Sei sulla pagina 1di 65

UNIONE EUROPEA

REGIONE CALABRIA

REPUBBLICA ITALIANA

DIPARTIMENTI
ATTIVITA PRODUTTIVE
LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, POLITICHE DELLA FAMIGLIA,
COOPERAZIONE E VOLONTARIATO
CULTURA, PUBBLICA ISTRUZIONE, UNIVERSITA, RICERCA SCIENTIFICA
E INNOVAZIONE TECNOLOGICA
PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

POR FESR CALABRIA 2007-2013


ASSE I RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIET
DELLINFORMAZIONE
Linea di Intervento 1.1.3.2 Realizzazione dei Piani di Innovazione Aziendali ed
Interaziendali previsti dai Pacchetti Integrati di Agevolazioni e dai Contratti di Investimento
ASSE VII SISTEMI PRODUTTIVI
Linea di Intervento 7.1.4.1 - Pacchetti Integrati di Agevolazioni per

competitivit delle imprese esistenti


POR FSE CALABRIA 2007-2013
ASSE I ADATTABILIT

AVVISO PUBBLICO
ALLEGATO A - MODULISTICA

sostenere la

Sommario

A. ALLEGATO 1 - FACSIMILE DEL MODULO DI DOMANDA.....................................................................................3


B. ALLEGATO 2 - PIANO DESCRITTIVO PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE................................................................8
C. ALLEGATO 3 - FACSIMILE SCHEDA TECNICA.................................................................................................34
D. ALLEGATO 4 - FACSIMILE DICHIARAZIONE

ATTESTANTE DI NON AVER RICEVUTO

RIMBORSATO O DEPOSITATO) AIUTI INDIVIDUATI INCOMPATIBILI O ILLEGALI DALLA

(O

SUCCESSIVAMENTE

COMMISSIONE EUROPEA

(DPCM DEL 23 MAGGIO 2007)................................................................................................................... 53


E. ALLEGATO 5 -

FACSIMILE

DI

DICHIARAZIONE

LASSENSO ALLA REALIZZAZIONE DEL

F. ALLEGATO 6 SCHEMA

DI

DEL PROPRIETARIO DELLIMMOBILE STESSO ATTESTANTE

PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE............................................................55

PERIZIA GIURATA

RELATIVA AL RISPETTO DEI VINCOLI URBANISTICI E ALLA

DESTINAZIONE DUSO DELLIMMOBILE........................................................................................................... 56

G. ALLEGATO 7 - FACSIMILE DI DICHIARAZIONE RELATIVA

A CIASCUN

IMMOBILE DA ACQUISTARE......................57

H. ALLEGATO 8 FACSIMILE DI DICHIARAZIONE BREVETTI E PROGRAMMI INFORMATICI.....................................59


I.

ALLEGATO 9 - FACSIMILE LETTERA DI INTENTI DEL FORNITORE DI SERVIZI.....................................................61

J.

ALLEGATO 10 - FACSIMILE DI COMUNICAZIONE DI ESITO DI DELIBERA DEL FINANZIAMENTO BANCARIO.............62

K. ALLEGATO 11 - FACSIMILE

DI

ATTESTAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO..........................................................64

L. ALLEGATO 12 FACSIMILE DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI NOTORIET SCHEMA GENERALE..................65

A.

ALLEGATO 1 - FACSIMILE DEL MODULO DI DOMANDA

UNIONE EUROPEA

REGIONE CALABRIA

REPUBBLICA ITALIANA

POR FESR CALABRIA 2007-2013


ASSE I RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIET
DELLINFORMAZIONE
Linea di Intervento 1.1.3.2 Realizzazione dei Piani di Innovazione Aziendali ed
Interaziendali previsti dai Pacchetti Integrati di Agevolazioni e dai Contratti di Investimento
ASSE VII SISTEMI PRODUTTIVI
Linea di Intervento 7.1.4.1 - Pacchetti Integrati di Agevolazioni per sostenere la
competitivit delle imprese esistenti

POR FSE CALABRIA 2007-2013


ASSE I ADATTABILIT

AVVISO PUBBLICO
DOMANDA DI AGEVOLAZIONE

Pagina 3 di 65

DOMANDA DI AGEVOLAZIONE

Regione Calabria
Dipartimento Attivit Produttive
Viale Cassiodoro Pal. Europa
88100 Catanzaro

l/La

sottoscritto/a

_______________________________________________,

nato/a

____________________ (____), il ___________________ CF ____________________________ residente


a __________________________________ (____) in via ____________________ n. __________, in
qualit di1 ________________________ dellimpresa __________________________________________
forma

giuridica

_____________________________,

___________________________________

Prov.

______

con
CAP

sede
________

legale
in

in

via/Piazza

_______________________________________ n. _______, Telefono ____________________________,


Fax _____________________________, indirizzo e-mail __________________________
CHIEDE

di accedere alle agevolazioni previste dallAvviso Pacchetti Integrati di Agevolazione per realizzare un
Piano di Sviluppo Aziendale neI settore ISTAT _____________, per una spesa complessiva prevista di
_____________, articolato nei seguenti Piani specifici:

DESCRIZIONE

Contributo
richiesto
(euro)

Cofinanzimento
privato
(euro)

Totale
investimenti
(euro)

(I) Piano Investimenti Produttivi


(S) Piano Integrato di Servizi Reali
(R) Piano di Innovazione
(F) Piano di Formazione
Totale

A tal fine, consapevole della responsabilit penale cui pu andare incontro in caso di dichiarazioni mendaci,
ai sensi e per gli effetti dellart. 76 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445,
DICHIARA

di essere consapevole che possono beneficiare dellagevolazione solo i Piani di Sviluppo Aziendale con
avvio dei lavori successivo alla data di presentazione della Domanda di Agevolazione da parte del
Soggetto Beneficiario, ai sensi dellart. 8, comma 2 del Reg. (CE) n. 800/2008;

di accettare senza riserva i termini, le condizioni e le prescrizioni contenute nellAvviso pubblico


Pacchetti Integrati di Agevolazione. Industria, Artigianato e Servizi, approvato con Decreto n. .. del
e pubblicato nel Burc n. .. del ., e negli allegati che ne formano parte integrante;

() Legale rappresentante o procuratore speciale (in questultima ipotesi allegare la procura o copia autentica della stessa).

Pagina 4 di 65

di essere iscritto al Registro delle Imprese;

di essere titolare di partita IVA;

di essere iscritto allINPS;

di essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali a
favore dei lavoratori ai sensi della normativa vigente;

di operare nel pieno rispetto delle vigenti norme in materia ambientale, di edilizia e urbanistica, in
materia di sicurezza e tutela della salute nei luoghi di lavoro, in materia di pari opportunit e di
contrattazione collettiva nazionale;

di non trovarsi nelle condizione di difficolt per come definito dal Reg. 800/2008, art. 1, comma 7;

di operare nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo in stato di scioglimento o
liquidazione e non essendo sottoposta a procedure di fallimento, liquidazione coatta amministrativa e
amministrazione controllata;

di essere in regola con gli obblighi relativi al pagamento delle imposte e delle tasse secondo la
legislazione vigente e di non avere cartelle di pagamento pendenti che rientrano nella fattispecie prevista
dallarticolo 48/bis del D.P.R. n. 602/1973, comma 1;

di operare in regime di contabilit ordinaria (ovvero di operare in regime di contabilit semplificata


ovvero, per le imprese industriali e di servizi, di operare in regime di contabilit semplificata e di
impegnarsi, in caso di ammissione alle agevolazioni, ad adottare il regime di contabilit ordinaria a
partire dal primo esercizio contabile nel quale possibile esercitare lopzione);

di non aver ottenuto o richiesto (ovvero in caso contrario di impegnarsi a restituire o a rinunciare)
agevolazioni di qualsiasi natura in base a leggi nazionali, regionali o comunitarie o da parte di enti o
istituzioni pubbliche relative al presente Piano di Sviluppo Aziendale e di impegnarsi a non richiederle
per il futuro;

di non trovarsi nelle condizioni di cui allart. 2359 del C.C. relativamente alle spese di compravendita tra
due imprese;

di essere consapevole del fatto che le modifiche del Piano di Sviluppo Aziendale, delle informazioni,
della documentazione e/o dei dati forniti, intervenute successivamente alla chiusura dei termini per la
presentazione della Domanda di Agevolazione a valere sullAvvio Pubblico Pacchetti Integrati di
Agevolazione, e fino alla pubblicazione delle graduatorie, rilevanti ai fini del calcolo degli indicatori,
comportano la decadenza della presente istanza di agevolazione;
SI IMPEGNA

a comunicare tutte le variazioni riguardanti i dati contenuti nel Modulo di Domanda di Agevolazione
Pacchetti Integrati di Agevolazione. Industria, Artigianato e Servizi e nella documentazione allegata che
dovessero intervenire successivamente alla sua presentazione;

a produrre tutta lulteriore documentazione che lAmministrazione Regionale dovesse ritenere necessaria
per lespletamento dellistruttoria e il successivo monitoraggio tecnico e amministrativo;

a produrre, qualora non venga allegato alla presente Domanda, il Documento Unico di Regolarit
Contributiva (D.U.R.C.) entro la chiusura dellattivit istruttoria, pena la decadenza;

a rispettare il divieto di cumulo, di cui allart. 9 dellAvviso Pubblico, in virt del quale gli aiuti previsti
Pagina 5 di 65

dallAvviso non possono essere cumulati con altri aiuti esentati del Regolamento (CE) n. 800/ 2008 o con
gli aiuti d'importanza minore (de minimis) che soddisfino le condizioni di cui al regolamento (CE) n.
1998/2006 della Commissione ovvero con altri finanziamenti della Comunit relativi agli stessi costi
coincidenti in parte o integralmente ammissibili, ove tale cumulo porti al superamento delle intensit di
aiuto o degli importi massimi di aiuto previsti dalla Carta degli Aiuti a Finalit Regionale 2007-2013 e dal
Regolamento (CE) n. 800/2008.

a rispettare, qualora ricorrano le condizioni, la normativa prevista dallart. 1, comma 1223, della Legge
27 dicembre 2006, n. 296 concernente determinati aiuti di Stato dichiarati incompatibili dalla
Commissione europea e indicati dal DPCM 23 maggio 2007.

ad accettare e rispettare senza riserva i termini, le condizioni e le prescrizioni contenute nellAvviso e


negli allegati che ne formano parte integrante, e a rispettare i programmi di attivit previsti nel Piano di
Sviluppo Aziendale allegato.
AUTORIZZA

la Regione Calabria ad inoltrare le comunicazioni previste dallAvviso anche a mezzo fax o posta
elettronica certificata agli indirizzi indicati nellapposita sezione della Scheda tecnica.
AUTORIZZA ALTRESI

fin da ora la Regione Calabria ed ogni altro soggetto formalmente delegato ad effettuare tutte le indagini
tecniche ed amministrative dagli stessi ritenute necessarie sia in fase di istruttoria che dopo leventuale
concessione delle agevolazioni richieste e lerogazione a saldo delle stesse.

Elenco allegati:
1. Piano Descrittivo
2. Scheda Tecnica
3.
4.

Luogo e data _________________________


Timbro e firma e del Rappresentante Legale

__________________________________

Ai sensi dell'articolo 38 - comma 3 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, l'autentica delle firme in calce alla dichiarazione domanda ovvero ad ogni altro

documento che la preveda, potr, oltre che nelle consuete forme, essere effettuata allegando la fotocopia di un valido documento di identit del firmatario.

Pagina 6 di 65

INFORMATIVA EX ART. 13 DEL DLGS N196/2003


Ai sensi dell'articolo 13 del DLgs n196/2003, relativa alla tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al
trattamento di dati personali, il trattamento dei dati che ci sta affidando sar improntato ai principi di
correttezza, liceit e trasparenza e di tutela della sua riservatezza e dei suoi diritti.
La informiamo che:
1. i dati da lei forniti verranno trattati per le seguenti finalit: Avviso Pubblico Pacchetti Integrati di
Agevolazione;
2. il trattamento sar effettuato con modalit manuali e informatizzate;
3. il conferimento dei dati obbligatorio, in quanto funzionale alla partecipazione allAvviso Pubblico di cui
al Punto 1 e a cui si riferisce la presente dichiarazione e l'eventuale rifiuto di fornire tali dati potrebbe
comportare la mancata ammissione della istanza di agevolazione;
4. i dati saranno comunicati allAmministrazione regionale sulla base delle specifiche competenze e dei
ruoli previsti nellambito delle procedure contemplate dallAvviso Pubblico Pacchetti Integrati di
Agevolazione;
5. il titolare del trattamento la Regione Calabria Dipartimento Attivit Produttive - con sede in Viale
Cassiodoro Pal. Europa 88100 Catanzaro;
6. in ogni momento potr esercitare i Suoi diritti nei confronti del titolare del trattamento, ai sensi dell'art. 7
del D. Lgs n 196/2003.

Il/La sottoscritto/a, acquisite le informazioni fornite dal titolare del trattamento ai sensi dell'articolo 13 del
D.Lgs n 196/2003, nella sua qualit di interessato, presta il suo consenso al trattamento dei dati personali,
sensibili e non sensibili, per i fini indicati nella suddetta informativa.

Luogo e data _____________________________

Timbro e firma del Rappresentante Legale


________________________________

Pagina 7 di 65

B.

ALLEGATO 2 - PIANO DESCRITTIVO PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE

Scopo dellIndice fornire una struttura comune per la descrizione delle iniziative proposte. I soggetti
proponenti possono anche fornire un maggior dettaglio sui singoli punti, salvo mantenere la struttura
generale.
PARTE GENERALE
Il Piano descrive lorganizzazione e il campo di attivit del Soggetto proponente, del Piano di Sviluppo
Aziendale sia sotto laspetto tecnico, produttivo, organizzativo e gestionale e delle ragioni che ne giustificano
la realizzazione, del prodotto/servizio, delle tematiche ambientali e le conseguenze sulloperativit aziendale.
Gli argomenti che devono essere contenuti nel piano descrittivo, da adattare alle circostanze ed alle
caratteristiche specifiche di ciascun Piano di Sviluppo Aziendale, sono i seguenti:
1. Descrizione del Soggetto proponente
- Compagine sociale
- Esperienze e competenze del management
2. Sintesi del Piano di Sviluppo Aziendale proposto
- Caratteristiche salienti del Piano di Sviluppo Aziendale
(descrivere sinteticamente il Piano di Sviluppo Aziendale che si intende realizzare)
- Presupposti e motivazioni che ne sono allorigine
(indicare le ragioni produttive, commerciali ed economiche)
- Obiettivi produttivi perseguiti
(descrivere quali sono gli effetti produttivi)
- Obiettivi economici perseguiti
(descrivere levolversi della situazione economica del soggetto proponente, commentando il conto
economico previsionale previsto per lanno a regime e i due successivi)
- Elementi di integrazione tra i diversi Piani Specifici che compongono il Piano di Sviluppo Aziendale
- Copertura dellinvestimento
(Dettagliare analiticamente come il soggetto proponente intenda far fronte allinvestimento proposto,
evidenziando e descrivendo nel dettaglio le singole fonti di copertura previste, specialmente in
riferimento allapporto di nuovi mezzi propri.)
3. Prodotti/Servizi
Descrizione e caratteristiche dei prodotti/servizi/attivit che il soggetto proponente intende realizzare
(fare riferimento alla sezione Produzione della Scheda Tecnica)
- Mercato di riferimento e concorrenza
(Descrizione del mercato, dimensioni e prospettive di sviluppo della domanda complessiva,
descrizione della struttura dellofferta)

Pagina 8 di 65

PIANI SPECIFICI
I) Piano degli Investimenti Produttivi
I1. Lorganizzazione dei fattori produttivi

Descrivere la struttura produttiva attuale e/o di quella successiva allinvestimento proposto. In


particolare, descrivere lassetto tecnico attuale e quello previsto successivamente allultimazione del
Piano di Investimenti Produttivi, sia sotto il profilo immobiliare (superfici coperte e sviluppate,
destinazione degli spazi, ecc.) sia sotto il profilo funzionale (impianti, attrezzature, macchinari, ecc.);

Specificare i fattori produttivi disponibili o da acquisire (lavoro, capitale e know-how);

Descrivere gli investimenti previsti (al netto dell'IVA in euro):


Dettagliare il programma di spesa, esponendo anche le spese non agevolabili, utilizzando
larticolazione dei prospetti che seguono, e, dove possibile, facendo riferimenti ai preventivi presentati,
ponendo particolare attenzione affinch gli importi delle spese relativi ai singoli capitoli ed al totale
dellinvestimento coincidano con quelli indicati nella Scheda Tecnica con riferimento allintero Piano
degli Investimenti Produttivi proposto, ivi inclusi eventuali costi relativi a interventi considerati
innovativi ai sensi del Bando, nonch per il rispetto dei principi di pari opportunit e tutela ambientale.
Potendo limpresa indicare un programma di spesa di valore superiore al limite fissato nel Bando,
nellesposizione delle voci di spesa occorre distinguere quelle per le quale si richiede lagevolazione
dalle altre.
Per le progettazioni, studi e assimilabili, indicarne loggetto; per il suolo indicare le caratteristiche
dimensionali e qualitative e leventuale necessit di sistemazioni e indagini geognostiche; per le opere
murarie indicare le principali caratteristiche costruttive e dimensionali, i computi metrici di massima e
gli estremi che consentano lidentificazione di ciascuna opera nella planimetria generale prevista tra la
documentazione (specificando in due sezioni distinte la quota parte delle opere e relativi costi per il
rispetto dei principi di pari opportunit e tutela ambientale suddivisa per ciascun codice dei criteri di
valutazione) e gli estremi relativi alla eventuale documentazione autorizzativa; delle opere murarie
indicare anche i costi unitari per mq, mc e per unit di manufatto, gli estremi che consentano
lidentificazione di ciascuna opera nella planimetria generale prevista tra la documentazione, i livelli di
finitura previsti in relazione alla prevista categoria dellesercizio e gli estremi relativi alla eventuale
documentazione autorizzativa comunale; del suolo o degli immobili indicare il titolo di piena
disponibilit e gli estremi del relativo atto o contratto, della registrazione e/o trascrizione dello stesso,
nonch la destinazione duso; per i macchinari, impianti e attrezzature fornire lelenco analitico e
indicare le principali caratteristiche costruttive e di prestazioni; per i brevetti indicare la compatibilit
con le esigenze del Piano degli Investimenti Produttivi nonch gli eventuali rapporti finanziari con il
venditore; per gli impianti, le attrezzature, gli arredi, ecc. fornire gli elementi progettuali di massima
con i relativi computi metrici e gli eventuali costi parametrici. Inoltre, qualora il Piano degli Investimenti
Produttivi comprenda anche lacquisto di un immobile esistente (terreno e/o opere murarie e
assimilate funzionali allo svolgimento dellattivit ammissibile), evidenziare le relative spese
separatamente dalle altre al fine di consentire una pi agevole verifica del rispetto del limite di
ammissibilit della relativa spesa.

Spese del Piano di Investimenti Produttivi


Spese
Agevolabili

DESCRIZIONE DELLE SPESE


PROGETTAZIONE E STUDI

- Progettazioni
- Direzione dei lavori
- Studi di fattibilit (tecnica, economica e finanziaria)
- Valutazione impatto ambientale
- Collaudi di legge
- Oneri di concessione edilizia
- Altro
Totale progettazione e studi

Pagina 9 di 65

Spese non
Agevolabili

Totale

Spese
Agevolabili

DESCRIZIONE DELLE SPESE

Spese non
Agevolabili

Totale

SUOLO AZIENDALE

- Suolo aziendale
- Sistemazione suolo
- Indagini geognostiche
Totale suolo aziendale
OPERE MURARIE E ASSIMILABILI

Capannoni e fabbricati industriali


-(singole descrizioni)
Totale capannoni e fabbricati industriali
Fabbricati civili per uffici e servizi sociali
- (singole descrizioni)
Totale fabbricati civili per uffici e servizi sociali
IMPIANTI GENERALI E RELATIVI ALLACCIAMENTI ALLE RETI ESTERNE

- Riscaldamento
- Condizionamento
- Idrico
- Elettrico
- Fognario
- Gas combustibile (metano, )
- Aria compressa
- Telefonico
- Altri impianti generali
Totale impianti generali
STRADE, PIAZZALI , RECINZIONI, FERROVIE
- Strade
- Piazzali
- Recinzioni
- Allacciamenti ferroviari
- Tettoie
-Cabine metano, elettriche, ecc.
- Basamenti per macchinari e impianti
- Altro
Totale strade, piazzali, recinzioni, ferrovie, ecc.
Opere varie
Totale opere varie
Totale opere murarie e assimilabili
MACCHINARI IMPIANTI E ATTREZZATURE

Macchinari (descrizione dei singoli macchinari)


Totale macchinari
Impianti (descrizione dei singoli impianti produttivi e ausiliari)
Totale impianti
Attrezzature (descrizione compresi mobili e attrez. d'ufficio)
Totale attrezzature
Software (descrizione del software previsto)
Brevetti non ricompresi nel Piano di Innovazione Aziendale
(descrizione)
Totale software e brevetti
Mezzi mobili (descrizione)
Totale mezzi mobili
Totale macchinari impianti e attrezzature
TOTALE INVESTIMENTO

I2. Ulteriori elementi per la valutazione


-

Grado di efficacia rispetto allattuazione del principio di pari opportunit e di non discriminazione (criterio
A2). Specificare le spese a questi riferibili (nel caso di opere fare riferimento al computo metrico)
Iniziative per migliorare i servizi per i figli dei dipendenti (A2.2)
-

Servizio di nursery con utensileria (scaldabiberon, fasciatoio, ecc.)

Creazione o ampliamento, per maggiore accoglienza dellasilo nido aziendale

Altro (specificare)

Accessibilit ai servizi per le persone diversamente abili, anziani e portatori di bisogni speciali (A2.3 )
Pagina 10 di 65

(strutture e servizi oltre quelli minimi imposti dalla legge per labbattimento delle barriere architettoniche)
-

Servizio di supporto attraverso ausili e/o attrezzature speciali (montascale, servoscale, elevatori,
arredi speciali, ecc.)

Apparecchiature specifiche e con installazione di segnaletica e/o dispositivi speciali (es.: mappe
tattili, plastici, scritte in braille, apparecchi acustici o appositi cartelli con macro-scritte, ecc.)

Altro (specificare)

Per gli interventi relativi a questo criterio, necessario specificare leccedenza rispetto agli obblighi
legislativi minimi in tema di abbattimento delle barriere architettoniche
-

Livello di sostenibilit ambientale (criterio A3)


Riduzione dei consumi idrici ed energetici (A3.1)
Descrivere puntualmente gli investimenti previsti funzionali alla progettazione e alla realizzazione di
interventi di riduzione dei consumi idrici e ed energetici e specificare le spese a questi riferibili (nel caso
di opere fare riferimento alla specifica voce di computo metrico e/o al relativo preventivo). Gli
investimenti e le caratteristiche funzionali degli stessi vanno certificate dal fornitore dei materiali e
attrezzature o dai principali organismi internazionali in materia o da tecnico abilitato e iscritto ad Albo
competente per materia.
Riduzione dellinquinamento (A3.2)
Descrivere puntualmente gli investimenti finalizzati a minimizzare i carichi inquinanti delle attivit
produttive poste in essere e specificare le spese a questi riferibili (nel caso di opere fare riferimento alla
specifica voce di computo metrico e/o al relativo preventivo). Gli investimenti e le caratteristiche
funzionali degli stessi vanno certificate dal fornitore dei materiali e attrezzature o dai principali organismi
internazionali in materia o da tecnico abilitato e iscritto ad Albo competente per materia.
Gli interventi possono riguardare:
-

Rifiuti (Analisi dei potenziali rifiuti derivanti dai processi produttivi e individuazione di filiere del
recupero o riutilizzo dei rifiuti prodotti)

Emissioni nell'aria (Progettazione e realizzazione di sistemi di captazione e convogliamento delle


emissioni diffuse - Individuazione e adozione delle MTD per labbattimento delle emissioni in
atmosfera)

Emissioni nell'acqua (Progettazione e realizzazione di sistemi di raccolta e trattamento delle acque


meteoriche di prima pioggia - Individuazione e adozione delle MTD per labbattimento delle
emissioni nelle acque)

Adesione o avvio delle procedure per ladesione a marchi o a sistemi di gestione ambientale (A3.3)
Le procedure di adesione si considerano avviate quando stata inoltrata la richiesta di rilascio
allorganismo competente o stata conseguita la certificazione.
-

Localizzazione in aree dotate di infrastrutture ambientali (criterio A4)


Illustrare le caratteristiche di carattere ambientale dellarea di riferimento

Riutilizzo di struttura artigianale/industriale dismessa da almeno due anni (criterio A5)


Descrivere le motivazioni della dismissione e il progetto di riutilizzo

Pagina 11 di 65

Passaggio generazionale (criterio A6)


Descrivere le modalit del passaggio generazionale

Iter procedurale (criterio A8)


Specificare liter procedurale indicando gli step obbligatori previsti, conseguiti e le date previste per quelli
da conseguire in particolare in riferimento alla cantierabilit.
Per semplificare lindividuazione delliter procedurale si propone lo schema seguente:
Compatibilit dellintervento con gli strumenti
urbanistici
Comune di
Strumento urbanistico vigente
Zona in cui ricade lintervento
Regime urbanistico della zona
Presenza di eventuali vincoli
Vincolo paesaggistico
Vincolo idrogeologico
Intervento ricadente allinterno di zone SIC/ZPS/aree
protette
Altro

ATTO
Concessione edilizia
Autorizzazione (specificare):
es. Autorizzazione paesaggistica
Valutazione
dImpatto
Ambientale
(V.I.A.)
Valutazione dIncidenza (es. Rete
Natura 2000)
Altro: (specificare):
TOTALE
Calcolo punteggio = a - b

Previsto

DATI

DATI

Rilasciato

Punti iter
previsto e
concluso
(a)
1,0
1,0

SI

NO

SI

NO

SI

NO

SI

NO

SI

NO

SI

NO

1,0

SI

NO

SI

NO

0,75

Punti iter
previsto (b)

0,25
4

Introduzione di innovazioni tecnologiche di processo e di prodotto (criterio A11)


Descrivere nel dettaglio i processi e i prodotti innovativi oggetto dellinvestimento e, se presente, del
brevetto e del relativo livello di tutela (nazionale, europeo, mondiale). Le spese relative vanno descritte
nello schema sottostante.
DESCRIZIONE DELLE SPESE RELATIVE A INVESTIMENTI INNOVATIVI,
TECNOLOGIE DELLINFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE
Macchinari (descrizione dei singoli macchinari innovativi)

Totale

TOTALE MACCHINARI INNOVATIVI

Impianti (descrizione dei singoli impianti produttivi innovativi)


TOTALE IMPIANTI INNOVATIVI

Attrezzature (descrizione di singole attrezzature innovative)


TOTALE ATTREZZATURE INNOVATIVE

Software (descrizione dei software innovativi)


Brevetti (descrizione delle funzionalit)
TOTALE SOFTWARE E BREVETTI INNOVATIVI

Mezzi mobili (descrizione di singoli mezzi innovativi)


TOTALE MEZZI MOBILI INNOVATIVI

TOTALE INVESTIMENTI INNOVATIVI

Descrivere nel dettaglio gli investimenti, le relative caratteristiche di innovativit, linnovazione di


processo e/o organizzativa ad essi collegata e, dove possibile, lappartenenza ad una delle categorie
Pagina 12 di 65

individuate allart. 13 dellAvviso.


-

Integrazione progettuale (criterio A12)


Descrivere il livello di integrazione della proposta con altri interventi/progetti, anche a valere su altri
Programmi, riguardanti il sostegno allo sviluppo e alla competitivit del sistema produttivo regionale.

Pagina 13 di 65

S) Piano Integrato dei Servizi Reali


S1. Criticit emerse
Sulla base dellanalisi dei fabbisogni (sviluppata per aree o funzioni aziendali) indicare e commentare le
criticit emerse e sulle quali si ritiene necessario intervenire attraverso il Piano Integrato dei Servizi Reali.
S2. Descrizione del Piano Integrato di Servizi Reali
Il Piano Integrato dei Servizi dovr essere costituito da un insieme di servizi reali coerenti tra loro e dovr
fornire una descrizione esauriente dellintervento che si intende sviluppare, con particolare riferimento
allorientamento strategico perseguito, coerente rispetto alle criticit emerse nel punto precedente.
In particolare il Piano Integrato dei Servizi Reali deve essere finalizzato a:
-

sostenere la competitivit dei sistemi produttivi e delle filiere esistenti o in via di formazione sul territorio
regionale attraverso processi di collaborazione e di integrazione interaziendali (tecnici, organizzativi,
produttivi e commerciali);

supportare lo start up di nuove iniziative;

accrescere la competitivit e a sostenere lo sviluppo delle imprese esistenti attraverso il miglioramento


degli assetti gestionale, tecnologico e/o organizzativo;

sostenere e favorire le imprese che intendano proporsi o rafforzare la propria presenza sui mercati
esterni a quello regionale.

I servizi reali che costituiscono il Piano Integrato dei Servizi devono essere individuati tra quelli previsti nel
Catalogo dei servizi reali, allegato allAvviso.
Schede dei Servizi reali richiesti
Per ognuno dei Servizi Reali inseriti nel PISR, deve essere allegata una scheda descrittiva che costituisce
parte integrante e sostanziale del Piano, sottoscritta dal legale rappresentante/procuratore speciale del
Soggetto proponente e dal professionista/impresa incaricati.
Struttura della scheda
Titolo servizio richiesto
Fornitore del servizio
Criticit emerse e obiettivi del servizio
Dopo aver evidenziato la situazione di partenza del soggetto con riferimento alle problematicit e alle
criticit oggetto della prestazione di servizi, esplicitare gli obiettivi quantitativi o qualitativi connessi al
servizio stesso.
Attivit e azioni previste
Definire le singole attivit che verranno svolte nellerogazione del servizio, specificando, inoltre, i
soggetti che svolgono le azioni previste, limpegno richiesto ed i relativi costi.

Pagina 14 di 65

ATTIVIT

CONSULENTE

GIORNI

COSTO
GIORNATA

COSTO
TOTALE

Totale

Tempi
Indicare la data di inizio e di conclusione del servizio
Indicatori per la verifica finale del servizio
Indicare i documenti e qualsiasi altro strumento che renda possibile il monitoraggio e la verifica del
servizio da parte del Soggetto Attuatore (vedi esempi inseriti nel Catalogo dei Servizi).

S3. Risultati attesi


Indicare quali sono, con riferimento alle ipotesi di intervento, le prospettive di crescita qualitativa e
quantitativa e le potenzialit di sviluppo del soggetto proponente, indicando i risultati economici, tecnici e
operativi attesi (es. incremento fatturato, incremento occupazione, incremento investimenti, sviluppo nuovi
prodotti, definizione nuovi processi di produzione, miglioramento del servizio per le imprese associate ecc.).
S4. Ulteriori elementi per la valutazione
-

Livello di competitivit (criterio B1)


Riportare le informazioni necessarie allattribuzione dei punteggi previsti dal criterio di valutazione con
particolare riferimento alle modalit di intervento e alla capacit del Soggetto proponente di introdurre
elementi finalizzati a sostenere e favorire lingresso e/o il posizionamento sui mercati internazionali,
anche a favore delle imprese associate.

Miglioramento delle prestazioni ambientali dellimpresa (criterio B2)


Descrivere la situazione attuale e descrivere come il Piano Integrato di Servizi Reali possa consentire il
conseguimento di ulteriori livelli di certificazione. Specificare, oltre ai vantaggi che possono derivare
dallacquisizione delle certificazioni in termini di competitivit rispetto al mercato attuale, se:
-

il piano dei servizi finalizzato alla registrazione EMAS;

il piano finalizzato al conseguimento della certificazione ISO 14001;

limpresa possiede gi una forma di certificazione ambientale (EMAS, ISO 14001).

Il punteggio dellindicatore calcolato sulla base delle informazioni fornite in questo punto dellindice e
nel Piano Integrato dei Servizi Reali Aziendale nel suo complesso.

Pagina 15 di 65

Qualificazione del fornitore (criterio B3)


Lesperienza del consulente viene attestata attraverso la presentazione del curriculum vitae. Per ogni
servizio reale richiesto, indicare le principali attivit svolte dal consulente.

SERVIZIO REALE

PRINCIPALI ATTIVITA
NOMINATIVO
SVOLTE NEL SETTORE DI
CONSULENTE
CONSULENZA

Data avvio
Data
conclusione

FATTURATO
NEL
SETTORE

ANNI DI
Costo
ATTIVITA
del
NEL
Servizio
SETTORE Reale *

*Fare riferimento ai massimali indicati nel Catalogo dei Servizi reali


Il punteggio dellindicatore calcolato sulla base delle informazioni fornite in questo punto, quando gli
anni di attivit nel settore sono pari o superiori a 3. In ogni caso, per assegnare il punteggio, il valore
delle consulenze gi prestate deve essere almeno pari a 4 volte il costo del servizio richiesto. Viene,
comunque, equiparata a 3 anni di attivit la consulenza prestata il cui valore sia almeno pari a 4 volte il
costo del servizio richiesto. La scheda va sottoscritta anche dal consulente o legale rappresentante
(o procuratore speciale) della societ di consulenza.
-

Fattibilit tecnica e di gestione economica finanziaria (criterio B6)


Mettere in evidenza le capacit tecnico-organizzative e di gestione economica finanziaria del proponente
per lattuazione dei Servizi Reali.
Il punteggio dellindicatore calcolato sulla base delle informazioni fornite in questo punto dellindice e
nel Piano Integrato dei Servizi Reali Aziendale nel suo complesso.

Coerenza ed efficacia del Piano di Servizi (criterio B7)


Riportare gli elementi che consento di ricondurre ad organicit il Piano nel suo complesso ed
evidenziare la rispondenza degli effetti dei Servizi reali richiesti rispetto alle strategie aziendali.
Descrivere, in particolare:
-

la coerenza del Piano rispetto alle problematiche emerse in sede di rilevazione dei fabbisogni;

il livello di efficacia e di efficienza del Piano per la risoluzione delle problematiche aziendali;

il livello di integrazione del Piano Integrato dei Servizi.

Il punteggio dellindicatore calcolato sulla base delle informazioni fornite in questo punto dellindice e
nel Piano Integrato dei Servizi Reali Aziendale nel suo complesso.
-

Innovativit dei progetti (criterio B8)


Descrivere gli elementi di innovazione dei contenuti dei singoli servizi. La valutazione della proposta e
delle modalit di realizzazione dei servizi reali riguarderanno, in particolare:
-

lintroduzione di servizi per l'innovazione organizzativa e commerciale;

lintroduzione di servizi per linnovazione informatica e per la diffusione delle-business.

Il punteggio dellindicatore calcolato sulla base delle informazioni fornite in questo punto dellindice e
nel Piano Integrato dei Servizi Reali nel suo complesso.

Pagina 16 di 65

R) Piano di Innovazione Aziendale

R1. Sintesi del Piano di Innovazione proposto


Descrivere sinteticamente i contenuti e le finalit del Piano di Innovazione che si propone di realizzare.
R2. Lorganizzazione
Impresa proponente
Indicare le informazioni di carattere amministrativo, le competenze e le esperienze del soggetto proponente.
In particolare occorre specificare i progetti di ricerca realizzati in passato e i risultati conseguiti, il personale
normalmente impiegato in attivit di ricerca, le competenze ed esperienze rilevanti rispetto alla proposta
progettuale e gli altri elementi utili per una valutazione generale della capacit dellimpresa a realizzare il
progetto di innovazione proposto.
Partner di progetto
Riportare le informazioni di carattere amministrativo, le competenze e le esperienze dei partner di progetto
(progetti di ricerca realizzati in passato e i risultati conseguiti, personale normalmente impiegato in attivit di
ricerca, competenze ed esperienze rilevanti rispetto alla proposta progettuale, ecc.)

R3. Efficacia, efficienza e qualit progettuale del Piano di Innovazione


(cfr. criteri di selezione di cui alla Tabella C1 del punto 17 dellAvviso)
A)

EFFICACIA DEL PROGETTO PROPOSTO RISPETTO ALLOBIETTIVO OPERATIVO DELLA LINEA DINTERVENTO

Analisi della specifica domanda di innovazione del Soggetto proponente

Adeguatezza e rispondenza del Piano di Innovazione Aziendale alla domanda attuale e potenziale di
innovazione del Soggetto proponente

Ampiezza e diversificazione/qualificazione del partenariato.

B)

EFFICIENZA ATTUATIVA.

Capacit tecnico-scientifica dei Soggetti proponenti (in termini di adeguatezza delle competenze coinvolte, di
eventuali esperienze pregresse nella gestione di attivit di ricerca, diffusione e supporto allinnovazione).

Pagina 17 di 65

Fattibilit giuridico-amministrativa, tecnica e di gestione economico-finanziaria

C)

QUALIT PROGETTUALE INTRINSECA, INNOVATIVIT E INTEGRAZIONE CON ALTRI INTERVENTI.

Capacit del Piano di Innovazione di introdurre nuove tecnologie, nuovi prodotti, innovazioni organizzative e
gestionali

Innovativit del Piano di Innovazione rispetto allo stato dell'arte della ricerca nel settore e al contesto

R4. Descrizione del Progetto


(Replicare la sezione per ciascun progetto)
R4.1 Studio di Fattibilit
In questa sezione dovranno essere contenute tutte le informazioni inerenti lo Studio di Fattibilit, le attivit da
realizzarsi al suo interno e gli obiettivi e risultati attesi. La sezione deve contenere una breve descrizione
delle attivit previste dallo Studio di Fattibilit, richiamando le principali motivazioni con riferimento alle
singole attivit:
-

analisi dei fabbisogni in termini di innovazione tecnologica della/e impresa/e (audit tecnologici);

ricerca sul mercato delle soluzioni tecniche disponibili per soddisfare la domanda di innovazione di
prodotto e/o di processo della/e impresa;

individuazione e creazione di cluster di imprese (per comparto produttivo, per filiera) aventi fabbisogni di
innovazione tecnologica comuni;

ricerca di eventuali partner tecnologici (Universit, Centri di ricerca) e finanziari (Soggetti Privati,
Banche) interessati alla realizzazione del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico;

definizione della proposta di Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico e verifica della relativa fattibilit
tecnica, economica e finanziaria;

valutazione ex-ante dellimpatto dei risultati attesi del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico sulla
competitivit della/e impresa/e beneficiaria.

Limpresa deve presentare un piano di lavoro articolato in pacchetti di lavoro (di seguito Workpackage) e
per ciascuno di questi deve essere indicata la descrizione dettagliata contenente: titolo, obiettivi operativi,
risultati e prodotti, metodologie utilizzate, attivit, partner e risorse professionali impiegate e durata. A titolo
esemplificativo:
-

WP0 - Titolo 0 (es. Gestione del Progetto)

Pagina 18 di 65

WP1 - Titolo 1

WPn - Titolo n (es. Messa a punto del progetto di R&ST).

Di seguito uno schema esemplificativo:


WORKPACKAGE N

- TITOLO WP (una scheda per ogni WP)

Titolo
Numero e Titolo del Workpackage.
Obiettivi Operativi
Elencazione degli obiettivi operativi.
Risultati e Prodotti attesi
Elencazione dei risultati e dei prodotti (es. documento di specifiche, prototipo, piano di lavoro, rapporto di
valutazione, ecc.).
Metodologie Utilizzate
Breve descrizione delle metodologie utilizzate per la realizzazione del WP.
Attivit
Elencazione delle attivit che costituiscono il WP. Il titolo dellattivit deve essere breve e sintetico. Per
ciascuna attivit possibile fare una breve descrizione.
Indicare per ogni Workpackage la tipologia di attivit di ricerca a cui si riferisce:
Progetto di ricerca industriale
Progetto di sviluppo sperimentale.
Partner coinvolti
Specificare i partner coinvolti ed il responsabile del coordinamento del Workpackage considerato.
Figure professionali impiegate
Breve descrizione delle figure professionali coinvolte.
Durata
Indicare la durata del WP considerato.

Diagramma di Gantt di sintesi in cui indicare la durata complessiva dello Studio:


GANTT
Indicazione Workpackage

Mesi
1

WP 0
WP 1
WP 2
WP
WP N

Piano dei Costi dello Studio di Fattibilit


Categoria di Costo
a) Personale

Descrizione
1.1 Personale dipendente (n. giornate/uomo)
1.2 Personale non dipendente (n. giornate/uomo)

b) Servizi di consulenza
c) Spese per lacquisizione di studi, banche dati
e ricerche
d) Spese per la partecipazione a mostre, fiere e
congressi
e) Spese per lorganizzazione di seminari ed
incontri finalizzati alla costruzione di cluster di

Pagina 19 di 65

Importo
(Euro)

imprese
f) Spese Generali
TOTALE

Descrivere in maniera dettagliata il Piano dei costi riportando le motivazioni che giustificano le
diverse voci di spesa

Indicare gli elementi utili per la valutazione dello Studio di Fattibilit relativamente ai seguenti punti:
-

Validit ed utilit del Piano (criterio C1)


-

Prospettive di mercato in termini di miglioramento dei processi di produzione e di definizione di nuovi


prodotti/servizi derivanti dalla realizzazione del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico proposto.

Contributo del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico proposto allavanzamento delle


conoscenze, delle competenze e delle tecnologie nello specifico settore produttivo o ambito
applicativo di interesse.

Prospettive di diffusione e trasferimento dei risultati attesi dalla realizzazione del Progetto di Ricerca
e Sviluppo Tecnologico proposto ad altre imprese potenzialmente interessate.

Competenze ed esperienze del Gruppo di Lavoro proposto (criterio C3)

Qualit ed efficacia della proposta dello Studio di Fattibilit (criterio C3)


-

Coerenza degli obiettivi, dei contenuti e dei risultati attesi dalla realizzazione dello Studio di Fattibilit
Tecnica in relazione agli elementi necessari per la valutazione della realizzabilit del Progetto di
Ricerca e Sviluppo Tecnologico.

Qualit ed efficacia dellapproccio metodologico (modelli, metodologie e strumenti) proposto per la


realizzazione dello Studio di Fattibilit Tecnica.

R4.2 Progetto di ricerca industriale o sviluppo sperimentale

A. Obiettivi e Risultati attesi del progetto


In questa sezione devono essere descritte le motivazioni, gli obiettivi e i risultati attesi del progetto, anche
attraverso la loro quantificazione (max. 3 pagine).

B. Definizione degli Obiettivi (Generali, Specifici e Operativi)


Descrivere gli obiettivi che si intendono raggiungere, fornendo gli obiettivi generali che ispirano il progetto
(ad esempio: incremento delle vendite, accesso a nuovi mercati, aumento della competitivit dellimpresa,
miglioramento della performance aziendale, accrescimento del grado dinnovazione dellimpresa, ecc.) e
danno origine a diversi obiettivi specifici (ad esempio: riduzione dei costi di produzione; miglioramento del

Pagina 20 di 65

processo produttivo o dei prodotti/servizi; realizzazione di nuovo prodotto o servizio) che a loro volta si
realizzano attraverso il conseguimento di obiettivi operativi stabiliti per ciascun workpackage.

C. Definizione e quantificazione dei Risultati Attesi


Fornire un insieme di indicatori per la quantificazione dei risultati attesi. Gli indicatori devono essere messi in
relazione con gli obiettivi individuati e forniti in termini di indicatori di realizzazione, di risultato e di impatto.
Gli indicatori di realizzazione sono riferiti all'attivit e corrispondono agli obiettivi operativi. Questi indicatori
possono essere di natura fisica o finanziaria e comunque misurabili.
Gli indicatori di risultato si riferiscono all'effetto diretto ed immediato prodotto dal progetto e corrispondono
agli obiettivi specifici. Forniscono informazioni sui cambiamenti intervenuti ad esempio a livello di costi di
produzione, capacit o prestazioni dei beneficiari diretti. Questi indicatori possono essere di natura fisica o
finanziaria e, comunque, misurabili.

D. Rilevanza e potenzialit innovativa dei Risultati Attesi


Descrivere

in

che

modo

le

conoscenze

acquisibili

potranno

essere

utili

per

innovazioni

di

prodotto/processo/servizio che accrescano la competitivit e favoriscano lo sviluppo dei soggetti proponenti


e/o del settore di riferimento.

E. Tutela e valorizzazione dei Risultati del progetto


In questa sezione devono essere indicate le azioni che si intendono realizzare per la tutela e la
valorizzazione dei risultati conseguiti durante lo sviluppo del progetto (max 1 pagina). Devono inoltre essere
indicati nel dettaglio i risultati finali di tipo scientifico, tecnologico e industriale che la ricerca si ripromette di
raggiungere attraverso metodologie e criteri di tipo esclusivamente tecnico.

F. Struttura del progetto


In questa sottosezione descrivere la struttura del progetto, articolandolo in Work Package (WP) distinti. La
suddivisione per fasi temporali deve essere sintetizzata con un cronogramma (Diagramma di Gantt o simili),
evidenziando le date previste di avvio e completamento dei singoli WP. In particolare, In questa sottosezione
occorre descrivere dettagliatamente, per ciascun WP, le attivit di ricerca previste e i contenuti scientifici,
tecnologici e industriali. Se nel progetto sono coinvolti dei soggetti terzi (consulenti), spiegare il loro ruolo.
Per ogni WP occorre indicare anche i risultati attesi, chiaramente identificabili e, se possibile, quantificati. A
titolo esemplificativo:
Elenco dei WP:
- WP1 - Titolo 1
- WP2 - Titolo 2
- WPn - Titolo n

Pagina 21 di 65

Schema del WP:


WORKPACKAGE N

- TITOLO WP (una scheda per ogni WP)

Titolo
Numero e Titolo del Workpackage.
Obiettivi Operativi
Elencazione degli obiettivi operativi.
Risultati e Prodotti attesi
Elencazione dei risultati e dei prodotti (es. documento di specifiche, prototipo, piano di lavoro, rapporto di
valutazione, ecc.).
Metodologie Utilizzate
Breve descrizione delle metodologie utilizzate per la realizzazione del WP.
Attivit
Elencazione delle attivit che costituiscono il WP. Il titolo dellattivit deve essere breve e sintetico. Per
ciascuna attivit possibile fare una breve descrizione.
Indicare per ogni Workpackage la tipologia di attivit di ricerca a cui si riferisce:
-

Progetto di ricerca industriale

Progetto di sviluppo sperimentale.

Partner coinvolti
Specificare i partner coinvolti ed il responsabile del coordinamento del Workpackage considerato.
Figure professionali impiegate
Breve descrizione delle figure professionali coinvolte.
Durata
Indicare la durata del WP considerato.
Diagramma di Gantt di sintesi in cui indicare la durata complessiva del Progetto
GANTT
Indicazione Workpackage

Mesi
1

WP 0
WP 1
WP 2
WP
WP N

Pagina 22 di 65

G. Piano dei Costi 1


Piano dei Costi Analitico del Progetto
Categoria di Costo

Ricerca
industriale
(Euro)

Descrizione

Sviluppo
sperimentale
(Euro)

Importo
(Euro)

1. Personale dipendente (n. giornate/uomo)


a) Personale

2. Personale non dipendente (n.


giornate/uomo)

b) Strumenti e attrezzature
c) Fabbricati e terreni
d) Servizi di ricerca, Servizi di
consulenza, Acquisizione di brevetti
e) Spese Generali
f) Altri costi desercizio
TOTALE

Descrivere in maniera dettagliata il Piano dei costi riportando le motivazioni che giustificano le
diverse voci di spesa

Piano dei Costi del Progetto per Work Package


Categorie di costo

WP 0

WP 1

WP 3

a) Personale
b) Strumenti e attrezzature
c) Fabbricati e terreni
d) Servizi di ricerca, Servizi di consulenza,
Acquisizione di brevetti
e) Spese Generali
f) Altri costi desercizio
COSTO TOTALE

Criteri di calcolo del costo lordo orario medio del lavoro


COSTO ORARIO MEDIO ANNUO
Retribuzione lorda mensile x 12
Tredicesima mensilit
Quattordicesima mensilit
TFR
Contributi inps
Inail
Ulteriori costi (da contratti aziendali)
COSTO ANNUO AZIENDA
Totale ore di lavoro convenzionali (es: 52 sett. X 40 h settimanali) (X)
- Permessi retribuiti
- Riposi per festivit soppresse
- Festivit cadenti in giorni lavorativi
Totale ore di lavoro non lavorate (es: ferie gg.x8h) (Y)

IMPORTI

TOTALE MONTE ORE DI LAVORO (Z=X-Y)

NOTA BENE:
Al costo orario medio annuo andr poi sommato il costo derivante dall'eventuale applicazione dell'IRAP
1

Per la compilazione del piano dei costi si faccia riferimento ai Criteri di ammissibilit dei costi per attivit di R&S

Pagina 23 di 65

WP n

Totale

I valori da prendere come riferimento per i calcoli si riferiscono all'anno appena trascorso.
Qualora il personale dipendente nell'anno in corso dovesse avere beneficiato di un incremento di livello o quant'altro, si
prender a riferimento la retribuzione relativa all'anno in corso.

H. Ulteriori elementi utili per la valutazione


Validit ed utilit del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico (criterio C4)

Indicare il contributo del Progetto con riferimento ai seguenti punti:


-

Prospettive di mercato in termini di miglioramento dei processi di produzione e di definizione di nuovi


prodotti/servizi derivanti dalla realizzazione del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico proposto.

Contributo del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico proposto allavanzamento delle


conoscenze, delle competenze e delle tecnologie nello specifico settore produttivo o ambito
applicativo di interesse.

Prospettive di diffusione e trasferimento dei risultati attesi dalla realizzazione del Progetto di Ricerca
e Sviluppo Tecnologico proposto ad altre imprese potenzialmente interessate.
Fattibilit tecnica del progetto di Progetto di R&S (criterio C5)

Riportare i risultati dello Studio di Fattibilit tecnica, ove realizzato, evidenziandone la validit e la
coerenza con il Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico
Competenze ed esperienze del Gruppo di Lavoro proposto (criterio C6)

Illustrare brevemente:
-

Esperienze e competenze dei singoli Soggetti (universit, centri di ricerca, imprese) partecipanti al
Progetto.

Livello di integrazione delle competenze e delle esperienze tra i singoli Soggetti e capacit di
favorire lo scambio e la collaborazione fra impresa e Universit e centri di ricerca

Esperienze e competenze professionali dei singoli Componenti il Gruppo di Lavoro in relazione alle
funzioni e alle attivit assegnate nel Piano di Lavoro.
Contenuti e articolazione del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico: coerenza degli obiettivi

e dei contenuti (criterio C5)


Specificare i contenuti e larticolazione del Progetto con riferimento a:
-

Coerenza interna tra gli obiettivi, i contenuti e i risultati attesi dalla realizzazione del Progetto di
Ricerca e Sviluppo Tecnologico.

Coerenza e validit dellapproccio tecnico-scientifico e metodologico proposto (tecnologie, modelli,


metodologie e strumenti) per la realizzazione del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico.

Efficacia del Piano di Lavoro proposto e dellorganizzazione del Gruppo di Lavoro per la
realizzazione del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico.

Modalit di diffusione e trasferimento dei risultati attesi dalla realizzazione del Progetto di Ricerca e
Sviluppo Tecnologico alle altre imprese potenzialmente interessate

Congruit dei costi previsti per la realizzazione del Progetto di Ricerca e Sviluppo Tecnologico.

Pagina 24 di 65

R4.3 Servizi per lInnovazione e il Trasferimento Tecnologico

A. Descrizione del Servizio


Descrivere dettagliatamente la tipologia di servizio richiesto, in riferimento a
-

la realizzazione di nuovi prodotti e/o servizi dai quali emergano rilevanti novit, sotto il profilo
delle prestazioni funzionali, rispetto alla attuale offerta del mercato;

ladozione di nuove tecnologie, realizzate allinterno dellimpresa o acquisite dallesterno, per


migliorare i processi di produzione dei prodotti/servizi esistenti o di nuovi prodotti/servizi;

linnovazione del processo aziendale, o una riorganizzazione del medesimo, finalizzata ad un


sensibile miglioramento della qualit/quantit dei prodotti/servizi e/o della efficienza/efficacia dei processi
produttivi.

(per lindividuazione dei servizi fare riferimento, quando possibile, al Catalogo dei Servizi Reali allegato
allAvviso Pubblico).

B. Obiettivi e Risultati Attesi


Descrivere gli obiettivi che si intendono raggiungere, fornendo gli obiettivi generali del servizio (ad
esempio: incremento delle vendite, accesso a nuovi mercati, aumento della competitivit dellimpresa,
miglioramento della performance aziendale, accrescimento del grado dinnovazione dellimpresa, ecc.) e
specificando i diversi obiettivi specifici (ad esempio: riduzione dei costi di produzione; miglioramento del
processo produttivo o dei prodotti/servizi; realizzazione di nuovo prodotto o servizio) che a loro volta si
realizzano attraverso il conseguimento di obiettivi operativi stabiliti. Indicare quali sono, con riferimento alle
ipotesi di intervento, i risultati attesi.

C. Definizione e quantificazione dei Risultati Attesi


Fornire un insieme di indicatori per la quantificazione dei risultati attesi. Gli indicatori devono essere messi in
relazione con gli obiettivi individuati e forniti in termini di indicatori di realizzazione, di risultato e di impatto.
Gli indicatori di realizzazione sono riferiti all'attivit e corrispondono agli obiettivi operativi. Questi indicatori
possono essere di natura fisica o finanziaria e, comunque, misurabili.
Gli indicatori di risultato si riferiscono all'effetto diretto ed immediato prodotto dal progetto e corrispondono
agli obiettivi specifici. Forniscono informazioni sui cambiamenti intervenuti ad esempio a livello di costi di
produzione, capacit o prestazioni dei beneficiari diretti. Questi indicatori possono essere di natura fisica o
finanziaria e, comunque, misurabili.
In questa sezione devono essere descritte le motivazioni, gli obiettivi e i risultati attesi del progetto, anche
attraverso la loro quantificazione.

D. Rilevanza e potenzialit innovativa dei Risultati Attesi


Per ciascuno dei Servizi per linnovazione e il trasferimento tecnologico, deve essere allegata una scheda

Pagina 25 di 65

descrittiva che costituisce parte integrante e sostanziale del Piano, sottoscritta dal suo legale
rappresentante/procuratore speciale e dal professionista/impresa incaricati.
Titolo servizio richiesto
Fornitore del servizio (allegare il curriculum)
Criticit emerse e obiettivi del servizio
Dopo aver evidenziato la situazione di partenza dellazienda con riferimento alle problematicit e
criticit oggetto della prestazione di servizi, esplicitare gli obiettivi quantitativi o qualitativi connessi al
servizio stesso.
Attivit e azioni previste
Definire le singole attivit che verranno svolte nellerogazione del servizio, specificando, inoltre, i
soggetti che svolgono le azioni previste, limpegno richiesto ed i relativi costi.

Attivit

Consulente

Giorni

Costo giornata

Costo totale

Totale

Piano dei Costi


Categoria di Costo

Descrizione

Importo
(Euro)

a) Servizi di consulenza
b) Servizi di supporto allinnovazione
c) Spese connesse ai diritti di propriet
industriale
TOTALE

Descrivere in maniera dettagliata il Piano dei costi riportando le motivazioni che giustificano le diverse
voci di spesa

Tempi
Indicare la data di inizio e di conclusione del servizio
Indicatori per la verifica finale del servizio
Indicare i documenti e qualsiasi altro strumento che renda possibile il monitoraggio e la verifica del
servizio da parte del soggetto attuatore.

Pagina 26 di 65

E. Ulteriori elementi utili per la valutazione


-

Validit ed utilit del Servizio (criterio C9)


Indicare le prospettive di mercato in termini di miglioramento dei processi di produzione e di definizione
di nuovi prodotti/servizi derivanti dalla realizzazione del Servizio di Innovazione e Trasferimento
Tecnologico proposto.

Competenze ed esperienze del/i Fornitore/i del Servizio di Innovazione e Trasferimento Tecnologico


(criterio C10)
Illustrare brevemente:
-

Esperienze e competenze dei singoli Soggetti (imprese, enti, ecc.) che erogano i Servizi.

Livello di integrazione delle competenze e delle esperienze tra i singoli Soggetti e capacit di
favorire lo scambio e la collaborazione fra impresa e Universit e centri di ricerca

Esperienze e competenze professionali dei singoli consulenti.

Contenuti e articolazione del Servizio di Innovazione e Trasferimento Tecnologico (criterio C12)


Specificare i contenuti e larticolazione del Progetto con riferimento a:
-

Coerenza interna tra gli obiettivi, i contenuti e i risultati attesi dalla realizzazione del Servizio di
Innovazione e Trasferimento Tecnologico.

Coerenza e validit dellapproccio tecnico-scientifico e metodologico proposto (tecnologie, modelli,


metodologie e strumenti) per la realizzazione del Servizio di Innovazione e Trasferimento
Tecnologico.

Efficacia del Piano di Lavoro proposto e dellorganizzazione del Gruppo di Lavoro per la
realizzazione del Servizio di Innovazione e Trasferimento Tecnologico.

Congruit dei costi previsti per la realizzazione del Servizio di Innovazione e Trasferimento
Tecnologico.

Pagina 27 di 65

F) Piano di Formazione Aziendale


Le informazioni fornite devono essere coerenti con quanto descritto nella della Scheda Tecnica.
F1. Criticit emerse e obiettivi perseguiti
Sulla base di unanalisi dei fabbisogni (sviluppata per aree o funzioni aziendali) descrivere le criticit emerse
e sulle quali si ritiene necessario intervenire con il Piano di Formazione Aziendale. Specificare quali sono gli
obiettivi che si intendono perseguire attraverso ladeguamento e lo sviluppo delle competenze professionali
presenti nellazienda negli ambiti prioritari di intervento previsti dal PFA rispetto a:
-

lavoratori

impresa

settore

territorio

(Utilizzare max tre pagine)


F2. Descrizione dei progetti
Il PFA dovr essere costituito da un insieme di progetti di formazione continua aziendali (FCA) e/o individuali
(FCI), come definiti e disciplinati nel Bando, coerenti tra loro e con le strategie e i fabbisogni aziendali.
(Utilizzare max tre pagine)

Schede dei corsi richiesti


Per ognuno degli interventi formativi inseriti nel PFA, deve essere allegata una scheda descrittiva che
costituisce

parte

integrante

sostanziale

del

Piano.

La

scheda

predisposta

dallAgenzia

Formativa/soggetto erogatore del servizio ed sottoscritta dal suo legale rappresentante o procuratore
speciale (in tal caso dovr essere allegata la relativa procura in originale o copia conforme).
Questultima dovr essere redatta su carta intestata dellAgenzia Formativa/soggetto erogatore del servizio
secondo lo schema di seguito richiamato.
(Utilizzare in tutto max tre facciate di un foglio di dimensioni A4)
Struttura della scheda (FCA e FCI)
Denominazione dellintervento formativo
Soggetto erogatore dellintervento
Specificare: denominazione, natura giuridica, P.IVA/codice fiscale, sede legale, telefono, fax, e-mail,
rappresentante legale
Sede /i di svolgimento intervento formativo
Durata complessiva
Caratteristiche speciali
Previsione di orari di frequenza ai corsi che consentano di conciliare lattivit formativa con lorario di
Pagina 28 di 65

lavoro e gli impegni familiari


[ELEMENTI DA INDICARE ESCLUSIVAMENTE PER FCA, FCI A MERCATO E FCI RELATIVI A
CORSI PREVISTI NEI CATALOGHI DI ALTRE REGIONI]
Descrizione degli obiettivi formativi finali dellintervento
Esplicitare gli obiettivi quantitativi o qualitativi connessi allintervento, specificando le performance di
apprendimento attese in termini di conoscenze e capacit
Metodologie
Contenuti didattici, articolazione del percorso e strumentazione didattica
Sistemi di valutazione e monitoraggio

[ELEMENTI DA INDICARE ESCLUSIVAMENTE PER FCA]


Quadro finanziario dellintervento
CODICE

VOCE DI SPESA

a
b
c
d
e
f
g
h
i
l

Progettazione
Coordinamento
Retribuzione personale docente
Trasferta personale docente
Spese per tutoraggio
Spese per il personale non docente: amministrativi
Trasferta personale non docente: amministrativi e tutors
Uso locali e attrezzature finalizzate
Supporti informatici/audiovisivi
Costi generici di gestione afferenti lattivit di formazione
Costi di personale dei partecipanti al progetto di
formazione
Costi di trasferta dei partecipanti al progetto di formazione

m
n

COSTO

Totale

Criteri di calcolo del costo lordo orario medio del lavoro

COSTO ORARIO MEDIO ANNUO


Retribuzione lorda mensile x 12
Tredicesima mensilit
Quattordicesima mensilit
TFR
Contributi inps
Inail
Ulteriori costi (da contratti aziendali)
COSTO ANNUO AZIENDA
Totale ore di lavoro convenzionali (es: 52 sett. X 40 h settimanali) (X)
- Permessi retribuiti
- Riposi per festivit soppresse
- Festivit cadenti in giorni lavorativi
Totale ore di lavoro non lavorate (es: ferie gg.x8h) (Y)
TOTALE MONTE ORE DI LAVORO (Z=X-Y)

Pagina 29 di 65

IMPORTI

NOTA BENE:
Al costo orario medio annuo andr poi sommato il costo derivante dall'eventuale applicazione dell'IRAP
I valori da prendere come riferimento per i calcoli si riferiscono all'anno appena trascorso.
Qualora il personale dipendente nell'anno in corso dovesse avere beneficiato di un incremento di livello o quant'altro, si
prender a riferimento la retribuzione relativa all'anno in corso.

F3. Ulteriori elementi per la valutazione


-

Grado di efficacia rispetto allattuazione del principio di pari opportunit e di non discriminazione (criterio
D1)
Specificare in che modo si verificata lesistenza di specifiche esigenze e descrivere le modalit
individuate per facilitare laccesso alla formazione
-

Previsione di orari di frequenza ai corsi che consentano di conciliare lattivit formativa con lorario di
lavoro e gli impegni familiari

Previsione di misure di accompagnamento (ad esempio convenzione/voucher per acquisto servizi


alla persona, servizi di trasporto autonomo, etc.)

Il punteggio dellindicatore attribuito sulla base delle informazioni fornite in questo punto dellindice e
nel Piano di Formazione Aziendale nel suo complesso. Il punteggio assegnato anche nel caso in cui
lindagine evidenzi che non necessario adoperare accorgimenti specifici.
-

Contenuti didattici e articolazione del percorso strumentazione didattica (criterio D2)


La valutazione riguarda la completezza e la chiarezza descrittiva dei singoli interventi
-

Interventi formativi previsti nel catalogo della Regione Calabria;

Interventi formativi non previsti nel catalogo della Regione Calabria: valutazione degli elementi
descrittivi della proposta e delle modalit di realizzazione.

Il punteggio dellindicatore attribuito, sulla base delle informazioni fornite in questo punto dellindice e
nel Piano di Formazione Aziendale nel suo complesso ed indicato come media del punteggio degli
interventi ammissibili.
-

Destinatari della formazione (criterio D3)


La valutazione tiene conto della percentuale di personale inviato a formazione
La percentuale deve essere calcolata, per eccesso, sul totale delle categorie di cui allart. 18 del Bando,
presenti in impresa al momento in cui viene presentata la domanda di agevolazione. Nelle suddette
categorie devono essere compresi anche i nuovi assunti.
Il punteggio dellindicatore calcolato sulla base delle informazioni fornite in questo punto, ed
assegnato quando il Piano di Formazione Aziendale coinvolge almeno il 25% del personale.

Qualificazione del fornitore dei servizi di formazione (criterio D4)


La valutazione tiene conto del numero corsi realizzati nellultimo triennio (da 1 a 3) analoghi per
contenuti e destinatari rispetto a quelli proposti.

Pagina 30 di 65

CORSO

CORSI ANALOGHI PER


CONTENUTI E DESTINATARI

AGENZIA FORMATIVA

Data avvio
Data
conclusione

FATTURATO

Il punteggio dellindicatore calcolato sulla base delle informazioni fornite in questo punto, quando
nellultimo triennio sono stati realizzati da 1 a 3 corsi. Su questo punto potranno essere effettuate
verifiche prima della conclusione dellistruttoria.
-

Congruit dellinvestimento (D6)


La valutazione tiene conto del fatturato aziendale rapportato ai costi del Piano di Formazione Aziendale.
Rapporto tra il fatturato aziendale (F) calcolato come media matematica dei fatturati relativi agli ultimi
due esercizi chiusi precedenti alla presentazione della domanda e linvestimento ammissibile per la
realizzazione del Piano di Formazione Aziendale proposto.
Il punteggio dellindicatore calcolato sulla base dei dati desumibili dal Conto Economico a consuntivo
(ultimi due esercizi chiusi) e le informazioni fornite nel Piano di Formazione nel suo complesso e nella
Scheda Tecnica.

Fattibilit tecnica e di gestione economica finanziaria (criterio D7)


Mettere in evidenza le capacit tecnico-organizzative e di gestione economica finanziaria del proponente
per lattuazione delle attivit di formazione.
Il punteggio dellindicatore calcolato sulla base delle informazioni fornite in questo punto e nel Piano di
Formazione Aziendale nel suo complesso.

Sistemi di valutazione e monitoraggio (criterio D8)


Efficacia ed efficienza dei sistemi di monitoraggio e valutazione
Il punteggio dellindicatore attribuito, sulla base delle informazioni fornite in questo punto dellindice e
nel Piano di Formazione Aziendale nel suo complesso ed indicato come media del punteggio degli
interventi ammissibili.

F4. Termini e condizioni di fornitura


Le agenzie formative dovranno impegnarsi a fornire allimpresa beneficiaria del PIA, tutti i dati necessari per
consentire alla stessa di trasmetterli al Soggetto Attuatore alle scadenze e secondo le modalit specificate
nel bando, ai fini del monitoraggio finanziario, fisico e procedurale delle attivit formative in essere.

Pagina 31 di 65

DATI DI RIEPILOGO
In questa parte vengono esposti e commentati i dati di sintesi economici e finanziari del Piano di Sviluppo
Aziendale nel suo complesso.
1. Conto Economico previsionale

CONTO ECONOMICO

Esercizio a

Esercizio

Esercizio

regime (N)

N+1

N+2

Ricavi da vendite e prestazioni


Variazione rimanenze semilavorati e finiti
Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni
Contributi in conto esercizio
Altri ricavi e proventi
A) Valore della produzione
Materie prime, sussidiarie, di consumo
Servizi
Personale
Ammortamento immobilizzazioni immateriali
Ammortamento immobilizzazioni materiali
Canoni di leasing
Variazione rimanenze di materie prime, sussidiarie e di consumo
Altri costi della produzione
B) Costi della produzione
Risultato della gestione caratteristica (A-B)

2. Quadro finanziario degli interventi


ANNO AVVIO
FABBISOGNI
Immobilizzi agevolabili
Spese agevolabili per i servizi reali
Costi agevolabili per le attivit di formazione
Costi agevolabili per le attivit di R&s
Investimenti non agevolabili
Capitale desercizio - Iva
Totale Fabbisogni
FONTI DI COPERTURA
Eccedenza fonti anno precedente (a)
Totale apporto mezzi propri (b)
- Investimenti produttivi
- Ricerca & Sviluppo
- Servizi reali
- Attivit formative
Totale contributi c/capitale richiesti (c)
- Investimenti produttivi
- Ricerca & Sviluppo
- Servizi reali
- Attivit formative
Finanziamento agevolato (d)
Totale finanziamenti a m/l termine (e)
- Investimenti produttivi
- Ricerca & Sviluppo
- Servizi reali
- Attivit formative
Totale finanziamenti a breve termine (f)
- Investimenti produttivi
- Ricerca & Sviluppo
- Servizi reali
- Attivit formative
Debiti verso fornitori (g)
Cash flow (h)

Pagina 32 di 65

2 ANNO

3 ANNO

TOTALE

ANNO AVVIO
Altro (i)
Totale Fonti (a+b+c+d+e+f+g+h+i)

Pagina 33 di 65

2 ANNO

3 ANNO

TOTALE

C.

ALLEGATO 3 - FACSIMILE SCHEDA TECNICA

UNIONE EUROPEA

REGIONE CALABRIA

REPUBBLICA ITALIANA

DIPARTIMENTI
ATTIVITA PRODUTTIVE
LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, POLITICHE DELLA FAMIGLIA,
COOPERAZIONE E VOLONTARIATO
CULTURA, PUBBLICA ISTRUZIONE, UNIVERSITA, RICERCA SCIENTIFICA
E INNOVAZIONE TECNOLOGICA
PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

POR FESR CALABRIA 2007-2013


ASSE I RICERCA SCIENTIFICA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA E SOCIET
DELLINFORMAZIONE
Linea di Intervento 1.1.3.2 Realizzazione dei Piani di Innovazione Aziendali ed
Interaziendali previsti dai Pacchetti Integrati di Agevolazioni e dai Contratti di Investimento
ASSE VII SISTEMI PRODUTTIVI
Linea di Intervento 7.1.4.1 - Pacchetti Integrati di Agevolazioni per

competitivit delle imprese esistenti


POR FSE CALABRIA 2007-2013
ASSE I ADATTABILIT

AVVISO PUBBLICO
SCHEDA TECNICA

Pagina 34 di 65

sostenere la

1. Dati Azienda

Informazioni Azienda
Denominazione
Forma Giuridica

Codice Fiscale/P.IVA
Codice Fiscale

P. IVA

Sede legale
Via / Piazza

N civ.

CAP

Comune

Provincia

Telefono

Telefax

E-mail

Sito internet

Stato estero

Sede Amministrativa
Via / Piazza

N civ.

CAP

Comune

Provincia

Telefono

Telefax

E-mail

Sito internet

Stato estero

Indirizzo al quale si chiede venga indirizzata la corrispondenza


Via / Piazza

N civ.

CAP

Comune

Provincia

Telefono

Telefax

E-mail
Referente
Si autorizza linvio a mezzo fax o posta elettronica

Si

Legale rappresentante
Cognome

Nome

Qualifica
Sesso

Atto Costitutivo
Estremi atto
Nuova Azienda

SI

NO

Scadenza
Scadenza

Capitale sociale
Capitale sociale

Capitale Versato

Pagina 35 di 65

No

Iscrizione CCIAA
CCIAA di

data

Iscrizione Registro Imprese


Registro Imprese di

data

Iscrizione INPS
Inps di
Data
Settore

Ordinaria

Tipo contabilit

Semplificata

Iscrizione Albo Imprese Artigiane


SI

Iscritta

NO

N.

Data

Iscrizione ONLUS
SI

Iscritta

NO

N.

Data

Soggetti per i quali prevista la certificazione antimafia


Cognome e Nome

Luogo di nascita

Data di nascita

Qualifica

Codice fiscale

2. Ubicazione e Settori di attivit

Ubicazione dellunit produttiva cui rivolto il Piano di Sviluppo


Provincia

Comune

Localit
Via / Piazza

N civ.

Telefono

Telefax

Attivit principale, svolta o da svolgere, alla quale rivolto il Piano di Sviluppo


Descrizione
Codice ATECO 2007

Pagina 36 di 65

CAP

3. Dimensione aziendale

Dimensione azienda
Piccola

Media

Grande

Compagine Sociale
Denominazione/

N.

Nome e cognome

Sede Legale/Residenza

Quota posseduta (%)

Codice attivit

Situazione societaria
Ai sensi dellart. 2359 CC
NB. Unimpresa si intende associata o collegata secondo la definizione di cui allart. 3 del DM del MISE del 18 aprile 2005
Dati dellimpresa
(periodo di riferimento = ultimo esercizio contabile chiuso ed approvato precedentemente alla data di sottoscrizione della domanda)
Occupati (ULA)
Fatturato (in migliaia di )
Totale di Bilancio (in migliaia di )

Limpresa controllata, ai sensi dellart. 2359 CC, da societ estere?


SI

NO

Partecipazioni
Denominazione

Codice attivit ATECO 07

Quota posseduta

Sede Legale/Residenza

(%)

Imprese collegate
(periodo di riferimento = ultimo esercizio contabile chiuso ed approvato precedentemente alla data di sottoscrizione della domanda)
Denominazione

Occupati (ULA)

Fatturato

Totale di Bilancio

(in migliaia di )

(in migliaia di )

Imprese associate
(periodo di riferimento = ultimo esercizio contabile chiuso ed approvato precedentemente alla data di sottoscrizione della domanda)
Denominazione

Occupati (ULA)

Pagina 37 di 65

Fatturato

Totale di Bilancio

(in migliaia di )

(in migliaia di )

4. Bilanci Aziendali
Stato patrimoniale
Riportare le voci di bilancio relative agli ultimi due esercizi precedenti la data di presentazione della Domanda (ovvero dalla data di costituzione, se
inferiore).
ATTIVO
A

Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti

Immobilizzazioni:

B.1

Immobilizzazioni immateriali

B.2

Immobilizzazioni materiali

B.3

Immobilizzazioni finanziarie

Attivo circolante:

C.1

Rimanenze

C.2

Crediti

C.2.1

Crediti esigibili oltre lesercizio successivo

C.2.2

Crediti esigibili entro lesercizio successivo

C.3

Attivit finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni

C.4

Disponibilit liquide

Ratei e risconti attivi

Penultimo
Consuntivo

Ultimo
Consuntivo

Penultimo
Consuntivo

Ultimo
Consuntivo

TOTALE ATTIVO
PASSIVO
A

Patrimonio netto:

A.1

Capitale sociale

A.2-7

Riserve

A.8

Utili (perdite) portati a nuovo

A.9

Utili (perdite) dellesercizio

Fondi per rischi e oneri

Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato

Debiti:

D.1

Debiti esigibili oltre lesercizio successivo

D.2

Debiti esigibili entro lesercizio successivo

Ratei e risconti passivi


TOTALE PASSIVO

Pagina 38 di 65

Conto economico
Riportare le voci di bilancio relative agli ultimi due esercizi precedenti la data di presentazione della Domanda (ovvero dalla data di costituzione, se
inferiore).
Descrizione delle voci
A

Valore della produzione:

A.1

Ricavi delle vendite e delle prestazioni

A.2

Variazione delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti

A.3

Variazione dei lavori in corso su ordinazione

A.4

Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni

A.5

Altri ricavi e proventi

Costi della produzione:

B.1

Materie prime, sussidiarie, di consumo e merci

B.2

Servizi

B.3

Godimento di beni di terzi

B.4

Personale

B.5

Ammortamenti e svalutazioni

B.6

Variazione delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci

B.7

Accantonamenti per rischi

B.8

Altri accantonamenti

B.9

Oneri diversi di gestione


Risultato della gestione caratteristica (A - B)

Proventi e oneri finanziari:

C.1

Proventi da partecipazioni

C.2

Altri proventi finanziari

C.3

Interessi e altri oneri finanziari

Rettifica valore attivit finanziarie:

D.1

Rivalutazioni

D.2

Svalutazioni

Proventi e oneri straordinari


Risultato prima delle imposte (A B + C + D + E)
Imposte sul reddito desercizio
Utile (perdita) dellesercizio

Pagina 39 di 65

Penultimo
Consuntivo

Ultimo
Consuntivo

6. Piano degli Investimenti Produttivi


Tipo di investimento
Soggetto che realizza gli investimenti
Settore

Tipologia di investimento
Nuovo impianto

Ampliamento

Ammodernamento

Riconversione

Riattivazione

Trasferimento di impianti produttivi esistenti

Diversificazione produttiva

Titolo di disponibilit del suolo o dellimmobile interessato dal Piano di Sviluppo Aziendale (propriet, diritto
reale di godimento, locazione finanziaria, comodato, contratto preliminare di cui art. 1351 del C.C.)
Tutti gli atti attestanti la disponibilit e allegati alla domanda risultano registrati

Cantierabilit delliniziativa
Previsto

Rilasciato

Concessione edilizia

Atto

Autorizzazione

Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.)

Valutazione dIncidenza (Rete Natura 2000)

Altro (Specificare)

Capacit di produzione effettiva, relativa allunit produttiva


ESERCIZIO PRECEDENTE
N unit di
Produzione massima

Prodotti

Uni. Misura per

Produzione

principali

uni. tempo

massima per uni.

tempo per

tempo

anno

teorica annua

Uni. Misura per

Produzione

principali

uni. tempo

massima per uni.

tempo per

tempo

anno

Prezzo uni.

Valore

Medio

produzione
effettiva

ESERCIZIO A REGIME
N unit di
Produzione massima

Prodotti

Produzione
effettiva annua

teorica annua

Date del Piano di Investimenti Produttivi

Pagina 40 di 65

Produzione

Prezzo uni.

Valore

effettiva annua

Medio

produzione
effettiva

Date effettive o previste relative al Piano di Investimenti Produttivi


Anno (aaaa) dellesercizio precedente del nuovo Piano di Investimenti
Data (gg/mm/aa) di avvio a realizzazione del nuovo Piano di Investimenti
Data (gg/mm/aa) di ultimazione del nuovo Piano di Investimenti
Anno (aaaa) presunto, dellesercizio a regime del nuovo Piano di Investimenti

Riepilogo spese
DESCRIZIONE DELLE SPESE

Spese

Spese non

Agevolabili

Agevolabili

Totale

PROGETTAZIONE E STUDI

- Progettazioni
- Direzione dei lavori
- Studi di fattibilit (tecnica, economica e finanziaria)
- Valutazione impatto ambientale
- Collaudi di legge
- Oneri di concessione edilizia
- Altro
Totale progettazione e studi
SUOLO AZIENDALE

- Suolo aziendale
- Sistemazione suolo
- Indagini geognostiche
Totale suolo aziendale
OPERE MURARIE E ASSIMILABILI

Capannoni e fabbricati industriali


-(singole descrizioni)
Totale capannoni e fabbricati industriali
Fabbricati civili per uffici e servizi sociali
- (singole descrizioni)
Totale fabbricati civili per uffici e servizi sociali
IMPIANTI GENERALI E RELATIVI ALLACCIAMENTI ALLE RETI ESTERNE

- Riscaldamento
- Condizionamento
- Idrico
- Elettrico
- Fognario
- Gas combustibile (metano, )
- Aria compressa
- Telefonico
- Altri impianti generali
Totale impianti generali
STRADE , PIAZZALI , RECINZIONI, FERROVIE
- Strade
- Piazzali
- Recinzioni
- Allacciamenti ferroviari
- Tettoie
-Cabine metano, elettriche, ecc.
- Basamenti per macchinari e impianti
- Altro
Totale strade, piazzali, recinzioni, ferrovie, ecc.
Opere varie
Totale opere varie
Totale opere murarie e assimilabili
MACCHINARI IMPIANTI E ATTREZZATURE

Macchinari (descrizione dei singoli macchinari)


Totale macchinari
Impianti (descrizione dei singoli impianti produttivi e ausiliari)
Totale impianti
Attrezzature (descrizione compresi mobili e attrez. d'ufficio)
Totale attrezzature
Software (descrizione del software previsto)
Brevetti non ricompresi nel Piano di Innovazione Aziendale (descrizione)
Totale software e brevetti
Mezzi mobili (descrizione)
Totale mezzi mobili
Totale macchinari impianti e attrezzature
TOTALE INVESTIMENTO

Suddivisione delle spese del Piano di Investimenti Produttivi per anno solare, a partire da quello di avvio a realizzazione

Pagina 41 di 65

Tipologia

1 anno

2 anno

3 anno

Spese dirette
Piano delle erogazioni del contributo (%
contributo richiesto)

Finanziamento bancario
Avanzamento pratica
Istituto di credito
Importo
Durata finanziamento (anni)

Di cui preammortamento (anni)

Importo interessi (calcolato)


Delibera n.

del

Contributi richiesti
Investimenti
% concedibile
% richiesta
Agevolazione ()

Personale dipendente
Nei dodici mesi
Unit lavorative (ULA)

antecedenti la data di
avvio a realizzazione

Dirigenti
Operai
Categorie speciali
Altre (specificare)
Totale
di cui donne
di cui a tempo indeterminato
Nuovi assunti a tempo indeterminato

Pagina 42 di 65

Nellesercizio a regime

Totale

Pagina 43 di 65

7. Piano Integrato di Servizi Reali

Servizi richiesti
Elenco dei servizi reali richiesti

Fornitore

P.IVA/Cod. Fiscale

Attivit e azioni previste


Attivit

Consulente

Giorni

Costo giornata

Costo totale

Totale

Dati del servizio


Servizio

Fascia

Totale costo ammissibile

Totale contributo richiesto

Massimale del
Catalogo

Costo previsto
(compilare sulla base della scheda descrittiva
del BP)

Costo
ammissibile

% richiesta

Limpresa possiede gi una forma di certificazione ambientale (Ecolabel europeo, EMAS, ISO
14001).

Si

No

1...
2.

Il piano servizi e finalizzato a

3..

previsto linserimento/potenziamento dellofferta aziendale rivolta alle persone diversamente


abili o con bisogni speciali (anziani, bambini)

Pagina 44 di 65

Si

No

8. Piano di Innovazione
Studio di Fattibilit Tecnica
Piano dei Costi Analitico
Categoria di Costo

Importo
(Euro)

Descrizione
1.1 Personale dipendente (n. giornate/uomo)
1.2 Personale non dipendente (n. giornate/uomo)

a) Personale
b) Servizi di consulenza
c) Spese per lacquisizione di studi, banche dati e
ricerche
d) Spese per la partecipazione a mostre, fiere e
congressi
e) Spese per lorganizzazione di seminari ed incontri
finalizzati alla costruzione di cluster di imprese
f) Spese Generali
TOTALE

Piano dei Costi per Work Package


Categorie di costo

WP 0

WP 1

WP 3

WP n

a) Personale
b) Servizi di consulenza
c) Spese per lacquisizione di studi, banche dati e ricerche
d) Spese per la partecipazione a mostre, fiere e congressi
e) Spese per lorganizzazione di seminari ed incontri finalizzati
alla costruzione di cluster di imprese
f) Spese Generali
TOTALE
Criteri di calcolo del costo lordo orario medio del lavoro
COSTO ORARIO MEDIO ANNUO
Retribuzione lorda mensile x 12

IMPORTI

Tredicesima mensilit
Quattordicesima mensilit
TFR
Contributi Inps
Inail
Ulteriori costi (da contratti aziendali)
COSTO ANNUO AZIENDA
Totale ore di lavoro convenzionali (es: 52 sett. X 40 h settimanali) (X)
- Permessi retribuiti
- Riposi per festivit soppresse
- Festivit cadenti in giorni lavorativi
Totale ore di lavoro non lavorate (es: ferie gg.x8h) (Y)
TOTALE MONTE ORE DI LAVORO (Z=X-Y)

Durata complessiva dello Studio


GANTT
Indicazione Workpackage

Mesi
1

WP 0
WP 1

Pagina 45 di 65

Totale

WP 2
WP
WP N

Progetto di ricerca industriale o sviluppo sperimentale


Piano dei Costi Analitico

Categoria di Costo

Ricerca
industriale
(Euro)

Descrizione

Attivit di sviluppo
sperimentale
(Euro)

Importo
(Euro)

1.1 Personale dipendente (n. giornate/uomo)

a) Personale

1.2 Personale non dipendente (n. giornate/uomo)

b) Strumenti e attrezzature

c) Fabbricati e terreni

d) Servizi di ricerca, Servizi di consulenza,


Acquisizione di brevetti
e) Spese Generali
f) Altri costi desercizio
TOTALE
Piano dei Costi per Work Package
Categorie di costo

WP 0

WP 1

WP 3

a) Personale
b) Strumenti e attrezzature
c) Fabbricati e terreni
d) Servizi di ricerca, Servizi di consulenza, Acquisizione di
brevetti
e) Spese Generali
f) Altri costi desercizio
Costo Totale

Criteri di calcolo del costo lordo orario medio del lavoro


COSTO ORARIO MEDIO ANNUO

IMPORTI

Retribuzione lorda mensile x 12


Tredicesima mensilit
Quattordicesima mensilit
TFR
Contributi INPS
Inail
Ulteriori costi (da contratti aziendali)
COSTO ANNUO AZIENDA

Pagina 46 di 65

WP n

Totale

Totale ore di lavoro convenzionali (es: 52 sett. X 40 h settimanali) (X)


- Permessi retribuiti
- Riposi per festivit soppresse
- Festivit cadenti in giorni lavorativi
Totale ore di lavoro non lavorate (es: ferie gg.x8h) (Y)
TOTALE MONTE ORE DI LAVORO (Z=X-Y)
Durata complessiva del Progetto
GANTT
Indicazione Workpackage

Mesi
1

WP 0
WP 1
WP 2
WP 3
WP 4
WP
WP N

Servizi per lInnovazione e il Trasferimento Tecnologico


Servizi richiesti
Elenco dei servizi reali richiesti

Fornitore

P.IVA/Cod. Fiscale

Attivit e azioni previste


Attivit

Consulente

Giorni

Costo giornata

Costo totale

Totale

Piano dei Costi dei Servizi


Categoria di Costo

Descrizione

a) Servizi di consulenza
b) Servizi di supporto allinnovazione
c) Spese connesse ai diritti di propriet industriale
TOTALE

Pagina 47 di 65

Importo
(Euro)

Tempi di realizzazione dei servizi


GANTT
Servizi

Mesi
1

Pagina 48 di 65

9. Piano di Formazione

Totale lavoratori presso limpresa, residenti o domiciliati nella Regione (compresi i neoassunti) 1
Categoria

n.

Lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato


Lavoratori dipendenti con contratto a tempo determinato non inferiore a 12 mesi
Lavoratori temporaneamente sospesi per crisi congiunturali, riorganizzazioni aziendali e/o riduzioni temporanee di attivit
Soci di cooperative iscritti a libro paga
Titolari di impresa e soci lavoratori non dipendenti
TOTALE

Elenco delle Agenzie Formative o Soggetti Erogatori


Denominazione

P.Iva/Cod. Fisc.

Citt

Indirizzo

Tipologia Interventi Formativi


N.

FCA/FCI Catalogo/FCI a mercato

Denominazione

Agenzia formativa

Riepilogo corsi
N.

Durata (ore)

N. lavoratori

Di cui donne

Di cui svantaggiati

Costo Totale

Costo agevolabile

Date del Piano di Formazione


N.

Corsi

Data di avvio

Data di ultimazione

Durata

(gg/mm/aa)

(gg/mm/aa)

(gg)

Specificare le categorie in impresa al momento in cui viene presentata la domanda di agevolazione. Nelle suddette categorie devono essere comprese

anche i nuovi assunti.

Pagina 49 di 65

Criteri di calcolo del costo lordo orario medio del lavoro

COSTO ORARIO MEDIO ANNUO

IMPORTI

Retribuzione lorda mensile x 12


Tredicesima mensilit
Quattordicesima mensilit
TFR
Contributi inps
Inail
Ulteriori costi (da contratti aziendali)
COSTO ANNUO AZIENDA
Totale ore di lavoro convenzionali (es: 52 sett. X 40 h settimanali) (X)
- Permessi retribuiti
- Riposi per festivit soppresse
- Festivit cadenti in giorni lavorativi
Totale ore di lavoro non lavorate (es: ferie gg.x8h) (Y)
TOTALE MONTE ORE DI LAVORO (Z=X-Y)

Quadro finanziario del Piano Formativo


CODICE
a
b
c
d
e
f
g
h
i
l
m
n

VOCE DI SPESA

COSTO

Progettazione
Coordinamento
Retribuzione personale docente
Trasferta personale docente
Spese per tutoraggio
Spese per il personale non docente: amministrativi
Trasferta personale non docente: amministrativi e tutors
Uso locali e attrezzature finalizzate
Supporti informatici/audiovisivi
Costi generici di gestione afferenti lattivit di formazione
Costi di personale dei partecipanti al progetto di formazione
Costi di trasferta dei partecipanti al progetto di formazione
Totale

Riepilogo finanziario
Totale Costo

Euro

Totale Agevolabile

Euro

Agevolazione richiesta

Totale Contributo

Euro

Totale Cofinanziamento

Euro

Personale effettivamente inviato a formazione

N.

Pagina 50 di 65

10. Riepilogo

Apporto di mezzi propri


Anno di avvio

2 anno

3 anno

Totale

Dati Piani Specifici


Descrizione

Spesa esposta

Piano di Investimenti Produttivi

Piano Integrato di Servizi Reali

Piano di Innovazione

Piano di Formazione

Contributo richiesto

% contributo

Totale

Conto economico previsionale a regime


Anno

Anno a regime

Descrizione delle voci

(N)

A.1

Ricavi delle vendite e delle prestazioni

A.2

Variazioni rimanenze prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti

A.3

Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni

A.4

Altri ricavi e proventi

Valore della produzione:

B.1

Materie prime, sussidiarie, di consumo e merci

B.2

Servizi

B.3

Personale

B.4

Ammortamento immobilizzazioni immateriali

B.5

Ammortamento immobilizzazioni materiali

B.6

Canoni leasing

B.7

Variazioni rimanenze materie prime, sussidiarie e di consumo

B.8

Altri costi della produzione

Costi della produzione:


Risultato della gestione caratteristica (A - B)

Pagina 51 di 65

Anno N+1

Anno N+2

11. Quadro finanziario

Quadro finanziario degli investimenti


Fabbisogni

1 anno

2 anno

3 anno

Totale

1 anno

2 anno

3 anno

Totale

Spese agevolabili per Investimenti Produttivi


Spese agevolabili per i Servizi Reali
Spese agevolabili per Studi di fattibilit Tecnica, Progetti di
Ricerca, Servizi di Innovazione e TT
Spese agevolabili per le Attivit di Formazione
Investimenti Non Agevolabili
Capitale di esercizio IVA
TOTALE FABBISOGNI

Fonti di copertura
Eccedenza fonti anno precedente
Apporto mezzi propri
Investimenti produttivi
Servizi reali
Studi di fattibilit Tecnica, Progetti di Ricerca, Servizi di
Innovazione e TT
Attivit formative
Contributo in conto capitale richiesti per
Investimenti
Servizi reali
Studi di fattibilit Tecnica, Progetti di Ricerca, Servizi di
Innovazione e TT
Attivit formative
Finanziamento agevolato
Finanziamenti a m/l termine
Investimenti in c/capitale
Servizi reali
Studi di fattibilit Tecnica, Progetti di Ricerca, Servizi di
Innovazione e TT
Attivit formative
Finanziamenti a breve termine
Investimenti in c/capitale
Servizi reali
Studi di fattibilit Tecnica, Progetti di Ricerca, Servizi di
Innovazione e TT
Attivit formative
Debiti verso fornitori
Cash flow
Altro (specificare)
TOTALE FONTI

Pagina 52 di 65

D.

ALLEGATO 4 - FACSIMILE DICHIARAZIONE ATTESTANTE DI NON AVER RICEVUTO (O SUCCESSIVAMENTE


RIMBORSATO O DEPOSITATO) AIUTI INDIVIDUATI INCOMPATIBILI O ILLEGALI DALLA

COMMISSIONE

EUROPEA (DPCM DEL 23 MAGGIO 2007)

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO


Ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 28 dicembre 2000, n 445

Il

sottoscritto

____________________________________________________,

_____________________________,prov.

_____

il

__________________,

______________________________________________________________,

prov.

nato

residente

in

_______,

via

___________________________________n. civ. _______, in qualit di legale rappresentante dellimpresa


______________________________________________________________________

forma

giuridica

___________________________, con sede legale in __________________________, Prov. ______ CAP


________

in

Via/Piazza

______________________________________________

______,

fax

_______________________________________ e-mail__________________________________,
al fine di poter usufruire dellagevolazioni, qualificabile come Aiuto di Stato ai seni dellart. 87 del Trattato
istitutivo delle comunit europee, previste dallAvviso Pacchetti Integrati di Agevolazione, approvato con
decreto del dirigente generale del Dipartimento Attivit Produttive della Regione Calabria n. .. del
. (pubblicato nel BURC n. .. del . parte III)
consapevole della responsabilit anche penali derivanti dal rilascio di dichiarazioni mendaci e della
conseguente decadenza dei benefici concessi sulla base di una dichiarazione non veritiera, ai sensi e per gli
effetti degli artt. 75 e 76 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000,
DICHIARA1
di non rientrare tra coloro che hanno ricevuto, neanche secondo la regola del de minimis, aiuti dichiarati
incompatibili con le decisioni della Commissione Europea indicate nellart. 4 del decreto del Presidente
del Consiglio dei Ministri del 23 maggio 2007, adottato ai sensi dellart. 1, comma 1223, della legge 27
dicembre 2006, n. 296 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 160 del 12 luglio
2007;

di rientrare tra i soggetti che hanno ricevuto secondo la regola del de minimis, aiuti dichiarati
incompatibili con le decisioni della Commissione Europea indicate nellart. 4, comma 1, lettera b) del

Selezionare una o pi delle opzioni barrando la relativa casella

decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 maggio 2007, adottato ai sensi dellart. 1, comma
1223, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
Italiana n. 160 del 12 luglio 2007, per un ammontare totale di euro .. e
di non essere pertanto tenuto allobbligo di restituzione delle somme fruite;
di aver rimborsato in data1 .. mediante2 .la somma di euro
. Comprensiva degli interessi calcolati ai sensi del Capo V del Regolamento (CE)
21 aprile 2004, n. 794/2004 della Commissione, pubblicato nella GUCE n. L140 del 30 aprile 2004,
relativo allAiuto di Stato soggetto a recupero e dichiarato incompatibile con la decisione della
Commissione Europea indicata nellart. 4, comma 1, lettera 3 del decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 23 maggio 2007, adottato ai sensi dellart. 1, comma 1223, della legge 27
dicembre 2006, n. 296 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 160 del 12 luglio
2007;
di aver depositato nel conto di contabilit speciale presso la Banca dItalia la somma di euro
. comprensiva degli interessi calcolati ai sensi del Capo V del Regolamento (CE)
21 aprile 2004, n. 794/2004 della Commissione, pubblicato nella GUCE n. L140 del 30 aprile 2004,
relativo allAiuto di Stato soggetto a recupero e dichiarato incompatibile con la decisione della
Commissione Europea indicata nellart. 4, comma 1, lettera 4 del decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri del 23 maggio 2007, adottato ai sensi dellart. 1, comma 1223, della legge 27
dicembre 2006, n. 296 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 160 del 12 luglio
2007, per un ammontare totale di euro .. e di non essere pertanto
tenuto allobbligo di restituzione delle somme fruite.
Luogo e data ..

Timbro e firma5

Indicare giorno, mese, e anno in cui stato effettuato il rimborso

Mezzo con il quale si proceduto al rimborso (es. modello F24, cartella di pagamento ecc.)

Specificare a quale lettera a), b), c) o d) ci si riferisce

Specificare a quale lettera a) o c) ci si riferisce

Ai sensi dell'articolo 38 - comma 3 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, l'autentica delle firme in calce alla dichiarazione domanda ovvero ad ogni altro

documento che la preveda, potr, oltre che nelle consuete forme, essere effettuata allegando la fotocopia di un valido documento di identit del firmatario.

Pagina 54 di 65

E.

ALLEGATO 5 - FACSIMILE DI DICHIARAZIONE DEL PROPRIETARIO DELLIMMOBILE STESSO ATTESTANTE


LASSENSO ALLA REALIZZAZIONE DEL

PIANO DI SVILUPPO AZIENDALE

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO


Ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 28 dicembre 2000, n 445

(solo nel caso in cui il proprietario dellimmobile in cui viene realizzato il Piano di Sviluppo Aziendale sia diverso dal
Soggetto che presenta la domanda di agevolazione)

Il

sottoscritto

____________________________________________________,

_____________________________,prov.

_____

il

__________________,

______________________________________________________________,

prov.

nato

residente

in

_______,

via

___________________________________n. civ. _______, in relazione alla Domanda di Agevolazioni di cui


al Bando Pacchetti Integrati di Agevolazione. Industria, Artigianato e Servizi (Deliberazione GR n. 220 del
13.03.2008)

relativa

al

Piano

di

Sviluppo

Aziendale

promosso

_______________________________________________________________

dallimpresa

forma

giuridica

___________________________, con sede legale in __________________________, Prov. ______ CAP


________ in Via/Piazza ______________________________________________ n ______, tel/fax
_______________________________________

nellambito

dellimmobile

(terreno

e/o

fabbricato/edificio/costruzione) ubicato in ________, prov. _______, via e n. civ. ___________, i cui estremi
di identificazione catastale sono i seguenti: _____ (1), consapevole della responsabilit penale cui pu
andare incontro in caso di dichiarazioni mendaci, ai sensi e per gli effetti degli artt. 47 e 76 del D.P.R. n. 445
del 28 dicembre 2000,
DICHIARA
in qualit di proprietario del suddetto immobile, di concedere il proprio pieno ed incondizionato assenso per
la realizzazione del richiamato Piano di Sviluppo Aziendale promosso dallimpresa ..del quale a piena e
completa conoscenza;
Luogo e data ____________________________
Timbro e firma (2)
____________________________
Note:
(1) Riportare gli estremi catastali identificativi completi dellimmobile (ivi incluso leventuale terreno) o degli immobili oggetto della
presente dichiarazione
(2) Sottoscrivere la presente dichiarazione con le modalit previste dallart. 38 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000, e successive
modifiche e integrazioni.

Pagina 55 di 65

F.

ALLEGATO 6 SCHEMA DI PERIZIA GIURATA RELATIVA AL


DESTINAZIONE DUSO DELLIMMOBILE

RISPETTO DEI VINCOLI URBANISTICI E ALLA

Schema di Perizia Giurata


Il/La sottoscritto/a _________________________________, nato/a a _______________________ il
___/___/___ e residente a _____________________________ prov. ______ in Via/Piazza
___________________ , n. civ. ______, iscritto/a allAlbo degli _____________ della Provincia di
_______________ al n. _________________, codice fiscale _____________, partita IVA.
_________________,
incaricato
dallImpresa
_______________
con
sede
legale
in
____________________, prov. ______, Via/Piazza ____________________, n. civ. _____, codice
fiscale __________________, partita IVA ______________, iscritta alla Camera di Commercio di
____________________, al numero _______________.
ATTESTA CON PERIZIA ASSEVERATA A GIURAMENTO:
1. di aver preso visione e di essere pienamente a conoscenza dellinvestimento proposto dallImpresa
suindicata alla Regione Calabria nellambito degli aiuti previsti dalAvviso Pubblico Pacchetti
Integrati di Agevolazione;
2. che limmobile dove viene esercitata lattivit dellImpresa ricade/non ricade nellarea per
insediamenti produttivi (ASI, PIP, ecc.) di ____________________ (1)
3. che limmobile preesistente al programma dinvestimento presentato dalla sopracitata Impresa,
dove viene o verr svolta lattivit, conforme alle relative concessioni e/o autorizzazioni edilizie
rilasciate dal Comune di ____________ in data __/__/____ ed contraddistinto dai seguenti
identificativi catastali (specificare Comune, foglio e particella);
4. che limmobile dove viene esercitata lattivit dellImpresa ha destinazione duso conforme
allattivit stessa dallorigine/per intervenute variazioni in regime ordinario,/ovvero a seguito di
condono (in questultimo caso la perizia deve attestare gli estremi, la regolarit e lo stato della
relativa pratica e che non esistono vincoli ostativi al rilascio della concessione in sanatoria) (1);
5. che limmobile dove viene esercitata lattivit dellImpresa si trova nelle seguenti condizioni:
non ha beneficiato, nel corso dei dieci anni precedenti (dalla data del relativo atto formale di
concessione delle precedenti agevolazioni alla data di presentazione dellistanza), di un
finanziamento nazionale o comunitario (1);
non sussistono specifici vincoli (urbanistici, archeologici, etc.), ovvero, per tali vincoli possibile
ottenere le necessarie autorizzazioni di legge, in relazione alle opere da realizzare ed alle
destinazioni duso previste (1);
in regola con tutti gli adempimenti legali ed amministrativi (propriet definitiva, non abusivi,
etc.) (1).
limpresa ha ottenuto le seguenti autorizzazioni preventive necessarie alla realizzazione degli
interventi (ovvero per la realizzazione dellintervento sono necessari i seguenti
atti autorizzativi ..) (1)
Luogo e data

Firma del professionista

Segue formula di giuramento.

Note: (1) Riportare solo lipotesi che ricorre

Pagina 56 di 65

G.

ALLEGATO 7 - FACSIMILE DI DICHIARAZIONE RELATIVA

A CIASCUN

IMMOBILE DA ACQUISTARE

Dichiarazione dellimpresa ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 relativa a
ciascun immobile esistente da acquistare nellambito del Piano di Sviluppo Aziendale da agevolare
Il sottoscritto ............., nato a .........., prov. .
... il ..., e residente in ........., prov. ...., via e n. civ.
......., in relazione alla domanda di agevolazioni Pacchetti Integrati di
Agevolazione. Industria, Artigianato e Servizi, relativa ad un Piano di Sviluppo Aziendale promosso presso
lunit locale ubicata in .., prov. .., via e
n. civ. ., consapevole della responsabilit penale cui pu
andare incontro in caso di dichiarazioni mendaci, ai sensi e per gli effetti degli artt. 47 e 76 del D.P.R. n. 445
del 28 dicembre 2000,
DICHIARA
in

qualit

di

........

(1)

del

Soggetto

proponente

...

... con sede legale in ......., via e n. civ. ...


.....:
-

che il suddetto Piano di Sviluppo Aziendale comprende lacquisto di un immobile esistente (terreno e/o

fabbricati)

cui

estremi

di

identificazione

catastale

sono

seguenti:

.. (2);
-

(3) che il detto immobile non stato oggetto di programmi di investimento gi agevolati;

(3) che il detto immobile, stato oggetto di un programma di investimenti agevolato con atto formale n.

... del .. da parte di ..., ultimato nei 10 anni


che precedono la data di presentazione del modulo relativo alla suddetta domanda e

che le relative

agevolazioni sono state integralmente restituite o recuperate dallamministrazione concedente;


(3) che il detto immobile, stato oggetto di un programma di investimenti agevolato con atto formale n.
... del .. da parte di ..., non ancora ultimato
alla data di presentazione del modulo relativo alla suddetta domanda e che le relative agevolazioni sono
state integralmente restituite o recuperate dallamministrazione concedente;
(3) che il detto immobile, stato oggetto di un programma di investimenti agevolato con atto formale n.
... del .. da parte di ..., gi ultimato e che alla
data di presentazione del modulo relativo alla suddetta domanda sono gi trascorsi 10 anni dalla data di
ultimazione
-

(4) che, a partire dai ventiquattro mesi precedenti la data di presentazione del Modulo relativo alla

suddetta domanda, i soci del soggetto proponente, ovvero, relativamente ai soci persone fisiche, i coniugi
dei soci o i parenti o affini entro il 3 grado dei soci stessi, non sono stati proprietari, neanche parzialmente,
dellimmobile stesso;

Pagina 57 di 65

(4) che, a partire dai ventiquattro mesi precedenti la data di presentazione del Modulo relativo alla

suddetta domanda, uno o pi dei soci del Soggetto proponente ovvero, relativamente ai soci persone fisiche,
i coniugi dei soci o i parenti o affini entro il 3 grado dei soci stessi, sono stati proprietari dellimmobile stesso,
come di seguito specificato:
.... (5) .... (6) ....(7)
.... (5) .... (6) ....(7);
-

(8) che, a partire dai ventiquattro mesi precedenti la data di presentazione del Modulo relativo alla

suddetta domanda, il Soggetto proponente e il venditore non si sono trovati nelle condizioni di cui allart.
2359 c.c., n in ambedue vi sono state partecipazioni, anche cumulative, che facevano riferimento, anche
indirettamente, a medesimi altri soggetti per almeno il 25%.
Luogo e data ..
timbro e firma (9)
...................................................

_____________
Note:
(1) Titolare, legale rappresentante o procuratore speciale (in quest'ultima ipotesi allegare la procura o copia autentica della stessa)
(2) Riportare gli estremi catastali identificativi completi dellimmobile (terreno e/o fabbricati) oggetto della presente dichiarazione
(3) Riportare solo lipotesi che ricorre
(4) Riportare solo lipotesi che ricorre
(5) Singolo socio (cognome e nome, se persona fisica; ragione sociale, se persona giuridica) o coniuge del socio o singolo parente o
affine entro il 3 grado del socio stesso (in questultimo caso indicare anche il relativo socio)
(6) Quota (%) di possesso dellimmobile a partire dai 24 mesi precedenti la data di presentazione del Modulo di domanda (nel caso in
cui la quota sia variata, riportare quella maggiore)
(7) Quota (%) di partecipazione nellimpresa richiedente le agevolazioni a partire dai 24 i mesi precedenti la data di presentazione del
Modulo di domanda (nel caso in cui la quota sia variata, riportare quella maggiore)
(8) Riportare solo nei casi in cui la compravendita avvenga tra imprese
(9) Sottoscrivere la presente dichiarazione con le modalit previste dallart. 38, comma 3 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000

Pagina 58 di 65

H.

ALLEGATO 8 FACSIMILE DI DICHIARAZIONE BREVETTI E PROGRAMMI INFORMATICI

Dichiarazione dellimpresa, ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 28 dicembre 2000, n 445, relativa a
brevetti o programmi informatici da acquistare nellambito del Piano di Sviluppo Aziendale da
agevolare

Il sottoscritto ............., nato a .........., prov. .


... il ..., e residente in ........., prov. ...., via e n. civ.
......., in relazione alla domanda di agevolazioni di cui al Bando Pacchetti
Integrati di Agevolazione. Industria, Artigianato e Servizi, ai sensi della deliberazione G.R. n. 220 del 19
marzo 2008, relativa ad un Piano di Sviluppo Aziendale promosso presso lunit locale ubicata in
..,

prov.

..,

via

n.

civ.

., consapevole della responsabilit penale cui pu andare


incontro in caso di dichiarazioni mendaci, ai sensi e per gli effetti degli artt. 47 e 76 del D.P.R. n. 445 del 28
dicembre 2000,

DICHIARA
in

qualit

di

........

(1)

del

Soggetto

proponente

...

... con sede legale in ......., via e n. civ. ...


.....:
-

che il suddetto Piano di Sviluppo Aziendale comprende lacquisto dei seguenti brevetti e/o programmi

informatici (descrizione) ;
-

(2) che, a partire dai ventiquattro mesi precedenti la data di presentazione del Modulo relativo alla

suddetta domanda, i soci del Soggetto proponente, ovvero, relativamente ai soci persone fisiche, i coniugi
dei soci o i parenti o affini entro il 3 grado dei soci stessi, non sono stati proprietari, neanche parzialmente,
dei predetti brevetti e/o programmi informatici;
-

(2) che, a partire dai ventiquattro mesi precedenti la data di presentazione del Modulo relativo alla

suddetta domanda, uno o pi dei soci dellimpresa ovvero, relativamente ai soci persone fisiche, i coniugi dei
soci o i parenti o affini entro il 3 grado dei soci stessi, dei predetti brevetti e/o programmi informatici:
.... (3) .... (4) ....(5)
.... (3) .... (4) ....(5);
-

(6) che, a partire dai ventiquattro mesi precedenti la data di presentazione del Modulo relativo alla

suddetta domanda, la suddetta impresa e quella venditrice non si sono trovate nelle condizioni di cui allart.
2359 c.c., n in ambedue vi sono state partecipazioni, anche cumulative, che facevano riferimento, anche
indirettamente, a medesimi altri soggetti per almeno il 25%.

Pagina 59 di 65

Luogo e data ..
timbro e firma (7)
...................................................
_____________
Note:
(1) Titolare, legale rappresentante o procuratore speciale (in quest'ultima ipotesi allegare la procura o copia autentica della stessa)
(2) Riportare solo lipotesi che ricorre
(4) Riportare solo lipotesi che ricorre
(3) Singolo socio (cognome e nome, se persona fisica; ragione sociale, se persona giuridica) o coniuge del socio o singolo parente o affine entro il 3
grado del socio stesso (in questultimo caso indicare anche il relativo socio)
(4) Quota (%) di possesso del brevetto/programma nei 24 mesi la data di presentazione del Modulo di domanda (nel caso in cui la quota sia variata,
riportare quella maggiore)
(5) Quota (%) di partecipazione nellimpresa richiedente le agevolazioni a partire dai 24 precedenti la data di presentazione del Modulo di domanda (nel
caso in cui la quota sia variata, riportare quella maggiore)
(6) Riportare solo nei casi in cui la compravendita avvenga tra imprese
(7) Sottoscrivere la presente dichiarazione con le modalit previste dallart. 38, comma 3 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000.

Pagina 60 di 65

I.

ALLEGATO 9 - FACSIMILE LETTERA DI INTENTI DEL FORNITORE DI SERVIZI

da compilarsi a cura di ciascun soggetto individuato nella proposta come fornitore dei servizi su propria
carta intestata
Il/La

sottoscritto/a

nato/a

___________________________________________________________________

___________________________________

_____________

residente

in

prov.

______________________________

_________________________________ codice fiscale


consulente

________________________

_____________________________

iscritto

via

il
n.

_____________________________, in qualit
allalbo

__________________________

n.

_______________ dal ___________________ Partita IVA ________________________________ (ovvero)


in qualit di legale rappresentante della societ __________________________ con sede legale in
__________________________________ prov. _________ CAP ____________________ Partita IVA
_________________________________________, consapevole della responsabilit penale cui pu andare
incontro in caso di dichiarazioni mendaci o di esibizione di atto falso o contenente dati non rispondenti a
verit, ai sensi e per gli effetti degli art. 47 e 76 del DPR n. 445 del 28 dicembre 2000
DICHIARA
in relazione al Piano Integrato di Servizi Reali presentato da __________________________________,
-

di essere a conoscenza del contenuto del progetto e, in particolare, del contenuto del/dei servizio/servizi
che chiamato a svolgere;

di impegnarsi a svolgere, in caso di valutazione positiva della proposta progettuale e di ammissione a


finanziamento della stessa, le attivit di consulenza e assistenza secondo i tempi, le modalit e le
condizioni economiche descritte nella proposta progettuale per il/i servizio/servizi di (specificare i casi
che occorrono) ______________________________________.

Luogo e data, ________________________


Firma e timbro (1)
_________________________

(1)

Ai sensi dell'articolo 38 - comma 3 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445, l'autentica delle firme in calce alla dichiarazione domanda ovvero ad
ogni altro documento che la preveda, potr, oltre che nelle consuete forme, essere effettuata allegando la fotocopia di un valido
documento di identit del firmatario.

Pagina 61 di 65

J.

ALLEGATO 10 - FACSIMILE DI COMUNICAZIONE DI ESITO DI DELIBERA DEL FINANZIAMENTO BANCARIO

da produrre entro la data di sottoscrizione dellAtto di Adesione e Obbligo

[SU CARTA INTESTATA DEL SOGGETTO FINANZIATORE]

Spett.le
[INSERIRE DATI SOGGETTO BENEFICIARIO]
e
Spett.le
Regione Calabria
Dipartimento Attivit Produttive
Viale Cassiodoro Palazzo Europa
88100 Catanzaro
COMUNICAZIONE DI ESITO DI DELIBERA DEL FINANZIAMENTO BANCARIO

PREMESSO CHE
1. il Soggetto Beneficiario, qui di seguito identificato, ha dichiarato che ha presentato domanda di
agevolazione per il Piano di Investimenti Produttivi sotto descritto:
Legge Agevolativa: Bando Pacchetti Integrati di Agevolazione
Soggetto Beneficiario:
Codice Fiscale:
Sede Legale:
- Comune:
- Provincia:
- Indirizzo e CAP:
Descrizione degli investimenti previsti:
Produzioni principali realizzate o da realizzare a seguito del Piano di Investimenti Produttivi:
Ubicazione investimento:
- Comune:
- Provincia.:
- Indirizzo e CAP:
Tipologia del programma 1:
Importo complessivo dellinvestimento per il quale vengono richieste le agevolazioni:.
2. In data .. si conclusa con esito positivo la Valutazione.
1

Indicare una delle seguenti tipologie: nuove unit produttive, ampliamento, ammodernamento, riconversione, riattivazione, trasferimento di impianti

produttivi esistenti.

Pagina 62 di 65

Tutto ci premesso, si comunica che in relazione al sopra indicato Piano di Investimenti Produttivi:
-

in data il sottoscritto istituto ha deliberato a favore del Soggetto Beneficiario un

Finanziamento Bancario per un importo massimo di euro ..;


Il finanziamento sopra indicato presenta, tra le altre, le seguenti caratteristiche:
- durata massima di .. anni, di cui massimo . di preammortamento;
- importo di mezzi propri a carico dei soci: ;
- garanzie: (indicare il dettaglio analitico delle garanzie da acquisire) ..
.
.
In ordine alle garanzie sopra indicate, il sottoscritto Soggetto Finanziatore dichiara che le stesse, sulla base
della documentazione agli atti e delle istruttorie tecniche effettuate, risultavano individuate ed acquisibili alla
data della delibera, fermo restando limpegno del sottoscritto Soggetto Finanziatore di effettuare ogni
necessario e/o opportuno aggiornamento delle relative istruttorie tecniche e legali.
La suddetta delibera ha validit di ________ mesi. Resta inteso che qualora il sottoscritto Soggetto
Finanziatore venga a conoscenza di eventi che alterino il merito di credito del Soggetto Beneficiario oggetto
di detta Valutazione, il finanziamento potr essere oggetto di una nuova valutazione.

IL SOGGETTO FINANZIATORE

Pagina 63 di 65

K.

ALLEGATO 11 - FACSIMILE

DI

ATTESTAZIONE DEL MERITO CREDITIZIO

da produrre entro la data di sottoscrizione dellAtto di Adesione e Obbligo

[SU CARTA INTESTATA DELLISTITUTO DI CREDITO]

Il sottoscritto in qualit di responsabile dellagenzia di ..(citt e


via) dellIstituto di credito
DICHIARA
di aver analizzato i dati e la documentazione relativa al progetto prot. n. presentato dallimpresa
.., a valere sullAvviso Pubblico Pacchetti Integrati di Agevolazione. Della
Regione Calabria, e di aver verificato la congruit della struttura finanziaria del progetto suddetto ed
esaminato lallegata documentazione progettuale relativa al Piano di Sviluppo Aziendale presentato
ATTESTA
-

che il piano finanziario di copertura degli investimenti previsti dalliniziativa equilibrato ed attendibile
in tutte le sue parti;

che, sulla base di tale piano finanziario, limpresa non dovr ricorrere ad indebitamento verso terzi/ e
dovr apportare mezzi propri per un ammontare di euro ..;

che limpresa, allo stato attuale, nelle condizioni di apportare i mezzi propri secondo le indicazioni di
cui al piano finanziario proposto.

Luogo e data, .
Timbro e firma1
.

Sottoscrivere la presente dichiarazione con le modalit previste dallart. 38 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000, e successive

modifiche e integrazioni.

Pagina 64 di 65

L.

ALLEGATO 12 FACSIMILE DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI NOTORIET SCHEMA GENERALE

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO


Ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 28 dicembre 2000, n 445

Il

sottoscritto

____________________________________________________,

_____________________________,prov.

_____

il

__________________,

______________________________________________________________,

prov.

nato

residente

in

_______,

via

___________________________________n. civ. _______, in relazione alla Domanda di Agevolazioni ai


sensi del Bando Pacchetti Integrati di Agevolazione. Industria, Artigianato e Servizi relativa al Piano di
Sviluppo Aziendale promosso dallimpresa _____________________________________________ forma
giuridica ___________________________, con sede legale in __________________________, Prov.
______ CAP ________ in Via/Piazza ______________________________________________ n ______,
fax

_______________________________________

e-mail__________________________________,

consapevole della responsabilit penale cui pu andare incontro in caso di dichiarazioni mendaci, ai sensi e
per gli effetti degli artt. 47 e 76 del D.P.R. n. 445 del 28 dicembre 2000,
DICHIARA

di

Luogo e data .
Timbro e firma del rappresentante legale1

Sottoscrivere la presente dichiarazione con le modalit previste dallart. 38 del D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000, e successive

modifiche e integrazioni.

Pagina 65 di 65