Sei sulla pagina 1di 1

Disturbi dello spettro autistico

Questi soggetti hanno peculiari caratteristiche comportamentali e un comportamento cognitivo


diverso dai soggetti a sviluppo tipico (normali).
Punti di debolezza: area della comunicazione e interazione sociale. A queste difficolt sono
associati comportamenti, interessi ed attivit ripetitivi e stereotipati.
Importanza dell'intervento precoce.
L'intervento nei confronti di un bambino con disturbo dello spettro autistico si strutturer secondo
un approccio globale psico-educativo a orientamento cognitivo-comportamentale (gi nelle
linee guida del 2005 Sinpia)
2011: nuove linee guida, importanza del ruolo dei genitori nell'intervento.
La finalit sostanzialmente la stessa che orienta ogni intervento educativo: favorire il miglior
adattamento possibile del soggetto al suo ambiente di vita.
Bambini speciali educazione speciale.
Bambini a sviluppo tipico: hanno gi la motivazione e la capacit di rivolgersi all'altro, a chi si
prende cura di loro. Gi nei primi mesi di vita sono in grado di sviluppare i correlati di
un'intersoggettivit primaria (7-9 mesi), capacit di cogliere l'importanza di alcuni stimoli, come
il volto umano: il bambino entra in una relazione significativa con l'altro (es. i turni nello
scambio degli sguardi). Nella coppia mamma-bambino, la relazione diventa sempre pi ricca e
significativa.
Intersoggetivit secondaria (9-18 mesi): abilit fondamentali nella relazione con l'altro es.
attenzione congiunta, guardare nella stessa direzione in cui guarda l'adulto, impara a gestire lo
sguardo come strumento di comunicazione. Emozione congiunta: riconoscere l'emozione
dell'altro e comportarsi di conseguenza.
Nei bambini autistici queste capacit non si sviluppano spontaneamente. Tutto questo influenza la
formazione delle abilit sociali.
Il genitore un elemento determinante nella formazione della persona adulta. L'adulto pu
sollecitare l'acquisizione di queste abilit nel bambino. Occorrono strategie specifiche. Far capire
al bambino qual il potere della relazione e della comunicazione sociale. Un intervento
precoce e ben congegnato pu operare una riduzione significativa del grado di autismo.
Stimolare l'attenzione del bambino, agendo sulla sua motivazione che spesso rivolta a oggetti e
attivit particolari (non alla relazione comunicativa). Il bambino deve comprendere qual il
potere della comunicazione per incidere sul mondo esterno. Es. se interessato alle bolle di
sapone, importante fargli capire che quando queste finiscono perch l'adulto gli chiude il
barattolo, il bambino ha gli strumenti per rivedere le bolle di sapone (non solo perch pu
riprendere il barattolo, ma perch pu influenzare il comportamento dell'adulto, ad es. con lo
sguardo ecc.)
Diagnosi precoce: importantissima.
Coinvolgere tutte le figure intorno a lui per potenziare la sua comunicazione (genitori,
operatori, insegnanti): i messaggi che il bambino riceve a questo scopo devono essere gli stessi.