Sei sulla pagina 1di 2

Domande per esame diritto amministrativo

1) Azione di Annullamento xx
L'Annullamento nel diritto amministrativo l'istituto mediante il quale viene fatta perdere efficacia
ad un precedente atto amministrativo. Tale istituto pu essere l'effetto di una sentenza di un giudice
amministrativo, oppure pu essere operata in via di autotutela da parte della pubblica
amministrazione stessa. In quest'ultimo caso si parla, pi propriamente, di revoca dell'atto
L'annullamento di una atto amministrativo pu essere richiesto:

dall'interessato, tramite il ricorso amministrativo: in tal caso, in caso di accoglimento della


domanda, sar un giudice amministrativo tramite una sentenza passata in giudicato ad
annullare concretamente tale atto;

d'ufficio, cio disposto dalla stessa pubblica amministrazione;

Effetti: L'annullamento ha efficacia retroattiva: l'annullamento fa venir meno l'atto invalido dal
momento in cui stato emanato e con esso tutti i suoi effetti. In alcuni casi possibile che non sia
possibile ripristinare esattamente la situazione iniziale: inammissibile, per esempio, quando
dall'annullamento verrebbero pregiudicate le posizioni giuridiche di terzi di buona fede; in questi
casi la retroattivit non applicata completamente.
Termini: Nell'impugnazione- Nel caso l'annullamento sia richiesto dalle parti interessate a mezzo
di ricorso innanzi al giudice amministrativo, questo deve essere fatto valere entro 60 giorni dal
momento in cui stato notificato l'atto o da quello in cui l'interessato ne venuto a conoscenza. Il
termine maggiore se l'atto rispetto al quale si vuole far valere l'annullabilit, lesivo di un diritto
soggettivo e non di un interesse legittimo; in questo caso i termini sono quelli previsti per i diritti
lesi. Scaduto il termine, gli interessati non possono pi richiedere l'annullamento dell'atto
amministrativo viziato, e si parla di consolidazione per inoppugnabilit. Nell'ambito dell'autotutela
della pubblica amministrazione, questa pu sempre revocare l'atto viziato.
A poco a poco, la giurisprudenza, seguendo una ricostruzione della dottrina chiar che la sentenza di
annullamento produce tre tipi di effetti:
-

leffetto di annullamento che rimuove latto e i suoi effetti retroattivamente;


leffetto ripristinatorio, che mira a ricostruire per quanto possibile la situazione di fatto e di
diritto nella quale sarebbe stato il ricorrente al momento dellemanazione della sentenza in
assenza dellatto amministrativo illegittimo (per esempio, la restituzione di un bene
occupato illegittimamente o la ricostruzione della carriera di un dipendente dichiarato
decaduto);
leffetto conformativo (o ordinatorio), che crea un vincolo in capo allamministrazione nel
momento in cui essa emana, ove possibile, un nuovo provvedimento in sostituzione di
quello annullato. Lampiezza di questultimo effetto si determina in funzione dei motivi di
ricorso dedotti in giudizio e posti alla base della sentenza di annullamento. In generale,
laccertamento di un vizio di natura sostanziale pu determinare talvolta una preclusione
assoluta alla reiterazione del provvedimento emanato.

2) Ricorso p. 76 xxx

3) Atto Fonte p.17 xxx x


4) Potere legislativo residuale Dispensa B pag. 31, dispensa A p. 17 xxxx
5) Sen. 303/2003 p. 34xxx
Domande Bonus
SITUAZIONE SOGGETTIVE
1) Ricorso interesse legittimo p 43; p. 45x
2) Interesse amministrativamente protetto p. 43 x xxx
ATTI AMMINISTRATIVI
3) Discrezionalit tecnica p.54 xxx
4) Scivolamento p.55 xxx