Sei sulla pagina 1di 17

Giona: un percorso verso gli altri

Giona il protagonista di un piccolo libro, un romanzo didattico del Primo Testamento, di soli quattro
capitoli, scritto probabilmente tra il 500 e il 400 a.C. E' paradigma di un itinerario e di un percorso di
vita chiamato ad andare sempre oltre.1
E' il libro di Giona il pi breve della Bibbia ebraica dopo quello di Abdia; una sorta di parabola ricca
di provocazioni e sfide rivolta ad una comunit, quella ebraica, che affrontava la situazione di ritorno
alla terra dopo il tempo dell'esilio. Era in atto una lenta riorganizzazione della vita in un contesto
segnato dal confronto con altri popoli e culture. Il popolo ebraico tendeva a mantenere la propria
specificit e peculiarit tra altri popoli, sottolineando la sua separatezza dai pagani al punto che i
matrimoni misti erano proibiti. Era una comunit preoccupata di perdere la propria identit sociale,
religiosa e cultuale, e proprio per questo tendente a rinchiudersi in una attesa del giudizio di Dio sui
pagani. "un libretto, che per stato definito da qualcuno la bomba atomica dellAntico Testamento
Il libro di Giona scritto proprio per punzecchiare la comunit post-esilica Ma il libro di Giona
anche una grande provocazione per noi missionari che lavoriamo in Europa".2
Il libro un magnifico racconto, un romanzo posto al cuore della Bibbia che ha il sapore di una fiaba di
cui molti sono gli elementi: la descrizione della citt di Ninive con le sue enormi dimensioni (Gn 3,3),
il re che appare come seduto tutto il giorno sul trono in un ambiente da mille e una notte, lironia sottile
con cui si descrive lopera di Dio che in una notte fa sorgere una pianta di ricino che fa ombra a Giona,
invia in seguito un verme a roderla e poi fa soffiare il vento caldo doriente ad opprimere il profeta fin
quasi a fargli perdere i sensi. Ma soprattutto elemento tipico dei miti del mare il grande pesce dal
quale Giona viene ingoiato e da cui viene rigettato dopo tre giorni e tre notti, vivo, sulla spiaggia, dopo
aver espresso un grande cantico che attraversa il capitolo 2 del libro. Elementi mitici tratti dai racconti
mesopotamici e comuni a grandi narrazioni di altre culture antiche.
Il racconto di Giona, punteggiato di momenti di svolta e di elementi di narrazione coinvolgenti ha
impressionato letterati e poeti, come Quevedo fino a Thomas Merton. Ne parla Elie Wiesel e Melville
lo utilizza nel suo Moby Dick. Limmagine di Giona appare sin dalle prime espressioni iconografiche
cristiane, ad esempio in un Sarcofago del Laterano del III secolo come simbolo della morte e della
risurrezione di Cristo; cos la sua storia viene ripresa nelle miniature medioevali. Michelangelo lo
1
2

Cfr. linteressante e originale traduzione di Erri De Luca: Erri De Luca. Giona/Ion, Feltrinelli, Milano 1995
A.Zanotelli, Alzati v a Ninive, in http://www.giovaniemissione.it/spiritualita/darteo2.htm.

ritrae sulla volta della Cappella Sistina nelle vesti di un giovane che discute e quasi litiga con Dio nella
ampiezza dei suoi gesti. Correggio riprende la storia sulla cupola di San Giovanni Evangelista a Parma
e Rubens lo ritrae con i tratti dellanzianit e barbuto in una tela di Nancy. Anche Jan Bruegel dipinge
una scena del racconto quando Giona rigettato dalla balena sulla spiaggia.
'Alzati e va' a Ninive la grande citt': con queste parole si apre il libro di Giona.
La citt di Ninive fu la terza grande citt dellimpero assiro. Sorgeva nei pressi dellodierna citt di
Mosul in Irak. Assurbanipal aveva reso questa citt centro del suo impero (669-626 a.C.) fu distrutta
dai medi e babilonesi nel 612 a.C. Nel 1843 Paul Emile Botta, console francese a Mosul, appassionato
di antichit, intu che sotto alcune colline artificiali nel deserto (tell) dovevano celarsi tracce di antiche
civilt e intraprese per primo gli scavi che portarono alla straordinaria scoperta della reggia di Sargon
II, re assiro che conquist Samaria nellVIII secolo a.C., a capo di una civilt assai sviluppata e ricca.
Tale studio e tale progetto di scavi segnano linizio dellarcheologia nella terra tra i due fiumi, la
Mesopotamia. La reggia era nei pressi di Ninive, scoperta alcuni anni pi tardi dallarcheologo inglese
Henry Layard.
Ninive descritta nel libro di Giona come un ricordo lontano: il testo perci risale probabilmente al
tempo successivo allesilio, forse verso il 400 a.C. La problematica al centro dellavventura di Giona
la critica di fondo ad un modo di concepire la salvezza di Dio in senso particolaristico, come riservata
ad alcuni, in senso esclusivo, nellinimicizia verso i lontani e i pagani. Per contro lannuncio di fondo
la cura e la misericordia di Dio che raggiunge in diverso modo tutti, non solo Israele ma anche i pagani
e a tutti chiede conversione.
Giona profeta che pretende di piegare Dio alle sue vedute: non segue la chiamata a partire secondo le
indicazioni di Dio e ad andare verso la grande citt, piuttosto si dirige decisamente verso la direzione
opposta. Tutto il racconto non parla tanto della conversione di Ninive, ma della conversione a cui Dio
intende condurre Giona. Mentre egli chiuso nella sua concezione di una salvezza riservata solo ad
Israele e indisponibile agli altri popoli, i marinai della nave prima, gli abitanti di Ninive poi, si aprono
ad unazione di Dio che li raggiunge in modi nuovi e inediti. Giona rappresenta luomo chiuso in una
religiosit orgogliosa, esclusiva ed escludente, che pretende di possedere il progetto di Dio sulla storia.
Giona il tipo dell'uomo chiuso in una identit che non deve essere intaccata, restio a muoversi, a
partire, ad aprirsi a nuovi orizzonti, l'antitesi di Abramo.

Il libretto costituisce quasi un commento alla pagina di Geremia in cui si parla dellagire di Dio
paragonato allopera di un vasaio nel suo cambiare orientamento verso un popolo che si converte dalla
sua condotta malvagia: Forse non potrei agire con voi, casa dIsraele, come questo vasaio? Oracolo
del Signore. Ecco, come largilla nelle mani del vasaio, cos voi siete nelle mie mani, casa di Israele.
Talvolta nei riguardi di un popolo o di un regno io decido di sradicare, di abbattere e di distruggere;
ma se questo popolo, contro il quale avevo parlato, si converte dalla sua malvagit, io mi pento del
male che avevo pensato di fargli (Ger 18,6-8)
Con ironia nel libro di Giona si parla della penitenza del re di Ninive che alla predicazione di Giona
risponde con il cambiamento e il digiuno, e con lui tutta la citt. Mentre, per contro il re Ioiakim di
Giuda, aveva gettato nel fuoco il rotolo scritto da Baruc con le parole del profeta Geremia che
richiamavano al digiuno e ad abbandonare la condotta malvagia (Ger 36,23-25).
Giona indispettito e dispiaciuto perch Dio si manifesta a lui come un Dio misericordioso e
clemente, longanime e di grande amore, che ti lasci impietosire riguardo al male minacciato (Gn 4,2).
Anzich accogliere un tale volto di Dio - che scardina ogni pretesa di esclusivit e di separazione
dallaltro come nemico Giona chiede Signore toglimi la vita, perch meglio per me morire che
vivere.
La scenetta finale del racconto presenta un Dio con i tratti del paziente educatore che non rinuncia a
voler recuperare anche Giona ad un nuovo modo di intendere la sua vita religiosa: Ti sembra giusto
essere sdegnato cos? Tu ti dai pena per quella pianta di ricino per cui non hai fatto nessuna fatica e
che tu non hai fatto spuntare, che in una notte cresciuta e in una notte perita; e io non dovrei aver
piet di Ninive, quella grande citt, nella quale sono pi di centoventimila persone, che non sanno
distinguere tra la mano destra e la sinistra, e una grande quantit di animali (Gn 4,10-11)
Dio si prende cura dei vicini e dei lontani ci dice questo libro - non vuole la morte del peccatore ma
che si converta e viva, e la sua grande fatica condurre anche il religioso e fondamentalista Giona - il
profeta renitente - ad aprirsi ad un incontro nuovo con Dio che immediatamente implica un modo
diverso di guardare gli altri, i lontani.
E contrapposta con sottile humour la rigidezza di una religione che esclude, separa e diventa strumento
dellinimicizia, ad un cammino esteriore per Giona anche un viaggio - ed interiore di scoperta della
presenza di Dio oltre ogni limite e confine che si potrebbe imporre al suo agire.

Il testo ci dice qualcosa di pi profondo: lautentico incontro con Dio, talvolta nascosto e inespresso,
attenzione e cura a persone, animali e cose con lo sguardo di chi cerca la pace.
Grande protagonista di questo testo il Signore: Fu rivolta a Giona questa parola del Signore....
Yahweh, viene usato ben 25 volte; Dio 13 volte; la parola Signore Dio una volta. Ci sono 39
riferimenti alla divinit nei 44 versetti che compongono il libro. La presenza di Dio, il suo volto, stanno
al cuore di questo testo.
Per Paul Murray autore di un vivace e profondo commento al libro di Giona, questo testo "il pi
profondamente cristiano di tutti i libri della Bibbia ebraica, ed il libro dal quale abbiamo pi da
imparare all'inizio di questo nuovo millennio".3
Murray parte da alcune considerazioni che Gerolamo present nel suo prologo al commento del libro di
Giona nel IV secolo (In Ionam prophetam): "Con le loro molte questioni i commentatori non hanno
chiarito, piuttosto hanno reso pi oscuro il significato. Le loro stesse interpretazioni hanno bisogno di
essere interpretate e il lettore lasciato in uno stato di incertezza maggiore di quando aveva iniziato".
Analogamente Martin Lutero nel suo commento a Giona rimproverava ai commentatori di aver
complicato il testo con intricate e astruse questioni, mentre il testo stesso chiaro e facile da
comprendere.4 Cos Murray ritiene invece che alcuni dei migliori commentari sul libro di Giona non
provengano dai risultati di ricerche scientifiche degli esegeti, ma dalle poesie e dai dipinti, dalle
sculture, dalle vetrate, dalle storie e giochi per bambini. Questo genere di 'letture' in cui un'opera d'arte
risponde ad un altra, e si pone in relazione dal di dentro del processo creativo, sono spesso, di una
profondit di penetrazione che supera quella proveniente dall'esterno, da una lettura di tipo critico o
accademico.5
Si pu quindi accostarsi a leggere il libro di Giona cogliendo in esso le varie fasi del cammino di
questo profeta che pronuncia ben poche parole e la cui vicenda un simbolo: un primo momento il
farsi incontro della Parola. Un secondo momento l'esperienza dell'abisso e del grande pesce. Un terzo
momento il dialogo presso la pianta di ricino, l'apertura ad un nuovo modo di intendere il volto di Dio
e la sua stessa vita.

P.Murray, A Journey with Jonah. The Spirituality of Bewilderment, Dublin, The Columba Press 2002, 10. (Tr. it. In
viaggio con Giona. La spiritualit dello sconcerto, Cinisello B. ed. san Paolo 2006).
4
M. Lutero, Lectura in Ionam. Textus latinus 1525.
5
Cfr. P.Murray, A Journey, cit. 13.

Il viaggio verso Tarsis: la sfida dell'ascolto della Parola


L'invito con cui il libro si apre indicazione di un cammino in cui la Parola del Signore spinge il
profeta: Fu rivolta a Giona figlio di Amittai questa parola del Signore: Alzati e va' a Ninive la grande
citt e in essa proclama che la loro malizia salita fino a me. Giona per si mise in cammino per
fuggire a Tarsis, lontano dal Signore."
Giona l'uomo di ogni tempo che si trova ad essere interpellato ad entrare in rapporto con la grande
citt, la citt dove presente la malizia. Le parole che introducono alla vicenda di Giona sono un invito
ad andare oltre: presentato l'orizzonte di un viaggio a cui il profeta chiamato verso Ninive. Si apre
un orizzonte che sta oltre il suo particolarismo, la pacifica situazione della propria stabilit: chiamato
dalla Parola che lo raggiunge ad aprirsi all'incognita della grande citt, per affrontare un invio,
l'incontro e lo scontro con la malizia e la perversione della grande citt.
E' chiamato ad andare a Ninive, ma si dirige verso Tarsis; il suo nome ne denota la missione: il figlio
della fedelt di Dio, perch questo significa il nome del padre, Amittai. Eppure Giona insicuro ed
incerto. Anzich ascoltare la parola che lo chiama e vivere la missione Giona fugge. Il termine ebraico
utilizzato (jrd) indica che si tratta di una fuga verso il basso, gi al porto pi vicino. Gi ancora dal
porto verso la prima nave: Giona fugge da Dio e dal compito che Lui gli ha assegnato. E s'imbarca
verso Tarsis, citt portuale sulla costa al sud della Spagna. E ancora nella nave scender nell'angolo pi
riposto: quasi un nascondersi a Dio che lo chiama, agli altri e a se stesso.
Giona si dimostra uomo dalla forte volont: reagisce prontamente a questo invito e si mette in
cammino, dice il testo, ma dirigendosi verso la parte opposta e 'lontano dal Signore'. C' la possibilit
di un andare oltre nel senso dell'ascolto e dell'obbedienza alla parola, ma c' anche un andare oltre in
diversa direzione. Il suo non un cammino ma una fuga, un tentativo di andare lontano da quella
parola, chiamata del Signore che aveva segnato la sua vita. Mandato alla grande citt fugge lontano,
gi. Ma perch - ci si pu chiedere - fugge dalla grande citt?
Ninive la grande citt, capitale di un potente regno, simbolo per eccellenza non solo di una citt
pagana ma di un luogo di potere che si contrappone a Dio. La sua malizia arriva fino al cielo. Il profeta
Nahum (Na 1,1; 2,9; 3,7) e il profeta Sofonia (vedi Sof 2,13) avevano annunziato il castigo di Ninive.
E' chiamato ad annunziare la salvezza per missione di Dio indicando le condizioni del pentimento e
della conversione: da Amos in poi, questa era stata l'insistenza dei profeti.

Il motivo di quest'annuncio sta nell'amore e misericordia di Dio (cfr. 4,2.11). Ma proprio in questo sta
la novit del messaggio di Giona, nei confronti dei suoi antecessori, compreso Geremia, che cio i
popoli pagani sono posti sullo stesso piano d'Israele nei confronti del disegno divino della salvezza.
Ninive, capitale dell'impero degli assiri, non solo una citt "pagana", lontana dalla salvezza, ma per
Israele era il simbolo dell'oppressore. Figura del mondo pagano e tipo della citt degli oppressori di
tutti i tempi. A loro, agli oppressori, Giona inviato, per richiamarli alla conversione.
Lesercito assiro nell'antichit si distingueva per la sua efferatezza. Ninive diviene cos simbolo
delloppressione e della crudelt, come anche della violenza. Il profeta Naum cos si scaglia contro la
citt:"Guai alla citt sanguinaria,piena di menzogne,colma di rapine...Chiunque sentir tue notizie
batter le mani. Perch su chi non si riversata senza tregua la tua crudelt?"(Naum 3,1.19b).
Ninive era percepita dal popolo ebraico come la citt centro del terrore, il nemico per antonomasia.
L'avanzata militare degli assiri aveva raggiunto la Palestina nel VIII secolo a.C.. Essi avevano
conquistato e distrutto Samaria, capitale del Regno del Nord, nel 722 a.C. segnando cos la fine del
regno. La loro politica di invasione ed il loro dominio erano noti. La richiesta a Giona di andare a
predicare il perdono alla grande citt di Ninive ha in s un carattere di richiesta sconvolgente e
scandalosa.
Giona nell'ascoltare la chiamata di Dio che lo spinge ad andare a Ninive percepisce allora la durezza di
questo invito: Dio lo invia presso gli oppressori! L'espressione usata da Ges nel vangelo di
Matteo:"Dio che fa sorgere il sole sui cattivi e sui buoni e manda la pioggia sui giusti e sugli ingiusti"
(Mt 5,45) aiuta a comprendere lo sconcerto di Giona che lo spinse ad andare gi al porto di Giaffa.
Mandato non solo verso i pagani, ma proprio dagli oppressori, Giona fugge in direzione opposta alla
grande citt. Il libro ci parla quindi di una triplice discesa di Giona: scende al porto, scende nella nave e
scende nel luogo pi riposto della nave.
Giona non un 'non credente', nemmeno un uomo che rifiuta Dio; appartiene al popolo eletto, e nel
corso del libro la sua esperienza di uomo di fede, pur nella contraddizione, si configura con le
caratteristiche della consapevolezza e della coerenza: egli conosce il Dio in cui crede, e, nonostante le
titubanze, egli confessa la sua fede.
Il suo nome significa 'colomba'. Questo termine era stato usato da Osea per indicare Israele: in Osea
7,11, Efraim indicato come colomba "ingenua, priva di intelligenza". Giona quindi riferimento ad
Israele in quanto nutre la paura e il rifiuto della salvezza dei pagani e si oppone in un attitudine di
6

orgoglio perch non venga meno il proprio privilegio. Si tratta dell'attitudine religiosa di tipo
esclusivista, e del pensiero che pretende di gi possedere la verit di Dio. Giona in tal senso anche un
uomo che vive nella paura e nella chiusura, nella paura che la sua obbedienza alla parola che lo chiama
lo conduca ad avere successo. In tal caso la conversione della grande citt sarebbe uno scacco alle sue
attese religiose. Tra le righe l'autore fa cogliere la paura di chi credente e sa che Dio avr alla fine uno
sguardo di misericordia e non di condanna su Ninive. Ma il suo atteggiamento anche quello di chi
nutre invidia e non si apre ad accogliere la possibilit che gli altri possano cambiare. Somiglia per molti
aspetti al fratello maggiore della parabola di Ges sui due fratelli (Lc 15). Il fratello maggiore chiuso
nella sua pretesa di esclusivit e desidera il male dell'altro. Anche Giona, vive tale resistenza di Israele
contro lingresso dei pagani nella promessa "senza lopera della legge".6
Giona scende e cerca di sottrarsi alla presenza di Dio che ha investito la sua vita. Il salmo 139 esprime
in forma poetica il sentimento di Giona: Dove andare lontano dal tuo spirito? Dove fuggire dalla tua
presenza? Se salgo in cielo, l tu sei, se scendo negli inferi, eccoti. Giona cerca di fuggire ma non si
pu allontanare da Dio, non pu fuggire al compito che gli dato.
La domanda che si pone a tutti i credenti e non solo a Giona e di cui questo testo pone in risalto :
stiamo veramente ascoltando la voce di Dio che ci chiama ad andare e predicare oppure viviamo
rinchiusi in una grande bolla fatta di sicurezze e di comodit? Siamo disponibili ad oltrepassare i
confini di modi di pensare e di vivere che impediscono di partire? Siamo aperti a percorsi che
conducano all'incontro agli altri, e a viaggi interiori affrontando nuove sfide e interrogativi del nostro
tempo?
In questa situazione di fuga la nave su cui Giona 'sceso' deve affrontare una tempesta che cos forte
da mettere a repentaglio la stessa vita dei marinai e di chi sta a bordo.
"La situazione descritta in questo primo capitolo incredibile. Giona, israelita, rappresentante del
popolo di Dio, sprofonda sempre pi in basso. La religiosit di Giona tutta di superficie, perch se
in grado di parlare di Dio, a differenza dei marinai non parla a Dio. Ciancia di teologia, ma non prega.
Sa fare osservazioni teologiche, ma non obbedisce. In fondo un uomo che fugge dalla propria
esperienza religiosa, mentre i marinai, pagani, pregano, passano allazione.Secondo una tradizione
ebraica, lequipaggio della nave che trasportava Giona era costituito dai rappresentanti di tutte le

Cfr. J.Ratzinger, Lectio divina a Santa Maria in Traspontina, 24 gennaio 2003.


http://www.30giorni.it/it/articolo.asp?id=362.

settanta nazioni del mondo. Il miscuglio della ciurma corrisponde al crogiolo di razze che si poteva
trovare nella citt di Ninive".7
Il racconto dice che si scaricano molte cose, si buttano (ebr.: twl). Dio 'scarica' la tempesta sul mare, e i
marinai scaricano senza esito il carico gi dalle nave; solamente quando Giona confessa di essere lui il
colpevole e chiede di 'scaricare' lui in mare, il mare si placa.
Il testo dice che i marinai pregarono ciascuno il proprio Dio (1,5), ma anche questo non sufficiente.
Mentre i marinai pregano il profeta sceso gi, nel luogo pi riposto a dormire.
P.Murray accenna a tutte le interpretazioni che vedono in questo sonno di Giona una sorta di ritorno al
grembo materno: non solo una descrizione di una situazione religiosa ma una presentazione della
condizione umana, del sogno di ritorno nel protettivo ambito del grembo materno. La tendenza
individualistica di Giona pu essere cos indicata come sindrome del grande pesce.
"C' oggi un nuovo fascino fra i nostri contemporanei delle cose dello spirito. Purtroppo tale interesse
non si traduce in capacit di ascoltare la voce vivente di Dio, o di arrendersi con fede e speranza e
amore alla bellezza trascendente e alla spinta della divina rivelazione. Al contrario c' una tendenza a
vivere la propria spiritualit nella bolla del s, e praticare ci che Martin Buber ha chiamato in una
espressione memorabile, la 'religione della pura immanenza psichica.8
Giona provocato dalla tempesta scopre che la tempesta non solo fuori di lui ma dentro di s. In un
carme latino attribuito erroneamente a Tertulliano, il Carmen de Iona et Ninive, Giona dice: Ego
tempestas, ego tota insania mundi. Egli riconosce: "E' in me che il mare si alza e l'aria superiore scende
gi. La terra in me lontana e nulla la speranza in Dio". La grande tempesta, ci suggerisce questa
interpretazione, non tanto quella esteriore che sta manifestandosi all'esterno, piuttosto la tempesta
interiore che nel cuore di Giona si compie quando svegliato dal suo sonno.
Il dormire di Giona nel luogo pi riposto della nave ad un lettore del vangelo suggerisce
immediatamente l'accostamento ad un episodio del vangelo, in cui durante la tempesta, mentre gli
apostoli vivono la paura e temono di morire, il vangelo di Marco dice che Ges dormiva: come Giona,
mentre all'esterno si scatena la forza del mare, simbolo della forza del male oscura e non arginabile
dall'uomo, Ges dorme all'interno della barca. Giona viene gettato in mare nel profondo perch il mare
si plachi. Ges nel vangelo di Marco dice una parola di potenza che fa tacere il mare.

7
8

A.Zanotelli, Alzati, cit.


P.Murray, A Journey, cit., 22-23.

E' sorprendente come Giona professi la sua fede con limpidezza nel momento della prova: non solo, ma
egli conscio della sua situazione del suo tentare la fuga, sa di essere la causa della tempesta che
colpisce la nave sulla quale si imbarcato per fuggire lontano dal Signore: "'Spiegaci dunque per causa
di chi abbiamo questa sciagura. Qual il tuo mestiere? da dove vieni? Qual il tuo paese? A quale
popolo appartieni?'. Egli rispose: 'Sono ebreo e venero il Signore Dio del cielo, il quale ha fatto il mare
e la terra'. (...) 'Prendetemi e gettatemi in mare e si calmer il mare che ora contro di voi, perch io so
che questa grande tempesta vi ha colto per causa mia'." (1,8-9.12)
Compare qui un primo paradosso di questo racconto. L'autore con humour pone in luce un contrasto fra
Giona ed i pagani: Giona cerca di fuggire lontano da Dio, i pagani invece cercano il cammino verso
Dio. Giona raffigurato mentre dorme; i marinai per contro mettono in campo tutte le loro forze per
salvare se stessi e la nave: sono presentati mentre pregano. Giona il profeta, non si sente per nulla
portato alla preghiera. Giona cerca la morte (come ultima discesa), i marinai la vita. Possiamo cos
cogliere un accostamento con questa vice del profeta Isaia in cui Dio afferma di essere cercato dai
pagani: Io sono stato ricercato da quelli che prima non chiedevano di me, sono stato trovato da quelli
che prima non mi cercavano. (Isaia 65,1).
Alla domanda Chi il tuo Dio? Giona risponde: Il Dio del cielo che ha creato il mare e lasciutto:
Dio colui che ordina alle onde e crea il terreno asciutto sotto i piedi. Il Dio che Giona presenta il
Dio della creazione ma anche il Dio dell'Esodo che apre una strada sotto i piedi da percorrere.
La prima parte del libro di Giona segnata dalle tre esperienze: la chiamata, la fuga, il naufragio. Di
fronte alla chiamata di un Dio che rivolge la sua parola, cos come ad Abramo, comunicando non solo
un invito, ma dando se stesso in quella sua parola suscitatrice di vita e di azione, Giona fugge: la fuga
dalla grande citt, la citt della malizia e della perversione, la grande citt pagana, con insistenza
presentata come un movimento lontano dal Signore (1,3.12).
Soffermandoci su questi primi due capitoli del libro di Giona ci possiamo domandare: qual l'identit
profonda di Giona? Il suo profilo presenta la complessit e l'intrico interiore di ogni vita umana. Giona
un uomo toccato dalla Parola di Dio, ma un credente che vive in una condizione di isolamento.
Dapprima fugge e poi dorme, indifferente e disinteressato mentre la nave sulla quale altri stanno
vivendo la lotta contro il naufragio sta per soccombere alla forza del mare: uomo religioso, teme il
Signore, ma nel contempo cerca di non esser inquietato nella sua tranquilla indifferenza agli altri. E

forse il paradigma del credente nell'et dell'individualismo, tipo di quell'ottusit di una fede che non si
lascia inquietare. Pensa di poter vivere la chiamata di Dio senza prendersi cura e seguire una voce che
lo spinge ad uscire, ad andare.
D'altra parte Giona anche un uomo che si lascia toccare dalle provocazioni - sono le chiamate di un
Dio che gli parla attraverso gli altri -. Ad esse reagisce in modi contraddittori: Cosa fai, dormi?
Alzati (1,6). C' una molteplicit di risposte di Giona agli inviti ad alzarsi. E' la sua la figura
dell'uomo contraddittorio, che mescola alla fuga l'onest, al tentativo di evitare fastidi la sincerit di
riconoscere la sua identit, la sua situazione. E, paradossalmente, Giona, il profeta in fuga, si fa
annunciatore, tra marinai pagani, del Dio in cui crede.
Sul crinale della morte: la lezione del grande pesce
La seconda parte del libro di Giona centrata sulla sua esperienza di vulnerabilit, di precariet. Giona
vive la paura della morte, l'angoscia dell'uomo senza vie d'uscita. E' questo il sentimento che vive
quando, gettato in mare, viene inghiottito da un grosso pesce. Colui che muove le vicende varie degli
eventi naturali e umani visto dall'autore del libro come il Dio che all'opera nel provvidenziale
svolgimento degli eventi umani ed appassionato ai soggetti in essi coinvolti: il Signore dispose che un
grosso pesce inghiottisse Giona: Giona rest nel ventre del pesce tre giorni e tre notti. Dal ventre del
pesce Giona preg il Signore suo Dio e disse...
Nel ventre del grosso pesce Giona prega. La preghiera che sgorga dalla sua bocca un salmo di
invocazione dal profondo abisso in cui egli si trova: la scoperta che per andare oltre la sua situazione
di sofferenza e di oppressione solo il ricordo del Signore Dio rende possibile il suo ritorno alla vita. La
presenza liberante e vicina del Dio fedele lo hanno fatto risalire dalla fossa.
Questa seconda parte del libro ha per messaggio fondamentale la salvezza sperimentata da Giona, non
per sentito dire, ma come esperienza coinvolgente la totalit della sua esistenza: nella mia angoscia ho
invocato il Signore ed egli mi ha esaudito... la terra ha chiuso le sue spranghe dietro a me per sempre.
Ma tu hai fatto risalire dalla fossa la mia vita... (2,3.7)
Giona nei tre giorni e tre notti scopre la potenza di vita e di liberazione che viene dal Dio che fa risalire
dalla fossa, sperimenta il senso pi profondo della preghiera, come memoria della fedelt del Signore, e
sacrificio di lode: immerso nel mare, luogo delle capricciose forze del male e della morte, e ingoiato
nelle viscere del grosso pesce, mostro vorace simbolo del regno della morte, Giona scopre la vicinanza
di Dio, la sua liberazione come una resurrezione e si scopre salvato.
10

Sta qui forse il nucleo profondo di questo passaggio del libro: Giona, da credente sicuro della sua fede,
e certo del volto del Dio in cui crede, eppure infedele e in fuga di fronte alle chiamata inattesa e
imprevedibile di Dio nella sua vita, si scopre gratuitamente toccato dalla vicinanza di Dio che salva e
che dona a lui gratuitamente la salvezza come possibilit di vita.
Giona un uomo che nella prova scopre il ricordo del Signore e in questo ricordo sperimenta la
conversione ad un Dio che comunica in modo vivente: a differenza dei naviganti che lo gettano a mare
in un atto di esorcismo per placare la divinit da temere nella sua ira, Giona scopre, nel volto di Dio che
egli in parte conosceva o pretendeva di sapere (Io so...), aspetti profondissimi e nuovi: un Dio che lo
libera dalla morte, un Dio che lo salva nonostante la sua fuga e il suo non prendersi cura della grande
citt....
Proprio nel momento dello sconcerto, del fallimento che viene percepito come uno stare sulla soglia
della morte, Giona scopre la forza della grazia di Dio che fa breccia nel suo cuore e lo apre allo stupore
della salvezza da accogliere come dono. Per questo Giona costituisce l'esempio di una 'spiritualit dello
sconcerto'.9 E' testimone del paradosso a cui conduce il vivere un rapporto con Dio. Nella discesa nel
ventre del pesce si possono cogliere i caratteri di una discesa nella morte: come non pensare all'immagine teologica della discesa di Cristo agli inferi? Nella sua morte Cristo si fa solidale con tutti coloro
che stanno nell'abisso della morte, raffigurato in icone e affreschi come una prigione in una caverna,
Essi attendono liberazione ed egli scende per liberare tutti coloro che erano tenuti incatenati.
Giona in questo momento della sua vicenda scopre il dono della vita e un senso della vita che solo
dall'incontro con il Dio liberatore pu venire; egli sar il segno indicato da Ges, segno della morte e
della resurrezione (cfr. Mt 12,38-42). Ma egli deve ancora divenire segno di qualcos'altro. La paziente
pedagogia del Signore della storia e del creato, del Dio che chiama ed vicino, condurr Giona (ed la
vicenda dei capitoli 3 e 4 del libro) ad andare ancora oltre, a vivere un cambiamento di mentalit e di
stile di vita (cfr. Lc 11,29-32) una conversione al volto di Dio che richiede una conversione alla
solidariet con la grande citt e con i suoi abitanti, il farsi carico di chi, altro e straniero pu fare
esperienza di essere salvato, cos come Giona stato salvato: Giona non rimane nel ventre del pesce ma
dovr giungere alla grande citt.10
E' questa una parte ricca di ironia in cui il primo soggetto Dio stesso: Dio si serve del grosso pesce
che vomita Giona, per riportare il profeta riluttante, profeta suo malgrado, al punto di partenza. Dio
9

P.Murray, A Journey, cit. 43.

10

L.Alonso Schkel - J.L.Sicre Diaz, I profeti, tr.it. Roma, Borla, 1989, pp.1145-1174

11

presentato non solo come il Signore del creato, ma anche signore della storia che riconduce Giona - che
tenta di scappare - nella direzione verso cui lo sta chiamando.
Nella grande citt, la scoperta della compassione senza limiti
Giona vive questa fase nella terra arida dove il pesce lo ha vomitato. E ancora gli si fa incontro la
Parola di Dio. La Parola di Dio lo raggiunge ancora. Fu rivolta a Giona una seconda volta questa
parola del Signore: Alzati, va' a Ninive la grande citt e annunzia loro quanto ti dir (Gn 3,1): questa
parte potrebbe essere intitolata Giona e la grande citt.
Giona si reca a Ninive, la grande citt e predica la minaccia della distruzione se non si compir una
conversione dei suoi abitanti. Il testo presenta, di fronte a questa predicazione di Giona, il movimento
di ritorno che coinvolge tutta la grande citt, dal re, agli uomini, agli animali: il re abbandona i segni
del suo potere e si mise a sedere sulla cenere, un editto viene emanato in cui si impone un digiuno
accompagnato da atteggiamenti di penitenza e di invocazione a Dio: ...ognuno si converta dalla sua
condotta malvagia e dalla violenza che nelle sue mani. Chi sa che Dio non cambi, si impietosisca,
deponga il suo ardente sdegno, s che noi non moriamo (3,8-9).
Si attua cos un primo movimento di conversione, quello del re e dei niniviti, che diviene movimento
storico e cosmico, vi sono coinvolti anche gli animali, conversione esemplare che sar ricordata da
Ges nella sua predicazione (Mt 12,41; Lc 11,32).
La conversione dei niniviti si connota come un cambiamento di comportamento, espresso nel distacco
dalla condotta malvagia e dalla violenza, inserito in un contesto di nuovo rapporto con Dio: si invochi
Dio con tutte le forze l'invito che riprende la grande espressione dello Shem Israel: Tu amerai il
Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutte le forze (Dt 6,5). Il ritornare dei niniviti
comprensione che questo rapporto con Dio possibilit di vita e di significato per la vita stessa: Chi
sa che Dio non cambi, si impietosisca, deponga il suo ardente sdegno s che noi non moriamo.
Sorprende la disponibilit radicale di questa accoglienza della predicazione, delle parole di Giona da
parte del re di Ninive; cos come sorprende la comprensione della conversione come cambiamento di
vita che pone la stessa vita nella relazione fondante con il Dio della vita, nucleo della fede stessa
d'Israele.
I cittadini di Ninive credettero a Dio e bandirono un digiuno Dio vide le loro opere, che si erano
cio convertiti dalla loro condotta malvagia.

12

Questo quadretto della conversione di Ninive strutturato, con sapiente ironia, come la raffigurazione
che contrasta ad un'altra predicazione rivolta ad un re, il re d'Israele Ioiachim, nel 605, descritta nel cap.
36 del libro di Geremia: in quella circostanza Geremia aveva fatto scrivere al suo segretario Baruc su di
un rotolo le parole che aveva ricevuto da Dio: Forse quelli della casa di Giuda, sentendo tutto il male
che mi propongo di fare loro, abbandoneranno ciascuno la sua condotta perversa e allora perdoner la
loro iniquit e i loro peccati. (Ger 36,3) In un giorno di digiuno quel rotolo venne letto e ascoltato ma i
capi del popolo lo trafugarono a Baruc, lo lessero davanti al re e la reazione del re fu un deciso rifiuto.
Fece infatti distruggere quel rotolo e tutte le parole in esso contenute.
La conversione di Ninive pone in risalto che le minacce di Dio sono espressione di un'esigenza di
amore, di incontro, sono attesa di poter esprimere la sua misericordia in una relazione rinnovata con
Lui, che coinvolga cuore, anima, forze, tutta la vita.
A differenza della durezza dei capi di Israele, Ninive, la grande citt, la citt pagana e lontana, intende
la predicazione di Giona e vive un'ascolto che si apre ad una comprensione profonda che
quell'annuncio per avere la vita e per avere la vita nell'incontro con Dio.
Compare a questo punto un secondo movimento di conversione: in conformit alle attese di chi aveva
ascoltato, Dio vide le loro opere, che cio si erano convertiti dalla loro condotta malvagia, e Dio si
impietos riguardo al male che aveva minacciato di fare loro e non lo fece (3,10).
Dio si impietos: il termine ebraico che utilizzato indica le viscere di una donna (rhm) ed esprime
cos la profondit dell'amore di Dio che com-patisce, si prende cura e cambia i suoi disegni di minaccia
mostrando il suo volto di amore accogliente e senza limiti.
Anche Dio si 'converte': questo passaggio del libro di Giona appare come un commento all'espressione
Convertitevi a me... e io mi rivolger a voi (Zac 1,3), Ritornate a me e io torner a voi (Mal 3,7): il
ritornare della conversione dell'uomo sempre preceduto da un chinarsi di Dio che sempre precede e
ripropone l'alleanza e la vita, ed in questo stesso movimento di ritorno si schiude l'esperienza del
ritornare di Dio, del convertirsi di Dio che cerca di poter esprimere la sua misericordia e il suo perdono:
la vicenda di Ninive e questo convertirsi di Dio verso la grande citt non ricorda forse quel 'cambiare
idea' di Dio nel drammatico dialogo con Abramo davanti alla citt di Sodoma? L era stata la
dolcissima insistenza di Abramo a far mutare il giudizio di Dio quasi come un mercanteggiare alle
porte della citt. L'insistente e ripetuta richiesta a Dio di avere piet se in quella citt si trovassero
anche un piccolo pugno di giusti conduce a far intravedere il ruolo del piccolo resto che pu salvare la

13

citt in virt della sua fedelt, ma anche a far scorgere il volto di un Dio che si lascia cambiare dalla
supplica del suo servo (Gen 18,16-33).
Ninive, alla predicazione di Giona, si converte. Si attua cos un venir meno dellimmagine del nemico:
Ninive per Giona sin dal primo momento della sua chiamata costituisce il paradigma del nemico. Il
venir meno di questo crea un vuoto che Giona non sa colmare. Non solo, ma egli vive esistenzialmente
un altro tipo di vuoto: si tratta della frustrazione per il venir meno dello scopo della sua predicazione
intesa come minaccia. Si attendeva altro dal suo lavoro: gli esiti lo rendono spaesato e senza pi scopo.
E tutto questo lo fa ripiegare su di s.
Giona indispettito di fronte a quanto sta accadendo. Ma proprio quanto accade diviene per lui
occasione per una conversione fondamentale: si tratta di passare da un'idea di Dio corrispondente ai
suoi schemi e assoggettabile ai suoi progetti e alle sue pretese, rassicurante di fronte ad ogni straniero e
nemico, il Dio dei privilegi e delle appartenenze, ad un volto di Dio che torna, che sa impietosirsi, che
grande nell'amore. Ma questo non solo come conoscenza di tipo intellettuale, ma come conoscenza
che deriva dalla prassi della vita, come esperienza che genera un ripensamento esistenziale.
Giona ancora una volta - e cos si apre l'ultima parte di questo libro - riconosce ad un livello di
comprensione intellettuale il volto di questo Dio che lo sconvolge e lo turba, che lo ha legato a s ma
che lo fa nel contempo indispettire e reagire violentemente. Ma anche Giona chiamato ad una
conversione che vada oltre la sua stessa comprensione intellettuale e che lo conduca nella concretezza
dell'esistenza ad accogliere un Dio che gli si fa incontro attraverso gli altri della grande citt, al di l e
al di dentro della storia umana e intricata dei rapporti in cui difficile scorgere il suo volto.
Dopo che Giona deluso e adirato chiede al Signore di togliergli la vita, si assiste ancora una volta ad un
volgersi paziente, attento, ricco di fine pedagogia e di ironia anche, di Dio, questa volta verso Giona.11
Una pianticella di ricino cresce accanto a Giona sdegnato, che si ritirato fuori della citt, a vedere ci
che sarebbe avvenuto nella citt. Questa piantina gli procura inizialmente gioia ma poi, per il bruciar
del sole si secca e porta Giona a dire: meglio per me morire che vivere.
E' interessante come questa immagine sia presente anche nella tradizione islamica: Giona (o Yunus,
che significa quello del pesce) l'unico tra i profeti maggiori e minori ad essere citato per nome nel

11

Cfr. E. Drewermann, E il pesce vomit Giona allasciutto. Il libro di Giona interpretato alla luce della psicologia del
profondo, Brescia Queriniana, 2003: nellanalisi di Drewermann il libro di Giona il pi brillante esempio dellumorismo
di Dio.

14

Corano (Cor., XXI,87) che lo venera come uno dei profeti di Allah. Maometto lo nomina tra gli
apostoli di Dio e la sua vicenda, accanto al ricino, raffigurata in rappresentazioni artistiche dell'Islam.
E' il segno che conduce al discorso finale del racconto, discorso che si chiude con una domanda: il libro
si chiude infatti non con una conclusione edificante ma con una domanda sospesa. Dio chiede a Giona
di aprirsi ad accettare la sua misericordia e la piet: la presenza di Dio nella grande citt, non sta nella
punizione e nel rifiuto, ma nella comunione ritrovata e nella pazienza dell'amore:
Tu ti dai pena per quella pianta di ricino per cui non hai fatto nessuna fatica e che tu non hai fatto
spuntare, che in una notte cresciuta e in una notte perita: e io non dovrei aver piet di Ninive, quella
grande citt, nella quale sono pi di centoventimila persone, che non sanno distinguere fra la mano
destra e la sinistra, e una grande quantit di animali? (4,10-11)
Ninive passata dalla violenza ad un modo nuovo di intendere l'esistenza, che dice la comprensione
della presenza di Dio come Colui che d vita e senso all'esistere stesso; Dio si volge e si china, chiama
per mandare alla grande citt, quella citt dove presente Caino, colui che ha ucciso il fratello, il primo
costruttore di citt, ma anche dove presente la relazione con l'altro, che pu divenire fratello/sorella
scoperto e accolto in modo nuovo, colui e colei che suscitano un camminare, insieme, verso l'incontro
con il Dio della comunione e della misericordia. La domanda aperta che chiude il libro di Giona
domanda che oggi si ripropone nelle diverse provocazioni ad incontrare l'altro/a nella grande citt come
via necessaria per una comprensione ed una esperienza pi autentica della fede nel Dio della alleanza.
Giona, e come lui anche noi, lettori e ascoltatori coinvolti a prendere posizione nel dare una risposta a
questa domanda, siamo chiamati fondamentalmente ad aprirci alla speranza, alla speranza che lo
sguardo di Dio per tutti, perch la vita sia un ritorno a Lui e perch in questo ritorno si scopra la vita e
la speranza che renda responsabili dell'altro nella vicenda storica.
L'intero libro di Giona letto nel giorno dell'espiazione, lo Yom Kippur, nella tradizione ebraica.
Parimenti il testo nella sua totalit letto nella liturgia greco ortodossa nel giorno del sabato santo.
Martin Lutero scrisse che questo piccolo libretto non null'altro che un meraviglioso segno della bont
di Dio per tutto il mondo. Lutero altres nota che Giona un santo noioso e pesante che arrabbiato a
causa della misericordia di Dio per i peccatori. E tuttavia un figlio amatissimo di Dio: si rivolge a lui
senza inibizioni come se non avesse per nulla timore di fronte a Lui, mentre in realt ne ha. Confida in
Lui come in un padre.12

12

Cfr. P.Murray, A Journey, cit.

15

E' un libro che si chiude con una domanda, non con un'affermazione. Forse uno spazio aperto perch
ciascun lettore possa riempire lo spazio aperto dalla domanda per poter scrivere una finale nuova a
questo racconto, affascinante e inquietante come tutti i grandi racconti. Giona l'uomo sconcertato,
smosso dalla imprevedibilit e dalla novit dell'agire di Dio. Il grande protagonista del libro Dio che
si china e si rivolge continuamente ( questo il senso della 'conversione') verso qualcuno: il racconto
mostra come Dio si intrattenga con Giona e come il suo sguardo sia rivolto alla citt.
Giona diviene cos paradigma di una scoperta che ad ogni tempo pu essere rinnovata e che nel nostro
tempo forse la sfida di fondo di fronte alla quale ci troviamo: la sfida di accogliere l'alterit e di
rapportarsi all'altro nel tempo del pluralismo, nel tempo in cui prevale la paura e la ricerca di chiudersi
in una identit senza l'altro. Giona 'uomo chiamato ad ascoltare in modo nuovo la Parola, in rapporto
alla grande citt'
Giona ci parla innanzitutto dell'Alterit di Dio: una sfida 'religiosa' quella che sta davanti a noi oggi.
La questione del senso della vita, della fede si pone in termini nuovi nel tempo della pluralit delle fedi,
delle culture, delle opzioni di vita. Siamo anche oggi chiamati ad imparare a cercare Dio, a divenire
cercatori di trascendenza, al di l di schemi rassicuranti e che talvolta rinchiudono Dio solo in
costruzioni umane. Ma siamo anche chiamati a scoprire Dio al di l di appartenenze esclusive.
Giona testo attuale per il suo porsi di fronte all'alterit dello straniero. E' possibile instaurare un
rapporto con chi diverso, nemico e lontano? Giona ci dice di s, ma presenta anche la complessit del
cammino che ci comporta. La vita si connota come apprendimento, imparare ad incontrare in modo
nuovo. Il nostro oggi tempo dello spaesamento e dello sconcerto. Proprio nello sconcerto Giona si
apre alla novit di Dio e a lasciarsi cambiare nella sua visione di esclusione e di pensiero del disprezzo.
Oggi siamo chiamati a fare i conti anche in modi nuovi con l'alterit del nostro io, con sentimenti, con
le vicende delle nostre fughe e ritorni. Come Giona forse non al di fuori di esse, ma al di dentro, c' da
scoprire la voce incessante di una Parola che ci invita, ci spinge e rinnova la chiamata ad una missione.
C' un altro tratto del libro di Giona ricco di interrogativi per noi: tratta infine della sfida dell'alterit
delle cose, della natura. Il mare, il grosso pesce, la terra arida, la pianta di ricino, il deserto, gli animali
della grande citt, sono l'ambiente in cui Giona percorre il suo viaggio, un percorso che rimane aperto
sulla domanda finale presentata da Dio.

16

Il viaggio di Giona non concluso: anche in questa generazione forse Giona attende compagni che
come lui si lascino provocare dalla Parola, e provocati dagli eventi della loro storia, si lascino
coinvolgere nella passione di Dio perch tutti siano salvi.

Alessandro Cortesi op

17