Sei sulla pagina 1di 2

Documento storico molto importante prodotto dagli Alleati sull'onda dell'indignazione per

le atrocit commesse nella Seconda guerra mondiale.


la Dichiarazione fa parte dei documenti di base delle Nazioni Unite insieme al suo stesso
Statuto del 1945.
Secondo gli Stati membri non democratici dell'ONU,la Dichiarazione Universale dei Diritti
Umani non vincolante per gli Stati membri dell'organizzazione. Tuttavia ai diritti ed alle
libert in essa riconosciuti va attribuito un valore giuridico autonomo nell'ambito della
comunit internazionale, dal momento che sono ormai considerati dalla gran parte delle
nazioni civili.
La Dichiarazione dei Diritti Umani un codice etico di importanza storica fondamentale:
stato infatti il primo documento a sancire universalmente (cio in ogni epoca storica e in
ogni parte del mondo) i diritti che spettano all'essere umano.
La dichiarazione frutto di una elaborazione umana centenaria, che parte dai primi
principi etici e alla base della Dichiarazione,con questa,hanno ricoperto i milioni di morti
della Seconda guerra mondiale.
La Dichiarazione universale dei diritti umani composta da un preambolo e da 30 articoli
che sanciscono i diritti individuali, civili, politici, economici, sociali, culturali di ogni
persona. I diritti dell'individuo vanno quindi suddivisi in due grandi aree: i diritti civili e
politici e i diritti economici, sociali e culturali.
La Dichiarazione pu essere suddivisa in 7 argomenti:
1.il preambolo enuncia le cause storiche e sociali che hanno portato alla necessit della
stesura della Dichiarazione;
2.gli articoli 1-2 stabiliscono i concetti basilari di libert ed eguaglianza (gi sanciti dalla
Rivoluzione francese);
3.gli articoli 3-11 stabiliscono altri diritti individuali;
4.gli articoli 12-17 stabiliscono i diritti dell'individuo nei confronti della comunit (anche qui
rifacendosi a un dibattito filosofico che va da Platone ad Hannah Arendt);
5.gli articoli 18-21 sanciscono le cosiddette "libert costituzionali", quali libert di pensiero,
opinione, fede e coscienza, parola, associazione pacifica dell'individuo;
6.gli articoli 22-27 sanciscono i diritti economici, sociali e culturali dell'individuo;
7.i conclusivi articoli 28-30 stabiliscono le modalit generali di utilizzo di questi diritti, gli
ambiti in cui tali diritti dell'individuo non possono essere applicati, e che essi non possono
essere ritorti contro l'individuo.

I DIRITTI
- sono inviolabili;
- sono inalienabili(non possono essere ceduti);
- sono imprescrittibili(non possono essere modificati nel tempo);
I diritti fondamentali, quindi, sono principalmente tre:
- Vita;
- Sicurezza;
- Libert;

Quando si parla di diritti delluomo e del cittadino ci si riferisce ad un insieme di diritti


di diversa tipologia:
- Civili(libert);
- Politici(diritto di voto);
- Economici(diritto di lavorare);
- Sociali(diritto alla salute);
- Culturali(diritto allistruzione);