Sei sulla pagina 1di 2

Che capidogli sono i vostri! Spero che non ci crederete!

Signor naturalista,
rispose gravemente il canadese,
bisogna credere tutto delle balene. Come cammina questa! Come si
allontana! Si afferma che questi animali possano fare il giro del
mondo in quindici giorni.
Non dico di no.
Ma quello che voi certamente non sapete, signor Aronnax.
che al principio del mondo le balene filavano pi presto ancora.
Davvero, Ned? E perch?
Perch allora avevano, come i pesci, la coda per traverso che
batteva l'acqua da sinistra a destra e da destra a sinistra, ma il
Creatore, accorgendosi che camminavano troppo presto, torse loro la
coda, e da allora battono i flutti dall'alto in basso, a danno della loro
rapidit.
Bene, Ned,
dissi io,
bisogna credervi?
Non troppo,
rispose Ned Land,
e non di pi se vi dicessi
che ci sono balene lunghe trecento piedi e che pesano trecentomila
libbre.
davvero molto,
dissi io,
bisogna per confessare che
alcuni cetacei hanno uno sviluppo eccezionale, e si dice che
forniscano perfino centoventi tonnellate d'olio.
Quanto a questo, l'ho visto io stesso!
esclam il canadese.
Lo credo benissimo, Ned, come credo che certe balene
eguaglino in grossezza cento elefanti. Immaginate gli effetti prodotti
da una massa tale scagliata a tutta velocit!
vero,
domand Consiglio, che possono mandare a
fondo delle navi?
Navi, non credo,
risposi; per si racconta che nel 1820,
precisamente in questi mari del Sud, una balena si precipit sulla
nave Essex e la fece rinculare con la velocit di quattro metri al
secondo; le onde entrarono per di dietro, e la nave affond quasi
subito. Ned mi guard con un'aria scherzosa, poi disse:
Per conto mio, ho ricevuto un colpo di coda di balena, nel mio
canotto s'intende. I miei compagni ed io eravamo stati lanciati a una
altezza di sei metri, ma, accanto alla balena del signor professore, la
mia non era che un balenottera.
Vivono molto questi animali?
domand Consiglio.
Mille anni,
rispose il canadese senza esitare.
E come lo sapete, Ned?
Perch lo si dice.
E perch lo si dice?
Perch lo si sa.
No, Ned, non si sa, ma si suppone; ed ecco il ragionamento sul
quale si fonda questa supposizione. Quattrocento anni fa, quando i
pescatori cacciarono per la prima volta le balene, questi animali
avevano dimensioni superiori a quelle che raggiungono oggi. Si
suppone dunque, con una certa logica, che l'inferiorit delle balene
d'oggi provenga dal fatto che non ebbero il tempo di raggiungere il
loro completo sviluppo. appunto il motivo che fece dire a
Buffon101 che questi cetacei potevano e dovevano vivere mille anni.
Capite?
Ned Land non capiva, non ascoltava nemmeno. La balena si
accostava sempre ed egli la divorava con gli occhi.
Ah!
esclam, non pi una balena, sono dieci, sono
venti, una frotta intera! E non poter far nulla, esser qui legato mani
e piedi!
Ma, caro Ned,
disse Consiglio, perch non domandate al
capitano Nemo il permesso di cacciare?
Consiglio non aveva ancora terminata la frase, che gi Ned Land
era sparito per lo sportello e correva in cerca del capitano. Poco dopo

tutti e due apparvero sulla piattaforma.


Il capitano Nemo osserv il branco di cetacei che folleggiava sulle
acque a un miglio di distanza dal Nautilus, poi disse:
Sono balene australi, laggi ci sarebbe la fortuna di una flotta
di balenieri.
Ebbene, signore,
domand il canadese,
non potrei dar
loro la caccia, non fosse altro che per non dimenticarmi del mio
101 Georges-Louis Ledere, conte di Buffon (1707-1788), naturalista e scrittore
francese, autore della Storia naturale.
antico mestiere?
E per che motivo
rispose il capitano
dar la caccia
soltanto per distruggere? Non sappiamo che farne a bordo dell'olio di
balena.
Eppure, signore,
insist il canadese,
nel Mar Rosso ci
avete autorizzati a inseguire un dugongo.
Si trattava allora di procurare della carne fresca al mio
equipaggio: qui invece sarebbe uccidere per uccidere. So bene che
questo un privilegio riservato all'uomo, ma io non ammetto questo
passatempo sanguinario. Distruggendo la balena australe come la
balena franca, esseri buoni ed inoffensivi, i vostri simili, mastro
Land, commettono un'azione biasimevole. Hanno spopolato cos
tutta la baia di Baffin, e spegneranno una classe di animali utili.
Lasciateli dunque tranquilli, questi disgraziati cetacei; hanno
abbastanza da fare con i loro nemici naturali, i capidogli, i pescispada
e i pesci-sega senza che voi ve ne immischiate.
Lascio immaginare che faccia facesse il canadese durante quella