Sei sulla pagina 1di 54

Gestione dei rifiuti e rischi per la salute.

Strategie di prevenzione primaria e di promozione della salute


Ernesto Burgio - Comitato Scientifico ISDE Italia

NO

MODERN ARCHITECTS DO THEIR BEST TO DISGUISE SMOKE STACK P. Connet

Gli impianti di incenerimento rientrano


fra le industrie insalubri di classe I in base
allarticolo 216 del testo unico delle Leggi
sanitarie (G.U. n. 220 del 20/09/1994,
s.o.n.129) e, qualunque sia la tipologia
adottata (a griglia, a letto fluido, a tamburo
rotante) e, qualunque sia il materiale
destinato alla combustione (rifiuti urbani,
tossici, ospedalieri, industriali, ecc) danno
origine a diverse migliaia di sostanze
inquinanti, di cui solo approssimativamente
il 10-20% conosciuto.
3-(4) TONS TRASH
La formazione di tali inquinanti dipende, oltre
che dal materiale combusto, dalla
mescolanza assolutamente casuale delle
sostanze nei forni, dalle temperature di
combustione e soprattutto dalle variazioni
delle temperature stesse che si realizzano
nei diversi comparti degli impianti, come
stato descritto anche recentemente

ACID GASES:
HCI, HF, SO2, NOx

1
TOXIC METALS:
Pb, Cd, Hg, As, Cr etc

(ULTRA) FINE
PARTICULATE

NEWCOMPOUNDS:

PCB
PCBs
PCDDs (DIOXINS)
PCDFs (FURANS)
(FURANS
CHLORINATED BENZENES,
PHENOLS,
NAPTHALENES
etc etc etc

1 TON ++TOXIC ASH


10% FLY ASH
90% BOTTOM ASH

+Discariche ++ tossiche

Cormier SA et al - Origin and health impacts of emissions of toxic by-products and fine particles from combustion
and thermal treatment of hazardous wastes and material Environ Health Perspec (2006) vol 114(6): 810 -7
Ernesto Burgio ISDE Italia

EDCs
Heavy metals
Arsenic
Lead
Cadmium
Mercury

Industrial chemicals
such as
polychlorinated
biphenyls (PCBs),
dioxins, and
polyaromatic
hydrocarbons
(PAHs).

PET

The Lancet, 2007; 370: 1813-14

Effetti cancerogeni delle sostanze emesse da un inceneritore secondo la IARC


(Annali Istituto Superiore Sanit 2004)
agente

Grado di evidenza
IARC

Effetto cancerogeno

Arsenico

Pelle, polmoni, fegato, vescica, rene, colon

Berillio

Polmone

Cadmio

Polmone, prostata

Cromo

Polmone

Nickel

Polmone

Mercurio

2b

Polmone, pancreas, colon, prostata, encefalo,


rene

Piombo

2a

Polmone, vescica, rene, gastroenterica

Benzene

Leucemia

Idrocarburi
policiclici

2b

Fegato, polmone, leucemia

Cloroformio

2b

Vescica, rene, encefalo, linfoma

Clorofenoli

2b

Sarcomi tessuti molli, linfomi Hodgkin e non


Hodgkin

Tricloroetilene

2a

Fegato, linfomi non Hodgkin

TCDD

Linfomi, sarcomi non Hodgkin

Direttiva 2004/107/CE
Direttiva 2004/107/CE del parlamento europeo
e del Consiglio del 15 dicembre 2004 concernente
larsenico il cadmio, il mercurio, il nickel e gli idrocarburi
policiclici aromatici nellaria ambiente
!

Dai dati scientifici disponibili risulta che

larsenico, il cadmio, il nickel e alcuni IPA


(Idrocarburi Policiclici Aromatici) sono agenti
genotossici e cancerogeni per luomo e che
non esiste una soglia identificabile al di sotto
della quale queste sostanze non comportino
un rischio per la salute umana

Catalytic oxidizers
Brominated/chlorinated
dioxins and furans

Polycyclic
aromatic
hydrocarbons

Chlorinated
hydrocarbons

PM 10

HEAVY METALS

Nov 06

Ernesto Burgio ISDE Italia

tablissement public, plac sous la tutelle du ministre charg de


la Sant, lInstitut de veille sanitaire (InVS) runit les missions de
surveillance, de vigilance et dalerte dans tous les domaines de la
sant publique

Ernesto Burgio ISDE Italia

Le specifiche localizzazioni neoplastiche con rischio aumentato sono risultate essere: i sarcomi dei tessuti molli in entrambi i sessi (+ 22%),
i linfomi non Hodgkin nelle femmine (+ 18%) e nei maschi (+ 1%), i tumori al fegato negli uomini (+13%) e nelle donne (+18%), il mieloma multiplo nei
maschi (+ 23%) e nelle femmine (+5%)

Ernesto Burgio
ISDE Italia

Gli oppositori all'incenerimento


hanno ottenuto un sostegno
spettacolare. Raggruppando, in
particolare, il Consiglio
Nazionale dell' Ordine dei
Medici e i principali sindacati
medici, la piattaforma
nazionale del corpo medico ha
reclamato una moratoria
concernente la costruzione di
nuovi inceneritori.
L'incenerimento produce
centinaia di sostanze tossiche
che vengono rilasciate
nell'atmosfera, assicura il
professor Dominique
Belpomme, oncologo
all'ospedale Georges
Pompidou di Parigi.
Il corpo medico non moller
aggiunge, affermando che
non bisogna rifare l'errore
dell'amianto. L'entrata in
scena dei medici nel dibattito
nazionale sull'incenerimento
il riflesso di una forte
mobilitazione nel Puy-de-Dome.
La petizione contro
l'inceneritore ha gi raccolto
527 firme di medici, si rallegra
il dottor Alain Laffont, uno
degli oppositori storici
all'inceneritore. La scintilla
stato il rapporto dell' istituto di
vigilanza sanitaria del 2006.

3
2

Meccanismi (immuno)flogistici
da esposizione cronica ad agenti
atmosferici inquinanti
(con particolare riguardo
al tema del Particolato Ultrafine)
Congresso AIE - October 06

Cabina Nazionale Regia Rifiuti APAT


Ministero Ambiente Nov. 06

Relative Size of Airborne Particulate; Ultrafine particles


are more insidious as they are capable of deep penetration

A given mass of ultrafine particles has


a much greater surface area than the same mass of
fine, yet respirable, particles (box 2)
and so is more likely to cause overload,
(causing far more bronchoalveolar chronic
inflammation, fibrosis and tumors)
.

The adverse effects of ultrafine particles may be mediated


1
in part by their ability to inhibit phagocytosis.

PM < 1

PM10

2
3

The mechanism for the effect on macrophages may be the increased


oxidative stress from the large surface area of ultrafine particles.

Particelle carboniose in macrofagi delle vie aeree


di bambini in buona salute

1
2

7
8

Effetti sulla salute umana in %


per ogni incremento di 10 microgrammi/m3
di PM10 e PM2.5

Effetti

PM10*

PM10**

PM2.5***

Mortalit generica

0.6
1.3

1.3
2.1

Mortalit per patologie


cardiovascolari

0.9

1.4

12

Ricoveri ospedalieri
pazienti over 65

0.7

Mortalit per patologie


respiratorie

Mortalit per cancro al


polmone
*Anderson HR WHO Regional Office for Europe 2004
**MISA Meta Analisi Italiana su otto grandi citt italiane
***Pope A.C., Journal American Association 2002
Pope Circulation 2004

14

CHEMICAL FALL OUT

2 ENDOCRINE DISRUPTORS
dioxin-like moleculles

The gift our mothers


never wanted to give us
1
HEAVY METALS

3
ULTRAFINE PARTICLES

http://www.ewg.org/reports/generations/

Industrial chemicals in mothers and daughters: The pollution


we share and inherit

Sangue materno e fetale


Sangue placentare

Sangue Cordonale
Capelli

A Silent Pandemic
Industrial Chemicals Are Impairing
The Brain Development of Children Worldwide
For immediate release: Tuesday, November 7, 2006

Fetal and early childhood exposures to industrial chemicals


in the environment can damage the developing brain
and can lead to neurodevelopmental disorders (NDDs):
autism, attention deficit disorder (ADHD), and mental retardation.
 10-15% children all over the world.

Developmental neurotoxicity of industrial chemicals.

Grandjean P, Landrigan PJ.


Institute of Public Health, University of Southern Denmark, Odense, Denmark.
pgrand@hsph.harvard.edu
Lancet. 2006 Dec 16;368(9553):2167-78
Neurodevelopmental disorders such as autism, attention deficit disorder, mental retardation,
and cerebral palsy are common, costly, and can cause lifelong disability. Their causes are mostly
unknown. A few industrial chemicals (eg, lead, methylmercury, polychlorinated biphenyls [PCBs],
arsenic, and toluene) are recognised causes of neurodevelopmental disorders and subclinical brain
dysfunction.
Exposure to these chemicals during early fetal development can cause brain injury at doses much
lower than those affecting adult brain function. Recognition of these risks has led to evidencebased programmes of prevention, such as elimination of lead additives in petrol. Although these
prevention campaigns are highly successful, most were initiated only after substantial delays.
Another 200 chemicals are known to cause clinical neurotoxic effects in adults.
Despite an absence of systematic testing, many additional chemicals have been shown to be
neurotoxic in laboratory models. The toxic effects of such chemicals in the developing human
brain are not known and they are not regulated to protect children.
The two main impediments to prevention of neurodevelopmental deficits of chemical origin are
the great gaps in testing chemicals for developmental neurotoxicity and
the high level of proof required for regulation. New, precautionary approaches that recognise the
unique vulnerability of the developing brain are needed for testing and control of chemicals.

Lo studio epidemiologico dell intera coorte per livelli di esposizione ambientale potenzialmente attribuibile agli impianti di
incenerimento( tracciante metalli pesanti)
non mostra eccessi di mortalit
mortalit generale e di incidenza di tutti i tumori
tumori.
. tuttavia
pesanti
, analizzando le singole cause, sono stati riscontrati alcuni eccessi di mortalit
mortalit ed incidenza da considerare con maggior attenzione.
Infatti stato riscontrato nelle donne un eccesso di mortalit
mortalit per tumori dello stomaco, coloncolon-retto , mammella e tutti i tumori
tumori

Difficilmente le nuove
generazioni ci perdoneranno
per questo suicidio ambientale
Lorenzo Tomatis

The emphasis given to life-style factors


to the detriment of information on the role of chemical pollutants
favoured the uninterrupted production of agents with negative effects on
health that remain hidden or secret or are deliberately underestimated..

Adottare il principio di precauzione e quello


di responsabilit significa anche
accettare il dovere di informare
impedire l'occultamento di informazioni su
possibili rischi per la salute
evitare che si continui a considerare
l'intera specie umana come un insieme
di cavie sulle quali saggiare tutto quanto
capace di inventare il progresso tecnologico
(Lorenzo Tomatis)

Dalla MONOGRAFIA ISDE 08

[72]

Tale problematica, evidentemente di primaria importanza, sar approfondita nel cap.


Per una valutazione eco-sistemica e bio-evolutiva dellimpatto ambientale e sanitario

God is subtle but not malicious

God does not play dice


la celebre affermazione che suggella l'acceso dibattito tra Einstein e i
sostenitori di una certa interpretazione della fisica quantistica

I believe in Spinoza's God who reveals himself


in the orderly harmony of what exists

A clever man solves a problem,


a wise man avoids it