Sei sulla pagina 1di 73

Manualetto

JavaCC
ver. 0.736
0.736 del 10-05-1210-05-12-16.30

Nicola Fanizzi

Indice
[1] Introduzione..................................................................................5
1.1 JavaCC.....................................................................................5
1.2 Linea di Comando........................................................................7
1.3 File Prodotti da JavaCC..................................................................9
1.4 Struttura di una Specifica JavaCC....................................................10
1.4.1 Opzioni.............................................................................12
1.4.2 Produzioni..........................................................................15
[2] Analisi Lessicale............................................................................16
2.1 L'Analizzatore Lessicale................................................................16
2.2 Funzionamento del Token Manager...................................................17
2.3 Dichiarazioni.............................................................................18
2.4 Token: Regole per Espressioni Regolari..............................................18
2.4.1 Stati Lessicali......................................................................19
2.4.2 Tipi di Espressioni Regolari......................................................19
2.4.3 Specifica di Espressioni Regolari................................................19
2.5 Prefissi Comuni..........................................................................22
2.6 La Classe dei Token.....................................................................23
2.7 Azioni Lessicali..........................................................................24
2.7.1 Variabili............................................................................24
2.7.2 Esempi..............................................................................26
2.7.3 Token Speciali e Parser..........................................................27
2.8 Evoluzione della Classe dei Token....................................................27
2.9 Analisi Lessicale Efficiente............................................................28
[3] Analisi Sintattica............................................................................30
3.1 Produzioni Javacode....................................................................30
3.2 Produzioni BNF..........................................................................32
3.2.1 Espansioni BNF....................................................................32
3.2.2 Lookahead Locale.................................................................33
[4] Lookahead...................................................................................36

4.1 Lookahead: Cos', a che Serve........................................................36


4.2 Punti di Scelta nelle Specifiche.......................................................39
4.3 Determinare la Scelta Giusta..........................................................39
4.3.1 Specifiche Multiple di Lookahead per Token..................................41
4.3.2 Lookahead Globale...............................................................43
4.3.3 Lookahead Locale ................................................................43
4.4 Lookahead Sintattico...................................................................45
4.5 Lookahead Semantico..................................................................48
4.6 Struttura Generale di Lookahead.....................................................49
[4] Gestione degli Errori.......................................................................50
4.7 Messaggistica d'Errore..................................................................51
4.8 Recupero degli Errori...................................................................52
4.8.1 Recupero Superficiale............................................................52
4.8.2 Recupero in Profondit..........................................................53
[5] Esempi.......................................................................................55
5.1 Calcolatrice..............................................................................55
5.2 Bowdlerizer..............................................................................57
5.2.1 Il Token Manager..................................................................58
5.2.2 Sequenze Massimali..............................................................59
5.2.3 Parsing..............................................................................59
5.3 CSV2HTML................................................................................60
[6] Costruzione di alberi sintattici con JJTree.............................................63
6.1 Introduzione.............................................................................63
6.2 Ambito dei Nodi ed Azioni Utente....................................................66
6.3 Gestione Eccezioni......................................................................66
6.4 Metodi di Servizio per lo Scope dei Nodi............................................67
6.5 Tener Traccia dei Token................................................................67
6.6 Ciclo di Vita di un Nodo................................................................67
6.7 Supporto alla Visita.....................................................................68
6.8 Opzioni...................................................................................69
6.9 Stati di JJTree ..........................................................................70

6.10 Nodi come Oggetti....................................................................71


6.11 Esempi..................................................................................72
Questo manuale basato sulla documentazione ufficiale di JavaCC.
Java, JavaCC e JJTree sono marchi registrati.

INTRODUZIONE [1]

[1] INTRODUZIONE

Un meta-compilatore o generatore di parser un sistema che, a partire dalla specifica


di un linguaggio, costruisce un programma (analizzatore) capace di riconoscere
sequenze (frasi) del linguaggio. In generale la specifica comprende sia l'aspetto
lessicale sia quello sintattico, cosa che permette la costruzione automatica del parser,
mentre l'aspetto semantico viene lasciato al lavoro (aggiuntivo) del progettista, anche
se sono previsti costrutti che permettono di arricchire il parser con azioni legate
all'aspetto semantico e scritte nello stesso linguaggio di programmazione del
programma generato.

1.1 JavaCC
Questo manualetto si propone di illustrare l'utilizzo di JavaCC ("Java Compiler
Compiler"), uno strumento open-source per la costruzione automatica di analizzatori
lessicali e sintattici in Java. A partire da una specifica formale della grammatica del
linguaggio, esso produce classi in puro codice Java atte a leggere ed analizzare frasi in
tale linguaggio.
JavaCC risulta particolarmente utile allorch i linguaggi da analizzare presentino
strutture tanto complesse da sconsigliare un approccio non automatizzato. Questa
tecnologia nata per rendere pi semplice l'implementazione dei linguaggi di
programmazione - da qui il termine "compilatore di compilatori" - ma trova
applicazione anche per linguaggi pi semplici e di tipo diverso (scripting, markup,
ecc.). JavaCC non automatizza anche la costruzione esplicita degli alberi sintattici ma

1.1 JAVACC
esistono (almeno) due altri strumenti a corredo di JavaCC che possono essere utilizzati
a tale scopo: JJTree e JTB. Risulta facile, inoltre, estendere le specifiche per
automatizzare la costruzione delle tabelle dei simboli.
Sia JavaCC sia i parser generati con questo strumento girano su numerose piattaforme.
Molti linguaggi hanno gi una specifica per JavaCC come quella dello stesso Java,
JavaScript, RTF, Visual Basic, PHP, Python, C, C++, ma anche XML, HTML, SQL, e
molti altri ancora.
Le caratteristiche principali di JavaCC sono le seguenti:

ANALISI TOP-DOWN: JavaCC genera parser ricorsivi discendenti differenti


dai parser ascendenti generati, ad esempio, da strumenti come YACC e Bison.
Ci consente di trattare un gran numero di grammatiche libere di forma
diversa (sebbene la ricorsione sinistra sia vietata). Inoltre i parser discendenti
sono pi semplici per quel che riguarda il loro debugging e si prestano
all'utilizzo a partire da qualunque non-terminale, consentendo anche il
passaggio di valori (attributi) su e gi per l'albero di derivazione durante il
processo d'analisi.

AMPIA COMUNIT DI UTENTI: JavaCC di gran lunga il generatore


automatico di parser pi usato in congiunzione con applicazioni Java, con
centinaia di migliaia di download ed una platea stimata di circa qualche decina
di migliaia di utenti professionali, come testimoniato anche dal numero dei
partecipanti alle varie mailing-list e newsgroup.

SPECIFICA LESSICALE E SINTATTICA IN UNO STESSO FILE: Le specifiche


lessicali in forma di espressioni regolari, stringhe, ecc. e quelle sintattiche (in
EBNF) sono scritte insieme in uno stesso file. Ci rende la grammatica di facile
lettura (si possono usare espressioni regolari - inline - nella specifica della
grammatica) ed anche pi facile di manutenere.

PREPROCESSORE PER LA COSTRUZIONE DEGLI ALBERI SINTATTICI:


JavaCC contiene JJTree, un preprocessore molto potente per la costruzione di
alberi.

CUSTOMIZZAZIONE: JavaCC offre tante opzioni per adattare il suo


comportamento e quello dei parser generati, come ad es. i tipi di caratteri
Unicode per il flusso di caratteri in input, il numero di token per il controllo di
ambiguit, ecc.

100% PURO JAVA: JavaCC gira su tutte le piattaforme Java-compliant. Viene


utilizzato su tanti tipi di macchine con nessuno sforzo relativo al porting - a
testimoniare la filosofia "Write Once, Run Everywhere" di Java.

GENERAZIONE DI DOCUMENTAZIONE: JavaCC include lo strumento JJDoc


che converte file-grammatica in file di documentazione (anche in HTML).

NUMEROSI ESEMPI: La release di JavaCC contiene molti esempi di specifiche


di grammatiche. Gli esempi, assieme alla loro documentazione, costituiscono
un valido ausilio all'apprendimento di JavaCC.

INTRODUZIONE [1]

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Uno scanner generato da JavaCC pu


manipolare input Unicode e le sue specifiche lessicali possono includere
qualunque carattere Unicode. Ci facilita la descrizione degli elementi di un
linguaggio, come Java, che ammette caratteri Unicode (in numero maggiore
rispetto a quelli ASCII).

SPECIFICHE DI LOOKAHEAD SINTATTICHE E SEMANTICHE: Per default,


JavaCC genera un parser LL(1). Tuttavia, ci potrebbero essere molte parti non
LL(1) nella grammatica. JavaCC offre le capacit di lookahead sintattico e
semantico per risolvere le ambiguit shift-shift1 in modo locale nei punti esatti,
ad esempio quando il parser LL(k) solo in certi punti ed LL(1) altrove. I casi
di ambiguit shift-reduce2 e reduce-reduce3, tipici dei parser ascendenti, non
costituiscono un problema per parser top-down.

SPECIFICHE IN BNF ESTESA: JavaCC consente le specifiche in EBNF - come


(A)*, (A)+, ecc. - nelle regole lessicali e sintattiche. L'uso dell'EBNF solleva,
in parte, dalla necessit di usare la ricorsione sinistra. Di fatto, risulta pi
leggibile rappresentare una regola come A ::= y(x)* piuttosto che con
A ::= Ax | y.

STATI ED AZIONI LESSICALI: JavaCC offre la possibilit di usare stati ed


azioni lessicali come Lex. Aspetti specifici di JavaCC che lo rendono superiore
ad altri strumenti sono lo status speciale attribuito a costrutti come TOKEN,
MORE, SKIP, cambiamenti di stato, ecc. Questo favorisce specifiche pi pulite e
messaggi d'errore e di avvertimento pi precisi con JavaCC.

ANALISI LESSICALE CASE-INSENSITIVE: Le specifiche lessicali possono


definire i token senza tener conto della distinzione minuscole/maiuscole a
livello globale o anche locale.

TOKEN SPECIALI: I token definiti come speciali nella specifica lessicale sono
ignorati in fase di analisi sintattica, ma possono essere elaborati da altri
strumenti. Un'applicazione utile potrebbe essere quella relativa
all'elaborazione dei commenti ai fini della documentazione.

DEBUGGING ESTESO: Attraverso opzioni quali DEBUG_PARSER,


DEBUG_LOOKAHEAD, e DEBUG_TOKEN_MANAGER, si pu ottenere una analisi
dettagliata del processo di parsing e/o di elaborazione dei token.

GESTIONE OTTIMALE ERRORI: La gestione degli errori con JavaCC tra le


migliori tra i vari generatori automatici di parser. JavaCC genera parser capaci
di indicare il punto di errore e fornire informazioni diagnostiche complete.

1 Parola (token) ambigua dal punto di vista lessicale.


2 L'algoritmo di parsing, potrebbe sia spostarsi (shift) sul prossimo token sia ridurre
(reduce) una sequenza di simboli in cima allo stack.
3 Accade quando si pu ridurre pi di una sequenza di simboli in cima allo stack.

1.2 LINEA DI COMANDO

1.2 Linea di Comando


Digitando semplicemente il comando "javacc" su una console si pu ottenere
facilmente un aiuto sulla sintassi corretta per la sua invocazione. Il risultato il
seguente:
% javacc
Java Compiler Compiler Version 4.1d1 (Parser Generator)
Usage:
javacc option-settings inputfile
"option-settings" is a sequence of settings separated by
spaces.
Each option setting must be of one of the following forms:
-optionname=value
-optionname:value
-optionname
-STATIC)
-NOoptionname
-NOSTATIC)

(e.g., -STATIC=false)
(e.g., -STATIC:false)
(equivalent to -optionname=true.

e.g.,

(equivalent to -optionname=false. e.g.,

Option settings are not case-sensitive, so one can say "nOsTaTiC" instead
of "-NOSTATIC". Option values must be appropriate for the
corresponding
option, and must be either an integer, a boolean, or a string
value.
The integer valued options are:
LOOKAHEAD
(default 1)
CHOICE_AMBIGUITY_CHECK (default 2)
OTHER_AMBIGUITY_CHECK (default 1)
The boolean valued options are:
STATIC
(default true)
SUPPORT_CLASS_VISIBILITY_PUBLIC (default true)
DEBUG_PARSER
(default false)
DEBUG_LOOKAHEAD
(default false)
DEBUG_TOKEN_MANAGER
(default false)
ERROR_REPORTING
(default true)
JAVA_UNICODE_ESCAPE
(default false)
UNICODE_INPUT
(default false)
IGNORE_CASE
(default false)
COMMON_TOKEN_ACTION
(default false)
USER_TOKEN_MANAGER
(default false)
USER_CHAR_STREAM
(default false)
BUILD_PARSER
(default true)
BUILD_TOKEN_MANAGER
(default true)
TOKEN_MANAGER_USES_PARSER (default false)

INTRODUZIONE [1]
SANITY_CHECK
FORCE_LA_CHECK
CACHE_TOKENS
KEEP_LINE_COLUMN

(default
(default
(default
(default

true)
false)
false)
true)

The string valued options are:


OUTPUT_DIRECTORY
TOKEN_EXTENDS
TOKEN_FACTORY
JDK_VERSION
GRAMMAR_ENCODING

(default Current Directory)


(java.lang.Object)
(java.lang.Object)
(1.5)
(default file.encoding)

EXAMPLE:
javacc -STATIC=false -LOOKAHEAD:2 -debug_parser
mygrammar.jj
%
Ogni opzione pu essere impostata sulla linea di comando come mostrato in questo
messaggio oppure nel file di specifica della grammatica (come si vedr in seguito).
Se la stessa opzione viene impostata sia su linea di comando sia nella grammatica,
impostazione della linea di comando ha la precedenza.

1.3 File Prodotti da JavaCC


JavaCC legge una specifica generalmente contenuta in un file di estensione ".jj" e, se
questa risulta corretto, produce un insieme di file Java. Se le opzioni sono lasciate ai
valori di default, vengono generati i file seguenti:

file di base (boiler-plate):

SimpleCharStream.java tipo di stream collegato flusso di


caratteri in ingresso;

Token.java - rappresenta i token in input;

TokenMgrError.java - errore che


dall'analizzatore lessicale (token manager);

ParseException.java - eccezione che evidenzia un input non


conforme alla grammatica del parser;

pu

essere

lanciato

file customizzati (nel seguito il prefisso XXX indica un generico prefisso scelto
dall'utente):

XXX.java - la classe del parser;

XXXTokenManager.java - la classe del token manager;

XXXConstants.java - interfaccia che associa le classi di token a


nomi simbolici.

1.3 FILE PRODOTTI DA JAVACC


Altri file possono essere prodotti a seconda delle opzioni contenute nel file di specifica.
Ad es., se si usa l'opzione JAVA_UNICODE_ESCAPE allora invece di
SimpleCharStream.java sar prodotto JavaCharStream.java. Se si usa
l'opzione USER_CHAR_STREAM, allora si produce l'interfaccia CharStream.java
invece
della
classe
SimpleCharStream.java.
Analogamente
l'opzione
USER_TOKEN_MANAGER causa la generazione di un'interfaccia TokenManager.java,
invece di una vera e propria classe per il token manager.
I file di base (boiler-plate) vengono prodotti solo se non esistono gi. Ci ha due
importanti conseguenze: essi vanno cancellati prima di richiamare JavaCC, se si sono
fatti cambiamenti che possono richiedere modifiche in tali file. Inoltre, all'occorrenza,
si potrebbe aver bisogno di modificare manualmente tali file per implementare
soluzioni ad hoc; dato che JavaCC non li sovrascrive, si pu star sicuri che i file non
saranno modificati tacitamente.

1.4 Struttura di una Specifica JavaCC


Preliminarmente, i file di specifica seguono le regole standard dei file Java, anche a
livello di spaziatura e di sequenze di escape Unicode (ad es., le occorrenze di stringhe
della forma \uxxxx - dove xxxx sia un valore esadecimale - vengono convertite nel
corrispondente carattere Unicode prima dell'elaborazione del file).
A questa disciplina fanno eccezione gli operatori Java "<<", ">>", ">>>", "<<=", ">>=",
e ">>>=" che non sono token validi per JavaCC in modo da consentire un uso
opportuno di specifiche di token annidate.
Infine, JavaCC considera riservate le seguenti parole:
EOF

IGNORE_CASE

JAVACODE

LOOKAHEAD

MORE

PARSER_BEGIN

PARSER_END

SKIP

SPECIAL_TOKEN

TOKEN

TOKEN_MGR_DECLS

I file di specifica per JavaCC hanno generalmente l'estensione ".jj". Volendo


rappresentare formalmente la struttura di un file di specifica nello stesso linguaggio
utilizzato da JavaCC, si pu scrivere:
specifica ::=
sezione_opzioni
"PARSER_BEGIN" "(" <ID> ")"
unit_di_compilazione_java
"PARSER_END" "(" <ID> ")"
( produzione )*
<EOF>
Il file di specifica inizia con una lista di opzioni (facoltativa) che seguita da una unit
di compilazione (codice) Java racchiusa tra PARSER_BEGIN(nome) e
PARSER_END(nome), dove il nome dato da un identificatore valido. Poi c' una lista
di produzioni della grammatica che si chiude con un end-of-file.

10

INTRODUZIONE [1]
Il nome usato nelle direttive PARSER_BEGIN e PARSER_END deve essere identico: esso
corrisponder al nome dato al parser generato (ovvero alla sua classe). Ad esempio, se
si usa Prova come nome, allora i file generati saranno:
Prova.java: la classe del parser generato;
ProvaTokenManager.java: Il token manager generato;
ProvaConstants.java: contiene costanti d'utilit.
Un generico file "Prova.jj" ha il seguente formato:
options{
/* codice per settare i vari flag delle opzioni */
/*
(questa sezione opzionale)
*/
}
PARSER_BEGIN(Prova)
public
/* Qui
/* Pu
/* Pu
}

class Prova {
definizione metodi aggiuntivi per il parser */
anche essere lasciato vuoto */
essere inserito qui il metodo main() */

PARSER_END(Prova)
TOKEN_MGR_DECLS :
{
/* Dichiarazioni ad uso dello scanner */
/* (opzionale, serve per usi speciali) */
}
/* Sezione per le regole dei token ed azioni */
Tra i costrutti PARSER_BEGIN e PARSER_END si pu inserire un'unit di compilazione
Java (ossia l'intero contenuto di un file Java). Essa dovrebbe contenere la dichiarazione
di una classe con lo stesso nome utilizzato nelle direttive ("Prova" nell'esempio).
PARSER_BEGIN(NOME)
...
class NOME {
...
}
...
PARSER_END(NOME)
JavaCC non compie controlli particolari su tale unit, per cui possibile che un file di
specifica venga elaborato da JavaCC senza problemi e, tuttavia, vengano riconosciuti
errori in fase di compilazione dei file Java generati.
Se tale unit contiene dichiarazioni di package, queste vengono incluse in tutti i file
generati. Se, invece, comprende dichiarazioni import, queste sono incluse nei file
generati per il parser ed il token manager .
Il file generato per il parser contiene tutto quello che nell'unit di compilazione e, in
aggiunta, il codice per il parser incluso alla fine della classe relativa.

11

1.4 STRUTTURA DI UNA SPECIFICA JAVACC


La classe del parser generato contiene la dichiarazione di un metodo pubblico per ogni
non-terminale indicato nel file di specifica. L'analisi di un dato non-terminale si ottiene
chiamando il metodo corrispondente. Diversamente da Yacc, in JavaCC non c' un
unico simbolo iniziale possibile - si pu cominciare l'analisi con un qualunque nonterminale della grammatica.
Il token manager generato fornisce invece un solo metodo pubblico:
Token getNextToken() throws ParseError;
Maggiori dettagli sono forniti nel seguito. Inoltre si pu far riferimento alla
documentazione ufficiale delle API di JavaCC.

1.4.1 OPZIONI
Se presente, la sezione delle opzioni comincia con la parola riservata di JavaCC
options, seguita da una lista di una o pi impostazioni (option-binding) racchiusa tra
parentesi graffe.
sezione_opzioni ::= [ "options" "{" ( impostazione )* "}" ]
Ogni importazione specifica il settaggio di una opzione. Una stessa opzione non pu
essere impostata pi volte. Come detto in precedenza, le opzioni possono anche essere
impostate sulla riga di comando (queste ultime vengono considerate come
impostazioni a maggiore precedenza sulle altre modalit)
Le impostazioni si scrivono secondo la regola:
impostazione :: nomeOpzione "=" costante_java ";"
dove le possibili opzioni sono:

LOOKAHEAD: Numero di token da considerare in anticipo per prendere una in


un punto di scelta durante il parsing. Il valore di default 1. Pi basso il
numero pi risulter veloce il parser. Come si vedr, questo numero pu essere
sovrascritto per specifiche regole di produzione all'interno della grammatica.

CHOICE_AMBIGUITY_CHECK: Questa opzione a valori interi (default 2)


rappresenta il numero di token da considerare per controllare l'ambiguit di
scelte del tipo "A | B | ". Ad esempio, se esistesse un prefisso comune di
due token (assumendo l'opzione impostata a 3) JavaCC saprebbe dire se usare
un lookahead pari a 3 per la disambiguazione. Inoltre se A e B hanno un
prefisso comune di 3 token allora JavaCC sapr dire solo se c' bisogno di un
lookahead di 3 o maggiore. Incrementando il valore si hanno maggiori
informazioni sull'ambiguit al costo di una minore efficienza. Per grandi
grammatiche (es. quella di un linguaggio completo) valori alti portano i
controlli a richiedere troppo tempo.

OTHER_AMBIGUITY_CHECK: Tale opzione a valori interi (default 1)


rappresenta il numero di token considerati nel controllo di ambiguit di altri
tipi di scelte (ad es., della forma "(A)*", "(A)+", e "(A)?"). Ci richiede pi
tempo del controllo della scelta pertanto il default viene impostato a 1
piuttosto che a 2.

12

INTRODUZIONE [1]

STATIC: Opzione booleana (default true). Se posta a true, tutti i metodi e le


variabili delle classi parser e token manager sono indicate come static in nel
codice generato. ci consente di avere un solo oggetto parser ma questo
risulter pi efficiente. Per avere la possibilit di analisi sintattiche diverse
tramite lo stesso programma si dovr chiamare il metodo ReInit() per riinizializzare il parser quando questo statico. Se parser non statico, si
possono creare multiple istanze usabili simultaneamente attraverso thread
diversi.

DEBUG_PARSER: Opzione booleana (default false) che serve ad ottenere


informazioni di debug dal parser generato. Posta a true fa s che il parser generi
un trace delle proprie azioni. La tracciatura pu essere disabilitata attraverso il
metodo disable_tracing() nella classe del parser generato. La si pu
riprendere in seguito chiamando enable_tracing().

DEBUG_LOOKAHEAD: Opzione booleana (default false) che posta a true fa s


che il parser generi tutte le informazioni di tracing fornite a causa dell'opzione
DEBUG_PARSER ed in pi anche il tracciamento delle azioni eseguite nelle
operazioni di lookahead.

DEBUG_TOKEN_MANAGER: Opzione booleana (default false) usata per


ottenere informazione sul debugging dal token manager generato. Settata a
true induce il token manager a generare un trace delle proprie azioni. Tale
trace abbastanza dettagliato per cui si dovrebbe usare solo in caso di estrema
difficolt nella ricerca di errori legati al lessico. Tipicamente, in tale situazione,
si pu trovare il problema considerando le ultime linee del trace.

ERROR_REPORTING: Opzione booleana (default true) che messa a false fa s


che gli errori di tipo sintattico vengano riportati in minor dettaglio. L'unica
ragione per metterla a false l'aumento di efficienza.

JAVA_UNICODE_ESCAPE: Opzione booleana (default false). Quando


settata a true, il parser usa un oggetto inputstream che elabora sequenze di
escape di Java Unicode (\u...) prima di mandare i caratteri al token manager.
Per default, le sequenze di escape non vengono elaborate. L'opzione viene
ignorata se posta a true l'opzione USER_TOKEN_MANAGER, oppure
USER_CHAR_STREAM.

UNICODE_INPUT: Opzione booleana (default false). Quando settata a


true, il parser usa un oggetto inputstream che legge file Unicode. Per
default, si assume di avere in input file ASCII. L'opzione viene ignorata se
posta a true l'opzione USER_TOKEN_MANAGER, oppure USER_CHAR_STREAM.

IGNORE_CASE: Opzione booleana (default false) che posta a vero induce il


token manager ad ignorare la differenza tra maiuscole e minuscole nella
specifica dei token e dei file in input. Ci utile nella scrittura di grammatiche
per linguaggi come PASCAL e HTML. anche possibile localizzare l'effetto di
IGNORE_CASE tramite un meccanismo spiegato nel seguito.

13

1.4 STRUTTURA DI UNA SPECIFICA JAVACC

USER_TOKEN_MANAGER: Opzione booleana (default false) che induce il


token manager a lavorare con i token specificati. Se messa a true, il parser
accetter token da qualsiasi token manager di tipo TokenManager un'interfaccia generata nella directory del parser.

SUPPORT_CLASS_VISIBILITY_PUBLIC: Opzione booleana (default true).


Fa generare le classi di supporto (Token, ParseException, ecc.) con
visibilit public. Se messa a false, esse saranno private a livello di package.

USER_CHAR_STREAM: Opzione booleana (default false). l'azione di default


di generare un lettore del flusso di caratteri come specificato dalle opzioni
JAVA_UNICODE_ESCAPE e UNICODE_INPUT. Il token manager riceve
caratteri da tale stream reader. Se viene messa a true, il token manager
legger i caratteri da qualunque flusso di caratteri del tipo CharStream. Tale
file viene generato nella directory del parser. L'opzione viene ignorata se
USER_TOKEN_MANAGER posta a true.

BUILD_PARSER: Opzione booleana (default true) che induce a generare il file


del parser. Se messa a false, il file del parser non viene generato. Questo
serve quando si vuole generare solo il token manager da usarsi senza parser
associato.

BUILD_TOKEN_MANAGER: Opzione booleana (default true) che serve a far


generare il file per il token manager. Se messa a false, il file del token
manager non viene generato. Pu servire solo a risparmiare tempo nella
generazione del parser (in fase di debugging) in modo da lasciare le specifiche
lessicali intatte.

TOKEN_MANAGER_USES_PARSER: Opzione booleana (default false) che


messa a true, fa includere nel token manager un campo parser che si
riferisce all'istanza del parser corrispondente. Lo scopo di un parser in un
token manager sta nell'uso di parte della sia logic nelle azioni lessicali.
Quest'opzione non ha effetto se STATIC posta a true.

TOKEN_EXTENDS: Opzione che richiede una stringa (default ""). La classe


Token normalmente estende java.lang.Object. Tale opzione pu essere
settata al nome di una diversa classe da usare come base per la classe Token.

TOKEN_FACTORY: Opzione che richiede una stringa (default ""). Essa indica
che i Token andranno creati chiamando Token.newToken(). Va settata per
indicare una classe Token-factory che contiene un metodo public static
Token newToken(int ofKind, String image).

SANITY_CHECK: Opzione booleana (default true). JavaCC effettua molti


controlli sintattici e semantici sul file di specifica durante la generazione del
parser. Alcuni rilevamenti, come quello della ricorsione sinistra, dell'ambiguit
e del cattivo uso delle lambda-regole pu essere soppresso per una generazione
pi veloce settando tale opzione a false. La presenza di tali errori (pur non

14

INTRODUZIONE [1]
rilevati per via dell'opzione posta a false) pu causare un comportamento
inatteso da parte del parser.

FORCE_LA_CHECK: Opzione booleana che controlla il rilevamento


dell'ambiguit tramite lookahead effettuato da JavaCC. Per default (false), il
rilevamento viene effettuato per tutti i punti di scelta dove il lookahead di
default pari a 1, mentre non viene effettuato nei punti dove c' un'esplicita
specifica di lookahead oppure se l'opzione LOOKAHEAD sia settata ad un valore
diverso da 1. Mettendo l'opzione a true si effettuano i controlli in ogni punto a
prescindere dalle specifiche di lookahead nel file.

COMMON_TOKEN_ACTION: Opzione booleana (default false). Quando viene


settata a true, ogni chiamata al metodo getNextToken() causa una
chiamata ad un metodo CommonTokenAction() definito dall'utente, dopo
che il token sia stato accettato dal token manager. L'utente deve definire questo
metodo nella sezione TOKEN_MGR_DECLS. La firma del metodo la seguente:
void CommonTokenAction(Token t)

CACHE_TOKENS: Opzione booleana (default false). Quando viene settata a


true, il parser effettua il lookahead di token supplementari in anticipo.
Questo apporta miglioramenti delle prestazioni. Tuttavia, in tale caso,
potrebbero non funzionare le applicazioni interattive dato che il parser ha
bisogno di lavorare in maniera sincrona con la disponibilit di token dal flusso
di input. In tali casi, meglio lasciare l'opzione al suo valore di default.

OUTPUT_DIRECTORY: Opzione a valori stringa che ha come default la directory


corrente. Serve a cambiare la directory ove andranno posti i file generati.

In maniera forse contro-intuitiva, i nomi delle opzioni non sono case-sensitive.

1.4.2 PRODUZIONI
Le produzioni del file
regola:
produzione ::=
|
|
|

di specifica sono di quattro tipi, come evidenziato dalla metaprod_javacode


prod_espr_regolare
prod_bnf
dic_token_manager

Le produzioni JAVACODE (prod_javacode) e le BNF (prod_bnf) sono usate per


definire la grammatica dalla quale si genera il parser. Le produzioni di espressioni
regolari (prod_espr_regolare) vengono usate per indicare i token della
grammatica dai quali si genera il token manager (assieme alle specifiche di token
inserite direttamente nelle regole grammaticali (inline) per il parser). Infine le
dichiarazioni per il token manager (dic_token_manager) vengono usate per
introdurre dichiarazioni da inserire nel token manager da generare.

15

[2] ANALISI LESSICALE

[2] ANALISI LESSICALE

2.1 L'Analizzatore Lessicale


In un compilatore convenzionale l'analisi lessicale viene svolta da un modulo detto
scanner o lexer. JavaCC usa il termine token manager (gestore dei token). Il token
manager analizza il flusso di caratteri in input separando spezzoni detti token e
assegnando ad ogni token un suo tipo. Ad esempio, consideriamo il seguente
frammento di codice:
int main() {
/* programmino */
return 0; }
Il token manager potrebbe suddividere la stringa come segue: "int", " ", "main", "(",
")", " ", "{", "\n", "\t", "/* programmino */", "\n", "return", " ", "0", ";", " ",
"}" e EOF.
La spaziatura ed i commenti sono in genere scartati subito, quindi i token veri e propri
saranno: "int", "main", "(", ")", "{", "return", "0", ";", "}" e EOF. Ognuno viene
classificato in base al tipo. Ad es.: PCINT, ID, PARS, PARD, GRAFS, PCRETURN,
COSTINT, PEV, GRAFD. Ogni spezzone di testo viene rappresentato da un oggetto di
classe Token dai seguenti attributi:

.kind: il tipo di token codificato come intero;


.image: la stringa estratta dall'input
16

ANALISI LESSICALE [2]


ed alcuni altri.
La sequenza di oggetti Token viene prodotta basandosi sulle espressioni regolari nel
file .jj. Tale sequenza viene quindi inviata ad un oggetto di tipo Parser per ulteriori
elaborazioni.

2.2 Funzionamento del Token Manager


La specifica lessicale di JavaCC organizzata in un insieme di stati lessicali. Ogni stato
lessicale denominato con un identificatore. C' uno stato standard detto DEFAULT. Il
token manager in ogni istante in uno di questi stati. Quando il token manager viene
inizializzato, si parte con lo stato DEFAULT. Lo stato iniziale pu essere modificato
come parametro nella costruzione dell'oggetto token manager.
Ogni stato lessicale contiene una lista ordinata di espressioni regolari; l'ordine deriva
da quello in cui esse compaiono nella specifica. Ci sono quattro tipi di espressioni
regolari: SKIP, MORE, TOKEN, e SPECIAL_TOKEN.
Tutte le espressioni regolari che occorrono nelle unit di espansione della sintassi (cfr.
3.2.1) sono considerate appartenere allo stato DEFAULT ed il loro ordine di occorrenza
dipende dalla loro posizione nel file di specifica.
La corrispondenza con un token viene trovata come segue: tutte le espressioni regolari
nello stato lessicale corrente sono considerate come candidate potenziali. Il token
manager consuma il massimo numero di caratteri del flusso di input che corrispondano
a quelli previsti dall'espressione. Ossia, il token manager preferisce la corrispondenza
pi lunga possibile. Se ci sono diverse possibilit di pari lunghezza, l'espressione
regolare trovata quella che viene prima nell'ordine di apparizione nel file di specifica.
Come detto, il token manager sempre in un unico stato lessicale. In ogni dato
momento, il token manager considera esclusivamente le espressioni regolari relative
allo stato corrente. Dopo averne trovato uno, si pu specificare un'azione da eseguire
ed anche un nuovo stato in cui transitare. Se non viene specificato un nuovo stato
lessicale il token manager resta nello stato corrente.
Il tipo d'espressione regolare specifica cosa fare quando la corrispondenza con
l'espressione viene trovata:
SKIP semplicemente scarta la stringa trovata (dopo aver eseguito l'eventuale azione
lessicale).
MORE continua portandosi dietro la stringa trovata (eventualmente cambiando
stato). La stringa costituir un prefisso della nuova stringa da trovare.
TOKEN Crea un token usando la stringa trovata da mandare al parser (o comunque
dal chiamante).
SPECIAL_TOKEN Crea un token speciale che non partecipa al parsing (vedi pi
avanti).

17

2.2 FUNZIONAMENTO DEL TOKEN MANAGER


Quando si riscontra la fine del file, questo causa la creazione del token <EOF> (a
prescindere dallo stato corrente dell'analizzatore lessicale). per, se viene trovato un
<EOF> in mezzo alla corrispondenza con un'espressione regolare, o subito dopo il
match con un'espressione regolare MORE, viene riportato un errore.
Dopo che stata trovata la corrispondenza con un'espressione regolare, l'eventuale
azione lessicale viene eseguita. Tutte le variabili e i metodi dichiarati nella sezione
TOKEN_MGR_DECLS (cfr. 2.7) sono disponibili per l'uso. In aggiunta, le variabili e i
metodi elencati di seguito possono essere utilizzati. Subito dopo, il token manager
cambia lo stato se ne specificato uno nuovo. Quindi si intraprende l'azione specificata
dal tipo di espressione regolare (SKIP, MORE, ... ). Se il tipo TOKEN, il token trovato
viene restituito. Se SPECIAL_TOKEN, il token trovato viene salvato per essere
restituito assieme al prossimo token trovato.

2.3 Dichiarazioni
Riprendendo il discorso fatto per le produzioni (cfr. 1.4.2) la regola per le
dichiarazioni del token manager risulta la seguente:
dic_token_manager ::=
"TOKEN_MGR_DECLS" ":" blocco
La sezione delle dichiarazioni del token manager inizia con la parola riservata
TOKEN_MGR_DECLS seguita da ":" e quindi da un blocco di dichiarazioni e istruzioni in
Java (blocco). Tali dichiarazioni ed istruzioni verranno trascritte nel token manager e
sono accessibili attraverso le azioni lessicali (descritte nel seguito). In ogni file di
specifica ci pu essere una sola sezione delle dichiarazioni.

2.4 Token: Regole per Espressioni Regolari


Una regola per espressioni regolari serve a definire entit lessicali che vengono
elaborate dal token manager generato. La meta regola che la descrive la seguente:
regola_ER
::=
[lista_stati_lessicali]
tipo_ER [ "[" "IGNORE_CASE" "]" ] ":"
"{" specificaER ( "|" specificaER )* "}"
Una regola per espressioni regolari inizia con la specifica (opzionale) di stati lessicali ai
quali si applica (lista_stati_lessicali). Lo stato lessicale standard viene
denominato DEFAULT. Qualora non esistano altri stati tutto implicitamente avviene in
tale stato. Segue una descrizione del tipo di espressone regolare. Quindi, pu essere
presente l'indicazione opzionale IGNORE_CASE ad indicare che non si far differenza
tra minuscole e maiuscole nel riconoscimento dell'espressione regolare - stesso effetto
dell'opzione IGNORE_CASE, tranne che nella regola si applica localmente anzich
globalmente per tutte le espressioni regolari. Segue infine una lista di specifiche di
espressioni regolari che descrivono in maggior dettaglio le entit lessicali di questa
regola.

18

ANALISI LESSICALE [2]


2.4.1 STATI LESSICALI
La lista degli stati lessicali descrive l'insieme di stati ai quali si applicano le successive
regole di espressioni regolari. Gli stati lessicali vengono elencati seguendo la metaregola:
lista_stati_lessicali ::=
"<" "*" ">"
|
"<" id ( "," id )* ">"
Usando la forma "<*>", la regola si applica a tutti gli stati. Altrimenti si applica a tutti
gli stati nella lista di identificatori, separati da virgole, posta tra parentesi angolari.

2.4.2 TIPI DI ESPRESSIONI REGOLARI


Per specificare la tipologia delle regole per espressioni regolari, questi si possono
indicare in quattro modi
tipo_ER ::= "TOKEN" | "SPECIAL_TOKEN" | "SKIP" | "MORE"
che possono essere cos spiegati:

TOKEN: l'espressione regolare della regola descrive un token del linguaggio. Il


token manager crea un oggetto Token per ogni corrispondenza trovata con tale
espressione e lo restituir al parser;

SPECIAL_TOKEN: l'espressione regolare descrive token speciali che sono simili


ai token tranne che per il fatto di non avere significato ai fini del parsing - le
produzioni BNF li ignorano. I token speciali sono comunque passati al parser
in modo che questo possa utilizzarli. Precisamente vengono passati in
congiunzione con i token normali nelle vicinanze attraverso il campo
specialToken della classe Token. I token speciali sono utili all'elaborazione
di lessemi come i commenti che non hanno significato per il parsing ma
servono al file in input;

SKIP: le corrispondenti espressioni regolari della


semplicemente saltate (ignorate) dal token manager;

MORE: A volte utile costruire gradualmente un token da passare al parser. Le


corrispondenze con questo tipo di espressioni regolari viene salvata in un
buffer fino alla corrispondenza con TOKEN o SPECIAL_TOKEN. Quindi tutte le
corrispondenze nel buffer e i TOKEN/SPECIAL_TOKEN finali vengono
concatenate per formare un unico TOKEN/SPECIAL_TOKEN che viene passato
al parser. Se invece si incontra una corrispondenza con una regola di SKIP il
contenuto del buffer viene eliminato.

regola

vengono

2.4.3 SPECIFICA DI ESPRESSIONI REGOLARI


La specifica delle espressioni regolari inaugura la sezione dedicata alle entit che fanno
parte del lessico. Ogni produzione per un'espressione regolare pu contenere un
qualunque numero di specifiche di espressioni regolari. Le specifiche seguono la metaregola:

19

2.4 TOKEN: REGOLE PER ESPRESSIONI REGOLARI


specificaER ::= ER [ blocco ] [ ":" id ]
Ogni specifica contiene un'espressione regolare, eventualmente seguita da un blocco di
istruzioni Java (azione lessicale). Si pu infine indicare uno stato lessicale d'arrivo
(separato dai due punti). Ogni volta che si trovi la corrispondenza dell'input con
l'espressione regolare si esegue l'eventuale azione lessicale seguita dalle azioni comuni
a tutti i token. Quindi si intraprende l'azione che pu dipendere dal tipo di token.
Infine, se stato specificato anche uno stato lessicale, il token manager transita in
quello stato per continuare la sua elaborazione (lo stato di partenza sempre
DEFAULT).
ER ::= stringa_java
|
"<" [ [ "#" ] id ":" ] scelte_complesse_ER ">"
|
"<" id ">"
|
"<" "EOF" ">"
Le espressioni regolari possono essere inserite in due punti del file della grammatica:

In una specifica di espressione regolare come parte di una regola di produzione


relativa;

In un'unit d'espansione. In questo caso come se l'espressione regolare fosse


definita nella posizione data:
<DEFAULT>
TOKEN:
{
ER
}
e quindi si pu poi farvi riferimento attraverso la sua etichetta (riutilizzo).

Il primo tipo di espressione regolare quello del letterale-stringa. Il flusso di caratteri


in input trova corrispondenza con una simile espressione regolare se il token manager
in uno stato lessicale per il quale prevista tale espressione e la prossima stringa di
caratteri uguale alla stringa (a volte senza riferimento alla differenza
maiuscole/minuscole).
Una espressione regolare potrebbe di tipo complesso. Questo tipo di espressioni
vengono inserite tra parentesi angolari "<...>" ed essere etichettate con un
identificatore. Questa etichetta potr poi essere impiegata per riferirsi all'espressione
regolare dall'interno di unit d'espansione o da altre espressioni regolari. Se l'etichetta
preceduta da una "#", si tratta di una espressione regolare privata, e si potr usare
l'etichetta solo da parte di altre espressioni e non di espansioni.
Un'espressione regolare pu fare da riferimento ad altre espressioni etichettate nel
qual caso viene scritta come l'etichetta racchiusa tra parentesi angolari "<...>".
Infine, un'espressione regolare pu rappresentare un riferimento all'espressione
regolare predefinita <EOF> che corrisponde alla condizione di fine file.
Le espressioni regolari private non sono trattate come i token da parte del token
manager. Il loro scopo esclusivamente la facilitazione della definizione di altre

20

ANALISI LESSICALE [2]


espressioni pi complesse. Si consideri ad esempio la seguente definizione dei letterali
floating-point in Java:
TOKEN :
{
< LETTERALE_FLOATING_POINT:
(["0"-"9"])+ "." (["0"-"9"])* (<ESP>)?
(["f","F","d","D"])?
| "." (["0"-"9"])+ (<ESP>)? (["f","F","d","D"])?
| (["0"-"9"])+ <ESP> (["f","F","d","D"])?
| (["0"-"9"])+ (<ESP>)? ["f","F","d","D"]
>
| < #ESP: ["e","E"] (["+","-"])? (["0"-"9"])+ >
}
Nell'esempio, il token LETTERALE_FLOATING_POINT definito usando la definizione
di un altro token, ESP. Il carattere "#" che precede l'etichetta ESP indica che questa
esiste solo allo scopo di definire altri token (LETTERALE_FLOATING_POINT in tal
caso). La definizione di LETTERALE_FLOATING_POINT non influenzata dalla
presenza o assenza di "#". Tuttavia, ci ha conseguenze per il comportamento del token
manager. Se si omette "#", il token manager riconoscer erroneamente stringhe come
E123 come token di tipo ESP (anzich come identificatori Java).
scelte_complesse_ER ::= ER_complessa
( "|" ER_complessa )*
Le scelte per le espressioni regolari complesse sono fatte da una lista di una o pi
espressioni complesse separate da "|". Per la corrispondenza basta il match con una
delle espressioni regolari costituenti.
ER complessa ::= ( unit_ER_complesse )*
Una espressione regolare complessa data da una sequenza di
unit_ER_complessa. Per il match bisogna trovare la corrispondenza multipla di
pi unit complesse concatenate.
Queste unit sono descritte dalla meta-regola:
unit_ER_complessa
::=
stringa
|
"<" id ">"
|
lista_caratteri
|
"(" scelte_ER_complesse ")"
[ "+" | "*" | "?" ]
Una unit di espressione regolare complessa pu essere un letterale stringa, nel qual
caso il token manager deve trovare la corrispondenza esatta con la stringa.
Una unit di espressione regolare complessa pu essere un riferimento ad un'altra
espressione regolare che sar stata etichettata per cui possiamo farvi riferimento. I
riferimenti non devono creare cicli nei mutui rapporti di dipendenza tra i token.
Una unit di espressione regolare complessa pu essere costituita da una lista di
caratteri (da intendersi come insieme). La corrispondenza che deve essere trovata con
uno dei caratteri consentiti dalla lista.

21

2.4 TOKEN: REGOLE PER ESPRESSIONI REGOLARI


Una unit di espressione regolare complessa pu essere data da un insieme di scelte di
espressioni complesse poste tra parentesi. In tal caso, la corrispondenza da trovare
con una delle scelte. Le scelte tra parentesi possono avere uno dei tre suffissi
(opzionali):

"+": la corrispondenza avviene con una o pi ripetizioni delle espressioni tra


parentesi;

"*": la corrispondenza avviene con zero o pi ripetizioni delle espressioni tra


parentesi;

"?": la corrispondenza avviene con la stringa vuota o con una delle espressioni
tra parentesi.

Si noti che diversamente dalle espansioni BNF, l'espressione regolare "[...]" non
equivale a "(...)?". Ci perch si usa il costrutto [...] per descrivere liste di caratteri
nelle espressioni regolari.
Una lista di caratteri descrive un set di caratteri, ed definita attraverso la seguente
meta-regola:
lista_caratteri ::=
[ "~" ] "["
[ descrittore_caratteri ( ","
descrittore_caratteri )* ] "]"
Essa consiste in una lista di descrittori di caratteri separati da virgole ed includa tra
quadre. Ogni descrittore descrive un singolo carattere od un intervallo Se viene
anteposto il prefisso "~", l'insieme da intendersi complementato (rispetto all'insieme
dei caratteri UNICODE).
Formalmente il descrittore segue la meta-regola:
descrittore_caratteri ::= stringa [ "-" stringa ]
Un descrittore pu essere dato da una stringa di un solo carattere, nel qual caso
descrive l'insieme composto da quel solo carattere, oppure da due caratteri separati da
un "-", nel qual caso descrive un intervallo che comprende tutti i caratteri, estremi
compresi.

2.5 Prefissi Comuni


Ci sono tre regole da seguire per scegliere l'espressione regolare da usare per
identificare il prossimo token:
1.

l'espressione regolare deve descrivere un prefisso del rimanente flusso di


caratteri in ingresso;

2. se pi di un'espressione descrive tale prefisso, allora l' espressione regolare che


descrive il prefisso pi lungo viene utilizzata. (Questa regola si chiama anche
"maximal munch rule".)
3. se pi di un' espressione regolare descrive il prefisso pi lungo, allora l' si usa
l'espressione regolare che viene prima nel file .jj.

22

ANALISI LESSICALE [2]


Esempio: Si supponga di dover analizzare codice Java, (ovvero anche C, o C++). Le
prossime tre espressioni regolari potrebbero essere previste in una specifica:
TOKEN : { < PLUS : "+" > }
TOKEN : { < ASSIGN : "=" > }
TOKEN : { < PLASSIGN : "+=" > }

Si supponga anche che l'input stream cominci con "+=1;

..."

La regola 1 taglia fuori la seconda produzione. La regola 2 dice di preferire la terza alla
prima. L'ordine delle produzioni non ha effetto in questo esempio.
Esempio: Soffermandoci su Java, (o C, o C++), si supponga di avere le produzioni di
espressioni regolari
TOKEN : { < KWINT : "int" > }
TOKEN : { < IDENT : ["a"-"z","A"-"Z", "_"]
(["a"-"z","A"-"Z","0"-"9","_"])* > }
Si supponga anche che l'input stream cominci con "integer i; ", allora la seconda
produzione sarebbe preferita per la regola 2. Ma se la parte restante fosse "int
i; ...", allora tale regola non sarebbe d'aiuto, dato che entrambe le produzioni
avrebbero in comune un prefisso di lunghezza 3. In tal caso la produzione KWINT viene
preferita (regola 3) perch viene prima nella specifica.

2.6 La Classe dei Token


La classe Token rappresenta il tipo degli oggetti creati dal token manager dopo una
scansione dell'ingresso. Tali oggetti sono passati al parser ed anche le azioni
grammaticali possono manipolarli. I metodi getToken() e getNextToken() del
token manager consentono l'accesso agli oggetti di questa classe.
Ci sono due classi di token: normali e speciali:

I token normali sono token che vengono elaborati dal parser.

I token speciali sono altri token che non hanno rilevanza sintattica ma non
vengono scartati, come si farebbe ad esempio con i commenti.

Ogni oggetto di tipo token ha i seguenti campi:

int kind indice della classe di token nello schema di


rappresentazione interno di JavaCC. Quando i token hanno una
etichetta nella specifica per JavaCC, ad esempio <MAS: "+" >,
questa viene utilizzata per generare costanti intere (int) che si
possono usare nelle azioni. Il valore 0 viene usato sempre per
rappresentare il token <EOF> predefinito. Per convenzione, nel file
XXXConstants.jj si genera una costante "EOF".

int beginLine, beginColumn, endLine, endColumn indicano le


posizioni di inizio e fine del token, cos come appare nel flusso d'ingresso.

23

2.6 LA CLASSE DEI TOKEN

String image rappresenta l'immagine del token cos come appare nel flusso
d'ingresso.

Token next riferimento al prossimo token normale in ingresso. Se l'ultimo


token in ingresso, o se il token manager non ha letto token dopo di questo, il
prende il valore null. La descrizione interna valida solo se il token
normale.

Token specialToken si utilizza per accedere ai token speciali che occorrono


prima del token, ma dopo il token normale (non speciale) che lo precede
immediatamente. Se non esistono tali token speciali, questo campo prende il
valore null. Quando c' pi di un token speciale, questo campo si riferisce
all'ultimo dei detti token speciali, il qual fa riferimento al precedente, e cos nel
seguito fino ad arrivare al primo token speciale, il cui campo campo
specialToken null. I successivi campi di token speciali si riferiscono ad
altri token speciali che lo seguono immediatamente (senza frapposizione di un
token normale). Se tale token non esiste, il campo prende il valore null.

static final Token newToken(int ofKind) per default, il


comportamento consiste nel restituire un nuovo oggetto Token. Se si vogliono
far eseguire azioni speciali quando si costruisce un token o si creano ed
istanziano sottoclassi della classe Token, si pu ridefinire tale metodo in modo
appropriato. L'unica restrizione che questo metodo restituisce un oggetto di
tipo Token (o una sottoclasse di Token).

public final String toString() questo metodo restituisce il valore di


image.

2.7 Azioni Lessicali


2.7.1 VARIABILI
Prima di tutto vediamo quali variabili sono utilizzabili nelle azioni lessicali:
1. StringBuffer image (READ/WRITE): variabile di classe StringBuffer
(diversa dal campo "image" dei token) che contiene tutti i caratteri che sono
stati ritrovati dopo l'ultimo token di tipo SKIP, TOKEN, o SPECIAL_TOKEN. Si
liberi di fare qualunque cambiamento purch non le si assegni un valore nullo
(dato che questa variabile viene usata anche dal token manager). Se si fanno
cambiamenti ad image, questi si riverberano su tutti le seguenti
corrispondenze (se quella corrente con un token MORE). Il contenuto di
image non viene assegnato automaticamente al campo image del token
trovato. Se si vuole che questo accada, si deve operare l'assegnazione in modo
esplicito in un'azione relativa ad un'espressione regolare di tipo TOKEN o
SPECIAL_TOKEN. Esempio:

24

ANALISI LESSICALE [2]


<DEFAULT> MORE : { "a" : STATO1 }
<STATO1> MORE :
{
"b"
{ int l = image.length()-1;
^1
image.setCharAt(l,image.charAt(l).toUpperCase()); }
^2
: STATO2
}
<STATO2> TOKEN :
{
"cd" { x = image; } : DEFAULT
^3
}
In questo esempio, il valore di image nei tre punti contrassegnati da ^1, ^2, e
^3 sono:
In ^1: "ab"
In ^2: "aB"
In ^3: "aBcd"
2. int lengthOfMatch (READ ONLY): lunghezza del la stringa corrente di cui
stata trovata la corrispondenza (non si cumula con i token MORE). Tale
variabile non va modificata. Esempio: usando lo stesso esempio di prima, i
valori di "lengthOfMatch" sono:
In ^1: 1 ( lunghezza di "b")
In ^2: 1 (non cambia a causa delle azioni lessicali)
In ^3: 2 (lunghezza di "cd")
3. int curLexState (READ ONLY): indice dello stato lessicale corrente. Non
si dovrebbe modificare la variabile. Le costanti intere corrispondenti agli stati
lessicali sono generate nel file XXXConstants.java, per cui ci si pu riferire
agli stati senza ricordare il loro valore effettivo.
4. inputStream (READ ONLY): input stream di tipo appropriato (a scelta tra
ASCII_CharStream,
ASCII_UCodeESC_CharStream,
UCode_CharStream, o UCode_UCodeESC_CharStream a seconda del
valore delle opzioni UNICODE_INPUT e JAVA_UNICODE_ESCAPE). Lo stream
si trova sempre sull'ultimo carattere consumato per la corrispondenza. Si
possono chiamare i metodi previsti per inputStream. Ad esempio, si possono
invocare getEndLine e getEndColumn per leggere linea e colonna della
corrispondenza trovata. inputStream non pu essere modificato.
5. Token matchedToken (READ/WRITE): si usa in azioni associate ad
espressioni regolari per TOKEN e SPECIAL_TOKEN. Questo deve essere il token

25

2.7 AZIONI LESSICALI


da restituire al parser. Si pu modificare questa variabile facendo quindi
restituire qualcos'altro al parser invece del token originale. Qui si pu
assegnare il valore della variabile image a matchedToken.image. Questo il
moto tipico di far avere effetti all'esterno delle azioni lessicali ai cambiamenti
ad image. Esempio: se modifichiamo l'ultima specifica di espressione regolare
dell'esempio di cui sopra:
<S2> TOKEN :
{
"cd" { matchedToken.image = image.toString(); } : DEFAULT
}
Quindi il token restituito al parser avr il suo campo .image impostato a
"aBcd". Se tale assegnazione non fosse effettuata, allora nel campo .image
rimarrebbe "abcd".
6. void SwitchTo(int): metodo che commuta lo stato lessicale corrente in
quello indicato. Il metodo pu essere chiamato anche dalle azioni del parser
(oltre che da quelle lessicali). Tuttavia, bisogna stare attenti quando lo si invoca
dal parser dato che l'analisi lessicale potrebbe essere andata avanti di molti
token rispetto al parser in presenza di lookahead lunghi. Quando si usa il
metodo in un'azione lessicale, ci si deve assicurare di esso sia l'ultima
istruzione eseguita altrimenti si possono verificare comportamenti
indesiderati. Se c' un cambiamento di stato gi specificato con la sintassi ":
stato", esso prevale su tutte le chiamate a SwitchTo. In generale, si
dovrebbe ricorrere alla chiamata di tale metodo solo quando non si pu fare
altrimenti. Usando questo metodo di cambiamento di stato si perde un po' di
controlli sulla semantica che JavaCC esegue con la sintassi normale.

2.7.2 ESEMPI
Esempio 1: Commenti
SKIP :
{
"/*" : InCommento
}
<InCommento> SKIP :
{
"*/" : DEFAULT
}
<InCommento> MORE :
{
<~[]>
}

26

ANALISI LESSICALE [2]


Esempio 2: Stringhe con azioni per stamparne la lunghezza
TOKEN_MGR_DECLS :
{
int lungStringa;
}
MORE :
{
"\"" { lungStringa = 0;} : InStringa
}
<InStringa> TOKEN :
{
<STRLIT: "\"">
{System.out.println("|S| = " + lungStringa);} : DEFAULT
}
<InStringa> MORE :
{
<~["\n","\r"]> {lungStringa++;}
}

2.7.3 TOKEN SPECIALI E PARSER


I token speciali sono simili ai token normali tranne che per il fatto di poter comparire
ovunque nel file di input (tra qualsiasi coppia di token). I token speciali possono essere
specificati nel file di grammatica usando la parola riservata SPECIAL_TOKEN invece di
TOKEN:
SPECIAL_TOKEN :
{
<COMMENTO_SINGOLA_LINEA:
"//" (~["\n","\r"])* ("\n"|"\r"|"\r\n")>
}
Si pu accedere ad ogni espressione regolare definita come SPECIAL_TOKEN in un
modo speciale, usando azioni utente nella specifica lessicale e sintattica. Ci consente
di recuperare tali token durante il parsing mentre essi non vi partecipano.
JavaCC stato addestrato a usare questa caratteristica per copiare automaticamente i
commenti pi rilevanti nei file generati.

2.8 Evoluzione della Classe dei Token


La classe Token ha un nuovo campo addizionale :
Token specialToken;
tale campo punta al token speciale immediatamente precedente rispetto al token
corrente (speciale o normale). Se il token precedente normale (non uno speciale),
allora il campo nullo. I campi next dei token normali continuano ad avere lo stesso

27

2.8 EVOLUZIONE DELLA CLASSE DEI TOKEN


significato; ad es., puntare al prossimo token normale tranne le caso di un token EOF
dove il campo next risulta nullo. Il campo next dei token speciali puntano al token
speciale che segue immediatamente il token corrente. Se il token seguente normale, il
campo next impostato al valore nullo.
Questo pu risultare pi chiaro dal seguente esempio. Si supponga di voler stampare
tutti i token speciali prima del token "t" (ma solo quelli che seguono il token normale
prima di "t"):
// ritorno al chiamante: non ci sono token speciali
if (t.specialToken == null) return;
// torna indietro nella catena di token speciali fino
// al primo che segue il token normale precedente
Token tmp_t = t.specialToken;
while (tmp_t.specialToken != null)
tmp_t = tmp_t.specialToken;
// ciclo che percorre la catena in avanti
// stampando i token man mano
while (tmp_t != null) {
System.out.println(tmp_t.image);
tmp_t = tmp_t.next;
}

2.9 Analisi Lessicale Efficiente


Ci sono varie maniere per scrivere la specifica lessicale in una grammatica. Le
prestazioni del token manager generato variano in modo significativo a seconda di
come la si scrive. Nel seguito sono presentata alcune linee guida:

Si provi a specificare quante pi stringhe (letterali) sia possibile. Queste


vengono riconosciute da un automa a stati finiti deterministico (Deterministic
Finite Automata, DFA), che molto pi veloce di quello non-deterministico
(Nondeterministic Finite Automata, NFA) che serve a riconoscere tipi pi
complessi di espressioni regolari. Ad esempio, per saltare spaziatura
tabulazioni e ritorni a capo:
SKIP : { " " | "\t" | "\n" }
il token manager risulter pi veloce del caso:
SKIP : { < ([" ", "\t", "\n"])+ > }
perch nel primo caso si hanno solo stringhe letterali, e si genera un
(simulatore di) DFA mente nel secondo caso verr generato un (simulatore di)
NFA.
Si provi ad usare il pattern ~[] da solo il pi possibile. Ad esempio, scrivere:
MORE : { < ~[] > }
va meglio della maniera seguente:
TOKEN : { < (~[])+ > }

28

ANALISI LESSICALE [2]

Naturalmente se la grammatica impone che uno di questi non possa essere


usato, allora non c' scelta, ma si deve provare ad usare il costrutto < ~[] >
tutte le volte che sia possibile.
Conviene specificare tutte le stringhe letterali in ordine di lunghezza crescente,
ossia le pi corte vanno prima delle pi lunghe. Questo aiuta l'ottimizzazione
dei vettori di bit utilizzati per tali stringhe.
Si provi a minimizzare l'uso degli stati lessicali. Dovendoli usare provare a
mettere tutte le espressioni regolari pi complesse in un unico stato lessicale,
lasciando agli altri il riconoscimento di stringhe letterali semplici.
Si raccomanda di usare IGNORE_CASE con giudizio. La cosa migliore da fare
impostare quest'opzione a livello grammaticale. Qualora non fosse possibile, si
provi ad impostarla per tutte le espressioni regolari di uno stato lessicale. In
uno stesso stato lessicale si registra un grosso degrado di prestazioni quando
s'imposta IGNORE_CASE con alcune espressioni regolari e non per altre.
Si provi a saltare (sezione token SKIP) il pi possibile, se certi pattern non
interessano. Qui, serve un po' di cautela sull'EOF: trovare un EOF dopo un
token di tipo SKIP va bene mentre trovare un EOF dopo un token MORE
comporta un errore lessicale.
Evitare di specificare azioni lessicali con specifiche MORE. Generalmente ogni
MORE dovrebbe terminare alla fine con un TOKEN (o SPECIAL_TOKEN) per cui
si pu compiere un'azione in questo punto a livello di TOKEN, se possibile.
Evitare anche azioni lessicali e cambi di stato lessicale con le specifiche SKIP
(specialmente per SKIP di un singolo carattere come " ", "\t", "\n" ecc.). In
tali casi, viene generato un ciclo semplice per consumare i caratteri singoli
saltati. Cos ovviamente, se c' un'azione lessicale o un cambiamento di stato
associato con questo, non possibile far cos.
Evitare di avere una scelta di stringhe letterali per lo stesso token, ad esempio:
< NONE : "\"none\"" | "\'none\'" >
Invece, conviene prevedere due diversi tipi di token per questo caso e usare un
non-terminale che rappresenta una scelta tra queste possibilit. L'esempio
precedente diventa:
< NONE1 : "\"none\"" >
|
< NONE2 : "\'none'\" >
definendo un non-terminale chiamato None() come segue :
void None() : {} { <NONE1> | <NONE2> }
Questo rende il riconoscimento molto pi veloce. Notare comunque, che se la
scelta tra due complicate espressioni regolari, va bene conservare la scelta.

29

[3] ANALISI SINTATTICA

[3] ANALISI SINTATTICA

3.1 Produzioni Javacode


Una regola di produzione Javacode una maniera per scrivere alcune produzioni sotto
forma di codice Java invece delle consuete espansioni EBNF (vedere 3.2.1). Ci risulta
utile quando si deve riconoscere qualcosa che non esattamente libero da contesto o,
per qualsivoglia ragione, non risulti agevola da scrivere in forma grammaticale. La
meta-regola relativa alle produzioni Javacode:
prod_javacode ::= "JAVACODE" mod_accesso tipo
id "(" listaParam ")" blocco
Un esempio d'uso di una produzione Javacode viene mostrato di seguito. nell'esempio,
il non-terminale "saltaAllaGraffaCorrispondente" consuma token del flusso di
input fino alla graffa di chiusura (si assume di aver appena scandito quella d'apertura):
JAVACODE

30

ANALISI SINTATTICA [3]


void saltaAllaGraffaCorrispondente() {
Token tok;
int annidamento = 1;
while (true) {
tok = getToken(1);
if (tok.kind == GRAFFAS)
annidamento++;
if (tok.kind == GRAFFAD) {
annidamento--;
if ( annidamento == 0) break;
}
tok = getNextToken();
}
}
Occorre comunque muoversi con cautela: mentre da un lato tali produzioni sono molto
espressive, JavaCC le considera semplicemente come scatole nere (che svolgono in
qualche modo sconosciuto un compito di parsing). Pu sorgere qualche problema
quando le produzioni JAVACODE appaiono nei punti di scelta. Ad esempio utilizzando
la produzione dell'esempio precedente in un'altra produzione:
void NT() :
{}
{
saltaAllaGraffaCorrispondente()
|
altraProduzione()
}
JavaCC non saprebbe cosa scegliere tra le due possibilit. D'altro canto, se la
produzione JAVACODE venisse usata in un punto senza scelta non ci sarebbero
problemi, come nel seguente esempio:
void NT() :
{}
{
"{" saltaAllaGraffaCorrispondente()
|
"(" listaParametri() ")"
}
Gli usi delle produzioni JAVACODE potrebbero essere preceduti nei punti di scelta
anche da direttive LOOKAHEAD sintattiche o semantiche, come mostrato
nell'esempio:
void NT() :
{}
{
LOOKAHEAD( {erroreOccorso}
saltaAllaGraffaCorrispondente()
|
"(" listaParametri() ")"
}
Il modificatore d'accesso di default per le produzioni JAVACODE privato.

31

3.2 PRODUZIONI BNF

3.2 Produzioni BNF


La maniera standard per specificare la grammatica di un linguaggio per JavaCC
quella di scrivere produzioni BNF. Esse hanno una forma descritta dalla seguente
meta-regola:
prod_bnf ::=
modificatore
tipo id "("lista_parametri")" ":"
blocco "{" scelte_espansione "}"
Ogni produzione BNF ha una parte sinistra che specifica un non-terminale. La
produzione definisce tale non-terminale in termini di espansioni BNF che trovano
posto nella parte destra. Il non-terminale viene scritto esattamente come un metodo
Java, dato che ogni terminale verr convertito esattamente in un metodo nel parser
risultante. Il nome del non-terminale il nome del metodo, mentre i parametri ed il
tipo specificato servono ad indicare il modo per passare valori su o gi per l'albero di
parsing. Come mostrato in seguito, i non terminali a destra sono da intendersi come
chiamate dei metodi corrispondenti con gli opportuni parametri da passare e valori da
restituire. La modalit d'accesso di default di tali metodi public.
Ci sono due sezioni nella parte destra di una produzione BNF. La prima sezione
costituita da un insieme di dichiarazioni arbitrarie e di codice Java che andranno a far
parte del corpo del metodo. Tale codice viene inserito all'inizio del metodo relativo al
non-terminale. Ogni volta che questo verr invocato, durante il processo di parsing, tali
dichiarazioni o codice saranno eseguiti. Le dichiarazioni sono visibili da parte del
codice di tutte le azioni inserite nelle espansioni BNF. JavaCC non modifica in alcun
modo tali dichiarazioni o codice, ricopiando tutto il testo fino alla chiusura del blocco.
Pertanto, il compilatore Java potrebbe trovare errori in questa sezione dopo che questa
sia stata elaborata da JavaCC. La seconda sezione della parte destra costituita dalle
espansioni BNF.

3.2.1 ESPANSIONI BNF


Un'espansione si scrive come sequenza di unit d'espansione:
espansione ::= ( unit_espansione )*
L'espansione s'intende interamente analizzata quando lo siano state tutte le sue unit
componenti.
Ad esempio, l'espansione "{" decls() "}" consiste di tre unit - "{", decls() e
"}". Una corrispondenza per l'espansione equivale alla concatenazione delle
corrispondenze per le singole unit in tal caso, sarebbe costituita da qualunque
stringa che inizi con una "{", termini con una "}" e tra queste preveda la
corrispondenza con una sotto-stringa riconosciuta da decls().
In dettaglio un'unit d'espansione ha la forma prescritta dalla meta-regola seguente:
unit_espansione ::= lookahead_locale
| blocco
| "(" scelte_espansione ")"
[ "+" | "*" | "?" ]

32

ANALISI SINTATTICA [3]


|
|
|

"[" scelte_espansione "]"


[p_sinistra_assegnazione "=" ] ER
[p_sinistra_assegnazione "=" ] id
"(" lista_espressioni ")"

Un'unit pu essere data da una specifica locale di lookahead (cfr. 3.2.2). Questo
spiega al parser generato come effettuare le scelte nei punti idonei.
Un'unit potrebbe essere anche data da un insieme di dichiarazioni Java e codice tra
graffe (un blocco). Questa forma si dice anche azione del parser. Essa viene generata
nel metodo del non-terminale in punti specifici. Il blocco viene eseguito tutte le volte
che il processo di analisi superi tale punto con successo. Quando JavaCC elabora il
blocco, non opera alcun controllo sintattico o semantico. Pertanto possibile che il
compilatore Java trovi errori nelle azioni dopo che queste siano state elaborate da
JavaCC. Si noti che le azioni non vengono eseguite durante la valutazione del
lookahead.
Una unit potrebbe essere costituita da un insieme posto tra parentesi di una o pi
scelte d'espansione. In tal caso, perch l'unit sia stata correttamente analizzata basta
che lo sia stata una delle sue scelte. L'insieme di scelte pu essere seguito dai seguenti
suffissi (opzionali):

"+": indica la ripetizione di una o pi scelte d'espansione

"*": indica la ripetizione di una o pi scelte d'espansione;

"?": indica indica l'opzionalit di una scelta d'espansione; in alternativa si pu


racchiudere le scelte tra parentesi quadre "[...]".

Un'unit pu essere anche costituita da una espressione regolare. In tal caso ogni token
che corrisponda all'espressione va bene per il parsing. Quando la corrispondenza viene
trovata, si crea un oggetto di tipo Token accessibile se assegnato ad una variabile
anteponendo all'espressione regolare "id_variabile =". In generale, si pu avere
qualunque parte sinistra di assegnazione valida prime di "=". Tale assegnazione non
viene attuata durante la valutazione del lookahead.
Un'unit, infine, potrebbe essere costituita da un non-terminale. In tal caso, prende la
forma di chiamata del metodo relativo a quel non-terminale. Se l'analisi del nonterminale va a buon fine lavorando sui i parametri della chiamata viene restituito un
valore (a meno che il tipo restituito dal metodo non sia "void"). Il valore restituito pu
opzionalmente esser assegnato ad una variabile nel modo visto in precedenza. Anche in
tal caso, Tale assegnazione non viene attuata durante la valutazione del lookahead. I
non-terminali non possono essere usati in un espansione in modo da introdurre
ricorsione-sinistra. JavaCC effettua questo controllo per l'utente.

3.2.2 LOOKAHEAD LOCALE


Una specifica di lookahead locale serve ad influenzare il modo in cui il parser generato
operer le scelte nei punti designati della grammatica. La specifica ha la forma
prescritta dalla seguente meta-regola:

33

3.2 PRODUZIONI BNF


lookahead_locale ::= "LOOKAHEAD"
"(" [ intero ]
[ ","[ scelte_espansione ]
[ "," [ "{"espressione"}" ]
")"
Una specifica di lookahead locale inizia con la parola riservata "LOOKAHEAD" seguita da
una serie di vincoli di lookahead tra parentesi tonde. Ci sono tre diversi tipi di vincoli
il limite di lookahead (costante intera), lookahead sintattico (scelte d'espansione) e il
lookahead semantico (l'espressione tra graffe). Almeno uno di tali vincoli deve essere
presente e se ce n' pi d'uno, essi vanno separati da virgole.
Segue una breve descrizione di ogni tipo di vincolo. In 4 la questione del lookahead
viene trattata in maggior dettaglio

Limite di lookahead: massimo numero di token di lookahead da usare per la


scelta. Questo valore prevale su quello di default specificabile attraverso
l'opzione LOOKAHEAD. Il limite di lookahead vale solo per punti di scelta nel
punto dato. Se la specifica di lookahead locale non si trova su un punto di
scelta, tale limite viene ignorato.

Lookahead sintattico: Espansione o scelte d'espansione usata per determinare


se sia il caso o meno di intraprendere la scelta presso la quale stato apposto
tale vincolo. Se non viene fornita alcuna specifica, il parser usa l'espansione da
selezionare durante l'elaborazione del lookahead. Se la specifica di lookahead
locale non si trova su un punto di scelta, tale limite viene ignorato.

Lookahead semantico: espressione booleana valutata quando il parser passa


per il dato punto. Se l'espressione risulta vera, il parsing continua
normalmente. Se l'espressione risulta falsa la specifica di lookahead locale
su un punto di scelta, la scelta corrente non viene intrapresa e si passa a
considerare la prossima. Se l'espressione false ma la specifica non su un
punto di scelta, allora il parsing termina con un errore. Diversamente dai
vincoli degli altri due tipi, che vengono ignorati nei punti di non-scelta, quelli
semantici sono sempre valutati. Di fatto, il lookahead semantico viene valutato
anche se viene incontrato durante la valutazione di alcuni altri controlli
sintattici sul lookahead (vedi 4).

Valori di default per i vincoli di lookahead: Se si fornisce una specifica locale di


lookahead, ma non sono stati inclusi tutti i vincoli, quelli mancanti si vedranno
assegnati valori di default nel modo seguente:

Se non stato fornito il limite e si fornisce un vincolo sintattico allora il limite


ha per default il massimo intero (2147483647). Questo serve ad implementare
una sorta di "lookahead infinito" - ossia, si considerano in anticipo tanti token
quanti ne sono necessari per trovare la corrispondenza con il vincolo sintattico
fornito.

Se non stato fornito n il limite di lookahead ne la specifica sintattica (ma


solo quella semantica), il limite ha per default 0. ci significa che il lookahead
sintattico non viene eseguito ma solo quello semantico.

34

ANALISI SINTATTICA [3]

Se il vincolo sintattico non viene fornito, ha per default la scelta per la quale si
applica la specifica locale di lookahead. Se tale specifica non presso un punto
di scelta, allora il lookahead sintattico viene ignorato - per cui il valore di
default non rilevante.

Se il lookahead semantico non viene fornito, il default pari a "true".

35

[4] LOOKAHEAD

[4] LOOKAHEAD

Questo capitolo si basa sugli esempi della distribuzione ufficiale di JavaCC contenti
nella sotto-directory examples/Lookahead della directory degli esempi.

4.1 Lookahead: Cos', a che Serve.


Il lavoro del parser consiste nel leggere da un flusso di caratteri in input e determinare
se tale input si conforma alla grammatica del linguaggio specificato.
Questo lavoro potrebbe essere, nella sua forma pi generale, molto dispendioso. Si
consideri l'esempio seguente (Example1.jj):
void Input() :
{}
{
"a" BC() "c"
}
void BC() :
{}
{
"b" [ "c" ]
}
In questo semplice esempio, abbastanza chiaro che ci sono esattamente due stringhe
che corrispondano alla grammatica, e cio abc e abcc.

36

LOOKAHEAD [4]
La maniera generale per trovare questa corrispondenza quella di muoversi attraverso
la grammatica basandosi sulle stringhe, come segue. Nel seguito si user "abc" come
stringa di input:
Passo 1. C' una sola scelta il primo carattere in input dev'essere una 'a' e
dato che proprio il nostro caso, si va avanti.
Passo 2. Si procede col non-terminale BC. Qui, di nuovo, c' una sola
possibilit per il prossimo carattere in input dev'essere una 'b'. L'input
corrisponde e si va avanti.
Passo 3. Si ora ad un punto di scelta" nella grammatica. Si pu entrare nel
costrutto [...] e trovare la corrispondenza, oppure ignorarlo del tutto.
Decidiamo di provare ad entrare. Per cui il prossimo carattere dev'essere una
'c'. Si va avanti.
Passo 4. Si completato il lavoro con il non-terminale BC e si torna al nonterminale Input. Ora la grammatica dice che il prossimo carattere dev'essere
un altro 'c'. Ma non ci sono pi caratteri in input. Pertanto sorge un problema.
Passo 5. Con un simile problema nel caso generale, si conclude che potrebbe
essere stata operata una scelta sbagliata in passato. In questo caso, si
sbagliato al Passo 3. Per cui si torna indietro al Passo 3 e si prova a fare una
scelta diversa. Tale processo si chiama "backtracking".
Passo 6. Si torna quindi indietro per operare l'altra scelta al Passo 3 - cio,
ignorare il contenuto di [...]. S' completato cos il lavoro su BC e si torna al
non-terminale Input. Ora la grammatica dice che il prossimo carattere
dev'essere ancora un altra 'c'. Il prossimo carattere in input proprio una 'c',
per cui si va avanti.
Passo 7. Si constata ora di aver raggiunto con successo la fine dell'analisi
sintattica (fine del non-terminale Input). Ci significa che si riconosciuta
correttamente la stringa "abc" in base alla grammatica.
Come indica questo esempio, la soluzione del problema dell'analisi sintattica in
generale potrebbe richiedere molto backtracking e tornare su vecchie scelte risulta
un'attivit dispendiosa. Il tempo richiesto dipende molto anche dal modo in cui
definita la grammatica: per lo stesso linguaggio possono essere proposte molte
grammatiche equivalenti.
Ad esempio, la grammatica seguente accelera il parsing dello stesso linguaggio rispetto
alla grammatica data precedentemente:
void Input() :
{}
{
"a" "b" "c" [ "c" ]
}
invece la grammatica che segue peggiorerebbe le prestazioni ancora di pi dato che
costringe il parser a tornare indietro e ricominciare tutto daccapo:

37

4.1 LOOKAHEAD: COS', A CHE SERVE.


void Input() :
{}
{
"a" "b" "c" "c"
|
"a" "b" "c"
}
Un'ulteriore grammatica equivalente potrebbe essere la seguente:
void Input() :
{}
{
"a" ( BC1() | BC2() )
}
void BC1() :
{}
{
"b" "c" "c"
}
void BC2() :
{}
{
"b" "c" [ "c" ]
}
Questa grammatica pu generare "abcc" in due modi, ed pertanto considerata
ambigua".
Le prestazioni offerte dal meccanismo di backtracking non sono accettabili in generale
ed in particolare per un parser. Per cui la maggior parte dei parser non adotta il
backtracking in questa forma o in generale, ma piuttosto riesce a prendere decisioni
affidabili sulla base di un limitato quantitativo di informazioni aggiuntive.
I parser generati da JavaCC prendono le loro decisioni nei punti di scelta in base
all'esplorazione anticipata di alcuni token dell'input stream, ed una volta presa la
decisione vi si affidano completamente senza che ci sia bisogno di tornarvi sopra in
backtracking. Il processo di esplorazione dei token si chiama "looking ahead" nel flusso
di caratteri in ingresso da cui il termine "LOOKAHEAD".
Dato che alcune di queste decisioni possono essere prese con quantitativi di
informazioni minori rispetto al caso ideale (JavaCC fornisce degli avvertimenti in tali
situazioni, per cui non ci si deve preoccupare), si deve conoscere qualcosa in pi sul
lookahead per far funzionare il parsing correttamente.
I due modi di base per far s che il parser possa operare correttamente le decisioni sono
i seguenti:
modificare la grammatica per renderla pi semplice ed adatta al parsing;

inserire suggerimenti nei punti di scelta pi complessi per aiutare il parser a


fare le scelte giuste.

38

LOOKAHEAD [4]

4.2 Punti di Scelta nelle Specifiche


Ci sono quattro tipi diversi di punti di scelta in JavaCC:
1. Un'espansione della forma: ( exp1 | exp2 | ... ). In tal caso, il parser
generato deve determinare in qualche quale unit selezionare tra exp1, exp2,
ecc. per continuare il parsing.
2. Un'espansione della forma: ( exp )?. In tal caso, il parser deve capire in
qualche modo se convenga scegliere exp o continuare passando oltre
( exp )?. Nota: ( exp )? si pu scrivere anche [ exp ].
3. Un'espansione della forma: ( exp )*. In questo caso, il parser deve fare la
stessa cosa del caso precedente, ed inoltre, nel caso che si scelta di analizzare
exp, dopo che sia stato completato tale lavoro su exp, la scelta si ripropone.
4. Un'espansione della forma: ( exp )+. Questo caso simile al precedente con
l'obbligatoriet di analizzare exp almeno la prima volta.
Si rammenti che le specifiche di token che compaiono tra parentesi angolari <...>
possono presentare a loro volta punti di scelta. Tali scelte vengono risolte in modo
differente (cfr. 2.4.3).

4.3 Determinare la Scelta Giusta


L'algoritmo per determinare la scelta di default richiede di conoscere in anticipo un
token nell'input stream e lo usa per prendere la decisione sul punto di scelta. I seguenti
esempi descrivono l'algoritmo in dettaglio.
Si consideri la seguente grammatica (Example2.jj):
void basic_expr() :
{}
{
<ID> "(" expr() ")"
|
"(" expr() ")"
|
"new" <ID>
}

// Scelta 1
// Scelta 2
// Scelta 3

La procedura di scelta sarebbe la seguente:


if (prossimo_token <ID>) {
adottare Scelta 1
} else if (prossimo_token "(") {
adottare Scelta 2
} else if (prossimo_token "new") {
adottare Scelta 3
} else {
fornisci un messaggio d'errore
}
Nell'esempio, la grammatica stata scritta in modo da far prendere la decisione
corretta all'algoritmo. Altra cosa da notare che l'algoritmo lavora in modo top-down

39

4.3 DETERMINARE LA SCELTA GIUSTA


se si seleziona Scelta 1, le altre scelte non vengono affatto considerate. Mentre questo
non rappresenta un problema in questo esempio (tranne che per le prestazioni),
diventer un particolare importante quando ambiguit locali richiedano l'inserimento
di suggerimenti sul lookahead.
Si supponga che la grammatica di cui sopra venga modificata nel modo seguente
(Example3.jj):
void basic_expr() :
{}
{
<ID> "(" expr() ")"
|
"(" expr() ")"
|
"new" <ID>
|
<ID> "." <ID>
}

// Scelta 1
// Scelta 2
// Scelta 3
// Scelta 4

Allora l'algoritmo di default sceglierebbe sempre Scelta 1 quando il prossimo token in


input sia <ID> e mai Scelta 4 anche se il token dopo <ID> un ".". Torneremo
sull'argomento in seguito.
Si pu provare a far girare il parser generato da Example3.jj sull'input "id1.id2".
Esso si lamenter del fatto di incontrare un "." quando si aspettava un "(". Notare che
quando si genera il parser, il sistema fornisce il messaggio d'avvertimento:
Warning: Choice conflict involving two expansions at line 25,
column 3 and line 31, column 3 respectively.
A common prefix is: <ID>
Consider using a lookahead of 2 for earlier expansion.
In sostanza, JavaCC ci dice che ha trovato una situazione nella grammatica che
potrebbe indurre l'algoritmo di lookahead di default ad uno strano comportamento. Il
parser funziona sempre seguendo tale algoritmo ma non far quello che ci si attende.
Si consideri ora il seguente esempio (Example 4.jj):
void identifier_list() :
{}
{
<ID> ( "," <ID> )*
}
Si supponga che il primo <ID> sia stato gi trovato corrispondere a quanto atteso e che
il parser abbia raggiunto il punto di scelta (il costrutto (...)*). Ecco come
funzionerebbe l'algoritmo di scelta:
while ( prossimo_token = ",") {
scegli l'espansione annidata
(ossia, entra nel costrutto (...)* )
consuma il token
if (prossimo_token = <ID>)
consumalo,

40

LOOKAHEAD [4]
else
stampa messaggio d'errore
}
Si noti che nell'esempio riportato l'algoritmo per la scelta non guarda oltre il costrutto
(...)* per prendere la sua decisione. Si supponga che ci sia un altra produzione nella
grammatica (Example5.jj):
void funny_list() :
{}
{
identifier_list() "," <INT>
}
Quando l'algoritmo di default sta prendendo la scelta al punto ( "," <ID> )*,
entrer sempre in (...)* se il prossimo token un ",". Lo far anche quando
identifier_list fosse chiamato da funny_list e il token dopo "," fosse un
<INT>. Intuitivamente, la cosa giusta da fare in tale situazione di saltare il costrutto
(...)* e tornare a funny_list. Torneremo su questo pi tardi.
Come esempio concreto, si supponga che l'input sia "id1, id2, 5"; il parser
lamenter di aver incontrato un 5 mentre s'aspettava un <ID>. Si noti che alla
generazione del parser si ottiene un avvertimento come quello che segue:
Warning: Choice conflict in (...)* construct at line 25, column
8.
Expansion nested within construct and expansion following
construct have common prefixes, one of which is: ","
Consider using a lookahead of 2 or more for nested expansion.
In buona sostanza, JavaCC ci dice di aver trovato una situazione nella grammatica che
potrebbe indurre l'algoritmo di lookahead di default a comportarsi in modo strano. Il
parser funzionerebbe ma non farebbe ancora quello che ci aspetta che faccia.
Sono stati mostrati esempi di due tipi di punti di scelta - "exp1 | exp2 | ...", e
"(exp)*". Gli altri tipi di punti di scelta - "(exp)+" e "(exp)?" - si comportano allo
stesso modo di (exp)* per cui non verranno forniti ulteriori esempi d'uso.

4.3.1 SPECIFICHE MULTIPLE DI LOOKAHEAD PER TOKEN


Finora si descritto l'algoritmo di default per il lookahead implementato nei parser
generati. Nella maggior parte di situazioni l'algoritmo di default lavora bene. In
situazioni particolari per, JavaCC fornisce messaggi d'avvertimento come quelli
mostrati. Se la specifica non provoca avvertimenti da parte di JavaCC allora in forma
LL(1). Le grammatiche LL(1) sono quelle trattabili da parser (ricorsivi) discendenti
usando al pi un solo token di lookahead.
Quando invece si ricevono messaggi d'avvertimento si ci sono due alternative:
Alternativa 1 Si modifica la grammatica in modo da eliminare i messaggi. Ossia, si
deve cercare di trasformare la grammatica in forma LL(1).

41

4.3 DETERMINARE LA SCELTA GIUSTA


L'esempio seguente (Example6.jj) mostra come cambiare la grammatica in
Example3.jj per renderla LL(1):
void basic_expr() :
{}
{
<ID> ( "(" expr() ")" | "." <ID> )
|
"(" expr() ")"
|
"new" <ID>
}
In tal caso si messa a fattor comune la quarta parte destra nella prima. Si noti che
stato messo il loro primo token comune <ID> fuori delle parentesi, lasciando nelle
stesse un punto di scelta che pu essere risulto conoscendo un solo token in anticipo
sul flusso di input confrontandolo con "(" e ".". Questo processo modifica delle
grammatiche per renderle LL(1) si chiama "left factoring".
L'esempio seguente (Example7.jj) mostra come la specifica in Example5.jj possa
essere modificata per arrivare alla forma LL(1):
void funny_list() :
{}
{
<ID> "," ( <ID> "," )* <INT>
}
Si noti che questa modifica in qualche modo pi drastica.
Alternativa 2 Si pu fornire al parser qualche suggerimento per aiutarlo nelle
situazioni non-LL(1) che i messaggi di avvertimento portano all'attenzione. Tutti
questi suggerimenti comportano il settaggio del valore globale di LOOKAHEAD ad un
numero pi grande (vedi sotto) oppure usando il costrutto LOOKAHEAD(...) per
fornire un suggerimento locale.
Va presa una decisione progettuale sull'adottare la prima o la seconda alternativa. Il
solo vantaggio della prima alternativa che si rende la grammatica pi efficienti. I
parser generati da JavaCC gestiscono i costrutti LL(1) molto pi velocizzatone degli
altri. Tuttavia, il vantaggio di scegliere l'alternativa 2 che la grammatica resta pi
semplice anche da sviluppare e manutenere focalizzando il lavoro sul lato umano
pi che sulle macchine.
A volte l'alternativa 2 l'unica scelta possibile sopratutto in presenza di azioni.
Supponiamo che la specifica di Example3.jj contenga azioni come mostrato di
seguito:

42

LOOKAHEAD [4]
void basic_expr() :
{}
{
{ initMethodTables(); } <ID> "(" expr() ")"
|
"(" expr() ")"
"new" <ID>
|
{ initObjectTables(); } <ID> "." <ID>
}
Dato che le azioni sono diverse, la fattorizzazione non pu essere fatta.

4.3.2 LOOKAHEAD GLOBALE


Si setta la specifica di lookahead globale tramite l'opzione "LOOKAHEAD" dalla linea di
comando oppure all'inizio del file di specifica nella sezione delle opzioni. Il valore di
tale opzione un intero che corrisponde al numero di token da considerare in anticipo
per prendere decisioni. Come si intuisce, il valore di default 1 - da cui discende
l'algoritmo di lookahead di default descritto fin qui.
Si supponga di impostare il valore a 2. Quindi l'algoritmo derivante controllerebbe due
token in anticipo (invece di uno) prima di prendere una decisione. Per cui, nel codice in
Example3.jj, la scelta 1 sarebbe presa solo se i prossimi due token fossero <ID> e
"(", mentre la 4 sarebbe presa se essi fossero <ID> e ".". Quindi, il parser
funzionerebbe in modo appropriato per la grammatica. Analogamente, il problema con
la grammatica in Example5.jj scomparirebbe poich il parser entrerebbe nel
costrutto (...)* solo quando i prossimi due token fossero "," e <ID>.
Settando il LOOKAHEAD globale a 2, l'algoritmo di parsing essenzialmente diventa
utile alla forma LL(2). Dato che si pu settare l'opzione a qualsiasi valore, i parser
generati da JavaCC sono in generale LL(k).

4.3.3 LOOKAHEAD LOCALE


Si pu settare, in alternativa, anche una specifica di lookahead locale che abbia effetto
solo in specifici punti di scelta. In tal modo, la maggior parte della grammatica rimane
LL(1) ed quindi pi efficiente, mentre allo stesso tempo si raggiunge la flessibilit
delle grammatiche LL(k). Ecco come la grammatica in Example3.jj va modificata
con un lookahead locale per sistemare il problema di ambiguit nella scelta
(Example8.jj):

43

4.3 DETERMINARE LA SCELTA GIUSTA


void basic_expr() :
{}
{
LOOKAHEAD(2)
<ID> "(" expr() ")"
|
"(" expr() ")"
|
"new" <ID>
|
<ID> "." <ID>
}

// Scelta 1
// Scelta 2
// Scelta 3
// Scelta 4

Solo la prima scelta (la prima condizione nella traduzione di seguito riportata) viene
interessata dalla specifica di lookahead. Tutte le altre continuano ad usare un singolo
token anticipato:
if (i prossimi 2 token sono <ID> e "(" ) {
scegli Scelta 1
} else if (prossimo token "(") {
scegli Scelta 2
} else if ( prossimo token "new") {
scegli Scelta 3
} else if ( prossimo token <ID>) {
scegli Scelta 4
} else {
stampa messaggio d'errore
}
Analogamente, Example5.jj pu essere modificato come riportato (Example9.jj):
void identifier_list() :
{}
{
<ID> ( LOOKAHEAD(2) "," <ID> )*
}
Si noti che la specifica LOOKAHEAD deve comparire all'interno di (...)* che
rappresenta la scelta che si sta facendo. La traduzione di questo costrutto viene di
seguito mostrata (dopo il primo <ID> stato consumato):
while (i prossimi 2 token sono "," e <ID>) {
scegli l'espansione interna
(ossia, entra nel costrutto (...)* )
consuma il token ","
consuma il token <ID>
}
Si scoraggia fortemente dalla modifica del lookahead globale di default. La maggior
parte delle grammatiche quasi del tutto LL(1), per cui, convertendo il parser
risultante dalla grammatica in uno utile alla forma LL(k) per facilitare semplicemente
alcune porzioni della grammatica che non sono LL(1), si abbasserebbero notevolmente
le prestazioni senza un reale bisogno. Questo non comporterebbe eccessivi problemi
solo se la grammatica ed i file di input sono corti.

44

LOOKAHEAD [4]
Si dovrebbe anche considerare che i messaggi d'avvertimento che JavaCC stampa a
causa di ambiguit nei punti di scelta (come i due messaggi mostrati in precedenza)
dicono semplicemente che nei punti specificati la grammatica non pu essere LL(1).
JavaCC non verifica la correttezza della specifica locale di lookahead - assume che si
sappia quello che si fa, ma di fatto, non pu davvero verificare tale correttezza come
illustrato nel seguente esempio riguardante le istruzioni if (Example10.jj):
void IfStm() :
{}
{
"if" C() S() [ "else" S() ]
}
void S() :
{}
{
...
|
IfStm()
}
Questo il famoso esempio del problema dell'else (dangling else problem). Avendo in
input un programma scritto come segue:
"if C1 if C2 S1 else S2"
Il costrutto "else S2" pu essere legato ad entrambi i comandi if. L'interpretazione
standard che dovrebbe essere legato al comando pi interno (quello ad esso pi
vicino). Capita che l'algoritmo di default per determinare la faccia la cosa giusta, ma
stampa comunque il seguente messaggio d'avvertimento:
Warning: Choice conflict in [...] construct at line 25, column
15.
Expansion nested within construct and expansion following
construct have common prefixes, one of which is: "else"
Consider using a lookahead of 2 or more for nested expansion.
Per evitare il messaggio, si potrebbe semplicemente dire a JavaCC di essere consci di
quello che si fa in questo modo:
void IfStm() :
{}
{
"if" C() S() [ LOOKAHEAD(1) "else" S() ]
}
Per forzare il controllo di ambiguit del lookahead in tali casi, si imposta a true
l'opzione FORCE_LA_CHECK.

4.4 Lookahead Sintattico


Si consideri la seguente produzione estratta dalla grammatica per il linguaggio Java:
void TypeDeclaration() :
{}

45

4.4 LOOKAHEAD SINTATTICO


{
ClassDeclaration()
|
InterfaceDeclaration()
}
A livello sintattico, ClassDeclaration pu partire con un numero qualsiasi di token
"abstract", "final"s, o "public". Mentre il successivo controllo semantico
produrr messaggi d'errore causati dall'utilizzo multiplo di uno stesso modificatore,
questo non accade fino al completamento del parsing. Analogamente,
InterfaceDeclaration pu iniziare con un numero qualunque di "abstract" o
"public".
Cosa succede se i prossimi token nel flusso di input sono rappresentati da un gran
numero di "abstract" (diciamo 100) seguiti da "interface"? chiaro che un
numero fisso di lookahead (come LOOKAHEAD(100) ad esempio) non sarebbe
sufficiente. Si pu obiettare che si tratta di una situazione ben strana che non assicura
nessun ragionevole messaggio d'errore e che qualche scelta sbagliata pu essere
lasciata passare in determinate situazioni patologiche. Ma si supponga di voler essere
precisi su tale questione.
La soluzione sarebbe quella di impostare il LOOKAHEAD a - cio rimuovere ogni
limite sul numero di token da considerare in anticipo. Un modo implementare questa
soluzione consiste nell'utilizzare un intero molto grande (come il massimo intero) come
segue:
void TypeDeclaration() :
{}
{
LOOKAHEAD(2147483647)
ClassDeclaration()
|
InterfaceDeclaration()
}
Si pu anche ottenere lo stesso effetto con un "lookahead sintattico". Nel lookahead
sintattico, si specifica un espansione da provare e, se il tentativo va a buon fine, allora
si intraprende la scelta successiva. L'esempio precedente si riscrive con il lookahead
sintattico nel seguente modo:
void TypeDeclaration() :
{}
{
LOOKAHEAD(ClassDeclaration())
ClassDeclaration()
|
InterfaceDeclaration()
}
Essenzialmente, quello che significa sintetizzabile:

46

LOOKAHEAD [4]
if (i prossimi token corrispondono a ClassDeclaration) {
choose ClassDeclaration()
} else if (il prossimo token corrisponde a quelli per
InterfaceDeclaration) {
choose InterfaceDeclaration()
} else {
stampa un messaggio d'errore
}
Il problema con questa specifica di lookahead sintattico che il calcolo del lookahead
richiede molto tempo e compie numerosi controlli non necessari. In tal caso, il calcolo
pu fermarsi non appena si incontri il token "class", ma la specifica forza il calcolo a
continuare fino a quando si raggiunga la fine della dichiarazione della classe il che
molto dispendioso. Questo problema pu essere risolto mettendo una espansione pi
corta da tentare nella specifica di lookahead sintattico come nell'esempio che segue:
void TypeDeclaration() :
{}
{
LOOKAHEAD( ( "abstract" | "final" | "public" )* "class" )
ClassDeclaration()
|
InterfaceDeclaration()
}
In sintesi, i passi da fare diventano:
if (i prossimi token sono una sequenza di "abstract", "final",
o "public" seguita da "class") {
choose ClassDeclaration()
} else if (prossimo token corrisponde a
InterfaceDeclaration) {
scegli InterfaceDeclaration()
} else {
stampa un messaggio d'errore
}
Facendo ci, si fa fermare l'algoritmo di scelta non appena si incontri il token " class"
cio si prende la decisione il pi presto possibile.
Si pu altres mettere un limite al numero di token da consumare nel lookahead
sintattico:
void TypeDeclaration() :
{}
{
LOOKAHEAD(10, ( "abstract" | "final" | "public" )* "class" )
ClassDeclaration()
|
InterfaceDeclaration()
}
In questo caso, non si permette all'algoritmo di andare oltre i 10 token. Se si raggiunge
tale limite e si stanno trovando corrispondenze con ( "abstract" | "final" |
"public" )* "class", allora si seleziona ClassDeclaration.

47

4.4 LOOKAHEAD SINTATTICO


In realt, quando questo limite non viene specificato, esso viene impostato per default
al valore dell'intero massimo (2147483647).

4.5 Lookahead Semantico


Torniamo all'esempio in Example1.jj:
void Input() :
{}
{
"a" BC() "c"
}
void BC() :
{}
{
"b" [ "c" ]
}
Supponendo che ci sia una buona ragione per scrivere una specifica in questo modo (ad
esempio a causa delle azioni incorporate). Come notato in precedenza, la grammatica
riconosce le due stringhe "abc" e "abcc". Il problema qui che l'algoritmo di default
per LL(1) sceglie il costrutto [ "c" ] ogni volta che vede una "c" per cui "abc" non
trover mai una corrispondenza. Servirebbe specificare che questa scelta dev'essere
fatta solo quando il prossimo token una "c", ed il token seguente non "c". Questa
un'istruzione negativa che non pu essere resa attraverso il lookahead sintattico.
A tale scopo si pu usare il lookahead semantico. Con questo lookahead, si pu
specificare qualunque espressione booleana la cui valutazione determini la scelta da
fare nel dato punto. L'esempio precedente pu essere corredato di una specifica
semantica come segue:
void BC() :
{}
{
"b
[ LOOKAHEAD( { getToken(1).kind == C && getToken(2).kind !
= C } )
<C:"c">
]
}
Prima di tutto diamo al token "c" l'etichetta C in modo da potercisi riferire nella
specifica di lookahead semantico. L'espressione booleana essenzialmente esprime la
propriet desiderata. La determinazione della scelta avviene cos:
if (prossimo token = "c" e successivo token != "c") {
scegli l'espansione interna
(ossia, entra nel costrutto [...])
} else {
supera il costrutto [...] senza entrarvi.
}

48

LOOKAHEAD [4]
L'esempio pu essere riscritto combinando lookahead sintattico e semantico come
segue (riconosce il primo "c" con il sintattico e l'assenza del secondo "c" con il
semantico):
void BC() :
{}
{
"b"
[ LOOKAHEAD( "c", { getToken(2).kind != C } )
<C:"c">
]
}

4.6 Struttura Generale di Lookahead


Sono stati trattati quasi tutti gli aspetti del lookahead nelle precedenti sezioni. Si
prenderanno in considerazione ora un paio di argomenti avanzati. Si presenter pi
formalmente il linguaggio per il lookahead in JavaCC:
La struttura generale di una specifica di lookahead data da:
LOOKAHEAD( numero, espansione, { espressione_booleana } )
"numero" specifica il numero di token per il lookahead, "espansione" specifica
l'espansione
da
usare
per
effettuare
un
lookahead
sintattico,
e
"espressione_booleana" l'espressione da usare per il lookahead semantico.
Almeno uno dei tre argomenti dev'essere presente. Se ce n' pi d'uno, si separano con
delle virgole. I valori di default per tali argomenti sono definiti di seguito:
"numero": se presente anche espansione il default sar 2147483647
altrimenti ( presente espressione_booleana) il default 0
Nota: quando "numero" a 0, non viene effettuato il lookahead sintattico.
Inoltre, "numero" non influenza quello semantico.

"espansione": per default, l'espansione presa in considerazione.

"espressione_booleana": per default true.

49

[4] GESTIONE DEGLI ERRORI

[4] GESTIONE DEGLI


ERRORI

Questa sezione dedicata alle caratteristiche di gestione e recupero degli errori con
JavaCC.
Ci sono due nuove eccezioni:
. ParseException
. TokenMgrError
Quando il token manager incontra un problema, esso lancia l'eccezione
TokenMgrError. (con le precedenti versioni veniva stampato il messaggio Lexical
Error ..." dopo il quale veniva lanciato comunque una eccezione ParseError).
Quando il parser incontra un problema, esso lancia l'eccezione ParseException.
(precedentemente veniva stampato il messaggio Encountered ... Was
expecting one of ..." dopo il quale veniva lanciata l'eccezione ParseError).
Nelle nuove versioni i messaggi d'errore non sono mai stampati esplicitamente,
l'informazione viene conservata nell'oggetto eccezione da lanciare. Per maggiori
dettagli si vedano le classi ParseException.java e TokenMgrError.java
generate da JavaCC insieme al parser.

50

GESTIONE DEGLI ERRORI [4]


Se le eccezioni lanciate non vengono catturate allora si ricade nell'azione standard della
virtual machine che normalmente consiste nella stampa della situazione dello stack e
dell'effetto del metodo "toString()" su tale oggetto eccezione.
Se si cattura l'eccezione, la stampa del messaggio a proprio carico.
Le eccezioni in Java sono sottoclassi di Throwable. Esse si dividono un due grandi
categorie errori ed altre eccezioni. Gli errori sono situazioni che non ci si aspetta di
dover recuperare, come ad esempio ThreadDeath o OutOfMemoryError. Gli errori
estendono la superclasse "Error". Tali eccezioni non vanno specificate nella clausola
"throws" delle dichiarazione dei metodi.
Le eccezioni diverse dagli errori sono definite tipicamente estendendo la classe
"Exception". Tali eccezioni sono generalmente gestite dal programma e vanno
dichiarate nelle clausole throws dell'intestazione dei metodi (qualcosa sia possibile
che il metodo lanci la data eccezione).
L'eccezione TokenMgrError sottoclasse di Error, mentre l'eccezione
ParseException sottoclasse di Exception. L'idea qui che non ci si aspetta che
token manager lanci mai una eccezione, per cui bisogna prestare attenzione alle
specifiche dei token in modo da coprire tutti i casi. Quindi non ci si dovrebbe
preoccupare di TokenMgrError: se le specifiche sono state ben progettate, non
dovrebbe mai essere lanciata. Invece tipicamente si cerca di recuperare le situazioni
eccezionali dovute ad errori del parser.
La sintassi per specificare ulteriori eccezioni lanciabili da parte di metodi per nonterminali identica a quella di Java: "throws ...". Ecco un esempio del suo utilizzo:
void VariableDeclaration() throws SymbolTableException,
IOException :
{...}
{
...
}
Nell'esempio,
VariableDeclaration()
pu
lanciare
le
SymbolTableException e IOException, oltre a ParseException.

eccezioni

4.7 Messaggistica d'Errore


Lo schema di base della messaggistica d'errore (error reporting) modifica il file
ParseException.java per fargli fare quello che si vuole. Tipicamente, andrebbe
modificato il metodo getMessage() per produrre la propria messaggistica. Si pu
ricavare tutta l'informazione riguardo tali metodi dai commenti nei file
ParseException.java e TokenMgrError.java. Va anche rivista la
documentazione Java per la classe Throwable.
C' un metodo nel parser chiamato "generateParseException()". Si pu
richiamare tale metodo ogni volta che si voglia generare un oggetto di tipo
ParseException. Tale oggetto conterr tutte le scelte tentate dal parser dopo che sia
stato consumato con successo l'ultimo token.

51

4.8 RECUPERO DEGLI ERRORI

4.8 Recupero degli Errori


JavaCC offre due tipi di recupero degli errori (error recovery) quello superficiale e
quello profondo. Il recupero superficiale (shallow recovery) entra in azione se nessuna
delle scelte correnti stata selezionata dall'algoritmo di selezione; il recupero profondo
(deep recovery) si presta ai casi in cui sia stato possibile selezionare una scelta, ma si
sia verificato un errore ad un certo punto durante il parsing conseguente a tale scelta.

4.8.1 RECUPERO SUPERFICIALE


Il recupero superficiale (o shallow error recovery) pu essere illustrato attraverso il
seguente esempio:
void Stm() :
{}
{
IfStm()
|
WhileStm()
}
Assumendo che IfStm inizi con la parola riservata "if" e che WhileStm inizi con la
parola riservata "while", si supponga di voler recuperare gli errori dovuti alla mancata
corrispondenza del prossimo token in input con le possibilit date dai due nonterminali4 (assumendo anche un lookahead pari a 1), saltando fino al prossimo ";".
Per far questo si deve scrivere:
void Stm() :
{}
{
IfStm()
|
WhileStm()
|
error_skipto(SEMICOLON)
}
Ma si deve prima di tutto definire "error_skipto". Per quanto riguarda JavaCC,
"error_skipto" semplicemente un altro non-terminale. L'esempio seguente mostra
una definizione di "error_skipto" (usando una produzione di tipo JAVACODE):
JAVACODE
void error_skipto(int kind) {
// genera l'oggetto eccezione
ParseException e = generateParseException();
// stampa messaggio d'errore
System.out.println(e.toString());
Token t;
do {
t = getNextToken();
4

Ossia il prossimo token non n "if" n "while"

52

GESTIONE DEGLI ERRORI [4]


} while (t.kind != kind);
}
Il ciclo consuma token fino a uno di tipo "kind". Si scelto un ciclo do-while perch
il token corrente sempre quello immediatamente precedente a quello erroneo (nel
caso in esame il token immediatamente precedente a quello che avrebbe dovuto essere
"if" o "while").
In futuro si prospetta un supporto alla composizione di grammatiche modulari. In tal
caso, si potranno mettere routine di recupero errori in ogni modulo importabile dal file
di specifica principale. Per cui prevedibile una libreria di routine di utilit.

4.8.2 RECUPERO IN PROFONDIT


Per illustrare il recupero in profondit (Deep Error Recovery), usiamo lo stesso
esempio conduttore del caso precedente:
void Stm() :
{}
{
IfStm()
|
WhileStm()
}
Ora si vuole sempre recuperare una situazione d'errore. Tuttavia, si vuole effettuare il
recupero quand'anche si debba andare pi a fondo nel parsing per ritrovare l'errore. Ad
esempio, si supponga che il prossimo token sia "while" quindi si sia intrapresa la
scelta di "WhileStm". Ma si supponga anche che durante il parsing di WhileStm si
incontri un errore diciamo di avere una stringa tipo "while (foo { stm; }" ossia manca la parentesi di chiusura. La shallow recovery non funzionerebbe in questa
situazione. Serve un recupero che va a pi a fondo. Pertanto, aggiungiamo un nuovo
costrutto a JavaCC il blocco try-catch-finally.
Prima di tutto, riscriviamo l'esempio per il recupero in profondit, quindi il blocco
try-catch-finally verr spiegato con maggiore dettaglio:
void Stm() :
{}
{
try {
(
IfStm()
|
WhileStm()
)
catch (ParseException e) {
error_skipto(SEMICOLON);
}
}
tutto quello che si deve fare. Se c' un errore non recuperato nel parsing di IfStm o
WhileStm, entra in azione il blocco catch. Si pu avere qualunque numero di blocchi

53

4.8 RECUPERO DEGLI ERRORI


catch ed anche (opzionalmente) un blocco finally (come in Java). In questi blocchi
catch va messo codice Java code, e non espansioni JavaCC. Ad esempio, la specifica
precedente potrebbe essere riscritta come segue:
void Stm() :
{}
{
try {
(
IfStm()
|
WhileStm()
)
catch (ParseException e) {
System.out.println(e.toString());
Token t;
do {
t = getNextToken();
} while (t.kind != SEMICOLON);
}
}
Sarebbe buona pratica evitare di inserire troppo codice Java nei blocchi catch e
finally dato che questo rendere le specifiche meno leggibili. meglio definire
metodi che possano essere richiamati dall'interno di tali blocchi.
Si noti che nella riscrittura dell'esempio precedente, si essenzialmente copiato il
codice della implementazione di error_skipto, tralasciando la prima istruzione la
chiamata a generateParseException. Ci perch in tal caso il blocco catch
lavora gi l'eccezione. Tuttavia chiamando tale metodo si otterrebbe un oggetto
identico.

54

ESEMPI [5]

[5] ESEMPI

5.1 Calcolatrice
La specifica sintattica seguente riguarda una semplice calcolatrice che accetta dall'input
standard espressioni additive e moltiplicative su numeri interi:
options {
LOOKAHEAD=1;
}
PARSER_BEGIN(Calcolatrice)
public class Calcolatrice {
public static void main(String args[])
throws ParseException {
Calc1 parser = new Calc1(System.in);
while (true) {
System.out.print("Espressione <- : ");
System.out.flush();
try {
switch (parser.espressione()) {
case -1: System.exit(0);
default: break;
}
}
catch (ParseException e) {
System.out.println("Terminazione");
throw e;

55

5.1 CALCOLATRICE
}
} // while
} // main
} // class
PARSER_END(Calcolatrice)

/* sezione lessicale */
SKIP :
{
" "
| "\r"
| "\t"
}
TOKEN :
{
< EOL: "\n" >
}
TOKEN :
{
<
|
|
|
}

/* operatori */
PIU: "+" >
< MENO: "-" >
< PER: "*" >
< DIV: "/" >

TOKEN :
{
< COSTANTE: ( <CIFRA> )+ >
| < #CIFRA: ["0"-"9"] >
}

/* sezione sintattica */
int espressione() :
{}
{
somma() <EOL> { return 1; }
| <EOL> { return 0; }
| <EOF> { return -1; }
}
void somma() :
{ }

56

ESEMPI [5]
{
termine() (( <PIU> | <MENO> ) termine())*
}
void termine() :
{ }
{
fattore() (( <PER> | <DIV> ) fattore())*
}
void fattore() :
{ }
{
<MENO> elemento() | elemento()
}
void elemento() :
{}
{
<COSTANTE> | "(" somma() ")"
}

5.2 Bowdlerizer
Si devono sostituire certi pattern in ingresso con un testo diverso. Supponiamo che il
pattern da cercare quello delle parole di quattro lettere. Prenderemo la specifica alla
lettera e si sostituisce ogni parola di quattro lettere a prescindere dal significato.
options {
STATIC = false ;
}
PARSER_BEGIN(PQL)
import java.io.Reader ;
import java.io.StringReader ;
class PQL {
static String sostituzione(String inStringa) {
Reader sr = new StringReader(inStringa);
PQL parser = new PQL(sr);
StringBuffer buffer = new StringBuffer();
try { parser.inizio(buffer); }
catch(TokenMgrError e)
{throw new IllegalStateException();}
catch(ParseException e)
{throw new IllegalStateException();}
return buffer.toString();
} // sostituzione
} // classe
PARSER END(PQL)
TOKEN : {

57

5.2 BOWDLERIZER
< PAROLA_DI_4_LETTERE : (<LETTERA>){4} >
< PAROLA_DI_PIU_DI_4_LETTERE :
(<LETTERA>){5} (<LETTERA>)* >
< #LETTERA : ["a"-"z","A"-"Z"] >
< ALTRO : [] >
}

void inizio(StringBuffer buffer) :


{ Token t; }
{
(
<PAROLA_DI_4_LETTERE> { buffer.append("****"); }
|
( t=<PAROLA_DI_PIU_DI_4_LETTERE>
| t=<ALTRO>
) { buffer.append(t.image); }
)*
<EOF>
}
Nella classe PQL, la sezione try del metodo sostituzione() deve trasformare
ParseException in eccezioni che non devono essere dichiarate. La ragione che
questo parser non dovrebbe lanciare mai una ParseException (e nemmeno
TokenMgrError); ogni sequenza di caratteri dovrebbe assolutamente essere legale.
Vediamo ora nel dettaglio gli aspetti lessicali e sintattici.

5.2.1 IL TOKEN MANAGER


La specifica dell'analizzatore lessicale costituisce la parte cruciale. Si divide il file in
token di tre categorie: parole di 4 lettere, parole di pi di quattro lettere, e qualsiasi
altro carattere, incluse le lettere che sono in parole di una, due e tre lettere.
Esaminiamo la specifica riga per riga.
Le parole di quattro lettere possono essere specificare facilmente con l'abbreviazione
(x){n} che specifica esattamente n ripetizioni dell'espressione regolare x.
TOKEN : { < PAROLA_DI_4_LETTERE : (<LETTERA>){4} > }
Una parola di cinque lettere pu essere definita con:
TOKEN : { < PAROLA_DI_PIU_DI_4_LETTERE :
(<LETTERA>){5} (<LETTER>)* > }
Le cifre vanno definite con ["0"-"9"]. Si pu scrivere un'espressione regolare per la
singola lettera in molti modi; ad es. con ["a"-"z","A"-"Z"]. Per semplicit ci si
limita alle lettere maiuscole e minuscole. ma si potrebbero includere ad es. quelle
accentate di varie lingue perch trattiamo caratteri UNICODE.
TOKEN : { < #LETTERA : ["a"-"z","A"-"Z"] > }

58

ESEMPI [5]
Si sarebbe potuto potuto specificare le cifre elencando tutte le cifre singolarmente
["0"-"9"] oppure si scrive anche ["0", "1", "2", "3", "4", "5", "6",
"7", "8", "9"]. In generale si elencano caratteri individuali o intervalli. Ad
esempio ["0"-"9", "a"-"z", "A"-"Z", "", "-"] corrisponde ad ogni
carattere che una cifra, lettera, apostrofo o trattino.
Per trovare i token che non fanno parte delle parole consentite di 4 lettere o pi si
user.
TOKEN : { < ALTRO : [] > }

5.2.2 SEQUENZE MASSIMALI


Si consideri l'input sinistro". Si pu decomporre in molti modi in modo da farlo
corrispondere ad una delle tre produzioni di espressioni regolari non-locali. Ad
esempio, potrebbe essere considerata come una sequenza di 8 caratteri, nel qual caso si
decompone in 8 token di tipo ALTRO, oppure si pu considerare come composto da 2
token ALTRO, uno di tipo PAROLA_DI_4_LETTERE, e quindi due token di tipo ALTRO,
oppure ancora potrebbe essere un token di tipo PAROLA_DI_PIU_DI_4_LETTERE
seguito da zero, uno, due, o tre token ALTRO, e cos via.
Quello che si vuole naturalmente trovare un singolo token di tipo
PAROLA_DI_PIU_DI_4_LETTERE, che proprio quello che accade ma importante
capire perch. Il token manager cerca sempre di allungare il pattern potenziale il pi
possibile (per la regola che abbiamo chiamato maximal munch in 2.5).
La presenza della regola per ALTRO nella specifica assicura che dei token possano
essere sempre prodotti dal token manager. Se l'input non terminato, allora un token
ALTRO pu sempre essere prodotto (sebbene altre produzioni possano essere
preferibili) e se non c' pi input allora si ha un token EOF. Cos l'analizzatore lessicale
non lancer mai un TokenMgrError.

5.2.3 PARSING
La specifica del parser immediata. I token dei tre tipi possono apparire in qualsiasi
numero ed ordine. Per token PAROLA_DI_4_LETTERE si scrivono quattro asterischi
sull'output, mentre per gli altri tipi si stampa semplicemente l'immagine del token.
void inizio(StringBuffer buffer) :
{ Token t; }
{
(
<PAROLA_DI_4_LETTERE> { buffer.append("****"); }
|
( t=<PAROLA_DI_PIU_DI_4_LETTERE>
| t=<OTHER>
) { buffer.append(t.image); }
)*
<EOF>
}

59

5.2 BOWDLERIZER
Dato che il parser accetta qualunque sequenza di token in ingresso, il parser non potr
mai lanciare una ParseException. Sia il token manager che il parser sono totali":
essi accettano qualsiasi stringa in ingresso.

5.3 CSV2HTML
Si illustrer l'idea della traduzione con l'esempio che traduce un file CSV (Comma
Separated Values) in una tabella HTML.
Una CSV un semplice tipo di struttura dati: tabella di variabili separate da virgole e
ritorni a capo. Un esempio riportato di seguito:
STUDENT ID

NAME

DATE OF BIRTH

129384

Davy

328649

Clare Manstead

30/11/81

237090

Richard Stoppit

22/06/82

523343

Brian Hardwick

15/11/81

908423

Sally Brush

06/06/81

328453

Elisa Strudel

12/09/82

883632

Peter Smith

03/05/83

542033

Ryan Alcot

04/12/80

Jones

03/04/81

Una possibile grammatica dovrebbe prevedere i non-terminali seguenti:

file: struttura per l'intero file, composta da una o pi linea e terminante


con un token EOF;

linea: struttura fatta da uno o pi record. Un token FINELINEA viene


gestito dallo scanner;

record: token RECORD seguito opzionalmente da un token VIRGOLA

Le relative regole per tali non-terminali sono le seguenti:


file: linea() ( <FINELINEA> linea())* [<FINELINEA>)] <EOF>
linea: (record)+
record: <RECORD> [<VIRGOLA>]
Notare che i token a fine-riga (FINELINEA) o fine-file (EOF) non sono seguiti da
VIRGOLA.
Le regole dei pattern per il token manager sono invece le seguenti:
SKIP :
{
" "
| "\t"
}

60

ESEMPI [5]
TOKEN :
{
<VIRGOLA: ",">
| <RECORD: (~[",","\r","\n"])+ >
| <FINELINEA: "\r\n" | "\r" | "\n" >
}
Il main() deve preoccuparsi dei file in ingresso ed uscita (segnalando errori) e
dell'inizio e fine standard di una pagina HTML da costruire:
public class CSV2HTML {
public static void main(String args[]) {
String tabella ="<tabella>\n";
if(args.length!=2) { errore(); }
FileInputStream myIn = null;
DataOutputStream myOut = null;
try {
myIn = new FileInputStream(args[0]);
myOut = new DataOutputStream(new
FileOutputStream(args[1]));
} catch(Exception e) { errore2(); }
try {
DataInputStream input = new DataInputStream(myIn);
CSV2HTML parser = new CSV2HTML(myIn);
String p ="";
p="<html>\n <head>\n";
p+="<title>Tabella generata da CSV2HTML </title>\n";
p+=" </head>\n <body>\n";
p+= parser.file();
p+=" </body>\n </html>";
myOut.writeBytes(p); myOut.close();
} catch(Exception e) {
System.err.println(e.getMessage());
}
} // main
private static void errore() {
System.out.println("USO:");
System.out.println("java CSV2HTML inFile outFile");
System.exit(0);
} // errore
private static void errore2() {
System.out.println("inputfile non valido.");
System.exit(0);
} // errore2
} // classe
PARSER_END(CSV2HTML)

61

5.3 CSV2HTML
Le regole per il parser vanno arricchite con azioni che creino le stringhe utili a riempire
la parte centrale del file di output:
String file() :
{ String tabella="<table border='1'>", lineaDati; }
{
lineaDati=linea()
{ tabella+=lineaDati; }
(<FINELINEA> lineaDati=linea()
{ tabella+=lineaDati; } )*
(<FINELINEA>)? <EOF>
{ return tabella+="</table>"; }
}
String linea():
{ String recordDati, lineaDati=" <tr>\n"; }
{
(recordDati=record() { lineaDati+=recordDati; })+
{ return lineaDati+=" </tr>\n"; }
}
String record():
{ String recordDati="
<td>"; Token dati; }
{
dati=<RECORD> (<VIRGOLA>)?
{return recordDati+=dati +"</td>\n";}
}

62

COSTRUZIONE DI ALBERI SINTATTICI CON JJTREE [6]

[6] COSTRUZIONE DI
ALBERI SINTATTICI
CON JJTREE

6.1 Introduzione
JJTree un preprocessore per JavaCC che inserisce azioni per la costruzione degli
alberi di parsing in vari punti del sorgente per JavaCC. L'output di JJTree viene
sottoposto a JavaCC per creare il parser. Questo documento descrive il modo per
utilizzare JJTree, e come interfacciare il proprio parser.
Per default JJTree genera codice per costruire nodi di alberi sintattici per ogni nonterminal nel linguaggio. Questo comportamento pu essere modificato affinch alcuni
non-terminali non comportino la generazione di nodi, oppure affinch si generi un
nodo per una parte dell'espansione di una produzione.
JJTree definisce un interfaccia Java detta Node implementata da tutti i nodi degli
alberi sintattici. L'interfaccia fornisce metodi per operazioni come impostare il genitore
del nodo, per aggiungere figli e recuperarli.

63

6.1 INTRODUZIONE
JJTree opera in una delle due modalit semplice o multipla (in mancanza di termini
migliori). In modalit semplice ogni nodo del tipo concreto SimpleNode; in modalit
multipla il tipo del nodo deriva dal nome del nodo. Se non si forniscono
implementazioni per le classi dei nodi, JJTree generer implementazioni-campione
basate su SimpleNode. Si possono quindi modificare a piacimento tali
implementazioni.
Sebbene JavaCC produca parser top-down, JJTree costruisce l'albero nel verso bottomup. Per far questo utilizza uno stack dove inserisce (push) i nodi dopo la loro creazione.
Quando si trova il loro genitore, si possono estrarre (pop) i figli dallo stack ed
aggiungere tale genitore all'albero inserendolo anche sullo stack. Lo stack libero,
intendendo con questo che possibile accedervi da parte delle azioni grammaticali: si
pu inserire, estrarre o effettuare altre operazioni sul contenuto della pila. Si veda 6.2
per altre informazioni.
JJTree fornisce la possibilit di aggiungere decorazioni per due variet di base dei nodi
e abbreviazioni per facilitarne l'utilizzo.
1. Un nodo definito viene ad essere costruito con un numero di figli specificato.
Altrettanti nodi sono estratti dallo stack e resi figli del nuovo nodo, il quale
viene a sua volta inserir sullo stack. La notazione per un nodo siffatto la
seguente:
#AdefiniteNode(ESPRESSIONE INTERA)
L'espressione descrittiva di un nodo definito pu essere data da qualunque
espressione a valori interi, sebbene molto comunemente si trovino utilizzate
direttamente costanti intere.
2. Un nodo condizionale si costruisce con tutti i figli inseriti sullo stack all'interno
del suo scope di nodo (vedi 6.2) se e solo se la sua condizione risulta vera.
Qualora risultasse falsa, il nodo non sar costruito e tutti i figli rimanono sullo
stack dei nodi. La notazione per i nodi condizionali la seguente:
#ConditionalNode(BOOLEAN EXPRESSION)
L'espressione descrittiva di un nodo condizionale pu essere fatta da
qualunque espressione a valori booleani. Ci sono due abbreviazioni comuni per
tali nodi:
1. nodi indefiniti
#IndefiniteNode
sta per
#IndefiniteNode(true)
2. nodi maggiore-di (greater-than)
#GTNode(>1)
sta per
#GTNode(jjtree.arity() > 1)

64

COSTRUZIONE DI ALBERI SINTATTICI CON JJTREE [6]


L'abbreviazione dei nodi indefiniti (1) pu portare ad ambiguit nel sorgente
per JJTree quando viene seguita da un'espansione tra parentesi. In tali casi,
l'abbreviazione dev'essere sostituita con l'intera espressone. Ad esempio:
( ... ) #N ( a() )
risulta ambigua; si deve usare la condizione esplicita:
( ... ) #N(true) ( a() )
Occorre stare attenti al fatto che le espressioni descrittive dei nodi non dovrebbero
avere effetti collaterali. JJTree non assicura che l'espressione venga valutare per uno
specifico numero di volte.
Per default JJTree tratta ogni non-terminale come nodo indefinito fa derivare il nome
del nodo da quello della sua produzione. Si pu anche assegnare un nome diverso con
la sintassi seguente:
void P1() #MyNode : { ... } { ... }
Quando il parser riconosce un non-terminale P1 allora inizializza un nodo indefinito.
Marca lo stack affinch tutti i nodi creati e inseriti sullo stack da non-terminali
nell'espansione di P1 saranno estratti e resi figli del nodo MyNode.
Se si volesse evitare la creazione di un nodo per una data produzione si pu usare la
notazione seguente:
void P2() #void : { ... } { ... }
Ora tutti i nodi dell'albero inseriti da non-terminali nell'espansione di P2 rimarranno
sullo stack, per essere estratti e resi nodi figli in una produzione successiva (e in
posizione superiore) nell'albero. Si pu rendere quest'impostazione il comportamento
di default per nodi non decorati usando l'opzione NODE_DEFAULT_VOID.
Vediamo un altro esempio:
void P3() : {}
{
P4() ( P5() )+ P6()
}
Qui inizia un nodo indefinito P3, marcando lo stack, e quindi elaborando un nodo P4,
uno o pi nodi P5 e un nodo P6. Qualsiasi nodo essi inseriscano sullo stack viene
estratto e reso figlio di P3. Si pu adattare ulteriormente l'albero generato nel seguente
modo:
void P3() : {}
{
P4() ( P5() )+ #ListaDiP5 P6()
}
Ora il nodo P3 avr come figli un nodo P4, un nodo ListaDiP5 e un nodo P6. Il
costrutto #Nome agisce da operatore postfisso, ossia il suo ambito d'azione (scope)
rappresentato dall'unit d'espansione immediatamente precedente.

65

6.2 AMBITO DEI NODI ED AZIONI UTENTE

6.2 Ambito dei Nodi ed Azioni Utente


Ad ogni nodo associato un ambito comunemente detto anche scope. Le azioni utente
in un tale ambito possono accedere al nodo in costruzione usando l'identificatore
speciale jjtThis per riferirsi al nodo. Tale identificatore dichiarato implicitamente
come appartenente al tipo giusto per il nodo, per cui campi e metodi del nodo possono
essere utilizzati facilmente.
Un ambito rappresentato dall'unit d'espansione immediatamente precedente
rispetto alla decorazione del nodo. Questa pu essere un'espressione tra parentesi.
Quando la firma della produzione viene decorata (anche implicitamente col nodo di
default), l'ambito dato dall'intera parte destra della produzione incluso il blocco delle
dichiarazioni.
Si pu anche usare un espressione che coinvolga jjtThis nella parte sinistra del
riferimento ad un'espansione. Per esempio:
... ( jjtThis.my_foo = foo() ) #Baz ...
Qui jjtThis si riferisce ad un nodo Baz, che ha un campo chiamato my_foo. Il
risultato del parsing della produzione foo()viene assegnato a my_foo.
L'azione finale nell'ambito d'un nodo diversa da tutte le altre. Quando il codice
relativo viene eseguito, i figli del nodo sono gi stati estratti dallo stack ed aggiunti al
nodo, che a sua volta stato inserto sullo stack. I figli possono essere manipolati
attraverso i metodi del nodo padre come jjtGetChild().
Le azioni utente diverse da quella finale possono manipolare esclusivamente i figli sullo
stack. Questi non sono stati aggiunti ancora al nodo, perci non sono accessibile
tramite i metodi del nodo.
Un nodo condizionale avente un'espressione descrittiva di valore falso non sar
aggiunta allo stack, come pure i suoi figli. L'azione finale nell'ambito di un nodo
condizionale pu determinare se il nodo stato creato o meno chiamando i metodo
nodeCreated(). Questo restituisce true se la condizione del nodo fosse soddisfatta e
il nodo fosse stato creato e inserito sullo stack, e false altrimenti.

6.3 Gestione Eccezioni


Un'eccezione lanciata da un'espansione all'interno dell'ambito d'influenza d'un nodo
che non viene gestita nell'ambito viene gestita da JJTree. Quando ci succede, i nodi
che sono stati inseriti sullo stack nell'ambito di un nodo sono estratti e scartati.
Dopodich l'eccezione viene rilanciata.
L'intenzione quella di rendere possibile ai parser di implementare il recupero degli
errori e continuare con lo stack in uno stato noto.
Si deve prestare attenzione al fatto che JJTree al momento non sa determinare se le
eccezioni sono state lanciate da azioni utente nell'ambito di un nodo. Una siffatta
eccezione sarebbe probabilmente gestita in modo non corretto.

66

COSTRUZIONE DI ALBERI SINTATTICI CON JJTREE [6]

6.4 Metodi di Servizio per lo Scope dei Nodi


Se l'opzione NODE_SCOPE_HOOK viene impostata a true, JJTree genera chiamate a
due metodi definiti dall'utente del parser all'ingresso e all'uscita dall'ambito di ogni
nodo. I metodi devono avere le seguenti intestazioni:
void jjtreeOpenNodeScope(Node n)
void jjtreeCloseNodeScope(Node n)
Se il parser stato dichiarato static allora anche questi metodi dovranno essere
dichiarati come static. Entrambi sono invocati con il nodo corrente come parametro.
Un loro utilizzo potrebbe essere quello di immagazzinare lo stesso oggetto parser nel
nodo in modo da fornire lo stato che dovrebbe essere condiviso da tutti i nodi prodotti
dal tale parser. Ad esempio, il parser potrebbe una symbol table.
void jjtreeOpenNodeScope(Node n)
{
((SimpleNode)n).jjtSetValue(getSymbolTable());
}
void jjtreeCloseNodeScope(Node n)
{
}
dove getSymbolTable() un metodo definito dall'utente per farsi restituire una
struttura symbol table per il nodo.

6.5 Tener Traccia dei Token


Spesso utile tener traccia del primo ed ultimo token di un nodo in modo da
ripristinare facilmente l'input originale. Settando l'opzione TRACK_TOKENS la classe
SimpleNode che viene generata conterr 4 metodi supplementari:
public Token jjtGetFirstToken()
public void jjtSetFirstToken(Token token)
public Token jjtGetLastToken()
public void jjtSetLastToken(Token token)
Per ogni nodo, il primo e l'ultimo token saranno impostati automaticamente alla
partenza del parser.

6.6 Ciclo di Vita di un Nodo


Un nodo passa attraverso una sequenza ben definita di passi alla sua costruzione. Nella
prospettiva del nodo i passi della sequenza sono i seguenti:
1. viene invocato il costruttore del nodo con un solo parametro intero. Questo
parametro identifica il tipo di nodo ed utile in modo particolare nella
modalit semplice. JJTree genera automaticamente un file detto
parserTreeConstants.java che dichiara le costanti valido. I nomi delle
costanti derivano poi facendo precedere il prefisso JJT ai nomi in maiuscolo

67

6.6 CICLO DI VITA DI UN NODO


dei nodi, tramutando i punti (".") in underscore ("_"). Per la convenienza del
programmatore, nello stesso file viene gestito anche un array di variabili
String detto jjtNodeName[] che mappa le constanti ai nomi originari non
modificati dei nodi.
2. viene invocato il metodo jjtOpen() del nodo.
3. se stata impostata l'opzione NODE_SCOPE_HOOK, viene invocato il metodo del
parser definito dall'utente openNodeScope() passandogli il nodo come
parametro. Tale metodo pu inizializzare dei campi del nodo o chiamare i suoi
metodi. Ad esempio, potrebbe far immagazzinare nel nodo il suo primo token.
4. se viene lanciata una eccezione non gestita durante il parsing del nodo allora il
nodo viene abbandonato. JJTree non vi far mai pi riferimento. Esso non
verr chiuso, n verr chiamato l'eventuale metodo di servizio definito
dall'utente closeNodeHook() che ha il nodo come parametro.
5. altrimenti, se il nodo condizionale e la sua espressione condizionale ha valore
falso il nodo viene parimenti abbandonato. Esso non viene chiuso ma in tal
caso l'eventuale metodo di servizio definito dall'utente closeNodeHook()
potrebbe essere invocata (con il nodo come parametro).
6. altrimenti, tutti i figli del nodo specificati attraverso l'espressione intera per un
nodo definito, o tutti quelli inseriti sullo stack all'interno dello scope di un
nodo condizionale, vengono aggiunti al nodo. L'ordine di tale aggiunta non
specificato.
7. si chiama il metodo jjtClose() del nodo.
8. il nodo viene inserito sullo stack.
9. se impostata l'opzione NODE_SCOPE_HOOK, viene invocato il metodo definito
dall'utente closeNodeScope() cui viene passato il nodo come parametro.
10.se il nodo non la radice, esso viene aggiunto tra i figli di un altro nodo e viene
invocato il suo metodo jjtSetParent().

6.7 Supporto alla Visita


JJTree fornisce un supporto di base alla progettazione della visita. Se stata impostata
a true l'opzione VISITOR, JJTree inserir il metodo anjjtAccept() in tutte le
classi di nodo che genera, e genera anche un interfaccia per la visita che pu essere
implementata e passata ai nodi.
Il nome dell'interfaccia si costruisce aggiungendo Visitor al nome del parser.
L'interfaccia viene rigenerata ogni volta che si faccia partire JJTree, in modo da
rappresentare accuratamente l'insieme di nodi usati dal parser. Questo potrebbe
ingenerare errori di compilazione se la classe d'implementazione non viene aggiornata
per nuovi nodi.

68

COSTRUZIONE DI ALBERI SINTATTICI CON JJTREE [6]

6.8 Opzioni
JJTree supporta le seguenti opzioni per la linea di comando o per il costrutto options
di JavaCC:

BUILD_NODE_FILES (default: true) Genera implementazioni base per


SimpleNode ed ogni alto tipo di nodo usato dalla grammatica.

MULTI (default: false) Genera un albero in modalit multipla. Il default fa


generare alberi semplici.

NODE_DEFAULT_VOID (default: false) Invece di fare di ogni produzione


non-decorata un nodo indefinito, lo rende void.

NODE_CLASS (default: "") Se impostata, definisce il nome della classe fornita


dall'utente che estende SimpleNode. Ogni tipo di nodo creato sar quindi una
sottoclasse di quella indicata con NODE_CLASS.

NODE_FACTORY (default: "") Specifica una classe contenente un metodofactory utile a costruire nodi, con la seguente intestazione:
public static Node jjtCreate(int id)
Per compatibilit con precedenti versioni, si pu anche specificare il valore
false, che fa si che SimpleNode venga usato come classe-factory.

NODE_PACKAGE (default: "") Il package nel quale vengono generate le classi dei
nodi. Il default il package del parser.

NODE_EXTENDS (default: "") Deprecata. La superclasse per la classe


SimpleNode. Fornendo una superclasse ad hoc, possibile evitare di editare il
file SimpleNode.java.

NODE_PREFIX (default: "AST") Prefisso usato per costruire i nomi di classe


nodo a partire dagli identificatori dei nodi in modalit multipla.

NODE_SCOPE_HOOK (default: false) Inserisce chiamate a metodi del parser


definiti dall'utente all'entrata ed all'uscita dallo scope di ogni nodo. Vedere
6.4.

NODE_USES_PARSER (default: false) JJTree user una forma alternativa


delle routine di costruzione del nodo nelle quali venga passato l'oggetto
relativo al parser. Ad esempio,
public static Node MyNode.jjtCreate(MyParser p, int id);
MyNode(MyParser p, int id);

TRACK_TOKENS (default: false) Inserisce i metodi jjtGetFirstToken(),


jjtSetFirstToken(), getLastToken(), e jjtSetLastToken() in
SimpleNode. FirstToken viene automaticamente impostato all'entrata nello
scope di un nodo; analogamente LastToken viene impostato
automaticamente all'uscita.

69

6.8 OPZIONI

STATIC (default: true) Genera codice per un parser static. Tale opzione va
usata coerentemente con le opzioni equivalenti di JavaCC. Il valore di
quest'opzione viene emesso nel sorgente per JavaCC.

VISITOR (default: false) Inserisce un metodo jjtAccept() nelle classi


nodo e genera una implementazione di Visitor con una entry per ogni tipo di
nodo usato dalla grammatica.

VISITOR_DATA_TYPE (default: "Object") Se l'opzione impostata, il suo


valore viene usato nell'intestazione dei metodi jjtAccept() generati e nei
metodi visit() come tipo di argomento.

VISITOR_RETURN_TYPE (default: "Object") Se l'opzione impostata, il suo


valore viene usato nell'intestazione dei metodi jjtAccept() generati e nei
metodi visit() come tipo per il valore restituito da tali metodi.

VISITOR_EXCEPTION (default: "") Se l'opzione impostata, il suo valore


viene usato nell'intestazione dei metodi jjtAccept() generati e nei metodi
visit() come tipo di eccezione lanciata..

JJTREE_OUTPUT_DIRECTORY
(default:
si
usa
il
valore
di
OUTPUT_DIRECTORY) Per default, JJTree generata il suo output nella
directory specificata dal valore dell'opzione globale OUTPUT_DIRECTORY.
Impostando esplicitamente questa opzione permette agli utenti di separare i
file per il parser da quelli per la costruzione degli alberi.

6.9 Stati di JJTree


JJTree mantiene il suo stato in un campo della classe parser chiamato jjtree. Si
possono usare i metodi relativi per manipolare lo stack dei nodi.
final class JJTreeState {
/* Chiamata per reinizializzare lo stack. */
void reset();
/* Restituisce la radice dell'AST. */
Node rootNode();
/* Determina se il nodo corrente sia stato chiuso e inserito
sullo stack */
boolean nodeCreated();
/* Restituisce il numero di nodi inseriti sullo stack nello
scope corrente */
int arity();
/* Inserisce un nodo sullo stack */
void pushNode(Node n);
/* Restituisce il nodo al top dello stack, rimuovendolo dallo
stesso */

70

COSTRUZIONE DI ALBERI SINTATTICI CON JJTREE [6]


Node popNode();
/* Restituisce il nodo al top dello stack */
Node peekNode();
}

6.10

Nodi come Oggetti

I nodi dell'AST devono implementare l'interfaccia Node. Essa fornisce la base per la
costruzione delle relazioni padre-figlio tra i nodi. L'interfaccia ha la forma seguente:
public interface Node {
/** chiamato dopo che il nodo diventato quello corrente.
Indica che si possono aggiungere ora nodi-figlio . */
public void jjtOpen();
/** Chiamato dopo l'aggiunta di figli. */
public void jjtClose();
/** Metodi per informare il nodo sul suo padre. */
public void jjtSetParent(Node n);
public Node jjtGetParent();
/** Dice al nodo di aggiungere i suoi argomenti alla lista
dei figli. */
public void jjtAddChild(Node n, int i);
/** Restituisce un nodo figlio. I filgi sono numerati a
partire da 0, e da sinistra a destra. */
public Node jjtGetChild(int i);
/** Restituisce il numero di figli del nodo. */
int jjtGetNumChildren();
}
La classe SimpleNode implementa l'interfaccia Node e viene generata
automaticamente da JJTree qualora non esista ancora. Si pu usare tale classe come
template o superclasse per le proprie implementazioni dei nodi, oppure la si pu
modificare a piacimento. SimpleNode fornisce in pi un meccanismo rudimentale di
dumping ricorsivo del nodo e dei suoi figli. Si pu utilizzare questa caratteristica in
azioni come:
{
((SimpleNode)jjtree.rootNode()).dump(">");
}
Il parametro di tipo String in dump() utilizzato per indicare la gerarchia
dell'albero.
Un altro metodo d'utilit viene generato se stata impostata l'opzione VISITOR:
{
public void childrenAccept(MyParserVisitor visitor);

71

6.10 NODI COME OGGETTI


}
Questo frammento percorre la serie dei nodi-figlio, chiedendo loro di accettare la visita.
Pu essere utile quando si implementa l'attraversamento dell'albero in pre-ordine o in
post-ordine.

6.11

Esempi

JJTree viene distribuito con una serie di esempi che contengono una grammatica per il
parsing delle espressioni aritmetiche. Per ulteriori dettagli si veda il file
examples/JJTreeExamples/README.
Tra gli esempi c' anche un interprete per un semplice linguaggio che usa JJTree per
costruire la rappresentazione del programma. Per ulteriori informazioni, si veda
examples/Interpreter/README.
Per informazioni su un esempio che usa il supporto alla visita si veda invece
examples/VTransformer/README.

72

COSTRUZIONE DI ALBERI SINTATTICI CON JJTREE [6]

Bibliografia
Sito ufficiale: http://javacc.dev.java.net/
JavaCC FAQ: http://www.engr.mun.ca/theo/JavaCC-FAQ
Usenet group: comp.compilers.tools.javacc
Tom Copeland: Generating Parsers with JavaCC. Centennial Books, 2007.
Viswanathan Kodaganallur: Incorporating Language Processing into Java
Applications: A JavaCC Tutorial. IEEE Software, 21(4): 70-77, 2004.

73