Sei sulla pagina 1di 6

STAMPA LIBERA » FINANZA CREATIVA o FINANZA DISTRUTTIVA? » Stampa http://www.stampalibera.com/?

p=9461&print=1

- STAMPA LIBERA - http://www.stampalibera.com -

FINANZA CREATIVA o FINANZA DISTRUTTIVA?


Pubblicato da Lino Bottaro Il 16 febbraio 2010 @ 13:02 in Informazione | 2 commenti

1 di 6 18/02/2010 00:32
STAMPA LIBERA » FINANZA CREATIVA o FINANZA DISTRUTTIVA? » Stampa http://www.stampalibera.com/?p=9461&print=1

martedì, 16 febbraio 2010 [1]

Fonte icberg finanza

[2]
Come ho scritto non più tardi di una settimana fa…In
[3]
attesa che la nebbia si dissolva su questa vicenda, DER SPIEGEL ci racconta che Goldman Sachs avrebbe aiutato la Grecia ad
approfittare di un vuoto normativo al fine di ridurre la vera entità del proprio deficit.

[4]
Nel fine settimana, il NYTimes pubblica un altro dettagliato resoconto, ricordando come nell’altra sponda dell’Atlantico, la questione non ha
avuto grande rilevanza come ha invece sottolineato Der Spiegel.

[5] [6]
Sul Sole24Ore Vittorio Da Rold e sulla Repubblica Federico Rampini, riportano la notizia con i dovuti particolari, di una finanza creativa
che nella sostanza non si limita ad essere solo creativa ma anche profondamente distruttiva.

Inutile ricordare le imponenti colpe della politica, che nella sua profonda connivenza continua ad assecondare il gioco finanziario.

2 di 6 18/02/2010 00:32
STAMPA LIBERA » FINANZA CREATIVA o FINANZA DISTRUTTIVA? » Stampa http://www.stampalibera.com/?p=9461&print=1

Se le grandi firme di Wall Street, ma non solo, basti pensare all’allegra compagnia dei derivati che ha invaso le amministrazioni italiane, hanno
aiutato alcuni paesi a liftare il proprio bilancio con strumenti finanziari derivati, quanti sono i bilanci mondiali, privati e pubblici, realmente
affidabili? Inutile ricordare ai lettori di Icebergfinanza, il famigerato ” Mark to Model ” valutazione soggettiva minima teorica, tra il costo storico
e il valore dei titoli scontato dei proventi futuri presunti, per assets da detenere sino alla loro naturale scadenza.

Tecniche finanziariamente virtuose, quelle di rimandare all’infinito, la responsabilità del debito. Un po come quelli che pagano le rate del mutuo
con la carta di credito, e la carta di credito con un affidamento qualsiasi. Debito su debito all’infinito, ipotecando le generazioni future.

Ormai della finanza creativa non si stupisce più nessuno, abbiamo perso da tempo la capacità di stupirci , di indignarci, ma della finanza
distruttiva, forse qualcosa in più bisognerebbe raccontare. Se un’istituzione finanziaria, “aiuta” uno stato a “liftare” i propri bilanci, essendo a
conoscenza della eale situazione finanziaria e possibile che quando è il momento, sia a disposizione di informazioni “sensibili”, padrona di
assimmetrie informative, che possono essere utilizzate per speculare contro o a favore di una qualsiasi situazione contabile o finanziaria.

Phil Angelides, presidente della commissione di inchiesta federale sulle cause e sulle responsabilità della crisi, ha recentemente utilizzato una
monumentale metafora, in riferimento alla speculazione messa in atto da Goldman Sachs, che prevedeva operazioni simultanee di
collocamento e contestuale vendita a breve sul mercato, di pacchetti di titoli tossici.

«Perdoni la franchezza, ma a me questa sembra la storia di uno che vende un’auto sapendo che è guasta e poi fa un assicurazione a suo
vantaggio sulla vita del guidatore che l’ha comprata ”

Le assicurazioni sulla vita, di coloro che hanno comprato auto guaste sono i famigerati credit default swap, assicurazioni vendute da “medici”
che conoscono i dati sensibili.

[7]
Fin qui nulla, di nuovo, ma diamo un’occhiata a cosa ci racconta Simon Johnson, di Baseline Scenario. , segnalatoci dal nostro Raffaele
Mascetra, non una fonte qualsiasi ma un blog nato nel settembre 2008, citato dalle maggiori testate economico finanziarie del paese, un blog
della massima autorità.

Ebbene, Simon Johnson, ex capo economista presso il Fondo Monetario Internazionale e professore al MIT, oltre che mebro di altri importanti
istituti, ci ricorda che Goldman Sachs, ma non solo è stata salvata con la garanzia implicita del governo americano, in nome della “presunta”,
aggiungo io, stabilità finanziaria globale.

Ebbene ricordando gli ultimi suggerimenti “finanziari” per nascondere ulteriormente la situazione contabile greca, offerti dal sistema finanziario,
Johnson, sottolinea l’azione destabilizzante sulla fiducia di bilanci senza trasparenza che minano i più elementari principi che stanno alla base
del corretto funzionamento dei mercati. Quando la realtà è nascosta, il fenomeno “subprime” insegna che la tempesta è dietro l’angolo.

Ricordando il caso della Barings, un solo operatore economico disonesto, può far crollare una banca, ma una sola banca disonesta è
sufficiente, a far esplodere il sistema finanziario. Ricordate il granellino di sabbia, della Madre di tutte le crisi?

Certo, sottolinea Johson, tutto “business as usual” e per essere sicuri, qualche telefonata intorno a Washington, aiuterà che il supervisore
primario, la Federal Reserve, giri lo sguardo da un’altra parte.

Sarà interessante osservare se l’interessamento delle autorità europee, avrà un seguito, o se sarà come sempre, un interessamento di
facciata. Questi sono i quesiti che Johnson si pone:

3 di 6 18/02/2010 00:32
STAMPA LIBERA » FINANZA CREATIVA o FINANZA DISTRUTTIVA? » Stampa http://www.stampalibera.com/?p=9461&print=1

a) Quali governi hanno lavorato con Goldman Sachs in questi anni e su quali basi. Tutte le azioni messe in atto prima o dopo l’introduzione
dell’euro dovrebbero essere accuratamente riesaminate.

b) Operazioni messe in atto e modalità di segnalazione del debito pubblico.

c) L’accusa è che Goldman abbia deliberatamente e in maniera premeditata, suggerito di nascondere la reale situazione contabile. Se è vero,
in che misura ha aiutato altri paesi,( tra cui il nostro sembra…) ad entrare o a cercare di entrare nell’Euro?

d) Quale è il vero livello di passività della Grecia, senza il quale è impossibile progettare un qualsiasi intervento di sostegno, al di la delle
dichiarazioni di maniera, aggiungo io?

e) Ci sono altri paesi aiutati in questo modo da Goldman, Svizzera o Inghilterra, tanto per fare qualche nome?

f) Goldman ha esaltato le virtù del debito pubblico greco o di altri paesi, contribuendo nel contempo a ingannare gli investitori sui rischi reali di
tali debiti e quali gli interessi di Goldman in questi titoli?

g) Ci sono prove che Goldman ha strutturato operazioni analoghe per il settore privato – che consente alle aziende di nascondere il
proprio livello di indebitamento? Alcuni di questi titoli, sono stati suggeriti da Goldman, per la lista degli acquisti.

h) Le autorità di vigilanza erano a conoscenza della attività di Goldman Sachs, in Grecia e in altri paesi dell’area euro, approvandone le
operazioni che minano l’integrità dell’unione europea?

i) Dove stava la Banca Centrale Europea mentre tutto ciò stava accadendo, affascinata probabilmente dalla finanza creativa di Wall Street?

l) Ogni funzionario responsabile era davvero convinto che Goldman stava proponendo, il sacro Gral della produttività, il dogma
dell’innovazione finanziaria, piuttosto che una soffisticata forma di truffa legalizzata?

Tutte domande legittime, che il sistema ha smesso di porsi, in quanto ha perso la capacità di indignarsi e l’inganno e la menzogna sono parte
integrante di questo sistema. la regola, non l’eccezione, o perlomeno la regola dominante.

Ecco perchè la Madre di tutte le crisi ci accompagnerà per molto più tempo di quello che nessuno è in grado di immaginare, l’intreccio finanza e
politica, è il granellino di sabbia che bloccherà per molto tempo la possibilità di qualsiasi ripresa, socializzando le perdite e privatizzando i
profitti.

Johnson si chiede per quanto tempo ancora il governo degli Stati Uniti, resterà intimamente legato a Goldman Sachs in questo tipo di azioni
destabilizzanti, quale è la sua priorità, una ripresa sostenibile e un sistema finanziario sostenibile o un set particolare di banche di investimento.

Se mai qualcuno non avesse ancora compreso la questione, ascoltiamo insieme, Otmar Issing, alto funzionario della Banca Centrale Europea:

(ANSA) – NEW YORK, 15 FEB – L’Europa non puo’ permettersi di salvare la Grecia. Lo afferma, sul Financial Times, Otmar Issing, ex membro del board
della Banca Centrale Europea, secondo il quale “e’ certamente vero che per l’Unione economica e monetaria Europea questo e’ un momento decisivo”. Issing
osserva come gli aiuti finanziari alla Grecia da parte di altri paesi europei violano i trattati europei e mettono a rischio le fondamenta dell’Unione monetaria.
“L’Unione monetaria e’ basata su due pilastri. Uno e’ la stabilita’ dell’euro, garantita da una Banca Centrale indipendente e con il chiaro mandato di mantenere
la stabilita’ dei prezzi. L’altro e’ la solidita’ fiscale”, dei conti pubblici, e che fa capo “ai singoli stati membri. L’Unione monetaria non rappresenta uno stato, e’
un accordo internazionale unico nella storia. Negli anni 1990 diversi economisti, fra i quali anche io, hanno messo in guardia sul fatto che creare un’unione

4 di 6 18/02/2010 00:32
STAMPA LIBERA » FINANZA CREATIVA o FINANZA DISTRUTTIVA? » Stampa http://www.stampalibera.com/?p=9461&print=1

monetaria prima che politica significava mettere il carro prima del cavallo. Ora la domanda e’ se l’unione monetaria puo’ sopravvivere senza un’unione
politica”. “Entrando a far parte dell’Unione, ogni paese ha accettato le sue regole. Entrarvi a far parte – aggiunge Issing – ha portato molti vantaggi” a molti
paesi, inclusa la Grecia. Ma la concessione di “assistenza finanziaria a paesi che hanno violato i termini della partecipazione all’unione monetaria sarebbe un
duro colpo alla credibilita” dell’unione stessa. “Trasferire soldi dei contribuenti di un paese che ha rispettato le norme previste a una nazione che invece le ha
violate – mette in evidenza Issing – creerebbe ostilita’”. La crisi attuale e’ per l’Unione Monetaria “l’ultimo test per vedere se l’accordo istituzionale puo’
sopravvivere nel lungo termine senza un accordo politico”.(ANSA).

[8]
Purtroppo come ricorda Simon Johnson, il signor Issing, ha trascurato di evidenziare che lui è un consulente di Goldman Sachs, FTArchives
” Former ECB guru Issing to join Goldman Sachs ” come riportato in questo [9] pezzo, un piccolissimo accenno di conflitto di interesse, niente
di rilevante sia chiaro.

Altro che crisi finanziaria ed economica, altro che nichilismo, questa è la Madre di tutte le crisi antropologiche della Storia, come sostiene
Icebergfinanza dall’inizio del suo viaggio.

Popularity: 14%

Articolo stampato da STAMPA LIBERA: http://www.stampalibera.com

URL dell'articolo: http://www.stampalibera.com/?p=9461

URL in questo articolo:

[1] martedì, 16 febbraio 2010: http://icebergfinanza.splinder.com/tag/0+mondi+alternativi


[2] Immagine: http://www.stampalibera.com/wp-content/uploads/2010/02/SantoriniGrecia.jpg
[3] DER SPIEGEL: http://www.spiegel.de/international/europe/0,1518,676634,00.html
[4] NYTimes: http://www.nytimes.com/2010/02/14/business/global/14debt.html
[5] Sole24Ore: http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2010/02/grecia-
new-york-times-wall-street.shtml?uuid=d1d172ee-1997-11df-bf36-47a50d4abb32&
DocRulesView=Libero
[6] Repubblica: http://www.repubblica.it/economia/2010/02/15/news/rampini_grecia-2302829/
[7] Baseline Scenario.: http://baselinescenario.com/
[8] FTArchives: http://www.ft.com/cms/s/0/42036b94-5cb3-11db-
9e7e-0000779e2340.html?nclick_check=1
[9] questo: http://baselinescenario.com/2010/02/15/senior-goldman-adviser-criticizes-greece-without-
disclosing-his-goldman-affiliation/

5 di 6 18/02/2010 00:32
STAMPA LIBERA » FINANZA CREATIVA o FINANZA DISTRUTTIVA? » Stampa http://www.stampalibera.com/?p=9461&print=1

Copyright & copy; 2009 STAMPA LIBERA. Tutti i diritti riservati.

6 di 6 18/02/2010 00:32