il dipolo limitato in quanto le linee di corrente pi
ampie sono annullate dalla presenza del campo di moto esterno. In questo modo si ottiene una linea
di ripartizione che coinvolge i due punti (assorbente e sorgente) che rappresenta una superficie
impermeabile che essendo tangente ai vettori velocit caratterizzata da

d
nullo.
dn

Figura 8.12 Dipolo

Un caso applicativo (Figura 8.13) pu essere quello di un manufatto (ad esempio un plinto o una
struttura sotterranea) realizzato allinterno di una falda artesiana.

8-113

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
m
100

80

60

40

20

0
0

20

40

60

80

100

120

140

160

180

Figura 8.13 Caso applicativo

La soluzione pu essere ricavata mettendo due o pi punti sorgenti e due o pi assorbenti sul lato di
monte e di valle in modo da avere la condizione

d
= 0 lungo il contorno del parcheggio.
dn

Verificando poi che sia rispettata tale condizione si pu ricavare la soluzione del campo di moto
effettivo. I punti assorbenti e sorgenti sono stati posizionati in modo da riprodurre una superficie
quasi rettangolare di forma simile a quella del rilevato.
Se la forma risulta essere pi complessa bisogna trovare la disposizione dei punti (assorbenti e
sorgenti) che meglio riproduce la condizione

d
= 0 lungo il perimetro esterno del manufatto.
dn

8-114

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

9. Campi di moto in falda freatica

9.1.

Teoria di Dupuit

Una falda freatica non confinata superiormente ma caratterizzata da una superficie libera che
rappresenta linterfaccia tra una quota parte di terreno saturo e una quota parte di terreno non saturo.
La teoria di Dupuit per tali domini, che hanno un tratto di frontiera a superficie libera (p = pressione
atmosferica), prende le mosse dalle seguenti ipotesi, introdotte per primo da Dupuit nel 1863:
1- la piccola inclinazione della superficie libera fa s che le linee di corrente possano essere
assunte come orizzontali e quindi le equipotenziali come verticali;
2- il gradiente idraulico sia eguale alla pendenza della superficie libera invariante con la z.
Sebbene le ipotesi possano sembrare pesanti, in molti casi i risultati cos ottenuti appaiono
soddisfacenti se comparati a quelli ottenibili utilizzando un metodo pi rigoroso.
Generalmente se landamento delle falde di notevole estensione e di piccolo spessore, si pu
assumere che la curvatura delle linee siano apprezzabili e quindi si pu considerare come
orizzontale.
Il potenziale dato da:

P
(x, y, z ) = kh(x, y, z ) + C = k z + + C

(9.1)

Assunta la pressione atmosferica nulla in corrispondenza della superficie di pelo libero si ha:

h( x, y, z ) = z

(9.2)

( x, y, z ) + kz C = 0

(9.3)

ovvero

In base all'ipotesi 1, la quota della superficie libera varia poco attorno ad un valor medio z , e quindi
sviluppando h(x, y, z) in serie di Taylor attorno a z si ottiene:

h
h(x, y, z ) = h( x, y, z ) + ( z z ) + ...
z z = z

9-115

(9.4)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
E abbastanza evidente che se si ipotizzano le traiettorie sono sensibilmente rettilinee ed orizzontali
si ha che:
-

le componenti di velocit sono piccole,

h
le variazioni della superficie libera rispetto a z ,quindi il termine (z z ) , sono
z z = z
trascurabili.

Se la componente verticale vz della velocit piccola e la superficie libera abbastanza piatta (cio
se z z piccolo) allora la (9.4) diviene:

h( x, y, z ) h( x, y, z )

(9.5)

cio, poich la profondit media z circa costante si ha:

h( x, y, z ) h( x, y )

(9.6)

Poich le variazioni di quota piezometrica rispetto al valore che si assume nel punto medio, sono
piccole, h solo funzione di x e y e non di z.
L'equazione precedente dice che le linee equipotenziali (o isopiezometriche) sono verticali (Hp n1
di Dupuit) ed in particolare sulla superficie libera h(x, y) = z.
La quota piezometrica (praticamente coincidente con il carico totale) su una linea verticale
costante ed uguale alla quota geometrica della superficie libera.
Quindi il gradiente lungo una linea verticale uguale alla pendenza della superficie libera ed
invariante con la profondit (Hp n2). Cos la validit delle ipotesi di Dupuit strettamente
dipendente dalla pendenza della superficie libera.
Se si considera un prisma di falda con un fondo impermeabile pari a dxdy e unaltezza pari ad h
(delimitata dalla superficie libera della falda).

Figura 9.1Cuneo salino per una falda artesiana

9-116

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
In questo caso si ha che le due componenti di velocit nelle direzioni x ed y sono:

h
x
h
v y = k
y
v x = k

(9.7)

Se si effettua un bilancio di portata nel prisma di fluido considerando:


-

moto permanente,

scheletro solido indeformabile,

fluido incomprimibile,

mezzo omogeneo (k costante).

detta qx la portata filtrante in direzione x, per unit di profondit in direzione y si ha:

h
q x dy = k h dy
x
Ad una distanza dx si ha che qx variata in quanto variato il prodotto h

h
q x + dx dy = k h dy
x x + dx

(9.8)

h
:
x
(9.9)

Quindi la variazione della portata tra le due facce poste a distanza dx :

(q x+dx q x )dy = q x dxdy = k


x

h
h dxdy
x x

(9.10)

e in direzione y si ha:

q y
y

dxdy = k

h
h dxdy
y y

(9.11)

L'equazione di continuit di un fluido incomprimibile, in condizioni di filtrazione satura stazionaria


quindi la seguente:

h
h
h k h = 0
x x
y y

(9.12)

ovvero
(13)

9-117

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

2h2 2h2
+
=0
x 2
y 2

(9.13)

In questo caso lequazione del moto h = 0

2h2 = 0

(9.14)

9.1.1. Flusso bidimensionale su fondo impermeabile

Se si considera una falda freatica in cui stata realizzata una galleria drenante ipotizzando un
mezzo filtrante omogeneo ed isotropo e un campo di moto piano.

Figura 9.2 Flusso bidimensionale

si ha:

d 2h2
=0
dx 2

(9.15)

h 2 = Ax + B

(9.16)

che integrata fornisce la parabola:

Per le correnti a superficie libera bisogna assegnare le seguenti condizioni al contorno:

x=0

h = h1

9-118

(9.17)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

x=L

h = h2

(9.18)

per determinare le costanti A e B.


Dopo una serie di passaggi si ottiene:
2

h = h1 h1 h2

) Lx

(9.19)

La portata per unit di spessore che transita attraverso una sezione verticale vale:

q = kh

dh
k dh 2
=
dx
2 dx

(9.20)

Lespressione (9.20) viene chiamata formula di Dupuit. In pratica lequazione del profilo
assegnata una volta noti due dei tre valori: q, h1 e h2. Nel caso in esame si sono ipotizzati noti i
valori dello spessore della falda in corrispondenza della galleria drenante e il valore di falda
indisturbata ad una distanza L arbitraria, ma sufficientemente grande.

9.1.2. Superficie libera soggetta a pioggia o evaporazione (ricarica o


esaurimento)

La superficie libera in figura 9.1.2.1. soggetta ad unimmissione (evaporazione) uniforme di


portata "e".

Figura 9.3 Ricarica

9-119

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Nel caso in cui e > 0 si ha un apporto idrico ipotizzato uniforme sul contorno superiore della falda
freatica (per esempio a causa della pioggia), invece, nel caso in cui e < 0 si ha un deficit idrico
lungo la superficie libera della falda (a causa dellevaporazione).
Generalmente pi semplice conoscere lapporto che levaporazione perch mentre gli apporti di
pioggia si verificano durante le precipitazioni, invece, i fenomeni di evaporazione risentono dei
problemi legati allinterazione con le radici delle piante.
Lequazione di continuit in queste condizioni cambia in quanto
ricarica o dall'esaurimento.

dq x
0 ed rappresentata dalla
dx

Quindi lequazione di continuit nel piano (x, z) diviene:

dq x
=e
dx

(9.21)

ovvero

d dh
h + e = 0
dx dx

(9.22)

kh 2 + ex 2 = c1 x + c 2

(9.23)

k
Integrando si ottiene:

Per e > 0 la (9.23) unellisse, mentre per e < 0, posto e=-= uniperbole di equazione:
kh 2 x 2 = c1 x + c 2

(9.24)

Per risolvere il problema si impongono le condizioni al contorno (9.17) e (9.18) ottenendo (per
e>0):

c2 = kh1

(9.25)

c1 =

1
2
2
kh2 + eL2 kh1
L

(9.26)

Sostituendo le espressioni (9.25) e (9.26) nellespressione (9.23) si ha :


2

h = h1

(h

h2 x e
+ (L x )x
L
k

Tale espressione permette di valutare le variazioni di h lungo x.


Essendo

dq x
= e (qx= portata in una sezione verticale qualsiasi) la soluzione :
dx
9-120

(9.27)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
q x = ex + c3

(9.28)

q = q1

(9.29)

c3 = q1

(9.30)

q x = ex + q1

(9.31)

Per x=0 si ha:

e quindi

Quindi la (9.28) diventa:

Ma

q x = kh
Il termine kh

dh
= ex + q1
dx

(9.32)

dh
a portata che filtra attraverso una generica sezione verticale di altezza h.
dx

Facendo gli integrali si ha


h

k 2 2
dh = (ex + q1 )dx
2 h1
0

(9.33)

ovvero

k 2
L2
2
h2 h1 = e + q1 L
2
2

ottenendo

q1 =
Ed infine:

k h2 h1
L
e
2L
2

k h h1
L

e x
qx = 2
2L
2

(9.34)

(9.35)

(9.36)

Nellespressione (9.36) il primo addendo a destra rappresenta la portata di Dupuit in assenza di


apporti, mentre il secondo addendo rappresenta la quantit di apporto. Per trovare il punto di
massimo della superficie libera, basta imporre qx=0:

9-121

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

xm =

L k h2 h1
+
2 e
2L

(9.37)

Il valore di xm esiste solo se ci si trova nelle condizioni in cui lentit dellapporto, in relazione a
quelle di moto preesistenti, tale da determinare linversione del flusso in un punto intermedio
dellacquifero.
E evidente che nel caso di evaporazione (e<0) il discorso lo stesso.
Si possono avere le seguenti due casi limiti differenti:
1- campagna con due canali di irrigazione: lacqua che scorre e che alimenta le campagne
circostanti durante i periodi di deficit. In questi casi si ha una locale riduzione della
superficie libera della falda che determina un gradiente di quota piezometrica dai canali
verso i campi.
2- presenza di un argine (sbarramento): nel caso in cui si hanno elevate differenze di quota
piezometrica tra il livello di invaso ed il livello del fiume, anche se si ha unevaporazione
lungo la superficie libera della falda allinterno del rilevato lacqua non si pu mai mettere
in movimento dal fiume verso la diga in quanto i volumi filtranti verso il fiume sono
talmente copiosi che non vengono influenzati dallevaporazione.

9.2.

Cambio di permeabilit in falda freatica

Nel caso in cui il cambio di permeabilit avviene in prossimit della superficie libera della falda,
allequazione (7.60) bisogna aggiungere unulteriore condizione determinata dal fatto che il seno
dellangolo tra lorizzontale ed una linea di corrente coincide con la cadente piezometrica:

I = sen(i ) = sen ( + )

(9.38)

dove rappresenta langolo di incidenza della traiettoria, linclinazione della normale


allinterfaccia con la verticale e I la cadente piezometrica che si pu scrivere nel seguente modo
(Figura 9.4):
I=

h' h' '


lsen(1 )

9-122

(9.39)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
La prima traiettoria rappresenta anche linclinazione della superficie libera della falda rispetto
allorizzontale e quindi rappresenta anche la cadente piezometrica locale della falda.

Figura 9.4 Cambio di permeabilit

Essendo

sen ( + 1 ) = cos( + 1 )

(9.40)

sen(i ) = cos( + 1 ) = I

(9.41)

si ha che:

Eguagliando la (9.39) con la (9.41) si ottiene per i due mezzi rispettivamente:


h'h' '
= cos( + 1 )
lsen(1 )

(9.42)

h' h' '


= cos( + 2 )
lsen( 2 )

(9.43)

Esplicitando (h- h) dalla (9.42) si ottiene:

h'h' ' = cos( + 1 ) lsen(1 )

(9.44)

h'h' ' = cos( + 2 ) lsen(2 )

(9.45)

mentre dalla (9.43)

9-123

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Poich la variazione di quote piezometriche a cavallo di due traiettorie deve essere la stessa nei due
mezzi, possibile uguagliare (9.44) e la (9.45) ottenendo:

sen(1 ) cos( + 1 ) = sen(2 ) cos( + 2 )

(9.46)

La (9.46) unulteriore condizione che si aggiunge alla (7.60): il sistema costituito da queste due
equazioni fornisce i1 e i2, che rappresentano le cadenti piezometriche nei due strati cio la pendenza

della superficie libera rispetto allorizzontale, per ogni coppia 1 , .


f2

Tabella 9-1 Valori di i1 e i2

Ulteriori soluzioni sono le seguenti:

9-124

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 9.5 Esempi di variazione di permeabilit

Nel primo caso rappresentato nella figura 9.3.3. (f2/f1= 0,01 e =30) si mostra che la falda che ha
una cadente piezometrica piccola essendo la granulometria grossolana, incrementa la pendenza
passando a granulometria pi fine.
E logico che ragionando a parit di Q, se si passa da un mezzo a granulometria maggiore ad uno a
granulometria minore, deve incrementare la cadente piezometrica in quanto il coefficiente di
filtrazione si ridotto.
Nel caso f2/f1= 100 (ultimo caso rappresentato in Figura 9.5) avviene il contrario in quanto si passa
da un mezzo a granulometria minore ad uno a granulometria maggiore quindi la pendenza si ridurr
molto rispetto allorizzontale.

9.3.

Condizioni di moto lungo un pendio

La trattazione delle condizioni di moto lungo un pendio apparir simile a quella del moto
permanente in canali aperti, ma c' una differenza sostanziale poich, nel caso della filtrazione, il
moto, anzich turbolento, laminare con grande semplificazione delle soluzioni (Pavlosky 1930).
9-125

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 9.6 Moto lungo un pendio

Nel caso di versante inclinato di un angolo con h pari allo spessore della falda ad una certa ascissa
x, non necessariamente si ha un deflusso in moto uniforme (h costanti lungo un pendio). In realt si
pu avere un improvviso cambio di pendenza del pendio che comporta una depressione del profilo
della superficie libera della falda. Analogamente possibile avere una condizione per cui si ha una
variazione positiva dellangolo quindi problemi di rigurgito.
Nel caso di correnti a pelo libero non possibile utilizzare soluzioni analitiche per determinare
landamento dei profili di corrente come possibile fare, invece, per i moti di filtrazione in quanto
si nellipotesi di moto laminare.
Detta i = tg la pendenza del fondo, la portata filtrante attraverso una sezione AB pari a:

q = k

dz
dz
h = k ( z ix )
dx
dx

(9.47)

ovvero

dx kix k

+ z=0
dz q q

(9.48)

Dal momento che la q costante lungo il canale poich stiamo in condizioni di moto permanente, si
ottiene la seguente equazione:

dx kix k

+ z=0
dz q q

(9.49)

che pu essere integrata ottenendo la seguente relazione che consente di descrivere landamento dei
profili di corrente.

z ix +

q
kiz
= C exp
ki
q

A seconda del valore della costante d integrazione C si ottengono diversi profili della falda.
9-126

(9.50)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
-

Per C=0 tutto il secondo membro della (9.50) va a zero quindi lespressione diventa:

z ix +

q
=0
ki

(9.51)

Quindi si ha che:

z ix =

q
= cos t = h0
ki

(9.52)

In condizioni di moto permanente e mezzo omogeneo si ha un profilo di moto uniforme.


-

Se C0 lequazione del profilo porta a condizioni di moto permanente ma non uniforme.

L'equazione (9.50), asintotica alla (9.52), si pu anche scrivere come:

z
z ix h0 = C exp
h0

(9.53)

Figura 9.7 Pendio indefinito

In questo caso si possono avere due possibilit:


1- i > 0
2- i < 0
Per le trattazioni relative al controllo delle acque sotterranee pi frequente la condizione 1 in
quanto avere una falda in contropendenza un caso piuttosto raro.
-

Se C > 0 si ha che:
z ix h0 > 0

(9.54)

z ix > h0

(9.55)

quindi

9-127

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Dalla (9.55) si deduce che si ha un profilo in cui la superficie libera al di sopra dellaltezza di
moto uniforme e che tende asintoticamente per z al profilo di moto uniforme.
Se C>0 il secondo membro della (9.53) maggiore di zero quindi si ha che h > h0, mentre se C<0,
minore di zero quindi si ha che h < h0.
I due possibili profili A e B sono rappresentati in Figura 9.7.
-

Nel caso i<0 (falda in contropendenza) si pu osservare che esiste un unico profilo possibile
che crescente verso monte.

Figura 9.8Falda in contropendenza

Per avere tale profilo si deve avere la condizione di falda in contropendenza ed uno sbocco con
tirante assegnato. La superficie libera tende all'asintoto:
z = ix h0

(9.56)

che negativo quindi al di sotto del fondo. Quindi solo la superficie decrescente I pu esistere ed ha
significato fisico. Se la falda deve defluire in un tratto con i < 0 rispetto al valore che si ha allo
sbocco il tirante non pu che aumentare.

9.4.

Soluzione integrale completa del profilo di acquiferi non darciani a frontiera


libera

Precedentemente stata integrata lequazione generale del moto del De Saint Venant, per un moto
permanente di filtrazione e nellipotesi in cui si potessero ritenere trascurabili i termini cinetici

9-128

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

rappresentati dal rapporto

V2
. Si detto che nonostante il regime di moto non sia laminare e che si
2g

raggiungano dunque valori di velocit elevati se confrontati con i consueti valori delle velocit di
filtrazione che si riscontrano nel campo dellingegneria civile, possibile effettivamente trascurare
tali termini.
Di seguito si determiner la soluzione integrale dellequazione differenziale non approssimata del
moto di filtrazione non darciano, considerato in condizioni stazionarie, tenendo conto anche dei
termini cinetici, in modo tale da ampliare il campo di applicabilit anche a campi di flusso
gravitazionali diversi dai moti di filtrazione contemplati in questa trattazione.
Riscriviamo quindi lequazione del moto in condizioni stazionarie e valida per qualunque valore
dellinclinazione del fondo impermeabile:

V2
d
h cos +
=iJ
2 g
dx

(9.57)

Esprimendo come al solito il gradiente piezometrico J attraverso la relazione di Forchheimer si


ottiene:

V2
d
h cos +
= i (aV + bV 2 )
2 g
dx

(9.58)

Esplicitando la velocit in funzione della portata filtrante per unit di larghezza q:

q2
d
h cos +
dx
2 gh 2

q2
q
= i a b 2
h
h

(9.59)

introducendo i parametri A e B:

B A
q2
d
h cos +
=i 2
2
h h
dx
2 gh

(9.60)

e derivando rispetto alla x il primo termine si ha:

dh q 2 (2) dh
B A
+
=i 2
cos
3
dx 2 g h dx
h h

(9.61)

B A
dh
q2
cos 3 = i 2
h h
dx
gh

(9.62)

ovvero:

9-129

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
cio:

dh B A
= i
dx h h 2

gh 3

3
2
gh cos q

(9.63)

Operando i prodotti e mettendo a fattor comune si pu scrivere:

dh igh 3 Bgh 2 Agh

=
dx gh 3 cos q 2

(9.64)

Risolvendo tale equazione come una equazione differenziale a variabili separabili, si ottiene:

gh 3 cos q 2
igh 3 Bgh 2 Agh dh = dx

(9.65)

La soluzione integrale della (9.65) quindi :

K (3TY + R 2 ) R 2q 2T 3 + 4T 2Y 2 + 5TYR 2 + R 4
4q 2 T
ln h +
ln 2Th K R +
( K + R)( K R)
T 2 K 2 ( K + R)

2T 3 q 2 KR + (TY + R 2 ) K 3 (3TY + R 2 ) KR 2 + 8q 2T 4Y + 2q 2T 3 R 2 8T 2Y 2 R 2TYR 3

*
T 2 K 2 ( K + R)( K R)

* ln 2hT + K R + +

(9.66)

h = x+C

dove si indicato:
Y = Ag ; R = Bg ; T = gi; = g cos ; K = 4 g 2 iA + B 2 g 2 = 4TY + R 2 .

Ora per semplificare la relazione (9.66) si possono unire i parametri raggruppandoli in tre parametri
indicati con , S, ed F, i quali sono stati posti come:
=

4q 2T
;
( K + R )( K R )

K (3TY + R 2 ) R 2q 2T 3 + 4T 2Y 2 + 5TYR 2 + R 4
S=
;
T 2 K 2 ( K + R)

2T 3 q 2 KR + (TY + R 2 ) K 3 (3TY + R 2 ) KR 2 + 8q 2T 4Y + 2q 2T 3 R 2 8T 2Y 2 R 2TYR 3


F=

T 2 K 2 ( K + R )( K R )

Tramite i suddetti parametri, possibile riscrivere la (9.66) in questo modo:


ln h + S ln( 2hT K R ) F ln( 2hT + K R ) +

Esprimendola in forma esponenziale si ha:


9-130

h = x+C

(9.67)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

h 2hT K R
(2hT + K R )

= exp x
T

h C

(9.68)

Le (9.67) e (9.68) rappresentano lespressione rispettivamente in forma logaritmica ed in forma


esponenziale, del profilo di un acquifero con un tratto a frontiera libera, in condizioni stazionarie,
per qualunque regime di moto, e per qualunque valore dellinclinazione del fondo impermeabile.
Come si pi volte detto le (9.67) e (9.68) costituiscono linsieme delle infinite soluzioni integrali
ammesse dallequazione differenziale, le quali differiscono solo per una costante, vale a dire la
costante di integrazione C. Basta dunque assegnare un ben determinato valore a tale costante, per
selezionare una particolare soluzione integrale della famiglia di soluzioni. Per far ci serve quindi
imporre una condizione al contorno, la quale si esplica attraverso la conoscenza delle coordinate di
un punto appartenente alla superficie libera della corrente. Tali coordinate possono essere espresse o
sottoforma delle coordinate cartesiane ( x1 , z1 ) del sistema di riferimento considerato, oppure
mediante il valore dellaltezza idraulica h1 e della ascissa curvilinea x1 a cui tale altezza
corrisponde, ( x1 , h1 ) . Se dunque ipotizziamo di essere a conoscenza del secondo tipo di coordinate
di un punto della superficie libera ( x1 , h1 ) , possiamo individuare il valore della costante di
integrazione C:
C = ln h1 + S ln( 2h1T K R ) F ln( 2h1T + K R ) +

h1 x1

(9.69)

per lespressione in forma logaritmica.


C=

h1

2h1T K R

(2h1T + K R)

exp x1 h1
T

(9.70)

per lespressione in forma esponenziale.

9.4.1. Limiti allapplicabilit della soluzione integrale

Rappresentando la stessa equazione esplicitate per in due forme differenti, le espressioni (9.67) e
(9.68) avranno il medesimo insieme di esistenza, per cui per semplicit si tratter la soluzione

9-131

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
espressa in forma logaritmica sapendo che la stessa trattazione pu essere fatta anche quella in
forma esponenziale.
Innanzitutto si specificano le due condizioni di esistenza:
1) Largomento dei logaritmi deve essere strettamente positivo;
2) La funzione che compare sotto il segno di radice nel parametro K deve essere non negativa;
La prima condizione di esistenza banalmente sempre verificata, visto che gli argomenti di tutti e
tre i logaritmi naturali che compaiono nellespressione sono considerati in valore assoluto. E
opportuno precisare che i valori assoluti degli argomenti del primo e terzo logaritmo derivano dal
procedimento di integrazione dellequazione differenziale, ed in verit sono superflui visto che tali
argomenti assumono sempre valori positivi. Invece per largomento del secondo logaritmo si
imposto il valore assoluto, altrimenti per correnti accelerate per le quali i valori dellaltezza sono
inferiori a quello di moto uniforme, tale termine avrebbe assunto valori negativi. Pertanto la (9.67)
cosi come stata scritta vale sia per profili accelerati che ritardati.
La seconda condizione invece soddisfatta per valori della pendenza i del fondo impermeabile
maggiori di un certo valore critico della pendenza icrit . Tale pendenza critica negativa in segno ed

B2 g 2 a2
=
; come abbiamo gi visto questo valore di pendenza, corrisponde
il suo modulo pari a:
4 gA
4b
a quel valore del gradiente piezometrico J per il quale si ottiene per un certo materiale (e quindi
assegnati i valori dei parametri a e b ) il distacco del diagramma sperimentale (V, J) dalla retta del
regime laminare di Darcy.

9.5.

Dighe in terra

Generalmente si realizzano dighe in terra quando sono molto estese ma non molto alte.
Il caso pi semplice da esaminare quello di una diga omogenea e isotropa su base impermeabile,
come quella rappresentata nella seguente figura:

9-132

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 9.9 Esempi di variazione di permeabilit

Per la risoluzione di tali problemi si pone la questione della presenza dei due triangoli (ABC e
DEF). Per trattare il problema nel modo pi semplice possibile si introduce lipotesi di Dupuit che
consiste nel trascurare i triangoli ABC e DEF.
In tal caso si perviene alla relazione di Dupuit gi vista in precedenza:
q = kz

dz
dx

(9.71)

cio:
q=k

h12 h22
2L

(9.72)

per cui la superficie libera parabolica. In questo schema nulla si dice sulle condizioni di ingresso e
d'uscita della superficie libera, e in particolare in assenza di carico a valle (h2=0) la superficie libera
interseca il fondo impermeabile (in realt a valle si forma la "sorgente sospesa"). Oltre a ci non si
tiene conto dell'inclinazione dei paramenti dello sbarramento.
-

Soluzione di Casagrande

Casagrande studi il problema pi o meno nello stesso modo, ma imponendo che il gradiente
idraulico non fosse dz

dx

bens dz

ds

dove s misurato lungo la superficie libera.

9-133

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 9.10 Soluzione di Casagrande

Partendo da:
q = kz

dz
ds

(9.73)

che applicata ad AB fornisce:


q = ka sin 2 ( )

(9.74)

e quindi :
z

dz
= a sin 2 ( )
ds

(9.75)

ovvero
a sin ( )

z dz = a sin
h

S a

( ) ds

(9.76)

ottenendo
a = S S2

h2
sin 2 ( )

(9.77)

Tale espressione relativa al fronte di sbocco rappresentato in Figura 9.10Figura 9.11 Casi particolari.
In tale approssimazione c la possibilit di tener conto dei due triangoli e quindi che lo sviluppo
non si porta fino a D ma di pu prolungarlo fino a D0. Quindi si possono utilizzare delle espressioni
di S che comportano delle approssimazioni minori. Nella maggior parte dei casi la struttura della
diga pi complessa e la soluzione va ricercata con strumenti di tipo numerico come ad esempio il

9-134

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
software MODFLOW. Per evitare che le linee di flusso raggiungano il rilevato al piede della diga
possibile mettere dei tappeti drenanti a valle della diga oppure dei tubi di drenaggio (Figura 9.11) in
modo da evitare degli addensamenti di linee di flusso a tergo della diga.

Figura 9.11 Casi particolari

9.6.

Emungimento da falda freatica

Si consideri una falda freatica sub-orizzontale di notevole estensione planimetrica, costituita da un


mezzo poroso omogeneo ed isotropo.

9-135

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 9.12 Falda freatica sub-orizzontale

Tale falda ipotizzata originariamente in quiete con un piano dei carichi idrostatici orizzontale (aa). Si consideri un pozzo che attraversa completamente la falda dal quale si emunge, tramite una
pompa, una portata Q. Prima dellemungimento lacqua occupava lintero spessore H, mentre dopo
la zona compresa tra la linea piezometrica di quiete (tratteggiata) e la linea continua, si svuotata
(Figura 9.12). La superficie piezometrica si deprime verso il pozzo per effetto dellemungimento.
Lintervallo di tempo che deve trascorrere per passare dalla condizione di quiete a quella di
superficie piezometrica continua maggiore rispetto a quello relativo ad una falda artesiana in
quanto in quel caso cambiavano solo le pressioni ma i volumi dacqua in gioco restavano gli stessi,
invece in questo caso variano anche i volumi in gioco.
Le isopieziche non sono linee verticali in quanto devono essere ortogonali ai vettori velocit.
Essendo queste linee non verticali si complica un po il problema dellemungimento quindi si
introduce la seguente ipotesi di Dupuit-Forkheimmer.
- si considerano le superfici isopieziche come dei cilindri di altezza variabile in funzione della
distanza dal pozzo.
Tale ipotesi maggiormente valida quanto pi ci si distanzia dal pozzo mentre perde di validit in
prossimit del pozzo essendo le isopieziche maggiormente incurvate.
In questo caso i vettori velocit di filtrazione, pur presentando una componente orizzontale diretta
verso il pozzo di modulo maggiore, presentano componente verticale non nulla, specie in prossimit
del pozzo stesso. Si ancora in presenza di un problema a simmetria radiale.
Applicando lequazione di continuit al volume di falda compreso tra il pozzo ed una superficie
isopiezica a distanza r dallasse del pozzo ed essendo la superficie isopiezica considerata
rappresentata dalla superficie esterna di un cilindro di altezza h si ha che:
9-136

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Q = V n 2 rh = V 2 rh

(9.78)

La velocit di filtrazione infatti ortogonale, per le ipotesi di D-F, alla superficie isopiezica. Ed
ancora per la legge di Darcy si ha:
dh
2 rh
dr

(9.79)

dr 2 f
=
hdh
r
Q

(9.80)

Q= f

Ricordando che:

ed integrando per parti si ha che:


h2 =

Q
2 f

ln r + cost

(9.81)

Se si assume che ad una distanza sufficientemente grande (r=R) la piezometrica sia indisturbata
(h=H), risulta:
cost = H 2 -

Q
2 f

ln R

(9.82)

Da cui si ottiene lespressione della superficie piezometrica:


h = H2 +

Q
2 f

ln

r
R

(9.83)

(80)

9-137

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

10. Terreni

non saturi

10.1. Risalita capillare

Il fenomeno di risalita capillare consente di spiegare perch lacqua allinterno dei tubi di piccola
dimensione si dispone ad una quota diversa rispetto a quella in cui si dispone in uno specchio
dacqua di dimensioni maggiori. I fenomeni connessi alla risalita sono anche quelli che determinano
la presenza di acqua al di sopra della superficie libera della falda. Il fenomeno di risalita capillare
un fenomeno generato a seguito di fenomeni che si instaurano a contatto tra solido, liquido e aria. In
particolare allinterfaccia fluido-aria-parete si forma uno stato di tensione superficiale che
rappresenta la forza per unit di lunghezza che agisce lungo il perimetro esterno della superficie a
forma di membrana che si forma allinterfaccia ( una forza di trazione).
Quando un liquido bagna la superficie di un'altra sostanza le forze di adesione tra le molecole che lo
costituiscono sono molto pi intense rispetto a quelle di coesione; come risultato, la superficie di
una stretta colonna di liquido in un tubo concava verso l'alto.

Figura 10.1 Fenomeno capillarit

E possibile calcolare laltezza di risalita capillare facendo lequilibrio statico del volume di fluido
contenuto allinterno del tubo:
10-138

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

( dL)sin 2 h d4

+ inf sup = 0

(10.1)

con:

dL = d

(10.2)

Il termine rappresenta la tensione che agisce considerata costante lungo tutta la lunghezza della
dL del tubo. Il termine dL rappresenta la circonferenza del tubo pari a d.
circonferenza
Ne consegue che laltezza di risalita capillare risulta pari a:
h=

4 cos
d

(10.3)

Il valore della tensione superficiale funzione del fluido, langolo funzione del gruppo gasfluido-parete. Laltezza di risalita dipende dal diametro (se il tubo piccolo aumenta h),
funzione dellinterazione gas-fluido-parete e funzione del fluido (per lacqua =0.073 N/m).

10.1.1. Effetti della capillarit su un terreno

Se si mette improvvisamente a contatto un terreno con un fluido, essendo allinterno del terreno le
dimensioni dei meati piccole, si ha che lacqua risale allinterno dei meati in quanto si formano una
serie di tubi di flusso interconnessi tra loro. Lacqua allinterno del terreno si propaga perch esiste
una tensione tra fluido, particelle ed aria quindi il terreno si inumidisce.
La differenza rispetto ai capillari classici consiste nel fatto che le particelle hanno dimensioni
variabili, quindi ci saranno differenze dei vuoti sia per effetto della diversa tensione a cui sono
soggette le particelle di terreno, sia per effetto del grado di costipamento che possono avere.
La curva granulometrica di un terreno mostra che la dimensione delle particelle variabile, pertanto
variabile anche la dimensione dei vuoti.

10-139

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 10.2 Curva granulometrica

Se tale fenomeno si analizza rispetto ad una superficie libera della falda in quiete e senza apporti dal
piano campagna si nota che il fenomeno di risalita capillare diverso a seconda del tipo di terreno.
E usuale rappresentare il mezzo non saturo come un insieme di tubi capillari di diverso diametro.
E diversa anche la risalita capillare attribuita ad insiemi di tubi capillari di eguale diametro.

Figura 10.3 Schematizzazione in tubi capillari

Figura 10.4 Valori di hc in funzione del tipologia di terreno

10-140

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Di conseguenza ad una certa quota al disopra della superficie libera della falda non tutti i vuoti sono
pieni di acqua ma solo quelli in cui si manifestata risalita capillare essendo di idoneo diametro e
connessi con la falda. Nei pori in cui c acqua la pressione inferiore alla pressione atmosferica.
Allinterno di un volume piccolissimo (REV) si pu valutare il numero di pori pieni mediante
alcuni indici:
-

contenuto dacqua: =

grado di saturazione: S =

Ww
,
Wt

Ww
.
Wv

Per definizione il grado di saturazione varia tra 0 e 1, mentre il contenuto dacqua al massimo pu
raggiungere il valore della porosit. Sia per il contenuto dacqua che per il grado di saturazione
valgono i ragionamenti fatti sul REV, cio il conteggio non deve essere fatto su un volume troppo
piccolo altrimenti si rischia di prendere solo acqua o solo una parte di granello, ma si deve fare il
calcolo su un volume sufficientemente ampio che possa essere rappresentativo di ci che avviene
nellintero mezzo.
Ad ogni distanza dalla superficie libera della falda compete una pressione inferiore a quella
atmosferica (si parla di tensioni) ed una quota piezometrica (h=z+p/). Allora il contenuto dacqua e
quota piezometrica sono ritenute funzioni continue dello spazio.
Il valore assunto da tali grandezze nello spazio pu risultare variabile nel tempo n(x, y, z, t) e h (x,
y, z, t).
Se si inserisce un trasduttore di pressione nellacqua contenuta nei pori di un mezzo (figura )si pu
avere:

10-141

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 10.5 Trasduttore di pressione

Nei pori il valore di tensione dato dalla differenza p=p-pa.


Se il mezzo saturo la pressione maggiore della pressione atmosferica, quindi il menisco che si
trova a contatto con latmosfera si trova ad una quota maggiore rispetto allaltro menisco (p>0).
Se invece il mezzo non saturo si verifica la situazione inversa in quanto si ha depressione (p<0).
Quindi se due mezzi si trovano alla stessa quota geodetica la quota piezometrica minore in un
mezzo non saturo rispetto a quello saturo e dove il grado di saturazione maggiore il valore di
tensione minore.
La qualit di acqua che si trova al di sopra della superficie libera della falda non dipende
unicamente dalla risalita capillare ma anche da una seria di condizioni al contorno.
Tali condizioni al contorno possono essere variazioni della superficie libera della falda, oppure
variazioni che si hanno al contorno superiore dovute a piogge o evapotraspirazioni.
Levapotraspirazione in parte agisce per evaporazione (riduzione dacqua allinterno del mezzo) ed
in parte a causa delle piante che determinano lestrazione dellacqua contenuta nel terreno.

10-142

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 10.6 Profilo di equilibrio

In entrambi i casi esposti in precedenza se lipotetico profilo di equilibrio del contenuto dacqua nel
terreno fosse quello viola le condizioni al contorno ne comporterebbero una variazione.
Il profilo di equilibrio si ha quando la copertura del suolo impermeabile. Se ho una riduzione del
contenuto dacqua in superficie il profilo tende ad assumere un comportamento diverso e quindi ho
una riduzione del contenuto dacqua al piano campagna (profilo celeste), quindi ci sar un flusso
potenziale verso lalto. In caso di pioggia, invece si avrebbe un aumento del contenuto dacqua al
piano campagna (profilo verde), quindi ci sar un flusso potenziale verso il basso.
Parlando in termini idraulici si pu dire che:
-

lessiccamento comporta un H verso lalto,

linumidimento comporta un H verso il basso.

Il profilo di equilibrio rappresentato in Figura 10.6 stato schematizzato con una retta. In realt il
reale profilo di equilibrio di un terreno non una retta ma una curva che dipende dalle dimensioni
dei vuoti che sono presenti in un terreno. Quindi il legame tra pressione e contenuto dacqua nel
campione di terreno mostrato in figura diverso a seconda del tipo di suolo.

10-143

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

10.1.2. Curve di tensione

Il legame tra contenuto dacqua e tensione detto curva di tensione. Suoli con frazioni pi fini
presentano a pari quota dal piano campagna contenuti dacqua maggiori rispetto a suoli pi
grossolani.

Figura 10.7 Curve di tensione per terreni differenti: sabbia, ghiaia e argilla

Dalle curve rappresentate in Figura 10.7 si nota che allaumentare della tensione il contenuto
dacqua diminuisce.
Il legame tra contenuto dacqua e tensione pu non essere lo stesso in inumidimento o in
esaurimento. Infatti, se ci si mette nel grafico ad un certo valore di tensione e quota si ha un
contenuto dacqua minore in inumidimento rispetto a quello in essiccamento (Figura 10.8).

10-144

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 10.8

Ci dovuto al fatto che i meati hanno forme particolari, quindi diversa la successione di pori
nella fase di riempimento o svuotamento.

Figura 10.9 Esempio di diversa successione di pori

Il comportamento diverso che si ha nelle fasi di essiccamento e inumidimento definito di tipo


isteretico.

10-145

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 10.10 Isteresi

Sulle curve di tensione in esaurimento, in campo agronomico, vengono generalmente identificate le


seguenti grandezze caratteristiche del terreno:
field capacity -drainable porosity,
retained moisture content - aerated porosity,
air entry suction,
residual degree of saturation.

Figura 10.11 Curve di tensione in esaurimento

10-146

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Nella Figura 10.11 sono rappresentate le curve delle due seguenti grandezze caratteristiche:
Field capacity -drainable porosit che il contenuto il contenuto dacqua al disotto del

quale lesaurimento del mezzo per effetto gravimetrico diventa inapprezzabile in quanto c
una forte riduzione della capacit di trasporto liquido nel mezzo poroso. Tale limite
generalmente considerato il limite superiore del contenuto dacqua disponibile per le piante.
Retained moisture content - aerated porosit che il contenuto dacqua al disotto del quale

la pianta non pu estrarre dal suolo tramite le radici acqua a sufficienza per le sue esigenze
in quanto lacqua fortemente legata alle particelle di terreno.

Figura 10.12 Curve di tensione in esaurimento

Queste due curve rappresentano una fascia che rappresenta una condizione ottimale dal punto di
vista agronomico. Infatti se si al di sotto del limite inferiore della fascia la pianta non estrae acqua,
mentre se si al di sopra del limite superiore lacqua resta ferma nel mezzo.

10.1.3. Conducibilit idraulica

Anche nei mezzi non saturi si considera generalmente valida la legge di Darcy. La sezione idrica
risulta tuttavia sempre pi ridotta al diminuire del contenuto dacqua. La conducibilit idraulica (K)
di conseguenza funzione lineare di .
10-147

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

.
Figura 10.13 Conducibilit idraulica

Il legame tra conducibilit idraulica e contenuto dacqua fortemente influenzato dal tipo di
terreno. Nei mezzi parzialmente saturi lacqua pu passare solo dove ci sono i pori, di conseguenza
via via che si riduce il contenuto dacqua si riduce anche la conducibilit.
Precedentemente si valutato come varia la curva di tensione per tre diversi terreni (Figura 10.7), lo
stesso ragionamento si pu fare per la conducibilit idraulica (Figura 10.14).

Figura 10.14 Conducibilit idraulica per terreni differenti: sabbia, ghiaia, argilla

Questo confronto dimostra che la curva relativa allargilla si ritrova ad avere delle conducibilit
idrauliche molto pi basse di un limo o di un limo sabbioso. Infatti a pari contenuto dacqua
largilla ha una conducibilit inferiore. Nellargilla la conducibilit idraulica si riduce ancora di pi
10-148

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
perch il potenziale idraulico non lunico potenziale che regola il movimento allinterno dei
terreni. In unargilla il legame che esiste tra lacqua ed il materiale un legame elettrochimico,
quindi non sono pi le differenze di potenziale idraulico a detenere il movimento. Infatti, se
andiamo molto al di sotto di un certo contenuto dacqua le particelle sono fortemente legate alle
miche che costituiscono lo strato di argilla. Quindi in unargilla, con contenuti dacqua bassi,
lacqua non disponibile al movimento in quanto fortemente aggregata alle particelle.
Nella Figura 10.13 e nella Figura 10.14 si pu notare che tutte le curve non vanno mai a zero, in
quanto ci sar sempre un contenuto dacqua al di sotto del quale lacqua residua nel terreno legata
alla particella. Per cui se si vuole ridurre ancora il contenuto dacqua, si deve mettere il materiale in
forno per allontanare ulteriormente lacqua.
Esistono dei materiali e delle condizioni dove dominante il fenomeno idraulico, ma ci possono
essere anche delle situazioni dove esso non determinante. Infatti, ci possono essere dei particolari
inquinanti che reagiscono con il terreno, cio si vanno a depositare sulla pellicola dacqua che
legata alle particelle quindi non si diffondono.

10-149

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

11. Equazioni del moto in mezzi non saturi


Nel capitolo precedente si visto come cambiano le grandezze e le leggi legate al movimento della
falda. In questo capitolo invece si vogliono studiare le leggi che regolano il movimento dellacqua
nel non saturo. Per risolvere il campo di moto necessario conoscere la distribuzione nel terreno:
-

della quota piezometrica,

del contenuto dacqua n(x, y, z, t),

legame tra K e .

Avendo stabilito che in questi mezzi, tranne in casi particolari, il movimento dellacqua interessa
piccoli meati, il moto generalmente di tipo lineare, quindi si considera generalmente valida la
legge di Darcy:

V = K (h ) grad(H )

(11.1)

V = K (h ) grad(h + z )

(11.2)

Essendo h=p/ si ha:

Laltezza piezometrica h molto spesso definita come potenziale di pressione dato che vi sono
diversi potenziali che possono regolare il movimento dellacqua in un mezzo non saturo.
Ricordando che nel non saturo =(h) si ha:

K ( ) = K [ (h )] = K (h )

(11.3)

E possibile porre il contenuto dacqua come variabile indipendente:

V = K ( ) grad(h( ) + z )

(11.4)

11.1. Equazione di continuit

Lequazione di continuit nel non saturo, per fluido incomprimibile e mezzo indeformabile si
scrive:
div V =

11-150

(11.5)

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Quindi in un mezzo saturo si ha che la divergenza di V deve essere uguale alla variazione di
contenuto dacqua nellunit di tempo e nel volume elementare.
Esprimendo la velocit di filtrazione con la legge di Darcy si ha:
div (K ( )grad (H )) =

(11.6)

Se dallequazione vettoriale si passa a quella scalare si deve tenere conto delle variazioni nelle tre
direzioni (x, y, z) quindi lequazione diventa:

H
H
K x ( )
+ K y ( )
x
x y
y


H
+ K z ( )
=
z t
z

(11.7)

In tale equazione si tenuto conto anche di una eventuale anisotropia della conducibilit idraulica.
In realt comunque non possibile misurare per uno stesso campione la legge di dipendenza della
conducibilit idraulica dal contenuto dacqua.
Nel caso di movimento unidirezionale verticale, lequazione si semplifica:

H
K z ( )
=
z
z t

(11.8)


h K z ( )
=
K z ( ) +
z
z
z
t

(11.9)

ed essendo H=h+z si ha infine:

Lespressione ottenuta nota come equazione di Richards.


Si sono introdotte delle assunzioni pesanti in quanto leffetto della variazione spaziale del mezzo
molto forte perch gli orizzonti non saturi sono i primi del suolo e quindi sono quelli pi sollecitati.
Vi quindi una forte variabilit che si riflette nelle leggi di K() e (h), cio nelle leggi che
caratterizzano il comportamento del suolo. Quindi, un moto unidimensionale in realt non si
verifica perch se queste leggi variano da verticale a verticale il flusso non pu che essere diverso
da verticale a verticale anche se le condizioni al contorno sono le stesse.
Questa ipotesi di flusso unidirezionale bisogna imporla in quanto il caso 3D non risolvibile. Gli
unici casi in cui questa equazione sicuramente verificata sono relativi a prove effettuate su provini
ridotti.
Le soluzioni di tale equazione nei diversi campi di moto considerati condizionata dalla struttura
dei legami =(h) e K=K( (h))=K(h).

11-151

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
In genere prassi trascurare i fenomeni di isteresi presenti tra la fase di inumidimento e la fase di
esaurimento del mezzo. Quindi si utilizza un legame =(h) a valore unico che pu essere valutato
attraverso le seguenti espressioni:

(h ) = r +

s r

(1 + ( h ) )

(11.10)

n m

1 ( h )n 1 1 + ( h )n

K (h ) = K s
n m2
1 + ( h )

(11.11)

con s=contenuto dacqua a saturazione, r=contenuto dacqua residuo e Ks=permeabilit idraulica a


saturazione.
Le soluzioni analitiche della equazione di Richards sono possibili solo in casi semplici e per
semplici forme dei legami =(h) e K=K((h))=K(h).
Di seguito si mostra la soluzione di Philips relativa allinfiltrazione unidimensionale in un mezzo
semi-indefinito.
Dato che si sta considerando un movimento unidirezionale verticale si ha una colonna di suolo
indefinita verso il basso.
Si consideri il seguente problema:
t 0

t > 0

= 0
= 1 > 0

Questa condizione corrisponde ad un evento di pioggia che cambia improvvisamente il contenuto


dacqua in superficie che poi si propaga allinterno del mezzo.
La soluzione semi-analitica fornisce la profondit a cui, ad un certo tempo t, si ha un certo
contenuto dacqua .

11-152

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 11.1 Propagazione del fronte di inumidimento

Philips per la posizione nel tempo del fronte di inumidimento fornisce la seguente soluzione semianalitica:

z ( , t ) = 1 t

+ 2t + 3t

+ 4 t 2 + ...

(11.12)

tale soluzione in forma di serie.


I coefficienti sono funzioni di determinabili dalla risoluzione numerica di un sistema di equazioni
integro-differenziali. E interessante osservare la seguente espressione che ne deriva per la velocit
di filtrazione:

V = At

+ B + Ct

+ ..

(11.13)

Tale espressione troncata al primo termine diventa:


q = At

(11.14)

con A e B = costanti empiriche del terreno su cui si effettuano le prove. Queste costanti si tarano
sulla base di una prova di drenaggio del terreno.
La velocit di filtrazione, essendo t al denominatore, assume valori estremamente elevati allinizio
del processo di infiltrazione per poi ridursi nel tempo. E una situazione paradossale in quanto la
velocit di filtrazione funzione della conducibilit idraulica attraverso il coefficiente di

11-153

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
permeabilit. Quindi quando si hanno valori di bassi si ha una velocit di filtrazione pi alta
perch la conducibilit idraulica pi bassa.
Altre espressioni che ci permettono di determinare la velocit di filtrazione sono:
-

Formula di Green e Ampt (1911)


V = Vc +

b
I

(11.15)

dove qc = valore finale della velocit di filtrazione, I = valore cumulato dellacqua infiltrata e b =
costante empirica.
-

Formula di Kostiakov (1932)


V = A B

(11.16)

con A e B= costanti empiriche. Questa espressione la pi semplice da usare.


-

Formula di Horton (1940)

q = V F + (Vi V f )exp( A )

(11.17)

dove Vi e Vf = velocit di filtrazione iniziale e finale e A = costante empirica.


Molto frequentemente lequazione di Richards risolta per via numerica.
Due tipi di problema possono essere affrontati:
-

levoluzione di un transitorio in un mezzo non saturo,

la determinazione delle caratteristiche idrauliche del mezzo a partire dallandamento


sperimentale di fronti di inumidimento o di esaurimento.

11.2. Valutazione dei parametri caratteristici di un mezzo non saturo

Nel caso di falde si effettuano gli emungimenti da pozzi per caratterizzare il mezzo, mentre per i
mezzi non saturi non si possono usare dei metodi su ampia scala in quanto vi una variabilit molto
pi accentuata. Il numero di parametri che compaiono in una caratterizzazione di un mezzo sono:

11-154

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Ks, r, parametri geotecnici, , n ed m. Quindi il problema della caratterizzazione pi delicato per
il mezzo non saturo.
Le prove che si effettuano per la determinazione di tali parametri possono essere realizzate in
laboratorio e in situ.
Le prove di laboratorio tendono alla determinazione esatta dei parametri che compaiono nelle curve
di tensione e di conducibilit idraulica. Le prove in situ, viceversa, sono utilizzate per una
caratterizzazione del mezzo poroso su scala pi ampia.
Comune ad entrambe le tipologie di prova la necessit di misurare nel tempo due grandezze
fondamentali: il contenuto dacqua e la tensione.
A partire da tali dati nelle prove in laboratorio si determinano i parametri delle curve di tensione e
di conducibilit idraulica, nelle prove in situ si determina direttamente la variabilit spaziale del
mezzo e, ove possibile, le propriet statistiche della stessa.
Prove in situ
Il contenuto di umidit del suolo non , in genere, misurato direttamente ma attraverso alcune
propriet elettriche che risultano modificate al variare del grado di saturazione. In particolare, le
propriet prese a riferimento sono la conducibilit elettrica e la costante dielettrica. Lo strumento
che utilizza la prima di tali propriet un conduttimetro di forma particolare, mentre gli strumenti
che utilizzano la seconda propriet sono il TDR ed il Georadar.
-

Conduttimetria

Il contenuto di umidit del suolo determinato dalla valutazione della resistenza elettrica che il
mezzo offre al passaggio della corrente elettrica tra elettrodi di forma particolare.

11-155

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 11.2 Conduttimetro

E possibile posizionare fino a quattro sensori per sonda a diversa quota lungo la verticale. La
misura pu essere registrata e teletrasmessa.
Il conduttimetro uno strumento caratterizzato da due piastre (due elettrodi) in cui si inserisce il
campione di terreno e si misura la resistenza. Evidentemente essa maggiore o minore di zero a
seconda della conducibilit elettrica del mezzo che data dalla presenza di acqua nel terreno.
-

TDR (Time Domain Reflectometry)

Il principio di funzionamento del TDR quello della propagazione di un segnale in radiofrequenza


lungo una antenna infissa nel terreno. Il tempo di propagazione lungo la sonda funzione della
costante dielettrica del terreno.
Queste sonde vengono inserite nel terreno per misurare il in funzione della resistenza elettrica del
mezzo. Bisogna evitare di avere un flusso preferenziale di acqua nellintorno della sonda. Il segnale
viaggia lungo la sonda fino a raggiungere la fine della stessa dove viene riflesso, poi mentre torna
indietro viene registrato. Essendo un segnale radio la sua propagazione avviene con una velocit
che funzione della caratteristica dielettrica del terreno. Quello che si va a misurare il tempo che
impiega il segnale a tornare indietro.

11-156

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 11.3 Sonda TDR

Il vantaggio di tale sistema consiste nel poter realizzare sonde di diversa grandezza in modo da
poter indagare a diverse profondit e nel fatto di essere un sistema meno intrusivo in quanto non
prevede la realizzazione di un foro. Lo svantaggio, invece, consiste nel fatto che tale sistema
consente di effettuare delle misure puntuali delle grandezze da valutare.

Figura 11.4 Esempio di segnale

Georadar

Il principio di funzionamento del Georadar quello della propagazione e riflessione di un segnale in


radiofrequenza allinterno del terreno.

11-157

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 11.5 Georadar

La rappresentazione grafica del profilo Georadar, definita "strisciata", formata da una molteplicit
di tracce ovvero da una serie di onde riflesse derivate dall'insieme degli impulsi generati
dall'antenna durante il suo trascinamento.

Figura 11.6 Esempio di strisciata

Figura 11.7Fig. 11.2.6.

Anche la tensione non pu essere misurata direttamente in quanto necessario realizzare un


interfaccia tra lacqua interporo e lo strumento di misura. Lo strumento generalmente utilizzato
detto tensiometro. Un altro strumento pi semplice il gessetto.
11-158

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
-

Tensiometro

Il principio di funzionamento del tensiometro quello di mettere a contatto con il terreno una
capsula porosa generalmente di materiale ceramico. La capsula collegata ad un piezometro
sigillato e munito di misuratore di pressione. Ripristinando adeguatamente la continuit meccanica
tra il terreno e la sonda possibile mettere in depressione il piezometro e misurare in esso
direttamente la tensione. La ceramica ha dei pori quindi se allinterno di essa si immette dellacqua
questa viene rilasciata nel terreno fino a quando allinterno del tensiometro laria non raggiunge una
pressione uguale a quella del terreno. Quindi alla fine delloperazione essendoci un equilibrio col
terreno possibile misurare la pressione allinterno del tensiometro che pari a quella dei pori.

Figura 11.8 Tensiometro

La difficolt di questa tecnica consiste nel ripristinare la continuit capsula-terreno dopo aver
effettuato il foro ed inserito il tensiometro altrimenti si potrebbe infiltrare dellacqua attraverso il
foro di presa e quindi avere una misura falsata. Un altro svantaggio si ha quando il tensiometro non
viene usato per molto tempo e si disconnette dal terreno esterno (non si ha pi equilibrio). La
misura effettuata col tensiometro non molto affidabile temporalmente in quanto se si lascia per
molto tempo dopo un po non funziona pi.
11-159

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
-

Gessetti

Le capsule porose in ceramica sono in grado di mantenersi in equilibrio con lacqua interporo fino a
valori estremamente elevati di tensione. Allinterno della sonda viene misurato con metodo elettrico
il contenuto dacqua e da esso si risale alla tensione

Figura 11.9 Gessetti

Prove di laboratorio
Le prove di laboratorio consentono la determinazione dei parametri che compaiono nelle curve di
tensione e di conducibilit idraulica. Prove di tipo differente sono per necessarie a seconda del
campo di valori di tensione che si vuole indagare.
-

Prove per basse tensioni

Si predispone un campionatore contenente colonna di suolo indisturbata. Il campionatore


attrezzato con tensiometri ed posizionato su una bilancia o, in alternativa, si misura il contenuto
dacqua con la tecnica TDR.

11-160

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 11.10 Campionatore

Si consideri il seguente problema:


Lesaurimento del campione determinato dallalto mediante una ventola.
Vengono registrati nel tempo di valori di tensione e determinata per pesata la variazione di

contenuto dacqua.
I parametri delle curve di ritenzione e di conducibilit sono determinati per ottimizzazione

dalla risoluzione numerica delleq. di Richards.

11-161

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 11.11 Esaurimento dallalto del campione

Prove per alte tensioni (per esempio nelle argille)

In questo caso occorre lavorare su campioni di dimensioni pi piccoli. Tali campioni vengono
inseriti in una campana nella quale viene realizzato un assegnato valore di depressione. Quando il
campione in equilibrio viene misurato il contenuto dacqua per pesata.

Figura 11.12 Gabbia di Richards

11-162

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
Questa apparecchiatura funziona come una camera iperbarica in quanto si genera dallesterno una
depressione interna, quindi il provino per mettersi in equilibrio con la tensione esterna rilascia o
cede acqua in funzione della tensione esterna. Quando raggiunge un certo valore di tensione si pesa
il provino. Si possono effettuare diverse prove mettendo il provino in equilibrio rispetto a diverse
tensioni. Per ogni valore di tensione si valuta quello di (h).
Misurando i parametri in laboratorio si ottengono valori deterministici. Questi valori per variano di
ordini di grandezza a scala di campo.
Invece, per le misure in situ al crescere dellarea di indagine diviene improponibile una
caratterizzazione per campioni. Anche perch la distribuzione spaziale stessa dei valori cambia in
aree limitrofe. Quindi conviene, per verificare la variabilit spaziale in campo, ridurre il numero di
parametri misurati. Pu essere preferibile effettuare misure lungo trincee con sonde TDR e
tensiometri.

Figura 11.13 Trincee con sonde TDR

11-163

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

12. Cenni sul trasporto di inquinanti in falda


Se si immette del colorante in una condotta si possono avere i fenomeni seguenti:
-

il filetto fluido colorato mantiene la sua densit lungo la condotta,

mescolamento del filetto fluido colorato con il fluido della condotta.

Se si immagina di immettere in una condotta non un singolo filetto fluido colorato ma di immettere
il colorante in una sezione retta della condotta.
Sez. trasversale della condotta
vdt

Figura 12.1 Sezione trasversale della condotta

Nel caso di moto laminare il colorante si muove con la stessa velocit del fluido per cui si ha che ad
ogni ascissa il centro di massa (centroide) si spostato nel tempo dt della quantit vdt.

Figura 12.2 Profilo parabolico

Dopo un certo tempo dt landamento della curva rappresentata in Figura 12.1. si spostata come se
fosse caratterizzata dal solo fenomeno convettivo (Figura 12.2).

12-164

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013

Figura 12.3

Al movimento di tipo convettivo bisogna aggiungere un altro tipo di movimento legato al gradiente
di concentrazione. Per la legge di Fick c un mescolamento dovuto allagitazione molecolare.
Se c un gradiente di concentrazione
nel tempo

C
questo dar luogo ad una variazione di concentrazione
r

C
.
t
D

dove il termine D

C C
=
t
r

(12.1)

C
rappresenta il fenomeno di diffusione molecolare.
r

La variazione di concentrazione nel tempo in un punto legata per il fenomeno della diffusione
molecolare al gradiente di concentrazione lungo r attraverso la legge di Fick (12.1). Questo
meccanismo di mescolamento molto debole, quindi quasi sempre trascurabile. Infatti, il fenomeno
che determina il mescolamento in una condotta quello turbolento.
La turbolenza agisce nelle correnti turbolente in modo analogo al fenomeno della diffusione ma in
modo pi veloce.
Nei mezzi porosi il movimento di tipo laminare. Lacqua fa percorsi piuttosto tortuosi attraverso i
meati. Se si immagina che parte dellacqua abbia una concentrazione diversa da quella reale ci
sarebbe una miscelazione tra il fluido che presenta concentrazione C0=0 e il fluido con
concentrazione diversa da zero.
Questo fenomeno avviene non solo alla scala del volume di riferimento ma anche a scala maggiore.
A scale maggiori ci che determina il mescolamento la variazione del coefficiente di permeabilit
da zona a zona con una legge di distribuzione spaziale oppure la variazione della trasmissivit.
Quindi se si va ad analizzare il comportamento del soluto si ha una miscelazione dovuta a piccola
scala alla struttura del mezzo poroso, mentre a grande scala alla variabilit spaziale delle

12-165

Corso di Idraulica dei mezzi porosi


Proff A. Carravetta e R. Martino
Ultimo aggiornamento 30/04/2013
caratteristiche del mezzo (T, K). Nel campo di moto il mescolamento avviene automaticamente in
quanto ci sono continui scambi tra le zone pi permeabili e quelle meno permeabili per effetto delle
deviazioni della velocit di filtrazione rispetto alla media.
Essendo la particella carica elettricamente si forma una pellicola dacqua intorno alla particella
stessa. Quando si verifica uninterazione tra lacqua pellicolare e la specie chimica che si trova il
soluzione si ha il fenomeno delladsorbimento.
Se si nel caso di soluto inerte (che non reagisce con lacqua pellicolare) si parla di una PIUMA.
La concentrazione in un primo momento aumenta e poi diminuisce (ha un andamento a campana).
Se si pone Cf = concentrazione del soluto nel fluido libero e Ca = concentrazione nellacqua
pellicolare si ha che a seconda della differenza (Cf-Ca) si ha un differente comportamento del
soluto: ci pu essere o un trasferimento di soluto verso lacqua pellicolare o un trasferimento
dallacqua pellicolare al fluido libero.
Le situazioni variano a seconda della coppia soluto terreno. Il fenomeno di adsorbimento
prevalente a piano campagna in quanto esso legato molto al contenuto di materiale organico nel
terreno.
Nel momento in cui la sostanza raggiunge la falda la dinamica pi veloce, in quanto gli orizzonti
di suolo che si trovano al di sopra della falda rappresentano una barriera che pu bloccare
completamente il passaggio della sostanza oppure pu ritardare larrivo del soluto nella falda.
Alcune sostanze vengono metabolizzate dal terreno.
Il tempo di emivita il tempo in cui si dimezza la massa di soluto contenuta nel terreno. Questo
tempo detto anche half-time.

12-166