Sei sulla pagina 1di 9

23-08-2015

IL TESTO
NARRATIVO
Tutte le volte che leggiamo, scriviamo, ascoltiamo o parliamo
abbiamo a che fare con dei TESTI. Di testi ne esistono di diversi
tipi. Adesso iniziamo col conoscere il testo NARRATIVO!

Il testo NARRATIVO proprio quello che RACCONTA


una storia, NARRA una vicenda in cui ci sono sempre:
AVVENIMENTI che si sviluppano nel TEMPO e nello SPAZIO
PERSONAGGI che compiono determinate AZIONI
Un NARRATORE che racconta la storia.

TUTTE LE STORIE SONO TESTI NARRATIVI!

23-08-2015

Il campo era completamente immerso nel silenzio e la


notte era a met del suo corso. Quando l'eco dei richiami e
delle parole d'ordine delle sentinelle si fu spenta, una figura
ammantata usc furtivamente dalla tenda degli ospiti, si
diresse verso quella del re ed entr.
Nel chiarore di due lucerne si scopr il capo mostrando il
volto La donna cerc il cuore di Alessandro tenendo lo
spillone nella mano sinistra, poi alz la destra per colpire,
ma in quell istante il re si svegli e la fulmin con uno
sguardo di fuoco. Forse si tratt solamente dell'ombra
proiettata dalla lucerna, ma il suo occhio sinistro, nero come
la notte, lo faceva sembrare una creatura aliena, quasi un
mostro mitologico. La mano rest sospesa a mezz'aria,
incapace di vibrare l'affondo mortale.

LA STRUTTURA DEL TESTO NARRATIVO = COME FATTO

TRAMA

: da qui prendono avvio


tutte le vicende

della storia o
: si
delineano gli avvenimenti e si sviluppano i
personaggi

: raggiungimento di un successo
(lieto fine) o di un insuccesso (finale drammatico)

23-08-2015

PERSONAGGI

LA STRUTTURA DEL TESTO NARRATIVO = COME FATTO


Possono essere pochi (anche uno solo) o numerosi; si
possono suddividere in:
come il PROTAGONISTA e LANTAGONISTA;
sono il vero motore della storia e di solito sono descritti
in modo completo, dettagliato e approfondito;
possono essere aiutanti o oppositori;
i meno importanti.

Lo scrittore davvero bravo quando riesce a renderli


credibili e veri: se questo avviene noi lettori gioiamo e
soffriamo insieme a loro.

TEMPO E LUOGO

LA STRUTTURA DEL TESTO NARRATIVO = COME FATTO


Tutte le vicende raccontate sono collocate in un
e hanno una
. Se il testo narrativo racconta fatti
reali, il tempo di solito determinato con chiarezza. Se
un racconto fantastico o fantasy il tempo pu essere
invece indeterminato.

Tutte le vicende raccontate sono collocate in uno o pi


luoghi che possono avere le caratteristiche pi diverse:
possono essere
(mare, foresta),
(casa,
castello),
,
.

23-08-2015

Si erano gi accesi i fanali, il traffico serale si faceva pi


intenso, ma quella signora non accennava ad andarsene.
Aveva gi fatto tirare gi mezzo negozio, voleva un taglio di
una stoffa che non esisteva in un colore che non esisteva.
Giuseppe era stanco. Stanco di stare in piedi, stanco di dire
sissignora, stanco di vendere stoffe, stanco di essere
Giuseppe, stanco di essere stanco.

Con quale ordine vengono raccontati i fatti?


Quel giorno Luca era uscito di casa senza una meta. Era una
splendida giornata di primavera ed egli raggiunse il parco. Con
grande sorpresa vide che erano arrivate le giostre, gli
ottovolanti, gli autoscontri del luna park. Sost per qualche
minuto ad ammirare lo spettacolo e poi riprese la strada verso
casa.
Quando, come in questo caso, i fatti sono raccontati rispettando
, cio la loro successione reale nel tempo, si
dice che sono raccontati secondo il loro

1. Luca usc di casa.


2. Luca raggiunse il parco e sost qualche minuto per
ammirare il luna park.
3. Luca riprese la strada di casa.

23-08-2015

Con quale ordine vengono raccontati i fatti?


Quando invece il narratore cambia lordine naturale delle
vicende, magari anticipando qualcosa che accadr in futuro
(
) o ricostruendo fatti avvenuti nel passato
(
), si dice che l

Ad esempio:
Mentre stava per addormentarsi Luca ripensava alla splendida
giornata trascorsa, si rivedeva mano nella mano con Lucia
mentre la riaccompagnava a casa, al luna park vicino alle
montagne russe dove laveva conosciuta, scambiando qualche
parola sullinsegnante di storia che avevano in comune, e subito
dopo quando, sorridenti e felici, salivano sulle montagne russe. E
pensare che la serata era iniziata proprio male: Roger gli aveva
telefonato che era ammalato e che non poteva accompagnarlo, e
lui si era avviato verso il luna park solo e triste

Il testo che hai appena letto chiaro, scorrevole, le cose che


accadono si capiscono bene anche se non rispettano lordine
naturale in cui si sono svolte. Anzi, leggendo sentiamo che il
racconto funziona, che possiamo identificarci con i personaggi.
Si tratta di un esempio di ordine artificiale. Se volessimo
rimettere le cose in ordine cronologico naturale, allora
dovremmo fare cos:
1. Roger telefona a Luca dicendo che ammalato e non pu
accompagnarlo al luna park.
2. Luca si avvia da solo verso il luna park.
3. Raggiunge le montagne russe.
4. Conosce Lucia, scambiando qualche parola con lei.
5. Luca e Lucia salgono sulle montagne russe.
6. Luca prende per mano Lucia e laccompagna a casa.
7. Luca raggiunge la sua abitazione, e si mette a letto.
8. Prima di dormire ripensa ai fatti accaduti nella serata.

23-08-2015

Come hai visto, lordine naturale cronologico stato modificato: i


primi fatti accaduti in ordine di tempo (la telefonata di Roger a
Luca) sono raccontati per ultimi. La tecnica che il narratore ha
usato quella del flash-back
SUCCESSIONE DEI FATTI IN ORDINE CRONOLOGICO O NATURALE

TRAMA DELLA VICENDA

SUCCESSIONE DEI FATTI IN ORDINE ARTIFICIALE


CIO COME SONO RACCONTATI DALLO SCRITTORE

NARRATORE

LA STRUTTURA DEL TESTO NARRATIVO = COME FATTO


Il
chi racconta la storia: pu farlo in prima
persona (dicendo io nel racconto) oppure in terza
persona. Ricorda che il narratore non sempre coincide
con lautore, cio lo scrittore che scrive la storia.
Il narratore chi racconta la storia: pu farlo in prima
persona (dicendo io nel racconto) oppure in terza
persona. Quando il narratore racconta in prima persona
si chiama
, e di solito racconta la
propria storia o un testimone che ha assistito ai fatti.
Quando il narratore racconta in terza persona si chiama
, e diventa una voce fuori campo,
narra gli avvenimenti in modo impersonale.

23-08-2015

La prima volta che ricordo di avere visto mio padre, stato a


cinque anni. Ricordo solo lui, nel giorno che torn dal confino
politico, mentre il resto confusione di volti. [] Quando
usciamo, non capisco la ragione per cui mio padre sceglie le
strade pi deserte, i borghi pi oscuri, quando c tanta luce nelle
vie oltre il torrente e, di l, arriva il rumore della folla.

Un giorno una penna macchi dinchiostro il quaderno di uno


scolaro. Il ragazzo, arrabbiato, la butt dalla finestra. La penna
fin nel contenitore del cioccolato della bancarella del gelataio,
fermo allangolo della strada. Una bambina compr il gelato e
trov dentro il cono la penna. Per la bambina fu un giorno
fortunato.

LE SEQUENZE

LA STRUTTURA DEL TESTO NARRATIVO = COME FATTO

Un testo narrativo si pu suddividere in


,
cio in unit pi piccole, pezzi di racconto che
contengono parti definite delle vicende.

Come si fa a riconoscere la fine di una sequenza e


linizio di unaltra? Si fa attenzione a: a) i capoversi
(andare a capo); b) un cambiamento di luogo; c) un
cambiamento di tempo; d) la comparsa o luscita di un
personaggio; e) il passaggio da una tecnica narrativa a
unaltra (es. da un dialogo a una descrizione).

23-08-2015

LE SEQUENZE DI UN TESTO NARRATIVO POSSONO ESSERE DI DIVERSI TIPI


NARRATIVE, nelle quali vengono raccontate
le azioni dei personaggi o i fatti, le vicende
che li riguardano. Danno movimento alla
narrazione, determinano lo sviluppo del
racconto:
Dun tratto, Edmondo usc dalla grotta e si
mise a correre attraverso lisola spaventando
le capre selvatiche.
DESCRITTIVE, nelle quali vengono
descritti
personaggi, luoghi, oggetti:

Da un lato cerano case normali,


quasi tutte
di legno. Dallaltra parte cerano
costruzioni
improvvisate, che spesso erano
soltanto un
tetto sostenuto da pali; quasi tutte
sembravano sul punto di crollare.

RIFLESSIVE, nelle quali vengono


riportati pensieri, riflessioni, giudizi
del narratore o di un personaggio.
Producono un rallentamento o
addirittura
un arresto della narrazione:

La mia fortuna dovevo


convincermene
consisteva appunto in questo:
nellessermi liberato della moglie,
della suocera, dei debiti, delle
afflizioni umilianti della mia prima
vita. Ora, ero libero del tutto. Non
mi bastava?
Eh via, avevo ancora tutta una vita
innanzi
a me!

DIALOGICHE, nelle quali vengono riportati i dialoghi, ossia le parole, le


battute che i personaggi si scambiano tra loro:
Lo conoscete personalmente?
S, sire, e so che ha portato a termine missioni
molto delicate.
Possiede sangue freddo, intelligenza?
Possiede tutto ci che serve per limpresa.
robusto?
Pu sopportare freddo, fame, sete, fatica...
Ha un fisico di ferro, dunque. E il cuore?
Il cuore doro, sire.
Come si chiama?
Michele Strogoff.
Il dosaggio dei diversi tipi di sequenze contribuir a determinare un ritmo
narrativo veloce o lento, a seconda del prevalere delle sequenze narrative o
delle sequenze riflessive e descrittive.

23-08-2015

MAI TESTI NARRATIVI SONO TUTTI UGUALI?


Ovviamente no! Una suddivisione semplice questa:
TESTI NARRATIVI
(finzione)
Romanzi, racconti, favole,
fiabe, miti, leggende,
novelle

I fatti e i personaggi
raccontati appartengono
a mondi immaginari che,
per quanto verosimili,
non corrispondono
sempre al mondo reale.

TESTI NARRATIVI
(realt)
Articoli di giornale,
cronache storiche, diari,
biografie, autobiografie,
resoconti di viaggio
I fatti e i personaggi
raccontati appartengono
al mondo della realt.