Sei sulla pagina 1di 11

ANNO 2015 No 122

..Il
...

COMUNE DI TARANTO
DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE

OGGETTO: Realizzazione di una rete di Fablab. Atto di indirizzo.

L'anno duemila QUINDICI il giorno VENTITRE mese di LUGLIO


in TARANTO e nel Palazzo di Citt, convocata nelle forme prescritte, si riunita
la Giunta Comunale nelle persone dei Signori:

Presenze
STEFNO
BAIO
COSA
DI GREGORIO
LO NOCE
SCASCIAMACCHIA
SEMERARO
VOZZA

Ippazio
Vincenzo
Francesco
Vincenzo
Lucio
Gionatan
Simona
Vincenza

Sindaco
Assessore
Assessore
Assessore
Assessore

Assenze

p
p
p

=
=

A
A

~:::::::: 1~---p--1------1
D

Assessore

'------'------'

Partecipa alla seduta il Segretario Generale Dott .Eugenio De Carlo


Il Presidente Sindaco Dott. lppazio Stefno constatata che l'udienza valida
per il numero degli intervenuti, invita i componenti alla trattazione della pratica in oggetto.
Il Dott. Stefano Lanza Dirigente della Direzione Tributi-Controllo Partecipate-Sistemi lnformatici
ha proposto in data 25.6.2015 l'adozione del seguente atto deliberativo.

Direzione Tributi -Controllo Partecipate - Sistemi Jnformatici

Relaiiona il Dott. Stefano Lanza, nella qualit di Dirigente , sulla base dell'istruttoria effettuata dai
competenti uffici e servizi comunali a1
disposto degli artt. 49 e i 4 bis
T.U.E.L. d.lgs. n. 267/00 e s.m.i..

*****
RELAZIONE

Premesso:
Che questa Amministrazione Comunale intende perseguire le seguenti principali finalit:
a. contribuire a diffondere conosce11'7a sulle pote:nzialit e sulle modalit di utilizzo delle
tecnologie di manifattura digitale;
b. creare luoghi, ove, anche attraverso la condivisione di conoscenze e la contaminazione di
talenti e competenze, sia possibile definire e sperimentare progetti, prodottie processi
innovativi ed eco-sostenibili;
c. utilizzarele leve culturali e dell'innovazione per perseguire la coesione sociale, lo
sviluppo economico e il benessere individuale e collettivo;
d. rafforzare lo sviluppo delle industrie culturali e creative nonch alimentare la cultura
"del fare" e dello sperimentare;
e. realizzare opere e infrastrutture di pubblica utilit, destinate a permanere sul territorio a
servizio della collettivit;
f. favorire lo sviluppo di spazi in cui dare ai cittadini, giovani e meno giovani,!' opportunit
di far leva sul proprio talento e creativit per costruire nuove opportunit di sviluppo per
se stessi e per il proprio territorio
che negli ultimi anni, a partire dall'innovativa esperienza condotta presso il Center jr Bits and
Atoms del Massachusetts lnstitute of Technology (USA), si affermato il concetto di
FabricationLaboratory (FabLab) inteso come luogo di incontro e di relazione nel quale,
operando sulla base dei principi di condivisione di idee, progetti e know-how e promuovendo la
cultura "del fare" e dello sperimentare, possibile utilizzare tecnologie e strumenti per
realizzare progetti che comportano la trasformazione di dati in oggetti reali e viceversa,

che questa A.Tu"iiinistrazione Contunale intende favorire ia costituzione e i' attivazione di una
rete di FabLab a beneficio di cittadini e imprese, liberamente accessibili a chiunque intenda
avvicinarsi al mondo della fabbricazione digitale.
Considerato:
che l'obiettivo dell'Amministrazione di far leva sulle capacit e i talenti dei cittadini e delle
imprese per promuovere lo sviluppo del territorio secondo i principi della sostenibilit;
che i FabLabsono luoghi a partire dai quali, combinando elementi di tradizione e innovazione e
facendo leva sulla creativit e la condivisione, possibile contribuire a avviare un processo di
riconversione industriale;
~he il bando per il titolo di Capitale delle cultura italiana 2016 e 2017 (DM del 12 dicembre
2014) volto a sostenere, incoraggiare e valorizzare la autonoma capacit progettuale e
attuativa delle citt italiane nel campo della cultura, affinch venga recepito il valore della leva
culturale per la coesione sociale, l'integrazione senza conflitti, la conservazione delle identit, la
creativit, l'innovazione, la crescita e infine lo sviluppo economico e il benessere individuale e
collettivo;

Direzione Tributi- Controllo Partecipate- Sistemi Infonnatici

che tra i criteri previsti nel bando per la procedura di selezione della citt capitale della cultura
italiana (DM del4 febbraio 2015) vi sono in particolare i seguenti (art.4):
t) innovativit e capacit delle soluzioni proposte di fare uso delle nuove tecnologie, anche
informatiche;
i) capacit del progetto di promuovere e rafforzare lo sviluppo delle Industrie culturali e
creative;
j) realizzazione di opere e infrastrutture di pubblica utilit, destinate a permanere sul
territorio aservizio della collettivit.
che nel dettaglio le caratteristiche dei cosiddetti i FabLabincludono le seguenti:
a. spazi dotati di strumenti e infrastrutture (es. stampanti 3D, schede hardware Arduino, banchi
di lavoro, macchine a taglio laser) in grado di permettere la fabbricazione digitale
eventualmente coniugandola con quella tradizionale;
b. spaziove,oltre a apprendere le tecniche di produzione digitale, possibile imparare a
sperimentare anche attraverso la condivisione di idee, conoscenze e esperienze e la
contaminazione di talenti e competenze;
c. spazi ove chiunque possausufruire di una postazione lavorativa;
d. spazi ove realizzare eventi di diffusione e approfondimento di argomenti legati ai temi
dell'innovazione e della sostenibilit.

Riconosciuto che l'iniziativa tesa a soddisfare esigenze della collettivit rientranti nelle finalit
istituzionali perseguite dal Comune;
Rilevato che l'iniziativa rivolta alla cittadinanza in quanto tesa a creare un centro attrezzato,
aperto a cittadini, imprese ed enti pubblici per la fabbricazione digitale e ~ tempo stesso un luogo di
incontro e condivisione per la promozione della cultura digitale e, pi in generale, della cultura
dell'innovazione;
Ritenuto, per quanto sopra, di concedere il patrocinio all'iniziativa e mettere a disposizione della
stessa, per le finalit succitate, locali comunali e a creare, ove possibile, un raccordo tra le iniziative
culturali del Comune e i laboratori digitali in parola,
Ritenuto opportuno, per realizzare le finalit in premessa, avviare,a cura della Direzione TributiControllo Partecipate- Sistemi Informatici, un percorso progettuale (cd. NexTaranto) da
realizzareprincipalmente attraverso incontri e tavoli tecnici con il quale l'Amministrazione:
verifica la disponibilit di coinvolgimento di eventuali portatori di interesse,
- verifica la disnonihilit di soluzioni !lestionali e/o or!lanizzative notenzialmente in !!rado di
soddisfare l'attivazione della rete di c.d. FabLab,
valorizza la partecipazione di tutti i soggetti coinvolti e al tempo stesso si riserva il diritto di
recepire le soluzioni pi rispondenti alle esigenze proprie e della citt,
. -------

--

___ JI: __________

--

-----~----

...,----- -----

.....

...

.....

Chiarito che la presente delibera non comporta impegno di spesa da parte dell'Amministrazione
Comunale;
Ritenuto opportuno, ai sensi dell'art. l 07 del Decreto Legislativo n. 267/2000, manifestare il
seguente indirizzo politico-anuninistrativo nei confronti del Responsabile della Direzione TributiControllo Partecipate- Sistemi Informatici: procedere all'attivazione del percorso progettuale
"NexTaranto "per la realizzazione di una Rete di FabLab.
Tanto premesso, propone l 'adozione del sottonotato schema di deliberazione".
Taranto, li 25/06/2015
Il Dirigente della Direzione
Stefano Lanza

b--t - ")>,.

....

'
Direzione Tributi- Controllo Partecipate- Sistemi lnfonnatici

*****
LA GIUNTA COMUNALE
Lette la relazione e a proposta che precedono;
Visti i seguenti pareriespressi ai sensi dell'art. 49 e dell'art. 147 bis del D. Lgs. n 267/2000 e
s.m.i.,):
parere di regolarit tecnica : Favorevole
Dirigente della Direzione Tributi- Controllo Partecipate- Sistemi Informaticidott. Stefano Lanza
data25/06/2015 firma Dott.Stefano Lanza
Visto lo statuto comunale;
Visto il d.lgs. n. 267/2000 e s.m.i.;
Dato atto eia propria competenza ai sensi dell'art. 48 T.U.E.L. d.lgs. n. 267/00;
Ritenuto di accogliere la presente proposta deliberativa per quanto sopra premesso e considerato,
quale motivazione del presente atto;
Con l'assistenza e la collaborazione del Segretario Generale ai sensi dell'art. 97 TUEL,
neli' esercizio delle relative funzioni;
con la seguente votazione in forma palese : unanimi resi ed accertati a norma di legge;
DELIBERA
l. diconsiderare quanto in premessa esposto parte integrante sostanziale del presente atto e
motivazione dello stesso a norma della legge n. 241/90 e s.m.i.;
2. di dare atto che competente al Dirigente della Direzione Tributi- Controllo Partecipate- Sistemi
Informatici l'assunzione degli atti consequenziali di gestione .ai sensi del!' art. l 07 d.lgs. n.

267/00 e s.m.i.
3. di pubblicare il presente atto a norma delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in
materia di pubblicazione e di trasparenza degli atti pubblici, dando atto che ai fini della
pubblicit legale, l 'atto destinato alla pubblicazione redatto in modo da evitare la diffusione
di dati personali identificativi non necessari ovvero il riferimento a dati sensibili (qualora tali
dati fossero indispensabili per l'adozione dell'atto, sar contenuto in documenti separati);

Successivamente, con la seguente e separata votazione in forma palese: unanimi resi ed accertati
a norma di legge;
DELIBERA

di dichiarare l'in1.L-nediata eseg-uibilit della presente eiiberazione, ai sensi delPart. 134, comma 4,
del D. Lgs. n. 267/2000, stante l'urgenza di provvedere in merito per quanto in premessa esposto e
considerato.

La presente deliberazione viene pubblicata mediante affissione allAlbo Pretorio on line dal
giorno 27/07/2015 al giorno 11/08/2015, ai sensi e per gli effetti dellart. 32 della Legge n.
69 del 18/06/2009, ed esecutiva dal giorno 7/08/2015.

COMUNE DI TARANTO
Direzione Tributi - Controllo Partecipate - Sistemi informatici

Prot. 100718 del 23/06/2015


Al Sig. Sindaco
Dott. lppazio Stefno
---------- SEDE ---------

Oggetto: Proposta di Progetto "NEXTARANTO".

Egregio Sig. Sindaco,


a seguito di incontri effettuati con 11ng. Alessandro Spinelli, la Direzione Sistemi Informatid ha potuto valutare
una idea progettuale molto Interessante nel campo della innovazione tecnologica.
Il progetto presentato rivolto a tutto coloro che hanno idee innovative nel settore tecnologico ma che non
hanno la possibilit di svilupparle.
L1dea proposta dell1ng. Alessandro Spinelll di mettere a disposizione di questi soggetti vari laboratori con
attrezzature. tecniche al fine di sviluppare l singoli progetti che un giorno potrebbero diventare dei brevetti per
iniziative imprenditoriali.
La Direzione Sistemi Informatid vuole proporre all'Amministrazione questa Iniziativa in quanto crede che possa
essere da volano per questa dtt nel settore tecnologico che vede molti giovani molto preparati ma senza
possibilit.

Per dare il via al progetto c' l'esigenza di trovare dei locali Idonei al fine di costituire un nucleo di soggetti che
coordineranno 11niziativa, pertanto VI chiediamo di indicare! dei locali idonei di propriet comunale da mettere a
disposizione per il progetto che inizialmente si Intende denominare "NEXTARANTO".
Sar cura della nostra Direzione coordinare il tutto e aggiornarvi sugli sviluppi.
Sicuri di una Vs attenzione salutiamo cordialmente.

Dott. Stefano Lanza


Dirigente Tributi - Controllo Partecipate - Sistemi lnforrnatici

~\~o ~L-V

Via Anfiteatro 72- 74123 TARANTO


Direzione Tributi 099/4581592- Centralino 099/4581..1.1.1

tributi.comunetaranto@pec.rupar.puglia.it- segreteria.tributi@comune.taranto.it
Codice fiscale 80008750731 - Codice fatturazione elettronica 6ZR3FB

Il contesto
Taranto ha la pi grande acciaieria d'Europa innestata dentro la citt. Tra il camino E312 dello
stabiiimento iLVA e la Cattedrale di San Cataldo nel Centro Storico ci sono meno di 4 km e in

mezzo quasi solo abitazioni. L'acciaieria ha metaforicamente ingoiato la citt che ora vive al suo
interno e si nutre dei suoi succhi gastrici. Se muore la grande industria, muore Taranto.
La crisi economica e la crisi della grande industria determinano dati di disoccupazione, soprattutto
giovanile, che ci riportano indietro nel tempo e del nostro futuro ci offrono un quadro fosco. Al
contempo anche a Taranto ci sono giovani con preparazione universitaria, competenze, che
conoscono ie tecnologie e ie lingue ma che in questo sistema economico e in questo territorio non
trovano spazio e spesso sono costretti ad abbandonare la citt.
Un nuovo modello economico si sta delineandoe vedele fabbriche ridursi di dimensione e
diffondersi nella citt. La citt diventer l'opificio del futuro con forme nuove di produzione e
occupazione.
E' in questo scenario che l'amministrazione comunale di Taranto propone una visione innovativa e
interviene per definire deglispazi in cui dare alla citt e soprattutto ai giovani l'opportunit di
costruirsi nuove prospettive presenti e future. Il Comune di Taranto vuole favorire lo sviluppo di
unpensiero nuovo che sostenga la creativit e l'essere propositivi per aiutare ad uscire dalla logica
della subordinazione e iniziare a promuovere espressioni di imprenditorialit, valorizzare le
eccellenze, le capacit individuali, le competenze, che sono meglio di qualsiasi forma di tutela
contrattuale.
Siamo di fronte ad un'epoca sempre pi globale e digitale. Per affrontare questa sfida, anche
illavoro ha bisogno di rinnovarsi seguendo i criteri dell'innovazione tecnologica: la fabbrica del
futuro dovr essere intelligente, efficiente e connessa.Le stampanti 3d sono una realt ormai da
tempo diffusa in diverse citt: delle piccole fabbriche dove la tecnologia permette di produrre in
spazi estremamente ridotti. l laboratori dedicati all"'artigianato digitale" sono oramai davvero
tanti e con diverse tipologie: fablab, coworking, centri di ricerca, acceleratori, incubatori etc .. Sono
spazi innovativi dove si esprime energia, voglia di fare, ottimismo, fiducia.

l'idea e il suo percorso


L'idea quella di creare uno spazio fisico e contemporaneamente uno spazio virtuale in cui far
convergere le tante lampadine accese e farle diventare un inarrestabiie fascio di luce capace di
illuminare la citt.

Lo spazio virtuale affianca lo spazio fisico. Utilizzando i canali web e social possibile connettersi.
L'intelligenza connettiva (e collettiva) la caratteristica di una comunit di evolvere verso una
capacit superiore di risolvere problemi, la moltiplicazione delle intelligenze. La partecipazione
dei cittadini fondamentale per migliorare le trasformazioni urbane della citt, la qualit della vita
degli abitanti, produrre inciusione sociale e favorire l'economia. Le scelte realizzate in maniera
condivisa garantiscono l'efficacia degli interventi realizzati e un'elevata qualit delle opere, oltre a
salvaguardare l'unicit, l'identit e le caratteristiche dei luoghi.
L'Amministrazione comunale crea una piattaforma web collegata ai canali social e lancia un'idea:
realizziamo dei laboratori dedicati all'artigianato digitale, deglispazi in cui dare ai giovani supporto
e opportunit di lavoro.
Il Comune di Taranto quindi propone degli spazi del suo patrimonio immobiliare, attualmente
inutilizzati e,attraverso un bando, li mette a disposizione della comunit. L'obiettivo quello di
realizzare uno spazio complesso che di base ha queste caratteristiche:
uno spazio di coworking dove chiunque ne abbia bisogno pu usufruire di una postazione di
lavoro in funzione delle proprie esigenze e con costi abbordabili;
uno spazio dotato di strumenti e infrastrutture (stampanti 30, schede Arduino, banchi di
lavoro, macchine a taglio laser etc.) in grado di permettere la prototipazione e la fabbricazione
digitale;
uno spazio dove realizzare in maniera sistematica e continuata formazione digitale
(coderdojo) per insegnare ai giovani gli elementi del coding ovvero della programmazione in
modo tale da diffondere quelle abilit che sono la base delle professioni del futuro;
uno spazio dove realizzare eventi di promozione e/o di studio su argomenti legati
all'innovazione (hackathon).
canali web e social istituitidaii'Amministrazione, allo sviluppo dell'idea di base. Pu contribuire ad
esempio con le proprie idee proponendo nuove funzioni da aggiungere o pu contribuire con le
proprie competenze a definire anche architettonicamente il nuovo spazio da realizzare grazie a un
processo di progettazione e realizzazione partecipata. Si attiva cio un processo di crowdsourcing.
E' infine possibile contribuire finanziariamente alla realizzazione dell'operacon una campagna di
crowdfunding che viene attivata sempre sui suddetti canalitelematici.

Fattibilit economica
E' da premettere che uno spazio di coworkingha una sostenibilit finanziaria intrinseca poichil

suo funzionamento si basa essenzialniente sull'affitto delle postazloni e degli strumenti cos che i
costi di gestione possono essere coperti. Detto ci necessario trovare forme di finanziamento per
l'avvio dell'attivit.
Per l'attivazione dell'iniziativa, oltre a quanto precedentemente detto riguardo al crowdsourcing,
possibile poter indagare sulla possibilit di finanziamenti derivanti dalla programmazione europea
2014-2020 ma soprattutto auspicabile poter contare sulla partnership di soggetti privati in grado

di sponsorizzare, patrocinare e sostenere economicamente i'niziativa.Sul teiiltoiiO si possono


individuare soggetti (daii'Aienia di Grottaglie al Politecnico di Bari sede di Taranto) che potrebbero
anche investire su Ila Ricerca&Sviluppononch sulla promozioneda realizzare in questi spazi
innovativi.
Quindi si pu procedere in questo modo. l'amministrazione lancia questa iniziativa sul web e
indica gli spazi che vuole destinare a questa finalit (da realizzare in circa 30giorni con 2 eventi
promozionali: 1 presentazione e 1 hackaton). Un processo di partecipazione della cittadinanza e di
aggregazione degli stakeholders contribuisce ad arricchire di contenuti e di contributi l'iniziativa
(da realizzare in 60 giorni e con 3 eventi promozionali). In alternativa alla gestione diretta di
questo spazio da parte dell'Amministrazione Comunale si pu redigere un bando per mettere a
disposizione gli spazi e scegliere un soggetto che gestir questi spazi secondo precise modalit e
finalit stabilite dall'amministrazione comunale.
Il soggetto gestore eventualmente selezionato in base al Bando avr quindi l'onere di:
- ristrutturare l'immobile e dotarlo delle attrezzature necessarie alla sua funzione;
- rendere fruibile al pubblico gli spazi affittando postazioni e strumentazioni a prezzi calmierati e
imposti;
-animare lo spazio con un certo numero iniziative pubbliche e gratuite a cadenza imposta {15 gg)
e sempre patrocinate dall'Amministrazione Comunale, volte alla divulgazione e allo sviluppo
delle tematiche e della cultura legata all'innovazione digitale.

Glossario

APP:strumento informatico, molto diffuso recentemente, che si installa e si utilizza generalmente su!
propriocellularesmartphone per avere un servizio o uno strumento ritenuto utile dall'utente.
ARDUINO: una scheda elettronica con cui si possono realizzare in maniera economica, rapida e semplice
dispositivi di diverso genere.
CODERDOJO:sono club gratuiti il cui obiettivo l'insegnamento della programmazione informatica e delle
nuove tecnologie ai pi piccoli con incontri aperti, liberi e gratuiti realizzati grazie all'impegno di volontari.
CODING: il linguaggio per la stesura di un programma di istruzioni per calcolatore. Permette di realizzare
opere e applicazioni digitali.
COWORKING: la condivisione di un ambiente di lavoro per poter svolgere in maniera autonoma ed
economica la propria attivit oltre che creare sinergia e contaminazione tra diverse professionalit.
CROWDSOURCING:un processo collaborativo nel quale un soggetto affida la progettazione, la
realizzazione o lo sviluppo di un progetto, oggetto o idea ad un insieme indefinito di persone.
CROWDFUNDING: un modello di businessdi un gruppo di persone che utilizza il proprio denaro in comune
per sostenere gli sforzi di persone e organizzazioni con micro-finanziamento dal basso.
DRONE: un piccolo velivolo controllato in remoto da un navigato re o pilota a terra, utilizzato per gli scopi
pi vari, in prticolare per il controllo e monito raggio del territorio e per piccoli trasporti.
FABLAB: una piccolaofficina aperta al pubblico che offre vari servizi e strumenti innovativi quali
stampanti3D, macchine a taglio laser, schede elettroniche etc. utili per la fabbricazione digitale.
HACKATON: un evento al quale partecipano esperti di diversi settori, variabile da uno a pi giorni in cui ci
si propone la realizzazione di un software o anche obiettivi didattici e sociali.
HUB: rappresenta unconcentratore, owero undispositivo di una reteche funge da nodo di convergenza e
smistamentodati.
MAKERS: sono gli "artigiani digitali" e rappresentano un'estensione su base tecnologica del tradizionale
concetto di artigiano che lavora solo con i materiali.
STAMPANTE3D: permette di avere una riproduzione reale di qualsiasi tridimensionale oggetto (dalle case
aiie protesi umanejmediante l'apporto di strati di materiali successivi.