You are on page 1of 62

“...

Marcello Saponaro,
uno dei pochi oppositori agguerriti
che il Governatore ha in seno al Pirellone.”
Il Mondo, 6 novembre 2009
r o.i t
w w w.

ar
na

c e ll o s a p o
m

Il sito: www.marcellosaponaro.it
Marcello Saponaro
Il blog: www.marcellosaponaro.it/blog
Facebook: www.facebook.com/marcello.saponaro2
Twitter: twitter.com/saponaro Il lavoro di cinque anni
Friendfeed: friendfeed.com/marcellosaponaro
nel Consiglio Regionale della Lombardia
Flickr: www.flickr.com/photos/marcellosaponaro
Sorci Verdi (Youtube): www.sorciverdi.tv Bilancio di fine mandato 2005-2010
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 1

Sommario

IL MIO MANDATO AL CONSIGLIO ARREDAMENTO CHE PASSIONE. . . . . . 18 GREEN ECONOMY. . . . . . . . . . . . . 35


REGIONALE DELLA LOMBARDIA. . . . . . . 3 LA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI . . . . 20 NO OGM . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
CHI SONO. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 ANIMALI E CACCIA. . . . . . . . . . . . . 37
L’ENERGIA PER INNOVARE
DAI VERDI AL PARTITO DEMOCRATICO . . . 5 FATTORIE SOCIALI . . . . . . . . . . . . . 38
SOFTWARE LIBERO & CO. . . . . . . . . . 22
LE PERSONE CHE HO INCONTRATO. . . . . 6 ENERGIA O, MEGLIO, ENERGIE. . . . . . . 39
WIKI LEGGI, UN ESPERIMENTO DI
FARE E COMUNICARE. . . . . . . . . . . . 7 EOLICO? . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
PARTECIPAZIONE. . . . . . . . . . . . . . 23
LA SOCIETÀ CAMBIA ANAGRAFE DEGLI ELETTI . . . . . . . . . 24 SUL TERRITORIO
CAMBIANO I RITMI E GLI ORARI. . . . . . . 8 FEDERALISMO FISCALE. . . . . . . . . . . 25 CAVE. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
LIBERALIZZIAMO! . . . . . . . . . . . . . . 9 ANTIMAFIA, NON BASTA LA ACQUA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
CAMBIA IL LAVORO. . . . . . . . . . . . . 10 COMMISSIONE . . . . . . . . . . . . . . . 26
INCENERITORE . . . . . . . . . . . . . . . 45
ACQUISTI VERDI. . . . . . . . . . . . . . 27
NUOVI CITTADINI E NUOVI APARTHEID COMUNITA’ MONTANE. . . . . . . . . . . 48
NO ALLA DISCRIMINAZIONE. . . . . . . . 12 LE INFRASTRUTTURE INTERNET VELOCE PER TUTTI . . . . . . . 49
IL RAZZISMO NON RISOLVE I PROBLEMI. 13 LA CURA DEL FERRO. . . . . . . . . . . . 29 BERGAMO, DALMINE E LA CRISI. . . . . . 50
VIA VIA L’OMOFOBIA. . . . . . . . . . . . 14 STRADE E AUTOSTRADE . . . . . . . . . . 30 SANITÀ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
NUOVE FAMIGLIE. . . . . . . . . . . . . . 15 AEREOPORTI SOSTENIBILI . . . . . . . . . 32
ATTI ISTITUZIONALI
GLI SPRECHI L’AMBIENTE I PROGETTI DI LEGGE PRESENTATI. . . . . 56
I REGALI A CL. . . . . . . . . . . . . . . . 16 INQUINAMENTO. . . . . . . . . . . . . . 34 LE MOZIONI PRESENTATE. . . . . . . . . 60
2 Marcello Saponaro

È un dovere per chiunque ricopra cariche istituzionali, siano esse di maggioranza


o opposizione, rendere conto ai cittadini del lavoro svolto. Un lavoro quotidiano
che, personalmente, ho cercato di raccontare in questo “Bilancio di fine mandato”
attraverso una serie di capitoli che corrispondono ad altrettanti temi, problemi e sfide.
Oltre ai testi, ho scelto di inserire alcuni articoli apparsi sulla stampa locale e nazionale
per rendere conto del dibattito che di volta in volta si creava.
Per me è stata l’occasione di ripercorrere le azioni e le battaglie intraprese e fare
un bilancio del mio operato.
Per voi, mi auguro possa essere l’occasione per conoscere cosa può fare un consigliere
regionale di opposizione per il proprio territorio.

Edizione a cura di Eliana Pasquini, Tatiana Debelli


con la collaborazione di Lele Rozza, Paolo Fassina, Stefania Vitiello, Sara Ferrari
Gli articoli riportati sono tratti da: L’Eco di Bergamo, Il Bergamo, DNews, Il Giornale di Bergamo, Il Giorno, Bergamonews.it, BergamoSette, Il Giornale di Treviglio,
Araberara, La Repubblica, Il Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Epolis Milano
Immagini: Renato De Pascale, Regione Lombardia, flickr.com/davidaola, flickr.com/drzaro, iStockphoto.com/adisa, iStockphoto.com/gioadventures,
iStockphoto.com/hjalmedia, iStockphoto.com/scibak, iStockphoto.com/spooh, iStockphoto.com/tntemerson, iStockphoto.com/tolimir
Foto di copertina: Silvia Tenenti
Grafica: Microteam srl – Dalmine (Bg)
Stampa: Poligrafica srl - Dalmine (Bg)
La pubblicazione è stata chiusa in tipografia il 13 gennaio 2010
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 3

Il mio mandato al consiglio


regionale della lombardia
Tre sono a mio parere i compiti di un sessantadue interrogazioni e interpellan-
consigliere regionale d’opposizione: vigilare ze, otto mozioni di cui una (quella per gli
sull’operato della maggioranza, fare pro- investimenti sulla banda larga) approvata
poste nuove per modernizzare la Regione e all’unanimità, innumerevoli emendamenti
portare avanti le istanze del territorio che e ordini del giorno.
lo ha eletto. Portare avanti le istanze del territorio
Vigilare significa analizzare criticamente, equivale a mettere in atto una moderna
atto per atto, le scelte che compie chi go- politica bi-partisan per il bene comune e
verna, senza pregiudizi ideologici, contra- per assicurare gli stanziamenti necessari
stando con determinazione i provvedimenti che le province lombarde si contendono. E
che non tutelano il bene comune, i cittadini Bergamo molto, troppo spesso è rimasta a
e il territorio. bocca asciutta.
Un’opposizione “senza se” e “senza ma”, è mancata nella legislatura passata
ad esempio, l’ho riservata al pasticcio un’azione di squadra dei consiglieri berga-
del Piano Cave di Bergamo. Il piano è un maschi: la fedeltà a Formigoni ha prevalso Lombardia e può farlo solo con una
documento importantissimo per il futuro quasi sempre sull’interesse del territorio, coalizione riformista, federalista, moderna,
del nostro territorio che invece era diven- danneggiando di fatto la nostra provincia. partendo dai nuovi bisogni, dalle
tato un “mercato delle vacche”. Dopo due La stagione delle riforme di Formigoni aspirazioni e dai meriti dei suoi cittadini.
anni di battaglie sono arrivate le dimissioni si è fermata da molti anni. L’occupazione Dalla Lombardia dobbiamo ripartire, per
dell’assessore competente Marco Pagnon- del potere  da parte del “Governatore” ha tornare a governare l’Italia. In Lombardia,
celli e l’Aula ha riscritto il provvedimento compromesso la valorizzazione del merito prima che altrove, il centrosinistra può ac-
approvando numerosi emendamenti miei e e sprecato ingenti risorse, soprattutto nella cogliere e lanciare la Green economy come
del centrosinistra. sanità, settore in cui la Regione spende i sviluppo sostenibile per il futuro dell’intero
La proposta di nuove idee prende forma due terzi del proprio bilancio annuo. paese, innovare sburocratizzando e propor-
anche attraverso numerosi atti istituzionali. La qualità è un’altra cosa, l’eccellenza non re riforme e programmi per migliorare la
In questi cinque anni ho presentato undici passa certo dai “lottizzati”. qualità della vita.
progetti di legge come primo firmatario, Il centrosinistra deve rinnovare questa Marcello Saponaro
4 Marcello Saponaro

chi sono

Ho 39 anni e vivo a Dalmine, in provincia smissione televisiva su Videobergamo dal 14 maggio 2008).
di Bergamo. Sono Consigliere regionale da titolo “Sorci verdi”. Prima della politica, a tempo pieno, lavora-
maggio del 2005. In Consiglio regionale sono componente vo in un’azienda di spedizioni internazio-
Dal primo giorno in Consiglio ho cercato di delle Commissioni I (Bilancio), nali di cui sono ancora socio.
comunicare con i cittadini e gli elettori uti- II (Affari istituzionali), IV (Attività Produt- Per vent’anni ho militato nel movimento
lizzando tutti i mezzi disponibili: i rapporti tive), VII (Cultura e Sport) e della Commis- ambientalista e nei Verdi per i quali sono
diretti con le persone, gli incontri e i dibat- sione speciale “Statuto” che ha terminato i stato Consigliere comunale a Dalmine dal
titi, il mio sito, www.marcellosaponaro.it, il propri lavori con l’elaborazione del nuovo 1989 al 2009 (nella lista civica di Dalmine
blog, www.marcellosaponaro.it/blog e poi Statuto d’Autonomia di Regione Lombardia Democratica), e ho fatto parte dell’esecuti-
twitter, facebook, friendfeed e una tra- (approvato dall’Aula in seconda lettura il vo nazionale dal 2006 al 2008.

L’ISTITUZIONE REGIONE LOMBARDIA, COSA È, COSA FA po del quale intende far parte.
La Regione Le Commissioni sono costituite
La Regione Lombardia è un ente territoriale autonomo che esercita all’inizio di ogni legislatura.
i suoi poteri in ambito legislativo, amministrativo e finanziario nel Possono essere istituite commis-
rispetto della Costituzione, delle leggi statali e del proprio statuto. sioni speciali.
L’indirizzo politico ed amministrativo della Regione è determinato dal I compiti del Consiglio regionale
Consiglio regionale e la Giunta deve attenersi ad esso nell’attuazione Il Consiglio esercita la potestà le-
dei propri compiti. gislativa: può approvare nuove leggi relative alle materie di competenza
Il Consiglio regionale regionale e presentare proposte di legge alle Camere. Tra i suoi numerosi
I Consiglieri sono eletti dai cittadini in qualità di loro diretti rappre- compiti rientrano inoltre: la determinazione dell’indirizzo politico-ammi-
sentanti. All’inizio di ogni legislatura, durante la prima riunione del nistrativo della Regione, la funzione di controllo sull’operato della Giun-
Consiglio, vengono nominati un Presidente e i membri dell’ Ufficio di ta, l’approvazione del bilancio e dei provvedimenti legislativi collegati, le
Presidenza. Entro la prima seduta del Consiglio ciascun consigliere funzioni di indagine ed inchiesta.
deve dichiarare per iscritto al presidente del Consiglio uscente il grup- Note tratte dal sito del Consiglio regionale www2.consiglio.regione.lombardia.it
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 5

DAI VERDI AL PARTITO DEMOCRATICO

Nel 2009 ho deciso di aderire al Partito genze di una società che cambia e cresce perché vive, con più servizi e meno buro-
Democratico. Nonostante non abbia ancora quale è quello del Partito Democratico. crazia, e di un nuovo welfare, che risponda
raggiunto la fatidica boa dei 40 e sia quindi L’ecologismo che ho nel sangue non è alle esigenze di una società cambiata.
considerato un “giovane” della politica, non fatto tanto di vincoli e divieti, di no a In due parole, l’ecologismo in cui credo è
si può dire che sia proprio di primo pelo: tutto e di veti ideologici, ma di opportu- quello della Green economy, intesa come
la politica è sempre stata la mia passione nità; l’ecologismo in cui credo e che vorrei prospettiva di crescita economica, occu-
e dai 19 anni – quando sono stato eletto veder crescere nel PD parla non solo di pazionale, creativa e sostenibile.
per la prima volta in Consiglio comunale a qualità dell’ambiente ma anche di qualità Nel PD oggi c’è bisogno di lavorare e co-
Dalmine – parte del mio lavoro quotidiano. del vivere e di qualità del lavoro. Parla di struire l’alternativa per la Lombardia e per
Ho sempre considerato l’attività politica strade migliori e trasporti pubblici efficienti l’Italia.
un impegno in prima persona, per con- ma anche di città a misura d’uomo, sicure Io ci sono.
tribuire alla costruzione di una società
più giusta e libera, mai uno strumento
per esercitare potere. Non mi interessano
e combatto le degenerazioni della politica:
favori, raccomandazioni e lottizzazioni
non fanno per me. Credo nella trasparen-
za, nella valorizzazione del merito e nella
responsabilità individuale.
L’impegno di chi fa politica è al servizio
di un progetto. Il mio progetto, oggi, è
quello del Pd. La scelta di lasciare i Verdi,
come ogni distacco, è stata dolorosa ma
decisa e consapevole. Una scelta necessaria
per costruire un centrosinistra moderno,
sganciato dagli estremismi del passato, che
ritrovo in un progetto più articolato, più
ricco, riformista, aperto e vicino alle esi-
6 Marcello Saponaro

LE PERSONE che ho incontrato

Cinque anni in Consiglio regionale sono


stati anche cinque anni, intensi, di incontri
e relazioni con le persone: persone che mi
hanno cercato per sottopormi questioni
che mettevano in pericolo la vivibilità del
loro territorio e chiedevano aiuto.
Persone che ho cercato e a cui ho chiesto
pareri, per affrontare meglio i problemi o
le tematiche su cui ho voluto tenere alta
l’attenzione.
Persone che hanno messo a disposizione i
propri saperi per tante e diverse cause.
Persone che ho incontrato nel corso delle
tante occasioni che il ruolo di rappresen-
tante regionale mi  ha offerto o che io
stesso ho sollecitato.
Persone che mi hanno criticato o sostenu-
to, grazie alle quali ho potuto rafforzare le
mie idee.
Persone che, come Consigliere, ho avuto
modo di avvicinare e con le quali sono nate
anche  belle amicizie; come quella con Don
Andrea Gallo, il prete “degli ultimi”.
Cinque anni intensi che porterò con me
come un album di fotografie di un lavoro
importante, vissuto con entusiasmo, impe-
gno e trasparenza.
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 7

fare e comunicare

Durante il mio mandato ho usato tutti gli più personale, tutti i giorni
strumenti possibili per far conoscere ai cit- con moltissimi con vecchi e
tadini le azioni che abbiamo portato avanti: commenti che nuovi amici,
attraverso i media tradizionali (giornali, tv, animano acce- chiacchierando
radio), la nuova risorsa della rete e, ovvia- se discussioni di attualità, di
mente, consumando le altrettanto tradizio- su temi locali politica come
nali suole delle scarpe. o nazionali. anche dell’ulti-
E  così ho fatto dal primo giorno di lavoro Qui raccolgo segnalazioni e da qui lancio mo film visto al cinema o in DVD.
in Consiglio regionale, perché ho sempre campagne.
Sorci Verdi è una trasmissione settimanale,
creduto nel confronto e nella comunica-
Sprechi Lombardi è un blog collettivo: andata in onda per due anni sull’emittente
zione con tutte le persone, anche quelle
chiunque può scriverci per denunciare televisiva Videobergamo, per discutere in
che la pensano diversamente da me.
sprechi di denaro pubblico nell’ammini- diretta degli avvenimenti di cronaca e di
www.marcellosaponaro.it è un sito strazione lombarda o negli enti locali. politica con ospiti in studio e telefonate
istituzionale dove si possono trovare tutte Da qui abbiamo informato i cittadini degli senza filtro da casa. Tutte le puntate sono
le mozioni, le interrogazioni e le proposte sprechi nelle sponsorizzazioni degli eventi pubblicate sul canale Youtube raggiungibile
di legge di cui di organizzazioni collaterali al Presidente, anche all’indirizzo www.sorciverdi.tv.
sono primo nella ristrutturazione della sede e degli Condotta in
firmatario e uffici della Regione o per gli stipendi d’oro. studio da Eliana
promotore. Le Pasquini, Sorci
Facebook,
altre sono a Verdi è un luo-
twitter e
disposizione sul go di confronto
Friendfeed:
sito del Con- dove si è parla-
nessuno degli
siglio Regionale. Sul sito vengono pubbli- to di trasporti,
strumenti della
cati anche tutti i comunicati stampa e gli pendolari, urbanistica e cementificazione,
comunicazione
appuntamenti di rilievo. scuola, sicurezza, integrazione e tante altre
2.0 è lasciato
tematiche che spesso non fanno notizia sui
www.marcellosaponaro.it/blog Il Blog è senza costante aggiornamento. Questi
media tradizionali.
una finestra di scambio di idee e opinioni, social network sono i luoghi dove dialogo
8 Marcello Saponaro

la SocietÀ
Rimpiangere un passato che non c’è più sificati, anche nelle festività . Persone, maga-
cambia cercando di farlo rivivere o fare i conti ri coppie, che devono conciliare turni e cura
col presente, per cambiarlo e permettere dei figli, magari genitori single che proprio
ai cittadini di vivere meglio? Quando si non ce la fanno a fare la spesa entro le
parla, ad esempio, di società che cambia si 19 .30 . La società è cambiata: per rispon-
finisce sempre per dividersi in nostalgici e dere alla realtà e rendere più vivibile il
ottimisti: i primi rimpiangono l’età dell’oro nostro quotidiano servono più servizi. E
che fu, gli altri guardano con fiducia al per i nuovi lavoratori nuovi diritti .
futuro . Come sempre accade, l’approccio Gli orari del commercio, degli uffici pubblici
ideologico porta a grandi scontri verbali e delle banche devono adeguarsi ai nuovi
e politici ma a ben pochi risultati . Perso- ritmi . Il welfare esclude ingiustamente i
nalmente mi avvicino, per natura e incli- giovani: possiamo forse proporre di esclu-
nazione, alla seconda specie, quella degli derli anche dall’organizzazione della vita di
ottimisti . una città?

cambiano ... e gli orari


i ritmi... In molte città europee, se ho bisogno di
comprare il latte alle dieci di sera lo posso
Gli orari standard di lavoro non esistono
fare . Ci sono infatti diversi negozi e super-
più . La popolazione
mercati aperti 24 ore su 24 . Da Barcellona
dei lavoratori è sem-
a Buenos Aires passando per gli Stati Uniti
pre più variegata e
formata da “atipici”,
flessibili, co .co .pro,
freelance . Persone
che hanno orari e
ritmi di lavoro diver-
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 9

la scelta è ormai quella di liberalizzare gli


orari . E’ una risposta concreta ai bisogni dei
liberaliZZiamo!
cittadini che hanno nuove esigenze dettate
Saldi tutto l’anno risparmio e trasparenza ai consumatori .
anche dai nuovi ritmi del lavoro . I saldi “regionali” che aprono e chiudono
La Regione Lombardia ha risposto a tutto Aspettare i saldi per risparmiare . Aspettare i lo stesso giorno da Mantova a Varese non
questo con una legge, quella sugli orari del saldi per vendere e tirare il fiato . Ma perché funzionano: le esigenze delle città sono
commercio, che ha finito per favorire solo farlo solo a gennaio e a luglio? differenti e, all’interno di una stessa città,
la grande distribuzione . Il mio progetto di legge dice alcune cose anche le esigenze dei negozianti sono
Ma perché liberalizzare solo a metà? Libe- semplici: i saldi sono regolamentati ma differenti .
ralizzare a metà vuol dire favorire solo la si possono fare in qualunque periodo La stagione dei saldi ha un valore di mar-
grande distribuzione penalizzando quella dell’anno e durano 45 giorni . keting e di promozione per i negozianti ed
media e piccola distribuzione . Solo così si proteggono i “piccoli” dalla sle- è un’opportunità di risparmio per i consu-
Sono invece per una liberalizzazione to- ale concorrenza dei “grandi” che propon- matori .
tale degli orari, anche per i piccoli esercizi, gono perfino linee ad hoc per le svendite . Perché non provare a farli tutto l’anno?
perché i cittadini lombardi devono essere E solo così si offrono più occasioni di
liberi di andare a fare la spesa alle ore che
preferiscono o quando possono, essendo
molti di loro lavoratori precari con orari
flessibili . è anche questa una necessità per
non fare dei lavoratori flessibili di oggi
cittadini ancor più precari domani .

← L’Eco di Bergamo
18 marzo 2009
10 Marcello Saponaro

taXi “traSParenti” cambia il laVoro


Nel luglio 2006, quando il Ministro dello E veniamo ai lavoratori nuovi, quelli che
Sviluppo economico Pierluigi Bersani fece qualcuno si ostina a chiamare lavoratori
il decreto di liberalizzazione delle licenze atipici ma che, in verità, soprattutto in
dei taxi, questi paralizzarono per protesta le Lombardia, sono oramai le figure tipiche .
città di Milano e Roma . Flessibili, free lance o consulenti, a proget-
Due anni dopo, nel settembre 2008, i taxisti to, a contratto o con partita Iva, anche ma
minacciavano lo stesso blocco se Raffaele non solo precari, sono il nuovo esercito di
Cattaneo, l’Assessore regionale ai Trasporti, “invisibili”, un esercito silenzioso, che scende
non avesse ceduto alle richiesta di aumenti un progetto di legge di un unico articolo: poco in piazza e che sta però iniziando a
sulle corse e sulle tratte fisse . Questi ricatti tutti i taxi devono esporre sulla portiera, creare forme di rappresentanza . In Italia
non sono accettabili . Ero dalla parte di Ber- ben in vista, le tariffe orarie e quelle fisse secondo uno studio Ires-Cgil, la popolazione
sani all’epoca e da quella di Cattaneo poi . (ad esempio per l’aeroporto), avere il lettore degli “instabili” è composta da 3 milioni e
Purtroppo le liberalizzazioni in materia bancomat e carta di credito per i pagamen- 600 mila persone, il 15% degli occupati del
di taxi sono state solo parziali (con l’au- ti, e il climatizzatore per garantire il confort territorio nazionale . In Lombardia solo le
mento del numero di licenze), e per andare dei passeggeri . partite Iva sono 140 mila su un totale di 320
da Milano all’aeroporto di Malpensa oggi ci Il Progetto di Legge non è mai stato portato mila in tutta Italia, persone che la politica
vogliono 85 euro . in aula dal Presidente Formigoni e l’asses- continua ad ignorare .
Liberalizzare non è nei poteri della Regio- sore Cattaneo fu sconfitto dai tassisti nella Per queste persone mancano anche le paro-
ne, ma migliorare un servizio e renderlo trattativa, penalizzando tutti i consumatori . le per definire le loro attività: il welfare non
trasparente sì! Per questo ho presentato li prevede, la formazione non li considera,
gli aiuti all’impresa non li includono .

↑ milano.repubblica.it L’Eco di Bergamo →


07 ottobre 2008 7 luglio 2009
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 11

Insieme a loro ho scritto un progetto di anche gli atiPici all’unanimità dal Consiglio Regionale in due
legge con tre proposte: proposte: la prima chiede che i lavoratori
• i freelance d’ogni ordine e grado devono
Vanno in criSi freelance, quelli atipici, autonomi e impren-
poter discutere con la Regione, esat- Di fronte alla crisi, cosa si fa per gli atipici, ditori siano coinvolti nella “Consulta delle
tamente come tutte le altre categorie per le partite Iva e i lavoratori a progetto? professioni”; la seconda chiede che i bandi
d’impresa e sindacali, le norme e i bandi Purtroppo nulla . Sia quando sono freelance e i fondi regionali siano aperti anche a
per lo sviluppo e il welfare; per scelta, sia quando subiscono il precaria- queste “nuove” categorie di lavoratori e
• la formazione deve essere finanziata to, sono loro a non godere di alcun tipo di imprenditori di se stessi . Due piccole rivo-
al 50% con un assegno liberamente ammortizzatore sociale . Eppure producono luzioni per un welfare da ripensare e per un
spendibile dal lavoratore, anche all’este- valore, soprattutto nella società lombar- sistema di sostegno all’economia lombarda
ro . In questo modo ciascuno sarà libero da, hanno un costo aziendale competi- da modernizzare . Dalle fondamenta . Non
di scegliere l’istituto più appropriato alle tivo, mantengono standard altissimi, ri- più solo con Confindustria e sindacati .
sue esigenze, e non sarà costretto ad spondono con la flessibilità alle esigenze
optare tra enti accreditati più per affinità dei committenti. Ma per chi non rientra
politica con la maggioranza che per nelle categorie “impresa” e “lavoratore
capacità formativa . dipendente”, categorie che vent’anni fa
• gli aiuti allo sviluppo non devono essere rappresentavano l’economia italiana,
rivolti solo all’industria e al commercio la crisi è davvero una mazzata . Sono
ma anche al terziario avanzato, il settore ancora categorie invisibili che non
maggiormente in crescita e queIlo in cui hanno goduto fino ad oggi di alcun
i giovani trovano maggiori risposte d’oc- ammortizzatore sociale e di alcun
cupazione . Il software del formatore è im- fondo per lo sviluppo .
portante tanto quanto il maglio dell’ope- Servono misure urgenti e nuove . Misure
raio per lo sviluppo della Lombardia . da mettere a punto con tutte le catego-
La politica su questo è in enorme ritardo: rie, nessuna esclusa, e da attuarsi velo-
il lavoro è cambiato ma non è cambiato cemente . Parlo delle riforme nel welfare,
il welfare . L’economia è globale, ma non nei rapporti con la Pubblica Ammini-
sono diventate globali le forme di regola- strazione, nella formazione professio-
zione . L’industria è mutata ma non sono nale, nelle liberalizzazioni . Misure che,
mutate le politiche industriali . Assenti oggi parzialmente, erano contenute nell’or-
anche in Lombardia . Proprio qui, invece, dine del giorno che avevo presentato lo
dovremmo fare sperimentazioni da allarga- scorso novembre 2008 insieme a molti
re poi al resto del Paese . consiglieri regionali del Pd, e approvato
DNews →
7 luglio 2009
12 Marcello Saponaro

nuoVi
cittadini
Continuo a interrogarmi sulla questio-
ne immigrazione . L’immigrazione è un
no alla
diScriminaZione
e nuoVi dato ormai strutturale nella nostra società
determinata da diverse cause: economiche,
aPartheid politiche, etniche e dal “traffico” di uomini
gestito dalla criminalità . Questo ci impo-
C’è un episodio di sentimento razzista che
mi preme ricordare, a partire dalla dichia-
ne responsabilità, rispetto dei diritti e razione di un esponente leghista della
fermezza: responsabilità nell’accogliere, maggioranza in Consiglio: “Sapete che
insieme agli altri paesi europei, coloro che loro hanno un modo diverso di rapportarsi
fuggono dalla morte e dalla tortura; re- al bagno io non vorrei mai entrare in un
sponsabilità nell’integrare, nei diritti e nei bagno frequentato da un egiziano o da un
doveri, i nuovi italiani venuti per vivere, stu- arabo perche’ non e’ nel mio stile di vita,
diare e lavorare nel nostro paese; fermezza fortunatamente con tre uno lo riservi ad
nel gestire – rispettando i diritti umani - gli un povero cristo come me che usa ancora il
ingressi e i respingimenti e nel far rispettare bagno tradizionalmente” .
i doveri stabiliti dalle nostre leggi . Era l’8 marzo 2007 . Così il consigliere regio-

← Giornale di
Bergamo
9 marzo 2007
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 13

nale Giosuè Frosio parlava alla IV Com- Né la propaganda né il delirio razzista scala ho aspettato oltre tre ore per fare una
missione durante il dibattito sulla proroga sono mai riusciti a risolvere i problemi, radiografia al torace . Ci sono anche molti
di un anno chiesta dal centrosinistra per e neppure la loro sottovalutazione ha mai stranieri, altro dato di fatto . E gli anzia-
permettere ai “phone center” di adeguarsi prodotto esiti positivi . Dobbiamo integra- ni devono aspettare tanto, anzi, troppo .
alle norme sanitarie e di sicurezza e per non re con lo sguardo rivolto soprattutto ai Stando così le cose, Ettore Pirovano, oggi
essere costretti a chiudere . La proroga non cittadini stranieri di seconda generazio- Presidente della Provincia di Bergamo, ha
fu concessa e il consigliere Frosio fu ripreso ne. Perché è loro diritto poter contribu- lanciato il suo slogan: “Prima i nostri anzia-
per la “sgradevolezza” delle sue opinioni . ire al benessere dell’Italia tanto quanto ni, poi gli stranieri” . Una proposta razzista,
Il presidente Carlo Saffioti (Pdl) giudicò liberarsi dalle violenze, dalle discrimi- nel senso vero della parola, perchè sarebbe
“sgradevole” l’intervento di Frosio ma non nazioni e dai soprusi che i lori padri e le la “razza” a determinare le precedenze .
lo censurò . La Commissione non conces- loro madri spesso esercitano su di loro . Tra l’altro Pirovano, da buon leghista, non
se la proroga . La legge del centrodestra Dobbiamo stare dalla parte di quei giovani distingue nemmeno tra migranti regolari
che imponeva nuove norme retroattive e che hanno pagato con la loro vita la volon- e irregolari ma tra noi (italiani? “padani”?)
d’immediata esecuzione fu successivamen- tà di essere come i loro coetanei: avere una e loro, gli stranieri . Ora, qualsiasi persona
te giudicata incostituzionale dalla Corte vita sociale, essere liberi di scegliere come dotata di buon senso vede che la propo-
Costituzionale . vestirsi e chi amare . In una parola, essere sta di Pirovano non sta in piedi: i pronto
italiani . Dobbiamo stare dalla parte di que- soccorso attualmente organizzano le cure
sti giovani contro chi, spesso la loro stessa seguendo un codice che si chiama triage,
famiglia, vuole “uccidere” il loro diritto ad tre colori per indicare i vari gradi di urgen-
un futuro in Italia . za: rosso, grave e con priorità e, a seguire,
giallo e verde . Chi ha più bisogno viene
curato prima . Perfino Cesare Ercole diret-
il raZZiSmo tore generale – leghista – dell’ospedale di
non riSolVe Treviglio, si era mostrato cauto dicendo che
a parità di gravità, viene prima l’anziano
i Problemi ma senza distinzioni di nazionalità . Una
provocazione quella di Pirovano? Può darsi,
Nei pronto soccorso lombardi c’è la coda . una delle tante a cui la propaganda leghi-
E’ un dato di fatto . L’ultima volta che ci sta ci ha abituato . Ma forse la questione
sono finito dopo essere caduto da una sanità meriterebbe di essere trattata con
↑ con don Andrea Gallo
contro la discriminazione
14 Marcello Saponaro

maggiore serietà . Di problemi da risol-


vere ce ne sono molti: il funzionamento
Via Via
della guardia medica, gli orari dei medici l’omofobia
di famiglia, l’educazione al buon e minore
utilizzo dei pronto soccorso, anche da parte L’omofobia è una minaccia per tutti, non
dei cittadini stranieri che spesso lo usano riguarda solo le persone omosessuali.
al posto del medico di base . Ma a parlare di I dati raccolti da Arcigay (1-2008/10-2009)
questo Pirovano rischia di accorgersi che evidenziano una vera e propria emergenza:
qualche responsabilità ce l’hanno pure il 19 omicidi per omofobia e 120 aggressioni,
suo Assessore regionale Luciano Bresciani oltre a numerosi atti vandalici e di bullismo .
(leghista) e la sua maggioranza al Pirellone . Dopo che il parlamento italiano ha affos-
Quindi, avanti con gli slogan perché fare sato la proposta di legge firmata da Paola
proposte serie e praticabili è troppo compli- Concia che prevedeva, tramite una modifica
cato e paga poco sui giornali . dell’articolo 61 del codice, l’introduzione
dell’aggravante di omofobia, ho presenta-
to una mozione per chiedere alla Giunta
di aderire alla Giornata mondiale contro

← Giornale di Bergamo
11 maggio 2007
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 15

l’omofobia . La mozione chiedeva soltanto delle competenze regionali: il diritto per iniziativa popolare per istituire nel capoluo-
di condannare gli odiosi episodi di violenza ciascuno di noi di nominare una qualsiasi go il registro delle Unioni civili . Una vittoria,
contro persone omosessuali . altra persona che, in caso di ricovero ospe- nonostante il registro sia stato bocciato per
Ma la Regione non ha voluto saperne . daliero, possa dare o negare il consenso a soli tre voti dal Consiglio Comunale .
Già nel febbraio 2006 presentai un Proget- un determinato trattamento terapeutico e In Regione, con la Proposta di Legge
to di Legge sottoscritto da tutto il centrosi- farci visita in Ospedale . Al di là del sesso e contro le discriminazioni sessuali, si voleva
nistra “Contro le discriminazioni determina- delle preferenze sessuali . Anche qui, rispo- rispondere con nuovi diritti a una società
te dall’orientamento sessuale o dall’identità sta negativa . che cambia .
di genere”. L’obiettivo era combattere la In Comune e in Regione si voleva rispon-
cultura omofobica e transfobica nei dere principalmente a esigenze pratiche:
luoghi di lavoro e nei servizi pubblici e
nuoVe famiglie le visite in ospedale oggi concesse solo
normare un nuovo diritto, alla portata ai familiari in determinate situazioni, la
Anche in Italia, come nel resto d’Europa, la
successione nei contratti d’affitto o nei
famiglia tradizionalmente
testamenti . Ad oggi la politica non si è
intesa si è modificata e
dimostrata al passo coi tempi e il tema
mentre la giurisprudenza ne
dei nuovi diritti continuerà a manife-
registra il mutamento con
starsi . Chi ci governa sarà all’altezza di
l’ampliamento di tutele e
una società aperta fondata sui principi
diritti, la politica si chiude in
dell’uguaglianza giuridica?
un dibattito sterile sulle sue
possibili definizioni (pacs,
dico, cus, unioni civili) . La
“politica” appare arretrata
anche rispetto alla cresciuta
sensibilità dei cittadini sui
nuovi diritti: a Bergamo, ad
esempio, oltre 2000 persone
hanno firmato la delibera di

← Il Bergamo
26 aprile 2007
16 Marcello Saponaro

gli SPrechi Lo spreco di denaro pubblico è una spesa


inutile per la comunità, un impiego di
legislatura, altri posti si sono liberati nelle
aziende pubbliche lombarde e altri stipendi
soldi che non ha una ricaduta positiva a molti zeri hanno potuto essere versati
sui cittadini, ma che ha spesso come fine agli uomini del Presidente .
il rafforzamento del potere di alcuni, della
casta e del clientelismo .
Abbiamo cercato di documentare gli
i regali a cl
sprechi regionali su un blog
Mezzo miliardo di vecchie lire, pari a
www.sprechilombardi.org, diventato in
230mila euro iva inclusa: è questo l’im-
breve tempo un sito di raccolta delle spese
porto di un bonifico firmato dal Presidente
inutili di Formigoni e della sua Giunta .
Formigoni partito dal Pirellone per finire
E’ uno spreco infatti il sottosegretario
nella cassa della Compagnia delle Opere .
all’Europa, se ce n’è già uno alle “Relazioni
Un bonifico finito nel bilancio di Cdo .net
internazionali”; oppure il sottosegretario ai
srl, società di servizi della stessa Compa-
rapporti con Milano, se nella stanza accan-
gnia che organizza annualmente “Matching
to “lavora” quello agli Enti locali .
- Il valore di un incontro”, una tre giorni
Vi ricordate le Commissioni “mare” e
di seminari, workshop e incontri per le
“mediterraneo” della Regione Campania
piccole e medie imprese al polo fieristico di
denunciate dal libro “La Casta” di
Rho-Pero . In cambio dei denari, il contratto
Gianantonio Stella e Sergio Rizzo? Erano
prevedeva “l’inserimento del logo della Re-
evidentemente due doppioni fatti solo
gione nelle cartelle stampa, su due grandi
per assegnare una presidenza in più . In
pannelli all’ingresso della Fiera, sull’agenda
Lombardia succedeva la stessa cosa, ma
di Matching e nel retro dei badge conse-
nessuno si scandalizzava . Questi doppioni
gnati ai partecipanti” la proiezione di uno
sono spariti solo quando, sul finire della
spot di 30 secondi, l’allestimento di uno
stand informativo, “una o più pagine di
pubblicità” sulla rivista della Compagnia e

← La Repubblica
7 luglio 2007
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 17

la realizzazione - a spese della Regione - di e Liberazione . Secondo la Giunta trattasi svolta dal personale regionale senza spese
incontri tra dirigenti dell’ente e imprendi- di “promuovere l’immagine della Regione” aggiuntive e con garanzia di professionalità .
tori . “Considerato – recita la delibera - che attraverso una manifestazione che “richia- Tra l’altro, la fondazione privata non risulta
la manifestazione rappresenta un contesto ma ogni anno oltre 700 mila visitatori, offre aver condotto nei 4 anni dalla sua costitu-
ideale per diffondere le iniziative promos- un contesto adeguato per informare sui zione particolari progetti di ricerca, forma-
se da Regione Lombardia in favore delle progetti nell’ambito dell’istruzione, della zione e gestione di attività nell’ambito delle
imprese” . Davvero la Regione non può in- formazione professionale, del mercato politiche e servizi per l’inclusione sociale; né
formare e dialogare con le imprese senza del lavoro e delle eccellenze del sistema tra i suoi amministratori c’è alcun ricercatore
finanziare l’iniziativa della CDO? sanitario lombardo” . Per me 165 mila euro di particolare professionalità . Invece è sicu-
per uno stand la cui pulizia costa, sommata ramente ciellino il Presidente della Fonda-
Negli ultimi sette anni, più di un milione di
all’allestimento floreale, altri 15 mila euro zione, Valter Izzo . Personalmente, mi risulta
euro sono stati versati a vario titolo diretta-
aggiuntivi (!), sono uno spreco . difficile trovare una giustificazione a questa
mente da Regione Lombardia al Meeting di
assegnazione di funzioni ad una semisco-
Rimini . A questi vanno sommati tutti quelli La Giunta Regionale, nell’aprile del 2009, ha
nosciuta Fondazione,
delle società collegate e di proprietà a/di stabilito l’assegnazione di 450 mila euro
ed esorbitante il
Regione Lombardia . Solo nel 2007, 160 mila all’anno fino al 2012 alla “Fondazione
finanziamento di più
euro sono stati spesi da Regione Lombar- E.S.A.E. Esclusione Sociale” per la gestio-
di due milioni in 5
dia per lo stand al Meeting di Comunione ne operativa dell’”Osservatorio regionale
anni per un’attività
per l’esclusione so-
di segretariato di un
ciale”, perché questa
organismo consultivo
fondazione privata “ha
e di studio . Mi chiedo
i requisiti di professio-
se non ci siano
nalità e di esperienza
abbastanza ciellini
necessari per supportare
fidati all’interno del
il funzionamento delle
personale regionale
attività dell’Osservatorio” .
per cui sono costretti
Si tratta di una funzio-
a rivolgersi altrove .
ne che potrebbe essere

Corriere della Sera →


28 agosto 2007

← Epolis Milano
13 novembre 2007
18 Marcello Saponaro

arredamento, Lombardia, pronto nel 2010 a


fronte di un investimento di circa
che PaSSione 500 milioni di euro . Formigoni
senza il “lounge” non poteva
E’ costato 3 milioni di euro il “belvedere” proprio lavorare!
costruito nel 2007 per Formigoni in cima E lavorare era scomodo anche
al Pirellone; appena sopra il suo ufficio . per certi consiglieri nelle tre sale
Evidentemente, non poteva aspettare e il piccolo auditorium per le
che fosse terminato il suo nuovo ufficio commissioni consiliari . Quindi
all’ultimo piano del grattacielo di Regione largo al riammodernamento degli

Il Bergamo ↑ Epolis Milano →


1 giugno 2007 2 giugno 2007
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 19

ambienti per un conto di 1 milione e 350 ogni anno volano via milioni di euro per assessore Abelli anche quando non era più
mila euro: oltre due miliardi di vecchie lire pagare affitti di palazzi con denaro che assessore; o i 100 mila euro spesi per la
per rimettere a nuovo tre stanze di una basterebbe a comprarli; e pur essendo storia a fumetti in salsa padana distribuita
cinquantina di metri quadrati ciascuna, due previsto entro il 2010 il trasferimento del nelle scuole, che si dimentica di Alessan-
bagni e l’anticamera delle sale . Consiglio al Pirellone, la Regione ha speso dro Manzoni e pure di Giuseppe Garibaldi,
Una cifra enorme erogata su disposizione un milione e mezzo di euro per ammoder- e dipinge Napoleone come un predatore
del segretario generale della Regione nei nare gli spazi . d’opere d’arte . . .
confronti della Siemens spa di Milano, pro- Con gli sprechi della Lombardia si potrebbe Con www.sprechilombardi.org ho cerca-
prietaria dell’intero immobile e alla quale continuare a lungo: con le numerose dele- to di sollecitare la denuncia da dentro le
la Regione paga ogni mese circa 200 mila gazioni di politici lombardi al Columbus istituzioni, tra le fila dei dipendenti e dei
euro di locazione . Lo spreco nello spreco: Day ad esempio; o l’auto blu in uso all’ex dirigenti . E spesso ha funzionato .

Il Bergamo ↑ Epolis Milano ↑


8 giugno 2007 7 luglio 2007
20 Marcello Saponaro

un chip - non era ancora certificata e di molte altre Regioni, ma sbagliata nei
la carta omologata dal Ministero . Eppure Formi- tempi e nei modi di realizzazione .
regionale goni aveva fretta: fretta di mostrare il volto La Carta Regionale dei Servizi discrimina
efficiente e moderno di Regione Lombardia; i cittadini. Solo dopo le nostre numerose
dei SerViZi fretta di spedire la sua letterina a casa di interrogazioni, l’accesso ai servizi è stato
Tutto cominciò nel 2004, a pochi mesi dalle tutti i lombardi con i soldi di tutti i lombar- possibile anche a coloro che non hanno
elezioni regionali del maggio 2005, quando di; fretta di entrare in campagna elettorale, installato sul proprio computer il sistema
la Carta Regionale dei Servizi - quella con coi soldi nostri . operativo Windows . Ancora oggi, invece,
codice fiscale e dati personali racchiusi in Da un’indagine condotta dal quotidiano per utilizzare i servizi on line è necessa-
“Il Sole 24 Ore” tre anni dopo nel 2008, rio acquistare un hardware esterno . Un
è risultato che solo il 44% dei lombar- hardware da portarsi sempre dietro, quindi .
di utilizzava la carta a pieno regime. Il Sarebbe bastato un “nome utente”, una
100% dei cittadini però quella carta password e un codice di sicurezza, come
l’aveva pagata, 450 milioni di euro per fanno molte banche per i conti correnti on
la precisione, a partire dal 2004, nono- line . Infine i ritardi . Imman-
stante molti dei cittadini la utilizzasse cabili, direte voi . Ritardi nel
solo per ritirare le sigarette al distributore collegamento con gli ospedali
automatico prima delle ore 21 . e con i pronto soccorso .
Una straordinaria azione di marketing elet- Prima lo dicevo solo io . Nel
torale, dunque, a spese del contribuente . febbraio del 2009 lo ammette
Perché l’idea era giusta, simile a quella anche Lombardia Informatica


Il Giorno
18 febbraio 2009


La Repubblica
18 febbraio 2009
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 21

che candidamente, per bocca del suo Pre-


sidente, in un intervista a “Il Sole 24 Ore” CHE COSA E’ LA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI
dichiara: “Stiamo cercando di semplificare La CRS, Carta Regionale dei Servizi, è valida come Tessera Sanitaria Nazionale, tessera Europea
il sistema al massimo in modo tale che di Assicurazione Malattia, tesserino del Codice Fiscale, Carta Nazionale dei Servizi. Essendo
possa essere utilizzato facilmente anche da stata creata secondo gli standard tecnici internazionali previsti per le smart card, consente
chi non ha competenze informatiche” (…) l’accesso ai servizi on line che richiedono un’identificazione.
“Tra il 2010 e il 2012 quando scadranno le La CRS è gratuita ed è stata spedita a casa a tutti i cittadini iscritti alle
ASL della Lombardia.
card attualmente in circolazione le sostitu-
Per usufruire dei servizi on line delle Pubbliche Amministrazioni è
iremo progressivamente con delle tessere
invece indispensabile essere in possesso del lettore e del codice PIN che
di nuova generazione per cui non sarà più
si può richiedere agli sportelli delle Asl.
necessario il lettore”.
Appunto. Ma dei 450 milioni di euro
gettati al vento chi ne renderà conto?


Corriere della Sera
7 aprile 2009
22 Marcello Saponaro

l’energia Per
innoVare
In Lombardia innovazione cercasi . La co-
siddetta locomotiva d’Italia è indietro anni
SoftWare
luce rispetto all’Unione Europea . Proprio in libero & co.
Lombardia dove il tessuto di piccole e medie
imprese è enorme e fino a ieri era vincente, Molte amministrazioni pubbliche nel mon-
sono necessari investimenti in ricerca e svi- do (dalla Francia al Brasile, dalla Spagna
luppo per continuare ad essere competitivi . al Massachusset alla Germania), hanno
compreso che è un loro dovere garantire la
Ora, con la crisi, ancora di più . Qui in Lom-
riservatezza dei dati e la loro accessibilità
bardia l’investimento per l’ambiente e la
senza discriminare i cittadini e, per quanto
salute si deve tradurre in investimento per
l’efficienza energetica – pensiamo all’enor-
me settore dell’edilizia – e per le energie
rinnovabili, nei centri intermodali per
spostare sul “ferro” le merci prodotte e nella
vivibilità delle nostre città, nel paesaggio e
nel turismo . Perché nella locomotiva d’Italia
l’innovazione, quella vera, ci si acconten-
ta di sventolarla senza mai impegnarsi a
realizzarla .
↑ con Richard Stallman, fondatore del Software
Libero durante la visita in Regione Lombardia

↑ Epolis Milano
23 maggio 2007
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 23

possibile, risparmiando . Questi obiettivi legge ho voluto coinvolgere in un percorso aggiungendo e migliorando i vari pas-
sono possibili adottando formati aperti e partecipato aziende e associazioni, grandi saggi. L’obiettivo era scrivere una legge
software libero . Si tratta di obiettivi di in- e piccole, del settore; al “Tavolo di lavoro nuova e più efficace per regolamentare
novazione che la Pubblica Amministrazione Politica del Software” hanno partecipato, tra l’attività estrattiva in Lombardia.
dovrebbe anticipare . Invece, capita persino gli altri, Free Software Foundatione Europe- Lo strumento wiki è stato il mezzo per
che per partecipare ad alcuni bandi pub- I, Assoli e il PLIO, Avitis, Openlabs e LIFOS e ottenere un progetto di legge davvero par-
blici il cittadino o l’azienda debbano avere poi Novell, SUN e IBM e Microsoft . Sì, anche tecipato, applicato a un argomento spinoso
installato sul proprio computer un determi- Microsoft, a dimostrazione che se è la Re- come è stato quello delle cave nella nostra
nato software, su un determinato sistema gione a tracciare la strada dell’innovazione, Regione, sul quale ciascun contributo, da
operativo, con determinate macro . anche i più riottosi sono costretti a seguire . tecnico, ambientalista o imprenditore, era
In Regione Lombardia ho proposto, attra- prezioso e necessario . Il risultato è sta-
verso un Progetto di Legge, l’adozione del
Software libero e dei formati aperti . Il pri-
WiKi leggi : un to un Progetto di Legge che è riuscito a
individuare forme e strumenti per tutelare
mo consiste in programmi che, a differenza eSPerimento di l’ambiente soddisfacendo le richieste del
di quelli proprietari, hanno una particolare
licenza che ne consente il libero utilizzo e
ParteciPaZione mercato e valorizzando le imprese che la-
vorano meglio e concorrono lealmente nel
la possibilità di essere modificato con la Il Piano cave di Bergamo era il frutto
mercato . La rete ha offerto il tavolo virtuale
collaborazione degli utenti . malato di una brutta legge regionale
attorno al quale tutti questi protagonisti si
I formati aperti invece sono una piattafor- in totale assenza di trasparenza.
sono seduti per scrivere insieme una norma
ma che serve a garantire all’utente l’acces- Abbiamo provato ad utilizzare proprio
condivisa, che premia le aziende virtuose e
so ai propri dati nel tempo, senza barriere la legge per i piani cave di Bergamo
sanziona i disonesti con multe che rendano
legali o tecniche . come piattaforma su cui sperimentare
veramente diseconomica l’attività abusiva .
Utilizzare il Software Libero permette il massimo della trasparenza e della
notevoli risparmi alla Pubblica Ammi- partecipazione.
nistrazione la quale, invece di compra- Www.nonsolocave.net è stato il primo
re costose licenze dalle multinazionali esperimento in Italia di attività legisla-
estere, potrà investire quel denaro per far tiva partecipata . Si tratta di un progetto di
crescere le piccole e medie aziende lom- legge che ha visto la luce nel marzo 2008 .
barde che sviluppano il software libero. Alla stesura di una norma che regolasse
Regione Lombardia potrebbe, ad esempio, le attività estrattive in Lombardia, è stato
attivare vere e proprie politiche sul territo- applicato il procedimento wiki, meccani-
rio in questo campo, creando straordinarie smo della celeberrima enciclopedia on line
occasioni di sviluppo, innovazione e lavoro . Wikipedia: su un testo da me proposto,
Al momento siamo lontani da tutto ciascuno ha potuto scrivere “emenda-
questo. Per scrivere questo progetto di menti” per dare il proprio contributo, ↑ con Leon Shiman, professore del MIT e relatore della
conferenza “Milano chiama Boston”
24 Marcello Saponaro

anagrafe degli eletti


(i Politici non Sono tutti uguali)
I politici non sono tutti uguali . L’interesse La proposta è passata parzialmente,
dei cittadini è distinguere i buoni dai cattivi . alcuni articoli sono stati accolti all’interno
Solo conoscendo i politici i cittadini possono del nuovo Statuto d’Autonomia di Regione
conoscere chi sono, cosa fanno e un domani Lombardia ma la battaglia per la trasparen-
decidere se votarli (ancora) o no . L’antipoli- za è ancora lunga . Già oggi sono pubblicati
tica favorisce la peggiore politica, quella sul sito internet i dati sulla presenza dei
che si nasconde dietro le generalizzazioni consiglieri, i voti espressi, le leggi e i prov-
senza risolvere i problemi veri. vedimenti approvati e quelli in itinere . Già
Per questo dobbiamo combattere l’antipoliti- oggi, grazie alla nostra proposta, è possibi- Io invece mi sento offeso dal qualunquismo
ca tanto quanto la “casta” (le “caste” sarebbe le seguire sul sito internet del Consiglio e da chi mi accomuna ai peggiori, ai fan-
meglio dire in Italia) . Regionale la diretta dei lavori d’aula e nulloni . Molto meglio se i cittadini cono-
Questo è il motivo per cui, insieme al delle commissioni . scono, e sanno distinguere . Rendere conto
collega Franco Mirabelli (Pd), ho portato Alcuni colleghi si sentono offesi, reclamano agli elettori non mi pesa affatto .
avanti, all’interno del Consiglio regionale, la “privacy”, dicono di non voler vivere da
la proposta del Partito Radicale di istituire sorvegliati speciali .
l’anagrafe degli eletti: una carta d’identità
dettagliata su ogni singolo Consigliere re-
gionale e su ogni “nominato” dalla Giunta o
dal Consiglio, sul suo patrimonio, compor-
tamento politico, assiduità di partecipazio-
ne ai lavori dell’aula e delle commissioni .

← Il Giorno
26 marzo 2009

BergamoSette →
27 marzo 2009
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 25

federaliSmo continuerebbe ad alimentare le clientele


e i cittadini ne pagherebbero il conto con
curati, o di studiare, dal Lazio in giù .
I “nemici” del federalismo sono tanti .
fiScale maggiori tasse o minori servizi . Sarà fatto Sono quei leghisti che ancora sognano un
male se il centralismo romano verrà sosti- piccolo stato padano in cui spadroneggiare,
Il federalismo fiscale, come tutte le cose, tuito da quello milanese . Sarà fatto male se esattamente come fanno i peggiori poli-
può essere fatto male o bene . Sarà fatto i Comuni torneranno schiavi dei “trasferi- tici del sud e del nord che prendono voti
male se per “comprare” l’assenso di alcuni menti”, anche se regionali . in cambio di favori . Sono nemici i politici
Governatori si “lasceranno” alle regioni Male sarebbe anche se il federalismo fiscale clientelari che confondono il potere con le
sprecone più soldi di quanto gli costeran- non dovesse vedere la luce perché non poltrone e lottizzano tutto, persino i posti
no le nuove competenze trasferite . Così sarebbe solo il nord a perderci . Perderebbe da portantino; non si limitano ai direttori
facendo il federalismo costerebbe troppo, tutta l’Italia . Federalismo deve invece signifi- generali .
care “responsabilità” . A tutti i livelli e in ogni Per riformare lo Stato, per questa grande
luogo . Dobbiamo disegnare un “federalismo” evoluzione delle istituzioni e del nostro
che non cancelli i diritti ma che persegua vivere dobbiamo coalizzarci tutti . Scon-
migliori servizi perché riesce a spendere me- figgendo così le voglie di secessione, le
glio, non perché cancella il diritto di essere pulsioni xenofobe e i fanatismi religiosi .

BergamoSette →
12 settembre 2008
26 Marcello Saponaro

antimafia : la Presidenza non rientrava tra i compiti


specifici del Consiglio; discutere in Con-
non baSta la “commiSSione” siglio l’istituzione del Comitato e le “spe-
cifiche” dei suoi componenti invece non
In Lombardia la mafia non spara per le stra- base della ‘ndrangheta è Milano . Ora, con avrebbe potuto che migliorarlo .
de ma costruisce case, taglieggia imprese l’Expo 2015 alle porte, bisogna evitare che Al di là della forma, il risultato però è stato
e gioca in Borsa . La direzione antimafia le cosche possano amplificare i propri affari ottenuto . La commissione s’è fatta, regio-
nazionale ha confermato che la nuova arraffando una valanga di soldi e lascian- nale, con uomini selezionati da Formigoni
do ai lombardi i calcinacci e un’economia e con troppe poche risorse economiche per
ancora più debole . vigilare quella montagna di appalti che sarà
Regione Lombardia ha fatto dunque bene a l’Expo lombardo . Già oggi, a pochi mesi
istituire un “Comitato per la legalità”, una dalla sua istituzione, alcuni membri della
sorta di commissione antimafia . L’avevamo commissione denunciano l’impossibilità di
chiesta in tanti . Il sottoscritto attraverso un svolgere a pieno il proprio compito .
progetto di legge, rifiutato perché secondo La mafia, la camorra e la ’ndrangheta non

Ponteranica: la manifestazione per Impastato


C’ero anch’io tra le 7mila persone che il 26 settembre hanno parte-
cipato, in modo pacifico e colorato, alla manifestazione popolare per
protestare contro la decisione del sindaco leghista di Ponteranica
Cristiano Aldegani, di rimuovere la targa e annullare l’intitolazione della
biblioteca comunale a Peppino Impastato .
Impastato è uno dei migliori simboli della cultura siciliana e italiana, uno
di quei simboli, di destra o di sinistra che siano, che vanno certamente
ricordati e preservati: si pensi a Paolo Borsellino o a Carlo Alberto Dalla
Chiesa, non certo di sinistra, ma figure di riferimento per tutta gli italia-
ni. La peggior cosa sarebbe la rincorsa a chi toglie più simboli per ripicca
politica. Aver tolto la targa significa voler cancellare la memoria di impa-
stato e non riconoscere il suo sacrificio per la legalità e la democrazia.

BergamoNews.it →
26 marzo 2009
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 27

sono fenomeni eccezionali e non compa-


iono sul nostro territorio solo in occasione
acQuiSti Verdi consentirà di tenere conto non solo del
prezzo di acquisto ma, anche, dei costi di
di eventi speciali come l’Expo 2015 . E’ la Secondo una recente inchiesta della rivista gestione e di smaltimento .
quotidianità degli appalti e dei subappalti “Altreconomia”, solo l’8/10% degli acquisti Il Progetto di Legge che ho presentato nel
che deve essere trasparente, nel grande della Pubblica Amministrazione italiana 2008, sottoscritto da molti altri colleghi
come nel piccolo: nel contratto per la (dalle scuole agli uffici comunali), può es- di entrambi gli schieramenti, si ispira alla
fornitura della cancelleria come nella gara sere considerato “verde” . Eppure la Pubblica direttiva 2004/18/CE del 31 marzo 2004 e
per la linea 5 della metropolitana di Milano . Amministrazione, con i propri acquisti, parte da una semplice considerazione: de-
La lotta alla criminalità mafiosa è lotta alla incide in maniera rilevante sul PIL della clamare i principi non basta più . La Pubbli-
burocrazia sprecona e ai favori personali, nazione, orientando di fatto scelte e ca Amministrazione deve rendere operativa
alle clientele, all’occupazione non merito- comportamenti del mercato; senza conta- la riduzione dei rifiuti riscrivendo i capi-
cratica del potere nelle aziende pubbliche . re che alla Pubblica Amministrazione spetta tolati d’appalto, monitorando gli acquisti,
il compito di tracciare la strada dell’inno- informando e aggiornando i dirigenti e i di-
vazione e della sostenibilità . Per questo la pendenti pubblici . Regione Lombardia può
scelta di prodotti e servizi ecologici appare ridurre i rifiuti, aumentare il recupero e il
ancor più fondamentale quando si tratta di riuso, risparmiare e salvaguardare l’ambien-
forniture per enti pubblici . te e lo deve fare cominciando dai materiali
Acquistare verde significa ridurre l’uti- e dai rifiuti che più sono pericolosi .
lizzo di risorse naturali, il consumo ener- Il Progetto non è mai stato discusso nem-
getico, la produzione di rifiuti, le emis- meno nella commissione competente, e la
sioni inquinanti e ottimizzare il servizio Regione continua ad
offerto. E, molto spesso, anche risparmiare . accontentarsi delle
Per questo la scelta di prodotti e servizi sue scarse perfor-
ecologici è fondamentale . Una valutazione mance in termini di
dell’impatto sostenibilità .
complessivo
degli acquisti

↑ Epolis Milano ← L’Eco di Bergamo


30 maggio 2008 31 maggio 2008
28 Marcello Saponaro

le infraStrutture
La priorità per la Lombardia mettendo ambientalisti da una
deve essere il trasporto su fer- parte e cittadini, automobilisti
ro: treni, tram e metropolitane. e imprese dall’altra . O meglio,
E intermodalità: tra gomma e deve essere declinata in un altro
treno, tra treno e biciclette . modo partendo da un dato di
Una mobilità più efficiente, più fatto realistico: le infrastrutture
moderna e più europea non al nord servono, perché sono
solo è possibile ma è un dovere . intollerabilmente sottodimen-
E questo deve servire a rendere sionate . Servono per le persone e
più sicure e agevoli anche le vec- per le merci, servono per tornare
chie e nuove strade . Perché il “ne- a godere della libertà di movi-
mico” non sono gli automobilisti, mento . Servono per decongestio-
i camionisti o i “muratori” sull’A4 . nare le città .
Il nemico sono l’immobilità, lo Il punto è cosa fare e come. Ci
spreco di soldi e di territorio . sono infatti opere che servono
La questione è complessa e ai cittadini e opere che invece
non permette di semplificare servono solo a elargire capitali
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 29

e urbanizzare territori. Molte delle prime te per i bergamaschi e ancor meno per i
sono state finanziate anni addietro dal bresciani . E’ necessario trovare le risorse
Governo Prodi come, ad esempio, la linea 5 visto che le tasse le paghiamo, per dare
della metropolitana di Milano e la Pedemon- ai cittadini e alle imprese lombarde un
tana . Dopo c’è stata la (s)vendita di Alitalia, servizio di trasporto alternativo all’auto.
tutta a carico dei contribuenti e dei lombardi In questi ultimi anni qualcosa abbiamo
a cui sono stati fatti pagare i debiti e i licen- ottenuto: il raddoppio della Bergamo-
ziamenti . E stendiamo un velo pietoso sul Treviglio, il quadruplicamento della Trevi-
sempiterno Ponte sullo Stretto di Messina, glio-Milano, la messa in funzione delle tre
riesumato da Berlusconi e che ha risucchia- nuove stazioni di Arcene, Levate e Stezzano .
↑ con Michele Luccisano
to anche le risorse per finanziare l’accesso a I Sindaci come Michele Luccisano e Beppe
↓ con Francesco Graziano (Comitato pendolari
bergamaschi) e Roberto Bruni internet veloce con la banda larga . Foresti, il Comitato Pendolari Bergamaschi
hanno premuto, quotidianamente, per

la cura ottenere questi investimenti .


Serve molto di più nel nostro territo-
del ferro rio per rendere il treno competitivo,
con una funzione quasi metropolitana
Serve un nuovo sistema ferroviario . E’ que- per frequenza e velocità. E’ necessario
sta la vera sfida se si pensa che in Lombardia rinnovare e aumentare il numero delle
l’intermodalità - la possibilità di connes- carrozze sulla tratta Bergamo Milano,
sione tra autoveicoli e treni - è ancora tutta risolvere il nodo di Treviglio e l’intercon-
incentrata su Milano ed è poco convenien- nessione con l’Alta Velocità.

↑ Corriere della Sera


3 novembre 2009
← Il Bergamo
25 marzo 2009
30 Marcello Saponaro

Strade e centrali reversibili nel senso di marcia a


seconda dell’orario. Nelle ore mattutine
sì, pedaggio no (preferivo la seconda) –
dobbiamo tenere alta l’attenzione sulla
autoStrade 5 corsie verso Milano, alla sera invece qualità del progetto e dei programmi
verso Bergamo. Per sveltire il traffico e di lavoro. Sarà per questo più costosa? E’
la Quarta corSia aumentare la sicurezza di tutti. Questo possibile visto che ci troviamo in un territo-
avevamo proposto insieme ai Comuni per la rio densamente abitato e urbanizzato .
della a4 mobilità sostenibile, questo avrebbe dovuto Dobbiamo avere la forza di bloccare quei
fare una Regione che vuole innovare e mercanteggiamenti tra le parti che in cam-
La quarta corsia dell’A4 è finalmente arriva-
guardare al meglio per i suoi cittadini . bio di opere, magari anche utili per qualche
ta ma con tanto ritardo: frutto – atteso – di
amministrazione comunale (come campi da
una concessione all’italiana che salvaguar-
la Pedemontana calcio, biblioteche, piscine), danneggiano la
da solo la redditività dell’investitore privato
fruibilità e la sostenibilità dell’opera .
il quale, per la verità, investe ben poco nel
Al contrario della BreBeMi, la Pedemontana Soprattutto, dobbiamo farla bene e in
nostro paese . Oggi, quindi, i risultati si ve-
è stata fortemente (e in modo trasparente) fretta .
dono e i tempi di percorrenza della tratta si
sono ridotti; del resto ogni carreggiata, per finanziata dallo Stato e, al contrario della
Milano o per Venezia, è cresciuta in termini Brebemi, la Pedemontana andrà a servire
di spazio del 33 per cento . un territorio già fortemente urbanizzato .
Avremmo potuto farla ancora meglio: E congestionato .
come in America o come in Califor- Al di là delle ormai inutili polemiche
nia, per la precisione, con le due corsie sulla soluzione costruttiva - pedaggio

↑ L’Eco di Bergamo
2 ottobre 2007
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 31

brebemi: il conto to: il privato costruisce e nei 20, 30 anni


successivi, per rientrare dai costi, riscuote il
È a carico dei pedaggio . In realtà, al termine del periodo
contribuenti di concessione, lo Stato ripagherà 900 mi-
La BreBeMi è un collegamento autostra- lioni di euro al privato . Così è scritto nella
dale tra Brescia, Bergamo e Milano; da qui convenzione e, pertanto, la tanto sbandie-
il nome che raccoglie le iniziali delle tre rata realizzazione dell’opera “in totale
città segnate dal tracciato . Sarà lunga 62 autofinanziamento” è vera solo a metà .
Km e attraverserà 5 province e 43 comuni . I cittadini avranno contribuito non poco
I lavori sono stati avviati nel luglio scorso . a pagare un’autostrada che, nel frattem-
Il costo complessivo dell’opera è di 1,6 po, sarà servita più a urbanizzare la bassa
miliardi di Euro . Lombardia che a rispondere alle esigenze di
La forma di finanziamento di quest’opera mobilità della nostra regione . e l’incapacità di gestire il consenso terri-
è il Project financing,la finanza di proget- Certamente non sono stati né gli am- toriale. E chi si chiede per quale ragione
bientalisti, né gli agricoltori, né i tanti le imposte dei lombardi non siano suf-
comuni inizialmente riottosi a ritardare ficienti a finanziare un’infrastruttura da
quest’opera. Sono state le modifiche del 1,5 miliardi di euro rimarrà deluso. Non
capitolato, la mancanza di finanziamenti riceverà risposta.

↑ Il Giorno
22 aprile 2009
32 Marcello Saponaro

aeroPorti SoStenibili,
Per far Volare l’economia lombarda
Era il febbraio 2008 quando Formigoni e bero pagato gli italiani . Ma Alitalia, depu- more . Neppure quando alla ex compagnia
Bossi gridavano ai lavoratori di Malpensa rata dai debiti, scherzo del destino, è presto di bandiera fu concesso il monopolio della
che la vendita di Alitalia, sommersa dai tornata in orbita Air France . La compagnia tratta più redditizia: la Roma - Milano .
debiti, ad Air France non si doveva fare . numero uno al mondo infatti comprò una Sotto le vestigia dell’italianità è stata
E infatti non si fece . Prodi preferì non quota del 25% e poi tutto il “Cargo”, opzio- compiuta la peggiore svendita di un’impre-
“forzare” perché si era a pochi mesi dalle nò il resto e mantenne Alitalia nell’alleanza sa decotta . Debiti e costi al contribuente,
elezioni politiche e rinviare la decisione al Sky Team . Ai dipendenti “toccarono” 7 anni attività e monopoli agli imprenditori amici
successivo Governo . di ammortizzatori sociali . di una piccola azienda .
Berlusconi vinse le elezioni . Alitalia venne Bossi e Formigoni non tornarono più sulla Alitalia è morta per mano della poli-
venduta non ad Air France ma, in nome di questione Malpensa . Nessuna manifesta- tica che da decenni ne ha gonfiato gli
una italianità presunta, ad un gruppo di zione fu rifatta, neppure quando Alitalia organici e raddoppiato gli Hub, mentre
imprenditori italiani che comprarono solo abbandonò lo scalo varesino . Neppure le spese del funerale le abbiamo pagate
l’attivo della compagnia . Il debito lo avreb- quando l’indotto fu licenziato senza cla- noi italiani.
Tutto questo per interessi, ancora una
volta, di partito: la campagna elettorale

← BergamoSette
8 febbraio 2008
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 33

ORIO AL SERIO, IL TERZO SCALO DELLA LOMBARDIA


L’aeroporto di Orio al Serio, uno dei tre scali lombardi, non è fuori
di Berlusconi, del Presidente Formigoni e della Lega Nord che con dal gioco. Soprattutto se Malpensa cercherà di puntare sui low cost
molti sospettabili e insospettabili complici impedirono la vendita di cui Orio è il principale catalizzatore.
(e il salvataggio) nel febbraio 2008 ad Air France . Conseguenze negative potrebbero derivarne anche per l’aeroporto di
Bergamo e per il 7% di PIL provinciale che con l’indotto produce.
Orio è cresciuto moltissimo in questi anni. Una crescita quantitati-
va ma che non è stata sufficientemente di qualità. E’ compito della
politica programmare lo sviluppo degli aeroporti regionali, investire
nelle opere di mitigazione ambientale, discriminare gli aeroplani più
vecchi, inquinanti e rumorosi, regolare le rotte, tutelare le ore serali
e notturne, controllare che le regole siano rispettate.
Ed è compito della politica promuovere lo sviluppo sostenibile
degli aeroporti e del traffico aereo. L’Italia invece è completamente
assente dagli ambiti internazionali che promuovono l’innovazione
degli aeromobili. La vicenda Malpensa ci dice che in Italia è stato
fatto l’opposto: la politica si è occupata delle assunzioni.
Ma si può sempre cambiare.

← Il Sole 24 Ore
12 novembre 2009
34 Marcello Saponaro

l’ambiente l’inQuinamento, Questa è un’emergenza e risolverla deve


essere una priorità. Non è forse anche
malattia Per questa una parte della “questione set-
i lombardi tentrionale”? Nel nord migliaia di imprese
e milioni di lavoratori che creano ricchezza
Secondo uno per tutto il paese, trainandolo ai primi posti
studio dell’Harvard nel mondo, lo hanno fatto – fino ad oggi -
School of Public rinunciando ad una fetta sostanziosa della
Health finanziato da propria qualità della vita . E continuano a
Regione Lombardia
farlo senza più avere il diritto di muoversi .
e agenzie di ricerca
L’inquinamento è una brutta bestia ed è
internazionale del
un’emergenza ciclica per la Lombardia,
marzo 2008, uno
ma ce ne accorgiamo solo ogni inverno,
studio sugli effetti
quando s’abbassano le temperature e si
dell’inquinamento
alzano le polveri sottili (PM10) e sottilissi-
da PM10 (polveri
me (PM 2,5) .
sottili), ogni anno a Milano - ma riteniamo
E sarà così per i prossimi anni se dal Pirello-
che i dati siano significativi per illustrare
ne non verranno messi in campo interventi
la situazione delle città lombarde - 250
efficaci per diminuire le polveri che respi-
persone sono state ricoverate in ospeda-
riamo . E come può la Regione intervenire
le per lo smog. Un ricovero ogni 36 ore.

← La Repubblica ↑ Il Bergamo
26 gennaio 2007 27 febbraio 2008
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 35

sullo smog se non investendo nella mobilità razioni roboanti, non i divieti e gli obbli- lavoratori europei impiegati nel settore
sostenibile, re-incentivando il cambio degli ghi che pure, a volte, servono . In questo, delle tecnologie verdi - che fattura già oggi
impianti di riscaldamento più vecchi e favo- purtroppo, Roberto Formigoni assomiglia oltre 40 miliardi di euro all’anno - potrebbe
rendo il rinnovamento del parco auto? troppo ad Alfonso Pecoraro Scanio e ai lievitare dai 450 mila attuali fino ad oltre
La soluzione prioritaria è quella di peggiori ambientalisti sul mercato . Di soli 11 milioni di euro solo per gli impiegati
sempre: rendere il servizio ferroviario divieti, invece, non può vivere l’econo- nell’energia pulita .
sufficientemente concorrenziale con mia verde . L’ambientalismo è cambiato e sta cambian-
l’automobile per frequenza e comfort . do anche la sua percezione: responsabile e
Ma non basta . rivoluzionario insieme . Non più un ambien-
Serve investire soldi e capacità politica green economY talismo di vincoli ma un ambientalismo di
nell’innovazione industriale, negli sgravi opportunità, per la crescita sostenibile . Cer-
fiscali per il revamping (revisione tecno- Contro la crisi e dopo la crisi. to, molto lavoro è ancora da fare ed è dif-
logica), molti più soldi per gli incentivi Investire nella Green economy – ficile farlo in un periodo di crisi economica .
al rinnovo del parco automobilistico, tecnologie pulite e infrastrutture Ma serve coraggio e servono i coraggiosi
nell’estensione delle reti di teleriscal- sostenibili - non fa bene solo proprio per rilanciare uno sviluppo che
damento e nelle reti internet a banda all’ambiente, ma anche all’economia e non potrà più essere come quello del se-
larga per rendere sempre più appetibile all’occupazione. Secondo numerosi studi e colo scorso . Se l’energia può essere pulita,
il telelavoro . ricerche, investendo nel lavoro verde e nelle allora possiamo davvero mangiare tutti e
Questa è la Green economy! Non le dichia- energie rinnovabili, nel 2030 il numero dei meglio su questo pianeta .

← Il Bergamo
2 marzo 2009
36 Marcello Saponaro

no ogm La Lombardia rappresenta da sola il 15%


del sistema agricolo e agroalimentare
Un OGM è organismo cui è stato modifica-
to artificialmente il patrimonio genetico. La
italiano: il petrolio del nostro Paese! manipolazione genetica, creando prodotti
In Italia sono 15 le regioni “libere da Ogm” .
Ma su di essa si concentrano anche le non naturali, ha portato gli esperti di bioe-
Avrei voluto che tra queste ci fosse anche
aspettative di quelle aziende biotech stra- tica, il legislatore italiano e della comunità
la Lombardia, come da anni chiedono gli
niere che vorrebbero, invece, trasformarla europea, a tenere sempre presente la tutela
agricoltori e i consumatori . Nessun limite
nella “discarica genetica” d’Italia . della salute umana e dell’ambiente.
alla ricerca e alla sperimentazione, sia chia-
Ma la Lombardia non è né l’Argentina né la
ro, ma tanta precauzione nell’alterare i geni
Cina . Chi può sostenere che il nostro inte- bardia di procedere con le sperimenta-
delle piante che seminiamo nei campi . E’
resse sia la competizione con i grandi granai zioni e le coltivazioni “in campo aperto”
nel nostro interesse, nell’interesse dell’eco-
del mondo sulle loro produzioni massificate solo dopo l’approvazione delle norme di
nomia italiana e lombarda che deve prima
e non, invece, la qualità dei nostri cibi? sicurezza a livello nazionale: per evitare
di tutto valorizzare e salvaguardare la qua-
Per questa ragione ho presentato una che i geni modificati si trasmettano alle
lità del prodotto,
mozione, sottoscritta da tutto il centrosini- piante delle coltivazioni convenzionali.
indispensabile
stra, ma anche dal capogruppo della Lega Per garantire quindi la sicurezza alimentare
per la competiti-
Nord e da alcuni consiglieri del Partito della ed evitare le contaminazioni accidentali e
vità sul mercato
Libertà, per affermare la volontà della Lom- irreversibili delle colture tradizionali .
globale .

BERGAMO COMUNE OGM FREE


Bergamo, Treviglio, Dalmine, Brembate ed altri ancora. Sono una trentina
i Consigli Comunali in bergamasca che in questi ultimi anni hanno
approvato un documento per dire no alla coltivazione e alla vendita di
organismi geneticamente modificati. Coldiretti, CIA, Federconsumatori,
Legambiente, Slow Food, ACLI e molte altre organizzazioni hanno so-
stenuto la proposta a livello nazionale e locale. La sola città di Bergamo
conserva ancora il 15 per cento del territorio a vocazione agricola, pari a
circa 6 milioni di metri quadrati. Per ora non esistono coltivazioni Ogm:
su tutto il territorio nazionale vige per ora una moratoria.
Nessun oscurantismo nelle mozioni approvate: la ricerca deve conti-
nuare, anche in campo aperto, ma al sicuro da possibili contaminazioni.
E la ricerca deve continuare anche a Bergamo, soprattutto nell’Istituto
di Cerealicoltura che insieme alle istituzioni cittadine, l’allora Sindaco
Roberto Bruni, la Camera di Commercio, l’Università ho difeso da chi
voleva e ancora vuole spostare e accorpare per favorire interessi privati
← Il Bergamo in altre province.
12 giugno 2007
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 37

La mozione chiedeva di istituire tavoli di


confronto tra agricoltori, aziende di trasfor-
animali e caccia sostenibile, rispettosa della biodiversità, che
rispetta le norme europee per la protezione
mazione e di distribuzione, e dichiarare il Alla fine ce l’abbiamo fatta . Per quattro dei piccoli uccelli .
territorio regionale Libero da Ogm . Fu im- anni abbiamo detto: basta con la caccia in Di animali e dei loro diritti ci siamo occu-
possibile mettere ai voti la mozione a causa deroga, è illegittima e farà pagare a tutti i pati molte altre volte in Consiglio Regiona-
di una brusca e incomprensibile retromar- lombardi multe salate solo per compiacere le . Nel luglio 2006, dopo molte mediazioni e
cia della Lega Nord, che si appiattì sulle una parte dei cacciatori . Per quattro anni, compromessi, siamo riusciti a far approvare
decisioni contrarie dei loro “leader” romani . nulla . A dicembre 2009, dopo che la Corte dal Consiglio Regionale la Legge per la lotta
La Lega ha deciso di non fare gli interessi di Giustizia Europea ha intimato all’Italia e al randagismo e tutela degli animali da
dei lombardi ma di fare gli interessi di alla Lombardia il rispetto delle normative affezione . Non una norma perfetta, ma che
poche aziende agricole e sementiere. Se la europee, le cose sono cambiate: nell’ultma assegna finalmente dignità agli animali e
Lombardia non pren- seduta dell’anno il Consiglio Regionale ha consente nuove iniziativa di tutela da parte
derà presto una po- approvato all’unanimità la proposta di Leg- delle associazioni e dei Comuni .
sizione, sarà l’Europa ge del Partito Democratico di sospendere la Non così tutelati, invece, erano gli amici a
a decidere cosa, dove caccia in deroga; di fatto, è stata sancita la 4 zampe del canile di Lecco, quando a ge-
e come coltivare sul sua cancellazione . stirlo era Michela Vittoria Brambilla, oggi
nostro territorio . Alla E’ stato un grande passo in avanti verso Ministro della Repubblica . Qui ho solo lo
faccia del federali- la legalità . Un passo che dovrebbe trova- spazio per ricordare che le condizioni della
smo e della sicurezza re d’accordo anche i cacciatori che non detenzione erano tali che provocarono, nel
alimentare! vogliono rinunciare ad un’attività venatoria luglio 2006, la rivolta delle volontarie che vi
prestavano gratuitamente la
loro attività . In quel di Lecco
qualcuno aveva scambiato i
diritti degli animali con la pos-
sibilità di fare un business da
centinaia di migliaia di euro .
Tra scioperi, manifestazioni
(tra cui una delle più parteci-
pate nella storia di Lecco) ed
esposti, la Brambilla ha dovuto
lasciare e oggi i cani ospitati
stanno molto meglio .

← La Repubblica
10 settembre 2007
38 Marcello Saponaro

fattorie Sociali e turismo trovano un connubio perfetto .


Ma c’è di più, perché il ruolo dell’agricol-
lombarde si trova infatti nella nostra
provincia . Sarà la sua predisposizione al
tura non si esaurisce con i servizi “profit”: volontariato o una particolare sinergia
Sicurezza, solidarie-
le funzioni che vengono affidate a questo tra le istituzioni (carcere, Comuni, Asl) e
tà e impresa possono
settore sono sempre più anche quelle del le associazioni, fatto sta che il primato di
convivere? Sì, possono
mantenimento della biodiversità, della ca- Bergamo in questo settore va sostenuto e
convivere e alimentarsi
ratterizzazione del paesaggio rurale e della la sua diffusione va incoraggiata anche nel
a vicenda.
conservazione delle risorse ambientali . resto della Regione .
A Bergamo ne abbiamo
L’agricoltura può svolgere anche un’altra L’agricoltura sociale si è, ad oggi, sviluppata
testimonianza ogni gior-
funzione, in relazione alla sua capacità in assenza di leggi e di sostegno . Eppure ce
no, nelle mille iniziative
di procurare benefici alle fasce vulne- n’è bisogno e sarebbe un beneficio per tutti,
del cosiddetto terzo settore e nell’attività
rabili della popolazione, integrando i non solo per i cittadini più svantaggiati .
di decine di piccole e medie imprese che
tradizionali sistemi di assistenza socia- Perché anche da qui si fa sicurezza: sicurez-
entrano in rapporto con il territorio e dialo-
le. L’agricoltura sociale è una forma di za di non essere abbandonati e sicurezza di
gano con le sue istituzioni .
agricoltura che fornisce in modo continua- poter ricominciare qualora si sia sbagliato .
L’agricoltura è forse l’attività che più si
tivo, oltre all’attività agricola, servizi rivolti Da qui, da questa provincia e da queste
presta al “sociale”.
all’integrazione sociale e al reinserimento considerazioni ha preso origine l’inizia-
Sempre di più l’agricoltura è diventata un
lavorativo di soggetti svantaggiati . tiva di un progetto di legge regionale
comparto multifunzionale che fornisce
In questa impresa la fattoria diventa centro sottoscritto da tutto il centrosinistra
molte più occasioni di crescita e sviluppo
di servizi sociali dove la coltivazione dell’or- sull’agricoltura sociale lombarda. Per tu-
economico di quante comunemente si
to, la cura degli animali, il ciclo biologico e telare le realtà già esistenti e promuove-
possa immaginare . Basti pensare al rapido
naturale della terra, offrono stimoli nuovi re ed incentivare la responsabilità delle
diffondersi del “modello agriturismo” nel
per interventi di socializzazione, formazio- imprese verso il territorio e l’ambiente.
nostro Paese, dove prodotti del territorio
ne, supporto all’educazione . Bergamo è un
curioso caso di concentrazio-
ne di queste attività: quasi il
50% delle fattorie sociali

← L’Eco di Bergamo
12 aprile 2009
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 39

energia o, eolico?
meglio, energie In Bergamasca, è stato bocciata la proposta
di costruire un parco eolico (con torri alte
Il problema della dipendenza energetica 85 metri) sulla cresta del passo San Marco,
in Italia c’è e non può essere ignorato . Il ovvero il confine naturale tra la Val Brem-
nucleare però non è una soluzione sensata, bana e la Valtellina . Pur essendo favorevole
non oggi almeno . Il perché è presto detto: all’eolico, quest’ipotesi orobica non mi ha
il nucleare di terza generazione – che è mai convinto: a parte la strage di uccelli
l’unico di cui disponiamo - è una tecnologia che ne sarebbe seguita (la zona si trovava
vetusta, produce scorie (che non sappiamo infatti sulle rotte migratorie), la zona del
dove stoccare), è troppo costoso, è ancora bocciarono (80% di no) questa fonte di passo San Marco è una zona di protezione
pericoloso e, soprattutto, aumenta e non ri- produzione energetica . speciale (ZPS), più tutelata rispetto al resto
duce la dipendenza energetica . Se ora infatti Un discorso a parte merita invece la ricerca, del territorio secondo disposizioni euro-
“dipendiamo” dai paesi fornitori di gas, con quella sul nucleare di cosiddetta “quarta pee volte a salvaguardarne le particolari
il nucleare dipenderemo da quelli fornito- generazione” o addirittura quinta, che non caratteristiche floro-faunistiche . Il ruolo
ri di uranio, che sono molti meno . Senza sarà pronto prima del 2030-2040 . Sono della politica è quello di mediare tra i
contare che l’uranio è destinato ad esaurirsi . favorevole alla ricerca su questa fonte ma diversi interessi e le diverse esigenze: dei
Insomma, investimenti di miliardi di euro per consapevole che i frutti arriveranno tra cittadini, dell’ambiente e dell’economia.
centrali che saranno pronte tra 15 anni, che molti anni . Nel caso dell’eolico possiamo definire
nasceranno già vecchie e che solo per pochi Oggi dobbiamo puntare sullo sviluppo insieme (istituzioni, enti parco, associazioni
anni avranno uranio disponibile è una follia! delle fonti rinnovabili, quelle che sfrut- e operatori energetici) quali zone debbano
Gli italiani già nell’87, con un referendum, tano le risorse illimitate della nostra essere tutelate dal punto di vista paesag-
terra: acqua, vento, sole e calore della terra gistico .
sono “energie pulite” nel senso che non Scriviamo dove non possono essere
producono scorie . installati i pali eolici. In tutte le altre
L’energia solare, l’eolico e la geotermia aree, sburocratizziamo le procedure e via
hanno un grande potenziale di svilup- libera agli investimenti di quelle aziende
po . E se le nuove tecnologie riusciranno a che fanno crescere il paese con la Green
renderle più efficienti potranno davvero economy. Sconfiggiamo con le energie
essere un “sostituto” delle fonti fossili, nei “pulite” la voglia di quel nucleare “sporco”
piccoli impianti domestici come nei grandi che fa gola solo alle lobby e alla politica
impianti industriali, magari nei deserti . che le deve compiacere .
40 Marcello Saponaro

Sul territorio
Il territorio è un insieme di realtà con cui la
politica si confronta quotidianamente, con
la miniera di
più o meno risultati, concreti o di faccia- Valgoglio
ta . In questi anni di lavoro in Consiglio Che il nucleare sia un pericolo in agguato
regionale ho cercato di confrontarmi con il anche a casa nostra lo ricorda la vicenda
territorio raccogliendo le istanze che da lì della miniera di Valgoglio .
venivano e cercando di dare il mio contri- Nel 2006 una società australiana, la Metex
buto alla risoluzione dei problemi . Resources Limited, presentò alla Regio-
Per me il territorio è un soggetto vivo, ne Lombardia una richiesta di analisi di
una comunità, un patrimonio culturale, dati e di ricerca, non ancora di estrazio-
storico, architettonico e paesaggistico ne dell’uranio, ma sicuramente una sua
troppo spesso bistrattato in nome di un premessa . La miniera era chiusa da oltre 20
profitto dal fiato corto; bisognerebbe anni e doveva restarlo . Per questo ho pre-
invece puntare sull’innovazione, sulla va- sentato una mozione urgente in Consiglio
lorizzazione e sullo sviluppo sostenibile per Regionale, sottoscritta da altri 12 consi-
diminuirne il consumo, per il lavoro e per glieri, per impegnare la Giunta ad escludere
contrastare l’abbandono delle aree monta- ogni autorizzazione per attività esplorativa
ne, per la qualità della vita . e di scavo e a indirizzare la produzione
Con una punta di orgoglio, come energetica verso fonti pulite e rinnovabili .
consigliere di opposizione posso dire di Grazie alla mobilitazione di singoli cittadini
aver sostenuto e dato il via a battaglie utili e associazioni come Legambiente, oltre
per i cittadini e per la nostra Regione . Due a una forte protesta sul web e via mail il
per tutte: il sostegno ai comitati contro la progetto è rientrato .
miniera d’uranio a Valgoglio e il Piano cave E il pericolo uranio è stato sventato .
della provincia di Bergamo .
← L’Eco di
Bergamo
26 settembre 2006

↑ L’Eco di Bergamo
3 ottobre 2006
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 41

caVe
Due anni di battaglie a difesa del ter-
ritorio per evitare che il Piano Cave di
Bergamo tracimasse. Ce l’abbiamo fatta.
L’assessore Marco Pagnoncelli ha dato
infine le dimissioni . Anche se la partita non
è chiusa e dobbiamo rimanere attenti e vigili,
visto che la pioggia di ricorsi dei cavatori è
già iniziata .
Il Piano Cave di Bergamo è un provvedi-
mento amministrativo che dovrebbe – dico
dovrebbe – pianificare e regolare l’attività
di escavazione di sabbia, ghiaia e pietre nel-
la nostra provincia per i prossimi 10 anni .
Il Piano dovrebbe contemperare le ne-
cessità dell’industria dell’edilizia con la

Il Bergamo →
27 nov 2007

← Giornale di
Bergamo
25 set 2007
42 Marcello Saponaro

tutela del territorio: i bisogni di ghiaia, dalla finestra con le sentenze del TAR
pietre e cemento con la protezione del che ripristinano alcuni siti di escavazione
paesaggio, delle falde acquifere e della su ricorso dei cavatori.
quiete nei centri urbani. La Regione Lombardia ha infatti impugnato
Il piano originale presentato dalla Regione la sentenza ricorrendo contro gli ambienta-
era orribile: falsava la concorrenza tra le listi (Italia Nostra, Wwf e Legambiente) . La
imprese favorendone alcune e danneggiava sentenza del maggio 2009 favorevole alle
pesantemente il territorio . Questa imposta- associazioni ambientaliste, di fatto stral-
zione però è stata sconfitta, anche grazie ciava le cave di Pianico, Carobbio degli
alle nostre battaglie, e l’assessore compe- Angeli, Torre Pallavicina, Boltiere, Antegna-
tente Marco Pagnoncelli è stato costretto a te, Ardesio, Onore . Quelle illegittimamente
dimettersi . inserite dal Consiglio Regionale lombardo .
Ora però dobbiamo augurarci che il E’ un peccato che il presidente Formigoni
Piano, cacciato dalla porta, non rientri impegni l’avvocatura regionale per impu-

Giornale ↑
di Treviglio Giornale di Bergamo →
30 novembre 2007 2 febbraio 2008
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 43

gnare davanti al Consiglio di Stato solo le e lasciare alla Regione la programmazione,


sentenze che salvaguardano il territorio da rendendo obbligatoria la procedura di im-
quello che fu “il mercato delle vacche” . patto ambientale . Inoltre è necessario fare
Non mi risulta infatti che il Presidente chiarezza sulle cosiddette “cave di prestito”,
abbia fatto ricorso contro altre sentenze, su molte “bonifiche agrarie” e sui troppi
come quelle che ripristinano i siti di Casira- “laghetti di pesca sportiva”: troppo spesso
te d’Adda e Caravaggio . sono solo cave autorizzate al di fuori di
Non mollerò finché nella nostra Regione ogni piano e in barba alle regole che altre
non ci sarà una buona legge. imprese, invece, devono rispettare .
è necessario dare autonomia alle Province Proveremo a fermarlo, questo inganno .

↑ Il Bergamo
10 settembre 2008

← DNews
26 febbraio 2008
44 Marcello Saponaro

acQua Il cromo esavalente è una sostanza con


un’elevata tossicità ed è classificata dall’Or-
grammi per litro . Troppi secondo la legge
sulle bonifiche che impone un tetto massi-
Senza fare facili allarmismi: in alcuni pozzi ganizzazione Internazionale per la ricerca mo di 5 microgrammi; nella norma, invece,
di Treviglio, della bassa bergamasca e sul cancro come sicuramente cancerogena se si considera la legge sull’acqua potabile
anche di Gazzaniga c’è il cromo esavalente . per l’uomo . A Treviglio la situazione è cri- che tollera fino a 45 microgrammi per litro .
Il cromo esavalente è cancerogeno . E la tica da ben 8 anni: nel 2000 la Castelcrom, L’unica soluzione definitiva è la bonifica.
bonifica non è stata fatta . Le percentuali di industria di Ciserano, segnalò a Comune, Ma per farla occorre che Regione Lombar-
inquinamento sono in alcuni casi preoccu- Provincia e Regione l’inquinamento della dia non si nasconda dietro le “contraddizio-
panti . Stiamo parlando di falde superiori, e falda dovuto alla perdita delle proprie ni legislative” e impegni i fondi necessari .
nel caso di Treviglio la falda è stata messa vasche di raccolta; l’anno successivo la Re- Ho chiesto più volte che la Regione finanzi
in sicurezza . Ma si deve bonificare . gione Lombardia mise in sicurezza la falda l’ulteriore bonifica delle falde di Treviglio e
E’ bene infatti non sottovalutare la si- ma i risultati non furono quelli sperati . si attivi nei confronti del Governo affinché
tuazione, bisogna mappare il territorio e Ora la concentrazione di cromo nell’ac- i limiti di potabilità vengano adeguati alle
procedere con le bonifiche . qua di falda a Treviglio è di 25 micro- nuove scoperte medico scientifiche, appli-

← Il Giorno ↑ Giornale di Treviglio


22 aprile 2009 10 aprile 2009
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 45

cando a queste il principio della massima


precauzione . Insieme al circolo di Legam-
inceneritore
biente della bassa bergamasca e a molti Rischio raddoppio del termovalorizzatore
amministratori locali ho portato la que- Rea di Dalmine non ancora schivato . Nel
stione anche a Bruxelles, alla Commis- senso che la Regione non ha ancora
sione Europea, proprio per chiedere di fare sospeso la procedura autorizzativa per la
chiarezza sui contenuti contraddittori delle terza linea dell’inceneritore, nonostante
normative che stabiliscono i limiti massimi già oggi la Rea sia costretta a importare
di cromo esavalente nelle acque di falda . rifiuti da altre province per far funzionare i
Nessuna risposta illuminante è arrivata, forni a pieno regime e nonostante le leggi
se non l’ammissione di un vuoto norma- regionali in materia prevedano l’autosuffi-
tivo in materia. cienza delle Province nello smaltimento dei
Un vuoto che deve essere riempito di rifiuti .
acqua buona da bere.

Farchemia
L’azienda chimica Farchemia di Treviglio
è sempre stata una sorvegliata speciale,
visto i problemi che negli anni sono emersi
relativamente all’inquinamento dell’am-
biente e alla salute delle persone. L’ultima
battaglia vinta, nel 2007, ha portato allo
smantellamento di un piccolo impianto
pilota abusivo per il trattamento di Bpo,
perossido di benzoile: un catalizzatore di
reazioni ad elevata infiammabilità.
Si trattava di una situazione potenzial-
mente pericolosa. Per di più abusiva e
non certo tollerabile: le aziende devono
avere un rapporto corretto con il territorio,
fornendo informazioni trasparenti sulla
propria attività e sul rispetto dei limiti di
legge negli scarichi in acqua e in aria. ↑ L’Eco di Bergamo
3 febbraio 2009
46 Marcello Saponaro

Che fatica preservare un territorio già così Italia, presentò alla Provincia di Bergamo e interpellanze in Consiglio Regionale .
malmesso, stretto tra l’A4, la ex statale 525, alla Regione Lombardia la richiesta per la La preoccupazione principale veniva dal
e che vede la presenza di diversi impianti di realizzazione della terza linea di smalti- Piano Provinciale dei Rifiuti che, ad esse-
forte impatto dal punto di vista ambientale! mento dei rifiuti per il termovalorizza- re maligni, è stato all’uopo sovradimensio-
La vicenda risale all’inizio del 2008 quan- tore di Dalmine, in aggiunta alle due già nato, creando di fatto una giustificazione
do la Rea Spa, con l’obiettivo di diventare esistenti. all’eventuale ampliamento dell’inceneri-
uno degli inceneritori di punta del Nord Da allora, per un anno, abbiamo dato tore . Il Piano prevede un’enorme, anzi,
battaglia. I dalminesi hanno spropositata previsione di crescita della
raccolto 6.000 firme contro produzione di pattume in Bergamasca
l’ampliamento, il Consiglio Co- conseguente a una sorta di “boom de-
munale ha detto no votando una mografico”; un’esplosione di popolazione
specifica mozione e poi le osser- che si discosta notevolmente dalle stime
vazioni al Piano Provinciale dei di crescita dell’Istat e che, verosimil-
rifiuti . Insieme ad altri colleghi di mente, resterà solo una previsione sulla
opposizione ho presentato diverse carta.

← L’Eco di Bergamo
3 dicembre 2009
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 47

La legge ci obbliga ad essere in parte “so- e, quando si è votato in provincia il Piano indagata di reati così gravi .
lidali” con le province che non dispongono sovradimensionato, ha pensato timidamen- I rifiuti sono un problema di tutti e il loro
di un inceneritore . Giusto . Bergamo, però, te di astenersi . smaltimento è un “pubblico servizio” .
è già ampiamente solidale, ben oltre il 10% Ma non basta: nell’ambito dell’inchiesta Questo impone trasparenza e legalità e chi
imposto dalla legge: Dalmine è solidale sulla bonifica dell’area Montecity-Santa smaltisce rifiuti deve essere al di sopra di
con 39 .000 tonnellate all’anno di rifiuti di Giulia, un’enorme piano di lottizzazione nel ogni sospetto . Il fatto è che il raddoppio
Sondrio e Varese, Bergamo (A2A) è soli- milanese, furono arrestate tre persone . A dell’inceneritore di Dalmine non serve e
dale per più del 50% con i cugini veneti, il capo dei lavori di bonifica c’era un’azienda Giuseppe Grossi, presidente del gruppo
cementificio di Calusco d’Adda importa da del gruppo Green Holding, lo stesso che Green Holding (che controlla REA), è stato
fuori provincia tutte e 30 .000 le tonnellate/ controlla l’inceneritore REA di Dalmine . Al- arrestato lo scorso ottobre .
anno per cui è stato autorizzato . lora presentai un’interrogazione per capire E’ doveroso quindi che la Regione so-
Su queste solidarietà nessuno protesta, dall’Assessore se non ritenesse di prendere spenda qualsiasi procedura di autorizza-
nemmeno la Lega che invece, quando si provvedimenti e sospendere l’iter auto- zione all’ampliamento di Dalmine.
trattava di Napoli, minacciava barricate rizzativo di ampliamento per una società

Caserma Vigili del Fuoco


Ad ottobre 2009 è stata finalmente aperta
24 ore su 24 la caserma dei Vigili del
Fuoco. Era ora! Peccato che per garantir-
ne il funzionamento si è dovuto ridurre
l’organico in forza all’aeroporto e alla sede
centrale di Bergamo. Insomma, metti da
una parte e togli dall’altra. Considerato
che nella nostra provincia siamo sotto del
30% della media nazionale per rapporto
vigili/abitanti, significa che ancora una
volta la politica lombarda e bergamasca al
potere è incapace di rappresentare a Roma
gli interessi del territorio.
I parlamentari leghisti forse farebbero
bene a sprecare meno tempo nella propa-
ganda padana e ad impiegarne di più nei
Ministeri a tutela del territorio e dei servizi
↑ Il Bergamo
nella bergamasca.
11 gennaio 2008
48 Marcello Saponaro

comunitÀ con lo spopolamento, con un’economia da


reinventare, con servizi lontani e difficili da
capaci dei colleghi delle altre province nel
difendere il proprio territorio e le risorse ad
montane raggiungere . esso destinate .
In Lombardia qualcuno ha voluto inter- Bisogna eliminare le comunità ma solo dove
Le Comunità montane sul livello del mare – pretare la lotta agli sprechi delle Co- sono inutili, ingiustificate e fonte di spreco
come alcune in Puglia e Sardegna - erano munità montane penalizzando e accor- e di interessi personali . Sì ai tagli dunque,
uno spreco e forse, ancora di più, una pando soprattutto quelle bergamasche . ma con criterio .
truffa . Una vergogna che sottrae soldi, La provincia di Bergamo ha pagato la Ora più che mai dopo che il Governo ha
risorse e servizi ai piccoli Comuni di mon- debolezza dei bergamaschi al governo eliminato tutti i finanziamenti .
tagna, quelli che tutti i giorni fanno i conti della Lombardia, “evidentemente”, meno

← Bergamonews.it
22 settembre 2008

Il Giorno →
23 settembre 2008
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 49

internet Veloce Per tutti


Ci sono infrastrutture utili e infrastrutture Serve che internet veloce sia portata nelle rete le zone a bassa densità di utenti e
inutili . La banda larga, ovvero internet valli, non che si fermi alle porte della città . di imprese. I soldi insomma li devono
veloce, è un’infrastruttura utile allo Oggi, la quasi totalità dei comuni oltre Villa mettere le istituzioni, come avviene nel
sviluppo. Il ponte di Messina è un’infra- d’Almè per la val Brembana e tutte le aree resto d’Europa.
struttura inutile per il paese . che non sono limitrofe alla strada provin- Per questo motivo ho lanciato lo scorso
Entrambe le infrastrutture richiedono in- ciale in Valle Seriana (peraltro solo fino a novembre, da Rovetta, una campagna
vestimenti cospicui ma mentre quelli per la Clusone), sono escluse dalla navigazione rivolta agli amministratori locali: chiediamo
banda larga (800 milioni di euro) sono stati veloce . Questo significa che proprio nei all’unisono, senza distinzioni di parte, di
“sospesi”/bocciati” dalla Finanziaria, quelli territori più colpiti dalla crisi sarà più dura ripristinare i finanziamenti per la banda lar-
per il Ponte di Messina (per la sola proget- la concorrenza . ga . E in Consiglio regionale è stata appro-
tazione 1 miliardo e 300 milioni di euro) Perché la banda larga è senza dubbio un vata all’unanimità una mozione presentata
sono stati confermati . La banda larga serve elemento fondamentale per la ripresa dal centrosinistra (primi firmatari il sotto-
all’Italia, alla Lombardia ed è ormai impen- economica. E mentre gli investimenti scritto e Carlo Porcari) che chiedeva il ripri-
sabile che non arrivi anche nelle aree rurali sono privati nelle aree urbane, nessu- stino dei finanziamenti per la banda larga
e di montagna . Anche nella bergamasca . na azienda investirà per collegare alla sospesi dalle disposizioni in Finanziaria .

L’Eco di Bergamo →
1 dicembre 2009
50 Marcello Saponaro

bergamo, Per quanto riguarda TenarisDalmine, grazie


alla tenacia dei lavoratori,dei sindacati, dei
dalmine e la criSi politici e del territorio gli iniziali drastici
esuberi proposti dall’azienda a sostegno del
La crisi è alle nostre spalle? Fantascien- proprio piano industriale sono stati rivisti .
za. Accanto alle difficoltà di tante piccole Dopo una lunga trattativa, nel dicembre
e medie imprese, la tempesta degli “esu- scorso le parti hanno trovato un’intesa
beri” si è abbattuta anche all’interno della sulla riorganizzazione che salvaguarda
TenarisDalmine, la “Fiat” della bergamasca . gli stabilimenti e riduce i licenziamenti.
E per restare in questa porzione di terra, Da 1 .024 esuberi inizialmente annunciati
anche il Maglificio Dalmine ha annunciato si è arrivati a 741 di cui 495 gestiti attra-
un esubero di personale che riguarda 73 verso l’accompagnamento alla pensione . A
persone su 136 di organico . Dalmine e Sabbio, dai 717 esuberi iniziali

← L’Eco di Bergamo
3 novembre 2009
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 51

si è scesi a 582 di cui 418 pensionabili, a


I dati della crisi in bergamasca Costa Volpino, da 119 a 73 con 25 lavorato-
Secondo l’Indagine congiunturale della
ri pensionabili .
Camera di Commercio di Bergamo, nel
Al di là dei pur legittimi piani industriali,
secondo trimestre del 2009 la produzione
il nodo che viene al pettine però è sempre
industriale nella bergamasca è crollata
lo stesso: a pagare gli investimenti e le
del 12% rispetto allo stesso trimestre
delocalizzazioni sono sempre i lavorato-
dell’anno precedente e del 2,4% rispetto
ri . Gli esuberi previsti dal piano industriale
al primo trimestre 2009; nell’artigianato
manifatturiero si registra un -13,7% su
Tenaris di Dalmine e Costa Volpino non sono
base annua e – 4% nel confronto tri- sostenibili dal territorio bergamasco costel-
mestrale. Sempre nel secondo trimestre lato con questa crisi di drastici ridimensio-
2009, il volume d’affari del commercio al namenti e chiusure, e di lavoratori invisibili,
dettaglio è sceso del 4,8% su base annua e i “flessibili” che il posto l’hanno già perso . Il za false promesse, senza clientelismi . Una
dell’1,3% rispetto al trimestre precedente; compito di Regione Lombardia è mettere in politica industriale per rilanciare l’inno-
per i servizi il calo è, rispettivamente, del campo una nuova politica industriale: senza vazione delle imprese sul territorio.
5,7% e dello 0,2% rincorrere il populismo e la demagogia, sen- Migliorando ne usciamo tutti più forti.

↑ Bergamonews.it Bergamonews.it ↑
29 settembre 2009 2 ottobre 2009
52 Marcello Saponaro

SanitÀ attese nel “pubblico” sono ancora inac-


cettabili . Mi sono occupato molte volte di
l’oSPedale di Piario
Eccellenza è la parola più amata da Formi- sanità, pur non avendo fatto parte della L’Ospedale di Piario è stato inaugurato
goni . Potrebbe essere altro che eccellente relativa Commissione consiliare . E ogni vol- prima di entrare effettivamente a regime .
la sanità in Lombardia? I cittadini lom- ta che me ne sono occupato ho denunciato Dietro questa operazione ci sono lavori
bardi pagano l’addizionale IRPEF più inefficienze, abusi e occupazione del potere . in ritardo e costi, ovviamente, lievita-
esosa d’Italia, paghiamo più medicinali e Perché non sempre il merito è di casa in ti . Questo era chiaro a tutti; meno chiare
per alcuni mesi abbiamo pagato pure il Lombardia . Soprattutto nella sanità: dai invece erano le motivazioni di quest’inef-
ticket regionale. Più dei due terzi di un più alti direttori a ruoli ben più marginali ficienza, ben spiegate in una relazione che
bilancio da 23 miliardi di euro è costi- bisogna essere della giusta “Compagnia” i revisori dei conti del Bolognini di Seriate
tuito dal costo della nostra sanità . Nella o dei suoi partiti alleati per fare carriera . hanno stilato con estrema chiarezza e
Regione più ricca e produttiva d’Italia . A scapito, ovviamente, della qualità . Non inviato alla Corte dei Conti, alla Procura
Eppure, per molti esami e per molte visite le tutto va male. Ma tutto potrebbe andare della Repubblica e a Regione Lombardia .
meglio. Premiando i meritevoli.

Pandemia AH1N1, in Lombardia troppa confusione


Tante cose si potrebbero dire dell’influenza A/H1N1, la cosid-
detta influenza suina che ha preoccupato non pochi lombar-
di. Non ultimo, la gestione dell’emergenza e dell’informazio-
ne da parte della Regione che è stata a dir poco confusa e
ha creato inutili allarmismi nella popolazione: numeri verdi
funzionanti poche ore al giorno, ritardi nella distribuzione
del vaccino, comunicazioni differenti a seconda delle ASL
interpellate.
Per chiedere lumi su questa situazione confusa che ha com-
portato disagi alle persone (evidenziati anche dall’Ordine dei
medici di Bergamo) ho presentato un’ interpellanza urgente
assieme ai colleghi Monguzzi, Sarfatti e Agostinelli, per sa-
← Araberara
pere come la Regione intendesse correggere il tiro e garantire 30 gennaio 2009
una gestione più efficiente della situazione. La logistica di
questa emergenza è stata gestita troppo male per una Regio-
ne che si fregia di essere l’eccellenza della sanità nazionale.
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 53

Guarda caso, quest’ultima, si è ben guar- per l’Ente, anche profili di possibile respon- appariva perfetto, sembrava che tutto fosse
data dall’inviarne una copia ai Consiglieri sabilità amministrativa per “danni all’erario” . stato completato . Peccato però che, a pochi
Regionali . Fortunatamente qualcun’altro I Revisori dicono che l’Azienda Ospedaliera giorni di distanza da quel tour promoziona-
me l’ha recapitata, e l’ho resa pubblica . non si sarebbe insinuata nel fallimento della le, siano arrivate segnalazioni di operai an-
Dalla relazione, datata maggio 2008, si prima ditta, la Co .Gi . che ha vinto l’appalto, cora all’opera . Dopodiché l’Assessore regio-
capisce perfettamente perché i ritardi né li avrebbe informati del fatto che la Pro- nale Luciano Bresciani (Lega Nord) rispose
siano stati di quattro anni e i costi sia- cura di Firenze stava indagando (per altre alle interrogazioni con tre laconiche righe:
no, probabilmente, più che raddoppiati . vicende) sulla Co .Gi . stessa e sulla seconda “da fine gennaio 2009 il nuovo ospedale
I revisori esprimono enormi dubbi sui azienda vincitrice della gara . Denunciano di Piario è funzionante, il presidio è stato
pagamenti, molti dei quali effettuati a l’esistenza di documenti modificati a mano collaudato, i traslochi sono stati completati
fronte di SAL (Stati di Avanzamento Lavori) che vanno a modificare gli importi dei lavori e tutti i reparti sono stati messi in esercizio” .
non corrispondenti al reale avanzamento a corpo previsti dal contratto d’appalto e Che sia l’Assessore a non funzionare?
delle opere . Il risultato? Forniture pagate dal capitolato speciale, nonché gli oneri
due volte . Il tutto evidenzia “uno scenario della sicurezza!
– dicono i revisori - di grande confusione e Nonostante ciò i Consiglieri
disordine per quanto concerne la contabilità regionali, ancora ignari della
di cantiere e la conseguente ripartizione dei denuncia dei revisori, furono
pagamenti”, nonché l’emergere di situazioni
pagamenti” accompagnati a fare un giro
che configurano, oltre che danni economici turistico all’Ospedale dove tutto

Giornale di Bergamo ↑ La Repubblica →


27 gennaio 2009 1 marzo 2009
54 Marcello Saponaro

umiliano l’oSPedale di bergamo sostenuti dalle medesime (…). Ciò permet-


terebbe un riscontro ed una valutazione
Per gonfiare infraStrutture lombarde SPa dell’effettiva economicità dell’affidamento,
Le cose stanno così: gli Ospedali Riuniti In sostanza, Infrastrutture Lombarde agisce soprattutto dal momento che, nel modello
di Bergamo gestiscono senza problemi gli come una qualsiasi agenzia immobiliare . in house, che riguarda la maggioranza delle
appalti di progettazione e costruzione del Su questa vicenda non mi sono limitato società partecipate dalla Regione Lombar-
nuovo Ospedale . Ciò nonostante la Giun- a un’interrogazione. Ho inviato il docu- dia, è di fatto impossibile una valutazione
ta Regionale decide che l’appalto per la mento anche al Ministero delle Finanze economica attraverso il confronto con il
vendita del “vecchio” deve essere gestito da e alla Corte dei Conti della Lombardia. mercato concorrenziale”. Appunto . Si faccia
Infrastrutture Lombarde Spa, la società di Facciano loro chiarezza. chiarezza anche su Bergamo .
famiglia della Regione . Gratis? Ma va là! Il Pochi mesi fa, infatti, dubbi analoghi sono
conto: 5 milioni di euro per l’attività di Re- stati sollevati da questi due organi a pro-
sponsabile unico al procedimento . A questi posito dei conti dell’Ospedale Niguarda di
dobbiamo sommare le commissioni sulla Milano per la gestione degli appalti, delle
vendita: un altro 1,5% sul valore degli im- consulenze, delle nomine e, soprattutto, per
mobili per l’attività di advisory e un altro 3% il ruolo di Infrastrutture Lombarde Spa .
sul valore totale di vendita . Quest’ultimo a Nell’annuale relazione sull’esternaziona-
carico dell’acquirente che lo considererà tra i lizzazione dei servizi, la Corte afferma:
costi del capitolato . Sui cittadini ricadrà lo “inoltre, il sistema di valutazione di con-
spreco di quasi 10 milioni di euro, che si gruità della spesa sostenuta dalla Regione
sarebbero risparmiati se a gestire l’appalto Lombardia per gli affidamenti alle società
fossero stati gli stessi Ospedali Riuniti. prescinde da un’analisi degli effettivi costi

← L’Eco di Bergamo
14 luglio 2009

Bergamonews.it →
23 luglio 2009
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 55

le caSe di amadeo, Tra l’altro, ben prima che la crisi mondiale Probabilmente sì ma avrebbe potuto esserlo
facesse scendere i prezzi degli immobili . molto di più se non fosse intervenuta – per
i Soldi dei contribuenti Ma torniamo agli appartamenti . La Regione un minimo di decenza – l’Agenzia per il
Tre appartamenti e due box messi in Lombardia, agli inizi del 2006, autorizzò territorio .
vendita dal Bolognini nel 2006 sono stati Amedeo Amadeo a vendere gli appar- Tutto qui? Mi sono limitato a fare le pulci
acquistati, rispettivamente, dalla moglie tamenti . La stima fu fatta dall’ingegner a tre appartamenti? No, non ho fatto
del direttore dell’azienda Amedeo Amadeo Renato Mauri, direttore dell’Area risorse “le pulci” a tre immobili; le ho fatte a
e dal fratello del direttore tecnico che ha Tecniche del Bolognini: 950 euro al mq per un modo di fare e di essere di alcuni
fatto le perizie degli immobili . due appartamenti, 1 .069 euro al mq per il dirigenti dell’amministrazione pubblica,
All’asta pubblica c’erano solo due par- terzo, 585 euro al mq per un box, 413 per il e al poco rispetto che questi hanno per i
tecipanti (guarda caso, giusto la moglie secondo box . Stime asseverate (certificate) soldi dei contribuenti .
e il fratello) che si sono aggiudicati tre ma di cui, poi, non si è tenuto conto perché Era compito di Amadeo fare in modo che gli
lotti immobiliari per un totale di 338 l’Agenzia per il Territorio le ha rifatte, al appartamenti fossero venduti al prezzo più
mila euro. rialzo, portando il valore complessivo dei alto possibile . Era compito di Mauri farne
Niente male per 3 case di cinque locali e due cinque immobili da 258 .731,00 euro a la perizia secondo prezzi di mercato . Hanno
garage a Bergamo – zona Loreto per la preci- 355 .200,00 euro . La valutazione dell’Agenzia partecipato solo due persone all’asta e gli
sione - in uno stabile civile del 1966, di recen- diventerà poi, sostanzialmente, il prezzo di avvisi di questa non sono stati neppure affi-
te sottoposto a ristrutturazione straordinaria . vendita degli immobili . Un prezzo basso? si all’albo pretorio del Comune di Bergamo!
La procura di Bergamo ha archi-
viato il mio esposto . Resta il fatto
che la gestione dell’alienazione di
questi beni che, in teoria, avreb-
bero dovuto garantire il massimo
guadagno all’ospedale, appare a
dir poco discutibile .

↑ Il Bergamo Corriere della Sera →


16 aprile 2009 16 aprile 2009
56 Marcello Saponaro

atti i Progetti di legge PreSentati


iStituZionali VALORIZZAZIONE DELLE ESPRESSIONI INTERVENTI REGIONALI A FAVORE DEL
ARTISTICHE DI STRADA COMMERCIO EQUO E SOLIDALE
presentato il 4 novembre 2005 presentato il 10 gennaio 2006
Il Progetto di Legge si propone di rico- Il Commercio equo e solidale è una forma
noscere la valenza culturale, artistica di commercio alternativa alle logiche di
e turistica dell’arte di strada e, quindi, profitto, e si caratterizza per centralità e
liberalizza questa attività nel rispetto delle trasparenza delle relazioni tra produttore,
norme di civile convivenza, della quiete distributore, commerciante e consumatore
pubblica e del codice stradale . finale . Le agenzie importatrici si impegnano
Il riconoscimento delle espressioni artistiche a pagare prezzi fissi prestabiliti ai contadi-
di strada come forma di spettacolo è stato ni e agli artigiani del sud del mondo che,
poi inserito nella Legge Regionale 30 luglio riuniti in cooperative, riescono a finanzia-
2008 n . 21 “Norme in materia di spettacolo” . re scuole, ambulatori e ulteriori progetti
con i proventi del loro lavoro . Il Progetto
Cosa è un progetto di legge quindici giorni dall’approvazione. di legge presentato punta a sostenere il
I Progetti di Legge - pdl - vengono presen- Le leggi sono pubblicate sul Bollettino uffi- commercio equo e solidale, in quan-
tati da uno o più consiglieri al Presidente del ciale della Regione Lombardia entro cinque to importante realtà associativa e di
Consiglio regionale che li assegna alla Com- giorni dalla promulgazione ed entrano in volontariato lombarda, incoraggiando
missione consiliare competente per materia. vigore il quindicesimo giorno successivo, sal- il potenziamento delle botteghe esi-
Non è scontato che, all’assegnazione, segua vo che la legge stessa stabilisca un termine stenti in Lombardia e la nascita di altre,
l’inserimento nell’ordine del giorno; motivo per diverso. favorendo inoltre il loro coinvolgimento
cui molti pdl assegnati giacciono nei cassetti I progetti di legge presentati nel corso della nella società civile, sociale ed economica
delle commissioni senza mai venir discussi. legislatura e non discussi in Consiglio nel della Regione .
Una volta iscritto ai lavori della commis- corso della medesima legislatura decadono.
sione, il procedimento legislativo ordinario
segue diverse fasi: esame istruttorio, di-
scussione e votazione da parte delle singole
commissioni, votazione finale in aula.
Le leggi regionali approvate dal Consiglio
sono trasmesse dal Presidente del Consiglio
al Presidente della Giunta regionale ai fini
della promulgazione, che avviene entro
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 57

NORME CONTRO LE DISCRIMINAZIONI CONTRIBUTO ALLA COMPETITIVITÀ E ACQUISTI VERDI E PROCEDURE PER GLI
DETERMINATE DALL’ORIENTAMENTO ALL’INNOVAZIONE DELLA PUBBLICA ACQUISTI SOSTENIBILI NELLA PUBBLI-
SESSUALE O DALL’IDENTITÀ DI GENERE AMMINISTRAZIONE LOMBARDA ATTRA- CA AMMINISTRAZIONE
presentato il 30 gennaio 2006 VERSO L’UTILIZZO DI FORMATI APERTI presentato il 23 aprile 2008
Il Progetto di Legge si propone di affron- E FLOSS PER LA GESTIONE DEI DATI Il Progetto di Legge propone di effettuare
tare i problemi posti dalla discriminazione ELETTRONICI acquisti “verdi” e attivare procedure per
determinata dall’orientamento sessuale presentato il 21 maggio 2007 gli acquisti sostenibili nella Pubblica
o dall’identità di genere, e di proporre Il Progetto di Legge intende sviluppare Amministrazione .
soluzioni concrete . Si inserisce all’interno servizi pubblici più efficaci, efficienti ed I prodotti verdi sono legati al principio del
delle azioni previste dalla “Decisione del accessibili . Per favorire il sapere e la cono- recupero e riuso dei rifiuti e consente di ot-
Consiglio 2000/750/CE del 27 novembre scenza, sostiene la diffusione e l’utilizzo di tenere un risparmio per la Pubblica Ammi-
2000, che istituisce un programma d’azione standard e formati aperti come principio nistrazione in termini di gestione e nell’uso
comunitario per combattere le discrimina- di garanzia per il pluralismo informatico delle risorse naturali, riducendo il prelievo
zioni (2001-2006)” . e la libertà di scelta nella realizzazione di di risorse e i rischi ambientali .
piattaforme informatiche, garantendo la
DISPOSIZIONI PER LA TUTELA DELLA competitività e la trasparenza del mercato . NORME PER IL TRASPORTO DI
SALUTE DELLE PERSONE RISTRETTE PERSONE MEDIANTE SERVIZIO DI
Il progetto di legge vuole inoltre promuo-
NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI DELLA TAXI E SERVIZIO DI NOLEGGIO CON
REGIONE LOMBARDIA vere la diffusione e lo sviluppo di Software CONDUCENTE
Libero ed Open Source per le ricadute
presentato l’1 giugno 2006 presentato l’ 11 settembre 2008
sull’economia pubblica, sull’alfabetizzazio-
Il Progetto di Legge intende modificare una ne informatica, sulla diffusione dei saperi Il Progetto di Legge intende migliorare
parte della Legge Regionale 14 febbraio provenienti dallo sviluppo della ricerca lo standard qualitativo del servizio taxi
2005 n .8 “Disposizioni per la tutela della scientifica e dell’innovazione e per una attraverso tre prescrizioni aggiuntive all’art .
salute delle persone ristrette negli istitu- ricaduta sul territorio sul fronte dell’inno- 2 della Legge Regionale n . 20 del 15 aprile
ti penitenziari della Regione Lombardia” vazione tecnologica . 1995, valide per le aree urbane e il bacino
evidenziando, con maggiore incisività, i La Commissione Europea, infatti, racco- di traffico del sistema aeroportuale:
compiti regionali per la tutela della salute manda di sviluppare iniziative e specifica- la possibilità di effettuare il pagamento
delle persone private della libertà personale . zioni di natura tecnica con lo scopo di far della corsa anche con supporti elettronici,
L’obiettivo è quello di individuare modalità cooperare i sistemi informativi della Pubbli- bancomat o carta di credito; una mag-
e criteri che permettano una maggiore ca Amministrazione . Alla base vi è l’uso di giore trasparenza delle tariffe attraverso
integrazione ed efficacia delle strutture standard aperti con una forte raccomanda- una migliore esposizione del listino prezzi;
deputate all’assistenza, alla prevenzione, zione all’impiego di software libero (FLOSS) . climatizzazione delle auto .
alla cura e alla riabilitazione dei detenuti .
58 Marcello Saponaro

AMPLIAMENTO DEI CONFINI DEL PAR- DISCIPLINA DELLA PROGRAMMAZIONE


CO SPINA VERDE DI COMO REGIONALE IN MATERIA DI RICERCA
Presentato l’ 8 gennaio 2009 E COLTIVAZIONE DELLE SOSTANZE DI
Il Progetto di Legge intende modificare e CAVA E L’ESERCIZIO DELLA RELATIVA
integrare la Legge Regionale 16 luglio 2007 ATTIVITÀ NEL TERRITORIO DELLA RE-
n . 16 Testo Unico delle Leggi Regionali in GIONE LOMBARDIA
materia di istituzione di Parchi, chiedendo Presentato il 4 marzo 2009
l’ampliamento del parco Spina Verde di Si tratta di un Progetto di Legge “collabora-
Como, in particolare, dei confini del parco tivo”, nato su una pagina “wiki” - ovvero
regionale includendo parte del territorio una pagina internet modificabile dagli
del Monte Bisbino e la Collina di Cardina, utenti, basata sull’esperienza dell’enci-
situata nel comune di Como . clopedia on line di Wikipedia - che, sul
L’interesse alla tutela regionale del Parco tema del piano cave, coinvolge i diversi
è nata inizialmente dal Centro Botanico di soggetti interessati: i tecnici, le ammini-
Milano che, in quell’area, sviluppa ricerche strazioni locali, i comitati di cittadini, gli
di “permacoltura”, una forma di agricoltura ambientalisti e le imprese di cavatori . Il
che punta a creare sistemi prodotti soste- Progetto di Legge interviene sulla Legge
nibili, stabili e durati e, quindi, è partico- 14/98 in vigore e ne modifica profonda-
larmente adatta e stimolata dalla presenza mente alcuni aspetti, con lo scopo sostan-
di un parco . L’inserimento della Collina di ziale di rendere diseconomica l’attività
Cardina all’interno del parco viene proposto abusiva, contemperando le reali necessità
in base alla delibera del Consiglio Comunale del mercato con la tutela del paesaggio,
di Como n . 64 del 9 dicembre 2003, che assicurando il ripristino del territorio
esprime parere favorevole all’integrazione coinvolgendo i Comuni e assegnando loro
di Cardina nel parco Spina Verde di Como al
maggiori poteri di controllo sull’attività di
fine di salvaguardare la zona .
escavazione .
Il lavoro di cinque anni nel Consiglio Regionale della Lombardia. Bilancio di fine mandato 2005-2010 59

DISPOSIZIONI PER LA LIBERALIZZAZIO- DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DISPOSIZIONI PER IL SOSTEGNO E LO


NE DELLE VENDITE STRAORDINARIE AGRICOLTURA SOCIALE SVILUPPO DEI LAVORATORI FREELANCE
presentato il 20 marzo 2009 presentato il 26 marzo 2009 presentato il 24 giugno 2009
Il Progetto di Legge intende estendere L’agricoltura sociale è una forma di Il Progetto di Legge per il sostegno e lo
l’istituto delle vendite straordinarie, i agricoltura che fornisce, in modo sviluppo dei lavoratori freelance ha
saldi, all’intero arco dell’anno, delinean- continuativo, oltre all’attività agricola, coinvolto nella sua stesura associazioni
do norme per la sua attuazione al fine di servizi rivolti all’integrazione sociale e e gruppi che si sono costituiti in questi
sostenere i piccoli e medi esercizi nella al reinserimento lavorativo di soggetti ultimi anni.
concorrenza con le grandi strutture. svantaggiati come ex-detenuti, ex-alco- Il Progetto di Legge serve ad almeno 200 .000
Questo succede già in numerosi paesi euro- listi, ex-tossicodipendenti, malati psichici, professionisti lombardi che operano nel
pei dove i commercianti possono effettuare persone diversamente abili . terziario avanzato, non possono e non vo-
in ogni periodo dell’anno sia il saldo sia la L’agricoltura sociale si è sviluppata, oggi, in gliono iscriversi ad un Ordine professionale,
vendita promozionale per eliminare giacen- assenza di un definito quadro di riferimen- chiedono di essere riconosciuti e di avere un
ze di magazzino . to legislativo . Il Progetto di Legge definisce ruolo attivo nelle politiche del lavoro .
Tale azione ricadrebbe positivamente i requisiti essenziali per l’accreditamento Questi lavoratori senza contratto fisso, pur
anche sui consumatori che godrebbero di degli operatori dell’agricoltura sociale, le avendo mediamente maggiori competenze
prezzi ridotti: in un momento di crisi e di procedure per il monitoraggio e la valuta- e maggiore flessibilità, hanno il ruolo di
diminuzione del potere d’acquisto, per gli zione dei servizi . Si pone inoltre l’obiettivo “sherpa” nel mercato del lavoro; i freelance
acquirenti si moltiplicherebbero le occasio- di tutelare le realtà già esistenti sul sarebbero un eccellente motore per il
ni di fare acquisti vantaggiosi in occasione territorio lombardo e promuovere ed rilancio dell’economia ma, paradossal-
delle vendite speciali . Anche il flusso turi- incentivare gli imprenditori agricoli a mente, risultano invisibili, abbandonati a
stico potrebbe essere avvantaggiato dalle condurre l’attività con etica di responsa- loro stessi, senza sostegni.
occasioni di acquisti scontati tutto l’anno . bilità verso la comunità e l’ambiente .
60 Marcello Saponaro

le moZioni PreSentate
Proposta di nomina a Senatore a vita del Realizzazione in Lombardia di centrali a
Professor Elio Toaff . biomasse che utilizzino sottoprodotti pro-
Presentata il 12 luglio 2005 venienti dall’agricoltura e dalla forestazione
lombarda e nazionale, recependo anche la
Escludere la richiesta di una società Austra- direttiva europea n . 42/2001/CE .
liana alla Regione Lombardia di effettuare
Presentata l’ 1 aprile 2008
ricerche e studi sulla miniera presente nel
territorio di Novazza del Comune di Valgo- Istituzione di una Commissione speciale
glio (BG) . consiliare Antimafia, al fine di contrastare il
Presentata il 12 ottobre 2006 fenomeno della mafia in Lombardia, in vista
degli investimenti legati all’evento EXPO
Ratifica della Convenzione ILO 169 del 2015 .
26 giugno 1989 da parte dell’Italia per il
Presentata il 28 aprile 2009
rispetto dei diritti dei popoli tribali .
Presentata il 16 maggio 2007 Adesione alla V Giornata mondiale contro
l’omofobia in programma il 17 maggio
Opportunità di dichiarare il territorio 2010 .
regionale “LIBERO DA OGM”, l’adozione di
Presentata il 16 ottobre 2009
interventi per la qualità dei prodotti agro-
alimentari nonchè l’adesione e sottoscri- Impegno della Giunta regionale a promuo-
zione dei contenuti del dibattito nazionale vere presso il Governo nazionale lo sviluppo
promosso da “Italiaeuropa - Liberi da Ogm” delle infrastrutture per la banda larga su
(15 sett/15 nov 2007) . tutto il territorio nazionale .
Presentata 14 settembre 2007 Presentata il 25 novembre 2009 e approvata
l’1 dicembre 2009
“... Marcello Saponaro,
uno dei pochi oppositori agguerriti
che il Governatore ha in seno al Pirellone.”
Il Mondo, 6 novembre 2009
r o.i t
w w w.

ar
na

c e ll o s a p o
m

Il sito: www.marcellosaponaro.it
Marcello Saponaro
Il blog: www.marcellosaponaro.it/blog
Facebook: www.facebook.com/marcello.saponaro2
Twitter: twitter.com/saponaro Il lavoro di cinque anni
Friendfeed: friendfeed.com/marcellosaponaro
nel Consiglio Regionale della Lombardia
Flickr: www.flickr.com/photos/marcellosaponaro
Sorci Verdi (Youtube): www.sorciverdi.tv Bilancio di fine mandato 2005-2010