Sei sulla pagina 1di 9

Viabilit

Societ

La Siracusa-Gela
sar completata
dai privati

Il parto indolore
un diritto
785 iscritti
A pagina sei

Quotidiano della Provincia di Siracusa

A pagina cinque

Sicilia

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
venerd 5 giugno 2015 Anno XXVIIi N. 130 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00
www.libertasicilia.it

Politica. I renziani si misurano e si confrontano allex Spero

I residenti piccati dal caos

Viabilit
Scatta domani
Gli ortigiani
la Leopolda aretusea protestano
Tema dellevento: Costruire il futuro col confronto
Conto alla rovescia per

CRONACA

Il mistero
dei due
sarcofagi

la Procura della
Repubblica di Siracusa
ad accendere i riflettori
sul mistero del ritrovamento di due bare vuote, a ridosso del recinto del campo santo di
Siracusa, risalenti a una
quarantina danni fa. Si
trovavano adagiate a
ridosso della recinzione lato Nord del campo
santo sotto la collinetta
e semi nascoste dalla
folta e spontanea vegetazione. Due bare che
certamente non avrebbero dovuto essere l ma
a giacere nei loculi.

Si era reso responsabile insieme con tre complici, dei


quali la badante, di una rapina ai danni di una coppia.

A pagina quattro

A pagina sette

cronaca

Commise
una rapina
In carcere

musei

Domenica
visite
gratuite
Musei

siciliani aperti
ogni prima domenica del
mese; con l'arrivo della
bella stagione.
A pagina cinque

eventi

la Leopolda siracusana.
Levento fortemente voluto dal sottosegretario
allistruzione Davide Faraone, dopo quello di Palermo lo scorso febbraio.
Tema dellevento siracusano: Costruire il futuro
attraverso un confronto,
aperto e libero. E questo lobiettivo di Spero 2020. Il Futuro
fare insieme. I dettagli
delliniziativa.

i celebra stasera lannuale


della fondazione dellArma
dei Carabinieri, che si terr
questa sera con inizio alle
ore 18. 201 anni al servizio
del territorio che saranno
festeggiati.

A pagina tre

A pagina due

Stasera
carabinieri
in festa
S

La situazione in Ortigia non assolutamente migliorata alla ripresa dell'attivit estiva come era prevedibile pensare dopo che nella fase autunnale e invernale, in
cui potevano essere effettuate le modifiche.
A pagina due

Omicidio Mauceri: celle


stanano Ninu Fichera
I rilievi tecnici hanno

accertato la la presenza di Antonino


Fichera, nei pressi e
nellorario che coincide con luccisione
di Mario Mauceri,.
A pagina sette

Cronaca di Siracusa 2
eventi

Stasera
cerimonia
per lArma
dei carabinieri

Sicilia 5 giugno 2015, venerd

Si celebra stasera lannuale della

fondazione dellArma dei Carabinieri, che si terr questa sera


con inizio alle ore 18. 201 anni al
servizio del territorio che saranno
festeggiati nellormai consueta
cornice del cortile della caserma
Vincenzo Statella, che ospita la
stazione dei carabinieri di Ortigia.

5 giugno 2015, venerd

A fare gli onori di casa, il comandante provinciale dellArma, colonnello Mauro Perdichizzi, che,
in apertura di cerimonia, passer in
rassegna i reparti schierati. Subito
dopo prevista la lettura del messaggio inviato dal presidente della
Repubblica, Sergio Mattarella, e
poi di quello del comandante Ge-

nerale dellArma dei Carabinieri.


Il comandante Perdichizzi far il
punto della situazione sulle attivit
pi importanti svolte sul territorio
dai vari reparti nel corso dellultimo anno. La cerimonia seguir
con la consegna delle ricompense
ai militari di ogni ordine e grado
che si sono distinti.

La

situazione in
Ortigia non assolutamente
migliorata
alla ripresa dell'attivit estiva come era
prevedibile
pensare
dopo che nella fase
autunnale e invernale,
in cui potevano essere
effettuate le modifiche
richieste dai residenti
per migliorare la vivibilit in Ortigia, non
stato fatto niente di
tutto quanto proposto

e promesso. Lo scrive
un residente, Francesco Biondini, che nei
mesi scorsi si era fatto
promotore di uniniziativa.
Il regolamento che
disciplina l'ingresso
e lo stazionamento
nell'isola di Ortigia
rimasto inalterato, nel
frattempo molti residenti hanno trovato
soluzioni "alternative"
al proprio problema

parcheggi. Quindi a
poco meno di un anno
dalla presentazione di
un progetto articolato
di modifica della viabilit, che consisteva
nell'adeguamento del
traffico alle esigenze
effettive di tutti i portatori di interesse, anche
attraverso l'introduzione di un vero servizio
navetta, con ciclicit
di 10 minuti, possiamo
tirare un primo bilan-

Conto alla rovescia per la

Nella foto, turisti in Ortigia.

cio della situazione e


verificare che questa
peggiorata.
Il numero dei posti
disabili cresciuto
esponenzialmente, si
sono
date ulteriori
concessioni ad altre
attivit
commerciali, a costruire pedane
che tolgono posti auto,
non pensando a piani
di razionalizzazione
conpensativa a favore
dei residenti, non sono

stati razionalizzati il
numero dei pass rilasciati a non residenti,
autorizzati solo perch
hanno un'attivit o lavorano presso un esercizio commerciale in
Ortigia, senza neanche disciplinare quanti
effettivamente sono
costretti ad entrare in
Ortigia, e a lasciare la
macchina nelle vicinanze del luogo di lavoro, e senza effettiva-

Castello di Brucoli
il tira e molla
della Regione Sicilia
Vinciullo. Il Dirigente Generale dello
stesso Assessorato, rispondendo alla
stessa interrogazione, ha riferito che le
attuali condizioni di conservazione del
Castello Regina Giovanna di Brucoli,
non consentono lordinaria apertura al
pubblico del monumento, la cui fruizione
non soddisfa, al momento, le prescrizioni
poste dalla normativa sulla sicurezza n
quelle di carattere igienico sanitario. Nel
tempo, privati ed associazioni hanno
avanzato delle proposte che la competente Soprintendenza beni culturali di
Siracusa ha attentamente vagliato e sulle
quali ha espresso la massima disponibilit ma che, purtroppo, si sono concluse
con un nulla di fatto per la successiva
perdita dinteresse da parte degli stessi

incappare in orchi. Allincontro, promosso dall'Associazione avvocati


matrimonialisti italiani con il consiglio dell'Ordine degli avvocati di
Siracusa, interverranno il giudice Giuseppe Mario Antonio Tripi, il
sostituto procuratore Antonio Nicastro, don Fortunato Di Noto, del
vice questore aggiunto Gabriele Piazza e l'avvocato Bruno Leone.
Tale passaggio sar curato con il supporto di un dirigente di Fisica
medica esperto qualificato di terzo livello che sar messo a disposizione
sempre dallArnas. La fase di commissioning durer circa due mesi,
pertanto si prevede di poter avviare le attivit cliniche nellultimo
trimestre di questanno.

Domani scatta a Siracusa


la Leopolda dei renziani

intervento del parlamentare vinciullo

ispondendo alla mia interrogazione


parlamentare n. 2449 Chiarimenti sul
mancato affidamento in concessione a
privati del Castello Regina Giovanna
di Brucoli, in provincia di Siracusa,
l'Assessorato dei Beni Culturali e
dell'Identit Siciliana ha risposto
che da informazioni assunte per le
vie brevi presso la Soprintendenza
di Siracusa, risulta che la procedura
per laffidamento in concessione del
Castello Regina Giovanna stata
avviata dalla Soprintendenza con lAssociazione Marilighea di Augusta.
Lapertura del Castello al pubblico
prevista entro lestate. In atto si sta
procedendo con la stipula dellAccordo. Lo comunica lon. Vincenzo

nternet la nuova frontiera del crimine: dal reato di grooming ai


reati di sfruttamento sessuale minorile: il tema del convegno che
si svolger questo pomeriggio a partire dalle ore 15,30 nell'aula della
Corte di Assise del Tribunale. Un argomento sul quale si pongono numerose attenzioni soprattutto in ordine alle problematiche connesse
alla navigazione soprattutto dei bambini, fasce deboli che possono

Cronaca di Siracusa

politica. Tema dellevento, costruire il futuro con il confronto

viabilit. Ancora tante polemiche

Stalli in Ortigia
I residenti:
Situazione
al collasso

Internet la nuova frontiera


del crimine: ecco il convegno

Sicilia 3

proponenti. Nessuna proposta di intervento con fondi privati, onde far fronte
a lavori di ristrutturazione e recupero del
Castello, risultano a tuttoggi pervenute
alla competente Soprintendenza. Stante
la natura demaniale del bene e la necessit di eseguire lavori di completamento
ed adeguamento anche impiantistico,
utili a consentire leventuale fruizione,
si fa sapere che la Soprintendenza beni
culturali di Siracusa sta valutando la
possibilit di emanare un bando pubblico
per lacquisizione di proposte di concessione duso del bene, finalizzate alla
pubblica fruizione, previa esecuzione dei
necessari lavori per ladeguamento alla
vigente normativa in termini di sicurezza
e fruizione.

mente verificare quali


sono gli orari di lavoro
per cui tale pass necessario. In sintesi vi
in atto una maggiore confusione rispetto
all'anno precedente.
Avevamo fatto notare che la zona di Via
Roma e di piazza San
Giuseppe oltre a quella di via Santa Teresa
Riva erano zone male
organizzate, non regolamentate, lasciate
al far west pi selvaggio, con una incidenza
di posti assegnati ai
residenti pari al 7%
dei posti disponibili.
Ebbene nulla stato
fatto per regolamentare questa zona se non
rilasciare permessi per
stalli disabili e attivit commerciali senza
nessun piano articolato
che preveda la corretta verifica e soluzione
degli interessi di tutti
quelli che vivono in
quella zona. Questa
perdurante mancanza
di programmazione e
di inattivit comporta
come naturale conseguenza il mancato
utilizzo dei parcheggi
del Talete e del molo
Sant'Antonio e quindi
la totale frustrazione
delle aspettative di incasso derivanti da queste strutture se fosse
disciplinato diversamente.

Leopolda siracusana. Levento fortemente voluto


dal sottosegretario allistruzione Davide Faraone,
dopo quello di Palermo lo
scorso febbraio.
Tema dellevento siracusano: Costruire il futuro
attraverso un confronto,
aperto e libero. E questo
lobiettivo di Spero 2020.
Il Futuro fare insieme
I dettagli delliniziativa e
il programma dellevento
Sono stati presentati ieri
mattina nella sede dellassociazione Tempi nuovi, in
via Brenta 65 a Siracusa.
La Leopolda siracusana,
organizzata dallassociazione Tempi Nuovi, si
terr il 6 e 7 giugno prossimi nellarea della ex Spero
in via Elorina a Siracusa.
Una zona abbandonata ora
luogo simbolo di in un laboratorio di idee dentro
il quale ci si confronta su
temi - che non restano dentro i confini di Siracusa e
della sua provincia - ma
che riguardano tutta la Sicilia. Nel corso della conferenza stampa sono stati
presentanti i focus dei
temi affrontati durante levento, ed i relatori che interverranno.
I focus sono il risultato dei
12 tavoli tematici indicati
durante i seminari. Rappresentano un vero e proprio
percorso di avvicinamento,
servito ad affrontare i temi
trattati, proiettandoli nelle
problematiche del territorio.
Alla conferenza stampa
erano presenti i dirigenti
regionali del Partito democratico Giancarlo Garozzo e Giovanni Cafeo,
gli assessori del Comune
di Siracusa Valeria Troia e
Francesco Italia, il sindaco di Ferla Michelangelo

In foto, lex Spero, location della Leopolda siracusana.

Giansiracusa e il presidente dellassociazione Tempi Nuovi Valerio Greco


che ha lanciato ufficialmente il sito dellevento,
www.spero2020.com,
e
il video di presentazione
dellevento Programmazione e partecipazione ha
spiegato Garozzo sono la
stella polare del cammino
che vogliamo intraprendere con liniziativa Spero
2020. E una grande occasione per confrontarci
perch, bene ricordarlo,
non da soli che possia-

mo cambiare e risolvere i
problemi. Dobbiamo farlo
insieme e per questo invito
tutta la provincia a partecipare per discutere insieme
su tante tematiche, tutte
importanti per lo sviluppo
e il futuro del nostro territorio. Dalle strutture
della ex Spero verr cos
tesa una mano che dovr
idealmente unire la politica
al territorio per colmare un
distacco sempre pi forte.
Troppo spesso ha dichiarato Giovanni Cafeo
i territori subiscono le

scelte politiche regionali


quando invece dobbiamo
essere noi gli attori protagonisti delle decisioni che
influiscono sulle nostre
vite. Per farlo, per, dobbiamo dimostrare di sapere
fare rete e avere la capacit
di integrarci sfruttando tutte le opportunit per incidere sulle scelte non solo a
livello regionale ma anche
provinciale. E inutile fermarsi solo a lamentarci,
dobbiamo invece capire
cosa serve al territorio e
attivarci per trovare le so-

domani mattina la presentazione al vermexio

La storia recente di Siracusa


illustrata in un volume
D

omani alle ore 10,30 nella Sala Borsellino di Palazzo Vermexio sar presentato
il volume a cura di Salvatore Adorno "Storia di Siracusa. Economia, politica, societ
(1946-2000)", con la prefazione di Carlo
Trigilia, pubblicato da Donzelli Editore
nella collana di Storia e scienze sociali.
Lo storico dell'economia e della societ
dell'et moderna Maurice Aymard (Maison des Sciences de l'Homme Parigi), il

sociologo Arnaldo Bagnasco (Universit


di Torino) e la storica dell'et contemporanea Mariuccia Salvati (Universit di Bologna) discuteranno di Siracusa tra passato
e presente con il curatore del volume, docente di Storia contemporanea nel dipartimento di Scienze umanistiche dell'Universit di Catania. Gli interventi saranno
preceduti dai saluti del sindaco Giancarlo
Garozzo, Corrado Piccione.

luzioni per rilanciarlo. Da


una politica che urla ad una
che ascolta, si confronta e
fa sintesi. E questo quindi
lobiettivo della Leopolda
siracusana..
Il nostro obiettivo sostiene Valeria Troia innescare un salto culturale
significativo nel modo di
fare politica, costruendo
un modo nuovo di amministrare dove la politica diventa regia, facilitatore di
processi, governi di reti di
collaborazione tra gli attori
del territorio, con un unico
scopo condiviso: lo sviluppo.
Spero 2020 ha aggiunto
Giansiracusa unopportunit per ragionare sulle prospettive di sviluppo
condiviso con tutti gli interlocutori del territorio. Il nostro obiettivo valorizzare
la rete tra gli amministratori, le realt imprenditoriali,
la cittadinanza attiva e gli
attivisti politici.
La nostra ambizione promuovere una vera e propria rete umana e sociale
tra amministratori, attivisti
politici e cittadinanza attiva
che ci consenta di tracciare
un percorso di crescita strategica per il Sud Est della
nostra terra.
Se il punto di partenza
Siracusa, lorizzonte sono
lItalia e il resto del mondo.
Abbiamo il compito ha
dichiarato Francesco Italia
di proiettare limmagine
della provincia siracusana
su scala nazionale e internazionale attraverso una
visione del futuro che sia
inclusiva, sostenibile e accessibile. Per raggiungere
questo obiettivo dobbiamo impegnarci a superare
pregiudizi, immobilismo e
illegalit, partendo dal concetto di responsabilit individuale.

Cronaca di Siracusa 4

Sicilia 5 giugno 2015, venerd

sono state rinvenute a ridosso del cimitero di siracusa

Il mistero
delle due bare
La Procura
sta indagando
E

la Procura della Repubblica di Siracusa ad accendere


i riflettori sul mistero del ritrovamento di due bare vuote,
a ridosso del recinto del campo santo di Siracusa, risalenti
a una quarantina danni fa. Si
trovavano adagiate a ridosso
della recinzione lato Nord del
campo santo sotto la collinetta e semi nascoste dalla folta e
spontanea vegetazione.
Due bare che certamente non
avrebbero dovuto essere l ma
a giacere nei loculi ai quali a
suo tempo erano stati destinati per rendere agli occupanti

In foto, una delle bare scoperte.

Si cerca di risalire a chi abbia potuto


rimuoverle e scaricarle in tal modo

una degna sepoltura. Anche


perch per la riesumazione
delle salme, occorre rispettare
un protocollo e il regolamento
che impone anche delle precise
indicazioni per lo smaltimento
dei resti umani e delle stesse
bare.
La scoperta dei due sarcofagi
avvenuta quasi per caso. Si era
verificata, infatti, una mancanza dacqua dai rubinetti che servono buona parte del cimitero.
Il direttore Ettore Manni e i tec-

nici del Comune con gli operai


hanno eseguito un sopralluogo
per verificare i motivi del guasto, localizzato non lontano dal
recinto del campo santo. Appena fuori, a uno sguardo pi
attento, ecco la macabra scoperta delle due bare, una delle
quali intarsiata ai lati e in buona parte priva del coperchio.
La seconda, invece, era molto
pi spartana e di piccole dimensioni, come se avesse contenuto il corpo di una creatura

a parlare lavvocato difensore Carlo Comand

Nessuna irregolarit
negli spettacoli dellInda

Abbiamo dimostrato che non stata commessa

alcuna irregolarit nellorganizzazione degli spettacoli della stagione 2009 e nella rendicontazione
degli stessi, spiega lavvocato Carlo Comand
che ha rappresentato lInda dinanzi al Tar di Palermo, ottenendo laccoglimento del ricorso con
annullamento del provvedimento di revoca del
finanziamento per lanno 2009, avviato dalla Regione Siciliana.
Le procedure di revoca del cofinanziamento PoFesr per un ammontare di un milione e 75 mila
euro scaturiva da una serie di contestazioni tra le
quali lallestimento dellevento Inda in tourne
mediante lutilizzo proprio dei fondi regionali destinati al quarantacinquesimo ciclo di spettacoli
classici. Abbiamo dimostrato ai giudici del Tar
di Palermo dice lavvocato Comand che la
tesi sostenuta dalla Regione fosse infondata e in
ci i giudici amministrativi ci hanno dato ragione
ritenendo consolidato un evento teatrale che mantiene inalterata la tipologia, la qualit e la rilevanza culturale dellallestimento, pur avendo luogo in
siti differenti rispetto agli anni precedenti.
Nella motivazione della sentenza, il Tar ha scritto,
tra le altre cose: La presenza nominalistica della
dicitura Inda in tourne non pu essere considerata un nuovo progetto ma rappresenta solo una
delimitazione delloriginario progetto a talune
delle rappresentazioni classiche gi inserite nella
domanda di finanziamento.Un giudizio di merito

che costituisce unarma in pi per la difesa anche


sotto laspetto del procedimento penale, imbastito
proprio in conseguenza della corposa documentazione presentata alla Procura della Repubblica di
Siracusa dai dirigenti dellAssessorato, che facevano notare incongruenze contabili, ipotizzando
delle responsabilit in ordine a quella rendicontazione che non li convinceva e che con clamore
erano state indicate come la causa della revoca dei
finanziamenti per le attivit svolte in quegli anni
dallistituto nazionale del dramma antico. Non
sono un penalista dice il legale dellInda ma
ritengo proprio che la sentenza del Tar possa avere
una positiva refluenza sotto laspetto penale, atteso
che il presupposto dei reati contestati a vario titolo
fosse proprio il finanziamento della Regione Sicilia, prima concesso e poi revocato.
La battaglia giudiziaria continua sempre dinanzi al
Tar di Palermo, dove pende il giudizio di opposizione al decreto ingiuntivo, proposto dallamministrazione regionale.

Sicilia 5

5 giugno 2015, venerd

prematuramente scomparsa. In
una delle due bare vi ancora
la targhetta di riconoscimento e
la cassa di zinco priva di rivestimento. E sono proprio questi particolari che potrebbero
rappresentare un appiglio per
risalire a chi corrispondano le
due bare e soprattutto da quale
loculo o campo comune siano
stati esumati prima di essere
scaraventati fuori dal recinto
del campo santo.
La segnalazione della presenza
di questi due ingombranti reperti stata avanzata dal dirigente comunale Rosaria Garufi
sia al corpo di polizia municipale, sia ai carabinieri. Sul posto sono accorsi anche i vigili
del fuoco, che hanno imbragato
i due sarcofagi per rimuoverli
definitivamente.
Stiamo eseguendo tutti gli accertamenti che il caso impone,
afferma il sostituto procuratore
Maurizio Musco, che sta coordinando le indagini per dare
unidentit a coloro che hanno
trovato leterno riposo in quelle
bare. Il magistrato ha delegato
gli stessi operatori del cimitero
e i vigili urbani del settore Ecologia a esperire tutte le attivit
necessarie per giungere alla soluzione del mistero. Una volta
concluse le indagini e lesito
arriver al vaglio della Procura
della Repubblica di Siracusa,
sar lo stesso magistrato a decidere se vi siano gli estremi
per la contestazione di reati ed
eventuali responsabilit in ordine ad essi. Si vuole, in buona
sostanza, comprendere da dove
provengano quelle bare, chi ne
abbia operato il trasporto prima
di scaraventarle dietro al muretto di recinzione del cimitero
e se nel frattempo ci sia qualcuno che le reclama. Peraltro,
impossibile monitorare anche
considerando
linstallazione
della videosorveglianza, i 130
mila metri quadrati di superficie del cimitero, per cui questo
tipo di azioni come soprattutto
i furti di cornici, vasi, fiori, persino capitelli.

Cronaca di Siracusa

alliniziativa aderisce la villa romana del tellaro a noto

Musei

siciliani aperti
ogni prima domenica del
mese; con l'arrivo della bella stagione stata
ripresa l'iniziativa volta
ad incrementare le visite
nei siti pi belli della nostra Isola. Ma a Noto, ed
in particolare alla Villa
Romana del Tellaro per
visitatori e turisti si propone qualcosa di molto interessante che gi
in autunno ha avuto un
successo straordinario.
Intanto bene ricordare
che la Villa del Tellaro,
insieme alla Villa di Patti e di Piazza Armerina,
costituisce una delle pi
importanti testimonianze dellet romana tardo
imperiale in Sicilia, in
cui la classe senatoriale
romana acquista importanti estensioni di terre
ricostituendo il latifondo
di cui le Ville diventano
il fulcro amministrativo
e produttivo. Tornando
a domenica prossima 7
giugno a Noto, si tratta
delle visite drammatizzate e del progetto di archeogastronomia ideato
e realizzato dall'Associazione Escursioni Iblee
presieduta da Sebastiano

Musei aperti
domenica
in tutta la Sicilia

In foto, la villa romana del Tellaro.

Adern.
"Proponiamo
unesperienza
speciale abbinando alla visita
drammatizzata dei mosaici della Villa, in cui
saranno fatti rivivere i
personaggi vicini e lonta-

ni che hanno avuto a che


fare con i mosaici romani, con la degustazione di
una selezione accurata di
piatti dellantica Roma
estratti dai ricettari di
Apicio, a cui si giunti

con unaccurata selezione delle materie prime e


soprattutto delle erbe che
conferiscono ai cibi sfumature di gusto che fanno viaggiare nel tempo".
Ci spiega il Presidente

Adern che in questi


anni ha condotto un'accurata ricerca di erbe, riuscendo a creare con gli
altri soci un'interessante
spazio nell'Azienda didattica Villa del Tellaro,
adiacente la Villa, met
di tanti turisti e scolaresche. Lesperienza, in
programma
domenica
prossima 7 giugno, rientra in un unico pacchetto
con prenotazione obbligatoria e con numero
limitato di partecipanti,
pertanto si invita quanti
fossero interessati a contattare gli organizzatori
al numero telefonico 338
9733084. La visita drammatizzata avr inizio alle
ore 11 con partenza davanti alla biglietteria e si
concluder con il pranzo
dei romani nellAzienda
didattica Villa del Tellaro. Unoccasione per
visitare quei monumenti
che altrimenti sono appannaggio soltanto dei
turisti. Le statistiche,
infatti, ci vedono non
frequentare i musei del
nostro territorio anche
quando vi erano particolari agevolazioni per io
residenti.

queste le previsioni per il completamento

La Sr-Gela con fondi privati


Nei prossimi giorni presenter un grandissimo progetto che parte proprio per il
completamento delle autostrade siciliane
gestite dal Cas con fondi privati, il projectfinancing. Che non la privatizzazione del
Cas. Il mito della Siracusa-Gela, dell'Agrigento-Trapani, che non si fanno mai,
si sbloccano. Le autostrade sono appetibili
per i privati perch si paga il pedaggio. In
questo modo favoriamo un'imprenditoria
che investe, porta Pil e crea occupazione".
Lo ha detto il presidente della Regione
Rosario Crocetta, parlando con i cronisti a

margine di un'iniziativa della Cgil, a Palermo,


fissando a luned la scadenza personale per
portare avanti tale iniziativa.
"Cos investiamo i fondi pubblici per fare
altre strade - ha aggiunto - Mi sono stancato
di fare da solo le battaglie su questo. Passo
all'attacco con investimenti di costruzione
e gestione".
Sul valore del project-financing, Crocetta
stato chiaro: "Se il tratto Rosolini-Modica
vale 450 milioni di euro, parlaiamo di un
appalto che non potr essere meno di 2,5
miliardi, ovvero il 2-3% di Pil".

Si svolto un incontro ieri mattina tra una

a proposito del trasferimento della caserma carabinieri

delegazione del Consiglio centrale di rappresentanza dell'aeronautica (Cocer) e il


personale militare in servizio al distaccamento Aeroportuale di Siracusa, con sede
in via Elorina. Lincontro, organizzato dal
Consiglio intermedio del Comando scuole
A.M. (Coir) su richiesta del Consiglio di
Base (Cobar), stato dedicato principalmente al futuro dell'Ente e del personale che vi
presta servizio anche alla luce delle recenti
notizie relative al progetto di razionalizzazione avviato dal Ministero della Difesa. Il
trasferimento nel distaccamento Aeronautico del Comando Provinciale dellArma dei
Carabinieri unitamente, per, alla perma-

Per lAeronautica
nessun ostacolo
per convivere

nenza dell'Aeronautica Militare - che presta


supporto tecnico, logistico ed amministrativo
alla importante e strategica, per il controllo e
la difesa aerea nazionale, 137 Squadriglia Radar di stanza a Mezzogregorio nel comune di
Noto - ritenuta un'opportunit per entrambe

le Forze Armate. "La sinergia tra le istituzioni


consentir - dichiarano i delegati del Cocer
Aeronautica Guido Bottacchiari, Marco Cicala, Alfio Messina e Alessandro Gagliarducci - la razionalizzazione e il contenimento dei
costi di funzionamento e gestione dell'area,
nellottica del risparmio delle risorse pubbliche, della massima ed accresciuta operativit
per tutti gli attori in causa, nonch nell'interesse generale della sicurezza del territorio e
dello spazio aereo nazionale". Allincontro
ha partecipato anche il personale militare in
servizio nella squadriglia Radar Remota di
Mezzogregorio.

societ 6

Sicilia 5 giugno 2015, venerd

5 giugno 2015, venerd

Il parto indolore
un diritto
anche a Siracusa
con 785 iscritti
rale fa parte dei Lea (Livelli Essenziali di Assistenza
Sanitaria), definito parto
analgesia. Oggi, nonostante le numerose promesse,
al presidio ospedaliero
Umberto I di Siracusa tale
servizio non garantito.
A seguito di confronti con
mamme, future mamme e
personale medico, a fine
aprile stato deciso di creare il gruppo Il parto indolore un diritto anche
a Siracusa che ad oggi ha
raggiunto quota 785 iscrit-

ti. Lo scopo del gruppo


quello di capire perch, ad
oggi, tale servizio non sia
stato ancora attivato e di
capire cosa poter fare per
ottenere un diritto che spetta ad ogni donna.
Ecco di seguito la lettera
presentata al direttore generale dellAsp 8 Salvatore
Brugaletta, al fine di poter
mettere a conoscenza della
problematica un pubblico
pi ampio:
La sottoscritta Alessandra Carasi, amministratrice
del gruppo Il parto indo-

lore un diritto anche


a Siracusa, le scrive per
chiedere delucidazioni in
merito al servizio di parto
Analgesia allinterno del
presidio ospedaliero Umberto I di Siracusa.
Nonostante numerose volte ne sia stata proposta
lattivazione, ad oggi, tale
tecnica
anestesiologica,
non risulta attiva al presidio ospedaliero suddetto e,
a causa del mancato servizio, molte donne decidono
di rivolgersi presso altre
strutture per poter usufrui-

re della parto analgesia.


noto che la tecnica della
parto Analgesia stata
introdotta dal Ministro della Salute Lorenzin nei Lea
e che lassessore regionale
della Salute Borsellino
favorevole allattuazione
della stessa. Nonostante le
continue promesse degli
ultimi anni nulla ancora
stato fatto, pertanto auspichiamo che, quanto prima,
ci si mobiliti ai fini dellattuazione del servizio di
Parto Analgesia al presidio
ospedaliero Umberto I.

Lincontro si terr il 27 Giugno 2015 presso la sede di Impact HUB di Siracusa

Il web marketing per migliorare lattivit

Il ventisette giugno si parler di


web come obiettivo per realizzare un marketing come tecnica
efficace per vendere prodotti e
servizi. Se ne discuter nel corso Web 4 Business levento di
formazione rivolto ad aziende e
professionisti, il primo dedicato
allInbound Marketing in Sicilia,
che si terr lultimo sabato del
mese, presso la sede di Impact
HUB di Siracusa.
Nella giornata di formazione
operatori e manager potranno conoscere le pi efficaci tecniche
per trovare nuovi clienti e per aumentare fatturati e contratti grazie
alla presenza sulla rete. "Avere

Recente seminario a Impact Hub Siracusa

dito puntato contro le condizioni precarie del carcere di Brucoli

Agenti di polizia
penitenziaria
dimenticati

Il sindacato che tutela i diritti degli agenti di polizia penitenziaria, punta ancora
una volta il dito contro le condizioni del-

la casa circondariale di Brucoli. Il Sappe


ad Ottobre insieme al suo Segretario Generale Donato Capece aveva nuovamente
chiesto con forza la costruzione di un box
nelle sezioni detentive dove opera il personale. "Ad oggi - afferma il segretario
regionale Sebastiano Bongiovanni - nonostante tante promesse non si fatto un
bel nulla. La risposta ogni volta sempre
la stessa davanti a questa situazione insostenibile la mancanza dei fondi, ma viene

un prodotto o servizio di qualit e


lasciare che resti invisibile e sconosciuto, rappresenta un danno in
termini economici per lazienda
- sostiene Marialuisa Sanfilippo,
uno dei 6 speaker che provengono da tutta Italia - La mancanza di
una visibilit online significa, di
fatto, perdere potenziali clienti.
La giornata di formazione sar
unoccasione per parlare di casi
reali di successo e di tecniche di
visibilit che ogni partecipante potr applicare alla sua realt
aziendale. Levento realizzato
in collaborazione con Argoserv,
Madd e Ubiika.
difficile credere a questa favola quando
poi assistiamo che per i detenuti si trovano le soluzioni per costruire la piscina
per far fare un corso, una cena o una pizza
galeotta, oppure realizzare dei campetti di
calcetto". Per il sindacato appare evidente la mancanza di volont per la realizzazione dei box che sono indispensabili per
riparare il personale da acqua, vento, freddo e zanzare. Per questo motivo Il Sappe
invita tutti i Dirigenti Locali, Regionali e
Nazionali ad effettuare un solo turno di lavoro in queste condizioni.

Cronaca di Siracusa

Escusso un
tecnico della
polizia scientifica di Roma
al processo
per lomicidio
di Mario
'u lintinisi
ad Agnone
Bagni

future mamme e personale medico, a fine aprile stato deciso di creare il gruppo

Il parto indolore o epidu-

Sicilia 7

A fianco, limpitato,
Antonino Fichera.

Omicidio Mauceri: le celle


tradiscono Ninu Fichera
I rilievi tecnici hanno

accertato la presenza
di Antonino Fichera,
nei pressi e nellorario che coincide con
luccisione di Mario
Mauceri, detto "Mariu u Lintinisi", avvenuto ad Agnone
Bagni il 13 settembre
2009. A queste conclusioni giunta la
perizia tecnica esposta ieri mattina nel
corso delludienza al
processo che si sta
celebrando dinanzi
alla Corte dAssise
di Siracusa (presidente Maria Concetta Spanto, a latere
Alessandra Gigli).
Il consulente Polizia
scientifica di Roma,
nominato dalla Direzione distrettuale
antimafia di Catania,
Giuseppe Di Ieva,
ispettore capo della,
ha illustrato lesito dei rilievi tecnici
eseguiti attraverso la
comparazione delle
celle telefoniche che
si sono attivate la
sera del 13 settembre
di sei anni fa e che
darebbero con sufficiente approssimazione lattivazione
del telefonino cellulare dellimputato
proprio nella zona e
allorario in cui si
verificato lomicidio
Mauceri.
Il consulente si sottoposto allesame del

Pi pregnante, invece, la testimonianza


del collaboratore di Giustizia, DAquino

Pm Pasquale Pacifico
e al controesame dei
legali della difesa,
avvocati Cannata e
Caruso.
Pi articolata stata lescussione del
collaboratore
di
Giustizia
Gaetano
DAquino, avvenuta in occasione della
precedente udienza.
Collegato in video
conferenza, il teste
ha ripercorso le va-

rie fasi del suo pentimento e quindi della


sua collaborazione
con la Giustizia a partire dal 25 settembre
2010. Era detenuto
dallottobre 2009 a
seguito del suo coinvolgimento nelloperazione antimafia denominata Revenge
1 e condannato per
lomicidio di Nicola
Lo Faro. Ha riferito
di avere fatto parte

del clan Pillera e poi


Cappello sin dallet
di sedici anni, fino
a diventare il portavoce di Salvatore
Cappello. Nel ripercorrere le fasi dellomicidio di Mariu u
lintinisi, DAquino
ha fatto riferimento a una vendetta
maturata a seguito
dellomicidio di Sebastiano Fichera, figlio dellimputato,

avvenuto nellagosto
2008. Per il collaboratore di Giustizia,
Fichera doveva essere isolato su ordine
di Biagio Sciuto, perch aveva intenzione
di avviare per proprio conto il traffico
degli stupefacenti.
Ha, inoltre, raccontato che il giorno in
cui avvenne la sua
esecuzione, avrebbe
dovuto incontrarsi
con Mario u lintinisi
per il recupero di un
escavatore e l scatt
la trappola.

Rapinatore
arrestato
Sconta
due anni

Si era reso responsabile insieme con


tre complici, dei
quali la badante, di
una rapina ai danni di una coppia di
anziani nel cuore
della Borgata santa
Lucia e per tale
motivo condannato.
A distanza di due
anni circa dal fatto,
i poliziotti della
Squadra Mobile
della Questura di
Siracusa, hanno
eseguito un ordine
di carcerazione,
emesso dal tribunale di Siracusa,
nei confronti di
Lorenzo Arena di
21 anni, siracusano. Il giovane deve
scontare la pena
residua di 2 anni, 7
mesi e un giorno di
reclusione proprio
per il reato di rapina aggravata in
concorso commessa
in Siracusa il 15
settembre 2013.
Arena, gi sottoposto al regime degli
arresti domiciliari,
stato condotto
presso la casa
circondariale di
Cavadonna.

udienza rinviata al 18 giugno prossimo in corte dassise

Omicidio Mazzone
Collegio precario

vrebbe dovuto essere affrontata ieri mattina la questione legata


alla misura di sicurezza applicata da quasi un anno al lentinese Rosario Di Maiuta di 22 anni,
imputato alla sbarra insieme con
e il calatino Salvatore Montalto,
anchegli 22enne, entrambi residenti a Francofonte, per lomicidio
dellottantanovenne Rosaria Mazzone, avvenuto il 19 marzo 2012.
Ma la diversa composizione della
Corte dAssise (presidente Maria
Concetta Spanto, a latere Stefania
Scarlata) ha indotto i giudici a rinviare ludienza senza avere compiuto alcuna attivit istruttoria.
Se ne parler, infatti, alla prossima udienza, fissata per il 18 giu-

gno, per affrontare la questione


legata alle capacit psicofisiche
dellimputato. Di Maiuta, che difeso dallavvocato Paola Lo Presti,
si trova ricoverato in una comunit
terapeutica assistita in regime di arresti domiciliari.
Il processo era stato sospeso gi nel
mese di luglio dello scorso anno
proprio per le precarie condizioni
di salute dellimputato. Il congelamento del processo ha determinato per laltro imputato, Salvatore Montalto, il beneficio che dagli
arresti domiciliari, dove si trovava
da qualche tempo, lo ha portato alla
scarcerazione, come disposto dalla
Corte dAssise che ha accolto una
specifica richiesta avanzata dall'av-

vocato Junio Celesti. Il penalista sin


dal momento in cui ha presentato
l'istanza confidava nell'accoglimento della Corte, in quanto, a suo dire,
la "presunta prova di reit a carico
del mio assistito costituita dalla
confessione e dalla chiamata in correit fatta dal Di Maiuta. Ma poich quest'ultimo stato ritenuto dai
medici di psichiatria con le facolt
mentali alquanto precarie e instabili,
non si pu ritenere credibile la sua
confessione e chiamata in correit. Montalto si sempre dichiarato
estraneo al delitto di Rosaria Mazzone.
I due imputati devono rispondere di
furto, rapina ma soprattutto del reato
dellomicidio dellottantanovenne
Rosaria Mazzone, trovata morta il
19 marzo 2012 nella sua abitazione
a Francofonte.
R.L.

SOCIET 8
Cos ha esordito
la studiosa Giuseppina
Basta
Donzelli parlando delle tragedie
greche proposte
dallINDA per
questanno,
ai
soci della Dante
convenuti numerosi ad ascoltarla. Il teatro greco
teatro ateniese
per un pubblico
ateniese e i protagonisti
sono
gli eroi e gli dei
del mito che
logos.
LIfigenia in Aulide di Euripide
sembra che sia
stata rappresentata la prima
volta nel 405
a.C. e parla che
Agamennone
durante una caccia abbia colpito
una cerva sacra e
Artemide lo punisce. Pertanto
in Aulide blocca
la flotta e per lasciarla partire la
dea esige un sacrificio.
Questa interpretazione
viene
rappresentata
diversamente da
Eschilo nel 458
a. C. perch nel
suo
Agamennone tutto gi
avvenuto,mentre
in Euripide il sacrificio di Ifigenia ancora deve
avvenire. Il sacrificio,
come
topos, determina
linizio e la fine
della guerra di
Troia. Allinizio
il sacrificio di
Ifigenia, alla fine
il sacrificio di
Polissena perch
i potenti possano raggiungere
la vittoria. Agamennone allinizio acconsente
al sacrificio, ma
poi il rimorso lo
invade e vuole
bloccare larrivo della figlia.
Euripide se nella prima parte
pone la commedia degli equivoci, nella seconda

Sicilia 5 GIUGNO 2015, VENERD

5 giugno 2015, venerd

Il teatro
greco
teatro
ateniese per
un pubblico
ateniese e i
protagonisti
sono gli eroi
e gli dei del
mito che
logos

Il Teatro Greco
Teatro Ateniese
parte del testo
analizza le miserie delluomo:
Menelao succube della moglie
che lo ha tradito,
Agamennone testimonia la difficolt del vivere
fra volere e disvolere, Achille
vuole salvaguardare il suo nome,
tutti vogliono la
guerra e Ifigenia
diventa vittima
consenziente e
parla a differenza dellIfigenia
di Eschilo, perch i Barbari
non comandino
vincendo sugli
uomini liberi, i
Greci. Euripide
aggiunge lammirazione alle
consuete categorie di Aristotele.
Le Supplici di
Eschilo
fanno
parte di una trilogia comprendente le tragedie Gli egizi e i
Danaidi, pi un
dramma satiresco Amimone,
non pervenuti.
Eschilo non parla del mito e lo
relega nellante-

fatto, parla delle Supplici, le


Danaidi che non
vogliono sposarsi per non cadere
nel dominio del
maschio. Rifugiate ad Argo
pregono il re del
posto, Pelasgo,
affinch le accolga.
Questultimo,
dapprima indeciso, poi preferisce
riceverle
e il canto finale
esalta
Afrodite ed Era, cio
lamore e lu-

nione matrimoniale. La Medea


di Euripide del
431a. C. pone
la protagonista
che da Colchide
fra il Mar Nero
e il Mar Caspio,
oggi
Caucaso,
giunge a Corinto dove Giasone
labbandona per
sposare la figlia
del re del luogo.
In Medea non vi
soltanto la gelosia, ma anche
la perdita di status di padrona
di casa e alla fine

verr accolta dal


re di Atene. Medea rappresenta
il disagio della
donna nella societ di Atene,
fuori dal contesto ateniese il
dramma perde il
suo vigore, pertanto nella Medea di Seneca, in
piena et neroniana, essa solamente un caso
clinico. La Medea di Euripide
fortemente emotiva e soffre, nel
testo di Seneca

dal verso 25 la
vendetta pronta, una figura
furiosa, cruenta,
sanguinaria e il
testo artificioso.
Per capire i testi
bisogna ricordare le strutture sociali del tempo
ed ad Atene che
nato il teatro
come rito, come
purificazione
delle passioni.
Da Atene nato
anche il teatro
europeo e oggi,
che siamo diventati un popolo
di consumatori
senza identit,
dobbiamo ricordare che quel teatro esprimeva i
grandi problemi
che
tormentano lumanit : il
problema della
giustizia,
linquietudine, langoscia, la solitudine.
Attraverso lesempio delle terribili sciagure, la
tragedia si proponeva di educare e di purificare
lo
spettatore.
Questa funzione Aristotele la
chiama catarsi
ed era quella che
educava i cittadini al rispetto
delle leggi e della giustizia umana : mai come
oggi necessaria
questa lezione.

Sicilia 9

Lopportunit
di abbassare le rate e
spalmarle nel
tempo (20
25 30 anni),
permettendo
da subito un
notevole risparmio e di
conseguenza
la possibilit
di liberare
risorse finanziarie preziose dal Bilancio dellEnte

Canicattini, il consiglio comunale


approva la rinegoziazione
Con nove voti a fa-

vore e tre astenuti il


Consiglio comunale
di Canicattini Bagni
ha approvato, nella
seduta straordinaria
e urgente di ieri sera,
la rinegoziazione dei
prestiti concessi ai
Comuni dalla Cassa Depositi e Prestiti s.p.a, ai sensi
dellart. 1, commi
430 e 537, della legge 23-122014, n. 190
(circolare 1283/2015
CDP e n. 94-bis/
GAB del 25-5-2015
della PCM). Convo-

La vicenda riguarda i prestiti concessi


ai comuni dalla Cassa depositi e prestiti

cato dal presidente


Antonino Zocco su
richiesta del sindaco
Paolo Amenta, proprio in virt di questo importante provvedimento, che solo
alla fine di maggio
stato allargato anche
a quei Comuni che
non hanno ancora
approvato il Bilancio
di previsione come
Canicattini Bagni, e
la cui scadenza era
fissata dalla recente

circolare ministeriale al 1 giugno, con


completamento degli
adempimenti entro il
5 giugno, di fatto il
Consiglio si occupato principalmente di questo punto e
dellattivit ispettiva.
Valutati,
pertanto,
come spiegato dal
presidente Zocco i
motivi dellurgenza,
il Consiglio li votava
con nove voti a favore e 3 astensioni. A

motivare lastensione
del Gruppo Misto
stato il capogruppo
Salvatore Miano, sottolineare la criticit
non alla rinegoziazione dei mutui, ma
bens ai tempi stretti
con il quale il provvedimento doveva
essere assunto, perlopi senza Bilancio
di previsione, seppur
legato alle incertezze dei trasferimenti
statali e regionali.

Laboratorio di musicoterapia
relazionale Amarsi per amare
Amarsi

per amare
il nuovo laboratorio
di musicoterapia relazionale per imparare
a guarire con la musica proposto da Nuova
Acropoli. Nel giardino
dell Associazione Culturale la dott.ssa Stefania Aglieco
illustrer
come si pu guarire attraverso la musicoterapia, una tecnica che
utilizza la musica come
strumento per facilitare e favorire la comunicazione, la relazione,
lapprendimento,
la
motricit, lespressione,
lorganizzazione e altri

rilevanti obiettivi terapeutici al fine di realizzare lintegrazione intra


e interpersonale e migliorare la qualit della
vita grazie a un processo
preventivo, riabilitativo

o terapeutico. Lincontro si terr domani pomeriggio alle ore 18.30


presso la sede di Nuova
Acropoli in Viale Tunisi
16. Lingresso libero.
In foto Lucia Quadarella

Il consiglio comunale.

Miano ha cos invitato lAmministrazione e la maggioranza


a predisporre per il
prossimo anno, entro
la prima trimestralit
dellanno, lapprovazione dello strumento
finanziario dellente,
affinch non diventi, com accaduto
lo scorso anno, non
solo a Canicattini
Bagni ma in molti
Comuni, proprio per
lincertezza dei trasferimenti statali e
regionali, pi un consuntivo che un preventivo. Per il primo
cittadino, il provvedimento dello Stato,
frutto dellaccordo
con lAnci, di rinegoziare i mutui con la
Cassa Depositi e Prestiti, aventi scadenza
oltre il 2019 (esclusi
quelli con la compartecipazione statale)
of-frono al Comune lopportunit di
abbassare le rate e
spalmarle nel tempo
(20 25 30 anni),
permettendo da subito un notevole risparmio e di conseguenza
la possibilit di liberare risorse finanziarie preziose dal
Bilan-cio dellEnte,
creando altres spazi
di manovra non indifferenti nei vincoli
imposti dal Patto di
Stabilit, e permettere, se daccordo, al
Consiglio comunale
su proposta dellAmministrazione,
di
poter riutilizzare i
ri-sparmi nella realizzazione di opere
pubbliche prioritarie
per la citt.

societ

Al via
la stagione
estiva
Vivi Cassibile Fontane Bianche
2015
D

omani apre ufficialmente la stagione estiva denominata:


Vivi
Cassibile
Fontane Bianche
2015 che vedr
realizzarsi una serie di eventi che
serviranno a promuovere il territorio rilanciandolo
economicamente.
Si partir Sabato 6
Giugno 2015 alle
ore 20,00 in occasione della finale
di champions league tra la Juventus
ed il Barcellona
sar allestito un
max schermo in
piazza della Parrocchia per consentire a tutti gli
sportivi di seguire
questo importante
evento. Alla fine
della partita seguiranno dei momenti
musicali.
Sar una occasione per degustare le
prelibate pizze, panini e vari specialit culinarie presenti sul territorio
ed allo stesso tempo godersi lo spettacolo che il calcio
riesce a dare.
Si ringraziano i
tanti tifosi e tutti gli sportivi per
la collaborazione
prestata senza i
quali la manifestazione non poteva
realizzarsi .
Il resto del programma
Vivi
Cassibile Fontane Bianche 2015
sar presentato in
una
conferenza
stampa in corso di
programmazione.
Invitiamo
tutti,
sportivi e non, a
venire numerosi a
Cassibile Fontane
Bianche.

societ 10

Sicilia 5 giugno 2015, venerd

Nasce a Pachino: Pach.Ita


aggregazione nel Sud-Est

a Quattro delle
maggiori
aziende
produttive aderenti
al Consorzio di Tutela del Pomodoro
di Pachino Igp hanno ufficializzato la
costituzione di una
nuova societ consortile a responsabilit limitata, denominata PACH.ITA,
che ha lo scopo di
fare rete per spingere il "prodotto-territorio" sui mercati
esteri.
L'aggregazione

stata presentata lo
scorso sabato a Pachino in occasione
del convegno "Pomodoro di Pachino Igp, eccellenza
di Sicilia" tenutosi
presso il Palmento
Di Rudin (frazione
di Marzamemi), al
quale hanno partecipato in veste di
relatori Joe Fortunato, socio della Fortunato Production;
Massimo
Pavan,
Vice Presidente del
Consorzio; Roberto Bruno, sindaco
di Pachino; il Prof.
Cherubino Leonardi del Dipartimento
di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell'Universit degli Studi di
Catania; il Prof. Paolo Loreto, Docente
di Organizzazione
delle Reti Turistiche
dell'Universit
di
Catania; Luca Pianigiani,
Docente
New Media presso
la nuova accademia
di belle arti (NABA)
di Milano; Giuseppe
Failla, Responsabile
Marketing and Business Devolopment
di Pach.ITA; Francesco
Bisognano,
esperto di fondi
Ue e responsabile
commerciale estero
Gruppo Fortunato; e
Salvatore Francavilla, esperto in europrogettazione.
I quattro soggetti costituenti di PACHI.
ITA sono la Fortunato Production,
l'azienda
agricola

E stata presentata sabato 30 maggio a Pachino in occasione


del convegno Pomodoro di Pachino Igp, eccellenza di Sicilia
GSG Sipione, l'OP
Faro e l'azienda Terre di Capo Passero,
in rappresentanza
di circa 15 milioni
di kg di pomodori
prodotti
all'anno.
"PACHI.ITA nasce

Joe Fortunato, socio


della Fortunato Production.
Condizioni speciali:
irraggiamento e salinit del terreno
"La mission della nuova societ

tutto dal territorio


di riferimento, visto
che il mix tra sole
(Pachino il comune pi soleggiato
d'Italia) e salinit
dei terreni derivante
dalla vicinanza dal

fuori suolo, la quali


"nascono dall'esigenza di sopperire
ad alcune mancanze
naturali del terreno per la produzione di un pomodoro
perfetto. Le qualit

La mission
della nuova
societ
migliorare
la commercializzazione del
pomodoro di
Pachino Igp
sui mercati
esteri

per dare risposte


alle diverse esigenze manifestate dai
nostri clienti, tra cui
quelle di garantire
le qualit superiore del Pomodoro
di Pachino Igp, di
assicurare le quantit programmate
e di coordinare le
varie aziende affinch producano
il prodotto con gli
standard qualitativi prefissati con la
clientela" ha detto

PACH.ITA migliorare la commercializzazione


del
Pomodoro di Pachino Igp sui mercati
esteri, cercando di
investire anche per
raccontare e promuovere l'unicit
del nostro prodotto"
ha aggiunto Giuseppe Failla, Responsabile
Marketing
and Business Devolopment di PACH.
ITA. Una unicit
che deriva soprat-

Mar Mediterraneo,
consente di produrre in maniera tradizionale pomodori
dalle
inimitabili
caratteristiche organolettiche e nutrizionali. A tal proposito, il professore
Cherubino Leonardi, docente ordinario di Orticoltura e
Floricoltura presso
l'Universit degli
Studi di Catania, ha
evidenziato le differenze con le colture

nutritive - sottolinea - del pomodoro di Pachino, che


gode di condizioni
speciali in quanto
a irraggiamento e
a salinit, rimangono il vero valore
che non ha bisogno
di manipolazioni
tecnologiche e rappresentano il valore
aggiunto insostituibile del prodotto".
Alla ricerca di nuovi clienti e canali
"Con
PACH.ITA

miriamo ha aggiunto Failla - a


creare nuovi canali
di mercato nei principali Paesi europei
(Germania, Inghilterra, Austria, Paesi
Scandinavi e Francia) e ad aumentare
il numero dei clienti
esteri esistenti delle
aziende fondatrici
nonch la loro fedelt".
Il convegno, moderato dalla giornalista
Santina Giannone,
si inserito all'interno di un ampio
programma di incoming durato tre
giorni per buyer e
stampa, finanziato
dalla Regione Sicilia e organizzato da
una nuova associazione temporanea di
imprese, cui capofila l'azienda Fortunato Production.
Le iniziative?
Una App e due
eventi per l'EXPO
Durante
l'evento
sono state inoltre
presentate diverse
novit riguardanti
l'attivit del Consorzio di Tutela, che
oggi raggruppa pi
di 130 produttori e
17 aziende di confezionamento, con
oltre 7 milioni di
kg di prodotto certificato nella passata stagione agraria
(trend di crescita
annuo che si aggira
sul 15% a volume)
e una forza lavoro di
circa 5.000 persone.
Tra le novit illustrate dagli speaker
spiccano il prossimo
lancio di una App
per consumatori per
promuovere la conoscenza del Pomodoro di Pachino Igp,
e l'organizzazione
di due eventi a tema
all'EXPO
Milano
2015 (a fine giugno
nel Cluster Bio-Mediterraneo, a settembre nel Padiglione
Italia), in collaborazione con il Comune
di Pachino e la Camera di Commercio
di Siracusa.

5 giugno 2015, venerd

Una Trilogia del Mare che ha anche molti richiami alla realt siciliana

Palermo, presentate
le Tragedie di Siracusa

Sicilia 11

societ

solidariet

Centosettekilometri
attraverso la
Galizia-Da Tui
SiciliAntica ha anche organizzato per il 20 e 21 e il 27 a Santiago di
Compostela
e 28 giugno la partecipazione alle rappresentazioni

Centosettekilometri

Organizzato

da SiciliAntica, in collaborazione con la Soprintendenza del Mare, sono


state presentate ieri
pomeriggio a Palermo
le Tragedie in programma al Teatro Greco di
Siracusa. Dopo lintroduzione di Alfonso Lo
Cascio, della Presidenza
regionale di SiciliAntica
e di Alessandra De Caro,
della Soprintendenza
del Mare, si terr la relazione di Ignazio Romeo,
Studioso di Storia del
Teatro che parler delle
tre rappresentazione
classiche: le Supplici
di Eschilo, lIfigenia in
Aulide di Euripidee e la
Medea di Seneca. Voce
recitante: Cinzia Carraro, Musiche: Roberta
Mastroluca.
Ledizione di questanno afferma Alfonso
Lo Cascio, della Presidenza regionale di
SiciliAntica - stata
con ragione definita
una trilogia del mare. E
infatti il concetto della
terribilit del mare il fil

Il sacrificio di Ifigenia olio su tela di Francesco Fontebasso, 1749.

rouge che lega tra loro


le tre opere: risacca di
profughi in cerca di
asilo nelle Supplici, superficie immobile e inquietante nellIfigenia,
marea incontrollabile e
fatale nella Medea. Una
Trilogia del Mare che ha
anche molti richiami alla
realt attuale, soprattutto nel mare di Sicilia,
che stato in questi anni
testimone della morte di

tante donne, bambini,


uomini con la sola colpa
di dover fuggire dalla
guerra e dalla povert
verso le coste meridionali dellEuropa.
LAssociazione SiciliAntica ha anche organizzato per il 20 e
21 e il 27 e 28 giugno
la partecipazione alle
tragedie che si tengono al teatro greco di
Siracusa. Previste una

serie di visite guidate


tra cui al Castello Ursino di Catania e alla
mostra di Picasso e agli
orologi solari della Val
di Noto. Inoltre ha previsto la partecipazione
alle singole tragedie con
partenza per Siracusa
alle ore 15 per gioved
11 (Supplici) gioved
18 (Ifigenia in Aulide) e
venerd 19 (Medea) del
mese di giugno.

attraverso la GaliziaDa Tui a Santiago di


Compostela" il libro del Prof: Ignazio
Ricciardo Rizzo, un
siracusano che vive
a Cremona.
Domani pomeriggio
alle ore 18,00 nel
salone Baranzini al
Santuario della Madonna delle Lacrime
sar presentato il
libro del Prof. Ignazio
Ricciardo Rizzo, un
siracusano che vive
e opera a Cremona:
"Centosettekilometri
attraverso la GaliziaDa Tui a Santiago di
Compostela"
Relazioneranno
sull'emozionante
diario di viaggio.
Carmela Pace, Lucia Acerra, Giovanna
Marino, Emanuele
Midolo.
Il ricavato del libro
destinato all'Unicef
per l'acquisto di materiali sportivi per i
ragazzi diversamente
abili.

per rappresentare l'estrema difficolt di evadere la domanda di sanit da parte del personale infermieristico

Un sit in a Palermo dei componenti


del coordinamento regionale IPASVI

I componenti del coordinamento regionale IPASVI, in rappresentanza


dei 26.000 infermieri siciliani iscritti
agli albi professionali delle nove provincie siciliane, hanno organizzato ieri
mattina un sit - in in piazza Ottavio
Ziino - sede dellAssessorato alla Salute - per rappresentare l'estrema difficolt di evadere la domanda di sanit
da parte del personale infermieristico,
a causa della sempre pi insufficiente dotazione organica conseguenziale
alla mancata sostituzione dei decessi,
dei pensionamenti, delle gravidanze,
delle aspettative ecc.; tale carenza
aggravata dallapprossimarsi delle ferie estive. In merito alle nuove linee
guida sulle dotazioni organiche, lAssessorato sta rivisitando lultima bozza emanata, tenendo conto anche del
nostro emendamento gi discusso al
tavolo tecnico istituito alluopo. Sono

Sopra, lincontro dellassessore regionale alla Sanit con il Coordinamento.

state ribadite le conseguenze negative


che si avrebbero con lapplicazione
degli standards proposti e sono state esplicitate le preoccupazioni anche
in ordine ad altre figure professionali
mancanti o non appropriate.
Lassessore si detta consapevole delle ricadute negative dellapplicazione
di detti parametri e ha dichiarato che
saranno oggetto di una attenta riflessione.
In sintesi le istanze rappresentate dai
Collegi professionali degli infermieri sono state accolte favorevolmente
dallAssessore alla Salute, Dr.ssa Lucia Borsellino, che ha riconosciuto il
ruolo specifico dellordine professionale, apprezzato la propositivit delle richieste argomentate, a tutela del
bene Salute dei cittadini, rinviando gli
approfondimenti alla prossima, imminente, convocazione.

SPECIALE 12

Sicilia 5 GIUGNO 2015, VENERD

5 GIUGNO 2015, VENERD

Il convegno si aperto con il saluto di mons. Salvatore Pappalardo, arcivescovo di Siracusa.

Accogliamoci lun laltro


Amate il forestiero (Dt 10,19)

Il problema in primo luogo, politico, perch le societ devono


trovare risoluzioni per orientare e gestire movimenti cos epocali

Il fenomeno dei migranti oggi un segno


dei tempi, e interpella
credenti e non credenti
a risolvere il problema della ospitalit e
dellaccoglienza. Questo il punto di partenza
del convegno ecumenico ed interreligioso,
"Accogliamoci lun
laltro - Amate il forestiero (Dt 10,19)" in
corso all'Istituto Superiore di Scienze Religiose "San Metodio".
Accogliamoci lun laltro, interpellando i rappresentanti di diverse
religioni, e pensatori
laici, facendoli interagire in chiave interdisciplinare, sul piano etico,
scientifico, religioso e
politico, per una analisi
maggiormente attenta
e approfondita delle
questioni aperte dal
problema migrazioni e
per garantire dignit a
chi per svariati motivi,
costretto a rischio della
propria vita a lasciare
il proprio paese, nella
speranza di trovare,
una terra promessa.
Il problema in primo
luogo, politico, perch
le societ devono trovare risoluzioni per orientare e gestire movimenti
cos epocali. La Bibbia,
non offre soluzioni a
questo problema, ma
sin dallinizio da Genesi affronta il problema dello straniero. Un
convegno per far memoria, a quasi tre anni
dalla scomparsa di padre Arcangelo Rigazzi
(1945/2012), sacerdote
impegnato da sempre
nellaccoglienza del diverso, dellultimo, dello
straniero. E perch
questo lembo di Sicilia
terra di frontiera,
costretta a vivere sulla
propria pelle il dramma
umano e le tragedie
dei migranti. E oggi
sempre pi importante e
urgente approfondire il

problema, sia in ambito


religioso che laico, in
particolare se si considera che ogni giorno
quasi ormai nellindifferenza generale,
si consumano immani
tragedie con centinaia
di morti.
La Bibbia ebraica
ha spiegato don Nisi
Candido, direttore

dellISSR San Metodio


- usa tre termini per indicare lo straniero, o
forestiero che, come
diceva il Cardinale
Martini, riflettono lesperienza sofferta dei
Figli dIsraele: Tre
termini nei quali si
pu leggere qualcosa
dell'esperienza sofferta
e dinamica di Israele

e del cammino della


rivelazione nel cuore di questo popolo;
zar lo straniero lontano, nokri, lo straniero
di passaggio, gher o
thosav, lo straniero
residente. Il pensiero
ebraico sullo straniero
si evolve da negativo
in positivo dopo lesilio
Babilonese verso il VI

secolo a.e.v.. Il Nuovo


Testamento, fa un ulteriore passo avanti, in Mt
25,35ss, Ges dichiara:
Perche io ho avuto
fame e mi avete dato
da mangiare, ho avuto
sete e mi avete dato da
bere, ero un forestiero
e mi avete ospitato[]
In verit vi dico: ogni
volta che avete fatto
queste cose a uno solo
di questi miei fratelli
pi piccoli, lavete fatto
a me, laccoglienza
dello del povero, dello
straniero diventa una
Imitatio Christi.
Il convegno si aperto
con il saluto di mons.
Salvatore Pappalardo, arcivescovo di
Siracusa. Impedimento
dellultimo momento
per Vincenzo Bertolone, arcivescovo di
Catanzaro e Squillace,
che ha voluto inviare
un suo ricordo di don
Arcangelo Rigazzi.
Il suo fu ministero di
prossimit: verso gli
immigrati, i forestieri, gli aramei erranti
evocati nello Shem
Israel. Se la Chiesa
madre senza confini e
senza frontiere, ovvero madre di tutti, non
potr che sforzarsi di
alimentare la cultura
dellaccoglienza e della

solidariet, ovvero la
cultura della prossimit.
In questa cultura nessuno inutile, nessuno
fuori posto o da scartare
da parte dei Paesi di approdo, come lItalia. A
questo riguardo, lagire
missionario e di prossimit di don Rigazzi
a Cassibile trov una
comunit molto accogliente, composta da
persone perbene, dotate
di alto senso di solidariet, pur vivendo in un
territorio gi fortemente
penalizzato da criticit
di amministrazione che
colpivano soprattutto i
meno abbienti. E tra essi
i giovani. Ma limmigrazione verso lEuropa
comporta anche dei profili sociali, economici e
politici. In merito, mi
sembra che la questione
pi rilevante (alla quale
anche la Chiesa interessata e collabora)
quella dinstaurare una
corretta politica per
l'immigrazione. Come
governare in maniera
razionale il fenomeno
dell'immigrazione, soprattutto stagionale?
Queste domande di
natura sociopolitica
esistevano anche prima
dei fenomeni migratori
di massa di questi ultimi
tempi. Infatti don Arcangelo e collaboratori
si domandavano quale
politica per l'accoglienza e l'integrazione dei
lavoratori immigrati
si dovesse adottare nei
confronti, in specie, delle comunit di immigrati residenti a Cassibile,
e per i lavoratori stagionali che arrivavano ogni
anno tra aprile e giugno,
da integrare con i residenti. Don Rigazzi era
arrivato a Cassibile alla
fine degli anni Novanta,
cominciando subito a
dedicarsi, a modo suo,
ai pi deboli, ai meno
fortunati, ai sofferenti,
alle famiglie e agli
svantaggiati attraverso
il Centro per Richiedenti Asilo "Giovanni
Paolo II". Don Rigazzi
provoc il suo spirito
di pastore e sollecit
lazione apostolica dei
suoi laici, di fronte alle
navi che raggiungono
lItalia insulare e meridionale, porta dellEuropa in determinati
periodi di vento e mare
favorevoli, con a bordo
centinaia e centinaia di
immigrati. Se lisola di

Lampedusa, perla del


Mare nostrum, nel
gennaio 2009 protest
insieme ai migranti per
la difesa dei diritti umani, fu anche per lazione
di preti e laici che non
ritengono un optional
lazione sociale e civile,
parte integrante della
dottrina sociale della
Chiesa.
Quindi intervenuto
mons. Cristiano Bettega, direttore dellUfficio Nazionale per il
Dialogo Interreligioso:
Da anni si insiste sulla
necessit che le religioni dialoghino tra loro.
Bisogna che tutti ci impegniamo a riscoprire la
vera motivazione che
ci spinge al dialogo: il
fondamento del dialogo
ci porta direttamente al
cuore della fede di ciascuno di noi. Il compito
fondamentale di ogni
fede quello di educare
luomo ad essere pi
uomo, cio ad essere
aperto al dialogo con
lAltro. Allora il dialogo non una dimensione della fede, il dialogo
la fede, una sorta di
vera e costante conversione alla propria fede.
Legata a questa, una
seconda sfida: sostenere
la conversione.
E parlare di conversione non pu e non
deve essere mai rivolto allaltro, come
a dire che laltro deve
cambiare il suo modo
di porsi e di pensare;
devo essere sempre io
il primo a convertirmi,
ciascuno di noi deve
riconoscere la necessit
di essere in continuo
stato di conversione.
Poi il dialogo credo sia
chiamato a sostenere la
verit delluguaglianza
di tutti: sulla base di
Gen 1,26, secondo cui
ogni uomo creato a
immagine e somiglianza del Creatore. E qui si
apre una strada senza
fine: perch riconoscere
che la persona che ho di
fronte prima di appartenere alla mia stessa
fede o a una fede altra
dalla mia o a nessuna
fede, appartiene a Dio.
Questa uguaglianza
per non pu essere
globalizzazione: per
questo il dialogo credo
sia chiamato a sostenere
la diversit, a volte anche la contraddizione
presente tra le diverse
fedi.

E allora credo che qui


si intravveda quale sia
la sfida pi urgente per
la Chiesa, per ciascun
cristiano: la sfida cio
di sostenere la testimonianza. Seguire il
Vangelo, seguire Ges
di Nazareth per i cristiani non un fatto
di tradizione culturale,
geografica, ambientale.
scelta di vita, da rimotivare ogni mattina, da
verificare ogni sera, da
tradurre in ogni gesto.
Lo stile del Vangelo,
stile di rispetto, accoglienza, riconciliazione, servizio, amore:
questo stile di Vangelo
la possibilit che tutti
coloro che incontriamo
entrino in contatto con
la Chiesa e con Ges
Signore, e quindi con la
sua salvezza. Incontrare
un credente convinto,
disposto a tutto per
amore, non lascia indifferente nessuno. E
appunto lultima sfida
per il dialogo oggi credo
sia proprio quella di
sostenere il Mistero;
che in altre parole
lapertura verso un Dio
che posso intuire, mai
comprendere; un Dio
che non ha volto ma si
fa riconoscere nel volto
dellaltro, di modo che
proprio laltro diventa
il luogo in cui io posso
incontrare Dio.
La parola passata a
Daniele Garrone, pastore Valdese; Gianpaolo Anderlini, Biblista;
Marco Mazzeo, componente dellUfficio

Ecumenismo e Dialogo
Interreligioso dellArcidiocesi di Siracusa;
Bruno Segre, ricercatore e operatore culturale
indipendente.
Mostafa El Ayoubi,
caporedattore di Confronti, ha evidenziato:
Noi viviamo in un
villaggio globale, dove
c una distanza tra persone che appartengono
a culture e religioni
diverse: vivono accanto
allaltro, ognuno per
con i propri pregiudizi
e preconcetti, disattendendo gli insegnamenti
della propria fede.
Il Corano dice che
bisogna rispettare
laltro o lo straniero
in terra islamica. Ma
basta pensare alla situazione catacombale

dei cristiani in Arabia


Saudita contraria alla
religione islamica. Il
profeta raccomanda
il rispetto dellaltro.
Chi uccide straniero
il terra musulmana non
sentir mai lodore del
paradiso dice un detto.
Lestremismo islamico
detto anche jihadismo
con atti di violenza nei
confronti dellaltro dimostrano che una parte
della realt islamica non
in grado di rispettare
i dettami della propria
fede. Questo vale anche
per la religione cristiana. In Europa arrivano
centinaia di migliaia.
Dei cinque milioni di
immigrati presenti sul
territorio italiano, il 33
per cento di religione
islamica. Spesso le

Sicilia 13

speciale

e con molti problemi.


Non prendiamo sul
serio il Vangelo, non
lo conosciamo e non
lo leggiamo: Ges
chiarissimo in Matteo.
Arriva a sostenere che
la questione di fondo
dare da mangiare agli
affamati, indipendentemente dalle appartenenze e dalla caselle
ideologiche. Il servizio
verso lultimo. Se noi
conoscessimo il Vangelo vinceremmo la paura
che un dato antropologico che oggi c ed
e diffusa, quindi non
c da scandalizzarsi.
Ges ci invita a vincere
la paura.
Ancora gli interventi
di Giuseppe Mazzotta,
direttore dellUfficio
diocesano Apostolato
del mare; e Raffaello
Zini della redazione di
QOL. Infine don Luigi
politiche di integra- Corciulo, neo direttore
zione sono inadeguate dellUfficio diocesano
allinsegnamento dei per le migrazioni, ha
sottolineato lazione
cristiani.
Brunetto Salvarani, della Chiesa in figure
teologo e biblista, diret- come quella di don
tore della rivista QOL, Rigazzi: Questa un
ha ricordato: Oggi opportunit per valodobbiamo rileggere il rizzare lazione della
Vangelo alla luce dei Chiesa e di un prete
segni dei tempi, come che stato esempio. Ha
diceva Giovanni XXIII. iniziato laccoglienza
Un segno dei tempi aprendo la sua chiesa.
la societ plurali- Facendo in modo che
sta e per alcune zone fosse dettata dal VandellItalia questa nuova gelo. Unoccasione per
accoglienza di stranieri educarci ad unaccomette a dura prova e glienza che dovrebbe
ci chiede di prendere essere impronta del nosul serio il Vangelo. E stro essere cristiani e poi
una sfida importante e ad una convivenza che
ineludibile. Io vedo il diventa capacit di coprevalere di una cultura noscerci ed accettarci.
individualista e chiusa Purtroppo facciamo
nellaltro che il segno fatica ad accettare chi
di questa societ malata diverso da noi, anche
chi ha orari diversi per
mangiare o per pregare,
perch guardiamo solo
al nostro quotidiano.
Lincontro stato organizzato da tre uffici
pastorali dellArcidiocesi di Siracusa (lUfficio diocesano per le
migrazioni, lUfficio
diocesano per lApostolato del mare, lUfficio
diocesano per lEcumenismo e il Dialogo
interreligioso) e dalla
rivista di studi biblici
ed ecumenici QOL, e
promosso dallUnedi (Ufficio Nazionale
per lEcumenismo e il
Dialogo Interreligioso)
e dallUredi (Ufficio
regionale per lEcumenismo e il Dialogo
Interreligioso).

Cultura 14

Sicilia 5 GIUGNO 2015, VENERD

Concluso con lodevoli risultati


il 26 corso di formazione

Eccezionalmente tenuto in due sessioni parallele, una a Siracusa


centro e l'altra a Cassibile, il 26 corso di
formazione a cura dello
staff delle formatrici
della Rete Centri Antiviolenza di Raffaella
Mauceri, si concluso
sfornando una nuova
pattuglia di operatrici
pronte a mettersi alla
prova.
Seguir adesso un
congruo periodo di tirocinio dopodich le
operatrici andranno ad
inserirsi nei vari sportelli della provincia. Ad
eccezione di Cassibile
che invece uno sportello nuovo di zecca e
dovr essere avviato e
formalmente inaugurato.
Qui di seguito due lettere delle corsiste scelte
per l'ormai noto coinvolgimento
emotivo
che caratterizza le allieve dei corsi diretti da
Raffaella Mauceri
- Cara sorella,
i mesi trascorsi a frequentare il corso di formazione per diventare
unoperatrice di centri
antiviolenza sono volti al termine,. E stato
un corso avvincente,
molto articolato, interessante, a volte crudo,
che ogni settimana ha
riversato in me orrore
e saperi sconosciuti,
capaci di smuovere
qualcosa del mio io che
nemmeno immaginavo.
Oggi sono una donna
pi sicura, pi forte e
consapevole che bisogna continuare a lottare
per la nostra emancipazione in una societ
dove noi siamo le vittime per definizione.
Mi aspettavo molta
parte teorica incentrata
sulla figura dell'operatrice, pensavo che sarei
stata formata tecnicamente e invece no.
Questo corso stato
molto di pi: hanno
formato ME, hanno
formato una donna,
una femminista, sviscerando, grazie alla
Presidente
Raffaella
Mauceri e al suo modo

Seguir adesso un congruo periodo di tirocinio dopodich le operatrici andranno ad inserirsi nei vari sportelli della provincia
Cassibile invece uno sportello nuovo di zecca e dovr essere avviato e formalmente inaugurato

di essere provocatoria,
parti di me del tutto
inesplorate.
Oggi conosco il vero
significato di essere
femminista, che non
vuol dire avercela con

spetto e la dignit che


ci dovuta.
Mi auguro di diventare
una brava operatrice.
Ringrazio la Presidente
Mauceri una infaticabile combattente e tutte

scita a rinascere, nonostante le immense


cicatrici.....
Con affetto Marisa
- Cara Federica,
forse perch sei lonta-

mie considerazioni sul


tema della lotta contro
la violenza sulle donne.
Ebbene si, devo ammettere con grande
rammarico che davanti
al termine Femmini-

All'interno due
lettere delle
corsiste scelte per l'ormai
noto coinvolgimento emotivo
che caratterizza le allieve
dei corsi diretti
da Raffaella
Mauceri

gli uomini, o professare superiorit rispetto a


loro, non tutto il genere
maschile marcio, ci
sono uomini che stimano le donne. Significa
rivendicare un posto
dove abitare con il ri-

le docenti che ci hanno


seguito in questo grandioso percorso.
A te sorella mia che sei
la mia migliore amica
sin dalla nascita, una
donna che ha subito,
sofferto e oggi riu-

na da me, forse perch


sei mia figlia o semplicemente perch vorrei
metterti al corrente di
quanto ho appreso al
corso di formazione, ti
scrivo per raccontarti
la mia esperienza e le

smo ero davvero impreparata.


Tutto inizi l8 Marzo
di questanno, quando
il parroco della Chiesa di Cassibile, Padre
Arnone, organizz una
mostra antiviolenza e

quando la Presidente
Raffaella Mauceri afferm che di li a poco
sarebbe stato aperto
uno sportello antiviolenza, per aiutare le
donne di questo piccolo
paese che subiscono atti
violenti senza ribellarsi.
Per molte persone questo giorno particolare
dellanno semplicemente
unoccasione
buona per andare a
mangiare una pizza in
comitiva, altre vanno in
discoteca ma questa
invece una data che
ci deve fare tanto riflettere, perch dietro all8
Marzo si cela la lotta
delle femministe contro
la violenza maschilista,
per affermare la parit
dei diritti di entrambi i
sessi.
Noi donne, come gruppo sociale e non come
sesso debole, dobbiamo sostenere la donna
offesa e maltrattata con
la nostra solidariet, riconoscendoci una per
una vittima tra le vittime attraverso la pratica
della sorellanza. Perch
la solidariet e la sorellanza sono sinonimi di
intelligenza, sensibilit
e coraggio, qualit peculiari delle ninfe Nereidi, da cui poi il nome
che fu attribuito ai vari
centri antiviolenza di
Siracusa.
Con questi ideali nel
cuore e nellanima, noi
donne dobbiamo essere spinte a riscoprire
quelle radici storiche
e culturali che gli uomini e la loro cultura
patriarcale hanno violentemente estirpato, e
riappropriarcene.
Ci tengo molto a dirti
che ringrazio calorosamente la donna per
merito della quale oggi
riesco a raccontarti tutto questo, la Presidente
Raffaella Mauceri, che
con la sua forza e la
sua determinazione
riuscita a risvegliare gli
animi di molte donne,
compreso il mio.
Ti abbraccio forte, e
spero che tu possa fare
tesoro di quanto ti scrivo in questa lettera.
La tua Mamma

5 giugno 2015, venerd

Sicilia 15

SPORT SIRACUSA

Pallanuoto finale Play off A2

LOrtigia riapre il sogno


Leone: Non ho parole
per descrivere i miei ragazzi

Insieme all' equipaggio di skipper siracusani, al Campionato Mondiale di Vela - ORC


World Championship 2015 che si svolger a Barcellona ci saranno Elias e Muhamed
A

l Paolo Caldarella una Ortigia tutto


cuore riapre le porte
del sogno A1 riportando tutto in gare
tre. Ancora una volta
il fattore casa stato
rispettato, in quanto
il sette triestino si
nettamente imposto
per 16-8. I ragazzi di
mister Leone avevano quindi, mercoled, un solo risultato
possibile, la vittoria
che hanno rispettato
portando tutto nella
gara 3. La lieta sorpresa per i padroni di
casa stata rivedere
in panchina il vicecapitano Dario Puglisi,
che si era infortunato
ad una costola a Sori
nella semifinale di
pochi giorni fa. Ades-

so la speranza per
tutti i tifosi aretusei
che il fattore casa
non venga rispettato
poich domani i biancoverdi saranno nuovamente impegnati
al Bruno Bianchi di
Trieste dove i tifosi
alabardati
saranno
larma in pi per i
ragazzi di mister Stefano Piccardo. "Non
ho pi aggettivi per
questi ragazzi - afferma a fine partita uno
stremato Gino Leone
-. Fin dopo gara uno
avevo detto ai ragazzi
che ci saremmo rialzati, perch conosco
il loro carattere e la
loro moralit. Nonostante gli acciacchi
e le defezioni, tutti
hanno dato il 110%.

Poi con un Patricelli


in questa forma, tutta
la squadra prende coraggio. Abbiamo giocato una grande difesa, dividendoci i falli
senza subire troppo
Trieste, ma siamo
sempre stati abili nel
portare la partita dove
volevamo." . E stata una bella battagliacommenta il capitano
Gianluca Patricelli- Il
Trieste ha dimostrato
nuovamente di essere
una grande squadra,
ma noi non potevamo sfigurare davanti
al nostro pubblico
nellultima partita in
casa della stagione.
Linerzia della gara
stata sempre dalla
nostra parte, tranne
nel terzo tempo dove,

In foto, il capitano biancoverde Patricelli

per colpa di un paio


di episodi, gli avversari sono riusciti ad andare avanti,
ma solo per qualche
minuto. Siamo soddisfatti, adesso sappiamo come affrontarli, e sicuramente
sabato disputeremo
un match diverso da
gara 1. Andremo li a
giocarcela senza paura, e vincer chi avr
pi energie mentali.
Comunque vada sar
una grande festa tra
due squadre, che meriterebbero entrambe
la promozione. Anche il tecnico giuliano Stefano Piccardo
abbozza unanalisi a
caldo: "Non abbia-

mo gestito al meglio
alcuni possessi offensivi, soprattutto
nel finale. Ma non
era facile, anche perch ci siano ritrovati
subito con 3 titolari
gravati di due falli
gravi e negli ultimi
minuti eravamo davvero contati. Per noi
comunque, giocare
in un'atmosfera cos
bella, in una situazione diversa rispetto a
come siamo abituati,
deve rappresentare
un ulteriore balzo in
avanti sotto la crescita generale del gruppo". "La prestazione
non stata quella
che ci aspettavamo
- spiega a fine gara

il direttore sportivo
della Pallanuoto Trieste Andrea Brazzatti
- credo che un po' abbiamo pagato il fatto
di giocare all'aperto
e non siamo riusciti
a tenere alto il ritmo
come siamo soliti
fare. Certo che anche
oggi non siamo stati fischiati bene e in
questi play-off non
la prima volta che ci
capita. Adesso ci riposiamo, riordiniamo
le idee e poi prepareremo al meglio gara3, che giocheremo
davanti ai nostri tifosi, che per noi rappresentano un sostegno
fondamentale.
Salvatore Cavallaro

Vela, alla sala Archimede presentazione Basket under 15, al PalaAkradina lAretusa prova
dellequipaggio dellOttovolante
a ribaltare il risultato con l'Amatori Messina

lias e Muhamed, due migrati giunti


sulle coste siciliane a bordo di barconi
fatiscenti, dal 27 giugno al 4 luglio prossimi parteciperanno, con limbarcazione
Ottovolante, insieme ad un equipaggio di skipper siracusani, al Campionato Mondiale di Vela - ORC World
Championship 2015 che si svolger a
Barcellona. Questo equipaggio speciale
verr presentato alla stampa oggi alle
ore 10,30 presso la sala Archinede del
comune di Siracusa che, insieme al comune di Pozzallo, ha deciso di sostenere
questa iniziativa. Sar presente lassessore regionale alle Infrastrutture e ai
Trasporti, Giovanni Pizzo. All'incontro
con i giornalisti parteciperanno, inoltre,
il sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo, e l'assessore al Bilancio, Gianluca
Scrofani; il sindaco di Pozzallo, Luigi
Ammatuna, il presidente della Comunit di SantEgidio, Emiliano Abramo, la
coordinatrice del progetto Traversata,
Concetta Carbone.

Sconfitta esterna

dellAretusa contro lAmatori Basket Messina Under


15 nella gara di andata della finale regionale per 98-62. In un PalaTracuzzi
interamente gremito per i ragazzi di
coach Angelo Valerio resistere agli
attacchi dei messinesi stato molto
difficile, riportando tutto nella gara
due di oggi al PalaAkradina con ini-

zio alle ore 19 . Per passare il turno,


i biancoverdi dovrebbero vincere con
35 punti di scarto, unimpresa quasi
impossibile se si pensa che i neroarancio dellAmatori Basket, hanno
un ruolino di marcia immacolato caratterizzato da 23 vittorie su 23 incontri. "La speranza l'ultima a morire"
S.C.

Sicilia

SPORT PAGINA 16 5 giugno 2015, venerd

Al termine di
questo evento
scatteranno
i campionati
internazionali
con in campo
il Football club
Messina-Melluzzo

Calcio, a Lignano Sabbiadoro spedizione


aretusea Aics con due squadre
A

Lignano Sabbiadoro, spedizione


aretusea "folta" in
occasione dei campionati
nazionali
Aics di calcio e internazionali dello
Csit (l'ente mondiale a cui si appoggiano tutte le consociate come l'Aics
a livello europeo).
Da ieri fino a domenica saranno i campionati nazionali a
farla da padrone e
l'Aics di Siracusa
sar presente con i
ragazzi dell'Europ-

Grande

fatica per
il Citt di Siracusa
di tennistavo che
riesce ad approdare nel campionato nazionale di C1
dopo una stenuante
fase dei play off.
Alla seconda fase
dei playoff di C2,
che si svolta nella
palestra dell'istituto
Agrario di Via Elorina, oltre al Citt
di Siracusa c'erano il Pietra- perzia
di Enna, l'Astra di
Messina, lo Stur- zo
di Caltagirone, il
Gela ed il Mazzola
di Palermo, divisi in
due gironi da tre.
Nel girone degli are-

Tutto pronto a Lignano Sabbiadoro per il campionati Aics.


L'Associazione sportiva aretusea sar presente con due squadre
tik vincitori regionali di calcio a 11 e
quindi di diritto presenti alla competizione. La squadra di
Marco Caziero sar
rappresentata dallo
stesso responsabile
del team, oltre che
da Alessio Genovese, Salvatore Failla, Luca Bianchini,
Mario
D'Alessio,
Marco Cassia, Michele Formisano,

Imerio Ricci, Fabio


Rizza, Toni e Salvatore
Zammitti,
Gaetano
Bianca,
Andrea Genovese,
Giovanni Crapa e
Mario Marchese.Al
termine di questo
evento scatteranno
i campionati internazionali e ci sar
grande attesa per il
Football club Messina-Melluzzo capitanato da Roberto

TennisTavolo, che fatica alla fine


arriva la C1 per il Citt di Siracusa
tusei sono state inserite le societ del
Mazzola Palermo e
dell'Astra Messina.
Dopo la fase eliminatoria, ai vertici
della classifica si
piazzata Astra, che
ha superato per 5-3
il Citt di Sira- cusa,
nonostante i tre punti di Gianluca Petrolito. Senza storia,
invece,
l'incontro
che vedeva di fronte Mazzola Palermo
e Citt di Siracusa,
con quest'ultimo che

si imponeva per 5-1


grazie ai due punti
cia- scuno totalizzati
da Gianluca Petrolito e Rosario Basile
e al punto realizzato
da Salvatore Aliotta.
Poi la partita decisiva con lo Sturzo
Caltagirone, primo
del giro- ne B: la
spuntava il Citt di
Siracusa, ma solo al
termine di una gara
tiratissima, conclusasi per 5-4 in favore della squa- dra
del presidente Sal-

Regina e il cui tecnico Antonello Di


Nicola. La selezione siracusana, che
lo scorso anno vinse
un titolo nazionale a
Pescara in occasione di un altro evento italiano, sar presente nel calcio a 11
per il campionato
che andr nella settimana dal 7 al 14.
Oltre a capitan Regina, la squadra sar
vo Aliotta. I punti
sono stati realizzati due ciascuno da
Basi- le e Petrolito
e, sul quattro pari, il
punto decisivo per
il Citt di Siracusa
stato conquistato da
Aliotta.
Il Citt di Siracu- sa
e l'Astra sono state
promosse in serie
C1 maschile. finita in bellezza anche
per la squadra di D1
maschile del Citt
di Siracusa composta da Salvatore e
Gio- vanni Bazzano
e da Nicola Romoli,
che riuscita a superare il concentramento per accedere
alla C2

composta da Peppe
Agliano', Luciano
Amadore, Amedeo
Bianchini, Andrea
Germano,
Simone Figura, Luciano
Lentini, Mirko Linares, Bryan Quarto, Gaetano Favara,
Giovanni Cerruto,
Marco
Saraceno,
Santino Russo, Paolo e Antonio Messina. Spedizione che
sar completata dal
presidente Enrico
Messina e dai dirigenti Nicola Figura,
Roberto Germano e
Giancarlo Cannata.
La comitiva Aics
comprender
anche l'arbitro Marco Torneo, uno dei
fischietti designati
sia per la competizione nazionale sia
per quella internazionale.
Presenti, infine, il
presidente Aics di
Siracusa Enzo Nassetta che far parte
della commissione
tecnica di calcio a
11 nazionale e internazionale e il presidente
regionale
Aics Liddo Schiavo
che presenziera' alla
cerimonia d'apertura dei campionati
internazionali luned 8 giugno.

Coni,
XII Giornata
dello Sport
in programma a Palermo

Ventiquattrore

di
sport. Per tutti i gusti e tutte le et. Anche a Palermo, domenica 7 giugno il
Coni - insieme alle
Federazioni sportive, agli Enti di
promozione sportiva, alle Discipline
sportive associate
e alle Associazioni
Benemerite organizzer eventi e
spazi informativi
per la XII Giornata nazionale dello
Sport.
In calendario: dimostrazioni sportive
per
atleti
normodotati e diversamente abili,
competizioni
in
varie discipline, ma
anche gare aperte
ai cittadini e prove
gratuite insieme a
istruttori sportivi
federali.
Il programma della Giornata dello
Sport a Palermo
verr illustrato gioved 4 giugno alle
ore 15,30 presso
lo Sporting Village (Viadotto Carlo
Perrier, 3) che ospiter la manifestazione, trasformandosi per un giorno
in una vera e propria cittadella dello
sport. Terranno la
conferenza stampa: il presidente
regionale del Coni
Sergio DAntoni, il
presidente provinciale del Coni Michele Bevilacqua,
il presidente del
Comitato Italiano
Paralimpico Aldo
Radicello e il Coordinatore Regionale
dell'Ufficio Scolastico di Educazione Fisica Giovanni
Caramazza.