Sei sulla pagina 1di 540

Francesco Cassata

A destra del fascismo

Profile pulitico di Iulius Evola

Bollati Boringhieri

Prime. ediziclw" i'1UV(il‘I1b1‘E 2-:103

@ 2003 Bollati Boringhieri fiditurrf: 5.111., Torin-:1, corsu Vittori-:1 En1an11e1e II, S6 I diritti di memorizzaziune elettronica, di ripruduzi-one e di adattamentn totals 0 parziale can qualsiasi mezzo {cumpresi i microfilm E 115: cnpie fotostatiche) some riservati Stampatcr in Italia dalla MS. I Litografia cli Torinn -

ISBN 88-3394498-4

Schema grafico della ccnpertina cli Pi¢tr-:1 Pallaclino e Giulio Palmieri

Stampato su carta Palatina clelle Carticre Miliani Fabriano

Indice

9 Imfroduzéoare

I7

A destra delfascisnlo

.1

Da11’antifascis1'n0 antidemocratico a1 tradizionalismo

(1915~1932)

~

1. Evnla e <<Lc> State Den10cratic0>> (1925), 17 2. L’<<imperialismc>

paganc->> (1926~1:928), 2.: 3,. La cnllabc.-razi-one can Leandra Arpi-

nati(I9117-I933),44

-

51 <<La Torre»: dalla decadenza del mondo moderno ai colpi Eli scudiscio (I93 0)

I. I caratteri della direzi-ans evuliana, 52 2. I principali c01Iabora~

tori, 63, 3,. La rubrica <<L’Arc0 e Ia Clava», 68 .-

7.5 Rivolta “contra i1 rnondo modernoz decadenza e razzismo

(I934)

1. U11 riurientamento tradizionalistico del fasc-isms, 77 2 I1 Manda

I15

Ijl‘

Tradizionale, 8 3, 3,.

Mndernita e decadenza, 91 4. Che fare?, 1 I3.

La << rivoluzione permanante >> tradizionalistica ( 1 9 3 4- I 9 4 3,)

I. Oltre il Leviatanoz 10 State della Tradizione, I16 2. Balsami-

smo a antibolscevismo, I24 3,. Contra la borghesia, 128 .4. Per urfaristacrazia della Tradiziune, I 3, 5 5. La cultura riveluzianaria e il rnitu di Roma, 140

<< Diorama Filosofico >> (1 9 3 4- I 943)

6

INDICE

19a

na, 167 3. I1 razzisma asatarica-tradizianaiiatica, 181 _ 4. Quai-

cha canciusiane, 188

-

6. Evala e i1 nazianalsocialisrno (1930-1943)

1. I1 11E1ZiS111G_SECU1'1CiUiH Tradiziane (1930-1938), 19a 2. L’inta-

graziane tradizianalistiaa cli fascisrna a nazianalsaciaiiania (1939-

1943), 2a2 3. U11 saniplica callfaranziaraa‘, 21a

21';

7. Evala er i fascisrni

 

1.

I1Giappana, 215 2. La Guardia di Farra, 222 3. La Falanga

apagnala, 225

226

8. I1 razzisrna <<t0taiitaria>> aila prava del fuaca

 

1.

II I'flZZi5II1U came aidaa rivaluzianariaa, 228 2. Ii razzisina

<<tataIita1ia>>: prinia, sacanda a terza grada, 235 3. Castruira la

razza, 249 4. Una stratagia di palitica razzista, 265

271

9.

Antisemitisrna e caspirazionisnla (19 3 3-194 3)

 

I. Un antisanlitisma <<tataiitaria>>, 272 2. Uinvanziane dai1’E- braa, 274 3. I Pratacalli dai Saaé dé Siaa a ii caspitazianisma ava- liana, 294 4. Una iagica deila sterininabilita, 3,12

32.1

IO.

Evola fra Mavimenta Socials Italiano e_ Destra radicale

(1949-1974)

1. Par una dafiniziane di Dastra, 3 2 1 2. Evaia E ii naafascisnla, 3 3 1;

355 II

JF9 I2

AI rnuro dei nuilaz Evala iegge Jiinger

1. Dali’astatica aila matafisica daila viaianza, 357 2. 194 3: L’<< Opa-

raia .1.» e le Scagléara dé mama, 3 59' 3. L ’<< Operaia >> aalpaaséara di Ernst

Iziagaa (1966), 361 4. Una critica tradizianaiistica al madarnisma raazianaria: da L’<<Opa2aa'a>> [1960] a Caaafcare la Iigaa (1961:), 369

5. La Jiinger pastbaiiica: H Taataata dal afbelle, U Nada gardéaaa, AZ

mafia dal tampa, 3-74

H

Caaafcare la tigre: la Tradiziane came saluziane

Ciel nichilisma (1961)

.

1. La Tradiziana ai di-Ia clal nichifisma, 379 2. Attravarsa ia dis-

392 I3

saluziana, 384 3. Era-dita. del1’apaZa‘z’a, 391

'

La <<1iva1uziane dei nulla»: Evala e i1 Sessantatto

1. Cantra i giavani, 395 2. Bias-jeans, rack and rail, ii sassa a la

dragha, 396 3,. Dalia beaigeaaratiaa a1 Sassantatia, 4a2 4. Can-

tra Marcus-a a c:ant_ra Man, 4a6 5. La cantastaziana di destra, 469

11m1e2.

7

415

14. Evala e i’Ita1ia dei 5100122

'

1. Emancipaziane seasuale e Tradiziane, 416 2. Mass media, avi-

- iuppa teenalagica e 1'1EO5piI'1[L1fli1S1I1D, 42 5

432

15. I1 <<1ung0>> razzisma (1949-1974)

1.

L’i11venziane del <<razzis111a spi1i1:1.1a1e>>, 43,3 2. La rnadernita

4 <<eb1aieita>>, 446 3. Dai1’<<eb1ea>> ai <<neg1a>>, 466

496

16. Oriente e Oceidente

-

1. Taaisma, 493 2. Tantrisma, 496 3,. Buddhisma pafi e Zen, 498

51:15

5:27

52 7

Abbraaéaziaaé

Bib-Ziagrafia

I1:-rdéce deé aami

Iatradazéaae

In an clima pelitiee arreventata Ciaimrresistibile aseesa (ii Jerg Haicler in Austria, nel febbraie zaee ii gruppe dei senateri di A1- leanza Nazienale, guidate da Giulia Maeeratini, deeideva di de- dieare L111 cenvegne alla figura di Julius Eveia, a ventieinqae anni

dalla n1e1te,1 canfermande an legame eulturale mai rescissa e anzi

ciei 198 5, atte di nascita del par-

rivendieate-fin dalle Tess? politic/9e

tite erede dei Mevimente Seciaie Italiane?

.

E seltante Pultime e pie irnpertante esernpie del reeente revival di

queila che pue essere censiderata la figure intellettuaie pie rilevante deila clestra radicaie eentemperanea, largamente tracletta in Francia,

Spagna, Pertegalie, Stati Uniti e ne]l’e1; Urlione Sevietiea. A partite cial 1994, -le Edizieni Mediterranee hanne avviate Pintera ripubb1ica-

di Giorgia

Gaiii, France Cardini, Giuseppe Parlate, Pia Filipparli-Renc011i. Negii 111111111 anni, la Fendaziene Julius Evela cli Rama e 1e Eciiziani di A1‘ di Padeva si rineerrena nei presentare antalagie degii artieeli e dei saggi eveliani. Nel 1998, il eentenarie della nascita e state celebrate da 11na'mestra,3’ un eenveg11e“ e da 1111a miriacle di interventi giernaiistici?

ziene deile apere cli Evela, can intreduzieni, £14 gii aitri,

1 Pi. Lenge, E A21 aeieara Beale 1'11 versiaae New Age, in <4 La Repubbiiea», 22 febbraie 2eee,

p. 5; E. Marze, Eaafa, are e1'e1‘iea aamfra fa glaaafizzaziaae, in ail Cerriere delia Sera >1, 22 feb- braie 2eee, p. 35. "

2 M. Revelii, Le dare desire, BeHatiBe1inghieri, Te-rine 1996, pp.

3 La meatra feline Eaaéz e £”a1"£e deffe aaaagaaiaiie £112 Fzafzaasara, Dada efifirafmia, aiiestita a Milane

a Palazze Bagatti-Vaiaeeehi, eurata da Carla Fab-rizie Carli, Enriee Criapeiti e Francesca Tedeaehi.

4 Aa.Vv., Ia.-fies Eaaaa, 1112 pensiera per la fine def aziffeaaia, E-itti ciel eenvegne di Milane, 27- 28 neverebre 1998 - Centre Cengresai <~:Le Steliinee, Fendaziene Julius Eveia, Rerna 2ee1. _ 5 Per an elenee, ai vecla ii.a.Vv., S'£aa'1eaaZiaa£1993, F01‘1{i21Zi011EILliil1S Evela, Rerna 1999,

I U

INTRUDUZIU NE

In un simile panorama, che sembra srnentire il cernplesso cli << ghet- tizzaziene» castantemente rnanifestato dagli ambienti di destra, i1

pensiero evoliano ha conosciuto un recupero cli officialita anche al

cli fuori (lei recinti ristretti della clestra raclicale. Evola e entrato

nella << Garzantina» di filosofia e nell’E:acéclapedéa delperzséera pali- ifzfcaf‘ A partire clagli stucli pionieristici cli Furio Jesil e di Fran-

co

Ferraresifi il sue pensiero ha attirato Fattenzione, in Francia,

cli

Pierre-Andre Taguieffi‘ e cli Christophe Boatinm (a cui si cleve

Punica sintesi al momenta clisponihile) e, in Italia, cli studiosi come Mauro Raspanti,“ Michela Nacci,” Roberto Maiocchi,“ Alberto

Casraglionfi‘ fine al recente studio di l?"rance'sce Gerniinariofi dedi-

cate ai rapporti rra Evola e il nazionalsocialisrno. La presente ricerca tenta di offrire una visione cornplessiva clel pensiero politico evoliano, clal 1925 al 1974, sostenenclo una linea in- terpretativa, che affronta, soprattutto, clue questioni ancora aperte nel dihattito storiografico e politologico, e spesso ricorrenti sulle pagine dei giornali: il significato clella <<1'ne1:apolitica>> evoliana, cla un late, e il ruolo clel razzismo e c1el1’a11tise111itisn1o, clall’altro.

Per quanta rigoarda i1 prime aspette, nei contributi degli arnbienti di clestra, il termine <<1netapelitico>>, attrihuito al pensiero evelia-

'5 Cfr. Aa.Vv., Eeciclapedie di fifasafie, a cura di G. Vattirno, con la coliaborazione cli

D.

Marconi e M. Ferraris, Garzanti, Milano 1993, pp. 36o sg.; F. Ingravalle, Eaafe, falias, in

R.

Espesito e C. Galli {a cura cli}, Erccscfapedia delpeasiera jsafitica, Laterza, Rerna-Bari 1999,

pp.

227 sg. Nel 1111101111114 delfe apere fifasaficae (Bruno Monclaciori, Milane 2eee]

sene inclusi

e arnpiarnente cemmentati cla France Velpi clue testi cii Evola: Metefisica def sessa e Riaafre can-

tra if r11a11d'a'asazfe111a (pp. 357-6o}. 7" F. ]esi, Culture di desire‘, Garzanti, Milane 1979.

5 F. Ferraresi {a cura di}, Le desire radicals, Feltrinelli, Milano 1984; Li, Méaecce efia dema-

crczia. La desire radicals e Ia strategic alelle teasiaae in Ireiie ice! dapagaerra, Feltrinelli, Milane

I995-

9 P.-A. Tagoieff, Eaasla pe1sses.a' ale £41 decadence: arse aserepaysigae ale Hastaire dens la perspec-

seae a*adifiaaeile e1I’FJype1c11tiqae dc £21 111448141114, in <1 Pelitica Herrnetica:->, I, 1 (1987), pp. 11-48.

1° C. Beutin, Palitigae er tradition. falies Eaale dens Je siecie (1898-1974), Kime, Paris 1992.

11 M. Raspanti, I rezzisrzsi deffescisasa, in Centre stL1cli<<F.Iesi;-> [a cura cli), Le aseazagae defile

rezze. Dacsmsersii e iasraegiai def razz1's1"aa e cieffersciseasitisasa fescisse, Gratis, Bologna 1994,

P11 15-39-

12 M. Nacci, Hpesseta came asadeifa. 511111111 sci trediziarzefisasa, in aDen1ocra2ia e cliritto»,

XXXIV, 1, gennaio-marzo 1994, pp. 45-81. '

13 R. Maiocchi, Scieaze iteiierse e nszzisaaa fascssta, La Nueva Iraiia, Firenze 1999.

H 1’-'1. Cavaglion, Dee madeste prapaste, in A. Borgia {a cura (ii), Neil name defile razza. H rez- zisasa 41:14 s.1‘ar.ie d’IIelée 1370-1945, il Molina, Bologna 1999, in particelare pp. 384 sg.; 151., Le filasafie def presseppaca, L’Ancera (lei Mediterranee, Napeli 2ee1.

15 F. Gerrninarie, Rezze def seagae, rezza deiia 19.9110. jaiées Eaaie, J’eat1seraitisa1a e i.J,11a1:1'a-

INTRUDUZICINE

I

I

no, si pee declinare come sinenirno di<<11topice>>, <<spirituale>>, <<in1-

pelitico>>.1t Dietro tale strategia discersiva si cela chiararnente l’i11- tento di deresponsabilizzare l’operato di Evela e di purificare il sue

pensiero dai centenuti vielenti e dalle implicazieni pratiche, isolan-

dele sulle vette della Tradizione e negli spazi dell’interiorita, lontaee dal terreno scottante della pelitica. In realta, an aspette importante

e, per certi versi, paradossale, del tradizionalisme evoliane censiste

proprio nella cernpresenza, da on late, della prospettiva metafisica

e sevrastorica, e, dall’altro, di on costante interventismo ideolo- gico-politico, nell’oscillaziene tra Finattualita metafisica e l’in1pegne

nell’attualita sterico-politica, tra il pessireisrne, legato all’idea .gL1eno-

niana e spengleriana della decadenza del rnende Inederno, e l’ettin1i- srne ereice cennesso a Lina volonta di restaurazione della grandezza perduta delle erigini. E queste atteggiarnente ideolegico che per- rnette di spiegare la posiziene interna-esterna mantenota da Evola ne- gli anni trenta e quaranta nei confrenti dei fascismi, concepiti cerne <1-prime passe» in direzione di una possibile -sriveluzione conserva-

trice», il cui esito ultimo avrebbe dovuto essere il riterno al rnonde

aureo, iperberee, della Tradiziene. Ed e sernpre in una legica di in-

terventisrne pelitico che, eel presente studio, vengono interpretati alcuni passaggi chiave del pensiere evoliane, quali Finsistenza co-

stante sul concetto di Ordine, le strategie gelpiste elaborate negli

anni einquanta e sessanta, il <<realisn1o ereico» jiingeriano, la <<via della Mano Sinistra» come via tradizienalistica alla vielenza. Del resto, lo stesso Evola, nella sea autobiegrafi-a, parlava della

cornpresenza di due erientarnenti della propria personalita, l’uno pin contemplative, l’altro pill <<guerriero>>:

Pee darsi che il centernperare le due tendenze sia state il cenipite esistenziale fandarnentale di tutta la rnia vita. Asselverle, ed evitare, anche, un tracelle, n1i 4 state possibile nel punto in c11i giunsi ad assemere l’essenza dell’une e del1’altre impulse so di on piano soperiere. Nel carnpe delle idee, la lore sin- tesi sta alla base della forinalaziene precipua da n1e data, nell’11lti111e periede della niia attivita, al <<tradizienalisn"1e>>, in eppeste a quelia, pie inteliett11a- listica e erientaleggiante, della corrente facente capo a Rene Goeneccii

1'5 Per on esernpio, si vedano G. De Turris, Elagia e dsfcse difalias Ecaia. H Berane e 1' terra- em’, Ediaioni Mediterranee, Roma 1997; P. Di Vona, Metefisica epalitice in falias Beale, Edi- zieni di Ar, Padeva 2eoo. 1?]. Evela, H caraasiaa 41111441110 (1963), Scheiwiller, Milano 1972, p. 13.

1 2

INTRGIJUZIONE

Strettarnente collegate a tale irnpostazione, as poi il seconde nucleo prehlematice atterne al quale si concentra la ricerca: quello del raz- zisrno e dell’antisen1itisn1e evoliani. Il punto di partenza dell’ana-

lisi va qui individuato in un confrento a distanza con le circescritte

affermazieni di Renzo De Felice nella sua fondanientale 5:044 degli ebrei 51451444210119 flfascism-20.15 Nel saggio Evela viene citato in due

eccasioni, non troppo ampie, rna strategicarnente irnportanti. ll pri-

me riferimento riguarda le settelineature tracciate da Mussolini sulle pagine del teste eveliano Simfesé cié dariréae della rezze, da lui let- to trail 25 e il 29 agesto 1941 in Germania: esse cenfernlerebbero, seconde De Felice, <<che Mussolini intendeva la razza e il razzisnle in maniera del tutto diversa dai nazisti, in una rnaniera “creativa”

e “spnitualistica”, che nulla aveva a che vedere con Fantropelogia e

la bielegia>>.1'-‘l ll seconde riferirnento si colloca in un conteste di

definiziene dei caratteri icleelogici del razzisrno fascists:

E l’Evela, a sua velta, respinse anche piu recisamente egni teerizzaziene del

tante da= tirarsi addosso gli attac-

chi e ii sarcasrne dei vari Landra. Con cie non vogliaree dire che la teeria cspiritualistica» della razza iesse accettabile, essa aveva pere almeno il pre- gio di non discenoscere del tutte certi vaieri, di respingere le aberrazioni tedesche e alla tedesca e di cercare di rnantenere il I‘E|.ZZiS1'I1U (che, indul3l3ia- niente, da Beulainvilliers a de Gebineau e Renae, da Herder e Kant a Nietz- sche, da Fichte a Vacher de Lapouge ha avuto un sue pur discutibile e tor- bido significate culturale ed etice, oltre che politice] sul terreno di una prehlematica culturale degna di queste name-.2“

razzisrne in chiave esclusivarnente hiolegica,

Non e certo un case che tutti gli evoliani citino tali passaggi fine alla nausea, per rafferzare le lere tesi apelegetiche attraverso il riferirnento a una fonte d’auterita indiscussa. lnfatti, nel precise

intento di eallontanare dal fascismo italiano il peso clelle respon-

sabilita dei gravi crireini di cui si e rnacchiate il nazisn1e>>,21 De

Felice, in prirnoluoge, assurne acriticainente la distinzione, costrui-

ta dal fascisino stesse a scepi pelitico-ideelegici, tra razzisrno ita- liano -<<spirit11ale>> e razzismo tedesco <<leiolegico>>; in secende luoge,

suggerisce, tra le righe, un giudizio di valore, per cui a un razzismo

is R. De Felice, Sraria tiegfi ebrei 114314111 sorta iifascisasa (1961), Einaucli, Torine 19932.

l 19. l.riJid., p. 256.

2“ laid, pp. 392 sg. 21 E. Celletti, Fescisr-a!a,fescis121i {r989}, Sanseni, Firenze 19942, pp. 1e sg.

nrraeeuzrenn

-

1 3,

italiane <<rispettabile>> si contrapporrebbe un razzisme tedesce << cri- niinale». In questa operaziene ideolegica, la figura di Evola, con il

sue presunto razzisme <<dello spirito», assume ovviamente un’im- portanza decisiva. In realta, il razzisrno fascista non era soltante <<spiritua1e>> cosi cerne quello nazienalsecialista non era unicarnente ebiologico». Ed Evela, negli anni trenta e quarauta, non ha rnai parlate di razzisrno

<<spirituale>>. Preferiva definite la prepria <<dettrina>> in termini di

razzisrne <<tetalitarie>> o <<tradi2ienale>>. La sua cencezione di un raz-

zisme articolato su tre livelli (razzisrno del corpe, dell’anima e delle

spirite} presuppeneva un processe di razzizzaziene bee pin rigo- rose e discrirninante di quello concepito dal razzisrne biolegice.

Con parole terse un po’ semplici, rna efficaci, l’idea di base evolia- na si petrebbe riassurnere cos}: nen limitiarno l’indagine razziale ai corpi, rna estendiamola anche all’interiorita (l’<-:ani1na>>) e alla visio- ne cemplessiva del mendo (lo <<spirito>>). A egni <<salto>> di grade (dal corpo all’ani111a, allo spirito) corrispende un ulteriore giro di vite nella selezione razziale. Pertanto, il razzisrno evoliane non e aftatte, corne vorrebbe De Felice, -un razzisnie, per cosi dire, <<dal

volto umano:->: esso non esclude il razzisrne biologico, rna lo poten-

zia con Fatfiancarnente della apsicantrepologia» e del <<I‘2tZZiSI110 dello spirito:->. ljetichetta di <<razzisn'1o spirituale:->, ancera estre111a-

rnente diffuse. nei saggi e negli articoli dedicati al pensiero evelia-

ne,22 si rivela, in queste case, steriograficarnente inadeguata, poiché

con essa si finisce per accettare passivarnente urfinimagine edulco- rata e restrittiva, elaborata dallo stesse Evola, in chiave difensiva

e autorappresentativa, negli scritti del secende dopoguerra.

_ Proprie a quesfultirno argonlente e dedicate, nella ricerca, un

capitelo specifico, eel quale si cerca, per altro, di sfatare un luego cornune assai diffuse in arnbite neefascista, e non ancora analizzato

in sede storiografica: quelle che intende il razzisrno e l’antisemiti-

sine eveliani come una <<parentesi>> breve, definitivamente chiusa

22 Per valutare la pertata della categeria di -sra2.:sisn1o spirituale >1 riferita a Evela, si vedano, a titelo di esennpio: S. Rernane, H rezzisnsa di Enala, in Aa.Vv., fnlins Ennis, an pensiera per Fe fine del nsiifennia cit., pp. 173-78; G. F. Lan-ii, A nzeigine aii tine caliaitainziani eaaliene in tense

di nzzze, in]. Evola, Le Nabilre della Srirpe (1932-1938) - La Difese deiie Renae (1939-1942), Fen-

clazienejulius Evola, Reina 2ee2, pp. 9-68; Icl., fllcnne nafe intaina eJ1”EcaJa rezzista, in Aa.Vv., Stnaii enaliani 1998 cit., pp. 96-114.

14

INTRDDUZ[ONE

con il 1945. Al contrarie, nel depeguerra, Evola non sole ribadi- sce le tesi sostenute durante gli anni caldixdel fascisrne, Ina intro-

duce anche rnotivi in gran parte nuevi. E, infatti, proprio negli anni cinquanta e sessanta che esplode, in un eccesso di velgarita

non ancora raggiunte in precedenza, il razzisme antinero di Evela, differenzialista e rnixefobe, sostenitere dellnperrfaeid e della depor-

tazione dei neri arnericani, ossessienato dall’idea della <<negrizza-

zione» della civilta eurepea e statunitense. Un razzisrne non a case dimenticate dalla destra eveliana e spes- so trascurato dalla ricerca storiografica.

A desire delfescisnia

E strane come 1e concezioni razaiste abbiana tutte

un’intin1a affinita can le teerie della decadenza.

Hannah Arendt

RINGRAZIAMENTI

Sono grate alla Fondazione Luigi Firpe di Terino per aver consentito lo svi- luppe e la conclusion-e cli questa ricerca e a Bruno Bongiovanni per le fre- quenti discussieni e i preziesi cansigli. Deva un ringrazianiente anche a Mauro Raspanti, Brunelle Mantelli, Alberto Cavaglien, Francesco Gern1i- narie e Dario Padevan. Dedice queste lavore ai rniei geniteri.

I

.

Dall’antifascisn'1o antidernocratico al tradizienalisnie

(I9111934)

1. Evela e <<Le Siaie Deinecraiica» (19.25)

Nel calnpe della filosefia politica, l’eserdio evoliano selnbra as- suinere i centerni di un gesto surrealista, presentandesi cerne Fai-

ferrnazione di tesi antidemecratiche, rnossa pero dalle pagine della

rivista <<Le State Demecratico», diretta dal duca Celenna di Ce-

sare,1 esponente delle file del 'radicalisn1o dernocratice antigiolit-

tiane, fendatore della formazione pelitica <<De1necrazia Sociale» e

ministro delle Paste nel prirne geverne Mussolini:

Fine ad allera — scrive Evola nella sua autobiegrafia — rni ere tenure comple- tarnente fuori dei mondo politico. Con tutti i partiti politici esistenti in una naziene cerne l’Italia non poteve avere nulla in ceniune (fine al rnernente in cui scrivo queste note, non he rnai aderite ad un partite pelitice ne he rnai date il rnio vote in nessuna elezione). ii 111io prirne scritte pelitice derive da un invite del Duca Giovanni Ceienna di Cesare, con cui ere in rapperti di cordiale ainicizia, a gettare giu qualcesa per una sua rivista che, se ben ricer- do, si chiatnava L’idea democratica [sic]. Rispesi che avrei petute scrivere sole una denioliziene della dernocrazia - ed egli accette, dicendetni censistere preprio in cio ii privilegio della eliberta dernocratica>>.2

Dope Fabbandene di una brillante carriera di pittore e di teerico prirna futurista, poi dadaista,-7’ a partire dal 192 3" Evela si era rivel-

1 Sulla figura di Colenna di Cesare e suila collaborazione eveliana a <<Le State Dernecratico >1, vedi anche M. Rossi, <1La Sieia D€i’?i0Ci'a'IiCGJ> (19.25) e faniifescisrna eniideniacraiica di fniiiis Enaia, in <-:Storia Contemperanea», XX, 1, febbraio 1989, pp. 5-43.'

2 Evela, Ii cinnniina def cineirra cit., p. 76.

_

_

.

3 Per on approiondimcnte cir. E. Vaiente, Heine Faber. Iniins Eaaia fin erie e aiciairnia, Fon- daziene Julius Evola, Roma 1994; ]. Evola, Scriiii snii’erie d’enengsiai*die, a cura di E. Valente,

18

c1tP1'roLo 1:-1111v1o

te alla iiloseiia, elaberando una teoria dell’<<idealismel magico», che avrebbe suscitato l’interesse di Croce“ e di Tilgher? Il prime articelo pubblicate nel 1925 su <<Le State Democratico», dal titelo Siaie, Peienza e Liberia, costituisce non a case una sorta di proie- zione pelitica della iilesofia dell’Individue Asselute. Tra influenze

nietzschiane e selipsisme stirneriano, il principie di potenza viene

a rappresentare l’unica fonte della legittirnita del petere:

Cio pesto, sara adeguate al valere iniziale soltante colui che possa cessare di essere una iorza fra tante altre in quel sistema dinarnice, che 111111111 seciale, per passare invece al livello di colui che, interiorrnente superiore alla tota- lita, va lui stesse a determinate la ferma e la legge di una tale unita: vedi il capo delle state, in quante iegislatere e dominatore. Circa la legislazione, essa per ipotesi non avra altre fendarnento che la velonta di chi la pone: percie essa dovra cennettersi inseparabilmente al principie di potenzafifi

I1 secondo passaggio delle argomentazioni evoliane e Ia distin- zione fra petenza e violenza. II principie di petenza agisce senza

agire, corne il <<rnotere .in1n1ebile>> aristetelico, e <<si irnpene diret—

tarnente, in virtu della sua intenziene, inclividuale superierita a cio

che egli co111anda>>.'i Nella siera politica, dunque, la vielenza e indi-

ce di un’insuiiiciente petenza. In quesfottica, il fascisme appare '

privo di un crisrna spirituale superiore:

Cie pesto, che in relazione a quel che potrebbe essere il tipe del derninatere e delle state cenforrne al principie dell’assoluta liberta, quello che il recente rnovimento peiitice ha iatte afiiorare in Italia sia una sernplice caricatura, una grottesca parodia, puo risultare ad ognuno chiare. Quel principie di inte- riere, profonda, individuals afierinaziene che, solo, potrebbe fendarlo, vi e totalmente assente.3

Iiondaaiene julius Evola, Roma 1994; E. Valente, Iaiias Enaia e i"arie deiie ai»'angiiardie. Tra Faiinisnia, Dada e Aiciiiniia, Fendaziene Julius Evoia, Roma 1999. Per l’approccio autobiogra-

fico, vedi Evela, Ii carnrnina dei cinairra cit., pp. 1 1-27.

4 Sul rapperte tra Evoia, Croce e ia casa edirrice Laterza ctr. A. Barbera {a cura di), La Bianc-

ieca esaieriea: Eaaia, Croce, Laierza. Carieggiediia1iaii1925-1959, Fendazione julius Eveia,

Roma

1997. Per ii giudizio evoliano so Croce cit. Evola, Ii carnrnina def cinairra cit., pp. 3 5 sg. Evela tento anche on contatto con Gentile, inviando cepie dei saggi iilosofici, cii Irnperiaiisrna pagana {due volte} e deli’articolo del 1929 flrnericanisrna e iraiscenisrna. L’unica vece eveliana firmata nel- l’Enciciaj1e-dia iiaiiana 1 a.P1tanor:-1, nel quinto volume del 19 3o {p. 159}. Pet un approiondimento cfr. Leiiere iii faiias Enaia a Giovanni Geniiie (1927-1929), Fondazione Iulius Evola, Roma 2eoo.

5 Nei 193 7, Tiigher includera un signiiicativo saggie eveliano nella sua ./‘iniaiagia deijiiasaji iia- iiani del dapagnena, Guanda, Modena 1937. Vedi anche Evola, Ii carnniino dei cinaara cit., p. 61. 6]. Evola, Siaio, Poienza e I.iE2e.ria, in aLe State Demecratico:->, I, 7, 1° maggie 1925, p. 3.

I Iirid, p. 4.

3sea.

.

-

DALL‘ANTIPASCISMG ANTIDEMUCRATICD AL TRADIZIUNALISMD

I-=9

Manca nel iascismo una aradice culturale e spirituale»: senza idee autentiche, il rnevimento si e appoggiato al mite patriettice, sorta

di

<<co1nplesse sentitnentale>> feriero di pericelesi <<co111pren1essi>>:

Se

la marcia su Roma si fesse dichiarata non come riscessa per la salvazione

dell’Italia dallo sfacelo, bensi nudamente come il tentative di un partite di soppiantare aitri pii1 debeli ed incerti, essa o sarebbe riuscita con ben altre diificolta, o non sarebbe riuscita afiatto. Del pari il riferimento al name della patria, all’an1ore e devozione per essa che si ripete in egni occasiane fine alla nausea ha neteriamente servito per salvare una quantita di situazieni. Da cie

un cornpremesse - eppero una insuificienza - fondamentalei

La debelezza aspirituale» del iascisrne si traduce, dunque, in cernpremesso politico, rendendo estrernamente diiiicile e impro- oabile un’eventuale aseconda endata»:

Ne vale pariare di una asecenda endata»: cie che ha irnpedito che la prima

ondata iosse una ondata perietta, cie stesso e presumibile che impedisca che

Ia secanda avvenga

posizioni non si cenquistano che d’eniZ9Zee, e riparare tardivamente a passate, ricenosciute insufficienze, e in un tale erdine assai diificiie, giacche esse per pepolarita hanno determinate ed alimentate una quantita di ierze avverse, che prima potevano non entrare in linea di canto.“

.]. Del reste certi mementi sterici sene irripetibili, certe

La superiorita del iascisme viene ricenesciuta da Evola soltante

in termini di strategia politica, nella machiavellica capacita di sfrut—

tare le tensioni sociali del prime depoguerra. Mussolini e sen1pli-

cetnente il ceordinatere esterno di ferze, che spesse siuggeno al sue centrelle, come dimostrerebbe il delitto Matteotti: '

Di qui Yiniziativa inintelligente e indiscipiinata dei gregari, da qui i dissidi

interni, da qui le vioienze, che nel case Matteotti hanno avute la lore espres-

sione piit evidente.11

_

La stessa esibizione della ferza materiale non e che il sintorno

della debolezza spirituale:

I capi del partite dominante ormai non pesseno mettere insieme dieci parole

senza sentire ii bisogne di {are sapere che essi hanno la iorza e senza sfidare

su un tale terrene gli eppesitori

.] chi veramente pue, evita di esibire la sua

petenza, non ne parla, ma l’usa direttamente 1-:1 dove eccorre.12

9ran.

ii’ Laid, pp. 4 sg.

11 Iaid, p. 5.

12 Iirid.

20

CAPITGLD PRIME

A un’articelata critica della dottrina democratica e, invece, de- dicate il secondo articolo di Evela, pubblicato sul numero del 15 ageste di <<Lo State I)emecratico>>,13 e poi ripresentate, in due pun- tate, nelI’autunne seguente.“ L’articole e preceduto da una neta

redazionale, in cui Colonna di Cesare nega alle posizioni eveliane

<<l’assenze uiiiciale:-> di Dernecrazia Seciale, ma sottolinea cemen- que l’in'1pertanza di distinguere ira antidemecrazia e fascisme: -

ca»-. non pertante, espitiame volentieri lo studio dell’Evela, sia perche, non essendo egli iascista, il sue scritte dimostra come anche i pestulati dell’anti- democrazia non debbano menamamente condurre alle conclusioni del fascisnlo; ma soprattutte perche, convinti, come siame, che prima condiziene per qual- siasi forma di vita politica sana sia ia creazione nella coscienza dei cittadini di un sostrato iilosefico sul quale si fondino le cenvinzieni politiche e sociali. Reputiamo utile al pregresso nazionale, e alla stessacausa della Demecrazia, qualunque dibattite e pelemica che agiti i problemi in un’aura di ceitura.15

.I\lelI’ar_ticelo, Evela fa i centi con il preprio stesso percorse intel-

lettuale e con Ie opzioni dernocratiche, variamente presenti in quel-

l’an"1biente neespiritualista da lui conosciuto e frequentate: dal-

Fantroposeiia steineriana alla Lega teesofica. II saggio inizia con la

tesi del iallimento dell’autegoverne demecratico, connesse alla ripropesiziene del dualisme ira gevernanti e gevernati. In seconda

battuta, Evola aiironta l’idea che ail benessere materiale siailce111-

pagno prepiziatore di un pregresso ideale». Ma se, da un late, Ia

steria rnestra che gli <<ezi di Capua» sono prepiziateri di aristagno nella vita delle spirito», dall’altre rimane cemunque il problema di

come petranno i <<n1elti>> ricenescere e scegliere consenamente quelli che guideranno tale precesse rnateriale iinalizzato a un’evo-

luzione spirituale. In ultimo, Evela nega egni fendamento scienti-

fico aIl’<<otti1nismo>> evoluzienistice, che ionda l’idea demecratica:

le masse permangone sempre eguali, irrazienali, caratterizzate da

un’inevitabile apassivita feinminile», da un instabile aggregate di passieni. A tale propesito, egli distingue due iorme diiierenti di de- mecratismo: quelle <~:teelogico>> di Colenna di Cesare e quelle << sta-

13’ ]. Eveia, Nate 1:1iiic:'ae saiia riaiirina dernacnsiica, in <<Le State De111ocratico>>, i, 15, 15 age-

ste 1925, pp. 5-11.

1 Con ii medesimo titelo: prima puntata, in aLo State Deniocraticea, I, 17, 15 settembre

1925, pp. 8-1e; seconda puntata, in <-:Le State Democratico», I, 18, 1° ottobre 1925, pp. 8-12.

DALL’ANTIFASCISMO ANTIDEMUCRATICO

AL TRADIZIUNALESMU

21

tistice». Ma se, per di Cesare, nella steria dell’umanita opera una <<legge di individuazione progressiva», attraverse cui le societa pas-

sane da una cescienza passiva dei valori spirituali a una piena aute- coscienza dei medesimi in egni singole individuo, per Evola, il pas-

saggie a un <1 grade superiore di individuaziene:-> si attua in termini

di dominie aristocratice e s’incarna in un << Signere dell’Umanita>>.

Quanta al demecratismo <<statistico>>, esse viene escluse in quante

e ilprincipio aqualitative», e non quelle aquantitativo», l’unico

legittime secondo valeri spirituali e trascendenti. Se, dunque, la massa e per sua natura peliticamente passiva, la

maggieranza non e <<una autenomavolenta dei melti, bensi la pe-

tenza e la superierita di persone che sanno attirarla a se, petenza di cui il maggior numero degli aderenti e soltante la misura e l’ece>>.“‘ Evela giunge al punte da ricenoscere neII’ideologia demecratica il <<n1iglior strurnente attraverse cui si pue riuscire a settemettere la massaa.“ Il lungo saggio si conclude cesl-con un doppio riiiute, della demecrazia e del fascisme: << Per carita! non essere democra- tico ed essere iascista seno due case diverse!» La cellaboraziene evoliana si chiude signiiicativamente con la prima pagina dell’ultime numere di <<Lo State D€1’I1OCi‘9.tICU>>, con

un articele intitelate Per an rinneaanienia delfidea paliiica. Nella

crisi italiana, tanto il iascisme -- aiierma Evela - quanto l’epposi- zione sono accomunate dalla debelezza spirituale. La asoluziene magica», guénoniana, del problema pelitice pee scaturire solo dalla restauraziene spirituale dei valori gerarchici: "

Determinare una nueva cuitura, rivificare una coscienza il cui principie sia

il signiiicato, lo spirito, ecco cie che veramente importa. Non ci si accusi di

astrattisme platonizzante, quasi che cio che 1 spirituale stia fuori da cio che e materialee invece non lo cernprenda ed elevi in s-6.13

Evela giunge a ipotizzare l’esistenza in Italia di un <<gruppo spi- rituale» idenee alla realizzazione di tale eperaziene restauratrice, ma_ non lo identiiica nel iascisme, quanto piutteste nell’antifasci-

sme neespiritualista:

1'5 livid,

p. 1o.

1? Iirid,

pp.

1e sg.

-

13]. Evola, Per an rinnananienia deii’iriea paiiiica, in <<Lo State Democraticoa, I, 24, 31 dicembre 1925, p. 3.

22

CAPITULG PRIMD

Sono le opposizioni che piuttoato potrebbero raceogliere l’appello: se cio che esse verarnente vogliono non e la sopremazia di on partieolare partito su un

altro; se eoinprenclono che non si tratta orrnai piil di tornare a forrne veeehie

e ad idee soperate bensl di deterrninare qualeosa cli nuovo; se cornprenclono

inoltre che questo rinnovamento non e possibile quanclo non si vaclano a con- sitlerare i problemi politiei, sociali, economiei e rnateriali sia on punto che, esso, non sia ne politieo, né sociaie, ne econoroico, ne materiale, ma superiore

a tutto cio — se questa e la loro piil profonda, put so non sernpre espressa,

aspirazione; esse all’evidenza che qui si e abbonata difficilmente potrebbero

non aclerire, non intendervi una delle poehe possibilita per propiziare la luce di qualeosa di piu alto e cli piiz puro che non sia la vicencla meschina, torbida, clilacerata in eui la vita politiea nel1’ultin"1o periodo si e somn1ersa.1i’

Ma negli anni suceessivi, il progetto icleologico-politico evoliano si sarebbe rnosso non tanto verso una eontrapposizione frontale, quanto verso un riorientatnento esoterico-traclizionalistico del ia- scismo stesso.

2. L ’<< émperéalésmo pagano >> (1926 - I928)

In un passaggio cli Ilcamméno del céeabro, a proposito della progres~

siva formulazione del <<mi1:o pagano», Evola clichiara:

E in tale eontesto che awenne la prima diseesa delflndividuo Assoluto dalla rarefatta stratosfera clel puro <<valore>> nel dominio della storia, delle tradi- zioni e della filosofia della eivilta. Nella <<paganita>> eosl interpretata s’incar~ nava cli gia un ide-ale ad esso congeniale. Infine col tentativo di Imperéalismo pagamo vi fu un abbastanza ehimerieo tentativo cli agire sulle correnti politico- eulturali del tempo?“

Formulata tra ii settembre 1926 e la primavera del 1928, la pro- posta icleologica clel1’<<i11"1peria1ismo pagano:-> pub essere eiiettiva-

rnente consiclerata come il prime caso di interventismo n1etapoli-

tico nel pereorso oulturale cli Julius Evola. L’interesse evoliano nei confronti della <<paganita>> risaliva all’in-

contro con Arturo Reghini e alla collaborazione con le riviste <<Ata-

nor>> (i924) e <-zlgnis» (1925). Il progetto icleologieo reghiniano, fina-

DALL’AN'l'IFASCISMD ANTIDEMUCHATICU AL TRADIZIUNALISMO

23,

lizzato a orientate il iascismo verso i valori della rornanita pagana

e cle11’anticristia11esimo, aveva pero incontrato una battuta d’arre-

sto proprio alla fine del 1925,; con Fapprovazione cla parte del Se- nato delle leggi eontro le societa segrete e il eonseguente au_toseio-

glimento delle rnaggiori organizzazioni rnassoniehefi“

A partite clal 1926, s tuttavia lo stesso Evola a riprenclere le iila (‘ii un possibile riorientamento tradizionalistieo del faseismo, adot-

tando una strategia cluplice, orientata tanto sul piano esoterico quan- to so quello piu propriarnente politieo. Al primo ambito, appartiene Fesperienza dei mensili <<UR>> (1927-28) e <<KRUR>> (1929),? riviste

di stucli iniziatiei ed esoteriei, interessate al1’elaborazione cli una

teoretiea e cli una scienza pratica per la realizzazione spirituale e magiea cle11’Io, rna anche rivolte a un tentativo di influenza <<clall’al-

to

>1.» sulla politiea:

-

Qiianto alle finalita - scrive Evola nella sua autobiografia - quella pii1i1nme- diata era il destare una iorza superioreda servire d’ausilio al lavoro indivi- cluale di eiaseuno, iorza cli eui eventualrnente eiascuno potesse far uso. Vi era pero anehe on fine piu ambizioso, cioe l’iclea che su quella specie di eorpo psi- chieo che si voleva creare potesse innestarsi, per _evoeazione, una vera influen- za dall’alto. In tal caso non sarebbe stata. eselusa la possibilita-cli esercitare, da dietro ie quinte, on’azione perfino sulle forze predoniinanti nell’an1biente generale cli allora. Quanto alla clirezione di tale azione, i punti prineipali cli riferirnento sarebbero stati pin o rneno quelli cli Iaeperialismo Pagaao e clegli icleali srotnania cii Arturo Re-gi'1ini.2i “

L’azione esoteriea affianca, dunque, quella icleologico-politiea,

incentrata sul terna dell’<<imperialisn1o pagano», certo mutuato dalla riflessione reghiniana, H18. non privo di eleineiiti originali, cla

ricercarsi, soprattutto, nell’ela_borazione cli-una sintesi politieo-iilo-

eontei1uto positivo — la

<<tradiziooe a1editerranea>> —e per onatliniensione cli progettualita

metapolitica, che incliviclua nel fascismo il volaoo di una possibile

<<rivolt1zio11e pagana». In tal senso, 1’<<in"1perialisino pagario:-> si pus oolloeare gia pienamente nella iilosofia cleeadentista' della storia

sofica, che si caratterizza per un proprio

21 Per uifanalisi piu approionciita vedi M. Rossi, L’i:vte1*ventism'o politico-ciiltizitile delle titli-

rte zfradizioaalirte aegli aami aeati: Kltaaoi‘ (19.24) e Igaris (I925), in <<Storia Cooten1poraneaa,

XVIII, 3,, giugno 1987, pp. 457-5o4. Su Evoia e Reghini, verii anohe P1. Iaeoveila, Le ceaeai defile Feniee: Evoia e Regbirai, in Aa.Vv., Studi eaofiaai I 998 cit., pp. 44-54.

22 Sul terna vecli R. Del Ponte, Evofa e if mragico aGnvppo di Ur», Sear, Borzano {RE} 1994.

2 4

CAI-‘I’I'ULU PRIME

evoliana e nella definizione di un riorientamento in chiave tradi-

zionalistica del fascismo: se, iniatti, il eristianesimo assume, per

Evola, Paspetto di simbolo stesso della Modernita, il faseismo, in

quanto strumento di una restaurazione neopagana, poo divenire ii

mezzo per on ritorno alla Tradizione.

ll primo articolo, in cui Evola enuncia la tesi dell’-fimperialismo

pagano», appare nel novembre 1927 sulle pagirie di <<Vita Nova», accompagnato da una nota di redazione con cui la rivista si disso-

eia dagli argomenti trattati.“ I1 diseorso evoliano si sviluppa a partite da una dicotomia pre- cisa: l’I11'1pero s il <<paganesimo>>, l’<<anticristianesimo>>. Impero e

<<sintesi irridoeibile di spiritualita e di politicitaa; preseoza di una

agerarchia di valori metaeeonomici e metapratici», che coridiziona <<tL1tto cio che s economico e pratico»; <<diffe1:enziazione assoluta ira gli individui >1». Per contro, il etistianesimo non e semplicemente

la religions eristiana, ma il simbolo stesso della modertiita, la sin-

tesi della -sdeeadenza dell’idea politica», dalla Rivoluzione franeese

al bolscevismor

-

.

-

Esso fu oio she, dopo aver disgregato Fimpero, passo eon la Riforma a cor- rompere la razza dei biondi barbari germaniei per poi ineidersi in un midollo aneora pin essenzialez il eristianesimo oggi e in atto nel liberalismo e nel democratieismo europeo e in tutti gli altri bei frutti della rivoluzione irancese — sino all’anarehismo e al bolscevismo; il eristianesimo oggi e inatto nella struttura stessa della soeieta moderna tipo —Fanglosassone — ed altresi nel- la seienza, nel diritto, ne_ll’illusione di potenza data dalla tecmea. In tutto eio si eonferma egualmente la voiontii liveilatrice, la volonta del numero, l’oclio

verso la gerarehia, la qualita e la difierenza — e i1 vineolo eoliettivo, imper-

sonale, fatto di mutua insuffieienza, prudenza e paura, che ii eristianesimo alimento in una razza di sehiavi in rivolta-.25

Il secondo passaggio della eritica evoliana eoinvolge i1 cattolice— simo. Se, infatti, il eristianesimo, in quanto tale, <<e l’anti-stato, l’a-

nalogo della rivoluzione franeese di ieri, del mito eomunista e del bolseevismo di _oggi>>, il cattolicesimo e, invece, l’<<ombra della pa- ganita», vittima della eontraddizione derivante dal tentativo di as-

24 I. Evola, I1v2pei'iafismo pagaao, in <<Vita Nova», III, novemi:-re I927, pp. 74o-44; ora in ]. Evola, Vita Nova (19.25-193,3), a cura (ii G. F. Lami, Settimo Sigiilo e Fondazione Julius Evola,

Ram-H I999, 1113- 4?-53

-

"

DALL‘ANTIFASCISMU ANTIDEMUCRA'I’ICG AL TRADIZIDNALISMU

25

dell’<<i1'nperialita>> e dell’-:< uni-

- I1 doalismo eattolico tra dominio materiale e dominio spirituale ha segnato storieamente la crisi dell’idea di Impero, come sintesi di

<<regalita>> e di <<spiritualita>>, determinando la separazione fra uno

sorbire nel cristianesirno il versalita romana»-.2‘5

retaggio

_

Stato laieo e una <<I‘€!ligiO1'i€ che si disintetessa della politica>>.2i Di qui Fassordita di ognitentativo politico di foridare Timperialismo si111’universalismo eattolicoz

ijimperialismo cattolico non ei serve e non ci basta, poiehé non ci serve e non

ei basta una struttura impersonale e vuota che non morde la realta, che non

eomanda le unita nazionali e che di rigore dovrebbe essere indifferente ad ogni particolare interesse nazionale, a partite da quello dell’Italia stessa.-28

E di qui aoehe <<l’assurdi1:§1 dell’ideologia e della politica dei nazionalisti italiani e la ragione della irigidita vatieatoa dinnanzi

alle avanees di chi nel faseismo non sapendo attuare una imma-

nente spiritualita, pensa di chiedere al cattolieismo l’an'ima di cui dunque suppone maneante il £ascisn1o>>.29 l Per spezzare la logica del ecompromesso cattolieo», due sono 1e

soluzioni che si prospettano. La prima, negative, e quella <<anglosas-

sone:->, <<protestai1te>>, in cui -2: la <<cl1iesa>> ad assorbire lo <<stato>>:

Della Rifomza serge sme posizioae eoereare ebe sepere del melee eréstia.ao-pege- sso, paesemfeto dei peesi eettoliei, [’espe.-fro Cristiano (nella sua forma moderata

di ideale di vita assoeiata) e realizza un tipo distinto di stato: lo state demo-

eretieo, l’anti-impero, Pautogoverno di una massa sovrana-a so stessa, eon par- venze di governatori servi dei servi in quanto meri rappresentanti dipendenti e responsabil-i rispetto alle massed“

La S€!COI1Ci8. alternativa e, inveee, quella, positiva, tradizionali- stiea, del <<paganesimo>>:

l-

I

'

La rivoluzione che puo salvare l’Italia dal perieolo protestante, dal pericolo

euro-amerieano, e la rivoluzione antioristiana, la rivoluzione pagana some restaurazione clell’Impero Saero. L’uniea via per salvare la tradizione medi- terraraea e rotnana non in vuo te rettoriehe, ma nella coneretezza stessa di one eompagine sociale, e qoesta.i1

26 aaa., p. 49.

2? .ie5:id., p. 5o.

lréiici, p. 5.1:. Hsid. H>.=id., p. 53.

39

31

29

23

Ia-id.

26

c.aP1ToLo Pimvio

Sempre intorno alla fine del 1927, Evola ritorna a discutere del-

l’<<imperialisn1o pagano» sulle pagine di <<Critica Fascista:->. La col- laborazione evoliana all’autorevole rivista del suo amico ed ex corn- militone Bottai, si articola, iniatti, intorno a due fondamentali nuclei

tematici:

'

.

—la critica del rnovimento neoprotestante;

~ Findividuazione delifascismo come <<]fl‘EIOl1.1ZIlOI1€ pagana», con il conseguente attacco al cristianesimo.

Circa il primo aspetto, nell’articolo Spiritualist} éaepeaiele e reto-

tiea aeoprorestenteffl Evola rivolge tre accuse al protestantesimo. lnnanzi tutto, Fimmoralismo. I1 protestantesimo costituisce la veri- ta-del cristianesimo come -sdottrina da fallitiaz <<Conoscenza e sa- lute non sono da conquistare, ma da inendicare, non possesso di

anime virili che dominano sé stesse, sibbene dono, contingeoza di on arbitrio divino >>.53 Per questo motivo, occorre, secondo Evola,

sm_ascl1_erare <<tutto Torpello attivistico, energetico, volontaristico

con cui i neopiotestaoti tentano ricoprire e ammodernare il signi-

ficato vero, la radicale immoralita e passivita della loro dottrina, che assolutamente lo contraddice>>.i"* Il protestantesimo, in tal senso, non e che la divinizzazione delllélarz vital, della -storbida, sel- vaggia, onda di vita dellmattivismo” contemporaneo>>.3‘5

La seconda accusa, che tocca esplicitameote Gangale, e quella

di dogmatismo: se la liloerta umana e illusione, se l’iridividuo scom- pare in questo <<Mo1och divoratore», Dio diviene l’unica giustiii- cazione. Di qui, <<il crollo di ogni teoria del conoscere, di ogrii criti- ca, di ogni esame e disctiminazione». Alla negazione della volorita iridividuale si accompagna nel protestantesimo il rifiuto dell’auto- rita, della gerarchia: <<L’atomismo liberal-democratico si dirompe dalle tesi neoprotestanti, mal represso dal fantasticare teologico-

ottimistico circa una provvidenza che e in atto nel fondo informe

delle masse>>.36 La terza colpa e quella del <<democratismo>>. Dal- Pesaltazione di on <<frater11alismo anarchico, acefalo» proverigono,

3'2]. Evola, Spiritztefiai irazpeisefe e i"etoi'iee szeoprotesteete, in <~:Critica Fascists», IV, so, I 5 ottobre I926, pp. 391-93. 53' Iitid, p. 391.

it laid.

3'5I.-Zed.

DAL-L’ANTIFASCIS1v.TG ANTIDEIVIUCRATICU AL TRA'DIZIUNALI5I‘~JID

2]‘

infatti, 1e polemiche nei coofronti del formalismo della Chiesa cat-

tolica o il tema della <<mancata rivoluzione protestante come chiave della crisi politica italiana». Dal disprezzo per l’<<imperio indivi-

duale» e << sociale >1.» scaturisce la divinizzazione del lavoro in se in quel ecieco determinismo della civilta meccanica e materialistica

che lo doinina e che rispecchia quello della loro teologia>>.iI

In conclusione, alla rivoluzione ptotestaote va contrapposta la

rivoluzione tradizionalistico-pagana:

Proprio perche e rimasta immune dalla rivoluzione protestante —e non vice- versa - perche ad essa ha oscuramente preferito l’impero sia pure nella sua forma larvata e compromissoria di Chiesa cattolica, proprio per questo vi s o sara speranza che la razza latina sia un giorno chiamata a ridestare l’idea di Roma nel mondodg

I

Le accuse evoliane daranno il via a una polemica che arrivera ii-

no al saggio di Mario Manlio Rossi, Lo speccio dei megbi.” A esse,

Gangale tisponde, dalle pagine di <<Conscie1'1tia>>, nella rubrica <<Di- dascalie», con un articolo dal titolo H megs netcéssoz

Ed ecco qui apparire Evola, sorridente mago incaramellato, che con l’inchino proprio dei cerretani che cavan fuori stoppa e nastro dalla bocca davanti al colto e inclito pubbiico, indica e smercia i suoi libri venuti e da venire come contenenti il segreto ittfallibile per diventare superuomo, anzi Dio: e chiama schiavi e femmine noi che confessiamo un Dio altro da noifm

Se la inagia dell’Umanesimo — continua Gangale —, con Reuchlin, Pico, Cardano, Paracelso ecc. culmina nella Scienza, il Dominatore evoliano non puo che finite in uro. ecapitolo di medicina patologicaaz

Eccolo, io lo vedo, gentile Proineteo col monocolo, confitto, anziché sul Cau-

caso, sul pinnacolo d’una casa di salute, come Nietzsche.“

.

Nell’articolo successivo, Poleméce emféptotesrente. <<C0?a$cée1’atie>>

e la megiefiz Evola tispoode a Gangale ~ e, in appendice, anche alla

1” 1%.-re.

35 Iéid. 39 Ctr. M. M. Rossi, Lo speeeio dei atzegbi, Editrice Doxa, Roma I929. Sulfargomento cfr. D. Daimas e A. Strumia [a cura di}, Uae resistenze spiitteefe. eCooseiemfia>>, 192.2-I927, Clau- diana, Torino 2ooo. $213. Gangale, Dideseeiie (H mega reeteisso), in <-:Conscientia>>, V, 3o ottobre 1926, p. 1.

is-id +

I

42" , . Evola, Pofemice .enIipi'otes.ter:Ie. <<Co?sseie.e.tie>> e la megie, in <<Critica Fascista», IV, 24, I5 diccmbre 1926, pp. 458-6o.

as

~

CAPITULG PRIMD

rivista <<Il testimonio» -, accusando in entrambi i casi i neoprote-

stanti di non aver raccolto la sfida sul piano delle idee e di aver, al contrario, portato lo scontro su-argomenti personali. L’a17ticolo si

conclude significativamente con un riferimento alla collaborazione

evoliana a << Conscientia >>:

E inutile che il Gangale faccia insinuazioni di << aver covato le nostre uova

teurgiche [ nelle riviste piii disparate», perche, se con questo vuole con-

cludere qnalcosa, egli e tenuto e ifdeto a dimostrare che dovunque —~ e nel suo stesso Coaseiemfie ~ e da quando scriviamo, noi non ci siamo tenuti invaria-

bilmente ad una concezione essenzialmente imperialistica, affermativa, ari- stocratica, antidemocraticalli

]

Nel 1925, Evola, in un interessante tentativo di avvicinamento

strategico al movimento neoprotestante in funzione anticattolica,

aveva, infatti, pubblicato so -<<Conscier1tia>>_ alcune cronache filo- sofiche, soprattutto di origine francese, so Louis Rougier,“ Octave I-Ian1elin,"'5 Jules Lagneau,“"7“ quasi sempre accompagnate, tuttavia, da prese di posizione contrarie di Gangale. II prin'1o_intervento evolia-

no, dedicato a una conferenza romana di Hermann Keyserling, Fe

seguito, ad esempio, da una vera e propria stroncatura di Gangale:

Ringrazio Evola del lucidissimoarticolo. Ed ora due parole di <<critica prote- stantes-. Z) L’Oriente e l’Occidente non esistono in uno stesso piano per una compensazione reciproca, ma in uno svolgimento dialettico per cui l’Oriente

si e attuato nell’Occidente. Quel che dell’Oriente avanza e un reliqnato. II) La crisi dell’Occidente e un momento interno dell’Occidente per qnale esso passa dal1’epoca liberale a una civilta nuova. III) Vi possono essere dommi vecchi o nuovi, ma Pumanita vive di dommi, cosi come di affermazioni. IV) Ijuomo e DioP Solo Pattualismo poo sostenere logicamente questa follia. Si tratta qui

di

nietzschismo in ritardo. V) Kevserling ci pare untourista della filosofia e

la

sua scuola una reviviscenza di Accademie sincretistiche da basso imperof”

Altrettanto precisa e la presa di posizione del direttore di <<Con-

scientia:-> di fronte all’articolo su Rougier:

Consentiamo in uesta critica antitomistica del Ron ier e dell’Evola dai quali, per altro, molte questioni fondamentali c1 fanno dlssentire. Pero alla

I

q

Q

J

I

O

g

I

I

‘ii’ I:5id., p. 46o.

-

I4 _I. Evola, Reggnegfi entitomisttiei, in eConscict1tia>>, IV, 3o, 25 luglio r-325, p. 3.

45 I. Evola, Semircoperte di an greade pertsetore, in <<Conscientia>>, IV, 33, 15 agosto I92 5, p. 3.

46 I.

Evola, It’ Dio .-:IiL1;Zg.fi‘€£I££, in eConscicntia>>, IV, 42, I7 ottobre 1925, p. 3.

DALLUINTIFASCISIVIU ANTIDEIVEUCRATICU AL TRADIZIDNALISMD

29

conclusione dell’Evola che sembra postulate, in sostituzione del tomismo, una fede intima e indeterminata, as da osservare che tale fcde (sostenuta da Schleierrnacher e ripetuta dal protestantesimo popolare) se non si determina in qualche modo e eflatus vocis». Prova ne e che nella storia alla teologia di Tommaso succede un’altra teologia: quella di Luteroflg

Non e un caso, dunque, che la presenza evoliana sulle pagine

della rivista sopravviva soltanto qualche mese, dall’aprile all’otto- bre 192 5, portando con sé uno strascico di dissensi, che esplode polemicamente nel 1926 su <<Critica Fascista». Quanto al secondo nucleo argomentativo della collaborazione di Evola al periodico di Bottai, esso si sviluppa attraverso quattro

articoli, fra loro collegati. Nel primo, il riferimento al cristianesimo giunge alla fine di una

Iunga riflessione sul concerto di <<potenza>>. Coerentemente con la tesi della liberta incondizionata dell’Ir1dividuo Assoluto, Evola ritiene che la potenza del dominatore e del legislatore non debba avere limiti, dando forma, scopo e gerarchia alle masse:

ca. significa: ii Capo non sara il mero rappresentante degli inferiori (tesi democratica), il simbolo impersonale di una antorganizzazione di cui questi

siano gia capaci, -ma viceversa —la massa, il popolo non sarebbe organizzato, riceverebbe forma ed ordine solamente in virtu dell’uomo superiore, quali- tativamente distinto dagli-altri, che esso faticosamente tende ad esprimere,

e questi, lungi dal vivere per esse, subordinerebbe al suo - a quei pin vasti

orizzonti che lui solo puo determinate - l’interesse della mas sa e alla sua legge

a nessuno riconosccrebbc il diritto di dare una sanzione (in recisa opposizione

ai principi democratici di sanzione popolare e di dedizione del governante all’interesse generale). Altrimenti al vertice non starebbe un essere libero, sibbene il primo dei servitori — non nno spirito, ma la voce del corpofii

Gli stadi in cui si articola la potenza del Capo sono tre: la violen-

za fisica, la strumentalizzazione di idee-forza, di miti peril governo

delle masse e, infine, la completa identificazione con lo Stato. Il Dominatore da cosl una <<giustificazione>> all’<<inferiorita>>' dei

suoi subordinati e alla agerarchia» del sistema sociale. Se, dunque,

la potenza si fonda sull’ineguaglianza, <<il principio cristiano di eguaglianza logicamente conduce all’opposto — all’antiautoritari-

is Evola, Regguegfi entitoseistiei cit. 49 I. Evola, Idee 1-In soso Stern eorezepotenze, in <<Critica Fascistaa, IV, 17, 1° settembre 1926,

.

3o

c.aPttoLo Part-so

smo, al democtatismd, al socialismo, all’anarchia ~ alla disorganiz- zazione>>.5“ Se il fascismo vuol essere vetamente volonta d’imperio,

se si vuole davvero ispirate ai valori dell’antica tomanita, occotte

chiarite esplicitamente i tapporti con la Chiesa Si deve riconoscete allora che:

In quanto il ctistianesimo invece costtuisca una getarchia (come quella delle

chiese e, specificatamente, della Chiesa cattolica), deve tradite il principio

-

di

eguaglianza — ma allora diviene un nemico tispetto allo Stato, di cui sopta

si

e, sia pnte con linee grossolane, indicato il concetto. Poiché esso costitui-

rebbe una autorita di contro ad un’altra, un impeto di contro ad un altto - mentte il ptincipio deve essere uno.5i

_ La Chiesa cattolica puo, quindi, ttadutsi nell’<-tanima spirituale:->

di un impero <<il cui dominio fosse putamente materials». Al con-

ttatio, qualora l’impeto si ponesse come effettiva realta spitituale, dovrebbe esoppiantate, assotbite, subordinate a sé ogni Chiesa»:

Tale il concetto romano di Impeto —il Cesare Augusto, il Dominatote tegale e sacetdotale; concetto che s alttesi quello pitagorico, mithtiaco, dantesco.52

Nelfarticolo, Fescésmo entzfélosofico e tradéziorae meditetttmea, Evo- la sostiene la necessita di sviluppare una <<filosofia>> del fascismo,

orientata secondo i ptincipi della ttadizione meditettanea: il fasci- smo e.<-:tenuto a crearsi anche nel campo dello spitito una precisa at-

titndine>>.5?‘ Per questo motivo, di ftonte alla decadenza dell’Occi- dente, il fascismo deve potsi come <<Anti-Europa» e l’<<An1:i-Europa»

e << la tesurtezione dell’atcaica traditions aaedétearenee, di quella tra-

dizione epica e magica, pin antica ancota dell’ariana, che trasse da so la civilizzazione egizia, quella caldaica, la paleogteca, ed ancota

altte piu misteriose e remote, l’etteica, la sumetiana, l’ettusca, cio di

cui Micene e le Baleati pottano le otme>>.5”’ Alla rivoluzione po-

litica, legata aIl’effettiva organizzazione di uno Stato << antieuropeo,

antidemoctatico, antinternazionale», dovta pertanto accompagnatsi

la rivoluzione spitituale, incenttata sulla fotmazione di un’éléte, in

5*] tats, p. 329.

F1 teat.

52

ma.

'

53 Evola, Fascist-tso efififiiosofieo e ttediriosre teediretttmee, in <<Ctitica Fascistaa, V, 12, 15

giugno 1927, pp. 227-29: p. 227. 54 Iifiid, p, 223.

HALL’/ANTIFASCISIVIO ANTIDEMUCRATICU AL

TRADIZIGNALISLIIU

3 I

cui riviva lo spirito meditetraneo <<attivo, antirettorico, antifi1oso- fico, antisentimentale, antictistiano, antidemoctatico», e sull’evoca-

zione di una <<tinnovata, spiritualizzata, etoicizzata, acre sensazione del mondo>>.55 Se il fascismo, dunque, e antifilosofico, lo e in quanto <<supetfilosofico», e non <<ptefilosofico», ovvero in quanto rivolto

alla <<tealizzazioi1e dell’Io in spitito e potenza».

Nei due articoli successivi, fta loro connessi, Evola afftonta

ditettamente i problemi del tappotto tta Otiente e Occidente e tta

ctistianesimo e fascismo. Il ptimo intervento, incenttato sulla cri- tica della stigmatizzazione cattolica, basata sulfequivalenza orien- talistno/anticattolicesimo/antifascismo, rappresenta, in realta,-la puntata iniziale di una polemica piil ampia sul catattete della cul-

tuta fascista e sul suo tappotto con il cattolicesimo. Evola prende

le mosse dal tifiuto della logica nazionalista in ambito culturale:

Sc-we iaelori che debs-one aeisartete la <<nezz'oneZita>>, e non Za tzerioaeléta 5 eve- lor.i». ll fascismo pone i valori difotze, di teeite, di 'ei'oieitzE doaeinetriee, al di sopta di qualsiasi altto. Aeeettetét, cio che acctesce la forza, che acctesce la tealta, che esalta l’altezza e il dominio — respitzgeta e distrnggeta cio che ab- bassa, che spossa, che tinchiude e che timpicciolisce: e se questo as il caso di qualche aspetto di una etradizione» piil o mono <<nazionale», ebbene, esso avra la fotza di ritmegete tali aspetti affinche tisorga una tradizione piir forte, piit vnile, piii degna dell’impeto.5‘-i

Fascista e, dunque, il panteismo otientale:

_

Domandiamo quale e piit fascists, la concezione teistica che riduce l’uomo a un dannato e a un eservo di Dio», che solo la <<gtazia» e il esalvatote» [ ] poo salvare —ovvero l’altta, animata dal senso glotioso che l’uomo e un gesto e un atto dell’infinito, e in lui vive la stessa presenza possente del divine?“

Fascista e la concezione dell’azione <<puta, etoica, scagliata di la

dal vincete e dal petdere, dall’egoisn'1o.e dall’alttuis111o,.dal piacete

e dal dolote», teotizzata ad esempio nella Bbegeaed-gird. Allo stesso modo lo Yoga della Potenza dello Shakti-Tantra tacchiude uno spi-

rito di epositivismo ulttafascista>>,53 cosi come il nirvana del bud-

dhismo mahayanico, il quale non s’identifica nel nnlla, ma nell’e-

55 Ilsid.

5'5_I. Evola, Uriente aoneennfescistno, in <<Ctitica Fascists», V, I8, 1° ottobte 1:927, pp. 366 sg.:

p. 366.

5? livid.

32

CAPITOI.U PRIIvIO

stinzione di etutto as che nell’Io e sete, febbte, mania, btama, dipendenza, per il suo compimentoin una fotma para e nascen-

dente>>.59 Tutto cio e Oriente — conclude Evola — e <<di tutto cio la rettotica dellmanti-Roma” non sa nulla, o fa come se non sapesse

nulla, intenta come e a confondere ed incitare i semplici con i pin

vieti giudizi ad }Jorrzér2errr>>.'5‘i

L’atticolo Hfaseisrrro qaale aoloata d’éaaper0 e if eristéarzesiroo con- sidera, invece, i rappotti tta fascismo e ctistianesimo. ljesotdio e

quanto mai esplicito:

'

Noi siamo ultra-inttansigenti. Ci contrapponiamo asptamente a quanti vo- gliono <<notmalizzate» il fascismo, ed altetando il suo slancio pin profondo col giuoco dello -estoricismo» e con vati altti che noi conosciamo assai bene, tentano di imborghesitlo e di piegatlo in forme-pin o meno <<ttadizionali» o enazionalistiche» - pet non dire paesane. Cio posto, rzoi déekiaraaaao la rretta éacompatiéilita della aéséoae iraperiale defla vita cor» gaaiaaaaeforrrra di er-istiariesirrro; in partieolare, diefaiariarrro l’irrrpossi- Evilira d’ideat.=§fieare come eke sia traditions roar-raaa e tradizioae eattolica.‘-51

I1 ctistianesimo e l’<<assoluto anti-impeto e anti-Stato»: con il suo

carattete <<anatchico-individualistico, egualitario, libertatio, sovver-

sivo» ha tapptesentato nei confronti della -etomanita pagana» l’e-

quivalente adella Rivoluzione Ftancese di ieri, del bolscevistno di oggi». Pertanto, <<dire no all’ideologia comunistica, umanitaristica, pacifista, egualitaria, e dire no a cio in cui oggi socialmente puo rias-

sumersi Io spitito del ctistianesimo primitivo. Qui il fascismo non

ha bisogno di scegliere ~ affetma ancota Evola —. I-Ia gia scelto>>.""5’2 In secondo luogo, con il suo dualismo tta potere politico e potere spitituale, tta uomo e Dio, il cristianesimo ha determinato quella smatetializzazione dell’idea politica», che conttaddice il. concetto

sacro, ttadizionale di Impeto, sintesi di <<potete tegale» e di <<di- gnita spitituale». In tale ambito, il cattolicesimo, inteso come ten- tativo di comptomesso con la paganita, conseguente alla ctisi del-

Tescatologia e del messianismo, finisce per cadete nella consueta

5” aa.

6“ aa.

.

61]. Evola, I.-lfaseisozo gaafe oolornfa al’irrzpe:'o e if enisriarresirrso, in <tCtitica Fascists», V, 24, 15 dicembte 1927, pp. 463 sg.: p. 463.

62 Isa.

Di'tLL’ANTIFASCISIVIU AN'I’IDE1“~.-*I{JCRATICU AL TRADIZIONALISMD

3 3

conttaddizione: non e pin ctistiano nel senso originatio, ma non e ancota pagano, in quanto mantiene il dualismo tta cura delle anime

e cura delle genti. Se, dunque, la <<materialiZzazione dello Stato» e l’<<astrattismo' della religione» sono gli apporti del ctistianesimo alla decadenza dell’Occidente, il fascismo, pet essere autentica rievoca- zione della romanita, deve volere <<la restautazione dello Stato come

una tealta assoluta, come una spititualita immanente, che quindi

non pin oltte tollereta una Chiesa a lato o contro a se, ma sé porta

come unica e vera Chiesa —anzi come unica e veta teligione>>."53

Un avvicinamento al Vaticano puo giustificatsi n1achiavellica- mente soltanto con <<la possibilita di sftuttate il ptestigio interna- zionale della Chiesa stessa:>>:6“ ma questo — aggiunge Evola - in- nesca <<un citcolo vizioso, poi-ché un tale ptestigio la Chiesa lo mantiene soltanto a patto di restate intetnazionale, di non ptedili- gete nessuno>>.‘-*5 All’univetsalisrno cattolico e necessatio, dunque,

conttappotte Fitnpetialismo della Tradizione: -

La nostlta tradizione e la ttadizione rnediterranea, non quella semitica impor- tata dal snolo esotico di Palestina. E poiche Roma pagana in l’nltima porta- ttice della lnce di tale ttadizione, dinnanzi a coloto che oggi vagheggiano ttansazioni col ctistianesimo e patlano di <<ttadizione cattolica» e di << impe- tialismo cattolico», rigidamente tivendichiamo la puta romanita, e non ver- gognandoci di discendere dalla pin gtande civilta dell’antico Occidente non esitiamo, oggi, di dichiatatci pagarii, e di aspirate alla rinascita della coscienza di un iiriperialisrrio pagario.“

La Ttadizione rneditettanea e l’anima, che attende di fate il suo ingresso nel corpo fascista: <<se il Fascismo e volonta d’impeto, esso

totnando alla ttadizione e alla spititualita pagana sata vetamente se stesso, potra vetamente ardere in quell’anima di cui ancota manca e che nessuna ctedenza cristiana gli potta mai date>>.""

Sara proprio quest’ultimo atticolo a scatenare la reazione del- l’<<Osservatore Romano», con il commento dal titolo Sproposiii e abeiraziorii nella tubrica -<<Appunti>>, comparso il 3 1 dicembre I927 ed elabotato sull’-<<Avvenire d’Italia>> dello stesso giotno:

F1‘ Iaia.

'54 livid, p.464.‘ -

*5 iaai. " it laid. ' ti‘ Haiti.

-

3,4

c1tP1ToLo PRIMU

Ma noi ctediamo che esso [Fsrticolo di Evola} non tanto dal campo nostto quanto da quello cui si tivolge e donde pure e pattita la costante dichiara- zione di comptensione e di rispetto pet la Religions Cattolica, pattimonio inalienabile e inoppugnabile della pattia e del popolo, debba essere, non solo confutato — e satebbe fotse superfluo pet la noiosa tipetizione di risibili er- toti, pet la rievocazione tittita di ptegiudizi settati e di concezioni actistiane e anticattoliche ptoprie di un pensiero e--di nno stile ptettamente massonico - ma soptattutto sconfessato. Pet lo meno E giusto chiedete un giudizio espli-

cito alla Ditezione della Rivista, circa Pospitalita concessa a tali teotie, senza

tiserve e confutazioni di sorta; la ttaduzione cioe del suo silenzio in qualche cosa di esplicito, di positivo, di tesponsabilelis

Dall’<< Ossetvatore Romano» la polemica timbalza, tta il dicembte 1927 e il gennaio 1928, su una lungs serie di periodici: <<Il Cotriere d’Italia>>,'59 <<L’U_nione Sarda»,I“ -<<Il Popolo Toscano>>,I1 <<L’Ora>>,I2

<<Il Cittadir1o»,73' <<Augustea>>,I4 <<L’Unita Cattolica»,I5 <<Fede e Ra-

gione:->~,I"-" all Corriere Padano»-,II <<Il Regime Fascists:->,I3 <<Il Mo- mento:->,I‘I <<La Voce di Bergamoami’ e <-:Stndium>>.3i

Il vertice dello scontro timane, tuttavia, compteso fra <<L’Osset-

vatote Romano» e <<Critica I-Iascista». La rivista di Bottai rispon- de, infatti, dissociandosi dagli atgomenti evoliani con una nota di

redazione, dal titolo Caiiolicesiiiio e Fascisrao:

III

rlppariri (§pro,posi'ii e aiveiiaziorii), in <<L’Ossetvstote Romano», 31 dicembte 1927.

III

Le eose a posto, senza firms, in <-:Il Cottiete d’Itslis», 3o dicembre 1927; ripteso con lo

stesso titolo in breve ii 1° gennaio 1928; T. T. (E. Mattirc), Uri eiirioso caso, in all Cortiere d’I- tslis», 11 gennsio 1928.

III A. Rinieti Dc Rocchi, Crisiiariesiiiio, pagariesiriio efat-sisriio, in <<L’Unione Sstds», 3 gen-

naio

Ii I15ici., in <<Il Popolo Toscano», 6 gennaio 1928. " II Iiiiri, in ~sL’Clta», 6-7 gcnnsio 1928.

II’

F. Ctispolti, Veiieiia pagaiie iii iii? Faseisiiro irriiria_giiiai"io, in <<Il Cittsdino», 14 gcnnsio

1928.

_

II

A. Rinieti De Rocchi, Crisiiariesirrio, pagaiiesiiiio e faseisiiio, in eAugustea», 31 dicembrc

1927; Id., A iiii iiiago dei I1’X5€-Qoio, in sAugustea», 15 aprile 1928. -

I5 Spi'oposiii e aiierraziorii. Uri aiiieoio dei <<Corrieie ci’Iiaiia», senza firms, in <<L’Units Cat-

tolica», 1° gennaio 1928; Uri rioieiioie ariieoio deiia <<'Cii=iiia Caiioiiea», senzs firms, in -:-:L’I.I-

nits Cattolica», 2o gennaio 1928.

II’

Cstholicus, Dare iiiaiiifesiaziorii, in <<Fcdc e Ragione», 8 gennaio 1928.

II

Uri riioiiaseo, senza firms, in all Corriete Psdano», 5 gennaio 1928.

III

L. T., Passaiisiiio, in ail Regime Fascists », 11 gennaio 1928; L. T., Noii eoiiiiiieiiio ,

2o gennaio 1928.

II

F. Ctispolti, l/eiieiia pagaiie iii iiri Faseisiiio iiiiiiiagiiiai'io, in ell Momento», 12 gennaio

1928.

BI

Iiflial, in <-:La Voce di Betgamo», 18 gennsio 1928.

51 G. Gonclla, Uii aiifeiisore tieipagariesiirio, in <<Studium», 1, 1928.

DALL‘ANTIF1'LSCISIvID ANTIDEMDCRATICU AL TRADIZIUNALISMO

35

Nel numeto ptecedente un atticolo di Evola, <<Il Fascismo qusle volonta d’impero e il ctistianesimo», fu, per errore, pubblicato senza una nota reda- zionale, che spiegava come esso, ptoseguendo una polemica da tempo intra- presa sulle nostte colonne, non esptimesse che idee personalissime del suo autote. Ma nessuno, ctediamo, puo avetci cteduti solidali con uno scritto il quale, piifi che essere condito di qualche eresia, e tutto un’etesia in ordine a quei tappotti, non di forms, ma di sostanza, che ogni fascists, degno di que- sto nome, sente intetcotrete tta Cattolicismo e Fascismo. Il nostto pensieto su questo punto fondamentale lo abbiamo piii volte e nettamente espresso:

ed E solo la certezza di non potet essere ftaintesi che ci consente di lasciare ai nostri collaboratori tutta ed intiera la responsabilita delle loro idee.32

<<L’Osservatore Romano» ritorna alla catica, accusando <<Ctitica

Fascists» di lavatsi le mani come Pilato,3-"I e la replica non si fa at-

tendere:

.

Lo scritto dell’Evola va ricollegato con gli sctitti che sullo stesso atgomento hanno pubblicato su queste pagine G. Lnmbroso ed E. Martire, ed esptime

una tesi che <<Ctitica» non condivide affatto, ma lascia formulate, precisa-

mente per potetle meglio individuare e, quindi, respingete e supetare.B‘I

La discussione proseguita nei mesi successivi, snll’<<Osservato- re» fino al matzo 1928,35 su <<Ctitica Fascists» fino alI’agosto, so-

prattotto con una setie di intetventi di Egilberto-Martitedfi Nel ftattempo, nella ptimavera 1928 esce presso la casa editrice Atanot, Iiiiperiaiisiiio pagaiio. Iifaseisirio dirzaiizi alperieolo earo-cri-

siiaiio, che, da un lato, si configura come il proseguimento e l’ap- ptofondimento dei temi afftontati negli atticoli precedenti, dall’al- tro s’inserisce come una risposta indiretta alle polemiche suscitate. Il primo capitolo del saggio: s’intitola significativamente Noi, gli ariiieiiropei. Uorizzonte su cui si delinea il discotso evoliano e sem- pte quello della decadenza europea: l’Occidente e il regno della

materia, dell’oro, della macchina, del numero; ha petso il senso del-

la Contemplazione e dell’Azione; non conosceipiu la natuta come

- ‘II Caiioiieesirrio e Faseisrao, in <-:Critics Fascists», 1° gennaio 1928.

‘II

Sproposiii e aaeriazioiii, in <<L'Osservatotc Romano», 1° gennaio 1928.

II

Piiaio e <<L’C'ssei*aaioie», in <¢Ctitics Fascists», 15 gennsio 1928.

35 Tra aiie searidaii, 15 gennaio 1928 ; Pi'opagaii¢ia proiesiaiiie, 25 gennaio 1928; Merasigiie,

29 gennaio 1928; Cose seiiipiiei e iriiiiiiiiie, 29 gcnnsio 1928; Ci ipiegiriaiiio soii iiii eseoipio, 18 febbtsio 1928; Progi'esso iiioraie e i'eiigioso, 3o matzo 1928.

III’ E. Martite, Aiiareiiia erisiiaiia e oiaiiie eaiioiieo, 15 gennsio 1928; Id., La Czliiesa, i’Iiripei"o,

Roiiia, 1° matzo 1928; Id., Stato eiieo e Cbiesa, 15 novembte 1928; G. Pini, Riiioiiiriorie traito- iiea, 15 matzo 1928; U. D’Andrea, tecensione di Iiiiperiaiisirio pagario, 15 sgosto 1928. '

36

ci1P1To1.o lists-so

cotpo vivente di simboli, la Sapienza esoterica, lo Stato sintesi di spiritualita e regalita, la visione sscra della guerra. Nel cotpo aano- dino» e <.:<st1dante» dell’Europa,gI il fsscismo costituisce, secondo Evola, la sola asperanza». Per quanto sotto adal basso, da esigenze confuse e da fotze brute>>'I3 e alimentato da comptomessi, da reto-

tics e da apiccole ambizioni di piccole persone», il fascisrno aha messo su un cotpo». Ma per dare s questo cotpo nn’anin1s e neces- satio aun tivolgimento tadicale, profondo, assoluto», un anuovo balzo in avanti», in senso metapolitico e metaeconomico, contro ogni tendenza sl-la notmalizzszione e sll’aimbotgl1esimento>>. La rivoluzione fascists segue nell’ottica evoliana i meccsnismi tigidi del sillogismo: se_l’asntieutopa» e l’<<anticristianesitno>>, e l’a anti- cristianesimo» e la atradizione mediterrsnea, classics, pagans», il fascismo deve essere restaurazione pagans della Ttadizione medi-

terranea.' Non esiste una seconds altetnativa: se i agiovani barbs- ti», che hanno rievocato i simboli dell’Aquila e del Fascio, vogliono

essere davvero coerenti, non possono che rifatsi alla Tradizione delle civilta egizio—caldaics, psleogrecs, etruscs. La rornanita e apa-

ganits» e nonha nulls da spartire con la tradizione cristiana. Solo come restaurszione pagans, la rivoluzione fascists non sara la apicco- la contingenza di una piccola nazione», ma auna prima luce nella nebbia fitta della decadenzs europea>>.39 Evola riptende gli argo- menti gia sostenuti nei precedenti articoli: il abivio» di ftonte sl quale si ttova il fascismo consiste nell’affetmazione della <<romsni-

ta» della Tradizione, di contro, da un lato, al <<compron1esso carto- lico», dall’altr0 al pericolo aprotestante», aeuto-ameticsno».

Nelle specifico, per attuare una vets controtifotma, il fascismo

deve abbandonsre gli a elementi democratici e borghesi» e realiz-

zate una rigorosa testaurazione dei avaloti di gerarchia», fondats su tre innovazioni. In ptimo luogo, Pelitninazione di a ogni residuo

del sistema elettorale e tappresentativo», il cui apetsistere in un

quslsissi modo o ttavestimento nei quadri del fascismo rea1_izze-

rebbe un veto e ptoprio'controsenso>>.9“ A esso si sostituits allor- gsnizzszione gerarchica militate», in cui i acapi» sono nominati

II I. Evols, Iii-ipeiiaiisriio pagaiio. Iifaseisirio airiaiizi aiperieoio ears-eiisiiaao (1928), Ediaioni

di At, Padovs 1978, p. 18.

as

III

Ifli-¢I., p. 19. I:I9ial., p. 21.

-

DALL’ANTIFi'1SCIS1viU ANTIDEMUCRATICU AL 'l'RADIZIUNALI5IvIU

37

dall’slto, per ainvestitura», e dipendono esclusivamente dai ptopri

superiori. In secondo luogo, la costituzione di un’é[iie, basata non sulla apotenza» o ls acarica», ms sulla superiotita aqualitstivs, sostanziale, effettiva di vits>>.I’1 Da questo punto di vista molto

rimane ds fare, secondo Evols, nei conftonti di una getsrchia fasci-

sts, che asi esaurisce nell’ambito politico sirieio seiisii, sn1mi11istra-

tivo, militate, giutidico, economico». In tetzo luogo, la soluzione '

del problems della monarchia:

.

Ii daalisirio e la eoesisteiiza di aria orgaiiizzazioiie siaiale efifeiiisa e aiiiorioiria di

eoiiiro ad iii-i potere iiaoiiare/Bico piirarrieiiie iioiiiiriale, di as capo di goiieriio e

di as re, e air iiaoiio segrio dei caraiiere asiraiio, iiiorgaiiico,

realia poliiica d Ioggi. II

coarproiiiissorio della

La rivoluzione aimpetiale» evolisns e chiara: a Il Capo del go- verno deve essere il Re, e il Re il Capo del govetno». Le modalita

- sostituzione del monstca con il dittstore o colpo di Stato del mo-

nstcs - sono indifferenti:

Ci interessa soltanto affetmare che la monarchia va rivitslizzata, tisuscitats,

dinsmizzata come una funzione organics, centtale, assoluta, incarnsnte simul-

taneamente il potere della forzs e la luce dello spirito in on essere unico, che

sia vetamente l’atio di tutta una stitpe. Solo allora si avra il dirittodi parlare

d’Impero. Ridestaia ad aria realia gioiiosa, saera, irreiapolizfiea, eaiiriiiie iiiiiasia della gerarebia poliiica, la iiroiiareiaia prerida ilposio oggi iisarpaio dalla C/oiesa.9i’

Nel capitolo successivo, Evola sospende la teotizzazione dell’<<im-

perialismo pagano» per intraprendere una sintesi politics, che, ripren-

dendo spunti degli articoli pubblicati su << Lo Stato Democratico»

e so <<Ctitica Fascists» negli anni precedenti, sviluppa un discorso,

incentrato su tre atgomentszioni: negszione dell’idea di eguaglisnzs,

descrizione della dinamica di aconquista dello Stato» e critics della de-

moctazis.

l\Iell’ottica tradizionalistica, l’idea di eguaglisnza e contraddetts

sia dalla concezione della liberta come apotenza», come aforzs

incondizionata», sia ds principi filosofici, come quello, leibniziano,

degli <<indiscernibili>>, e quello della aragion S11ffiCi€Il1I€}>.I'I -

'

?IItI?i:1I., p. 33.

E

Isis.

Ii Iiiid, p. 34.

it

Iiiid, p. 64.

3, 8

caP1ToLo Psnvto

Ptoptio a partite dalla definizione della liberta come apotenza» si spre la dimensions teorica della aconquista dello Stato». La misuta della liberta del Dominatote sulle masse e data, infatti, dalla potenza, intesa non esclusivamente come fotza msteriale. Ritorns in queste

psgine la distinzione tta potenza e violenza gia teorizzata negli arti-

coli di a Lo Stato

La potenzs non e la violenza, in quanto quests esptime uno astat-di-contro»

(e, quindi, sullo stesso piano) e non uno a stat-sopra»; presupponendo e pren- dendo senso e giustificazione da una resisieiiza, presupponendo cioe che sltre volonta possario resistere, esss accusa, in ultima analisi, un lato di iriipoieiiza

e un tapporto esttinseco, polemico, contingente, non verarnente geratchico

Democratico». La violenza é a ttoppo poco»:

e dominativofll

-

La violenza e utile solo in una fsse atudimentale e provvisoris»:

Necessaria la dove si sbbiano di contro delle rigidita prive di vita che non si possono supetsre se non spezzandole; necessaria ancota alliatto di una prima, ditetta impronta organizzativa nel caos delle vatie forze materiali sover- '

chianti.III

Nella avis della potenzs >>, la violenza e soltanto un primo stadio,

a cui deve far seguito Futilizzszione ds psrte del Dominatore di

aidee-forzs», di amiti» in senso sorelisno, come quelli di apstris»

o di <<nazione>>. Per questo motive, afferma Evola,

non possiamo esser d’accordo con cottenti esttemiste del fsscismo, le quali titengono che solo l’azione (nel senso limitato di cui sopta) valga, ed ogni con-

flitto ed uso di idee sia on perditempo. Non possiamo essere dlsccotdo non

per un ideslismo da cui siamo ben lungi, ma petche quests E una attitudine che si tivela asttatta ed incompleta dal punto di vista dell’azione stessa.II

Anche quests fase dovra essere, tuttsvis, supetata nell’sssoluts petsonslizzazione del potere politico: _

ll Dominatote spostando progtessivamente il centto di influenza dall’astratto

dell’idea al concreto della propria tealta di individuo, alla fine abolira la stes- sa idea di pattia, ces seta di appoggiarsi ad esss, la iiriiriaiieaiizzera e non lasce- ta che se, come centto sufficiente di ogni tesponsabilita e di ogni valorelg

II

'II‘

II

laid, p. 46. laid, p. 47. laid, p. 48.

1|

!JALL’ANTIFASCISl'vIO PtN'1'Il]ElMUCRATICU AL TRADIZIDNALISMO

39

Qusnto poi alla critics dell’ides democratica, Evols, riprenden-

do 1e argomentazioni gia esptesse nel 192 5, si scaglia contro le due

versioni dell’aottimismo» democtatico: da un lato, quella storici- stica, tsppresentats ds Hegel e ds Mazzini; dsll’sltro, quella evo-

luzionistica, sostenuta, ad esempio, da Colonna di Cesaro.

Evola invita il fascismo a a sbatazzsrsi» del concetto hege-

lisno di <:<Ststo assoluto», il suo giudizio nei confronti del mszzi- nianesimo e ancota pin sfetzante e contrasts fortemente col recu- pero della figura di Mazzini, messo in atto dall’ideologis fascistszii’

Se

Mazziai iioii ii cae Fesporzeiiie itaiiaiio delproiesiaiiiesiaio e del male eiiropeo

Coloto che oggi in Italis vogliono l’Impero, lo ssppiano e dichisrino l’asso-

luta incompatibilita con la dottrina e lo spirito mazzinianodml

.].

Dietro Fideologis mszzinisns si celano als logics stessa dell’a- nsrchismo e del bolscevismo», l’idesle ctistisno delllaecclesia», alo

spirito della Riforma».““ Per tale motivo als Roms mazziniana iioii

e la sintesi di Roms pagans e di Roma ctistisna: esss e lo sviluppo

di uno solo di questi termini - di quello cristiano nella stesss dite-

zione sntimperisle, snticsttolics, socialistics, liberal-democratica e

ftsternslistica, il cui veto nome [ e protestsntesimo>>.“‘2

]

Qusnto alla tesi aevoluzionistica» di Colonna di Cesaro, in que-

ste psgine Evols ripete la critics gia espresss nelfarticolo pubblicato su << Lo Stato Democtstico», sggiungendovi, tuttavia, un’integta-

zione nel paragtafo intitolato Dai aelaii» agii liiiperi. Attravetso la breve esposizione di una storis delle civilta, scandita sostanzis1-

mente in tte fssi ~ dal _acls_n>> all’aI

111peto»,

con Tidentificazione

progressivs del a totem» dallo spnito esterno al Capo —Evols ginn-

ge s due conclusioni: in primo luogo, il aconcetto sntifascists, so-

cialistico, comunistico, democtatico,ctistiar1o, dello Stato>>1“l co-

stituisce un ritorno al passato, alleforme sociali atotemsticlqe»; in secondo luogo, l’Impeto in senso ttadizionsle non si esplica soltsnto

nella forza militate o economics, ma nella presenza di aun legame

I I9 P. G. Zunino, l/ideoiogia dei faseisiiio. Miii, erederite e iiaiori nella siaaiiizzazioiie del

regiiiie, il lViulino, Bologna

1985, pp. 88-9o.

I

- “III Evola, liiipeiiaiisiiio pagaiio cit., p. 56

IIII la 'd., .

is laid. E. Z;

“B laid, p. as.

.

4o

CAPITULU PIUMD

spirituale, superiore e coiicreio», pstsgonabile al iiiarza dell’occulti- smo o agli siaii di folla, studiati dalla sociologis n1odetna.i‘I’*

Negli ultimi due capitoli, Evola recupeta le fila della critics al cri-

stianesiroo, considetandolo, innanzi tutto, come la rsdice dei quattto msli che sffliggono l’Qccidente: la sttuttuta egualitaris della societa, ls scienza positivs, la tecnics e il cosiddetto aattivismo faustiano». Ls materializzszione del legsme mistico, aimpersonale» e << inor-

gsnico» dell’ecclesia cristiana ha, infatti, distrutto un modello so- ciale incentrato sulla natursle differenza frs gli uomini e sull’accet-

tazione della schisvitu come fonte di vets liberta, per sffermsre,

invece, urforganizzazione della societa, in cui il btutale ingransg- gio del denaro e del lsvoro determins ls a spersonalizzazione» e la

<<n'1eccanizzszione» del potere individuale e dei legsmi di dipen-

denza. L’ultima conseguenza dell’ecclesia cristiana si esptime, dun-

que, nella neutrslita dell’oro e nella prevalenza dei mezzi sui fini. In secondo Iuogo, dal punto di vista gnoseologico, il ctistisnesimo

ha genetsto una duplice crisi regressiva: da un lato ha contrappo-

sto alla Sapienza esoterics — stistoctstics, geratchica, sostsnzisle,

organics, qualitativa -, il Sapere democratico, univetsale, antige-

rarchico, asocialistico»; dall’altto ha rinunciato alla gnosi esote- rico-inizistics del divino pet sostituirla con Fsgnosticismo spiri-

tusle della a fede », del acredete».

Sempre il cristisnesimo e sll’origine della terza illusione eutopea:

la scienza, la tecnica. Introducendo, infatti, un dualismo tta spirito

e natuta, tta soggetto e oggetto, e riducendo la natuta a meta este-

tiotita, il ctistisnesimo ha decretsto l’estinzione della concezione psnteistica e amagics» ptopris della psganita e ha posto le pre-

messe per quel rspporto aimpersonale», ainotgsnico», ainditetto»

e aviolento» tta uomo e nstuts, che si tealizzs nella tecnics e nella

macchins. Nella a rivoluzione cristiana» si nasconde, pertsnto, il

agerme» della ameccanizzszione del mondo moderno>>.1“5 All’avvento della macchins si connette strettsmente la <<conc'e-

zione attivistica, diveniristica, faustiana della vita>>.““5 Ancota una

volts e il cristisnesimo ls csusa del male: lacrisi del millenarisroo e il afallirnento dell’escatologia>$.hanno portato con sé Pesaltazione

184 laid, p. 69.

“*5 ii-si., p. s7.

IIII’ laid, p.

Di'1LL’ANTIFASCiSlViO ANTIDEMDCRATICU AL TRADIZIUNALISMU

41

romantics dello sforzo, la supetstizione della vita come progtesso in- finito, l’osse'ssione del record. La modetna febbre dell’azione pren-

de cosi il posto del ttsdizionsle sgire-senza-agire, dell’aindiffetenza

attiva», dell’azione come a motore immobile», aforza elementare»,

a comsndo ». Dalia critics del ctistisnesimo, in qusnto radice della decsdenza

occidentale, si passa quindi all’snalisi delcristisnesimo in sé, come

sistems di vslori.

.

Noi sosieriiaiao — affetma Evola a proposito — cae da qiiesio piiriio di sisia as cae iii s di aaoiio iiel crisiiaiiesiiao si irosaiia aiicae aliroce e iii aiia forma spesso pia para; e as cae iiiaece iii it di oiigiriale reel Ci'i3i"i£I?i€5ii?iO, di speciaie e iioii rides- ciaile ad altro, cosiiiaisce an iioii-caiore, aaalcosa di iirepagiiaaiiiiieiiie iiiferiore rispeiio ad aiire possiaiii e gia esisteriii aiiiiiidiiii dello spirito. IIII

Innanzi tutto, in quanto ipostatizzszione del modo di credete dua-

listico e sntiesoterico proprio degli aesseti infetiori»'delle gersrchie tradizionsli, il ctistianesimo e aintolleranza ptofana», poiché tra- duce in dogma itrszionale la verita delle masse contro ogni adifferen- ziazione» e a aristoctszia ». In secondo luogo, il ctistisnesimo si con- figutsiin termini di pessimismo gnoseologico, poicbe lloggctto della fede non e posseduto, ms donsto, rivelato; e di pessirnismo etico, dal momento che ls salvezza dell’uorno sembrs ptovenite soltsnto dalla

grazia, quando additittura non is detetminats dalla predestinazione,

come per il calvinismo. Infine, il ctistisnesimo e <<immotalismo>>',_e l’<<it11purita>> si esptime, secondo Evola, nellaetetonomia», per cui

la vittu non e, come nel mondo ttadizionsle, valore assoluto, ma e

mezzo pet ottenere il ptemio della -beatitudine celeste; E'I"_iE!lII<<€L1CI@-

monismo», ovveto nell’esaltazione- di vslori come il pent-imento, la

compsssione, la miseticordia, llsmote, conttati alle aquslita superiori

e stistocratiche di tagione, di giustizia, di volonta>>.1“3 Dopo un ultimo paragrafo, dedicsto alla stigmstizzazione della figurs di Gesu, come ademsgogo seminizisto e tivo1uzionario>>,1‘“9 ben lontano dalla arszza degli uomini-iddii»,“f' Evola tits le som- me del discorso nella conclusione, intitolata Fascisrrio contro cri-

“II lai'd., pp. 1o1 sg.

III laid., p. 113.

“II laid, p. 121.

4 2

CAPITULG PRIMU

siiaiiesirrio. La graiide liaerazioire. Pet quanto riguards il cattolice- simo, il -fascismo deve Iiberatsi ds ogni ainfilttazione», elsborsndo

una propris cultura e abbandonando il concetto <<borghese-indu-

striale» di Impero. Allota la Chiesa

dallo Stato sara ditettamente controllata e sanzionata in ogni sua otganizza- zione; privata di autorita ptoptia; esclusa, soptattutto, nell’otdine deIl’edu-

cazione delle anime in 1111 petiodo in cui Ia volonta non e ancota formats né

chiara la coscienza; tolletata solo in via provvisotia, al titolo di centro di una credenzs popolare, finché la rigenerazione degli spititi nel senso mediterta- neo e imperiale della vita non si sia fatta largo in tutti pet mezzo di un oppor- tuno lsvoro pedagogico di qualche genetazionem

In generale, nel cristianesimo il fascismo dovra individuare il

apericolo europeo», da cui isolatsi, ateagendo spietatamente a tut-

ti i fermenti internazionalistici, sindscalistici, msssonici, sntisri- stoctatiici, sntitomani, socislistici, umsnitati, motalistici, con cui

esso cercs di insinuarsi in Italis»-.“-2

L’ultima parte di liriperialisrrio pagaiio e costituita ds un’flppendi-

ce polemica di risposts sgli aattacchi guelfi», che tiprende parzial-

mente slcuni atgomenti gia anticipati nel parsgrsfo intitolsto Mi- sificazioni caitolicae. Difiifda. Evola tespinge qui, in primo luogo, le

accuse di ateosofia » e di arnassoneria», mosse soptattutto dsll’<<Os-

servatore Romano» e da a Fede e Rsgione». Sul primo vetsante, Evo- la distingue its la condanna del ateosofismo» e la difesa della tra- dizione teosofica, come ascienza del divino», ds Apollonio di Tiana s Biibme. Sul tems della massonetia, Evola invocs, invece, sostan-

zialmente tre atgornenti: anche la Compagnia di Gesu e auna so- cieta segrets e internazionale»; l’accusa di massoneriacoinvolge per

il Vaticsno l’intero Stato italisno, considetsto illegittimo dopo ls

press di Ports Pia; infine, il cattolicesimo stesso conserva al suo

interno numerosi elementi di cststtere iniziatico e rnisterico. Nelle psgine ptecedenti, Evola aveva, del resto, indicato nella decisione

del regime di sbolire la massonetia la conseguenza di una precisa

sttumentslizzszione cstftolica:

Ls massonetia combatteva il cattolicesimo: il cattolicesimo si e travestito da romanesimo, e cosi ha scaglisto il fsscismo contro la massonetia come con-

III laid, p. 123.

DALL’ANTIFASCI5MU ANIPIDEMUCRATICU AL TRADIZIUNALISMD

43

tro l’anti-Roma, anziché semplicemente contro un accenno del peticolo pro- testante —ossia crisiiaiio —in Italis. La morale é che ancota una volts l’Aquila ha servito Ia Croce.ii3'

Quanto alla Compagnia di Gesu, Evola non esitava s chiederne

lo scioglimento as titolo di una associazione secrets, illecita, ed

internszionale, assai pin pericolosa che non ls massonetia, e di cui

ci sono note le mite sntifasciste».“‘* Totnando sIl’<-:appe11dice poleinica», il secondo stto di difesa

riguarda il problems dell’<<ortodossia fascists». Contro l’accuss di

asntifascisnlo», Evola da un lato, ripete il ptoprio sssenso circa

l’opportuna aptatica», machiavellica, del Concotdato; daIl’sltro,

insiste sul ghibellinismo di fatto di parte della cultura fascists, cri-

ticando Fintransigenza di mattice cattolica confluita in cetto glor-

nalismo fascists:

'

Sembra quasi che si creda che, in fatto di questioni religiose, cultutali e filo- sofiche, per essere fascisti sia necessaria Fimprepatazione congiunta alI’ipse diicii, alla ftase fatta, alla patola grossa, quasi nello stesso modo che il man- ganello e il migliote atgomento di ftonte alla matmaglia comunistica. La tra- scuranzs di tutto cio-che in fatto di critics storico-religiosa, filosofica e filo- logica e patrimonio della culturs moderna, qui e metodica e sorptendentefui

Dopo aver sostenuto, in polemica con gli stticoli di Filippo Cri- spolti, che Yimperialismo fascists deve fondarsi sulla concezione sacra della g_uetta e sulla diseguaglianza natutale fta gli esseri urns- ni, Evola riafferrna Fincompatibilita fra cristisnesimo evangelico e Trsdizione, sottolineando ancota una volts Pinadeguatezza del-

Pimperialismo csttolico, riducibile all’<<ssttstto universslismo cat-

tolico, intetnazionalistico, incorporeo, indifferente rispetto alla mol- teplicita delle volonta nazionali autonome >>.11‘5 Di fronte alla tesi dell’impossibilita di una rivoluzione pagans in un paese tadicato nel cattolicesimo come l’Italia, Evola risponde

che il pagsnesimo e essenzialmente un problems delle elites:

A titolo di religions popolare e a questo titolo soltanto - noi sstemmo put

disposti a tollerare il cattolicismo, secondo la funzione attribuitagli dal Maur-

II3 laid. p. 39.

III laid, p. 4o.

III laid, p. 136.

44

CAPITOLG Pturvlo

ras, quando tuttavia Fesigenza non verso un otdine puramente borghese e conservative, semi-democtatico, ma verso un otdine di linpero e di vets roma- nita non imponesse limiti e provvisorieta ad una simile tolleranza.III -

Pet questo motivo, ls Scienza Sacra, la metsfisica, Plotino e Pi- tsgora, appartengono a una fase secondaria della rivoluzione ps-

gsna. Nella stagione a preparatoria », il fascismo deve amantenere la

sttiva e domi-

nativa». Soltsnto aquando la romanita si comincera ad assumerla iii-

tegraiiiieiite e a petmearne tiitta la coscienza nazionale», sara possibi-

le realizzate ail lato sacro, spititusle e iniziatico della Ttadizione »-.118 Pubblicsto nel 192 8, liiiperialisiiao pagaiio ssra smentito dalla politi-

ca, che porters l’snno successivo al compromesso tta fascismo e cstto- licesimo con la firms dei Patti Lateranensi. La principale conseguenzs

del parripalet evoliano sata, dunque, la rottura della collaborazio-

ne con Reghini, la cui accuss di plagio firms nelle aule di un tribuna-

le civile, senza tuttavia supetsre ls fase delle udienze preliminsri.

sua patola d’ordine», che e a szione », a conctetezzs

3. La collaaorazioiie coir Leandro Aipinati (I927-1933)

La collaborazione evolisns alla rivista aVita Nova», quindicinale dell’Universita Fascists di Bologna, ditetto da Leandro Arpinati,

merits un’sttenzione specifics, in quanto assume un ruolo deter- minante di trait d ’aiiiori fra le prime incursioni polemicbe degli anni

1928-30 e il momento di sintesi metapolitica costituito dalla pub- blicazione, nel 19 34, di Rioolta contro ii iaorido rrioderrio. Nelle pa-

gine di << Vita Nova», infatti, da un lato ritornano i temi della paga- nits afftontati alla fine degli anni venti, dall’altro giunge a matutita

il concetto di Tradizione, instretto rapporto con lo sviluppo delle

srgomentazioni razziste e antisemite.

II problems centrsle di buona parte degli stticoli di Evola consiste

nelfindividuazione del legsme tta il fascismo, inteso come strumento

politico-ideologico di adifesa dell’Occidente», e la Trsdizione croi- co-guerriers. Prendendo le distanze da Guénon e citando, per con- tro, Bschofen, Mfiblestein, Keysetling, Coudenhove-Ksletgi, Evola

HI laid, pp. 153 sg.

DALL’ANTIFASCISl\.-EU ANTIDEMOCRA'I’ICU AL TRADIZIGNALISMU

45

distingue due a vie primordisli» della Tradizione: da un lato, quella

aeroico-guerriera», occidentale; daIl’sltto, quella acontemplstivo- sacerdotsle», orisntale.

La polarizzazione e quanto msi netta:

Nell’una la contemplazione domina nell’azione, nsll’altta 1’azione domins sulla contsmplszione; nell’un'a la ttascendenza eccede Pimmsnenza, neIl’altra Is due cose sono coestensive e strette in un unico nodo; nell’una l’acce'nto del valore cade nella remissions alI’univstsale, nsll’altra esso cade neIl’affet- mazione dell’individuals; pet Funa il atipo» e il santo, 1’asceta, il mistico o il devoto, per l’altra esso é l’sristocrate, il ducs, l’sroe e, in certo aspetto, il mago; nell’una la suptema autorita spirituale spetta al Pontsfics, nell’altta esss spetta invece al Re o alI’Impsrstote.1II

Ls teszione tradizionslista di fronts alla crisi dell’Occidente vs concepits, pertsnto, non nel senso del materislismo, ne in quello

del neospitituslismo antioccidentale, ma in un titorno alle Origini, alla attsdizione classics di spiritualita eroico-guerrieta>>.1-2“ I1 signi- ficato rivoluzionario del fascismo consists, dunque, in un aritorno alle origini», ovvero alla atradizione guerriers», che csratterizza il volto autentico dell’antica civilta gteco-romansm Fisssto il legsme di continuita tta ativoluzione fascists» e aritorno alla Trsdizione», sono tre le conseguenze che si evidenziano nel discorso evoliano:

il tidimensionamento del rapporto tta Stato e Chiesa, l’sffermszio- ne di uno stile di vita <-:3.1'11II-I‘OI11£1111IiCO>> e, infine, l’svvio di una ra- dicale ttasfotmazione in ambito Quanto al primo aspetto, Evola vi dsdica un lungo saggio nel

dicembre 1929, tiprendendo le tesi di liriperialisirio pagarzo:

] E strsno che ci si accorga cosi poco di questo: che la negazione, fatta dal Fa- scismo, -del concetto agnostico, laico e materialistico dello Stato —della qusle certi cattolici sembrano compiacersi —invece di chiudere il conflitto tta Stato e Chiesa, e proptio cio che la apre; e che nella misuta in cui tale nsgazione non

si limiters ad affermazioni oratotie, ma diverts vera ed effsttiva, il dissidio si

fata sempte pin netto, pteciso, insormontabile e, soprattatto, di una specie ben diversa di quello che la Chiesa eta solita supetsre con Pattsggiarsi a mar- tits, a vittima di una violenza fattals dslle cose tempotali.122

I19]. Evola, Aiitoritii religiosa e aiitorita imperiale, in aVita Nova», V, dicembre 1929, poi in

Id., Vita Nora cit., p- 79.

HI’ I. Evola, Per tiiia difesa roiiiaiia a'eil’Occideiite, in a Vita Nova», VII, ottobtc 19 31, poi in

Id., Vita Nova cit., pp. 13-,o sg.

III laid, pp. I28-3o.

'

46

CAPITULU PRIMU

La subordinazione della Chiesa allo Stato deriva dal1’assu11zi0ne

fascista del1’aut0rita spirituale sancita dalla tradizione guerriera:

La passééilétfi delia Stato dé riaffamzarsé dérzanzé alla Cbéasa, nan secondo la avia- lenza del rmzparale doe sé émpaae alla spérétaale, e rzemmena secondo tutto as cbe réemw naZl’ardz'r2a della criréca razéamzléstéca, 5? invece in name dz? mm’ auto- fitfi arm srfassa spirémala, é arrattamanta camlizéarzata alla ramrraziaraa della 3115- rita dalla tradéziarza gaarriara ad émpaflafa; il quale duvri-1 allora improntare FE»-

ducaaiane, la cultura, i1 senso della vita c1e11’intera naziane, soppiantanda la

farma di ogni spiritualita di tipn <<raligi0sn>>-.123

A proposito dei problemi educativi, Evola non esita a sostenere,

nel settembre I929, Pincolnpatibilita fra educazione cattolica ed educazione fascista:

II Fascisma, lungi daII’asaurirsi in una organizzaziana puramente matariala E:

palitica, é i1 partatara di una di quests farms di spiritualita, sua prapria ed immaneate, E: rivandicantesi ai simbali de11’Aqui1a a del Fascia, siI11baliassen- zialmente romani, a nunic1e11tici— siao a prava cantraria —a quefli papali delle due: chiavi e del triregna. Ora, ripetiama, questa cantenuta spkituale in1ma~ nente, a cui sanza dubbia va ispirata la farmaziana della cusaianza palitica e fascista della nunve gfiflfifaziflfli, {inn a che punto E: cnmpatibile can gli iI1sE:gr1a~ menti dalla dattrina ca'§tc>Iica?124

Principi come << quelli de11’eguag1ianza evangelica, della rinuncia,

della pace, delfésaltazione dei debolir->125 e valori come <<l’umiIta, la fade, la carita:-> non pesseno rientrare, secondo Evola, a1I’intern0

de11’educazi0r1e fascista. A110 stesso modo la svalutazione cristiana

della guerra e dello Stato e la prospettiva di <<una societa di tipo sfimicomunistico s01idari1:ari0:-> contraddicono la tradizione a cui si

richiarna i1 fascismo. Conseguentemente,

'

1’e-ciucaziane fascista sara essenzialmente ramana, attiva, dominativa, impa-

riala, guarriara, incentrata in valari cli clifferenza, in L111 sxansa della spirito 11011 cievazianale, trascendante, misticheggiante, ma immanente, affermativu e trianfala. Essa enucleera una pracisa, datarminata cuscienza nazionale, ricca

di una spiritualita sua propria, salare e mediterranea, in appasta a1 dichiarata

intarnazionalisma (0 a-nazinnalisma) della Chiesa.126

12?‘ laid., p . 80 .

124 j. Evola, Parrma adaaaziana mmana, in <<Vita Nova», V, sattembre I929, pai in Icl., Vita

Nova cit., p. 71.

125 Iééd. p. 70.

DALL’ANTIFASCISMU ANTIDEMUCRA'l'ICG AL TRADIZIONALISMU

47

Cie che del cattolicesimo pub accotdarsi col fascismo e sole <<quel suo aspetto per cui esso e una forza d’0rdine, una imponenza

tradizionale, gerarchica e semimperialea. Ma anche questa carat-

teristica viene a1 cattolicesimo non dalla dottrina eristiatia, ma

dalla romanita preeristiana, quella dell’Aquila e del Faseio. I1 sag- gio evoliano si conclude, quindi, can Fipotesi di una <<terza {unda-

ta» (la prima ha costituito il fascismo, la seconda ha eliminate i1

parlamentarismo e la massonetia), destinata all’affern:1azi011e della tradizione spirituale eroieo-guerriera in chiave anticattolica.

Sui preblema dei rapporti fra rivoluzione fascista e cultura, Evola ritotna in un atticolo del iebbraia 1933, a comment-0 di uno scritto di Othmar Spann, apparse sulle celonne di <-:Le Stato» di

Costatnagna. Della critica di Spann, Evola condivide <<l’idea di una rivoluzione fascista integrale, di una rivoluzione fascista che rin- novi non pure le categorie della tealfli politica, ma la stessa attitu-

dine dell’u0m0 di irente alle cose e di it-ante allo spirito:->.12i Ma

non nel senso - sostenuto, invece, da Spann - di una <<nu0va fer.-

rnulaziene dettrinale iiitellettualistica», ma in quelle di un poten- ziamento del earattere gia <<spiritua1a'1ente riveluzionarioa del fascismo.” Una rivoluzione, ipfatti, e werarnente creativa nan quando agita nuove ideelogie in cui poi si ristagna, ma quande essa giunge a dai: forrna ad un nuevo stile di vita mediante urfazione ditetta dal1’i11tern0, e con esso risolve un determinate problerna di civi1ta>>.129 In tal senso, il fascismo ha gia superato tanto il liberali- smo quanta i1 socialistno nan can una nuova ideologia, <<bens1 can una affertnazione ditetta», i cui precedenti vanno cereati 11011 nei libri, ma <<in cie che la vita ereica fra ilierre e ii fueco, la data

disciplina dellbbbedire e del comandare, l’e.i“:'20s'c0111plessiv0 dello

“spirito del frente” ha destate in geaerazioni strappate dal do-rmivei glia e dalla mediocrita borghese dell’I1:a1ia deH’anteguerra>>.13“ Ora si tratta di <<dar forma al carattere, alla dig11ita, allo stile di vita e alla volanta di impere della nuova generaziene, proeedendo sempte

piill innanzi come una permanente corretite rivoluzienaria e consi-

12? I. Evala, Ca!3ia:*a e r"iaaiazirmefasei5ta iaitegitale, in <<Vita N-::wa>>, IX, iebbraia 1933, poi-in id., Vi.-fa Neva cit., p. 179.

125

Iéiai, p. I32.

129

l'fJid., p. I80.

13“ I.E*iai., pp. 181:: sg.

48

' CAPITULU Panvro

derando la visione e la statuizione riilessa di quanto ha forgiato e lasciato indietro come sinonirno e pericolo di in1petran1er1to>>.1i1 In on articolo del gennaio 1932, Evola aveva, del resto, gia sot- tolineato la necessita di elaborare on diverso rapporto tra <<cultura>>

e << stile ias£:ista>>. La reazione squadrista, <<anticulturale>>, del fasci-

srno di fronte alla degenerazione astrattista e razionalista della filo- sofia in eta moderna, puo risulrare negativa solranto nella 1-nisura

in cui sfocia nell’anarehia: <<pora vita, pura violenza, poro sport, puro slancio, pura lotta>>.1-32 Si ha, invece, on principio positivo, quando, attraverso Pinsofierenza verso un -amondo irrealistico», si

giunga <<a aaalcosa dé za sia ala cakara c/we da “amfécaZtara”, sia da

peasieao che da

azéoae, aaaado of aogléa qaaicosa c/Eva sal piano stesso

deZ[’irrazi0aaZa

e della “vita” possa eseacitara la stessa fax/zioae d "01’-

diae a di orgaaézzazéoaa che if concetto, if “séstaaaa, Fédea potattaro

aac/ae rapprasaatare aelfordéaa delle astrazioai caZtaaaZi>>.i” Questa

soluzione apparirebbe possiloile se il fascismo <<di contro sia al filo-

soiisrno che al eolto dell’azione bruta» recuperasse il signiiicato

originario, tradizionalistico, di <<cultura>> come << stile di vita», << or- ganizzazione delle forze pin intime dell’uorno reale». La cultura

<<in senso superrazionale» e un aideale aristocratico e romano»;

iniparare a eoniandarsi, in senso eategorico; irnparare a suscitare ogni slan- cio piir veemente rna in pari tempo colui che esattamente lo sa padroneggiare, dirigere, volere e non volere; desiderare per se stesso una netta legge d’ordine, cli oomando e cfobbedienza; ereare distanza rispetto ad ogni sensivita e pas- sionalita fino a raggiungere una liberta interna che da ad ogni percezione la chia- rezza e all’anirna una forma e una rnisora; sapersi organizzare come un essere realrnente aao, rnosso da un’aaiaa volonta, obbediente ad unaazica legged?‘

Nel 193 1, con due lunghi articoli pubblicati nei rnesi di genriaio

e febbraio, Evola aveva delineato non a caso i contorni di on <<supe-

ramento del ronqariticisrno», annunciato dall’arte asttatta, dal jazz, dalla fisica post-einsteiniana, in nome di on naovo aclassicismo del-

l’azione e del dominio>>:1-ii

131 Hfii-:1, p. I32.

132 _l'. Evola, <<Caita.'ra>>, siiie di aita a stilafascista, in <<Vita Nova», VIII, gennaio 193,1, poi

~—

in Icl., Vita Nova cit., p. 145.

1” Iaa.

,

134 laid,

135 Evola, Suparamaato def roasararioismo, H, in <<Vita Nova», VII, febbraio 193,1, poi in

DALL’ANTIFASCISMD ANTIDEIMUCRATICU AL TRADIZIGNALISMO

49

La parola d’ordine e dunque: Basra con i avalori nrnani>>, basta con l’aneli1:o roniantico. Cio, anziturto, va realizzato in sede di interiorita, e vool dire:

arrestarsi, rieondurre degli nornini a se stessi, crostringerli a trovare in se stessi il loro seopo e il loro valore. Che essi irnparino di nnovo il sentirsi soli, senza soeeorso e senaa legge, finché si destino all’atto dell’assoluto comando o del- Fassoluta obbedienza. Volgendo freddaniente lo sguardo d’intorno, ricono- seano che non vi e dove <<andare>>, che non vi e nulls da ehiedere, rnilla da sperare, nulla da teinere. Respirino allora, sgravati dal peso, e sia di arnore che di odio riconoscano la rniseria e la debolezza. Si rialzino come cose sem- plici, pure, non piir L1n"1ane.1i6

L’<<indifferenza attiva:-> e il codice cotnportamentale, che indi-

vidua la asuperiorita degli aristocrati»:

,

Ognuno un posto - on posto di eoinbattimento — una qnalita, una vita, una dignita, una forza distinta, senza pari, irredncibile. La loro rnorale snonera eosi: lrtnporsi al bisogno di <<eornunicare>> e di <<t:on1prendersi>>, alla contami- nazione del pathos fraternalistieo, alla volonta dell’amare e del sentirsi amati,

del sentirsi nguali ed insieme [ liincomnnicabilitii sara voluta, in nonle-

di on rispetto assoluto e virile: valli e vette, forze pin forti e forze pin deboli, l’una accanto all’altra e l’una contro l’altra, lEf2l.li11E€I1iIE rieonoseiute, nella

disciplina dello spirito intirnarnente infiarnrnato ma esteriorrnente rigido e temprato eoroe l’acciaio, eontenente in magnifiea rnisura la smisuratezza del- l’infinito: rnilitarrnente, corne in un’irnpresa di guerra, come su un campo di battaglia. Rapporti precisi, ordine, cosmos, gerarchia. Gruppi forternenre individlga ti organizzantisi senaa intertnediari e senza attenuazione attraverso azioni.

].

Se <<<:ultura>> in senso tradizionale e dunque <<s1;ile di vita >> attiva

in un qnadro di militarizzazione dei comportarnenti sociali, il rife-

rimento al passato, elevato da Evola a prospettiva di sviluppo per

il iuturo del fascismo, s’identifica con un Medioevo interpietato come risveglio dell’<<arianita>> e della ?'0??36i?€i.l‘6ZS di contro allo spi-

rito <<Sti‘111i1IlCO-CI‘lS1Zl£1i10>>. ljapporto <<nordico-ariano», giunto con la discesa delle popolazioni germaniche, si manifesterebbe su due livelli: quello politieo e quello spirituale. Sul piano etico-politico, nel regime ieudale, sintesi di aindividualita libera >1» e di afedelta guerriera:->,“’5 e nell’ideale della regalita come <<sr1prerna autorita solare». Sul piano spirituale, nell’etica cavalleresca, aeroico-paga-

-

136 Laid, p. Io8.

13? I-aid, p. 109.

133 I. Evola, La spiritaaiiia pagaaa ae-Z Madioeao acaiioi'iao», I, in <<Vita Novas, Vili, lnglio

_

.

§O

'

'

CAPITULD PRIME

na» e <<ariana>>,m nelle Crociate, con il ritorno della <<dottrina anti- ca della moss iriaaap/Jalis e della oictoi*ia>>,1““ aagli ordini medievali quali i Templari, nel sinnbolisrno esoterico del Graal, della Donna

e del Tetnpio.

La << nostalgia del Medioevo», rnaniiestata fra gli altri cla Gua-

non, Massis, Maritain, Mantras, si spiegherebbe, dunque, t1ell’ot-

tiea evoliana, con la pressione di una triplice esigenza, clettata dalla

crisi del mondo rnoderno: bisogno della areligione della tetra», di

contro alla <<proletarizzazion.e delle classi inferiori;-> e all’<<indu- strializzazione ad oltranza;->;l41 necessita di uno stile di vita aristo-

cratico, cli fronte alla atrivialita borghese»; infine, bisogno di un’u- nita aspirituale e interiore», <<al disopra di ogni differenza data dalla rnateria e dalle cose, dalle idee e dalle attivita legate alla mate- ria e a as che é soltanto un1ano>>.1“2 Ifarticolo del novembte 1931 si chiude con un ioterrogativo:

L’anirna europea, che nella sua lotta contro la rnateria, neila sua diseiplina di scienza e di potenza, nel suo ineessante anelito faustiano, infine, nel nuovo senso antirornantieo e quasi pagano che risorge nelle ultirne generazioni ha quasi del tutto estinta la sua capaeita a acredere» — potra ancota in una tra- dizione essenzialtnente radicata nel aeredere», quale é quella della soptavvi- vente reiigione oceidentale, risolvere il problema della sua liberazione inte- riore e della sua unita? Ovvero E l’altra via, quella di una spiritualita non religiosa, ma virile, <<in1periale>>, cio che potra condurla a tanto, e ad inte- grarla senaa contraddirlaiflii’

139 ]. Evola, La spiriiaaiiia pagazoa iiaiaiedioaoo <<cai.toiioo», II, in <<Vita Nova», VIII, novelti- bre I932, poi in Id., Vita Nooa cit., pp. 159 sg. HQ Iaial, p. I67. 141]. Evola, Nora circa if ariiorno aiMadioaao>.~», in 4-Nita Nova:->, VII, noveinbre 193,1, poi

in Id.,

Vita Nova cit., p. 139.

142

laid.

I

2.

<<La Torre»: dalla decadenza del inondo rnoderno ai colpi di scudiscio

(I930)

In un arnpio inserto accluso all’ultin1o nuinero di <<KRUR>->, la ri-

vista di scienze esoteriche ditetta da Evola durante il -1929, si pos- sono leggere le rnotivaaioni di fonclo della fine di quel niensile e

della sua trasfortnazione nel quindicinale <<La Torre)»:

Agli atnici e lettori che sin qui ci hanno seguiti e sostenuti, idealrtiente e ina- terialrnente, facciamo oggi un nuovo appello. <<KRUR>> si trasforraa. Avendo esauriti i cornpiti che, relativatnente a cio che a dominio tecnico dell’esoteri- snio, tre anni fa ci eravarno proposti, abbiatno accolto l’invito di trasportare la nostra azione in un carnpo piu vasto, piii visibile, piit inuuediato: sul piano stesso della acultura» occidentale, dei problerni che in qtiesto momento di crisi travagliano le coscienze singole e quelle dei popoli. <<KRUR>> nel :t93o uscira dunque in un’altra forma: non piu CC_f_i1'1€ un fascicolo mensile, ma come an quindicinale di'cornbattin1ento, di critica, di afferrnazione e di negazione. I1 punto di vista eroico-magico, che: sin qui difendemmo, non sara abbando- nato: in realta, esso solo costituira il punto di riferirnento e di giustificaziorie

di un’opera critica e di ravisione, che irivestira i problemi piu irrirnediati, in

relazione a quanto si stampa di significativo in Italia e foori. E nella nostra intenzione di costituire un baluardo inaccessibile contro il generale abbassa- naento di ogni valore della vita; nella nostra pretesa di conoscere e di additare piiI1 vasti orizzonti, oltre quelli usuali delle piccole costruzioni unaane; nel nostto proposito (ii star fertni sttgli spalti, pronti alla difesa come all’offesa, isolati e chiusi ad ogni evasione - per tutto as il titolo <<KRUR>> sara rnutato nel titolo: <<La Torre - Foglio di espressioni varie e di tradizione una>> 1,

Ideale prosecuzione di <<KRURs~, ma nelle vesti di <-zquindicinale

di cornbattin1ento>>, <<La Torre >>, uscito in dieci nurneri dal 1° feb-

braio al 15 giiigiio 1930, segna una seconda sortita <<osterna>> di

1 Cir. Finserto staccato accluso al n. 12 cli <-:KiiUR>>, del dicembre I929, dal titolo La aosira aitioita nei .t93o - {Ii ieiioti; oggi ristarnpato in appenciice a Del Ponte, Eaoia a ii saagico <<gra;{Jpo iii Ur» cit., pp. 9o-93.; 9o sg.

5 2

CAPITDLCJ SECUNIJU

Evola in direzione delfirnpegno ideologico-politico, caratterizzan- dosi, in sintesi, per due aspetti fondarnentali:

a) la teorizzazione di un <<superfascisrno>> tradizionalistico, inteso corne reazione alla clecacleaza del rnondo moderno;

5») Pindividuazione di una critica di destra del fascismo, contrap-

posta tanto alle cottenti di sinistra quanto alle posizioni futuriste

e nazionalisto.

1. I caiaiiaii dalla aiirazioiie aoofiaiia

La direzione evoliana di << La Torre» s’identifica principalrnente

in tre aagomentazioaiz

~ Penunciazione di una critica tradizionalistica del fascismo, come

cardine ideologico della rivista;

~ la descrizione di alcune categorie della rnetafisica tradizionale;

—l’aoalisi dei cosiddetti <<sin'1boli>> della decaclenza occidentale: dal

nazioualismo, al futurisrao, al rieospiritualisrno. Nelfeditoriale al prirno tiuraero, intitolato Noi aaiiraioderiai, Evola

esordisce con la constataziona della crisi del mondo rnoderno e, pa» rallelamente, della debolezza delle reazioni ideologiche che si ap- pellano a un ritorno al eristianesirno (Guénon) o, piu in generale,

all’Occidei1te_(Massis). Fin da queste righe iniziali, Evola delinea le due direttrici fondarnentali, attorno a cui ruoteranno i suoi contri-

buti su <<La Torre»: da on lato, Faffermazioile di una rnetafisica della Tradizione, finalizzata non all’<-zazione ditetta», ma all’opera

di testirnonianza propria del nietzschiano convitato di pietra:

Bisogna spezzare i ponti, e con Paderenza assoluta a significati e a visioni pri- tnordiali, quelle che agirono ancor prima che le cause delia presante civiliz- zazione si stabilissero, costituire un polo il quale, se non inipedira a questo mondo di deviati di essere ciio che é, gli impedira pero di afferrnare l’inesi-

stenza di ogni altro orizzonte, di glorificare sé stesso, di statuire sé stesso a

religione, di pensare che cio che é, é cio che deve essere e che it bene che sia. Da qui un punto ferrno; da un tale punto, nuovi rapporti, nuove distanze, nuove consapevolezzo; da tali consapevolezze, forse - in qualcuno -- principi '

c_ii

E

si

crisi iiberatrici.

naturale che rnolti punti a questo proposito vanno precisati e chiariti: al che '

volgeranno i nostri articoli successivif

2 Li. Evola, La Torre - Fogiio éii esptessioai oaria a iii iiaiiizioiia ima, a cura (ii M. Tarchi, Il Fal-

co, Milano I977, pp. 31 sg.

_

<<L1'i TURREE-I DALLA DECADHNZA DEL MUNDU MODERNO AI CULPI DI SCUDISCID

53

Dall’altro la critica del <<neospiritualis1"no>>, interpretato come

forma scornposta e non tracliziorialistica di contrapposizione del-

l’anit.tia occidentale alla astretta arimanica del nr1atei"ialismo>>:3’

Un infortne bisogno di sfuggire alla stretta arimanica del rnaterialistno, non incontranclo piu quei sostegni che solo nel presupposto di rapporti interiori e viventi erano dati dalle sopravviventi tradizioni, ha generato nella squili- brata anitna occidentale una deviazione ancor piu pericolosa: quella del aeo-

spii*iiaaZismo.4

l\Iello stesso numero, Evola s’inoltra nel problerna specifico del rapporto tra fascismo e Tradizione, con un articolo dal titolo signi- ficativo, Caria ci’i¢ieiiii2fa. La difesa dei principi della Tradizioue

viene invocata corne criterio d’orientarnento dell’ideologia fascista:

<<NeZZa aaiszara cae ilfascisaeo sagiia e difemia iali priiicipi, in qiiesia

sierra aiisara noi possiamo coasiderasci fascisii. E

questo e tutto:->-.5

Il tradizioualismo precede dunque il fascismo, di contro a uno stile fascista, in cui -<<si parte dal dirsi fascisti, e ci si viene poi a dicl'1ia- rare pro o contro questa o quella idea, a seconda che la politica fa- scista l’accetti o la negl"1i_>>.‘5 Cio che conta e che la spiritualita e la cultura non siano incatenate dalla politica: al contrario, <<e la poli-

tica che deve esser conclizionata dalla spiritualita e dalla cultura,

se non si vuole ridurre la prima a cosa piccola, ernpirica e contin-

gente:->.i Nel panorama del rnondo moderno, l’Italia,

insieme forse alla Gerniania ~ afferrna Evola - [sen1bra]possedere in rnaggior rnisura certe possibilita di cornprerisione di valori e di principi, che potreb- bero dare una base all’in1pero. Non sappianio se tali possibilita riusciranno a vincere, o anche soltanto a lirnitare, l’azione distruttrice che pariinenti e po- tentenaente la acivilizzzazionea tnoderna esercita su questi paesifi

Tale prospettiva di reitzficazioae iradizioaalisiica del fascismo si

esplicitera nel terzo nurnero (rs rnarzo 193 0), con la critica alla carn-

pagna clernografica proroossa dal regime. Cornrnentando un atticolo uscito so <<Il Popolo di Ron1a>>, Evola inizia col distinguere tra -<<potenza>> e <<nu1'nero>>: <<Il clestino, la tradizione e la potenza di un

3’ Iaiii, p.

t

Iaid.

3o.

5 ta=a., p. 43.

*5

iaia.

I aaa, p. 44.

3iaia.

H

54

cavtroro sacorvoo

paese non sono da confonclersi senz’altro con le vicende della sua pro-

sperita ternporale e della sua fecondita in fatto di mera rnateria umana;->.9 Se, dunque, non il nurnero, ma la <<qualita>> e potenaa, la so-

luzione possibile di fronte alla minaccia della << tnorte della razza» non consiste nel ritorno alla terra, rna nelfadozione di una prassi eugene-

tica spartana, che individui <<un pugno di Capi e di dotninatori nel

senso integrale», e nel recupero di una concezione tradizionale, sacra, priinordiale, aorganica», delfunione sessualez <<Solo a questo livello

ogni distinzione fra qualita e quantita diviene artificiosa, e la con-

tinuita e la crescenza della vita di una stirpe si fa coesteusiva con quella di una tradizione di spirito doniinatore e di potenza>>.“i

In seguito a queste afferrnazioni, successivamente riprese da Ro-

berto Pavese,“ il terzo numero di << La Torre >> subita II sequestro per

non conforrnita. Non a caso, on ruese dopo, nell’aprile 193o, Evola

apre il quinto fascicolo, con un editoriale difensivo, dal titolo Cose a posto e parole c/Jiare: <<E inutile che ci si dica “anticattolici”; e inuti-

le che ci si dica “fascisti” o “antifascisti”; e inutile che ci si dica “ma-

ghi”, “teosofi”, Iprotestanti”, “pagani", “liberali”, “mistici” e via di questo passo. Chi dice tutto cio, non parla che per sé stesso. Noi

non siarno nulla di tutto cio. Noi siamo al di fuori e al di sopra di

tutto cio>>.12 <-{La Torre», infatti, non e anticattolica, nella misura

in cui il cattolicesimo, nei suoi contenuti universali, puo essere inglobato all’interno dello spirito cli una traclizione eroica e impe-

riale. Non e protestante, poiché vede nel protestantesinio uno dei fattori di quella decadenza rnoderna che si esptime nella ebarbarie £tI1'1€I'IC€:1I1£J.>>. Non e né fascista, ne antifascista, ma -<<superfascista>>:

Per noi iniperialisti integrali, per noi aristocratici, per noi nemici irriducibili di ogni politica plebea, di ogni icleologia anazionalisticaa, di ogni intrigo e spirito di apartitoa, di ogni forma, piili o meno travestita, di socialisrno e di democrazia, il fascismo e iroppo poco. Noi avrernrno voluto un fascismo piii

radicale, pii‘1 intrepido, un fascismo veraniente assoluto, fatto cii iorza pura,

fatto di irriducibilita a qualsiasi cornpromesso, ardente nella fase di un senso reale della potenza in"1periale.13’

9 Iaiti.,

p. 12.1.

1'3 Iai-:i., p.

11 R. Pavese, Per aria soiazioise imfegiaie dei proaieraa aieiia razoiute iieiie razze, in aLa Torre :->, "

12 Iaia'., p. 175.

124.

5, 1° aprile 19g,o; ora in Evola, La Torre cit., pp. 193-97.

<<Li"i TURRE>>Z DALLA DECA]}HNZA DEL MUNDU MUDERNU AI CC-'Ll~"I DI SCUDISCIU

55

Infine, << La Torre» non e portavoce di ateosofia» o di <<occulti-

srno», né e abitata da on gruppo di <<mistici>>, di aletterati estra-

nei alla realta». Nella tradizione eroica, iniatti, lo spirito non it spa- zio di evasiorie, una luogo cli combattirnento e in tal senso alo

spirituale deve dominare il temporale:->.1“

Del resto, nel numero del 15 rnaggio, Evola non esitera a I‘IV€!I1— dicare esplicitarnente le proprie collaborazioni su << Lo Stato Demo-

cratico» e su <<Il Mondo»:

-

Noi denunciarno sena’altro per cervello da gallina e per itnpudente n1istificato-

re chiunque a cio osi aggiungere una sola parola, senza aver prima dimostrato

che anche in una sola riga, dovunque e in un qualsiasi tempo, noi abbiamo detto qualcosa che comunque si allontani da quel fermo spirito aristocratico

e antidemocratico che noi abbiamo serrrpre difeso - si badi: senaa esser rrrai

stati soggetti a qualcuna di quelle divertenti acrisi dialetticl"1e>>'che a noi sarebbe solo troppo facile rilevare nel passato anche di moltissimi che stanno

vicini alle piil alto -<<gerarchie>> del partito.15

All’accusa di <<antifascismo>> si affianca poi quella di <<profeti-

smo apocalitticoa, a cui Evola risporide tratteggiando il quadro di

una decaclenza confortevole, scandita dal processo di omologazione

e di collettivizzazione proptio della modernita, di ironte alla quale puo apparire preferibile la distruzione totale:

Noi non pensiamo per nuila che la fine del rnondo occidentale debba perfor-

za

rivestire quell’aspetto coreograficamente catastrofico, cui la mente dei piii

e

subito portata. Non si trattera necessariarnente di cataclismi, e nemmeno

di

quelle nuove guerre mondiali, sui cui orrori e sui cui esiti cli sterminio del-

l’urnan genere molti fin d’oggi lugubramente c’intrattengono. Anzi una

}

guerra [ un altro buon squassamento, n1a radicale, pero, risolutivo — che

altro otrebbe au urarsi cai aricora s era?“

P

H

.

AIl’analisi dello aspirito tradizionale», Evola dedica un saggio

dal titolo Gerarc/sia rradizioriale e araariisrrao rraoderrio, pubblicato in clue puntate sul terzo e quarto numero (re e 15 rnarzo 193 o). A par-

tire dalfinsegnalnento fondarnentale delle <<due nature >>, in base al quale esiste un ordirie fisico e un ordine rnetafisico e il reale s’i- dentifica con la ragione asuperiore» dell’essere, Evola traccia i contorni di una gerarchia traclizionale, scandita clalle seguenti tappe:

14 Iaioi, p. 177.

I5 Iaici., pp. 315 sg.

56

CAPITULU sacotvno

Iniziaziooe, Azione, Contemplazione, Legge. L’Iniziazione e l’e-

sperienza reale, destinata a una ristretta elite, del passaggio alla di-

mensione superiore, irnmortale, dell’essere: all senso e la distruzio-

ne interiore dello stato urnano e il conseguimento di on altro stato

della coscienza, non piit caduco, non piilt soggetto alla iiecessita, non pii“1 legato al destino dei corpi, e quiridi immortalea“ Dopo l’Ir1i-

ziaziorie, l’Azione e la Conternplazione costituiscono <<le due cbiavi

tradizionali del supramondo», le due porte agli <<stati trasceridenti e non umani della personalita». Infirie la Legge, che da ariche al

semplice individuo, attraverso Pobbedienza indotta ai principi tra-

dizionali, al di la di uo riconoscimento consapevole, la possibilita di acquisire ritualmente una dimensione superiore di esistenza. L’<<t1rnanisn'1o moderno», collocandosi come momento di rottura della legge delle clue nature, con l’assimilazior1e della realta alla

rnera materialita, rappresenta la aparola d’orcline deIl’antitradizio-

ne». L’iniziazione, a partire dall’orfismo ma soptattutto con il cri- stianesirno, si e tradotta nellfiiniversalita dell’esperieriza religiosa e <<r11istica>>, in norne dell’idea dell’in1mortalita <<estesa a qualsiasi anima e sottratta ad ogni condizionealg L’ascetisn1o ér un <<valore virtualrnente superato>>,19 tnentre <<nell’eroe moderno — sportivo, patriottico, romantico, “civile”, “superuomistico” ecc. — in realta si celebra la profanazione e la rnorte dell’antico Eroe». Conse- guentemente arrche il sostegno della Legge e venuto meno: <<L’in-

tima conforrnita dell’urnile e di colui che non sa, alla legge tradi-

ziotiale, aveva on senso e una efficacia sovrasensibile, quando per tal rnondo riconduceva gerarchicamente a esseri che sapevano e che erano, che testimoniavano e tenevano vivertte la verita e Ia spiri- tualita di cui la legge tradizionale era il cotpo e Padattazione. Ma al mancare di tali esseri, che cosa avrebbe saputo piil veiiire dal riconoscimento della tradizione?>>2“ All’unita, ormai clissolta, delle tradizioni spirituali <<viveriti>>, i moderni harrno tentato di sostituire <<un’unita esteriore, violenta,

anodina:->, incarnata in una serie di forme di carattere <<dernonico>>:

1? Iaitl,

ff’ Iaici.,

19 Iaiii.,

p. 1o9.

p. r11.

p. 112.

<<LA TURREEH Di‘-ELLA IJECADENZA DEL MUNDU MUDERNU AI CDLPI DI SCUDISCIU

5?

dal socialismo all’irraZionalisn1o, dalvitalisrno al pragmatismo, dal- l’intuizionismo all’attualisrno. '

Tratteggiati i caratteri generali della egerarchia tradizionale», Evola si sofferrna a precisare alcune categorie particolari: l’Impero, il Lavoro e la Guerra. La definizione dell’<<idea irnperiale» e condor- ta in ditetta polemica con <<Ar1tieuropa>>, e in particolare coo un ar-

ticolo di Antonio Bruers clal titolo Ii riosiro irriperiaiisrrio. Il pritno passo falso di Bruers E: per Evola Pirrterpretazione dell’irnperiali-

smo come on fenomeno neutro, connessoa qualunque fatto di con-

quista e_ di egemonia. Al contrario, <<l’i1"nperialisn1o non E: un “fatto”, e un’iclea, no valore:->91 L’Itnpero e il <<corpo della spiritualita guer-

riera>>.22 Per questo esso anon e dato dal rnero fatto di un dominio,

ma solo quanclo qtiesto dominio si attua sullo sfonclo di unavisione eroico-guerriera dello spirito (ecco il senso della sacriia tradizionale dell’imperatore o del re) e secondo i “valori”? deducibili di que- st’ultin1a>>. Il cardine clell’ideale imperiale e guerriero ie, _dunq*ae, <~:l’inseparabilita dell’idea di potenza e dell’idea di spiritualitaazi Il secondo errore di Bruers coosiste nella clistinzione di tre dif- ferenti tipi di irnperialismo: militate, economico e spirituale. In

realta, l’irnperialisr11o economico <<si puo chiamare impero solo per

ridere, e l’int1pero dei mercanti e dei trafficanti>>.2“ Negli altri due

rnodelli, si ha, invece, <<da una parte un’arbitraria ricluzione mate- rialistica, dall’altra una arbitraria riduzione spiritualistica, le qoali si uniscono insieme per celare il senso tradizionale e sacro dell’in1- perialita>>.25 Mentre infatti Fimperialisrno spirituale di Bruers fa riierimento al polo religioso (cristiano) della spiritualita, l’iclea tra-

dizionale di Impero si rifa, al coritrario, alla <<realta eroica dello spi- "

rito». Ijopposizione E: irriducibile:

.

A valori di afferrnazione si oppongono valori di remissione e cii dedizione; a

valori di gerarchia e di differenza si oppongono valori di eguaglianza e cii fra-

terriita. La visione imperiale é iriieasioa: raccoglie l’anima cli una razza e la

forza rnistica di una tradizione nella realizzazione di un individuo superiore,

il Capo, l’In1peratore, il Duce, il quale la possiede, ne dispone, e la testimo-

nia appunto neli’Iiriperi.arri e nella vittoria. La visione sacerdotale {religiosa)

21 Iaici., p.

1? Iaia., p.

179.

ISL

23 Iaiii,

34 Iaiti,

p. 132.

p 13o.

58

caPrr0I sacoivno

0

e invece ciiffiisioa e ziisiriaaiioaz diffonde quell’anirna e quella forza neila comunita, nell’<-tecclesiaa, in una vita sociale fraternalistica_cl1e tron si indi- vidua in nessun capo.26

Di conseguenza, l’<<imperialis1‘no antiaristocratico» di Bruers,

<<cl1e va a finire fra le braccia della Chiesa», suscita, secondo Evola, una ainedificante irnpressione a chi, stando fuori, in “Aritieuropa” abbia sperato di trovare foodatezza e coerenza di un qualche prio-

cipio>>.2i

-

.

Setnpre in on contesto polernico, riguardante questa volta, in modo implicito, le posizioni della sinistra fascis-ta, Evola apre il

settimo nurnero di <<La Torre» (10 maggio 19 3 0) con una critica del

<< mito del lavoro», acentro del pervertinqento rnoderno dei valori>>.2*

l\lell’insegnan'1ento tradizionale, il lavoro e, infatti, aqualcosa di de-

gradante e di spregevole», che giostifica la necessita di istittrire la schiavitu: <<Il111ond0 antico non disdegno il lavoro perche conobbe

la schiavitil, ed erano gli schiavi a lavorare ma al coritrario: poiche dispregio il lavoro, esso dispregio lo schiavo>>.29 Non il lavoro, ma l’Azi0ne sicolloca nell’orientamento della Traclizione: <<L’opposi-

zione di questi clue concetti, al titolo dell’opposizi0ne fra il polo spirituale, libero e perfetto (e qui sono le crilrninazioni di pura at-

tivita del perisatore, del contemplatore, dell’eroe, dell’asceta, del creatore) e il polo materiale, greve, irnperfetto delle possibilita un1a-

ne, sta alla base della gerarchia antica Cl€IV€:1l0I‘I>>.3fl Il rnondo moder-

no ha smarrito questa fondamentale distinzione e, per tale motivo,

di contro al potere ornologante dell’oro e alla iebbre del <<produr-

re», va riaffermata l’etica aristocratica dell’Azior1e spirituale.

Anche la riflessione sulla guerra si articola a partire dalla contrap- posizione polemica nei confronti delle parole d’0rdine del patriot- tismo nazionalistico. Al <:<dovere del cittadin0>> e al egrido della pa- tria», Evola sostituisce Pinterpretazione esoterico-tradizionalistica

della guerra come <<via di Dio». Con citazioni tratte dal Corario

e dalla Baagaaad-gira‘, il modello proposto e quello della <<Grande>> e

<<Picc0la guerra santa >1»: << La prima e d’orcliue interno e spirituale,

H‘ raa, p. 184.

2? Iairi, p. 185.

23 Iaiii., p. 247.

it raid.

~

<<LA TORI-1E>>I DALLA DECAEJENZA DEL I"-JIUNDU MUDERND AI COLPI DI SCUDISCIU

59

I’altra is la guerra materiale, quella che si combatte all’esterno con-

tro un popolo nemico in generale e, iri particolare, contro l’infe- dele>>.3’1 La Piccola guerra e la via per realizzare la Grande guerra:

Le situazioni esteriori della vicenda guerriera deterrninano un affioramento del anemico» interiore, il quale come arnor per la vita, paura, inerzia, pieta, passione, oppure una resistenza e una rivolta, che chi combatte deve vincere

all’att0 stesso di scendere in carnpo a combattere e vincere il nemico 0 l’in-

fedele esteriore.i’2

Alla descriziorie delle lIi'}.€€.‘ gerarchiche e delle categorie della spiritualita tradizionale si affianca, nelle pagine di <<La Torre»,

l’analisi dei <<siml)oli della degenerazione rnoderna». Gia nel secon- do nurnero, Evola enuncia in breve la legge guenoniana della deca- denza rnoderna come <<regressi0ne_ delle caste». Il riferirnento ri-

porta alla stratificazione sociale propria delle civilta tradizionali e alla discesa della sede del potere dalla prima (gli aesseri liberi») al- l’ultima casta (i <<servi»):

La tradizione dei Re dioirii, delle nature simultanearnente imperiali e ponti- ficali, divenne leggerida e mito. Il potere passa a nionarchi, detentori di una potenza, passa a Re laici, capi di autorita puramente rnilitare, ciuci di guer- rieri 0 signori di giustizia ternporale. Caciute le grandi monarchie europee, e divenuti i re sirnboli inani e sopravviventi rispetto alla avolonta della na- zionea, subentra l’era del aterzo stato», l’imper0 delle democrazie repub- blicane, capitalistiche e borgbesi, corrisponcienze -moderne della casta dei rnercanti. Infine la crisi della societa borghese, la rivolta proletaria, i naziona- lismi in un priino tempo, e poi la meccanizzazione che li travolge e autorga- nizza le collettivita costituendole a enti temibili come le forze brute cieila ma- teria desani111ata,- preannunciano il collasso finale, l’avvent0 dell’eiement0 massa al dorninio universale [ ].i3'

La denuncia dello slittamento dall’universalisn'1o al collettivismo, irisito nella legge di regressione delle caste, conduce Evola a stig- matizzare ilnazionalisnlo come forma rnoderna di <<tote1nisn10>>:

Il naaionalisrno espritrie invece, e soltanto, uno <-xspirito di folla», e l’incapa- cita di sorpassare quel diritto della terra e del sangue, che concerne esclusi-

varnente l’aspetto naturale e prepersonale dell’u0rno. L’individu0 che acou-

ferisce una specie di personalita rnistica all’insie111e di cui si sente membro»,

3'1 Iaici, p. 3,55.

32 Iéidnl p. 3.56.

60

catirroro SECDNDO

Stato, Patria 0 Fazione, ritorna esattamente nella condizione del primitivo rispetto al totem del suo cZari.34

Oltre al nazionalisrno, e il futurisrno il secondo oggetto della cri-

tica evoliana. Come rnovimerito rivoluzionario, quello futurista ha

avuto, nell’ottica evoliana, una scarsa efficacia, soptattutto in Ita-

lia, paese afuturista unicamente nello spirito di certi “fascisti” di scarto che all’iclea sostituiscono il pugno, al senso critico il pro-

clarna, alla cultura lo sport, alla superiorita classica e aristocratica la

bravata e il lazzo giovanile».35 La sua attualita va piuttosto vista

nella capacita cli riflettere ed esprimere in modo paradigmatico <<il tnovimento dello spirito che tradendo se stesso s’in1n1edesin1a con

la forza bruta del divenire edella rnateria, mutando il senso di sé con Febbrezza e la vertigine che ritrae da questa sua perdita».3"' In quanto tale, il futurisrno e per Evola la ariduzione alle estrerne con-

seguenze del movimento bergsoniano », il termine ultimo del <<dive- niristno m0derno>>.-ii Nella sua battaglia contro la ragione, il fu-

turisrno percorre tutta la parabola dell’<<umanismo nioderrio», e

dall’elogi0 dell’istinto, del sesso, dello slancio fisico giunge" sino all’esaltazione della macchina, dell’<<uomo meccanizzato, anima-

lizzato e arnericanizzato a uri tempo»? sino a quella febbre di velo-

cita che avvicina la Russia all’A_n1erica nella cornune decadenza. Il

futurismo realizza il superamerito del tempo non nella dirriensione traclizionale dell’eternita, ma adentro il divenire», nell’istarita-

neita, nella simultaneita, nell’accelerazione. Se sul piano estetico

il futurismo e evocazione dell’<<antifortr1a», so quello politico esso coincide con l’<<esaltaziorie del patriottismo e del nazionalismo, be-

ninteso, in quel senso moderno e plebeo, che nulla ha a che fare

con "gli icleali dell’irnperialita e dell’aristocrazia' spirittiale che fu-

rono retaggio della nostra migliore e piill vera tradizione>>.-R Cos} nell’interventis1'no futurista si e rivelata, ad esempio, Pinsofferetiza

per lo <<spirito d’0rdine e di gerarchia», nntrito dalla razza germa-

nica. Se, dunque, il futurismo vuol essere il punto di riferimento

Iairl, p. 65. Iaiti., p. 227.

54

35

it raid. it Iota, p. 228.

-*5raid.

<<LA TURRE>>I DAIJLA DECILDENIZA DEL MUNDD NIUDHRNU til COLPI DI SCUDISCIU

61

della anuova generazione», deve ricenoscere il preprio arnbiente non all’interno della Tradizione spirituale, ma nell’<:<anin1a slava» 0 nella abarbarie dinanlo-meccanica a1nericana>>.““' Dope la critica del nazienalismo e del futurismo, a partite dal- l’ottavo nurnero (15 maggie 1930), Evola intraprende on percorso attraverse il neospiritualisrno italiano, visto come on sintorne della crisi del rnende moderno. Pur essendo una risposta all’<<ordine n1a-

terialistico», arazionalistico» e adognlatico» della rnodernita, lo

spiritualisrno costituisce, infatti, una rninaccia nei confronti della

personalita, in quanto clegrada la coscienza al livello inferiore,

oscuro, del <<n1isticisrno nebuloso». Al contrario, afferrna Evola,

per evitare il pericole spiritualista, bisegna afferrnare l’esigenza di una espe- rienza che lungi dal <<r_idurre» la coscienza, la trasfermi invece in superco- scienza, lungi dall’abelire la distinta presenza a sé cosi facile a conservare dinanzi al rnendo fisico e nelle attivita razienali, la innaizi a on grade superiore, in modo da non alterare i principi della personalita, rna invece da integrarli.41

La prima cerrente a essere considerate e quella dello spiritisme e della parapsicologia. Il rnerito dello spiritismo inizia e finisce, se- condo Evola, nell’aver riscoperte un ordine di fenomeni gia ampia-

mente conosciuti nell’anticl1ita, ma ormai etichettati come acrea-

ture della superstizione».‘i2 Per contro, la <<rnedianita» e, in prime luego, <<un rnetodo cosciente per ettenere 0 accentuate la disgre- gazione dell’unita di una persona »; in secondo luogo, puo divenire un focolaie di <<infeziene psicbica» per Fanibiente circostantef”

Per quanto poi concerne gli aspetti teorici, Evola, sulla scia del

Guenon dell’Erreiir spirite, esclude. a priori che nelle sedate siano

evecati gli spiriti defunti. Si tratterebbe, piuttesto, <-:'di forze e

di cornplessi psichici vaganti nel. snbumano con maggior e minor

relazione all’elen1ento “demonico-” della natura,'ovvero di residui non pits appartenenti ad anime ascese, 0 ancera di prodetti della

decomposizione delle anime che addirittura non sopravvissero».“‘i

dei

di

Al di la delle spiritisrne, la psicanalisi rappresenta un principie '

superamento, in particolare in relaziene al metodo:

44 Iaiii., p. 233.

41 Iaiii, p. 304.

42 .-."aiti., p. 305.

43' Iaiai, p. 306-.

62

CAPITGLU saconeo

Non si tratta piii di un semplice accertare 0 prevocare dei fenomeni psichici,

si tenta invece di precedere in prefendita, di ferzare le seglie deil’inconsci0 e del preconscio, di frugare nella aorta sotterranea dell’io, di far affierare alla luce della coscienza distinta le cause che devranno risolvere determinati fene- meni psichici e psico-fisici da esse prodotti.45

Per Evola, la psicanalisi e un sintomo dell’<<irrealta della co-

scienza moderna», nel sue individuare la distruzione dell’unita spi-

rituale dell’uo1"no tra avolonta di piacere» e acostruzione sociale». Cogliendo nella libido la radice fondarnentale della <<vita sotterra-

nea prepersenale», Freud non farebbe che ripetere, in forrne inade-

guate e incomplete, una verita della Tradiziene, gia espressa ad

esempio nel buddhismo o nella nietafisica plotiniana. Nella misura

in cui amette a nude la potenza irrazienale e selvaggia dell’I0 sot- terraneo>>,“f’ la psicanalisi potrebbe costitoire on aprincipio di sa- lute», ma in realta, corne nello spiritisrno, <<una volta dischiusa la

porta degli “inferni”, essa non offre nessun mezzo di difesa e di

reale dorninio». La psicanalisi, rivelando il contrasto tra Superego

ed Es, risveglia il sonnarnbulo che cammina sull’orlo del baratro. Essa rappresenta, dunque, on pericolo, un disvalore, quando non e preceduta da una disciplina di ferrnazione dell’t1nita spirituale della personalita, evvero da un’<<ascetica». Evola propone di fatto

un’integrazione tradizionalistica della psicanalisi: il metodo della

apsicologia della profendita» termina, infatti, ancor prima di co- rninciare: <<Esso getta on allarme, pone un preblerna, ma non fa

nulla per la forrnaziene di quella supercoscienza, che puo davvero risolverlo, eliminate i pericoli dell’analisi».‘“' Iftiltimo saggio, dedicate allo spiritualismo italiano, s’intitola Critica della teosofia ed esce nel numere del 15 giugno 1930: << La discrirninazione fra cio che v’e di buono e cio che v’e di negative nel complesso teosofico — scrive qoi Evola ~ di massirna si lascia ricondurre a cio che in esso si rifa alle visioni tradizionali dell’0rien- te, e cie che e invece dovuto alla mentalita occidentale, agli influssi dell’epoca e al fattore personale degli aderenti».'43 L’errore fonda-

45

laid, p. 321.

44

Iaid, p. 325.

4? It-ta., p. 323.

44 Iaiii., p. 373. Dopo aver collaborate, tra 1923 e 1926, con la rivista <<i_iltra» e con la Lega

_

<<L.A TURRE>>I DALLA DECILDENZA DEL MUNDU MUDERNU AI COLPI DI SCUDISCICI

6}

mentale del teosofisrno consiste nell’aver ripercorso la via subnor- male della medianita e del visienarismo, -<<lungo la quale non puo esservi nessun criterio di controllo, nesson principie cli discri-

minazione fra l’evidenza fallace di una allucinazione (prodotta 0

meno da influenze subcoscienti) e la conoscenza effettiva sopran- mana, la tee-s0fia>>.“5‘ Ciononostante, nella misura in cui risponde

all’esigenza di una <<te0sofia», di on -asapere» che sostituisca la semplice fede, il teosofismo puo essere inteso come on valore, e, sul

piano del metode, esptime un superarnente sia dello spiritismo che

della psicanalisi: << Si incita a rimuovere il livello statico abituale del- la coscienza, a potenziare Pautocoscienza, tanto da prender un con- tatto con la realta invisibile da testimoniare, in pari tempo, con la

cencreta potenZa»_5“

.

2. Ipriricipaii coliaaoratori

Fra le poesie di Arturo Onofri e di Gnolame Corni, le interpre-

tazioni esoteriche dell’ascensiene in alta montagna di Davide Ru- datis, la ametafisica della favola» di Gino Ferretti e gli spunti

antiarnericanisti di Emilio Servadio, le piu interessanti collabora-

zioni di << La Torre», dal punto di vista politico-filosofico, appaiono quelle di Guido De Giorgio, Ermanno Gelovich, Carlo Rossi di

Lauriano e Marcella D’Arle.

pseudonimo <-: Zero», De Giorgio concentrera i suoi inter-

venti sul tema della distinzione tra <<contemplazi0ne» e <<azione» nello spirito tradizionale. Da un lato, la conternplazione non e con- fuso soggettivismo, ma <<conoscenza ditetta della realta supreme»,

conoscenza ache si ottiene esclusivamente con la realizzazione ef- fettiva di essa realta, con la rnorte e distruzione dell’uor110 nel Prin-

cipio, con la risoluziooe di tutta la manifestazione visibile nella ra-

Con lo

oaiore iieifoacaititoro rieiia oiiitaia ooriterrtpoiarica, in -:<Bil7ci1t1is», novernbrc 1927, pp. 250-69. Suil’argomcnto vedi M. Rossi, jiitiias Eooia e ta Lega teosofioa iririiperioierita iii Rosita, in <<Storia

Cerpzernporanea», XXII, 1, febbraie 1994, pp. 39-55.

4 laid, pp. 373 sg.

_

54 Iaid, p. 374. Queste rifiessioni confluitanno in I. Evola, iiiascaera e ooito iieiio spiiitaaii- srrio ooriterriporarieo. Aaaiisi oritica deiie pririoipaii oorreiiti ??2‘06i€??i€ verso ii asoprariiiatiiraie» (193 2}, Edizioniiviediterrattco, Roma 19714 . Nel saggio, l’analisi evoliana prende in considera- aionc anche Yantroposofia, il ncomisticismo di Krishnamurti, ii tradizionalismo integral-e, il apri-

64

car-rr01.o SECDNDE}

dice invisibile >>.51 Dall’altro lato, Paziene non e <-zpratica quotidiana»

né aagonismo sportive», rna acenoscenza dei rapporti del monde elernentare», <<riflesso macrocosmico», arelative dominio di tutte

le f0rze».52 Il ritorno allo spirito tradizionale e aneclessario per la contemplazione e per 1’Aziene». L’Occidente deve epurificarsi», ovvero avolgersi alla contemplazione di cio che queste boie arti [I5'ilosofia, Arte, Estetica, Cultura, Progresso, N.ai.R.] hanno effu- scato, la solit-udine realizzatrice e l’azione contenuta nei limiti "cl-_l_'1e essa ha sempte riconosciuto nei tempi normali, nel Medioevodla primavera d’Europa, e in Oriente».5i' Quanto agli articoli di Gelovich, il prime, Tratiiziorie e democra-

zia, si presenta subito come un atto di accusa diretto contro il tra-

dizionalismo nazionalistico, etichettato quale -aeresia antiaristo- cratica, democratica e livellatrice».54 L’appell0 alla tradiziorie del

nazionalismo non e che una delle manifestazioni dello aspirito

democratico»: <<Cio che la democrazia in senso ristretto e rispetto allo spazio —- afferma Gelovich — cio la “tradizione” lo e rispetto al tempo: on fenonleno essenzialrnente plebeo, una espressione di spi- rito di massa».55 Al contrario, la tradiziene esoterica, <<inv=ece di

esprimere il dominio irrazienale di urfanirea cellettiva», rivela <<il dominio di principi e di esseri superiori septa Firrazionalita di quel- l’anin1a popelare».5“* Nel quarto nurnere (15 matzo), Gelovich pren-

de spunto dalla constatazione del disinteresse giovanile nei con- fronti della filosofia e della prevalenza di correnti irrazionalistiche,

per preperre -un superamento della crisi contemporanea che passi attraverso un anuovo classicismo», ovvero attraverso la definizione

di una <<forrna», di un’<<organizzazione spnituale», capace di domi-

nare l’<<irrazienale» non con il <<razionale», ma con il << superrazionale » 1;

Ma il saggio piil significativo compare il 15 aprile 1930 e rap- presenta una sorta di lettura tradizionalistica del Traaiirrierito dei

55 Zero (pseud. di G. De Giorgio), Note sit io aspirito tratiizioaaie»: fa ooriterapiaziorie e Fa-

ziorie, in <<La Torre», 7, 1° maggio 1930; era in Evola, La Torre cit., p. 251.

55

Iaiti., p. 256.

-

55

Zero, Ritoino aiio spirito iratiizioriaie, in <<La Torre», 2, 15 febbraie 1930; ora in Evola,

La Torre cit., p. 77.

'

54 E. Geiovich, Tratiizioiie e deraocrazia, in <-:La Torre», 3, 1'5 matzo 1930; 0ra in Evola, La

Torre cit., p, 103.

55 Iaiti., p. 101.

j

'-

-

<<LA TURRE>>I IJALLA DECADENZA DEL MUNDD MUDERNU AI COLIJI IJI SCUDISCIU

65

0/aierici di]ulien Benda. Secondo Gelovich, il merito di Benda con-

siste nell’aver posto in evidenza on fatto ormai palese:

Nel mendo contemperaneo sotto l’influsso di una cultura che tende sempre piii alla negazione di ogni ttascendenza e universalita, all’esalta2ione della vita nella sua immediateaza bruta, nella sua istintivita irrazienale, non sola- mente i caierici si son dati a coltivare anch’essi, in quanto uemini, le passieni realistiche (odi di naziene, edi di classe e simili}, ma, cosa infinitamente pin

grave, si son dati a esaltarle come le sole passioni che sia belle e degno colti-

vare .1; le hanno fornite di poderese armature dottrinarie e filesefiche .],

hanno sparse a piene mani ilridicolo e Fabbiezione so tutte le nozioni e i va- lori eterni trascendenti universali, superiori a ogni differenza di razza di nazio- ne di classe, li hanno bollati a fuoco come astrazioni menzegnere e fallaci.55

Il prime limite della critica del filosofo francese va, pero, indi-

viduato nella mancata definizione dell’ideal-tipo del <<cl'1ierico»:

<<Benda in fondo - scrive Gelovich — non ha alcun senso di cio che e veramente trascendente, e per questo non puo dare al suo tipo di “chierico” una base salda. Io lo vedo aggirarsi soptattutto nelcan'1-

pe di un universalisrno razionalistico, urnanitario e letterarie, in

opposto al particolarismo delle passioni politiche e alle spirito di

letta>>.53 In realta, quello indicate da Benda non e che un case parti-

colare di un tradimento piu vasto, che risale alle origini della mo- dernita, del razionalismo, dell’uma.nismo. Di conseguenza, iveri

modelli del <<cl1ieric0» non pesseno che identificarsi, ad esempio, in

Buddha, Lao-tze, Plotino, o negli << asceti ed eroi dei tempi anticl'1i».54

Un secondo errore di Benda riguarda <<l’incemprensione per l’a- spetto attivo ed “eroico” della spiritualita>>.‘““ Se, infatti, vi e <<on

aspetto contemplative, ascetico, indifferente alla terra, alle sue

lotte e alle sue tragedie, del chiericato», vi e anche <<un chiericato

attivo, militante, guerriero>>.’““ A Bends sfugge completamente il

significato tradizienalistico dell’<<azi0ne pura», l’<<azi0ne infor- mata spiritualmente»: tra l’<<interesse contemplative e oniversali-

stico» e <<l’attivita-presa dalle passioni e dagli scopi imrnediati»,

egli non vede nessun termine medio.

5 5 E. Gelovich, Jlaiieii Bemia e ii_'pi'0aieriia dei << Tratiiriierito dei caierioi», in << La Torre», 6, 15 apriie 1930; era in Evola, La Torre cit., pp. 213 sg.

55

laici, p. 215.

55

laid, p. 216.

55

laid, p. 213.

61

Iata.

66

caP1ToL0 SECONDO

Quanto al duca Carlo Rossi di Lauriano, il suo atticolo, uscite nell’ottav0 fascicolo di <<I Torre», indica nell’aristocrazia il seg- getto sociale dell’appello alla restaurazione tradizionalistica invo- cata dalla rivista:

Io penso che le idee della spiritualita aristocratica di cui <<La Torre» sta riprendendo la tradiziene e la difesa, non sono di quelle che si riducone al mondo deile <<te0rie»: esse hanno un centenute di vita, esse - mi sembra —

non sono vere che quande sono vissute. Ma quale adesione potrebbe dunque

esser piu vera e piii naturale di quella dettata dalle radici stesse del sangue ari- stocraticei‘ Per evitare un aristecratisrno dilettantesco, estetico, ir1tellettuali- stico, bisegnerebbe augurarsi che in seno alla stessa nebilta tradizionale, per la ferza di certe idee, avvenisse un risveglie spirituale, il quale perterebbe immediatamente al ricenescimento della necessita impellente di difendetsi, sia nella classe che nel principi0.‘45

a

Per fare del cete aristocratico l’effettive motore del processo di

ritorno alla Tradiziene, Di Lauriano propene, di fronte al dilagare della medernita, tre principi assoluti di cernportarnente: il rifiute del denare, Fallentanamente dalla politica e il totale disprezzo verse i

avalori del lavore». Il passo successive puntera a -arisvegliare nel san- gue aristocratico la coscienza spirituale dellaristocrazia» e a tradurla

in <<un’azione pratica di isolamento, di difesa e di ric0struzione>>.“5’ Alla concezione tradizienalistico-esoterica della denna e, invece,

dedicate il saggio di Marcella D’Arle, dal titolo Difesa della dorma

islarriica. L’l1arem viene qui indicate come luogo di realizzaziene

sacra e ascetica della femminilita. Di fronte alla donna moderna, ache si s appropriata delle virtil e dei difetti degli uomini>>,"5‘ la

denna islarnica presenta una <<piu alta pessibilita spirituale». Dal momento che <<la donna realizza sé stessa nel non vivere per se, nel

voler essere tutta per on altro», nell’harem si superano i vincoli della gelosia e dell’egoismo e la donna, senza piilt bisogno di ali- mento esteriore, <<arde e risplende di sua propria vita».‘5*i Nelle stesso numero, Evola aggiungera alcune precisazioni sul-

l’articelo di Marcella D’Arle, all’intern0 della rubrica <<L’Arce e la

Clava»: <<Si dira che solo pochissime donne pesseno aver vissuto

'55 C. Ressi di Lauriane, Spirito aristociatico e casta aristocratioa, in << La Torre», 8, 15 rnaggio 1930, era in Evola, La Torre cit., p. 286. '55 laid, p. 289. 54 M. D’Arle, Difesa cieiia iioriria itiarriica, in aLa Torre», 8, 15 maggie 1930,_0ra in Evola, La 'l'orre cit., p. 296. '55 laid, p. 284.

<<LA TClRRE‘.>>I DALLA DECADENZA DEL MUNDU MODERNO AI CDLPI DI SCUDISCIU

6]?

veramente la spiritualita del sacrificio dell’harem 0 anche della

famiglia tradizionale; e che in nome di essa non si ha diritte di gin-

stificare quelle istituzioni che nella gran parte dei casi sono state

tutto l’0pp0sto della spirituaIita>>.'5‘* L’argon1ento ceinvelge il pre-

blema della <-:forn'1a» di una tradizione. La legge tradizionale si esptime sotto forrna di adogma» e di istituzioni rigide e definite:

casta, famiglia, harem ecc. La Tradizione impene Febbedienza da parte dell’individue, con una sola riserva:

R necessarie che vi siaqualcune nel quale la forma esteriore impesta dalle

istituzioni (in on altro piano: dal dogma) sia realmente animata e riselta nello spirito e nella liberazione che vi corrispendono. Allera coloro che non pos- sono che obbedire, capisceno percaé debbono obbedire, e trovane un sense

superiore dell’ubbidienza.55

Accanto agli articoli di Evola e dei suoi collaberateri, <~:La Torre»

si contraddistingue anche per alcuni centributi stranieri. Oltre alle

citazieni di Benda, Bachofen, Nietzsche, emergeno, in particolare,

una traduziorie da Paul Tillich, sulla <<dc1"nonicita» come fenomeno

di edistruziene della ferma>>f-5 e un articole di Lucien Duplessv sul

-<<macchinismo» come strumento di dissolvimento della cultura, del- l’ar\te, dello spirito, della persoilalita.‘-5" E invece lo stesso Evola a presentare l’epera di Rudolf Kassner,

Zaal arid Gesic/at. Le speculazieni di Kassner sulla distinzione tra

amovimento infinite» e << spazio assoluto» si tradncene, nel di- scorso evoliano, in <<valore sintomatico» della decadenza moderna:

Si

pub dire che le forme-limite di cui parla Kassner, ci danne come due peli:

ed

it visibile lo spestarsi della cultura eccidentale dal1’uno all’altr0 di essi: dal

mendo del volto a quelle della maschera; dal mendo del significate a quelle del numero; dal mendo dell’individualita a quello del -:<tip0»; dal mendo del ritmo a quello dell’atte autematice e della vita istantanea e discentinua; dal mendo degli scopi e delle potenze interiori a quelle degli oggetti e delle-rea lizzazieni finite. Il mendo moderno e clevvnesco, s spettrale, if: tin mendo di cose piii che non di uornini, di pupazzi e di pupazze, di acostruzieni» 0 di mec- canismi che danne il contrappunte a una vita in cui non vi e piu nulla di infi-

nite, di veramente interiore e di veramente libere.55

'

55

Evola, La Torre cit., p. 313.

55

laid:-, p. 314.

55

P. Tillich, Coriosaerr2fa- dei tierrioriico, in <-:La Torre», 3, r5 matzo 19 30, era in Evola, La

Torre cit., pp. 104-06.

55 L. Duplessv, La raaocaiaa e ia raorte tieifiariirria, in eLa Torre», 6, 15 apriie 1930, era in Evola, La Torre cit., pp. 234-38.

68'

caP11oL0 SECONDO

3. La raarica <<L"/ilrco e la Claoa»

Il vere campo di battaglia di <<La Torre» e la rubrica <<L’Arco e

la Clava» (l’arco per celpire i nemici lontani, la clava per quelli vi- cini), nell’ambito della quale, al di la di temi gia noti come quel-

li del paganesime“ 0 dell’antiamericanism0,i5 la pesiziene predo-

minante di Evola si esplica su tre diversi versanti:

- lo scontro con <<Critica Fascista» di Bottai, e, piit in generale, con la sinistra fascista; ~ il tentative di cooptaziene dei gruppi militari dei volontari di guerra; 5 — l’attacco rivolte alla cultura <<squadrista». Gia nel prime numero, Evola non esita ad accusare il <-:Dega- niere» di <<Critica Fascista» (Gherardo Casini) sul tetna del corpo-

rativisrnoz

Perché non dire che se vi seno dei adisfattisti» del fascismo, sono appunto costoro, che pensano che i cempiti e l’origina_lita del fascismo si riducano a questa e quella rierganizzazione <-tseciale», e che pretendono che quelle que- stieni di mera <<an1ministrazione», che i Signori di una velta lasciavano ai loro liberti e ai loro castaldi, debbane divenire ia preoccupazione ebbligat0- ria di egrii fascistaP55

Alla volgare risposta di Casini, contenuta nell’articolo intitolato Uri profeta iii ?ra'ititE?t6i€,54 Evola replica cercando di distinguere la stima per Bottai dalle precisazioni sulla tradizione spirituale:

Ma a chi é mai saltate in testa, fra noi, di dire che fascismo, cemunisme e anarchia sono la stessa cosa? Che il corporatioismo s’identifica col peroertirrieiito sociaie ciell’Occicierite? Che nei siamo fascisti nella misura che il fascismo fa oooioiio a noi? Ma andate a imparare a leggere, prima di parlare! Che melti eggi si sentane disturbati se qealcune, prima che per qualsiasi partite peli- tice, si dichiari per una idea (e qaesta idea, possiamo par ciirlo, iri fascia aiia poi- tigiia pleaea, per rioi ale << La Torre», E’ fiaea aristocratica e imperiale) noi ben le comprendiamez ma per travestire tale risentimento eccorreno altri espe-

51laiii., 1, 1° febbraie 1930, pp. 54 sg.;7,15 maggio 1930, pp. 272-74; pp. 276 sg., per un attacco al medernismo cattolico di Buenaiuti. 55 laid, 3, 1° matzo 1930, pp. 131 sg.; 4, 15 matzo 1930, pp. 165 sg.; 10, 15 giugno 1930,

1>- 384-

-

.

55 lai.<i., pp. 56 sg.

54 G. Casini, Uri profeta iri rriatarazie, in <-:Critica Iiascista», 4, 15 fchhraio 1930, pp. 70 sg.

<<LA TClRRE>>i DALLA DECADENZA DEL MUNDU MUDERND AI CULPI DI SCUDISCIU

69

dienti che non le falsificazioni e on certe signerile parlar di ebrache» e simili che ci dice sole in che ambienti quei ragazzi debbone aver ricevuta la loro

educazi0ne.55

.

Dopo aver valutato favorevolmente gli spunti di apertura e di

cenvergenza presenti nell’articolo Polerriicae del 1° marze 1930, firmato da Bottai e Casini,“ Evola si scontra nuevarnente con il

<<D0ganiere» due settitnane dopo. Al brano di Casini del 15 marzp

segue, infatti, la replica definitiva so << La Torre» del 1° aprile: <<_E

egli — Gherarde Casini ~ il prime venuto, il nato ieri, il sorto fra polemichette gazzettiere e i gracidii pelitici. Che egli speri che una

futura nascita gli perrnetta di fare appena qualcuna delle coserelle

che alla sua giovane, impubere eta noi avevame gia fatte. Per era,

se ne resti pure, da qnel mistificatore che é, fuori dalla porta, dove

l’abbiamo rnesse, non con le mani, ma con le m0lle».55 Con <<Cr'itica Fascists.» la polemica si riapre in riferimento all’a_r-

ticolo di Bruno Sparnpanato, Egaaziorii riooiazioriarie: dai Bobca-

oisrrio ai Fascisrrio, che insiste sul tema dell’assimilazione tra fasci-

smo e bolscevisme:

Se

per avventura questa idea stravagante, che reca eltraggio alla tradiziene

di

Roma, nell’asseciarla alla barbaric moscovita, e che identifica il fascismo

a un bolscevisme perfezienato e regoiarizzate con piena disttuziene di ogni privilegio di classe e di aristocrazia, devesse avere un qualche fendamente, noi non esiteremme on istante a dichiararci del piir aperto e irriducibile anti- '

fascism0.'55

Nel numero successive Evola avrebbe riprese il riferimento al

saggio di Fiilbp-Miller, ll volto del aoisceoisrrio, criticando la prefa- ‘

Ci sembra che anche Malaparte sia fra quelli che pensane che il bolscevisme

(figura dal volto pii1 eurepeo che non asiatice —a sue parere) abbia una mis-

sione europea - pesitiva, s’intende, perché esso ha distrutto la berghesia. Malaparte si dimentica pere di dirci in neme di che cosa sia avvenuta questa distruziene della berghesia, e a che stregua tutto as sia un bene.55

ziene di Malaparte:

"

55

Evola, La Torre cit., p. 130.

55

G. Bottai e G. Casini, Poierriioae, in <<Critica Fascists», 5, 15 matzo 1930, pp, S1 sg.

55

Evola, La Torre cit., p. 202.

55 lai£i., p. 276.

70

CAPITOLU SECONDS

In realta, la rivoluzione russa non ha distrutto la borghesia, ma <<l’ordine aristocratico e imperiale». Il sistema di oppressiene zari- sta é per Evola una <<pura fiaba». Le masse russe vivevane <<una vita sana e normale, che oggi Er solo da rimpiangere».55 A traspor- tare ail virus infettivo delle detnagogie europee» sono stati <-zquei quattro anarcoidi dell’intelligl1entia» e per essi <<v’é solo da rim- piangere che il regime czarista non sia stato abbastanza severe».

Ai gruppi dei velentari di guerra, rappresentati dalle riviste

<<V0lonta d’Italia» e altalia grigio-verde», Evola fa appello diret- tamente nell’aprile 1 930:

Ci piace dichiarare la nestra simpatia per alcuni gruppi italiani, che ben ver-

remmo vedere in tutt’altra dignita gerarchica rispetto alle tante <<erganizza- zieni» che sevraccaricane il paese. Si tratta dei gruppi di velontari di guerra, nei quali si mantiene rigida una fede, che in mezzo alle centingenze attuali e fra le piii preziese. Presse alle nestre idee, sull’ass0lute primate che deve spettare alle aristocra- zie guerriere, sulla guerra come valore spirituale, sull’er0ism0 come via di liberazione e di realizzazione specifica della tradizione eccidentaie, presso a tali idee, noi non possiamo che rallegrarci che qualcuno sappia ancera veder

qualcesa oltre i <4 sindacati» e le <:<corperazi0ni» e sorpassando egni nu0vissi- me travestimento di ideolegie plebee e democratiche, sappia elevare la figura

di chi combatte a quella di un <<Cavaliere dell’Ideale».55

I1 problems fondarnentale e per Evola quelle di creare <<un cen-

tre di raccolta per un pure spirito guerriero, per un pure spirito

ereice», su cui ricostruire, al di la di <-tistanze ipecritarnente reli-

giose», il aproblema delfeducaziene e della gerarchia». Nel numero ottavo, Evola-ritorna sull’arg0mente, per ribadire,

in polemica con <<Quarta R0fi18.>>, i caratteri dello stile guerriero in

senso tradizienale. Il <<patri0ttismo» costituisce un capovolgimento dei valori aotentici della guerra:

Il vero guerriero vede nella guerra ii fine (perche si vede la realizzazione del

suo modo d’essere, che lo adegua alla -adignitii» della sua <<casta»), nel reste vede un rriezzo. Quande invece il fifrie sta altrove, e la guerra diviene rriezzo,

allora non si parli pie di gaerrieri: vi saranno dei soldati, dei rriiiitari (che col eguerriero» non hanno nulla da spartire), ovvero degli esaltati e dei fanatici

da cempatire. Nora ci si aatte per ari pezzo Gli terra, rria oi si aatte perc/Eve la gaerra

a aerie, cosi suona la nestra morale arist0cratica.55

55 laid, p. 317.

55 Iai-si., pp. 205 sg.

<<I TURRE>>I IJALLA DECADENZA. DEL MUNDU MUDERNU AI CULPI DI SCUDISCIU

A

‘II

Alla proposta evoliana di una valerizzaziene in senso tradizie-

nale della guerra, <<V0lenta d’Italia» rispondera con pesanti note sulla presunta <<efferninatezZa» di Evola, mentre l’<<Italia grigio-

verde» gli consigliera lfiscriziene alla Legiene straniera. Nell’ulti-

mo fascicelo di << La 'I'0rre»-, che non a case presenta in apertura il saggio citato sulla epiccola» e agrande guerra santa», a Evola non resta che prendere atto del fallimento del tentative di apertura agli ambienti militari, in un clima di reciproche rivendicazioni di virilita:

Il vostro estile» ci ripugna, ci ripugna il patriettismo fanfarene, la retorica, la efaccia faruce» squadristica, lo scattar da esaltati e da anime incomposte:

tutte cose che seno esattamente l’0pposte della virilita calma e fredda .e si- gnera di se quale ogni vera casta guerriera, a partir da quella di Roma (Roma che mai ebbe bisegno di ridiceli pretesti irredentistici 0 patriettici per affer- mare e per realizzare la sua volonta di dominio), l’ha cenosciuta. Cie, tanto per allineare le nostre carte.55

Il terzo bersaglio di <<L’Arco e la Clava» e rappresentato dalla cesiddetta cultura asquadrista», impersonate, in questo case, da <<Antieuropa» di Asvero Gravelli, da <<L’Impero» di Luigi Setti-

melli e Guglielmo Danzi, da <-:Oggi e Demani» di Mario Carli.

Ifattacco alla rivista di Gravelli si consuma nel secondo numero

(ii <<La Torre»:

In <<Antieurepa» - scrive Evola - nessuno e all’altezza delle idee difese: ra- gazzi privi di ogni preparaziene, -privi di <<stile» e talvelta persine di serieta, essi con ideelegie venute dal basso e infette di passiene politica compromet- tene agli ecchi dell’estero dei simboli, che petrebbero essere grandi, e cesi frustrano qualcesa, che avrebbe potuto sertire un esite ben diverse.54

Il prime limite e centenutistico e scaturisce innanzi tutto dall’iden-

tificazione fra tradiziene europea, romanita e cattolicesimo: << La real-

ta e che qui “Antieurepa” si limita a ripetere le formulette rnesse in circolazione dal Massis e da altri dilettanti, circa la fonziene di “di-

fesa dell’0ccidente” data al cattolicesimo».55 Male debelezze cultu- rali non si riassumono esclusivamente nella pesiziene filocattolicaz

Ecco, difatti, chi c’insegna che la tradiziene primordiale degli uemini fu la

legge delle bestie

55 laid, p. 382.

54 laid, p. 91.

.]. Ecce chi fa singelare testimenianza delle spirito ereico

72

c.sr>1"ro1.o saconeo

nel pensare a un aevelversi» della guerra in elavore» e competizione pre-

duttiva [ ].

tica esptime uno spirito di realisme che ha sorpassato il cataclisma della guer-

ra

sespetta ideolegia pelitica del Risergimento, dichiarandola antilatina e anti-

[ Ecco chi liquida la Germania, seguendo anche qui il Massis, 0 qualche

Ecco chi ci viene a dire che, al pari dell’Italia, la Russia sovie-

].

remana a causa della Riferma [ Ecce infine chi perenteriamente rilega

nelle afredde tenebre del materialismo» cie che si discesti dalla civilta ro-

mana, associata naturalmente a quella cattolica, mettendosi in tasca senz’al-

tre le grandi civilizzazioni spirituali non-eurepee 0 pre-cristiane.55

].

Di conseguenza, i collaboratori di <<Antieuropa» non sole seno fautori di idee pin grandi di loro, ma rischiane di compromettere Yimtnagine all’estero delle possibilita << spirituali e-metapolitiche» del

fascismo. Al di la dei contenuti, si pone infatti un preblerna di stile nella cenduzione della battaglia culturale: << Sepra egni cosa — afferma in tal sense Evola — domina poi la preoccupazione faziosa dell’at-

tacce pelitico; del cenfendere pear caase cie che ha relazione con la

politica con cie che di tale relazione e prive; e, infine, di rifarsi a egni

pie sospinto al fascismo, senza quelle riserve e quella prudenza, che

nell’interesse delle stesso fascismo assai sarebbero da desiderarsi»i‘i Centre <<L’Impere» di Settimelli e Danzi, Evola si lirnita, inve-

ce, a una nota a margine di un brano in difesa della dignita intellet- tuale di Benedetto Croce:

Nei affermiamo che all’<<lmper0» e devute il ridicele, che in melti ambienti stranieri si as estese all’idea imperiale italiana. Quests affermazione, non richiede nessuna aspiegazione». La verita non ha bisegno di spiegazioni. Nei

abbiame il ceraggie di dire a vece alta cie che tanti vigliacchi si limitano sole

a pensare, con e senza riferimento a certe intimidazioni che talune chiama <<diciannovistiche», e che noi chiamiame teppisticae.55

Dal citato articele di Carlo Ressi Di Lauriano sul rapporto fra

Tradizione e- aristecrazia prende, infine, le messe lo scontro con Mario Carli. A questo proposito, in un atticolo intitolato Aristocra-

zia o pederastiai‘, pubblicate su << Oggi e Demaoi», Carli aveva scritto:

Che cosa vuol difendere, questo signer Duca di Lauriano, ignote al pertalet- tere, che sulla <<'I'erre», il giernale degli invertiti (sul quale non sappiamo come mai la Polizia non abbia anc0r_ gettato un’0cchiata}, scrive delle sce-

:5 laid, p. '95. laid, p. 96.

<<LA TURRE>>I IJALLA DECADENZA DEL MDNDD MDDERNU AI CULPI DI SCUDISCID

75

menze centre di noi, che cosa vuol difendere col suo articole cartilaginose da mellusce prensile? Che cosa pue avere di cemune con la signerina]. Evola Paristecrazia d’Italia? A nei, che fummo accusati di diffamarla, l’Aristecra- zia, sembra che non ci possa esser proptio nulla in comunez la giudichiamo treppo piii in alto di simile cleaca. Ma il Carlo Ressi di Lauriano la metre alle stesso livello del truegole evoliano, e allora é proprio lui a diffamare l’Arist0- crazia. Nei cui saletti, s’inf0r111ibene, noi abbiame sempte bazzicare pur non

facendene un vante, e centinueremo a bazzicare sempte che ci fara piacere.55

Da questi argornenti muove la sfida lanciata da Evola di fronte

allo <<scatte isterico» di Carli:

Nei pere prendiame per il bavere il direttore del foglie, il Sig. Marie Carli,

e diciame sul livido volto di questo rnessere che egli e un fellone, un turpe impestere e un mascalzene se non l1a ii ceraggie di affermare a vece alta e in termini netti le insinuazieni a nestre riguarde che egli ha sbavate a rnezza vece al modo delle bisce in quella nota, tanto da schivare d0nambondiesca- mente irigeri della giustizia.55

La vicenda si conclude con lo scontro fisico, docurnentato in conclusione all’ultirno numero di <<La 'I'erre», nella nota Mario Carii

fiistigato:

Incontrate il nos tro direttore, egli ha tentate di aggredirle con uno scudiscio. Ma male gliene incolse. La asignerina» (cosi l’aveva chiamate) Evola gli ha fulmineamente strappate di mane lo scudiscio, con esse stesso infiiggendo l’e- nergica lezione che quel livide vise si meritava. Lo scudiscio s state poi con- segnato dal nestre direttore nello mani di un agente.55

Dopo una prima <<diffida» inviata a Evola, la pelizia proibisce alle tipografie di stampare << La Torre» e a nulla serveno le prote- ste del direttore presso Leandro Arpinati, allora Ministro degli In- terni: <<Egli mi fece presente il clima impossibile che si era create intorno a “La Torre” e disse che, se mai, se ne sarebbe riparlate do-

po che le acque si fessere calmate. Ma ie ne ebbi abbastanza, smisi

e me ne andai in alta m0ntagna».55 ll fascicolo della Polizia Politica, riguardante <<Evola Jules», pre-

senta dichiarazioni da fonti cenfidenziali e anonime proptio a par-

tite dal febbraio 19 30, con riferimenti a <<La Torre», come <<gi0rna-

55

Ivl. Carli, ./ii'ist0ci:azia o paciei'astia.-5," in <<Oggi e Dornani», 6, 26 maggio 19 3 0,

p. 2.

55

Evola, La Torre cit., p. 349.

9‘ eta, p. 386.

 

74

CAPITULU SECDNDU

le subdolo, che nasconde molte abilmente un’aziene contro il regi-

me:->.55 Evola e descritto come aex anarchico-indianista», <<discepe- lo» e aagente di Krisna Murthi» [sic], eagente rosso-ebreo» di-

pendente dalla Terza Internazionale e dalllnternazionale ebraica, apederasta», <<degenerato>>,54 <<cocainemane»,'55 <-zassiduo frequen-

tatore di taaariris e di ritrevi netturni», affiliate della setta satanista

di Crov.rley.5‘5 E non a case, in prossimita del processo successive alla

querela di Evola contro Carli, alla Polizia Politica viene ricordata un5affermazione del direttore di <-:La Torre» sulla facolta di -apoter uccidere S.E. il Capo del Geverno con le forze medianiche che egli

dispene e cioe nel momento in cui si credera piu oppertune>>.'55 Le

stesso Evola si ricordera di tale accusa nella sua autebiegrafiaz

In un altro contesto, Mussolini per un memento credette che si velesse agire

magicamente su di lui. Cie avvenne un p05 pie tardi, se ben ricordo verse il

1930 0 il 19 31. [ Mussolini, eltre che suggestionabile, era abbastanza su-

perstiziese (come controparte di una mentalita, in fondo, chiusa alla vera spi- ritualita) .55

]

Osteggiata da Starace, dalle squadrisrno e ferse, per i motivi suddetti, dalle stesso Mussolini, l’esperienza di <<La Torre», sorta fra i teni apocalittici della decade.-nza del mendo moderno e nel-

l’invocazione di un <<superfascismo» tradizienalistico, finiva cosi per concludersi grotte-scamente, tra colpi di scudiscio e reciproche accuse di ornesessualita. Tuttavia, la lezione di << La Torre» era chiara: <<Per agire o, almo- ne, per aver mane libera, bisegnava assicurarsi una qualche base all’interne della cittadella».55 E ad aprire le porte della cittadella fascista, Evola avrebbe presto trovato Giovanni Preziesi e Roberto

Farinacci.555

55 AC5, MI, DGP5, Div. Polizia Pelitica, busta 467, fascicele 64 {<<Ev0la Giulio Cesare)’

Jules»), 24 febbraio 1930.

it Iata.

55

laid, 2 luglio 1931.

55

laid, 25 febbraio 1930 e 3 aprile 1930.

55

laid,

12 aprile 193 1.

55

Evola, li carririiirio dei ciriaaro cit., pp. 88 sg.

55

laid, p. 102.

555 Sui rapporto fra Evola, da un lato, e Preziosi e Farinacci, dall’altr0, si veda Evola, llcarii- rriirto dei ciaaaro cit., pp. 1 02 sg. Per un ritratte eveliano di Farinacci cfr. Id., Fa:-iriacci, in <<Ivie- ridiano d’ItaIia», 8 maggio 1955, era in Id, I testi dei <<alei*idiaao :i5ltalia», a cura di F. Ingra- valle, Edizieni di Ar, Padova 2003, pp. 138-90.

3.

. Rivolta contro il mendo moderno: decadenza e razzismo

(1934)

I

La pubblicaziene di Rioolta coritro ii rraorido raoderrio nel 19 341

cestituisce on prime punto fermo nel cornplesso itinerarie culturale

di Julius Evola, per due erdini di ragioni. In prime luego, questo lungo saggio perta a conclusione un viaggio di avvicinamente al concetto di Tradizione, che, dopo l’esperienza di <<La Torre», ave-

va registrate altre due tappe significative nella pubblicaziene di La tradiziorie erzrietica, nel 193 1,5 e di Masc/vera e volto dello spiritaalisaio

coriterriporarieo, nel 1932. Se, nel prime saggio, Evola analizzava l’er1'netisn'1o alchemice come espressione- della linea tradizionale aregale, attiva e virile»,5 nel secondo, egli ribadiva le sue critiche alle correnti neespiritualiste (spiritismo, antroposofia, teesofia, psi-

canalisi) a partite da pesizieni vicine al tradizienalisme guénonianof‘

5]. Evola, Riooita contro ii rrioririo riiodeino (1934), Edizieni Mediterranec, Roma 1998 {ri- stampa con appcndici che cenfrontane le diverse edizieni eveliane e presentane le recensieni di Benn, Guenon, Eliade, Coomarasvramv}.

5 _I. Evola, La traiiiziorie eraietica, nei saoi sirriaoii, nella saa iiottriria e nella saa aarte regia» (19.31), Edizieni Ivicditcrranec, Roma 1971.

5

Sui tema, cfr. Evola, li carrirrririo dei ciriaaro cit., pp. 107-10.

4

Sui tema, cfr. iaid, pp. 1 1 1-23. Evola esperra la sua critica alle spiritualisme in nurneresi

articoii: Id., <.'{CiCCitliiS??t(J>> e asopraserisiaiie», in <<L’Italia letteraria», II, 29, 19 lugiio 193 1; id,

Spiritaaiisrrio d50ggi,

in <<L’Italia letteraria», II, 33, 16 ageste 193 1; Id., Ciitica tieiia tr:-'oso]‘ia, in <-:L’Italia letteraria»,

II, 39, 30 ageste 19 3 1; Id., Occideataiisrrro e pericoio aspiritaaiistico», in <<Il Corr