Sei sulla pagina 1di 6

SOCIET DI PERSONE

TRASFERIMENTO QUOTE

societ di persone

CESSIONE DI QUOTE SOCIALI


NELLE S.N.C. E S.A.S.
SOMMARIO

Artt. 2252, 2269, 2290, 2300, 2301, 2322 Codice Civile

schema di sintesi
approfondimenti

Nellambito della societ di persone, il socio pu decidere di uscire dalla compagine sociale cedendo la propria
quota di partecipazione. Tuttavia, in tale struttura aggregativa il socio non pu trasferire liberamente la propria
quota poich occorre il, ha bisogno del consenso degli altri soci: il contratto di societ di persone infatti, si presenta
come un contratto basato sullintuitus personae che vede lidentit e le qualit personali di ciascuno dei contraenti
come determinanti.
La sostituzione della persona del socio implica, inoltre, una modifica dellatto costitutivo e, come tale, ai sensi
dellart. 2252 C.C., richiede il consenso di tutti i soci (unanimit), salvo che non sia pattuito diversamente, ossia
che i soci abbiano inserito nellatto costitutivo delle clausole che permettano di approvare a maggioranza il trasferimento della quota o addirittura consentano la libera trasferibilit. In ogni caso la modifica deve essere iscritta al
registro imprese per conferirle validit nei confronti dei terzi.
Esaminiamo pertanto le problematiche e le possibilit operative della cessione della quota del socio nelle societ
di persone, considerando le conseguenze relative alla responsabilit illimitata degli stessi.
Si allega un promemoria per la predisposizione dellatto e il fac-simile dellatto di cessione quote (versione on
line).

SCHEMA DI SINTESI

CESSIONE
A TITOLO
ONEROSO

 Cessione subordinata al consenso unanime degli


altri soci.
Il trasferimento richiede
Non una fattispecie
Cessione subordinata al consenso della maggiolunanimit dei consensi;
espressamente contemranza dei soci.
tuttavia, occorre lanalisi
plata nel codice; pertanto
si fa riferimento alle rego- dellatto costitutivo che pu Clausole che prevedano il solo consenso del cedente e del cessionario con diritto di prelazione.
prevedere diverse possibile generali sul contratto di
Clausole di gradimento.
lit.
vendita.
Principio della libera trasferibilit della quota.

Perfezionamento di un Contratto preliminare


FORMALIT
contratto di compravendita
PER IL
avente per oggetto quote di
TRASFERIMENTO
Contratto definitivo
partecipazioni sociali.
CONSENSO
DEGLI ALTRI
SOCI ALLA
CESSIONE

Semplice accordo fra le parti.


Atto da iscrivere nel Registro delle Imprese.

Il mancato consenso degli


Il consenso dei soci ne Fra cedente e cessionario si produrranno gli stessi
altri soci non incide sul percessario per lefficacia del
contratto nei confronti fezionamento e la validit effetti della cessione dei soli diritti patrimoniali
inerenti la quota.
della cessione fra le parti.
della societ.
possibile escludere pattiziamente la necessit di consenso

da parte degli altri soci.

Il patto contrario deve essere contemplato nellat-

to costitutivo.

Nella pratica, necessaria


FORMA
Atto pubblico.
la forma scritta anche per la
In teoria non sarebbe riDELLATTO DI
pubblicit nel Registro del- Scrittura privata autenticata.
chiesta la forma scritta.
TRASFERIMENTO
le Imprese.
ADEMPIMENTI
Ai fini dell iscrizione del Modello di deposito S2.
Latto non opponibile ai terzi finch non risulta
AL REGISTRO la modifica della compa- I ntercalare P per ogni socio
dal Registro delle Imprese.
IMPRESE
gine sociale.
fuoriuscito o subentrato.
Il socio cedente risponde delle obbligazioni sociali sorte an-

teriormente alla cessione.

Esclusivamente nei confronti dei creditori sociali.

RESPONSABILIT
Socio cessionario che entra a far parte di una societ gi
Risponde con gli altri soci per le obbligazioni so costituita.
ciali anteriori allacquisto della qualit di socio.
DEL SOCIO
USCENTE
Dalla pubblicit della cessione nel Registro delle Imprese decorre il periodo annuaED ENTRANTE
Fallibilit del socio uscile per lestensione del fallimento al socio.
to dalla societ
Se dichiarato il fallimento della societ entro lanno dalla fuoriuscita, la procedura coinvolge anche il socio receduto.
CESSIONE
DI QUOTE
NELLA SAS

Socio accomandatario

Si applica stessa disciplina che per il socio di Snc.

Socio accomandante

La cessione richiede il consenso della maggioranza dei soci.


R AT I O S o c i e t

Centro Studi Castelli S.r.l.


Riproduzione vietata

Aggiornato al 24.07.2013

N . 3 / 2 0 1 3

9 5 9 4

TRASFERIMENTO QUOTE

societ di persone

APPROFONDIMENTI
CESSIONE A TITOLO
ONEROSO

Cessione quote
sociali
Art. 1470
C.C. e ss.

La cessione di quote sociali non una


fattispecie espressamente contemplata Il trasferimento determina ladal legislatore civilistico.
lienazione dei diritti di natura:
Ai fini dellindividuazione della disci- .. amministrativa;
plina applicabile, si fa riferimento alle .. patrimoniale.
disposizioni generali dettate in materia
di contratto di vendita.

Analisi atto
costitutivo

 opportuno che il trasferimento sia pre- Tali clausole saranno irrilevanceduto da una analisi dellatto costituti- ti nelle societ che richiedono
vo della societ per verificare la presen- lunanimit dei consensi, ove
za nello stesso di clausole di prelazione in ogni caso ciascun socio pu
o gradimento. Ci in, particolare, nelle di per s bloccare il trasferisociet di persone che consentono la mento e, quindi, determinare la
modifica dellatto costitutivo a maggio- permanenza forzosa del socio
nella societ o il suo recesso.
ranza.
Nellatto costitutivo possono riscontrarsi diverse possibilit:
.. cessione subordinata al consenso unanime degli altri soci. Si tratta della regola base che richiede lunanimit dei consensi per ogni modifica
dellatto costitutivo. Tale consenso potr essere prestato anteriormente o
contestualmente (procedure preferibili) o in un momento successivo alla
cessione;
.. cessione subordinata al consenso della maggioranza dei soci, da calcolarsi
sulla base della partecipazione agli utili qualora diversa rispetto alla quota
di partecipazione al capitale; eventualmente latto costitutivo pu introdurre anche regole specifiche (es.: per teste);
.. clausole che prevedano il solo consenso del cedente e del cessionario, con
attribuzione del diritto di prelazione in favore degli altri partecipanti alla
societ. In questo caso i singoli soci potranno cedere la propria quota senza il vincolo del consenso a condizione che la offrano prima agli altri soci
al medesimo prezzo e condizioni contrattate con il terzo;
.. clausola di gradimento, con la quale il subentro in societ dei nuovi soci
determinato dal possesso di determinati requisiti soggettivi (gradimento
condizionato) o dal consenso di un organo sociale (mero gradimento);
.. introduzione del principio della libera trasferibilit della quota. Un tale
patto (anche se raro nella pratica operativa nelle societ personali) ritenuto ammissibile dalla giurisprudenza (Trib. Milano 22/12/89).

FORMALIT
PER IL TRASFERTIMENTO

Compravendita

Elementi dellatto Latto con il quale si concretizza il tra- Tali intese concluse nel pesferimento delle quote necessario che riodo precontrattuale devono
riporti tutti gli accordi raggiunti dai con- essere trasfuse o direttamente
traenti nel corso delle trattative.
nellatto di cessione o in una
scrittura privata, arricchita di
condizioni o accordi collaterali
e complementari.
La stipula definitiva , solitamente preceduta da una scrittura privata preliminare, allo scopo di vincolare la volont dei contraenti ed evitare i possibili
ripensamenti.
Atto preliminare

R AT I O S o c i e t

N . 3 / 2 0 1 3

Contratto avente per oggetto quote di partecipazioni sociali

Latto preliminare pu assumere due for- Nel primo caso, il contratto


me diverse: si pu stipulare, infatti:
preliminare esprimer una pro.. il cosiddetto compromesso;
messa reciproca delle parti, che
.. direttamente un contratto di compra- le obbligher ad un comportavendita, con riserva di formalizzazione mento dovuto (obbligazione ad
ufficiale.
adempiere).
Nel secondo si avr una compravendita gi definitiva, ma
con effetti giuridici limitati rispetto ai terzi.

9 5 9 4
Aggiornato al 24.07.2013

Centro Studi Castelli S.r.l.


Riproduzione vietata

SOCIET DI PERSONE
TRASFERIMENTO QUOTE

societ di persone

VALENZA
DELLA CESSIONE

Efficacia
della cessione
Cass.
9.09.1997,
n. 8784

La Corte di Cassazione ha ritenuto che il consenso Lo stesso opera come
dei soci riguardo il trasferimento di una quota di una "condicio iuris" per
snc, risulti necessario per lefficacia del contratto l'opponibilit del trasfenei confronti della societ, ma non incida sul perfe- rimento della quota sozionamento e la validit della cessione fra le parti.
ciale alla societ.

Reciproco
consenso

Il trasferimento, quindi, si perfeziona tra le parti con la prestazione del reciproco consenso, restando il consenso degli altri soci un elemento esterno al
negozio, che pu essere variamente manifestato ed anche desunto da fatti o
comportamenti concludenti.
In pratica, il mancato consenso unanime dei soci comporta linefficacia del
trasferimento della quota nei confronti della sola societ, mentre la cessione
resta valida ed efficace fra le parti.
Fra cedente e cessionario si produrranno, quindi, gli stessi effetti della cessione
dei soli diritti patrimoniali inerenti la quota.

Diritti del
cessionario

Il cessionario acquisisce:
.. il diritto agli utili;
.. diritto alla porzione di liquidazione

Unanimit
dei consensi

Lunanimit dei consensi per la cessione della quota richiesta anche qualora
la stessa avvenga a favore di altro socio, poich risulta comunque alterato il
complessivo equilibrio delle relative partecipazioni fra soci.

Liceit
delle clausole
statutarie

Relativamente alla liceit, nel contratto sociale, di clausole che consentano di


approvare a maggioranza il trasferimento di quota o addirittura di consentirne
la libera trasferibilit, si osserva quanto segue.
Da un punto di vista operativo, si tratta di una sorta di consenso preventivo prestato dai soci, allatto della stipula del contratto sociale (assimilabile
a quello previsto dallart. 1407, c. 7 C.C. in tema di cessione del contratto),
assolutamente in linea con le disposizioni dellart. 2252 C.C., che prevede per
le modifiche dellatto costitutivo lunanimit dei consensi dei soci salvo il
patto contrario.
Tale clausola non minerebbe il principio dellintuitus personae richiesto nelle societ personali in quanto i soci, preventivamente alla sottoscrizione del
contratto sociale, sarebbero consapevoli delle regole di quella societ (che
peraltro loro stessi hanno determinato) cos come consapevoli ne saranno gli
eventuali nuovi soci.
I creditori sociali non risultano danneggiati, poich a fronte delle loro garanzie
permangono le responsabilit del cedente (art. 2290) e del cessionario (art.
2269 C.C.).

Forma scritta

Non obbligatoria Nella pratica, tuttavia, costituendo la cessione di quota


una modifica dellatto costitutivo, essa dovr assumere la
stessa forma di questo; quindi, sar effettuata, di norma
attraverso atto notarile o scrittura privata recante le firme
delle parti autenticate da notaio.

ESCLUSIONE PATTIZIA
DEL CONSENSO UNANIME

FORMA DELLATTO
DI TRASFERIMENTO

Non acquisisce la possibilit di amministrare


la societ.

La forma scritta altres richiesta per liscrizione


della cessione ossia dellatto di modificazione del
Artt. 2296 e 2300 C.C.
contratto sociale con variazioni nella compagine
societaria, presso il Registro delle Imprese.
Gli amministratori devono richiedere, entro 30
giorni, liscrizione delle modificazioni dellatto
Art. 2300, c. 1, C.C.
costitutivo al competente ufficio del Registro delle
Imprese.
Anche motivi di certezza giuridica fra le parti e
soprattutto nei confronti dei terzi rendono pressoch ineludibile la forma scritta, ritenuta necessaria,
Cass. 31.10.1981,
inoltre, da parte della giurisprudenza tutte le volte
n. 5761.
che il patrimonio sociale comprenda diritti o beni
per il cui conferimento necessario latto scritto
(es.: immobili).
R AT I O S o c i e t
Centro Studi Castelli S.r.l.
Riproduzione vietata

Aggiornato al 24.07.2013

N . 3 / 2 0 1 3

9 5 9 4

TRASFERIMENTO QUOTE

societ di persone

REGISTRO IMPRESE

Obbligo
di pubblicit

Ai fini delliscrizione della modifica della compagine sociale


La richiesta
nel Registro delle imprese, si richiede la compilazione di:
di iscrizio.. un modello di deposito S2;
ne avverr
.. un intercalare P per ogni socio fuoriuscito o subentrato nella
in forma
compagine sociale, nonch per ogni socio la cui partecipaziotelematica
ne nella societ sia variata per effetto del trasferimento.

Inadempimento
amministratori

In caso di inadempimento da parte degli amministratori al menzionato obbligo di pubblicit, sia il socio cedente sia il socio cessionario potrebbero
provvedere, a spese della societ, al deposito per liscrizione del trasferimento
della quota sociale o, quanto meno, potrebbero ricorrere al tribunale affinch gli amministratori vengano condannati ad eseguire il deposito medesimo
(estensione della disciplina prevista dallart. 2296 C.C. anche alle modificazioni dellatto costitutivo).

Mancata
iscrizione

In mancanza delliscrizione dellatto di cessione al Registro delle Imprese,


il trasferimento non opponibile ai terzi e il socio cedente risulta essere illimitatamente e solidalmente responsabile anche per le obbligazioni sociali
sorte successivamente alla cessione stessa ed alla sua fuoriuscita dalla societ, a meno che egli non riesca a provare che i terzi conoscevano lavvenuto
scioglimento del vincolo sociale o avrebbero potuto conoscerlo utilizzando
lordinaria diligenza ().

Cass.
5.02.1979,
n. 774

RESPONSABILIT DEI SOCI

Nuovo socio
Art. 2269 C.C.

Diversa situazione invece, si profila per il nuovo socio che responsabile


infatti, per tutte le obbligazioni sociali, anche se sorte in data anteriore allacquisto: chi entra a far parte di una societ gi costituita risponde con gli altri
soci per le obbligazioni sociali anteriori allacquisto della qualit di socio.

Scioglimento
del rapporto
sociale
Art. 2290 C.C.

In tutte le ipotesi di scioglimento del rapporto sociale limitatamente a un socio (vendita della quota, morte, recesso, esclusione), il socio responsabile verso i terzi per le obbligazioni
sociali fino al giorno in cui si verifica lo scioglimento, evento Trib.
che deve essere portato a conoscenza dei terzi con mezzi ido- Brescia
29.06.1989.
nei.
Si ritiene che la societ non sia legittimata ad avanzare al socio
uscente richieste attinenti il pagamento dei debiti sociali.

R esponsabilit In relazione alla responsabilit del cedente di quote di Snc, la Cassazione ha
del cedente
affermato: In caso di cessione di quota di societ in nome collettivo - qualora il cedente non abbia garantito gli acquirenti la quota stessa della inesistenza di debiti sociali - lo stesso risponde delle obbligazioni sociali sorte
anteriormente alla cessione esclusivamente nei confronti dei creditori sociali
e non anche della societ stessa e degli acquirenti la quota. Sia la societ,
sia i cessionari della quota, pertanto, una volta adempiute tali obbligazioni,
non hanno titolo a essere ritenuti indenni, dallex socio cedente, di quanto
corrisposto ai creditori anche se tali debiti risultassero sorti anteriormente
allatto di cessione (Cass. 13.12. 2010, n. 25123).
L'onere derivante dal pagamento di obbligazioni contratte dalla societ in
epoca anteriore alla cessione della quota e non ancora estinte si riparte, nei
rapporti interni tra cedente e cessionario, unicamente in base al contenuto degli accordi contrattuali tra costoro intercorsi, essendo inapplicabili al riguardo
sia le disposizioni degli artt. 2269 e 2290 C.C., in tema di responsabilit del
socio verso i creditori sociali, sia quella dell'art. 2263 C.C., in tema di rapporti
tra i soci, sia quella dell'art. 2289 C.C., in tema di liquidazione della quota
del socio uscente (Cass. 12.01.2011, n. 525). Un eventuale patto contrario,
quindi, non risulterebbe opponibile ai creditori ma sortirebbe una efficacia
interna fra i soci.
Anche ai soci uscenti si applicano i principi della responsabilit sussidiaria
rispetto alla societ e del beneficium excussionis. In ogni caso, lex socio, se
chiamato a pagare avr diritto di regresso verso la societ e gli altri soci della
societ.

10

R AT I O S o c i e t

N . 3 / 2 0 1 3

9 5 9 4
Aggiornato al 24.07.2013

Centro Studi Castelli S.r.l.


Riproduzione vietata

SOCIET DI PERSONE
TRASFERIMENTO QUOTE

societ di persone

RESPONSABILIT DEI SOCI


(segue)

Responsabilit In merito ai soci entranti, di contro, vigono le disposizioni di cui allart. 2269
del cessionario
C.C. (richiamate dallart. 2293) Chi entra a far parte di una societ gi costituita risponde con gli altri soci per le obbligazioni sociali anteriori allacquisto
della qualit di socio.
Per nuovi soci si intendono evidentemente sia quelli che sostituiscono un precedente socio, sia quelli che si aggiungono ai soci esistenti. Essa non neppure
limitata dal fatto che le obbligazioni preesistenti al suo ingresso risultino dalle scritture contabili o, comunque, dalla documentazione della societ (Cass.
20.04.2010, n. 9326). Tale responsabilit non si estende ai rapporti interni tra i
soci antecedenti al suo ingresso.
 da evidenziare, tuttavia, che i soci entranti possano prevedere, attraverso
espresse pattuizioni, limiti alla loro responsabilit. Tali limitazioni a favore di
soci della Snc e dei soci illimitatamente responsabili della Sas avranno solo
efficacia interna, consentendo lazione di regresso fra soci. In pratica, il socio
beneficiario di un eventuale patto dovr pur sempre rispondere nei confronti dei
creditori della societ con il proprio patrimonio (anche in misura superiore alla
quota posta a suo carico rispetto alla partecipazione sociale sottoscritta visto il
principio di solidariet tipico delle societ personali), ma una volta adempiuta
lobbligazione, avr azione di regresso per lintero nei confronti degli altri soci.

FALLIBILIT DEL SOCIO


USCITO DALLA SOCIET

Principio
generale

CESSIONE QUOTE DELLA SAS

Soci
Per i soci accomandatari della Sas si applica la disciplina del trasferimento per
accomandatari atto tra vivi prevista per i soci illimitatamente responsabili di una societ in
nome collettivo e le conseguenti formalit presso il registro imprese.
Essendo anche nelle Sas. lintuitus personae dei singoli soci accomandatari
essenziale per lo svolgimento dellattivit economica e il conseguimento dello
scopo della societ stessa, ed esistendo uno stretto rapporto fiduciario tra accomandatari e tra gli stessi e gli accomandanti, la cessione delle quote e la sostituzione di un socio accomandatario con un nuovo socio accomandatario devono
essere subordinate al consenso di tutti gli altri soci accomandatari e, almeno,
al consenso di tanti soci accomandanti che rappresentino la maggioranza del
capitale dagli stessi sottoscritto (art. 2319 C.C.).
Il socio accomandatario-cedente rimane illimitatamente, solidalmente e sussidiariamente responsabile per le obbligazioni sociali fino alla data in cui avviene
il trasferimento, semprech lo stesso venga iscritto nel registro delle imprese e,
quindi, portato a conoscenza dei terzi (art. 2290 C.C.).
Il nuovo socio accomandatario , invece, responsabile illimitatamente, solidalmente e sussidiariamente per tutte le obbligazioni sociali, anche se sorte in
data anteriore allacquisto
Soci
accomandanti

La dichiarazione di fallimento della Snc comporta, come conseguenza, la dichiarazione di fallimento dei soci illimitatamente responsabili, ma, a norma del
secondo comma dellart. 147 il fallimento dei soci non pu essere dichiarato
decorso un anno dallo scioglimento del rapporto sociale, ossia dalla pubblicizzazione della cessione presso il registro imprese.
In proposito la Suprema Corte ha ritenuto che in assenza di tale pubblicit il
recesso non sia idoneo ad escludere lestensione del fallimento al receduto pronunciata ai sensi dellart. 147 legge fallimentare, n a riguardo assume rilevo il
fatto che il recesso sia avvenuto oltre un anno prima della sentenza dichiarativa
di fallimento (Cass. 16.06.2004, n. 11304).

Il trasferimento per atto a causa di morte della quota sociale sempre possibile, mentre il suo trasferimento per atto tra vivi pu essere attuato con effetto verso la societ, con il consenso dei soci che rappresentino la maggioranza
del capitale sociale, salvo diversa disposizione dellatto costitutivo (art. 2322
C.C.). Analogamente, come per le Snc, il consenso dei soci alla cessione potrebbe anche essere escluso con espressa clausola statutaria, aver luogo previo
consenso di tanti soci che rappresentino la maggioranza del capitale sociale richiesta nellatto costitutivo o, infine, ma meno frequentemente, essere limitato
da una clausola di prelazione o di gradimento.
In pratica, la cessione per atto tra vivi della quota del socio accomandante, quando non sia vietata dallatto costitutivo, pu aver sempre luogo, anche in mancanza
del consenso della maggioranza dei soci, ma il contratto di cessione efficace
soltanto inter partes e non opponibile alla societ: pertanto il socio cessionario
non pu esercitare tutti i diritti connessi alla quota di partecipazione alla Sas.
R AT I O S o c i e t

Centro Studi Castelli S.r.l.


Riproduzione vietata

Aggiornato al 24.07.2013

N . 3 / 2 0 1 3

9 5 9 4

11

TRASFERIMENTO QUOTE

societ di persone

CLAUSOLE STATUTARIE

Prelazione

DIVIETO
DI CONCORRENZA

Con la clausola di prelazione, in generale si


attribuisce ai soci il diritto di essere preferiti
ai terzi, a parit di condizioni, nelle ipotesi
in cui un altro socio della medesima societ intenda alienare la propria partecipazione
sociale. La finalit, in particolare, quella di
evitare lingresso di elementi non graditi nella compagine societaria e di non vedere alterati i rapporti di forza allinterno della stessa,
senza escludere la possibilit, per chi lo desidera, di cedere la propria partecipazione.
Sotto il profilo operativo, la clausola di prelazione prevede la cosiddetta denuntiatio, vale
a dire lofferta in prelazione agli altri soci da
effettuarsi prima di procedere al trasferimento della partecipazione al terzo.

Si tratta di una vera


e propria proposta
contrattuale da redigersi in forma scritta, in modo tale da
consentire la conoscenza dellavvenuta ricezione da parte
degli altri soci.

Gradimento

Con lintroduzione nello statuto della clausola di gradimento, nelle societ di persone i
soci condizionano il trasferimento della partecipazione al consenso di uno, o come pi
frequentemente avviene, di tutti i soci. Cos
facendo la societ viene a esercitare un controllo sulla composizione e sulla modifica
della propria compagine.
Il socio che aliena la partecipazione sar, infatti, sostituito solo da persona gradita agli
altri soci secondo i criteri indicati in sede di
statuto, evitando in tal modo che un vecchio
socio (uscente totalmente o parzialmente)
possa ingenerare lingresso di soggetti invisi
agli altri soci.

Mancato
rispetto

Cosa succede nel caso in cui la quota sia trasferita in spregio al diritto
di gradimento o prelazione? Per la giurisprudenza pi recente il trasferimento pu considerarsi valido inter partes ma inefficace (e quindi
inopponibile) nei confronti della societ (Trib. Milano 28.12.2011).

Il socio non pu svolgere unattivit economica che, per oggetto e luogo di svolgimento, sia in concorrenza con quella esercitata dalla societ (art. 2301 C.C.).
Il divieto di concorrenza trova applicazione per tutti i soci della
Snc inclusi quelli che non esercitano funzioni di amministrazione, e opera per tutto la durata del rapporto sociale, cessando
naturalmente solo con la perdita della qualit di socio anche se
la Cassazione ha ammesso che esso si possa estendere anche a
periodi successivi (Cass. sent.,17.04.2003, n. 6169).

Anche il gradimento
dovr essere richiesto attraverso lettera
raccomandata
dal
cedente agli altri soci
presso la sede sociale della societ (se i
soci abbiano eletto
domicilio presso la
societ o meno) o
(preferibilmente)
presso il domicilio di
ciascun socio.

Per attivit concorrenziale vietata si


intende qualsiasi attivit che, per oggetto,
ubicazione o altre circostanze, sia idonea
a sviare la clientela
dallimpresa esercitata dalla societ in
nome collettivo.

Da valutare, quindi, la possibilit di configurazione del vincolo di cui allart. 2557 C.C.
il cui divieto di concorrenza suscettibile di applicazione analogica in capo al soggetto
che, anzich trasferire direttamente lazienda, ponga in essere una cessione di partecipazioni societarie, ove detto trasferimento realizzi il presupposto di un pericolo concorrenziale analogo a quello conseguente al trasferimento dazienda vero e proprio (Cass. n,
9682 del 24.7.2000; Cass. n. 549 del 20.01.1997).
In pratica, si pu ritenere applicabile lart. 2557 C.C. per tutte le operazioni che, formalmente qualificate quali cessioni di quote societarie, di fatto attuano il trasferimento di
complessi aziendali da un imprenditore a un altro.

12

R AT I O S o c i e t

N . 3 / 2 0 1 3

9 5 9 4
Aggiornato al 24.07.2013

Centro Studi Castelli S.r.l.


Riproduzione vietata