Sei sulla pagina 1di 3

La Cronaca

L UNEDI 22 FEBBRAIO 2010 22

Lo Sport
24ª GIORNATA CREMONESE-LUMEZZANE 1-1

La Cremo perde i pezzi ma non crolla


Varricchio, Rossi, Zanchetta e Cremonesi tutti fuori per infortunio
Il solito Guidetti acciuffa un pareggio insperato al 4’ di recupero
S
i ricomincia da un 1-1. Potrà dover essere il lancio a lunga gittata
sembrerà poca cosa, ciarpame di Zanchetta. Il centrocampista, che
da mercatino dell’usato. Invece all’11’ ha scodellato sulla testa di Var-
vale molto. Alla fine della fiera sono ricchio il pallone del potenziale pa-
quelli del Lumezzane ad infilarsi in reggio (salvataggio di Gazzoli sulla li-
bocca la zolletta al rabarbaro che nea), in almeno tre occasioni ha ver-
funziona meglio del Maalox. La Cre- ticalizzato per le punte, soffocate dal
mo, che a lungo ha pensato di tran- ritorno dei difensori mentre si ap-
gugiare una tazza di cicuta per porre prestavano alla battuta a rete (Gui-
termine alle sofferenze, il pareggio detti fermato da Romeo, Varricchio
strappato al malocchio solo all’ultimo contrastato da Emerson e Musetti,
assalto lo festeggia a pieno titolo. Il più tardi, chiuso ancora da Romeo).
talismano anti-jella sfoderato quando Episodi rinfrancanti, cancellati nel
ormai il più sembrava perduto è il giro di otto minuti da uno tsunami di
solito di sempre: il sinistro a doppia sfortuna che ha sgonfiato il morale
lama di Guidetti. La Cremonese è della Cremonese. Il primo a fermarsi
riuscita a strofinarlo come la lampada è stato Varricchio, costretto a lasciare
di Aladino, spezzando il sortilegio di il campo dopo una distorsione alla
una domenica dai contorni maledetti caviglia sinistra. In rapida successio-
quando il cronometro segnava il 93’. ne hanno chiesto il cambio anche
Sotto di un gol, falcidiata dagli infor- Rossi (problemi al ginocchio destro)
tuni, con un uomo in meno in campo e Zanchetta (stiramento alla coscia).
dal 75’, quando anche Cremonesi ha La mezza rivoluzione imposta dagli
dovuto ammainare bandiera dopo eventi – in campo sono finiti a fred-
che il destino aveva già tolto di mez- do Musetti, Gori e Tacchinardi – è
zo Varricchio, Rossi e Zanchetta, i stata interiorizzata a fatica e la Cre-
grigiorossi si sono ribellati ad un co- mo ha subito i veloci ribaltamenti di

Bresciani in vantaggio Senza più sostituzioni


al 7’ del primo tempo finale in dieci uomini
poi l’impressionante Evitata la sconfitta
serie di cambi forzati ma l’Arezzo s’avvicina

pione belle che scritto riagganciando fronte orchestrati da Pintori (strepi-


il Lume sui titoli di coda. Da questa toso Paoloni nello sbarrargli la stra-
partita giocata contro i mulini a ven- da) e Daud, che in Galabinov ha tro-
to non si poteva spremere di più. La vato quel centravanti boa capace di
Cremo ha sofferto le pene dell’infer- assecondare i suoi movimenti rapidi.
no contro un’avversaria che ha nelle I grigiorossi si sono riaffacciati nei se-
sue corde tutto ciò che è utile a met- dici metri bresciani in chiusura di
terci in difficoltà. Velocità, freschez- tempo, quando Gazzoli per la secon-
za, idee e talento. Soprattutto in at- da volta ha ammanettato il pallone
tacco. A rendere il Lumezzane anco- La sconfitta sembrava inevitabile, ma al 94’ il diagonale mancino di Guidetti regala alla Cremo un insperato pareggio (foto Rastelli) sulla linea di gesso, strozzando in go-
ra più esoterico ci pensa poi quel kar- la l’urlo di Bianchi che in modo naif
ma positivo sprigionato con conti- è riuscito a colpire fra un nugolo di
nuità dallo scorso novembre, che fai gambe. La pressione della Cremone-
dei bresciani la squadra più in forma DOPPIO PASSO se si è fatta più insistente ed organica
del momento. A ben guardare anche ad inizio ripresa. Ad alimentarla, fi-
la nostra striscia positiva si sta allun- nalmente, Nizzetto, in ombra nella
gando come una lingua di caucciù.
Ma la rete di affanni che accompagna
il cammino grigiorosso fa a pugni
Sembrava finita. Non chiamatela fortuna prima par te di gara. Guidetti ha
mancato il pari girando a lato, di te-
sta, proprio un cross dell’esterno. E
con ogni certificato di buona salute. Sembrava Padova. Sem- Zanchetta. Cerotti intor- sul successivo tentativo ha visto i
Gli ospiti la partita l’hanno presa per brava quella maledetta no alla ferita aperta da guantoni di Gazzoli chiudersi a tena-
le corna, pressando forte e punendo domenica all’Euganeo in Bradaschia e tenuta viva glia sul cuoio. L’assenza di un uomo
ogni nostra umana incertezza. In ot- cui Giorgio Bianchi ri- dalla tenacia di un Lu- d’ordine nel cuore del centrocampo
to minuti hanno confezionato due ri- schiò l’osso del collo, mezzane giovane e smali- ha finito con il favorire il Lumezza-
partenze brucianti: la prima, inne- Gentilini chiamò il cam- ziato. ne, abile a chiudersi a riccio non ri-
scata da Pintori, si è persa a sedici bio, entrò Bloudek e pre- Chissà cos’avrà pensato nunciando a contrattaccare. Pintori,
metri da Paoloni; la seconda è defla- sto uscì su una caviglia Venturato? Lui che maga- più che Galabinov frenato da Galup-
grata in fondo al sacco, provocando sola un attimo prima di ri aveva escogitato tutto po, ha sfiorato il raddoppio con un
lo smottamento nel punteggio. Il gol perdere Cremonesi per un piano di telefono senza magistrale destro leggermente trop-
del vantaggio porta la firma di Bra- oltre un anno per la rot- fili per aggirare la distanza po liftato. Alla mezz’ora la Cremone-
daschia, rapido ad anticipare Fietta, tura del crociato (già e che invece doveva arren- se ha perso anche Cremonesi, anda-
pescato in uno dei pochi errori della scricchiolante). dersi a lasciare la sua par- to a sbattere con la testa contro Gaz-
sua partita. L’esterno ha cavalcato Quella maledetta dome- te al destino malevolo. E zoli nel tentativo di contendergli un
palla al piede nella prateria cremone- nica si completò con un poi Michele. Poteva forse pallone volante. L’urto l’ha costretto
se e dopo uno scambio con Daud si è inevitabile 0-3 che suggel- il nostro giovane capitano a terminare la sua domenica in ospe-
presentato all’appuntamento con la lava la superiorità tecnica mancare al banchetto del- dale, dove l’hanno tenuto in osserva-
prima rete della stagione. Anche Cre- ed astrale dei biancoscu- la iattura. Lui che in po- zione. Quando la sconfitta sembrava
monesi, nell’azione sviolinata in ve- dati. Loro all’epoca erano chi anni di carriera ha ineludibile, ecco arrivare la zampata
locità dagli ospiti, è caduto vittima di poco meno di quelli che marcato più chirurghi che di Guidetti, a tempo scaduto. Lancio
un’incertezza. Costretti ancora una in capo a due stagioni centravanti. A Padova il di Paoloni, Musetti prolunga in area
volta a rincorrere dopo pochi minuti, avrebbero coronato la ginocchio, ieri il sopracci- dove l’attaccante sferra il diagonale
i grigiorossi hanno avuto il merito di lunga rincorsa alla cadetteria. Noi, però, molto meno glio. Comunque pronto soccorso. Maledetta domeni- sinistro che rimette in quota la Cre-
riorganizzarsi con una certa sicurez- di quelli che siamo ora. Una squadra, comunque. ca. Anche il Novara che per poco non perde sembrava monese. Per la cronaca, anche il Lu-
za. Ha funzionato con continuità il Complicata se vuoi, qualche volta irritante, spesso un tiro mancino. Una beffa in più. Con Guidetti che - mezzane ha chiuso in dieci con Za-
lato mancino, dove è andato spesso a emozionante. Bella di nascita ma, a questo punto del- tu quoque! - si accovaccia sulla caviglia. Un massaggi- nardini che ha anticipato i compagni
cercar palloni Guidetti mentre Rossi l’impervio cammino, svezzata a colpi di frusta di una no. Ci manca pure... E invece Max tiene e gira la ruo- sotto la doccia dopo aver beccato il
e Pradolin coprendosi le spalle a vi- categoria che lascia i segni sulle tibie. ta. Al 94’ d’accordo, ma non chiamatela fortuna. Per- secondo giallo (95’). Il Novara resta
cenda lavoravano parecchi palloni. Il Cicatrici. Il ginocchio fasciato di Viali sotto i jeans, la ché quella era Padova e questa è un’altra Cremo. Ma ad anni luce di distanza. Ma ieri,
miglior antidoto per uscire indenni caviglia gonfia di Varricchio, le lacrime di paura del lunedì si va a Perugia e ci sarà da fare la conta. conci così, di più non si poteva fare.
dal pressing degli ospiti è sembrato “recidivo” ginocchio di Rossi, la stizza all’aduttore di f.g. Paolo Loda
L UNEDI 22 FEBBRAIO 2010 La Cronaca dello Sport
23
PRIMA DIVISIONE / CREMONESE

LA CRONACA IL MISTER AVVERSARIO

Rabbia Menichini:
Alla prima e all’ultima occasione “Dovevamo chiudere
prima il match”
Gli ospiti micidiali in contropiede. Max risponde in diagonale Se prima di partire per Cre-
mona, con cinque giocatori
infortunati e uno squalifica-
to, gli avessero pronostica-
PRIMO TEMPO SECONDO TEMPO to un pareggio sul campo
della seconda in classifica,
8’ Ottima triangolazione al li- 10’ Sul cross dalla sinistra di Menichini avrebbe accetta-
mite dell'area tra Daud e Brada- Nizzetto, Guidetti anticipa il di- to senza commenti. Dopo
schia con quest'ultimo che libera- retto avversario con una bellissi- aver però gestito il vantag-
to davanti a Paoloni insacca con ma girata di testa che esce di un gio per più di 80’, il gol di
un tocco morbido: 0-1 soffio scheggiando il secondo pa- Guidetti lo ha fatto andare
11’ Sulla punizione battuta lo su tutte le
dal vertice destro da Zanchetta, 16’ Galabinov scambia con furie: “Abbia-
Varricchio svetta a centro area Bradaschia e da dentro l'area cal- mo commes-
con un colpo di testa potente, ma cia a colpo sicuro. Provvidenziale so l’errore di
centrale e così Gazzoli blocca sul- l'intervento in spaccata di Galup- non sfruttare
la linea di porta po che devia in corner
19’ Varricchio, innescato 17’ Sugli sviluppi del tiro le grandi oc-
con un lancio dalle retrovie da dalla bandierina, la palla giunge casioni in
Zanchetta, resiste alla pressione al limite dove Zanardini calcia di contropiede
di un difensore e leggermente destro sfiorando l'incrocio per chiudere
sbilanciato conclude con un dia- 20’ Pintori converge resi- la gara e per questo il ram-
gonale troppo debole stendo alla carica di Gori e dai 16 marico è enorme. Meritava-
24’ Ennesima azione di ri- metri conclude con una traietto- mo sicuramente i tre punti”.
messa del Lumezzane con Pintori ria morbida indirizzata al sette. Sbollita un po’ la rabbia,
che supera Rossi e calcia con il La mira è imprecisa Menichini riconosce l’ottima
destro costringendo Paoloni ad 23’ Cross basso di Nizzetto prestazione dei suoi ragazzi,
una respinta complicata. Sulla ri- e a centro area Pradolin e Gui- per nulla timorosi al cospet-
battuta Calliari colpisce di testa e detti si ostacolano a vicenda non
nuovamente interviene Paoloni riuscendo a trovare la deviazione to della Cremo: “Abbiamo
Bradaschia supera Paoloni e porta in vantaggio il Lumezzane al primo affondo della partita interpretato bene la gara,
alzando sopra la traversa vincente
26’ Sponda aerea di Daud 29’ Scontro in area tra Gaz- giocando a viso aperto con
per Galabinov che di prima intenzione tenta un tiro al volo che termina zoli, Pini e Cremonesi che deve uscire in barella per un taglio al sopracci- grande intensità e riuscen-
alto glio. Cremonese in dieci uomini do spesso a mettere in diffi-
41’ Punizione potente di Nizzetto parata in due tempi da Gazzoli 40’ Galabinov, servito da Pintori, cerca il colpo dello scorpione con coltà la loro difesa. Non sia-
42’ Cremonesi controlla palla e dai 25 metri lascia partire un sini- una deviazione volante di tacco. Palla sul fondo mo stati di certo fortunati -
stro insidioso 42’ Punizione battuta velocemente dal Lumezzane. Daud sorprende sbotta Menichini - però ab-
47’ Sull'angolo dalla sinistra Cremonesi devia di testa il pallone a la difesa grigiorossa con una botta dal limite respinta da Paoloni biamo le nostre colpe, per-
centro area dove Bianchi con la punta cerca il pareggio, ma sulla linea sal- 49’ Musetti prolunga sul secondo palo per Guidetti, che con un dia- ché la Cremo ha pareggiato
va tutto Gazzoli gonale mancino spedisce il pallone nell'angolo basso: 1-1 in dieci uomini e questo non
lo digerisco”.

Turotti sicuro: “In undici con altri cambi sarebbe andata diversamente”

“Dimostrazione di carattere”
“Grande reazione, ma non possiamo permetterci certi errori”
C
on il pareggio di ieri la vetta
resta a sette punti di distanza
mentre alle spalle si fanno BOLLETTINO MEDICO L’OSPITE IN TRIBUNA
minacciose le concorrenti alla piazza
Altobelli: “Cremo
d’onore. Cambiano le prospettive?
Obiettivo spostato sul secondo po-
sto? A rispondere a tono è il diretto-
Distorsioni per Rossi e Varricchio condizionata, ma il
re generale grigiorosso Sandro Tu-
rotti che si presenta in sala stampa Zanchetta spera, Michele ricucito Lume gioca meglio”
al posto dello squalificato Venturato: Da Brescia, città nella quale
“Non cambio la mia idea. E’ da tem- vive, Spillo Altobelli è venuto
po che ripeto che al Novara comin- Vista la giornata di straordinari a cui a Cremona per assistere alla
ceremo a pensarci quando arriverà il è stato costretto, il primo a presen- sfida dello Zini. “E’ stata una
momento dello scontro diretto. Solo tarsi in sala stampa è il medico socia- gara molto piacevole, giocata
quel giorno conteranno i punti di di- le grigiorosso Giovanni Bozzetti. E’ lui da due squadre che occupa-
stacco, non oggi”. Tra le righe una a esporre il bollettino medico dei gri- no le prime posizioni in classi-
certo senso di ottimismo che tiene giorossi dopo l’incredibile serie di
fica. Il Lumezzane può conta-
viva la sfida grigiorossa e nel frat- infortuni che ha caratterizzato la gior-
re sull'entusiasmo e la voglia
tempo tenta di aggirare il rischio di nata grigiorossa.
Ecco il resoconto:
di stupire dei suoi giovani,
cadere nella sindrome dell’eterno se- mentre la Cremo sulla gran-
condo. “Dobbiamo renderci conto - de qualità di giocatori come
• MAX VARRICCHIO
osserva Turotti - che affrontare il Lu- Zanchetta e Guidetti”. Pareg-
Ricadendo da un contrasto aereo ha riportato la di-
mezzane non è affatto semplice. E’ gio giusto? “I grigiorossi sono
storsione della caviglia sinistra. Un’ecografia mar-
una squadra da primi posti e i suoi stati condizionati dai quattro
tedì chiarirà l’entità dell’infortunio
risultati dall’inizio della stagione fino Venturato segue la gara dalla tribuna infortuni, però devo dire che
ad oggi lo dimostrano”. Certo la • GIOVANNI ROSSI il Lumezzane meritava la vit-
partita dello Zini non si era messa Anche in questo caso una ricaduta scomposta ha toria per il miglior gioco
nel modo in cui la Cremo avrebbe re una gara compromessa: “Abbia- causato una distorsione al ginocchio destro già ope- espresso in campo”.
sperato. Ancora una volta infatti a mo dimostrato un carattere impor- rato un anno e mezzo fa. Il giocatore è parso subito
complicare i piani (prima ancora de- tante che ci sarà ancora molto utile particolarmente dolente e non era in grado di corre-
gli infortuni) era arrivato il solito gol nel proseguo della stagione. Pur-
a freddo: “Tra le cose meno belle troppo concedendo quel gol abbia-
re. Situazione da valutare nei prossimi giorni. LA PARTITA IN TV
della giornata c’è senza dubbio il gol
subito. una squadra come la nostra
mo messo il Lumezzane nelle condi-
zioni di gestire al meglio la partita.
• ANDREA ZANCHETTA Stasera la differita
Il regista ha avvertito una fitta improvvisa alla coscia
non deve prendere gol in quel modo. Loro, senza pressioni, giocavano con destra. Il Il sospetto è di una distrazione muscolare. della gara dello Zini
Sono errori pesanti che, se vogliamo tranquillità”. Mentre la Cremo per- La speranza che si tratti di una semplice contrattura.
continuare a lottare per certi obietti- deva i pezzi. “Se avessimo avuto la Martedì gli accertamenti. alle 21 su Studio1
vi, non possiamo concederci. Anche possibilità di cambiare qualche gio-
perché se agli altri basta un’occasio- catore stremato e di giocare anche il • MICHELE CREMONESI La gara disputata ieri allo
ne per andare in rete, per noi 5 o 6 secondo tempo in undici sarebbe Nello scontro con un avversario il difensore ha ripor- stadio Zini tra Cremonese e
non sono sufficienti”. E in effetti, stato molto diverso. Ora però pensia- tato una ferita lacero contusiva frontale all’altezza Lumezzane sarà trasmessa
nonostante i vari tentativi nel corso mo alle prossime gare: ci aspettano del sopracciglio sinistro. Troppo profonda per tentare in differita questa sera alle
del primo come del secondo tempo, due trasferte importantissime a Pe- di tamponare. per lui corsa immadiata al pronto soc- 21 sull’emittente televisiva
la sfida con i bresciani sembrava in- rugia e Benevento. Non pensiamo al corso per la sutura. Studio1, visibile in analogico
dirizzata verso un epilogo negativo: Novara e cerchiamo di giocare con nelle province di Cremona,
“Quando abbiamo preso il gol a ini- tranquillità”. Certo le assenze po- • WILLIAM VIALI Bergamo, Parma e Piacenza
zio partita - confessa il dg - ero fidu- trebbero pesare: “C’è anche la squa- Il capitano ieri ha seguito la partita dalla tribuna dopo sul ch 57, nelle province di
cioso. Poi con il passare dei minuti lifica di Paoloni - sorride amaro Tu- l’infortunio al ginocchio. Tuttavia sabato ha sostenuto Brescia e Mantova sul ch 40
più che crederci ci speravo”. Tuttavia rotti -. E pensare che qualcuno pri- un buon allenamento e da martedì sarà di nuovo in e sulle frequenze del digitale
il dirigente elogia la reazione della ma della partita mi diceva che erava- gruppo. E’ lui l’unico certo di rientrare in vista della terrestre a Milano, Monza,
squadra che ancora una volta ha sa- mo in tanti”. trasferta a Perugia di lunedì. Como e Varese.
puto trovare le energie per riprende- Filippo Gilardi
La Cronaca dello Sport L UNEDI 22 FEBBRAIO 2010

24
PRIMA DIVISIONE / CREMONESE

CREMONESE LUMEZZANE

1 1
BRUTT O COLPO PER CREMONESI 4-4-2 4-4-2
1 PAOLONI
1 GAZZOLI
2 A. BIANCHI
5 CREMONESI 2 ZANARDINI
6 GALUPPO 5 ROMEO
3 ROSSI 6 EMERSON
(36' PT 15 GORI) 3 PINI

7 NIZZETTO
4 FIETTA 7 PINTORI
8 ZANCHETTA (43' ST 16 FARONI)
(38' PT 14 TACCHINARDI) 4 CINELLI
10 PRADOLIN 8 CALLIARI
11 BRADASCHIA
9 VARRICCHIO
(31' PT18 MUSETTI)
9 GALABINOV
11 GUIDETTI
10 DAUD
ALL.: VENTURATO
(in panchina BOZZETTI) ALL.: MENICHINI

ARBITRO
COLASANTI DI SIENA (ASSISTENTI: PAIUSCO, LUNARDON)

RETI
49’ ST GUIDETTI 8’ PT BRADASCHIA

AMMONITI
PAOLONI GAZZOLI
TACCHINARDI EMERSON
GUIDETTI BRADASCHIA
ESPULSI
ZANARDINI AL 50’ST
per doppia ammonizione

ANGOLI
4 3

NOTE
Al 29’ della ripresa Cremonesi va a staccare nell’area di rigore del Lumezzane ed entra a contatto con Gazzoli e Pini (nei pressi anche Al-
berto Bianchi). Il capitano grigiorosso si procura un taglio profondo sul sopracciglio sinistro e viene subito trasportato in ospedale SPETTATORI 3768 (di cui 2381 abbonati) per un incasso complessivo
di 21,687 euro. RECUPERO: 2’ PT, 4’ ST

LE INTERVISTE
“Un punto così ne vale tre”
Novara ancora lontano. I grigiorossi però non si arrendono
Ancora una volta l’uomo della provvidenza l’ha affossato mentre era lanciato a rete: “Sta- col senno di poi il punto equivale quasi a una
risulta essere Guidetti, che grazie al suo dia- vo coprendo il pallone e il difensore mi ha vittoria”.
bolico mancino ha tolto le castagne dal fuoco trattenuto facendomi cadere”. Sul volto di Fietta, invece, si legge la delusio-
alla Cremonese regalandole un pareggio in Gori, subentrato nel primo tempo all’infor- ne per aver sprecato l’opportunità di rosic-
pieno recupero. “Questa rete è sicuramente tunato Rossi, ha mostrato di sapersi adattare chiare qualche punto al Novara. D’altro can-
una delle più importanti tra quelle che ho anche al ruolo di terzino: “Di sicuro non è la to lui è un gladiatore e ad arrendersi non ci
realizzato - riconosce Max - sia per il mo- mia posizione - precisa Bobo - però se il mi- pensa proprio: “Dispiace essere andati sotto
mento in cui è arrivato, sia per la modalità di ster deciderà anche in futuro di schierarmi in in una situazione in cui dovevamo difendere
esecuzione. Un pareggio meritato che premia quella zona del campo cercherò di dare il mio meglio. Nella ripresa inoltre abbiamo com-
il carattere della squadra, brava a non arren- contributo. Oggi, come ad Arezzo, credo di messo troppi errori in fase di impostazione,
dersi nemmeno in dieci”. Guidetti come aver fornito una buona prestazione”. Sull’a- cercando il lancio lungo invece di giocare pal-
sempre tende a sottolineare la prova del col- nalisi del match, Gori preferisce guardare il la a terra”. Troppe anche le occasioni conces-
lettivo: “Voglio fare i complimenti a chi è en- bicchiere mezzo pieno: “Per come s’era mes- se in contropiede al Lumezzane: “Bravi loro a
trato a freddo dalla panchina, riuscendo subi- sa, questo è un grande risultato. Dapprima il sfruttare la velocità dei propri giocatori; noi
to a trovare la giusta concentrazione in una gol subito nelle fasi iniziali, quindi i quattro però dovevamo aver maggior equilibrio evi-
gara molto tirata”. Infine una battuta sull’epi- infortuni, ci hanno complicato enormemente tando di farci sorprendere”.
Alberto Galuppo in azione sodio discusso del 20’, quando un avversario i piani. Prima della gara volevamo i tre punti, m.z.

LE PAGELLE Zanchetta esce presto. Nizzetto a intermittenza IL MISTER


IL MIGLIORE
PAOLONI 6: Ci mette mani e pu-
gni su Pintori, Calliari e Daud evi-
tando al Lumezzane la doppia fuga.
NIZZETTO 5,5: Da uno come lui ci
si aspetterebbe ben altro. Poco
servito dai compagni nel primo
Roberto
Venturato
6
Max
Guidetti 6,5 Becca il quarto cartellino giallo,
salterà Perugia

A. BIANCHI 6: Si piega ma non si


tempo, nella ripresa confeziona
due fiammate poi si esclissa

FIETTA 6: Buca l’uscita su Brada-


Sulla panca
c’è Bozzetti,
ma il regista
resta lui.
spezza di fronte alle accelerazioni schia a offre il fianco al contropie-
Squadra pre-
di Bradaschia. Sfiora il colpo del de del vantaggio ospite, poi, però, sa d’infilata
pareggio con una zampata in mi- non commette altri errori e tiene all’inizio da
schia a galla il centrocampo un Lume to-
nico e dina-
CREMONESI 6: Commette qual- ZANCHETTA 6,5: Il suo piede mico. Gli infortuni condizionano
il resto della partita
che errore di troppo nella prima sembra ispirato, peccto che lo sti-
parte, gol del Lumezzane compre- ramento lo costringa ad uscire
so, poi dà un contributo più che presto. Senza lui poche luci. (TAC-
onesto. Esce per infortunio CHINARDI 6: onesto) LUMEZZANE
Gazzoli 6,5, Zanardini 5, Ro-
meo 5,5, Emerson 6, Pini 6,
GALUPPO 6: Regge l’onda d’urto PRADOLIN 6: Generoso e a tratti
bresciana, fa a sportellate con Ga- dirompente nel primo tempo. Nella Pintori 7 (Faroni sv), Calliari
labinov, controlla con qualche pate- ripresa lo si nota di meno anche se 6, Cinelli 6, Bradaschia 7,
ma Daud. Nel complesso la porta continua a battersi senza esclusio- Daud 6,5, Galabinov 6,5 All.:
Finge di sonnecchiare per buo- a casa ne di colpi Menichini 6,5.
na parte della partita, poi te lo
ritrovi lì, vispo come la Teresa,
ROSSI 6: Quando Pintori lo punta VARRICCHIO 6: Si fa sentire subi-
ARBITRO
proprio nel momento giusto. Il Colasanti 5,5 Direzione spesso
suo gol, bello e possibile, è la vede i sorci verdi. Però lavora pa- to con un colpo di testa pericoloso
approssimativa anche se alla fi-
cosa migliore del pomeriggio recchio in chiave offensiva. Un do- e un tiro centrale. Nella roulette
ne non condiziona il risultato. Po-
grigiorosso lore al ginocchio destro lo toglie di degli infortuni è il primo a pagare.
co aiutato dai collaboratori.
mezzo troppo presto (GORI 6) (MUSETTI 6: per l’assist)