Sei sulla pagina 1di 3

Ode al pomodoro

di Pablo Neruda
La strada
si riemp di pomodori,
mezzogiorno,
estate,
la luce
si divide
in due
met
di un pomodoro,
scorre
per le strade
il succo.
In dicembre
senza pau sa
il pomodoro,
invade
le cucine,
entra per i pranzi,
si siede
riposato
nelle credenze,
tra i bicchieri,
le matequilleras
la saliere azzurre.
Emana
una luce propria,
maest benigna.
Dobbiamo, purtroppo,
assassinarlo:
affonda
il coltello
nella sua polpa vivente,
una rossa
viscera,
un sole
fresco,
profondo,
inesauribile,
riempie le insalate
del Cile,
si sposa allegramente
con la chiara cipolla,
e per festeggiare
si lascia
cadere
l'olio,

figlio
essen ziale dell'ulivo,
sui suoi emisferi socchiusi,
si aggiunge
il pepe
la sua fragranza,
il sale il suo magnetismo:
sono le nozze
del giorno
il prezzemolo
issa
la bandiera,
le patate
bollono vigorosamente,
l'arrosto
colpisce
con il suo aroma
la porta,
ora!
andiamo!
e sopra
il tavolo, nel mezzo
dell'estate,
il pomodoro,
astro della terra,
stella
ricorrente
e feconda,
ci mostra
le sue circonvoluzioni,
i suoi canali,
l'insigne pienezza
e l'abbondanza
senza ossa,
senza corazza,
senza squame n spine,
ci offre
il dono
del suo colore focoso
e la totalit della sua freschezza.

Dal finestrino dodiato treno


rividi a lungo il mio pacato mare
e insieme a lui le molte tante cose
che mi portavo intanto nel futuro.
Bei ricordi sarebbero poi stati
il gran ventaglio dei colori vivi,
i forti azzurri del frizzante Stretto,
il verde di quegli anni benedetti,
i primi rossi delle labbra al bacio,
il bianco delle mille schiume a riva,
il viola duna costa benedetta
il cielo che non mavrebbe visto uomo.
Naso sul vetro, guardai le colline
che ancor da Reggio non ero io uscito.
Scrutai i limoneti che rimpiango,
e di tramonto daranceti mi bagnai.
Quante emozioni conteneva il cuore?
Maggior fortuna volle accarezzarmi
quando in valigia vidi il bergamotto,
perfetto per color, forma ed essenza.
Quel giallo intenso ricord unalba
forse la stessa che maspetto sempre.
Dentro il rovente triste Espresso del 70
pensai al primo mio romano inverno.
Le foglie lucide del bergamotto
non si staccarono per mesi e mesi
cos come per anni ed anni ed anni
non son cadute le mie nostalgie

de n'ngulu puggiatu a nna caseddra,


dre s'addruce Turuzzu a nnu luminu,
manccinnu pane e alive da linccddra.
De supra zimmuddrave nu passitu
ca lu scpincce a jire a lavurare
e ppe mpajre a ciccia a ru trapptu,
ca cc'renu 1'alive'e macinare.
U juru d'alive scammacchite
da mcina, (cci pensu e a. vvote sudu);
ricerdu chire granne fressurate
de cvuli, patate e d'egliu crudu.
A ciccia chira mola la ruddrve
ligata a ru sustgno da capzza,
face dudici giri e s'appenttave
ppe ssi manciare e fave ccu ra vizza.
Nu trasi e nnesci e fmmine ccu stare
de supra a capu, ricche de rigegliu,

Aurelio Zucchi

cantannu jenu a ffila a divacare


dintra le gerre le stagnazze d'egliu.
Chiru trapptu ere nnu triseru,
ugne vicinu ccere d'abbunatu,

Bergamottu po gustu e po prufumu unicu in tuttu

di frsculi a ru terchiu scinne d'eru

Sulu nta calabria mia crisci stu fruttu.

e mmoni, 'a civirt l'ha scunccasstu.


I trappitri tutti suscparti

U Trappitu

e nnuddru scpnce cch na carila,

Quantu ricerdi tegnu de vi dire,

ccu ru prugresso i cicci su ccrisciti,

da giuvinezza mia tanta luntana,

ma nun su bbeni ppe girare a mola.

mi li ripassu a mmente tutte sire


doppu "lAve Maria," de la campana.
Poesia di Giovambattista Amendola
Durmedi a ri "Favali" a ru casnu

Sucu de vigna Nannu Franciscu quasi nuvanttinu,


nu jacca ligna de nu core sanu,
u pane sammugliave dintra u vinu,
de lacqua bonusia stave lluntanu.

Li vinne ara vecchiaja na bruncchita,


ppecch ppe ssi lavare ave bbivutu
na guccia dacqua, e nn ppecch ave ssita,
e da lu lettu nun cchi scinntu.
Appena si nn accertu lu nepte,
u medicu curante cci-ha cchiamatu,
e cchissu ppe ru mntere in salute,
allattu stessu u vinu cci-ha ccacciatu.
Nun ssulu chissu, e cchi cci-ha ccunsigliatu,
de si pigliare, senza atre picate,
dui litri e latte u jernu assai scrematu,
ccu dui tri pacchi e fette biscuttate.

Ma mentre chi scrive sente are scale


nu massu chi sarrezzule aru scuru,
Franciscu gride: ohi p tha fattu male!
o a solita capata cuntru muru!?
Chin ch pperrupatu, mu sa dire?
ppatrimma ca primae si curccare,
mbriacu si ricoglie tutte sire,
e ssi cci cacci u vinu u po ccampare.

Poesia di Giovambattista Amendola