Sei sulla pagina 1di 20

Norme sulle caratteristiche geometriche e di

traffico delle strade urbane


I due contributi significativi di questa nuova normativa rispetto alle
precedenti:
A) il primo consiste nel fatto che in essa per le strade urbane si
procede preliminarmente allindividuazione di quattro componenti
di traffico:
1) Il movimento di autoveicoli privati (gi considerato nelle
precedente normativa);
2) il movimento degli autoveicoli in servizio pubblico di
linea
3) la sosta degli autoveicoli privati
4) le correnti pedonali.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

B) Il secondo contributo originale riguarda la normalizzazione delle


fasce di pertinenza, collocate ai due lati della carreggiata, le quali
entrano a far parte dello spazio stradale vero e proprio.
Queste fasce di pertinenza, che si distinguono dalle distanze di
rispetto proprie della normativa urbanistica, comprendono tutti gli
accessori indispensabili affinch le strade urbane adempiano
esaurientemente alle funzioni per le quali vengono progettate.
Ladeguamento delle situazioni esistenti si compendia:
a) nellidonea attribuzione di funzioni specifiche ai singoli elementi
viari;
b) nella conseguente sistemazione delle intersezioni;
c) nella regolamentazione dei sensi di marcia per le varie
componenti di traffico veicolare (pubblico e privato);
d) nella organizzazione delle opportune discipline per la sosta
veicolare e per il traffico pedonale.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

CLASSIFICA DELLE STRADE


Obiettivi della classificazione:
1) Correlazione tra tipologia di strada ed ambito territoriale
interessato;
2) Funzioni attribuite dalla pianificazione urbanistica;
3) Caratteristiche del traffico.
Lambito territoriale comune ai diversi tipi di strade larea urbana
che rimane definita dal limite di perimetrazione urbana (art. 18
Legge 865 del 22.x:1971)
Quattro tipi di strade urbane:
1- Strade primarie;
2- Strade di scorrimento;
3- Strade di quartiere;
4- Strade locali.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

STRADE PRIMARIE
Tronchi terminali o passanti di strade extraurbane.
Raccolgono e distribuiscono prevalentemente il traffico di scambio tra
i territori urbano ed extraurbano.
Possono disimpegnare il traffico di transito rispetto allarea urbana.
Si connettono solo con le strade di scorrimento.
Possono comprendere autostrade chiuse ed altre strade extraurbane
nei relativi attraversamenti dei centri abitati.

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

STRADE DI SCORRIMENTO
Strade comprese completamente in area urbana.
Garantiscono fluidit degli spostamenti veicolari di scambio o
interni allambito urbano.
Distribuiscono il traffico delle strade primarie.
Raccolgono quello delle strade di quartiere.
Possono essere associate in ununica sezione ma con carreggiate
separate a strade di quartiere, con funzioni di strade di servizio.

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

STRADE DI QUARTIERE
Strade comprese solo in un settore dellarea urbana.
Servono di collegamento tra quartieri.
Distribuiscono il traffico delle strade di scorrimento
Raccolgono quello delle strade locali.
Possono avere anche qualificazione di tipo industriale quando sono al
servizio di insediamenti industriali.

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

STRADE LOCALI
Strade interamente comprese allinterno di un quartiere a servizio
diretto degli insediamenti (servizio porta a porta).
Raccolgono il traffico per immetterlo nelle strade di quartiere.

Gli schemi tipo per aree urbane di modeste dimensioni si possono


ricondurre a due soli tipi di strade, una che assorbe le prime tre funzioni
e la seconda solo quella di strada locale.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

INDIVIDUAZIONE DELLE COMPONENTI DI


TRAFFICO
Quattro principali componenti di traffico:
movimento di autoveicoli privati (a);
movimento di autoveicoli in servizio pubblico (b);
sosta di autoveicoli privati (s);
movimento e sosta di pedoni (p).

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

TAB. 1 - Caratteristiche delle strade urbane in relazione alle


componenti di traffico
D enom inazione

1. Strade primarie

Com ponenti di
traffico
am m esse

Regolazione
dei m ezzi
pubblici

M ovimenti
di Esclusa
veicoli pubblici fermata
e privati

R egolazione
della sosta

la Proibita anche Escluso


la fermata

2. Strade di scorrimento M ovimenti


di Corsia riservata
veicoli pubblici, e/o
fermate
privati
e
di organizzate
pedoni
3. Strade di quartiere

Tutte

4. Strade locali

M ovimento
e Esclusi
sosta di veicoli
privati
e
di
pedoni

R egolazione
del traffico
pedonale

A m messa
su Su marciapiedi
spazi
separati protetti
con immissioni
ed
uscite
concentrate

Piazzole
di A m messa con Su marciapiedi
fermata
o immissioni ed
eventuale corsia uscite
libere
riservata
(corsia
di
manovra)
Libera, a norma Su marciapiedi
del Codice della
Strada

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

Componenti di traffico ammesse


Tipi fondamentali di strade
a

1. Primarie..

2. Di scorrimento

3. Di quartiere.

4. Locali..

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

10

La precedente classificazione consente lestensione della normativa


anche a tutti quelli spazi stradali che non possono definirsi strade,
con funzione principale di movimento dei veicoli e dei pedoni.
In tal senso si definiscono:
aree di parcheggio quelle la cui unica componente di traffico la
sosta degli autoveicoli privati;
aree di scambio quelle che aggiungono alla sosta degli autoveicoli
privati il movimento di mezzi pubblici di linea.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

11

CLASSIFICA DEGLI SPAZI STRADALI


La esclusione a priori di alcune componenti di traffico su alcuni tipi fondamentali
di strade riduce tale classifica a 30 sottotipi.

Tipo fondamentale
di strade
Sottotipi particolari di strade
1
2
3
4
I
a b s p
*
II
a b s
*
III
a b p
- Tipo 2, per mezzi pesanti
*
*
IV
a s p

*
V
b s p
*
VI
a b
*

VII
a s

- sottotipi eliminati a seguito dellesclusione di alcune componenti di traffico dai


tipi fondamentali di strade.
sottotipi
ritenuti di maggior significato
*
sottotipi ritenuti meno significato
N. del
Componenti
raggruppamento di traffico

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

12

CLASSIFICA DEGLI SPAZI STRADALI


Tipo fondamentale
di strade
Sottotipi particolari di strade
1
2
3
4
Tipo 2, 3 e 4, per mezzi
VIII
a p
*

*
pesanti
IX
b s

X
b p
*

XI
s p

*
XII
a
Tipo 1, per sole autovetture
*
*

XIII
b

XIV
s

*
XV
p
Tipo 4, per cicli e motocicli

*
- sottotipi eliminati a seguito dellesclusione di alcune componenti di traffico dai
tipi fondamentali di strade.
* sottotipi ritenuti di maggior significato
sottotipi ritenuti meno significato
N. del
Componenti
raggruppamento di traffico

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

13

1.a STRADA PRIMARIA TIPO:

Caratterizzata dal solo movimento di autoveicoli.

2.a.b.p. STRADA DI SCORRIMENTO TIPO:

Si differenzia da quella primaria tipo dalla presenza di


fermate per i mezzi pubblici e di marciapiedi.
2.a.b. Strada di scorrimento
longitudinale.

senza

traffico

pedonale

2.a.p. Strada di scorrimento senza mezzi pubblici.


2.b.p. Strada di scorrimento senza traffico veicolare privato.
2.a.

Strada di scorrimento senza mezzi pubblici n pedoni.

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

14

3.a.b.s.p. STRADA DI QUARTIERE TIPO:

Caratterizzata dalla possibilit di sosta degli autoveicoli


su una o entrambe le fasce contigue della carreggiata. Si
distinguono in:

3.a.b.s. Strada di quartiere senza traffico pedonale


3.a.b.p. Strada di quartiere senza sosta veicolare
3.b.s.p. Area di scambio dei mezzi di trasporto

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

15

4.a.s.p. STRADA LOCALE TIPO:

Caratterizzata dal movimento terminale del servizio porta


a porta, con assenza di autoveicoli in servizio pubblico
con fermate di linea. Si possibile distinguono in:
4.a.p. Strada locale senza sosta veicolare
4.s.p. Strada locale senza deflusso veicolare continuo (strade
parcheggio)
4.s.

Area di parcheggio

4.p.

Strada pedonale

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

16

CARATTERISTICHE GEOMETRICHE E DI TRAFFICO


(vedi TAB. 2,3,4)
SEZIONE TRASVERSALE

TAB. 2 - Caratteristiche geometriche minime della sezione trasversale


Numero di
corsie per senso
di marcia

Larghezza min.
(m) dello
spartitraffico
centrale
D

Tipo di
carreggiate

Larghezza (m)
delle corsie

Strade primarie

A senso unico
separata da
spartitraffico

3,50

2 o pi

1,60
(con barriere)

Strade di
scorrimento

Separate ovunque
possibile

3,25

2 o pi

1,10
(con barriere)

Strade di
quartiere

Ad unica
carreggiata in
doppio senso

3,00

1 o pi

0,50
(con cordolo
sagomato o
segnaletica)

Ad unica
carreggiata in
2,75
senso (AA 2006-07)
Corso di Infrastrutture Viarie Urbanedoppio
e Metropolitane

1 o pi

Denominazione

Strade locali

17

Prof. Ing. Giovanni Gatti

SEZIONE TRASVERSALE

TAB. 2 - Caratteristiche geometriche minime della sezione trasversale


Larghezza min. Larghezza min.
(m) dei
(m) delle fasce
marciapiedi
di pertinenza
G
H

Denominazione

Larghezza (m)
della corsia di
emergenza
E

Larghezza (m)
delle banchine
F

Strade primarie

3,00

20

Strade di
scorrimento

1,00

3,00

15

Strade di quartiere

0,50

4,00

12

Strade locali

0,50

3,00

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

18

Tipo di carreggiate (cfr. col. A - Tab. 2)

Per carreggiata si intende la parte della sede stradale destinata al


movimento normale dei veicoli. Il suo bordo si identifica con la
striscia marginale continua che esclude la banchina, la piazzola e le
corsie di emergenza, le corsie per la manovra di sosta o gli stalli di
sosta, la piazzola per la fermata dei mezzi pubblici.
Larghezza delle corsie (cfr. col. B - Tab. 2)

Include la segnaletica orizzontale, esclusa quella di margine e quella


di separazione dalle corsie riservate ai mezzi pubblici.
Le corsie per mezzi pubblici o industriali hanno larghezza standard
pari a m 3,50.
Le piste per cicli e ciclomotori a doppio senso di marcia hanno
larghezza minima pari a m 2,50.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

19

Numero delle corsie per senso di marcia (cfr. col. C - Tab. 2)


Dipende da:
- le dimensioni della maglia del reticolo stradale
- quantit e qualit dei movimenti richiesti
Nelle strade a senso unico occorre prevedere opportune piazzole di sosta
di emergenza.
In corrispondenza delle intersezioni a raso, bisogna realizzare un n.ro di
corsie di canalizzazione pari, nel complesso, al doppio di quello relativo
alle corsie di movimento delle strade affluenti sullintersezione stessa.

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

20

10

Spartitraffico centrale (cfr. col. D - Tab. 2)


- m. 1,10 (con barriere) sulle strade primarie;
- m. 0,50 (con cordolo) sagomato sulle strade di scorrimento;
- m. 0,36 (con doppia striscia di segnaletica) per le strade di quartiere a
due corsie per ciascun senso.

Spartitraffico laterali separanti carreggiate complanari, di


norma nello stesso senso di marcia
La larghezza minima deve essere pari:
- alla largh. delle piste di accelerazione maggiorata di m. 0,50 per il
cordolo, per le strade primarie;
- m. 3,50, per le strade di scorrimento;
- m. 0,50, per le strade di quartiere
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

21

Corsie per fermate di emergenza (cfr. col. E - Tab. 2)


Per strade primarie, in situazioni vincolanti, le corsie per fermate di
emergenza possono essere sostituite da banchine larghe m 1,00 con
piazzole per fermate di emergenza (ogni m 200).
Sulle strade di scorrimento, devono essere sempre previste piazzole
per fermate di emergenza (ogni m 200).

Banchine (cfr. col. F - Tab. 2)


Per strade di scorrimento, in situazioni vincolanti, la larghezza delle
banchine pu essere ridotta a m 0,50.
Per strade riservate ai mezzi pubblici, in luogo delle banchine, vanno
realizzate a destra corsie di emergenza larghe m 2,50.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

22

11

Marciapiedi (cfr. col. G - Tab. 2)


Nelle strade di quartiere, per le zone commerciali e turistiche, la
larghezza minima dei marciapiedi di m 5,00.
Nei tratti in viadotto delle strade di scorrimento e di quartiere la
larghezza minima pu essere ridotta a m 1,50.
I passaggi pedonali di servizio, da realizzare con continuit sulle
strade primarie, non possono avere larghezza inferiore a m 0,75 (m
1,00 in galleria).
Tutti i marciapiedi ed i passaggi pedonali che si affacciano su
carreggiate sottostanti devono essere muniti di rete di protezione alta
m 2,00.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

23

Fasce laterali di pertinenza stradale (Tab. 2)


Sono comprese tra il bordo della carreggiata ed il confine di propriet
privata, libere da qualsiasi costruzione permanente.
Contribuiscono a mantenere i livelli di fluidit della circolazione veicolare.
Non possono essere soggette a futuri ampliamenti della carreggiata.
Le loro profondit consentono i seguenti usi-tipo delle face di pertinenza:
- per la strade locali, una corsia di sosta parallela ed un marciapiede;
- per la strade di quartiere, una corsia di sosta a 45 con regolamentazione
a tempo e/o tariffa, la relativa corsia di manovra per la sosta ed un
marciapiede;
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

24

12

- per la strade di scorrimento, una banchina, uno spartitraffico laterale di


separazione della carreggiata di servizio, una carreggiata di servizio ed
un marciapiede;
- per la strade primarie, una corsia per la sosta di emergenza, uno
spartitraffico laterale ed una serie di possibili apprestamenti.

Cunicoli per sottoservizi e fognature


Devono trovare collocazione, nellambito delle fasce di pertinenza, sotto
le parti destinate ad aiuole, stalli di sosta e marciapiedi e non sotto le
carreggiate.
Le griglie di raccolta delle acque non devono essere collocate n sulle
carreggiate n sulle banchine, il drenaggio delle acque deve essere
assicurato con idonee bocche di lupo sullalzata dei marciapiedi o dei
cordoli.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

25

CARATTERISTICHE GEOMETRICHE DI TRACCIATO


(Tab. 3)

Fanno riferimento alla velocit minima di progetto, in base alla


quale sono calcolati gli elementi limite della geometria del tracciato,
sebbene generalmente nella scelta progettuale si tenga conto della
velocit di esercizio desiderata, sensibilmente inferiore a quella di
progetto.
In ogni caso importante tener conto del legame esistente tra le due
velocit, in rapporto ai previsti flussi veicolari.

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

26

13

TAB. 3 - Caratteristiche geometriche di tacciato in relazione alla


velocit minima di progetto
Velocit
(Km/h)
minima di
progetto

Pendenza
(%)
trasversale
max in
curva

Raggio
planimetric
o minimo
(m)

Strade primarie

90

7,0

Strade di
scorrimento

70

Strade di quartiere
Strade locali

Denominazione

Raggio planimetrico
minimo (m)

Pendenza (%)
longitudinale
massima (**)

convesso
(*)

concavo

300

3500

2500

4,5

160

2000

1200

6 (4)

50

3.0

85

1000

600

7 (5)

25

25

300

200

10

(*) i raggi verticali minimi dei raccordi convessi per le strade di scorrimento e di quartiere possono essere ridotti
rispettivamente a m. 1400 e 700 qualora la differenza algebrica delle pendenze delle livellette raccordate sia inferiore al
4%.
(**) nei casi in cui siano presenti corsie riservate o pi linee di trasporto pubblico su corsie ad uso promiscuo, si devono
adottare, per la pendenza massima, i valori indicati in parentesi nellultima colonna
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

27

ELEMENTI DI REGOLAZIONE DEI PUNTI DI


CONFLITTO (Tab. 4)
Le intersezioni stradali risultano dallesistenza di almeno un punto
di conflitto, ossia dalla presenza di almeno un flusso veicolare
trasversale, convergente o divergente.
Le intersezioni si realizzano solo tra strade della medesima
categoria o di categoria contigua.
Gli elementi fondamentali di regolazione dei punti di conflitto.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

28

14

TAB. 4 - Disciplina delle intersezioni, passi carrabili ed


attraversamenti pedonali

Tipo di intersezioni
A

Distanza min. (m)


tra le intersezioni
B

Regolazione delle
svolte a sinistra)
C

Strade primarie

A livelli sfalsati

1500

Su apposite rampe

Strade di scorrimento

Eventualmente non
sfalsate

300

Vietate a raso

Strade di quartiere

Organizzate a raso

100

Controllate

Strade locali

Anche non organizzate

Ammesse

Denominazione

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

29

TAB. 4 - Disciplina delle intersezioni, passi carrabili ed


attraversamenti pedonali

Tipo di
attraversamenti
pedonali
E

Attraversamenti
pedonali: ubicazione
e distanza (m)
F

Inesistenti

A livelli sfalsati

Strade di scorrimento

Raggruppati

Sfalsati o eventualmente
semaforizzati

Allincrocio

Strade di quartiere

Raggruppati

Semaforizzati o
eventualmente zebrati

Allincrocio

Strade locali

Diretti

Zebrati

100

Passi carrabili
Denominazione
D
Strade primarie

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

30

15

Tipi di intersezioni (cfr. col. A - Tab. 4)


Dipendono dallo spazio a disposizione e dalla entit dei flussi
veicolari.
Con riferimento alle intersezioni sfalsate, sulle strade primarie e di
scorrimento laltezza libera nei sottovia pu ridursi a m. 3,20.
(rispetto alla dimensione usuale di m. 4,75)
Nelle strade di scorrimento la regolazione semaforica deve essere
del tipo coordinato.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

31

Distanza tra le intersezioni (cfr. col. B - Tab. 4)


Le distanze indicate si riferiscono alle nuove
costruzioni; ladeguamento della situazione
preesistente si ottiene con la chiusura degli accessi
di alcune delle strade di categoria inferiore.

Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)


Prof. Ing. Giovanni Gatti

32

16

Svolte a sinistra (cfr. col. C - Tab. 4)


Le svolte a sinistra sulle strade di scorrimento
sono ammesse a raso quando la regolazione
semaforica possibile con 2 sole fasi.
Per le strade di quartiere si fa riferimento alla
disciplina semaforica con realizzazione di corsie
specializzate.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

33

Passi carrabili (cfr. col. D - Tab. 4)


Raggruppamento degli accessi tramite idonei
varchi posti ad una distanza di m. 100 tra loro e
a 30 m. dagli eventuali incroci.
Per le strade locali i passi carrabili dei box privati
deve avere larghezza minima di m.3,50, mentre
quelli di autorimesse, magazzini, ecc. di m. 5,00.
Per facilitare laccesso i cigli dei marciapiedi devono
essere raccordati con una curva circolare di raggio >=
4,00m. (per box privati) o >= 5,00 (per altri)
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

34

17

Tipo di attraversamenti pedonali


(cfr. col. E - Tab. 4)

Gli attraversamenti del tipo a livelli sfalsati


devono essere attrezzati con scivoli per carrozzini;
Per gli attraversamenti a raso si devono realizzare
opportuni smussi di marciapiede e dei cordoli
delle isole di traffico interessate dai percorsi
pedonali.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

35

Distanza ed ubicazione degli attraversamenti


pedonali (cfr. col. F - Tab. 4)
Quando la distanza tra gli incroci > del minimo
fissato in tabella, la distanza tra gli attraversamenti
pedonali deve essere:
Per le strade di scorrimento

300 m.

Per le strade di quartiere

200 m.

Per le strade di quartiere in zone commerciali o


turistiche
100 m.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

36

18

Piazzole di fermate dei mezzi pubblici


Lunghezza totale = 56,00 m.
Profondit

= 3,00 m.

La parte centrale delle piazzole deve avere una


lunghezza:
su corsia a traffico promiscuo 16 m.
Su corsia riservata m. 26 (sosta di 2 mezzi)
A lato - in posizione inclinata rispetto alla striscia di
margine - deve avere una profondit di m. 5,50 e
lunghezza totale di m. 45.
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

37

Organizzazione delle carregiate parcheggio


(cfr. Tab. 5)
La sicurezza e la fluidit del traffico si ottiene attraverso
la separazione fisica del movimento dei veicoli dalla sosta
evitando la sovrapposizione delle funzioni.
La coesistenza delle funzioni ammessa:
strade di quartiere (se presente una corsia ad utilizzo
esclusivo delle manovre di sosta)
strade locali
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

38

19

Organizzazione delle carreggiate parcheggio


(cfr. Tab. 5)
Sulle strade di quartiere :
Per sosta in fila parallela:
Larghezza corsia di manovra = 3,50 m
Larghezza corsia di sosta = 2,00 m
Per sosta inclinata a 45:
Larghezza corsia di manovra = 3,50 m
Larghezza corsia di sosta = 4,50 m
Per sosta perpendicolare:
Larghezza corsia di manovra =6,00 m
Larghezza corsia di sosta = 4,50 m
Corso di Infrastrutture Viarie Urbane e Metropolitane (AA 2006-07)
Prof. Ing. Giovanni Gatti

39

20