Sei sulla pagina 1di 6

Arte Marinara - Lezione 11

CORSO DI ARTE MARINARA


Lezione 11
(Aggiornamento settembre 2004)

3.3.3. Stile di vita dellequipaggio


La precedente lezione pu essere sintetizzata affermando dimmi su che
barca vai e ti dir chi sei, come afferma Piero Ottone in un suo gradevolissimo
libro1. Continua Ottone: Anche le barche parlano (...) A saperlo comprendere,
quel linguaggio dichiara let, la provenienza, la destinazione, il carattere, la
maneggevolezza, lindole, laffidabilit della barca; e rivela anche i connotati
caratteriali e sociali del proprietario. Come mai un appassionato di barche, non
appena pu farlo,
va a passeggiare
lungo i moli di un
porticciolo, va a
guardare a una a
una

le

barche

ormeggiate,
provocando

la

noia

lo

di

chi

accompagna?
Lappassionato,
mentre

avanza

passo passo, sta leggendo un libro, osserva il dipanarsi di una storia, anzi di tante
storie diverse. Consiglio vivamente di leggere questo volumetto, in cui il bravo
giornalista e scrittore ha perfettamente interpretato, con parole da vero marinaio
innamorato del mare e della vela, i sentimenti che animano noi tutti, colpiti
dallinguaribile passione del navigare.
Dopo aver descritto tipologie di comportamento differenziate per
imbarcazioni a motore o a vela, intendo ora riportare alcune riflessioni ed alcune
indicazioni indirizzate sia a chi imbarchi su uno yacht a motore, sia a chi intenda
navigare su una imbarcazione a vela. A tal proposito mi pregio di fare unaltra
1

Piccola filosofia di un grande amore: la vela Longanesi & C. - 2001

11 - 1

Arte Marinara - Lezione 11


citazione, riportando uno scritto di Gianfranco Maggiorin2, appassionato di mare
ed istruttore nautico: Le veloci barche a motore coprono in un lampo distanze che
ai velisti richiedono ore ed ore di attenzione, di cambi di vele, di regolazioni, di
pazienza. Sono due modi differenti di vivere la navigazione, ma alla base dei quali
vi dovrebbe essere una stessa cultura dellandar per mare. () Ci vuole lumilt di
riconoscere i propri limiti, la volont di voler migliorare e la consapevolezza, che,
per quanto veloce, anche unimbarcazione a motore pu imbattersi nel cattivo
tempo. Che una barca a vela, assai pi lenta, possa essere sorpresa dal maltempo,
la stragrande maggioranza dei velisti ne consapevole. Per questa ragione un
velista e la sua barca sono in genere meglio attrezzati e pi preparati per far fronte
alle diverse e talvolta impegnative situazioni di navigazione.
Pertanto,

come

gi

avvenuto

in

trattazioni

precedenti,

le

mie

raccomandazioni sono dirette a tutti i diportisti nautici, ma risultano pi


appropriate ed opportune per lambiente velico, ove la vita di bordo richiede pi
adattamento per le difficolt ambientali pi rilevanti e per la durata media pi
lunga delle navigazioni.
E mi sia concesso dora in poi luso del vocabolo tribolante, mia espressiva
italianizzazione del vocabolo ispano-portoghese per indicare un membro
dellequipaggio. Ci perch la vita a bordo di una imbarcazione da diporto fra i 9
ed i 16 metri scomoda e non priva di pericoli, se raffrontata agli agi cui sono
abituati gli odierni terragni.
Ma allora la passione per il mare solo masochismo? Questa la
convinzione di chi non la condivida e detesti la vita marinara. Ma come mai
landar per mare attrae sempre un maggior numero di persone, pur essendo un
modo di vita, rispetto a quello terragno, sicuramente pi costretto e disagevole,
sempre faticoso e talvolta spossante, spesso imprevedibile e talora pericoloso?
E il mare che strega ed ammalia e luomo, facendolo sognare con il suo
fascino dellignoto, con le sue memorie di avventure, con il suo senso di
primordiale che ancora oggi, malgrado la tecnologia moderna, riesce pur sempre ad
ispirare una incoercibile passione.
La passione marinara, come ogni passione, intrisa di irrazionalit, ma trova
il suo sicuro alimento nella razionalit dellintimo piacere che si gode nel mettersi
2

Skipper Mursia -- 1999

11 - 2

Arte Marinara - Lezione 11


alla prova per mare, navigando
sulla scia di tanti veri marinai,
famosi

ignoti,

antichi

contemporanei. Una passione che


cresce quando, navigando, si
scoprono in s energie psichiche
e fisiche insperate, si assapora lo
stimolante

incanto

dellisolamento nella navigazione


daltura, la quiete di una notte
alla fonda in una baia remota,
lemozione di avvistare la terra
meta di un viaggio. Una passione
che viene messa alla prova
quando si preda della gelida
trepidazione per il mare in burrasca o quando si contempla, fra improvvisi squarci
di nere nubi, il tramonto infuocato del sole nel mare agitato, seguito dallansia per
la notte incombente. Una passione che si rinnova quando si gioisce di unaurora
rosata, foriera di nuove speranze portate dal pallido sorgere del grande astro da un
lucido mare grigio, che ritrova magicamente il suo orizzonte.
Il diportista che, salendo a bordo di unimbarcazione spinto dalla passione
per il mare, voglia seguire lo stile di vita proprio di un valido membro
dellequipaggio, deve valorizzare anzitutto alcune qualit indispensabili per un
piacevole e soddisfacente imbarco: il buon senso, ladattabilit, la disponibilit, il
rispetto per gli altri ed il rispetto per la barca.
Ribadisco quanto gi evidenziato nella lezione n. 8, affermando che la vita a
bordo di uno yacht fra i 9 ed i 16 metri, costituisce un validissimo test psicologico
e comportamentale, in particolare su una imbarcazione a vela. Quindi, lo stile di
vita ottimale da tenere su piccolo bastimento un magnifico banco di prova per i
rapporti di convivenza, i cui criteri possono essere applicati in ogni altra situazione
di relazioni interpersonali: in sintesi unottima scuola di vita. Nel microcosmo di
unimbarcazione da diporto vengono rapidamente a nudo vizi e virt dei membri
dellequipaggio, a cominciare dallo skipper armatore. La passione per il mare, per i
sacrifici che esso impone e per le gioie che regala, costituisce il connettivo, il
11 - 3

Arte Marinara - Lezione 11


liquido amniotico in cui si crea, si sviluppa e matura larmonia di un equipaggio.
Quando un insieme di persone sulla stessa imbarcazione supera gli individualismi
e diviene un vero equipaggio, si stabilisce un clima solidale che fa superare ogni
difficolt, crea inscindibili legami di cameratismo, di sostegno, di stima e di fiducia
che si proiettano nella vita ben oltre la durata dellimbarco, superando censo, et,
abitudini, mestieri. Armonia non significa assemblearismo o, peggio, anarchia, ma
si basa, come detto in precedenti lezioni, sul rispetto dei ruoli e delle naturali
gerarchie, nella sicurezza che ognuno assolva alle proprie mansioni o supporti chi
non sia in grado di farlo.
Ovviamente su unimbarcazione, oltre ai tribolanti chiamati a concorrere
attivamente alla vita di bordo nel rispetto delle indicazioni riportate in questo
scritto, vi possono essere anche passeggeri veri e propri, il cui stile di vita a
bordo bene che si conformi il pi possibile a quello individuato per i membri
dellequipaggio, affinch essi risultino ospiti gradevoli e graditi.
Confermo che lambiente di bordo scomodo per ogni equipaggio e ne
condiziona lo stile di vita. La natura stessa del mezzo nautico comporta difficolt
e pericolo, essendo per sua struttura di dimensioni limitate, esposto alle intemperie
della bizzarria meteorologica, alle oscillazioni ed agli sbattimenti imposti dai
capricci del mare, alle insidie nascoste nelle acque delle coste e dellalto mare.
Nonostante ci i costruttori di imbarcazioni da diporto attirano i clienti
realizzando barche sempre pi lussuose ed accessoriate, concepite per la vita di
porto come status symbol e ville sul mare, piuttosto che come mezzi per navigare.
Sono allestite con cuccette matrimoniali inutilizzabili in navigazione, ma sono del
tutto prive dei teli e delle tavolette anitirollio che evitino al tribolante di precipitare
miseramente sui paglioli3 per uninattesa virata di bolina o per unalambardata4
improvvisa nel mare agitato. Si persa la cultura dei tavoli basculanti, muniti di
riquadri per le stoviglie, che consentivano di pranzare decorosamente seduti a
tavola anche in navigazione. Sono quasi scomparse le spondine antirollio (fisse o
mobili) che impediscano agli oggetti di scivolar gi dai piani e dai tavoli, o di
schizzar fuori dagli stipetti improvvidamente aperti sopravento. I cuscini dei sedili
e dei divanetti, non pi solidali con i piani di appoggio, volano via ad ogni
movimento, sfuggendo alla tenue presa delle ritenute di velcro. Sono sempre pi
3
4

Pavimento mobile degli ambienti sottocoperta delle imbarcazioni


Improvviso cambiamento di direzione della prua generalmente sotto lazione di forte vento e mare

11 - 4

Arte Marinara - Lezione 11


rari sottocoperta, e talvolta anche in coperta, i mancorrenti e le maniglie di
agguanto, indispensabili per muoversi in sicurezza quando la barca rolli e
beccheggi.
Al contrario sono aumentati inverosimilmente gli elettrodomestici e gli
ausiliari imbarcati: questi ultimi non sono pi ubicati negli appositi vani per i
macchinari, ma hanno invaso ogni spazio in sentina5, rimanendo pericolosamente
esposti a qualunque inopinato ma sempre possibile allagamento, riducendo la
capienza dei serbatoi e privando della possibilit di stivare alcunch. Lo stile di
vita dellequipaggio deve tenere conto del modesto uso che si riesce a fare di tali
ausiliari moderni: il forte assorbimento energetico ed il complesso impiego, di fatto
ne condizionano il godimento alla sola permanenza allormeggio con
alimentazione da terra, semprech non si verifichino deprecabili quanto frequenti
avarie. Rinunciare a questi comodi ausili? Non certo per principio, ma cercando un
giusto compromesso, fra comodit, sicurezza e funzionalit, tenendo sempre
presente che la tradizione e lesperienza marinara impongono sobriet ed
essenzialit nellallestimento di unimbarcazione da diporto con cui si voglia
veramente navigare.
Ci che non molto cambiato con lavvento delle moderne tecnologie
nautiche, la presenza a bordo di tante piccole insidie per lintegrit delle mani e
dei piedi degli sprovveduti membri dellequipaggio, il cui stile di vita marinaro
ne per forza di cose condizionato. Lattrezzatura e la coperta delle imbarcazioni
sembrano realizzate appositamente per tendere trappole infami, essendo cosparse
di incrostazioni, spine, golfari6, bitte7, coppiglie8, gallocce9, strozzascotte10,
verricelli, bozzelli11, pastecche12, lande13, binari, ruvidi tambugi14 e viscidi
boccaporti15. Sottocoperta il peggior pericolo sempre in agguato costituito dai
paglioli, che divengono quanto di pi scivoloso possa esistere, non appena si
bagnino per la condensa dellumida aria salmastra o, peggio, per lo sciabordio
5

La parte inferiore dello scafo di unimbarcazione o nave, fra il pagliolato e lo scafo


Anelli per fissare le manovre fisse o correnti
7
Forcelle per legare i cavi da ormeggio
8
Spinotti
9
Forcelle per legare le cime
10
Piccole ganasce a molla per bloccare le cime
11
Carrucole chiuse
12
Carrucole apribili
13
Terminali a scafo delle manovre fisse
14
Parte soprelevata della cabina che sporge dal piano della coperta
15
Passo duomo in coperta
6

11 - 5

Arte Marinara - Lezione 11


dellacqua di sentina. Ad evitare dolorose contusioni e ferite alle mani ed ai piedi,
delicate appendici estreme dei terragni, opportuno stile di vita calzare i guanti
da lavoro o da vela quando si traffichino cavi, cime e catene, nonch indossare
sempre le scarpe da barca chiuse, a mocassino o allacciate, dotate di suola
antiscivolo chiara e morbida: non usare mai ciabatte o calzature aperte, prive di
protezione per le dita o di agguanto per il piede.
E pur vero che i marinai della tradizione velica o piscatoria lavoravano a
bordo scalzi e a mani nude, per sentire bene la nave stando in coperta, o per
agguantare con forza il sartiame andando a riva16. Ma avete mai visto quelle mani
e quei piedi marinari, corazzati da robuste callosit e con scimmiesche attitudini
prensili?! I mozzi e gli allievi
ufficiali, appena imbarcati sui
velieri, dovevano subito farsi le
mani ed i piedi: non certo
ricorrendo alle cure del pedicure
e del manicure, ma alando
ruvide e taglienti cime di canapa,
camminando su grossi cavi da
ormeggio bagnati e incrostati, arrampicandosi su infide griselle17 per fare numerosi
giri di barra18, e poi ancora trafficando19, serrando20 e mollando21 rigide vele di
tela olona22 pi abrasiva della cartavetra.
A fronte di tanti problemi e disagi, ancora una volta sorge spontanea la
domanda sul perch si vada per mare per diporto, inseguendo uno stile di vita
che trasformi un insieme di individui in un amalgamato equipaggio marinaro.
Rispondo con le parole di Piero Ottone1: Forse ingenuo dirlo, forse anche un p
ridicolo. Ma attraverso la sofferenza si migliora.

16

Salire sul sartiame (cavi di ritenuta) dellalberatura per la manovra delle vele
Scalini di corda fissati sulle sartie per salire sullalberatura
18
Ascesa e discesa dellalberatura per addestramento
19
Manipolare per far scorrere
20
Chiudere e legare
21
Sciogliere ed aprire
22
Tessuto particolarmente resistente usato per confezionare le vele e le tende
17

11 - 6