Sei sulla pagina 1di 71

CORSO

DI RISTRUTTURAZIONE
ANTIOSSIDANTE
e MESOTERAPIA

Dr. Alain GONDINET


tutti i diritti riservati

Antiossidante e mesoterapia
NUOVO APPROCCIO TERAPEUTICO

UN NUOVO APPROCCIO
TERAPEUTICO
NELLA PRATICA
MEDICA QUOTIDIANA
Dopo questo corso
diventerete specializzati in

MESOTERAPIA
ANTIOSSIDANTE

Antiossidante e mesoterapia
Il concetto

Il concetto
- Nuova gestione: NIENTE PAURA, nessuna emorragia, nessuna ecchimosi
- Azione specifica contro i radicali liberi prodotti nei Mitocondri
- Una siringa, un ago e le vostre mani!

Antiossidante e mesoterapia
INDICE

Indice
Storia................................................................................................................................. 5
Embriologia del mesoderma................................................................................................... 6
Anatomia della cute.............................................................................................................. 9
Informazioni generali sulla Fisiologia della cute...................................................................... 10
Fisiologia della pelle........................................................................................................... 11
Dermis Papillaris e Reticularis............................................................................................... 12
Fibroblasti.......................................................................................................................... 14
Il ruolo delle 3 unit............................................................................................................ 15
Il Mitocondrio e i Radicali liberi............................................................................................ 18
Il Mitocondrio: il secondo genoma........................................................................................ 19
Struttura del Mitocondrio...................................................................................................... 19
- Il Ciclo di Krebs e la Fosforilazione ossidativa...................................................................... 20
- Stress ossidativo e Radicali liberi......................................................................................... 24
Radicali liberi - Introduzione: cos un Radicale libero?........................................................... 26
Approccio al trattamento e alla prevenzione di queste alterazioni............................................. 27
Ritratto di Radicali liberi sconfinati........................................................................................ 29
Ruolo dei Radicali liberi....................................................................................................... 30
Conseguenze fisiologiche e patologiche dello Stress Ossidativo............................................... 31
Stress ossidativo e danni cellulari.......................................................................................... 34
Mesoterapia classica........................................................................................................... 36
Mesoterapia e Radicali liberi................................................................................................ 36
Mesoterapia antiossidante: una terapia allavanguardia.......................................................... 37
Sessione di Mesoterapia antiossidante.................................................................................. 38
La prescrizione in Mesoterapia antiossidante.......................................................................... 39
La pratica: Mesoterapia antiossidante - il nostro tocco lieve................................................... 42
Mesoterapia antiossidante ad una profondit di 2mm............................................................. 43
Mesoterapia antiossidante ed apparato locomotore................................................................ 46
Morbo di Dupuytren (fibromatosi palmare)............................................................................. 49
Distonia del riflesso simpatico o R.S.D. (neurotonia)................................................................ 50
Vaccinazioni...................................................................................................................... 51
Emicrania.......................................................................................................................... 52
Virus Herpes Simplex e Zona................................................................................................ 53
Tinnitus.............................................................................................................................. 54
Verruca piana..................................................................................................................... 55
Ringiovanimento con Mesoterapia antiossidante..................................................................... 56
Mesolifting antiossidativo..................................................................................................... 60
Cellulite............................................................................................................................. 64
Controindicazioni per la Mesoterapia antiossidante................................................................ 66
Studi scientifici sulla Mesoterapia.......................................................................................... 67
Conclusioni........................................................................................................................ 71
4

Antiossidante e mesoterapia
STORIA

Storia
LAgopuntura di origine cinese, mentre lOmeopatia di origine tedesca.
La Mesoterapia fu inventata da un medico francese, il Dr. Michel Pistor ma, prima di lui, fu il Dr. Leriche
che utilizz per la prima volta della Procaina tramite una iniezione locale nel 1928, con dei risultati
interessanti.
Nel 1937, il Dr. Aron pubblic il primo studio sulla introduzione di farmaci tramite iniezioni
intradermiche.
Nel 1947, la Dr.ssa Anna Aslan pubblic i suoi studi sullutilizzo della Procaina in geriatria.
Nel 1952, il Dr. Pistor, dopo una iniezione intravenosa di Procaina per asma ad un paziente sordo,
rimase sconvolto dal fatto che il paziente potesse sentire la campana della chiesa durante la notte
successiva.
Cos, egli decise di iniettare Procaina nella parte di pelle vicino allorecchio del paziente. I risultati
furono molto positivi e pi efficaci rispetto alliniezione intravenosa.
1958: prima pubblicazione degli studi del Dr.Pistor sulla rivista Stampa medica francese, dove si
utilizzava per la prima volta la famosa parola mesoterapia: lazione sui tessuti di origine mesodermica
cos importante che questi trattamenti meritano il nome globale di Mesoterapia.
1964: Fondazione della Societ Francese di Mesoterapia
1976:Primo Congresso Internazionale a Bray-Lu (piccola cittadina in cui il Dr. Pistor era un GP)
1976: Prima consultazione ospedaliera di Mesoterapia presso il Necker Hospital (Parigi) diretto dal
Dr. Andr Dalloz-Bourguignon.
27/10/1987: La Mesoterapia viene riconosciuta dallAccademia Medica Francese e considerata come
una terapia medica, praticata da medici che hanno ottenuto la formazione adeguata per la pratica ed
il controllo della terapia stessa.
2001: un nuovo concetto di Mesoterapia antiossidante: il Dr. Alain Gondinet ed il Dott. Andr DallozBourguignon.

Antiossidante e mesoterapia
MESODERMa

Embriologia del mesoderma


Area di applicazione della Mesoterapia
- Derma e solo derma
Campo di applicazione della Mesoterapia
- Tessuti mesodermici: la loro ubiquit ed il loro significato per il corpo umano sono
perfettamente codificati, permettendo di poter parlare di vera Diaspora del Mesenchima
(Dr. Andr Dalloz-Bourguignon)
A-E
 stensione della notocorda e del mesenchima (tessuto osseo, tessuto cartilagineo)
- Patologia acuta o cronica del sistema locomotorio
- Artrosi in diverse aree del corpo
- Artriti e periartriti
- Traumi sportivi senza fratture
B-E
 stensione del mesenchima
Possiamo capire, grazie allubiquit del tessuto connettivo, dove il derma coinvolto sia come
tale (dermatiti, dermatosi) e come parte derivante dal tessuto connettivo nelle alterazioni
sistemiche come il Lupus (SLE).

Antiossidante e mesoterapia
MESODERM

Evoluzione embriologica del secondo strato germinale

MESODERMA
A CONDROMESOBLASTA

NOTOCORDA

DIMINUZIONE
SANGUINAMENTO
SCHELETTRICO

MUSCOLI STRIATI
MESONEFROSI
RIVESTIMENTO DELLE
MEMBRANE MUCOSE

MESOBLASTA


MESENCHIMA CHE SI PUO ESTENDERE

TESSUTO CONNETTIVO
(DERMA)

TESSUTO OSSEO
TESSUTO CARTILAGINEO
MUSCOLATURA LISCIA - CUORE
ENDOTELIO
SIST. RETICOLO-ENDOTELIALE
CELLULE DEL SANGUE
FEGATO MILZA - GANGLI
SISTEMA ISTIOCITARIO

Antiossidante e mesoterapia
MESODERM

CORDA

ESTENSIONE DEL
MESENCHIMA

APPARATO

MESOBLASTI

SCHELETRO VERTEBRALE

PATOLOGIE LOCOMOTORIA

TESSUTO OSSEO: OSTEOBLASTA


TESSUTOCARTILAGINEO:
CONDROBLASTA
TESSUTO GRASSO: ADIPOCITI

TRAUMI (ECCETTO FRATTURE)


O
CRONICCHE (ARTROSI)
CELLULITE

TESSUTO CONNETTIVO:
FIBROBLASTA (derma)

PATOLOGIA INFIAMMATORIA
. REUMATISMI
. malattie del COLLAGENE

ENDOTELIO VASCOLARE

PATOLOGIE VASCOLARI

MUSCOLI LISCI

A SEDE: TUBO DIGERENTE, APPARATO


URINARIO, DOTTI ESCRETORI

MUSCOLI STRIATI
(a livello del tessuto nodale)

PATOLOGIE FUNZIONALE DEL CUORE

SISTEMA CELLULE EMBRIONALI


(tessuto connettivo specializzato)
SISTEMA ISTIOCITICO (tessuto linfoide)
SISTEMA FAGOCITARIO (macrofagi)
FEGATO-MILZA-GANGLI

PATOLOGIE SISTEMA IMMUNITARIO

MUSCOLI STRIATI (tessuto connettivo,


endomisio, perimisio dello scheletro)

PATOLOGIE E TRAUMI SPORTIVI

MESONEFROSI (capsula di bowman, ...)

PATOLOGIE URO-GENITALI

RIVESTIMENTO DELLE MEMBRANE


MUCOSE (gomma) e DELLE MEMBRANE
SIEROSE
Es. COLLAGENE e FIBRE ELASTICHE,
FIBROBLASTI, FIBROCITI, LINFOCITI,

PERIODONTOPATIE
PATOLOGIE INFIAMMATORIE
PATOLOGIE INFETTIVE

MACROFAGI

Antiossidante e mesoterapia
LA CUTE

Anatomia della cute

Antiossidante e mesoterapia
LA CUTE

Anatomia della cute

CUTE: nozioni generali


lorgano pi gravoso del corpo, rappresenta il 16% di tutto il peso corporeo.
Epidermide: epitelio stratificato, formato da squame cheratinizzate, di origine ectodermica
Derma: tessuto connettivo, vasi, nervi: di origine mesodermica
LIpoderma non cute ma tessuto sottocutaneo; tessuto connettivo e adiposo.
STRATI EPIDERMICI
Strato basale/germinativo (***)
Strato spinoso
Strato granuloso
Strato lucido
Strato corneo
Assenza di vascolarizzazione

10

Antiossidante e mesoterapia
LA CUTE

DERMA
Tessuto connettivale di sostegno dellepidermide
Papille dermiche comuni nella cute esposta ad attrito
Lamina basale inspessita con rete di fibre reticolari
Strato papillare: sottile, tessuto connettivo libero, vasi, mastociti
Strato reticolare: spesso, tessuto connettivo irregolare poco compatto
Prevalenza di fibre collagene in fasci rispetto ai fibroblasti
CARATTERISTICHE DEL DERMA (1)
Reticolo di fibre elastiche
Diminuzione di elasticit con let
Ricca vascolarizzazione linfo-ematica
Vasi sanguigni dello strato papillare irroranti lepidermide
Shunts artero-venosi


CARATTERISTICHE DEL DERMA (2)
Follicoli piliferi, ghiandole sebacee e sudoripare, tutte le strutture dellepidermide penetrano nel
derma
Nella cute vi sono terminazioni nervose per la sensibilit tattile, dolorifica
Fibre vaso costrittive simpatiche (+++), fibre piloerettili e fibre sudomotorie
IPODERMA
Tessuto sottocutaneo
Tessuto connettivo lasso che unisce la cute agli organi e tessuti sottostanti
Permette uno scorrimento morbido e flessibile della stessa sugli organi
Molti adipociti unilobari
FISIOLOGIA DELLA PELLE
a - epidermide 3 strati
Non vi interesse per noi, eccetto a livello dello strato granuloso (Stratum granulosum) dove il deposito
di una piccola goccia del nostro cocktail pu arrivare, nel caso in cui lago penetri nel derma,
estendendo leffetto lento-rilascio.
b - L Ipoderma vicino al chorion
una zona vietata al nostro ago poich potremmo avere complicanze quali: sanguinamento,
granulomi, ematomi e uno scarso effetto delle molecole iniettate.
c - Il nostro obiettivo solo il derma e in modo specifico il derma papillare, tra la membrana di base ed
il derma reticolare.

11

Antiossidante e mesoterapia
LA CUTE

PERCH ?

a - Prima di tutto, cosa abbiamo in questarea?


Derma Papillare e Reticolare
Micro-circolazione con anse capillari terminali (passanti)
Numerosi terminazioni nervose
Cellule immunitarie: plasmociti, mastociti
Mitocondri

12

Antiossidante e mesoterapia
LA CUTE

b - Derma Reticolare: il tessuto connettivo consta di matrice extracellulare (ECM),


a sua volta formata da:
Collagene
Elastina
P
 roteoglicani e glicosaminoglicani (GAGs)
Polisaccaridi => Acido Ialuronico - Condroitina, Dermatan Solfato, Keratan Solfato e Proteine del
Core associati per formare aggregati di proteoglicani, responsabili del mantenimento dello stato di
idratazione nel ECM.
G
 licoproteine strutturali: Laminina, Fibronectina.

Biosintesi del collagene da un fibroblasto.


Struttura e componenti dellECM dei tessuti connettivi.
Bersaglio del silicio organico

13

Antiossidante e mesoterapia
LA CUTE

La matrice extracellulare

Sezione A, possiamo vedere come il GAG legato allAcido Ialuronico per mezzo delle proteine di
legame.

I fibroblasti
Sintetizzano le proteine e le macromolecole dei polisaccaridi del ECM nel tessuto connettivo
Essi secernono anche : citochine (TNF a/IL1) fattori di crescita, enzimi
Giocano un ruolo importante nella riparazione dei tessuti e nell evoluzione del processo
infiammatorio
14

Antiossidante e mesoterapia
IL RUOLO DELLE TRE UNIT

IL RUOLO DELLE TRE UNIT

Scoperto negli anni 70 dal Dott. Andr Dalloz-Bourguignon, tale ruolo legato alla conoscenza
dellistopatologia del derma.
Dopo la scoperta del genoma completo del DNA nel Mitocondrio nel 1981, possiamo oggi aggiungere
al ruolo il concetto di teoria radicalare.
Pi avanti esamineremo la nozione di Stress Ossidativo e Radicali liberi.
1 Unit unit Micro-circolatoria
Definizione: consiste in un vaso con diametro 250 microns.
La superficie vascolare di scambio nelluomo circa 6000 e 6500 m2.
Ci sono molte anastomosi artero-venose nella cute (GLOMI), innervate. Il diametro di un capillare di
circa 3.5 microns.
Le anse capillari terminali del derma papillare sono venose ed arteriose; disposte a candelabro,
collegati con il Ductus Suquet.

MICROCIRCOLAZIONE FISIOLOGICA

15

Antiossidante e mesoterapia
IL RUOLO DELLE TRE UNIT

2 Unit Sistema Nervoso Autonomo


Il Mesoderma sede di sensibilit propriocettiva (ossa, legamenti, muscoli e tendini)
Innervazione sensitiva cerebrospinale
Corpuscoli di Meisner: TATTO
Corpuscoli di Krause: FREDDO
Corpuscoli di Ruffini: CALDO
Vater-Pacini: PRESSIONE
Dolore: terminazioni libere
Rete simpatica neuro fibrillare - fibre amieliniche
Colinergica
Adrenergica
3 Unit - Sistema di difesa immunitaria
Nel Derma sono presenti molte cellule immuni:
Cellule di derivazione ematopoietica: Mastociti
Linfociti B: Plasmociti

16

Antiossidante e mesoterapia
IL RUOLO DELLE TRE UNIT

17

Antiossidante e mesoterapia
I MITOCONDRI E I RADICALI LIBERI

I MITOCONDRI E I RADICALI LIBERI


Mitocondri
Il Ciclo di Krebs e la Fosforilazione ossidativa
Stress Ossidativo e Radicali Liberi

Il Mitocondrio
< 1.5 um
L = da 2 a 3 um
18

Antiossidante e mesoterapia
I MITOCONDRI E I RADICALI LIBERI

IL MITOCONDRIO: IL SECONDO GENOMA


10.000 miliardi di mitocondri per una persona
Origine:
Contatto endo-simbiotico (> 1 miliardo di anni fa) tra le cellule pre-eucariote e quelle procariote che
hanno generato la respirazione cellulare.
Scoperto nel 1981
Vi sono da 2 a 10 cromosomi circolari per mitocondrio
N.16569 paia di base formano un doppio strato circolare di DNA
Mt DNA replicato e trascritto nel mitocondrio
Mt DNA trasmesso solo attraverso la madre
Mt DNA molto suscettibile alle mutazioni
- non vi protezione da parte degli istoni
- vi sono pochissime compensazioni enzimatiche
Mt malattie: molte pubblicazioni al mondo: migliaia.
Le prime mutazioni patogene che del Mt DNA vennero riportate nel 1988 e ad oggi sono state
identificate pi di 50 malattie che causano mutazioni del Mt DNA.
Struttura del mitocondrio
(Raffigurazioni ottenute grazie alla cortesia della University of Texas Medical Branch)

Il mitocondrio contiene due membrane, separate da uno spazio a forma di binario. Entrambe frrmano la
tipica unit di membrana della struttura. Nello spazio incluso dalla membrana interna vi la matrice.
Questa appare moderatamente densa e vi si potrebbero trovare filamenti di DNA, ribosomi o piccoli
granuli di matrice. Il mitocondrio cos in grado di codificare parte delle sue proteine. Lillustrazione
sopra riportata mostra il diagramma delle membrane mitocondriali e strutture incluse.

19

Antiossidante e mesoterapia
I MITOCONDRI E I RADICALI LIBERI

CICLO DI KREBS E FOSFORILAZIONE OSSIDATIVA


Come si organizza il mitocondrio per essere cos dinamico?
Il cibo che noi ingeriamo viene ossidato per la produzione di elettroni ad alta energia, convertiti in
energia di riserva. Questa energia viene depositata sotto forma ATP (Adenosin Trifosfato). Diverse
reazioni cellulari utilizzano lenergia ( lATP viene trasformato in ADP, liberando energia) o la producono
(dallADP).
Dalla glicolisi alla catena di trasporto di elettroni. Perch i mitocondri sono importanti?
Come gli alimenti si trasformano in ATP e acqua.
Gli alimenti ingeriti devono essere convertiti in composti chimici, per essere usati dalle cellule. I
carboidrati complessi vengono scissi dagli enzimi e si ottiene il glucosio, glucide semplice. Il glucosio
penetra nella cellula attraverso carriers di membrana specifici.
Il glucosio intracellulare viene metabolizzato per la sintesi di ATP in due cicli. Il primo ciclo non richiede
ossigeno ed chiamato metabolismo anaerobico. Questo ciclo chiamato glicolisi e avviene nel
citoplasma esterno al mitocondrio. Durante la glicolisi, il glucosio viene scisso per essere usato come
carburante (vedere illustrazione). Ogni reazione produce alcuni ioni di idrogeno (elettroni) che possono
essere utilizzati per la sintesi di ATP. Nel ciclo anaerobio sono sintetizzate 4 complessi di ATP a partire
da una molecola di glucosio. Per produrre ulteriore energia in forma di ATP occorre che questa sintesi
avvenga in presenza di ossigeno, allinterno del mitocondrio. Si parla cos di 2 ciclo aerobico o ciclo
di Krebs..

Nellillustrazione, viene mostrato ci che avviene allinterno ed allesterno del mitocondrio.

20

Antiossidante e mesoterapia
I MITOCONDRI E I RADICALI LIBERI

Come funziona il Ciclo di Krebs?


Al termine della glicolisi si formano due molecole di Piruvato, che entrano nei mitocondri e vengono
trasformate in gruppi acetilici. Ciascun gruppo acetilico, contenente due atomi di carbonio, si lega a un
coenzima, formando un composto denominato AcetilCoenzima A.
Questo, a sua volta, si combina con una molecola a quattro atomi di carbonio, lOssalacetato, per formare
un composto a sei atomi di carbonio, lAcido Citrico. Nei successivi passaggi del ciclo, la molecola di
Acido Citrico viene gradualmente rielaborata, perdendo cos due atomi di carbonio, eliminati sotto
forma di anidride carbonica (CO2). In questi passaggi vengono, inoltre, liberati quattro elettroni che
verranno utilizzati per lultima tappa della respirazione cellulare, la fosforilazione ossidativa.
Fosforilazione ossidativa
La terza fase della respirazione cellulare denominata fosforilazione ossidativa ed avviene a livello delle
creste mitocondriali (ripiegamenti della membrana interna dei mitocondri). Essa consiste nel trasferimento
degli elettroni dellidrogeno del NADH a una catena di trasporto (detta catena respiratoria), formata da
citocromi, fino allossigeno, che rappresenta laccettore finale degli elettroni. Il passaggio degli elettroni
comporta la liberazione di energia che viene immagazzinata nei legami di 36 molecole di adenosin
difosfato (ADP) tramite il legame di gruppi fosfato e che porta alla sintesi di 36 molecole di ATP. Dalla
riduzione dellossigeno e dagli ioni H+ che si formano dopo il trasferimento degli elettroni dal NADH e
dal FADH, derivano molecole di acqua che si aggiungono a quelle prodotte con il ciclo di Krebs.
MECCANISMO DI SINTESI DELLATP:
I protoni vengono fatti passare attraverso la membrana interna del mitocondrio in un processo di
diffusione facilitata. Lenzima ATP sintetasi ottiene cos lenergia sufficiente per produrre molecole
di ATP, trasferendo un gruppo fosfato allADP.Il trasferimento degli elettroni attraverso la catena
respiratoria richiede lintervento di enzimi detti deidrogenasi, che hanno la funzione di strappare
lidrogeno alle molecole donatrici (FADH e NADH), in modo che si producano ioni H+ ed elettroni per
la catena respiratoria; inoltre, questo processo richiede la presenza di alcune vitamine (in particolare,
la vitamina C, la E, la K e la vitamina B2 o riboflavina.).

21

Antiossidante e mesoterapia
I MITOCONDRI E I RADICALI LIBERI

Gli elettroni sono trasportati chimicamente alla catena respiratoria che si trova nelle creste mitocondriali.
Il NADH e FADH fungono da carriers, nella zona laterale della membrana che riveste le creste, trasportando
ioni idrogeno ( o protoni). Viene utilizzata una pompa, che trasferisce gli ioni idrogeno (H+) da una
parte allaltra delle creste mitocondriali, si viene cos a creare un gradiente di concentrazione (di H+) tra
interno ed esterno una zona allaltra della membrana

La terza pompa della serie, catalizza il trasferimento di elettroni allossigeno per produrre acqua. La
pompa crea un gradiente protonico elettrochimico, transmembranario, usato per guidare la macchina
produttrice di energia la lATP-sintasi. Questa molecola presente in piccole particelle elementari
provenienti dalle Cristae. Lillustrazione seguente mostra una particella elementare. Si pu notare anche
la sua proiezione dalla membrana interna nella illustrazione precedente, che mostra una visione di
insieme delle Cristae.

22

Antiossidante e mesoterapia
I MITOCONDRI E I RADICALI LIBERI

Come detto pi sopra, questo processo richiede ossigeno ed per questo che chiamato metabolismo
aerobico. LATP-sintasi utilizza lenergia dello ione a idrogeno (detto anche protone) per creare ATP
dallADP e fosfato. Esso produce inoltre acqua dallidrogeno e dallossigeno. Ogni compartimento del
mitocondrio specializzato per una fase di queste reazioni.
Come lossidazione associata alla fosforilazione:
Promemoria:
NAD e FAD rimuove gli elettroni che vengono emessi durante alcuni degli step del Ciclo di Krebs o del
Ciclo Acido Citrico. Poi essi portano gli elettroni alle pompe del loro trasporto elettroni e li cedono. Cosi
NAD e FAD vengono ossidati poich rilasciano ioni Idrogeno alle pompe. Le pompe trasferiscono gli
idrogenioni allo spazio tra le due membrane, dove vengono conservati in adeguata concentrazione
in modo da rifornire la pompa ATP. Con sufficiente rifornimento, essi fosforilano lADP. Ecco come
lossidazione si associa alla fosforilazione.
Gli ioni di Idrogeno, trasferiti dalla pompa ATP di nuovo nella matrice, si combinano con lossigeno
per produrre acqua. Questo molto importante poich, senza ossigeno, essi si accumulerebbero ed
il gradiente di concentrazione necessario per far funzionare la pompa ATP non le permetterebbe di
funzionare.
Perch abbiamo bisogno del mitocondrio?
Perch in esso si verificano i processi biochimici per la produzione, immagazzinamento di energia sotto
forma di ATP, a partire dal substrato di glucosio, grazie anche alla presenza di Ossigeno.

23

Antiossidante e mesoterapia
I MITOCONDRI E I RADICALI LIBERI

Importanza delle Cristae


legata non solo allorganizzazione-trasporto degli elettroni, alle pompe ATP,ma serve anche a
separare la matrice dallo spazio che conterr gli ioni Idrogeno, creando un gradiente necessario per il
funzionamento della pompa ATP. Quando la discussione si focalizza su come il mitocondrio muove le
proteine nella matrice, si noter una ragione in pi per cui questo gradiente di ione di idrogeno (protone)
cos importante!
Come mostrato nellillustrazione di pag. 17, nella catena di trasporto degli elettroni, le molecole sono
presenti nelle Cristae sotto forma di gruppi organizzati. Questi gruppi di molecole possono essere pi
numerosi nel mitocondrio, perche pi attivo nella produzione di ATP. Cos possono aumentare la
densit di membrana, quando aumentano di concentrazione. Ad esempio i muscoli, che permettono ad
un colibr di volare, hanno molte Cristae in ogni mitocondrio, per la notevole richiesta di energia.

STRESS OSSIDATIVO E RADICALI LIBERI

Perch integrare la conoscenza dei danni causati dallo Stress Ossidativo nella pratica medica
quotidiana?
Background dello stress ossidativo: il nemico silenzioso
Per molto tempo, numerosi sintomi patologici sono rimasti senza spiegazione, in particolare riguardo ad
aree relative a ischemia-riperfusione o infiammazione.
Negli ultimi ventanni, la conoscenza di ossidazione ed ossido-riduzione nello scambio cellulare del
corpo umano ha fatto progressi ed arrivata al concetto attuale di STRESS OSSIDATIVO.
Lacqua intra ed extra cellulare costituisce il 60% del corpo di un uomo, il 55% del corpo delle donne. La
membrana cellulare assicura il passaggio di acqua e ioni minerali da un compartimento allaltro. Nella
maggior parte delle molecole organiche, gli atomi sono legati tramite un legame covalente, vale a dire
labbinamento naturale dellelettrone con i vettori magnetici o opposti spin.
Durante un irradiazione dovuta ad esposizione, di intensit sufficiente, ad una fonte luminosa o di
energia termica oppure durante una reazione chimica di ossido-riduzione, la coppia elettronica pu
essere separata. Di conseguenza, la molecola capta uno o pi elettroni sulla sua orbita esterna e viene
detta RADICALE LIBERO.

24

Antiossidante e mesoterapia
I MITOCONDRI E I RADICALI LIBERI

La tendenza naturale degli elettroni spaiati ad interagire con le molecole o atomi vicini, per creare
legami covalenti, conferisce ai Radicali Liberi una grande instabilit, una estrema reattivit ed innescano
una reazione a catena, con produzione di altri tipi di radical, la sintesi a Cascata di Radicali pu
portare alla parziale o totale distruzione delle strutture cellulari e dei tessuti.
In condizioni fisiologiche, la riduzione dellOssigeno (O2) in acqua (H2O) per il metabolismo cellulare,
specialmente per la catena mitocondriale, risulta dalla captazione di 4 elettroni. Il risultato la formazione
di Radicali Liberi ossigenati.

25

Antiossidante e mesoterapia
RADICALI LIBERI

RADICALI LIBERI - Introduzione: COS UN RADICALE LIBERO?


Le forme di vita aerobica sono possibili malgrado tutto e non necessariamente grazie alla presenza di
ossigeno. (A.Bast (1986) Trends Pharmacolo.Sci. 7,266-270)
Se i Radicali sono stati cos pericolosi, sicuramente durante il processo di evoluzione essi sono stati
evitati: infatti vengono utilizzati da tutte le cellule. (R.J.P.Williams (1985) Phil.Trans.R.Soc.Lond 311, 593-603)
Cos un Radicale libero?
Un Radicale Libero un atomo che ha un numero dispari di elettroni nella sua orbita esterna, ha un
elettrone spaiato.
I protoni hanno una carica elettrica positiva. Gli elettroni hanno una carica elettrica negativa. Gli elettroni
si muovono attorno alla massa centrale formata da protoni e neutroni. I neutroni non hanno carica
elettrica, ed per questo che sono neutri.
Lesempio dellElio, dove latomo di Elio ha 2 elettroni che ruotano attorno al centro ed il suo centro
formato da 2 protoni e da 2 neutroni. Se uno di questi elettroni se ne andasse, l altro elettrone sarebbe
spaiato ed avremmo un Radicale Libero, con un numero dispari di elettroni nellorbita esterna (lunica).
Uno ione un atomo carico positivamente (+ ) o negativamente (-)
Se un atomo avesse meno elettroni con carica negativa ( rispetto ai protoni con carica positiva), sarebbe
uno ione positivo ed attirerebbe ogni elettrone disponibile.
Attrazione degli opposti
Un Radicale Libero un atomo con un elettrone spaiato nellorbita esterna. Un Radicale Libero deve
sempre esser un atomo? No, pu essere anche una molecola, costituita da 2 o pi atomi.
Poich gli elettroni hanno una forte tendenza ad essere in coppia piuttosto che singoli, i Radicali liberi
captano, indiscriminatamente, elettroni da altri atomi, i quali a turno convertono questi altri atomi in
Radicali liberi secondari, costituendo una reazione a catena che pu causare seri danni biologici.
Chimicamente, una sostanza risulta ossidata quanto perde elettroni e ridotta quando li capta. Tutte le
reazioni chimiche prevedono il trasferimento di elettroni. Il corpo genera energia, ossidando gradualmente
il cibo, in modo controllato e immagazzinandolo sotto forma di potenziale energia chimica, detta ATP.
Sfortunatamente, questo meccanismo di generazione di energia che essenziale per vivere, pu anche
causare danni alle cellule. Lossidazione di cibo come un fuoco controllato che libera energia, ma che
pu anche far volare scintille, creando cos un potenziale danno. Le scintille, in questa analogia, sono
elettroni liberi che fuoriescono dal sistema di trasporto. Gli elettroni spaiati creano molecole di Radicali
Liberi chimicamente reattivi e altamente instabili.
Essi sono liberi di reagire con diverse molecole, particolarmente durante le reazioni a catena, esempio
nella perossidazione dei lipidi.
La reattivit dei Radicali dellOssigeno variabile, in rapporto alla natura del radicale. Perci, tra i
radicali formati nel corpo umano il Anione Superossido e lOssido nitrico non sono molto reattivi, ma
sono radicali precursori, che possono essere attivati in molte altre specie reattive. La debole reattivit di
questi due radicali permette anche il loro utilizzo da parte del corpo umano come mediatori, di alcune
funzioni biologiche, come la vasodilatazione capillare.
Tuttavia, Radicali come l Idrossile sono estremamente reattivi con la maggior parte delle molecole del
tessuto vitale. I gruppi radicali ossigeno-attivi, come il Perossido di Idrogeno (H2O2) o il Nitroperossido
(0N00H) non sono radicali, ma anchessi sono reattivi e possono essere precursori di radicali. Il gruppo
di radicali liberi ed i loro precursori sono anche detti Specie Ossigeno Reattive (R.O.S.)

26

Antiossidante e mesoterapia
RADICALI LIBERI

APPROCCIO AL TRATTAMENTO e PREVENZIONE DI QUESTI DANNI


Definizione:
la formazione di Radicali Liberi la conseguenza della respirazione di ossigeno. I Radicali Liberi
modificano la struttura delle proteine, ossidano gli zuccheri, le basi puriniche, principali costituenti del
DNA.
I ROS pi comuni comprendono: lAnione Superossido (O2-), il radicale Idrossile (OH.), Ossigeno
molecolare (O2) e Perossido di Idrogeno (H2O2), Anioni di Superossido vengono formati quando
lOssigeno (O2) acquisisce un elettrone in pi, lasciando le molecole con un elettrone spaiato. Allinterno
del mitocondrio viene continuamente formato O2-. Il grado di formazione dipende dalla quantit di
ossigeno che fluisce nel mitocondrio. Radicali Idrossili hanno vita breve, ma sono i pi dannosi per il
corpo umano.
Ossigeno molecolare
Lossigeno che respiriamo una molecola composta da 2 atomi. Lorbita pi esterna di ognuno di questi
2 atomi contiene solo un elettrone, che conferisce alle molecole di ossigeno la caratteristica di radicali
liberi.
La coppia di elettroni nella stessa orbita, cos si riduce di molto la reattivit della molecola. Durante la
fosforilazione ossidativa, lossigeno molecolare viene totalmente ridotto in acqua da 4 elettroni. Tuttavia,
nellorganismo esso pu anche ridurre se stesso, in modo frammentario e cos trasformarsi in
altre sostanze ossigenate, conosciute comunemente come Radicali Liberi dellOssigeno.

27

Antiossidante e mesoterapia
RADICALI LIBERI

28

Antiossidante e mesoterapia
STRESS OSSIDATIVO

RITRATTO DI UN RADICALE LIBERO

Radicale Idrossile
I raggi solari emettono raggi gamma nellatmosfera. Quando questi raggi gamma non vengono fermati
dallo strato di ozono, essi scindono le molecole di acqua contenute nel corpo e formano il radicale
Idrossile. LIdrossile viene generato nel corpo umano da ferro e rame.
Radicale Superossido
Il Superossido semplicemente un atomo di Ossigeno con un elettrone supplementare. L Ossigeno
serve a bruciare lipidi e glucidi, producendo energia, ma una sua piccola parte ( 2 - 5%) diventa
Superossido.
Lorganismo sintetizza Radicali Superossidi, i quali costituiscono uno scudo, per i globuli bianchi, in
corso di flogosi virali o batteriche. Ma i Superossidi, non solo proteggono ma concorrono a cronicizzare
la flogosi.
Radicale perossinitrito
I globuli bianchi producono Superossido e allo stesso tempo rilasciano molecole che contengono
Ossido Nitrico. Il risultato del processo di incontro genera una cellula killer: il radicale Perossinitrito,
particolarmente dannoso per proteine e geni. Il Perossinitrito implicato nei processi di aterosclerosi,
neuro-degenerativi, artriti reumatiche, infiammazioni dellintestino, dette coliti ulcerative, AKA, Morbo
di Chron.
Ossido Nitrico
Questo radicale libero pu essere a volte nocivo, a volte necessario, viene prodotto dalle cellule che
costituiscono le pareti vasali ematiche: utile per la vasodilatazione. Inoltre, viene secreto da alcune
cellule del cervello, dove agisce come messaggero chimico tra i neuroni.
Perossido Idrogeno (no radicale)
Alcuni enzimi producono Perossido di Idrogeno, una molecola simile allacqua. Il Perossido di Idrogeno
non un radicale libero ma pu generare radicale Idrossile.
Ossigeno singolo (no radicale)
Questa forma attivata di ossigeno viene prodotta dallazione dei raggi ultravioletti dopo lesposizione al
sole. Pu attaccare tutti i costituenti della cellula. la causa delle rughe e dei tumori della cute. Anche i
globuli bianchi possono produrre ossigeno singolo

29

Antiossidante e mesoterapia
STRESS OSSIDATIVO

RUOLO DEI RADICALI LIBERI

Gli studi effettuati dal Dr.Dalloz Bourguignon sullargomento, hanno avviato numerose ricerche, per la
comprensione delle patologie degenerative.
NOZIONI DI BASE
Radicali liberi fisiologici
Vengono prodotti in piccole quantit durante la respirazione ossidativa mitocondriale. Il 5% dellossigeno
consumato dal mitocondrio viene convertito in Superossido, Perossido di idrogeno ed altre Specie
Ossigeno Reattive (ROS) in condizioni fisiologiche normali.
Essi vengono rapidamente distrutti da:
Il S.O.D. (Superossidismutasi) 02+H2 - H202
Le catalasi e le perossidasi (GP): H202 - H2+02
(GP) Glutatione Perossidasi)
Radicali liberi patologici
Possono essere di origine:
Esogena: Tabacco, Alcool, Ionizzazione da raggi solari, Inquinamento
Endogena: da ipossia, dopo aver superato le difese fisiologiche, con aggressione a:
Proteine delle membrane cellulari, collagene o acido ialuronico
Cellule dellendotelio capillare, con aumento della viscosit del sangue, perdite plasmatiche, reazioni
infiammatorie
La fagocitosi produce anche una grande quantit di ioni Superossidi.
Da qui, lidea di coadiuvare gli enzimi regolatori fisiologici dellorganismo, introducendo nellambiente
agenti chelanti, vere trappole per i radicali liberi, da effettuare tramite la Mesoterapia Antiossidante.

30

Antiossidante e mesoterapia
STRESS OSSIDATIVO

CONSEGUENZE FISIOLOGICHE E PATOLOGICHE


DELLO STRESS OSSIDATIVO

I Radicali Liberi sono in parte dannosi, ma svolgono funzioni essenziali per lorganismo.
Esempio: alcuni enzimi (per es. Ribonucleotide-Reduttasi, fenilanina- Idrossilasi hanno bisogno di
Radicali Liberi, al centro del loro sito attivo per catalizzare. I Radicali Liberi partecipano al controllo
della trasmissione dei segnali cellulari, modulando la cascata di proteine chinasi. Inoltre il meccanismo
dei radicali liberi e la loro azione sullorganismo sono ancora oggetto di ricerca.
La funzione dei recettori della tirosin- kinasi procedono con la produzione di H202 e la loro funzione
inibita dalla catalasi.
Le cellule specializzate nel controllo della vasodilatazione, come quelle endoteliali, producono, sono
stimolate alla vasodilatazione da NO o alla vasocostrizione da 02-
Il ciclo cellulare sensibile allo stress ossidativo ed in alcuni passaggi accompagnato da una rapida
produzione di radicali. La moltiplicazione cellulare ( esempio i linfociti) dipende da una minima quantit
di ossigeno radicalare che pu spiegare la presenza di una NADPH- ossidasi di membrana.
Sfortunatamente, questi sistemi biologici, che dipendono dal potenziale redox, verranno distrutti a causa
di uno stress ossidativo, dovuto ad eccessiva produzione di specie radicalari.
Ci sar unimportante inibizione di varie attivit biochimiche, anomalie che si aggiungeranno agli effetti
diretti dei radicali sulle molecole biologiche. Avverr unamplificazione delle lesioni, a causa di un certo
numero di antiossidanti o sistemi di riparazione, anche loro sensibili allossidazione.
Tali anomalie funzionali dei geni saranno responsabili di una fibrosi dei radicali, di una iper-adesione,
di inibizione di moltiplicazione di cellule, di apoptosi o necrosi. Gli effetti variano a secondo delle
quantit.
Infine, i Radicali Liberi vengono prodotti dal nostro corpo in un modo totalmente normale. Essi sono
strettamente controllati dagli ANTIOSSIDANTI. Quando questa bilancia precaria si rompe, a favore dei
radicali liberi, ne risulta uno stress ossidativo. Lo Stress Ossidativo causato sia da una inefficienza del
sistema antiossidante del metabolismo, che da un aumento del numero di radicali liberi.
Lo Stress Ossidativo pu causare danno cellulare, fino a morte cellulare ( apoptosi o necresi)
Il primo bersaglio dei Radicali Liberi il DNA ,che si trova nel mitocondrio. Il mitocondrio una piccola
regione racchiusa da una membrana cellulare, che produce energia in forma di ATP. Ogni cellula
contiene un enorme quantit di molecole di DNA, che forniscono istruzioni chimiche alla stessa per il
suo funzionamento.
Il DNA si trova nel nucleo, come centro di comando della cellula, cos come il mitocondrio. La cellula
fissa automaticamente la maggior parte del danno fatto al DNA del nucleo. Tuttavia, il DNA nella cellula
non pu essere fissato facilmente.
Grossi danni al DNA si accumulano nel tempo e fanno cessare lattivit del mitocondrio, causando la
morte delle cellule e linvecchiamento dellorganismo.
Quindi, questo processo di generazione di radicali pu distruggere la funzione della cellula a tutti i
livelli. Ecco perch il danno dei radicali liberi considerato come un meccanismo di base della lesione
dei tessuti.

31

Antiossidante e mesoterapia
STRESS OSSIDATIVO

Esso ci danneggia a livello cellulare

I Radicali Liberi attaccano i lipidi nel metabolismo specialmente gli acidi grassi insaturi che sono facilmente
perossidabili. Poich le membrane cellulari sono costituite da acidi grassi insaturi, la perossidazione dei
lipidi distrugge le membrane cellulari
Gli stessi radicali possono attaccare il DNA del nucleo delle cellule, o pi precisamente , le basi
nitrogenate, che costituiscono la cellula. Questo porta allalterazione del messaggio genetico.
Inoltre, i Radicali Liberi sono responsabili della denaturazione degli aminoacidi, che pu causare il
malfunzionamento o linattivit degli enzimi, intra o extracellulari.
Gli effetti dannosi dei radicali liberi sono comunque contrastati dalla presenza di molecole antiossidanti,
presenti in tutte le cellule quali:
Enzimatiche: superossido-dismutasi, catalasi, glutatione - perossidasi
Non enzimatiche: la cui concentrazione intracellulare assicura una riduzione progressiva: glutatione,
acido ascorbico (Vitamina C), Vitamina E, Carotene
Alcuni di questi antiossidanti vengono sintetizzati dal corpo, come gli enzimi glutatione, mentre altri
devono essere introdotti dallesterno.

32

Antiossidante e mesoterapia
STRESS OSSIDATIVO

Sistemi biologici di difesa antiossidante


Le cellule contengono alcuni antiossidanti chimici ed enzimatici, che lavorano insieme per ridurre le
reazioni ossidative nella cellula. (Kehrer, 1993)

33

Antiossidante e mesoterapia
STRESS OSSIDATIVO

STRESS OSSIDATIVO E CONSEGUENZE CELLULARI

34

Antiossidante e mesoterapia
STRESS OSSIDATIVO

UN MODELLO DI STRESS OSSIDATIVO: OBESIT

RADICALI LIBERI/SPECIE CHIMICA CON UNA O PIU ELETTRONI SPAIATI

35

Antiossidante e mesoterapia
STRESS OSSIDATIVO

MESOTERAPIA CLASSICA
Azione dellago
Azione locale della penetrazione dellago
Probabile:
Vasodilatazione locale
Azione riflessa
Prostaglandina
Azione regionale
La teoria gate control
Azione centrale
Ad oggi non si conosce lazione reale

MESOTERAPIA E RADICALI LIBERI


Fatti stabiliti
Gli effetti dannosi dei Radicali Liberi sempre pi menzionata nel campo della patologia infiammatoria
e degenerativa
Unasserzione
I tessuti danneggiati dai Radicali Liberi sono di origine mesodermica, particolarmente il tessuto derma
papillaris.
Una risposta pratica
Mesoterapia antiossidante.

36

Antiossidante e mesoterapia
Antiossidante e mesoterapia

MESOTERAPIA Antiossidante: UNA TERAPIA ALLAVANGUARDIA


Descrizione della Mesoterapia antiossidante
La mesoterapia antiossidante consiste nellintroduzione nellorganismo umano di una piccola quantit di
farmaci allopatici e/o omeopatici sottocute, nellarea del tessuto connettivo, utilizzando un ago speciale
detto LEBEL (lunghezza 4mm e 4/10 in diametro/27G).
Nel 2001, in seguito allesplosione della ricerca e degli studi relativi ai radicali liberi (forme reattive
dellossigeno) indicato dora in poi utilizzare il termine: antiossidativo o Mesoterapia anti-Radicali
Liberi che pi appropriato per la nostra nozione di terapia mitocondriale, poich il mitocondrio il
luogo dei Radicali Liberi.
Tutta lazione della nostra terapia verr focalizzata sulla lotta contro liper-produzione dei Radicali
Liberi, secondaria allo stress ossidativo, a causa di origini diverse.
Tuttavia, prima di testare i notevoli effetti della Mesoterapia antiossidante, diamo una occhiata alle
azioni dellembriologia:
Calendario
2 miliardi di anni fa:
Lossigeno appare sulla superficie terrestre
700 milioni di et:
Gli Eucarioti (spugne)
Essi stabilirono una societ multi cellulare, vale a dire una struttura resistente allambiente (specialmente
allossigeno)
Questa la matrice extra cellulare.
Questa MATRICE EXTRA CELLULARE rappresenta il 30-40% dellORGANISMO UMANO e gioca il ruolo
di assimilazione.
La MATRICE EXTRA CELLULARE organizza:
Le cellule del corpo in tessuto muscolare
Il tessuto muscolare in organi
Gli organi in organismi
LUNITA FUNZIONALE DEL NOSTRO ORGANISMO LA CELLULA che strettamente interattiva con la
MATRICE EXTRA CELLULARE.
Quindi, se vi conflitto durante questa interazione, avremo immediatamente una patologia:
LE PATOLOGIE sono conseguenze dellinterazione tra CELLULA/MATRICE EXTRA CELLULARE
Patologie degenerative
Aterosclerosi cardio-vascolare
Osteoporosi-artrosi-condrocalcinosi
Diabete
Patologie proliferative
Tumore con metastasi
Patologie genetiche
Osteogenesi parziale, mucopolisaccaridosi
COMPOSIZIONE DELLA MATRICE EXTRA CELLULAREn.4 Famiglie conosciute:
Collagene
Elastina
Sintesi glicoproteine - sostanza di base 13
Proteoglicani
37

Antiossidante e mesoterapia
Antiossidante e mesoterapia

UNA SESSIONE DI MESOTERAPIA ANTIOSSIDANTE

1. Questionario (Allergia? Aspirina = Conjonctyl = monometiltrisalanolo salicilato


2. Visita
3. Diagnosi
Pratica
a. Il paziente si siede svestito (in un modo confortevole sia per il paziente che per il medico)
b. D
 isinfezione: Biseptima (azione su Micobatteri, Staphylococcus)
Doppia applicazione: 1 per pulire, 2 antiseptica (3mn)
c. Guanti
d. Siringa ed ago sterili (monouso) LEBEL 4mm e 4/10 diametro (27G)
e. C
 ocktail di farmaci
- Solo con molecole controllate, sterile, autorizzato per iniezioni
- In fiala o bottiglia
- Preparato in estemporanea (***) allapplicazione

ATTENZIONE!
TENERE SEMPRE IN AMBULATORIO:
02
ATROPINA
ADRENALINA
IDROCORTISONE

38

Antiossidante e mesoterapia
Antiossidante e mesoterapia

LA PRESCRIZIONE IN MESOTERAPIA ANTIOSSIDANTE


SEMPRE: COCKTAIL ANTIOSSIDANTE*
Prima siringa (10cc)
PENTOSSIFILLINA
2cc
VITAMINA C (1g)
2cc
MULTIVITAMINE
1 fiala
Silicio ORGANICO
1 bottiglia = 5cc
(monometiltrisilanolo)
*per maggiori dettagli relativi ai suddetti prodotti, leggere pi avanti.

Dolore
seconda siringa (10cc)

VITAMINA B12
VITAMINA B1 (100mg/500mg)
CALCITONINA (100ul)
TIOCOLCHICOSIDE

1 fiala
1 fiala
1 fiala
1/2fiala

Pentossifillina
in vetro (fiala)
La Pentossifillina contrasta gli effetti indotti da IL1 e TNF alfa (mediatori chimici) sul neutrofilo polimorfo
nucleare.
Questo significa: sul
Movimento lento
Aumento di adesivit
Rilascio eccessivo di SUPEROSSIDO, ANIONE e PEROSSIDO DI IDROGENO

Silicio organico
Silicio: Si (atomo) = Silicio in italiano
Silicio (olio) : Si-O-Si-O-Si- prodotti polimerici
Silicio ORGANICO: Silicio con legami covalenti: Si SILANOLO con funzioni: Si-(OH)1,2 o 3 H3 -Si-(OH)3= CONJONCTYL
in questa forma che ha la pi alta biodisponibilit per il corpo ed il gruppo di idrocarboni e i radicali
idrossili (OH) sono entrambe necessari.

39

Antiossidante e mesoterapia
Antiossidante e mesoterapia

Silicio Organico = Silanolo


Il MONOMETILSILANETRIOLO CH3 Si (OH)3

 la forma pi famosa di silicio organico utilizzato in terapia, da assimilare nel nostro corpo.
I Silanoli sono diversi dal silicio minerale, perch hanno almeno un atomo di carbonio legato ad uno
di idrogeno.
OH
CH3

Si OH

OH

Salicilato = Salicilato di Silanolo


In soluzione acquosa, lidrogeno unisce le funzioni di OH con quelle del salicilato assicurando la stabilit
del prodotto.
CH3 CH3 CH3
O

Si O

Si O

Si O

O O O
OH OH OH

COOH COOH COOH

CONJONCTYL: Studi Scientifici


1) Test clinico (1999) per dimostrare gli effetti del Conjonctyl sulla correzione delle rughe
Sce Dermatology - Pr.Bonnerandi (Marsiglia)/DERMEXPERT (Paris)
le impronte cutanee hanno dimostrato un miglioramento significativo del rilievo cutaneo delle rughe
dello strato spesso della fronte
inoltre, qualsiasi zona venga trattata, la percezione di riempimento stata percepita per un anno
dopo liniezione dal 40% dei volontari
2) Ricerca sullattivit di lipolisi del Conjonctyl (in vitro) nel tessuto adiposo sottocutaneo
Dr.Bernardette Levrat (International Congress of Mesotherapy 1988)
Conjonctyl ha una ovvia azione lipolitica sul tessuto adiposo ed un azione inibente verso i radicali
liberi
3) Rimodellamento del derma umano dopo liniezione del Silanolo salicilato
Arch. Dermat. Research (2007): Herreros, AM de Moraes, University of Campinas (Brazil)
I risultati indicano che liniezione di silicio organico nellavambraccio in 7 donne pu stimolare la
produzione di collagene e di fibre elastiche, permettendo di rimodellare lorganizzazione delle fibre
del derma. Ci spiega il miglioramento della superficie della cute, osservata durante gli studi clinici
Composizione multi vitamine

40

Antiossidante e mesoterapia
Antiossidante e mesoterapia

 itamina A sintetica concentrata sotto forma di olio


V
Colecalciferolo (Vitamina D3)
Alfa-Tocoferolo Acetato (Vitamina E)
Tiamina Idrocloride (Vitamina B1)
Riboflavina Sodio Fosfato (Vitamina B2)
Pridossina Idrocloride (Vitamina B6)
Acido Ascorbico (Vitamina C)
Nicotinamide (Vitamina PP)
Dexpantenolo

41

5000 Ul
1000 Ul
2 mg
2 mg
1,5 mg
2 mg
50 mg
10 mg
4 mg

Antiossidante e mesoterapia
Antiossidante e mesoterapia

LA PRATICA: MESOTERAPIA ANTIOSSIDANTE IL NOSTRO TOCCO LIEVE


Tocco lieve: la miglior pratica per la stimolazione di tutti i componenti del derma papillaris. (Dr. Alain
Gondinet)
Il corpo della siringa viene tenuto tra il 1 ed il 2 dito nello stesso tempo, lindice spinge delicatamente
sul pistoncino.
Lago penetra velocemente nella cute, creando ad ogni contatto una leggera penetrazione nellepidermide
tra 0.5 e 2 mm.
Ad ogni contatto, viene iniettata una piccola quantit di farmaco nella pelle.
La distanza tra le due iniezioni e tra 1 e 1.5 mm.
Il liquido viene distribuito velocemente agli specifici recettori del derma.
Lago di 4mm viene posizionato quasi parallelamente alla zona cutanea da trattare, con la parte smussata
verso il basso.
Viene iniettato circa il 30% del farmaco, considerando la perdita che avviene durante liniezione.
possibile eseguire da 150 a 1000 punture in una sessione.
Il cocktail antiossidante pu essere iniettato in qualsiasi parte del corpo.

PROFONDIT DELLE INIEZIONI

42

Antiossidante e mesoterapia
Antiossidante e mesoterapia

IL MOTIVO DELLA MESOTERAPIA ANTIOSSIDAnte


AD UNA PROFONDIT DI 2mm
Per una siringa di 10 cc, si possono eseguire da 100 a 500 iniezioni. Ci significa una micro dose di
1/300cc iniettata fuori vena,
Nessun dolore = non c anestesia locale (***)
Non vi sono lesioni
Non vi sono abrasioni
Non vi sono lividi n sanguinamenti
Viene iniettata una piccolissima dose di farmaco ad ogni iniezione, nella micro circolazione
Pochissimi effetti secondari (prurito)
Si pu utilizzare questa Mesoterapia anche per pazienti che utilizzano anticoagulanti.

RISPOSTE ALLE DOMANDE


1. Perch preferiamo la via superficiale per introdurre il farmaco?
Perch solo il derma papillaris possiede i recettori (4 unit) per il farmaco iniettato.
Perch soltanto liniezione >2mm in grado di evitare tutti gli eventuali inconvenienti legati alliniezione
stessa. (Studi: Dott. Huteau-Letessier Francia), grazie alla presenza di cellule immuno-competenti.
2. Perch preferiamo il trittico MANO-SIRINGA-AGO?
Per permettere al medico di tenere sotto controllo la guarigione
Grazie alla destrezza del medico. Potrebbe iniettare la dose in aree pericolose (Occhi, palpebre)
Perch le mani difficilmente sono fuori controllo.
3. Perch preferiamo iniettare con tocco lieve nel derma papillaris invece di praticare micro punture
pi profonde di 4 mm?
Perch un nuovo metodo parenterale, extravascolare
Perch pi profonda di 4mm o pi, liniezione diventa sub-cutanea o intra-muscolare ed
apparterrebbe quindi al livello intra-vascolare.
Perch gli studi fondamentali (Pocidalo-Pizurra-Kaplan-Corbel) permettono di pensare che la
circolazione del farmaco iniettato nel derma papillaris interessato la conseguenza di diversi
meccanismi
-

Azioni antiossidative
Diapesi
Diffusione passiva tra la soluzione ed il gel nel E.C.M.
Vettore macrofago
Bolo allorgano/cellula bersaglio (Medicina nucleare)
Flusso assonico

43

Antiossidante e mesoterapia
note personali

note personali




















44

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

PRATICA GENERALE
e
MESOTERAPIA
ANTIOSSIDANTE

45

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

MESOTERAPIA ANTIOSSIDANTE E APPARATO LOCOMOTORE

I disturbi dellapparato locomotore, sia di natura reumatica che traumatica, sono uno dei campi in cui la
Mesoterapia antiossidante largamente applicata e si ottengono buoni risultati, in alta percentuale.
PATOLOGIE ARTICOLARI
Disturbi periferici
Disturbi rachidiani
Disturbi periferici
Esempi: Tendiniti, stiramenti muscolari, distorsioni, capsuliti, neuralgie, tenosinoviti.
1) Dove?
Spalle, gomiti, polso, mani, dita, anche, collo, caviglie, alluci.
2) Cosa?
Cocktail antiossidante
Antidolorifico
- Calcitonina 100 UI
- Vitamina B1 (100mg o 500mg)
- Vitamina B12
- Tiocolchicoside

1 o 2 fiale
1 cc
1 fiala
1 o 2 cc

Cocktail antinfiammatorio
(se necessario)
- Piroxicam

20 mg fiala

In caso di contrazioni muscolari dolorose


- Valium

10 mg qualche goccia nel cocktail

In caso di calcificazione dei tendini


- Chelatran (EDETATE sodium calcium): qualche goccia nel cocktail (agente chelante del Calcio)
3) Quando?
Una seduta il giorno 0/giorno 3/giorno 6 e pi se necessario.
Se vi dolore acuto, la seduta pu essere sospesa. A volte, dopo una sessione, possibile notare
una reazione di dolore crescente, che pu durare alcune ore. Pu succedere, a volte, ed importante
non dimenticare di avvertire il paziente di questa possibilit. Di fatto ed in pratica, una buona cosa,
poich significa che lorganismo sta reagendo al farmaco iniettato.

46

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

Disturbi rachidiani

GOMITO

1)Dove?
a. Tipo
Legamenti interspinali
Artropatie miste:
ai tenditi, ai legamenti, alle capsule
Parte posteriore del nervo
Tenopatia spondilosi laterale
Questo genera il dolore degenerativo intervertebrale
che in francese si chiama SID:
Sofferenza intervertebrale degenerativa
Discopatia anteriore
Conflitto disco-radicolare con ernia del disco

b. Topografia
Cervicale
Dorso lombare
Sacro lombare

2) Cosa?
Cocktail e .

47

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

DISTURBI DEGENERATIVI DELLE ARTICOLAZIONI


Artrosi
Una delle migliori indicazioni della Mesoterapia antiossidante
1) Dove?
Tutte le articolazioni eccetto le anche
2) Cosa?
Cocktail e .
3) Quando?
Una sessione ogni settimana per 3 settimane
Una sessione ogni due settimane . Un mese
Una sessione ogni tre mesi .. sempre

Osteoporosi
Se vi compressione dolorosa
Cocktail e .
Minimo 1 o 2 anni di trattamento

48

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

CONTRATTURA DI DUPUYTREN (FIBROMATOSI PALMARE)


Fibrosi della guaina del tendine flessore della mano.
Non vi sono indicazioni: III e IV stadio (retrazione >90)
1) Dove?
Praticamente in parallelo alla pelle
Nei noduli
Nei tendini
Nelle spine cervicali
2) Cosa?
Il cocktail:
a - cocktail antiossidante
b - secondo cocktail
Magnesio
2cc
Vitamina B6
1cc
Edetate
qualche goccia
3) Quando?
Giorno 0/giorno 7/giorno 14 ed ogni mese per un anno minimo, e anche pi
CONTRATTURE DI DUPUYTREN

49

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

DISTONIA DA RIFLESSO SIMPATICO O NEUROTONIA (R.S.D.)

Il sistema ortosimpatico presente solo nella pelle. Le fibre post-gangliari entranoo nel nervo spinale
misto ed escono per la maggior parte senza mielina.
1) Dove?
Vedi illustrazione
2) Cosa?
Cocktail
Magnesio
Vitamina B6
Propanolo

3cc
2 cc
qualche goccia

3) Quando?
Giorno 0/giorno 8/giorno 14 o 21, e quando necessario
4) Come?
Mesoterapia antiossidante: Tocco lieve.
5) Trattamento della R.S.D.
colonna vertebrale
plesso

50

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

VACCINAZIONI

Consiste in una stimolazione dellorganismo, specialmente nei pazienti con infezioni croniche: bronchiti,
sinusiti, riniti, tonsilliti, con un sistema di immunodeficienza indebolito.
La Mesoterapia antiossidante spesso usata quando le altre terapie non funzionano.
1) Dove?
Sulle proiezioni dellarea del tessuto linfoide
tonsilla destra e sinistra
fegato
milza
mesentere
area seni nasali
2) Cosa?
Ribomunyl: frazioni di Ribosomal e proteoglicani da batteri
Klebsiella Pneumoniae
Streptococcus Pneumoniae
Streptococcus Pyogenes Gruppo A
Haemophilus Influenzae
Cocktail: 2 siringhe
1 siringa con:
Ribomunyl (1 fiala piccola)
Diluita con
Magnesio
2 cc
Vitamina B6
1 cc
1 siringa con:
Multivitamine
1 fiala
Vitamina C
2 cc
3) Quando?
Giorno 0/giorno 8 e giorno 30 ed ogni 3 mesi o pi se necessario.
Per prevenzione, due volte allanno
4) Come?
Mesoterapia antiossidante: Tocco lieve
Controindicazioni
Allergia al Ribomunyl
Disturbi autoimmuni

51

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

EMICRANIA

Emicrania con aura


1. Aura e scotomi: vasocostrizione delle branche della carotide interna.
2. Crisi di emicrania: vasodilatazione permanente delle branche della carotide laterale. Impatto del
Mesoplus.
1) Dove?
Sedi dolenti
Branche laterali ed interne della carotide destra e sinistra
2) Cosa?
Cocktail: 2 siringhe
1 siringa con: cocktail aree di emicrania
Propanolo
1cc
Magnesio Pidolato
2cc
Vitamina B6
1cc
1 siringa con: cocktail per R.S.D. (disturbo di riflesso simpatico)
Magnesio Pidolato
2cc
Vitamina B6
1cc
Diazepam 10mg
1/2cc
3) Quando?
Durante o dopo una crisi di emicrania al giorno 0/giorno7/giorno 14
4) Come?
Mesoterapia antiossidante: Tocco lieve
5) Trattamento del R.S.D.
Spina dorsale
Plesso

52

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

VIRUS ZONA E HERPES SIMPLEX

ZONA
una emergenza per la Mesoterapia antiossidante.
necessario sottoporsi alla prima sessione immediatamente dopo la diagnosi.
1) Dove?
Sullarea del metamero (segmento mesodermico): spina dorsale
Aree del corpo per immuno-stimolazione
2) Cosa?
Cocktail 3 siringhe
1 siringa con:
Calcitonina Pharmy II, 100 mg
1 fiala
Vitamina B1 500mg
4 cc
Lidocaina 1%
2 cc
1 siringa con: Cocktail antiossidante
Pentossifillina
1 cc
Vitamina C
2 cc
Multivitamine
1 fiala
1 siringa con: cocktail immunostimolante
Ribomunyl
1 fiala piccola
Magnesio
2 cc
Vitamina B6
1 cc
3) Quando?
Non appena possibile: Giorno 0/giorno 3/poi controllo
4) Come?
Mesoterapia antiossidante: Tocco lieve
Se trattato precocemente, possibile fermare levoluzione ed il dolore dovuto allo ZONA.
La Calcitonina e la Lidocaina danno grossi risultati sul dolore immediato e su quello futuro,
poich hanno effetti morfino simili.
VIRUS HERPES SIMPLEX
Cocktails:
1. Caffeina
2cc
Lidocaina 1%
2cc
2. Cocktail antiossidante
3. Cocktail immunostimolante

53

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

TINNITUS o acufene
Pu essere di origine:
Vascolare
Vertebrale
Tossicit radicalare
Psicologica

1) Dove?
sul collo
intorno allorecchio (peri-auricolare)
2) Cosa?
Trattamento della micro-circolazione
Pentossifillina
2cc
Buflomedil
2cc
Trattamento della zona vertebrale, sede cervicale
Calcitonina 100UI
1 fiala
Magnesio
2cc
Vitamina B6
1cc
Trattamento contro i Radicali liberi
Pentossifillina
2cc
Vitamina C
2cc
Multivitamine
1 fiala
Trattamento del R.S.D. se necessario
Cocktail R.S.D.
3) Quando?
Giorno 0/giorno 7/giorno 14, e dopo a seconda dei risultati. Se funziona, ogni mese.
4) Come?
Mesoterapia antiossidante: Tocco lieve

54

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

VERRUCA PIANA

Due studi scientifici in doppio cieco:


1) British Journal of Dermatology (1984)
24 pazienti con 59 verruche
Il 76% dei pazienti fu curato con Bleomicina+Xylocaina 2%
Il 10% fu curato con soluzione isotonica
2) Journal of Dermatology (1983)
151 verruche - 81% curati dopo 1 o 2 sessioni Bleomicina+Xylo
55 verruche - 0% curati con soluzione isotonica
1) Dove?
Iniezione nella verruca
2) Cosa?
Xylocaina 2%
mescolato con
Bleomicina

5cc
1 fiala secca

3) come?
5 punti di iniezione (0,5cc) sulla e nella verruca
4) quando?
Giorno 0 e giorno 21
La verruca cadr da sola, 8 giorni dopo
Se necessario: ripetere dopo 1 mese.

55

Antiossidante e mesoterapia
PRATICA GENERALE e ANTIOSSIDANTE

MESOTERAPIA Antiossidante PER RINGIOVANIMENTO

Consiste in una iniezione nel corpo in diverse aree del Cocktail Antiossidante da utilizzare sulla cute
dellorganismo; in questo modo potremo trovare ovunque, sulla superficie del corpo, il ROS prodotto nel
mitocondrio.
1) Dove?
Area dei gangli
Fegato
Milza
Viso
Topografia dei vasi degli arti superiori ed inferiori.
2) Cosa?
Cocktails di farmaci:
a. Cocktail antiossidante
Vitamina C
Multivitamine
Silicio
Pentossifillina

3cc
1 fiala
1 flacone
1cc

b. Secondo cocktail
Magnesio
Vitamina B6

2cc
1cc

3) Quando?
Una seduta alla settimana per un mese
Una seduta al mese per 3 mesi
Ogni 3 mesi

56

Antiossidante e mesoterapia
note personali

note personali




















57

Antiossidante e mesoterapia
note personali

note personali




















58

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

MEDICINA ESTETICA
E
MESOTERAPIA
ANTIOSSIDANTE

59

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

MESOLIFTING ANTIOSSIDATIVO
UNA DELLE MIGLIORI APPLICAZIONI DELLA MEDICINA ESTETICA
Cosa desideriamo fare?
Fermare linvecchiamento cutaneo naturale, vale a dire:
Comparsa delle rughe
Assottigliamento cutaneo
Cambio di colore
Eliodermia
Disturbi di pigmentazione
1) Dove?
Viso
Collo
Decolt
2) Cosa?
a. Contro i radicali liberi e per nutrire e rigenerare la pelle
Cocktail antiossidante
Vitamina C
2 cc
Pentossifillina
1 cc
Multivitamine
1 fiala
Silicio
1 fiala
b. Per combattere ledema
Calcitonina 100 UI
1 fiala
c. Per idratare la pelle
Acido Ialuronico non incrociato
1 cc
3) Quando?
Una seduta ogni 2 settimane, dopo un mese, ogni 3-4 mesi
4) Come?
Mesoterapia antiossidante: Tocco lieve
4) Quanto?
2 siringhe:
Cocktail antiossidante di 10 cc per seduta per il viso ed il collo
Acido Ialuronico non incrociato-legato : 1 o 2 cc

60

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

Mesoterapia antiossidante speciale: Acido Ialuronico non incrociato-legato


Lacido Ialuronico il maggior costituente delle sostanze base delle matrici cellulari esterne.
Una vera molecola spugna, la sua struttura elicoidale non le permette di disperdere mille volte il suo peso
in acqua.
molto diffusa nel tessuto cutaneo, ma la sua quantit diminuisce con let.
Lacido ialuronico un gel trasparente, apirogeno, sterile e visco-elastico che deriva dalla biofermentazione.
Quando la cute diventa sottile e fragile, appaiono le prime linee di lesione della cute. Lacido Ialuronico
biodegradabile e viene assorbito ovunque.
Lacido Ialuronico in gel viene iniettato nel derma, con la tecnica mesoterapia (Tocco lieve).
Grazie alla sua marcata fluidit ed alle sue propriet visco-elastiche, lacido Ialuronico si diffonde
uniformemente nei tessuti cutanei, mantenendo la sua azione idratante e rinforzante del derma.
Offre una reale possibilit di combattere gli effetti della riduzione della propria concentrazione nel
derma.
Concentrazione dellacido Ialuronico: da 14mg a 20mg con un alto peso molecolare.
Controindicazioni:
lacido Ialuronico non deve essere utilizzato:
In combinazione, durante la stessa sessione, con peeling o trattamenti laser
Per disturbi cutanei, infiammazioni o infezioni allarea di trattamento o vicino
Ipersensibilit o allergia al prodotto
Gravidanza
Non iniettare in vasi sanguigni
Durante lallattamento al seno

61

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

MESOTERAPIA Antiossidante

62

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

63

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

CELLULITE

La migliore e la peggiore indicazione per la Mesoterapia


Non indicata per Obesit - Dieta
1) Dove?
Anche
Addome natiche
Cosce
Gambe (davanti dietro lati)
Gangli della schiena e dellinguine per drenaggio linfatico e venoso
2) Cosa?
4 siringhe di 10 cc:
a. Contro il tessutoi adiposo (per eliminare il grasso in eccesso)
Caffeina
2 fiale di 2 cc
Pentossifillina
3 cc
Calcitonina 100 UI
1 fiala
b. Per migliorare la circolazione venosa-linfatica
Etamsilato 250mg
2 fiale di 2 cc
Meliloto
1 fiala di 2 cc
Cinaria
1 fiala di 2 cc
c. Antiossidante (rafforzamento dei tessuti connettivi e lotta ai Radicali Liberi)
Vitamina C
2 cc
Magnesio
1 cc
Multi vitamine
1 fiala di 2 cc
Silicio organico
1 fiala di 5 cc
d. R.S.D. (Distonia del riflesso simpatico)
Magnesio
3 cc
Vitamina B6
2 cc
bloccanti propanololo cloridrato: poche gocce
3) Quando?
Una seduta alla settimana, per 10 settimane, con un minimo di 5 sedute se necessarie per ottenere un
iniziale risultato.

64

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

4) Come?
Mesoterapia antiossidante: Tocco lieve
4) Quanto?
- Dieta, se necessario

65

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

CONTROINDICAZIONI DELLA MESOTERAPIA ANTIOSSIDANTE


Molecole proibite con la Mesoterapia
Molecole oleose (per es. progesterone)
Molecole alcoliche (solventi alcolici = dolore)
Sali doro
Corticoidi
chimo tripsina
Tutte le molecole senza autorizzazione per essere iniettate +++
Le molecole devono rispondere ai requisiti stabiliti dalla classe III dei dispositivi medici, rispondenti alla
direttiva 93/42 CE.
Molecole indesiderate
Sulpiride
Antibiotici
Vaccini (eccetto RIBOMUNYL)
Anestetici locali
Molecole a basso peso (Eparina)
Simpaticomimetici
Spasmolitici
Gravidanza
Non effettuare mesoterapia durante i primi tre mesi (+++)
Dopo questo periodo, lutilizzo della mesoterapia pu essere effettuata utilizzando molecole semplici e
solo per indicazioni reali e ragionevoli.

66

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

STUDI SCIENTIFICI SULLA MESOTERAPIA


Analisi cromatografica e spettrografica del cocktail di molecole utilizzato in mesoterapia.
(Dr.Henri Gutelman - Belgio 1993, S.F.M. Bulletin)
Hanno cercato di dimostrare la conformit chimica e la stabilit delle molecole quando vengono
mescolate. stato utilizzato un liquido cromatografico ad alta pressione. Infine, sono stati in grado
di dimostrare che quando il mix arriva fino a 10 molecole differenti, la qualit e la quantit di ogni
sostanza pu essere ritrovata nel mix finale.
Analisi cromatografica di 5 molecole mescolate utilizzate in mesoterapia
(Dr. Ren Gerard Belgium 1993, S.F.M. Bulletin)
possibile identificare nella miscela le rispettive referenze di ogni molecola. Studio realizzato dal
Laboratorio Biofarmaceutica dellUniversit Fac. Medicina di Bruxelles.
MESOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE
Tre domande per il Dott. Kaplan ed il Dott.Raincourt
a) La Mesoterapia permette una diffusione del prodotto iniettato pi lenta rispetto ad altri metodi
parenterali?
b) La profondit delliniezione influente sui risultati?
c) La Procaina mescolata ad altri farmaci produce un effetto rallentante sulla diffusione del prodotto?
Essi hanno scelto per questo esperimento: Calcitonina con Iodina 125 (tracciante radioattivo)
2 tipi diversi di iniezione
-2
 /3 calcitonina con iodina 125
1/3 soluzione salina normale
- 2/3 calcitonina con iodina 125
1/3 procaina 2%
4
 diverse profondit di iniezione:
- tra 0.5 e 1 mm
- Intradermica: 1.5 - 3 mm
- Subcutanea: 4 - 6 mm
- Intramuscolare: >30 mm
Quantit

iniettata:
- 0.1 ml (I.D e S.C)
- 0.5 ml (I.M.)
Nella coscia
Conclusioni
Il metodo della Mesoterapia permette una diffusione lenta del prodotto iniettato
La profondit delliniezione ha un influenza sul periodo di emivita delle molecole con tracciante
I.D > S.C > I.M
Linfluenza della PROCAINA sui cocktail di farmaci NON SIGNIFICATIVA (+++)
67

Antiossidante e mesoterapia
estetica e ANTIOSSIDANTE

STUDI SCINTIGRAFICI SUL CORPO INTERO CON GLUCONATO 99mtc


C
 on un iniezione intravenosa il flusso di sangue veloce, cos come la diffusione allorgano bersaglio.
Leliminazione urinaria notevole.
C
 on una iniezione intradermica superficiale: il farmaco resta a livello della cute, lento e leliminazione
urinaria scarsa.

68

Antiossidante e mesoterapia
conclusioni

CONCLUSIONI
Quando in passato il Dr. Pistor era solito dire, riguardo ai risultati della Mesoterapia:
non so perch, dove e come,
ma funziona!
Oggi, con le scoperte avvenute sui Radicali liberi, possiamo comprendere perch la Mesoterapia
antiossidante cos efficace.
Dopo 25 anni di esercizio della Mesoterapia nel mio studio e pi di trentamila sessioni, rimango sempre
sorpreso dai fantastici risultati e dai loro effetti positivi sui pazienti.
Quindi, posso dire:

fate la vostra Mesoterapia antiossidante


ed apprezzerete la Vostra pratica!

69

Dr. Alain Gondinet (M.D.)

Antiossidante e mesoterapia
note personali

note personali




















70

Antiossidante e mesoterapia
note personali

note personali




















71