Sei sulla pagina 1di 23

Dal latino alle lingue romanze

(iscrizione parietale di Pompei)

Francesca Gambino
(anno accademico 2011-2012)

Iscrizioni di Pompei (62 d.C.-79 d.C)


1.
QVISQVIS AMA VALIA PERIA QVI NOSCI AMARE

(1173 add.)

BIS tANTI PERIA QVISQVIS AMARE VOTA (3199)

a)

Quisquis amat valeat, pereat qui noscit amare.


Bis tanti pereat quisquis amare voveat.

b)

Viva chiunque ama, a morte chi non sa amare.


Muoia al doppio chiunque desideri amare.

2.1. [Provocazione di Severus, collega di Successus]


SUCCESSUS TEXTOR AMAT COPONIAES ANCILLA NOMINE HIREDEM QUAE QUIDEM ILLUM NON CURAT
SED ILLE ROGAT ILLA COMISERETUR SCRIBIT RIVALIS VALE

(8259)

a)

Successus textor amat coponiae ancillam, nomine Iridem, quae quidem eum non curat. Sed
ille rogat (eam), commiseretur. Scribit rivalis, vale.

b)

Il tessitore Successus ama una schiava dellostessa, di nome Iride, ma lei non lo ricambia.
Lui per la prega, e lei ne abbia piet. Scrive un rivale, tanti saluti.

2.2. [Risposta di Successus]


INVIDIOSE

QUIA RUMPERES SEDARE

PRAVESSIMUS ET BELLUS

[o

SECARE]NOLI FORMONSIOREM ET QUI EST HOMO

(8259)

a)

Invidiose, quia rumperis, insectari noli formosiorem et qui est homo pravissimus et bellus.

b)

O invidioso, ti rode! Non tormentare uno pi carino e che uomo duro e fico.

2.3. [Replica di Severus]


DIXI SCRIPSI AMAS HIREDEM QUAE TE NON CURAT (8259)

a)

Dixi, scripsi: amas Hiridem quae te non curat

b)

Te lho detto e te lho scritto: ami Iride ma lei non ti ricambia.

3.
PVPA QVE BELA IS TIBI ME MISIT QVI TVVS ES VALE

(1234)

a)

Pupilla, quae pulchra es, tibi me misit qui tuus est. Vale.

b)

Bella pupa, mi ha mandato a te colui cui appartieni. Saluti.

4
4.
QVISQVIS AMAT NIGRA NIGRIS CARBONIBUS ARDET

NIGRA CUM VIDEO MORA LIBENTER AEDEO

(6892)
a)

Quisquis amat nigram, nigris carbonibus ardet. Nigram cum video, mora libenter edo.

b)
Chi ama una donna nera, sui neri carboni arde. Quando vedo una nera, mangio volentieri le
more.

5.
SABINUM
ROG(AT)

ET

RUFUM

AED(ILES) D(IGNOS) R(EI) P(UBLICAE)

| VALENTINUS

CUM

DISCENTES SUOS

a) Sabinum et Rufum aediles dignos rei publicae Valentinus cum discentibus suis rogat.
b) Per Sabino e Rufo come edili, meritevoli della pubblica amministrazione, Valentino con i suoi
discepoli invita a votare.

6.
ADMIROR PARIENS TE NON CECIDISSE RUINIS

| QUI TOT SCRIPTORUM TAEDIA SUSTINEAS.

a) Admiror, pariens, te non cecidisse ruinis, qui tot scriptorum taedia sustineas.
b) Mi sorprendo, o muro, che tu non sia caduto in rovina, visto che sostieni le stupidaggini di tanti
scribi.

5
Petronio, Satyricon
(prima del 65 d.C.)

Satyricon, 46, 1: "Videris mihi, Agamennon, dicere: "Quid iste argutat molestus?". Qui tu, qui potes
loquere, non loquis. Non es nostrae fasciae, et ideo pauperorum verba derides. Scimus te prae literas
fatuum esse. Quid ergo est? Aliqua die te persuadeam, ut ad villam venias et videas casulas nostras.
Inveniemus quod manducemus, pullum, ova: belle erit, etiam si omnia hoc anno tempestas disparare
pallavit; inveniemus ergo unde saturi fiamus. Et jam tibi discipulus crescit cicaro meus. Iam
quattuor parti<s> dicit; si uixerit, habebis ad latus seruulum. Nam quicquid illi uacat, caput de
tabula non tollit. Ingeniosus est et bono filo, etiamsi in aues morbosus est. Ego illi iam tres cardeles
occidi et dixi quia mustella comedit. Inuenit tamen alias nenias et libentissime pingit".
Traduz.: Agamennone, mi par di sentirti dire: Che va cercando questo scocciatore?. Ch, tu che
sai parlare, non parli. Non sei della nostra risma, ed allora ridi di ci che dicono i poveracci.
Sappiamo che la letteratura ti ha fatto girare la testa. E con questo? Un giorno o laltro ti convincer
a venire al mio villaggio, a vedere la mia catapecchia. Troveremo da mettere sotto i denti: un pollo,
delle uova: ci si star bene, anche se questanno il cattivo tempo ha tutto rovinato; troveremo di che
mangiare a saziet. E poi il mio monello cresce per diventare tuo allievo. Dice gi la divisione per
quattro; se vivr, avrai al tuo fianco un piccolo servitore. Perch durante tutto il tempo che che ha,
non solleva la testa dalla tavola. E pieno di talento e di buona tempra, sebbene vada pazzo per gli
uccelli. Io stesso hli ho gi ucciso tre cardellini, e ho detto che la donnola che li ha mangiati. Ha
quindi trovato altri passatempi, e ama molto dipiongere.

EPISTOLA DI CL. TERENZIANO, SOLDATO DI STANZA IN EGITTO (INIZIO II SEC. D.C)

[Testo num. 468 delled. Michigan Papyri, vol. VIII, Papyri and Ostraca from Karanis, second
series, ed. H.C. Youtie and J.G. Winter, Ann Arbor, 1951]

Lettera di Terenziano a Tiberiano, Papyrus No. 469 da Karanis (Michigan Papyri,


Vol. VIII: Papyri and Ostraca from Karanis, 1951, edd. Herbert Chayyim Youtie,
John Garret Winter).

7
Claudius Terentianus Claud[i]o Tiberi[ano pa]tri suo ed domino plur[i]mam
sal[utem]. Ante omnia opto te bene [v]alere, que m[ihi ma]xime vota [su]nt.
Scia[s me, p]ater, a[ccepisse] res quas mi misisti per . . . . ium Th . . [. . .]
vetranum et per Numesianum .[. . .] . et palliolum, et ago tibi gratias quod me
dign[um] habuisti ed sequrum fecisti. Misi t[i]bi, pater, per Martialem
imboluclum concosu[tu]m in quo habes amicla par unu, amictoria [pa]r unu,
sabana par unu, saccos par unu, gla[b]alum ligni. Emeram aute illuc con
culcitam et pulbin[o] et me iacentem in liburna sublata mi s[unt]. Et habes in
imboluclum amictorium singlare, hunc tibi mater mea misit. Et accipias caveam
gallinaria in qua ha[bes] sunthe[seis] vitriae et phialas quinarias p[ar u]nu et
calices paria sex et chartas sch[ola]res duas et in charta atramentum et calamos
q[u]i[nq]ue [?] et panes Alexandrinos viginti. Rogo te, [p]a[t]er, ud contentus sis
ista. Modo si non iacu[i]sse speraba me pluriam tibi missiturum ed itarum spero
si vixero.
ecc.

Vista di Karanis
Claudio Terenziano augura salute a suo padre e signore Claudio Tiberiano. Prima di
tutto mi auguro che tu stia bene, che la cosa che pi mi preme. Sappi, padre, che le
cose che mi hai mandato tramite il veterano []io Th[] e tramite Numesiano le ho
ricevute e anche la mantellina, e ti ringrazio perch mi hai ritenuto meritevole e mi hai
dato tranquillit. Ti ho mandato, padre, tramite Marziale, un pacco cucito in cui troverai
un paio di mantelli, un paio di accappatoi, un paio di asciugamani, un paio di sacchi, un
letto di legno. Avevo comprato insieme [?] anche un materasso e un cuscino e mentre
giacevo malato sottocoperta, mi sono stati rubati. E troverai nel pacco una coperta a uno
strato, te lo manda mia madre. E prendi la gabbia da galline in cui troverai servizio di
vetri e un paio di fiale da cinque e sei paia di calici e due paia di fogli di carta e involti
nella carta linchiostro e cinque penne e venti pani alessandrini. Ti prego, padre, di

8
accontentarti di questo. Se solo non fossi stato malato, speravo di mandarti di pi e
ancora lo spero se rimarr in vita ecc.

APPENDIX PROBI (SEC. V-VI D.C.)

1.

auris non oricla (83)

speculum non speclum (3)

9.

oculus non oclus (111)

uico capite Africae non uico caput Africae


(134)

2.
vetulus non ueclus (5)

uico tabuli proconsolis non uico tabulu


proconsolis (135)

3.

uico castrorum non uico castrae (136)

pecten non pectinis (21)

uico strobili non uico strobilu (137)

sobrius non suber (31)

10.

barbarus non barbar (36)

faseolus non fasiolus (141)

4.

11.

frigida non fricda (54)


5.

colmna non colomna (20)


turma non torma (59)

uinea non uinia (55)


brattea non brattia (65)
cochlea non coclia (66)

12.
tristis non tristus (56)

lancea non lancia (....)

13.

alium non aleum (....)

februarius non febrarius (208)

ostium non osteum (61)

14.

6.

miles non milex (30)

Hercules non Herculens (19)


formosus non formunsus (75)

15.
exter non extraneus (118)

7.
iecur non iocur (82)
8.

16.
ipse non ipsus (156)

9
17.

18. rabidus non rabiosus (211)

frustrum non frustum (180)

VETUS LATINA E VULGATA

LVC., IV, 24-27


AFRA: Ille autem dixit illis: Amen dico uobis, quia multae uiduae fuerunt in diebus Heliae in
Isdraehel, quando conclusum est caelum annis tribus et mensibus sex, quomodo facta est famis in
omnem terram; et ad nullam illarum missus est Elias, nisi in Sarepta Sidonae ad mulierem uiduam.
Et multi leprosi erant in Isdrahel tempore Eliae profetae; et nemo ex eis amundatus est, nisi Neman
Syrus.

ITALA: Ait autem Iesus: Amen dico uobis, quod nemo propheta acceptus est in patria sua. In
ueritate dico uobis, multae uiduae fuerunt in diebus Heliae in Istrhael, quando clusum est caelum
annis tribus et mensibus sex, cum facta est famis magna in omni terra; et ad nullam illarum missus
est Helias, nisi in Sarepta Sidoniae ad mulierem uiduam. Et multi leprosi erant in Istrahel sub
Heliseo propheta; et nemo eorum mundatus est, nisi Neman Syrus.

VULGATA: Ait autem: Amen dico uobis, quia nemo propheta acceptus est in patria sua. In ueritate
dico uobis, multae uiduae erant in diebus Heliae in Israhel, quando clausum est caelum annis tribus
et mensibus sex, cum facta est fames magna in omni terra; et ad nullam illarum missus est Helias,
nisi in Sareptha Sidoniae ad mulierem uiduam. Et multi leprosi erant in Israhel sub Helisaeo
propheta: et nemo eorum mundatus est, nisi Neman Syrus.

10
[trad. dalla vulgata: Egli disse poi: In verit vi dico che nessun profeta ben accolto nella sua
patria. In verit vi dico, molte vedove in quei giorni erano in Israele, quando il cielo fu chiuso per
tre anni e sei mesi e la carestia fu grande su tutta la terra; e a nessuna di loro fu inviato il profeta
Elia, se non a Saretta di Sidone, a una donna vedova. E al tempo del profeta Eliseo cerano in
Israele molti lebbrosi, e nessuno di loro fu mondato, tranne Neman il siriano.]
LEX SALICA (VIII-IX SEC.)
VII. DE FVRTIS AVIVM

3. Si quis acceptrem de intro clauem furauerit et ei fuerit adprobatum ... MDCCC[C] dinarios, qui
faciunt solidos XLV, culpabilis iudicetur excepto capitale et dilatura.
Traduzione: Se qualcuno avr rubato un falcone da dentro la sua gabbia e lo si sar provato ... che lo
si giudichi colpevole di 1900 denari, che fanno 45 soldi, eccetto il capitale e la compensazione.

manuscrit 65 (suppl. lat.)

11

12

PARODIA DELLA LEX SALICA (II MET VIII SEC.)


1) narratio
(invocatio) In nomine Dei, Patris omnipotentis. Sit placuit uoluntas Laidobranno et Adono,
ut pactum Salicum, de quod titulum non abit, (comincia la petitio, con cui l'agente chiede o
supplica la concessione) gratenter suplicibus aput gracia Fredono una cum uxore sua et
obtimatis eorum, in ipsum pactum titulum unum, cum Deo adiutorio, pertractare debirent:
2) dispositio
ut, si quis homo aut in casa aut foris casa plena botilia abere potuerint, tam de eorum, quam
de aliorum, in cuppa non mittant ne gutta. (comincia la sanctio, la penale prevista per
l'inadempienza degli obblichi contratti) Se ullus hoc facire presumserit, malobergo leodardi,
sol(idos) XV con(ponat) et ipsa cuppa frangant la tota, ad illo botiliario frangant lo cabo, at
illo scanciono tollant lis potionis. Sic conuinit obseruare: aput staubo bibant et intus suppas
faciant. Cum senior bibit duas uicis, sui uassalli la tercia, bonum est. (completio:
sottoscrizione notarile) Ego scripsi mei nomen non scripsi. Culpabilis iudicetur.
Traduzione: In nome di Dio, Padre onnipotente. Si deciso che sia fatta la volont di
Laidobranno e Adono, che la legge Salica, per quanto riguarda una materia non contemplata,
su domanda fatta di buon cuore con la grazia di Fredono assieme a sua moglie e al loro
seguito, in questo stesso patto debbano, con laiuto di Dio, ammettere un (nuovo) titolo: che,
se qualcuno o in casa o fuori casa potr avere una bottiglia piena, che non ne versi neanche
una goccia nella coppa n loro n di altri. Se qualcuno oser fare questo, malobergo leodardi
[colpa domicidio], paghi XV soldi e gli si infranga la coppa interamente, che si spacchi la
testa al bottigliere e si tolgano le bevande ai capo dei coppieri [cfr. fr. chansons]. Cos si
proceda: bevano con la coppa e ci facciano la zuppetta. Quando il signore beve due volte, il
suo vassallo la terza, e cos va bene. Io che ho scritto il mio nome non ho scritto. Sia
giudicato colpevole.

Re Clodoveo detta la Lex Salica in mezzo alla corte.

13
Prologo della Lex Salica, ms. del 793 (St Gall Stiftsbibliothek, Codex 731).

Cronaca di St. Denis, ms. del XIV sec.

14

ITINERARIUM EGERIAE (O ETERIAE) (scritto intorno allanno 400)

1. (It. Eg. 5 4)
Nos [S] etiam, quemadmodum ibamus, de contra videbamus [V] summitatem [O] montis, que
inspiciebat [SV] super ipsa valle tota, de quo loco sanctus Moyses [S] vidit [V] filios [O]
Israhel habentes choros his diebus, qua fecerant [V] vitulum [O].

[Noi pure, mentre andavamo, vedevamo di fronte a noi la sommit del monte, che guardava tutta
la valle, dal luogo in cui santo Mos vide i figli di Israele che danzavano in quei giorni, in cui
avevano fatto il vitello (doro).]
2. (It. Eg. 1 1)
[] Interea ambulantes pervenimus ad quendam locum, ubi se tamen montes illi [S], inter
quos ibamus, aperiebant et faciebant [V] vallem infinitam, ingens, planissima.
[giungemmo in un luogo, dove per i monti verso i quali ci recavamo, si aprivano e formavano
una valle estesissima.]

15
ITINERARIUM EGERIAE (O ETERIAE)

A) Hi sancti monachi dignati sunt nos suscipere valde humane.


[Questi santi monaci si impegnarono ad accoglierci molto gentilmente.]

B) Facta oratione cum ipsis, eulogiam nobis dare dignati sunt.


[Fatta con loro una preghiera, decisero di darci cibo benedetto.]

C) Facta est ergo iuxta consuetudinem ibi oratio et lectio ipsa de libris Moysi lecta,
dictus etiam psalmus unus.
[Si fece allora secondo la consuetudine l una preghiera e fu letta la (stessa) lettura dai
libri di Mose, e fu anche detto un salmo.]

D) Multi autem et ex ipsis monachis sanctis, qui ibi commanebant iuxta aqua ipsa [],
dignati sunt ascendere montem Naban.
[Allora anche molti di quei santi monaci che li abitavano vicino alla detta (stessa)
acqua, accettarono di salire sul monte Naban.]

Breve de inquisitione (Siena 715)

[...] Iste Adeodatus episcopus isto anno fecit ibi fontis et sagravit eas a lumen per
nocte, et fecit ibi presbitero uno infantulo abente annos non plus duodecem, qui nec
vespero sapit, nec madodinos facere, nec missa cantare.

[Questo vescovo Adeodato quest'anno ha fatto costruire col i fonti battesimali e li ha


consacrati, di notte, a lume di torce, e vi ha fatto prete un bambinetto di non pi di
dodici anni, che non conosce il vespro, e nemmeno sa fare i mattutini o cantare
messa.]

16

Glosse di Reichenau (fine VIII sec.)


a.
binas: duas et duas (23)

sagma : soma uel sella (716)

inlustrem: nobilem (45)

ictus : colpus

pulcra : bella (46)

ob metum : propter timorem (938)

queso : preco (48)

sarcina : bisatia (1041)

adferam : adportam (89)

torax : brunia, pectus Grece (1329)

optimum: ualde bonum (94)

lecore: ficato (1377)

anus: uetula (96)

rerum: causarum (1410)

semel: una uice (100)

pueros: infantes (1558)

tulisti: accepisti (116)

ostendit: monstrauit (1582)

ait: dixit (117)

pallium: drappum (1645)

iacere: iactare (122)

induere: uestire 81662)

statuit: stare fecit (126)

arenam : sabulones (1674)

quin: ut non (140)

si uis : si uoles (1677)

ager: campus (141)

scissura : ruptura (1698)

seuit: seminauit (196)

vorax : manducator (1724)

umo : terra (201)

ita : sic (1737)

libenter : uolumptarie (212)

ualde: multum (1756)

pauens : timens, id est pauorem habens (225)

hedunt: mandicant (1783)

venusto: puclhro uel onesto (234)

noui: cognoui (1860)

emit : comparauit (330)

monumenta: seplucra mortuum (1935)

cerno : video (245)

ingredi: intrare (2086)

reus : culpabilis (392)

tego: cooperio (2646)

flare : suflare (480)

ceciderunt: caderunt (2670)

cecinit : cantauit (522)

aresco: sicco (2672)

fugauit : fugire cepit (540)

egimus: fecimus (2726)

17
femur: coxa uel a renibus usque ad genua
(1748)
vulnere: plaga (2898)

vuas: racemos (1669)


oues: berbices (1095a)
domicilium: parua mansiuuncula (1934)
pronus : qui a dentes iacet
transgredere: ultra alare
caementariis: mationibus
sortilegus: sorcerus

b.
atram. nigram (45al)
caseum: formaticum (285 aL)
galea: helmus
is: ille (742a)
dem : donem (238)

18
Glosse di Kassel (VIII-IX sec.)

maxillas : chinnpein (12)


tundi meo capilli : skir minan fahs (17)
radi me meo colli : skir minan hals (18)
radi meo parba : skir minan part (19)
pedes : foozi (34)
brachia : arm (39)
digiti : fingra (42)
cavallus : hros (63)
pecora : skaaf (73)
pulcins : honchli (86)
galina : hanin (88)
martel : hamar.
stultisunt : tolesint (225) 225
romani : uualha (226)
sapientisunt : spahesint (227)
paioari : peigira (228)

Codex Casselanus theol. 424 proveniente dal


monastero di Fulda.

19

Indovinello veronese (fine VIII sec. - inizio IX)


Verona, Biblioteca capitolare, ms. codice LXXXIX, foglio di apertura, c. 3r.
Orazionale Mozarabicum (Spagna, prima del 732), codice liturgico.

+ Se pareba boves alba pratalia araba et albo versorio teneba et negro semen seminaba.
+ gratias tibi agimus omnip(oten)s sempiterne d(eu)s

20

21
I placiti capuani (960-963)

Sao ke kelle terre, per kelle fini che ki contene, trenta anni le possette parte sancti Benedicti.
(Capua, marzo 960)
Sao cco kelle terre, per kelle fini que tebe monstrai, Pergoaldi foro, que ki contene, et trenta anni le
possette.
(Sessa, marzo 963)
Kella terra, per kelle fini que bobe mostrai, sancte Marie , et trenta anni la posset parte sancte Marie.
(Teano, ottobre 963)
Sao cco kelle terre, per kelle fini que tebe mostrai, trenta anni le possette parte sancte Marie.
(Teano, ottobre 963)

22

L'iscrizione di san Clemente (1090)

[Sisinium:] Fili de le pute, traite! Gosmari, Albertel traite! Falite dereto co lo palo, Carvoncelle!

[Sanctus Clemens:] Duritiam cordis vestris [in saxa conversa est, et cum saxa deos aestimatis] saxa
traere meruistis.

23