Sei sulla pagina 1di 386

FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE E ZOOTECNICHE

BRESCIA

ESERCITAZIONI DI MICROBIOLOGIA

Maurizio Zavanella

EDITO A CURA DELLA


FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE
E ZOOTECNICHE - BRESCIA

81

ESERCITAZIONI DI MICROBIOLOGIA

Nella stessa collana sono stati pubblicati i seguenti volumi:


l - 1979
2 - 1980
3 - 1980
4 - 1980
5 - 1981
6 - 1981
7 - 1982
8 - 1982
9 - 1983
10 - 1983
11 - 1983
12 - 1984
13 - 1984
14 - 1984
15 - 1985
16 - 1986
17 - 1986
18 - 1987
19 - 1987
20 - 1988
21 - 1989
22 - 1989
23 - 1989
24 - 1989
25 - 1990
26 - 1990
27 - 1990
28 - 1991
29 - 1991
30 - 1991
31 - 1991
32 - 1992
33 - 1992
34 - 1993
35 - 1993
36 - 1993
37 - 1994
38 - 1995

II

Infezioni respiratorie del bovino


Loggi e il domani della sulfamidoterapia veterinaria
Ormoni della riproduzione e Medicina Veterinaria
Gli antibiotici nella pratica veterinaria
La leucosi bovina enzootica
La Scuola per la Ricerca Scientifica di Brescia
Gli indicatori di Sanit Veterinaria nel Servizio Sanitario Nazionale
Le elmintiasi nellallevamento intensivo del bovino
Zoonosi ed animali da compagnia
Le infezioni da Escherichia coli degli animali
Immunogenetica animale e immunopatologia veterinaria
5 Congresso Nazionale Associazione Scientifica di Produzione Animale
Il controllo delle affezioni respiratorie del cavallo
1 Simposio Internazionale di Medicina veterinaria sul cavallo da competizione
La malattia di Aujeszky. Attualit e prospettive di profilassi nellallevamento suino
Immunologia comparata della malattia neoplastica
6 Congresso Nazionale Associazione Scientifica di Produzione Animale
Embryo transfer oggi: problemi biologici e tecnici aperti e prospettive
Coniglicoltura: tecniche di gestione, ecopatologia e marketing
Trentennale della Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche di
Brescia, 1956-1986
Le infezioni erpetiche del bovino e del suino
Nuove frontiere della diagnostica nelle scienze veterinarie
La rabbia silvestre: risultati e prospettive della vaccinazione orale in Europa
Chick Anemia ed infezioni enteriche virali nei volatili
Mappaggio del genoma bovino
Riproduzione nella specie suina
La nube di Chernobyl sul territorio bresciano
Le immunodeficienze da retrovirus e le encefalopatie spongiformi
La sindrome chetosica nel bovino
Atti del convegno annuale del gruppo di lavoro delle regioni alpine per la
profilassi delle mastiti
Allevamento delle piccole specie
Gestione e protezione del patrimonio faunistico
Allevamento e malattie del visone
Atti del XIX Meeting annuale della S.I.P.A.S., e del Convegno su Malattie
dismetaboliche del suino
Stato dellarte delle ricerche italiane nel settore delle biotecnologie applicate
alle scienze veterinarie e zootecniche - Atti 1a conferenza nazionale
Argomenti di patologia veterinaria
Stato dellarte delle ricerche italiane sul settore delle biotecnologie applicate alle scienze veterinarie e zootecniche
Atti del XIX corso in patologia suina e tecnica dellallevamento

39 - 1995
40 - 1996
41 - 1996
42 - 1998
43 - 1998
44 - 1998
45 - 2000
46 - 2000
47 - 2001
48 - 2001
49 - 2001
50 - 2002
51 - 2002
52 - 2003
53 - 2003
54 - 2003
55 - 2004
56 - 2004
57 - 2004
58 - 2005
59 - 2005
60 - 2005
61 - 2006
62 - 2006
63 - 2006
64 - 2006
65 - 2006
66 - 2007
67 - 2007
68 - 2007
69 - 2007
70 - 2007
71 - 2008
72 - 2008
73 - 2008
74 - 2009
75 - 2009
76 - 2009
77 - 2010
78 - 2010
79 - 2010
80 - 2010

Quale bioetica in campo animale? Le frontiere dellingegneria genetica


Principi e metodi di tossicologia in vitro
Diagnostica istologica dei tumori degli animali
Umanesimo ed animalismo
Atti del Convegno scientifico sulle enteropatie del coniglio
Lezioni di citologia diagnostica veterinaria
Metodi di analisi microbiologica degli alimenti
Animali, terapia dellanima
Quarantacinquesimo della Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche di Brescia, 1955- 2000
Atti III Convegno Nazionale di Storia della Medicina Veterinaria
Tipizzare le salmonelle
Atti della giornata di studio in cardiologia veterinaria
La valutazione del benessere nella specie bovina
La ipofertilit della bovina da latte
Il benessere dei suini e delle bovine da latte: punti critici e valutazione in
allevamento
Proceedings of the 37th international congress of the ISAE
Riproduzione e benessere in coniglicoltura: recenti acquisizioni scientifiche e trasferibilit in campo
Guida alla diagnosi necroscopica in patologia suina
Atti del XXVII corso in patologia suina e tecnica dellallevamento
Piccola storia della Medicina Veterinaria raccontata dai francobolli
IV Congresso Italiano di Storia della Medicina Veterinaria
Atti del XXVIII corso in patologia suina e tecnica dellallevamento
Atlante di patologia cardiovascolare degli animali da reddito
50 Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche di Brescia,
1955- 2005
Guida alla diagnosi necroscopica in patologia del coniglio
Atti del XXIX corso in patologia suina e tecnica dellallevamento
Proceedings of the 2nd International Equitation Science Symposium
Piccola storia della Medicina Veterinaria raccontata dai francobolli - II edizione
Il benessere degli animali da reddito: quale e come valutarlo
Proceedings of the 6th International Veterinary Behaviour Meeting
Atti del XXX corso in patologia suina
Microbi e alimenti
V Convegno Nazionale di Storia della Medicina Veterinaria
Proceedings of the 9th world rabbit congress
Atti Corso Introduttivo alla Medicina non Convenzionale Veterinaria
La biosicurezza in veterinaria
Atlante di patologia suina I
Escherichia Coli
Attivit di mediazione con lasino
Allevamento animale e riflessi ambientali
Atlante di patologia suina II Prima Parte
Atlante di patologia suina II Seconda Parte

III

Fondazione iniziative zooprofilattiche e zootecniche


- brescia Direttore scientifico: Prof. E. Lodetti

ESERCITAZIONI
DI MICROBIOLOGIA

Maurizio Zavanella

Collaboratori:
Giuseppe Ravizzola
Renzo Mioni
Salvatore Catania
Riccardo Muliari
Lina Moschini
Antonella Tosca
Renzo Zanoni

EDITO A CURA DELLA


FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE
E ZOOTECNICHE - BRESCIA
Via Istria, 3/b - 25125 Brescia

ISBN 978-88-904416-5-3
Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche - Brescia, gennaio 2011
Tipografia Camuna - Brescia 2011

NOTE BIOGRAFICHE DEGLI AUTORI


MAURIZIO ZAVANELLA Biologo, laureato a Padova, ha lavorato dal 1966 al
1998 presso lIstituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dellEmiliaRomagna Sede Centrale di Brescia. Ha diretto il Dipartimento di Batteriologia,
comprendente attivit di ricerca (microbiologia degli alimenti, batteriologia speciale)
e di produzione (diagnostici e vaccini batterici).
GIUSEPPE RAVIZZOLA Biologo del Laboratorio di Microbiologia e Virologia
dellOspedale Civile di Brescia. Si occupa di diagnostica delle malattie ad eziologia
batterica e vanta una lodevole conoscenza pratica dei metodi danalisi. Ha pubblicato
vari lavori dedicati, tra laltro, allazione dei farmaci sui batteri e al fenomeno
dellantibiotico-resistenza.
RENZO MIONI Laureato in Scienze Biologiche allUniversit di Padova nel 1976,
ha acquisito una notevole esperienza nel controllo igienico-sanitario degli alimenti di
origine animale finalizzato alla sicurezza alimentare. Dirige la Struttura Complessa
di Microbiologia Alimentare presso lIstituto Zooprofilattico delle Venezie di
Legnaro (Padova).
SALVATORE CATANIA Dirigente Veterinario nella Struttura Complessa Territoriale
per larea diagnostica di Padova presso lIstituto Zooprofilattico Sperimentale delle
Venezie Sede Centrale di Legnaro (Padova). La sua attivit mirata al controllo
delle malattie infettive, con particolare riguardo a quelle che colpiscono il settore
avicolo e le specie daffezione.
RICCARDO MULIARI Dirigente Veterinario nella Struttura Complessa Territoriale
per larea diagnostica di Verona dellIstituto Zooprofilattico Sperimentale delle
Venezie. Data la zona di competenza, la sua attivit di laboratorio, estesa agli animali
da reddito, concentrata soprattutto sui problemi sanitari legati agli allevamenti
avicoli.
LINA MOSCHINI Dirigente Medico dellU.O. di Microbiologia presso il
Laboratorio di Sanit Pubblica G. Nardi dell ASL di Brescia, la cui attivit di
controllo verte soprattutto sulligiene dellambiente, delle acque e degli alimenti.
ANTONELLA TOSCA Laureata in Biotecnologie Mediche, insegnante di Tecnica
Microbiologica all I.P.C. Camillo Golgi di Brescia. Per anni ha lavorato
come tecnico di laboratorio presso il Laboratorio di Microbiologia e Virologia
dellOspedale Civile di Brescia.
RENZO ZANONI In qualit di tecnico, ha lavorato nel Laboratorio di Istologia
dell Istituto di Patologia Generale dell Universit di Padova (Facolt di Medicina
e Chirurgia) dal 1963 al 1977, operando soprattutto nellambito della diagnostica,
della ricerca in campo neuro-muscolare e della didattica.

VII

PRESENTAZIONE
Numerosi enti pubblici (Ospedali, Universit, Istituti Zooprofilattici, ASL, ARPA) possiedono laboratori di batteriologia, che concorrono a svolgere sul territorio un servizio assai
articolato.
Ricerche microbiologiche vengono fatte anche presso strutture private, cio cliniche, laboratori di analisi mediche, industrie farmaceutiche ed alimentari.
In queste ultime la batteriologia ha registrato
uno sviluppo notevole dopo l obbligo dellautocontrollo nei paesi della CEE.
La Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e
Zootecniche, sensibile all esigenza di concorrere alla preparazione professionale del personale, dedica questo manuale soprattutto a coloro
che frequentano Corsi di Specializzazione per
Tecnici di Laboratorio Biomedico o Alimentare
e le Scuole di Specializzazione post-laurea per
Medici, Veterinari e Biologi.
Molti infatti sostengono oggi la necessit di
una formazione di base allargata a pi settori
che hanno in comune lattivit diagnostica.
Il Segretario Generale
dr. Stefano Capretti

IX

INDICE
Parte prima - Dalla teoria alla pratica
Nomenclatura e tassonomia dei batteri di interesse sanitario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 03
Nomenclatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 03
Tassonomia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 04
Natura dei batteri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Morfologia batterica .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Costituzione della cellula batterica .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Moltiplicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Sviluppo dei batteri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Nutrimento dei batteri .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Coltivazione dei batteri .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Fattori fisici che condizionano la crescita batterica .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
Metodi di laboratorio tradizionali in batteriologia diagnostica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Esame colturale su terreni batteriologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Preparazione dei terreni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
Controlli di qualit dei terreni batteriologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
Semina dei terreni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Realizzazione delle colture batteriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Incubazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
Lettura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Trapianti .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
Conteggi batterici su piastra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
Esame microscopico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Colorazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Misurazione delle dimensioni dei microrganismi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
Conteggio diretto delle cellule batteriche al microscopio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
I batteri nei tessuti. Rapporti fra microbiologia ed istologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Identificazione biochmica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Alcune prove biochimiche di identificazione di specie di uso frequente .. . . . . . 31
Alcune prove enzimatiche di uso frequente .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
Prove sierologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Agglutinazione rapida e lenta .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
Precipitazione .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Fissazione del complemento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Reazione di Quellung . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
Sensibilit ad antibiotici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
Ricerca delle sostanze inibenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
Metodi di laboratorio alternativi in batteriologia diagnostica .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Kit di identificazione biochimica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Modifiche di metodi tradizionali .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Test basati sugli acidi nucleici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
Test immunologici ed immuno-enzimatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Test biologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
Metodi che sfruttano apparecchiature automatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Microrganismi prevalentemente ricercati nei laboratori diagnostici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

XI

Schemi identificativi e breve descrizione dei batteri Gram-positivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59


Cocchi Gram-positivi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Bacilli Gram-positivi non sporigeni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Bacilli Gram-positivi sporigeni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Micobatteri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
Schemi identificativi e breve descrizione dei batteri Gram-negativi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Batteri Gram-negativi ossidasi-positivi e fermentativi
(Pasteurella, Actinobacillus, Vibrio, Aeromonas) .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
Batteri Gram-negativi ossidasi-positivi e ossidativi
(Pseudomonas, Burkholderia) .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
Batteri Gram-negativi ossidasi-positivi e glucosio inattivi
(Alcaligenes, Bordetella, Neisseria, Moraxella, Legionella, Brucella) . . . . . . . . . 72
Batteri Gram-negativi ossidasi-negativi e fermentativi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
Altri bacilli ossidasi negativi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Batteri Gram-negativi curvi o spiraliformi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
Batteri Gram-negativi anaerobi (Bacteroides) .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
Miceti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
Spirochete (Borrelia, Treponema, Leptospira) .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
Rickettsie e clamidie .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
Micoplasmi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
Il laboratorio di microbiologia in medicina umana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Batteri nelluomo .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Prelievo dei campioni nelluomo .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
Analisi microbiologiche nelluomo .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
Il laboratorio di microbiologia in diagnostica veterinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Batteri negli animali .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Prelievo dei campioni negli animali .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
Analisi microbiologiche negli animali .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Alcuni esempi di ricerche tipicamente veterinarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Il laboratorio di microbiologia degli alimenti .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
Batteri negli alimenti .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
Alcune norme riguardanti lo stato microbico dei cibi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
Microrganismi patogeni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
Prelievo dei campioni di alimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
Analisi microbiologiche su alimenti .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
Controlli su alimenti e locali di lavorazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
Autocontrollo e HACCP. Impiego del laboratorio
per la realizzazione dei programmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
Parte seconda - Esercitazioni
Funzionamento di un laboratorio di microbiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
Capitolo 1 - Preparazione e controllo dei reagenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
1.1 - Preparazione delle soluzioni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
1.2 - Titolazioni di sostanze in soluzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
1.3 - Preparazione di un antigene batterico ad uso diagnostico .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
1.4 - Controlli di qualit: A - Sterilit dei prodotti farmaceutici;
B - Efficacia dei disinfettanti; C - Fertilit dei terreni batteriologici .. . . . . . . 182
Capitolo 2 - Esami in microscopia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193

XII

2.1 - Colorare i batteri e osservarli al microscopio .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193


2.2 - Determinazione semi-quantitativa dei microrganismi
con luso del microscopio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
2.3 - Identificare con limmunofluorescenza .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
2.4 - Tecniche istologiche applicate alla microbiologia .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
Capitolo 3 - Esami colturali .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
3.1 - Seminare i terreni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
3.2 - Le colture batteriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
3.3 - Contare i microrganismi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
3.4 - Contare muffe e lieviti .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
3.5 - Scomposizione della carica batterica totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
3.6 - Terreni cromogenici e fluorogenici per lidentificazione presuntiva
dei batteri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
3.7 - Ricerca quali-quantitativa dei germi patogeni nei liquidi biologici
tramite coltura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
3.8 - Nuove possibilit in diagnostica clinica: un terreno cromogenico per il
riconoscimento di Staphylococcus aureus meticillina-resistente .. . . . . . . . . . . . . 224
3.9 - Germi saprofiti o di irruzione secondaria quali potenziali patogeni
multi-resistenti ai farmaci: gli esempi di Acinetobacter spp.
ed Enterobacter sakazakii .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
Capitolo 4 - Prove biochimiche di identificazione .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
4.1 - La biochimica per identificare generi e specie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
4.2 - Riconoscere un ceppo batterico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
Capitolo 5 - Prove sierologiche .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
5.1 - Le agglutinazioni classiche: rapida su vetrino e lenta in provetta .. . . . . . . . . . . . 241
5.2 - Agglutinazione lenta con micrometodo .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
5.3 - Fissazione del complemento .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
5.4 - Immunodiffusione in agar-gel .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
Capitolo 6 - Metodi di ricerca alternativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
6.1 - Tipizzare con i batteriofagi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
6.2 - Ricerca delle salmonelle con test ELISA .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
6.3 - E. coli O157:H7 e filtrazione su membrana .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
6.4 - Enzyme-Linked-Immunosorbent-Assay (ELISA) .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
6.5 - Immuno-separazione batterica mediante microsfere magnetiche . . . . . . . . . . . . . 267
Capitolo 7 - Ricerche mirate verso ceppi patogeni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
7.1 - Isolamento e caratterizzazione di stafilococchi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
7.2 - Isolamento e identificazione degli streptococchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
7.3 - Isolamento e identificazione delle listerie .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
7.4 - Isolamento di clostridi da matrici contaminate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
7.5 - Enterobacteriaceae e salmonelle: isolamento e identificazione .. . . . . . . . . . . . . . . 283
7.6 - Pasteurelle: isolamento e identificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
7.7 - Aeromonas e Pseudomonas: la resistenza ai farmaci .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
7.8 - Bordetella, Actinobacillus, Haemophilus quali agenti eziologici
di polmonite batterica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291
7.9 - Diagnosi di Campylobacter da contenuto intestinale .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
7.10 - Diagnosi di Yersinia enterocolitica dalle feci o dal siero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293
7.11 - Diagnosi di laboratorio dellenterite da Clostridium difficile .. . . . . . . . . . . . . . . . . 296
Capitolo 8 - Antibiotici e residui .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
8.1 - Antibiogramma o MIC? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
8.2 - Test di ricerca delle beta-lattamasi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306

XIII

8.3 - Saggio sulla dimostrazione dellantibiotico-resistenza mediante la


reazione della nitrato-reduttasi in batteri difficilmente coltivabili .. . . . . . . . . . . 308
8.4 - Sostanze inibenti .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
Capitolo 9 - Dimostrazione di tossine batteriche .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
9.1 - Tossine stafilococciche con Reverse Latex Agglutination Test (RPLA) .. . . . . 317
9.2 - Tossine da batteri Gram-negativi con LAL-TEST .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
9.3 - Ricerca diretta di tossine batteriche: le verotossine .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
Capitolo 10 - Igiene dellambiente e delle produzioni .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
10.1 - Controllo dellacqua potabile .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
10.2 - Controllo dei mangimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
10.3 - Controlli di igiene ambientale .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
10.4 - Lattobacilli e lattococchi: gli starter microbici .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333

Appendici
Elenco alfabetico dei principali materiali destinati alle esercitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343
Composizione di terreni, soluzioni e reattivi .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
Attrezzatura di base per un laboratorio batteriologico e dotazione
degli strumenti essenziali .. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
Tabella MPN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363

XIV

PARTE PRIMA
DALLA TEORIA ALLA PRATICA

NOMENCLATURA E TASSONOMIA DEI BATTERI


DI INTERESSE SANITARIO

A tutti i microrganismi viene assegnato un nome. La denominazione deve rispettare determinati criteri, stabiliti da una disciplina chiamata nomenclatura. Gli organismi che hanno ricevuto una specifica denominazione vengono poi classificati in
schemi ordinati da unaltra disciplina, la tassonomia.
I batteri possono essere classificati adoperando vari criteri:
Criterio

Aspetto visibile

morfologico

cocchi, bacilli, spirochete

colturale

crescita a diverse temperature

biochimico

diversa attivit verso composti

sierologico

formazione di anticorpi nel siero

altro

colore, produzione di spore, mobilit, ecc.

I criteri sopra riportati non producono classificazioni oggettive.


Si usa invece il seguente criterio: batteri accomunati da caratteri che li distinguono da altri germi formano un insieme chiamato specie. Specie affini sono raggruppate in generi; i generi in famiglie; le famiglie in ordini; gli ordini in classi.
Pi classi formano una divisione.
NOMENCLATURA
Tutti i batteri sono inclusi in una sezione del regno vegetale (PROTOFITI)
CLASSE II (SCHIZOMICETI) divisi a loro volta in 10 ordini, di cui 5 soltanto
hanno importanza per la medicina. Nella nomenclatura le parole che designano gli
ordini terminano in -ales, le parole che definiscono le famiglie terminano in -aceae.
La nomenclatura consente lassegnazione dei nomi ai gruppi secondo regole
internazionali.
Ciascuna specie riceve due nomi latini o latinizzati (ad eempio, Pseudomonas
aeruginosa) in cui il primo nome il nome del genere (al singolare, scritto con
iniziale maiuscola) e il secondo il nome della specie (scritto con iniziale
minuscola). Di solito, il nome della specie un genitivo che precisa meglio qualche
caratteristica del germe (ad esempio, Diplococcus pneumoniae) o un aggettivo che
integra la fisionomia del germe (ad esempio, Streptococcus mitis) o ne descrive una
caratteristica (ad esempio, Staphylococcus aureus).
Il nome del genere viene scritto talvolta al plurale, per illustrare propriet
collettive di quel gruppo di microrganismi (ad esempio, neisserie, vibrioni, clostridi,
ecc.), usando, in questo caso, lettere italiche e iniziale minuscola.
Lultima unit classificativa dei batteri il ceppo, che linsieme di tutte le
cellule figlie discendenti da ununica colonia batterica. La coltura che si realizza a
partire da una sola colonia si chiama anche clone.

La classificazione dei batteri secondo lo schema sopracitato non stabilisce nette


differenze tra le varie suddivisioni e i limiti non sono sempre ben definiti. Il concetto
di specie non pu essere definito come nel regno animale o vegetale, in quanto,
nei batteri, non esiste la riproduzione sessuata, per cui una specie un gruppo di
organismi che, a intervalli, si incrociano dando una discendenza omogenea.
Il sistema di classificazione adottato per i batteri quello del Bergeys Manual, che
segue un criterio filogenetico, cio raggruppa fra loro germi aventi progenitori comuni.
Il Bergeys Manual of Systematic Bacteriology (dal nome dellAutore Bergey, 18601937) il primo testo (1923) che si occupato di classificazione dei microrganismi.
TASSONOMIA
la collocazione dei microrganismi in gruppi tassonomici (taxa), sulla base di
somiglianze e relazioni. Esistono diversi livelli di classificazione:
DIVISIONE CLASSE ORDINE FAMIGLIA GENERE SPECIE
In aggiunta a questa gerarchia con nomi formali, esistono anche denominazioni
comuni descrittive (ad esempio, batteri solfito-riduttori). La tabella 1 riassume, nella
classe degli Schizomiceti, le principali famiglie e generi di interesse sanitario.
Tabella 1 - Principali famiglie e generi di interesse sanitario
ORDINE
Pseudomonadales

FAMIGLIA
Pseudomanadaceae
Spirillaceae
Achromobacteriaceae
Enterobacteriaceae

Brucellaceae
Eubacteriales

Bacteroidaceae
Micrococcaceae
Neisseriaceae
Lactobacillaceae
Corynebacteriaceae

Actinomycetales
Spirochetales
Mycoplasmatales

Bacillaceae
Mycobacteriaceae
Actinomycetaceae
Streptomycetaceae
Spirochetaceae
Mycoplasmataceae

GENERE
Pseudomonas
Vibrio, Spirillum
Alcaligenes
Escherichia, Aerobacter,
Proteus, Klebsiella, Salmonella,
Shigella
Pasteurella, Bordetella,
Brucella, Haemophilus,
Actinobacillus, Moraxella
Bacteroides, Fusobacterium
Staphylococcus, Micrococcus
Neisseria
Diplococcus, Streptococcus,
Lactobacillus
Corynebacterium, Listeria,
Erysipelothrix
Bacillus, Clostridium
Mycobacterium
Actinomyces
Nocardia
Borrelia, Treponema, Leptospira
Mycoplasma

Il concetto di specie , nei batteri, meno chiaro che negli organismi superiori.
Una specie pu essere considerata una collezione di ceppi che hanno molti aspetti
in comune e che differiscono considerevolmente da altri ceppi. Un ceppo formato

dalla discendenza di una singola colonia e quindi una coltura pura per definizione.
Se un ceppo rappresentativo della specie cui appartiene si chiama ceppo tipo e
serve come esempio di tutta la specie.
Uno dei caratteri pi importanti per definire una singola specie il livello di
uguaglianza del DNA mostrato da un gruppo di ceppi che si ritiene possano essere
unificati in una stessa specie. La sottospecie unulteriore divisione della specie
fatta sulla base di differenze fenotipiche e genetiche di cluster di ceppi. la pi
bassa suddivisione tassonomica che possiede nomi.
Al di sotto della sottospecie esistono gruppi di ceppi che vengono assimilati
mostrando antigeni comuni (sierotipi), oppure biochimismo comune (biotipi),
oppure sensibilit a fagi comune (fagotipi). Queste entit non hanno una collocazione
ufficiale nella nomenclatura, ma hanno notevole importanza pratica.
Il genus. Tutte le specie sono assegnate a un genus. La differenziazione tra
genera basata su differenze tra sequenze di nucleotidi dellRNA dei ribosomi.
Lidentificazione il procedimento per determinare se un nuovo isolamento
appartiene a un taxon gi noto e determinato. Richiede lapplicazione di verifiche
morfologiche, biochimiche, fisiologiche e genetiche. I principali caratteri degli
ordini e delle famiglie sono riportati di seguito.
Ordine I - PSEUDOMONADALES
Forma a bastoncino o spirale, Gram-negative, non sporigene, aerobie, mobili (per
presenza caratteristica di un ciglio polare).
Nella famiglia delle Pseudomonadaceae si trovano bastoncini Gram-negativi che
producono spesso pigmenti idrosolubili. Nella famiglia delle Spirillaceae si trovano
forme incurvate a spirale.
Ordine iv - EUBACTERIALES
Comprende le specie patogene pi numerose: hanno forma di bastoncino o
cocco-bacillo, sono aerobie facoltative, quasi sempre sono mobili mediante ciglia
peritriche.
Nella famiglia delle Achromobacteriaceae si trovano bastoncini Gram-negativi,
non sporigeni, aerobi facoltativi, che raramente attaccano il glucosio, solitamente
saprofiti del suolo e dellacqua.
Nella famiglia delle Enterobacteriaceae si trovano bastoncini Gram-negativi, non
sporigeni, aerobi facoltativi, che fermentano il glucosio e talvolta il lattosio con
produzione di gas e sono parassiti del tratto intestinale di uomo e animali.
Nella famiglia delle Brucellaceae si trovano cocco-bacilli di piccole dimensioni,
Gram-negativi, non sporigeni, esigenti dal punto di vista nutritivo, richiedendo
terreni arricchiti con siero o sangue, scarsamente fermentativi, aerobi, parassiti
obbligati, patogeni.
Nella famiglia delle Bacteroidaceae sono presenti bastoncini non sporigeni,
Gram-positivi o negativi, aerobi o microaerofili.
Nella famiglia delle Micrococcaceae si trovano cocchi Gram-positivi, disposti
a gruppi di 4 (tetradi) o di 8 elementi. Appartengono alle Micrococcaceae gli
stafilococchi e i micrococchi.
Nella famiglia delle Neisseriaceae si trovano cocchi Gram-negativi, disposti a
coppie, immobili, non sporigeni. Crescono stentatamente senza liquidi organici.
Nella famiglia delle Lactobacillaceae sono compresi cocchi e anche bastoncini

Gram-positivi, che di solito formano catene. Fermentano gli zuccheri producendo


acido lattico (omofermentativi). La crescita viene facilitata dalla presenza di
carboidrati. Appartengono alle Lactobacillaceae i lattobacilli e gli streptococchi.
Nella famiglia delle Corynebacteriaceae si trovano bastoncini Gram-positivi, non
sporigeni, talvolta a forma di clava, che si colorano irregolarmente col Gram e che
possono presentare allinterno granuli metacromatici (cio che assumono un colore
diverso da quello usato per la colorazione).
Nella famiglia delle Bacillaceae si trovano bastoncini Gram-positivi, sporigeni.
Ordine v - ACTINOMYCETALES
Si tratta di elementi che presentano ramificazioni tipo micelio. In alcune specie
le ife danno alle colonie lo stesso aspetto delle muffe.
Nella famiglia delle Mycobacteriaceae sono presenti bastoncini non sporigeni,
resistenti alla colorazione di Ziehl-Neelsen.
Nella famiglia delle Actinomycetales si trovano elementi ramificati che formano
un vero e proprio micelio che si segmenta in bacilli o cocchi. Possono formare spore.
Nella famiglia delle Streptomycetaceae il micelio rimane indiviso e si tratta di
germi sporigeni.
Ordine ix - SPIROCHAETALES
Sono presenti elementi di forma a spirale, non ramificati. Nella famiglia delle
Treponemataceae si trovano elementi a spirale, lunghi da 4 a 16 micrometri, che si
muovono ruotando attorno allasse longitudinale e anche con contrazioni attive del
corpo batterico, hanno filamenti terminali, sono aerobi facoltativi, non crescono nei
comuni terreni di coltura artificiali.
Ordine x - MYCOPLASMATALES
Sono germi molto piccoli che rappresentano forme di transizione tra batteri e
rickettsie.
Bibliografia
1)
2)
3)
4)

BERGEYS MANUAL of Systematic Bacteriology, Williams-Wilkins,


Baltimora, USA, 1984
CARTER G.R., Diagnostic procedures in veterinary microbiology, 2nd ed.,
Thomas Publ., Springfield, Illinois, USA,1975
MURRAY P.R. e Coll., Microbiologia, seconda edizione italiana, EdiSES,
Napoli, 2002
WILSON G.S. e Coll., Topley and Wilsons Principles of Bacteriology and
Immunity,vol. 1, 5th ed., Williams-Wilkins, Baltimora, USA, 1964

Domande:
1. - Di quali sostanze nutritive necessitano le brucelle per crescere in coltura?
2. - Pseudomonas aeruginosa: quale il genere e quale la specie?
3. - Indicare un microrganismo classicamente a forma di cocco Gram-positivo.

NATURA DEI BATTERI

Sono microrganismi con unorganizzazione cellulare relativamente semplice e


primitiva. Hanno dimensioni tra 0,4 e 1,5 micrometri e forma sferica (cocchi), bastoncellare (bacilli), a virgola (vibrioni), a spirale (spirilli, treponemi), filamentosa.
Si esaminano al microscopio con obiettivo a immersione (5001000 ingrandimenti) dopo colorazioni semplici o complesse. In questo modo non mostrano particolari
strutture interne, se non le spore.
La forma e la dimensione dei batteri possono variare, per esempio da bastoncini
corti diventare filamenti lunghi. Questo fenomeno, detto pleomorfismo, avviene
soprattutto in laboratorio su colture vecchie o in presenza di sostanze antagoniste
(penicillina, glicina, litio cloruro, sodio cloruro, acidi organici, pH acido).
I batteri possono essere parassiti oppure saprofiti. Sono parassiti quando
albergano sopra o dentro un animale o una pianta, traendone nutrimento. Sono
saprofiti quando non hanno necessariamente bisogno di un ospite vivente, potendo
assorbire le sostanze nutritive anche da cellule morte di piante o da escreti di animali.
Parassiti e saprofiti si dicono eterotrofi, in quanto, per ottenere carbonio ed energia,
abbisognano di sostanze organiche.
Altri batteri, chiamati autotrofi, ricavano il nutrimento da prodotti inorganici,
carbonio, CO2 dellaria e lenergia mediante ossidazione di composti contenenti
azoto, zolfo, ferro. Unultima categoria di batteri, detti fotosintetici, ottiene il
carbonio dalla CO2 dellaria e lenergia dalla luce solare (tabella 2).
Tabella 2 - Classificazione dei batteri per esigenze nutrizionali
Classificazione

Denominazione

Fonti nutritive ed energetiche

ETEROTROFI
(nutrimento da sostanze organiche)

Parassiti
Saprofiti

Animali o piante
Corpi morti o escreti

AUTOTROFI
(nutrimento anche da inorganici)

Autotrofi
Fotosintetici

CO2 e composti contenenti N, S, Fe


CO2 e sole

Avendo unorganizzazione molto semplice, i batteri sono chiamati organismi


procarioti, mentre le cellule degli organismi pi complessi sono chiamate eucarioti.
Principalmente i batteri non hanno nucleo, nucleolo, cromosomi ben distinti
dal citoplama, mitocondri o cloroplasti interni. Pertanto, gli enzimi respiratori si
trovano a ridosso della membrana cellulare, che rigida e formata essenzialmente da
mucopeptidi (sono il bersaglio delle sostanze antibatteriche penicillina e lisozima).
I batteri possono contenere parassiti detti batteriofagi o fagi, che sono particolari
tipi di virus. Un batterio che porta in s un fago latente si dice lisogenico.
MORFOLOGIA BATTERICA
Si osservano i batteri al microscopio per rilevarne forma, dimensione,
raggruppamento, presenza di spore, capsule o granuli intracellulari. Osservazioni
microscopiche senza colorazione vengono talvolta allestite per verificare la mobilit

11

(esame a fresco in goccia pendente) o il contorno (esame in campo oscuro o a


contrasto di fase). Pi frequentemente, si usa, dopo fissaggio alla fiamma, effettuare
le colorazioni su vetrino, che possono essere semplici (ad esempio, con blu di
metilene) o complesse (ad esempio, Gram o Ziehl-Neelsen).
Mediante colorazione di Gram, si distinguono batteri che si colorano in
violetto (Gram-positivi) e quelli che si decolorano con trattamento mediante
acetone e alcool, preceduto dallo iodio, e che si colorano in rosa (Gram-negativi)
dopo applicazione di un secondo colorante (fucsina o safranina). Le propriet dei
Gram-positivi di trattenere il violetto sembra legata alla diversa permeabilit della
membrana cellulare. Alcuni Gram-positivi possono perdere la capacit di trattenere
il colorante viola e appaiono, di conseguenza, colorati in rosa.
Nella colorazione di Ziehl-Neelsen, certi batteri (detti alcool-acido resistenti)
si colorano con fucsina basica a caldo e resistono alla decolorazione con acido
solforico e alcool. Comprendono i micobatteri tubercolari. La capacit di colorarsi
legata al contenuto lipidico della membrana.
COSTITUZIONE DELLA CELLULA BATTERICA
Con particolari colorazioni, si pu dimostrare che i batteri hanno un nucleo
centrale contenente DNA e che si dividono per fissione trasversale semplice, senza
evidenza di mitosi o di cromosomi. In realt, essi hanno dei geni su un filamento
lineare o circolare che equivale ad un singolo cromosoma.
Nel citoplasma dei batteri non c un reticolo endoplasmatico, ma solo numerosi
granuli, detti ribosomi. Si possono trovare, inoltre, granuli di volutina (come nei
difterici) che si colorano in rosso con blu di metilene (colorazione metacromatica),
oppure granuli lipidici (come nel Bacillus cereus) che si colorano con Sudan nero,
o, ancora, granuli di amido o di glicogeno (colorabile con lo iodio).
Certi batteri, oltre alla membrana cellulare, hanno una capsula, colorabile con
il Gram o con inchiostro di china; si tratta di un fattore di virulenza. presente in
pneumococchi, streptococchi piogeni, Bacillus anthracis.
I batteri che si muovono attivamente (mobili) hanno una o pi ciglia (o flagelli)
che escono dalla cellula e che si vedono al microscopio elettronico. La mobilit
attiva va distinta da quella passiva (movimenti browniani). Col movimento, i germi
migrano verso un ambiente pi ricco di sostanze nutritive o di ossigeno. Le ciglia
o flagelli sono formati da sostanze antigeniche che hanno importanza diagnostica.
Certi batteri (in particolare gli enterobatteri) hanno dei filamenti corti detti fimbrie,
che si vedono solo al microscopio elettronico. Danno al germe la capacit di aderire
alle cellule della mucosa intestinale dellospite (propriet detta adesivit), come nel
caso di Escherichia coli, salmonelle, shigelle, Vibrio cholerae. Si possono rivelare
con il test di emoagglutinazione su globuli rossi di cavia o umani, con o senza
aggiunta di mannosio.
MOLTIPLICAZIONE
Di norma, la cellula batterica si allunga e si divide in due met pressoch uguali.
Il tempo di riproduzione brevissimo (20 minuti) e una cellula pu formare un
miliardo di cellule in dieci ore. Bacilli e clostridi sviluppano allinterno della cellula
vegetativa una spora, che, successivamente, germina, dando origine a una nuova

12

cellula vegetativa. La formazione di spore (sporulazione) avviene in condizioni


sfavorevoli di sopravvivenza dei batteri.
La germinazione avviene quando le condizioni ambientali (umidit e nutrimento)
ritornano favorevoli. Nel momento della germinazione si ha formazione di tossine,
come nel caso del Clostridium perfringens. I germi che formano un micelio
sviluppano spore allesterno della cellula.
SVILUPPO DEI BATTERI
La moltiplicazione dei germi viene studiata in laboratorio mediante il conteggio
delle unit formanti colonia (U.F.C.) su appositi terreni. Nella moltiplicazione si
distinguono quattro fasi: lag (non c apprezzabile moltiplicazione); log (crescita
esponenziale velocissima); stazionaria (cessa la crescita per accumulo di sostanze
tossiche e diminuzione del nutrimento); di declino (morte delle cellule per autolisi
o cambiamenti profondi di struttura).
NUTRIMENTO DEI BATTERI
La composizione chimica dei batteri simile: 80% del peso secco dato da
composti ad alto peso molecolare (proteine, acidi nucleici, polisaccaridi, lipidi); 10%
da composti a basso peso molecolare (enzimi, ecc); 10% da acqua e sali minerali.
I batteri assumono il nutrimento attraverso la membrana cellulare e necessitano
di carbonio (proveniente da carboidrati, aminoacidi, lipidi), azoto (proveniente da
aminoacidi), idrogeno, vitamine e sali inorganici. Sono capaci di produrre sostanze
tossiche o tossine che per lo pi vengono liberate allesterno (esotossine). Alcuni
germi formano tossine termolabili (salmonelle, vibrioni ecc.), altri termostabili
(stafilococchi), altri ancora di entrambi i tipi (coli).
COLTIVAZIONE DEI BATTERI
Possono essere coltivati in laboratorio su substrati artificiali. quasi scomparso
luso di altri substrati (ad esempio, uova embrionate). Attualmente, si usano terreni
semi-sintetici e sintetici solidi (contenuti in provette o in piastre di Petri) e liquidi
(detti brodi).
Sui terreni solidi, possibile apprezzare la crescita dei microrganismi sotto
forma di patina colturale o di colonie staccate. Questa possibilit utilizzata a
scopo diagnostico, essendo apprezzabili sulle colonie i caratteri di forma, colore,
consistenza. Nei terreni liquidi, si pu osservare il tipo di intorbidamento del brodo
(superficiale, diffuso, profondo), ma non laspetto delle colonie. A partire dalle
colonie in terreno solido, possibile isolare una popolazione omogenea (coltura
pura) di batteri e procedere allidentificazione di genere e di specie con opportune
prove biochimiche e sierologiche.
Fattori fisici che condizionano la crescita batterica
1. Temperatura Nella tabella 3 riporatta la suddivisione dei germi in base alle
esigenze di temperatura.

13

Tabella 3 - Esigenze di temperatura dei germi


PSICROFILI

Optimum di crescita Intervallo di crescita


20-25 C
0-25 C

MESOFILI

30-37 C

20-45 C

TERMOFILI

50-55 C

45-70 C

Esempi
Pseudomonas, Aeromonas
Enterobatteri, pasteurelle,
stafilococchi
Lattobacilli, streptococchi, clostridi

Alcuni germi si possono moltiplicare anche a temperature di frigorifero, tra cui


le listerie.
2. pH La maggior parte dei germi richiede un pH compreso tra 5,6 e 7,5. Pochi
microrganismi (muffe e lieviti) possono sopravvivere sotto pH 4 e sopra 9.
3. Contenuto di umidit In gran parte i germi richiedono unumidit relativa
superiore al 91%. Il reciproco (diviso per 100) dellumidit relativa chiamato
AW (attivit dellacqua, water activity ) ed esprime il contenuto di acqua libera
disponibile per la sopravvivenza dei microrganismi. Per ridurre lacqua libera, si
ricorre allaggiunta di sale o di zucchero. I germi che si sviluppano in presenza
di concentrazioni elevate di sale sono detti alofili.
4. Potenziale di ossido-riduzione Si chiama eH e si misura in millivolt (mV). Al di
sotto di -250 mV, sviluppano solo gli anaerobi. Tra 250 e 200 mV sviluppano i
microaerofili e sopra i 200 i germi aerobi.
5. Presenza di gas Sostituendo latmosfera normale con miscele di aria e anidride
carbonica al 510%, si favorisce la crescita di certi germi detti microaerofili. Tra
questi, i lattobacilli, le brucelle, i Campylobacter, gli emofili.
Bibliografia
1)
2)
3)
4)

14

DAVIS D.B. e Coll., Trattato di microbiologia, Piccin, Padova, 1981


CRUICKSHANK R., Medical Microbiology, Livingstone ed., London, 1965
JAVETZ e Coll., Microbiologia medica, 21a. ed., Piccin, Padova, 2001
MURRAY P.R. e Coll., Microbiologia, seconda edizione italiana, EdiSES,
Napoli, 2002

Domande:
1. - Con quale test si possono facilmente riconoscere in laboratorio le fimbrie
dei batteri?
2. - In quali circostanze si formano le tossine batteriche?
3. - Che cos la water activity (Aw)?

METODI DI LABORATORIO TRADIZIONALI


IN BATTERIOLOGIA DIAGNOSTICA

Gran parte della microbiologia tradizionale si basa sulla coltivazione e sullidentificazione biochimica e sierologica dei germi. Queste tecniche, messe insieme, hanno
permesso di costruire il patrimonio storico di conoscenze in batteriologia.
ESAME COLTURALE SU TERRENI BATTERIOLOGICI
Preparazione dei terreni
Composizione
1) SOSTANZE NUTRIENTI La carne bovina bollita, usata per produrre terreni liquidi o brodi, stata sostituita da idrolisati, estratti di carne o di lievito (a 10-20
grammi/litro).
2) SOSTANZE ENERGETICHE Principalmente il glucosio (1-5 grammi/litro).
3) IONI ESSENZIALI Alcuni ioni macrocomponenti (Na, Ca, Mg, Fe) in quantit
di pochi grammi/litro, altri detti microcomponenti (Zn, Mn, Cu) in quantit di
alcuni mg/litro.
4) SOSTANZE TAMPONANTI Sono soprattutto i fosfati a mantenere il pH a valori
compatibili con la crescita.
5) SOSTANZE SELETTIVE Si trasformano in selettivi i terreni che non lo sono cambiando il pH, la concentrazione di sale o aggiungendo sostanze tossiche per le
specie indesiderate, come gli antibiotici.
6) SOSTANZE METABOLIZZABILI Sono carboidrati o aminoacidi.
7) SOSTANZE GELIFICANTI Dal 1935 rappresentato dallagar-agar, che fonde
a circa 85 C e solidifica a circa 38 C. Aggiunto a un brodo al 15 per mille, lo
trasforma in terreno solido e, al 3 per mille, in semi-solido.
8) ALTRE SOSTANZE Principalmente si tratta di sangue defibrinato di montone o
siero equino al 5%. Alcuni germi esigenti (emofili, actinobacilli, ecc) richiedono la presenza dei fattori X e V. Il fattore X assimilabile allemina del sangue,
il fattore V pu essere fornito, in vitro, sotto forma di NAD (nicotinamide-adenina-dinucleotide) o coltivando in presenza di S. aureus.
9) ACQUA sufficiente acqua demineralizzata.
Classificazione
Vengono distinti in semplici, di arricchimento, selettivi e/o differenziali (tabella 4).
I terreni semplici permettono lo sviluppo di un largo numero di specie, affini per
esegenze colturali, e servono per far crescere indistintamente i microrganismi presenti nel campione.
Gli arricchimenti sono terreni liquidi che, sopprimendo la flora competitiva, esaltano la crescita della specie desiderata. Il loro uso pu essere preceduto da altri terreni liquidi, solo con funzioni rivitalizzanti, detti pre-arricchimenti.
I terreni selettivi, contenendo certe sostanze, consentono la crescita solamente alle specie che le tollerano e inibiscono le altre specie.

19

Sono differenziali i terreni che consentono di distinguere le specie attraverso variazioni di colore delle colonie ottenutre da reazioni biochimiche.
Alcuni terreni, chiamati selettivi e differenziali, lasciano crescere solo poche specie e queste, in seguito a reazioni biochimiche, presentano colonie con caratteristiche diverse.
Esistono anche terreni di trasporto, semisolidi, privi di sostanze nutritive, destinati a far sopravvivere i microrganismi nei campioni durante il trasporto.
Uso dei terreni disidratati
preferibile preparare partite piccole, per esempio da 300-500 ml. Occorre un
recipiente di volume almeno doppio della quantit da preparare, nel quale versare
la pesata di terreno disidratato. Dopo aggiunta di acqua demineralizzata, si fa sciogliere la polvere, agitando il recipiente per alcuni minuti entro un bagnomaria bollente. La scomparsa dei granuli di polvere, che inizialmente aderiscono alla parete
del recipiente, indica che si pu passare alla sterilizzazione. Quasi tutti i terreni vanno autoclavati, solitamente a 121 C, per 15 minuti se di volume inferiore a un litro.
Per ogni litro aggiunto, occorrono circa 5 minuti in pi. Un rapido raffreddamento a
circa 50 C consente, poi, di aggiungere sterilmente i supplementi termolabili (sangue, siero, antibiotici) sterilizzati a parte mediante filtrazione (escluso il sangue).
Tabella 4 - Classificazione funzionale dei terreni in batteriologia
CATEGORIA
Semplici
Pre-arricchimenti
Arricchimenti
Selettivi
Differenziali
Selettivi e differenziali
Di trasporto

ESEMPI
Blood Agar
Brain Hearth Infusion Agar (BHI)
Buffered Peptone Water (BPW)
Brodo lattosato
Selenite Cystine Broth
Listeria Enrichment Broth
Mannitol Salt Agar
Deoxycholate Citrate Agar
Kligler Iron Agar
TSI
MacConkey Agar
Hektoen Enteric Agar
Stuart
Cary-Blair

Distribuzione finale in contenitori


I brodi vanno distribuiti a 10 ml in provette 16 mm x 160 mm, a 25 ml in provettoni 20 mm x 200 mm. I terreni solidi a becco di clarino si distribuiscono a 6 ml
in provette 16 mm x 160 mm (7 ml per Kligler Iron Agar), a 15 ml in provettoni 20
mm x 200 mm. Nelle piastre Petri da 90 mm di diametro, i terreni solidi si distribuiscono in volumi di 15 ml.
Una volta distribuiti in provetta o in piastra, i terreni solidi vanno fatti asciugare
a temperatura ambiente per 24-48 ore, fino a scomparsa della condensa.

20

Conservabilit
Il periodo di validit in frigorifero a +4 C 0.2 il seguente:
terreni liquidi in provetta, 1 mese
terreni liquidi in bottiglia chiusa ermeticamente, 3 mesi
terreni solidi in provetta o in piastra (chiusi in sacchetto di politene), 3 settimane
(con alcune rare eccezioni, riguardanti terreni da non autoclavare, che vanno utilizzati in giornata)
terreni solidi in bottiglia (terreni da far sciogliere in bagnomaria e da distribuire)
90 giorni
Controlli di qualit dei terreni batteriologici
Luso ormai molto diffuso di terreni disidratati (o pronti in piastre e provette) non
esclude alcune verifiche presso il laboratorio che li adopera, per accertare la qualit al momento dellarrivo e, per i prodotti in polvere, anche in prossimit della scadenza. Le ditte produttrici consigliano di eseguire i seguenti controlli su ciascun lotto di terreno acquistato:
a) Controlli fisici: trasparenza (ove prevista), consistenza (per i terreni agarizzati),
colore, pH, sterilit.
b) Controlli qualitativi di fertilit e di corretto funzionamento biochimico del terreno.
c) Controlli quantitativi di recupero dei germi seminati, da eseguire in parallelo sul
terreno in esame e su un terreno di riferimento.
Punto a)
Il controllo di sterilit consiste nel mettere un campione di piastre o di provette di terreno in termostato a +30 C per 5 giorni, per verificare lassenza di crescita microbica.
Punto b)
Il controllo consiste nel verificare che due specie batteriche, favorite dal terreno
in prova, vi crescano con le dovute caratteristiche e che due specie, non favorite, crescano poco o nulla, oppure con aspetto riconoscibile perch diverso.
Esempio.
Terreno Baird-Parker Agar per stafilococchi (in particolare, Staphylococcus aureus)
ceppi favoriti = S. aureus
ceppi sfavoriti = Bacillus subtilis e S. epidermidis.
Punto c)
Il controllo consiste nel confrontare quante colonie di un ceppo, favorito dal terreno in prova, sviluppano sul terreno stesso e, parallelamente, su un terreno non selettivo di riferimento.
Nel caso di terreni non selettivi (ad esempio, Nutrient Agar), il recupero atteso
deve essere del 100%. Nel caso di terreni selettivi (ad esempio, Baird-Parker Agar),
il recupero deve raggiungere almeno il 70% rispetto al terreno preso come riferimento. Per il controllo dei terreni solidi, il riferimento di solito il TSA; per quelli liquidi il TSB.
Mentre per i terreni solidi il confronto viene fatto direttamente contando le colo-

21

nie, per quelli liquidi necessario procedere a valutazione del grado di crescita nelle provette, mediante allestimento di diluizioni e semina di queste ultime su TSA.
Esempio.
Terreno in prova = Baird-Parker Agar per stafilococchi (in particolare S. aureus)
Ceppo favorito = S. aureus
Terreno di riferimento = Trypticase Soy Agar (TSA)
I controlli sopra elencati sono descritti nei manuali di alcune case produttrici di
terreni, tra cui Difco, Merck, Oxoid, con differenti gradi di complessit. Una scelta
di media difficolt proposta nella seguente tabella:
Tabella 5 Controllo di qualit dei terreni per batteriologia con semina di ceppi microbici
Terreno in esame
Baird Parker Agar
Brain Hearth Infusion
Columbia Blood Agar
Hektoen Enteric Agar
Mueller Hinton Agar
Nutrient Agar

Controllo qualitativo
Controllo quantitativo
Ceppi favoriti
Ceppi sfavoriti
Ceppo di prova
B. subtilis
S. aureus
S. aureus
S. epidermidis
Str. pneumoniae
Terreno non seminato*
Str. pneumoniae
Candida albicans
S. aureus
E. coli
S. aureus
Str, pyogenes
Salmonella
E. coli
Salmonella
typhimurium
Enterococcus faecalis
typhimurium
Shigella flexneri
E. coli
Terreno non seminato*
E. coli
Pseudom. aeruginosa
S. aureus
Terreno non seminato
S. aureus
E. coli

NOTA
*Il terreno non seminato pu essere sostituito vantaggiosamente con un lotto dello stesso prodotto usato
in precedenza e gi controllato con esito soddisfacente.
I ceppi da usare provengono da collezione ATCC (American Type Culture Collection).

Difetti di preparazione
Se il terreno preparato manifesta qualche anomalia, riconoscibile, il pi delle volte, dallaspetto, non va utilizzato. Prima di prepararne un altro lotto, opportuno trovare le cause dellinconveniente, che possono trovarsi fra queste:
DIFETTO
Colore anormale rispetto al solito
Colore bruno per caramellizzazione
degli zuccheri
Si formato un precipitato
La polvere non si sciolta
completamente
Non solidifica lagar (in terreni solidi)
Le colonie crescono stentatamente
Non cresce nulla
Ha perso qualche reazione di tipo
biochimico

22

8 CAUSA + PROBABILE
1 = Polvere deteriorata
2 = Recipiente mal lavato
3 = Acqua non deionizzata
4 = Pesata sbagliata
5 = Scarsa miscelazione
6 = Riscaldamento eccessivo
7 = Fuso ripetutamente
8 = Pesata troppo diluita

SEMINA DEI TERRENI


La cappa a flusso laminare verticale rappresenta una soluzione ottimale per effettuare semine e trapianti con minori probabilit di inquinamenti, garantendo, inoltre, la sicurezza delloperatore.
La cappa a flusso laminare verticale particolarmente indicata nel caso che loperatore non debba venire investito dallaria della zona di lavoro, potenzialmente inquinata da sostanze pericolose (batteri, virus, allergeni, polveri).
Laria esce dal filtro assoluto HEPA e fluisce dallalto verso il basso allinterno
della cabina. sterile (si dice in classe 100 perch deve contenere meno di 100 particelle sospese per m3) e si muove a bassa velocit (circa 0,4 metri al secondo), per
mantenere uno scorrimento laminare che eviti la formazione di vortici. Questaria
viene poi aspirata, attraverso le feritoie poste sul piano di lavoro, da un motoventilatore e riciclata al 70%. Dal canale di ripresa, sempre in depressione, viene espulso, per azione di un secondo motoventilatore, il rimanente 30% di aria, previo passaggio su un secondo filtro assoluto. La massa daria eliminata viene rimpiazzata
da nuova aria, che entra nella cappa attraverso la griglia posta sul bordo dingresso.
Ci produce, in corrispondenza del frontale aperto della cabina, un effetto barriera, che impedisce la fuoruscita di eventuali contaminanti.
Realizzazione delle colture batteriche
Ottenere colture pure di microrganismi usando terreni liquidi molto difficile, se non impossibile. Lavvento dei terreni solidi, soprattutto dopo lintroduzione
dellagar-agar in batteriologia (Hesse, 1935), ha determinato una svolta nella microbiologia. Oggi impensabile fare ricerca su colture miste, formate cio da pi specie. Pertanto, uno degli obiettivi primari del batteriologo quello di selezionare una
popolazione omogenea originata da una singola colonia. In pratica, si tratta di seminare in serie alcune piastre con una sospensione contenente i germi da ricercare,
mirando a far nascere delle colonie distanziate fra loro. Sar cos possibile, in un secondo momento, toccare con lansa o con lago una sola colonia avente le caratteristiche desiderate (si dice colonia sospetta) e trapiantarla in un altro terreno, creando cos una discendenza pura.
NOTA
Non si seminano i campioni su terreni solidi, ma in un brodo, quando:
il terreno liquido offre prestazioni superiori (ad esempio, nelle emocolture), sia
per maggior quantit di materiale esaminabile che per migliore capacit di recupero del mezzo liquido rispetto al solido;
si tratta di selezionare un patogeno in mezzo alla flora concorrenziale predominante (ad esempio, isolamento delle salmonelle o delle listerie). Questo avviene con i cosiddetti arricchimenti.
Le operazioni per realizzare una coltura richiedono, oltre ad un terreno batteriologico, alcuni strumenti.
Lansa (in nichel-cromo, diametro 3 mm) lo strumento pi usato in batteriologia. Esistono due tecniche di semina delle piastre di terreno: a) per successione; b)
per flambatura. Il primo metodo, pi veloce, risulta maggiormente diffuso, anche
se entrambe le tecniche danno buoni risultati.

23

Metodo a) per successione di piastre. Occorrono almeno tre piastre. Si preleva con
lansa una piccole quantit di materiale in esame o di crescita batterica (se si tratta di una coltura gi sviluppata) e si strisciano di fila almeno tre piastre contenenti
lo stesso terreno, ad esempio Agar sangue, procedendo a zig-zag stretto, in modo
da far compiere allansa il percorso pi lungo possibile sulla superficie del terreno.
Metodo b) per flambatura. sufficiente una solo piastra. Linoculo, deposto mediante lansa, viene strisciato con movimento a zig-zag su un quadrante della piastra. Si flamba lansa, si gira di 90 la piastra e si stende il materiale gi seminato
su un secondo quadrante. Si procede nello stesso modo per seminare gli altri due
quadranti. Lo scopo, anche in questo caso, di diluire il pi possibile il materiale.
Bisogna curare il raffreddamento dellansa subito dopo ciascuna flambatura, toccando per pochi secondi una zona del terreno non seminata.
Le pipette graduate sterili (da 1,2, 5, 10 e 25 ml) in plastica monouso servono
per seminare quantit ridotte (ad esempio, 0,1-0,2 e pi ml) di un campione liquido
o sospeso in diluente fisiologico con opportuna omogeneizzazione. Dotate di tappo
di cotone, si usano abbinate ad una propipetta (per evitare, per motivi di sicurezza,
di pipettare a bocca).
Le micropipette a volume fisso o variabile, con puntale sterile di plastica, sono
molto utili se adoperate con cautela per evitare contaminazioni crociate fra i campioni.
Le spatole a L sterili per batteriologia servono per distribuire il materiale
sullintera superficie di un terreno in piastra, specialmente quando il campione (liquido) viene deposto con una pipetta al centro.
I tamponi di prelievo (con o senza terreno di trasporto) possono essere seminati
per strisciamento su terreno solido, per lo pi in piastra, con modalit simili allansa. Se si presentano disidratati, opportuno bagnarli in una minima quantit di soluzione fisiologica sterile entro una provetta. Per le semine in terreni liquidi, i tamponi vengono introdotti nelle provette, spezzandone lestremit toccata con le mani (che va eliminata).
Incubazione
La maggior parte dei germi patogeni per luomo e per gli animali fomata da microrganismi mesofili che crescono in termostato a +37 C. Da questa temperatura
si discostano le seguenti eccezioni:
alcuni generi (ad esempio, Listeria), che crescono meglio a +30 C;
le specie psicrofile, da incubare a +20C in un frigo-termostato indipendente dalla temperatura ambiente;
i batteri termofili, che crescono solo a temperatura superiore (+50 C).
Lincubazione, di solito effettuata in atmosfera normale, cambia in due casi:
1. Colture in microaerofilia. Un certo numero di specie microbiche (tra cui Brucella e Campylobacter) cresce meglio in laboratorio se presente una percentuale
di anidride carbonica del 5-10%, che si ottiene facilmente chiudendo le colture
in una giara o in una sacca per microaerofilia.
2. Colture in anaerobiosi Alcune specie microbiche esigono unatmosfera priva di
ossigeno, formata da azoto, idrogeno, anidride carbonica. Si ottiene questo ambiente ponendo i terreni seminati entro un termostato appositamente attrezzato
per lanaerobiosi, oppure in giare chiuse, in cui laria viene rimpiazzata da una

24

miscela di gas. Lo stesso scopo viene raggiunto introducendo le piastre in sacche


ermetiche, nelle quali si crea lanaerobiosi per via chimica.
La coltivazione di germi anaerobi richiede molte precauzioni nella raccolta e nel
trasporto del materiale da seminare. Esistono sistemi di trasporto/semina che evitano
i passaggi non necessari del campione. I terreni liquidi (Brodo tioglicolato, Cooked
Meat Medium, Liver Broth, ecc) non abbisognano di termostati speciali, in quanto
contengono nella loro composizione alcune sostanze riducenti, capaci di neutralizzare lazione dellossigeno.
A causa della flora concorrenziale che accompagna quasi invariabilmente gli anaerobi in natura, spesso risulta difficile giungere al loro isolamento in purezza. Si tratta, il pi delle volte, di germi inquinanti Gram-positivi (bacilli e streptococchi) presenti in numero elevato, verso i quali dimostrano scarsa selettivit i terreni disponibili. Da questo fatto consegue limpossibilit di realizzare in vitro colture pure. Pertanto, si rende necessario ricorrere ad una pasteurizzazione del campione (80 o 85
C per 10-15 minuti) , cui fa seguito la semina in terreni liquidi (Cooked Meat Medium, Thioglycollate Medium) e solidi (Agar sangue, TSC Agar).
Lettura
Le caratteristiche di crescita dei batteri rivestono importanza primaria nella diagnostica batteriologica. Vanno esaminate attentamente soprattutto le colonie isolate
su piastra, da osservare in controluce e luce incidente, evitando di aprirne i coperchi.
A) Sulle colonie sviluppate nelle piastre sono da prendere in considerazione:
dimensione (diametro in millimetri)
forma (puntiforme, circolare, irregolare)
rilievo (piatta, convessa)
margine (netto, frastagliato)
colore (incolore o dello stesso colore del terreno, bianco, giallo, verde per produzione di pigmenti)
trasparenza (traslucida, opaca)
consistenza (cremosa, mucosa, filante, secca), da apprezzare toccando la colonia
con lago o con lansa
odore
emolisi su terreni al sangue (alfa incompleta con parziale trasparenza o riflessi verdi, beta completa, alfa-beta con doppio alone).
B) Nelle brodocolture si pu rilevare:
la tendenza a sviluppare in superficie (germi aerobi), o in profondit (facoltativamente anaerobi).
Trapianti
In batteriologia trapiantare significa trasferire asetticamente un microrganismo
da un terreno colturale, sul quale si gi sviluppato, in un nuovo terreno colturale. Il
trapianto pu avvenire tra due terreni solidi (ad esempio, da una provetta di BHI agar
a unaltra simile), da un terreno solido a uno liquido (da BHI agar a BHI brodo), tra
due terreni liquidi (due brodi). Su terreni solidi si opera per striscio, mediante lansa; su terreni semi-solidi per infissione, con lago. Sia lansa che lago sono costruiti con filo di nichel-cromo. Per trapianti comuni, si consiglia unansa del diametro
di 3 millimetri, mentre per trapianti da brodo a piastra (piastratura) preferibile un
diametro di 5 millimetri.

25

Anche in questa fase lansa lo strumento pi usato per trasportare la patina colturale da un terreno allaltro, trasferire una goccia di brodocoltura, allestire uno striscio sopra un vetrino portaoggetti, preparare una sospensione in soluzione fisiologica.
Lago serve invece per toccare una sola colonia, da clonare (si dice correntemente trapiantare in coltura pura) su un altro terreno.
Durante i trapianti, si opera vicino alla fiamma del bunsen. Sono assolutamente
da evitare gli spostamenti daria dovuti a persone in movimento o che parlano mentre lavorano e, tanto pi, causati da finestre e porte aperte. Limpiego della cappa a
flusso laminare facilita notevolmente il lavoro e permette di trapiantare anche senza
fiamma, mediamte anse sterili monouso.
CONTEGGI BATTERICI SU PIASTRA
Alcune analisi microbiologiche, in particolare quelle su alimenti, esigono una
quantificazione dei batteri presenti nel campione. Il conteggio delle cellule batteriche si avvale di pi metodi:
microscopico (ad esempio, metodo di Breed)
fisico (centrifugazione nei tubi di Hopkins, turbidimetria)
chimico (determinazione dellazoto)
colturale.
Il metodo colturale si basa su un postulato: ciascuna cellula batterica vivente darebbe origine a una sola colonia su un substrato artificiale adeguato. Questa cellula
viene chiamata unit formante colonia (U.F.C.), riferita a un grammo o a un millilitro di materiale. Nonostante possano verificarsi delle sottostime (quando cellule aggregate sviluppano ununica colonia), questo metodo rimane il pi preciso e viene
preso come riferimento per ogni altra numerazione dei batteri.
Essenzialmente esso consiste di:
1) pesata del campione addizionato e omogeneizzato con diluente sterile
2) allestimento di diluizioni decimali
3) semina delle diluizioni su un terreno, da incubare secondo le esigenze dei microrganismi ricercati
4) calcolo finale, basato sul conteggio delle colonie sviluppate.
Sono previste due varianti del metodo, a seconda della semina: standard, per inclusione nel terreno (noto anche come Pour Plate Method o semina in profondit),
o in superficie (noto anche come Surface Spread Plate Method o semina in superficie per spatolamento). Esiste anche una terza possibilit, rappresentata da una semina in superficie in micrometodo (drop plate). Il metodo di riferimento per la conta
batterica in piastra quello chiamato standard ed avviene per inclusione del campione nellagar. In alternativa a questo, essendo piuttosto indaginoso, viene preferito, quando possibile, il Surface Spread Plate Method, che permette la preparazione
preventiva delle piastre di terreno.
Per ridurre ulteriormente i tempi di lavoro (e i costi), tuttavia, sono state studiate
altre procedure di conta microbica, non esclusivamente basate sulla semina di piastre, ma che sfruttano principi differenti (conteggio di particelle in sospensione, variazioni di conducibilit elettrica, ecc). Alcune di queste tecniche, per, richiedono
attrezzature sofisticate e di altissimo valore, tanto da essere giustificate solo per un
uso massiccio e continuativo in pochi grossi centri diagnostici.

26

Altre tecniche non richiedono apparecchiature complesse e si possono definire


micrometodi, in quanto hanno in comune le ridotte quantit di reagenti trattati. In
pratica, le diluizioni del campione da esaminare vengono fatte in pozzetti di piastre
microtiter, invece che nelle tradizionali provette, e la semina su terreno si riduce a pochi microlitri, per cui si pu lavorare da soli con micropipette e puntali sterili monouso, in luogo delle classiche pipette. Le colonie batteriche sviluppano sul
terreno con dimensioni ridotte, ma pur sempre leggibili a vista; rimangono localizzate entro larea bagnata dalla goccia seminata (da cui deriva il nome di drop method, o della goccia, dato globalmente a questo gruppo di metodiche che tratta piccoli volumi di liquidi).
NOTA
Metodi per determinare la concentrazione dei batteri in una sospensione
Si possono usare tecniche diverse da quella colturale:
1) Torbidimetria standard per confronto con il nefelometro di Mc Farland (vedi
Appendice)
La provetta chiamata 0,5 Mc Farland pu essere ottenuta dal commercio, oppure
preparata aggiungendo 0,5 ml di una soluzione di cloruro di bario (BaCl2 2H2O)
all1,175% in acqua distillata a 99,5 ml di acido solforico all1%.
Questa preparazione, sigillata per evitare levaporazione, conservabile al buio
a temperatura ambiente per sei mesi e va agitata prima delluso.
Il confronto dello standard 0,5 Mc Farland con il campione va fatto in provette dello stesso calibro.
2) Misurazione della densit ottica allo spettrofotometro
Laccuratezza della lettura col torbidimetro di Mc Farland (torbidit pari al tubo 0,5) pu essere verificata misurando lassorbanza (reciproco della densit
ottica) con uno spettrofotometro alla lunghezza donda di 625 nm, entro una
cuvetta dello spessore di 1 cm. Il risultato deve essere compreso fra 0,08 e 0,1.
3) Conteggio diretto delle cellule batteriche al microscopio con il metodo di Breed (vedi Esame microscopico).

ESAME MICROSCOPICO
Esame microscopico a fresco Losservazione a fresco delle muffe (per apprezzare
la disposizione caratteristica delle spore) avviene appoggiando con leggera pressione sulla colonia da esaminare un vetrino coprioggetti, che viene poi adagiato su un
vetrino portaoggetti, interponendo una goccia di glicerina. Segue la lettura al microscopio a basso ingrandimento (25 o 40), con condensatore parzialmente abbassato.
Colorazioni
Preparati microscopici da colorare per la ricerca diretta dei germi vengono comunemente allestiti da organi, sangue, urine, latte, essudati, biopsie e tamponi. Vengono fissati alla fiamma (oppure con acetone a freddo per 15 minuti) e colorati con vari
metodi. Gli strisci da colture batteriche sono invece generalmente fissati alla fiamma.
Causa le dimensioni ridotte e lindice di rifrazione vicino a quello dellacqua, i
batteri non sono ben visibili negli esami a fresco al microscopio, per cui preferi-

27

bile colorarli. Si usano, di preferenza, coloranti basici, che si legano alla cromatina
del nucleo (cristalvioletto, fucsina basica, blu di metilene). Le tecniche di colorazione pi diffuse sono:
Gram (Hans Christian Gram, medico danese, 1884), adatta per i batteri in generale, che prevede un primo trattamento con cristalvioletto degli strisci fissati, una
mordenzatura con soluzione iodo-iodurata (Lugol), una decolorazione con alcool/
acetone e, infine, lapplicazione di un secondo colorante (safranina o fucsina basica). I batteri che trattengono il cristalvioletto appaiono blu-viola (Gram-positivi),
mentre quelli che perdono la prima colorazione diventano rosa (Gram-negativi).
Le bacillacee e le colture vecchie possono mutare in Gram-negative. Non va bene per i micoplasmi (meglio la colorazione di Giemsa) ed poco adatta per germi
alcool-acido resistenti e miceti (muffe e lieviti).
Ziehl-Neelsen, indicata per microrganismi alcool-acido resistenti (micobatteri,
corinebatteri, nocardie), che trattengono la fucsina fenicata applicata a caldo, a
causa della presenza di cere nella membrana, nonostante i successivi lavaggi con
alcool e acido solforico. Questi germi si colorano in rosa, mentre altri batteri e le
strutture cellulari assumono il colorante di contrasto (blu di metilene).
Esistono anche altre tecniche di colorazione, ad esempio con blu di metilene (Loeffler), con verde malachite per le spore (Schaffer-Fulton), con sostanze fluorescenti. Alcuni metodi specifici di colorazione verranno presi in considerazione nel corso delle esercitazioni.
Colorazione lattofenolo-blu cotone. La colorazione lattofenolo-blu cotone viene praticata procedendo come per losservazione a fresco, ma usando al posto della
glicerina una soluzione colorante contenente fenolo cristalli 20 g, glicerina 40 ml,
acido lattico 20 ml, acqua distillata 20 ml. Gli ingredienti vengono sciolti per agitazione a caldo in bagnomaria, dopo di che si aggiungono 0.05 g di blu cotone. indicata soprattutto per muffe e lieviti.
Misurazione delle dimensioni dei microrganismi
Per misurare un germe, bisogna, innanzitutto, realizzare un preparato microscopico, fissarlo e colorarlo. Si sostituisce, quindi, uno degli oculari del microscopio con
un altro oculare speciale, che porta impressa sulla lente una scala graduata, divisa in
100 tratti. Messo a fuoco il preparato al microscopio, si fa combaciare (in lunghezza o in larghezza) il germe da misurare con la scala graduata, che vi appare sopra, e
si vede quanti tratti occupa.
Tuttavia, per esprimere la misurazione in micrometri, cio in millesimi di millimetro, necessario sapere quanto vale un tratto della scala impressa sulloculare,
eseguendo una taratura. Questa viene fatta ponendo sotto lobiettivo del microscopio un vetrino speciale, chiamato micrometro, che porta incisa una scala lunga 2
millimetri, divisa in 200 tratti, ciascuno lungo 10 micrometri. Basta far coincidere la
scala incisa sul vetrino con quella impressa nelloculare per ricavare quanti micrometri vale un tratto di questultima (chiamato divisione ottica, D.O.). In pratica,
si ha che negli oculari graduati, normalmente in commercio, un tratto corrisponde
a 4 micrometri (se lobiettivo sul microscopio da 25x), oppure a 1 micrometro (se
lobiettivo da 100x a immersione).

28

Osservazione con obiettivo 25x


**

0,04 mm
0,05

SCALA DELLOCULARE
SCALA DEL VETRINO
10 tratti (o divisioni ottiche) sulla scala delloculare corrispondono a 0,04 mm
sulla scala del vetrino

Conteggio diretto delle cellule batteriche al microscopio


Metodo di Breed
(esempio di utilizzazione del metodo per determinare la carica microbica presuntiva
in campioni di materiale fluido o in sospensione omogenea diversi dal latte)
MATERIALE
Microscopio con obiettivo ad immersione (100x) e oculari 10x
Vetrino di referenza millimetrato da 2 mm con divisioni da 0,01 mm
Pipette graduate da 0,1 ml con divisione 1/1000 per distribuire 0,01 ml di campione
Vetrini portaoggetti di Breed ben sgrassati con cerchietti da 1 cm2 (su ogni vetrino possono essere esaminati fino a 4 campioni in altrettanti cerchietti)
Coloranti per Gram
Propipetta
METODO
1. Determinare la superficie (S) del campo microscopico
NOTA - Il campo microscopico varia di dimensioni cambiando microscopio.
Esempio: Il raggio del campo microscopico, nel caso specifico dimostrato, risulta pari a 7 divisioni del vetrino millimetrato di referenza (da 0,01 mm ogni divisione), e cio di 0,07 mm = 0,007 cm. Di conseguenza: Superficie (S) = pr2 =
3,14 x 0,0072 = 0,015 cm2
2. Determinare il numero di campi microscopici in 1 cm2: 1/0,015 = 66 campi in 1
cm2
3. Determinare il numero (x) di germi per ml di campione
Depositare entro un cerchietto da 1 cm2 presente sul vetrino portaoggetti di Breed, usando una pipetta graduata da 0,1 ml, una quantit di 0,01 ml del campione in esame, distribuendo accuratamente il liquido senza uscire dalla circonferenza
Lasciare asciugare a temperatura ambiente
Fissare alla fiamma (col latte si usa invece xilene e alcool)
Colorare con metodo di Gram (col latte si usa invece il blu di metilene)
Osservare al microscopio con obiettivo a immersione (100 x)

29

Contare il numero di germi visibili in due posizioni dello stesso cerchietto


(scelte a caso) e farne la media aritmetica (= batteri contati in un campo)
Calcolare il numero (X) di germi per ml di campione:
X = batteri contati in un campo x 100 (esaminato 1/100 di ml) x 66 (campi
in 1 cm2)
Esempio: 20 germi contati in un campo x 100 x 66 = 132.000 germi per ml di
campione.
I batteri nei tessuti. Rapporti fra microbiologia ed istologia
In alcuni casi, lallestimento di preparati istologici favorisce e completa la diagnosi di malattie a eziologia batterica. possibile evidenziare lesioni tipiche alle
strutture e vedere i microrganismi colorati allinterno delle cellule o degli organi.
IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA
Lidentificazione per via biochimica il metodo pi conveniente per riconoscere generi e specie. Molte procedure sono state proposte. Una delle pi conosciute
quella di King-Weaver (1972), che prescrive:
per i Gram-positivi, le reazioni di fermentazione del glucosio, catalasi, ossidasi,
formazione di spore, mobilit;
per i Gram-negativi, le reazioni di utilizzazione del glucosio, catalasi, ossidasi,
mobilit, crescita su MacConkey Agar.
1) La fermentazione del glucosio viene saggiata abitualmente in terreno liquido per
carboidrati.
2) Il test della catalasi (enzima che favorisce la scissione del perossido didrogeno
in ossigeno e acqua) pu essere fatto su vetrino (stemperando in una goccia di
acqua ossigenata al 3% una piccola quantit di patina colturale e osservando la
formazione di bolle di ossigeno) oppure in provetta (aggiungendo alcune gocce
della soluzione di acqua ossigenata). Questa seconda possibilit evita la formazione di aerosol pericolosi con germi patogeni. Laggiunta del reattivo impedisce
comunque ulteriori trapianti.
3) Il test dellossidasi (enzima che favorisce la riduzione dellossigeno ad acqua e
perossido didrogeno) pu essere fatto su carta assorbente (stemperando in una
goccia di tetrametil-para-fenilendiamina in soluzione acquosa all1% una piccola quantit di patina colturale e osservando il viraggio al violetto entro un minuto) oppure su slant (aggiungendo alcune gocce della medesima soluzione).
4) La verifica della formazione di spore si pratica al momento dellesame microscopico della coltura, attraverso uno striscio colorato con Gram.
5) La prova della mobilit pu essere effettuata con un esame microscopico a fresco, in goccia pendente su apposito vetrino, oppure con una semina in BHI Agar
al 3 per mille (in provetta con tubo di Craigie) e lettura dopo incubazione a 37 C
per 48-72 ore.
6) Lutilizzazione del glucosio, per distinguere se avviene per fermentazione o per
ossidazione esige una metodica particolare. Il terreno un agar semisolido in alto strato di colore verde (Hugh-Leifson). Si semina la patina colturale con lago,
per infissione, in due provette. A una provetta si aggiungono 2 ml di olio di vaselina sterile, per creare lanaerobiosi. Dopo incubazione a 37 C per 24 ore, un
viraggio al giallo in entrambe le provette indica fermentazione (F), un virag-

30

gio nella sola provetta senza olio indica ossidazione (O), una crescita microbica senza viraggi indica negativit alla saccarolisi (-).
Alcune prove biochimiche di identificazione di specie di uso frequente
Reazioni di fermentazione dei carboidrati
Le trasformazioni, che i batteri operano su determinati carboidrati in ambiente
anaerobio, conducono alla formazione finale di acido piruvico, con abbassamento
del pH. Seminando un terreno che contiene uno zucchero e un indicatore di pH, si
pu riconoscere labilit fermentativa verso quello zucchero, caratteristica di ogni
specie.
Reazione di produzione di indolo
propria di alcune specie, che attraverso un enzima (triptofanasi) deaminano un
aminoacido, il triptofano, formando indolo, acido piruvico e ammoniaca. Dopo aggiunta di p-ammino-benzaldeide, contenuta nel reattivo di Kovacs, si forma un anello rosso (rosindolo).
Reazione di riduzione dei nitrati
I microrganismi che possiedono lenzima nitrato-reduttasi riducono i nitrati a nitriti. La formazione di nitriti si dimostra a fine coltura, aggiungendo due reatttivi
(acido sulfanilico e alfa-naftilammina), che sviluppano un colore rosso.
In caso negativo, opportuno verificare se la reazione di riduzione proseguita oltre la formazione di nitrati, fino a liberare azoto e ammoniaca. Si aggiunge zinco in polvere. Se non c cambiamento di colore, si considera avvenuta la reazione di riduzione.
Reazione di scissione dellurea
Se un germe ha lenzima ureasi, pu scindere velocemente lurea, aggiunta al terreno, in ammoniaca e acqua. Linnalzamento del pH viene segnalato dal viraggio di
un indicatore. In caso negativo, il microrganismo fermenta il glucosio del terreno
(positivo = rosso; negativo = giallo).
Reazione di fluidificazione della gelatina
Prevale luso di terreni nei quali la gelatina legata a charcoal (carbone). In caso di fluidificazione, le particelle di carbone liberate fanno diventare nero il terreno.
Alcune prove enzimatiche di uso frequente
Proteina A
Componente proteica della parete di S. aureus e di S. hyicus. Si attacca alla porzione Fc delle IgG. Il reagente costituito da particelle di lattice, che trattengono
IgG ed eritrociti.
Su un cartoncino si mette una goccia di reagente al lattice per la ricerca della proteina A. Con lago si stempera gradualmente nella goccia una piccola quantit di patina colturale prelevata da BHI Agar. La prova positiva se si forma, entro pochi secondi, unagglutinazione di tipo flocculare degli eritrociti contenuti nel reagente. Si
esegue una verifica usando il controllo positivo del kit.

31

Coagulasi libera in provetta


Procoagulasi che reagisce con il CRF coagulase reacting factor del plasma di alcune specie animali. Si forma stafilotrombina che converte il fibrinogeno in fibrina. Questa protegge i germi dalla fagocitosi leucocitaria e dallazione dei farmaci.
Volumi pari a 0,2 ml di ciascuna brodocoltura e 0,2 ml di Brodo BHI (controllo
negativo) vengono posti, con pipette diverse, in altrettante provette da sierologia. Si
aggiungono, in ogni provetta, 0,5 ml di plasma di coniglio + EDTA. Dopo miscelazione, si pone ad incubare in termostato a 37 C per 4 ore.
Coagulasi legata su vetrino
Glicoproteina della parete batterica che reagisce con il fibrinogeno, trasformandolo in fibrina, capace di legare i batteri in aggregati resistenti alla fagocitosi.
Una goccia di ciascuna brodocoltura viene mescolata assieme ad una goccia di
plasma di coniglio + EDTA sopra un vetrino portaoggetti. La prova positiva se si
forma, entro pochi secondi, un precipitato granulare biancastro.
Termonucleasi
Enzima resistente a calore e pH elevato, che idrolizza il DNA. Si trova negli stafilococchi aureus, intermedius, hyicus. Si cerca con un terreno a pH 9 contenente
agar, DNA e blu di toluidina (blu se legato alle due precedenti sostanze, rosa se associato solo allagar).
Una brodocoltura del ceppo in esame viene riscaldata in bagnomaria a 100 C per
15 minuti. Dopo raffreddamento, si imbibiscono due dischetti bianchi di carta, che
vengono poi posizionati, assieme ad un dischetto di controllo (positivo), su una piastra di terreno per test della DNAsi. La piastra, non capovolta, viene incubata a 37
C per 6-12 ore, oppure a 50 C per 3-5 ore. Se la termonucleasi presente, si forma un alone rosa attorno al dischetto.
Jaluronidasi
Alcune specie sciolgono per via enzimatica lacido jaluronico. Questa reazione
pu essere riprodotta in vitro seminando, su una piastra di BHI Agar, perpendicolarmente a Streptococcus equi, il ceppo in esame. In caso positivo (ad esempio, con alcune pasteurelle e stafilococchi), la patina batterica dello streptococco perde la sua
mucosit in corrispondenza del ceppo jaluronidasi-positivo.
CAMP-test
Questo test nato per lidentificazione presuntiva dello Streptococcus agalactiae. Questa specie in grado di completare la lisi parziale prodotta dalla betaemolisina dello stafilococco. Esistono diverse tecniche, che prevedono lo striscio
di un ceppo di S. aureus (produttore di beta-emolisina) perpendicolarmente allo
streptococco, oppure linglobamento nel terreno della beta-emolisina filtrata. Il
meccanismo di questo test non stato del tutto chiarito. Esiste anche un test inverso, nel quale S. agalactiae agisce sinergicamente con Clostridium perfringens,
dando la classica reazione di CAMP, cio unemolisi completa a forma di punta
di freccia rovesciata.

32

Fibrinolisina
Gli streptococchi emolitici (gruppi A, B, C, F, G) producono una proteina termostabile extracellulare che scioglie la fibrina (fibrinolisina o streptochinasi). Questa
reazione ha significato diagnostico e avviene mescolando plasma umano coagulato
con una brodocoltura di streptococchi.
Streptolisina O
Gli streptococchi emolitici di gruppo A possono evocare, attraverso antigeni proteici con propriet emolitiche, anticorpi nel siero. La ricerca degli anticorpi antistreptolisinici ha significato per la diagnosi dellinfezione quando viene ripetuta ad
intervalli di 4-6 settimane con incrementi sensibili di titolo. La prova avviene mescolando in provette anticorpi specifici antiemolitici con il siero in esame e aggiungendo streptolisina O e globuli rossi in soluzione tampone.
PROVE SIEROLOGICHE
Agglutinazione rapida e lenta
Agglutinazione rapida su vetrino
Nellagglutinazione somatica, le cellule batteriche si uniscono per i poli, formando rapidamente degli aggregati di tipo finemente granulare allocchio dellosservatore. Questi aggregati, oltre che di piccole dimensioni, sono piuttosto labili e si lasciano sciogliere se loperatore eccede nellagitare la miscela siero-antigene.
In pratica, si pone un vetrino porta-oggetti (ben pulito e sgrassato) su un piano di
vetro illuminato da luce trasmessa e si depone sul vetrino una goccia del siero diagnostico da usare.
Con lago da batteriologia, sterilizzato e raffreddato, si preleva una piccola quantit di patina batterica dalla superficie della coltura, evitando di trascinare nel prelievo frammenti di agar provenienti dal terreno e operando in condizioni di sterilit,
vicino alla fiamma del bunsen. Si depone delicatamente la quantit di patina batterica con lago vicino alla goccia di siero, senza mettere immediatamente la patina a
contatto con il siero stesso, per evitare la formazione di grumi.
Con la punta dellago, senza flambare, si procede quindi a trasportare, in pi riprese, piccole quantit di siero dalla goccia sulla patina, mescolando con movimento
circolare, in modo da disperdere i germi. Quando la patina si stemperata, si completa con lago la miscelazione dei germi con lintera quantit di siero presente sul
vetrino. Si continua con lago (per 1 minuto circa) a mescolare i germi nel siero, con
movimento circolare, evitando di allargare eccessivamente la goccia.
Prima di procedere alla lettura dellagglutinazione, consigliabile abbandonare
lago (che va flambato) e sollevare con entrambe le mani il vetrino, per completare la miscelazione dellantigene nel siero con tre o quattro movimenti di oscillazione del vetrino stesso.
In caso di agglutinazione positiva, al termine del tempo prefissato si devono poter
apprezzare, a occhio nudo, piccoli granuli bianchi, omogeneamente dispersi nellintera
goccia di siero, divenuta, attorno alle granulazioni, decisamente trasparente. In caso di
agglutinazione negativa, i germi, restando liberamente in sospensione nel siero, provocheranno un intorbidamento dello stesso, che assumer un aspetto lattiginoso e opaco.

33

Agglutinazione lenta in provetta


La reazione avviene per modificazioni di carica elettrica sulla superficie delle cellule batteriche sensibilizzate dalle agglutinine del siero. Si manifesta come ammassamento di batteri sul fondo delle provette o dei pozzetti delle piastre, in presenza di
soprastante limpido (viceversa torbido in caso negativo). Lantigene-test, coltivato
in sospensione e diluito a una determinata concentrazione, viene miscelato con diluizioni al raddoppio dei sieri in esame e incubato in termostato o in bagnomaria a
3750 C per 118 ore.
La prova serve soprattutto per evidenziare il titolo di anticorpi nel siero (reazioni
di Vidal per il tifo, Weil-Felix per la rickettsiosi, TPA per la sifilide, sierologia di brucellosi, leptospirosi, ecc.). Pu servire anche per tipizzare i batteri, ricorrendo a sieri
diagnostici specifici verso gli antigeni somatici o di superficie, ad esempio per individuare i sierotipi di Salmonella, E. coli, Klebsiella, Erysipelothrix, Listeria, ecc).
Precipitazione
La reazione caratterizzata dallincontro di un antigene solubile e di un anticorpo del siero. Si manifesta con la formazione di un precipitato o flocculato visibile al
punto di interfaccia tra i due reagenti.
Si pu eseguire incubando in provette un siero diagnostico, sopra al quale viene
stratificato un estratto antigenico (ottenuto dai batteri o dal materiale patologico). In
caso positivo, si forma a met un anello di precipitato. La prova serve, ad esempio,
per il riconoscimento degli streptococchi beta-emolitici (test di Lancefield) e per la
diagnosi di carbonchio (termoprecipitazione di Ascoli).
Esiste una variante che sfrutta la diffusione dei reagenti in uno strato di agar-gel
(metodo della doppia diffusione di Outcherlony). Se esiste corrispondenza antigene-anticorpo, si formano, dopo migrazione in piastra, linee di precipitazione al punto dincontro tra i reagenti posti in pozzetti scavati nellagar. Si pu accertare anche
se due antigeni sono uguali, ponendoli a triangolo verso un siero diagnostico. In caso positivo, le bande di precipitazione si dispongono a V, fondendosi, mentre, in caso negativo, si incrociano.
Questo tipo di prova pu essere applicato, ad esempio, per dimostrare la tossigenicit dei ceppi batterici (difterite, ecc).
Fissazione del complemento
Questa reazione basata sul principio che il complemento, presente nel sangue,
viene fissato se si mette a contatto un antigene con il suo anticorpo omologo. Se
a questo complesso si aggiunge un sistema rivelatore, formato da globuli rossi ed
emolisina anti-globuli rossi, non si avr lisi, in quanto il complemento non pi disponibile. La prova pu essere impiegata in due sensi, per ricercare anticorpi nel
sangue oppure per riconoscere un germe (ad esempio, il vibrione del colera usando
un siero anti-colera).
Reazione di Quellung
Diplococcus pneumoniae pu essere differenziato in biotipi mediante una reazione di rigonfiamento della capsula introdotta da Neufeld, che avviene per combinazione anticorpo-polisaccaride capsulare. Pu avvenire direttamente su germi isolati
oppure su essudato contenente pneumococchi, mescolando su un vetrino il materiale patologico con una goccia di siero specifico e blu di metilene. Il citoplasma bat-

34

terico si colora di blu intenso, la capsula debolmente. Il risultato della prova positivo se la capsula stessa, evidenziata per contrasto dalla colorazione, appare notevolmente ingrandita.
SENSIBILIT AD ANTIBIOTICI
Famiglia
Beta-lattamine
Aminoglicosidi
Macrolidi
Tetracicline

Alcuni antibiotici rappresentati


Penicillina, ampicillina, amoxicillina,
carbenicillina, cloxacillina, meticillina,
cefalosporine
Streptomicina, kanamicina, neomicina,
gentamicina, amikacina
Eritromicina, spiramicina, tilosina,
oleandomicina
Ossitetraciclina, clorotetraciclina,
minociclina, doxiciclina

Polipeptidi

Bacitracina, colimicina, polimixina

Lincosamidi
Chinoloni e
fluorchinoloni
Benzil-pirimidinici
Rifamicine
Sulfamidici
Nitrofuranici

Lincomicina, clindamicina
Acido nalidixico, flumequina,
enrofloxacina, ciprofloxacina
Trimethoprim
Rifamicina, rifampicina
Sulfadiazina, sulfamerazina
Furazolidona, nitrofurantoina

Meccanismo dazione sui batteri


Inibizione sintesi parete
Permeabilizzazione membrana
Inibizione sintesi proteica
Inibizione sintesi proteica
Inibizione sintesi parete e
permeabilizzazione membrana
Inibizione sintesi proteica
Blocco sintesi DNA
Blocco acido folico
Blocco sintesi RNA
Inibizione sintesi folati
Inibizione sintesi acidi nucleici

Antibiogramma - I farmaci antibatterici si dividono in antibiotici (di origine biologica) e chemioterapici (di sintesi).
La scelta di uno piuttosto che di un altro principio attivo dipende, nella pratica medica, dal tipo di batteri in causa, dalle possibilit di somministrazione, dalla distribuzione specifica negli organi, dagli effetti collaterali indesiderati, dalla tossicit, ecc.
Lantibiogramma un test di laboratorio in cui una serie di sostanze antibatteriche viene messa a contatto con il microrganismo ritenuto causa dellinfezione. I dati raccolti con lantibiogramma consentono di mettere in pratica una terapia mirata,
per la quale il clinico orientato ad abbandonare i farmaci che non hanno effetto.
Va sempre tenuto presente che gli effetti in vivo non corrispondono necessariamente ai risultati ottenuti da test di laboratorio.
Larchiviazione di dati sulla sensibilit di un determinato patogeno a certi farmaci (piuttosto che ad altri) permette di attuare, in casi di emergenza, la cosiddetta terapia ragionata.
La suscettibilit di un germe a sostanze antimicrobiche pu essere valutata con il
metodo delle diluizioni del farmaco (per trovare la cosiddetta concentrazione minima inibente, o MIC) oppure con il metodo della diffusione in piastra. Come tutti i
metodi, questultimo deve ridurre al minimo le variabili per essere riproducibile.
stato standardizzato nel 1966 da Kirby e da Bauer.
In sintesi, il metodo di Kirby-Bauer consiste nellinoculare una brodocoltura del
germe in esame (opportunamente diluita fino a una certa densit) sulla superficie del
terreno Mueller-Hinton Agar (in piastra con determinato spessore dellagar), sovrapponendo, poi, dei dischetti di carta impregnati con concentrazioni standard di antibiotici.

35

Dopo incubazione in termostato, vengono misurati i diametri delle zone di inibizione alla crescita che si producono attorno ai dischetti. Dal confronto dei diametri
misurati in mm con una scala di lettura, si definisce il microrganismo sensibile (S),
intermedio (I) , resistente (R).
stato dimostrato da Kirby-Bauer che i diametri di inibizione sono inversamente
proporzionali alla concentrazione minima inibente (MIC) degli antibiotici.
Il metodo applicabile ai germi aerobi, aerobi esigenti (supplementando il terreno con siero al 3% o sangue defibrinato al 5%) e microaerofili (incubando a 37C
col 510% di CO2). Non d buoni risultati con i germi anaerobi.
Concentrazione minima inibente (MIC) - Esiste la possibilit di stabilire, per un
dato farmaco, la quantit minima capace di inibire, in vitro, il microrganismo patogeno contro il quale destinato.
Questa alternativa preferibile allantibiogramma, in quanto consente di minimizzare il dosaggio del principio attivo al livello indispensabile per mantenere lefficacia, riducendo, di conseguenza, gli effetti indesiderabili (tossicit e induzione
della resistenza).
Il metodo classico per stabilire la concentrazione minima inibente (MIC) prevede di saggiare una brodocoltura batterica contro diluizioni in provetta del farmaco.
Attualmente esistono sistemi miniaturizzati di diluizione in piastra microtiter
e sistemi automatizzati. Nei pozzetti di ogni colonna (cio in verticale), sono contenute diluizioni scalari in base 2 di vari antibiotici liofilizzati. Introducendo la brodocoltura del germe in esame opportunamente diluita nei pozzetti, si ricostituisce il
principio attivo e, dopo incubazione, si legge lo sviluppo batterico dalla torbidit del
mezzo. Si prende in considerazione la diluizione pi alta di antibiotico che denuncia, dalla trasparenza del pozzetto, assenza di crescita batterica. Questa diluizione
(espressa in microgrammi di farmaco per millilitro) corrisponde alla concentrazione minima inibente (MIC) di quellantibiotico verso quel germe.
RICERCA DELLE SOSTANZE INIBENTI
Questo genere di analisi, frequentemente adoperato in microbiologia alimentare, ha una sua importanza, da non sottovalutare, anche nel campo della diagnostica clinica. Infatti, campioni di organi o tessuti che contengano residui di sostanze inibenti possono dare, se sottoposti ad analisi microbiologica, risultati falsamente negativi, in quanto eventuali germi patogeni vengono mascherati. In definitiva, i campioni di soggetti sicuramente trattati andrebbero verificati per la presenza di residui.
La presenza di residui di antibiotici e sulfamidici negli alimenti di origine animale
motivo di preoccupazioni per la qualit dellalimento. Se, da un lato, sono innegabili
i vantaggi economici provenienti dalluso degli antibiotici in zootecnia, dallaltro lato
i rischi tossicologici e tecnologici derivanti non sono trascurabili. Pertanto, la ricerca
dei residui di sostanze inibenti in Europa prescritta dal Regolamento CEE 2377/90.
In biologia si definiscono inibenti le sostanze che reagiscono con organismi viventi impedendone la crescita. Questa propriet, applicata in vitro nei confronti di
certi microrganismi sensibili, sta alla base del cosiddetto test di ricerca delle sostanze inibenti. Si tratta di una prova di valenza generica largamente impiegata in diagnostica per la dimostrazione presuntiva di residui di antibiotici e chemioterapici ne-

36

gli alimenti. un metodo di screening qualitativo, che non consente di identificare


il tipo di residuo farmacologico n il dosaggio. Risponde positivamente sia agli inibenti artificiali che a quelli naturali (ad esempio: lisozima, acido lattico). Necessita
sempre di conferma con metodi chimici (ad esempio cromatografia su strato sottile,
HPLC) o immunologici (ELISA).
Sono stati elaborati numerosi metodi di ricerca delle sostanze inibenti per via microbiologica, che si basano su un unico principio: il campione in esame (o un suo
estratto) viene posto su un terreno agarizzato seminato con un microrganismo sensibile; leventuale residuo diffonde dal campione, producendo un alone trasparente
dinibizione privo di crescita batterica.
I metodi si differenziano tra loro per tipo (o tipi) di terreno adottato e per la scelta del microrganismo sensibile, che pu essere anche pi di uno.
Tra i metodi pi affermati usati per le carni e altri alimenti si ricordano:
il metodo tedesco AH-test (Allgemeine Hemmsoffentest), che impiega il Bacillus
subtilis BGA e due piastre del medesimo terreno, ma con pH diversi (6,0 e 8,0).
il metodo olandese (Dutch KidneyTest), che impiega il Bacillus subtilis BGA e una
piastra di terreno a pH 7 addizionato di trimethoprim.
il metodo EEC (Four Plate Method), che impiega il B. subtilis BGA e il Micrococcus luteus su terreni a pH 6,0-7,0-8,0.
Sono stati impiegati anche altri microrganismi sensibili (tra cui Bacillus cereus,
Bacillus licheniformis, E. coli, ecc).
Tra i metodi pi usati per il latte si ricordano:
il metodo Disc Assay, che impiega il Bacillus stearothermophilus var. calidolactis su terreno a pH 8.0 con trimethoprim.
il DELVO TEST.
il CHARM TEST.
Sono stati impiegati anche altri microrganismi sensibili (tra cui Streptococcus
thermophilus, Bacillus subtilis, Bacillus megaterium, ecc).
La sensibilit ottenibile con i metodi microbiologici accennati molto varia e non
sempre eccellente. La penicillina, ad esempio, pu essere rivelata nelle carni col metodo olandese fino a 0,01 g per grammo, col metodo EEC fino a 0,1, mentre nel latte col metodo Disk Assay fino a 0,008 g per ml e col metodo CHARM fino a 0,005.
Bibliografia
1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)

BULLETIN IDF n. 258/1991, Section 1, Detection of Inhibitors


FDA, U.S. Food and Drug Administration, Bacteriological Analytical Manual,
6th ed., AOAC, Arlington, 1984, 22.01-22.07
POLI G. e Coll., Microbiologia e immunologia veterinaria, UTET, Torino, 1996
RAVIZZOLA G. e Coll., Basi microbiologiche della terapia antibiotica, Bayer, Milano, 2000
THRELFALL E.J. e Coll., The emergence and spread of antibiotic resistance
in food-borne bacteria in the United Kingdom, Alliance for the prudent use of
antibiotics Newsletter, 1999, 17, 1
THRELFALL E.J. e Coll., The emergence and spread of antibiotic resistance
in ffod-borne bacteria, Int. J. Food Micr., 2000, 62, 1
ZAVANELLA M. e Coll., Improved microbiological method in chemioantibiotic residues detection tests for meat products, 9th International Symposium
W.A.V.F.H., Budapest, 26-30 agosto 1985

37

COME DESCRIVERE LA MORFOLOGIA DELLE COLONIE BATTERICHE


Figura 1 - Aspetto delle colonie batteriche sviluppate su terreni solidi.
Esempio di descrizione della forma, al di fuori del colore e della consistenza in esse riscontrata.

38

COME DESCRIVERE LA CRESCITA DI UNA COLTURA BATTERICA


Figura 2 - Aspetti della crescita batterica su terreni solidi, semisolidi (gelatina) e liquidi secondo diverse modalit di semina delle colture.

39

Domande:
1. - Come si pu trasformare un brodo in un terreno semisolido?
2. - A cosa servono le feritoie sul bordo dingresso della cappa a flusso laminare
verticale per batteriologia?
3. - Come si ottiene una coltura pura di batteri?

METODI DI LABORATORIO ALTERNATIVI


IN BATTERIOLOGIA DIAGNOSTICA

In batteriologia si chiamano convenzionali i metodi che permettono lisolamento dei microrganismi in coltura. Purtroppo i batteri, soprattutto se patogeni, non si
lasciano sempre coltivare con facilit, essendo distribuiti nel campione in modo disomogeneo o essendo spesso numericamente soverchiati da saprofiti, oppure stressati da trattamenti fisico-chimici imposti dalluomo (temperatura, pH, disinfettanti,
antibiotici). Lo stress il peggior nemico dei batteri, che, divenuti pi sensibili alle
sostanze selettive aggiunte ai terreni, non crescono pi nelle piastre. Per rivitalizzare i germi stressati, sono stati introdotti i terreni liquidi di pre-arricchimento, che
per allungano i tempi di analisi. Per ovviare allinconveniente, sono stati inventati
i cosiddetti metodi alternativi, chiamati anche rapidi con termine soggettivo e
spesso virtuale. Infatti, se vero che i test in s sono davvero rapidi (richiedono da
pochi minuti a poche ore), essi esigono, tuttavia, il pi delle volte un pre-arricchimento, che incide sulla durata complessiva dellanalisi.
I metodi rapidi sono iniziati negli anni 40, quando si visto che, concentrando
linoculo e diminuendo il volume, la reazione avviene prima. Si sono diffusi commercialmente tra gli anni 70 e 80, sotto forma di test miniaturizzati. Servono per
trovare i batteri nel campione, indipendentemente dalla dimostrazione colturale delle colonie (detection), oppure per riconoscerli (identification), specie se si tratta di
patogeni. Ne esistono almeno cinque categorie.
KIT DI IDENTIFICAZIONE BIOCHIMICA
Molto simili fra loro, sono costituiti da supporti monouso divisi in cellette contenenti i terreni. Si incubano per 2-24 ore, hanno unaffidabilit del 90-95%, sono
largamente dedicati agli enterobatteri e, in misura minore, ad altre famiglie. Alcuni dei prodotti pi conosciuti sono: API, Bio-Merieux; Cobas IDA, Hoffmann; Micro-ID, Remel; Enterotube, Roche; Spectrum 10, Austin; Rapid ID, ID; Crystal e
Minitek, Becton-Dickinson; Microbact, Microgen). Esistono versioni automatizzate che generano:
a) un profilo biochimico da confrontare con un database (Vitek, Bio-Merieux; Cobas Micro ID, Becton-Dickinson; Walk/Away, MicroScan; Replianalyzer, Oxoid);
b) picchi cromatografici di acidi grassi prodotti entro colture incubate (MIS, Microbial ID);
c) variazioni di pH per ossidazione di fonti di carbonio (BIS, Biolog).
MODIFICHE DI METODI TRADIZIONALI
Non hanno un denominatore comune e comprendono:
a) Petrifilm (3M). Foglietti monouso con un terreno adeso. Consentono conteggi di
carica totale, coliformi, E. coli, ecc.
b) Filtrazione su membrana. Speciali membrane idrofobe (Isogrid, QA Labs) trat-

43

tengono da un campione filtrato le cellule batteriche, che producono colonie conteggiabili adagiando la membrana su un terreno in piastra. Riduce le diluizioni.
Sono indicate per isolare coliformi, salmonelle, E. coli.
c) Terreni cromogenici e fluorogenici. Si basano su attivit enzimatiche specifiche. Per i coliformi si inseriscono nei terreni sostanze cromogene (ONPG e XGal), per Escherichia coli un glucuronide (GUD) oppure il fluorogeno MUG. Le
colonie saranno, rispettivamente, colorate in maniera caratteristica oppure fluorescenti in luce ultravioletta (lampada di Wood a 366 nm). Vengono prodotti terreni
cromogenici indicati per coliformi ed E. coli (Coli Quick, Hach; Colilert, Idexx;
ColiComplet, Biocontrol; Coligel, Charm; LST MUG, Difco per tecnica MPN),
per Salmonella (Rambach, Cromagar; XLT4, Difco; MSRV, Oxoid), per Listeria (Rapid L-mono, Sanofi; BMC, Biosynth). Nei terreni fluorogenici si trova la
gamma Fluorocult della Merck.
d) Mucap Test (Biolife). Individua le colonie di Salmonella attraverso lenzima C8
esterasi.
e) Dye Binding. Certi batteri catturano in maniera differenziale certi coloranti, come avviene per Yersinia spp. nel kit Crystal Violet (Polysciences).
TEST BASATI SUGLI ACIDI NUCLEICI
Hanno interesse pratico nella diagnostica dei patogeni i seguenti metodi: DNA
probes, PCR, transduzione batteriofagica. Altri metodi, destinati alla tipizzazione
molecolare (elettroforesi su gel in campo pulsato, polimorfismo della lumghezza
dei frammenti di restrizione, ribotipizzazione), sono pi indicati per la ricerca pura.
a) DNA probes. Nel sistema Gene-Trak (Gene-Trak), i germi in coltura vengono lisati chimicamente. Due frammenti di DNA (probes), uno di cattura e laltro di
rivelazione, vengono fatti ibridare con lRNA bersaglio dei batteri. Il complesso
che si forma viene rivelato mediante anticorpi fluorescenti. Sono disponibili kit
per Salmonella, Campylobacter, Listeria, S. aureus, Yersinia enterocolitica, E.
coli. Nel sistema Accu-Probe (Gene-Probe), un probe specifico, marcato con una
sostanza luminescente, viene fatto ibridare con lRNA bersaglio, diventando poi
visibile per lintervento di una perossidasi. Si trovano kit per la ricerca di Campylobacter, Listeria, S. aureus.
b) PCR (Polymerase Chain Reaction). Corti frammenti di DNA (probes o primers)
vengono ibridati con specifiche sequenze-bersaglio (template) sul DNA dei batteri e quindi enzimaticamente amplificati dalla Taq-polimerasi, sotto variazioni termiche generate da un apparecchio (Thermocycler). I frammenti amplificati vengono sottoposti a elettroforesi su gel di agarosio. Le bande ottenute, colorate con
bromuro di etidio e visualizzate in luce ultravioletta, vengono fotografate e interpretate per confronto con bande di referenza note. Tra i kit ormai numerosi in
commercio si trovano: Probelia (BioControl) per Cl. botulinum, E. coli O157:H7,
Listeria, Salmonella ; BAX (Qualicon) per E. coli O157:H7, Listeria e Salmonella. Vantaggi: amplificazione veloce (un milione di volte in meno di due ore);
si possono cercare pi bersagli contemporaneamente; elevata specificit. Svantaggi: necessario coltivare il campione; le proteine o i grassi possono interferire
con i primers, dando falsi risultati negativi; per evitare inconvenienti occorrono
accorgimenti laboriosi (lavaggi, centrifugazioni); la sensibilit del metodo inizia
da 104/106 cellule per ml; vengono rivelati contemporaneamente batteri vivi e batteri morti.

44

c) Transduzione batteriofagica. Da alcuni germi sono stati estratti i geni responsabili della luminescenza, che introdotti in un batteriofago ospite-specifico trasmettono al germe infettato la propriet di diventare luminoso al microscopio. Esiste
anche un fago che trasmette un gene capace di legare le molecole dacqua, simulando il congelamento. La reazione individua 20 salmonelle per ml (Bacterial Ice
Nucleation Diagnostic, Biocontrol).
TEST IMMUNOLOGICI ED IMMUNO-ENZIMATICI
a) EIA (Enzyme-Immuno-Assay). Sfrutta una reazione di tipo competitivo tra lantigene adsorbito al supporto plastico del kit e leventuale antigene contenuto nel
campione da analizzare. Tra i vari prodotti si ricorda Unique (TECRA) per Salmonella o Listeria ed E. coli O157 Test (TECRA).
b) ELISA (Enzyme-Linked Immuno Sorbent-Assay) il sistema pi diffuso in cui
un anticorpo, attaccato a un supporto solido, cattura lantigene (batteri o tossine) da una coltura in brodo di arricchimento. Si aggiunge un secondo anticorpo,
coniugato con un enzima, che forma un sandwich anticorpo-antigene-anticorpo coniugato. Lenzima una fosfatasi alcalina o una perossidasi, che scinde un
subsrato cromogeno successivamente addizionato. La sostanza colorata liberata
si legge a vista o si misura con uno spettrofotometro. Il supporto che regge lanticorpo primario pu essere una piastra microtiter, uno stick di plastica, un cartoncino impregnato. La sensibilit per ml di 104/105 cellule o pochi nanogrammi di tossina. Variazioni della tecnica dotate di maggiore sensibilit sono lELCA (Enzyme-Linked-Coagulation-Assay) per il Cl. botulinum, in cui il complesso tossina-anticorpo amplificato da una coagulazione, e lELFA (Enzyme-Linked-Fluorescence-Assay) a substrato fluorogenico. Alcune procedure sono state
automatizzate per ridurre gli errori da manualit. Estremamente numerosi sono
i kit disponibili in commercio basati sullELISA, per cui impossibile elencarli.
Una lista incompleta riportata nella tabella 6.
c) Separazione immunomagnetica. Specifici anticorpi, adsorbiti su sferette magnetiche, catturano i batteri in coltura e li concentrano. I batteri possono poi venire pi facilmante isolati su terreno solido o identificati (agglutinazione, test genetici). La tecnica, che non necessita di arricchimento selettivo, stata applicata
a salmonelle, listerie, E. coli O157:H7 (kit Dynal e Vicam).
d) Immunoprecipitazione. sorta con i test di gravidanza. Ricalca il principio
del sandwich di anticorpi, ma, al posto dellenzima coniugato, usa un anticorpo adeso a sferette di lattice colorato. I kit presentano tre scomparti contenenti,
nellordine, anticorpo+lattice, anticorpo di cattura, anticorpo di controllo positivo. Lantigene del campione si lega con lanticorpo+lattice, formando una prima
linea di precipitazione. Leccesso di antigene si combina anche con lanticorpo di
controllo, dando luogo a una seconda linea di precipitazione. Per semplicit costruttiva (si tratta di cartoncini o supporti plastici) e rapidit (10 minuti), questo
genere di test si diffuso molto. Tra i kit prodotti, si trova VIP(BioControl) per
E. coli O157 e Listeria; Reveal (Neogen) per E. coli O157 e Salmonella; NOW
(Binax) per E. coli O157; Quick Rapid (UHW) per E. coli O157; ImmunoCard
STAT (Meridian) per E. coli O157; Clearview e Rapidtest (Unipath) per Listeria
e Salmonella; Path-Stik (Lumac) per Salmonella; CholeraSmart e BengalSmart
(New Horizon) per V. cholerae.

45

Tabella 6 - Kit di identificazione batterica basati su tecnica ELISA (lista incompleta)


Germe

Tossina
B. cereus (diarroica)

Campylobacter
Cl. botulinum

E. coli O157:H7 (EHEC)

Shigella
E. coli ST

Listeria

Salmonella

S. aureus

Enterotossina
stafilococcica

46

Produttore

Kit
TECRA

TECRA

Vidas (ELFA)

BioMerieux

Elca

Elcatec

Assurance

BioControl

HECO 157

3M

TECRA

TECRA

E. coli O157

LMD Lab

Premier

Meridian

E. coli O157

Binax

Rapitest

Microgen

Transia Card

Transia

Vidas (ELFA)

BioMerieux

EIA Foss

Foss

Verotest

MicroCarb

Premier

Meridian

E. coli ST

Oxoid

Listeria-Tek

Organon Teknica

TECRA

TECRA

Assurance

BioControl

Transia

Transia

Pathalert

Merck

Vidas (ELFA)

BioMerieux

EIA Foss

Foss

Salmonella-Tek

Organon Teknica

TECRA

TECRA

EQUATE

Binax

BacTrace

KPL

LOCATE

Rhone-Poulenc

Assurance

BioControl

Salmonella

GEM Biomedical

Transia

Transia

Bioline

Bioline

Vidas (ELFA)

BioMerieux

OPUS

Tecra

VIA

Tecra

SET-EIA

Toxin Technology

Tecra

Tecra

Transia

Transia

Ridascreen

R-Biopharm

Vidas (ELFA)
OPUS

Bio-Merieux
Tecra

e) immunofluorescenza (Fluorescent Antibody = FA). Si serve di globuline immuni


combinate con un colorante fluorescente. Lanticorpo coniugato si fissa sullantigene corrispondente (batterico o virale), dando origine a un complesso fluorescente visibile al microscopio a luce ultravioletta. Il fenomeno dipende dalla natura del colorante (es. isotiocianato di fluoresceina) che assorbe la luce a bassa
lunghezza donda e la emette ad una lunghezza superiore nel campo del visibile.
I vantaggi di questa tecnica sono: rapidit di diagnosi; possibilit di evidenziare
microrganismi anche non vitali o difficilmente coltivabili, senza peraltro sottostare ai rischi della coltura; visualizzazione degli agenti patogeni allinterno degli organi. Gli svantaggi sono: il costo dei reagenti (solo anticorpi specifici evitano false reazioni positive) e la necessit di un microscopio da fluorescenza. Esistono due tipi di applicazioni:
procedura diretta: anticorpo coniugato con colorante fluorescente + antigene =
fluorescenza;
procedura indiretta: anticorpo + antigene + secondo anticorpo coniugato antispecie = fluorescenza.
Gli strisci da colture vengono fissati alla fiamma, quelli da organi in acetone (10
minuti) con successivo lavaggio in soluzione fisiologica tamponata (esempio:
PBS) e asciugatura allaria. Lanticorpo coniugato viene pipettato sul vetrino e
lasciato agire per 15-30 minuti in un recipiente chiuso (con una fonte dumidit).
Dopo tre lavaggi con PBS, si monta il preparato con una goccia di soluzione fisiologica glicerinata (PBS una parte, glicerolo nove parti) sotto un coprioggetti.
I vetrini vanno letti subito. Questa metodica non va confusa con la colorazione
semplice di strisci mediante un colorante di per s fluorescente, sul tipo dellarancio dacridina, usato per evidenziare in maniera non differenziata i batteri allinterno dei tessuti.
f) RPLA (Reverse Passive Latex Agglutination). Il principio del metodo il seguente. Sono stati preparati antisieri specifici, le cui immunoglobuline purificate sono
state sensibilizzate verso particelle di lattice. Mettendo a contatto con questi anticorpi diluizioni scalari del campione, le particelle di lattice, in caso positivo, agglutinano. La sensibilit del test, nella ricerca di tossine in campioni di alimenti,
di 1 nanogrammo per grammo di prodotto. La reazione avviene in piastra con
estratti dellalimento o con brodocolture del ceppo isolato. In caso di combinazione antigene-anticorpo, si osserva una sedimentazione sul fondo dei pozzetti;
in caso negativo, si vede un precipitato a forma di bottone. Funziona nella ricerca semi-quantitativa di tossine direttamente dallalimento (SET-RPLA, Unipath
per Staphylococcus aureus; PET-RPLA per Clostridium perfringens) o dalle feci del malato. Consente di ricercare la capacit a formare tossine da un ceppo gi
isolato (VET-RPLA per la tossina termolabile LT di E. coli e di Vibrio cholerae;
Verotox-F, Denka per Shigella; BCET, Unipath per Bacillus cereus; SET-RPLA,
Unipath per Staphylococcus aureus).
g) Agglutinazione al lattice (Latex agglutination). Particelle di lattice si legano ad
anticorpi diagnostici, amplificando le dimensioni dei complessi antigene-anticorpo che si formano. Sono molto applicati in microbiologia, data la semplicit e la
gamma dei prodotti disponibili (tabella 7).

47

TEST BIOLOGICI
a) Lisotipia. I batteriofagi sono grossi virus (dimensioni 8-120 nanometri) che parassitano i batteri. Adsorbiti da questi ultimi, si infiltrano nel citoplasma attraverso aperture nella membrana cellulare e si moltiplicano a spese delle sostanze vitali del germe. Non sono visibili allinterno dei batteri, perch la loro sostanza
si mescola con quella dellospite. Dopo un certo tempo, si formano delle strutture nuove, dette profagi, dalle quali prendono origine i veri fagi infettanti, che
diventano liberi e sono capaci di parassitare nuove cellule batteriche. Ogni fago
conserva una parte del materiale genetico del batterio-madre, da usare per una
successiva replicazione. I germi convivono in natura con i batteriofagi e talvolta
non ne subiscono le conseguenze dannose, in quanto non contengono i recettori
specifici per quel dato fago. In questo caso, i batteri sono resistenti al fago e non
vengono lisati. I fagi possono essere specifici per una specie batterica o adattarsi
a pi specie. Questa propriet stata sfruttata per identificare dei generi batterici
diversi o per riconoscere specie allinterno di un genere, oppure per classificare
dei sottotipi entro una singola specie. Un esempio di uso diagnostico la suddivisione in sottotipi fagici della Salmonella typhi e della S. paratyphi B, introdotta
da Felix e Callow. Il ceppo da identificare viene coltivato per 2-3 ore in una provetta con 1 ml di brodo, fino a comparsa di una leggera torbidit, indice di crescita batterica. Con lansa, si distribuisce un po di brodocoltura sulla superficie
di una piastra di terreno solido adatto, in modo da coprire una striscia di circa
2-3 cm. Si lascia asciugare brevemente lo striscio e, quindi, si depone, al centro
dello stesso, unansata di fago. Lesatta concentrazione del fago da impiegare nel
test va calcolata preventivamente con diluizioni, per stabilire la concentrazione
duso (Routine Test Dilution, RTD) Si lascia asciugare e si mette la piastra capovolta ad incubare a 37 C per 5-6 ore (eventualmente, per una notte). In caso di
lisi, si osserva, in corrispondenza della goccia di fago applicata, una piccola area
circolare priva di crescita batterica.
b) LAL-test. Dalle ricerche fatte per scoprire le cause della febbre, emersa la responsabilit di endotossine lipo-polisaccaridiche (LPS), originate dalla membrana esterna dei batteri Gram-negativi. Appartengono ai pirogeni anche virus e reagenti chimici. Presentano una fortissima resistenza al calore, per cui la sterilizzazione delle soluzioni acquose pu essere insufficiente per distruggerli. Bisogna
quindi distinguere fra sterile ed esente da pirogeni (pyrogen free). La ricerca delle endotossine da batteri Gram-negativi interessa lindustria farmaceutica,
lindustria alimentare, le banche del sangue, i centri di dialisi. Le applicazioni pi
consistenti riguardano i controlli di produzione delle soluzioni iniettabili (fleboclisi, preparati per uso endovena, acqua distillata per ricostituzione di liofilizzati) e il controllo di qualit del latte (crudo e pasteurizzato, latte in polvere per la
prima infanzia, alimenti dietetici a base di latte). La contaminazione da batteri
Gram-negativi nel latte porta come conseguenza laccumulo di enzimi che, assieme alle endotossine, oltrepassano la pasteurizzazione, concorrendo alla formazione di sapori indesiderati e di altri difetti organolettici (gusto e conservabilit degli alimenti). La ricerca delle endotossine da batteri Gram-negativi non pu
essere fatta attraverso i consueti controlli di sterilit e nemmeno con metodi colturali, trattandosi di sostanze non vitali. Il principio di funzionamento del LALtest il seguente: le endotossine, anche se presenti in minime quantit, provocano
in vitro a 37 C, entro unora, la coagulazione di un estratto di cellule (amebociti) ricavate da un particolare crostaceo (Lymulus polyphemus). Ha una sensibilit

48

(indicativamente) di 0,03 unit endotossiche (U.E.) per ml di campione. Si visto che 20.000 batteri Gram-negativi in un millilitro di brodocoltura producono
ununit di endotossina. Nel latte o derivati, per avere la stessa quantit di endotossina, sono invece sufficienti da 1.000 a 5.000 cellule batteriche. Disponendo
di unendotossina purificata a titolo noto, possibile valutare la sensibilit delle
cellule di Limulus e saggiare leventuale effetto inibitorio del campione.
Tabella 7 - Kit di identificazione batterica basati sullagglutinazione al lattice
(lista incompleta)
Microrganismo

Kit

Produttore

Campy-Slide

Becton Dickinson

Campylobacter

Meritec-Camp

Meridian

Micro-Screen

Mercia

E. coli O157

Listeria

Salmonella

Shigella

S. aureus

RIM O157:H7

Remel

E. coli O157

Unipath

Prolex

Pro-Lab

Ecolex O157

Orion

Wellcolex O157

Murex

E. coli O157

TechLab

Microscreen

Microgen

Listeria Latex

Microgen

Bactigen

Wampole

Spectate

Roule Poulenc

Microscreen

Mercia

Wellcolex

Wellcome

Serobact

Remel

Rapid Test

Unipath

Bactigen

Wampole

Wellcolex

Wellcome

Staphyloslide

Becton Dickinson

Aureus Test

Trisum

Staph Latex

Difco

METODI CHE SFRUTTANO APPARECCHIATURE AUTOMATICHE


Alcuni di questi sistemi hanno trovato seguito in medicina umana e nel controllo degli alimenti per la quantificazione della carica microbica sui campioni in tempi
brevi (tabella 8). Qui di seguito, vengono messi a confronto i pi diffusi.
Produzione di CO2 (Bioargos). La quantit di anidride carbonica, prodotta dalla moltiplicazione dei batteri in un apposito terreno, proporzionale alla concentrazione di germi. Viene rivelata da uno spettrofotometro.

49

Variazioni della pressione parziale di gas (ESP). Si basa sulla rilevazione di variazioni di pressione allinterno di un flacone di semina, dovute al consumo o alla produzione di gas (anidride carbonica e ossigeno) come conseguenza del metabolismo dei batteri.
Variazione del potenziale Red-Ox (Sentinel). La moltiplicazione batterica attiva un incremento di ioni liberi nel substrato, tali da influire sul potenziale elettrico (Red-Ox), che viene misurato da un voltmetro.
Estinzione della fluorescenza (Vital). Si basa su una molecola fluorescente
(M15), la cui struttura viene modificata dallo sviluppo microbico. I microrganismi, con le proprie cariche elettriche, saturano i siti della molecola di segno opposto, facendole perdere la fluorescenza.
Produzione di CO2 e variazione di pH (Bactalert). Il recipiente di crescita usato per lanalisi contiene un sensore colorimetrico in grado di rilevare la CO2 prodotta dalla crescita batterica. In presenza di CO2, il colore del sensore varia da
verde a giallo. Ciascun sensore viene continuamente monitorato mediante un riflettometro, che effettua la lettura ogni 15 minuti.
Radiometria (Bactec). Viene fornito ai batteri carbonio radioattivo, metabolizzato a CO2 radioattiva. Pi breve il tempo di formazione della CO2, maggiore
la carica batterica. stata usata in campo medico, ad esempio in alternativa ai
metodi classici di coltura dei micobatteri tubercolari.
Microcalorimetria. Misura il calore prodotto dai batteri nella fase di crescita, mediante un calorimetro molto sensibile. Apprezza differenze nel campo tra
1.000 e 100.000 germi/ml. Questo metodo stato applicato in medicina nella diagnosi delle infezioni delle vie urinarie. Attualmente non molto usato in diagnostica.
Conteggio delle particelle (Coulter Counter). Un contatore elettronico rileva
lattraversamento di un campo elettrico. applicabile alla conta diretta dei microrganismi, ad esempio nel latte di massa per la determinazione presuntiva di
carica batterica totale.
Conduttanza/Impedenza (Malthus, Bactometer). Questi metodi tengono conto
che i microrganismi, posti in un particolare substrato liquido, producono, in fase
di crescita, cambiamenti di carica elettrica. Misurando le variazioni di conduttanza (o di impedenza, strettamente correlata alla precedente) a intervalli di tempo
prefissati e in paragone a una curva di riferimento nota, si pu stimare, attraverso un computer, la carica batterica del campione. Analogamente, cambiando il
terreno e ricorrendo a specifici substrati selettivi, si pu determinare la presenza/
assenza di alcuni microrganismi dei quali si conoscono le variazioni di impedenza (Salmonella, Listeria, Campylobacter, Yersinia). Questa metodica, meglio conosciuta con il nome delle apparecchiature (Malthus, Malthus; Bactometer, BioMerieux) trova applicazione nel controllo microbiologico degli alimenti. Riduce
drasticamente i tempi danalisi: per le salmonelle, da 4 giorni a 6-8 ore; per Yersinia enterocolitica, da 7-8 giorni a 48 ore.

50

Tabella 8 - Sistemi di quantificazione della carica microbica basati su apparecchiature automatiche


Strumento

Substrato analitico

Rivelazione

Sistema di lettura

in medicina:
Bioargos

CO2

Produzione CO2

Spettrofotometro

ESP

CO2 / O2

Pressione

Filtro

Sentinel

Red-Ox

Produzione di ioni

Voltmetro

Bactalert

CO2 - pH

Colorimetrica

Reflettometro

Vital

Red-Ox / CO2 / pH

Estinzione fluorescenza

Fotometro

Bactec 9240

CO2

Incremento

Fotometro

nel controllo degli alimenti:


Coulter Counter

particelle in
sospensione

Variazioni campo
elettrico

Contatore elettronico

Malthus / Bactometer

carica elettrica

Variazioni conducibilit

Voltmetro

Biotrace / Enliten /
Profile /
Lightning

luciferina-luciferasi

Fosforescenza

Luminometro

Spiral-system

Piastre agarizzate

Ansa robotizzata

Contacolonie
elettronico

Petri-Foss

Coltura liquida

Anse calibrate

Spettrofotometro

Bacto-Scan

Sedimento cellulare

Fluorescenza

Spettrofotometro

Bioluminescenza. Fornendo la sostanza luciferina e lenzima luciferasi, i germi


in coltura producono un composto fosforescente, leggibile da uno strumento, in
quantit proporzionale al contenuto di ATP. Stima la carica batterica totale in 5-10
minuti, con sensibilit a partire da 104 cellule/ml. Tra i prodotti: Enliten, Promega; Profile 1, New Horizon; Biotrace, Biotrace; Lightning, Idexx.
Semina robotizzata a spirale su piastre (Spiral-system). Si tratta di un apparecchio che depone quantit decrescenti del campione, disegnando, con un beccuccio, una spirale sulla piastra di terreno. stato molto usato per la determinazione
della carica batterica totale negli alimenti.
Semina robotizzata con ansa calibrata (Petri-Foss). Lapparecchiatura inocula campioni liquidi (ad esempio latte) con anse calibrate in terreno idoneo per la
conta microbica.
Fluorescenza (Bacto-Scan). La strumentazione nata per consentire la conta microbica nel latte non pasteurizzato, mediante centrifugazione del campione, trattamento enzimatico per selezionare i batteri, colorazione per la fluorescenza e conteggio. impossibile, tuttavia, discriminare le cellule batteriche vive da quelle morte.

51

Bibliografia
1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)
8)
9)
10)
11)
12)
13)
14)
15)
16)
17)
18)
19)
20)
21)
22)

52

BAUMGART J., Schnellmethoden und Automatisierung in der


Lebensmittelntechnologie, Fleischwirtsch., 1996, 76, 124
BLACKBURN C., Rapid and alternative methods for the detection of
Salmonellas in foods, J. appl. Bact., 1993, 75, 199
BUTTIAUX A - FRASER G., Animal Microbiology, Blackwell Sci. Publ.,
Oxford, England, 1977
CANDLISCH A.A.G. e Coll., Immuno-detection of Salmonella in foods, Food
Agric. Immunol., 1993, 1, 61
CANO R.J. e Coll., Fluorescent detection - Polymerase Chain Reaction (FD PCR) assay on microwell plates as a screening test for Salmonellas in foods,
J. appl. Bact., 1993, 75, 247
CAPPELLATO M. e Coll., Elementi di microbiologia medica, Cedam, Padova,
1967
CARTER G.R., Diagnostic Procedures in Veterinary Microbiology, 2nd ed.,
Thomas Publ., Springfield, USA, 1975
CASTRO D. e Coll., Development and application of a new scheme of phages
for typing and differentiating Salmonella strains from different sources, J. Clin.
Micr., 1992, 30, 1418
CATSARAS M. e Coll., Recherche des Salmonella par immunofluorescence,
Ann. Rech. Vet., 1972, 3, 665
CHAIN V.S. e Coll. J. Food Protect., 1991, 54, 208
CHAN S. e Coll., Comparative study of colorimetric DNA Hybridization
Method and conventional culture procedure for detection of Salmonella in
foods, J. AOAC, 1990, 73, 419
CHERRY W.B. e Coll., Fluorescent antibody techniques in diagnostic
bacteriology, Bacteriol. Rev., 1965, 29, 222
CRUICKSHANK R., Medical Microbiology, Livingstone, London, 1965
DAOUST J., Performance of the microplate BacTrace ELISA technique for
detection of foodborne Salmonella, J. Food Protect., 1990, 53, 841
DELFINO G. e Coll., Biologia e medicina, Zanichelli, Bologna, 1995
ELLIS E.M. e Coll., A direct fluorescent antibody technique for the
examination of animal by-products, foods and feeds for Salmonellae, Proc.
U.S. Livestock San. A., 1968, 72, 553
FACH P. e Coll., Evaluation of a Polymerase Chain Reaction - based test for
detecting Salmonella spp. in food samples : Probelia Salmonella spp., J. Food
Protect., 1999, 62, 1387
FENG P., Commercial Assay Systems for detecting foodborne Salmonella : a
rewiew, J. Food Protect., 1992, 55, 927
FENG P., Development and impact of rapid methods for detection of
foodborne pathogens, in: P. Doyle e Coll., Food Microbiology, Fundamentals
and Frontiers, 2nd ed., ASM, Washington, USA, 2001
FUNG D. e Coll., Microtiter methods for the evaluation of viable cells in
bacterial cultures, Appl. Micr., 1968, 16, 1036
GIBBS E. M. e Coll., Identification Methods for microbiologists, Academic
Press, New York, 1966
LENNETTE E.H. e Coll., Manual of Clinical Microbiology, 2nd ed., ASM,
Washington, USA, 1974

23) JAVETZ e Coll., Microbiologia medica, Piccin, Padova, 2001


24) MEYNELL E., The significance of bacteriophage in bacterial classification. A
review, J. gen. Micr., 1964, 36, 461
25) NEVIANI E., Ind. Alim., 1993, 32,1206
26) OLSEN J.E. e Coll., Int. J. Food Micr., 1995, 28,1
27) PIGNATO S. e Coll., Evaluation of new culture media for rapid detection and
isolation of Salmonella in foods, Appl. Env. Micr., 1995, 61, 1996
28) PLESS P. e Coll., Rapid detection of Salmonellae by means of a new
impedance-splitting-method, J. Food Protect., 1994, 57, 369
29) SIMONETTI N. e Coll., Elementi di tecniche microbiologiche, EMSI, Roma,
2001
30) SILIPRANDI N. e Coll., Biochimica medica, Piccin, Padova, 1998
31) SMITH P.J. e Coll., Reproducibility of electrical conductance assay results for
the detection of Salmonella, Letters Appl. Micr., 1991, 12, 78
32) VON POUCKE L., Salmonella -TEK, a rapid screening method for Salmonella
species in food, Appl. Environm. Micr., 1990, 56, 924

53

Domande:
1. - Perch un terreno dopo sterilizzazione pu presentarsi inaspettatamente di
colore bruno?
2. - Quando utile effettuare la ricerca delle sostanze inibenti?
3. - Che cos lo Spyral System?

MICRORGANISMI PREVALENTEMENTE RICERCATI


NEI LABORATORI DIAGNOSTICI

SCHEMI IDENTIFICATIVI E BREVE DESCRIZIONE


DEI BATTERI GRAM-POSITIVI
Tabella 9 - Batteri Gram-positivi
Prove e risultati predominanti
Genere o famiglia

spore

catalasi

ossidasi

glucosio (acido)

mobilit
-

Cocchi
Streptococcus

Staphylococcus

Micrococcus

Corynebacterium

Listeria

Bastoncini

Bacillus

Lactobacillus

Clostridium (anaerobi)

Cocchi Gram-positivi
Stafilococchi
Cocchi Gram-positivi, anaerobi facoltativi, catalasi positivi, ossidasi negativi, fermentativi, immobili. Sei le specie principali (aureus, epidermidis, haemolyticus, hyicus, intermedius, saprophyticus).
Le infezioni causate sono elencate in tabella 10:
Tabella 10 - Patogenicit degli stafilococchi

Nelluomo

Negli
animali

Specie batterica

Test
Coagulasi

S. aureus

S. epidermidis

S. saprophyticus
S. haemolyticus

S. aureus

S. epidermidis

S. intermedius

S. hyicus

Malattia
Piodermiti, ferite suppurative, infezioni da irruzione
secondaria (chirurgiche), intossicazioni alimentari
Infezioni a valvole cardiache, liquor, reni dializzati,
protesi ortopediche
Ferite infette, infiammazioni del tratto urinario
Endocardite, peritonite
Piodermiti, mastiti, pioemia (agnelli), metriti, sinovite
(polli), botriomicosi (cavalli), sepsi piogenica in
organi e ferite
Mastite (bovini)
Otite (cani), piodermiti, ascessi, mastiti, infezioni
uro-genitali
Epidermite essudativa, poliartrite settica (suini),
mastite (bovini)

59

La specie pi importante dal punto di vista sanitario S. aureus, capace di elaborare esotossine (A-F) termoresistenti attive a dosi modeste (1 g), causa di intossicazioni alimentari in seguito al consumo di prodotti di gastronomia e di piatti manipolati dopo cottura o non conservati a temperature di sicurezza (<7 C oppure >65
C). Possiede enzimi particolari (emolisine, ecc) con significato clinico e valenza
diagnostica. sensibile a lisostafina e furazolidone, resiste a lisozima e bacitracina.
Lintervallo di crescita compreso fra +7 e +65 C, con optimum a +37 C. Tollera
pH fra 4 e 9, sodio cloruro fino al 20%, Aw fino a 0,86.
S. aureus sviluppa sui comuni terreni batteriologici con colonie rotonde, incolori,
lisce, lucide, di 2-3 mm di diametro a 24 ore. Dopo incubazione prolungata, si pu
notare comparsa di pigmentazione gialla. Su Agar sangue visibile attorno alle colonie un alone di doppia emolisi (esterna incompleta = alfa, interna completa = beta). Fermenta il mannitolo.
In microbiologia clinica, la ricerca dello stafilococco avviene frequentemente su
portatori sani, mediante prelievo con tampone faringeo.
In microbiologia alimentare, la ricerca di S. aureus ha significato se eseguita
quantitativamente, mediante conteggio, seguita da prove indirette di patogenicit
(presenza degli enzimi coagulasi, DNAsi, termonucleasi) sui ceppi isolati. La prova indiscutibile rimane comunque la dimostrazione diretta della tossina nellalimento (tabella 11).
Tabella 11 - Differenziazione biochimica delle principali specie di stafilococco
Reazione

S. aureus

Emolisi
Mannite
Clumping factor
Coagulasi+
Termonucleasi
Jaluronidasi
Proteina A
Tellurito
Pigmento

+
+
+
+
+
+
+
+
+

S. hyicus
subsp. hyicus
v
v
v
+
+
+
v
-

S. hyicus subsp.
chromogenes
v
-

S. intermedius

S. epidermidis

+
+
v
+
+
v
-

V
-

Streptococchi
Cocchi Gram-positivi, non sporigeni, anaerobi-facoltativi, immobili, catalasi-negativi. Fermentano il glucosio con produzione di acido lattico. Non vengono lisati dalla bile. Se coltivati in brodo, assumono la tipica disposizione a catena. Formano una capsula solo in vivo. Coagulano il latte con successiva digestione rapida del
coagulo.
Sviluppano in brodo formando fiocchi in profondit, mentre su terreni agarizzati
crescono con colonie lisce o ruvide, oppure mucose, spesso inferiori a 1 mm di diametro dopo 24 ore. Su Agar sangue, hanno un comportamento vario, per cui si distinguono streptococchi a-emolitici, o viridanti (= emolisi incompleta verdastra), bemolitici (= emolisi completa classica), g-emolitici (= nessuna emolisi). La propriet
di lisare i globuli rossi dipende da antigeni proteici (emolisine, capaci di evocare anticorpi), dal tipo di sangue (preferibile quello di pecora) e da altri fattori.
Alcuni streptococchi (come Str. agalactiae) diventano chiaramente beta-emolitici

60

su Agar sangue solo se sviluppano in presenza della beta-tossina stafilococcica, per


effetto di unazione emolizzante sinergica nota sotto il nome di fenomeno di CAMP
(acronimo degli Autori), sfruttato nellomonimo test. Formano anche altre sostanze
capaci di stimolare anticorpi: streptochinasi o fibrinolisina, DNA-asi, jaluronidasi
(sostanza che scioglie la capsula). Vengono classificati mediante precipitazione (metodo di Lancefield) o per via chimica.
Animali da laboratorio sensibili sono il topo e il coniglio (particolarmente suscettibile se inoculato sottocute). La virulenza dei ceppi viene esaltata da passaggi successivi sulla stessa specie animale.
Le principali malattie causate dagli streptococchi nelluomo e negli animali sono riportate nella tabella 12.
Alcuni streptococchi molto diffusi in natura non sono patogeni. Si tratta di commensali del tratto respiratorio, genitale, alimentare e della pelle (come Str. mitis,
salivarius, ecc).
Nel latte sono presenti streptococchi lattici forniti di propriet benefiche, sfruttate nella preparazione di prodotti alimentari (formaggi, yogurt, ecc), tra cui si annoverano gli streptococchi lactis, cremoris, thermophilus.
I cosiddetti streptococchi fecali sono attualmente classificati a parte come enterococchi. Si differenziano in quanto crescono in Brodo + sodio cloruro al 6,5%
e sviluppano a 45 C. Le specie principali sono: Str. faecalis, Str. faecium, Str. durans, Str. bovis.
Alcune specie di enterococchi sono patogene. Lidentificazione degli streptococchi avviene principalmente mediante prove biochimiche e prove sierologiche (tra
cui si ricordano agglutinazione, precipitazione in agar-gel, immunofluorescenza.
Tabella 12 - Patogenicit degli streptococchi

pyogenes
agalactiae

GRUPPO DI
LANCEFIELD
A
B

zooepidemicus

equisimilis

equi
dysgalactiae
uberis
gruppo E
gruppo L

C
C
E
L

b
a, b, g
a, b, g
b
b

gruppi P, R, S, T

P, R, S, T

SPECIE

EMOLISI
b
a, b, g

MALATTIE N ALCUNE SPECIE


ANIMALI
varie specie (sepsi)
varie specie (mastite), uomo (sepsi, meningite)
suino (cervicite, metrite, aborto, artrite settica,
setticemia), bovino (cervicite, metrite, mastite)
uomo, suino, bovino, cane, pollame
(infezioni varie)
cavallo (mastite, infezioni genitali)
bovino (mastite), agnello (poliartrite)
bovino (mastite)
suino, pecora (sepsi)
suino, bovino (mastite)
suino (polmonite, setticemia, artrite,
endocardite)

Bacilli Gram-positivi non sporigeni


Listeria
Il genere Listeria formato da pi specie, tra cui L. monocytogenes, L. ivanovii,
L. innocua, L. welshimeri, L. seeligeri. La specie pi importante L. monocytogenes,
considerata potenzialmente patogena. Si tratta di un microrganismo diffuso dappertutto, isolato spesso da acqua, suolo, liquame, feci umane e animali, alimenti, a for-

61

ma di bastoncino Gram-positivo, aerobio e facoltativamente anaerobio, mobile a 2025 C, resistente a pH 4,8-9 e ad Aw >0.93. Viene neutralizzato dai comuni disinfettanti, dalla pastorizzazione e dagli antibiotici. Pu provocare malattie negli animali
(leucocitosi nei conigli e meningite nelle pecore) e nelluomo (aborto, meningite).
Si distinguono due forme di malattia, una nervosa e laltra viscerale. La forma
nervosa, caratterizzata da micro-ascessi nel cervello con meningite, avviene pi frequentemente nei bovini, pecore, capre e talvolta nei cavalli, nei cani e nelluomo. La
forma viscerale mostra necrosi epatica ed propria di conigli, cavie, cincilla, suini,
agnelli; in forma epizootica colpisce polli e tacchini, nei quali si notano focolai necrotici nel fegato e nel pericardio. Altre manifestazioni sono laborto nelle vacche e
nelle pecore, con presenza del germe anche nel latte.
Nelluomo si assiste a episodi di meningo-encefalite in et neonatale e adulta, a
infezioni genitali, a endocardite valvolare, ad aborto e a forme enteriche con eventuali complicanze a carico del sistema nervoso, oltre che ad altre localizzazioni meno frequenti (listeriosi cutanea, oculo-ghiandolare, polmonare e cervico-ghiandolare, granulomatosi settica). La listeriosi una malattia a incidenza piuttosto modesta,
ma accompagnata da una percentuale relativamente alta di mortalit.
Il periodo dincubazione varia da 3 a 21 giorni.
Si ritiene veicolata (oltre che dal contagio interumano) da latte crudo, verdure,
derivati del latte (gelati, formaggi), carni crude. I casi di malattia di origine alimentare sono relativamente pochi (uno per milione di persone), ma spesso gravi (anche
con mortalit, specie negli individui a rischio).
La prevenzione si attua con il controllo dei punti critici di contaminazione nella
produzione degli alimenti di origine animale e vegetale, anche mediante esami di laboratorio su materie prime, semilavorati, prodotti finiti, superfici e acque.
I metodi batteriologici di isolamento delle listerie sono di due tipi:
1) con arricchimento a freddo (su materiale patologico), incubando un omogenato
del campione in Tryptose Broth (TB) a +4 C in frigorifero durante 8 settimane e
piastrando su terreno selettivo ogni settimana (Oxford Agar, PALCAM Agar) da
incubare a +37 C per 24-48 ore. Questo metodo attualmente poco impiegato.
2) con arricchimento breve (su alimenti e tamponi superficiali), incubando il campione, eventualmente omogeneizzato, in Listeria Enrichment Broth (LEB) a +30
C per 48 ore e piastrando successivamente su terreno selettivo come sopra indicato.
Le listerie presentano le seguenti caratteristiche colturali:
su Oxford Agar: colonie marroni scure, lucenti, rotonde, a margine netto, concave con centro nerastro, leggermente infossate nel terreno, del diametro di 1-2 mm
dopo 48 ore dincubazione, circondate da un alone marrone contrastante col colore verde del terreno.
su PALCAM Agar: colonie di colore grigio verdastro con centro nero infossato,
circondate da un alone nero, in contrasto con il colore rossastro del terreno, di circa 2 mm di diametro dopo 48 ore dincubazione. Essendo questo terreno pi selettivo del precedente, le colonie su PALCAM sono numericamente inferiori.
Oltre ai classici Oxford e Palcam, altri terreni, detti cromogenici (ad esempio:
ALOA), facilitano il riconoscimento di L. monocytogenes da altre listerie (innocua, ivanovii, welshimeri, seeligeri, ecc), meno importanti dal punto di vista sanitario. Essi si basano sulla rilevazione della fosfolipasi C e sulla fermentazione
di un carboidrato. Su uno di questi terreni, ad esempio, L. monocytogenes cresce
con colonie bluastre, mentre le altre listerie crescono con colonie gialle.
Lisolamento deve essere completato dallidentificazione delle colonie sospette,

62

ottenuta attraverso esame microscopico, prove biochimiche (tabella 13) e sierologiche (eventualmente completate anche da prove biologiche).
Tabella 13 - Biochimica delle listerie
Specie
L. monocytogenes
L. ivanovii
L. innocua
L. welshimeri
L. seeligeri

CAMP test
(S. aureus)
+
+

CAMP test
(R. equi)
+
-

Xilosio

Ramnosio

+
+
+

+
+
v
-

Metil-Dmannoside
+
+
+
-

Corinebatteri
Si tratta di un genere molto ricco di specie, poche delle quali sono patogene per
luomo o gli animali. formato da bastoncini Gram-positivi non sporigeni, di differente lunghezza, disposti talvolta in forme geometriche. La specie pi importante Corynebacterium pyogenes, che causa processi infiammatori purulenti e infezioni latenti. Si isola da pus, latte, secrezioni, tamponi mucosali. Forma una tossina
emolizzante letale per il topo e necrotizzante per la cavia inoculata sottocute. Altre
specie patogene (soprattutto per gli animali) sono C. renale (ruminanti), C. pseudotuberculosis (ovini), C. equi o Rhodococcus equi (bovini, suini, equini, ovini, uomo), C. suis (suini).
Lisolamento di questi germi avvantaggiato da terreni ricchi (Agar sangue, Agar
sangue cioccolato), eventualmente antibiotati (acido nalidixico, novobiocina) e incubati in atmosfera addizionata del 10% di anidride carbonica. Il riconoscimento
basato soprattutto su aspetto delle colonie, emolisi, caratteri biochimici (tabella 14).
Tabella 14 - Biochimica dei corinebatteri
Specie
Beta-emolisi
C. pyogenes
+
C. pyogenes atipico
+
C. renale
C. pseudotuberculosis
+
C. equi (R. equi)
-

CAMP test
+

Gelatina
+
v
-

Urea
+
+
+

Nitrati
+

Catalasi
+
+
+

Erysipelothrix
Germe ubiquitario che d malattia nel suino (forme acute e croniche), pecore,
tacchini, oche, pesci. Pu interessare anche luomo, specie se di categorie professionalmente a rischio, con possibili complicazioni (artrite, meningite, endocardite).
Il microrganismo un sottile bastoncino immobile, talvolta curvato o allungato
in filamenti (fase R), facilmente decolorabile, facoltativamente anaerobio. Dopo 48
ore a 37 C su Agar sangue, d colonie di 0,5-1 mm di diametro, grigiastre, con leggera emolisi. Esiste un terreno selettivo contenente sodio azide, fenolo, kanamicina
e saccarosio. La crescita favorita da siero (5%), glucosio (1-2%), CO2 (5-10%). In
brodo, le forme S intorbidano uniformemente; quelle R danno crescita flocculare e
precipitato. Fermenta galattosio, fruttosio e lattosio. Non produce indolo, non scinde
lurea. Produce tossine termolabili, una jaluronidasi e una neuraminidasi. Con agar-

63

gel precipitazione, stato diviso in sierotipi (da A a O) e in numerosi sottogruppi.


Nella diagnosi di laboratorio, il topo, inoculato sottocute, muore in 2-5 giorni e il
germe viene reisolato dalla milza. I ceppi virulenti sono riconoscibili dalla reazione
infiammatoria prodotta per scarificazione cutanea nel suino.
Lattobacilli
I batteri lattici sono microrganismi Gram-positivi di forma eterogenea, ai quali
si addice la denominazione di lattobacilli se bastoncellari e lattococchi se coccoidi. Sono utili nellindustria casearia, nella conservazione delle carni, nella produzione di mangimi come starter microbici, capaci di avviare le reazioni di fermentazione.
Lattobacilli Sono ubiquitari e costituiscono la flora normale nel latte, nella carne, nella frutta e negli insilati. Preferiscono valori di pH acidi (3,5-6,4) e temperature non eccedenti i 15-45 C. Sono asporigeni, immobili e microaerofili. Si chiamano omofermentativi se formano acido lattico ed eterofermentativi se producono anche altri metaboliti (alcool etilico, acido acetico, ecc).
Sviluppano in laboratorio su terreno MRSA a 37 C in 72 ore con il 5% di anidride carbonica, mostrando colonie rotondeggianti, a margine netto o debolmente frastagliato, del diametro di 2-3 mm, biancastre o translucide.
Abitualmente, i lattobacilli vengono conteggiati mediante allestimento di diluizioni decimali del campione e semina in profondit o in superficie con il metodo
dello spatolamento. Talvolta, si possono presentare sulle piastre delle colonie con
diametro pi piccolo, ascrivibili a lattococchi. Le prove di conferma avvengono con
trapianto di una o pi colonie su terreno MRSA e successivo allestimento di strisci
da colorare con Gram (+). Inoltre, si pratica la reazione della catalasi su vetrino (-)
e la fermentazione di alcuni carboidrati (tabella 15).
Lattococchi Hanno affinit con gli streptococchi, ma si differenziano in quanto
non sviluppano in presenza del 6,5% di NaCl. In laboratorio, vengono ricercati con
gli stessi metodi quantitativi usati per i lattobacilli, ma ricorrendo al terreno pi specifico M17, da incubare a 37 C per 24 ore. Le colonie dei lattococchi si presentano
rotonde, convesse, a margine netto, del diametro di 1-3 mm, bianche. Qualche colonia di lattobacilli pu sviluppare con dimensioni pi grandi. Anche in questo caso
raccomandabile procedere alla verifica microscopica (cocchi Gram+) di alcune colonie prima di passare ai trapianti sullo stesso tipo di terreno per poi allestire la catalasi (-) e le prove biochimiche.
Nella tabella 15 viene proposta una chiave di identificazione biochimica adatta
per i pi frequenti lattobacillli omofermentanti reperibili nei prodotti caseari, che
permette di ridurre allessenziale il numero delle prove. Si tratta, infatti, di condurre
una prova di crescita su MRS Agar incubato a 15 C in microaerofilia (5% di CO2)
per 48 ore e cinque test di fermentazione di carboidrati in brodo addizionato dello
0,5% di zucchero (incubazione a 37 C per 48 ore).

64

Tabella 15 - Chiave per lidentificazione biochimica di lattobacilli omofermentanti (10 specie tra le pi frequenti)
Crescita a
15 C +

raffinosio +

L. casei

raffinosio -

L. plantarum
L. leichmanii

melecitosio +
amigdalina +

L. acidophilus

lattosio +

melecitosio -

L. jensenii

lattosio -

L. delbrueckii

lattosio -

Crescita a
15 C -

L. bulgaricus

maltosio amigdalina -

lattosio +

L. salivarius

mannitolo +
maltosio +

mannitolo -

salicina +

L. lactis

salicina -

L. helveticus

Bacilli Gram-positivi sporigeni


Bacilli
Bacillus anthracis provoca il carbonchio o antrace in bovini, ovini, equini e
nelluomo. Sono meno sensibili gli uccelli e i suini (forme subacute o croniche).
un bastoncino aerobio, immobile, capsulato in vivo, isolato o disposto in corte catene di 2-5 cellule con estremit convesse (a canna di bamb). Sviluppa spore in presenza di ossigeno e temperatura >12 C. Su Agar sangue a 37 C, cresce in 24-48 ore
con colonie non emolitiche, bianco-grigiastre, a bordo indefinito, formate da tanti
filamenti radialmente disposti a partire dal centro della colonia (testa di medusa). In
brodo, forma un sedimento cotonoso con soprastante limpido. Liquefa lentamente la
gelatina. Fatto crescere su un terreno contenente 0,5 U.I. di penicillina, assume forma sferica (pearl string test). Lantigene batterico, rimasto nei tessuti (ma non negli
alimenti) dopo la lisi cellulare, pu essere ritrovato sierologicamente con la termoprecipitazione di Ascoli o la precipitazione in agar-gel. Il topo, infettato sottocute,
muore in 2-4 giorni con edema gelatinoso al punto dinoculo.
Bacillus cereus ubiquitario, generalmente non patogeno, ma capace di provocare, nelluomo e negli animali, edema polmonare, pleurite emorragica, ingrossamento della milza e del fegato, meningite. D, inoltre, tossinfezioni alimentari nelluomo, nel cane e nel gatto, attraverso la produzione di tossine termolabili (emetica e
diarroica). Assomiglia al bacillo del carbonchio, ma mobile e non possiede la capsula. Contiene spore ovali e granuli lipidici colorabili con Sudan nero, ma non cristalli parasporali colorabili con fucsina a caldo (presenti, viceversa, in B. cereus mycoides, B. thuringiensis, B. anthracis). Cresce con larghe colonie piatte e compatte,
ruvide, fortemente emolitiche, provviste attorno di un precipitato bianco (da lecitinasi), se il terreno contiene tuorlo duovo.
Clostridi
Sono grossi bacilli Gram-positivi, sporigeni, anaerobi, prevalentemente mobili e
capaci di decomporre le proteine. Il loro habitat il suolo e lintestino delluomo o
degli animali. Alcuni sono patogeni, in quanto provocano intossicazioni (botulismo,
tetano), enterotossiemie, gangrene gassose, colite.
Cl. botulinum agisce attraverso sette tipi di tossine (A-B-E-F-G nelluomo, C-D

65

negli animali) inattivate dopo 20 minuti a 100 C, evidenziabili nel siero degli ammalati e nei residui alimentari attraverso inoculazione i.p. in topini (che muoiono
entro le 24 ore), con successiva conferma mediante siero-neutralizzazione in vivo.
Oltre alla prova biologica, la ricerca della tossina si avvale dellemoagglutinazione
passiva, dellELISA e del test radioimmunologico.
Cl. tetani libera dalle cellule vegetative una tossina neurotropa, neutralizzabile
anche in vitro (a fini diagnostici) da unanti-tossina.
Cl. perfringens causa infezioni invasive in ferite e produce unenterotossina quando, ingerito in numero elevato, sporula nellintestino, causando diarrea. La diagnosi si basa sullisolamento del germe (conteggio), seguito da prove di identificazione
e sulla dimostrazione della tossina nelle feci (ELISA, agglutinazione inversa passiva al lattice).
Le prove di identificazione consentono la differenziazione di altri clostridi causa
di gangrene (novyi, histolyticum, septicum).
Cl. difficile produce due tossine ritrovabili nelle feci di pazienti colpiti da colite
pseudomembranosa.
I clostridi sono isolabili su terreni solidi (Agar sangue, Agar cioccolato, SPS,
SFP, ecc) incubati in anaerobiosi per 48-72 ore. Formano colonie generalmente di
piccole dimensioni, emolitiche, nere in presenza di solfiti (germi solfito-riduttori).
Trapianti in terreni liquidi riducenti (CMM, Brodo tioglicolato, ecc) consentono di
avviare lidentificazione biochimica, previo passaggio in un terreno privo di carboidrati (tabella 16).

Spore

Rigonfiamento
da spore

Proteolisi

Gelatinolisi

Nitrati

Indolo

Glucosio

Lattosio

Saccarosio

Salicina

H2S

Lecitinasi

C. chauvoei

Emolisi

Tabella 16 - Biochimica dei clostridi

C. septicum

C. perfringens

CST

C. novyi (A, B)

CS

C. sordellii

CS

C. bifermentans

CST

C. sporogenes

C. histolyticum

ST

C = centrale; T = terminale; S = sub terminale; V = variabile

Micobatteri
Le specie che interessano in medicina sono Mycobacterium tuberculosis (umano), M. bovis (bovino, infetta animali e uomo), M. avium (aviario; in realt formato da un complesso di specie, riguardanti volatili, mammiferi e soggetti umani immunocompromessi). Esiste poi una lunga lista di specie che danno raramente malattie simil-tubercolari a localizzazione prevalentemente polmonare (simiae, marinum,
ulcerans, africanum, xenopi, kansasii, fortuitum, ecc). Sono stati classificati come

66

micobatteri atipici da Runyon, che li ha suddivisi in quattro gruppi (fotocromogeni, scotocromogeni, non cromogeni, a rapida crescita).
I micobatteri hanno esigenze di isolamento e di coltura speciali. Innanzitutto, richiedono un trattamento di decontaminazione del materiale patologico in cui si trovano, detto anche arricchimento, da effettuarsi (ad esempio) alcalinizzando con
NaOH al 4% per 20 minuti, neutralizzando con acido ossalico al 5% per 20 minuti
e poi centrifugando il campione. Si usano poi per lisolamento terreni specifici, diversi da quelli abituali. Esistono terreni solidi, a base di uovo coagulato, glicerolo,
amido, verde malachite (Lowenstein-Jensen, Petragnani, IUTM) oppure a base di
agar-agar, acido oleico, sali, vitamine, albumina (Middlebrook 7-H-10), e terreni liquidi, contenenti asparagina, sali minerali e Tween 80 (Dubos, Middlebrook 7-H-9).
Questi terreni possono diventare selettivi con laggiunta di antibiotici e, solitamente,
per il primo isolamento si abbina un terreno solido ad uno liquido.
I micobatteri (oltre 50 specie, molte saprofite) crescono sui terreni in aerobiosi
a 37 C, in tempi variabili da pochi giorni fino a 2-3 settimane. I saprofiti crescono
solitamente in tempi brevi e anche a temperatura ambiente, mostrando talvolta pigmentazioni. Abitualmente, su terreni solidi i micobatteri presentano colonie secche
caratteristiche (forma eugonica) o umide (forma disgonica) simili ai comuni batteri,
talvolta accompagnate da pigmentazioni gialle o rosse. Nei terreni liquidi, sviluppano dispersi in tutto il mezzo o raccolti in una pellicola superficiale. Il tempo dincubazione e laspetto delle colonie sono molto indicativi per riconoscere le specie
di micobatteri isolati. Questi germi hanno la particolarit di lasciarsi colorare con il
metodo di Ziehl-Neelsen (propriet dellalcool-acido resistenza), attribuita allelevato contenuto di cere della membrana batterica. Si possono effettuare anche esami
in fluorescenza su vasti campi microscopici, utilizzando obiettivi 50x. I micobatteri
sono colorabili con fluorocromi tipo auramina e rodamina. Una completa identificazione pu essere fatta con test biochimici o, in alcuni casi, con sonde genetiche. Sono possibili riconoscimenti di sierotipi, allinterno delle varie specie, mediante agglutinazioni rapide (tabella 17).
Tabella 17 - Caratteristiche dei principali micobatteri
Test

M. tuberculosis

M. bovis

M. avium

Micobatteri atipici

Tempo di crescita

>5 giorni

>5 giorni

>5 giorni

Talvolta <5 giorni

Tipo di crescita

eugonica

disgonica

eugonica

disgonica

Pigmenti

Richiesta glicerolo

Niacina

TCH

Nitrati

Urea

Amidasi

Patogenicit su cavia

Patogenicit su topo

67

SCHEMI IDENTIFICATIVI E BREVE DESCRIZIONE


DEI BATTERI GRAM-NEGATIVI
Tabella 18 - Batteri Gram-negativi
Genere o famiglia
Enterobacteriaceae
Yersinia
Pseudomonas
Flavobacterium
Aeromonas
Pasteurella
Actinobacillus
Bordetella
Brucella
Haemophilus
Campylobacter
Moraxella
Alcaligenes
Acinetobacter

Prove e risultati predominanti


O/F test
MacConkey
catalasi
glucosio
F
+
+
F
+
+
O
+
+
O
+
F
+
+
F
+
F
+
+
+
+
+
+
+
V
+
+
+

ossidasi

mobilit

+
+
+
+
+
+
+
+
+
-

+
+
+
+
+
+
+

Batteri Gram-negativi ossidasi-positivi e fermentativi


(Pasteurella, Actinobacillus, Vibrio, Aeromonas)
Tabella 19 - Caratteristiche dei principali Gram-negativi ossidasi-positivi fermentativi
Propriet
Morfologia

Pasteurella

Actinobacillus

Aeromonas

cocco-bacilli bipolari bacilli con inclusioni bacilli in coppie

Vibrio
bacilli curvi

Mobilit

Colonie

lisce, umide

secche, adese

grigio-incolori

incolori-giallastre

Optimum temperatura

37 C

37 C

25-28 C

25 C

Urea

Gelatina

O/129

Pasteurelle
Questo genere formato da cocco-bacilli Gram-negativi di piccole dimensioni,
aerobi, ossidasi positivi, immobili. Le specie pi importanti sono multocida, haemolytica, pneumotropica, anatipestifer, aerogenes, ureae.

68

P. anatipestifer (patogena per le anatre e altri uccelli) molto diversa dalle altre
pasteurelle, perch microaerofila e non fermentante.
Le pasteurelle interessano essenzialmente la medicina veterinaria. P. multocida
causa malattie del tratto respiratorio in bovini, suini, ovini, conigli, cani e gatti.
inoltre lagente eziologico del colera aviario del pollo. Pu anche causare mastite
nei bovini e nelle pecore. P. haemolytica provoca polmonite in bovini, suini, pecore, capre, mastite nelle pecore e setticemia negli agnelli. P. pneumotropica riguarda
i roditori, P. ureae i suini.
Nelluomo le malattie da Pasteurella sono rare. Si tratta per lo pi di casi conseguenti a morsicature di cani e gatti o contatto professionale con animali infetti (veterinari, macellai). Ugualmente sono rare le forme setticemiche da P. ureae.
La diagnosi di laboratorio avviene mediante semina per strisciamento di pezzi di
organi vari su piastre di Agar sangue da incubare a 37 C per 24 ore.
P. multocida cresce con colonie non emolitiche di 1 mm circa di diametro, rotonde, grigiastre, raramente larghe e mucose, con odore caratteristico. Si possono avere colonie in fase liscia (ritenuta pi virulenta), ruvida e mucosa. La formazione di
capsula si evidenzia col test della jaluronidasi. Pu essere suddivisa in biotipi (A-D)
con le prove della jaluronidasi sulla capsula, dellemoagglutinazione indiretta, della flocculazione in acriflavina e della patogenicit sul topo inoculato sottocute. Sono riconoscibili antigeni O e K mediante reazioni di agglutinazione e precipitazione in agar-gel.
P. haemolytica cresce con colonie rotonde, grigiastre, talora pi piccole della specie precedente, circondate da un alone di beta-emolisi. Lemolisi talvolta cos modesta che necessario togliere con lansa la colonia per vedere la zona chiara sottostante. La reazione pu essere inibita da anticorpi del sangue usato ( preferibile
il sangue bovino).
Dalle colonie sospette si allestisce una colorazione di Gram e si trapianta su provette di BHI Agar + siero 5% da incubare a +37 C per 1824 ore, con successiva semina delle prove biochimiche differenziali, da leggere dopo 24 ore a 37 C (tabella 20).
Tabella 20 - Biochimica delle pasteurelle
Test
Ossidasi
Mobilit
MacConkey
Indolo
Urea
Glucosio
Lattosio
Saccarosio
Mannite

P. multocida
+
+
+
+
+

P. haemolytica
+

+
V
+
+

P. pneumotropica
+

P. ureae
+

P. aerogenes
+

P. gallinarum
+

+
+
+
+
V

+
+
-

+
+
+
-

+
-

Aeromonas
Il genere comprende A. salmonicida (cresce a 22-25C, immobile, patogena per
i pesci) e A. hydrophila punctata (cresce a 28-37C, mobile, differenziata nelle specie caviae, hydrophila e sobria).
La specie pi nota A. hydrophila, presente nelle acque e nelle feci. Pu provocare, nelluomo, infezioni conseguenti a ferite, malattie urinarie ed enteriche. Produce

69

adesine e citotossine. Viene considerata un potenziale patogeno alimentare. Appartiene alla categoria dei batteri Gram-negativi responsabili della degradazione delle
carni e dei derivati del latte.
Per prevedere la durata di un alimento deperibile o per valutare la degradazione
di un prodotto, possibile, in laboratorio, contare, con un unico terreno batteriologico, la carica di Aeromonas e di Pseudomonas a 25C per 72 ore.
Il terreno selettivo di Kielvein (GSPA) inibisce i Gram-negativi (con la penicillina) e le muffe (con la pimaricina), seleziona Aeromonas e Pseudomonas (con il sodio glutammato) e li differenzia (con amido e rosso fenolo come indicatore), in modo da ottenere colonie gialle (Aeromonas) e colonie viola (Pseudomonas). Il conteggio viene completato dal controllo di alcune colonie sospette mediante esame microscopico (bastoncini Gram-negativi), test dellossidasi (+) ed eventuali prove biochimiche adatte per microrganismi ossidativi non-enterobatteri (tabella 21).
Tabella 21 - Biochimica delle principali specie di Aeromonas
Test
Mobilit
Pigmento bruno
Indolo
Gas da glucosio
H2S

Aeromonas salmonicida subsp.

Aeromonas
hydrophila

caviae

sobria

salmonicida

achromogenes

masoucida

+
+
+
+

+
+
-

+
+
+
+

+
+
-

+
-

+
+
+

Actinobacillus
Cocchi e bacilli associati, sembrano al microscopio lettere dellalfabeto Morse.
Si tratta di aerobi-anaerobi facoltativi. A. lignieresi si trova in bovini e pecore, meno
frequentemente in cavalli, cani, gatti e nelluomo. Attacca i tessuti molli. A. equuli
d nefrite e setticemia nelle cavalle. A. suis provoca setticemia nei suinetti e forme
subacute o croniche nei suini svezzati.
Tabella 22 - Caratteristiche di alcune specie di Actinobacillus
Test

A. lignieresi

A. equuli

A. suis
+

Cellobiosio

Mannite

Trealosio

Raffinosio

Altri actinobacilli, inizialmente inclusi negli emolfili per le particolari esigenze


nutrizionali e poi associati alle pasteurelle (P. haemolytica-like), sono citati tra gli
emofili. La specie di maggior interesse Actinobacillus pleuropneumoniae.
Vibrio
V. parahaemolyticus causa tossinfezioni alimentari da pesce e mitili consumati
crudi. V. metschnikovii d infezioni colera-simili nei volatili. V. anguillarum infetta
i pesci dacqua dolce. Il rappresentante pi famoso di questo genere V. cholerae.
Questi germi vengono isolati arricchendo il campione in acqua peptonata alcalina
(addizionata del 3% di NaCl per ricercare i batteri di origine marina), con successi-

70

va piastratura su TCBS Agar, un terreno selettivo e differenziale. Lidentificazione


possibile attraverso prove biochimiche (tabella 23). Sono in genere sensibili al Vibriostat (O/129), propriet verificabile con dischetti impregnati con questo reattivo,
da posizionare su terreno TCBS appena seminato.
Tabella 23 - Biochimica di alcune specie di vibrioni
Vibrioni

Saccarosio

Ornitina decarbossilasi

Lisina decarbossilasi

ONPG

cholerae

parahaemolyticus

alginolyticus

fluvialis

vulnificus

metschnikovii

Batteri gram-negativi ossidasi-positivi e ossidativi (Pseudomonas, Burkholderia)


Pseudomonas aeruginosa
Bacillo ubiquitario, presente soprattutto nel suolo, nelle acque di scarico, nei depuratori, dove usa i nitrati come sorgente di energia per la respirazione anaerobia.
stato isolato da soluzioni iniettabili, fleboclisi, cosmetici, disinfettanti, rubinetti, tubi dellacqua calda, incubatrici, biberon, cateteri, attrezzature da sala operatoria, apparecchi per rianimazione, strumenti chirurgici e, addirittura, dal cherosene
per aerei. Negli ambienti sanitari stato sempre collegato a eventi infausti anche di
notevole gravit (responsabile del 50% delle infezioni ospedaliere). un patogeno
opportunista, incapace di provocare malattia in individui sani immunocompetenti.
Pu provocare congiuntiviti, otiti, sinoviti e infezioni gravi a carico del sistema respiratorio e riproduttivo (uomo, volatili, animali da pelliccia, pesci). Degrada i cibi proteici refrigerati (carni, pesce, latte, uova), con produzione di pigmentazioni e
di odori anormali.
Resiste a molti antibiotici (resistenza mediata da plasmidi o da cromosomi extracellulari) e possiede meccanismi di offesa non ancora del tutto chiariti. Si conoscono, oltre ai soliti fattori di adesivit (pili e adesine), alcune emolisine, una neuraminidasi, un esoenzima S, una esotossina A, elastasi e proteasi, il pigmento verde piocianina, il lipopolisaccaride di membrana LPS.
Cresce con colonie larghe, verdastre. Colora di verde fluorescente il terreno circostante (piocianina e pioverdina), d emolisi su Agar sangure con odore caratteristico alcoolico. mobile, attacca lentamente i carboidrati in forma ossidativa, coagula il latte alcalinizzandolo. Si differenzia biochimicamente da altre specie di Pseudomonas (tabella 24).

71

Tabella 24 - Differenziazione biochimica di alcune specie di Pseudomonas e


Burkholderia
Crescita
a 5 C

Crescita
a 42 C

Gelatina

Urea

aeruginosa

fluorescens

Specie

Glucosio

Lattosio

Maltosio

Pseudomonas

putida

stutzeri

alcaligenes

cepacia

diminuta

maltophilia

pseudomallei

mallei

Burkholderia

Le specie pseudomallei e mallei sono state classificate separatamente come Burkholderia. Si tratta di germi che provocano, nelluomo e negli animali, gravi malattie a localizzazione prevalentemente polmonare (melioidosi e morva). I serbatoi naturali sembrano localizzati, rispettivamente, nelle acque superficiali e negli equini.
Batteri Gram-negativi ossidasi-positivi e glucosio inattivi
(Acaligenes, Bordetella, Neisseria, Moraxella, Legionella, Brucella)
Tabella 25 - Caratteristiche di alcuni batteri Gram-negativi, ossidasi-positivi e
glucosio-inattivi
Specie

Mobilit

Nitrati

Gelatina

Urea

Alcaligenes

Bordetella

Neisseria
Moraxella

Alcaligenes
un cocco-bacillo mobile, aerobio, non pigmentante, catalasi-negativo, indolonegativo, non fermentante i carboidrati. ubiquitario. La specie A. faecalis pu provocare malattie respiratorie nei polli.
Bordetella
Si presenta come cocco-bacillo, spesso in coppie, mobile, con colonie, su Agar
sangue, di 1,5 mm di diametro non emolitiche. catalasi-positivo, indolo-negativo,
inerte verso molti carboidrati.

72

B. pertussis lagente eziologico della pertosse. Esige terreni arricchiti (BordetGengou, Agar cioccolato, ecc) su cui cresce dopo 3-5 giorni a 37 C. Viene identificata mediante colorazione in immunofluorescenza o per agglutinazione con sieri
diagnostici. B. bronchiseptica causa, insieme ad altri germi, la rinite atrofica nel suino. Produce una tossina dermonecrotica per la cavia e delle emoagglutinine. Viene
diagnosticata con sieri diagnostici in agglutinazione rapida.
Neisseria
coccoide, spesso disposta a coppie, immobile, non emolitica su terreni al sangue (Thayer-Martin antibiotato, Agar cioccolato, ecc), dove cresce con colonie di
0,5-1 mm di diametro dopo 24-48 ore a 37 C con il 5% di CO2. Le specie pi note
in medicina umana sono N. gonhorroeae (gonorrea) e meningitidis (meningite trasmissibile cerebrospinale). Lidentificazione possibile mediante colorazione in immunofluorescenza o agglutinazione con sieri diagnostici.
Moraxella
La denominazione come Moraxella se bastoncellare (come M. bovis) o come
Branhamella se coccoide (come B. ovis). Questi microrganismi si presentano come
germi di piccole dimensioni, aerobi, dalle colonie emolitiche di 1-2 mm di diametro dopo 48 ore a 37 C, non pigmentanti e non fermentanti i carboidrati, sensibili alla penicillina. Possono provocare una serie di infezioni nelluomo (congiuntiviti, meningiti).
Legionella
un bastoncino che si colora debolmente col Gram. La specie principale L.
pneumophila, agente eziologico nelluomo di infezioni respiratorie gravi. Richiede
terreni specifici antibiotati (BCYE Agar) da incubare a 37 C con elevata umidit.
Forma, dopo 72 ore, colonie rotonde, piatte, di colore variabile, catalasi e ossidasi
positive, da identificare con immunofluorescenza.
Brucella
Sono piccoli bacilli Gram-negativi, immobili, aerobi o microaerofili, catalasi-positivi e ureasi-positivi (tranne Br. ovis), che non attaccano i comuni carboidrati. Sono germi patogeni, generalmente ospite-specifici (Br. melitensis per uomo e capre,
Br. abortus per bovini, ecc). Si localizzano preferibilmente nellapparato genitale
(aborto), passano nel latte e, nelluomo, provocano la febbre maltese.
Crescono su Agar sangue a 37 C in 2-4 giorni con colonie translucide, brunastre, del diametro <1 mm. Alcune specie richiedono il 10% di CO2 per crescere (tabella 26). Si possono distinguere con agglutinazione rapida su vetrino mediante sieri specifici. Esistono diversi biotipi per ciascuna specie, differenziabili con prove
biochimiche.

73

Tabella 26 - Caratteristiche di alcune specie del genere Brucella


Specie di Brucella

Richiesta di CO2 per sviluppare in laboratorio

melitensis

abortus

+ (-)

+ (-)

suis

- (+)

Produzione di H2S

canis

ovis

Batteri Gram-negativi ossidasi-negativi e fermentativi


Enterobacteriaceae
Le Enterobacteriaceae sono una famiglia di bacilli Gram-negativi ubiquitari.
Comprende alcuni generi potenzialmente patogeni, a prevalente trasmissione orofecale, favorita da scarse condizioni igienico-ambientali. I generi hanno in comune
caratteri fisico-chimici, antigenici e metabolici, essendo catalasi-positivi, ossidasinegativi, resistenti ai sali biliari, generalmente mobili. Dal punto di vista sanitario,
i pi importanti sono:
SALMONELLA

SHIGELLA

ESCHERICHIA

KLEBSIELLA

ENTEROBACTER

CITROBACTER

PROTEUS

PROVIDENCIA

SERRATIA

La famiglia presenta antigeni somatici O (polisaccaridi termostabili, evocano anticorpi IgM), flagellari H (aminoacidi termolabili, inducono anticorpi IgG) e capsulari K (prevalentemente lipoproteici termolabili). Parecchi antigeni sono comuni, per cui si verificano reazioni crociate usando sieri polivalenti OH di genere. Lo
studio della struttura antigene consente di tipizzare i ceppi isolati in sierotipi. Alcuni generi elaborano esotossine. I coli, ad esempio, producono tossine LT (come le
shigelle), ST, VT.
Notoriamente Salmonella e Shigella inducono diarrea, Klebsiella infezioni polmonari, intestinali e meningee. Citrobacter, Enterobacter, Proteus, Providencia e
Serratia sono stati riconosciuti causa di malattie extra-intestinali, soprattutto nelluomo (infezioni urinarie e complicanze settiche in soggetti ammalati o con difese immunitarie ridotte).
Escherichia coli, ospite fisiologico dellintestino, diventa patogeno in alcune circostanze, scatenando coliti in soggetti giovani (coli enteroinvasivi, diarrea neonatale) o negli adulti (coli enterotossici, diarrea dei viaggiatori). Altri ceppi danno gravi
lesioni intestinali e renali (coli enteroemorragici, colite emorragica e SEU).
Le salmonelle sono il patogeno enterico pi famoso. Causano tossinfezioni alimentari legate soprattutto a cibi proteici non cotti. La diagnosi delle salmonellosi
avviene in laboratorio. I metodi di indagine sono numerosi, tanto che questo argomento diventato un modello di riferimento in batteriologia (vedi schema sotto).

74

Procedure analitiche per le salmonelle

75

Numerosi sono i terreni per lisolamento delle salmonelle. Nello schema seguente ne sono indicati alcuni:
Funzione

Esempi di terreni per le salmonelle

(rivitalizzazione dei batteri, in genere stressati da


cause fisiche, chimiche, farmacologiche)

Acqua peptonata tamponata, Buffered Peptone Water, BPW


Brodo lattosato, Lactose Broth

Pre-arricchimento

Brodo tetrationato, Tetrathionate Broth


Brodo selenito, Selenite Broth
(abbattimento della flora concorrenziale e moltipli- Rappaport-Vassiliadis Medium
cazione in fase liquida delle salmonelle)
GN Broth
Desossicolato citrato agar, Deoxycholate Citrate Agar
Salmonella-Shigella Agar (SS)
Terreni selettivi e differenziali
Agar verde brillante, Brillant Green Agar
(ulteriore selezione e sviluppo su piastra di colonie
con caratteristiche cromatiche differenziali, tali da Hektoen Enteric Agar
Rambach Agar
facilitare lisolamento delle salmonelle)
Xilose Lysine Deoxycholate Agar (XLD)
Terreni cromogenici
Arricchimento

I test differenziali per le Enterobacteriaceae e, in particolare, per le salmonelle


sono numerosi. Nella tabella 27 ne vengono elencati alcuni:
Tabella 27 - Alcune prove biochimiche differenziali per Enterobacteriaceae
Test

Salmonella

Shigella

Mobilit

H2S

VP

Escherichia Citrobacter Klebsiella


-

Enterobacter

Proteus

Providencia Serratia

Lattosio

Saccarosio

Citrato (Simmons)

Urea

Indolo

Lisina decarbossilasi

ONPG

d = comportamento variabile

La ricerca delle salmonelle qualitativa. Le norme vigenti in fatto di alimenti prescrivono lassenza di salmonelle in 25 grammi di prodotto. Tuttavia, le salmonelle si
possono anche contare. Il metodo descritto di seguito si richiama alla stima del numero pi probabile (Most Probable Number, MPN):
1) Diluire 1:10 il materiale di partenza in soluzione sterile di Ringer concentrata
(per esempio, 10 g o ml + 90 g o ml).
2) Omogeneizzare in Stomacher per 1-2 minuti.
3) Allestire dallomogenato le diluizioni decimali 10-1 e 10-2 in soluzione di Ringer
concentrata (10 + 90 ml).
4) Dalla sospensione iniziale del materiale e dalle diluizioni decimali 10-1 e 10-2, se-

76

minare 10 ml in altrettanti provettoni contenenti ciascuno 10 ml di pre-arricchimento (Acqua peptonata tamponata 2x).
5) Incubare il pre-arricchimento a 37 C per 18-24 ore.
6) Trapiantare da ciascun pre-arricchimento 1 ml in Brodo selenito cistina e 0,1 ml
in Brodo Rappaport-Vassiliadis.
7) Incubare gli arricchimenti a 37 C (Brodo selenito cistina) e a 43 C (Brodo Rappaport-Vassiliadis) per 18-24 ore.
8) Piastrare ciascuna provetta di arricchimento su una piastra di Hektoen Enteric Agar.
9) Incubare le piastre capovolte a 37 C per 24 ore.
Procedere per le fasi successive (trapianto delle colonie sospette in Kligler Iron
Agar, selezione dei trapianti, identificazione biochimica e sierologica delle colture
ottenute) come per la ricerca qualitativa delle salmonelle.
Dalle piastre contenenti Salmonella, determinare il numero delle corrispondenti
provette di pre-arricchimento da considerare positive. Calcolare il numero presuntivo di salmonelle per grammo di campione utilizzando una tabella MPN valevole
per grammi 1-0,1-0,01 di materiale di partenza (vedi Appendice).
Altri bacilli ossidasi negativi
Yersinia
Comprende Y. pestis (agente della peste), Y. enterocolitica (causa di tossinfezioni alimentari), Y. pseudotuberculosis (patogeno per animali da cortile e uccelli). Sono germi che crescono su Agar sangue o su MacConkey Agar in 24 ore a 37 C e la
cui identificazione pu essere fatta rapidamente con sieri fluorescenti, oltre che con
le prove biochimiche tradizionali (tabella 28).
Tabella 28 - Alcune prove biochimiche differenziali per Yersinia
Test

Y. pestis

Y. pseudotuberculosis

Y. enterocolitica

Mobilit a 25 C

Urea

Saccarosio

Ramnosio

Melibiosio

Cellobiosio

Ornitina decarbossilasi

Francisella tularensis
un germe piuttosto raro, presente negli animali selvatici. Contagia luomo attraverso artropodi o per inalazione di aerosol, essendo particolarmente infettante (contagio da laboratorio). Colpisce i linfonodi e i polmoni, con complicanze gravi (tularemia). Cresce su Agar sangue arricchito con glucosio e cisteina in 2-3 giorni a 37
C, con colonie puntiformi. Si riconosce con immunofluorescenza.
Acinetobacter
Bastoncino corto e tozzo, disposto spesso in coppia, immobile, H2S-negativo, VPnegativo, indolo-negativo, resistente alla penicillina. Cresce su MacConkey a 37 C
in 24 ore con colonie incolori e su Nutrient Agar anche a 42 C. Non fermenta i co-

77

muni carboidrati, tranne il glucosio. La specie principale A. baumannii e corrisponde al gruppo A. calcoaceticus delle precedenti classificazioni.
Si tratta di un saprofita occasionalmente patogeno, che colonizza ferite e protesi, dando seri problemi di infezioni ospedaliere, a causa di una straordinaria persistenza sulle superfici abiotiche (plastica, inox, vetro) e di una forte resistenza agli
antibiotici.
Batteri gram-negativi curvi o spiraliformi
Campylobacter
Bacilli isolati, talora curvi, mobili, microaerofili, ossidasi-positivi, inattivi verso i carboidrati. Numerose sono le specie patogene e i relativi ospiti (tabella 29).
Tabella 29 - Patogenicit dei Campylobacter
Specie e sottospecie
C. fetus subsp. venerealis
C. fetus subsp. fetus
C. jejuni
C. coli
C. laridis
C. sputorum subsp. sputorum
C. sputorum subsp. bubulus
C. sputorum subsp. mucosalis
C. fecalis

Patologie animali
bovini e pecore: sterilit e
aborto
bovini, pecore, suini: aborto
bovini: mastite; ovini: aborto;
volatili: epatite infettiva
suini: enterite
volatili: infezioni intestinali
latenti

Patologie umane
infezioni generalizzate
enterite
enterite
enterite
enterite
infezioni cavit orale

infezioni genitali letenti


suini: infezioni intestinali
bovini e pecore: enterite

Lisolamento dei Campylobacter avviene seminando il materiale patologico su


piastre di Agar sangue antibiotato (supplemento antibiotico di Skirrow) da incubare per almeno 48 ore a 37 C con il 5% di CO2. Le colonie (non emolitiche, di circa 1 mm di diametro, incolori) vengono trapiantate e identificate biochimicamente (tabella 30).
C. jejuni e coli vengono ricercati negli alimenti, facendo precedere alle piastre un
arricchimento in Brodo selettivo da incubare a 43 C per 24 ore.

78

Tabella 30 - Differenziazione biochimica dei Campylobacter


Specie

Resistenza ad
ac. nalidixico

H2S
(Kligler)

Catalasi

+
+
+

Crescita
a 25 C

C. fetus
subsp. venerealis
C. fetus
subsp. fetus
C. jejuni
C. coli
C. laridis
C. sputorum
subsp. sputorum
C. sputorum
subsp. bubulus
C. sputorum
subsp. mucosalis
C. fecalis

Crescita
a 43 C

Ippurato

+
+

+
-

Haemophilus
I microrganismi inseriti in questo genere sono cocco-bacilli immobili, con una
stretta esigenza per terreni contenenti i fattori ematici X e V. Alcune specie sono state in un secondo tempo distinte e classificate separatamente (Actinobacillus, Taylorella).
Crescono su Agar sangue o su Agar cioccolato, formando colonie piccole dopo
incubazione per 24-48 ore a 37 C, meglio se con il 10% di CO2. Il fattore X corrisponde allemina, normalmente presente nellAgar sangue. Il fattore V invece presente nellAgar cioccolato, oppure viene apportato aggiungendo il NAD o seminando lo Staphylococcus aureus (fenomeno di satellitismo). Lesigenza di uno o di entrambi i fattori, assieme ad alcune prove biochimiche, consente una differenziazione tra le specie (tabella 31).
Limportanza come agenti patogeni dei microrganismi appartenenti a questo genere si trova invece riassunta nella tabella 32.
Tabella 31 - Biochimica di alcune specie di Haemophilus, Actinobacillus, Taylorella
Specie

Esigenza
CO2

Ossidasi

Catalasi

Mannite

Haemophilus parasuis

Haemophilus somnus

Haemophilus paragallinarum

Haemophilus ovis/agni

+
+

Emolisi

Haemophilus piscium

Haemophilus influenzae

Haemophilus ducrey

Actinobacillus
pleuropneumoniae

Taylorella equigenitalis

79

Tabella 32 - Patogenicit di Haemophilus


Ospite
Suini

Patologia

Haemophilus
parasuis

artrite, polisierosite

pleuropneumoniae (Actinobacillus)

pleuropolmonite infettiva
Infezioni del SNC, dellapparato respiratorio
e degli organi sessuali

Bovini

somnus

Polli

paragallinarum

coriza infettiva

Equini

equigenitalis (Taylorella)

infezioni degli organi genitali

Ovini

ovis/agni

Pesci
Uomo

broncopolmonite/setticemia

influenzae

infiammazione ulcerativa delle branchie e


della bocca
meningite nei lattanti, polmoniti

ducrey

ulcera molle

piscium

Helicobacter
Pricipale rappresentante lH. pylori, germe spiraliforme ubiquitario, talvolta
coccoide e non coltivabile. Si rinviene frequentemente nellacqua. Colpisce, di prevalenza, luomo in condizioni igieniche e nutrizionali scadenti, provocando ulcera
gastrica o duodenale. correlato al linfoma dello stomaco. Si conoscono almeno altre venti specie interessanti gli animali da compagnia (cani, gatti) e da reddito (bovini, suini, polli) che sviluppano patologie simili a quella umana.
La diagnosi colturale avviene per semina delle biopsie gastriche su Agar cioccolato (7% di sangue pi antibiotici), dove si producono in 3-5 giorni a 37 C in condizioni di microaerofilia e umidit elevata colonie puntiformi da identificare con prove
classiche (catalasi e ossidasi positive) o immunofluorescenza.
Batteri Gram-negativi anaerobi (Bacteroides)
Bacteroides e Fusobacterium sono i generi principali della famiglia Bacteroidaceae, bacilli pleomorfi, generalmente allungati, anaerobi obbligati, immobili, non
sporigeni. Sono commensali delle mucose (intestino, bocca, genitali), ma possono
dare, nelluomo e negli animali, infezioni purulente necrotizzanti, con formazione
di ascessi, spesso in concomitanza con altri batteri. Bacteroides fragilis e Fusobacterium necrophorum formano tossine ed enzimi ad azione aggressiva, il cui effetto
dimostrabile per inoculazione sottocutanea nella cavia.
Crescono in Agar sangue antibiotato (terreno di Schaedler) in anaerobiosi e dopo
48 ore a 37 C; mostrano colonie rotonde (2-3 mm di diametro) differenziabili con
prove biochimiche o con immunofluorescenza. F. necrophorum si riconosce anche
con un test di inibizione dellemoagglutinazione.
Miceti
Vengono genericamente chiamati funghi. Se ne conoscono circa 50.000 specie, in maggioranza utili in natura per la degradazione e il riciclaggio di materiale
organico, la produzione di cibi e bevande fermentate, la fabbricazione di antibiotici e farmaci. Poche centinaia di specie sono patogene. In medicina alcune decine di
specie sono coinvolte nellinsorgenza di patologie specifiche dette micosi. Nella tabella 33 se ne trovano alcuni esempi.

80

Si tratta di organismi unicellulari o pluricellulari, generalmente aerobi, dotati di


un nucleo e di una membrana ben visibili al microscopio. Il sistema di riproduzione
consente una grossa distinzione in muffe e lieviti.
Tabella 33 - Alcuni esempi di specie patogene di miceti
Localizzazione
Superficiale
Cutanea
Sottocutanea
Sistemica (primaria)

Varia (opportunisti)

Agente eziologico
Malassezia furfur
Exophiala werneckii
Trichophyton
Candida albicans
Sporothrix schenkii
Phialophora verrucosa
Coccidioides immitis
Histoplasma capsulatum
Blastomyces dermatitidis
Candida albicans
Cryptococcus neoformans
Aspergillus fumigatus

Micosi
Pitiriasi versicolor
Tinea
Dermatofitosi
Candidosi (cute, mucose, unghie)
Sporotricosi
Cromoblastomicosi
Coccidiomicosi
Istoplasmosi
Blastomicosi
Candidosi sistemica
Criptococcosi
Aspergillosi

Muffe
Sono organismi pluricellulari formati da filamenti (ife) riuniti in un ammasso (micelio). Hanno dimensioni maggiori dei batteri e crescono pi lentamente di questi
ultimi e, generalmente, a temperature pi basse.
Si moltiplicano mediante la formazione di spore asessuate (sorrette da unifa detta
conidioforo e aggregate in raggruppamenti di forma caratteristica per ciascuna specie, chiamati conidi) oppure sessuate, dalla struttura pi complessa. Resistono a valori estremi di Aw (0,85), di pH (2-8,5) e di temperatura (-5/+60 C). Alcune specie
producono potenti tossine (aflatossine).
Lieviti
Sono microrganismi unicellulari, rotondeggianti (grossi cocchi di circa 5-6 m
di diametro), raramente formano, aggregandosi, pseudo-ife somiglianti alle muffe.
Si moltiplicano per gemmazione. Resistono ad Aw fino a 0,80. Crescono anche a pH
4-4,5 e a temperature fra 0 e 37 C. Alcune specie sono alofile (resistono al sale), altre osmofile (resistono allo zucchero). Il loro sviluppo negli alimenti pu provocare
odori e sapori sgradevoli.
Metodi di laboratorio
Nella diagnostica clinica, le analisi comprendono lesame microscopico diretto
del campione, lesame colturale, la ricerca di anticorpi circolanti. Lesame microscopico pu avvenire a fresco, montando il preparato in KOH al 10% o previa colorazione (lattofenolo-blu cotone, Giemsa, bianco calcofluor, ecc).
Nellesame colturale, i terreni solidi (ad esempio, Agar Sabouraud) vengono incubati a temperatura ambiente (20C) per 3-5 giorni. Le colonie caratteristiche vengono osservate a basso ingrandimento con un microscopio stereoscopico. Le muffe sviluppano con colonie ramificate, cotonose, variamente colorate e di dimensioni
tali da invadere lintera piastra. I lieviti crescono con colonie rotonde, convesse, a
margine netto, del diametro di 2-4 mm dopo 72 ore, cremose, lucenti, bianche o colorate. Si possono talvolta confondere con quelle dei comuni batteri.

81

Si possono anche allestire preparati da colorare. Per il riconoscimento di genere,


conveniente ricorrere alle immagini di un atlante.
Nella diagnostica riguardante gli alimenti, ha notevole significato la ricerca diretta delle tossine (micotossine) con metodi immunoenzimatici o chimici. Nella routine, si ricorre, di norma, al conteggio delle muffe e dei lieviti per pronosticare conseguenze dannose in caso di concentrazioni elevate. I terreni pi usati sono lAgar
Ossitetraciclina-Glucosio-Estratto di lievito (OGYE) e lAgar Cloramfenicolo Rosa
Bengala. Le piastre vengono incubate a temperatura ambiente per 5 giorni, con letture giornaliere a partire dal terzo giorno.
Le muffe pi frequentemente riscontrate negli alimenti appartengono ai generi
Penicillium, Mucor, Rhizopus, Aspergillus. I lieviti pi comuni sono Candida e Saccharomyces.
Spirochete (Borrelia, Treponema, Leptospira)
Sono sottili e molto pi lunghe dei batteri comuni, spiraliformi, Gram-negative.
Si muovono mediante contrazioni e rotazioni. Si vedono al microscopio in campo
oscuro, con contrasto di fase, con limmunofluorescenza. A causa delle difficolt
nellisolamento in coltura (sono richiesti terreni speciali e lunga incubazione e sono
frequenti gli inquinamenti), ha molto seguito la diagnosi sierologica. Possono essere dimostrate anche per inoculazione nella cavia o hamster.
Alcuni dei caratteri peculiari delle spirochete sono riportati in tabella 34. Nella
tabella 35 sono mostrate le caratteristiche di patogenicit delle principali leptospire.
Le spirochete si lasciano agglutinare da sieri specifici dopo coltura in terreni liquidi supplementati con siero di coniglio (Stuart, Fletcher) o sieroalbumina bovina
(EMJH) e antibiotati (acido nalidixico, vancomicina, polimixina). Lincubazione avviene a 28-30 C per 10-14 giorni.
Il metodo diagnostico pi usato il test di agglutinazione-lisi, in cui diluizioni del
siero vengono messe a contatto, a temperatura ambiente, con vari antigeni in piastra
(2-4 ore) o su vetrino (15 minuti). Si osserva la reazione al microscopio (120 ingrandimenti) in campo oscuro e si considerano positivi titoli del siero superiori a 1:400.
Altri metodi sono la fissazione del complemento e lELISA.

82

Tabella 34 - Caratteri di alcune spirochete


Genere

Aspetto

Specie

Coltivabile

B. recurrentis

Borrelia

0.2-0.5 x 3-20
m con 3-10
spire

B. burgdorferi

Treponema

Leptospira

0.1 x 6-12 m,
sottile e con
spire regolari

Trasmissione

febbre
ricorrente
nelluomo

pidocchi

malattia di
Lyme

zecche

borreliosi
tropicale e sub- zecche, punture
tropicale, nei
dinsetti
volatili
sifilide
nelluomo e
venerea
nella scimmia
sifilide nel
coniglio,
venerea
infezioni latenti
in topo e cavia

B. anserina

0.1-0.4 x 3-20
m con spire
regolari

Malattia

T. pallidum

T. paraluiscuniculi

T. hyodysenteriae

+
(anaerobiosi)

dissenteria nel
suino

contatto

T. innocens

+
(anaerobiosi)

non patogena
(?), dissenteria
nei suini

contatto

interrogans
(numerosi
sierogruppi e
sierotipi)

leptospirosi
delluomo e
degli animali

escreta nelle
urine, per
contatto con
suolo o acqua

Leptospira L. biflexa non patogena (vive nellacqua e nel suolo). L. interrogans (patogena per luomo e gli animali) comprende 19 sierogruppi divisi in 180 sierotipi (serovars).
Tabella 35 - Patogenicit di alcune leptospire
Sierogruppo

Serbatoio naturale

autumnalis

Sierotipo
australis
bratislava
autumnalis

ballum

ballum

bataviae
bovis

bataviae
bovis

bovino, volatili

canicola

cane

grippotyphosa

grippotyphosa

topo, acqua

hebdomadis
icterohaemorragiae
javanica
pomona
pyrogenes

hebdomadis
copenhageni
javanica
pomona
pyrogenes
sejroe
hardjo
saxkoebing
tarassovi

ratto, topo
ratto, urine, acqua

uomo
volpe, bovino, suino
uomo
equino, suino, bovino, ovino, cane
uomo
uomo
uomo

febbre, prostrazione

canicola

suino, bovino

uomo

malattia dei porcai

suino

bovino

australis

sejroe
tarassovi (hyos)

Diffusione

Malattia

uomo

topo

uomo

febbre pretibiale
febbre, esantema,
ittero

meningite asettica
malattia di Marsh
febbre dei 7 giorni
morbo di Weil

suino

83

Rickettsie e clamidie
Sono microrganismi assimilabili ai batteri, ma con caratteristiche particolari:
sono parassiti intracellulari obbligati;
non crescono in laboratorio sui terreni;
si possono isolare per inoculazione su uova embrionate o su colture cellulari;
infettano gli animali da esperimento, cavie (Rickettsie) e topi (Clamidie) in cui
producono anticorpi dimostrabili; la diagnosi sierologica (fissazione del complemento, ELISA, immunofluorescenza);
si colorano con Giemsa o con anticorpi fluorescenti.
Nella tabella 36 sono riportate le caratteristiche di patogenicit di alcuni di questi microrganismi.
Tabella 36 - Patogenicit di alcune rickettsie e clamidie
Famiglia
Rickettsiaceae

Genere
Rickettsia
Coxiella

Chlamidiaceae Chlamidia

Specie
conori
burnetii
psittaci

Ospite
Uomo, roditori, cane
Uomo, animali
Uomo, volatili

trachomatis

Uomo, scimmia

pneumoniae

Uomo

Malattia
Febbre bottonosa
Febbre Q
Psittacosi/ornitosi
Infezioni oculari, genitali e
respiratorie
Infezioni polmonari

Micoplasmi
Microrganismi di piccole dimensioni, coccoidi, senza membrana cellulare, capaci di passare attraverso i filtri da 0,45 m, crescono su terreni appositi, si colorano
col Giemsa. Il nome generico di micoplasmi, in realt, si riferisce a tre famiglie:
Mycoplasmataceae (generi Mycoplasma e Ureaplasma), Acheloplasmataceae (genere Acheloplasma), Spiroplasmataceae (genere Spiroplasma). Le prime due famiglie abitano, nelluomo e negli animali, le mucose, soprattutto dellapparato respiratorio e urogenitale, provocando talora malattie specie-specifiche.
Si contano circa 65 specie. Le principali specie che rivestono importanza clinica
sono riportate nella tabella 37:
Tabella 37 - Patogenicit di alcuni micoplasmi
Specie
Mycoplasma pneumoniae
M. hominis
M. genitalium
M. fermentans
M. mycoides
M. agalactiae
M. bovis
M. bovigenitalium
M. hyopneumoniae
M. hyosynoviae
M. gallisepticum
M. synoviae
M. meleagridis
Ureaplasma urealyticum

84

Ospite
uomo
uomo
uomo
uomo
bovino
ovino
ovino
bovino
bovino
suino
suino
volatili
pollo, tacchino
tacchino
uomo

Malattia
polmonite atipica
infezioni genito-urinarie
NGU
polmonite
pleuropolmonite bovina,
mastite, artrite, polmonite
mastite, artrite, congiuntivite
mastite, artrite, polmonite
mastite, polmonite, vaginite
polmonite enzootica
poliartrite, malattie respiratorie
malattia respiratoria cronica
sinovite, bursite
malattia respiratoria, artrite
polmonite neonatale, infezioni genito-urinarie

Lisolamento richiede terreni appositi, contenenti siero e antibiotici (quasi sempre


presente la penicillina). Le migliori prestazioni vengono offerte da terreni specifici, differenti a seconda della specie animale di provenienza del campione. Sono comunque molto usati il PPLO Broth (da incubare a 37 C per 10 giorni, con successive sub-colture su terreno solido) e il PPLO Agar (37 C con il 5% di CO2).
Le colonie che si sviluppano sulle piastre possono essere riconosciute in base alla morfologia rilevata al microscopio a 60-120 ingrandimenti. Si presentano piccole (meno di 0,5 mm), con centro rilevato e periferia piatta (aspetto cosiddetto di uovo fritto). Lidentificazione di genere pu avvenire con trapianti in terreni per prove
biochimiche (tabelle 38 e 39).
Tabella 38 Differenziazione fra Mycoplasma, Ureaplasma, Acheloplasma
Genere
Mycoplasma
Ureaplasma
Acheloplasm

Crescita inibita da Na-polietanolsulfonato


+
+
-

Ureasi
+
-

Ulteriori prove biochimiche sono state studiate per lidentificazione di specie, come elencato nella tabella 39.
Lidentificazione di specie pu essere eseguita anche con prove di inibizione della crescita, immunofluorescenza, agglutinazione rapida su vetrino con sieri specifici.
A causa delle difficolt pratiche di isolamento in coltura (necessit di terreni complessi, lunga incubazione, facilit di inquinamenti) ha avuto successo la diagnosi sierologica, mediante prove di agglutinazione rapida con antigeni standard (ad esempio, per M. gallisepticum), la fissazione del complemento, lemoagglutinazione indiretta e lELISA.
Tabella 39 Caratteristiche biochimiche di alcuni micoplasmi
Specie

Glucosio

Mannosio

Arginina idrolasi

Fosfatasi

Riduzione TTC

equigenitalium

bovis

mycoides

agalactiae

hyorhinis

gallisepticum

meleagridis

synoviae

TTC = trifenil tetrazolio cloruro

85

Bibliografia
1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)
8)

86

BALOWS A. e Coll., Manual of Clinical Microbiology, 5th ed., ASM,


Washington, USA, 1991
BUTTIAUX A. - FRASER G., Animal Microbiology, Blackwell Sci. Publ.,
Oxford, England, 1977
COTTRAL G.G., Manual of Standardized Methods foe Veterinary
Microbiology, Cornell Univ. Press, Ithaca, USA, 1978
LENNETTE E.H. e Coll., Manual of Clinical Microbiology, 2nd ed., ASM,
Washington, USA, 1974
MAC FADDIN J.F., Biochemical Tests for Identification of Medical Bacteria,
Williams-Wikins, Baltimora, USA, 1984
PASQUINELLI F., Diagnostica e tecniche di laboratorio, 2 vol., Rosini ed.,
Firenze, 1981
PELCZAR M.J. e Coll., Microbiology, Mc Graw Publ. Co., New Delhi, India,
1978
TOPLEY- WILSON, Bacterial Infections, vol. III, 9th ed., Arnold, London,
1998

Domande:
1. - Quanti e quali tipi di emolisi sono prodotti dagli streptococchi?
2. - In che condizioni si devono incubare i clostridi?
3. - Che cosa sono le aflatossine?

IL LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA IN MEDICINA UMANA

Esami colturali
Batteriologia

Sierologia

Esami colturali
Micologia
Sierologia

Esami microscopici
Parassitologia
Sierologia

tratto gastroenterico
tratto respiratorio
tratto uro-genitale
liquidi biologici
sangue
liquor
raccolte varie
ricerca antigeni batterici
ricerca anticorpi
tratto gastroenterico
tratto respiratorio
tratto uro-genitale
cute e annessi cutanei
ricerca antigeni micotici
ricerca anticorpi
tratto gastroenterico
tratto respiratorio
tratto uro-genitale
cute e annessi cutanei
ricerca antigeni parassitari
ricerca anticorpi

Esami colturali

colture cellulari
prove su cavia

Sierologia

ricerca antigeni virali


ricerca anticorpi

Virologia

BATTERI NELLUOMO
Per dare un significato ai risultati analitici raccolti con indagini batteriologiche,
necessario conoscere quali microrganismi sono normalmente reperibili nel contesto esaminato. Si considerano semplicemente ospiti i seguenti microrganismi (tabella 40):
Prelievo dei campioni nelluomo
Le analisi cominciano dal prelievo. Perci si raccomanda di dare la massima importanza alle modalit di raccolta, conservazione e invio al laboratorio dei campioni, al fine di ottenere risultati analitici veritieri. Essendo la letteratura sullargomen
to piuttosto scarsa, si ritenuto utile richiamare lattenzione su alcune avvertenze
operative.
Per fare bene i prelievi, occorre competenza, rapidit, colloquio con il laboratorio. Sussistendo questi requisiti, i tempi diagnostici si accorciano, si evitano accertamenti sierologici, si conosce prima la sensibilit ai farmaci.
Competenza significa possedere conoscenze tecniche e accuratezza. Si opera con
cura obbedendo ad alcune regole generali:

91

1. Il campione deve essere portato al laboratorio nel pi breve tempo possibile.


Tabella 40 - Microrganismi normalmente presenti nelluomo
Localizzazione

Gruppo di germi

Specie

Gram-positivi

Staphylococcus epidermidis,
Micrococcus, Corynebacterium,
Propionibacterium,
Brevibacterium

Gram-negativi

Neisseria

Funghi

Dermatofiti

Gram-positivi

Streptococcus mutans (denti)


Streptococcus sanguis (mucose),
Lactobacillus

Pelle

Cavit orale
Gram-negativi
Gram-positivi
Tratto gastrointestinale

Vagina

Bacteroides, Fusobacterium,
Veillonella
Lactobacillus, Enterococcus,
Clostridium

Gram-negativi

Escherichia, Proteus, Klebsiella,


Enterobacter, Bacteroides,
Fusobacterium, Veillonella

Gram-positivi

Streptococchi, lattobacilli,
clostridi

Gram-negativi

Coliformi, Bacteroides

Lieviti

Candida

Spirochete
Tratto urinario superiore
(reni, vescica)

Normalmente assenti

Polmoni

Normalmente assenti

Gram-positivi

Stafilococchi, streptococchi

Gram-negativi

Moraxella, Neisseria,
Haemophilus, Bacteroides,
Fusobacterium

Cavit nasali e naso-faringe

2. Qualsiasi campione biologico deve essere considerato potenzialmente infetto.


Pertanto, obbligatorio servirsi dei mezzi di protezione individuale per prevenire incidenti durante il prelievo. Lesterno dei contenitori non deve essere contaminato.
3. Vanno applicate corrette procedure di prelevamento. Si deve chiedere consiglio al
laboratorio nei casi di dubbio procedurale oppure in situazioni diverse dalla routine.
4. Sui contenitori va scritto il nome del paziente e lanalisi richiesta. La compilazione del foglio daccompagnamento del campione (con segnalazione dei trattamenti in corso) obbligatoria.

92

Emocoltura
Materiale
Due flaconi contenenti brodo di coltura universale a temperatura ambiente; aghi;
guanti e garze sterili; disinfettante per la cute.
Metodo
Prelevare, possibilmente, prima dellantibiotico-terapia o, almeno, prima della
somministrazione di una nuova dose, adoperando, in questo caso, gli appositi terreni. Sono consigliabili tre prelievi da zone diverse, distanziati di 15-30 minuti dal
brivido o dal rialzo termico, oppure nei giorni successivi in casi di endocardite o di
prolungata terapia antibiotica.
Sgrassare la cute con alcool al 70% e trattare con clorexidina o altro idoneo disinfettante. Indossare guanti sterili per introdurre lago in vena. Raccogliere 5-8 ml per
ciascun flacone, rispettivamente per germi aerobi e anaerobi, contraddistinti dalletichetta, evitando di introdurvi aria e di riempirli completamente. Individuare i flaconi
col nome del paziente e indicare sul foglio daccompagnamento leventuale ricerca
di brucelle o di criptococco. Si deve usare un terreno specifico per la ricerca (su 2,5
ml di sangue) dei micobatteri aviari in pazienti sospetti HIV.
Se il trasporto al laboratorio non immediato, conservare i flaconi per non pi di
48 ore a temperatura ambiente.
Urinocoltura
Materiale
Un contenitore sterile a bocca larga e tappo a vite. Per la prima infanzia, un sacchetto sterile richiudibile, per pazienti non collaboranti un catetere vescicale.
Metodo
Istruire il paziente, se la raccolta venga eseguita personalmente (prima minzione del mattino, scartare il primo getto, non riempire il contenitore oltre la met). In
bambini non collaboranti, lavare e asciugare i genitali, applicare un sacchetto sterile in situi. In pazienti cateterizzati, chiudere il drenaggio unora prima di prelevare
circa 10 ml con una siringa.
Modalit particolari nella ricerca dei micobatteri (BK): si fanno tre prelievi del
primo mitto in tre giorni consecutivi, oppure un unico prelievo in contenitore 24
ore con mantenimento negli intervalli di raccolta in frigorifero a 4C.
Devono essere indicate espressamente sul foglio daccompagnamento le ricerche
di clamidie, micoplasmi, potere antibiotico residuo (PAR).
I campioni vanno comunque conservati refrigerati per non pi di 24 ore.
Broncoaspirato
Materiale
Un kit di raccolta; soluzione fisiologica sterile; provette, guanti sterili.
Metodo
Solo in caso di scarsa secrezione, si immettono con sondino, prima del prelievo,

93

3-5 ml di soluzione fisiologica sterile. Il prelievo avviene comunque con sondino


sterile endobronchiale, collegato al kit di raccolta.
I campioni sono conservabili in frigorifero a 4C fino a 24 ore.
Espettorato
Materiale
Un contenitore tipo raccolta urine.
Metodo
Un prelievo per polmonite batterica, tre prelievi mattutini consecutivi per sospetta infezione tubercolare o da miceti.
Istruire il paziente per raccogliere lespettorato direttamente nel contenitore, evitando la saliva, al mattino a digiuno, previo risciacquo del cavo orale.
Specificare sul foglio daccompagnamento il tipo di ricerca (germi comuni, Legionella, BK, miceti). I campioni sono conservabili a temperatura ambiente fino a
due ore, in frigorifero a 4 C fino a 48 ore.
Coprocoltura
Materiale
Un contenitore sterile per feci con cucchiaio, oppure un tampone con terreno di
trasporto (Amies).
Metodo
Dalle feci: prendere, preferibilmente accompagnando muco o sangue presente,
una piccola quantit, con cucchiaio.
Dal retto: introdurre per circa due centimetri il tampone, ruotare contro la mucosa, inserire nel terreno di trasporto.
Per ricercare la tossina di Cl. perfringens sono necessari due campioni. Vanno richieste specificatamente le analisi al di fuori di quelle eseguite di routine (Salmonella, Shigella, stafilococco), di norma seguite da antibiogramma.
Conservabilit: feci in frigorifero a 4 C fino a 12 ore, tamponi a temperatura ambiente fino a 48 ore.
Liquor
Materiale
Provette sterili con tappo a vite, siringhe e aghi per prelievi, guanti sterili, disinfettanti.
Metodo
Disinfettare la cute, lasciar asciugare, introdurre lago della siringa, aspirare 3-5
ml da porre in due provette. La consegna al laboratorio deve essere immediata, per
consentire la semina dei terreni gi predisposti per le ricerche di pneumococco, meningococco, Haemophilus.

94

Tamponi faringei, nasali, auricolari, oculari


Materiale
Tamponi faringei: in alginato con terreno di trasporto di Stuart.
Tamponi nasali e oculari: con asta flessibile in alluminio e terreno di trasporto di
Amies. Per locchio anche tamponi secchi sterili per allestire preparati microscopici estemporanei.
Siringhe sterili per prelievi dallumor vitreo
Kit speciale per ricerca dallocchio di Chlamydia trachomatis.
Metodo
Il laboratorio danalisi deve essere preventivamente avvisato se si intende ricercare il meningococco e la Bordetella pertussis,
Operare con cura in modo da evitare la contaminazione del tampone dovuta a
contatti con lingua, arcate dentarie, condotti uditivi, coane. Dallumor vitreo prelevare con siringa sterile.
Dallocchio, usando un tampone secco, fare sempre uno striscio diretto su un vetrino, da fissare e colorare con Gram.
Conservabilit dei tamponi con terreno di trasporto: fino a 48 ore a temperatura ambiente.
Biopsie
Materiale
Contenitori sterili tipo urine, flaconi con terreno per anaerobi.
Metodo
Raccogliere met del materiale dissecato in sede chirurgica. Consegnare subito i prelievi al laboratorio. Se impossibile, aggiungere 2-3 ml di soluzione fisiologica sterile ai pezzi nel contenitore, da conservare in frigorifero a C per non pi
di 24 ore.
Cateteri
Materiale
Piastre di Agar sangue oppure contenitore tipo urine con soluzione fisiologica sterile, pinze e forbici sterili.
Metodo
Pulire e disinfettare la parte prima di estrarre il catetere. Seminare direttamente,
per striscio diretto, alcune piastre oppure, per una determinazione quantitativa, raccogliere nel contenitore 5 centimetri di catetere, staccati dalla punta con pinze e forbici. Consegnare subito al laboratorio.

95

Essudati e drenaggi
Materiale
Siringhe, tamponi con terreno di trasporto di Amies, flaconi con terreno per anaerobi.
Metodo
Essudati con versamento sottocutaneo: prelevare il liquido con siringa, previa disinfezione superficiale.
Essudati con fistola: disinfettare lorifizio fistoloso e prelevare lessudato con
tampone.
Drenaggi: raccogliere il liquido di drenaggio con una siringa o con un tampone.
Per la ricerca di germi anaerobi, prelevare con siringa lessudato o il liquido di
drenaggio e seminare un flacone contenente lapposito terreno. Specificare sul foglio daccompagnamento il tipo di ricerca (germi comuni, anaerobi, miceti, BK).
Il liquido in siringa pu essere conservato in frigorifero a 4 C, il tampone, introdotto nel terreno di trasporto, a temperatura ambiente fino a 24 ore.
Essudato vaginale
Materiale
Un tampone dalginato con terreno di trasporto di Stuart; tre tamponi sterili secchi; una provetta con 3 ml di soluzione fisiologica sterile; due vetrini portaoggetti.
Metodo
Dopo pulizia dei genitali esterni, bagnare nellessudato tre tamponi secchi. Usarne due per fare altrettanti strisci su vetrino e introdurre il terzo nella provetta con soluzione fisiologica per la ricerca del Trichomonas. Prelevare un po di essudato con
il tampone dalginato e introdurlo nel terreno di trasporto.
Il tampone pu essere conservato, assieme ai vetrini, a temperatura ambiente fino a 24 ore e la provetta di soluzione fisiologica per 4-6 ore.
Tamponi cervicali e uretrali
Materiale
Tampone secco sterile; tampone con asta sottile dalluminio e terreno di trasporto
di Amies; un vetrino portaoggetti; un kit di prelievo per Chlamydia.
Metodo
Dopo pulizia dei genitali esterni, inserire il tampone con asta dalluminio nellendocervice, facendolo ruotare. Per prelievo nelluretra, introdurre il tampone nel meato urinario per circa 1,5 centimetri. Le stesse operazioni vanno ripetute con un tampone secco per allestire un preparato microscopico su vetrino. Le ricerche da eseguire devono essere specificate sul foglio daccompagnamento (esame batterioscopico, germi comuni, gonococco, micoplasmi, Chlamydia).
Il tampone introdotto nel terreno di trasporto pu essere tenuto a temperatura ambiente fino a 24 ore, con limitazione a 2 ore se si vogliono ricercare i micoplasmi. Il
kit per Chlamydia conservabile in frigorifero a 4 C per 48 ore.

96

Liquido seminale
Materiale
Contenitore tipo urine.
Metodo
Far eseguire il prelievo dopo aver urinato e pulito esternamente i genitali, recapitando subito al laboratorio. In caso di spermiogramma, il prelievo deve avvenire dopo almeno tre giorni dastinenza e giungere al laboratorio entro 45 minuti.
Semina dei campioni patologici
Si rimanda alle nozioni generali riguardanti la realizzazione delle colture batteriche.
ANALISI MICROBIOLOGICHE NELLUOMO
L esposizione che segue del tutto esemplificativa e non esaustiva della materia.
Sono elencate solamente le tecniche danalisi ritenute pi semplici. La suddivisione
adottata rispetta i distretti di provenienza del campione.
Bocca
Patologie evidenziabili

faringiti (germi responsabili: Streptococcus pyogenes,


Corynebacterium diphteriae, Haemophilus influenzae,
Bordetella pertussis)
altre forme morbose sostenute da germi occasionalmente presenti (Klebsiella pneumoniae, Pseudomonas aeruginosa, Neisseria meningitidis, Neisseria gonhorroeae,
Streptococcus pneumoniae, Staphylococcus aureus, Mycoplasma pneumoniae)
Tamponi con terreno di trasporto (Amies o Stuart senza
o con carbone Charcoal)
a temperatura ambiente con consegna al laboratorio entro
18-24 ore dal prelievo
1) ricerca diretta dellantigene dello Streptococcus pyogenes (gruppo A) con kit
2) ricerca diretta della Bordetella pertussis con immunofluorescenza
3) inoculazione delle piastre con i terreni in tabella 41

Raccolta del campione


Trasporto
Fase analitica

Tabella 41 Terreni utilizzati per le semine dalla bocca


Ricerca
Microflora generica
Streptococcus piogenes (A)
Corynebacterium diphteriae
Haemophilus influenzae
Bordetella pertussis

1
2
3
4

Terreno
TSA + 5% di sangue di pecora
Selective Streptococcus Agar
Serum Tellurite Agar
Chocolate Agar
Bordet-Gengou Blood Agar

Incubazione e lettura
37 C con 5% di CO2 per 18-24 ore
37 C con 5% di CO2 per 18-24 ore
37 C in aerobiosi per 24 ore
37 C con 5% di CO2 per 24-48 ore
37 C in aerobiosi fino a 7 giorni

97

Identificazione


1) Beta-emolisi (+), Gram (+), bacitracina (+), sieroagglutinazione rapida


2) Gram (+), catalasi (+), nitrati (+), ureasi (-), glucosio
(+), maltosio (-)
3) Fattori X V, satellitismo verso S. aureus, glucosio (+),
saccarosio (-), lattosio (-)
4) Gram (-), ureasi (-), catalasi (-), glucosio (-)

Orecchio
Patologie evidenziabili

otite esterna (germi responsabili: Staphylococcus


aureus, Streptococcus pyogenes, Pseudomonas
aeruginosa, Proteus, funghi, micoplasmi);
otite media (germi responsabili: Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae, Streptococcus pyogenes, Branhamella catarrhalis, Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa, Gram-negativi enterici, anaerobi);
otite cronica e mastoidite
(germi responsabili):
anaerobi tipo Bacteroides spp.,Fusobacterium nucleatum, Peptostreptococcus spp., Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa, Proteus.
Raccolta del campione
tamponi con terreno di trasporto per germi aerobi; sistema di trasporto per germi anaerobi
Trasporto
a temperatura ambiente con consegna al laboratorio entro 18-24 ore
Fase analitica
1) esame microscopico diretto

2) inoculazione del brodo darricchimento e delle
piastre con i terreni in tabella 42

3) eventuali trapianti da arricchimento su piastra.
Tabella 42 - Terreni utilizzati per le semine dallorecchio
Ricerca

Terreno

Flora generica (arricchimento)

Brodo tioglicolato

Flora generica (piastratura diretta)


Gram-positivi
Streptococcus pyogenes (A)
1
Streptococcus pneumoniae (B) 2
Staphylococcus aureus
3
Gram-negativi non esigenti
Proteus
4
Pseudomonas aeruginosa
5
Gram-negativi esigenti
Haemophilus influenzae
6
Branhamella catarrhalis
7
Batteri anaerobi
Bacteroides, Fusobacterium,
Peptostreptococcus
8

TSA + 5% sangue di pecora

Incubazione e lettura
37 C per 48 ore e fino a 2 settimane, con
eventuale trapianto nei terreni sotto elencati,
se negativi alla semina diretta
37 C con 5% di CO2 per 24-48 ore

Columbia CNA Agar

37 C con 5% di CO2 per 24-48 ore

MacConkey Agar

37 C per 24-48 ore

Chocolate Agar

37 C con 5% CO2 per 34-48 ore

CDC Anaerobe Blood Agar

37 C in anaerobiosi per 48 ore e fino a 7


giorni

Sabouraud Dextrose Agar


o Mycosel Agar

25 C per 4-6 settimane

Miceti

98

Identificazione






1) Beta-emolisi (+), Gram (+), bacitracina (+), sieroagglutinazione rapida


2) Alfa-emolisi (+), Gram (+), optochina (+)
3) Beta-emolisi (+), Gram (+), catalasi (+), agglutinazione al lattice (+)
4) Colonie incolori, ureasi (+)
5) Pigmentazione blu-verde
6) Richiesta fattori XV (satellitismo verso S. aureus), glucosio (+), saccarosio (-), lattosio (-)
7) Colonie opache, friabili, non adese
8) Prove biochimiche

Occhio
Patologie evidenziabili
cheratiti (germi responsabili):

congiuntiviti (germi responsabili: Chlamydia


trachomatis, Staphylococcus aureus, Streptococcus pneumoniae);
Haemophilus influenzae, Streptococcus pneumoniae, Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa, Moraxella lacunata, Neisseria spp.

infezioni oculari da germi di irruzione


secondaria (germi responsabili):
micobatteri, Nocardia, anaerobi, funghi.
Raccolta del campione
tamponi con terreno di trasporto per germi
aerobi; sistema di trasporto per germi anaerobi
Trasporto
a temperatura ambiente con consegna al laboratorio entro 18-24 ore
Fase analitica
1) esame microscopico diretto (colorazioni
Gram, Ziehl-Neelsen, Giemsa)

2) esame microscopico diretto con anticorpi
fluorescenti per Chlamidia trachomatis

3) inoculazione del brodo darricchimento e
delle piastre con i terreni indicati in tabella 43

4) eventuali trapianti da arricchimento su piastra.

99

Tabella 43 - Terreni utilizzati per le semine dallocchio


Ricerca

Terreno

Flora generica (arricchimento)

Brodo tioglicolato

Flora generica (piastratura diretta)


Gram-positivi
Streptococcus pyogenes (A) 1
Streptococcus pneumoniae (B) 2
Staphylococcus aureus
3
Gram-negativi non esigenti
Proteus
4
Pseudomonas aeruginosa
5

TSA + 5% sangue di pecora

Incubazione e lettura
37 C per 48 ore e fino a 2 settimane, con
eventuale trapianto nei terreni sotto elencati,
se negativi alla semina diretta
37 C con 5% di CO2 per 24-48 ore

Columbia CNA Agar

37 C con 5% di CO2 per 24-48 ore

MacConkey Agar
Deoxycholate Lactose Agar
Pseudosel Agar

37 C per 24-48 ore

Chocolate Agar
Thayer-Martin Selective
Agar

37 C con 5% CO2 per 24-48 ore


37 C con 5% CO2 per 18-48 ore

CDC Anaerobe Blood Agar

37 C in anaerobiosi per 48 ore e fino a 7


giorni

Gram-negativi esigenti
Haemophilus influenzae
Neisseria
Batteri anaerobi
Bacteroides, Fusobacterium,
Peptostreptococcus
Mycobacterium
Nocardia

6
7

8
9

Miceti

Loewenstein-Jensen
Medium
Selective 7-H-11 Agar
Sabouraud Dextrose Agar
with Chloramphenicol

37 C fino a 8 settimane
37 C fino a 6 settimane
25 C fino a 8 settimane

Identificazione 1) Beta-emolisi (+), Gram (+), bacitracina (+), sieroagglutinazione rapida



2) Alfa-emolisi (+), Gram (+), optochina (+)

3) Beta-emolisi (+), Gram (+), catalasi (+), agglutinazione al lattice (+)

4) Ureasi (+)

5) Pigmentazione blu-verde

6) Fattori XV (satellitismo verso S. aureus), glucosio (+), saccarosio (-), lattosio (-)

7) Gram, ossidasi (+), glucosio (+), maltosio (+)

8) kit di prove biochimiche per anaerobi

9) Striscio e colorazione per alcool-acido resistenti (Ziehl-Neelsen)
Tratto gastro-intestinale
Patologie evidenziabili a) malattie di origine alimentare (germi responsabili: Enterobacteriaceae, Staphylococcus aureus, Clostridium perfringens, Bacillus cereus, Vibrio cholerae e altri vibrioni correlati, Listeria monocytogenes, Campylobacter jejuni e coli)

b) gastriti (germi responsabili: Helicobacter pylori)
Prelievo dei campioni Tamponi rettali con terreno di trasporto tipo Amies (per
Campylobacter tipo Cary- Blair), feci (in barattolo sterile con tappo a vite e cucchiaio), biopsie gastriche (in
provetta sterile) per H. pylori.
Trasporto Tamponi a temperatura ambiente fino a 18-24 ore, feci
in frigorifero a 4 C fino a 18-24 ore, biopsie consegna
immediata al laboratorio.

100

Fase analitica

a) 1) striscio diretto su piastre di terreni selettivi e/o differenziali (vedi tabella 44);
2) semina in brodo darricchimento con successiva piastratura su terreno selettivo e/o differenziale (tabella 44).

b) 1) esame microscopico su striscio colorato con arancio
dacridina o con anticorpi fluorescenti;
2) coltura su terreno non selettivo;
3) ricerca dellantigene solubile con agglutinazione inversa al lattice.
Identificazione
Salmonella: colonie incolori su MacConkey Agar e su
Hektoen Enteric Agar (con centro nero), trapianti su Kligler Iron Agar, prove biochimiche e sierologiche

Shigella: colonie incolori su MacConkey Agar e su Hektoen Enteric Agar, trapianti su Kligler Iron Agar, prove biochimiche e sierologiche

Escherichia coli e Klebsiella: colonie rosse su MacConkey
Agar oppure arancio su Hektoen Enteric Agar

E. coli O157:H7(VTEC): colonie incolori su MacConkey
Sorbitol Agar

S. aureus: colonie nere con doppio alone su Baird-Parker
Agar, agglutinazione rapida con Staphyloslide, test della coagulasi, produzione di tossina con agglutinazione inversa
passiva al lattice

Cl. perfringens: colonie nere su SFP Agar, esame microscopico (Gram+), prove biochimiche, anticorpi fluorescenti

B. cereus: colonie secche tipiche, esame microscopico
(Gram+), colorazione dei cristalli parasporali, prove biochimiche, anticorpi fluorescenti.

V. cholerae e altri vibrioni correlati : prove biochimiche, anticorpi fluorescenti.

L. monocytogenes: colonie marroni concave su Oxford Agar,
esame microscopico (Gram+), emolisi (+), agglutinazione
con sieri specifici.

Campylobacter jejuni e coli: colonie piccole, esame microscopico (Gram-), catalasi (+), test dellippurato (C. jejuni +,
C. coli -), prove verso acido nalidixico (sensibilit) e cefalotina (resistenza)

H. pylori: esame microscopico (Gram-), catalasi (+), anticorpi fluorescenti.

101

Tabella 44 - Terreni utilizzati per le semine dal tratto gastro-intestinale


Ricerca

Terreno

Incubazione e lettura

Enterobacteriaceae (piastratura diretta)


per dimostrazione di:
Salmonella, Shigella, E. coli, Klebsiella

MacConkey Agar
Hektoen Enteric Agar

37 C per 18-24 ore

Enterobacteriaceae (arricchimento) per


dimostrazione di Salmonella e Shigella

Selenite Cystine Broth

37 C per 18-24 ore, seguita da


piastratura su
Hektoen Enteric Agar

E. coli O157:H7 verotossico (VTEC)

MacConkey Sorbitol Agar

37 C per 18-24 ore

Staphylococcus aureus (piastratura


diretta)

Baird-Parker Agar

37 C per 24-48 ore

Clostridium perfringens (piastratura


diretta)

SFP Agar

37 C in anaerobiosi per 24-48 ore

Bacillus cereus

Cereus Selective Agar

30 C per 18-24 ore

Vibrio cholerae e altri vibrioni correlati


(piastratura diretta)

TCBS Agar

37 C per 18-24 ore

Listeria monocytogenes (piastratura


diretta)

Oxford Agar

37 C per 48 ore

Listeria monocytogenes (arricchimento)

Listeria Enrichment Broth

30 C per 24 ore, seguita da piastratura


su Oxford Agar

Campylobacter jejuni e coli (piastratura


diretta)

Campylobacter Selective
Agar (Skirrow)

42 C con 5% CO2 per 48-72 ore

Campylobacter jejuni e coli


(arricchimento)

Campylobacter Enrichment
Broth

42 C per 24 ore

Helicobacter pylori

Chocolate Agar

37 C con 5% CO2 per 3-4 giorni

Tratto genitale
Patologie evidenziabili Infezioni del tratto inferiore delle vie genitali (soprattutto
femminili) con possibile estensione agli organi genitali (utero, tube, ovaie). I microrganismi pi frequentemente coinvolti sono: Neisseria, Haemophilus, Gardnerella, Candida,
oltre a protozoi (Trichomonas vaginalis), spirochete (Treponema pallidum) e virus.
Raccolta del campione Secrezioni uretrali, vaginali, cervicali prelevate con tamponi di alginato muniti di terreno di trasporto (Amies con carbone) oppure con aspirazione mediante siringa.
Trasporto
A temperatura ambiente se entro due ore, refrigerato se entro 18-24 ore.
Fase analitica
1) strisci eseguiti dal materiale prelevato e successive colorazioni di Gram e Giemsa (per le inclusioni citoplasmatiche da Chlamydia e per la presenza di Treponema pallidum)

2) preparato a fresco per Trichomonas

3) semina diretta sui terreni in tabella 45

102

Identificazione

1) Gram-negativo, ossidasi (+), maltosio N. gonohorroeae


(-), N. meningitidis (+)
2) Cocco-bacilli Gram-negativi in catene o ammassi, prove biochimiche
3) Cocco-bacilli Gram-variabili adesi a cellule epiteliali
(cellule guida), beta-emolitici
4) Morfologia caratteristica delle colonie e su striscio dopo
colorazione di Gram
5) Microrganismi flagellati mobili visibili nei preparati a
fresco allestiti dal prelievo o dal brodo di coltura.

Tabella 45- Terreni utilizzati per le semine dal tratto genitale


Ricerca
Neisseria
Haemophilus ducreyi
Gardnerella vaginalis
Funghi
Trichomonas vaginalis

Terreno
Chocolate Agar
Chocolate Agar
V Agar
Mycosel Agar
Trichomonas Medium (Broth)

Incubazione e lettura
37 C con 5% CO2 per 18-48 ore
30 C con 5% CO2 per 7 giorni
37 C con 5% CO2 per 48 ore
20 C per 5 giorni e fino a 1 mese
37 C per 48 ore

Cute e mucose superficiali


Patologie evidenziabili infezioni ospedaliere e post-operatorie, ferite settiche e altre lesioni suppurative

micosi cutanee superficiali, dermatiti
Raccolta del campione raschiature raccolte in piastre di Petri sterili (previa disinfezione della parte con alcool 70%)

tamponi con terreno di trasporto tipo Amies oppure CaryBlair (per germi anaerobi).
Trasporto
raschiati a 4 C

tamponi con terreno di trasporto a temperatura ambiente
per non oltre 18-24 ore.
Fase analitica
1) esame microscopico dopo striscio e colorazione di Gram
oppure con lattofenolo-blu cotone nel caso di lieviti o
funghi; semina su piastre di terreni selettivi (tabella 46)

2) arricchimento in brodo e successiva piastratura.
Tabella 46 - Terreni utilizzati per le semine da cute e mucose superficiali
Ricerca
Flora generica
Staphylococcus spp.
Pseudomonas aeruginosa
Enterobacteriaceae
Anaerobi (piastratura diretta)

Terreno
TSA + sangue 5%
Mannitol Salt Agar
Pseudosel Agar
MacConkey Agar
Blood Agar

Anaerobi (arricchimento)

Thioglycollate Broth

Muffe e lieviti (piastratura diretta)

Sabouraud Dextrose Agar

Muffe e lieviti (arricchimento)

Trypticase Soy Broth (TSB)

Incubazione e lettura
37 C con 5% CO2 per 48 ore
37 C per 48 ore
37 C per 18-24 ore
37 C per 24 ore
37 C in anaerobiosi per 48 ore
37 C per 48 ore e successiva piastratura
su Blood Agar
20 C per 5 giorni e fino a 1 mese
20 C per 2 settimane e successiva
piastratura su Sabouraud Dextrose Agar

103

Identificazione

Vedi descrizione nei precedenti distretti per le specie gi


incontrate

Fluido cerebrospinale
Patologie evidenziabili meningiti acute (germi responsabili: Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae, Neisseria meningitidis,
Streptococcus agalactiae (B), Listeria monocytogenes, Staphylococcus spp., batteri Gram-negativi tipo Flavobacterium e Citrobacter, Mycobacterium tuberculosis)

meningiti croniche (germi responsabili: Mycobacterium
tuberculosis, Candida, funghi, Criptococcus neoformans,
Nocardia, Actinomyces, Salmonella, Brucella)
Raccolta del campione prelievo asettico di fluido cerebrospinale mediante puntura
lombare e raccolta in almeno due provette
Trasporto
a temperatura ambiente. Per ricerche virologiche necessario il trasporto a 4 C
Fase analitica
1) congelamento immediato in laboratorio di una provetta
per ricerca antigeni e virus (Herpes, Entero-, Echovirus)

2) centrifugazione di una frazione prelevata a 1000-1500
g per 15-30 minuti

3) strisci con colorazioni dal sedimento (Gram, Ziehl-Neelsen per micobatteri, lattofenolo/blu cotone per funghi
e Criptococcus neoformans)

4) inoculazione di provette e piastre con i terreni in tabella 47

5) eventuali trapianti da arricchimento su piastra
Tabella 47 - Terreni utilizzati per le semine da fluido cerebrospinale
Ricerca

Terreno

Flora generica (arricchimento)

Brodo tioglicolato

Haemophilus influenzae
Neisseria meningitidis
Streptococcus pneumoniae
Streptococcus agalactiae
Staphylococcus spp.
Brucella
Bacilli Gram-negativi
Germi enterici Gram-negativi
Micobatteri
Candida e funghi

Identificazione

104

Chocolate Agar

Blood Agar

Incubazione e lettura
37 C con lettura quotidiana fino a 5
giorni, Gram e trapianto sui terreni in
piastra in caso di sviluppo
37 C con 5% CO2 e lettura quotidiana
fino a 72 ore
37 C con 5% CO2 e lettura quotidiana
fino a 72 ore

MacConkey Agar
37 C fino a 72 ore
Loewenstein-Jensen Medium
37 C fino a 8 settimane
7 H 11 Agar
Mycosel Agar
Temperatura ambiente per 4-6 settimane

Vedi descrizione nei precedenti distretti per le specie gi


incontrate e inoltre:
Str. agalactiae: colonie di circa 1 mm di diametro, betaemolitiche, Gram (+), CAMP test (+)
Brucella: colonie puntiformi, non emolitiche, Gram (-), agglutinazione rapida con sieri specifici

Urine
Patologie evidenziabili batteriuria conseguente a infezioni delle vie urinarie inferiori (vescica e uretra) o superiori (reni e ureteri)
Raccolta del campione generalmente viene raccolta una frazione delle urine a met minzione entro un vasetto sterile a bocca larga con tappo a vite in plastica monouso
Trasporto
se il campione non viene refrigerato, lanalisi deve cominciare entro 2 ore dalla raccolta; in caso contrario, il campione pu essere tenuto in frigorifero per non pi di 24 ore.
Fase analitica
1) esame microscopico diretto senza centrifugazione, mediante striscio di una goccia e colorazione di Gram. Se
si vede pi di un germe per campo (su 10 campi letti al
microscopio con 1000 ingrandimenti), si stima la carica batterica significativa, perch superiore a 105/ml

2) semina con anse calibrate (rispettivamente da 0,01 e
0,001 ml) su due piastre di ciascuno dei terreni in tabella 48, con numerazione delle colonie tipiche dopo incubazione. Le cariche, significative se superiori a 105/
ml di urina, si ottengono moltiplicando i valori letti, rispettivamente, per 100 e per 1000

3) semina in Brodo tioglicolato, da incubare a 37 C per
24 ore e strisciare su Blood Agar e MacComkey Agar
se non si ottiene crescita sulle piastre
Tabella 48 - Terreni utilizzati per le semine da urina
Ricerca

Terreno

Incubazione e lettura

Pseudomonas aeruginosa, Proteus, altre


Enterobacteriaceae)

CLED Agar

37 C per 18-24 ore

Gram-positivi

Columbia Agar

37 C per 18-24 ore

Gram-negativi

MacConkey Agar

37 C per 18-24 ore

Flora generica

Blood Agar

37 C per 18-24 ore

Identificazione

Vedi descrizione nei precedenti distretti per le specie gi


incontrate.

Sangue
Patologie evidenziabili batteriemia da infezioni sistemiche, sepsi neonatale. I germi che pi frequentemente si isolano sono: Brucella spp.,
streptococchi beta-emolitici, Haemophilus influenzae, Bacillus spp., pneumococchi e meningococchi, Bacteroides e
Clostridium (anaerobi)
Raccolta del campione previa disinfezione della cute, prelievo, in doppio, di 5 ml
di sangue con ago-cannula sterile fissata direttamente su
due bottiglie da coltura sottovuoto contenenti un anticoagulante non tossico (SPS), PABA (neutralizzante i sulfamidici) e, rispettivamente, un brodo per germi aerobi e uno
per anaerobi (vedi tabella 49)

105

Trasporto
Fase analitica

rapido a temperatura ambiente al laboratorio per incubare


immediatamente
1) se vengono adottati metodi manuali, incubazione delle due bottiglie a 37 C (una a 20 C in caso di sospetti
miceti) per 14 giorni; se vengono usate apparecchiature
automatiche, la lettura viene fatta ogni 10 minuti dallo
strumento sulle 24 ore;
2) in caso di positivit, prelievo con siringa di 0,1 ml di
brodocoltura per semina su terreni non selettivi e selettivi (tabella 49)

Tabella 49 - Terreni utilizzati per le semine da sangue


Ricerca

Terreno
BHI Brodo + SPS + PABA
Germi aerobi (semina diretta)
+ CO2
Anaerobic Thioglycollate
Germi anaerobi (semina diretta)
Broth + SPS + emina +
vitamina K1 + CO2
in alternativa: per Brucelle (semina diretta) Brucella Broth + SPS + CO2
Columbia Agar + sangue
Germi aerobi (sub-coltura)
Columbia Agar + sangue
Germi anaerobi (sub-coltura)
Mycosel Agar
Miceti (sub-coltura)
Brucella Agar
Brucella spp. (sub-coltura)

Identificazione

Incubazione e lettura
7 giorni a +37 C
14 giorni a +20 C per funghi e lieviti
14 giorni a +37 C
14 giorni a +37 C
24 ore a 37 C
24 ore a 37 C in anaerobiosi
14 giorni a 20 C
7 giorni a +37 C con 5% CO2

vedi descrizione nei precedenti distretti per le specie gi incontrate

Espettorato, broncoaspirato
Patologie evidenziabili polmoniti batteriche da agenti eziologici elencati in tabella
50, oltre a clamidie e micoplasmi

infezioni da micobatteri in generale e da Mycobacterium
tuberculosis in particolare

infezioni da Legionella
Raccolta del campione espettorato (possibilmente circa 10 ml di materiale, raccolti al mattino in recipienti speciali adatti per centrifuga con
tappo a vite); broncoaspirato o lavaggio bronchiale (vasetti sterili tipo raccolta urine)

urine: per Legionella e pneumococco possibile anche ricercare lantigene solubile nelle urine

siero: per Legionella, clamidie e micoplasmi si possono ricercare gli anticorpi nel siero con immunofluorescenza
Trasporto
Immediato a temperatura ambiente; per la ricerca di Legionella possibile refrigerare o congelare il campione
Fase analitica
per batteri delle polmoniti:

1) valutazione dellattendibilit dellespettorato per lesame batteriologico secondo Bartlett, in base al numero
di leucociti e di cellule epiteliali in presenza di muco,
mediante striscio e colorazione di Gram

2) Semina sui terreni specifici (tabella 50)

106

per micobatteri:
1) esame microscopico diretto (colorazione di Ziehl-Neelsen o fluorescenza)
2) digestione, decontaminazione e concentrazione del materiale
3) striscio dal centrifugato e colorazione di Ziehl-Neelsen
4) semina dei terreni selettivi (tabella 50) per Legionella:
1) esame microscopico dopo striscio e colorazione con
anticorpi fluorecenti
2) semina dei terreni selettivi (tabella 50)

Tabella 50 - Terreni utilizzati per le semine da espettorato e broncoaspirato


Ricerca
1 - Gruppo agenti eziologici di polmoniti
batteriche
Streptococcus pneumoniae
Haemophilus influenzae
Staphylococcus aureus
Streptococcus pyogenes
Gram-negativi
Anaerobi
2 - Mycobacterium spp.
3 - Legionella

Identificazione

Terreno

Incubazione e lettura

vedi tabelle 46-47

vedi tabelle 46-47

Loewenstein-Jensen
Middlebrook 7-H-10 Agar
Dubos (o altro terreno
liquido)
BCYE Agar

37 C fino a 8 settimane, con lettura


dopo 48 ore e giornaliera a partire dalla
seconda settimana
37 C per 48 ore e fino a 2 settimane

1) Colorazione di Gram, prove biochimiche, per clamidie


PCR
2) Prove biochimiche, anticorpi fluorescenti, PCR
3) Gram (-),anticorpi fluorescenti, agglutinazione con sieri specifici

107

Bibliografia
1)

BALOWS A. e Coll., Clinical Microbiology, 5th ed., ASM, Washington, USA,


1991
2) CAPPELLATO M. e Coll., Elementi di microbiologia medica, Cedam, Padova,
1967
3) CEVENINI R., Microbiologia clinica, Piccin, Padova, 2002
4) JAVETZ, MELNICK, ADELBERGS, Microbiologia medica, Piccin, Padova,
2001
5) LA PLACA M., Principi di microbiologia medica, Esculapio, Bologna, 1985
6) LENNETTE E.H., Manual of Clinical Microbiology, 2 nd ed., ASM,
Washington, USA, 1978
7) MAC FADDIN J. F., Biochemical tests for identification of medical bacteria,
2nd ed., Williams-Wilkins, Baltimora, USA, 1984
8) MURRAY P.R. e Coll., Microbiologia, 2. ed. italiana, EdiSES, Napoli, 2003
9) POLI G. e Coll., Microbiologia medica, UTET, Torino, 2000
10) ROBBINS e COTRAN, Le basi patologiche delle malattie infettive, Elsevier,
edizione italiana, Bologna, 2006
11) SIMONETTI N. e Coll., Elementi di tecniche microbiologiche, EMSI, Roma,
2001
12) WILSON G.S. e Coll., Topley and Wilsons Principles of Bacteriology and
Immunity,vol. 1, 5th ed., Williams-Wilkins, Baltimora, USA, 1964

108

Domande:
1. - Quali sono i tamponi da prelievo pi comunemente usati e come si distinguono
fra di loro?
2. - Che terreno si pu adoperare per isolare Helicobacter pylori dallintestino?
3. - Quando si considera significativa la carica batterica totale nelle urine?

IL LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA
IN DIAGNOSTICA VETERINARIA

Il laboratorio di diagnostica costituito dallinsieme della sala autoptica, dalla


sala prelievi e dal laboratorio di batteriologia di prima istanza. Questo genere di laboratorio opera solitamente in stretta collaborazione con altri, tra cui: parassitologia,
virologia, istologia, chimica, tossicologia e microscopia elettronica.
Il fine del laboratorio pervenire a una diagnosi partendo da campioni differenti
che possono essere rappresentati direttamente da carcasse, organi, porzioni di questi, ma anche da secreti o escreti degli animali domestici.
BATTERI NEGLI ANIMALI
Per il Medico Veterinario, risulta di notevole importanza conoscere, oltre alla corretta classificazione dei batteri, la flora saprofitica che si pu incontrare in condizioni fisiologiche. Attraverso la sua conoscenza, infatti, egli pu interpretare correttamente il risultato un buon esame batteriologico.
Si definisce flora normale o saprofitica quella variet di batteri che vivono in determinati distretti organici degli animali, senza provocare malattia. Essa contribuisce, nella maggior parte dei casi, al mantenimento delle condizioni fisiologiche di
questi distretti.
La flora normale varia notevolmente. Si possono ricordare, a questo proposito,
le differenze riscontrabili tra animali giovani e adulti, tra animali di aree geografiche diverse o con climi diversi, tra animali alimentati con diete diverse, ecc. Rimane
da ricordare, inoltre, che la flora normale solitamente costituita da differenti specie batteriche. Da ci consegue che ogni rilievo, in sede di primo isolamento, di una
omogeneit di crescita rende sempre opportuno approfondire lidentificazione del
germe, dal momento che la presenza di ununica specie batterica presuppone unalterazione della flora microbica normale e, quindi, la possibilit di uno scostamento
dalla situazione fisiologica.
Negli schemi che seguono, vengono proposte brevi elencazioni rispettivamente
della flora batterica rilevabile normalmente (tabella 51) e dei batteri considerati patogeni potenziali nelle diverse specie animali (tabella 52).

113

Tabella 51 - Microrganismi normalmente presenti negli animali


Localizzazione

Bocca, nasofaringe

Intestino tenue

Gruppi di germi
Gram-negativi

Coliformi, pasteurelle, Proteus, Haemophilus

Gram-positivi

Micrococchi, streptococchi alfa e beta-emolitici, lattobacilli,


difteroidi, pneumococchi, Staphylococcus albus, Staphylococcus
aureus, Bacillus, Actynomices

Lieviti

Candida albicans

Micoplasmi

Alcune specie

Spirochete

Alcune specie

Poche specie
Gram-negativi

Intestino largo

Gram-positivi
Spirochete

Trachea, bronchi, polmoni

Specie batterica

E. coli, Klebsiella, Enterobacter, Pseudomonas, Proteus, anaerobi


Gram-negativi
Campylobacter jejuni e C. coli (nelle specie avicole)
Streptococchi fecali, Cl. perfringens, Cl. septicum, altri Clostridi,
lattobacilli
Alcune specie

Poche specie di
batteri e funghi

Organi genitali femminili


e maschili
- esterni

Gram-negativi
Gram-positivi

Proteus, coliformi, anaerobi


Difteroidi, micrococchi, enterococchi

- interni (cervice, vagina


parte anteriore)

Gram-negativi
Gram-positivi
Micoplasmi

Coliformi, Proteus
Streptococchi alfa e beta-emolitici, difteroidi, lattobacilli
Alcune specie

Pelle

Gram-positivi

Staphylococcus aureus, S. epidermidis, S. intermedius, micrococchi

Latte

Gram-positivi

Corynebacterium bovis, micrococchi, stafilococchi, streptococchi


non-emolitici, difteroidi

Tabella 52 - Germi considerati potenzialmente patogeni negli animali


Localizzazione o lesione

Sistema respiratorio

114

Specie
animale

Microrganismi sospetti (Gram -; Gram+, Mycoplasmi ; lieviti e funghi)

Pasteurella multocida, Mannheimia haemolytica, Histophilus somnus, BorRuminanti detella bronchiseptica, Corynebacterium pyogenes, Nocardia asteroides, Mycoplasma bovis, Mycoplasma mycoides, Mycoplasma spp., Aspergillus spp.
Pasteurella multocida, Pasteurella caballi, Pseudomonas mallei, Actinobacillus equuli, Streptococus equi, Rhodococcus equi, Fusobacterium necrophoSolipedi rum, Chlamydophila psittaci, Cryptococcus neoformans, Histoplasma capsulatum, Coccidioides immitis, Blastomyces dermatiditis, Pneumocystis carinii, Candida spp., Aspergillus spp.
Pasteurella multocida, Actinobacillus pleuropneumoniae, Haemophilus paSuino
rasuis, Bordetella bronchiseptica, Actinobacillus suis, Fusobacterium necrophorum, Streptococcus suis, Mycoplasma hyopneumoniae
Pasteurella multocida, Bordetella bronchiseptica, Escherichia coli , StreptoCane e
coccus canis, Streptococci emolitici, Staphylococcus aureus , Cryptococcus
gatto
neoformans, Aspergillus spp .
Lagomorfi Pasteurella multocida, Bordetella bronchiseptica, Staphilococcus aureus
Pasteurella multocida, Avibacterium paragallinarum (ex Haemophilus paragallinarum), Ornithobacterium rhinotracheale, Bordetella avium, Reimerella
Avicoli
anatipestifer, Gallibacterium anatis biovar haemolytica, Avibacterium gallinarum, Escherichia coli, Mycoplasma gallisepticum, Mycoplasma synoviae,
Mycoplasma meleagridis, Chlamydophila psittaci, Aspergillus spp.

Localizzazione o lesione

Specie
animale

Microrganismi sospetti (Gram -; Gram+, Mycoplasmi ; lieviti e funghi)

Salmonella spp., Escherichia coli (anche ceppi emolitici), Yersinia enterocolitica, Actinobacillus lignieresii, Campylobacter jejuni, Clostridium perfrinRuminanti
gens (tossinotipi B, C, D), Clostridium sordelli, Mycobacterium avium sub.
paratuberculosis, Candida spp.
Solipedi

Escherichia coli, Salmonella spp., Rhodococcus equi, Actinobacillus equuli,


Clostridium perfringens (tossinotipi B, C), Aspergillus fumigatus

Escherichia coli (ceppi emolitici), salmonelle patogene, Brachispira hyodysenteriae, Treponema hyodysenteriae, Clostridium perfringens (tossinotipo
B, C), Lawsonia intracellularis (solo PCR), Candida spp.
Shigella spp., Salmonella spp., Yersinia enterocolitica, Campylobacter jejuCane e
ni, Clostridium piliformis (vedi lagomorfi), Clostridium spp., Mycobacterium
gatto
spp., Candida albicans, Histoplasma, Aspergillus
Escherichia coli, Yersinia enterocolitica, Yersinia pseudotuberculosis, Salmonella spp,, Clostridium perfringens, Clostridium spiroforme, Clostridium piLagomorfi
liforme (individuazione solamente mediante colorazione di Gram - ex Bacillus piliformis)
Salmonella ceppi patogeni, Escherichia coli, Clostridium perfringens (tossiAvicoli
notipo A e C), Clostridium colinum, Brachispira hyodysenteriae, Brachispira pilosicoli, Brachispira alvinipulli, Brachispira intermedia
Suino

Tratto gastro-intestinale

Ascessi e ulcere della


pelle e sottocute

Coliformi, pseudomonadacee, stafilococchi, streptococchi, Corynebacterium


pyogenes, Clostridium perfrigens

Infezioni dellapparato
genitale

Brucella, Pseudomonas aeruginosa, Pasteurella multocida, Klebsiella, CoryMammiferi nebacterium pyogenes, stafilococchi, streptococchi, Campylobacter fetus sub.
fetus, Chlamydia, Mycoplasma spp., Candida albicans
Pasteurella multocida, Reimerella anatipestifer, Gallibacterium anatis biovar haemolytica, Escherichia coli, Mycoplasma gallisepticum, Mycoplasma
Avicoli
synoviae, Mycoplasma meleagridis, Mycoplasma iowe, Chlamydophila psittaci, Aspergillus
Mammiferi

Listeria monocytogenes, Pasteurella multocida, streptococchi, Histophilus


somnus, Chlamidya psittaci

Avicoli

Escherichia coli (ceppi setticemici), Pasteurella multocida, Reimerella anatipestifer, Listeria monocytogenes

Mammiferi

Escherichia coli, Brucella suis, Haemophilus suis, Erysipelothrix rusiopathiae, Corynebacterium pyogenes, Staphylococcus aureus, Mycoplasma bovis

Avicoli

Escherichia coli, Reimerella anatipestifer, Haemophilus suis, Erysipelothrix


rusiopathiae, Corynebacterium pyogenes, Staphylococcus aureus, Mycoplasma synoviae, Mycoplasma gallisepticum

Mastiti

Ruminanti

Coliformi, streptococchi, Staphylococcus aureus, Actinomyces bovis, Actinobacillus lignieresi, Mycobaterium bovis, Mycoplasma agalati, Prototheca

Sistema urinario

Mammiferi

Proteus, Escherichia coli, Pseudomanas aeruginosa, Histophilus somnus, Enterococchi, Eubacterium suis

Sistema nervoso
centrale

Infezioni localizzate alle


giunture

Sistema muscolare

Ruminanti Clostridium chauvoei

Prelievo dei campioni negli animali


1) I prelievi devono essere effettuati in condizioni di asepsi, utilizzando sempre materiale sterile (siringhe, aghi, tamponi, pinze, forbici, coltelli, ecc).
2) I prelievi debbono preferibilmente precedere eventuali trattamenti antibiotici (in
alternativa, ove possibile, valutare la prova della ricerca sostanze inibenti)
3) Il materiale prelevato deve essere prontamente refrigerato o congelato (vedi conservazione dei campioni).
Si distinguono i seguenti tipi di prelievo (tabella 53):

115

Tabella 53 - Tipi di prelievo su animali


Urine (urinocoltura)
Feci (coprocoltura)
Prelievi aperti

Secrezioni mucose
Sperma
Ascessi aperti

PRELIEVI SULLANIMALE
IN VITA

Latte
Ascessi
Sangue (emocoltura)
Prelievi chiusi

Urina
Liquido di essudati
Liquido cefalo-rachidiano

PRELIEVI SULLANIMALE
MORTO

Organi parenchimatosi
Organi cavi

Prelievi sullanimale in vita


Prelievi aperti
Urine
Il prelievo pu essere eseguito con catetere o con la raccolta diretta e, in alternativa, mediante citocentesi (vedi Prelievi chiusi). Se possibile, si pratica la pulizia
esterna delle mucose e si raccoglie, in un recipiente (sterile, a bocca larga, con tappo a vite), il quantitativo di 10-20 ml di urine prelevate a met minzione. Il campione dovr essere prontamente refrigerato e inviato al laboratorio, preferibilmente in
condizioni di refrigerazione e nel pi breve tempo possibile, al fine di evitare lalterazione della carica batterica (uno dei parametri pi indicativi di infezione).
Feci
Vanno raccolte in recipiente sterile a bocca larga con tappo a vite provvisto di
cucchiaio. Nelle diarree acute, il prelievo deve essere fatto nelle prime ore dopo la
comparsa dei sintomi. Il campione deve essere prontamente refrigerato.
Secrezioni mucose
Si pratica il prelievo con tamponi sterili. Dal naso, si preleva in profondit nelle
cavit nasali. Dallocchio, si preleva dal sacco congiuntivale inferiore, senza toccare la parte esterna della palpebra. Dai genitali, si usa un tampone oppure un lavaggio con soluzione fisiologica sterile.
Sperma
Nel bovino, dopo raccolta con vagina artificiale, il campione viene raccolto in
due recipienti sterili, di cui il primo viene congelato per la ricerca di virus e clamidie, mentre il secondo viene refrigerato e consegnato al laboratorio entro le 24 ore,
possibilmente con laggiunta di un terreno di trasporto.

116

Negli ovini, suini e cani valgono differenti metodi di raccolta, ma linvio dei campioni segue le medesime modalit.
Ascessi aperti
Dopo pulizia e disinfezione della superficie esterna, ponendo particolare attenzione allarea circostante la soluzione di continuo, si procede con lasportazione del
materiale purulento superficiale. A questo punto, si infigge un tampone sterile in profondit, cercando di raggiungere la parete opposta. Infine, il tampone verr introdotto in una provetta sterile, possibilmente provvista di terreno di trasporto. La ricerca
riesce piuttosto difficoltosa, a causa della potenziale flora microbica contaminante.
Latte
consigliato il prelievo per singolo quarto in fase di premungitura. comunque possibile eseguire lesame su pool di quarti. Per effettuare un corretto prelievo
si raccomanda di:
lavare energicamente e asciugare la mammella.
disinfettare i capezzoli con idoneo prodotto e pulire ogni singolo sfintere, procedendo con un ordine che non permetta di toccare due volte la stessa zona, attendere la completa asciugatura della mammella.
usare per ciascun quarto un recipiente sterile diverso a bocca larga, aprendolo
allultimo momento e tenendo in mano il coperchio, seguendo un ordine inverso
a quello usato per la disinfezione.
eliminare i primi getti di latte facendoli defluire a vuoto, e riempire per non oltre
i 2/3 la provetta, al fine di evitare lo stapparsi della provetta in seguito a congelamento.
identificare i flaconi ed inviarli al laboratorio refrigerati entro poche ore (24h).
evitare per quanto possibile il congelamento in alternativa ricorrere sempre ad un
congelamento a -20.
Prelievi chiusi
Tutti vanno effettuati dopo eventuale rasatura, pulizia dellarea soprastante e disinfezione con alcool o alcool iodato (o iodofori).
Ascessi
Si usa una siringa sterile a perdere con ago di almeno 1 mm di diametro. Si invia
al laboratorio la siringa senza ulteriori passaggi.
Sangue
opportuno fare pi prelievi distanziati di alcune ore (per aumentare le probabilit di isolamento dei germi in circolo, essendo spesso la batteriemia intermittente)
e cercare di prelevare durante una fase di ipertermia, possibilmente con lanimale a
digiuno (per evitare la batteriemia post-prandiale fisiologica). Il prelievo migliore
si esegue dalla vena giugulare, dividendo il sangue in due aliquote, da introdurre in
due recipienti (uno per la ricerca dei germi aerobi, ad esempio un recipiente con terreno di Castaneda, laltro per la ricerca dei germi anaerobi, ad esempio un recipiente con terreno Anaerocult). Se il campione non verr prontamente seminato, occorre

117

aggiungere un anticoagulante, quale il sodio citrato in soluzione sterile al 2%, nella


proporzione di 3 ml ogni 10 ml di sangue.
Urina
Il prelievo di urina mediante cistocentesi permette di evitare eventuali contaminazioni batteriche derivanti dai tratti genito-urinari distali. In caso di cistocentesi, si
applicano le corrette procedure chirurgiche e si preleva per aspirazione un quantitativo di urina pari a 10-20 ml. Questi infine verranno trasferiti in un contenitore sterile e inviati al laboratorio (vedi Prelievi aperti).
Liquido di essudati
Il prelievo di liquido pleurico va fatto per puntura a livello del 4-5 spazio intercostale, al di sopra delle articolazioni condro-costali.
Il prelievo di liquido peritoneale si fa sullanimale disteso, con puntura sulla linea bianca, sotto lombelico, prima in direzione perpendicolare e poi obliqua dal
davanti verso dietro.
Il prelievo di liquido sinoviale si fa per puntura dellarticolazione sul retro (dove
la membrana sinoviale pi tesa).
Liquido cefalo-rachidiano
Dopo contenzione e anestesia dellanimale, personale esperto pu praticare il
prelievo:
per puntura lombare, presso larticolazione lombo-sacrale per i grossi animali,
mentre, per i carnivori, la zona di elezione risulta essere il 6 spazio intervertebrale lombare.
per puntura sotto-occipitale, sulla linea mediana dorsale, 3-4 cm dietro la protuberanza occipitale nei grossi animali e circa 1-2 cm nei carnivori.
Prelievi sullanimale morto
I prelievi dovranno essere predisposti nel pi breve tempo possibile, al fine di minimizzare le contaminazioni batteriche postmortali dovute allinvasione batterica da
parte dal contenuto intestinale. Cronologicamente, i tessuti che vengono invasi per
ultimi sono le ossa lunghe, che dovranno essere asportate per disarticolazione. Gli
organi cavi (come lintestino) dovranno essere legati alle due estremit prima di procedere alla loro asportazione. Al fine di dimostrare la presenza di germi anaerobi, sarebbe opportuno utilizzare tessuti patologici freschi, evitando di eseguire passaggi in
pi recipienti, per non esporre troppo a lungo il materiale allaria.
Il prelievo sugli organi parenchimatosi verr effettuato previa cauterizzazione
dellarea. In seguito, si potr incidere larea con un bisturi sterile e, mediante forbici
e pinze sterili, prelevare una porzione profonda di organo. In alternativa, pu essere utilizzata una pipetta in vetro sterile, mediante la quale potranno essere prelevate
piccole porzioni di organo, utilizzando anche una pipettarice automatica.
Il prelievo del contenuto degli organi cavi potr essere effettuato, previa cauterizzazione della parete, attraverso lutilizzo di una siringa sterile o pipetta. Se questultimo presentasse anche materiale corpuscolare (ad esempio, contenuto intestinale),
utilizzare un ago o una pipetta di diametro adeguato. In caso di prelievo delle vie
respiratorie profonde, sarebbe opportuno, una volta evidenziato il tratto bronchiale,

118

cauterizzare la sua parete e in seguito incidere con un bisturi sterile e, sullapertura


creatasi, infiggere un tampone sterile.
Conservazione dei campioni
Tranne i tamponi con terreno di trasporto (conservabili a temperatura ambiente),
i restanti materiali vanno tenuti al freddo, mediante refrigerazione (2/4 C) o congelamento (-18/-20 C). Da ricordare che non possono essere sottoposti a congelamento campioni di sangue, di materiale destinato alla ricerca del fattore K99 di E.
coli, di campioni per ricerca Trichomonas. In caso di dubbio sul modo pi corretto
per conservare i campioni, si consiglia di chiedere telefonicamente istruzioni al laboratorio di destinazione e, nellimpossibilit di avere informazioni, optare per la
refrigerazione.
La ricerca di certi microrganismi comunque difficile dopo conservazione prolungata al freddo ed necessario, in questi casi, recapitare nel pi breve tempo possibile il materiale al laboratorio per allestire subito le semine (nei casi sospetti di
Haemophilus, Campylobacter, Mycoplasma, Rickettsia).
Per refrigerare i campioni, si pu usare ghiaccio secco, ghiaccio preparato in sacchetti con acqua fatta ghiacciare, confezioni di ghiaccio sintetico. La quantit di refrigerante deve essere di gran lunga superiore al volume del campione e il refrigerante va messo in un sacchetto, distanziato dal campione stesso, per non congelare
questultimo per contatto.
Sono da evitare le aggiunte di sostanze chimiche (solo per i micoplasmi si pu
considerare la possibilit di aggiungere al materiale campionato un antibiotico betalattamico, al fine di contrastare la flora batterica saprofitaria).
Tipologia di tamponi e terreni di trasporto
Nelle provette utilizzate per il trasporto di campioni destinati al laboratorio di batteriologia, sono presenti, solitamente, tamponi sterili a base di cotone o fibre sintetiche, per esempio il Dacron. Le fibre sintetiche sono dotate di una bassissima attivit inibente per la maggior parte dei microorgansimi, rispetto ad altri materiali (ad
esempio, cotone o alginato di calcio = calgi). Sulla base di ci, la scelta della tipologia di provetta dovr essere fatta in base alla tipologia di mezzo di trasporto.
Il terreno di trasporto deve, in particolare, mantenere vitali i microrganismi ma,
nel contempo, evitare crescite batteriche, al fine di mantenere inalterate le proporzioni quantitative tra le differenti tipologie di batteri. I mezzi di trasporto utilizzati
sono indicati nerlla tabella 54 e sono correlati al colore del tappo.
I terreni di trasporto pi diffusi sono il terreno di Stuart e il terreno di Amies, classico o addizionato con carbone attivo, sebbene questo ultimo terreno sia indispensabile solo per la ricerca di microrganismi particolarmente delicati, quali, per esempio, Taylorella equigenitalis. Sono terreni semisolidi non nutritivi. Per esempio, il
terreno di Stuart, essendo carente di fonti di azoto, impedisce considerevolmente la
crescita batterica, cercando, nel contempo, di garantire una lunga sopravvivenza dei
germi, anche per quanto riguarda gli anaerobi. La presenza di sodio tioglicolato abbassa il potenziale redox del mezzo, permettendo una migliore conservazione dei
batteri anaerobi. Il glicerofosfato del terreno di Stuart, utilizzato dai coliformi come
fonte di energia per la crescita, sostituito, nel terreno di Amies, da una soluzione
salina tamponata. In questo modo, si evita la sovracrescita dei contaminanti banali,
soprattutto nei campioni dove si ricerca batteri piuttosto delicati.
In caso di ricerche specifiche e riguardanti germi di notevole difficolt (Mycopla-

119

smi, Leptospire, Clamidie) contattare sempre il laboratorio, al fine richiedere determinati terreni di trasporto specifici per tale tipologia di germi.
Tabella 54 - Tipi di terreni di trasporto per tamponi
Colore del tappo
Blu
Verde
Nero
Rosso

Mezzo di trasporto
Amies
Stuart
Amies con carbone
Stuart con carbone

Spedizione dei campioni


La procedura prevede lutilizzo di un sistema a tre involucri: involucro primario, secondario ed esterno. Il contenitore esterno pu essere di cartone rigido, plastica, legno o altri materiali resistenti a urti e intemperie. Nel caso in cui i campioni biologici sono costituiti da liquidi oppure possano permettere lemissione di liquidi, gli involucri primari contenenti i campioni dovranno essere introdotti in un
ulteriore involucro primario, riponendo tra i due involucri del materiale assorbente
(carta assorbente).
Si consiglia di interpellare il laboratorio danalisi tutte le volte che si tratta di avviare ricerche non di routine, per concordare modalit di prelevamento dei campioni,
quantit di materiale da inviare, imballaggio e temperatura per il trasporto.
ANALISI MICROBIOLOGICHE NEGLI ANIMALI
Nella tabella 55 sono sintetizzati i distretti e i germi patogeni isolabili con maggior probabilit in veterinaria. Per comprendere il significato della tabella, opportuno rifarsi alla seguente legenda dei simboli e dei numeri usati:
+/++/+++ = difficolt di isolamento normale/alta/molto alta
1 = necessit di uno specifico terreno di trasporto
2 = evitare lesposizione allossigeno durante il prelievo
3 = non congelare causa sensibilit alle basse temperature
4 = necessario disporre di un laboratorio specializzato per questo tipo danalisi
5 = raccomandabile anche lesame sierologico dellanimale sospetto
Attualmente, disponibile una vasta gamma terreni selettivi, utili per tentare
lisolamento di germi patogeni specifici. Tale tipologia di ricerca risulta essere utilissima congiuntamente a procedure di arricchimento selettivo per le ricerche microbiologiche di tipo epidemiologico, dato che la selettivit del terreno e larricchimento permettono un aumento della sensibilit della prova e anche per lattivit diagnostica nei confronti de germi particolarmente esigenti (Mycoplasmi, Campylobacter,
Haemophilus, ecc.). Per quanto riguarda la diagnostica microbiologica routinaria, in
cui la maggior parte dei germi pu anche crescere in terreni di coltura piuttosto semplici, allo stato attuale in laboratorio, per questioni logistiche e di tempo, si procede
allisolamento su pochi terreni di uso generale, eventualmente favorendo la crescita di determinati germi attraverso lutilizzo dellatmosfera modificata. Per tale motivo, lesecuzione del prelievo rappresenta un importante step del processo diagnostico, poich la contaminazione dello stesso pu inevitabilmente inficiare la prova.
I passaggi usualmente seguiti nellisolamento e identificazione dei batteri, partendo
da materiale clinico, sono riassunti nello schema di tabella 56.

120

Tabella 55 - Batteri che si isolano pi frequentemente da campioni patologici di


animali in medicina veterinaria
LOCALIZZAZIONE
PRELIEVO
FECI

APPARATO
RESPIRATORIO

URINE

ASCESSI

APPARATO
GENITALE

APPARATO
LOCOMOTORIO

SISTEMA
NERVOSO

GERMI
Enterobacteriaceae (Salmonella, ecc)
Mycobacterium paratuberculosis
Campylobacter
Clostridium
Pasteurella
Bordetella
Corynebacterium
Actinobacillus
Pseudomonas
Haemophilus
Micoplasmi
Chlamydia
Enterobacteriaceae
Staphylococcus
Streptococcus
Corynebacterium
Pseudomonas
Leptospira
Staphylococcus
Streptococcus
Actinobacillus
Actinomyces
Enterobacteriaceae
Pseudomonas
Pasteurella
Corynebacterium
Anaerobi
Micobatteri
Chlamydia
Haemophilus
Actinobacillus
Corynebacterium
Campylobacter
Micoplasmi
Pseudomonas
Clostridium
Listeria
Brucella
Klebsiella
Staphylococcus
Streptococcus
Corynebacterium
Actinobacillus
Pasteurella
Enterobacteriaceae
Haemophilus
Micoplasmi
Erysipelothrix
Listeria
Haemophilus
Staphylococcus
Streptococcus

DIFFICOLT ANALISI
++
+++
+++
++
+
+
+
+
+
++
+++
+++
+
+
+
+
+
+++
+
+
+
+
+
+
+
+
++
+++
+++
++
+
+
+++
+++
+
++
+
++
+
+
+
+
+
+
+
++
+++
+
+
++
+
+

PRECAUZIONI
PARTICOLARI
4,5
3
2,4
5

1,4
1,4

1,3,4,5

2,4
4
1,4

3
1,4
2
4,5

3
1,4

121

LOCALIZZAZIONE
PRELIEVO

LATTE

SANGUE

GERMI

DIFFICOLT ANALISI

Enterobacteriaceae
Staphylococcus
Streptococcus
Corynebacterium
Micoplasmi
Pasteurella
Streptococcus
Salmonella
Brucella
Pasteurella
Erysipelothrix
Leptospira
Francisella
Bacillus anthracis

PRECAUZIONI
PARTICOLARI

+
+
+
+
+++
+
+
+
++
+
+
+++
+++
+

1,4
3

4
3
1,4,5
4
4

Tabella 56 - Passaggi usualmente seguiti nellisolamento e identificazione dei


batteri da campioni clinici in veterinaria
Storia clinica
Natura del campione
Patogeno sospettato
Esame microscopico diretto

Selezione e inoculazione dei terreni primari per lesame colturale

Incubazione a 37C per 2448 ore (per germi esigenti 96 ore; per miceti 5 giorni a 25C)

Rilevazione della morfologia delle colonie sospette e allestimento di strisci


da colorare e osservare al microscopio

Trapianto in coltura pura su terreni per eseguire la prove della catalasi, dellossidasi, ecc.

Valutazione dei dati e scelta di eventuali ulteriori prove biochimiche utili per lidentificazione

Lettura dei risultati delle prove biochimiche

Prove sierologiche eventuali (agglutinazioni, ecc)

Ricerca, mediante prove di biologia molecolare, di eventuali geni produttori


di tossine o correlati a fattori di patogenicit

122

Esame microscopico diretto


applicabile al materiale in esame, previa colorazione di strisci allestiti estemporaneamente. Le colorazioni pi impiegate sono:
GRAM: per distinguere batteri Gram-positivi (tra cui stafilococchi, streptococchi,
clostridi, ecc) e batteri Gram-negativi
ZIEHL-NEELSEN: per batteri alcool-acido resistenti (micobatteri, corinebatteri,
Nocardia)
LATTOFENOLO-COTTON BLUE: per i miceti
Il seguente elenco riassume i casi in cui lesame microscopico diretto fornisce
indicazioni efficaci:
Malattia o infezione sospettata
Vibriosi
Brucellosi
Carbonchio
Gangrena gassosa (da anaerobi solfito-riduttori)
Enterotossiemia (da Clostridium perfringens)
Micobatteriosi
Actinomicosi / Nocardiosi
Stafilococcosi (infezioni cutanee con lesioni aperte)
Streptococcosi (apparato genito-urinario, mastiti)
Colibacillosi (cistiti, pielonefriti)

Procedimento
Colorazione dal contenuto dello stomaco fetale
Dimostrazione dei batteri entro le cellule del corion
Striscio da sangue, organi, tessuti
Gram su muscolo sospetto
Gram su striscio della mucosa del piccolo intestino
Ziehl-Neelsen su striscio da lesioni
Gram o Ziehl-Neelsen su strisci da lesioni
Gram da pus
Gram da urine o latte
Gram da urine

Esame colturale
Il materiale costituito da spurghi, essudati, pus viene raccolto con tamponi sterili. Una porzione di una piastra di Agar sangue viene seminata con il tampone e
successivamente si procede, con lansa, a stendere linoculo sulla restante porzione della piastra.
Il materiale costituito da organi e tessuti viene bruciato esternamente con una
spatola arroventata e quindi sezionato con un bisturi o con pinze e forbici sterili. Un
frammento del campione viene quindi strisciato sulla superficie di una o pi piastre
di Agar sangue con laiuto di una pinza sterile, in modo da ottenere colonie staccate.
Il latte esaminato per le mastiti viene seminato direttamente su un terreno selettivo per gli streptococchi (come TKT) e su un terreno selettivo per gli stafilococchi
(come il terreno di Baird-Parker oppure Mannitol Salt Agar).
Le urine vengono centrifugate e unansata del sedimento viene seminata per striscio su una piastra di Agar sangue.
Le feci vengono risospese, se necessario, in soluzione fisiologica sterile (circa 1
g in 5-10 ml) e dalla sospensione si semina unansata su almeno due piastre di Agar
sangue, in modo da ottenere colonie staccate, e su una piastra di un terreno selettivo per batteri Gram-negativi (MacConkey Agar oppure Gassner o Verde Brillante Agar) e, inoltre, si semina circa 1 ml in una provetta contenente 10 ml di terreno di arricchimento per salmonelle (come il Brodo tetrationato o il Brodo selenito).
Le provette di arricchimento vengono incubate a 37 C per 18-24 ore e, quindi, trapiantate in terreno selettivo solido (Gassner, Verde brillante Agar ecc.) da incubare
a 37 C per 24 ore.

123

NOTA PRATICA
Cosi come per lesame batteriologico delle feci, possibile, in caso di campioni
definiti sporchi, quali prelievi da contenuto intestinale, liquido biliare, peritoniti
settiche, ascessi aperti, polmoniti ab ingestis, ecc., procedere direttamente alla semina del campione in una quantit terreno liquido di circa 2 ml. In seguito, si proceder allagitazione della provetta e, quindi, alla semina di almeno 10-20 l del
brodo precedentemente inoculato. Tale procedura permette di evitare la probabile
formazione di patine batteriche che non permettono la corretta lettura delle piastre.
Sia nel caso del tampone che nel caso del frammento di tessuto, dopo lo striscio
su Agar sangue si introduce il campione medesimo in una provetta di terreno liquido (ad esempio, Brodo BHI).
Le piastre di Agar sangue vengono incubate a 37 C per 24-48 ore in aerobiosi o
in microaerofilia (termostato con 5-10% di CO2). Se il sospetto comprende germi
quali Brucella, Campylobacter, Actinobacillus pleuropneumoniae, il tempo dincubazione non dovr essere inferiore a 96 ore prima delleliminazione delle piastre.
Nel caso di ricerca di germi anaerobi (bacilli e clostridi), le piastre di Agar sangue dovranno essere poste, per 48 ore, in una giara per anaerobiosi, da incubare in
termostato a 37 C. Come terreno liquido, potr essere utilizzato, al posto del Brodo BHI, il terreno liquido CMM o il Brodo tioglicolato, con incubazione per 48 ore
a 37 C in termostato normale.
Le provette di brodo BHI vengono incubate a 37 C per 24-48 ore prima di essere inoculate su piastre di Agar sangue, da incubare come nel caso delle piastre seminate direttamente col campione.
Lo schema di Carter (tabella 57) pu risultare utile per riassumere le procedure
ordinarie di semina e incubazione.
Poche specie patogene possono essere riconoscibili dalle piastre seminate direttamente col campione. Tra queste, si citano gli stafilococchi (che presentano colonie
beta-emolitiche) e gli streptococchi, la cui caratteristica disposizione a catena, per, non sempre riconoscibile dalle colonie cresciute su terreno solido (pertanto,
necessaria una sub-coltura in Brodo BHI, seguita da un nuovo esame microscopico).
Tra i corinebatteri, C. pyogenes beta-emolitico, forma piccole colonie simili a
quelle degli streptococchi in 48 ore, al Gram si presenta come un bastoncino Grampositivo pleomorfo disposto a palizzata.
Il germe del malrosso (Erysipelothrix rusiopathiae) forma colonie piccolissime,
circondate da un alone di emolisi verdastra, che diviene chiara e completa dopo ulteriore incubazione. Pu aiutare il trapianto in Kligler, da incubare per 3-4 giorni a
37 C per osservare becco e fondo giallo e sviluppo di idrogeno solforato.
Tra i Gram-negativi, sono individuabili Pasteurella, Salmonella, E. coli, Proteus, Pseudomonas. P. multocida un piccolo cocco-bacillo, immobile, con odore
caratteristico, non cresce su MacConkey Agar, indolo positiva, ossidasi positiva.
P. haemolytica produce colonie beta-emolitiche, immobile, cresce su MacConkey
Agar, indolo negativa e ossidasi positiva.
I germi enterici sono identificabili, in via presuntiva, per il colore delle colonie
sui terreni selettivi usati (ad esempio, colonie gialle su Gassner) e poi mediante il
terreno di Kligler, sul quale presentano alcune reazioni biochimiche (gas, idrogeno
solforato, fermentazione del glucosio e/o lattosio).
Per Salmonella, al fine di sopportare maggiormente lipotesi identificativa, si ricorre allagglutinazione, anche da Kligler, con un siero polivalente.

124

opportuno ricordare che, per avere unidentificazione affidabile dei vari microrganismi, necessaria la fase di trapianto in coltura pura delle colonie sospette dalle piastre primarie e la successiva identificazione biochimica completa, adoperando
appositi terreni o metodi specifici.
Tabella 57 - Semina dei campioni clinici in veterinaria secondo il protocollo
di Carter
Campione

Materiale da seminare

Terreni

Incubazione
Aerobi: 37 C per 48 h (in aria)

Agar sangue
Spurghi, essudati,
pus

Tampone*

Cubetto (circa 1 cm di lato)


prelevato in profondit,
previa cauterizzazione
della superficie, con pinze
e forbici sterili

Microaerofili: 37 C per 96 ore


+5-10% CO2
Brodo BHI

37 C per 24-48 ore


Segue semina in Agar sangue

Agar sangue

vedi sopra

Altro terreno specifico

Secondo il terreno specifico

Brodo BHI

37 C per 48 ore
Segue semina in Agar sangue o
altro terreno specifico

Altro arricchimento
specifico

Secondo arricchimento specifico

Agar sangue

vedi sopra

Agar sangue (2 piastre)

vedi sopra

MacConkey Agar

37 C per 18-24 ore

Altro terreno specifico

Secondo il terreno specifico

Arricchimento specifico
per Salmonella

Secondo arricchimento specifico

Organi, tessuti
Cubetto dimezzato

Urine

Feci

Sedimento ottenuto per


centrifugazione a 3000 rpm
per 20 min.
Eseguire anche striscio e
Gram

1 g in 5-10 ml soluzione
fisiologica

Anaerobi: 37 C per 48 ore


(in anaerobiosi)

Agar sangue
Latte

Campione tal quale

TKT Agar

37 C per 24-48 ore

Mannitol Salt Agar


NOTA * Tamponi semplici da seminare, dopo il prelievo, nel pi breve tempo possibile (o da trasportare
refrigerati a 2/4 C per non pi di 18 ore) oppure tamponi con terreno di trasporto (con o senza carbone)
conservabili per lo stesso periodo anche a temperatura ambiente.
Le piastre delle colture primarie vanno incubate generalmente a 37C per 2448 ore o pi (per i germi
esigenti) ed eliminate, in questultimo caso, dopo unincubazione di 4 giorni.

125

Alcuni esempi di ricerche tipicamente veterinarie


Mangimi
Le infezioni di origine microbica trasmesse con i mangimi sono ben note. Tra i
batteri patogeni pi frequentemente isolati dagli alimenti per animali si ricordano le
Salmonelle ed il Clostridium perfringens.
Meno frequenti (ma altrettanto importanti) sono le intossicazioni causate da miceti. Nei suini, nei conigli e nel pollame (polli, tacchini, anitre, faraone), si verificano
casi di intossicazione attribuibili ad Aspergillus, Scopulariopsis, Fusarium, Candida. Si ritiene comunemente che muffe e lieviti, per essere pericolosi, debbano essere presenti nei mangimi in quantit superiore a 1000 o 10.000 organismi per grammo, a seconda della specie.
La Comunit Economica Europea (CEE) si espressa, in materia di controllo e
prevenzione nel settore mangimistico, con una Direttiva, recepita in Italia dal D.L.vo
n 508 del 14/12/92. Esso stabilisce le norme per leliminazione, la trasformazione
e limmissione sul mercato di rifiuti di origine animale e la protezione dagli agenti
patogeni degli alimenti per animali di origine animale o a base di pesce. La normativa prevede, tra laltro, alcune analisi batteriologiche.
Per i prodotti finiti, provenienti da materiale a basso o ad alto rischio, prelevati durante o al termine dell immagazzinamento presso il mangimificio, si richiede un contenuto di enterobatteri inferiore a 10 per grammo in tre campioni (e inferiore a 300
per grammo in altri due) e lassenza di salmonelle in 25 grammi in cinque campioni.
Per i prodotti finiti, derivati da materiale ad alto rischio (ad esempio, i mangimi
semplici o composti costituiti da farine animali), si richiede lassenza di Clostridium perfringens in 1 grammo.
Non vengono fornite altre indicazioni analitiche, riguardanti, ad esempio, la valutazione del contenuto microbico dei mangimi dopo la produzione. Tuttavia, nella
vita dellalimento, le fasi di stoccaggio nei silos e di permanenza in allevamento sono momenti critici, a causa della possibile moltiplicazione di batteri e di muffe, capaci di produrre, in determinate condizioni di pH e di umidit, sostanze tossiche temibili (micotossine o aflatossine).
Esiste una letteratura specializzata che pu essere presa vantaggiosamente a integrazione della normativa comunitaria. Dai lavori pubblicati, si desume che, per essere batteriologicamente inoffensivo (e quindi sicuro), un mangime non dovrebbe
contenere pi di 100 muffe per grammo.
Indipendentemente dal controllo formale, il Veterinario opera bene se fa controllare dal laboratorio i mangimi somministrati nellallevamento, usando come riferimento uno o pi parametri, scelti secondo la sua esperienza tra quelli nominati.
Streptococchi come causa di mastite
In diagnostica veterinaria sono oggetto di particolare attenzione. Le specie responsabili comprendono gli streptococchi agalactiae, dysgalactiae, uberis.
Lesame batteriologico del latte, finalizzato allisolamento degli streptococchi
causa di mastite, si effettua seminando con ansa 0,01 ml del campione su una piastra di terreno TKT Agar, da incubare a 37 C per 48 ore. Segue il riconoscimento
delle colonie sospette, da trapiantare su BHI Agar per allestire alcune prove biochimiche di conferma (tra le pi usate: test dell ippurato, test di CAMP, test di crescita in Brodo con il 6,5% di NaCl), completate, eventualmente, da ulteriori prove eseguibili con kit miniaturizzati.

126

Schema operativo consigliato per la ricerca degli streptococchi causa di mastite


Campione di latte o di panna daffioramento

Piastratura con ansa da 3 mm su TKT Agar (37 C x 48 ore)

Riconoscimento delle colonie sospette

Eventuali trapianti di colonie da identificare su Agar siero o su BHI agar+siero (37 C x 24 ore)

Verifica colture isolate con Gram e catalasi

Prove biochimiche differenziali (ippurato, brodo +6,5% NaCl, CAMP) ed eventuali test miniaturizzati

Eventuale coltura su brodo BHI (37 C x 24 ore) per antibiogramma

Lettura e identificazione

Le prove pi significative per il riconoscimento degli streptococchi causa di mastite sono le seguenti:
1 - Aspetto delle colonie su TKT Agar
SPECIE BATTERICA
Str. agalactiae
Str. dysgalactiae
Str. uberis
Str. bovis
Str. faecalis
Str. pyogenes
S. aureus
E. coli
Ps. aeruginosa

CRESCITA
+
+
+
+
+
+
-

COLORE
incolori (riflesso blu)
incolori (riflesso blu)
brune
brune
brune
incolori
-

EMOLISI
+
+
-

2 - Comportamento biochimico (screening iniziale)


SPECIE DI
STREPTOCOCCO
agalactiae
dysgalactiae
uberis
bovis (saprofita)
faecalis (saprofita)

IPPURATO
+
+
+

CRESCITA IN BRODO
+ 6,5% DI NaCl
+

CAMP TEST

ESCULINA

+
+/-

+/+
+
+

Polmoniti batteriche nei suini


Vengono presi in considerazione i seguenti germi patogeni, agenti eziologici di
polmonite batterica: Pasteurella multocida, Streptococcus suis, Bordetella bronchiseptica, Actinobacillus pleuropneumoniae (biotipi 1 e 2), Actinobacillus suis, Haemophilus parasuis. Le modalit operative per avviare la diagnosi di laboratorio, in
caso di rilevamento di lesioni anatomo-patologiche riferibili a polmonite nel corso
della necroscopia, sono di seguito brevemente riassunte.

127

1. Campioni
a) porzione di polmone, in corrispondenza delle aree lesionate
b) rene
2. Semina dei campioni e incubazione delle colture
Dal parenchima polmonare, strisciare un cubetto di tessuto, prelevato in profondit sterilmente con pinze e forbici, su due piastre (una di seguito allaltra) di ciascuno dei terreni, da incubare come indicato fra parentesi:
BHI Agar + siero + S. aureus (37 C + 5% CO2 per 48 ore)
BHI Agar + siero + NAD (37 C + 5% CO2 per 48 ore)
MacConkey Agar (37 C per 48 ore).
Dal rene, ricavare, con pinze e forbici sterili, un cubetto di tessuto corticale e collocarlo su una piastra per la ricerca delle sostanze inibenti (terreno a pH 7,2 con
spore di B. subtilis BGA), a scopo di convalida degli esami batteriologici, con incubazione a 37 C per 18 ore.
3. Riconoscimento dei germi patogeni
BHI Agar + siero + S. aureus = P. multocida (colonie bianco-grigiastre, piccole
o confluenti, talora mucoidi, diffuse su tutta la piastra); Str. suis (colonie puntiformi, diffuse su tutta la piastra); Haemophilus parasuis (colonie fini, con fenomeno di satellitismo nei confronti di S. aureus)
BHI Agar + siero + NAD = Actinobacillus pleuropneumoniae biotipo 1, Actinobacillus pleuropneumoniae biotipo 2, Actinobacillus suis (colonie fini, simili a quelle degli streptococchi)
MacConkey Agar = Bordetella bronchiseptica (colonie brune, lisce, 1-2 mm)
4. Identificazione presuntiva degli isolamenti con alcune prove rapide
P. multocida: Gram (cocco-bacilli Gram-negativi), catalasi su vetrino (+), ossidasi su carta (+)
A. pleuropneumoniae: Gram (cocco-bacilli Gram-negativi), catalasi su vetrino (-),
agglutinazione rapida con sieri
A. suis: Gram (cocco-bacilli Gram-negativi), catalasi su vetrino (+)
Str. suis: Gram (cocchi Gram-positivi in catene)
B. bronchiseptica: Gram (bacilli Gram-negativi), agglutinazione rapida con siero, catalasi su vetrino (+), ossidasi su carta (+)
H. parasuis: Gram (cocco-bacilli Gram-negativi)
NOTA PRATICA DI LABORATORIO
Nei casi dubbi (e comunque sempre per ottenere una pi completa identificazione), necessario trapiantare una o due colonie sospette su slant di BHI + siero
(per A. pleuropneumoniae + NAD, per H. parasuis + S. aureus), da incubare con
le modalit seguite per lisolamento. Successivamente, si seminano le prove biochimiche di identificazione suggerite da Carter (vedi tabella 58).

128

Tabella 58 Prove biochimiche secondo Carter per lidentificazione di agenti


di polmonite batterica suina
Specie
P. multocida
A. pleuropneumoniae biotipo 1
A. pleuropneumoniae biotipo 2
A. suis
H. parasuis
B. bronchiseptica

esigenza di NAD
o S. aureus
+
+
-

catalasi

emolisi

mannite

salicina

trealosio

+
+
+

+
+
+
d

+
+
+
-

+
-

+
-

d = comportamento variabile

A. pleuropneumoniae (biotipo 1 e biotipo 2) tipizzabile in sierotipi mediante agglutinazione rapida con sieri diagnostici.
Per eseguire lantibiogramma, si raccolgono con lansa pi colonie omogenee,
precedentemente identificate, e si prepara una sospensione sufficientemente densa
in una minima quantit di brodo. Si semina la superficie di due o tre piastre di Mueller-Hinton Agar (addizionato, eventualmente, con NAD), a seconda del numero di
dischetti da disporre. Si aggiungono gli antibiotici e si pongono le piastre a incubare secondo le esigenze della specie batterica.
Sostanze adatte per lantibiogramma sono: Ampicillina, Amoxicillina+acido clavulanico, Amoxicillina, Cefaloridina, Ceftiofur, Enrofloxacina, Colistina o colimicina, Florfenicolo, Tilosina, Doxicillina, Penicillina, Tiamfenicolo,Tetraciclina, Tiamulina, Sulfamidico, Spiramicina, Flumequina, Sulfamidico+trimethoprim, Damfloxacina, Tilmicosina.
Bibliografia
1)

BERGEYS MANUAL of Systematic Bacteriology, Williams-Wilkins,


Baltimora, USA, 1984
2) BIBERSTEIN E.L. e Coll., Review of vetrinary microbiology, Blockwell Sci.
Publ., Boston, USA, 1990
3) BISPING W. e Coll., Colour atlas for the diagnosis of bacterial pathogens in
animals, Parey, Berlin, 1988
4) BUXTON A. e Coll., Animal Microbiology, vol. 1, Blackwell Sci. Publ.,
Oxford, England, 1977
5) CARTER G.R., Diagnostic procedures in veterinary microbiology, 2 nd
ed.,Thomas Publ.,Springfield,Illinois,USA,1975
6) COTTRAL G.E., Manual of standardized methods for veterinary microbiology,
Cornell Univ. Press, Ithaca, USA, 1978
7) EDWARDS P. R. e Coll., Identification of Enterobacteriaceae, 3rd ed., Burgess,
New York, USA, 1972
8) FEDIDA M. e Coll., Les prelevements inutilisables en pathologie bovine
infectieuse, Rec. Med. Vet., 1983, 159, 873
9) GILLESPIE J.H. e Coll., Malattie infettive degli animali domestici, Grasso,
Bologna, 1984
10) MEYNELL G.G. e Coll., Theory and practice in experimental bacteriology,
Cambridge Univ. Press, Cambridge, 1970
11) MERCK VETERINARY MANUAL, 9th Edition, Editor:Cynthia M. Kahn,
M.A. Published by Merck & Co., Inc. Whitehouse Station, NJ, USA 2008

129

Domande:
1. - Come si prelevano i campioni di latte per fare la diagnosi di eventuali malattie infettive?
2. - Come si procede per decontaminare in superficie i campioni di organi di
animali da destinare allesame batteriologico?
3. - Come si chiama il microrganismo che provoca il malrosso?

LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA DEGLI ALIMENTI

Di norma, questo tipo di laboratorio opera in collaborazione con quelli di chimica, di tossicologia e di merceologia.
BATTERI NEGLI ALIMENTI
Tabella 59 - Microrganismi normalmente presenti negli alimenti
aerobi
Gram-negativi

cocchi
Gram-positivi

corineformi

sporigeni
Altri gruppi particolari

Acetobacter, Acinetobacter, Brucella,


Flavobacterium, Moraxella, Pseudomonas,
Xantomonas

microaerofili

Campylobacter

anaerobi facoltativi

E. coli, Klebsiella, Proteus, Salmonella,


Shigella, Serratia, Yersinia, Vibrio, Plesiomonas,
Aeromonas

aerobi facoltativi

Brochothrix, Listeria

anaerobi aerotolleranti

Lactobacillus

aerobi

Micrococcus

microaerofili aerobi

Aerococcus

anaerobi facoltativi

Staphylococcus

anaerobi aerotolleranti

Streptococcus, Pediococcus, Leuconostoc,


Enterococcus, Lactococcus

anaerobi

Sarcina

aerobi

Corynebacterium, Brevibacterium,
Mycobacterium

anaerobi facoltativi

Propionibacterium

anaerobi

Bifidobacterium

aerobi/anaerobi facoltativi

Bacillus cereus

anaerobi

Clostridium (perfringens, botulinum)

aerobi

Halococcus, Halobacterium

Latte
Nel latte crudo alla raccolta, si trovano, normalmente, micrococchi, stafilococchi,
corinebatteri, bacilli Gram-negativi (Pseudomonas, Enterobacteriaceae), lattobacilli, bacilli, clostridi, lieviti e muffe.
Il latte pu essere contaminato da germi patogeni, tra cui Mycobacterium tuberculosis e bovis, Brucella abortus e melitensis, Streptococcus agalactiae (mastite bovina), Staphylococcus aureus, Salmonella, Campylobacter jejuni.
Derivati del latte
Nella fabbricazione dei prodotti caseari vengono aggiunti al latte batteri e muffe
che hanno la funzione di acidificare il latte (precipitando la caseina), produrre gas

135

(batteri lattici eterofermentanti), formare aroma (batteri lattici nello yogurt, muffe
nei formaggi definiti erborinati).
Burro
La panna riscaldata viene inoculata con una miscela acidificante di
Streptococcus cremoris, Streptococcus lactis, Leuconostoc cremoris.
Yogurt
Il latte, esente da residui di antibiotici, viene inoculato con Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus, eventualmente con Bifidobacterium bifidum e incubato a 45 C per 3 ore.

Lo yogurt non deve contenere meno di 5 milioni di batteri lattici per ml
e non pi di 10 coliformi/ml. Il conteggio dei lattobacilli e dei lattococchi viene effettuato con la semina di due terreni in piastra: MRS agar a
37 C + 10% di CO2 per 72 ore per i bacilli e M-17 agar a 44 C per i
cocchi, sommando i risultati parziali ottenuti.
Kefir
Vengono aggiunti al latte dei grani contenenti lieviti, lattobacilli e
streptococchi, incubando per 10-24 ore a 20/22 C.
Formaggi Nella produzione di caseificio, il latte crudo viene purificato, portato al
tenore di grasso desiderato, riscaldato e addizionato di colture starter
(innesto), formate da batteri lattici (lattobacilli, streptococchi, Leuconostoc), che, acidificando, provocano la coagulazione; e da altri batteri (Propionibacterium, Brevibacterium) o muffe (Penicillium, Mucor),
che, metabolizzando lattosio, grassi e proteine. sviluppano laroma tipico. La massa coagulata (cagliata) viene separata dal siero di latte e
lavorata (formatura, pressatura, salatura, maturazione).
Carni
In vivo il pH del muscolo pressoch neutro (7,2) e, dopo la macellazione (per
azione enzimatica sul glicogeno trasformato in acido lattico), scende a 5,3-5,8. La
frollatura delle carni si completa in 2-4 giorni per la carne suina e in 10-14 giorni
per la carne bovina in frigorifero a -1/+2 C. In questo periodo, diminuiscono i germi Gram-negativi, sostituiti da micrococchi, lattobacilli e Brochotrix thermosphacta
(germi microaerofili). La stessa evoluzione della flora batterica si manifesta, seppure
ritardata, nella carne posta sotto vuoto o in atmosfera modificata.
La carne trita, presentando una superficie esposta maggiore, va incontro ad aumento rapidissimo della carica microbica, per cui la sua durata limitata a 1 giorno
in frigorifero a temperatura tra 0 e 2 C.
La carica microbica totale della carne pu arrivare fino a 106 germi/g senza apprezzabili variazioni organolettiche. Si manifesta la comparsa dellodore sgradevole
in presenza di CBT superiore a 107 germi/g, mentre, con108 germi/g, si nota la formazione di mucillagine superficiale.
Salumi
La conservazione prolungata dei prodotti genericamente chiamati salumi o insaccati viene ottenuta con la salatura (sodio cloruro al 3%, sodio o potassio nitrato), laggiunta di droghe, la riduzione dell AW nella stagionatura, le modificazioni
della flora microbica nel corso della maturazione della carne con abbassamento del
pH (eventualmente favorito da aggiunta di zucchero), la cottura o laffumicamento.
I salumi vengono classificati in freschi (salsicce, cotechini), stagionati (prosciutto crudo, salame, speck) e cotti (wurstel, mortadella).
Nella preparazione dei salami stagionati vengono impiegati starter microbici (Micrococcus, Staphylococcus, Pediococcus, Lactobacillus) oltre a lieviti per la forma-

136

zione di aromi particolari e muffe (Penicillium nalgiovense) per la formazione dello


strato superficiale bianco. I germi aggiunti hanno la capacit di favorire la conservazione (per antagonismo con la flora originale della carne), creare laroma e migliorare il colore. In particolare, i lattobacilli e i micrococchi si moltiplicano rapidamente nellimpasto di carne per la produzione dei salami e sostituiscono le Enterobacteriaceae durante le 4-8 settimane di stagionatura a condizioni di temperatura
decrescente (20-18-13 C) e umidit appropriata (90-85-80%). Laggiunta di nitrati impedisce la moltiplicazione del Clostridium botulinum. Al termine della stagionatura, questi prodotti possono presentare una AW di 0,90-0,80 e un pH di 5,7-5,9.
Nei prosciutti crudi (ad eccezione del prosciutto di Parma e di San Daniele), vengono impiegate salamoie contenenti sodio cloruro al 20%, nitrati, nitriti, acido ascorbico, polifosfati, zucchero. La flora microbica, durante tali trattamenti (che possono
durare da pochi giorni fino a 2 mesi a temperatura <5 C), composta da Lattobacilli, Micrococchi, Vibrioni alofili, lieviti, Enterococcus fecium, alcuni Gram-negativi.
Dopo una fase di asciugatura (che pu durare un mese), subentra la fase di stagionatura (della durata da 9 mesi a 2 anni), con il raggiungimento di unAW ridotta a 0,96.
Nel prosciutto cotto il trattamento termico raggiunge circa 68 C (seguito da rapido raffreddamento a -1 C). Possono sopravvivere batteri Gram-negativi e streptococchi.
Nella mortadella (preparata con carne suina, bovina, polvere di latte, sale, nitrato,
nitrito, spezie, fosfati), il trattamento termico raggiunge 78 C per 16-18 ore e lAW
finale di 0,95-0,94. Possono sopravvivere al centro della massa lattobacilli, streptococchi fecali, bacilli Gram-positivi e alcuni germi Gram-negativi.
Uova e ovoprodotti
Le uova possono essere contaminate, sul guscio, da salmonelle, mentre, internamente, solo in caso di trasmissione verticale dallovaio possono contenere S. gallinarum-pullorum, S. enteritidis e poche altre salmonelle (tuttavia in numero esiguo e
in proporzione di 1:15.000 durante la deposizione in allevamenti infetti).
Il problema delle tossinfezioni da Salmonella con le uova legato, soprattutto, al
fatto che le uova non vengono conservate refrigerate e che prodotti derivati possono
contenere un elevato numero di salmonelle (creme crude, salse, maionese, tiramis)
in seguito a mancato rispetto di buone pratiche di preparazione e di conservazione.
Gli ovoprodotti (misto duovo, tuorlo, albume) possono aumentare il rischio di contaminazione da salmonelle provenienti dalla sgusciatura se non sono stati sottoposti
a pastorizzazione (65 C per 2,5-3 minuti) e successiva conservazione in frigorifero.
Il controllo preventivo delle tossinfezioni da uova inquinate basato sul controllo
veterinario degli allevamenti di ovaiole, integrato da esami di laboratorio sugli animali morti, sulle feci e sulle uova.
Prodotti ittici
Il pesce soggetto a una rapida moltiplicazione batterica costituita, principalmente, da Gram-negativi e Pseudomonas che, oltre alla degradazione, pu comportare
la produzione di sostanze tossiche (istamina), soprattutto nei pesci ricchi di istidina (sgombri, tonno). In alcuni paesi (come il Giappone), il consumo di pesce crudo
porta il rischio di tossinfezioni da Vibrio parahaemolyticus.
Nei crostacei (gamberi, granchi, aragoste) e nei molluschi (cozze, ostriche, seppie, calamari), possono essere presenti Salmonella, Shigella, Vibrio cholerae e Vibrio parahaemolyticus.

137

Gelati
Possono essere inquinati con Salmonella e S. aureus per contaminazione secondaria (mani, saliva, ecc) da parte del personale che li manipola.
ALCUNE NORME RIGUARDANTI LO STATO MICROBICO DEI CIBI
La normativa sui limiti batteriologici ha una lunga storia in Italia, che merita di
essere ricordata (tabella 60), anche se superata dalle recenti disposizioni comunitarie.
Tabella 60 - Alcune norme igieniche sugli alimenti in italia che hanno preceduto le nuove disposizioni comunitarie
SETTORE

NORMA PRINCIPALE
L. 30/04/62 n. 283
D.P.R. 23/06/80 n. 327

NORME GENERALI

MODIFICAZIONI ED
INTEGRAZIONI
L. 26/02/63 n. 441
L. 06/12/65 n. 1367
D.M. 01/04/88 n. 178

26/01/98 n. 1
07/08/98 n. 11

D.L.vo 26/05/97 n. 155


O.M. 26/06/95

O.M. 28/08/96
O.M. 29/01/99
D.M. 16/12/93

CONTROLLI UFFICIALI

D.L.vo 03/03/93 n. 123


D.L.vo 26/05/97 n. 156

LIMITI DI CARICA
MICROBICA

O.M. 11/10/78

O.M. 07/12/93

AROMI

D.L.vo 25/01/92 n. 107

D.P.R. 19/11/97 n. 514


L. 24/04/98 n.128 art. 27

IMBALLAGGI
ETICHETTATURA
ALIMENTI SURGELATI

D.L.vo 25/01/92 n. 108


D.L.vo 27/01/92 n. 109
D.L.vo 27/01/92 n. 110

D.P.C.M. 28/07/97 n. 311

CARNI ROSSE

D.L.vo 18/04/94 n. 286

D.M. 13/06/94
D.M. 23/11/95

CARNI DI VOLATILI DA
CORTILE
CARNI DI CONIGLIO
E DI SELVAGGINA
ALLEVATA
CARNI DI SELVAGGINA
UCCISA

D.P.R. 10/12/97 n. 495


D.P.R. 30/12/92 n. 559

D.P.R. 17/05/96 n. 364


D.P.R. 12/01/98 n. 18

D.P.R. 17/10/96 n. 607

D.L.vo 30/12/92 n. 537

CARNI REFRIGERATE E
CONGELATE

L. 04/04/64 n. 171

CARNI IN ATMOSFERA
MODIFICATA

D.M. 27/01/88 n. 49

138

06/07/93 n. 27
27/04/94 n. 27
06/05/98 n. 6
08/06/99 n. 9
09/03/98 n. 3
08/06/99 n. 9
06/05/98 n. 7

D.P.R. 03/08/98 n. 309


CARNI LAVORATE

CIRCOLARI
CORRELATE

08/02/99 n. 2
D.M. 28/12/94
D.L.vo 19/03/96 n. 251
D.M. 11/07/97
L. 24/04/98 n. 128 art.49
D.L. 17/01/77 n. 3
D.L. 03/02/77
L. 18/03/77 n. 63
D.M. 16/03/94 n. 266

SETTORE

NORMA PRINCIPALE

PRODOTTI ITTICI:
MOLLUSCHI

D.L.vo 30/12/92 n. 530

UOVA E DERIVATI
MIELE

LATTE E DERIVATI

R.CEE 19/01/76 n. 103/76


D.L.vo 04/02/93 n. 65
L. 12/10/82 n. 753
L. 03/05/89 n. 169
D.M. 09/05/91 n. 185
D.M. 26/03/92
D.P.R. 14/01/97 n. 54

D.L.vo 26/10/95 n. 524


D.M. 31/12/96(2)
R.CEE 05/01/89 n. 33/89
R.CEE 12/07/93 n.
1935/93
D.M. 14/02/94
L. 24/04/98 n. 128 art.52
09/03/92 n. 6
03/12/91 n. 24
L. 03/08/98 n. 276

L. 04/07/67 n. 580
PASTE ALIMENTARI
ACQUE
ACQUE MINERALI

CIRCOLARI
CORRELATE

D.L.vo 27/01/92 n. 131


D.L.vo 30/12/92 n. 531

PRODOTTI ITTICI:
PESCI

MODIFICAZIONI ED
INTEGRAZIONI
D.M. 31/07/95
D.L.vo 15/03/96 n. 249(1)

D.M. 27/09/67
D.M. 27/04/98 n. 264
D.P.R. 24/05/88 n. 236
D.L. 11/12/92 n. 542

01/12/97 n. 16
16/12/72 n. 155
03/08/85 n. 32

D.M. 16/05/69

D. 08/07/97

Note:
(1): Testo coordinato in G.U.S.G. 06/05/99 n. 104.
(2): Testo coordinato in G.U.S.G. 29/07/98 n. 175.
Le disposizioni riportate in corsivo contengono limiti di carica microbica.

Di queste norme, solo alcune sono ancora valide dopo luscita del Regolamento
CE n2073 del 2005 (tabella 61), in quanto non sono in conflitto con il medesimo
regolamento europeo.
Il Regolamento CE n 2073/2005 del 15 novembre 2005 sui criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari rappresenta una novit assoluta nel controllo
microbiologico degli alimenti. Esso prevede sostanzialmente due livelli di controllo:
1) analisi riguardanti ligiene di processo, che competono alle aziende produttrici e
costituiscono la base per lautocontrollo; possono essere oggetto di verifica presso gli organi di controllo.
2) analisi che riguardano i criteri di sicurezza alimentare e che competono sia alle aziende produttrici che alle istituzioni preposte al controllo ufficiale degli alimenti.
La promulgazione del D. L.vo n 193 del 6/11/07 ha chiarito numerose incertezze
riguardanti la sopravvivenza delle vecchie normative nazionali, eliminandone gran
parte e fissando, inoltre, le sanzioni per i casi di mancata osservanza del Regolamento n 2073/2005. Ulteriori precisazioni sono state apportate con un successivo Regolamento CE, n 1441 /2007 del 5 dicembre 2007 che contiene:
alcuni interventi per alimenti per lattanti e alimenti dietetici in polvere
un nuovo metodo di riferimento analitico per la ricerca di enterotossine stafilococciche in taluni formaggi, nel latte in polvere e nel siero di latte in polvere
alcune osservazioni sulle modalit di campionamento dalle carcasse di bovini, suini,
ovini.

139

Le analisi previste dal Regolamento CE n 2073/2005, cos come aggiornato dal


Regolamento CE, n 1441 /2007, sono riportate nella tabelle 62 e 63.
Tabella 61 - Norme ancora in vigore dopo luscita del Regolamento CE n
2073/2005
Disposizione legislativa

Campo dazione

Alimenti contemplati

Analisi previste

Limiti di cariche
microbiche tollerabili
in determinate sostanze
alimentari e bevande

Latte in polvere per


CBT aerobia
lalimentazione della prima
Coliformi
infanzia

Circ. Min. 03/08/85 n32

Limiti di cariche
microbiche suggeriti per
paste alimentari e paste
alimentari farcite

Paste alluovo industriali


secche
Paste alluovo artigianali
fresche non confezionate
Paste industriali fresche
confezionate
Paste farcite artigianali
fresche non confezionate
Paste farcite precotte
surgelate

CBT, S. aureus, Salmonella


CBT, S. aureus, coliformi,
Salmonella
CBT, S. aureus, Cl.
perfringens, Salmonella
CBT, S. aureus, Salmonella
CBT, E. coli, S. aureus, Cl.
perfringens, Salmonella

D. L. 04/02/93 n 65

Attuazione della direttiva


89/437/CEE che definisce
i criteri igienico sanitari
da osservare nelle fasi
di produzione e di
commercializzazione dei
prodotti duovo destinati
al consumo umano diretto
e alla fabbricazione di altri
prodotti alimentari

Croteri da soddisfare
dopo il trattamento negli
stabilimenti

CBT, enterobatteri, S.
aureus, Salmonella

O.M. 07/12/93

Limiti di Listeria
monocytogenes in alcuni
prodotti alimentari

Alimenti crudi non


sottoposti a trattamento di
riscaldamento
Alimenti congelati o
surgelati
Alimenti precotti o
pasteurizzati

Conteggio Listeria
monocytogenes

D.P.R. 03/08/98

Regolamento recante
norme di attuazione della
direttiva 948/65/CE relativa
Carni macinate
ai requisiti applicabili
Preparaqzioni di carni
allimmissione sul mercato
di carni macinate e di
preparazioni di carni

D.P.R. 14/01/1997 n.54

Regolamento recante
attuazione delle direttive
92/46 e 92/47 CEE in
materia di produzione e
immissione sul mercato
di latte e prodotti a base
di latte

O.M. 11/10/78

140

Stafilococchi

Latte crudo bovino

CBT, S. aureus

Latte bufalino e ovicaprino

CBT

CBT, S. aureus,
Latte come alimento pronto Salmonella,
da consumare
Agenti patogeni e tossine

Tabella 62 - Analisi microbiologiche previste dai Regolamento 2073/2005 e


1441/2007
Ricerche in fase
di produzione

Alimento

Ricerche su
prodotto finito

Carcasse di bovini, equini, suini, ovi- Carica batterica, enterobatteri, Salcaprini


monella
Carcasse di polli e tacchini

Salmonella

Carni macinate e separate meccanicamente

Carica batterica, E. coli

Salmonella

Prodotti a base di carne

E. coli

Salmonella

Gelatina e collagene

Salmonella

Pesci con elevato contenuto distamina (tonni, sgombri, ecc)

Istamina

Molluschi bivalvi, tunicati, echinodermi, gasteropodi vivi

E. coli, stafilococchi coagulasi+

Crostacei e molluschi cotti

Salmonella, E. coli
Salmonella

Latte e derivati liquidi del latte pastorizzati

Enterobatteri

Latte in polvere e siero di latte in


polvere

Enterobatteri, stafilococchi coagulasi+

Salmonella, tossina stafilococcica

Formaggi da latte crudo

Stafilococchi coagulasi+

Salmonella, tossina stafilococcica

Formaggi da latte pastorizzato o riscaldato, freschi o stagionati

Stafilococchi coagulasi+

Tossina stafilococcica

Burro e panna da latte non pastorizzato

E. coli

Salmonella

Gelati

Enterobatteri

Salmonella

Alimenti per linfanzia

Enterobatteri

Salmonella, Listeria monocytogenes,


Enterobacter sakazakii

Prodotti contenenti uova crude o non


pastorizzate

Salmonella

Prodotti a base duovo

Enterobatteri

Frutta e verdura pre-tagliata

E. coli

Semi germogliati
Succhi di frutta non pastorizzati
Alimenti in generale

Salmonella
Salmonella

E. coli

Salmonella
Listeria monocytogenes

141

Tabella 63 Limiti microbiologici previsti dai Regolamenti 2073/2005 e


1441/2007
Alimento

Controlli in fase di produzione

Valori accettabili

Carcasse di bovini, equini, ovi-caprini Carica batterica


Enterobatteri
Salmonella

5.000-100.000/cm2 (media giornaliera)


50-500/cm2 (media giornaliera)
massimo 2 positivi su 50 campioni

Carcasse di suini

Carica batterica
Enterobatteri
Salmonella

10.000-100.000 /cm2 (media giornaliera)


100-1.000/cm2 (media giornaliera)
massimo 5 positivi su 50 campioni

Carcasse di polli e tacchini

Salmonella

massimo 7 positivi su 50 campioni da


25 g di pelle del collo

Carni macinate e carni separate mec- Carica batterica


canicamente
E. coli

500.000/g e fino a 5.000.000/g in 2


campioni su 5 esaminati
50/g e fino a 500/g in 2 campioni su
5 esaminati

Prodotti a base di carne

E. coli

Crostacei e molluschi cotti

E. coli
Stafilococchi coagulasi+

Latte e derivati liquidi pastorizzati

Enterobatteri

500/g e fino a 5.000/g in 2 campioni


su 5 esaminati
1/g e fino a 10/g in 2 campioni su 5
esaminati
100/g e fino a 1.000/g in 2 campioni su 5
esaminati
<1/ml e fino a 5/ml in 2 campioni su
5 esaminati
10/g su 5 campioni
10/g e fino a 100/g in 2 campioni su
5 esaminati

Latte in polvere e siero di latte in pol- Enterobatteri


vere
Stafilococchi coagulasi+
Formaggi da latte crudo

Stafilococchi coagulasi+

10.000/g e fino a 100.000/g in 2


campioni su 5 esaminati

Formaggi da latte pastorizzato o riscaldato, formaggi stagionati

Stafilococchi coagulasi+

100/g e fino a 1.000/g in 2 campioni


su 5 esaminati

Formaggi molli (= formaggi freschi)

Stafilococchi coagulasi+

10/g e fino a 100/g in 2 campioni su


5 esaminati

Burro e panna da latte non pastorizzato

E. coli

10/g e fino a 100/g in 2 campioni su


5 esaminati

Gelati

Enterobatteri

Alimenti per linfanzia


Prodotti a base di uova

Enterobatteri
Enterobatteri

Frutta e verdura pre-tagliata


Semi germogliati
Succhi di frutta non pastorizzati

E. coli

10/g e fino a 100/g in 2 campioni su


5 esaminati
Assenti in 10 campioni da 10 g
10/g e fino a 100/g in 2 campioni su
5 esaminati
100/g e fino a 1.000/g in 2 campioni
su 5 esaminati
100/g e fino a 1.000/g in 2 campioni
su 5 esaminati

142

E. coli

Alimento

Ricerche sul
prodotto finito

Valori accettabili

Carne macinata e preparazioni a base Salmonella


di carne da consumare crude
Gelatina e collagene

Assente in 5 campioni da 25 g

Carne macinata, preparazioni a base


di carne, prodotti a base di carne di
pollame da consumare cotti
Carni separate meccanicamente

Assente in 5 campioni da 10 g (dal


2010 in 5 campioni da 25 g)

Salmonella

Pesci con elevato contenuto distami- Istamina (metodo HPLC)


na (tonni, sgombri, ecc)

100 mg/kg e fino a 200 mg/kg in 2


campioni su 9 esaminati

Se trattati in salamoia

Istamina (metodo HPLC)

200 mg/kg e fino a 400 mg/kg in 2


campioni su 9 esaminati

Molluschi bivalvi, tunicati, echinodermi, gasteropodi vivi

Salmonella
E. coli (metodo MPN)

Assente in 5 campioni da 25 g
230/100 g di carne e liquido intravalvare

Crostacei e molluschi cotti

Salmonella
Assente in 5 campioni da 25 g

Burro e panna da latte non pastorizzato

Salmonella

Assente in 5 campioni da 25 g

Salmonella
Latte in polvere e siero di latte in pol- Enterotossine stafilococciche
vere
Salmonella

Assente in 5 campioni da 25 g
Non rilevabili in 5 campioni da 25 g

Gelati

Enterotossine stafilococciche

Non rilevabili in 5 campioni da 25 g

Formaggi

Salmonella
Enterotossine stafilococciche

Assente in 5 campioni da 25 g
Non rilevabili in 5 campioni da 25 g

Listeria monocytogenes
Salmonella
Enterobacter sakazakii

Assente in 10 campioni da 25 g
Assente in 30 campioni da 25 g
Assente in 30 campioni da 10 g

Assente in 5 campioni da 25 g

Formaggi da latte crudo


Alimenti per linfanzia

Prodotti contenenti uova crude o non Salmonella


pastorizzate

Assente in 5 campioni da 25 g

Frutta e verdura pre-tagliata


Semi germogliati
Succhi di frutta non pastorizzati

Salmonella

Assente in 5 campioni da 25 g

Listeria monocytogenes
Listeria monocytogenes

Assente in 5 campioni da 25 g
100/g in 5 campioni

Alimenti in generale favorevoli alla crescita di Listeria monocytogenes


- ancora in stabilimento
- gi in commercio

Alimenti in generale sfavorevoli al- Listeria monocytogenes


la crescita di Listeria monocytogenes

100/g in 5 campioni

NOTA - Con il termine campioni si intendono le unit campionarie prelevate allinterno di ununica
campionatura, composta, ad esempio, da almeno 5 unit, che vengono esaminate separatamente.

143

Sui metodi analitici, il Regolamento si esprime indicando come metodi di referenza quelli ISO. Tuttavia, viene lasciata agli operatori del settore alimentare libert decisionale sulla scelta dei metodi, purch questi ultimi forniscano risultati equivalenti:
24. I risultati delle analisi dipendono dal metodo analitico utilizzato; pertanto,
occorre associare a ogni criterio microbiologico un metodo di riferimento specifico. Tuttavia, gli operatori del settore alimentare devono avere la possibilit di usare metodi danalisi diversi dai metodi di riferimento, in particolare quelli pi rapidi, a condizione che tramite tali metodi alternativi si ottengano risultati equivalenti. inoltre necessario definire un piano di campionamento per ciascun criterio, al
fine di garantire unattuazione armonizzata, autorizzando tuttavia luso di altri sistemi di campionamento e analisi, compreso il ricorso ad organismi indicatori alternativi, a condizione che essi forniscano garanzie equivalenti in merito alla sicurezza alimentare.
AllAutorit Sanitaria compete la supervisione sulla corretta attuazione di tutte le operazioni delegate alle ditte produttrici e leventuale decisione di procedere autonomamente ad altri accertamenti analitici:
Art. 1 (...) Lautorit competente verifica il rispetto delle norme e dei criteri di
cui al presente regolamento conformemente al regolamento (CE) n. 882/2004, senza pregiudizio del suo diritto di procedere a ulteriori campionamenti e analisi per
la rilevazione e la misura della presenza di altri microrganismi, delle loro tossine o
dei loro metaboliti, o come verifica dei processi, per i prodotti alimentari sospetti, o
nel contesto dellanalisi del rischio.
MICRORGANISMI PATOGENI
Tabella 64 - Germi potenzialmente patogeni veicolati da alimenti
INCUBAZIONE

AGENTE EZIOLOGICO

SINTOMI

ALIMENTI

S. aureus

nausea, vomito, crampi


addominali, ipotermia

gastronomia, dolci, piatti


cotti pronti manipolati e
conservati non refrigerati

B. cereus (tossina emetica)

attacco acuto di vomito

riso o vegetali cotti


conservati non refrigerati e
successivamente riscaldati

1 - 6 ore

12 - 24 ore

Salmonella, E. coli EPEC,


diarrea, febbre, dolori
ETEC, EIEC, Vibrio
addominali, talvolta vomito
parahaemolyticus
Clostridium perfringens,
Bacillus cereus (tossina
diarroica)

diarrea, dolori addominali

18 - 36 ore

Clostridium botulinum
(tossina preformata)

vertigini, mal di testa,


diplopia, secchezza delle
fauci

12 - 72 ore

Aeromonas hydrophila

diarrea, gastroenterite

144

cibi crudi o manipolati


dopo cottura
cibi precotti, non
refrigerati e riscaldati
inadeguatamente
conserve a basso
grado di acidit,
sottolio o sottovuoto
o inadeguatamente
sterilizzate
pesci, crostacei, molluschi

INCUBAZIONE

AGENTE EZIOLOGICO

SINTOMI

ALIMENTI

24 - 36 ore

Yersinia enterocolitica

dolori addominali, febbre,


cefalea, diarrea, vomito

carni crude o poco cotte,


latte

Shigella

diarrea, feci con sangue,


febbre, vomito, dolori
addominali

crudi o manipolati dopo


cottura

Vibrio cholerae

diarrea acquosa, vomito,


disidratazione

contaminati da acqua
infetta, prodotti ittici crudi

3 - 21 giorni

Listeria monocytogenes

simil-influenzali

latte e formaggi non


pasteurizzati, carni crude,
vegetali crudi

fino a 30 giorni

Brucella

febbre, sudorazione,
mialgia, splenomegalia

latte e formaggi freschi non


pasteurizzati

oltre 30 giorni

Mycobacterium
tuberculosis

tubercolosi ghiandolare

latte non pasteurizzato

1 - 3 giorni

PRELIEVO DEI CAMPIONI DI ALIMENTI


Specifiche informazioni, destinate, tra laltro, al prelievo ed analisi dei cosiddetti
campioni deperibili, sono contenute nelle seguenti disposizioni.
D.P.R. 327/1980
Regolamento di esecuzione della legge 30 aprile 1962, n. 283 e successive modificazioni, in materia di disciplina igienica della produzione e della vendita delle
sostanze alimentari e delle bevande
art. 16 - Destinazione del campione - Una delle parti del campione prelevato a
norma dei precedenti articoli viene consegnata, al momento del prelievo, al responsabile dellesercizio o a un suo rappresentante o al detentore della merce, escluso
leventuale vettore, sempre che non si tratti di spedizioniere doganale rappresentante del proprietario della merce ai sensi del testo unico delle disposizioni legislative
in materia doganale approvato con D.P.R. 23 gennaio 1973, n. 43.
Le altre, insieme al verbale di prelevamento, vengono inviate per le analisi nel pi
breve tempo possibile al laboratorio pubblico competente per territorio o ad altro laboratorio autorizzato allo scopo ai sensi dell art. 1 della legge.
Una di tali parti utilizzata per lanalisi di prima istanza, unaltra destinata alleventuale analisi di revisione e deve essere conservata per la durata di sessanta giorni a decorrere dalla data di comunicazione dellesito dellanalisi allinteressato; ed unaltra
parte infine rimane di riserva per eventuali perizie ordinate dallautorit giudiziaria.
In caso di prodotti confezionati, una parte del campione sar messo a disposizione dellimpresa produttrice, per la durata di sessanta giorni, presso il laboratorio
di cui al precedente comma. Nel caso previsto dal precedente art. 11, una parte del
campione viene tenuta presso il laboratorio di analisi competente, a disposizione del
mittente per la durata di sessanta giorni.
D.L.vo 123/1993
Attuazione della direttiva 89/397/CEE relativa al controllo ufficiale dei prodotti alimentari

145

art. 4 - Particolari tipologie di alimenti e modalit di analisi - 1. Per i controlli


microbiologici dei prodotti alimentari deteriorabili, indicati con decreto del Ministero della Sanit, il responsabile del laboratorio provvede ai relativi accertamenti
su unaliquota del campione e, in caso di non conformit, provvede con tempestivit a darne avviso allinteressato, specificando il parametro difforme e la metodica di analisi e comunicando il luogo, il giorno e lora in cui le analisi vanno ripetute, limitatamente ai parametri risultati non conformi; unaltra aliquota resta di riserva presso il laboratorio per uneventuale perizia ordinata dallautorit giudiziaria.
D.M. 16/12/1993
Individuazione delle sostanze deteriorabili alle quali si applica il regime di
controlli microbiologici ufficiali
Articolo 1
1. Ai fini degli accertamenti analitici di cui allart.4 comma 1 del decreto legislativo 3 marzo 1993, n. 123, per prodotti alimentari deteriorabili si intendono:
a) i prodotti alimentari preconfezionati, destinati come tali al consumatore, il cui
periodo di vita commerciale, inferiore a 90 giorni, risulti dalla data di scadenza indicata in etichetta con la dicitura da consumarsi entro ai sensi dell art.
10, comma 2, del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109.
b) i prodotti a base di carne che non abbiano subito un trattamento completo e
presentino pertanto le seguenti caratteristiche fisico-chimiche:
1) Aw superiore a 0,95 e pH superiore a 5,2 oppure
2) Aw superiore a 0,91 oppure
3) pH uguale o superiore a 4,5.
c) i prodotti alimentari sfusi e quelli posti in involucro protettivo destinati alla vendita previo frazionamento ai sensi dellart. 1 comma 3 del decreto legislativo 27 gennaio 1992 n. 109, non sottoposti a congelazione o a trattamenti atti a determinare la conservazione allo stato sfuso per periodi superiori a tre mesi (quali sterilizzazione, disidratazione, affumicatura, aggiunta di soluti e/o di conservativi antimicrobici, altri trattamenti di pari effetto)
costituiti in tutto o in parte da:
1) latte, ivi compreso quello parzialmente concentrato;
2) derivati del latte quali crema di latte, formaggi freschi spalmabili, formaggi freschi a pasta filata preincartati di cui allart. 1 comma 2 del decreto legge 11 aprile 1986, n. 98, convertito nella legge 11 giugno 1986,
n. 252, modificato dallart 23 del decreto legislativo 27 gennaio 1992,
n. 109, latticini freschi, formaggi molli senza crosta, formaggi molli con
crosta con stagionatura non superiore a 60 giorni, formaggi erborinati;
3) carni fresche e preparazioni gastronomiche fresche a base di carni fresche;
4) prodotti della pesca freschi, nonch alimenti compositi freschi e preparazioni gastronomiche fresche a base di prodotti della pesca;
5) prodotti duovo, freschi o pastorizzati, nonch altrimenti compositi e di
pasticceria e preparazioni gastronomiche, a base di prodotti duovo;
6) prodotti ortofrutticoli freschi, refrigerati e non;
7) paste fresche con ripieno destinate ad essere vendute allo stato sfuso ai
sensi dellart. 16, comma 2, lettera c, del decreto legislativo 27 gennaio
1992, n. 109.
2. Qualora sorgano dubbi sulla deteriorabilit di qualche prodotto fra quelli di cui al
comma 1, lettera c, laccertamento della stessa viene fatto in laboratorio, tenen-

146

do conto che sono considerati non deteriorabili gli alimenti non preconfezionati
n sottoposti a trattamento conservativo idoneo a ottenere una conservazione per
periodi non inferiori a tre mesi che presentino :
a) pH uguale o inferiore a 4,5 e/o
b) Aw uguale o inferiore a 0,85.
3. I campioni dei prodotti alimentari deteriorabili di cui al comma 1 vanno mantenuti dal momento del prelievo al momento in cui viene iniziata lanalisi a una temperatura, ove non diversamente previsto da norme vigenti, non superiore a +4 C
e non inferiore a 0 C. I prodotti alimentari congelati vanno mantenuti a -15 C e
quelli surgelati a -18 C.
4. Il trasporto dei campioni deve essere effettuato sin dal momento del prelievo in
contenitori atti a garantire il mantenimento della temperatura entro i valori indicati al comma 3.
Articolo 2
1. Per i prodotti alimentari deteriorabili di cui allart. 1, comma 1, non essendo possibile effettuare lanalisi di revisione secondo le modalit di cui allart. 1 della
legge 30 aprile 1962, n. 283, il campione prelevato ai fini del controllo microbiologico va ripartito dalla persona incaricata del prelievo in quattro aliquote, ciascuna delle quali in quantit congrua per lespletamento delle analisi da effettuare.
Una delle quattro aliquote, conservate con losservanza delle prescrizioni previste allart. 1, comma 3, viene consegnata dal prelevatore al detentore del prodotto alimentare unitamente al verbale di prelevamento, mentre le altre tre aliquote vengono consegnate ai laboratori competenti per territorio per leffettuazione,
su una prima aliquota, degli accertamenti analitici e per la ripetizione, su una seconda aliquota, delle analisi, limitatamente ai parametri eventualmente risultati
non conformi. Lultima aliquota, infine, resta di riserva presso il laboratorio per
uneventuale perizia ordinata dallautorit giudiziaria.
2. Per i prodotti alimentari di cui allart. 1, per i quali laccertamento della deteriorabilit viene effettuata in laboratorio e per i quali, in caso di conferma del carattere
di deteriorabilit, non sarebbe possibile effettuare lanalisi di revisione secondo le
modalit di cui allart. 1 della legge 30 aprile 1962 n. 283, il campione prelevato viene ripartito dalla persona incaricata del prelievo in cinque aliquote, ciascuna delle quali in quantit congrua per lespletamento delle analisi da effettuare ;
una delle cinque aliquote, conservata con losservanza delle prescrizioni previste
allart. 1, comma 3, viene consegnata dal prelevatore al detentore del prodotto
alimentare unitamente al verbale di prelevamento, nel quale va precisato che potrebbe trattarsi di alimento deteriorabile, mentre le altre quattro aliquote vengono
consegnate al laboratorio dellunit sanitaria locale competente per territorio per
laccertamento, in via preliminare, su unaliquota, della deteriorabilit mediante
misurazione della concentrazione idrogenionica (pH) e dellacqua libera (Aw).
Delle tre restanti aliquote, una viene utilizzata per gli accertamenti analitici, una
per la ripetizione delle analisi limitatamente ai parametri eventualmente risultati
non conformi e lultima resta di riserva presso il laboratorio per uneventuale perizia ordinata dallautorit giudiziaria.
D.P.R. 3/8/1998 n. 309
Regolamento recante norme di attuazione della direttiva 94/65/CE, relativa
ai requisiti applicabili allimmissione sul mercato di carni macinate e di preparazioni di carni

147

Art. 5 - Per i fini di cui al comma 4: a) il campione prelevato devessere costituito da cinque unit ed essere rappresentativo della produzione giornaliera; per le preparazioni di carni i prelievi devono essere effettuati in profondit nella muscolatura
dopo cauterizzazione della superficie.
Il Regolamento 2073/2005 impone, per alcuni tipi di produzioni alimentari, una
frequenza minima obbligatoria dei campionamenti. da tenere presente che sono previste alcune riduzioni sulla frequenza dei campionamenti, in caso di risultati soddisfacenti:
Campionamento batteriologico nei macelli e nei luoghi di produzione di carne macinata e di preparazioni a base di carne
Norme di campionamento per le carcasse di bovini, suini, ovini, caprini ed equini
I metodi di campionamento distruttivo e non distruttivo, la scelta dei siti di prelievo dei campioni e le regole per la loro conservazione e il trasporto sono indicati
nella norma ISO 17604.
In ogni sessione di campionamento, sono prelevate casualmente cinque carcasse. I siti nei quali sono prelevati i campioni sono scelti tenendo conto della tecnica
di macellazione utilizzata in ciascun impianto.
Quando si procede al campionamento per il conteggio delle Enterobatteriacee e
per il conteggio di colonie aerobiche, i prelievi sono effettuati in quattro siti di ogni
carcassa. Si prelevano, con il metodo distruttivo, quattro campioni di tessuto, per una
superficie totale di 20 cm2. Qualora a questo scopo sia utilizzato il metodo non distruttivo, larea della superficie da campionare equivale ad almeno 100 cm2 (50 cm2
per le carcasse di piccoli ruminanti) per sito di campionamento.
Per il prelievo di campioni finalizzati alla ricerca di Salmonella, si utilizza un metodo di prelievo con spugna abrasiva. Larea campione corrisponde ad almeno 100
cm2 per sito selezionato.
Quando i campioni sono prelevati sulle carcasse da diversi siti, prima di essere
esaminati devono essere aggregati.
Norme di campionamento per le carcasse di pollame
er le analisi volte alla ricerca di Salmonella, in ogni sessione di campionamento devono essere prelevate casualmente almeno 15 carcasse dopo il raffreddamento. Da ciascuna carcassa, si prelevano campioni di pelle del collo del peso di circa
10 g. In ogni occasione, i campioni di pelle del collo prelevati da tre carcasse sono
aggregati prima di essere esaminati, in modo da formare 5 campioni finali di 25 g.
Linee guida sul campionarnento
Linee guida pi dettagliate sul campionamento delle carcasse, in particolare per
quanto riguarda i siti di campionamento, possono essere incluse nei manuali di corretta prassi operativa di cui allarticolo 7 del regolamento (CE) n. 852/2004.
Frequenze di campionamento per le carcasse, la carne macinata, le preparazioni a base di carne e le carni separate meccanicamente
Gli operatori del settore alimentare dei macelli o degli stabilimenti che producono carne macinata, preparazioni a base di carne o carni separate meccanicamente prelevano campioni per lanalisi microbiologica almeno una volta alla settimana.
Il giorno di campionamento deve variare da una settimana allaltra, affinch sia coperto ogni giorno della settimana.

148

Per quanto riguarda il campionamento di carne macinata e preparazioni a base di


carne per le analisi destinate alla ricerca di E. coli e al conteggio delle colonie aerobiche e il campionamento delle carcasse per le analisi destinate alla ricerca di enterobatteriacee e al conteggio delle colonie aerobiche, la frequenza pu essere ridotta a una volta ogni due settimane, qualora si ottengano risultati soddisfacenti per sei
settimane consecutive.
Nel caso del campionamento di carne macinata, preparazioni a base di carne e
carcasse per la ricerca di Salmonella, la frequenza pu essere ridotta a una volta ogni
due settimane, qualora si ottengano risultati soddisfacenti per 30 settimane consecutive. La frequenza di campionamento per la ricerca di Salmonella pu inoltre essere
ridotta se vi un programma di controllo nazionale o regionale nei confronti di questo patogeno e se tale programma prevede prove che sostituiscano il campionamento suddetto. La frequenza di campionamento pu essere ulteriormente ridotta se il
programma di controllo nazionale o regionale della salmonella dimostra che la prevalenza di Salmonella bassa negli animali acquistati dal macello.
Tuttavia, se lanalisi dei rischi lo giustifica e, di conseguenza, lautorit competente lo autorizza, i macelli di piccole dimensioni e gli stabilimenti nei quali si producono carne macinata e preparazioni a base di carne in piccole quantit possono
essere esentati da queste frequenze di campionamento.
Alcune avvertenze per una corretta procedura di avvio delle analisi microbiologiche su campioni di alimenti
(vedi anche capitolo seguente)
PROCEDURA CONSIGLIATA
Prima di iniziare unanalisi, necessario preparare tutto il materiale occorrente
(inclusi i terreni batteriologici) e prevedere lallontanamento dei rifiuti (carta, imballaggi, residui di campioni, ecc) secondo le norme specificate in appendice.
1. Controllare laspetto del campione ( buona norma prender nota di eventuali
caratteristiche anomale). Si consiglia di misurare la temperatura del campione.
2. Conservare i campioni alla temperatura prescritta (in frigorifero a 0/+2 C o
in congelatore a -18 C) dal momento dellarrivo in laboratorio fino allinizio dellanalisi.
3. L analisi dovr iniziare il pi presto possibile. Si ricorda che, per i molluschi
eduli lamellibranchi, le disposizioni di legge autorizzano il congelamento immediato del campione, al fine di bloccare la moltiplicazione batterica (DM
31/07/1995).
4. Se il campione congelato, scongelarlo nel contenitore originale in frigorifero a 0/+2 C, per un periodo massimo di 18 ore. Esaminare il campione non
appena le condizioni di scongelamento consentono il prelievo.
5. Se la natura e le dimensioni del campione lo consentono, si pu scongelare il
campione a temperatura ambiente per 1-2 ore. importante non superare in
nessun caso i 45 C per pi di 15 minuti.
6. Se il campione congelato pu essere facilmente sminuzzato (gelati, ecc), si
pu procedere al prelievo anche senza scongelare.
7. La quantit minima di materiale consigliata per costituire un campione non
deve, di norma, essere inferiore a 150 grammi.

149

8. Effettuare lapertura del campione e le succesive operazioni analitiche in laboratori in cui vengano messi in pratica tutti gli accorgimenti necessari per
evitare contaminazioni secondarie (spostamenti daria conseguenti a porte o
finestre aperte, transito di persone).
9. Disinfettare sempre preventivamente la superficie del banco di lavoro.
10. Usare tutti gli accorgimenti (sterilit dei materiali, disinfezione della superficie esterna del contenitore del campione, guanti, bacinelle sterili) per evitare la contaminazione accidentale dei campioni durante le analisi.
11. In particolare, si raccomanda di effettuare sotto cappa a flusso laminare
lapertura di confezioni di campioni di prodotti pasteurizzati, sterilizzati o
per i quali esistano limiti di carica batterica totale.
12. Usare i guanti sterili monouso per aprire i prodotti confezionati.
13. Dare la precedenza, negli esami, ai prodotti meno contaminati (cotti) o pi
soggetti a contaminazione (alimenti da consumarsi tal quali).
NOTA: Il prelievo da alimenti finalizzato alla determinazione delle cariche microbiche si effettua, salvo particolari disposizioni, contemporaneamente in superficie e
in profondit, escludendo la superficie (se non commestibile) e prelevando preferibilmente una quantit pari, ove possibile, a 50 grammi di materiale.
Per le carni sotto pelle (ad es. pollame, pesci, ecc) la rilevazione delle cariche si
esegue in profondit dalla massa muscolare, previa asportazione della pelle e bruciatura della superficie.
Per i formaggi a crosta non edibile, necessario bruciare la superficie esterna e
tagliare per prelevare a cuore.
Il prelievo da alimenti finalizzato alla rilevazione di patogeni e di sostanze inibenti si esegue dalla parte commestibile del prodotto.
Per gli alimenti ad alto contenuto in grassi possibile aggiungere, prima
dellomogeneizzazione, 6 ml di soluzione acquosa sterile al 10% di Tween 80 (o altro tensioattivo non tossico) per ogni 100 ml di sospensione.
Quantificare la massa di materiale prelevato preferibilmente in grammi, trasferendo la porzione asportata dal campione in un sacchetto sterile da omogeneizzatore con filtro (per le cariche batteriche) o senza filtro (per le altre ricerche), usando pinze e forbici o cucchiai sterili. Il sacchetto va posizionato aperto sulla bilancia
allultimo momento.
Attenzione!
Per uneventuale ripetizione del prelievo, conservare la parte del campione rimasta:
in frigorifero a 0/+2 C (se si tratta di uova, insaccati cotti o stagionati, formaggi stagionati)
in congelatore a -18 C in tutti gli altri casi.

150

ANALISI MICROBIOLOGICHE SU ALIMENTI


Gli esami sono finalizzati ad alcune priorit (tabella 65):
Tabella 65 - Alcune ricerche di primaria importanza in microbiologia alimentare
Scopo
Ricerche
Qualit igienica delle materie prime e dei prodotti Carica batterica totale, numerazione di coliformi,
finiti
stafilococchi, miceti (muffe e lieviti)
Qualit igienica dellacqua per giudizio di
Carica batterica totale, coliformi, streptococchi
potabilit
fecali, anaerobi sporulati
Qualit igienica delle superfici di lavoro (banchi,
Carica batterica totale con tamponi o piastre
nastri trasportatori, bilance, affettatrici, pareti e
a contatto, conteggio dei miceti (muffe e
pavimenti, mezzi di trasporto, coltelli, guanti,
lieviti), presenza di Salmonella o di Listeria
mani degli addetti, ecc)
monocytogenes
Residui di farmaci
Sostanze inibenti (per via microbiologica)
Salmonella, Staphylococcus aureus, Clostridium
Germi patogeni
perfringens, Listeria monocytogenes

Preparazione del campione, omogeneizzazione, diluizioni


Dopo lapertura del campione, si effettua il prelievo della porzione da analizzare,
previo allontanamento delle parti non edibili (pelle, cartilagini, gusci, ecc) con pinze, forbici o coltelli sterili. Per prodotti liquidi si usano pipette graduate, per le polveri o alimenti densi si ricorre a cucchiai o spatole sterili.
Pu essere necessaria la cauterizzazione superficiale del prodotto prima dei tagli
e, per certi tipi di alimenti confezionati, luso della cappa a flusso laminare.
Vengono quindi asportati, con lausilio di una bilancia tecnica e di opportuni contenitori sterili, da 10 a 50 grammi di materiale per le analisi di tipo quantitativo (cariche batteriche), oppure 25 grammi per le ricerche di patogeni (Salmonella, Listeria, ecc).
La pesata viene omogeneizzata in diluente sterile (soluzione di Ringer, acqua
peptonata tamponata, brodo colturale specifico per la ricerca, ad esempio un arricchimento) nel rapporto di 1:10.
Segue lomogeneizzazione e, per le analisi che lo richiedono, lallestimento di alcune diluizioni decimali (solitamente trasferendo 1 ml in 9 ml di soluzione di Ringer.
Semina dei terreni, incubazione, lettura, trapianti
Per le analisi quantitative (cariche batteriche), da ogni diluizione decimale si trasferiscono, in due piastre di Petri, i quantitativi di semina. Essa pu avvenire per inclusione nel terreno (semina in profondit di 1 ml) oppure per spatolamento sul terreno (semina in superficie di 0,1 ml). Il tipo di terreno presente nelle piastre determina la ricerca batteriologica che si vuole eseguire.
Nel caso della ricerca di patogeni in 25 grammi di campione, si pone in termostato lomogenato, preparato direttamente in brodo colturale. Questi brodi (detti anche pre-arricchimenti), dopo incubazione, vengono trapiantati in altri brodi (chiamati arricchimenti) che, dopo ulteriore incubazione, vengono piastrati su terreni chiamati selettivi e/o differenziali.
Ogni terreno esige appropriate modalit dincubazione (ad esempio, aerobiosi a
37 C, microaerofilia in presenza di CO2, anaerobiosi, ecc), con differenti tempi (generalmente compresi tra 24 ore e 5 giorni).

151

La lettura delle piastre consiste nel riconoscimento di colonie tipiche (dette sospette) che, nel caso delle cariche batteriche, vengono contate, in modo da esprimere, attraverso calcoli, il numero di germi presenti nellunit di misura del campione analizzato.
Trapiantando alcune delle colonie rappresentative, selezionate sulle piastre, si ottiene il cosiddetto isolamento in coltura pura.
Identificazione
Sovente necessario confermare la natura dei germi isolati mediante esami microscopici (colorazione di preparati da osservare al microscopio), oppure mediante
prove biochimiche (con appositi terreni e reagenti) o, ancora, mediante prove sierologiche (agglutinazioni con sieri diagnostici specifici, ecc).
Numerosissimi sono i terreni colturali che consentono al laboratorista di procedere allisolamento di varie specie di microrganismi (conta microbica totale, conta
dei coliformi, dei lattobacilli, dei miceti, ecc). Nella tabella 66 viene presentata una
breve rassegna di alcuni dei terreni pi usati in microbiologia alimentare.
Controlli su alimenti e locali di lavorazione
Igiene dellambiente e della produzione
Carne
Subito dopo la macellazione, la contaminazione microbica nelle carni , di norma, modesta in superficie (102-104/cm2) e assente in profondit. Valori sensibilmente superiori fanno sospettare problemi igienici. Se conservate in frigorifero, le carni
possono raggiungere una carica di 105-106 germi per grammo senza denunciare alterazioni organolettiche. Le variazioni sono minori in caso di congelamento o di confezionamento sotto vuoto e in atmosfera modificata.
Quando si trova una carica batterica elevata (>106/grammo), sarebbe opportuno fare unanalisi dettagliata per specie. I risultati della scomposizione, abbinati allesame ispettivo, consentono di valutare processi alterativi incipienti e di fare
previsioni sulla conservabilit.
Le specie pi indiziate come causa di alterazioni sono:
per la viscosit superficiale = Pseudomonas, micrococchi, lieviti
per colorazioni anomale = lattobacilli (inverdimento), Pseudomonas (pigmentazioni bluastre), muffe e lieviti (macchie bianche, nere, verdi)
per odori e sapori sgradevoli = Brochothrix thermosphacta, lattobacilli, enterobatteri.
Tabella 66 - Terreni maggiormente usati in microbiologia alimentare
Microrganismo

Terreno colturale

Funzione

Batteri in generale

Plate Count Agar

Carica batterica totale (CBT)

Enterobacteriaceae

VRBG Agar

Conteggio selettivo

Coliformi

VRBL Agar

Conteggio selettivo

E. coli

VRBL Agar + MUG

Conteggio selettivo

Pseudomonas aeruginosa

GSPA

Conteggio selettivo

152

Microrganismo

Terreno colturale

Funzione

Kanamycin Aesculin Azide


Agar

Conteggio selettivo

Stafilococchi

Baird-Parker Agar

Conteggio selettivo

Lattobacilli

MRS Broth

Conteggio/Isolamento

Streptococchi fecali

Lattococchi
Listeria

Salmonella

Clostridi

M17 Agar

Conteggio/Isolamento

LEB

Brodo selettivo

ALOA

Isolamento selettivo

Buffered Peptone Water

Pre-arricchimento

Selenite Enrichment Broth

Arricchimento

Rappaport-Vassiliadis Broth

Arricchimento

Hektoen Enteric Agar

Isolamento selettivo

Kligler Iron Agar

Isolamento

TSC Agar

Isolamento selettivo

CMM

Isolamento

Cereus Selective Agar

Isolamento selettivo

OGYE Agar

Conteggio selettivo

Sabouraud Dextrose Agar

Isolamento

Streptococcus agalactiae

TKT Selective Agar

Isolamento selettivo

Lipolitici

Trybutirin Agar

Conteggio selettivo

Bacillus cereus
Muffe e lieviti

Principio del metodo


Dalle piastre della carica batterica totale (CBT), consigliabile allestire degli
strisci da alcune colonie morfologicamente diverse, prese dalla diluizione pi alta.
Dopo colorazione di Gram, possibile orientarsi, al microscopio, su quali specie ricercare in dettaglio.
buona norma, analizzando un campione, conservare congelata unaliquota
dellestratto, che viene in questo caso scongelato a temperatura ambiente per preparare delle diluizioni decimali in soluzione di Ringer e seminare le piastre di terreni
selettivi (vedi schema consigliato). Adottando un micrometodo, la procedura da seguire quella gi descritta.
Alla lettura opportuno controllare alcune colonie, tra quelle conteggiate, mediante Gram e test della catalasi (per lattobaclli e micrococchi).
A causa della selettivit dei terreni e del diverso grado di fertilit, qualche volta
possibile che la somma dei conteggi parziali non corrisponda alla CBT. Scostamenti dellordine di una potenza non sono comunque significativi.

153

Schema consigliato per lanalisi dettagliata della carica batterica nelle carni
Esame
microscopico

Ricerca da
effettuare

Terreno

Diluizioni
consigliate

Incubazione

bastoncini Gram+

lattobacilli

MRS Agar
M17 Agar

ND / -4

37 C 72 ore +
10% CO2

bastoncini Gram+

Brochothrix
thermosphacta

STAA

ND / -4

20 C 48 ore

cocchi Gram+

micrococchi

MSA

ND / -4

37 C 48 ore

cocchi Gram+

lieviti

Sabouraud Agar

ND / -4

20 C 5 gg

bastoncini Gram-

Enterobacteriaceae

VRBG Agar

ND / -4

37 C 24 ore

bastoncini Gram-

Pseudomonas /
Aeromonas

GSPA

ND / -4

20 C 72 ore

ND = non diluito

Acqua
Nellacqua potabile si trovano normalmente pochi batteri, costituiti principalmente da bacilli Gram-negativi aerobi, spesso mobili, pleomorfi, che crescono in laboratorio con colonie pigmentate. Appartengono tipicamente ai generi Pseudomonas,
Flavobacterium, Vibrio, Spirillum. In minor quantit si trovano batteri Gram-positivi dei generi Corynebacterium, Micrococcus, Sarcina, che formano colonie pigmentate.
Solo in caso dinquinamento di origine fecale compaiono nellacqua altri microrganismi, tra cui Escherichia coli, Proteus vulgaris (Gram-negativi), Enterococcus
faecalis e Clostridium perfringens (Gram-positivi).
La ricerca di alcuni parametri microbiologici serve per escludere la presenza di
patogeni abitualmente non ricercati (che possono trovarsi nelle acque superficiali) e
per scoprire microrganismi resistenti alla clorazione, in sostituzione di ricerche mirate lunghe e laboriose. Le analisi riguardano:
- Escherichia coli Si trova nelle feci ad una concentrazione di circa 108 UFC/
grammo. LO.M.S. lo considera il miglior indicatore di contaminazione fecale,
essendo pi stabile degli altri coliformi alle variazioni climatiche.
- Coliformi totali Sono presenti nelle feci, ma anche nellambiente.
- Enterococcus faecalis Proviene certamente dallintestino, sopporta alte concentrazioni saline, pH alcalino e temperature fra 18 e 40C. Pu indicare, indirettamente, la presenza di Enterovirus.
- Clostridium perfringens Formando spore, resiste pi di altri germi ai trattamenti igienizzanti.
- Pseudomonas aeruginosa Si trova nelle feci, negli scarichi di liquami ed
molto resistente ai trattamenti.
- Carica batterica totale Numeri elevati di germi sono indice di una contaminazione. Testimonia lefficacia dei trattamenti di potabilizzazione e lintegrit
della rete di distribuzione. I batteri che crescono a 37 C derivano presumibilmente da animali a sangue caldo, mentre quelli che sviluppano a 22 C provengono dallambiente.
Il D.L.vo 31/2001 ha cambiato i parametri di base per il giudizio microbiologico
gi contenuti nel DPR 236 del 24/05/88 ed ha diviso le acque in potabili non confezionate e confezionate, adottando ricerche in parte diversificate e stabilendo
metodi danalisi di riferimento (norme ISO).

154

Gli aspetti innovativi riguardano sostanzialmente la distinzione dei parametri in


due categorie:
limiti microbiologici (coli, coliformi, enterococchi), il cui superamento comporta un giudizio di non conformit e ladozione di provvedimenti;
parametri indicatori (Cl. perfringens, carica batterica totale), per i quali il superamento dei limiti di accettabilit non comporta necessariamente ladozione
di provvedimenti, se non in caso di pericolo per la salute.
Accanto alle ricerche sotto riportate, possono essere richieste indagini supplementari, ad esempio per Salmonella, Legionella, Campylobacter, coli EPEC, Giardia, Cryptosporidium, virus enteropatogeni, ecc.
I controlli, differenziati su due livelli (di routine e di verifica), prevedono, oltre
alle analisi microbiologiche, la ricerca di parametri organolettici (colore, odore, sapore, torbidit), fisici (conduttivit, pH), chimici (ammoniaca, ferro, nitrati, ecc).
Tipologia di
acque

Germi da ricercare
Escherichia coli

Enterococchi
Acque potabili
non confezionate Coliformi a 37 C

Acque potabili
confezionate

Clostridium perfringens
(spore comprese) se
influenzate o provenienti
da acque superficiali
Escherichia coli
Enterococchi
Pseudomonas aeruginosa
Carica batterica totale a
22 C
Carica batterica totale a
37 C

Limiti di accettabilit

Metodo di riferimento

0/100 ml

ISO 9308-1 oppure


Colilert-18 (DST) oppure
m-Endo LES Agar
ISO 7899-2
ISO 9308-1 oppure
Colilert-18 (DST) oppure
mEndo LES Agar
m-CP Agar a 44 C
ISO 6461-2
TSC Rapp. ISTISAN
07/5
ISO 9308-1
ISO 7899-2
EN ISO 16266
UNI EN ISO 6222

0/100 ml
0/100 ml

0/100 ml

0/250 ml
0/250 ml
0/250 ml
100/ml
20/ml

UNI EN ISO 6222

Aria confinata
I batteri vengono veicolati nellaria da particelle corpuscolate, costituite da granelli di polvere, da goccioline (espulse dal naso o dalla bocca di animali) e da nuclei di gocce evaporate.
La valutazione della qualit dellaria negli ambienti confinati interessa sia il sanitario che lingegnere, in quanto leccessivo grado di contaminazione pu provocare inconvenienti transitori (sindrome da edificio malsano, caratterizzata da irritazione degli occhi e delle vie respiratorie) oppure infezioni anche gravi (malattia dei
legionari e tubercolosi).
Le cosiddette malattie legate agli edifici (in inglese: Sick Building Syndrome
e Building Related Illness) sono diventate importanti dopo la diffusione degli impianti di ventilazione forzata e di condizionamento. Linadeguata qualit dellaria,
infatti, deriva, in ordine decrescente, da ventilazione non corretta (ricambi insufficienti o distribuzione irregolare dellimpianto), da contaminazione originata allin-

155

terno dellambiente (sostanze volatili organiche, fumo), da contaminazione proveniente dallesterno (scarichi industriali, veicoli), da contaminazione microbica (accumulo di sporcizia in presenza di umidit e conseguente proliferazione batterica).
La contaminazione microbica normalmente reperibile nellaria di uno stabilimento industriale pu raggiungere i 1.000 germi per metro cubo nei reparti di lavorazione e i 10.000 germi per metro cubo nei magazzini. Non esistono normative in materia, ma solo livelli massimi di accettabilit raccomandati. Ad esempio, per le camere operatorie ospedaliere si considerano da non superare i 35 germi per metro cubo
prima degli interventi, 180 dopo).
In tutti i casi nei quali non si trovano dati di riferimento gi predisposti, consigliabile fare alcune stime, con frequenza stagionale, nelle condizioni migliori di
operativit dellazienda o dell impianto. I valori raccolti permetteranno di costruire
uno standard interno e di rapportare a esso tutti i risultati dei controlli che le buone pratiche di produzione raccomandano di svolgere periodicamente. Sar in questo
modo possibile rilevare scostamenti dalla linea ideale dello standard e, di conseguenza, accertate le cause dellinconveniente, mettere in pratica azioni correttive.
Per valutare il grado di contaminazione dellaria confinata, esistono dei metodi che sfruttano lesposizione di terreni batteriologici contenuti in piastre di Petri,
aperte per un certo tempo, oppure la filtrazione dellaria attraverso membrane che
trattengono i batteri e che, successivamente, vengono coltivate in laboratorio. Con
questultimo metodo, non esiste un criterio unico di valutazione dei risultati, ma, tra
le varie proposte, si ritiene accettabile il numero massimo di 25 colonie per piastra.
Superfici di lavorazione degli alimenti
Controllo dellattivit dei disinfettanti
Questa valutazione viene messa in pratica nelle industrie chimico-farmaceutiche
e nelle aziende di produzione degli alimenti. di due tipi: valutazione della concentrazione minima inibente (MIC) e valutazione della concentrazione minima battericida (MCB). Quando non viene specificato, si intende per convenzione la MIC.
Definizione di concentrazione minima inibente (MIC)

la pi bassa concentrazione di un disinfettante con la quale si ottiene linibizione della moltiplicazione batterica.
La coltura del microrganismo-test viene standardizzata alla concentrazione di 108 germi/ml, pari alla torbidit 0,5 Mc Farland (misurabile allo spettrofotometro a 540 nm).
I batteri di riferimento vengono scelti a seconda della prevalenza locale delle specie inquinanti. Tra i microrganismi pi ricorrenti, si ricordano: E. coli ATCC 25922,
Staphylococcus aureus ATCC 29213, Pseudomonas aeruginosa ATCC 27853, Salmonella enteritidis, Bacillus subtilis var. niger (se sotto forma di spore, la concentrazione deve essere ridotta a 107/ml).
Controllo delle superfici
La valutazione dello stato igienico delle superfici che vengono a contatto col prodotto interessa gli industriali del settore alimentare. Consente di verificare laumento dellinquinamento durante la lavorazione e lefficacia dei trattamenti di pulizia e
disinfezione a fine giornata. I metodi di controllo usano tamponi, lavaggio, dispositivi a contatto.

156

Tamponi

Un tampone sterile di cotone (bagnato in una soluzione) viene strofinato sulla


superficie asciutta da esaminare. Lestremit del tampone viene spezzata entro una
provetta contenente un liquido di mantenimento da coltivare su un terreno adeguato. Questo metodo influenzato dalla manualit del prelievo e non riproducibile.
Per campionature quantitative, si usano mascherine delimitanti un area prestabilita (ad esempio, 5 cm 5 cm).
Esistono tamponi di alginato di calcio che si sciolgono in Ringer o in soluzione
contenente sodio esametafosfato all1%.
Per superfici scarsamente contaminate, possibile filtrare la soluzione di raccolta
attraverso una membrana, da coltivare sopra un terreno specifico agarizzato. Dopo
incubazione, si contano le colonie e si calcola il numero di batteri per cm2.
Lavaggio

Si impiega una pistola che lancia sulla superficie una determinata quantit di diluente, successivamente recuperato. Per superfici ruvide ed elastiche, un cilindro
inox sterilizzato, aperto alle due estremit, viene tenuto pressato sul campione. Con
una pipetta, una certa quantit di diluente viene introdotta nel cilindro dallapertura superiore, spipettando pi volte, in modo da asportare, per lavaggio, i germi dalla superficie sottostante.
Anche in questo caso, se i germi presunti sono pochi, il diluente raccolto pu essere filtrato su una membrana.
Dispositivi a contatto

Piastra (contact plate)


Una piastra Petri riempita completamente con terreno nutritivo (piastra RODAC)
viene pressata sulla superficie piana e asciutta. Lagar trattiene i germi, che, dopo
incubazione, sviluppano colonie conteggiabili. Non potendo fare diluizioni, in presenza di forti inquinamenti le colonie sul terreno sono talmente numerose da impedire il conteggio. Nel terreno possono figurare, tra gli ingredienti, la lecitina e il polisorbato 80 (Tween 80) con funzione di neutralizzanti verso i detersivi e le altre sostanze sanitizzanti impiegate nella pulizia dei locali.
Agar affettato (sausage agar o sliced agar)
Da un terreno agarizzato, fatto solidificare a forma di salsiccia, si tagliano con un
coltello sterile delle fette, da far aderire alla superficie. Si ottiene sul terreno una mappa di distribuzione dei germi, ammesso che, da ogni cellula, si sviluppi una colonia.
Impronta sullagar
Un terreno fuso viene versato direttamente sulla superficie, per poi raccoglierne
una porzione solidificata dentro una piastra.
Vetrini con strato di agar
Un vetrino portaoggetti col terreno adeso viene appoggiato sulla superficie e
quindi incubato in una piastra.
Petrifilm
Un foglietto plastico sostiene un film di terreno agarizzato. Il contatto con la superficie da esaminare possibile solo se questa liscia e sufficientemente umida (altrimenti bisogna inumidire il terreno con un diluente sterile).

157

Nastro adesivo
Mediante una pinza, un pezzo di nastro adesivo di acetato viene pressato su una superficie piana asciutta e quindi fatto aderire ad un terreno solido in piastra da incubare.
Spugna di cellulosa
Un quadrato di cellulosa spugnosa inumidito passato sopra la superficie viene seminato in un terreno liquido per la ricerca di patogeni.
Prelievi da superfici nella pratica aziendale
Nei caseifici
Il metodo del lavaggio serve per esaminare bidoni, imbuti, setacci, piastre raffreddanti, tubature, cisterne. Si usano tamponi su attrezzature difficili da lavare (macchine mungitrici, rubinetti, pompe).
Nei macelli di polli
Lesame si sposta alla carcassa dei soggetti, generalmente presi al termine della
lavorazione in cella frigo. Due campioni di pelle di circa 10 cm2, prelevati, rispettivamente, dalla zona del petto e sotto lala, vengono sospesi in diluente sterile. Dopo 1 ora in frigorifero, vengono seminate le diluizioni su Plate Count Agar per determinare la carica batterica totale per cm2.
Per la ricerca delle salmonelle, consigliabile il lavaggio dellintera carcassa in
sacchetto sterile con Acqua peptonata tamponata, per raccogliere il maggior numero possibile di germi.
Nei macelli di bovini e di suini
Un numero rappresentativo di mezzene viene esaminato strisciando sulla carne
due tamponi bagnati su due aree di 5 5 cm, rispettivamente nella regione del collo e del quarto posteriore.
AUTOCONTROLLO E HACCP - IMPIEGO DEL LABORATORIO
PER LA REALIZZAZIONE DEI PROGRAMMI
Lautocontrollo
La prassi dellautocontrollo stata regolamentata in Europa da due direttive
(93/43/CEE e 96/3/CE), recepite in Italia dal D.L. 26 maggio 1997 n. 155.
Tra le analisi microbiologiche che pi frequentemente ricorrono nellambito
dellautocontrollo figura la ricerca dei germi patogeni e, in primo luogo, delle salmonelle. A questo proposito sono stati elaborati piani completi per migliorare il livello di sicurezza contro gli inquinamenti da Salmonella. Si riporta qui di seguito,
come esempio, un programma di autocontrollo per unazienda che tratta carni suine (tabella 68).

158

Tabella 68 - Esempio di autocontrollo in unazienda che lavora carni suine


FASI DEL
CONTROLLO
N campioni da
esaminare
Metodo consigliato

MATERIA PRIMA
(carne)
5 alla settimana, fino a
esaminare 5 volte tutti i
fornitori
ELISA o altro metodo
rapido

AMBIENTE
(attrezzature)

PRODOTTO FINITO

5 alla settimana

5 alla settimana

Piastre a contatto*

ELISA o altro metodo


rapido

Ricerca

salmonelle

carica batterica (CBT)

salmonelle

Scopo delle analisi

allontanamento dei
fornitori peggiori
(quelli con pi di un
positivo su 5 controlli)

verifica efficacia delle


pulizie e disinfezioni

controllo situazione
delle partite di cotti e
crudi appena finite

48 ore

24 ore

48 ore

presenza salmonelle in
25 grammi

CBT > 10 colonie su


una piastra

Durata fermo carni in


attesa esito esami
Risultato sfavorevole in
caso di

Provvedimenti suggeriti
in caso di risultato
sfavorevole

lotto carne destinato


ai cotti

presenza salmonelle in
25 grammi
cotti = ritiro,
distruzione;
crudi non soggetti
a stagionatura
= ritiro;
revisione delle
trasformazione nei
condizioni e dei sistemi
cotti;
di trattamento igienico crudi da stagionare
sanitario dei locali e
= secondo controllo
delle macchine
dopo 30 giorni su
5 campioni. Se
positivo anche un
solo campione =
distruzione.

* Due piastre al termine del lavaggio-sanitizzazione su ciascuna delle 5 seguenti posizioni: tavoli disosso, nastri trasportatori, marne, trimmer, insaccatrice.

Haccp
Considerazioni generali
Haccp significa analisi dei rischi e controllo dei punti critici. un programma di autocontrollo che garantisce la sicurezza nellindustria. Un programma un
piano messo in azione.
LHaccp nato in Gran Bretagna intorno al 1950 ed stato sviluppato in occasione della costruzione delle centrali nucleari per garantirne il funzionamento per 200
anni senza guasti e dalla NASA per ridurre i rischi di malattie alimentari negli equipaggi durante le missioni nello spazio. Ha fatto seguito alle good manufacturing
practices (GMP), che erano linee-guida per migliorare le produzioni. Con lHaccp, le procedure di controllo sono dirette a specifiche operazioni, che sono cruciali per assicurare la sicurezza del prodotto. Gli effetti della contaminazione vengono quantificati.

159

Formulazione di un programma
Qualsiasi programma Haccp si articola in sei punti:
1. il programma deve essere scritto;
2. di esso va reso partecipe tutto il personale dellazienda;
3. va steso un piano dei rischi e degli interventi di controllo;
4. la precedenza tocca alladdestramento del personale;
5. vanno investigati gli incidenti avvenuti e riviste le correzioni fatte;
6. il programma va continuamente aggiornato.
Il responsabile dellintero procedimento una figura nuova, lassicuratore della qualit (Quality Assurance, QA), che opera a stretto contatto con la direzione aziendale.
Nel campo delle produzioni alimentari - dove pi interessante si fa il discorso di
sicurezza sinonimo di qualit - lavvento dellHaccp ha messo in crisi lutilit del
solo controllo analitico fatto a fine ciclo produttivo per verificare la sicurezza delle
partite. Infatti, lHaccp previene la necessit dei controlli finali di produzione. Per
questo motivo, ha incontrato resistenza in molti ambienti, a cominciare dalle istituzioni governative di vigilanza, che accusavano lHaccp di sostituirsi alle ispezioni.
Comunque, lHaccp entrato a far parte del progresso industriale, che si propone
di raggiungere la cosiddetta qualit totale di produzione (Total Quality Management, TQM), cio uno stato di difetti a livello zero, in modo da essere certi di soddisfare sempre i clienti.
Il concetto dellHaccp ed i suoi sette punti fondamentali

Materie prime

Schema dellimpianto

Composizione del prodotto

Confezione

Magazzinaggio e distribuzione

Preparazione del consumatore
- patogeni
HACCP - contaminanti chimici
- corpi estranei

Analisi dei rischi

Determinazione dei CCPs*

Specificazione dei criteri

Implementazione dei controlli

Azioni correttive

Verifiche

Documentazione
* CCPs = Critical Control Points (punti critici da controllare)

In America stata stilata dal Ministero dellAgricoltura (USDA) una lista di azioni obbligatorie per mettere in pratica lHaccp nella preparazione degli alimenti. I
comandamenti sono i seguenti:
1. stabilisci quali sono i pericoli che possono arrivare dalle materie prime naturali, dalla loro trasformazione industriale, dal commercio e dal consumo;
2. scegli i punti critici sul percorso che possono far vedere il pericolo (Critical
Control Points, CCP);
3. fissa con dei numeri il livello massimo di pericolo che si pu tollerare in questi punti della produzione;

160

4. stabilisci un metodo per valutare il pericolo;


5. prepara le misure correttive contro ogni evento sfavorevole;
6. adotta un protocollo di registrazione di tutto quanto viene fatto;
7. trova un metodo per controllare i controllori.
LHaccp non una novit. Alcuni popoli proibivano la carne suina per assicurarsi il livello zero di rischio contro linfestazione da trichine. Ecco alcuni esempi per
chiarire meglio il concetto.
Alimento: il latte pasteurizzato; pericolo: i germi patogeni; punti critici da controllare: la pasteurizzazione (da fare a 62,5 C per 30 minuti) e la conservazione in
frigorifero (da mantenere sotto gli 8 C).
Alimento: la maionese; pericolo: la Salmonella; punti critici da controllare: lacidificazione (che deve raggiungere pH <4,1.
Alimento: cibi in scatola; pericolo: il botulino; punti critici da controllare: la sterilizzazione (che deve arrivare a 140 C per 3 minuti).
Per definire i punti critici di una produzione (come stato fatto a proposito degli
alimenti citati nellesempio) necessario mettere per iscritto tutto il percorso della
fabbricazione di quel prodotto (si dice costruire il diagramma di flusso) e tutto ci
che ruota attorno a quellalimento (ad esempio, costruzione dei locali, attrezzature necessarie, manutenzione delle macchine, pulizia e disinfezione degli impianti,
ecc). Ogni diagramma di flusso sar affiancato, passo a passo, da una specifica dei
pericoli che minacciano le varie fasi di produzione dellalimento, che comunque sono sempre quattro: formulazione, realizzazione, commercializzazione, post-vendita.
A proposito di questultima fase, va detto che il fabbricante dovr preoccuparsi
di anticipare dei rimedi per annullare eventuali errori commessi dopo la produzione (ad esempio, gli abusi di temperatura subiti dal prodotto nei banchi frigoriferi
del supermercato o a casa dellacquirente).
Un obiettivo dellHaccp trovare i parametri minimali (temperatura, pH, umidit, contaminazione batterica o chimica, ecc) che possano garantire, in ogni caso, la
sicurezza del prodotto. Un esempio fornito dalla valutazione del rischio batteriologico. Si sa che le salmonelle contaminano il 40% dei polli e che la dose infettante
per luomo mediamente di 100.000 salmonelle. Pertanto, con questi dati, si decide
che la carne di pollo, per entrare nella composizione di un alimento sicuro, non dovr avere pi di 10 salmonelle per grammo.
Analogamente, per proteggere dalla moltiplicazione batterica una maionese, occorrer perlomeno un pH inferiore a 4,1 sapendo che la temperatura di 7,5 C, necessaria per inibire le salmonelle, non potr essere assicurata.
Considerazioni di questo tipo devono essere fatte per un gran numero di parametri da tenere sotto controllo: sanitizzazione delle superfici, malattie del personale,
pasteurizzazione o sterilizzazione, grado termico delle celle frigo, ecc).
Tutto quanto concerne la produzione va documentato e ci che non dipende direttamente dal produttore (ad esempio, forniture esterne, procedimenti affidati in conto
terzi) deve essere certificato da chi ha preso comunque parte alla nascita del prodotto. Per questo si dice che lHaccp un contenitore molto complesso di azioni mirate al corretto funzionamento della filiera produttiva. Si tratta cio di un programma
che controlla la catena di montaggio e che esime, almeno in parte, dal verificare i
pezzi che ne escono, perch questi, date le premesse, devono nascere necessariamente privi di difetti (livello zero) cio con il pregio della qualit.

161

Bibliografia
1)

2)
3)
4)
5)
6)
7)

8)

9)
10)
11)
12)
13)
14)
15)
16)
17)
18)
19)
20)
21)

162

AMTLICHE SAMMLUNG VON UNTERSUCHUNGVERFAHREN NACH


PARAGRAPH 35 LMBG Untersuchung von Lebensmitteln. Bestimmung der
aeroben Keuimzahl bei 30 C in Fleisch und Fleischerzeugnissen Tropfplatten-Verfahren 1984 . L 06.00-19
BEKANNTMACHUNGEN DES BGA. Empfehlungen des Bundesgesundheitsamtes zum Nachweis und zur Bewertung von Listeria monocytogenes in Lebensmitteln, Bundesgesundheitsblatt, 1991, 34, 227
COMI G. , CITTERIO B. , MANZANO M. , CANTONI C. , DE BERTOLDI M. Evaluation and characterisation of Micrococcaceae strains in italian dry
fermened sausages, Fleischwirtschaft, 1992, 72, 1679
DE FELIP G., Recenti sviluppi di igiene e microbiologia delgi alimenti, Tecniche Nuove, Milano, 2001
DIAGNOSTIC PASTEUR MANUAL . Microbiology-Immunology. 3rd edition, 1991
DIFCO MANUAL 10th edition, 1964, 1052 - 1054
DIVISION OF MICROBIOLOGY - CENTER FOR FOOD SAFETY AND
APPLIED NUTRITION - U.S. FDA . Bacteriological analytical manual . 6th
edition, Association of Official Analytical Chemists, Arlington,1984, 7.01 7.10 e supplemento settembre 1987, 7b.01 - 7b.08
DIVISION OF MICROBIOLOGY - CENTER FOR FOOD SAFETY AND
APPLIED NUTRITION - U.S. FDA Bacteriological Analytical Manual, 6th
Edition Association of Official Analytical Chemists, Arlington, USA, 1984,
401 - 410
FIL - IDF . Milk and milk products - Detection of Salmonella . Standard 93
A, 1985
FIL - IDF Usine laitiere - Conditions sanitaires . Directives generales pour les
methodes de controle et dechantillonage. Standard 121 A, 1987
HAHN G. Fluoressenzoptiscer Nachweis von Escherichia coli aus Weichkase,
Milchwissenschaft, 1987, 42, 434
HALL L.P. A manual of methods for the bacteriological examination of frozen
foods. 2nd edition, Chipping Campden, Gloucestershire, 1975
HAYES P.R. Food microbiology and hygiene. Elsevier Applied Science Publisher, London, 1985
ICMSF Microrganisms in foods 1. Their significance and methods of enumeration. 2nd edition, University of Toronto Press, Toronto, 1988
ICMSF Microrganisms in food 2. Sampling for microbiological analysis; principles and specific 2nd edition, University of Toronto Press, Toronto, Canada, 1986
JAY J.M. Modern food microbiology, Van Nostrand Reinhold Company, New
York, 1970, 272 - 287
JEMMI T., Stand der Kentnisse uber Listerien bei Fleisch-und Fischprodukten,
Mitt. Gebiete Lebens. Hyg., 1990, 8,144
KRAMER J. - CANTONI C. ,Alimenti - Microbiologia e igiene . OEMF , Milano , 1990
KRAMER J. A rapid microdilution technique for counting viable bacteria in
food, Lab. Pract. 1977, 675 - 677
MONTI A. e Coll. , Arch. Vet. It., 1995, 46, 206 - 221
MOSSEL D.A.A., VAN DER ZEE H., HARDON A.P., VAN NETTEN P. The

22)
23)
24)
25)
26)
27)
28)
29)
30)
31)
32)
33)

enumeration of thermotrophic types amongst the Enterobacteriaceae colonizing perishable foods J.appl Bacteriol., 1986, 60, 289
OBLINGER J.L. , KENNEDY J.E. Jr. , LANGSTON D.M. Microflora recovered from foods on Violet Red Bile Agar with and without glucose and incubated at different temperatures, J. Food Protect. 1982, 45, 948
OXOID MANUAL , 6th edition, 1990
PATTERSON J.T. - Microbiological assessment of surfaces . J. Food Technol., 1971, 6, 63
PETERZ M. Evaluation of methods for enumeration of Brochothrix thermosphacta in foods. J. Assoc. Off. Anal. Chem. Int., 1992, 75, 303
RICHARDS G.P. Comparative study of methods for the enumeration of total
and fecal coliforms in the easter oyster, Crassostrea virginica . Appl Env. Microbiol, 1978, 36, 975
RICHARDSON G.H. Standard methods for the examination of dairy products,
15th edition, American Public Health Association, Washington, USA
RICHARDSON G.H. Standard methods for the examination of dairy products,
15th edition, APHA, Washington, USA, 1985
RONDANELLI E.G. e Coll., Trattato sulle infezioni e tossinfezioni alimentari, Selecta Medica, Pavia, 2005
SCHWEIZ. LEBENSMITTELBUCH. Zweiter Band - Rigbuch V. Kapitel 56
Mikrobiologie, 1988, 7. 06 / 1 - 7. 06 / 3.
TIECCO G. Microbiologia degli alimenti di origine animale, 5a. ed., Edagricole, Bologna, 1992
TREPETA R.W., EDBERG S.C. Methylumbrelliferil - beta - D- glucuronide
based medium for rapid isolation and identification of Escherichia coli J.Clin.
Microbiol. 1984, 19, 172
ZAVANELLA M., Metodi per lanalisi microbiologica degli alimenti, Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche, Brescia, 2000

163

Domande:
1. - Perch si ricerca il Clostridium perfringens nellacqua potabile?
2. - A cosa servono le piastre a contatto (contact plates)?
3. - Quale alterazione pu essere provocata nelle carni dalla presenza massiva
di lattobacilli?

PARTE SECONDA
ESERCITAZIONI

Schema seguito nella trattazione


delle singole esercitazioni

Le esercitazioni sono ordinate per gruppi sufficientemente affini


di argomenti, che rispecchiano, almeno a grandi linee, i percorsi
classici della microbiologia.
In ciascuna esercitazione il testo prevede una breve introduzione
teorica, un elenco del materiale necessario, le indicazioni sul
procedimento da seguire.
Le esercitazioni cercano di riprodurre il lavoro effettivamente
seguito dal laboratorista, a partire dalla preparazione del
materiale necessario per lanalisi fino alla stesura del rapporto
di prova.
Viene data la preferenza a metodi semplici ed economici,
in quanto realizzabili anche in laboratori dotati di ridotte
attrezzature.

FUNZIONAMENTO DI UN LABORATORIO DI MICROBIOLOGIA

MANUTENZIONE
A fine giornata pulire e disinfettare le superfici usate (banchi, pavimenti) mediante
allontanamento della polvere e lavaggio con acqua e detersivo sanitizzante.
A fine settimana fare lo stesso trattamento, ma generalizzato (ossia esteso a cella
frigo, termostati, ecc).
Due volte al mese sterilizzare la cappa a flusso laminare con evaporazione di
formalina (da 50 a 100 ml in soluzione acquosa al 50%, a seconda delle dimensioni).
Rilevare periodicamente la carica batterica totale con tamponi superficiali o
piastre a contatto (situazione normale dei banchi prima dal trattamento: 50-100
UFC/cm2; dopo il trattamento:1-10 UFC/cm2 .
Verificare periodicamente la sterilit dellaria nella cappa in funzione mediante
esposizione per 20 minuti di cinque piastre Petri con terreno Plate Count Agar (PCA)
e successiva incubazione a 30C per 72 ore.
Verificare la data di scadenza impressa sui tubi flessibili del gas e provvedere
tempestivamente alla loro sostituzione.
DESTINAZIONE DEI RIFIUTI DI UN LABORATORIO BATTERIOLOGICO

RIFIUTI
URBANI

Carta non inquinata di uso assimilabile


a quello per ufficio
Vetro (bottiglie, provette, beute, ecc)
purch svuotato, lavato, senza etichette
Carta, plastica, altro materiale non
inquinato assimilabile a quello di uso
domestico

sacco per raccolta differenziata della


carta destinata a riciclo
contenitore rigido per raccolta
differenziata del vetro da riciclare
sacco per lo smaltimento dei rifiuti
solidi urbani

RIFIUTI
SPECIALI
OSPEDALIERI

contenitore per rifiuti speciali


Plastica monouso, siringhe, aghi, garze, ospedalieri tipo all-pack- raccolta
cotone, guanti, carta sporca o inquinata mediante ditta specializzata smaltimento tramite incineritore
Residui di campioni analizzati (sangue,
idem c.s.
urine, feci, tamponi, alimenti, ecc)
Terreni batteriologici con colture
provenienti da recipienti di vetro gi
idem c.s.
sottoposti a trattamento sterilizzante
Terreni batteriologici con colture
contenuti in recipienti monouso
idem c.s.
eliminabili senza trattamenti sterilizzanti*
Reagenti non infiammabili e non
esplosivi in piccola quantit; terreni per idem c.s.
batteriologia non utilizzati

RIFIUTI
CHIMICI
SPECIALI

reagenti chimici infiammabili o


esplosivi

contenitore per residui pericolosi;


raccolta tramite azienda specializzata

* nel caso di colture batteriche contenenti germi particolarmente pericolosi, si raccomanda la sterilizzazione prima delleliminazione nei rifiuti speciali ospedalieri

171

SICUREZZA
La manipolazione di batteri potenzialmente patogeni esige losservanza
scrupolosa di norme di sicurezza sul lavoro. Si rammenta che i batteri rientrano tra
gli agenti biologici, definiti dal legislatore come qualsiasi microrganismo anche
geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe
provocare infezioni, allergie, intossicazioni.
Le norme riporatte di seguito, desunte, in gran parte, dalle avvertenze riguardanti
la sicurezza sul lavoro e la prevenzione degli infortuni pubblicate nel Decreto
Legislativo n 626/94, valgono per la sicurezza delle persone che operano allinterno
del laboratorio e servono, inoltre, per garantire che non vengano trasmesse
contaminazioni al di fuori del laboratorio stesso. Gli interventi di prevenzione e le
misure di sicurezza in caso di rischio biologico prevedono:
INTERVENTI DI PROTEZIONE DELLAMBIENTE
controllo dellaccesso ai laboratori
test periodici per verificare la corretta funzionalit delle aree di contenimento
disinfezione (UV, formaldeide, ecc)
disinfestazione (insetti, roditori)
corretto funzionamento del sistema di filtrazione dellaria negli ambienti
corretto impiego dei sistemi di produzione
INTERVENTI DI PROTEZIONE PERSONALE
maschere o autorespiratori (se il tipo di lavorazione le richiede)
guanti
cabine
indumenti monouso
cappe a flusso laminare
docce e altri sistemi di lavaggio e disinfezione
corretto impiego delle apparecchiature e strumentazioni di laboratorio
pro pipette, pipettatrici automatiche
MISURE DI SICUREZZA
organizzazione del lavoro
segnaletica di sicurezza
formazione-informazione
ambienti in depressione
aria filtrata su filtri ad alta efficienza di decontaminazione e ricambio
sterilizzazione delle gabbie per animali da esperimento
trattamento dei reflui e dei rifiuti

Si sottolineano in particolare le seguenti norme:


1 - Norme riguardanti il vestiario
Indossare sempre il camice in laboratorio.
Non uscire dal laboratorio con il camice da lavoro.
In caso di contaminazione accidentale del vestiario, togliersi subito ci che
stato inquinato e riporlo in un sacchetto di politene assieme a un batuffolo di cotone
imbevuto di disinfettante (ad esempio, formaldeide in soluzione acquosa al 40%);
chiudere il sacchetto e riaprirlo solo al momento di versarne il contenuto in lavatrice.
2 - Utilizzazione dei dispositivi di protezione individuale
Si considera dispositivo di protezione individuale qualsiasi attrezzatura destinata

172

ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo da uno o pi


rischi suscettibili di minacciare la sicurezza e la salute durante il lavoro, nonch ogni
completamento o accessorio destinato a tale scopo.
Guanti monouso: devono essere sempre usati per manipolare prodotti biologici
e inquinanti pericolosi.
Evitare di toccare con gli stessi guanti altri oggetti non di lavoro (ad esempio,
il telefono, le maniglie delle porte, ecc). Ricordarsi di gettarli a fine lavoro nel
contenitore dei rifiuti speciali.
Disinfettanti: vanno usati per trattare il piano di lavoro prima e dopo le operazioni,
soprattutto se vengono manipolati germi vivi.
In caso di versamento di materiale biologico inquinante, coprire la zona con
abbondante liquido disinfettante, aspettare e poi, con i guanti, assorbire su carta e
gettare nel contenitore per rifiuti speciali.
Propipette: non pipettare mai a bocca.
Predisporre un sacchetto di politene a portata di mano per raccogliere le pipette
ed eliminarle tra i rifiuti speciali.
Cappe: nel caso di trapianti di colture che contengono batteri particolarmente
pericolosi, lavorare sotto cappa di sicurezza a flusso laminare verticale.
Nota riguardante la preparazione di reagenti e soluzioni: per trattare acidi e
basi forti, oppure sostanze volatili, usufruire della cappa chimica o, in mancanza,
proteggersi con guanti, mascherina, occhiali protettivi in ambiente ben ventilato,
possibilmente con aspirazione dellaria (depressione).
3 - Norme da osservarsi durante il lavoro
Non si deve assolutamente assumere cibo, bere o fumare in laboratorio.
Non abbandonare apparecchiature in funzione.
Provvedere con dovuti accorgimenti al fine di evitare la formazione di aerosol
(che pu avvenire durante la centrifugazione, la ricostituzione di liofilizzati, ecc).
Identificare tutte le preparazioni da porre in frigorifero o in termostato.
4 - Norme da applicare al termine del lavoro
I rifiuti vanno raccolti in maniera differenziata. Si ribadisce la seguente
destinazione dei rifiuti, gi espressa in precedenza:
q carta non inquinata rifiuti solidi urbani;
q vetro non contaminato contenitore per il vetro;
q ogni altro oggetto (come guanti, cotone, garze, tappi e contenitori monouso,
siringhe, aghi, pipette, plastica monouso) rifiuti speciali;
Disinfettare le superfici che potrebbero essere state inquinate.
Lavarsi le mani con acqua e sapone sempre al termine del lavoro e frequentemente
durante il lavoro stesso, e ci al fine di diminuire il rischio di portare inavvertitamente
alla bocca agenti patogeni pericolosi.

173

Si riporta una statistica elaborata da Sewell (2000) negli USA, relativa agli
incidenti avvenuti in laboratorio negli ultimi trentanni. Lincidenza di infezioni
acquisite in laboratorio sarebbe, secondo questo Autore, compresa fra luno e il
cinque per mille e riguarderebbe il personale di laboratorio di ospedali e altre
strutture pubbliche. Prima del 1980, gli incidenti erano dovuti a tifo, brucellosi,
tubercolosi, epatite. Negli anni successivi, lelenco delle malattie si arricchito.
Oltre a Brucella, compare Francisella tularensis (la cui presenza nel materiale
patologico maneggiato si rivela solo dopo lesito delle analisi), Salmonella e Shigella
(trasmesse da campioni di feci), Mycobacterium tuberculosis (inalato per aerosol in
fase di autopsia), virus B e C dellepatite (toccando provette sporche di sangue) e
HIV (in seguito a puntura accidentale con aghi infetti).
Sempre secondo Sewell, la graduatoria delle vie dinfezione sarebbe la seguente:
1 ingestione (da schizzi e aerosol, ma anche dallabitudine di mangiare o bere in
laboratorio, 27% degli incidenti), 2 punture con aghi (25%), 3 tagli con arnesi affilati
(16%), 4 contaminazione attraverso abrasioni cutanee provocate da s (14%), 5
pipettamento a bocca (13%).
Alla luce di questa esperienza, sarebbe opportuno che ogni laboratorio preparasse
una classifica dei propri rischi batteriologici, mettendo al livello pi basso di
pericolosit i germi che non danno normalmente malattia negli adulti, poi i germi che
non costituiscono grave rischio (come i coli, le salmonelle, gli stafilococchi) e quindi i
veri agenti pericolosi, quelli che si trasmettono attraverso laria (brucelle, tubercolari,
funghi dimorfi), per i quali obbligatorio luso della cappa di sicurezza.
Esiste, nelle disposizioni di legge, una classifica degli agenti biologici in relazione
allentit del rischio di infezione:
I. Agente biologico di gruppo 1 = un agente che presenta poche probabilit di
causare malattie in soggetti umani.
II. Agente biologico di gruppo 2 = un agente che pu causare malattie in soggetti
umani e costituire un rischio per i lavoratori; poco probabile che si propaghi nella
comunit; sono di norma disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche.
III. Agente biologico di gruppo 3 = un agente che pu causare malattie gravi in
soggetti umani e costituire un serio rischio per i lavoratori. Lagente biologico
pu propagarsi nella comunit ma, di norma, sono disponibili efficaci misure
profilattiche o terapeutiche.
IV. Agente biologico di gruppo 4 = un agente biologico che pu provocare
malattie gravi in soggetti umani, costituisce un serio rischio per i lavoratori
e pu presentare una elevata possibilit di propagazione nella comunit; non
sono disponibili, di norma, efficaci misure profilattiche o terapeutiche.
Dallanalisi dei propri rischi dovrebbe nascere un decalogo appropriato sul
comportamento del personale di laboratorio rispetto alla sicurezza ed uno sforzo
economico per migliorare le attrezzature con obiettivo la protezione individuale.
Bibliografia
1)
2)
3)
4)

174

BENVENUTI F. e Coll., Linee guida per la valutazione del rischio, D. L.vo


626/94, fogli di informazione ISPELS, 1995
BENVENUTI F. e Coll., Il rischio biologico: procedura applicativa per la
valutazione del rischio e la pianificazione degli interventi di prevenzione e
protezione, Biologi Italiani, 2002, 32, 49
D. L.vo 626/94 in G.U. Rep. It.
SEWELL D. L., Laboratory-acquired infections, Clin. Microbiol. Newsl.,
2000, 22, 73

Capitolo 1
Preparazione e controllo dei reagenti

ESERCITAZIONE 1.1 - PREPARAZIONE DELLE SOLUZIONI


ESEMPIO DI SOLUZIONI PRONTE

Soluzione fisiologica. Si intende, di norma, quella contenente lo 0,85% di cloruro di sodio. Sciogliere 8,5 g di
NaCl in 1 l di acqua distillata. Porre la soluzione in matracci o bottiglie richiudibili e riempite a met. Sterilizzare
a 121C per 15 minuti.
Avendo gi una soluzione di NaCl a titolo maggiore, si pu ottenere la concentrazione desiderata applicando
la formula:

X (quantit da prendere) =

quantit desiderata x titolo desiderato


titolo della soluzione data
Esempio: soluzione data NaCl al 25%, da preparare 15 ml al 3%
15 x 3
25

= 1,8 (ml di soluzione data da portare a volume di 15 ml con acqua distillata)

Le diluizioni

Si usano frequentemente due serie di diluizioni, chiamate, rispettivamente, in base 2 (cio al raddoppio) e in base
10 (o diluizioni decimali). Come orientamento generale, va tenuto presente che, aumentando le quantit di soluto
e di solvente (ad esempio, 1 ml + 99 ml per ottenere la diluizione 1:100), si migliora la precisione. Altri esempi,
dove sono presenti, per esigenza di recipienti piccoli, delle quantit ridotte di solvente, sono i seguenti:

Diluizione desiderata
1:10
1:50
1:100
1:500

Quantit da prendere
1 di soluto ml
0,1 di soluto ml
0,1 di soluto ml
0,1 di soluto ml

Quantit da aggiungere
9 ml di solvente
4,9 ml di solvente
9,9 ml di solvente
49,9 ml di solvente

CONTENUTO DELLE SOLUZIONI

Peso percento: quantit in peso di sostanza sciolta in 100 parti in peso di soluzione (si pu anche riferire la sostanza
sciolta a una certa quantit in peso di solvente puro).
a) contenuto in peso % di una soluzione che ha grammi di soluto in 100 g di solvente

grammi 100
100 + grammi
b) contenuto in peso % di una soluzione che ha x grammi di soluto in y di solvente
peso % =

peso % =

x 100
x+y
175

c) grammi di sostanza pura contenuti in 100 grammi di solvente puro in una soluzione alla%

grammi % =

1.
2.
3.
4.
5.
6.

a 100
100 a
Volume percento: volume di sostanza pura contenuto in 100 volumi di soluzione.
Concentrazione molare o molarit (M): numero di grammimole di sostanza sciolta in 1 litro di soluzione.
Concentrazione molale o molalit (m): numero di grammimole di sostanza sciolta in 1000 grammi di
solvente puro ( indipendente dalla temperatura. Per soluzioni acquose diluite la differenza con molarit
trascurabile).
Normalit (N): numero di grammoequivalenti di sostanza sciolti in 1 litro di soluzione.
Rapporto molare: numero di grammimole di una specie molecolare in confronto al numero totale di grammimole
della soluzione.
Mole percento: rapporto molare 100.

ESERCITAZIONE - Preparazione di una soluzione e allestimento di alcune diluizioni in provetta e


in piastra (metodi miniaturizzati)
MATERIALE

Ingredienti richiesti dalla formula del PBS a pH 7,4


Acqua demineralizzata 400 ml
Soluzione acquosa all1% di blu di metilene 100 ml
Provette 16 x 160 mm non sterili
Piastra microtiter con pozzetti con fondo a U
Pipette graduate da 1 e da 10 ml
Micropipette a volume variabile da 0-20 e 20-200 microlitri
Puntali non sterili per micropipette
Due provettoni e tre recipienti in vetro non sterili con capacit fino a 500 ml
METODO

1. Preparare 250 ml di soluzione salina tamponata (Phosphate Buffered Saline, PBS) a pH 7,4 partendo dalle pesate
degli ingredienti. Formula: sodio cloruro NaCl 8 g, potassio fosfato monobasico KH2PO4 0.2 g, sodio fosfato
bibasico dodecaidrato Na2HPO4 12 H2O 2.9 g, potassio cloruro KCl 0.2 g, acqua distillata fino a 1000 ml
2. Preparare, a partire da una soluzione madre colorata con blu di metilene, una serie di diluizioni in base 2 e
una serie in base 10, usando come diluente la soluzione di PBS preparata e, come recipienti, rispettivamente,
provette (impiegando le pipette graduate) e piastre microtiter (impiegando l e micropipette).
Si possono preparare le seguenti diluizioni:
Diluizioni in base 2
diluizione in
provetta
1:2
1:4
1:8
1:16
1:32

176

ml soluzione di
partenza
5
5 (dil.1:2)
5 (dil.1:4)
5 (dil.1:8)
5 (dil.1:16)

ml diluente da
in piastra microtiter
aggiungere
5
come nellesempio in provetta, ma con volumi ridotti a 50 l
5
5
5
5

Diluizioni in base 10
diluizione in provetta
1:10
1:100
1:1000

ml soluzione
di partenza
1
1 (dil.1:10)
1 (dil.1:100)

ml diluente
In piastra microtiter
da aggiungere
9
come nellesempio in provetta, ma con volumi ridotti,
rispettivamente, a 20 e 180
9
9

1. Preparare, a partire dalla stessa soluzione madre colorata con blu di metilene, tenendo conto della
concentrazione della soluzione di partenza e usando come diluente acqua demineralizzata:

12,5 ml di soluzione al 30%;

25 ml di soluzione al 20%;

50 ml di soluzione al 15%;

100 ml di soluzione al 10%.
ESERCITAZIONE 1.2 - TITOLAZIONI DI SOSTANZE IN SOLUZIONE
ANALISI VOLUMETRICA

Si usa esprimere il contenuto delle soluzioni titolate con la normalit.


Le soluzioni acide vengono determinate volumetricamente con basi o sali di acidi deboli (carbonico e borico),
le soluzioni basiche invece con acidi.
Nelle reazioni che avvengono in analisi volumetrica, le sostanze partecipano con ugual numero di
grammoequivalenti.
Il mezzo ossidante la sostanza che acquista elettroni, il mezzo riducente quello che cede elettroni.
Si usano soluzioni a contenuto noto di soluto (soluzioni titolate) contenenti una sostanza che agisce
quantitativamente e rapidamente sulla soluzione in esame.
Il punto finale della reazione viene indicato da una terza sostanza (indicatore) a seconda che la reazione acida
o alcalina (tornasole, fenolftaleina, rosso di metile). Nelle titolazioni ove centra lo iodio, si usa la salda damido
(si colora in azzurro). Usato molto il permanganato (violetto, che si scolora).
Un esempio di calcolo si ha quando si tratta di stabilire la pesata necessaria per preparare una certa quantit di
soluzione x normale:

ml . n
1000

X
Peso equivalente sostanza

PRELIEVO DA SOLUZIONE MADRE

Caso 1 (regola generale)


Quanti ml di acido alla % (densit d1) occorrono per preparare 1 lt di acido al b % (densit d2) ?
x d1 a % = 1000 d2 b %
Caso 2 (diluizione con acqua)
Con quanta acqua bisogna diluire g di acido alla % per ottenere acido al b % ?
g a % = (g + x) b %

177

Caso 3 (aggiunta della stessa soluzione o di acqua)


Quanto acido alla % bisogna aggiungere allo stesso acido al b % per preparare acido al c % ?
In tutti i casi in cui si mescolano due soluzioni della stessa sostanza oppure una soluzione con solvente puro
(acqua), si usa la differenza in croce:
a%

x
c%

b%

dove: a - c = y (ml di acido al b %)



b - c = x (ml di acido alla %)
Caso 4 (concentrazione molare M di una soluzione)
Grammi g di sale (peso molecolare del sale = pM) vengono sciolti in ml di acqua.
Calcolare la concentrazione molare della soluzione (M).
Metodo 1: un litro contiene g di sale 1000 g , quindi il numero di mole per litro (molarit) :
ml
1000 g
ml pM
Metodo 2: in ml di soluzione sono contenute moli (m) = m ml
1000
e g di sale corrispondono a moli (m) = g/pM
per cui si applica luguaglianza:

m ml
1000

grammi
pM

Caso 5 (peso percento di una soluzione, molarit e molalit)


ml di una soluzione di sale 2H2O contengono g grammi di sale e la soluzione acquosa ha una densit d. Calcolare
il peso (P) della soluzione, il peso %, molarit e molalit.
Peso della soluzione (P) = volume (ml) densit (d)
grammi pM sale 100
Peso % =
ml d pM sale.2H2O

Molarit

178

m ml
1000

Molalit

grammi
pM sale 2H2O

peso % 1000
g pM sale

Esercitazione parte A
Titolazione del cloro contenuto nellipoclorito di sodio commerciale

Principio del metodo: neutralizzazione con potassio ioduro e rivelazione con indicatore sodio tiosolfato
MATERIALE

Becker da 200 ml
Colonna graduata da 100 ml
Pipette graduate da 1 e 10 ml
Acqua distillata 100 ml
Potassio ioduro (KJ) in soluzione acquosa al 10%, fresca (da eliminare quando ingiallisce) 20 ml
Sodio tiosolfato 0,1 N fresco (da non conservare oltre 15 giorni) 300 ml
Acido acetico glaciale (RP) 10 ml
METODO

Prelevare ml 10 di prodotto a diluirlo con acqua distillata fino a 100 ml in colonna graduata.
Mettere 2 ml di questa soluzione in un becker ed aggiungere:
- soluzione al 10% di potassio ioduro 20 ml
- acido acetico glaciale 10 ml
Dopo aver agitato, far gocciolare lentamente il tiosolfato dalla buretta, continuando ad agitare.
Fermare il tiosolfato quando la soluzione nel becker diventa limpida come lacqua.
Leggere la quantit in ml di tiosolfato impiegato per la neutralizzazione e moltiplicare questo numero per 1,773.
Il valore ottenuto corrisponde al contenuto in cloro del prodotto esaminato espresso in grammi percento.
Esercitazione parte B
Determinazione delle proteine totali

Principio del metodo: colorimetrico secondo Lowry mediante il reagente di Folin-Ciocalteu.


adatto per determinare il contenuto proteico di prodotti solubili in molte situazioni, data la sue semplice esecuzione
che non richiede particolari attrezzature allinfuori di uno spettrofotometro a 700 nm.
MATERIALE

Reagente 1 * ml 1000
Reagente 2 ** ml 1000
Reagente 3 *** ml 50
Reagente commerciale di Folin-Ciocalteu diluito 1:2 con acqua bidistillata
Standard proteico commerciale diluito con diluente fino a mg 1 di proteina/ml
Diluente (per lo standard e per il campione): soluzione satura di acido benzoico
Acqua bidistillata
Becker di piccole dimensioni (capacit utile ca. 25 ml), completi di astina magnetica
Pipette graduate da ml 1 e da ml 10
Provettoni
Agitatore magnetico
Spettrofotometro con filtro a lunghezza donda di 700 mmicrometri

179

METODO

1. Distribuire a ml 10 il reagente 3 nei tre becker con astina magnetica.


2. Aggiungere al primo recipiente 0,1 ml del campione, al secondo 0,1 ml dello standard proteico diluito, al
terzo 0,1 ml di acqua bidistillata (blank).
3. Mescolare e lasciare a temperatura ambiente per 15 minuti.
4. Aggiungere rapidamente, sotto agitazione magnetica, ml 1 di reagente di Folin-Ciocalteu diluito ai tre
recipienti, usando pipette diverse. Continuare ad agitare per qualche secondo.
5. Lasciare a temperatura ambiente per almeno 30 minuti.
6. Aggiustare lo strumento di lettura a 0 usando il blank.
7. Leggere lassorbimento del campione e dello standard proteico allo spettrofotometro a 700 mmicrometri.
8. Calcolare il contenuto proteico del campione applicando la formula:

mg di proteina % nel campione


Dove:


(Ae C)
As

Ae = assorbimento del campione in esame


As = assorbimento dello standard proteico
C = concentrazione dello standard proteico in mg di proteina %
6 = fattore di correzione

Composizione dei reagenti


*Reagente 1
Sodio carbonato anidro, Na2CO3
Potassio-sodio-tartrato, KNaC4H4O6 . 4 H2O
Sodio idrato, NaOH 0,1 N
Conservare in recipiente di polietilene. Validit = mesi 6

g 20
g 0,5
ml 1000

**Reagente 2
Rame solfato, Cu SO4 . 5H2O
Acqua bidistillata
Conservare in recipiente di polietilene. Validit = mesi 3

g1
ml 1000

***Reagente 3
Reagente 1
Reagente 2
Da preparare giornalmente

ml 45
ml 5

Diluente (soluzione satura di acido benzoico)


Acido benzoico
Acqua bidistillata

180

mg 250
ml 100

-6

ESERCITAZIONE 1.3 PREPARAZIONE DI UN ANTIGENE BATTERICO A USO DIAGNOSTICO

Si tratta di preparare una sospensione di Salmonella enteritidis (1,9,12:g,m -) da impiegare come antigene
colorato nellagglutinazione lenta su piastra microtiter verso sieri nei quali si vogliono ricercare gli anticorpi.
La preparazione dellantigene avviene attraverso le seguenti fasi: coltivazione del ceppo su terreno solido;
raccolta della patina batterica con diluente fenicato; stima della concentrazione batterica con uno strumento;
diluizione al titolo duso con aggiunta del colorante; controlli finali.
MATERIALE

Per il primo giorno


Tre piastre di BHI Agar seminate con S. enteritidis e incubate a 37 C per 24 ore
1 spatola sterile
100 ml di soluzione fisiologica 0,5 % fenicata
Pipette graduate da 1, 5 e 10 ml
Un flacone sterile da 50 ml
Una provetta con 2 ml di soluzione acquosa allo 0,5% di blu di metilene
Due slant di BHI Agar
Una piastra microtiter con fondo a V completa di coperchio
Una scatola provvista di una fonte dumidit da porre in termostato
Micropipette da 50 e 100 l
Puntali per micropipette
Per il secondo giorno
Una provetta con 100 l di siero O 9 anti-salmonella
Una provetta con 100 l di siero di controllo negativo (siero bovino sterile)
Sei provettoni
100 ml di diluente sterile per conteggi
Una provetta con 10 ml di sospensione di S. enteritidis in diluente sterile, portata alla concentrazione 50 del
torbidimetro di Lange, per verificare attraverso conteggio il funzionamento dello strumento
Sei piastre di BHI Agar
Una spatola sterile
Pipette graduate da 1 e 10 ml
METODO

Primo giorno
1. Staccare la patina batterica di salmonella dalla superficie delle 3 piastre, versando in ciascuna 3 ml di
soluzione fisiologica 0,5% fenicata. La massa dei germi pu essere meglio raccolta con laiuto di una spatola
sterile e trasferita in un flacone da 50 ml.
2. Diluire con soluzione fisiologica 0,5% fenicata la sospensione gi raccolta, portandola a una concentrazione
pari al valore 50 del torbidimetro di Lange, opportunamente azzerato.
3. Colorare la sospensione aggiungendo blu di metilene in proporzione dello 0,6% (colorante in soluzione
acquosa allo 0,5%).
4. Allestire un controllo di inattivazione dei germi. Seminare 0,2 ml dellantigene preparato in due provette di
BHI Agar. Incubare a 37 C per 24 ore.

181

5. Allestire un controllo di sensibilit dellantigene entro una piastra microtiter (con fondo a V) secondo lo
schema seguente:
Prima fila (in due pozzetti): 150 l di soluzione fisiologica 0,5% fenicata
Dalla seconda allultima fila (sempre in due pozzetti): 100 l di soluzione 0,5% fenicata
Nel primo pozzetto della prima fila: siero O 9 anti-salmonella 50 l
Nel secondo pozzetto della prima fila: siero negativo di controllo 50 l
Diluire i due sieri procedendo in senso verticale. Passare 100 l da un pozzetto a quello sottostante, cambiando
puntale
Aggiungere in tutti i pozzetti 10 l di antigene colorato
Coprire la piastra con coperchio
Incubare in termostato a 37 C per 24 ore entro un contenitore con fonte di umidit
Secondo giorno
1. Allestire un controllo di specificit dellantigene mediante agglutinazione rapida su vetrino. Miscelare
con lago 20 l di siero anti-salmonella O9 con 20 l di antigene. Ripetere lagglutinazione verso un siero
di controllo negativo.
2. Controllare la stabilit dellantigene colorato (mantenuto in frigorifero per 24 ore) misurando la torbidit
che deve corrispondere al valore 50 (10 %) del torbidimetro di Lange.
3. Verificare la determinazione torbidimetrica allestendo un conteggio batterico di controllo su piastra. Allo
scopo, partendo da una sospensione batterica appositamente fornita in diluente sterile, verificata al Lange
per garantire una lettura pari a 5010%, preparare 6 diluizioni decimali (1 ml + 9 ml di diluente). Seminare
da ciascuna diluizione, con laiuto di una spatola sterile, 0,1 ml su altrettante piastre di BHI Agar, da incubare
capovolte in termostato a 37 C per 24 ore.
4. Leggere:
- controlli di inattivazione. Non si deve osservare crescita batterica nelle provette seminate con lantigene
ed incubate.
- controlli di sensibilit. Lagglutinazione verso il siero O9 deve essere presente in almeno 3 diluizioni,
mentre il siero negativo non deve agglutinare.
- controllo di funzionamento del torbidimetro. Consiste nellassumere il valore 5010%, cio la misurazione
della sospensione di controllo fornita, e paragonarla alla carica risultante dal conteggio su piastra, che a
sua volta deve corrispondere alla concentrazione batterica indicata in etichetta.
ESERCITAZIONE 1.4 - CONTROLLI DI QUALIT

A - Sterilit dei prodotti farmaceutici


B - Efficacia dei disinfettanti
C - Fertilit dei terreni batteriologici
STERILIT DEI PRODOTTI FARMACEUTICI

Questo test sorto per essere applicato a sostanze, preparazioni e articoli sanitari che, secondo la Farmacopea
Europea, devono essere sterili.
Precauzioni contro le contaminazioni microbiche
Il test di sterilit viene eseguito in condizioni di asepsi, adoperando una cappa a flusso laminare di classe A ed
effettuando periodicamente dei controlli dellarea di lavoro.

182

Terreni colturali
I terreni citati possono essere preparati a partire dagli ingredienti oppure acquistati in forma disidratata. Il terreno
Brodo Tioglicolato indicato per i germi aerobi e anaerobi. Il terreno Digerito di caseina-semi di soia (meglio
conosciuto come Trypticase Soy Broth, TSB) adatto per la coltura dei germi aerobi e dei funghi. Altri terreni
equivalenti possono essere impiegati al posto di questi citati.
I terreni batteriologici destinati al controllo di sterilit dei prodotti farmaceutici devono essere controllati per
sterilit, fertilit, assenza dinibizione.
Controllo di sterilit dei terreni
Un campione della partita di terreno da usare viene incubato a 37 C per 14 giorni. Non si deve vedere crescita
batterica.
Controllo di fertilit dei terreni
Due provettoni di Brodo Tioglicolato vanno inoculati con 10-100 cellule di un ceppo batterico aerobio (scelto fra
Staphylococcus aureus, Bacillus subtilis e Pseudomonas aeruginosa).
In pratica, si coltiva il ceppo scelto in Brodo BHI per 24 ore a 37 C, si allestisce da questo una diluizione 1:1000
in soluzione fisiologica sterile e si seminano due provettoni di Brodo Tioglicolato, ciascuno con 0,1 ml. Questo
controllo va incubato a 30-35 C per 3 giorni.
Due provettoni di TSB vanno inoculati con almeno una cellula di un ceppo di Candida albicans o di Aspergillus niger.
In pratica, si coltiva il ceppo scelto in Brodo Sabouraud per 5 giorni a 20 C (temperatura ambiente), si allestisce
da questo una diluizione 1:1000 in soluzione fisiologica sterile e si seminano due provettoni di TSB, ciascuno con
0,1 ml. Questo controllo va incubato a 20-25 gradi (temperatura ambiente ) per 5 giorni.
I terreni sono fertili se si osserva chiaramente crescita dei microrganismi seminati.
Controllo di assenza dinibizione dei terreni
Quando si fa un test di sterilit su nuovi prodotti oppure si cambia qualcosa nella procedura operativa (ad
esempio, la marca di un terreno), si procede come per il controllo di fertilit dei terreni, con la differenza che
si introduce nei provettoni, oltre ai germi, anche il prodotto da esaminare, nella quantit descritta pi avanti a
proposito della semina del campione. Dopo incubazione, si deve vedere chiaramente la crescita dei microrganismi
seminati; in questo caso, il prodotto da esaminare non possiede attivit antibatterica.
Campionatura
Per lindustria farmaceutica esiste una guida circa il numero minimo di confezioni di un certo farmaco da
controllare per la sterilit (tabella 69):
Tabella 69 - Campionatura prescritta per i controlli di sterilit farmaceutica
Numero minimo di confezioni da seminare
Numero di confezioni nella partita
in ciascun terreno per il controllo di sterilit*
Preparazioni parenterali
- non pi di 100 contenitori
10% oppure 4 contenitori
- tra 100 e 500 contenitori
10 contenitori
- pi di 500 contenitori
2% dei contenitori fino a un massimo di 20
Preparazioni oftalmiche o altre non iniettabili
- non pi di 200 contenitori
5% oppure 2 contenitori
- pi di 200 contenitori
10 contenitori
- se contenitori monodose preparazioni parenterali
Catgut e altri materiali da sutura per uso veterinario
2% dei pacchetti fino a un massimo di 20

183

Prodotti solidi in bulk


- fino a 4 contenitori
- tra 4 e 50 contenitori
- pi di 50 contenitori

tutti
20% oppure 4 contenitori
2% oppure 10 contenitori

* se la quantit di prodotto nei recipienti sufficiente, il numero di pezzi indicato in questa colonna va
usato per la semina contemporanea dei due terreni.

Semina diretta dei campioni


Ogni campione va seminato in Brodo Tioglicolato e in TSB entro provettoni con 40 ml ciascuno di terreno. Il
rapporto campione : terreno non deve mai superare 1:10.
La quantit di prodotto da esaminare la seguente (tabella 70):
Lettura ed interpretazione dei risultati
I provettoni dei due terreni impiegati per la prova vanno incubati per 14 giorni alle seguenti temperature: Brodo
Tioglicolato a 37 C, TSB a 20-25 C (temperatura ambiente). consigliabile seguire giornalmente landamento
della prova.
Se il materiale da esaminare rende il terreno torbido, trasferire una piccola quantit del terreno (ad esempio, 0,1
ml) in un altro provettone dello stesso terreno e proseguire lincubazione per un tempo totale di 14+7 giorni.
Al termine dellincubazione, si leggono tutti i provettoni accuratamente e si considera sterile il campione che
non mostra sviluppo di microrganismi nelle colture.
La prova di sterilit pu essere giudicata non valida quando crescono dei microrganismi anche nei provettoni di
terreno non seminato lasciati come controllo negativo oppure quando ci si accorge di aver commesso degli errori
tecnici. In questi casi, bisogna ripetere la prova, che sar considerata favorevole se risultata sterile.
Tabella 70 - Quantit di semina per i controlli di sterilit farmaceutica
Tipo di
Quantit per recipiente
Quantit minima da seminare
preparazione
in ciascun terreno
Preparazioni
Liquidi
parenterali
- meno di 1 ml
contenuto intero recipiente
met contenuto e < 20 ml
- 1 ml o pi
Solidi
contenuto intero recipiente
- meno di 50 mg
- da 50 fino a 300 mg
met contenuto
- 300 mg o pi
150 mg
Preparazioni
Soluzioni acquose
contenuto intero recipiente e >2,5 ml
oftalmiche e altre Altre preparazioni solubili in acqua o isopropil-miristato contenuto intero recipiente e > 0,25 g
non iniettabili
Preparazioni insolubili, creme, unguenti da sospendere contenuto intero recipiente e > 0,25 g
o da emulsionare
Catgut e altri
3 pezzi ciascuno lungo 30 cm
materiali da sutura
di uso veterinario

184

Esercitazione parte A
Controllo di sterilit dei prodotti farmaceutici
MATERIALE

Una confezione di vaccino liofilizzato da esaminare


Diluente sterile per la ricostituzione del vaccino (una fiala di acqua distillata da 5 ml)
Quattro provettoni di Brodo Tioglicolato
Quattro provettoni di TSB
Una brodocoltura di S. aureus
Una brodocoltura di Candida albicans
Sei provettoni sterili vuoti
Soluzione fisiologica sterile ml 100
METODO

Primo giorno
1. Distribuire sterilmente in sei provettoni vuoti 9 ml di soluzione fisiologica.
2. Allestire in tre provettoni le diluizioni decimali di S. aureus 10-1/10-2/10-3, trasferendo 1 ml di brodocoltura in
9 ml di soluzione fisiologica e cos di seguito, agitando prima di ogni passaggio e cambiando pipetta.
3. Allestire in altri tre provettoni le diluizioni decimali di Candida albicans con le stesse modalit.
4. Ricostituire con il diluente sterile la confezione di vaccino liofilizzato. Aspettare fino a completo scioglimento
del prodotto.
5. Contrassegnare opportunamente i provettoni dei terreni di prova (Brodo Tioglicolato e TSB).
6. Seminare il vaccino a 1 ml per provettone in un Brodo Tioglicolato e in un TSB. Questi provettoni rappresentano
il test di sterilit.
7. Seminare quindi il vaccino a 1 ml in un Brodo Tioglicolato e in un TSB. Aggiungere al Brodo Tioglicolato 0,1
ml della diluizione 10-3 di S. aureus e al TSB 0,1 ml della diluizione 10-3 di Candida albicans. Questi provettoni
rappresentano il test di assenza dinibizione.
8. Seminare 0,1 ml di brodocoltura non diluita di S. aureus e di Candida albicans, rispettivamente, in un Brodo
Tioglicolato e in un TSB. Questi provettoni rappresentano il test di fertilit dei terreni.
9. Lasciare non seminati un Brodo Tioglicolato e un TSB. Questi provettoni rappresentano il test di sterilit dei
terreni.
10. Incubare i provettoni di Brodo Tioglicolato a 37 C e i provettoni di TSB a 20-25 C (temperatura ambiente)
per la durata di 14 giorni
Secondo giorno
La lettura va fatta giornalmente fino al termine del periodo prescritto. Compilare il protocollo delle prove.
ESEMPIO DI PROTOCOLLO OPERATIVO

Controllo di sterilit n

Data inizio

Descrizione del prodotto in esame


Lotto di produzione n

Quantit prodotta

Data scadenza

Confezione da dosi

185

TERRENO

QUANTITA DI SEMINA

INCUBAZIONE

Tioglicolato provettone 1
Tioglicolato provettone 2

1 ml (campione)
1 ml campione + 0,1 ml
S. aureus diluito 10-3
S. aureus 0,1 ml
NON SEMINATO
1 ml (campione)
1 ml campione + 0,1 ml
C. albicans diluita 10-3
C. albicans 0,1 ml
NON SEMINATO

+37 C per 14 giorni


idem

Tioglicolato provettone 3
Tioglicolato provettone 4
TSB provettone 1
TSB provettone 2
TSB provettone 3
TSB provettone 4

LETTURA
DATA
ESITO*

idem
idem
20-25 C per 14 giorni
idem
idem
idem

* segnare con + in caso di sviluppo microbico, - in caso di assenza di crescita di microrganismi

ANNOTAZIONI SULLA PROVA


ESITO DEL CONTROLLO DI STERILITA
Esercitazione parte B
Controllo di efficacia dei disinfettanti

possibile dimostrare in maniera semplice se un prodotto (da usare, ad esempio, nella composizione di un farmaco
per renderlo asettico) agisce rapidamente sui batteri.
Il metodo sostanzialmente quello standard europeo EN 1040 per gli antisettici e per i disinfettanti, adattato alle
esigenze dellesercitazione.
MATERIALE

Sospensione batterica da usare come test


Sostanza ad azione antibatterica alla diluizione duso, 10 ml
Soluzione fisiologica sterile, 100 ml
Tre piastre di terreno Mueller-Hinton Agar
Brucella Broth, 200 ml
Filtro a membrana da 0,22 m, montato su apparecchio filtrante della capacit di 100 ml
Pinza e bisturi sterili
Micropipetta da 200 l con puntali sterili
Provette sterili, 8
METODO

Primo giorno
1. Allestire in soluzione fisiologica sterile una sospensione del germe-test con densit pari a 1 Mac Farland,
corrispondente a 1,55 x 108 germi/ml.
2. Verificare la concentrazione della sospensione seminando 100 l di una diluizione 1:200.000, in soluzione
fisiologica sterile, su due piastre di Mueller-Hinton Agar.

186

3. Diluire 1 ml della sospensione batterica con 9 ml del prodotto antibatterico da saggiare, portato alla
concentrazione desiderata per luso.
4. Incubare la miscela a temperatura ambiente (20 C) per 5 minuti.
5. Diluire, dopo lincubazione, 200 l della miscela in 100 ml di Brucella Broth, preparati entro un apparecchio
per filtrazione da 100 ml con montata una membrana filtrante tipo Millipore da 0,22 m.
6. Filtrare, risciacquare il filtro con 100 ml di Brucella Broth.
7. Ritagliare con bisturi sterile la membrana e depositarla con una pinza sterile sulla superficie di una piastra
di terreno Mueller-Hinton Agar.
8. Incubare tutte le piastre a 37 C per 48 ore in termostato.
Secondo giorno
Contare le colonie batteriche e calcolare la riduzione di germi vivi operata dal prodotto antibatterico saggiato
applicando la formula:
R = N x 10-1/Na
Dove:
N = numero di colonie contate sulle due piastre di controllo della sospensione batterica usata come test
Na = numero di colonie contate sulla membrana filtrante dopo il contatto fra batteri e prodotto disinfettante.
Esercitazione parte C
Controllo di fertilit dei terreni batteriologici

Il metodo seguente permette di verificare se un terreno specifico per la ricerca degli stafilococchi (Baird-Parker)
d almeno il 70% di colonie di S. aureus quando si semina contemporaneamente a un terreno non selettivo di
riferimento (TSA).
MATERIALE

Primo giorno
Ceppo di S. aureus ATCC coltivato su terreno solido
Torbidimetro di Mc Farland
Spettrofotometro a 625 nm con cuvette da 1 cm
Provette da centrifuga
Provettoni, 6
Soluzione sterile di Ringer, 100 ml
Spatole sterili a L per batteriologia, 2
Piastre di Baird-Parker Agar, 6
Piastre di TSA, 6
METODO

Primo giorno
1. Allestire una sospensione di S. aureus (ceppo di refernza ATCC) in una provetta da centrifuga con ml 5 di
soluzione di Ringer
2. Portare a torbidit 1 Mc Farland (allo spettrofotometro la densit ottica D.O. compresa fra 0.18 e 0.22)
3. Preparare nei provettoni le diluizioni decimali (1 ml + 9 ml di soluzione di Ringer) fino a 10-6
4. Seminare, con 0,1 ml per piastra, due piastre di TSA e due piastre di Baird-Parker, solamente con le diluizioni
10-4, 10-5, 10-6

187

5. Con spatole diverse, partendo dalla diluizione pi elevata, distribuire linoculo sulle piastre di TSA e di BairdParker
6. Incubare le piastre capovolte in termostato a 37 C per 48 ore
Secondo giorno
Calcolare la media delle colonie contate su ogni coppia di piastre dello stesso terreno. Verificare che, nella stessa
diluizione, sul terreno in esame sia presente almeno il 70% delle colonie cresciute sul terreno di riferimento.

188

Capitolo 2
Esami in microscopia

ESERCITAZIONE 2.1 COLORARE I BATTERI e osservarli


AL MICROSCOPIO
MATERIALE

Due provette di terreno BHI agar solidificato a becco di clarino (slant) con colture, rispettivamente, di Escherichia
coli (Gram-negativo) e di Bacillus subtilis (Gram-positivo)
Vetrini con strisci gi fissati di Mycobacterium spp.(alcool-acido resistente)
Reagenti per la colorazione di Gram (modificata da Hucker) e per la colorazione di Ziehl-Neelsen
Una provetta di soluzione fisiologica sterile
Vetrini portaoggetti, ansa, pinza
Una brodocoltura per ciascuno dei seguenti ceppi: Bacillus subtilis, Staphylococcus aureus, Escherichia coli,
Candida albicans
Colorante blu di metilene (o blu di Loeffler)
Oculare speciale con scala micrometrica impressa
Vetrino micrometro
METODO

A) Colorazione di Gram
1. Striscio: su un vetrino portaoggetti, previamente pulito e sgrassato, depositare con lansa una goccia di
soluzione fisiologica sterile. Alla fiamma prelevare sterilmente con lansa una piccola quantit di patina
di Escherichia coli dalla coltura su BHI agar e stemperarla nella soluzione fisiologica sul vetrino, stendendo
poi la goccia a formare un sottile strato. Lasciare asciugare completamente allaria.
2. Fissaggio: passare lentamente tre volte il vetrino (con il lato strisciato verso la fiamma) sul bunsen
ossidante (fiamma blu). Ripetere loperazione su un secondo vetrino con il ceppo di Bacillus subtilis.
3. Colorazione: consiste nel coprire il vetrino con cristalvioletto per un minuto, lavare sotto acqua corrente,
coprire con la soluzione di Lugol per un minuto, decolorare immergendo e agitando brevemente il
preparato entro un recipiente con alcool-acetone. Si lava con acqua e si colora con safranina o fucsina
basica per 30 secondi: Dopo un ultimo lavaggio con acqua, si asciuga accuratamente il preparato con
carta assorbente nuova e si esamina al microscopio con obiettivo 100x, dopo aver messo sullo striscio
una goccia di olio per immersione.
B) Colorazione di Ziehl-Neelsen
Il preparato gi fissato viene coperto con abbondante fucsina fenicata e riscaldato per 5 minuti, interrompendo
alla comparsa di vapori, con la fiamma opportunamente ridotta del bunsen, applicata sotto il vetrino. I
passaggi seguenti sono: acqua, alcool-acido per 30 secondi, acqua, blu di metilene per 30 secondi, acqua.
Si usa una vaschetta per colorazioni e una pinza.
Si asciuga accuratamente il preparato con carta assorbente nuova e si esamina al microscopio con obiettivo
100x, dopo aver messo sullo striscio una goccia dolio per immersione.
C) Osservare i batteri al microscopio per valutarne le dimensioni
1. Allestire degli strisci su vetrino da ciascuna brodocoltura, fare asciugare a temperatura ambiente,

193

fissare alla fiamma, colorare per 1 minuto con blu di metilene, lavare con acqua, asciugare con carta
assorbente.
2. Sostituire uno degli oculari del microscopio con loculare speciale.
3. Scegliere lobiettivo 25x e posizionare sul microscopio il vetrino micrometro.
4. Mettere a fuoco il vetrino, in modo da leggere la scala graduata e riconoscere, accanto ai tratti, le scritte
0 e 0,1 (millimetri).
5. Ruotare loculare speciale, in modo che le sue graduazioni risultino allineate con quelle del vetrino.
6. Calcolare il numero di tratti (o divisioni ottiche) delloculare che cadono sopra un intervallo leggibile
rilevato sulla scala del vetrino. Con lobiettivo 25x inserito, 10 tratti sulloculare corrispondono a 4 tratti
sul vetrino, cio a 0.04 millimetri.
7. Sostituire al vetrino micrometro il preparato colorato e mettere a fuoco il microrganismo che si vuole
misurare.
8. Con opportuni aggiustamenti del preparato (spostando la slitta sul tavolino del microscopio) e della
scala impressa sulloculare (ruotando loculare stesso) sovrapporre la scala al corpo batterico e ricavarne
le dimensioni approssimative, in lunghezza e in larghezza, ricordando che ogni tratto della graduazione
vale 4 micrometri.
9. Togliere il preparato colorato, inserire sul microscopio lobiettivo 100x (immersione) e posizionare
nuovamente il vetrino micrometro, con laggiunta di una goccia dolio per immersione.
10. Ripetere le operazioni descritte da 4) a 8). Con lobiettivo a immersione 100x, si vede che 10 tratti
sulloculare corrispondono a 0,01 millimetri. Pertanto, esaminando le dimensioni di un germe sul
preparato colorato, bisogna calcolare che ogni tratto della graduazione vale, a questo ingrandimento,
1 micrometri.
RISULTATI DELLE PROVE
Colorazione
Gram

Coltura batterica esaminata


Escherichia coli

Aspetto microscopico

Bacillus subtilis
Ziehl-Neelsen
Microrganismo

Mycobacterium spp.
Lunghezza
(in micrometri)

Larghezza o diametro (in micrometri)

Bacillus subtilis
Staphylococcus aureus
Escherichia coli
Candida albicans

I preparati sono stati letti con obiettivo


con vetrino micrometro.

194

x dopo aver effettuato la taratura delloculare

ESERCITAZIONE 2.2 - DETERMINAZIONE SEMI-QUANTITATIVA


DEI MICRORGANISMI CON IL MICROSCOPIO

I batteriologi hanno da sempre cercato di scoprire se i germi patogeni che causavano fenomeni clinici erano
tanti o pochi allinterno di un organismo vivente. Lesame microscopico di strisci colorati, eseguiti direttamente
da campioni, per esempio, di liquidi organici, apparve subito come un metodo relativamente semplice e poco
costoso e quindi appetibile. Tuttavia, nonostante gli sforzi fatti per affinare le tecniche necessarie allo scopo,
nessuno fra i metodi di valutazione quantitativa dei microrganismi, fatto attraverso la lettura di strisci diretti al
microscopio, riuscito finora a garantire una certa sensibilit ed una buona precisione di risultati.
Il campione, infatti, dovrebbe contenere almeno 105 microrganismi/ml, affinch qualcuno di essi possa essere
visto sullo striscio. Per comprendere la bassa sensibilit dei metodi microscopici, bisogna tener presente che,
con meno di 10 batter/ml, si pu avere crescita solo se si dispone di un terreno liquido e che solamente con 102103 germi un terreno solido pu dare luogo a crescita di colonie. Addirittura, in un brodo occorrono 105 germi/
ml per poter cominciare ad apprezzare una certa torbidit ad occhio nudo.
Pertanto, opportuno parlare di determinazioni semi-quantitative, ragione sufficiente per considerare i metodi
colturali preferibili per valutazioni pi accurate. Ciononostante, lusanza di esprimere attraverso un calcolo visivo
la concentrazione dei microrganismi rimasta.
Fra i metodi microscopici che ancora si praticano, vengono qui prospettati i seguenti:
1) conta con vetrini di Breed;
2) conta con camera di Thoma-Zeiss;
3) epifluorescenza diretta.
1) Conta con vetrini di Breed

un metodo nato per il conteggio rapido dei batteri nel latte di massa, ma pu essere esteso anche ad altri
scopi. Si misura la superficie di un campo microscopico (cio larea circolare che si vede avvicinando gli occhi al
microscopio) mediante confronto immediato con un vetrino portaoggetti di referenza millimetrato. Si calcola
facilmente quanti campi microscopici stanno dentro un centimetro quadrato.
Si stendono 0,01 ml del campione liquido su un vetrino di Breed, occupando un cerchio dellarea di un centimetro
quadrato, si fissa e si colora. Una volta che si sono contati i germi presenti in almeno due campi e si fatta la
media, possibile con il calcolo risalire al numero presumibile di germi in un ml del campione esaminato.
MATERIALE

Microscopio con obiettivo ad immersione 100x e oculari 10x


Vetrino di referenza millimetrato, che reca incisa una scala per una lunghezza totale di 2 mm, con divisioni di
0,01 mm ciascuna
Micropipetta in grado di erogare 10 l, completa di puntali gialli
Campione rappresentato da una sospensione in soluzione fisiologica da diluire
Quattro provette con 9 ml di soluzione fisiologica sterile
Pipette da 1 ml e propipetta
Vetrini portaoggetti di Breed, ben sgrassati, con cerchietti da 1 cm2 (su ogni vetrino si trovano impressi quattro
cerchietti)
Coloranti per Gram
METODO

1. Diluire il campione in soluzione fisiologica sterile a 10-1, 10-2, 10-3, 10-4 (1 ml + 9 ml, ripetendo il passaggio
per quattro volte), al fine di ridurre la concentrazione dei batteri nel campione e poter imitare un caso reale

195

di conteggio.
2. Depositare, con micropipetta, entro un cerchietto da 1 cm2 presente sul vetrino portaoggetti di Breed,
0,01 ml delle varie diluizioni del campione in esame, distribuendo accuratamente il liquido senza
uscire dalla circonferenza.
3. Lasciare asciugare a temperatura ambiente.
4. Fissare alla fiamma.
5. Colorare con il metodo di Gram.
6. Osservare al microscopio con obiettivo a immersione (100x).
7. Contare il numero di germi visibili in due campi dello stesso cerchietto, scelti a caso, e calcolare la media
aritmetica.
8. Calcolare come segue il numero (X) di germi per ml di campione:
X = media aritmetica dei batteri contati x 100 (avendo esaminato 1/100 di ml) x 66*
* 66 il numero dei campi in 1 cm2 e nasce dal rapporto 1/0,015 (superficie di un campo microscopico in cm2).

La superficie (s) del campo microscopico si misura come segue: il raggio del campo microscopico, nel caso
specifico, risulta pari a 7 divisioni del vetrino millimetrato di referenza (da 0,01 mm ogni divisione), e cio di
0,07 mm = 0,007 cm. Di conseguenza: Superficie (S) = p r2 = 3,14 x 0,0072 = 0,015 cm2.
2) Conta con camera di Thoma-Zeiss

La camera di Thoma-Zeiss (simile a quella di Burker e a quella di Petroff) formata da un vetrino portaoggetti
di forte spessore, che porta inciso sopra un reticolo delimitante quadrati di varie dimensioni di area nota.
Sovrapponendo a questo vetrino un copri-oggetti, lo spazio interno della camera compreso fra i due vetri
risulta alto 0,1 mm. Se si introduce nella camera la sospensione del campione (fissata e colorata), possibile, al
microscopio, contare quanti germi si collocano mediamente nei quadrati e risalire alla concentrazione batterica
con un semplice calcolo.
MATERIALE

Una camera di Thoma-Zeiss completa di copri-oggetto


Un campione costituito da 5 ml di una sospensione di germi, formolata al 10%, pre-diluita e da colorare
estemporaneamente
Una provetta con 1 ml di soluzione fisiologica addizionata dello 0,1% di blu di metilene
Pipette graduate da 1 ml
METODO

1. Colorare il campione con una goccia di blu di metilene.


2. Con laiuto di una pipetta da 1 ml, far entrare, per capillarit, il campione colorato nello spazio compreso fra
la camera di Thoma-Zeiss ed il vetrino copri-oggetto.
3. Osservare il preparato con un microscopio a 400 ingrandimenti (oculare 10x, obiettivo 40x), mettendo a
fuoco una zona del reticolo impresso sul vetrino.
4. Contare i germi colorati in blu che si trovano allinterno di alcuni quadrati (quelli di dimensione pi piccola)
e calcolare la media.
5. La concentrazione batterica per ml viene calcolata moltiplicando la media per 400 (larea di un quadrato
piccolo pari a 1/400 di mm2) e poi per 104 (fattore di conversione dellarea osservata in volume espresso
come ml).

196

3) Epifluorescenza diretta

Il cosiddetto DEFT (Direct Epifluorescence Test) si basa sulla filtrazione del campione biologico attraverso una
membrana, sopra la quale i germi si depositano e possono essere successivamente resi visibili con un colorante
fluorescente (arancio dacridina). Segue losservazione al microscopio a fluorescenza e il conteggio delle cellule
batteriche che appaiono giallo-arancio.
MATERIALE

Un campione biologico liquido del volume di 40 ml contenente dei germi in sospensione pre-diluita
Un supporto filtrante con membrana da 0,45 m
Una piastra di Petri sterile di vetro
Una pinza sterile
Una forbice sterile
Un bisturi sterile
50 ml di PBS
10 ml di fissativo (miscela contenente alcool etilico ed acido acetico nella proporzione di 3 :1)
10 ml di colorante arancio dacridina (soluzione acquosa allo 0,05% con pH finale aggiustato a 1,5-3,5 mediante
HCl 1N)
Vetrino porta-oggetti e copri-oggetti
1 ml di glicerolo in soluzione acquosa al 50%
METODO

1. Con laiuto di una pompa per vuoto, filtrare una quantit nota del campione attraverso un supporto filtrante.
Questo sistema sar dotato di una membrana in acetato del diametro di 42 mm con porosit 0,45 m.
Campioni non liquidi possono essere risospesi in un diluente fisiologico (ad esempio, PBS), omogeneizzati
e filtrati.
2. Con un bisturi sterile e una pinza sterile, togliere la membrana da supporto filtrante e trasferirla entro una
piastra di Petri sterile vuota.
3. Fissare la membrana bagnando la superficie con un fissativo (miscela etanolo/acido acetico). Far agire per
15 minuti.
4. Vuotare, lavare con 10 ml di PBS, vuotare nuovamente.
5. Coprire la membrana con la soluzione colorante di arancio dacridina e lasciare agire per 30 minuti.
6. Lavare per due volte con 10 ml di PBS
7. Preparare un vetrino portaoggetti con sopra, al centro, una goccia di glicerolo.
8. Con pinza e forbice ritagliare dalla membrana un quadrato di circa 2 cm di lato e appoggiarlo sopra il vetrino,
in corrispondenza della goccia di glicerolo, che render trasparente la membrana.
9. Coprire il preparato con un vetrino copri-oggetti.
10. Esaminare al microscopio a fluorescenza per contare le cellule batteriche che risultano fluorescenti e di
colore giallo-arancio. Moltiplicare il numero di cellule contate per il rapporto fra superficie della membrana
(13,85 cm2) e superficie del campo visibile al microscopio (0,015 cm2) e dividere per il volume del campione
esaminato.

197

ESERCITAZIONE 2.3 - IDENTIFICARE CON L IMMUNOFLUORESCENZA

Nellesercitazione vengono proposte colorazioni di cellule batteriche da osservare in fluorescenza. Gli strisci vengono
allestiti partendo da colture sviluppate su slant di terreno solido. Il metodo adottato, nel caso dellimmunofluorescenza,
quello indiretto. La prova volta allidentificazione di genere di un microrganismo gi isolato e pu essere estesa, con
poche modifiche, al riconoscimento diretto di un agente patogeno in un campione biologico.
MATERIALE

Siero anti-Salmonella (preparato su coniglio)


Siero fluorescente anti-coniglio
Coloranti per Gram
Soluzione di fissaggio per colorazione arancio dacridina 50 ml (acido acetico-etanolo 1:3)
Soluzione colorante fluorescente allarancio dacridina (arancio dacridina soluz. acquosa allo 0,05% con pH
aggiustato a 1,5-3,5 mediante HCl 1N)
Ceppi batterici coltivati su slant di BHI Agar in provette: Salmonella enteritidis, Salmonella derby, Escherichia coli,
Proteus mirabilis, Bacillus subtilis, Staphylococcus aureus
Due provette da 10 ml di soluzione fisiologica sterile
Sei provette da centrifuga sterili vuote
Vetrini portaoggetti per fluorescenza
Pipette graduate sterili da 1 ml
Carta assorbente da imbibire con acqua distillata
Piastre di Petri vuote
Una provetta di acqua distillata da 10 ml
Soluzione fosfato tampone (PBS) 100 ml per lavaggio vetrini
METODO

Preparazione delle sospensioni batteriche


1. Distribuire nelle sei provette vuote 2 ml di soluzione fisiologica sterile per provetta
2. Allestire dai sei ceppi batterici una sospensione moderatamente densa in 2 ml di soluzione fisiologica.
3. Utilizzare la rimanente soluzione fisiologica sterile per uneventuale ulteriore diluizione delle sospensioni.
Colorazione dei vetrini
1. Gram Da ciascuna sospensione, allestire uno striscio su vetrino. Fissare alla fiamma e colorare con Gram nel
modo consueto.
2. Arancio dacridina Da ciascuna sospensione, allestire uno striscio, lasciarlo asciugare allaria, fissarlo
coprendolo per 30 minuti a temperatura ambiente con lapposito fissativo (miscela acido acetico-etanolo
1:3). Dopo averlo fatto asciugare allaria per qualche minuto, colorarlo per 30 minuti con arancio dacridina
e, quindi, lavarlo due volte con PBS.
3. Fluorescenza In ciascuna sospensione, mettere una goccia di siero anti-Salmonella, agitare per mescolare e
aspettare 5 minuti, Strisciare, quindi, unansata su un vetrino, lasciare asciugare allaria e fissare alla fiamma.
Colorare coprendo gli strisci con una quantit sufficiente di siero fluorescente, dopo aver posizionato i vetrini
portaoggetti in piastre di Petri contenenti un quadrato di carta bibula imbevuto di acqua distillata per
mantenere lumidit. Attendere 30 minuti e quindi lavare con PBS. Asciugare i vetrini delicatamente con
carta assorbente nuova.

198

Lettura delle serie di vetrini


Osservare i preparati fluorescenti a 40 ingrandimenti e poi con obietttivo a immersione, usando un microscopio
a campo oscuro e luce ultravioletta. Annotare i risultati degli esami microscopici letti.
ESERCITAZIONE 2.4 - TECNICHE ISTOLOGICHE APPLICATE
ALLA MICROBIOLOGIA

Sono qui di seguito riportate alcune fasi fondamentali per eseguire esami istologici finalizzati al completamento
di diagnosi di laboratorio riguardanti malattie infettive di origine batterica.
Tecnica per lallestimento di un preparato istologico

La procedura composta da quattro fasi: FISSAZIONE, INCLUSIONE, TAGLIO, COLORAZIONE


FISSAZIONE

Scopo della fissazione di immobilizzare i costituenti cellulari e tissutali del campione in esame in uno stato il
pi vicino possibile a quello di vita.
Negli anni sono state messe a punto numerose formule di fissativi, nella ricerca della miglior preservazione delle
componenti tissutali che si vogliono indagare.
Componenti base di questi fissativi sono: aldeidi, sali di metalli pesanti (mercurio, cromo, osmio), acidi organici
(acidi acetico, tricloroacetico, picrico), etanolo.
Tra questi, il pi diffuso e comune laldeide formica, allestita al 4% (comunemente chiamata formalina al
10%). Non certo il migliore fissativo, ma di facile uso, reperibile, e soprattutto permette di conservare a lungo
i campioni di tessuto dopo il prelievo. Laldeide formica si trova in commercio al 40% (vol/vol) e viene diluita
1:10 con PBS o con tampone fosfato a pH fisiologico. Si ha cos la formalina al 10%.
Altro fissativo molto comune letanolo, usato al 95%. Conserva le strutture idrosolubili (come il glicogeno), ma
idoneo per la conservazione del campione per peiodi medio-lunghi.
Procedura Il campione deve essere immerso nel pi breve tempo possibile in un volume abbondante del liquido
prescelto come fissativo (almeno 6-8 volte il volume del campione). Il tempo necessario per una buona fissazione
dato dalla temperatura, dal volume del campione e dalle caratteristiche del fissativo. Convenzionalmente, per
la formalina occorrono 2-3 giorni, per letanolo 1 giorno, considerando campioni di un centimetro cubico circa.
INCLUSIONE

Scopo dellinclusione di poter allestire dei campioni idonei al taglio in sezioni sottili, normalmente di 3-7
micron.
Il mezzo di inclusione pi usato la paraffina (ma oggi ci sono in commercio miscele di polimeri plastici che
danno risultati migliori) con punto di fusione a 56-59 C. Per sezioni pi sottili si pu ricorrere a mezzi plastici o
resine (nel mercato ne esistono di vari tipi e richiedono procedure specifiche).
Non essendo le paraffine solubili in acqua, non possibile trasferirvi direttamente i campioni dopo la fissazione.
Per questo motivo occorre interporre una fase di disidratazione, seguita da un procedimento di sostituzione
del disidratante con un solvente compatibile con la paraffina. Queste due fasi sono chiamate, rispettivamente,
disidratazione e chiarificazione.
Disidratazione - Il campione, dopo un breve lavaggio in acqua corrente, viene immerso in una serie di alcool a
gradazione crescente (la sostituzione dellacqua deve essere graduale, onde evitare coartazioni del tessuto). Una

199

scala convenzionale prevede: etanolo a 50, 70, 95, etanolo assoluto. Il tempo di permanenza nei vari passaggi
proporzionale al volume del campione.
Alcune avvertenze: nelletanolo 50 e 70 il tempo di permanenza pu essere illimitato; non cos per i successivi
passaggi, poich lassenza di acqua indurisce il campione. Per una corretta disidratazione i vari alcool vanno
sostituiti. Una scaletta-tipo pu essere la seguente:
alcool 50 = due cambi, di unora cadauno
alcool 70 = un cambio di unora, pi uno di due ore
alcool 95 = due cambi di 90 minuti ciascuno
alcool assoluto = due-tre cambi di unora ciascuno. Non deve rimanere traccia di acqua nel tessuto-campione.
Nota: per una disidratazione migliore e pi veloce importante agitare ripetutamente il flacone contenente lalcool e il campione.

Chiarificazione - Si usa questo termine perch il campione, dopo la sostituzione dellalcool, assume un aspetto
traslucido, quasi trasparente.
I solventi utilizzabili sono diversi e ognuno presenta pregi e controindicazioni (toluene, xilolo, benzolo,
cloroformio). Una maggior sensibilit verso linquinamento ambientale e la salute delloperatore sconsigliano
luso di alcuni di questi prodotti. In sostituzione, si trovano in commercio solventi di origine vegetale meno
tossici, tra cui lo xilolo. La modalit duso la stessa per i vari solventi.
Si passa rapidamente il campione dallalcool assoluto al solvente prescelto, sostituendolo 2-3 volte e agitando
periodicamente; bene che il tempo di permanenza sia contenuto, per cui 1-3 ore sono sufficienti. Finalmente
il campione pronto per essere infiltrato dalla paraffina, che viene predisposta in un termostato apposito
tenuto a temperatura di 57-59 C. Lentamente il solvente lascer il posto alla paraffina, in modo da penetrare
perfettamente nel campione.
Nota: per campioni di un certo spessore si consiglia di interporre un bagno con 50% di solvente e 50% di paraffina, in modo da
facilitare linfiltrazione. Anche la paraffina va sostituita per imuovere ogni traccia di solvente, entro un tempo di 6-9 ore complessive
(per campioni voluminosi una notte).

Si procede alla colata della paraffina entro appositi stampi, inserendo il campione con una pinza pre-riscaldata,
in modo da mantenere fluida la paraffina. Esistono in commercio stampi pre-sagomati di varie dimensioni e
con una parte in plastica per il fissaggio al microtomo. La superficie di sezionamento del campione deve essere
rivolta verso il basso. Si attende il raffreddamento e conseguente solidificazione del blocco di paraffina.
TAGLIO

Il sezionamento del campione la parte pi delicata di tutta la procedura. Richiede manualit ed esperienza.
Solo da una buona sezione si otterr un buon preparato istologico. Il microtomo pu essere indifferentemente
del tipo a slitta o rotativo. Alle lame tradizionali in acciaio sono subentrate lamette monouso, con caratteristiche
di filo specifiche per i diversi tipi di tessuto (se prevalentemente cellulare o a stroma fibroso).
Da tener presente la temperatura dellambiente di lavoro, che deve essere di 30-35 C inferiore alla temperatura
di fusione della paraffina. Se questo non fosse possibile, pu essere utile raffreddare con ghiaccio la superficie
del campione o riscaldarlo alitandovi sopra.
Per una buona osservazione al microscopio importante avere sezioni spesse 4-5 micron, in modo che si realizzi
un monostrato cellulare.
Le sezioni appena tagliate vengono raccolte dalla lama con un pennellino e stese a galleggiare su acqua distillata,
mantenuta a 40-45 C in bagnomaria. Si osserver che la paraffina, per effetto del calore, si stende, eliminando
eventuali grinze o pieghe. Successivamente le sezioni vengono pescate e stese con un pennellino su un vetrino
porta-oggetti, perfettamente sgrassato, e poste ad asciugare in termostato a 45-50 C.
In 2-3 ore le sezioni sono asciutte e possono essere archiviate o colorate.

200

COLORAZIONE

Dato che la maggior parte delle colorazioni avviene in ambiente acquoso, necessario reidratare le sezioni,
ripercorrendo a ritroso il percorso dellinclusione: solvente (per sparaffinare) alcool assoluto alcool 95 alcool 70 - acqua. Si usano vaschette di vetro che possono accogliere verticalmente 7-8 vetrini e lo schematipo dei passaggi il seguente:
due lavaggi in solvente (xilolo) per 2-3 minuti ciascuno
un lavaggio in alcool assoluto per 1-2 minuti
un lavaggio in alcool 95 per 1-2 minuti
un lavaggio in alcool 70 per 2-3 minuti
due lavaggi in acqua distillata, dove la sezione pu rimanere per un tempo pi lungo.
Colorazione ematossilina-eosina
1. Colorare per 15 minuti in emallume di Mayer
2. Lavare in acqua distillata e poi di fonte, fino a che il vetrino non virato completamente allazzurro (6
7 minuti)
3. Colorare per qualche minuto con cosina
4. Lavare in acqua distillata
5. Rifare la scala degli alcool *, tenendo conto che in 70 e in 95 leosina si decolora **
6. Alcool assoluto (1 minuto)
7. Xilolo (3 minuti)
8. Montaggio in balsamo
Note
* Nella scala degli alcool non ci sono tempi precisi, ma si pu calcolare 30 secondi/1 minuto per lalcool a 70 e 95, 1-2 minuti per
lalcool assoluto, 2-3 minuti per lo xilolo.
** Se leosina si decolora troppo, tornare indietro e aggiungere alleosina una goccia (o meno) di acido acetico.

ESERCITAZIONE

Colorare alcune sezioni di tessuto su vetrino seguendo il protocollo sopra descritto con il metodo di colorazione
dellematossilina-eosina, partendo dal paragrafo COLORAZIONE.

201

Capitolo 3
Esami colturali

ESERCITAZIONE 3.1 - SEMINARE I TERRENI


MATERIALE

Primo giorno
Colture di Escherichia coli e di Bacillus subtilis in terreno liquido (BHI brodo) e solido (slant di BHI agar)
12 provette di brodo BHI
12 provette di BHI agar (slant)
Soluzione fisiologica sterile
Vetrini portaoggetti
Coloranti per Gram
Secondo giorno
Soluzione fisiologica sterile
Vetrini portaoggetti
Coloranti per Gram
METODO

Primo giorno
Da ciascuno dei due microrganismi preparare uno striscio su vetrino da colorare con Gram.
Osservare al microscopio e descrivere il risultato dellesame.
Dividere in due gruppi le provette a disposizione. Sul primo gruppo seminare E. coli oppure B. subtilis,
esercitandosi a partire, alternativamente, da brodo o da terreno solido.
Riservare il secondo gruppo di provette ai trapianti sotto cappa a flusso laminare verticale.
Le provette seminate vengono incubate in termostato a 37 C per 24 ore.
Secondo giorno
Per verificare se i trapianti sono stati eseguiti correttamente, sulle sub-colture fare i seguenti controlli:
a) tipo di crescita;
b) striscio e colorazione di Gram.
RISULTATI DELLE PROVE

Aspetto macroscopico delle colture e lettura dei preparati colorati vanno descritti nel seguente protocollo.
Colture batteriche
Escherichia coli

Forma dei germi e reazione al Gram nei preparati Aspetto macroscopico delle sub-colture e
microscopici allestiti su colture originali
verifica microscopica dopo colorazione di Gram
Aspetto della coltura c
Morfologia al microscopio a
Gram b
Brodo
Terreno solido
Gram

207

Bacillus subtilis

Gram

Morfologia al microscopio

Aspetto della coltura c

Brodo
Terreno solido
Gram

NOTA ESPLICATIVA PER LA COMPILAZIONE DEL PROTOCOLLO


Descrivere le osservazioni fatte adoperando una terminologia appropriata, ad esempio:
a = cocchi, bacilli, presenza di spore, batteri disposti isolatamente, in catena, a gruppi, ecc.
b = Gram-positivo o Gram-negativo
c = sviluppo solo superficiale oppure uniforme in brodo, patina colturale secca oppure umida con o senza pigmentazioni su terreno
solido, ecc.

ESERCITAZIONE 3.2 - LE COLTURE BATTERICHE


MATERIALE

Primo giorno
Una brodocoltura mista, sviluppata in Brodo BHI, contenente i ceppi Escherichia coli e Staphylococus aureus
Cinque piastre di terreno BHI agar
Colture su BHI Agar di Escherichia coli, Proteus mirabilis, Pseudomonas aeruginosa, Bacillus subtilis, Streptococcus
agalactiae, Erysipelothrix insidiosa
Piastre di BHI Agar, Agar sangue, 6 per tipo
Provette di Nutrient Agar in alto strato, Gelatin Agar, BHI Brodo, 6 per tipo
METODO

Primo giorno
Brodocoltura
Agitare bene la brodocoltura di partenza.
1 metodo - Preparare tre piastre di BHI agar da seminare in successione. Sterilizzare lansa, raffreddarla nella
brodocoltura stessa, prelevare una goccia di materiale, deporla in un punto periferico della prima piastra. Senza
sterilizzare ulteriormente lansa, distribuire linoculo a zig-zag sulla seconda e poi sulla terza piastra.
2 metodo - Dividere idealmente la piastra in quattro settori. Sterilizzare lansa, raffreddarla nella brodocoltura,
prelevare una goccia di materiale, deporla su un punto periferico del primo quadrante e far compiere allansa
alcuni movimenti a zig-zag. Flambare lansa, ruotare di 90 la piastra, raffreddare lansa marginalmente sul
terreno, estendere il materiale precedentemente distribuito su un secondo quadrante, sempre con movimento a
zig-zag stretto. Queste operazioni sono da ripetere per seminare il terzo e il quarto quadrante della piastra.
Riprovare il 2 metodo utilizzando lultima piastra a disposizione.
Incubare le piastre capovolte in termostato a 37 C per 24 ore.
Colture su BHI Agar
Da ciascuna coltura, allestire un preparato su vetrino da fissare, colorare con Gram e osservare al microscopio.
Seminare (con ansa) i vari ceppi sulle piastre, procedendo in modo da ottenere colonie isolate.
Seminare per infissione (con ago) per 2/3 della profondit del terreno le provette in alto strato e gelatina.
Seminare esclusivamente lungo la linea mediana (con ago) la superficie delle provette di BHI Agar.
Seminare (con ansa) le provette di BHI Brodo.
Incubare le piastre (capovolte) e le provette a 37 C per 24 ore, tranne la gelatina (da mantenere a temperatura

208

ambiente per 7 giorni).


Secondo giorno
Esaminare le piastre vicino a una sorgente luminosa e controllare se vi sono colonie batteriche distanziate fra loro
in maniera sufficiente per un eventuale trapianto in coltura pura su altri terreni. In caso negativo, si consiglia di
ripetere lesercizio per affinare la tecnica.
Leggere le caratteristiche di crescita delle colonie sulle piastre, il tipo di sviluppo (superficiale o profondo) in alto
strato ed in brodo, leventuale liquefazione della gelatina.
Annotare gli aspetti che forniscono orientamenti sul riconoscimento presuntivo delle colture saggiate.
RISULTATI DELLE PROVE
Esame microscopico delle colture di partenza
E. coli

P. mirabilis

SPECIE BATTERICHE
Ps. aeruginosa B. subtilis

Str. agalactiae E. insidiosa

Gram
Tipo di crescita in provette con terreno solido in alto strato
SPECIE BATTERICHE
E. coli
P. mirabilis Ps. aeruginosa B. subtilis
Disegno della crescita
Distribuzione della
crescita
- in superficie
- in mezzo
- al fondo

Str. agalactiae E. insidiosa

Tipo di crescita in provette con terreno liquido (BHI Brodo)


E. coli

P. mirabilis

SPECIE BATTERICHE
Ps. aeruginosa B. subtilis

Str. agalactiae E. insidiosa

SPECIE BATTERICHE
Ps. aeruginosa B. subtilis

Str. agalactiae E. insidiosa

Disegno della crescita


Sedimento
Tipo di crescita in provette con terreno alla gelatina
E. coli

P. mirabilis

Liquefazione
Tipo di crescita su slant di BHI Agar seminati lungo la linea mediana
SPECIE BATTERICHE
E. coli
P. mirabilis Ps. aeruginosa B. subtilis
Disegno della crescita

Str. agalactiae E. insidiosa

209

Tipo di crescita in piastre di Agar sangue


E. coli

P. mirabilis

SPECIE BATTERICHE
Ps. aeruginosa B. subtilis

Str. agalactiae E. insidiosa

P. mirabilis

SPECIE BATTERICHE
Ps. aeruginosa B. subtilis

Str. agalactiae E. insidiosa

Disegno della crescita


Dimensioni (diametro mm)
Forma
Rilievo
Margine
Colore
Trasparenza
Consistenza
Odore
Emolisi
Tipo di crescita in piastre di BHI Agar
E. coli
Disegno della crescita
Dimensioni (diametro mm)
Forma
Rilievo
Margine
Colore
Trasparenza
Consistenza
Odore
ESERCITAZIONE 3.3 - CONTARE I MICRORGANISMI
1 - METODO DELLA CONTA STANDARD IN PIASTRA (Pour Plate Method)
MATERIALE

Primo giorno
Sacchetti sterili con filtro per omogeneizzatore tipo Stomacher
Provettoni sterili
Pipette graduate sterili monouso
Soluzione diluente sterile di Ringer concentrata, oppure soluzione fisiologica peptonata sterile (sodio cloruro
0,85% + peptone all1%)
Piastre di Petri sterili diametro 9 cm
Terreno Plate Count Agar (PCA) sterilizzato e mantenuto fuso alla temperatura di 44-46 C

210

ESECUZIONE

Preparare una sospensione iniziale del campione in esame nel sacchetto con filtro, aggiungendo il diluente nel
rapporto P/V da 1:1 a 1:10 (a seconda della natura e della quantit del materiale a disposizione).
Se possibile, prelevare dal campione 50 grammi di materiale e aggiungere 100 grammi (100 ml) di diluente. In
questo modo, si realizza una sospensione 1:3 del prodotto.
Le operazioni di pesata del campione e di aggiunta del diluente possono essere fatte direttamente sulla bilancia
tecnica, lavorando sterilmente.
Omogeneizzare accuratamente (in omogeneizzatore tipo Stomacher) per 1-2 minuti.
Nel caso di prodotti liquidi (omogenei) sufficientemente fluidi e presunti a bassa contaminazione, la sospensione
iniziale pu essere tralasciata. Altrimenti, si consiglia di comportarsi come per i prodotti solidi.
Dallomogenato, eseguire le diluizioni decimali (1+9 ml) secondo necessit, usando, come diluente, la soluzione
di Ringer sterile concentrata oppure la soluzione fisiologica peptonata sterile.
Trasferire, in doppio, dallomogenato e da ogni successiva diluizione, 1 ml di materiale in ciascuna piastra.
Entro 20 minuti dallallestimento delle diluizioni, versare nelle piastre 15 ml di terreno PCA fuso e raffreddato in
bagnomaria alla temperatura di 44-46 C.
Prima che il terreno solidifichi, ruotare e inclinare pi volte le piastre, al fine di permettere unadeguata
dispersione dell inoculo.
Dopo solidificazione del terreno, incubare le piastre capovolte a 37 C per 48 ore oppure a 30 C per 72 ore.
Nellanalisi di materiali molto contaminati, pu risultare utile ricoprire il terreno seminato con un secondo strato del
medesimo terreno (strato chiamato overlay).
In pratica, dopo la solidificazione del terreno (che si ottiene in 15-30 minuti a temperatura ambiente), si versa
sterilmente nelle piastre un quantitativo di 5-6 ml per piastra del medesimo terreno, appositamente preparato a
parte e mantenuto fuso in bagnomaria termostatato a 44-46 C. Il terreno da preparare per l overlay , in volume,
pari alla met del terreno destinato alle piastre.
INTERPRETAZIONE

Prendere in considerazione la diluizione che, seminata sulle piastre, abbia dato luogo alla crescita di colonie in
numero compreso fra 30 e 300.
Calcolare la carica batterica totale mesofila per unit di misura del campione in esame mediante lespressione:
C
CBT / g (ml, cm2) = ---------------D1 x D2 x V
dove:
C = media numero colonie nelle due piastre
D1 = diluizione introdotta nella preparazione dellomogenato
D2 = diluizione decimale dellomogenato
V = volume dellinoculo nelle piastre (1 ml)
Esempio
- numero colonie alla diluizione 10- 3 = 54 e 48, rispettivamente nelle due piastre.
- sospensione iniziale allestita con 50 g (o 50 ml) di campione e 100 g (o 100 ml) di diluente.
- volume di inoculo = 1 ml.
I dati da considerare sono:
C = (54 + 48) / 2 = 102 / 2 = 51

211

D1 = 50 / (50 + 100) = 50 / 150 = 1/3


D2 = 10- 3
V = 1 ml
Sostituendoli nellespressione, si ottiene il seguente risultato:
51
----------------CBT / g (ml) =
= 51 x 3 x 103 x 1 = 153 x 103 = 1,53 x 105
-3
1/3 x 10 x 1
Per calcolare lintervallo fiduciale di un conteggio (), la norma ISO 7218 introduce la seguente formula:

C
1,92
1,96 C
1
------------------ + ----------------------- --------------------------- x ----V (n1 +0,1 n2)
V (n1 +0,1 n2)
V (n1 +0,1 n2)
d

dove si devono inserire i seguenti dati:


C = se sono state seminate due piastre per diluizione, contare le colonie di due diluizioni contigue (purch
leggibili) e fare la somma sulle quattro piastre
V = volume dinoculo per ogni piastra
n1 = numero di piastre seminate con la prima diluizione (2)
n2 = numero di piastre seminate con la seconda diluizione (2)
d = diluizione con cui stata seminata la prima piastra presa in considerazione
2 - METODO DELLA SEMINA IN SUPERFICIE (Surface Spread Plate)
MATERIALE

Primo giorno
Sacchetti sterili con filtro per omogeneizzatore tipo Stomacher
Provettoni sterili
Pipette graduate sterili monouso
Soluzione diluente sterile di Ringer concentrata o soluzione fisiologica sterile peptonata (sodio cloruro 0,85%
+ peptone 1%)
Piastre di Petri con terreno Plate Count Agar (PCA)
ESECUZIONE

Seguendo le indicazioni riportate per il metodo Pour Plate, preparare la sospensione iniziale del campione in
esame e le diluizioni decimali ritenute necessarie.
Trasferire, in doppio, dallomogenato e da ogni successiva diluizione, 0,1 ml su piastre di terreno PCA.
Distribuire linoculo sullintera superficie dellagar con una spatola sterile monouso, diversa per ogni diluizione
allestita. Attendere che le piastre siano perfettamente asciutte prima di incubarle, capovolte, a 37 C per 48 ore
oppure a 30 C per 72 ore.
INTERPRETAZIONE

Prendere in considerazione la diluizione che, seminata sulle piastre, abbia dato luogo alla crescita di colonie in
numero compreso fra 30 e 300.
Calcolare la carica batterica totale mesofila per unit di misura del campione in esame mediante lespressione:

212

CBT / g (ml, cm2) =


dove:
C = media numero colonie nelle due piastre
D1 = diluizione introdotta nella preparazione dellomogenato
D2 = diluizione decimale dellomogenato
V = volume dellinoculo nelle piastre (in ml)

C
----------------D1 x D2 x V

3 - MICROMETODO

La tecnica qui di seguito riferita stata introdotta da Kramer nel 1977 ed una delle pi valide.
necessario avere una cappa a flusso laminare, una provetta con 5 ml di soluzione diluente sterile di Ringer 1/4
concentrata, una piastra microtiter sterile con fondo a V completa di coperchio, una micropipetta a volume
variabile 0-20 l, una micropipetta a volume variabile 0-200 l, puntali sterili monouso, alcune piastre Petri di
terreno PCA, un termostato a 37 C.
Omogenato - Si prepara come di consueto un omogenato del campione in soluzione sterile di Ringer 1/4
concentrata nel rapporto campione/diluente compreso fra 1/3 e 1/10 ed omogeneizzando accuratamente con
Stomacher per 1-2 minuti.
Diluzioni - Si distribuiscono quindi 180 l di diluente (soluzione di Ringer 1/4 concentrata sterile) in tanti
pozzetti della piastra microtiter quante sono le diluizioni desiderate, usando la micropipetta 0-200 l.
Generalmente, sono sufficienti da 4 a 6 diluizioni decimali.
Dallomogenato del campione da esaminare, si trasferiscono 20 l nel primo pozzetto e cos via, usando la
micropipetta 0-20 l e cambiando ogni volta il puntale.
La miscelazione fra una diluizione e laltra viene fatta aspirando e scaricando 3 volte il liquido del pozzetto con
la micropipetta 0-200 l, cambiando ogni volta il puntale.
Semina - Da ciascuna diluizione si trasferiscono, con la micropipetta 0-20 l, in doppio, 20 l su un settore
di terreno Plate Count Agar (PCA) entro una piastra Petri diametro 9 cm (divisa in due con una linea tracciata
diametralmente col pennarello sul retro). Ciascuna piastra pu accogliere due diluizioni.
Cambiando terreno (e usando terreni selettivi appropriati), possibile effettuare conte in micrometodo di
specifici microrganismi, adottando tempi e temperature di incubazione adeguati.
Incubazione - Dopo asciugatura a temperatura ambiente per circa 30 minuti, la piastra con il terreno viene
incubata capovolta in termostato a 37 C per 48 ore, con una lettura intermedia a 24.
Lettura - Si sceglie la diluizione che presenta non pi di 20 colonie, che vengono contate contro una sorgente
luminosa di potenza adeguata e segnate con un pennarello sul retro della piastra.
Il calcolo della quantit di germi presenti nel campione si fa applicando la seguente formula:

CBT / g (ml, cm2) =


dove:
C = media numero colonie nelle due piastre
D1 = diluizione introdotta nella preparazione dellomogenato
D2 = diluizione decimale dellomogenato
V = volume dellinoculo nelle piastre (20 l)

C
----------------D1 x D2 x V

213

Esempio
- colonie contate alla diluizione 10-1 = 10 e 14
- sospensione iniziale allestita con 50 grammi (o 50 ml) di campione e 100 ml di diluente
- volume di inoculo 20 microlitri
I dati da considerare sono :
C = (10 + 14) / 2 = 24 / 2 = 12
D1 = 50 / (50 + 100) = 50/150 = 1/3
D2 = 10-1
V = 20 microlitri (equivalenti a 1/50 di ml)
Sostituendoli nellespressione, si ottiene il seguente risultato:

CBT / g (ml) =

12
---------------------1/3 x 10-1 x 1/50

= 12 x 3 x 10 x 50 = 18.000

Lesercitazione prende in considerazione la determinazione della carica batterica totale mesofila (CBT) di
due campioni (un omogenato di un alimento solido e un prodotto liquido tal quale) da eseguire secondo le
indicazioni sopra riportate.
MATERIALE

Primo giorno
Una provetta contenente un omogenato di carne, allestito in soluzione di Ringer 1/4 concentrata nel rapporto
materiale/diluente di 1/3 (CAMPIONE 1)
Una provetta contenente un campione di latte pasteurizzato non diluito (CAMPIONE 2)
Una piastra microtiter sterile a 96 pozzetti con fondo a V completa di coperchio
Una provetta con 5 ml di diluente sterile (soluzione di Ringer 1/4 concentrata)
Micropipetta da 0-20 microlitri
Micropipetta da 20-200 microlitri
Puntali sterili monouso
Sei piastre Petri di terreno PCA
ESECUZIONE

1. Distribuire nei pozzetti della piastra microtiter a 180 microlitri la soluzione di Ringer. Per ciascuno dei due
campioni in esame predisporre tre pozzetti (corrispondenti alle diluizioni 10-1 / 10-2 / 10-3 ).
2. Allestire le diluizioni decimali secondo le modalit spiegate nel metodo.
3. Seminare le diluizioni, in doppio, compreso il campione iniziale, occupando per ciascuna diluizione met
piastra di terreno PCA.
4. Incubare secondo le istruzioni.
INTERPRETAZIONE

Riportare i risultati delle letture nello schema seguente e calcolare la CBT per grammo o ml di campione.

214

RISULTATI DELLE PROVE


DILUIZIONI

CAMPIONE N 1
drop 1
drop 2
Media

CAMPIONE N 2
drop 1
drop 2
Media

Campione iniziale
10-1
10-2
10-3
n germi/grammo o ml

ESERCITAZIONE 3.4 - CONTARE MUFFE E LIEVITI

Muffe e lieviti sono complessivamente denominati miceti. Nella microbiologia clinica si ricercano
qualitativamente, arrivando se possibile alla determinazione di genere e di specie. In microbiologia alimentare,
invece, il pi delle volte la ricerca solo di tipo quantitativo.
MATERIALE

Primo giorno
Un campione di alimento da sottoporre a conteggio per miceti
Un sacchetto presto-chiuso
100 ml di soluzione sterile di Ringer concentrata
100 ml di soluzione c.s. per la preparazione delle diluizioni decimali
8 piastre di OGYE Agar
4 provettoni sterili
4 spatole a L sterili per batteriologia
Una pinza e una forbice sterile
Pipette graduate da 1 e da 10 ml
Bilancia
Omogeneizzatore
Secondo giorno
Vetrini coprioggetti e portaoggetti
Glicerina
Soluzione colorante lattofenolo-blu cotone
Coloranti per Gram
METODO

Primo giorno
1. Pesare 50 grammi del campione nel sacchetto presto-chiuso posto sulla bilancia, utilizzando pinze e forbici
sterili.
2. Aggiungere 100 ml di diluente.
3. Omogeneizzare per un minuto.
4. Distribuire in tre provettoni vuoti 9 ml di diluente e contrassegnarli -1/-2/-3. Destinare il quarto provettone
al campione omogeneizzato (contrassegnato come NON DILUITO = ND).

215

5.
6.
7.
8.

Trasferire 10 ml di sospensione omogeneizzata dal sacchetto al primo provettone (ND).


Allestire le diluizioni decimali -1/-2/-3 come descritto in precedenza.
Seminare a 0,1 ml due piastre per diluizione usando le spatole per stendere linoculo.
Incubare le piastre capovolte a temperatura ambiente (20C) per 5 giorni.

Secondo giorno
Conteggio dei miceti Prima di procedere ai calcoli, si effettuano i controlli previsti su 5 colonie di lieviti
(colorazione di Gram) e su 5 colonie di muffe (esame a fresco o colorazione lattofenolo-blu cotone). In caso
di non corrispondenza, si considera valida per il calcolo una percentuale di colonie rilevata dalle piastre pari al
rapporto esistente fra le colonie confermate e quelle controllate.
Il numero di miceti per unit di misura del campione viene calcolato partendo dalla media delle colonie contate,
moltiplicata per la diluizione letta, per 10 (semina di 0,1 ml) e per 100 (quantit di diluente), diviso per i grammi
o ml di materiale esaminato. Solitamente si fanno separatamente i conteggi delle muffe e dei lieviti e poi si
sommano i totali parziali.
1. Contare le colonie con laspetto caratteristico dei lieviti e allestire da 5 colonie uno striscio su vetrino e una
colorazione di Gram.
2. Contare le colonie con laspetto caratteristico delle muffe e fare da 5 colonie lesame a fresco e la colorazione
con lattofenolo-blu cotone.
3. Compilare il protocollo danalisi.
RISULTATI DELLE PROVE

1. Conteggio delle colonie sulle piastre


Diluizione

Numero colonie Numero colonie Numero colonie


sospette muffe confermate muffe sospetti lieviti

Numero colonie
confermati lieviti

ND
10-1
10-2
10-3

ND = non diluito
2. Descrizione delle colonie
Caratteristica
dimensione
margini
superficie
colore
colorazione di Gram
margini

216

sospette muffe

sospetti lieviti

ESERCITAZIONE 3.5 - SCOMPOSIZIONE DELLA CARICA


BATTERICA TOTALE
MATERIALE

Una bacinella sterile


Un campione di carne contaminato artificialmente
Un sacchetto con filtro per omogeneizzatore
Pinze e forbici sterili
Bilancia tecnica
150 ml di soluzione sterile di Ringer
Una provetta da centrifuga
Pipette graduate sterili da 1 e da 10 ml
Una piastra microtiter a 96 pozzetti con fondo a V e coperchio, sterili
Micropipetta da 20 microlitri
Micropipetta da 180 microlitri
Puntali sterili per micropipetta
Coloranti per Gram
Vetrini portaoggetti
Reattivo per catalasi (acqua ossigenata al 3%)
Due piastre per ciascuno dei seguenti terreni selettivi: MRS Agar, M17 Agar, STAA, MSA, Sabouraud Agar, VRBG
Agar, GSPA
METODO

1. Trasferire con le pinze il campione in una bacinella sterile.


2. Posizionare un sacchetto da omogeneizzatore sulla bilancia e pesare 10 grammi di carne, usando pinze e
forbici sterili.
3. Aggiungere 100 g di diluente ed omogeneizzare.
4. Trasferire con una pipetta 5 ml di estratto in una provetta da centrifuga.
5. Seguire per lallestimento delle diluizioni e della semina le istruzioni riportate nellesercitazione della carica
batterica totale con micrometodo.
6. Incubare le piastre non capovolte secondo lo schema.
7. Leggere le piastre e fare le opportune verifiche.
8. Compilare il protocollo seguente con i risultati.
RISULTATI DELLE PROVE
Terreno
MRS/M17 Agar (lattobacilli)
STAA (Brochothrix)
MSA (micrococchi)
Sabouraud Agar (muffe e lieviti)
VRBG Agar (Enterobacteriaceae)
GSPA (Pseudomonas/Aeromonas)

Colonie caratteristiche
bianche, 1-2 mm
bianche, 2-3 mm
rosse, 1-2 mm
cotonose (muffe)
tipo batteri (lieviti)
rosse, 2-3 mm
viola (Pseudomonas)
gialle (Aeromonas)

Diluizione letta

Conteggio

217

ESERCITAZIONE 3.6 - TERRENI CROMOGENICI E FLUOROGENICI


PER LIDENTIFICAZIONE PRESUNTIVA DEI BATTERI
MATERIALE

Primo giorno
Una brodocoltura di germi coliformi (Enterobacter)
Una brodocoltura di Escherichia coli
Due provette con 9,9 ml di soluzione fisiologica sterile
Una provetta con 9 ml di soluzione fisiologica sterile
Due piastre di Coliform Agar (terreno cromogenico)
Due piastre di terreno VRBA + MUG (terreno fluorogenico)
Pipette da 1 ml e spatole a L sterili per batteriologia
Secondo giorno
Lampada a luce di Wood (ultravioletta a 366 nm)
METODO

Primo giorno
1. Riunire le brodocolture dei due ceppi (Enterobacter ed E. coli).
2. Allestire le prime due diluizioni (10-2 e 10-4) trasferendo 0,1 ml in 9,9 di soluzione fisiologica. sterile e cos di
seguito, agitando e cambiando pipetta tra una diluizione e quella successiva.
3. Allestire la terza diluizione (10-5) trasferendo dalla seconda provetta 1 ml in 9 ml di soluzione fisiologica
sterile.
4. Dalle due ultime diluizioni preparate (10-4 e 10-5 ) seminare, in doppio, le piastre di Coliform Agar e
VRBA+MUG con 0,1 ml per piastra, usando le pipette da 1 ml e le spatole a L.
5. Incubare le piastre capovolte a 37 C per 24 ore.
Secondo giorno
1. Esaminare le piastre di Coliform Agar per il colore delle colonie. Verificare le piastre di VRBA+MUG in un
box scuro con la luce di Wood per distinguere le colonie fluorescenti da quelle rosse ma non fluorescenti.
Annotare per ciascun terreno il numero di colonie con le varie caratteristiche sopra descritte.
2. Compilare il protocollo danalisi.
RISULTATI DELLE PROVE
Terreno
Coliform Agar

diluizione 10-4
colonie
colonie
rosa-rosse
blu-viola

diluizione 10-5
colonie
colonie
rosa-rosse
blu-viola

diluizione 10-4
colonie rosse
colonie rosse
fluorescenti

diluizione 10-5
colonie rosse
colonie rosse
fluorescenti

n colonie conteggiate
Terreno
VRBA+MUG
n colonie conteggiate

218

ESERCITAZIONE 3.7 - RICERCA QUALI-QUANTITATIVA DEI GERMI


PATOGENI NEI LIQUIDI BIOLOGICI TRAMITE COLTURA

Vengono presi in considerazione i seguenti campioni patologici: sangue, urine, latte, versamenti e liquido
ascitico. Si ricordano brevemente alcuni dei principali agenti eziologici da ricercare:
- nel sangue: Streptococcus, Salmonella, Brucella, Pasteurella, Erysipelothrix, Leptospira, Francisella, Bacillus
anthracis
- nelle urine: Enterobacteriaceae, Staphylococcus, Streptococcus, Corynebacterium, Pseudomonas, Leptospira
- nel latte: Enterobacteriaceae, Staphylococcus, Streptococcus, Corynebacterium, Mycoplasma, Pasteurella
- nei versamenti e liquidi ascitici: Staphylococcus, Streptococcus, Actinobacillus, Actinomyces, Enterobacteriaceae,
Pseudomonas, Pasteurella, Corynebacterium, Anaerobi, Micobatteri
I passaggi da seguire nellisolamento e nellidentificazione sono gi stati descritti nella prima parte del manuale.
Riassumendo, si tiene conto della storia clinica e, in base alla natura del campione, si procede alla ricerca
di un patogeno sospettato. Si inizia da un esame microscopico, che, di norma, viene allestito, nel caso delle
urine, dal sedimento del centrifugato (3000 rpm per 20 minuti). Per il latte, si pu ottenere lo stesso effetto
prelevando dalla superficie, dopo aver lasciato il campione in frigorifero per una notte.
Esame microscopico diretto
Gli strisci vengono preparati su vetrini porta-oggetti ben sgrassati, servendosi del materiale a disposizione
(tampone, ansa o un secondo vetrino). Il preparato va lasciato asciugare allaria, fissato alla fiamma e quindi
colorato col metodo di Gram. Nel caso di micobatteri, la colorazione di routine quella di Ziehl-Neelsen; per i
miceti, invece, il lattofenolo-cotton blue o altro metodo analogo.
Esame colturale - Ricerca qualitativa
Per ogni campione, vengono seminate tre piastre (in doppio) di Agar sangue, da incubare per un minimo di
48 ore, dividendo le piastre in tre ambienti dincubazione: atmosfera normale, microaerofilia (giara o sacca
o termostato) con il 5-10% di CO2, anaerobiosi (giara o sacca o termostato).
LAgar sangue non sufficiente per Leptospire, Micoplasmi e Micobatteri, per i quali sono indispensabili terreni
selettivi specifici.
Per riconoscere le Enterobacteriaceae raccomandabile seminare, oltre allAgar sangue, anche una piastra di
MacConkey Agar.
Esame colturale - Ricerca quantitativa
La classica conta dopo allestimento delle diluizioni e semina su terreni selettivi non viene praticata in diagnostica
clinica, in quanto troppo indaginosa. In alternativa, stata introdotta la tecnica della semina con ansa
calibrata, che consiste nello strisciare unansata da 0,01 ml, prelevata dal campione, secondo linee parallele
su quattro spicchi di una piastra di terreno, senza ricaricare e neppure bruciare lansa stessa. In questo modo,
si ottiene una diluizione progressiva dei germi (e quindi delle colonie), tale da permettere di quantificare, con
molta approssimazione, la concentrazione batterica nel campione in rapporto al volume fisso di semina. Questa
metodica viene spesso applicata nellesame delle urine.
Una metodica di rapida esecuzione quella del Dip-slide . La semina avviene bagnando con il campione
una paletta di plastica che reca adesi uno o pi terreni. La paletta, introdotta poi in un recipiente, va incubata
in termostato in attesa della lettura, che pu fornire, dalla densit delle colonie sviluppate, unindicazione sul
grado di contaminazione del materiale esaminato.
Pi vicina ai metodi tradizionali invece la semina su Petrifilm . Consiste nel reidratare con 1 ml del campione
il terreno adeso alla superficie di un foglietto. Dopo incubazione, le colonie, variamente colorate nel caso di un
terreno selettivo, possono essere contate su sfondo quadrettato.

219

Identificazione
Una proposta interessante, volta a ridurre i tempi danalisi dei campioni clinici sottoposti a esami batteriologici,
stata fatta in medicina umana e pu costituire un tentativo di standardizzazione valido anche in veterinaria. La
sostanza della metodica avanzata riassunta nel lavoro di E. Jo Baron, Rapid Identification of Bacteria and Yeast:
Summary of a National Committeee for Clinical Laboratory Standards Proposed Guideline (Medical Microbiology
2001, 33, 220-225).
A partire dal 1960 i microbiologi hanno iniziato a usare metodi di identificazione batteriologica basati su un
unico substrato, ad esempio, catalasi e coagulasi, per abbreviare i tempi e contenere i costi di analisi. Nel 1996,
lNCCLS ha proposto una regolamentazione dei test rapidi da impiegare nei laboratori clinici, citando solo metodi
molto accurati che offrono un livello di affidabilit pari a quello dei sistemi di identificazione tradizionali o
automatizzati. Tuttavia, il Comitato ha deciso che gli isolamenti provenienti da emocolture e da altri tessuti
normalmente sterili (fluido cerebro-spinale, aspirato oculare, liquido sinoviale, ecc.) o da casi epidemici oppure
da prelievi legali vanno esaminati con i metodi standard. Sono state escluse dai metodi rapidi anche le neisserie,
a causa di possibili mancati riconoscimenti della Neisseria gonhorroeae.
Il documento dell NCCLS include bacilli Gram-negativi, cocchi Gram-positivi, anaerobi e tre specie di lieviti.
Il percorso identificativo comincia con lesame di una singola colonia, con particolari caratteristiche, isolata su
MacConkey Agar o di una colonia emolitica cresciuta su Agar sangue al 5% di pecora.
Per gli aerobi Gram-negativi, ha importanza la prova della metil-umbelliferil-beta-glucuronidasi (MUG), positiva
per i coli, a eccezione dei ceppi enteroemorragici vero tossici.
La prova della pirrolidonil-amino-peptidasi (PYR) aiuta a differenziare Streptococcus pyogenes (positivo) dagli
altri streptococchi beta-emolitici a colonia larga, come pure Enterococcus (positivo) da altri cocchi similari.
Il tipico odore di pompelmo indirizza verso Pseudomonas aeruginosa, anche se questo carattere pu mancare
nei ceppi isolati da fibrosi cistica, abitualmente molto mucosi e non pigmentati.
Il test della butirrato-esterasi (o tributyrin test) valido per riconoscere i diplococchi Gram-negativi ossidasi
positivi che crescono su Agar cioccolato e Agar sangue, come Moraxella catarrhalis
Negli streptococchi, lidentificazione rapida si basa sulla morfologia al microscopio e sullaspetto delle colonie
emolitiche. Infatti, Streptococcus pyogenes mostra una chiara beta-emolisi maggiore di 1 mm. attorno
alle colonie, che si presentano traslucide, catalasi-negative e PYR-positive. Gli streptococchi del gruppo B
(Streptococcus agalactiae) danno colonie pi larghe, mucose, con debole emolisi confinata sotto le colonie
stesse, che sono PYR e CAMP positive. Streptococcus pneumoniae d colonie alfa-emolitiche, mucose, piatte, in
maggior parte solubili nella bile al 2%.
Lo Staphylococcus aureus si riconosce per le colonie bianche o giallastre su Agar sangue e per la positivit al test
rapido della coagulasi (clumping factor) su vetrino. La prova della proteina A, viceversa, non d gli stessi risultati,
essendo presente anche in stafilococchi coagulasi-negativi. Solo pochi stafilococchi coagulasi-positivi non sono
aurei. Tra questi, S. lugdunensis, isolabile da endocarditi o da infezioni profonde.
Tra i lieviti di una certa diffusione e importanza clinica, si distingue facilmente Candida albicans, a causa delle ife
raggiate su Agar sangue dopo sole 48 ore dincubazione, Cryptococcus neoformans, per le colonie mucose che,
al microscopio, sono formate da cellule larghe, rotondeggianti e che sono ureasi-positive. Candida glabrata (o
Torulopsis) produce colonie fini su Agar sangue e fermenta il trealosio a 42 C in poche ore.
Gli anaerobi, se Gram-negativi, vanno coltivati su Bacteroides bile esculin agar, dove mostrano, in maggior parte,
la fluorescenza delle colonie esaminate in luce di Wood.
Negli anerobi Gram-positivi, la sciamatura delle colonie suggerisce la presenza di Clostridium septicum
e di Clostridium tetani (peraltro rari), mentre le colonie larghe e lobate sono proprie di Clostridium sordellii.
Abbastanza agevole il riconoscimento di Clostridium perfringens, che, al microscopio, mostra cellule larghe,
a estremit squadrate, senza spore. Clostridium difficile, isolabile anche da materiale non fecale, ha un odore

220

putrido caratteristico e una fluorescenza verde pallido.


Propionibacterium acnes ha laspetto pleomorfo dei corinebatteri, mentre, tra i cocchi anaerobi, frequente
trovare Peptostreptococcus, recentemente suddiviso in due generi, Finegoldia magna e Micromonas micros.
Gli schemi seguenti, raggruppati nella tabella 71, possono aiutare nel riconoscimento rapido di generi e specie
gi in parte menzionate.
Tabella 71 Identificazione rapida (entro 1 ora) di bacilli aerobi Gram-negativi
Identificazione
Colonie su MacConkey
Colonie su agar sangue Ossidasi Indolo
Altre prove
Escherichia coli
Lattosio +, piatte, secche Emolitiche o non-emolitiche
+
MUG +, PYR (opzionale)
Emolisi variabile
+
MUG -, PYR E. coli O157 e altri Lattosio +, piatte, secche
coli verotossici
Proteus mirabilis
Lattosio -, piatte,
Sciamatura
Ampicillina
estremit sfumate
sensibile
Proteus vulgaris
Come sopra
Sciamatura
+
Ampicillina
resistente
Pseudomonas
Lattosio -, piatte, ruvide Rugose, aspetto metallico
+
Odore,
aeruginosa
pigmento

MUG = metil-umbelliferil-beta-glucuronidasi
PYR = pirrolidonil-amino-peptidasi
Identificazione rapida (da 30 minuti a 2 ore) di Enterococcus, streptococchi e Staphylococcus aureus
Identificazione

Colonie su Agar sangue

Catalasi

PYR

Enterococcus

>0,5 mm, umide,


convesse, non emolitiche
>0,5 mm, debole betaemolisi

>0,5 mm, puntiformi,


beta-emolitiche
>0,5 mm, umide o
mucose
>1 mm, convesse,
opache, bianche o gialle,
spesso beta-emolitiche

Streptococcus
agalactiae
Streptococcus
pyogenes
Streptococcus
pneumoniae
Staphylococcus
aureus

CAMP
test
ND

Solubilit
nella bile
ND

ND

ND

ND

ND

ND

ND

Altre prove
Gram tipico
Sierotipizzazione o
idrolisi dellippurato
(opzionale)
Esculina negativo
(opzionale)
Optochina sensibile
(opzionale)
Coagulasi positivo

PYR = pirrolidonil-amino-peptidasi
ND = non eseguibile

221

Identificazione rapida (entro 30 minuti) di anaerobi Gram-negativi


Identificazione

Morfologia delle cellule

Bacteroides fragilis (gruppo)

Colonie su Agar
sangue o LKV
Opalescente o a crosta
di pane
Larghe, convesse

Bilophila wadsworthia

Fini, traslucide, catalasi +

Da regolari a filamentose

Prevotella spp.

Piccole, traslucide o
opache, fluorescenza
rosso mattone
Piccole, traslucide o
opache, fluorescenza
rosso mattone
Piccole, traslucide o
opache, fluorescenza
rosso mattone su Agar
sangue, NG su LKV
Traslucide, infossate nel
terreno
Piccole, trasparenti o
opache, fluorescenza
rosso mattone

Fini coccobacilli

Fusobacterium nucleatum

Prevotella intermedia
Porphyromonas spp.

Bacteroides ureolyticus
Veillonella spp.

Fusiformi, leggermente
punteggiate
Regolari

Colonie su
BBE
NG

Indolo
+

Larghe,
Variabile
convesse,
grigio-nere
Traslucide con
centro nero a
72 ore
NG
-

Fini coccobacilli

NG

Fini coccobacilli

NG

Fini bacilli o coccobacilli

NG

Fini diplococchi

NG

LKV = Agar sangue laccato di pecora contenente kanamicina e vancomicina


BBE = Bacteroides bile esculin agar
NG = non cresce
Identificazione rapida di anaerobi Gram-positivi
Identificazione
Clostridium perfringens
Clostridium septicum
Clostridium sordellii
Clostridium tetani
Propionibacterium acnes
Clostridium difficile
Peptostreptococcus spp.

ND = non eseguibile

222

Colonie su Agar sangue


Morfologia delle cellule
Indolo
Larghe, a margini irregolari, doppio
Larghe, a margini squadrati
ND
alone di beta-emolisi
Umide e sciamanti
Bacilli sottili, spore sub-terminali
Molto larghe, lobate, irregolari, piatte Bacilli sottili, spore sub-terminali
+
Umide, sciamanti, a lenta crescita Spore terminali rigonfianti il germe
+
Piccole, opache, biancastre, circolari,
Bacilli corineformi
+
catalasi+ con perossido di idrogeno
al 15%
Larghe, piatte, odore putrido,
Bacilli sottili, rare spore
fluorescenza verde pallido
Piccole, appuntite, circolari
Cocchi a coppie o catene
ND

ESERCITAZIONE
MATERIALE

Un campione di sangue infetto (provetta con 5 ml)


Un campione di urine contaminate (provetta con 10 ml)
Un campione di latte bovino contenente germi patogeni (provetta con 10 ml)
Un campione di versamento inquinato da batteri (provetta con 10 ml)
Una provetta da centrifuga sterile
Un tampone sterile
Sei piastre di Agar sangue
Due piastre di MacConkey Agar
Due piastre di TKT Agar
Centrifuga
Giara per anaerobiosi, completa di catalizzatore e generatore di gas
Vetrini porta-oggetti
Coloranti per colorazione di Gram
Ansa calibrata da 0,01 ml
Dip-slide per esame delle urine (Oxoid)
Petrifilm per coliformi (3M)
METODO

Centrifugare il campione di urine a 3000 rpm per 20 minuti. Gettare il soprastante in un recipiente da sterilizzare.
Usare il sedimento per le semine successive, se necessario diluendolo entro 1 ml di soluzione fisiologica sterile.
Esame microscopico diretto
1. Dal sedimento del campione di urine centrifugato, allestire una striscio su vetrino, fissarlo e colorarlo col
metodo di Gram. Osservare il preparato al microscopio con obiettivo ad immersione.
2. Effettuare un esame microscopico diretto con le stesse modalit anche dagli altri tre tipi di materiale
patologico.
Prove colturali qualitative
1. Scegliere uno solo fra i materiali da esaminare. Con laiuto di un tampone sterile, seminare tre piastre di Agar
sangue e una piastra di MacConkey Agar. Prima di seminare ogni piastra, bagnare il tampone nel campione.
2. Nel caso del latte, al posto del MacConkey Agar seminare una piastra di terreno TKT Agar.
3. Incubare capovolte le piastre di Agar sangue a 37 C per 48 ore, rispettivamente, una in atmosfera normale,
una in microaerofilia entro una apposita busta e una in anaerobiosi dentro la giara.
4. Incubare capovolte le piastre di MacConkey Agar oppure di TKT Agar a 37 C per 24-48 ore in atmosfera
normale.
Prove colturali quantitative
1. Partendo sempre da un campione prescelto, con lansa calibrata da 0,01 ml seminare, col metodo dei
quattro quadranti, tre piastre di Agar sangue e una piastra di MacConkey Agar, caricando lansa prima di
strisciare ciascuna piastra.
2. Incubare capovolte le piastre di Agar sangue a 37 C per 48 ore, rispettivamente in atmosfera normale, in
microaerofilia entro una apposita busta, in anaerobiosi entro una giara.
3. Incubare capovolte le piastre di MacConkey Agar oppure di TKT Agar a 37 C per 24-48 ore in atmosfera
normale.

223

4. Con una pipetta graduata sterile, seminare 1 ml del campione sulla superficie agarizzata di una piastra
Petrifilm. Coprire la zona seminata facendo aderire alla superficie del terreno lapposita pellicola. Incubare
a 37 C per 48 ore in atmosfera normale, entro una scatola contenente una sorgente dumidit.
5. Utilizzare la quantit rimanente del campione per bagnare la superficie dei terreni presenti sulla paletta del
sistema Dip-slide. Loperazione di semina pu avvenire facendo gocciolare il campione sui terreni con una
pipetta. Introdurre quindi la paletta nel proprio contenitore, chiuderlo e incubare verticalmente a 37 C per
24-48 ore in atmosfera normale.
NOTA SULLA LETTURA DEI RISULTATI DELLE PROVE

La crescita batterica di colonie sulle piastre seminate come sopra descritto con la tecnica dei quattro quadranti,
sarebbe, a grandi linee, indice di concentrazioni, rispettivamente, di 10-3, 10-4, 10-5, 10-6 germi per ml di campione.
Questa progressione pu essere di qualche utilit, almeno nel caso di lettura di esami dalle urine.
Il conteggio delle colonie sul sistema Dip-slide viene eseguito secondo le istruzioni fornite dalla casa e d
risultati apprezzabili se il numero dei germi nel campione ridotto.
Il conteggio delle colonie sul sistema Petrifilm avviene per numerazione tradizionale delle colonie sviluppate,
da moltiplicare per 1 (volume di semina in ml). Questo sistema pu fornire indicazioni pi precise rispetto ai
metodi precedenti, a condizione che la quantit dei batteri non sia eccessiva e che la presenza di specie sciamanti
non renda illeggibile la piastra.
ESERCITAZIONE 3.8 - NUOVE POSSIBILIT IN DIAGNOSTICA CLINICA:
UN TERRENO CROMOGENICO PER IL RICONOSCIMENTO DI
STAPHYLOCOCCUS AUREUS METICILLINA-RESISTENTE

I casi di resistenza agli antibiotici sono in aumento anche fra i ceppi di S. aureus, che diventano insensibili
alla meticillina e ad altre penicilline sintetiche (MRSA). Il riconoscimento di tali germi risulta essenziale per
ottimizzare la terapia, evitare inutili trattamenti e ridurre i costi delle cure.
La procedura diagnostica tradizionale richiede 72 ore, mentre con lintroduzione di un nuovo terreno cromogenico
specifico per MRSA, lanalisi pu considerarsi conclusa gi dopo 20 ore dal prelievo. Questo terreno (MRSA
Select) inibisce i germi diversi dagli stafilococchi attraverso lelevato contenuto di sale. Le colonie che si formano
vengono poi selezionate da diversi antibiotici aggiunti nella composizione del terreno. Il riconoscimento delle
colonie MRSA reso possibile da un substrato enzimatico particolare che impartisce un colore fra il rosa e il
malva.
La pratica di seminare direttamente i campioni sulle piastre non esclude la possibilit di ricorrere a un
arricchimento. Questo esige la semina del materiale prelevato da naso, bocca, ferite, urine ed altro in un brodo
di Mueller-Hinton antibiotato, da incubare per 20 ore. Secondo alcuni Autori, luso dellarricchimento, seguito
da piastratura su terreno cromogenico, aumenterebbe la sensibilit del metodo dal 78 al 95%.
MATERIALE

Primo giorno
Un campione di sangue contaminato con S. aureus MRSA
Una provetta di Brodo Mueller-Hinton antibiotato (oxacillina + aztreonam 6 mcg/ml) contaminata come sopra
Due piastre di terreno MRSA Select (Bio-Rad)
Due piastre di Mannitol Salt Agar
Due piastre di Baird-Parker Agar

224

Due piastre di Agar sangue


Un ceppo di referenza di S. aureus meticillina-resistente
Una piastra di Mueller-Hinton Agar
Una provetta con 15 ml di soluzione fisiologica sterile
Un tampone sterile
Un kit per la determinazione della MIC (Sensititre Gram-positive)
Un kit di prove biochimiche per lidentificazione degli stafilococchi (Crystal Gram-positive)
Micropipetta da 100 l
Puntali sterili
Dischetti per antibiogramma di oxacillina, meticillina, aztreonam
Pinza sterile
Secondo giorno
Kit di ricerca della coagulasi libera su vetrino (Staphy-slide)
Kit di ricerca della resistenza alla meticillina mediante agglutinazione al lattice (MRSA latex)
METODO

Primo giorno
1. Seminare con lansa il campione in esame su una piastra di terreno cromogenico MRSA Select per ottenere
colonie isolate.
2. Miscelare il contenuto della provetta di arricchimento infettata e seminare unansata su una piastra di terreno
cromogenico MRSA Select.
3. Incubare le piastre di MRSA Select capovolte a 37 C per una notte.
4. Dal campione e dallarricchimento seminare con lansa, rispettivamente, una piastra di Mannitol Salt Agar,
una piastra di Baird-Parker Agar, una piastra di Agar sangue.
5. Incubare queste piastre capovolte a 37 C per 48 ore.
6. Sospendere il ceppo di referenza in 15 ml di soluzione fisiologica sterile, in modo da ottenere una torbidit
pari allo standard 0,5 di Mc Farland.
7. Usare questa sospensione per seminare, a 100 l per pozzetto, una piastra destinata alla MIC. Chiudere la
piastra con foglio adesivo e incubarla a 37 C per 24 ore.
8. Utilizzare il rimanente della sospensione batterica per seminare, con laiuto di un tampone, una piastra di
Mueller-Hinton Agar. Lasciar asciugare, deporre con una pinza sterile i dischetti di oxacillina, meticillina e
aztreonam. Incubare la piastra, non capovolta, a 37 C per 24 ore.
9. Realizzare una sospensione batterica nel terreno apposito per le prove biochimiche e seminare il kit Crystal
secondo le istruzioni della casa. Incubare a 37 C per 24 ore.
Secondo giorno
1. Leggere le piastre dei vari terreni, effettuando il riconoscimento delle colonie tipiche di S. aureus.
2. Determinare sulla piastra Sensititre la MIC relativa al ceppo MRSA.
3. Leggere lantibiogramma tradizionale su Mueller-Hinton Agar.
4. Identificare, sulla base delle caratteristiche biochimiche, il ceppo di stafilococco, mediante lettura delle prove
allestite su Crystal.
5. Effettuare una prova di coagulasi libera su vetrino utilizzando un kit di ricerca al lattice (tipo Staphy-slide),
partendo dalle colonie sviluppate su terreno cromogenico.
6. Provare la resistenza alla meticillina mediante un kit di agglutinazione al lattice su vetrino.

225

ESERCITAZIONE 3.9 - GERMI SAPROFITI O DI IRRUZIONE SECONDARIA


QUALI POTENZIALI PATOGENI MULTI-RESISTENTI AI FARMACI.
GLI ESEMPI DI ACINETOBACTER SPP. ED ENTEROBACTER SAKAZAKII

Alcune specie batteriche, tradizionalmente riconosciute innocue per luomo e gli animali, vanno via via
acquistando unimportanza clinica sempre maggiore. La comparsa della virulenza essere sembra, almeno
in parte, conseguenza di una maggior capacit di sopravvivenza del microrganismo nellambiente e anche
dellinsorgenza di fenomeni di multi-resistenza ai farmaci.
Due esempi (fra i tanti) di tale trasformazione sono forniti da Acinetobacter spp. e da Enterobacter sakazakii,
entrambi bacilli Gram-negativi ampiamente distribuiti nellambiente. Questi microrganismi erano
tradizionalmente considerati saprofiti con scarsi effetti dannosi, ma, viceversa, col passar del tempo divenuta
sempre pi evidente la loro potenziale patogenicit.
Acinetobacter spp. (in particolare, A. baumannii)
stato trovato nel circolo sanguigno, nel tratto respiratorio, nelle urine e in altri liquidi organici di regola sterili,
anche se, per lo pi, stato isolato in sede chirurgica dalle ferite operatorie. Nel caso delluomo, la diffusione della
specie in questione sembra correlata in maniera consistente anche alla durata della degenza nei nosocomi, per cui
Acinetobacter spp. viene classificato nella categoria dei batteri responsabili di infezioni intra-ospedaliere.
Secondo una statistica pubblicata nel 2004, in un ospedale del Maryland (USA) si sono registrati 166 focolai
dinfezione, 96 dei quali (58%) sono stati attribuiti ad Acinetobacter dimostratisi muti-resistenti a farmaci
antimicrobici e, soprattutto, quasi sempre (96%) non suscettibili al carbapenem, un farmaco molto usato per
controllare i casi del genere.
Gli aspetti relativi ai casi umani possono essere facilmente trasferiti agli animali, per i quali hanno influenza nella
diffusione del contagio le condizioni di sovraffollamento e la facilit di super-infezioni in seguito a traumi, ferite non
rimarginate ecc.
In definitiva, le infezioni secondarie da Acinetobacter sono oggi particolarmente temute perch solo pochi antibiotici
risultano attivi, in pratica le polimixine (colistina e polimixina B), che sono una classe di sostanze non molto adoperate
negli ultimi dieci anni, essendo pi tossiche di altre molecole affermate e facilmente reperibili sul mercato.
Il riconoscimento del germe non difficile e si pu arrivare ad una diagnosi di laboratorio entro 48 ore dallinizio
delle analisi.

Enterobacter sakazakii
Appartiene agli Enterobatteri e cresce con colonie pigmentate in giallo sui comuni terreni a essi congeniali. entrato
a far parte dei batteri potenzialmente patogeni nel 1958, quando si reso responsabile di una grave meningite
neonatale in Inghilterra, veicolata da latte in polvere contaminato. Oggi si conoscono altre forme oltre alla meningite
(setticemia, enterocolite necrotizzante) che colpiscono neonati immaturi o comunque bambini entro i primi 28
giorni, con un tasso di mortalit molto elevato oppure con sequela di lesioni neurologiche permanenti. anche
possibile trovare Enterobacter sakazakii nelle feci e nelle urine di soggetti asintomatici, mentre, negli adulti, non
sembra avere alcuna importanza.
Lhabitat naturale del batterio si trova nei vegetali (soprattutto le spezie), nel latte e derivati, nella carne. Il latte in polvere
per la prima infanzia (che un prodotto non sterile) verrebbe inquinato facilmente allorigine a bassi livelli (meno di 100
cellule per 100 grammi). Sarebbero poi le cattive condizioni di preparazione a temperatura inadeguata a far moltiplicare
i germi, fino a raggiungere la soglia di patogenicit, stimata nel bambino attorno a 100.000 cellule batteriche.
Questo germe diventato col tempo pi termotollerante delle altre Enterobatteriacee e, contemporaneamente,
multi-resistente agli antibiotici. Oltre alla naturale resistenza a macrolidi, lincomicina, clindamicina, rifampicina,
acido fusidico, fosfomicina, E. sakazakii ha dimostrato di poter elaborare delle beta-lattamasi che lo rendono
insensibile ad ampicillina e cefalosporine. I trattamenti tradizionali con ampicillina + gentamicina oppure ampicillina
+ cloramfenicolo rischiano, pertanto, di diventare inefficaci.

226

Oggetto della presente esercitazione simulare lisolamento colturale dei germi sopra descritti da un campione
biologico infetto, identificare lisolato biochimicamente e stabilire leventuale condizione di multi-resistenza
agli antibiotici, tenendo presente che, attualmente, si considerano multi-resistenti i microrganismi che non
rispondono ad almeno tre classi di antibiotici.
MATERIALE

Per il primo giorno


Due campioni contaminati, rispettivamente, con Acinetobacter e con Enterobacter
Due piastre di Agar sangue
Due piastre di terreno selettivo, ciascuna specifica per le specie sopra citate
Due slant di BHI Agar con sviluppati i ceppi Acinetobacter ed Enterobacter di controllo
Due piastre di MacConkey Agar
Due kit di prove biochimiche per Gram-negativi
Due piastre di BHI Agar
Due piastre di Mueller-Hinton Agar
Dischetti di antibiotici per antibiogramma (in numero di due per tipo) contenenti carbapenem, colistina,
polimixina B, ampicillina, fosfomicina, cefalosporina
Due piastre microtiter contenenti kit di rilevazione della MIC per Gram-negativi aerobi
Due flaconi da 40 ml di soluzione fisiologica sterile
Micropipetta da 100 l
Puntali sterili per micropipetta
Due tamponi sterili
Per il secondo giorno
Anticorpi anti-Acinetobacter e anti Enterobacter sakazakii per agglutinazione rapida su vetrino
Due provette con 2 ml ciascuna di soluzione fisiologica sterile
METODO

Primo giorno
1. Seminare con lansa i due campioni in esame ciascuno sopra: una piastra di Agar sangue, una piastra di
terreno selettivo specifico, una piastra di MacConkey Agar.
2. Incubare le piastre capovolte in termostato a 37 C per 24 ore.
3. Partendo dai ceppi di controllo forniti, preparare delle sospensioni nellapposito diluente per seminare le
prove biochimiche, rispettando le istruzioni della casa produttrice del kit quanto a densit batterica. Incubare
le prove biochimiche in termostato a 37 C per 24 ore.
4. Da ogni ceppo, allestire, nel flacone contenente 40 ml di soluzione fisiologica sterile, una sospensione
batterica (torbidit pari a 0,5 Mc Farland) e seminare da questa: con un tampone sterile, una piastra di
Mueller-Hinton Agar (destinata allesecuzione dellantibiogramma classico); con lansa, una piastra di
MacConkey Agar e una piastra di BHI Agar, da incubare, capovolte, in termostato a 37 C per 24 ore, in modo
da poter apprezzare la morfologia delle colonie staccate (su MacConkey Agar) e la formazione di pigmento
giallo (su BHI Agar); con la micropipetta regolata a 100 l, una piastra del kit di rilevazione della MIC, da
incubare, chiusa con foglio adesivo, in termostato a 37 C per 24 ore.
5. Con pinza sterile, depositare sulle piastre di Mueller-Hinton Agar (quando si trovano asciutte) i dischetti di
antibiotici (sei dischetti opportunamente distanziati) e mettere le piastre, non capovolte, in termostato a
37 C per 24 ore.

227

Secondo giorno
1. Effettuare la lettura di tutte le piastre e delle prove biochimiche, tracciando il profilo biochimico dei due
germi.
2. Riconoscere leffetto degli antibiotici saggiati sulle piastre di Mueller-Hinton Agar col metodo di KirbyBauer.
3. Individuare la MIC sulle piastre dei kit contenenti i vari antibiotici.
4. Allestire dalle colonie su BHI Agar uno striscio (utilizzando soluzione fisiologica sterile) da fissare, colorare
ed esaminare al microscopio.
5. Provare sulle colonie sviluppate su BHI Agar lagglutinazione rapida con anticorpi specifici.

228

Capitolo 4
Prove biochimiche di identificazione

ESERCITAZIONE 4.1 - LA BIOCHIMICA PER IDENTIFICARE


GENERI E SPECIE
MATERIALE

Primo giorno
Un ceppo Gram-positivo ed un ceppo Gram-negativo, coltivati su BHI (slant e brodo)
Vetrini (portaoggetti e coprioggetti) per test della mobilit in goccia pendente
Due provette di terreno semisolido (con tubo di Craigie) per test della mobilit
Quattro slant di BHI Agar per allestire le prove di catalasi e ossidasi in provetta
Due provette di terreno liquido per fermentazione del glucosio
Due provette di terreno di Hugh-Leifson per test O/F del glucosio
Olio di vaselina sterile
Una piastra di MacConkey Agar
Brodocolture in TSB dei seguenti ceppi: Escherichia coli, Salmonella, Proteus mirabilis, Pseudomonas aeruginosa.
Cinque provette di terreno liquido per ciascuno dei seguenti test : terreno per fermentazione dei carboidrati
glucosio e lattosio, indolo (TSB), nitrati (Nitrate Broth), urea (Christensen Urea Broth).
Secondo giorno
Reattivi per catalasi e ossidasi
Reattivi per indolo (Kovacs) e nitrati (A e B)
METODO

Primo giorno
1. Allestire da brodocoltura uno striscio da fissare, colorare con Gram ed una prova di mobilit in goccia
pendente. Leggere al microscopio.
2. Dal ceppo Gram-positivo allestire le seguenti semine: in terreno liquido per fermentazione del glucosio, su
BHI Agar per catalasi e ossidasi, in terreno per mobilit.
3. Dal ceppo Gram-negativo allestire le seguenti semine: in terreno di Hugh-Leifson, su BHI Agar per catalasi
e ossidasi, su MacConkey, in terreno per mobilit.
4. Seminare singolarmente i ceppi in altrettante provette quante sono le prove. Affiancare un controllo negativo
non seminato.
5. Incubare a 37 C per 24 ore.
Secondo giorno
1. Aggiungere i reattivi catalasi e ossidasi
2. Provare la reazione catalasi su vetrino e la reazione ossidasi su carta assorbente
3. Leggere le prove.
4. Confrontare i risultati con gli schemi seguenti per identificare i due ceppi.
5. Leggere i risultati delle reazioni biochimiche:

233

fermentazione dei carboidrati Leggere i viraggi di colore (positivo = rosso, negativo = giallo).
indolo Addizionare 1 ml di reattivo di Kovacs (positivo= si forma subito un anello porpora alla superficie;
negativo = si forma un anello giallo).
riduzione dei nitrati Addizionare 0,5 ml di reattivo NITRATI A e 0,5 ml di NITRATI B. Test positivo = il
brodo si colora subito di rosso porpora; test negativo = non si osserva nessun cambiamento di colore.
Aggiungendo quindi pochi milligrammi di zinco in polvere, se il colore non cambia il test positivo. Se
vira al rosso, negativo.
RISULTATI DELLE PROVE
Prove per la determinazione di genere
Spore
Mobilit
Catalasi
Ossidasi
Glucosio (acido)

Ceppo batterico Gram-positivo

CONCLUSIONI

Prove per la determinazione di genere


Crescita su MacConkey Agar
Mobilit
Catalasi
Ossidasi
O/F test del glucosio

Ceppo batterico Gram-negativo

CONCLUSIONI

Ceppo

E. coli
Salmonella
Proteus mirabilis
Ps. aeruginosa

234

Fermentazione
glucosio
lattosio

Indolo

Nitrati
dopo reattivi
dopo Zn
A+B

Urea

ESERCITAZIONE 4.2 - RICONOSCERE UN CEPPO BATTERICO

Scopo di questa esercitazione tradurre in pratica le nozioni precedentemente assimilate, cimentandosi


nellidentificazione di una coltura batterica sconosciuta.
MATERIALE

Primo giorno
Una coltura da esaminare, sviluppata su slant di BHI Agar ed in brodo BHI
Coloranti per Gram
Vetrini portaoggetti e coprioggetti per mobilit in goccia pendente
Reattivi per test catalasi, ossidasi, indolo, nitrati
Terreni in provetta
Terreni in piastra
Brodo BHI (1)
BHI Agar (1)
BHI Agar (2)
Agar sangue (1)
Hugh-Leifson per O/F test del glucosio (2)
MacConkey Agar (1)
Brodo di fermentazione carboidrati glucosio, lattosio, saccarosio
(1 per tipo)
Brodo per test indolo, nitrati, ureasi (1 per tipo)
Agar semi-solido per test di mobilit
METODO

Primo giorno
Allestire i preparati microscopici, seminare le prove biochimiche e colturali ritenute idonee, incubare provette
e piastre.
Secondo giorno
Aggiungere i reattivi alle prove, leggere i risultati finali e compilare il protocollo danalisi comprendente
lidentificazione della coltura esaminata.
RISULTATI DELLE PROVE

Caratteristiche morfologiche
Sviluppo in brodo
Colonie su BHI Agar
Colonie su Agar sangue (emolisi)

Caratteristiche colturali
Gram
Mobilit (in goccia pendente)
Mobilit (in agar semi-solido)

Caratteristiche biochimiche
Crescita su MacConkey Agar
Catalasi
Ossidasi
Fermentazione del glucosio
Fermentazione del lattosio

Fermentazione del saccarosio


O/F test del glucosio
Test dellidolo
Test dei nitrati
Test dellureasi

235

COMPORTAMENTO BIOCHIMICO-TIPO DI ALCUNI MICRORGANISMI AEROBI

Avvertenza Nella tabella seguente vengono riportati, come esempio di reazioni biochimiche, alcuni test tra
i pi comuni, con i relativi risultati attesi. Si deve ricordare, tuttavia, che, in conseguenza della variabilit di
comportamento allinterno di ciascun genere, i risultati contenuti nella tabella stessa sono da ritenersi solamente
indicativi del profilo biochimico predominante del rispettivo genere.
TEST
Mobilit
Emolisi
MacConkey
O/F glucosio
Ossidasi
Catalasi
Ureasi
Nitrati
Indolo
Saccarosio
Lattosio
Glucosio

Escherichia coli

Salmonella

+
+
F
+
+
+
+
+
+

+
+
F
+
+
+

Pseudomonas
aeruginosa
+
+
+
O
+
+
+
-*
-

Proteus
mirabilis
+
+
F
+
+
+
+
+

Staphylococcus Streptococcus
aureus
agalactiae
+
+
NR
NR
+
+
+

+
+**

* = reazione di riduzione dei nitrati negativa allaggiunta dei reattivi A e B, ma positiva dopo aggiunta di polvere di zinco
** = reazione di fermentazione del glucosio in brodo debole e/o ritardata
NR = test non richiesto

CONCLUSIONI

Il ceppo in esame pu essere identificato come

236

Capitolo 5
Prove sierologiche

ESERCITAZIONE 5.1 - LE AGGLUTINAZIONI CLASSICHE:


RAPIDA SU VETRINO E LENTA IN PROVETTA
AGGLUTINAZIONE RAPIDA SU VETRINO

Consente di evidenziare la presenza di anticorpi in un siero. Pu essere applicata alla diagnosi di parecchie
malattie, per le quali sia disponibile lantigene agglutinante. Tra queste, si ricordano la pullorosi (Salmonella
gallinarum-pullorum) e le infezioni da micoplasmi (Mycoplasma synoviae, Mycoplasma gallisepticum). Le
modalit di esecuzione del test sono le stesse.
Nel caso della brucellosi, preso ad esempio, si utilizza un antigene colorato acidificato.
MATERIALE

Sospensione all11% di antigene Brucella abortus (ceppo Bang 99) colorato al 6% con una soluzione (contenente verde
brillante 2 g e cristalvioletto 1 g in 300 ml di acqua distillata) e acidificato a pH 3,2-3,4 con acido acetico all8%.
Siero in esame
Piastra in vetro per agglutinazione rapida
Bacchetta di vetro
METODO

1.
2.
3.
4.

Depositare una goccia (0,03 ml) di siero in esame su un riquadro della piastra in vetro per agglutinazioni.
Aggiungere una goccia (0,03 ml) di antigene colorato.
Miscelare con una bacchetta di vetro e poi agitare la piastra con movimento alternato per non pi di 2 minuti.
Si leggono positivi i sieri che hanno dato luogo alla formazione di agglomerati puntiformi blu. In caso
negativo non si nota nessun cambiamento.

NOTA

importante che la piastra destinata ad accogliere il siero e lantigene sia a temperatura ambiente (20-25 C) e
che i reagenti siano stati preventivamente portati a questa temperatura.
AGGLUTINAZIONE LENTA IN PROVETTA

la classica agglutinazione di Wright e serve per la diagnosi sierologica di brucellosi. Con opportune variazioni,
pu essere adattata alla ricerca di anticorpi di altre malattie.
Prima fase - Titolazione dellantigene

Consiste nel mettere a confronto diluizioni scalari dellantigene diagnostico con un siero internazionale standard
(SIS), che contiene convenzionalmente 1.000 unit internazionali (U.I.) agglutinanti. Scopo della titolazione
determinare la diluizione dellantigene che viene agglutinata al 50% da 2 U.I. del siero standard.

241

MATERIALE

Siero internazionale standard (SIS) pre-diluito 1:150 (diluire 1:144 lattuale SIS da 960 U.I./ml)
Antigene Brucella abortus (ceppo Bang 99) inattivato pre-diluito 1:23
8 provette 16 x 160 mm
30 provette da sierologia
Soluzione fisiologica 0,5% fenicata ml 150 (diluente)
Termostato umidificato a 37 C
METODO

1. Diluire ulteriormente in provette il siero standard pre-diluito:


Diluizione
1:150 (pre-diluizione)
1:200
1:250
1:300
1:350

ml siero pre-diluito 1:150


3
3
3
3

ml diluente
1
2
3
4

2. Diluire ulteriormente lantigene pre-diluito:


Diluizione
1:23 (pre-diluizione)
1:28
1:33
1:38
1:43

ml antigene pre-diluito 1:23


4
4
4
4

ml diluente
0,5
1
1,5
2

3. Seguendo lo schema a scacchiera sottoriportato, miscelare, in provette da sierologia, 0,5 ml delle diluizioni
del siero standard con 0,5 ml delle diluizioni dellantigene:
Diluizioni
dellantigene

Diluizioni del siero (in parentesi, le diluizioni iniziali,


nella seconda riga, le diluizioni finali dopo aggiunta dellantigene)
(1:150)
(1:200)
(1:250)
(1:300)
(1:350)
1:300
1:400
1:500
1:600
1:700

1:23
1:28
1:33
1:38
1:43

4. Allestire il controllo di agglutinazione al 50% dellantigene. In provette da sierologia, si mescolano 0,5 ml di


ciascuna diluizione dellantigene (da 1:23 a 1:43) con 0,75 ml di diluente.
5. Incubare in termostato umidificato a 37 C per 24 ore.
6. La serie dei controlli di agglutinazione al 50% va presa come paragone per leggere la titolazione dellantigene
verso il siero standard.
7. Si prende in considerazione il siero standard 1:500 (contenente 2 U.I./ml) e si cerca quale diluizione
dellantigene ha dato il 50% di agglutinazione. Lantigene cos diluito sar usato nella seconda fase, per

242

ricercare il titolo anticorpale (da esprimere in U.I.) nei campioni di siero mediante agglutinazione lenta.
8. Lo stesso antigene tarato (ad esempio, diluito 1:33) servir anche per preparare i controlli di agglutinazione
seguenti:
- Controllo negativo (C-): 0,5 ml di antigene + 0,5 ml di soluzione fisiologica 0,5% fenicata
- Controllo di agglutinazione al 50% (C50%): 0,25 ml di antigene + 0,75 ml di soluzione fisiologica 0,5%
fenicata
- Controllo di agglutinazione al 37,5% (C37,5%): 0,31 ml di antigene + 0,69 ml di soluzione fisiologica
0,5% fenicata
Seconda fase Titolazione di un campione di siero

Consiste nel mettere a confronto lantigene, in precedenza tarato, con un siero, nel quale si voglia determinare
il contenuto di unit agglutinanti.
MATERIALE

Antigene Brucella abortus tarato


Siero in esame
6 provette da sierologia
Pipette graduate da 1 ml
Soluzione fisiologica 0,5% fenicata (diluente)
Termostato umidificato a 37 C
METODO

1. Distribuire il diluente a ml 0,8 nella prima provetta e a ml 0,5 in altre quattro provette.
2. Aggiungere nella prima provetta ml 0,2 di siero in esame. Miscelare pipettando.
3. Trasferire 0,5 ml nella seconda provetta e cos di seguito fino allultima diluizione, dalla quale si tolgono e
gettano 0,5 ml. Non occorre cambiare pipetta. Si ottengono le diluizioni iniziali del siero pari a1/5, 1/10,
1/20, 1/40, 1/80.
4. Aggiungere a ogni provetta 0,5 ml di antigene tarato. Il siero avr diluizioni finali di 1/10, 1/20, 1/40, 1/80,
1/160.
5. Preparare un controllo di agglutinazione al 50% dellantigene (vedi prima fase).
6. Incubare le provette in termostato umidificato a 37 C per 24 ore.
7. Leggere il controllo di agglutinazione al 50% dellantigene.
8. Leggere le diluizioni del siero in esame, tenendo presente il controllo di agglutinazione al 50%.
9. Il titolo del siero in esame si ottiene moltiplicando per 2 la diluizione che ha mostrato una torbidit pari a
quella del controllo di agglutinazione al 50%.
10. Un siero pu mostrare vari gradi di agglutinazione, che possono essere valutati come segue prima di essere
annotati nello schema sottoriportato:
- ogni provetta pi trasparente del controllo = ++++ (agglutinazione completa)
- uguale al controllo = ++ (agglutinazione del 50%)*
- pi torbida = zero (nessuna agglutinazione)
* I casi intermedi si possono indicare con 3+ e con 1+

243

Provetta n
Diluizione finale del siero

1
1:10

2
1:20

3
1:40

4
1:80

5
1:160

6
1:320

Grado di agglutinazione
Titolo in U.I. (diluizione che ha dato il
50% di agglutinazione x 2)

ESERCITAZIONE 5.2 - AGGLUTINAZIONE LENTA CON MICROMETODO


ESEMPIO N 1 (RIFERITO ALLA DIAGNOSI SIEROLOGICA DI BRUCELLOSI)

Sfrutta un metodo miniaturizzato su piastra, che consente di abbreviare i tempi di esecuzione delle prove e di
ridurre le quantit dei reattivi rispetto al metodo tradizionale in provetta.
Prima fase Taratura dellantigene
MATERIALE

Antigene inattivato Brucella abortus (ceppo Bang 99) sospeso in soluzione fisiologica 0,5% fenicata, dieci volte
concentrato rispetto al titolo duso per lagglutinazione in provetta
Soluzione fisiologica 0,5% fenicata (diluente).
Soluzione di safranina O (Grubler) allo 0,2% in diluente
Siero standard anti-brucella a 1000 U.I./ml diluito 1:150 con diluente
15 provette comuni
9 provette per sierologia
1 piastra microtiter con 96 pozzetti fondo a V completa di coperchio
Due micropipette da 25 e da 50 microlitri
Puntali per micropipetta
METODO

1. Diluire in provette lantigene e colorarlo come segue:


Provetta n
1
2
3
4
5
6
7
8
9

ml di antigene 10x
1,5
1,3
1,2
1,1
1
0,9
0,8
0,7
0,5

ml di sol.fis.0,5% fenicata
7,5
7,7
7,8
7,9
8
8,1
8,2
8,3
8,5

ml di safranina 10x
1
1
1
1
1
1
1
1
1

2. Diluire in provette il siero standard 1/150, 1/200, 1/250, 1/300, 1/350.


3. Preparare in una provetta la soluzione duso di safranina per la correzione di colore dei controlli, diluendo 1
ml di safranina 10x con 9 ml di diluente.

244

4. Allestire in provette i controlli del 50% di agglutinazione prelevando da ciascuna delle nove diluizioni (vedi
tabella sopra) 0,25 ml e aggiungendo 0,25 ml di soluzione duso di safranina pi 0,5 ml di diluente.
5. In una piastra microtiter prendere in considerazione le file orizzontali dalla A fino alla E. Distribuire nelle
colonne verticali da 1 a 9 con micropipetta 25 l di antigene diluito come in tabella.
6. Aggiungere nelle file orizzontali dalla A fino alla E, con micro pipetta, il siero standard nelle varie diluizioni
predisposte al punto 2, a 25 l per pozzetto. Il valore finale di ciascuna diluizione di siero si raddoppia.
7. Nella fila orizzontale F, trasferire con micropipetta in ogni pozzetto 50 microlitri dei controlli di agglutinazione
al 50% predisposti al punto 4.
8. Agitare la piastra delicatamente per mescolare il contenuto, coprire con coperchio ed incubare a +37 C per
24 ore in termostato umidificato.
9. Leggere il risultato osservando il fondo della piastra eventualmente con laiuto di uno specchio concavo.
10. Osservare le dimensioni dei bottoni di sedimentazione nella fila orizzontale C (dove si trova il siero standard
alla diluizione finale di 1/500, pari a 2 U.I./ml) e nella fila orizzontale F (dove sono i controlli di agglutinazione
al 50%) .
11. Scegliere, tra i nove pozzetti della fila C, quello uguale al rispettivo controllo del 50% contenuto nella fila F.
Questa diluizione dellantigene sar usata per ricercare il titolo anticorpale dei campioni di siero mediante
agglutinazione su piastra.
Seconda fase Titolazione dei campioni di siero
MATERIALE

Campioni di siero da titolare


Siero standard internazionale (SIS), diluito in modo da contenere 30 unit internazionali agglutinanti (U.I.A.) e
capace di fornire, alla diluizione 1/20, il 37,5% di agglutinazione dellantigene
Antigene inattivato Brucella abortus (ceppo Bang 99) in soluzione fisiologica 0,5% fenicata pi safrani9na allo
0,02%, preparato secondo il risultato della taratura (vedi prima fase) in modo da dare il 50% di agglutinazione
in presenza di SIS diluito 1/500
Controlli di agglutinazione dellantigene:
- C- = controllo negativo: 0,5 ml di antigene + 0,5 ml di soluzione fisiologica 0,5% fenicata
- C50% = controllo di agglutinazione al 50%: 0,25 ml di antigene + 0,75 ml di soluzione fisiologica 0,5%
fenicata
- C37,5% = controllo di agglutinazione al 37,5%: 0,31 ml di antigene + 0,69 ml di soluzione fisiologica
0,5% fenicata
Soluzione fisiologica 0,5% fenicata (diluente)
Provette per i controlli
Una piastra microtiter da 96 pozzetti con fondo a V completa di coperchi
Micropipetta per erogare volumi variabili tra 25 e 75 microlitri
Puntali per micropipetta
Termostato umidificato a 37 C
METODO

1. Dispensare con micropipetta il diluente a 75 l nella fila orizzontale A e a 25 l nelle rimanenti file.
2. Trasferire 50 l di ciascun siero in esame nei pozzetti della fila orizzontale A. Si ottiene la pre-diluizione
1/2,5

245

3. Procedere in senso verticale allesame di un siero alla volta. Si usa un puntale nuovo per ogni siero, si miscela
aspirando e scaricando la micropipetta tre volte e si fanno le diluizioni in base 2 trasferendo 25 l a partire
dalla fila A fino alla G. Si ottengono le diluizioni 1/5, 1/10, 1/20, 1/40, 1/80, 1/160, 1/320.
4. Aggiungere lantigene a 25 l nei pozzetti riempiti con i sieri. Le diluizioni finali dei sieri diventano il doppio
di quanto segnato al punto 3.
5. Miscelare agitando delicatamente la piastra.
6. Utilizzare una seconda piastra per i controlli. Si procede come sopra, con la differenza che il siero quello
standard internazionale. Tre colonne vengono riservate ai controlli di agglutinazione dellantigene. Ad
esempio, si pu mettere il controllo C37,5% nella colonna 10, il controllo C50% nella 11, il controllo Cnella 12. Ogni pozzetto riservato ai controlli di agglutinazione va riempito con 50 l.
7. Coprire le piastre con il coperchio ed incubarle in termostato a 37 C per 24 ore.
8. Leggere prima la piastra dei controlli. Osservare il fondo dei pozzetti, eventualmente con laiuto di uno specchio
concavo. Quando la reazione negativa, lantigene sedimenta sotto forma di un bottone compatto a margini netti
e di colore rosso intenso. In caso positivo nel pozzetto si forma un velo rosa diffuso uniformemente distribuito.
Controllare che laspetto della sedimentazione alla diluizione 1/20 del SIS sia lo stesso del C37,5%.
9. Leggere la piastra dei campioni in esame. Cercare, per ciascun siero, la pi alta diluizione capace di fornire il
50% di agglutinazione. Il pozzetto in questione avr lo stesso aspetto del controllo C50%.
10. Esprimere il titolo agglutinante di ciascun campione in unit internazionali agglutinanti per ml (U.I.A./ml)
moltiplicando per 2 il reciproco della diluizione individuata al punto 8. In pratica, con le diluizioni fatte si
potranno avere le seguenti possibilit: negativo - 20 - 40 - 80 -160 - . U.I.A./ml
ESEMPIO N 2 (RIFERITO ALLA DIAGNOSI SIEROLOGICA DI PULLOROSI)

Ha lo scopo di accertare la presenza di anticorpi contro la Salmonella gallinarum-pullorum e di determinarne il


titolo nel siero. Sfrutta un micrometodo in piastra.
MATERIALE

Antigene Salmonella gallinarum-pullorum ceppo TI 184/64 liofilizzato


Siero positivo di controllo anti-Salmonella O 1,9,12
Soluzione fisiologica 0,5% fenicata
Soluzione fisiologica (diluente)
Colorante blu di metilene in soluzione acquosa allo 0,1%
Una piastra microtiter da 96 pozzetti con fondo a U, completa di coperchio
Una micropipetta multicanale per erogare fino a 150 l
Una micropipetta a volume variabile per erogare da 50 a 100 l
Puntali per micropipetta
Termostato umidificato a 37 C
METODO

a) preparazione dellantigene
Ricostituire lantigene TI 184/64 liofilizzato in 125 ml di soluzione fisiologica 0,5% fenicata. Aggiungere lo 0,5%
di soluzione di blu di metilene. Aggiustare il pH a 8-8,5 con NaOH 40% (circa 100 l ogni 100 ml di antigene).
b) esecuzione della reazione
1. Utilizzare per i campioni le colonne verticali da 1 a 9. Dispensare il diluente a 150 l nella fila orizzontale A
e a 100 l nelle altre file. Si pu adoperare una micropipetta multicanale.

246

2. Aggiungere i campioni di siero in esame nei pozzetti della fila orizzontale A in ragione di 50 l con una
micropipetta, adoperando puntali diversi. Si ottiene la diluizione 1:4 dei sieri.
3. Procedere in senso verticale alle diluizioni successive, trasportando 100 l e miscelando pi volte. Si pu
adoperare una micropipetta multicanale senza cambio dei puntali. Si ottengono le diluizioni del siero da
1:4 a 1:512.
4. Aggiungere 100 l di antigene colorato in tutti i pozzetti. Agitare delicatamente la piastra. Le diluizioni finali
dei campioni di siero si raddoppiano rispetto al punto 3 e saranno comprese tra 1:8 e 1:1024.
5. Utilizzare le colonne verticali 10-11-12 per i controlli seguenti:
6. colonna 10 = diluizioni in base 2 in soluzione fisiologica di un siero positivo O 1,9,12. Si mescolano 100 l
di ciascuna diluizione del siero positivo con 100 l di antigene colorato;
7. colonna 11 = 100 l di antigene colorato pi 100 l di soluzione fisiologica (controllo negativo di
precipitazione del 100%);
8. colonna 12 = 50 l di antigene colorato pi 100 microlitri di soluzione fisiologica (controllo di agglutinazione
del 50%).
9. La piastra chiusa con il coperchio viene incubata in termostato umidificato a 37 C per 24 ore.
10. Il titolo del siero in esame viene espresso con la massima diluizione del siero che presenta un aspetto uguale
al controllo di agglutinazione del 50%.
ESERCITAZIONE 5.3 - FISSAZIONE DEL COMPLEMENTO
METODO CLASSICO IN PROVETTA
Prima fase - Preparazione della sospensione di globuli rossi

una delle due componenti del sistema emolitico, assieme al corrispondente antisiero prodotto su coniglio.
Consiste in una sospensione di globuli rossi di pecora al 2%.
MATERIALE

Sangue di pecora raccolto e conservato in soluzione di Alsever, distribuito in provette da centrifuga


Tampone veronal (diluente)
Centrifuga
METODO

a) lavaggio dei globuli rossi


1. Lasciare sedimentare spontaneamente i globuli rossi nel sangue prelevato, poi aspirare con pipetta il
soprastante ed eliminarlo.
2. Rimpiazzare il soprastante con diluente e risospendere i globuli rossi capovolgendo ripetutamente le
provette.
3. Bilanciare le provette con diluente.
4. Centrifugare a 1000-1500 rpm per 10 minuti.
5. Ripetere altre due volte il procedimento dal punto 1 al punto 4 e aspirare il sovrastante (che deve essere
limpido) dopo lultima centrifugazione, senza rimuovere i globuli rossi sedimentati.
b) standardizzazione dei globuli rossi
1. Diluire 0,2 ml di globuli rossi con 9,8 ml di diluente per realizzare la sospensione al 2%.
2. I globuli rossi lavati sono conservabili in frigorifero per 1-2 giorni.

247

3. Il sangue in soluzione di Alsever conservabile per un mese in frigorifero a 4 C in provette chiuse con tappo
di gomma.
4. Preparazioni successive sono sempre standardizzabili verso la precedente mediante conteggio microscopico
dei globuli rossi con camera di Burker o esame colorimetrico della concentrazione di emoglobina.
Seconda fase - Titolazione del siero emolitico o emolisina

Per stabilire la concentrazione del siero emolitico nella fissazione del complemento, necessario determinarne la
pi alta diluizione capace di emolizzare completamente i globuli rossi in presenza di complemento in lieve eccesso.
Questa diluizione si chiama dose emolitica minima (MHD). Per convenzione si devono usare nella prova 2 MHD.
MATERIALE

Siero emolitico o emolisina (inattivato in bagnomaria a 56 C per 30 minuti) diluito 1:75 in tampone veronal
Tampone veronal (diluente)
Globuli rossi standardizzati al 2% (vedi prima fase)
Soluzione di complemento al 5% in diluente
Provette da centrifuga
Centrifuga
Bagnomaria a 37 C
METODO

a) allestimento di 8 sistemi emolitici a contenuto fisso di globuli e differenti concentrazioni di siero emolitico
1. Diluire in provette il siero emolitico in base 2, partendo dalla diluizione 1/100.
2. Aggiungere ad ogni diluizione del siero 1 ml di globuli rossi standardizzati.
3. Agitare le provette e incubarle in bagnomaria a 37 C per 10 minuti. Si ottiene la sensibilizzazione dei
globuli rossi.
Provetta n
Diluente ml
Siero emolitico ml
Trasferimento di ml nella successiva provetta
Diluizioni del siero ottenute
Globuli rossi da aggiungere ml

1*

1
1*
1

1
1
1

1
1
1

1
1
1

1
1
1

1
1
1

1/100
1

1/200
1

1/400
1

1
1
Elimina
1 ml
1/800 1/1600 1/3200 1/6400 1/12800
1
1
1
1
1

* siero emolitico o emolisina diluito 1/100

a) titolazione del siero emolitico


1. Distribuire in 8 provette 0,5 ml di diluente.
2. Aggiungere in tutte le provette 0,5 ml di complemento al 5%.
3. Trasferire in ogni provetta 0,5 ml di ciascuna diluizione del siero emolitico preparata come sopra.
4. Allestire un controllo per lautoemolisi, mescolando in una provetta 1,25 ml di dilente con 0,25 ml di globuli
rossi standardizzati.
5. Agitare le provette e incubarle in bagnomaria a +37 C per 30 minuti.
6. Togliere le provette dal bagnomaria e centrifugare a 1000 rpm per 5 minuti tutte quelle in cui lemolisi non
completa.
7. Leggere le provette per determinare la diluizione pi alta del siero emolitico che d emolisi completa (100%)
pari a 1 MHD.

248

8. Calcolare la diluizione duso del siero emolitico che contiene 2 MHD in 0,25 ml.
Il sistema emolitico verr preparato per la fissazione del complemento mescolando uguali volumi di globuli rossi
standardizzati al 2% con siero emolitico alla diluizione sopra stabilita.
Terza fase - Preparazione degli standard di emolisi

Permette di apprezzare i vari gradi di emolisi, in modo da poterli valutare nella successiva reazione di fissazione
del complemento.
MATERIALE

Globuli rossi standardizzati al 2%


Tampone veronal 5 volte concentrato
Tampone veronal (diluente)
Acqua distillata
Provette da centrifuga
Pipette graduate da 1, 2, 5, 10 ml
Centrifuga
METODO

1. Preparare la soluzione A (di globuli rossi lisati) aggiungendo 2,5 ml della sospensione di globuli rossi
standardizzati al 2% a 9,5 ml di acqua distillata. Attendere 2-3 minuti per avere unemolisi completa.
Rendere isotonica la soluzione aggiungendo 3 ml di tampone veronal 5 volte concentrato.
2. Preparare la soluzione B (di globuli rossi integri) aggiungendo 2,5 ml di sospensione di globuli rossi
standardizzati al 2% a 12,5 ml di diluente.
3. Preparare i vari standard di emolisi miscelando le due soluzioni A e B in varie proporzioni, sempre
rispettando i volumi finali che verranno usati nella reazione completa di fissazione del complemento.
Emolisi (%)
0
25
50
75
100

ml di Soluzione A (globuli rossi lisati)


0,375
0,75
1,125
1,5

ml di soluzione B (globuli rossi integri)


1,5
1,125
0,75
0,375
-

4. Centrifugare a 1000-1500 rpm per 5-10 minuti le provette prima di osservarne laspetto.
Quarta fase - Titolazione del complemento

Serve per stabilire la quantit sufficiente di complemento da usare nella prova definitiva, in modo da evitare un
eccesso di questo reagente, che potrebbe causare false reazioni negative. Bisogna stabilire qual la pi bassa
concentrazione di complemento (abbreviato in C) che provoca unemolisi del 100% nei globuli rossi del sistema
emolitico. Questa concentrazione contiene 1 unit esatta CH100 nel volume impiegato. La concentrazione
superiore successiva corrisponde a 1 unit piena CH100.Nel test si devono usare 2 unit piene CH100.
MATERIALE

Soluzione di complemento (C) al 10% 12 ml


Tampone veronal freddo (diluente)

249

Antigene Brucella abortus (ceppo Bang 99) diluito 1/150 3 ml


Sistema emolitico (SE) preparato come descritto nella terza parte 5,5 ml
8 provette da centrifuga
Centrifuga
Bagnomaria a 37 C
METODO

a) preparazione di soluzioni di C a varie concentrazioni


1. Distribuire quantit crescenti di C e decrescenti di diluente nelle provette secondo lo schema seguente:
Provetta n
C al 10% ml
Diluente ml
Concentrazione % di C

1
0,50
9,50
0,50

2
0,75
9,25
0,75

3
1,00
9,00
1,00

4
1,25
8,75
1,25

5
1,50
8,50
1,50

6
1,75
8,25
1,75

7
2,00
8,00
2,00

8
2,25
7,75
2,25

b) esecuzione della reazione


2. Distribuire, in ciascuna delle 8 provette, 0,25 ml di diluente (in sostituzione del siero) e 0,25 ml di
antigene al titolo duso.
3. Incubare le provette in bagnomaria a 37 C per 30 minuti.
4. Aggiungere in ogni provetta 0,5 ml di sistema emolitico (SE)
5. Agitare e incubare nuovamente come sopra.
6. Togliere le provette dal bagnomaria e centrifugare quelle in cui lemolisi non completa a 1000 rpm
per 10 minuti.
7. Leggere i risultati facendo riferimento agli standard di emolisi allestiti nella seconda parte e riportarli
nella seguente tabella:
Provetta n
C al 10% ml
% di emolisi rilevata
minima concentrazione di C che d
emolisi al 100% (= 1 unit esatta CH100)
concentrazione di C che contiene 2 unit
piene CH100 in 0,5 ml da usare nel test

1
0,50

2
0,75

3
1,00

4
1,25

5
1,50

6
1,75

7
2,00

8
2,25

Quinta fase - Titolazione dellantigene


Per determinare la concentrazione ottimale di antigene Brucella da usare nella fissazione del complemento, si
mettono a confronto diluizioni scalari dellantigene con diluizioni scalari di un siero positivo. Si considera ottimale
la maggiore diluizione di antigene che mostra il 50% di emolisi con la pi elevata diluizione del siero positivo.
Nel test lantigene verr utilizzato in leggero eccesso, cio a concentrazione doppia di quella ottimale.
MATERIALE

Siero positivo inattivato a 56 C per 30 minuti, 2 m l


Antigene Brucella abortus (ceppo Bang) inattivato e diluito 1/50 in tampone veronal, 9 ml
Sistema emolitico (16 ml di siero emolitico e ml 16 di globuli rossi) preparato come descritto nella terza parte,
32 ml
Tampone veronal (diluente)

250

Provette comuni
Provette da centrifuga
Bagnomaria a 37 C
Centrifuga
6 provette da centrifuga destinate ai seguenti controlli:
- PAC siero = controllo del potere anticomplementare del siero
- PAC Ag = controllo del potere anticomplementare dellantigene
- C 2 U = controllo dellattivit del complemento a 2 unit
- C 1 U = controllo dellattivit del complemento a 1 unit
- C 0,5 U = controllo dellattivit del complemento a 0,5 unit
METODO

a) preparazione delle diluizioni scalari dellantigene e del siero


1. Preparare in provette comuni le seguenti diluizioni dellantigene:
Provetta n
Diluizione antigene
Antigene prediluito 1/50 ml
Diluente ml

1
1/100
2
2

2
1/200
1
3

3
1/250
1
4

4
1/300
1
5

5
1/400
0,5
3,5

6
1/500
0,5
4,5

7
1/700
0,5
6,5

4
1/40
3
3

5
1/80
3
3

6
1/160
3
3

7
1/320
3
3*

2. Preparare in provette comuni le seguenti diluizioni del siero:


Provetta n
Diluizione siero
Diluente ml
Siero ml
Trasferire ml

1
1/5
4,8
1,2
3

2
1/10
3
3

3
1/20
3
3

*eliminare 3 ml dallultima diluizione

b) titolazione a scacchiera dellantigene


1. Seguendo lo schema seguente, trasferire in provette da centrifuga, 0,25 ml di ogni diluizione dellantigene (partendo
da quella pi alta) secondo le file orizzontali e 0,25 ml delle diluizioni del siero secondo le colonne verticali:
Diluizioni dellantigene
(0,25 ml)
1/50
1/100
1/200
1/250
1/300
1/400
1/500
1/700

1/5

1/10

Diluizioni del siero (0,25 ml)


1/20
1/40
1/80

1/160

1/320

2. Aggiungere a tutte le provette 0,5 ml di complemento C diluito secondo il titolo (vedi quarta parte).
3. Preparare in provette da centrifuga i seguenti controlli:

251

Provette di controllo
PAC siero 1/5
PAC antigene 1/50
C 2 U
C 1 U
C 0,5 U
sistema emolitico (SE)

Siero 1/5
ml
0,25
-

Antigene 1/50
ml
0,25
-

Complemento
ml
0,5
0,5
0,5
0,25
0,125

Diluente
ml
0,25
0,25
0,5
0,75
0,875
1

Emolisi
%

4.
5.
6.
7.

Agitare le provette (compresi i controlli) e incubarle in bagnomaria a 37 C per 30 minuti.


Aggiungere a ciascuna provetta 0,5 ml di sistema emolitico (SE).
Agitare le provette ed incubarle nuovamente come sopra.
Togliere le provette dal bagnomaria e centrifugare a 1000 rpm per 5 minuti quelle in cui lemolisi non
completa.
8. Valutare su tutte le provette le percentuali di emolisi per confronto con gli standard di emolisi (vedi seconda
parte), esprimendole con i seguenti simboli: emolisi assente = 4+; emolisi al 25% = 3+; emolisi al 50%
= 2+; emolisi al 75% = 1+; emolisi al 100% = -.
9. Scegliere la diluizione dellantigene dopo aver letto i controlli. Individuata la diluizione dellantigene che
d il titolo pi alto del siero, ricavare la diluizione duso nella fissazione del complemento sulla scorta delle
nozioni iniziali.
Sesta fase - Test principale di fissazione del complemento (FdC)

La prova permette di evidenziare gli anticorpi fissanti il complemento. Il titolo di un siero in esame, nel caso specifico
della brucellosi, pu essere trasformato in unit internazionali per confronto con un siero a contenuto noto.
Nel momento in cui si esegue il test principale necessario aver espletato le fasi preparative precedenti per avere
a disposizione tutti i reagenti gi standardizzati.
MATERIALE

Campione di siero in esame


Siero standard (1600 unit/ml) prediluito 1/40, ml 1
Tampone veronal (diluente)
Antigene Brucella abortus (ceppo Bang 99) diluito 1/150 (vedi quinta fase), 10 ml
Complemento alla concentrazione stabilita nella quarta fase, 20 ml
Sistema emolitico preparato come descritto nella terza fase, 21 ml
5 provette da centrifuga, contrassegnate S 1/ 2,5 - S 1/5 - S 1/10 - S 1/20 - S 1/ 40 e altrettante per il siero standard
7 provette da centrifuga per i controlli di:
potere anticomplementare (PAC) del siero, contrassegnate Contr. 1/ 2,5 - Contr. 1/5
potere anticomplementare (PAC) dellantigene, contrassegnata Contr. Ag.
Unit di complemento, contrassegnate Contr. C 2U - Contr. C 1U - Contr. C 0,5 U
sistema emolitico, contrassegnata Contr. SE
2 bagnomaria (a 37 e 56 C)
centrifuga

252

METODO

1. Inattivare il siero in esame a 56 C per 30 minuti in bagnomaria.


2. Allestire nelle provette da centrifuga le diluizioni in base 2 del campione di siero e del siero standard, secondo
lo schema sotto riportato. Tutte le provette avranno alla fine 0,25 ml di siero diluito.
3. Aggiungere lantigene (Ag) e il complemento (C) nelle quantit indicate nello schema stesso.
4. Agitare le provette ed incubarle in bagnomaria a +37 C per 30 minuti.
5. Aggiungere in ognuna 0,5 ml di sistema emolitico SE.
6. Agitare ed incubare in bagnomaria a 37 C per 30 minuti.
7. Togliere le provette dal bagnomaria e centrifugare a 1000 rpm per 5 minuti quelle in cui lemolisi non
completa.
Tabella da leggere procedendo da sinistra verso destra
Provetta
S 1/ 2,5
S 1/ 5
S 1/10
S 1/20
S 1/40

Siero ml
0,5
0,5
0,25
0,25
0,25

Contr. PAC siero 1/2,5


Contr. PAC siero 1/5
Contr. Ag
Contr. C 2U
Contr. C 1U
Contr. C 0,5U
Contr. SE

0,25 siero 1/2,5


0,25 siero 1/5
-

Diluente ml Ag ml
0,75*
0,25
0,5*
0,25
0,25
0,25
0,25
0,25
0,25
0,25
0,25
0,25
0,5
0,625
1

0,25
0,25
0,25
0,25
-

C ml
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,25
0,125
-

SE ml
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
30
minuti
a 37 C

0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5

30
minuti
a 37 C

* dopo la miscelazione siero+diluente, trasferire 0,25 ml nel relativo controllo PAC ed eliminare i restanti 0,25 ml quantit prelevata
dalla diluizione precedente

8. Leggere i risultati confrontando il grado di emolisi con gli standard di emolisi (vedi seconda fase). Lassenza
di emolisi (da indicare col simbolo 4+) corrisponde a una positivit massima del campione. I gradi intermedi
di emolisi al 25% (=3+), 50% (=2+) e 75% (=1+) corrispondono a una positivit intermedia. Unemolisi
completa (100%) significa reazione negativa.
9. Il titolo di un siero uguale al reciproco della diluizione che mostra il 50% di emolisi. Per esprimere il titolo
del campione esaminato in unit/ml si applica la proporzione:
unit del siero standard : titolo del siero standard = unit del campione : titolo del campione
METODO MINIATURIZZATO SU PIASTRA

Test principale
Semplifica lesecuzione pratica della prova, riducendo la quantit dei reagenti. Lesempio riferito alla diagnosi
di brucellosi.

253

MATERIALE

Campioni in esame
Siero standard diluito alla concentrazione di 40 unit/ml
Antigene Brucella abortus (ceppo bang 99) diluito (vedi quinta fase)
Complemento diluito (vedi quarta fase)
Sistema emolitico (SE)
Tampone veronal (diluente)
Piastra microtiter a 96 pozzetti con fondo a U
Micropipette da 25 e 50 l
Micropipetta multicanale a volume variabile da 50 a 250 l
Puntali per micropipetta
Bagnomaria (a 37 e 56 C)
Microshaker
Centrifuga per piastre microtiter
METODO

1. Inattivare i sieri in bagnomaria a 56 C per 30 minuti.


2. Distribuire 75 l di diluente nella fila A e 50 l nelle restanti file orizzontali.
3. Introdurre i campioni in esame a 50 l nei pozzetti della fila A.
4. Miscelare e allestire le diluizioni con pipetta multicanale trasferendo 50 l dalla fila A fino alla fila G.
5. Distribuire 25 l di antigene in tutti i pozzetti, esclusa la fila A.
6. Aggiungere 25 l di complemento in tutti i pozzetti dalla fila A alla fila G.
7. Completare il volume dei pozzetti della fila A aggiungendo 25 l di diluente.
8. Agitare la piastra su microshaker e incubare in termostato a 37 C per 30 minuti.
9. Aggiungere in tutti i pozzetti 50 l di sistema emolitico (SE).
10. Agitare la piastra ed incubare nuovamente a 37 C per 30 minuti.
11. Centrifugare la piastra a 1000 rpm per 5 minuti o lasciarla una notte in frigorifero a 4 C.
Controlli
1) PAC del siero: nella fila A, dove non stato aggiunto lantigene.
2) PAC dellantigene: 50 l di diluente + 25 l di antigene + 25 l di complemento
3) Sistema emolitico: 100 l di diluente
4) I controlli seguono le modalit della prova principale, con laggiunta del sistema emolitico dopo la prima
incubazione.
Lettura
analoga a quella che si esegue con il metodo in provetta, tenendo conto che le diluizioni dei sieri sono 1/5
nella fila B, 1/10 nella fila C ecc.
ESERCITAZIONE 5.4 - IMMUNODIFFUSIONE IN AGAR-GEL
MATERIALE

Siero diagnostico specifico oppure sieri in esame


Antigene diagnostico specifico oppure antigeni in esame
Siero di controllo positivo oppure antigene di riferimento

254

Piastra di Petri sterile diametro 9 cm


Agar-gel per immunodiffusione, autoclavato e mantenuto fuso in bagnomaria
Bagnomaria a circa 50 C
Stampo inox per 6 pozzetti (cinque + uno centrale) diametro 6 mm, distanziati di 6 mm
Pipette graduate sterili da 1 e da 25 ml
Micropipetta da 50 l
Puntali per micropipetta
Camera umida per incubazione piastre (scatola con coperchio + cotone bagnato)
Pompa per vuoto completa di tubetto di aspirazione e pipetta da 5 ml inserita
METODO

1. Con pipetta da 25 ml introdurre 18 ml di agar-gel in una piastra Petri.


2. Lasciare solidificare il terreno nella piastra con il coperchio socchiuso a temperatura ambiente e completare
la solidificazione in frigorifero a 4 C per una notte.
3. Praticare con lo stampo i pozzetti al centro della piastra, attraversando completamente lo spessore del
terreno.
4. Aspirare con la pompa per vuoto lagar tagliato dallo stampo.
5. Con pipetta da 1 ml chiudere, con una goccia di agar fuso, il fondo di ciascun pozzetto.
6. Attendere alcuni minuti per far solidificare lagar e contrassegnare, con un numero o una sigla sul retro della
piastra, la posizione dei vari reagenti da introdurre.
7. Usando la micropipetta da 50 l introdurre il reagente noto nel pozzetto centrale e i reagenti da esaminare
nei pozzetti periferici.
8. Il siero o lantigene di referenza vengono posti in uno dei pozzetti periferici.
9. Incubare la piastra a temperatura ambiente fino a 48 ore entro una camera umida con una prima lettura a
18-24 ore.
10. Lesito positivo dato da una linea chiara di precipitazione fra il pozzetto centrale e il pozzetto contenente
il campione.

255

Capitolo 6
Metodi di ricerca alternativi

ESERCITAZIONE 6.1 - TIPIZZARE CON I BATTERIOFAGI


MATERIALE

Primo giorno
Una provetta con 1 ml di batteriofago O1 anti-Salmonella pronto per luso
Una provetta con 5 ml di terreno TSB (Trypticase Soy Broth)
Sei provette sterili vuote per batteriologia
Tre piastre a due settori contenenti terreno BHI Agar
Tre piastre a due settori contenenti terreno Hektoen Enteric Agar
Una brodocoltura in 5 ml di terreno TSB (Trypticase Soy Broth) per ciascuno dei seguenti ceppi: Salmonella
enteritidis, Salmonella derby, E. coli, Proteus mirabilis, Enterobacter cloacae, Klebsiella pneumoniae
Pipette graduate sterili da 1 ml
METODO

Primo giorno
A - Titolazione del batteriofago O1 (determinazione della Routine Test Dilution, RTD)
1. Distribuire a 0,5 ml il Terreno TSB in sei provette sterili
2. Aggiungere alla prima provetta 0,5 ml di batteriofago concentrato. Si ottiene in questo modo la diluizione
1:2
3. Procedere alle successive diluizioni al raddoppio (per ottenere 1:4-1:8-1:16-1:32-1:64) passando 0,5 ml
da una provetta a quella successiva, agitando e cambiando sempre pipetta
4. Strisciare in ogni settore delle 3 piastre di BHI Agar unansata di brodocoltura di Salmonella enteritidis, in
modo da coprire una piccola striscia lunga circa 2 cm e larga 1 cm
5. Fare asciugare a temperatura ambiente le piastre chiuse per 30 minuti
6. Trasferire al centro di ogni striscio unansata delle varie diluizioni di batteriofago
7. Fare asciugare a temperatura ambiente le piastre chiuse per 30 minuti
8. Incubare le piastre capovolte in termostato a 37 C per 18-24 ore
B - Test di lisogenia con batteriofago O1 (identificazione del genere Salmonella)
1. Seminare nei rispettivi settori delle piastre di Hektoen Enteric Agar i sei ceppi in esame, strisciando
unansata di ciascuno su una zona lunga circa 2 cm e larga 1 cm
2. Lasciare asciugare le piastre chiuse a temperatura ambiente per 30 minuti
3. Porre al centro di ciascuna zona seminata con i sei ceppi unansata di batteriofago O1 concentrato
4. Lasciare asciugare le piastre chiuse a temperatura ambiente per 30 minuti
5. Incubare le piastre capovolte in termostato a 37 C per 6-8 ore (eventualmente una notte)
Secondo giorno
A - Leggere le piastre di BHI Agar contenenti la titolazione del batteriofago O1. La lisi batterica sar presente
solo in alcune diluizioni e non in altre. Si prende in considerazione la pi alta diluizione nella quale c lisi. La

261

diluizione che normalmente si usa nella pratica (chiamata Routine Test Dilution, RTD) equivale a due diluizioni
in meno.
B - Leggere le piastre di Hektoen Enteric Agar per vedere la formazione di eventuale lisi batterica in corrispondenza
dei vari ceppi saggiati. Si deve osservare lisi solo in corrispondenza degli strisci di Salmonella enteritidis e di
Salmonella derby.
ESERCITAZIONE 6.2 - RICERCA DELLE SALMONELLE CON TEST ELISA
MATERIALE

Primo giorno
Un campione contaminato con Salmonella
Una provetta con 10 ml di acqua peptonata tamponata (terreno di pre-arricchimento)
Pipette sterili graduate da 1 ml e da 10 ml
Un kit completo ELISA (Unique, TECRA)
METODO

Primo giorno
1. Pipettare sterilmente 1 ml del campione contaminato in una provetta contenente 10 ml di terreno di prearricchimento (rapporto campione/terreno = 1:10)
2. Mescolare
3. Incubare in termostato a 37 C per 16 ore (una notte)
Secondo giorno
1. Pipettare 4 ml di pre-arricchimento nel tubo 1 del test e immergere lo stick. Incubare a 37 C per 20 minuti
2. Lavare lo stick trasferendolo nel tubo 2 del test (lavaggio), invertendo 2-3 volte
3. Immergere lo stick nel tubo 3 del test (terreno di moltiplicazione) e incubare a 37 C per 1 ora
4. Trasferire lo stick nel tubo 4 del test (anticorpi coniugati con lenzima) e incubare in termostato a 37 C per
30 minuti
5. Lavare lo stick immergendolo nel tubo 5 del test (lavaggio) invertendo 2-3 volte
6. Trasferire lo stick nel tubo 6 del test (substrato cromogeno) e incubare a 37 C per 10 minuti prima di leggere
il risultato della reazione dal colore dello stick:
- se interamente bianco, tranne la punta viola (funziona da controllo del test) = negativo
- se 2/3 inferiori viola, il resto bianco = positivo
ESERCITAZIONE 6.3 - E. COLI O157:H7 E FILTRAZIONE SU MEMBRANA

Uno dei pochissimi metodi quantitativi quello di Mc Carty e Coll.(1998), che pu essere adattato facilmente alla
ricerca dei coli verotossici in generale, con alcune semplici modifiche, come qui di seguito riportato..
Si preparano, sterilizzate in autoclave a 121 C per 15 minuti, delle membrane per filtrazione da 0,2 m in
polietersulfone, della misura interna di una piastra Petri. Per ogni esame, si predispongono le membrane sulla
superficie asciutta di quattro piastre contenenti terreno Trypticase Soy Agar (TSA).
Da un omogenato 1:10 del campione in soluzione di Ringer, si seminano due piastre a 0,5 ml e due piastre a
0,1 ml, distribuendo linoculo sullintera superficie delle membrane con una spatola sterile.

262

Dopo incubazione delle piastre capovolte per 4 ore a 37 C (allo scopo di rivitalizzare le cellule batteriche
stressate), con una pinza sterile si trasferiscono le membrane su quattro piastre asciutte di SorbitolMacConkey-Agar, che vengono incubate capovolte per 18-24 ore a 37 C.
Le colonie prodotte da coli sorbitolo-negativi (tra cui il sierotipo O157:H7) si presentano gialle, rotonde,
lisce, a margine netto, del diametro di 2-3 mm, mentre quelle formate da ceppi sorbitolo-positivi sono rosse
e di diametro maggiore. Il conteggio (espresso come UFC per grammo o ml di campione) avviene facendo
la somma delle colonie gialle sulle due piastre seminate con 0,5 ml (oppure la media delle colonie sulle
due piastre seminate con 0,1 ml) e moltiplicando il risultato, rispettivamente, per 10 o per 100. Le diluizioni
consigliate sono il pi delle volte sufficienti per lanalisi di routine degli alimenti e consentono di contare da
1 a 30 colonie (pari a 10-3000 UFC per grammo o ml di campione).
Si allestiscono da alcune colonie gialle dei trapianti su Kligler, che vengono incubati a 37 C per 18-24
ore. Nellevenienza di piastre con elevato numero di colonie rosse, o quando esiste un sospetto fondato,
raccomandabile estendere il trapianto anche ad alcune colonie rosse.
Si selezionano i ceppi isolati mediante prove biochimiche per Enterobacteriaceae Si saggiano i ceppi risultati E. coli con anticorpi agglutinanti O157: H7.
Uno o pi ceppi biochimicamente identificati come E. coli (ma non necessariamente positivi allagglutinazione
con anticorpi O157:H7) vengono esaminati per la capacit di produrre verotossine in vitro con un test su
cellule VERO, oppure con micrometodi appositamente predisposti
Il controllo di qualit si allestisce seminando due piastre di TSA + membrana con 0,1 ml ciascuna di latte
contaminato artificialmente (inoculo contenente 100 UFC/ml di E. coli O157:H7 ed E. coli sorbitolo+ in
rapporto 1:1) e procedendo come sopra.
Un tipo di test su cellule VERO collegabile alla metodica sopra esposta descritto da Palumbo e Coll. come segue:
Dai Kligler selezionati, si trapianta in brodo BHI, da incubare a 37 C per 24 ore e quindi si centrifuga a 3000
rpm per 10 minuti. Il soprastante viene passato su filtro-siringa da 0,2 m e il filtrato usato per il test (con
eventuale congelamento in caso di analisi non immediata).
In una piastra Microtiter da 96 pozzetti, vengono dispensati 100 l di cellule VERO per pozzetto, alla
concentrazione di 105-106/ml, con successiva incubazione a 37 C per 18-24 ore (+5% di CO2 ).
I campioni vengono seminati a 100 l nella prima colonna di ciascuna fila e diluiti al raddoppio mediante
passaggi da sinistra verso destra con una micro pipetta.
Dopo 72 ore a 37 C (+ 5% CO2 ), la piastra viene letta per leffetto citopatico e si considera positivo il
campione che lisa almeno il 50% delle cellule. Il titolo della tossina pari al reciproco della pi alta diluizione
che d effetto citopatico.
MATERIALE

Primo giorno
Quattro piastre di Petri con tereno Trypticase Soy Agar (TSA)
Quattro piastre di Petri con terreno MacConkey Sorbitol Agar
Due piastre con terreno VRBA + MUG
Due provette di Kligler Iron Agar
100 ml di soluzione sterile di Ringer concentrata
Una provetta con 5 ml di soluzione fisiologica sterile
Un campione di carne trita contaminato artificialmente con E. coli O157:H7
Una coltura su Kligler Iron Agar gi sviluppata del ceppo E. coli O157:H7
Una coltura su Kligler Iron Agar gi sviluppata di un ceppo di E. coli
Un kit di prove biochimiche miniaturizzate (Enterotube o altro equivalente)

263

Quattro membrane da filtrazione da 0,2 millimicrometri in polietersulfone, ritagliate del diametro interno di una
piastra Petri da cm 9, sterilizzate singolarmente in autoclave a 121 C per 15 minuti
Un sacchetto presto-chiuso per omogeneizzatore
Una provetta da centrifuga sterile
Una spatola sterile a L per batteriologia
Una pinza sterile a punte piatte
Forbice e pinza sterili
Pipette graduate da 1 e da 10 ml
Bilancia
Omogeneizzatore di tipo peristaltico
Secondo giorno
Anticorpi sensibilizzati al lattice per agglutinazione rapida verso E. coli O157:H7
Vetrini portaoggetti e coloranti per Gram
Lampada di Wood a luce ultravioletta
METODO

Primo giorno
1. Pesare, entro un sacchetto presto-chiuso, 10 grammi di carne trita, aggiungere 100 ml di soluzione sterile
di Ringer e omogeneizzare.
2. Trasferire 5 ml di omogeneizzato in una provetta da centrifuga sterile.
3. Con una pinza sterile, posizionare 4 membrane da filtrazione sulla superficie di 4 piastre di Trypticase Soy
Agar (TSA), facendole aderire perfettamente.
4. Dalla provetta contenente lomogenato, deporre con pipetta da 1 ml al centro della membrana 0,5 ml su due
piastre e 0,1 ml su altre due piastre.
5. Stendere linoculo uniformemente sulle membrane con laiuto di una spatola sterile a L per batteriologia,
cominciando dalle piastre seminate a 0,1 ml.
6. Incubare le piastre di TSA capovolte a 37 C per 30 minuti (in luogo delle 4 ore richieste).
7. Con una pinza sterile trasferire, le mambrane da TSA su piastre di MacConkey Sorbitol Agar.
8. Incubare le piastre di MacConkey Sorbitol Agar capovolte a 37 C per 24 ore.
9. Dalla coltura di E. coli O157:H7 gi sviluppata su Kligler, seminare una serie di prove biochimiche
(Enterotube).
10. Incubare le prove biochimiche a 37 C per 24 ore.
11. Trapiantare il ceppo di E. coli O157:H7 e il ceppo di E. coli non verotossico da Kligler a Kligler e da Kligler a
piastre di VRBA+MUG.
12. Incubare le provette di Kligler e le piastre di VRBA+MUG a 37 C per 24 ore.
Secondo giorno
1. Conteggiare le colonie gialle su MacConkey Sorbitol Agar ed esprimere il risultato facendo i calcoli secondo
le spiegazioni incluse nel metodo.
2. Leggere le prove biochimiche su Kit miniaturizzato (Enterotube o altro).
3. Dalle provette di Kligler Iron Agar seminate il giorno prima, allestire degli strisci da fissare e colorare con Gram.
4. Saggiare col metodo dellagglutinazione rapida su vetrino entrambi i coli seminati su Kligler il giorno prima,
adoperando anticorpi anti-E. coli O157:H7.
5. Leggere le piastre di VRBA+MUG sotto la luce ultravioletta della lampada di Wood.
6. Compilare il protocollo danalisi.

264

RISULTATI DELLE PROVE


Prove microscopiche, colturali, biochimiche e sierologiche
Gram
Numero delle colonie gialle su MacConkey Sorbitol Agar
Colonie fluorescenti su VRBA+MUG
Prove biochimiche (codice Enterotube)
Agglutinazione rapida su vetrino con anticorpi anti-E. coli O157:H7

E. coli O157:H7

E. coli non verotossico

ESERCITAZIONE 6.4 - ENZYME LINKED IMMUNOSORBENT ASSAY (ELISA)

Esistono diversi tipi di reazione basati sulla possibilit che antigeni e anticorpi si leghino sulla superficie dei
pozzetti di una piastra e che un altro anticorpo, unito a un enzima, mostri lavvenuto legame liberando colore
da un substrato aggiunto. Il test qui di seguito descritto appartiene a uno dei tanti sistemi che servono per
dimostrare in un campione la presenza di antigeni batterici (ad esempio, coli, salmonelle, ecc).
La metodica
Il test, qui esemplificato nella veste a sandwich, inizia con ladsorbimento degli anticorpi di cattura alla plastica
dei pozzetti di una piastra microtiter. I siti non coperti da anticorpi vengono resi inutilizzabili con laggiunta di una
soluzione proteica bloccante. Viene introdotto il campione in esame, nel quale si cerca la presenza di un determinato
antigene. Si trasferisce in una coppia di pozzetti anche un controllo negativo (diluente o terreno usato per il
campione in esame) e un controllo positivo (cio lantigene da ricercare).
I reagenti introdotti nella piastra vengono lasciati a incubare. Segue un lavaggio per rimuovere i residui che non
si sono legati. Leventuale unione fra anticorpo e antigene viene perfezionata dallaggiunta di un secondo anticorpo
specie-specifico coniugato con perossidasi, che si lega al complesso in modo da formare un sandwich.
I reagenti introdotti nella piastra vengono lasciati a incubare. Segue un lavaggio per rimuovere il coniugato che non ha
reagito. Si fornisce al test un substrato, capace di colorarsi esclusivamente nei pozzetti in cui il coniugato rimasto.
Dopo breve attesa, una soluzione stop blocca la formazione del colore, che sar proporzionale alla quantit di antigene.
La lettura viene fatta visivamente, oppure con uno spettrofotometro e dovr tenere conto di un valore soglia, oltre
al quale ogni risultato viene ritenuto positivo.

Un esempio dettagliato di esecuzione del test (ELISA screening kit, Kpl) il seguente:
MATERIALE

Anticorpo di cattura contro la specie batterica da riconoscere. Pu essere un anticorpo policlonale, ma preferibile
se si tratta di perossidasi.
Soluzione bloccante: PBS contenente Tween 20 (allo 0,05%) e proteine inerti non coinvolte specificatamente
nella reazione. Le proteine pi comunemente usate sono sieroalbumina bovina o estratto di lievito alla
concentrazione dell1% oppure sieri eterologhi in concentrazione dal 2 al 4%.
Soluzione di lavaggio: PBS + Tween pH 7,4 (PBS contenente lo 0,05% di Tween 20, cio 0,5 ml di Tween 20
per litro).
Enzima perossidasi coniugato con anticorpi contro la specie animale da cui proviene lanticorpo di cattura.
Substrato. In questo test si ricorre alla soluzione di ABTS (2,2-amino-3-etil-benzotiasonil-6-sulfonato). Contiene
ABTS 5 mM in tampone fosfato-citrato a pH 5 e H2O2 allo 0,01% finale. Lacqua ossigenata a 120 volumi
corrisponde al 36%. In presenza di per ossidasi la soluzione vira al verde-blu e la densit ottica (D.O.) della
reazione viene letta a 405 nm.

265

Stop: soluzione di acido solforico 2 N, ottenuta aggiungendo a 94,4 ml di acqua distillata 5,6 ml di H 2SO4
concentrato.
La soluzione di lavaggio, a base di PBS (Phosphate Buffered Saline) a pH 7,4 ha, in questo caso, la seguente
composizione:
Sodio cloruro NaCl 8 g, potassio fosfato monobasico KH2PO4 0.2 g, sodio fosfato bibasico dodecaidrato Na2HPO4
. 12 H2O 2.9 g, potassio cloruro KCl 0.2 g, acqua distillata fino a 1000 ml
METODO

1. Applicazione degli anticorpi di cattura


a. Distribuire 100 l di anticorpi di cattura in tanti pozzetti con fondo a U di una piastra microtiter da 96
pozzetti quanti sono i campioni da esaminare, pi due coppie di pozzetti destinati, rispettivamente, ai
controlli negativo e positivo.
b. Incubare per unora a temperatura ambiente.
c. Vuotare su carta assorbente.
d. Introdurre in ogni pozzetto 300 l di bloccante.
e. Attendere 10 minuti.
f. Vuotare su carta assorbente.
2. Reazione con i campioni e controlli
a. introdurre 100 l per campione in due pozzetti
b. introdurre 100 l di controllo positivo (brodocoltura) e 100 l di controllo negativo (solo terreno).
c. Far reagire per unora a temperatura ambiente.
d. Vuotare su carta assorbente.
e. Lavare due volte con soluzione di lavaggio.
3. Aggiunta del coniugato-perossidasi
a. Distribuire 100 l di anticorpi coniugati con perossidasi
b. Far reagire per unora a temperatura ambiente.
c. Vuotare su carta assorbente.
d. Lavare tre volte con soluzione di lavaggio, lasciando agire lultimo lavaggio per 5 minuti.
e. Vuotare su carta assorbente.
4. Azione del substrato
a. Distribuire 100 l di substrato
b. Aspettare 5 minuti
c. Bloccare la reazione aggiungendo 100 l di stop
d. Leggere allo spettrofotometro a 405 nm lo sviluppo di colore blu-verde, indice di positivit.
e. Interpretare i risultati tenendo conto del valore letto sul controllo negativo, aumentato di 2 volte la
deviazione standard (ad esempio, negativo +0.250)

266

ESERCITAZIONE 6.5 - IMMUNO-SEPARAZIONE BATTERICA


MEDIANTE MICROSFERE MAGNETICHE
Limmuno-separazione batterica basata su un fenomeno di adesione dei batteri - in quanto antigeni - sopra particelle
magnetiche, sulla cui superficie si trovano attaccati degli anticorpi monoclonali, specifici per quel genere di batteri.
Per fare un esempio pratico di reazione, un campione posto a incubare entro un terreno liquido libera le cellule
batteriche in esso contenute, che cominciano a moltiplicarsi. Le microsfere magnetiche, introdotte nel brodo,
catturano i batteri per effetto di legami antigene-anticorpo. Successivamente, si applica un campo magnetico per
attirare e raccogliere le microsfere in uno spazio ristretto.
La conferma della natura dei batteri catturati pu essere fatta seminando le microsfere cos concentrate su un terreno (per
esempio, su piastre selettive) oppure usando altri mezzi (osservazione microscopica, misurazione dellATP, ecc).
Per analizzare materiale pesantemente contaminato da saprofiti, viene consigliato, invece, di seminare le sferette in
un brodo darricchimento che, dopo incubazione, va piastrato su un terreno selettivo e/o differenziale.
Questo metodo, che pu essere applicato alla ricerca di numerose altre sostanze antigenicamente attive, offre notevoli
potenzialit diagnostiche, in quanto, almeno per i batteri, consente di isolarli pi facilmente, anche se si tratta di
poche cellule nel campione.
I suoi limiti, evidenti per quanto riguarda la ricerca dei patogeni, stanno nella scarsit di reagenti disponibili
commercialmente e nella possibilit di false reazioni positive conseguenti alla presenza di cellule morte nel
campione.

La metodica oggetto dellesercitazione predisposta per la concentrazione rapida e selettiva delle salmonelle,
partendo da campioni coltivati in pre-arricchimento.
Una piccola quantit del terreno in cui stato posto a incubare il campione viene addizionata a sferette
magnetiche di polistirene, rivestite con anticorpi specifici contro le salmonelle (Dynabeads ). Il complesso
sferette-batteri adesi viene successivamente separato mediante una calamita e usato per seminare delle piastre
di terreno selettivo per salmonelle.
MATERIALE

Primo giorno
Una provetta con 10 ml di pre-arricchimento (acqua peptonata tamponata) infettata con salmonella ed incubata
a +37 C per una notte
Una provetta con 10 ml di pre-arricchimento contenente Salmonella enteritidis (controllo positivo)
Due provettine tipo Eppendorf, fornite nel kit per la reazione
Una provetta con 100 microlitri di sferette magnetiche Dynabeads anti-Salmonella
Una micropipetta da 20-200 l
Puntali sterili
Supporto per provettine Eppendorf
Piastra calamitata
Una provetta con 10 ml di PBS
Due piastre di terreno cromogenico per Salmonella
Due tamponi sterili
Secondo giorno
Siero fluorescente anti-Salmonella
Test di agglutinazione al lattice per il riconoscimento delle salmonelle su vetrino
Siero O 9 per agglutinazione rapida delle salmonelle del gruppo 9,12

267

METODO

Primo giorno
1. Agitare su vortex, per mescolare bene, la provetta contenente le sferette magnetiche e trasferire 40 microlitri
in due provettine tipo Eppendorf. Chiudere con coperchio e posizionare nel supporto a esse destinato.
2. Agitare il pre-arricchimento e trasferire 1 ml entro una provettina del kit. Fare altrettanto con la provetta di
pre-arric-chimento chiamata controllo positivo.
3. Aspettare 10 minuti, invertendo di tanto in tanto le provettine per miscelare il contenuto.
4. Appoggiare il supporto con le provettine sopra la piastra calamitata. Attendere almeno 3 minuti, invertendo
di tanto in tanto linsieme per miscelare il contenuto.
5. Aspirare il liquido soprastante ed eliminarlo.
6. Allontanare la piastra calamitata.
7. Lavare per due volte il sedimento, aggiungendo e aspirando ogni volta 1 ml di PBS in ciascuna provettina,
cambiando pipetta per ogni provettina.
8. Aggiungere infine 100 l di PBS ed agitare su vortex.
9. Seminare da ogni provettina 50 l su una piastra di terreno cromogenico per Salmonella, distribuendo subito
linoculo con un tampone sterile e mettere le piastre ad incubare, capovolte, in termostato a 37 C per 1824 ore.
Secondo giorno
1. Esaminare le colonie sospette, che possono essere destinate alle conferme per varie vie (biochimica,
sierologica, ecc.).
2. Dalla piastra relativa al campione in esame, allestire due strisci, partendo da altrettante colonie sospette.
Fissare alla fiamma e colorare con siero fluorescente. Esaminare al microscopio a fluorescenza con
immersione.
3. Dalle stesse colonie effettuare unagglutinazione rapida su vetrino con il test al lattice anti-Salmonella.
4. Dalla piastra relativa al controllo positivo, scegliere due colonie e saggiarle parallelamente, con la colorazione
in fluorescenza, lagglutinazione al lattice e lagglutinazione con siero monospecifico somatico O 9 delle
salmonelle.

268

Capitolo 7
Ricerche mirate verso ceppi patogeni

ESERCITAZIONE 7.1 - ISOLAMENTO E CARATTERIZZAZIONE


DI STAFILOCOCCHI
MATERIALE

Primo giorno
Un tampone con terreno di trasporto artificialmente contaminato con stafilococchi
Due piastre di Agar sangue
Una piastra di Mannitol Salt Agar (MSA)
Due provette di BHI Brodo
Un campione di formaggio fresco artificialmente contaminato con S. aureus
Un sacchetto presto-chiuso per omogeneizzatore
100 ml di soluzione sterile di Ringer concentrata
Otto provettoni sterili
Dieci piastre di terreno di Baird-Parker Agar
Una spatola sterile a L per batteriologia
Pipette, cucchiai sterili
Secondo giorno
Due provette di BHI Brodo e una di BHI Agar contenenti Staphylococcus aureus
Tre provette da sierologia per test della coagulasi
Plasma di coniglio con EDTA per coagulasi
Una piastra di terreno per test della termonucleasi
Dischetti bianchi e di controllo per test della termonucleasi
Un kit di prove biochimiche miniaturizzate (API STAPH o altro equivalente)
Terzo giorno
Reagenti per prove biochimiche
METODO

Primo giorno
Isolamento da tampone
Avviare la ricerca con le seguenti modalit:
- strisciare il tampone su Mannitol Sal Agar e su Agar sangue
- seminare il tampone in Brodo BHI
- incubare tutti i terreni di coltura a 37 C per 24 ore.
Conteggio da alimento
1. Preparazione del materiale
Distribuire in otto provettoni 9 ml di soluzione sterile di Ringer concentrata
Numerare due piastre per ogni diluizione da 10-3 a 10-8

275

Destinare due piastre come controllo di sterilit del terreno e del diluente
2. Pesata del campione
Con un cucchiaio sterile, trasferire 10 g di campione in un sacchetto presto-chiuso posizionato sul piatto
della bilancia
Aggiungere 90 ml di soluzione sterile di Ringer concentrata
Omogeneizzare
3. Allestimento delle diluizioni decimali
Dallomogenato, trasferire con pipetta 1 ml nel primo provettone di diluente
Agitare, cambiare pipetta, passare 1 ml nel secondo provettone e cos di seguito
4. Semina delle piastre in superficie
Trasferire, dai provettoni delle diluizioni comprese fra 10-3 e 10-8, 0,1 ml sulla superficie del terreno di due
piastre Petri di Baird-Parker Agar
Distribuire subito linoculo con una spatola sterile a L per batteriologia, cominciando dalla diluizione pi
alta
Lasciare asciugare per 30 minuti le piastre a temperatura ambiente
Incubare le piastre capovolte in termostato a 37 C per 48 ore.
Secondo giorno
Prove indirette di patogenicit
Iniziare le prove sul ceppo di stafilococco (fornito su terreno solido e terreno liquido) seguendo lo schema seguente:
slant (BHI Agar)
riconoscimento di specie

striscio su vetrino e colorazione di Gram

agglutinazione rapida con reagente al lattice (ricerca proteina A)
brodocolture (BHI)
test indiretti di patogenicit coagulasi libera (CRF) in provetta

coagulasi legata (clumping factor) su vetrino

termonucleasi
Vedere nella parte prima le modalit di allestimento delle prove citate.
Prove biochimiche
Partendo da una coltura su slant (BHI Agar) di stafilococco, seminare un kit di prove biochimiche miniaturizzate
(API Staph o altro equivalente), seguendo le istruzioni fornite dalla casa produttrice.
Prosegue Isolamento da tampone
Leggere le piastre di Mannitol Salt Agar (S. aureus, essendo mannitolo-positivo, cresce con colonie gialle)
e di Agar sangue (S. aureus sviluppa con colonie rotonde, convesse, diametro 2-3 mm, bianco-giallastre,
emolitiche).
Trapiantare la coltura in brodo BHI su una piastra di Agar sangue, da incubare a 37 C per 24 ore.
Terzo giorno
Prosegue Prove indirette di patogenicit
Leggere le prove seguenti e annotare i risultati nel protocollo danalisi.
Coagulasi libera in provetta
La reazione positiva quando si nota un coagulo fermo e completo del plasma capovolgendo la provetta. Il
controllo negativo deve rimanere fluido.

276

Termonucleasi
In caso positivo, attorno ai dischetti imbibiti nel campione e attorno al controllo positivo si forma un alone rosa
che contrasta con il colore azzurro originale del terreno (reazione metacromatica).
Prosegue Prove biochimiche
Aggiungere i reattivi secondo istruzioni e leggere i risultati.
Prosegue Isolamento da tampone
Leggere la piastra di Agar sangue (proveniente da brodo BHI) e individuare le colonie con le caratteristiche
tipiche da S. aureus.
Prosegue Conteggio da alimento
Leggere le piastre di Baird-Parker Agar, scegliendo quelle che mostrano colonie nere riferibili a stafilococchi
lecitinasi positivi (alone trasparente) e lipasi positivi (precipitato bianco) in numero conteggiabile. Segnare con
pennarello, sul retro delle piastre, le colonie caratteristiche e contarle. Esprimere il valore di UFC per grammo di
campione con la formula:
media colonie contate su due piastre x diluizione letta x quantit seminata (10*) x quantit omogenato (10+90)
pesata (10)
*avendo seminato 1/10 di ml per piastra

RISULTATI DELLE PROVE

Isolamento da tampone
Terreno
Mannitol Salt Agar
Agar sangue
Agar sangue (da brodo BHI)

Colonie sospette

Verifiche

Prove indirette di patogenicit


Test
Agglutinazione rapida
Coagulasi in provetta
Coagulasi su vetrino
Termonucleasi

Prove biochimiche
Conteggio delle colonie sospette (stafilococchi lecitinasi/lipasi positivi) su Baird-Parker Agar

277

ESERCITAZIONE 7.2 - ISOLAMENTO E IDENTIFICAZIONE


DEGLI STREPTOCOCCHI

Lesercitazione ristretta alla ricerca degli streptococchi di tipo B, C, D caratteristici delle mastiti
MATERIALE

Primo giorno
Una provetta contenente un campione da esaminare (10 ml di latte contaminato con alcuni ceppi di
streptococco)
Due piastre di terreno TKT Agar
Colture su slant di Agar siero o BHI Agar (preferibilmente addizionato con 5% di siero equino) di Streptococcus
agalactiae, dysgalactiae, uberis, bovis, faecalis
Una coltura di S. aureus per CAMP test su Agar siero o BHI Agar
Tre provettine per test dell ippurato
Tre dischetti per test dell ippurato
Reattivo ninidrina (NIN)
Tre provette con 5 ml di Brodo BHI + 6,5% di NaCl
Due piastre di Agar sangue per CAMP test oppure di Agar sangue con esculina
Due provette con 2 ml ciascuna di acqua distillata sterile
Una serie di prove biochimiche miniaturizzate (ad esempio, API 20 STREP)
Pipette graduate sterili da 1 ml o siringhe da 2 ml
Pinza sterile
Secondo giorno
Eventuali reattivi per prove biochimiche miniaturizzate
METODO

Primo giorno
A) SEMINARE UN CAMPIONE DI LATTE
1. Agitare il campione delicatamente per evitare la formazione di schiuma.
2. Con ansa da 3 mm, prelevare unansata di latte e seminare una piastra di terreno TKT Agar in modo da
ottenere colonie staccate (semina a zig-zag).
3. Ripetere la semina del campione su una seconda piastra di TKT Agar.
4. Incubare le piastre capovolte a 37 C per 48 ore.
B) SEMINARE LE PROVE BIOCHIMICHE
Controllare i ceppi di streptococco mediante:
striscio e colorazione di Gram;
- test della catalasi su vetrino, effettuato stemperando unansata di patina batterica in una goccia di acqua
ossigenata al 3% e osservando leventuale formazione di bolle di gas (+).
- Partendo dai ceppi di streptococco su Agar siero o BHI Agar, seminare le seguenti prove di screening:
Test dellippurato
1. Distribuire 0,3 ml di acqua distillata sterile in tre provettine.
2. Allestire con lansa altrettante sospensioni dense degli streptococchi agalactiae, uberis, bovis partendo da
slant di Agar siero o di BHI Agar.

278

3.
4.
5.
6.
7.
8.

Introdurre in ciascuna provettina, con pinza sterile, un dischetto del reagente per test dell ippurato.
Mescolare ed incubare a 37 C per 2 ore in termostato.
Aggiungere, per ogni provettina, 3 gocce di reattivo ninidrina.
In caso positivo, entro 2-3 minuti il colore della sospensione vira a blu-viola.
In caso di mancato viraggio, incubare le provettine in termostato a 37 C per ulteriori 15 minuti.
Se non si ha cambiamento di colore, la reazione da considerare negativa.

Test di crescita in Brodo BHI + 6.5% di NaCl


Trapiantare in tre provette un ansata degli streptococchi agalactiae, uberis, faecalis partendo da slant di Agar
siero o di BHI agar. La quantit seminata non deve intorbidare il brodo.
Incubare le provette a +37 C per 24 ore.
Lesito positivo del test corrisponde ad un intorbidamento pronunciato del brodo.
Test di CAMP
1. Su una piastra di Agar sangue strisciare con lansa lungo il diametro un ceppo di Staphylococcus aureus
produttore di beta-tossina coltivato su slant di Agar siero o BHI agar.
2. Strisciare, perpendicolarmente allo stafilococco, gli streptococchi agalactiae, dysgalactiae, uberis, bovis, in
modo che lansa si fermi a 2-3 mm di distanza dallo striscio centrale. Ripetere le semine su una seconda
piastra. Si consiglia di tracciare preventivamente con un pennarello, sul retro delle piastre, la posizione dei
vari ceppi da seminare.
3. Incubare le piastre capovolte a 37 C per 18 ore e non oltre le 24 ore.
4. In caso positivo, si forma, fra la crescita dello S. aureus e lestremit dello striscio del ceppo in esame (se
CAMP+), una zona di beta-emolisi (completa e trasparente) a forma di punta di freccia rovesciata o di
mezzaluna. Per associare al test di CAMP la prova dellesculina, bisogna utilizzare piastre di Agar sangue pi
esculina. La fermentazione dellesculina dimostrata dalla produzione di pigmento verde scuro diffuso nel
terreno attorno alla crescita batterica.
Prove biochimiche miniaturizzate
Seguire le istruzioni fornite dalla casa produttrice del kit.
Secondo giorno
Leggere le prove e compilare il protocollo danalisi.
COLORE DELLE COLONIE
SU TKT AGAR

ALTRE CARATTERISTICHE
DELLE COLONIE

EMOLISI (a, b, g)

IDENTIFICAZIONE
PRESUNTIVA
Streptococcus.......

1
2
3
4
5

279

CEPPO
Streptococcus

TEST IPPURATO

CRESCITA IN BRODO BHI + 6,5%


NaCl

CAMP

CAMP TEST
ESCULINA

agalactiae
dysgalactiae
uberis
bovis
faecalis

ESAME MICROSCOPICO (Gram)


PROVE BIOCHIMICHE (kit) CODICE

CATALASI
ESITO

ESERCITAZIONE 7.3 - ISOLAMENTO E IDENTIFICAZIONE


DELLE LISTERIE
MATERIALE

Primo giorno
Una coltura in brodo darricchimento (LEB) seminata con un campione di latte in polvere sperimentalmente
contaminato con Listeria monocytogenes e incubata a 30 C per 48 ore
Una piastra di Agar sangue, Oxford Agar, terreno cromogenico per Listeria
Colture su slant di BHI Agar+0,6% estratto di lievito di L. monocytogenes e L. innocua
Colture su slant di BHI Agar di S. aureus e di Rhodococcus equi (per CAMP-test)
Tre provette di ciascuno dei seguenti terreni:
TSA+0,6% di estratto di lievito
TSB+0,6% di estratto di lievito
BHI Agar semi-solido con tubo di Craigie per test della mobilit
terreno per test di fermentazione del ramnosio
terreno per test di fermentazione dello xilosio
terreno per test di riduzione dei nitrati
Quattro piastre di Agar sangue
Una piastra microtiter con pozzetti a U sterile con coperchio
Una provetta con 1 ml di sospensione allo 0,25% in liquido di Alsever di globuli rossi di pecora lavati
Una micropipetta da 50 microlitri con puntali sterili
Kit di prove biochimiche miniaturizzate
Secondo giorno
Una provetta con 5 ml di BHI Brodo
Reattivi A e B per test dei nitrati
Reattivo catalasi (acqua ossigenata al 3%)
Eventuali reagenti per prove biochimiche miniaturizzate
Sieri diagnostici agglutinanti

280

METODO

Primo giorno
A) SEMINA DEL CAMPIONE
Seminare a zig-zag unansata della coltura in LEB su ciascuna piastra per isolamento (Agar sangue, Oxford Agar,
terreno cromogenico) da incubare poi capovolte in termostato a 37C per 48 ore.
Nota: Lesercitazione ripropone il metodo FIL-IDF per la ricerca di L. monocytogenes in campioni di latte e prodotti
caseari. Per brevit, la fase di arricchimento stata preventivamente effettuata diluendo un campione da 25 g di latte
in polvere in 225 ml di brodo di arricchimento (LEB), omogeneizzando e incubando a 30 C per 48 ore.
Nel caso di alimenti diversi da latte e derivati, il metodo FDA prevede che larricchimento in LEB, seminato come
sopra, venga incubato a 30 C per 24 ore, seguito da trapianto di 0,1 ml in 10 ml dello stesso terreno, da incubare a
30C per altre 24 ore.
Per i tamponi superficiali, la procedura simile a quella del latte (unico arricchimento in provetta con 10 ml di LEB
incubato a 30C per 48 ore).
Dopo incubazione dei terreni selettivi, un numero percentualmente rappresentativo di colonie sospette sviluppate su terreno
selettivo Oxford Agar (o altro terreno disolamento) viene trapiantato in provette di terreno non selettivo, come Trypticase
Soy Agar (TSA) e Trypticase Soy Broth (TSB) addizionati dello 0,6% di estratto di lievito come fattore daccrescimento. Dopo
incubazione a 37C per 24 ore, da questi trapianti vengono allestite le prove necessarie per lidentificazione.

B) PROVE DI IDENTIFICAZIONE DA UNA COLTURA GI ISOLATA


La coltura gi isolata fornita per lesercitazione consente di proseguire il percorso analitico, normalmente seguito
in laboratorio, con lallestimento di un primo gruppo di prove:
EMOLISI SU AGAR SANGUE Trapiantare da TSB su una piastra di Agar sangue con lansa per strisciamento su
mezza piastra e con lago per infissione sullaltra met, in cinque punti.
RAMNOSIO-XILOSIO-NITRATI-MOBILIT Trapiantare da TSA unansata in ciascun brodo e con lago allinterno del
tubo di Craigie nella provetta per il test della mobilit.
CAMP-TEST Dal TSB in esame, strisciare unansata su una piastra di Agar sangue, perpendicolarmente a S. aureus
e R. equi secondo lo schema:
S- aureus
TSB
in esame
R. equi
Controlli
Per ciascun test (ramnosio, xilosio, nitrati, mobilit), incubare una provetta non seminata come controllo negativo.
Per lemolisi, seminare un controllo negativo utilizzando la brodocoltura di L. innocua per striscio ed infissione.
Incubare i terreni seminati assieme ai relativi controlli a 37 C (a 20-25 C la mobilit) per 48 ore.
Secondo giorno
Leggere le piastre di isolamento (Agar sangue, Oxford, cromogenico), verificando lo sviluppo di colonie con

281

caratteristiche riferibili a Listeria. Effettuare, quindi, le rimanenti prove su colture gi isolate:


EMOLISI SU PIASTRA MICROTITER In due pozzetti di una piastra microtiter, introdurre 50 l di brodocoltura del
ceppo di L. monocytogenes precedentemente coltivato e aggiungere 100 l di sospensione (in liquido di Alsever)
di globuli rossi di pecora lavati allo 0,25%. Affiancare allesame altri due pozzetti, come controllo negativo,
contenenti brodo sterile e sospensione di globuli, usando le stesse quantit. Coprire con coperchio e incubare
per 2 ore a 37 C. Leggere lavvenuta emolisi osservando intorbidamento uniforme del pozzetto.
GRAM Allestire, da coltura isolata, uno striscio da colorare con Gram e osservare al microscopio per la presenza
di bastoncini Gram-positivi, corti, non sporulati.
CATALASI Aggiungere, alle colture su BHI Agar+0,6% estratto di lievito, 0,5 ml di reattivo catalasi (acqua
ossigenata al 3%) e osservare per la produzione immediata di bolle di gas.
NITRATI Aggiungere, alle provette per il test dei nitrati, 0,5 ml di ciascuno dei reattivi A e B. La reazione positiva
rivelata dalla comparsa immediata di colore rosso.
KIT BIOCHIMICI MINIATURIZZATI Leggere i risultati delle prove, dopo aver aggiunto gli eventuali reattivi, e
confrontarli con il profilo biochimico identificativo di L. monocytogenes.
AGGLUTINAZIONE RAPIDA Saggiare la patina colturale da slant di TSA+0,6% estratto di lievito con i sieri
diagnostici, mediante agglutinazione su vetrino.
RISULTATI DELLE PROVE

Isolamento su terreni - Descrizione delle colonie sospette sviluppate


Terreno
Agar sangue
Oxford Agar
Cromogenico

Dimensione

Identificazione di una coltura gi isolata

PROVE DI
IDENTIFICAZIONE

CONCLUSIONI

282

Gram
Catalasi
Mobilita
Nitrati
Ramnosio
Xilosio
Camp test
S. aureus
R. equi
Agglutinazione rapida
Kit prove biochimiche
Emolisi
Su piastra microtiter
Su agar sangue

Colore

Superficie

ESERCITAZIONE 7.4 - ISOLAMENTO DI CLOSTRIDI DA MATRICI


CONTAMINATE

Lesercitazione si propone di presentare alcuni accorgimenti da adottare quando si tratta di isolare Cl. perfringens
da materiale molto contaminato, per poi arrivare allidentificazione del germe. Questa levenienza pi frequente
nella diagnostica dei batteri anaerobi.
MATERIALE

Primo giorno
Campione contaminato da flora batterica mista, seminato in Cooked Meat Medium (CMM)
Vetrini portaoggetti
Coloranti per Gram
Bagnomaria termostatato a 80 C
Quattro piastre Petri sterili vuote
Terreno TSC (senza egg yolk emulsion), fuso e raffreddato a 50 C, 100 ml +100 ml + 50 ml
Brodocoltura pasteurizzata in Thioglycollate Medium w/o glucose
Soluzione sterile di Ringer concentrata 100 ml
Sette provettoni sterili vuoti
Pipette graduate sterili
Una provetta di Litmus Milk
Due piastre di Agar sangue
Una coltura di Streptococcus agalactiae su slant di BHI Agar
Una sacca per anaerobiosi
Prove biochimiche miniaturizzate
Secondo giorno
Reagenti per prove biochimiche miniaturizzate
METODO

Primo giorno
A) PURIFICAZIONE DI UN CAMPIONE CON FLORA BATTERICA MISTA
1. Dal campione allestire un preparato microscopico e colorarlo con Gram.
2. Rilevare dallesame microscopico la coesistenza di germi Gram-positivi bastoncellari sporigeni e di altri
batteri.
3. Sottoporre il campione a riscaldamento in bagnomaria a 80 C per 15 minuti (usando i guanti antiustione).
4. Al termine della pasteurizzazione, raffreddare sotto acqua corrente il campione fino a riportarlo a temperatura
ambiente.
5. Trasferire, in quattro piastre Petri sterili vuote, le quantit di 0,5 - 0,5 - 0,1 - 0,1 ml del campione.
6. Distribuire in ciascuna piastra 15 ml di terreno TSC, mantenuto fuso in bagnomaria a 50 C e miscelare subito
con linoculo.
7. Dopo solidificazione in piano del terreno seminato (circa 20 minuti), aggiungere nelle piastre uno strato
superficiale (overlay) di circa 7 ml dello stesso terreno.
8. Incubare le piastre asciutte a 37 C per 48 ore in sacche per anaerobiosi (capovolte).
Nella routine, le colonie tipiche (nere, rotonde, diametro 1-3 mm) sviluppate sui terreni selettivi vengono

283

trapiantate singolarmente in provette di Thioglycollate Medium w/o glucose. Questi trapianti, incubati a 37 C
per 24-48 ore, sono destinati alle successive prove di laboratorio (identificazione biochimica, ricerca di tossine,
antibiogramma).
Per motivi pratici, lesercitazione continua con lesame di una coltura in Thioglycollate Medium w/o glucose,
proveniente da un campione con sospetto Clostridium perfringens. Il campione originale, che si presentava inquinato
da Gram-negativi, stato pasteurizzato e poi seminato in TSC, come indicato nel procedimento sopra descritto.
B) IDENTIFICAZIONE DI UNA COLTURA PURA GI ISOLATA
1. Controllare con striscio e Gram la purezza della brodocoltura in Thioglycollate Medium w/o glucose.
2. Dalla stessa coltura seminare le seguenti prove:
a. Assenza di crescita aerobia. Strisciare unansata su una piastra di Agar sangue. Incubare a 37 C per 48 ore
b. Azione sul latte. Seminare 1 ml in profondit in una provetta di Litmus Milk. Incubare a 37 C per 48 ore
c. Emolisi. Strisciare unansata su una piastra di Agar sangue. Incubare in anaerobiosi (sacca per anaerobi)
a 37 C per 48 ore
d. Reverse Camp Test (RCT). Su Agar sangue, seminare alla distanza di 2-3 mm perpendicolarmente a un
ceppo di Streptococcus agalactiae strisciato lungo il diametro della piastra. Incubare in anaerobiosi (sacca
per anaerobi) a 37 C per 24 ore. Incubazioni prolungate possono dare falsi risultati positivi
e. Prove biochimiche miniaturizzate. Seguire le indicazioni fornite dal produttore.
C) CONTEGGIO PRESUNTIVO DI ANAEROBI SOLFITO-RIDUTTORI (CLOSTRIDI) DA UN CAMPIONE CLINICO
1. Pre-diluire il campione 1:10 (=10-1) in soluzione sterile di Ringer concentrata e omogeneizzarlo.
2. Trattare la sospensione in bagnomaria a 80 C per 15 minuti (pasteurizzazione) e poi raffreddarla sotto
acqua corrente.
3. Preparare tre successive diluizioni (10-2/10-3/10-4) aggiungendo 1 ml della precedente diluizione a 9 ml di
Ringer.
4. Da queste tre diluizioni, trasferire 1 ml in altrettanti provettoni sterili vuoti.
5. Aggiungere a ogni provettone 30 ml di terreno TSC, mantenuto fuso a 50 C in bagnomaria, e miscelare con
linoculo. Lasciare solidificare il terreno (si possono immergere i provettoni in bagno di acqua fredda).
6. Incubare i provettoni in termostato a 37 C per 24-48 ore.
Secondo giorno
A) Leggere le piastre seminate dopo pasteurizzazione del campione per osservare la presenza di colonie
tipiche.
B) Leggere le prove di identificazione. In caso di Clostridium perfringens si ha il seguente comportamento:
C) piastra aerobia = nessuno sviluppo di colonie
D) Litmus Milk = fermentazione tempestosa del latte
E) emolisi = alone di alfa-beta emolisi (incompleta -completa) attorno alle colonie
F) RCT = comparsa di emolisi a forma di punta di freccia rovesciata in prossimit dello striscio di Str.
agalactiae
G) prove biochimiche miniaturizzate = Aggiungere i reattivi secondo le istruzioni e confrontare i risultati con
gli schemi interpretativi della casa produttrice
H) Scegliere un provettone con colonie nere ben distinte sviluppate nello spessore del terreno. Moltiplicare il
numero di colonie contate per la diluizione di appartenenza del provettone. Si ottiene la concentrazione
batterica presuntiva per grammo o ml di campione. Riportare i risultati nel protocollo danalisi.

284

RISULTATI DELLE PROVE


Piastre di TSC Agar
inoculo da ml 0,5
inoculo da ml 0,1
Conteggio presuntivo da campione clinico

Descrizione delle colonie

assenza di crescita in aerobiosi


azione sul latte tornasolato (Litmus Milk)
emolisi su Agar sangue in anaerobiosi
Reverse Camp Test (RCT) in anaerobiosi
prove biochimiche miniaturizzate

CONCLUSIONI
ESERCITAZIONE 7.5 - ENTEROBACTERIACEAE E SALMONELLE:
ISOLAMENTO E IDENTIFICAZIONE

Lesercitazione propone un metodo diagnostico idoneo per lisolamento delle salmonelle, adottato dalla maggior
parte dei laboratori. Per motivi pratici, alcune fasi delle ricerche vengono condensate nella stessa giornata.
MATERIALE

Primo giorno
Un campione di tessuto organico contaminato
Una bacinella sterile
Pinze e forbici sterili
Una piastra di Gassner Agar
Una provetta di Brodo tetrationato (Preuss)
Un campione di alimento contaminato
Due cucchiai sterili
Due sacchetti presto-chiuso
Bilancia
Acqua peptonata tamponata 225 ml
Omogeneizzatore tipo Stomacher
Un tampone contaminato in terreno di trasporto
Una piastra di Rambach Agar
Una provetta di Brodo selenito
Soluzione sterile di Ringer concentrata 150 ml
Due provettoni sterili vuoti
Pipette graduate
Nove provettoni con 10 ml di Acqua peptonata tamponata a doppia concentrazione
Una coltura in Brodo tetrationato e una in Rappaport-Vassiliadis
Una piastra di Hektoen Enteric Agar, Agar Verde Brillante, XLD
Due provette di Kligler Iron Agar

285

Secondo giorno
Quattro provette di Kligler Iron Agar
Una piastra di Hektoen Enteric Agar e una di SS Agar
Una provetta di Brodo selenito e una di Rappaport-Vassiliadis
Siero poliagglutinante anti-Salmonella
Due tipi di kit per prove biochimiche miniaturizzate
Terzo giorno
Siero poliagglutinante anti-Salmonella
Reagenti per prove biochimiche miniaturizzate
METODO

Primo giorno
A) Campione clinico - Collocare il campione in una bacinella sterile. Flambare con il bunsen la superficie del
campione. Con pinze e forbici sterili, prelevare un cubetto di tessuto (circa cm 1x1x1). Strisciare la superficie
profonda del pezzo staccato su una piastra di Gassner Agar e quindi introdurre il pezzo stesso in una provetta di
terreno darricchimento (Brodo tetrationato secondo Preuss). Incubare entrambi i terreni a 37 C per 24 ore.
B) Campione alimentare - Prelevare con cucchiaio sterile e pesare in un sacchetto presto-chiuso su bilancia
25 g del campione di alimento. Aggiungere 225 ml di terreno di pre-arricchimento (Acqua peptonata
tamponata). Omogeneizzare per un minuto in Stomacher. Incubare a 37 C per 24 ore.
C) Campione ambientale - Estrarre un tampone dal suo terreno di trasporto, strisciarlo su una piastra di Rambach
Agar e quindi introdurlo in una provetta di Brodo selenito, eliminando la parte di astina toccata con le mani.
Incubare i terreni a 37 C per 24 ore.
D) Conteggio con metodo MPN - Prelevare con cucchiaio sterile e pesare in sacchetto presto-chiuso su
bilancia 10 g del campione di alimento. Aggiungere 90 ml di soluzione sterile di Ringer concentrata.
Omogeneizzare per un minuto in Stomacher. Allestire la successiva diluizione 10-1 addizionando 1 ml a 9
ml di Ringer e da questa diluizione preparare nello stesso modo la successiva (10-2). Dallomogenato e dalle
due diluizioni, seminare 10 ml in tre provettoni di terreno di pre-arricchimento a doppia concentrazione.
Incubare a 37 C per 24 ore.
1. Strisciare unansata dagli arricchimenti Brodo tetrationato e Rappaport-Vassiliadis previamente incubati
su piastre di Hektoen Enteric Agar, Agar Verde Brillante, XLD Agar, in modo da ottenere colonie staccate.
Incubare le piastre capovolte a 37 C per 24 ore.
2. Trapiantare dai terreni selettivi previamente incubati almeno due colonie, sospette Salmonella, in Kligler Iron
Agar. Incubare le provette a 37 C per 24 ore.
Secondo giorno
A) Esaminare la piastra di Gassner Agar. Trapiantare eventuali colonie sospette in Kligler Iron Agar. Piastrare
unansata di Brodo tetrationato su Hektoen Enteric Agar. Incubare a 37 C per 24 ore.
B) Trapiantare da pre-arricchimento 1 ml in Brodo selenito e 0,1 ml in Rappaport-Vassiliadis. Incubare le
provette per 24 ore, rispettivamente a 37 C e 43 C.
C) Esaminare la piastra di Rambach Agar. Trapiantare eventuali colonie sospette in Kligler Iron Agar. Incubare a
37 C per 24 ore. Piastrare unansata di Brodo selenito su SS Agar. Incubare a 37 C per 24 ore.
D) Lanalisi non viene continuata essendo il seguito uguale al punto B.

286

1. Leggere le piastre di terreni selettivi e differenziali. Le variazioni cromatiche che interessano sono le seguenti:
Terreno selettivo e differenziale
Gassner Agar
Hektoen Enteric Agar
Brillant Green Agar (BGA)
Salmonella-Shigella Agar (SS)
Rambach Agar
XLD Agar

Colore delle colonie di sospette


gialle
incolori con o senza centro nero
rosse
incolori con o senza centro nero
rosse
rosse

2. Saggiare con siero poliagglutinante anti-Salmonella, mediante agglutinazione rapida su vetrino, le colture
su Kligler Iron Agar che mostrano reazioni tipiche. Su questo terreno, seminato per striscio e successiva
infissione al fondo, le salmonelle crescono, in genere, abbondantemente, con uno slant alcalino (rosso)
e un fondo acido (giallo), mascherato da formazione di solfuro di ferro nero (reazione H2S positiva),
accompagnato spesso da bolle di gas (originato dalla fermentazione del glucosio). Da una provetta positiva
allagglutinazione, seminare le prove biochimiche (test miniaturizzati) secondo le istruzioni fornite dalla casa
produttrice. Incubare le prove a 37 C per 24 ore.
Terzo giorno
A) Saggiare con siero poliagglutinante anti-Salmonella, mediante agglutinazione rapida su vetrino, le colture
con reazioni tipiche ottenute su Kligler Iron Agar. Leggere le piastre di Hektoen Enteric Agar.
B) Esaminare laspetto degli arricchimenti. Lanalisi non viene continuata, essendo il seguito uguale al punto
1 del secondo giorno.
C) Saggiare con siero poliagglutinante anti-Salmonella, mediante agglutinazione rapida su vetrino, le colture
con reazioni tipiche ottenute su Kligler Iron Agar. Leggere le piastre di SS Agar.
2. Aggiungere eventuali reattivi alle prove biochimiche miniaturizzate (secondo le istruzioni del kit) e leggere
i risultati. Compilare il protocollo danalisi seguente.
RISULTATI DELLE PROVE
Fase
Piastratura diretta
Piastre dopo arricchimento
Kligler Iron Agar
Poliagglutinante Salmonella
Prove biochimiche
Conteggio con MPN

Campione clinico

Campione alimentare

Campione ambientale

287

ESERCITAZIONE 7.6 - PASTEURELLE : ISOLAMENTO E IDENTIFICAZIONE


MATERIALE

Primo giorno
Omogenato di tessuti infettato sperimentalmente con P. multocida
Omogenato infettato con P. haemolytica
6 piastre di Agar sangue
Colture di P. multocida e P. haemolytica su piastre di Agar sangue e slant di BHI Agar + siero equino 5%
2 provette di BHI Agar + siero equino 5%
2 piastre di MacConkey Agar
3 provette per test della mobilit
3 provette per test dellindolo
3 provette per test dellurea (terreno liquido)
3 provette per fermentazione di ciascuno dei seguenti carboidrati: glucosio, lattosio, saccarosio, mannite
Due provette di soluzione fisiologica sterile in provette a 2 ml
Secondo giorno
Reattivo ossidasi
Reattivo di Kovacs
Vetrini per esame in goccia pendente
Carta assorbente
Soluzione di acriflavina
Soluzioni coloranti all eosina e al blu di Loffler (colorazione indicata per i piroplasmi)
METODO

Primo giorno
1. Seminare i campioni in esame ciascuno su tre piastre di Agar sangue, in modo da ottenere colonie staccate
2. Allestire dai campioni uno striscio diretto da colorare con Gram o altra colorazione
3. Incubare le piastre capovolte a 37 C per 24 ore
4. Dalle colture su Agar sangue, trapiantare due colonie sospette (P. multocida e P. haemolytica) in altrettante
provette di BHI Agar + 5% siero equino e allestire due preparati microscopici da colorare con Gram
5. Osservare al microscopio stereoscopico la forma delle colonie e leventuale presenza di beta-emolisi
6. Dalle colture su BHI Agar seminare, per ciascuna Pasteurella, una prova di mobilit in provetta e preparare
una sospensione densa in 2 ml di soluzione fisiologica sterile
7. Da ogni sospensione seminare con pipetta (in ragione di 0,2 ml per provetta) i test di fermentazione dei
carboidrati, indolo e urea. Seminare con ansa una piastra di MacConkey Agar. Incubare le prove (assieme ad
un controllo negativo non seminato) a 37 C per 24 ore.
Secondo giorno
1. Effettuare il test dellossidasi ponendo 0,5 ml di reattivo ossidasi su carta assorbente e strisciando unansata di
patina colturale prelevata da BHI Agar. La reazione positiva data dal viraggio a blu-viola entro pochi secondi
2. Aggiungere 0,5 ml di reattivo di Kovacs al test dellindolo. Il risultato positivo dato dalla formazione di un
anello rosso in superficie al terreno
3. Leggere le prove biochimiche. In caso di positivit il test dellurea vira al rosso porpora, la fermentazione dei
carboidrati provoca il viraggio al giallo
4. Verificare la prova di mobilit in provetta, effettuando dai trapianti in BHI Agar un test di mobilit in goccia

288

pendente, da leggere al microscopio con ingrandimento 100x


5. Allestire un preparato microscopico di P. multocida da far asciugare allaria. Fissare e colorare lo striscio con
soluzione di eosina per 3 minuti, lavare con acqua, colorare con blu di Loffler per 1 minuto, lavare con acqua.
Osservare al microscopio con immersione (100x). I batteri appaiono blu e la capsula rosa
6. Allestire dai trapianti in BHI Agar contenenti P. multocida una prova di jaluronidasi.
Test dellacriflavina
Si utilizza per riconoscere i ceppi virulenti che possiedono una capsula e che sviluppano con colonie mucose. La
patina batterica prodotta da questo tipo di colture non floccula quando viene stemperata su vetrino in soluzione
acquosa di acriflavina 1/1000.
Test della jaluronidasi
Le colonie batteriche sospette vengono coperte con una goccia di HCl al 5%. Se in possesso di questo enzima,
si riducono di volume fino ad appiattirsi.
RISULTATI DELLE PROVE

Confrontare i risultati ottenuti con le indicazioni della tabella precedente e compilare gli schemi seguenti.
PROVA
Striscio diretto
Aspetto colonie su Agar sangue
Emolisi su Agar sangue
Esame microscopico colonie sospette
Ossidasi
Mobilit in provetta
Mobilit in goccia pendente
Sviluppo su MacConkey Agar
Indolo
Urea
Glucosio
Lattosio
Saccarosio
Mannite
Test acriflavina
Test jaluronidasi

CAMPIONE 1

CAMPIONE 2

289

ESERCITAZIONE 7.7 - AEROMONAS E PSEUDOMONAS:


LA RESISTENZA AI FARMACI
PARTE A - ISOLAMENTO, CONTEGGIO, IDENTIFICAZIONE
MATERIALE

Primo giorno
Un campione di alimento infettato sperimentalmente
4 provettoni sterili
200 ml di soluzione sterile di Ringer concentrata
Un sacchetto per omogeneizzazione presto-chiuso
Omogeneizzatore tipo Stomacher
10 piastre di terreno GSPA
Una brodocoltura di A. hydrophila ed una brodocoltura di P. aeruginosa
Pipette sterili graduate da 1 e 10 ml
Spatole sterili a L per batteriologia
Secondo giorno
Vetrini portaoggetti
Coloranti per Gram
Carta assorbente
Reattivo per ossidasi
METODO

Primo giorno
1. Distribuire sterilmente nei provettoni la soluzione di Ringer a 9 ml
2. Pesare in sacchetto presto-chiuso su bilancia 10 g di campione e aggiungere 100 ml di soluzione di
Ringer
3. Omogeneizzare in Stomacher per un minuto
4. Allestire le diluizioni decimali fino a 10-4, partendo dallomogenato, trasferendo 1 ml da un provettone al
successivo, agitando e cambiando pipetta
5. Seminare da ogni provettone 0,1 ml sulla superficie di due piastre di GSPA
6. Distribuire uniformemente linoculo con una spatola sterile a L, iniziando dalla diluizione pi elevata
7. Strisciare su una piastra di controllo le brodocolture di A. hydrophila e P. aeruginosa
8. Incubare le piastre capovolte a temperatura ambiente (20-25 C) per 72 ore
Secondo giorno
1. Conteggiare separatamente le colonie gialle (da Aeromonas) e quelle viola (da Pseudomonas) del diametro
di 2-3 mm, circondate da un alone dello stesso colore della colonia
2. Allestire un preparato microscopico da almeno due colonie per tipo e colorare con Gram
3. Saggiare almeno due colonie per tipo con il test dellossidasi (ponendo su carta assorbente 0,5 ml di reattivo e
stemperando con lansa una colonia. Si osserva, in caso positivo, lo sviluppo di colore blu entro pochi secondi)
4. Compilare lo schema seguente:

290

Diluizione letta su GSPA

Media delle colonie contate


GIALLE
VIOLA

Gram

Ossidasi

NOTA
Il conteggio di Aeromonas e Pseudomonas viene espresso, per ciascuna specie, come numero di unit formanti
colonia (UFC) per grammo di campione, moltiplicando la media delle colonie per la diluizione letta e per il
volume della sospensione iniziale (110) e dividendo per il peso del campione (10).
PARTE B - LA RESISTENZA AI FARMACI

1. Ricerca della beta-lattamasi


Le cosiddette beta-lattamasi a spettro esteso (ESBL) sono enzimi prodotti da alcune specie batteriche, comandate
da plasmidi, che inattivano penicilline e cefalosporine. I germi che li formano resistono anche a trimethoprim/
sulfametoxazolo, aminoglicosidi e fluorochinoloni, mentre sono per lo pi sensibili a cefamicine e carbapenemi.
Tra i Gram-negativi interessati al fenomeno si trovano Klebsiella pneumoniae e oxytoca, Enterobacter aerogenes e
cloacae, Serratia marcescens, Proteus mirabilis e stuartii, Pseudomonas aeruginosa, Burkholderia cepacia, Salmonella,
Acinetobacter. Si tratta di patogeni potenziali, in grado di causare infezioni nosocomiali di notevole gravit, per
esempio nei reparti di rianimazione, oncologia, pediatria e traumatologia, oppure in allevamenti intensivi.
Prevedere se un microrganismo forma beta-lattamasi, almeno in vitro, quindi molto importante per guidare la
scelta della terapia. La dimostrazione delle beta-lattamasi pu essere fatta in laboratorio con un metodo simile
allE-test, usato per la rilevazione della concentrazione minima inibente (MIC). La reazione avviene tra il germe e
quantit scalari dei farmaci distribuite lungo una striscia di carta graduata deposta sul terreno di crescita. In caso
di inibizione, si forma una zona ovale trasparente, la cui estremit indica direttamente la minima concentrazione
inibente (MIC) sulla striscia.
Si provano due cefalosporine suscettibili alle beta-lattamasi (ceftazidime e cefotaxime), da sole e combinate con
acido clavulanico, un inibitore delle beta-lattamasi. In caso positivo, lacido clavulanico associato blocca leffetto delle
beta-lattamasi e fa abbassare la MIC delle cefalosporine di almeno 3 logaritmi in base 2.
MATERIALE

Primo giorno
Una piastra di Mueller-Hinton Agar con terreno spesso 4 mm (20 ml per piastra del diametro di 9 cm)
Una provetta con 2 ml di soluzione fisiologica sterile
Un tampone sterile
Pinze sterili
Due strisce di E-test contenenti, rispettivamente, gli antibiotici cefotaxime (CT) e ceftazidime (TZ) da soli e
combinati con acido clavulanico (CTL e TZL)
METODO

1. Allestire nella provetta di soluzione fisiologica una sospensione del ceppo in esame fino a una torbidit
paragonabile al grado 0,5 del nefelometro di Mc Farland.
2. Strisciare, con un tampone, la sospensione in modo uniforme sullintera superficie di una piastra con terreno
di Mueller-Hinton, facendo ruotare la piastra.
3. Far asciugare per 15 minuti a temperatura ambiente.
4. Con una pinza sterile, depositare sul terreno, secondo due linee parallele, due strisce di E-test con gli
antibiotici prescritti.

291

5. Incubare le piastre capovolte in termostato a 37 C per 16-18 ore.


6. Lalone di inibizione alla crescita, di forma ellissoidale, permette di leggere la concentrazione minima inibente
a livello della graduazione riportata sulle strisce.
7. Se il rapporto fra MIC dell antibiotico (da solo) e MIC dellantibiotico + ac. clavulanico uguale o maggiore
di 8 in almeno una delle due strisce, il ceppo produce beta-lattamasi. Anche forme non ellissoidali di
inibizione della crescita, dette fantasma (piccole e rotonde oppure deformate da una strozzatura centrale),
sono indicative di beta-lattamasi. Ulteriori precisazioni sulle modalit di interpretazione dei risultati e sulla
lettura vengono fornite assieme al materiale del test.
2. Determinazione della concentrazione minima inibente (MIC)
La MIC di un ceppo pu essere ricercata in piastra utilizzando sistemi che riproducono in scala ridotta i test di sensibilit
con diluizione in brodo. Diversi agenti antibiotici vengono prediluiti in brodo Mueller-Hinton e disidratati, fino a ottenere
concentrazioni che coprono la gamma di interesse clinico. Dopo reidratazione mediante inoculo di una sospensione del
germe in esame e incubazione a 37 C per almeno 16 ore, viene letta la concentrazione minima inibente (o MIC), in
corrispondenza della pi piccola quantit di antibiotico capace di impedire la crescita microbica.
MATERIALE

Primo giorno
Un recipiente con 20 ml di soluzione fisiologica sterile
Una micropipetta da 100 l con puntali sterili
Una piastra microtiter per ricerca della MIC adatta al microrganismo in esame (MicroScan Dade Behring)
Un foglio adesivo o di alluminio adatto per coprire la piastra microtiter
METODO

1. Allestire con lansa una sospensione batterica in 20 ml di soluzione fisiologica sterile, fino ad una torbidit
pari al nefelometro 0,5 di Mc Farland.
2. Usando una micropipetta con puntale sterile, trasferire 100 l di soluzione fisiologica sterile nel pozzetto
della piastra destinato al controllo negativo.
3. Distribuire con micropipetta la sospensione batterica in esame in quantit di 100 l nei rimanenti pozzetti
della piastra.
4. Coprire la piastra con un foglio adesivo o di alluminio.
5. Incubare in termostato per 16-18 ore a 37 C.
6. Leggere la piastra, iniziando dal pozzetto del controllo negativo (che deve essere limpido) e poi del controllo
positivo (che deve presentare torbidit da crescita batterica).
7. Esaminare le diluizioni di ciascun antibiotico. La MIC per quella data sostanza corrisponde al primo
pozzetto limpido che si incontra allaumentare della concentrazione. Ulteriori precisazioni sulle modalit di
interpretazione dei risultati e sulla lettura vengono fornite assieme al materiale del test.

292

ESERCITAZIONE 7.8 - BORDETELLA, ACTINOBACILLUS, HAEMOPHILUS


QUALI AGENTI EZIOLOGICI DI POLMONITE BATTERICA

Scopo della presente esercitazione il riconoscimento sui terreni batteriologici di alcune fra le specie patogene citate
e la loro identificazione presuntiva attraverso prove rapide.
MATERIALE

Primo giorno
1 piastra con sviluppo di almeno tre fra le specie batteriche ricercabili citate nellintroduzione
1 campione di rene suino
1 piastra di terreno pH 7,2 + spore di B. subtilis BGA per la ricerca delle sostanze inibenti
1 campione sperimentalmente infettato di polmone suino
Pinze e forbici sterili
Due piastre di: BHI Agar + siero, BHI Agar + siero + NAD, MacConkey Agar, Agar sangue
Tre provette di terreno per fermentazione di ciascuno dei carboidrati mannite, salicina, trealosio
1 ceppo di S. aureus beta-emolitico su slant di BHI Agar
Termostato a 37 C con 5% CO2
Secondo giorno
Reagenti per catalasi e ossidasi
Sieri agglutinanti anti-A. pleuropneumoniae e anti-B. bronchiseptica
METODO

Primo giorno
1. Con il materiale patologico a disposizione, seminare le piastre dei vari terreni disolamento e dal rene allestire
la prova per le sostanze inibenti
2. Seminare le piastre di Agar sangue e le provette di fermentazione dei carboidrati secondo necessit (vedi
tabella delle prove biochimiche)
3. Incubare le piastre secondo le modalit specifiche per ogni terreno
Secondo giorno
1. Alla scadenza dei tempi dincubazione, esaminare la piastre per riconoscere le colonie sospette ed effettuare
le prove di identificazione presuntiva (Gram, catalasi, ossidasi, agglutinazione rapida con sieri diagnostici)
2. Leggere i risultati delle prove biochimiche e ricerca inibenti
3. Compilare il seguente rapporto di prova per le parti effettivamente eseguite nellesercitazione
RISULTATI DELLE PROVE
Terreno
BHI Agar + siero + S. aureus
BHI Agar + siero + NAD
MacConkey Agar

aspetto delle colonie

Gram

altre prove

293

ESERCITAZIONE 7.9 - DIAGNOSI DI CAMPYLOBACTER


DA CONTENUTO INTESTINALE
MATERIALE

Primo giorno
Un tampone sterile
Un tampone con terreno di trasporto (Amies)
Una provetta da centrifuga con 5 ml di soluzione fisiologica sterile
Una provetta da centrifuga con 2 ml di soluzione fisiologica sterile
Uno strip del test in ELISA per Campylobacter (Prospect Remel)
Due piastre di terreno di Skirrow
Una provetta di brodo darricchimento Preston
Una piastra di Petri con un campione di mucosa intestinale (oppure con un campione di materiale fecale)
infettato sperimentalmente
Reagenti per kit ELISA
METODO

1. Raschiare la superficie della mucosa intestinale con un tampone sterile. In alternativa, prelevare una quantit
inferiore ad un grammo di materiale fecale. Sospendere in una provetta con 5 ml di soluzione fisiologica
sterile.
2. Diluire ulteriormente 1:3, trasferendo 1 ml in una provetta con 2 ml di soluzione fisiologica sterile.
3. Con micropipetta e puntale sterile, seminare dallultima diluizione quattro pozzetti di una strip del kit ELISA
per Campylobacter. Seminare i restanti pozzetti con i controlli (positivo e negativo) forniti nel kit.
4. Seguire le istruzioni del kit fino ad arrivare alla lettura dei risultati.
5. Con un tampone, corredato di terreno di trasporto, effettuare un prelievo dalla mucosa (oppure dal materiale
fecale). Introdurre il tampone nel terreno di trasporto.
6. Seminare, con il tampone stesso, nellordine: due piastre di terreno di Skirrow, un vetrino da fissare e colorare
con Gram, una provetta di brodo darricchimento Preston.
7. Incubare le piastre in termostato a 37 C con 5% di anidride carbonica per 48 ore e la provetta di brodo in
termostato a 37 C per 48 ore.
Secondo giorno
MATERIALE

Una pinza sterile


Una provetta da centrifuga con ml 1 di sol. fisiologica sterile
Una provetta di test ippurato (Difco)
Un tampone sterile
Due piastre di terreno Skirrow
Un dischetto per antibiogramma di cefalotina e un dischetto di acido nalidixico
Un dischetto di Oxidase test (Difco)

294

Reagente ninidrina
Reagente acqua ossigenata per test della catalasi
Test di agglutinazione rapida al lattice (Campy-slide Remel)
METODO

1. Selezionare sulle piastre di Skirrow almeno 3-4 colonie sospette (rotonde, incolori, non emolitiche, diametro
circa 1 mm) ed allestire con esse una sospensione densa in una provetta contenente 1 ml di soluzione
fisiologica sterile.
2. Trasferire 0,3 ml di sospensione batterica in una provetta per test dellippurato e incubare a 37 C per due ore.
3. Aggiungere al termine 4 gocce di reattivo ninidrina (test positivo se sviluppa colore viola entro 10 minuti).
4. Con un tampone sterile seminare dalla sospensione, nellordine, una piastra di terreno di Skirrow e un vetrino
(da fissare e colorare con Gram).
5. Dalla sospensione seminare a 0,1 ml con pipetta un dischetto per test Oxidase (test positivo se sviluppa
subito colore viola).
6. Utilizzare la sospensione residua per il test catalasi, aggiungendo alla provetta 0,2 ml di reattivo acqua
ossigenata (test positivo se sviluppa bolle di gas).
7. Incubare la piastra di terreno Skirrow in termostato a 37 C con 5% di anidride carbonica per 48 ore (test
positivo se sviluppa alone dinibizione attorno a uno degli antibiotici).
8. Dalle colonie sospette, allestire una prova di agglutinazione rapida con test al lattice (Campy-slide).
ESERCITAZIONE 7.10 - DIAGNOSI DI YERSINIA ENTEROCOLITICA
DALLE FECI O DAL SIERO
MATERIALE

Primo giorno
Un campione di feci infettate con Y. enterocolitica O:3
Due provette con ml 10 di sol. fisiologica sterile
Una provetta con ml 10 di acetone
Una bottiglia con ml 100 di PBS
Una provetta con ml 2 di siero fluorescente anti - coniglio
Una piastra di Petri vuota
Una provetta con ml 3 di siero diluito iperimmune anti - Y. enterocolitica
Una piastra per agar-gel diffusione
Una provetta con 0,5 ml di antigene diagnostico Y. enterocolitica
Un ceppo di Y. enterocolitica O:3 su Kligler
Un kit Enterotube
Un kit API 20 E
Olio di vaselina sterile
Due piastre di terreno CIN Agar

295

METODO

Stemperare con ansa circa 1 grammo di feci in 10 ml di soluzione fisiologica sterile.


a) esame in fluorescenza (metodo indiretto)
1. Allestire dalla diluizione un preparato su vetrino
2. Lasciare asciugare completamente lo striscio a temperatura ambiente
3. Fissare il preparato per 15 minuti coprendo il vetrino con ml 10 di acetone
4. Lavare il vetrino con PBS
5. Porre il vetrino in una piastra di Petri con un batuffolo di cotone imbevuto dacqua
6. Coprire lo striscio per 30 minuti con ml 2 di siero iperimmune anti -Yersinia enterocolitica
7. Togliere il vetrino dalla piastra e lavarlo con PBS
8. Coprire il vetrino per 30 minuti con ml 2 di siero fluorescente anti coniglio, lasciando agire entro la
piastra
9. Togliere il vetrino dalla piastra e lavarlo con PBS
10. Asciugare il preparato con carta assorbente e leggere al microscopio a fluorescenza
b) esame colturale
1. Con ansa strisciare la diluizione allestita in partenza su due piastre di terreno CIN Agar
2. Incubare le due piastre capovolte in termostato a +37 C per 24 ore
Identificazione biochimica di un ceppo isolato
1. Da una coltura su Kligler seminare un kit Enterotube
2. Allestire una sospensione sufficientemente torbida in una fiala di terreno per API 20 E e seminare le cellette
di un kit. Coprire con olio di vaselina sterile le cupole indicate
Ricerca di anticorpi nel siero
1. Trasferire 50 l di antigene diagnostico Y. enterocolitica nel pozzetto centrale di una piastra per immunodiffusione
2. Trasferire nei pozzetti periferici 50 l di siero in esame (siero iperimmune Y. enterocolitica)
3. Incubare la piastra non capovolta a temperatura ambiente per 24 ore entro un contenitore con una fonte
di umidit
Secondo giorno
MATERIALE

Una provetta con 10 ml di sol. fisiologica sterile


Due provette con 5 ml di sol. fisiologica sterile
Una provetta con 1 ml di antigene diagnostico Y. enterocolitica
Reattivi per Enterotube e API 20 E
Un tampone sterile
Dischetti per antibiogramma (P - SSS - GM - CF)
Una piastra di Mueller-Hinton Agar
Una pinza sterile
Una provetta con 0,2 ml di siero agglutinante anti- Y. enterocolitica O:3
Una provetta con 1 ml di siero iperimmune diluito Y. enterocolitica

296

METODO

Lettura dellesame colturale


Osservare le piastre di CIN Agar per rilevare le colonie caratteristiche sospette Y. enterocolitica.
Lettura delle prove biochimiche
Aggiungere i reattivi necessari ai kit Enterotube e API 20 E secondo le istruzioni della casa e procedere alla lettura
dei risultati compilando le relative schede di identificazione mediante codici numerici.
Lettura della ricerca anticorpi mediante agar-gel precipitazione
Osservare in luce trasmessa la piastra per evidenziare le linee di precipitazione.
Tipizzazione sierologia del ceppo isolato mediante agglutinazione rapida su vetrino
Allestire dal ceppo su Kligler una sospensione mescolando su un vetrino una goccia di siero agglutinante anti Y.
enterocolitica O:3 con una quantit di patina batterica prelevata con lago.
Allestimento dellantibiogramma
1. Preparare in una provetta con 5 ml di sol. fisiologica sterile una sospensione blanda, partendo da una coltura
sviluppata su Kligler.
2. Con un tampone sterile seminare completamente la superficie di una piastra di terreno Mueller-Hinton
Agar.
3. Lasciare asciugare la semina a temperatura ambiente per 15 minuti.
4. Con una pinza sterile disporre, in maniera equidistante sul terreno, i dischetti per antibiogramma.
5. Incubare non capovolta la piastra per 24 ore a 37 C.
Ricerca anticorpi nel siero con agglutinazione lenta
1. Preparare una serie di sette provette da sierologia con 0,5 ml ciascuna di soluzione fisiologica sterile.
2. Dalla provetta con siero iperimmune diluito trasferire 0,5 ml nella prima provetta. Mescolare con una pipetta
e trasferire 0,5 ml nella seconda.
3. Procedere alle successive diluizioni, fino alla settima provetta, eliminando poi da questultima 0,5 ml.
4. Allestire i controlli di agglutinazione in tre provette da sierologia come segue:
Provetta
CC+ 100%
C+ 50%

Sol. fisiologica ml
0,5
0,25

Siero iperimmune ml
0,5
0,25

Antigene ml
0,5
0,5
0,5

5. Incubare le provette in termostato a 37 C per 24 ore.

297

ESERCITAZIONE 7.11 - DIAGNOSI DI LABORATORIO


DELLENTERITE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE
Nelluomo, la patologia da Cl. difficile interessa persone adulte e bambini nei primi due anni di vita. Fra gli animali,
vengono colpiti suini, cani, puledri, criceti, conigli e cavie. Si tratta di un microrganismo ubiquitario opportunista,
ospite abituale dellintestino, di forma bastoncellare, Gram-positivo, sporigeno, anaerobio. Pu causare diarrea da
antibiotici, diarree neonatali e, nelluomo, la colite pseudomembranosa.
La forma enterica riferita ai suinetti si manifesta attraverso colite fibrinosa, diarrea profusa e mortalit. Negli animali,
la necroscopia pu orientare verso la diagnosi di Cl. difficile. In particolare, nei suinetti, si nota la comparsa di ascite ed
edema del mesocolon ascendente, la cui mucosa mostra segni di erosione segmentale e lesioni multifocali accompagnate da fibrina e aggregati di cellule polimorfonucleate. Con lesame istologico, si possono poi evidenziare foci di
suppurazione nel cieco e sulla lamina propria del colon, nel cui lume si formano lesioni tipiche dette a vulcano.
Lazione patogena di questo microrganismo si esplica attraverso due enterotossine, chiamate A (colera-simile) e B (citotossina), che causano il rilascio di mediatori proinfiammatori e di citochine, responsabili della secrezione di fluidi.
La diagnosi di laboratorio necessaria, in quanto altri microrganismi e virus possono sortire gli stessi segni (coli entrotossici,
rotavirus, adenovirus, astrovirus, Giardia, Cryptosporidium). La colite pseudomembranosa, inoltre, pu dipendere da Escherichia coli enteroinvasivi o enteroemorragici, Campylobacter, Yersinia, Salmonella, Shigella ed Entamoeba histolytica.
Cl. difficile pu essere isolato dalle feci dei soggetti sintomatici, ma la diagnosi completa esige la determinazione
della tossina, in quanto lagente eziologico pu essere nel frattempo scomparso oppure trattarsi di portatori sani che
albergano senza conseguenze questo microrganismo. La coltura richiede fino a 72 ore e possiede una sensibilit del
95%. Ha il vantaggio di permettere lallestimento dellantibiogramma.
Le feci, appena raccolte o conservate refrigerate per 24-48 ore, possono essere seminate direttamente su terreni selettivi composti, generalmente, da una base, contenente fruttosio, supplementata con cicloserina, cefoxitina e sangue equino. Dopo incubazione a +37 C per 48 ore in anaerobiosi, Cl. difficile cresce con colonie ruvide, rotondeggianti, bombate, grigio opaco, del diametro di 4-6 mm, a volte dai bordi filamentosi. Lidentificazione degli isolati
pu avvalersi di prove biochimiche tradizionali, ribotipizzzione con Polymerase Chain Reaction (PCR), agglutinazione al lattice, immunofluorescenza ed ELISA.
Alcuni Autori giapponesi (Matsuki e Coll., 2005) hanno sperimentato con successo la ricerca delle spore in campioni
congelati di feci, diluendo gli stessi con un ugual volume di alcool etilico e seminando su piastre di Cycloserin-Cefoxitin-Mannitol Agar (CCMA), da incubare a 37 C in anaerobiosi per 72 ore, osservando fino a 5 giorni.

Il metodo diagnostico pi largamente praticato la ricerca diretta dellantigene nelle feci, seguito dalla
dimostrazione delle tossine A e B nelle feci stesse. Alcuni prodotti disponibili in commercio a questo scopo sono:
- Immuno-Card (Meridian Diagnostics) che vanta una correlazione con lesame colturale dell88%, una
sensibilit del 91% ed una specificit dell86%. Disponibile su card in due versioni (ricerca antigene e ricerca
tossine), opera con le stesse modalit e si pu eseguire in circa 15 minuti (Torre, 2006). Lesame sul soggetto
in vita fatto con tampone rettale valido in quanto riproduce al 96% il test sul contenuto intestinale.
- Rapidtest (DiaSys Corporation) che sfrutta lassociazione di anticorpi policlonali in fase solida verso la tossina
A e un anticorpo monoclonale coniugato con un colorante. Se il campione contiene gli antigeni della tossina
A del Cl. difficile, questi si legano con gli anticorpi policlonali, formando un complesso che a sua volta si unisce
con lanticorpo monoclonale coniugato.
- Ridascreen (R-Biopharm) che agisce per via immunoenzimatica nel riconoscimento delle tossine A e B.
MATERIALE

Una coltura realizzata in anaerobiosi su Agar sangue del ceppo di referenza di Cl. difficile
Due piastre di terreno agarizzato per Cl. difficile
Un sistema per incubare le colture in anaerobiosi

298

Un kit diagnostico per la ricerca dellantigene Cl. difficile


Un kit diagnostico per la ricerca delle tossine A e B del Cl. difficile
Un campione di feci inquinato per la dimostrazione diretta dellantigene e, rispettivamente, delle tossine
Una provetta con 2 ml di soluzione fisiologica sterile
METODO

Primo giorno
1. Dalla coltura fornita allestire un preparato da colorare con il metodo di Gram e osservare al microscopio.
2. Preparare, partendo dalla coltura fornita, una sospensione batterica in soluzione fisiologica sterile e seminare
due piastre di terreno agarizzato contenente sangue, da incubare a 37 C, utilizzando uno dei sistemi per
ottenere lanaerobiosi.
3. Dal campione di feci inquinato con Cl. difficile, eseguire la ricerca dellantigene con l apposito kit
diagnostico.
4. Il test Immuno-Card, nelle due versioni (ricerca antigene e ricerca tossine), opera con le stesse modalit e
si pu eseguire in circa 15 minuti. In entrambi i casi il campione di feci viene diluito 1:15 in una soluzione
contenente un coniugato enzimatico. La sospensione viene mescolata e 150 l vengono deposti, in doppio,
su una apposita card. Entro 3-5 minuti a temperatura ambiente, il campione passa attraverso una membrana
e raggiunge le aree di reazione. Si aggiungono tre gocce di liquido di lavaggio e poi due gocce di substrato.
Dopo 5 minuti, possibile leggere il risultato del test, che sar positivo se compare un precipitato blu a forma
di bottone in entrambe le aree di reazione sulla card.
Secondo giorno
1. Osservare lo sviluppo di colonie tipiche (vedi descrizione sopra) sulle piastre ottenute coi trapianti ed
incubate in anaerobiosi.
2. Dal campione di feci inquinato effettuare la ricerca delle tossine con lapposito kit diagnostico seguendo le
modalit descritte al punto 4.

299

Capitolo 8
Antibiotici e residui

ESERCITAZIONE 8.1 - ANTIBIOGRAMMA O MIC?


MATERIALE

Primo giorno
Per lantibiogramma
Una brodocoltura di S. aureus in Brodo BHI (4 ml)
Una provetta-nefelometro per antibiogramma
Due provette sterili 16 x 160 mm per controllo di torbidit
Una provetta con 10 ml di Brodo BHI
Una piastra di Mueller-Hinton Agar
Un tampone sterile
Dischetti di antibiotici
Una pinza sterile
Pipette graduate sterili da 1 ml
Per la MIC
Una brodocoltura di E. coli in 5 ml di Brodo Mueller-Hinton
Quattro provettoni sterili vuoti
50 ml di acqua peptonata sterile
Una piastra SENSITITRE per Gram-negativi
Un foglio adesivo trasparente
Micropipetta da 50 l
Puntali sterili per micropipetta
Pipette graduate sterili da 1 e da 10 ml
Secondo giorno
Righello millimetrato
Schema da compilare con i risultati delle MIC
METODO

Primo giorno
Per lantibiogramma
1. Confrontare la torbidit della brodocoltura di S. aureus con un nefelometro preparato aggiungendo 0,5 ml di
soluzione all1% di BaCl2 . 2 H2O a 99,5 ml di acido solforico all1%, usando provette dello stesso diametro
2. Diluire di conseguenza la brodocoltura con Brodo BHI
3. Agitare per mescolare e seminare una piastra di Mueller-Hinton Agar su tutta la superficie usando un
tampone sterile. Lo spessore del terreno nella piastra deve essere di 4 mm
4. Far asciugare linoculo tenendo la piastra a temperatura ambiente per 30 minuti circa
5. Deporre i dischetti degli antibiotici facendoli aderire al terreno con una pinza sterile, disponendoli in cerchio
a circa 2 cm dal bordo della piastra
6. Incubare la piastra, senza capovolgerla, a 37 C per 18-24 ore.

305

Per la MIC
1. La brodocoltura di E. coli viene diluita 1:10000 con acqua peptonata sterile (ml 1+9) per avere una
concentrazione finale di circa 105 germi per ml
2. La diluizione, omogeneizzata agitando, viene distribuita con una micropipetta a 50 microlitri nei pozzetti
di una piastra SENSITITRE
3. La piastra, sigillata con un foglio adesivo trasparente, viene incubata a +37 C per 16 -18 ore.
Secondo giorno
Per lantibiogramma
1. Misurare e annotare il diametro in mm della zona chiara dinibizione attorno ai dischetti. Nel caso dei
sulfamidici o del Proteus (dove si forma un doppio alone) si misura lalone esterno
2. Confrontare i risultati con la tabella di Kirby-Bauer ed esprimere il risultato con R, I, S accanto al nome e alla
concentrazione dellantibiotico (in mcg, mg, U.I.)
3. Compilare il protocollo danalisi.
Per la MIC
La lettura viene fatta osservando la piastra per trasparenza da sotto, eventualmente con laiuto di uno specchio
inclinato a 45, senza togliere ladesivo. Lultima colonna a destra non contiene antibiotici (controllo negativo)
e deve apparire torbida. Analizzando le altre colonne (in verticale), si dovrebbero vedere, partendo dal basso, i
primi pozzetti torbidi (=sviluppo batterico) e quelli nella parte superiore limpidi (=assenza di crescita). La MIC,
per ogni antibiotico, corrisponde al primo pozzetto limpido che si incontra leggendo, dal basso verso lalto, la
rispettiva colonna. Si possono presentare alcuni casi particolari:
- nessun pozzetto limpido = MIC > della pi alta fra le concentrazioni provate
- tutti i pozzetti limpidi = MIC < della pi bassa fra le concentrazioni provate
- non si vede nettamente il break-point, cio il passaggio tra pozzetti con sviluppo batterico e pozzetti sterili,
avendo alcuni di essi un aspetto sfumato. Si prende come MIC il primo pozzetto completamente trasparente
- alternanza di pozzetti torbidi e limpidi = inquinamento (test da ripetere).
NOTA RELATIVA ALLANTIBIOGRAMMA
Il controllo di qualit del metodo va allestito periodicamente, provando alcuni degli antibiotici tra quelli pi frequentemente
usati verso almeno due ceppi batterici di riferimento (come S. aureus ATCC 25923 ed E. coli ATCC 25922).
Il diametro delle zone dinibizione con questi ceppi di referenza non deve discostarsi pi di 2 mm (per penicillina e
ampicillina 3 mm) dal diametro riportato sulla tabella di Kirby-Bauer.

TABELLA DI KIRBY-BAUER (per alcune sostanze-tipo indicative delle principali famiglie di antibiotici)
Sostanza antibatterica (sigla e concentrazione)
CEFALOTINA (CF - 30 mcg)
METICILLINA (D - 5 mcg)
PENICILLINA G (P - 10 U.I.)
POLYMIXINA B (PB - 300 U.I.)
STREPTOMICINA (S - 10 mcg)
TETRACICLINA (TE - 30 mcg)

306

Diametro della zona dinibizione in mm


resistente intermedio
sensibile
<14
15 17
>18
<9
10 13
>14
<11
12 21
>22
<8
9 11
>12
<11
12 14
>15
<14
15 18
>19

CONTROLLO DI QUALIT DELLANTIBIOGRAMMA


Antibiotico
Streptomicina
Tetraciclina

S. aureus ATCC 25923


14-22
19-28

E. coli ATCC 25922


12-20
18-25

NOTA RELATIVA ALLA MIC


La piastra SENSITITRE illustrata nella metodica pu essere sostituita, nel corso dellesercitazione, con analoga piastra
per Gram-positivi. Il ceppo da esaminare, in questo caso, uno S. aureus. Lo schema da compilare, fornito dalla casa
produttrice del kit, conterr le opportune indicazioni per riconoscere gli antibiotici, leggere i risultati e interpretarli.
RISULTATI DELLE PROVE

Antibiogramma
Sigla della sostanza antimicrobica

Diametro (in mm)


della zona di inibizione letta

Giudizio (r / i / s)

MIC
A
B
C
D
E
F
G
H

1
512
256
128
64
32
16
8
4

1 = carbenicillin
6 = tetracicline
11 = cotrimoxazole

R
I
S

2
32
16
8
4
2
1
0.5
0.25

3
16
8
4
2
1
0.5
0.25
0.12

4
16
8
4
2
1
0.5
0.25
0.12

5
32
16
8
4
2
1
0.5
0.25

6
32
16
8
4
2
1
0.5
0.25

2 = ampicillin
3 = tobramycin
7 = chloramphenicol 8 = colistin
12 = nessun antibiotico

7
32
16
8
4
2
1
0.5
0.25

8
16
8
4
2
1
0.5
0.25
0.12

9
128
64
32
16
8
4
2
1

4 = gentamicin
9 = cephalothin

10
64
32
16
8
4
2
1
0.5

11
8/152
4/76
2/38
1/19
0.5/9.5
0.25/4.75
0.12/2.4
0.06/1.2

12
-

5 = amikacin
10 = sulphamethoxazole

resistente
intermedio
sensibile

307

ESERCITAZIONE 8.2 - TEST DI RICERCA DELLE BETA- LATTAMASI


Le beta-lattamasi sono enzimi che si formano attraverso mutazioni allinterno delle cellule batteriche. Ne esistono
ameno 200 tipi. La loro origine pu essere cromosomica o plasmidica, quindi trasferibile da una cellula batterica a
unaltra. Sono dannose, in quanto conferiscono ai germi il potere di resistere a certi antibiotici, soprattutto cefalosporine
e penicilline, oppure, con minor frequenza, aminoglicosidi, trimethoprim-cotrimoxazolo e fluorchinoloni. Le betalattamasi che idrolizzano pi antibiotici (quindi pi temibili, soprattutto nelle infezioni nosocomiali) si chiamano a
spettro esteso (ESBL) e sono prodotte specialmente da germi Gram-negativi.
Numerose sono le specie batteriche i cui ceppi possono produrre beta-lattamasi. Tra i Gram-negativi, si ricordano:
Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae, Klebsiella oxytoca, Enterobacter cloacae, Enterobacter aerogenes, Serratia
marcescens, Citrobacter diversus, Proteus stuartii, Proteus mirabilis, Salmonella typhimurium, Pseudomonas aeruginosa,
Burkholderia cepacia, Acinetobacter spp. Tra i Gram-positivi, si citano: Haemophilus influenzae, Neisseria meningitidis,
Neisseria gonhorreae, Staphylococcus aureus, Branhamella catarrhalis, Enterococcus faecalis. Questi microrganismi,
spesso inoffensivi in condizioni di salute normali, diventano aggressivi nei riguardi di individui deboli o ammalati.
La dimostrazione in laboratorio dei ceppi beta-lattamici importante per orientare il pi presto possibile il clinico
verso farmaci alternativi, quando la terapia intrapresa risulta inefficace. Purtroppo, la dimostrazione non riesce con
le comuni tecniche, in quanto i valori della MIC e i diametri di inibizione dellantibiogramma si confondono con
quelli dei ceppi sensibili. possibile ovviare allinconveniente mettendo a contatto, in laboratorio, i germi, sospetti
produttori di beta-lattamasi, con alcune sostanze che hanno il potere di inibirle o comunque di svelarle. Si trovano
in commercio dei kit di facile impiego.

LE-test (AB Biodisk) valido per cercare le beta-lattamasi ad ampio spettro (extended spectrum o ESBL), inibite
dallacido clavulanico. Si considerano produttori di ESBL i ceppi che formano, sulle piastre, aloni dinibizione di
forma irregolare o che mostrano una riduzione della MIC, in presenza di acido clavulanico, pari ad almeno 3
logaritmi in base 2.
Il kit formato da sottili strisce di materiale plastico recanti, su una met, diluizioni scalari di una cefalosporina
(cefotaxime o ceftazidime) e sull altra met gli stessi antibiotici addizionati di acido clavulanico. Le strisce
vengono appoggiate su piastre di Mueller-Hinton Agar, dove stato distribuito il microrganismo in esame,
opportunamente diluito. Dopo incubazione in termostato per una notte, si vedono aloni di inibizione sulla crescita
batterica, misurabili (direttamente come MIC) in corrispondenza della graduazione riportata sopra la striscia.
Il Beta-lactamase TestKit (Fluka) basato sullidrolisi dellanello beta-lattamico della benzil-penicillina
inclusa nel test, con formazione di acido penicilloico e conseguente abbassamento del pH. Il test valido per
Haemophilus, Neisseria e Saphylococcus. La prova si svolge nei pozzetti di una piastra microtiter, in cui si introduce
una sospensione del ceppo in esame entro apposito diluente. Dopo incubazione a temperatura ambiente, si
potr desumere la presenza di beta-lattamasi dal viraggio dellindicatore.
MATERIALE

Per allestire l E-test:


Ceppo di Klebsiella pneumoniae ATCC 700603 su slant di BHI Agar
Ceppo di E. coli ATCC 35218 su slant di BHI Agar
Due provette con ml 5 di soluzione fisiologica sterile
Mueller-Hinton Agar, due piastre
Striscie E-test con CT/CTL, due
Striscie E-test con TZ/TZL, due
Pinza sterile
Tamponi sterili, due

308

Per allestire il Beta-lactamase TestKit (Fluka):


Un ceppo di Staphylococcus aureus
Un ceppo di Escherichia coli
Due provette con ml 1 di diluente Fluka
Una striscia di pozzetti del kit Fluka
Micropipetta da 100 l
Puntali sterili per micropipetta
Supporto plastico vuoto per sostenere i pozzetti microtiter
Coperchio sterile per microtiter
METODO

Esecuzione dell E-test


1. Sospendere i ceppi, ciascuno in una provetta con 5 ml di soluzione fisiologica, fino ad una torbidit pari a
0,5 Mc Farland. Agitare.
2. Con un tampone sterile distribuire uniformemente i ceppi in sospensione ciascuno sopra una piastra di
Mueller-Hinton Agar.
3. Lasciare asciugare le piastre chiuse per circa 15 minuti.
4. Con una pinza sterile, disporre ad opportuna distanza, su ciascuna piastra, una striscia CT/CTL e una striscia
TZ/TZL.
5. Incubare le piastre, senza capovolgerle, in termostato a 37 C per una notte.
6. Leggere le piastre, prendendo nota del valore MIC che lalone dinibizione (di forma ellittica) raggiunge nel
punto dintersezione con la striscia.
7. Sono produttori di beta-lattamasi i ceppi che mostrano:
A) il fenomeno fantasma (un piccolo alone rotondeggiante a met striscia);
B) il fenomeno di deformazione dellellissi dinibizione (che assume la forma di occhiale) nella parte di
striscia corrispondente alla sigla CT o TZ;
C) il rapporto fra le MIC dellantibiotico da solo (CT o TZ) e le MIC dellantibiotico pi acido clavulanico (CTL
o TZL) superiore a 8.
D) In caso di MIC fuori dal range coperto dalle strisce, si ottiene crescita confluente.
Esecuzione del Beta-lactamase TestKit (Fluka)
1. Distribuire 100 l di diluente Fluka nei pozzetti della piastra microtiter necessari alla prova (ceppo positivo
e ceppo di controllo negativo).
2. Introdurre i microrganismi) nei rispettivi pozzetti in ragione di 100 l di una sospensione preparata in
soluzione fisiologica oppure di brodocoltura ben sviluppata.
3. Sistemare i pozzetti su un supporto e coprire con un coperchio.
4. Incubare il test a temperatura ambiente per un tempo variabile fra 10 e 30 minuti.
5. Leggere come positiva la prova nei pozzetti che mostrano viraggio da rosso a giallo.

309

ESERCITAZIONE 8.3 - SAGGIO SULLA DIMOSTRAZIONE


DELLANTIBIOTICO-RESISTENZA MEDIANTE LA REAZIONE DELLA
NITRATO-REDUTTASI IN BATTERI DIFFICILMENTE COLTIVABILI
I metodi classici destinati a stabilire la resistenza ai farmaci, basati sulla misurazione della crescita batterica in terreni
contenenti antibiotici, rimangono sempre metodi di riferimento. Tuttavia, essi non funzionano sempre bene, in quanto
la lettura pu essere resa difficoltosa dallo sviluppo scarso, e quindi poco leggibile, del microrganismo in esame. Ci
accade, soprattutto, con i germi pi esigenti ed diventato un grosso ostacolo nel caso dei batteri tubercolari.
Questo tipo d inconveniente stato in parte superato con lautomazione del test , come avvenuto col metodo
radiometrico Bactec, rapido e di ridotta manualit. Purtroppo, la presenza di radioisotopi e il costo elevato hanno
reso questo sistema poco appetibile per i piccoli laboratori, come pure successo per altri metodi commerciali, tra i
quali lE-test, senza dubbio capaci di migliorare le condizioni di lettura ma decisamente costosi.
Alcuni Autori (Angeby e Coll., 2002; Coban e Coll., 2004; Palomino, 2005) hanno cercato una soluzione al problema,
ricorrendo a metodi colorimetrici che mettono maggiormente in evidenza la crescita batterica e, per converso, la sua
mancanza. Si possono cos stabilire meglio quali sono le concentrazioni di antibiotico efficaci sui germi e quali no. In
pratica, essi hanno usato degli indicatori di ossido-riduzione, sul tipo del trifenil-tetrazolio e della resazurina, oppure
il meccanismo della nitrato-reduttasi che qui viene adottato.

Il test basato sulla nitrato-teduttasi


Lantibiotico da saggiare viene diluito in base 2 entro provette contenenti un terreno liquido addizionato con
potassio nitrato (KNO3) alla concentrazione di 1 mg per ml.
Il germe in esame viene seminato nelle provette nella quantit di 200 l, partendo da una sospensione in PBS
di torbidit pari al nefelometro di Mc Farland n 1. Dopo incubazione in termostato per i tempi e le temperature
adeguate, si considerano sviluppate le provette che reagiscono positivamente allaggiunta del reattivo unico per
il test di riduzione dei nitrati, composto da HCl al 50%, sulfanilamide allo 0,2%, N-(1-naftil) etilendiamina allo
0,1% miscelati nei rapporti di 1:2:2.
La reazione positiva si manifesta con il viraggio immediato del reattivo incolore verso il rosa-rosso.
Leggendo il lavoro di Lemus e Coll. (2006), viene intuitivo estendere il principio della nitrato-reduttasi alla ricerca
della minima concentrazione inibente (MIC) miniaturizzando il sistema, cio effettuando la reazione su piastra
microtiter anzich in provetta.
Questa applicazione pu risultare vantaggiosa in tutti i casi in cui non si pu ricorrere per vari motivi a test
commerciali gi predisposti contenenti un determinato farmaco perch esso nuovo o poco usato e quando
si ha a che fare con un microrganismo esigente, caratterizzato da uno scarso sviluppo sui comuni terreni
batteriologici.
L argomento dellesercitazione
Lesercitazione di seguito descritta ha lo scopo di sperimentare lapplicazione del metodo colorimetrico nella
valutazione in laboratorio dellattivit di un antibiotico preso ad esempio (una cefalosporina) su una coltura
batterica di un germe esigente (un ceppo di Pasteurella multocida).
MATERIALE

Coltura batterica da esaminare (P. multocida) realizzata in provetta su slant di terreno BHI Agar
Soluzione diluente sterile PBS 40 ml
Tre provette 16 x 160 sterili
Nefelometro di Mc Farland n 1
Soluzione di antibiotico da saggiare (di titolo noto) 2 ml
Reattivo per nitrato-reduttasi 5 ml

310

Piastra microtiter da 96 pozzetti con fondo a U, sterile, con coperchio


Una provetta con 5 ml di brodo di Mueller-Hinton addizionato con potassio nitrato (1 mg per ml)
Micropipetta a volume variabile per dispensare 50-100 l
Puntali sterili per micropipetta
Pipette graduate da 1 e 5 ml
METODO

1. Trasferire in una provetta sterile vuota ml 10 di soluzione PBS.


2. Con lansa prelevare dallo slant della coltura in esame una quantit di patina batterica sufficiente per
realizzare una sospensione di torbidit simile al n 1 del nefelometro di Mc Farland.
3. Utilizzare eventualmente le rimanenti due provette sterili vuote per diluire ulteriormente (e sempre in PBS)
la sospensione ottenuta.
4. Distribuire in due file di pozzetti della piastra microtiter 100 microlitri (microlitri) per ogni pozzetto di brodo
di Mueller-Hinton addizionato con potassio nitrato.
5. Aggiungere al primo pozzetto di una delle file 100 l di soluzione di antibiotico pronto per luso e mescolare
aspirando e scaricando pi volte con la micro pipetta
6. Cambiare il puntale. Trasferire dal primo pozzetto 100 l nel secondo e mescolare come in precedenza.
7. Procedere nello stesso modo su tutta la fila di pozzetti e, dopo aver effettuato lultima diluizione, eliminare
100 l.
8. Aggiungere a tutti i pozzetti della fila contenente le diluizioni scalari dellantibiotico 100 l della sospensione
del ceppo batterico portata a Mc Farland n 1.
9. Utilizzare la seconda fila di pozzetti per allestire i controlli di fertilit e di sterilit nel modo seguente:
- controllo di fertilit: in due pozzetti, aggiungere 100 l del ceppo batterico precedentemente diluito
secondo lo standard Mc Farland n 1
- controllo di sterilit: in due pozzetti aggiungere 100 l di brodo di Mueller-Hinton.
10. Coprire la piastra col coperchio e incubare in termostato a 37 C per 24 ore.
11. Aggiungere a tutti i pozzetti, compresi quelli di controllo, 50 l di reagente per nitrato-reduttasi.
12. Leggere come positivi, cio contenenti una coltura sviluppata, quei pozzetti in cui il reattivo provoca un
viraggio di colore al rosa-rosso. Il colore si deve manifestare anche nel controllo di fertilit (= ceppo
sviluppato), mentre deve essere assente nel controllo di sterilit che contiene il solo terreno.
Nella prima fila, formata dalle diluizioni scalari al raddoppio dellantibiotico, il primo pozzetto che, procedendo
da sinistra verso destra, non vira, indica la concentrazione minima inibente (MIC) di quellantibiotico sul
microrganismo in esame.
Riferimenti bibliografici

Angeby K.A. e Coll., Rapid and inexpensive drug susceptibility testing of Mycobacterium tuberculosis with a
nitrate reductase assay, Journal of Clinical Microbiology 2002, 40, 553-555
Coban A.Y. e Coll., Drug susceptibility testing of Mycobacterium tuberculosis with nitrate reductase assay,
International Journal of Antimicrobial Agents 2004, 24, 304-306
Lemus D. e Coll., Nitrate reductase assay for detection of drug resistance in Mycobacterium tuberculosis: simple
and inexpensive method for low-resource laboratories, Journal of Medical Microbiology 2006, 55, 861-863

311

ESERCITAZIONE 8.4 - SOSTANZE INIBENTI

Nella presente esercitazione vengono presi in considerazione due metodi semplificati, adatti per la ricerca di routine
delle sostanze inibenti, rispettivamente, nelle carni (o altri alimenti in genere) e nel latte. Il primo metodo stato
messo a punto presso lI.Z.S. di Brescia (Zavanella e Coll., 1985).
METODO 1 (sostanze inibenti nelle carni e altri alimenti, escluso il latte)

Preparazione delle piastre


Preparare delle piastre di Petri di terreno per sostanze inibenti, aggiungendo al terreno Nutrient Agar i
seguenti ingredienti: glucosio 0,4%, sodio cloruro 1%, potassio fosfato monobasico 0,1%. Dopo autoclavatura
e raffreddamento a circa 50 C, aggiungere l1% di una soluzione di trimethoprim* (concentrazione finale
del trimethoprim nel terreno = 0,05 g/ml) e l1% di una sospensione di spore di Bacillus subtilis BGA
(concentrazione finale di spore nel terreno = 104 /ml). Controllare il pH finale del terreno (7,2)
* soluzione preparata sciogliendo 1 mg di trimethoprim in etanolo, diluendo successivamente 1/200 in acqua distillata e sterilizzando
per filtrazione su membrana da 0,22 m.

Semina dei campioni e incubazione


Trasferire, in doppio, due frammenti del campione in esame su una piastra di terreno per sostanze inibenti. I
campioni liquidi possono essere seminati dopo imbibizione con 0,1 ml, in doppio, dei dischetti di cellulosa
sterile diametro 12,5 mm.
Incubare la piastra, non capovolta, a 37 C per 18-24 ore.
Controllo di qualit
Per ogni partita di piastre di terreno destinato alla ricerca delle sostanze inibenti, allestire un controllo di qualit,
determinando la sensibilit del B. subtilis BGA verso penicillina 10 UI, streptomicina 10 g e sulfamidico 0,25
mg, verificando che i relativi aloni di inibizione attorno ai dischetti di controllo (dischetti per antibiogramma da
6 mm) abbiano un diametro minimo, rispettivamente, di 38-42 mm, 22-25 mm, 44-47 mm.
Lettura
Osservare leventuale presenza di un alone dinibizione attorno al frammento del campione e considerare
positivi gli aloni dinibizione con spessore uguale o superiore a 2 mm. Qualora lesito fosse positivo, ripetere la
prova utilizzando una piastra Petri con membrana da dialisi. La comparsa di inibizione su entrambi i lati della
membrana da dialisi conferma il sospetto di positivit alle sostanze inibenti per via microbiologica (attraverso
la membrana passano solamente le sostanze a basso peso molecolare, come gli antibiotici).
I risultati sospetti positivi per sostanze inibenti, a causa della possibilit di falsi positivi dovuti a sostanze a
basso peso molecolare diverse dagli antibiotici (ad esempio, acido lattico, disinfettanti, ecc) che danno aloni di
inibizione e attraversano la membrana da dialisi, vanno confermati con metodi chimici.
Le analisi chimiche quantitative sono inoltre necessarie in tutti i casi di positivit sospetta col metodo
microbiologico, dato che la legislazione vigente prevede soglie di tolleranza per determinati antibiotici in specifici
organi animali.
METODO 2 (sostanze inibenti nel latte)

Preparazione delle piastre


Si adoperano piastre di Antibiotic Agar pH 6,6 oppure con terreno di KUNDRAT.
Semina dei campioni e incubazione
Mettere due dischetti di cellulosa sterile diametro 2,5 mm in una piastra Petri vuota.

312

Imbibire i due dischetti ciascuno con 0,1 ml di latte (tal quale o, in caso di prodotto solido di un omogenato preparato
diluendo il materiale 1/3 in acqua distillata sterile oppure in soluzione di Ringer 1/4 concentrata sterile.
Dopo aver allontanato leccesso di liquido, deporre i dischetti sulla superficie di una piastra di Antibiotic Agar pH
6,6 esercitando una leggera pressione per garantire un buon contatto tra agar e dischetto.
Trasferire su ciascuna piastra utilizzata un dischetto di controllo positivo contenente penicillina.
Incubare le piastre a 60 C per circa 3 ore.
Controllo di qualit
Per ogni partita di terreno preparata, allestire un controllo di qualit, determinando la sensibilit del Bacillus
stearothermophilus var. calidolactis verso penicillina, streptomicina, gentamicina verificando che i relativi aloni
dinibizione abbiano un diametro minimo, rispettivamente, di 36-42 mm, 16-18 mm, 15-19 mm.
Lettura
Leventuale presenza di un alone dinibizione attorno ai dischetti indicativa di un potere antibatterico residuo
nel campione in esame. I risultati sospetti positivi per sostanze inibenti ottenuti per via microbiologica vanno
confermati con metodi chimici quantitativi per le ragioni gi esposte a proposito delle analisi con B. subtilis BGA.
MATERIALE

Primo giorno
Per eseguire il metodo 1 (con B. subtilis)
Quattro piastre Petri sterili vuote diametro 9 cm
Due piastre Petri sterili con membrana da dialisi
100 ml di terreno per sostanze inibenti a pH 7,2 autoclavato e raffreddato a circa 50 C in bagnomaria
termostatato
Soluzione sterile di trimethoprim alla diluizione duso
Sospensione di spore di B. subtilis BGA alla diluizione duso
Dischetti di controllo diametro 6 mm contenenti, rispettivamente, penicillina (P), streptomicina (S), sulfamidico (SSS)
Quattro campioni in esame costituiti da 8 dischetti di cellulosa diametro 12,5 mm (quattro dei quali imbibiti
con antibiotici)
Pinza sterile
Per eseguire il metodo 2 (con B. stearothermophilus)
Quattro piastre Petri di terreno Antibiotic Agar pH 6,6 inoculato con spore di B. stearothermophilus var.
calidolactis
Tre dischetti di controllo contenenti penicillina (P), streptomicina (S), gentamicina (GM)
Quattro provette con campioni di latte da esaminare
Otto dischetti di cellulosa diametro 12,5 mm in una piastra Petri
Pinza sterile
METODO

Primo giorno
Metodo 1 (B. subtilis)
- Togliere dal bagnomaria a 50 C una bottiglia da 100 ml di terreno a pH 7,2
- Aggiungere sterilmente al terreno 1 ml di soluzione di trimethoprim pronta per luso e 1 ml di sospensione
di spore di Bacillus subtilis BGA

313

-
-
-
-
-

Mescolare
Distribuire a 15 ml in quattro piastre Petri sterili vuote e in due piastre con membrana
Lasciar solidificare il terreno nelle piastre a temperatura ambiente per 30 minuti
Con una pinza depositare su ciascuna piastra una coppia di dischetti in esame
Posizionare nelle piastre con membrana da dialisi (sul terreno a ridosso di un lato della membrana) i dischetti
di controllo positivo P, S, SSS
- Incubare le piastre non capovolte a 37 C per 18-24 ore
Secondo giorno
Leggere le piastre secondo le istruzioni riportate nel metodo e annotare i risultati nel prospetto sottostante
Metodo 2 (B. stearothermophilus)
Primo giorno
- Con pipette diverse trasferire da ciascun campione 0,1 ml di latte, in doppio, sui dischetti
- Trasferire con la pinza ogni coppia di dischetti su ciascuna piastra di terreno a pH 6,6
- Posizionare, uno per piastra assieme ai campioni in esame, i dischetti di controllo positivo
- Incubare le piastre non capovolte a 60 C per 3 ore
- Le piastre non lette al termine dellincubazione possono essere conservate a temperatura ambiente per alcune
ore.
- Leggere le piastre secondo le istruzioni riportate nel metodo e annotare i risultati nel prospetto.
RISULTATI DELLE PROVE
Metodo 1 (Bacillus subtilis BGA)
Campione n 1

Campione n 2

Campione n 3

Campione n 4

Controllo Penicillina (P)


mm
Controllo Streptomicina (S) mm
Controllo Sulfamidico (SSS) mm

314

Metodo 2 (Bacillus stearothermophilus)


Campione n 1

Campione n 2

Campione n 3

Campione n 4

Controllo Penicillina (P)


mm
Controllo Streptomicina (S) mm
Controllo Gentamicina (GM) mm

Capitolo 9
Dimostrazione di tossine batteriche

ESERCITAZIONE 9.1 - TOSSINE STAFILOCOCCICHE CON


REVERSE PASSIVE LATEX AGGLUTINATION TEST (RPLA)

Come si prepara un campione per lanalisi


Si omogenizza lalimento in soluzione fisiologica sterile nel rapporto di 1:1 e si raffredda lomogenato a 4 C in
frigorifero. Quindi, si centrifuga a 3000 rpm per 30 minuti e si fa passare il soprastante attraverso una membrana
da 0,22 o da 0,45 m. Il filtrato costituisce il campione.
Per la ricerca della tossina nel brodo di coltura, si semina lo S. aureus in TSB, da incubare a 37 C per 24 ore, e si
prosegue come sopra.
Come si esegue il test dellagglutinazione inversa passiva al lattice (RPLA)
- Con una micro pipetta, distribuire 25 l di diluente in una piastra microtiter con fondo a V (5 file di 8 pozzetti
ciascuna).
- Mettere cinque volte 25 l di campione nella prima colonna di pozzetti in verticale.
- Allestire le diluizioni al raddoppio, passando 25 l da un pozzetto al successivo, da sinistra verso destra
(escluso lultimo pozzetto), ed eliminando dal penultimo 25 l. Mescolare a ogni passaggio, usando il puntale
della micropipetta.
- In ciascuna delle prime quattro file orizzontali, aggiungere gli anticorpi A-B-C-D legati al lattice a 25 l per
pozzetto.
- Nella quinta fila, aggiungere il controllo negativo (solo lattice non sensibilizzato) a 25 l per pozzetto.
- In una piastra microtiter separata, fare le stesse operazioni ponendo, al posto del campione, le tossine
di controllo. Sono sufficienti quattro file di pozzetti, destinate, ciascuna, a accogliere le diluizioni delle
enterotossine di controllo A-B-C-D.
- Incubare le piastre, munite di coperchio, a temperatura ambiente per 24 ore, chiuse in un sacchetto prestochiuso contenente un batuffolo di cotone bagnato (per evitare levaporazione).
- Leggere su fondo nero le reazioni. Devono essere sempre negative (= bottone al fondo): lultima colonna
verticale a destra, contenente solo diluente + lattice sensibilizzato, e la quinta fila orizzontale, contenente il
campione + lattice non sensibilizzato.
Schema rappresentante una fila di pozzetti nella piastra microtiter
Pozzetto n

Diluente

25 l

25 l

25 l

25 l

25 l

25 l

25 l

25 l

Campione o tossina di controllo

25 l

(eliminare
25 l)

Lattice sensibilizzato

25 l

25 l

25 l

diluizioni al raddoppio
25 l

25 l

25 l

25 l

25 l

NOTA - Un campione, per essere giudicato positivo, deve agglutinare a diluizioni pi elevate rispetto al controllo contenente la
corrispettiva tossina.

319

MATERIALE

Primo giorno
Una brodocoltura di S. aureus produttore di tossina coltivata a 37 C per 48 ore
Un filtro a siringa da 0,45 m
Una provetta da centrifuga
Due piastre microtiter con pozzetti a V con i relativi coperchi
Un sacchetto richiudibile tipo presto-chiuso
Micropipetta a volume variabile per dispensare 25 l
Puntali per micropipetta
Reagenti RPLA per tossine stafilococciche
Centrifuga
METODO

Primo giorno
1. Centrifugare la brodocoltura a 3000 rpm per 30 minuti.
2. Aspirare 3 ml di soprastante in una siringa da 5 ml, farlo passare attraverso un filtro da 0,45 m montato
sulla siringa stessa, raccogliere il filtrato entro una provetta da centrifuga.
3. Preparare il diluente nella piastra microtiter e allestire le diluizioni del campione secondo le spiegazioni
sopra fornite.
4. Aggiungere gli anticorpi A-B-C-D e il controllo negativo.
5. Predisporre in maniera analoga le tossine di controllo su una seconda piastra.
6. Incubare le piastre in contenitore chiuso a temperatura ambiente per 24 ore.
Secondo giorno
Leggere le piastre e riportare i risultati nel seguente prospetto.
RISULTATI DELLE PROVE
ANTICORPI
SENSIBILIZZATI
TIPO
A
B
C
D
Controllo negativo

320

DILUIZIONI POSITIVE DEL


CAMPIONE IN ESAME

DILUIZIONI POSITIVE DELLE


TOSSINE DI CONTROLLO

ESERCITAZIONE 9.2 - TOSSINE DA BATTERI GRAM-NEGATIVI


CON LAL-TEST
MATERIALE

Due fiale di cellule sensibili per la ricerca dellendotossina (Limulus Amebocyte Lysate, tappo BLU)
Una fiala di POSITIVE CONTROL (tappo ROSSO)
Una provetta con 5 ml di acqua distillata apirogena
Una provetta contenente 1 ml di campione da analizzare
Pipette graduate da 1 ml monouso
Propipetta
METODO

1. Pipettare 0,25 ml di campione da analizzare nella prima fiala di Limulus Amebocyte Lysate (tappo BLU, da
etichettare come TEST).
2. Pipettare 0,25 ml di acqua distillata apirogena nella seconda fiala di Lymulus Amebocyte Lysate (tappo BLU,
da etichettare come CONTROLLO NEGATIVO).
3. Pipettare 0,25 ml di acqua distillata apirigena nella fiala con tappo ROSSO (da etichettare come CONTROLLO
POSITIVO).
4. Sistemare le fiale, previamente contrassegnate, su un supporto e metterle ad incubare in bagnomaria a 37
C per unora.
5. Leggere i risultati capovolgendo le tre fiale.
Il test, se positivo, mostra un gel solido che rimane intatto dopo linversione della fiala. Lo stesso aspetto si deve
osservare nel controllo positivo.
Un test negativo non mostra nessun coagulo e, eventualmente, solo un intorbidamento o un aumento della
viscosit del liquido nella fiala. Lo stesso aspetto si deve osservare nel controllo negativo.
I risultati che si possono ottenere applicando questo test sono raggruppati nella seguente tabella:
Controllo positivo

Controllo negativo

Campione in esame

Accettabilit del test


e risultato
S = endotossina
presente
S = endotossina
assente
No = controlli
non validi

+ = formazione di coagulo
- = assenza di coagulo

321

ESERCITAZIONE 9.3 - RICERCA DIRETTA DI TOSSINE BATTERICHE:


LE VEROTOSSINE
Fra i procedimenti diagnostici pi diffusi in svariati settori della ricerca, limmunoenzimatica ha certamente raccolto il maggior
numero di consensi, sia nei test riservati ad analisi cliniche che a quelli specifici per analisi su alimenti o sullambiente.
La prova descritta - riguardante la dimostrazione in laboratorio di tossine batteriche in materiale biologico o preso
da alimenti - una tipica reazione in ELISA, effettuabile direttamente sul campione o indirettamente su colture.
Permette di riconoscere la presenza di verotossine tipo I e II prodotte da particolari ceppi patogeni di Escherichia coli,
detti enteroemorragici (EHEC). Questi possono causare effetti variabili da leggere gastroenteriti fino a gravi coliti
emorragiche, che nelluomo a volte sono seguite da complicanze anche con danni permanenti (HUS e TTP).
Il rappresentante pi noto di questi germi il sierotipo O157:H7, descritto per la prima volta nel 1982. Da allora si
visto che molti altri sierotipi, chiamati vero-citotossici (VTEC) sono capaci di elaborare tossine di tipo I e II simili a
quelle prodotte dalle Shigelle. Ci ha reso meno significativa la classica ricerca colturale mirata allisolamento del coli
O157, classicamente praticata mediante la semina di feci sospette in brodo darricchimento pi novobiocina, seguita
da trapianto su terreno selettivo contenente sorbitolo.
MATERIALE

Due campioni (uno biologico e laltro colturale)


contenenti verotossina prodotta da E. coli O157:H7
o altro ceppo EHEC
Due filtri a membrana da 0,45 m
Due provette sterili tipo centrifuga
Una bottiglia con 50 ml di PBS
Strip del kit Ridascreen Verotoxin
Supporto a forma di micropiastra e coperchio

Micropipette da 20-200 l
Puntali sterili
Provetta con 20 l di controllo positivo
Provetta con 100 l di coniugato
Provetta con 100 l di substrato
Provetta con 100 l di bloccante
Provetta con 10 ml di soluzione di lavaggio

METODO

1. Preparare una sospensione 1:10 del campione biologico in PBS e filtrarla. Raccogliere 1-2 ml del filtrato in
provetta.
2. Ripetere, senza diluire, il procedimento di filtrazione sul campione colturale.
3. Inserire sulla micropiastra di supporto la strip contenente i pozzetti necessari allesame dei due campioni e
del controllo positivo.
4. In due pozzetti introdurre 20 l dei rispettivi campioni filtrati.
5. Introdurre in un pozzetto il controllo positivo (20 l).
6. Coprire con coperchio la piastra e incubare a temperatura ambiente (20-25 C) per unora.
7. Lavare per 5 volte con soluzione di lavaggio, usando la micropipetta regolata a 200 l ed eliminando il
liquido su carta assorbente.
8. Aggiungere 20 l di coniugato.
9. Incubare per 30 minuti.
10. Lavare come sopra.
11. Aggiungere 20 l di substrato.
12. Incubare per 15 minuti, ma al buio.
13. Aggiungere una goccia di bloccante.
14. Leggere come positivi i pozzetti che hanno virato al giallo.

322

Capitolo 10
Igiene dellambiente e delle produzioni

ESERCITAZIONE 10.1 - CONTROLLO DELLACQUA POTABILE


MATERIALE

Per portare a termine lesercitazione in tempi ragionevoli, non possibile allestire contemporaneamente tutte le
ricerche previste dalla normativa vigente. Pertanto vengono scelti due parametri analitici fra quelli sottoelencati,
da determinare come di seguito esposto.
Il campione dacqua da esaminare, raccolto in flacone sterile, ha un volume di 500 ml. Nel caso di acque clorate,
il cloro va neutralizzato con laggiunta di 1 ml per litro dacqua di una soluzione al 10% di sodio tiosolfato
pentaidrato.
Le membrane filtranti, in esteri di cellulosa, hanno porosit di 0.45 mmicron e diametro di 47 mm con bordo
idrofobo e griglia per facilitare la lettura.
METODO

CARICA BATTERICA TOTALE


Metodo Pour Plate EN ISO 6222
In quattro piastre di Petri vuote diametro 9 cm si distribuisce il campione dacqua con pipetta sterile a 1 ml
per piastra. Linoculo viene miscelato immediatamente con 15 ml di terreno Yeast Extract Agar, sterilizzato e
mantenuto fuso in bagnomaria a 50 C. Dopo incubazione delle piastre capovolte, met a 36 +/- 2 C per 44
+/- 4 ore e met a 22 +/-2 C per 68 +/- 4 ore, si leggono tutte le colonie (che sono formate da batteri aerobi,
miceti e lieviti).
COLIFORMI TOTALI ED ESCHERICHIA COLI
Metodo ISO 9308-1
Dopo filtrazione di 100 ml del campione dacqua, la membrana filtrante viene adagiata su terreno Agar lattosato
TTC (trifenil-tetrazolio-cloruro) addizionato di Tergitol 7.
La piastra viene incubata a 36 +/- 2 C per 21 23 ore.
Le colonie rosso-arancio che mostrano un punto giallo sotto la membrana vanno contate e confermate. Si
scelgono almeno 10 colonie sospette e si trapiantano in provette con terreno TSA e in provette con Brodo al
triptofano.
Il terreno solido TSA va incubato a 36 +/- 2 C per 21-23 ore. La prova dellossidasi si esegue su carta, miscelando
una piccola quantit di patina batterica con 2-3 gocce di reattivo per ossidasi. Se si manifesta un colore blu scuro
entro 30 secondi, il test positivo.
Il Brodo al triptofano va incubato a 44 +/- 0.5 C per 21-23 ore. La prova dellindolo si esegue aggiungendo
0.2-0.3 ml di reattivo di Kovacs. Il test positivo se compare una colorazione rossa.
I coliformi sono ossidasi , mentre E. coli ossidasi- e indolo+
NOTA - In alternativa, un test rapido di conferma per Escherichia coli prevede il trasferimento della membrana
filtrante su Tryptic Soy Agar (TSA) da incubare a 36 +/- 2 C per 4-5 ore. La membrana viene quindi passata su
Tryptone Bile Agar (TBA) da incubare a 44 +/- 0.5 C per 19-20 ore. La conferma della formazione di indolo

329

si realizza ponendo la membrana su un disco di carta da filtro imbevuto con reattivo di Kovacs. Si lascia 10-30
minuti sotto una luce ultravioletta e si leggono come Escherichia coli tutte le colonie rosse.
Nelle norme ISTISAN 07/5 contemplato anche luso di un sistema miniaturizzato in piastra per la quantificazione
dei coliformi (Colilert-18).
ENTEROCOCCHI (Enterococcus faecalis)
Metodo ISO 7899-2
Dopo filtrazione di 100 ml del campione dacqua, la membrana filtrante viene adagiata su terreno di Slanetz e
Bartley. Segue lincubazione della piastra a 36 +/- 2 C per 44 +/- 4 ore.
Si osserva se sono presenti colonie che mostrano al centro una colorazione rossa, marrone o rosa. Per confermarle,
si trasferisce la membrana su Agar-Bile-Esculina-Azide e si mette ad incubare a 44 +/- 0.5 C per 2 ore. Tutte le
colonie che diffondono un pigmento nerastro nellagar circostante vengono conteggiate come enterococchi.
PSEUDOMONAS AERUGINOSA
Metodo EN 16266
Dopo filtrazione di 250 ml del campione dacqua, la membrana filtrante viene adagiata su terreno Pseudomonas
Selective Medium CN, da incubare a 36 +/- 2 C per 44 +/- 4 ore.
Le colonie verde-blu fluorescenti in luce ultravioletta vengono conteggiate come Ps. aeruginosa.
Le colonie fluorescenti di colore diverso da blu-verde vanno ulteriormente esaminate, sottoponendole al test
dellossidasi e della produzione di ammoniaca.
Si coltivano in Nutrient Agar per 24 ore a 37 C e dalla patina si esegue su carta il test dell ossidasi (positivo =
colore blu).
Si coltivano inoltre in Acetamide Broth per 24 ore a 37 C, che viene alla fine addizionato con 1-2 gocce di
reattivo di Nessler. In caso di produzione di ammoniaca, si vede un viraggio da giallo a rosso mattone.
CLOSTRIDIUM PERFRINGENS
Metodo ISO 6461-2
Il campione dacqua (100 ml) viene riscaldato e mantenuto a 80 C per 10 minuti. Dopo filtrazione, la membrana
viene posta su terreno TSC (Tryptose-Sulphite-Cycloserine) da incubare in anaerobiosi a 44 +/- 1 C per 21
+/- 3 ore.
Le colonie nere o variabili da grigio a giallo-bruno sono da confermare. Vengono pertanto trapiantate su piastre
di Agar Sangue da incubare in anaerobiosi (e aerobiosi) a 36 +/- 2 C per 21 +/- 3 ore. Solo le colonie cresciute
in anaerobiosi vanno ulteriormente confermate come Clostridium perfringens con le prove di
- mobilit (-) e riduzione dei nitrati (+) in Buffered Nitrate Motility Medium, incubato anaerobicamente a 36
+/- 2 C per 21 +/- 3 ore (sviluppo di colore rosso se nitrati+)
- fermentazione del lattosio (+) e liquefazione della gelatina (+) in Lactose Gelatin Medium, incubato
anaerobicamente a 36 +7- 2 C per 21 +/- 3 ore (viraggio al giallo se lattosio+).
NOTA - La valutazione della precisione dei conteggi viene stimata attraverso il confronto dei numeri di colonie lette
con tabelle, contenenti dei limiti di confidenza al 95% di probabilit.
Sono previsti controlli di qualit, nei quali si saggia la sensibilit dei reagenti verso ceppi di riferimento (NCTC) (ad
esempio,Clostridium perfringens come controllo positivo, Bacillus subtilis come controllo negativo).

330

ESERCITAZIONE 10.2 - CONTROLLO DEI MANGIMI


MATERIALE

Primo giorno
Un campione di mangime
Un cucchiaio sterile
Un sacchetto sterile per omogeneizzatore
150 ml di soluzione sterile di Ringer
Quattro piastre Petri sterili
100 ml di terreno Violet Red Bile Glucose Agar (VRBG) fuso e mantenuto in bagnomaria a 50 C
Sei piastre di terreno Sabouraud Agar
Tre spatole a L sterili per batteriologia
Due provettoni sterili
Pipette graduate sterili
Bilancia
METODO

Primo giorno
Per il conteggio degli enterobatteri
1. Distribuire in ciascun provettone 9 ml di soluzione di Ringer
2. Posizionare sulla bilancia un sacchetto per omogeneizzatore
3. Pesare 10 grammi di mangime nel sacchetto adoperando un cucchiaio sterile
4. Aggiungere nel sacchetto 90 ml di soluzione di Ringer
5. Omogeneizzare per 1-2 minuti
6. Contrassegnare opportunamente le piastre Petri vuote e pipettare dallomogenato in due piastre 0,5 ml e
in altre due piastre 0,1 ml
7. Distribuire, in ciascuna piastra, mescolando subito con linoculo, 15 ml di terreno VRBG fuso, mantenuto in
bagnomaria a 50 C
8. Lasciare solidificare il terreno per 30 minuti a temperatura ambiente
9. Incubare le piastre capovolte a 37 C per 24 ore
Per il conteggio delle muffe
1. Allestire, partendo dallomogenato, le diluizioni decimali 10-1 e 10-2 nei provettoni previamente contrassegnati
(aggiungendo 1 ml a 9 ml di diluente)
2. Trasferire, dallomogenato e da ciascun provettone, con pipette sterili, in doppio, 0,1 ml sulla superficie delle
rispettive piastre di Sabouraud Agar previamente contrassegnate
3. Distribuire uniformemente linoculo sulla superficie di ciascuna coppia di piastre, usandola stessa spatola a
L sterile e cambiandola per ogni diluizione
4. Incubare le piastre capovolte a temperatura ambiente (20-25 C) per 5 giorni, con letture giornaliere
Secondo giorno
Contare, al termine dellincubazione, le colonie tipiche sui due terreni ed eseguire i calcoli specificati nello
schema seguente.

331

RISULTATI DELLE PROVE

Conteggio degli enterobatteri


Le colonie tipiche sono rotonde, convesse, a margine netto, di colore rosso e con alone rosso circostante e di
diametro non inferiore a 0,5 mm
Piastra seminata con
0,5 ml
0,5 ml

n colonie tipiche

Operazioni da eseguire

Risultato (ufc/g)

SOMMA _____________ x 10 =
OPPURE (se le piastre seminate con 0,5 ml sono illeggibili)

0,1 ml
0,1 ml

MEDIA _____________ x 100 =

Conteggio delle muffe


Le colonie tipiche sono rotondeggianti, a margini irregolari, filamentose, con caratteristico aspetto cotonoso di
muffa, bianche o variamente pigmentate. Su Sabouraud Agar, i lieviti crescono con colonie rotonde, a margine
netto, convesse, lisce, bianche o colorate, simili a quelle dei batteri, che, per, sviluppano con difficolt e,
eventualmente, con colonie di diametro ridotto.
Diluizione letta
omogenato
omogenato
10-1
10-1
10-2
10-2

Colonie tipiche

Media

Calcolo del numero di


muffe/grammo
M D 10 100
10
M = media delle colonie tipiche alla
diluizione prescelta
D = reciproco della diluizione (omogenato
= 1; 10-1 = 10; 10-2 = 100)
10 = rapporto tra 1 ml e volume di semina
su piastra (0,1 ml)
100 = grammi dellomogenato (10 + 90)
/10 = grammi di mangime pesato

Risultato (ufc/g)

ESERCITAZIONE 10.3 - CONTROLLI DI IGIENE AMBIENTALE


1 - DETERMINAZIONE DELLATTIVIT ANTIMICROBICA DEI DISINFETTANTI

Tecnica di determinazione della MIC con terreni liquidi


- Preparare 15 provette con brodo nutritivo distribuito a 5 ml.
- Aggiungere alla prima provetta ml 5 del disinfettante non diluito da provare.
- Mescolare e trasferire ml 5 nella seconda provetta.
- Effettuare le successive diluizioni, cambiando sempre pipetta tra una diluizione e laltra.
- Infettare le provette con 0,02 ml della sospensione del microrganismo-test, coltivato in Brodo nutritivo e
diluito alla concentrazione standard con Brodo sterile.
- Incubare a 37 C per 48 ore.
- Leggere come MIC la prima diluizione della serie (in ordine crescente) nella cui provetta il brodo risulta
limpido per assenza di crescita batterica.

332

Tecnica di determinazione della MIC con terreni solidi


- Preparare una serie di diluizioni scalari al raddoppio del disinfettante da saggiare in Brodo nutritivo come nel
metodo precedente.
- Trasferire 1 ml di ciascuna diluizione, in doppio, in piastre Petri vuote sterili.
- Aggiungere a ciascuna piastra ml 15 di Agar nutritivo sterilizzato e raffreddato a circa 50 C.
- Mescolare con linoculo e lasciare solidificare il terreno nelle piastre a temperatura ambiente.
- Seminare in superficie 0,1 ml di brodocoltura del microrganismo-test e distribuire linoculo su tutta la piastra
con una spatola a L sterile per batteriologia.
- Incubare le piastre capovolte a 37 C per 48 ore.
- Leggere come MIC la diluizione pi bassa che seminata su piastre non ha dato luogo a sviluppo di colonie
batteriche.
Definizione di concentrazione minima battericida (MCB)
la pi bassa concentrazione del disinfettante in grado di uccidere le cellule batteriche.
Tecnica di determinazione della MCB in terreno liquido
- Preparare una serie di diluizioni scalari al raddoppio del disinfettante in acqua distillata sterile.
- Aggiungere ad ogni diluizione una uguale quantit di sospensione del germe-test alla concentrazione
standard.
- Lasciare agire a temperatura ambiente per un tempo prefissato (ad esempio, 1 ora).
- Bloccare lazione del disinfettante aggiungendo ad ogni provetta una soluzione bloccante (lecitina di soia al 2%.
- Tween 80 al 2%, sodio tiosolfato allo 0,5%, concentrazioni finali).
- Trapiantare 0,1 ml da ogni provetta in brodo nutritivo.
- Incubare i brodi a 37 C per 48 ore.
- Leggere come MCB la prima diluizione la cui provetta rimasta limpida.
Tecnica di determinazione della MCB in terreno solido
- Preparare una brodocoltura con il germe-test alla concentrazione di 108 cellule/ml.
- Seminare con un tampone la brodocoltura su una piastra di Agar nutritivo.
- Imbibire dei dischetti sterili di carta diametro 6 mm con 0,25 l del disinfettante in esame.
- Appoggiare i dischetti sul terreno.
- Incubare la piastra non capovolta a 37 C per 48 ore.
- Misurare gli eventuali aloni di inibizione attorno ai dischetti. Un diametro superiore a 12 mm viene considerato
indice di efficacia del disinfettante.
Lesercitazione prevede la valutazione dellefficacia di una soluzione detergente / sanitizzante sulla
superficie di un materiale ceramico di rivestimento contaminata artificialmente.
MATERIALE

Una brodocoltura di E. coli


Due provette di brodo nutritivo
Tre tamponi sterili
Due piastrelle di ceramica a superficie opaca
Due provette di brodo BHI sterile + soluzione bloccante
Torbidimetro 0,5 Mc Farland

333

METODO

Primo giorno
- Diluire con brodo nutritivo sterile una brodocoltura di E. coli, in modo da portarla ad una concentrazione di
108 cellule/ml (pari alla torbidit 0,5 Mac Farland).
- Bagnare un tampone nella provetta diluita e strofinarlo su tutta la superficie di una piastrella di ceramica.
- Ripetere loperazione su una seconda piastrella.
- Lasciare asciugare per 15 minuti le piastrelle a temperatura ambiente.
- Bagnare una sola piastrella con il prodotto disinfettante.
- Lasciare asciugare a temperatura ambiente per 15 minuti.
- Strisciare su ciascuna piastrella un tampone inumidito in brodo nutritivo sterile.
- Immergere i tamponi in due provette contenenti brodo BHI sterile + soluzione bloccante.
- Incubare a 37 C per 48 ore.
Secondo giorno
Effettuare la lettura. Solo la provetta contenente il tampone strisciato su piastrella non disinfettata deve
presentare intorbidamento tipico da crescita batterica.
2 - CONTROLLO MICROBIOLOGICO DELLE SUPERFICI
MATERIALE

Primo giorno
Un tampone sterile
Due provette con 5 ml di soluzione di Ringer
Maschera da 5 5 cm
Una piastra microtiter da 96 pozzetti con fondo a V sterile completa di coperchio
Una piastra di terreno Plate Count Agar
Due piastre a contatto
Micropipetta da 20 l
Micropipetta da 200 l
Puntali sterili per micropipette
METODO

Primo giorno
A) PRELIEVO DA SUPERFICIE SPORCA CON TAMPONE
campionamento
- Sconfezionare un tampone e inumidirlo, immergendolo in una provetta di Ringer
- Posizionare una maschera da 5 5 cm sulla superficie del banco di lavoro
- Strisciare il tampone sulla zona delimitata
- Aprire una provetta da 5 ml di Ringer, spezzarvi dentro il tampone e agitare
preparazione delle diluizioni
- Con micropipetta da 180 l distribuire la soluzione di Ringer in 4 pozzetti della piastra microtiter
- Con micropipetta da 20 l trasferire il campione nel primo pozzetto
- Cambiare il puntale alla micropipetta da 180 l e spipettare pi volte per mescolare
- Procedere alle successive diluizioni operando come sopra, cambiando sempre il puntale tra una diluizione e laltra

334

semina su piastra
- Con un pennarello disegnare una croce sul retro di una piastra di Plate Count Agar, in modo da identificare
quattro settori destinati ad altrettante diluizioni.
- Dai pozzetti delle diluizioni 10-1, 10-2, 10-3, 10-4 trasferire 20 l, in doppio, sui rispettivi settori della piastra,
cambiando puntale ad ogni prelievo.
- Lasciare asciugare le gocce deposte sul terreno a temperatura ambiente per 30 minuti e quindi incubare la
piastra, non capovolta, a 37 C per 48 ore.
Secondo giorno
Lettura
Scegliere il settore della piastra che presenta, in corrispondenza di ciascuna goccia seminata, un numero di
colonie inferiore a 20.
Calcolare il numero di germi per cm2 di superficie seguendo le indicazioni sotto riportate.
B) PRELIEVO DA SUPERFICIE PULITA CON PIASTRA A CONTATTO
- Al termine del lavoro, pulire e sanitizzare il banco.
- Scegliere una zona da campionare e fare aderire ad essa il terreno di una piastra a contatto, esercitando una
certa pressione.
- Chiudere col coperchio ed incubare la piastra capovolta a 37 C per 48 ore.
- Contare le eventuali colonie.
- Stabilire il numero di germi per cm2 di superficie seguendo le indicazioni sotto riportate.
GIUDIZIO

Il trattamento di pulizia e sanitizzazione viene considerato soddisfacente se si leggono meno di 10 colonie sullintera
piastra a contatto da 24 cm2.
RISULTATI DELLE PROVE
Diluizione letta (D)

PRELIEVO DA SUPERFICIE SPORCA CON TAMPONE


n colonie goccia 1
n colonia goccia 2

media (m)

m x D x 50 x 5 =
25
50 = rapporto tra 1 ml e la quantit seminata
(20 ) = 1/50
5 = volume del diluente usato per il tampone
25 = area esaminata in cm2
PRELIEVO DA SUPERFICIE PULITA CON PIASTRA A CONTATTO
n colonie contate sullintera piastra (c)
GIUDIZIO
2
n germi per cm di superficie (c/24)
n di germi per cm2 di superficie =

3 - CONTROLLO MICROBIOLOGICO DELLARIA CONFINATA


METODO DELLE PIASTRE APERTE

Nellambiente da monitorare, si dispongono, opportunamente posizionate, delle serie di piastre Petri contenenti
appropriati terreni batteriologici. I coperchi delle piastre vengono spostati lateralmente, in modo da lasciare

335

scoperta la superficie del terreno, per la durata di unora. Trascorso il tempo, i coperchi vengono richiusi e le
piastre vengono incubate secondo temperature e tempi adatti ai germi da ricercare.
Al termine dellincubazione si conta il numero delle colonie la cui media, rapportata al volume dellambiente
esaminato, permette di calcolare la quantit di microrganismi per metro cubo daria.
METODO DELLA FILTRAZIONE SU MEMBRANA

Un campione di aria viene filtrato per depressione attraverso una membrana sterilizzante, fissata su un supporto
rigido collegato ad una pompa per vuoto. La quantit di aria prelevata (espressa in metri cubi) viene calcolata
moltiplicando il valore di litri al minuto aspirati dalla pompa per il tempo di filtrazione.
Al termine del prelievo, la membrana viene incubata secondo le modalit previste per quella ricerca. Contando
le colonie sviluppate sopra la membrana si determina la carica batterica, espressa per metro cubo daria.
Usando terreni selettivi possibile contare solo determinate specie batteriche (ad esempio, i coliformi, le spore
anaerobie, le muffe, ecc). Il principio di questo metodo stato applicato commercialmente in unapparecchiatura
specifica.
MATERIALE

Primo giorno
Cinque piastre di terreno BHI Agar e cinque piastre di terreno Sabouraud Agar
Un supporto filtrante completo di membrana in acetato di cellulosa da 0,22 m
Un bisturi sterile
Pinza anatomica a punte piatte arrotondate sterile
Una piastra di terreno BHI Agar per coltivazione della membrana
Pompa per vuoto
METODO

Primo giorno
A - Determinazione della carica batterica totale e del numero di miceti (muffe e lieviti) col
metodo delle piastre aperte
Contrassegnare opportunamente cinque piastre di BHI Agar (per la carica batterica totale) e cinque piastre di
Sabouraud Agar (per la conta dei miceti).
Disporre le piastre, alternando i due terreni, lungo le diagonali idealmente individuate allinterno del locale da
monitorare.
Aprire delicatamente i coperchi delle piastre, sistemandoli a lato, senza capovolgerli.
Attendere unora, allontanandosi per questo tempo dal locale, lasciando porte e finestre chiuse, evitando di
transitare nellambiente per non provocare turbolenze.
Al termine dellesposizione, chiudere con cura le piastre con i relativi coperchi.
Incubare le piastre di BHI Agar in termostato a 37 C per 48 ore e le piastre di Sabouraud Agar a 20 C
(temperatura ambiente) per 5 giorni.
Secondo giorno
Lettura e conteggio delle colonie sviluppate. Nonostante esistano in letteratura differenti interpretazioni, si ritiene
accettabile un risultato che ammette non pi di 25 colonie per piastra.

336

ESERCITAZIONE 10.4 - LATTOBACILLI E LATTOCOCCHI:


GLI STARTER MICROBICI
MATERIALE

Primo giorno
Un campione da analizzare costituito da latte fermentato
200 ml di soluzione sterile di Ringer concentrata
Un sacchetto presto-chiuso per omogeneizzatore
Un cucchiaio sterile
Bilancia
Omogeneizzatore
Sei provettoni sterili
Pipette graduate sterili monouso da 1 e 10 ml
Due spatole sterili a L per batteriologia
Sei piastre di terreno MRS Agar
Sei piastre di terreno M17 Agar
Vetrini portaoggetti
Coloranti per Gram
Una coltura su slant di MRS Agar di un ceppo di lattobacillo da identificare
Una provetta di MRS Agar (slant)
Cinque provette contenenti ciascuna ml 5 dei seguenti carboidrati: amigdalina, melecitosio, lattosio, maltosio,
mannite, salicina
Un vetrino per test della mobilit
Una provetta con 5 ml di brodo BHI + 6,5% NaCl
Secondo giorno
Acqua ossigenata al 3% per test della catalasi
METODO
Nella presente esercitazione viene proposta la determinazione quantitativa dei batteri lattici in un campione di
alimento e lallestimento di un gruppo di prove microscopiche, colturali e biochimiche idonee per lidentificazione dei
ceppi batterici contenuti nellalimento stesso. Per motivi pratici, la fase di identificazione dei ceppi viene anticipata e
le colture gi isolate vengono fornite contemporaneamente alla fase dinizio dellanalisi sul campione alimentare.

Primo giorno
A) Analisi di un campione per la ricerca quantitativa dei batteri lattici
1. Pesare nel sacchetto presto-chiusoposto sulla bilancia 10 grammi del campione, utilizzando un cucchiaio sterile.
2. Aggiungere per pesata nel sacchetto 100 ml di soluzione sterile di Ringer concentrata.
3. Omogeneizzare.
4. Distribuire a 9 ml in sei provettoni sterili la soluzione di Ringer.
5. Allestire le diluizioni decimali (partendo dallomogenato) trasferendo ml 1 nel primo provettone, agitando
e passando 1 ml nel secondo provettone. Continuare fino alla diluizione 10-6.
6. Seminare, da ciascuna diluizione, 0,1 ml su una piastra di MRS Agar e 0,1 ml su una piastra di M17 Agar,
cambiando sempre pipetta tra una diluizione e quella successiva.
7. Distribuire linoculo su tutta la superficie della piastra, utilizzando per ciascun terreno una spatola a L sterile

337

per batteriologia. Cominciare dallultima diluizione.


8. Incubare le piastre, capovolte, a 37 C per 24 ore, se M17, e per 72 ore se MRS. Queste ultime piastre vanno
messe in sacche per microaerofilia per avere il 5% di anidride carbonica desiderato.
B) Identificazione biochimica
1. Trapiantare il ceppo da identificare su uno slant di MRS Agar e incubarlo a 15 C (temperatura controllata)
in microaerofilia con il 5% di CO2 per 48 ore.
2. Seminare, inoltre, una provetta di brodo BHI + 6,5% NaCl e il gruppo di provette per fermentazione dei
carboidrati. Incubare queste prove a 37 C per 48 ore.
3. Saggiare la mobilit del ceppo con un esame microscopico a fresco.
Secondo giorno
A) Contare le colonie sulle piastre. Verificare cinque colonie, scelte a caso, tra quelle contate mediante striscio
(da colorare con Gram) e test della catalasi su vetrino.
In caso di risultati differenti da quelli attesi, ripartire il conteggio in maniera proporzionale al numero di
colonie formate da germi Gram-positivi catalasi-negativi.
Calcolare il numero di UFC per grammo di campione.
B) Leggere le prove e compilare il protocollo danalisi.
RISULTATI DELLE PROVE

Conteggio dei batteri lattici su un campione analizzato


Terreno
MRS Agar
M17 Agar

Diluizione letta

Numero di colonie

Risultato del conteggio

Identificazione biochimica
Test
Sviluppo a 15 C
Sviluppo in BHI + 6,5% NaCl
Amigdalina
Melecitosio
Lattosio
Maltosio
Mannite
Salicina

338

Risultato

Conclusioni

Appendici

Elenco alfabetico dei principali materiali


destinati alle esercitazioni
NOTA - Altro materiale necessario riportato allinizio di ogni esercitazione

1 - Apparecchiature
Agitatore per provette tipo Vortex
Autoclave
Bagnomaria termostatato
Bilancia tecnica
Centrifuga
Congelatore a -20 C
Demineralizzatore o distillatore
Frigorifero a +2 / +4 C
Lavavetreria
Microscopio a campo chiaro e fluorescenza
Omogeneizzatore peristaltico tipo Stomacher
pH metro
Stufa a secco
Termostato a +37 C
Termostato a temperatura variabile (da +20
a +65 C)
2 - Materiale recuperabile
Ago per batteriologia
Ansa per batteriologia
Bacinelle sterilizzabili
Becker da 250 e 500 ml
Bottiglie in vetro Pyrex o Duran 50 da 50 e
500 ml
Cucchiai sterilizzabili
Forbici sterilizzabili
Lampada di Wood a luce ultravioletta
Micropipetta a volume fisso 50 microlitri
Micropipette a volume variabile 0-20 microlitri, 20-200 microlitri
Nefelometro di Mc Farland
Oculare micrometro
Pinze anatomiche sterilizzabili
Provette comuni per batteriologia
Provette per centrifuga
Provette per sierologia
Provettoni per batteriologia
Tappi metallici per provette nelle varie misure
Tubi di Craigie
Vetrini per esame della mobilit in goccia
pendente
Vetrino portaoggetti millimetrato
3 - Materiale monouso
Carta assorbente

Carta per sterilizzazione


Dischetti bianchi in cellulosa sterili diametro mm 12,5
Filtri a membrana da 0,22 mmicrometri
Filtri per siringa da 0,45 mmicrometri
Guanti lattice
Membrane filtranti in polietersulfone diametro cm 9
Piastre a contatto
Piastre di Petri sterili diametro cm 9
Piastre microtiter a 96 pozzetti fondo a V e
ad U + coperchio
Pipette graduate sterili da 1, 2, 5, 10, 25 ml
Sacche per incubazione in anaerobiosi
Sacche per incubazione in microaerofilia
(5% CO2)
Sacchetti sterili presto-chiuso per omogeneizzatore
Sacchetti sterili con filtro per omogeneizzatore
Siringhe da 2, 5,10 ml
Tamponi per prelievi in cotone sterili
Vetrini coprioggetti
Vetrini di Breed
Vetrini portaoggetti
Vetrini portaoggetti per fluorescenza
4 - Reattivi
Acetone
Acido acetico
Acido cloridrico
Acido solforico
Acqua distillata
Acqua ossigenata 3% per test della catalasi
Alcool etilico assoluto
Arancio dacridina
Batteriofago O1 anti-Salmonella
Blu di metilene (blu di Loeffler)
Colorante lattofenolo-blu cotone
Cristalvioletto
Dischetti di controllo per test della DNAsi
Dischetti per antibiogramma
Fucsina acida (carbol-fucsina o fucsina di
Ziehl)
Fucsina basica
Globuli rossi di pecora lavati al 25% in Alsever
Lecitina di soia
Olio di vaselina o paraffina sterile

347

Olio per immersione


Plasma di coniglio con EDTA per test della coagulasi
Polvere di zinco per test di riduzione dei nitrati
Reattivi A e B per test di riduzione dei nitrati
Reattivo di Kovacs per test dellindolo
Reattivo ninidrina per test dellippurato
Reattivo per test dellossidasi
Sieri anti-listeria tipi 1 e 4
Siero fluorescente anti-coniglio
Siero poliagglutinante anti-Salmonella
Sodio idrato
Sodio tiosolfato
Soluzione di acriflavina
Soluzione di eosina per colorazione piroplasmi
Soluzione di trimethoprim per ricerca sostanze inibenti
Soluzione iodo-iodurata (Lugol)
Spore di B. stearothermophilus var. calidolactis
Spore di B. subtilis BGA
Tween 80
5 - Diluenti
Acqua distillata apirogena
Acqua peptonata
Phosphate Buffered Saline (PBS)
Soluzione di Ringer concentrata
Soluzione fisiologica 0,85% NaCl
Soluzione fisiologica 1% peptonata
6 - Kit
Controllo positivo per LAL-test
ELISA per salmonelle
Ippurate test
LAL-Test
Piastre per MIC (Sensititre)
Prove biochimiche miniaturizzate per anaerobi
Prove biochimiche miniaturizzate per enterobatteri
Prove biochimiche miniaturizzate per listerie
Prove biochimiche miniaturizzate per stafilococchi
Prove biochimiche miniaturizzate per streptococchi
RPLA per tossine stafilococciche

348

7 - Terreni
Agar sangue
Agar sangue esculina
Agar siero + NAD
Agar TKT
Antibiotic Agar pH 6,6
Baird.Parker Agar
BHI + 6,5% NaCl
BHI Agar + siero equino 5%
Brain Heart Infusion Agar (BHI Agar)
Brain Heart Infusion Broth (BHI)
Brillant Green Agar (Agar verde brillante,
BGA)
Buffered Peptone Water (Acqua peptonata
tamponata)
Carbohydrate Fermentation Broth
Coliform Agar
Cooked Meat Medium (CMM)
Gassner Agar
Gelatin Medium
Glutammat-Starch-Phenolrot Agar (GSPA)
Hektoen Enteric Agar
Hugh-Leifson Broth
Kligler Iron Agar
Listeria Enrichment Broth (LEB)
Litmus Milk
M17 Agar
MacConkey Agar
MacConkey Sorbitol Agar
Mannitol Salt Agar (MSA)
m-ENDO Agar
MRS Agar
Mueller-Hinton Agar
Mueller-Hinton Broth
Nutrient Agar
Oxford Agar
Oxytetracycline-Glucose-Yeast Extract (OGYE)
Plate Count Agar (PCA)
Rambach Agar
Rappaport-Vassiliadis Medium
Sabouraud Agar
Salmonella-Shigella Agar (SS)
Selenite Broth (Brodo selenito)
Shaidi-Ferguson Perfringens Agar (SFP)
STAA
Terreno a pH 7,2 per ricerca sostanze inibenti
Terreno di KUNDRAT per ricerca sostanze
inibenti
Terreno per test dei nitrati (Nitrate Broth)
Terreno per test dellindolo (TSB)
Terreno per test dellurea (Stuart)
Terreno per test della DNAsi (termonucleasi)
Terreno per test della mobilit

Tetrathionate Broth (Brodo tetrationato secondo Preuss)


Thioglycollate Broth
Thioglycollate Medium w/o glucose
Trypticase Soy Agar + 0,6% estratto di lievito
Trypticase Soy Broth (TSB)
Trypticase Soy Broth + 0,6% estratto di lievito
TSC
Violet Red Bile Agar (VRBA)
Violet Red Bile Glucose Agar (VRBG) +
MUG
Xilose Lisine Deoxycholate Agar (XLD)
8 - Ceppi batterici
Actinobacillus pleuropneumoniae
Aeromonas hydrophila
Bacillus subtilis
Bordetella bronchiseptica
Brochotrix thermosphacta
Candida albicans
Clostridium perfringens
Enterobacter cloacae

Erysipelothrix insidiosa
Escherichia coli
Escherichia coli ATCC 25922
Escherichia coli O157:H7
Haemophilus parasuis
Klebsiella pneumoniae
Lactobacillus casei
Listeria innocua
Listeria monocytogenes
Mycobacterium fortuitum
Pasteurella haemolytica
Pasteurella multocida
Penicillium nalgiovense
Proteus mirabilis
Pseudomonas aeruginosa
Rhodococcus equi
Salmonella derby
Salmonella enteritidis
Staphylococcus aureus
Staphylococcus aureus ATCC 25923
Streptococcus agalactiae
Streptococcus bovis
Streptococcus dysgalactiae
Streptococcus faecalis (Enterococcus)
Streptococcus uberis

349

Composizione di terreni, soluzioni e reattivi

TERRENI
Acetamide Broth
Terreno per conferma degli enterococchi nelle acque
Acetamide 2, potassio fosfato monobasico
1, sodio cloruro 0.20, magnesio solfato 0.20,
acqua distillata 900 ml
pH finale = 7.0 0.5
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C ed aggiungere sterilmente 1 ml di soluzione contenente
sodio molibdato 0.5, ferro solfato oso 0.05 in
100 ml di acqua distillata
Agar lattosato TTC + Tergitol - 7
Terreno usato per ricerca coliformi nelle acque
Tryptone 2.5, peptone 2.5, estratto di lievito 3, lattosio 10, blu di bromo timolo 0.025,
agar-agar 15, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7.2 0.1
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C ed aggiungere 50 ml di soluzione allo 0.2% di Tergitol-7
e 4 ml di soluzione all1% di trifenil-tetrazolio cloruro (TTC), sterilizzate a parte per
filtrazione.
Agar sangue
Terreno semplice in piastra per lisolamento
di germi aerobi ed anaerobi
Infuso da cuore bovino 500 g, triptosio 10 g,
sodio cloruro 5 g, agar-agar 15 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,8 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare fino a circa 50 C ed aggiungere sterilmente il 5% di sangue defibrinato di pecora oppure il 2% di globuli rossi
di pecora lavati
Agar sangue esculina
Terreno differenziale in piastra per lisolamento di Streptococcus agalactiae
c.s. ma con laggiunta di esculina 1 g, ferro
citrato ico 0,1 g

Agar TKT
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento degli streptococchi e degli stafilococchi delle mastiti da campioni di latte
Peptone 10 g, digerito triptico di caseina 15
g, sodio cloruro 5 g, esculina 1 g, ferro citrato ico 0.1 g, tallio acetato 0.334 g, cristalvioletto 1.7 ml, agar-agar 20 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,1
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C ed aggiungere sterilmente beta-emolisina stafilococcica pre-titolata ed il 5% di globuli rossi lavati di pecora
La tossina stafilococcica viene preparata in
Brodo BHI incubato a 37 C sotto agitazione
per 5-7 giorni, centrifugato e filtrato. La titolazione viene fatta inglobando in TKT il surnatante filtrato a concentrazioni crescenti (ad
esempio, dal 2 al 4%) e scegliendo la concentrazione che d la miglior reazione di CAMP
dopo semina di S. agalactiae ed incubazione
a 37 C per 24 ore
Antibiotic Agar pH 6,6
Terreno semplice in piastra per la ricerca dei
residui di antibiotici
Estratto di carne 1,5 g, estratto di lievito 3 g,
casitone 4 g, peptone 6 g, destrosio 1 g, agaragar 15 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,55 0,05
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Baird.Parker Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
la ricerca ed il conteggio di Staphylococcus
aureus negli alimenti
Peptone proteose 10 g, estratto di carne 5 g,
estratto di lievito 1 g, sodio piruvato 10 g,
glicina 12 g, litio cloruro 5 g, agar-agar 20 g,
acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,0 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C e aggiungere sterilmente 50 ml di emulsione sterile di
tuorlo duovo e potassio tellurito (contenen-

351

te tuorlo duovo sterile omogeneizzato 25 ml,


soluzione fisiologica 0,85% NaCl 25 ml, potassio tellurito 100 mg)
BCYE Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
Legionella
Base (quantit in g/lt) : charcoal attivato 3 g,
estratto di lievito 9 g, agar-agar 13 g.
Supplemento di crescita (quantit per 500
ml): tampone ACES 5 g, ferro pirofosfato
0,125 g, cisteina cloridrato 0,2 g, alfa-chetoglutarato 0,5 g.
Supplemento selettivo (quantit per 500 ml):
glicina 1,5 g, vancomicina 0,5 mg, polimixina B 39600 U.I., cicloeximide 40 mg.
pH finale = 6,9 0,2
Sospendere 12,5 g di polvere in 440 ml di acqua demineralizzata. Sciogliere in acqua demineralizzata il supplemento di crescita (in
50 ml) ed il supplemento selettivo (in 10 ml).
Aggiungere i supplementi sterilmente al terreno base autoclavato a 121 C per 15 minuti
e raffreddato a circa 50 C
Bordet-Gengou Blood Agar
Terreno selettivo in piastra per la ricerca della Bordetella pertussis
Infuso di patata 4,5 g, digerito di caseina 5
g, peptone di carne 5 g, sodio cloruro 5,5 g,
agar-agar 20 g, glicerina 10 ml, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,7 0,2
Autoclavare a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C ed aggiungere sterilmente 150
ml di sangue defibrinato di pecora sterile
Brain Heart Infusion Agar (BHI Agar)
Terreno semplice in provetta o in piastra per
la coltivazione di microrganismi esigenti
Infuso di cervello 200 g, infuso di cuore 250
g, peptone proteose 10 g, glucosio 2 g, sodio
cloruro 5 g, sodio fosfato bibasico dodecaidrato 2,5 g, agar-agar 15 g, acqua demineralizzata 1 lt
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
BHI Agar + siero
Terreno semplice solido in provetta idoneo
per la coltivazione di germi particolarmente esigenti
c.s. ma con aggiunta sterile al 5% di siero
equino sterilizzato a parte per filtrazione

352

BHI Agar + siero + NAD


Terreno differenziale per coltivare i batteri
che richiedono il fattore V del sangue (sostituito dal NAD)
BHI 41 g, agar-agar 15 g, siero equino sterile 100 ml, NAD 0,12 mg, acqua distillata
1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C ed aggiungere sterilmente il siero equino sterile (10%) e
0,1 ml di soluzione sterile di NAD (preparata a parte sciogliendo 12 mg di NAD in 10
ml di acqua distillata e sterilizzando su filtro 0,22 m)
Brain Heart Infusion Broth (BHI)
Terreno semplice liquido adatto per la coltivazione di germi aerobi esigenti
c.s. ma senza agar-agar
BHI + 6,5% NaCl
Terreno differenziale liquido per la differenziazione biochimica degli enterococchi
c.s. ma con aggiunta di sodio cloruro 60 g
per litro
Brillant Green Agar (Agar verde brillante, BGA)
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento delle salmonelle
Peptone proteose 10 g, estratto di lievito 3 g,
sodio cloruro 5 g, lattosio 10 g, saccarosio 10
g, verde brillante 0,0125 g, rosso fenolo 0,08
g, agar-agar 12 g, acqua distillata 1000 ml
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Brodo triptofano
Terreno per ricerca del coli nelle acque
Digerito triptico di caseina 10, l-triptofano 1,
cloruro di sodio 5, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7.5 0.2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Buffered Nitrate Motility Medium
Terreno per conferma del Clostridium perfringens nelle acque
Peptone di caseina 5, galattosio 5, estratto di
carne 5, sodio fosfato bibasico 2.5, potassio nitrato 1, agar-agar 3.5, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7.3 0.2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti

Buffered Peptone Water (Acqua peptonata tamponata)


Terreno di pre-arricchimento liquido per la
ricerca delle salmonelle negli alimenti
Peptone 10 g, sodio cloruro 5 g, sodio fosfato
bibasico 3,5 g, potassio fosfato monobasico
1,5 g, acqua demineralizzata 1000 ml
pH finale = 7,2 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Campylobacter Enrichment Broth
Terreno darricchimento liquido per Campylobacter
Nutrient Broth 1000 ml + supplemento di
crescita (contenente sodio piruvato 0,25 g,
sodio metabisolfito 0,25 g, solfato ferroso
0,25 g) + supplemento selettivo di Skirrow
(contenente vancomicina 10 mg, polimixina
B 2.500 U.I., trimethoprim 5 mg)
pH finale = 7,0 0,2
Aggiungere sterilmente i supplementi al brodo
Campylobacter Selective Agar (Skirrow)
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
dei Campylobacter
Peptone 15 g, estratto di fegato 0,5 g, estratto di lievito 5 g, sodio cloruro 5 g, agar-agar
12 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7.2 0.2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C ed aggiungere 50 ml di sangue equino laccato e 10 ml di
supplemento antibiotico di Skirrow (contenente vancomicina 10 mg, polimixina 2.500
U.I., trimethoprim 5 mg)
Carbohydrate Fermentation Broth
Terreno differenziale liquido per le prove biochimiche di fermentazione dei carboidrati in
provetta
Peptone di caseina 5 g, peptone di carne 5 g,
sodio cloruro 5 g, rosso fenolo 0,018 g, acqua distillata 950 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C ed aggiungere sterilmente lo zucchero da testare (5 g in
50 ml di acqua distillata, sterilizzazione per
filtrazione)

CDC Anaerobe Blood Agar


Terreno selettivo in piastra per lisolamento
dei germi anaerobi
Digerito di caseina 15 g, digerito di soia 5 g,
sodio cloruro 5 g, agar-agar 20 g, estratto di
lievito 5 g, emina 0,005, vitamina K1 0.01 g,
l-cistina 0,4 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,5 0,2
Autoclavare a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C e aggiungere sterilmente
50 ml di sangue defibrinato sterile di pecora
Cereus Selective Agar
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
del Bacillus cereus
Peptone 1 g, mannitolo 10 g, sodio cloruro 2 g, magnesio solfato 0,1 g, sodio fosfato bibasico 2,5 g, potassio fosfato monobasico 0,25 g, sodio piruvato 10 g, blu di bromotimolo 0,12 g, agar-agar 14 g, acqua distillata 950 ml
pH finale = 7,2 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C ed aggiungere
4 ml di supplemento antibiotico (contenente 100.000 U.I. di polimixina B) e 50 ml di
emulsione sterile di tuorlo duovo
Chocolate Agar
Terreno semplice in piastra adatto per coltivare microrganismi esigenti, tipo Neisseria
ed Haemophilus
Digerito di caseina 7,5 g, peptone di carne
7,5 g, amido 1 g, potassio fosfato bibasico
4 g, potassio fosfato monobasico 1 g, sodio
cloruro 5 g, agar-agar 12 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,3 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 80 C ed aggiungere
75 ml di sangue defibrinato di pecora sterile
CLED Agar
Terreno semplice per lisolamento ed il conteggio dei germi nelle urine
Digerito di caseina 4 g, digerito di gelatina 4
g, estratto di carne 3 g, lattosio 10 g, l-cistina
0,128 g, blu di bromotimolo 0,02 g, agar-agar
15 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,3 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti

353

Coliform Agar
Terreno selettivo e differenziale cromogeno
per lisolamento e la conta di coliformi ed
Escherichia coli
Peptone 3 g, sodio cloruro 5 g, sodio fosfato monobasico 2,2 g, sodio fosfato bibasico
2,7 g, sodio piruvato 1 g, triptofano 1 g, agaragar 10 g, sorbitolo 1 g, tergitol-7 0,15 g, miscela cromogena 0,4 g. Il terreno pu essere
antibiotato con cefsulodin 5 mg/litro.
pH finale = 6,8 0,2
Non autoclavare. Colore del terreno = giallastro e opaco
Columbia CNA Agar
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
di batteri Gram-positivi
Digerito di caseina 12 g, peptone di carne 5 g,
estratto di lievito 3 g, amido 1 g, sodio cloruro 5 g, agar-agar 13,5 g, colistina 10 mg, acido
nalidixico 10 mg, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,3 0,2
Autoclavare a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C e aggiungere 50 ml di sangue defibrinato sterile di pecora
Cooked Meat Medium (CMM)
Terreno semplice liquido per lisolamento e
il mantenimento di anaerobi
Cuore bovino 49,5 g, miscela di peptoni 43,5
g, sodio cloruro 7 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Desoxycholate Lactose Agar
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
degli enterobatteri
Digerito di caseina 5 g, peptone di carne 5 g,
lattosio 10 g, sodio cloruro 5 g, sodio citrato 2 g, sodio desossicolato 0,5 g, agar-agar
15 g, rosso neutro 0,033 g, acqua distillata
1000 ml
pH finale = 7,1 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Dubos Broth
Terreno selettivo liquido per la ricerca ed il
mantenimento di micobatteri
Digerito di caseina 0,5 g, l-asparagina 2 g,
potassio fosfato monobasico 1 g, sodio fosfato bibasico 2,5 g, ferro ammonio citrato
0,05 g, magnesio solfato 0,01 g, polisorbato 80 0,2 g, calcio cloruro 0,5 mg, zinco sol-

354

fato 0,1 mg, rame solfato 0,1 mg, acqua distillata 900 ml
pH finale = 6,5 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C e aggiungere
sterilmente 20 ml di albumina bovina sterile.
Gassner Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento delle Enterobacteriaceae (usato in veterinaria)
Peptone 10 g, digerito triptico di caseina 15.5
g, sodio cloruro 5 g, lattosio 50 g, saccarosio
30 g, giallo metacromo 1,25 g, wasserblau
0,875 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Gelatin Medium
Terreno semplice solido in provetta usato
per studiare le caratteristiche di sviluppo die
germi proteolitici
Peptone di carne 5, estratto di carne 3, gelatina 120, acqua distillata 1000
pH finale = 7,0 0,2
Distribuire in provette a 10 ml e autoclavare
a 115 C per 10 minuti
Glutammat-Starch-Phenolrot Agar
(GSPA)
Terreno selettivo e differenziale in piastra
per il conteggio di Aeromonas e Pseudomonas negli alimenti
Sodio glutammato 10 g, amido 20 g, potassio
fosfato monobasico 2 g, magnesio solfato 0,5
g, rosso fenolo 0,36 g, agar-agar 12 g, acqua
distillata 1000 ml
pH finale = 7,2 0,2
Sterilizzazione in autoclave a 121 C per 15
minuti
Aggiunta di penicillina sodica 100.000 U.I./lt
Hektoen Enteric Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento delle salmonelle
Peptone 12 g, estratto di lievito 3 g, sali biliari 9 g, lattosio 12 g, saccarosio 12 g, salicina
2 g, sodio cloruro 5 g, sodio tiosolfato 5 g, citrato di ferro ammoniacale ico 1,5 g, fucsina
acida 0,1 g, blu timolo 0.065 g, agar-agar 14
g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,6 0,2
Sciogliere per ebollizione. Non autoclavare

Hugh-Leifson Medium
Terreno differenziale in provetta idoneo per
la caratterizzazione biochimica dei ceppi ossidanti o fermentanti i carboidrati
Peptone 2 g, sodio cloruro 5 g, potassio fosfato bibasico 0,3 g, blu di bromotimolo 0,08
g, agar-agar 2 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,1 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C e aggiungere sterilmente 100 ml di soluzione al 10% di
zucchero da testare, sterilizzato a parte per
filtrazione
Kligler Iron Agar
Terreno differenziale in provetta usato per il
trapianto di colonie isolate di enterobatteri
Estratto di carne 3 g, estratto di lievito 3 g,
peptone 15 g, peptone proteose 5 g, lattosio
10 g, glucosio 1 g, sodio cloruro 5 g, solfato ferroso 0,2 g, sodio tiosolfato 0,3 g, rosso
fenolo 0,024 g, agar-agar 12 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Distribuire in modo da ottenere nella
provetta uno slant pi un fondo di circa 2 cm
(distribuire a 7 ml in provette 16 x 160)
Lactose Gelatin Medium
Terreno per conferma del Clostridium perfringens nelle acque
Idrolizzato di caseina 15, lattosio 10, estratto
di lievito 10, gelatina 120, rosso fenolo 0.05,
acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7.5 0.2
Sterilizzare a 121 C per 15 minuti
Listeria Enrichment Broth (LEB)
Terreno di pre-arricchimento e di arricchimento liquido per le listerie
Peptone di caseina 17 g, peptone di soia 3 g,
glucosio 2,5 g, sodio cloruro 5 g, potassio fosfato monobasico 2,5 g, estratto di lievito 6 g,
acriflavina 0,015 g, cicloeximide 0,05 g, acido nalidixico 0,04 g
pH finale = 7,3 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Litmus Milk
Terreno differenziale liquido usato per studiare il comportamento di vari germi verso
le proteine del latte

Latte magro 100 g, azolitmina 0,5 g, sodio


solfito 0,5 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,5 0,2
Sterilizzare in autoclave a 115 C per 20 minuti
Lowenstein-Jensen
Terreno selettivo in provetta per lisolamento dei micobatteri
Potassio fosfato monobasico 2,5 g, magnesio
solfato 0,24 g, sodio citrato 0,6 g, l-asparagina 3,6 g, amido 30 g, verde malachite 0,4 g,
glicerolo 12 ml, acqua distillata 600 ml
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C ed aggiungere sterilmente 1000 ml di emulsione di uova
intere realizzata asetticamente. Distribuire in
provette a becco di clarino e coagulare a +85
C per 45 minuti.
M17 Agar
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
e la conta dei lattococchi negli alimenti
Peptone di soya 5 g, peptone di carne 2,5 g,
peptone di caseina 2,5 g, estratto di lievito
2,5 g, estratto di carne 5 g, lattosio 5 g, ac.
ascorbico 0,5 g, sodio beta-glicerofosfato 19
g, magnesio solfato 0,25 g, agar-agar 12,75 g,
acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,2 0,2
Sterilizzazione in autoclave a 121 C per 15
minuti
Aggiunta di streptomicina solfato 500 mg/lt
e di tallio acetato 50 mg/lt
MacConkey Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento delle Enterobacteriaceae, usato
anche per altri germi
Peptone di carne 17 g, polipeptone 3 g, lattosio 10 g, sali biliari 1,5 g, sodio cloruro 5 g,
rosso neutro 0,03 g, cristalvioletto 0,001 g,
agar-agar 13,5 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,1 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
MacConkey Sorbitol Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento di Escherichia coli sorbitolo-negativi (O157:H7)
Peptone 20 g, sorbitolo 10 g, sali biliari 1,5
g, sodio cloruro 5 g, rosso neutro 0,03 g, cristalvioletto 0,001 g, agar-agar 15 g, acqua distillata 1000 ml

355

pH finale = 7,1 0,2


Sterilizzare a 121 C per 15 minuti
Mannitol Salt Agar (MSA)
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento di stafilococchi e micrococchi
Peptone 10 g, estratto di carne 1 g, sodio cloruro 75 g, mannitolo 10 g, rosso fenolo 0,025
g, agar-agar 12 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare a 121 C per 15 minuti
m-ENDO Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
la conta dei coliformi nelle acque col metodo
della filtrazione su membrana
Estratto di lievito 1,2 g, triptone 3,7 g, peptone 3,7 g, triptosio 7,5 g, lattosio 9,4 g, potassio fosfato bibasico 3,3 g, potassio fosfato monobasico 1 g, sodio cloruro 3,7 g, sodio
desossicolato 0,1 g, sodio laurilsolfato 0,05
g, sodio solfito 1,6 g, agar-agar 10 g, acqua
demineralizzata 1 l
pH finale = 7,2 0,2
Aggiungere 8 ml di una soluzione alcoolica
di fucsina basica al 10%
Sciogliere per ebollizione. Non autoclavare
m-FC Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
la conta dei coliformi fecali nelle acque col
metodo della filtrazione su membrana
Triptosio 10 g, peptone proteose 5 g, estratto
di lievito 3 g, sodio cloruro 5 g, lattosio 12,5
g, sali biliari 1,5 g, blu di anilina 0,01 g, agaragar 10 g, acqua demineralizzata 1 l
pH finale = 7,4 0,2
Aggiungere 1 ml di una soluzione all1% di
acido rosolico in NaOH 0,2 N
Sciogliere per ebollizione. Non autoclavare
Middlebrook 7-H-9 (Broth)
Terreno selettivo liquido per lisolamento dei
micobatteri
Potassio fosfato monobasico 1 g, sodio fosfato bibasico 2,5 g, glutammato monosodico 0,5 g, sodio citrato 0,1 g, ammonio solfato 0,5 g, piridossina 0,001 g, ferro ammonio
citrato 0,04 g, magnesio solfato 0,05 g, zinco
solfato 0,001 g, rame solfato 0,001 g, biotina
0,5 mg, calcio cloruro 0,5 mg, destrosio 2 g,
glicerolo 2 ml, acqua distillata 900 ml
pH finale = 6,6 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C e aggiunge-

356

re sterilmente 100 ml di arricchimento ADC


(sodio cloruro 0,85 g, albumina bovina 5 g,
destrosio 2 g, catalasi 3 mg)
Middlebrook 7-H-10 (Agar)
Terreno selettivo solido in provetta per lisolamento dei micobatteri
Magnesio solfato 0,05 g, ferro ammonio citrato 0,04 g, sodio citrato 0,4 g, ammonio
solfato 0,5 g, glutammato monosodico 0,5 g,
sodio fosfato bibasico 1,5 g, potassio fosfato
monobasico 1,5 g, agar-agar 13,5 g, piridossina 1 mg, zinco solfato 1 mg, rame solfato
1 mg, biotina 0,5 mg, calcio cloruro 0,5 mg,
verde malachite 0,25 mg, glicerolo 5 ml, acqua distillata 900 ml
pH finale = 6,6 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C ed aggiungere sterilmente 100 ml di arricchimento OADC (sodio cloruro 0,85 g, destrosio 2 g, albumina bovina 5 g, catalasi 3 mg, acido oleico 0,06 ml)
Middlebrook 7-H-11 Agar
Terreno selettivo in provetta per lisolamento
dei micobatteri tubercolari
Digerito di caseina 1 g, magnesio solfato
0,05 g, ferro ammonio citrato ico 0,04 g, sodio citrato 0,4 g, ammonio solfato 0,5 g, glutammato monosodico 0,5 g, sodio fosfato bibasico 1,5 g, potassio fosfato monobasico 1,5
g, agar-agar 13,5 g, sodio cloruro 0,85 g, piridossina 1 mg, zinco solfato 1 mg, rame solfato 1 mg, biotina 0,5 mg, calcio cloruro 0,5
mg, verde malachite 0,25 mg, glicerina 5 ml,
acqua distillata 900 ml
pH finale = 6,6 0,2
Autoclavare a 121 C per 10 minuti, raffreddare a circa 50 C e aggiungere sterilmente
100 ml di arricchimento OADC (contenente sodio cloruro 0,85 g, destrosio 2 g, albumina bovina 5 g, catalasi 3 mg, acido oleico 0,06 ml)
MRS Agar
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
e la conta dei lattobacilli negli alimenti
Peptone 10 g, estratto di carne 10 g, estratto
di lievito 5 g, glucosio 20 g, potassio fosfato
bibasico 2 g, sodio acetato 5 g, triammonio
citrato 2 g, magnesio solfato eptaidrato 0,2 g,
manganese solfato tetraidrato 0,05 g, Tween
80 1 ml, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,0-6,5

Sterilizzazione in autoclave a 121 C per 15


minuti
Mueller-Hinton Agar
Terreno semplice in piastra idoneo per lallestimento dellantibiogramma secondo la tecnica di Kirby-Bauer
Brodo infuso di carne + amido solubile
0,15%. Per il terreno solido, aggiunta di agaragar all1,5%.
pH finale = 6,8 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Mueller-Hinton Broth
Terreno semplice liquido per la determinazione della concentrazione minima inibente
(MIC) degli antibiotici
Brodo infuso di carne + amido solubile
0,15%.
pH finale = 6,8 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Mueller Kauffmann
Terreno darricchimento liquido per le salmonelle
Peptone 5 g, sali biliari 1 g, calcio carbonato 10 g, sodio tiosolfato 30 mg, acqua distillata 1000 ml
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Aggiungere sterilmente 20 ml di soluzione
iodo-iodurata (potassio ioduro 5 mg, iodio
resublimato 6 mg, acqua distillata 20 ml) e
10 ml di soluzione di verde brillante (verde
brillante 0.01 g, acqua distillata 10 ml)
Mycosel Agar
Terreno selettivo per lisolamento dei miceti
Digerito di soia 10 g, destrosio 10 g, agaragar 15,5 g, cicloeximide 0,4 g, cloramfenicolo 0,05 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,9 0,2
Autoclavare a 121 C per 15 minuti
Nitrate Broth
Terreno differenziale liquido per la prova
biochimica di riduzione dei nitrati
Peptone 5 g, estratto di carne 3 g, nitrato di
potassio soluzione 0,1% 1 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,0 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti

Nutrient Agar
Terreno semplice in piastra o in provetta per
usi generali
Estratto di carne 3 g, peptone 5 g, agar-agar
15 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,8 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Oxford Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento delle listerie
Peptone 23 g, amido 1 g, sodio cloruro 5 g,
agar-agar 13 g, esculina 1 g, ferro ammonio
citrato 0,5 g, litio cloruro 15 g
pH finale = 7,0 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C e aggiungere sterilmente il supplemento selettivo contenente cicloeximide 400 mg, colistina solfato
20 mg, acriflavina 5 mg, cefotetan 2 mg, fosfomicina 10 mg
Oxytetracycline-Glucose-Yeast Extract
(OGYE)
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
e la conta di muffe e lieviti negli alimenti
Estratto di lievito 5 g, glucosio 10 g, agaragar 15 g,
pH finale = 6,5 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C e aggiungere sterilmente il supplemento selettivo contenente ossitetraciclina 0,1 g
Plate Count Agar (PCA)
Terreno semplice in piastra per il conteggio
della carica batterica totale (CBT) negli alimenti
Estratto di lievito 2.5 g, digerito pancreatico
di caseina 5 g, destrosio 1 g, agar-agar 15 g,
acqua demineralizzata lt 1
pH finale = 7.0 0.2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Pseudosel Agar (Cetrimide Agar)
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
di Pseudomonas aeruginosa
Digerito di gelatina 20 g, magnesio cloruro
1,4 g, potassio solfato 10 g, agar-agar 13,6 g,
cetrimide 0,3 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,2 0,2
Autoclavare a 118 C per 15 minuti

357

Pseudomonas Selective Medium CN


Terreno selettivo usato per la ricerca di Pseudomonas aeruginosa nelle acque
Peptone di gelatina 16, idrolisato di caseina
10, potassio solfato 10, magnesio cloruro 1.4,
glicerolo 10 ml, agar-agar 11-18, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,1 0,2
Autoclavare a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C ed aggiungere sterilmente
il supplemento CN (cetrimide 0.2 , acido nalidixico 0.015 in 2 ml di acqua distillata)
Rambach Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento delle salmonelle
Peptone 8 g, sodio cloruro 5 g, sodio desossicolato 1 g, miscela cromogenica 1.5 g, glicol propilenico 10.5 g, agar-agar 15 g, acqua
distillata 1000 ml
Sciogliere per ebollizione. Non autoclavare
pH finale = 7,3 0,2
Rappaport-Vassiliadis Medium
Terreno di arricchimento liquido per le salmonelle
Triptosio 4,59 g, idrolisato acido di caseina
4,59 g, sodio cloruro 7,34 g, potassio fosfato
monobasico 1,4 g, magnesio cloruro 10,93 g,
verde malachite ossalato 0,037 g, agar-agar
2,7 g, novobiocina 20 mg, acqua distillata
1000 ml
pH finale = 5,2 0,2
Sabouraud Agar
Terreno selettivo in piastra o in provetta usato per lisolamento dei miceti
Peptone 10 g, glucosio 20 g, agar-agar 20 g,
acqua demineralizzata 1 lt
pH finale = 5,5 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Salmonella-Shigella Agar (SS)
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento delle salmonelle
Estratto di carne 5 g, peptone 5 g, lattosio 10
g, sali biliari 8,5 g, sodio citrato 8,5 g, sodio tiosolfato 8,5 g, ferro citrato ico 1 g, rosso neutro 0,025 g, verde brillante 0,00033 g,
agar-agar 12 g, acqua distillata 1000 ml
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
pH finale = 7,4 0,2

358

Selenite Broth (Brodo selenito)


Terreno liquido di arricchimento per le salmonelle
Digerito triptico di caseina 5 g, lattosio 4 g,
sodio fosfato bibasico 10 g, selenito acido
di sodio 4 g, l-cistina 0.01 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,0 0,2
Sterilizzare per ebollizione. Non autoclavare
Serum Tellurite Agar
Terreno selettivo in piastra per la ricerca di
Corynebacterium diphteriae
Digerito di caseina 10 g, peptone di carne 10
g, sodio cloruro 5 g, destrosio 2 g, agar-agar
20 g, siero equino 50 ml, soluzione acquosa
all1% di potassio tellurito 10 ml, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,5 0,2
Autoclavare a 121 C per 15 minuti gli ingredienti sciolti in acqua, tranne il siero e il
potassio tellurito (sterilizzati a parte per filtrazione), da aggiungere dopo raffreddamento a circa 50 C
Shaidi-Ferguson Perfringens Agar (SFP)
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
lisolamento e la conta dei clostridi solfitoriduttori negli alimenti
Triptosio 15 g, peptone di soia 5 g, estratto di
carne 5 g, estratto di lievito 5 g, sodio metabisulfito 1 g, ferro ammonio citrato ferrico 1
g, agar-agar 14 g, acqua demineralizzata 1 l
pH finale = 7,6 0,2
Autoclavare a 121 C per 15 minuti
Supplemento da aggiungere dopo sterilizzazione: cicloserina 400 mg
Slanetz-Bartley
Terreno selettivo usato per la ricerca degli
enterococchi nelle acque
Tryptose 20, potassio fosfato monobasico 4,
estratto di lievito 5, glucosio 2, sodio azide
0.40, trifenil tetrazolio cloruro 0.10, agaragar 10, acqua distillata 1000 ml
pH finale 7.2 0.1
Sterilizzare per ebollizione. Non autoclavare.
STAA
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
e la conta di Brochotrix thermosphacta negli alimenti

Peptone 20 g, estratto di lievito 2 g, potassio


fosfato bibasico 1 g, magnesio solfato 1 g,
agar-agar 13 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,0 0,2
Sterilizzazione in autoclave a 121 C per 15
minuti
Streptococcus Selective Agar
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
e il conteggio degli streptococchi
Digerito di caseina 15 g, digerito di soia 5 g,
sodio cloruro 4 g, sodio citrato 1 g, l-cistina
0,2 g, sodio solfito 0,2 g, destrosio 5 g, sodio
azide 0,2 g, agar-agar 12 g, cristalvioletto 0,2
mg, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 118 C per 15 minuti
TCBS Agar
Terreno selettivo in piastra per lisolamento dei vibrioni
Estratto di lievito 5 g, digerito di caseina 5 g,
peptone di carne 5 g, sodio citrato 10 g, sodio tiosolfato 10 g, bile disidratata 5 g, sodio
colato 3 g, saccarosio 20 g, sodio cloruro 10
g, ferro citrato ico 1 g, blu timolo 0,04 g, blu
di bromotimolo 0,04 g, agar-agar 14 g, acqua
distillata 1000 ml
pH finale = 8,6 0,2
Sterilizzare facendo bollire per 1 minuto.
Non autoclavare
Terreno a pH 7,2 per ricerca sostanze inibenti
Terreno semplice in piastra adatto per la dimostrazione dei residui di antibiotici nelle
carni ed altri alimenti (escluso il latte) per
via microbiologica
Standard Agar II 100 ml + glucosio 0,4%, sodio cloruro 1%, potassio fosfato monobasico 0,1%.
pH finale = 7,2 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C e aggiungere
sterilmente le spore di Bacillus subtilis BGA
in modo da ottenere una concentrazione finale di 104 spore / ml
Terreno di KUNDRAT per ricerca sostanze inibenti
Terreno semplice in piastra adatto per la dimostrazione dei residui di antibiotici nel latte per via microbiologica

Peptone 17 g, sodio cloruro 3 g, glucosio 3 g,


amido 3 g, gelatina 2,5 g, bromocresolporpora 0,016 g, saccarosio 2 g, agar-agar 10 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,8 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C ed aggiungere
le spore di Bacillus stearothermophilus var.
calidolactis in modo da ottenere una concentrazione finale di 106 spore / ml
Terreno per test dei nitrati (Nitrate
Broth)
Terreno differenziale liquido per la prova biochimica di riduzione dei nitrati in provetta
Peptone di carne 8,6 g, sodio cloruro 6,4 g, potassio nitrato 1,5 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,2 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Terreno per test dellindolo (TSB)
Terreno differenziale liquido per la prova
biochimica di produzione di indolo in provetta
Peptone di carne, 8,6 g, sodio cloruro 6,4 g, potassio nitrato 1,5 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,2 0,2
Distribuire in provette a 5 ml e autoclavare a
121 C per 15 minuti
Digerito triptico di saseina 20 g, sodio cloruro 5 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Terreno per test dellurea (Stuart)
Terreno differenziale liquido per la prova
biochimica di idrolisi dellurea in provetta
Estratto di lievito 10 g, potassio fosfato monobasico 9,1 g, sodio fosfato bibasico 9,5 g,
urea 20 g, rosso fenolo allo 0,25% 4 ml
pH finale = 6,8 0,2
Non autoclavare. Sterilizzare per filtrazione
Terreno per test della DNAsi (termonucleasi)
Terreno differenziale in piastra idoneo per la
dimostrazione della termonucleasi in ceppi
di Staphylococcus aureus isolati da alimenti
Tris-buffer pH 9 0,05 M 100 ml, DNA 0,03
g, calcio cloruro 0,01 M 0,10 ml, sodio cloruro 1 g, agar-agar 1 g

359

Sciogliere gli ingredienti per ebollizione per


30 minuti. Aggiungere 0,3 ml di blu di toluidina in soluzione acquosa 0,1 M.
Non autoclavare
Soluzione tris-buffer pH 9 0,05 M = a 25 ml
di soluzione contenente 2,43 g di tris-idrossimetil-aminometano e acqua distillata fino a
100 ml aggiungere 6 ml di HCl 0,1 M. Portare a volume finale di 400 ml con acqua distillata.
Soluzione di calcio cloruro 0,01 M = calcio
cloruro 1,10 g, acqua distillata fino a 1000 ml
Soluzione di blu di toluidina 0,1 M = blu di
toluidina 305 mg, acqua distillata fino a 10
ml

Peptone di caseina 17 g, peptone di soia 3 g,


glucosio 6 g, sodio solfito 0,1 g, sodio tioglicolato 0,5 g, l-cistina 0,5 g, agar-agar 0,3 g,
acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,0 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti

Terreno per test della mobilit


Terreno semplice semi-solido per la prova
della mobilit in provetta
BHI + agar-agar 0,3%

Thioglycollate Medium w/o glucose


Terreno semplice liquido adatto per il trapianto di colture anaerobie da sottoporre a
prove biochimiche
Digerito pancreatico di caseina 20 g, sodio
cloruro 2,5 g, potassio fosfato bibasico 1,5 g,
sodio tioglicolato 0,6 g, blu di metilene 0,002
g, l-cistina 0,4 g, sodio solfito 0,2 g, agaragar 0,5 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,2 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti

Tetrathionate Broth (Brodo tetrationato


secondo Preuss)
Terreno liquido di arricchimento per le salmonelle
Digerito triptico di caseina 15 g, peptone 10
g, sodio cloruro 5 g, cristalvioletto 0.005 g,
acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,8 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Aggiungere sterilmente potassio tetrationato 20

Trichomonas Medium
Terreno selettivo liquido per lisolamento e
la coltivazione di Trichomonas
Digerito di caseina 12 g, estratto di fegato 2
g, estratto di lievito 5 g, l-cisteina idrocloridrato 1 g, maltosio 2 g, agar-agar 1 g, cloramfenicolo 0,1 g, blu di metilene 3 mg, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 6,0 0,2
Autoclavare a 118 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C ed aggiungere 50 ml di siero equino sterile

Thayer-Martin Selective Agar


Terreno selettivo in piastra per lisolamento di Neisseria
Digerito di caseina 7,5 g, peptone di carne
7,5 g, amido 1 g, potassio fosfato bibasico
4 g, potassio fosfato monobasico 1 g, sodio
cloruro 5 g, emoglobina 10 g, agar-agar 12 g,
acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,3 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C ed aggiungere
sterilmente 10 ml di arricchimento IsoVitalex
(contenente aminoacidi, vitamine, destrosio)
e 10 ml di miscela inibente VCN (vancomicina 300 g, colistina 750 g, nistatina 1250
U.I. per ml)

Trypticase Soy Agar + 0,6% estratto di lievito


Terreno semplice solido in provetta usato per
il trapianto di colonie isolate di Listeria
Triptone 15 g, peptone di soia 5 g, sodio cloruro
5 g, agar-agar 15 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,3 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti

Thioglycollate Broth
Terreno semplice liquido adatto per la coltivazione di germi aerobi ed anaerobi

360

Trypticase Soy Broth (TSB)


Terreno semplice liquido di uso generale
c.s. ma senza aggiunta di agar-agar
Trypticase Soy Broth + 0,6% estratto di
lievito
Terreno semplice liquido in provetta usato
per il trapianto di colonie isolate di Listeria
c.s. ma con aggiunta di estratto di lievito allo 0,6%

Tryptone Bile Agar (TBA)


Terreno per ricerca del coli nelle acque
Tryptone 20, Sali biliari 1.5, agar-agar 20, acqua distillata 1000 ml
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
pH finale = 7.2 0.2
Tryptone Soy Agar (TSA)
Terreno di uso generale per trapianti
Tryptone 15, peprtone di soia 5, sodio cloruro 5, agar-agar 20, acqua distillata 1000 ml
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
pH finale = 7.3 0.2
Tryptose Sulphite Cycloserine Agar
(TSC)
Terreno selettivo e differenziale per lisolamento e la conta di clostridi solfito-riduttori da alimenti
Tryptose 15 g, peptone di soia 5 g, estratto di
lievito 5 g, sodio bisolfito 1 g, ferro ammonio citrato 1 g, agar-agar 15 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti. Raffreddare a circa 50 C e aggiungere sterilmente il supplemento selettivo contenente cicloserina 0,4 g
V Agar
Terreno selettivo in piastra per lisolamento
di Gardnerella vaginalis
Digerito di caseina 12 g, peptone di carne 5
g, estratto di carne 3 g, estratto di lievito 3 g,
peptone 10 g, amido 1 g, sodio cloruro 5 g,
agar-agar 13,5 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Autoclavare a 121 C per 15 minuti, raffreddare a circa 50 C e aggiungere 50 ml di sangue umano con anticoagulante sterile
Violet Red Bile Agar (VRBA)
Terreno selettivo e differenziale in piastra
usato per la conta dei coliformi negli alimenti
Peptone di carne 7 g, estratto di lievito 3 g,
sodio cloruro 5 g, lattosio 10 g, rosso neutro
0,03 g, sali biliari 1,5 g, cristalvioletto 0,002,
agar-agar 13 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale 7,4 0,2
Non autoclavare. Sterilizzare per ebollizione

Violet Red Bile Glucose Agar


Terreno selettivo e differenziale in piastra
usato per la conta degli enterobatteri negli
alimenti
Peptone di carne 7 g, estratto di lievito 3 g,
sodio cloruro 5 g, glucosio 10 g, sali biliari
1,5 g, rosso neutro 0,03 g, cristalvioletto 0,02
g, agar-agar 13 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale 7,3 0,2
Non autoclavare
Violet Red Bile Glucose Agar (VRBG) +
MUG
Terreno selettivo e differenziale in piastra
usato per il conteggio dellEscherichia coli
negli alimenti
Estratto di lievito 3 g, digerito pancreatico di
gelatina 7 g, sali biliari 1,5 g, glucosio 10 g,
sodio cloruro 5 g, agar-agar 15 g, rosso neutro 0,03 g, cristalvioletto 0,002 g
pH finale = 7,4 0,2
Scaldare fino ad ebollizione per 1 minuto in
bagnomaria. Non autoclavare. Si pu utilizzare anche il terreno Violet Red Bile Agar
(VRBA) che contiene 10 g di lattosio per litro, aggiungendo 10 g di glucosio
Xilose Lisine Deoxycholate Agar (XLD)
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
la ricerca delle salmonelle
Xilosio 3,5 g, l-lisina 5 g, lattosio 7,5 g, saccarosio 7,5 g, sodio cloruro 5 g, estratto di
lievito 3 g, sodio desossicolato 2,5 g, sodio
tiosolfato 6,8 g, ferro ammonio citrato ico 0,8
g, rosso fenolo 0,08 g, agar-agar 15 g, acqua
distillata 1000 ml
Sciogliere per ebollizione. Non autoclavare
pH finale = 7,4 0,2
XLT4 Agar
Terreno selettivo e differenziale in piastra per
la ricerca delle salmonelle
Peptone proteose 1,6 g, estratto di lievito 3 g,
l-lisina 5 g, xilosio 3,75 g, lattosio 7,5 g, saccarosio 7,5 g, ferro ammonio citrato ico 0,8 g,
sodio tiosolfato 0,8 g, sodio cloruro 5 g, rosso fenolo 0,08 g, sodio tetradecilsolfato 4,6 g,
agar-agar 18 g, acqua distillata 1000 ml
Sciogliere per ebollizione
pH finale = 7,4 0,2
Yeast Extract Agar
Terreno usato per carica batterica totale nelle acque

361

Estratto di lievito 3, peptone 5, agar-agar 15,


acqua distillata ml 1000
pH finale = 7.2 0.2
Sterilizzare a 121 C per 15 minuti

REATTIVI

SOLUZIONI

Reattivo A per test dei nitrati


Acido sulfanilico 8 g, acido acetico al 30%
1000 ml

Acqua distillata apirogena


Diluente per soluzioni iniettabili e per il
LAL- test
Acqua peptonata
Diluente di uso generale
Peptone 10 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale =7,0 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Phosphate Buffered Saline (PBS)
Diluente di uso generale
Sodio cloruro 10 g, potassio cloruro 0,250 g,
potassio fosfato monobasico 0,250 g, sodio
fosfato bibasico biidrato 1,755 g, acqua distillata 1000 ml
pH finale = 7,4 0,2
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 20 minuti
Soluzione di Ringer concentrata
Diluente di uso generale
Una compressa in 500 ml di acqua distillata
pH finale = 6,9 0,1
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Soluzione fisiologica 0,85% NaCl
Diluente di uso generale
Acqua distillata 1000 ml, sodio cloruro 8,5 g
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti
Soluzione fisiologica 1% peptonata
Idonea per la preparazione delle diluizioni
nei conteggi batterici su alimenti
Acqua distillata 1000 ml, peptone 10 g, sodio cloruro 8,5 g
Sterilizzare in autoclave a 121 C per 15 minuti

362

Reattivo di Kovacs
Reagente per il test dellindolo
Alcool amilico o isoamilico 150 ml, para-amino-benzaldeide 10 g, acido cloridrico 50 ml

Reattivo B per test dei nitrati


Alfa-naftilammina 5 g, acido acetico al 30%
1000 ml
Reattivo per test dellossidasi
Tetrametil-para-fenilendiammina 1 g, acqua
distillata 100 ml
Reattivo 1 per test di Voges-Proskauer
Idrato di potassio 40 g, acqua distillata 100 ml
Reattivo 2 per test di Voges-Proskauer
Alfa-naftolo 12 g, alcool etilico 100 ml
Reattivo ninidrina
Reagente per il test dellippurato
Ninidrina 7 g, 2-metossietanolo 100 ml

ALTRE PREPARAZIONI
Torbidimetro di Mc Farland
Si prepara miscelando in proporzioni variabili bario cloruro e acido solforico, in modo
da ottenere soluzioni di bario solfato a differente torbidit (vedi tabella 72).
Colorazione di Gram (modificata da Hucker)
1. Soluzione - madre di cristalvioletto: cristalvioletto al 10% in alcool etilico al
95%
2. Soluzione - madre di ossalato: ammonio
ossalato all1% in acqua distillata
3. Soluzione - madre iodo-iodurata (Lugol):
iodio cristalli 1 g, potassio ioduro 2 g, acqua distillata 10 ml
4. Miscela decolorante: alcool etilico al 95%
e acetone in rapporto 1:1
5. Soluzione - madre del secondo colorante: fucsina basica 0,3 g, alcool etilico al
95% 10 ml

Tabella 72 - Preparazione e contenuto batterico del torbidimetro di Mc Farland


Tubo

0,5
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

Bario cloruro
soluzione
acquosa
1% ml
0,05
0,1
0,2
0,3
0,4
0,5
0,6
0,7
0,8
0,9
1,0

Acido solforico
soluzione
acquosa
1% ml
9,95
9.9
9.8
9.7
9,6
9,5
9,4
9,3
9,2
9,1
9,0

Densit
approssimativa
dei batteri
(in milioni/ml)
>300*
300
600
900
1200
1500
1800
2100
2400
2700
3000

Densit ottica (D.O.) leggibile


allo spettrofotometro a 625 nm
con cuvetta da 1 cm
0,08 - 0,1
0,16 - 0,2
0,32 - 0,4
0,48 - 0,6
0,64 - 0,8
0,8 - 1

* concentrazione standard del torbidimetro Mc Farland 0,5 = approssimativamente fra 107 e 108
CFU/ml

Le soluzioni-madre (1-2-3-5) devono essere preparate con largo anticipo (mesi) prima
delluso e conservate a temperatura ambiente, al buio, chiuse in recipienti di vetro scuro.
Dalle soluzioni-madre, si preparano le soluzioni di lavoro, filtrando la quantit necessaria di soluzione-madre su carta da filtro e diluendo successivamente come segue:
- Soluzione di lavoro di cristalvioletto: soluzione-madre di cristalvioletto 20 ml + soluzione - madre di ossalato 80 ml
- Soluzione di lavoro iodo-iodurata (Lugol):
soluzione-madre iodo-iodurata 5 ml + acqua distillata fino a 100 ml
- Soluzione di lavoro del secondo colorante
(fucsina): soluzione-madre di fucsina diluita 1:10 in acqua distillata

Colorazione blu piroplasmi


Soluzione A
Alcool metilico 100 ml, acido acetico glaciale 6 gocce, eosina giallastra 1 g
Soluzione B
Blu di metilene 0,5 g, potassio idrato soluzione al 10% 0,05 ml, acqua distillata 100 ml
Allestire il preparato su vetrino portaoggetti, lasciare asciugare completamente allaria,
coprire con soluzione A per 3 minuti, lavare con acqua, colorare con soluzione B per 1
minuto, lavare, asciugare, osservare al microscopio con obiettivo ad immersione.

363

Attrezzatura di base
per un laboratorio batteriologico:
dotazione degli strumenti essenziali

Attrezzare e far funzionare un laboratorio di diagnostica microbiologica generalmente molto impegnativo e costoso, quindi non alla portata di tutti. Esistono, per, alcune analisi batteriologiche che, per semplicit e costi contenuti, sono pi adatte a chi voglia iniziare tale tipo
di attivit, avendo a disposizione mezzi limitati.
Avviare un piccolo laboratorio danalisi microbiologiche - La struttura

A = autoclave B = banco R = reagentario T = termostati


APPARECCHIATURE CONSIGLIATE
Autoclave, lavavetreria, bilancia tecnica, omogeneizzatore peristaltico, pHmetro, bagnomaria, centrifuga, microscopio, due termostati, frigorifero, congelatore, cappa a flusso laminare
verticale, agitatore vortex , computer.
VETRERIA
Provette da sierologia (8 mm x 120 mm), provette da centrifuga (16 mm x 100 mm), provette
comuni (16 mm x 160 mm), provettoni (20 mm x 200 mm) con tappi riutilizzabili.
Bottiglie in vetro pyrex o Duran 50 con tappo a vite.
Becker, matracci e cilindri graduati in vetro pyrex.
STRUMENTARIO CHIRURGICO E DI USO CORRENTE
Pinze anatomiche, forbici anatomiche, coltelli, micropipette a volume variabile da 0 a 20 l
e da 20 a 200 l.
MATERIALE MONOUSO STERILE
Pipette graduate (da 1-2-5-10-25 ml), piastre Petri diametro 90 mm, spatole a L per batteriologia, sacchetti presto-chiuso e sacchetti con filtro per omogeneizzatore, filtri a membrana da 0,45 m per siringa, puntali per micropipette, piastre microtiter a 96 pozzetti con
fondo a U.
REAGENTARIO
Terreni batteriologici, materie prime, disinfettanti di uso corrente.

365

TABELLA MPN

Tabella 60 - Conteggio batterico con tecnica del Numero Pi Probabile (MPN)


calcolato con tre provette
Numero di tubi positivi
MPN in g o
ml
g o ml
g o ml
g o ml
1 / 0,1
1 / 0,1
0,1 / 0,01 0,01 / 0,001

Numero di tubi positivi


MPN in g o
ml
g o ml
g o ml
g o ml
1 / 0,1
1 / 0,1
0,1 / 0,01 0,01 / 0,001

<0.3

2,8

0,3

2,9

0,3

0,6

0,4

0,7

0,7

1,1

12

1,1

1,5

15

1,6

21

0,9

29

1,4

20

1,5

50

2,0

110

2,1

>110

Esempio di calcolo
Numero di provette risultate positive, inizialmente seminate con:
- omogenato di partenza (contenente 1 grammo di materiale/ml): 2 su 3 seminate
- diluizione 10 -1 (0,1 grammi/ml 1 su 3
- diluizione 10-2 (0,01 grammi/ml) 0 su 3
Confrontando sulla tabella dell MPN, ai numeri 2 - 1 - 0 corrispondono 1,5 germi per grammo o ml di materiale.
In realt il calcolo fatto col metodo MPN soggetto ad una variabilit di risultati. Con il 95%
di probabilit quel materiale conteneva da un minimo di 0,4 ad un massimo di 4,4 microrganismi per grammo o ml.
Bibliografia
1) ALESSANDRINI A., Gli esami di laboratorio, IV ed., Pozzi ed., Roma, 1949
2) BECCARI N., Elementi di tecnica microscopica, V ed., SED, Milano, 1952
3) CHARLOT G., Lanalyse qualitative et les ractions en solution, Masson ed., Paris, 1963
4) CHARLOT G., Les mthodes de la chimie analytique, Masson ed., Paris, 1966
5) DIFCO MANUAL, 11th ed., Becton-Dickinson, Sparks, Maryland, USA, 1998

367

6) MANUAL BBL, Products and Laboratory Procedures, 6th edition, Beckton-Dickinson,


Cockeysville, Maryland, USA, 1988
7) MANUALE BIOLIFE, terza edizione, Biolife Italiana, Milano, 1998
8) MANUALE OXOID, Unipath, Basingstoke, Hampshire, Inghilterra, 1993
9) MICROBIOLOGY MANUAL MERCK, Darmstadt, Germania, 1996
10) NYLEN P., WIGREN N., Stechiometria, CEDAM, Padova, 1964
11) PASQUINELLI F., Diagnostica e tecniche di laboratorio, vol. 2, Rosini, Firenze, 1987
12) PELCZAR M.J. e Coll., Laboratory exercise in microbiology, 4th ed., Mc Graw-Hill Inc.,
New York, 1977

368

Finito di stampare da
Tipografia Camuna S.p.A. - Breno (Bs)
Centro Stampa di Brescia

nel mese di gennaio 2011


Informazione ecologica:
pubblicazione stampata con assenza di esalazioni alcooliche
Sistema Cesius brevetto Philip Borman Italia

ISBN 978-88-904416-5-3

9 788890 441653