Sei sulla pagina 1di 4

Scannerizzare libri

con la fotocamera
dello smartphone
(a cura di Zovvo)

1. Gli strumenti
Dico subito gli strumenti che user:
uno smartphone Android munito di fotocamera da almeno 5 Mpx;
una base d'appoggio per lo smartphone, anche piccola, ma pesante;
software Camera FV-5 (a pagamento per pochi su Google Play, o in versione pirata);
un vetro di dimensioni circa 55x35 cm e di spessore non inferiore a 5 mm;
un panno nero e non lucido di dimensioni superiori al vetro;
alcune pile di libri.

2. La disposizione di libro e fotocamera


La posizione con la fotocamera sopra e il libro aperto sul tavolo non consigliabile perch le
pagine non verrebbero piatte e si dovrebbe mantenere il libro bene aperto con le dita, col problema
di dover eliminare le tracce di queste ultime dalla scansione. Le pagine poi spesso sfuggono o il
testo troppo vicino al margine esterno della pagina e capita che prima o poi venga coperto da un
dito.
Il programma gratuito Scan Tailor rimedia alla deformazione delle pagine con un successo del
90% in modalit automatica (dipende poi anche dall'entit della deformazione...), ma oltre ad avere
la funzione apposita di dewarping molto lenta, c' che laddove la modalit automatica fallisse, pu
diventare complicato e lungo rimediare manualmente. C' bisogno certamente di pratica e non
sicuramente una sfida impossibile, ma val la pena ritrovarsi con certi problemi ad ogni scansione di
libro?
Andrebbe detto, infine, che con il libro aperto e le pagine all'ins, la successione delle scansioni
sarebbe estremamente veloce perch semplicemente basterebbe voltare le pagine ad ogni scatto
della fotocamera senza cambiare la posizione del libro; mi sentirei quindi di consigliare tale
disposizione solo se fosse strettamente necessario per questioni di tempo. A me gi capitato, ma
intuibile che sia una soluzione che adotto raramente.
Non rimane che mettere il libro aperto a faccia in gi, schiacciato contro un vetro, e posizionare la
fotocamera sotto. Per una soluzione casalinga, si potrebbero usare vari libri posti su un tavolo per
edificare due colonne sopra cui posizionare a ponte, il vetro. E' chiaro per che se ci si costruisse
una semplice struttura in legno molto meno traballante e pi sicura per reggere il vetro, sarebbe
anche meglio. Fate voi! L'importante che la distanza tra il libro e la fotocamera possa variare
facilmente, perch la fotocamera ha l'obiettivo fisso (lasciate perdere lo zoom digitale!) e quindi la
si deve avvicinare o allontanare affinch libri di dimensioni diverse riempiano ogni volta tutta

l'inquadratura. Con le colonne di libri, basta togliere o aggiungere libri e il vetro si avvicina o si
allontana dalla fotocamera. Se costruite una struttura rigida da poggiare sul tavolo, fatela abbastanza
alta, 50-60 cm (e naturalmente molto stabile), in modo che potrete alzare la fotocamera mettendoci
dei libri sotto.
Come accorgimenti per mantenere fotocamera e libro nelle loro posizioni fisse, usate qualcosa
come bacchette incollate al vetro per quanto riguarda il libro (anche delle mollette del bucato) che
servano da margini per appoggiarvi i lati; e cos per la fotocamera. Per quest'ultima, consiglierei una
base d'appoggio anche piccola, ma pesante, in modo che non si muova nonostante gli spostamenti
della fotocamera.
Importante anche che sul tavolo sia steso un panno nero e non lucido, altrimenti il tavolo si
rifletter nel vetro e quindi nelle foto. Per lo stesso motivo, smartphone e base d'appoggio dovranno
essere scuri o scuriti in qualche modo (un rivestimento di qualche tipo o quello che potrete trovare).

3. L'illuminazione
A meno di avere pannelli illuminanti, flash anulari e cose che voi mortali..., la buona
illuminazione naturale della finestra di casa pu risolvere la maggior parte dei problemi, soprattutto
se il risultato dell'elaborazione delle scansioni una pagina a due colori. Infatti, non importa se la
pagina illuminata maluccio, o per met pi illuminata e per met meno, tanto, nell'elaborazione ad
es. con Scan Tailor, conta solo se il testo spicca sullo sfondo in modo che il programma faccia
diventare nero il primo e bianco il secondo.
Se poi si adottano soluzioni come lampade poste ai lati, purch non producano ombra sulle
pagine e riflessi sul vetro e nelle foto, anche meglio.
Come parziale contributo si tenga conto anche delle possibilit della fotocamera, come
l'allungamento impostabile del tempo di esposizione o l'incremento di luminosit dato
elettronicamente (EV).
Proibitivo l'uso del flash per la limitata distanza tra fotocamera e libro.

4. L'acquisizione

schermata principale in modalit landscape di Camera FV-5

User come software Camera FV-5 che permette di utilizzare molte funzioni proprie di una
reflex. Lo si trova a pagamento per pochi euro su Google Play, oppure si pu cercare in rete la
versione pirata. C' anche la versione free, ma ha forti limitazioni come la bassa risoluzione. In ogni
caso, l'uso che ne far esemplificativo: si possono usare anche altre app per fotocamera Android,
purch abbiano le funzioni di autoscatto, time-lapse e blocco del fuoco (AF-L).
La prima cosa da fare la sistemazione migliore di fotocamera e libro affinch la doppia pagina
di quest'ultimo riempia abbastanza l'inquadratura e sia dritta quanto possibile. Dal momento che
non si pu interagire con lo schermo della fotocamera, impostiamo un autoscatto di 10 sec. e
facciamo uno scatto di prova:
- clic su MENU,
- poi sull'icona a cronometro barrato
- e quindi sul 10.
- Ora, clic sul pulsante di scatto e sistemiamo la fotocamera come ci pare meglio.
E' indispensabile che siano abilitati i suoni dello scatto e della messa a fuoco, altrimenti non
sapremo mai nulla di questi: dovrebbero esserlo gi di default, ma scanso di equivoci
- clic sulla rotella delle Impostazioni,
- poi Impostazioni generali...
- e infine spunta su Riproduci suono fotocamera...
- Clic su una parte libera dello schermo per uscire.
Se come prevedibile non ci prendete al primo scatto di prova, ripremete semplicemente il
pulsante di scatto (l'autoscatto dovrebbe essere ancora impostato), riposizionate meglio lo
smartphone, e state sempre attenti a sentire sia il bip della messa a fuoco sia il suono pseudomeccanico dello scatto dell'otturatore. Per assicurarvi che si attivi la messa a fuoco automatica per
questi scatti di prova fate
- clic sulla rotella delle Impostazioni,
- poi Impostazioni generali...
- poi metti la spunta su Messa a fuoco prima...
- e toglila da Consenti di scattare se...
- Clic su una parte libera dello schermo per uscire.
Dopo un po' di noia consueta, avrete le posizioni giuste che dovranno essere fissate per non
cambiare pi. Nel valutare gli scatti di prova (e soprattutto l'ultimo andato a buon fine), bisogna
chiaramente accertarsi che il testo sia perfettamente a fuoco, ingrandendo al possibile la foto venuta.
A questo punto il fuoco va bloccato e conservato per tutta la scansione del libro:
- clic sulla seconda icona tra quelle in basso qualunque sia quella gi impostata (AF, un fiore, una
mano, 8 coricato);
- poi su AF-L che comparir adesso in alto a destra.
Ora dovrebbe cominciare la serie di scansioni vera e propria, ma come fare se non si pu toccare
ogni volta lo schermo e impostare l'autoscatto per ogni scansione troppo lungo? Ci viene in aiuto
il time-lapse, cio scattare in automatico tot fotografie, una ogni tot secondi. Come si sa, usato
soprattutto per riprendere movimenti lenti (scorrere delle nuvole o dei riflessi della luce solare o
delle ombre della giornata o movimenti di una pianta) da riprodurre poi a velocit adeguata affinch

l'occhio umano possa apprezzare il movimento. Ma a noi serve in quanto un modo per scattare in
automatico senza toccare la fotocamera. L'alternativa, tra l'altro estremamente pi consigliata,
prevederebbe l'uso di un telecomando; ma il fine di questa guida quello di rimanere per quanto
possibile in un contesto casalingo.
- Clic su MENU
- poi sull'icona a cronometro INT
- poi col primo + impostiamo i secondi tra uno scatto e l'altro, e col secondo quanti scatti totali
devono succedersi (abbondate ben oltre quelli che servono ad esaurire il libro);
- infine Avvia ora dar inizio alle danze.
Impostate qualcosa come 6 sec. perch dopo uno scatto dovete avere il tempo di prendere il libro,
girare pagina (controllate sempre il numero della pagina che girate con quello successivo e vi
accorgerete se manca qualche pagina o il libro impaginato random) e riposizionarlo bene. Anche
per questo servono prove ed esperienza; ma se chi, lesto di mano e con le pagine che si sfogliano
facili, riesce ad abbassare l'intervallo a 4 sec., significa che potr fare 15 scatti al minuto, cio 450
scatti (900 pagine) in mezzora. Naturalmente fa pip prima.
Una volta cliccato Avvia ora, partir sullo schermo un conteggio degli scatti e il tempo
rimanente. Non vi preoccupate se gli scatti cominciano mentre state ancora posizionando la
fotocamera: li eliminerete alla fine. Il conteggio si pu interrompere premendo Stop, e il time-lapse
riprendere, cliccando di nuovo su MENU ecc. E' inevitabile un po' di ansia e degli errori; per alla
fine penso che con questo metodo, quando va male, va male; ma quando tutto funziona, va
benissimo! O almeno veloce.

Zovvo