Sei sulla pagina 1di 46

(1) STRATO PITTORICO

(2) INTONACO
(3) ARRICCIO
(4) PARETE

baglioni@csgi.unifi.it

GLI AFFRESCHI SONO COMPOSTI


DA STRATI
IL PRIMO STRATO DI UN AFFRESCO E COSTITUITO DA
CALCE DISTRIBUITA SOPRA UN SUPPORTO COME AD
ESEMPIO UNA PARETE DI MATTONI IN UNA CHIESA.
QUESTO PRIMO STRATO, DETTO ARRICCIO, E FORMATO
DA

UNA

MISCELA

DI

CALCE,

Ca(OH)2,

GROSSE

PARTICELLE DI SABBIA IN UN RAPPORTO DI UNA PARTE


DI CALCE (DETTA GRASSELLO) OGNI TRE DI SABBIA.

baglioni@csgi.unifi.it

GLI AFFRESCHI SONO COMPOSTI


DA STRATI
DOPO LINDURIMENTO DEL PRIMO STRATO DOVUTO ALLA
CARBONATAZIONE DEL GRASSELLO VIENE DEPOSITATO UN
SECONDO STRATO DETTO INTONACO. LINTONACO E PIU
RICCO IN GRASSELLO E CONTIENE SABBIA MOLTO PIU FINE
DI QUELLA
UNO

AD

IMPIEGATA NELLARRICCIO IN UN RAPPORTO DI


UNO

OD

INFERIORE

AD

GRASSELLO.

baglioni@csgi.unifi.it

UNO

RISPETTO

AL

GLI AFFRESCHI SONO COMPOSTI


DA STRATI
IN UNAFFRESCO LINTONACO E APPLICATO A ZONE DETTE
GIORNATE E DIPINTE MENTRE LINTONACO E ANCORA FRESCO
IN MODO CHE I PIGMENTI, DISPERSI IN ACQUA, SIANO
FISSATI DURANTE LINDURIMENTO DELLINTONACO.
IL PROCESSO DI PRESA DI UN INTONACO A BASE DI CALCE
AVVIENE PER PERDITA DI ACQUA E CARBONATAZIONE.
DURANTE

LA

DISIDRATAZIONE

EVAPORA E LINTONACO SI CONTRAE.

baglioni@csgi.unifi.it

LECCESSO

DI

ACQUA

Processi di solfatazione
tra i possibili sali che si possono formare i solfati sono tra i pi comuni e pi
dannosi
le principali cause della loro formazione sono:
inquinamento atmosferico
risalita per capillarit dal terreno
produzione ad opera di solfobatteri

La pericolosit dei solfati consiste nel fatto che possono cristallizzare in


diversi stati di idratazione e quindi con volumi molto diversi
Le variazioni di volume esercitano
delle pressioni anche molto forti
sulla struttura porosa dellintonaco
rompendolo in pi punti con la
formazione di crateri
baglioni@csgi.unifi.it

LAnidride Solforosa (SO2) pu essere considerata la specie inquinante maggiormente


coinvolta nei pi comuni processi di degrado
la SO2 emessa massicciamente nellatmosfera ad opera dellinquinamento antropico
due sono le reazioni che nellatmosfera portano alla trasformazione del biossido di zolfo
(SO2) in Acido Solforico (H2SO4)
1)

SO2 + 1/2 O2 + H2O H2SO4

2)

SO2 + H2O H2SO3


H2SO3 + 1/2 O2 H2SO4

lAcido Solforico reagisce con il Carbonato di Calcio e lacqua producendo Solfato di Calcio
bi-idrato (CaSO4 2H2O) e Anidride Carbonica (CO2)
H2SO4 + CaCO3 + H2O CaSO4 2H2O + CO2
(Gesso)
il Solfato di Calcio che nella struttura si sostituisce al Carbonato ha un volume
quasi doppio e le tensioni che crea fanno si che il pigmento spolveri o cada in
scaglie

baglioni@csgi.unifi.it

CaCO3

Enzo Ferroni

CaSO4.2H2O

Dino Dini
baglioni@csgi.unifi.it

Metodo Ferroni-Dini
Reazione di de-solfatazione

1. CaSO4.2H20+ (NH4)2CO3 CaCO3 + (NH4)2SO4 + H2O

2. (NH4)2SO4 + Ba(OH)2 BaSO4 + 2NH4OH


_______________________
importante: reazione accoppiata
Con eccesso di Ba(OH) 2

Ba(OH)2 + CaCO3 Ca(OH)2 + BaCO3


Ca(OH)2 +CO2 CaCO3 + H2O
baglioni@csgi.unifi.it

Pre-restoration

Piero della Francesca


(15th century)

La Leggenda della Vera Croce


San Francesco Church, Arezzo

Post-restoration
baglioni@csgi.unifi.it

Piero della Francesca


(15th century)

La Leggenda della Vera Croce


San Francesco Church, Arezzo

baglioni@csgi.unifi.it

Piero della Francesca


(15th century)

La Leggenda della Vera Croce


San Francesco Church, Arezzo

Pre-restoration

Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Piero della Francesca


(15th century)

La Leggenda della Vera Croce San Francesco Church, Arezzo

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico
Post-restoration

Pre-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico
Pre-restoration
Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico
Pre-restoration

Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico
Pre-restoration

Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico
Pre-restoration

Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Pre-restoration

Beato Angelico
Crucifixion
Sala del Capitolo
San Marco in Florence
Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico

Post-restoration

Pre-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico
Pre-restoration

Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico
Pre-restoration

Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico
Pre-restoration

Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Beato Angelico
Pre-restoration

Post-restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Sulphated
frescoes by
Sogliani
(16th century)

San Marco Abbey


Florence

baglioni@csgi.unifi.it

De-sulphation of frescoes
San Marco in Florence

baglioni@csgi.unifi.it

baglioni@csgi.unifi.it

Nanotechnologies
How much is a
nanometer?

baglioni@csgi.unifi.it

Why nano-particles
Nano-particles have dimensions below 0.1 m.
The advantage in using these particles are:
1) high reactivity
2) particles penetrate easily inside the artifact
3) particles have enhanced physico-chemical properties
4) Reactivity and properties can be controlled and
modulated controlling the particle size

baglioni@csgi.unifi.it

Why hexagonal nanoprisms are preferred for


wall painting re-cohesion

9Hexagonal prisms with lc/la<<1 have


very high plasticity
9Better carbonation reaction due to water
retention among the hexagons inter-layers
baglioni@csgi.unifi.it

Why nanoparticles of Ca(OH)2


Why it is difficult to use Ca(OH)2 (that is the best
consolidant for carbonatic materials)?
Saturated solutions Ca(OH)2 (lime water) are too
diluted in calcium hydroxide (about 1 g/l)

The increase of Ca(OH)2 concentration is possible only


by making high concentrated dispersions (up to 30% by
vol.) of nanoparticles
Usually, dispersions are in non aqueous solvents
baglioni@csgi.unifi.it

Synthesis of Ca(OH)2 nanoparticles


Several methods can be used to produce nanoparticles
Heterogeneous phase synthesis
Homogeneous phase synthesis (in water solution) Method 1
Homogeneous phase synthesis (diol solution) Method 2
Microemulsions
Paricle size can be changed by adding co-solute/co-ions

baglioni@csgi.unifi.it

Ambrosi, M., Baglioni, P., Dei, L., Giorgi, R., Neto, C., Nanosized crystals of Ca(OH)2: properties and
application, Langmuir 17, 2001, p.4251-4255.
Giorgi, R. , Dei, L. , Ceccato, M. , Schettino, C. & Baglioni, P. Nanotechnologies for conservation of
cultural heritage: paper and canvas deacidification. Langmuir, 18, 8198 - 8203 , (2002).

Fase 1: LA SINTESI

Glicol etilenico

150 C
CaCl2

NaOH

CaCl2(EG) + 2NaOH(aq)

Ca(OH)2(s) + 2NaCl(s)

Si ottengono aggregati macroscopici di


nanofasi di Ca(OH)2

Glicol etilenico
baglioni@csgi.unifi.it

Sperimentazioni in laboratorio e cantieri di restauro


Verificare potenzialit ed efficacia di Ca(OH)2 nanostrutturato
in applicazioni su vasta scala.

Fase 2: LA PURIFICAZIONE

1. Lavaggi con acqua


distillata

2. Centrifugazione

baglioni@csgi.unifi.it

Sperimentazioni in laboratorio e cantieri di restauro


Verificare potenzialit ed efficacia di Ca(OH)2 nanostrutturato
in applicazioni su vasta scala.

Fase 3: LA PEPTIZZAZIONE
Dispersione in
2-propanolo
Gli ultrasuoni
disperdono le
nanoparticelle

baglioni@csgi.unifi.it

Ca(OH)2 nanoparticles obtained by microemulsion


C12E4/ciclohexane/NaOH/CaCl2

____
200 nm

___
150 nm
baglioni@csgi.unifi.it

Nano- and micro technologies


International patent pending,
pending, January,
January, 15, 2002

SEM picture of some nanoparticles,


bar = 400 nm.

baglioni@csgi.unifi.it

SEM picture of calcium hydroxide microparticles


obtained by homogeneous phase; bar = 1 m.
baglioni@csgi.unifi.it

baglioni@csgi.unifi.it

Pre-consolidation of fresco
by lime-propan-1-ol dispersion
Portion of a wall painting in the Cappellone degli Spagnoli (Chiostro
Verde in Santa Maria Novella, Florence). Before (left) and after (right)
the restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Pre-consolidation of fresco
by lime-propan-1-ol dispersion
Portion of a wall painting in the Cappellone degli Spagnoli (Chiostro
Verde in Santa Maria Novella, Florence). Before (left) and after (right)
the restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Pre-consolidation of fresco
by lime-propan-1-ol dispersion
Portion of a wall painting in the Cappellone degli Spagnoli (Chiostro
Verde in Santa Maria Novella, Florence). Before (left) and after (right)
the restoration

baglioni@csgi.unifi.it

Pre-consolidation of fresco
by lime-propan-1-ol dispersion
Piero della Francesca
Arezzo

baglioni@csgi.unifi.it

Calcium hydroxide nanoparticles applied


on frescoes

Wall paintings by Santi di


Tito (XVI century) Gli
Angeli Musicanti on the
Counterfaade
of
the
Santa Maria del Fiore
Cathedral in Florence.
The region in the box has
been treated with nano
particles; (top) before the
restoration,
(bottom)
after the restoration.

baglioni@csgi.unifi.it

Calcium hydroxide nanoparticles applied on


frescoes

baglioni@csgi.unifi.it

Filippo Lippi (15th century)


Major Chapel, S.Stefano Cathedral, Prato

Mark Gittins at work

baglioni@csgi.unifi.it

Filippo Lippi (15th century)


Major Chapel, S.Stefano Cathedral, Prato

baglioni@csgi.unifi.it