Sei sulla pagina 1di 2

Yahoo! Mio Yahoo!

Mail Cerca
sul Web Cerca
Benvenuto
[Esci, Il Mio Account] Inizio - Aiuto

Home page Investimenti Notizie e analisi Finanza personale Convertitore valute Portafoglio

Top news Titoli caldi Analisi tecnica Risultati societari Ratings Video Tutte le notizie Forum Sondaggi

Dividendi

IN EVIDENZA: Cerchi casa? Controlla tutte le offerte! Forum: leggi gli ultimi messaggi La normativa Mifid

Inserire azienda o codice Italia 6 Quotazione | Cerca su Y! Finanza

Cerca nel Web

Mercoledì 5 Agosto 2009, 9:17

Sillogismi sui Consumi

Di Stefano Bassi

Ragioniamo in base a logica inoppugnabile (o quasi...). Quotazioni


A giugno le spese al consumo in USA sono salite del +0,4% battendo di un filino
le attese per un +0,3%. Bene AG
Invece il +0,3% di maggio tanto per cambiare è stato rivisto al ribasso a +0,1%... BENE.VI 1.35 +0.75%
Pertanto se sommiamo il vecchio dato di maggio alle previsioni di giugno THOMSON REUTERS
otteniamo +0,6%, mentre se sommiamo la revisione di maggio con il dato di TRI.TO 35.05 +0.00%
giugno abbiamo un +0,5%, ovvero le spese al consumo sono sotto alle attese. Toro
Pubblicità Quello che conta TTC n/a n/a
è che c'è stata DJ INDUSTR
un'accelerazione
concentrata in AVERAGE
questo mese, S&P 500
mentre nel FTSE MIB
bimestre si è Migliori e peggiori
saliti MENO delle
attese.
Naturalmente, come c'era da aspettarsi, la
maggior parte di questo incremento dello 0,4%
è dovuto all'aumento del prezzo carburanti.
Aggiustando il dato spese al consumo al
deflattore saremmo scesi del -0,1%, dato reale
e non nominale.
Non ho ancora trovato il dato depurato da
carburanti e alimentari: se lo pesco aggiorno i
sillogismi.

Il reddito personale a giugno è sceso


I TEMI DEL GIORNO dell'1,3%, maggiore calo da 4 anni e mezzo a
questa parte.
▪ Ultima chiamata "long"? A maggio era salito dell'1,3% grazie al
▪ Mercato auto: analisi trasferimento una tantum del pacchetto stimoli
▪ Scopri il tuo "credit rating"! di Obama.
Quindi +1,3% si annulla con -1,3% ed il reddito
▪ È tempo di comprare casa? è sostanzialmente piatto.
▪ Affitto casa vacanze: regole Stimoli a parte, continua ed accelera la discesa
▪ Vacanza rovinata: come fare? dei salari, il che notoriamente non aumenta i
soldi nelle tasche dei consumatori, almeno
VIDEO NEWS | ULTIM'ORA credo...

Mettendo in connessione i due dati possiamo


dire che il mese scorso sono arrivati soldini di Obama nelle tasche dei cittadini americani (+1,3% di reddito
personale) che hanno generato un mini-incremento della spesa personale in giugno (+0,4%) in particolare nei
beni non-durevoli che sono consumi di necessità come gli alimentari o la benzina.
Ribadisco come questo mini-incremento sia stato pompato da prezzi alla pompa della benzina...e con il calcolo
del deflattore sarebbero addirittura scesi.
Le "voluttuarie" spese al consumo in beni durevoli invece sono scese del -0,2%.
Il tasso di risparmio dei cittadini americani rimane alto al 4,6% anche se scende dal 6,2% del mese prima.

Insomma i consumi degli americani (che fanno il 70% del PIL) continuano a latitare, il pacchetto di stimolo di
Obama non ha ancora inciso in modo rilevante (e non si sa se inciderà o meno nei prossimi mesi), quando gli
americani hanno un po' di soldini tendono più a metterli nel porcellino che a spenderli pur essendo circondati
da cartelli "saldi" "svendite" "promozioni" "super-sconti", oppure li spendono soprattutto in cibo e benzina.
Se poi sono cittadini americani dell'esercito dei licenziati...beh comprarsi una nuova automobile od un nuovo
cappellino da baseball è l'ultimo dei pensieri....

DISOCCUPAZIONE in aumento e CONSUMI stagnanti: senza questi due crismi io non mi converto ancora al
credo imperante e martellante del "peggio è passato...la ripresa è alle porte...andate in pace"

Poi abbiamo il dato sulle vendite di case con contratti in corso che schizza su base mensile del +3,6% rispetto
alle previsioni per un +0,7%.
Va ricordato che in USA Luglio/Agosto è il periodo di picco annuale per le transazioni di immobili.
In effetti tra la discesa dei prezzi, le occasioni da saldo per la marea di pignoramenti, i tassi dei mutui assai
convenienti e gli incentivi statali (fino ad 8000 dollari di bonus fiscale che però sta per scadere) anche io avevo
pensato di comprarmi una casetta in USA...
Non mi sembra comunque un segnale significativo di ripresa immobiliare e comunque è molto meno rilevante
dello striminzito e poco promettente dato sui consumi...ma indovinate Toro (NYSE: TTC - notizie) drogato su
quale dei due dati si è concentrato?
Le borse non scendono nemmeno a cannonate ormai...ma saliranno senza pause ed all'infinito in secula
seculorum.

Bene (Vienna: BENE.VI - notizie) concludiamo con una breve sguardo sulla formidabile stagione degli UTILI
TRIMESTRALI MEGLIO DELLE ATTESE che ha fatto schizzare il Dow Jones (notizie) da 8100 a 9300 punti
tutto di un fiato secondo la versione d'ordinanza dei mass-media e delle banche d'affari....
"......come ha sottolineato il quotidiano britannico «The Financial Times», la settimana scorsa la stima media
degli analisti calcolata da Thomson Reuters (TRI.TO - notizie) prevedeva che gli utili delle 500 società che
compongono l'indice Standard & Poor's sarebbero scesi del 35,1%. I risultati resi noti questa settimana
mettono in luce che il calo è solo del 31%. Quindi, i risultati sono migliori delle aspettative, ma sono pur sempre
negativi.
Ancora più macroscopico è il contrasto con le previsioni degli analisti formulate all'inizio di quest'anno. Allora
questi prevedevano un calo dell'11% degli utili nel secondo trimestre, invece, come scritto sopra, il calo è stato
del 31%. Eppure l'indice S&P 500 (notizie) è salito dall'inizio dell'anno di circa il 10%.
Ma c'è di più. I ricavi sono diminuiti. Quindi gli utili sono calati meno delle aspettative, poiché le società hanno
tagliato rapidamente i costi. Ciò vuol dire che hanno ridotto gli investimenti, molte spese e soprattutto hanno
licenziato. Il conseguente forte aumento della disoccupazione non è però sicuramente un fattore che favorisce
l'uscita dalla crisi.
La seconda spiegazione di questo rally, che va per la maggiore, è che il mercato sale poiché le società hanno
fornito indicazioni positive sulle prospettive dei loro affari. La realtà però non sostiene questa tesi. Molte società
hanno segnalato che si aspettano un leggero miglioramento delle loro attività rispetto alla forte contrazione
accusata tra la fine dell'anno scorso e l'inizio di questo. Altre hanno dichiarato di non vedere ancora la luce in
fondo al tunnel......."
Insomma come dicevo TUTTE BALLE e TUTTA BOLLA....
Anzi, secondo gli ultimi aggiornamenti gli utili sono scesi ancor di più a -33,4% come pure i fatturati a -
17,4%...naturalmente meglio delle attese ...

Stefano Bassi
http://lagrandecrisi2009.blogspot.com/

Per ulteriori informazioni visita il sito di Trend Online


Scopri le migliori azioni per fare trading questa settimana!
Commenta questa notizia sui forum di Yahoo! Finanza