Sei sulla pagina 1di 3

8 SETTEMBRE 1943

ROMA

L'opinione di Indro Montanelli

Quello che io, con la mia flebile voce, ho sempre contestato e continuo a trovare vergognoso, fu il nostro modo di arrenderci. Noi eravamo un Paese vinto,
che non si batteva pi nemmeno per difendere il proprio suolo. Gli anglo-americani avevano preparato lo sbarco in Sicilia come un assaggio o prova
generale di quello che si apprestavano a fare in Normandia. E ad accoglierli trovarono invece della gente che gli batteva le mani (interessati ma non tutti) e gli
chiedeva scatolame, cioccolata e sigarette. Cos'altro poteva fare, se non arrendersi, il governo di un popolo che si era gi arreso? Solo che la resa potevamo
farla in due modi: alle spalle e all'insaputa dell'Alleato, oppure avvertendolo che lo avremmo fatto perch non avevamo alternativa. Scegliendo la seconda
strada, noi non avremmo salvato nulla, come nulla salvammo scegliendo la prima. Nulla, meno una piccola cosa, a cui noi italiani non diamo mai alcun peso:
l'onore. Vinti s, come pu capitare a qualsiasi esercito e a qualsiasi popolo. Traditori, no. Fra le tante critiche mosse al Re e a Badoglio per il modo in cui
condussero quella vicenda, non viene mai citata la parola d'onore che il Maresciallo dette all'Ambasciatore di Germania il 7 settembre, quando l'armistizio di
Cassibile era ormai firmato, con cui il nuovo governo attestava la sua ferma volont di continuare a battersi. Della nostra condizione politica e militare, nulla intendiamoci - sarebbe cambiato. I tedeschi avrebbero ugualmente occupato quanto potevano occupare della Penisola, forse avrebbero arrestato il Re e
Badoglio e disarmato le nostre truppe. E noi saremmo stati un Paese che, riconoscendosi vinto, deponeva le armi, e basta. Quello che ci disonor fu il nostro
passaggio nel campo nemico alle spalle dell'alleato, e quello che ci ridicolizz fu la nostra pretesa, alla fine della guerra, di sedere al tavolo dei vincitori.
(Corriere della Sera del 17 novembre 2000)

LA SITUAZIONE NEI DINTORNI DI ROMA


CORPO D'ARMATA MOTOCORAZZATO (CAM) Gen. Giacomo Carboni
- 135a DIV. CORAZZATA DI CAVALLERIA ARIETE II (Generale Raffaele Cadorna)

dislocato a nord di Roma, lago di Bracciano a fronte della 3a Panzergrenadiere.


- 134a o 136a DIV. COR. LEGIONARIA CENTAURO (la ex 1a CCNN M) dislocata a Tivoli, Lunghezza, S.E. Roma (mancava il 18 Rec
Bersaglieri sui treni fra Firenze e Roma e quelli che erano arrivati erano gi distaccati all'Ariete vedi fondo pagina) Gen. Calvi di Bergolo
- PIAVE DIV. FANTERIA MOTORIZZATA (57-58-X batt cc-20 art + compagnia moto bersaglieri).
dislocata a Grottarossa, Montesacro, Monterotondo Gen. Ugo Tabellini
- GRANATIERI DI SARDEGNA DIV. FANTERIA (1-2-13art. 221 cc XXI Batt. mortai) dislocata a sud in diversi capisaldi e comandata
dal Gen. Gioacchino Solinas
- 1 ARTICELERE EUGENIO DI SAVOIA
- XI Raggr. Genio (COL. LANZA DI MONTEZEMOLO)
- Rgt. CARRISTI-(scuola) cp mitraglieri e cc su camionette e smv 47/32, XI btg (bis? o XIX) (31 carri M13)

XVII CORPO D'ARMATA (Velletri)

- PIACENZA DIV. FANTERIA (111-112-103 btg. mortai-37artiglieria)

Una operazione americana, denominata Giant 2,


avrebbe dovuto occupare gli aeroporti di
Cerveteri, Furbara, Guidonia, Centocelle e Roma
Urbe, con aviolanci (la 82a di Matthew Bunker
Ridgway vedi pi sotto profilo), mentre gli italiani
tenevano sgombri i dintorni e provvedevano al
carburante. Un altro gruppo da sbarco risalendo
il Tevere sarebbe giunto a Roma tenuta dagli
Italiani. Queste in massima parte le truppe a
disposizione ( quasi 100.000 uomini, ma
comprende anche i reparti sui treni, quelli
dispersi nell'agro romano e gli uomini "inabili"
dei depositi, comandi e ministeri)

dislocazione castelli romani frammischiata per ai par tedeschi di Pratica di mare


- LUPI DI TOSCANA DIV. FANTERIA (in arrivo dalla Francia)(77-78-30 art) destinazione
Furbara Cerveteri
- S. MARCO fanteria marina
- RE DIV. FANTERIA (in arrivo dalla Croazia)(1-2-23 art)
- 220a Div. COSTIERA (151-152 e Genova cavalleria appiedato)
dislocazione orbetello nettuno
- 221a Div. COSTIERA (4-8 e Savoia cavalleria appiedato)
Dislocazione Nettuno, Circeo, Gaeta, foce Garigliano
- 10 Rgt. ARDITI (111, 122, 123 cp blindo as43)
- SCUOLE DI ARTIGLIERIA

CORPO D'ARMATA DI ROMA

- SASSARI DIV. FANTERIA (151-152-XII BATT MORTAI- 34ART.-CXII GENIO-V


GUASTATORI - XII Smv)

- COMANDI E DEPOSITI DEI SEGUENTI CORPI


REGGIMENTO NEBBIOGENI(CHIMICO) 8 AUTIERI (Cecchignola), 8 GENIO, GUARDIA DI FINANZA,
CARABINIERI (batt. allievi e pastrengo) 81 FANTERIA, 2 BERSAGLIERI (XV batt. del 11 reggimento), 8 E
13 ARTIGLIERIA GRANATIERI, GENOVA CAVALLERIA (12 ab41 e 18 smv L40), POLIZIA AFRICA
ITALIANA (batt. Gessi L3 lanciafiamme e blindo ab41-as43), BATTAGLIONE ARABI (italiani rimpatriati dall'africa), XXI GENIO(CENTRO MARTE comando Sme ).

FORZE TEDESCHE (24.OOO uomini)


3a PANZER GRANATIERI - verso il lago di Bolsena - KampfGruppe Busing (dalla 26a panzer), Grosser, Mollenhauer,
Borchart, Van der Heydte, Kroh, Pietzonka c on 90 carri armati pz III/IV a difesa di Frascati dove ha sede l'Oberkommando
2a PARACADUTISTI armi anticarro e artiglieria nessun carro armato (dislocata a Fiumicino, Ardea, Pratica di mare)
A questi uomini s'erano aggiunti vari gruppi che stazionavano dalla Toscana all'agro pontino, non inseriti nelle grandi unit, che portano il totale
a oltre 30.000 uomini. Poich la 3a panzergr. era l'unica grande unit in zona questi facevano riferimento al comando divisione. E' facile trovare
in alcuni testi dati che danno la 3a come composta da 24 e pi mila uomini ( fuori dell'organico) e in aggiunta ci mettono i circa 10.000 dei
gruppi sciolti. Nel capitolo successivo maggiori ragguagli su quello che venne chiamato il giallo delle forze o della Difesa di Roma. Nelle pagine
della rete ad un certo momento salta fuori e si da per certa almeno la credibilit dell'epoca di una divisione in borghese delle SS gi a Roma in
incognito. Se non ci sono i nemici basta crearli (virtuali).

La X armata tedesca (von Vietinghoff)

che teneva il fronte Sud era in quel momento


formata dai Corpi di Armata
XIV con tre divisioni di fanteria;
LXXVI con altre tre Divisioni.
Un Fliegerkorps formato da 1 e 2
Divisione Paracadutisti
Le forze tedesche erano cos dislocate:
Calabria 26 e 29 Divisione corazzata
Puglia 1 Divisione Paracadutisti
Salerno 16 Divisione corazzata
Napoli Divisione cor. H. Gring
Roma (circondario ) 2a Divisione
Paracadutisti, 3 Divisione
Panzergrenadieren
Sardegna 90 Divisione corazzata
Corsica Truppe Corsica + elementi non
indivisionati

Eisenhower ricorda nelle sue memorie che il problema dell'armistizio con


l'Italia, non furono tanto le condizioni imposte, bens "Prima di deporre
le armi infatti - scrive Eisenhower - gli italiani volevano avere la certezza che
una potente formazione alleata sarebbe sbarcata il giorno stesso della loro
resa (nel Lazio) e prima dell'annuncio dell'armistizio, per proteggere il
governo e la citt dalla rappresaglia tedesca. Volevano quindi conoscere i
dettagli dei nostri piani. Noi non volevamo rivelarli, perch dovevamo tener
conto di un tradimento sempre possibile. Inoltre era assolutamente
impossibile invadere l'Italia con gli effettivi auspicati dagli italiani - (la
bellezza di 15 divisioni!) - per la semplicissima ragione che non le avevamo".
Fu solo dunque dopo che gli alleati ebbero assicurato uno sbarco
contemporaneo all'annuncio dell'armistizio (l'operazione Avalanche a
Salerno), che Badoglio diede la sua approvazione alla firma dell'armistizio.
Il governo italiano si aspettava lo sbarco il giorno 12, mentre in realt giorno J dell'operazione Avalanche era il 9, e questo spostava indietro
di quattro giorni l'annuncio. Il maresciallo tent anche in extremis di guadagnare tempo, ma invano, dato che, scrive sempre Eisenhower,
"quella storia era durata anche troppo perch si potesse temporeggiare ancora. Risposi perentoriamente per telegramma che avrei annunciato la
capitolazione alle 18.30 (del giorno 8) come gi convenuto; se poi io l'avessi fatto senza che egli (cio Badoglio) lo facesse contemporaneamente,
l'Italia non avrebbe pi avuto un solo amico in questa guerra":
Annuncio radio del Maresciallo Badoglio "Il governo italiano, riconosciuta la impossibilit di continuare limpari lotta contro la

http://vlib.iue.it/hist-italy/military-ww2.html

soverchiante potenza avversaria, nellintento di risparmiare ulteriori e pi gravi sciagure alla nazione, ha chiesto un
armistizio al generale Eisenhower, comandante in capo delle forze alleate anglo-americane. La richiesta stata accolta.
da parte delle forze italiane in ogni

"... la resa dell'Italia fu uno sporco affare. Tutte


Conseguentemente ogni atto di ostilit contro le forze anglo-americane deve cessare
la nazioni elencano nella loro storia guerre vinte
e guerre perse, ma l'Italia la sola ad aver
luogo. Esse per reagiranno ad eventuali attacchi di qualsiasi altra provenienza".
perduto questa guerra con disonore, salvato solo
in parte dal sacrificio dei combattenti della RSI
Quando alle 19,45 termin l'annuncio radio, registrato un'ora prima, i tedeschi sapevano gi
...". (Eisenhower da "Diario di Guerra")
cosa fare. Alle 20,20 tutti i reparti tedeschi mossero dalle loro basi per occupare punti strategici

- "... il fatto che il Governo italiano decise di

capitolare non perch si vide incapace di offrire


ulteriore resistenza ma perch era venuto, come
in passato, il momento di saltare dalla parte del
vincitore ...". (da "Le armate alleate in Italia" del
Gen. H. Alexander)

"... l'Italia fu fedele al suo carattere di sciacallo


internazionale, sempre in cerca di compenso per
i suoi tradimenti ...". (da "Storia della diplomazia"
di Potemkin, ambasciatore sovietico a Roma)

e nodi stradali. In particolare ai tedeschi serviva una grossa carrozzabile verso il Nord ed in
particolare quella che attraversava il Tevere sul ponte della Magliana, aperta a tutte le
evenienze. Cosi pensavamo attribuendo ai tedeschi l'intenzione o di ritirarsi o di bypassare
Roma per continuare a rifornire il fronte che diventer famoso col nome di Cassino. Il settore,
un arco molto ampio (vedi piantina in alto) era tenuto dalla Divisione Granatieri di Sardegna
con 13 capisaldi. Nelle prime ore del giorno 9 quando ormai era chiaro che lo sbarco anzich
sopra Roma era a Salerno, la carrozzabile era necessaria per far transitare rinforzi in senso
contrario, Nord Sud. Il caposaldo 5 che teneva il ponte della Magliana e tutti gli altri ad uno ad
uno cedettero. Il Ponte della Magliana qui narrato non esiste pi poich gi all'epoca era in progetto il nuovo ponte. Si trattava quindi di un
vecchio ponte in metallo, smontato da altro sito, con una campata centrale apribile per il passaggio di vaporetti. Il ponte sede del caposaldo
n.5 il primo ad essere assalito. Perso e riconquistato pi volte si arrende alle 7 del mattino del 9. L'intervento del Reggimento Montebello
dell'Ariete trasferito dall'Olgiata valse a riequilibrare per un momento le sorti e a rioccupare con il potente 600 gruppo semoventi del 235
artiglieria Ariete (Capitano Incannamorte) il caposaldo 5 (questi due reparti erano stati distaccati dall'Ariete che si trovava proiettata verso la
Tiburtina (inutilizzata) per coprire la fuga del Re: ma il re non era scappato con la complicit dei tedeschi?).

"... che alleato sar l'Italia nel caso di una guerra?


Quali garanzie ci sono che l'Italia, la quale ha
cambiato schieramento (per la seconda volta)
nella seconda guerra mondiale di questo secolo,
A nord di Roma una colonna tedesca punt invece su Civitavecchia senza incontrare resistenza ed il resto della 3pzg. si scontr coi
non far altrettanto?". (da un articolo di fondo
cavalleggeri del Lucca e del Vittorio Emanuele dell'Ariete senza peraltro prevalere. Alle 5,15 del mattino arriv la conferma di spostare
postbellico apparso sull'Washington Post)

l'Ariete a Tivoli, a Est. A sera anche le restanti divisioni a Nord di Roma lasciarono alcuni capisaldi con destinazione Tivoli: a che pro?. La
sera del 9 si concludeva con un nulla di fatto e un gran nervosismo in campo italiano, per l'incomprensione delle manovre ed per la
possibilit che a sud di Roma i reparti del 4 carristi, della P.A.I, dei Granatieri alla lunga non sarebbero stati in grado di resistere all'attacco
dei paracadutisti tedeschi. Il 10 mattina i tedeschi tornano ad avanzare nella zona della piramide Cestia -Eur investendo Porta S. Paolo, il
piazzale Ostiense, Porta S. Sebastiano. Questa volta hanno la meglio. Gli italiani ormai si ritirano verso il centro citt e sulla passeggiata
archeologica ormai al Colosseo avvengono gli ultimi scontri prima del cessate il fuoco delle 16. Alle 10,45 era arrivato l'ordine alle divisioni
corazzate e motorizzate di fare dietrofront e tornare a Roma. Passando a Sud di Roma attraverso Ciampino e Centocelle i tedeschi sarebbero
stati presi di spalle. Alle 19 davanti agli aeroporti gli italiani trovano gli 88 tedeschi e il battaglione ADRA (arditi aeronautica italiana)
rimasto con loro. A Frascati intanto si era gi trattata la resa dalle 16 del pomeriggio e dopo i primi scontri davanti agli aeroporti arriva
l'ordine di sospendere il fuoco in attesa di ulteriori notizie. Il 18 REC bersaglieri inquadrato dalla mattina nell'Ariete riceve alle 17 gli stessi
ordini e le stesse minacce fatte all'Ariete da foglietti lanciati da un aereo. Ritiratosi a Settecamini subisce un attacco da parte di Junkers e la
mattina del 11, ferito il comandante, il reparto si disperde.

Dopo la proclamazione di Roma citt aperta, Monterotondo ancora sede dello S.M. Esercito (Centro Marte). Mentre il paese impazzisce di
gioia all'annuncio dell'armistizio i tedeschi decidono di lanciare un attacco dal cielo; allalba del 9, cinquanta junker 52 sorvolano il paese e
lanciano 800 diavoli verdi agli ordini del Maggiore Gerike, con lintento di arrestare il Generale Roatta e gli alti vertici, fuggiti invece
nottetempo. I paracadutisti tedeschi seminano morte e terrore. La resistenza presso lOsteria del Grillo, la Stazione e il Municipio strenua.
Vi partecipano alcuni reparti delle divisioni Piave e Re insieme a numerosi civili armati con doppiette da caccia e mitra presi ai caduti. Il 10
settembre i tedeschi, vista linutilit di un simile massacro (per una cosa che non c' pi e -sembra strano- per l'impossibilit di ricevere
rinforzi) chiedono la resa (loro) che viene concessa con lonore delle armi. Avevano lasciato a terra 300 uomini il doppio dei nostri e il triplo
Matthew Bunker Ridgway born Fort Monroe, Virginia 3 March di quanto lasceranno a Roma !!!.

1895; Commander, 82nd Airborne Division 1942-45;


Commander, US Eighth Army, Korea 1950-51; Supreme Allied
Commander, Far East 1951-52; Supreme Allied Commander,
Europe 1952-53; Chief of Staff, US Army 1953-55;

Lo storico Zangrandi ha proposto la tesi che Badoglio abbia venduto Mussolini a Kesselring in cambio della possibilit di fuggire indisturbato al sud col re: Badoglio avrebbe potuto
infatti, secondo Zangrandi, portare con s Mussolini per consegnarlo veramente agli alleati, come prescrivevano le condizioni dell'armistizio, dato che Campo Imperatore (dove il Duce era
detenuto) distava solo pochi chilometri dalla statale che il corteo dei fuggiaschi percorse per raggiungere l'Adriatico. L'ipotesi di questo "baratto" non suffragata da alcuna prova
documentale, ma storicamente accettabile: Kesselring sapeva che le guardie del Duce avevano l'ordine di non lasciarlo cadere vivo nelle mani
tedesche, e si rese forse conto dei problemi che avrebbe avuto se Mussolini fosse stato ucciso sul Gran Sasso, e perci possibile che abbia
avuto la convenienza di accettare tale "accordo". Zangrandi in pi fa notare, ad avvalorare la sua tesi, che la mattina del 9 settembre le diciotto
strade che si dipartono da Roma furono tutte bloccate dalla Wehrmacht, ad eccezione di una, la Tiburtina, sulla quale si avviarono il re e il suo
seguito, e che inoltre tutto l'itinerario (da Roma a Tivoli, Avezzano, Chieti, Pescara, Ortona al Mare) fu tenuto sgombro dal traffico militare
pesante, e che ad ogni posto di blocco tedesco (come conferma lo stesso generale Puntoni) non vi fu "nessuna difficolt per il nostro passaggio",
e che infine un aereo tedesco segu dall'alto il percorso della Corvetta Baionetta fino a Brindisi (ed era uno Junker 88 da bombardamento in
picchiata...). "passando davanti ai paesi della costa - ricorda il principe Umberto - si chiedeva per radio se ospitavano truppe tedesche:
Manfredonia, Barletta, Bari e Monopoli risposero di s, Brindisi infine rispose di no, c'era solo un presidio della Regia Marina". Fu a Brindisi
dunque che il re e il suo seguito giunsero, terminando quella "fuga ingloriosa" che doveva concludere per sempre il mito di Casa Savoia.

Organico e mezzi (dopo lo scorporo del


LXVII): 1.026 uomini, 10 smv, 51 carri
L6/40, 24 autoblindo, 161 moto, 50 camion.
COMANDO e Cp. Comando
LXVIII (68) Battaglione Cp. Comando (+1 pl
blindo)
1 a cp Blindata Ab41 (su 4 plotoni 24 mz)
2 a Carri L 6/40 ((su 4 plotoni 26 mz)
3 a cp Carri L 6/40 (26)
4 a Motociclisti (161)
LXIX (69) Battaglione Cp. Comando
5 a cp semoventi 47/32 (2 pl.10 mz)
6 a autocarrata 4 pl 20mm contraerea

18R.e.co. Bersaglieri
Alla sinistra di Castellano (abito scuro) Franco Montanari, di madre americana, cugino di
Badoglio. Il fratello e la sorella si erano naturalizzati Usa
Il 18 reggimento esplorante corazzato bersaglieri (oro al Piave di Fagar Nov.
17-Lug.18 del vecchio 18) s'era di nuovo formato nel 1935, per rimpiazzare nei
ranghi del R.Esercito il 3 destinato alla campagna dEtiopia. Alla fine della
campagna il 18 venne di nuovo sciolto. Il 18 coi suoi battaglioni originari
67-68-69 si ricostitu in Siena nel deposito del 5 il 1 febbraio 1942 in versione
alleggerita di Reparto Esplorante Corazzato perdendo in seguito il LXVII inviato
in Russia. http://digilander.libero.it/lacorsainfinita/guerra2/42/67corazzato18reco.htm

Nel gennaio 1943 quello che restava del 18 fu trasferito nel sud della Francia nei dintorni di Tolone in vista di possibili sbarchi nemici alle dipendenze del XXII c.d.a. col supporto del 372
gruppo di artiglieria da 149/19. Dopo i fatti del 25 luglio 43 fu fatto rientrare a Torino per essere inserito nellorganico della Divisione Corazzata Centauro II ex legionaria CCNN M. Gia
prima aveva avuto lorganico decurtato della 1 cp blindata che era andata a rinforzare come 7 a cp (delVII C.D.A) il 10 Raggruppamento Celere Bersaglieri in Corsica. L8/9 il
reggimento era in viaggio di trasferimento su pi treni treni verso il Lazio. Un treno era gi alle porte di Roma quando venne dato l'annuncio dell'armistizio. Il treno fermato a Firenze
(met della 3 cp carri L 6, la 4a moto e il LXIX battaglione) si scontra con reparti tedeschi sulla strada del passo della Futa. Il treno su cui viaggiavano la compagnia comando reggimentale
e i servizi sbarcarono a Bassano in Teverina presso Orte il pomeriggio dell'8 ricongiungendosi agli altri a Settecamini. I reparti in Roma nella notte del 9 sbarrarono l'accesso da Tivoli
scontrandosi coi tedeschi nella mattinata del 10. Quello che era arrivato del 18 REC bersaglieri entr a far parte,
dalla mattina del 10, della divisione Ariete II del generale Raffaele Cadorna (la divisione Ariete aveva perso il R.e.co
Montebello andato a rinforzare i granatieri). Nel pomeriggio con altri elementi della divisione attaccarono i tedeschi
a Porta S. Sebastiano, S. Paolo e alla passeggiata Archeologica. Alle 17 il 18 Rec riceve gli stessi ordini e minacce
fatte all'Ariete (foglietti lanciati da aereo) che diceva essere in atto dalle 16 un accordo di cessate il fuoco. Ritiratosi
a Settecamini subisce un attacco aereo da parte di JU87 e la mattina del 11, col comandante ferito, il reparto si
disperde dopo aver sabotato i mezzi.

DIVISIONE CORAZZATA LEGIONARIA CENTAURO

Erano mesi (1943) che lo Stato Maggiore Esercito cercava di togliere dal territorio metropolitano le camicie nere, anche le pi scadenti, ma specialmente quelle nelle vicinanze di Roma. Mentre cera una guerra dichiarata
quella che preoccupava di pi era quella interna. Tutte le loro brighe avevano portato allunico risultato della costituzione di una divisione corazzata sul modello delle Waffen SS, armata per giunta dai tedeschi a pochi
chilometri da Roma. Quando le esercitazioni a fuoco diedero la misura della efficienza a cui era giunto laddestramento, il panico si diffuse negli alti vertici militari a Roma. Panico che interessava comunque in maniera
maggiore i cospiratori fascisti del 25 luglio che si stavano preparando. Lo SME da parte sua non poteva far altro che disporne strategicamente, si escludeva la Sicilia data per persa, in funzione antisbarco da qualche parte.
Quella parte venne individuata nella penisola Salentina (Lecce), sufficientemente lontana da Roma e in posizione privilegiata per assistere a uno sbarco. La Centauro dove va lasciare le proprie posizioni intorno a Bracciano
alla Ariete II. Il 25 luglio per la Centauro era ancora li. Un gruppo Ariete si era per gi dislocato anticipatamente (la Storta a mezza strada fra Campagnano e la Capitale) fra Centauro e Roma. Il mattino del 25 come gi
detto i reparti delle Camicie Nere non si mossero per ordine di Galbiati Capo di S.M. della Milizia. Quando Badoglio annunci "la guerra continua" gli unici cambiamenti alla Centauro furono la sostituzione di Lusana col
genero del Re Calvi di Bergolo che assumeva dal 27 il comando. Del fatto che la Centauro poteva rovesciare le decisioni del 25 Luglio e aprire una guerra civile ne abbiamo pure detto. Il comportamento tenuto e la nuova
situazione venutasi a creare cassarono lordine di trasferimento in Puglia per una nuova destinazione: Bagni di Tivoli. Il fatto che i legionari si fossero messi a cantare qualche canzonaccia, tipica da Marcia su Roma, diffuse il
panico. Fu un susseguirsi di generali, pallidi per l'emozione che giungevano al Comando Divisione chiedendo angosciati se fosse in atto una ribellione. Furono rassicurati e rifocillati, ma il timore di un pericolo rimase e fece
decidere allo S.M. una variante al percorso delle colonne, deviandole per Castel Giubileo, giacch sembrava rischioso far traversare Roma dalle CC.NN., soprattutto dal Gruppo dei carri armati Leonessa.
Dopo il 25 luglio 1943 la Divisione fu ridenominata Divisione Corazzata Legionaria "CENTAURO" (qualcuno la numera col 136 al posto del 134 che nessuno s'era ricordato appartenere alla GGFF che non aveva mai
visto la luce come divisione corazzata). Le camicie nere, tolti i fasci dal bavero, erano tutte su un reggimento tradizionale di fanteria su tre battaglioni (3 cp cd), i carri tedeschi nel Gruppo Leonessa su tre compagnie (si parla
poi anche di un battaglione XIX Carri M, costituito in data 01 settembre 1943) e lartiglieria del Valle Scrivia. A questi reparti si doveva
aggiungere come Reco esplorante il 18 Bersaglieri che non pervenne mai nei ranghi, a causa degli eventi, finendo aggregato alla Ariete
II. Nei giorni dellArmistizio la Centauro rimase immobile giocando su entrambi i fronti. I tedeschi la temevano perch aveva armi tedesche, gli
italiani per lo stesso motivo. Checch ne dicano molti storici ce ne era a sufficienza per sgombrare i tedeschi da Roma (il giallo delle forze o
della Difesa di Roma) e permettere un aviosbarco Alleato che si sarebbe alimentato di mezzi e armamenti dagli aeroporti. Il giorno 9, mancando
Carboni del CAM, Calvi di Bergolo il pi anziano in servizio e lunico che aveva in quel momento rapporti coi tedeschi apr un tavolo di cessate
il fuoco. Il ritorno di Carboni non cambi nulla se non in termini di condizioni, condizioni che per i tedeschi valevano carta straccia come
qualsiasi accordo (vedi Roma citt aperta). Il 16 settembre 1943 - Divisione ancora in armi - il Comando tedesco chiese la restituzione dei carri
armati e di quasi tutto l'armamento pesante per destinarlo al fronte di Salerno. Risolto l11 il problema di Roma i tedeschi ebbero modo di
scatenare la controffensiva che per poco non ricaccia a mare gli alleati il 12 a Salerno. Il 21 settembre 1943 ufficiali e legionari alla Caserma
"Mussolini" di Roma decisero la ricostituzione della "Leonessa" come Gruppo Corazzato con mezzi italiani.

SBARCO ALLEATO IN PUGLIA - LA LIBERAZIONE DI TARANTO E BRINDISI


Delle progettate operazioni alleate che dovevano accompagnare la proclamazione dellarmistizio (8/9/43) praticamente solo una and in porto; quella di Salerno. Roma fu cancellata e Taranto ridimensionata a favore dellaltra. Fortuna volle che i
Tedeschi non avevano in Puglia forze sufficienti e sufficientemente pronte a parare una rivolta italiana come in pratica avvenne. Agli alleati non rimase che scendere su terre gi liberate cosa che non accadr pi nel prosieguo della guerra.
Dal Diario di S. Bombardini: La difesa di Bari - Nei giorni seguenti (all'8 settembre) non vedemmo altri soldati italiani (ma neanche tedeschi). Il 10 una colonna della Goering, in ritirata dalla Calabria si diresse verso Bari, per transito, e venne fermata
ai posti di blocco per trattare ... Infine anche quella minaccia fu risolta e noi la scortammo in moto fino a nord di Bari. Dal 13 al 16 i miei ricordi si fanno personali (fuori dalla cronologia storica) perch fui mandato ad istituire un caposaldo lungo la
ferrovia. Infatti dal nord arrivavano treni pieni di fuggiaschi, soldati disarmati. Ci salutavano alle porte di Bari con degli evviva. A turno mandavo in avanscoperta un bersagliere che appoggiava le orecchie ai binari per preannunziare un treno in arrivo
(L'ordine era di far saltare la linea in caso di treno ostile). Se il treno era illuminato di notte non dovevamo usare le bombe. La prima notte ne passarono altri 6 tutti illuminati, cos pure il 14,15,16 settembre e poi tutto si ferm, perch l'Italia era gi
divisa in due. ndr: I tedeschi non avevano probabilmente ancora inquadrato bene la situazione, lasciandosi sfuggire materiale ferroviario che transitava regolarmente lungo la costa, e dall'interno sulla unica linea presente e su quella che doveva essere
una ideale linea del fuoco o di difesa.
Quella di Taranto, base navale, non era neanche una operazione ma un semplice appunto: lancio della 1a aviotrasportata. Di aeromobili per non ce ne erano cos vennero messe a disposizione 4 navi con uno sminatore (Abdiel). Scortavano questo
piccolo convoglio l USS Boise due navi da battaglia HMS Howe and HMS King George V con sei caccia. Non era per il pericolo in se che cera questa scorta, ma per lincertezza se le navi italiane della base del Mar Piccolo si fossero attenute alle
disposizioni armistiziali. A conti fatti le uniche forze attive tedesche erano 3 battaglioni di par della 1a divisione (Richard Heidrich, the division's commander). I tedeschi non intendevano fare le barricate a Taranto sotto i colpi delle corazzate ma solo
ritardare lo sbarco e proteggere il pi possibile le basi aeree (Gioia del Colle in primis). Risultato a Taranto non cera nessun comitato daccoglienza. Lunica nave che salt su una mina il giorno dopo lAbdiel (Casualties totaled 58 killed and 154
wounded from the 6th (Royal Welch) Parachute Battalion, and 48 dead among Abdiel's crew..). On 11 September the advancing 10th Parachute Battalion had a sharp encounter with rearguard elements of the German 1st Parachute
Division during which Major-General Hopkinson, the British land commander, was mortally wounded. The only units of the 1st Allied Airborne Division with any combat experience were the 1st Parachute Brigade, which had fought
as an independent brigade in North Africa and in Operation Fustian during the Allied invasion of Sicily and the 1st Airlanding Brigade which had also fought in Sicily during Operation Ladbroke. Both brigades had suffered heavy
casualties in Sicily and were in no condition to undertake any further assault landings. Of the division's other brigades, the 2nd and 4th Parachute Brigades, were untried in battle. Also, the 2nd Parachute Brigade was the only full
strength unit, the 4th Parachute Brigade having only two battalions while its third battalion was still forming in Palestine.
A sbarco navale riuscito altre due divisioni sarebbero arrivate a dar man forte (78th Infantry Division in Sicily and the 8th Indian Infantry Division in the Middle East che arriveranno il 22 /23 ). La 1st Allied
Airborne Division venne spaccata in due con prevalenza di mezzi sul primo convoglio onde evitare danni ai combattenti per eventuali reazioni italiane ad Armistizio pendente (The ships departed at 17:00 on 8
September). Lappoggio aereo allo sbarco venne ad opera dei B26 americani. Come previsto la Caio Duilio e lAndrea Doria si allontanarono dal porto secondo le disposizioni armistiziali. Un pilota del porto
militare italiano guid la flottiglia attraverso gli sbarramenti minati. Nessun ferito allo sbarco (si scendeva da passerella non su spiaggia come in Normandia). I primi uomini sbarcati costituirono posti di blocco
intono alla citt per coprirsi da eventuali ritorni tedeschi
When the two brigades were offloaded, they passed through the city and set up defensive positions to the north. At the same time, Hopkinson established his divisional headquarters in the
Albergo Europa Hotel and accepted the Italian surrender from the military governor. At a roadblock beside the town of Castellaneta, Hopkinson was hit by a burst of German machine gun fire
while observing the 10th Parachute Battalion's attack. He died of his wounds the following day. Hopkinson was replaced by Brigadier Ernest Down, previously the commander of the 2nd
Parachute Brigade.
Il convoglio ritorn indietro per recuperare il resto della divisione. I reparti man mano che uscivano verso nord trovavano italiani accoglienti e pochi tedeschi in agguato. In 48 ore raggiunsero Brindisi poi Bari
(22) quando il contingente fu abbastanza forte da non essere ributtato a mare. L11 settembre presero contatto a Ovest coi Canadesi che risalivano dalla Calabria. Solo un aeroporto era rimasto indenne ed
era quello di Gioia del Colle che verr preso il 16.
The Germans fought with great determination in the ensuing battle for Castellaneta, which finally fell to the British Airborne forces on the 12th September. The next objective for the 4th
Parachute Brigade, was the capture of Gioia del Colle and its airfield - the importance of which was fast increasing as it was urgently required as a fighter base to cover the Salerno landings.
The Brigadier ordered a fighting patrol to push forward and determine if possible, the strength of the German defensive positions at Gioia del Colle. 'B' Company, 10th Para, which included
Myles Henry, was selected and at 1930 hours on 15th September, 'B' Company left the Battalion area to drive to Gioia, a point three miles to the east. After a compass march in pitch darkness,
the patrol moved into position on the outskirts of Gioia del Colle at dawn, taking the German sentries completely by surprise. But the surprise was short-lived and there then ensued a fierce
five-hour pitched battle with the now alerted German Paratroopers...Dismayed by the aggressive nature of the patrol, the Germans, despite superior numbers, withdrew on th e night of 16/17th
September.
L'aeroporto di Grottaglie di Taranto verr attivato anch'esso per i bombardieri a lunga distanza che potevano spingersi fino al Nord prima che fosse preso e attivato il grande complesso (pi aeroporti) di Foggia dal quale raggiungere anche la
Germania meridionale. Tutte le operazioni da quel momento hanno uno stop presumendo da parte tedesca un contrattacco che non ci sar. LIBERAZIONE DI BARI AD OPERA DEGLI ITALIANI http://digilander.libero.it/lacorsainfinita
/guerra2/43/bari.htm http://www.ask.com/wiki/Triolo_Airfield Foggia