You are on page 1of 2

No guru, no party?

Nel mondo dell'invisibile, della spiritualit,


risponderanno:

ecc... indispensabile avere un maestro? Molti

ma certo, hai bisogno di uno che ti guidi nel tuo cammino spirituale!
bah, non servono a nulla i maestri perch ti fanno fare solo quello che vogliono loro!
La verit potrebbe stare nel mezzo o addirittura le risposte potrebbero essere entrambe corrette?
Il maestro
Alle elementari avevo una maestra che mi ha insegnato
a scrivere, a leggere, a fare i conti, a disegnare, ecc...
insomma una storia che tutti possiamo raccontare
tranquillamente attingendo dai ricordi. Ma ora? Son
passati oltre 25 anni ed ho bisogno ancora di lei? No
direi, ma mi stata utile cinque anni per imparare le
nozioni di base dell'istruzione.
Cos come il maestro delle elementari, dovrebbe
accadere per il maestro spirituale (non mi piace troppo
questo termine perch abusato e generalizzato).
Sfido chiunque che non abbia avuto almeno un punto di
riferimento, una persona in particolare che ci abbia
insegnato qualcosa nell'ambito della scuola, della
musica, di una professione, di uno sport, ecc...
Tutto questo va tradotto in conoscenza, fondamentale per affrontare la vita in maniera un pochino
pi consapevole, sbaglio? Anche se conoscenza non sempre fa rima con coscienza...
Si dovrebbe veramente fare come alle elementari, imparare il pi possibile ma alla fine lasciar
andare il proprio maestro come parte temporale dell'esperienza di Vita.
Qui potremmo entrare nel tema dell'attaccamento, attaccamento verso una persona, una cosa, un
maestro, una situazione, una compagna, un amico, ecc... tutto ci che vediamo non di nostra
propriet, nulla!!! Se avessimo questo atteggiamento di non attaccamento nella quotidianit, ogni
sofferenza scomparirebbe subito.
Ci son persone che dipendono dagli altri soprattutto nella spiritualit, e questo si potrebbe rivelare
dannoso per la propria crescita personale. Gente che da anni scappa in India per trovare che? Il guru
in arancione che ti dice cosa bene e cosa male per te? Ma per favore... non entriamo in queste

sette per cui difficile poi liberarsi! Non parliamo inoltre dei soggetti che pagano fior di euri a
stregoni, pseudo-terapeuti, psico-checavolones, ecc... per tentare di rimettersi la testa a posto.
E quindi?
Alla luce di questo penso che tutto e tutti siano maestri di
vita, dal giornalaio al cameriere, dal vicino di casa al
rompiballe del collega, dal maestro yoga al bambino. Forse
non ci crederete, ma ultimamente comunico pi volentieri
con dei bambini che spesso vengono da me per giocare, che
con dei cervelloni adulti pieni d'ego. In questi bimbi trovo
un'intelligenza, un'intuizione e sensibilit veramente fuori
dal comune! Al contempo per reputo troppi i
rimbambimenti tecnologici che subiscono tra videogiochi,
cellulari/smartphone, cartoni animati violenti, ecc... una sana
partitella di calcio al giardinetto no eh? Troppo fuori moda
vero?
Concludendo...
Si dice di seguire il cammino del maestro, ok, potrebbe andare anche bene... ma la strada chi la
percorre? TE!!! E devi pensare di distaccarti prima che sia troppo tardi dalle sue impronte e
cambiare direzione seguendo la tua Coscienza, che sei TE! Solo cos si pu pensare di vivere
seguendo questa volta il proprio libero arbitrio.
Bye Bye :)
30 giugno 2015