Sei sulla pagina 1di 1

II Sport La Provincia

Lunedì 15 febbraio 2010

Prima divisione I piemontesi stanno uccidendo il campionato con sette punti di vantaggio
I grigiorossi viaggiano alla media comunque alta di due punti a gara
la stessa della promozione del 2005 e superiore a quella dei playoff 2008

Una Cremo ‘perforabile’


I troppi gol presi hanno fatto scappare il Novara
di Francesco Capodieci IL TESTA A TESTA
CREMONA — Sette punti di distacco dalla capolista Novara e sette di
vantaggio sul Lumezzane, sesto in classifica. A undici giornate dal ter- CREMONESE NOVARA
mine del campionato appare ben definita la posizione della Cremone- Giorn. Punti Piazzamento Punti Piazzamento
se: impensabile, al momento, che possa scivolare sotto il quinto posto, 1ª 3 1 3 1
ma anche, purtroppo, ben poco realistica l’ipotesi di una sua clamorosa 2ª 6 1 6 1
rimonta nei confronti di una squadra che finora non ha mostrato alcun 3ª 6 6 9 1
segno di cedimento. Unica formazione ancora imbattuta dalla serie A 4ª 9 3 10 1
alla seconda divisione, il Novara viaggia alla media record di 2,30 pun- 5ª 12 1 11 2
ti a partita, che lo porterebbe a chiudere il torneo a quota 78 (soltanto 6ª 15 1 14 2
il Bologna, 81 punti nel campionato di C-1 1994-95, seppe far meglio). 7ª 16 2 17 1
8ª 19 1 18 2
Alla Cremonese, che oggi si trove- 9ª 22 1 21 2
rebbe saldamente in vetta nel gi-
rone B (ove il Verona è il primo a 10ª 22 2 24 1
quota 44, con 6 lunghezze di van- 11ª 25 1 25 1
taggio sul Pescara), non basta pro- 12ª 28 1 28 1
cedere al ritmo assai elevato di 2 13ª 29 1 29 1
punti esatti a gara; un’andatura 14ª 30 2 32 1
identica a quella che le consentì 15ª 30 2 35 1
di vincere nettamente il torneo di 16ª 33 2 36 1
C1 2004-2005 e superiore a quella 17ª 36 2 39 1
— 1,76 punti a partita — mantenu- 18ª 37 2 42 1
ta nella stagione 2007-2008, con- 19ª 40 2 45 1
clusasi con lo sfortunato e ben no- 20ª 41 2 46 1
to epilogo dei playoff. 21ª 42 2 47 1
Fino alla tredicesima giornata 22ª 45 2 50 1
il Novara e la Cremonese si erano 23ª 46 2 53 1
avvicendati in vetta alla classifi- Il gol di Lisuzzo del Novara allo Zini (Ib frame)
ca, con distacchi minimi. Il break
è avvenuto a fine novembre, fra il bassa classifica quali Viareggio, vo). Per contro, i grigiorossi van- sta Guidetti e Coda (9 e 8 reti al- Max Guidetti vanta anche il re-
quattordicesimo e il quindicesi- Sorrento e Lecco. tano di gran lunga il miglior attac- l’attivo, rispettivamente quarto e cord delle presenze, non avendo
mo turno (3-3 dei grigiorossi sul Mister Roberto Venturato Il vero punto debole di questa co dell’intera Prima divisione: 42 ottavo nella classifica cannonieri finora saltato neppure una gara.
campo del Figline e successivo Cremonese è la difesa: con 26 reti reti all’attivo, di cui 26 in casa e del girone), seguiti da Musetti e Dei ventiquattro grigiorossi scesi
0-2 interno nello scontro diretto sei, il distacco fra le due squadre subite (sette delle quali negli ulti- 16 in trasferta, con l’ausilio di Nizzetto (5 gol a testa), Zanchetta in campo almeno una volta, condi-
con i piemontesi). In questo pri- è aumentato progressivamente, mi tre incontri) la nostra compagi- due soli calci di rigore (l’ultimo (4), Bianchi (3), Gori e Viali (2), vidono con lui questo primato
mo scorcio del girone di ritorno, passando da 3 punti agli attuali 7. ne si colloca all’ottavo posto del dei quali risale al 13 settembre, Fietta, Malacarne e Varricchio Viali e Fietta; 22 i gettoni di pre-
in cui gli uomini di Venturato han- Particolare rammarico hanno de- girone, superata perfino da Via- 3-2 contro il Lecco). Undici, fino- (1), il bottino è completato dal- senza per Paoloni e Nizzetto, 21
no pareggiato quattro partite su stato i pareggi contro avversari di reggio e Como (20 e 25 gol al passi- ra, i marcatori grigiorossi: in te- l’autorete dell’aretino Music. per Gori, Musetti e Coda.

VESTIVAMO IL GRIGIOROSSO
Abbiamo rintracciato il fantasista che nella stagione 89-90 ha giocato in serieA con i colori grigiorossi, per poi passare in Inghilterra e negli Usa

Limpar: «Cremona, che dolci ricordi»


A 45 anni e ancora in forma, lo svedese ha aperto un locale a Stoccolma chiamato LimBar
di Marco Bragazzi
ANDERS LIMPAR
La caratura di un giocatore si Nato il 24 settembre 1965
può vedere anche in un roman- A Solna
zo. Anders Limpar classe 1965, Paese Svezia
grigiorosso nella stagione Altezza 174 cm
1989-1990, è stato uno dei gioca- Peso 70 kg
tori per cui lo scrittore Nick Hor- Disciplina
nby nella sua opera Febbre a Calcio
90’, forse uno dei massimi roman- Ruolo Centrocampista
zi scritti per il calcio, usa lodi Ritirato 2000
per valorizzare il talento del cen- CARRIERA
trocampista svedese arrivato al- Squadre di club
l’ombra del Torrazzo per poi en- 1981-1986 Brommapojkarna 77 (20)
trare nel gotha calcistico euro- 1986-1988 Örgryte 47 (9)
peo. 1988-1990 Young Boys 27 (7)
- Lei mi chiede cosa farò que- 1990 Cremonese 24 (3)
sta settimana, e io penso: 1 mer- 1990-1994 Arsenal 77 (20)
coledì vedrò Matthew. 2 Mat- 1994-1997 Everton 66 (5)
thew ha ancora la mia videocas- 1997 Birmingham City 4 (0)
setta Champion. 3 (Mi viene in 1998-1999 Aik 22 (2)
mente che Matthew, un tifoso 1999-2000 Colorado Rapids 36 (3)
dell’Arsenal solo di nome, non 2000 Djurgarden 0 (0)
va ad Highbury da un paio d’an- Nazionale
ni, e non ha quindi avuto la possi- 1987-1996 Svezia 58 (6)
bilità di vedere in carne ed ossa i PALMARES
più recenti acquisti) mi doman- Mondiali di calcio
do cosa ha pensato di Anders Bronzo Stati Uniti 1994
Limpar. E in tre piccole tappe, Anders Limpar con la maglia della Cremonese con Cucchi dell’Inter Dezotti e Limpar nella stagione 89/90
dopo quindici, venti minuti che
sono sveglio, parto. Vedo Lim-
par correre verso Gillespie, incli-
narsi a destra, cadere: Rigore!
Dixon Segna! 2-0... - da Febbre a
90’ – Nick Hornby.
Com’era Com’è che ho più vivo di quella città è il
Duomo con il Torrazzo e il picco-
lo campetto dietro lo stadio Zini
dove ci allenavamo ma, soprat-
tutto, non posso dimenticare la
calcio europeo, perché quella
stagione in serie A fu fondamen-
tale per la mia carriera, dato che
mi trovai a giocare nel campiona-
to più difficile del mondo. Ades-
Limpar fece solo 24 presenze grande umanità della dirigenza, so mi dedico alla mia attività
in grigiorosso mettendo a segno dal signor Luzzara a tutti i suoi commerciale, visto che ho lascia-
3 reti, ma il suo talento indiscus- collaboratori. La Cremonese di to il calcio nel 2000, però non so-
so trovò prima nei Gunners e poi allora era una grande famiglia, no mai riuscito ad immaginare
nell’Everton, oltre al bronzo del- non solo un team di calcio. La la mia vita senza sport quindi ho
la Svezia ai Mondiali del 1994, la squadra del 1990 aveva degli ot- cominciato ad allenare. Il proble-
sua massima espressione. La par- timi giocatori, ma si confrontava ma, all’inizio, fu quello che, men-
lata anglofona di Anders è limpi- in serie A con alcune tra le mi- tre ero in panchina, non riuscivo
da e chiara, il centrocampista ha gliori realtà europee per cui non a togliermi l’idea di entrare in
una attività di ristorazione a erano squadre facili da supera- campo come giocatore da tanta
Stoccolma che, con un gioco di re. Dopo l’esperienza a Cremona era la voglia di giocare a calcio.
parole, ha deciso di chiamare mi trasferii per diversi anni in In- Quello che cerco di trasmettere
LimpBar. ghilterra, per tornare definitiva- ai miei giocatori, di qualsiasi li-
«Ho cominciato a giocare in mente in Svezia tranne che per vello siano, è proprio il fatto che
Svezia nel 1981. La mia carriera, una stagione giocata negli Stati con la passione si riesce sempre
dopo una stagione in Svizzera, Uniti. Personalmente credo che a trovare qualcuno con cui condi-
mi ha fatto arrivare a Cremona a la Cremonese mi abbia aiutato videre degli indimenticabili mo-
campionato iniziato. Il ricordo tanto ad avvicinarmi al grande menti di sport». Limpar con la maglia dell’Arsenal