Sei sulla pagina 1di 8

Sainda la spada di Giada

di
Emanuele Nicolosi

Personaggi:
Sebastiano: il protagonista, un giovane mago, a differenza dei maghi comuni, non pu rilasciare la sua
magia direttamente da se stesso, ma solo usando un certo e specifico artefatto magico, ovvero, la Spada di
Sainda, che riceve in dono, dal suo addestratore, padre adottivo e mentore, ovvero, il conte Ascanio.
Conte Ascanio: un conte romano e padre adottivo di Sebastiano, un alchimista di lunga data, discendente di
una famiglia di Alchimisti Romani del XVIIsecolo, dona a Sebastiano, una spada magica, fatta di Giada,
invece che di metallo, la leggendaria Spada di Sainda, una spada che pu essere imbracciata e usata solo
da un mago o da un alchimista.
Cathy: una ragazza americana e fidanzata di Sebastiano, appassionata e affascinata dalla cultura italiane e da
ogni cosa riguardi l'Italia, dedice di lasciare gli Stati uniti d'america, per stabilirsi in Italia, lavora come
Archeologa ed esperta di antichit classica greco-romana.
Ludmila: una ragazza Russa, dotata di poteri magici come Sebastiano, alleata di Sebastiano, figlia di una
famiglia di nobili Russi che dopo il 1917, la rivoluzione d'ottobre, ha trovato riparo e rifugio in Italia, figlia
di una famiglia di Maghe e maghi russi, aiuta e affianca Sebastiano nella sua lotta contro i maghi neri...
Principe Arshirun: l'antagonista principale, un principe di un piccolo regno esotico del India, chiamato
Mahdhipur, vuole imposessarsi della Chiave di Salomone a ogni costo...
Luciano: il capo e direttore operativo della Brigata Ariete...
Pasquale: un agente della Brigata Ariete, originario di Napoli, parla con un accento dialettale campano,
funge da spalla comica...
Benso de Bernardi detto Bendy: un giornalista e Paparazzo, che lavora per conto della stampa
scandalistica, cercando sempre di fare scoop e fotoservizi scandalistici su star e celebrit dello spettacolo e
della Cinecitt di quegli anni, anche membri del aristocrazia Romana, diventa aiutante di Sebastiano,
fornendogli informazioni anche segrete e classificate su chiunque risieda o frequenti Roma, visto che Bendy
conosce tutto e tutti...
prologo:
Firenze 1478
una setta di maghi e di alchimisti, i Bendarioti, custodiscono antiche e occulte conoscenze magiche e
arcane che risalgono all'alba dell'tempo,ai primordi stessi dello spazio e dell'tempo come noi lo
conosciamo, i Bendarioti nascosero nelle catacombe di Roma, un misterioso artefatto magico, detto la
Chiave di Salomone, creato dall'leggendario Re Salomone, per poter accedere a livelli magici e forze
magiche, innacessibili e irragiungibili a qualunque essere vivente, la nobile casata fiorentina dei
Saracinei, e in larga parte, composta da membri dell'ordine dei Bendarioti, che per sono braccati e
perseguitati da una misteriosa organizzazione creata da Ducati e principali avversari e rivali
dell'Granducato di Firenze che vogliono spazzare via i Bendarioti, per imposessarsi delle conoscenze
magiche dei Bendarioti, custodi di poteri magici sconfinati e illimitati...
i Bendarioti nascosero la Chiave di Salomone, nelle catacombe sotteranee di Roma, dove nessuno
sarebbe mai riuscito a trovarlo, una arma magica potente e sconfinata, chiunque ne sarebbe entrato in
possesso, avrebbe dominato incontrastato su tutto il mondo intero...
i Bendarioti, avevano l'incarico di sorvegliare e vigilare sulla Chiave di Salomone, per impedire che
cadesse nelle mani sbagliate...
i Saracinei, dovettero scappare via da Firenze, durante il Tumulto dei Ciompi del 1478, durante i
conflitti di potere, tra le famiglie nobiliari di Firenze, mentre i Bendarioti, vennero braccati e perseguitati

nel arco di secoli e di millenni, molti furono processati e condannati dal Inquisizione, nel arco dei secoli,
i Saracinei e i Bendarioti, scomparvero, con essa, l'ubicazione della Chiave di Salomone... almeno...
sembravano scomparsi, poich, rimase un ultimo discendente ed erede dei Saracinei, un ragazzo di nome
Sebastiano...
Sebastiano e un bambino toscano, che perse i genitori, morti in un bombardamento durante la 2 guerra
mondiale, fu allora, quando sebastiano era ragazzino, che scopr per la prima volta, i suoi poteri magici, che
us per proteggere alcuni suoi amici, sia da bombardamenti, che dai soldati nazisti...
Sebastiano fu per anni, un bambino orfano, un orfano di guerra, vivendo per anni in un orfanotrofio, dove
dovette tenere nascosti i suoi poteri magici, per evitare di essere scoperto, ma Sebastiano, venne adottato da
un potente conte del aristocrazia Romana, il Conte Ascanio, che sapeva fin dal inizio, del suo segreto, dei
poteri magici di Sebastiano, Ascanio stava cercando il diretto discendente dei Saracinei, l'ultimo dei
Saracinei, ma venne educato e allevato da un conte della borghesia romana, il Conte Ascanio, un misterioso e
ignoto conte, che uno degli ultimi maghi al mondo, che ha accumulato vaste e immense ricchezze nel arco
di secoli e millenni, si tratta di un mago millenario, che ha ben 1900 anni di et, discendente di maghi del
antica Roma, Ascanio, scoprendo che Sebastiano aveva poteri magici, decise di crescerlo e di addestrarlo nel
controllo e dominio dei suoi poteri magici.
Sebastiano venne cresciuto nella villa di Ascanio, che si trova nella zona dei Castelli Romani, Sebastiano
non era un ragazzo come tutti gli altri: egli era l'ultimo discendente dei Saracinei, una famiglia nobiliare di
Firenze, oramai decaduta, una famiglia di Maghi, facenti parte del ordine magico dei Bendarioti, uno dei
pochi maghi rimasti sulla faccia della terra...
Sebastiano decise di lasciare la villa di Ascanio, per avventurarsi nel mondo, per scoprire ed esplorare il
mondo, ma Sebastiano, malgrado continuasse ad avere la protezione di Ascanio, si mise a vivere di
Espedienti, facendo molti lavori diversi per sbarcare il lunario, vivendo in incognito in mezzo alla gente...
Roma 1955:
siamo durante la Roma della Dolce vita, nell'italia in pieno Boom economico, anni in cui Roma e una
citt fervente di vita, che attira molta gente e anche attori e celebrita per via degli anni d'oro di Cinecitt,
di notte, in un casermone alla periferia di Roma, un gruppo di misteriose sagome nere, che si rivelano essere
dei maghi neri, si aggirano per le strade notturne di Roma, radunandosi in un vicolo cieco e iniziando a
discutere, si rivelano essere dei Mafiosi, che vogliono vendere quintali di droga nei pi altolocati locali di
Roma...
Mafioso 1: ehi, pasquale, ti abbiamo portato un intero carico di Polvere Magica...
Mafioso 2: questa polvere magica, ti fa sballare quanto le campane della domenica, si tratta di droga
davvero potente, di quella che stende pure i cavalli...
trafficante: da dove l'avete portato?
Mafioso 1: l'abbiamo portata clandestinamente dal porto di Napoli, l arriva sempre di tutto, robe che
manco te le immagini...
Mafioso 2: ottimo, a Roma, abbiamo clienti di alto livello, pronti a pagarci con tonnellate di Lire per questa
roba, non vedranno l'ora di abusarne...
ma il dialogo del gruppo di Mafiosi, viene interrotto da una voce fuori campo, la voce di un ragazzo giovane:
voce fuori campo: stendere i cavalli? e meglio che qualcuno stenda voi, sopratutto, sarebbe meglio che
nessuno abusi di quella robaccia...
Mafioso 1: uehh!! pe li santi cusma e damiano!!! chi ha parlato!!! ghe parlah!!! AUUUHH!!!
Mafioso 2: aiuto! Il demonio! Ti prego, o santa Madonna di Partenopea! Salvami e io rinuncio agli affari
loschi e divento frate!!!
Trafficante: stai zitto! Imbecille! Calma e sangue freddo! Sar soltanto il trucco idiota di qualche imbecille
che vuole solo spaventarci e intimorirci!!!
voce Fuori campo: trucchetto? Spaventarvi? Poveri sciocchi, non sapete con chi avete a che fare!

Trafficante: se credi di farci paura con i tuoi trucchetti da illusionista ti sbagli di grosso! Fatti vedere
vigliacco!!! dove ti nascondi? Coniglio?
Mafioso 2: oh me povero, non dovevo cimentarmi in questi affari!!!
Mafioso 1: ueh!!! vocina invisibile de mio Cugino GianPeppo, ora te facci ved!!! MAGNA ER PIOMBO
ROVENTEH!!!!
il Mafioso, tira fuori una mitragliatrice automatica della seconda guerra mondiale, una STG-44, che usa per
far fuoco al impazzata, sparando a casaccio, su qualunque cosa si trovi nella baracca, i mafiosi, si mettono al
riparo dietro a un tavolo, armati fino ai denti...
il gruppo di Mafiosi, viene attaccato da Sebastiano, che sotto forma di mago e armato con una spada dalla
lama di Giada, si ritrova a combattere contro i mafiosi...
i mafiosi, armati con delle MP-40 e delle MAB-38, fanno fuoco a volonta su Sebastiano, che respinge i
proiettili con uno scudo magico, generato dalla sua spada dalla lama affilata di Giada, Sebastiano passa al
contrattacco e sbaraglia i mafiosi, la Spada di Giada e una spada magica particolare: non pu arrecare danno,
n pu causare ferite, mutilazioni o lacerazioni, ma solo per arreccare un dolore lancinante, la Spada di
giada non pu uccidere, una spada che sospesa tra uno stadio materiale e uno stadio immateriale, come
sospesa in mezzo a due piani diversi...
il gruppo di Mafiosi, scappa a gambe levate, spaventato e terrorizzato dai poteri sovrannaturali di Sebastiano,
sebastiano, usando i suoi poteri, distrugge l'intero carico di droga, facendo incendiare l'intero casermone...
l'indomani, verso il tramonto...
Sebastiano, lavora come scaricatore di merci in un mercato ortofrutticolo di Roma, a Campo de' Fiori, sede
del mercato popolare di Roma...
ma delle persone, nascoste in dei vicoli, spiano e osservano sebastiano, iniziano a parlare tra di loro e a
orchestrare piani loschi...
tizio 1: finalmente! Ci siamo! Dopo mesi e mesi di ricerche, l'abbiamo trovato finalmente!
Tizio 2:vero! Dobbiamo subito avvertire il re del Mahdhipur! La chiave e qui!
Tizio 3: ora per la grande cerchia dei maghi e la fine! Dovranno tremare di fronte all'potere della magia
dell'Caos di Tanathos
Sebastiano, mentre torna a casa dal lavoro, dalla piazza di Campo dei fiori, in un vicolo deserto, viene
attaccato da dei Maghi-guerrieri, mandati da un misterioso mandante, per dare la caccia a Sebastiano e farlo
fuori...
Sebastiano, per e senza la sua spada di Giada, che ha lasciato nascosto a casa sua, il mezzo con cui
Sebastiano pu incanalare e usare i suoi poteri magici, in armonia e sinergia con la spada di giada, ma
Sebastiano, viene salvato in tempo da un misterioso personaggio...
una misteriosa ragazza mascherata, che salta gi dai tetti, coglie di sorpresa i maghi guerrieri, si scontra
contro il gruppo di maghi neri, che dopo il combattimento, finiscono sconfitti e sbaragliati, dandosela a
gambe...
ragazza mascherata: ho notato numerosi maghi neri in circolazione in questi giorni, chiss cosa staranno
cercando di tanto importante questi gonzi, deve essere sicuramente qualcosa di MOLTO grosso...
dopo l'attacco, Sebastiano, viene salvato in tempo, da una misteriosa ragazza, dai capelli biondi, abiti blu
chiaro e una mascherina blu chiara che gli copre il volto
Sebastiano: ma... ma te chi sei?
Ragazza: io sono Ludmila Tereshkova, detta Raggio di Luna, figlia di una maga e di un alchimista, io
controllo la magia della Luna, l'essenza della notte stellata, io invece di ti conosco, tutti i maghi e i
praticanti di magia ti conoscono, tu sei Sebastiano, ultimo discendente dei Saracinei, ultimo mago del

ordine dei Bendarioti...


la ragazza, si rivela essere Ludmila e conosce tutto di Sebastiano, del conte Ascanio e dei Saracinei e della
Chiave di Salomone
Ludmila, che si fa chiamare Raggio di Luna, salva Sebastiano dai maghi-cacciatori del principe del
Mahdhipur...
Sebastiano fa conoscenza di Ludmila, una ragazza russa, figlia di una famiglia di Russi emigrata in Italia
dopo la Rivoluzione d'ottobre del 1917 per scappare alle persecuzioni dei Bolscevichi, la famiglia di
Ludmila, giunse inizialmente a Parigi nel 1921, per poi giungere in Italia nel 1949, la madre e padre di
Ludmila, sono antica famiglia di maghi russi, che custodiscono dei segreti magici, tramandati alla loro figlia,
per l'appunto Ludmila
Ludmila e stata addestrata dalla madre, nel uso e abilit della Magia e delle arti magiche, con lo scopo di
combattere le forze del male...
Ludmila, racconta a Sebastiano, di tutta la storia della Chiave di Salomone e di Arshirun, principe del
Mahdhipur...
l'indomani mattina...
a Roma, giunge in pompa magna e accolto con grandi celebrati, il principe Arshirun, proviente dall'Regno
di Mahdhipur, in visita a roma, la visita dell'misterioso principe orientale, attira l'attenzione di numerosi
giornali e paparazzi, diffusissimi nella Roma di quegli anni.
Tra questi Benso de Bernardi detto Bendy, un Paparazzo che lavora per una grossa e importante rivista che
cerca di scattare qualche foto dell'principe Arshirun e di ottenere un intervista dall'principe Arshirun, che
per e difeso ferramente dalle sue numerose guardie dell'corpo, visto che Chandai non ha intenzione di
rilasciare interviste, essendo un principe molto riservato.
Il Principe Arshirun, giunto in aereo al aereoporto di Roma Fiumicino, viene accolto dal Sindaco di Roma,
che augura ad Arshirun un ottima permanenza a Roma, ma Arshirun e un bellone e cascamorto, gli piace
circondarsi di belle ragazze e di sfarzo e ricchezze...
A Roma, giunge al Grand Hotel Excelsior, il principe Sanjar, proveniente dal Regno di Mahdipur, un
piccolo regno orientale, il principe Sanjar e una celebrit, ua figura molto attesa e accolta a Roma, con grandi
fanfare,
ma a seguire il Principe Sanjar e un giornalista Paparazzo di nome Olberti, che cerca di ottenere un
servizio fotografico per la stampa locale, ma viene ripetutamente scacciato e respinto dai Buttafuori e dalle
guardie del corpo del principe Sanjar.
Ma il vero motivo per cui il principe Chandai e giunto a Roma e tutt'altro: in realt, il principe Chandai si
rivela essere un mago, discendente di una nobile famiglia di maghi di una misteriosa e imprecisata terra
d'oriente, giunto a Roma per via dell'Raduno dei Maghi, un raduno segreto che si tiene ogni 20 anni,
condotto da tutti i maghi e da tutte le cerchie magiche dell'mondo, tema di discussione dell'raduno e la
Chiave di Salomone, custodita segretamente da un gruppo segreto di Alchemisti italiani nativi di Roma, fin
dall'1487, in una zona sotteranea di Roma, di cui solo i maghi e gli ordini alchemici conoscono l'esistenza,
ma i maghi radunati hanno paura e timore: nella Cerchia dei maghi si sono infiltrati un ordine di maghi
neri detto Cerchia di Tanatos, il cui scopo e imposessarsi della Chiave di Salomone per ottenere poteri
magici e illimitati e conquistare e dominare il mondo...
ma Sanjar e in realt, un mago nero della Cerchia di Tanathos, mandato da suo padre, il re del Mahdhipur
fino in Italia, a Roma, per guidare un gruppo di Maghi neri, con lo scopo di imposessarsi della Chiave di
Salomone e di usarlo per dare il via alla dominazione dei maghi di Tanatos sull'mondo intero, il guppo di
maghi-guerrieri, era stato mandato in avanscoperta a Roma, per conto di Arshirun, per cercare sia Sebastiano,
che la Chiave di Salomone...

un giorno, mentre Sebastiano ritorna dal lavoro, salva una ragazza da una rapina da parte di un gruppo di
borseggiatori, che Sebastiano, senza fare uso di poteri magici, temprato dalla vita di strada, riesce a mettere i
fuga, la ragazza, e una turista americana, di nome Cathy, la stessa Cathy, ha un colpo di fulmine verso
Sebastiano, Sebastiano si innamora di Cathy, una ragazza americana giunta in Italia, perch attratta e
affascinata dal Italia e dalla cultura italiana e dal ricco patrimonio storico-culturale italiano, Cathy ha lasciato
gli Stati uniti d'America, per venire a vivere in Italia, essendo affascinata dal italia e da ogni cosa sia italiana.
a Roma, in un luogo segreto, avviene una riunione segreta di Maghi da ogni parte del mondo, ma si sono
radunati anche i Maghi della Riva Oscura, dei maghi neri guidati e controllati dal misterioso Rajah del
Mahdhipur, una figura misteriosa proveniente da un misterioso ed esotico regno orientale, che vuole
imposessarsi della Chiave di Salomone a ogni costo, con le buone o con le cattive...
intanto, Sebastiano inizia a frequentare Cathy, facendogli da Guida, di Roma e di ogni suo angolo, visto
che Sebastiano, oramai, vive da tantissimi anni a Roma e la conosce nei minimi dettagli, Cathy ne rimane
affascinata, colpita dalla cultura che ha Sebastiano, poi quello che incanta Cathy e anche l'aspetto magico e
misterioso di Sebastiano, mentre Sebastiano e affascinato da Cathy per la sua semplicit, la sua dolcezza,
la sua umilt...
i due si innamorano, seduti su una panchina della collina del Gianicolo, si abbracciano teneramente, ripresi
alle spalle, con il tramonto sulla citt di roma, con le figure dei due innamorati, mostrati come sagome nere,
alla luce del Tramonto...
ma Sebastiano, decide di tenere nascosti i suoi poteri magici e la sua reale identit a Cathy, per proteggerla,
per impedire che venga coinvolta o minacciata dai nemici e avversari di Sebastiano...
ma, dopo quella situazione romantica, verso la notte, Sebastiano, viene contattato da una misteriosa unit
segreta del governo italiano, un organizzazione detta Brigata Ariete, fondata nel 1947, con lo scopo di
difendere l'Italia da forze sovrannaturali e non-convenzionali, sia magiche-sovrannaturali, che di origine
aliena e spaziale.
La Brigata Ariete sa del raduno dei maghi a Roma e del progetto del Rajah di catturare il Talismano di
Re Salomone per dominare il mondo.
La Brigata Ariete decide di aiutare il mago a combattere e contrastare i piani del Rajah e dei Maghi del
ombra, con lo scopo di impedire che la Chiave di Salomone, cada nelle mani sbagliate...
alla Brigata Ariene, Sebastiano inizia a parlargli della Spada di Giada, con la promessa da parte della
Brigata Ariete, che l'esistenza della magia di Sebastiano e della stessa Spada di Giada, rimanga topsegret, Sebastiano da Conte Ascanio, un anziano conte, in realt, un mago che vive ritirato in una villa alla
periferia di Roma, nella zona dei Castelli Romani, che aveva donato a Sebastiano una spada magica, la
Spada di Sainda, una spada forgiata con un misterioso e sconosciuto metallo magico, creata milleni fa,
passata attraverso i secoli da un mago ad un altro, una Spada dei Maghi, che solo e unicamente i maghi
possono dominare e padroneggiare...
cos, Sebastiano ricevette e ottenne, la Spada di Sainda che diventa la sua arma principale...
Sebastiano riceve anche l'aiuto del Paparazzo Bendy per combattere il Rajah, poich Bendy, vuole usare e
sfruttare Sebastiano per avvicinarsi al principe Sanjar, per ottenere un intervista esclusiva a Sanjar, ignorando
il fatto, che sia un mago malvagio e megalomane.
Da Benso de Bernardi, detto Bendy, sia Sebastiano che la Brigata Ariete, vengono a sapere, dove si trova
nascosta la Chiave di Salomone, dopo che Benso de Bernardi, era riuscito a spiare un dialogo tra il
principe Sanjar e i suoi uomini, in una stanza nel Grand Hotel Excelsior, cos, Sebastiano, Bendy e la
Brigata Ariete, partono per le catacombe romane, per trovare la Chiave di Salomone, prima che a trovarla,
siano il principe Sanjar e i suoi uomini...
giunge la notte...
Sebastiano, giunge a una entrata segreta, alle catacombe romane, una caverna, nascosta nella vegetazione, in
delle colline boscose alla periferia di Roma, arrivandoci in automobile assieme a Bendy, con l'automobile di
quest'ultimo...

Sebastiano entra nelle catacombe romane, per fermare i maghi-guerrieri del Rajah, che hanno scoperto la
stanza segreta dove si trova custodita la Chiave di Salomone, Sebastiano viene aiutato e affiancato da un
agente della Brigata Ariete, di nome Pasquale, proveniente da Napoli,
Sebastiano e Pasquale, raggiungono la stanza segreta, la trovano vuota, ma il tutto, si rivela essere un tranello
da parte
nella stanza segreta, Sebastiano si scontra e lotta contro i Maghi-guerrieri, nel gruppo dei maghi antagonisti,
si trova anche il Principe, che si scontra contro Sebastiano, ma il Principe ha magie pi forti e potenti di
quelle di Sebastiano...
quando Sebastiano sta per soccombere, viene salvato in tempo da Ludmila, che sconfigge e respinge il
Principe e i suoi maghi-guerrieri, che scappano via, ma riescono a imposessarsi della Chiave di Salomone
fuggendo via con l'artefatto magico.
Ma prima di fuggire, il principe Sanjar, fa esplodere i muri delle catacombe, facendolo allagare con le acque
del fiume Tevere, che iniziano ad allagare e inondare la catacomba, che finisce sott'acqua, Sebastiano e
Ludmila, riescono a nuotare, fino a raggiungere un apertura, causata dal esplosione, che gli fa raggiungere il
fiume Tevere, Ludmila e Sebastiano, escono dal acqua, salendo su una banchina del Tevere, dove vengono
raggiunti da Bendy e dalla Brigata Ariete...
Sebastiano, non accetta che gli uomini di Arshirun, siano fuggiti con la Chiave di Salomone, per, degli
agenti della Brigata Ariete, che stanno seguendo i maghi oscuri, vengono a sapere, che si stanno dirigendo
verso il Pantheon di Roma...
usciti dalle Catacombe, Ludmila, Sebastiano e Pasquale, vengono raggiunto da Bendy, che carica tutti sulla
sua auto, che si dirige sparata verso il Pantheon di roma, per raggiungerlo prima del principe del Mahdhipur
e dei suoi uomini...
Intanto, gli uomini della Brigata Ariete, fanno irruzione di nascosto, nella stanza del hotel Excelsior,
dove si trova la stanza del principe, per, quando i membri della brigata, fanno irruzione nella stanza,
inizialmente, non trovano nulla, ma finiscono, attaccati da strane sostanze generate dai mobili della stanza,
che prendono vita, assumendo le sembianze di creature mostruose, a farlo e Mikhan, una giovane ragazza del
Mahdhipur, facende parte dei maghi-guerrieri della scorta del principe...
dopo che un gruppo di agenti della Brigata Ariete, ha fallito la sua incursione nel Grand Hotel Excelsior,
scatenando un grande putiferio...
un gruppop di maghi oscuri, fanno irruzione nella casa di Cathy e la portano via a forza, intrappolandola con
la Magia...
il piano del Principe del Mahdhipur e quello di usare la Chiave di Salomone per spazzare via gli esseri
umani senza magia dalla terra e rendere i Maghi, una razza dominante su tutto il mondo, riportare la magia
nel mondo...
si scopre che i maghi-guerrieri del principe, vogliono piazzare l'artefatto magico nel Pantheon di Roma,
con lo scopo di spargere tutta la forza magica della Chiave di Salomone, su tutta la citt di Roma, per
devastarla e raderla al suolo...
la Brigata Ariete si ritrova a combattere contro il Rajah, che ha mandato i suoi maghi-guerrieri, nascosti
nelle strade di Roma e pronti ad attuare i piani del Rajah.
Ludmila si unisce a Sebastiano, creando un duo di maghi, per salvare Cathy e impedire che il principe Sanjar
possa attuare i suoi piani diabolici...
Arshirun fa rapire Cathy dai suoi Maghi-guerrieri e la tiene prigioniera per ostacolare Sebastiano e ricattarlo,
Cathy viene portata al Pantheon di Roma, dove viene tenuta prigioniera,

la battaglia finale, avviene nel Pantheon, nel cuore di Roma, dove il Principe Arshirun, vuole usare la
Chiave di Salomone, per scatenare l'apocalisse su tutta Roma, sprigionando un ondata di una oscura e
malefica forza primordiale, la Distruzione eterna, evocabile tramite la Chiave di Salomone, con lo
scopo di spazzare via la razza umana senza magia e rendere i maghi, la razza dominante nel mondo, con
Arshirun, monarca supremo dei maghi della terra e del mondo intero...
Arshirun, ha fatto rapire Cathy, per ricattare Sebastiano e metterlo con le spalle al muro, ma un agente della
brigata ariete, Pasquale, dotato di una cintura a razzo, con l'aiuto di Bendy riesce a distrare i maghi e a
liberare Cathy dalla prigionia, accecandoli temporaneamente con il Flash della sua macchina fotografica
da Paparazzo, riuscendo a salvare cathy dalla prigionia e mettendola al sicuro...
nella battaglia, Sebastiano e Ludmila, sono aiutati dalla Brigata Ariete,
cos, al interno del Pantheon, avviene la battaglia finale tra Sebastiano e il principe,
nella battaglia finale,che si svolge sul tetto del Pantheon di Roma, Sebastiano e aiutato sia dagli uomini della
Brigata Ariete, che da Ludmila, nella battaglia che infuria, Arshirun riesce a ferire Sebastiano con degli
artigli di metallo magico, ma in lacrime, con un impeto di forza, Ludmila si butta addosso ad Arshirun,
colpendolo violentemente con la sua magia, ma Sebastiano si rialza e in un attimo di distrazione di Arshirun,
Sebastiano ferisce arshirun, sconfiggendolo e privandolo dei poteri magici, assorbiti dalla spada di Giada di
Sebastiano...
Arshirun, si ritrova cos, privato di tutti i suoi poteri magici, cos e costretto a scappare, i maghi neri fuggono
a gambe levate, Sebastiano distrugge la Chiave di Salomone con la sua spada di Giada, per impedire che un
artefatto magico cos pericoloso, possa cadere nelle mani sbagliate, reputando un tale artefatto, troppo
pericoloso, sia per i maghi che per gli esseri umani, sia per i magici che per i non magici.
Sebastiano e Ludmila, scendono a terra, nella piazza attorno al Pantheon, dove Cathy, in lacrime, abbraccia
fortemente Sebastiano,
ma in lontananza, si sentono polizia e carabinieri arrivare, Sebastiano, si ritrova di nuovo costretto a lasciare
Cathy, ma Sebastiano, decide di rivelare la sua identit a Cathy, che rimane colpita della cosa
sul posto, arrivano i Carabinieri, allertati dalla popolazione locale, degli scontri da parte di strana gente nel
Pantheon, tutti si dileguano, tranne Bendy, che viene accompagnato in caserma e interrogato, alle domande
di polizia e Carabinieri, Bendy risponde solo che lui non sapeva niente di quegli eventi e che la gente nel
Pantheon erano solo o sbandati di periferia o una lotta tra bande criminali rivali di Roma, ma Bendy si sta
inventando tutto, per coprire e nascondere l'identit di sebastiano.
Ma oramai, Cathy ha scoperto la vera identit di Sebastiano, prima di tornare a casa, Cathy, osserva il cielo
stellato e l'intera Roma di notte e pensa:
Cathy:non riesco a crederci... l'amore della mia via e un mago, chi l'avrebbe mai detto, sono veramente
una ragazza fortunata...
l'Indomani mattina, su tutti i giornali di Roma, circolano notizie riguardanti attivit di saccheggiatori di
Tombe nelle Catacombe romane, reputati non ai maghi neri, ma a contrabbandieri di reperti archeologici e di
strane attivit simili a scontri violenti nel Pantheon di Roma, Bendy porta il suo servizio fotografico alla
redazione della rivista per cui lavora, riscuotendo successo, Sebastiano ritorna al suo lavoro di tutti i Giorni,
Ludmila continua la sua vita di classe negli ambienti alti romani, invece Cathy, inizia a scrivere un libro, un
romanzo sentimentale ambientato in Italia e che racconta la storia d'amore tra un americana e un italiano, che
progetta di vendere negli Stati uniti d'america, per far conoscere l'italia e la sua cultura negli Stati uniti
d'america...
intanto,calata la notte, sopra il Colosseo di Roma, Sebastiano e Ludmila, osservano tutta l'intera metropoli di
Roma e si dicono:
Sebastiano: Noi siamo i guardiani di questa citt
Ludmila: Esatto, non una citt come tutte le altre, ma una citt millenaria, molto antica, che ha visto

davanti ai suoi occhi, il tempo che scorre continuo e costante...


Sebastiano: una citt che racchiude tanti segreti e misteri, che devono essere tenuti oscuri e silenti di fronte
a umani e magici che vogliono farne uso per scopi loschi e criminali
Ludmila: noi, siamo i guardiani dei segreti di questa citt millenaria
Sebastiano: proprio cos, quei guardiani siamo noi... io... Sebastiano Saracinai, spadiere magico e custode
della spada di Sainda, ultimo discendente dei Saracinei...
Ludmila: e io... Ludmila Barashkova, figlia della gran maga Lena Barashkov e del gran Mago Yulian
Tumanov, io sono colei che custodisce la magia delle stelle e della notte illuminata dalla luna, io sono, la
guardiana della notte stellata...
Sebastiano e Ludmila, si allontanano verso la luna piena, saltando sopra i tetti di roma, dissolvenza
d'immagine in nero, inizio titoli di coda...

FINE