Sei sulla pagina 1di 22

2011 Editrice ZONA

VIETATA
ogni riproduzione e condivisione
totale o parziale di questo file
senza formale autorizzazione delleditore

Si ringraziano:
Ministero della Giovent
ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
Regione Emilia Romagna
Provincia di Ravenna
Comune di Faenza
Comune di Forl
Comune di Piacenza

Isofestival. Viaggio nei festival musicali in Italia


a cura del MEI - Meeting degli Indipendenti
ISBN 978-88-6438-231-9
2011 Editrice ZONA
via dei Boschi 244/4 loc. Pieve al Toppo
52040 Civitella in Val di Chiana - Arezzo
tel/fax 0575. 411049
www. editricezona.it - info@editricezona.it
Ufficio Stampa: Silvia Tessitore - sitessi@tin.it
Progetto grafico: Serafina - serafina.serafina@alice.it
Coordinamento lavori e raccolta materiali a cura di Chiara Caporicci
con il supporto di Andrea Schipani, Cinzia Magnani
e Roberta Barberini del MEI - Meeting degli Indipendenti
In copertina: foto di Roberto Ricciuti
http://robertoricciuti.wordpress.com
Stampa: Digital Team - Fano (PU)
Finito di stampare nel mese di settembre 2011

MEI - Meeting degli Indipendenti


in collaborazione con Rete dei Festival

ISOFESTIVAL

Viaggio nei festival musicali in Italia

ZONA

INDICE
PREFAZIONI
di Danilo Grossi, Maurizio Braccialarghe, Giorgia Meloni,
Massimo Mezzetti, Paolo Valenti e Massimo Isola

INTRODUZIONE di Giordano Sangiorgi

16

+ TOST CHE NIENTE


A13SUDFESTIVAL
ACORDEONS
ACUSMATIQ
ALBA MUSIC FESTIVAL
ALZU BBANNE
AMBRIA MUSIC FESTIVAL
AREA SANREMO
ARTI VIVE FESTIVAL
ASTI MUSICA
ATS MOMART MUSICA
AWOP FESTIVAL
BALLA COI CINGHIALI
BIELLA FESTIVAL
BISCEGLIE PUSH UP
BOTTEGHE DAUTORE
BRINC@ SARDINIAN FESTIVAL
CALVELLO MUSIC CONTEST
CAMBI DI STAGIONE
CANZONE ITALIANA
CIAN ZERBO MUSIC FESTIVAL
CONTAMINAZIONI
CONTEMPORANEA FESTIVAL
CUBE FESTIVAL
DEDALO FESTIVAL
DISCODAYS
DISCO NOVIT
DISSONANZE
FAENZA ROCK
FAMMI SENTIRE LA VOCE
FARCISENTIRE
FERRARA BUSKERS FESTIVAL

19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50

FERRARA SOTTO LE STELLE


FESTIVAL APERTO
FESTIVAL DELLA CICALA
FESTIVAL DELLADRIATICO
FESTIVAL DELLE ARTI
FESTIVAL DELLE PERIFERIE
FESTIVAL DI VOCI DORO
FESTIVAL ESTIVO PIOMBINO
FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL JAZZ DELLA SPEZIA
FESTIVAL LE CORDE DELL'ANIMA
FESTIVAL SETE SIS SETE LUAS
FESTIVAL TEATRO CANZONE
FOLKERMESSE
"FUORI DALLE MURA" FESTIVAL
GENDER BENDER
GHIRONDA SUMMER FESTIVAL
GOOSE FESTIVAL
HANGOVER
HEINEKEN JAMMIN FESTIVAL
I CONCERTI NEL PARCO
IL ROCK TRATTO
IMOLA IN MUSICA
INDIE MON AMOUR
INDIEGESTA MUSIC FESTIVAL
INDIPENDULO
INSANAMENTE CORTONA SOUND FESTIVAL
INTO THE MUSIC
I SUONI DI VILLALBA
ITALIA WAVE LOVE FESTIVAL
ITINERARIO STABILE
JAMMINFELT
KME - KAREL MUSIC EXPO
LA MUSICA LIBERA. LIBERA LA MUSICA
LARTISTA CHE NON CERA
LISOLA IN COLLINA
LA MUSICA NELLE AIE CASTEL RANIERO FOLK FESTIVAL
LA NOTTE DELLA TARANTA
LE VIE DEL SUONO
LENNON FESTIVAL
LILITH FESTIVAL
LINEA D'OMBRA

51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
82
83
84
85
86
87
88
89
90
91

LIVE ROCK FESTIVAL


LOCOMOTIVE JAZZ FESTIVAL
LOW ROCK FESTIVAL
MADEINEM
MAMAMU ROCK FEST
MANINALTO! SKA FESTIVAL
MAREMOTO FESTIVAL
MARTELIVE
MEDITERRANEA SOUND FESTIVAL
MEETING MUSICALE ARTES ET SONOS
MEI - MEETING DEGLI INDIPENDENTI
METAL DISORDER
METAROCK
MiAMI
MISCELA ROCK FESTIVAL
MONTECCHIO UNPLUGGHED
MUSICA CONTROCORRENTE
MUSICA NELLE VALLI
MUSICA W FESTIVAL
MUSICULTURA
NEAPOLIS FESTIVAL LIVE!
NOTTE SOTTO LE STELLE
NUOVA MUSICA ITALIANA
NUVOLE CHITARRE E NOTE
ODIO LESTATE
OLBIA ROCK
OLTRASUONI
ORIENTOCCIDENTE
ORQUESTRA
ORZOROCK
PALAGIANO MUSIC FESTIVAL
PAROLA CANTATA
PERLA GIO JAZZ
PHONOCULT. FESTIVAL
PISTOIA BLUES FESTIVAL
POFIROCK
PORRETTA SOUL FESTIVAL
PREMIO ANACAPRI
PREMIO BINDI
PREMIO CIAMPI
PREMIO LUNEZIA

92
93
94
95
96
97
98
99
100
101
102
103
104
105
106
107
108
109
110
111
112
113
114
115
116
117
118
119
120
121
122
123
124
125
126
127
128
129
130
131
132

PREMIO PIGRO
PREMIO SERGIO ENDRIGO
PREMIO TENCO
PROVE DI ROCK
RADIO ENTROPIA INDIE FEST
RADIO - UTPOPIA FESTIVAL
RETE DEI FESTIVAL ESTIVI MOMART MUSICA
RETE DEI FESTIVAL PUGLIA SOUNDS
ROBOT FESTIVAL
ROCCALLING FESTIVAL
ROCKALVI
ROCK CONTEST
ROCK IM RING
ROCK IN IDRHO
ROCK LOVERS IN VERONA
ROCK TARGATO ITALIA
SALOTTO MUZIKA
SEI (SUD EST INDIPENDENTE)
SENZA ETICHETTA
SOLAROLO FESTIVAL
SOLEADA TALENT FESTIVAL
SONIC WAFT FESTIVAL
SPAZIO211 OPER AIR EMERSIONE FESTIVAL
SPAZIO DAUTORE GI PREMIO RINO GAETANO
SPUTNIK MUSIC FESTIVAL
STATI GENERALI DEL ROCK
STREET BAND SHOW
SDTIROL JAZZFESTIVAL ALTO ADIGE
SUONI A SUD EST
TAGOFEST
TRAFFIC FREE FESTIVAL
T-RUMORS
UMBRIA JAZZ
UN E MEZZO PALO ROCK
UPLOAD MUSIC CONTEST & FESTIVAL
VALPOLICELLA LIVE
VOCI NUOVE E VOLTI NUOVI FESTIVAL DI CASTROCARO
VOCI PER LA LIBERT
VRBAN ECO-FESTIVAL

133
134
135
136
137
138
139
140
141
142
143
144
145
146
147
148
149
150
151
152
153
154
155
156
157
158
159
160
161
162
163
164
165
166
167
168
169
170
171

PREFAZIONI
Dopo appena qualche anno di vita, riuscire a proporre questo
catalogo, per noi della Rete dei Festival un momento davvero
importante. Per la prima volta nella storia della musica italiana, si
ha, infatti, una pubblicazione che rappresenta il vero spaccato degli
anni '10 dei Festival musicali indipendenti italiani.
Badate bene, non una cosa da poco! Per anni hanno voluto
farci credere che tutto questo entusiasmo, questa forza intrinseca della musica, tutta questa passione che migliaia di giovani mettevano in campo, soprattutto durante il periodo estivo, quasi non
esistesse. Nessuno ne parlava, i grandi media erano occupati su
altro: incontri gossippari nelle spiagge VIP ed eventualmente solo
il racconto di un concerto di qualche star internazionale.
Da qualche anno, non pi cos: grazie al Mei, alla Rete dei
Festival e da chi ogni anno si batte per vedere riconosciuti i diritti e
pi in generale da una presa di coscienza diversa di migliaia e
migliaia di ragazzi appassionati.
Questa pubblicazione un ulteriore passo in avanti verso questa strada. Anche se le difficolt non mancano, i Festival musicali
esistono e sono orgogliosi di raccontare quanto di buono viene
fatto per la crescita culturale dei propri territori.
Alla prossima pubblicazione!
Danilo Grossi
Direttore della Rete dei Festival
Assessore alla Cultura della Citt di Cassino (Fr)

Promuovere progetti di qualit uno degli obiettivi principali del


GAI, lAssociazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani che ho
lonore di presiedere.
Isofestival. Viaggio nei festival musicali in Italia il catalogo dei
festival musicali italiani, una delle guide pi interessanti alla musica dal vivo, che rientra pienamente tra le iniziative che meritano
attenzione e sostegno.
Il volume si caratterizza infatti per il vasto panorama rappresentato, il quale garantisce una concreta opportunit per i nuovi
talenti che possono proporre le loro produzioni a un vasto pubblico ma anche ad accreditati operatori di settore.
Questa ricerca risulta innovativa e d largo spazio a tutti i linguaggi musicali contemporanei investendo le proprie energie soprattutto a favore della sperimentazione.
Una occasione dunque a testimonianza di precise scelte culturali che rendono noi tutti protagonisti e partecipi di un processo
di trasformazione che deve sostenere la vitalit creativa del nostro Paese.
Maurizio Braccialarghe
Presidente dellAssociazione GAI

I festival di etichette indipendenti ed emergenti sono la testimonianza concreta di quanto sia vitale il settore della creativit musicale e artistica in genere nella nostra nazione. La produzione e il
mercato mondiale della musica rispondono a logiche commerciali cadenzate dalle scelte delle cosiddette majors, marchi la cui
ragione dessere e le cui dimensioni multinazionali impongono di
inseguire i gusti del pubblico e di determinarli attraverso i nomi pi
affermati del panorama musicale. Lo spazio per la ricerca di nuovi talenti molto ristretto e il compito viene spesso demandato
proprio alle piccole imprese del settore che nascono e proseguono la propria attivit soprattutto grazie alla grande passione dei
fondatori. La storia della musica, del cinema, della letteratura,
piena di talenti divenuti mostri sacri delle rispettive arti grazie
alla capacit di scouting delle piccole etichette. La dimensione pi
artistica che aziendale, connotata da eccellenti competenze e da
una ricerca del profitto meno affannosa perch indispensabile per
la sopravvivenza almeno quanto la qualit del prodotto, fa delle
etichette indipendenti e dei festival ad esse dedicati dei veri e propri laboratori artistici e imprenditoriali. Gli appassionati trovano in
queste etichette delle isole da esplorare con curiosit. Penso alle
esibizioni live ospitate in spazi medio-piccoli che spesso danno la
possibilit di stabilire il contatto diretto tra pubblico, artista e produttore, favorendo un sistema di promozione del prodotto musicale su scala un po ridotta ma basato su sensazioni intense e
genuine, capace di fidelizzare i clienti-appassionati. Una delle caratteristiche migliori del mondo delle piccole case proprio quella
di non avere bisogno di orpelli ornamentali e poter badare allessenza della qualit artistica senza mediazioni di altro genere.
Mutuando un termine spagnolo molto in voga nel mondo del
calcio, possiamo affermare che le etichette indipendenti costituiscono la cantera in cui emergono i nuovi talenti musicali e i festival
come il MEI rappresentano rassegne di qualit a cui i colossi
dello spettacolo devono necessariamente guardare per poter rinnovare la propria offerta e mantenere la competitivit.

Desidero quindi esprimere il mio sincero apprezzamento per


aver voluto realizzare unopera che raccoglie ben oltre 150 festival
in giro per lItalia, una vera e propria guida per far conoscere un
mondo straordinario che crea opportunit per i giovani artisti e
che produce cultura ed economia conquistando moltissimi appassionati.
Giorgia Meloni
Ministro della Giovent

un successo che cresce costantemente negli anni, quello


della musica giovane e indipendente, italiana e non solo. I segnali
di vitalit sono numerosi e la diffusione, grazie anche allaffermazione delle nuove tecnologie, tocca picchi confortanti per chi, a
ragione, vede in questo patrimonio di creativit e impegno una
risorsa per lintero mondo della cultura.
Tra i segnali pi vitali spicca la capillarit della diffusione, ben
documentata da questa interessante pubblicazione che tra le piccole e grandi manifestazioni dedicate alla musica emergente colloca anche il nostro concorso La Musica libera. Libera la musica, ormai alla sua quarta edizione sempre in collaborazione con
il Mei, promosso dallAssessorato alla Cultura della Regione EmiliaRomagna, dai portali RadioEmiliaRomagna e Magazzini-Sonori.
Il catalogo ci d quindi lopportunit di percepire meglio gli importantissimi numeri di questa impresa culturale italiana, che in
occasioni come il Mei trova una fondamentale vetrina per tutto il
settore. Un distretto creativo che dobbiamo essere orgogliosi di
poter sostenere, non guardando solo allottima produzione culturale ma anche alloccupazione e al fatturato di unimpresa giovane purtroppo spesso pi ignorata che trascurata. LEuropa su
questa strada, lItalia sembra non accorgersene.
Massimo Mezzetti
Assessore alla Cultura Regione Emilia-Romagna

con grande piacere che come Assessore ai Beni e alle Attivit Culturali della Provincia di Ravenna saluto questo importante
volume che, per la prima volta, grazie al Mei di Faenza insieme
alla Rete dei Festival, cataloga oltre 150 festival musicali per indipendenti ed emergenti italiani, realizzando una fotografia fondamentale per il futuro della cultura del nostro paese.
Il nostro impegno infatti dovrebbe condurci uniti nella stessa
direzione: mettere in rete e valorizzare le eccellenze territoriali
presenti nel sistema musicale per farne una piattaforma capace
di dare opportunit professionali ai nostri giovani talenti a livello
extra locale, regionale, nazionale e internazionale, contrastando
cos lomologazione, che anche nellascolto della musica rischia
di renderci tutti simili.
Il Mei sta lavorando da anni positivamente in tal senso diventando un punto di riferimento nazionale e internazionale per il made
in Italy musicale e per la valorizzazione del talento a chilometro
zero: unesperienza che merita, grazie anche a questo significativo catalogo, di essere sostenuta e messa in rete con le altre
similari nel settore culturale a livello territoriale ed extraterritoriale,
sostenendo cos quel lavoro che centinaia di artisti e di band, di
operatori, promoter e di festival, di produttori, club e circoli del
nostro territorio provinciale, con risultati spesso di eccellenza.
Paolo Valenti
Assessore ai Beni e alle Attivit Culturali Provincia di Ravenna

Siamo sempre pi immersi nella societ della comunicazione


digitale e del web. Siamo sempre pi abituati alla rivoluzione dei
trasporti, alla velocit sia temporale sia spaziale, che cambia il
nostro modo di fare relazioni e condividere progetti ed idee.
All'interno di questa societ in veloce trasformazione avviene
anche una altrettanto rapida evoluzione dei costumi che regolano
i nostri codici, il nostro rapporto con la societ e con i gesti creativi
che cercano di raccontarla. In questo contesto la musica, soprattutto quella popolare e legata alle nuove generazioni, subisce ovviamente cambiamenti radicali, anno dopo anno, ed il web riesce
a cambiarne elementi identitari e fondamentali.
Ci che non cambia, per fortuna, la necessit di concepire la
musica anche come incontro, dal vivo, tra le band ed il pubblico.
Cos, anche se il CD lascia sempre pi spazio a nuove forme di
vendita dei progetti, l'idea dei festival, dell'incontro tra persone e
tra ascoltatori e musicisti, rimane vincente e giustificata.
I Festival sono un capitolo importante nella storia del nostro
costume e raccontano i cambiamenti delle nostre societ. I festival
cambiano, insomma, e per questo restano vivi e importanti.
Questa pubblicazione racconta le tante idee di festival attraverso le quali l'Italia delle cento citt vive la musica dal vivo, dentro
le comunit. La fotografia colorata, molto colorata, e questa
l'idea vincente. Dagli eventi pi colti a quelli pi popolari, da quelli
pi contemporanei a quelli pi legati alla tradizione, dalla ricerca
alla narrazione: l'Italia dei festival musicali una delle pi belle
pagine della nostra tradizione culturale che continuiamo ad aggiornare, passo dopo passo. Anche la nostra citt, dove nato e
cresciuto il MEI, continua a dare il proprio contributo di trasformazione, comunicazione e riflessione sul nostro vivere il mondo
musicale, nel nome delle differenze e del dialogo.
Non un caso quindi, che abbia avuto un ruolo chiave nella
creazione di questo viaggio nell'Italia del ventunesimo secolo, attraverso lo sguardo dei festival, dove milioni di cittadini italiani incontrano storie, emozioni e tradizioni in continuo mutamento.
Massimo Isola
Assessore alla Cultura della Citt di Faenza (Ra)

INTRODUZIONE
Oggi la nuova musica passa principalmente sul web. Ma non
solo. La nuova musica del nostro paese continua a passare ancora sui tanti sudatissimi palchi dove si svolgono centinaia e centinaia di contest e festival, dai pi seri con giurie professionali e
competenti a quelli pi improvvisati ma utili comunque a selezionare le migliori giovani leve del futuro della musica italiana.
Dal Festival di Sanremo con Area Sanremo alle Voci Nuove di
Castrocaro, da Umbria Jazz a Italia Wave, dallHeineken Jammin
Festival fino allo storico Rock Targato Italia, solo per citarne alcuni, e tanti altri che sono presenti in Isofestival, il catalogo che ha
deciso di intraprendere un viaggio musicale per le centinaia di
festival, rassegne, kermesse e contest, molti dei quali premiano
un giovane artista fino al momento prima (o quasi) sconosciuto. E
che spesso grazie a questa vittoria ottiene ribalta, attenzione e
visibilit con la speranza di riuscire a giocarsi la carta della carriera artistica. Una carta che per va giocata tutta da soli, magari
con intorno una bella crew di amici professionisti nei diversi settori, con le proprie capacit e le proprie forze. Perch spesso la
vittoria al contest si ferma l.
Ma sono questi oggi, in tempi di crisi del cd (verso il suo funerale definitivo) e del live che riesce a fare sold out solo con grandi
nomi, i pilastri fondamentali, insieme al web naturalmente, della
diffusione della musica del futuro. Devono essere questi. Soprattutto se al nostro paese intendiamo dare un futuro nella musica
cercando di non essere schiacciati dal mercato globale e
dallomologazione del gusto musicale, che oggi vede in ogni parte
del mondo, quasi sempre la stessa identica classifica musicale.
Ma questi eroi, i cosiddetti festival per emergenti, stanno diminuendo anno dopo anno e continueranno a diminuire se non
troveranno presto sostegni pubblici, sgravi fiscali e agevolazioni
sui diritti, oltre a sponsor privati convinti di tornare a reinvestire sui
giovani.

La musica del nostro paese un bene comune. Non si pu


lasciare in mano tutto questo ad un pugno di multinazionali e alla
televisione unica dei talent show, portandolo cos a morte certa
insieme al futuro del nostro paese. Scommettere sui festival per i
giovani artisti e su coloro che vi partecipano e che li vincono significa insieme costruire un paese per giovani.
Speriamo che chi ha responsabilit di governo, nazionale, regionale e locale, prenda in considerazione questo, insieme a tutti
coloro che scelgono gli investimenti promozionali dei loro marchi
aziendali ma soprattutto che finalmente si aprano le porte della tv
generalista a quelle diecimila band che oggi formano il pilastro
della nuova musica e che non riescono a trovare nemmeno uno
piccolo spazio televisivo nel quale fare ascoltare la loro proposta.
Eccezione alla regola sono due o tre spazi radio-televisivi pubblici
che da un paio danni hanno dato ampio spazio a questo settore,
contribuendo realmente a lanciare alcuni nomi fino al giorno prima sconosciuti al grande pubblico. Spazi televisivi audaci che
hanno permesso di dimostrare che molti artisti della scena cosiddetta invisibile del mercato della musica sono pienamente in grado di sostenere il grande pubblico di massa e capaci di reggere
contesti importanti, ricevendo consensi e interesse anche da un
pubblico pi ampio e non consueto. Si avverte quindi la necessit
che sponsor privati tornino a investire sulla creativit musicale
giovanile e sulla musica dal vivo in Italia, invece che nei soliti reality
musicali che scarsamente contribuiscono allaccrescimento culturale del nostro paese.
Ed proprio questo il motivo per cui nasce questo catalogo,
con il patrocinio importante del Gai - Giovani Artisti Italiani, nella
speranza di poter essere allo stesso tempo testimone e appello
di un fermento culturale che necessita di un riconoscimento sociale e comunicativo sempre pi ampio.
All'interno del Mei sono nati importanti contest come l'Hip Hop
Mei a cura di Piotta, il Mei Tech dedicato alla musica elettronica e
tanti altri concorsi dedicati a vari generi musicali con lo scopo di
valorizzare le giovani proposte della scena indipendente. Dal 2011

a Faenza nasce Supersound, il festival del Mei dedicato a tutti i


festival italiani e alla musica emergente con live, campus,
workshop, banchetti e tanti ospiti per una tre giorni all'interno della
quale questo catalogo stato ufficialmente presentato.
Giordano Sangiorgi
Organizzatore del MEI

www.editricezona.it
info@editricezona.it