Sei sulla pagina 1di 2

Nato a Casale Monferrato nel 1914, era operaio meccanico.

Nel 1937 prese parte alla guerra civile


spagnola come volontario del corpo di intervento italiano.
Allindomani dell8 settembre 1943 ader alle prime formazioni partigiane

Italo Rossi
Nato a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1914, caduto a Cuorgn (Torino) il 29 giugno
1944, operaio meccanico, Medaglia d'oro al Valor militare alla memoria.
Nel 1937 aveva partecipato, per breve tempo, alla guerra di Spagna come volontario nelle truppe
fasciste. Questo precedente non gli imped, all'indomani dell'8 settembre 1943, di prendere parte
alla guerra di Liberazione nelle file della Resistenza piemontese.
Italo Rossi, figlio di Oreste, sposato con Maria Daniele e padre di Oreste (nato nel 1938), partecip
alla guerra di Liberazione come partigiano nella Resistenza piemontese.
Fu comandante di un battaglione delle Brigate "Matteotti" e successivamente della Divisione che
dopo la sua morte prese il suo nome.
Cadde vittima di una imboscata di truppe nazi-fasciste a Cuorgn il 29 giugno 1944.

Onorificenze
Ricevette la Medaglia d'oro - alla memoria - al valor militare con Decreto n d'ordine 614 in data 1
agosto 1947, pubblicata sul Bollettino Ufficiale 15-8-1949 disp. 15 pag. 2310.
Registrato alla Corte dei Conti add 8-9-1947 Registro Presidenza 9 foglio 383
Medaglia d'oro al valor militare

Assertore e propagandista dellidea della libert, animato da viva fede e da puri ideali,
organizzava squadre di volontari in fondendo in essi senso del dovere e spirito di
sacrificio. Combattente di tempra adamantina condusse i suoi uomini in numerosissime
azioni di guerriglia contro gli oppressori nazi-fascisti infliggendo ai nemico gravi
perdite in uomini e materiali. Comandante di Brigata partigiana, alla testa di una forte
pattuglia attaccava una munita posizione nemica e dopo quattro ore di aspri
combattimenti otteneva di poter trattare la resa. Mentre assieme a due ufficiali fascisti
incaricati delle trattative si recava al proprio comando di Divisione, veniva attaccato da
una forte formazione avversaria. Sopraffatto dal nemico e dalla potenza di fuoco si
difendeva strenuamente fino allultima cartuccia ed eroicamente cadeva con tutti gli
uomini della sua scorta. Prima di esalare lestremo anelito lanciava contro il nemico il
grido appassionato della sua indefettibile fede. - Cuorgn, 29 giugno 1944[1].

Nato a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1888, fucilato a Cocconato (Asti) il 27 febbraio
1945, Medaglia d'argento al Valor militare alla memoria.
Aveva tre figli e, cos come i suoi ragazzi, Oreste Rossi, dopo l'armistizio, si era subito impegnato,
malgrado la non pi giovane et, nella Resistenza piemontese. Il figlio Bruno, giovanissimo (era
nato nel 1926), comandava, infatti, una brigata della I Divisione "Matteotti" e, pi volte ferito in
combattimento, sarebbe stato decorato di Medaglia di bronzo dopo la Liberazione. Francesco, il pi
vecchio (classe 1912), era alla testa di formazioni partigiane nel Torinese, in Valle d'Aosta e nel
Monferrato; anch'egli, pi volte ferito, sarebbe stato suo volta insignito, a guerra finita, di Medaglia
d'argento. Italo, caduto a Cuorgn a trent'anni, avrebbe ricevuto la massima ricompensa militare alla
memoria. La morte di Italo non distolse il padre dalla lotta contro i nazifascisti. Fu cos che, quando
ormai si profilava la vittoria contro gli occupanti, l'anziano partigiano fu ferito durante un
combattimento a Castagneto Po, in provincia di Torino. Caduto in mano al nemico, Oreste Rossi fu
portato a Cocconato. Per giorni resse a pesanti interrogatori e, nonostante le sevizie, nulla rivel che
potesse compromettere i compagni. Infine, fu condannato a morte e fucilato.

Nel vasto panorama del partigianato piemontese, un posto di particolare rilievo occupano i Rossi,
unintera famiglia padre e tre figli che prese le armi contro linvasore tedesco e il suo alleato
fascista, pagando un significativo tributo di sangue.
Oreste Rossi era nato a Casale Mo0nferrato nel 1888. Dopo larmistizio, nonostante la non pi
verde et, .assieme ai suoi tre figli: Italo, Francesco e Bruno si trasferirono in Valle dAosta, in
localit Arcesaz. Qui i Rossi costituirono una banda composta di partigiani anchessi casalesi: ne
facevano parte, tra gli altri, Giuseppe Carrera e Arduino Bizzarro. Italo Rossi (classe 1914) aveva
gi preso parte, per breve tempo, alla guerra civile spagnola tra le file dei volontari italiani
filofranchisti. Passato alla Resistenza, comand dapprima un distaccamento e poi, tornato in
Monferrato reduce dallesperienza in Vall una brigata Matteotti

erante nel Monferrato, il 1 giugno del 1944 Italo Rossi assunse il comando della Divisione che,
dopo la sua morte, avrebbe preso il suo nome.
Il 29 giugno, Rossi, alla testa di un gruppo di partigiani, attacc una forte posizione nemica nei
pressi di Cuorgn e dopo quattro ore di combattimento convinse i fascisti ad arrendersi. Con due
ufficiali nemici si stava recando al proprio Comando per definire le condizioni di resa, quando
cadde in un'imboscata. Tent di difendersi sparando sino all'ultima cartuccia; poi fu sopraffatto
insieme ai pochi partigiani che lo accompagnavano.