Sei sulla pagina 1di 1

il Giornale

Venerdì 11 dicembre 2009


21

Economia

© 2009 Musée du Louvre / Angèle Dequier


© 2009 Musée du Louvre / Angèle Dequier

Leonardo a Milano
dal 27 novembre
al 27 dicembre 2009
cultura.eni.com

PIAZZA AFFARI I migliori Valore var% I peggiori Valore var% NEW YORK Dow Jones 10.403,41 0,62 DOLLARO Americano 1,47 -0,20

BORSE ESTERE
1 Buzzi Unicem 10,85 + 4,53 1 Fondiaria-Sai 10,48 - 2,69 NEW YORK Nasdaq 2.189,76 0,26 STERLINA Inglese 0,91 0,11
Valore % al 2-1-2009 LONDRA FTSE 5.244,37 0,78 FRANCO Svizzero 1,51 0,00
2 Italcementi 9,185 + 2,45 2 Geox 4,422 - 2,53

Fonte: Bloomberg
FTSE MIB 22.386 0,67 19.953 FRANCOFORTE DAX 5.709,02 1,08 YEN Giapponese 129,87 -0,56
FTSE Italia All Share 22.796 0,64 - 3 Unicredit 2,305 + 2,10 3 Mediobanca 7,885 - 1,50

CAMBI
PARIGI CAC 40 3.798,38 1,09 DOLLARO Australiano 1,61 1,16
FTSE MID Cap 24.247 0,25 - 4 Stmicroelectronics 5,795 + 1,94 4 Bulgari 5,49 - 0,81 TOKIO Nikkei 225 9.862,82 -1,42 DOLLARO Canadese 1,55 0,34
FTSE Italia Star 11.037 0,61 - 5 Banca Popolare di Milano 5,12 + 1,79 5 Banca Monte Paschi 1,256 - 0,40 ZURIGO SMI 6.410,64 0,93 CORONA Danese 7,44 -0,01

DEBITO PUBBLICO A 300 MILIARDI

L’Europa scarica la Grecia: «Deve farcela da sola»


Il presidente della Commissione, Rienfeldt: «Problema interno, va affrontato con decisioni nazionali». Juncker (Eurogruppo):
«Escludo la bancarotta». Anche la Spagna nel mirino, ma Zapatero rassicura: «Il Tesoro non ha problemi di finanziamento»
Rodolfo Parietti chiari default. Lo stesso vale an-

L’Unione europea sarà for-


se«unafamiglia»,comericorda-
 NUMERI che per la Gran Bretagna». Per
laverità, Londra non sembra far
parte della lista dei Paesi ingua-
vaieri ilministrosvedeseagliAf- iati, anche se qualche mese fa si Stati Uniti
fari europei, Cecilia Malmstro-
em, ma di sicuro non è un ban- 2011 9,4% erano sparse voci di un possibi-
ledeclassamentodeldebitobri- A giorni il voto
co del mutuo soccorso. Seduta Nell’ultimoBollettinolaBce rin- La Grecia prevede nel 2010 un tannico, con la perdita della tri-
suuna montagna didebitopub- noval’invitoaiPaesi diEurolan- rapporto tra deficit e Pil al 9,4%, pla A dell’eccellenza. sugli aiuti
blico da 300 miliardi di euro, la dia a riportare entro il 2011 il una percentuale ben al di sopra Su una cosa Soros ha ovvia-
Grecia dovrà cavarsela da sola. rapportotradeficitePilaldisot- del limite del 3% imposto dal menteragione:laGreciadevesi- all’occupazione
Non sembra infatti esserci spa- to del limite del 3% Patto di stabilità stemare i propri conti, e ne è
zio per un’azione di sostegno consapevole.«Siamoprontiafa- Il «pacchetto» di mi-
concertata nella parole con cui re sforzi, a fare importanti cam- sure per il rilancio
ilpremiersvedeseFredrik Rien- biamenti», ha detto ieri il pre- dell’occupazione ne-
feldt, presidente di turno della non potrebbe essere altrimenti, mier, George Papandreu. Entro gliUsadovrebbeesse-
Commissione Ue, ha riassunto consideratiglialtrifocolaidi cri- l’inizio di febbraio la Commis- re votato la prossima
la linea di condotta che Bruxel- siaperti.Ilpremierspagnolo,Jo- sione Ue renderà nota la nuova settimana dalla Ca-
les intende seguire: «La Grecia séLuis Zapatero,èstatocostret- scadenza entro cui Atene dovrà mera: è questo l’au-
ha un problema interno che va to a scendere in campo dopo riportareildisavanzo entroipa- spiciodella presiden-
affrontato con decisioni nazio- che il deterioramento dei conti rametri imposti dal Patto di sta- te della House of Re-
nali». pubblici è finito nel mirino de- bilità, mentre la Bce - nel Bollet- presentatives, Nancy
Dopoigiornidelletensionige- gli investitori e sotto la lente di tino di dicembre - ribadisce che Pelosi. Il «pacchet-
nerate dai timori di default, con Standard&Poor’s,chemercole- il termine per riequilibrare le fi- to», annunciato dal
i mercati in fibrillazione dopo dì ha modificato le prospettive nanze pubbliche delle nazioni presidente Obama
averfaticosamentesmaltitoilvi- del Paese da «stabili» a «negati- dell’euro zona è il 2011. Una martedì scorso, sarà
rus Dubai, ieri la parola d’ordi- ve»: «Dobbiamo essere chiari: il missione quasi impossibile per di un importo com-
ne è stata «rassicurare». Jean- Tesoro spagnolo procede sui fi- la Grecia, che prevede un defi- preso tra 75 e 150 mi-
ClaudeJuncker, presidentedel- cit al 9,4% l’anno prossimo. liardididollari.Inno-
l’Eurogruppo, è convinto che Il dossier Grecia sarà in ogni vembre il mercato
Atene ce la farà: «Escludo cate-
REAZIONE In ripresa casosultavolodelverticedeica- del lavoro Usa ha in-
goricamente una bancarotta», le Borse (+5% Atene). pi di Stato e di governo che si è terrotto la lunga spi-
ha detto. Una reazione c’è stata, Banche italiane esposte apertoieri sera.Anche seilTrat- rale negativa, con il
almeno a giudicare dal restrin- tato europeo non contempla tassodidisoccupazio-
gersi dello spread tra i titoli gre- per «appena» 5,3 miliardi operazioni di salvataggio (solo ne sceso al 10% e ap-
ci e quelli tedeschi e dal recupe- l’Austriahasollevato laquestio- pena 11mila posti di
rodelleBorse delVecchioconti- nanziamenti nella normalità». nerelativaalle“munizioni”adi- lavoro persi. Ma dal-
nente:quella ellenicahaguada- E a proposito della mossa di sposizione per far fronte a crisi l’iniziodellarecessio-
gnato il 5%, mentre Milano ha S&P,illeader ibericoharicorda- di questa natura), «il problema ne sono stati bruciati
solo parzialmente beneficiato to come Moody’s e Fitch abbia- Grecia è un problema di tutti», 7,2 milioni di posti.
(+0,7%) del recupero dei titoli no invece confermato il rating ha ricordato il cancelliere tede- Obamahainfattideci-
bancari agevolato dalla notizia spagnolo. sco, Angela Merkel. Il timore è so di estendere fino a
secondocuigliistitutiitalianisa- Essendo la crisi greca l’argo- infatti che si possa innescare ottobre 2010 il piano
rebbero esposti marginalmen- mentodelgiorno,ancheilfinan- una sorta di effetto domino sul di aiuti Tarp, le cui ri-
te con la Grecia, per appena 5,3 ziere George Soros non ha fatto mercato dei titoli di Stato, unito sorse saranno in par-
miliardi di euro (dati della Bri). mancare il proprio parere: «Ci alle preoccupazioni che la cura te destinate proprio
Nessuno, comunque, mini- sonostate pressioniperchè Ate- cheilgovernodiAtenedovràim- al rilancio dell’occu-
mizza una situazione definita nerimettesseinordinelasuaca- EUROTOWER Il quartier generale della Bce, a Francoforte [Emblema] porre possa non essere accetta- pazione.
«gravissima» da Bruxelles. E sa, ma non si permetterà che di- ta dalla popolazione.

di Ida Magli
Provocazione Quella sovranità Kennedy sono stati uccisi, infatti
(questo collegamento causale na-
Abbiamo ricominciato a tre-
mareperle banche.Abbiamorico-
minciato a tremare addirittura per
gli Stati, a rischio di fallimento at-
della moneta in mani private turalmente è senza prove) subito
dopoaverfirmatolaleggecheauto-
rizzava lo Stato a produrre il dolla-
ro in proprio.
traverso i debiti delle banche. Si è ritto di fabbricare la moneta per queste infine, con il sistema delle resse che gli Stati pagano per avere Oggi, però, è indispensabile che
alzataanche, in questi frangenti, la poi prestargliela con tanto di inte- scatole cinesi, sono proprietarie «in prestito» dalle banche il dena- i popoli guardino con determina-
vocediMarioDraghiconilsuome- resse.Ècosìchesièformatoildebi- della Banca centrale europea. In- ro che adoperiamo e sulla sua as- zione e consapevolezza alla realtà
mento ai governanti: attenzione al to pubblico: sono i soldi che ogni somma il patrimonio finanziario surda conseguenza: l’accumulo del debito pubblico nelle sue vere
debito pubblico e a quello privato; cittadino deve alla banca centrale delmondoènellemanidipochissi- sempre crescente del debito pub- cause in modo da indurre i gover-
dovetea tutti i costifarli diminuire. del suo paese per ogni moneta che mi privati ai quali è stato conferito blico dei singoli Stati. Anche la bi- nanti a riappropriarsi della sovra-
Giusto. Ma l’unico modo efficace adopera. La Banca d’Italia non è per legge un potere sovranaziona- bliografiaèabbastanzanutritaeso- nità monetaria prima che esso di-
per farli diminuire è finalmente per nulla la «Banca d’Italia», ossia le, cosa di per sé illegittima negli no facilmente reperibili sia le tra- ventiinestinguibile.Èquestoilmo-
riappropriarsene.Nonèforsegiun- lanostra,degliitaliani,maunaban- StatidemocraticiovelaCostituzio- duzioniinitalianocheivolumispe- mento. Proprio perché i banchieri
ta l’ora, dopo tutto quanto abbia- ca privata, così come le altre Ban- ne afferma, come in quella italia- cialistici di nostri autori. Tuttavia ci avvertono che il debito pubblico
modovutosoffrireacausadellein- che centrali inclusa quella Euro- queste informazioni non circola- è troppo alto e deve rientrare, ma
credibili malversazioni dei ban- pea, che sono proprietà di grandi no e sembra quasi che si sia forma- nonèpossibile farlosenzaaumen-
chieri,disottrarcialloromacrosco- istitutidicredito,purtraendovolu-
PARADOSSI Il nodo è quello ta, senza uno specifico divieto, tare ancora le tasse oppure elimi-
pico potere? Per prima cosa infor- tamente i popoli in inganno fre- del capitale delle banche una specie di congiura del silen- nare alcune delle più preziose ga-
mando con correttezza i cittadini giandosi del nome dello Stato per centrali, controllato zio. È vero che le decisioni dei ban- ranzie sociali; proprio perché le
di ciò che in grande maggioranza ilqualefabbricanoildenaro.Haco- chierihannoperstatuto dirittoalla banchehannoricominciatoafalli-
non sanno, ossia che non sono gli minciato la Federal Reserve (che si dalle aziende di credito segretezza; ma sappiamo bene re (anche se in realtà non avevano
Stati i padroni del denaro che vie- chiamacosìmache nonhanulla di quale forza pubblicitaria di diffu- affattosmesso)e ciportanoaldisa-
ne messo in circolazione in quan- «federale»), banca centrale ameri- na, che la sovranità appartiene al sione la segretezza aggiunga alle stro;proprioperché è evidente che
to hanno delegato pochi privati, cana, i cui azionisti sono alcune popolo. notizie.Probabilmente si trattadel ilsistema,cosìdichiaratamentepa-
azionisti delle banche centrali, a delle più famose banche del mon- Niente è segreto di quanto detto timore per le terribili rappresaglie tologico, è giunto alle sue estreme
crearlo. Sì, sembra perfino grotte- doqualilaRothschildBankdi Lon- finora, anzi: è sufficiente cercare le cui sono andati incontro in Ameri- conseguenze, dobbiamo mettervi
sca una cosa simile; uno scherzo dra, la Warburg Bank di Berlino, la voci adatte in internet per ottenere ca quegli eroici politici che hanno fine. In Italia non sarà difficile con-
surrealedelqualeridere;maèreal- Goldman Sachs di New York e po- senza difficoltà le informazioni tentato di far saltare l’accordo con vincerne i governanti, visto che
tà. C’è stato un momento in cui al- che altre. Queste a loro volta sono fondamentali sulla fabbricazione le banche e di cui si parla come dei più volte è apparso chiaramente
cuni ricchissimi banchieri hanno ancheazionistedimoltedelleBan- bancaria delle monete, sul cosid- «caduti» per la moneta. Abraham chelaloroinsofferenzaperlasitua-
convinto gli Statia cedere loro ildi- che centrali degli Stati europei e detto«signoraggio»,ossiasull’inte- Lincoln, John F. Kennedy, Robert zione è quasi pari alla nostra.