Sei sulla pagina 1di 24

Poste Italiane spa

Sped. abb. postale


DL 353/2003
(conv. in L.
27/02/2004 n. 46)
art. 1, DCB Forl
Redazione:
via del Seminario, 85
47521 Cesena
tel. 0547 300258
fax 0547 328812

Opinioni

Vita della Chiesa

Gioved 18 giugno 2015

Gioved
18 giugno 2015
anno XLVIII (nuova serie)

numero 23
euro 1,20

23

Attualit

11

Cultura&Spettacoli

Sabato 20 giugno
a Roma
famiglie in piazza

Scout, in 100mila
a San Pietro
da papa Francesco

Posta consegnata
a giorni alterni
Sfuggono i valori

Plautus festival
Si riaccendono
le luci

n merito allideologia
Gender: La manifestaIzione
nasce dalla richiesta

iete una parte preziosa della Chiesa in ItaS


lia: cos Bergoglio ai mem-

a proposta avrebbe pesanti ripercussioni sui


Lsettimanali
e su altri gior-

sono tredici gli


spettacoli in cartellone,
Sdalarsina:
9 luglio al 21 agosto.

di aiuto delle famiglie. Da


Cesena pi di 100 persone

bri dellAgesci, sabato 13


giugno. In tanti da Cesena

nali. Cos la gente sempre


pi emarginata

Alto il livello degli appuntamenti proposti

Editoriale
Crollo nascite, il vero problema
di Francesco Zanotti

allottaggio, migranti e calo


demografico, tre grandi questioni degli
ultimi giorni. Tre vicende molto diverse
tra loro, accomunate da un certo
smarrimento che coglie i cittadini per quanto
accade alle nostre latitudini.
Partiamo dalla politica. Terminato leffetto
Renzi, il Pd guidato dal premier-segretario
sconta la controindicazione del governare.
Non semplice, comunque, tradurre il voto
amministrativo in un referendum sul
governo. Al di l di ogni altra considerazione,
lastensionismo il dato pi preoccupante.
vero che la scelta finale tra due soli candidati
fa s che si rechino alle urne sempre meno
elettori, ma ormai siamo a percentuali
oltremodo allarmanti, anche per la tenuta
della democrazia e per il valore della
rappresentanza. Il solco tra eletti ed elettori
da colmare con urgenza. Gli ennesimi
scandali delle ultime settimane non aiutano
certo questo necessario riavvicinamento.
Sui migranti bloccati alle frontiere (cfr pagina
10), per lo pi si tratta di profughi ed bene
ribadirlo, stiamo rischiando lennesima
figuraccia. E con noi lEuropa intera che pare
intenzionata a lasciare la partita tutta in
mano allItalia, in barba agli accordi raggiunti
in ambito Unione europea e ai trattati di
Schengen. Ancora una volta, singoli cittadini
- lassociazionismo cattolico e non - hanno
arginato le emergenze dimostrando molta
pi saggezza e accoglienza rispetto a quanti
dovrebbero farlo per diritto internazionale,
dovere di ufficio e responsabilit.
In un mondo che ormai solo veramente un
villaggio globale, non si pu certo pensare di
vivere asserragliati alzando barriere ai
confini. prima di tutto impensabile ed
anche profondamente egoistico, anche se i
problemi non possono essere nascosti. Le
difficolt vanno affrontate. Non ci si pu
limitare a evitarle.
Da ultimo, lennesimo calo demografico, il
pi vistoso nei 150 anni dallunit dItalia.
Siamo un Paese vecchio. E un Paese vecchio
vive di paure e si chiude sempre di pi. Si
arrocca sui privilegi raggiunti e ha paura di
investire. Se non ci fossero gli stranieri in
Italia a riequilibrare il saldo demografico, la
nostra situazione sarebbe ancora pi critica.
Se a questo aggiungiamo il nuovo esodo dei
nostri giovani, costretti a emigrare per trovare
lavoro (e spesso si tratta dei nostri migliori
giovani formati in ottime universit),
possiamo dire senza alcun timore che
rischiamo di essere una societ senza futuro.
Per questo, ancora una volta ribadiamo la
necessit di investire sulla famiglia, per
potere guardare avanti e affidare un minimo
di speranza al futuro delle nuove
generazioni.

19

Cesena: tutti gli appuntamenti dal 20 al 25 giugno per la Festa della famiglia diocesana
LA STATUA DI SAN GIOVANNI BATTISTA,
OPERA DELLO SCULTORE CESENATE
LEONARDO LUCCHI,
POSTA ACCANTO ALLA CATTEDRALE
DI CESENA
(FOTO ARMUZZI)

Eventi da vivere
nella citt
tutto pronto per la Festa della Famiglia diocesana. Sono numerosi gli appuntamenti, i momenti di preghiera, riflessione e
divertimento. Ora il tempo di vivere la festa con gioia e con il
desiderio di sentirsi parte di una grande famiglia.
Ci sono proposte per tutti. Il calendario completo si trova nel
Primo Piano di questa settimana.
Mercoled 24 giugno, giorno del patrono San Giovanni, il vescovo
Douglas proporr il tradizionale messaggio alla citt. Dopo un
intero anno pastorale dedicato alla famiglia, lo scritto di monsignor Regattieri non poteva avere che un unico titolo: Famiglia
bello.

Cesena

14

Cesenatico

15

La Diocesi
ha dato laddio
a don Alberto

I ragazzi Radar
in pellegrinaggio
alla Sindone

Montiano

Sarsina

16

Tempi duri
per far quadrare
i conti

17

Alla Casa anziani


rievocata la vita
di una volta

Opinioni

Gioved 18 giugno 2015

Pasqua dei cristiani. Insieme una necessit


o
Dopo linvit
del Papa

FOTO ARCHIVIO SIR

n maniera insolita e inaspettata e con unespressione spontanea e alquanto sferzante, papa


Francesco ai partecipanti al III ritiro mondiale dei sacerdoti, promosso dallInternational Catholic
Charismatic Renewal Services (Iccrs) e dalla Catholic Fraternity, ha detto che con gli ortodossi
siamo riusciti a litigare sulla diversit della data della Pasqua e ha ridicolizzato il fatto
immaginando un incontro tra un ortodosso e un cattolico; domanda e risposta: Il tuo Cristo risorto?
Il mio invece risorge la settimana prossima.
La celebrazione unitaria della cristianit intera della Pasqua, infatti, avviene di rado e solo per
coincidenza di fatti astronomici che qui sarebbe difficoltoso spiegare (e chi scrive non sarebbe in grado
di farlo). La prossima data comune dovrebbe essere il 16 aprile 2017 e solo eccezionalmente coincide.
La diversit della data dipende da calcoli riferiti a due diversi calendari adottati, il calendario riformato
gregoriano, opera di papa Gregorio XIII (1582) secondo criteri puramente astronomici e non
confessionali, che per non stato accettato dal mondo ortodosso che ha continuato a fare calcoli con
il vecchio calendario lunare chiamato giuliano, proprio da Giulio Cesare, piuttosto datato e non
conforme a calcoli pi esatti. (Qualcuno malignamente ha detto che si preferito contraddire
lastronomia che andare daccordo con il Papa). La questione della data della Pasqua, in realt, con
modalit e motivazioni diverse ha attraversato la storia della cristianit fin dallinizio della Chiesa
nascente e ci che fa pensare e profondamente colpisce, come ha notato papa Francesco, il dato che i

La celebrazione unitaria della cristianit intera della Pasqua


avviene di rado e solo per coincidenza di fatti astronomici che qui sarebbe
difficoltoso spiegare. La prossima data comune dovrebbe essere
il 16 aprile 2017 e solo eccezionalmente coincide

Grande manifestazione nazionale


In piazza a Roma sabato 20 giugno
per la famiglia e per la vita
ppena ho appreso la notizia che per sabato 20
giugno a Roma, in piazza San Giovanni, era stata
indetta una grande mobilitazione nazionale di
tutte le famiglie italiane e di vari gruppi e
associazioni che si battono per la difesa della famiglia e dei
diritti dei pi piccoli, dimpeto ho deciso di andare. O
adesso o mai pi! Cos sar a Roma con il popolo della
famiglia, e sar l come moglie, madre, nonna, medico e
responsabile del Movimento per la Vita di Cesena.
I promotori, riuniti nel Comitato difendiamo i nostri figli,
stanno lavorando forte, spendendosi senza sosta per una
testimonianza che implica la presenza di un popolo in
mobilitazione, nonostante il breve preavviso, il silenzio dei
media, le difficolt logistiche, le perplessit anche tra i
cattolici stessi sulle modalit delliniziativa e su alcuni
aspetti organizzativi. Vorrei cos esporre le ragioni
delladesione alla manifestazione: 1) Sar in quella piazza
per testimoniare la bellezza del disegno creatore che
inscrive limmagine di Dio anche nellalleanza tra luomo e
la donna, come ci ha invitato a fare papa Francesco il 15
aprile scorso. Ogni strumento e ogni momento sono buoni
per questa testimonianza.
2) particolarmente importante questa pubblica
testimonianza in un momento in cui il contesto sociale e il
sistema mass-mediatico hanno messo in atto una pesante
censura verso chi sostiene la famiglia che ha le sue radici in
millenni di storia. Questa censura impedisce la nascita di
un vero dialogo. Vado a Roma per esporre con pacatezza le
nostre ragioni e favorire il necessario clima di incontro e di
dialogo.
3) Qualunque sia il giudizio che si voglia dare circa
levento, mi sento in dovere di stare vicino a chi ha avuto il
coraggio di esporre faccia, idee e tempo per affermare la
positivit di unesperienza che il pensiero unico
dominante vorrebbe seppellire definitivamente.
4) Voglio testimoniare il mio civile dissenso rispetto a tre
proposte legislative tuttora in Senato. a) Se passasse il ddl
Scalfarotto, che riguarda la fantomatica omofobia,
verrebbe fatta fuori la libert di pensiero e di opinione

La fotografia

La giurisdizione riveste oggi una complessit crescente, in considerazione del moltiplicarsi degli interessi e dei diritti che chiedono di essere messi a confronto e che non sempre possono trovare nella legislazione una risposta precisa e piena dinanzi alla variet dei casi concreti. Lo ha detto sabato 13 giugno papa Francesco ricevendo il Consiglio superiore della magistratura nella Sala Clementina. In un contesto di scosse profonde delle
radici culturali, importante che le autorit pubbliche, e tra queste anche
quelle giurisdizionali, usino lo spazio loro concesso per dare stabilit e rendere pi solide le basi dellumana convivenza mediante il recupero dei valori fondamentali. (foto LOsservatore Romano (www.photo.va) / Sir)
(tutelata dallarticolo 21 della Costituzione). b) Se passasse il ddl Cirinn,
verrebbe introdotto in Italia il matrimonio omosessuale, in contrasto con
larticolo 29 della Costituzione e, quel che peggio, si aprirebbe la via
alladozione e alla orribile pratica dellutero in affitto. c) Se passasse la legge sulla
scuola, verrebbe introdotto in ogni ordine e grado della scuola italiana
linsegnamento della cultura gender ( assolutamente necessario che tutti
conoscano cosa pu venir insegnato ai nostri figli prima di esserne vittime!).
Mi pare che vi siano tutti i motivi ideali e pratici per partecipare a un evento (che
spero sia molto affollato, come auspicato dal cardinale Ruini), in cui il popolo,
senza sigle e bandiere, possa pacificamente, serenamente e con orgoglio
manifestare levidenza di una verit irrinunciabile.
Anna Maria Amaducci
DA CESENA si stanno organizzando dei pullman, partenza e ritorno in giornata.
Il riferimento Renato Silvani, cell. 348 2212990.

cristiani nonostante vari tentativi non


sono riusciti a trovare una soluzione.
Probabilmente al fondo c la
convinzione che la data meno
importante del fatto che Cristo morto e
risorto: levento della risurrezione
travalica ogni confinamento rituale o di
calendario, essendo di portata cosmica
ed eterna. Levento conta pi che il
giorno e lora in cui si ricorda e si celebra.
Tuttavia, celebrare insieme, tutti i
cristiani, e proclamare al mondo a una
sola voce, in un determinato giorno del
calendario universale che Cristo
risorto, veramente risorto!, in convinta
e compatta adesione allintegra fede
pasquale, assume una forte rilevanza sul
piano della comunicazione e, quindi,
dellevangelizzazione. I non credenti e i
seguaci di altre religioni, nella disparit
della celebrazione della Pasqua, sono
facilmente indotti a notare segni di
dubbio e incertezza storica e, quindi, una
debolezza dellannuncio e, inoltre,
possono riscontrare lo stato di disunione,
se non di conflittualit, tra cristiani. per
questo, pensiamo, che papa Francesco
abbia tirato fuori la questione in un
momento in cui nessuno ci pensava ed
per lo stesso motivo che nel movimento
ecumenico moderno il problema stato
affrontato a livello di dialogo
interconfessionale.
Un documento importante Verso una
data comune per la Pasqua
Dichiarazione di Aleppo, frutto di una
consultazione svolta nel marzo 1997
promossa dal Consiglio ecumenico delle
Chiese e dalle Chiese del Medio Oriente,
presenti anche rappresentanti del
Pontificio Consiglio per lunit dei
cristiani, del Patriarcato ecumenico, della
Chiesa anglicana e degli Avventisti del
settimo giorno. Questo rapporto non
conclusivo, ma propone una
consultazione allargata il pi possibile
che si sarebbe dovuta svolgere nel 2001.
Il criterio dellaccordo possibile secondo
le indicazioni scaturite dal dialogo sono
molto semplici: riaffermare le norme
stabilite dal primo Concilio ecumenico di
Nicea (325) secondo le quali la Pasqua
deve cadere nella domenica che segue la
prima luna di primavera e calcolare la
data astronomica (equinozio di
primavera e luna piena) con gli strumenti
scientifici pi accurati, basando il calcolo
sul meridiano di Gerusalemme (cf
Risposta comune alla Dichiarazione di
Aleppo sulla data della Pasqua, Ench,
Oec.vol. 8, n 3122 ss).
Da parte delle Chiese cristiane non resta
che mettere in atto con umilt e
disponibilit un progetto comune e
ascoltare linvito di san Paolo, come un
grido che risuona pi che mai urgente
oggi, in un mondo globalizzato e
mediatico: Cristo, nostra Pasqua, stato
immolato! Celebriamo dunque la festa
(1 Cor, 5,7-8). Insieme.
Elio Bromuri

Primo piano

Gioved 18 giugno 2015

Musica Sabato 20 giugno alle 21,30 al Carisport di Cesena un grande evento. Ingresso libero

Con "The Sun" il rock ha unanima cristiana


Una serata da non perdere allinterno degli eventi proposti dalla Festa della famiglia diocesana. Sabato 20 giugno alle 21,30
al Carisport di Cesena si terr il concerto
della rock band The Sun.
Loro sono quattro ragazzi vicentini. Apparentemente sono molto simili a tanti loro coetanei. Alla moda, alcuni con il corpo
ricoperto di tatuaggi. Sono giovanissimi.
Insieme superano di poco i 100 anni.
Quando per la prima volta vedi una loro
foto o un post su Facebook, ti sembrano
una delle tante rock band sparse per lItalia. Ma se capiti su Youtube e ascolti una
delle loro interviste su Tv2000 non puoi
pi smettere di domandarti chi siano veramente e inizi ad approfondire la loro conoscenza. Quello che non puoi fare a meno di riconoscere unevidenza: i The Sun
hanno fatto lincontro della vita, quello

Teleromagna

con Ges, e questo ha talmente stravolto


le loro esistenze da costringerli a fare i
conti con tutto ci che fino a quel momento avevano raggiunto: il successo senza la felicit. Allora capisci perch hanno
abbandonato una carriera avviatissima
nel mondo del rock alternativo. (La band
aveva gi allattivo quattro album autoprodotti e distribuiti in Europa, Giappone
e Brasile da varie etichette indipendenti
ed era stata supporter di band internazionali del calibro di The Cure, The Offspring,
Misfits, Muse e Deep Purple). Nel 2004,
quando si chiamavano "The sun eats
hours", avevano avuto il riconoscimento
come "miglior punk rock band italiana nel
mondo. Comprendi perch ora Francesco
Lorenzi, il leader cantante e compositore,
dallinglese si ritrovato a scrivere solo in
italiano e le sue canzoni parlano di rina-

scita, di vita, di verit. Riesci a spiegarti il


fatto che attorno a questi 4 ragazzi si formato un vero e proprio popolo, gli spiriti
del sole, centinaia di persone affascinate
che oltre a seguire le numerose tappe dei
loro concerti, si ritrovano per fare esercizi
spirituali , viaggi in Terra santa attorniati
da sacerdoti e suore. Se poi hai la grazia di
assistere alla presentazione del loro libro,
"La strada del sole", in unestate al mare,
e ascolti il loro concerto dal vivo, te ne innamori letteralmente perch scopri davvero che le loro non sono solo parole. Vedi gli occhi lucenti, lo sguardo felice, la
gioia del cuore e quello che desideri che
tutti possano conoscerli, incontrarli perch davvero Ges presente e trasforma il
cuore raggiungendo davvero le periferie
esistenziali.
Maeba Cangini

Paolo Cevoli, spettacolo al chiostro

La festa diocesana in tv
Nei giorni scorsi stata registrata una
puntata della trasmissione "Oggi parliamo
di..." in cui si parlato di Festa della
famiglia diocesana. In studio Francesca
Leoni ha intervistato il direttore del
Corriere Cesenate Francesco Zanotti e
monsignor Walter Amaducci, vicario del
vescovo per la pastorale. Sar trasmessa
sabato 20 giugno alle 21.

I genitori dei santi


Mostra al Ridotto
Lesposizione dedicata ai coniugi Martin, "genitori
incomparabili" di santaTeresa di Ges Bambino, beatificati
a Lisieux il 19 ottobre 2008.
"Genitori che generano santi". E il titolo
della mostra che si terr al palazzo del
Ridotto di Cesena dal 20 al 24 giugno (dalle
10 alle 12 e dalle 17 alle 23 gli orari di
apertura). La mostra dedicata ai coniugi
Martin, "genitori incomparabili" di santa
Teresa di Ges Bambino, beatificati a Lisieux
il 19 ottobre 2008. Il titolo illustra come i due
coniugi, santi essi stessi, hanno costituito
una famiglia come ambito educativo alla
santit. Luigi e Zelia vivono la fede e la

Lo spettacolo di Paolo Cevoli, La penultima Cena,


si terr marted 23 giugno alle 21, al Chiostro di
San Francesco. Lingresso a offerta libera.
Il monologo ruota sulla storia del riminese Paulus
Simplicius Marone che racconta la sua vita
avventurosa. E un cuoco romagnolo che, nel 33
d.C., decide di fuggire nella terra pi lontana e
desolata dellimpero: la Palestina. Cos si trova a
Cana mentre due sposini celebrano il matrimonio.

ricerca della santit dentro la condizione


laicale, nella famiglia e nel lavoro.
Costituiscono una famiglia unita da un
amore trasfigurato dalla fede, insieme
vivono le responsabilit del lavoro;
limpegno nelleducazione dei figli,
vissuto con tenero amore, ma anche con
fermezza e fede. Lesperienza del dolore
ha accompagnato la storia di questa
famiglia: in primo luogo con la morte di
quattro bambini, vissuta nel dolore, ma
anche con viva fede nel loro destino
ultimo. "Non avevo che da guardarlo per
sapere come pregano i santi", cos santa
Teresa di Ges Bambino parlava del pap,
Luigi Martin. Che sar presto beatificato
insieme alla sua sposa, Zelia Gurin, nel
centocinquantesimo anniversario delle
loro nozze.
Pietro Schilir, miracolato per
intercessione dei coniugi Martin, nasce il
25 maggio 2002 e fin dalla nascita
presenta problemi di carattere
respiratorio che inizialmente sembrano
rientrare in processi di normale patologia
e seppure portato immediatamente in
terapia intensiva non desta

Qui accade limprevisto. Il miracolo di Ges. Gli


occhi di Paulus si incrociano con quelli del
Maestro. Da quel momento la sua vita non sar pi
la stessa. E da buon romagnolo Paulus ha subito
unidea imprenditoriale: "quello l deve diventare
mio socio"!
Per giorni segue la comitiva di Ges e individua la
persona giusta che potrebbe permettergli di
parlare col Maestro: Giuda...

preoccupazione. Il 3 giugno il pap


telefona a un amico carmelitano padre
Antonio Sangalli affinch amministri il
battesimo a Pietro poich la situazione si
sta aggravando. Il bambino in
incubatrice iperventilato e alle 20 dello
stesso giorno con un dito bagnato padre
Antonio per tre volte bagna la fronte di
Pietro. Quella stessa sera consegna ai
genitori e agli altri quattro figli la
preghiera con la novena da fare ai genitori
di santa Teresa del Bambin Ges. La
situazione resta grave finch
inaspettatamente la mattina del 29
giugno per la prima volta possibile
ridurre la quantit di ossigeno
somministrata. Le cure proseguono e il 27
luglio Pietro viene dimesso dallospedale
in buone condizioni generali come
risultano essere tuttora.
Lanteprima della mostra si avr venerd
19 giugno alle 21,15, sempre al palazzo
del Ridotto, a cura di padre Antonio
Sangalli. Lintroduzione sar del vescovo
Douglas Regattieri. Sabato 20 giugno alle
18 ci sar lincontro con la famiglia di
Pietro Schilir.

via Marinelli, 6 - 47521 CESENA (Fc)


tel. +39 0547 29730 - fax +39 0547 21141
e-mail: comce@comce.it Web: www.comce.it

Progettazione e fornitura
chiavi in mano Impianti:
PETROLCHIMICI
AGROALIMENTARI
ECOLOGIA
DEPURAZIONE
ACQUEDOTTI
METANODOTTI
in ITALIA... nel MONDO

Primo piano

Gioved 18 giugno 2015

Dal 20 al 25 giugno Tanti gli appuntamenti organizzati dalla diocesi di Cesena-Sarsina


Foto Mariggi

Venite alla festa


monsignor Regattieri consegner il
testo della nuova enciclica ai
rappresentanti delle realt ecclesiali
presenti in Diocesi.
Ai giardini pubblici, "Poeti a San
Giovanni" con Gianfranco Lauretano:
questo evento stato rinviato a gioved
25 giugno con inizio alle 21,15.
Marted 23 giugno alle 21, nel chiostro
di san Francesco, dietro alla Biblioteca
Malatestiana, lattore comico Paolo
Cevoli metter in scena il monologo "La
penultima cena".

per eventi, per una Chiesa in uscita che


va incontro alla gente, come la vuole
papa Francesco. "Un programma che
d unanima alla Fiera di San Giovanni",
come messo in evidenza dal sindaco di
Cesena, Paolo Lucchi, anchegli
presente allincontro con la stampa
tenutosi in episcopio.

Festa della Famiglia


diocesana
Ledizione 2015
si svolge tutta in citt
nei giorni del patrono
San Giovanni Battista

ai nastri di partenza la
quarta edizione per la "Festa
della famiglia diocesana". Gli
eventi si svolgeranno tutti a
Cesena dal 20 al 24 giugno nei giorni
della Fiera del patrono, san Giovanni
Battista. "Unoccasione preziosa per
celebrare la famiglia", come ha
ricordato il vescovo Douglas luned
scorso durante la conferenza stampa di
presentazione delledizione 2015.
Unedizione che si tiene tutta in citt e

La chiesa
del Suffragio

Si parte sabato 20 giugno. Nel


pomeriggio, negli spazi della Rocca
Malatestiana ci sar un convegno/festa
dei ragazzi. Sono particolarmente
invitati tutti i bambini/ragazzi delle
elementari e delle medie dei gruppi
parrocchiali, dellAcr, degli Scout e del
Graal. Alle 15 prevista laccoglienza
cui seguir un grande gioco. Poi una
merenda insieme e alle 17,30 la Messa
nel parco della Rocca.
Il concerto della rock band "The Sun" si
terr al Carisport con inizio alle 21,30,
sempre sabato 20 giugno. La band
arriva in citt a pochissimi giorni dal
lancio (il 16 giugno) del nuovo album
"Cuore aperto", gi anticipato dal
singolo "Le case di Mosul".

Cento ore
in adorazione
da sabato 20
a mercoled
24 giugno

Con una grande celebrazione in


Cattedrale, alle 16 di domenica 21
giugno verranno ricordati gli
anniversari di matrimonio (25, 50, 60,
70 e 75 anni). Nel momento in cui
andiamo in stampa sono oltre 100 le
coppie che hanno risposto allinvito del
vescovo Douglas. Invito giunto a
conclusione dellanno pastorale
dedicato alla famiglia.
Ci si sposta nei locali dei missionari del
Preziosissimo Sangue (la chiesa dei
Servi) luned 22 giugno. Alle 17, 30 ci
sar una festa per anziani e malati,
preceduta dalla proiezione del filmato
"Una donna di nome Maria". Dopo la
proiezione, per tutti gli intervenuti
previsto un piccolo buffet. In
Cattedrale, con inizio alle 21,
larcivescovo di Taranto, monsignor
Filippo Santoro, di recente eletto
presidente della Commissione Cei per i
problemi sociali e il lavoro, la giustizia e
la pace, presenter lenciclica di papa
Francesco "Laudato sii" che verr
pubblicata gioved 18 giugno e
riguarder temi connessi alla tutela del
Creato. Al termine della serata

"Per stare in piedi bisogna stare in


ginocchio", amava ripetere don
Oreste Benzi. Il Vangelo invita a
costruire la casa sulla roccia, su Ges
Cristo. Questo il motivo della 100 ore
di adorazione non stop che si
terranno nei giorni della Festa della
famiglia diocesana, in pieno centro
storico, nella chiesa del Suffragio
(non in quella di Boccaquattro, come
in precedenza comunicato e scritto
anche su queste colonne).

Mercoled 24 giugno, solennit della


Nativit di san Giovanni Battista, in
Cattedrale alle 10, il vescovo Douglas
presieder la solenne concelebrazione
eucaristica per la festa del patrono della
citt di Cesena durante la quale
consegner il suo messaggio alla citt
dal titolo "Famiglia bello". Nel
messaggio, ha anticipato monsignor
Regattieri, si parla di famiglia naturale,
quella formata da un uomo e una
donna". Queste famiglie, ha aggiunto il
vescovo, "vanno aiutate, sostenute e
valorizzate".
Durante i giorni della Festa della
famiglia diocesana nella chiesa del
Suffragio (angolo tra via Zeffirino Re e
Corso Mazzini) avr luogo
unadorazione eucaristica non stop di
100 ore. Nella stessa chiesa ogni
mattina alle 8 verr celebrata una
Messa. Nei locali al primo piano del
palazzo del Ridotto verr esposta una
mostra sui coniugi Martin (Luigi e Zelia,
genitori di santa Teresa di Lisieux) che
con molte probabilit saranno
canonizzati in occasione del sinodo
sulla famiglia dellottobre prossimo.
La Festa della famiglia diocesana ha
trovato il sostegno di tre importanti
partner: Orogel surgelati, Banca di
credito cooperativo di Sala di
Cesenatico e Sac Petroli.

Si inizier alle 8 di sabato 20 giugno e


si andr avanti no alle 12 di
mercoled 24 giugno, anche durante
tutte le notti. Ad ogni ora ci sar
qualcuno che guider la preghiera
comune e la meditazione. Per
loccasione sono stati predisposti dei
Sussidi per ladorazione eucaristica a
cura del Servizio di animazione
spirituale. Sar disponibile anche un
libretto con i canti che saranno
eseguiti nella lunga adorazione. Ogni

persona che varcher lingresso della


chiesa del Suffragio ricever il
sussidio per essere aiutato
nelladorazione. Nel cuore della citt,
allangolo fra via Zeffirino Re e corso
Mazzini, in mezzo alla confusione
della Fiera di San Giovanni, un luogo
di ritiro e di silenzio. Non come una
contraddizione, ma come risposta a
un desiderio e a una necessit:
tornare allorigine del nostro essere,
a Chi ci ha voluti su questa terra.

Vita della Diocesi

Gioved 18 giugno 2015

NOTIZIARIO DIOCESANO

Festa di San Giovanni Battista, patrono di Cesena


Mercoled 24 giugno
Le celebrazioni in Cattedrale
In Cattedrale a Cesena si celebra
mercoled 24 giugno la festa di
San Giovanni Battista, titolare
della Basilica e patrono della
citt di Cesena. Alle 7, 8,30 e
11,30 e 18, in Catterale, Messe
con omelia. Alle 10 ci sar la
Messa pontificale presieduta dal
vescovo monsignor Douglas Regattieri. Durante la celebrazione
delle 10 verr esposto, a lato del
Presbiterio, il prezioso corale
custodito nella Biblioteca Malatestiana e aperto nel foglio che
racconta con le sue miniature la
Nativit di San Giovanni Battista. Alle 17 rosario e vespro della
solennit di San Giovanni Battista.
Il 24 giugno tutti i fedeli sono invitati a visitare e a sostare in preghiera nella Cattedrale di Cesena, cuore e madre di tutta la
comunit diocesana. Osservando le tre condizioni richieste e recitando un Padre nostro e un Credo si pu acquistare lindulgenza plenaria.
La sera di mercoled 24 giugno, alle 21 in Cattedrale, si terr il
terzo appuntamento della Rassegna organistica Malatestiana:
il maestro organista della Cattedrale Gianni Della Vittoria proporr brani di Bach, Schumann, Bossi, Wagner-Liszt e due brani
scritti da lui stesso.

Mater Caritatis, Bartoletti Stella nuovo presidente


Lassociazione il braccio operativo della Caritas diocesana
Lassociazione di carit Mater Caritatis comunica che dal 27
maggio il nuovo presidente del Comitato direttivo il diacono
Ivan Bartoletti Stella, eletto con delibera assembleare del 26
maggio scorso.

IL GIORNO
DEL
SIGNORE
Perch avete paura? Non avete ancora fede?
Domenica 21 giugno
12 Domenica Tempo Ordinario - Anno B
Gb 38,1.8-11; Salmo 106;
2Cor 5,14-17; Mc 4,35-41

uomo di oggi convinto di poter


avere il controllo di tutto, della
natura e delle relazioni, ma nella
vita ci sono eventi e situazioni nelle quali
sperimentiamo impotenza e incapacit di
governarle. Pensiamo alle calamit
naturali, alla morte improvvisa di una
persona cara, alle scelte che fanno i nostri
figli che non condividiamo, ma che
dobbiamo accogliere...
Oggi Ges ci d una lezione: se lo
prendiamo, cos com, sulla barca della
nostra vita e navighiamo con Lui, sar Lui
a traghettarci nei passaggi pi burrascosi.
Cos com significa che non dobbiamo
crearci un Dio a nostra immagine e
secondo le nostre logiche: pensare che se
Lui non risponde quando e come voglio
io, allora si addormentato; se Lui non
risolve i miei pasticci lontano; se le mie
preghiere sembrano cadere nel nulla,
perch Lui ha altre cose per la testa. Forse
in questi casi ad essere addormentato
non Ges, ma la nostra fede che
pretende un Dio sempre sveglio e pronto
a evitarci le tempeste. Ecco allora una
domanda preziosa: chi dorme? Io o il mio
Dio? La mia fede o Ges?
Lamore di Dio per noi talmente grande
che possiamo dire che non mai fuori

controllo. Non esiste un momento della


nostra vita in cui questo amore si fermi.
Non c mai un momento in cui Dio
dorme, o non sa cosa accada ai suoi figli.
Nemmeno quando il dolore o la morte
bussano alla porta della nostra vita.
Perch avete paura? Non avete ancora
fede?. Non possiamo nascondere che la
nostra fede in Dio si ravviva specialmente
quando abbiamo qualcosa da chiedere o
siamo in difficolt. Ma la fede di cui parla
Ges quella certezza di cui dice San
Paolo nella seconda lettura: Fratelli,
lamore di Cristo ci possiede!. Siamo
posseduti dallAmore e non abbandonati
al destino.
La fede, a noi sposi, fa pensare anche
allanello che portiamo al dito e che ci
siamo scambiati il giorno del matrimonio.
Fede vuol dire fiducia, affidamento,
legame, promessa e speranza. bene
ed bello guardare, con fede, la fede,
cio lanello, nei giorni di tempesta!
S, perch il segno che il mio sposo ha
promesso di amarmi per sempre
rispettando le mie fatiche, le mie
incoerenze e i miei limiti e non lha fatto
da solo, ma con la grazia di Cristo. E
anche quando sembra che il coniuge
dorma, l accanto a me, sempre e
comunque, perch forte della promessa
di Ges che salito sulla nostra barca
cos comera Lui, per stare con noi, cos
come siamo noi.
Sabrina e Andrea Delvecchio

La Parola
di ogni giorno
luned 22 giugno
san Paolino di Nola
Gen 12,1-9; Sal 32;
Mt 7,1-5
marted 23
san Lanfranco
Gen 13,2.5-18; Sal 14;
Mt 7,6.12-14
mercoled 24
nativit di
San Giovanni Battista
Is 49,1-6; Sal 138;
At 13,22-26;
Lc 1,57-66.80
gioved 25
san Guglielmo abate
Gen 16,1-12.15-16;
Sal 105; Mt 7,21-29
venerd 26
san Vigilio
Gen 17,1.9-10.15-22;
sal 127; Mt 8,1-4
sabato 27
san Cirillo
dAlessandria
Gen 18,1-15;
Cant. Lc 1,46-55;
Mt 8,5-17

A MESSA DOVE

Messe feriali
a Cesena
7.00 Cattedrale, Cappuccine,
Cappella dellospedale
7.30 Basilica del Monte
7.35 Chiesa Benedettine
8.00 Cattedrale, San Paolo,
Addolorata, Villachiaviche,
Santa Maria della Speranza
8.30 Madonna delle Rose,
San Domenico, San Rocco,
SantEgidio, capp. cimitero,
Santo Stefano, Case Finali,
9.00 Suffragio, Addolorata
9.30 Osservanza
10.00 Cattedrale
17.00 Capp. ospedale (no sabato)
18.00 Cattedrale, Madonna
delle Rose, San Domenico,
San Paolo, San Rocco,
Osservanza
18.30 San Pietro, SantEgidio,
Santa Maria della
Speranza, Cappuccini,
San Bartolo
19.00 Tipano
20.00 San Giovanni Bono,
Torre del Moro, Gattolino
20.30 Villachiaviche, San Pio X

Sabato e vigilie
15.30 Macerone (Lieto Soggiorno)
15.00 Formignano
17.00 Cappella cimitero Cesena,
Luzzena (1 sabato mese),
Bora (2 sabato mese)
17.30 Santuario del Suffragio
18.00 Cattedrale, San Domenico,
Santuario Addolorata,
Convento Cappuccini,
Osservanza, Santo Stefano,
San Paolo, Diegaro,
San Mauro in V.,
Madonna delle Rose,
Torre del Moro, Borello,
San Giorgio, San Vittore
18.30 San Pietro, San Rocco,
Case Finali, SantEgidio,
Santa Maria della Sper.
19.00 Osservanza, Villachiaviche,
San Bartolo, Ponte Pietra
19.30 Bulgarn
20.00 San Giovanni Bono,
Bulgaria, Ruffio, Pioppa,
Pievesestina, Tipano,
Gattolino
20.30 San Pio X, Martorano,
Calisese

Messe festive
7.00 Cattedrale
7.30 Santuario dellAddolorata,
Cappuccine,
Cappella dellospedale
Bufalini, Calabrina,
Ponte Pietra,
Villachiaviche
8.00 Basilica del Monte,
San Pietro,
San Pio X,
Santa Maria della Sper.
San Mauro in Valle,
San Giovanni Bono,
SantEgidio, Calisese,
Torre del Moro,
Madonna del Fuoco,
Macerone, Capannaguzzo,
Ronta, Borello
8.30 Cattedrale, San Rocco,
Case Finali, Martorano,
Tipano, San Cristoforo,
Gattolino, Roversano
9.00 San Giuseppe (Cesena
corso Comandini),
chiesa Benedettine,
Santo Stefano,
San Bartolo, San Paolo,
San Domenico, Diegaro,
Pievesestina,
Ponte Pietra, Bagnile,
Santa Maria Nuova,
Bulgaria, San Vittore,
San Carlo, Ruffio
9.15 San Martino in Fiume
9.30 cappella del cimitero,
Santuario dellAddolorata,
Madonna delle Rose,
Osservanza, Villachiaviche,
Montereale, San Tomaso
9.45 Bulgarn
10.00 Cattedrale,
Case Finali, San Pietro,
San Rocco, Santa Maria
della Speranza, Torre del
Moro, Cappuccini,
SantEgidio, San Pio X,
Carpineta,
SantAndrea in B.,
10.30 Santuario del Suffragio,
Casalbono
10.45 Ronta, Capannaguzzo
11.00 Basilica del Monte,
Santuario Addolorata,
Osservanza, San Pietro,
Santo Stefano, San Paolo,
San Bartolo, Villachiaviche,

11.10
11.15
11.30
17.00
18.00
18.30
19.00
20.00

San Domenico,
San Giorgio,
San Giovanni Bono,
Calabrina, Calisese,
Gattolino, Madonna del
Fuoco, San Mauro in Valle,
Martorano, San Demetrio,
Pievesestina, Pioppa,
Ponte Pietra, Bulgaria,
Borello, San Carlo,
San Vittore, Tipano,
Macerone
Torre del Moro
Diegaro, Madonna
delle Rose
Cattedrale, San Pio X,
Santa Maria della
Speranza
Cappella del cimitero
Cappella dellospedale
Cattedrale,
San Domenico, San Rocco
San Pietro, Cappuccini
Osservanza
San Bartolo, Villachiaviche

Comuni del
comprensorio
Bagno di Romagna
ore 20 (sabato);
11,15 / 20
San Piero in Bagno:
chiesa parrocchiale
ore 17 (sabato);
8,30 / 11 / 17.
Chiesa San Francesco:
10 / 15,30
Ospedale Angioloni:
ore 16 (sabato)
Selvapiana: 11,15
(20,30 sabato);
Acquapartita: 9
Valgianna: 10
Bertinoro
Santa Maria Nuova: 9, 11
(19 sabato)
Cesenatico
Sabato: ore 16 Villamarina,
Boschetto;
ore 17 San Giuseppe;
17,30 Conv. Cappuccini;
18,30 Valverde;
19 Camping Cesenatico;
20 Sala

20,30 Villalta, Santa Maria


Goretti
21 San Giacomo,
Boschetto
Festivi: 7 San Giacomo,
7,30 Valverde,
8 Bagnarola, Santa Maria
Goretti;
8,30 Sala, Boschetto,
Cappuccini;
9 Valverde;
9,15 San Pietro;
9,45 Cannucceto;
10 Villalta;
10,30 Cappuccini,
San Giuseppe;
11 San Giacomo,
Boschetto, Santa Maria
Goretti, Sala;
11,15 Bagnarola;
16 cimitero urbano;
17,30 Cappuccini;
18,30 San Giacomo,
Valverde, Zadina;
21 San Giacomo,
Boschetto
Civitella di Romagna
Giaggiolo: 9,30
Civorio: 9
Gambettola
chiesa SantEgidio abate;
8,30 / 10 / 11,15 / 18.
Consolata: 19 (sabato);
7,30 / 9,30
Gatteo
ore 20 (sabato);
9 / 11,15 / 17
SantAngelo: 20 (sabato);
8, 45; Casa di riposo: 9,30
- 11. Istituto don Ghinelli:
18,30 (sabato), 7,30
Gatteo a Mare:
festivi: 8 / 11,15
Longiano
Sabato:18 Santuario
SS. Crocifisso; 19 Crocetta
20,30 Budrio
Festivi: ore 7,30 Santuario
SS. Crocifisso;
8 Budrio; 8,30 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio,
Santuario SS. Crocifisso;
9,45 Balignano;
10 Badia, Montilgallo;
11 Budrio, Longiano-

Parrocchia, San Lorenzo in


Scanno; 11,15 Crocetta;
18 Santuario Crocifisso
Mercato Saraceno
10.00; Ciola: 8,30
Linaro: 11,15;
Monastero di Valleripa: 9;
Montecastello: 11
Montejottone: 8.30
Montepetra: 8.30
Piavola: prefestiva sabato
ore 18 (chiesa
San Giuseppe);
9,30 chiesa parrocchiale;
Pieve di San Damiano
11,30; San Romano: 11;
Taibo: 10
Montiano
ore 20,30 (sabato); 9.
Montenovo:
ore 18,30 (sabato), 10,30
Roncofreddo
Sorrivoli: 11,15;
Diolaguardia: 9;
Gualdo: 18 (sabato), 11;
Bacciolino: 9,30

Sarsina
Casa di Riposo: ore 16
(sabato).
Concattedrale: 7 / 9 /
11 / 18;
Tavolicci: 16 (sabato);
Ranchio: 20 (sabato), 11;
Sorbano: 9.30;
Turrito: 17 (sabato), 10;
San Martino: 9,30;
Quarto: 10,30;
Pieve di Rivoschio: 15,30;
Romagnano: 11,15;
Pagno: 16 (seconda
domenica del mese).
Verghereto
ore 16 (sabato), 9,15
(domenica); Balze (chiesa
parrocchiale): 8,15 /
11,15
Montecoronaro: 9,45;
Montecoronaro orat. Ville
(al sabato): 16;
Alfero: ore 17 (sabato);
11,15; Riofreddo: 10
Corneto: 11
Pereto: 10

DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Direttore editoriale
Piero Altieri
Direttore responsabile
Francesco Zanotti
Vicedirettore
Ernesto Diaco
Membro della
Federazione
Italiana
Settimanali
Cattolici
Associato
allUnione
Stampa
Periodica
Italiana

Testata che fruisce


di contributi di cui
allart. 3 comma 3 della
legge n. 250 del 7/8/1990
Giornale locale ROC
(Registro degli operatori
di comunicazione)

Redazione, Segreteria e Amministrazione


via del Seminario, 85,
47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258,
fax 0547 328812,
www.corrierecesenate.it
Conto corrente postale n. 14191472
E-mail: redazione@corrierecesenate.it
Abbonamenti
annuo ordinario euro 45;
sostenitore 70 euro;
di amicizia 100 euro;
estero (via aerea) 100 euro.
Settimanale dinformazione
Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale
della stampa n. 4.234
Editore e Propriet
Diocesi di Cesena-Sarsina
Stampa
Rotopress
via Brecce - 60025 Loreto (Ancona)
www.rotoin.it

Tiratura del numero 22 dell11 giugno 2015: 7.942 copie


Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 17,30 di marted 16 giugno 2015

Vita della Diocesi

Gioved 18 giugno 2015

Scuola diocesana di Teologia | Incontro di fine anno


CONCLUSIONE DELLANNO ACCADEMICO 2014-2015 PER LA
SCUOLA DI TEOLOGIA sabato 13
giugno presso il Seminario diocesano: 12 diplomati al termine del triennio, 18 Libretti consegnati al termine degli esami del primo anno e 11
attestati per gli elaborati dei partecipanti al Master (Corso annuale di
approfondimenti per i Diplomati in
Teologia) questanno dedicato allAgiografia (Cattedra
dei Santi).
Al bilancio tracciato dal direttore della scuola monsignor
Walter Amaducci, hanno fatto seguito le congratulazioni, la soddisfazione e il ringraziamento del vescovo Douglas per il contributo che questa esperienza procura ai
singoli, alle comunit parrocchiali e alla Diocesi tutta.
La consegna dei Diplomi, dei Libretti e degli Attestati
stata accompagnata dagli applausi degli amici e familiari, con gli scatti di Cristiano.
Un bel momento conviviale preparato da Romana, Bruna e Silvana ha concluso in modo fraterno e simpatico
limportante momento.
Con laugurio di buone vacanze, larrivederci per marted 6 ottobre.
Valeriano Biguzzi

Breve

Testimonianza di ritorno dalla giornata a Bologna e Monteveglio


IL GRUPPO
DI CONSACRATI
CHE
HA PARTECIPATO AL
PELLEGRINAGGIO
A BOLOGNA
E MONTEVEGLIO,
LO SCORSO
2 GIUGNO,
ACCOMPAGNATI
DAL VESCOVO
DOUGLAS
E DA MONSIGNOR
MARIO MORIGI

Pellegrinaggio consacrati e consacrate,


una sosta di fraternit, stima e comunione

arted 2 giugno un gruppo di


consacrati e consacrate della
diocesi, insieme al vescovo
Douglas e a monsignor Mario Morigi, si
recato in pellegrinaggio a Bologna,
presso la chiesa del Corpus Domini, che
ospita un bellissimo mosaico di 250
metri quadrati, opera di Marko Ivan
Rupnik, tutto dedicato alla
contemplazione del Mistero Eucaristico.
Ad attenderci, al mattino, il parroco
monsignor Aldo Calanchi, insieme al

diacono Eros Stivani, che al termine della


celebrazione eucaristica, presieduta dal
nostro vescovo, ci ha illustrato attraverso
uninteressante catechesi i vari temi del
mosaico.
La giornata poi proseguita a
Monteveglio, dove siamo stati accolti
dalla comunit dei Fratelli di San
Francesco, che ci hanno accompagnato
in una visita guidata allabbazia di cui
sono custodi.
Nel pomeriggio ci siamo incontrati per

un momento di condivisione, per


comunicarci riflessioni ed esperienze
personali di vita, sottolineando in modo
particolare la dimensione eucaristica
della nostra consacrazione.
stata una giornata bella, ricca di
preghiera e di fraternit, una piccola
sosta vissuta nel Signore, che ha
rafforzato la nostra reciproca stima e
comunione per continuare a camminare
insieme nella Chiesa a servizio dei fratelli.
Sara DellAmico

Spazio
Ascolto Famiglia
Un aiuto alla persona
e alla coppia
LUfficio diocesano per la Pastorale della
Famiglia desidera far conoscere lattivit di
Saf, Spazio Ascolto Famiglia, laiuto di
consulenti familiari alla persona, alla coppia
e alla famiglia.
Spazio Ascolto Famiglia offre alle persone in
difficolt un luogo di accoglienza, ascolto,
confronto e orientamento, anche in una
dimensione spirituale. Si rende disponibile
per una relazione di aiuto nelle situazioni di
crisi e di difficolt, di disorientamento e di
incomprensione.
a disposizione di persone, coppie e famiglie
che vivono situazioni di disagio relazionale,
anche legate allesperienza della
separazione e del divorzio. Gli operatori di
Spazio Ascolto Famiglia sono consulenti
familiari volontari, diplomati alla scuola
Sicof (Scuola italiana consulenti familiari) di
Roma, sensibili al bene della famiglia,
formati sulle problematiche del disagio
familiare e relazionale e allascolto empatico.
Il servizio offerto gratuitamente nei giorni
di luned, gioved, venerd, dalle 15 alle 18;
per appuntamenti telefonare dal luned al
venerd, dalle 10 alle 17, al numero 346
3694421. La sede presso lIstituto Ancelle
Sacro Cuore di San Carlo (accanto alla scuola
materna), via San Carlo 316, San Carlo di
Cesena.
Info: www.noifamiglia.it;
spazioascoltofam@tiscali.it

Organizzazione Tecnica Ariminum Viaggi e Robintur Viaggi, IOT e Brevivet - Polizza assicurava R.C. Allianz n. 74372043

TERRA
SANTA dal 6 al 13 agosto 2015:
Pellegrinaggio presieduto dal nostro vescovo mons. Douglas Regaeri.
Pullman da Cesena, volo di linea da Venezia: il Monte Carmelo, Nazareth,
il Monte Tabor, i Santuari del Lago, Betlemme, Gerico, Qumran, Gerusalemme.
Hotel comodissimi, pensione completa, accompagnatore.
Sono disponibili ancora alcuni pos
1.195 euro

LOURDES dal 14 al 16 seembre - parrocchia di Villachiaviche


Volo da Bologna, Hotel 3 stelle, assicurazioni

573 euro

SANTIAGO DE COMPOSTELA possibilit di pellegrinaggi di gruppo


o individuali: programmi organizza o in libert
AD LIMINA PETRI (CEI) - Credenziali del pellegrino per chi percorrer a piedi la via Francigena
o le anche vie di pellegrinaggio

Gioved 18 giugno 2015

Vita della Chiesa

Papa Francesco allAgesci

FOTO SIR

Siete una parte


preziosa della
Chiesa in Italia
Papa Francesco si rivolto ai membri dellAgesci,
lAssociazione guide e scout cattolici italiani ricevuti in udienza
(100mila in piazza San Pietro, 500 da Cesena). I genitori - ha
detto il Pontefice - ve li affidano perch sono convinti della
bont e saggezza del metodo scout, basato sui grandi valori
umani, sul contatto con la natura, sulla religiosit e la fede
in Dio; un metodo che educa alla libert nella responsabilit

oi siete una parte preziosa della Chiesa in Italia. Voi


offrite un contributo importante alle famiglie per la
loro missione educativa verso i fanciulli, i ragazzi e i
giovani. Cos sabato mattina 13 giugno, in una
piazza san Pietro gremita da circa 100mila scout da tutta Italia, papa
Francesco si rivolto ai membri dellAgesci, lAssociazione guide e
scout cattolici italiani ricevuti in udienza. I genitori - ha detto il
Pontefice - ve li affidano perch sono convinti della bont e saggezza
del metodo scout, basato sui grandi valori umani, sul contatto con la
natura, sulla religiosit e la fede in Dio; un metodo che educa alla
libert nella responsabilit. Questa fiducia delle famiglie non va
delusa! E anche quella della Chiesa: vi auguro di sentirvi sempre parte
della grande Comunit cristiana.
Nel suo discorso Francesco ha ricordato la forte domanda di
educazione e di ascolto rivolta alle vostre comunit capi, alle
parrocchie e alla Chiesa nel suo insieme contenuta nella Carta del
coraggio presentata alla route nazionale di San Rossore, lo scorso
agosto, domanda che investe anche lambito della spiritualit e della
fede, che sono fondamentali per la crescita equilibrata e completa
della persona umana. Nel panorama delle associazioni scout a livello
mondiale, ha dichiarato il Papa, lAgesci tra quelle che investono di
pi nel campo della spiritualit e delleducazione alla fede.
Ma c ancora tanto da lavorare, perch tutte le comunit-capi ne
comprendano limportanza e ne traggano le conseguenze. A tale

riguardo Francesco si congratulato con


lAgesci per i momenti formativi per i
capi sullaccostamento alla Bibbia, buone
iniziative, che, stato lauspicio del
Pontefice, non siano solo momenti
sporadici, ma che si inseriscano in un
progetto di formazione continua e
capillare, che penetri fino in fondo nel
tessuto associativo, rendendolo
permeabile al Vangelo e facilitando il
cambiamento di vita. Sono certo che
lAgesci pu apportare nella Chiesa un
nuovo fervore evangelizzatore e una
nuova capacit di dialogo con la societ.
Dal Papa poi unaggiunta a braccio,
unesortazione gi lanciata ai giovani di
Sarajevo, una settimana fa e accolta da un
applauso della piazza: Mi raccomando,
fate ponti in questa societ dove c
labitudine di fare muri. Fate ponti, mi
raccomando. Ma questo pu avvenire
solo a una condizione, secondo il Santo
Padre: che i singoli gruppi non perdano il
contatto con la parrocchia del luogo, dove

hanno la loro
sede, ma che
in molti casi
non
frequentano,
perch, pur
svolgendo l il
loro servizio, provengono da altre zone. Siete chiamati - ha
concluso - a trovare il modo di integrarvi nella pastorale della
Chiesa particolare, stabilendo rapporti di stima e
collaborazione a ogni livello con i vostri vescovi, con i parroci
e gli altri sacerdoti, con gli educatori e i membri delle altre
associazioni ecclesiali presenti in parrocchia e nello stesso
territorio, e non accontentarvi di una presenza decorativa
alla domenica o nelle grandi circostanze.
PIAZZA SAN PIETRO, SABATO 13 GIUGNO: IL VESCOVO DOUGLAS,
DON WALTER AMADUCCI, DON GIORDANO AMATI (SOPRA), DON
FILIPPO CAPPELLI E DON MARCO MURATORI HANNO
ACCOMPAGNATO GLI SCOUT DI CESENA. IL VESCOVO E DON
WALTER HANNO SALUTATO PERSONALMENTE IL PAPA. A SINISTRA
SCOUT DEL GRUPPO CESENA 11.
FOTOGALLERY SUL SITO WWW.CORRIERECESENATE.IT
IL FILMATO DEL SALUTO DEL VESCOVO DOUGLAS E DI DON WALTER
NELLA SEZIONE BREVI DI LUNED 15 GIUGNO

Vita della Chiesa

Gioved 18 giugno 2015

#FIRENZE2015LAB. Concluso a Napoli il secondo laboratorio nazionale in preparazione al Convegno


ecclesiale di Firenze

uattro tavole rotonde, sulla scuola,


tavolino, ma di uomini e
sulluniversit, sulla
donne che facciano in
comunicazione, sul mondo del
Cristo esperienze di
cinema e delle fiction. Un
umanesimo vissuto: nello
cortometraggio di un liceo di Portici, alle
studio, nel lavoro, in
porte di Napoli, per connettersi a chi ci
famiglia, nella vita di tutti i
sta accanto. Il rione Sanit raccontato da
giorni.
una suora che declina cosa significhi per lei
abitare. Sono solo alcuni spunti
Lei vicepresidente per il
dellintensa giornata del secondo
Sud del Comitato preparalaboratorio nazionale organizzato sabato
torio del Cen. Pensa che
13 giugno dalla Cei a Napoli in vista del
sia arrivato il momento di
Convegno ecclesiale nazionale (Cen) di
riformulare in modo nuoFirenze, sul tema: Leggere i segni dei
vo anche la questione metempi e parlare il linguaggio dellamore.
ridionale?
Abbiamo chiesto a monsignor Antonino
Credo che siamo noi del
Raspanti, vescovo di Acireale,
MONSIGNOR ANTONINO RASPANTI, VESCOVO DI ACIREALE E Sud che non ci vogliamo
vicepresidente per il Sud del Comitato
VICEPRESIDENTE DEL COMITATO PREPARATORIO DEL 5 CONVEGNO svegliare. Non pi
ECCLESIALE NAZIONALE, INSIEME AL CARDINALE DI NAPOLI possibile continuare a
preparatorio del Cen e presidente della
CRESCENZIO SEPE (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)
Commissione episcopale per
chiedere che sia la Cei ad
la cultura e le comunicazioni
assumersi lonere della
sociali, di fare il punto
cosiddetta questione
sullappuntamento - al quale
meridionale - sulla quale
ha partecipato per intero,
del resto i vescovi italiani
aprendone i lavori - e sul
sono stati da sempre in
cammino fin qui percorso in
prima linea - perch se
preparazione dellimportante Il vescovo Antonino Raspanti: Bisogna vivere e abitare da credenti le cinque vie proposte dalla non lo fa, la questione
appuntamento di novembre,
non diventer
Traccia, chiedendosi quali azioni corrispondano di pi al Vangelo. Non si tratta di strategie a meridionale
con uno sguardo alle sfide e
mai questione nazionale.
alle prospettive da raccogliere. tavolino, ma di uomini e donne che facciano in Cristo esperienze di umanesimo vissuto. Una Questo non ha smosso le
Non ultima, quella che fino ad riflessione anche sulla questione meridionale e sui giovani
coscienze: non ci potr
oggi stata definita la
mai essere un riscatto del
questione meridionale.
Sud, se non si attiva la voglia di riscatto di
luoghi di trasmissione del sapere, cercando comunicazione oggi non soltanto la rete, i
questa parte di Paese. Come comunit
dindagare su che immagine di uomo passa social, il web: in molti Paesi come gli Stati
Uniti, la Corea, il Giappone e parte
Educazione, cultura e comunicazione: tre
ecclesiale possiamo fare moltissimo, ma
in ambiti in cui si formano gli opinion
ambiti molto vasti. Come ha voluto declinel Meridione lo facciamo poco, perch
makers e gli opinion leaders, dove si creano dellIndia gli adolescenti sono cos avanti
da costruire loro stessi i robot. Ci sono vere
narli il laboratorio di Napoli?
impieghiamo giovani e adulti nellambito
modi di pensare e comportamenti.
e proprie gare, durante il liceo, e questi
Quella dei tre laboratori in preparazione a
intraecclesiale distogliendoli dal crearsi
robot interferiscono con la vita quotidiana,
Firenze non stata una scelta di singoli
una grande competenza al di fuori di esso,
Lidea quella di ridurre le distanze - tra
perch vengono trasferiti in loro dei
temi specifici, ma di tre aree tematiche che
in termini di retta coscienza, di bene
Chiesa di vertice e Chiesa di popolo, tra
si riferiscono allunico grande tema
comune, di formazione Ci
la gente e le istituzioni - come sta cercando cosiddetti sentimenti. la nuova
frontiera del transumanesimo, dove i robot
radicale - lumanit di Ges - e che
accontentiamo, non li strigliamo,
di fare papa Francesco, con la sua rivolusono compagni di vita per i quali
rappresentano tre frontiere su cui si gioca
non chiamiamo i giovani alla misura alta
zione comunicativa?
la questione dellumanesimo. A Perugia si Ormai tutti ci siamo accorti che quello della sinvocano addirittura nuovi diritti e ci si
della santit, come faceva san Giovanni
comunicazione non una semplice rete,
chiede se si abbia il diritto di distruggerli,
parlato di ecumenismo e dialogo
Paolo II.
ma un ambiente vero, che lo si frequenti o
una volta che abbiano espletato le loro
interreligioso, allinterno di una
no. Un ambiente sempre pi presente,
funzioni.
conformazione dellItalia che sta
Cosa dir Firenze ai giovani? Ci sono marsoprattutto tra i giovani, per i quali la
cambiando e cambier nellarco di poco
gini per ribaltare la prospettiva?
Quali le sfide pi urgenti da raccogliere, in
comunicazione un luogo che si abita e
tempo, soprattutto a causa della denatalit
Firenze vuole dire ai giovani: smettila di
che, da una parte, plasma e, dallaltra, viene vista del Convegno di Firenze?
e delle nuove migrazioni. A Milano si
chiedere, dai quello che puoi e sai dare.
Bisogna starci e non pensare di tirarsene
modellato dai giovani stessi. Nel mondo
parler del lavoro che non c, come
Daltra parte, occorre riconoscere che la
fuori. Bisogna vivere e abitare da credenti
digitale ci sono grandi rischi e grandi
grande problema sociale. Qui a Napoli,
nostra una societ che ha rubato il futuro
le cinque vie proposte dalla Traccia,
possibilit, che si proiettano in modalit di
invece, si voluto riflettere sulle
alle nuove generazioni. Bisogna fare di
chiedendosi quali azioni corrispondano di
comunicazioni come ambito strategico, ma essere umani di cui ancora non si riescono
tutto per ridare loro diritto di parola.
pi al Vangelo. Non si tratta di strategie a
a intravedere pienamente gli esiti. Ma la
anche sulla scuola e luniversit come
M. Michela Nicolais

Linvito ai giovani: dai quello che puoi

10

Gioved 18 giugno 2015

i a cui stiamo
assistendo limmagine
del fallimento di una
Europa che non riesce a trovare un
approccio comune a un fenomeno
migratorio che ha le stesse
dinamiche dellemergenza Nord
Africa nel 2011, perci non un
fatto straordinario: lo ha detto
marted 16 giugno da Tunisi
Oliviero Forti, responsabile
dellarea immigrazione di Caritas
italiana, a proposito dello
sgombero di una cinquantina di

Attualit

SGOMBERO A VENTIMIGLIA | Fallimento dellEuropa


migranti a Ventimiglia, a Ponte San
Ludovico. Si tratta principalmente
di eritrei, etiopi, somali, sudanesi,
maliani. un grido di denuncia
che si alza forte da tutte le Caritas
diocesane e da 16 Caritas europee
e della sponda Sud del
Mediterraneo riunite in questi
giorni in Tunisia proprio per fare il
punto sulla situazione dei

migranti. Non si capisce perch si


stia creando un caso europeo su
poche centinaia di migranti che
altrove non troverebbero spazio
nemmeno tra le cronache di un
giornale locale, osserva, parlando
ai giornalisti a margine del
convegno: Invece stanno
catalizzando lattenzione di una
Europa ripiegata su se stessa, che

cerca di difendere strenuamente


dei confini che pensavamo di aver
superato con Schengen.
Raggiunto telefonicamente da
Tunisi parla intanto da Ventimiglia
il direttore della Caritas diocesana,
Maurizio Marmo, che da giorni sta
prestando assistenza a circa
200/300 migranti, comprese donne
con bambini accampati alla

Il blocco dei migranti


dovuto al clima
preelettorale francese

stazione, insieme alla Croce rossa,


alla Protezione civile e ad altre
organizzazioni umanitarie.
Stiamo dando aiuti alimentari,
vestiario e servizi di
accompagnamento e ascolto spiega il direttore della Caritas di
Ventimiglia-Sanremo -. Da tre mesi
gi avevamo iniziato la
distribuzione della cena con laiuto
di alcuni seminaristi. Ora abbiamo
incrementato lintervento, in
coordinamento con le altre
associazioni.

PADRE LORENZO PRENCIPE


E GLI IMMIGRATI
RESPINTI A VENTIMIGLIA
(FOTO SIR)

Padre Lorenzo Prencipe, direttore del Servizio nazionale della


pastorale dei migranti della Conferenza episcopale francese: un
segnale di forza che il governo manda allopinione pubblica e al bacino
elettorale. A riguardo del Piano B annunciato da Renzi in caso di
mancato accordo europeo, mette in guardia dal rischio di pesanti
ritorsioni da parte del governo francese

e need to pass. We need freedom. Da giorni 200


immigrati bloccati a Ventimiglia scandiscono in inglese
parole disperate di aiuto rivolgendosi allEuropa che non
li vuole e alla Francia che li respinge. Sono eritrei,
sudanesi, somali, ivoriani. E li hanno gi evacuati: sono stati fatti salire su un
bus e portati nei centri di prima accoglienza a Imperia. Ma una cinquantina
hanno rifiutato di tornare indietro e si sono accampati sugli scogli a
Ventimiglia, minacciando di gettarsi in mare. Padre Lorenzo Prencipe,
direttore del Servizio nazionale della pastorale dei migranti della Conferenza
episcopale francese, al di l della frontiera e guarda con preoccupazione
questa situazione paradossale.

Tensioni a Ventimiglia

dal periodo delle cosiddette primavere arabe che la Francia sta tenendo
sotto controllo le frontiere con Ventimiglia. Ma oggi le misure si sono
rafforzate con linvio sul confine di gendarmi per garantire che nessuno
attraversi la frontiera francese. Finora le forze dellordine attuavano
controlli e respingimenti su campione. Adesso hanno adottato la misura di
non far passare pi nessuno o almeno - denuncia padre Prencipe nessuno che abbia la pelle di un certo colore. La ragione di questo
indurimento chiara: essenzialmente legata alla situazione politica
elettorale qui in Francia, che il prossimo anno sar di nuovo chiamata alle
urne per eleggere il presidente della Repubblica, visto che nel 2016 scade il
quinquennio di Hollande. Si tratta di una situazione politica incandescente
dove il Front National la fa da padrone, accusando il governo di non
controllare le frontiere. Quanto sta accadendo tra Mentone e Ventimiglia
un segnale di forza e in un certo qual modo anche abbastanza ridicolo sentenzia padre Prencipe - che il governo manda allopinione pubblica e al
bacino elettorale. La Francia da un lato pensa e dice di essere traino in
Europa e dallaltro frena su tutto quello che pu essere politica di asilo e
politica dimmigrazione comune. Questo il vero nocciolo del discorso.

lEuropa non sceglier la strada della


solidariet. Un piano che prevedrebbe
anche il rilascio di permessi temporanei
ai richiedenti asilo per consentire loro di
varcare la frontiera e circolare in Europa.
Il responsabile del Servizio migrazioni
dei vescovi francesi mette in guardia dal
rischio di proporre misure solo per farsi
i dispetti tra Italia e Francia, perch
sarebbe giocare alle spalle e sulle pelle di
questa gente: non sappiamo, infatti,
come saranno trattati dalla gendarmeria
gli immigrati una volta superata la
frontiera e non sempre i giornalisti sono
presenti sul posto per verificare come li
tratteranno e se rispetteranno questi
lasciapassare. Sar tutto da vedere. E se
la Francia percepisce che una presa di
posizione dellItalia solamente per
risolvere i problemi interni,
naturalmente adotter misure
conseguenti.

Passaggio dunque alla frontiera negato, proibito, vietato a chi non in


possesso dei documenti. Se le persone non hanno documenti, vengono
rispedite dallaltra parte. Una procedura di controllo che, per essere attuata,
necessita della richiesta di sospensione degli accordi di Schengen. di ieri la
proposta del premier italiano Matteo Renzi di avviare un piano B se

Anche la Francia si sta dimostrando


assolutamente non allaltezza della
situazione. di solo una settimana fa
levacuazione a Parigi, da sotto il ponte
della metro a Boulevard de la Chapelle,

di 350 richiedenti asilo e potenziali


rifugiati e profughi. La loro presenza era
un problema per la citt de la vie en
rose che si appresta ad aprire con
lestate la stagione turistica. E non
bello - dice padre Prencipe - vedere
accampamenti a cielo aperto. Come non
bello vederli alla stazione di Milano o
alla stazione Tiburtina a Roma. Ognuno
deve fare la sua parte, chiede il religioso
italiano. Noi come cristiani e comunit
ecclesiali non possiamo tirarci indietro e
siamo invitati di fronte a queste
situazioni ad accoglierle nella solidariet.
Ma i poteri pubblici, le amministrazioni,
devono prendersi la loro responsabilit e
mettere in atto politiche reali ed efficaci,
capaci di affrontare in maniera organica
un problema che non solamente di
emergenza umanitaria. Il problema che
dinanzi alla guerra, ai conflitti che
continuano a perpetuarsi in Medio
Oriente e in Africa, la gente fugge e cerca
rifugio. Bisogna quindi da un lato
attrezzarsi e dallaltro fare di tutto perch
in quei Paesi ritorni e cresca la stabilit
politica.
Maria Chiara Biagioni

Attualit
al vaglio dellAgcom
la possibilit di realizzare
nel nostro Paese la consegna
a domicilio per giorni alterni.
Una vera e propria rivoluzione
con ripercussioni pesantissime
per i settimanali diocesani
e tanti altri giornali.
Si vuole picchiare, ancora
e una volta di pi, su quella parte
dItalia che gi vive in periferia
e si sente emarginata

Gioved 18 giugno 2015

te
s
o
P
e
l
n
o
c
o
r
Lincont

il Periscopio

FOTO ARCHIVIO SIR

immediatamente la portata di una tale


innovazione.
I bilanci dello Stato, lo abbiamo
affermato infinite volte, non si
compilano solo con le cifre. Lo abbiamo
ribadito anche venerd 12 giugno in un
incontro avvenuto a Roma in cui siamo
stati ascoltati da alcuni fra i pi stretti
collaboratori del nuovo amministratore
delegato del gruppo Poste Italiane spa,
Francesco Caio. Ci sono voci che non
aggiungono dei pi ai ricavi, ma di
certo vanno ad aumentare il senso di
appartenenza, di solidariet, di
partecipazione.
Linformazione non un bene qualsiasi.
Attiene alle basi della democrazia.
Deprimerla o bastonarla non aiuta
certo la convivenza nelle nostre citt e
nei nostri paesi. Significa picchiare,
ancora e una volta di pi, su quella
parte dItalia che gi vive in periferia e
si sente emarginata. Quella parte
dItalia in cui arriva, se e quando arriva,
con fatica la Rete. Bene, in un domani
assai prossimo, far fatica ad arrivare
anche la posta. E senza il servizio
universale (la consegna a domicilio 5
giorni su 7) non arriveranno pi tanto
facilmente i nostri settimanali e tanti
giornali come i nostri.
Si tratta, di certo, di un venir meno di
democrazia e di libert. Meno
informazione significa minore libert di
apprendere, secondo diversi punti di
vista, i fatti che accadono sia sul
territorio sia a livello nazionale e nel
mondo. In questottica, il contributo
che lo Stato da tempo versa alle Poste
per coprire parte dei costi del servizio

di Ernesto Diaco

universale va considerato tra i costi o va


inserito tra gli investimenti?
Senza considerare che con ladozione
di questo nuovo piano da parte di
Poste, lItalia rischierebbe una
procedura dinfrazione da parte
dellUe, come sembra sia gi stato
anticipato a Poste e allAgcom in una
lettera informale fatta recapitare nei
primi giorni di giugno. Lettera che
doveva rimanere riservata, ma il cui
contenuto stato diffuso dai media.
Se Poste, in vista di unimminente
quotazione in Borsa, rimasta
insensibile alle nostre argomentazioni
pi sociali e politiche, non potr fare
altrettanto il governo. Lintervento,
anche in questo caso, attiene alla sfera
delle scelte politiche. Quando c
ristrettezza di risorse, occorre agire con
responsabilit.
Non tiene la proposta di applicare la
tariffa prioritaria. Proposta
provocatoria e fuori mercato, che ha in
s gi la risposta negativa. invece il
momento di decidere se mantenere in
vita le voci del territorio e quelle che
favoriscono il pluralismo e la
democrazia. Tutto il resto, compresi i
bilanci che non tornano, appare solo
unoperazione contabile nella quale
non si tiene conto del valore di una fitta
trama di relazioni che i nostri giornali
da oltre un secolo favoriscono. Mentre
alcuni sembrano intenzionati a
demolire, noi da lunghissimo tempo
siamo impegnati a costruire. E finch
esisteremo, continueremo in questa
direzione.
Francesco Zanotti

Nelle scorse settimane hanno fatto


molto scalpore alcune parole riferite
da papa Francesco
al giornale argentino La Voz del
Pueblo, nel corso di
una lunga intervista, circa il suo rapporto con i media.
Leggo solo un giornale, ha affermato.
Lo leggo la mattina
e non ci metto pi
di dieci minuti. La
televisione non la
guardo dal 1990. un voto che ho fatto alla
Vergine del Monte Carmelo.
Lattenzione si soprattutto concentrata sul
quotidiano sfogliato dal Papa: il Messaggero
di Roma, e non la Repubblica, come per un
lapsus era stato affermato. Pochi invece si
sono interrogati sul 25ennale digiuno televisivo di Bergoglio. Lo ha fatto un giovane bosniaco che, in occasione dellincontro tra
Francesco e i ragazzi a Sarajevo, ha chiesto
spiegazioni direttamente a lui. Vale la pena
leggere lintera risposta del Papa, che non ha
certo bisogno di commenti. Eccola.
S, a met degli anni 90, ho sentito una
notte che questo non mi faceva bene, mi
alienava, mi portava fuori e ho deciso di
non guardarla. Quando volevo guardare un
bel film, andavo al centro televisivo dellarcivescovado e lo guardavo l; ma soltanto quel
film La televisione invece mi alienava e mi
portava fuori da me, non mi aiutava Certo,
io sono dellet della pietra, sono antico!
E noi adesso io capisco che il tempo
cambiato: viviamo nel tempo dellimmagine.
E questo molto importante. E nel tempo
dellimmagine si deve fare quello che si faceva nel tempo dei libri: scegliere le cose che
mi fanno bene! Da qui derivano due cose.
Prima: la responsabilit dei centri televisivi
di fare programmi che fanno bene, che
fanno bene ai valori, che costruiscano la societ, che ci portino avanti, non che ci portino gi. E poi fare programmi che ci aiutino
affinch i valori, i veri valori, diventino pi
forti e ci preparino per la vita. Questa responsabilit dei centri televisivi.
Secondo: sapere scegliere i programmi, e
questa una responsabilit nostra. Se io
vedo che un programma non mi fa bene, mi
butta gi i valori, mi fa diventare volgare,
anche nelle sporcizie, io devo cambiare canale. Come si faceva nella mia et della pietra: quando un libro era buono, tu lo leggevi;
quando un libro ti faceva male, lo buttavi.
E poi c un terzo punto: il punto della cattiva fantasia, di quella fantasia che uccide
lanima. Se tu che sei giovane vivi attaccato
al computer e diventi schiavo del computer,
tu perdi la libert! E se tu nel computer cerchi i programmi sporchi, tu perdi la dignit!
Vedere la televisione, usare il computer, ma
per le cose belle, le cose grandi, le cose che ci
fanno crescere. Questo buono! Grazie.

di Zeta

La giornalista torinese Chiara Genisio narra in un nuovo volume


leccidio nazista di Boves, il primo avvenuto in Italia

quale giustizia
a distanza di
tanti anni, ma
per ricordare e
superare lodio
estimoni di verit e di libert. Per amore, solo per amore. Termina
e il dolore.
con queste intense parole il volume Martiri per amore. Leccidio
Proprio grazie
nazista di Boves scritto dalla giornalista torinese Chiara Genisio e
allesempio
pubblicato di recente dalle Edizioni Paoline. Un testo che fa conoscere al grande
dei due
pubblico la prima strage compiuta in Italia dai tedeschi a pochi giorni
sacerdoti
dallarmistizio dell8 settembre 1943.
definiti nel
Siamo in Piemonte. A Boves, piccolo centro del cuneese, il 19 settembre del 43 si
libro
vive una di quelle giornate che segna per sempre la storia di una cittadina di
partigiani
provincia e quella di generazioni di cittadini. Segna anche la memoria della
dellamore. Le
comunit cristiana. In quella giornata tragica trovano la morte il parroco, don
loro armi
Giuseppe Bernardi, e il suo giovane vice, don Mario Ghibaudo, ordinato
erano le
sacerdote solo pochi mesi prima.
preghiere, il
Quella dei due preti una grande testimonianza di fede e di coraggio: danno la
rosario, lo sguardo amorevole. La loro risposta
vita per la loro gente. Non temono per se stessi e fino allultimo seguono
allodio stato perdonare. Hanno ricercato in ogni
lesempio di Ges Cristo che ha sacrificato la sua esistenza per quella dei suoi
uomo e donna il volto di Dio. Anche quando era
fratelli. Cos fanno anche loro. Non pensano alla fuga. Non hanno mai in mente di pi nascosto, sotto un cumulo di pietre che
mettersi in salvo. Anzi, hanno a cuore solo la sorte di quanti sono stati loro
induriva il cuore.
affidati.
Nonostante la giustizia tedesca non abbia mai
A distanza di tanti anni quelleccidio tornato di attualit grazie anche al lavoro
riconosciuto alcuna responsabilit per leccidio di
della giornalista-scrittrice e storica in questo caso non tanto per chiedere chiss
Boves, oggi non pi il tempo per le

Strumenti della benedizione di Dio

Villaggio globale
FRANCESCO E I MEDIA:
SCEGLIERE QUELLO CHE CI FA BENE

I bilanci non si compilano solo con le cifre


C un valore che sfugge
C

osti o investimenti? Quando si


parla di conti pubblici, non si sa
mai da quale versante guardare le
cifre. Lasfaltatura di una strada, la
creazione di una nuova rotonda,
lapertura di un ospedale o la
ristrutturazione di una scuola, sono
tutte opere che comportano oneri a
carico dello Stato. Milioni di euro che
vanno segnati nelle uscite delle casse
pubbliche, ma di certo marcano un pi
in qualit della vita, di tutela della
salute pubblica, di sicurezza stradale,
distruzione ed educazione per milioni
di bambini e ragazzi.
Lo stesso tipo di domanda sta sorgendo
da un po di tempo anche per il servizio
postale. al vaglio dellAgcom,
lAutorit per le garanzie nelle
comunicazioni, la possibilit di
realizzare nel nostro Paese la consegna
a domicilio per giorni alterni. Una vera
e propria rivoluzione che vedrebbe
coinvolti oltre 5.200 comuni su poco
pi di 8mila e coinvolgerebbe oltre 15
milioni di cittadini. A tutta questa
gente, secondo questo nuovo ideato per
risparmiare sul bilancio di Poste
Italiane, la corrispondenza arriverebbe
una settimana al luned, mercoled e
venerd e la settimana successiva al
marted e gioved.
Detta cos, senza declinarla nel
concreto, non sembrerebbe neppure un
fatto enorme. Ma se si pensa alla
consegna a casa degli abbonati dei
quotidiani e di periodici - come quelli
che aderiscono alla Fisc, veri e propri
quotidiani che escono una volta alla
settimana - allora si comprende

11

rivendicazioni, per ottenere una giustizia che il


tempo ha gi sepolto pi e pi volte. Oggi il
tempo della riconciliazione, come il
riavvicinamento tra la citt di Boves e quella
tedesca in cui sepolto chi ordin leccidio
mostra con grande realismo e senso di
responsabilit.
E ancora una volta la comunit cristiana a
prendere liniziativa. Il nuovo parroco di Boves,
don Bruno Mondino, incontra la comunit
tedesca. Si scambiano le visite, si allacciano
rapporti nuovi. Ci si ritrova fratelli nella
preghiera. Il sangue versato ancora in grado di
generare, di fare rifiorire rapporti nuovi, inattesi.
uno dei frutti del martirio di don Giuseppe e
don Mario, per i quali si aperto il processo di
beatificazione. La loro vicinanza scrive don
Mondino nella postfazione nei confronti della
loro gente senza riserve. Con fede e semplicit
elargiscono a chi incontrano il dono pi bello e
pi grande che un prete possa fare: essere
strumento della benedizione e del perdono di
Dio. Questa novit parla ancora oggi. Un
linguaggio capace di attraversare i secoli, per
sempre. Un indelebile segno di speranza. (887)

12

Cesena

Gioved 18 giugno 2015

Dopo anni di semi-abbandono

Il torsetto dionisiaco,
una delle perle del Museo
archeologico di Cesena

Il Museo archeologico
riapre le porte

uova vita per il Museo


Archeologico di Cesena,
collocato nel complesso della
Biblioteca Malatestiana: da
marted 16 giugno ha riaperto a pieno
regime, dopo un lungo periodo in cui
stato visitabile solo su prenotazione o
in occasione di eventi particolari.
Nei giorni scorsi gli operatori della
Biblioteca hanno seguito un momento
di formazione con Monica Miari, della
Soprintendenza, e ora nel percorso di
visita alla Malatestiana antica inclusa
anche una tappa allinterno del Museo
(allo stesso costo del biglietto della
Malatestiana).
In alternativa sar possibile la visita al
solo Museo Archeologico, con ingresso
dal chiostro di San Francesco: in questo
caso il costo sar di 2,50 euro (biglietto
intero), 1,50 euro (per gruppi e persone
sopra i 65 anni), 1 euro (studenti).
Fino al 30 settembre Museo
Archeologico sar aperto con il
seguente orario: da marted a
domenica: dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle
19. Chiuso il luned e il 15 agosto.
Dopo questo primo periodo

ANNIVERSARIO

Si potr accedere
durante la visita
alla Biblioteca
Malatestiana oppure
singolarmente
sperimentale si valuteranno eventuali
adattamenti.
Inaugurato nel 1969 e riallestito alla
fine degli anni 90, il Museo
Archeologico di Cesena propone un
percorso che parte dallepoca
preistorica per arrivare al
Rinascimento. Litinerario museale,
attraverso lillustrazione dei reperti di
cultura materiale, dei rinvenimenti
lapidei ed epigrafici, degli oggetti ad
uso rituale e ornamentale appartenenti
ai corredi funerari trovati nelle
sepolture delle diverse necropoli del
cesenate e circondario, conduce alla
ricostruzione degli stili di vita e del
patrimonio religioso delle civilt
preromane fino allentrata nellorbita di

Roma e, a seguire, fino allevo di mezzo


e a tutta lepoca rinascimentale.
Nella collezione sono presenti reperti
riferibili al culto di Diana, ceramiche
che attestano il culto delle acque della
sorgente Panighina di Bertinoro,
materiali provenienti dalle stazioni di
Diegaro, Capocolle, Valle Felici di
Cervia, Mensa Matelica e comprensorio
cittadino. Particolarmente
rappresentato il periodo romano con
materiali riferibili allambito privato,
allartigianato artistico, alle attivit
produttive e al commercio.
Di particolare valore e straordinaria
eleganza sono i missoria, due grandi
piatti da mensa in argento tardo
romani.

Multe in citt
Sosta vietata, occhio
allo Street Scout
Sono stati 32 gli automobilisti
pizzicati nella prima settimana di
controlli con Street Scout, il sistema
automatizzato con telecamera mobile
installato sui veicoli della Polizia
Municipale.
Quattro le uscite effettuate dalla Pm, di
cui tre alla mattina e una al pomeriggio.
Come preannunciato il sistema a bordo
della vettura stato utilizzato per
rilevare le soste invasive e pericolose.
Delle 32 violazioni riscontrate, 16 si
riferiscono ad auto parcheggiate in
divieto di fermata, 6 a ad auto trovate
in divieto di sosta con rimozione, 5 a
soste su passaggi pedonali o piste
ciclabili, 2 a soste su fermate bus e
altrettante su marciapiedi, inne una in
doppia la. Cinque degli automobilisti
sanzionati hanno gi provveduto a
pagare la multa.

Europarlamento

Zoffoli a favore della famiglia


Per la seconda volta leuro deputato
Damiano Zoffoli si schiera a favore della
famiglia. Nei giorni scorsi il politico del Pd
ha votato contro un documento
dellEuroparlamento che mira ad equiparare
le unioni gay alla famiglia. Nel fronte del
centrosinistra, con Zoffoli ha votato contro
solo Luigi Morgano; Michela Giuffrida si
astenuta.

Martorano | Tanta gente al Sacro Cuore

23 giugno 2007
23 giugno 2015
nellottavo anniversario
del ritorno alla casa
del Padre di
DON ORESTE ROMBOLI
sar celebrata una Messa
di suffragio
marted 23 giugno
alle 8
nel santuario del Sacro
Cuore a Martorano

Venerd scorso si celebrata la festa del Sacro Cuore. Martorano santuario diocesano intitolato
proprio al Sacro Cuore. Ha presieduto la Messa il vescovo Douglas Regattieri. Ha concelebrato il
vicario don Pier Giulio Diaco.Tanta la gente presente e, come da tradizione, erano presenti anche
fedeli da fuori parrocchia arrivati in auto e in pullman. Al termine, il parroco don Andrea Budelacci
per conto della comunit, ha offerto a tutti gelato e frutta.

Cesena

Gioved 18 giugno 2015

Trevi allestero

Scuola: iniziati gli esami di Stato

Fra promossi e respinti


si tirano le somme

chi tira un sospiro di


sollievo e chi dovr passare
unestate sopra i libri. La
scorsa settimana sono
usciti i primi verdetti delle scuole
superiori cesenati, un po a rilento a
causa del blocco degli scrutini da
parte di alcuni docenti in protesta per
la Buona scuola del Governo.
Iniziamo la pubblicazione per poi
proseguire la prossima settimana.
In linea con la performance dello
scorso anno il liceo scientifico Righi,
la scuola pi popolosa della provincia
con 1.211 studenti, dove i bocciati
sono appena sopra il 2 per cento.
Promossi l82,6 per cento e i sospesi
nel giudizio, coloro che dovranno fare
i conti con gli esami di riparazione,
sono il 15,3 per cento. Una
cinquantina gli studenti che hanno
chiuso lanno con una media dal 9 in
su, tra cui spicca la pagella di Lorenzo
Amadori, della 5Bs, che ha toccato la
media del 10. Seguono Luca DallAra
9,73 e Teo Bucci 9,7.
Buoni risultati anche al liceo
linguistico Ilaria Alpi, dove

Spiccano Lorenzo
Amadori (liceo Righi)
e Beatrice Maestri
(liceo Linguistico)
con la media del 10
questanno affronteranno la maturit
le prime quinte. Promossi l83,9 per
cento, respinti il 3 per cento e il 13,1
per cento i sospesi nel giudizio. In 35
vantano una media uguale o superiore
al 9, con una prevalenza al femminile:
raggiunge la perfezione, con la media
del 10, Beatrice Maestri della 5E, da
segnalare con una media del 9,5
Mattia De Varti, Letizia Burioli, Serena
Gasperoni, Ilaria Samor e Lisa Gozzi.
Al liceo scientifico europeo Sacro
Cuore il 93 per cento ha superato
lanno positivamente. In tre si
dovranno confrontare con il debito
formativo. Sopra alla media del 9 ci
sono tre studenti: Giovanni Zanotti
(con una media del 9,5), Teresa Angeli
(9,25) e Silvia Lelli (9,17).

La fiera di San Giovanni


colora il centro storico
Gli eventi previsti in citt che fanno da corollario
alle proposte della Festa della Famiglia diocesana
E tempo di Cesena in fiera,
la versione moderna
dellantica fiera di San
Giovanni. Dal 20 al 24
giugno, festa del patrono, il
centro cittadino si anima di
bancarelle, spettacoli,
gastronomia e tanto altro.
Non manca qualche novit,
come il ritorno delle giostre
del luna park in viale

13

Negli istituti professionali si conferma


la forte selezione nel biennio. Al
professionale Versari-Macrelli si
dimostra particolarmente difficile il
primo anno: le bocciature toccano il
29 per cento (calano al 16 il secondo
anno) e i sospesi nel giudizio il 26 per
cento.
Molto meglio nel triennio: ad
agguantare la promozione sono in
terza il 75 per cento, il 78 in quarta e il
93 in quinta. Prime classi sotto
torchio anche al professionale
Comandini, dove su 44 respinti ben
35 sono matricole. Per il resto, quasi il
64 per cento i promossi al primo
colpo e il 25,4 che dovr sostenere
lesame di riparazione a settembre.
Fs

Mazzoni.
I primi banchi spunteranno dal
pomeriggio di sabato. I prodotti tipici
alimentari si possono assaggiare e
acquistare nello stand in piazza
Almerici, autosalone e campionaria
sono in piazza della Libert, in corso
Mazzini e in corso Garibaldi. I vivai
sono divisi tra via Battisti e la Barriera,
mentre Piazza Aguselli diventa la piazza
della birra e corte Dandini dedicata al
vino. Le vie della magie, con speziali,
bottegai, artisti, cartomanti, musici e
cibo di strada, si snodano in piazza
Amendola e nei vicoli vicini (trane via
Fantaguzzi, chiusa per il cantiere).
Brevi soste mangerecce o men pi
corposi: la scelta come sempre ampia.
Lassociazione Orizzonti propone, dal
20 al 24 giugno dalle ore 19 davanti al
teatro Bonci, il tradizionale stand che
prepara il pesce in collaborazione con i
pescatori di "Tra il cielo e il mare". Il
ricavato sar destinato a un progetto di
assistenza ai bambini con handicap in
Kenya. Levento gastronomico

Il gruppo Trevi continua ad acquisire


commesse in aree di strategica importanza:
di recente si aggiudicata lavori negli Stati
Uniti e in Medio Oriente per un valore
complessivo di circa 50 milioni di Euro. Allo
skyline di Boston sta per aggiungersi una
nuovo elemento imponente. One Dalton
sar una torre di 65 piani che svetter con i
suoi 230 metri nel cielo del New England.
Trevi si aggiudicata il pacchetto di lavori
di fondazioni per la nuova torre. La societ
operer come appaltatore principale del
progetto sotto la direzione della Suffolk
Construction. La nuova torre ospiter un
hotel extra-lusso e appartamenti gestiti
dal Four Seasons Hotel nella rinomata zona
di Back Bay a pochi passi dal ume Charles.
La torre del valore di circa 700 milioni di
dollari si fonda su una serie di elementi
portanti rettangolari posti in profondit
che verranno scavati utilizzando lidrofresa
no a una profondit di 58 metri di cui 5 in
roccia. La costruzione prevedr inoltre tre
livelli sotterranei supportati da un
combinazione di diaframmi e pali secanti.

19 giugno

Cesena in coro allOsservanza


La Corale Alio Modo Canticum di Cesena,
diretta dal maestro Adamo Scala, organizza
per venerd 19 giugno 2015 alle 21 presso
la chiesa di Santa Maria dellOsservanza di
Cesena la 15^ edizione della Rassegna di
canto corale denominata "Cesena in coro".
Ci saranno anche il Gruppo Vocale Vox in
Fabula di Perugia e il Faith Gospel Choir di
Carpi.

organizzato insieme alla Fondazione


Romagna Solidale.
La tradizionale piadina romagnola si
trova in vari stand sparsi in centro, per
primi e secondi di pesce al cartoccio il
luogo ideale piazza Almerici oppure
piazza Guidazzi, dove cucinano i
pescatori di Cesenatico. Chi predilige la
carne deve dirigersi in piazza della
Libert, dove c lOsteria argentina, e
in piazza Fabbri con il ristorante
Manolo, mentre in via Battisti si mangia
brasiliano.
Domenica e luned nel chiostro di San
Francesco dalle 21 si balla con la Uisp
Danza. Il Foro Annonario ospita
unesposizione di opere handmade e
uninstallazione artistica dellartista
Lupan del gruppo Mutoid Waste
Company, mentre alla Galleria darte
del Palazzo del Ridotto allestita una
mostra collettiva dellAdarc. Gioved
alle 21 nel chiostro di San Francesco
tocca al Coro lirico del Bonci, con
lesibizione di Fantasie doperette.
Fs

14

Cesena

Gioved 18 giugno 2015

Scout | Gara canora Aquila doro al Carisport


Si svolta domenica 7 giugno la gara
canora "Aquila doro" organizzata da alcuni
gruppi scout di Cesena.Tutti gli scout del
nuovo gruppo 17, nato dalla fusione di
San Pietro e Santo Stefano, il gruppo del
Cesena 4 di San Rocco e del 6 di San
Paolo - Santa Maria della Speranza, si sono
cimentati fra simpatiche gag ed esibizioni
canore sul palco del Carisport. Colpo di
scena alla fine della serata durante la
lettura del verdetto deciso da una giuria
scelta per loccasione. Infatti si sono
aggiudicati il primo posto a pari merito il
reparto SantAnna-San Massimiliano Kolbe
del 6 con la canzone Sogno di libert e il
clan del 17 San Pietro-Santo Stefano.
Secondo posto per il Branco dei Campanelli
del 17 con il brano E lamore e sul podio
al terzo posto per il reparto Arcobaleno del
4 con la canzone Eternit.
(Giusy Riciputi)

Un evento organizzato dalla Fgci

Frutta del Mercato


allo stadio "Manuzzi"
e in spiaggia
Dalla spiaggia ai campi sportivi: il Mercato
ortofrutticolo di Cesena partecipa, offrendo frutta di qualit a chilometro zero, durante eventi organizzati nel territorio.
Il primo evento, "Kick off 2015" in realt
una tre giorni, dal 19 al 21 giugno, presso
lOrogel Stadium Dino Manuzzi di Cesena.
Organizzato dalla Fgci, la manifestazione
prevede tre giorni di incontri e approfondimenti. Il Mercato tra i sostenitori e offrir
la frutta come alimento salutare e in linea
con i valori dello sport.
Allevento parteciperanno, tra gli altri, Andrea Anastasi (allenatore di pallavolo), Mar-

co Brunelli (DG Lega Serie A), Giulia Bongiorno (avvocato), Antonio Cabrini (Commissario tecnico nazionale italiana femminile di calcio), Cristiana Capotondi (attrice),
Pierluigi Collina (Designatore arbitri Uefa).
Il secondo evento, in cui il Mercato ortofrutticolo sostenitore donando la frutta di
stagione, un aperitivo in spiaggia previsto
per sabato 20 giugno alle 17 presso la spiaggia libera di piazza Costa, nei pressi del grattacielo. Lappuntamento a conclusione
delliniziativa benefica a favore del Progetto dellAusl "Pediatria a Misura di Bambino" organizzata da Cooperativa Bagnini e

MERCATO DI CESENA: CILIEGIE, UNO DEI


FRUTTI DI STAGIONE

Tippest.
"Siamo certi che il nostro contributo - spiega Domenico Scarpellini, presidente del
Mercato ortofrutticolo - d un valore aggiunto ad entrambe le iniziative. La frutta
di stagione, raccolta poche ore prima dai
produttori cesenati e messa a disposizione
dei consumatori, rappresenta un segnale a
livello di educazione alimentare, specie in
eventi legati allo sport, alla salute, e alla solidariet".

Si occupava per lo pi di ciclismo. Aveva 78 anni

Addio al fotografo Emanuele Sirotti


Foto: ilrestodelcarlino.it

Da decenni i suoi scatti riuscivano a cogliere e conservare gli attimi di magia


delle grandi corse ciclistiche, come il Giro dItalia.
Emanuele Sirotti, classe
1937, si spento questa
notte al termine di una lotta contro un male incurabile.
Fratello maggiore di Gian
Angelo (storico fotografo
diocesano, deceduto nel
2009), Emanuele viveva a
Cesena, tra lOsservanza e
il Monte, ed era originario
del centro storico. Ma la
sua dimensione era internazionale e la sua fama travalicava i confini della citt
malatestiana.

I suoi primi scatti al Giro


dItalia risalgono alla fine
degli anni 40, mentre dal
75 che comincia a seguire
con assiduit il grande
evento. Dieci anni dopo, lasciato limpiego in banca,
Sirotti ormai fotoreporter
a tempo pieno e proietta la
sua attivit (lasciata gi da
qualche tempo al figlio Stefano) nellOlimpo dei grandi, seguendo le maggiori
gare ciclistiche nei diversi
continenti.
Una passione, trasformata
in professione, che ha dato
vita ad uno sterminato archivio fotografico, punto di
riferimento per gli appassionati di tutto il mondo.

WWW.CORRIERECESENATE.IT
Ogni giorno dal territorio
Vai sul sito internet
e informati con le ultime notizie
nella sezione BREVI QUOTIDIANE

Lutto in diocesi
In memoria
di don Alberto
Mercoled 10 giugno nella Casa residenziale
anziani intitolata al canonico don Carlo
Baronio stato chiamato alleternit don
Alberto Benedettini. Il funerale stato
celebrato venerd 12 giugno in Cattedrale,
presieduto dal vescovo Douglas Regattieri.
Don Alberto era nato nel 1929. La sua
famiglia abitava nella parrocchia di Ardiano.
Il suo itinerario formativo lo ha vissuto
prima nel seminario diocesano, poi nel
seminario regionale di Fano e inne in
quello di Bologna. E stato ordinato
sacerdote nel 1954. Le sue prime esperienze
di ministero pastorale le ha vissute come
cappellano della parrocchia di Sala di
Cesenatico, poi di SantAgostino.
Nel 1956 il vescovo Giuseppe Amici lo invita
a collaborare con don Baronio nellallora
sede dellIstituto gli del popolo a Porta
Santi. Non sempre collaborare con un servo
di Dio impresa facile,
tuttavia don Alberto
gli accanto con
affetto liale,
sostenendolo con
cuore generoso e
intelligente. In quei
giorni anche valido
aiuto nella parrocchia
di San Pietro.
DallIstituto di Porta
Santi al nuovo Centro residenziale di via dei
Mulini: questo il percorso di don Alberto no
alla grande casa ormai destinata ad
accogliere persone anziane. Emigrarono (fu
davvero per tutti e due un esodo) insieme
don Alberto e il canonico, e qui il primo lo
ha assistito con amore e devozione liale
no al pio transito del servo di Dio la
mattina del 7 febbraio 1974.
Collaborando con la Fondazione e
lassociazione Don Carlo Baronio ha curato
con intelligenza di artista (don Alberto
aveva frequentato a Ravenna i corsi
dellAccademia di Belle arti) larredo della
cappella interna dellistituto dove poi sar il
sepolcro del santo canonico. Uno sguardo
dartista che si poi espresso nella
denizione del Giardino dei ricordi che
circonda ledicio e che sollecita il ricordo
grato per i tanti che hanno sostenuto e
sostengono questa casa.
Mentre risiedeva ancora nellistituto di
Porta Santi, don Alberto ebbe dal vescovo
Gianfranceschi lincarico di dare vita alla
costituenda parrocchia di Calabrina, sulla
via Cervese, intitolata a San Marco.
Il ricordo di lui ancora in benedizione per
quanto oper con zelo alla costruzione della
casa parrocchiale e ancor di pi per aver
contagiato nellentusiasmo della fede la
nascente comunit; e i tempi di passioni
politiche non erano allora del tutto
favorevoli.
Dal 1989 stato di "fatto", cio senza
formale nomina canonica, parroco di Pieve
di Rivoschio. Salendo su quei monti che
erano stati teatro di terribili fatti di sangue
che hanno segnato i mesi della guerra civile,
don Alberto si prese cura di conservare
quelle tragiche memorie. Nellantica pieve
dispose una serie di pannelli da lui dipinti
che richiamano il martirologio.
Quando le energie della salute lo hanno a
poco a poco affaticato, tornato a godere
della premurosa ospitalit della residenza
"Don Baronio" al cui sorgere aveva
collaborato con generosit.
Rimane signicativo il suo desiderio di
essere sepolto nel piccolo cimitero accanto
alla pieve di Rivoschio per essere con quanti
lass sono stati vittime della guerra
fratricida, testimone operoso della pace
evangelica.
Piero Altieri

Cesenatico

Eventi | Numismatica e filatelia

Gioved 18 giugno 2015

15

Oscar Green Coldiretti

Pesce consegnato a domicilio


Pescatori premiati allExpo

Mostra-mercato filatelia e numismatica di successo con il sostegno della Bcc Sala di


Cesenatico. Lo scorso fine settimana si tenuto presso il centro San Giacomo un evento
organizzato dal Circolo culturale, filatelico e numismatico "E. Giunchi" di Cesena. "C stata
unalta affluenza di pubblico - spiegano gli organizzatori - e forse non ci aspettavamo tanti
appassionati per una proposta culturale come questa, appassionante ma pur sempre di
nicchia". Ledizione 2015 stata dedicata al poeta e scrittore Marino Moretti (1885-1979).

Expo: anche i pescatori di


Cesenatico sono stati premiati. I
giovani pescatori della
cooperativa Armatori ed
Operatori della Pesca di
Cesenatico, guidati dal
presidente Fabio Lacchini,
hanno deciso di valorizzare il
pesce freschissimo pescato con
la loro barca per portarlo a casa
delle famiglie e si sono
attrezzati con un apposito
furgone per recapitarlo
direttamente a domicilio dove,
se richiesto, forniscono anche
utili consigli su come il pesce
deve essere pulito e cucinato.
Questa idea stata premiata
allExpo di milano, nellambito
degli Oscar Green della
Coldiretti. Il premio la prova

del profondo processo di


innovazione in atto in Emilia
Romagna dove negli ultimi
quattro anni, secondo
elaborazioni Coldiretti su dati
Unioncamere, si sono iscritte
al registro delle imprese delle
Camere di Commercio 887
nuove aziende, con una media
superiore a 220 lanno, a
conferma che nella campagne
emiliano romagnole
lagricoltura e il mare possono
offrire ai giovani nuove
opportunit di impresa e di
occupazione.
Oscar Green gode dellalto
patronato del Presidente della
Repubblica e del ministero delle
Politiche Agricole. Il
riconoscimento stato

consegnato al padiglione di
Coldiretti ad Expo 2015, alla
presenza del presidente
nazionale di Coldiretti, Roberto
Moncalvo, del presidente di
Coldiretti Emilia Romagna,
Mauro Tonello, dellassessore
regionale allAgricoltura,
Simona Caselli.

Testimonianza I ragazzi del gruppo Radar hanno vissuto il pellegrinaggio alla Sindone
n luned come tanti sul calenInviato da iPhone Ore 5.
Lalba sta per nascere e 52 pellegrini della compagnia del
Radar (acronimo di Ragazzi in Ascolto Dentro Alla Realt) di Cesenatico
partono alla volta di Torino, destinazione Sindone.
Don Gian Piero Casadei, parroco di
San Giacomo, nel parcheggio tra i
volti assonnati, proclama lannuncio
della giornata che diverr il motto, il
filo conduttore del pellegrinaggio:
"Dio non cambia idea su di te". Dopo
lAngelus, 5 ore (e oltre) di pullman
siamo in fila per veder il telo di lino
pi studiato della storia. Qualche
breve sosta in fila, lattesa e poi 4 minuti in ginocchio davanti alla reliquia. In ginocchio. Mentre una voce
proclama dolcemente una preghiera
cerchi di riordinare tutto ci che devi
portare, offrire, raccontare a quel volto impresso in modo ancora oggi inspiegabile e ti accorgi di un evento
inaspettato. Non sei tu a guardare
luomo della Sindone. lui che ti
guarda. Alzi gli occhi e ti guarda. Eri
tutto preso, tutto concentrato su di te,
sul tuo male, sul tuo limite che non ti
eri accorto di Lui. La vita cristiana
questa in fondo: lasciarsi guardare,
lasciarsi prendere. Dio che "primerea" come direbbe papa Francesco.
Lui che anticipa. Tu arrivi e Lui gi
l ad aspettarti. Sfiliamo tutti e 52 l
davanti. Ognuno con le proprie sofferenze, fatiche, gioie, pensieri, momen-

Il "selfie" di Dio

ti. Ci ricordiamo anche di chi non c, di


chi non c pi, di chi ha lasciato lesperienza cristiana o la compagnia, di chi
in difficolt, delle famiglie. "Il selfie di
Dio" come ha ribattezzato la Sindone un
bimbo, resta impressa negli occhi. Poi di
corsa al Compianto sul Cristo morto del
Beato Angelico. Dove vedi lamore di una
mamma (Maria) che stringe tra le mani
il capo di suo figlio morto ammazzato. E
poi al centro lui, Giovanni, subito sotto
la croce, che prende il braccio di chi lha
saputo guardare ed amare. "Per aspera

ad astra" ci diremo. Dalle difficolt verso


le stelle. E il cuore gi gonfio, gi sorpreso. In cammino sotto il sole cocente si
riparte verso la Consolata dove si mangia e dove ciascuno ha ricordato i compagni portando un panino in pi, una
bibita o un frutto extra. Poi si canta. Si
canta tanto, insieme, in coro. Si ride.
Non un riso vuoto, ma quello che ti fa
godere mentre vedi gli occhi delle persone a cui vuoi bene. E si festeggia. Si gioisce salutando i prossimi sposi della compagnia, Caterina e Paolino, che il sabato

di quel "luned come tanti" diranno


"s" davanti allaltare. Hanno deciso
di iniziare cos la loro settimana. Con
la compagnia che li ha accolti. Di
portare la prossima famiglia che da
loro nascer davanti a Dio. Di nuovo
in viaggio. Questa volta verso chi si
lasciato guardare e prendere tutto,
per tutti.
Arriviamo a Valdocco da San Giovanni Bosco. Sotto la sua gigantografia ci
fotografiamo lasciandoci avvolgere
da quelle braccia aperte che ci ricordano il grembo. Siamo cullati. Incredibile cosa un uomo solo possa fare
quando infuocato per un ideale, per
lIdeale. "Dammi le anime, prendi
tutto il resto" ripeteva il Santo. E la
tua anima appesantita li, davanti a
lui. Nella Messa celebrata nella cappella di San Francesco di Sales tu desideri vivere cos. Per cose grandi. Come Giovanni che non aveva niente e
ha incontrato tutto. Dio non cambia
idea su di te, ci ripetiamo. Non saranno i tuoi peccati, i tuoi limiti, i tuoi
tradimenti a spostare Cristo. Lui si
fatto picchiare, picchiare a morte,
scarnificare, deridere per dirti che Lui
non si muove. Gli occhi. Gli occhi di
Cristo. Dopo una giornata cos te li
porti dentro. E li ritrovi negli occhi di
Maria sul compianto. E in quelli di
don Bosco a Valdocco. E li vuoi tu. Li
vuoi per te. Come un regalo nuovo e
inaspettato di chi fa nuove tutte le cose.
Davide Stefanini

VIGNE (Cesena): in condominio al terzo e ultimo piano servito di ascensore appartamento completamente ristrutturato con materiali e finiture di ottima qualit e scelta.
Limmobile in zona tranquilla e residenziale, dotato di impianti a norma e di riscaldamento autonomo ed composto da soggiorno angolo cottura, 2 camere da
letto, bagno con doccia, 2 balconi, garage. 195.000 / Rif. 1512
PONTE ABBADESSE (Cesena): in posizione tranquilla su di un lotto di circa 320 mq
casa indipendente disposta su 2 livelli con proservizi esterni. DA RISTRUTTURARE.
230.000 / Rif. 1524
PIAZZA DELLA LIBERT (Cesena): al terzo piano servito di ascensore ampio bilocale composto da soggiorno con angolo cottura, camera da letto matrimoniale,
bagno, ripostiglio/lavanderia, balcone e cantina. Ottime finiture. NESSUNA
SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONEROSO.
225.000 / Rif. 1448-1
CESENA ZONA CENTRALE (adiacenze viale Mazzoni): in elegante palazzina di recente costruzione appartamento al primo piano composto da soggiorno con angolo cottura, 2 camere da letto, 2 bagni, 2 balconi e garage. Ottime finiture.
NESSUNA SPESA DI MEDIAZIONE IN QUANTO MANDATARI A TITOLO ONEROSO. 325.000 / Rif. 1449-2
PONTE PIETRA (Cesena): immersa nel verde e nella tranquillit casa indipendente di 140 mq. commerciali pi servizi e terreno agricolo di propriet di circa
10.000 mq. La soluzione immobiliare necessita di lavori di ristrutturazione e si
pu valutare di ampliare e/o mantenere gli spazi attuali personalizzando gli interni oppure demolendo il tutto per ricostruire un'abitazione con S.U.L. di 270
mq. e unampia attrezzaia esterna. 260.000 / Rif. 1556

PONTE PIETRA (Cesena): in posizione residenziale e tranquilla porzione di villetta bifamiliare di nuova costruzione con possibilit di personalizzare gli interni. Limmobile disposto su pi livelli ed composto da ingresso indipendente, cucina, sala, 3 camere da
letto, doppi servizi, sottotetto, lavanderia, 5 balconi, porticato/loggia, garage doppio,
cantina/taverna e giardino privato. 380.000 / Rif. 1493
SAN VITTORE (Cesena): in zona verde e tranquilla villetta a schiera centrale di recente
costruzione disposta su 3 livelli con ampio giardino. 420.000 / Rif. 1565
DIEGARO (Cesena): in piccola palazzina circondata dal verde appartamento ristrutturato al secondo piano composto da ingresso su ampio soggiorno, cucina abitabile, 3 camere da letto, 2 bagni, veranda con camino e zona lavanderia,
balcone e garage doppio. Impianti autonomi. 230.000 / Rif. 1567
SANTA MARIA NUOVA: in posizione tranquilla e residenziale villetta angolare di nuova
costruzione con finiture extra capitolato e in ottime condizioni duso. Limmobile
disposto su tre livelli ed composto da ingresso indipendente, ampio soggiorno con
angolo cottura, 2 camere da letto mansardate e finestrate, 3 bagni, 3 balconi, taverna
accessoriata di impianti, garage e posto auto di pertinenza. Completa la propriet un
giardino privato di oltre 65 mq. gi piantumato e recintato. 239.000 / Rif. 1507

16

Valle del Rubicone

Gioved 18 giugno 2015

Il sindaco Fabio Molari fa il punto della situazione


Il sindaco Molari

Bilancio: tempi duri


anche per Montiano

rimo bilancio per il Comune di


Montiano elaborato allinterno
dellUnione dei Comuni della
Valle del Savio. Sar approvato fra
la fine di giugno e i primi di luglio.
"Per il nostro Comune - spiega il sindaco
Fabio Molari - lUnione un obbligo di
legge, un percorso necessario ma
complicato, che crea disorientamento".
Il bilancio si aggira attorno a un milione
di euro, ma il Comune deve fare i conti
con non poche difficolt.

Gatteo
In conseguenza al termine dellanno
scolastico anche la biblioteca comunale di
Gatteo tira le somme degli intensi mesi di
collaborazione con le scuole del territorio
che hanno portato tanti bambini a conoscere
la biblioteca, il lavoro del bibliotecario e ad
utilizzare i servizi di prestito anche nelle
frazioni di SantAngelo e Gatteo mare.
E novit di questanno il progetto voluto
dallAssessorato alla scuola "La mia prima
biblioteca", grazie al quale stato proposto
alle scuole dellinfanzia del territorio un
servizio di prestito "a domicilio", in
collaborazione con la Cooperativa Formula
Solidale di Forl. Liniziativa ha permesso alle
classi che hanno aderito di ricevere
mensilmente la visita di un operatore della
Cooperativa che, dopo una breve lettura ad
alta voce, si occupato di effettuare il
prestito bibliotecario portando un
assortimento di volumi della biblioteca scelti
in base allet dei bambini; i piccoli utenti
hanno cos potuto portare a casa i libri e
leggerli con i loro genitori.

"Nel 2014 - comunica Molari - Montiano


non ha rispettato il patto di stabilit
imposto dal Governo centrale su direttiva
europea. Nel passato anno il nostro
Comune ha completato una serie di
lavori regolarmente pagati alle ditte che li
hanno eseguiti. In parte, i pagamenti
sono stati effettuati con denaro che
avevamo in cassa, risparmi degli anni
precedenti che non sono calcolati nel
patto di stabilit. Nello scorso anno, altri
enti, dovevano versare al Comune di

Montiano finanziamenti che poi non


sono stati effettuati. A questo si aggiunge
il mancato trasferimento di contributi
statali per 48mila euro".
"Lo sforamento del patto di stabilit prosegue il sindaco - comporter per il
2015 una serie di penalit, tra cui il
divieto di accendere nuovi mutui. Ora si
tratta di lavorare su due fronti: non
aumentare le tasse comunali e fare
economie per rientrare dentro le regole
del patto".
Sul fronte dei lavori pubblici, il 2015 sar
esclusivamente un anno di piccoli
interventi sul territorio. "Nelle prossime
settimane - anticipa il sindaco - si
concluderanno i lavori in via Cesare
Battisti e piazza Garibaldi. Le piogge
eccezionali dei primi di febbraio hanno
provocato molti dissesti e smottamenti.
Come Amministrazione siamo
fortemente impegnati nel richiedere
fondi per porre rimedio ai danni subiti.
Presto inizieremo a sistemare le vie Crete,
Golano e Guard".
Fermo con le quattro frecce il progetto
della nuova scuola materna di
Montenovo. "Resta una priorit - dice il
sindaco - ma i fondi statali per edificare
nuove scuole ancora non ci sono".
Infine una buona notizia: "Montiano
entrato nel Gal (Gruppo di azione locale),
un ente pubblico-privato che ha il
compito di reperire fondi europei e
finanziare progetti di innovazione legati
allagricoltura, agli agriturismi, alla
valorizzazione ambientale".
Matteo Venturi

Zona pastorale | Vieni e vedi

Chiusura del primo anno di attivit del gruppo "Vieni e vedi". Coordinato dai frati e dalle
suore di Longiano, ha proposto varie iniziative per ragazzi dagli 11 ai 16 anni della Zona
Pastorale Rubicone-Rigossa. Le attivit si sono momentaneamente chiuse marted 2 giugno
con unuscita a Cesenatico presso la colonia "Cardinal Schuster" con Messa concelebrata da
fra Giuseppino Sabbioni e don EnzoVitali, giochi e cena in spiaggia.Presente, assieme agli
educatori e a ragazzi delle varie parrocchie, suor Rosa DellaVolpe, alla vigilia del suo
trasferimento dalla comunit di Longiano a quella Assisi. (Mv)

Gambettola
La festa
alla Consolata
La comunit dei missionari della Madonna
Consolata festeggia la patrona e Madre,
domenica 21 giugno, presso il Santuario a lei
dedicato in via Roma a Gambettola.
"La Festa della Consolata non solo il
momento per rendere grazie di questo
grande dono di missioni e missionari precisa padre Giano, il nuovo superiore dei
missionari a Gambettola-, ma anche un
momento di tutta la comunit per
dimostrare riconoscenza verso il Santuario
dedicato alla Madonna, che per molti
cittadini, un rifugio sicuro nei momenti
difficili della vita".
Padre Giano, il cui vero nome Jean Andr
Benedetti, il successore di padre Daniele
Armanni, che no allautunno scorso ha
coordinato la piccola comunit di
missionari.
Il programma religioso della festa prevede la
chiusura della settimana di preparazione,
venerd 19 giugno alle 19,30 con la recita
del Rosario cui seguir alle 20 la messa
presieduta da padre Pietro Villa. Dopo la
recita del rosario alle 18,30 seguita dalla
messa prefestiva delle 19.
Sabato 21 giugno alle 21, inizieranno le
celebrazioni della festa con la processione
con la statua della Madonna Consolata, con
partenza dalla chiesa parrocchiale,
presieduta da padre Pietro Villa
accompagnata dal Corpo Bandistico "Citt di
Gambettola". Per loccasione si invita la
cittadinanza residente lungo il percorso di
addobbare balconi, nestre e il proprio cuore
al passaggio della Madonna.
Domenica 21 giugno le messe saranno
celebrate alle 7,30 da padre Pietro Villa; alle
9,30 solenne celebrazione presieduta dal
vescovo Douglas Regattieri accompagnata
dai canti della Corale "A. Vivaldi" di
Gambettola; alle 11 da don Claudio Turci
parroco di Gambettola; alle 17,30 recita del
Rosario seguita alle 18 dalla messa celebrata
da padre Daniele Armanni.
Il programma ricreativo inizier venerd 19
giugno alle 21, dopo la messa, concerto del
Coro Polifonico Voci Bianche "Citt di
Gambettola" diretto da Mauro Rediano
Cacchi accompagnato allorgano da Terzo
Campana e, al termine, momento di
convivialit per tutti gli intervenuti con
distribuzione delle "cantarelle" di "Lucone"
Balestri (Duilio).
In contemporanea apertura dello stand della
grande pesca di benecenza il cui ricavato
andr in parte al sostentamento della casa
di Gambettola e in parte ai missionari e alle
Missioni della Consolata nel Mondo.
Sabato 20 giugno al termine della
processione, intrattenimento musicale con
la "Big Band", mentre il Gruppo Alpini di
Cesena preparer la polenta per tutti.
Domenica 21 giugno, in serata, oltre allo
stand della pesca, sar attivo lo stand
gastronomico e, dalle 21, risate e buon
umore in compagnia del Gruppo Comico
Dialettale "De Bosch" che proporr due
farse tratte dal proprio repertorio.
Piero Spinosi

Il cantante ha vissuto lesperienza di Sanremo come una grande opportunit per farsi conoscere

Nel figlio Filippo la classe di Ivan Graziani


Una grande serata in chiave musicale
per il Rotary del Rubicone. Nelle scorse settimane il sodalizio ha consegnato ledizione 2015 del "Premio Rotary
club Valle del Rubicone" a Filippo Graziani (al centro nella foto), cantautore,
figlio dellindimenticato Ivan Graziani.
Il premio viene consegnato ogni anno
a personalit del territorio che si sono
distinte nel proprio ambito. Graziani,
che risiede a Novafeltria, nel 2014 ha
partecipato al Festival di Sanremo e ora
prosegue la sua attivit musicale.
Prezzo Villa Malatesta a Poggio Berni,
Graziani ha parlato di s con diversi riferimenti anche al padre. Fra gli ospiti,
anche la madre Anna e il fratello Tommaso che batterista. Tanti i soci convenuti, accolti dal presidente Luigi Antiniacci e dai membri del Consiglio di-

rettivo.
"Credo che ogni artista - ha detto rispondendo ad alcune domande - dovrebbe valorizzare le proprie origini e
io sono fiero della mia territorialit. Sono nato a Cattolica e vivo a Novafeltria.
Nelle mie canzoni emergono anche
aspetti delle mie origini".
Alla domanda riguardante Sanremo, il
34enne Graziani ha risposto che "
unesperienza unica, divertente e traumatizzante allo stesso tempo. Per 7
giorni, invece di prepararsi a cantare,
sei sballottato in ogni luogo per incontrare radio, giornalisti, tv. E da un lato
positivo perch sai che dopo quella parentesi, per un giovane come me, torner il silenzio o quasi. Il palco dellAriston per d una grande emozione. Peccato solo che la formula del

2014 prevedeva esibizioni da nottambuli, anche oltre la mezzanotte. Poi il


televoto credo che sia una grande
sciocchezza".
"Mio padre? Godo delle sue canzoni ha concluso - come credo lo ascoltino
tutti coloro che apprezzano note di
schiettezza e libert".
Graziani ha poi improvvisato unesibizione acustica con la chitarra riproponendo un paio di pezzi. Una canzone
in particolare stata duettata insieme
alla soprano Gladys Rossi, gi premiata dal Rotary negli scorsi anni.
Durante la serata stato anche attribuito il premio "Paul Harrys Fellow".
Questanno stato dato a Pierlugi Alessandri di Technogym, socio del Rotary
Valle del Rubicone, per il suo impegno
a favore della causa rotariana.

Valle del Savio

Gioved 18 giugno 2015

A Sarsina un evento originale apprezzato da giovani e anziani

La storia ritorna attuale


alla Residenza Barocci

i sono ritrovati per un giorno


nel loro tempo, figli di una
civilt contadina che oggi trova
spazio solo nei racconti di chi di
anni ne ha accumulati un po. Sono gli
ospiti della Casa di Residenza per
Anziani "F. Barocci" di Sarsina che
domenica 7 giugno hanno partecipato,
non senza emozione, alla Festa
nellAia organizzata dal personale della
struttura rigorosamente vestito con
abiti di una volta. E stata ricostruita

latmosfera di quando i nonni erano


giovani, grazie anche alla
collaborazione degli agricoltori delle
campagne di Sarsina che hanno messo
a disposizione gli attrezzi di un tempo
per ricreare una location davvero
suggestiva. Tutto si svolto negli spazi
della Casa di Riposo: il portico ha
ospitato il pranzo con pi di 130
persone, familiari compresi. Nel
giardino stata allestita una sorta di
esposizione. "E arrivato di tutto -

racconta la coordinatrice responsabile


Rosetta Marazita -. Animali vivi, aratri,
macchine per la lana, fusiere, paioli,
specchiere, lumini a petrolio e a
carburo". Da non credere, per gli
anziani ospiti della Casa di riposo,
vedere tutti quegli oggetti cos familiari.
"Quello ce lavevo anche io". Tanti i
commenti misti a profonda emozione,
che li hanno accompagnati in un pomeriggio pieno di ricordi ma anche di
allegria. I ballerini dellOrchestra
Casadei hanno intrattenuto il pubblico,
la Centrale del Latte di Cesena ha
offerto il gelato. Una festa che ha
coinvolto non solo gli operatori della
Casa di Riposo, ma anche tanti amici e
simpatizzanti: la Pro Loco, la
Misericordia, infermieri, lassociazione
Avo, la Cooperativa LAlveare, e tanti
persone che privatamente hanno
contribuito in maniera diversa (chi ha
donato gli attrezzi, gli abiti, chi ha
realizzato i cesti, chi si adoperato per
le acconciature). "Tutti coinvolti in un
autentico spettacolo predisposto per
rendere felici gli ospiti della struttura ha detto Rosetta ringraziando tutti i
soggetti coinvolti -. Questo il vero
spirito di un bel lavoro di gruppo che
vede uniti tanti soggetti diversi con un
fine comune che quello di regalare
agli anziani una parte dei loro ricordi
vissuti. Donare se stessi significa
donare una parte del proprio cuore e in
tal modo abbiamo reso la giornata
vissuta davvero magica e favolosa".
Michela Mosconi

Sarsina

Infiorate e Corpus domini

Ranchio,
in piazza lavori
entro fine anno

Tante creazioni artistiche


per la processione

Verghereto
Il neo sindaco
ha prestato
giuramento

La previsione dellAmministrazione
quella di avviare i lavori di
riqualicazione della Piazza del
Mercato nel corrente anno.
La Giunta ha approvato il progetto
preliminare, redatto dal Capo Ufficio
Tecnico ingegner Mauro Fabbretti.
La spesa complessiva di 600mila
euro gi parzialmente nanziata
nei bilanci precedenti, con 100mila
euro di residuo passivo dal 2013 e
250mila euro di residuo passivo dal
2014.
I restanti 250mila euro verranno
previsti allinterno del redigendo
bilancio preventivo 2015.
Daltra parte lintervento era gi
stato previsto allinterno del Piano
delle opere pubbliche da realizzarsi
nel 2015 con la delibera di Giunta
del 2 ottobre 2014.

Come ormai da tradizione "recuperata", domenica 7, per la


festivit del Corpus Domini, addobbi ed "Inorate" hanno
adornato vie e piazze di San Piero per la processione serale.
I disegni colorati, in gran parte coi petali di diverso colore (o con
materiale truciolato), frutto del lavoro faticoso e appassionato di
decine di persone, sono stati realizzati con grande partecipazione
con la collaborazione del Faro di Corzano, degli abitanti di
Somalborgo, di tante persone.
Chiesa parrocchiale, chiesa di San Giovanni e Somalborgo, chiesa di
San Francesco, Asilo delle Grazie, scuola elementare le principali
"postazioni", con tante foto e "post" su Facebook per il plauso dei
sampierani vicini e lontani.
Domenica 14 la celebrazione, con lInorata, si svolta a Bagno di
Romagna. Nel pomeriggio la processione col Sacro Corporale ha
percorso le vie del borgo "inorate", nonostante un violento
scroscio di pioggia nel primo pomeriggio avesse messo a serio
repentaglio il lavoro dei tanti volontari.
Con un ultimo sforzo tutto stati risistemato e completato con la
preparazione di tre "stazioni" con i bambini della parrocchia,
allestite con simboli eucaristici.
Alme

E stato il sindaco dei ragazzi, Maria


Farini, ad accogliere il sindaco dei
grandi, con gli auguri di buon
lavoro, al primo Consiglio comunale
della nuova legislatura.
Il neo-sindaco Enrico Salvi ha
giurato, ha dato comunicazione sui
componenti la Giunta e la
distribuzione delle deleghe, ha
presentato le linee programmatiche
e le azioni da realizzare.
Per i rappresentanti del Comune di
Verghereto nel Consiglio
dellUnione Valle Savio, oltre al
sindaco, sono stati indicati il
vicesindaco Fedele Camillini per la
maggioranza e lex vicesindaco
Federico Sensi per la minoranza. E
proprio il tema dellUnione dei
Comuni uno degli argomenti su cui
si sta concentrando lattenzione.

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi


di novit e voglia di scoprire sapori particolari.
Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente
secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc)
Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636
pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

17

San Piero
Maestri del Lavoro
ricevuti in Comune
LAmministrazione comunale di Bagno di
Romagna ha accolto, il 13 giugno,
lAssociazione i Maestri del Lavoro
presso la sala del Consiglio comunale,
ove sono stati presentati i neo Maestri
del Lavoro, insigniti il 1 Maggio 2015,
ai quali il sindaco Marco Baccini ha
consegnato il relativo Brevetto.
"Abbiamo accolto con onore e orgoglio
lAssociazione i Maestri del Lavoro
presso la nostra Sala consiliare - ha
dichiarato Marco Baccini e lassessore
alle attivit produttive Alessandro
Severi - per limportante signicato che
la consegna del brevetto di Maestro del
Lavoro rappresenta. Una delle
condizioni del riconoscimento, infatti,
quella di aver lavorato
ininterrottamente per almeno 25 anni. Il
signicato quello dei valori che il

lavoro esprime, quali quelli del


sacricio, della laboriosit, della perizia
e della buona condotta morale. Il lavoro
fondamento di relazioni sociali e
motivo di manifestazione della libert e
delle sensibilit dei cittadini".
"Consegnare il riconoscimento ai
lavoratori che si sono contraddistinti
nella propria carriera - ha continuato il
sindaco - motivo di orgoglio ed
emozione e questa consegna vuole
rappresentare anche un messaggio forte
per le giovani generazioni che mi sento
di rappresentare. Il messaggio quello
di affrontare i propri impegni, sin dalle
prime fasi del percorso scolastico, con
senso del dovere e del sacricio, con
propensione allapprofondimento e con
ricerca della perizia".
"In occasione dellaccoglienza della
delegazione del Consolato provinciale
dei Maestri del Lavoro di Forl-Cesena,
abbiamo organizzato una visita a Bagno
di Romagna ed ai suoi principali
monumenti, nellobiettivo di
approfondire la conoscenza del nostro
territorio, delle sue origini e tradizioni,
delle ricchezze ambientali, degli usi e
costumi e delle persone che hanno fatto
la storia del nostro comune e della
Provincia".
Alla manifestazione si sono interessati
ed hanno fornito apporto anche le
organizzazioni Anla, Alatel e Seniores
Electrolux.

18

Solidariet

Gioved 18 giugno 2015

Nuova aggregazione ispirata da papa Francesco

Brevi da Cesena

Con Reti della carit


per fare meglio e di pi
partendo dal basso
P

Parrocchia di San Pietro


Raccolta
per il mercatino dellusato

apa Francesco ci ha richiamato


spesso a ripartite dai poveri e
dalle periferie umane. La crisi
sociale che viviamo crisi culturale e la
carit, testimoniata in modo sapiente, con
quella eccedenza, a cui ci ha richiamato il
cardinale Carlo Maria Martini, una via
per affrontarla e ridare speranza. Da
questo presupposto nasce Reti della
carit, unoriginale realt nata nella
seconda met del 2013 su iniziativa della
Casa della carit di Milano, fondazione
pensata e voluta dal cardinale Carlo Maria
Martini e presieduta da don Virginio
Colmegna, come spiega Maria Grazia
Guida, presidente dellassociazione Amici
Casa della carit onlus, tra i promotori
delliniziativa. Questa esperienza,
condivisa anche da singole personalit di
formazione e competenze diverse,
comprende numerose associazioni e molti
gruppi cattolici composti da donne e
uomini, laici e sacerdoti, operanti in varie
regioni italiane, accomunati dallimpegno
nellaccoglienza degli ultimi.

Condivisa anche da singole personalit di formazione e competenze diverse,


comprende numerose associazioni e molti gruppi cattolici composti da donne
e uomini, laici e sacerdoti, operanti in varie regioni italiane,
accomunati dallimpegno nellaccoglienza degli ultimi
Pavia, monsignor Giovanni Giudici, ha
sostenuto questo percorso inizialmente.
Adesso ci accompagnano anche diversi
vescovi: oltre monsignor Giudici,
monsignor Rodolfo Cetoloni, vescovo di
Grosseto; monsignor Luciano Giovannetti,
vescovo emerito di Fiesole; monsignor
Gastone Simoni, vescovo emerito di Prato.
E sono pi di 38 le realt coinvolte.

Scelte chiave. La ragion dessere di Reti


della carit fondata su alcune sceltechiave: la piena pariteticit senza organi
dirigenti, gerarchie, burocrazie, allinsegna
dellorizzontalit, dello scambio fraterno,
della messa in comune di esperienze,
dellapprofondimento di rilevanti
questioni etiche, teologiche, culturali nello
spirito del Concilio e del magistero di papa
Francesco; la condivisione di alcuni valori
nellambito dellopzione cristiana e della
Ispirati da papa Francesco. Papa
Francesco ha sollecitato pi volte a non far convinta partecipazione alla Chiesa povera
per i poveri, ospedale da campo; il
diventare le opere di carit, che nascono
comune cammino di riflessione, preghiera,
nel solco della fedelt al Vangelo,
contemplazione e azione di cristiani in
semplicemente unorganizzazione non
ricerca, desiderosi di farsi prossimo e di
governativa. Crediamo che, sebbene sia
vivere in comunione lo sforzo di
necessaria, nelle nostre esperienze, la
conquistare una povert intesa come
dimensione organizzativa, questa non
possa prescindere dalla tensione spirituale, positiva essenzialit umile e lontana dal
dalla vivacit e freschezza evangelica, dalla materialismo consumistico; limpegno per
scelta di condivisione, di testimonianza di un rinnovamento profondo della Chiesa
italiana.
vita sobria. Perci, le parole del Papa ci
hanno interrogato molto e ci hanno spinto La rete si allargata. Man mano che la rete
si allargata, sono stati promossi incontri
ad aprire un confronto e un dialogo con
per conoscere le singole realt laddove
altre realt a livello nazionale per fare
operano. una sorta di cammino
meglio e di pi, con passione e
itinerante, dove andiamo a visitare e siamo
responsabilit, chiarisce Guida. In
visitati dalle realt che compongono la
principio, siamo partiti con dodici tra
rete. Mediamente gli incontri avvengono
associazioni e parrocchie. Il vescovo di

Per Bankitalia lEmilia Romagna


in ripresa economica
Unindagine realizzata da Bankitalia nel
2015 ribalta le fosche previsioni degli
anni scorsi anche per la nostra Regione.
Il fatturato previsto in crescita del 2,1
per cento, mentre gli investimenti
dovrebbero aumentare del 2,4 per cento.
Di certo sette anni di crisi hanno
prodotto una notevole selezione nel
sistema produttivo. Dal 2007 il 21 per
cento delle imprese attive scomparso:
si trattava in gran parte di imprese di per
s a rischio (495), ma la recessione ha
travolto anche un 10 per cento di
aziende in buone salute. Alla ne a
sopravvivere sono state il 79 per cento
delle aziende, con un 12 per cento
(realt fortemente esportatrici) che la
crisi non lha proprio sentita e un 30 per
cento che ancora in difficolt. Al
contributo delle esportazioni ha
cominciato ad aggiungersi quello degli
investimenti, soprattutto nella
manifattura.
Se si esclude il settore delledilizia, che
ancora versa in condizioni di difficolt,
Bankitalia registra anche un
miglioramento della situazione delle
sofferenze bancarie. A ne 2014 lEmilia
Romagna ha registrato una lievissima
crescita del Pil (+0,1 per cento), mentre
le esportazioni sono cresciute in maniera
consistente (+4,3 per cento). Buone
notizie dagli investimenti in Regione
dallestero, che nel 2013 ammontavano
a oltre 16 miliardi di euro. Un trend che
si rafforzato. Una ricercatrice della
Banca Centrale: LItalia non molto
attrattiva - premette Chiara Bentivogli,
ricercatrice della banca centrale - ma
lEmilia Romagna tra le regioni
posizionate meglio.
La ripresa comincia a farsi sentire anche
sul fronte del mercato del lavoro. Il 2014

ogni mese e mezzo: un momento di


confronto dove lorganizzazione ospitante
invita anche altre realt del territorio racconta Guida -. Il 22 giugno saremo a
Bologna da don Giovanni Niccolini nella
parrocchia SantAntonio da Padova alla
Dozza: in questa occasione affronteremo il
tema dellimmigrazione e del dialogo tra le
religioni. Il primo grande passaggio,
secondo Guida, stato consentire a tutti
di uscire dallisolamento. Adesso
vorremmo lanciare a Bologna unipotesi
concreta rispetto ai temi dellaccoglienza
dei rifugiati politici in Italia.
In vista del Convegno di Firenze. Due
momenti importanti per la rete sono stati
questanno, a febbraio e a maggio. Il 2
febbraio scorso a seguire la discussione alla
Casa della carit, a Milano, stato presente
anche monsignor Domenico Pompili, che
ha voluto esserci per parlare del Convegno
ecclesiale di Firenze e per invitare i presenti
a farsi coinvolgere nel dibattito di
preparazione al Convegno stesso. Il 5
maggio il segretario generale della Cei,
monsignor Nunzio Galantino, ha
incontrato le realt della rete nella Casa
della carit. In quelloccasione al presule
stato consegnato un documento preparato
da Reti della carit in vista del Convegno
ecclesiale di Firenze. Per una Chiesa
povera dei poveri il titolo del testo, che
propone di uscire per accogliere,
annunciare per esprimere gioia, abitare
per essere casa, educare per essere
consapevoli, trasfigurare per vedere oltre
il contingente.
Gigliola Alfaro

NOTIZIARIO PENSIONATI
si chiude in Emilia Romagna con una
crescita delloccupazione dello 0,4 per
cento, ma le condizioni del mercato del
lavoro rimangono comunque sfavorevoli
per i pi giovani. Perch, per ragioni
demograche e per lallungamento
dellet pensionabile, la crescita degli
occupati si concentrata nelle classi pi
anziane det: +11,2 per cento per gli
over 55, a fronte di un calo del 6 per
cento tra gli under 35.
Si cominciano ad avvertire i primi segni
nel mercato del lavoro delle recenti
politiche, in particolare degli incentivi
scali.
Secondo Bankitalia, per consolidare la
ripresa occorre che il quadro
internazionale non subisca cambiamenti
o peggioramenti. Anche se, in realt,
evidenzia Trimarchi, di fronte a
mutamenti del quadro internazionale,
come la crisi russa, le nostre imprese
esportatrici hanno saputo reagire molto
bene, compensando la diminuzione delle
esportazioni verso la Russia e il Sud
America con un aumento a due cifre delle
esportazioni negli Stati Uniti.

A Cesena, in occasione della festa di San Pietro


Apostolo (da venerd 26 a luned 29 giugno), la
parrocchia di San Pietro e il Campo Emmaus
organizzano il tradizionale mercatino dellusato.
Il ricavato andr alla Caritas diocesana e alla
Caritas parrocchiale.
Fino a marted 23 giugno possibile contribuire
al buon esito del mercatino portando materiale
vario direttamente in parrocchia a San Pietro. In
particolare, possibile consegnare (in buono
stato): dischi e giradischi, libri, giornalini,
vecchie riviste, giocattoli, vecchie fotograe,
cartoline e santini, monete e francobolli, quadri,
soprammobili, lampadari, radio e registratori,
piatti, bicchieri e posate, borse, valigie e bauli,
bigiotteria, apparecchi elettrici (funzionanti),
strumenti musicali, biciclette e motori, coperte,
biancheria da letto e da tavola.
La raccolta del materiale si tiene in parrocchia
dal luned al sabato, dalle 15 alle 19. possibile
ritirare anche materiale nelle case.
Per info: Francesco Lughi, 340 8280251; Riccardo
Moretti, 348 3255988; Francesca Evangelisti, 340
9911685.

Donazione alla Terapia


Intensiva Neonatale
del "Bufalini"
Milleseicentotrentadue euro. questa la somma
raccolta in occasione della decima prova Medio
Fondo e Fondo Dla Caveja 2015 organizzata lo
scorso 16 maggio da Asd Case Castagnoli Valle
Rubicone in collaborazione Uisp Comitato ForlCesena e Acsi Ciclismo Cesena. Una grande
manifestazione beneca, il cui ricavato stato
interamente devoluto al Progetto Il mio futuro a
piccoli passi dellUnit Operativa Pediatria e
Terapia Intensiva Neonatale dellospedale
"Bufalini" di Cesena.
In una nota, lazienda Usl "ringrazia
pubblicamente lAsd Case Castagnoli Valle
Rubicone, la Uisp Comitato Forl-Cesena, lAcsi
Ciclismo Cesena, le aziende e gli esercizi
commerciali del territorio che hanno sostenuto la
manifestazione (Zoffoli Banane srl, Zavalloni,
Belli Dec, Salumicio Del Vecchio, Conad Case
Finali, Gruppo Culturale Rontagnanese e Bar
Fanky, Bar Esquisito, Cicli Neri) e tutti i 450
cicloturisti che hanno aderito, contribuendo al
successo delliniziativa.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL


(tel. 0547 644611 - 0547 22803)
e per il Patronato INAS CISL
(tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Fnp cauta su ricorsi, ma esige un fisco pi equo


Occorre non illudersi di poter ottenere un rimborso totale sulle pensioni, poich lo Stato non nelle
condizioni di restituire tutto. Ecco lavvertimento che lancia il Segretario della Fnp Cisl di Bologna Sergio
Palmieri allassemblea organizzativa della Fnp Cisl felsinea.
Ogni giorno, infatti, decine di pensionati chiamano la Fnp-Cisl chiedendo di poter ricevere il rimborso che
a loro spetta, dopo la decisione della Consulta di dichiarare incostituzionale il blocco delle rivalutazioni
operato dalla riforma Fornero per le pensioni oltre tre volte il minimo Inps. Ma per ora il sindacato
prudente e prende tempo, in attesa di avere ulteriori notizie sul decreto del Governo. Il rischio, secondo la
Fnp, che lunico modo che lo Stato avrebbe per restituire gli aumenti che spettavano a tanti ex lavoratori,
sarebbe aumentare la tassazione. Una soluzione, per, che non porterebbe alcun beneficio. Quindi, prima
di riaccendere un vero e proprio scontro intergenerazionale sulle pensioni, necessario affrontare il
problema da un altro punto di vista. necessario restituire potere dacquisto alle pensioni in modo
permanente.
La Fnp rilancia quindi lappello a spendere energie per la legge di iniziativa popolare per cui la Cisl sta
raccogliendo firme, per un fisco pi equo e giusto. La proposta ha un valore di circa 30 miliardi lanno (di
cui 20 si stima possano esser recuperati dalla lotta allevasione e dalla patrimoniale ordinaria), per la
redistribuzione di ricchezza in favore delle classi di reddito comprese tra zero e 50mila euro.
Ad ogni modo, limpegno della Cisl sul versante delle pensioni non si esaurir. Il segretario nazionale della
Fnp-Cisl Gigi Bonfanti, presente allassemblea organizzativa di Bologna, ricorda che luned i rappresentanti
dei pensionati incontreranno il ministro del lavoro Giuliano Poletti. Se il Governo e il ministro, invece che
farsi dettare lagenda politica dal presidente dellInps avessero convocato i sindacati, forse avremmo trovato
un compromesso che tenesse conto degli interessi degli iscritti e di quelli pi generali del Paese. Al
prossimo incontro a Roma la Fnp Cisl inviter Poletti a fare il ministro, anche contro di noi, ma senza
decidere in base a ci che dice Boeri, che il presidente di un ente e non un organo politico.

Casa, novit dalla Regione


La Regione Emilia Romagna ha inserito
nella Legge regionale lintroduzione
dellobbligo di tre anni di residenza per
accedere alle graduatorie Erp.
Per ottenere un alloggio Erp, sostiene
infatti in una nota la vicepresidente
della Regione Elisabetta Gualmini,
fondamentale tenere conto di un periodo
minimo di radicamento nella comunit.
Inoltre, c unesigenza reale di

razionalizzare i tanti, troppi regolamenti


comunali che peraltro gi introducono
criteri premiali basati sulla residenza
storica, oltre che favorire un necessario
turn-over.
Il criterio della residenza storica per
almeno tre anni un cambiamento in
sintonia con quanto previsto da numerose
altre leggi regionali. La modica al
regolamento sulle case popolari, che ha

avuto il via libera in Regione, prevede


anche alcune semplicazioni. Ad
esempio viene abolito lIse e mantenuto
lIsee come unico parametro di
riferimento. Il reddito per accedere
allalloggio Erp rimane invariato e non
deve superare i 17.154 euro. Potr per
essere rideterminato in un momento
successivo, quando la Regione acquisir
le informazioni sui redditi dei cittadini

provenienti dalle nuove modalit di


calcolo dellIsee stesso.
La Regione ha stanziato anche 2 milioni
per il Bando giovani coppie (che uscir
a breve), per aiutare le giovani coppie a
comprare casa, e inoltre dopo anni ha
ripristinato il Fondo regionale per le
barriere architettoniche (le richieste di
contributo dovranno essere fatte a
livello comunale).

Cultura&Spettacoli

Gioved 18 giugno 2015

Tredici gli spettacoli in cartellone, tra il 9 luglio e il 21 agosto

19

Cinema
di Filippo Cappelli

Plautus Festival
si riaccendono le luci
Sarsina

Multisala Aladdin, Eliseo Multisala,


Uci Cinemas Romagna (Savignano),

JURASSIC WORLD

FOTO GIORGIO PERUZZI

La rassegna teatrale, lunica estiva dedicata


in Romagna al teatro di tradizione,
si svolge allarena allaperto di Calbano

itorna il Plautus Festival di Sarsina. Limportante rassegna


teatrale, lunica dedicata al teatro di tradizione che si svolge
destate in Romagna e che richiama un sempre maggior
numero di spettatori, giunge alla 55esima edizione
collocandosi, per durata, ai primi posti tra i vari Festival in Italia.
Manifestazione collaudatassima che si
dalla celebre, omonima tragedia di
prefigge un duplice scopo: quello di
Euripide al laboratorio di Henri Laborit.
onorare Tito Maccio Plauto, il grande
La regia di Roberto Tarasco, con Sara
commediografo latino nato a Sarsina, del
Bertel come interprete principale. Per
quale lanno prossimo (2016), ricorre il
comprensibili ragioni di spazio lingresso
2200 anniversario della morte, e di
riservato agli abbonati e agli sponsor del
diffondere la cultura teatrale, e in
Plautus Festival.
particolare del teatro antico e della
Il primo appuntamento allArena Plautina
classicit.
sar domenica 19 luglio alle 21,30 con la
Il cartellone di questanno presenta un
celebre commedia Sogno di una notte di
numero maggiore di appuntamenti: ben
mezza estate di William Shakespeare,
tredici eventi, invece dei soliti otto o
con Isa Danieli e Lello Arena.
nove, racchiusi tra il 9 luglio e il 21
Sabato 25 luglio la commedia Il Vantone
agosto.
di Pier Paolo Pasolini, riproposta in
La novit vera e propria consiste nei
occasione del 40esimo anniversario della
primi tre dislocati in vari luoghi del
morte dellautore. Si tratta di una
centro cittadino - e tutti gratuiti - che
rielaborazione, in dialetto romanesco,
costituiscono un vero e proprio prologo
della celebre commedia di Plauto Miles
agli spettacoli che si svolgono nellArena
Gloriosus. Protagonista Ninetto Davoli,
Plautina.
uno degli interpreti prediletti di Pasolini.
Si inizier gioved 9 luglio in piazza
Assoluta novit, sabato 1 agosto, la
Plauto con un incontro-conversazione
commedia Il Volpone, capolavoro di Ben
sul tema Plauto e la cultura classica con
Jonson, contemporaneo di Shakespeare,
Valerio Massimo Manfredi. Manfredi
del quale fu antagonista. C un potente
autore di numerosi libri di grande
intrigo di beffe e di frodi tra un
successo, la maggior parte ambientati
protagonista che per strappare denaro
nellantichit e conduttore di programmi
alla gente si finge sempre malato e
culturali su molte reti televisive in Italia e
moribondo, il suo servo e i suoi clienti.
allestero.
Questo testo teatrale, uno dei pi
Sabato 11 luglio, in concomitanza con la
importanti del teatro inglese del periodo
Festa Romana si svolger nelle vicinanze
elisabettiano, portato in scena dalla
dei resti del Foro antico lo spettacolo
Compagnia Teatro Europeo Plautino,
Giove un abusivo, tratto da testi di
diretta da Cristiano Roccamo, direttore
Luciano di Samosata, scrittore greco
artistico del Plautus Festival. Interprete
vissuto nel II secolo.
principale: Corrado Tedeschi.
Domenica 12 luglio allinterno del Museo
Si preannuncia interessante anche lo
archeologico nazionale in programma lo
spettacolo, in scena gioved 6 agosto, dal
spettacolo Troiane - Istruzioni per luso.
titolo Menecmi-la commedia degli
Si tratta di un excursus teatrale che va

equivoci, con testo tratto dalla celebre


commedia di Plauto Menecmi, e
laltrettanto nota opera di Shakespeare
La commedia degli errori. Interprete il
bravo, e spesso imprevedibile, Tato Russo.
Tra gli appuntamenti pi stimolanti della
rassegna figura indubbiamente Memorie
di Adriano (domenica 9 agosto) con testo
di Marguerite Yourcenar, con Giorgio
Albertazzi come unico protagonista. La
modernit di un personaggio come
limperatore Adriano, vissuto nel II sec.
mirabilmente espressa dalla Yourcenar
nel suo celebre libro, presentata, da par
suo, da Giorgio Albertazzi, che ne ha fatto
uno dei cavalli di battaglia nella sua
lunghissima carriera di attore. dal 1989
che lo presenta in Italia ed Europa con
immutato successo
Marted 11 agosto: Il mio nome
nessuno. LUlisse, tratto dal libro di
Valerio Massimo Manfredi, con
Sebastiano Lo Monaco. Gioved 13 agosto:
Lisistrata di Aristofane, con Vanessa
Gravina e gli attori del Teatro Europeo
Plautino. Domenica 16 agosto: Edipo in
compagnia, con Paolo Graziosi ed
Elisabetta Arosio. Marted 18 agosto
lunica puntata nel teatro contemporaneo
con la divertente commedia Lei ricca,
la sposo e lammazzo, di Mario Scaletta,
con Gianfranco Jannuzzo e Debora
Caprioglio.
Il Festival si concluder venerd 21 agosto
con Miles Gloriosus di Plauto, portato
in scena dal Laboratorio Teatrale
di Sarsina.
Piergiorgio Pellicioni

di Colin Trevorrow
Pi di ventanni dopo, il sogno di John Hammond diventato realt: su Isla Nublar il
parco dei divertimenti a tema dinosauro, Jurassic World, richiama ogni giorno migliaia di
visitatori. Ogni tanto la Masrani Corporation
(che ha acquistato la InGen anni prima) cerca
di introdurre sempre pi spettacolari attrazioni. Dopo qualche anno, il rischioso T-Rex,
gli indomabili (?) Velociraptor, il maestoso
Mosasauro acquatico, gli enormi erbivori e i
mansueti Triceratopi sembrano non richiamare pi la stessa mole di visitatori. Per ravvivarne linteresse, la responsabile delle
operazioni del parco Claire Dearing (Bryce
Dallas Howard) e il genetista capo Henry Wu
(BD Wong) decidono di creare un nuovo dinosauro combinando il Dna di diverse specie: si
tratta dellagghiacciante Indominus Rex. Cresciuto in isolamento dopo aver divorato il fratello, lIndominus, sta per essere presentato al
pubblico. Per poter valutare la creatura e la sicurezza del suo contenimento, Claire chiede
aiuto a Owen (Chris Pratt), ex militare esperto
in comportamento animale che cerca di stabilire un rapporto di rispetto con i Velociraptor.
Il gigantesco dinosauro riesce per a fuggire
dal suo imponente recinto. La vita di migliaia
di persone in pericolo. Tra queste, anche i
due nipotini di Claire, arrivati il giorno stesso
per trascorrere una giornata speciale nel parco
sotto lipotetica supervisione della zia
Jurassic World a tutti gli effetti lideale prosecuzione del film diretto da Spielberg nel 93,
saltando a pi pari i due sequel. Il regista de
Lo squalo (ora ridotto a semplice spuntino
per il Mosasauro) ancora produttore del
franchise affida la rinascita a Colin Trevorrow, che firma anche lo script insieme a Derek
Connolly. Naturalmente, lo sviluppo della
trama un pretesto per tentare di riportare in
superficie lenorme fascinazione che nel 1993
fece esplodere una vera e propria DinosauroMania. E, come allora, si torna a ragionare sui
pericoli derivanti dalla difficolt, da parte
delluomo, di controllare le sue stesse creazioni. Fino a che punto ci si pu spingere nello
sfruttamento di ogni singola scoperta scientifica? In tal senso, la riflessione assume nuovi
connotati non solo per quanto riguarda il colossale protagonista (lIndominus Rex), ma
anche per quello che riguarda la possibilit di
ammaestrare creature come i Velociraptor, secondo alcuni (il personaggio di Vincent
DOnofrio) da poter sfruttare addirittura come
futura arma bellica. Indubbiamente spettacolare e dallandamento tanto inverosimile
quanto prevedibile (a finire sbranati saranno
esattamente coloro su cui avreste scommesso), Jurassic World mantiene comunque
quello che promette, e per un film blockbuster
gi abbastanza. Dopotutto, senza illusioni,
una persona su tre del pianeta andr a vedere
questo film, e trover esattamente quello che
cerca. Niente di pi, ma certamente niente di
meno.

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
La ragazza di Bube

noi. Perci orgoglioso che la figlia si sia


innamorata di Bube, anche perch i fascisti
di Carlo Cassola - Oscar Mondadori (9 euro)
hanno ammazzato il fratello di Mara. Anche
Recensire questo libro potr sembrare superfluo, immagino infatti che gli amici di Bube respirano lo stesso clima
vendicativo (in particolare Lidori), e lo inciverr consigliato dai professori di Lettere, e soprattutto inopportuno
in un settimanale cattolico, visto che lunico accenno alla Chiesa un tano alla violenza. Infatti, uccide un maresciallo dei Carabinieri e insegue fin dentro
prete fascista, peraltro picchiato. Certo, purtroppo, molti preti e non
casa suo figlio uccidendo pure lui. La vita di
solo, avevano aderito al fascismo, ma tanti no. E di essi non un
Mara si alterna tra Monteguidi e Poggibonsi
cenno. Tuttavia ho buoni motivi per apprezzare questo romanzo in
dove incontra Stefano, un bravo ragazzo che
cui lautore aveva preso le distanze dalla violenza, anche da quella
partigiana che viene descritta ma non approvata. Carlo Cassola (Roma le fa la corte e lei per un po si lascia conquistare, dopo che Bube, processato a Firenze,
1917 Montecarlo, Lucca 1987), infatti, aveva scritto numerosi ro finito in galera. La madre di Mara contraria alla sua storia
manzi e racconti aderendo dapprima al neorealismo, rivisitato in
con Bube che considera uno spiantato. Mara stracotta di
chiave lirica, per poi approdare a un forte antimilitarismo. Venne
Stefano che comunista, ma non fanatico. Anche il lettore inanche a Cesena. Ricordo di aver letto che forse era grafomane. La
dotto a pensare che la storia con Stefano sia la cosa giusta. Ma
ragazza di Bube (premio Strega 1960) la sua opera pi nota, ma
dopo i primi difficili incontri di Mara con Bube in carcere, dietro
avevo letto anche Fausto e Anna che mi era piaciuto molto.
Dunque veniamo al racconto. Mara una ragazza di Monteguidi, pic- le sbarre, lei capisce che deve essergli fedele a qualunque costo.
colo paese della Val dElsa che allindomani della Liberazione conosce Molla tra le lacrime Stefano e decide di aspettare Bube per poterlo sposare. Grazie allamore di Mara, Bube si rende conto che
il partigiano Bube, eroe della Resistenza, e se ne innamora. Tornato
alla vita civile imbottito di precetti di violenza e vendetta (era sopran- la colpa dei delitti che ha compiuti sua e non dellambiente
che pure lo ha istigato. Questo, a livello di contenuto, il valore
nominato il vendicatore), ha commesso un delitto a San Donato e,
del romanzo. Passano sette anni e Mara continuer ad aspettare
dopo un periodo alla macchia, catturato e condannato a 14 anni di
Bube, convinta che alla fine della lunga strada ci sarebbe stata la
carcere. Il padre di Mara un comunista rozzo e bevitore, convinto
luce. Cos termina il romanzo che pregevole certamente anche
che dopo le elezioni ci sar unamnistia perch al potere ci saremo

a livello strettamente letterario. Anche se si potr


pensare che Cassola sia caduto in un romanzo
rosa, a me sembra che non sia cos. La decisione di Mara dovrebbe far pensare anche le ragazze cattoliche di oggi. Pure nella cultura della
sinistra storica di allora, il fidanzamento e il matrimonio erano una cosa seria. Cassola ha terminato il romanzo negli anni 1958-1959. Pochi
anni dopo, con il 68, inizier la rivoluzione sessuale e tutta la sinistra storica diventer un partito radicale di massa. Marx morto, ma
Pannella vivo!. La maggioranza del popolo italiano diventer divorzista e abortista. Ora, il Governo guidato da un cattolico ha approvato il
divorzio breve in attesa di altre picconate
come le nozze gay e lintroduzione dellinsegnamento dellideologia del gender nelle
scuole. Allora, il valore della fedelt pu venire
anche da uno scrittore come Cassola che, ahim,
ignora completamente la dimensione verticale
del senso religioso, almeno in questo libro.
Come noto, nel 1963 il romanzo stato tradotto in cinema dal regista Luigi Comencini, con
Claudia Cardinale.
Rino Casali

20

Cesena & Comprensorio

Gioved 18 giugno 2015

Bagno di Romagna
La fiera del marted
Ritorna il caratteristico "Mercatino del
marted" ad animare dal tardo
pomeriggio la piazza e il centro storico
no al 22 settembre. Con bancarelle di
antiquariato, collezionismo, bigiotteria,
stampe, libri, ceramiche, tele stampate,
ori secchi, vetri, vasellame, vestiario,
articoli per la casa e gastronomia.

Alla scoperta
della Tanzania
Prosegue il ciclo di incontri culturali
organizzati dalla "Compagnia di gnomo
Mentino" in collaborazione col centro
turistico Valbonella e Comune. A Palazzo
del Capitano, gioved 25 giugno alle 21,
Michele Zambianchi illustrer il suo
"Viaggio in Tanzania".

San Mauro Pascoli

Cesena

Concerti del Conservatorio

Un talento per la scarpa

Nel chiostro dellAbbazia del Monte,


gioved 18 giugno alle 21, grande
musica per soli ati. Arie dopera
venerd 26 nel chiostro di San
Francesco. Luned 22 nei giardini della
Pieve di Polenta si esibir lEnsemble
Jazz e marted 23 in programma
musica da camera con pianoforte
solista e in ensemble. Ingresso libero.

Si terr venerd 19 giugno alle 21 in piazza Mazzini


la cerimonia di premiazione della XV edizione del
concorso internazionale "Un talento per la scarpa"
per giovani stilisti. Per la prima volta sui 193
partecipanti si sono classicati ai primi tre posti tre
italiani: Carlotta Camporese (Padova), Davide
Tumeo (Messina) e Tommaso Felicetti (Perugia). Alla
vincitrice andranno un assegno di 4mila euro e 9
mesi di formazione e lavoro presso il Cercal e

unazienda di
Sammauroindustria.
A seguire spettacolo
di canti e musica.
Lopera vincitrice e
altri bozzetti dei
concorrenti saranno
esposti nella sala
San Sebastiano.

Longiano

Gatteo

La citt a Rai Uno

Autoraduno

Festival dei bambini

In piazza Tre Martiri, gioved 18 giugno dalle


14,30, si terranno le riprese del programma
televisivo "Mezzogiorno italiano". Verranno
esposti prodotti tipici, artigianato locale con
tradizioni e folklore. Il servizio andr in
onda nelle prossime settimane nel
programma estivo dedicato allExpo e alla
valorizzazione del territorio, in trasmissione
dal luned al venerd dalle 11,45 alle 12,30.

In via Giulio Cesare a Gatteo a Mare,


domenica 21 giugno dalle 17, avr
luogo il III autoraduno Giulio
Cesare, la mostra di auto depoca a
cura dellauto moto club citt di
Cesena" Dario Ambrosini".
Lingresso libero.

Si svolger dal 18 al 20 giugno in piazza della Libert


a Gatteo a Mare la manifestazione dedicata ai
bambini. Gioved 18 alle 21,30 la giuria presieduta da
Wilma Goich selezioner i ragazzi fra i 6 e i 16 anni
partecipanti al concorso canoro. Dopo le selezioni del
19 giugno si arriver alla nale sabato 20 con Cristina
DAvena, Grazia Di Michele e Stefano Scarpa.

Gatteo

A Cesena alla Galleria del Palazzo del Ridotto fino al 21 giugno

Longiano

Contributi alle famiglie


Anche questanno il Comune destina
risorse per la frequenza di bambini e
ragazzi ai centri ricreativi. Sono quattro
nei mesi di giugno e luglio: al convento
dei frati francescani a cura
dellassociazione "Homo Viator", alla
cooperativa sociale "Societ Dolce", a
Pinarella di Cervia organizzati dal Centro
sportivo italiano e dalle Acli di Cesena.

Cesena
Per non dimenticare
Lassociazione Penelope Emilia Romagna ha
organizzato un convegno per non dimenticare le
persone scomparse da molti anni. Si terr sabato
20 giugno dalle 9 a Palazzo del Ridotto. Dopo i
saluti del vescovo Douglas Regattieri, di Antonio
Maria Scala e Marisa Degli Angeli Golinucci,
interverranno Silvia Gentilini, Ulrico Baldari,
Antonio Maria La Scala, Roberta Bruzzone e
Giacomo Franchi.

Concerto dorgano

"In materiale", mostra di Decio Zoffoli


in corso a Cesena, presso la Galleria darte del Palazzo del Ridotto, la personale dello scultore Decio Zoffoli, dal titolo "In materiale".
Nato a Cesena nel 1953, lartista frequenta
da ragazzo la bottega del padre marmista e
ceramista, imparando a modellare, a scolpire il marmo e a fare gli stampi. Studia al
Liceo magistrale, quindi si iscrive allAccademia di Belle Arti e poi ad Architettura.
Pur continuando gli studi, a 19 anni dirige
lazienda paterna e continua, per quanto
possibile, a dipingere e scolpire. Dopo la
morte del padre, lazienda sotto la sua guida inizia a collaborare attivamente con studi darte contemporanea e di architettura e
finalmente Zoffoli pu dedicarsi con continuit alla sua passione: la scultura, quella scultura particolare che si pu ammirare in questa mostra, realizzata in terracotta, cemento, ferro e vari materiali di recu-

Gatteo

Terzo appuntamento della "Rassegna organistica


Malatestiana", a cura di Gianni Della Vittoria,
promossa dal Comune in collaborazione con la
sezione cesenate del Cai, mercoled 24 giugno
alle 21 in Cattedrale. Gianni Della Vittoria
eseguir brani di Bach, Schumann, Bossi,
Wagner-Liszt e sue composizioni. Lingresso
libero.

Incontro in museo
Il gruppo archeologico cesenate "Giorgio
Albano" invita al II incontro sul tema "Tappeti di
pietra. Pavimenti e pavimentazioni nella casa
romana". Avr luogo sabato 20 giugno alle 16 al
museo archeologico civico nel chiostro San
Francesco in via Montalti 4.

Cinema al San Biagio


La nuova stagione cinematograca estiva
allarena del San Biagio si svolger dal 25 giugno
al 30 agosto. Saranno proiettati anche il lm
della V edizione di "Piazze di cinema". Sullo
schermo gioved 25 giugno alle 21,45 "Mia
madre" di Nanni Moretti e venerd 26 "Il racconto
dei racconti" di Matteo Garrone. Ingresso 5 euro.

pero come vetro, plastica e tessuti. Lartista


vive e lavora a Castel San Pietro Terme.
Le sculture in mostra, di piccole, medie e
grandi dimensioni, hanno sempre per soggetto luomo visto nelle sue varie sfaccettature.
Nelle sue opere in terracotta o cemento,
modellate con maestria ed energia plastica, si aggiungono con efficace creativit i
pi svariati materiali di recupero. Nelleseguire questa operazione, Zoffoli dice di
ispirarsi a una frase di San Francesco dAssisi: "Diamo dignit al materiale che siamo
abituati a calpestare".
Anche se nelle sue sculture non manca
mai, come elemento portante, una parte
"classicamente modellata" (volti, corpi o
membra dalle espressioni o movenze dinamiche), gli altri materiali aggiunti sono il
completamento e larricchimento a volte
determinate allespressivit del soggetto.

Monte Sorbo

Settimana della bellezza

Cai, Messa per i soci defunti

In occasione del concorso Miss mamma


italiana, una settimana sar dedicata alla
regina della famiglia. Luned 22 giugno
alle 21,30 in piazza della Libert a Gatteo
a Mare spettacolo musicale per onorare
Franco Bergamini. Mercoled 24 serata
delle canzoni "al femminile" con lAnna
Maria band.

Nellambito delle manifestazioni


per il 50esimo della sezione Cai di
Cesena, domenica 21 giugno alle
15 verr celebrata una Messa in
suffragio dei defunti Cai alla Pieve
di Monte Sorbo.

Verghereto

Nellinsieme ne risultano opere complesse,


nervose nella definizione dei dettagli, vibranti nella materia ed espresse in armonia di proporzioni.
Unesposizione, questa, da visitare senza
fretta, osservando dettagliatamente ogni
singola scultura, dalla pi piccola alla pi
grande, per riuscire a capire in profondit
ci che lartista vuole comunicare.
Quello di Zoffoli un linguaggio figurativo
che non ha chiuso lartista nei limiti di un
superficiale narratore, perch le sue rudi
semplificazioni, la tensione sempre viva
conferiscono al suo linguaggio modernit
e poesia.
La mostra, curata da Laura Martini, rimarr aperta fino al 21 giugno con il seguente
orario: mercoled, sabato, domenica 10-13;
marted, mercoled, venerd, sabato, domenica 18-22 (luned e gioved chiuso).
Enrico Guidi

Cesenatico
Omaggio
a Raffaello Baldini

Sogliano al Rubicone

Trial a Montecoronaro

Ramberto Malatesta

Forl Trial in collaborazione con la Pro loco


di Montecoronaro e Uisp ha organizzato il
3 Trial del monte Fumaiolo e delle
sorgenti del Tevere. Si correr su diverse
distanze domenica 21 giugno con partenza
da Montecoronaro alle 9,30.

La mostra "Mente sublime & anima


oscura" dedicata a Ramberto Malatesta,
conte di Sogliano, rester aperta no al
13 settembre presso il Palazzo della
Cultura. articolata in due sezioni:
documentaria la prima e storico-artistica
la seconda. E curata da Andrea Antonioli
e Fiamma Lenzi.

In piazza delle Conserve, venerd 19


giugno alle 21, terzo appuntamento
della rassegna "La serenata delle
zanzare", incontri di poesia e musica
organizzati da Casa Moretti. Un omaggio
a Raffaello Baldini nel decennale della
morte con Liana Mussoni, Ilario Sirri e
accompagnamento musicale di Fabrizio
Flisi alle tastiere.

Tende al mare
Sulla spiaggia libera antistante alla
piazza Andrea Costa sar inaugurata,
gioved 26 giugno alle 18, la XVII
edizione delle Tende al mare "Il mare il
cielo dei pesci" di Gek Tessaro. Mostra a
cielo aperto con opere di Dario Fo, Tinin
Mantegazza, Tono Zancanaro, Lele
Luzzatti, Bruno Munari, Tonino Guerra,
Ilario Fioravanti e Gek Tessaro.

Apre Famila

Cesena, cambia tutto in viale Abruzzi


Una corsia preferenziale per i bus, listituzione del
senso unico, nuova organizzazione della sosta:
sono le principali novit che stanno per entrare in
vigore in viale Abruzzi.
Ecco, nel dettaglio, gli interventi eseguiti in viale
Abruzzi.
E stata realizzata una corsia bus (che potr essere
utilizzata anche da biciclette, taxi e persone
invalide), sul lato sud, con direzione di marcia

dalla rotonda Stadio alla rotonda Maiella (incrocio


con via Lucania).
Laltra corsia (sul lato nord) destinata al traffico
dei mezzi ordinari, che potranno percorrere la
strada solo in senso opposto a quello dei bus (cio
in direzione Stadio).
Per quanto riguarda la sosta, sul lato sud, nel
tratto da via Fratelli Spazzoli a via Piemonte, sono
stati realizzati 15 posti auto longitudinali.

Sar inaugurato gioved 18 giugno alle 9


nel quartiere Madonnina il nuovo
supermercato Famila di Arca spa di
Longiano. Lofferta focalizzata sui
freschi, in particolare il pesce e sui
prodotti locali. La grande struttura si
caratterizza anche per le soluzioni
adottate per favorire il risparmio
energetico. Il personale composto da
44 addetti formati precedentemente
presso altri Famila di Arca.

Sport

Gioved 18 giugno 2015

21

Calcio serie B Il neo allenatore del Cesena ha 44 anni, viene da Crotone dove ha ben figurato

"N

ella vita non mi ha mai


regalato nulla nessuno.
Sono abituato a lavorare
nelle difficolt e a lottare
per raggiungere gli obiettivi". Cos ha
esordito Massimo Drago, neo allenatore
del Cesena, durante la presentazione
della scorsa settimana. Di fianco a lui, il
presidente Giorgio Lugaresi e il
direttore sportivo Rino Foschi.
Drago un allenatore emergente,
cresciuto nelle fila del Crotone. Per la
societ rossoblu ha allenato in pratica
tutte le categorie, o quasi, partendo
dalle giovanili fino alla prima squadra.
E stato calciatore disputando diversi
campionati per lo pi in squadre di
serie C.
"Qui a Cesena ho anche giocato da
avversario - ha dichiarato il mister. Poi
ho visto diverse partite in tv. Mi sono
reso conto che qui la curva quando
canta fa davvero paura, nel senso che
pu intimorire gli avversari e caricare i
propri giocatori. Ho la nomea di saper
valorizzare i giovani, ma credo acnhe di
poter inserire bene i pi esperti".
Foschi ha ricordato a tutti che prosegue
il piano di risanamento della societ,
per cui lobiettivo di questa stagione
sar il mantenimento della categoria,
magari senza troppa apprensione.
Drago a Crotone ha imposto un gioco
spumenggiante, votato allattacco, a
volte col rischio di prendere molti gol.
Ma, quel che conta, farne uno in pi
dellavversario.
Cr

Il nuovo Drago

Fotoservizio Cr

Il mister gioca un calcio


votato allattacco, anche
a rischio di subire molti gol
Il direttore sportivo Foschi
ha ricordato che lobiettivo
rimane la salvezza

Calcio | Un giovanissimo bomber


Un goleador da 102 reti in una stagione: se non record,
poco ci manca.Tommaso Lombardi ha 14 anni, gioca
nello Junior Gatteo, categoria giovanissimi
interprovinciali 2001, come attaccante.
Nella stagione agonistica 2014-2015 ha segnato in
totale 102 reti in gare ufficiali (campionato e tornei
estivi). Lo scorso 8 giugno, durante la finale del torneo di
Calisese LUrgon, ha raggiunto e sorpassato quota 100
reti, chiudendo a 102.
Alla centesima rete i tifosi del Gatteo presenti, che
sapevano del possibile raggiungimento di questa quota
stratosferica, hanno intonato il coro "cento, cento, cento"
con la soddisfazione diTommaso, di tutti i suoi compagni,
e del mister Marcello Bernardi senza i quali non sarebbe
mai potuto arrivare a questo risultato. La finale stata
vinta dal Gatteo contro il Punta Marina di Ravenna.
Terminata la gara, avvenuta la premiazione con la
partecipazione straordinaria di una vecchia gloria del
Cesena quale Giampiero Ceccarelli che, oltre ad aver
consegnato il trofeo per la vittoria alla squadra dello
Junior Gatteo, a consegnato aTommaso il premio quale
miglior giocatore del torneo.

Longiano
Sport
e commozione
al Memorial
Matassoni

Podismo | Correre a fin di bene

Un bel gruppo di "marciatori" ha partecipato, sabato scorso a Cesena, alla


Scarpinata solidale organizzata nellambito della tradizionale Podistica di San
Giovanni. Quanto raccolto stato devoluto allAnfass cesenate per portare avanti
il progetto della Fattoria dellospitalit a Diegaro. Nella foto, il gruppo di
amministratori comunali, politici, giornalisti e personalit cittadine per la rituale
foto di gruppo.

Iniziativa a Longiano per ricordare


Filippo Matassoni, il bambino di 9
anni morto per una meningite
fulminante il 14 giugno 2012.
Si svolta sabato scorso al campo
sportivo di via Cannella la terza
edizione del torneo "Filippo
Matassoni". Vi hanno partecipato 16
squadre delle classi di calcio 2004 e
2005.
La vittoria andata al Rumagna di
SantEgidio, guidata da mister Alan

Sartini, che ha battuto in nale, per 2


a 1, la Virus di Ponte Abadesse. Terzo
posto per i padroni di casa della
Longianese, la squadra in cui giocava
il piccolo Matassoni.
Liniziativa stata organizzata dalla
Polisportiva Longianese, con la
collaborazione della Pro loco e il
patrocinio del Comune di Longiano.
Presente alla serata Roberto Biondi,
responsabile del reclutamento del
settore giovanile e dei rapporti con le

societ affiliate del Cesena calcio.


Premiati con coppe e medaglie tutti
gli oltre cento partecipanti. "Il
vincitore - ha detto Daniele
Brandolini, presidente della
Polisportiva Longianese -
simbolico. Lo scopo del torneo non
arrivare primi ma ricordare Filippo".
Il ricavato del Memorial andr alla
scuola elementare di Budrio di
Longiano.
Matteo Venturi

22

Sport Csi

Gioved 18 giugno 2015

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano


Comitato di Cesena

Sul podo pi alto dei campionati la Pol. Fiorenzuola Tienneti e il Collinello Calcio 1964
LA POLISPORTIVA FIORENZUOLA
TIENNETI CHE PER IL TERZO ANNO
CONSECUTIVO, HANNO VINTO IL
CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A
5 FEMMINILE ORGANIZZATO DAL CSI DI
CESENA.
IN ALTO DA SIN.: GUIDUCCI GIANCARLO
(DIR), CASADEI GIULIA, ANDREOLI
CATERINA, ISAC ANGELA, GATTA
ALESSANDRO (PREP), GUIDUCCI ANNA,
POLLINI GIUDITTA, GUIDUCCI LAURA,
ZANGOLI GIULIA, BATTAGLINI
ELEONORA, GALASSI GLORIA,
TEODORANI MONICA, MENGHI LARA;
ACCOSCIATI DA SIN.: ALESSANDRI
FABRIZIO (ALL), ZANGOLI MARCELLO
(ALL), GUIDI SILVIA, IRMICI AUSILIA,
VENDITTI ANGELA, RAVEGNANI ERIKA.
COMPLETANO I QUADRI : SANTI ELENA,
VENEROSA VALERIA, PETRINI MARTINA.
SULLO SFONDO A SINISTRA
IL FACTOTUM DELLA SQUADRA:
PEPPINO MICHILLI
(FOTO DI LIVIO STELVIO MICHILLI)

Calcio a 5 femminile
e calcio a 7 maschile, i vincitori

l 25esimo campionato di calcio a 5


femminile giunto al termine: nella
finale valevole per laggiudicazione
del primo posto dei play-off, la Pol.
Fiorenzuola Tienneti di Cesena ha
sconfitto nettamente, col punteggio di 3 a
0, il Real Toro Rivazzurra e ha cos iscritto,
per la terza volta consecutiva, il proprio
nome nellalbo doro della competizione.

Al terzo posto si classificata la Citt del


Rubicone, che si imposta di misura, 3 a
2, sulla Virtus San Mauro Mare.
Per quanto concerne la finale dei play-out
della stessa competizione, il successo
finale arriso alla Dinamo Rontagnano,
che ha superato per 3 a 1 la Pol. 1980 di
Santa Maria Nuova, mentre lo Smile
Team, piegando col parziale di 7 a 4 la

Rivolti a bambini e ragazzi tra i 5 e i 15 anni,


propongono attivit sportiva non agonistica,
giochi educativi e di gruppo

resistenza della Pol. Osservanza Cesena,


ha ottenuto la terza piazza.
Nel 13esimo campionato di calcio a 7
maschile, arrivato anchesso alle battute
conclusive, il Collinello Calcio 1964,
battendo nella finale dei play-off per 7 a 4
lo Zenit San Pietro di Cesena, ha
conquistato il titolo di campione
provinciale di categoria per la stagione
sportiva 2014/15 e si confermato per il
terzo anno consecutivo ai vertici della
competizione. Completa il quadro
definitivo dei risultati relativi al
medesimo campionato la vittoria nella
finale dei play-out del Galaxy Forl, 8 a 7
(dopo la disputa dei calci di rigore), nei
confronti dellAtletico San Mauro.

Ogni turno di centro estivo, della durata


di due settimane (oppure una), si svolge
dal luned al venerd dalle 8,50 alle 17,20

Centri estivi al mare


Il Csi a Pinarella di Cervia
l Csi Cesena organizza, come ente gestore accreditato
presso il Comune di Cesena, per bambini e ragazzi di
et compresa tra i 5 e 15 anni residenti nel Comune di
Cesena e nei comuni limitrofi, un centro estivo
allinsegna dellattivit sportiva non agonistica, orientata
verso giochi educativi e di gruppo.
I corsi del Centro estivo Csi si tengono a Pinarella di
Cervia, nella struttura della casa vacanze Baciccia, in
viale Abruzzi 88, attrezzata di sala pranzo con cucina
interna, sala Tv, sala per compiti delle vacanze e
laboratori didattici, oltre a spazi esterni con giochi. Lo
stabilimento balneare n. 39/40 di nuovissima
costruzione e comprende attrezzatura da spiaggia,
spogliatoi, bar servizi igienici (anche per minori
diversamente abili) e campi da gioco.
Ogni turno di centro estivo, della durata di due settimane
(viene data facolt di frequenza anche per una
settimana), si svolge dal luned al venerd dalle 8,50 alle
17,20 e i partecipanti sono suddivisi secondo let in
squadre dirette e assistite da insegnanti qualificati.
Lo staff tecnico del Csi d la possibilit di partecipare e
provare diverse discipline, a iniziare dal nuoto, le cui
lezioni si effettuano nella piscina comunale di Cervia,
attrezzata di vasca grande (25 metri con 8 corsie), per
principianti e bambini in grado di nuotare, e vasca
piccola per giochi di ambientamento ed avviamento. Le
altre discipline proposte sono il calcetto, il beach-tennis
e la pallavolo, che vengono praticate sia nella struttura

che nello
stabilimento
balneare.
Il
programma
della
giornata
prevede
larrivo a
Pinarella alle
8,50 (dopo
che i bus
sono passati a raccogliere gli iscritti nei loro luoghi di
residenza) con la proposta dei giochi di spiaggia e in
pineta e le attivit sportive di squadra (i giochi in acqua
si svolgono in mare) e alle 12,30 il pranzo. Nel primo
pomeriggio i ragazzi si ritrovano negli spazi interni ed
esterni della struttura con la possibilit di fare i compiti
delle vacanze e seguire laboratori didattici. Alle 15, giochi
in pineta e in spiaggia e varie attivit, bagno in piscina o
in mare.
Il Centro estivo prevede tre turni: dal 22 giugno al 3
luglio, dal 6 al 17 luglio e dal 20 al 31 luglio. Quote di
partecipazione: 205 euro per due settimane e 105 euro
per una settimana (sono previsti sconti per chi frequenta
pi turni e per i fratelli/sorelle).
Per info e iscrizioni: Giovanni Boschi, 333 8585140;
Federico Pagliarani, 346 1070723.

il saggio di giugno
a cura del presidente Csi Luciano Morosi

I dirigenti
e gli allenatori
del Csi (Centro
Sportivo Italiano)
devono essere
persone accoglienti
capaci di tenere
aperta la porta
per dare a ciascuno
la possibilit
di esprimersi.
Ci si accoglie
gli uni gli altri
con semplicit
e simpatia
superando
qualsiasi barriera
di razza, religione
e politica.

In breve
Pedalata e camminata
in notturna
Il 21 maggio scorso era in programma un
duplice avvenimento sportivo in quel di
Gambettola, ma il diluvio che si scatenato
in quella giornata ha fatto cancellare
liniziativa. Il grande spirito di Bruno
Nanni & company non si perso danimo e
cos lHobby Bike Club Mtb, col patrocinio
del Comune di Gambettola e in
collaborazione con il Csi e il Gruppo
Gambettola cammina, ripropone levento.
Gioved 25 giugno alle 20,30 presso il Parco
Fellini di Gambettola, in via Sopra Rigossa
n. 75, avranno inizio, nellambito del
circuito Terre &Fango Mtb Tour,
lescursione notturna in mountain Bike e la
camminata, sempre in notturna, lungo i
sentieri delle lucciole, Memorial Mirco
Lombardi.

Corso estivo di scacchi


Il circolo Paul Morphy di Cesena propone
nel periodo estivo un corso di scacchi
personalizzato, della durata complessiva di
dieci ore, sia per esordienti che per
giocatori desiderosi di approfondire i vari
argomenti di questo gioco meraviglioso. La
sede corsuale quella del Csi cesenate, sita
in via Canonico Lugaresi 202, e gli orari
sono da concordare di volta in volta. Verr
consegnata una dose rilevante di materiale
didattico, sia in forma cartacea che
informatica e saranno trattate le tematiche
richieste dagli interessati; il tutto a un
costo discrizione davvero irrisorio.
Per ulteriori informazioni ci si pu
rivolgere a Patrizio Di Piazza, segretario
del circolo stesso, tel. 054724125,
p.dipiazza@libero.it

Pagina Aperta

Il direttore risponde

Gioved 18 giugno 2015

23

LOcchio indiscreto

vero: con il buonismo non si va da nessuna parte


Oggi difficile stabilire chi profugo e chi no

gregio direttore, se vero che il popolo


sovrano, credo mi sia permesso esprimere
liberamente il mio pensiero per quanto
riguarda la politica nazionale e degli immigrati, pi
o meno clandestini. Quando ci si mette la faccia
bene farsi riconoscere politicamente. Nel contesto
politico attuale mi posso considerare un ex
simpatizzante della sinistra non troppo radicale.
Diciamo che Renzi lho rivalutato al ribasso. Direi
che in generale mi ricorda il berlusconismo. Ha
atteggiamenti da culto della personalit e, se
vogliamo, da sapientone con le sue parole deffetto,
populiste e da predicatore. Nel vecchio Pci, fino ai
Ds, gli slogan erano: La superiorit morale e Duri
e puri. Dati i fatti di Mafia Capitale, non potendo
pi sostenere la purezza del partito, il nuovo slogan
renziano : Vado avanti. Direi che come lex
cavaliere un narciso della politica in quanto
giusto solo quello che fa lui. Tratta con un
pregiudicato ma non con le forze sociali che, nel
bene e nel male in democrazia rappresentano i
produttori di ricchezza nel Paese. Renzi le vorrebbe
sminuire per sentirsi sempre pi un uomo solo al
comando. Nella cultura politica italiana la sinistra
rappresentativa del mondo del lavoro e cio del
popolo e la destra del potere economico. Compito
della politica quello di mantenere lequilibrio fra
capitale e lavoro. Cosa assai ardua in Italia, rispetto
alla Germania in particolare, dove i rappresentanti
dei lavoratori siedono nei Cda.
Altro compito della politica la difesa dei pi deboli
e Renzi, come tutti quelli che lo hanno preceduto, se
ne sono sempre disinteressati dando solo le briciole
in quanto non hanno chi li rappresenta
politicamente e socialmente. Penso agli incapienti e
ai disabili e non solo. A quanto pare con la questione
delle quote immigrate e la chiusura di alcune
frontiere ampiamente dimostrato che anche Renzi,
come i suoi predecessori, alla fine conta poco in
questa Ue. Sorge spontanea la domanda: che
significato ha chiamarsi Unione europea quando si
cos lontani gli uni dagli altri su molte importanti
questioni? (...) Va da s che per sicurezza, alcuni Stati
hanno chiuso le loro frontiere. C anche da chiedersi

In ricordo di Massimo Pressiani


Pubblichiamo parte del ricordo preparato e letto dallamico Francesco Orioli ai
funerali di Massimo Pressiani (Press per gli amici), coniugato con Silvia e padre di
tre figli, morto la scorsa settimana allet di 43 anni.
Il testo integrale disponibile su www.corrierecesenate.it.
Questo non vuole essere lultimo ricordo di Press, ma
linizio di una memoria pi densa e trasparente della
sua presenza e quindi della Presenza grande di Ges
che ci ha toccati attraverso di lui.
La presenza di Press e quindi la Presenza di Cristo. In
questo quindi sta il mistero dellultimo anno della
vita di Press, un anno in cui lui, facendo apparentemente sempre di meno stato invece sempre di pi occasione di conversione per ciascuno di noi.
Il primo aspetto della memoria la gratitudine per
lamicizia di Press adesso. Adesso. Anche di fronte alla
morte e al nostro dolore, possiamo adesso riconoscere
unamicizia che pi grande di dolore e morte.
Non perch sforzandoci ci stringiamo forte gli uni agli
altri, ma perch siamo messi insieme da un Altro che ha
vinto davvero la morte.
Il dolore di Press stato fecondo in Cristo. Il nostro dolore pu avere la stessa fecondit. Questo un cammino
che inizia e che ci rende oggettivamente pi amici di
prima.
Cos, misteriosamente, Press continua a costruire un
popolo, la Chiesa e attraverso questa la sua famiglia.
Silvia desidera ringraziarvi uno ad uno. Non formalmente, ma per il sostegno concreto che in modi e forme
diverse ciascuno sta dando a lei e ai bambini. Apri Signore il nostro cuore alla medesima gratitudine per

se esistono sedi e relazioni diplomatiche con i Paesi


di provenienza, al fine di iniziare un dialogo che
porti a una soluzione onorevole del problema.
Questi Paesi hanno subito anni di colonialismo, ma
da quando sono diventati Stati indipendenti non
mi sembra che siano riusciti a costruire Paesi liberi
e democratici. Comunque, non fuggendo che si
risolvono i problemi nei Paesi dorigine perch la
democrazia una dura conquista del popolo e non
il regalo di qualcuno e/o imposta da qualche
superpotenza economica e militare! Quando si
affrontano i cos detti viaggi della speranza,
bisogna mettere nel conto che qualcosa vada storto,
ma si deve sempre ringraziare quel popolo che ti
ospita con i mezzi economici e strutture disponibili
e mai rifiutare di risiedere in strutture solo perch
troppo distanti dalla citt. (...)
In una situazione di continua emergenza, la
questione dei migranti non deve essere pi un
problema per la sola politica ma, a mio parere, il
popolo che deve esprimersi in merito a questa
accoglienza senza limiti e senza nuove regole
nazionali ed europee che ci faccia sentire pi sicuri.
Con il buonismo non si va da nessuna parte, come
non ci sar mai un mondo senza frontiere dove tutti
gli esseri umani possano sentirsi liberi! La difficile
vita delluomo, stando ai Sacri Testi, cominciata
con la cacciata dal Paradiso Terrestre dei nostri
progenitori. Buona fortuna.
Grazie per lascolto.
Marino Savoia (Cesena)
Egregio Savoia, lei mette insieme tantissime
questioni. Impossibile affrontarle qui. Mi limito a
ricordale la differenza tra immigrati, clandestini e
profughi. Distinzione di cui dimentichiamo il
valore. Il profugo colui che costretto a lasciare
la propria patria in seguito a guerre, a calamit
naturali, in genere a circostanze eccezionali.
Definizione da non dimenticare. E i profughi sono
da accogliere. Forse oggi difficile stabilire chi
profugo e chi no. Cordialit.
Francesco Zanotti
zanotti@corrierecesenate.it

questo miracolo!
Un secondo aspetto della memoria di Press tenere
presente la sua amicizia e gli incontri concreti di cui
questa amicizia era fatta, come documenta quello
che ci scrive Talla.
Caro Massimo,
grazie per la tua fede semplice e viva. Ricordo le sere
passate insieme durante la fraternit o a scuola di
comunit, quando iniziavano dei discorsi un po
troppo complicati e lamentosi sul movimento e
sulla vita, tu subito sentivi il bisogno di intervenire
per dire poche storie! ci facciamo troppi problemi!
e cos ci richiamavi alla concretezza della nostra
fede.
Una fede concreta fatta di gesti per te importanti,
come il sostegno alla scuola con lolio e le uova di
Pasqua, la colletta alimentare con le cene e i momenti di preparazione, le 10 righe di giudizio, la
Messa con il vescovo, il pranzo con gli amici di Forl
e poi il compito di raccontare a tutti la tua esperienza e di quei quintali di beni alimentari raccolti
per i pi bisognosi.
Tutto ti interessava: il calcio, la politica, la scuola,
tutta la vita doveva essere vissuta con pienezza.
Il campo in montagna era per te il momento pi atteso dellanno perch era pieno ed era evidente a
tutti la bellezza della nostra amicizia in Cristo.
Nellultimo pranzo insieme a casa tua, un mese fa,
una frase mi ha colpito, mentre eri sofferente sulla
sedia a rotelle mi hai detto: Il campo delle famiglie
in montagna, farei di tutto per venire, e sospirando
subito dopo hai detto vedremo. .
Ora che sei abbracciato da Cristo in un luogo pi
alto delle nostre montagne aiutaci affinch come te
riusciamo a riconoscere sempre la presenza di Ges
in ogni istante della vita.
Come dicevi tu Poche chiacchiere e filosofia, ora di
vivere.
Dona Signore la stessa concretezza alla nostra fede!

Sempre spettacolare lesibizione delle Frecce Tricolori. Domenica 7 giugno sui cieli di Bellaria Igea Marina hanno invitato
tanti, con il naso allins, a un sano senso di patria (foto Marino Savoia)

Arrivederci, Emanuele
Dino Pieri ricorda cos Sirotti
Credevo di batterti nella volata finale,
invece, con un guizzo estremo, mi hai
preceduto ed ora resti in attesa che anche
io affronti con la mia bicicletta gialla
lultima salita per raggiungerti.
Ci eravamo conosciuti in anni lontani,
alle elementari frequentate sotto la guida
dellottimo maestro Armando
Mondardini, per poi perderci di vista
nelle medie e nelle superiori: io iscritto al
Ginnasio, tu all'Istituto Tecnico
EMANUELE SIROTTI MORTO
Commerciale. Ormai uomini, ci si vedeva NELLA NOTTE TRA GIOVED E
di sfuggita: tu eri impiegato in Banca, io
VENERD SCORSO. AVEVA 78 ANNI
insegnavo Lettere.
La nostra amicizia si riaccese nel 1969 quando, all'Istituto Lugaresi
nellambito della storica Ars et Robur nacque unassociazione
cicloturistica che in breve tempo raggiunse vertici molto alti, vincendo
oltre dieci campionati italiani e meritando, per l'impegno e la seriet dei
dirigenti e degli atleti, di essere ricevuta da due Papi, Paolo VI, Giovanni
Paolo II, e da un Presidente della Repubblica, Sandro Pertini.
Eravamo entrambi appassionati di ciclismo e tu, non appena potesti
abbandonare l'aria condizionata dell'ufficio per respirare a pieni
polmoni, in sella ad una bicicletta, l'aria salubre dei nostri colli,
scegliesti, con un'ardita decisione, di intraprendere l'attivit di fotografo
sportivo, prima negli stadi e successivamente sulle strade del Giro e del
Tour.
Alcune stanze della tua bella casa si trasformarono in un vero e proprio
archivio: una grande libreria conteneva, ben ordinati, volumi anche in
lingua straniera, riviste, giornali, documenti, tutti riguardanti il ciclismo
dalle origini ad oggi; vi era poi una imponente raccolta di fotografie e di
negativi; questi ultimi, gi alcuni anni addietro raggiungevano il numero
di settecentomila.
Quanto a me, se ho scritto alcuni libri sul ciclismo, lo devo anche ai tuoi
stimoli e soprattutto all'avermi fornito materiali utili e talora
indispensabili. Pi di una volta hai risolto i miei dubbi indicandomi
documenti di cui potevo servirmi.
Negli ultimi anni, quando le nostre biciclette erano ormai appese al
chiodo, ci ritrovavamo il primo sabato del mese ad osservare con occhi
attenti le bancarelle dei libri, alla ricerca di testi letterari e di scritti sul
ciclismo. Di frequente ci fermavamo a discutere su questo e quel
campione e a rivivere le grandi imprese che avevamo seguito, tu in loco
ed io davanti al televisore. Col trascorrere del tempo gli incontri si sono
fatti pi rari e l'ultima volta stata mia moglie a vederti davanti alle
bancarelle e a scambiare con te, gi visibilmente provato, un breve ma
intenso colloquio.
Ora mi aspetti lass; la salita per me sar dura, ma, di nuovo insieme,
forse, potremo ancora seguire i campioni dello sport professionistico e i
cicloturisti della "Ars et Robur", ronzanti come api nei colli della nostra
Romagna.
A rivederci, Emanuele.
Dino Pieri