Sei sulla pagina 1di 5

Boccaccio Decameron

Settima unit: Seconda giornata Novella quinta / prima parte


1/5

Giovanni Boccaccio Decameron


Settima Unit

Seconda giornataNovella quinta


Anche la quinta novella della seconda giornata molto famosa. Siccome il testo piuttosto
lungo, vi proponiamo un riassunto in italiano moderno che vi permetter di leggere pi
speditamente le avventure di Andreuccio da Perugia.
Ma come vedete nel testo manca quello che dicono i singoli personaggi della novella.
Sono le dodici frasi della lista a pagina 3. Attenzione: Saranno un po pi difficili da
comprendere perch sono le frasi del testo originale del Boccaccio.
Leggete prima la storia di Andreuccio, poi inserite ognuna delle 12 frasi al posto giusto.

PRIMA PARTE DELLE AVVENTURE DI ANDREUCCIO DA PERUGIA


AndreucciodaPerugia,ungiovanecozzonedicavalli,decidedirecarsialmercatodiNapoli
percomprareuncavallo.Metteintascacinquecentofiorinidoroeparte.ilprimoviaggio
dellasuavita.Nonhanessunaesperienzadelmondoesifidatroppodeglialtri.
AlmercatodiNapolitrovainfattipidiuncavallocheglipiace.Nonsadecidersi,maper
dimostrarecheseriamenteintenzionatoacomprare,mostraaivenditoriilsuoborsello
pienodidenari.Unagiovanesiciliana,bellissimamadicostumipocoraccomandabili,lo
osservaerisolveimmediatamentedifaredeltuttoperappropriarsidiquestidenari.
LABELLASICILIANA:(1)

__________________________________________________________________________________
PochiistantidopolagiovanevedelasuavecchiaservaavvicinarsiadAndreuccio,
abbracciarloeparlargliaffettuosamente.Tornataacasa,interrogacongrandeabilitlasua
serva.CosvieneascoprirechelavecchiastataalserviziodelpadrediAndreuccioprimaa
PalermoepoiaPerugia.Continuandoafaredomande,apprendemoltiparticolarisulla
famigliadellasuavittima.
Laserastessaunafante,mandatadallagiovane,fasapereadAndreucciocheunasignora
desideraparlargli.
LAFANTE:(2)

__________________________________________________________________________________
Andreucciononesitaunsecondo.
ANDREUCCIO:(3)

__________________________________________________________________________________

SocietDanteAlighieriVienna

Boccaccio Decameron

Settima unit: Seconda giornata Novella quinta / prima parte


2/5

Seguelafanteevieneaccoltodallabellasicilianaconsegniditenerezzaecommozione.
LABELLASICILIANA:(4)

__________________________________________________________________________________
ANDREUCCIO:(5)

__________________________________________________________________________________
Conlelacrimeagliocchiglispiegadiesserelasuasorellaillegittima,natadaunarelazione
damoredelloropadreconunagentildonna,duranteunlungosoggiornoaPalermo.
LABELLASICILIANA:(69)

__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
Andreuccio,chenonsapevadellesistenzadiunasorellastra,vuolesaperecomeabbiafattoa
riconoscerlo.
ANDREUCCIO:(1011)

__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
Lagiovaneglispiegache,avendolovistoincompagniadellavecchiaserva,siinformatae
hacapitodiavertrovatosuofratello.
Quandooradicena,labellasicilianainvitailfratelloafermarsiconlei,anchesele
dispiacechenonpossapresentargliilmaritochefuoricitt.
LABELLASICILIANA:(12)

__________________________________________________________________________________

Andreuccioarrivaacasadellabellasiciliana(Illustrazionedel1492,particolare)

SocietDanteAlighieriVienna

Boccaccio Decameron

Settima unit: Seconda giornata Novella quinta / prima parte


3/5

Quello che dicono la bella siciliana, Andreuccio e la fante:

a) Andreuccio, io sono molto certa che tu ti maravigli e delle carezze le


quali io ti fo e delle mie lagrime.
b) Chi starebbe meglio di me se quegli denari fosser miei?
c) Di vero tu cenerai con esso meco: e perch mio marito non ci sia, io
ti sapr bene secondo donna fare un poco donore.
d) Idio mha fatta tanta grazia che io anzi la mia morte ho veduto
alcuno de miei fratelli.
e) Io per me niuna coscienza aveva di voi se non come se non foste.
f) Ma duna cosa vi priego mi facciate chiaro: come sapeste voi che io
qui fossi?
g) Ma tra gli altri che molto lamarono, mia madre, che gentil donna
fu e allora era vedova, fu quella che pi lam.
h) Madonna, voi siate la ben trovata!
i) Messere, una gentil donna di questa terra, quando vi piacesse, vi
parleria volentieri.
j) O Andreuccio mio, tu sii il ben venuto!
k) Or via mettiti avanti, io ti verr appresso.
l) Pietro, mio padre e tuo dimor lungamente in Palermo, e per la sua
bont e piacevolezza vi fu amato assai.

FINORA CONOSCETE SOLO LINIZIO DELLE AVVENTURE DI ANDREUCCIO.


VEDRETE NELLA SECONDA PARTE CHE IN QUELLA NOTTE ANDREUCCIO NON
CHIUDER GLI OCCHI NEANCHE PER UN MINUTO!

SocietDanteAlighieriVienna

Boccaccio Decameron

Settima unit: Seconda giornata Novella quinta / prima parte


4/5

Per andare oltre


1. Avete buona memoria?
Ognuna delle 12 parole della lista sottostante si trova nel testo della novella che avete appena
studiato. Usatele per fare 12 frasi che si riferiscono alle avventure di Andreuccio.

1. Andreuccio

5. il padre

9. la serva

2. il cavallo

6. la giovane

10. Napoli

3. i fiorini

7. la cena

11. Palermo

4. il mercato

8. la fante

12. Perugia

2. Per finire in bellezza


Ora recitate il testo. Ci vorranno quattro persone per coprire tutti i ruoli:
Il narratore
Andreuccio
La bella siciliana
La fante.
Prima di recitare insieme, preparatevi un po per evitare possibili errori di pronuncia. Se avete
dubbi, chiedete allinsegnante di aiutarvi.

SocietDanteAlighieriVienna

Boccaccio Decameron

Settima unit: Seconda giornata Novella quinta

5/5

Soluzione:
1 = b)

4 = j)

7 = d)

10 = e)

2 = i)

5 = h)

8 = l)

11 = f)

3 = k)

6 = a)

9 = g)

12 = c)

SocietDanteAlighieriVienna