Sei sulla pagina 1di 4

Libretto, Musiche e Testi di

Jonathan Larson
Traduzione e adattamento in italiano

Produttore esecutivo

Alessandro Vivona

Giorgio Maddalena
Regia

Gisella Cal
LAssociazione Dafni nel presentarsi al grande pubblico esordisce con uno spettacolo
ambizioso e si appresta a presentare un adattamento del tutto nuovo ed inedito del
musical pluripremiato Rent.
A Broadway, Rent fu acclamato
dalla critica e vinse un Tony
Award come "Miglior Musical",
oltre ad altri numerosi premi. Ed
anche a questo capolavoro
che si deve la crescita
esponenziale della popolarit
del genere musical tra la MTV
generation.
Il successo dello show port a
diversi
tour
nazionali
e

produzioni straniere e, nel 2005, stato anche adattato in un film per il grande schermo
nel quale sei degli otto protagonisti della produzione originale ripresero il proprio ruolo.
Lo spettacolo nel 2011 prende nuova vita in Sicilia, in una cosiddetta school edition, con
uninedita chiave di lettura dei celebri brani dellottavo musical pi longevo nella storia di
Broadway e cos nasce Stagioni dAmore, da unidea di Alessandro Vivona, che ne ha
curato la trasposizione delle liriche dell'autore Jonathan Larson, in lingua italiana.
E una favola moderna dal retrogusto agrodolce. Nel
caos della city un manipolo di
amici si ritrova a convivere o a
combattere con problemi legati
al razzismo etnico e sessuale,
con lambiguit, la malattia, il
dolore,
la
solitudine,
lemarginazione, la povert, la
disillusione e la paura. Ma gli
istanti di vita vera, nel bene o
nel male rimangono nei cuori,
creando dei legami con le
persone che ci sono vicine e
contribuendo cos a creare quel
grande mosaico in technicolor
che la vita. Questo spettacolo nella sua essenza parla
infatti della vita in modo semplice e diretto, senza la
solita routine classica da musical dove la gente per
esprimere ci che sente, o ci che vede, o anche solo
per descrivere una situazione lo fa cantando. Qui
invece i personaggi cantano per rabbia o forse perch proprio la societ di oggi che tanto
fa sfoggio della dicitura era della comunicazione, in effetti poi quasi per paradosso crea
delle barriere di incomunicabilit insormontabili che solo la musica pu in qualche modo
oltrepassare. RENT-Stagioni damore si avvale proprio della verve comunicativa dei
brani per riuscire a far breccia nel cuore dello spettatore, che a parte gustarsi laccattivante
trama musicale, riesce anche a percepire lautentica profondit di ci che allapparenza
pu sembrare una passabile canzone pop. RENT debutt esattamente il 25 gennaio del
1996, e fu catalogata tra le Rock Opera pi significative del periodo; ispirata alla Bohme
di Puccini, la stessa assunse uno scopo didattico, perch oltre a far conoscere ai pi
curiosi unopera come, per lappunto, la Bohme, con la sua trama avvincente e dei
personaggi non banali, aveva dimostrato che anche il musical poteva essere cool. Al
Nederlander Theatre dove lo spettacolo andato in scena per 12 anni, le migliaia di
spettatori hanno lasciato centinaia e centinaia di scritte rivelando quanto Rent avesse
inciso nelle loro vite: malati di HIV, afroamericani, romantici e patiti del genere musical
celebravano con le loro parole quanto le canzoni di Rent riflettessero i loro problemi e
quanto alcune frasi, tra cui la celebre no day but today (non c giorno eccetto quello che
stiamo vivendo), fossero diventate un culto, unetica, uno stile di vita.

Ecco perch RENT - Stagioni dAmore non si presenta come uno spettacolo volto al puro
intrattenimento, ma come autentico mediatore multimediale tra il mondo odierno e la
cosiddetta quarta parete teatrale. Gli spettatori di tutte le generazioni trovano compattati in
uno show musicale alcuni dei precetti fondamentali del percorso di vita: la tolleranza, il
rifiuto della droga, labbattimento dei pregiudizi, lo scontro dei sogni con la realt con tutte

le sfumature che la sensibilit di ognuno pu trovarvi. Tutto ci non viene presentato come
un video educativo o come un seminario dove un oratore parla per ore e dove spesso si
perde il filo del discorso, ma viene confezionato in un musical stile Broadway con delle
musiche avvincenti, che di certo non potranno che rimanere nei cuori e nelle menti di chi le
ascolta. Anche la regia e ladattamento proposti presentano aspetti molto cinematografici,
svecchiando limmortale spettacolo originale, e attirando
cos anche linteresse dei giovani, che associano
spesso il teatro a qualcosa di legato alla tradizione e
lontano dal loro mondo di effetti speciali e di occhiali
3D.
RENT - Stagioni dAmore affronta dei temi di tutto
rispetto, che si accentrano e si intrecciano in ununica
grande tematica: la ricerca dellidentit; che essa sia
amorosa, sessuale, culturale poco importa, ma quelli
che lo spettacolo insinua nello spettatore sono dei
quesiti importanti a cui non facile trovare una risposta.
La messa in scena ne offre una propria soluzione,
probabilmente molto teatrale, ma dalla quale si possono
trarre spunti reali; offre poi una gamma di personaggi
che hanno ben
poco di fittizio e in
cui
quindi
lo
spettatore
facilmente
si
immedesima.
Ladattamento
di
Alessandro Vivona
inoltre rigetta il
contesto
delle
vicende, sebbene il
musical abbia delle
profonde
radici
americane e si
avvalga spesso e
volentieri di slang e
situazioni che ben
poco hanno di
europeo.
Infatti lautore siciliano slega i personaggi dal loro habitat newyorkese lasciando la Grande
Mela solo come fondale alle vicende, e mettendo a nudo lessenza dei personaggi come
stereotipi moderni in cui il giovane pubblico di tutto il mondo pu facilmente
immedesimarvi il proprio vissuto e rendendo quanto pi universale il messaggio dellautore
originale Jonathan Larson. RENT Stagioni dAmore stato realizzato per la prima volta
nel settembre del 2011 dalle giovani leve siciliane, che cominciavano a muovere i primi
passi nel mondo del teatro musicale italiano, e per loro questo spettacolo stato sia una
grande vetrina, sia un ottimo modo per confrontarsi con gli strabilianti show del West End
e di Broadway.
A distanza di 4 anni da quella piacevolissima prima esperienza, la Dafni Spettacoli decide
di andare oltre, e, acquisiti i diritti dell'opera presso la MTI di New York, si accinge a

debuttare il prossimo 1 dicembre 2015 al Teatro Metropolitan di Catania e replicare il 4


dicembre al Teatro Golden di Palermo con una edizione pi ricca e un nuovo cast.
L'Associazione Dafni vuole esprimere la propria immensa gratitudine a questi giovani
attori, che hanno studiato nelle accademie siciliane e rappresentano a pieno titolo la prima
linea della nuova generazione di attori che, si spera, riporter in teatro il pubblico
teledipendente dei reality show. La mission che Dafni si forse ambiziosamente
assegnata quella di fornire a questi artisti a 360 gradi l'opportunit di potersi affermare
gi nella propria terra, senza bisogno di doversi spostare in realt artisticamente pi vive
e. diciamo cos, riconoscenti, come Roma o Milano, per poter competere con i performer
affermati che da anni calcano i palcoscenici del teatro musicale nazionale. A tale scopo
sono state indette ben 4 sessioni di audizioni nelle tre sedi dell'Accademia Internazionale
del Musical, sponsor tecnico di questa nuova avventura.
il 2 settembre a Catania, in Via Palermo n. 587/593
il 3 settembre a Palermo, in Via Dante n. 12
il 23 e 24 settembre a Roma, in Piazza San Felice da Cantalice n.21
il 15 ottobre ancora a Catania, in Via Palermo n. 587/593