Sei sulla pagina 1di 12

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Opinioni

Diocesi

Gioved 13 agosto 2015

Gioved
13 agosto 2015
anno XLVIII (nuova serie)

numero 27 ter
solo online

27

Diocesi

ter

Attualit

Labbraccio
alle famiglie
nella Chiesa

Retrouvaille,
un percorso per sposi
che soffrono

Cammino
di Santiago
e senso religioso

Migrazioni,
duemila morti
da inizio 2015

ppuntamento ad ottobre con il Sinodo delle


A
famiglie, per concludere

Folgaria, a met settembre, una tre giorni


A
per coppie dellEmilia Ro-

francesi e spagnoli delle diocesi toccaItevescovo


dal percorso del pelle-

ante vittime restano senza nome e volto, inTghiottiti


dal deserto o dal

un percorso originale di
vita cristiana

magna separate o che si


stanno separando

grinaggio hanno scritto una


lettera pastorale

mare. Un tema di valore segnato da troppi interessi

Editoriale
Piccoli comuni, silenzio postale
di Francesco Zanotti

on c tregua per i giornali. E non c


tregua neppure per il cittadino
italiano. Lo diciamo dopo aver letto
la lunga lista di Comuni pubblicata nei
giorni scorsi sul sito ufficiale di Poste
italiane. Da una parte il governo rassicura le
associazioni di categoria, dallaltra Poste
prosegue imperterrita il suo piano di
razionalizzazione che prevede il primo
ottobre prossimo lavvio della consegna
della posta a domicilio solo a giorni alterni.
O meglio, la consegna avverr cos: una
settimana il luned, il mercoled e il venerd
e la settimana seguente il marted e il
gioved. Sarebbe pi esatto chiamare
questo sistema a scacchiera piuttosto che a
giorni alterni. Un vero rompicapo per chi
dovr ripensare il recapito di quotidiani e
settimanali.
Dicevamo dellelenco delle localit
coinvolte in questa prima fase. Poco pi
dello zero virgola della popolazione del
nostro Paese, ma pur sempre una infinita
sequenza di piccoli centri dietro i cui nomi
si celano migliaia di persone che ancora
abitano e custodiscono luoghi noti e meno
noti nei quali pulsa la vita dintere
comunit. Cosa abbiano di meno questi
cittadini per venir discriminati in questo
modo non assolutamente dato sapere. Si
sa solo che hanno deciso di vivere, investire
e lavorare in quella parte dItalia i cui
Comuni hanno meno di 30mila abitanti e
una densit inferiore ai 200 abitanti per
chilometro quadrato. Questi sono i motivi
per cui Poste ha deciso che a questa gente
non verr pi consegnato il quotidiano tutti
i giorni e neppure il settimanale diocesano,
da tanti atteso in un giorno preciso. Perch
questo accanimento? Perch questa
distinzione tra cittadini?
La Rete la risposta tanto sbandierata e
abusata. La risposta data fino alla nausea.
Chi gira e frequenta le periferie dItalia sa
benissimo che la Rete nella cosiddetta
Provincia spesso ancora solo un pio
desiderio. Rimane un obiettivo da
raggiungere, non di certo una realt
acquisita. Resta illusorio e velleitario,
quindi, invocare la diffusione dei giornali
tramite internet, in sostituzione della
mancata consegna a domicilio. Una doppia
beffa per chi rimane sul territorio, a
presidio spesso di zone lontane e
abbandonate. Ora neanche pi il postino
busser tutti i giorni, nonostante quanto il
governo ha dichiarato non pi tardi di
qualche settimana fa per bocca del
portavoce del sottosegretario Lotti: C
limpegno del presidente del Consiglio con
Poste italiane affinch il servizio universale
sia garantito essendo
continua a pag. 3

Sotto la protezione
di Maria

LINTERNO AFFOLLATO
DELLA BASILICA DEL MONTE, A CESENA,
DURANTE UN PELLEGRINAGGIO
DIOCESANO

In migliaia, come ogni anno, saliranno al Monte, a Cesena. Fin dal


primissimo mattino di sabato 15 agosto, giorno in cui si ricorda
lAssunzione della Beata Vergine Maria, schiere di pellegrini si
incammineranno per salire fino alla basilica in cui da secoli ci si affida
alla Madonna. Gli ex voto, presenti a centinaia nellabside e nei locali
dellabbazia benedettina, sono la testimonianza di questo legame
sempre vivo.
Il vescovo Douglas presieder una solenne concelebrazione eucaristica
(alle 18) che sar trasmessa in diretta da Radio Maria.
A Cesenatico, la mattina del 15, dopo la Messa (alle 8) nella chiesa di
San Giacomo sul porto canale, monsignor Regattieri salir su un
peschereccio e prender il largo per la benedizione e la preghiera per le
vittime del mare.

Servizio a pag. 5

Bagno di Romagna 8

Alfero

Per don Alfio


50 anni
di sacerdozio

La comunit
festeggia
don Edero

Cesena

Sar pi economico
parcheggiare
in struttura

Parrocchie
Giorni di festa
per alcune
comunit

10

Opinioni

Gioved 13 agosto 2015

Abbraccio della Chiesa a famiglie in cammino


Sinodo

l Sinodo continua ormai allorizzonte la prossima tappa del processo sinodale sulla famiglia (4-25 ottobre).
Un percorso originale che ha visto e vede, tuttora, strette in un ideale abbraccio tutte le componenti ecclesiali.
Un abbraccio non solo sul tema - la famiglia - ma anche sul modo di essere Chiesa. Sono illuminanti, al
riguardo, le parole del cardinale Raymundo Damasceno Assis, arcivescovo di Aparecida (Brasile), pronunciate
a chiusura dellassemblea sinodale del 2014: La forma di vita della Chiesa, popolo di Dio peregrino, proprio
sinodale e anche la famiglia cristiana si pu dire che come un sinodo in piccolo. () Ancora c cammino da fare
insieme!.
Ancora c Sinodo, potremmo dire, alludendo proprio alletimologia del termine: cammino insieme, percorso
solidale Un cammino sulla famiglia e con la famiglia! Proprio perch questa non semplicemente loggetto della
discussione; al contrario, il soggetto di questo cammino. La famiglia, dunque, abbracciata e abbraccia la
comunit ecclesiale tra il Sinodo straordinario dellottobre 2014 e il Sinodo ordinario del 2015. E nella scelta della
famiglia, Chiesa domestica, con le sue sfide inedite e le grandi risorse, la Chiesa respira a pieni polmoni, per se
stessa e per tutta lumanit.
Chiarito lo sfondo sinodale, a poco meno di due mesi dallinizio della prossima assemblea vale la pena volgere lo
sguardo indietro per riannodare il filo del cammino fin qui compiuto. Ci sono alcune parole-chiave che hanno
marcato la distanza e che possono aiutare a comprendere le grandi novit rispetto al passato. Senza alcuna pretesa
di stilare un elenco completo e chiuso, proviamo a immaginare un breve alfabeto commentato.
Visto largomento, non possiamo non partire dalla S di Sinodalit e dalla C di Collegialit. Papa Francesco ha

Nella scelta della famiglia, Chiesa domestica, con le sue sfide inedite e le sue grandi risorse,
la Chiesa respira a pieni polmoni, per se stessa e per tutta lumanit. Le parole chiave:
da collegialit a sinodalit, da parresia ad ascolto, da misericordia a madre e discernimento.
Appuntamento a ottobre per concludere un percorso originale di vita della Chiesa

Vita e morte in discoteca


Quanta ipocrisia!
Quanti Cocoric?
usica
elettronica e
techno a
tutto
volume, varie
performance
artistiche e non,
fiumi di alcool e,
nonostante gli sforzi
messi in campo da
proprietari e
istituzioni, il costante
smercio di sostanze
stupefacenti: ecco il contesto in cui vive il popolo
della notte che frequenta il Cocoric, nota discoteca
riminese.
Negli ultimi dieci anni, una lunga serie di episodi, tra
decessi, malori e fatti criminosi, ha cadenzato
lanimata vita notturna del famoso locale. Lultimo in
ordine di tempo , purtroppo, la morte del 16enne
Lamberto Lucaccioni, dovuta allassunzione di
ecstasy acquistata da uno spacciatore nella discoteca.
Troppo per non reagire, per non affrontare il
problema in qualche modo. Ma come?
Al momento, con unordinanza del Questore di Rimini
che ha decretato la chiusura del Cocoric per quattro
mesi, a decorrere da luned 3 agosto. Peraltro, negli
anni passati, erano gi state comminate al locale
sanzioni analoghe, anche se in misura decisamente
pi ridotta (1 o 2 giorni di chiusura).
Ma questa la soluzione per un problema cos
complesso? E cosa succeder tra quattro mesi,
quando il Cocoric riaprir? Forse saranno svanite le
ragioni per cui migliaia di giovani cercano di
esorcizzare il loro disagio profondo nello sballo di
una nottata in discoteca, bruciata tra alcol e droghe? E
se fosse davvero questa la soluzione, perch attuarla
cos tardivamente, dopo anni di segnali di cronaca
inequivocabili? E poi, quanti altri Cocoric ci sono

Piccoli comuni, silenzio postale

continua dalla prima

considerato dal governo prerogativa fondamentale.


Non sappia la destra quello che fa la sinistra: pare questo il dettato messo
in atto dallesecutivo Renzi. Da una parte si cerca di tener buoni gli editori
con incontri tranquillizzanti e convincenti, dallaltra non si fa fare marcia
indietro a Poste che, per raggiungere la quotazione in Borsa, costretta a
una dura cura dimagrante sul versante costi.
Da una terza parte rimane il cittadino, sconsolato e afflitto, che vede, legge,
ascolta e non comprende. Cos come non comprendiamo noi che abbiamo
snocciolato quella lunga giaculatoria di Comuni e in essi abbiamo scorto i
volti attoniti di chi, dal primo ottobre, non sar pi raggiunto dal servizio
universale, come invece chiede una direttiva europea.
Ma si sa, lEuropa viene tirata in ballo ad arte, e a scartamento ridotto,
quando conviene. Quando non fa gioco, si fa finta di nulla.
Non faranno certamente come se nulla fosse le migliaia di persone
coinvolte in questa sciagurata decisione, come anche noi abbiamo detto e
scritto infinite volte e in ogni sede. Faranno sentire la loro voce, alta, chiara
e forte, sindaci e singoli cittadini. Noi faremo lo stesso. Non possiamo
tacere davanti a queste palesi ingiustizie. Ne va del nostro Paese. Ne va
delle libert democratiche, ne va della partecipazione, ne va del
coinvolgimento di tutti, nessuno escluso. Speriamo solo che il buon senso
prevalga sulle logiche economicistiche. E che i bilanci sociali contino di
pi rispetto a quelli fatti di costi e di ricavi. Nonostante tutto, noi ci
crediamo e ci speriamo ancora.
Francesco Zanotti

in Italia? Pensiamo di chiuderli tutti subito o attendiamo che accada


qualche altro episodio eclatante, come putroppo accaduto domenica
mattina scorso in un notissimo locale di Lecce.
Sinceramente - fatta salva la buona volont di creare uno spazio temporale
per riflettere e riorganizzare idee e azioni - rispondere al disorientamento
esistenziale di tanti giovani con la chiusura, sia pur temporanea, di una o
mille discoteche ha un po il sapore della ipocrisia, in senso letterale
(carenza di discernimento). Sono ben altri i ragionamenti da fare, e non
certamente sui luoghi, ma sulle persone e sulla nostra societ. Si tratta di
ricostruire le condizioni per una crescita serena e fiduciosa delle nuove
generazioni, di tornare a trasmettere e testimoniare loro valori condivisi e
relazioni umane solidali. Allora, forse, anche svago e divertimento saranno
autentici, affrancati dalla falsa illusione di ogni sballo.
www.agensir.it

parlato spesso di sinodalit e di


collegialit, immaginandole come una
forma di vita nella Chiesa. Il Sinodo dei
vescovi ritorna, allora, al suo significato
originario: non un momento celebrativo
di un consenso scontato, ma
unistituzione per la collegialit tra vescovi
in una Chiesa sinodale.
Nel nostro vocabolario c poi la Q di
Questionario. stata questa la vera novit
di tutto il percorso in atto. Trentotto
domande per il Sinodo straordinario e
quarantasei per quello ordinario, per
permettere alle Chiese particolari di
partecipare attivamente alla preparazione
delle due tappe. Una forma di
consultazione nuova, che ha riscosso
enormi consensi, ma anche critiche.
Ed eccoci, quindi, alla P di Parresia e alla A
di Ascolto. Parlare con parresia e
ascoltare con umilt sono gli
atteggiamenti di fratelli nel Signore
indicati da papa Francesco ai padri
sinodali allinizio del Sinodo del 2014.
Unire la parresia allascolto umile una
scelta di metodo e di campo. Parresa ,
infatti, parlare con franchezza. Non con
larroganza del dire violento, strategico e
strumentale. Ma con lumilt di chi sente
il dovere di prendere la parola, per rendere
giustizia a una verit che non la sua, ma
che ha toccato la sua vita. Per questo, nel
discorso conclusivo dellassemblea dello
scorso ottobre, Francesco ha chiesto di
evitare le opposte tentazioni
dellirrigidimento ostile e del buonismo
distruttivo. E di aprirsi allascolto umile di
ci che dicono gli altri. questa, ha
spiegato ancora il Papa, la dinamica della
sinodalit. Scorrendo le altre lettere
dellalfabeto, troviamo la M di
Misericordia e di Madre. La misericordia
un elemento centrale dellesperienza
personale e spirituale del Papa. E
lindizione del Giubileo straordinario lo
conferma. Francesco si reso conto che la
misericordia in grado di dare risposta al
desiderio di salvezza che c nel cuore di
ogni persona. Nessuna meraviglia, allora,
se la Chiesa intende prendersi cura, con
premura, di chi - soprattutto nella vita
familiare - si trova in situazioni difficili e
cariche di sofferenza. Limmagine di
Chiesa che pi piace al Papa quella della
madre, che non ha paura di mangiare con
il figlio peccatore, vede i problemi e aiuta
a guardarli nella luce del Vangelo.
A corollario delle varie lettere, c la D di
Discernimento. un metodo di lettura
della storia e di progettazione pastorale. Il
discernimento, spiegava papa Francesco
nellintervista a La Civilt Cattolica,
riscatta la necessaria ambiguit della vita
e fa trovare i mezzi pi opportuni, che non
sempre sidentificano con ci che sembra
grande o forte. Insomma, discernere
unesigenza reale della comunit cristiana
nella sua multiforme presenza nella
societ. Discernere, per, non per
dividere, ma per camminare insieme
per fare Sinodo!
Vincenzo Corrado

Vita della Diocesi

Gioved 13 agosto 2015

NOTIZIARIO DIOCESANO

Assemblea diocesana degli operatori pastorali


Domenica 20 settembre alle 15 a SantAgostino
Si terr nel pomeriggio di domenica 20 settembre con inizio
alle 15, nella chiesa di SantAgostino a Cesena, lAssemblea
diocesana degli operatori pastorali di tutta la Diocesi.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE
LEucaristia non una metafora: mangiamo la carne

ASSEMBLEA
OPERATORI PASTORALI,
SETTEMBRE 2014
(FOTO ARCHIVIO)

Domenica 16 agosto
XX Domenica Tempo Ordinario - Anno B
Pr 9,1-6; Sal 33; Ef 5,15-20; Gv 6,51-58

CHIESA INFORMA

Radio Maria in diretta dalla Basilica del Monte

La vita del mondo la vita della


creazione e il senso della storia,
entrambe ferite ma amate da Dio.
Anche la carne segno della fragilit e
di un mondo destinato alla morte, ma
che in Ges diventa luogo e strumento
di salvezza per tutti. Lobiezione dei
Giudei opposizione al discorso del
Maestro perch veramente c
sproporzione tra lumanit di Ges - il
suo essere veramente uomo - e
laffermazione di essere Lui il cibo per la
vita eterna. Ges non fa sconti; anzi,
alla carne aggiunge linvito a bere il suo
sangue, cosa assolutamente proibita

Sabato 15 agosto alle 18


Radio Maria, emittente cattolica
internazionale, in occasione
della Solennit dellAssunzione
della Beata Vergine Maria, si
collegher sabato 15 agosto alle
18 con labbazia di Santa Maria
del Monte, di Cesena, per
trasmettere il Pontificale
dellAssunta presieduto dal
vescovo Douglas Regattieri.
Animer la liturgia la Corale La
Gregoriana diretta da Pia
Zanca.

es passa da io a la mia carne,


segno che questa indica la sua
umanit offerta fino alla morte.
Un discorso realistico, non metaforico,
che spiega lobiezione dei Giudei. Cos
la samaritana pensava allacqua del
pozzo e Nicodemo che bisognava
rientrare nel seno della madre. Anche
lEucaristia non una metafora;
tuttaltro. Quando mangiamo il pane,
mangiamo la carne; quando beviamo il
vino, beviamo il sangue, partecipando
allumanit di Ges, alla sua vita
donata. un mangiare che equivale
allunione profonda tra due persone.

La Parola
di ogni giorno

dalla legge giudaica, perch il sangue


la vita, semplicemente. Ges invece
lega la condizione di poter avere la vita
proprio al bere il calice del suo sangue.
In parole povere possiamo dire che
siamo assolutamente insufficienti a
noi stessi e senza vita, se non veniamo
nutriti da Dio stesso. Come non si pu
separare la carne dal sangue, pena la
morte, cos noi non possiamo essere
separati da Dio. Il modello della nostra
comunione con Lui Ges che dice di
s: Io vivo per il Padre. Se la vita di
Ges la vita del Padre in Lui, anche la
nostra vita vivere di Lui e per Lui.
Sono parole da cime di montagna,
vertici dellanima; difficili da far nostre
specialmente in questi giorni di agosto,
tempo di vacanze, di viaggi, di
esperienze nuove, di divertimenti, ma
anche di scompiglio della percezione
abituale della realt.
Anche a ferragosto un pensiero certo ci
pu abitare. Noi che siamo povera
carne mortale, creata al sesto giorno,
ultimi fra le creature, dinanzi allofferta
del Corpo e del Sangue di Cristo, segni
veri del suo amore, possiamo
convincerci che il nostro destino il
settimo giorno, quello della festa di Dio,
la vita eterna, tempo di comunione col
Padre e con i fratelli.
Angelo Sceppacerca

luned 17 agosto
san Giacinto
Gdc 2,11-19; Sal 105;
Mt 19,16-22
marted 18
santElena imp.
Gdc 6,11-24a; Sal 84;
Mt 19,23-30
mercoled 19
san Giovanni Eudes
Gdc 9,6-15; Sal 20;
Mt 20,1-16
gioved 20
san Bernardo
Gdc 11,29-39a;
Sal 39; Mt 22,1-14
venerd 21
san Pio X
Rt 1,1.3-6.14b-16.22;
Sal 145; Mt 22,34-40
sabato 22
B.V. Maria Regina
Is 9,1-6; Sal 112;
Lc 1,26-38

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Domenico, San Rocco,
SantEgidio, capp. cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
17.00 Capp. ospedale (no sabato)
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza
18.30 San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della
Speranza, Cappuccini,
San Bartolo
19.00 Tipano
20.00 San Giovanni Bono,
Torre del Moro, Gattolino
20.30 Villachiaviche,
San Pio X

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
15.00 Formignano
17.00 Cappella cimitero Cesena,
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santuario Addolorata,
Convento Cappuccini,
Osservanza, Santo Stefano,
San Paolo, Diegaro,
Madonna delle Rose,
Torre del Moro, Borello,
San Giorgio, San Vittore
18.30 San Pietro, San Rocco,
Case Finali, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
19.00 Osservanza, Villachiaviche,
San Bartolo, Ponte Pietra
19.30 Bulgarn
20.00 San Giovanni Bono,
Bulgaria, Ruffio, Pioppa,
Pievesestina, Tipano,
Gattolino
20.30 San Pio X, Martorano,
Calisese, San Mauro in V.

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine,
Calabrina,
Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro,
San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Capannaguzzo,
Ronta, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Martorano,
Tipano, San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria, San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.15 San Martino in Fiume
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale,
Case Finali, San Rocco,
Santa Maria
della Speranza,
Torre del Moro,
Cappuccini, SantEgidio,
San Pio X, Carpineta,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
10.45 Ronta, Capannaguzzo
11.00 Basilica del Monte,
Santuario Addolorata,
San Pietro, Santo Stefano,
San Paolo, San Bartolo,
Villachiaviche,
San Giorgio,

11.10
11.15
11.30
17.00
18.00
18.30
19.00
20.00

San Giovanni Bono,


Calabrina, Calisese,
Gattolino, Madonna del
Fuoco, San Mauro in Valle,
Martorano, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone
Torre del Moro
Diegaro, Madonna
delle Rose
Cattedrale, San Pio X,
Santa Maria della
Speranza
Cappella del cimitero
Cappella dellospedale
Bufalini
Cattedrale,
San Domenico
San Pietro, San Rocco,
Cappuccini
Osservanza
San Bartolo, Villachiaviche

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 18 (sabato);
8 / 11 / 17 (al santuario
di Corzano, luglio-agosto).
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9, 11
(19 sabato)
Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina,
Boschetto;
17,30 Conv. Cappuccini;
18 Gatteo Mare;
18,30 San Giuseppe;
19 Camping Cesenatico;

20 Sala
20,30 Villalta, Santa Maria
Goretti
20,45 Gatteo Mare
21 San Giacomo,
Boschetto, San Pietro
Festivi: 7 San Giacomo, Gatteo M.
7,30 San Giuseppe,
8 Bagnarola, Santa Maria
Goretti, Gatteo M.;
8,30 Sala, Boschetto;
9 San Giuseppe,
Cappuccini, Gatteo M.;
9,15 San Pietro;
9,45 Cannucceto;
10 Villalta, Villamarina;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Gatteo M.,
Santa Maria Goretti, Sala;
11,15 Bagnarola;
16 cimitero urbano;
17,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
18 Gatteo M.;
18,30 San Giuseppe,
Zadina (Park Hotel);
20,45 Gatteo M.
21 San Giacomo,
Boschetto
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate:
20,30 (sabato); 8,30 /
10,30 / 18. Consolata: 19
(sabato); 7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11,15 / 17
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo a Mare:
festivi: 8 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso; 19 Crocetta
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;

10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, LongianoParrocchia, San Lorenzo in
Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso
Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30; San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20,30 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18,30 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30
Sarsina
Concattedrale: 7 / 9 /

11 / 18; Casa di Riposo:


ore 16 (sabato);
Tavolicci: 10,30 (liturgia
della Parola con Eucar.);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino in Appozzo: 9
(liturgia della Parola con
Eucaristia); Quarto:
10,30; Pieve di Rivoschio:
15,30; Romagnano:
11,15; Pagno: 16
(seconda dom. del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica); Balze (chiesa
parrocchiale): 8,15 /
11,15 / 18;
eremo SantAlberico:
16 (domenica);
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16;
Alfero: ore 17 (sabato);
11,15;
Riofreddo: 10
Corneto: 11; Pereto: 10

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 45;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 27 del 16 luglio 2015: 7.970 copie


Questo numero del giornale (solo versione online) stato chiuso in redazione
alle 18,30 di luned 10 agosto 2015

Vita della Diocesi


Le celebrazioni di sabato 15 agosto allabbazia benedettina di Cesena

Gioved 13 agosto 2015

Lutto in Diocesi
morto
padre Giuseppe Fusaroli

INTERNO ED ESTERNO
DELLABBAZIA
DI SANTA MARIA DEL MONTE,
A CESENA (FOTO PG MARINI)

Al Monte
con devozione e con fede
S

abato 15 agosto tutta la Chiesa celebra la festa dellAssunta. A Cesena


la solennit trova il suo particolare punto di riferimento alla Basilica
dove si prega la Madonna del Monte e nellattiguo monastero animato
dai monaci della congregazione benedettina sublacense-cassinese.
Durante la giornata del 15 agosto, le Messe saranno celebrate a ogni ora,
dalle 6 alle 12. Alle 17 saranno recitati i Vespri solenni. Alle 18 il vescovo
Douglas presieder una solenne concelebrazione eucaristica i cui canti
saranno eseguiti dalla corale La Gregoriana diretta da Pia Zanca.
Lemittente radiofonica Radio Maria trasmetter la Messa in diretta. In cripta
saranno disponibili diversi sacerdoti per le confessioni.
La solennit preceduta da una Novena iniziata il 5 e che proseguir fino al
14 agosto. Al termine della Messa feriale delle 7,20 ci sar il canto delle
Litanie, seguito dalla preghiera alla Madonna del Monte.
Negli spazi del chiostro grande del monastero del Monte, nei giorni della
festa e fino all8 settembre, saranno visitabili due mostre. Larte poetica e

Bus navetta per raggiungere la Basilica


er favorire lafflusso dei pellegrini, sempre a migliaia da tutta la Romagna nel giorno dedicato
Ppredisposto
allAssunta, e vista la chiusura al traffico delle vie nei pressi dellabbazia, il Comune ha
un collegamento con bus navetta. I collegamenti partiranno dal Ponte nuovo (Fermata
bus di viale Matteotti) per passare poi dalle vie Battisti, Curiel, Mulini, Finali, Carducci, padre Vicinio
da Sarsina, Verdi, Pascoli, del Monte, no alla basilica e ritorno, proseguendo dalla basilica in via del
Monte, via Celincordia, padre Vicinio da Sarsina, no al Ponte nuovo (via Matteotti). Il servizio si
svolger dalle 6 alle 19,50. In particolare, al mattino dalle 6 alle 12,20 ogni 20 minuti e nel
pomeriggio dalle 14 alle 19,50 ogni 30 minuti.
percorribile e agibile per tutto il suo tratto, e sempre molto scelta da tanti per la salita al Monte, la
via delle Scalette.
Sempre il 15 agosto, il vescovo Douglas sar presente a Cesenatico, per la tradizionale
benedizione del mare e la processione con la statua della Madonna. Alle 8, nella chiesa
parrocchiale di San Giacomo, posta sul porto canale, monsignor Regattieri presieder una santa
Messa al termie della quale seguir limbarco della statua della Madonna. In mare saranno lanciate
delle corone a ricordo dei lavoratori deceduti e sar impartita la benedizione.

Retrouvaille, un percorso
per coppie di sposi che soffrono

figurativa di padre Venanzio Reali


lesposizione che trova spazio
allinterno della cappella di San
Benedetto: in mostra una Via Crucis
e altre opere di ispirazione mariana
di padre Venanzio Reali, frate
cappuccino nativo di Montetiffi di
Sogliano al Rubicone, deceduto nel
1994. Frate mite, ospite per diversi
anni del convento di Cesena e
responsabile dei frati della Regione,
padre Reali autore di opere
pittoriche e scultoree su temi sacri.
Alcune sue poesie sono pubblicate
anche in antologie scolastiche.
A padre Venanzio dedicato
ogni anno, un convegno e un
concorso nazionale. In
contemporanea, nel perimetro del
chiostro, allestita la mostra che
raggruppa le opere di 22 artisti della
Societ Amici del Monte, con tema
Cesena e il Monte; in mostra opere
di Ilario Fioravanti, Gino Balena,
Decio Zoffoli, Adelmo Calderoni,
Loris Pasini, Giancarlo Turroni,
Leonardo Rossi, Loris Branzaglia,
Arnaldo Gallinucci, Elisabetta
Venturi, Gabriella Gridelli, Giovanna
Barcia, Laura Ceccarelli, Lidia
Marchetti, Luciano Cantoni, Meris
Manuzzi, Nicoletta Ballarin, Piero
Romagnoli, Piero Pineroli, Lidia
Mongiusti, Maria Mazzotti, Luisella
Ceredi.

freddi e distanti. Prevede un week-end e 12


incontri nei tre mesi successivi.
Il programma di Retrouvaille non gestito da
esperti e non intende elargire ricette o
soluzioni prefabbricate. Le coppie animatrici,
coadiuvate da un sacerdote, nel condividere le
loro vite con i momenti di grave crisi e il
Un programma che, come dice il suo nome in francese perch nato nel 1977 nel Canada
superamento di questi, danno speranza alle
coppie partecipanti.
francofono, vuole portare le coppie aritrovarsinel loro matrimonio. rivolto agli sposi che
vivono un momento di grave crisi, che forse pensano alla separazione o che sono gi separate Una coppia dopo lesperienza del week end di
Retrouvaille ha commentato: "Avevamo
n Italia il numero delle separazioni e quello dei
bisogno di sentire qualcuno che ha
divorzi in costante aumento e il loro effetto
sperimentato ci che noi abbiamo vissuto e
negativo ricade inesorabilmente su tutti i membri
che sopravvissuto".
della famiglia, in special modo sui figli.
Lobiettivo prima di tutto recuperare nelle
C una speranza a questo? Come far s che la coppia
coppie un dialogo autentico che permetta
venga messa in condizione di superare con esito
loro di affrontare i problemi che li hanno
positivo le difficolt che spesso incontra?
portati alla situazione di crisi o di separazione
Si data una risposta positiva a queste domande anche e da qui operare unautentica riconciliazione.
in Italia attraverso Retrouvaille, un programma che,
Le esperienze condivise desiderano solo
come dice il suo nome (in francese perch nato nel 1977 testimoniare che possibile ricominciare una
nel Canada francofono), vuole portare le coppie a
vita a due, che non sempre tutto perduto,
"ritrovarsi" nel matrimonio.
che la speranza collabora con la volont di
Questo programma rivolto alle coppie che vivono un
fare nuovi passi verso il coniuge che deluso o
momento di grave crisi, che forse pensano alla
ferito. Sentendosi accolti e non giudicati,
separazione o che sono gi separate, coppie che hanno coloro che vivono in difficolt riescono a poco
smesso di discutere insieme i problemi e si sentono soli, a poco a riconquistare la fiducia e

deceduto sabato 8 agosto a Cesena, presso


la casa di cura San Lorenzino, dove era
ricoverato da giorni, padre Giuseppe Fusaroli.
Missionario della Consolata, era fratello di
monsignor Luigi Fusaroli, fondatore negli
anni Cinquanta e primo parroco di Maria
Immacolata in Case Finali di Cesena.
Dopo gli studi nel seminario di Cesena prima e
di Fano poi, il giovane Fusaroli incontr
lesperienza della Consolata con la quale
intraprese gli studi che lo condussero al
sacerdozio nel 1951. Lo stesso anno part
come missionario per la Colombia, dove
rimase per 25 anni. Rientrato in Italia, prest
servizio in diverse comunit della Consolata.
Per due volte venne trasferito presso lIstituto
della Consolata che si trova a Gambettola.
I funerali sono stati celebrati nel pomeriggio
di marted 11 agosto nella chiesa parrocchiale
di Case Finali, a Cesena.
Dalla Terra Santa, dove sono in pellegrinaggio
insieme a una quarantina di fedeli, il vescovo
Douglas e il parroco di Case Finali, don
Marcello Palazzi, hanno assicurato la loro
preghiera per padre Giuseppe Fusaroli e la
presenza spirituale alla celebrazione
esequiale di marted.

Breve
Spazio Ascolto Famiglia,
un aiuto alla persona
e alla coppia
LUfficio diocesano per la Pastorale della
Famiglia desidera far conoscere lattivit di
Saf, Spazio Ascolto Famiglia, laiuto di
consulenti familiari alla persona, alla coppia e
alla famiglia.
Spazio Ascolto Famiglia offre alle persone in
difficolt un luogo di accoglienza, ascolto,
confronto e orientamento, anche in una
dimensione spirituale.
Si rende disponibile per una relazione di aiuto
nelle situazioni di crisi e di difficolt, di
disorientamento e di incomprensione.
a disposizione di persone, coppie e famiglie
che vivono situazioni di disagio relazionale,
anche legate allesperienza della separazione e
del divorzio. Gli operatori di Spazio Ascolto
Famiglia sono consulenti familiari volontari,
diplomati alla scuola Sicof (Scuola italiana
consulenti familiari) di Roma, sensibili al bene
della famiglia, formati sulle problematiche del
disagio familiare e relazionale e allascolto
empatico.
Il servizio offerto gratuitamente nei giorni di
luned, gioved, venerd, dalle 15 alle 18; per
appuntamenti telefonare dal luned al venerd,
dalle 10 alle 17, al numero 346 3694421. La
sede presso lIstituto Ancelle Sacro Cuore di
San Carlo (accanto alla scuola materna), via San
Carlo 316, San Carlo di Cesena.
Info: www.noifamiglia.it;
spazioascoltofam@tiscali.it

sperimentano che possibile uscirne e


soprattutto non solo attraverso lavvocato
che legalizza la separazione!
Il 70 per cento delle coppie che accettano di
partecipare a questa iniziativa decide di
tornare a vivere insieme e riesce a ricostruire
la propria relazione. Questa esperienza
diventa perci veramente un salvagente
lanciato alle coppie in difficolt.
Retrouvaille una risposta che vuol
dimostrare come la Chiesa, come famiglia di
Dio, prende a cuore le coppie che hanno
difficolt nel loro matrimonio.

A FOLGARIA
IL PROSSIMO WEEK END
Per le coppie in difficolt di relazione
residenti in Emilia Romagna, un prossimo
week end si terr l11, 12 e 13 settembre a
Folgaria, e i successivi dodici incontri
saranno nella zona di residenza delle coppie
Emilia Romagna.
Per maggiori informazioni:
info@retrouvaille.it, www.retrouvaille.it, 346
2225896 per Emilia Romagna.
Riferimenti per la diocesi di Cesena-Sarsina:
Sandro e Marcella Crociani, 348 3963710.

Gioved 13 agosto 2015

Vita della Chiesa

Il primo effetto concreto delle decisioni prese - allunanimit - durante la decima riunione del C9, il Consiglio di cardinali
che affianca il Papa nel processo di riforma della Curia Romana

Pedofilia, primo processo


a un vescovo
L

11 luglio 2015 verr ricordata come una data


storica. Unaltra delle prime volte a cui papa
Francesco ci ha abituati fin dallinizio del
pontificato. Nello stesso luogo, il Torrione di Niccol V, in
cui si celebrato il processo a Paolo Gabriele, lex
maggiordomo del Papa condannato per aver fatto
trapelare documenti riservati, per la prima volta un
vescovo viene processato penalmente in territorio
vaticano. Deve rispondere di reati infamanti, con la seria
possibilit di finire in carcere.
E non importa se limputato, lex arcivescovo polacco e
nunzio apostolico a Santo Domingo, Jozef Wesolowski,
non per ora materialmente salito sul banco degli
imputati a causa di un malore che lo ha portato al ricovero
in terapia intensiva in un ospedale romano:
simbolicamente il processo gi cominciato, anche se con
un rinvio a data da destinarsi. Dovremo attendere la fine
delle ferie estive, per seguire le puntate successive.
Questo evento senza precedenti non apparso, per, sulla
scena come un coup de theatre: il primo effetto
concreto delle decisioni prese - allunanimit - durante la
decima riunione del C9, il Consiglio di cardinali che
affianca il Papa nel processo di riforma della Curia
Romana. Un mese prima, infatti, Francesco aveva accolto
le proposte della Commissione per la tutela dei minori, da
lui creata nel marzo di un anno fa, dintrodurre la
fattispecie del reato di abuso dufficio episcopale, per i
vescovi inadempienti nella denuncia di abusi da parte di
membri del clero, e distituire presso la Congregazione per
la dottrina della fede una nuova sezione giudiziaria
competente in materia, con un segretario e personale

Il Pontefice ha scelto la linea della


tolleranza zero con chi si macchia degli
abusi e dellabbraccio fraterno e
consolatore con le vittime degli uomini
e delle donne di Chiesa
stabile in servizio al Tribunale apostolico.
Ai vescovi, dunque, lobbligo di denuncia dei reati di
pedofilia, alla Congregazione per la dottrina della fede il
giudizio per quello che il Papa ha definito un culto
sacrilego che lascia nei bambini cicatrici per tutta la vita,
una terribile oscurit che deve far chiedere alla Chiesa
la grazia della vergogna. Perch non c assolutamente
posto nel ministero per coloro che abusano dei minori,
come ha scritto Francesco nella lettera del 2 febbraio
scorso ai presidenti delle Conferenze episcopali. E non si
pu tacere per evitare lo scandalo, equivarrebbe a una
correit ipocrita.
C uno sguardo, oltre a quello di Dio che penetra fin nel
profondo della coscienza di ogni essere umano - anche
quella pi oscurata e abbrutita - che la Chiesa deve trovare
il coraggio di sostenere, con una forza almeno pari a
quella che hanno dimostrato le vittime nel denunciare
labisso in cui sono state precipitate con la violenza: lo
sguardo dei piccoli. Oggi il cuore della Chiesa guarda gli
occhi di Ges in questi bambini e in queste bambine e
vuole piangere, aveva detto il Papa nella Messa celebrata
un anno fa a Santa Marta, alla presenza di sei persone
ormai adulte vittime di abusi, provenienti da Germania,
Irlanda e Regno Unito. Parole appassionate, quelle di
Bergoglio, che nella prima omelia dedicata

monograficamente al dramma della pedofilia, subito


prima dintrattenersi a lungo singolarmente con ognuno
di quei sei volti, aveva chiesto la grazia che la Chiesa
pianga e ripari per i suoi figli e figlie che hanno tradito la
loro missione, che hanno abusato persone innocenti con i
loro abusi. questo il modo in cui Francesco si fa
compagno di strada delle persone ferite, a volte
moralmente, dalla vita, perch la morte non solo quella
fisica: il suo un appello vivente alla accountability.
Parola invocata da tutte le vittime. Parola che chiama alla
responsabilit nei confronti di delitti abominevoli di cui si
macchia chi priva della dignit uno dei nostri figli.
I bambini abusati, come qualsiasi cucciolo duomo nel
mondo, sono figli di tutti. La Chiesa deve essere madre in
una societ di orfani, casa sicura per i genitori che le
affidano la prole, lappello del Papa in pi di unoccasione:
i bambini ci guardano, direbbe De Sica con il titolo di un
suo celeberrimo film. Dora in poi, grazie a un Papa
venuto dalla fine del mondo che si posto lungo una
linea di splendida continuit con i suoi predecessori Giovanni Paolo II e Benedetto XVI - in unazione di
contrasto decisa e trasparente, nessuno si potr pi voltare
indietro. Le ferite dei bambini sono impresse nella nostra
carne. Quegli occhi ci interpellano.
M. Michela Nicolais

I vescovi francesi e spagnoli delle diocesi toccate dal percorso dellantico pellegrinaggio, hanno scritto una lettera pastorale
dal titolo Il cammino di San Giacomo: ricerca e incontro
(FOTO SIR)

n percorso antico nel cuore


Questo cammino - spiega monsignor Marc
dellEuropa che ha segnato la
Aillet, vescovo di Bayonne - ha una
storia personale e spirituale di
specificit: un cammino di fede e di
milioni di pellegrini. il Cammino
comunicazione della fede. Fin dal
di Santiago di Compostela, la strada che
Medioevo, questo cammino in qualche
fin dal Medioevo schiere di uomini e
modo ha plasmato lEuropa, condividendo
donne hanno percorso, attraverso la
i valori dal Vangelo, attraverso le
Francia e la Spagna, per giungere al
peregrinazioni di tanti pellegrini cristiani.
santuario, presso cui ci sarebbe la tomba
Questa matrice cristiana, per, nel tempo e
dellapostolo Giacomo il maggiore. Un
soprattutto oggi, ha perso il suo mordente.
itinerario di 800 chilometri per la durata
Un certo numero di associazioni culturali,
complessiva di circa un mese. Le strade
laiche e, talvolta, laiciste, cos come i tour
francesi e spagnole che lo compongono
operator si sono appropriate del cammino
sono state dichiarate patrimonio
e lo hanno svuotato, a poco a poco, del suo
dellumanit dallUnesco e il 23 ottobre
significato spirituale per farne un cammino
1987 il Consiglio dEuropa ha riconosciuto
turistico e culturale come tanti altri.
limportanza del percorso dichiarando la
via di Santiago itinerario culturale
Un cammino di evangelizzazione. Da qui
europeo. A questo pezzo doro della storia
lesigenza di fare del cammino di
e della cultura europea, i vescovi francesi e
Compostela un cammino di
spagnoli delle diocesi
evangelizzazione pur
nelle quali passa il
sapendo che la
percorso dellantico
maggioranza delle
pellegrinaggio,
persone che lo
hanno dedicato una
intraprende, non lo fa
lettera pastorale dal
per motivi religiosi.
titolo Il cammino di
Tuttavia - aggiunge il
San Giacomo: ricerca
vescovo di Bayonne e incontro. Un testo
sentiamo che
di facile lettura
intraprendere questo
scritto per ridare
cammino significa
senso spirituale a
manifestare una
Monsignor Marc Aillet, vescovo di Bayonne: un cammino di fede e di comunicazione della fede.
unesperienza che nel
ricerca di senso, un
tempo ha perso
soffio nuovo nella
Alla ricerca del significato originario, oggi oscurato dal turismo di massa. Il ruolo delle parrocchie
qualcosa della sua
propria vita, il
originaria ispirazione
desiderio di rompere
religiosa trasformandosi in unattrazione
coreani. LOficina ha gi raccolto i dati
anche i senior con una percentuale del 9,98 con i ritmi accelerati di oggi per mettersi al
turistica da tour operator e agenzie di
relativi al 2015: durante il mese di luglio,
per cento. Il 43,23 per cento dei pellegrini
ritmo della creazione, al passo delluomo.
settore.
44.799 pellegrini hanno percorso il
esprime una motivazione religiosa. Ma la
Ci sono molte testimonianze che ci dicono
cammino di Compostela. Nello stesso
maggioranza (49,15 per cento) decide
che sul cammino si vivono vari incontri,
Crescita impetuosa. A partire dagli anni
periodo nel 2010 erano stati 42.472. Di
dintraprendere il pellegrinaggio per motivi con Dio e con Cristo. La lettera contiene un
Novanta, cresciuto, di anno in anno, il
questi pellegrini il 48,77 per cento sono
di natura religiosa-culturale e il 7,61 per
appello rivolto, in modo particolare, alle
numero dei visitatori lungo la via di
donne e il 51,23 per cento uomini. La
cento afferma di farlo esclusivamente per
parrocchie che si trovano lungo il percorso
Santiago. Secondo le cifre raccolte dalla
stragrande maggioranza sceglie di
ragioni culturali.
di Compostela e alle comunit religiose che
Oficina de acogida al peregrino, nel 2014
percorrere litinerario a piedi (91,80 per
accolgono i pellegrini: Uscite sul cammino
laumento del numero dei pellegrini
cento). C per anche chi lo fa in bicicletta Lincontro dei vescovi. dal 2009 che su
a evangelizzare; accogliete coloro che
rispetto allanno precedente stato del
(8,01 per cento), addirittura a cavallo (0,16
iniziativa di monsignor Julin Barrio Barrio, incontrate; invitateli a visitare le vostre
10,23 per cento. Gli italiani sono addirittura per cento) e uno 0,02 per cento in sedia a
vescovo di Compostela, i presuli dei due
chiese; spiegate loro la fede e larte; aprite
aumentati di quasi il 29,58 per cento,
rotelle. un itinerario amato anche dai pi Paesi sincontrano con lo scopo di
con loro spazi di dialogo; sosteneteli nel
raggiungendo il numero di 20.241,
giovani: sono il 41,80 per cento i ragazzi con promuovere insieme una pastorale comune loro pellegrinaggio. Invitateli alla
superando di gran lunga i tedeschi per
meno di 30 anni a scegliere Santiago di
di evangelizzazione sul Cammino di San
conversione del cuore, alla infinita
diventare, dopo gli spagnoli padroni di
Compostola come meta di vacanza; la
Giacomo. Questanno, dopo un periodo di
misericordia di Dio attraverso la Parola e i
casa, il gruppo pi numeroso. Da rilevare la maggioranza dei pellegrini - il 48,22 per
lavoro e confronto, sono riusciti a
sacramenti.
continua crescita degli americani e dei
cento - ha dai 30 ai 60 anni ma ci sono
pubblicare una lettera pastorale comune.
Maria Chiara Biagioni

Cammino di Santiago, come riguadagnare


il suo senso religioso

Attualit

MIGRAZIONI
Se duemila morti
vi sembrano pochi

Gioved 13 agosto 2015

(FOTO SIR)

Dallinizio del 2015 a oggi non passa giorno senza una


notizia sulle migrazioni. Tante vittime restano senza
un nome e senza un volto, inghiottiti dal deserto
o dal mare. E nessuno ne reclama il corpo. Un tema
di grandissimo valore umanitario troppe volte segnato,
nel dibattito pubblico, italiano ed europeo, dalle logiche
degli interessi. Se non dalle paure e dai pregiudizi

allinizio del 2015 ad oggi non passa giorno senza una notizia sulle
migrazioni. Cosa si ricorder di pi? Il bambino ivoriano nascosto in
una valigia per raggiungere i genitori immigrati in Spagna? I blocchi a
Ventimiglia e nelle stazioni di Roma e Milano o i lunghi e accesi
dibattiti politici italiani e dei vertici europei per spartirsi poche decine di
migliaia di richiedenti asilo e ratificare soluzioni per bombardare i barconi in
Libia? O gli oltre 2.000 morti nel tentativo di attraversare il Mediterraneo e
arrivare in Europa, 400 in pi dello scorso anno, nello stesso periodo? Erano
stati 3.279 alla fine del 2014, a fronte di circa 180mila arrivi sulle coste italiane.
LItalia e la Grecia sono interessate da flussi migratori molto simili (questanno
rispettivamente circa 97mila e 90.500), eppure i tassi di mortalit sono molto
diversi: sulle 2mila vittime di questanno sono stati circa 60 i migranti morti
sulla rotta verso la Grecia. Le altre, tutte scomparse nel Canale di Sicilia.
Una delle ultime vittime della fortezza Europa, ad inizio agosto, stato un
migrante marocchino di 27 anni: anche lui si nascosto in una valigia, e stava
viaggiando nel bagagliaio di una macchina a bordo di un traghetto partito
dallenclave di Melilla e diretto verso la Spagna meridionale. Purtroppo non
gli andata bene come al bambino, che ha potuto riabbracciare i genitori e
restare con loro. morto soffocato prima di raggiungere la meta. Nemmeno il
nome ci dato sapere. Altri ne sono morti in questi ultimi giorni nel tentativo di
attraversare il tunnel della Manica tra la Francia e la Gran Bretagna, due Paesi
poco generosi negli ingressi che si sono accorti un po in ritardo - ora parlano
come lItalia - che non possono farsi carico da soli dellaccoglienza senza la
solidariet europea, ma che si premurano di dire che le loro strade non sono
lastricate doro. Dimenticando, perch la memoria breve in questi casi, che
se i profughi fuggono da conflitti, violazioni di diritti o situazioni di miseria
estrema, anche per loro responsabilit, che in Africa hanno avuto e hanno
tuttora non pochi interessi neo-colonialisti.
Tanti numeri e speculazioni varie ma poche storie di persone e situazioni
drammatiche veramente conosciute a fondo, nonostante questultime siano
necessarie per far comprendere a chi dibatte cosa c dietro, quanta

una forza di bene,


silenziosa ma potente,
che attraversa la
storia, soprattutto nei suoi
momenti pi difficili e bui.
Parigi, 7 e 8 gennaio 2015.
finita con un bagno di sangue
la furia omicida targata jihad
che ha sconvolto la citt per 55
ore. Due blitz scattati quasi
contemporaneamente. Prima
lagguato al settimanale
satirico Charlie Hebdo.
Subito dopo lattacco
allIpercacher, una grande
drogheria di alimentari kosher
sul boulevard de Vincennes,
non lontano da Place de la
Nation. Tre jihadisti uccisi.
Diversi ostaggi liberati. La
conta dei morti finale di 12
uomini e donne. Parigi il
giorno dopo: sul boulevard de
Vincennes davanti al negozio
di alimenti ebrei stazionano
giornalisti e telecamere di
tutto il mondo. La zona un
grande set cinematografico.
Luci, cronisti e microfoni.
Lambiente patinato del
giornalismo internazionale
viene beffeggiato amaramente
dallodore acre e fastidioso dei
gas lacrimogeni e dei colpi di
arma da fuoco sparati dalle
forze dellordine e dagli
attentatori. lodore della
guerra. Un odore sconosciuto
agli europei nati dopo gli anni
del conflitto mondiale. Lo
stesso odore che invece e ogni
giorno inalano i siriani, gli
iracheni, i curdi, i libici, i
sudanesi, gli eritrei. Ma c una
forza di bene che attraversa
lumanit e si attiva proprio

disperazione e determinazione c in chi


rischia tutto, anche la vita, per sperare in
un futuro degno, migliore.
Le cronache giornalistiche hanno
decantato, in questi mesi, gli sforzi fatti
per raggiungere un accordo e spartirsi
40mila profughi: una cifra che, se
rapportata agli arrivi previsti in Italia per
questanno (almeno 200mila) e agli oltre
500 milioni di abitanti dellUe a 28,
assolutamente risibile e certo non
risolutiva del problema. Il governo italiano
ha cantato vittoria perch, per la prima
volta, lo sforzo dellaccoglienza sar
condiviso anche da altri Paesi (non da tutti
perch alcuni si sono opposti
fermamente). Ma quelli che se ne
andranno saranno ancora pochi, circa
24mila, mentre il sistema interno non
regge allimpatto gestionale dei nuovi
arrivi, anche per scarsa disponibilit
politica di alcune Regioni e Comuni.
Il risultato maggiore raggiunto dagli
accordi europei stato per, dopo la
chiusura delloperazione Mare Nostrum,
lapertura delloperazione Triton per
salvare le vite. Anche le organizzazioni
internazionali riconoscono gli sforzi
straordinari delle forze navali nel
Mediterraneo, che continuano a salvare
vite umane ogni giorno. Il numero di

decessi diminuito in maniera


significativa negli ultimi mesi e ci
dovuto in gran parte al potenziamento
delloperazione Triton: il Mediterraneo
ora perlustrato da un maggior numero di
imbarcazioni che si possono spingere fino
a dove partono le richieste di soccorso.
Sono quasi 188.000 i migranti salvati nel
Mediterraneo fino ad ora. A queste si sono
aggiunte anche alcune navi di privati e di
organizzazioni umanitarie come Medici
senza frontiere, che hanno deciso di farsi
carico in proprio dei salvataggi, per non
avere sulla coscienza la perdita di queste
vite.
Le cifre delle vittime del mare servono per
capire lenormit di questo dramma
umano che sta assumendo, negli anni, i
contorni di un genocidio, perch sono i
numeri di una guerra. Oggi ci si schiera
pro o contro limmigrazione, si alzano i
muri o si chiudono le frontiere; domani,
fra qualche decennio, queste tragedie
entreranno nei libri di storia.
E chiss cosa racconteremo ai nostri
nipoti, di questa Europa oggi intrappolata
nelle sue paure, nei suoi pregiudizi e nelle
sue chiusure. Bugie per rifarsi il trucco?
Cosa si decider di scrivere, nel prossimo
futuro, su queste pagine ancora vuote?
Patrizia Caiffa

BATTERE IL TERRORISMO CHIEDE UN IMPEGNO A TUTTO CAMPO, CHE MIRA A VINCERE LA SFIDA DELLIGNORANZA
PROMUOVENDO A TUTTI I LIVELLI UNA CULTURA DELLINCONTRO

Lodore della guerra nel cuore dellEuropa


nel momento della caduta pi
atroce. E sul boulevard de
Vincennes, davanti
allIpercacher transennato e
ancora ricoperto di fuliggine
nera, si danno appuntamento
rabbini e imam per dire alle
telecamere di tutto il mondo
che no, non ci stanno a farsi
rubare il loro Dio dalla follia
del terrorismo. Tous
ensemble, gridano alzando al
cielo le loro mani unite in
segno di una fraternit
consolidata.
Gli attacchi terroristici di
Parigi sconvolgono lEuropa
perch con la loro efferatezza
fanno capire agli europei, ai
Sarkozy, ai Cameron e alle
Merkel, che lEuropa non pi
sicura. Non sono sicuri i suoi
luoghi di culto, le sue
redazioni, i suoi centri
commerciali. Il jihadismo
ovunque e pu attaccare in
qualsiasi momento perch sta
facendo leva sulle menti dei
giovani nati e cresciuti in
Europa, soprattutto dei pi
vulnerabili. Passa appena un
mese. il 14 febbraio e il
jihadismo colpisce la
Danimarca. Anche qui i blitz
sono due e si susseguono a
distanza di poche ore: prima

una sparatoria con un morto e


tre feriti durante un convegno
organizzato in ricordo della
strage al giornale satirico
francese Charlie Hebdo a
gennaio. Subito dopo nella
notte una seconda sparatoria,
nei pressi di una sinagoga nel
centro della citt, con un
morto e due feriti. Ma la paura
anche qui a Copenaghen non
prende il sopravvento. Il
Rabbino capo di Danimarca,
Jair Melchior, respinge linvito
a emigrare in Israele offerto dal
primo ministro Benyamin
Netanyahu. Noi non abbiamo
paura - dice -, non lasceremo
che i terroristi vengano a
cambiare la nostra vita
quotidiana. LEuropa la casa
degli ebrei e gli ebrei
intendono rimanerci. Parole di
coraggio che fanno il giro del
mondo come fanno il giro del
mondo le immagini dei
giovani islamici di Norvegia
che allindomani degli attacchi
terroristici di Copenaghen si
danno appuntamento via
Facebook nella principale
sinagoga di Oslo e, mano nella
mano, col calare della sera e la
fine del giorno di Shabbat,
formano un anello di pace a
protezione degli ebrei.

Il terrorismo qui. Non


abbassa la sua guardia di follia.
Attraversa le strade della
quotidianit europea. Una
follia omicida che ha
purtroppo preso di mira anche
le chiese cattoliche. Succede in
Francia. di pochi giorni fa la
notizia diffusa dal quotidiano
Le Monde, secondo il quale
lattentato sventato il 19 aprile
scorso contro la chiesa di
Saint-Cyr-Sainte-Julitte a
Villejuif (Val-de-Marne) non
lazione di un lupo solitario,
ma un atto di terrorismo
commissionato dalla Siria ai
jihadisti francesi. Ma anche in
questo caso, come fu per
Copenaghen, i cattolici
francesi non si sono piegati
alla logica della paura e hanno
reagito invitando i parroci a
lasciare aperte le porte delle
loro chiese e i fedeli a non
cedere alla logica del terrore.
C unEuropa che ha sbagliato
tanto nel suo passato,
soprattutto ai danni dei popoli
del sud del mondo e del Medio
Oriente. Ammetterlo potrebbe
essere una via di soluzione del
problema. Per sconfiggere il
nemico, i leader politici hanno
attivato le reti dintelligence e
di sicurezza e rafforzato i

controlli alle frontiere. Ma


tutto questo non basta. Il
terrorismo fa gioco sulle menti
delle persone, ruba le anime,
genera zizzania. Battere il
terrorismo chiede un impegno
a tutto campo, che mira a
vincere la sfida dellignoranza
promuovendo a tutti i livelli
una cultura dellincontro,
abbattere la piaga delle
povert attraverso una cultura
della solidariet, superare la
tentazione della paura e dei
ripiegamenti su se stessi con
una politica aperta allaltro. La
soluzione non fuori di noi
ma si trova alle radici della
nostra stessa identit. Quella
radice di fraternit che ha reso
lEuropa capace fino ad oggi a
riemergere dalle ceneri. Lo
pu fare anche oggi a patto
che non ceda alla tentazione di
chiudersi in se stessa, erigendo
nuovi muri e fili spinati in
preda alla paura. Tutti
insieme, appunto, come
hanno fatto gli ebrei, i
cristiani, i musulmani
a Parigi, Copenaghen e a Oslo.
Saranno la cultura
e la storia di questa Europa a
sconfiggere il drappello nero
dellIsis.
Maria Chiara Biagioni

Territorio

Gioved 13 agosto 2015

Bagno di Romagna Per don Alfio Rossi concelebrazione col cardinale Bassetti

omenica 16 agosto, il giorno


successivo alla Festa della
patrona di Bagno di Romagna
Santa Maria Assunta, i
parrocchiani festeggiano il 50 di
ordinazione sacerdotale di monsignor
Alfiero Rossi, da tutti conosciuto come
don Alfio.
Lordinazione avvenne il 29 giugno
1965 nella chiesa di San Piero, dove
risiedeva la famiglia di don Alfio
(anche se nato in comune di
Verghereto), in occasione della festa
del patrono San Pietro.
E ha ricordato quella giornata di 50
anni fa il 29 giugno di questanno,
celebrando a San Piero e ricevendo il
saluto e la riconoscenza anche dei
fedeli sampierani.
Sono per i parrocchiani di Bagno di
Romagna e di Verghereto a preparare
una giornata di festa che va a integrare
la ricorrenza della Madonna Assunta.
"E nostro desiderio - scrivono i
parrocchiani in un avviso a proposito
del 16 agosto - fare in modo che resti
una giornata memorabile. In questo ci
aiuter il fatto che potremo godere
della presenza accanto a lui del
cardinale Gualtiero Bassetti e del
vescovo Douglas Regattieri".
Un gruppo di fedeli sta coordinando i
preparativi e chiede a chi intende
partecipare alla giornata, che prevede
anche una cena conviviale, di
prenotarsi entro domani.
Il programma del prossimo fine
settimana prevede il Triduo di

Prete da 50 anni

Don Alfio in udienza


da papa Francesco

Domenica 16 agosto alle 17,30


concelebra anche il vescovo
Douglas Regattieri
Il 15 agosto, festa dellAssunta,
la Messa sar presieduta
dal parroco alle 11,15

preparazione per la celebrazione del


Giubileo sacerdotale e per la Festivit
dellAssunta, con la recita del Rosario e
la celebrazione della Messa a partire
dalle 17, nella basilica di San Maria
Assunta, nelle giornate di mercoled,
gioved e venerd.
Sabato 15, Festa dellAssunta,
monsignor Alfiero Rossi presieder la
celebrazione della Messa solenne delle
11,15.
Domenica 16 la celebrazione della
Messa solenne, presieduta dal

Longiano, "Homo viator"

Alfero

Un murales
per ricordare
tre giovani
"Allacciati alla vita". il tema di un murales
dedicato ad Alberto Sacchetti, Marco Campori e Luca Cecchini, tre giovani longianesi
che hanno perso la vita sulla strada in questi anni, inaugurato a fine luglio nei pressi
della palestra comunale di Longiano.
Nel murales, lungo 25 metri, sono tratteggiati il castello Malatestiano e una mongolfiera con i nomi di Alberto, Marco e Luca.
Il graffito stato realizzato lo scorso maggio
a conclusione di un progetto portato avanti dallassociazione "Homo viator. Per
lumanit in crescita", in collaborazione con
lAmministrazione comunale, per valoriz-

Don Edero prete


da 50 anni

tare gli altri".


Allinaugurazione del murales erano presenti il sindaco Ermes Battistini, gli assessori, fra Giuseppino Sabbioni, che ha seguito il progetto, i ragazzi della "Saletta", i loro
educatori e i parenti dei tre giovani a cui
lopera stata dedicata.
"La bellezza di questo murales - ha detto fra
Giuseppino - non soltanto estetica. la
bellezza del cuore. Quello dei ragazzi che lo
hanno realizzato, portatori di valori e risorse da mettere a disposizione della comunit".
Matteo Venturi

zare il protagonismo dei giovani e favorire


esperienze di partecipazione attiva.
Lopera stata eseguita dagli adolescenti
che frequentano "la Saletta", il centro di aggregazione giovanile gestito dallassociazione "Homo viator", con laiuto dei loro educatori e con la guida esperta del writer Emanuele Burla dellassociazione "Romagna in
fiore" di Forl.
"Il tema - fanno sapere gli educatori - stato scelto dai ragazzi. Il messaggio che vogliono lanciare ai loro coetanei che la vita
un bene prezioso. Non va sprecata, ma
spesa per realizzare i propri sogni e per aiu-

Cesenatico, i consigli della Guardia Costiera

Spiaggia, per unestate sicura


Tempo di ferie, ma non va in vacanza la
Guardia Costiera, in questo periodo pi
che mai impegnata a garantire la sicurezza e la legalit sulle spiagge e in mare.
Sono stati rinforzati i pattugliamenti, da
parte dellUfficio circondariale marittimo, nelle fasce orarie di maggior presenza di bagnanti, con motovedetta e gommone in mare 7 giorni su sette, in funzione prevalentemente preventiva. Rinforzato anche il servizio in spiaggia, con pattuglie presenti anche nei giorni festivi,
per controlli sulle prescrizioni previste
nelle ordinanze balneari vigenti.
La parola dordine per il personale impegnato resta "prevenzione". Prevenzione
fondamentale in mare, dove la presenza
di mezzi Guardia Costiera funge da principale deterrente verso comportamenti
illeciti e pericolosi, e fondamentale in
spiaggia, dove le continue raccomanda-

cardinale Gualtiero Bassetti,


vicepresidente dei vescovi italiani, in
programma per le 17,30, con la
concelebrazione del vescovo
monsignor Douglas Regattieri, di
monsignor Alfiero Rossi e dei
confratelli sacerdoti della diocesi.
Alle 19,30, infine, una cena conviviale
al Padiglione delle Fonti concluder la
festa in "serena fraternit".
Don Alfio, nato nel 1941, aveva
manifestato il desiderio del sacerdozio
fin da piccolo.
Dopo il Liceo Classico ha frequentato 4
anni del Corso di Filosofia pura e 4
anni di Teologia, licenziandosi in Sacra
Teologia presso lUniversit
Lateranense di Roma.
Ed stato durante gli anni di studio
che ha conosciuto lattuale
vicepresidente della Cei.
Appena ordinato sacerdote stato per
un anno prete operaio in Belgio e poi
per due anni cappellano a Santa Sofia.
Dal 1968 ai primi anni 2000 stato
parroco di Montegranelli. cappellano a
Bagno di Romagna dal 1978, ne
diventato parroco il 3 luglio 1988 ed ha
insegnato (fino al 2003) nelle scuole di
San Piero, Alfero e Verghereto.
Dal 2004 si aggiunge anche la cura
della parrocchia di Verghereto e dal
2006 la responsabilit di Economo
generale della Diocesi di CesenaSarsina, con un impegno che lo porta
per alcuni giorni della settimana ad
essere presente a Cesena.
Alberto Merendi

zioni rientranti nelloperazione "Mare Sicuro", divengono precetti importantissimi, soprattutto per chi non in perfette
condizioni psicofisiche, e soprattutto con
il caldo torrido a cui ci ha abituato lo
scorso mese di luglio.
Questi i consigli: evitare lesposizione al
sole nelle ore pi calde, non fare il bagno
subito dopo aver mangiato, non salire
sulle scogliere e non fare tuffi dagli scogli
o dalle piazzole prendisole sono regole
preziose per la serenit delle vacanze.
E poi ci sono le raccomandazioni per chi
naviga: navigare a motore entro i 500 metri dalla costa vietato, e tolleranza zero
per chi trasgredisce; utilizzare le apposite corsie di lancio solo a lento moto e
sempre con molta cautela; controllare
sempre, dopo lunghi periodi di inattivit
dellimbarcazione, dotazioni e certificati
di sicurezza.

A tale ultimo riguardo, poi, stato intensificato il servizio per il rilascio del "Bollino Blu", la certificazione che attesta che
limbarcazione in piena regola, ma anche una valida occasione per rivedere
certificati e dotazioni di bordo che, dopo
mesi di stop, potrebbero risultare scaduti o danneggiati. E lauspicato incremento di presenze in mare di unit da diporto, favorito anche dal meteo, confermato anche dal numero di "bollini" rilasciati ad oggi dal solo Ufficio di Cesenatico:
ben 72, con ancora varie richieste di diportisti che, addirittura, nel riconoscere
lutilit delliniziativa, si rivolgono al personale preposto della Guardia Costiera
per mettersi "al sicuro" prima di uscire.
In caso di emergenza, poi, sia in mare sia
in spiaggia, sempre attivo, 24 h su 24, il
"numero blu" per le emergenze in mare
1530.

In occasione della tradizionale festa per la


consacrazione della chiesa parrocchiale,
dedicata a SantAndrea, la comunit
parrocchiale di Alfero festeggia il 50 di
sacerdozio del parroco don Edero Onofri.
Un parroco che col passare degli anni e il venir
meno dei sacerdoti diventato anche parroco di
Riofreddo, Mazzi, Donicilio, Capanne con
Trappola e che ora si occupa anche delleremo di
SantAlberico.
Venerd 14 agosto alle 18 si celebra la Messa,
seguita alle 19,30 dalla cena conviviale; alle 21
la processione e alle 22 conclusione coi fuochi
darticio.
Nellultimo numero del bollettino parrocchiale
don Edero racconta i suoi 50 anni di vita
sacerdotale.
Nato a Mercato Saraceno nel 1939, don Edero
viene ordinato sacerdote il 24 luglio 1965 nella
chiesina di San Romano (in Comune di Sarsina).
Faccia a terra commenta don Edero ci si
rende conto della pochezza della nostra vita
umana. Non mi sono mai pentito di questa
scelta denitiva e sempre mi sono affidato alla
volont dei miei vescovi.
Don Edero nel 1966 viene mandato come
cappellano in una parrocchia allestrema
periferia di Roma, un ambiente difficile e pieno
di provocazioni, dal quale torna nella diocesi di
Sarsina con tanta voglia di impegno.
Nel 1972 gli viene affidata la parrocchia del Ss.
Redentore, alla periferia di Ravenna, dove
rimane no al 1993, anno nel quale viene
spostato alla parrocchia di Mezzano, sempre in
diocesi di Ravenna.
Nel 2005 torna alla sua diocesi, di CesenaSarsina, e viene nominato parroco di Alfero.
Da ormai dieci anni spiega don Edero - sono s
il parroco di Alfero, ma anche di Donicilio,
Mazzi, Riofreddo, Capanne con Trappola, e ora
mi debbo occupare anche di SantAlberico. Gi
lanno scorso, al mio 75 anno di et, avevo
rassegnato le dimissioni, ma il vescovo mi ha
esortato a continuare perch non sarei poi tanto
anziano!.
E allora don Edero cerca di essere vicino alle sue
comunit, nella preghiera e dedicandosi quando
pu alla lettura di buoni libri.
Mi aprono i miei ristretti orizzonti conclude il
parroco visto che da sempre ho rinunciato ad
usare i nuovi mezzi di comunicazione e persino il
cellulare.
Alme

Territorio

Cesenatico

Gioved 13 agosto 2015

Rosy e Massimo, persone che hanno lasciato il segno

Festa dellAssunta

Il 15 agosto, il vescovo Douglas sar presente a


Cesenatico, per la tradizionale benedizione del
mare e la processione con la statua della
Madonna. Alle 8, nella chiesa parrocchiale di
San Giacomo il vescovo presieder una santa
Messa al termine della quale seguir limbarco
della statua della Madonna. In mare saranno
lanciate delle corone a ricordo dei lavoratori
deceduti e sar impartita la benedizione.

morta nei giorni scorsi Rosy Facciani Canestrini, lammalata di


Sla di San Piero in Bagno di cui anche il nostro giornale ha parlato
numerose volte. Ci lascia in dono la sua esistenza meravigliosa e
straordinaria ha scritto in una email il figlio Simone che da
sempre le stato accanto nella malattia manifestatasi nel 1991 -.
Ora che sei un angelo continua a riscaldare i nostri cuori come hai
sempre fatto.

Dopo una breve malattia, morto Massimo Farnedi di Calisese di


Cesena. 60 anni, in pensione da qualche tempo dopo una vita alla
filiale di Cesena del Credito Italiano poi Unicredit, Farnedi lascia la
moglie Ivanna e le figlie Francesca e Giulia. Farnedi stato per
lunghissimi anni anima della Polisportiva Rubicone e uno dei pi
stretti collaboratori del parroco. Da tempo era anche uno dei
principali organizzatori del campo scuola parrocchiale che anche
questanno lo aveva visto attivo.

Chi parchegger nelle strutture meccanizzate pagher meno rispetto alle strisce blu

Losconto
sullasosta

uovo taglio delle tariffe di


sosta nel Comune di Cesena,
ma solo per chi sceglier di
parcheggiare in struttura
(silos o con sbarra automatica). E ai
prezzi in calo si aggiunge la novit
dellaccesso gratuito a questi
parcheggi, nelle ore notturne, per i
residenti nel centro storico.
Non certo la prima iniziativa che
Cesena mette in campo per favorire i
parcheggi automatici, ancora
sottoutilizzati a distanza di anni
dalla realizzazione, ma risulta tanto
pi importante se si pensa che tra
poco pi di un mese verr meno
larea di sosta in piazza della Libert.
Parcheggio a raso che oggi, nelle ore
notturne, utilizzato in larga parte
proprio dai residenti.
Ma prezzi pi bassi riusciranno a
convincere i cesenati? In passato i
commercianti del centro hanno
distribuito un gran numero di
tessere sosta per lingresso gratuito
ai silos, con risultati alterni. Mentre il
Comune aveva gi abbassato i prezzi
della sosta in struttura, oggi di 50
centesimi lora pi conveniente
rispetto a quella sulle strisce blu.
Con questa ulteriore sforbiciata,
dopo la pausa estiva, nei parcheggi
in struttura si pagheranno sempre 50
centesimi lora, con un massimo di 2
euro per lintera giornata. Per fare un
confronto, oggi i silos costano 60
centesimi la prima ora e 1 euro
quelle successive, senza forfait

giornalieri, mentre nelle strisce blu a


ridosso del centro il prezzo di 1,10
euro la prima ora e 1,50 euro nelle ore
successive (dentro le mura, nei
parcheggi a raso, si sale a 1,60 la prima
ora e 2 euro quelle successive).
Le nuove tariffe toccheranno 681 posti
auto: i due silos della Barriera (168 posti
complessivi), il silos di via Martiri della
Libert (23 posti), i due silos di piazzale
Franchini Angeloni (144 posti

complessivi), il parcheggio interrato di


Cesena Anni 90 (86 posti) e il
multipiano "ecomostro" di via IV
novembre (260 posti, senza sconti nei
soli giorni di mercato).
Alloperazione stato dato il nome di
"A Cesena conviene fermarsi": "Con le
nuove tariffe, oraria e giornaliera, la
sosta nel centro storico di Cesena
diventa la pi conveniente della
Romagna - ha sottolineato il sindaco

Lucchi -. E i parcheggi nei quali verr


applicata sono fra i pi vicini al
cuore della citt, a cominciare dai
silos della Barriera, a due passi dal
Duomo".
Il provvedimento segue
lapprovazione, nel Consiglio
comunale di luglio, di una mozione
di indirizzo presentata dal gruppo
Libera Cesena e approvata con la
sola astensione del Movimento 5
stelle. Un voto che ha attirato le
critiche di Antonella Celletti della
Lega Nord: "Le proposte di Cesena
Libera, certamente alcune
ragionevoli, non servono a
controbilanciare le ricadute negative
del progetto di piazza della Libert,
sembrano addirittura scritte dal
sindaco. E ormai siglata la pax tra
lex opposizione di centrodestra e il
monocolore Pd".
Per quanto riguarda la sosta
notturna gratuita, non sono noti gli
accordi tra il Comune, la societ
Parcheggi e Atr.
Oggi, ad esempio, un abbonamento
annuale al silos Barriera costa 340
euro.
LAmministrazione intende
distribuire tessere magnetiche per
laccesso ai 1400 residenti senza
garage delle zone a traffico limitato.
Anche ipotizzando un prezzo di
favore si tratterebbe comunque di
uno sforzo economico rilevante per
il Comune.
Michelangelo Bucci

Dodici Consigli rinnovati in questi giorni

Quartieri: sono stati eletti


i presidenti e i loro vice
decollata lattivit dei
I consiglieri erano stati nominati
rinnovati Consigli di
dal Consiglio comunale
Quartiere. Dopo
lapprovazione da
Non mancano "new entry" insieme
parte del Consiglio comunale
a diverse conferme. Ora
delle nomine dei consiglieri di
quartiere, nel corso dellultima
il momento di mettersi al lavoro
settimana tutti i dodici Consigli di
Quartiere si sono riuniti per la
prima volta e hanno affrontato
lincombenza, provvedendo ad eleggere
Cervese Sud
il presidente e il vicepresidente.
Presidente Diego Paglierani
vicepresidente Daniela Amadori
Di seguito lelenco dei nuovi presidenti e
Oltre Savio
vicepresidenti.
Presidente Gianfranco Rossi
vicepresidente Riccardo Di Stefano
Centro Urbano
Presidente Tommaso Marcatelli
Valle Savio
vicepresidente Giada Giletto Lazzaro
Presidente Edo Nicolini
vicepresidente Tommaso Pirini
Cesuola
Presidente Amleto Gazza
Borello
vicepresidente Francesco Crociani
Presidente Andrea Gualtieri
vicepresidente Gabriele Masini
Fiorenzuola
Presidente Gianni Ceredi
vicepresidente Pierpaolo Bravin

Rubicone
Presidente Giacomo Zoffoli
vice Presidente Loris Babbini
Al Mare
Presidente Nicoletta DallAra
vicepresidente Sauro Novelli
Cervese Nord
Presidente Sanzio Bissoni
vicepresidente Mirella Ravaglia
Ravennate
Presidente Fabio Pezzi
vicepresidente Ruben Bastoni
Dismano
Presidente Lara Bondanini, vice Diano Montesi

10

Territorio

Gioved 13 agosto 2015

Ricerca effettuata dal neo laureato Alessandro Coppari di Cesena

Losport
ungioco
perbambini

ltre il 75% dei bambini cesenati


fa sport, e uno su dieci pratica
addirittura due discipline; lo
sport pi gettonato il calcio,
ma anche il nuoto registra un alto
numero di piccoli praticanti (soprattutto
fra le bambine). Sono alcuni dei risultati
di una ricerca condotta fra i 4518 allievi
delle elementari di Cesena da Alessandro
Coppari, appena laureato in Scienze delle
Attivit Motorie e Sportive allUniversit
San Raffaele di Roma proprio con una
tesi dedicata alla diffusione dellattivit
sportiva nella scuola primaria. E dopo
aver conseguito il sospirato traguardo
accademico, nei giorni scorsi Coppari ha
incontrato il sindaco Paolo Lucchi e gli
assessori alla Scuola Simona Benedetti e
allo Sport Christian Castorri per
presentare i risultati della sua ricerca.
"Sono partito dai molteplici studi - spiega
Coppari - che attestano limportanza
dellattivit fisica e linterrelazione fra lo
sviluppo cognitivo e quello motoriosportivo, e ho voluto verificare quale
fosse la situazione di Cesena, anche alla
luce del riconoscimento di Citt Europea
dello sport ottenuto nel 2014. Cos ho
predisposto un questionario che ho
somministrato a tutti gli alunni delle
primarie di Cesena per raccogliere dati
relativi alla frequenza dellattivit
settimanale, alla tipologia di sport
praticato, alle differenze fra maschi e
femmine, italiani e stranieri e
allevoluzione della pratica con il crescere
dellet. Dati che ho poi comparato con
quelli ottenuti dallultima indagine del

Dallindagine emerge
che il 75 per cento
dei bambini pratica attivit
fisica e uno su 10 si dedica
a due discipline

Coni con la collaborazione dellIstat


denominata "I numeri dello sport",
pubblicata nel 2014".
Dallanalisi dei dati raccolti emerso che
la pratica sportiva largamente diffusa
fra gli scolari cesenati: ben il 64% dei
bambini pratica uno sport, mentre uno
su dieci ne pratica pi di uno. La
percentuale di chi non pratica alcuna
attivit del 25%, ben inferiore a quella
nazionale, che si attesta al 41%.
Fra coloro che fanno sport, la
maggioranza (22,38%) predilige il calcio,

Festa a Bulgarn

Cervia, in mostra le tele di Pascucci


Il 15 agosto ritornano le tende da sole sulla spiaggia
antistante il Grand Hotel di Cervia.
Lesposizione si inserisce allinterno della
manifestazione "Cervia: la spiaggia ama il libro".
"E da 14 anni che la nostra storica Bottega - dice
Riccardo Pascucci, uno dei titolari - realizza e espone
in quel giorno le tende in riva al mare. Nel corso del
tempo abbiamo avuto modo di srotolare una buona
parte di storia della nostra Bottega, passando dai

disegni tradizionali a quelli pi nuovi realizzati con


la collaborazione di importanti artisti".
Questanno le tende che verranno esposte sono
state realizzate assieme al maestro Tinin
Mantegazza, autore con la moglie Velia anche del
pupazzo Dod e della fortunata trasmissione
televisiva per ragazzi "Lalbero azzurro". Le otto
tende realizzate raccontano con colori e parole di
pesci curiosi e bizzarri.

Cesena Lecce 4-0

Un buon Cesena
passa il turno
di Coppa Italia
Buon debutto. Il Cesena, tornato ad allacciare gli scarpini per il primo impegno
ufficiale di Coppa Italia, non stecca. Anzi, regala al suo pubblico una bellissima
prestazione, culminata con una roboante vittoria ai danni del Lecce per 4-0. Domenica sera davanti a oltre 4mila tifosi, i
ragazzi allenati dal nuovo tecnico Drago
avevano di fronte i salentini degli ex Moscardelli e De Feudis, al quale stata tributata unaccoglienza da brividi. Sar
forse solo calcio dagosto, ma questo Cesena pimpante e rinnovato gi piace parecchio. Ragusa al 13 del primo tempo,

una doppietta di bomber Rodriguez nella ripresa e un sontuoso gol allincrocio


di Molina hanno illuminato il Manuzzi,
consegnando i bianconeri al prossimo
turno di Coppa Italia. Con la formula che
prevede ancora leliminazione diretta, si
giocher a Ferragosto. Ad attendere il Cavalluccio Marino ci sar la vincente di
Catania-Spal. In caso di vittoria etnea si
giocher in Sicilia, mentre contro gli
estensi si giocherebbe di nuovo al Manuzzi (forse il 16 agosto e non il 15 come
da copione). Intanto procede molto bene
linserimento dei nuovi arrivati Caldara,

Festa
parrocchiale
a Montenovo
di Montiano

GOL DI RODRIGUEZ (FOTO CALBUCCI DA


WWW.CESENACALCIO.IT)

Molina, Ragusa, Kone e Rosseti. Peccato


invece per il serio infortunio ad Improta
e quello molto recente rimediato proprio
in Coppa da Garritano. La squadra non
comunque al completo: il mercato termina il 31 agosto e sono previste uscite
per sfoltire la rosa, ma anche qualche ritocco in entrata, soprattutto per il ruolo
di esterno dattacco.
Eric Malatesta

Festa della "Madonna del Castello" a


Montenovo di Montiano da gioved 13 a
luned 17 agosto.
Il programma religioso prevede Messa e
Rosario alle 19,30 di gioved 13 e
venerd 14 agosto.
Sabato 15 agosto, alle 19, sar
celebrata una Messa al Castello. Messa
al Castello, animata dal gruppo Cantori
della parrocchia, anche domenica 16
agosto alle 11. Alle 17 di domenica, la
solenne processione accompagnata

mentre al secondo posto il nuoto, con il


20,26% delle preferenze. Sul gradino pi
basso del podio troviamo la ginnastica,
con il 10,87%. La classifica degli sport pi
praticati prosegue con la pallavolo
(8,55%), la danza (7,79%) e il basket
(7,46%). Ma c un 22,68% di bambini che
sceglie altri sport, come il tennis (4,10%),
judo, karate, atletica ecc (tutti intorno
al 2%).
Quasi tutte le discipline prevedono due
allenamenti settimanali, e non a caso il
61% dei bambini interpellati pratica sport
con questa frequenza. Ma c un 15% che
aggiunge una terza sessione, spesso
corrispondente al secondo sport, che per
la maggior parte dei casi il nuoto. Il 58%
dei bambini che praticano due sport,
infatti, lo sceglie come sport da affiancare
una volta a settimana allo sport preferito.
E presente, infine, un 6% di bambini che
pratica 4 o pi allenamenti settimanali, e
si tratta principalmente di bambine che
fanno danza o ginnastica a livello
agonistico. Da registrare, infine, che la
frequenza di allenamento sale con il
crescere dellet.
Questo la fotografia che emerge
considerando la popolazione scolastica
nel suo complesso. Ma se si analizzano i
dati disaggregati per cittadinanza, risulta
un quadro spiccatamente differenziato
fra bambini italiani e bambini stranieri.
Fra gli italiani, infatti, non fanno sport
solo 2 bambini su dieci (vale a dire circa il
19,7%), mentre pari al 56% la
percentuale di bambini stranieri che non
pratica alcuna disciplina.

dalla "3 Monti band" di Montiano.


Luned 17 sar celebrata alle 19,30 una
Messa in suffragio di tutti i defunti della
parrocchia.
Il programma ricreativo della sagra
parte gioved 13 agosto alle 21 con il
"maraffone in piazza".
Venerd 14 agosto sar la volta dello
spettacolo "Storie dalla collina": Ilario
Sirri legger alcune poesie romagnole e
il gruppo "Artenovecento" suoner
brani di Fabrizio De Andr.

E iniziata la settimana di festa parrocchiale


a Bulgarn di Cesena. La parrocchia
dedicata a santa Maria Assunta che si ricorda
nel giorno il 15 agosto. Da sempre, per non
coincidere con le celebrazioni allabbazia del
Monte, la ricorrenza della comunit
cristiana di Bulgarn viene posticipata alla
domenica seguente che questanno il 16
agosto.
Come da lunga tradizione, la parrocchia ha
programmato unintensa settimana di
appuntamenti. Si partiti luned 10 con
linizio di un triduo di preparazione alla
festa. Ogni sera, alle 20, verr celebrata una
Messa con meditazione sul tema dellanno
tratto da una frase di san Giovanni Paolo II:
Famiglia diventa ci che sei Famiglia
credi in ci che sei.
Marted 11 alle 21 si terr un torneo di
burraco. Gioved 13 agosto il giorno in cui
verranno visitati gli ammalati e la sera, dopo
la santa Messa delle 20, ci sar il torneo di
maraffa.
Venerd 14 agosto, vigilia della solennit
dellAssunta, alle 18 in programma una
gara podistica organizzata in collaborazione
con lUisp, mentre alle 19,30 ci sar la
celebrazione della Messa. Sabato 15 agosto,
santa Messa alle 9,45 e alle 21 serata per
tutti con Bimbobell e apertura della
tradizionale pesca di benecenza.
Domenica 16 agosto, festa della comunit
cristiana e del paese, alle 9,45 il vescovo
Douglas presieder la Messa solenne
animata dalla corale parrocchiale. Al
termine seguir il tradizionale aperitivo. Nel
pomeriggio, dopo la benedizione eucaristica
delle 17, alle 17,30 ci saranno i giochi per i
bambini a cura del gruppo giovani e vino e
ciambella per tutti. La sera, alle 21, si esibir
lorchestra Chicco Fabbri e ci sar il gran
nale della pesca di benecenza.

La serata di sabato 15 agosto sar


dedicata ai pi piccoli: ci sar il mago
Serenello e saranno distribuiti omaggi a
tutti i bambini.
Domenica 16 agosto, alle 7,15 di
mattina, in programma una
passeggiata ecologica per le colline di
Montenovo. Alla sera, il folk romagnolo
dellorchestra "Stefania Ciani". Luned
17 agosto, la conclusine con la tombola
e la tradizionale spaghettata.
Mv

Cesena&Comprensorio

Cesena

Bagno di Romagna

Bagno di Romagna

Conferenza a Palazzo del Capitano

Mostre in citt

Note destate

La galleria comunale darte ex Pescheria ospita


no al 31 agosto la mostra "Surreale e
iperrealismo" di Giacomo Prati. Visite mercoled
e sabato dalle 10 alle 12 e dalle 19, 30 alle 22;
marted dalle 17,30 alle 22 e domenica dalle
19,30 alle 22. Alla galleria "Il Vicolo" no al 29
agosto sono esposte opere di Giovanni Fabbri.
Apertura: dal luned al sabato dalle 9 alle 12,30
e dalle 15, 30 alle 19,30. Chiuso il gioved.

In piazza Ricasoli, mercoled 12 agosto


alle 21, 30, sul palco il "Caff Concerto
Strauss". Lo spettacolo offerto dal
gruppo bancario Cassa di Risparmio di
Cesena. Nella basilica di Santa Maria
Assunta, domenica 16 agosto alle 21 si
esibiranno Evelio Tieles Ferre al violino e
Giancarlo Peroni al pianoforte. Ingresso a
offerta libera.

Sarsina

Gioved 13 agosto 2015

Per il ciclo di conferenze "Tra cielo e terra",


gioved 13 agosto alle 21, Adrian Fartade
parler sul tema "Realt o illusione? Un
percorso divertente e pieno di sorprese per
imparare a districarsi con la logica tra la rete
degli inganni e delle truffe a tema
scientico". Il relatore di origine romena, vive
da tempo in provincia di Arezzo e si laureato
allUniversit di Pisa.

Roncofreddo

Longiano

Lorchestra Bruno Maderna

Tra Grecia e Italia

Musica nel centro storico prima e dopo


le rappresentazioni del Plautus
festival. Gioved 13 agosto concerto
della violoncellista Cecilia Biondini e
marted 18 esibizione del gruppo "I
Saxina", sette amici con sette saxofoni
dal registro pi grave al pi acuto.

In piazza Byron a Monteleone, sabato 15


agosto alle 21,30, suoneranno i Solisti
dellorchestra Bruno Maderna: Davide Burani
allarpa, Katia Mattioli e Anna Astori al violino,
Barbara Ostini alla viola e Paolo Baldani al
violoncello. In programma brani di Massenet,
Mascagni, Martino, Gershwin, Caramello,
Hasselmans. Degustazioni proposte dalla
Tenuta Volpe e dal circolo Acli.

Per la rassegna "Borgo sonoro" marted 18


agosto alle 21,30 in piazza Malatestiana
esecuzioni di canzoni e musiche "rebetike" del
gruppo "Evi Evn" con Dimitris Kotsiouros,
Giorgio Strimpakos, Luca Cioffi, Emiliano
Maiorani e Francesco Di Cristoforo.
Degustazioni dei prodotti dellazienda San
Lorenzo in Scanno e ristorazione a cura della
Pro loco di Longiano.

A Castel dAlfero (Sarsina)

Unaltra serata della rassegna "I suoni dello


spirito" al chiostro di San Francesco. Venerd
14 agosto alle 21 letture dai testi di Teolo
Folengo e dei poeti "antirinascementali" da
parte di Loris Canducci, Sabrina Guidi, Daniela
Montanari e Paolo Turroni. Musica a cura dei
"Marcabru". Teolo Folengo, monaco
benedettino, nel 1517 visse nel monastero del
Monte di Cesena.

Al chiostro di San Francesco, gioved 13 agosto


alle 21, il "Guido Pistocchi quintet" terr un
concerto per il musicista cesenate, morto
recentemente. Esecutori: Guido Pistocchi alla
tromba, Michele Francesconi al pianoforte,
Gianluca Nanni alla batteria e Paolo Ghetti al
basso. Voce: Paola Fabris.

Dialetto per la poesia


Avr luogo al chiostro di San Francesco, sabato
15 agosto alle 21,15, la serata dedicata alla
poesia e al canto in dialetto. Leggeranno Oscar
Zanotti e Radames Garoia. Canzoni in dialetto
proposte da Gianni Broccoli.

Alla Rocca malatestiana, sabato 15 e


domenica 16 agosto, si rinnova unantica
tradizione voluta dal 1376 da Galeotto
Malatesta per promuovere lartigianato e
lagricoltura. In programma dalle 16
animazione per bambini da parte di Roberto
Fabbri, visite guidate alla Fortezza,
osservazione del cielo con gli astroli cesenati
e dalle 21 musica.

I suoni dello spirito

Fiera dagosto

"Madonna della neve"


Oratorio ristrutturato

Cinema
di Filippo Cappelli

Aladdin (Cesena)
Uci Cinemas Romagna (Savignano)

EX-MACHINA

Sarsina che intervenuto sulle opere


esterne di accesso alla chiesa e alla
viabilit (strada, camminamento,
staccionata, illuminazione,
scalinata). Un gesto, quello degli
alferesi, di cui va molto fiero il
parroco don Edero: "Sono
intervenuti o con offerte in denaro o

mettendo a disposizione
materiale o giornate di
lavoro. Allinterno stato
rifatto il pavimento e nel
mentre stata riscoperta
unantica pavimentazione
in pietra serena. E stato
ridipinto il soffitto come
era in origine e sono state
rinnovate le porte. E una
chiesa piccola, ma molto carina,
affrescata. Rimane sotto il livello
della strada per cui si reso
necessario uno scavo intorno
alledificio e un muro di
contenimento con scalinate e un
passaggio per le carrozzine".
Michela Mosconi

Verghereto

Cesena flash

Concerto per Tamburini

Non solo teatro

na chiesa rinnovata per la


comunit. E stato inaugurato
domenica 2 agosto il piccolo
oratorio dedicato alla Madonna della
Neve in localit Castel dAlfero, borgo
medievale ormai disabitato in
comune di Sarsina, ma appena a un
chilometro e mezzo dal centro
abitato di Alfero. Alla presenza del
vescovo di Cesena-Sarsina Douglas
Regattieri, del parroco di Alfero don
Edero Onofri, dei sindaci di Sarsina e
Verghereto, Luigi Mengaccini
(insieme al suo vice Gianluca Suzzi e
allassessore Enrico Cangini) ed
Enrico Salvi tornata a risplendere la
chiesina risalente al 1700.
La tradizione narra che nei primi
giorni di agosto di un anno
imprecisato, nel corso di un violento
temporale, avesse iniziato a nevicare
abbondantemente. Da qui il nome
delloratorio. Una chiesa a cui i
parrocchiani di Alfero sono molto
legati e dimostrano una devozione
alla Madonna forte tanto da averli
indotti a contribuire al restauro
insieme alla Curia e al comune di

11

Sarsina

Verghereto

Commedia dialettale

Madama Butterfly

Palio della Bigoncia

A cura della Pro loco, la compagnia


teatrale "Balzerana" metter in
scena luned 17 agosto alle 21 a
Balze la commedia "La magia
dellamore", 2 atti di Giuseppe
Burioni. Sar replicata domenica
23, venerd 28 e domenica 30
agosto alle 21.

Lassociazione "La Pomme" in collaborazione con il coro lirico


"Maria Callas" e il Comune di Sarsina presenter allArena
plautina, venerd 14 agosto alle 21, lopera di Giacomo Puccini
"Madama Buttery". Parteciperanno i cori "Maria Callas" di
Cesena e "San Rocco" di Bologna, lorchestra "Citt di
Ferrara", il soprano Raffaella Battistini, i tenori Renzo Zulian,
Stefano Consolini e Nicola Roda, i mezzosoprani Christina
Knorren e Rachele Vespignani, il baritono Lisandro Guinis, i
bassi Francesco Ellero DArtegna e Luca Gallo.

Si svolger in piazza a Balze la sera del


15 agosto la 46esima edizione del Palio
della Bigoncia con carri allegorici e
musica. I rappresentanti dei rioni
dovranno inlare una lunga asta in un
piccolo anello appeso a una grossa
pentola (Bigoncia) piena dacqua. Si
aggiudicher il Palio chi riuscir pi
volte nellimpresa.

Ciclismo, ottimi risultati per i ragazzi romagnoli


Bel secondo posto per Michael Galuzzi del gruppo
sportivo Elite Service- Campedelli di Cesenatico,
domenica 9 agosto nella gara Sesto FiorentinoFaenza di 123 chilometri alla media oraria dei
39,575. La corsa voluta dal Ct Davide Cassani per
onorare Alfredo Martini, partita proprio dalla casa
del compianto atleta e commissario della
nazionale, si svolta sulle strade della Corsa del
Passatore.

E salito sul terzo gradino del podio domenica 9


agosto a Petritoli (Fermo) il longianese Davide
Casadei della Sidermec-F.lli Vitali in una gara di 125
chilometri percorsi alla media dei 40,984 orari. Si
classicato al 6 posto il suo compagno di squadra
Federico Orlandi di Longiano che venerd 7 agosto
era giunto terzo in ununa spettacolare volata a
Carmignano di Brenta (Padova). Una corsa di 110
chilometri alla media oraria dei 41,553.

diAlex Garland
Le atmosfere ricordano alla lontana Stalker di
Andrej Tarkovskij. E sotto sotto uninconscia
inquietudine generata da un ambiente
talmente avanzato tecnologicamente da
risultare claustrofobico. lambientazione,
interessante, ideata da Garland per il suo Exmachina.
La trama: Caleb (Domhnall Gleeson) un
giovane programmatore di computer che si
aggiudica la possibilit di trascorrere una
settimana nella casa in montagna di Nathan
(Oscar Isaac), amministratore delegato della
pi grande societ informatica del mondo.
Caleb scoprir ben presto che dovr
partecipare a un esperimento che lo vedr
interagire con unintelligenza artificiale dalle
sembianze di donna, di nome Ava (Alicia
Vikander), per stabilire se sia o meno una
persona
Il racconto concepito da Garland colpisce e
affascina dalla prima immagine. Ex Machina
trae ispirazione dallimmaginario costituito
dalla fantascienza moderna che si incentra
sulla relazione tra uomo e macchina (donna),
visto, per fare un esempio recente, in film
come lo splendido Her di Spike Jonze (2013).
Non mancano inoltre le suggestioni tratte
dalla fantascienza classica, nellipotesi
accennata di un protagonista che dubita di
essere umano (la scena memorabile in cui
Caleb si taglia il braccio), che rimanda a temi
gi vissuti in Blade Runner di Ridley Scott
(1982).
Il film risulta cos affascinante, volutamente
limitato nel tempo e nello spazio e con i
(pochi) attori in un vero stato di grazia (anche
se Isaac insuperabile in A proposito di
Davis). Ed una vera boccata daria fresca, per
questo film dove la claustrofobia del luogo e
delle emozioni a farla da padrona, che la
coscienza delle macchine passi
intelligentemente per il corpo, gli sguardi e il
desiderio. Invece che per chat, pixel e
smartphone. Se un appunto pu essere fatto
tutto nel tono serio, pulito, concreto e preciso
come un esperimento scientifico. Pi di una
volta il cuore della pellicola sembra farsi
freddo in questa gabbia di sentimenti
senzanima. Ma non detto che sia sempre un
difetto.