Sei sulla pagina 1di 5

ENGpower

Azione 2, Progetto UNIPR e E-LEARNING

RAPPORTO DETTAGLIATO SULL'INTERVISTA ONLINE AGLI


STUDENTI DI DISCIPLINE CLIL

Nell'ambito dell'intervista online stato chiesto agli studenti di rispondere ad alcune


domande volte a individuare, da un lato, le motivazioni sul perch abbiano deciso di
intraprendere un percorso formativo erogato con una lingua veicolare differente dalla
propria lingua madre dall'altro, le innovazioni e strategie didattiche possibili che
suggerirebberodiadottarenell'insegnamentodelladisciplinadistudio.

ACOSASERVESTUDIAREINUNCORSOININGLESE
La prima fase dell'intervista online volta a individuare le motivazioni personali degli
studenti che intraprendono un percorso di formazione di questo tipo. Le motivazioni
prevalenti, che paiono essere intrinseche, strumentali o riconducibili alla sferaaffettivae
socioculturale,sonoleseguenti:
passione
perlelinguestraniereeperl'ingleseinparticolare
lingua come elemento di rafforzamento della propria identit sociale e di
espansionedellapropriadimensionesocioculturale
competitivit maggiore nella vita e nel lavoro, in modo da essere in grado di
comunicareinternazionalmenteinmodoefficace
arricchimento della
terminologia specifica disciplinare e della capacit
morfosintattica
nellaredazioneditestitecnicoscientifici
volont nel
perfezionare una competenza che, troppospesso,in Italia viene data
perscontataovienereputatamenoimportantedialtre
possibilit di compiere
ricerche a livello internazionale
(in termini anche,
semplicemente, di reperimento delle fonti bibliografiche oppure, nell'ambito dei
programmi Erasmus ancora, per continuare il percorso di ricerca postlaurea in
ambitointernazionale)nelpropriocampodisciplinaredispecializzazione

COMESTUDIININGLESE?CISONODIFFERENZERISPETTO
ALL'ITALIANO?
In questa sezione dell'intervista online, abbiamo domandato al campione di studenti
partecipanti di individuare eventuali differenze nel modo di studio e di reperimento di
informazioni a secondadella lingua veicolarescelta.Ingenerale,
nonsonostaterilevate
strategiesignificamentedifferenti
,mariportiamoindettagliolerispostedate.

GruppoENGpower(AlessandraGiglio,GillianMansfield,SaraValla)

Pag.1di5

ENGpower
Azione 2, Progetto UNIPR e E-LEARNING
Percicheriguardalaricercadelleinformazioni
initaliano

ininglese

ricerca su Google, o Google


Scholar,conparolechiave

ricercasuGoogle,oGoogleScholar,
conparolechiave

dalle parole chiave, si risale alle


fontiprimarie

dalleparole chiave,sirisaleallefonti
primarie

ricerca prima in inglese, poi in


italiano

ricerca prima in inglese, poi in


italiano

visione video Youtube


(solo in
italiano perch in inglese pi
complessocomprendere)

approfondimento delle fonti


(solo
in inglese, perch si trovano pi
risorsebibliografiche)

utilizzo di siti specifici di


riferimento
(solo in inglese, perch
ce ne sono di pi e sono
maggiormenteconosciuti)
maggiore quantit di fonti
, con
conseguente maggiore ricchezza,
ma anche maggior tempo nella
selezionedell'informazione

Lerispostedate paiono mostrare,da partedeglistudenti, unlivellodicompetenzamedio/


bassoin information anddigitalliteracy,conprevalenzadellepropriericerche sustrumenti
e fonti di tipo generalista. Lampliamento in termini numerici e lapprofondimento delle
fonti, oltre che lutilizzo di siti specifici parrebbero suggerire unattenzione maggiore alla
competenzadigitaleprestataquandosilavorainunalinguastraniera.
Percicheriguardalaselezionedelleinformazioni
initaliano

ininglese

lettura, sottolineatura concetti


base, sintesi, costruzione di
mappeconcettuali,esposizione

lettura, sottolineatura concetti base,


sintesi, costruzione di mappe
concettuali,esposizione

letturaskimmingpercapiresesi
trovatoquantosicerca

necessariauna
letturascanningpi
attenta
per
individuare
le
informazionicercate
se il corso erogato in inglese,
risulta pi utile documentarsi
direttamente in inglese per formare

GruppoENGpower(AlessandraGiglio,GillianMansfield,SaraValla)

Pag.2di5

ENGpower
Azione 2, Progetto UNIPR e E-LEARNING
quel
lessico e terminologia
necessariduranteilcorso

NEIPANNIDELDOCENTE:CRITICITA',STRATEGIE,ATTIVITA'
DIDATTICHE
In questa fasedi indagine stato chiestoaglistudentidi mettersi nei pannideldocentee
di risolverealcune problematicheproposte. Nellospecifico, stato chiestoaglistudentidi
individuare le criticit nell'insegnamento della disciplina in linguaveicolare, diindividuare
strategie utili a tale fine, dielencare alcune attivitdidattiche possibili per l'insegnamento
delladisciplina.
Criticitneipannideldocente
Secondo il campione di studenti intervistato, le criticit che un docente deve affrontare
nell'insegnamentodelladisciplinaCLILsonoleseguenti:
possedere
conoscenzelinguistiche
adatteaerogareuncorsoininglese
darealprogrammadelcorsoun
tagliointernazionale
interrogarsi sulla
semplificazione
o meno dei contenuti e dei materiali del corso,
per venire incontro alle esigenze degli studenti (da un lato, lingua veicolare
stranieradall'altro,esigenzadipreparazioneadeguata)
fornire il
materialedelcorso
inanticipo rispetto allelezioniilmaterialepuanche
essere
multilingue
, in modo da agevolare la comprensione degli studenti il
materiale deve essere
chiaro
, in modo che costituisca una mappa di quanto si
affronteralezioneeduranteilcorso
conoscere il propriogruppo classe eil livellodiinglesemediodoverfarfrontea
ungruppomultilivello
alternare inglese e italiano per favorire una maggiore comprensione e per
coinvolgereglistudenti
poco
tempoadisposizioneperlapreparazionedelcorsoeperl'erogazioneverae
propria. Un corso di questo tipo richiede maggiore tempo rispetto a un corso in
italiano
Allo stesso modo, chiedendo agli studenti di pensare a quali possono essere le criticit
dellostudente percepite dall'insegnante,si sono di fattoottenutelecriticitpercepitedagli
studentistessi,ovvero:
possedere
conoscenze linguistiche
adatteaseguire uncorsoininglese,anchee
soprattuttooralmente
intervenire
volontariamente
alezioneenonobbligatoriamente

GruppoENGpower(AlessandraGiglio,GillianMansfield,SaraValla)

Pag.3di5

ENGpower
Azione 2, Progetto UNIPR e E-LEARNING
ottenere risposte e
disponibilit dal docente in caso di approfondimenti o
chiarimenti
comprenderela
terminologiaspecifica
utilizzare
costruzionilinguistichetroppocomplesse
maggiore
tempodistudio
noncorreggerel'errore
subitoperevitarediscoraggiarelostudente
Infine,glistudentihanno individuatolestrategiedidatticheeleattivitchemetterebberoin
gioco se vestissero realmente ipanni del docente.Leattivitsuggeriteda utilizzaresono
leseguenti:
mappeconcettuali
glossari (che facciano anche uso di definizioni per immagini o disegni, senza per
forzatradurresempreinitaliano)
parlarelentamente,conpause,chiedendodiriformulare
proveintermedieperlaverificadellacomprensione
fontiinlinguaingleseedadiscuterealezione
sinonimi e perifrasi (non sempre la traduzione) per spiegare la terminologia
utilizzareimmaginiperspiegareterminieconcetti
lavori in gruppo, per favorire la comprensione e il dialogo, per analizzare la
terminologia e per approfondire le tematicheagruppi e stimolare la riflessione e il
dibattitocriticoorale
giochi e attivit ludiche iniziali per elicitare le preconoscenze (ad esempio, sulle
parolechiavedellalezione)
videoregistrazionicomeattivitperdimostrarelacomprensionedell'argomento
ricerchechepresupponganol'utilizzo difonti scrittema anchedi video ointerviste,
echevenganopoipresentateoralmente
dibattitoguidato(basatosulettureprevieacasaepoisucolloquioralialezione)
videoinlinguaingleseconsottotitoli

STRUMENTIINNOVATIVI

Nell'ultima sezione dell'intervista, il campione di studenti ha suggerito alcuni strumenti


innovativi che utilizzerebbe a lezione. Gli "strumenti" in questione potevano essere
dispositivi tecnologici, cos come altri elementi utili alla didattica dentro e fuori dall'aula.
GruppoENGpower(AlessandraGiglio,GillianMansfield,SaraValla)

Pag.4di5

ENGpower
Azione 2, Progetto UNIPR e E-LEARNING
Ci che emerso era spesso correlato alle attivit didattiche suggerite nella sezione
precedente.Neldettaglio:
Percicheriguardaglistrumentitecnologic:i
utilizzo di slide, mappe concettuali,
visualizzazioni grafiche per fissare
maggiormenteterminologiaeconcettichiave
utilizzo di
video
(con o senza sottotitoli) per poter internazionalizzare ladisciplina
oggettodistudioeampliarel'inputdidatticoadisposizione
maggiore disponibilit per gli studenti di
infrastrutture tecnologiche (tablet,
computer,...)
piattaforma online individualizzata che tiene traccia del livello linguistico e
proponeattivitdicorrezioneemiglioramento
Percicheriguardagli"strumenti"insensopiampio:
promozione di
corsi di lingua inglese che servano ad aumentare la
consapevolezzaelecapacitlinguistichedeglistudenti
utilizzodell'inglese
anche
aldifuori
dell'auladilezione
laboratoridi
scrittura
accademica
utilizzodi
proveintermedie
pertestarelacomprensionedellamateria
incontrisettimanali
suSkype
perapprofondimentiindividuali

GruppoENGpower(AlessandraGiglio,GillianMansfield,SaraValla)

Pag.5di5