Sei sulla pagina 1di 4

Esercito Italiano Guerra di Liberazione

il C.I.L e i Gruppi di Combattimento 1944/1945


C.I.L (fonte Esercito Difesa) marzo '44 - 25/9/'44)
I Brigata-4 Rgt. Bersaglieri XXIX e XXXIII btg.
3Rgt. Alpini Btg. Piemonte e
Montegranero (ex costiero in Corsica)
185 Rep. paracadutisti ex XI btg. Nembo
e IV Gruppo artiglieria someggiato

II Brigata 68 Rgt. Legnano


IX Reparto d'assalto (ex arditi del X reggimento),
Rgt.Marina "San Marco" (btg."Bafile"e"Grado")
squadrone volontari "Guide", V Gruppo art. someggiato

DIVISIONE NEMBO
183 e 184 rgt. paracadutisti, 184 artiglieria, e 184 genio

guastatori. Le vicende della Nembo dislocata in parte in Sardegna


e in parte in Calabria richiederebbero una maggior analisi. Ci
limitiamo a dire che, costituito in maniera affrettata il primo
reggimento (185 gli altri saranno il 184 e il 183) il resto venne
dislocato in Sardegna con funzioni antisbarco, mentre il 185 rest
sul continente e precisamente in Calabria dove larmistizio lo
colse impegnato contro gli alleati in Aspromonte. In Sardegna la
"Nembo" rimase in larga parte fedele al Re, tranne il XII
Battaglione ed elementi del X (che seguirono la 90.e Panzer). In
Calabria parte del III Btg. si un alle forze tedesche in ritirata
costituendo in seguito l'ossatura dei reparti paracadutisti della
RSI mentre il restante and a costituirne un reparto alleato
meglio conosciuto come Folgore Recce Squadron
http://digilander.libero.it/lacorsainfinita/guerra2/43/reccesquadron.htm del

Cap. Gay (qui 2 capitoli) . LXI, che non si un ai tedeschi, and a


costituire il 185 Reparto Autonomo Paracadutisti (visto con la
prima brigata del Cil:al termine del ciclo di operazioni andr a
costituire il 3 btg del Rgto Nembo )
Gli altri reparti visti nel I raggr. motorizzato, nel gennaio 1944, non sono
sciolti, ma in riarmo ed in addestramento secondo i canoni alleati.
Vengono congedati gli inabili e passati ai servizi quelli che hanno diversi
anni di guerra sulle spalle. Da questi quadri in settembre nasceranno i
Gruppi di Combattimento che vedremo nel prossimo capitolo con i
rispettivi reparti di origine. Molti, in sordina, se ne andranno proprio senza
essere autorizzati

da http://www.bellica.it/elite5.html gli Arditi comparvero il 20 Marzo


1944 presso Monte Castelnuovo, sulle Mainarde a fianco di
Cassino. Tutti volontari, di cui molti decorati al valore venivano da
quel I Battaglione "Arditi" formato nella primavera del 1942 e rifatto,
in seguito alla decimazione subita nella Guerra d'Africa. Alla data
dell'8 Settembre 1943 una parte degli Arditi si trovava in Sardegna
ed era comandata dal Ten. Col. G. Boschetti. Il 9 febbraio 1944 il
gruppo, per volere dell'allora Capo di Stato Maggiore il Generale
Messe, assumeva la nuova denominazione di IX Reparto
d'Assalto, il suo vecchio reparto nella grande guerra).

Prima di aprire il racconto sulle vicende del CIL (dopo quelle del Raggruppamento motorizzato e del suo impiego a a Montelungo (43)) facciamo
un passo indietro per ricostruire, per quanto possibile la genesi dei vari reparti (escluso i minori) che erano entrati a far parte del
Raggruppamento Motorizzato prima, poi del Cil (che qui vediamo) e infine dei Gruppi di combattimento. L'8 settembre 1943
aveva colto il paese in una grossa crisi militare, in pratica non esistevano pi forze operative all'altezza del nostro alleato e men
che meno del nemico/amico. Dall'Africa, dalla Russia non era praticamente rientrato nessuno e quei pochi erano inidonei al
servizio, perch malati, feriti o peggio. Da altri fronti europei e balcanici, come abbiamo visto, le difficolt di collegamento ed altre
vicende impedirono alla maggior parte di rientrare. Saranno i dispersi del '43, gente che a volte non si riuscir pi a ricostruire la
fine. Il meglio di noi, quasi un milione e mezzo di persone, con gli ultimi dello sbarco in Sicilia, stava nei campi di Prigionia di
Russia, Inghilterra, Africa, Usa, India, Australia, Nuova Zelanda per citare solo i principali. I catturati in Sicilia resteranno in gran
parte in Italia, nel bacino del mediterraneo, ma anche al seguito delle truppe alleate nello sbarco in Normandia, come "personale
di servizio" degli alleati. Degli altri pi del 5% non torner pi a casa. Il "tutti a casa" aveva poi fatto il resto. Le uniche regioni
d'Italia che potevano contare su piccole forze, ancora discretamente addestrate (ma con armamento inadeguato e prive di mezzi)
erano la Sardegna, la Corsica, e l'area della Puglia, Lucania, Campania e Calabria (in parte perch gli americani sono gi sulla terra
ferma da alcuni giorni)

I reparti "superstiti" uno per uno.


DIVISIONE LEGNANO

Questa unit costituir per l'intero ciclo operativo dal 1943 al 1945 l'ossatura del Regio Esercito impegnato nella guerra di
liberazione. La costituiscono diversi reparti minori ma il nucleo centrale risiede nei due reggimenti di Fanteria 67 e 68, nel 58 Rgt
Artiglieria, nel battaglione mortai e in minori reparti di guardie costiere gi organiche quando nel novembre 1942 all'atto della
invasione della Francia la Divisione viene schierata fra Cannes e St. Tropez. Qui i rinforzi costieri erano costituiti dal 162 Rgt.
Costiero, 4 Rgt. Art., 99 Rgt. di frontiera GAF e dalla 104a Cp. Bersaglieri. Nel mese di luglio 1943 la Legnano inizia le
operazioni di rientro in Italia. All'8 settembre era in fase di trasferimento verso la Puglia, frazionata in pi unit delle quali solo
alcune riescono a raggiungere al completo la zona liberata tra Francavilla e Brindisi, mentre diversi reparti erano ancora dislocati a
Bologna e in altre zone di transito. Nell'organico del 67 in un primo tempo viene inserito il I battaglione del 93 Messina messosi
in salvo dalla Jugoslavia nei concitati giorni dell'armistizio.
.

DIVISIONE MANTOVA

Nei primi giorni di gennaio del '43 la divisione viene trasferita in Calabria, alle dipendenze del XXXI C.A. quale massa di manovra,
con sede del comando a Nicastro. L'8 settembre era schierata per far fronte agli alleati in risalita da Reggio Calabria. Le concitate
fasi dell'armistizio ne salvano in gran parte i reparti e in special modo il suo reggimento di artiglieria 11 che entra nel I raggr.
Motorizzato. La divisione entrer ricomposta un anno dopo nei Gruppi di Combattimento.

DIVISIONE PICENO

Nel mese di giugno 1942, la Divisione Piceno dislocata in Puglia a difesa della Penisola Salentina (la sua denominazione d'occupazione
ed priva di qualsiasi armamento pesante). Le sue unit sono schierate lungo la fascia di copertura costiera, compresa tra BrindisiOtranto-Santa Maria di Leuca-Gallipoli-Leporano. A partire dalla fine di settembre, invia in Africa Settentrionale il 336 Rgt.
Fanteria creato a suo tempo per sostituire il 236 dislocato in Sardegna. Sempre nella stessa zona, continua nel compito di difesa
costiera fino all'8 settembre quando il rovesciamento del fronte lo vede in linea per coprire gli sbarchi alleati di Taranto dai pochi
tedeschi in loco.
Il primo reparto ad entrare in azione col CIL nel marzo 1943 il Btg. Piemonte (Alpino) creato coi soldati in partenza ed in arrivo
al porto di Bari l'8 settembre 1943. http://www.corvino.eu/costituzione_btg_piemonte.html . Il compito, si potrebbe dire, l'impossibile.
Prendere Monte Marrone (m. 1806) e tenerlo, cosa non riuscita agli americani. E il 31 marzo la cima venne presa e tenuta. Il 10
aprile, la notte di Pasqua, agguerriti e decisi a buttare nel vuoto gli alpini in bilico sugli strapiombi ritornarono i tedeschi. Il fuoco
di sbarramento delle artiglierie imped ai rincalzi tedeschi di raggiungere i reparti avanzanti, mentre gli alpini esploratori,
rioccupata la vetta che domina la sottostante trincea italiana gi conquistata in parte dai tedeschi, li snidarono e li misero in fuga.
Un mese dopo il Cil muove lungo la direttrice M. Marrone-Picinisco azione questa che tende ad aggirare la difesa di Montecassino,
prima dei Francesi. La via di Roma era aperta ma gli alleati non vedevano di buon occhio che i reparti italiani entrassero a Roma
prima di loro e quindi li dirottarono sul versante adriatico dal quale non sarebbero pi stati spostati. A questa data gli organici
posti sopra erano al completo e raggiunsero i 25.000 uomini assumendo la divisione in Brigate. Come supporto artiglieria del
C.d.A entr anche il gi rodato 11 artiglieria. L'8 giugno da Guardiagrele (Ch) l'unit mosse verso nord dovendo superare le linee
trasversali dei fiumi che si gettano a mare e che costituivano con fortini scavati i punti di appoggio della difesa tedesca: i famigerati
Pat a cui si doveva un alto tributo di sangue.
Gen. L. Poli Le forze armate nella guerra di liberazione 1943/45 Roma 1944-Lo sfondamento della linea invernale l' 8 giugno
port alla conquista di Canosa Sannita, Guardiagrele e Orsogna. Mentre dopo questa operazione la II Brigata rimase a presidio del
settore, i bersaglieri e gli alpini della I Brigata proseguirono l'avanzata ed occuparono Bucchianico. I paracadutisti uscendo dal settore
del C. I. L. , raggiungevano Chieti sul mare ed alcune localit sulla costa. Cos, dopo lunghi mesi di guerra di posizione, iniziava un
periodo di azione intensa con i complessi problemi logistici della guerra di movimento, per la quale il C.I.L. non era attrezzato. Nei
giorni 11, 13 e 15 giugno elementi della I Brigata raggiunsero rispettivamente Sulmona, L'Aquila e Teramo. Dura poi fu la resistenza
tedesca sul Chienti, ma, serrati sotto i reparti che nella rapida avanzata si erano scaglionati per decine di chilometri, a fine giugno
furono occupate Tolentino e Macerata ed il Chienti fu superato in direzione di Cingoli. La zona di Filottrano costituiva per il difensore
tedesco la posizione pi forte, ma la sua conquista era indispensabile per la presa di Ancona.

1-9 LUGLIO 1944 LA PRESA DI ANCONA LA BATTAGLIA DI FILOTTRANO fu un'altra tappa importante della guerra di
liberazione italiana, e vide unit del II Corpo Polacco e il Gruppo di Combattimento "Nembo'" contrapposti alla 71. e 278.
infanterie - division tedesche facenti parte della 10. Armee, con il paese di Filottrano punto di cerniera tra le due divisioni tedesche
ed ordine di "tenere Ancona quanto pi a lungo possibile, senza farsi colpire. fino al 7 luglio, il paese e le zone circostanti vennero
aspramente contese dalle due parti con aspri contrattacchi di fanteria e forze corazzate, ma persi Castelfidardo ed Osimo i tedeschi
dovettero ritirarsi dalla zona lasciando Filottrano in mano agli italiani, che entrarono in citt col XIV battaglione paracadutisti; le
perdite italiane furono di 56 morti e 231 feriti, con 59 dispersi. Ed ecco come la descrisse il Generale Umberto Utili nel suo libro "
RAGAZZI, IN PIEDI....."
Il Generale Leese comandante dell' 8^ Armata scrisse al
comandante il C.I.L.: " Sono contento di apprendere dal Generale
Anders le buone notizie riguardanti il comportamento delle vostre
truppe durante i recenti combattimenti e mi congratulo con voi e con
loro per l'avanzata. Ho avuto molto piacere di apprendere come i
vostri uomini hanno saputo agire brillantemente nel corso del duro
combattimento che ha portato alla conquista di Filottrano.
Personalmente io ritengo che sia un grande avvenimento il fatto che
assieme con l'8^ Armata vi sia un contingente italiano: le azioni di
questo contingente potranno diventare un grande contributo per il
prestigio d'Italia

"(...) Alle ore 20 del giorno 6 - Luglio - i primi elementi del XV Battaglione avevano raggiunto quota 189, a sud-est di Filottrano. La
reazione incontrata chiar immediatamente che la consistenza della difesa avversaria era ben diversa da quanto previsto. Si imponeva di
portare in linea altri reparti della " Nembo ", ed effettuare un adeguato schieramento di artiglieria . E occorreva trasformare il concetto
operativo: era risultato troppo difficile attaccare da sud lungo lo sperone dell'Imbrecciata. Il 183 Fanteria Nembo, con il XV battaglione
in primo scaglione e il XVI Battaglione in secondo scaglione, avrebbe attaccato da est, a cavallo della rotabile Villanova-Filottrano. Il
XII Battaglione avrebbe svolto azione sussidiaria da sud lungo la direttrice Macerata- Filottrano. Il CLXXXIV Battaglione guastatori e il
XIV Battaglione - autotrasportato - nella giornata del 7- avrebbero costituito riserva divisionale. In complesso cinque battaglioni; due
erano giunti affrettatamente nelle ultime ore, due avevano subito perdite sensibili nei giorni precedenti. In appoggio sarebbero stati
schierati i due Gruppi di artiglieria del 184 "Nembo", tre Gruppi dell' 11, il Gruppo da 149: un complesso di quindici batterie.
L'artiglieria polacca avrebbe concorso con tre gruppi pesanti e con due reggimenti da campagna.

Era previsto l'intervento di alcuni carri armati pesanti - "Sherman"- della divisione polacca "Kresowa". Tra le ore 6 e le ore 7 del giorno
8 l'artiglieria effettu il tiro di preparazione. Poi, i paracadutisti attaccarono da est. Per tre ore gli uomini rimasero sotto il fuoco
avanzando faticosamente. Alle 11 avevano raggiunto i margini orientali dell'abitato. Il combattimento si trasformava in lotta di casa in
casa per snidare nuclei nemici. Verso le 15 i tedeschi contrattaccarono appoggiati da semoventi. Il battaglione avanzato fluttu
lievemente; la 45^ Compagnia rimaneva caposaldo nel fabbricato dell'ospedale. Pi tardi - erano quasi le 19 - due compagnie di
paracadutisti impetuosamente tornarono con l'appoggio di "Sherman" polacchi. Ripresero il contatto con la 45^ Compagnia. A tarda
sera, quando - quasi ormai nella oscurit - mezzi blindati nemici nuovamente vennero innanzi, non si ritenne opportuno mantenere gli
obiettivi raggiunti. I paracadutisti lasciarono l'abitato. Al mattino sarebbero ritornati. Ma nella notte i tedeschi abbandonarono il paese
dirigendosi verso ovest sotto la protezione di intenso fuoco di artiglieria. All'alba del giorno 9 le pattuglie della "Nembo" si spinsero tra
margini meridionali della linea gotica)
le case: trovarono debole resistenza di qualche arma automatica ritardataria. Su Filottrano saliva il tricolore. Le perdite della "Nembo"
stremato, dopo aver abbandonato lunga la strada la
maggior parte dei logori mezzi . Venne quindi deciso di furono gravi: oltre trecento. Tra gli ufficiali si ebbero cinque morti e numerosi feriti. I paracadutisti avevano dovuto avanzare sotto il
costituire con i Reparti del C.I.L., integrato di nuove tiro concentrato delle artiglierie e dei mortai su contrafforti scoperti ove ogni movimento veniva seguito. Un pezzo controcarro salt su
mina nell'immediata prossimit del paese. Due "Sherman" polacchi furono messi fuori combattimento: l'uno per tiro di arma controcarro,
forze provenienti dalla Sardegna, sei Divisioni che
l'altro a causa di una mina. Assai elevate anche le perdite avversarie : circa il 50% degli elementi presenti, tra caduti e feriti. Oltre
avrebbero dovuto assumere la denominazione di "
cinquanta i prigionieri catturati.
Gruppi di Combattimento".
Il 31 luglio 1944 la Commissione alleata di controllo AAC (gen. Browning) autorizz lapprontamento di 6 unit operative in
deroga a quanto finora stabilito che limitava la presenza italiana a 341.170 uomini per la grandissima parte in unit ausiliarie di
Ogni Gruppo doveva avere la seguente
controllo e polizia del territorio oltre che di servizio ai porti e sulle strade. La Nembo era passata in deroga al limite di 14.000
costituzione organica: Comando - due
uomini gi raggiunto con le due brigate del Cil. 130 mila uomini sono alle dirette dipendenze degli Alleati come manovalanza
Reggimenti di fanteria, ciascuno su tre battaglioni
(addetti ai trasporti, servizi, portuali, riattamento ponti e linee ferroviarie etc...). Dieci divisioni, infine, sono addette alla sicurezza
- una compagnia mortai ed una compagnia
interna e alle linee di comunicazione (per un totale di 110 mila effettivi) cos dislocate: due a nord della linea Napoli-Foggia, tre a
cannoni 57/50 (inglesi) - un Reggimento
nord della linea Pisa-Rimini (subito dietro la "linea gotica"), due in Sicilia e tre in Sardegna in funzione antisbarco. I nuovi
d'artiglieria su 4 gruppi da 25 pollici; un gr.
Gruppi di Combattimento saranno le ex divisioni Cremona, Friuli, Mantova, Piceno e le divisioni Folgore e Legnano, nate dallo
cannoni controcarri da 7 libbre; un gr. cannoni
sdoppiamento del C.I.L. Se si vuole giungere in tempo alla offensiva invernale che a tutti pare (sperano sia) la fine della guerra
contraerei da 40 mm.; un battaglione misto genio
anzitempo bisogna fare presto. Il Piceno venne per subito declassato a centro addestramento complementi. Anche il Mantova,
- sanit e due ospedali da campo trasporti con
non ritenuto ancora pronto per il fronte svolger compiti di retrovia come riserva. Ricordiamo che, oltre ad essere rivestiti con
officina.
materiale inglese, gli italiani venivano riarmati e dotati di armi pesanti e trasporti tipicamente anglosassoni (spesso di qualit inferiore
Appena occupata Filottrano il IX Reparto d'Assalto ,
sostenuto dal fuoco della 6a btr del II Gruppo dell'11,
conquista Cingoli, i tedeschi abbandonano la citt nella
notte del 13. A met di Luglio i polacchi conquistano
Ancona ed il C.I.L. riprese il suo movimento lungo la
direttrice pi interna rispetto a quella costiera. Il Corpo
Italiano di Liberazione giunse al fiume Metauro ( ai

alla ex nostra)

Div. Cremona (44a di Ft.)

( 21 e 22 Regg. Fant; 35 (o 7) Regg. Art; 88a (o 90a)


Leg. CC.NN.). Presente in Sardegna dal marzo 1941 al
novembre 1942 dove compie esercitazioni di sbarco imbarco e concorre alla difesa costiera. Alla data dell'8
settembre prende parte alla liberazione della Corsica
inserita nel VII C.d.A. del Gen Magli

LA SITUAZIONE IN CORSICA http://digilander.libero.it/lacorsainfinita/guerra2/43/corsica1943.htm


http://xoomer.virgilio.it/ramius/Militaria/regio_esercito_1943.html Regio Esercito all'8 settembre 1943

Come detto in apertura le due regioni che avevano uno schieramento difensivo che rimase quasi intatto erano la Sardegna e la
Corsica. Concentrate in queste isole, per motivi diversi, molti reparti anche frazionati per il timore di sbarchi alleati. I tedeschi, ma
forse pi gli italiani temevano che l'isola diventasse una portaerei terrestre per l'attacco al nord Italia (fabbriche) e al Sud della
Germania e della Francia. Come fanno solitamente i tedeschi alla data dell'8 settembre non si fecero imbottigliare su un'isola
mandando automaticamente alla distruzione alcune delle loro truppe migliori. Gi avevano lasciato nell'Egeo e in Africa soldati
sufficienti a parare, ai primi di settembre del '43, l'offensiva russa a Est. Dalla Sardegna quindi i tedeschi si defilarono in fretta
Divisione Friuli
portandosi dietro i fedeli del regime verso la Corsica dove tentarono una minima difesa seguita da una precipitosa fuga. La Corsica
Rimane in Yugoslavia dal 41 fino al 5 maggio 42. Nel
novembre del 42 inizia il trasferimento in Corsica che si in mano ai Francesi collaborazionisti di Vichy venne invasa nel novembre del 1943 con truppe comunque prese dalla Sardegna. La
reazione tedesca e italiana era nata dalla mancata collaborazione di Vichy a fronteggiare gli sbarchi americani in Marocco e
conclude il 20. Si schiera a Nord. Alla data dell'8
settembre 43 sostiene per giorni combattimenti contro i Algeria. La Corsica (ma anche la Sardegna) con la loro orografia si prestavano alla lotta partigiana dei maquis che in Corsica era
tedeschi a Teghime, Bastia, Casamozza come sopra per gi sviluppata.
la Cremona. Ai primi di novembre del 43, la G.U. viene COMANDO FF.AA. SARDEGNA (Gen. Antonio Basso, Bortigali)
trasferita in Sardegna con compiti di presidio, sicurezza A fronte delle accresciute forze a disposizione il Comando FF.AA. della Sardegna in data 15 luglio 1943 eleva il Settore Nord a
e vigilanza.
Comando XXX C.d.A, mentre al Comando XIII C.d.A resta il territorio dellex Settore Sud.
XXX C.d.A (Gen. Giangiacomo Castagna, Sassari)

Divisione Calabria

Dislocata in Sardegna gi dal 1940, nella zona tra


Sassari, Porto Torres, Alghero, Santa Teresa di Gallura
si dispone a difesa delle coste nord-occidentali della
Sardegna per poi passare all'intero settore nord. Il 9
settembre 1943 si schiera a difesa di Sassari da
eventuali attacchi tedeschi. Dal 12 al 14 settembre
esercita pressione sulle truppe tedesche nella zona di
Martis e successivamente a Trinit d'Agultu, per
accelerarne l'evacuazione (verso la Corsica). Nel
prosieguo del conflitto trova impiego come Divisione di
Sicurezza Interna (S.I.) su due Brigate (4 rgt)

Divisione Sabauda

In Sardegna, tra Cagliari e Iglesias con sede del


comando a Cagliari gi dal 1940. Il 10 settembre 1943
si schiera al centro dell'isola a sbarramento della linea
Villacidro-Samassi-Selegas-Suelli, per la difesa di
Cagliari da attacchi tedeschi provenienti da nord. Il 10
novembre 1943 inizia il trasferimento in Sicilia e si
disloca nella zona Enna-Caltanissetta. Il suo compito
S.I.

Divisione Bari

Fra le ultime arrivate nel 1943 assume il controllo del


settore costiero di Oristano e ivi rimane fino all'8
settembre quando opera, come altre unit, per la fuga
tedesca. Il 21 settembre 1944 il Comando Divisione
Bari si scioglie e gli elementi che lo compongono danno
vita, il 14 ottobre successivo, al Comando Divisione per
S.I. Aosta. Sotto la stessa data le unit dipendenti dalla
divisione, il 139, 140 e 340 Rgt. Fanteria e il 47 Rgt.
Artiglieria cambiano compiti e dipendenze e assumono
la denominazione di 3, 4, 5 e 6 Reggimento
Guardie.

204^ Div. Costiera (Gen. Manlio Mora, Porto Torres) Difesa costiera da Punta Li Francesi esclusa a Torre Foghe ex
IV Brigata Costiera (Gen. Del Pante, Arzachena)
19 Reggimento Fanteria Costiero (Dorgali) da Capo Coda Cavallo escluso a Torre Murtas esclusa
31^ Divisione Fanteria "Calabria" (Gen. Giovanni Casula, Sassari) 59 e 60 fanteria e il 40 Reggimento Artiglieria da Campagna, 177a Legione CC.NN (vedi
sotto). difesa costiera delle coste nord occidentali della Sardegna.
Raggruppamento Motocorazzato "Scalabrino" (Gen. Scalabrino, Oschini) (quattro battaglioni carri, due battaglioni motomitraglieri, tre gruppi artiglieria ed un
battaglione fanteria)

XIII C.d.A (Gen. Gustavo Reisoli Matthieu, Nuranimis)


XXXIII Brigata Costiera (Gen. De Benedettis, Arborea)
Brigata da Fortezza Tedesca "Sardinien" (Oristano)
205^ Div. Costiera (Gen. Giovanni Manildo, Carbonia) Difesa costiera da Torre Foghe inclusa a Capo Pula escluso.
203^ Div. Costiera (Gen. Adolfo Sardi, San Vito) ex XIII cost.cagliaritana e sud orientale (da Capo Monte Santu a Capo
Pula).
1 reggimento fanteria Tedesco (2 battaglioni)
30^ Divisione Fanteria "Sabauda" (Gen. Giovanni Battista Zenati, Iglesias) (45 e 46 Regg. Fant; 16 Regg. Art;
successivamente 176a Leg. CC.NN.) (vedi sotto).

Riserva d'Armata
47^ Div. Fanteria "Bari" (Gen. Ismaele Di Nisio, Macomer) (139 e 140 regg. Fant; 47 Art., 152a Leg. CC.NN.).
184^ Divisione Paracadutisti motorizzata "Nembo" (Gen. Ercole Ronco, Sisini)
90^ Divisione Granatieri Corazzati Tedesca (ex 90^ Leggera, Gen. Carl Lungerhausen, Sanluri)
2 raggruppamenti artiglieria di cda
17^ Legione Difesa Controaerea Territoriale (DI.C.A.T.)
dettagli legioni CCNN
176a LEGIONE CC.NN. DASSALTO
CLXXV Battaglione, Seniore Adolfo Serra, Iglesias.
CLXXVI Battaglione, Seniore Angelo Piga, Cagliari.
176a Comp. Mitraglieri, Capo Manipolo Diego Gallietta.
Inquadrata nella Divisione Sabauda e dislocata fra Serramanna, Samassi, Senorb e Villasor.
177a LEGIONE CC.NN. DASSALTO.
CLXXVII Battaglione, Seniore Carlo Alquati, Sassari.
CLXXVIII Battaglione, Primo Seniore Emanuele Aymerich, Nuoro.
177a Compagnia mitraglieri, Centurione Ignazio Marceca.
Inquadrata nella Div. Calabria e dislocata fra Thiesi, Sassari e Porto Torres

GRANATIERI-ALPINI-BERSAGLIERI
GRANATIERI L'8 settembre la Divisione, che alle dipendenze del C.d'A. Motocorazzato, ha le proprie unit schierate nella zona a sud di Roma, a
protezione delle vie d'accesso alla Capitale. La reazione agli attacchi portati dalle forze tedesche si sviluppa particolarmente a cavallo della via Ostiense ed
ha termine la sera del 10 dopo gli scontri di Porta S. Paolo, data sotto la quale la Divisione viene considerata sciolta (vedi un pi ampio resoconto a Corpi e
Armi GRANATIERI). L'8 settembre 1943 coglie una formazione granatieri in Sardegna alle prese con una divisione corazzata tedesca. da LE UNITA'
GRANATIERI ITALIANE NELLA GUERRA DI LIBERAZIONE 1943-45 di Andrea Santangelo

Inserito nel "Raggruppamento Sud", si componeva di tre battaglioni granatieri ed un plotone comando e presidiava la zona di Zonza, nei paraggi della quale
era situato anche il comando tattico dell'unica unit tedesca in Corsica, la brigata motocorazzata delle SS "Reichsfhrer". Subito dopo l'annuncio
dell'armistizio il Raggruppamento mise subito in allarme le sue unit, ponendosi sulla difensiva. Si limitarono a controllare da lontano i movimenti tedeschi
(che nel frattempo stavano facendo affluire dalla Sardegna truppe e mezzi della 90 divisione Pzgr), sistemare le difese e prendere contatti con i locali capi
della resistenza corsa. Il giorno 10, per, nella zona di Levie, presidiata da una compagnia del II Btg, vi furono cruenti scontri tra i partigiani corsi e le colonne
tedesche in transito. I granatieri stessi furono coinvolti nei confusi combattimenti, lamentando alla fine della giornata due morti e tredici feriti. Il primo scontro
ufficiale tra granatieri ed SS si ebbe nella prima mattinata del 13 settembre. Una colonna motorizzata tedesca tent di forzare il posto di blocco dei granatieri
posto all'entrata di Zonza, ma la decisa reazione degli uomini del I battaglione la respinse; contemporaneamente un plotone mandato in esplorazione verso le
linee germaniche, dopo un breve, ma violento scontro a fuoco, catturava 16 SS. Il giorno dopo, il colonnello Troisi guidava personalmente il II battaglione,
rinforzato da un plotone di carri L 35 e appoggiato dalle artiglierie e mortai del "Raggruppamento Sud", all'attacco del Comando Logistico della "Reichsfhrer
SS" a Quenza. L'operazione ebbe esito brillante, con la cattura di 250 prigionieri ed ingenti quantitativi di materiale. Il contrattacco tedesco non si fece
attendere, il mattino del 15 dalla strada di Levie sbucarono un centinaio di SS con 4 carri armati. Dalle posizioni dominanti la strada, la 6 compagnia del II

Divisione Aosta

La Divisione risulta dislocata in Sicilia, nella zona sud


occidentale con compiti di difesa della costa e degli
aeroporti nella zona occidentale dell'isola. Dal mese di
luglio del 1943 partecipa alla difesa dell'isola.
Inizialmente schierata nella zona occidentale dell'isola,
dopo lo sbarco alleato presso Siracusa la Divisione
trasferita nella zona centrale della Sicilia e insieme alla
Divisione "Assietta" contribuisce a rallentare
l'avanzata delle forze alleate che puntano su Messina.
Le gravi perdite subite, vedono la riorganizzazione
della G.U. a Trento, ma poi disciolta a seguito dei
fatti che determinarono l'armistizio dell'8 settembre. Si
ricostituir a fine '44 come Divisione S.I. per la Sicilia
cooptando i resti della divisione Bari con la formazione
della III e IV brigata S.I

Divisione Messina

Negli anni che vanno dal 1942 al 1943 dopo l'armistizio


con la Grecia la Div. Messina rimane in Montenegro
con compiti di presidio. L'8 settembre 1943 il 93,
dislocato in Jugoslavia, rifiuta di consegnare le armi ai
tedeschi e ai croati di Tito. Combattendo riesce a
raggiungere l'isola di Curzola ove si imbarca assieme ad
altri reparti del VI Corpo d'armata e raggiunge fra il 17
e il 18 settembre le coste italiane. Il reparto concorre
con i suoi uomini alla formazione del I Raggr.
Motorizzato poi del "Piceno".

Divisione Napoli

La Div. Napoli dislocata nel 1943 nella zona orientale


dell'isola in previsione dello sbarco alleato in Sicilia. La
costa orientale verr assegnata agli inglesi il 10 luglio
come zona di sbarco e Siracusa viene ben presto presa.
Si combatte ferocemente su queste direzioni, Noto,
Lentini, Floridia fino a che, attaccate sul fianco sinistro
ripiegano, sempre combattendo. Il 13 gli alleati
sbarcano a nord di Augusta e chiudono la divisione in
una morsa annientandola quasi completamente. Dal 16
al 24 di luglio i resti combattono portandosi verso lo
stretto da cui saranno traghettati in agosto in Calabria.
Si stabiliranno a Scilla (Reggio Calabria). Viene
considerata sciolta il 14 agosto per eventi bellici ma
probabilmente ne sopravvive un comando reggimentale
(76) che dar vita al reparto aggregato alla Div.
Mantova

battaglione, grazie a mine ed interruzioni stradali, li ferm per diverse ore, permettendo alla 5 compagnia di venirle in soccorso. Il combattimento and avanti
per tutto il giorno e gli ultimi colpi furono sparati la mattina del giorno successivo. Infine, i tedeschi si ritirarono lamentando diverse perdite. Il 18 giunse in zona
operazioni, da Ajaccio dove era aggregato alla 226 divisione costiera, il III battaglione granatieri. Proprio quest'ultima unit il 21 settembre guid la puntata del
"Raggruppamento Sud" verso Portovecchio, che veniva occupata il giorno stesso, consentendo la cattura di alcune decine di tedeschi ed il recupero di
preziosi materiali.
Il 15 maggio 44 la Divisione Granatieri nuovamente in vita, in Sardegna per trasformazione del Raggruppamento Granatieri da sbarco. E' costituita da 1 e
2 Reggimento Granatieri, dal 32 e 132 Reggimento Fanteria Carrista, dal 553 e 548 Reggimento Artiglieria (quest'ultimo sostituito il successivo 14 luglio
dal 507 Reggimento, formato per trasformazione del 7 Reggimento di C.A.). Nella prima decade di agosto 2 battaglioni granatieri sono inviati sul continente
e passano alle dipendenze della Divisione "Friuli". Con il personale della divisione, sciolta in data 31 agosto dello stesso mese, vengono formati il 1 e 2 Rgto
Guardie mentre personale qualificato ceduto alla "Cremona". Ai granatieri del "Friuli" fu comunque concesso di continuare a portare al collo gli alamari,
segni distintivi della specialit.

ALPINI - Cosa ci facessero gli alpini al sud sembrerebbe una domanda complessa vista la loro peculiarit. In effetti si trattava di Territoriali (o costieri)
dislocati per la maggior parte nelle isole (coste alte rocciose) perch si riteneva potessero far guardia migliore contro commandos e paracadutisti incursori
alleati. L8 settembre 1943 colse quindi quelli di Sardegna e Corsica in buone condizioni anche se bisogna ricordare che i Battaglioni alpini costieri (riuniti, poi,
in Reggimenti) erano formati con personale delle classi pi anziane dei battaglioni complementi. Oltre che in Corsica se ne trovavano molti in Costa Azzurra
a cui non fu difficile nelle Alpi Marittime costituire nuclei di resistenza. Dipendeva dal 175 Reggimento alpini T.M il 22 Battaglione "Monte Granero" (gi XXII
btg complementi del 3 Rgt) che viene inquadrato nel C.I.L.. Laltro battaglione che prender il nome Piemonte veniva costituito con i reparti in attesa
dimbarco a Bari e pochi giorni dopo l8 settembre con quelli che fortunosamente riuscivano a passare ladriatico. Ne facevano naturalmente parte molti
Piemontesi, da questo il nuovo nome e Molisani Abruzzesi non ancora liberati. Gli abruzzesi nel prosieguo della guerra formeranno il Battaglione Abruzzi
variato poi in Laquila da Novembre del 1944. http://www.corvino.eu/costituzione_btg_piemonte.html

BERSAGLIERI - Di bersaglieri nei depositi della Caserme del sud e di Roma ce ne erano diversi ma non costituivano unitariet. Sappiamo che a Roma
nei giorni di settembre del 43 si batt l'aliquota del 18 in trasferimento per Roma ma solo in parte arrivata. Dopo come detto tutti a casa o alla macchia. In
Corsica sia per la qualit del comando che per la volont dei reparti si mantenne la decisione di combattere i tedeschi e gli eventuali italiani che gli si fossero
uniti. Uno dei reparti (maggiore) della Corsica era il XXXIII Btg dell'11 reggimento il cui comando restava in Jugoslavia con gli altri battaglioni. Un altro
battaglione che stava in Jugoslavia ma che ebbe modo di salvarsi con altri era il XXIX del 4 rgt. di stanza in Croazia alla data dell'Armistizio.Il XXIX Btg del 4
fu colto dagli avvenimenti a Prgomet ove era di stanza lungo un tratto della ferrovia Knin porto Spalato. Il reparto attraverso dolorose peripezie raggiungeva
Spalato nonostante che i tedeschi avessero ingaggiato una caccia aperta per terra e per cielo per intercettarlo. La neutralit dei partigiani di Tito gli tenne
aperta la porta di Spalato e permise al reparto di trovare imbarcazioni di fortuna per passare al di qu dell'adriatico, pur in assenza di notizie certe che davano
sgombro il Sud. Il 22 settembre, stremato ma armato, il battaglione sbarcava a Bari liberata alcuni giorni prima. Entrambi i battaglioni, per le prove appena
superate (e per le condizioni fisiche e sanitarie), non vennero impiegati ma assegnati al Raggruppamento Motorizzato dopo Montelungo e dopo averli rivestiti
e riarmati. Solo un piccolo gruppo di uomini idonei entrarono a far parte del I rappruppamento motorizzato e saranno presenti a Montelungo in dicembre. Gi a
partire da Gennaio '44 il battaglione svolgeva compiti di retrovia e il 31 sostituiva i Francesi a Castelnuovo al Volturno.

DIPENDEVANO DALLA 7a ARMATA (Gen. Mario Arisio, Potenza)


IL XIX CORPO D'ARMATA (Gen. Riccardo Pentimalli, Curti)
XXXII Brigata Costiera (in costituzione, Gen. Carlo Fantoni, Villa Literno)
222^ Divisione Costiera (Gen. Vincenzo Ferrante Gonzaga, Buccoli)
Comando Difesa Porto di Napoli (Gen. Ettore Marino, Castel Sant'Elmo)
117 e 151 Reggimento Fanteria Costiero
14 Raggruppamento Artiglieria Guardia alla Frontiera (17 batterie)
9a Divisione Fanteria "Pasubio" (Gen. Carlo Biglino, Grazzanise)
Comando Difesa Territoriale di Napoli (Gen. Ettore Deltetto, Napoli)

XXXI CORPO D'ARMATA (Gen. Camillo Mercalli, Soveria Mannelli)


227^ Divisione Costiera (Gen. Luigi Chatrian, Castrovillari)
212^ Divisione Costiera (Gen. Ugo Medori, Catanzaro)
211^ Divisione Costiera (Gen. Felice Gonnella, Cittanova)
185 Reggimento Paracadutisti/184^ Divisione Paracadutisti "Nembo" motorizzata
214 Divisione Costiera (Gen. Carlo Lama, Santa Severina)
104^ Divisione Fanteria autotrasportabile "Mantova" (Gen. Guido Bologna, Tiriolo)
113 Reggimento Fanteria Divisionale
114 Reggimento Fanteria Divisionale
IX CORPO D'ARMATA (Gen. Roberto Lerici, Putignano)
XXXI Brigata Costiera (Gen. Mario Carasi, Massafra)
210^ Divisione Costiera (Gen. Prospero Colonna, Montironi)
XIV Gruppo Squadroni appiedato/Reggimento "Cavalleggeri Guide"
152^ Divisione Fanteria "Piceno" (Gen. Emilio Coronati, Francavilla Fontana)
336 Reggimento Fanteria
235 Reggimento Fanteria
209^ Divisione Costiera (Gen. Luigi Amato, Noicattaro)
58^ Divisione Fanteria "Legnano" (Gen. Vincenzo Dapino ad interim, Brindisi)
67 Reggimento Fanteria Divisionale
68 Reggimento Fanteria Divisionale (in trasferimento)

Tra gennaio e la fine di febbraio del 1945 i Gruppi di


Combattimento Cremona, Friuli e Folgore si schierano nel
settore dell8a Armata Inglese, lungo la cimasa Costiera
Adriatica e a cavallo della via Emilia, mentre la Divisione
Legnano si inserisce nella 5a Armata Americana, occupando
i contrafforti appenninici tra il torrente Zena ed il torrente
Quaderna e la Divisione Mantova, in seconda schiera, nella
zona di contatto fra le due Armate; dal mare verso Ovest Gruppo di combattimento "Cremona"

GRUPPI DI COMBATTIMENTO

Il Cremona era formato dal 21 e 22 rgt. ft e dal 7 artiglieria


oltre che armi da accompagnamento e da genio e reparti
logistici e faceva parte del 1 Corpo d'Armata Canadese

Si costitu ad Altavilla Irpina, agli ordini del Generale Clemente Primieri, con i reggimenti 21 e 22 fanteria e 7 artiglieria. 9.500 uomini. L'unit venne inserita ne ll'VIII
Corpo d'Armata britannico. Agli inizi del 1945 il Gruppo entr in linea sul tratto compreso tra la ferrovia Ravenna-Alfonsine e il mare sostenendo la reazione offensiva
tedesca pi facile qui in piano. Il 2 marzo ebbe luogo la prima operazione del Cremona, mirante a recidere un pericoloso saliente tedesco in corrispondenza di Torre
Primaro. I combattimenti furono durissimi e si protrassero fino al pomeriggio del giorno seguente. Le perdite furono di 13 morti e 98 feriti. Nello slancio caddero
Fusignano ed Alfonsine (12 aprile). Con la caduta della linea sul Santerno la via delle valli ferraresi era parte: in progressione, Portomaggiore, Codigoro, Adria,
Cavarzere, Chioggia, Mestre e Venezia. Il 2 maggio il tricolore sventolava in Piazza San Marco Le perdite subite nell'intera campagna, durata quattro mesi, ammontarono
a 178 morti, 605 feriti e 80 dispersi. Il Cremona fu uno dei reparti che inquadr pi partigiani usciti dai ranghi delle brigate alla macchia una volta che il fronte li a veva
superati. Ex soldati o semplici civili ritornavano in un esercito nel quale speravano di veder qualche cambiamento: ma non era scontato. Chi era transitato a volte senza
accorgersene dalla alleanza coi tedeschi a quella con gli alleati non faceva poi molto caso alle "formalit" del comando. Sar per quanto detto sopra che Americani ma
ancor di pi Inglesi vedevano di malocchio questi soldati e si trovano spesso frasi denigratorie sulle frequenti evasioni dai ranghi.
Uno dei primi problemi che sollevarono i volontari, fu che per ben combattere era necessaria una vasta democratizzazione dell'esercito. E questa fu, in prima linea non me no che nelle
retrovie, una delle parole d'ordine che circolavano nel "Cremona". La maggior parte degli ufficiali fin cos, loro malgrado, per accettare la collaborazione di un vero e proprio "comando
ombra", che era quello rappresentato dagli ex capi partigiani sparsi nei vari reparti (generalmente si trattava di semplici fanti), il cui ascendente tra tutti i soldati, e non solo tra i loro ex
compagni di formazione, divenne subito superiore a quello di qualsiasi comandante di reparto. Del resto il generale, Primieri fu tra i primi ad adeguarsi alla situazione, mettendosi
personalmente in rapporto con i portavoce dei volontari, convocandoli al suo Comando separatamente o in gruppo, scambiando con essi "lettere aperte" sul giornale interno del
"Cremona" e discutendo con quei soldati, al di sopra di ogni schema formale, i problemi riguardanti pi da vicino la truppa. I volontari vennero a rappresentare all'interno del Gruppo una
massa superiore al 50%. Che fossero antimonarchici in un esercito del Re era logico come attestato dalla minacciosa contestazione a cui dettero vita i "cremonini" in oc casione della
visita ai reparti compiuta -in veste di luogotenente del Regno del Sud- da Umberto di Savoia, proprio a Piove di Sacco e a Codevigo il 16 maggio '45; Appena la parata ini zi, al suono
della Marcia Reale, la subissarono con fischi e pernacchie, poi con l'"Abbasso la casa Savoja", una canzone rivoluzionaria repubblicana. Con il " Cremona " oper la local e Brigata
partigiana Gordini ". E' evidente, e non ci sarebbe bisogno di rimarcarlo, che i reparti che non subirono, o subirono marginalmente, le vicende dell'8 settembre avevano anche Ufficiali "di
carriera" cresciuti si alla deferenza di Casa Savoia, ma "assoggettati" per anni all'espansionismo fascista fin dalla guerra d'Etiopia.

Gruppo di combattimento "Friuli"

.
Il Museo della Ass. Nazionale Reduci della Friuli
http://www.combattentiliberazione.it/Home/tabid/36/Default.aspx

Il Friuli era formato dal 87 e 88 rgt. ft e dal 35 artiglieria oltre


che armi da accompagnamento e da genio e reparti logistici. I
due reggimenti "ospitavano" come terzo battaglione i
granatieri della Corsica visti sopra

Alla fine di novembre 44, il Gruppo di Combattimento "Friuli" era concentrato nella zona del Chianti, fra la provincia di Arezzo e la provincia di Siena, fra Cavriglia,
Radda, Castellina e Castelnuovo Berardenga. Proprio dal Valdarno giunse un cospicuo contingente di volontari, gi partigiani nelle numerose formazioni partigiane
della zona. Il 24 gennaio 1945 venne l' ordine di movimento verso il fronte. Dalla zona del Chianti il Gruppo di Combattimento attravers l'Appennino nevoso nel cuore
dell'inverno, discese sulle rive dell'Adriatico, si indirizz lungo l'asse delle comunicazioni dell'VIII Armata verso Rimini, Bertinoro, Forl alle spalle della linea Got ica. Il
X Corpo d'Armata il giorno 29 marzo assegnava al Gruppo "Friuli" il compito di costituire una testa di ponte oltre il torrente Senio, nel settore compreso fra Riolo e
Cuffiano. Tale testa di ponte doveva essere mantenuta per almeno 24 ore, per consentire il deflusso di altre grandi unit alleate oltre la linea del Senio. Durante la not te
sull'11 il nemico arretrava lasciando la linea del Senio. Il Comando del Gruppo impart immediatamente l'ordine di movimento per impedire al nemico di sganciarsi. Alle
3,15 dell' 11 aprile fu occupata Guar; qualche ora dopo Riolo dei Bagni. Nel corso della rapida avanzata verso il fondovalle vengono liberate Castel Bolognese e Imola.
Superato il Santerno avanz verso ovest e dopo aspri combattimenti attorno all'Idice, alle ore 8,00 del 21 aprile entr in Bologna, tra il tripudio della popolazione dell a
citt felsinea. Le perdite per questa operazione furono notevoli: 84 morti, 159 feriti, 15 dispersi. Le perdite subite nel corso dell'intera campagna furono ingenti: 242
morti, 657 feriti e 61 dispersi.

Gruppo di combattimento "Folgore"

In alto i cuori o paracadutisti del Nembo e guardate il sole con sguardi daquila perch voi non temete confronti e quanti sul suolo patrio tremano per un domani
incerto abbiano fede in Voi. ...
A un centinaio di chilometri di distanza scendono dagli Appennini sulla sinistra del Sillaro (fiume) reparti appiedati della Nembo. A destra del fiume ci sono i mar del S.

Marco. Nella primavera del 1945 sulla Gotica era schierato il Gruppo di Combattimento "Folgore", che insieme ai Gruppi "Friuli", "Legnano"e "Cremona", formavano il
nuovo Corpo della Liberazione, alle dipendenze dell'VIII Armata Britannica. Il Gruppo Folgore era composto dal 184 Rgt. Par. "Nembo", dal Rgt. "San Marco" della
Marina, dal Rgt. di Artiglieria "Folgore", dal Btg. Genio, e da reparti minori. Sulla strada di Bologna poco sopra Castel S. Pietro Terme nel territorio di Grizzano (C
Grizzano) c appunto un gruppo di case che sembra una fortezza. La posizione rivestiva estrema importanza perch doveva ritardare al massimo l'avanzata dell'VIII
Il Folgore era formato dal Rgt. Nembo (183, 184 e 185 Btg), dal Armata, e l' Alto Comando tedesco vi aveva posto a difesa il fior fiore della Wehrmacht: i paracadutisti della I Divisione, i "diavoli verdi". Gi la sera del 18 le pattu glie
Rgt. S. Marco (Btg. Grado, Bafile, Caorle di nuova formazione) debbono constatare che il caposaldo letteralmente affogato in un campo di 50.000 mine in terracotta assolutamente irrilevabili. La lotta va avanti per tutta la giornata
e dal 184 artiglieria oltre che armi da accompagnamento e da fino al corpo a corpo finale. Al crepuscolo, il caposaldo di case Grizzano, ultimo ostacolo per la liberazione di Bologna, era stato eliminato. Al T.Col. Giuseppe Izzo
genio e reparti logistici. Faceva parte del XIII corpo britannico comandante del II battaglione la medaglia doro. La lapide murata sulla facciata della casa colonica di C Grizzano, con incisi i nomi dei 33 paracadutisti che qui si son o
sacrificati e degli altri 19 caduti nel lancio sul Po, ricorda il sangue versato dalla "Nembo" per accelerare la liberazione di Bologna. Nei due cicli operativi,
rispettivamente negli anni 1944 e 1945, la "Nembo" ha avuto complessivamente 596 caduti e 1001 feriti.
Da un articolo di ANDREA ROSSI - Italiani contro italiani sulla Vena del
Gesso.

A sud di Imola una cresta divide i due eserciti: si tratta della Vena del Gesso, costone roccioso che scorre fra Tossignano e Riolo Terme; a sud di questa linea sul Santerno si
trovano i gruppi Folgore e Friuli e dallaltra parte la 278a divisione di fanteria tedesca, incorporata nel 1 corpo darmata paracadutisti veterano di Montecassino. Con loro
un reparto italiano (Sal), il 1 battaglione dassalto Forl, comandato dal capitano Pier Vittorio Riccardi e composto da giovanissimi fascisti toscani e romagnoli. I gruppi di
combattimento italiani del regio esercito sono agli ordini del XIII e del X cda. Il "Folgore", schierato sulle alture di fronte alle vena del Gesso composto dal 185 paracadutisti
"Nembo, dal Reggimento "San Marco", composto da fanti di marina, sempre su tre battaglioni, e dal 184 artiglieria. I par ed i mar italiani sono al comando del generale
Giorgio Morigi ed hanno alla sinistra la 10a indiana, mentre sulla destra ci sono gli altri italiani del gruppo "Friuli", i quali tengono le posizioni sul Senio. Dallinverno scontri di
pattuglia caratterizzano i due fronti. Nei pressi di Tossignano sono numerosi gli scontri fra il "Nembo" e gli uomini di Hoppe, che dominano le alture sul paese, ormai disabitato;
poche centinaia di metri pi a valle c' Borgo Tossignano, che gli inglesi della 6a divisione non hanno voluto occupare, in quanto ritenuto una "trappola per topi". A presidiarlo
ci vanno allora i partigiani imolesi della 36a brigata "Bianconcini", che durante l'inverno hanno passato le linee e sono stati incorporati nel "Nembo" (sono in divisa), assumendo
il nome di "1a compagnia partigiani". Il contatto fra italiani quindi ineludibile anche se visivamente (a bocche chiuse) non si distingue il Folgorino vestito allinglese
dallItaliano vestito alla tedesca. Per lo scontro a campo aperto comunque solo questione di giorni. A met marzo, una squadra del "Forl" compie una incursione in una casa
colonica e trova prove del passaggio di italiani. Si chiede lo spostamento ad Hoppe, comandante della 278a che lo concede, questione di giorni il reparto verr ridislocato pi a
ovest, oltre il Santerno. Non si fa in tempo: il 15 marzo un plotone di fascisti al comando del sergente Mario Galantini esce per individuare le postazioni dei mortai; gli arditi si
assestano durante la notte nuovamente nella Cascina Pradella, che al margine estremo delle linee tedesche. Allalba del 16 arriva una compagnia di fanti di marina del
battaglione "Bafile" del San Marco ( Folgore). Gli italiani del Forli che dovevano essere rilevati sentono parlare italiano e credono che siano i loro. I mar, ormai a vista,
rispondono "Folgore!", iniziando immediatamente a fare fuoco e uccidendo la malcapitata sentinella che aveva chiesto la parola dordine. Lo scontro violento e si protrae per
qualche ora, inutilmente per i folgorini. Nei giorni successivi avviene un altro scontro fra connazionali alle pendici di monte Battagliola, presso le trincee del "Bafile". Ne
approfitta la propaganda che da entrambe le parti istiga alla diserzione. Alla fine di marzo viene inserito di fronte alla Vena del Gesso il battaglione inglese "Lovats Scouts". E
cos scongiurato un nuovo contatto fra italiani. Bologna sar raggiunta il 21 aprile e il Panaro verso Modena viene superato il 22 aprile presso Finale Emilia. I reparti alleati si
sono divisi per inseguire i tedeschi in fuga verso il Po dove il 23 a Benedetto Po vengono intercettati dagli americani della 10a divisione da montagna.

Se per il Folgore era la naturale evoluzione dell'antico reparto di


El Alamein ( strano che almeno l'alleato inglese non abbia opposto
dubbi sulla rinascita di questa formazione peraltro da loro
"rispettata") per il Rgt. San Marco, erede delle tradizioni della
Fanteria di Marina il discorso si fa pi complesso
da http://www.dalvolturnoacassino.it/asp/doc.asp?id=252 - I
CINQUANTA GIORNI DEL REGGIMENTO SAN MARCO SUL
FRONTE DI CASSINO -

Le fonti militari (vedi Marina) spesso sono imprecise o scarse e quindi di poca utilit per determinare lo stato dei fatti alla vigilia dell'8
settembre. Altrettanto dicasi per altre fonti ritenute per lo pi esperte. In mancanza di questo faccio quindi un quadro ridotto, e mi scuso se
imperfetto, delle vicende ultime dei Fanti di Marina del S. Marco (equivalente dei marines almeno operativamente) reggimento uscito dalla
grande guerra con 584 ricompense al v.m. individuali, da una croce di Cavaliere dell'OMS e da una Medaglia d'Argento al alla Bandiera oltre
a 42 promozioni per meriti di guerra e alla fine l'oro per Andrea Bafile. La disponibilit dei reparti in capo al comando marina ne ha escluso,
in molti testi storici, la presenza sui campi di battaglia sia per marginalit che per dispersione. Un battaglione del S. Marco, noto, era in Cina
a Tien Tsin da molti anni e sub l'armistizio sia per quelli schierati col re che con il nord Repubblichino. Unit minori si trovano poi nei porti
Francesi di Tolone e Bordeaux
da Wikipedia Il 7 marzo 1942 il Btg. (Bafile) fu trasferito a Bengasi, per assumere la sorveglianza del porto e la difesa esterna della piazzaforte.
L'11 maggio, su richiesta dello stesso Rommel, il San Marco fu trasferito prima nel Golfo di Bomba, alle dipendenze dell'Afrika Korps e poi
al X Corpo d'armata, si sposto per difendere la pista di Tmimi su cui transitavano i rifornimenti per le colonne avanzanti. Nella notte del 15
giugno i capisaldi tenuti dagli uomini del San Marco furono attaccati da forze corazzate e motorizzate inglesi, che tentavano di rompere
l'accerchiamento. L'attacco fu respinto e furono catturati due Bren Carrier in perfetta efficienza. Quando ormai era prossima la caduta di
Tobruch, in mano ancora inglese, il Battaglione fu fatto convergere verso la piazzaforte dove entr alla testa delle truppe occupanti.La caduta
di Tobruch poneva fine alla partecipazione delle successive azioni in Egitto ed il San Marco assumeva il servizio di sicurezza portuale e la
difesa costiera col nuovo nome di Tobruch quando in settembre svent una incursione di Kommandos. I resti seguirono le sorti della resa
dell'armata italiana in Tunisia nel maggio del 1943 (anche se una fonte asserisce essere rimpatriati quelli del Tobruch per sostituzione). Con
lentrata in guerra dellItalia, il S.Marco si era ristrutturato in Reggimento, su due Battaglioni: Grado e Bafile a cui si aggiunsero Bafile
(nuovo), Tobruk (il vecchio Bafile), Caorle, Compagnia Milmart, poi altre unita NP. Non venne mai usato in vere e proprie operazioni anfibie
mai realizzate dagli italiani, salvo il progetto C3 malta (mai comunque attuato per indecisione tedesca). Dopo larmistizio dell8 settembre
1943, la linea generale della cobelligeranza volle che fossero presenti nei ranghi dell'esercito di liberazione tutti i corpi e le armi italiane e
quindi agli inizi del 1944 a Taranto si ricostitu il Reggimento San Marco coi battaglioni Grado e Bafile.

L'8 aprile 1944, Sabato Santo, i marinai del San Marco stavano per
arrivare al fronte di Cassino. Venivano da tre giorni in treno, dalla Puglia
...Inizialmente poterono essere formati solo due dei previsti tre battaglioni,
il "Bafile" e il "Grado". Dei due il "Bafile" fu il primo ad essere pronto, nel
mese di marzo 1944, e avviato in prima linea. Inizialmente esso fu
destinato ad essere annesso al Primo Raggruppamento Motorizzato
italiano, ma all'ultimo momento ne venne invece decisa l'assegnazione al
XIII Corpo d'Armata Inglese, sul fronte di Cassino nell'alta valle del
Rapido. La posizione del Battaglione Bafile del Reggimento San Marco
nell'ordine di battaglia pu essere compresa dalla relazione dell'11a
Brigata di Fanteria Canadese (Canadian Army Headquarters, 1953): [il
San Marco] fu unito al [Reggimento canadese] Westminster e le due
unit assieme vennero designate Corbould Force (omonimo dei
Kampfgruppe tedeschi o dei combat command usa) dal nome dell'ufficiale
comandante i Westminsters . Terminato il compito, le unit tornavano ai
reparti di provenienza (nel caso del San Marco, dopo la battaglia di
Cassino esso sarebbe tornato al Primo Raggruppamento Motorizzato, nel Manzari (1994): Gli arditi vestivano la tuta mimetica; gli altri indossavano divise di tela kaki, con maglione e cappotto grigioverde, scarponi e gambaletti da
frattempo diventato Corpo Italiano di Liberazione).
sbarco di tela olona; basco nero con ancorette metalliche al posto del leone; mancavano, per impossibilit di reperimento, le manopole con i leoni sui risvolti del
camisaccio

http://digilander.libero.it/lacorsainfinita/guerra2/45/medaglierecil.htm il medagliere della liberazione