Sei sulla pagina 1di 72

TR88 PEGASO

SISTEMA DI GESTIONE E
CONTROLLO
CONDIZIONAMENTO
APPLICAZIONE PER:

CENTRALI TELEFONICHE

MANUALE DUSO E PROGRAMMAZIONE


Codice Software Appl.: TR8861SS
Codice Software Base: TX886100
Codice Manuale: 001XM00E Rev. c
Codice dispositivo: 801X01Z0

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

IL COSTRUTTORE

LAbly S.r.l. presente sul mercato sin dal 1984, con il preciso obiettivo di diventare
unimportante presenza nel settore della costruzione e vendita dapparecchiature
elettroniche per lautomazione e la centralizzazione dati con computer.
Grazie allalta qualit delle apparecchiature unita alla dinamicit dellazienda, Ably
comincia a misurarsi, con successo, con le pi grandi aziende multinazionali della
regolazione.
Al passo con lo sviluppo in chiave europea, il Sistema di Qualit aziendale Ably
certificato dal DNV Italia.

Via de Giudei 41/43


40050 Funo dArgelato (BO) - ITALY
Tel: +39 51/860064
Fax: +39 51/860074

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

INDICE
1. CONDIZIONI DI GARANZIA................................................................................................................ 6
1.1
1.2
1.3
1.4
1.5

GARANZIA.......................................................................................................................................... 6
LIMITAZIONI .................................................................................................................................... 6
MANUTENZIONE.................................................................................................................................... 6
ASSISTENZA TECNICA ................................................................................................................... 7
CONSERVAZIONE DEL MANUALE DUSO ........................................................................................ 7

2. LISTA DELLE SIGLE E TABELLA DEI SIMBOLI........................................................................... 8


2.1
2.2

SIGLE UTILIZZATE ALLINTERNO DEL MANUALE ............................................................................... 8


SIMBOLI UTILIZZATI ALLINTERNO DEL MANUALE .......................................................... 8

3. SICUREZZA ............................................................................................................................................. 9
DISPOSIZIONI DI SICUREZZA E CONDIZIONI DI FUNZIONAMENTO ..................................................... 9
3.1
3.1.1
AVVERTENZE GENERALI.................................................................................................................. 9
3.1.2
USO PREVISTO ................................................................................................................................. 9
3.1.3
CONTROINDICAZIONI DUSO............................................................................................................ 9
3.1.4
CONDIZIONI AMBIENTALI ................................................................................................................ 9
3.2
PRESCRIZIONI DI SICUREZZA ............................................................................................................. 10

4. FUNZIONAMENTO DEI LIVELLI..................................................................................................... 11

5. GENERALIT SUL SISTEMA DI CONTROLLO ........................................................................... 12


5.1
5.2

OBIETTIVI ............................................................................................................................................
CONSISTENZA DELL'IMPIANTO..........................................................................................................

12
13

6. FUNZIONAMENTO .............................................................................................................................. 14
6.1
CRITERI DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO ...................................... 14
6.1.1
GESTIONE INTERRUTTORE GENERALE MOTORIZZATO. ................................................... 14
6.1.2
GESTIONE DELLA STAZIONE DI ENERGIA INTEGRATA ASCOM. ........................................ 15
6.1.3
GESTIONE DEI CARICHI PLD. ........................................................................................................ 15
6.1.4
ALLARMI DI TEMPERATURA .......................................................................................................... 15
6.1.5
INVERSIONE DI INGRESSI ED USCITE .............................................................................................. 15
7. TABELLA DI INTERPRETAZIONE DEI TELESEGNALI E MESSAGGI DI ERRORE ........... 16
7.1

MESSAGGI DI ERRORE................................................................................................................. 18

8. PANNELLO FRONTALE ..................................................................................................................... 23

9. SCHEMA A BLOCCHI INTERFACCIA OPERATORE .................................................................. 23


TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

10. PROGRAMMAZIONE ........................................................................................................................ 32


10.1
DATA ED ORA (SCHERMATA 1.1) ..................................................................................................... 32
10.2
DATI VARI (SCHERMATA 1.2.1.2).................................................................................................... 33
10.3
DATI ASSOCIAZIONE ALLARMI USCITE (SCHERMATA 1.2.1.1)...................................................... 35
10.4
DATI CONFIGURAZIONE SP SGANCIO PLD(SCHERMATA 1.2.2.1) ................................................... 37
10.5
DATI CONDIZIONAMENTO (SCHERMATA 1.2.2.2)................................................................... 39
10.6
DATI CONFIGURAZIONE STAZIONE ENERGIA (SCHERMATA 1.2.3.1 ).............................. 41
(OPZIONALE) 10.7
DATI CONFIGURAZIONE MISURATORE GRANDEZZE ELETTRICHE
(SCHERMATA 1.2.4.1) ..................................................................................................................................... 42
10.8
DATI DI CONTROL. MIS.GRAND.ELETTRICHE (OPZIONALE) - (SCHERMATA 1.2.4.2)........ 43
MEN DI CANCELLAZIONE (SCHERMATA 1.2.1.0) ......................................................................... 44
10.9
11. MISURATORI DI GRANDEZZE ELETTRICHE............................................................................ 46
11.1
11.2
11.3

CONFIGURAZIONE DEI MISURATORI ............................................................................................... 46


PROGRAMMAZIONE DEGLI ALLARMI DEI MISURATORI DI GRANDEZZE ELETTRICHE............... 47
COLLEGAMENTO DEI MISURATORI DI GRANDEZZE ELETTRICHE .................................. 47

12. INSTALLAZIONE ELETTRICA ....................................................................................................... 49


12.1
PRESCRIZIONI PER UNA CORRETTA INSTALLAZIONE ELETTRICA ............................................... 49
CARATTERISTICHE ED INSTALLAZIONE DELLE SONDE ............................................................... 50
12.2
12.2.1
INSTALLAZIONE DELLA SONDA DI TEMPERATURA ESTERNA ..................................................... 50
12.2.2
INSTALLAZIONE DELLA SONDA DI TEMPERATURA INTERNA ....................................................... 52
12.2.3
INSTALLAZIONE DELLA SONDA DI TEMPERATURA MANDATA ..................................................... 53
13. CARATTERISTICHE TECNICHE.................................................................................................... 54
13.1
LALIMENTAZIONE ........................................................................................................................... 54
13.2
CARATTERISTICHE MECCANICHE DEL TR88 .................................................................... 55
13.2.1
MONTAGGIO E DIMA DI FORATURA.................................................................................... 55
14. TARGHETTA DEL TR88.................................................................................................................... 56
14.1

COMPOSIZIONE DEL TR88 ........................................................................................................ 57

15. DICHIARAZIONE DI CONFORMIT ............................................................................................. 58

16. DISEGNI E SCHEMI ELETTRICI .................................................................................................... 59


16.1
16.2
16.3
16.4
16.5
16.6

PANNELLO FRONTALE DEL TR88 ..................................................................................................... 60


INPUT OUTPUT DEL TR88 .................................................................................................................. 61

COLLEGAMENTI TRA DISPOSITIVI ....................................................................................... 65


MISURATORE DI GRANDEZZE ELETTRICHE (MIG) .......................................................................... 67
COLLEGAMENTO PLD. ................................................................................................................ 68
DIMENSIONI ED INGOMBRI TR88..................................................................................................... 71

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

1.

CONDIZIONI DI GARANZIA

I dispositivi o i componenti descritti nel presente manuale sono stati realizzati con materiali di prima qualit.
I test effettuati in laboratorio sui componenti hardware, e funzionali per il software, rendono il prodotto citato
corrispondente alle caratteristiche esposte ed idoneo ad assolvere le funzionalit descritte nel presente
manuale.

1.1 GARANZIA
I dispositivi forniti sono GARANTITI per 24 mesi a decorrere dalla data dimmatricolazione decodificata dalla
targhetta didentificazione sul dispositivo.
La garanzia consiste nella riparazione gratuita (manodopera e parti di ricambio) dei dispositivi pervenuti nel
ns. laboratorio in porto franco.
La sostituzione del dispositivo o la riparazione di parti difettose del dispositivo subordinata allinsindacabile
decisione del costruttore.
Per le parti oggetto della fornitura e per i componenti del dispositivo che il costruttore ha acquistato da altri
fornitori, valgono nei confronti dellacquirente le garanzie date dai fornitori al costruttore stesso.
I vizi o difetti sul dispositivo debbono essere resi noti al fornitore con lettera raccomandata entro il termine
perentorio di 8 giorni da quando si sono riscontrati.
Nel diritto di GARANZIA non sono riconosciuti indennizzi per quanto riguarda danni provocati a terzi o
derivanti dal fermo del prodotto.
Il dispositivo programmabile dalloperatore che lo utilizza; pertanto il costruttore declina ogni responsabilit
per danni a persone o cose provocati da errate programmazioni operate o dallutilizzo improprio del
dispositivo.
I costi di rimozione e reinstallazione cos come i rischi di trasporto delle apparecchiature e qualsiasi altro
costo direttamente o indirettamente correlato alla riparazione del prodotto, ritenuto difettoso, non sono
coperti da garanzia.

1.2 LIMITAZIONI
Le condizioni di garanzia non sono applicabili nel caso di difetti riscontrati diversi da quelli derivanti dai
materiali o dallassemblaggio ed in particolare, ad esempio, sono esclusi da garanzia i danni prodotti dalluso
anomalo del dispositivo come: lerrata alimentazione elettrica, lincuria nella manutenzione, linstallazione del
dispositivo in condizioni ambientali diverse da quelle ammesse nei dati tecnici.
Sono escluse dalla fornitura in GARANZIA le parti o i componenti soggetti a logoramento.
Il diritto di GARANZIA sul prodotto decade se il compratore non osserva le condizioni di pagamento
concordate allatto dellacquisto.
Per ogni controversia il foro competente quello di BOLOGNA .
La ABLY S.r.l. si riserva il diritto, per esigenze tecniche o commerciali di modificare, senza preavviso, sia il
prodotto descritto che il presente manuale.

1.3 MANUTENZIONE.
Il dispositivo TR88 se correttamente installato e funzionante nelle condizioni ambientali prescritte, non
richiede alcuna manutenzione periodica.
Il dispositivo TR88 costituito da un insieme di moduli elettronici, in caso di anomalie, la diagnostica interna
segnala quale parte del dispositivo danneggiata.
La sostituzione del modulo gusto pu avvenire in campo, dopo aver disalimentato il TR88, togliere le viti e
sfilare il modulo quindi sostituirlo con il nuovo. L'elenco dei vari componenti riportato al paragrafo 14.1

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

1.4 ASSISTENZA TECNICA


Se incontrate problemi di funzionamento col Vostro TR-88 verificate:
che la configurazione ingressi sia conforme alle esigenze della applicazione
che la programmazione dati utente sia quella voluta
che le connessioni elettriche siano corrette
che gli allarmi siano settati correttamente
Se il problema persiste e desiderate risposte, telefonate al:

051- 860064
Personale qualificato discuter con voi il problema. Per migliorare il servizio rilevate e segnalate
allinterlocutore: il codice dispositivo e il numero di matricola, rilevato dalla targhetta matricola; rilevate il
codice del software installato sul dispositivo, i dati di configurazione e di regolazione impostati.
Se ritenete guasto il Vostro TR-88 scollegatelo, allegate possibilmente la seguente documentazione:
la descrizione del difetto riscontrato
eventuale schema di collegamento usato con indicate le potenze dei carichi comandati
la tabella dei dati di configurazione e regolazione esistenti al momento del malfunzionamento
indicate se desiderate approvare la riparazione, previo invio della preventivazione del costo, o se la
riparazione va eseguita comunque.
Inviate il pacco a:

Ably s.r.l.
Servizio Assistenza Tecnica
Via de Giudei 41/43
40050 Funo di Argelato (Bologna)
SUGGERIMENTI E CONSIGLI SULLA MIGLIORIA DEL PRODOTTO
Ably considera indispensabile la collaborazione del Cliente per lo sviluppo o la miglioria dei suoi prodotti.
Se avete suggerimenti o richieste particolari inerenti alluso, programmazione o documentazione di TR-88
inviate un documento con le Vostre richieste a:

Ably s.r.l.
Servizio Marketing
Via de Giudei 41/43
40050 Funo di Argelato (Bologna)
oppure messaggio Internet a:
e-mail: ably@ably.it
La vostra proposta sar sicuramente analizzata.

1.5 CONSERVAZIONE DEL MANUALE DUSO


Il Manuale di Istruzioni deve essere conservato con cura, dentro un apposito contenitore e, soprattutto, al
riparo da liquidi e quantaltro ne possa compromettere lo stato di leggibilit.
Il manuale deve essere messo a disposizione dei tecnici Manutentori e/o dei Tecnici Qualificati che si
occuperanno del prodotto in questione.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

2.

LISTA DELLE SIGLE E TABELLA DEI SIMBOLI

2.1 SIGLE UTILIZZATE ALLINTERNO DEL MANUALE


Vengono riportate tutte le sigle pi comuni, ed il loro significato, che appariranno nel presente manuale
duso.
SIGLE
CDZ

SIGNIFICATO
Condizionatore

FC

Free Cooling

SE

Stazione di Energia

IST

Isteresi

LCD

Visore del TR88

PALC
SP
VAUX
VNT

Programmable Analogic Logic Controller - TR88


Set point
Tensione ausiliari
Ventola

2.2 SIMBOLI UTILIZZATI ALLINTERNO DEL MANUALE


La seguente tabella riporta il significato dei simboli utilizzati allinterno dei paragrafi del presente manuale
per richiamare lattenzione dellutilizzatore sul contenuto delle note informative poste appresso ad essi.
Fare riferimento a questa tabella, prestandovi particolare attenzione, ogni volta che si dovessero avere dei
dubbi sul significato dei simboli utilizzati.
SIMBOLO

SIGNIFICATO

PERICOLO

COMMENTO
Indica un pericolo con rischio, anche
mortale, per l'Utilizzatore.

P ...
AVVERTENZA

Indica una avvertenza od una nota su


funzioni chiave o su informazioni utili.
Prestare la massima attenzione ai blocchi di
testo indicati da questo simbolo.

OSSERVAZIONE

Si richiede all'Utilizzatore di effettuare delle


semplici operazioni di verifica sul prodotto.

A ...

O ...
INTERROGAZIONE

Indica eventuali quesiti che potrebbero


insorgere nellinstallazione e/o utilizzo del
prodotto.

CONSULTAZIONE

Si consiglia di consultare il Manuale


Istruzioni relativamente al contenuto delle
note seguenti.

I ...

C ...

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

3.

SICUREZZA

3.1 DISPOSIZIONI DI SICUREZZA E CONDIZIONI DI FUNZIONAMENTO

3.1.1 Avvertenze generali


Loperatore deve leggere con molta attenzione le informazioni riportate nel presente Manuale, con
particolare riguardo alle opportune precauzioni per la Sicurezza elencate in questo capitolo.
Mantenere larea in cui installato il dispositivo libera da oggetti estranei.
Non rimuovere od alterare le targhe apposte dal Costruttore sul dispositivo.
Tutte le operazioni di installazione, manutenzione e/o riparazione del controllore debbono essere
eseguite solamente da personale qualificato ed autorizzato.

3.1.2 Uso previsto


Il controllore concepito e costruito per la gestione completamente automatizzata di impianti e macchine
preposti al condizionamento di ambienti. Sono previsti in ogni caso una serie di interventi manuali a
disposizione di un eventuale operatore addestrato allo scopo.

3.1.3 Controindicazioni duso


Il dispositivo non deve essere utilizzato:
per utilizzi diversi da quelli esposti al 4.2
in atmosfera esplosiva, aggressiva o ad alta concentrazione di polveri o sostanze oleose in
sospensione nellaria
in atmosfera a rischio di incendio
esposto alle intemperie
con interventi sulle parti elettriche del dispositivo difformi dalle prescrizioni riportate nel presente
manuale duso e che alterino il funzionamento corretto del dispositivo stesso.

3.1.4 Condizioni ambientali


Il dispositivo non richiede particolari condizioni ambientali. Si raccomanda comunque di installare lo
strumento in ambienti chiusi, su quadri elettrici non soggetti a vibrazioni e rispettando i seguenti parametri
ambientali:
temperatura di funzionamento compresa tra 0e 50 C.
temperatura di stoccaggio compresa tra -10 e 70 C.
umidit relativa non superiore a 90% (purch non condensante).

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

3.2 PRESCRIZIONI DI SICUREZZA


Ogni operazione riguardante linstallazione e/o interventi sulle parti elettriche del dispositivo deve
essere effettuata solo dopo aver escluso la tensione di alimentazione del relativo quadro elettrico.
I collegamenti equipotenziali e di messa a terra del controllore vanno effettuati seguendo le disposizioni delle
norme CEI 64-8 (impianti elettrici in bassa tensione).
A titolo indicativo si riporta la seguente tabella in cui vengono riassunti i collegamenti di sicurezza previsti a
seconda del tipo di impianto elettrico che alimenta il dispositivo.

TIPO DI IMPIANTO

COLLEGAMENTO
EQUIPOTENZIALE A
TERRA*

TT

TRAMITE PE*

TN-S

TRAMITE PE*

TN-C

TRAMITE PEN*

IT

TRAMITE PE*

FELV

TRAMITE PE*

* Il collegamento a terra si intende effettuato tramite:


PE - conduttore di protezione destinato a collegare le masse metalliche degli apparecchi utilizzatori
PEN (solo per impianti TN-C) - conduttore di neutro, che funge anche da conduttore di protezione, per
le masse metalliche degli apparecchi utilizzatori
Le sigle relative ai tipi di impianto riportate in tabella sono direttamente riprese dalla norma CEI 64-8.
La linea di alimentazione del controllore deve essere adeguatamente protetta contro i cortocircuiti ed
i sovraccarichi.
Nel caso in cui si preveda che la linea di alimentazione del controllore sia soggetta a sovratensioni di
qualsiasi natura (di manovra, atmosferica ecc.) essa deve essere protetta tramite opportuni
dispositivi.
Deve essere prevista la protezione contro i contatti diretti ed indiretti del personale che si trovi ad
operare con il controllore.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

10

4.

FUNZIONAMENTO DEI LIVELLI

Ogni livello o allarme caratterizzato da intervento di tipo SUPERIORE o INFERIORE e dai seguenti quattro
parametri programmabili:
SET POINT:
valore il cui superamento provoca linsorgere dellallarme;
ISTERESI:
incremento o decremento del SP che definisce il valore di rientro dellallarme.
AUTORITEGNO: se programmato attivo, il segnale di allarme viene mantenuto anche se le condizioni che
lo hanno fatto insorgere sono decadute. Lallarme deve essere resettato manualmente.
RITARDO:
intervallo di tempo che trascorre fra linsorgere dellallarme e il momento in cui esso viene
segnalato. Limpostazione di un ritardo consente di filtrare eventuali transizioni
momentanee proprie del sistema che non comportano problemi dal punto di vista del
corretto funzionamento dellimpianto.
In fase di programmazione un allarme pu essere disabilitato resettandone il valore di SET POINT. In tal
caso gli altri dati ad esso relativi non vengono visualizzati.
Il tipo di intervento (superiore o inferiore) non invece programmabile da parte dellutente. Salvo diverso
avviso si utilizzano allarmi superiori (isteresi inferiore) per gli allarmi di massima e allarmi superiori (isteresi
superiore) per gli allarmi di minima.
Al superamento di un livello programmato corrisponde lattivazione di un flag, come illustrato nella figura
seguente (che non contempla ritardi e autoritegni); a questo evento possono essere associate azioni
diverse, come lattuazione di un comando o semplicemente la segnalazione di allarme insorto.

- Esempio di risposta del sistema alle variazioni di grandezze controllate TR88 deve essere abilitato al funzionamento il controllo esistente oppure il controllo a bordo macchina.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

11

5.

GENERALIT SUL SISTEMA DI CONTROLLO

5.1 OBIETTIVI
Il sistema di controllo gestisce il monitoraggio di due CDZ integrati che controllano la TEMPERATURA di
uno shelter. Tali CDZ sono dotati di controllore a bordo macchina che attiva le ventole ed i compressori ed
attraverso una LAN gestiscono lo scambio servizio / riserva.
Il sistema inoltre RILEVA e MONITORIZZA: la temperatura esterna ed interna, conta il numero di avviamenti
e il tempo di funzionamento di ogni compressore e ventilatore.
Il sistema acquisisce i segnali di stato dai condizionatori e dagli elementi adibiti al condizionamento che gli
consentono di diagnosticare anomalie sul corretto funzionamento dell'insieme.
Qualora il sistema rilevi anomalie genera i telesegnali opportuni, configurabili, come sar descritto in
seguito. I comandi verso il campo sono costituiti da uscite a collettore aperto idonee a comandare dei rel
secondo le caratteristiche mostrate nel dis. cod. 001XU01N che mostra linterfacciamento tra uscite del
sistema TR88 e le schede a rel fornite.
Il sistema monitorizza le temperature di mandata dei 2 condizionatori e fornisce i relativi allarmi di alta /
bassa e temperatura di mandata nel caso si superino le opportune soglie programmate.
Il sistema prevede inoltre la gestione di una STAZIONE di ENERGIA, collegata alla porta RS232 (parte
inferiore della CPU slot P1 del TR88), con diagnostica sul corretto funzionamento della stessa.
E predisposto, mediante connettore seriale RS485 posto nella parte superiore della scheda CPU posta nel
primo slot del TR88, alla comunicazione con un dispositivo di tipo MATCH SMART DUCATI (o equivalente)
per il monitoraggio delle grandezze elettriche della linea di alimentazione.
Controlla direttamente lo stato degli interruttori generali e principali del quadro, controlla la corretta chiusura
della porta di accesso al vano utenze telefoniche. Riceve un segnale digitale da un rivelatore di presenza
fumi.
E predisposto infine per modulo di comunicazione seriale RS232 per il collegamento, via MODEM e via rete
telefonica commutata, ad un COMPUTER REMOTO che dotato di un programma opportuno permetter la
visualizzazione, la archiviazione dei parametri rilevati ed elaborati dal TR-88, allo scopo di gestire in modo
ottimale la MANUTENZIONE degli impianti (telegestione).

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

12

5.2 CONSISTENZA DELL'IMPIANTO


La consistenza dellimpianto si compone sostanzialmente di:

Quadro elettrico di distribuzione equipaggiato con:


N1 dispositivo Mod. TR-88 per monitorare condizionamento tramite due condizionatori integrati
intelligenti completo di prolunghe e morsetti di collegamento;
N2 morsettiere FLK M-26 per connessione IN con scheda 24 IN optoisolati;
N1 morsettiera FLK M-34 per connessione IN/OUT o a richiesta scheda 10 IN e 16 OUT a rel
esterna;
morsetti.
Prolunghe.
N1 misuratore di grandezze elettriche (opzionale);
In campo:
N2 condizionatori ad espansione diretta [CDZ] di tipo integrato autogestiti mediante controllori a
bordo macchina collegati con LAN;
N4 sonde di temperatura, una per il rilevamento della temperatura esterna [TE], una per la
temperatura interna controllata [TAMB] e due per la temperatura di mandata aria esterna di ogni
CDZ;
N1 stazione di energia integrata ASCOM dotata di PSC 1000.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

13

6.

FUNZIONAMENTO

Codice SOFTWARE : TR8860SS


Dispositivo: TR88 PEGASO
Codice 801X01Z0 ( Alim.48 Vdc, No RS232)

Il dispositivo TR-88, consente la rilevazione delle condizioni negli ambienti controllati e la generazione degli
allarmi relativi e la gestione delle macchine programmate attive.
La visualizzazione organizzata a quadri in cui vengono raggruppate le informazioni riguardanti le
macchine e i parametri ambiente.
La navigazione attraverso i quadri viene gestita mediante i tasti funzione F1.. F4 secondo la flow chart
mostrata a pag. 23. Il TR88 anche se di fatto governato da un solo microprocessore, va considerato come
composto da due sezioni distinte che si scambiano stati logici (flag), denominate rispettivamente
CONTROLLO di PROCESSO e CONTROLLO MACCHINA; i due mondi sono configurabili da
programmazione utente nei quadri di configurazione condizionatori e nel quadro dati di controllo.
La sezione CONTROLLO DI PROCESSO ha il compito di realizzare la generazione degli allarmi di
condizionamento.
La sezione CONTROLLO MACCHINA ha il compito gestire le macchine e contabilizzare il funzionamento.
Quanto qui accennato verr comunque ripreso in dettaglio nei paragrafi che descrivono la visualizzazione e
la programmazione.

6.1 CRITERI DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLO


Per una migliore comprensione, possibile fare riferimento al diagramma termico illustrato nelle pagine
seguenti.
Per dissipare la potenza termica nei locali (sommatoria delle calorie prodotte dagli impianti e di quelle
entranti dalle pareti per dispersione, con T.esterna > T.interna) si possono equipaggiare sino a 2
condizionatori ad espansione diretta, autonomi, di adeguata potenza frigorifera.
Laria esterna viene immessa nel locale previo filtraggio attraverso il filtro su presa daria esterna di cui si
controlla labilitazione al funzionamento e la condizione di FILTRO INTASATO.
Il SISTEMA di CONTROLLO e GESTIONE AUTOMATICA dell'impianto di condizionamento basato sul
funzionamento del dispositivo TR-88 ed ha il compito sostanzialmente di:

verificare l'intervento degli elementi adibiti al condizionamento, le cui modalit sono di seguito descritte,

diagnosticare eventuali malfunzionamenti ed eventualmente effettuare il taglio della LAN.

permettere una facile diagnosi di guasto o malfunzionamento dei componenti dell'impianto sia da
operatori eventualmente presenti (manutentori) che da sistemi di supervisione remota (telegestione)
mediante telesegnali di allarme;

monitorare la temperatura di mandata di ciascun condizionatore, fornire gli allarmi sui controlli dei
segnali di ritorno del funzionamento corretto delle macchine in campo.

La possibilit di telegestione, caratteristica del TR-88, permette alla manutenzione di collegarsi al dispositivo
tramite rete telefonica commutata e, in funzione delle condizioni rilevate, pu determinare il tipo di intervento
da effettuare definendo il personale pi adatto a risolvere il problema (es. pulizia filtri, riparazione del CDZ,
problema elettrico ecc.) rendendo disponibile al supervisore tutte le informazioni interna o acquisite: ingressi,
uscite, stati, ecc.

6.1.1 Gestione INTERRUTTORE GENERALE MOTORIZZATO.


La gestione dellinterruttore generale (IG) avviene tramite lutilizzo dei contatti a rel in scambio CHIUDI IG,
APRI IG, RESET PROTEZIONE DIFFERENZIALE, ANOMALIA IG e di una serie di ingressi digitali che
permettono di verificarne lo stato di funzionamento corretto o una eventuale anomalia.
In condizioni di funzionamento normale, linterruttore deve risultare chiuso, in automatico, con presenza della
Vaux differenziale.
Se in queste condizioni, si viene a verificare una situazione di scattato differenziale dellinterruttore, il TR88
inizia la funzione di richiusura dellinterruttore per un numero massimo di 3 tentativi, oltre i quali, se
permangono le condizioni di scattato differenziale viene segnalata la condizione di blocco IG.
Il conteggio dei tentativi viene resettato dopo un tempo programmabile.
TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

14

La sequenza prevede lattivazione del comando di apertura IG, il successivo reset della protezione
differenziale e lattivazione del comando di chiusura.
Le condizioni di scattato magnetotermico o differenziale dellinterruttore IG sono segnalate dal contatto di
allarme dedicato ANOMALIA IG.
I comandi dellinterruttore, tranne lallarme ANOMALIA, hanno funzionamento impulsivo con durata
programmabile.

6.1.2 Gestione della STAZIONE di ENERGIA INTEGRATA ASCOM.


Il TR88 e la STAZIONE di ENERGIA (modulo di conversione CA/CC, abbreviazione PSC), sono collegati
mediante linea seriale RS232.
Linterfaccia PSC acquisisce e pre elabora localmente gli stati misure e allarmi relativi ai raddrizzatori, alle
batterie e alla distribuzione 48Vcc verso le utenze.
Il TR88 a sua volta acquisisce per lelaborazione finale, la visualizzazione e la memorizzazione dei dati
trasmessi dal PSC. Il TR88, inoltre, consente la programmazione delle soglie operative e di allarme, proprie
del funzionamento del modulo di conversione CA/CC.

6.1.3 Gestione dei carichi PLD.


La gestione dei teleruttori PLD avviene tramite lutilizzo di due contatti a rel NC (PLD1 e 2) e di uno di
STROBE per laggancio dei teleruttori.
In condizioni batterie non in scarica, il TR88 verifica la corretta chiusura dei teleruttori PLD, segnalando
leventuale blocco per mancato ritorno dellingresso ausiliario.
In condizioni di batteria in scarica, viene attivato il processo di sgancio a tempo dei 2 PLD.
Due set-point relativi ad altrettanti allarmi inferiori, sono programmabili sul TR88, e consentono di sganciare
separatamente i due teleruttori PLD quando le batterie sono in scarica per un tempo impostabile, oppure se
la tensione delle batterie scende al disotto di 2 set point programmabili.
Quando le batterie non sono pi in scarica, i comandi ai PLD vengono dati immediatamente.

6.1.4 Allarmi di temperatura


La struttura di ogni allarme composta dal valore di set point di allarme, dalla sua isteresi, dalla possibilit di
autoritenerlo, dalla possibilit di ritardarlo come generazione del telesegnale.
E consigliabile autoritenere gli allarmi pi importanti in modo da avere la memoria di ci che
successo nel momento in cui arriva lassistenza tecnica; ricordiamo che la segnalazione di un
allarme autoritenuto permane fino a che, rientrate le condizioni che lo hanno provocato, viene
premuta manualmente la soft key Res.a nel pannello principale. E inoltre consigliabile ritardare la
generazione del telesegnale in maniera da evitare lintervento della assistenza per transizioni
momentanee proprie del sistema controllato ma che non comportano problemi dal punto di vista del
corretto funzionamento dellimpianto.

6.1.5 Inversione di ingressi ed uscite


Per maggiori informazioni al riguardo consultare il paragr. Dati vari pag. 33
Sono invertibili tramite gli appositi dati programmabili tutti gli ingressi digitali
E inoltre possibile programmare linversione delle uscite
consenso compressori CDZ
consenso ventilatori CDZ
Anomalia Blocco condizionamento (termotecnico)
Impianto elettrico sezionato (elettrico).
Tutto ci al fine di rendere possibile la configurazione dei rel in sicurezza.
Ricordiamo, infatti, che per assicurare la ridondanza di controllo si deve verificare che in caso di rottura del
TR88 deve essere abilitato al funzionamento il controllo esistente oppure il controllo a bordo macchina.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

15

7.

TABELLA DI INTERPRETAZIONE DEI TELESEGNALI E MESSAGGI


DI ERRORE

Tutte le condizioni di allarme gestite dal TR88 sono associabili a 4 contatti a rel. La tabella dei dati
programmabili relativi alle associazioni allarmi contatto di uscita con una proposta di preimpostazione
descritta a pag. 35
Di seguito vengono descritte le condizioni di allarme segnalate con contatto a rel:
1. Telesegnale di ANOMALIA BLOCCO CONDIZIONAMENTO (TERMOTECNICO): . dovuto alle cause
associate tramite il valore 3 del relativo dato programmabile.
2. Telesegnale di ANOMALIA FUNZIONALE CONDIZIONAMENTO (TERMOTECNICO): dovuto alle
cause associate tramite il valore 1 del relativo dato programmabile oltre alloverrange di almeno una
delle sonde di temperatura di mandata, pressione di condensazione e della temperatura esterna
3. Telesegnale di IMPIANTO ELETTRICO SEZIONATO: dovuto alle cause associate tramite il valore 4 del
relativo dato programmabile.
4. Telesegnale di ANOMALIA IMPIANTO ELETTRICO: dovuto alle cause associate tramite il valore 2 del
relativo dato programmabile.
NOTA: questo allarme solo visualizzato con LED sul frontale del TR88 ma non ha unuscita associata.
5. Telesegnale di BLOCCO : dovuto allallarme di mancanza Vaux o allerrore fatale del TR88.
NOTA: quando questo telesegnale attivo si accende il LED frontale di grande allarme condizionamento.
Attenzione: in caso di attivazione del Telesegnale di BLOCCO il TR88 si commuta in una modalit
di funzionamento di emergenza, in cui i rel di uscita sono diseccitati ed i contatti vengono messi
nella stessa posizione di riposo che assumerebbero ad apparecchio spento.
Questo vale per le uscite di comando CMP, VNT, mentre si attivano il telesegnale di blocco
dispositivo (su contatto N.C.) e il LED frontale di anomalia blocco condizionamento. Le uscite dei
telesegnali continuano a funzionare e ad essere gestite.
6. Telesegnale di BATTERIA IN SCARICA: dovuto alla segnalazione da parte della stazione di energia.
7. Telesegnale di DISALIMENTAZIONE APPARATI: dovuto alla rilevazione del Termostato 51C o dalla
segnalazione da parte della stazione di energia.
8. Telesegnale di MANCA RETE : dovuto alla bassa tensione rilevata dal Misuratore Elettrico o, in caso di
non comunicazione con il misuratore, alla segnalazione da parte della stazione di energia, o allingresso
digitale MANCA RETE.
I telesegnali vengono riportati in maniera schematica nella tabella seguente:
TELESEGNALE (RELE)
ANOMALIA BLOCCO
CONDIZIONAMENTO
[RELE 15]

Funzione OR degli allarmi selezionati programmando lapposito dato =


3
OR Blocco misto VNT1 CDZ2
OR Blocco misto VNT2 CDZ1

ANOMALIA FUNZIONALE
CONDIZIONAMENTO
[RELE 13]

DESCRIZIONE ANOMALIE

Funzione OR degli allarmi selezionati programmando lapposito dato =


1
E/o overrange sonda temperatura esterna
E/o overrange sonda temperatura mandata CDZ1(se progr.all.mandata)
E/o overrange sonda temperatura mandata CDZ2(se progr.all.mandata)

IMPIANTO ELETTRICO
SEZIONATO

Funzione OR degli allarmi selezionati programmando lapposito dato =


4

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

16

[RELE 16]

TELESEGNALE (RELE)
ANOMALIA IMPIANTO
ELETTRICO

DESCRIZIONE ANOMALIE
Funzione OR degli allarmi selezionati programmando lapposito dato =
2
NOTA: allarme solo visualizzato su LED frontale

[RELE 14]

BLOCCO

Overrange sonda temperatura ambiente


E/o allarme mancanza Vaux
E/o allarme alta T ambiente (da sonda o da Termostato max TA)
E/o errore fatale da PLC (guasto)

[RELE 12]

DISALIMENTAZIONE
APPARATI

Ingresso Termostato 51C [RELE 10]


+ Segnalazione Stazione Energia

[RELE 10]
MANCA RETE
[RELE 11]
DISTACCO LAN
[RELE 9]

Allarme bassa tensione Misuratore (con comunicazione Mis.El. attiva)


+ Manca Rete da ingresso digitale
Funzione OR degli allarmi selezionati programmando lapposito dato =
5

Lo stato delle segnalazioni di allarme visualizzato su display del TR88, inoltre su ogni pagina
compare in alto a sinistra una scritta *Er se tra i parametri visualizzati in quella pagina si
verificata una condizione di errore.
Un asterisco solo, (* ) in alto a sinistra, indica la presenza di un allarme nelle pagine sottostanti a
quel controllo
Una procedura pratica per verificare dove si verificato lerrore scandire le paginate con F4 e soffermarsi
sulla paginata con la scritta Er.
Durante la scansione bisogna fare attenzione alle pagine multiple, infatti prima di passare alla paginata
successiva bisogna scandire tutte le pagine con il tasto SCAN.
Dalla descrizione degli allarmi forniti si possono trarre informazioni sui cablaggi da effettuare nel caso non
siano utilizzati alcuni degli ingressi previsti dalla applicazione.
Per quanto riguarda i telesegnali, le connessioni al quadro elettrico sono riportate in fondo al
manuale nella sezione dedicata ai disegni tecnici.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

17

7.1 MESSAGGI DI ERRORE


I messaggi di errore vengono visualizzati sul display del TR88 e permangono finch non vengono resettati
da operatore premendo il tasto F3 RESET.
Il messaggio si presenta con una breve descrizione e un numero di errore. Vengono riportate sotto, a puro
titolo esemplificativo, alcune tipiche schermate di errore dellapplicazione, il loro significato e la probabile
causa di chiamata di errore.
SCHERMATA

SIGNIFICATO

COMPORTAMENTO

ERR. 10
ERRORE DISP AD
Reset

Indica la rottura di una scheda di acquisizione


delle sonde analogiche, oppure possibile che
sia stata abilitata nei dati Vari di configurazione
una scheda non presente nel dispositivo.

Controllare lo stato di
abilitazione degli slots chiamare lassistenza

Indica che una sonda fuoricampo, una


probabile rottura, o un funzionamento al di fuori
del range programmato per la sonda.

Verificare se la sonda
guasta o non collegata
correttamente. Verificare
le impostazioni di range
delle sonde

Indica che lorologio ha perduto le impostazioni


memorizzate.

Il dispositivo guasto

Indica che lorologio ha perduto la calibrazione.

Il dispositivo guasto

Indica che la lettura di almeno un dato non e


andata a buon fine..

Il dispositivo guasto

ERR. 11
FUORICAMPO SON.
Reset

ERR. 28
ERR. CLOCK MEM
Reset

ERR. 29
ERR. CLOCK CAL
Reset

ERR. 30
PERDITA DATI
Reset

ERR. 50
ERR.COMUNIC.MIG3 N

La trasmissione dei dati tra MIG3 e TR88 non


corretta.

Reset

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

Verificare la
connessione
dei cavi

18

Riportiamo lelenco completo degli errori e degli avvisi che possono essere emessi dal dispositivo

E0
E1
E2
E3
E4
E5
E6
E10
E12
E11
E20
E21
E22
E23
E24
E25
E26
E27
E28
E29
E30
E31
E32
E33
E34
E51
E48
E48
E49
E50

ELENCO ERRORI DI SISTEMA


TROPPI ERRORI
FORMATO
L.P.
STACK ESPR L.P.
DIV. ZERO L.P.
OVERFLOW
L.P.
WR ILLEG
L.P.
PAR ILLEG L.P.
ERR.DISPOS A/D
ERR. MISUR. TENSIONE
FUORICAMPO SON.
ERR CKSUM FLASH
ERR INIT P.DATA
ERR INIT F.DATA
ERR CONF. LEDS
ERR CONF. IN D.
ERR CONF. OUT D.
ERR CONF. IN A.
ERR CONF. OUT A.
ERR CLOCK MEM
ERR. CLOCK CAL.
PERDITA DATI
ERR. STRING MOUN.
ERR. LN MOUNT
ERR. NT MOUNT
ERR.DATDRV MOUNT
PROGRAMMAZ. ERRATA
ERRORE DI RETE
ERR.INTERF. MIG3
ERRORE CC03 LINK
ERR.COMUNIC.MIG3 N

Gli errori E1E6, E20E27, E31E48 sono errori che vengono visualizzati solo in caso di errori del
software. Nel caso venissero rilevati tali messaggi chiamare immediatamente lassistenza

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

19

Il sistema TR88 fornisce anche avvisi per errori riguardanti la applicazione, che comprendono errori
riguardanti il TR88 stesso o dispositivi periferici ad esso collegati. Lelenco completo mostrato nella
seguente tabella:

ELENCO ERRORI APPLICAZIONE


WT1
Alta T50 T.Ambiente
WT2
Alta T40 T.Ambiente
WT3
Bassa Temp. Ambiente
WT4
Manca Ventilazione
WT5
Term.Alta T40 T.Amb.
WE1
Disalim. App. TLC 51
WG1
Allarme Incendio
WC1
Scarsa
T.M.
CDZ1
WE2
Interr. Aperto CDZ1
WC2
Allarme Tot. VNT
WC3
Manca Flusso VNT 1
WC4
Allarme Filtro CDZ1
WC5
Allarme Blocco CDZ1
WC6
Allarme RIS/FC CDZ1
WC7
Allarme VNT
CDZ1
WC8
Scarsa
T.M.
CDZ2
WE3
Interr. Aperto CDZ2
WC9
Manca Flusso VNT 2
WC10
Manca Flusso Tot.
WC11
Allarme Filtro CDZ2
WC12
Allarme Blocco CDZ2
WC13
Allarme RIS/FC CDZ2
WC14
Allarme VNT CDZ2
WC15
Sonda Ta FuoriCampo
WC16
Snd.Te/Tm FuoriCampo
WC17
Allarme Tot. Filtri
WC18
Allarme Tot. Bl.CDZ
WC19
All. Totale RIS/FC
WC20
Errore Sistema TR88
WC21
Al.Porta Sito Aperta
WC22
Allarme SOV
WE23
Interr.CA Aperti Rad
WG2
Manca Rete Mis. El.
WG4
IN Manca Rete
WE5
Mancanza V Aux
WE6
Sez.Generale Aperto
WE7
Int. Prese Luci Ap.
WE8
Int.Sec.Trafo Aperto
WE9
Int.Generale Aperto
WE10
Interv.Differenz.IG
WE11
Scatt.Magnetoterm.IG
WE12
Manca Vaux Rele Diff
WE13
Anomalia Colleg. IG
WE14
Anomal.Selet.M/A IG
WE15
Selet.IG MANUALE
WE16
IG Chiuso+Diff.Scat.
WE17
Errata Seq. Fasi
WE18
Basso Fatt. Potenza
WE19
Bassa Tensione
WE20
Alta Tensione

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

20

ELENCO ERRORI APPLICAZIONE


WE21
Errore Comun. Mis.El
WG3
Anomalia Imp. Elett.
WE4
Al.Batter.in scarica
WE26
Al.Capacita Batterie
WE24
Allarme Blocco PLD 1
WE25
Allarme Blocco PLD 2
WE22
Errore Comun. PSC
WE27
Errore Progr. PSC
WE28
Interr. CC Aperti
WE29
All.VCC Max Raddriz.
WE30
Anomalia Staz.Energ.
WE31
Staz.Energ.Disabil.
WC40
FUORICAMPO SONDA 1
WC41
FUORICAMPO SONDA 2
WC42
FUORICAMPO SONDA 3
WC43
FUORICAMPO SONDA 4
WT6
Alta T40 T.Ambiente*
WC44
No Agg.Dati Staz.En.
WC45
Allarme da Staz. En.
WC46
libero
WC55
Serratura non blocc.
WC56
Commut.su gruppo el.
WI60
Interr. Q6 aperto
WI61
Interr. Q7 aperto
WI62
Interr. Q8 aperto
WI63
Interr. Q9 aperto
WI64
Interr. QB1 aperto
WI65
Interr. QB2 aperto
WI66
Interr. QB3 aperto
WI67
Interr. Q22 aperto
WI68
Interr. Q23 aperto
WI69
Interr. Q24 aperto
WI70
Interr. Q25 aperto
WI71
Interr. Q26 aperto
WI72
Interr. Q27 aperto
WI73
Interr. Q29 aperto
WI74
Interr. Q30 aperto
WI75
Interr. Q31 aperto
WI76
Interr. Q32 aperto
WI77
Interr. Q33 aperto
WI78
Interr. Q34 aperto
WI79
Interr. Q35 aperto
WI80
Interr. Q36 aperto
WI67
Interr. Q28 aperto
WI68
Interr. Q37 aperto

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

21

Ambiente di
Visualizzazione

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

22

8.

PANNELLO FRONTALE

Tasti funzione F1..F4 (servono per spostarsi nelle paginate, le diciture abbreviate nella quarta riga
sono dei promemoria per il significato dei tasti.).

Led che monitorizzano alcuni stati di funzionamento.

Pulsante ENTER per confermare i valori introdotti in programmazione.

Pulsanti UP e DOWN per muoversi nelle liste dei dati.

Tastiera numerica per impostare i valori di programmazione.

Pulsante CLEAR per cancellare dati immessi erroneamente.

Display LCD a 4 righe e 20 colonne che permette scorrendo i vari pannelli possibile vedere tutte le
informazioni sullimpianto.

7
5

TR-88 2CDZ INT.

ENTER
YES

CDZ 1 SERVIZIO

ANOMAL.FUNZ.CDZ

ANOM. IMP. ELET.

CONS. CDZ

CDZ 2 SERVIZIO

ANOM.BLOCCO CDZ

IMP. EL. SEZION.

RISCALDA

AUTORITEGNO

ALL. S.E.

Vista frontale di un generico TR88

CONS. CMP

9.

CLEAR
NO

ALL. PORTA

SCHEMA A BLOCCHI INTERFACCIA OPERATORE

Con riferimento allo schema di navigazione delle schermate nella pagina successiva, laccesso alle varie
funzioni dellinterfaccia utente avviene mediante il movimento guidato (navigazione) fra le varie schermate
(pannelli) disponibili. Tale navigazione resa possibile utilizzando i tasti funzione (F1, F2, F3, F4) ed altri
tasti dedicati (clear/no, freccia gi, freccia su, enter/yes).
Ogni pannello identificato da un numero (visualizzato nello schema a blocchi in alto a sinistra rispetto al
pannello stesso). Le linee di collegamento fra i vari pannelli evidenziano quali sono per loperatore le
possibilit di navigazione fra i pannelli stessi e quali sono i tasti funzione (o altri tasti) da utilizzare.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

23

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

24

2.1.2

Accensione

2.1

1.1

2.3.2.2

2.3.2.1

2.3.1.2

2.3.1.1

2.3.2

2.3.2

2.3.1

2.3.1

Tli

Vari

2.3.1

>> Esci

SCANSIONE DATI

2.3.2

2.3.1

3.1

4.1

4.3

6.3

6.1

6.2.1

6.2

6.2

7.3

7.2

7.1

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

25

1.2.1.0.1

1.2.1.0

1.2.1.1

1.2.1

1.2.1.0

1.2.1

TASTO
CLEAR

1.2.1.2

1.2.1

1.2

1.2.1

1.2.2.1

1.2.2.2

1.2.2

1.2.2

1.2.2
1.2.3.1

1.2.3.2

1.2.3

1.2.3

1.2.3

1.2.4.1

1.2.4

1.2.4

1.2.4.2

1.2.4

Nel prossimo paragrafo verranno descritti i singoli pannelli e le loro funzioni in base al numero di
identificazione.
Dalla pagina principale, visibile alla accensione, con il tasto funzione F4 >> possibile scorrere tutte le
informazioni di carattere generale
Lattivit dei vari parametri, in tutti i quadri, indicata da un quadretto scuro (
trattino ( _ )

) , linattivit da un

Vengono descritti di seguito le schermate presenti nellambiente di visualizzazione, con riferimento al


numero
di identificazione riportato nel diagramma della precedente pagina.

Schermata principale (1)


DESCRIZIONE

TASTI

Schermata che appare allaccensione subito dopo la fase di INIT. Clk = chiama la schermata di
Se il dispositivo non programmato nella terza riga appare il programmazione dellorologio
messaggio TR88 NON ATTIVO
Conf = chiama la schermata di accesso
alla programmazione
Res.A = resetta un allarme autoritenuto
(tasto visibile solo se c almeno un
allarme autoritenuto attivo)
>> = passa alla schermata 2.

Parametri condizionamento e CDZ (2, 2.1.1, 2.1.2 )


DESCRIZIONE

TASTI

Nella schermata 2 sono riportate le temperature ambiente ed


esterna.
La schermata 2.1, riporta la visualizzazione degli stati di allarme
previsti per compressore e ventola
La schermata 2.1.3 riporta lo stato dei contatori delle ore di attivit
di compressori e ventole (attivazioni, ore e minuti).

Mac = chiama la schermata men


parametri relativi alle macchine.
Scan = chiama la schermata men per
la scansione dei valori da sonde, , e
stato degli allarmi di temperatura.
Segue =. Richiama una schermata
analoga relativa allaltra macchina
Esci = torna alla schermata precedente

Visualizzazione dati di macchina e di controllo ( 2.3.1, 2.3.1.1, 2.3.1.2)

DESCRIZIONE

TASTI

Nelle schermate 2.3.1, 2.3.1.1 e 2.3.1.2 si possono scorrere tutti i


dati programmabili relativi alle macchine e al controllo.
Si possono scorrere le liste dei dati tramite i tasti freccia gi/su
presenti su pannello frontale.

Pld = chiama il men dei dati del PLD.


Cdz = chiama il men dei dati di
condizionamento.
>> = passa alla schermata successiva
Esci = torna alla schermata
precedente.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

26

Visualizzazione dati vari e di associazione allarmi ( 2.3.2, 2.3.2.1, 2.3.2.2)

DESCRIZIONE

TASTI

Nelle schermate 2.3.2, 2.3.2.1 e 2.3.2.2 si possono scorrere tutti i Tli = richiama la lista dei dati relativi
dati vari (configurazione dispositivo) e i dati programmati per alla associazione allarme - telesegnale
associare gli allarmi alle uscite telesegnali.
Vari = chiama il men dei dati per la
ventilazione in FC
>> = passa alla schermata successiva
Esci = torna alla schermata
precedente.

Visualizzazione parametri controllo Interruttore Generale Motorizzato ( 3, 3.1)

DESCRIZIONE

TASTI

Nella schermata 3, vengono visualizzati i parametri dellinterruttore Alr = richiama la pagina di


IG.
visualizzazione degli allarmi
Le uscite gestite:
>> = passa alla schermata successiva
Reset Protezione Differenziale e comando CHIUDI
Esci = torna alla schermata
Gli ingressi gestiti:
precedente.
IG chiuso, IG in AUTOMATICO, IG in MANUALE.
Nella schermata 3.1 vengono visualizzati gli allarmi relativi
allinterruttore IG:
Interr.Trafo aperto, IG aperto, Scattato differenziale e
magnetotermico, Mancanza VAUX.

Visualizzazione parametri Stazione Energia ( 4)

DESCRIZIONE

TASTI

Nella schermata 4, vengono visualizzati la tensione e la corrente di


Pld = richiama la pagina di gestione
sistema della S.E.
PLD
Nella schermata 4.1 vengono visualizzati i parametri relativi ai PLD:
Dati = richiama la pagina dei dati
I comandi PLD1, PLD2 e STROBE (S).
acquisiti dalla S.E.
Gli ingressi PLD1 e 2 ON e gli allarmi calcolati di Blocco PLD1, 2 e
In alto a destra compare la scritta DIS o ABIL (disabilitato/abilitato), >> = passa alla schermata successiva
Esci = torna alla schermata
relativo al controllo sullo sgancio PLD, attivo solo per manca rete.
precedente.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

27

Visualizzazione dati Stazione Energia (4.3)

DESCRIZIONE

TASTI

Nelle schermate 4.3, vengono visualizzati rispettivamente i dati Esci = torna alla schermata
della S.E.
precedente.
PANNELLO 4.3 Visualizzazione valori acquisiti da S.E.:

Stringa
Vsis
Isis
Psis
Temp
Ibatt
V batt.
Iradd
Situazione batteria

Unit di mis
V
A
kW
C
A
V
A

Si descrive brevemente il significato delle stringhe sopra elencate:


Tensione di uscita del sistema espressa in Volt
Vsis
Corrente di uscita complessiva del sistema espressa in Ampere
Isis
Potenza di uscita del sistema espressa in Watt

Psis.
Temp

Temperatura stazione in C

Ibatt

Corrente complessiva di batteria espressa in Ampere. Se negativa indica


che le batterie sono in scarica.

V batt.

Tensione batterie sistema espressa in Volt

Iradd

Corrente complessiva erogata dai raddrizzatori espressa in Ampere

Situazione batteria

Indica lo stato della batteria espressa con un numero che assume i


seguenti significati.
12=Carica di mantenimento
1=Compensazione temperatura
13 = TC carica di mantenimento
2-3-4 = Carica rapida
6-7 = Prova batteria
9=Scarica
5= Equalizzazione
11 Carica/scarica sep
10=SAE
14=Limitazione corrente

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

28

Messaggio da PSC (5)

DESCRIZIONE
Visualizza gli allarmi della stazione di energia.

TASTI
+1 passa dal messaggio visualizzato
al successivo.
-1 passa dal messaggio visualizzato
al successivo.
>> = passa alla schermata successiva.

Visualizzazione misuratore grandezze elettriche ( 6, 6.1, 6.2, 6.2.1, 6.3)

DESCRIZIONE

La schermata 6 visualizza i valori delle grandezze elettriche rilevati dal


misuratore esterno: Vf = tensione di fase; If = carrente di fase; Fp =
fattore di potenza (cosFi); Kw = potenza in kilowatt.
La schermata 6.1 riporta la lista dei dati registrati dal misuratore di
grandezze elettriche.
La schermata 6.2 riporta lo stato degli allarmi sulle grandezze elettriche
: Iaa = interruttore amperometrico aperto; Iva = interruttore voltmetrico
aperto; Sio = errore comunicazione seriale TR88-MGR3; Mre = manca
rete; VHi = allarme alta tensione; Vlo = allarme bassa tensione; Cos =
allarme cosFi; Sqf = allarme sequenza fasi
La schermata 6.2.1 riporta la lista dei dati di configurazione e di allarme
programmati relativi al misuratore ed alle grandezze elettriche.
La schermata 6.3 riporta la lista di tutte le grandezze rilevate e calcolate
dal misuratore MGR3.

NOTA: Se si abilitato un misuratore IME, poich questo non fornisce


alcuni dati che venivano invece forniti dal misuratore MIG o MIG3, al posto
di questi dati verranno visualizzate delle barrette orizzontali a significare la
presenza di dati non validi.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

TASTI
Reg= chiama la schermata per
la scansione dei valori registrati
dal misuratore
Alr = chiama il pannello relativo
agli allarmi sulle grandezze
elettriche
Scan = chiama il pannello di
scansione delle grandezze
rilevate dal misuratore
>> = passa alla schermata
successiva
Esci = torna alla schermata
precedente.

29

Visualizzazione e registrazione allarmi ( 7, 7.1, 7.2, 7.3)

DESCRIZIONE

La schermata 7 introduce ai pannelli dedicati agli allarmi. Visualizza la


data dellultimo reset della lista cronologica degli allarmi eventualmente
succeduti.
La schermata 7.1 riporta lo stato di ogni allarme riconoscibile dal
messaggio editato. La lista si scorre con i tasti freccia.
La schermata 7.2 riporta in ordine cronologico a partire dal pi recente
lelenco degli allarmi succedutisi visualizzandone il messaggio, lora e la
data in cui si sono verificati.
La schermata 7.3 un prompt per la conferma del reset della lista storico.

TASTI
Stat = chiama la schermata
relativa allo stato degli allarmi.
Stor = chiama la schermata
relativa allo storico degli allarmi
Reset = porta alla schermata
relativa al reset dello storico
degli allarmi.
+10 = salta di 10 posizioni
indietro nella lista storico
-10 = salta di 10 posizioni in
avanti nella lista storico
>> = passa alla schermata
successiva

NOTA:
Viene evidenziato un ALLARME IN CORSO con la scritta Er in alto a sinistra nella pagina che
ha generato lallarme.
Il procedura consigliata per localizzare un allarme la seguente:
1) verifica della presenza di un allarme da pagina ALLARMI
2) scorrimento delle pagine facendo attenzione alla scritta Er ( Attenzione : scorrere tutte le
pagine dei condizionatori ).
3) verifica allinterno della pagina dellerrore.
In ogni caso verificare anche le equazioni degli allarmi in caso di Er non trovato

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

30

Ambiente di
Programmazione

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

31

10.

PROGRAMMAZIONE

Vengono inseriti in questo capitolo tutti i parametri programmabili, il loro significato e come possono essere
raggiunti attraverso le videate proposte dal TR88.
E possibile proteggere laccesso allambiente di configurazione tramite una parola chiave di 4 cifre (parola
richiesta immediatamente dopo che si preme il tasto CONF nella schermata principale per accedere alla
configurazione).
La programmazione di una parola chiave possibile nella schermata DATI VARI (vedi paragrafo dati vari a
pagina 33). Nel caso non venisse programmata alcuna parola chiave si pu accedere direttamente dalla
schermata principale, tramite il tasto CONF, ai pannelli dei men di programmazione/cancellazione.
Attenzione: normalmente i dati non utilizzati devono essere resettati (ad esempio un tempo di
ritardo resettato equivale ad un tempo di ritardo nullo, oppure una soglia resettata considerata
inattiva)
Non tutti i dati descritti sotto sono direttamente visualizzabili per essere programmati ma
necessitano la programmazione di dati ad essi prioritari.
Esempio: il dato ISTERESI ALTA TEMP. apparir per poter essere programmato solamente una
volta che stato assegnato un valore al dato ALLARME ALTA TEMP.

NOTA: lambiente di programmazione del TR88 rappresentato dalle schermate nellarea grigia del
diagramma di visualizzazione a pag.23.

10.1

DATA ED ORA (schermata 1.1)

Allinterno di questa videata di programmazione possibile programmare giorno, mese ed anno, ora e
minuti. I dati che lutente deve programmare al riguardo sono mostrati nella seguente tabella:
Stringa
MINUTI
ORE
GIORNO
MESE
ANNO

(0-59)
(0-23)
(1-31)
(1-12)
(0-99)

Esempio
28
16
20
1
98

Minimo

Massimo
0
0
1
1
0

59
23
31
12
99

Attenzione: per programmare la data e lora viene richiesta la parola chiave solamente se gi
stata impostata nel men dati vari.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

32

10.2

DATI VARI (schermata 1.2.1.2)

In tale schermata sono presenti ( possibile scorrerli utilizzando i tasti freccia) i seguenti dati programmabili:
Stringa
PAROLA CHIAVE PRIOR.
PAROLA CHIAVE
TEMPO BUZZER (0=OFF)
LCD 0=OFF 1=ON 2=TIM
TEMPO MASCH.AUTORIT.
Abilitazione PSC
INV.IN INT.APERT.CDZ
INV.IN AL.BLOCCO CDZ
INV.IN VNT in funz.
INV.IN CMP in funz.
INV.IN ALL. FILTRI
INV.IN ANOM. RIS/FC
INV.IN ALLARME VNT
INV.IN GUASTO SOV
INV.IN PORTA SITO AP
INV.IN VAUX
INV.IN TERM.ALTA T40
INV.IN DIS.APP.TLC51
INV.IN ALL. INCENDIO
INV.IN INT. CA APER.
INV.IN PLD1 ON
INV.IN PLD2 ON
INV.IN MANCA RETE
INV.IN INT.GEN.SCAT.
INV.IN INT.CC APERTI
INV.IN INT.TRAFO AP.
INV.IN IG.SCAT.DIFF.
INV.IN IG.SCAT.MAGN.
INV.IN IG.SELET.MAN.
INV.IN IG.SELET.AUTO
INV.IN NO VAUX DIFF.
INV.OUT RESET DIF.IG
INV.OUT CHIUSURA IG
INV.OUT APERTURA IG
INV.OUT ANOMALIA IG
INV.OUT DISAL.TLC IG
INV.OUT ALL.BATT.
INV.GRANDI ALLARMI
INV.PICCOLI ALLARMI
INV.TL DISTACCO LAN
INV.IN SERRAT.NON B.
INV.IN COMMUT.SU GR.
RIT.ALL.ANOM. RIS/FC
RIT.ALL.PORTA APERTA
RIT.ALL.DIS.APP.TLC
RIT.ALL.ELETT.GENER.
RIT.ALL. MANCA RETE
PROLUNGAMENTO RELE 9
RIT.SEQ. CHIUSURA IG
IMPULSO CHIUSURA IG
IMPULSO APERTURA IG
IMPULSO RESET DIF.IG
TEMPO MAX 3a SEQ. IG

Unit di mis

Esempio

Minimo

sec
1
min
1
1

1
1

1
1
1

sec
sec
sec
sec
sec
sec
sec
sec
sec
sec
sec

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

10

60
1
1
1
120

Massimo
0
0
0
0
0
1
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
1
1
1
1
0
0
0
1
1
1
0

9999
9999
9999
2
480
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
9999
9999
9999
9999
14400
9999
14400
14400
14400
14400
14400

33

Si descrive brevemente il significato delle stringhe sopra elencate:


PAROLA CHIAVE
PRIOR.PAROLA CHIAVE

possibile programmare due PASSWORD di diversa priorit per


labilitazione allaccesso ai dati di programmazione ed alla configurazione
dellimpianto.
Impostando la PAROLA CHIAVE PRIORITARIA si impedisce a chi non
dispone di essa la visualizzazione di qualsiasi dato programmabile.
Se si programma anche la PAROLA CHIAVE tramite essa si abilita
laccesso solamente ai dati di programmazione non protetti. Nella
presente applicazione lunico dato protetto la PAROLA CHIAVE
PRIORITARIA.
Qualora venga smarrita la parola chiave prioritaria esiste una password
universale per accedere ugualmente a tutti i dati dellambiente di
configurazione; tale password : 6591

TEMPO BUZZER (0=OFF)

Stabilisce il tempo per cui rimane accesa la suoneria nel caso si attivi; con
0 la si disabilita

LCD 0=OFF 1=ON 2=TIM

Flag per laccensione della luce di sfondo del LCD. Con il dato LCD....
possibile programmare:
0 o RESET LCD sempre spento
1
LCD sempre acceso
2
LCD acceso a tempo

TEMPO MASCH.AUTORIT.
Abilitazione PSC

INV.TL DISTACCO LAN

Tempo a partire dallaccensione in cui non vengono autoritenuti gli allarmi.

Inverte il funzionamento del rel 9 di distacco LAN

INV.IN.xxxxxx

Inverte il funzionamento dellingresso xxxxxx:


se programmato = 1, si ha la condizione di allarme se lingresso non
attivo.

INV.OUT.xxxxxx

Inverte il funzionamento delluscita xxxxxx:


se programmato = 1, utilizzare contatto NC. Se 0, utilizzare contatto NA.

INV. GRANDI ALLARMI

Inverte il livello logico dei telesegnali di grande allarme di


condizionamento e grande allarme elettrico e delluscita manca rete.

INV. PICCOLI ALLARMI

Inverte il livello logico del telesegnale di piccolo allarme di


condizionamento.

RIT.ALL.xxxxxxxx

Ritardo in secondi o minuti, allattivazione dellallarme.

RIT.ALL. MANCA RETE

Ritardo in minuti allattivazione dellallarme MANCA RETE

PROLUNGAMENTO RELE 9

Mantenimento dellattivazione del blocco LAN (rel 9) dallistante di


cessazione delle cause che hanno provocato il blocco.

RIT. SEQ. CHIUSURA IG

Ritardo in secondi dellattivazione del comando di reset protezione


Differenziale dal momento in cui linterruttore generale risulta aperto per
scatto differenziale.

IMPULSO CHIUSURA IG

Durata dellimpulso di comando di chiusura dellinterruttore generale, se


tale valore viene resettato il comando rimane attivo sino alla completa
chiusura dellinterruttore

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

34

10.3

IMPULSO APERTURA IG

Durata dellimpulso di comando di apertura dellinterruttore generale, se


tale valore viene resettato il comando rimane attivo sino alla completa
apertura dellinterruttore generale

IMPULSO RESET DIF. IG

Durata dellimpulso di comando per effettuare il reset del rel differenziale


dellinterruttore generale

TEMPO MAX 3a SEQ. IG

Tempo, in secondi, oltre al quale viene resettato il contatore delle


sequenze di riarmo. Se entro tale tempo si verificano pi di 3 scatti per
intervento differenziale, la sequenza si blocca. In questo caso gli scatti non
sono pi considerati intempestivi, ma sicuramente sia hanno problemi di
altro carattere sulla linea a valle dellinterruttore differenziale pertanto
inutile ritentare il riarmo.

DATI ASSOCIAZIONE ALLARMI USCITE (schermata 1.2.1.1)

In tale schermata sono presenti ( possibile scorrerli utilizzando i tasti freccia) i seguenti dati programmabili:

Stringa
Alta T50 T.Ambiente
Alta T40 T.Ambiente
Bassa Temp. Ambiente
Manca Ventilazione
Term.Alta T40 T.Amb.
Disalim. App. TLC 51
Allarme Incendio
Scarsa
T.M.
CDZ1
Interr. Aperto CDZ1
Allarme Tot. VNT
Manca Flusso VNT 1
Allarme Filtro CDZ1
Allarme Blocco CDZ1
Allarme RIS/FC CDZ1
Allarme VNT
CDZ1
Scarsa
T.M.
CDZ2
Interr. Aperto CDZ2
Manca Flusso VNT 2
Manca Flusso Tot.
Allarme Filtro CDZ2
Allarme Blocco CDZ2
Allarme RIS/FC CDZ2
Allarme VNT CDZ2
Sonda Ta FuoriCampo
Snd.Te/Tm FuoriCampo
Allarme Tot. Filtri
Allarme Tot. Bl.CDZ

Esempio
3
5
1
5
3
1
2
3
1
1
1
1
1
1
2
1
3
1
1
1
1
1
1
3
3

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

Minimo
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0

Massimo
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6

35

Stringa
All. Totale RIS/FC
Errore Sistema TR88
Al.Porta Sito Aperta
Allarme SOV
Interr. CA Aperti
Manca Rete Mis. El.
IN Manca Rete
Mancanza V Aux
Sez.Generale Aperto
Int. Prese Luce Ap.
Int.Sec.Trafo Aperto
Int.Generale Aperto
Interv.Differenz.IG
Scatt.Magnetoterm.IG
Manca Vaux Rele Diff
Anomalia Colleg. IG
Anomal.Selet.M/A IG
Selet.IG MANUALE
IG Chiuso+Diff.Scat.
Errata Seq. Fasi
Basso Fatt. Potenza
Bassa Tensione
Alta Tensione
Errore Comun. Mis.El
Anomalia Imp. Elett.
Al.Batter.in scarica
Al.Capacita Batterie
Allarme Blocco PLD 1
Allarme Blocco PLD 2
Errore Comun. PSC
Errore Progr. PSC
Interr. CC Aperti
All.VCC Max Raddriz.
Anomalia Staz.Energ.
Staz.Energ.Disabil.
FUORICAMPO SONDA 1
FUORICAMPO SONDA 2
FUORICAMPO SONDA 3
FUORICAMPO SONDA 4
Alta T40 T.Ambiente*
No Agg.Dati Staz.En.
Allarme da Staz. En.
Libero 2
Libero 3
Libero 4
Libero 5
Libero 6
Libero 7
Libero 8
Libero 9
Libero 10

Esempio
3
5
2
2
2
2
2
2
4
2
2
2
2
2

2
2

1
1
1
1

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

Minimo
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0

Massimo
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
36

Serratura non blocc.


Stringa
Commut.su gruppo el.
Inter. Q6 aperto
Inter. Q7 aperto
Inter. Q8 aperto
Inter. Q9 aperto

Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.
Inter.

Stringa
QB1 aperto
QB2 aperto
QB3 aperto
Q22 aperto
Q23 aperto
Q24 aperto
Q25 aperto
Q26 aperto
Q27 aperto
Q29 aperto
Q30 aperto
Q31 aperto
Q32 aperto
Q33 aperto
Q34 aperto
Q35 aperto
Q36 aperto
Q28 aperto
Q37 aperto

Esempio
2
2
2
2
2

0
Minimo
0
0
0
0
0

6
Massimo
6
6
6
6
6

Esempio
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2

Minimo
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0

Massimo
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6
6

Si descrive brevemente il significato delle stringhe precedentemente elencate:


Per tutti i dati:

10.4

E possibile assegnare lattivazione di uno dei contatti di uscita


previsti per i telesegnali in particolare:
0 = NESSUN ALLARME
1 = ANOMALIA FUNZIONALE CONDIZIONAMENTO
2 = ANOMALIA IMPIANTO ELETTRICO
3 = ANOMALIA BLOCCO CONDIZIONAMENTO
4 = IMPIANTO ELETTRICO SEZIONATO

DATI CONFIGURAZIONE SP SGANCIO PLD(schermata 1.2.2.1)

In tale schermata sono presenti ( possibile scorrerli utilizzando i tasti freccia) i seguenti dati programmabili:

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

37

Stringa
MODO SGANCIO PLD
SGANCIO A TEMPO PLD1
RITARDO SGANCIO PLD1
SP [V] SGANCIO PLD1
AUTOR. SGANCIO PLD1
SGANCIO A TEMPO PLD2
RITARDO SGANCIO PLD2
SP [V] SGANCIO PLD2
AUTOR. SGANCIO PLD2

Unit di mis

Esempio

min
sec
V
min
sec
V

Minimo
1
1

Massimo

0
0
0
40.0
0
0
0
40.0
0

3
546
9999
48.0
1
546
9999
48.0
1

Si descrive brevemente il significato delle stringhe sopra elencate:


MODO SGANCIO PLD

SP SGANCIO PLDx

Indica la modalit di sgancio dei 2 PLD:


0 nessun sgancio.
1 sgancio a tempo
2 non utilizzato
3 sgancio in base alla tensione delle batterie.
Valore di tensione, che definisce il livello di tensione delle batterie
della stazione di energia, al disotto del quale viene SGANCIATO
il comando PLDx

IST. SGANCIO PLDx

Isteresi relativa al set point di sgancio

AUTOR. SGANCIO PLDx

Mantenimento dello sgancio PLDx anche al cessare dellallarme.

SGANCIO A TEMPO PLDx

Tempo di ritardo, espresso in minuti per effettuare lo sgancio del


PLDx dallistante di inizio scarica delle batterie

RITARDO SGANCIO PLDx

Isteresi relativa al set point di sgancio

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

38

10.5

DATI CONDIZIONAMENTO (SCHERMATA 1.2.2.2)

In tale schermata sono presenti ( possibile scorrerli utilizzando i tasti freccia) i seguenti dati programmabili:
Stringa

SP ALTA T50 T.AMB.


ISTERESI T50 T.AMB.
AUTORIT. T50 T.AMB.
RITARDO T50 T.AMB.
SP ALTA T40 T.AMB.
ISTERESI T40 T.AMB.
AUTORIT. T40 T.AMB.
RITARDO T40 T.AMB.
ALLARME BASSA TEMP.
ISTERESI BASSA TEMP.
AUTORIT. BASSA TEMP.
RITARDO BASSA TEMP.
DELTA MIN. T.MANDATA
ISTERESI
T.MANDATA
AUTORIT.
T.MANDATA
RITARDO
T.MANDATA
AUTORIT.ALL.INCENDIO
RITARDO ALL.INCENDIO
ALL. VNT / FLUSSO
RITARDO VNT ON
RIT. AL. BLOCCO CDZ
RITARDO ALL. FILTRO
AVVIAMENTI
VNT 1
MIN FUNZION. VNT 1
ORE FUNZION. VNT 1
AVVIAMENTI
CMP 1
MIN FUNZION. CMP 1
ORE FUNZION. CMP 1
AVVIAMENTI
VNT 2
MIN FUNZION. VNT 2
ORE FUNZION. VNT 2
AVVIAMENTI
CMP 2
MIN FUNZION. CMP 2
ORE FUNZION. CMP 2

UM

Esempio

Minimo

C
C

0.1

sec
C
C

5.0
0.1

sec
C
C

0.1

sec
C
C
sec
sec
sec
sec
sec
6
7
0

-50.0
0.1
0
0
-50.0
0.1
0
0
-50.0
0.1
0
0
0.1
0.1
0
0
0
1
0
0
0
1
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0

Massimo

100.0
100.0
1
14400
100.0
100.0
1
14400
100.0
100.0
1
14400
100.0
100.0
1
14400
1
14400
1
9999
14400
14400
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0

Si descrive brevemente il significato delle stringhe sopra elencate:

SP ALTA TXX T. AMB

Set point per alta temperatura ambiente (vedi nota b)

ISTERESI TXX T.AMB.

Isteresi per segnale di allarme alta temperatura ambiente (vedi


nota b)

AUTORIT. TXX T.AMB.

Autoritegno segnale di allarme alta temperatura ambiente

RITARDO TXX T.AMB

Ritardo attivazione segnale di allarme alta temp. Ambiente

ALLARME BASSA TEMP.

Set point per bassa temperatura ambiente

ISTERESI BASSA TEMP.

Isteresi per segnale di allarme bassa temperatura ambiente


(vedi nota b)

AUTORIT. BASSA TEMP.

Autoritegno segnale di allarme bassa temperatura ambiente

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

39

RITARDO BASSA TEMP.

Ritardo attivazione segnale di allarme bassa temp. ambiente

DELTA MIN. T. MANDATA

Minimo differenza di temperatura tra ingresso e uscita del


condizionatore

ISTERESI T. MANDATA

Isteresi per segnale di allarme temperatura di mandata (vedi


nota b)

AUTORIT. T. MANDATA

Autoritegno segnale di allarme temperatura di mandata

RITARDO T. MANDATA

Ritardo attivazione segnale di allarme temp. mandata

AUTORIT. ALLARME INCENDIO

Autoritegno segnale di allarme incendio

RITARDO ALLARME INCENDIO

Ritardo attivazione segnale di allarme incendio

ALL. VNT / FLUSSO

Stabilisce la funzione degli ingressi digitali 7 e 14 sullo Slot P4, il


valore 0 definisce lingresso come anomalia ventola CDZ x, pi
precisamente ogni volta che si attiva tale ingresso, viene
visualizzato lo stato: Allarme VNT CDZ x.
1 definisce lingresso come Flusso Presente CDZ x, tutte le
volte che il TR88 rileva una ventola in funzione, entro il tempo
RITARDO VNT ON si deve attivare pure lingresso in
questione, altrimenti si genera lallarme Manca Flusso VNT x

RITARDO VNT ON

Ritardo di filtro per generare gli allarmi di Manca Flusso VNT x


dallattivazione dellingresso Ventola ON CDZ x.
Lo stesso tempo viene utilizzato come filtro per generare
lallarme di Manca Ventilazione ovvero non risulta attivo
nessuno dei 2 ingressi di Ventola ON CDZ x.

RIT. AL. BLOCCO CDZ

Ritardo attivazione segnale di allarme per blocco condizionatore

RIT. ALL. FILTRO

Ritardo attivazione segnale di allarme per filtro sporco

AVVIAMENTI VNT/CMP

Contatore avviamenti ventilatore, compressore

MIN/ORE FUNZION. VNT/CMP

Min/Ore di funzionamento ventilatore, compressore

Nota A:
Nota B:

consigliabile autoritenere gli allarmi di blocco per evitare che vengano meno allo spegnersi
dei CDZ, per poi ricomparire ai successivi avviamenti.
Tutti gli allarmi autoritenuti sono resettabili premendo il tasto Res.A nella schermata iniziale.
La struttura di ogni allarme composta dal valore di set point di allarme, dalla sua isteresi, dalla
possibilit di autoritenerlo, dalla possibilit di ritardarlo come generazione di telesegnale; tutti
questi parametri devono essere impostati per ogni allarme.
consigliabile autoritenere gli allarmi pi importanti in modo da avere memoria di ci che
successo nel momento in cui si arriva lassistenza tecnica; inoltre consigliabile ritardare la
generazione del telesegnale in maniera da evitare lintervento della assistenza per transizioni
momentanee proprie del sistema controllato ma che non comportano problemi dal punto di vista
del corretto funzionamento dellimpianto.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

40

10.6

DATI CONFIGURAZIONE STAZIONE ENERGIA (SCHERMATA 1.2.3.1 )

In tale schermata sono presenti ( possibile scorrerli utilizzando i tasti freccia) i seguenti dati programmabili:

Stringa
Vs max.
Vs min.
Va max.
Va min.
Isis max.
Isis min.
Temp alta
Temp ok
Vsis 20 C
Vset RD.
Ibatt max.
Coef.T.Vsis [-mV/C]
Vmin LVD ok
Vmin LVD
CAP BATT ok
CAP BATT min.
Vmin BATT ok
Vmin BATT
Vsupp
Durata min.
Intervallo [giorni]
Capacita' batterie
Ora inizio test
Mesi proibiti

Unit
di mis

Esempio

V
V
V
V
A
A
C
C
V
V
A
V
V
%
%
V
V
V
min
Ah

Minimo

55.2
53.8
57.6
46.0
200.0
40.0
40
39
54.5
54.5
30.0
60
48.0
43.0
80
5
48.0
45.6
48.0
0
0
300
0
0

VS MAX.

Tensione massima di sistema

Vs min.

Tensione minima di sistema

Isis max.

Corrente massima di sistema

Isis min.

Corrente minima di sistema

Massimo

40.0
40.0
40.0
40.0
0.0
0.0
0
0
40.0
40.0
0.0
0
40.0
40.0
0
0
40.0
40.0
0.0
0
0
0
0
0

60.0
60.0
60.0
60.0
999.9
999.9
100
100
60.0
60.0
999.9
200
60.0
60.0
100
100
60.0
60.0
60.0
546
9999
5000
23
4

TEMP ALTA

Temperatura di allarme

Temp ok

Temperatura di rientro allarme.

VSIS 20 C

Tensione del sistema @ 20C

Vset RD.

Tensione di impostazione dei moduli

IBATT MAX.

Corrente massima di batteria

Coef.T.Vsis [-mV/C]

Coefficiente di compensazione della tensione del sistema in


funzione della temperatura.

Vmin LVD ok

Tensione di rientro allarme LVD.

VMIN LVD

Tensione di allarme LVD.

CAP BATT ok

Valore Valore di allarme per basa tensione Batterie di bassa

capacit batterie.
CAP BATT MIN.

Valore di allarme di bassa capacit batterie

Vmin BATT ok

Valore di riento allarme per basa tensione Batterie

VMIN BATT

Valore di allarme per basa tensione Batterie

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

41

Vsupp

Tensione di carica di supporto

Durata min.

Durata in minuti della prova batteria

Intervallo [giorni]

Intervallo di giorni che intercorre tra un test ed il successivo

Capacita' batterie

Capacit della Batteria

Ora inizio test

Ora di inizio della prova batteria automatica.

Mesi proibiti

Mesi in cui viene inibita la prova automatica delle batterie,


possibile editare 5 valori che assumono i seguenti significati:

0 = nessun mese escluso.

1 = Giugno e Luglio eslusi.

2 = Luglio ed Agosto eslusi.

3 = Giugno e Luglio ed Agosto eslusi.

4 = Gennaio, Giugno, Luglio, Agosto e Dicembre eslusi

NOTA: Alluscita di questa lista di programmazione viene verificata la correttezza dei dati programmati;
qualora vi fossero imputati dei dati incompatibili, il sistema non eseguir luscita e si posizioner sul
primo dato errato.

10.7 DATI CONFIGURAZIONE MISURATORE GRANDEZZE ELETTRICHE


(OPZIONALE) - (schermata 1.2.4.1)
In tale schermata sono presenti ( possibile scorrerli utilizzando i tasti freccia) i seguenti dati programmabili:
Stringa
ABILITAZ.(1=3f,2=1f)
MIS.EL.(MIG,IME,DUC)
KTA correnti
KTV tens. (IME x 10)

UM

Esempio

Minimo

Massimo
0
1
1
1

2
4
999
999

Si descrive brevemente il significato delle stringhe sopra elencate:


ABILITAZ.(1=3F,2=1F)
Abilita il misuratore di grandezze elettriche:
0 o Reset = non abilitato (tutti i dati sono saltati)
1
= abilitazione misuratore trifase
2
= abilitazione misuratore monofase (non esegue
tutti i controlli trifase)
(vedi nota A)
MIS.EL.1=MIG,2=IME,3=DUC

Tipo di misuratore (obbligatorio se abilitazione):


1 = MIG
2 = IME
3 = DUCATI
4 = MGE3 ABLY

KTA correnti

Rapporto trasformatore amperometrico (vedi nota B)

KTV tens. (IME x 10)

Rapporto trasformatore voltmetrico (vedi nota B)

Nota A:

Nota B:

Una volta impostati tali dati programmabili alluscita della schermata 1.2.4.1 (MENU
PROGRAMMAZIONE) necessario eseguire un restart del sistema perch la modifica possa
divenire operativa.
Per aggiornare sul misuratore grandezze elettriche i valori KTA e KTV programmati, occorre
premere il tast 1 (1. Set KTA e KTV), dalla schermata 1.2.4.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

42

10.8

DATI DI CONTROL. MIS.GRAND.ELETTRICHE (OPZIONALE) - (schermata 1.2.4.2)

In tale schermata sono presenti ( possibile scorrerli utilizzando i tasti freccia) i seguenti dati programmabili

Stringa
ALLARME
ISTERESI
AUTORIT.
RITARDO
ALLARME
ISTERESI
AUTORIT.
RITARDO
ALLARME
ISTERESI
AUTORIT.
RITARDO
AUTORIT.
RITARDO
RITARDO

ALTA TENS.
ALTA TENS
ALTA TENS.
ALTA TENS.
BASSA TENS.
BASSA TENS.
BASSA TENS.
BASSA TENS.
BASSO COSFI
BASSO COSFI
BASSO COSFI
BASSO COSFI
SEQ. FASI
SEQ. FASI
MANCA RETE

UM

Esempio

Minimo

V
V
sec
V
V
sec

sec
sec
sec

Massimo

0
1
0
0
0
1
0
0
0.00
0.01
0
0
0
0
0

1000
1000
1
14400
1000
1000
1
14400
1.00
1.00
1
1800
1
14400
14400

Si descrive brevemente il significato delle stringhe sopra elencate:


ALLARME ALTA TENSIONE
ISTERESI ALTA TENSIONE
AUTORIT. ALTA TENSIONE
RITARDO ALTA TENSIONE

Allarme di alta tensione (vedi nota B)

ALLARME BASSA TENSIONE


ISTERESI BASSA TENSIONE
AUTORIT. BASSA TENSIONE
RITARDO BASSA TENSIONE

Allarme di bassa tensione (vedi nota B)

ALLARME BASSO COSFI.


ISTERESI BASSO COSFI.
AUTORIT. BASSO COSFI.
RITARDO BASSO COSFI.

Allarme di basso fattore di potenza (vedi nota B)

AUTORIT. SEQ. FASI

Autoritegno su segnale di sequenza fasi non corretta

RITARDO SEQ. FASI

Ritardo sullemissione del segnale di sequenza fasi non corretta

RITARDO MANCA RETE

Tempo di filtro per lattivazione dello stato di manca rete.

Nota B:

Tutti gli allarmi autoritenuti sono resettabili premendo il tasto Res.A nella schermata iniziale.
La struttura di ogni allarme composta dal valore di set point di allarme, dalla sua isteresi, dalla
possibilit di autoritenerlo, dalla possibilit di ritardarlo come generazione di telesegnale; tutti
questi parametri devono essere impostati per ogni allarme.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

43

10.9

MEN DI CANCELLAZIONE (schermata 1.2.1.0)

Dalla schermata 1.2.1, tramite il tasto su pannello CLEAR si accede ai seguenti men di cancellazione :
Allinterno di questo pannello utilizzando i tasti numerici sul pannello frontale vi la possibilit di digitare i
numeri:
1. cancella tutti i dati programmati tramite una preventiva schermata di conferma (1.2.1.0.1).
2. manda alla schermata che permette di cancellare i valori registrati dal misuratore di grandezze
elettriche.
3. azzeramento contatori ORE, MINUTI, AVVIAMENTI dei CDZ, VNT e EMERGENZA
4. riavvia il sistema
Reset contatori (3):
Allinterno di questo pannello vi la possibilit di azzerare i contatori relativi a:
numero avviamenti, ore e minuti di funzionamento del compressore del condizionatore 1
numero avviamenti, ore e minuti di funzionamento del compressore del condizionatore 2
numero avviamenti, ore e minuti di funzionamento della ventola del condizionatore 1
numero avviamenti, ore e minuti di funzionamento della ventola del condizionatore 2
numero avviamenti, ore e minuti di funzionamento in regime di manca rete (emergenza)
Cancellazione valori registrati (2):
Allinterno di questo pannello vi la possibilit di cancellare o semplicemente visionare i valori registrati
provenienti dal misuratore di grandezze elettriche. Tali valori sono:

MAX TENSIONE FASE R


MIN TENSIONE FASE R
MAX TENSIONE FASE S
MIN TENSIONE FASE S
MAX TENSIONE FASE T
MIN TENSIONE FASE T
MIN COSFI INDUTT R
MIN COSFI INDUTT S
MIN COSFI INDUTT T
MIN COSFI INDUTT C
MIN COSFI CAPACIT R
MIN COSFI CAPACIT S
MIN COSFI CAPACIT T
MIN COSFI CAPACIT C
MAX POTENZA ATTIVA
MAX POTENZA REATTIVA

massima tensione fase R rilevata sulla linea


minima tensione fase R rilevata sulla linea
massima tensione fase S rilevata sulla linea
minima tensione fase S rilevata sulla linea
massima tensione fase T rilevata sulla linea
minima tensione fase T rilevata sulla linea
minimo cosfi induttivo sulla fase R rilevato sulla linea
minimo cosfi induttivo sulla fase S rilevato sulla linea
minimo cosfi induttivo sulla fase T rilevato sulla linea
minimo cosfi induttivo concatenato rilevato sulla linea
minimo cosfi capacitivo sulla fase R rilevato sulla linea
minimo cosfi capacitivo sulla fase S rilevato sulla linea
minimo cosfi capacitivo sulla fase T rilevato sulla linea
minimo cosfi capacitivo concatenato rilevato sulla linea
massima potenza attiva rilevata sulla linea
massima potenza reattiva rilevata sulla linea

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

44

Installazione

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

45

11.

MISURATORI DI GRANDEZZE ELETTRICHE

Il sistema integrato TR88 pu essere interfacciato via rete seriale RS485 con uno o pi misuratori di
grandezze elettriche tipo MIG(ABLY Mod.70360010), MGR3(ABLY Mod.70360030), IME(Mod.XTEM+CM485), DUCATI (Mod. MACH SMART) o equivalenti. Di solito la connessione viene realizzata
secondo gli schemi forniti alla fine di questo manuale alla porta RS485 della CPU del TR88 (slot P1 nel
dimostrativo di cod. 001XE01N).
Per lassegnazione allo strumento del numero logico (indirizzo) per linterrogazione si fa specifico riferimento
al manuale di istruzioni del misuratore di grandezze elettriche (MIG, MIG3, IME o DUCATI) cod.001YM001.
La configurazione cui si riferisce questo manuale quella di un misuratore collegato al TR88.

11.1

CONFIGURAZIONE DEI MISURATORI

Il sistema TR88 alla accensione ed ogni uscita dalla configurazione di programmazione, in grado di
comunicare al misuratore di grandezze elettriche i valori corretti di RAPPORTO DI CORRENTE e DI
TENSIONE che deve utilizzare per i calcoli delle grandezze elettriche.
Usualmente si consiglia allutilizzatore un collegamento diretto delle tre fasi per la misura di tensione, mentre
un collegamento mediante Trasformatore Amperometrico, con rapporto di trasformazione 100/5 (in tal caso il
TA programmato sar = 20) oppure 60/5 (in tal caso il TA programmato sar 12).
Per la configurazione del misuratore di grandezze elettriche fare riferimento alla tabella di
programmazione presente nel paragrafo DATI controllo misuratore.. a pagina 40
Il misuratore DUCATI MACH SMART, per dialogare con il TR88 necessita delle seguenti
impostazioni di base:

Baud rate
Indirizzo
Tipo protocollo

9600
1
RTU

Seguire le istruzioni del manuale in dotazione per modificare i parametri citati.


Attenzione : se uno solo di questi parametri viene cambiato, il misuratore ed il TR88 non sono
pi in grado di comunicare.

Il misuratore DUCATI MACH SMART DARK (non visualizzato), per dialogare con il TR88
necessita delle seguenti impostazioni di base:
Indirizzo
1
Tipo protocollo RTU
Seguire le istruzioni del manuale in dotazione per modificare i parametri citati.
Il KTA ed il KTV devono essere programmati dal TR88.
Per il settaggio del misuratore, si faccia riferimento alla tabella sottostante.
Attenzione : se uno solo di questi parametri viene cambiato, il misuratore ed il TR88 non sono
pi in grado di comunicare.

Aprendo lo sportellino contrassegnato con setting, si trovano 8 dip switch che devono essere
settati nel seguente modo.

SW1

SW2

SW3

SW4

SW5

SW6

SW7

SW8

ON

OFF

OFF

OFF

OFF

OFF

OFF

ON

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

46

11.2

PROGRAMMAZIONE DEGLI ALLARMI DEI MISURATORI DI GRANDEZZE


ELETTRICHE

Il sistema integrato TR88 in grado di monitorare lo stato di tutte le grandezze elettriche misurate
direttamente dal misuratore e di operare su di esse al fine di ricavare tutte le grandezze derivate necessarie
al monitoraggio completo dello stato della linea di alimentazione e di generare i relativi allarmi in base alle
soglie programmate dallutente.
Per la programmazione degli allarmi fare riferimento alla tabella di programmazione presente nel
paragrafo DATI controllo misuratore.. a pagina 42

11.3

COLLEGAMENTO DEI MISURATORI DI GRANDEZZE ELETTRICHE

I misuratori di grandezze elettriche vengono acquisiti dalla linea seriale della CPU (slot P1 porta 1).
Lo schema della prolunga viene mostrato nel dimostrativo 60P33040.
Il dimostrativo 0009001B (vedi schemi elettrici in fondo al manuale) mostra i possibili modi di
inserzione dei misuratori, il modo di inserzione consigliato n. 1B. In tal caso i valori tipici sono:
100/5 ovvero 20 per KTA (anche se a volte si preferisce 60/20 ovvero 5).
1 per KTV.

La tabella seguente, mostra Iinterfacciamento RS485 tra la porta CPU


(slot P1) e i tre misuratori gestiti:

MORSETTO CPU
1 TRD +
2 TRD 3 GND

MORSETTO MISURATORE
MIG, MGR3
+
S

IME
5
2
8

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

DUCATI
A
B
G

47

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

48

12.

INSTALLAZIONE ELETTRICA

12.1

PRESCRIZIONI PER UNA CORRETTA INSTALLAZIONE ELETTRICA


Lo schema dei collegamenti elettrici riportato in fondo a questo manuale, nella sezione dedicata
agli schemi elettrici in fondo al manuale (disegni cod. 001VE01R, 0019E01N e successivi) e sul
fianco di ogni dispositivo.

ALIMENTAZIONE
Il TR-88 funziona correttamente se alimentato con una tensione continua di 48 Vdc; tale tensione pu
essere ricavata dal trasformatore 220 Vac / 48 Vdc.
altres importante collegare a TERRA il morsetto di terra dell'alimentatore affinch sia operante il filtro sui
disturbi iniettati o ricevuti dall'alimentatore (direttive di EMC).
COMUNICAZIONE SERIALE RS 232 E RS485
Per quanto possibile, all'interno del quadro, bisogner evitare che il cavo percorra canaline ove siano
presenti forti campi magnetici o elettrici (comandi di induttori, rel, teleruttori ecc.).
Questo vale anche per il misuratore di grandezze elettriche.
INGRESSI ANALOGICI
Dato il basso valore del segnale proveniente dagli ingressi analogici, conveniente far percorrere ai cavi di
collegamento vie preferenziali ove non siano presenti forti campi magnetici o elettrici.
Il mancato collegamento a terra dellalimentatore esterno pu provocare la rottura delle
schede di acquisizione.
Qualora non sia possibile la separazione dei cavi, usare per i collegamenti cavi schermati con lo schermo
collegato al morsetto 74 del connettore di alimentazione del TR-88 o a un punto di terra nel Quadro Elettrico.
Gli ingressi con standard in corrente (mA) o tensione (V) sono predisposti per poter alimentare il sensore;
occorre evitare che tale tensione (in uscita dal dispositivo) vada erroneamente a terra.
USCITE
Su rel hanno portata nominale 5 A, 250 Vac su carico resistivo protetti internamente con filtri spegniscintilla
RC e liberi da tensione.
Il circuito R/C ha il compito di limitare le extratensioni che si hanno in apertura del carico induttivo ad un
valore non superiore a 600 V; questo si verifica solo se il carico comandato ha una corrente non superiore
a 200 mA. Quando si pilota un teleruttore risulta comunque conveniente, per limitare le sovratensioni,
connettere in parallelo alla bobina del teleruttore stesso un apposito filtro R/C formato da una resistenza da
47ohm e da un condensatore da 0.22 F a 600 V.
Il carico minimo applicabile a 220 V ac maggiore o uguale 1mA. necessario verificare che i rel
soccorritori non rimangano attratti con questa corrente.
La alimentazione dei rel della scheda esterna a 16 rel deve viene effettuata dallinterno del TR88 con
lalimentatore interno a 48 Vdc.
In caso di utilizzo di un alimentatore esterno per le sonde, deve essere dimensionato per alimentare la
totalit delle sonde 4-20mA, 2-20 mA e 0-10V utilizzate al +20% del massimo assorbimento delle sonde.
Lassorbimento in corrente dei rel dipende dal modello di rel scelto, per ogni ingresso digitale va
contabilizzato un assorbimento di 10 mA, per ogni ingresso analogico di 4 - 20 mA va contabilizzato un
assorbimento di circa 25 mA. E buona norma di dimensionamento degli alimentatori considerare almeno
30% di variabilit dei parametri.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

49

12.2

CARATTERISTICHE ED INSTALLAZIONE DELLE SONDE

Il sistema di regolazione permette il condizionamento dellaria in un ambiente per mezzo di condizionatori


(CDZ) integrati.
Tale sistema di regolazione prevede linstallazione di un dispositivo TR-88 e allinterno di un quadro elettrico
equipaggiato per il controllo delle macchine di condizionamento. Il sistema pu gestire fino ad 2
condizionatori integrati e provvisti di compressori, ventilatori e riscaldatori comandabili con il contatto a rel.
Il sistema TR-88 rileva la temperatura esterna, interna e mandata con 4 sonde di temperatura.
Il sistema acquisisce lo stato di funzionamento delle ventole da pressostati differenziali.
Le principali caratteristiche delle 5 sonde di temperatura e del pressostato differenziale sono riportate nella
seguente tabella:
GRANDEZZA RILEVATA

TIPO STRUMENTO E CARATTERISTICHE TECNICHE

Temperatura esterna (TE)

Temperatura interna (TA)

Sonda di temperatura tipo Pt100


100 a 0C
elemento sensibile di classe B e linearizzazione a norme IEC-751

Temperatura di mandata

Sonda di temperatura tipo Pt100


100 a 0C
elemento sensibile di classe B e linearizzazione a norme IEC-751
Codice prodotto 4100005A (descrizione e disegno pagina 51)

Sonda di temperatura tipo Pt100


100 a 0C
elemento sensibile di classe B e linearizzazione a norme IEC-751

Le sonde di temperatura vanno collegate alla scheda di ingressi analogici del dispositivo
Il sistema acquisisce le sonde di temperatura e pressione dai condizionatori tramite ingressi analogici di tipo
PT100 per le sonde di temperatura.
Nei seguenti paragrafi si daranno maggiori dettagli riguardo linstallazione delle sonde.

12.2.1 Installazione della Sonda di Temperatura Esterna


La sonda per il rilevamento della temperatura esterna di tipo PT100 con elemento sensibile in cappuccio a
tenuta stagna. Essa va posizionata allesterno preferibilmente in prossimit di una delle prese di aria esterna
in zona non esposta allirraggiamento diretto del sole o protetta.
Essa deve essere collegata al dispositivo TR-88 per mezzo di un cavo schermato a 4 fili di uguale sezione.
La sezione dei fili non significativa sino ad una lunghezza di 100 metri, per lunghezze superiori si debbono
usare sezioni di almeno 1,5 mm2.
Dato il basso valore del segnale proveniente dagli ingressi analogici, conveniente far percorrere ai cavi di
collegamento vie preferenziali ove non siano presenti forti campi magnetici o elettrici. Lo schermo ed il 4 filo
della sonda vanno collegati al morsetto 74 del connettore di alimentazione del dispositivo TR-88 o alla barra
di Terra nel quadro elettrico.

il morsetto bianco della sonda va collegato al morsetto 28 (nella scheda degli ingressi analogici P3) del
dispositivo TR-88;
i morsetti rossi della sonda vanno collegati ai morsetti 29 e 30 (nella scheda degli ingressi analogici P3)
del dispositivo TR-88.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

50

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

51

12.2.2 Installazione della sonda di temperatura interna


La sonda Pt100 per il rilevamento della temperatura interna deve essere posizionata allinterno del locale da
condizionare, preferibilmente nel punto pi caldo o ritenuto maggiormente critico dal punto di vista del carico
termico da dissipare (in prossimit degli apparati ad esempio). Evitare le pareti esterne e posizioni investite
direttamente dal flusso daria raffreddata dai condizionatori.
Per le prescrizioni di collegamento valgono le stesse precauzioni descritte per linstallazione della sonda di
temperatura esterna.
Per i collegamenti si faccia riferimento al disegno 41SRR000 (figura sotto) :
il morsetto bianco della sonda va collegato al morsetto 25 (sonda sala A), 37 (sonda sala B) del
dispositivo TR88 (nella scheda degli ingressi analogici).
I morsetti rossi della sonda vanno collegati ai morsetti 26 e 27 (sonda sala A), 38 e 39 (sonda sala B) del
dispositivo TR88 (nella scheda degli ingressi analogici).

Cod. 41SRR000

Caratteristiche:
Elemento sensibile Pt100 ohm a 0 C classe B norme DIN 43760
Cavo tripolare di sez. 0,35 mmq di rame stagnato rivestito in gomma silicone
senza schermatura.
Rivestimento sonda in acciaio inox AISI 316.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

52

12.2.3 Installazione della sonda di temperatura mandata


La sonda Pt100 per il rilevamento della temperatura di mandata esterna deve essere, posizionata
preferibilmente nel punto pi sensibile al flusso daria proveniente dallesterno quando la serranda aperta..
Per le prescrizioni di collegamento valgono le stesse precauzioni descritte per linstallazione della sonda di
temperatura esterna.
Per i collegamenti si faccia riferimento al disegno 41SRPE0B (figura sotto) :
il morsetto bianco della sonda va collegato al morsetto 31 (SONDA 3), 34 (SONDA 4) del dispositivo
TR88 (nella scheda degli ingressi analogici).
I morsetti rossi della sonda vanno collegati ai morsetti 32 e 33 (SONDA 3), 35 e 36 (SONDA 4) del
dispositivo TR88 (nella scheda degli ingressi analogici).

Cod. 41SRPE0B

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

53

13.

CARATTERISTICHE TECNICHE

DISPOSITIVO TR88
TEMPERATURA FUNZIONAM.:
TEMPERATURA STOCCAGGIO:
UMIDIT RELATIVA:
VARIABILI CONTROLLATE:
INGRESSI di TEMPERTURA:

0 50 C
-10 70 C
max 90% purch non condensante
Temperatura esterna / ambiente / mandata aria esterna
N4 da Pt100 a 0C a 3 fili norma IEC 751 o DIN 43760

RESISTENZA di LINEA
Ingressi Pt 100:
LINEARIZZAZIONE:
RANGE di MISURA:
RISOLUZIONE:
PRECISIONE (a 25C):

compensata automaticamente fino a 200 mt con cavo di sez. 1


mmq
secondo tabella IEC751 con errore max di 0.1C
-100C + 200C
0,1C
0,2C
ON-OFF con parametri programmabili, comando proporzionale
AZIONI DI REGOLAZIONE:
0, 10 Vdc.
INGRESSI RILEVATI:
di tipo digitale su schede optoisolate
RANGE TENS. INGRESSI :
48 V dc.
CORRENTE ASSORBITA :
7 10 mA per ogni ingresso attivo.
CONNESSIONI INGRESSI:
Tramite morsetto
Su rel hanno portata nominale 5 A, 250 Vac su carico
resistivo protettti internamente con filtri spegniscintilla RC e
USCITE:
liberi da tensione.
VISUALIZZAZIONE:
A mezzo LCD 4 righe a 20 caratteri.
RITENZIONE DATI PROGRAMMATI: tramite RAM con incorporata batteria al litio con vita > 5 anni.
COMUNICAZIONE SERIALE:
RS232
Tramite morsetti disconnettibili per cavo di sez. 1,5 mmq a
CONNESSIONI ELETTRICHE
norme VDE portata 8 A
DIMENSIONI di INGOMBRO:
192 x 96 mm prof 226 (norme DIN 43700)
MONTAGGIO:
da fronte quadro
DIMA di FORATURA
190 x 94 mm
SPESSORE max PANNELLO:
10 mm
PESO:
2500 gr.

13.1

LALIMENTAZIONE

Sono disponibili alimentatori di diverso tipo:


220 Vac
ALIMENTAZIONE:
TOLLERANZA:
FREQUENZA:
CONSUMO:
FUSIBILE su ALIMENTAZ.:

220 Vac (valori nominali)


+20% -20% sul valore nominale.
4560 Hz
27 VA
800 mA T 5x20 (ritardato)

28 Vac
ALIMENTAZIONE:
TOLLERANZA:
FREQUENZA:
CONSUMO:
FUSIBILE su ALIMENTAZ.:

28 Vac (valori nominali)


+20% -20% sul valore nominale.
4560 Hz
27 VA
3.15 A T 5x20 (ritardato)

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

54

48 Vdc
ALIMENTAZIONE:
TOLLERANZA:
RIPPLE:
CONSUMO:
FUSIBILE su ALIMENTAZ.:

48 Vdc (valori nominali)


+20% -20% sul valore nominale.
5% del valore nominale
27 W max
2 A T 5x20 (ritardato)

24 Vdc
ALIMENTAZIONE:
TOLLERANZA:
RIPPLE:
CONSUMO:
FUSIBILE su ALIMENTAZ.:

24 Vdc (valori nominali)


+20% -20% sul valore nominale.
5% del valore nominale
27 W max
3.15 A T 5x20 (ritardato)

Nota: lalimentatore 28 Vac deve essere accompagnato da un trasformatore 220 / 28 di potenza


opportuna.

ATTENZIONE lalimentatore effettivamente montato verificabile sulla targhetta sul alto del
dispositivo e nella documentazione a corredo del dispositivo.
Prima di ogni installazione per evitare errori consigliato far le verifiche sulla targhetta adesiva sul
fianco del dispositivo.

13.2

CARATTERISTICHE MECCANICHE DEL TR88

Le dimensioni compatte consentono un facile equipaggiamento del dispositivo nei quadri elettrici adibiti alla
gestione e controllo degli impianti.
La realizzazione modulare consente inoltre una rapida sostituzione in campo delle eventuali parti difettose o
l'eventuale ampliamento delle prestazioni .
La struttura consta di contenitori in lamiera zincata e verniciata alla quale nella parte anteriore fissato il
gruppo frontale e nella parte posteriore i fondelli portanti i moduli elettronici sfilabili.

13.2.1 MONTAGGIO e DIMA di FORATURA


Il TR-88 uno strumento da montarsi a quadro con fissaggio tramite staffe a vite.
Le dimensioni e tutti i dati necessari per la foratura dei quadri sono ricavabili dai disegni cod.00060019 (vedi
i disegni tecnici in fondo al manuale).
Per il corretto funzionamento in condizioni climatiche prossime a quelle massime ammesse o in luoghi ove
non sia possibile il ricircolo dell'aria per convezione opportuno provvedere allo smaltimento del calore
tramite un ventilatore di espulsione di aria dall'interno all'esterno.
La maggior efficienza di raffreddamento del dispositivo quella che permette all'aria di circolare
forzatamente attraverso le feritoie di raffreddamento appositamente praticate nel contenitore.
Il frontale a tenuta di polvere ed umidit, comunque consigliabile l'installazione in ambienti non
eccessivamente polverosi e con umidit minore del 90%, comunque non condensante.
In caso contrario racchiudere il controller in un contenitore stagno con sportello trasparente a tenuta.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

55

14.

TARGHETTA DEL TR88


Sulla targhetta sono riportati, oltre che i dati relativi al costruttore anche la disposizione nei vari slots
di tutte le uscite digitali ed analogiche del dispositivo
La targhetta (riportata sotto) applicata a fianco del dispositivo. Tale targhetta non deve mai essere
rimossa, coperta, modificata o danneggiata.

TR88
Zona
di applicazione
della targhetta

MATRICOLA

BOLOGNA - ITALY Tel. 051-860064 Fax 051-860074


MODELLO TR-88

PEGASO

CODICE 801X01Z0

INGRESSI 4 PT100

ALIMENTAZIONE :
ASSORBIMENTO:

48 Vdc
27 W

Cod. 001XT01N

-Targhetta del TR88 (riferita a dispos.801X01Z0)-

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

56

14.1

COMPOSIZIONE DEL TR88

Si riportano sotto i codici delle schede e la loro posizione nel TR88 riguardante la applicazione.
I codici possono essere presi come riferimento per ordini di ricambio, inoltre conveniente precisare oltre al
codice della scheda, anche il codice e matricola del TR88. Tali dati sono riportati sulla targhetta di
identificazione posta sul fianco del contenitore.

Le schede sotto riportate si riferiscono alla configurazione codice 801X01Z0, con alimentazione 48 Vdc
senza scheda seriale RS232 in posizione P2 :

CODICE
64C12000
64CS1050
64114010
6417O1A0
6417O1A0
6434Q013
16660050
64A51021
64B00086
60S00210
TX883600
TR8836SS

POS.
P1
P2
P3
P4
P5
P6
P7
P8

DESCRIZIONE
CPU 188
SCHEDA SERIALE RS232 (optional)
A-D 4 PT100 F.S. 200
24 IN. DIGITALI OPTO 48 Vdc PAN PICC.
24 IN. DIGITALI OPTO 48 Vdc PAN PICC.
16 OUT/10 IN D.SW 48 Vdc PAN PICC.
FONDELLO CHIUSO
ALIMEN. SWITCH. 48 60 Vdc 27 W
BACK PANEL V3 BASE
TR88 GR. FRONT. LCD. TATT. AZZURRO
Software base
Software applicativo

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

Q.ta
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1

57

15.

DICHIARAZIONE DI CONFORMIT

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA
DECLARATION OF CONFORMITY
(in accordo con ISO/IEC Guida 22 e EN 45014)
(according to ISO/IEC Guide 22 and EN 45014)
Nome Prodotto
Product Name
Codici
Parts Number

TR-88
801X01Z0.

PALC (Programmable Analogic Locic Controller) in diversi


allestimenti
Si autocertifica che il prodotto descritto si attiene, se applicato come specificato nel
manuale di istruzione, alle seguenti normative EMI.
The above product, if installed in accordance with the instruction manual, conforms
to the following EMC specification.
EMISSIONE
EMITTANCE
EN 50 081-2
CEI 110-13

IMMUNITA
REJECTION
EN 50 082-2
CEI 110-25

I risultati dei test, effettuati a campione sul prodotto, lo rendono conforme alla
direttiva 89/336 CEE e relativo D.L. n. 476 del 4/12/92
He tested sample fulfils the requirements of EMC directive 89/336 /EEC and relative
Italian D.L. n.476 of 4/12/92
Data
Responsabile
Firma
Riferimento
Date
Position
Signature
Reference
Reggiani
Gian
Carlo
15/04/2000
D.G
CE-1
- Dichiarazione di conformit relativo al TR88 -

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

58

16.

DISEGNI E SCHEMI ELETTRICI

In questo capitolo sono presenti i seguenti disegni:

Codice

Descrizione

001XC00B

Dimostrativo pannello frontale

001XE01N

Dimostrativo collegamenti esterni

001XU01N

Dimostrativo collegamenti ed ingombri per 16 uscite e


10 ingressi 24Vdc (slot P6) e
Dimostrativo collegamenti 4 uscite SPDT (slot P7)

001XI01N

Descrizione ingressi digitali.

0009005U

Sistema integrato. Dimostrativo collegamenti elettrici


dispositivi

0009001A
0009001B
00060019

MIG-3 MGR3 Dimostrativo collegamento a TR88


MIG-3 - MGR-3 Dimostrativo di inserzione
DIM: INGOMBRI Dispositivi 196 x 92

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

59

PANNELLO FRONTALE DEL TR88

F.B.

3
2
1

6
5
4

TR-88 PEGASO

F.B.
F.B.
04/12/01

ABLY TR-88 vv. aa


GI 13-07- 00
NESSUN ALLARME
Clk Conf Res.A >>

TR88 PEGASO

CLEAR
NO

ENTER
YES

PAN388

MOD: .FGPATR88.CDT rev. B del 21/11/00

16.1

DIMOSTRATIVO PANNELLO FRONTALE


1 di 1

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

001XC00B

60

MODIF.

RG
RG

MODIF.

1 di 1

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

TR-88 SE INT PSC

12

11

RS-232

GND

TX

RTS

CTS

RX

ON

GND

10

1
2
3
4

TRD-

RS-485
TERMINATORE
PULL DOWN
PULL UP

TRD+

RS-485

P1

PRESET DSW
in P1
OFF
1
2
3
4
ON

ON
X
X
X
X

TX
RX
GND
RTS
CTS

(OPTIONAL)

36

35

34

33

32

31

30

29

28

27

26

25

P3
INGRESSO 4 SONDE
PT100

P4

1
2
3
4
ON

P1

P5

P3

P4

P7

P8

MOD: .FGCOLTC.CDT rev. A

16.2
INPUT OUTPUT DEL TR88

DIMOSTRATIVO COLLEGAMENTI ESTERNI

001XE01N

61

MOD: .FGK26.CDR rev. C del 1/01/00

INTERRUTTORE APERTO CMP / VNT CDZ1

NOTA 1:

ANOMALIA CMP CDZ1............. [DA CDZ1]

NOTA 1:

VENTOLA ON CDZ1.............. [DA CDZ1]

NOTA 1:

COMPRESSORE ON CDZ1..... [DA CDZ 1]

NOTA 1:

ANOMALIA FILTRO CDZ 1........ [DA CDZ 1]

NOTA 1:

ANOMALIA FREE COOLING / RES.ELETTRICA CDZ1.... [DA CDZ1]

NOTA 1:

ANOMALIA VENTOLA CDZ1......[DA CDZ1]

NOTA 1:
NOTA 1:
NOTA 1:
NOTA 1:
NOTA 1:
NOTA 1:
NOTA 1:
NOTA 1:

GUASTO SOV

NOTA 1:

PORTA SITO APERTA

NOTA 1:

PRESENZA VAUX QUADRO

NOTA 1:

ALLARME TEMPER. (40C) ....[da TERMOSTATO 40]

NOTA 1:

DISALIMENTAZIONE APPARATI T.MAX (51C)... [Da TERMOSTATO 50]

NOTA 1:

RILEVATORE DI FUMO

NOTA 1:

INTERRUTTORE CA APERTO RADDRIZZATORI

NOTA 1:

COMMUTATORE SU GRUPPO ELETT.

NOTA 1:

SERRATURA NON BLOCCATA

NOTA 1:

MANCA RETE

NOTA 1:

0 Vaux schema A
+ Vaux schema A

+ Vaux schema B

ALIMENTATORE

MODIFICATA DESCR INGRESSI - MC - 19.11.01

COLLEGARE A:

+
B

0 Vaux schema B

RIF. ING. 25,26

Fk26

NOTE:
1) Per invertire il significato (CONTATTO NC)
programmare il dato: "Inv.ingr.xxxxxx =1

INGRESSI

B
-

SCHEMA APPLICATIVO

R.G.

21/11/00

TR-88 SE INT PSC


1 di 2

DESCRIZIONE INGRESSI MODULO FK 26


FLAT CONNESSO A TR88/P4

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

001Xi01N

62

MODIF.

MOD: .FGK26.CDR rev. C del 1/01/00

INTERRUTTORE Q30 (NODE B (2)) CHIUSO


INTERRUTTORE Q31 (NODE B (2)) CHIUSO
INTERRUTTORE Q32 (NODE B (1)) CHIUSO
INTERRUTTORE Q33 (NODE B (1)) CHIUSO
INTERRUTTORE Q34 (NODE B (1)) CHIUSO
INTERRUTTORE Q35 (CDN FLUSSO NUMERICO) CHIUSO

0 Vaux schema A
+ Vaux schema A

+ Vaux schema B

ALIMENTATORE

RIF. ING. 25,26

NOTE:
1) Contatti visti in posizione di aperto

Fk26

INGRESSI

B
-

SCHEMA APPLICATIVO
AGGIUNTO Q37 F.B. 30/10/2001

AGG+MOD DESCR INGRESSI + PAG 1/2 - MC - 19.11.01

+
B

0 Vaux schema B

COLLEGARE A:

F.B.

TR-88 SE INT PSC

F.B.
29/10/01

2 di 2

DESCRIZIONE INGRESSI MODULO FK 26


FLAT CONNESSO A TR88/P5

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

001Xi01N

63

MODIF.

MOD: .16OUTR.CDR rev. A

(1)

/ COMANDO CHIUDI INTERR. GENERALE IG

/ DISTACCO LAN (BLK + ALTA T)

comune R1
(2)

comune RL9
DISTACCO LAN (BLK + ALTA T)

COMANDO CHIUDI INTERR. GENERALE IG


/ COMANDO APRI INTERR. GENERALE IG
comune RL2

comune R10

COMANDO APRI INTERR. GENERALE IG


/ COMANDO
(1)
RESET PROTEZIONE DIFFERENZIALE IG

DISALIMENTAZIONE APPARATI
(3)

/ MANCA RETE

comune R3
COMANDO RESET PROTEZIONE DIFFERENZIALE IG
(2)
/ TLI ANOMALIA IG

MANCA RETE
BLOCCO TR-88

comune RL4

comune R12

comune R11

TLI ANOMALIA IG
COMANDO PLD1

(4)

/ ANOMALIA FUNZIONALE CONDIZIONAMENTO

comune Rl5

comune R13

COMANDO PLD2

(4)

ANOMALIA FUNZIONALE CONDIZIONAMENTO


/ ANOMALIA IMPIANTO ELETTRICO
comune R14

comune RL6
(3)

ANOMALIA IMPIANTO ELETTRICO


/ ANOMALIA BLOCCO CONDIZIONAMENTO

comune RL7

comune R15

STROBE PLD1 / PLD2


(3)

ANOMALIA BLOCCO CONDIZIONAMENTO


/ IMPIANTO ELETTRICO SEZIONATO
comune R16
IMPIANTO ELETTRICO SEZIONATO
VISTA CONTATTI REL a RIPOSO
- CONTATTO CHIUSO= FUNZIONE ATTIVA

NOTE:
1) = per usare
2) = per usare
3) = per usare
4) = per usare

contatto NA programmare dato INVERSIONE OUT VNT =0


contatto NC programmare dato INVERSIONE OUT CMP=1
contatto NA programmare dato INV. GRANDI ALLARMI=0
contatto NC programmare dato INV. PICCOLI ALLARMI=1

NOTA 5 = per usare contatto NC programmare il dato INV.INGR. xxxx = 1

FUNZIONE DESCRITTA "ATTIVA"


con CONTATTO CHIUSO

SEZIONATORE GENERALE APERTO


(5)
INTERRUTTORI PRESE LUCI APERTI
(5)
(5)

INTERRUTTORE SECONDARIO TRAFO


INTERRUTTORE GENERALE IG APERTO
INTERRUTTORE GENERALE IG CHIUSO
INTERVENTO DIFFERENZIALE INTERRUTTORE IG

(5)

SCATTO MAGNETOTERMICO INTERRUTTORE IG

(5)

SELETTORE IG POSIZIONE MANUALE

(5)

SELETTORE IG POSIZIONE AUTOMATICO

(5)

MANCANZA VAUX RELE DIFFERENZIALE

(5)

+48Vdc

MODIF.

FB
MC
R.G
31/10/01

TR88 SIM3500 OMCR


DESCRIZIONE INGRESSI/USCITE MODULI:
cod.: 70PG7000, 70PG7010, 70PG7030, 70PG7040

1 di 1

Flat cable collegato a P6 del dispositivo TR88

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

001XU01N

64

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

UNITA
CONTROLLO E
SUPERVISIONE
S.E.

1
2
3
4
ON

P1
P3

P4

GR
GR
1 di 1

ALIMENTAZIONE
48 Vdc

CAVO 12 POLI + SCH


SCH

3POLI +
SCH

3POLI +
SCH

4POLI +
SCH

3POLI +
SCH

= cavo schermato
con identificazione
collegamento schermo

= morsetto passante

65

0009005U

TA= TRASF. AMPEROMETRICO I / 5A max


= morsetto di terra

LEGENDA

Pt100

Pt100

Pt100

Pt100

TR88 SE INT PSC


DIMOSTRATIVO COLLEGAMENTO
DISPOSITIVI ESTERNI

SCH

SCH

SCH

SCH

16.3
COLLEGAMENTI TRA DISPOSITIVI

MODIF.

MOD: .FGA31L.CDT rev. A

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

66

16.4

MISURATORE DI GRANDEZZE ELETTRICHE (MIG)

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

67

16.5

COLLEGAMENTO PLD.

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

68

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

69

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

70

16.6

DIMENSIONI ED INGOMBRI TR88

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

71

DICHIARAZIONE DI CONFORMIT ALLE DIRETTIVE ROHS E RAEE


Lentrata in vigore del D.Lgs. n. 151 del 29 luglio 2005 ha reso operative le Direttive Europee
RoHS (2002/95/CE) e RAEE (2002/96/CE).

Il simbolo del cestino barrato indica che il prodotto, alla fine della propria vita
utile, deve essere trattato separatamente dai rifiuti domestici e conferito al sistema
pubblico di raccolta differenziata per le apparecchiature elettriche ed elettroniche
E' responsabilit del detentore conferire l'apparecchiatura nei punti di raccolta
Dal 1 luglio 2006 diventata operativa in Italia anche la direttiva 2002/95/CE (RoHS), che prevede
il divieto e la limitazione di utilizzo di piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente ed alcuni
ritardanti di fiamma nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche.
I nostri dispositivi rientrano nella categoria 9 dellallegato 1A al D.Lgs. 2005/151 e sono pertanto
esentati da tali limitazioni (art. 5 comma 2 lettera a).
Tuttavia, gi da tempo, nel ciclo produttivo, nella progettazione e negli approvvigionamenti
abbiamo optato per i componenti che le case produttrici stesse dichiarano RoHS Compliant.

Per ulteriori informazioni potete contattarci presso la nostra sede:

ABLY SRL
Via de Giudei 41/43
40050 FUNO DI ARGELATO (BO)
Tel. 051/860064
Fax 051/860074
sito:http://www.ably.it
e-mail ably@ably.it

TR88 PEGASO Manuale cod.001XM00E.doc

72