Sei sulla pagina 1di 2

OXICURMA

Integratore alimentare composto da Curcuma longa: (radice) totum ed estratto titolato al 95% in curcumina, Camelia sinesis, Resveratrolo, Ovomucoidi di Coturnix japonica.

CURCUMA LONGA

Famiglia: Zingiberaceae. Pianta arbustiva, sempreverde, perenne. Area di origine: Asia meridionale, Australia, India,
Indonesia. Clima: tropicale. Parte usata: rizoma.
Composizione chimica
Il rizoma della Curcuma longa costituito per il 95% da olii ( ar-turmerone, alfa+ beta turmerone, beta-ocimene),
curcumina. La formula chimica della Curcumina C21H20O6, anche conosciuta anche come diferuloilmetano.
Lestratto standardizzato Curcumina 95% contiene almeno il 95% di curcuminoidi, Curcumina, Demetossicurcumina e Bisdemetossicurcumina, la gamma completa di antiossidanti estratti dalla Curcuma. E' la percentuale esatta
utilizzata in numerosi studi clinici.
Propriet farmacologiche
Azione anti-infiammatoria
In base a studi in vitro e su animali da laboratorio, la curcumina potrebbe avere effetti anti-infiammatori, dovuti alla
inibizione della lipossigenasi e della ciclossigenasi 2, enzimi implicati nella biosintesi degli eicosanoidi: leucotrieni, prostaglandine, prostaciclina e trombossani, derivati dallacido Arachidonico, acido grasso polinsaturo. Blocca
la sintetasi inducibile dell'ossido nitrico (iNos) meccanismo dei macrofagi attivati, che genera radicali perossinitrici altamente reattivi, che uccidono i microbi. Inibisce anche trascrizione mediata AP-1 relativa alla regolazione di
citochine in vitro e sopprime ossido nitrico.
Azione antivirale
Anti HIV, in relazione a studi sperimentali (condotti dal prof. Kundu, nel Jawaharlal Nehru Centre for Advanced Scientific Research in
Bangalore) la curcumina inibirebbe un enzima chiamato p300, il quale svolgerebbe un fisiologico ruolo di controllo sui
geni umani, poich l'HIV si integra nel materiale genetico umano, bloccando lazione dellenzima p300, il virus non
pu pi moltiplicarsi. Lenzima p300 appartiene alla classe enzimatica HAT (Histone Acetylase Tansferase) (Curcumin,
a novel p300/CREB-binding protein-specific inhibitor of acetyltransferase, represses the acetylation of histone/nonhistone proteins and histone
acetyltransferase-dependent chromatin transcription.Balasubramanyam K, Varier RA, Altaf M, Swaminathan V, Siddappa NB, Ranga U, Kundu
TKJ Biol Chem. 2004 Dec 3;279(49):51163-71).

Prevenzione del cancro del collo dellutero, associato al virus del papilloma umano (HPV), nel 90% dei casi. Il virus
ha due geni E6 ed E7 che si legano ad una proteina che trasforma le cellule sane in cancerose. La curcumina si
lega con la stessa proteina umana, impedendo al virus di farlo. (International Journal of Cancer Volume 113, Issue 6, pages
951960, 1 March 2005 Constitutive activation of transcription factor AP-1 in cervical cancer and suppression of human papillomavirus (HPV)
transcription and AP-1 activity in HeLa cells by curcumin.Bhupesh K. Prusty, Bhudev C. Das,,*)

Azione anti HSV1, della curcumina, ma indipendentemente dallinibizione HAT, per inibizione di proteine modulatrici
di trascrizione DNA virale ( VP16 e IE). (Virology. 2008 Apr 10;373(2):239-47. Curcumin inhibits herpes simplex virus immediate-early
gene expression by a mechanism independent of p300/CBP histone acetyltransferase activity.Kutluay SB, Doroghazi J, Roemer ME, Triezenberg
SJ.)

Azione antiossidante
Attraverso linibizione della perossidazione lipidica, promossa dai radicali liberi, i lipidi vengono ossidati, privati di
elettroni reintegrano la perdita catturandoli ad altre molecole, fino ad arrivare alle proteine del nucleo cellulare e al
DNA, causando invecchiamento precoce delle cellule e patologie quali morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer,sclerosi multipla, diabete, artrite reumatoide, enfisema, cataratta, ecc (Mem Inst Oswaldo Cruz. 2001 Jul;96(5):723-8.Biological
activities of Curcuma longa L.Arajo CC, Leon LL.Laboratrio de Biologia de Tripanosomatdeos, RJ, Brasil)

Azione antiaggregante piastrinica


Legata allinibizione della biosintesi del trombossano A2 (Biochem Pharmacol. 1999 Oct 1;58(7):1167-72.Inhibitory effect of curcumin, a food spice from turmeric, on platelet-activating factor- and arachidonic acid-mediated platelet aggregation through inhibition of thromboxane formation and Ca2+ signaling.Shah BH, Nawaz Z, Pertani SA, Roomi A, Mahmood H, Saeed SA, Gilani AH Department of Physiology and
Pharmacology, The Aga Khan University, Karachi, Pakistan).

Azione anti amiloide


Valutata in vitro, in studi indipendenti, la curcumina interviene, inibendo sia le -fibrille sia il nucleo centrale AP(
amyloid P component), glicoproteina globulare, che inibisce lespressione indotta da A-beta della proteina Egr-1 nei
monociti (ruolo importante nella produzione di citochemochine indotte dal peptide amiloide). Curr Alzheimer Res. 2012
May;9(4):500-6.Optimized turmeric extract reduces -Amyloid and phosphorylated Tau protein burden in Alzheimer's transgenic mice.Shytle RD,
Tan J, Bickford PC, Rezai-Zadeh K, Hou L, Zeng J, Sanberg PR, Sanberg CD, Alberte RS, Fink RC, Roschek B Jr.Center for Excellence in Aging
and Brain Repair, Dept. of Neurosurgery, University of South Florida College of Medicine, Tampa, FL 33612, USA).

Prevenzione del diabete tipo 2 e miglioramento del funzionamento delle cellule beta, nei soggetti diabetici,
attraverso azione ricostruttiva del potenziale transmembrana, con miglioramento della permeabilit cellulare, limitazione del rilascio di fattori pro-infiammatori, come la proteina chemiotattica dei monociti-1.
Riduzione del colesterolo
migliorando la conversione del colesterolo in acidi biliari attraverso l'attivazione di colesterolo epatico-7-idrossilasi.
(Nutr Res Pract. 2010 Jun;4(3):191-5. doi: 10.4162/nrp.2010.4.3.191. Epub 2010 Jun 28. Hypocholesterolemic effects of curcumin via up-regulation of cholesterol 7a-hydroxylase in rats fed a high fat diet. Kim M, Kim Y.Department of Nutritional Science and Food Management, Ewha
Womans University, 11-1 Daehyn-dong, Seodaemun-gu, Seoul 120-750, Korea.)

Indicazioni
1 Infiammazioni: specie morbo di Crohn, artrite, psoriasi
2 Morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson
3 Ipercolesterolemia
4 Prevenzione diabete e sue complicanze
5 Coadiuvante nella terapia anti HIV
6 Infezioni da Herpes virus
7 Sindrome metabolica.
Avvertenze
Dosaggi elevati potrebbero dare epigastralgie.

CAMELIA SINENSIS

Famiglia: Theaceae, Origine: Sud-Est asiatico. Parte usata: foglie.


In Italia la coltivazione della pianta del the verde inizi verso la fine del 1800 presso l'Orto botanico di Pavia grazie
a Giovanni Briosi, professore di botanica e direttore dell'orto.
Composizione chimica
Basi xantiniche (caffeina, teofillina, teobromina) proteine, glucosidi solubili, vitamine (B1, B2,C), olio essenziale,
polifenoli (epicatechina, epigallocatechina, epicatechina gallato, epigallocatechina 3 gallato).
Propriet farmacologiche
Azione antiossidante (secondo studi sperimentali, grazie ai polifenoli), riduce cos lo stress ossidativo, bloccando
le specie reattive dellossigeno (ROS). I polifenoli inibiscono la xantina ossidasi, enzima che libera acido urico e
ROS, durante catabolismo delle purine. Protezione delle LDL dallossidazione, riduzione dei livelli di colesterolo
ematico e di biosintesi epatica.
Inibizione della sintesi di colesterolo, a partire dal blocco dello squalene epossidasi (SE), enzima che converte lo
squalene in (3S) 2,3-ossido-squalene precursore del colesterolo.
Inibizione dellenzima 5-alfa-reduttasi, che interviene nelle anomalie androgeno dipendenti, esempio: iperplasia
prostatica benigna, dermatite seborroica.
Incremento del metabolismo basale, per aumento della concentrazione di adrenalina ematica, stimolazione della
lipolisi, catabolismo dei lipidi. I polifenoli attaccano gli adipociti, provocando una significativa riduzione di peso,
insieme all'inibizione della lipasi pancreatica (l'enzima pancreatico che digerisce i grassi) e al conseguente rallentamento dellassorbimento dei lipidi per via linfatica dopo il pasto, rende conto dell'effetto ipotrigliceridemizzante. In
particolare epigallocatechingallato, in sede epatica, agirebbe sullespressione dei geni coinvolti nella sintesi e
ossidazione degli acidi grassi, in particolare sopprimendo i geni che mediano la differenziazione degli adipociti e la
captazione degli acidi grassi nel tessuto adiposo. Un ulteriore studio svolto su modelli murini ha confermato come
lepigallocatechingallato sia stato in grado di ridurre significativamente i livelli di mRNA di alcuni geni adipogenetici
contestualmente allaumento dei livelli di mRNA di altri geni tra cui quelli lipolitici (Lee MS, Kim CT, Kim Y.Green tea (-)-epigallocatechin-3-gallate reduces body weight with regulation of multiple genes expression in adipose tissue of diet-induced obese mice.Ann NutrMetab. 2009;54(2):151-7). Inoltre la Camelia sinesis, durante lesercizio fisico moderato, migliora la sensibilit all'insulina e

la tolleranza al glucosio, nel giovane adulto sano.

Prevenzione tumorale ed inibizione angiogenesi. Secondo modelli sperimentali, i polifenoli bloccherebbero la


sintesi di: nitrosammine, sostanze cancerogene e la neoangiogenesi, che nutre le cellule tumorali. LEpigallocatechina-3-gallato inibisce lazione del fattore di crescita Vascular Endothelial Growth factor (VEGF) e blocca il fattore
trascrizionale NFkB, fattore di sopravvivenza delle cellule tumorali, provocando lapoptosi.