Sei sulla pagina 1di 121

Analisi

e Studi

Gennaio 2008

Innovazione Industriale e
Competitività

Francia, Germania, Regno


Unito, Spagna e Stati Uniti

Politiche a confronto
Analisi e Studi
Innovazione Industriale e Competitività

FRANCIA - GERMANIA - REGNO UNITO - SPAGNA - STATI UNITI

Politiche a confronto
Innovazione industriale e competitività - Indice

Indice
PREMESSA - Pier Luigi Bersani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5
PREFAZIONE - Pier Carlo Padoan . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7
INTRODUZIONE - Andrea Vecchia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9
1. FRANCIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13
1.1 Contesto di riferimento e linee guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13
1.2 Governance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16
1.2.1 Il sistema istituzionale francese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16
1.2.2 Il coordinamento con gli enti locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
1.2.3 Il rapporto con le istituzioni comunitarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22
1.3 Programmi e modalità d'intervento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22
1.3.1 Programmi Mobilizzatori Innovazione Industriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22
1.3.2 Poli di Competitività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .25
1.3.3 Piano per l'Innovazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
1.3.4 Il Piano per la Ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .29
1.4 Articolazione della programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .31
1.5 Acronimi e abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .32
1.6 Siti web istituzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33
1.7 Documentazione di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .34
2. GERMANIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .35
2.1 Contesto di riferimento e linee guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .35
2.2 Governance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .38
2.2.1 La governance dell'innovazione a livello federale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .38
2.2.2 Il coordinamento con i governi regionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .38
2.2.3 Nuovi organismi consultivi per la strategia per l'innovazione . . . . . . . . . . . . .40
2.2.4 Il coordinamento pubblico-privato nell'ambito della governance dell'innovazione . . .40
2.2.5 Le strutture di ricerca preposte al trasferimento tecnologico . . . . . . . . . . . . .41
2.2.6 Organismi deputati al finanziamento della ricerca e dell'innovazione . . . . . .42
2.2.7 Processo di valutazione delle politiche di innovazione . . . . . . . . . . . . . . . . .47
2.3 Programmi e modalità d'intervento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .48
2.3.1 La Hightech Strategie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .48
2.3.2 Attuazione dei programmi di innovazione compresi nella High Tech Strategie . . .49
2.3.3 Programma Quadro iD2010 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .51
2.3.4 Iniziative di sostegno alle PMI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .54
2.3.5 La dotazione finanziaria della nuova strategia per l'innovazione . . . . . . . . . .56
2.4 Articolazione della programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .57
2.5 Acronimi e abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .59
2.6 Siti web istituzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .60
2.7 Documentazione di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .60
3. REGNO UNITO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .61
3.1 Contesto di riferimento e linee guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .64
3.2 Governance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .64
3.2.1 A livello centrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .64
3.2.2 A livello locale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .66
3.2.3 Rapporti Governo- Università- Imprese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .67
3.3 Programmi e modalità d'intervento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .68
3.3.1 La Strategia Tecnologica Nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .68
3.3.2 Risorse finanziarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .73
3.3.3 Bandi di Gara . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .74
3.4 Articolazione della programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .75
3.5 Acronimi e abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .76
3.6 Siti web istituzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .77
3.7 Documentazione di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .77

3
Indice - Innovazione industriale e competitività

4. SPAGNA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .79
4.1 Contesto di riferimento e linee guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .79
4.2 Governance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .82
4.2.1 Il Sistema Istituzionale spagnolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .82
4.2.2 Il Sistema Spagnolo Scienza - Tecnologia - Impresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . .85
4.2.3 Il coordinamento con gli Enti Locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .86
4.2.4 Il rapporto con le Istituzioni Comunitarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .87
4.2.5 Le procedure di controllo e verifica:
il Sistema integrato di monitoraggio e valutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .87
4.3 Programmi e modalità d'intervento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .88
4.3.1 Linee operative, programmi/sotto programmi, misure d'intervento . . . . . . . .89
4.3.2 Misure attuative e strumenti finanziari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .90
4.3.3 La dotazione finanziaria ed il riordino del sistema
per l'innovazione e la competitività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .94
4.4 Articolazione della programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .95
4.5 Acronimi e abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .97
4.6 Siti web istituzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .98
4.7 Documentazione di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .99
5. STATI UNITI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .101
5.1 Contesto di riferimento e linee guida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .101
5.2 Governance . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .103
5.2.1 Le strutture a servizio dell'ambito decisionale Centrale:
gli uffici del Presidente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .103
5.2.2 Le strutture specializzate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .104
5.3 Programmi e modalità di intervento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .106
5.3.1 L'Advanced Technology Program . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .106
5.3.2 Programmi coordinati dalla Small Business Administration . . . . . . . . . . . . .108
5.3.3 Small Business Innovation Research Program . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .109
5.3.4 Small Business Technology Transfer Program . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .111
5.4 Articolazione della programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .113
5.5 Acronimi e abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .114
5.6 Siti web istituzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .114
5.7 Documentazione di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .115
6. NORMATIVA COMUNITARIA E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO . . . . . . . . . . . .117
7. GUIDA ALLA LETTURA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .119
7.1 Metodologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .119
7.2 Articolazione del testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .119

4
Innovazione industriale e competitività - Premessa

Premessa

Pier Luigi Bersani


Ministro dello Sviluppo Economico

Il volume dell'IPI contiene un'interessante rassegna degli indirizzi assunti dalle politiche
industriali di alcuni grandi Paesi occidentali. Una carrellata di esperienze concrete e di
proposte di policy che risulta ancora più stimolante considerando quanto Francia,
Spagna, Germania, Regno Unito e Stati Uniti rappresentino per noi un riferimento per
molti versi obbligato. Sia in qualità di paradigmi ai quali guardare in continuo, sia in quel-
la - al momento anche più rilevante dal mio angolo visuale - di possibili partner nell'ela-
borazione di strategie e politiche transnazionali a sostegno dello sviluppo.

Ad emergere dal viaggio compiuto tra i provvedimenti di politica economica attuati nei
diversi Paesi è - costante - l'orientamento verso azioni mirate, il ricorso cioè (anche) a
misure selettive, indirizzate su quegli obiettivi che vengono ritenuti di interesse premi-
nente. Un modo di concepire e programmare gli interventi pubblici fino a non molto
tempo fa per gran parte estraneo al nostro sistema politico-amministrativo. Un fattore
questo che, nella realtà, ci metteva sovente in una posizione del tutto particolare nei
confronti dei nostri interlocutori d'oltre confine, parlavamo un'altra lingua o almeno un
altro dialetto.

A questo riguardo, mi preme sottolineare come proprio in virtù del lavoro fatto con
“Industria 2015”, grazie cioè alla revisione che è stata impressa ai criteri e ai meccani-
smi che informano la politica industriale nazionale, siamo ora in grado di metterci intor-
no ad un tavolo con altri Paesi parlando un linguaggio condiviso. Disponiamo oggi di
una strumentazione di programmi impostati su politiche selettive che ci consente di
interloquire con chi non molto tempo fa stentava a capirci.

Se per un lungo periodo il criterio che ha informato tanta parte dell'intervento pubblico
nel nostro Paese è stato quello degli aiuti a pioggia, oggi - lasciatemelo dire - fortuna-
tamente non è più così. La politica industriale in Italia può essere oggi qualcosa di diver-
so: una politica che prima di tutto torna a fare il suo mestiere, ad essere cioè “industria-
le” in senso proprio.

Su questi presupposti, l'azione pubblica si realizza ora per il tramite di un impianto che
prevede misure sia orizzontali che verticali. All'importante serie di dispositivi improntati
ad una logica di sostegno generalizzato all'economia di carattere automatico, abbiamo
affiancato un articolato sistema di interventi mirati a sostegno di settori specifici, sele-
zionati per la loro valenza strategica rispetto allo sviluppo sociale ed economico del
Paese.

Al di là delle aree strategiche individuate per l'Italia, è l'agire attraverso iniziative selet-
tive adottate in un ottica di medio-lungo periodo, strutturate come catalizzatori rispetto
ad una pluralità di soggetti (dalle imprese private, alle Università, alle Istituzioni
Finanziarie) e caratterizzate da un alto potenziale innovativo ad avvicinarci agli altri
Paesi dell'Occidente industrializzato.

Così, guardando ai Poli di Competitività francesi o alle strategie per l'innovazione nei
settori high-tech della Germania, scorrendo i progetti delle Innovation Platforms del
Regno Unito o quelli dello spagnolo Ingenio 2010, come anche riferendoci allo Small
Business Innovation Research Program degli Stati Uniti verifichiamo quanto essi siano
vicini agli indirizzi e agli strumenti di politica industriale su cui oggi è impegnato il nostro
Paese.

5
Innovazione industriale e competitività - Prefazione

Prefazione

Pier Carlo Padoan


Vice Segretario Generale Ocse

L'innovazione è una delle determinanti centrali della competitività e della crescita dei paesi.
A maggior ragione in questa fase di crescente integrazione e globalizzazione dei sistemi
economici nazionali. Il meccanismo innovativo e', a sua volta, in forte evoluzione e sta rapi-
damente adattandosi al nuovo contesto globale mentre, allo stesso tempo, ne è uno dei
principali fattori di mutamento. Per chiarire il concetto, anche a rischio di un eccesso di
semplificazione possiamo distinguere due modelli di innovazione e crescita. Il “modello tra-
dizionale” prevede che le imprese investano risorse in ricerca e sviluppo, i cui risultati sono
gelosamente conservati e protetti, e utilizzi almeno parte di questi risultati per accrescere
la produttività e la crescita. Questo meccanismo microeconomico si traduce facilmente nel
suo corrispondente a livello aggregato dove alla crescita della impresa si sostituisce la cre-
scita del paese. L'efficacia del meccanismo (per esempio in termini di produttività più ele-
vata), a parità di investimento in R&S, dipende, tra l'altro, dalla disponibilità e dalla qualità
del capitale umano, da strumenti finanziari adeguati (come il venture capital) e da un rap-
porto fecondo tra sistema di ricerca e università, sostegno pubblico diretto e indiretto e
sistema delle imprese. Abbondante evidenza empirica dimostra che, a parità di altre con-
dizioni, i risultati migliori si ottengono in quei casi in cui il settore privato svolge un ruolo di
leader nello sforzo innovativo, per esempio, ma non solo, in termini di spesa per R&S. Può
sembrare un paradosso ma la' dove la spesa pubblica in R&S è relativamente più impor-
tante rispetto a quella privata la performance dell'economia è meno brillante rispetto ai casi
in cui la componente privata è preponderante. L'implicazione per la politica per l'innovazio-
ne è abbastanza immediata. L'efficacia degli strumenti di sostegno diretto all'innovazione
rimane limitata se questi non vengono accompagnati da un “ambiente generale” favorevo-
le all'investimento da parte delle imprese.

A questo modello di innovazione se ne sta affiancando un altro, basato sulla globaliz-


zazione delle catene del valore e della innovazione e sulla cosiddetta innovazione aper-
ta (open innovation). Le caratteristiche principali di questo nuovo modello di innovazio-
ne riguardano la frammentazione e la delocalizzazione non più soltanto di segmenti dei
processi di produzione ma anche dei processi di R&S. Attirati da fattori quali la disponi-
bilità di capitale umano di alta qualità e basso costo un numero crescente di imprese
multinazionali dei paesi avanzati trasferiscono nei nuovi paesi emergenti, India e Cina
in primo luogo, componenti importanti dei loro processi di innovazione. L'innovazione
aperta si collega in parte a questo processo. Nella open innovation le imprese condivi-
dono con altre imprese i loro sforzi di R&S al duplice scopo di approfittare della messa
in comune del pool di conoscenza e di instaurare rapporti di mercato dei risultati degli
sforzi di innovazione con le altre imprese. È noto infatti che una parte anche considere-
vole dei risultati degli investimenti in innovazione non vengono tradotti in applicazioni
produttive dalle imprese che le producono. Nel modello tradizionale i prodotti del pro-
cesso di innovazione vengono, a volte, brevettati al solo scopo di sottrarre un vantag-
gio competitivo ai concorrenti. Nel nuovo modello la fase di collaborazione tra imprese
nel processo di acquisizione ed elaborazione della nuova conoscenza è molto più
approfondito e diffuso e da qui ne possono discendere vantaggiosi scambi di prodotti
dell'innovazione, brevetti, licenze e cosi via. Questo ulteriore meccanismo di produzio-
ne di valore è poi amplificato da un altro aspetto del nuovo modello di innovazione: il
ruolo crescente della innovazione guidata dagli utilizzatori della innovazione medesima,
siano essi imprese o consumatori.

Le implicazioni del nuovo modello per la politica di sostegno all'innovazione sono di un


certo rilievo. In primo luogo assumono maggiore importanza le misure volte a rafforza-

7
Prefazione - Innovazione industriale e competitività

re l'ambiente dove operano le imprese (business climate). Diventano rilevanti le misure


di “accesso al mercato”, quelle, per intenderci, in gran parte escluse dal Doha Round
ma che rappresentano il terreno avanzato dei negoziati commerciali post Doha e che
già ora sono in prima fila nella agenda delle centinaia di accordi bilaterali e regionali che
caratterizzano il sistema globale. Gli strumenti di protezione dei diritti di proprietà intel-
lettuale vanno ripensati per tenere conto di come, nel modello di open innovation, si
modifica il trade-off tra protezione (necessaria a incentivare l'innovazione) e diffusione
della conoscenza (necessaria a sfruttare le esternalità che il modello di open innovation
si propone di valorizzare). Infine, ma non in ordine di importanza, i benefici di agglome-
razione delle comunità locali e subnazionali, dai distretti alle regioni, sono valorizzati
dalla open innovation in quanto favoriscono gli aspetti di scambio di conoscenza e di
interazione produttore-consumatore.

In definitiva, con il procedere del processo di globalizzazione e l'apparire sulla scena di


nuovi rilevanti attori nazionali i meccanismi di innovazione e competitività si stanno rapi-
damente trasformando.

I sistemi nazionali di competitività e innovazione esaminati in questo volume vanno


valutati tenendo conto di questo quadro di riferimento. Inoltre l'utilità' del notevole
ammontare e della qualità di informazioni che questo studio offre sarà notevolmente
accresciuta se nell'aggiornamento futuro si approfondirà non solo l'elemento descrittivo
e analitico ma anche quello valutativo. Rispondere alla domanda “quanto è efficace un
sistema di politiche per la competitività e l'innovazione” non è facile. Un metodo che di
solito da buoni risultati è quello della identificazione di buone pratiche, ma anche esso
presenta dei limiti che assumono particolare rilevanza alla luce delle considerazioni
appena svolte. Ne possiamo ricordare due. In primo luogo, la globalizzazione dei pro-
cessi di innovazione e la open innovation rendono più sfumati i contorni “nazionali” delle
politiche per la competitività e l'innovazione. In secondo luogo, tendono a coincidere in
modo crescente misure volte al sostegno dell'innovazione e misure volte a sostenere la
capacità di “fare impresa” in senso lato. Ma questo non sorprende visto che, in ultima
analisi, il successo di un sistema di politiche per la competitività dipende dal successo
delle imprese che ne sono coinvolte.

8
Innovazione industriale e competitività - Introduzione

Introduzione

Andrea Vecchia
Direttore Generale IPI

L'azione pubblica. Una riflessione sul metodo

Lo studio condotto dall'IPI sulle linee guida e sull'articolazione delle politiche economi-
che realizzate in alcuni grandi Paesi europei e negli Stati Uniti, al di là di qualsiasi giu-
dizio di merito su provvedimenti e indirizzi seguiti, evoca con forza due considerazioni
di ordine più generale, se vogliamo più “alte”, sicuramente preliminari sul piano della
logica rispetto ad ogni singola proposta politica.

Da una lettura attenta delle esperienze internazionali che il volume ripercorre, prima
ancora che l'analisi si addentri nel declinarsi puntuale delle diverse iniziative in
campo, emergono infatti argomenti che coinvolgono direttamente le ragioni ed il
metodo nei quali trova fondamento l'intervento pubblico in economia. Senza bisogno
di arrivare a costruire paralleli virtuali tra iniziative eterogenee o graduatorie fra best
practice di Paesi e aree differenti. È sufficiente porre attenzione alla griglia delle atti-
vità realizzate, alle materie su cui esse vertono, all'architettura attraverso la quale
quelle stesse prendono forma e contenuto perché si facciano strada due riflessioni
cristalline: non sembra esserci un settore dell'economia intrinsecamente vietato al
pubblico, tuttavia di qualsiasi intervento si tratti, questo deve essere progettato e
attuato avvalendosi di una metodologia rigorosa e trasparente. Considerazioni distin-
te, ma nient'affatto indipendenti.

Pur rimanendo nel quadro di politiche tese ad alimentare le dinamiche innovative e a


sostenere la capacità competitiva, è immediato accorgersi come nei diversi Paesi esse
si traducano in iniziative che spaziano ampiamente, andando variamente a toccare i
diversi settori dell'agire economico. Con altrettanta evidenza la panoramica dei casi
seguiti indica l'assoluta rilevanza del metodo nella programmazione e nella messa in
opera delle politiche industriali. Osservazione della realtà, identificazione degli obiettivi,
predisposizione degli strumenti adatti, attuazione puntuale delle politiche, monitoraggio
e valutazione degli interventi identificano le fasi di un metodo a cui andrebbe fatto
costante riferimento, qualunque sia l'iniziativa pubblica sul tavolo.

Un corretto approccio metodologico, informato a criteri di trasparenza e accountability,


appare dunque un requisito ineludibile per una politica industriale degna di questo
nome, di qualsiasi orientamento essa sia. Socializzare sempre di più i policy maker ad
un metodo rigoroso nella definizione della propria azione appare la strada in grado di
garantire una sponda affidabile alle tante ragioni dell'intervento pubblico. Beninteso,
un'azione amministrativa per la quale, esattamente al pari di qualsiasi progetto di inve-
stimento privato, una volta esplicitati gli obiettivi e redatto una sorta di “business plan”
dell'operazione, può anche essere prevista l'eventualità di un fallimento, ma le cui ener-
gie vitali non devono rischiare di essere svilite da programmi elaborati senza metodo.

Lo sosteneva un autorevole liberista come Von Hayek che qualunque atto politico è un
atto di pianificazione, e non puo' esserci altra differenza che quella tra una pianificazio-
ne buona e una cattiva, fra una pianificazione avveduta e lungimirante e una stolta e
miope.

Chi è chiamato a disegnare politiche dovrebbe dunque rifarsi, da lato, ad un metodo


“sartoriale”, che attribuisca alle politiche il compito di confezionare “abiti su misura” per

9
Introduzione - Innovazione industriale e competitività

cogliere opportunità che il mercato spontaneamente non coglie appieno e, dall'altro, ad


un principio che è quello della “fisarmonica” della mano pubblica, che interviene qualo-
ra le analisi e la politica la legittimano e si ritrae quando l'obiettivo è raggiunto o quan-
do perde l'autorevolezza del suo agire perché inefficace o peggio inefficiente.

Lo Studio - Fondamenti, obiettivi, criteri

Il volume “Innovazione industriale e competitività - Politiche a confronto” è il risultato di


un corposo sforzo di ricerca volto a censire le più rilevanti iniziative che alcuni dei prin-
cipali Paesi dell'Occidente Industrializzato hanno realizzato - o comunque avviato - nel
campo delle politiche industriali nel corso degli ultimi anni.

L'analisi degli indirizzi di politica economica seguiti nelle singole realtà statuali esami-
nate è stata condotta con lo specifico obiettivo di predisporre un osservatorio sulle poli-
tiche industriali che si realizzano oltre confine. Obiettivo che si è tradotto nella messa a
punto di uno strumento d'informazione agile ed efficace a disposizione, in primo luogo,
del Ministero dello Sviluppo Economico.

Questo approfondito excursus sugli indirizzi di policy prevalenti nei Paesi scelti a riferi-
mento per il confronto ha preso corpo in un'articolata rassegna di esperienze e casi con-
creti. Il lavoro vuole rappresentare un utile supporto analitico nella definizione della pro-
grammazione nazionale in materia di interventi pubblici nell'economia, a sostegno del-
l'innovazione industriale e della competitività. Sia nei termini di buone prassi cui è pos-
sibile guardare e - ove ne ricorrano le circostanze - ispirarsi in concreto, sia nei termini
della messa a fuoco di un valido quadro di riferimento nel quale collocare, qualificando-
le, le innovative linee guida di politica industriale che informano “Industria 2015”.

Lo studio che presentiamo, proprio in ragione della sua natura strumentale, è stato
ideato come una sorta di base dati aperta ad aggiornamenti periodici ed implementa-
zioni, a seconda delle traiettorie evolutive che prenderanno i provvedimenti di politica
industriale adottati nei Paesi considerati. Integrazioni a carattere puntuale sono poi pre-
viste nella forma di approfondimenti tematici specifici su eventuali sollecitazioni dirette
che dovessero giungere dai diversi uffici dell'IPI.

L'analisi comparata si fonda sull'individuazione dei singoli programmi nazionali d'inter-


vento, ognuno dei quali è stato descritto attraverso un quadro operativo che ne eviden-
zia gli snodi principali, i soggetti a vario titolo coinvolti ed i nessi che tra questi intercor-
rono. In tutti i Paesi toccati un'attenzione particolare è stata dedicata alle tematiche rela-
tive a Sviluppo Industriale, Competitività, Innovazione Tecnologica, Ricerca e Sviluppo
ed Energia. Argomenti sui quali, per gli Stati in cui si è rivelata un'operazione possibile,
sono stati costruiti degli approfondimenti ad-hoc.

La scelta dei Paesi sui quali costruire il confronto è stata improntata a due criteri preva-
lenti. Guidata, da un lato, dall'esigenza di individuare delle realtà che per storia, collo-
cazione geo-politica e struttura economico-sociale potessero costituirsi come validi ter-
mini di paragone e come potenziali partner esemplari per l'Italia. Dall'altro, dalla tensio-
ne a muoversi verso superiori standard economici e civili, prendendo a riferimento
nazioni non solo ad elevato livello di sviluppo, ma caratterizzate tutte dal rappresenta-
re l'eccellenza in un determinato campo, dall'essere “l'esempio” in un settore o in una
qualche particolare area d'intervento pubblico.

Pur senza voler entrare troppo nel dettaglio, anche scorrendo velocemente la lista dei
cinque Paesi individuati - Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti -, al di
la della “vicinanza” che i loro nomi variamente richiamano, viene istintivo associare ad
ognuno di essi una qualche particolarità, esclusiva o meno.

10
Innovazione industriale e competitività - Introduzione

La Francia ha rappresentato e rappresenta ancor oggi un modello di amministrazione


pubblica efficace e rigorosa (basti pensare alla grande tradizione della Scuola
Nazionale di Amministrazione di Strasburgo); contemporaneamente, è uno dei Membri
dell'Unione Europea in cui più forte è l'indirizzo dato dalle politiche industriali al sistema
economico. Politiche che, vale la pena ricordare, proprio in tempi recenti hanno subito
un'importante rimodulazione e acquisito un rinnovato slancio.

La Germania - per mezzo secolo locomotiva dell'Europa continentale - non solo recita
tuttora un ruolo di primissimo piano nel trainare l'economia dell'UE, ma è l'unico tra i
Paesi europei ad aver mantenuto un vasto ed efficiente sistema industriale e manifat-
turiero.

Il Regno Unito, dopo una delicata fase di torsione strutturale dalla quale la sua architet-
tura economico-produttiva è uscita profondamente modificata, è oggi un sistema in
grado di esprimere un accentuato dinamismo e rappresenta l'avanguardia a livello euro-
peo nei settori della finanza e del terziario avanzato.

La Spagna, a dispetto di alcune contraddizioni che caratterizzano il suo modello di svi-


luppo recente, grazie al consistente tasso di crescita del reddito realizzato nell'ultimo
decennio è riuscita a lasciarsi alle spalle la crisi della peseta dei primi anni Novanta ed
ha sostanzialmente portato a compimento il processo di convergenza sui valori di Pil
pro-capite dell'UE allargata.

Sono molteplici le ragioni che fanno degli Stati Uniti un riferimento imprescindibile per
le azioni in tema di innovazione e competitività, sia a livello di politiche nazionali che
comunitarie. Tra queste va ricordato, in primis, il ruolo assolutamente preminente che
gli ingenti investimenti pubblici in Ricerca e Sviluppo (tanto di quelli attivati per via diret-
ta, quanto di quelli indiretti che si propagano ai settori civili dalle spese originariamente
destinate al settore della Difesa) hanno avuto storicamente ed hanno a tutt'oggi nel con-
sentire agli U.S.A. di posizionarsi sulla frontiera dell'innovazione industriale e nell'ICT.
In seconda battuta, è importante richiamare l'approccio seguito dalle politiche economi-
che statunitensi, quell'approccio mission oriented che è ormai divenuto il criterio di rife-
rimento nella definizione delle politiche industriali nazionali.

11
Innovazione industriale e competitività - Francia

1. FRANCIA

1.1 Contesto di riferimento e linee guida


Negli ultimi anni, la politica francese per l'innovazione industriale e la competitività è
stata caratterizzata da una vasta rivisitazione del sistema organizzativo, sia a livello
centrale che periferico.

Il nuovo assetto istituzionale riafferma la centralità dello Stato quale organo primario
nella definizione delle politiche d'intervento, mentre delega la scelta delle linee operati-
ve agli organismi settoriali specializzati ed ai sistemi amministrativi decentrati, lascian-
do così ampio margine - in termini sia di analisi che di capacità propositiva - ai sistemi
economici locali.

Attraverso l'azione congiunta di Pubblico e Privato questa architettura sistemica per-


mette di ridisegnare gli equilibri delle diverse forze che agiscono sul territorio nell'ottica
del potenziamento delle attività industriali e dello stimolo alle attività di R&S.

Le principali azioni programmatiche vengono attuate attraverso un percorso scientifico-


concertativo che prevede l'affidamento a gruppi di esperti qualificati, “indipendenti” e di
diversa estrazione l'analisi delle potenzialità e dei fabbisogni a livello di singoli settori.
Le linee di intervento individuate sono oggetto di un'operazione di fine tuning che si rea-
lizza nel corso di consultazioni pubbliche durante le quali, grazie ai contributi di tutti i
partecipanti (comuni cittadini e stakeholders), vengono apportati i necessari aggiusta-
menti. Analogamente, per quanto riguarda la scelta delle priorità di intervento in ambi-
to di R&S, è previsto un procedimento di concertazione tra i diversi operatori del siste-
ma: Industria, centri di ricerca pubblici e privati, Università.

Il programma di supporto pubblico all'innovazione contempla la nascita di nuovi attori,


la predisposizione di strumenti ad hoc e lo stanziamento di maggiori risorse finanziarie
(l'Agenzia per l'Innovazione Industriale, l'Agenzia Nazionale della Ricerca, i Poli di
Competitività, il Consiglio Superiore per la Scienza e la Tecnologia) al fine di rendere
più dinamico il sistema della ricerca, garantendo un adeguato ritmo di crescita all'eco-
nomia nazionale.

Il Governo francese, ormai da tempo consapevole della centralità rivestita dalle temati-
che dell'innovazione per il Paese - la legge sull'Innovazione e sulla Ricerca risale al
1999 -, promuove la collaborazione tra le attività di ricerca pubblica e l'iniziativa priva-
ta. Nel 2003, in seguito ad una consultazione nazionale, il Ministro dell'Industria e il
Ministro della Ricerca hanno varato il “Piano per l'Innovazione”, un programma che
comprende un pacchetto di misure fiscali tese a favorire le imprese che innovano e ad
incentivare gli investimenti in R&S.

La nuova politica industriale si fonda sulla realizzazione di un “ambiente” favorevole allo


sviluppo di grandi progetti industriali. Tra gli strumenti approntati per realizzarlo vi sono:
la creazione dei Poli di Competitività, base del rilancio della politica industriale incentra-
ta sul partenariato pubblico-privato e sull'avvio di progetti innovativi a carattere territo-
riale; l'istituzione di due importanti agenzie di sviluppo con focus sull'innovazione e sulla
ricerca pubblico-privata, nonché la costituzione di reti operative che coinvolgono tutti gli
attori dello sviluppo.

NeI 2004, con l'obiettivo di favorire la collaborazione fra i diversi attori della ricerca attra-
verso la costituzione di un sistema a rete, viene inoltre lanciato il Patto per la Ricerca
che porta all'adozione di una nuova Legge sulla Ricerca varata nel 2006. La legge isti-

13
Francia - Innovazione industriale e competitività

tuisce un Consiglio Superiore per la Scienza e la Tecnologia, i Poli per la Ricerca e


l'Istruzione Superiore, i Campus di Ricerca e di Istruzione Superiore, le Reti Tematiche
di Ricerca Avanzata e l'Agenzia per la Valutazione della Ricerca e l'Istruzione
Superiore.

Attraverso l'insieme di queste misure, base della politica per il rilancio dell'innovazione
industriale e la competitività, la Francia mira a perseguire gli obiettivi stabiliti dalla
Strategia di Lisbona riguardo al livello di reddito pro-capite, al tasso di occupazione, alla
realizzazione della “società della conoscenza” e alla destinazione di almeno il 3% del
prodotto interno lordo in R&S.

Le principali iniziative adottate in materia di innovazione industriale e competitività sono


schematicamente illustrate nella tavola 1. Una rappresentazione del sistema di program-
mazione analizzato è disponibile nel paragrafo “Articolazione della programmazione”.

14
Innovazione industriale e competitività - Francia

Tavola 1 - Francia. Politiche per l'innovazione e la competitività: programmi di intervento e organizzazione


istituzionale*

Progrrammi d'intervento Descrizione Istituzioni/Dipartimenti/ Istituti/Università/


e iniziative avviate della politica Agenzie Governative istituzioni finanziarie
coinvolte collegate

Progrrammi mobilizzatori Programmi industriali promos- Agenzia per l'Innovazione Presso l'AII:
d'inno
ovazione industriale si da un gruppo d'imprese, Industriale (AII) Cellula di studio strategico.
più raramente da una singola Consiglio di sorveglianza
azienda, in collaborazione dell'AII (Composizione:
con istituti di ricerca, laborato- rappresentanti governativi
ri e PMI. Il programma deve dei ministeri coinvolti;
puntare a portare sul merca- esperti settoriali)
to, in 5-10 anni, un prodotto
(bene o servizio) a forte
impatto innovativo.

Poli di Competitività Elemento essenziale della Comitato interministeriale per Segretario per gli Affari
politica attuata dal Governo la pianificazione e la competi- Regionali
francese per riformare e tività territoriale (CIACT);
Banca di Sviluppo delle
dinamizzare il sistema di Delegazione Interministeriale
PMI della Cassa Depositi;
ricerca e innovazione, per la pianificazione e la com-
Fondo per la Competitività
mirando a rilanciare la poli- petitività territoriale (DIACT);
delle Imprese
tica industriale favorendo Direzione Generale delle
partenariati pubblico-privato Imprese (MINEFI) Gruppo di
e stimolando sinergie intor- Lavoro Interministeriale (GRI);
no a progetti a carattere OSEO Anvar (Agenzia
innovativo in una determi- Nazionale per la
nata area geografica. Valorizzazione della Ricerca)
ANR (Agenzia Nazionale
per la Ricerca)

Piano
o per l'Innovazione Obiettivo: creazione e svilup- Ministero dell'Industria, ANVAR
po di imprese innovative dell'Economia e del (oggi trasformato in
(specialmente PMI); consoli- Commercio OSEO-Innovazione)
damento di partnership pub- Ministero della Ricerca
bliche - private; sviluppo
ricerca industriale e inseri-
mento di giovani ricercatori
nelle imprese.

Progrramma per la Rete Tematiche di Ricerca Haut Conseil pour Science Agenzia per la Valutazione
Ricerca Avanzata RTRA; CRES et la Technologie (HCST) della Ricerca AER;
Campus di Ricerca e di (A1); Comité Trasformazione ANR in
Insegnamento Superiore; Interministerielle pour la Ente pubblico a carattere
PRES Poli di Ricerca e di Recherche Scientifique et amministrativo;
Insegnamento Superiore Technolgique (CIRST);
Conseil Superieur pour la
Recherche et la
Technologie (CSRT);
Comité de Gestion des
Aides à l'industrie (CGAI);
Commission Permanente
de la Concertation avec
l'Industrie (CPCI); Mission
Interministerielle pour la
Recherche et l'Education
Supérieur (MIRES);
creazione della Direzione
Generale Ricerca e
Innovazione (DGRI)
presso il Ministero della
Ricerca.

* Le colonne contengono tutti gli elementi che è stato possibile desumere dalle fonti analizzate, le informazioni potrebbero
non
n essere esaustive per alcune delle politiche/ iniziative analizzate.
Fon
nte: elaborazione IPI su dati diversi, 2007.

15
Francia - Innovazione industriale e competitività

1.2 Governance
1.2.1 Il sistema istituzionale francese

La politica per l'innovazione industriale e la competitività è decisa dal Capo dello Stato
in collaborazione con il Governo, sostenuto, a livello Parlamentare, dalla consulenza del
principale organo ivi deputato, l'Ufficio parlamentare per la Valutazione delle Scelte
Scientifiche e Tecnologiche (OPECST).

Gli organi consultivi nell'elaborazione delle scelte di indirizzo politico sono: il Comitato
Interministeriale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica (CIRST), il Consiglio
Superiore Scienza e Tecnologia (HCST) e la Missione Interministeriale per la Ricerca e
l'Istruzione Superiore (MIRES). Questi hanno il compito di fornire tutto il supporto
necessario al Capo dello Stato, al Primo Ministro ed ai Ministri competenti per l'Industria
e la Ricerca nella definizione delle politiche d'intervento.

Il Ministro per l'Industria e il Ministro per la Ricerca, sono, a livello istituzionale, i princi-
pali responsabili dell'attuazione delle politiche definite dal Governo. L'implementazione
delle diverse linee operative è demandata alle relative strutture competenti, nello spe-
cifico alla Direzione Generale Impresa per il Ministero dell'Industria e alla Direzione
Generale Ricerca e Innovazione per il Ministero della Ricerca, supportate a loro volta
da diverse Commissioni.

A livello territoriale gli organi deputati a svolgere le azioni decentrate dei Ministeri della
Ricerca e dell'Industria sono la Delegazione Regionale per la Ricerca e la Tecnologia e
la Direzione Regionale dell'Industria, della Ricerca e dell'Ambiente il cui compito consi-
ste nel coordinare l'implementazione a livello locale delle misure elaborate dai rispetti-
vi Ministeri di riferimento.

Per il rilancio del sistema di innovazione industriale e a supporto delle attività di R&S sono
state istituite tre agenzie specializzate: l'Agenzia per l'Innovazione Industriale (AII),
l'Agenzia Nazionale della Ricerca (ANR) e OSEO-Innovazione, il cui compito è di agevo-
lare la creazione di partenariati pubblico - privati, offrire supporto e fondi per la creazione
di reti di imprese, valorizzare le attività di ricerca e favorire il trasferimento dei risultati della
ricerca pubblica nell'ambito industriale per una loro applicazione produttiva.

 Direzione Generale Impresa

Per quanto riguarda le competenze del Ministero dell'Industria, le politiche nazionali e


locali di impulso all'innovazione vengono sviluppate attraverso l'azione della Direzione
Generale delle Imprese (DGE). La DGE è incaricata della definizione e della promozio-
ne delle misure legate alla competitività industriale ed all'innovazione delle imprese.

La DGE è il principale riferimento delle imprese francesi, svolge un ruolo centrale nel-
l'attuazione delle politiche di sviluppo e di innovazione industriale, monitorando la rea-
lizzazione delle politiche a livello locale e la loro coerenza con le misure adottate sul
piano nazionale. Le principali linee operative della DGE riguardano: la collaborazione
con l'AII; lo sviluppo delle imprese e dell'attrattività del territorio; il sostegno dell'innova-
zione e della ricerca applicata; lo sviluppo della competitività internazionale delle impre-
se; la garanzia della sicurezza delle attività industriali.

Il processo decisionale è inoltre sostenuto da due Gruppi di Lavoro tecnici.

Il Comitato di Gestione degli Aiuti all'Industria (CGAI) è l'organo istituzionale specializ-


zato nel fornire assistenza tecnica al Fondo per la Competitività delle Imprese, in parti-

16
Innovazione industriale e competitività - Francia

colare, sulle questioni riguardanti i progetti di ricerca e di innovazione sviluppati in part-


nership tra pubblico e privato. È composto da rappresentanti di diverse istituzioni tra le
quali: la Direzione Generale Imprese; la Direzione Generale per la Ricerca e
l'Innovazione; le Reti di Ricerca e di Innovazione Tecnologica RRIT ed alcuni esperti di
settore particolarmente qualificati.

La Commissione Permanente di Concertazione con l'Industria (CPCI), organo piuttosto diret-


to all'attività di concertazione pubblico - privata, riunisce rappresentanti della DGE e del mondo
dell'industria (Mouvement des Entreprises de France et Groupement des Fédérations
Industrielles), rappresentanti dei Ministeri competenti ed altri stakeholders (tra i quali: OSEO
ANVAR; APCE, l'Agenzia Nazionale per la Creazione d'Imprese). è strutturata in diversi sotto-
comitati tematici specializzati nei diversi ambiti d'intervento (questioni fiscali, ricerca, innovazio-
ne, ecc.). Le riunioni operative sono tematiche e hanno cadenza mensile. La riunione istituzio-
nale, alla presenza del Primo Ministro e del Ministro dell'Industria, è a cadenza annuale. La
CPCI svolge inoltre attività di informazione attraverso la pubblicazione di rapporti tematici.

 Direzione Generale per la Ricerca e l'Innovazione


Nata in attuazione della Legge per la Ricerca, la Direzione Generale per la Ricerca e
l'Innovazione (DGRI) opera nell'ambito del Ministero della Ricerca. Elabora la politica
del Governo, in collaborazione con gli altri Ministeri, è l'organo responsabile della defi-
nizione degli obiettivi e delle priorità scientifiche in accordo con la Commissione inter-
ministeriale.

Partecipa alla definizione delle politiche di sostegno alla ricerca industriale e all'innova-
zione, definisce, in collaborazione con le massime autorità della Direzione Generale per
l'Istruzione Superiore, la politica organizzativa delle attività di ricerca a livello territoria-
le attraverso accordi specifici Stato-Regioni.

Questi accordi hanno lo scopo di determinare gli ambiti operativi degli organismi di ricerca
locali; garantire la coerenza e la qualità del sistema francese di ricerca e di innovazione;
assicurare la tutela degli organismi pubblici incaricati della ricerca ed elaborare il quadro giu-
ridico del loro funzionamento; determinare il fabbisogno necessario alle attività di ricerca
scientifica e tecnologica; sviluppare iniziative di collaborazione con l'Agenzia Nazionale per
la Ricerca, OSEO e con i Poli di Competitività; assegnare i fondi agli organismi pubblici di
ricerca e valutarne l'efficienza; garantire la disponibilità dei mezzi e degli strumenti necessa-
ri alla realizzazione delle priorità scientifiche definite.

Gli organi consultivi della Direzione Generale sono il Consiglio Superiore per la Ricerca
e la Tecnologia (CSRT) e il Comitato Consultivo sullo Sviluppo Tecnologico (CCDT),
composto quest'ultimo da 15 esperti provenienti dal settore della ricerca applicata, del-
l'innovazione tecnologica e della creazione di business. Questi ultimi sono da conside-
rarsi quali organi di riferimento del Ministro della Ricerca ma non hanno un peso effet-
tivo sul processo decisionale.

 Alto Consiglio per la Scienza e la Tecnologia

Il HCST è nato a seguito della recente adozione della legge sulla ricerca avvenuta nell'aprile
del 2006; si tratta di un organo consultivo posto sotto le dipendenze del Presidente della
Repubblica il cui compito è di fornire assistenza tecnica al Presidente ed al Governo sulle que-
stioni più importanti di politica in materia di ricerca e di innovazione tecnologica.

Il Consiglio è composto da venti personalità di alto livello scientifico, nominate dal


Presidente della Repubblica per 4 anni. Uno Standing Committee (presso il Ministero
della Ricerca) prepara il lavoro dell'HCST.

17
Francia - Innovazione industriale e competitività

 Comitato Interministeriale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica


Il CIRST è composto da rappresentanti dei Ministeri competenti nella definizione della
strategia nazionale di ricerca e di innovazione (Ambiente, Industria, Trasporti, Difesa,
Cultura e Agricoltura) e svolge attività consultiva sulle politiche, le priorità e le strategie
nazionali di ricerca e di innovazione. È presieduto dal Primo Ministro ed è coordinato
dal Ministero dell'Istruzione Superiore e della Ricerca.

 Missione Interministeriale per la Ricerca e l'Istruzione Superiore


Il MIRES è un organismo collegiale composto da rappresentanti dei Ministeri competen-
ti in materia di ricerca e innovazione (Formazione, Istruzione Superiore e Ricerca,
Economia, Finanze ed Industria, Ambiente, Difesa, Trasporti, Cultura, Agricoltura).
Compito del MIRES è quello di indirizzare la politica di ricerca in Francia secondo gli
orientamenti strategici definiti dal Primo Ministro e dal Presidente della Repubblica.

Il MIRES coordina e sviluppa gli obiettivi stabiliti attraverso l'assegnazione dei fondi ai
programmi di ricerca iscritti al bilancio delle attività di ricerca e sviluppo. La centralità
del MIRES all'interno del sistema di governance deriva dal peso che tale organismo
assume nella definizione delle priorità, delle strategie e dei programmi di R&S e per via
della gestione finanziaria dei finanziamenti diretti alla ricerca. Per il 2006 ammontava-
no a circa 24 miliardi di euro.

 Ufficio Parlamentare di Valutazione delle Scelte Scientifiche e Tecnologiche


L'OPECST è l'organo consultivo in materia di ricerca scientifica e tecnologica a livello
Parlamentare. La sua missione principale è di informare il Parlamento circa le conse-
guenze delle scelte di carattere scientifico e tecnologico e di fornire eventuali pareri e
chiarimenti. Provvede al monitoraggio dei programmi di studio, effettua le valutazioni
delle attività poste in essere, elabora informative e rapporti tematici.

 Agenzia per l'Innovazione Industriale


Nel 2004 al fine di uscire dall'impasse economica e trovare soluzione al rilancio compe-
titivo del comparto industriale, il Presidente della Repubblica J. Chirac commissiona un
lavoro di analisi del settore a JL Beffa, PDG della Compagnie de Saint Gobain. Nelle
conclusioni del suo rapporto “Per una nuova politica industriale”, Beffa mette a punto
una nuova strategia di politica industriale per il Paese e preconizza degli interventi mira-
ti attraverso i quali lo Stato promuove dei programmi industriali a lungo termine.

Viene costituita una agenzia ad hoc (l'Agenzia per l'Innovazione Industriale - 2005)
attraverso la quale si intendono promuovere specifici “Programmi mobilizzatori per l'in-
novazione industriale” di natura interministeriale, diretti a sostenere lo sviluppo indu-
striale “preconcorrenziale” e rafforzare l'impegno pubblico nella ricerca1.

L'Agenzia è un organismo pubblico a carattere industriale e commerciale, la cui missio-


ne è quella di promuovere e sostenere grandi progetti d'innovazione tecnologica.

L'AII finanzia progetti a forte contenuto tecnologico ed a carattere precompetitivo, in cui


l'aspetto cooperativo pubblico-privato è di fondamentale importanza. Tale schema pre-
1
L' AII ha avuto una dotazione finanziaria di 1,7 miliardi di euro in crediti di intervento per 2006 e 2007. L'ammontare
totale degli aiuti proposti dall'AII è di 417 milioni di euro su una media di 4 anni, fra i quali 237 milioni in sovvenzioni
e 180 milioni di euro in anticipi rimborsabili.

18
Innovazione industriale e competitività - Francia

vede, infatti, una partecipazione attiva delle grandi imprese, a cui è affidata la respon-
sabilità della conduzione dei progetti.

La politica dell'Agenzia è determinata dal Consiglio di Sorveglianza che ne stabilisce le


priorità e le modalità operative. Il Consiglio di Sorveglianza elabora inoltre il piano d'inve-
stimenti e di attività dell'Agenzia ed esercita il controllo di gestione dei programmi finanzia-
ti tramite un Direttorio costituito da tre membri nominati su proposta dei Ministeri di tutela.

Il Consiglio di Sorveglianza è composto dai rappresentanti dello Stato (Ministero


dell'Economia, dell'Industria, del Tesoro, della Ricerca, della Difesa, dei Trasporti e della
Salute) e da esperti qualificati. Questi ultimi si compongono di due deputati designati dal
Presidente dell'Assemblea Nazionale, due Senatori designati dal Presidente del Senato, due
rappresentanti proposti dal Primo Ministro, due rappresentanti dal Ministro della Ricerca, cin-
que rappresentanti scelti congiuntamente dal Ministro dell'Economia e dell'Industria, fra i quali
tre rappresentanti delle organizzazioni sindacali e professionali. Il Consiglio ha il compito di
determinare gli orientamenti generali dell'Agenzia e di selezionare i programmi da sostenere.

 Agenzia Nazionale per la Ricerca


L'Agenzia Nazionale per la Ricerca (ANR) è un organismo di diritto a carattere ammini-
strativo posto sotto la tutela del Ministro delegato alla Ricerca; creata il I gennaio 2007,
ha l'obiettivo di favorire lo sviluppo della ricerca teorica e applicata, di supportare l'inno-
vazione e la cooperazione tra il settore pubblico e quello privato, contribuendo, inoltre,
al trasferimento dei risultati della ricerca pubblica al mondo industriale.

L'Agenzia sostiene e sviluppa gli orientamenti strategici della politica di ricerca definita dal
Governo e deve rispondere del raggiungimento degli obiettivi da esso prefissati. Nell'ambito
dei programmi di ricerca e di sviluppo tecnologico che realizza l'ANR ha la facoltà di:

• erogare finanziamenti a progetti di ricerca e sviluppo tecnologico selezionati tramite


bando a progetti seguendo criteri di qualità scientifica e tecnica, tenendo conto degli
obiettivi sociali, economici e culturali;
• fare delle donazioni in capitale a fondazioni di ricerca riconosciute di utilità pubblica e
in particolare alle fondazioni di cooperazione scientifica inserite alla sezione 3 del
capitolo IV, titolo IV del libro III del codice della ricerca;
• contribuire all'elaborazione e alla realizzazione degli accordi di cooperazione scienti-
fica internazionale;
• partecipare ad attività di ricerca in collaborazione con altri servizi amministrativi centrali,
con le amministrazioni locali, con altri organismi pubblici o privati, francesi o stranieri.
L'attività dell'ANR è coordinata da un Consiglio d'Amministrazione composto dal
Presidente del Consiglio Superiore della Scienza e Tecnologia e da sei rappresentanti
nominati dai Ministri competenti in tema di ricerca ed innovazione (Ministero della
Ricerca, dell'Industria, dell'Ambiente, dei Trasporti, della Difesa, della Cultura e
dell'Agricoltura). Siedono in seno al Consiglio cinque personalità qualificate scelte in
ragione della loro esperienza nel campo della ricerca e dello sviluppo tecnologico.

L'ANR beneficia per l'anno 2007 di una dotazione finanziaria di 825 milioni di Euro per
progetti di ricerca di una durata massima di 4 anni.

 Agenzia per la Valutazione della Ricerca e dell'Istruzione Superiore

Nella nuova architettura del sistema di ricerca francese viene attribuito un ruolo molto
importante al processo di valutazione della ricerca secondo i requisiti di indipendenza,
coerenza e trasparenza.

19
Francia - Innovazione industriale e competitività

La legge per la Ricerca prevede che “tutti i progetti ed i programmi finanziati con fondi
pubblici debbano essere sistematicamente valutati (ex-post) ed i risultati della valuta-
zione debbano essere resi pubblici”. A tale scopo viene quindi creata l'Agenzia per la
Valutazione della Ricerca e dell'Istruzione Superiore (AER), un'autorità pubblica dal
carattere indipendente.

L'AER è incaricata della valutazione delle attività di ricerca condotte dagli organismi
pubblici (compresi i centri universitari ospedalieri) e di stabilire i criteri di valutazione dei
ricercatori.

Il suo principale obiettivo è di migliorare i meccanismi di selezione e approvazione dei


progetti meritevoli di finanziamento (o co-finanziamento pubblico), attraverso il monito-
raggio e l'analisi delle attività di ricerca. Tali meccanismi poggiano su un rigoroso pro-
cesso di valutazione e monitoraggio (non solo ex-ante, ma anche e soprattutto ex post)
dei progetti. Quattro sono i principi che guidano l'azione dell'Agenzia:

• valutazione fra pari, solo gli esperti di settore possono essere chiamati a giudicare i
progetti selezionati;
• valutazione di qualità, è assicurata la presenza di esperti di livello internazionale;
• valutazione trasparente, i criteri di valutazione sono di pubblico dominio;
• valutazione reale, i giudizi espressi dall'Agenzia si traducono in pareri vincolanti.

L'AER è diretta da un Consiglio composto da 24 membri qualificati, scelti su proposta


dei Direttori degli Enti pubblici d'istruzione superiore e di ricerca.

La costituzione dell'AER punta ad accrescere la visibilità e la trasparenza del sistema


di ricerca francese. Tale agenzia intende realizzare il sistema di valutazione di riferimen-
to cui dovranno confrontarsi ed allinearsi tutti gli altri sistemi di valutazione, seguendo
le nuove disposizioni normative che impongono ad ogni agenzia od organismo pubbli-
co designato alla promozione di progetti di ricerca ed innovazione di costituire al loro
interno un sistema di monitoraggio indipendente e trasparente.

 Organismo per l'Assistenza ed il Finanziamento delle Attività Innovative


L'OSEO è un organismo pubblico di carattere industriale e commerciale (EPIC), posto
sotto la tutela del Ministero dell'Economia e del Ministero della Ricerca. Il suo obiettivo
è promuovere e sostenere le PMI per la crescita e lo sviluppo industriale e tecnologico.
Si compone di tre organismi settoriali distinti: OSEO-Innovation (sostegno all'innovazio-
ne e trasferimento tecnologico); OSEO-Finanziamento (finanziamento degli investimen-
ti, in partenariato con i principali intermediari finanziari bancari); OSEO-Garanzie
(garanzia dei finanziamenti bancari). Nel 2007, il gruppo ha gestito oltre 460 milioni di
euro, dei quali 160 milioni sono stati attribuiti a Oseo-Innovation.

Oseo-Innovation (frutto della fusione di Oseo con Anvar - l'Agenzia Nazionale per la
Valorizzazione della Ricerca) ha sede a Parigi e consta di 25 delegazioni territoriali. È
un organismo nato dalla fusione tra ANVAR (Agence National pour la Valorisation de la
Recherche) e la BDPME (Banca di Sviluppo delle Piccole e Medie Imprese). È diretto
al sostegno delle PMI e alla promozione di progetti produttivi innovativi, in un contesto
di sviluppo di reti legate ai Poli di Competitività. I suoi interventi portano alla definizione
di Contratti di Sviluppo e Innovazione (il cui valore è compreso tra i 40 ed i 300 mila
euro) a favore di piccole imprese già esistenti o in fase di avviamento.

20
Innovazione industriale e competitività - Francia

1.2.2 Il coordinamento con gli Enti Locali

Con l'avvio del processo di decentramento, iniziato nel 1980, le 22 regioni metropolita-
ne francesi hanno iniziato a svolgere un ruolo molto più attivo per lo sviluppo economi-
co e sociale regionale in quanto questa legge ha attribuito loro una competenza diretta
in materia di Istruzione e formazione e di pianificazione territoriale, comprendendo
anche lo sviluppo economico e la ricerca.

I Consigli Regionali hanno quindi il compito di fornire assistenza tecnica alle PMI; hanno
la facoltà di costituire i Centri Tecnologici ed i Centri per il Trasferimento Tecnologico e
d'Innovazione.

Le attività di sviluppo in R&S vengono definite a livello regionale attraverso i Contratti di


Programma Stato-Regioni (CPER) ed hanno l'obiettivo di stanziare fondi su determina-
te azioni prioritarie. Il CPER 2000-2006 era ad esempio diretto a rafforzare le sinergie
fra il mondo dell'istruzione e la ricerca pubblica e privata, sviluppare i poli di eccellenza
e promuovere il trasferimento tecnologico.

Le regioni decidono autonomamente il budget che vogliono destinare alla R&S e a suppor-
to del sistema d'innovazione. Il livello dei fondi destinati a tali attività può quindi variare
molto da regione a regione. Nel 2000 le attività di R&S sono state finanziate per l'1,4% dalle
regioni, per l'88,2% dal governo centrale e per il 10,4% da fondi comunitari.

 Delegazioni Regionali per la ricerca e la tecnologia


Le Delegazioni Regionali per la Ricerca e la Tecnologia (DRRT) sono nominate con
Decreto del Ministro della Ricerca e fanno riferimento al Ministero dell'Istruzione, della
Ricerca e della Tecnologia.

Le DRRT sono incaricate dell'azione decentrata dello Stato nei settori della ricerca,
della tecnologia e dell'innovazione, per la diffusione della cultura scientifica e tecnica.
Forniscono assistenza tecnica a livello regionale sull'applicazione dei programmi d'azio-
ne nazionali, sugli strumenti di supporto allo sviluppo ed al trasferimento tecnologico.
Forniscono assistenza tecnica sull'utilizzo dei meccanismi di sostegno alle imprese
come il credito di imposta per la ricerca, le JEI, etc.

 Direzioni Regionali per l'Industria, la Ricerca e l'Ambiente


Le DRIRE sono agenzie regionali che forniscono supporto alle PMI riguardo ai sistemi
di aiuto e sulle diverse misure di finanziamento nazionali ed europee. Per quanto riguar-
da in particolare i fondi strutturali, le DRIRE sono interlocutori privilegiati che garantisco-
no il servizio di istruzione delle pratiche «dossier» per ottenere eventuali finanziamenti
da parte del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR), o per partecipare ai pro-
grammi europei tra i quali il LIFE (Programma di Finanziamento Europeo per
l'Ambiente).

21
Francia - Innovazione industriale e competitività

Figura
Figura 1 :1Mappa
- Mappa dell’organizzazione
dell'organizzazione del s del sistema
istema della della governance
Governance francese
francese dell’innovazione
dell'innovazione

Consultative and
Parliament controlling bodies

OPECST
Government
CIRST
Prime Minister

Other ministries Ministry of Economy Ministry for National


laying a role in Finace and Industry Education, Higher
Innovation Education and research

Ministry of
Environment
Ministry in charge of Ministry in charge of
Industry research
Ministry of
Defence
CCDT
Directorate general for Directorate of Research
enterprises and Innovation
CSRT

SPIC
CGAI

CPCI

Implemetation at DRIRE DRRT


regional level

Fonte: European Trend Chart on Innovation - Annual Innovation Policy Trends and Appraisal Report France 2006 - European
Commission - Enterprise Directorate-General A publication from the Innovation/SMEs Programme.

1.2.3 Il rapporto con le Istituzioni comunitarie

Facendo seguito alle conclusioni del Consiglio europeo del 22 e 23 marzo 2005, la Francia
ha definito un Programma Nazionale di Riforma (PNR) 2005-2008 “Per una Crescita
Sociale” che mira alla convergenza con gli obiettivi della rinnovata Strategia di Lisbona.

Il suivi politico della strategia di Lisbona è assicurato dal Comitato Interministeriale per
l'Europa, presieduto dal Primo Ministro. Il coordinamento tecnico è affidato al
Segretariato Generale per gli Affari Europei (SGAE), servizio posto sotto l'Autorità del
Primo Ministro. Il rapporto sul suivi attualizza il PNR indicando le nuove riforme realiz-
zate nell'ambito dei grandi assi definiti dal PNR.

1.3 Programmi e modalità d'intervento


1.3.1 Programmi Mobilizzatori Innovazione Industriale

Il principale obiettivo dei PMII è di sostenere grandi programmi d'innovazione industria-


le altamente qualificati attraverso l'intervento di fondi pubblici e prevedendo anche
misure di co-finanziamento da parte di grandi imprese, nel rispetto della normativa euro-
pea. Ciò permette di ripartire il rischio degli investimenti di produzione di un bene o ser-
vizio a forte componete innovativa ed aiutare le imprese proponenti a raggiungere una
dimensione tale da poter competere a livello internazionale.

Il rapporto Beffa identificava le tematiche tecnologiche prioritarie, da tradurre in PMII, rela-


tive a 5 settori specifici: Energia, Trasporti, Ambiente, Sanità, Tecnologia dell'Informazione.

22
Innovazione industriale e competitività - Francia

Si è invece deciso di operare con modalità più flessibile attraverso un approccio bottom
up che rispondesse maggiormente alle esigenze degli industriali. Sono quindi state
messe da parte le priorità tematiche, le quote di dotazione finanziaria attribuita ad ognu-
na e le scadenze per la presentazione delle proposte.

I programmi sono gestiti dall'AII - Oseo, la quale può sostenere in tal modo tutti i setto-
ri economici ad eccezione del settore nucleare, di quello spaziale, della difesa e delle
piattaforme tecnologiche.

Lo Stato finanzia la metà delle spese di R&D sotto forma di sovvenzione e di anticipa-
zioni rimborsabili. A loro volta, le imprese finanziano la metà dei costi del programma e
forniscono il coordinamento della fase esecutiva.

I beneficiari, sono le medie e le grandi imprese di settori ad alta tecnologia in un parte-


nariato pubblico-privato che coinvolge anche Università e Centri di Ricerca. Tale parte-
nariato permette inoltre di condividere e scambiare informazioni e competenze tra set-
tore pubblico e privato.

I programmi sono destinati a durare dai 5 a 10 anni per un ammontare da trenta a cin-
quanta milioni di euro l'anno per progetto. Il loro principale obiettivo è quello di favorire
lo sviluppo dell'innovazione industriale.

I programmi vengono generalmente sviluppati da Associazioni Temporanee d'Impresa


(ATI), cui partecipano grandi gruppi industriali in partenariato con altre imprese e centri
di ricerca, con il principale obiettivo di incidere fortemente sugli investimenti in R&S
destinati all'innovazione.

Le dimensioni tecnologiche e industriali dei PMII si declinano secondo quattro criteri:

• mercato europeo e mondiale di grande dimensione al fine di presidarne una fetta con-
sistente;
• una forte innovazione tecnologica, che implica costi di R&S che vanno da uno a varie
decine di milioni di euro;
• il ruolo trainante di un industria capo fila, responsabile della realizzazione del
Programma e del coordinamento di un sistema cooperativo che includa laboratori di
ricerca pubblici e di altre imprese partner;
• un orizzonte di medio termine, da cinque a quindici anni a seconda del progetto.

I PMII vengono finanziati dall'Agenzia fino ad un tetto massimo del 50 % delle spese di Ricerca
e Sviluppo sostenute dai membri del Consorzio, sotto forma di sovvenzioni o prestiti rimborsa-
bili, nel rispetto del disposto comunitario di aiuti alla R&S. I laboratori pubblici che partecipano ai
PMII saranno finanziati dall'Agenzia secondo le modalità più consone al loro Statuto.

I finanziamenti da parte dell'AII coprono i lavori di R&S che portano alla realizzazione
di dimostrazioni o prototipi, o a delle tappe di omologazioni a caratteristiche e perfor-
mance chiaramente definite.

 Selezione e gestione dei PMII

Gestito dall'AII il PMII è uno strumento per facilitare la presa di rischio da parte dell'in-
dustria e favorire gli investimenti, con un ruolo dello Stato fortemente catalizzatore.
Infatti, la grande industria è chiamata ad assumere la responsabilità della conduzione
dei progetti con un co-finanziamento (al 50%) ed a favorire il coinvolgimento delle pic-
cole e medie imprese e degli organismi pubblici di ricerca.

23
Francia - Innovazione industriale e competitività

 Il regime di aiuto
Nel pieno rispetto delle regole europee che impongono un limite di 200 mila euro in 3
anni agli aiuti “de minimis” che possono essere erogati alle imprese affinché questi non
si configurino come aiuti di Stato, l'AII finanzia le attività di ricerca e sviluppo dirette alla
realizzazione di prototipi. I progetti presi in considerazione dall'Agenzia sono quelli
caratterizzati da tecnologie di frontiera o altamente pionieristici, in settori strategici e
non quelli di mera rincorsa dell'avanguardia di altri Paesi (come gli Stati Uniti o il
Giappone). Un budget pluriennale di 1,7 miliardi di euro ha permesso, ad oggi, di finan-
ziare progetti cooperativi con una forte presenza di grandi imprese nazionali (con una
quota destinata alle PMI al momento pari al 25%) e di pianificare l'attività di co-finanzia-
mento su di un arco temporale di 5-10 anni.

Il regime di aiuto dell'AII è stato autorizzato dalla DG Concorrenza della Commissione


Europea il 19 luglio 2006. Il periodo di erogazione di questo regime di aiuti è di 6 anni
dalla data di autorizzazione da parte della Commissione. La dotazione finanziaria è di
2 miliardi di euro (esercizio 2005 e 2006) per 10 - 20 PMII. I programmi di R&S che
potranno beneficiare di un sostegno finanziario includono le attività di ricerca industria-
le e di sviluppo nello stadio precompetitivo, conformemente alla definizione comunitaria
degli aiuti alla ricerca e allo sviluppo.

 Procedure Attuative dei PMII


Il Programma procede attraverso una prima fase negoziale in cui l'impresa capofila o il
rappresentante il partenariato (imprese, enti/organismi pubblici e privati, centri di ricer-
ca, laboratori) presenta, tramite esposizione verbale, l'idea progettuale.

Segue la presentazione di una proposta scritta secondo un modello determinato che


prevede un punteggio corrispondente a diversi criteri di tipo economico-finanziario. Tra
questi si segnala: il dimensionamento tecnologico, industriale e organizzativo del pro-
getto; gli impatti a livello economico, sociale e ambientale; la previsione di periodi e stru-
menti per il monitoraggio delle attività e l'adeguatezza della proposta rispetto alla mis-
sion dell'Agenzia.

Il capo fila deve inoltre indicare l'insieme delle fonti di finanziamento, nazionali o euro-
pee, delle quali i partecipanti ai Programmi hanno già beneficiato e quelli di cui intendo-
no avvalersi con il progetto (ANR, OSEO Anvar, ADEME, PREDIT, Poli di Competitività,
PCRS, MINEFI, FCE, EUREKA).

L'elaborato deve essere redatto secondo un modello determinato - presente sul sito del-
l'organismo gestore - che prevede un punteggio corrispondente a diversi parametri di
tipo economico-finanziario e che riguardano l'adeguatezza della proposta rispetto agli
obiettivi del programma. Per l'istruttoria delle proposte, l'Agenzia o si appoggia sulle sue
risorse interne, oppure può affidarsi ad una rete di esperti, facendo in modo di mante-
nere la comunque confidenzialità delle proposte. La selezione viene affidata al
Consiglio di Sorveglianza. Ai fini della valutazione del programma, la presenza di impre-
se europee nel progetto è considerato un elemento di merito.

Per quanto riguarda le spese ammissibili, vengono coperte le spese di personale,


attrezzature, immobili, terreni utilizzati esclusivamente per attività di ricerca, servizi di
consulenza, sub fornitura (compreso acquisto di brevetti ed altre conoscenze tecniche),
altre spese di sfruttamento derivanti dall'attività di ricerca, spese derivanti dall'attività di
ricerca (esclusi i settori della difesa, aeronautica, nucleare, spazio e nano-tecnologie).

Segue una rappresentazione dei criteri di selezione di un Programma Mobilizzatore


dell'Innovazione Industriale.

24
Innovazione industriale e competitività - Francia

Tavola 2 - Criteri di valutazione dei PMII (Rapporto Beffa)

Valutaazioni di Debole Media Alta


un prrogramma

Imporrtanza del Mercato La popolazione di riferimen- Mercato mondiale a cresci- Forte componente specifi-
di rife
erimento to è ristretta. Mercato mon- ta rapida entro i 5 e 10 ca europea. Mercato mon-
diale a crescita media di 4 - anni compreso tra i 5 e i diale in esplosione nei 5,
5 Miliardi € in 5 - 10 anni 30 Miliardi 10 anni superiore ai 30
Miliardi di Euro.

Comp
ponente innovativa Orizzonte tecnologico Orizzonte tecnologico di 5 Orizzonte tecnologico supe-
ristretto (<5 anni); Vincoli - 10 anni; importanti limiti riore a 10 anni. Forti limiti
deboli con limitazioni tecno- tecnologici ma risolvibili; scientifici e tecnologici;
logiche associate; possibili esternalizzazioni necessità di una forte ricer-
poche esternalizzazioni su verso altri settori; ca di base;
altri ambiti; debole grado di integrazione tecnologica integrazione complessa;
integrazione tecnologica. nell'ambito di un prototipo esternalizzazioni tecnologi-
dimostrativo. che molto importanti.

Forze
e industriali Assenza di operatori indu- Posizione media di un Operatore industriale euro-
franco
o-europee striali europei; operatore industriale euro- peo ai primi ranghi nel set-
debolezza cronica peo nel settore; tore;
dell'Europa nel settore; tessuto industriale di den- vantaggio concorrenziale
tessuto industriale associa- sità media; dell'industria europea;
to di debole intensità; iniziative europee insuffi- tessuto industriale di riferi-
ritardo irrecuperabile cienti; mento consistente;
ritardo recuperabile o pos- primato da sostenere.
sibilità di primeggiare.

Valoree aggiunto Occupazione a debole valo- Occupazione a valore Occupazione a forte valore
dell’o
occupazione re aggiunto di breve periodo aggiunto medio; aggiunto (R&D, produzione
e facilmente delocalizzabile. localizzazione maggior- molto qualificata ecc);
mente europea su un oriz- localizzazione europea
zonte di 5 - 10 anni. stabile su un orizzonte di 5
- 10 anni.

Soste
egno pubblico Scarso interesse nel soste- Necessario sostegno della Sostegno indispensabile
gno dal lato della ricerca ricerca pubblica; della ricerca pubblica di
pubblica; necessità di coordinamen- settore;
scarso livello di finanzia- to pubblico dell'impegno in programma di ricerca
mento della R&D richiesto, R&D; impossibile senza il coordi-
inferiore a 20 milioni di € sostegno finanziario impor- namento pubblico;
l'anno; tante: da 20 a 100 milioni sostegno finanziario rile-
mancanza di criticità a valle di euro l'anno; vante: superiore a 100
del ruolo pubblico ruolo della potenza pubbli- milioni di euro l'anno;
ca a valle possibile ed ruolo a valle decisivo:
auspicabile (normativo, regolamentazione indi-
regolamentare) spensabile, commessa
pubblica importante.

Fontte: Elaborazione IPI su Fonte: “Rapport Beffa”

1.3.2 Poli di Competitività

I Poli di Competitività rappresentano uno degli elementi essenziali della politica attuata
dal Governo francese per rilanciare l'industria e il sistema di ricerca e innovazione. Essi
favoriscono i partenariati pubblico-privato e stimolano sinergie tra attori operanti a livel-
lo territoriale nell'ambito dell'industria, della ricerca e della formazione su progetti inno-
vativi a carattere geografico. Tali partenariati, progettati intorno a prodotti o settori ad

25
Francia - Innovazione industriale e competitività

alto contenuto tecnologico e scientifico, hanno inoltre l'obiettivo di stimolare il dinami-


smo e l'attrattività dei territori francesi, in risposta alla crescente concorrenza interna-
zionale e al fenomeno della delocalizzazione2.

I Poli rappresentano un modello di cooperazione pubblico-privato, in cui il canale dei


finanziamenti viene utilizzato dalle autorità centrali e dalle agenzie locali per indirizzare
l'attività di ricerca. La governance di questo sistema è affidata al settore privato, ovve-
ro alle industrie partecipanti alle iniziative scientifiche dei Poli, talvolta in collaborazione
con le autorità locali.

Il Comitato Interministeriale per il Miglioramento e lo Sviluppo del Territorio è respon-


sabile della procedura di attuazione che si realizza attraverso dei bandi a progetto,
bandi per il tramite dei quali viene attribuito - ai migliori progetti - il marchio “Polo di
Competitività”, detto “Labellisation”.

Con il bando a progetto il governo intende infatti realizzare una molteplicità di strategie di
sviluppo partendo dalla costituzione di partenariati tra imprese, aziende municipalizzate ed
amministrazioni locali. La selezione dei progetti si basa su quattro criteri di valutazione:

• chiara definizione di una strategia di sviluppo;


• importanza data in termini di valore aggiunto alla promozione della ricerca e dell'inno-
vazione;
• sviluppo industriale, crescita economica del territorio e benefici occupazionali;
• concretezza del piano economico e finanziario.

Il Progetto dei candidati al costituendo Polo deve inoltre dare prova di riuscire a creare
nuova ricchezza, in termini di valore aggiunto, di promuovere una visibilità di azione a
livello internazionale, di realizzare un partenariato efficace (imprese, Stato, amministra-
zioni locali, altri partner) e di essere dotato di una governance in grado di assicurare l'ef-
ficienza del Polo, definendone un'adeguata strategia di sviluppo.

Lo strumento di presentazione del progetto è il quaderno d'impegno che viene deposi-


tato presso il Segretariato per gli Affari Regionali (ovvero alla Prefettura regionale). In
esso deve esprimersi chiaramente:

• un forte ancoraggio del progetto al tessuto economico locale; il Polo deve quindi pre-
vedere una strategia di sviluppo incentrata sull'efficienza e la competitività a livello
internazionale;
• la coerenza del Polo e della strategia approntata rispetto all'insieme del piano di svi-
luppo territoriale;
• la visibilità internazionale, sul piano industriale e/o tecnologico. I progetti presentati
devono potersi collocare, entro un determinato intervallo temporale ai massimi livelli
sullo scenario mondiale;
• una definizione ed una strutturazione puntuale dell'assetto di governance del partena-
riato. La qualità e l'efficienza dei legami tra i partner individuati (industriali, ricercatori,
docenti) sono i principali criteri per ricevere il “marchio”;
• i progetti in gradi di promuovere sinergie in materia di ricerca e sviluppo e contribuire
alla creazione di valore aggiunto. L'obiettivo finale è infatti quello di migliorare la com-
petitività e l'offerta francese sui mercati internazionali.

I progetti ritenuti validi vengono quindi registrati e ufficializzati (“Labellisation”) in occa-


sione della riunione del Comitato. Tale “ufficializzazione” da diritto ad ottenere le sov-
venzioni, gli esoneri o gli sgravi fiscali, gli interventi di sostegno all'occupazione previsti
2
Nel 2005, a seguito di una prima selezione, 19 progetti sono stati sostenuti per un importo di circa 42 milioni di euro.

26
Innovazione industriale e competitività - Francia

in finanziaria, etc. I Poli registrati beneficiano inoltre dell'intervento prioritario


dell'Agenzia Nazionale per la Valorizzazione della Ricerca, della Banca di Sviluppo
delle PMI e della Cassa Depositi.

La funzione di controllo e valutazione dei progetti realizzati dai Poli, è affidata ad un


Comitato interministeriale per la Pianificazione e la Competitività del Territorio (CIACT),
che coinvolge il Ministero dell'Industria, quello della Difesa, il Ministero dell'Agricoltura,
quello della Sanità ed il Ministero della Pianificazione del Territorio e delle Infrastrutture.

I fondi stanziati per l'avvio dei Poli di Competitività provengono dal bilancio dello Stato, da
Istituzioni pubbliche come la "Caisse des Dépôts" e da contributi privati. Le azioni di soste-
gno si distribuiscono principalmente lungo un asse di natura fiscale, che comprende eso-
neri parziali sulle imposte (esenzione totale sui profitti per i primi 5 anni e del 50% per i due
anni successivi), alleggerimenti sugli oneri sociali ed esenzioni sui beni immobili per i primi
5 anni. A favore dei Poli di Competitività è ad oggi previsto un finanziamento per i progetti
di R&S pari a 1.5 miliardi di euro, distribuiti su 3 anni e messi a disposizione dallo Stato
(Fondo Unico Interministeriale) per un importo pari a 830 miliardi, dalle Agenzie (ANR, AII,
OSEO e CDC) per 560 miliardi e esoneri fiscali per un importo di 160 miliardi di euro.

Con una recente azione organizzativa, il CIACT ha stabilito l'accentramento di tutti i


fondi ministeriali dedicati ai Poli, creando un fondo unico dotato di circa 600 milioni di
euro per il periodo 2006-2008.

1.3.3 Piano per l'Innovazione

La Legge per l'Innovazione e la Ricerca risale al 1999. Gli orientamenti ed i principi


generali stabiliti dalla legge vengono tradotti, nel 2002, in un progetto di misure opera-
tive attraverso una proposta di Piano per l'Innovazione lanciata da parte dei Ministeri
dell'Industria, della Ricerca e delle Nuove Tecnologie.

Originariamente il Piano prevedeva sei assi d'intervento. Questi sono stati oggetto di una con-
sultazione nazionale, diretta a raccogliere consigli e suggerimenti da esperti nel settore dell'in-
novazione, rivolta a tutti gli attori interessati. La consultazione ha avuto un enorme successo e
ha permesso di raccogliere un grande consenso, in media l'80% delle persone chiamate a
rispondere approvava il Piano. Molti dei suggerimenti espressi nella consultazione sono stati
tradotti in azioni specifiche nella versione finale del Piano per l'Innovazione.

Il Piano per l'Innovazione si concretizza in un pacchetto di misure fiscali attivate a soste-


gno della creazione di imprese innovative o a sostegno di attività innovative, nonché di
incentivi agli investimenti in R&D. Si articola su sette assi prioritari:

• regime giuridico della “Società Unipersonale per Investimenti in Capitale di Rischio”


(SUIR) Business Angels - ovvero una S.r.l. Unipersonale;
• statuto Giuridico di Giovane Impresa Innovativa (JEI); esenzioni fiscali (APJEI);
• credito di Imposta per la Ricerca (CIR);
• potenziamento ANVAR, organo deputato a coadiuvare i soggetti coinvolti dai disposi-
tivi di aiuti all'innovazione;
• rafforzare partenariati pubblico-privato (Convenzioni Industriali di Formazione per la
Ricerca -CIFRE-, RRIT) per un migliore sfruttamento commerciale della ricerca pub-
blica da parte delle imprese;
• misure a favore della nascita di una "Cultura all'Innovazione" attraverso il Ministero
per l'Istruzione - Formazione;
• sostegno alla R&S industriale strategica, attraverso il consolidamento delle Reti e la
creazione di Poli di Eccellenza.

27
Francia - Innovazione industriale e competitività

 I Business Angels
Creata nel 2004 per favorire gli investimenti individuali, la prima misura adottata è stata
l'introduzione di un nuovo regime giuridico: la SUIR, assimilabile ad una società a
responsabilità limitata unipersonale. Questo dispositivo ha lo scopo di accrescere il
numero di investitori in grado di apportare capitale di rischio - ma anche esperienza di
gestione e sviluppo - al capitale sociale delle "giovani" imprese nella misura minima del
5% fino ad un massimo del 20% (anche nel caso in cui queste imprese non investano
direttamente in R&S).

I vantaggi fiscali riflettono l'elevato rischio associato a tali forme d'investimento. In par-
ticolare la SUIR è esonerata dall'imposta sulle società per 10 anni dalla sua creazione
e l'azionista, sottoscrittore iniziale, è esonerato dalle imposte sui dividendi e sul plus-
valore. Non sono inoltre previsti vincoli di durata minima, dalla data di inizio dell'investi-
mento, per beneficiare degli sgravi fiscali.

 Le Giovani Imprese Innovative


L'attribuzione del nuovo status giuridico di Giovane Impresa Innovativa - JEI - permette di
creare un sistema fiscalmente più attrattivo per le imprese che hanno meno di otto anni di
vita (definite "giovani") e che sono fortemente coinvolte in attività di R&S. Per quanto
riguarda le condizioni per ottenere questo status, è necessario che il capitale sociale
appartenga a persone fisiche nella misura minima del 75% e che l'investimento in R&S
non sia inferiore al 15% dei costi totali. Il dispositivo comporta due tipi di misure. La prima,
fortemente innovativa, consiste nell'esonero, per un periodo di otto anni, dal versamento
degli oneri sociali al personale che partecipa ai progetti di R&S; la seconda prevede l'e-
sonero dalle imposte locali, dalla tassa sulle società e dall'imposta sul plus-valore.

 Le esenzioni fiscali
Il Piano per l'Innovazione prevede inoltre vantaggi fiscali a favore di tutte le imprese che
innovano, indipendentemente dalle dimensioni, dagli anni di vita dell'impresa e dal set-
tore di attività. Sono inoltre previste misure dirette in maniera specifica a progetti delle
giovani imprese innovative APJEI. Queste consistono nell'esonero dal pagamento delle
imposte su tutti gli investimenti in R&S, nella riduzione dei coefficienti di ammortamen-
to degli investimenti, nell'estensione del Credito di Imposta per la Ricerca a tutte le
imprese che investono somme cospicue in attività di R&S.

 Credito di Imposta per la Ricerca


Il Credito di Imposta per la Ricerca (CIR) punta a stimolare la competitività delle impre-
se sostenendo il loro sforzo in attività di R&S. Tutti i tipi di imprese possono beneficia-
re del credito d'imposta, applicabile a tutti gli investimenti in ricerca e tecnologia3.

 Potenziamento Agenzia Nazionale per la Valorizzazione della Ricerca


Il Piano per l'Innovazione riconosce un ruolo primario all'ANVAR, l'agenzia cui è affida-
ta l'attività di assistenza tecnica ai beneficiari dei dispositivi di sostegno all'innovazione.
3
Tale misura fiscale è il risultato della somma di due componenti: la prima, in volume, colpisce il 10 % del valore impu-
tato a bilancio degli investimenti effettuati dall'impresa e suscettibili di credito d'imposta; la seconda, in crescita, col-
pisce il 40% dei suddetti investimenti, decurtati della spesa media di eguale natura registrata durante i due anni di
esercizio precedenti. Il tetto complessivo del CIR è di 10 milioni di euro.

28
Innovazione industriale e competitività - Francia

Questa è responsabile della realizzazione a livello regionale, delle linee d'intervento


strategiche decise a livello centrale, della gestione del programma di diffusione della
tecnologia, dell'assistenza tecnica in materia di innovazione a livello locale. L'ANVAR
gestisce inoltre lo "Sportello Regionale per gli Aiuti all'Innovazione", il punto di riferimen-
to settoriale per le imprese.

 Reti di Ricerca e di Innovazione Tecnologica


La legge sull'innovazione prevedeva infine anche la creazione di Reti di Ricerca e di
Innovazione Tecnologica (RRIT) con lo scopo di favorire la collaborazione tra ricerca
pubblica e privata, promuovendo congiuntamente lo sviluppo di prodotti e servizi in set-
tori prioritari per la crescita delle imprese. Ciascuna rete è gestita da un Comitato di
Orientamento, costituito da industriali e da rappresentanti della ricerca pubblica, con il
compito di definire le azioni prioritarie e di esaminare i progetti proposti.

Il suo ruolo è prevalentemente diretto a fare emergere progetti di collaborazione su temi


di interesse prioritario. Invita a presentare proposte e certifica i migliori progetti. I pro-
getti sostenuti dalle RRTI possono beneficiare di un finanziamento da parte del Fondo
della Ricerca Tecnologica (FRT), del Fondo Nazionale della Scienza (FNS) e
dell'Agenzia Nazionale della Ricerca (ANR).

Le Reti operano a livello internazionale attraverso collegamenti con strutture similari, e


svolgendo attività di collaborazione nel contesto europeo, soprattutto nell'ambito del
Programma Eureka e del Programma Quadro per la Ricerca e Sviluppo4.

Nello specifico, il Ministero per la Ricerca ha creato quattro RRIT tematiche: la Rete
Nazionale di Ricerca in Telecomunicazioni (RNRT); la Rete di Ricerca sulle Micro e
Nano-Tecnologie (RMNT); la Rete Nazionale sulle Tecnologie del Software (RNTL) e la
Rete di Ricerca e di Innovazione sugli Audiovisivi e Multimedialità (RIAM).

Attualmente, in considerazione delle molteplici ricadute che hanno in tutti i campi della scien-
za e della tecnologia, le nanotecnologie costituiscono l'ambito prioritario di intervento. In tale
settore si distingue per eccellenza il Polo di Grenoble che punta a diventare uno dei principa-
li attori di riferimento a livello mondiale. In ragione della loro importanza a livello internaziona-
le si segnalano altresì le azioni dirette a sostenere attività nel campo della Fotonica,
Nanostrutture e GRID (Globalizzazione delle Risorse Informatiche e dei Dati).

1.3.4 Il Piano per la Ricerca

La legge per la Ricerca è stata varata nell'aprile del 2006. Essa integra e sviluppa le
misure introdotte dal Patto per la Ricerca, lanciato dal Governo francese già nel 2004.

L'approccio programmatico adottato è di medio periodo (2006-2010) e prevede una


dotazione finanziaria in costante crescita sino a raggiungere nel 2010 uno stanziamen-
to di fondi pari a 24 miliardi di euro (+27% rispetto al 2004).

La strategia del Piano prevede la creazione del Consiglio Superiore della Scienza e
della Tecnologia ed il rafforzamento dei poteri dell'Agenzia Nazionale per la Ricerca.

In particolare l'attività dell'ANR viene rafforzata, ANR che sostiene sia la ricerca pubbli-
ca che quella privata, finanziando (anche tramite donazioni a fondazioni di ricerca) pro-

4
Studio AFIRIT, aiuti finanziari nell'ambito di una cooperazione franco-italiana, studio realizzato da Maëla Jaouën
(Italie), François Ollivon (France), Edouard Knipillaire (France), Agosto 2005.

29
Francia - Innovazione industriale e competitività

getti selezionati in base a criteri di eccellenza, pertinenti con le attività d'impresa ed eco-
nomicamente redditivi.

Inoltre, vengono istituiti nuovi strumenti per incoraggiare la collaborazione fra istituti di
ricerca e istituti per l'istruzione superiore (PRES). Il Patto per la Ricerca ha previsto infi-
ne per la comunità scientifica la dotazione di strumenti finanziari per costituire delle Reti
tematiche di Ricerca Avanzata per la realizzazione di progetti di eccellenza scientifica.

Il disegno di legge finanziaria 2007 prevede di destinare alle attività di ricerca oltre 21
miliardi di euro.

Il Piano per la Ricerca prevede la creazione di una serie di nuove istituzioni ed in parte
rafforza o riorganizza quelle precedentemente esistenti. Un excursus sulle principali
implicazioni è esposto nei punti che seguono.

 Poli di Ricerca e di Istruzione Superiore


Il Patto per la Ricerca ha introdotto i PRES (Poli di Ricerca e di Istruzione Superiore) e i
CRES (Campus di Ricerca e di Istruzione Superiore) due strumenti di condivisione delle
attività di ricerca fra organismi pubblici e privati, territorialmente vicini, nell'ottica del miglio-
ramento dell'efficacia e dell'attrattività del sistema dell'istruzione superiore francese5.

In particolar modo, si tratta di strutture composte da più organismi di ricerca e/o enti di
istruzione superiore pubblici o privati (compresi i centri ospedalieri universitari) nelle
quali i differenti attori condividono strumenti finanziari, personale, laboratori, etc. per l'e-
secuzione di un comune progetto di ricerca.

Gli obiettivi principali di questi strumenti sono il rafforzamento dei partenariati accade-
mici e di ricerca e lo sviluppo di attività di ricerca e di formazione superiore a servizio
dei Poli di Competitività.

Tali strumenti si differenziano sostanzialmente tra loro per la specifica finalità di ricerca (pro-
getto di interesse comune nel caso dei PRES, progetto scientifico specifico a vocazione
internazionale per i CRES) e per il loro status giuridico. I CRES sono “Fondazioni di
Cooperazione Scientifica” (persona giuridica di diritto privato non a scopo di lucro, il cui trat-
tamento fiscale è assimilabile a quello delle fondazioni di utilità pubblica); i PRES sono
invece “Organismi Pubblici di Cooperazione Scientifica” (dove il CdA è composto dai fon-
datori del PRES, da esperti e da rappresentanti delle imprese e delle collettività locali) ciò
che permette di assumere personale esterno per lo svolgimento di progetti di ricerca.

Per il finanziamento dei PRES e dei CRES, lo Stato francese ha stanziato, per il 2006,
300 milioni di euro. Entrambi gli organismi possono partecipare ai bandi dell'ANR e
dell'AII e sono soggetti, come gli altri Enti di ricerca, alla valutazione dell'AER.

 Reti Tematiche di Ricerca Avanzata


Le RTRA sono delle strutture create attraverso la legge programma sulla Ricerca con
lo statuto di fondazioni scientifiche. Raggruppano diversi Istituti di ricerca e di istruzio-
ne superiore pubblici o privati ed eventualmente anche imprese che collaborano in uno
o più settori della Ricerca. Hanno la finalità di accrescere la massa critica e stimolare

5
Un PRES raggruppa diversi organismi, fra i quali almeno uno stabilimento pubblico a carattere scientifico, culturale e
professionale (EPSCP), gli altri appartenenti ad una delle categorie seguenti: EPSCP, EPST, CHU, centri di lotta con-
tro il cancro, organismi privati di istruzione superiore e/o di ricerca. Ai PRES possono associarsi associazioni, collet-
tività territoriali o imprese. I partecipanti ai PRES possono essere francesi o europei.

30
Innovazione industriale e competitività - Francia

sinergie fra unità di ricerca appartenenti a università ed organismi di ricerca diversi ma


con obiettivi scientifici simili. Puntano infine ad aumentare la visibilità della Francia sulla
scena internazionale.

1.4 Articolazione della programmazione


La tavola che segue illustra l'articolazione della programmazione nazionale in materia
di innovazione industriale e competitività. Rappresenta un momento di sintesi dei pro-
grammi governativi posti in essere dalla Francia e ha l'obiettivo di mettere in risalto la
loro base normativa e l'articolazione delle matrici di sviluppo.

I programmi evidenziati sono quelli illustrati nel corpo del testo.

Tavola 3 - Articolazione della programmazione

NUOVI STRUMENTI PER IL SOSTEGNO ALL’INNOVAZIONE 2003-2007


Inizia
ative Piano Poli Competitività Rapporto Beffa Programma Ricerca
Innovazione

Base
e Normativa Piano d'Azione Legge Finanziaria 2005 Rapporto Beffa (A2) Piano di Azione 2005
2002-2003 art. 24 (n°1484 del Patto per la Ricerca
Legge per 30/12/2004) Legge di Programma per
l'Innovazione e Decreto n°765 del la ricerca (A5)
la Ricerca (A3) 8/07/2005

Strumenti VII Assi Prioritari Riunione del Comitato - Programmi Creazione Agenzia nazionale per la
CIACT - per l'istituzionaliz- Mobilizzatori AII (A6) Ricerca - ANR (trasforma-
zazione dei Poli proposti Innovazione to in
Industriale Ente Pubblico a carattere
amministrativo nel 2006)
Agenzia per la valutazio-
ne della ricerca - AER

Orgaani Ministero Comitato interministeriale Consiglio di Direttorio HCST - Haut Conseil


di co
ontrollo dell'Industria e per la pianificazione e Sorveglianza pour la Science et la
di ge
estione Ministero della competitività del territorio Technologie
dei programmi Ricerca (CIACT) Ministero DGIR - Direzione genera-
dell'Industria, della le innovazione e ricerca
Difesa, dell'Agricoltura, (Min. Ricerca)
della Sanità, della
Pianificazione del territo-
rio e delle Infrastrutture

Dura
ata 2004-2009 5-10 anni 2006-2010

Stan
nziamenti 2006-2008:1,5 Miliardi I programmi l'AII provve- ANR beneficerà per il
€ di cui: Stato: Fondo ammessi derà con 2007 di una capacità di
Unico Interministeriale: richiedereb- l'emissione spesa di 825 milioni di
830M€; Agenzie (ANR, bero un di 417 euro per progetti di ricer-
AII; OSEO) e CDC finanziamen- milioni di ca di una durata massima
“Caisse des dépôts et to per 1.2 euro, di 4 anni. La legge fissa
consignations” 520M€; miliardi di distinti in un obiettivo di 19,4
Agevolazioni fiscali: euro (fine sovvenzioni miliardi di euro per il
160M€ ed una percentua- 2006) con e prestiti periodo 2005- 2010
le di cofinanziamento pri- una percen- rimborsabili
vato tuale di cofi- (fine 2006).
nanziamento
privato

31
Francia - Innovazione industriale e competitività

(segue Tavola 3) - Articolazione della programmazione

Programma nazionale PIANO PER L’INNOVAZIONE: SETTE ASSI D’INTERVENTO

1 asse Regime giuridico della Società Unipersonale di Investimento a Rischio (SUIR) Business A
Angels
2 asse Statuto Giuridico di Giovane Impresa Innovante (JEI); Esenzioni fiscali (APJEI)
3 asse Credito di Imposta per la Ricerca (CIR)
4 asse Potenziamento ANVAR organo deputato a coadiuvare i soggetti coinvolti dai dispositivi di aiuti
all'innovazione
5 asse Rafforzare partenariati pubblici-privati (CIFRE, RRIT); Migliore sfruttamento commerciale della
ricerca pubblica da parte delle imprese Incubatori di Impresa
6 asse Misure a favore della nascita di una "Cultura all'Innovazione"
Ministero per l'Istruzione - Formazione
7 asse Misure del Governo a supporto dell'Innovazione Industriale in R&S attraverso 2 azioni:
Consolidamento Reti; Creazione di Poli di Eccellenza

Fonte: elaborazioni IPI su fonti diverse, 2007

1.5 Acronimi e abbreviazioni

Acronimo/
Abbreviazione Descrizione francese/italiano

ADEME Agence de l'Environnement et de la Maîtrise de l'Energie - Agenzia per l'Ambiente e la Gestione


dell'Energia
AERES Agence d'évaluation de la recherche et de l'Enseignement Supérieur - Agenzia per la Valutazione
e della
Ricerca e dell'Istruzione Superiore
AII Agence pour l'Innovation industrielle - Agenzia per l'Innovazione Industriale
ANR Agence Nationale de la Recherche - Agenzia Nazionale per la Ricerca
CIRST Comité Interministériel de la Recherche Scientifique et Technologique - Comitato Interministeriale per la
Ricerca Scientifica e Tecnologica
CPER Contrat de Plan Etat-Règions - Contratti di Programma Stato - Regione
CRES Campus de Recherche et d'Enseignement Supérieur - Campus di Ricerca e di Istruzione Superio
ore
CSRT Conseil Supérieur pour la Recherche et la Technologie - Consiglio Superiore per la Ricerca
e la Tecnologia
DGE Direction Générale des Entreprises - Direzione Generale delle Imprese
DGRI Direction Générale de la Recherche et de l'Innovation - Direzione Generale
per la Ricerca e l'Innovazione
DIACT Délégation Interministérielle pour la Planification et la Compétitivité du Territoire - Delegazione
Interministeriale per la Pianificazione e la Competitività del Territorio
DRIRE Directions Régionales de l'Industrie, de la Recherche et de l'Environnement - Direzioni Regionali per
l'Industria, la Ricerca e l'Ambiente
DRIRE Direction Régionale, Industrie, Recherche Environnement - Direzioni Regionali dell'Industria, della
a
Ricerca e dell'Ambiente
DRRT Délégation Régionale Recherche et Technologie - Delegazioni Regionali per la Ricerca e la Tecno
ologia
HCST Haut Conseil de la Science et de la Technologie - Alto Consiglio per la Scienza e le Tecnologie
MIRES Mission Interministérielle Recherche et Enseignement Supérieur Universitaire - Missione
Interministeriale per la Ricerca e l'Istruzione Superiore
OPECST Office Parlementaire d'Evaluation des Choix Scientifiques et Technologiques - Ufficio Parlamenta
are per
la Valutazione delle Scelte Scientifiche e Tecnologiche
PMII Programme Mobilisateur pour l´Innovation Industrielle - Programmi Mobilizzatori Innovazione Industriale
PRES Poles de Recherche et d'Enseignement Supérieur - Poli di Ricerca e di Istruzione Superiore

32
Innovazione industriale e competitività - Francia

1.6 Siti web istituzionali

Type of organisation Name of organisation website


GOVERNMENT AND LEGISLATIVE BODIES

Goverrnment Body Ministry of Research www.recherche.gouv.fr


Goverrnment Body Ministry of Industry www.industrie.gouv.fr
Goverrnment Body Ministry of Defence www.defense.gouv.fr
Legisllative Body Parliament Senate and National Assembly www.assemblee-nationale.fr
and www.senat.fr www.senat.fr/opecst
Consu
ultative bodies CIRST (Inter-ministerial Committee for www.recherche.gouv.fr/conseil/csrt/ind
Scientific and Technical Research), CSRT ex.htm
(High Council for Research and Technology),
HCST (High Council for Science and
Technology), OPECST (Parliamentary Office
for Evaluation of Scientific and Technical
Choices), CPCI Innovation

Private sector organisations and entrepreneurship promotion

Assem
mbly of French Chambers of Chambers of Commerce and Industry, www.acfci.cci.fr
Commmerce and Industry and Regional Industry
Public Incubators (Business start up agency) Associations APCE & CPCE www.apce.com

Knowledge Institutes (R&D and education bodies)

EPST T - Public scientific and technolo- CNRS (Centre National de la Recherche www.recherche.gouv.fr/organism/index.htm
gical establishments Scientifique) of specific quantitative budge-
tary and political importance. Other EPST
comprise INRA (agronomy), INSERM (clini-
cal research), ORSTOM - IRD (develop-
ment), INED (demography), INRIA (compu-
ter science), CEMAGREF (agriculture and
environment), INRETS (transports) etc.
EPIC - Public industrial OSEO, ADEME (environment), CNES www.recherche.gouv.fr/organism/index.htm
and co
ommercial establishments (space), CEA (atomic energy), IFREMER www.oseo.fr
(sea), CIRAD (agronomy), ADIT (techno-
logy watch) etc.
86 Un
niversities Linked associations: CPU, University, www.education.gouv.fr/sup/univ.htm,
Conference, Réseau CURIE www.curie.asso.fr,
Non profit institutions Institut Pasteur, Institut Curie www.cpu.fr/Cpu/default.asp
www.recherche.gouv.fr/organism/index.htm
Group
ping of Research Labs Carnot Institutes, PRES, RTRA www.recherche.gouv.fr/

Industrial research centres and innovation intermediaries

Assocciation ANRT (National Association of www.anrt.asso.fr


Technical Research)
Interm
mediary structures bw. public and CRITT (Regional Centre for Innovation
private
e STI organisations and Technological Transfer), CRT
(Centre de ressources technologiques),
PFT (Technological platforms)

Financial system

Nation
nal Agencies OSEO (as an EPIC) - a merge notably bet- www.oseo.fr
ween ANVAR (National Innovation Agency)
and BDPME (Bank for SMEs'
Development). These subsidiaries will have
the status of limited companies (see
Financial System) is one of them
Nation
nal Agency ANR (National Agency for Research) www.gip-anr.fr
Nation
nal Agency AII (Industrial Innovation Agency) www.aii.fr - www.oseo.fr
Nation
nal Agency ADEME www.ademe.fr

Fonte: European Trend Chart on Innovation - Annual Innovation Policy Trends and Appraisal Report, 2006

33
Francia - Innovazione industriale e competitività

1.7 Documentazione di riferimento

Riferimento Titolo e descrizione

A1 Decreto costitutivo dell'Alto Consiglio per la Scienza e le Tecnologie - Decreto n. 698 del 15/06/2006
A2 Rapporto di Jean-Louis Beffa, “Per una nuova politica industriale“,Gennaio 2005
A3 Legge per l'Innovazione e la Ricerca - L. n. 587 del 12/07/1999
A4 Studio AFIRIT Aiuti finanziari nell'ambito di una cooperazione franco-italiana, Studio realizzato da Maëla Jao
ouën
(Italie), François Ollivon (France) e Edouard Knipillaire (France) - Agosto 2005
A5 Legge Programma per la Ricerca L. n 450 del 18/04/2006
A6 Legge n. 1021 del 26/07/2005 “Pour la Confiance et la modernisation de l'économie” (art. 19)
A7 Legge di Finanza per il 2005 (articolo 24) - L. n. 1484 del 30/12/2004

34
Innovazione industriale e competitività - Germania

2. GERMANIA

2.1 Contesto di riferimento e linee guida

Nel 2006 il Governo federale tedesco ha varato una strategia nazionale per l'innovazio-
ne, denominata “Hightech Strategie”, che, per la prima volta, coinvolge nel loro insieme
tutti i Ministeri competenti in materia di innovazione industriale e competitività. Nel suo
ambito, ogni settore della politica che in qualche misura è interessato dalle attività di
Ricerca e Sviluppo sarà orientato al raggiungimento di un obiettivo chiaramente defini-
to: questa strategia mette, infatti, al centro delle attività di Governo la politica per l'inno-
vazione.

Rispetto agli stanziamenti previsti dalla precedente programmazione, nel corso della
presente legislatura il Governo federale tedesco ha deciso di destinare alla spesa in
R&S ulteriori 6 miliardi di euro: il più grande incremento nella spesa per la ricerca mai
deciso nella storia della Repubblica Federale della Germania.

Nel periodo 2006-2009 il Governo tedesco prevede di destinare un importo complessi-


vo di circa 15 miliardi di euro alla R&S con l'intento di consentire al Governo federale,
ai governi dei Länder e al sistema industriale e commerciale tedesco di avvicinarsi all'o-
biettivo comunitario del raggiungimento della quota del 3% del PIL investito in ricerca
entro il 2010. Alla base della nuova strategia per l'innovazione del Gabinetto Merkel c'è
il proposito di rendere quanto più possibile fluido e libero da vincoli e costrizioni varie il
rapporto tra il mondo della ricerca e quello dell'Industria.

In linea generale, al Governo federale spetta il compito di creare le condizioni favorevo-


li all'innovazione, a livello legislativo, macroeconomico e, nel complesso, di strategia
centrale in ambito di R&S, indirizzando le attività di ricerca pubbliche e private verso
specifici campi della tecnologia. I principali strumenti di cui si avvale sono rappresenta-
ti da finanziamenti diretti destinati a progetti di ricerca e sviluppo all'interno di ben defi-
niti programmi tecnologici (“programmi tematici”). In secondo luogo, il Governo federa-
le sostiene i grandi centri e le grandi società di ricerca [quali la Hermann Von Helmholtz-
Gesellschaft (HGF), la Fraunhofer-Gesellschaft (FhG), la Max Planck-Gesellschaft
(MPG), la Wissensgemeinschaft Gottfried Wilhelm Leibniz (WGL)] e una vasta rete di
laboratori di proprietà dello Stato. Il Governo federale è inoltre responsabile di alcune
iniziative di sostegno a specifici settori e progetti che hanno un significativo impatto sul-
l'innovazione nelle imprese.

Nell'ambito delle competenze ad esso attribuite, i principali obiettivi del Ministero per
l'Economia e la Tecnologia (BMWi) sono la creazione delle condizioni di base per favo-
rire la competitività e l'aumento della capacità di innovazione dell'industria tedesca6. Per
sviluppare al massimo lo scambio di informazioni e lo sviluppo di soluzioni condivise ad
eventuali problematiche del sistema industriale, il Governo federale ha creato dei tavo-
li di dialogo permanente tra le varie branche dell'industria e le parti sociali. All'interno del
BMWi sono inoltre state introdotte le figure dei “coordinatori permanenti”, con l'incarico
di operare un collegamento tra il mondo della politica e quello dell'industria, soprattutto
per alcuni settori strategici, come l'aerospaziale e la cantieristica. In specie, questa fun-
zione di coordinamento viene svolta da alcuni Sottosegretari.

Il Summit europeo di Lisbona del 2000 e la strategia di sviluppo per gli Stati membri
dell'Unione europea tracciata in tale occasione non hanno determinato cambiamenti
6
Pur essendo improntato al rispetto delle regole di libero mercato, soprattutto in relazione al recupero di competitività
dei centri industriali presenti nei nuovi Stati membri (ex DDR), il Governo federale ritiene opportuna un'azione incisi-
va da parte dello Stato in materia di programmazione industriale.

35
Germania - Innovazione industriale e competitività

significativi negli obiettivi fondamentali della politica per l'innovazione e la competitività


industriale del governo tedesco. Il nuovo Governo, entrato in carica nel novembre del
2005, non ha modificato né gli obiettivi chiave, né le priorità e le misure della politica per
l'innovazione.

La decisione presa dall'attuale Governo relativa allo stanziamento di 6 miliardi di euro


in Ricerca e Sviluppo si colloca, infatti, all'interno di una linea politico-strategica che la
Germania ha seguito nel corso degli ultimi dieci anni. Alcune variazioni rispetto alle linee
guida di genesi più lontana saranno tuttavia possibili nel corso dell'attuazione della
nuova strategia per l'innovazione messa a punto nel 2006.

L'importanza centrale assunta dal tema della competitività industriale a livello comuni-
tario, si deve, non da ultimo, proprio agli interventi che il Governo federale tedesco ha
realizzato durante il suo turno di Presidenza dell'UE nel primo semestre del 2007.

Specifiche iniziative a livello comunitario, di carattere prettamente settoriale (sector-


oriented), come, ad esempio, quella denominata CARS 21 sul tema delle prospettive
dell'industria automobilistica o quella relativa al Gruppo di Alto Livello sul settore dell'in-
dustria tessile e dell'abbigliamento, che godono di un forte appoggio da parte della
Germania, dovrebbero condurre all'identificazione dei punti di forza e di debolezza pre-
senti all'interno dei singoli settori industriali e alla definizione delle politiche necessarie
alla loro crescita e competitività.

Nella realizzazione della “nuova” strategia governativa per l'innovazione adottata nel
2006, un programma di durata triennale per il trasferimento e la diffusione dei risultati
della ricerca industriale tramite lo sviluppo di “application oriented projects”, sono coin-
volti il complesso del sistema della ricerca - pubblica e privata - e l'industria. Il program-
ma costituisce il nuovo quadro di riferimento delle politiche per l'innovazione e prevede
interventi di tipo settoriale in 17 aree tematiche, dall'energia, ai trasporti e la mobilità,
alla medicina e le biotecnologie e alle nuove tecnologie applicate all'informazione. È
importante sottolineare come, oltre ad interventi di carattere settoriale, in esso siano
previste iniziative di carattere orizzontale o “cross-cutting”, tra cui l'approvazione di
nuove norme in materia di diritto societario e di partecipazioni al capitale d'impresa.

Le principali iniziative adottate in materia di innovazione industriale e competitività sono


schematicamente illustrate nella tavola 1. Una rappresentazione del sistema di program-
mazione analizzato è disponibile nel paragrafo “Articolazione della programmazione”.

36
Innovazione industriale e competitività - Germania

Tav. 1 - Germania. Politiche per l'innovazione e la competitività: programmi di intervento e organizzazione istituzionale*

Progrrammi Descrizione Organi di Governo Istituzioni/ Istituti/


d’inte
ervento della politica responsabili Dipartimenti/Agenzie Università/Istituzioni
e iniziative governative finanziarie
avviatte coinvolte collegate

Hightech Strategia per l'innovazio- "Bundesregierung Organi consultivi del Principali Projekttraeger:
Strate
egie ne del governo articolata (Presidenza del governo per la program- Fraunhofer GmbH, Max
in 17 assi di intervento Consiglio) mazione e la politica Planck Institut,
settoriale e in 3 linee di BMWi - economica in generale: Associazione dei Centri
intervento di carattere Bundesministerium für Consiglio Scientifico di Ricerca W.v.
orizzontale Wirtschaft und (Wissenschaftsrat) e Helmholtz, Associazione
Technologie (Ministero Commissione congiunta dei Centri di Ricerca
dell'Economia e della per la Programmazione WGL Leibniz,
Tecnologia) dell’Istruzione e la Fondazione Tedesca per
Promozione della la Ricerca DFG Juelich.
BMBF - Ricerca (BLK)
Bundesministerium für Gruppo bancario KfW
Organi consultivi del (Kreditanstalt für
Bildung und Forschung governo federale con
(Ministero dell'Istruzione Wiederaufbau)
incarichi specifici nel-
e della Ricerca) l'ambito della nuova stra- Istituto tedesco di
BMBF - tegia per l’innovazione: Microfinanza (Deutsches
Bundesministerium für Consiglio per Mikrofinanz Institut)
Bildung und Forschung l’Innovazione e la
(Ministero dell'Istruzione Crescita, Unione per la
e della Ricerca) Ricerca tra Scienza ed
Economia, Iniziativa
pubblico-privata
“Partners for Innovation”
Valutazione dei programmi:
Ufficio Federale per gli
Audit
(Bundesrechnungshof)
Progrramma Il programma si colloca BMWi - Forschungszentrum
IKT 20020 all’interno del'asse Bundesministerium für Jülich GmbH e
Innovazione nelle ICT Wirtschaft und Deutsches Zentrum für
che costituisce uno dei Technologie (Ministero Luft- und Raumfahrt e.V.
17 assi di intervento set- dell'Economia e della (DLR) - entrambi
toriali della Hightech Tecnologia) Projekttraeger
Strategie, e rientra al
contempo nell’ambito
delle misure del pro-
gramma quadro iD2010
(linea di intervento “pro-
mozione della ricerca”)

High Tech Fondo di microfinanza Hightech Gruenderfonds


Grundderfonds per il finanziamento delle Management GmbH)
start up innovative,
gestito da una apposita
società a responsabilità
limitata, che rientra all’in-
terno delle misure di
carattere orizzontale
della Hightech Strategie
dirette a sostenere lo
sviluppo delle imprese
high tech

* Le colonne contengono tutti gli elementi che ä stato possibile desumere dalle fonti analizzate, le informazioni potrebbero
non esssere esaustive per alcune delle politiche/ iniziative analizzate

Fonte: elaborazione IPI su dati diversi, 2007

37
Germania - Innovazione industriale e competitività

2.2 Governance

2.2.1 La governance dell'innovazione a livello federale

La governance dell'innovazione coinvolge diversi attori a livello federale e regionale


(Länder). A livello federale, la politica per l'innovazione è prevalentemente definita da
due Ministeri, il Ministero per l'Istruzione e la Ricerca (BMBF) e il Ministero per
l'Economia e la Tecnologia (BMWi). Con l'entrata in carica dell'attuale Governo nel set-
tembre del 2005 la suddivisione delle responsabilità tra il BMBF e il BMWi ha subito una
modifica rispetto al precedente assetto istituzionale.

In questo contesto, la competenza relativa ad una serie di programmi di sostegno alle


imprese e di promozione della ricerca applicata (“enterprise-related and near-to-appli-
cation programmes”) è stata trasferita al BMWi, il cui ruolo nel campo della politica per
l'innovazione è stato dunque rafforzato. La redistribuzione delle competenze ha riguar-
dato le misure nel campo delle start up e delle PMI (es. programma EXIST di sostegno
alle spin off universitarie, progetto INSTI per l'industrializzazione dei risultati della ricer-
ca) ed alcuni programmi tematici di R&S (es. settore delle ICT, aerospazio, trasporti,
tecnologie marittime).

2.2.2 Il coordinamento con i governi regionali

In Germania è in corso una riflessione sulle modalità attraverso le quali separare in


modo più netto le responsabilità del Governo federale e dei Länder in materia di edu-
cazione e di ricerca. Uno dei principali punti di forza del sistema di governance dell'in-
novazione è rappresentato dal fatto che il processo di definizione delle politiche si basa
su dati concreti (evidence-based) e gode del supporto derivante dal forte coinvolgimen-
to dei principali rappresentanti della comunità industriale e scientifica e dal costante svi-
luppo di analisi sugli scenari futuri (foresight studies).

Un ruolo di un certo peso lo gioca anche il funzionamento del sistema di coordinamen-


to informale tra policy maker caratteristico della Germania, un meccanismo che sembra
portare a risultati migliori rispetto a quelli conseguiti da sistemi maggiormente struttura-
ti, spesso appesantiti da elevati livelli di burocratizzazione e rigidità.

L'anello debole del sistema di governance risiede, invece, nel grado piuttosto elevato di
complessità del sistema federale, sebbene l'attuale Governo sia intenzionato a introdur-
re riforme che dovrebbero portare ad una migliore definizione delle responsabilità attri-
buite ai vari livelli della governance dell'innovazione e ad eliminare le sovrapposizioni di
competenze tra il BMBF e il BMWi in merito ad alcune politiche per l'innovazione (es.
nelle aree della promozione della R&S nelle PMI o nei nuovi Länder).

 Strumenti di coordinamento: BLK e il Consiglio Scientifico


Tra i vari organismi che assicurano il coordinamento delle politiche tra il livello federale
e quello regionale un ruolo di primo piano è svolto dalla Commissione congiunta per la
Programmazione dell'Istruzione e la Promozione della Ricerca (BLK) e dal Consiglio
Scientifico (Wissenschaftsrat), organo consultivo indipendente che svolge anche attivi-
tà di coordinamento in materia di politiche per la scienza e la ricerca.

Il Consiglio Scientifico è composto da un panel di 36 esperti in economia e giurispru-


denza, tra i quali si trovano importanti personalità del mondo accademico; gli esperti

38
Innovazione industriale e competitività - Germania

sono nominati su proposta del Consiglio stesso e ricevono un'investitura formale da


parte del Ministro dell'Economia e della Tecnologia. Il Consiglio è un organo indipen-
dente ed ha il compito di coadiuvare il Governo federale e, in particolare, il Ministro
dell'Economia nelle questioni di politica economica. Si riunisce circa sei volte l'anno e
informa il Ministero del suo operato attraverso appositi rapporti e raccomandazioni che
sono pubblicati periodicamente.

 Comitati consultivi del BMWi


Esistono 5 comitati consultivi incaricati di assistere il Ministro dell'Economia nella defi-
nizione di particolari aspetti che ricadono nell'ambito delle sue competenze. I comitati,
composti da esperti di chiara fama che vi partecipano a titolo onorifico, trattano le
seguenti materie: politiche per le piccole imprese, commercio estero, turismo, scienza
e accreditamento del Governo in sede internazionale.

Fig. 1 - Principali attori istituzionali coinvolti nel sistema di promozione dell'innovazione

Exhibit 3: Main Public Institutions in German Science, Research and Innovation in 2006

Federal Parliament Joint Bund-Länder 16 Parliaments at


Institutions Federal States
Bundestag Bundesrat

Federal Government 16 Länder Governments

Other Federal BMWi BMBF Science Council 16 Ministries 16 Ministries


Federal Chance- of Science / of Economy /
Minis- llery BLK Education Finance
tries

Projektträger (programme administrating agencies), KfW

Research Organisations by Institutional Funding

Federal Federal and Industry Federal and Länder Länder

FGL AiF/IfG DFG, FhG, HGF, MPG, WGL, AoS HEIs, LGL

BM
MWi: Federal Ministry of Economics and Technology AiF: Associations of Industrial Research Institutes
BM
MBF: Federal Ministry of Education and Research IfG: Institutes of Co-operative Industrial Research
FhG: Fraunhofer Society KfW: KfW Banking Group - State-owned bank (80%
MP
PG: Max Planck Society Federal Government, 20% Länder)
WGGL: Leibniz Association BLK: Joint Conference of the Federal Government
Ao
oS: Academies of Sciences and the Federal States on Education
HE
EIs: Higher Education Institutions Planning and Research Promotion
FG
GL: Federal Government Research Organisations LGL: Länder Government Research Organisations
(Federal Agencies) (Länder Agencies, other research institutions
DF
FG: German Research Foundation funded through)
(Länder Governments)

Fonte: European Trend Chart on Innovation - Annual Innovation Policy Trends and Appraisal Report France 2006 - European
Commission - Enterprise Directorate-General A publication from the Innovation/SMEs Programme.

39
Germania - Innovazione industriale e competitività

2.2.3 Nuovi organismi consultivi per la strategia per l'innovazione

Per un più efficace coordinamento delle attività riconducibili alla nuova Hightech
Strategie, all'interno del Ministero per l'Economia e la Tecnologia è prevista l'attivazio-
ne di un'apposita “Unità per le Tecnologie” (Technologieabteilung). Ciò dovrebbe per-
mettere di ricondurre sotto un'unica guida l'insieme degli interventi nelle aree tecnologi-
che ritenute di carattere strategico.

Sono da segnalare, oltre agli attori riportati all'interno della figura 1, i due organi consul-
tivi creati appositamente dal Governo federale per attuare la nuova Hightech Strategie:

• Rat für Innovation und Wachstum (Consiglio per l'Innovazione e la Crescita); creato
nel maggio del 2006, il Consiglio risponde direttamente al Cancelliere Federale ed ha
il compito specifico di assistere il Cancelliere e il Governo nelle questioni relative all'in-
novazione (segnalando, ad esempio, i campi della tecnologia e della ricerca in cui
risiedono le principali opportunità di sviluppo per il Paese o dove l'azione politica può
giocare un ruolo di leva per la trasformazione dei risultati della ricerca in prodotti matu-
ri per il mercato). Ne fanno parte, oltre al Cancelliere Federale e ai tre Ministri
dell'Economia, della Ricerca e degli Affari Speciali, tredici importanti personalità del
mondo della scienza e dell'economia;

• Forschungsunion Wirtschaft-Wissenschaft (Unione per la Ricerca tra Scienza ed


Economia), creata nel giugno del 2006 dal Ministro per l'Istruzione e la Ricerca, con
l'incarico di coadiuvare il Governo nell'opera di definizione e di attuazione della
Hightech Strategie, è anch'esso un organismo di tipo consiliare composto da espo-
nenti del mondo dell'economia e della scienza.

2.2.4 Il coordinamento pubblico-privato nell'ambito della governance


dell'innovazione

Agli attori fin qui elencati va, infine, aggiunta l'iniziativa “pubblico-privata” Partners for
Innovation creata nel 2004, che coinvolge oltre 200 esperti in innovazione appartenen-
ti al Governo federale, al sistema imprenditoriale, alla comunità scientifica e ai sindaca-
ti, il cui scopo è quello di contribuire alla creazione e alla diffusione di una nuova cultu-
ra dell'innovazione nel Paese.

Nel Comitato di Indirizzo dell'iniziativa, presieduto dall'Unione nazionale delle accade-


mie per le materie scientifiche, siedono rappresentanti del Governo, di grandi imprese
e gruppi industriali (quali BASF, IBM Deutschland, Lufthansa, Roland Berger, Schering,
Siemens), di associazioni sindacali e di categoria, di centri di ricerca scientifica e appli-
cata.

Il coordinamento delle attività, che si svolgono attraverso 13 gruppi di lavoro attivi su


altrettanti temi specifici (tra cui energia, innovazione nelle PMI, mobilità e logistica, ser-
vizi), è affidato alla Fraunhofer Gesellschaft, una società che si occupa di promuovere
la ricerca applicata. A ciascun gruppo partecipano, oltre ai partner sopra citati, anche
dalle 10 alle 15 imprese e istituzioni interessate ai singoli ambiti tematici di lavoro.

 Le proposte di azione del Comitato: un fondo per le imprese high-tech


Quale esempio tangibile dell'attività svolta da questo gruppo di esperti, va segnalata l'e-
laborazione nel 2006 di un'agenda contenente raccomandazioni e proposte di azioni

40
Innovazione industriale e competitività - Germania

concrete (indicati come “progetti faro”) indirizzate al mondo della politica e dell'econo-
mia. Tra queste era incluso anche il progetto relativo alla costituzione di un fondo per il
finanziamento di nuove imprese innovative, cd. “High Tech Gründerfonds” (tav. 2). Il
fondo, che ha una dotazione di circa 260 Milioni di euro e al quale partecipano il
Governo e il gruppo bancario KfW (Kreditanstalt für Wiederaufbau und Wirtschaft), è
stato inserito tra gli strumenti della Hightech Strategie del Governo federale e rappre-
senta una delle principali misure per l'innovazione messe in campo di recente in
Germania.

Tav. 2 - Misure per l'innovazione introdotte nel corso del 2006 in Germania

Exhib
bit 11: New Innovation Policy Measures over last 12 months

IPM Nº Title Innovation policy Organisation responsible


framework category

DE_76 IV.4. Increase High-tech Start-up Fund IV.1. Increase the number BMWi
the avvailability of private of new innovation intensive
sectorr innovation financing enterprises created and
to enterprises their survival
II.4. Increase rates of
expenditure on research
and technological innova-
tion in enterprises

Fonte: European Trend Chart on Innovation - Annual Innovation Policy Trends and Appraisal Report Germany 2006 - European
Commission - Enterprise Directorate-General A publication from the Innovation/SMEs Programme.

2.2.5 Le strutture di ricerca preposte al trasferimento tecnologico

Per mettere a disposizione del tessuto industriale i risultati conseguiti nelle strutture di
ricerca operanti a livello territoriale (Länder), sono stati creati diversi soggetti che hanno
nel trasferimento tecnologico la propria funzione centrale. Oggi, ad esempio, esistono
in Baviera più di 100 istituti che realizzano servizi di consulenza alle PMI e mettono in
comunicazione le imprese con i centri di ricerca. Nella regione sono inoltre presenti
diversi incubatori di impresa realizzati con il supporto del settore pubblico.

Il supporto nella realizzazione della fase di Ricerca e Sviluppo è garantito dalle organiz-
zazioni di trasferimento tecnologico, tra le quali le maggiori sono AIF e FhM. La prima
rappresenta la Federazione delle Associazioni di Ricerca Industriale Cooperativa "Otto
von Guericke". È un'organizzazione privata che conta più di 100 membri in tutta la
Germania, offre consulenza e realizza contratti di ricerca per una grande varietà di set-
tori. La seconda, parte della società per la promozione della ricerca applicata
“Fraunhofer”, è una società di consulenza per l'industria, il commercio, la ricerca e il set-
tore pubblico e assiste start up e PMI in tutti gli ambiti dell'innovazione e del trasferi-
mento tecnologico, dagli studi di fattibilità allo sviluppo, dall'implementazione alla
gestione e realizzazione di progetti innovativi.

Oltre a poter contare sul sostegno offerto dalle strutture private, le imprese possono
rivolgersi alle istituzioni universitarie. Grazie alla forte presenza di Università di eccel-
lenza, nel corso degli anni il sostegno alle imprese a livello universitario è significativa-
mente aumentato. La cooperazione tra aziende e istituti di ricerca universitari può assu-
mere diverse forme: a volte il lavoro dei docenti in impresa fa parte delle responsabili-

41
Germania - Innovazione industriale e competitività

tà universitarie, in altri casi le consulenze sono individuali e offerte in forma privata. Ad


ogni modo, oggi tutte le principali Università hanno uffici che offrono ai potenziali
imprenditori (studenti o ricercatori) informazioni, servizi di consulenza e, in alcuni casi,
anche spazi fisici.

Esistono centri che si focalizzano sullo studio di particolari tecnologie (microelettronica,


robotica, tecnologie dell'ambiente, software, tecnologie laser). Generalmente queste
strutture realizzano ricerche su commissione delle imprese o in collaborazione con i
ricercatori industriali. La cooperazione con queste strutture permette alle imprese di
entrare in possesso delle tecniche più avanzate.

Esistono, infine, organizzazioni di sostegno alle imprese durante la fase di commercializza-


zione di un prodotto innovativo, di un prototipo o di un processo. Il Technology Transfer Net
(TT-Net), ha come scopo quello di collegare Istituzioni e organizzazioni di ricerca; organizza
fiere a cui possono partecipare PMI, ma anche Università e istituti di ricerca, per farsi cono-
scere, entrare in contatto con potenziali clienti e fornitori e vendere i propri prodotti.

2.2.6 Organismi deputati al finanziamento della ricerca e dell'innovazione

Uno dei ruoli principali delle agenzie governative nel campo dell'innovazione è rappre-
sentato dal finanziamento della ricerca e dell'innovazione. Mentre l'attività degli organi-
smi pubblici di ricerca è interamente finanziata dal Governo, le attività di R&S e di inno-
vazione condotte a livello privato beneficiano di finanziamenti pubblici piuttosto limitati.

Secondo il rapporto nazionale sulle attività di Ricerca & Sviluppo, il 2,36 % del totale
della spesa per R&S da parte delle imprese deriva da risorse pubbliche. Per quanto
riguarda Il finanziamento dell'innovazione, il KfW, Kreditanstalt für Wiederaufbau -
Istituto di credito pubblico al quale fa capo l'omonimo gruppo bancario operante da oltre
50 anni sull'intero territorio federale (l'80% del capitale è di proprietà del Governo fede-
rale e il 20% dei Länder) -, mette a disposizione strumenti di garanzia e prestiti per il
finanziamento e il rifinanziamento di investimenti in nuove tecnologie.

In particolare, il gruppo bancario KfW è articolato in diverse strutture con ambiti di inter-
vento specifici:

• con la KfW Mittelstandsbank sostiene la piccola e media impresa tedesca e i nuovi


imprenditori mediante crediti classici e finanziamenti innovativi. La KfW
Mittelstandsbank è stata fondata nel luglio 2003 per effetto della fusione fra DtA
(Deutsche Ausgleichsbank) e KfW. Al suo attivo ha anche una partecipazione alla IKB
Deutsche Industriebank AG;

• con i programmi di finanziamento della KfW Fàrderbank, il gruppo sostiene le ammi-


nistrazioni comunali mediante il finanziamento dei progetti di infrastrutture (costruzio-
ne di edifici e impianti di proprietà dei Comuni, interventi di risanamento urbano, svi-
luppo del trasporto urbano sono esempi degli investimenti finanziati tramite il pro-
gramma KfW denominato “Impulsi di crescita” che mette a disposizione fondi specia-
li per lo sviluppo infrastrutturale). Possono richiedere questi finanziamenti anche le
imprese di diritto privato o le organizzazioni di pubblica utilità che curano gli incarichi
comunali. La KfW Fàrderbank è attiva anche nel settore della formazione con diverse
linee di credito destinate agli studi superiori o al conseguimento di titoli di perfeziona-
mento professionale per artigiani, tecnici e altri specialisti;

• la KfW IPEX-Bank, spin off del gruppo KfW in fase di costituzione, ha l'obiettivo di
sostenere gli esportatori tedeschi con ingenti finanziamenti e di patrocinare in tutto il
mondo i progetti di interesse tedesco ed europeo;

42
Innovazione industriale e competitività - Germania

• la KfW Entwicklungsbank offre sostegno ai Paesi in via di sviluppo che sono impegna-
ti in processi di riforma delle Istituzioni. La KfW Entwicklungsbank è competente per
la collaborazione finanziaria con le Istituzioni statali, mentre la DEG - la società tede-
sca per gli investimenti e lo sviluppo - si occupa essenzialmente dello sviluppo di strut-
ture del settore privato. Il KfW ha collaborato con il Governo federale nell'opera di pri-
vatizzazione di grandi imprese di proprietà dello Stato. Esempi al riguardo sono le pri-
vatizzazioni della società di telefonia pubblica Deutsche Telekom AG e della società
che gestisce i servizi postali Deutsche Post AG. A ciò si aggiungono ulteriori compiti
di natura pubblica, fra i quali la gestione contrattuale per l'Ente federale degli incari-
chi speciali relativi all'unificazione e l'Organismo per l'indennizzo delle imprese com-
merciali che trattano titoli di credito (EdW). La maggior parte dei fondi di finanziamen-
to viene rifinanziata nel mercato dei capitali. In Europa il gruppo KfW rappresenta il
quinto maggiore emittente di titoli dopo Germania, Francia, Inghilterra e Italia (tripla A
da parte di tutte le più importanti agenzie di rating). Con riferimento al finanziamento
pubblico dell'innovazione per il tramite di specifici programmi, il gruppo bancario KfW
ha certamente un ruolo di primo piano: gestisce numerosi programmi di finanziamen-
to7, programmi di venture capital e rappresenta un importante intermediario tra il siste-
ma creditizio privato e le necessità di finanziamento dell'innovazione delle imprese.
Nel corso del 2007 l'impegno del gruppo KfW si è fortemente concentrato sul finan-
ziamento di misure a tutela dell'ambiente e dell'efficienza energetica, soprattutto nel
campo delle tecnologie applicate all'edilizia, aree nelle quali la banca opera già da
diversi anni. Il volume dei prestiti per investimenti nel settore dell'uso di energie rinno-
vabili nel 2006 ha superato la quota di 3,7 miliardi di euro, tra i quali sono compresi i
fondi messi a disposizione dell'iniziativa KfW dal titolo “Edilizia, Ambiente, Crescita”;

• il Fondo nazionale di microfinanza per il finanziamento di PMI innovative e microim-


prese. Altra importante linea operativa del KfW, attuata dalla KfW Mittelstandsbank, è
quella del finanziamento delle PMI innovative e delle microimprese, cui è destinato un
pacchetto di misure specifico (“Small SMEs Initiativè). Al suo interno è compresa
anche una linea di finanziamento per la concessione di prestiti di dimensioni ridotte
(“Mikrofinanzfonds Deutschland”, Fondo nazionale di Microfinanza);

• il Fondo di Microfinanza, avviato su iniziativa congiunta e con la partecipazione finan-


ziaria del BMWi, del BMAS, della GLS Bank (principale banca etica-ecologica della
Germania) e del gruppo bancario KfW, ha una dotazione di 2 milioni di euro. Opera
come un fondo di garanzia e copre pienamente, assumendolo su di sé, il rischio con-
nesso alla concessione di microcrediti - non superiori a 10.000 euro e della durata di
circa due anni - concessi da parte di banche a imprese giovani o di nuova creazione;

• la concessione di tali crediti è pertanto intimamente connessa con l'attività di consu-


lenza aziendale erogata per tramite di strutture collegate al Fondo. Tali strutture,
accreditate presso il DMI, l'Istituto tedesco di Microfinanza (Deutsches Mikrofinanz
Institut), e facenti parte della rete di microfinanza tedesca, oltre a dover affiancare le
imprese nella procedura di accreditamento presso il DMI che precede la concessione
dei microcrediti, devono anche partecipare al rischio di mancata restituzione del pre-
stito bancario (assumendo su di sé il 20% della garanzia dei microcrediti proposti);

• i soggetti accreditati presso il DMI operanti a livello regionale nella concessione di


microprestiti sono attualmente 8, ma è previsto in futuro un loro incremento (figg. 2 e
3). Il DMI costituisce il punto di collegamento tra il Fondo nazionale di microfinanza e
le istituzioni di microfinanza regionali (soggetti accreditati presso il DMI).

7
Cfr. di seguito quanto descritto sub “programma Innovazione ERP (ERP- Innovationsprogramm)”.

43
Germania - Innovazione industriale e competitività

Fig. 2 - Principali soggetti coinvolti nel sistema di microcredito del DMI

Microfinance Borrowers
Institution (MFIs)
presently eight MFIs mainly young business
are delivering in their
DMI-Credits in post-strat-up phase:
their respective region: Neighbourhood Services,
Berlin and Brandenburg, Fashion/Design/Handicraft,
Saxony and Bavaria, Hesse, Gastronomy, Craft,
North Rhine-Westphalia, Baden- Retail/Distirbution,
Wurttemberg, Thuringia, et al.
Lower Saxony

offering MFIs:
Training & Consultancy,
Manuals & Tools,
Accreditation body &
Benchmarking for the Fund

Advocates & Fund


Supporters
of MFIs and the DMI fundraising, pooling and
EQUAL/European Social allocation of risk-bearing
Fund, Federal Office for capital, with financial
Building and Regional Planning, support from
Urban Planners, Economic Privat Individuals,
Development Agencies, Federal Ministry of Labour and
Ministries, Banks Social Affairs, Federal Ministry
of Economics and Technology,
GLS Bank, KfW SME Bank

Fonte: DMI - An Introduction, Deutsches Mikrofinanz Institut e.V., 2007

Fig. 3 - Concessione dei microcrediti step-by-step

1 Loan Borrower
appraisal 3 Loan
4 Support
2
Loan
recommendation
Microfinance Bank
Institution

Bonus Commission

Risk sharing Loan loss


Fund coverage

1. Il soggetto accreditato presso il DMI esamina la richiesta di credito.


2. Il soggetto accreditato presso il DMI formula un parere relativo alla richiesta di credito.
3. La Banca stipula un contratto standard con il beneficiario (erogazione del prestito).
4. Il soggetto accreditato presso il DMI sostiene il soggetto beneficiario del microcredito.

Fonte: DMI - An Introduction, Deutsches Mikrofinanz Institut e.V., 2007

44
Innovazione industriale e competitività - Germania

2.2.7 Processo di valutazione delle politiche di innovazione

Le principali misure politiche per l'innovazione e l'insieme delle relative misure di finanzia-
mento di origine federale sono oggetto di attività di valutazione. Nel corso degli ultimi anni,
le valutazioni sia dei risultati, sia dell'impatto stesso delle politiche sono state prevalente-
mente compiute da parte di soggetti esterni. Tali valutazioni sono generalmente tese a esa-
minare l'efficacia e l'efficienza dell'intervento politico e si concentrano su aspetti concettua-
li e organizzativi relativi all'attuazione degli interventi. La crescita del ricorso da parte dei
soggetti pubblici responsabili delle politiche per l'innovazione a strumenti di valutazione è
legato in parte all'esperienza positiva realizzata in altri Paesi e in parte alla consapevolez-
za dell'aumentata attenzione che la società rivolge a quelle politiche.

La valutazione delle iniziative politiche avviene a più livelli. Il più diffuso tipo di valuta-
zione è l'esame della rilevanza, dell'efficienza e dell'efficacia delle singole misure, con-
dotto attraverso dipartimenti di controllo interni all'amministrazione (Ministero o agenzia
di riferimento), attraverso l'Ufficio federale per gli audit (Bundesrechnungshof) o da
entrambi i tipi di strutture.

L'Ufficio è un'autorità federale indipendente ed è articolato in 9 sezioni regionali


(Pruefungsaemter). L'indipendenza e le competenze proprie dell'Ufficio sono sancite
all'art. 114 della Costituzione tedesca.

L'Ufficio presenta annualmente una relazione ad entrambi i rami del Parlamento e al


Governo federale e formula, inoltre, pareri e raccomandazioni su argomenti specifici in
materia di spesa e interventi pubblici.

Già da diversi anni l'Ufficio ha pubblicato un manuale contenente le linee di condotta da


adottare nel caso di outsourcing in materia di tecnologie e servizi ICT, ambiti nei quali
spesso la pubblica amministrazione ravvisa la necessità di ricorrere a consulenze e ad
appalti per l'acquisizione di prestazioni specialistiche. Nel manuale sono specificati sia i
termini da adottare per la redazione degli incarichi affidati a soggetti esterni all'amministra-
zione pubblica, sia i principi di riferimento per la valutazione delle prestazioni erogate.

La maggior parte dei programmi, soprattutto quelli di portata e durata piuttosto ampie, pre-
vedono la realizzazione di meccanismi di monitoraggio che consentono di poterne diretta-
mente controllare i risultati (es. numero delle domande di finanziamento presentate, nume-
ro dei partecipanti all'iniziativa, volume dei finanziamenti concessi e loro distribuzione in
funzione di caratteristiche come tipologia e sede delle imprese agevolate). La qualità delle
valutazioni dipende fortemente dalla metodologia applicata che molto spesso differisce in
modo consistente da caso a caso. Alcuni programmi utilizzano la valutazione come stru-
mento di monitoraggio costante e di revisione delle attività (programma EXIST, programma
INNO REGIO). Altre modalità piuttosto diffuse di valutazione sono quelle di tipo “sistemi-
co”, che prendono contemporaneamente in esame un insieme di politiche e di strumenti di
intervento tra loro correlati, valutandone l'interdipendenza e gli effetti, voluti e non voluti, sui
comportamenti degli attori economici cui sono rivolti. Tra le più importanti valutazioni di que-
sto tipo rientra la valutazione sui programmi del BMWi a sostegno della ricerca, che ha
posto le basi per la recente riforma di tali programmi.

Le valutazioni di tipo ex ante sono invece piuttosto rare in Germania, ma molti dei rappor-
ti e degli studi che, in genere, precedono la concreta realizzazione di nuove misure si sof-
fermano anche sugli aspetti più significativi che solitamente fanno parte delle valutazioni
di tipo ex ante. Tutti i programmi gestiti dal BMWi formano l'oggetto di valutazioni di tipo
ex post, con la sola eccezione dei programmi tematici di R&S, che, al contrario, non sono
automaticamente soggetti a tali valutazioni, sebbene siano previste al loro interno proce-
dure di revisione per la valutazione dell'impatto e dell'efficienza delle misure.

45
Germania - Innovazione industriale e competitività

 Trasparenza delle procedure di valutazione/riesame


I risultati delle valutazioni e degli esami sono in genere resi pubblici, sebbene vi sia un
certo numero di programmi che è andato soggetto unicamente a valutazioni di caratte-
re interno.

In definitiva, i risultati delle attività di valutazione influenzano le decisioni sulla eventua-


le necessità di ridefinire, prolungare o interrompere politiche e programmi e coinvolgo-
no attori politici e amministrazioni in dibattiti che, nella maggior parte, sono di pubblico
dominio.

 La verifica del processo di attuazione della nuova strategia


per l'innovazione
Il Governo federale ha affidato ad un Comitato costituito da rappresentanti del mondo
della ricerca e dell'economia (Forschungsunion Wirtschaft - Wissenschaft - Unione per
la Ricerca tra Economia e Scienza, cfr. infra) il compito di realizzare e sviluppare ulte-
riormente la Hightech Strategie.

Una prima verifica del processo di concreta attuazione della Hightech Strategie è pre-
vista nel corso del 2007. A partire dal 2008 il rapporto sullo stato della ricerca e dell'in-
novazione che il Governo pubblica annualmente8 documenterà anche i progressi e i
risultati della strategia.

2.3 Programmi e modalità d'intervento


2.3.1 La Hightech Strategie

Nei paragrafi precedenti si è già fatto cenno a come, il 23 agosto 2006, con il varo della
“Hightech Strategie”, il Governo federale abbia dato il via ad un processo di sviluppo di
medio-lungo termine che prevede il coinvolgimento di tutti i Ministeri nella realizzazione
del nuovo quadro di riferimento delle politiche per l'innovazione. Nel corso del primo
anno della sua attuazione, la strategia prevede il lancio di un insieme di nuovi program-
mi per la promozione della ricerca in settori chiave come l'energia, le ICT, i trasporti, le
nuove tecnologie per la vita e la medicina e, nel 2008, l'entrata in vigore di una nuova
legge sul private equity. L'elenco delle iniziative che il Governo intende sviluppare nei
primi 12 mesi di vita della strategia è riportato nella figura n° 2. A sostegno del nuovo
orientamento dato dal Governo alla politica di promozione dei progetti di innovazione
(“Projektfoerderung”) sono state create due Piattaforme per l'innovazione, nel cui ambi-
to il BMBF sostiene da vicino il processo di attuazione della strategia.

 I punti chiave della Hightech Strategie - obiettivi istituzionali


Il Governo federale ha fissato obiettivi per diversi campi di azione capaci di generare in
futuro nuova occupazione e di contribuire in modo decisivo alla crescita del Paese. Per
ciascuno degli ambiti a cui è rivolta la politica per l'innovazione e per tutte le iniziative
ad essa indirizzate, il Governo ha definito una tabella di marcia.

Un'analisi SWOT e una valutazione dei costi-benefici condotta preventivamente per cia-
scuno dei campi di azione ha permesso di individuare le aree tematiche nelle quali
agire. Il Governo ha giudicato come prioritaria la promozione della ricerca soprattutto
nel campo della salute e della medicina, della sicurezza e dell'energia.
8
“Bundesbericht Forschung und Innovation”.

46
Innovazione industriale e competitività - Germania

La Hightech Strategie vuole unire le forze del mondo della ricerca e dell'economia, favo-
rendo le collaborazioni e i progetti in comune. Nel quadro della High Tech Strategie
saranno sviluppati nuovi strumenti di incentivazione, tramite i quali sarà possibile valu-
tare la concreta possibilità di sfruttamento industriale (“wirtschaftliche Anwendbarkeit
und Verwertbarkeit”) delle idee e dei risultati della ricerca, senza particolari gravami di
carattere burocratico.

Con la Hightech Strategie il Governo federale ha inteso migliorare le condizioni per la


creazione di imprese high-tech e innovative: l'accesso al mercato per le società di
nuova costituzione viene agevolato; gli imprenditori ricevono un supporto sia nei loro
contatti con il sistema della ricerca, sia nello svolgimento delle attività di R&S per lo svi-
luppo di nuovi prodotti; la politica di incentivazione per le PMI viene resa più semplice.
Il contesto generale in cui le imprese operano viene inoltre migliorato attraverso misu-
re di riforma del sistema fiscale per le imprese, nonché delle condizioni di accesso al
credito per il finanziamento di progetti di ricerca.

Fig. 4 - Pianificazione delle attività nell'ambito della strategia per l'innovazione nel periodo 2007-2008

Premio per la Ricerca “Forschun gspraemie” (2007)

Programma di Governo per l’Energia (2007)

Premio di Ricerca nel settore Trasporti (2007)

Premio di Ricerca nel settore della Salute (2007)

Inizio Competizione tra Cluster (2007)

Programma di Ricerca “IKT” 2020” (Marzo 2007)

Legge sul Private Equity (dal 2007)

2007 2008

Fonte: The High-Tech Strategy for Germany, Bundesminsterium für Bildung und Forschung (BMBF), 2006

 Articolazione della Hightech Strategie


La Hightech Strategie può essere considerata come un sorta di “programma ombrello”,
sotto al quale si collocano un complesso e diversificato insieme di interventi e iniziative
per la competitività industriale e il rafforzamento della ricerca applicata a tecnologie di
frontiera, innovative o comunque afferenti a settori d'importanza fondamentale per il
sistema produttivo tedesco.

Tali interventi sono riconducibili alle seguenti 17 aree tecnologico-produttive di punta o


- adottando la terminologia del programma - “high-tech”: nanotecnologie, biotecnologie,

47
Germania - Innovazione industriale e competitività

microsistemi, tecnologie ottiche, tecnologie dei materiali, tecnologie marittime, ICT, tec-
nologie per l'energia, tecnologie per l'ambiente, tecnologie aerospaziali e per l'aeronau-
tica, tecnologie mediche e per la ricerca sulla salute, impiantistica, tecnologie di produ-
zione, per i trasporti, per la sicurezza e per i servizi.

La strategia prevede inoltre tre linee di azione a carattere orizzontale volte al rafforza-
mento dei legami tra scienza e industria (Clusterwettbewerb), al miglioramento delle
condizioni per le PMI innovative (PRO INNO, NEMO, INNOWATT) e al sostegno delle
start up tecnologiche (High Tech Gründerfonds, EXIST).

Una novità della Strategia High Tech è rappresentata dal forte orientamento della ricer-
ca verso i cosiddetti “Progetti Faro”, progetti relativi a tecnologie che assumeranno in
futuro un ruolo di primo piano e che determineranno le relazioni economiche all'interno
dei mercati di domani. Il Governo tedesco ha dichiarato che investirà, ad esempio, in
moderne tecnologie per le centrali elettriche o in nuovi sistemi satellitari per l'osserva-
zione di fenomeni terrestri o per le comunicazioni. I mezzi finanziari a disposizione per
i programmi tematici di Ricerca e Sviluppo del BMWi aumenteranno dai circa 1,15
miliardi di euro del 2005 fino ad 1,45 miliardi di euro nel 2009.

Tra le diverse iniziative che saranno sviluppate nel quadro della strategia analizzata
rientra anche il lancio - previsto nel 2007 - di una vera e propria competizione a tema
libero tra cluster di imprese di eccellenza (“Clusterwettbewerb”), ideata per aiutare le
imprese a definire meglio il proprio profilo e a trasformarsi in punti di attrazione a livel-
lo internazionale. L'intenzione è quella di favorire l'apertura di nuovi mercati per tecno-
logie sviluppate in Germania e, insieme, di riuscire ad attrarre un maggior numero di
investimenti diretti esteri in attività di R&S all'interno dei propri confini.

Fig. 5 - Politica di sostegno allo sviluppo di cluster d'imprese di eccellenza

Diagram 1: The German government’s Cluster Strategy

Cutting-
edge
cluster
competition

Measures to foster teh


development of clusters
in individual fields of technology

Region-specific measures to foster the


development of clusters
(Measures for Germany’s eastern Länder)

Measures to foster
non-technology-specific collaboration

Exchange Between Industry and Research competition

Fonte: BMWi, 2006

48
Innovazione industriale e competitività - Germania

Anche la promozione delle PMI innovative fa parte delle priorità verso cui è indirizzata
la strategia d'intervento. I mezzi messi a disposizione dal Governo per sostenere le atti-
vità di R&S delle PMI subiranno un incremento del 40% nel periodo 2007-2009, fino a
raggiungere un ammontare di 850 milioni di euro. Il finanziamento di progetti di ricerca
attraverso banche o investitori industriali sarà reso più semplice e le condizioni per l'ac-
cesso al capitale di rischio saranno migliorate.

2.3.2 Attuazione dei programmi di innovazione compresi


nella Hightech Strategie

Il sistema di promozione dell'innovazione in Germania si differenza da quello di altri


paesi per le modalità attraverso le quali vengono attuati i programmi per la ricerca e l'in-
novazione. A livello di Governo centrale e dei Länder, le agenzie di Governo provvedo-
no alla definizione degli obiettivi delle politiche, al disegno delle strategie e alla coeren-
za delle misure, mentre l'attuazione e l'amministrazione dei programmi sono di compe-
tenza di una serie di istituzioni specializzate di natura pubblica, semi-pubblica o priva-
ta, denominate “Projektträger”, ovvero organismi di gestione dei programmi.

Tali organismi sono autorizzati, dal Governo centrale o dai Länder, a farsi carico delle
questioni di ordine burocratico e amministrativo connesse alla concreta attuazione delle
politiche, ivi incluse la valutazione delle domande di ammissione agli strumenti di age-
volazione e agli incentivi previsti dai vari programmi e l'istruttoria delle decisioni di finan-
ziamento. Numerosi organismi sono anche attivamente coinvolti nella revisione e nello
sviluppo delle misure.

Il Governo federale tedesco intende continuare nella sua opera di sviluppo di strategie
di innovazione di tipo settoriale tramite un dialogo e un confronto aperto con la comuni-
tà scientifica e il sistema dell'industria privata.

L' “Unione per la Ricerca tra Scienza ed Economia”, partnership di recente creazione
del Governo federale, è incaricata di portare avanti proprio questo tipo di compito.
Queste misure, specificatamente orientate allo sviluppo delle tecnologie, andranno a
sommarsi alle attività del Governo non prettamente orientate alle tecnologie (non-tech-
nology-specific activities), come i programmi di finanziamento per le PMI per attività
“cross-technology”, il programma per l'innovazione ambientale del Ministero per
l'Ambiente, il fondo per lo start up di imprese high tech e i programmi per le PMI di com-
petenza del Ministero dell'Economia e della Tecnologia.

 High Tech Gruenderfonds


Il Fondo per lo start up di imprese innovative altamente tecnologiche è uno dei nuovi
programmi introdotti con la strategia per l'innovazione del Governo federale. In realtà la
misura ha visto la luce nell'agosto del 2005, prima ancora del varo della strategia, ed è
stata successivamente inserita tra le misure di carattere orizzontale per il sostegno alle
start up tecnologiche (tav. 2).

Il Fondo offre infatti finanziamenti di venture capital per la creazione di star-up tecnolo-
giche nella fasi di seed financing e di vero e proprio avviamento. La misura è diretta in
via principale a spin off provenienti da organismi di ricerca pubblici e Università, ma
anche a spin off privati, nel tentativo di contrastare il forte ridimensionamento del nume-
ro di imprese high tech di nuova creazione osservato nel corso degli ultimi anni (i dati
registrano infatti un calo del 50% nel periodo 1996-2006). Per questo, nell'ambito della
Hightech Strategie, il Governo federale investirà oltre 200 milioni euro in misure di
sostegno alla creazione di nuove imprese high-tech.

49
Germania - Innovazione industriale e competitività

A partire dal suo lancio, il Fondo ha già sostenuto la creazione di 70 imprese, superan-
do il ruolo giocato dal settore privato attraverso le proprie partecipazioni.

Tramite la combinazione di varie forme di sostegno finanziario, di partecipazione al


capitale e di prestiti senza garanzie (che, in caso di insolvenza dell'impresa, possono
essere riscossi solo successivamente all'avvenuta soddisfazione di tutti gli altri credito-
ri), in un primo round di finanziamento possono essere erogati ai fondatori di nuove
imprese tecnologiche contributi fino a mezzo milione di euro.

Il fondo ha una dotazione di base di 262 milioni di euro, di cui 240 milioni di euro finan-
ziati con risorse del Governo federale, 11 milioni di euro derivanti dal gruppo bancario
KfW e altri 11 milioni di euro provenienti dal settore privato (Siemens, BASF, Deutsche
Telekom).

Una società di gestione del programma (High Tech Gründerfonds Management GmbH)
si occupa di esaminare e valutare le candidature e provvede a finanziare le nuove
imprese high-tech. Attraverso il fondo, il Governo si prefigge l'obiettivo di finanziare nel-
l'arco dei prossimi anni la costituzione di circa 300 imprese, con una media annua di 60-
80 nuove imprese ad alto livello tecnologico, dal 2008 in poi.

 Collegamento con altre iniziative e ulteriori sviluppi del programma


Attraverso la collaborazione con nuovi partner industriali e con il gruppo bancario KfW,
il BMWi amplierà ulteriormente i fondi di venture capital disponibili nell'ambito dell'High
Tech Gruenderfonds. L'obiettivo è di realizzare una base stabile per partnership strate-
giche tra start up tecnologiche e aziende attive nel settore delle nuove tecnologie sin
dalle prime fasi. I Fondi di seed capital saranno inoltre uniti alle misure precedenti le
start up di Università e istituti di ricerca ed ai programmi di finanziamento del Governo
destinati alle start up.

Il Fondo per lo start up di imprese innovative sarà affiancato dal Fondo (Start Fund) pre-
visto nell'ambito del programma ERP e dal Fondo di investimento ERP/EIF (European
Investment Fund), i quali contribuiscono largamente alla mobilitazione delle risorse di
venture capital private.

Per migliorare il “clima di fiducia” con cui vengono percepite le operazioni di start up
nelle Università e nei centri di ricerca extra-universitari della Germania, il BMWi conti-
nuerà a finanziare il programma EXIST, introducendo anche alcune rilevanti novità, tra
le quali l'estensione della sua operatività a tutto il territorio nazionale. Il programma
EXIST per le start up universitarie finanzierà progetti tesi a sviluppare ulteriormente la
cultura imprenditoriale nel settore scientifico e, direttamente, a stimolare le attività di
start up all'interno delle Università e degli istituti di ricerca.

Inoltre, il BMWi ha in programma di sviluppare nuovi strumenti per il sostegno degli spin
off, avviando a tal fine un'intensa collaborazione con istituti di ricerca estranei al siste-
ma universitario.

Il gruppo bancario KfW ha infine avviato una collaborazione con il Governo federale e
con diversi partners industriali e scientifici per sviluppare - sul modello dei fondi regio-
nali per il trasferimento tecnologico - un fondo per il finanziamento di spin off di ricerca
rivolto principalmente ai Länder orientali.

50
Innovazione industriale e competitività - Germania

2.3.3 Programma Quadro iD2010

Su mandato del Governo federale, il Ministro per l'Economia e la Tecnologia ha sviluppato


un programma quadro di azione intitolato Information Society Germany 2010 (iD2010).

Elementi centrali del programma sono la modernizzazione dei parametri legali e tecno-
logici esistenti, l'integrazione di pubblica amministrazione, commercio, industria e citta-
dini nella società dell'informazione, il miglioramento della sicurezza delle ICT, i finanzia-
menti mirati per attività di R&S e di mercato sempre legate alle ICT.

Il programma iD2010 collega all'interno di un'unica strategia programmatica aspetti


importanti delle politiche per l'innovazione e la concorrenza, con elementi propri sia
della modernizzazione della pubblica amministrazione che con aspetti connessi ad una
maggior dimestichezza dei cittadini con l'ICT. Allo stesso tempo, il programma risponde
al nuovo obiettivo della strategia di Lisbona volto alla realizzazione nell'UE di una socie-
tà in cui la dimestichezza con le nuove tecnologie della conoscenza e dell'informazione
sia sempre più ampia e radicata, premessa per riuscire ad aumentare i livelli di occupa-
zione e di partecipazione al mercato del lavoro.

Le ICT rappresentano un punto chiave della nuova politica integrata per l'innovazione
del Governo federale. Il programma iD2010 parte dalla Hightech Strategie e sviluppa i
fondamenti di quest'ultima in un ambito di intervento politico che, nel futuro, andrà sem-
pre più assumendo un'importanza trasversale per l'economia e la società.

I quattro campi di intervento strategici del programma iD2010 sono rappresentati dal:

• miglioramento delle condizioni quadro (tecniche e legali), per permettere lo svolgi-


mento e la fruizione di servizi basati su soluzioni tecnologiche convergenti;

• velocizzazione dell'integrazione della Pubblica Amministrazione e dei cittadini nella


società dell'informazione: i servizi on-line devono essere ulteriormente sviluppati e dif-
fusi su tutto il territorio nazionale;

• maggior sicurezza degli strumenti e meccanismi propri della società dell'informazione;

• sviluppo del potenziale di innovazione attraverso la ricerca nel campo delle ICT e raf-
forzamento degli investimenti, materiali e immateriali, in ICT.

 Il programma “IKT 2020 - Ricerca per l'innovazione”


Nell'ambito del programma quadro “iD2010 - Informationsgesellschaft Deutschland
2010”, il programma “IKT 2020 - Ricerca per l'innovazione” costituisce la linea di inter-
vento dedicata all'accrescimento del potenziale di innovazione delle imprese attraverso
la promozione della ricerca e l'aumento degli investimenti nelle ICT.

Il programma IKT 2020 rappresenta, in particolare, il contributo del Ministero per


l'Istruzione e la Ricerca (BMBF) all'attuazione della Hightech Strategie e, nell'ambito del
programma iD2010, alla linea di intervento denominata “promozione della ricerca”
(Forschungsfoerderung). Il BMBF, in collaborazione con i principali attori del sistema
della ricerca e dell'industria, sta attualmente sviluppando nel dettaglio il contenuto del
nuovo programma IKT 2020 per il finanziamento della ricerca nelle ICT.

Obiettivo del programma è quello di estendere la ricerca cooperativa nel campo delle
ICT, migliorando lo sfruttamento dei risultati della ricerca in Germania e, al contempo,
assicurando che i finanziamenti dei progetti e le attività di ricerca sulle ICT condotte a
livello istituzionale siano tra loro coerenti.

51
Germania - Innovazione industriale e competitività

Affinché sia possibile perseguire strategie di lungo termine e dare stabilità e concretez-
za alle aspettative di sviluppo delle tecnologie oggetto di ricerca, la durata del program-
ma dovrebbe essere di almeno 10 anni.

Il Governo prevede anche di estendere il programma IKT 2020 ad un numero di sog-


getti beneficiari più ampio di quello raggiunto in passato da parte di iniziative analoghe.

Ciò dovrebbe permettere di rispondere in maniera più efficace alla costante evoluzione
delle tecnologie e di avere un maggior grado di flessibilità nell'adattare il programma a
tali cambiamenti. All'interno dei singoli progetti di ricerca, nel caso specifico, saranno
formulate e aggiornate costantemente le linee di ricerca strategiche, in modo che i
finanziamenti per la ricerca siano sempre orientati al raggiungimento di obiettivi dimo-
strabili.

 Orientamento strategico e strumenti di attuazione


La promozione della ricerca da parte del BMBF e del BMWi viene indirizzata verso
campi di applicazione e segmenti dell'industria strategici, al cui interno le innovazioni
sono per la maggior parte trainate dalle tecnologie dell'informazione delle telecomuni-
cazioni.

Accanto al settore specifico delle ICT, ne sono parte quello automobilistico, dei macchi-
nari, della medicina, della logistica e dell'energia. Base fondamentale delle innovazioni
in questi settori sono i risultati dell'attività di Ricerca e Sviluppo applicata al campo delle
tecnologie di base, dell'elettronica, dei microsistemi, del software, delle nuove cono-
scenze, della comunicazione e delle reti.

La promozione delle ICT viene condotta lungo tre principali linee strategiche di ricerca
e sviluppo: “ICT nei sistemi complessi” (es. “Embedded Systems“); “nuovi processi di
mercato e tecniche di produzione” e “Internet per prodotti e servizi“.

Attraverso il programma, il Governo ha intenzione di “costruire ponti tra tecnologie e


campi di applicazione, affinché dai risultati della ricerca emergano anche successi in
termini economici”. Ciò significa stringere vere e proprie alleanze e partnership per l'in-
novazione tra i gruppi interessati, in particolare afferenti al sistema della ricerca, dell'e-
conomia reale e della politica.

Da un lato ciò comporta la creazione di forme di cooperazione fortemente verticali


(innovazioni guida), orientate verso specifici campi di applicazione e alle quali i settori
tecnologici coinvolti partecipano in veste di promotori.

Dall'altro lato, possono costituirsi forme di cooperazione fortemente orizzontali (“unioni


tecnologiche”), che perseguono degli obiettivi tecnologici prefissati congiuntamente sul
piano scientifico ed economico, così come delle piattaforme di servizi.

All'interno della Hightech Strategie si tiene conto, inoltre, della necessità di una maggio-
re partecipazione delle PMI all'innovazione e, a tal fine, nel quadro del vecchio program-
ma “IT-Forschung 2006“ viene rinnovata e resa più efficace la misura per la ricerca
denominata “Software Engineering 2006” (semplificazione delle procedure, costituzio-
ne di un'unità centrale di assistenza, riduzione dei tempi intercorrenti tra la presentazio-
ne delle domande e la relativa decisione/messa a disposizione dei mezzi).

52
Innovazione industriale e competitività - Germania

 Modalità di attuazione del programma


Viene data priorità alla promozione di progetti di ricerca svolti in partnership tra industria
ed enti di ricerca e relativi alla catena della creazione del valore e dell'innovazione, o
meglio a progetti di ricerca guidati dall'industria (nati cioè su iniziativa e stimolo del set-
tore privato), all'interno dei quali vengono inseriti in modo mirato enti e organismi di
ricerca universitari ed extra-universitari.

La promozione di progetti condotti in autonomia, così come il sostegno a progetti svi-


luppati attraverso partnership che coinvolgono unicamente enti di ricerca, rappresenta
un'eccezione. Sia imprese private (con sede sociale e sede principale delle loro attività
di R&S in Germania), sia Istituti superiori, enti e organismi di ricerca coinvolti in attività
così detti di “Big Science” e altri organismi che si occupano di R&S possono beneficia-
re del programma. Il coinvolgimento delle PMI è fortemente auspicato.

Gli ambiti di ricerca e i singoli temi ritenuti di interesse prioritario per il programma sono
resi pubblici attraverso la Gazzetta Ufficiale (Bundesanzeiger) e le pagine Internet delle
Istituzioni preposte all'attuazione delle misure. Attraverso la loro pubblicazione vengo-
no altresì fissate le modalità di accesso alle misure di sostegno e la relativa regolamen-
tazione (“Fàrderregularien”).

Nella fase istruttoria il BMBF è affiancato da esperti indipendenti, appartenenti al mondo


scientifico e industriale. La decisione relativa all'ammissibilità alle misure di sostegno è
di competenza del BMBF.

Su incarico del BMBF e dell BMWi, soggetti specializzati (Projektträger) si occupano


della gestione e della cura di tutti gli aspetti amministrativi e di merito relativi ai proget-
ti di Ricerca e Sviluppo ammessi ai benefici del programma. I Projektträger forniscono
ai candidati assistenza e consulenza nella fase di presentazione e nell'intero corso di
svolgimento dei progetti, fino al termine delle attività progettuali.

 Finanziamenti per il programma IKT 2020


Sulla base dell'attuale previsione finanziaria, per l'attuazione del programma IKT 2020
il Governo ha previsto uno stanziamento annuale di circa 300 milioni di euro dal 2007
al 2011. A questi si aggiungono in media circa 80 milioni di euro del BMWi destinati alla
promozione delle ICT.

Tab.1: Stanziamenti annuali del BMBF e del BMWi per la promozione di progetti nel campo delle ICT (in milioni di euro)

IKT-Projektfàrderung des BMBF (Forshung; Haushaltsplanung)


Titel 2007 2008 2009 2010 2011 Summe
Verne
etzte Welt,
Nanoe
elektronil,
Softwaresysteme, 287,0 292,0 293,0 299,3 308,3 1.479,6
Mikrossystemtechnik

IKT-Projektfàrderung des BMWi (Forshung; Haushaltsplanung)


Titel 2007 2008 2009 2010 2011 Summe
Multim
media,
These
eus,
IKT-Anwendungen 60,8 71,2 87,0 87,5 73,0 379,5

Fonte: IKT 2020 Forschung für Innovationen, Bundesministerium für Bildung und Forschung (BMBF), Bonn, Berlin 2007

53
Germania - Innovazione industriale e competitività

Tab. 2 - BMBF: sostegno istituzionale alle ICT e spesa totale per la ricerca nel settore ICT

IKT-Institutionelle Fàrderung des BMBF im Zeitraum 2007-2011 (Plan- und Schätzwerte)


MPG 120
FhG 750
WGL 190
HGF 420
DFG 260
1.740

Gesamtmittel des BMBF im Bereich IKT-Forschung


Summe
IKT-Projektfàrderung 1.480
IKT-Institutionelle
Fàrderung g 1.740
3.220

Fonte: IKT 2020 Forschung für Innovationen, Bundesministerium für Bildung und Forschung (BMBF), Bonn, Berlin 2007
7

2.3.4 Iniziative di sostegno alle PMI

 Le linee di finanziamento
L'insieme delle iniziative di sostegno alle PMI ha per obiettivo lo sviluppo tecnologico
delle imprese, la formazione e l'aggiornamento professionale, nonché lo sviluppo e il
consolidamento di strutture di sostegno e consulenza sul territorio nazionale, ed è arti-
colato in 3 linee di finanziamento (Fàrderlinien) indipendenti:

• il Fàrderlinie “Innovation” (Programma di sostegno all'innovazione) è rivolto alle nuove


imprese operanti in settori ad alta tecnologia e offre possibilità di finanziamento per lo
sviluppo ed il lancio sul mercato di nuovi prodotti, procedimenti o servizi;

• il Fàrderlinie “Forschungskooperation” (Programma di sostegno alla “cooperazione


nell'attività di ricerca”) è diretto a promuovere lo scambio di conoscenze e personale
tra imprese e centri di ricerca e a favorire lo sviluppo di nuove conoscenze all'interno
degli istituti di ricerca. Il finanziamento avviene mediante contributi;

• il Fàrderlinie “Technologische Beratung” (Programma di sostegno alla “consulenza


tecnologica”) promuove la diffusione e l'uso delle nuove tecnologie. Rientrano in que-
sto programma anche i “centri di competenza regionali”, costituiti per promuovere l'e-
commerce nelle imprese. Ad oggi i centri esistenti sono 24, sono promossi dal
Ministero federale per l'economia (BMWA) e sono istituiti presso Camere di
Commercio, Camere per l'Artigianato, Associazioni imprenditoriali o enti preposti
all'interscambio tecnologico.

 PRO INNO, “programma per la competenza nell'innovazione tra le PMI”


A partire dal 2004, nell'ambito dell'iniziativa, la Germania concede un bonus di promo-
zione speciale alla cooperazione transnazionale al fine di incentivare le PMI a parteci-
pare a reti internazionali di ricerca. PRO INNO appoggia le PMI che svolgono program-
mi di cooperazione nazionale ed internazionale tra di loro o con istituti di ricerca, non-

54
Innovazione industriale e competitività - Germania

ché le imprese che intendono iniziare o riprendere la realizzazione di attività di ricerca


e sviluppo industriale.

 Il Programma INNONET, “promozione di reti innovative”


Il programma finanzia progetti promossi da almeno due centri di ricerca e da un mini-
mo di quattro piccole o medie imprese. I progetti devono tendere allo sviluppo di pro-
dotti tecnologicamente sofisticati, processi e servizi. In media, circa dieci soci prove-
nienti da varie branche delle tecnologie partecipano a questi progetti.

 Programma INNO WATT


Esclusivamente per Berlino e per i Länder dell'ex Germania orientale sono previsti alcu-
ni programmi federali con condizioni e/o finalità specifiche territoriali. L'obiettivo del pro-
gramma INNO WATT (avviato nel 2004) è il sostegno allo sviluppo di nuovi prodotti/pro-
cessi, dalla fase di ricerca iniziale fino alla fase applicativa. Le condizioni per l'otteni-
mento dei fondi impongono che:

• la ricerca sia condotta a Berlino o in uno dei nuovi Länder federali;

• i potenziali risultati lascino prevedere un approdo celere e conforme alle aspettative


del mercato;

• ai destinatari dei programmi (prevalentemente PMI, sebbene siano ammesse anche


aziende le cui dimensioni e capacità superino eventualmente i parametri della defini-
zione comunitaria di piccola e media impresa) si aggiungano anche centri di ricerca
pubblici che abbiano almeno il 20% del proprio personale impegnato in attività di
Ricerca e Sviluppo. In questo ultimo caso, la sovvenzione arriva a coprire fino al 70%
dei costi, mentre per le imprese è previsto un limite massimo del 45%. In ogni modo,
il finanziamento non può eccedere la somma di 350 mila euro.

 Programma Innovazione ERP (ERP- Innovationsprogramm)


Nel 1996 è stato istituito con validità su tutto il territorio federale il Programma
Innovazione (ERP- Innovationsprogramm) che, tramite la KfW Mittelstandsbank, offre
alle PMI:

• finanziamenti a lungo termine per attività di R&S eseguite in Germania;

• finanziamenti per l'introduzione sul mercato dei risultati della ricerca.

Il programma mira a sostenere la ricerca su nuovi prodotti, processi o servizi che abbia-
no caratteristiche di prossimità al mercato, senza porre limiti agli ambiti tecnologici di
riferimento.

La KfW Mittelstandsbank concede crediti esclusivamente attraverso Istituti di Credito, è


dunque necessario fare richiesta presso una banca di fiducia. Sarà questa ultima a defini-
re poi con il cliente le condizioni e le garanzie necessarie. Gli Istituti di Credito possono
essere parzialmente esentati dai rischi connessi al credito tramite l'intervento della KfW.

55
Germania - Innovazione industriale e competitività

 Il progetto INSTI
Promosso nel 1995 dal BMBF, ha l'obiettivo di creare un ambiente favorevole per gli
inventori e l'innovazione, di migliorare il trasferimento dei risultati della ricerca e di svi-
lupparli realizzando prodotti commercializzabili. Il principale obiettivo è quello di incre-
mentare l'utilizzo del sistema dei brevetti e dei database tecnico-scientifici.

Il progetto INSTI si articola in 6 azioni, di cui 3 si focalizzano sulle PMI. Tra queste, la
SME Patent Action ha l'obiettivo di fornire assistenza alle PMI del settore manifatturie-
ro e agricolo che intendano brevettare un'invenzione. Il supporto si esplica attraverso
un contributo finanziario che può raggiungere fino al 50% delle spese - per un massi-
mo di 8.000 Euro - in cui l'impresa incorre per effettuare ricerche sullo stato dell'arte,
per l'analisi costi/benefici, per la consulenza legale e le tasse legate alla brevettazione
all'estero. Il BMBF promuove inoltre i network regionali di innovazione e stimola il tra-
sferimento tecnologico tra scienza ed industria, sostiene gli spin off della ricerca e
coadiuva le PMI nelle questioni variamente connesse alla commercializzazione ed alla
proprietà intellettuale.

2.3.5 La dotazione finanziaria della nuova strategia per l'innovazione

Per finanziare lo sviluppo di tecnologie all'avanguardia e l'introduzione di misure a


carattere orizzontale, il Governo federale ha deciso di investire circa 14,6 Miliardi di
Euro nel triennio 2006-2009.

Circa 12 miliardi di euro saranno destinati alla ricerca e alla diffusione di nuove tecno-
logie in 17 settori high-tech, mentre 2,7 miliardi di euro andranno a finanziare importan-
ti misure a carattere orizzontale tese alla riduzione dei divari tecnologici.

La spesa per la ricerca di base effettuata a livello istituzionale, nonché quella effettua-
ta per finanziare l' “iniziativa per la ricerca e l'innovazione” (Joint Initiative for Research
and Innovation) ammonterà in totale a 14 miliardi di euro.

Il processo di attuazione e l'organizzazione della strategia di innovazione sono affidati


all'insieme di tutti coloro che operano per l'innovazione nel campo dell'industria, della
scienza e della politica. Attraverso questo investimento il Governo federale fornisce il
suo contributo al raggiungimento dell'obiettivo del 3% del PIL in spesa per R&S. I
Länder e il sistema privato sono chiamati a fornire un contributo altrettanto importante
nel quadro della nuova strategia di innovazione.

56
Innovazione industriale e competitività - Germania

Tab. 3 - Finanziamenti per settori e ambiti di intervento della Hightech Strategie

Fundiing for the High-Tech Strategy 2006-2009 (millions of euro)

17 Hig
gh-tech sectors 11,940

Nanottechnologies 640
Biotechnology 430
Microosystem technology 220
Optic
cal technologies 310
Materrials technologies 420
Space e technologies 3.650
Inform
mation and communications technologies 1.180
Produuction technologies 250
Energgy technologies 2.000
Enviromental technologies 420
Autommotive and traffic technologies 770
Aviatiion and aeronautical technologies 270
Maritiime technologies 150
Healthh research and medical technology 800
Plantss 300
Securrity research 80
Servicces 50

Cross
s-technology measures (selection) 2.660

Bundle the forces of science and industry:


Reseaarch grants, cluster competition,
Exchaanges Between Science and Industry competition,
Entrep
preneurial Regions, Science Meets Industry competition 600
Impro
ove conditions for innovative SMEs:
Non-th
hematic innovation funding for SMEs
(PRO INNO, IGF, INNO-WATT, Innonet, NEMO,
ERP innovation programme) 1.840
Suppoort technology start ups:
High-T
Tech Gründerfonds seed fund,
The EXIST University-Based Start ups programme,
Best practice models in non-university research organisations 220
For information:
Funding for institutional research/
Joint initiative for Research and Innovation 14.000
Due too statistical constraints, funding for institutional
research can be broken down by individual high-tech
sectorr only in a few cases

Fonte: BMWi, 2006

2.4 Articolazione della programmazione


La tavola che segue illustra l'articolazione della programmazione nazionale in materia
di innovazione industriale e competitività.

Rappresenta un momento di sintesi dei programmi governativi posti in essere dalla


Germania ed ha l'obiettivo di mettere in risalto la loro base normativa e l'articolazione
delle matrici di sviluppo.

57
Germania - Innovazione industriale e competitività

Tav. 3 - Articolazione della Programmazione

Programmazione nazionale

Strategia del Governo federale (Bundesregierung)


per il trasferimento e la diffusione dei risultati HIGHTECH STRATEGIE -
della ricerca - politica industriale - politica per
l'innovazione e il trasferimento di tecnologia Programma strategico per l'innovazione
tramite lo sviluppo di "application oriented e la ricerca del Governo federale
projects" nella cui realizzazione sono coinvolti
mondo della ricerca e industria

Stanziamenti 14,6 Miliardi di Euro


Durata 2006 -2009
Azioni orizzontali 3 azioni orizzontali (2,660 MLD Euro)
Azioni settoriali 17 settori high tech (11,940 Mld Euro)
Tra le 17 azioni settoriali/orizzontali
si evidenziano a titolo esemplificativo: Tecnologie per l'Energia
(2 MLD Euro) - progetto faro COORETEC*
PROGRAMMA ID2010
Sviluppo dell'utilizzo e diffusione delle TIC
PROGRAMMA IKT 2020
(3,650 MLD Euro) per il sostegno della ricerca nel campo delle
tecnologie dell'informazione
HIGH TECH GRUENDERFONDS
(262 Milioni di euro) - fondo per il finanziamento
della costituzione di nuove imprese high tech
Attuazione Projekttraeger
Rendicontazione/verifica Prima relazione del Governo sullo stato di attuazione
del programma strategico prevista alla fine del 2007 -
Dal 2008 in poi è previsto l'inserimento della relazione
sullo stato di attuazione della strategia all'interno
del rapporto sullo stato della ricerca e dell'innovazione
che il Governo presenta annualmente
Programmazione regionale (Länder) Partecipazione attiva e finanziamento dei governi
dei Länder delle iniziative settoriali previste
nel quadro della High Tech Strategie
Programma d'azione del Governo federale
per l'unificazione delle misure programmatiche
nel campo delle ICT e dei nuovi media iD2010
Programma del BMBF di sostegno alla ricerca
per l'attuazione dell'azione settoriale nel campo Programma IKT 2020
dell'innovazione delle ICT nell'ambito della HTS "Information Kommunikation Technologien 2020"
Si tratta di un programma "aperto": il quadro tematico
delle attività di ricerca finanziabili è stabilito per un periodo di
5 anni, trascorso il quale - sulla base dell'evoluzione delle
nuove tecnologie - sarà definito il quadro tematico
per i successivi 5 anni. L'elencazione dei temi
non è comunque definita in via esaustiva a priori.
Si completa/integra con le azioni del programma iD2010 per
quanto riguarda alti interventi e provvedimenti del Governo
federale nel campo delle ICT.
Durata 2007 - 2017
Stanziamenti
(per ciascuna annualità nel periodo 2007 -2011) 300 M EURO
Stanziamenti specifici del BMWi
per ciascuna annualità 80 M EURO
Attuazione 3 strumenti: - Innovazione-guida (Leitinnovation), Partnership
tecnologiche (Technologieverbuende) e Piattaforme di servizi
(Diensteplatformen) ai quali si aggiunge uno strumento
specifico per l'innovazione nelle PMI (KMU Innovationsoffensive)

Fonte: elaborazioni IPI su fonti diverse, 2007

58
Innovazione industriale e competitività - Germania

2.5 Acronimi e abbreviazioni

Acronimi e abbreviazioni Descrizione - Tedesco/italiano

AiF Arbeitsgemeinschaft industrieller Forschungsvereinigungen


"Otto von Guericke" e. V. - Federazione delle Associazioni di
Ricerca Industriale Cooperativa "Otto von Guericke"
BAM Bundesanstalt für Materialforschung - Ufficio Federale per la
Ricerca e l'Esame sui Materiali
BLK Bund-Länder-Kommission für Bildungsplanung und
Forschungsfàrderung -- Commissione congiunta per la
Programmazione dell'Istruzione e la Promozione della Ricerca
BMWii Bundesministerium für Wirtschaft und Technologie - Ministero per
l'Economia e la Tecnologia
BMBF
F Bundesministerium für Bildung und Forschung - Ministero per
l'Istruzione e la Ricerca
BMAS
S Bundesministerium für Arbeit und Soziales - Ministero del Lavoro e
degli Affari sociali
BMF Bundesministerium der Finanzen / Ministero delle Finanze
BMU Bundesministerium für Umwelt, Naturschutz und Reaktorsicherheit -
Ministero per l'Ambiente, la Protezione della Natura e la Sicurezza
Nucleare
BMEL
LV Bundesministerium für Ernährung, Landwirtschaft und
Verbraucherschutz - Ministero per l'Alimentazione, l'Agricoltura e la
Protezione dei Consumatori
HGF Hermann von Helmholtz-Gemeinschaft Deutscher
Forschungszentren e. V. - Associazione dei Centri di Ricerca
tedeschi Hermann von Helmholtz
HTS High Tech-Strategie - Strategia per l'Innovazione del Governo federale
INNOMAN Innovation Management Funding programme - Programma
per il finanziamento della gestione innovativa
INNONet Funding for Innovative Networks programme - Programma per il
finanziamento di reti innovative
INNO-WATT Funding for Innovative Growth Drivers programme - Programma
per il finanziamento di fattori di crescita innovativi
iD2010 Informationsgesellschaft Deutschland 2010 - Programma /federale
sulla Società dell'Informazione
IGF Industrielle Gemeinschaftsforschung - Ricerca industriale
cooperativa per le PMI
IKT Information- und Kommunicationstechnologien - Tecnologie
dell'Informazione e della Comunicazione
IT Information technology
KfW Kreditanstalt für Wiederaufbau - Banca per la ricostruzione
e lo sviluppo
EdW Entschaedingungseinrichtung der Wertpapierhandelsunternehmen -
Organismo per l'indennizzo delle imprese commerciali che trattano
titoli di credito
EXIST
T Existenzgründungen aus der Wissenschaft - Programma per il
sostegno alla creazione di imprese tramite spin off universitarie e
derivanti dal sistema della ricerca
FhG Fraunhofer-Gesellschaft zur Fàrderung der angewandten
Forschung e. V. - Società per la Promozione della Ricerca Applicata
“Fraunhofer”
MPG Max-Planck-Gesellschaft - organizzazione indipendente per la ricerca,
fondata nel 1948, svolge attività di ricerca multidisciplinare attraverso la
propria rete di istituti, che affianca e integra quella dei centri di ricerca
universitari e di altri organismi di ricerca operanti a livello nazionale sui
più importanti e nuovi temi della ricerca
Projekktträger Organismo incaricato della gestione di un programma,
letteralmente “portatore/depositario” ad es. di un incarico/una
missione per conto del Governo o di altri soggetti istituzionali
WGL Wissenschaftsgemeinschaft Gottfried Wilhelm Leibniz -società per
la ricerca intitolata a Gottfried Wilhelm Leibniz che al 2006 com
prendeva 84 istituti extrauniversitari di ricerca e organismi che
svolgono attività e servizi di ricerca industriale e applicata
ZUTE
ECH Future Technologies for Small and Medium-Sized Enterprises
programme - Programma per le nuove tecnologie nelle PMI

59
Germania - Innovazione industriale e competitività

2.6 Siti web istituzionali

Istituzioni di Governo e legislative (Government and legislative bodies)

Type of organisation - Name of organisation (in English) Website (where available)


Bundestag - Federal Chamber of the Parliament www.bundestag.de
Bundesrat - Federal States' Chamber of the Parliament www.bundesrat.de
BMBF - Federal Ministry of Education and Research www.bmbf.de
BMWi - Federal Ministry of Economics and Technology www.bmwi.de
BLK - Joint Commission on Education Planning and Research Promotion www.blk.de

Organizzazioni del settore privato e per la promozione dell'imprenditorialità


(Private sector organisations and entrepreneurship promotion)

BDI Federation of German Industry www.bdi.de


DIHK Chamber of Commerce www.dihk.de
DGB German Trade Union www.dgb.de

Istituti scientifici (Knowledge institutes - R&D and education bodies)

DFG German Research Foundation www.dfg.de


Wissenschaftsrat Science Council www.wissenschaftsrat.de
MPG Max Planck Society www.mpg.de
HGF Helmholtz Association of Research Centres www.hgf.de
FhG Fraunhofer Society www.fraunhofer.de
WGL Leibniz Association www.wgl.de
HRK German University Rector's Conference www.hrk.de

Centri di ricerca industriale e intermediari di innovazione


(Industrial research centres and innovation intermediaries)

AiF Association of Industrial Research Institutes www.aif.de


ADT Federal Association of German Innovation, Technology and Incubator Centres www.adt-online.de
Sistema creditizio (Financial system)
KfW Banking Group www.kfw.de

Fonte: European Trend Chart on Innovation - Annual Innovation Policy Trends and Appraisal Report - Germany 2006 - S Selected
key organisations within the National Innovation System, ZEW - Stifterverband für die Deutsche Wissenschaft (2004).

2.7 Documentazione di riferimento

Documentazione di riferimento

Programma governativo “IKT 2020 Forschung für Innovationen“, Bundesminsterium für Bildung und Forschung (BM
MBF),
03/2007
Programma governativo “The High-Tech Strategy for Germany“, Bundesminsterium für Bildung und Forschung (BM
MBF),
08/2006
Audizione del Ministro per l'Istruzione e la Ricerca al Parlamento “Hightech-Strategie der Bundesregierung - N Neue
Grundlage für Deutschlands Innovationspolitik, Regierungserklärung der Bundesministerin für Bildung und Forschung
g, Dr.
Annette Schavan, MdB“, Bundesminsterium für Bildung und Forschung (BMBF), 09/2006
Programma governativo “iD2010 - Informationsgesellschaft Deutschland 2010“, Bundesministerium für Wirtschaftt und
Technologie (BMWi), 2006
Programma governativo “Kompetenznetze.de 2006/2007 - Networks of Competence in Germany“, Bundesministerium
m für
Wirtschaft und Technologie (BMWi), 04/2006
Relazione programmatica “Leitbild des High-Tech Gründerfonds“, High-Tech Gründerfonds Management GmbH, 08/2005
Legge federale “WGBL - Gesetz über die KfW” (Legge che regolamenta la creazione e le attività del gruppo bancario K
KfW),
5/11/1948

60
Innovazione industriale e competitività - Regno Unito

3. REGNO UNITO

3.1 Contesto di riferimento e linee guida

Il Regno Unito si è dotato di un programma decennale di innovazione industriale a par-


tire dalla Legge finanziaria 2004, denominato “Science & Innovation Investment
Framework 2004-2014”.

Il Programma quadro delinea una strategia di medio-lungo termine incentrata sull'impulso alla
ricerca scientifica e all'innovazione tecnologica: sono questi gli asset strategici sui quali punta
la Gran Bretagna per lo sviluppo economico ed il miglioramento degli standard di vita.

Il risultato principale che il Governo intende raggiungere entro il 2014 consiste nell'in-
crementare gli investimenti totali in Ricerca e Sviluppo (R&D) dall'attuale livello di circa
l'1.9% al 2.5% del prodotto interno lordo. Realizzare questo ambizioso traguardo con-
sentirebbe al Regno Unito, da un lato, di occupare una posizione di leadership rispetto
agli altri paesi dell'Unione Europea e, dall'altro, di ridurre significativamente il gap nei
confronti del volume di investimenti realizzati dagli Stati Uniti.

Nella relazione-Paese vengono ripercorse puntualmente le politiche e le singole inizia-


tive attuate dal Governo inglese con lo scopo di realizzare un più efficace sistema di
innovazione, massimizzando l'impatto degli investimenti pubblici destinati alla ricerca
sul sistema economico-produttivo nazionale.

Il programma quadro di innovazione si sviluppa attraverso i seguenti temi qualificanti:

• portare/mantenere i centri di ricerca nazionali su livelli di eccellenza internazionale;

• aumentare i finanziamenti pubblici da destinare alle università e ai laboratori di ricerca;

• ottimizzare l'integrazione tra la ricerca di base e le continue evoluzioni dell'economia reale;

• stimolare le imprese ad investire con più decisione in attività di ricerca e sviluppo;

• migliorare la formazione professionale di docenti e studenti;

• promuovere nell'opinione pubblica l'immagine della scienza e della tecnologia come


acceleratori del progresso economico e sociale.

Il Governo britannico, attraverso le proposte contenute nel programma decennale di innova-


zione, si è impegnato a creare le giuste condizioni ambientali affinché il Paese possa conti-
nuare a rappresentare un polo di attrazione per gli investimenti esteri legati ai processi inno-
vativi e alla ricerca. Partendo dall'eccellente dimensione internazionale acquisita nella scien-
za di base e innestandovi un corretto mix di incentivi e di meccanismi di sostegno finanziario,
il Regno Unito sta cercando di costruire le premesse affinché pubblico e privato interagisca-
no con sempre maggior successo, facendo si che le nuove conoscenze si trasformino il più
possibile in concrete opportunità per il mondo delle imprese.

Per l'attuazione del programma di investimenti in scienza e innovazione, il Governo ha ela-


borato una “Strategia Tecnologica” la cui supervisione e guida è stata affidata al Comitato per
la strategia tecnologica nazionale (The Technology Strategy Board - TSB)9.
9
Il Comitato si è dato uno slogan inequivocabile: “For the UK to be seen as a global leader in innovation and a magnet
for technology-intensive companies, where new technology is applied rapidly and effectively to create wealth” (The
Technology Strategy Board Vision).

61
Regno Unito - Innovazione industriale e competitività

Si tratta di un organismo pubblico non governativo con poteri esecutivi i cui componen-
ti provengono principalmente dal settore industriale privato, ma anche dal settore pub-
blico e dal mondo della ricerca.

Il Comitato è stato istituito nel 2004 quale organo consultivo del Ministero dell'Industria
e del Commercio. Nel 2006 il Governo ha attribuito allo stesso un ruolo ben più ampio,
conferendogli anche lo status di organismo indipendente. In seguito alla riorganizzazio-
ne del Ministero dell'Industria, la funzione di innovazione insieme al TSB è stata affida-
ta al Dipartimento per l'Innovazione, l'Università e le Professioni (Department for
Innovation, Universities and Skills - DIUS).

Il TSB opera in stretto collegamento con altre strutture statali quali i Consigli di Ricerca,
i Dipartimenti governativi, le Agenzie di sviluppo regionale e le Amministrazioni decen-
trate (Scozia, Galles e Irlanda del Nord).

Attualmente il TSB gestisce la maggior parte delle iniziative che originariamente nel pro-
gramma di innovazione 2004-2014 erano state affidate al DTI (Department Trade and
Industry). Nel frattempo, oltre a garantire la continuità dei progetti già avviati, il TSB sta
intraprendendo nuove iniziative, sia all'interno che all'esterno di questa cornice.

I programmi e le attività previste dal “Science & Innovation Investment Framework” che
il Board ha in corso comprendono:

• PROGRAMMA TECNOLOGICO (Technology Programme). Il Programma si articola in


due macro iniziative, le Reti di trasferimento delle conoscenze (Knowledge Transfer
Networks - KTNs) e le Associazioni di Ricerca & Sviluppo (Collaborative Research
and Development - CR&S). Le KNT - sviluppate sulla base delle precedenti Faraday
Partnership (alleanze tra organizzazioni e istituzioni coinvolte nel processo di compe-
titività industriale) - costituiscono un veicolo di comunicazione e interazione tra
Governo, imprese, università, organizzazioni di ricerca e della finanza, con lo scopo
di stimolare l'innovazione attraverso lo scambio delle conoscenze e la condivisione di
nuove idee. Attualmente esistono 22 reti nazionali per un totale di circa 13 mila asso-
ciati. Il CR&S è uno dei più importanti strumenti attraverso il quale il Regno Unito inve-
ste in R&D. Si tratta di forme di collaborazione tra imprese e comunità di ricerca in
progetti di innovazione tecnologica allo scopo di sviluppare nuovi prodotti e servizi. I
progetti, per essere ammessi ai contributi devono avere due o più partner, uno dei
quali deve essere un'impresa.

• PARTENARIATO PER IL TRASFERIMENTO DELLE CONOSCENZE (Knowledge


Transfer Partnerships - KTPs). Il programma agisce attraverso l'inserimento di neo-
laureati, altamente qualificati, all'interno di un'azienda in un progetto di innovazione.
La collaborazione/formazione si traduce in un reale vantaggio per l'impresa e nello
stesso tempo fornisce un'eccellente esperienza di lavoro a giovani laureati.

• PIATTAFORME DI INNOVAZIONE (Innovation Platforms - IPs). Il concetto di piatta-


forma di innovazione, espresso dal TSB nel 2005, consiste in un nuovo modo di indi-
rizzare le linee politiche e le sfide sociali mettendo a sistema l'impegno tra il Governo,
le imprese e le organizzazioni di ricerca allo scopo di identificare appropriate risposte
alle esigenze di sviluppo e supportando i programmi di finanziamento per conseguire
soluzioni innovative. Le piattaforme di innovazione attualmente sono focalizzate in
due aree specifiche. L'Intelligent Transport System, teso a razionalizzazione del siste-
ma dei trasporti, con particolare riguardo alla congestione stradale e la Network
Security, focalizzato sulla gestione della sicurezza dei dati che viaggiano in rete.

• TECNOLOGIE EMERGENTI (Emerging Technologies) Il TSB sta lavorando per indi-


viduare e sostenere le tecnologie che si trovano ad una fase iniziale di ricerca ma che
presentano possibilità concrete di trovare applicazione su scala commerciale.

62
Innovazione industriale e competitività - Regno Unito

• PRINCIPALI AREE TECNOLOGICHE (Key Technology Areas) Le aree tecnologiche


prioritarie identificate dal TSB sono: Materiali avanzati; Elettronica e fotonica;
Bioscienza; Informazioni e comunicazioni tecnologiche; Sostenibilità ambientale;
Tecnologie energetiche; Disegno industriale e manifatturiero avanzato.

Le principali iniziative adottate in materia di innovazione industriale e competitività sono


schematicamente illustrate nella tavola 1. Una rappresentazione del sistema di program-
mazione analizzato è disponibile nel paragrafo “Articolazione della programmazione”.

Tavola 1 - Regno Unito. Politiche per l'innovazione e la competitività: programmi di intervento e organizzazione
istituzionale*

Progrrammi Descrizione Organi di Governo Istituzioni/ Istituti/


d’inte
ervento della politica responsabili Dipartimenti/Agenzie Università/Istituzioni
e iniziative governative finanziarie
avviatte coinvolte collegate

The Il Technology Department for Technology Strategy Research Councils


Techn
nology Programme, parte cru- Innovation Universities & Board (TSB); (RCs)
Progrramme** ciale della Strategia Skills (DIUS) Department for
Tecnologica Nazionale, Business, Enterprise and
sostiene le imprese dai Regulatory Reform
rischi degli investimenti a (BERR); Regional
medio e lungo termine in Development Agency
nuove tecnologie. Si arti- (RDAs); Devolved
cola in due strumenti Administrations (DAs)
principali: Knowledge
Transfer Network;
Collaboroative Research
& Development.
Knowwledge Il programma mira l'inse- Department for Technology Strategy Arts and Humanities
Trans
sfer rimento di neolaureati Innovation Universities & Board; 15 Dipartimenti Research Council
Partnerships presso le aziende per Skills governativi; Regional (AHRC); Biotechnology
promuovere forme di col- Development Agency; and Biological Sciences
laborazione/formazione Devolved Research Council
in progetti di innovazione Administrations (BBSRC); European
Social Fund
Innovvation Le Piattaforme di Department for Technology Strategy
Platfo
orms Innovazione constitusi- Business, Enterprise and Board; Department for
cono dei punti di incon- Regulatory Reform Transport (DfT)
tro attraverso i quali il
Governo ed i vari stake-
holders sviluppano ini-
ziative comuni per lo svi-
lupppo del Paese.
Emerg
ging Il programma opera a Department for Technology Strategy Engineering and
Techn
nologies sostegno di progetti di Business, Enterprise and Board Physical Science
ricerca che si occupano Regulatory Reform Research Council
di tecnologie che già ad (EPSRC)
uno stadio iniziale pre-
sentano opportunità di
impiego su scala com-
merciale.
R&D Tax È una sovvenzione con Department for HM Revenue and Research Councils
Credit lo scopo di incoraggiare Business, Enterprise and Customs (RCs)
le aziende ad aumentare Regulatory Reform
gli investiamenti in R&D
attraverso una riduzione
dell'imposta sul reddito.
Grantt for Gli incentivi sono indiriz- Department for Regional Development
Reseaarch and zati alle Pmi e alle azien- Business, Enterprise and Agency; Devolved
Devellopment de individuali che opera- Regulatory Reform Administrations"
no nella ricerca e nello
sviluppo di nuovi proces-
si e prodotti.
* Le co
olonne contengono tutti gli elementi che ä stato possibile desumere dalle fonti analizzate, le informazioni potrebbero
non essere esaustive per alcune delle politiche/ iniziative analizzate
Fonte: elaborazione IPI su dati diversi, 2007

63
Regno Unito - Innovazione industriale e competitività

3.2 Governance

Il Ministro del Tesoro ha presentato in Parlamento il documento di programmazione


della spesa pubblica all'interno del quale è compreso il sopra citato programma quadro
di Innovazione Industriale decennale, predisposto di concerto con il Ministro del
Commercio e Industria ed il Ministro dell'Istruzione.

L'attuazione del programma è assicurata da una serie di organismi pubblici a livello cen-
trale e locale.

3.2.1 A livello centrale

A livello di Governo centrale operano i seguenti dipartimenti: Department for Business


Enterprise & Regulatory Reform (già Department Trade and Industry); Department for
Innovation, Universities & Skills (gia Department for Education and Skills); United
Kingdom-Intellectual Property Office (già Patent Office); Technology Strategy Board;
The Research Councils, nonché il coinvolgimento di altri dipartimenti governativi.

 Department for Business Enterprise & Regulatory Reform - (BERR)


Il Dipartimento è responsabile dei settori del commercio, dell'industria, dei consumato-
ri, della scienza e dell'energia ed ha l'obiettivo, in sinergia con gli altri Ministeri e con i
principali stakeholders, di accrescere la competitività delle imprese e di contribuire al
raggiungimento di elevati livelli di crescita sistemica.

La linea strategica del Dipartimento Commercio e Industria è definita nel “Five Year
Programme” (2004), un programma che fissa le azioni prioritarie attraverso le quali pun-
tare alla realizzazione di un'economia moderna fondata sempre di più sull'innovazione
e sulla scienza. Il programma definisce gli strumenti di attuazione ed i compiti affidati ai
Dipartimenti statali preposti allo sviluppo delle singole iniziative.

Il Dipartimento è impegnato a:

• promuovere le eccellenze nel campo scientifico e industriale al fine di assicurare alti


livelli di crescita e di produttività;

• incoraggiare l'avviamento di nuove imprese - in particolare piccole e medie - adottan-


do adeguate misure di sostegno, fornendo consulenza nella gestione aziendale, “rica-
librando” la normativa sull'occupazione e sulle nuove tecnologie, migliorando il sup-
porto offerto all'esportazione dei prodotti nazionali nei mercati esteri;

• rafforzare i collegamenti scientifici e tecnologici internazionali attraverso un consoli-


damento delle relazioni nazionali e regionali;

• perseguire risultati di primissimo piano nella ricerca scientifica, nei campi dell'ingegne-
ria e delle applicazioni industriali, valorizzando al meglio le capacità e le risorse dis-
ponibili;

• collaborare con gli altri Paesi per liberalizzare i mercati internazionali, passo indispen-
sabile per accrescere la competitività delle imprese del Regno Unito e dell'Unione
Europea.

64
Innovazione industriale e competitività - Regno Unito

 Department for Innovation, Universities & Skills (DIUS)


Il nuovo dipartimento costituito a giugno 2007 riunisce le funzioni di competenza
dell'Ufficio Scienza e Innovazione del DTI con l'Istruzione superiore e universitaria, pre-
cedentemente attribuita al Ministero della pubblica istruzione.

La costituzione del DIUS è stata ritenuta funzionale alla realizzazione degli obiettivi che il
Governo intende conseguire mediante l'attuazione del programma quadro decennale sugli
investimenti. Un progetto che, anche attraverso la creazione di una forza lavoro altamente qua-
lificata in grado di confrontarsi con un'economia globale sempre più competitiva, vuole fare del
Regno Unito un polo di attrazione per gli investimenti in ricerca e innovazione.

Il Dipartimento svolge la propria mission in collaborazione con il settore pubblico, priva-


to e con l'apporto degli enti non-profit al fine di conseguire i seguenti obiettivi:

• accelerare l'impiego produttivo/commerciale delle nuove conoscenze per generare


ricchezza e benessere;

• valorizzare le capacità delle risorse umane nell'intero arco della loro vita lavorativa;

• migliorare la coesione e la giustizia sociale facendo in modo - soprattutto attraverso


l'istruzione di livello superiore e specialistico - che si realizzi per la società tutta una
più ampia partecipazione alle opportunità offerte dal progresso;

• rafforzare capacità, qualità e fama della scuola secondaria e universitaria per soste-
nere adeguatamente le esigenze economiche e sociali nazionali;

• incoraggiare l'uso della tecnologia nel settore pubblico.

Inoltre il DIUS è responsabile della ripartizione dei “Budget Science” (circa 3,45 miliar-
di di sterline) la gran parte dei quali vengono assegnati ai sette Consigli di ricerca (2,8
miliardi di sterline per il 2007/8).

 United Kingdom- Intellectual Property Office (UK-IPO)


L'organismo (già Patent Office) ha cambiato nome lo scorso Aprile 2007. Si tratta di
un'Agenzia esecutiva del DIUS.

È responsabile nel formulare e realizzare le politiche del Regno Unito relative a tutti gli
aspetti della proprietà intellettuale, collabora con il DIUS, con gli altri dipartimenti gover-
nativi e con gli stakeholder esterni attraverso un ventaglio di meccanismi di consultazio-
ne e consulenza ai Ministeri.

Lo scopo principale dell'Ufficio è il sostegno dell'innovazione tecnologica attraverso la


tutela dei diritti della proprietà intellettuale. Tali diritti includono, naturalmente, quelli
legati a brevetti, design, marchi e copyright.

 Technology Strategy Board (TSB)


Il Technology Strategy Board (TSB), è un Organismo esecutivo istituito alla fine del
2004 con lo scopo di guidare e promuovere la Strategia Tecnologica Nazionale.

Il DTI (ora BERR) ha affidato al Technology Strategy Board la supervisione dei program-
mi finanziari governativi a sostegno degli investimenti per le imprese e la diffusione delle
innovazioni tecnologiche in tutti i settori dell'economia.

65
Regno Unito - Innovazione industriale e competitività

Inoltre, al TSB è stato trasferito il coordinamento di un certo numero di programmi già


avviati dal DTI: Collaborative Research and Development, Knowledge Transfer
Network, Innovation Platforms and Knowledge Transfer Partnerships.

Il ruolo fondamentale del TSB consiste nel coinvolgimento dei Dipartimenti statali, delle
Agenzie di Sviluppo Regionale, dei Research Councils e delle Amministrazioni
Decentrate, per contribuire a rafforzare la collaborazione tra le strutture pubbliche e le
imprese nella realizzazione di programmi di innovazione industriale.

Le principali competenze del TSB includono:

• l'analisi annuale dei risultati conseguiti e la formulazione di proposte strategiche al


Segretario di Stato per il Commercio e l'industria sulle priorità tecnologiche in attività
di ricerca, l'assegnazione dei relativi finanziamenti, nonché la definizione delle forme
di intervento più appropriate a sostegno delle stesse;

• l'esame dei contributi che provengono dai diversi soggetti coinvolti e la valutazione dei
punti di forza del settore scientifico al fine di stimolare la nascita di nuovi gruppi di “sta-
keholders”;

• il monitoraggio dei progressi della Technology Strategy e la valutazione dell'efficacia


delle metodologie adottate e della tempistica allo scopo di dare nuovi indirizzi al futu-
ro sviluppo della strategia;

• suggerire processi aggiuntivi per stimolare gli investimenti in innovazione.

Per assicurare il monitoraggio delle iniziative previste dal programma quadro di innova-
zione del Governo, il TSB predispone annualmente un rapporto sulle attività svolte e
sulle politiche future.

 Research Councils (RCs)


I Research Councils sono i principali investitori pubblici del Regno Unito nel settore
della ricerca di base e della formazione post-universitaria.

I Consigli lavorano insieme allo scopo di sostenere i più qualificati Istituti di istruzione e
garantire l'ottimizzazione dell'utilizzo delle risorse finanziarie pubbliche nel settore.
Sono finanziati principalmente attraverso i “Science Budgets” (circa 2,8 miliardi di ster-
line per il 2007-08) amministrati dal DIUS.

Attualmente i sette Consigli di ricerca operano in differenti discipline che vanno dalle arti
e attività umanistiche alle scienze sociali, dall'ingegneria alla fisica, dalla medicina fino
agli stili di vita.

Sono tutti organismi pubblici non dipartimentali, indipendenti, istituiti dalla Royal Charter
e controllati dal Parlamento.

3.2.2 A livello locale

A livello locale le politiche di innovazione sono attuate dalle otto Agenzie regionali cui
ultimamente si sono aggiunte Londra e tre Amministrazioni decentrate.

66
Innovazione industriale e competitività - Regno Unito

 Regional Development Agencies (RDAs)


Il BERR supporta lo sviluppo economico sostenibile delle Regioni al fine di elevare la
performance economica nazionale e regionale promuovendo gli investimenti, la forma-
zione e la competitività delle imprese, attraverso le Agenzie di Sviluppo Regionale
(RDA's).

Il ruolo primario delle suddette Agenzie consiste nella guida strategia dello sviluppo eco-
nomico locale.

Sulla base degli statuti regionali ogni Agenzia è impegnata principalmente a:

• promuovere la rinascita economica;

• promuovere l'efficienza delle imprese, degli investimenti e, in generale, la competitività;

• favorire l'occupazione;

• rafforzare la domanda di lavoro specializzato;

• contribuire allo sviluppo sostenibile.

 Devolved Administrations (DAs)


Le Amministrazione Decentrate sono rappresentate da Scozia, Irlanda del Nord e
Galles, partecipano all'attuazione dei programmi di innovazione operando nell'ambito
del loro territorio in maniera autonoma ma nel rispetto delle direttive governative.

3.2.3 Rapporti Governo- Università- Imprese

 The Lambert Agreements


Nel 2002 il Ministro del Tesoro ha commissionato a Sir Richard Lambert, autorevole
membro della commissione sulle politiche monetarie della Banca d'Inghilterra, uno stu-
dio sulle possibili opportunità di collaborazione tra imprese e università: “The Lambert
Review”, pubblicato nel dicembre 2003.

Il rapporto contiene una serie di raccomandazioni finalizzate a ridurre la distanza che


separa la scienza di base dalla comunità imprenditoriale, con particolare riguardo alle
aziende piccole e medie, ovvero a quella dimensione del fare impresa per la quale lo
iato con il mondo della ricerca nel complesso risulta spesso più pronunciato.

Una delle raccomandazioni, indirizzata direttamente agli stakeholders che a vario titolo
rappresentano Università e mondo delle imprese, suggerisce loro di lavorare gomito a
gomito per arrivare a definire degli accordi di collaborazione (la cui adozione rimane
facoltativa) basati su modelli standard detti appunto “Lambert Agreements”, finalizzati
a dare vita a forme di cooperazione efficienti tra i titolari della proprietà intellettuali di
brevetti e innovazioni, e gli imprenditori che intendono sfruttarne le potenzialità a livello
commerciale. Attualmente esistono cinque modelli di accordi, ognuno dei quali fornisce
un differente approccio, tarato a seconda della specifica area di competenza.

A questo proposito, nel 2004 è stato costituito Il Lambert Working Group (WG) on
Intellectual Property, supportato dall' UK Intellectual Property Office (UK-IPO), presso il

67
Regno Unito - Innovazione industriale e competitività

DIUS. I membri di questo gruppo di lavoro provengono dalla Confederation of British


Industry (CBI), Association of University Research & Industry Links (AURIL), Small and
Business Service (SBS), Regional Development Agencies (RDAs), da numerose impre-
se di primo piano, da Istituti universitari, nonché da altri organismi rappresentativi del
sistema economico-produttivo del paese.

3.3 Programmi e modalità d'intervento

3.3.1 La Strategia Tecnologica Nazionale

La Strategia Tecnologica Nazionale, è parte integrante del Programma Quadro di


Innovazione Scientifica e Tecnologica 2004-2014. Scopo della Strategia Tecnologica è
l'identificazione di nuove tecnologie emergenti, centrali per il futuro successo delle
imprese sui mercati, a cui indirizzare i principali finanziamenti e le iniziative messe in
campo dal Governo.

Attuata principalmente dal Department Trade and Industry, la strategia tecnologica è


guidata dal Technology Strategy Board con il coinvolgimento di altri Dipartimenti gover-
nativi: Istruzione, Trasporti, Ambiente e Agricoltura, Sanità, Difesa, Sviluppo internazio-
nale e con la partecipazione attiva dei Research Councils, delle Agenzie di Sviluppo
Regionale e delle Amministrazioni Decentrate.

Attraverso la Technology Strategy nei prossimi 10 anni si intendono perseguire i


seguenti obiettivi:

• aumentare gli investimenti nella ricerca di base;

• trasformare il più possibile le nuove conoscenze in prodotti, processi e servizi;

• sostenere i settori leader al fine di consentire il massimo sviluppo delle potenzialità del
Paese;

• assicurare che quelle che oggi sono tecnologie emergenti diventino reali settori di cre-
scita nel futuro prossimo;

• innovare le politiche seguite dai Dipartimenti governativi così da rendere più efficienti
i servizi pubblici erogati.

La Strategia Tecnologica di cui abbiamo tracciato le linee guida prende corpo attraver-
so una serie di programmi che sarà utile analizzare più in dettaglio di seguito.

 Innovation Platforms (IPs)


Il concetto di Innovation Platforms (IPs) è stato introdotto dal Technology Strategy
Board nel primo Rapporto Annuale (novembre 2005). Si tratta di un nuovo strumento
finalizzato a dar vita ad un impegno congiunto di Governo e universo imprenditoriale
affinché vengano individuate le migliori soluzioni per far fronte ai rapidi cambiamenti
economici, sociali e ambientali che caratterizzano lo scenario economico internaziona-
le. L'idea di fondo è quella di mettere a sistema nuove politiche governative, impianto
normativo, nuove tecnologie e adeguati strumenti finanziari per consentire all'economia
nazionale di esprimere al massimo il proprio potenziale.

68
Innovazione industriale e competitività - Regno Unito

Le principali caratteristiche di una Piattaforma di Innovazione consistono nel:

• riunire governo/stakeholders/finanziatori;

• coinvolgere imprese e organizzazioni di ricerca;

• allineare il flusso dei finanziamenti provenienti da fonti diversificate;

• collegare la ricerca di base alle esigenze di mercato.

All'interno del programma delle Innovation Platforms sono stati avviati due progetti sperimen-
tali con uno stanziamento iniziale di 10 milioni di sterline ciascuno. Il Network Security: siste-
ma per la protezione dei dati che viaggiano attraverso le reti informatiche. Il programma è
finanziato dal DTI e dall' Economic and Social Research Council (ESRC). E l'Intelligent
Transport Systems and Services, un sistema di gestione volto a massimizzare l'efficienza nei
flussi di traffico attraverso l'accessibilità alle informazioni. Il fine consiste nel ridurre la conge-
stione, l'inquinamento e i costi, aumentando nel contempo la sicurezza stradale. Il program-
ma è finanziato dal Department for Transport, dal DIT, dal SEEDA (South East England
Development Agency), EPSRC (Engineering and Physical Sciences Research Council).

 Key Technology Areas


Nel mettere a punto le misure di sostegno all'innovazione nel Regno Unito, il
Technology Strategy Board ha individuato le aree tecnologiche prioritarie sulle quali
puntare per sostenere al meglio lo sviluppo dell'economia nazionale. L'individuazione
delle aree tecnologiche è avvenuta attraverso una serie di consultazioni e incontri rea-
lizzati dal TSB con circa 600 imprese, gruppi di innovazione e organizzazioni commer-
ciali contattate attraverso le reti di trasferimento di conoscenze (KTNs). Nell'ambito
delle aree di intervento identificate, il TSB lancia i bandi di gara per finanziare i singoli
progetti di innovazione.

Ad oggi sono state individuate sette principali aree tecnologiche: Materiali tecnologici
avanzati; Bioscienza e salute; Design industriale e manifatturiero avanzato; Elettronica
e fotonica; Tecnologie energetiche emergenti; Tecnologie dell'informazione e della
comunicazione; Sostenibilità della produzione e dei consumi. È prevista una revisione
periodica del programma per individuare ulteriori eventuali ambiti privilegiati di sviluppo
tecnologico.

 Technology Programme
Il Technology Programme è articolato su due iniziative: il Collaborative Research and
Development e il Knowledge Transfer Networks (KTNs). Il Collaborative Research and
Development è un programma che consente ad imprese e comunità di ricerca di colla-
borare in progetti innovativi attraverso i quali creare nuovi prodotti, processi e servizi
che trovano applicazione nelle aree tecnologiche prioritarie individuate dal TSB.

I progetti in “Collaborative R&D” si sono rivelati efficaci non solo per creare ricchezza,
ma anche per ridurre l'impatto ambientale. Dal lancio del primo bando di gara nel feb-
braio 2004 il programma ha raggiunto considerevoli esiti: più di 500 progetti sono stati
finanziati per un valore totale di circa 750 milioni di sterline. Ciò ha rappresentato un
importante sforzo di investimento, sia da parte del Governo che delle imprese industria-
li che vi hanno partecipato.

Uno degli aspetti più significativi dei bandi di gara in Collaborative R&D è stato il mag-
giore incremento dei fondi e l'impegno profuso da parte dei Research Councils, delle

69
Regno Unito - Innovazione industriale e competitività

Regioni e dei Dipartimenti governativi. Rispetto ai primi bandi di gara che vedevano
coinvolti solo il DTI, il Defra e l'EPSCR, i successivi hanno visto il coinvolgimento di
molte RDAs, le DAs, molti Consigli di ricerca - tra i quali Biotechnology, Biological
Science Research, Natural Environment Research Council e Medical Research Council
- e il Ministero della Difesa.

Tab. 1 - Progetti di R&S finanziati attraverso sei bandi di gara (2004-2006).

Key Number Total project Average total Grants Average grant Governm
ment
Technology of Projects costs cost per awarded awarded per share o
of
Area project project costs
s
Advanced
Materials
(including
Micro and
Nanotechnology 118 € 132,638,244 € 1,124,052 € 64,942,453 € 550,359 49
4
Bioscience
and Healthcare 44 € 50,251,422 € 1,142,077 € 24,455,706 € 555,811 49
4
Design
Engineering
and Advanced
Manufacturing* 92 € 283,824,751 € 3,085,051 € 137,937,501 € 1,499,320 48
4
Electronics
and Photonics 88 € 83,330,325 € 946,935 € 40,639,116 € 461,808 49
4
Emerging
Energy
Technologies 79 € 88,107,773 € 1,115,288 € 37,350,750 € 472,794 42
4
Information
and
Communications
Technology 32 € 56,109,510 € 1,753,422 € 29,328,163 € 916,505 52
5
Sustainable
Production
and
Consumption** 85 € 61,559,158 € 724,255 € 30,678,653 € 360,925 50
5

Total 538 € 755,821,183 € 1,404,872 € 365,332,342 € 679,056 4


48

* includes large projects funded as part of the Validation of Complex Systems competition
**funded by Defra The chart includes projects from six competitions - February 04 to Spring 06 (Fast Track projects frrom
Spring 06 included, but not Two Stage projects - c80 projiects).

Fonte: Technology Strategy Board - Annual Report 2006

Le Knowledge Transfer Networks sono state istituite dal Governo in collaborazione con le
imprese industriali e le Università per facilitare il trasferimento di conoscenze ed esperien-
ze tra l'industria e la ricerca di base. Le KTNs favoriscono infatti il collegamento tra le diver-
se organizzazioni e sviluppano attività volte a promuovere lo scambio di conoscenze,
offrendo in concreto importanti stimoli all'innovazione ad entrambe quelle realtà.

Le KTNs, attive in molti settori dell'economia, interagiscono fortemente con la


Technology Strategy, che attraverso i suoi obiettivi si propone di assicurare un uso
coerente ed integrato nello sviluppo del programma Collaborative Research &
Development.

Le prime KTNs sono sorte nel 2005 e sono in costante crescita. Attualmente esistono
22 KTNs con oltre 13.000 utenti registrati che ricevono informazioni attraverso i loro siti
web (Fig.1). Durante il 2006 si sono svolti oltre 240 eventi che hanno visto il coinvolgi-
mento di circa 10.000 partecipanti. Molte KTNs hanno sviluppato le “technology road-
maps” per ampliare le possibilità di raggiungere ulteriori potenziali utenti.

70
Innovazione industriale e competitività - Regno Unito

Fig. 1 - Le Reti di Trasferimento della conoscenza

Fonte: Knowledge Transfer Network - Annual report 2006 - DTI

71
Regno Unito - Innovazione industriale e competitività

 Emerging Technologies
Attraverso questo programma il Technology Strategy Board ha posto la valorizzazione
delle tecnologie emergenti come componente essenziale della Technology Strategy. Il
programma si propone di identificare e sostenere quella ricerca che già ad uno stadio
iniziale presenti ampie possibilità di applicazioni industriali.

Attraverso un processo di selezione che ha coinvolto il DIT, i Research Councils, un


ristretto gruppo di esperti e il Board sono state identificate tre aree di applicazione: l'e-
laborazione dell'informazione, la nanomedicina e il settore dell'ottica.

Sono stati portati avanti dibattiti e confronti con le imprese e le comunità accademiche
su come ampliare il coinvolgimento delle aziende industriali e identificare le modalità
per sviluppare in modo efficiente le specifiche attività. A sostegno del programma sono
stati assegnati 5 milioni di sterline con risorse aggiuntive provenienti dai Research
Councils per le aree tecnologiche di competenza.

 R&D Tax Credits


La R&D Tax Credits è stata introdotta nel 2000 per le piccole e medie imprese e nel
2002 per le grandi imprese, allo scopo di incoraggiare le aziende ad aumentare gli inve-
stimenti in attività di ricerca. È considerata la principale forma di finanziamento pubbli-
co e agisce sia come strumento di riduzione dell'imposta sul reddito aziendale, sia come
entrata cash, come nel caso delle piccole e medie imprese in perdita. Sono esclusi dalla
sovvenzione i singoli individui e le associazioni.

Le imprese che investono oltre 10 mila sterline l'anno in attività di ricerca hanno diritto
ad una deduzione di imposta nella misura del -150% della spesa qualificata, nel caso
di piccole e medie imprese e del -125% della spesa qualificata, nel caso delle grandi
imprese.

 Knowledge Transfer Partnerships (KTPs)


Il KTPs, che nel 2003 ha sostituito il precedente Teaching Companies Scheme, è uno dei prin-
cipali programmi europei che consente alle imprese di acquisire conoscenze, tecnologie e
specializzazioni considerate di importanza strategica per la propria competitività e produttivi-
tà, dagli istituti di istruzione superiori e universitari e da organizzazioni di ricerca.

Il programma offre alle società la possibilità di scegliere un partner (Associate) con una
specializzazione specifica attraverso una Banca Dati, la “UK Knowledge Base” (da
Università, College, Istituti di Ricerca, ecc.), per elaborare insieme una nuova proposta
progettuale o anche per lavorare su un progetto già avviato. I progetti hanno una dura-
ta che va dai 12 ai 36 mesi.

Gli “Associate” possono essere ricercatori, laureati, universitari o persone che sono in
possesso della qualifica di 4° livello degli Istituti Professionali di Stato o che hanno tito-
li equivalenti.

Il KTPs è attualmente finanziato da 15 organizzazioni governative guidate dal


Department Trade and Industry. Ogni partnership è finanziata con una parte di fondi
pubblici, mentre la quota residua è assicurata dalla società che richiede il ricercatore. I
partner sottoscrivono dei moduli di richiesta per il finanziamento dei progetti al KTP
10
Guidelines on the meaning of R&D on tux purposes estratto da
www.hmrc.gov.ukmanuals/cirdmanual/CIRD81900.htm.

72
Innovazione industriale e competitività - Regno Unito

Central Office. Le richieste sono valutate dal “Partnership Approvals Group” cui parte-
cipa il DTI, quale membro abilitato all'approvazione di progetti per conto dei soggetti
finanziatori.

 Grant for Research & Development


Con il programma Grant for Research & Development, il DIT assegna finanziamenti,
attraverso le Agenzie di Sviluppo Regionale e le Amministrazioni Decentrate, alle picco-
le e medie imprese ed alle imprese individuali impegnate in attività di ricerca e sviluppo
di nuovi prodotti e processi.

I candidati che presentano richiesta di finanziamento devono garantire il proprio contri-


buto a copertura dei costi del progetto.

Il Programma prevede quattro forme di sovvenzione per differenti tipologie di progetto:

• Micro Projects - sostiene progetti di sviluppo di costo contenuto e della durata massi-
ma di 12 mesi. Il finanziamento previsto ammonta a 20 mila sterline ed è destinato alle
imprese con meno di 10 addetti;

• Research Projects - finanzia studi preliminari per accertare la fattibilità tecnica e com-
merciale di tecnologie innovative con una durata che va dai 6 ai 18 mesi. Il contribu-
to previsto ammonta a 75 mila sterline destinato ad imprese con meno di 50 addetti;

• Development Projects - ha lo scopo di sviluppare prototipi di nuovi prodotti e proces-


si basati sull'impiego di tecnologie avanzate. I progetti hanno una durata che va da 6-
36 mesi. Il contributo disponibile è di 200 mila sterline per le imprese con meno di 250
addetti;

• Exceptional Development Projects - supporta progetti che prevedono costi elevati.


Questi progetti si devono caratterizzare per il significativo apporto in termini di ritorni
economici e devono avere oltre che un alto contenuto tecnologico anche un'importan-
za strategica per qualche particolare settore industriale. I progetti hanno una durata
che va da 6 a 36 mesi e sono finanziabili nella misura di 500 mila sterline e sono indi-
rizzati ad imprese con meno di 250 addetti.

3.3.2 Risorse finanziarie


L'obiettivo a lungo termine che il Governo intende perseguire consiste nell'aumentare il
rapporto della spesa totale nazionale in R&D rispetto al PIL dall'attuale 1.9% al 2.5%
entro il 2014. Lo Spending Review ha provveduto ad aumentare i fondi per la ricerca di
base attraverso il DfES e il DIT, incrementando la spesa per la ricerca di oltre 1 miliar-
do di sterline nel 2007-08 rispetto al 2004-05.

Nel periodo 2005-2008, per il Technology Programme sono stati stanziati 370 milioni di
sterline sotto forma di sovvenzioni, per sostenere le imprese dai rischi finanziari legati
agli investimenti tecnologici a medio-lungo termine, nelle aree identificate dal
Technology Strategy Board.

50 milioni di sterline sono state destinate dal DEFRA (Dipartmento dell'ambiente e agri-
coltura) attraverso il programma “Business Resources Efficiency and Waste” (BREW) a
favore di progetti volti a migliorare la sostenibilità produttiva.

Il Technology Programme, ha inoltre attratto fondi (25 milioni di sterline) dal Research
Councils, dalle Agenzie di Sviluppo Regionale e dalle Amministrazioni decentrate.

73
Regno Unito - Innovazione industriale e competitività

3.3.3 Bandi di Gara

I fondi previsti dal “Technology Programme” sono destinati a soggetti con partecipazio-
ne attiva nel mondo degli affari e dell'industria inteso nel senso più ampio, compreso il
settore manifatturiero ed i servizi. Le richieste di finanziamento previste dal Programma
sono presentate a seguito di bandi di gara, previsti due volte l'anno, in primavera e in
autunno. Le imprese possono partecipare ai bandi attraverso due meccanismi:
Collaborative Research and Development e Knowlegde Transfer Networks.

 Procedure di attuazione
Le domande di contributo si articolano in due fasi, preliminare e definitiva. La fase pre-
liminare (Outline) prevede il rilascio entro 24 ore della ricevuta del Modulo di presenta-
zione della domanda. L'esito della valutazione della fase preliminare viene notificato
dopo circa 3 mesi. La fase definitiva (Full Stage) contempla rilascio entro 24 ore della
ricevuta di presentazione della domanda e successiva notifica dell'esito della valutazio-
ne della fase definitiva dopo ulteriori 3 mesi. In caso di esito positivo della seconda fase
va inviata una formale “lettera di offerta”. Entro due mesi dall'invio della lettera di offer-
ta viene richiesta l'accettazione o la rinuncia dell'offerta. Il progetto ha inizio entro i sei
mesi dalla data di accettazione. Alla seconda fase sono ammesse le domande che
hanno superato l'istruttoria della fase iniziale.

 Modalità di finanziamento dei progetti


I progetti che riguardano la ricerca di base e applicata sono finanziabili al 50% nella for-
mula “business to business” (coinvolgimento di partner provenienti esclusivamente dal-
l'industria) e al 25% per i progetti sperimentali.

La formula “science to business” (coinvolgimento di partner provenienti dal settore indu-


striale, scientifico e tecnologico) prevede finanziamenti fino al 75% per progetti nella
ricerca di base, fino al 50% nella ricerca applicata e al 25% in progetti sperimentali. Il
livello di finanziamento è riferito al progetto e non a ciascun partner.

Le Università possono essere finanziate fino all'80% dell'intero costo, mentre i partner indu-
striali (eccetto le piccole e medie imprese) possono essere finanziati fino al 50% dei costi di
progetto ammessi. Una PMI può essere finanziata fino al 60% dei costi di ammissione.

 Processo di controllo e verifica


La procedura di valutazione delle domande di finanziamento è gestita dal Ministero
dell'Industria (DTI) e dai cofinanziatori del “Technology Programme”.

L'istruttoria delle domande avviene per mezzo di valutatori designati dal Programma
Tecnologico per ogni bando di gara. Tutti i valutatori sono tenuti a frequentare appositi
workshop allo scopo di poter esprimere le loro determinazioni in conformità con i crite-
ri stabiliti dal Programma.

Le richieste vengono analizzate da un minimo di tre valutatori, ognuno dei quali sotto-
scrive una scheda di valutazione relativamente alle singole domande esaminate. I pro-
getti sono classificati in base al punteggio assegnato e alla fine vanno a confluire in un
elenco dei programmi finanziabili.

74
Innovazione industriale e competitività - Regno Unito

 Criteri di valutazione
I progetti presentati vengono valutati tenendo conto di specifici criteri. Ad esempio: l'attinenza
al bando di gara, i potenziali benefici economici, rischi collegati al progetto incluso l'impatto
socio-ambientale, la qualità dell'organizzazione e la solidità del team manageriale.

 I primi risultati dei bandi


Fino ad ora sono stati approvati oltre 360 progetti, per un totale di circa 589 milioni di sterline
in attività di Ricerca e Sviluppo, di cui 270 milioni di aiuti governativi. Il Technology Programme
ha intrapreso oltre 9.000 valutazioni della fase iniziale dei progetti presentati e ha effettuato
700 valutazioni della fase finale dei progetti presentati su circa 10.000 candidature. I progetti
hanno già dato vita a 20 Reti di Trasferimento di Conoscenze Tecnologiche.

3.4 Articolazione della programmazione

La tavola che segue illustra l'articolazione della programmazione nazionale in materia


di innovazione industriale e competitività.

Rappresenta un momento di sintesi riepilogativa dei programmi governativi posti in


essere dal Regno Unito e ha l'obiettivo di mettere in risalto la loro base normativa e l'ar-
ticolazione delle matrici di sviluppo.

Tavola 2 - Articolazione della programmazione


Progra
ammazione Science & Innovation Framework 2004 - 2014
nazion
nale (Governo attraverso Ministero del Tesoro)
Stanzziamento Per il 2007-2008 lo stanziamento di spesa in R&D da parte di
DTI e DfES è pari a £1 Miliardo
Prograammazione Five Year Programme
plurien
nnale (Programma quinquennale del Ministero dell'Industria - DTI)
Sotto programma Innovation Platforms
di attu
uazione (composto da due sotto programmi):
- Network Security
- Intelligent Trasnport System
Stanzziamento iniziale £20 milioni
Superrvisione e guida The Technology Strategy Board
Progra
amma Emerging Technologies
Stanzziamento £5 milioni
Superrvisione e guida The Technology Strategy Board
Sotto programma di attuazione The Technology Programme
(Programma triennale 2005-2008 composto da 2 sotto programmi)
- Collaborative Research and Development
- Knowledge Transfer Networks
Stanzziamento £370 million
Superrvisione e guida The Technology Strategy Board
Sotto programma Knowledge Transfer Partnerships
(DTI / Università / Istituti di ricerca ecc.)
Stanzziamento cofinanziato da 15 organizzazioni governative e dalle imprese partner
Guida
a e supervisione DTI - KTP Central Office
Sotto programma R&D Tax Credit
Superrvisione e guida DTI in collaborazione con l'ufficio delle imposte
Sotto programma Grant for Research and Development
Superrvisione e guida DTI in collaborazione con le RDAs e Das

Fonte: elaborazioni IPI su fonti diverse, 2007

75
Regno Unito - Innovazione industriale e competitività

3.5 Acronimi e abbreviazioni

Acronimi e abbreviazioni Descrizione - inglese/italiano

AHRC Arts and Humanities Research Council/Consiglio di Ricerca per l'arte e gli
studi umanistici
AURIL Association of University Research and Industry Links/Associazione p
per la
ricerca universitaria e I collegamenti industriali
BBSRC Biotechnology and Biological Sciences Research Council/Consiglio
di ricerca per la scienza biologica e la biotecnologia
BERR Department for Business, Enterprise & Regulatory Reform
(già DTI)/Ministero dell'industria del commercio e della riforma normattiva
CBI Confederation of British Industry/Confederazione delle industrie britanniche
CSR Comprehensive Spending Review/Documento di programmazione
economica e finanziaria
CST Council of Science and Technology/Consiglio per la scienza e la tecno
ologia
DAs Devolved Administrations/Amministrazioni decentrale
DEFRA Department of the Environment Food and Rural Affairs/Ministero
dell'Ambiente, l'alimentazione e gli affair rurali
DfES Department for Education and Skills/Ministero dell'Istruzione
DIUS Department of Innovation, Universities and Skills (già DfES)/Ministero
o per
l'innovazione, le università e le professioni
DTI DTI - Department Trade and Industry/Ministero dell'industria
e del commercio
EPSRC Engineering and Physical Sciences Research Council/Consiglio di rice
erca
per l'ingegneria e la fisica
HM Treasury Her Majesty's Treasury/Ministero del Tesoro
IP's Innovation Platforms/Piattaforme di innovazione tecnologica
KTNs Knowledge Transfer Network/Reti di trasferiamento delle conoscenze
MRC Medical Research Council/Consiglio di ricerca per la medicina
NERC Natural Environment Research Council/Consiglio di ricerca per l'ambie
ente
NTS National Technology Strategy/Strategia tecnologica nazionale
OSI Office of Science and Innovation/Ufficio per la scienza e l'innovazione
e
R&D Research and Development/Ricerca e Sviluppo
RCs Research Councils/I Consigli di ricerca
RDAs Regional Development Agencies/Agenzie di sviluppo regionale
SMEs Small and Medium Enterprises/Piccole e medie imprese
TSB Technology Strategy Board/Comitato per la Strategia Tecnologica
UK-IPO United Kingdom-Intellectual Property Office/Ufficio
per la Proprietà Intellettuale
WG Lambert Working Group/Gruppo di Lavoro Lambert

76
Innovazione industriale e competitività - Regno Unito

3.6 Siti web istituzionali

Organi a supporto dei programmi di innovazione industriale Sito web

HM Trreasury www.hm-treasury.gov.uk
Deparrtment Trade and Industry (ora BERR) www.berr.gov.uk
Deparrtment for Innovation, Universities and Skills www.dius.gov.uk
Deparrtment of Transport www.dft.gov.uk
Deparrtment of Environment, Food and Rural Affairs www.defra.gov.uk
Deparrtment of Health www.dh.gov.uk
Ministtry of Defence www.mod.uk
Home
e Office www.homeoffice.gov.uk
Deparrtment for International Development www.dfid.gov.uk
United
d Kingdom Intellectual Property Office www.ipo.gov.uk
HM Revenue and Customs www.hmrc.gov.uk

Regio
onal Development Agency; Development Agency Sito web
North East England www.onenortheast.co.uk
North West England www.nwda.co.uk
Yorksh
hire and Humber www.yorkshire-forward.com
East Midlands www.emda.org.uk
West Midlands www.advantagewm.co.uk
South
h East England www.seeda.co.uk
South
h West England www.southwestengland.co.uk
East of England www.eeda.org.uk
Londo
on www.lda.gov.uk
Scotla
and www.scottish-enterprise.com;
www.scotland.gov.uk
Northe
ern Ireland www.investni.com
Wales
s www.wda.co.uk;
www.wales.gov.uk

3.7 Documentazione di riferimento

Documentazione di riferimento

Spend
ding Review: New public spending Plans 2005-2008; contenuto nella finanziaria del 2004
Science and Innovation Investment Framework 2004-2014; rapporto annuale del HM Treasure DTI - Dip. Istr. Luglio 2006
Techn
nology Strategy - Annual Report; rapporto annuale del TSB; novembre 2006
Creatiing Wealth from Knowledge - Five Years Programme; programma quinquennale del DTI, novembre 2004
The Technology Programme - Overview: Succeeding through Innovation; relazione del DTI, novembre 2005
Succe
eeding through Innovation: Guidance for applicants - Autumn 2006 - Competition for funding for Collaborative
Resea
arch and Development Projects; documento del DTI, ottobre 2006

77
Innovazione industriale e competitività - Spagna

4. SPAGNA

4.1 Contesto di riferimento e linee guida


La Spagna è l'unico tra i paesi analizzati a non far parte del G8. Si è scelto di prender-
lo in esame, non solo in ragione del forte recupero di competitività che ha realizzato nel-
l'ultimo decennio - grazie ad una crescita del PIL che non ha avuto eguali in Europa -,
ma anche in considerazione della vis innovativa contenuta nelle politiche industriali che
ne hanno segnato lo sviluppo recente.

Nel 2006 la Spagna ha presentato un bilancio della spesa pubblica più che positivo, un
risultato senza precedenti nella storia della politica economica del Paese, ancor più
importante in considerazione del fatto che è stato raggiunto contemporaneamente
all'ampia convergenza realizzata rispetto agli obiettivi derivanti dalla Strategia di
Lisbona.

Ciò è stato possibile grazie alla predisposizione, avvenuta al momento dell'elaborazio-


ne dei Programmi di intervento, di un sistema efficiente e trasparente di gestione e
monitoraggio dei risultati. Un modus operandi che andrebbe preso a riferimento in ogni
corretta attività di programmazione.

La definizione degli obiettivi strategici, infatti, è stata accompagnata dall'individuazione


di precisi indicatori di risultato, definiti attraverso analisi preventive, realizzate sulla base
di specifici parametri d'intervento. Gli obiettivi strategici così stabiliti per ogni program-
ma devono, nel contempo, tener conto degli indicatori di settore internazionali. In tal
modo gli obiettivi prefissati a livello nazionale risultano armonizzati con gli impegni
assunti a livello comunitario ed internazionale.

Oltre a rappresentare un efficiente strumento di scelta tra diverse iniziative, tali indica-
tori hanno la funzione di fornire un parametro per il monitoraggio delle attività poste in
essere e permettono di verificarne lo stato di avanzamento attraverso una valutazione
intermedia dei risultati. Questo procedimento permette quindi all'amministrazione com-
petente sia di far riferimento su parametri certi ai fini della valutazione sull'efficacia della
politica in esame, sia, se necessario, di apportare eventuali aggiustamenti.

Nello specifico della politica spagnola, il principale riferimento regolatore della program-
mazione per l'innovazione industriale e la competitività è il Programma Nazionale di
Riforma (PNR), un complesso di interventi di medio termine, riferimento fondamentale
della politica economica, con validità fino al 2010.

Messo a punto al fine di raggiungere la piena convergenza con gli obiettivi strategici sta-
biliti dall'Unione Europea per il 2010 in termini di reddito pro-capite, livello di occupazio-
ne e realizzazione della “società della conoscenza”, il PNR è stato presentato alla
Commissione Europea nell'ottobre 2005 ed è composto da sette assi di intervento.
Esso prevede, per ogni asse, una serie di obiettivi e di indicatori specifici che ne con-
sentiranno il monitoraggio e la valutazione dei risultati.

Ognuno dei sette assi è dedicato ad un settore economico specifico. Il primo è diretto
a realizzare la stabilità macro-economica e finanziaria; il secondo a stabilire le linee
operative del Piano Strategico delle Infrastrutture e dei Trasporti (PEIT); il terzo è costi-
tuito dal Programma AGUA che si occupa delle linee operative per la gestione e l'utiliz-
zo responsabile delle risorse idriche. Il quarto asse contempla il Programma per la ricer-
ca, lo sviluppo e l'innovazione; il quinto è diretto al miglioramento del capitale umano,
l'aumento delle competenze, una migliore regolamentazione e l'efficienza delle

79
Spagna - Innovazione industriale e competitività

Amministrazioni Pubbliche per la competitività. Il sesto asse è costituito da una serie di


iniziative inerenti il mercato del lavoro e il dialogo sociale, mentre il settimo e ultimo
asse riguarda il Piano di promozione imprenditoriale.

La questione energetica e la protezione dell'ambiente, con specifico riferimento alla promo-


zione delle energie rinnovabili, rappresentano tematiche trasversali, comuni a tutti gli assi.

La complessa articolazione di questo procedimento, strutturalmente indirizzato a favo-


rire lo sviluppo economico e la competitività del Paese, potrà dunque apprezzarsi sol-
tanto in un'ottica di stretta interdipendenza tra tutti gli assi d'intervento e attraverso l'ap-
profondimento dell'insieme dei principi ispiratori delle molteplici misure attuative previ-
ste dal PNR.

In relazione al focus tematico della presente analisi, si porranno in evidenza la struttu-


razione della Governance degli interventi predisposti dal PNR e quegli elementi del
Programma più direttamente correlati allo sviluppo del sistema industriale, all'innovazio-
ne tecnologica e alla R&S contenuti nel quarto e nel settimo asse di sviluppo.

Riguardo al quarto asse d'intervento, diretto alla promozione delle attività d'innovazio-
ne e di R&S, verrà in particolare analizzata la “Strategia per la Ricerca, lo Sviluppo e
l'Innovazione” (I+D+i). Il suo principale strumento di attuazione è costituito dal
Programma d'innovazione delle imprese che prende il nome di INGENIO 2010. Per
quanto concerne, invece, il settimo asse d'intervento l'analisi verterà sugli elementi del
Piano di promozione imprenditoriale che dettano le linee operative per il potenziamen-
to della competitività delle imprese spagnole.

Le principali iniziative adottate in materia di innovazione industriale e competitività sono


schematicamente illustrate nella tavola 1. Una rappresentazione del sistema di program-
mazione analizzato è disponibile nel paragrafo “Articolazione della programmazione”.

80
Innovazione industriale e competitività - Spagna

Tavola 1 - Spagna. Politiche per l'innovazione e la competitività: programmi di intervento e organizzazione istituzionale*

Progrrammi Descrizione Organi di Governo Istituzioni/ Istituti/


d’inte
ervento della politica responsabili Dipartimenti/Agenzie Università/Istituzioni
e iniziative governative finanziarie
avviatte coinvolte collegate

Ingen
nio 2010 Rappresenta un Consiglio dei Ministri Commissione Consorzio strategico
programma strategico Ministero dell'Istruzione Interministeriale per la nazionale per la ricerca
derivante dal Piano e la Scienza Scienza e la Tecnologia tecnica (CENIT costituito
Nazionale di Riforma (CICYT) distinta in: attraverso il programma
(A3) ** (A6) ed è inseri- Ministero dell’Industria, - Commissione Plenaria Ingenio 2010)
to nel Plan Nacional de Turismo e Commercio e Centri per l'innovazione
Investigaciòn Cientìfica, - Commissione tecnologica
Desarrollo e Innovaciòn Ministero per la Sanità Permanente
Tecnològica (I+D+I) ed il Consumo Parchi scientifici e tecno-
Centro di sviluppo tecno- logici
2004-2007. logico e industriale
Si articola nei seguenti Ministero del Lavoro e (CDTI) del Dipartimento Agenzia per il trasferi-
Programmi tematici: gli Affari Sociali di Promozione mento dei risultati della
- Cenit; dell’Innovazione ricerca
- Consolider (A4); Ministero dell'Ambiente Fondazioni
Due organi consultivi:
- Torres Quevedo
(per R&S); Ministero per lo Sviluppo - Consiglio generale
della scienza e la tec-
- Plan @vanza nologia
(per l'istruzione). Ministero della Difesa
- Consiglio di assistenza
Ministero degli Affari per la scienza e la tec-
Esteri e la Cooperazione nologia
Comitato di sostegno e
monitoraggio delle politi-
che I+D+I
SISE - Sistema integrale
di monitoraggio e valuta-
zione dell'Osservatorio
permanente del sistema
spagnolo scienza - tec-
nologia - impresa

AEI Programma di raggrup- Ministero dell’Industria, Segreteria Generale Centri di formazione


Agruppaciones pamento delle imprese del Turismo e del dell'Industria Università
Emprresariales innovative - 2007 - per il Commercio Direzione generale
Innovvadoras miglioramento della Politica per le PMI
(A7) competitività internazio-
nale delle imprese attra- Comunità Autonome
verso una maggiore Amministrazione genera-
capacità d'innovazione le di Stato - AGE
(criterio vincolante: la
territorialità)

Iniziattiva Programma congiunto Ministero dell’Industria, CDTI - Centro per lo Centro per lo sviluppo
NEOT TEC CDTI-FEI (fondo euro- Turismo e Commercio sviluppo tecnologico tecnologico industriale -
peo degli investimenti) industriale Linea di Finanziamento
per il finanziamento dei dell’Innovazione
FEI - Fondo Europeo
progetti di ricerca e svi- Tecnologica
degli Investiment
luppo nazionali e trans- Sovvenzioni del VII
nazionali. L'iniziativa Programma Quadro
punta al sostegno nella Innovazione e
creazione ed il consoli- Competitività dell’UE
damento delle imprese (FEDER - Fondo europeo
fondate sulla tecnologia per lo sviluppo regionale)

Lineee Sostegno all'impresa Ministero dell'Economia CDTI - Centro per Istituto di credito ufficiale
di cre
edito spagnola - strumento del tesoro lo sviluppo tecnologico (ICO)
ICO-CCDTI per il finanziamento di industriale
progetti di I+D+i e per la Ministero dell'Industria, il
creazione ed il consoli- Turismo e il Commercio
damento di imprese a
base tecnologica (A5)
* Le colonne contengono tutti gli elementi che è stato possibile desumere dalle fonti analizzate, le informazioni potrebbero
non essere esaustive per alcune delle politiche/ iniziative analizzate

Fonte: elaborazione IPI su dati diversi, 2007

81
Spagna - Innovazione industriale e competitività

4.2 Governance

4.2.1 Il Sistema Istituzionale spagnolo

La Governance spagnola dell'innovazione scientifica e tecnologica nei programmi di svilup-


po è in parte definita da elementi normativi ed in parte retta da consuetudini operative.

Il principale elemento normativo che regge la costruzione del sistema istituzionale è la


“Legge della Scienza” (Legge 13/1986 per lo sviluppo ed il coordinamento della ricerca
tecnico-scientifica - e successive modifiche - GU 14 settembre 2001 e 2 luglio 2002).
Questa ha rappresentato un passo fondamentale nella definizione delle priorità d'inter-
vento settoriali, stabilendo altresì le relazioni ed il sistema dei rapporti tra i diversi atto-
ri coinvolti negli interventi.

La Legge della Scienza ha rappresentato una rilevante novità per le attività di ricerca,
rafforzando il coordinamento e la flessibilità del sistema è infatti andata ad incidere pro-
fondamente nello sviluppo delle attività di R&S del settore pubblico.

In particolare, l'intervento normativo ha regolamentato ciò che precedentemente era


lasciato alla spontanea iniziativa delle parti, strutturando le diverse attività all'interno di
un Piano nazionale secondo una programmazione pluriennale in grado di assicurare
continuità al sistema, istituendo organismi titolari dei rapporti tra le istituzioni di settore
e razionalizzando il complessivo utilizzo delle risorse dedicate.

La Legge ha inoltre provveduto alla regolamentazione e alla riorganizzazione degli


Organismi Pubblici di Ricerca (OPIS), permettendo di realizzare il necessario coordina-
mento tra le iniziative dell'Amministrazione Centrale e quelle degli Enti Locali ai quali
dal 1984 è stata trasferita la competenza per materia.

Figura 1: Organizzazione del sistema di governance spagnolo dell'innovazione

PARLAMENTO
Commissione parlamentare per la Ricerca
Commissione Industria del Senato
Commissione parlamentare per l’Industria
Governo
Consiglio Generale per le scienze e le teconologie
Commissione Interministeriale per le
scienze e le tecnologie
Consiglio di assistenza Politiche su scienza e tecnologia

Ministero dell’Industria Ministero dell’Industria Ministero dell’Economia


e delle Scienze Turismo e Commercio e delle Finanze

Segreteria Generale Segreteria di Stato per il


per la politica su Turismo e il commercio
Segreteria di Stato scienze e tecnologie
per l’Università e la Direzione Generale Segreteria di Stato per le
Ricerca per l’Università telecomunicazioni e la Società di Stato per la
Società dell’informazione partecipazione industriale
Sottosegreteria Ufficio della Segreteria
di Stato D.G. per le telecom. e l’ICT
Segreteria di Stato per le finanze
Segreteria Generale Agenzia Governativa D.G. per lo sviluppo della società e il budget
per l’istruzione per la valutazione e la dell’informazione
pianificazione
Segreteria di Stato per Segreteria di Stati per l’Economia
l’Industria, il Tur. e Comm.
Consiglio Superiore
per lo Sport Direzione Generale Ufficio spagnolo Brevetti e Marchi Segreteria per l’Economia
per la Ricerca
e le Finanze
Direzione Generale Segreteria Generale
per la Politica Tecnologica per l’Industria

D.G. per lo sviluppo industriale

Direzione Generale per la politica


sulle PMI
Organismo belong to the State Secretariat of Centro per lo Sviluppo Tecnologico
Industriale
Univerities and Research
CSIC, CIEMAT, IEO, INIA, IGME, IAC
Segreteria Generale per l’Energia

D.G. Politica Energetica e Mineraria

Commission - Enterprise Directorate-General A publication from the Innovation/SMEs Programme.

82
Innovazione industriale e competitività - Spagna

Per quanto riguarda i programmi nazionali, quelli che riguardano iniziative attinenti l'in-
novazione scientifica e tecnologica, sono coordinati dalla Commissione Interministeriale
per la Scienza e le Tecnologie (CICYT), l'organizzazione centrale che pianifica e svol-
ge il monitoraggio sulle politiche per l'innovazione. Essa riunisce rappresentanti dei
Ministeri coinvolti nel processo di attuazione delle diverse iniziative e distingue la sua
composizione a seconda che si riunisca in commissione plenaria e commissione per-
manente.

Al processo di sviluppo concernente l'innovazione tecnologica è inoltre preposto il Centro


di Sviluppo Tecnologico e Industriale (CDTI) gestito dal Dipartimento di Promozione
dell'Innovazione del Ministero per l'Industria, il Turismo ed il Commercio (MITYC).

 La Commision Interministerial de Ciencia y Tecnologia


La Commissione Interministeriale per la Scienza e le Tecnologie (CICYT) è stata costi-
tuita in base alla legge sulla Scienza (L. 13/86) con l'obiettivo di realizzare quel neces-
sario e generale coordinamento delle attività di ricerca scientifica e tecnologica di origi-
ne pubblica. Rappresenta l'organo principale in materia di indirizzo di politica scientifi-
ca e tecnologica, di pianificazione e di controllo. Attribuisce incarichi e responsabilità
nella gestione delle iniziative programmate ai diversi Dipartimenti ministeriali responsa-
bili per materia: coordina e segue la realizzazione delle iniziative lanciate attraverso il
Programma Nazionale (I+D+i) cui contribuisce attraverso la definizione dei grandi obiet-
tivi di ricerca e sviluppo.

Essa si articola in due Commissioni: la Plenaria e la Permanente. La prima ha una costi-


tuzione allargata cui partecipano tutti i rappresentanti del Governo e dei Ministeri coin-
volti, la seconda è un organo più ristretto e maggiormente operativo.

è inoltre dotata di due organi consultivi: il Consiglio Generale per la Scienza e la


Tecnologia ed il Consiglio di assistenza per la scienza e la tecnologia. Alle attività di
sostegno, consulenza e monitoraggio dei processi lanciati è infine addetto il Comitato
di sostegno e monitoraggio delle politiche di ricerca, innovazione e sviluppo.

Il suo obiettivo è quello di elaborare le linee direttive della Politica di ricerca scientifica
e tecnologica; è responsabile della pianificazione, del coordinamento e del monitorag-
gio delle iniziative programmate e di partecipare alla stesura del Piano nazionale per la
ricerca scientifica, per lo sviluppo e l'innovazione tecnologica.

In particolare la CICYT ha la funzione di integrare nei programmi nazionale di R&S le ini-


ziative settoriali, di definire l'orientamento dei fondi pubblici dedicati al finanziamento dei
Programmi Nazionali, di attribuirne la gestione, l'esecuzione delle misure d'intervento e di
programmarle. È inoltre responsabile dell'orientamento generale delle politiche per la for-
mazione, l'occupazione, la mobilità del personale addetto alle attività di ricerca e definisce
l'ammontare delle risorse da destinare ai programmi di ricerca internazionale.

83
Spagna - Innovazione industriale e competitività

Figura 2: Funzionamento del CICYT ed interconnessioni con il SECTE

Commissione Interministeriale per la Scienza


e le tecnologie - CICYT

Consiglio
Plenaria Generale
Permanente
CAS Consiglio
d’Assistenza

MNISTERO PER L’ISTRUZIONE E LA SCIENZA Consiglio


E Economico
ALTRI MINISTERI ATTUATORI DEL PROG. I+D+I e Sociale

Università Imprese

Centri Pubblici di Ricerca Centri per l’innovazione e altri enti

 Il Comitato di Sostegno e Monitoraggio della CICYT


Nel 2004 la Commissione permanente ha creato un Comitato di sostegno e monitorag-
gio della CICYT, detto CAS, con il compito di gestire la politica I+D+i lanciata dal
Governo ed implementare le misure di breve termine.

Tale Comitato ha sviluppato il suo intervento con tale intensità da diventare l'organo più
dinamico ed incisivo del sistema di coordinamento nazionale degli interventi per l'inno-
vazione tecnologica e industriale.

 Il Consiglio Generale per la Scienza e la Tecnologia


Tale organo è stato costituito per sviluppare un coordinamento generale delle attività di
ricerca scientifica e tecnologica. Le sue principali funzioni sono:

• fornire assistenza tecnica nella messa a punto del PN per quanto riguarda in partico-
lare l'ottimizzazione dell'uso delle risorse, dei mezzi e delle tecnologie disponibili per
le attività di ricerca;

• proporre la programmazione di particolari obiettivi da includere nel PN;

• proporre l'adozione di programmi o progetti di ricerca ricevuti dagli enti locali;

• promuovere lo scambio d'informazioni tra Amministrazione Centrale ed Enti Locali

84
Innovazione industriale e competitività - Spagna

sullo stato d'avanzamento ed i risultati dei rispettivi programmi di ricerca con l'obietti-
vo di semplificare il coordinamento generale delle attività di ricerca scientifica e tec-
nologica;

• promuovere azioni congiunte tra iniziative dell'amministrazione centrale, enti locali o


tra iniziative di diversi enti locali per lo sviluppo o l'implementazione di programmi di
ricerca complessi;

• produrre informative e rapporti sullo stato dell'arte, il coordinamento della ricerca svi-
luppata dall'amministrazione pubblica centrale su richiesta della CICYT o degli orga-
ni/organismi responsabili della Politica scientifica degli enti locali o del CAS;

• realizzare un archivio documentale sulle diverse iniziative, piani, programmi di ricerca


promossi dall'autorità pubblica.

 Consiglio di Assistenza per la Scienza e la Tecnologia


Ha l'obiettivo di realizzare la partecipazione della comunità scientifica, degli operatori
economici e sociali nell'elaborazione, valutazione e monitoraggio dei Programmi
Nazionali. Tra le sue principali funzioni:

• proporre obiettivi da inserire nel PN;

• assistere la CICYT nell'elaborazione del PN;

• fornire consulenza nella revisione del PN elaborato dalla CICYT prima della sua remis-
sione al Governo e nella fase d'implementazione dello stesso, sullo stato d'avanzamen-
to delle attività, in particolare sulle loro ripercussioni di tipo economico e sociale;

• proporre alla CICYT eventuali modifiche al PN;

• produrre informative e rapporti su richiesta della CICYT, degli organi/organismi


responsabili delle politiche scientifiche e degli Enti Locali.

4.2.2 Il Sistema Spagnolo Scienza - Tecnologia - Impresa

Il SECTE deriva dalla definizione data al sistema di interrelazioni giuridiche ed operative


esistenti tra i diversi operatori coinvolti nella ricerca scientifica e nello sviluppo tecnologi-
co dalla Legge della Scienza dell'86. Incorporando una serie di principi di origine sia nor-
mativa che consuetudinaria, essa ha l'obiettivo di realizzare un migliore coordinamento
dei rapporti esistenti tra tutte quelle istituzioni ed organismi sia pubblici che privati prepo-
sti alla produzione di conoscenza e/o all'utilizzo di questa in ambito produttivo.

Questa legge detta i principi cardine per l'operatività degli organismi pubblici di ricerca
(OPIs) ed incide in particolare nell'organizzazione del Consiglio Superiore per la
Ricerca Scientifica e nella gestione operativa delle relazioni di questi con le imprese e
quindi sul SECTE.

Gli obiettivi stabiliti dal Programma Nazionale (I+D+i) e dalle singole iniziative di R&S
derivano infatti da una approfondita conoscenza della situazione del SECTE e del moni-
toraggio dei risultati raggiunti.

In considerazione del fatto che la politica di R&S e innovazione rappresenta al tempo


stesso un insieme di iniziative destinate al potenziamento degli atout più competitivi del

85
Spagna - Innovazione industriale e competitività

Sistema ed una serie di misure poste per risolvere problematiche o lacune dello stes-
so, il Governo spagnolo ha ritenuto necessario conoscere preventivamente ed appro-
fonditamente il contesto in cui essa andrà a svilupparsi, definendolo attraverso una nor-
mativa ed approntandovi una serie di misure dirette al suo monitoraggio.

Figura 3: Rappresentazione del Sistema Spagnolo Scienza Tecnologia Impresa - SECTE

Pubblica Sistema Infrastrutture di


Imprese sostegno
Amministrazione Pubblico R&D
all’innovazione

Statale Regionale Locale Europea


Centri tecnologici
Università OPIS
Parchi tecnologici
MCYT
Consiglio Generale Centri Europei per le
CICYT Imprese e per
Consiglio l’innovazione
d’assistenza

Politica Scientifica Fondazioni


e Tecnologica università-impresa

Centri per
l’innovazione e le
tecnologie
OTRIS

ANEP

Organismi e Agenzie
di Sviluppo
dell’innovazione

CDTI OEPM

Fonte: Sistema Spagnolo d'informazione sulle acque/Ministero per lo Sviluppo, 2007

4.2.3 Il coordinamento con gli Enti Locali

Per quanto riguarda la politica in tema di ricerca, sviluppo e innovazione, l'esigenza di


realizzare una collaborazione attiva ed una cooperazione costruttiva tra Amministrazione
Centrale (AGE) ed Enti Locali è stata realizzata sin dalla fase di elaborazione del Piano
nazionale 2004-2007, attraverso il riferimento specifico all'esigenza di “rafforzare la
cooperazione tra le istituzioni” e prevedendo la loro consultazione ed il loro coinvolgi-
mento per migliorare il coordinamento tra Programma Nazionale ed i piani degli Enti
Locali relativi a R&S.

Gli Enti Autonomi contribuiscono alle decisioni programmatiche del PN sia attraverso la
partecipazione al Consiglio Generale per la Scienza e le Tecnologie che nel Consiglio
di assistenza per la scienza e la tecnologia del CICYT.

Per quanto riguarda la fase attuativa, nello stesso PNR è stabilito che le linee program-
matiche lanciate dal PNR devono essere realizzate a livello locale in coordinamento con
le istituzioni preposte dagli stessi Enti Autonomi.

86
Innovazione industriale e competitività - Spagna

4.2.4 Il rapporto con le Istituzioni Comunitarie

Per quanto riguarda il versante “politiche comunitarie” in materia di ricerca e sviluppo


tecnologico e scientifico, al fine di raggiungere gli obiettivi stabiliti nella Strategia di
Lisbona, la Spagna si è dotata di un organo di coordinamento di tutti gli interventi che
vanno in tale direzione costituendo l'Unità Permanente “Lisbona” (PLU).

Questa è stata costituita il 16 giugno 2005 per volontà della Commissione delegata agli
affari economici del Governo. Il suo principale obiettivo è di elaborare il PNR in ottem-
peranza agli indirizzi ed alle regolamentazioni comunitarie, sotto il coordinamento del
Direttore dell'Ufficio Economico del Primo Ministro, in qualità di coordinatore nazionale
per la Strategia di Lisbona.

è l'organo responsabile del coordinamento dell'insieme dei lavori provenienti dagli altri
organismi che partecipano all'elaborazione del PNR, può richiedere contributi e deluci-
dazioni ed ha il compito di redigere ed aggiornare il PNR. È costituito da rappresentan-
ti del Ministero dell'Economia e del Tesoro, del Ministero del Lavoro e degli Affari
Sociali, del Ministero dell'Industria del Commercio e del Turismo, del Ministero dell'am-
biente e naturalmente dell'Ufficio Economico del Primo Ministro.

4.2.5 Le procedure di controllo e verifica: il Sistema integrato


di monitoraggio e valutazione

Con INGENIO 2010 è stato costituito il SISE, un complesso sistema integrato per il
monitoraggio e la valutazione sullo stato di avanzamento della programmazione e la
realizzazione dei progetti della Strategia I+D+i.

Il suo principale obiettivo è di sovrintendere al controllo di gestione delle iniziative pub-


bliche di ricerca, sviluppo e innovazione; migliorare la trasparenza e la promozione nella
fase di attuazione dei programmi in modo da diffondere il più possibile presso i cittadi-
ni e le organizzazioni interessate i risultati delle iniziative finanziate con fondi pubblici.

Attraverso la produzione di informative ed analisi sullo stato di avanzamento dei lavori,


il SISE ha la possibilità di realizzare il processo di pianificazione, revisione, attualizza-
zione e adeguamento degli obiettivi delle politiche d'intervento ai nuovi scenari che
vanno man mano componendosi.

Le attività di analisi e di valutazione in tema di ricerca e sviluppo hanno carattere per-


manente e sono dirette alla verifica dell'attuazione degli interventi rispetto agli obiettivi
prefissati in fase di programmazione, alla determinazione delle problematiche emergen-
ti e ad approntare eventuali misure atte a risolvere eventuali questioni problematiche o
lacune del sistema.

A lungo termine il SISE è destinato a trasformarsi in un Osservatorio permanente del


Sistema spagnolo Scienza-Tecnologia-Società, quale piattaforma di analisi e monito-
raggio permanente delle iniziative realizzate al fine di promuoverne la diffusione dei
risultati ed effettuare studi generali e di settore, che permettano di tener conto dell'espe-
rienza in vista del miglioramento continuo nella programmazione di nuove politiche.

Tra le sue funzioni spicca quella del monitoraggio degli indicatori internazionalmente utilizza-
ti per misurare la portata dei risultati ottenuti a livello nazionale nel campo scientifico e tecno-
logico, con specifico riferimento agli indicatori relativi ai dati economici, sociali ed alla valuta-
zione dei risultati rispetto agli obiettivi strategici del PN I+D+i 2004-2007. Definisce i parame-
tri di riferimento e gli indicatori per la valutazione dell'efficienza e dell'efficacia delle azioni rea-
lizzate di sostegno alla messa a punto di nuove azioni d'intervento.

87
Spagna - Innovazione industriale e competitività

I suoi principali obiettivi istituzionali sono:

• elaborare gli indicatori di risultato per l'analisi d'impatto delle azioni e la valutazione
del sistema rispetto a tutti i settori d'intervento (pubblica amministrazione, centri di
ricerca pubblici e privati, etc.);

• monitorare ed analizzare le iniziative sviluppate dall'Amministrazione Centrale in


corso di esecuzione;

• sottoporre proposte di attuazione e misure d'intervento, sulla base di documenti di


analisi, per migliorare gli interventi finanziati con risorse pubbliche e potenziare la
competitività del sistema I+D+i;

• diffondere i risultati e gli studi di settore e agevolare l'interazione tra diversi agenti di
sviluppo del settore pubblico e privato;

• favorire la diffusione di informazioni sul sistema strategico di sostegno al sistema


scienza-tecnologia e contribuire a realizzare l'integrazione sociale e le pari opportuni-
tà nelle attività di settore.

Per raggiungere detti obiettivi, il SISE sviluppa le seguenti linee di attività:

• descrizione del Sistema spagnolo Scienza-tecnologia-società, la struttura, gli operatori;

• elaborazione e monitoraggio degli indicatori del sistema, del PN I+D+i 2004-2007 e


del programma Ingenio 2010;

• elaborazione e pubblicazione degli studi e delle informative sullo stato di avanzamen-


to delle attività di ricerca e innovazione classificate per categoria: quelle con cadenza
annuale/biennale e quelle saltuarie le cui tematiche dipenderanno da esigenze di con-
giuntura;

• analisi dei risultati dei bandi secondo la distribuzione regionale, la tipologia di attua-
zione, la descrizione dettagliata dei fondi concessi annualmente (distinti per titolo di
progetto, imprese, centri di esecuzione, etc.) Queste attività sono definite da un
Programma di Lavoro annuale;

• produzione della Newsletter sulla scienza e la tecnologia.

Sull'argomento vedasi la Tavola illustrativa dell'Articolazione della programmazione per


la Spagna.

4.3 Programmi e modalità d'intervento


L'innovazione industriale e la competitività vengono rilanciate attraverso due principali
linee d'intervento del PNR: lo sviluppo dell'asse strategico “Ricerca + Sviluppo + inno-
vazione” (I+D+i) di cui lo strumento principale è costituito dal Programma d'innovazio-
ne delle imprese, INGENIO 2010, e le linee d'intervento previste dal Piano di promozio-
ne imprenditoriale diretto al potenziamento della competitività delle imprese, l'ultimo
asse del PNR.

88
Innovazione industriale e competitività - Spagna

4.3.1 Linee operative, programmi/sotto programmi, misure d'intervento

Nel PNR il sistema strategico I+D+i stabilisce che la ricerca e l'innovazione siano moto-
ri fondamentali per la crescita economica. In particolare, l'attività di ricerca genera non
solo ricchezza ed impiego di alto livello ma rappresenta un elemento catalizzatore per
l'aumento della produttività degli altri settori.

Nel complesso il Governo spagnolo, attraverso queste importanti politiche per l'innova-
zione, unite a programmi attuativi ampi ed ambiziosi, vuole incoraggiare e facilitare il
raggiungimento degli obiettivi di sviluppo e permettere a tutti di cogliere quelle opportu-
nità produttive offerte dall'innovazione e dalle tecnologie11.

 Il IV asse strategico del PNR: la strategia dell'I+D+i


L'importanza della ricerca quale potenziale volano di sviluppo della competitività viene
esplicitamente riconosciuta dal Governo che ne ha fatto una delle priorità dell'attuale
politica economica, sia in considerazione del cospicuo ammontare di risorse destinate
ad attività di I+D+i, sia per il lancio di un Programma specificamente dedicato: Ingenio
2010.

Quest'ultimo funge da catalizzatore e coordinamento di diversi strumenti di attuazione


strategica del sistema pubblico I+D+i ricondotti ai: Programma CENIT, Consolider e
Plan Avanz@. Questi hanno in comune l'obiettivo di migliorare il livello competitivo dei
settori produttivi, ridurre il gap tecnologico e digitale con i paesi più avanzati dell'Unione
europea e rilanciare la conoscenza quale elemento base per il progresso economico e
tecnologico.

Il sistema si basa su un'approfondita analisi del quadro di partenza del SECTE, delle
esigenze dei settori e degli operatori economici e sociali che lo compongono e punta ad
accrescere le capacità in R&S, controllare lo stato d'avanzamento delle misure attuati-
ve ed attualizzarne costantemente i risultati identificando le questioni più problematiche,
così da rivedere puntualmente la politica sull'innovazione e ri-orientarla a seconda delle
necessità. Le singole misure della strategia vengono approfondite nel paragrafo 6.4.2.

 Il VII asse strategico: il Piano di sostegno alle imprese


Il sostegno alle imprese innovative è offerto dal Plan de Fomento Empresarial (Piano
per lo sviluppo delle imprese) 2005, un intervento12 attraverso il quale il Governo ha
destinato nel 2006, 8000 milioni di euro per il sostegno alle imprese spagnole.

Il Piano mette in campo misure dirette ad incentivare l'internazionalizzazione, l'innovazione


aziendale e lo spirito imprenditoriale. Viene rafforzato il finanziamento stanziato attraversi gli
ICO (Istituto Ufficiale di Credito) e vengono messe a punto nuove linee di credito per il tessu-
to imprenditoriale delle PMI. Questo Piano lancia una misura specifica per l'innovazione nelle
imprese “InnoEmpresa” ed una dedicata all'internazionalizzazione “Aprender a Exportar”.
Vengono infine predisposte misure dedicate al sostegno dei giovani e delle donne nell'im-
prenditoria e predisposte misure per la semplificazione amministrativa.

11
European Trend Chart on Innovation - Annual Innovation Policy Trends and Appraisal Report Spain 2006 - European
Commission-Enterprise Directorate-General A pubblication from the Innovation/SMEs Programme.
12
Il Piano per lo Sviluppo delle Imprese, approvato dal Consiglio dei Ministri il 26 gennaio 2006, rappresenta uno degli
assi prioritari del Piano Nazionale di Riforma messo a punto dal Ministero dell’Economia e del Tesoro, Il ministero
dell’Industria, Commercio e Turismo, l’Ufficio Economico del Primo Ministro, ed è stato presentato dal Governo spa-
gnolo all’UE nel dicembre 2005.

89
Spagna - Innovazione industriale e competitività

Questo Piano deve essere letto in un più ampio contesto costituito dal Piano per la dina-
mizzazione dell'economia e per il rilancio della produttività del Ministero dell'Economia
e del Tesoro (MEH) la cui quarta linea attuativa è dedicata alle misure di sostegno degli
investimenti in I+D+i. Le iniziative si compenetrano e si sostengono a vicenda in un
complesso sistema di finanziamento compartecipato. Molte delle iniziative lanciate dal
MEH convergono con quelle del MITYC in un'ottica di collaborazione trasversale interi-
stituzionale tra ministeri diretta al raggiungimento di obiettivi comuni.

Tra gli obiettivi del Piano di Sviluppo delle Imprese:

• il miglioramento della gestione della Politica I+D+i attraverso misure di riforma norma-
tiva ed istituzionale coordinate dal CICYT, la riduzione della burocrazia nelle proce-
dure dei bandi dedicati; la promozione di accordi con strutture di credito dirette al
sostegno dei finanziamenti pubblici alle PMI;

• l'attrazione e il sostegno dei ricercatori attraverso programmi di stabilizzazione della


loro posizione all'interno delle strutture di ricerca; il sostegno economico per il rientro
dei ricercatori all'estero, modifiche al sistema della docenza e ricerca universitaria;

• il potenziamento della cooperazione pubblico-privata attraverso la messa a punto di un


fondo dei fondi di capitali di rischio costituito da un contributo di risorse miste pubblico-
private; il potenziamento delle strutture di ricerca (università, parchi tecnologici ecc);

• la revisione della strategia di ricerca degli OPIs potenziandone la collaborazione col


tessuto industriale. Soprattutto per quest'ultima linea d'intervento è prevista una stret-
ta collaborazione tra il MEH ed il MITYC.

4.3.2 Misure attuative e strumenti finanziari

Attraverso la politica di ricerca e sviluppo, la Spagna intende aumentare la spesa per le


attività di R&S e innovazione, soprattutto nel settore pubblico e riorientare la spesa pub-
blica per promuovere investimenti produttivi in capitale fisico, tecnologico ed umano.

 Programma INGENIO 2010


Nel 2003, l'ammontare degli investimenti destinati ad attività di R&S era stato all'incirca
dell'1,1%, la metà circa degli investimenti dell'Europa a 25 e ben lontano dal risultato degli
obiettivi di Lisbona (3% del PIL entro il 2010). Attraverso Ingenio 2010, il Governo13 spa-
gnolo si è dato l'obiettivo di raddoppiare gli investimenti in R&S (2% del PIL entro il 2010)
al fine di consolidare le attività di ricerca, sviluppo ed innovazione soprattutto nel settore
pubblico e per rafforzare la posizione economica nazionale a livello comunitario14.

Ingenio 2010, prevede un programma d'investimenti nel settore della ricerca e dell'in-
novazione per un ammontare di risorse di 8 miliardi di euro in quattro anni sotto forma
di sovvenzioni che coprono fino ad un massimo del 50% dell'investimento (costo per
progetto).

13
La Legge Finanziaria ha previsto per il 2007 di incrementare del 30% la spesa destinata alla politica di ricerca a carattere
civile. L'importo previsto per il 2007 è di circa 6.540,56 M. € […] questa dotazione duplica di fatto la spesa destinata ad
attività di I+D+i nel 2004, anticipando di un anno la promessa fatta dal Governo sulla legislatura. Los Presupuestos
Generales del Estado para 2007 - Legge 42/2006 del 28 dicembre 2006 - Informe economico y financero.
14
L'attuazione della Strategia di Lisbona - relazione di sintesi per il Consiglio europeo 23 - 24 marzo 2006 - Comitato
economico e sociale europeo.
15
Spagna: Rapporti Paese congiunti Ambasciate/Uffici Ice estero - 2° semestre 2005 fonte MAE - ICE

90
Innovazione industriale e competitività - Spagna

Il Programma intende promuovere le attività di R&S nell'ambito di una collaborazione


tra pubblico e privato al fine di favorire il trasferimento dei risultati nel tessuto imprendi-
toriale. Ingenio 2010 è gestito dal Ministero dell'Industria spagnolo attraverso il
Consorzio Strategico Nazionale per la Ricerca Tecnica (CENIT) che opera in collabora-
zione con il Dipartimento di Promozione dell'Innovazione (CDTI), un istituto pubblico di
gestione dei progetti di ricerca industriali dipendente dallo stesso Ministero.

Tra i suoi obiettivi, Ingenio 2010 intende quindi mobilitare tutti gli operatori sia pubblici
che privati coinvolti nel processo dell'innovazione ovvero le imprese, le università, i cen-
tri di ricerca16 in un impegno comune.

Nello specifico il Programma si prefigge i seguenti parametri di adempimento per rag-


giungere i suoi obiettivi entro il 2010:

• destinare il 2% del PIL ad attività di R&S;

• portare il 55% del contributo privato a spese in R&S;

• raggiungere lo 0,9% del contributo pubblico sul PIL in investimenti in R&S e innova-
zione;

• aumentare l'occupazione specialistica di 1300 posti l'anno nel settore privato a parti-
re dal 2010;

• favorire la creazione di imprese tecnologiche provenienti dalla ricerca pubblica fino ad


un minimo di 130 imprese nel 2010;

• raggiungere la media UE nella destinazione della percentuale del PIL alle TIC passan-
do dall'attuale 4,8% al 7% entro il 2010.

Al fine di valutare il risultato delle attività realizzate attraverso questo programma, il


piano pone degli obiettivi e stabilisce degli indicatori di riferimento che ne permetteran-
no il monitoraggio in corso d'opera.

 Strumenti di attuazione
Al fine di conseguire i suoi obiettivi e far convergere i principali indicatori verso la media euro-
pea, il Programma Ingenio 2010 ha messo in campo tre azioni strategiche attraverso:

• il programma CENIT che definisce i meccanismi per promuovere la cooperazione tra


il settore pubblico e quello privato mediante consorzi strategici nazionali di ricerca tec-
nologica;

• il programma Consolider inteso ad aumentare la massa critica e l'eccellenza nella


ricerca scientifica;

• Il programma PLAN AVANZ@ più centrato sulla società dell'informazione, mira a far
convergere tutti gli indicatori verso i più alti livelli europei.

A corollario di questi e con obiettivi più specificamente tesi a consolidare e sviluppare


16
La collaborazione tra Ministero dell'Industria, Commercio e Turismo spagnolo (DGPYME) ed il centri tecnologici di
ricerca costituiti nella federazione di enti per l'innovazione e la tecnologia (FEDIT) ha ottenuto il riconoscimento da
parte della Commissione europea di “organizzazione di ricerca”. Tale riconoscimento permette ai centri di ricerca tec-
nologica di beneficiare del sostegno finanziario allo sviluppo delle loro attività da parte del governo spagnolo senza
che tale partecipazione sia considerata un Aiuto di stato e quindi soggetta alla previa autorizzazione da parte della CE
(vedasi regolamentazione Quadro comunitario sugli aiuti di stato per attività di R&S all'innovazione - 2006/C 323/01).

91
Spagna - Innovazione industriale e competitività

l'occupazione, c'è il programma Torres Quevedo che incentiva l'assunzione di laureati


ed esperti nelle diverse tecnologie.

Gli interventi lanciati attraverso Cenit, Consolider e Plan Avanz@ vengono sostenuti
con le risorse finanziarie previste da Ingenio 2010.

 Il Programma CENIT e il Fondo dei Fondi

Questo Programma è diretto al finanziamento di grandi progetti integrati di ricerca indu-


striale strategica, di grande dimensione e di ampio orizzonte tecnico-scientifico, orien-
tati ad una ricerca pianificata sulle tecnologie futuristiche con potenziale interesse inter-
nazionale il cui obiettivo sia la produzione di nuova conoscenza di base per l'innovazio-
ne di prodotto, processo e servizio o per l'integrazione di tecnologia di interesse strate-
gico, in modo da contribuire al miglior posizionamento tecnologico del tessuto produtti-
vo spagnolo.

Il programma tende a mobilitare il sistema della conoscenza e a sviluppare la cultura della col-
laborazione nella ricerca tra tutti gli operatori del sistema scienza - tecnologia - imprese e soste-
nere la più ampia partecipazione delle PMI nei progetti di ricerca industriale all'avanguardia.

All'interno del CENIT viene infatti costituita una società di capitale di rischio chiamata
Fondo dei Fondi con una dotazione di 200 milioni di euro i cui principali azionisti sono
il Dipartimento per la Promozione dell'Innovazione (CDTI) che partecipa con 60 milioni
di euro, il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) che contribuisce con 50 milioni di
euro e le grandi imprese del tessuto economico privato spagnolo che apporteranno dai
60 ai 100 milioni di euro.

Questa società di capitali di rischio (la SCR) è operativa dal gennaio 2006 con l'obiettivo di
promuovere la creazione delle nuove imprese tecnologiche attraverso 2 tipologie attuative:

• come fondo per gli investimenti che mobilita una dotazione di 150 milioni euro;

• come fondo di co-finanziamento con una dotazione di 50 milioni di euro cui si somme-
ranno ad altre fonti di finanziamento i cui capitali dovranno essere preventivamente
certificati dalla SCR.

La forma associativa richiesta per la presentazione/realizzazione di questi grandi pro-


getti è quella del Consorzio o del Raggruppamento d'Interesse Economico (ovvero l'as-
sociazione temporanea d'imprese, partecipazione minima di 2 grandi o medie imprese
e due PMI o Centro di ricerca). Per questi ultimi si prevede una partecipazione finanzia-
ria di almeno 25% sul totale dell'investimento in qualità di subappaltante di una o più
imprese partecipanti.

In qualità di Fondo dei Fondi, la SCR si attiva tre tipologie di fondi detti:

• Fondo Tecnologico; gestito da gruppi di lavoro con esperienza nella fase di avviamen-
to d'impresa con l'obbligo di investire il 75% dei fondi in imprese tecnologiche;

• Fondo Generale; con l'obiettivo di acquisire partecipazioni in imprese tecnologiche e


favorirne la crescita;

• Fondo Giovani; gestiti da esperti nell'ambito finanziario ed imprenditoriale ma senza


correlazione con i due precedenti.

Viene favorito il finanziamento di grandi progetti e la valorizzazione dell'integrazione di


personale tecnico e dei ricercatori delle imprese.

92
Innovazione industriale e competitività - Spagna

I progetti devono avere una durata di quattro anni ed un budget superiore a 5 ma infe-
riore ai 10 milioni di euro per annualità operativa.

 Il Programma CONSOLIDER
L'obiettivo prioritario di questo Programma è di aumentare la massa critica e l'eccellen-
za nella ricerca. Si basa su quattro pilastri principali:

• i progetti Consolider, mirano ad aumentare la dimensione media dei gruppi di ricerca


e la dotazione finanziaria delle migliori linee di ricerca, diminuire l'eccessivo fraziona-
mento della ricerca e sostenere la partecipazione della ricerca pubblica al VII
Programma Quadro europeo;

• i progetti Cyber, per sviluppare la ricerca biomedicale e la scienza della salute nel
sistema sanitario nazionale, il sistema nazionale di scienza e tecnologie e favorire lo
sviluppo di reti tra i centri di ricerca;

• il Programma I3 (incentivo, collegamento e intensificazione delle attività di ricerca) ha


l'obiettivo di sviluppare un collegamento stabile tra il sistema di ricerca dei docenti e
dei ricercatori spagnoli e stranieri;

• il Fondo strategico per le infrastrutture scientifiche e tecnologiche che ha l'obiettivo di


assicurare la dotazione delle strumentazioni tecnologiche di supporto alla ricerca, la
loro manutenzione; la promozione dei parchi scientifici e tecnologici vincolandoli alle
università; sostenere specifici progetti strategici e la creazione di infrastrutture di
sostegno alla collaborazione pubblico-privata.

 Plan Avanz@
Plan Avanz@ è una delle misure operative del PNR, un ulteriore impulso alla realizza-
zione del paradigma I+D+i, uno degli assi strategici d'intervento che il governo intende
attuare attraverso il Programma Ingenio 2010. Il Piano è stato concepito per promuove-
re la convergenza dell'insieme dei settori economici e sociali verso la realizzazione
della società dell'informazione e promuovere un utilizzo generalizzato delle tecnologie
dell'informazione e della comunicazione (TIC) da parte di ogni tipo di utente, dai singo-
li cittadini, alle comunità locali, dalle imprese alla pubblica amministrazione. L'insieme
degli obiettivi del Piano possono riassumersi in uno comune: realizzare attraverso l'uso
delle TIC, entro il 2010, il 7% del complesso delle attività economiche costituente il PIL.

 Il Plan de Fomento Empresarial


Per quanto riguarda in particolare l'innovazione aziendale il Programma mette a punto
iniziative specifiche tra le quali:

• lancio del Piano InnoEmpresa 2007-2013 dotato di uno stanziamento annuale di 75


milioni di euro per il sostegno di progetti di innovazione in ambiti di marketing, tutela
ambientale, efficienza energetica, logistica e distribuzione, programmazione e orga-
nizzazione della produzione;

• miglioramento nella gestione della proprietà industriale e promozione dell'Ufficio spa-


gnolo di brevetti e marchi;

93
Spagna - Innovazione industriale e competitività

• rinnovamento della linea di credito ICO-CDTI per l'innovazione tecnologica e per la


dotazione tecnologica diretta all'innovazione di prodotto o di processo;

• sostegno ai distretti industriali ed alle loro PMI.

La misura attuativa del PNR più direttamente correlata all'oggetto dell'analisi è l'iniziati-
va InnoEmpresa 2007-2013, un programma di sostegno all'innovazione delle PMI spa-
gnole lanciato nel mese di dicembre 2006, dotato di uno stanziamento iniziale di 500
milioni di euro. Questo programma prevede un cofinanziamento da parte del FEDER di
una quota stimata in 95 milioni di euro ed un apporto aggiuntivo da parte degli Enti
Autonomi. Sono previsti tre tipi di interventi per:

• innovazione organizzativa e gestionale;

• innovazione tecnologica e di qualità;

• progetti d'innovazione realizzati in collaborazione o “consorziati”.

Tra i beneficiari: le PMI e gli organismi intermedi ovvero organismi sia pubblici che pri-
vati, senza scopo di lucro che forniscono assistenza tecnica per l'innovazione alle PMI
e dispongano di risorse umane e materiali sufficienti.

4.3.3 La dotazione finanziaria ed il riordino del sistema


per l'innovazione e la competitività

 La Legge Finanziaria 2007


Per quanto riguarda le risorse destinate all'attuazione del programma Ingenio 2010, ai
programmi di ricerca di base sono destinati 2.182,97 milioni di euro, il 35,6% in più
rispetto al 2006. Tale importo include, tra l'altro, i crediti agli investimenti per attività di
ricerca, la dotazione del Fondo nazionale per la ricerca scientifica e tecnica, la realizza-
zione di infrastrutture scientifiche e tecnologiche e l'incremento di risorse da destinare
alle attività del Consiglio superiore per la ricerca scientifica.

Per le attività di ricerca e sviluppo industriale sono state stanziate risorse per un impor-
to di 2.146,98 milioni di euro per un incremento del 32,1% rispetto all'anno precedente.
Di questi la maggior parte è destinato al sostegno della R&S tecnologica del sistema
CTE, i parchi scientifici, lo sviluppo della ricerca tecnica ed il trasferimento tecnologico
e le dotazioni al CDTI.

Lo stanziamento destinato al Plan Avanz@ per il 2007 si eleva a 1.463,88 milioni di


euro, per un aumento del 45,4% rispetto al 2006. Le risorse destinate invece all'attua-
zione di programmi relativi alla SI ed alle TIC è di 1.506,82 milioni di € cui si aggiungo-
no 42,94 milioni di euro destinati ad azioni specifiche.

 Gli interventi normativi per la riorganizzazione degli enti


Parallelamente all'incremento di risorse finanziarie destinate al settore dell'innovazione
tecnologica deve segnalarsi uno sforzo normativo e regolamentare diretto al riordino del
sistema I+D+i, per renderlo più dinamico e competitivo. La nuova legge delle Agenzie
governative per il miglioramento del servizio pubblico, approvata nel mese di luglio
2006, comprende misure di trasformazione dei Centri pubblici di ricerca in Agenzie, con-
ferendo loro in tal modo una maggiore flessibilità nella gestione delle risorse.

94
Innovazione industriale e competitività - Spagna

In particolare, questa Legge autorizza il Governo a creare le seguenti Agenzie governative:

• il Consiglio Superiore per la Ricerca Scientifica (Consejo Superior de Investigaciones


Científicas), per la promozione, per lo sviluppo, il coordinamento, la diffusione della
ricerca scientifica e tecnologica;

• l'Agenzia Governativa per la Ricerca nel settore Biomedicale e per la Salute Carlo III
(Agencia Estatal de Investigación en Biomedicina y Ciencias de la Salud Carlos III),
per lo sviluppo e l'offerta di servizi scientifici e tecnologici e la ricerca nel campo della
salute;

• l'Agenzia Governativa per la Valutazione, il Finanziamento e l'orientamento della ricer-


ca scientifica e tecnica (Agencia Estatal de Evaluación, Financiación y Prospectiva de
la Investigación Científica y Técnica), per la promozione, lo sviluppo e l'esecuzione,
l'assistenza tecnica delle politiche di I+D.

4.4 Articolazione della programmazione


La tavola che segue illustra l'articolazione della programmazione nazionale in materia
di innovazione industriale e competitività.

Rappresenta un momento di sintesi dei programmi governativi posti in essere dalla


Spagna e ha l'obiettivo di mettere in risalto la loro base normativa e l'articolazione delle
matrici di sviluppo. I programmi evidenziati sono quelli illustrati nel corpo del testo.

95
Spagna - Innovazione industriale e competitività

Tavola 2 - Articolazione della programmazione


Strumento programmatico PIANO NAZIONALE DI RIFORME - 2005
Base normativa Obiettivo: aumentare il livello di reddito pro capite,
sviluppare l'impiego e la produttività
I asse Rafforzamento della stabilità macroeconomica e della
programmazione finanziaria
II asse Piano strategico per le infrastrutture (PEIT) e Programma ACQU
UA
III asse Aumento e miglioramento del capitale umano
VI asse Strategia I+D+i (INGENIO 2010)
V asse Aumento della competenza, miglioramento della regolamentazione,
dell'efficienza della PPAA e della competitività
VI asse Mercato del lavoro e dialogo sociale
VII asse Piano di sviluppo delle imprese
Strumento programmatico Piano Nazionale per la Ricerca scientifica e lo sviluppo tecnologgico
Base legislativa (ex L. 13/86 - Legge di sviluppo e coordinamento generale della a
ricerca scientifica e tecnica - detta anche Legge della scienza)
Programmazione nazionale pluriennale Piano nazionale I+D+i - 2004 - 2007
Programmazione regionale Piani regionali di I+D+i
Strategia governativa INGENIO 2010
(asse strategico d'impulso al paradigma:
ricerca + sviluppo + innovazione)
Programmi strategici CENIT
Consorzi strategici nazionali di ricerca tecnica
CONSOLIDER
Consolidamento dei gruppi di ricerca, sostenere le migliori linee
e di
ricerca, diminuire il frazionamento della ricerca attraverso
la costruzione di gruppi più grandi e sostenere la partecipazione
e
ai programmi quadro comunitari
PLAN AVANZA
Sviluppo dell'utilizzo e diffusione delle TIC
(Piano 2006 - 2010)
Programmazione annuale Programma di lavoro 2007
Strumenti di controllo di gestione Sistema integrale di monitoraggio e valutazione - SISE
dei programmi I+D+i dell'Osservatorio permanente
del sistema spagnolo di scienza-tecnologia-società
VII asse Piano di sviluppo delle imprese
Programma specifico di sostegno InnoEmpresa 2007 - 2013
allo sviluppo della capacità innovativa (per l'innovazione organizzativa, tecnologica e nella qualità)
imprenditoriale
Strumenti di controllo di gestione Rapporto sullo Stato di avanzamento annuale

Fonte: elaborazioni IPI su fonti diverse, 2007

96
Innovazione industriale e competitività - Spagna

4.5 Acronimi e abbreviazioni

Acronimi e abbreviazioni Descrizione - spagnolo/italiano

AGE Administración General del Estado - Amministrazione Generale dello Stato


- Governo centrale
ANEP
P Agencia Nacional de Evaluación y Prospectiva - Agenzia Nazionale per la
valutazione e la pianificazione
CCAA
A Comunidades Autónomas - Regioni-Enti locali / Comunità autonome
CEDE
EX Centro de Estudios y Experimentación de Obras Pùblicas - Centro per lo
studio e la sperimentazione di opere pubbliche
CENIT
T Consorcios Estratégicos Nacionales en Investigación Técnica - Consorzio
strategico nazionale per la ricerca tecnica
CES Consejo Económico y Social - Consiglio economico e sociale
CDTI Centro para el Desarrollo Tecnológico Industrial - Centro di sviluppo tecno
logico e industriale
CICYT
T Comisión Interistitucional de Ciencia y Tecnología - Commissione
Interministeriale per la Scienza e le Tecnologie
CAS Comité de Apoyo y Seguimiento - Comitato di sostegno e monitoraggio
I+D Desarrollo e Innovación - Ricerca e Sviluppo
I+D+i Estrategia de Investigación, Desarrollo e Innovación - Strategia per la
Ricerca, lo Sviluppo e l'Innovazione
I3 Programa de Incentivación de la Incorporación e Intensificación de la
Actividad Investigadora - Programma di incentivo, collegamento
e intensificazione delle attività di ricerca
FEI Fondo europeo degli investimenti
MEH Ministerio de Economía y Hacienda - Ministero dell'Economia e del Tesoro
MMA Ministerio de Medio Ambiente - Ministero dell'Ambiente
MYTIC
C Ministerio de Industria Turismo y Comercio - Ministero dell'Industria,
Turismo e Commercio
OEPM
M Spanish Patent and Trademark Office - Ufficio spagnolo Brevetti e Marchi
OPIS Organismos Públicos de Investigación - Organismi Pubblici di Ricerca
OTRIS
S Organismos para la Transferencia de la Investigación a la Sociedad - Centri
per il Trasferimento Tecnologico
PEIT Plan Estratégico de Infraestructuras y Transporte - Piano Strategico delle
Infrastrutture e dei Trasporti
PNR Programa Nacional de Reformas de España - Programma Nazionale delle
Riforme
SECT
TE Sistema Español de Ciencia-Tecnología-Empresa - Sistema spagnolo
scienza - tecnologie - impresa
SCR Sociedades de Capital de Riesco - Società di capitali di rischio
SI Sociedad de la Información - Società dell'Informazione
SISE Sistema Integral de Seguimiento y Evaluación - Sistema integrato per il
monitoraggio e la valutazione
TIC Tecnologías de la Información y la Comunicación - Tecnologie
dell'informazione e della comunicazione
UPL Unidad Permanente de Lisboa - Unità Permanente, Lisbona

97
Spagna - Innovazione industriale e competitività

4.6 Siti web istituzionali

Type of organisation Name of organisation website


Government and legislative bodies
Ministerio de Educacion y Ciencia Ministry of Education and Science www.mec.es
Ministerio de Industria Turismo y Commercio Ministry of Industry, Tourism and Commerce www.mityc.es
Centro de Desarrollo Tecnologico Centre for the Development
Industrial (CDTI) of Industrial Technology www.cdti.es
Ministerio de Economia y Hacienda Ministry of Economy and Finance www.minhac.es
Ministerio de Defensa Ministry of Defence www.mde.es
Ministerio de Medio Ambiente Ministry of Environment www.mma.es
Ministerio de Fomento Ministry of Promotion www.mfom.es
Ministerio de Trabajo y Asuntos Sociales Ministry of Employment and Social Affairs www.mtas.es
Gobiernos regionales; ej.: Regional Governments; e.g.: www.madrid.org
- Comunidad Autonoma de Madrid; - Autonomous Community of Madrid; www.gencat.net
- Generalitat de Catalunya; - Government of Catalonia;
- Pais Vasco; - Basque country; www.euskadi.nel
- Junta de Andalucia; - Andalusian Government; www.juntadeandalussia.es
- Junta de Castilla Leon. - Government of Castilla Leon www.jcyl.es
Private sector organisations and entrepreneurship promotion
Consejo Superior de Camaras de Comercio Chambers of Commerce www.camaras.org
Asociacion de Parques Cientificos Association of Science and Technology www.apte.org
de Espana (APTE) Parks of Spain
Federacion Espanola de entidades Spanish Federation of Innovation www.fedit.es
de innovacion y tecnologia (FEDIT) and Technology Entities
Confederacion de empresarios de Madrid Confederation of Employers www.ceim.es
and Industries of the Region of Madrid
Knowledge Institutes (R&D and education bodies)
CSIC National Research Council www.csic.es
UAM Universidad Autónoma de Madrid www.uam.es
UB Universidad de Barcelona www.ub.edu
IAC Astrophysical Institute in the Canary Islands www.iac.es
INTA National Institute for Aerospace Technology www.inta.es
CIEMAT Research Centre for Energy, Environment www.ciemat.es
and Technology
Industrial research centres and innovation intermediaries
ROBOTIKER Technology centre specialising in information
and communication technologies (ICTs) www.robotiker.com
TECKNIKER Manufacturing Technologies Centre www.teckniker.es
LABEIN R&D Technological Centre www.labein.es
GAIKER Plastic Technological Centre www.gaiker.es
CARTIF Automation, Robotics and Information
and Manufacturing Centre www.cartif.es
INASMET-Tecnalia Technological centre serving the productive
and institutional fabric www.inasmet.es
Fatronik Research centre, specialized in the generation
of intelligent devices that require the integration
of different technologies www.fatronik.com
AINIA Innovation and Technology Centre in the
agri-food industry and other related sectors www.ainia.es
CIDAUT Research and Development Centre
in Transport & Energy www.cidaut.es
Financial system
PROFIT Programme to Encourage Technical Research www.mityc.es/profit/
Plan Avanz@ Programme for promoting the Information Society www.planavanza.ess
Centro de Desarrollo Tecnológico Industrial (CDTI) Centre for the Development of Industrial Technology www.cdti.es
CENIT Programme National Strategic Consortia for Technical Research www.cdti.es

Fonte. European trend Chart on Innovation - Annual Innovation Policy Trends and Appraisal report - Spain 2006

98
Innovazione industriale e competitività - Spagna

4.7 Documentazione di riferimento

Riferimento Titolo e descrizione

A1 Legge per lo sviluppo ed il coordinamento della ricerca tecnico-scientifica - detta legge


della scienza Legge 13/1986 e successive modifiche - ex determinazione GU 14 settembre 2001 e
2 luglio 2001
A2 Approvazione del PN di sviluppo ed articolazione del sistema scienza - tecnologia - industria
(PACTI) nel quadro del III PN ricerca scientifica e sviluppo tecnologico - Real Decreto por el que se
raglan los centros de innovacion y tecnologia - L. n. 2609 del 20 dicembre 1996
A3 Programma Nazionale delle Riforme - Convergenza e occupazione - Approvato dal Consiglio dei
Ministri il 13 ottobre 2005
A4 Risoluzione 20220 del 30 novembre 2005 per la costituzione del Programma Consolider-
Il programma è inquadrato nell'ambito della strategia Ingenio 2010 inserito nell'asse d'intervento
I+D+i del PNR - ex GU 293 dell'8 dicembre 2005
A5 “Plan de Fomento Empresarial” si tratta del Piano per lo Sviluppo delle Imprese - uno degli assi
prioritari del PNR - Approvato dal Consiglio dei Ministri il 26 gennaio 2006
A6 “Presupuestos Generales del Estrado 2007” - Legge Finanziaria 2007 del Governo Spagnolo
approvata con L. n. 23 del 28/12/2006
A7 Decreto istitutivo del programma di sostegno ai raggruppamenti d'imprese innovatrici (AEI) - Orden
ITC/2691/202006 Decreto emanato dal Ministero dell'industria, turismo e commercio

99
Innovazione industriale e competitività - Stati Uniti

5. STATI UNITI

5.1 Contesto di riferimento e linee guida

Nel 2006, la Presidenza degli Stati Uniti ha lanciato “l'American Competitiveness


Initiative”, un piano decennale volto ad incrementare la capacità innovativa del siste-
ma economico nazionale e a preservare la leadership degli Stati Uniti in campo scien-
tifico e tecnologico.

L'iniziativa si articola lungo tre direttrici primarie:

• ACI Research, prevede di raddoppiare le risorse destinate agli investimenti nell'arco


di dieci anni, per arrivare così ad un totale di 50 miliardi di dollari. Capitali destinati a
tre Enti federali che si occupano di ricerca: la National Science Foundation, l'Office of
Science (appartenente al Department of Energy) ed il National Institute of Standards
and Technology (del Department of Commerce). Anche se in misura segnatamente
minore, l'ACI Research contempla l'incremento delle somme erogate in investimenti
anche in favore del Dipartimento della Difesa;

• R&D Tax Incentives, è volta a rendere permanente l'iniziativa “Research and


Experimentation Tax Credit”, ovvero il credito d'imposta che riduce i costi relativi agli
investimenti in ricerca e sviluppo effettuati dalle imprese. Nel decennio 2007-2016 l'i-
niziativa comporterà un costo stimato di oltre 86 miliardi di dollari;

• Leading The World In Talent And Creativity, promuove l'istruzione dei giovani e degli
immigrati, nonché l'aggiornamento costante della forza lavoro impiegata.

In particolare, la prima direttrice - ACI Research - investe in uno dei tre principali pro-
grammi statunitensi a favore dello sviluppo innovativo delle imprese: l'Advanced
Technology Program, gestito dal NIST del Dipartimento del Commercio.

Gli altri due Programmi - Small Business Innovation Research e Small Business
Technology Transfer - lanciati rispettivamente nel 1982 e nel 1992 e coordinati dall'a-
genzia federale Small Business Administration (SBA) coinvolgono, con modalità simili,
le piccole e medie imprese nell'attività di ricerca e sviluppo finanziata da dipartimenti e
istituzioni federali.

101
Stati Uniti - Innovazione industriale e competitività

Tav. 1 - Stati uniti. Politiche per l'innovazione e la competitività: programmi di intervento


e organizzazione istituzionale*

Programmi Descrizione Organi di Governo Istituzioni/ Istituti/


d’intervento della politica responsabili Dipartimenti/Agenzie Università/Istituziioni
e iniziative governative finanziarie
avviate coinvolte collegate

American Programma quadro Executive Offices of the Office of Science and


Competitivene decennale ideato per sti- President; National Technology Policy;
ss Initiative molare la capacità inno- Institute for Science and President_s Council of
vativa del sistema eco- Tecnology (NIST); Advisors on Science and
nomico nazionale. Department of Technology;
Agisce tramite 3 ripolo- Commerce. National Science and
gie di interventi: investi- Technology Council;
menti diretti in R&S; cre- National Institute for
diti d'imposta a favore Standards and
delle imprese che inno- Tecnologies
vano; programmi mirati
di formazione e aggior-
namento per le imprese.

Advanced Programma pluriennale Secretary for Technology Technology National Science


Technology di investimenti in R&S, within the Department of Admnistration; National Foundation
Program co-finanzia progetti di Commerce; National Institute of Standard and
investimento in tecnolo- Institute for Science and Technology (NIST)
gie avanzate caratteriz- Tecnology (NIST)
zati da un elevato coeffi-
ciente di rischio e da rile-
vanti payoff commerciali.

Small Programmi di innovazio- Department of Department of Defense National Science


Business ne destinati alle piccole Agriculture Department of Energy Foundation
Innovation imprese che svolgono Department of Department of Health
Research attività di R&S. Supporta Commerce and Human Services
Program - le imprese nelle fasi pió Department of Defense NASA
SBIR delicate: start-up, svilup- Department of Education Office of Technology
po e commercializzazio- Department of Energy
ne di nuovi prodotti. Department of Health
and Human Services
Department of
Transportation
Environmental
Protection Agency
NASA
Office of Technology

Small Ha l'obiettivo di rafforza- Small Business


Business re i legami tra ricerca Administration - SBA
Technology fomralizzata e imprese.
Transfer Promuove le partnership
Program - pubblico-privato e sup-
STTR porta le joint ventures tra
piccole imprese e Istituti
di Ricerca.

* Le colonne contengono tutti gli elementi che è stato possibile desumere dalle fonti analizzate, le informazioni potreb
bbero
non essere esaustive per alcune delle politiche/iniziative analizzate.

Fonte: elaborazione IPI su fonti diverse, 2007

102
Innovazione industriale e competitività - Stati Uniti

5.2 Governance

L'iniziativa American Competitiveness è il risultato dell'analisi condotta dal Domestic


Policy Council dell'ufficio presidenziale, competente per le politiche in materia di scien-
za e tecnologia (Office of Science and Technology Policy). L'OSTP si avvale, nella for-
mulazione della strategia federale per la competitività, della consulenza fornita in mate-
ria dal President's Council of Advisors on Science and Technology (PCAST) e della col-
laborazione del National Science and Technology Council (NSTC).

A livello federale, sono poi deputati all'attuazione di programmi a sostegno dell'innova-


zione delle imprese, il Dipartimento per il Commercio - attraverso il National Institute of
Standards and Technology - e un'agenzia ad hoc, la Small Business Administration.

5.2.1 Le strutture a servizio dell'ambito decisionale centrale:


gli uffici del Presidente

 President's Office of Science and Technology Policy


L'Office of Science and Technology è stato creato nel 1976 quale ufficio consultivo della
Presidenza ed è dotato di un ampio mandato. L'OSTP è infatti incaricato di:

• fornire consulenze al Presidente e agli uffici della Presidenza circa l'impatto della
scienza e della tecnologia in ambito nazionale e internazionale;

• coordinare l'attività congiunta tra agenzie per sviluppare e implementare politiche in


ambito scientifico e tecnologico;

• cooperare con il settore privato per assicurare che gli investimenti federali in campo
scientifico e tecnologico contribuiscano alla prosperità economica, alla qualità dell'am-
biente e alla sicurezza nazionale;

• costruire partnership a tutti i livelli di governo, con altri Stati e con la comunità scien-
tifica;

• valutare la portata, la qualità e l'efficacia dello sforzo federale in campo scientifico e


tecnologico.

 President's Council of Advisors on Science and Technology


Istituito nel 2001, il PCAST è composto da 35 consiglieri di nomina presidenziale, scel-
ti tra personalità di spicco appartenenti al settore industriale, alla comunità scientifica,
ad istituti di ricerca o ad altri enti non governativi. È co-presieduto dal Direttore
dell'OSTP.

Il Consiglio opera quale organo consultivo del Presidente, fornendo pareri che rappre-
sentano il punto di vista del settore privato dell'economia e del mondo accademico sul
tema delle priorità da attribuire al progresso tecnologico e alla ricerca scientifica, non-
ché, in materia di istruzione, in tema di matematica e scienze.

103
Stati Uniti - Innovazione industriale e competitività

5.2.2 Le strutture specializzate

 National Science and Technology Council (NSTC)


Il National Science and Technology Council (NSTC), istituito nel 1993, è lo strumento
principale - a livello di esecutivo - deputato al coordinamento delle politiche in campo
tecnologico e scientifico tra i diversi enti che si occupano di ricerca e sviluppo a livello
di Governo Federale.

Del Consiglio fanno parte il Direttore dell'OSPT, i Segretari di gabinetto ed i Capi delle
Agenzie che ricoprano funzioni di primo piano in campo scientifico e tecnologico, non-
ché alcuni funzionari della Casa Bianca. Il Consiglio Nazionale della Scienza e della
Tecnologia è articolato in quattro comitati principali, Science, Technology, Environment
and Natural Resources e Homeland and National Security.

L'obiettivo principale del NSTC è quello di fissare degli obiettivi nazionali in materia di
investimenti federali legati alla scienza e alla tecnologia. Il Council determina altresì le
strategie di ricerca e sviluppo che, coordinate poi a livello di Agenzie federali, danno
luogo agli investimenti che risultano funzionali al raggiungimento degli obiettivi naziona-
li individuati.

 National Institute for Standards and Technologies (NIST)


Fondato nel 1901, il National Institute for Standards and Technologies è un'agenzia
federale che fa capo alla sezione Technology Admnistration del Dipartimento del
Commercio (fig.1). L'Istituto ha come missione la promozione dell'innovazione e della
competitività industriale attraverso l'avanzamento della scienza e della tecnologia.

La missione del NIST si esplica principalmente attraverso la realizzazione di quattro


progetti:

• NIST Laboratories; sono “laboratori” che svolgono ricerche funzionali al miglioramen-


to delle infrastrutture tecnologiche;

• Baldrige National Quality Program; promuove l'eccellenza tra le imprese manifatturie-


re, le imprese di servizi, gli istituti di formazione, la sanità. Il Programma organizza
ogni anno il Malcolm Baldrige National Quality Award, un evento finalizzato a dare il
giusto riconoscimento ai casi d'eccellenza;

• Hollings Manufacturing Extension Partnership; costituisce un network nazionale di Centri


che, localmente, offrono assistenza tecnica e manageriale ai piccoli imprenditori;

• Advanced Technology Program; supporta lo sviluppo di tecnologie innovative attraver-


so il co-finanziamento di partnership con il settore privato nel campo della ricerca e
dello sviluppo.

104
Innovazione industriale e competitività - Stati Uniti

Fig. 1 - Articolazione del Department of Commerce

Department of Commerce
SECETARY

UNDER SECRETARY UNDER SECRETARY UNDER SECRETARY UNDER SECRETARY UNDER SECRETARY UNDER SECRETARY
AND FOR FOR INDUSTRY FOR ECONOMIC FOR TECHNOLOGY FOR INTELLECTUAL
ADMNISTRATOR INTERNATIONAL AND SECURITY AFFAIRS PROPERTY
TRADE AND ADMINISTRATOR
TECHNOLOGY
ADMINISTRATION

ASSISTANT SECRETARY DIRECTOR


FOR NATIONAL TECHNICAL
TECHNOLOGY POLICY INFORMATION SERVICE

DIRECTOR
NATIONAL INSTITUTE
OF STANDARDS AND TECHNOLOGY

Fonte: Department of Commerce, 2007

 Small Business Administration (SBA)


La Small Business Administration è stata creata nel 1953 quale agenzia indipendente
del Governo Federale, con il compito di aiutare, sostenere, consigliare, assistere e pro-
teggere gli interessi delle piccole imprese, di preservare un ambiente imprenditoriale
competitivo e, in generale, di rafforzare l'economia nazionale. La SBA, un modello di
supporto e indirizzo delle PMI cui - vale la pena ricordare brevemente - l'UE guarda con
motivato interesse, promuove la formazione e l'aggiornamento nel campo delle nuove
tecnologie, opera per la diffusione dell'information comunication technology, sostiene
l'impiego dei programmi tecnologici elaborati a livello centrale.

Tra le sue funzioni, un ruolo importante è rivestito dalla promozione, attuata in concre-
to per il tramite di soggetti sia pubblici che privati, dell'utilizzo commerciale dei risultati
che il Governo Federale ha conseguito nelle sue attività di ricerca e sviluppo. Il passag-
gio dal laboratorio alla fabbrica e da questo al mercato rappresenta dunque un momen-
to centrale dell'azione che la SBA svolge a sostegno della competitività delle imprese di
minori dimensioni. Momento nel quale prende forma l'ottica business oriented con cui
viene molto spesso condotta la ricerca scientifica oltre oceano e, insieme, fase attraver-
so la quale l'Amministrazione esplica un'importante funzione di indirizzo nei confronti
del sistema produttivo.

La SBA si occupa anche di azioni a carattere più puntuale, quali la diffusione delle infor-
mazioni tese a favorire la crescita di piccole imprese a conduzione femminile o appar-
tenenti a particolari minoranze e la promozione presso le imprese minori dei vantaggi
connessi alla partecipazione alle gare relative ai progetti di R&S finanziati dal Governo.

105
Stati Uniti - Innovazione industriale e competitività

5.3 Programmi e modalità di intervento

5.3.1 L'Advanced Technology Program (ATP)

A partire dal 1990, l'Advanced Technology Program - gestito dal NIST - cofinanzia pro-
getti pluriennali di ricerca e sviluppo condotti da singole aziende o da joint ventures gui-
date da imprese capofila. In particolare, le sovvenzioni vengono erogate a favore dei
progetti che comportano un più elevato coefficiente di rischio e nei i quali le stesse
imprese, singolarmente e senza un'adeguata sponda, esiterebbero ad investire.

L'Advanced Technology Program mira in particolare a colmare la distanza che separa


ricerca e mercato: attraverso partnership con il settore privato, gli investimenti in fase
iniziale resi possibili attraverso il Programma accelerano lo sviluppo di tecnologie che
promettono alti payoff commerciali, non solo in termini di ritorni sugli investimenti tout-
court, ma anche in quelli di una più ampia ricaduta a livello nazionale.

L'ATP presenta una serie di caratteristiche specifiche che lo distinguono da altri


Programmi di ricerca federali:

• i progetti ATP sono focalizzati sui bisogni tecnologici delle imprese, non del Governo.
Le priorità delle ricerche sono fissate dall'Industria, in base alla sua comprensione del
mercato e delle opportunità di ricerca. Le imprese concepiscono, propongono, cofi-
nanziano ed eseguono i progetti ATP in partnership con accademie, organizzazioni
indipendenti di ricerca e laboratori federali;

• l'ATP ha regole rigide in materia di suddivisione dei costi. Le joint ventures devono
sostenere almeno la metà dei costi di progetto. Le grandi compagnie (“Fortune - 500
companies”), che partecipino singolarmente al progetto, devono sostenere almeno il
60% dei costi totali. Le piccole e medie imprese impegnate in progetti individuali sono
tenute a sostenere una percentuale, seppur minima, dei costi indiretti legati al proget-
to;

• l'ATP non finanzia lo sviluppo di prodotti. L'industria privata è tenuta a sostenere tutti
i costi legati allo sviluppo prodotto, alla produzione, al marketing, alla vendita ed alla
distribuzione;

• le sovvenzioni ATP vengono erogate in base alla rigorosa valutazione comparativa degli
studi proposti. La selezione si basa sull'innovazione, il rischio tecnico, i potenziali benefi-
ci economici per la Nazione e la forza del piano per la commercializzazione;

• il sostegno dell'ATP non è un sussidio permanente, ogni progetto ha obiettivi, un'allo-


cazione specifica dei finanziamenti e scadenze prefissate. I progetti sono monitorati e
possono essere sospesi per giusta causa prima del loro completamento.

 Beneficiari
Gli interventi del programma ATP incoraggiano la partecipazione di imprese - indipen-
dentemente dal fattore dimensionale -, di università ed enti non profit; ad oggi, più della
metà delle sovvenzioni ATP sono andate a beneficio di piccole imprese individuali o di
joint ventures guidate da piccole imprese.

Può concorrere all'assegnazione dei finanziamenti qualsiasi azienda statunitense costi-


tuita con scopi di lucro e qualsiasi joint venture guidata da un'azienda. Inoltre, anche
aziende presenti sul territorio degli Stati Uniti, pur con la casa madre in altro Stato, pos-
sono presentare domanda di finanziamento.

106
Innovazione industriale e competitività - Stati Uniti

Le aziende che già ricevono fondi ATP per il finanziamento di progetti in corso, non sono
tenute a competere annualmente per continuare ad essere sostenute finanziariamente.
Tale continuità di finanziamenti si basa sulla valutazione soddisfacente in itinere e sulla
disponibilità di fondi. Le stesse aziende possono peraltro partecipare per ricevere soste-
gno finanziario sottoponendo nuovi progetti.

 Ambiti di intervento
L'Advanced Technology Program sollecita l'invio di proposte afferenti sia a singole aree
tecnologiche, sia relative a quattro aree interdisciplinari di interesse nazionale17. Le
quattro aree individuate per il 2007 sono:

• tecnologie per sistemi avanzati e complessi - strumenti e metodi per la ricerca siste-
mica nel campo delle scienze biologiche; tecnologie per il management, il monitorag-
gio e la coltivazione nei sistemi oceanici e lacustri; sistemi informatici; tecnologie del
sistema energetico; tecnologie del sistema ambientale;

• materiali e meccanismi avanzati - tecnologie energetiche; elettronica e fotonica; appa-


recchiature per microsistemi; comunicazioni e network broadband; diagnostica e ana-
lisi sanitaria; materiali complessi; riciclaggio di materiali;

• attività manifatturiera nel XXI secolo - prodotti informatici, elettronici o fotonici; veico-
li a motore e prodotti meccanici; bio-manifatture e bio-processi; materiali fibrosi; pro-
cessi relativi a sostanze chimiche o materiali; controlli e sistemi manifatturieri; ener-
gia; processi alimentari;

• nanotecnologie18 - strumenti di ricerca, metrologia e standard; nano-manifattura di


precisione; nuovi nano-materiali; strumenti e sistemi in nanoscala.

 Processo di selezione
Le proposte inviate al NIST in risposta al bando vengono valutate dal Source Evaluation
Board (SEB), composto da tecnici esperti e da manager, secondo i criteri stabiliti
dall'ATP. Il SEB rivede le proposte e formula raccomandazioni in merito al finanziamen-
to delle stesse. La graduatoria viene quindi trasmessa al Selecting Official il quale ela-
bora il parere finale da trasmettere al NIST Grant Officier.

Il Selecting Official è tenuto a sostenere il finanziamento delle proposte in base alla gra-
duatoria ricevuta, salvo valutare diversamente l'ordine di assegnazione in base alla dis-
ponibilità di fondi, l'aderenza ai criteri di selezione fissati dal Programma o in base ad
una distribuzione dei fondi maggiormente opportuna tra tecnologie e loro applicazioni.

Le proposte non devono riguardare lo sviluppo di prodotti, ma esclusivamente il campo


della Ricerca e Sviluppo ad elevato rischio tecnico, devono evidenziare un congruo inte-
resse del soggetto proponente e contenere dei piani tecnici e commerciali che siano
adeguati.

17
Le cosiddette “Crosscutting Areas of National Interest”. Contribuiscono alla formulazione delle 4 ATP Crosscutting
Areas of National Interest per il 2007: piani industriali, rapporti formulati dalla National Academy of Sciences e simili -
ad esempio: Rising Above the Gathering Storm (National Academy of Sciences), An Ocean Blueprint (U.S.
Commission on Ocean Policy), o The Global Competitiveness Report (World Economic Forum) - e i piani federali in
campo scientifico e tecnologico - ad esempio, l' American Competitiveness Initiative, The National Nanotechnology
Initiative o The White House National Economic Council's Advanced Energy Initiative.
18
Il Governo Federale è intervenuto per la prima volta in materia di nano-tecnologie nel 2001, attraverso l'istituzione
della National Nanotechnology Initiative (NNI). Quest'ultima individua sette aree essenziali di investimento - definite
nell'insieme Program Component Areas (PCAs) - a favore dell'innovazione nano-tecnologica.

107
Stati Uniti - Innovazione industriale e competitività

Solo le proposte che, in base alla valutazione ATP, rivestano un'importanza scientifica
o tecnologica e si caratterizzino per l'alto potenziale economico su scala nazionale,
ottengono sostegno finanziario. I criteri di merito tecnologico e di beneficio economico
nazionale rivestono pari importanza ai fini della graduatoria.

 Finanziamenti
Per il 2007 sono stati stanziati 79 milioni di dollari per i progetti ATP, di cui circa 60 milio-
ni destinati a nuovi progetti. Lo strumento finanziario utilizzato dal programma è il
“cooperative agreement”, un accordo di cooperazione attraverso il quale l'ATP fornisce
assistenza tecnica ed esegue il monitoraggio delle attività, segue l'andamento dei lavo-
ri e controlla l'utilizzo dei fondi pubblici impiegati.

La singola azienda può ricevere fino a due milioni di dollari per attività di ricerca e svi-
luppo in tre anni. I finanziamenti ATP possono essere utilizzati per coprire solo i costi
diretti sostenuti dall'impresa. Nel caso di joint ventures, il Programma non pone limiti
rispetto all'ammontare del finanziamento concesso nell'arco al massimo di 5 anni. Le
piccole e medie imprese che presentino domanda singolarmente non sono tenute a
sostenere i costi diretti del progetto.

Le grandi imprese, che presentino singolarmente domanda di finanziamento, sono


tenute a coprire almeno il 60% dei costi annuali del progetto (costi diretti sommati a tutti
i costi indiretti). Le joint ventures, almeno il 50%.

 Processo di controllo
I beneficiari dei fondi sono tenuti a fornire le informazioni richieste per la valutazione dei
progressi nell'attività lungo tutto il ciclo di vita del progetto. Oltre a monitorare il lavoro
dal punto di vista tecnico, il NIST è titolato a richiedere le pertinenti informazioni econo-
miche nel corso del progetto e nei sei anni successivi alla sua conclusione, al fine di
stabilirne i progressi in materia di commercializzazione, di grado di adozione della tec-
nologia e di impatto sull'economia.

A questi fini alle imprese vengono richiesti i seguenti documenti/rapporti: rapporti sulla
performance tecnica, Business Reports e Financial Reports. La documentazione con-
cernente gli aspetti tecnici deve essere trasmessa in originale al NIST Grants Officer e
in duplice copia all'ATP Project Manager, con la stessa frequenza prevista per il rappor-
to finanziario.

I Business Report devono essere compilati in base a linee guida codificate, con l'obiet-
tivo di restituire un'immagine fedele dello stato di attuazione del progetto e, insieme,
una misura del relativo impatto economico. I Financial Reports, sia quelli redatti trime-
stralmente (o comunque sulla base delle scadenze altrimenti fissate nel bando) che il
rapporto finanziario finale, vanno trasmessi al NIST Grants Officer.

5.3.2 Programmi coordinati dalla Small Business Administration

La Small Business Administration promuove i programmi federali high-tech nelle picco-


le imprese per migliorare la loro capacità competitiva, stimolando le attività di ricerca e
sviluppo realizzate internamente a quella dimensione aziendale, con un enfasi partico-
lare sulle piccole imprese emergenti.

Nel perseguimento di questi obiettivi, la Small Business Administration sviluppa le


seguenti attività/iniziative:

108
Innovazione industriale e competitività - Stati Uniti

• Basic Loan Program, programma finanziario che prevede garanzie (fino al 75% del-
l'importo finanziato) per prestiti che possono arrivare fino a 2 milioni di dollari per ogni
singola impresa;

• SBA Investment Program, dedicato ad investimenti di Business Angels e Venture


capital;

• Certified Development Company «504» Loan Program, si occupa degli interventi per
l'innovazione e la modernizzazione delle imprese, fino a 4 milioni di dollari;

• Microloan Program, cura interventi a breve termine di importo massimo pari a 35 mila
dollari, agisce per il tramite di intermediari finanziari;

• Prequalification Loan Program, realizza interventi fino a 250 mila dollari, sempre tra-
mite intermediari;

• Export Working Capital Program, offre una garanzia fino al 90% dell'importo, per un
massimo di 1 milione e mezzo di dollari;

• SBA Express, realizza interventi fino ad un massimo di 350 mila dollari e offre una
garanzia fino al 50%;

• SBA Community Express, realizza interventi fino a 250 mila dollari, garantiti per il
75%;

• SBA Secondary Market Program e SBA Asset Sales Program, si occupano di agevo-
lare l'accesso al mercato azionario;

• SBA Women's Network for Entrepeneurial Training Initiative, per l'imprenditorialità


femminile.

In particolare, la SBA - attraverso l'Office of Technology - coordina i due principali


Programmi federali a favore della ricerca e dello sviluppo, lo Small Business Innovation
Research Program e lo Small Business Technology Transfer Program.

5.3.3 Small Business Innovation Research Program (SBIR)

Consapevole di quanto il rischio e lo sforzo finanziario necessari per produrre impegni


di una certa consistenza nel campo della ricerca e dello sviluppo siano nella realtà ben
al di là dei mezzi a disposizione di molte piccole imprese, la SBA cerca di coadiuvare
quella dimensione d'impresa negli investimenti in R&S.

Attraverso l'accantonamento di una percentuale specifica di fondi federali per la ricerca


e sviluppo nelle piccole imprese, il Programma dedicato all'innovazione per le Small
Business aiuta le aziende minori, permettendo loro di arrivare a confrontarsi con impre-
se più grandi anche in ambiti rispetto ai quali la piccola dimensione tende spesso a risul-
tare escludente.

Il Programma SBIR finanzia i momenti critici di start up e sviluppo e incoraggia la com-


mercializzazione di una tecnologia, un prodotto o un servizio.

Il suo scopo principale è il rafforzamento del potenziale delle piccole imprese innovati-
ve nell'ambito delle attività di R&S finanziate dai Fondi Federali.

109
Stati Uniti - Innovazione industriale e competitività

Gli obiettivi specifici del Programma in esame sono:

• stimolare l'innovazione tecnologica;

• utilizzare le attività di R&S condotte dalle imprese minori per perseguire indirizzi di
ricerca che sono di livello federale;

• rendere possibile la diffusione delle innovazioni tecnologiche anche in quelle impre-


se che risultano attardate dal punto di vista del grado di sviluppo (tecnologico, econo-
mico o sociale) e, in particolare, nelle aziende di proprietà femminile;

• incrementare il tasso di trasferimento dalla ricerca condotta dal Governo Federale al


settore privato, favorendo il più possibile la commercializzazione delle innovazioni
prodotte, fungendo così da volano in termini di capacità competitiva, produttività e cre-
scita economica.

 Beneficiari
Le imprese che vogliano partecipare al Programma devono possedere i seguenti requi-
siti di eleggibilità:

• essere di proprietà americana;

• essersi costituite quali imprese a scopo di lucro;

• il ricercatore responsabile del progetto deve essere un dipendente dell'impresa;

• l'impresa non deve avere più di 500 dipendenti.

 Modalità di attuazione
In base allo Small Business Act del 1982, l'Office of Technology della SBA riceve
annualmente le informazioni circa le nuove tecnologie di maggior interesse nazionale
dal National Critical Technologies Panel (o dall'organo suo successore) e dal
Segretariato della Difesa. I dati sono poi trasmessi alle Agenzie che partecipano al
Programma SBIR.

La SBA raccoglie inoltre i preavvisi dei bandi emessi dalle agenzie offerenti e li racco-
glie in una pubblicazione quadrimestrale (il Pre-Solicitation Announcement - PSA). La
funzione del PSA è dunque quella di riunire in un unico strumento tutte le informazioni
sensibili relative ai bandi promossi da ciascuna delle agenzie che si occupano delle
tematiche relative a innovazione e nuove tecnologie.

Le Agenzie federali il cui bilancio annuale per la ricerca superi i 100 milioni di dollari
sono tenute a destinare il 2,5% dei loro fondi al Programma SBIR.

Nel 2007 hanno partecipato al Programma Small Business Innovation Research le


seguenti Agenzie e Dipartimenti:

• Department of Agriculture

• Department of Commerce

• Department of Defense

• Department of Education

110
Innovazione industriale e competitività - Stati Uniti

• Department of Energy

• Department of Health and Human Services

• Department of Homeland Security

• Department of Transportation

• Environmental Protection Agency

• National Aeronautics and Space Administration

• National Science Foundation

Ciascuna Agenzia o Dipartimento è responsabile dell'attuazione del Programma -


secondo linee coerenti con le Direttive adottate in materia dalla Small Business
Administration19 -, mentre gli Enti Federali che partecipano al Programma definiscono in
maniera autonoma le tematiche oggetto di finanziamento, procedono alla raccolta e alla
valutazione delle proposte, erogano i relativi finanziamenti e monitorano l'andamento
dei singoli progetti.

La Small Business Administration svolge un ruolo di coordinamento del Programma


SBIR. Nei confronti delle 11 agenzie suddette, la SBA fornisce indicazioni per l'imple-
mentazione del Programma, segue i loro progressi ed è tenuta a presentare al
Congresso un rapporto annuale, ma non entra nel merito dell'attuazione pratica del pro-
gramma.

5.3.4 Small Business Technology Transfer Program

Scopo primario del Programma STTR è l'espansione delle partnership tra settore pub-
blico e privato per includere, nei programmi per la ricerca e sviluppo finanziati con risor-
se federali, le joint ventures che si realizzano tra imprese di piccole dimensioni ed i prin-
cipali Istituti nazionali di ricerca. Il Programma STTR riserva infatti a tali joint ventures
una percentuale specifica di finanziamenti pubblici.

In particolare, come stabilito nello Small Business Research and Development


Enhancement Act del 1992, lo Small Business Technology Tranfer Program mira a:

• stimolare l'innovazione scientifica e tecnologica attraverso la cooperazione tra impre-


se e istituti di ricerca;

• sostenere il trasferimento tecnologico tra aziende e Istituti di Ricerca.

 Beneficiari
Le piccole imprese che vogliano partecipare al Programma devono possedere i
seguenti requisiti di eleggibilità:

• essere di proprietà americana;

• essersi costituite quali imprese a scopo di lucro;

19
La più recente Direttiva risale al 2000, entrata in vigore nel 2002: Small Business Innovation Research Program Policy
Directive, Office of Technology della SBA, in Federal Register, vol.67 n. 185, 24 settembre 2002

111
Stati Uniti - Innovazione industriale e competitività

• il ricercatore responsabile del progetto deve essere un dipendente dell'impresa;

• l'impresa non deve avere più di 500 dipendenti.

Per quanto riguarda l'istituto di ricerca, non esistono limiti dimensionali, ma devono
comunque essere rispettati i seguenti criteri:

• localizzazione sul territorio degli Stati Uniti;

• appartenenza a college o università, ad un'organizzazione di ricerca non profit, ad un


centro di ricerca finanziato dal governo federale (FFRDC).

 Modalità di attuazione
I dipartimenti e le agenzie federali il cui budget destinato alla ricerca superi il miliardo di
dollari, sono vincolati a destinare lo 0,30% annuo dei loro fondi per la ricerca e lo svi-
luppo alle partnership tra piccole imprese ed Istituti di Ricerca.

Nel 2007, le seguenti istituzioni federali hanno preso parte al Programma:

• Department of Defence

• Department of Energy

• Department of Health and Human Services

• National Aeronautics and Space Administration

• National Science Foundation

Come per il Programma SBIR, la SBA riceve i preavvisi dei bandi da parte delle agen-
zie proponenti e li raccoglie nella pubblicazione quadrimestrale PSA. La Small Business
Administration coordina il Programma STTR: nei confronti delle 5 agenzie coinvolte, for-
nisce indicazioni per la sua implementazione, ne segue i progressi ed è tenuta a pre-
sentare al Congresso una relazione annuale.

 Finanziamenti
A seguito della raccolta delle proposte, le Agenzie assegnano le sovvenzioni in base alla
qualifica, al grado di innovazione, al merito tecnico e al futuro potenziale di mercato.

Sia il Programma SBIR, sia il Programma STTR sono suddivisi in tre fasi distinte ed è
obbligatorio accedervi dalla prima fase:

• fase I - è la fase di start up. Vengono assegnati fino ad un massimo di 100 mila dol-
lari- per circa 6 mesi nel caso di progetti legati allo SBIR, per 12 mesi per progetti lega-
ti allo STTR - per realizzare lo studio di fattibilità;

• fase II - si assegnano fino a 750 mila dollari, per due anni. In questo arco temporale
si ampliano i risultati conseguiti nella fase precedente, sviluppando l'attività di ricerca
e sviluppo, valutandone altresì il potenziale commerciale. Solo i vincitori della prima
fase possono fare richiesta per partecipare alla fase II;

• fase III - a questo livello l'innovazione si sposta dal laboratorio al mercato. Il Programma SBIR
non finanzia questa fase; la piccola impresa è tenuta a raccogliere finanziamenti presso il set-
tore privato o finanziamenti in ogni caso non connessi direttamente al Programma SBIR.

112
Innovazione industriale e competitività - Stati Uniti

5.4 Articolazione della programmazione


La tavola che segue illustra l'articolazione della programmazione nazionale in materia
di innovazione industriale e competitività.

Rappresenta un momento di sintesi dei programmi governativi posti in essere dagli Stati
Uniti ed ha l'obiettivo di mettere in risalto la loro base normativa e l'articolazione delle
matrici di sviluppo.

Tavola 2 - Articolazione della programmazione

Base legislativa American Competitiveness Initiative, febbraio 2006


Stanzziamenti 136 miliardi USD (2007 - 2016)
Progra
ammi strategici ACI RESEARCH
Raddoppiare gli investimenti nell'arco di 10 anni a favore, in particolare, di tre enti federali
di ricerca: National Science Foundation, Office of Science (DoE) e National Institute of Standards
and Technology (DoC)
R&D TAX INCENTIVES
Rendere permanente l'iniziativa "Research and Experimentation Tax Credit"
LEADING THE WORLD IN TALENT AND CREATIVITY
Investire nell'istruzione dei giovani e degli immigrati, e nell'aggiornamento della forza lavoro
Strum
menti di controllo Ogni Amministrazione è tenuta a finanziare programmi di R&S compatibilmente ai criteri "quality,
relevance and performance" fissati dall'Office of Science and Technology Policy
Base legislativa Charter of the NIST on the Advanced Technology Program, 1990
Stanzziamenti 79 milioni USD (2007)
Strate
egia governativa Partnership con il settore privato per lo svilupppo di tecnologie innovative
Progra
ammi strategici Advanced Technology Program
Ministteri depositari National Institute of Standards and Technology (DoC)
Modalità attuative Bando annuale
Strum
menti di controllo Report periodici da inoltrare all'Economic Assessment Office del NIST
Base legislativa Small Business Innovation Development Act, 1982 (Public Law 97 - 219)
Progra
ammazione Small Business Innovation Research Program (SBIR)
nazion
nale
Stanzziamenti Ogni amministrazione pubblica con un budget annuale superiore ai 100 milioni USD è tenuta a
devolverne il 2,5% al Programma
Progra
ammi strategici USDA SBIR • DOC-NOAA DOC-NIST • DOD SBIR; Air Force SBIR; Army SBIR; DARPA
SBIR; DTIC; MDA SBIR • ED IES; ED OSERS / NIDDR • DOE SBIR • NIH SBIR • DOT SBIR
EPA SBIR
Organ
nismi depositari Dept. of Agriculture • Dept. of Commerce • Dept. of Defense Dept. of Education • Dept. of Energy
Dept. of Health and Human Services • Dept. of Transportation • Environmental Protection Agency
Small Business Administration
Modalità attuative Bando annuale suddiviso in 3 fasi
Strum
menti di controllo Ciascun Dipartimento o Agenzia è responsabile della realizzazione dei progetti finanziati
Base legislativa Small Business Technology Tranfer Act, 1992 (Public Law 102 - 564)
Progra
ammazione Small Business Technology Tranfer Program (STTR)
nazion
nale
Stanzziamenti Ogni amministrazione pubblica con un budget superiore a 1 miliardo USD è tenuta a devolverne
lo 0,3% al Programma
Progra
ammi strategici DOD STTR; Air Force STTR; Army STTR; Navy STTR • DOE STTR • NIH STTR • NASA STTR
NSF STTR
Organ
nismi depositari Department of Defense • Department of Energy • Department of Health and Human Services
NASA • National Science Foundation
Small Business Administration
Modalità attuative Bando suddiviso in 3 fasi
Strum
menti di controllo Ciascun Dipartimento o Agenzia è responsabile della realizzazione dei progetti finanziati

Nota. dept. = Department

Fonte: Elaborazione IPI da fonti diverse 2007

113
Stati Uniti - Innovazione industriale e competitività

5.5 Acronimi e abbreviazioni

Acronimi e abbreviazioni Descrizione - inglese/italiano

ATP Advanced Technology Program / Programma sulle Tecnologie Avanza


ate
NIST National Institute for Standards and Technologies / Istituto Nazionale p
per gli
Standard e la Tecnologia
NSTC National Science and Technology Council / Consiglio Nazionale per la
a
Scienza e la Tecnologia
OSTP Office of Science and Technology Policy / Ufficio per le Politiche Scienttifiche
e Tecnologiche
OT Office of Technology - Small Business Administration / Ufficio Tecnolo
ogico
della SBA
PCAST President's Council of Advisors on Science and Technology / Consiglio di
Presidenza sulla Scienza e la Tecnologia
SBA Small Business Administration / Agenzia per le Piccole Imprese
SBIR Small Business Innovation Research Program / Programma per
l'Innovazione e la Ricerca nelle Piccole Imprese
STTR Small Business Technology Transfer Program / Programma per il
Trasferimento Tecnologico nelle Piccole Imprese

5.6 Siti web istituzionali

Type of organisationwebsite website

Government and legislative bodies


Office of Science and Technology Policy http://www.ostp.gov/
President's Council of Advisors on Science and Technology http://www.ostp.gov/pcast/pcast.html
National Science and Technology Council http://www.ostp.gov/nstc/index.html
National Institute for Standards and Technologies http://www.nist.gov/
Small Business Administration http://www.sba.gov/

Programs and implementing bodies


Advanced Technology Program http://www.atp.nist.gov/
Small Business Innovation Research Program http://www.sba.gov/sbir/indexsbir-sttr.html
Department of Commerce - Office of Technology
Partnerships within NIST's Technology Services http://patapsco.nist.gov/ts_sbir/
Department of Defense http://www.dodsbir.net/
Department of Education http://www.ed.gov/programs/sbir/index.html
Department of Energy http://sbir.er.doe.gov/sbir/
Department of Health and Human Services http://grants.nih.gov/grants/funding/sbir.htm
Department of Homeland Security http://www.sbir.dhs.gov/
Department of Transportation http://www.volpe.dot.gov/sbir/
Environmental Protection Agency http://es.epa.gov/ncer/sbir/
National Aeronautics and Space Administration http://sbir.gsfc.nasa.gov/SBIR/SBIR.html
National Science Foundation http://www.nsf.gov/eng/iip/sbir/
Small Business Technology Transfer Program http://www.sba.gov/sbir/indexsbir-sttr.html
Department of Defence http://www.dodsbir.net/
Department of Energy http://sbir.er.doe.gov/sbir/
Department of Health and Human Services http://grants.nih.gov/grants/funding/sbir.htm
National Aeronautics and Space Administration http://sbir.gsfc.nasa.gov/SBIR/SBIR.html
National Science Foundation http://www.nsf.gov/eng/iip/sbir/

114
Innovazione industriale e competitività - Stati Uniti

5.7 Documentazione di riferimento

Documentazione di riferimento

Ameriican Competitiveness Initiative - documento programmatico 2007 - 2016 elaborato dal Domestic Policy Council -
Presid
dent's Office of Science and Technology Policy, febbraio 2006.
Admin
nistration Research and Development Budget Priorities, Fiscal Year 2008 - Memorandum for the Heads of Executive
Deparrtments and Agencies, Office of Science and Technology Policy and the Office of Management and Budget, giugno
2006.
Resea
arch and Development Priorities, Fiscal Year 2005 - Memorandum for the Heads of Executive Departments and
Agenccies, Office of Science and Technology Policy and the Office of Management and Budget, giugno 2003.
NIST 2010 Strategic Plan - Programmazione strategica dell'Istituto fino al 2010, giugno 2004.
Small Business Innovation Development Act - Atto istitutivo del Programma SBIR, riautorizzato fino al 30 settembre 2000,
dallo Small Business Research and Development Enhancement Act (P.L. 102-564) e fino al 30 settembre 2008 dallo Small
Business Reauthorization Act del 2000 (P.L. 106-554); 1982.
Small Business Technology Transfer Act - Atto istitutivo del Programma STTR, riautorizzato fino al 2001 dallo Small
Business Reauthorization Act del 1997 (P.L. 105-135), e riautorizzato fino al 30 settembre 2009 dallo Small Business
Techn
nology Transfer Program Reauthorization Act del 2001 (P.L. 107-50).

115
Innovazione industriale e competitività - Normativa Comunitaria

6. NORMATIVA COMUNITARIA
E DOCUMENTI DI RIFERIMENTO
Rif. Titolo Codice Note

R1 Final report on innovation in services CE -DG Imprese Analisi effettuata dall’Expert Group on inno-
13 Marzo 2007 vation in services della DG Imprese della
CE, da cui discendono una serie di principi
che verranno tradotti in raccomandazioni
ed orientamenti strategici per lo sviluppo
dell’innovazione nei servizi. Questi elemen-
ti saranno oggetto di uno Staff Working
Document per il rilancio della crescita e lo
sviluppo della competitività dell’economia
dei servizi europea la cui uscita è prevista
per maggio/giugno 2007.

R2 Relazione annuale della Commissione 30-mar-07 Comunicazione della Commissione al


sull’economia digitale i2010 Parlamento europeo

R3 Consiglio europeo di Bruxelles 8-9 marzo 7224/07 - CONCL 1 Conclusioni della Presidenza
2007

R4 Quadro comunitario sugli aiuti di stato per (2006/C 323/01) GUCE


attività di R&S all’innovazione

R5 Iniziativa per stimolare la crescita delle PMI: Comunicazione Commissione La Commissione presenta nuove propo-
l’UE vuole triplicare gli investimenti di capi- europea 30/06/06 ste a favore della crescita e dell’impiego
tale nella fase iniziale nell’ambito del prossimo quadro finan-
ziario 2007-2013

R6 The new Lisbon Strategy: An estimation of the Commissione europea Stima dell’impatto economico prodotto
economic impact of reaching five Lisbon DG imprese e industria dal raggiungimento dei cinque obiettivi
Targets - Industrial Policy and Economic gennaio 2006 stabiliti nella nuova strategia di Lisbona
Reforms Papers No. 1 per la crescita e l’impiego.

R7 European Trend Chart on Innovation - EC- DG Imprese Una pubblicazione sullo stato dell’arte
Annual Innovation Policy Trends and Report 2006 delle politiche sull’innovazione nei paesi
Appraisal Report UE

R8 Competitiveness (Internal Market, Industry Consiglio europeo Conclusioni del Consiglio europeo sulla
and Research) 29-30 maggio 2006 Competitività

R9 Lisbon Strategy for Growth and Jobs Commissione europea 24/06/06 Rapporto annuale sulla crescita e l’oc-
cupazione

R10 CIP: Programma quadro per l’Innovazione e Consiglio dell’Unione europea Le azioni sostenute dal programma mira-
la competitività 12 ottobre 2006 no a favorire lo sviluppo della società della
2007-2013 conoscenza nonchè lo sviluppo sostenibile
basato su una crescita economica equili-
brata. Il Cip è composto da tre sottopro-
grammi specifici: il sottoprogramma in
materia di tecnologie dell’informazione e
delle comunicazioni (Tic), un secondo
“Imprenditorialità ed innovazione” ed un
ultimo “Energia intelligente- Europa”

R11 Strategie ed azioni per innovare: principi e CE - Politiche regionali Politica di coesione 2007 - 2013:
risultati di quindici anni di sperimentazione 6 ottobre 2006 il Commissario europeo Danuta Hübner
regionale annuncia la pubblicazione di una Guida
all’Innovazione per la crescita e l’impiego

R12 Global Europe: Competing in the World CE - DG Commercio Comunicazione della DG Commercio -
5 ottobre 2006 della CE - sulla competitività con uno
sguardo alla crescita ed alla strategia
sull’occupazione.

R13 i2010 - Prima relazione annuale sulla società Comunicazione CE Nuova iniziativa al centro della nuova strate-
europea dell’informazione 19 Maggio 2006 gia di Lisbona per la crescita e l’occupazio-
ne; affronta le principali sfide poste da una
moderna società dell’informazione e pro-
muove un partenariato tra la Commissione,
gli Stati membri e tutti i soggetti attivi perti-
nenti al fine di mettere l’economia digitale al
servizio dell’Unione europea

117
Normativa Comunitaria - Innovazione industriale e competitività

Rif. Titolo Codice Note

R14 Putting knowledge into practice: A broad- Comunicazione CE La Commissione definisce gli eleme enti
based innovation strategy for the EU 13 settembre 2006 chiave per promuovere e sviluppare e il livel-
lo di innovazione tra gli Stati Membrri.

R15 Economic reforms and competitiveness: key Comunicazione CE Rapporto della Commissione euro opea
messages from the European 14 novembre 2006 sulla Competitività. Analisi della prrodut-
Competitiveness Report 2006 tività quale indicatore di competitivvità
nel lungo periodo. Bilancio dei risuultati e
rilancio della strategia di Lisbona, consi-
derazioni e raccomandazioni

R16 PRO-INNO Europe DG Imprese della CE Nuova iniziativa della DG Imprese e della
15 dicembre 2006 CE con l’obiettivo di diventare un punto
di riferimento sulle politiche di inno
ova-
zione a livello comunitario, fornire docu-
mentazione, dati e analisi, al fine di
poter trarre spunti ed insegnamen nti dai
contributi per lo sviluppo di nuove e
migliori politiche di innovazione.

R17 Migliorare la normativa in materia di crescita Commissione europea Comunicazione della Commission ne al
e di occupazione nell’Unione europea 16 marzo 2005 Consiglio e al Parlamento europeo
o

R18 Nuove proposte per la crescita e l’occupa- Commissione europea Le proposte sviluppano le priorità per i
zione nell’ambito del nuovo quadro finanzia- 6 aprile 2005 principali settori il cui costo stimatto è di
rio 2007-13 93 miliardi di euro

R19 Politica di coesione a sostegno della cresci- Commissione europea Obiettivi: rinnovamento delle basi della
ta e dell_occupazione: linee guida della stra- 5 luglio 2005 competitività, aumento del potenziale di
tegia comunitaria per il periodo 2007-2013 crescita e di produttività. Linee gu
uida
per il raggiungimento degli obiettivvi.

R20 Attuare il programma comunitario di Commissione europea Comunicazione della Commission


ne
Lisbona: un quadro politico per rafforzare 5 ottobre 2005
l’industria manifatturiera dell’UE - verso
un’impostazione pió integrata della politica
industriale

R21 Una nuova politica industriale: fare Commissione europea Commissione ha esaminato le pro oble-
dell’Unione europea un luogo pió attraente 5 ottobre 2005 matiche dei differenti settori media
ante
per l’industria una valutazione sistematica di 27 settori
dell’industria manifatturiera ed ediilizia
dell’UE. Per far fronte a queste sfiide la
CE propone una serie di nuove iniziati-
ve e presenta un nuovo approccio o inte-
grato per una politica industriale d
diretta
a migliorare la coerenza tra diversse
dimensioni politiche ed aumentarn ne la
rilevanza nei diversi settori.

R22 Implementing the Community Lisbon Documento di lavoro della Allegato alla Comunicazione della
a
Programme: A policy framework to streng- Commissione - 5 ottobre 2005 Commissione europea al Consiglio, il
then EU manufacturing - Towards a more Parlamento, il Comitato economicco e
integrated approach for industrial policy sociale europeo ed il Comitato delle

R23 Priorità strategiche per le azioni innovative a Consiglio Competitività Conclusioni del Consiglio Competitivvità sul
livello UE 23 e 24 marzo 2000 ruolo che gioca l’innovazione per l’E Europa
nelle sfide ed opportunità offerte dal mer-
cato globale. Considerazioni del Con nsiglio
sul sostegno all’innovazione quale ccontri-
buto essenziale per il raggiungimentto degli
obiettivi stabiliti dalla strategia di Lisb
bona
per la crescita e l’occupazione.

* Nota: Le colonne contengono tutti gli elementi che ä stato possibile desumere dalle fonti analizzate, le informazioni potrebbero
pertanto non essere esaustive.

Fonte: Elaborazione IPI su dati diversi, 2007

118
Innovazione industriale e competitività - Guida alla lettura

7. GUIDA ALLA LETTURA

7.1 Metodologia

L'analisi delle diverse politiche nazionali è stata condotta sulla base di un approccio di
tipo induttivo che segue l'iter: Strategia - Programmazione nazionale - Misure attuati-
ve. L'approfondimento prevede, per ogni singolo paese selezionato, l'individuazione
del quadro operativo ed istituzionale di riferimento; la Governance dei processi di svi-
luppo e i collegamenti tra i vari operatori coinvolti, (dalla fase di ideazione, a quella
d'implementazione); le procedure e le modalità di gestione, di finanziamento e di con-
trollo predisposte.

In relazione alle politiche per l'innovazione industriale e la competitività sono stati evi-
denziati i seguenti ambiti d'intervento: ricerca e sviluppo; innovazione tecnologica; svi-
luppo industriale; competitività.

L' analisi si basa su notizie e documenti aggiornati al mese di maggio 2007.

7.2 Articolazione del testo

Il volume illustra le politiche economiche dei singoli Paesi rispettando essenzialmente


un ordine alfabetico di esposizione: Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Stati
Uniti.

Le politiche pubbliche rappresentate per esteso nel testo sono state analizzate anche
attraverso l'utilizzo di tabelle riassuntive relative all'articolazione dei singoli programmi
nazionali varati, corredate dalle relative tavole sinottiche. Queste ultime permettono di
mettere in luce gli elementi caratterizzanti ed i raccordi principali dei diversi progetti d'in-
tervento, ripercorrendone - ove possibile - riferimenti istituzionali, soggetti coinvolti e
beneficiari, indirizzi e misure attuative previste.

Tabelle riassuntive e tavole sinottiche, ideate quale strumento di sintesi e di ausilio ad


una lettura semplificata dei programmi governativi esposti, permettono di evidenziare
con maggior immediatezza le matrici di sviluppo degli stessi.

Ove possibile, si è cercato di suddividere fasi costitutive e attuative dei diversi programmi
di intervento pubblico individuandone enti preposti, risorse dedicate, operatori pubblici e
privati interessati, strutture accademiche e centri di ricerca di volta in volta coinvolti.

Per quanto riguarda i più rilevanti orientamenti dell'UE in materia di politica industriale -
le Decisioni del consiglio CE, della Commissione Europea, del Parlamento, le
Raccomandazioni, i Piani d'azione, etc. - sono stati raccolti in un apposito allegato:
“Documenti di riferimento e Normativa comunitaria”.

119
Finito di stampare nel mese di febbraio 2008
presso la Tipografia Miligraf srl
Via degli Olmetti, 36 - 00060 Formello (RM)