Sei sulla pagina 1di 3

In 600 domande e risposte tutta la dottrina della Chiesa

Sesso, lavoro, pace nel mondo e inferno. E un errore su Wojtyla


La morale cattolica in compendio
il Papa presenta il nuovo catechismo
Sar distribuito anche in supermercati, autogrill e aeroporti
Il Pontefice: "Lo affido a tutti gli uomini di buona volont"

Benedetto XVI nella Sala Clementina


CITTA' DEL VATICANO - Lo affida non solo ai cattolici, ma a "tutti gli uomini di buona
volont" "che cercano la verit". Papa Benedetto XVI d la sua benedizione allo strumento pi
forte, pervasivo e importante della missione della Chiesa cattolica, il compendio del catechismo.
Con una solenne cerimonia nella Sala Clementina, il Pontefice ha consegnato le copie a una
rappresentanza di fedeli. Da oggi il compendio - un testo che, nonostante il mutare dei tempi non ha
subito modifiche rispetto a quello del '92 - in commercio (18 euro oppure 9,50 l'edizione
tascabile). E non sar difficile trovarlo visto che il libro stato diffuso in oltre 150.000 copie
dell'edizione tascabile anche in supermercati, autogrill e aeroporti. Il principale artefice di questo
lavoro proprio Joseph Ratzinger al Papa Wojtyla affid il compito. Ma proprio sulla figura di
Giovanni Paolo II, il documento contiene uno spiacevole errore: lo definisce di "venerata memoria"
(cio considerato morto) in una introduzione datata 20 marzo 2005, quando era ancora vivo.
In poco pi di 200 pagine e in 598 domande con le relative risposte il compendio l'essenza della
morale e della dottrina cattolica, la guida che suggerisce ai fedeli come comportarsi per essere in
linea con i dettami della Chiesa. La forma dialogica stata scelta per semplificare il testo: a
domanda concreta, risposta concreta.
Morale sessuale
Ci sono tutti i no della morale sessuale: adulterio, masturbazione, fornicazione, pornografia,
prostituzione, stupro, atti omosessuali, contraccezione e ogni atto che "si proponga come scopo o
come mezzo, di impedire la procreazione". Questi sono i "principali peccati contro la castit",
espressione del "vizio della lussuria". Poi c' il richiamo a ogni persona ad accettare la "propria
identit sessuale", posto che "Dio ha creato l'uomo maschio e femmina". Sono immorali anche
inseminazione e fecondazione artificiali, perch "dissociano la procreazione dall'atto con cui gli
sposi si donano mutualmente, instaurando cos un dominio della tecnica sull'origine e sul destino
della persona umana".

Non uccidere
Poi c' la sezione sui confini del togliere la vita: viene ribadito il no a omicidio, aborto, distruzione
di embrioni ed eutanasia, ma anche il no "pratico" alla pena di morte e all'accanimento terapeutico.
Sulla pena di morte, avendo presente la enciclica Evangelium vitae del '94, quindi successiva al
catechismo, il compendio riafferma che oggi, a seguito delle possibilit di cui lo Stato dispone per
reprimere il crimine rendendo inoffensivo il colpevole, i casi di assoluta necessit di pena di morte
"sono ormai molto rari se non addirittura praticamente inesistenti".
La dottrina sociale della Chiesa
Si sottolinea che lo Stato ha delle precise "responsabilit circa il lavoro". "Allo Stato - afferma il
testo - spetta di procurare sicurezza circa le garanzie delle libert individuali e delle propriet, oltre
che una moneta stabile e servizi pubblici efficienti; di sorvegliare e guidare l'esercizio dei diritti
umani nel settore economico. In rapporto alle circostanze - conclude - la societ deve aiutare i
cittadini a trovare lavoro".
Pace nel mondo
Si afferma che la pace "non solo assenza di guerra", e il dovere di tutti di contribuire alla pace nel
mondo, si condanna il mercato incontrollato delle armi, si ribadiscono le condizioni per l'uso
internazionale della forza militare.
Inferno e paradiso
Sul piano teologico, l'inferno c', riafferma il compendio, e la pena maggiore la "lontananza eterna
da Dio". Cos come ci sar il giudizio finale, alla fine del mondo, "di cui solo Dio conosce il giorno
e l'ora".
Culto del corpo
Si stigmatizzano il "culto del corpo e gli eccessi" salutistici. Ci sono dei "doveri" verso il proprio
fisico, dice il compendio, ma bisogna evitare "il culto del corpo e ogni sorta di eccessi". "Vanno
inoltre evitati l'uso di stupefacenti, che causano gravissimi danni alla salute e alla vita umana, e
anche l'abuso di cibi, dell'alcol, del tabacco e dei medicinali".
"Pregate anche in latino"
Il Papa invita a pregare anche in latino, e per questo ha voluto che nell'appendice al compendio del
catechismo le preghiere siano scritte anche nella versione latina. "Il latino ha osservato - faciliter il
pregare insieme dei fedeli cristiani appartenenti a lingue diverse, specialmente quando si
incontreranno per particolari circostanze".
L'errore su Wojtyla
Nel compendio c' anche uno spiacevole errore: Papa Wojtyla viene definito di "venerata memoria",
cio considerato morto, in una introduzione datata 20 marzo 2005, quando era ancora vivo.
Giovanni Paolo II infatti morto il 2 aprile alle 21,37. L'errore ha una spiegazione abbastanza
semplice: l'introduzione del 20 marzo quella in cui il cardinale Joseph Ratzinger, capo della
commissione per la stesura del compendio, spiega la genesi del testo. Una volta divenuto Papa,
nella stesura definitiva qualche estensore zelante deve aver aggiunto "di venerata memoria" alla
citazione di papa Wojtyla quale "committente" del compendio, senza rendersi conto che in quella
data Giovanni Paolo II era ancora vivo. E' sicuro che il Vaticano si accorto dell'errore, perch "di
venerata memoria" stato cancellato nella introduzione su carta diffusa ai giornalisti, ma
cancellarlo dalle centinaia di migliaia di copie in circolazione evidentemente risultato
antieconomico.

(28 giugno 2005)

Potrebbero piacerti anche