Sei sulla pagina 1di 2

SPINOZA

Nel 1670 viene pubblicato il Trattato teologico-politico--> destinato a dimostrare


che "in una libera comunit dovrebbe essere lecito ad ognuno pensare quello che
vuole e dire ci che pensa".
-->Il libro fu subito condannato dalla Chiesa protestante e dalla Chiesa cattolica e
Spinoza dovette impedire la pubblicazione di una traduzione olandese per evitare che
fosse proibito in Olanda.
opera fondamentale: Ethica ordine geometrico demonstrata--> venne pubblicato
solo dopo la sua morte in un volume di Opere postume

LA METAFISICA: IL PANTEISMO

IL METODO GEOMETRICO

Il metodo che segue Spinoza di tipo geometrico in quando si ispira agli Elementi di
Euclide di Alessandria, si serve di un procedimento espositivo che si scandisce
secondo definizioni, assiomi, proposizioni (=teoremi), dimostrazioni, corollari
e scolii (=delucidazioni)
perche ha scelto questo metodo?
1. influenzato dalla moda matematizzante dell'epoca, che persegue l'ideale di
un sapere rigoroso e universalmente valido
2. un ammiratore delle matematiche e vede nella trattazione geometrica, una
garanzia di precisione e di sinteticit espositiva, nonch di distacco
emotivo nei confronti dell'argomento trattato
3. convinto che il reale costituisce una struttura necessaria, di tipo
geometrico, in cui tutte le cose sono concatenate logicamente tra loro e quindi
"deducibili" l'una dall'altra
--> l'utilizzo di questo metodo molto evidente nell'Eticha ordine geometrico
demonstrata, una sorta di enciclopedia delle scienze filosofiche che tratta di vari
problemi metafisici, gnoseologici,antropologici, morali ecc..

IL CONCETTO DI SOSTANZA

La sostanza il concetto fondamentale da cui Spinoza parte per dedurre tutto il


sistema del sapere metafisico.
Nella tradizione greco-medievale--> per sostanza si intendeva sia la forma, cio
l'essenza necessaria di una cosa, sia il cosiddetto sinolo, ossia l'individuo concreto in
cui essa incarnata, e si considerava il mondo come un insieme di sostanze
gerarchicamente ordinate.
Cartesio--> insiste sull'autonomia della sostanza, e quindi sul fatto che essa, esiste di
per se stessa, causa di se stessa come Dio, realt originaria e autosufficiente.
Tuttavia Cartesio non era fedele a se tesso in quanto accanto alla sostanza prima di

Dio, aveva ammesso come sostanze seconde, la res extensa e la res cogitans,
intese come due realt che per esistere hanno bisogno unicamente di Dio.
Spinoza--> va oltre a Cartesio, e si propone di sviluppare con coerenza un concetto di
sostanza. Intende per sostanza <<ci che in s e per s si concepisce, vale a dire ci
il cui concetto non ha bisogno del concetto di un'altra cosa da cui debba essere
formato>>
la sostanza essendo da s rappresenta quindi una realt autosufficiente e
autosussistente che per esistere non ha bisogno di altri esseri.
la seconda parte della formula intende dire che la nozione di sostanza,
essendo concepibile soltanto per mezzo di se medesima, rappresenta un
concetto che per essere pensato non ha bisogno di altri concetti.
--> PERTANTO AL SOSTANZA COGE DI UNA TOTALE AUTONOMIA ONTOLOGICA E
CONCETTUALE

LE PROPREIT DELLA SOSTANZA