Sei sulla pagina 1di 17

04.

INQUADRAMENTO GEOLOGICO

4.1 Sistema Appennino - Tirreno


Gli Appennini sono una catena a sovrascorrimenti in rapida migrazione
sviluppatasi

prevalentemente

durante

il

Neogene,

in

risposta

allarretramento flessurale della placca adriatica in subduzione (Scrocca et


al., 2003); questa catena associata con un bacino estensionale di retroarco corrispondente al mar Tirreno, che in alcune zone presenta una crosta
oceanica ed un elevato flusso di calora (Fig. 4.1).
La crosta della microplacca adriatica, andando in subduzione verso
ovest, lungo un piano di subduzione piuttosto inclinato, ha prodotto lo
scollamento delle sue coperture sedimentarie, le quali si sono accavallate le
une sulle altre, sottoforma di falde, movendosi verso est (Scrocca et al.,
2003). Sul fronte esterno della catena si formato un profondo bacino di
avampaese corrispondente allavanfossa adriatica.
LAppennino

Meridionale

mostra

unevidente

struttura

falde,

sviluppatasi gradualmente durante il Neogene, costituite da numerose unit


stratigrafico-strutturali (e.g. Mostardini

Merlini, 1986). Una sezione

trasversale dellAppennino meridionale mostrerebbe in genere tre grandi


unit: il bacino di retro-arco tirrenico, la catena e la coppia avanfossaavampaese. Lavampaese costituito dalle Murge e dal Gargano, con terreni
solo debolmente deformati. Lavanfossa affiora con continuit tra gli Abruzzi
e la Sicilia ed costituita da depositi clastici marini di et Plio-quaternaria.
La catena , come gi detto, costituita da una

potente pila di falde,

conseguenza dello scollamento e accavallamento delle rocce

sedimentarie

dellantico fondale delloceano Tetide e dei suoi margini continentali.


Levoluzione del Mar Tirreno e della Catena Appenninica sono il risulato
di una rotazione della Penisola Italiana a partire da Miocene Superiore fino al
Quaternario (Patacca & Scandone, 1989).

Fig. 4.1 Schema tettonico dellItalia e dei mari circostanti. 1)aree


davampaese; 2) depositi davanf ossa (delimitati dallisobata 1000 m); 3)
domini caratterizzati da un regime tettonico compressivo negli Appennini;
4) settori strutturati in catene durante lorogenesi alpina nelle Alpi e in
Corsica; 5) aree interessate da una tettonica estensionale; queste aree
possono essere considerate come un sistema di bacini di retro -arco
sviluppati in risposta allarretramento f lessurale della subduzione
appenninica; 6) aff ioramenti del basamento cristallino e delle unit
metamorf iche alpine; 7) regioni caratterizzate da crosta oceanica; una
crosta oceanica di neo-f ormazione stata riconosciuta nel bacino
provenzale (di et miocenica) e nel bacino tirrenico (di et plio pleistocenica) mentre la presenza di una vecchia crosta oceanica
mesozoica ipotizzata per il bacino ionico; 8) spartiacque appenninico; 9)
sovrascorrimenti principali; 10) f aglie indiff erenziate (Scrocca et al.,
2003).

La catena a falde appenninica dislocata fa horst e graben, formatesi,


a partire dal Neogene, durante la migrazione verso est dellonda tettonica
estensionale (Fig 4.2).

Fig. 4.2 Sezione schematica attraverso il Tirreno e lAppennino centrale


che mostra la piastra Adriatica subdotta e la distribuzione della
contrazione e dellestensione (da Cavinato & De Celles, 1999).

Il bacino Tirrenico pu essere suddiviso in due settori:


-

Tirreno settentrionale: poco profondo e morfologicamente molto


articolato, impostato su crosta continentale (circa 20 km);

Tirreno meridionale: pi profondo con piante batiali e vari rilievi


sottomarini, impostato in parte su crosta ocenica (circa 10 km,
Bacino di Vavilov e Marsili).

Il settore tirrenico settentrionale separato dal settore tirrenico


meridionale dalla 41st parallel line che si estende dal margine
orientale della Sardegna fino al margine campano. The 41st parallel
line corrisponde ad unanomalia gravimetrica ad aria libera orientata
E-W e il suo significato geodinamico oggetto di dibattito (Lavecchia,
1988; Milia & Torrente, 1997, 2003; Bruno et al., 2000).
Lapertura del Mar Tirreno iniziata nel Tortoniano Superiore lungo il
margine Corsica-Sardegna (Magnaghi basin) ed continuata a sud-est
nel Messiniano (Vavilov basin) fino al Plio-quaternario (Marsili basin),
(e.g. Trincardi & Zitellini, 1987).
Dal Tortoniano Superiore, lestensione del Mar Tirreno coincide con la
compressione dellAppennino. Questo processo ha portato ad una
progressiva migrazione del sistema Mar Tirreno Catena Appenninica
Avanfossa Apula verso lAvanpaese Padano- Adriatico Ionico con la
subduzione del dominio Apulo al di sotto dellAppennino (Fig. 4.3).
5

Fig. 4.3 Schema cinematico del bacino di retro-arco Tirrenico negli ultimi
10 Ma. Le f recce gialle indicano la direzione di estensione e i punti rossi il
vulcanismo. Vengono visualizzate solo le f aglie associate a ogni f ase
tettonica. (A) f ase 1; CB = Bacino Cornaglia; VB = Bacino del Vavilov. (B)
f ase 2; VB = Bacino del Vavilov , Po = Ponza. (C) f ase 3; VB = Bacino del
Vavilov, MB = Bacino del Marsili, GB = Goldo di Gaeta, P = Bacino di
Paola, Po = Ponza, Pa = Vulcano Parete . (D) f ase 4; MB = Bacino del
Marsili, Ve = Ventotene, R = Roccamonf ina. (E) f ase 5; MB = Bacino del
Marsili, E = Vulcano Eolian, V = Vulcano Vavilov, Ve = Ventotene; R =
Roccamonf ina; SGB = Vulcanismo meridionale del Golf o di Gaeta , Ca =
ingnimbrite Campana.

Il modello strutturale dellAppennino centro-meridionale proposto da


Mostardini & Merlini nel 1986 basato su una serie di sezioni geologiche
trasversali alla catena, prevede da ovest verso est i seguenti domini
paleogeografici mesozoici: Bacino Liguride, Piattaforma appenninica, Bacino
lagonegrese-molisano, Piattaforma apula s.l. (Figg. 4.4; 4.5).

Fig. 4.4 Schema paleogeograf ico: stadio pre -orogenico (Mostardini &
Merlini S., 1986).

Fig. 4.5 Schema paleogeograf ico: stadio post -orogenico (Mostardini F. &
Merlini S., 1986)

Verso occidente della Piattaforma Appenninica sono nnote da tempo


facies di transizione verso ambienti pelagici (Bacino Umbro-MarchigianoSabino). Allisola di Zannone e al promontorio del Circeo sono presenti facies
bacinali rispettivamente a cominciare dal Cretacico Superiore e dal Lias
7

Medio. Anche nel sottosuolo della Pianura Pontina al pozzo Fogliano, sono
state incontrate facies tipo scaglia del Cretacico superiore (Fig. 4.6).

Fig. 4.6 Mappa paleogeograf ica rif erita


(Scrocca et al., 2003).

al Lias superiore -Necomiano

La serie Liguride si originata in una posizione molto prossima allarea


oceanica (Tetide) del Bacino Tirrenico che separava i domini africano ed
europeo. Questa serie affiora estesamente nei settori meridionali a sud di
Salerno, dove sovrasta sia la Piattaforma appenninica sia i depositi del
Bacino Lagonegrese-Molisano.

Generalmente

ritenuta

originaria

di

questo

Bacino

anche

la

successione Sicilide (Complesso Sicilide di Ogniben 1969, argille scagliose o


varcolori degli autori).
Secondo i sopra citati autori la Piattaforma appenninica doveva
svilupparsi ad occidente del Bacino Lagonegrese-Molisano.
Le facies di transizione tra la Piattaforma appenninica ed il Bacino
lagonegrese-molisano sono ben evidenti nei settori settentrionali, verso sud
le

facies

di

verosimilmente

transizione
coperte

sono
da

molto

scaglie

meno

tettoniche

sviluppate
di

risultando

Piattaforma

in

accavallamento verso oriente.


Per quanto riguarda le dimensioni trasversali della Piattaforma
appenninica, le sezioni interpretate indicano un valora che si aggira sui 150200 km.
Il Bacino lagnegrese-molisano una depressione paleogeografica
interposta tra le due piattaforme carbonati che, appenninica ad ovest ed
apulo garnica ad est. Le unit lagonegrese sono comunemente divise in due
successioni, una inferiore rappresentata dalla serie calcareo-silico-marnosa
(triassico sup. cretacico inf.) ed una superiore (paleogenica).
Ad Oriente del Bacino Lagonegrese-Molisano affiora una Piattaforma
carbonatica della Piattaforma Apula Interna.
La Piattaforma Apula Interna stata attraversata da molti pozzi che
hanno evidenziato una serie cretacica a diversi livelli stratigrafici con al top
talvolta sottili orizzonti paleo genici e miocenici coperti o direttamente dal
Pliocene

inferiore oppure

da

coltri provenienti

dal

contiguo

Bacino

Lagonegrese-Molisano.
Il Bacino Apulo nella ricostruzione di Mostardini & Merlini situato tra
le due Piattaforme carbonati che, quella Apula interna e quella esterna, ed
stato riconosciuto in un settore compreso tra il fiume Biferno a nord ed il
Volture a sud.
Infine lultimo dominio individuato la Piattaforma Apula Esterna,
questa unit rappresenta lavampaese della catena a falde sud appenninica;
si tratta di una successione carbonatica mesozoica coperta da sottili livelli

del Terziario. Il margine occidentale di tale dominio sprofonda rapidamente


verso est, soprattutto dove presente il Bacino Apulo.
La piattaforma Apula esterna caratterizzata da una tettonica
distensiva.

4.2 Il margine Laziale: generalit


Le aree pi prossime al Tirreno mostrano chiaramente linfluenza di un
regime distensivo collegato ai processi geodinamici che alla fine del Miocene
interessano larea tirrenica, con oceanizzazione di questo settore seguita da
veloce sprofondamento in et pliocenica.
La fase distensiva del margine tirrenico produce zone sollevate e
depresse con stile ad Horst e Graben, allineate in sistemi di faglie a direzione
appenninica interrotti da faglie trasversali (Praturlon, 1993).
In particolare il margine Laziale caratterizzato da faglie NE-SW, NWSE (Fig. 4.7)

Fig. 4.7 Schema geologico dellitalia centrale e posizione della linea


sismica CROP 11 e dei dati geof isici DSS.

Levoluzione geomorfologica delarea Pontina ha inizio nel Pliocenne


superiore-Pleistocene (circa 3 milioni di anni fa).

10

La linea di riva giungeva a lambire i rilievi carbonatici dei Monti Lepini


ed Ausoni ancora in fase di sollevamento. Il Circeo costituiva unisola
separata della terra ferma da un ampio tratto di mare.
Lapporto di sedimenti ad opera di corsi dacqua che sfociavano in mare,
e soprattutto lapporto di materiali clastici legati allentrata in attivit del
Vulcano Laziale, determinarono nel Pleistocene medio-superiore (circa
200.000 anni fa) un primo parziale colma mento del bacino marino e la
formazione di una serie di cordoni litoranei che dallarea del Vulcano Laziale
si spingevano a sud fino al promontorio del Circeo, originando ampie lagune
che via via andavano interrandosi (Praturlon et al., 1993).
Labbassamento eustatico del livello marino, port quindi ad un
avanzamento della linea di riva stimabile in diverse decine di chilometri;
larea Pontina si trasform in una vera e propria zona palustre, con alcuni
corsi dacqua maggiori che raggiungevano il mare formando valli ampie e
incise.
Infine con il sollevamento marino avvenuto circa 10.000 anni fa, la linea
di riva regred assumendo un andamento articolato, occupando le precedenti
valli fluviali. La deposizione di nuovi cordoni litoranei port alla formazione
di una nuova linea di riva, pi rettilinea, con lisolamento dei laghi costieri di
Fogliano, dei Monaci, di Caprolace e di Paola (Fig. 4.8).

11

Fig. 4.8 Schema dellevoluzione


(ricostruzione di G. Mariotti).

geomorf ologica

dellarea

Pontina

La figura 4.9 mostra la distribuzione dei prodotti ignei per quanto


concerne principalmente il periodo che va dal Neogene Quaternario, distinti
in relazione con la natura della sorgente magmatica dominante (Scrocca et
al., 2003).
Da nord a sud, il settore di nostro interesse la Provincia Magmatica
Romana (RMP). Nel Lazio il vulcanismo ha originato una serie di distretti
12

vulcanici: il Distretto vulcanico dei Vulsini, Vico, Sabatini, Colli Albani,


Ernici e Roccamonfina.
I prodotti della RMP di estendono dai Vulsini a nord fino a
Roccamonfina e Ventotene a sud. Le rocce vulcaniche di questarea possono
essere raggruppate in diverse serie comprendenti rocce da acide ad
intermedie e rocce potassiche.

Fig. 4.9 Distribuzione dei prodotti ignei Cenozoici nella regione T irrenica e
circum-Tirrenica (Scrocca D. et al., 2003).

I vulcani che ricadono nella zona di studio sono: Albani (036 Ma), Ernici
(0.25 Ma) e Vercelli (7.2 Ma) (Fig. 4.10).

Fig. 4.10 Distribuzione dei vulcani che ricadono nellarea di studio

13

4.3 Assetto tettonico del margine Laziale


Larea

di

studio

corrisponde

al

margine

Laziale,

che

mostra

sovrascorrimenti del Miocene Superiore (affioranti per esempio allisola di


Zannone e al Circeo) interessati da faglie normali che presentano
principalmente un trend NE-SW, NW-SE e E-W (Fig. 4.11).

Fig. 4.11 Schema strutturale dellarea di studio. Le Contours


rappresentate nelloff -shore del margine Laziale corrispondono alle
isocrone del Plio-Pleistocene (Bigi G. et al., 1992).

Il margine tirrenico Laziale unarea estensionale di et Neogenica


Quaternaria successivamente colmata da sedimenti epiclastici e vulcaniti
quaternarie. Esempi di tali depressioni sono la Piana Pontina e la Piana
Campana.
Di seguito sono riportate due sezioni geologiche di Moscardini & Merlini
che vanno dal mar Tirreno fino allAvampaese Adriatico. Queste sezioni
geologiche sono basate sulla geologia di superficie e, dove possibile, si
appoggiano ai dati della sismica e dei pozzi.
Le sezioni prese in considerazione sono la 14 e la 15. Nella sezione 14
ricade il pozzo Fogliano, mentre nella 15 ricade il pozzo Acciarella.
14

15

Fig. 4.13 Sezione 15 (Mostardini & Merlini, 1986)

Fig. 4.12 Sezione 14 (Mostardini & Merlini, 1986)

Fig. 4.14 Sezione geologica schematica attraverso la catena appenninica


dellItalia Centrale. 1) Coperture post -orogene sedimentarie marine e
continentali del margine tirrenico, dei bacini intramontani (Messiniano
sup.-Quaternario) e depositi marini sin e post orog eni del margine
adriatico (Pliocene inf .-Quaternario); 2)Depositi sin-orogeni dei diff erenti
bacini di avanf ossa dellAppennino (Tortoniano -Pliocene inf .); 3) Unit
Tettonica del M. Circeo; 4)Unit tettonica dei M. Lepini; 5)Unit tettonica
dei Simbruini-Ernici; 6) Unit tettonica Marsica; 7) Unit tettonica del M.
Morrone-Queglia; 8)Unit tettonica del M. Maiella; 9) unit tettonica di
Casoli-Bomba; 10) Avampaese Adriatico; 11) Basamento magnetico della
catena appenninica; 12) Basamento magnetico dellavam paese adriatico
(da Cipollari et alii, 1999).

In queste sezioni (Figg. 4.12, 4.13, 4.14) possibile vede la struttura a


falde che costituisce lappenninco e una piccola parte dellarea estensionale
tirrenica.

4.4 Studi di geologia marina nel margine continentale Laziale


Nelloff-shore del margine laziale Zitellini et al. (1984) hanno individuato
i bacini di Palmarola e Ventotene separati dallalto morfologico di PonzaZannone (Fig. 4.15).

Fig. 4.15 Batimetria delloff shore del margine Campano -Laziale. (Zitellini
et al., 1984)

16

Tali autori da uno studio su profili sismici della zona E, carote e


dragaggi con datazione hanno riscontrato diverse unit stratigrafiche.
In particolare dalle carote effettuate sulla piattaforma continentale al
largo del C. Circeo, sono stati individuati sedimenti del Pliocene Inferiore;
una di queste stazioni di campionamento localizzata sulla linea sismica
TP6 (Fig. 4.16), che mostra chiaramente una successione progradazionale.
La prima delle unit progradazionali individuate lunit A2 che include
sequenze sedimentarie del Pliocene Medio-Inferiore e si deposta sul
substrato acustico C2 (il top del substrato acustico indicato con Z). Al di
sopra dellunit sismica A2 troviamo lunit A1 che si deposta a partire dal
Pliocene Medio fino al Quaternario (Fif. 4.17).

Fig. 4.16 Mappa morf ologica che mostra la zona


continentale e le aree bacinali. (Zitellini et al., 1984)

di

piattaf orma

Fig. 4.17 Prof ilo Sismico TP6. (De Rita et al., 1986)

Roberto Bartole nel 1990 ha interpretato una maglia sismica ad alta


penetrazione della piattaforma tosco-laziale fornendo informazioni dordine
stratigrafico, strutturale e paleogeografico (Fig. 4.18).
17

Fig. 4.18 Mappa di posizione del rilievo sismico e suddivisione dellarea


studiata da Bartole. Abbreviazione dei pozzi: BA = Bagnarello; CM = Circo
Massimo; F = Fogliano; L = Latina; LS = Ladispoli; MR = Martina; MT =
Matilde; PA = Pantani; RM = Roma; V = Vico (Bartole, 1990).

La colonna stratigrafica penetrata acusticamente composta da cinque


unit

sismiche

correlabili

con

le

unit

geologiche

dellAppennino

settentrionale e centrale. Lunit pi profonda corrisponde alle unit


metamorfiche toscane; seguono verso lalto in sovrapposizione tettonica due
unit intensamente deformate appartenenti rispettivamente alla Falda
Toscana ed ai complessi Liguridi. Al di sopra, poggiano in trasgressione due
unit post-orogene divise da una discordanza regionale di et mediopliocenica.
Bartole individua due momenti principali nellevoluzione neogenica. Nel
primo, collegato alla tettogenesi appenninica, si ha la definitiva messa in
posto delle coltri liguri e la formazione di strutture compressive con
migrazione spzio-temporale degli eventi tetto genetici da Ovest verso Est.
Nel secondo momento, che va dal Miocene superiore al Quaternario, si
ha lo sviluppo di fenomeni trans tensivi e di subsidenza quantitativamente
molto diversi da zona a zona.

18

Fig. 4.21 Schema strutturale della piattaf orma continentale tosco -laziale e
della f ascia costiera limitrof a (Bartole, 1990).

19