Sei sulla pagina 1di 1

E' interessante notare che l'ego, tra le tante cose, non "gioca", e la seriosit l

a rigidit rappresentano due costanti molto caratterizzanti. Atteggiamento serioso


non seriet: mi piace pensare ad un animatore serio, che riesce a fare lo scemo f
acendo ridere rimanendo naturale. La persona seria pu assumere molte facce, l'imp
ortante che interiormente conservi la giusta centratura, mentre l'atteggiamento,
ovvero ci che si vuol fare vedere all'esterno, ben altra cosa. La finta seriet in
tesa come rigidit, autorevolezza, pochi sorrisi e falsa convinzione e coerenza, s
olo un atteggiamento falso e forzato. Questo accade anche quando si interpreta u
n ruolo di rilievo, socialmente o professionalmente. Ed ecco che, di conseguenza
, avere a che fare con un bambino o un cucciolo, rappresenta un'occasione per di
sintegrare questa sovrastruttura tornando ad essere spontanei e giocosi.
E invece no: l'atteggiamento dell'umanoide adulto, spesso, rimane come sempre. S
i sente autorizzato a percepirsi come "superiore" rispetto ad una creatura che n
on abbia la sua esperienza o intelligenza, per quanto questi due fattori siano m
olto discutibili. Trovo, ad esempio, preoccupante che una persona non sorrida (q
uantomeno interiormente) alla vista della purezza di un animale o di un bimbo, e
ppure accade. Non possibile comunicare con un bambino senza tornare bambini, cos
come non possibile costruire un rapporto autentico con il proprio animale domest
ico se non si pronti ad essere presenti, giocosi, puri, lasciandosi andare. Esse
ndo in questo ambito professionale, la gente tante volte mi chiede "perch il mio
cane non viene quando lo chiamo"? Quando si aspettano una risposta, la mia doman
da invece , "perch dovrebbe"? Di solito le persone pi intelligenti mi guardano con
aria stranita e pensierosa, mentre i meno evoluti mi dicono "b, perch sono il padr
one! Lui DEVE venire"! Poi si scopre che, ovviamente, utilizzano un tono autorit
ario quasi da rimprovero. Il cane si avvicina impaurito, oppure non lo fa.
L'incapacit di ridere senza motivo, di dire stupidaggini senza senso, di allegger
ire il peso della propria sovrastruttura, basterebbe per avere gocce di risvegli
o spirituale. Basterebbe solo questo. Tornare a giocare, come dei perfetti imbec
illi, condividendo una gioia senza un perch. L'umorismo invece si realizza attrav
erso argomenti in cui l'uomo macchina ha dei blocchi, come quello sessuale o soc
iale. Ed ecco che le battute a sfondo sessuale rappresentano una fuga dalla repr
essione, o quelle politiche una liberazione momentanea verso il rancore nutrito
nei confronti dei pi potenti. Eppure non cos difficile ridere senza motivo, perch c
redo che in fondo tutti conserviamo questo potenziale. Sono riuscito pi volte a f
ar uscire il meglio (o peggio :-) delle persone, semplicemente dicendo idiozie o
confondendoli, e la risata non si faceva aspettare di fronte l'assurdit e il non
senso. Questa gente aveva toccato il paradiso in un istante, perch aveva dimenti
cato se stessa e i suoi problemi.
Pubblicato da Gabriele Pintaudi