Sei sulla pagina 1di 56

W

NICOLETTA CINOTTI

LA LETTURA DEL CORPO:IL CARATTERE E OLTRE IL CARATTERE

NICOLETTA CINOTTI CORSO ONLINE


Camogli 2012

Vi a M a r t i r i d e l l a L i b e r a z i o n e 6 7 / 1 Te l e f o n o : 0 1 8 5 3 2 0 3 4 5 t e l . M o b i l e 3 4 8 2 2 9 4 8 6 9 w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t

Indice

La diagnosi in bioenergetica!

La lettura del corpo in bioenergetica!

La lettura del corpo in bioenergetica: le basi dellespansione e del ritiro!

La lettura del corpo in bioenergetica: amare inutilmente!

11

Il tema dell'amore e dell'amare, con alterne fortune, forse quello che pi si adatta alla
descrizione del carattere orale: presto o tardi infatti il carattere orale incontra un riuto
che riattualizza la sensazione di non essere amabile provata nella relazione con la
madre. Si riattualizza il trauma e spesso si riattualizza anche la risposta depressiva che
quella pi signicativa dal punto di vista della struttura del carattere.!
11

Desiderare la felicit: il carattere masochista!

16

Le parti perdute di S: il carattere psicopatico!

22

Limmagine di S e il S reale: il carattere narcisista!

27

Umanizzare il nostro narcisismo!

33

Il dilemma tra piacere e dovere: il carattere rigido!

40

Blocchi e Hangs up: il grounding e la sua mancanza nei diversi caratteri! 45


Controtransfert: uno strumento terapeutico!

50

La frase di Lowen chiarisce bene uno dei signicati che possiamo attribuire al
controtrasfert in analisi bioenergetica. Il controtrasfert, inteso come risposta corporea,
diventa cos uno degli strumenti che il terapeuta ha per comprendere ci che avviene
nel paziente. Il nostro corpo, entrando in risonanza con il corpo dellaltro, attiva dei
processi fondamentali di attribuzione di signicato.!
50

Bibliograa!

53

N i c o l e t t a C i n o t t i!

Centro Studi

NICOLETTA CINOTTI
1

N i c o l e t t a C i n o t t i!

Centro Studi

NICOLETTA CINOTTI
2

La diagnosi in bioenergetica

Per Lowen il motivo per cui abbiamo perso energia che non ci stato permesso di provare
emozioni. Reprimendo le emozioni, dobbiamo trattenere il respiro. Trattenere il respiro
abbassa il livello energetico e ci permette di eliminare la percezione delle emozioni che
rimangono per impresse nella nostra espressione corporea, il linguaggio del corpo.

Il processo energetico
La qualit del processo energetico diventa cos un elemento centrale della diagnosi. Ma
cosa si intende per processo energetico?
Per Reich il processo energetico espresso dal ritmo pulsatorio di contrazione ed
espansione, connesso al battito cardiaco e al respiro. Lespansione si verifica in
condizioni favorevoli e la contrazione in condizioni opposte. Il ritmo pulsatorio d
origine alla motilit

Lowen, partendo dalla stessa base, afferma che il processo con il quale ci colleghiamo
al mondo esterno un processo energetico che si esprime attraverso il protendersi e il
ritirarsi dal contatto relazionale oltre che attraverso i movimenti

Quindi possiamo dire che l'energia della persona si valuta in relazione ai suoi processi di
attivazione psicofisica e alla qualit del suo protendere e ritirarsi dalle relazioni. Ovviamente
questo apre la domanda relativa a quanto la persona possa essere consapevole dei propri
processi energetici e in che modo diventa consapevole del loro svolgersi.

La consapevolezza del processo energetico


La risposta che la consapevolezza del processo energetico legata al movimento. Il
movimento diventa cos sia espressivo del s della persona che della sua energia. Lasciamo
parlare Lowen:"La consapevolezza di s dipende dal movimento. Noi percepiamo ci che si
muove, ci che non si muove svanisce dalla coscienza. Cos ogni parte del corpo che
immobile a causa di una tensione cronica tagliata fuori dalla percezione e lindividuo non
ne nemmeno consapevole. Il primo passo per ritrovare una consapevolezza di s
diventare consapevole della tensione, il che si ottiene mettendo una persona in posizioni
nelle quali pu percepire le proprie tensioni, chiedendole anche di eseguire certi movimenti
che consentono di verificare la sua coordinazione. Quando una persona ha acquistato un p
di contatto con le aree insensibili del suo corpo si trova in grado di liberare le tensioni
croniche che sottostanno allinsensibilit."(Lowen, 1965,p.104-105)

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Corpo e movimento
La motilit del corpo quindi direttamente influenzata dal livello di energia e viceversa.
Quando lenergia corporea bassa o esaurita decresce la motilit, il movimento e
lespressione. Una linea continua connette:
Energia--------Motilit--------- Sensazione ----------- Spontaneit ------------Autoespressione
Questa sequenza opera anche al contrario, se lespressione di un individuo bloccata la sua
spontaneit ridotta (Lowen, 1968,p.110)
La respirazione, come dicevamo poco sopra, un valido parametro per misurare il livello
energetico di una persona. La profondit del sentire infatti direttamente proporzionale a
quella del respiro. Nella terapia bioenergetica cominciamo con la funzione del respiro perch
la via pi diretta per aumentare il livello energetico. Via via che il paziente respira pi
profondamente, il corpo diventa pi energico e londa respiratoria acquista slancio e si fa
strada attraverso le tensioni. Il movimento acquista cos una coordinazione globale che il
prerequisito perch il movimento sia associato allemozione.
"Non si ripeter mai abbastanza che lespressione emotiva una funzione del movimento
unificato e coordinato. Quando un paziente sviluppa la coordinazione ottiene il controllo del
proprio comportamento (...) spontaneo perch la motilit del corpo non ha
restrizioni"(Lowen, 1965,p.100).
La terapia bioenergetica utilizza movimenti espressivi per ripristinare la motilit (ossia il flusso
eccitatorio di base) e il movimento dei pazienti.
Se analizziamo le diverse condizioni patologiche che disturbano il ritmo e la coordinazione del
movimento espressivo possiamo iniziare a delineare criteri diagnostici globali - cio non limitati
allanalisi del carattere - che partano dal lavoro sulla consapevolezza di s del paziente.
Partendo dal movimento e dai blocchi alla spontaneit iniziamo anche a lavorare
sullespressione emotiva e la capacit di regolazione emotiva.

L'interruzione alla libert del movimento


RIGIDITA: la rigidit generale del corpo previene il flusso deccitazione e degli impulsi. In un
corpo rigido i movimenti espressivi diventano meccanici e sono esperiti come meri esercizi
fisici.
Corpi collassati con poco tono muscolare e privi di integrazione con notevoli difficolt a
eseguire i movimenti espressivi, che appaiono solo come gesti che non possono essere
sostenuti o che crollano sotto stress. Flaccidit significa negazione del sentire, un arrendersi o
negare che produce un collasso della muscolatura periferica
FRAMMENTAZIONE ogni parte indipendente dal tutto ed dovuta a profonde tensioni
circolari che circondano le giunture principali e dividono il corpo in segmenti.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

COMBINAZIONE dei precedenti elementi, ossia una struttura in cui alla rigidit di alcune aree si
alterna il collasso di altre.

Il lavoro sulla tensione muscolare


A questo punto possiamo passare dalla diagnosi al trattamento lavorando sulla tensione
muscolare cronica e riattivando cos la consapevolezza di s che la base per la padronanza e
l'espressione di s.
Il concetto bioenergetico fondamentale che bisogna trattare ogni modello di tensione
muscolare cronica a 3 livelli:1) la sua storia o origine nelle situazioni legate alla prima o alla
seconda infanzia;2) il suo significato attuale in rapporto al carattere dellindividuo;3) il suo effetto
sul funzionamento corporeo. Solo questa visione olistica del fenomeno di tensione muscolare
pu produrre quei cambiamenti nella personalit che possono avere valore duraturo.(Lowen
1965,p.106)

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO SECONDO

La lettura del corpo in


bioenergetica

La lettura del corpo una delle


caratteristiche pi peculiari della
bioenergetica ma anche quella che pu
suscitare pi malintesi. Il corpo infatti una
struttura vivente in continuo cambiamento e
la sua lettura dovrebbe tenere conto del
momento in cui viene fatta e essere
presentata come un'istantanea pi che
come un ritratto da mettere nella galleria di famiglia.
Fatte queste premesse, bisogna dire che questo strumento, accanto all'analisi del
carattere, rimane uno dei pi utili sia a scopi diagnostici che terapeutici. "Poich la
funzione si esprime anche nella struttura e nel movimento, possiamo usare entrambi come
strumenti diagnostici e agenti terapeutici. L'espressione del sentimento, verbalmente e nel
movimento, utilizzata per produrre l'espressione dell'affetto bloccato". Questa frase di
Lowen ci permette di comprendere bene l'uso che dobbiamo fare della lettura del corpo:
permette di individuare l'affetto che rimasto bloccato dalla contrazione muscolare e in
questo modo, attraverso il lavoro corporeo e il lavoro espressivo, possiamo riportare
l'emergere dell'affetto congelato. Nello stesso tempo, la capacit di individuare i blocchi e
le tensioni permette anche di avanzare delle ipotesi diagnostiche. La chiave rimane,
giusto sottolinearlo, l'affetto bloccato.

Oltre il carattere: il ruolo dell'affetto bloccato


Lowen, con la sua consueta autocritica, negli ultimi anni ha sottolineato l'importanza di
andare oltre l'aspetto caratteriale e cito le sue stesse parole: << Abbiamo cominciato ad
osservare i tipi caratteriali; riconosciamo laspetto orale, quello masochista,quello
schizoide, quello rigido nonch quello psicopatico. Li vediamo veramente. Di fatto,per,
questo non ci mette nella condizione di risolvere il problema. Non lo fa per due ragioni:
primo, perch non vediamo la persona ma solo il tipo. Penso che questo sia stato il punto
pi debole del nostro lavoro. Non si pu fare terapia con i tipi caratteriali. Si pu avere
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

bisogno di una tipologia per capire meglio, ma non si pu fare terapia su questa base.
Bisogna vedere lindividuo, la sua unicit. Questo perch ogni corpo unico. Pu essere
fatto risalire ad un carattere ma sempre
unico. La mia abilit personale nel vedere si
approfondita sempre di pi. Comincio a non
ragionare pi in termini di tipi o a parlarne; pi
tardi mi resi anche conto di non riuscire
nemmeno a fare una buona diagnosi
riferendomi solo al tipo caratteriale. Qualcuno
viene da me e mi dice:Sono schizoide. Io lo
guardo: Beh, hai degli elementi schizoidi, lo
vedo ma non so.

Avere uno schema


Nello stesso tempo mi sembra importante
sottolineare che lo schema della lettura del
corpo di Lowen rimane geniale e attuale
insieme.
Lowen utilizza una stella a sei punte come
modello del corpo umano, rifacendosi
all'immagine leonardiana dell'uomo di Vitruvio.
Le due punte superiori riguardano le braccia, le
due punte inferiori riguardano le gambe, la punta pi alta la testa e quella
simmetricamente opposta sono i genitali

Fig.1:Struttura del carattere rigido, si coglie una struttura molto forte nei confini.
Ma la vera genialit sta nel fatto che Lowen, utilizzando questo schema, mette il corpo in
relazione con l'ambiente. Infatti gli arti, la testa e genitali sono definiti non solo rispetto alla
funzionalit dell'autoregolazione ma anche, e soprattutto, rispetto alla relazione che
stabiliscono con l'ambiente che diversa a seconda delle diverse strutture caratteriali.
Questa struttura permette di comprendere come la persona si relaziona con gli altri e
come organizzata la sua modalit base di protensione verso l'esterno e di ritiro verso
l'interno. Due movimenti che sono alla base di tutte le nostre relazioni. Noi abbiamo
bisogno di raggiungere gli altri e abbiamo bisogno di poterci ritirare e rimanere in contatto
con noi stessi.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Queste sei aree di contatto con il mondo sono rette dalla nostra peculiare modalit di
relazione con il piacere: la ricerca del contatto (piacevole) che ci spinge a protendersi ed
l'ansia che ci impedisce di farlo.

Il piacere e i confini del corpo


La sensazione di piacere un movimento espansivo del corpo e la sua ampiezza ci
fornisce il senso del confine corporeo. In alcuni caratteri, il confine corporeo interno e le
strutture di contatto non hanno confini definiti ma permeabili, come accade nel carattere
schizoide. Quando una persona in uno stato di piacere ha gli occhi scintillanti, il colorito
roseo, un modo di fare spontaneo e vivace, si muove con leggerezza ed a proprio agio.
Questi segni sono la manifestazione del flusso di sensazioni diretto alla periferia del corpo,
un flusso che parte dal nucleo centrale, rappresentato graficamente come il cerchio
centrale della stella, e che rappresenta il S e il luogo da cui partono gli impulsi. Anche
quest'area ha dimensioni diverse: dimensioni che sono date dalla forza del S. Pi
precoce stato il ritiro dalla relazione con l'ambiente, pi piccolo e contratto sar il nucleo
centrale e la capacit di espandersi alla ricerca del piacere e della relazione. I confini sono
anche definiti dalla risposta che l'impulso riceve dall'ambiente: se l'ambiente d una
risposta avversativa all'impulso, la risposta dell'organismo sar quella di strutturare una
contrazione muscolare perch l'impulso non arrivi alla superficie.
Quando osserviamo un corpo il primo aspetto determinare fino a che punto la persona
capace di espandersi e di rispondere con piacere all'ambiente che lo circonda. Questa
risposta implica un flusso di sensazioni affettive che provengono dal nucleo centrale e
raggiungono gli altri. Metaforicamente - e forse non solo - potremmo dire che questo flusso
esprime la nostra capacit e potenzialit espressiva degli affetti e se il nostro movimento
interiore libero, l'affetto carica energicamente tutta la periferia, testa e genitali compresi,
senza che questo significhi, ovviamente, la necessit di passare ad un agito.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO TERZO

La lettura del corpo in


bioenergetica: le basi
dellespansione e del ritiro

La struttura del carattere definisce il modo


con cui trattiamo il nostro bisogno di amare, la
nostra ricerca di intimit e il desiderio di piacere. Se teniamo presenti questi tre elementi
avremo gi una prima importante chiave di lettura del corpo. Laltra importante chiave di
lettura, spesso sottovalutata, la congruenza tra la nostra immagine corporea e il nostro
corpo reale. Tanto pi la nostra difesa corporea stata precoce tanto pi ci troveremo di
fronte una distanza tra limmagine corporea e il corpo reale: una distanza in cui prevale lo
spazio di credibilit data allimmagine corporea a scapito del corpo reale. Connessa a
questa chiave di lettura sta il processo di radicamento a terra che in bioenergetica significa
la capacit corporea ed emotiva di essere aderenti alla realt: un tema gi affrontato nella
trilogia "Dall'essere appesi al grounding:La paura di cadere","Ruolo e funzioni dei blocchi
in bioenergetica" e"Hangs up e strutture caratteriali", visitabili sul sito
www.bioenergeticaesocieta.it

Le domande di base
Queste chiavi di lettura possono esprimersi attraverso le risposte a queste domande:
come questa persona si avvicina per creare legame e intimit? Che sentimenti mostra e
quali sentimenti blocca attraverso le aree di tensione? Che risonanza corporea suscita e
mi suscita? La percezione del suo corpo reale o pensata? Presta attenzione ai segnali
corporei? Domande alle quali non possiamo rispondere veramente senza guardare al
corpo di una persona, al suo mostrarsi o nascondersi, al suo abbellirsi o abbrutirsi, al suo
stare vicino o lontano da s come dagli altri.

Il carattere come organizzazione delle difese


w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Visto da questo punto di vista la struttura caratteriale diventa


unorganizzazione della difesa e lespressione del miglior
compromesso che abbiamo potuto raggiungere tra il nostro
bisogno di dare e ricevere amore e le risposte dellambiente in
cui siamo cresciuti. Questo bisogno innesca, per Lowen, una
sequenza che potremmo riassumere in questi
passaggi:a)ricerca del contatto, intimit, piacere;
b)deprivazione, privazione, frustrazione o punizione; c)
ansia;d)difesa. La difesa nasce quindi per superare l'ansia che
la risposta negativa dell'ambiente al nostro bisogno produce.
Tanto pi diffusa e precoce quest'ansia, tanto pi sono profonde e strutturate le difese
che devono contrastarla.
La stella a sei punti che usa Lowen ci permette di dare uno sguardo dinsieme a quelle
che sono, prima di tutto mappe di orientamento e non definizioni statiche della persona,
relative alle risposte che i suoi bisogni hanno incontrato.
Inizieremo questo percorso dal carattere
La teoria dell'attaccamento nasce e si
sviluppa ad opera di John Bowlby.Il suo
modello scardin il primato delle pulsioni
(libido o pulsione di vita e aggressivit o
pulsione di morte) ponendo al centro del
comportamento e della psiche umana il
sistema d'attaccamento, che diviene
quindi il sistema motivazionale
principale.Secondo Bowlby le interazioni
tra madre e bambino (che iniziano gi
durante la gravidanza, e che vanno
dall'abbraccio allo scambio di sguardi,
alla nutrizione, alla consolazione ecc.),
strutturano ci che viene denito sistema
d'attaccamento, il sistema che guida
(anche nella vita adulta) le interazioni e
gli scambi relazionali affettivi.La
funzione principale della madre quella
di fornire al bambino una base sicura: farlo
sentire visto e protetto. La funzione di
base sicura, che nei primi anni di vita
viene assolta sicamente dalla mamma,
diviene poi, attraverso l'interiorizzazione
dei comportamenti e degli affetti suscitati
dalla mamma stessa, una struttura
interna capace di consolare .

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

schizoide, che quello in cui c stata una


deprizione pi precoce proprio del bisogno
fondamentale di amore.

La struttura schizoide
La struttura schizoide (schema a lato) esprime
un ritiro dallintimit - negli schemi che
presenteremo la linea tratteggiata esprime le
aree di maggior conflitto - rappresentata da un
ritiro di tutte le aree di contatto: gambe, braccia,
testa e genitali. Cosa pu significare questo a
livello di organizzazione corporea? Possiamo
aspettarci che le gambe e le braccia appaiano
poco vitali oppure come se fossero staccate dal
corpo mentre i veri confini, anzich essere
definiti dai confini corporei, sono espressi dal
nucleo centrale in cui la persona si ritira.
Per questa ragione il movimento pu apparire
scoordinato e poco integrato, oppure la persona
pu fare azioni di cui non riesce a comprendere
pienamente la portata. Lintimit e la vicinanza
sono state sperimentate come pericolose e

N I C O L E T TA C I N O T T I

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

questo ha determinato una riduzione delle aree di contatto.


E facile capire che a questo punto il bisogno di
amore, intimit e piacere suscita un conflitto che pu
essere espresso dal sentire lintimit come fonte di
pericolo e non di conforto e sicurezza.

L a t t a c c a m e n t o e i l c o r p o
Anche nella teoria dellattaccamento la valutazione
diagnostica nasce dalla osservazione dello stile
relazionale, che viene analizzato come modalit di
comportamento. Da questo punto di vista la struttura
caratteriale schizoide esprime un attaccamento
disorganizzato o, nei casi meno gravi, ansioso
evitante. Questo modello di attaccamento nasce in
relazione al fatto che la naturale ricerca di sicurezza
rivolta al caregiver stata spesso oggetto di rottura
relazionale. La fonte di sicurezza , nello stesso
tempo, anche loggetto della paura. E questo
conflitto che produce una segmentazione corporea

La nestra di tolleranza
La nestra di tolleranza un concetto
sviluppato da Daniel Siegel nel 1999.
Siegel la denisce come quel range
allinterno del quale le diverse intensit di
attivazione emotiva e siologica possono
essere integrate senza interrompere la
funzionalit del nostro sistema (Siegel,
1999,253 ed. americana).
Quando siamo allinterno della nestra
di tolleranza le informazioni che
provengono dal mondo interno e
dallambiente esterno possono essere
integrate, in un uire ininterrotto di
informazioni percettive che vengono
assimilate e associate ai dati emotivi e
cognitivi, no a costruire un signicato
alle esperienze.

rispetto alle aree di contatto: mi avvicino, cerco


lintimit e accetto di correre il rischio di venir rifiutato
o maltrattato? O nego il mio bisogno di intimit e mi ritiro in un isolamento relazionale?

Il corpo del carattere schizoide esprime questa domanda fondamentale: il mio bisogno di
intimit non troppo pericoloso esponendomi al rischio di relazioni potenzialmente
maltrattanti?
Ogni pensiero in relazione a una
sensazione e favorir o contraster la
sensazione a seconda della struttura
caratteriale dellindividuo. In un
individuo sano, pensiero e sensazione
seguono direzioni parallele, riettendo
lunitariet della personalit.
Nellindividuo nevrotico il pensiero entra
spesso in contrasto con le
sensazioni(...)no ad arrivare alla
dissociazione tra pensiero e
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

Se affrontiamo il tema dal punto di vista degli


affetti bloccati possiamo vedere che sono molti gli
elementi salienti: sicuramente lespressione
dellamore cauta o negata; questa interruzione
del flusso damore pu suscitare odio o rabbia. Ma
laggressivit una auto-affermazione che pu
spaventare se pensiamo che lambiento esterno
sia ostile e pericoloso. Per questa ragione spesso
troveremo scoppi esplosivi seguiti da una
improvvisa serenit. Il tema caratteriale esprime
anche, sempre, un conflitto tra il bisogno di
intimit - che relazionale - e il bisogno di

N I C O L E T TA C I N O T T I

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

autoespressione - che personale. E convive con la paura che le due cose si escludano a
vicenda. La paura un compagno quasi costante, pi o meno percepita e, a volte pu
arrivare ad un vero e proprio terrore di base. Ricordo anche che lattaccamento
disorganizzato - che spesso si accompagna alla struttura caratteriale schizoide - anche
quello che dimostra una maggiore vulnerabilit al disturbo post-traumatico. Probabilmente
essendo gi presente un livello alto di paura, un nuovo evento traumatico supera la
finestra di tolleranza e scatena il disturbo post traumatico con pi facilit.
Se torniamo allo schema della stella a sei punti possiamo vedere che esiste unaltra area
di conflitto importante che espressa dalla linea tratteggiata a met della stella che
corrisponde al diaframma. Questa tensione separa e scinde i bisogni legati alla sessualit
e la possibilit di radicamento dai bisogni legati agli affetti: per lo schizoide possibile
rinunciare ad avere una vita sessuale purch la relazione che ha strutturato sia per lui
abbastanza stabile e affettiva. Questa separazione tra la parte alta e la parte bassa del
corpo esprime per anche un altro tema importante e tipico dellanalisi bioenergetica che
il rapporto tra struttura del corpo e processi di pensiero.

Corpo e pensiero
La frammentazione e segmentazione che si verifica nella struttura schizoide ha importanti
conseguenze sui processi di pensiero. Il pensiero infatti, per Lowen, nasce da un serie di
processi sensoriali percettivi che hanno una base corporea ed influenzato, nelle sue
caratteristiche di qualit e, ovviamente non di contenuto, dalla vitalit complessiva della
persona. La struttura caratteriale schizoide risente massimamente di questa scissione che
lo porta ad una proliferazione di idee che vengono vissute come lunica vera realt del
mondo. Il mondo quindi non tanto il risultato di un processo percettivo ma il risultato di
un fluire di idee che hanno lo scopo, principalmente, di proteggerlo dal pericolo costituito
dalle relazioni. Questa propensione allastrazione non priva di correlato corporeo: la
testa spesso flessa, distante e distratta e la modalit comunicativa risente di una forte
intellettualizzazione che indipendente dal grado di istruzione.

Concludo con una poesia, sul pensiero di Alda Merini, una persona che credo abbia
conosciuto lesperienza della dissociazione cos tipica del bagaglio umano dello schizoide.
Pensiero, io non ho pi parole.
Ma cosa sei tu in sostanza?qualcosa che lacrima a volte,e a volte d luce.
Pensiero dove hai le radici?Nella mia anima folle o nel mio grembo distrutto?Sei cos
ardito vorace, consumi ogni distanza; dimmi che io mi ritorca come ha gi fatto Orfeo
guardando la sua Euridice, e cos possa perderti nellantro della follia.
Alda Merini
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

10

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO QUARTO

La lettura del corpo in


bioenergetica: amare inutilmente
Il tema dell'amore e dell'amare, con alterne fortune,
forse quello che pi si adatta alla descrizione del
carattere orale: presto o tardi infatti il carattere orale
incontra un rifiuto che riattualizza la sensazione di
non essere amabile provata nella relazione con la
madre. Si riattualizza il trauma e spesso si
riattualizza anche la risposta depressiva che
quella pi significativa dal punto di vista della
struttura del carattere.
Questa struttura si presenta molto spesso come un
sacco vuoto con una muscolatura debole e scarica: leffetto dellessersi proteso fino al
limite delle sue possibilit nella ricerca
damore ed essersi trovato senza risposta,
scaricato e debilitato dallo sforzo della
richiesta.
Se facciamo riferimento al consueto schema a
stella, qui di fianco, vediamo che le aree di
tensione - indicate dalle aree tratteggiate sono interne alla struttura, che mostra invece
confini definiti e coincidenti con i confini
corporei. Ma gli impulsi verso lesterno
(indicate dalle frecce tratteggiate che partono
dal centro) e la connessione con la periferia
del corpo sono tutte aree di conflitto. E una
struttura che potremmo definire astenica,
molto protesa in altezza, perch la
muscolatura debole ha permesso la crescita
delle ossa lunghe, ma anche perch il
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

11

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

contatto con il radicamento e la realt evitato. Spesso questo viene giustificato dalla
persona come un atteggiamento eccessivamente idealistico mentre il tema sottostante
levitamento del dolore per non aver ricevuto lamoroso sostegno di cui aveva bisogno, nel
momento in cui ne aveva bisogno. La graduale accettazione della realt uno degli
obiettivi pi importanti con questa struttura caratteriale.

Il desiderio represso
Questo carattere si sviluppa a partire dal desiderio represso nei confronti della madre, un
desiderio che viene represso prima che i suoi bisogni incontrino soddisfazione. Questo
crea un conflitto tra la necessit dellaltro e la paura di rimanere nuovamente delusi. A
livello psicologico potremmo dire che siamo di fronte alla paura di riprovare la prima
sofferenza infantile, una paura che viene evitata strutturando, nel corpo, una autonomia di
cui non ancora pienamente capace. E un bambino che cresce in fretta ma con una
muscolatura debole e poco vitale, un bambino che si sforza di essere indipendente perch
questo gli permette di evitare il dolore della separazione e dellabbandono sperimentato
nella relazione primaria.
Ma i suoi bisogni orali sono ancora attivi e vengono riportati alla luce con lemergere della
pulsione sessuale dalladolescenza in poi.

L a f f e t t o b l o c c a t o
E qui che si realizza lamare inutilmente di cui parlavo nel titolo: i bisogni infantili vengono
agiti attraverso la sessualit impostando relazioni che risultano poco soddisfacenti sia
rispetto ai bisogni infantili che rispetto alla sessualit adulta. Il suo interesse affettivo
narcisistico con grandi aspettative e limitate capacit dimpegno. Si aspetta comprensione
e amore e fa fatica a soddisfare le esigenze del partner con una grande
dipendenza,spesso coperta da unostilit per linsoddisfazione del rapporto. Quando porge
amore recepito dagli altri come se facesse una richiesta di amore. Ti amo spesso
significa voglio che tu mi ami dove laltro percepito come la fonte narcisistica di
soddisfazione. Non consapevole della tensione nel suo corpo che restringe la sua
capacit di amare. Ci che sente un desiderio di amore che non equivale alla capacit di
amare. Anche se il suo sentimento damore autentico non deriva da una resa al corpo e
al S, ma da un abbandono della posizione adulta, che significa stare sulle proprie gambe
con la piena responsabilit dei propri sentimenti.
Loralit e la genitalit sono per tendenze antitetiche: una correlata alla funzione di
carica, laltra alla funzione di scarica. Per questa persona il bisogno di scarica molto
secondario - il suo vero problema piuttosto caricarsi a sufficienza -:cosa che pu
avvenire attraverso il contatto fisico che diventa un tramite per rispondere per non ad un
bisogno adulto ma ad una necessit infantile.
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

12

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Linvidia, che spesso presente, va letta come espressione del senso di privazione
ingiustamente subita. La dipendenza dagli altri lequivalente - per ladulto - della suzione
e del farsi portare in braccio da bambino. Anche lappetito pu essere un elemento
significativo : abnorme o negato, due estremi per esprimere diverse reazioni al senso di
vuoto interiore.

La struttura orale
Il corpo, che abbiamo gi detto poco sviluppato muscolarmente, ha tratti infantili ed
esprime un senso di bisogno che ispira protezione. Le braccia e le gambe spesso sono
magre e il movimento degli arti faticoso e poco gradito.
I movimenti espressivi delle braccia possono facilmente produrre lemergere di emozioni di
tristezza: sono braccia che assomigliano a quelle di un bambino che si protende per
essere preso in braccio. Il quadro di Chagall, posto all'inizio, rappresenta molto bene la
struttura orale, allungata, staccata da terra, sognante. Una esperienza che viviamo
quando siamo innamorati e che per lorale impressa nel corpo e poco realizzata nella
vita.
La ripetuta frustrazione della richiesta damore - quella primaria e quella secondaria fanno sviluppare un sentimento dostilit che spesso rimane bloccato. La colonna
vertebrale, usata come vera struttura di sostegno al posto delle gambe, non permette
infatti la mobilizzazione libera dellaggressivit che esce pi come ostilit che come autoaffermazione. Il torace spesso sgonfio e laddome privo di turgore, ecco perch nella
descrizione corporea ricorre spesso limmagine del sacco vuoto.
Le gambe non sono percepite come sostegni e la paura di cadere un elemento molto
comune.
Se torniamo allo schema iniziale possiamo facilmente comprendere come tutto correla con
una mancanza di aggressivit strutturata e un senso di vuoto interiore.

L a t t a c c a m e n t o e i l c o r p o
In questa situazione la ricerca di contatto e prossimit fonte di ambivalenza. E un
bambino che pu protestare molto fortemente al momento della separazione e non
mostrare poi risposte affettive al ricongiungimento, sviluppando cos un attaccamento
ansioso-ambivalente, con comportamenti che possono portare una esasperata richiesta di
contatto come una povert di segnali emotivi.

Progetto terapeutico
Come abbiamo visto questa struttura ha bisogno di radicarsi nella realt per entrare nella
qualit illusoria delle sue aspirazioni e della sua immagine di s e individuare i propri veri
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

13

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

bisogni. I piedi spesso sono deboli e piatti con una caratteristica incapacit a reggersi sulle
proprie gambe, ed esprimono appunto questa difficolt: il lavoro di base sar quindi quello
di grounding individuale e relazionale. Una volta che il radicamento a terra sar
consolidato sar possibile elaborare meglio questa sensazione di stanchezza, di non
farcela, liberando la componente autoaffermativa che rimane imprigionata nella colonna
vertebrale, utilizzata impropriamente come principale struttura di sostegno. Il corpo, infatti,
sorretto dalla colonna vertebrale che cos non disponibile per lazione aggressiva.
Bioenergeticamente lorale sottocaricato e questo un effetto dellimmobilizzazione della
componente aggressiva, che si esprime in un ritiro verso lalto. Lenergia tende a fluire
verso lalto, sovraccaricando la testa a discapito del corpo. Alla fine i sentimenti di rabbia,
spesso anche molto presenti, finiscono nella sensazione "di non farcela" o di "non essere
capaci" a farsi rispettare. Mobilizzare la componente fisiologica di aggressivit, che, torno
a ripeterlo, pu essere fatto solo dopo un profondo lavoro di radicamento, pu aiutarlo a
caricarsi e affermarsi. Con una maggiore carica sar
possibile iniziare il lavoro per sciogliere i muscoli del
cinto pelvico e aumentare la presenza e la
percezione della carica sessuale. E in questo modo
elaborare una qualit di relazione affettiva e
sessuale pi tipica del versante adulto, passando
da una sessualit desiderata come fonte di
contatto, ad una sessualit sessuale:

Arrendersi allamore,
arrendersi alla realt
Arrendersi allamore - e lorale abbiamo visto ha un grande bisogno damore - implica la
capacit di condividere pienamente il proprio s con il partner. Lamore non dare ma
essere aperti (Lowen, 1994, 135). Tale apertura deve essere in primo luogo verso se
stessi, poi verso laltro. Ci implica lessere in contatto con i sentimenti pi profondi ed
essere capace di esprimerli in modo adeguato.
Lamore adulto non una resa del S ma una resa al S. Lio cede al cuore legemonia
sulla personalit, ma questa resa non lannienta. Ne risulta invece rafforzato, dato che le
sue radici nel corpo vengono nutrite dalla gioia che il corpo prova: questa la vera cura
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

14

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

per il carattere orale. Ripristinare la capacit di arrendersi ai propri veri bisogni per potersi
arrendere al corpo.

Concludo con una espressione artistica del dilemma orale: una poesia di Eugenio
Montale.
Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei il vuoto ad ogni gradino.
Anche cos stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, n pi mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realt sia quella che si vede.
Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non gi perch con quattr'occhi forse si vede di pi.
Con te le ho scese perch sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.
Eugenio Montale [da Satura]

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

15

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO QUINTO

Desiderare la felicit: il carattere masochista


Ci sono molte riflessioni che questo
viaggio sulla diagnosi caratterologica
pu portarci a fare. La prima, pi volte
ripetuta, che il carattere non individua
una persona ma piuttosto una
organizzazione difensiva attuale che
dice qualcosa della storia passata della
persona. Una rete che prende vita
nell'unicit dei gesti, dei movimenti e
delle emozioni di chi ci sta di fronte e
che non deve assolutamente essere
sottovalutata a favore di un aspetto
caratteriale. Per questa ragione
presento ogni carattere con il tema
emotivo dominante. Il ritiro per lo
schizoide, l'amore per il carattere orale
e la felicit per il masochista.
Essere in grado di cogliere elementi
della mappa caratteriale pu aiutarci a
comprendere la direzione del percorso
di sviluppo e le alterne vicende del
tema emotivo dominante:in questo caso
la felicit.

L'ideale del genitore: la felicit del figlio


Figlio di un genitore che desiderava per lui/lei il massimo e che, per realizzarlo, lo ha
invaso con i suoi sforzi, le sue cure, le sue attenzioni e apprensioni, lo sviluppo della
struttura masochistica rivela quanto sia importante che la cura rispetti sempre il principio
dell'autoregolazione, i processi di sviluppo e la loro direzione.
Nel caso del carattere masochista possiamo immaginarlo figlio di un genitore che ha
desiderato troppo ardentemente il suo bene, sottovalutando la sua possibilit di
raggiungerlo autonomamente. Un genitore che non ha saputo arretrare e lasciare che la
personalit in nuce si sviluppasse ma che ha pensato di dover fare di tutto per rendere
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

16

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

felice e, possibilmente, perfettamente felice, il figlio. E' questo troppo che ha strutturato la
difesa masochistica. La ripetuta invasione e disattenzione nei confronti dei suoi
impulsi, molto spesso soverchiati dalle generose attenzioni del genitore, lo hanno
messo di fronte ad un dilemma straziante: crescere diventa tradire chi ha fatto tutto
per lui, crescere significa affrontare il dubbio profondamente radicato se felicit e libert
possono andare di pari passo. Crescere in autonomia significa tradire, confrontarsi con il
senso di colpa, significa "uccidere" metaforicamente il genitore. Diventa quasi inevitabile
che, in questa situazione, il movimento verso l'autonomia si accompagni con un
sabotaggio che realizza contemporaneamente la punizione e la profezia del senso di
colpa. Da qui nasce la sensazione di essere continuamente sotto pressione,
frequentemente riportata. L'inerzia del masochista non uguale quella del carattere orale.
Se in quest'ultimo la sensazione quella di "non farcela" - una sensazione che nasce
dalla realt di aver ricevuto troppo poco - per il masochista la stasi nasce da una sorta di
pantano: ha ricevuto troppo e non sa se realizzare il suo progetto o quello del genitore, o,
con sforzi sovraumani e irrealistici, entrambi. Vuole realizzarsi e, contemporaneamente,
non ha il coraggio di agire il proprio impulso.

Sottomissione e ribellione
Questo dilemma spesso si esprime con un atteggiamento sottomesso che, a livello
profondo, invece un sentimento di astio o ribellione, quando non addirittura superiorit.
In questo caso infatti la struttura energetica stata nutrita e molto accudita e quindi siamo
in presenza di una persona che non ha vissuto le carenze e le deprivazioni che
contraddistinguono i due caratteri precedentemente delineati. E' una struttura
energeticamente carica ma questa carica trattenuta all'interno, in parte proprio perch lo
sviluppo dei suoi movimenti autonomi stato tanto ostacolato.
Il trattenimento pu diventare cos forte da provocare una scarsa vitalit degli arti e una
compressione e un crollo dell'organismo, un crollo che spesso avviene all'altezza del
diaframma, mostrando una decisa differenza tra la struttura della parte alta del corpo e
quella della parte bassa. Altro elemento di grande tensione il collo. Queste due aree di
forte tensione - diaframma e collo - insieme alle braccia poco cariche sottolineano i
due elementi caratteristici che abbiamo delineato poc'anzi: la forte compressione e
la difficolt a protendersi. Una difficolt facilmente comprensibile dal punto di vista
relazionale: non ha mai avuto bisogno di chiedere perch aveva tutto gi imposto e
preparato prima ancora che nascesse un impulso verso il protendersi.
Se guardiamo la figura a fianco, il diagramma a stella,comprendiamo visivamente come
queste tensioni si realizzano: il corpo compresso, con un nucleo centrale grande e
carico, che non viene lasciato libero dalla compressione. La colonna vertebrale agisce la
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

17

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

compressione assumendo la caratteristica


struttura a C, che viene illustrata dal disegno
sottostante, con una postura da "coda tra le
gambe" nella zona del bacino e un
accentuarsi della curva dorsale. Anche qui,
come nell'oralit , il recupero percettivo e
motorio della colonna vertebrale
importante, pur essendo diverse le ragioni.
Nell'orale la colonna usata come sostegno
sostitutivo delle gambe, nel masochismo
come morsa per esercitare maggiore
pressione nel trattenere gli impulsi.

Le parole di
Reich
Il carattere masochista
stato quello che ha permesso
a Reich di fondare la teoria
espressa nell'Analisi del
carattere e nel descriverlo
usa queste
parole:"...soggettivamente c'
una sensazione cronica di
sofferenza, che si esprime
come tendenza a lamentarsi;
tendenze croniche all'aiuto lesione e all'aiuto umiliazione e una intensa mania di
tormentare gli altri, che fa soffrire l'individuo in questione non meno del suo oggetto.
comune a tutti i caratteri masochisti un comportamento maldestro, senza tatto,di tipo
particolare, nel modo di presentarsi e di trattare gli altri...(pag.274).Questo tormento
alimentato dal desiderio inesauribile e immenso di felicit, e dall'associazione di tensione
interiore e angoscia incombente. Il conflitto interno pu diventare un pensiero persecutorio
espresso attraverso ostinazione e provocazione. La provocazione un modo, indiretto, di
protestare e anche l'espressione del senso di rivolta. Naturalmente questo tentativo non
pu che fallire e, in qualche modo, vuole che fallisca per sentire giustificata la sua
inadeguatezza e spostare cos il suo biasimo sugli altri dimostrando che, in fondo , non
sono migliori di lui. Esprime in questo modo il timore del successo, un successo che lo
porterebbe a quell'autonomia vissuta cos conflittualmente. Questa ricerca di felicit pu
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

18

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

rendere la struttura masochista disponibile a piaceri umilianti o distruttivi. Ma il piacere,


che identifica come precursore della felicit, spesso un impulso cos forte da
soggiogarlo, rendendolo disponibile a tutto pur di raggiungere l'obiettivo della
soddisfazione del desiderio.

La struttura corporea
Il carattere masochista presenta una struttura tipica dei piedi e delle gambe con alcuni
elementi rilevanti: larco plantare fortemente contratto non offre stabilit, stabilit che viene
raggiunta attraverso uno sviluppo eccessivo dei muscoli del polpaccio e dei quadricipiti. I
quadricipiti sviluppati hanno anche la funzione di trattenerlo nella libert di movimento e
bloccano la spinta pelvica e la possibilit di oscillazione del bacino. Il movimento, in senso
letterale e metaforico, sacrificato a favore della sicurezza.
Se, come dice Lowen...la terapia bioenergetica fondamentalmente una procedura
analitica. Lanalisi condotta sia a livello psichico che somatico. Lespressione del
sentimento, verbalmente e nel movimento, utilizzata per produrre una liberazione
dellaffetto bloccato (Lowen, 1958,p.181) chiaro il ruolo centrale delle emozioni.Questa
affermazione permette di comprendere anche, come la pi rigorosa analisi caratteriale,
debba tendere ad individuare e liberare laffetto che rimasto bloccato dalla tensione
muscolare permettendoci di introdurre un altro elemento di valutazione diagnostica
tipicamente bioenergetico, quello relativo alle caratteristiche del S corporeo.

Il S corporeo
Per Lowen la formazione del nostro S corporeo
alla base della nascita del S e i tre elementi
base che lo strutturano sono la consapevolezza
di s, la padronanza e la capacit di
autoespressione. Un percorso diagnostico in
bioenergetica pu percorrere, oltre che la strada
caratteriale anche questa strada diagnostica.
Possiamo cos domandarci come la persona che
abbiamo di fronte realizza questi tre aspetti e
imparare a distinguere le diverse funzioni che
esprimono.

In bioenergetica la consapevolezza di S vuol


dire consapevolezza del corpo. L'individuo
che consapevole in contatto con il proprio
corpo, percepisce quanto accade in ogni
parte del corpo ed in contatto con se stesso.
Sente il uire delle sensazioni associate al
respiro, ovvero percepisce un uire corporeo
e avverte anche le proprie tensioni e
contrazioni

perch

nessuno

ne

completamente libero. L'individuo che perde

Nel caso dei caratteri orale e schizoide la


consapevolezza spesso lelemento pi
deficitario, mentre ci pu essere un eccesso di
espressivit, agita senza una vera padronanza.
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

Consapevolezza di s

N I C O L E T TA C I N O T T I

19

la consapevolezza delle proprie tensioni ne


risente

anche

coscienza

di

a
S,

livello

della

perch

si

propria
rende

confusamente conto che c' qualcosa di


sbagliato che non capisce.
La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Self-expression ovvero la capacit


espressiva
Il suo ruolo, spesso sottovalutato,
invece centrale: l'incapacit di esprimere
pienamente

se

stessi,

le

proprie

emozioni, si accompagna infatti ad un


doloroso senso di incompiutezza e
frustrazione.
Una linea continua connette ENERGIA-

Nella situazione masochistica invece spesso la


consapevolezza buona, anche particolarmente
acuta, tanto che pu maturare in un eccessivo
ripiegamento ipocondriaco, ma sia laspetto
espressivo che la padronanza sono molto
deficitari. Come pu esprimere i suoi veri
sentimenti se continuamente diviso in un
conflitto interiore? A quale voce dare la priorit :
alla propria o a quella del genitore?

Anche la padronanza non una vera padronanza:


SPONTANEITA-AUTOESPRESSIONE. sa infatti esercitare un grandissimo controllo,
M O T I L I TA - S E N S A Z I O N E -

Maggiore lenergia e la motilit, pi

aiutato anche dalla sua muscolatura


aumentano sensazioni e spontaneit e particolarmente sviluppata e dalla sua capacit di
autoespressione. Questo il vero scopo
della riduzione del blocco muscolare.

La padronanza di s

sopportare anche grandi tensioni ma non si pu

Tutti i pazienti, dice Lowen, soffrono di una

proprio dire che sia padrone di S. Anzi possiamo


dire che la sua terapia termina nel momento in cui
riacquista la sua padronanza e, quindi, la sua
libert.

qualche limitazione della loro personalit:

Nel concludere vorrei riportare la consueta poesia.


Se il carattere vive a pieno il conflitto non pu che
sentirsi diviso tra il suo slancio alla felicit e lo
slancio per realizzare la felicit che laltro ha
pensato per lui. Un conflitto che non pu
sciogliersi fino a che non accetta di essere
responsabile solo della propria felicit o infelicit.

limitata

autoconsapevolezza,

ristretta

espressione di s e/o ridotta padronanza di


s.

Questi

tre

elementi,

quando

sono

decitari o squilibrati, creano insicurezza e


sono anche elementi interessanti per la
diagnosi in bioenergetica. Viceversa il loro
equilibrio quello che permette una vita
soddisfacente e piena di gioia. Noi infatti,
per

sentirci

pienamente

vivi,

abbiamo

bisogno di sentirci padroni di noi, della


nostra capacit espressiva e consapevoli dei
nostri impulsi e delle nostre necessit.

L'indiviso
A volte si tocca il punto fermo e impensabile
dove nulla da nulla pi diviso,
n morte da vita
n innocenza da colpa,
e dove anche il dolore gioia piena.
Sono cose, queste, che si dicono per noi soltanto.
Altri ne riderebbero.
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

20

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Ma dire si devono. Le annoto


per te che le sai bene e per testimonianza dell'amore eterno.
Mario Luzi

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

21

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO SESTO

Le parti perdute di S: il carattere psicopatico


Quando facciamo un viaggio, man
mano che passano i giorni, lasciamo
alle nostre spalle gli affanni quotidiani
e ci immergiamo sempre di pi nei
nuovi panorami. Spero che questa sia
la sensazione che state ricavando da
questo percorso nella caratterologia
bioenergetica. Inoltre ci stiamo
addentrando, con questo carattere,
nelle strutture in cui l'aspetto
dominante quello di essere "appesi",
"tirati su", dominanti o superiori.
Questa caratteristica energetica delle
strutture psicopatiche e narcisiste ha
un ruolo centrale nella diagnosi. Molto
spesso infatti il loro comportamento
pu trarre in inganno: facile
scambiare un narcisista o uno psicopatico per uno schizoide o un orale, visto che soffrono
di una stessa mancanza di consapevolezza ma la qualit della carica energetica, forte e
tirata verso l'alto, non lascia dubbi sull'organizzazione delle difese. In questi casi l'hangs
up molto evidente. Questa non l'unica ragione di fascino di questa struttura
caratteriale. L'altra grande ragione di interesse che il tema emotivo dominante come
questa personalit ripara la sensazione, e la realt, di aver perso parti di S. Spesso il
carattere psicopatico si accompagna con atti antisociali, come il furto o atti delinquenziali,
oppure, nelle situazioni pi lievi, particolarmente sensibile ai propri bisogni e insensibile
ai bisogni altrui. Dietro a questo c' l'aver perduto parti importanti di S, che tenta di
recuperare con scelte vendicative e apparentemente solo crudeli. Dietro a questo c' una
disperazione sorda e devastante, senza la speranza di riparazione o recupero. Solo la
vendetta acquieta momentaneamente e ristabilisce una sorta di equilibrio. Molto spesso
usa la parola "mancanza di rispetto" per giustificare le sue azioni. La risposta, alla
mancanza di rispetto, spesso sproporzionata. Tutto questo, potremmo pensare, riguarda
loro, gli psicopatici. In realt, e questo il fascino della caratterologia loweniana, il
carattere un'organizzazione delle difese che non mutualmente esclusiva,
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

22

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

tanto che Reich descrive la corazza come un


frattale.
Questo significa che tutti noi siamo, in percentuali
Variabili, portatori di tutti i caratteri e che, questa
organizzazione difensiva, spesso quella che si
attiva, rispetto alle parti perdute di noi. Quelle
parti che ci sono state tolte, o che noi stessi
abbiamo scisso perch incapaci di integrare
l'emozione che portavano con s.

La storia del carattere


Questo carattere non presente fin dall'inizio nel pensiero di Lowen. Compare con
Bioenergetica, un libro che Lowen pubblica nel 1975, ben diciassette anni dopo "Il
linguaggio del corpo" che il libro fondamentale per l'analisi del carattere bioenergetico.
Successivamente il lavoro di Lowen dar la preferenza alla lettura delle emozioni
dominanti, del movimento emergente e raramente parler ancora dell'analisi del carattere,
temendo che questa classificazione possa far perdere la ricchezza e la complessit delle
persone, la loro unicit e la variabilit presente nella relazione terapeutica. Ci non toglie
che il carattere, se visto come organizzazione difensiva coesistente con altre
organizzazioni difensive, possa essere un'utilissima mappa, per muoversi all'interno del
setting clinico.
Anche Wilhelm Reich non ha parlato del
carattere psicopatico ma parlando degli
attacchi di auto ed etero-aggressione, cos
presenti nel carattere psicopatico,
sottolinea il ruolo cruciale che hanno le
sensazioni fisiche che vengono esperite
a livello degli occhi e della gola.
Per Reich come se i pazienti, ad un certo
punto cominciassero a sentire
un'incredibile energia salire dalla regione
diaframmatica su fino alla gola portando a
una spiacevole sensazione di
soffocamento". L'immagine qui a fianco, di
Caravaggio, di cui tutti conosciamo la
storia psicopatica che lo condusse all'omicidio, esprime perfettamente questa situazione.
Quest'energia negli occhi e nella gola, espressa nella mimica del quadro, viene avvertita in
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

23

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

maniera "psicoticamente distorta", come se la sensazione fisica non appartenesse


all'esperienza auto-percettiva di chi la vive, ma fosse qualcosa di alieno. E' proprio in
questi momenti che emerge con forza il tema del rispetto e che possono compiersi gli atti
aggressivi come attacchi al s. Spesso, questi stessi attacchi sono portati esattamente
verso quelle parti del corpo, proprio o altrui, in cui tali sensazioni, sono pi forti: la gola e
gli occhi. Il senso di terrore che accompagna queste sensazioni poi evidente anche agli
osservatori. In questo caso io ritengo che si possa utilizzare l'esempio proprio per
comprendere la dinamica del carattere psicopatico, che non riconosce come interna la
natura dei propri impulsi ma la sente come una legittima risposta agli attacchi esterni.

Le relazioni familiari
Anche in questo caso, come per il masochista, siamo spesso in presenza di una madre,
forte, narcisista, poco sensibile ai bisogni della crescita del figlio. Una madre che, pi che
sostenerlo, lo fa sentire, insicuro, bisognoso, umiliandolo proprio quando pi in contatto
con il proprio bisogno. Impara cos ben presto a nascondere la propria vulnerabilit, le
proprie emozioni, ponendosi al di sopra dei propri sentimenti, dominandoli.
La negazione dei suoi bisogni si accompagna alla richiesta, implicita, della madre , di
realizzare i propri bisogni narcisistici, una richiesta che rafforza la sua tendenza a mettersi
al di sopra e ad avere, nelle relazioni un ruolo di "salvatore" nei confronti di alcune
persone e "punitore" nei confronti di altre. Per citare le parole di Bob Hilton"...attraverso
ripetuti tentativi, l'Io ha trovato infine un ideale di comportamento che favorisce la
sopravvivenza, a scapito della spontanea vitalit organismica". La richiesta di base, cos
spontanea e naturale, "Ho bisogno di te, ho bisogno del tuo aiuto" non pu pi venir
espressa e lo scopo dei blocchi muscolari proprio quello di fermarne l'espressione
trasformando questa spinta vitale in un controllo fortissimo dell'impulso a chiedere.
Difficilissimo accettare di cedere nuovamente al proprio bisogno, tanto che ,nei casi
estremi, pu arrivare a distruggere l'oggetto d'amore che lo fa sentire bisognoso e rifiutato,
come insegnano molti eventi di cronaca.

La lettura del corpo


Per Lowen il problema di fondo della struttura psicopatica il diniego del corpo, delle
sensazioni, delle emozioni. Questo diniego da parte dell'Io si accompagna ad un fortissimo
controllo dell'espressione di S e ad una ridotta consapevolezza di S. La mancanza di
integrazione emotiva che lo contraddistingue, viene vissuta come un vanto, un segno del
suo essere speciale.
Il solito diagramma a stella - che sar poi usato anche per il carattere narcisista - mostra
come la testa non sia energeticamente connessa con il resto del corpo: pu essere una
testa infantile su un corpo adulto oppure una testa adulta su un corpo infantile. Questa
sproporzione tra la testa e il corpo causata da un anello di tensione alla base del cranio.
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

24

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Il corpo sembra sollevato da terra, cosicch i piedi non portano il peso del corpo. Questa
mancanza di grounding risuona nel blocco oculare e , insieme, lo portano a non avere un
radicamento nella realt esterna ma piuttosto ad essere in contatto con la sua realt
interna, rendendolo incapace di considerare gli altri nella loro realt e nel loro diritto ad
essere cos come sono. Per lo psicopatico questo essere dell'altro spesso vissuto come
un attacco al S che merita vendetta o, manipolazione. Il contatto con i suoi occhi un
momento delicato del processo terapeutico. Solo se guardato con calma, con affetto
pacato, senza fissarlo n "possederlo con lo sguardo" , ma aspettando che compaia la sua
presenza interiore, pu sperimentare la sensazione di piacere che c' nel guardare e
nell'essere visto.
"Il carattere psicopatico ha due sguardi tipici (...)un primo tipo di sguardo che ha una
qualit impellente o penetrante, molto attivo, sempre in guardia, che si pu cogliere
facilmente in quanti provano la necessit di controllare o dominare gli altri (...) e un
secondo tipo di sguardo, morbido e seducente o enigmatico e tende ad indurre la persona
a cui diretto a consegnarsi all'individuo psicopatico"A. Lowen (The psychopatic eyes and
feeling).
La tensione negli occhi una difesa verso la madre, una madre che lo possedeva ma non
era emotivamente disponibile ai suoi bisogni. Il suo desiderio di controllo attraverso lo
sguardo nasce come orrore di fronte a questa difficolt primaria.
La met superiore del corpo sovraccaricata, mentre la parte inferiore sottocaricata,
sottile e poco muscolosa.
Il bacino sottocaricato e il piacere sessuale pi legato al possesso e al dominio che al
contatto e all'affetto. L'energia sessuale spostata a livello della nuca, del torace e delle
spalle, tanto che spesso emerge un forte desiderio di proteggere l'oggetto amato.
Questo spostamento dell'energia verso l'alto mantenuto attraverso un blocco nella zona
del diaframma e nella tensione delle ginocchia, che vengono flesse con difficolt. Il respiro
toracico, con un petto gonfio e prominente, per dare un'immagine di forza e di potere.

Raggiungere le parti perdute


Tutti noi perdiamo una parte di noi stessi nei nostri blocchi muscolari. Il blocco,
proteggendoci, ci impedisce di sentire, esprimere e padroneggiare parti di noi. Lo scopo
del processo terapeutico , sempre, il recupero e l'integrazione di queste parti perdute. Un
progetto terapeutico centrale e ardito, per il carattere psicopatico. Come dice Stanley
Keleman La meta finale del nostro lavoro quella di rendere le persone capaci di vivere il
loro processo energetico e di tollerare un pi alto livello di energia, acquistando cos pi
libert...Per questa ragione lavoriamo per identificare i blocchi, permettere alla persona di
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

25

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

averne esperienza e dargli la possibilit di sciogliere aiutando questo lasciar andare in vari
modi, per permettere alla persona di sperimentare se stesso, nella sua unit, pi
pienamente e vivere, cos, pi pienamente (Keleman 1972).
La poesia conclusiva l'augurio che questo si realizzi...per tutti noi il vero motivo del
percorso terapeutico.

Amore dopo Amore


Tempo verr
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorrider al benvenuto dell'altro
e dir: Siedi qui. Mangia.
amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io.
Offri vino.Offri pane.Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato per tutta la tua vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira gi le lettere d'amore,
le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine. Siediti. E' festa: la tua vita in tavola.
Derek Walcott

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

26

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO SETTIMO

Limmagine di S e il S reale: il carattere narcisista

Il narcisismo denota un investimento sull'immagine di S che sproporzionato rispetto alla


consapevolezza del proprio S reale. Anche se normale avere un interesse per la
propria immagine di s lo spostamento di identit dal s all'immagine, che si verifica nel
narcisismo, realizza ed esprime una condizione di sofferenza che pu avere diversi gradi
di importanza.

Diversi livelli di turbe narcisistiche


Lowen distingue cinque tipi turbe narcisistiche proprio per indicare la diversa gravit di
questo disturbo e la diversa gravit di perdita del S reale.
In ordine crescente di gravit troviamo il carattere fallico narcisista, di cui delinea gli
elementi base gi ne "Il linguaggio del corpo, il carattere narcisista propriamente detto, la
personalit bordeline narcisista, la personalit psicopatica - che abbiamo delineato nel
carattere psicopatico -e la personalit paranoide identificando la gravit in base al grado di
identificazione con i propri sentimenti. Per Lowen pi il soggetto si identifica con i propri
sentimenti, minore la gravit del disturbo narcisistico. Lowen assimila i sentimenti alla
capacit di percepire il proprio corpo, visto che afferma che ad ogni emozione corrisponde
un modello di risposta di attivazione muscolare e viscerale. Si comprende meglio il
rapporto tra narcisismo e mancanza di senso di s se si pensa al narcisismo come ad una
forma di egotismo, ossia come un'organizzazione della personalit non tanto in termini
emotivi ma in relazione all'immagine di s che si vuol dare agli altri e, in fondo, anche a se
stessi.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

27

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Il mito di Narciso

Il termine narcisismo deriva dal


mito di Narciso, un bellissimo
giovane di cui si innamor la ninfa
Eco. Eco, incapace di esprimere il
proprio amore perch condannata a
ripetere solo le parole che udiva,
venne respinta da Narciso e mor di
crepacuore.Gli dei punirono allora
Narciso facendolo innamorare della
propria immagine riflessa
dall'acqua, un amore che lo
condusse alla morte. Narciso fu
punito perch aveva rifiutato
l'amore della ninfa Eco. Entrambi,
Eco e Narciso, soffrono, se cos
possiamo dire, di una forma di
narcisismo: Eco non riesce ad
esprimere la parola Amore, se non
in risposta alla pronuncia dell'altro;
questa incapacit esprime uno dei
temi del narcisismo. Avendo ritirato
la libido dall'esterno, non pu
pronunciare la parola ti amo fino a che
non ha la certezza di essere amata.Narciso non riesce ad amarla - perch attratto da altro,
da qualcosa di migliore, altro tema caratteristico del narcisismo. Eco e Narciso esprimo
anche le due forme overt e covert, entrambi presenti nel disturbo narcisistico. Il narcisismo
infatti pu mostrarsi con la serena apertura della Maya desnuda di Goya, che sembra
porre tutto sotto lo sguardo dell'altro, oppure nella sua forma covert, caratterizzata dalla
timida bellezza, che quasi chiusura, del fiore di Narciso. In questi casi non c' nulla
dell'esporre e molto del nascondere. Nelle forme overt la percezione della vergogna e del
senso di colpa molto ridotta, nelle forme covert la vergogna predomina e rende difficile il
contatto con l'esterno. In entrambi i casi il s della persona isolato e non veramente in
relazione con il mondo esterno.

S e Io
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

28

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Per Lowen noi nasciamo con un S che un fenomeno biologico, prima ancora che
psicologico. Il senso, la coscienza del proprio S, prendono forma man mano che l'Io si
struttura attraverso le tre colonne del S corporeo, la consapevolezza di S,l'espressione
di S e la padronanza di S. Questi termini fanno riferimento alle emozioni e quindi il S
pu essere definito come la capacit di sentire del corpo, un sentire che emotivo/
corporeo. L'io non il S anche se la parte che lo percepisce. Dissociando l'Io dal corpo
e dal S il narcisismo divide la coscienza dalla sua base primaria e la personalit si trova
divisa tra l'Io che osserva e cui la persona si identifica, e il corpo, percepito come oggetto
o strumento dell'Io.

Il S e il corpo
Il S costruito sulla base delle esperienze che hanno una radice corporea. Funzioni
involontarie come la circolazione, la digestione e la respirazione hanno un effetto sulla
coscienza perch determinano le condizioni dell'organismo. Con il nostro corpo abbiamo
un rapporto che pu essere duplice:possiamo sentirlo direttamente o immaginarlo o
pensarlo. Questo genera una sottile confusione con la quale molti pazienti si trovano a
confrontarsi. All'inizio del trattamento spesso alla domanda "cosa senti?" o "cosa senti
quando...?" viene data una risposta mentale o immaginaria, connessa alle idee e non a ci
che effettivamente percepito. Questa confusione accade sia per la prevalenza di
importanza e significato che viene dato ai processi di pensiero, sia perch la percezione
una funzione dell'Io. Perch questa confusione non avvenga necessaria una
identificazione con il corpo e con i suoi bisogni. Identificazione che non significa passare
all'agito ma riconoscere, accogliere e saper esprimere le nostre priorit. Questo processo
nel narcisismo , in misura pi o meno significativa, interrotto. Anche se apparentemente
l'attenzione al corpo pu essere massima - si pensi alle cure esasperate dell'aspetto fisico
o della salute - in realt una "cura" dell'immagine ma non del corpo esperito e
posseduto. Solo cos tollerabile, per esempio, intervenire, spesso anche in maniera
massiccia, con la chirurgia estetica.
Il S nasce con noi ma possiamo perderne il senso se investiamo tutte le nostre energie
sull'immagine e nell'io. Inoltre se abbiamo un senso di s abbiamo anche il desiderio di
costruire legami intimi e condivisi, che sono il tessuto che nutre la nostra crescita e il
cambiamento. Il nostro S infatti nasce e si struttura all'interno di una matrice relazionale.
Ma se l'investimento prevalente sull'io e sull'immagine, il bisogno di relazione e intimit
subisce delle variazioni e distorsioni. La ricerca di contatto viene sostituita con la ricerca di
plauso e ammirazione. Senza l'ammirazione altrui l'io narcisistico si sgonfia e precipita
nella pericolosa depressione narcisistica, pericolosa perch, se non correttamente
diagnosticata, risulta poco responsiva sia al trattamento farmacologico che psicoterapico.
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

29

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Cosa significa non sentire


Tu t t i n o i u t i l i z z i a m o i l m e c c a n i s m o d i
anestetizzare alcune parti del corpo per reprimere
i sentimenti che in esse hanno radice. Per fare un
esempio, se ci vogliamo trattenere dal dire
qualcosa possiamo serrare le mascelle o
stringere le labbra, oppure se vogliamo trattenere
la rabbia possiamo irrigidire le mani e le braccia,
o la parte alta della schiena e cos via. Nel
narcisismo a questa tipologia di difesa corporea si
accompagna anche la negazione delle emozioni.
La necessit di mantenere la propria immagine di
s lo porta ad impedire che qualsiasi sentimento
contrario giunga alla coscienza e il
comportamento, che potrebbe rivelare l'emozione
trattenuta, viene razionalizzato. Per proseguire
con l'esempio precedente la persona prova
rabbia, non la riconosce ma inizia a parlare a voce alta e razionalizza questo
comportamento dicendo che perch gli altri non sentono e non perch arrabbiato.
L'azione risulta quindi dissociata dal sentimento ed giustificata dall'immagine.
Questa negazione dei propri sentimenti a favore dell'immagine riduce, a volte in misura
considerevole, la capacit di comprendere ci che sta nella mente dell'altro e anche la
capacit empatica. L'impulso dell'emozione deve raggiungere la superficie del corpo per
essere vissuto come sentimento. Se l'impulso produce nella muscolatura uno stato di
predisposizione ad agire, allora sar vissuto come emozione. L'inibizione cronica del
movimento per mezzo della tensione cronica dei muscoli ha l'effetto di sopprimere il
sentimento. Una tensione di questo tipo si riconosce perch rende il corpo statuario e ne
aumenta l'insensibilit percettiva grazie alla riduzione della respirazione e della motilit.
Questa restrizione della percezione selettiva ed strettamente connessa alla
consapevolezza: esclude e nega aspetti che sentiamo minacciosi ma pu renderci
ipersensibili verso altri aspetti. Non insolito,infatti, che il corpo insensibile alle emozioni
del narcisista, sia abitato da forti angosce ipocondriache che lo rendono paradossalmente
iper attento a tutte le variazioni fisiche, costruendo per, anzich percezioni, delle
allucinazioni mentali o delle fantasie. All'inizio questa negazione consapevole e si
configura come scelta di evitamento; con il tempo diventa inconsapevole.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

30

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Le emozioni in famiglia
L'esperienza familiare ha comportato una grave ferita narcisistica che lascia un segno e
ne modella la personalit. Questa ferita implica una umiliazione e un'esperienza di
impotenza nei confronti di un genitore seduttivo o manipolatorio. L'umiliazione non
necessariamente legata ad una punizione fisica: pu essere l'eccesso di svalutazione da
parte di un genitore ipercritico oppure , all'opposto, il sentirsi amati solo quando si
perfetti, con il conseguente senso di umiliazione legato allo sbagliare.Il desiderio di
controllo che sviluppano successivamente ha la funzione di proteggerli da una ulteriore
umiliazione. Potere e controllo diventano le due facce della stessa medaglia: entrambi
garantiscono una sorta di "protezione magica" dal rischio di essere di nuovo umiliati.
Spesso la famiglia diventa teatro di emozioni che rafforzano i tratti narcisistici. L'essere
esposti a sentimenti di intensa invidia o di compiacenza verso il potere, una esaltazione di
alcune figure di prestigio, oppure l'orrore nei confronti del fallimento e dell'errore, possono
modellare lo sviluppo nel versante narcisistico, portando la persona a conformarsi allo
standard che viene proposto implicitamente nella famiglia d'origine, come lo standard
perfetto a cui conformarsi. Questo desiderio di perfezione un'altra delle condizioni che
portano, nell'et adulto, all'instaurarsi della depressione perfezionistica o narcisistica. A
proposito di perfezione il narcisista fatica a riparare le rotture relazionali[ e passa da
relazioni fortemente idealizzate alla rottura relazionale e alla svalutazione. Una ragione di
pi per comprendere l'importanza del lavoro sulla relazione di Tronick e per dedicare molta
attenzione all'oscillazione di idealizzazione e svalutazione.
Possiamo dire che sia l'orale che il narcisista hanno sperimentato una situazione familiare
incapace di rispondere ai bisogni organismici di base. Per questa ragione spesso nel
carattere orale troviamo elementi narcisistici e viceversa nel narcisismo troviamo tratti
orali. Ma fisicamente, se l'orale appare come un "sacco vuoto", il narcisista fa di tutto per
evitare di "sgonfiarsi", mostrandosi al mondo pieno di s, con un torace gonfio e possente.

La lettura del corpo


Come per lo psicopatico, il cui disturbo all'interno dell'area narcisistica, la contrazione pi
importante quella alla base del cranio, nei muscoli che congiungono la testa al collo.
L'aspetto fisico complessivo meno segmentato che nello psicopatico e spesso il corpo
molto armonioso, e levigato perch la qualit costante di tensione struttura un corpo
tonico, statuario, ma poco espressivo. Una delle caratteristiche dominanti la bellezza che
non presenta " graffi" perch curata nei minimi dettagli. Spesso il viso poco espressivo e
mostra frequentemente un sorriso statico e i dipendente dalle circostanze. Il bacino sotto
caricato perch la sessualit non importante se non come mezzo per ottenere
riconoscimento e validazione, ammirazione e plauso. quindi una sessualit molto
performativa ma poco affettiva. Il diaframma teso ed spesso la linea di demarcazione
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

31

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

percettiva. La parte bassa del corpo, infatti poco percepita. Il torace espanso anche se
la respirazione piccola. L'espansione ottenuta da una espirazione che non mai
completa. Detestando e temendo la sensazione di svuotamento, lascia sempre una
consistente riserva d'aria che spesso alimenta sensazioni di oppressione, soffocamento e
tensione con conseguente timore di patologie cardiache. Se, nel lavoro corporeo, si
esercita una pressione che aiuta lo svuotamento, spesso emerge una sensazione di
soddisfazione legata allo sperimentare una migliore efficacia respiratoria. Ma scendere ,
svuotare, riportare la flessibilit nella struttura, sono passaggi che vanno compiuti con
estrema cautela perch dietro a questo "tenersi su", dietro all'immagine statuaria, si
nascondono elementi di vero terrore che possono sfociare in attacchi d'ansia e di panico.
Spesso il narcisismo si accompagna ad un senso di povert o deprivazione che non
correla con la reale situazione economica ma espressiva della povert relazionale
conseguente alla difficile relazione con gli altri. Sono poche le sue relazioni "nutrienti" e
molte quelle in cui prevalgono elementi parassitari. Questa difficolt a protendersi ben
espressa dalle braccia, spesso poco percepite e poco vitali e con mani piccole e infantili,
come se il suo bisogno di prendere , chiedere e dare si fosse fermato all'adolescenza.
Anche i piedi possono essere insolitamente piccoli rispetto alla struttura complessiva.
Piedi che non sono stati caricati dal peso e che sono rimasti un po' infantili. Questa scarsa
percezione del grounding esprime la sensazione di incertezza, di non avere una base
sicura su cui poter contare. Una sensazione che rafforza la tendenza a tirarsi su da solo.
Poich l'accentuazione sull'immagine, non insolito che l'apparenza complessiva sia
aggraziata e proporzionata, ma un po' statica.
Concludo con la consueta poesia, che ci permette di ricordare che noi siamo molto di pi
delle nostre difficolt e che,anzi, le nostre difficolt ci insegnano la nostra grandezza
Lacqua insegnata dalla sete.
La terra, dagli oceani traversati.
La gioia, dal dolore.
La pace, dai racconti di battaglie. Lamore. Da unimpronta di memoria. Gli uccelli, dalla
neve.
Emily Dickinson

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

32

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO OTTAVO

Umanizzare il nostro narcisismo


Questa pagina una ideale prosecuzione del carattere
narcisista e nasce dal desiderio di espandere sia la prospettiva
diagnostica che quella caratterologica.
La diagnosi infatti viene spesso vissuta come una specie di
fotograa mentre, a mio avviso molto di pi un lm con una
trama che ha uno svolgimento temporale, l'interazione di molti
fattori e una serie di signicativi cambiamenti. Avere una
diagnosi utile se la consideriamo in questa prospettiva. Ma, come una mappa non il
territorio, cos una diagnosi non una persona. Una persona molto pi e molto meglio
della sua diagnosi.
Per approfondire queste riessioni il narcisismo , potremmo dire ironicamente,
perfetto. Tutti infatti abbiamo qualche grado di elementi narcisistici perch, come
abbiamo visto, il narcisismo formato da elementi relazionali e culturali.

Gli aspetti culturali


La nostra cultura sottolinea e valorizza alcuni elementi narcisistici: la nostra attenzione
ad uno standard elevato di prestazione, la competitivit, il perfezionismo che alcune
attivit professionali richiedono, ci spingono a sostituire la realizzazione professionale al
posto di quella umana, a sacricare la nostra vita in nome del nostro personale ideale di
successo. Questo vero per molti di noi: non siamo narcisisti in senso stretto ma il
dilemma narcisista diventa il risultato della nostra cultura orientata al miglioramento e al
progresso. Molte persone piene di talento, ricchi di umanit e capacit rimangono
intrappolate in questo dilemma che li spinge a passare molto tempo nella dimostrazione
del proprio valore, anzich nel piacere di essere vivi.

La ferita narcisistica
La ferita narcisistica una offesa profonda al nostro s reale che pu arrivare, nei casi
pi gravi, a tagliare il contatto e la comprensione del s reale in modo quasi totale.
Questa ferita compromette la capacit espressiva autentica a favore di una specie di
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

33

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

rappresentazione o recitazione. Essenzialmente il messaggio che si realizza nella ferita


narcisistica "non essere chi sei ma chi ho bisogno che tu sia. Quello che sei mi
disturba, mi minaccia, mi delude. Cerca di essere come ti desidero e ti amer". Da un
certo punto di vista tutte le difese caratteriali realizzano questa illusione: l'illusione che,
se saremo diversi, se saremo perfettisaremo amati.
Ogni adattamento caratterologico comporta lo sviluppo di un falso S, utilizzato in
maniera difensiva. Questa difesa struttura anche una modalit di relazione, perch nasce
all'interno di una matrice relazionale. Ecco perch tutti noi abbiamo tratti narcisistici:
perch nessuno di noi, per quanto sia stato amato "cos com'", immune dall'aver
rinunciato a qualcosa di s per essere amato di pi.
Inoltre, come ha ben descritto Alice Miller, ne "Il dramma del bambino dotato", a volte la
risposta di adeguamento al desiderio dell'altro, nasce perch il bambino molto - troppo
- sensibile e coglie il desiderio della persona amata.

Un desiderio a cui di adeguiamo silenziosamente


Un desiderio a cui si adegua silenziosamente, con l'intento di renderla felice. Cos tratti
orali e tratti narcisistici sono spesso strettamente intrecciati nella vita di tutti noi: perch
realizzano il nostro desiderio romantico di amore. Nello stesso tempo, poich cediamo
una parte di noi per amore di un'altra persona, quella parte diventa "meccanica" o
"meno umana" perch privata della comunicazione con il nostro S reale.
Ecco il titolo di questa pagina: "umanizzare" i tratti narcisistici signica restituire a noi
stessi quella comprensione, compassione e valore che abbiamo ceduto per amore. Una
restituzione che pu avvenire pi facilmente dall'interno, perch se avviene "per" un
rapporto, rischia di attivarsi la stessa matrice relazionale da cui siamo stati strutturati.
Ossia una ripetizione di piccoli sacrici di noi per rinsaldare il legame: sacricio al posto
di gratitudine.
Ammirazione al posto di amore.

Il contatto sostitutivo
Il concetto di "contatto sostitutivo" un geniale concetto reichiano che Lowen
approfondisce attraverso il tema delle illusioni. Poich l'armatura struttura una difesa
contro il dolore primitivo che cerchiamo di evitare, ci conduce alla ricerca di contatti che
siano sostitutivi. Cosa signica? Signica che il nostro vero impulso, la nostra vera ricerca
di contatto ed amore - che la spinta che sta dietro la nostra vita - troppo pericolosa.
Per non correre rischi, per non esporci nuovamente a quel dolore, cerchiamo un tipo di
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

34

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

contatto con l'altro che ci dia qualcosa che assomiglia al nostro bisogno originario, senza
mostrarlo.
Se abbiamo bisogno di amore, possiamo cos cercare ammirazione, che offre una
graticazione senza rischi. Se abbiamo bisogno di comprensione, cerchiamo di diventare
intelligenti, se abbiamo bisogno di libert, cerchiamo di essere approvati, se abbiamo
bisogno di carezze, cerchiamo sessualit E costruiamo cos delle modalit relazionali
sostitutive che non risolvono il bisogno primitivo ma ci danno un succedaneo, qualcosa
che renda meno intollerabile la nostra fame.

Cedere a se stessi
Ecco perch la risposta deve nascere dall'interno: ossia dalla nostra disponibilit a
cedere a se stessi e al proprio vero bisogno. Correndo il rischio di non trovare quello che
cerchiamo dagli altri, abbiamo per la possibilit di incontrare noi stessi. Questo cedere,
questa qualit di "arrendersi a se stessi" permette di trovare - in ne - quella pace di cui
abbiamo bisogno. E' la pace della libert di esistere, cos come siamo. Una libert
autorizzata da se stessi, non per diventare roccaforti inattaccabili ma per offrire, con la
propria vulnerabilit, quell'apertura verso il mondo esterno che pu realizzare anche il
bisogno relazionale. Non quindi un passare dal "fare tutto per gli altri" al "fare tutto per
se stessi". E' piuttosto un offrirsi alla vita, tollerando che ci siano dei "si" e dei "no".
Restituendoci la piena dignit di ci che siamo.

Magnificenza e vulnerabilit
Questo approccio alla realt rappresenta il pieno apprezzamento della propria
individualit e tratta emotivamente l'impatto con la realt stessa, integrando la propria
magnicenza e la propria
vulnerabilit.Questa integrazione
il tentativo di riconciliare
l'illusione della simbiosi con la
realt delle limitazioni e della
differenziazione. Quando
possiamo essere come un
neonato, magnici e vulnerabili
insieme, non ci sono disordini
del S. Ma quando ci che siamo
troppo o troppo poco, troppo
energetico o non abbastanza
energetico, troppo sessuale o non
abbastanza sessuale, troppo
veloce o troppo lento, troppo stimolante o non stimolante a sufcienza, troppo
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

35

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

indipendente o non abbastanza indipendente, allora non possiamo realizzarci: questa la


vera ferita narcisistica e il nostro sviluppo si arresta al punto in cui abbiamo bisogno di
un rispecchiamento supportivo per crescere. Se ci rispecchiamo nell'esterno e decidiamo
di riutare ci che l'esterno non approva, niremo per nascondere ci che stato
riutato e cercheremo delle compensazioni, dei contatti sostitutivi.

Il percorso bioenergetico
Solo se torniamo alla realt biologica della nostra esistenza sica possiamo trovare la
forza di rinunciare alla grandiosit del nostro falso S.
" (La bioenergetica procede diversamente) espandendo la coscienza verso il basso, porta
l'individuo pi vicino all'inconscio. Nostro obiettivo non e di rendere cosciente l'inconscio ma di
renderlo pi familiare e meno spaventoso. Quando scendiamo no a quella zona di conne in cui
la coscienza del corpo tocca l'inconscio ci rendiamo conto che l'inconscio e' la nostra forza mentre
la coscienza e la nostra gloria. Percepiamo l'unita della vita e capiamo che il signicato della vita
e' la vita stessa. (Lowen, 1975, 284)"
Un percorso che possiamo immaginare costruito attorno a cinque elementi:
1) Il grounding: questo lavoro signica ancorarsi nella propria esperienza corporea,
lasciando scendere ci che ci "tiene su", per connetterci alla terra, alle nostre radici,
attraverso il contatto con il respiro e con i piedi.
2) Il secondo passo riguarda l'apertura del bacino e del petto in modo che il usso
naturale dell'energia sica possa essere percepito. Spesso signica lasciar scendere le
spalle e le contrazioni di quel distretto portando ad una rivitalizzazione di quella parte
del corpo, con i piccoli segnali di apertura del torace che l'accompagnano. Accanto a
questo, una maggiore libert dei movimenti del bacino garantisce una percezione del
corpo pi ampia. Moltissimi gli esercizi che possono permettere queste due aperture.
Esercizi che beneciano della semplice ripetizione, una ripetizione che gradualmente
ammorbidisce la tensione, portando, talvolta, ad un senso di rilassamento che vitalit
che emerge.
3) Lo scioglimento delle tensioni del collo e l'apertura della voce: la capacit
autoespressiva fortemente limitata dalle tensioni della gola e del collo. Sciogliere e
lasciar uscire il proprio suono sostiene la ducia nella propria capacit e possibilit di
esprimersi. Spesso la richiesta di lasciar uscire il suono del proprio respiro avversata:
troppo strana, maleducata, fastidiosa. Gi le reazioni a questo invito gentile possono dirci
come la persona vive la possibilit di esprimersi veramente.
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

36

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

4) La risonanza corporea: rispondere empaticamente, attraverso la propria risonanza


corporea, all'esperienza corporea dell'altro, aiuta il processo di adesione al proprio S
reale. In bioenergetica il cambiamento non mai un cambiamento unidirezionale: cos
come il sorriso di un bambino esiste in direzione di qualcuno, anche il processo
corporeo che la persona sperimenta risuona e attiva una risposta corporea nel terapeuta.
Costruiamo, o meglio co-costruiamo il processo corporeo attraverso un usso di
microregolazioni interattive. Questa risonanza struttura l'esperienza dell'intimit, cos
fondamentale nel recupero della perdita narcisistica.
5)L'esperienza del movimento: insieme al grounding e alla risonanza, l'esperienza del
movimento permette di riportare il contatto con la propria vulnerabilit e magnicenza.
Umanizza la percezione corporea e apre alla completezza della relazione con l'altro, alla
vitalit del piacere e al processo stesso della vita.

Le emozioni nel processo terapeutico


Sono molte le emozioni che il processo terapeutico attiva, tutte curano l'illusione di
poter fare tutto da solo. Se vero che il cambiamento deve venire dall'interno,
altrettanto vero che l'illusione di poter fare tutto da solo - o la dannazione di fare tutto da
solo - imprigiona in una ripetizione senza limite della trappola narcisistica. Dopo essere
vissuto per anni senza muoversi, senza ricevere, senza chiedere, l'esperienza del piacere,
del movimento, dell'intimit e, inne, dell'amore possono schiudersi "al rischio" di
vivere.

La poesia
Le parole sono, come dice Lowen, una funzione della coscienza:"Le parole svolgono a
livello individuale la stessa funzione che svolgono per la societa'. La storia viva di una persona e'
registrata nel corpo, ma la storia cosciente lo e' nelle parole. Se manca la memoria delle
esperienze mancano anche le parole per descriverle....."
Non tutte le parole sono cos: lo sono quelle che nascono dalla nostra esperienza intima e
profonda. " L'affettivit e il vissuto sono importanti perch senza di essi le parole sono vuote. Ma
il vissuto da solo non basta. Occorre parlare ripetutamente dell'esperienza per sondarne tutte le
sfumature di signicato e per farla diventare oggettivamente reale nella coscienza" (Lowen,
1975, 287)" Questo quello che avviene nelle poesie...

Qualche parola sull'anima (Wislawa Szymborska)


Lanima la si ha ogni tanto.
Nessuno la ha di continuo
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

37

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

e per sempre.
Giorno dopo giorno,
anno dopo anno
possono passare senza di lei.
A volte
nidica un po' pi a lungo
sole in estasi e paure dellinfanzia.
A volte solo nello stupore
dellessere vecchi.
Di rado ci da una mano
in occupazioni faticose,
come spostare mobili,
portare valige
o percorrere le strade con scarpe strette.
Quando si compilano moduli
e si trita la carne
di regola ha il suo giorno libero.
Su mille nostre conversazioni
partecipa a una,
e anche questo non necessariamente,
poich preferisce il silenzio.
Quando il corpo comincia a dolerci e dolerci,
smonta di turno alla chetichella.
schiltosa:
non le piace vederci nella folla,
il nostro lottare per un vantaggio qualunque
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

38

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

e lo strepito degli affari la disgustano.


Gioia e tristezza
non sono per lei due sentimenti diversi.
E presente accanto a noi
solo quando essi sono uniti.
Possiamo contare su di lei
quando non siamo sicuri di niente
e curiosi di tutto.
Tra gli oggetti materiali
le piacciono gli orologi a pendolo
e gli specchi, che lavorano con zelo
anche quando nessuno guarda.
Non dice da dove viene
e quando sparir di nuovo,
ma aspetta chiaramente simili domande.
Si direbbe che
cos come lei a noi,
anche noi
siamo necessari a lei per qualcosa.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

39

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO NONO

Il dilemma tra piacere e dovere: il carattere


rigido

Il dilemma tra realizzare il proprio naturale impulso verso il piacere oppure posporre la
realizzazione del piacere all'assolvimento del dovere, un dilemma che tutti noi
conosciamo. Un dilemma che spesso risolviamo attraverso la rigidit: tratteniamo il nostro
impulso verso il piacere per poter ottenere un risultato, portare a termine un compito,
organizzare meglio la nostra giornata. In genere gli impulsi che tratteniamo sono impulsi
connessi alla vitalit del corpo: tratteniamo la fame, la minzione, il riposo o il desiderio
sessuale. Questo trattenimento, per avvenire ed essere efficace , si accompagna alla
contrazione muscolare.

Il sorgere del bisogno


Il fatto che un bisogno compaia percettivamente nella nostra coscienza dovuto al fatto
che, dal punto di vista muscolare, ci siamo gi preparati per l'azione che realizza quel
bisogno. L'attivazione muscolare e la sua particolare configurazione psico-fisica, sono ci
che ci permette di riconoscere proprio la specifica natura di quel bisogno.
In parte trattenere l'immediatezza dell'impulso un inevitabile e necessario atto di rispetto
verso noi stessi e gli altri. Il problema quando questo trattenersi, questo "tenersi indietro
" o "dentro" diventa sistematico e non giustificato da una reale necessit ma, piuttosto,
riguarda uno stile di relazione nei confronti di se stessi.

Bisogno e salute
"La salute - dice Lowen - si distingue per l'assenza di un modello tipico di comportamento;
le sue qualit sono la spontaneit e l'adattabilit alle esigenze razionali di una situazione.
uno stato fluido, in contrasto con la nevrosi che una condizione strutturata. Queste
parole ci permettono di comprendere bene l'organizzazione difensiva del carattere rigido:
non sono le scelte in s che sono sbagliate o inadeguate ma lo diventano per la
mancanza di fluidit.C'e un prevalere della razionalit che va oltre le reali necessit e che

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

40

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

rivela un atteggiamento eccessivamente orientato agli elementi concreti, alle realizzazioni


pratiche, e, di converso, una esagerata severit nei confronti dei bisogni interiori.

Crescita e vulnerabilit
Tutti i processi di crescita richiedono una quota di vulnerabilit per potersi realizzare. La
crescita fisica richiede che le epifisi delle ossa non siano saldate, che le ossa craniche
abbiano "le fontanelle aperte", la crescita richiede flessibilit per integrare i processi di
espansione. Nello stesso tempo abbiamo bisogno di affiancare i processi di crescita ad
una quota di strutturazione per ragioni che sono economiche e funzionali. Crescendo
riduciamo, in maniera fisiologica, la nostra vulnerabilit psichica e fisica. Una vulnerabilit
che inizia a ripresentarsi con il processo dell'invecchiamento. Il carattere rigido un
carattere che ha un eccesso di struttura a scapito della vulnerabilit. Questo solo
apparentemente un vantaggio visto che riduce, in maniera a volte rilevante, la possibilit di
crescita e cambiamento. Spesso il sistema altamente strutturato del carattere rigido crolla
proprio sotto la pressione di eventi improvvisi che richiedono flessibilit. apparentemente
resistente allo stress ma in realt, come sappiamo, tutte le strutture rigide sono, in realt,
pi fragili.

Il crollo
Per questa ragione eventi improvvisi o ad alto impatto di cambiamento, anche se non
necessariamente negativi, possono comportare un vero e proprio terremoto e originare dei
crolli e bruschi cambiamenti. Pu trasformarsi in poco tempo da affidabile padre di famiglia
a tenero fidanzato di una persona completamente diversa, rivelando, spesso a sorpresa,
cosa nascondeva la solidit della sua struttura.
Se il carattere orale si ritira dalla realt in condizioni sfavorevoli, il carattere rigido diventa
teso ma mantiene il contatto ed meno soggetto alle fluttuazioni dell'umore ma pu fare
bruschi ed inspiegabili cambiamenti di rotta. A causa della rigidit la motilit diminuisce e
spesso lamenta una mancanza di vitalit ma non di vuoto interiore.

Reich e larmatura caratteriale


Fu il riconoscimento di questa rigidit caratterologica che port Reich a formulare il
concetto di armatura caratteriale e a metterla in parallelo con l'atteggiamento psicologico.
Ed solo a questo tipo di struttura che si pu applicare il concetto di armatura, che
quello che poi struttura la rigidit . Le persone cos corazzate provano poca ansiet,
un'ansia che per emerge, a volte anche intensamente, come l'armatura si apre, rivelando
la vulnerabilit sottostante.
Se la privazione produce l'oralit la frustrazione l'elemento che contribuisce alla
formazione della rigidit. La frustrazione un fenomeno edipico che descrive l'incapacit
di scaricarsi, di dirigere la libido verso un oggetto esterno che sia fonte di piacere
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

41

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

reciproco. Per questo il carattere rigido investe moltissimo sul lavoro: questo gli permette
di dirigere la libido verso l'esterno senza correre i rischi della relazione d'amore. Ci che
realizza diventa frutto e merito del suo impegno: un risultato per il quale disponibile a
sostenere anche livelli molto alti di frustrazione.

La lettura del corpo


La struttura eretta, con la testa alta e il
portamento caratterizzato da una tensione
attorno alla colonna vertebrale. Per
trattenersi deve tener controllata la schiena
e le due parti estreme ad essa connessa:
la testa e i genitali. Questo gli garantisce
un
buon contatto con la realt usato
per come difesa contro l'aspirazione al
piacere e all'abbandono.

I punti periferici di contatto, come mostra il


consueto diagramma a stella, sono
abbastanza carichi, il che consente una buona
verifica della realt prima di agire. Il fatto che il
controllo sia periferico fa si che la
consapevolezza di s sia migliore della
capacit espressiva delle emozioni, che sono
spesso trattenute.
Le principali aree di tensione riguardano i muscoli lunghi del corpo con una spasticit sia
dei flessori che degli estensori. Una caratteristica importante la vitalit che ci permette di
comprendere la gravit dei tratti rigidi. Se la rigidit non forte questa la struttura
caratteriale pi vitale, ma, sotto pressione, la sensazione di perdita di vitalit spesso il
primo sintomo che emerge. La foto sottostante, che
parte del lavoro del Dottor Tuccio, che ringrazio,
esprime con chiarezza la differenza tra la struttura
orale e quella rigida: possibile cogliere come nella
struttura rigida tutto ruota attorno alla colonna
vertebrale che eretta e diventa il vero luogo
dellidentificazione dellIo. Una colonna che cede con
difficolt. Questo rende estremamente utile il lavoro
con
il
cavalletto
bioenergetico.
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

42

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Fattori eziologici e storici


Nella sua storia di vita raramente si incontrano forti traumi: forse il pi rilevante la
frustrazione nella ricerca di gratificazione erotica, soprattutto a livello genitale, spesso
maturata all'interno di un forte orientamento edipico. Ha vissuto le sue frustrazioni erotiche
e sessuali come un rifiuto e un tradimento della sua propensione al contatto e ha attuato
un "eccesso" di difesa: non correre che il minimo dei rischi possibili di venir rifiutato di
nuovo. una persona affettiva, che non taglia il contatto emotivo come nel narcisismo, ma
esprime gli affetti in modo contenuto e sotto il controllo dell'io. questo controllo che
dovrebbe abbandonare per essere veramente se stesso. Agisce con prudenza e in modo
indiretto, a volte manipolatorio.Ma, a differenza del carattere psicopatico che manipola per
raggiungere il potere, in questo caso la manipolazione diretta dalla ricerca di intimit .

Illusione e carattere
Come abbiamo visto, in
necessario per difendersi
dato. La sua illusione
apprezzato. Di fatto una

questa struttura caratteriale prevale un senso di prudenza,


dal ripetersi dell'esperienza di rifiuto o tradimento, dell'amore
quella della persona che ama ma il cui amore non viene
persona capace di amore nei sentimenti pi che nelle azioni. Il

punto interessante che la sua illusione non del tutto falsa, cosa che possiamo
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

43

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

affermare per tutte le illusioni. Il rischio che l'illusione impedisca di vedere la realt e, in
questo caso, gli impedisca di comprendere quando il suo comportamento esprime amore
o quando lui per primo, d quello stesso rifiuto che tanto teme.

La poesia
Sono molte le poesie che possono raccogliere il dilemma della rigidit, scelgo Gibran che
parla della fluidit e del confine con parole sagge. Una saggezza che pu aiutarci quando
perdiamo la strada del piacere insensatamente
Il piacere
Khalil Gibran
Il piacere un canto di libert, Ma non libert.
E' la fioritura dei vostri desideri, Ma non il loro frutto.
E' un abisso che esorta alla scesa, Ma non profondo n alto.
E' un uccello in gabbia che si alza in volo, Ma non lo spazio conquistato.
S, francamente, il piacere un canto di libert.
E io vorrei che lo intonaste in tutta pienezza, ma temo che a cantarlo perdereste il cuore.
Spesso, negandovi al piacere,
non fate altro che respingere il desiderio nei recessi del vostro essere.
Chiss che non vi attenda domani ci che oggi avete negato.
Anche il vostro corpo conosce la sua ricchezza e il suo legittimo bisogno, e non permette
inganno.
Il corpo l'arpa della vostra anima,
E sta a voi trarne musica armoniosa o confusi suoni.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

44

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO DECIMO

Blocchi e Hangs up: il grounding e la sua mancanza nei


diversi caratteri
Che cosa sono i blocchi in bioenergetica
I blocchi, di cui abbiamo parlato nei capitoli precedenti possono influenzare
specificatamente il grounding, ossia la capacit di radicamento a terra. In questo caso
Lowen li definisce hang ups perch tengono la persona "appesa in alto" anzich con i
piedi saldamente appoggiati per terra. Metaforicamente, e non solo, potremmo dire che
sono fissazioni muscolari che ci tengono nelle idee o illusioni sulla realt, anzich
permetterci di stare nella realt, nel nostro grounding.

Freud, Lowen e le fissazioni


il termine fissazione hang up per Lowen un interessante interfaccia tra la
bioenergetica e la teoria psicoanalitica, soprattutto per quello che riguarda la fissazione
libidica. Poich per Freud la carica libidica ha una fonte corporea, risulta abbastanza
evidente che il blocco, perch tale la fissazione, della carica libidica, abbia una
risonanza a livello corporeo. Risonanza che Lowen affronta con la consueta originalit e
pragmaticit dando la possibilit di orientare il lavoro con esercizi specifici per le specifiche
modalit di trattenimento o fissazione. Tutto il lavoro sul trattenimento e la fissazione in
senso bioenergetico diventa, di fatto, un lavoro per ristabilire il grounding e la flessibilit
naturale, il fluire pulsante della vitalit, non pi bloccata dai sentimenti inespressi.
Citando Lowentutti gli individui fissati o appesi hanno una tristezza profonda e
molti preferirebbero rimanere fissati piuttosto che affrontare la tristezza, che in molti
rasenta la disperazione. Questo il nucleo del mio interesse personale e professionale su
questo argomento. Scoprire i propri sentimenti trattenuti, inespressi, diventati inconsci, ci
permette di riprenderci parti del nostro S perdute, ci restituisce uninterezza impossibile
altrimenti. Questo stato anche, in buona sostanza, il nucleo del mio percorso
terapeutico; riparare ferite ormai avvenute, ma soprattutto tornare ad essere consapevole
dei sentimenti trattenuti legati a quelle ferite.

Fissazione libidica e fissazione al trauma


Il termine fissazione viene usato da Freud in due accezioni:si parla, infatti, di fissazione al
trauma o di fissazione della libido. Nel caso della fissazione al trauma il comportamento
della persona riportato, nei sintomi e nelle conseguenze che da essi derivano, ad un
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

45

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

determinato periodo del suo passato. In questo senso la fissazione al trauma non altro
che leziologia della nevrosi traumatiche.
Lowen riprende il termine fissazione e lo inserisce nel quadro energetico dei
pazienti. Una persona fissata cito testualmente quando impigliata in un conflitto
emotivo che la immobilizza e le impedisce qualsiasi azione efficace per cambiare la
situazione . In genere, si sottolinea come la fissazione, che da questo momento chiamer
con il termine inglese hang up per distinguerla dallaccezione freudiana, accompagnata
dalla presenza di sentimenti opposti, uno dei quali blocca lespressione dellaltro. In questa
situazione, che pu essere consapevole o inconscia, la libert di movimento viene limitata
in tutte le aree della vita, non solo in quelle conflittuali e questa situazione si strutturer nel
corpo con una serie di tensioni muscolari croniche.

Leggere il corpo
Come per Freud, anche per Lowen non tutta lenergia risulta bloccata, lo solo una
parte. Questa quota denergia trattenuta nasconde unillusione che immobilizza la persona
perch la imprigiona in un conflitto tra le esigenze della realt, da un lato, e il tentativo di
realizzare lillusione dallaltro.
Leggere la fissazione nel corpo permette di risalire allillusione e al relativo conflitto.
L'energia bloccata diventa cos uno strumento diagnostico e un progetto terapeutico.
Ci sono due modi per determinare, in base allespressione corporea, se lenergia della
persona bloccata. Il primo modo quello di vedere se ben radicata, cosa che
esattamente lopposto dellessere hang ups letteralmente appesi. Quando si appesi
lenergia viene ritirata dai piedi e dalle gambe e si dirige verso lalto. Maggiore il ritiro,
tanto pi sembra che lindividuo salga verso lalto.
Il secondo metodo prosegue Lowen lindividuazione della postura della met
superiore del corpo.
Quando ci blocchiamo la soluzione, nella clinica bioenergetica, quella di aumentare la
carica. La carica energetica si aumenta con il lavoro sul respiro. Aumentando la carica
energetica il flusso denergia andr ad arrestarsi proprio nel punto in cui c la situazione
di hang up permettendoci sia di evidenziarla e riconoscerla sia di scioglierla.

Le posture appese
Lowen affronta specificatamente alcune posture della parete superiore del corpo che
caratterizzano appunto la situazione di ritiro energetico dal grounding:
Le spalle ad appendiabiti che sono tipiche di una persona che ha vissuto ripetutamente
esperienze di paura. Lenergia bloccata e trattenuta nelle spalle che sono rialzate. La
persona non pu avanzare perch ha paura ma nemmeno ritirarsi proprio perch ha
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

46

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

negato la paura. La soppressione della paura genera anche la soppressione della collera
ad essa collegata. Il collo, bloccato dalle tensioni alle spalle non pi sufficientemente
elastico da permettere una respirazione fluida e, in alcuni casi, il respiro avviene in una
situazione di totale immobilit dove si muove solo la parte molle tra le clavicole.
La gobba della vedova costituita da una massa di tessuto che si accumula appena sotto
la settima cervicale conferisce alla schiena una forma a dorso di bisonte.
In questo caso la gobba trattiene i sentimenti di collera diretti verso le braccia e la testa e
lespressione fisica della rabbia, esprimendo un conflitto tra un atteggiamento di
sottomissione e violente reazioni rabbiose per la frustrazione che comporta un simile
atteggiamento. Spesso questo tratto presente in persone che hanno una struttura
caratteriale o delle difese prevalenti di tipo masochistico.
Sottomettersi alla richiesta di essere bravi bambini immobilizza la possibilit di
manifestare i sentimenti di rabbia che vengono espressi invece con improvvise esplosioni
verbali o con atti mancati.
Il tratto masochistico viene associato da Lowen anche allaspetto diabolico5 ed
interessante notare come, in parte delliconografia legata allimmagine diabolica, ci sia un
satiro gobbo e furbo che subisce e si vendica in forme indirette. Una specie di ritratto
energetico, appunto della gobba della vedova.
Nella situazione in cui la persona viene posta sul piedistallo esistono forti meccanismi
di idealizzazione che tengono in piedi la persona fino a che questa si sente allaltezza
della idealizzazione. Ad un certo punto la situazione diventa insostenibile perch la
persona desidera un contatto reale e il riconoscimento delle proprie difficolt ma la paura
di scendere dal piedistallo fa s che da una parte reclami il suo essere vista ed accettata in
termini pi realistici anche nei suoi difetti, dallaltra quando il conflitto diventa troppo
intenso la persona torna bruscamente sul piedistallo alimentando gli elementi di ritiro.
Per liberare la persona dal piedistallo necessario portare di nuovo la consapevolezza
sullappoggio a terra; necessario sentire il dolore per la perdita delle radici.
Lowen cita altre due hang ups, quella detta capestro e quella definita la croce. Entrambe
sono legate alla struttura schizoide e indicano una frattura tra le funzioni del capo, o
funzioni dellio e le funzioni corporee. Larea chiave delle tensioni alla base del cranio ed
una tensione che spacca in due la personalit.

Hangs up e strutture caratteriali


Per il carattere schizoide,visto che il senso di se ridotto e si hanno forti fratture o
scissioni sia corporee che di personalit, si pu osservare un tenersi insieme spesso
espresso con gesti che danno proprio lidea di una necessit di stare insieme per non
perdere pezzi. La gestualit pu essere molto ridotta oppure estremamente scomposta.
Quando c ipermotilit questa dissociata dal contenuto emozionale, il corpo teso ma il
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

47

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

movimento meccanico. Nella motilit ridotta possono esserci maggiori contenuti emotivi,
lipotonia legata ai muscoli superficiali mentre quelli profondi sono spastici, e le
articolazioni sono congelate, in particolare quelle delle gambe, per evitare il contatto con il
terreno. La sensazione generale, dal punto di vista energetico quello di un sistema
chiuso e frammentato che pi che per radicarsi lavori per tenersi insieme.

Per il carattere orale lelemento di hang up il tenersi aggrappati che sembra assorbire
forza ed energia dallesterno; il sistema muscolare poco sviluppato e scoordinato. Le
gambe sono deboli e prive di tono, come la schiena che spasticamente contratta per
fornire supporto alle gambe. Spesso le ginocchia sono serrate. Gli occhi forniscono una
specie di supporto ancorandosi agli altri e pendendo dalle loro labbra. La modalit
prevalente rimanda ad un bambino bisognoso, in parte consapevole del proprio bisogno,
che cerca ogni modo per tenersi su, meno quello naturale, ossia le proprie gambe. Spesso
i piedi sono appiattiti e collassati come le pinne di un pesce. A volte, reattivamente, pu
essere agita lillusione di poter fare tutto da soli proprio per non dover fare i conti con il
bisogno degli altri.
Il carattere psicopatico/narcisista invece tutto occupato dal dimostrare e dimostrarsi al
di sopra degli altri, il sostegno viene ottenuto manipolando gli altri. La parte inferiore del
corpo trattenuta, il movimento energetico tutto diretto verso gli altri e la grande paura
quella di sentirsi inermi, di cadere. Se prevalgono gli elementi di sopraffazione il torace
sar molto espanso, se invece prevalgono gli elementi seduttivi pu esserci
uniperflessibilit.
Le gambe possono avere caratteristiche orali perch questo carattere presenta sempre
anche elementi di oralit. Sono sottili e scariche, spesso le ginocchia sono iperestese o
bloccate. Il tratto delle ginocchia bloccate, nella mia esperienza anche espressione
dellorgoglio e di un atteggiamento in cui cedere lultima cosa possibile.
Nel carattere masochista prevale il tenersi dentro, i muscoli sono forti e contratti, spesso
danno al corpo una struttura tarchiata, il collo incassato tra le spalle e pu esserci quella
che abbiamo definito precedentemente gobba della vedova. Le natiche sono appiattite,
la coda tra le gambe la caratteristica dominante di questa struttura che solo
apparentemente sottomessa. C una marcata rigidit degli arti inferiori e spesso i piedi
hanno un arco molto accentuato con dita serrate. Laspetto muscolare eccessivamente
sviluppato ha proprio la funzione di trattenere gli impulsi negativi e quelli spontanei e
quindi di trattenere la parte delle spalle, schiena, gola, braccia per quanto riguarda
laggressivit.
w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

48

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Spesso il grounding influenzato dalleccessivo sviluppo dei muscoli del polpaccio e dei
muscoli frontali della coscia accompagnati dalla tensione nei tendini della parte posteriore.
La situazione di ambivalenza qui portata allestremo, lazione di sentimenti contrapposti
talmente forte che spesso conduce ad una vera e propria immobilit.
Il carattere rigido caratterizzato da un tenersi indietro per la paura di venir respinto o
ferito, lenergia per pu raggiungere la periferia e quindi le mani e i piedi, la tensione pu
limitare lespressione pi che la carica energetica. Per Lowen si pu parlare di corazza o
armatura caratteriale vera e propria solo per questo carattere poich gli altri, essendo
pregenitali non hanno avuto accesso ad una carica energetica sufficiente. La rigidit tende
ad aumentare sotto stress ed accentuare quindi l'elemento di testa alta e schiena dritta
che lo caratterizza. La spasticit dei muscoli estensori e flessori si combinano per produrre
la rigidit.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

49

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

CAPITOLO UNDICESIMO

Controtransfert: uno strumento terapeutico


La comprensione un processo di empatia che dipende dalla risposta armonica di un corpo a un altro
corpo. Non si tratta con ci di negare il valore della conoscenza. E solo una questione di priorit. Quando
lavoro con un paziente, faccio molto affidamento sulla mia risposta empatica nei suoi confronti. Con il mio
corpo posso sentire come si tiene e come sta nel mondo. Finch non sentir una persona, non potr far
nulla, perch non avrei nulla su cui basarmi se non la conoscenza e la mia conoscenza pu non essere
pertinente alla situazione del paziente. Per agire in questo modo devo fidarmi del mio sentire (A. Lowen,
1980, 202)

La frase di Lowen chiarisce bene uno dei significati che possiamo attribuire al
controtrasfert in analisi bioenergetica. Il controtrasfert, inteso come risposta corporea,
diventa cos uno degli strumenti che il terapeuta ha per comprendere ci che avviene nel
paziente. Il nostro corpo, entrando in risonanza con il corpo dellaltro, attiva dei processi
fondamentali di attribuzione di significato.
Questi processi di attribuzione del significato su base corporea, sono, ovviamente,
processi impliciti di regolazione emotiva. Hanno il compito di farci comprendere il senso di
ci che vive la persona, e attivano in noi anche una qualit di risposta corporea che
fornisce un substrato importante dellintervento terapeutico. Se possiamo dire che
lintervento terapeutico un processo esplicito di regolazione delle emozioni, il
controtransfert corporeo che i nostri pazienti attivano invece un processo implicito di
regolazione emotiva.
Fino ad anni molto recenti l'attenzione prevalente stata per i processi espliciti, mentali, di
regolazione emotiva, malgrado sapessimo che la regolazione delle emozioni opera spesso
pi a livello implicito che esplicito.
Negli ultimi dieci anni la regolazione implicita delle emozioni ha ricevuto una attenzione
prevalente.

Cos' la regolazione implicita delle emozioni


La regolazione implicita delle emozioni pu essere definita come quel processo che opera
senza una consapevolezza intenzionale o esplicita e ha lo scopo di modificare la qualit,
intensit e durata della risposta emotiva. Pu essere esplorata anche quando le persone
non realizzano che sono coinvolti in una regolazione delle emozioni o quando non hanno
l'intenzione consapevole di regolarle.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

50

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Infatti, malgrado sia spesso non intenzionale, la regolazione implicita delle emozioni,
sempre attiva, con lo scopo di confortare, ammorbidire o ridurre l'impatto delle emozioni
che sperimentiamo.
La non intenzionalit spesso ci che distingue la regolazione esplicita - che invece
intenzionale - da quella implicita. Questa non intenzionalit non equivale a spontaneit,
infatti coinvolge processi automatici spesso poco controllabili, che fanno s che le nostre
modalit implicite di regolazione siano portate avanti anche quando non sono molto
efficienti. Per fare un esempio una delle strategie implicite pi utilizzata la strategia di
evitamento che mettiamo in essere in modo molto automatico.Non ci rendiamo conto che
stiamo evitando, eppure lo facciamo anche quando spontaneamente vorremmo essere
presenti.

Perch importante la regolazione implicita delle


emozioni?
Noi siamo continuamente sottoposti a stimoli emotivamente significativi - in alcuni momenti
siamo addirittura bombardati dalle emozioni - e le emozioni che proviamo entrano nel
tessuto della nostra vita quotidiana facilitando o interrompendo attivit e compiti a volte
vitali. Questa essenzialmente la ragione per cui abbiamo strutturato una modalit
implicita di regolazione emotiva: possiamo in questo modo "abbassare" o "regolare" il
volume delle nostre emozioni mentre continuiamo a fare ci che stiamo facendo. Non solo,
le emozioni che emergono, contribuiscono al processo di valutazione delle situazioni che
viviamo, ci permettono "di interpretare" le cose, dal nostro punto di vista. Un compito che
viene svolto lasciando le emozioni sullo sfondo.
Il deliberato tentativo di cambiare questa modalit di valutazione non destinato ad avere
molto successo: non sappiamo bene perch ma rimaniamo fedeli alla sensazione (spesso
poco percepita) e in questo modo condizioniamo anche la nostra valutazione esplicita
delle cose. In senso evolutivo possiamo addirittura dire che la regolazione implicita delle
emozioni che ha strutturato la nostra personalit, orientando in un senso o nell'altro sulla
base delle emozioni pi frequenti nella nostra esperienza di base
In senso relazionale lintervento terapeutico esplicito, se non supportato da una
congruente risposta corporea implicita, non sortir leffetto desiderato. Per questa ragione,
prima di iniziare unazione terapeutica potremmo domandarci Cosa sento nel corpo?
Che tipo di reazione, avversativa o accogliente, mi muove a questa risposta terapeutica?
Questa sensazione fisica che il paziente mi suscita, nuova o lho gi sperimentata?
Provo frequentemente queste sensazioni con questa persona? Queste sensazioni che
emozioni fanno emergere?

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

51

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Queste domande hanno lo scopo di aprire una pausa riflessiva prima dellazione
terapeutica. Non richiedono necessariamente tempo ma possono percorrere la nostra
mente durante lascolto dellaltra persona.
Il punto che la regolazione implicita delle emozioni dipende da una efficiente interazione
mente-corpo. Se la regolazione esplicita delle emozioni pu essere considerata una
strategia cognitiva, le forme implicite di regolazione sono esperienze corporee, embodied
come dicono gli anglosassoni. Per questa ragione un cambiamento nelle strategie di
regolazione implicita facilitato da una buona qualit di interazione mente-corpo. E
impensabile usare la bioenergetica senza praticarla. Il nostro corpo e la connessione
mente corpo sono infatti soggette a tali e tante interruzioni che solo un ripetuto confidare
nella pratica del lavoro corporeo, condotto su di s e non solo sugli altri, ci pu permettere
di avere una consapevolezza corporea sufficientemente affinata.

Confini tra implicito ed esplicito


I confini tra la regolazione esplicita ed implicita sono "porosi" e non netti, per cui una
variazione nelle modalit implicite di regolazione delle emozioni pu comportare un
cambiamento anche in quelle esplicite e viceversa ma rimane il fatto che il miglioramento
delle interazioni mente-corpo - alla base di una migliore regolazione implicita delle proprie
emozioni - necessita di esperienze corporee, ossia esperienze che siano percepite(1), con
consapevolezza(2), capaci di modificare il passaggio dall'impulso all'azione (3) almeno per
qualche volta.

'Il Corpo' di Erri De Luca


E' misterioso, le capacit che possiede uno pensa di poterle esercitare, allenare, ma la verit che ci stato spedito da
migliaia di generazioni che lo hanno reso cos resistente, cos versatile.
Ha una intelligenza sica il corpo, pi lo sperimenti pi vedi che possiede dei margini misteriosi di adattamento, di
miglioramento.
E' una bestia antica, molto pi antica di noi. Io mi ci trovo bene, ho un buon regime di consumo e di rinnovo di
energie. Ho scoperto che le energie per rinnovarsi le devi consumare completamente, tutte le volte che ti sei
risparmiato, che hai conservato un po' di energie, quella volta l hai guastato il loro rinnovo. Si rinnovano solo le
energie interamente spese.

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

52

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Bibliograa
Cinotti N., Zaccagnini C., Analisi bioenergetica in dialogo, Milano, Franco Angeli ed. 2009
Gyurak A, Gross J, Etkin A. "Explicit and implicit emotion regulation: a dual process
framework" in Cognition and emotion, 2011, 25(3), 400-412
Johnson S.M., La trasformazione del carattere, Roma, Astrolabio 1986
Lowen A. (1958), Il linguaggio del corpo, Feltrinelli, Milano 1978-2003
Dello stesso autore

Paura di vivere, Astrolabio-Ubaldini, Roma 1982

Il piacere. Un approccio creativo alla vita, Astrolabio-Ubaldini, Roma 1984

Bioenergetica, Feltrinelli, Milano 1983-2004

Il narcisismo. L'identit rinnegata, Feltrinelli, Milano 1985-2008

Amore, sesso e cuore, Astrolabio-Ubaldini, Roma 1989

La spiritualit del corpo. Larmonia del corpo e della mente con la bioenergetica,
Astrolabio-Ubaldini, Roma 1994

Arrendersi al corpo. Il processo dell'analisi bioenergetica, Astrolabio-Ubaldini, Roma


1994

La voce del corpo. Il ruolo del corpo in psicoterapia, Astrolabio, Roma 2009

Zucconi Mazzini E., La malattia del potere. Analisi Bioenergetica del carattere psicopatico,
Roma, Alpes Ed. 2010

w w w. b i o e n e r g e t i c a e s o c i e t a . i t!

N I C O L E T TA C I N O T T I

53

La lettura del corpo:il carattere e oltre il carattere

Potrebbero piacerti anche