Sei sulla pagina 1di 87

VALUTAZIONE DELLA

RESISTENZA IN OPERA

LUIGI COPPOLA

VALUTAZIONE RESISTENZA IN OPERA

NUOVE
COSTRUZIONI

Rc-IN SITU
COSTRUZIONI
ESISTENTI

Errori e difetti
durante la messa in
opera
Esito negativo dei
controlli di
accettazione
Valutazione della
resistenza effettiva
del materiale

Le Nuove Frontiere del Calcestruzzo Strutturale Salerno - Aprile 2010

METODI PER LA DETERMINAZIONE DELLA


RESISTENZA IN OPERA

SON-REB

SCLEROMETRO

PULL-OUT

CAROTAGGIO

ULTRASUONI

PULL-OFF

METODI NON DISTRUTTIVI

METODI SEMI-DISTRUTTIVI

Le Nuove Frontiere del Calcestruzzo Strutturale Salerno - Aprile 2010

ERRORE % METODI NON DISTRUTTIVI

Le Nuove Frontiere del Calcestruzzo Strutturale Salerno - Aprile 2010

METODI NON DISTRUTTIVI


Per quanto riguarda le prove con ultrasuoni, il loro uso
nella determinazione della resistenza sconsigliabile,
a causa del gran numero di variabili che intervengono
nel legame tra resistenza e velocit di propagazione
delle onde elastiche.
Le prove di pull-out e di break-off consentono una
stima della resistenza a trazione e di quella a trazione
per flessione, con un buon grado di approssimazione.

SCELTA DEL CAROTAGGIO


Il carotaggio comunque il metodo di riferimento per
la calibrazione (taratura) di tutti i metodi non
distruttivi o parzialmente distruttivi.

VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA IN


OPERA MEDIANTE CAROTAGGIO

FONDAMENTALE

Rc,carota
Rc,opera

Rc,carota Rc,opera

VALORI GREZZI
Estrazione delle carote dalla
struttura
Schiacciamento delle carote in
laboratorio
Valore grezzo di resistenza a
compressione del materiale
Applicazione dei coefficienti
correttivi
Le Nuove Frontiere del Calcestruzzo Strutturale Salerno - Aprile 2010

EN 13791 Approccio forfettario A

Rck-opera = Rcm-opera K
Rck-opera = Rcmin-opera + 4 N/mm2
Nprelievi

Valore K

36
79
10 14

7
6
5

EN 13791 Approccio statistico B

Rck-opera = Rcm-opera 1.48 sn


Rck-opera = Rcmin-opera + 4 N/mm2

PROPOSTA
Sulla base dei principali documenti presenti in
letteratura:
1. CONCRETE SOCIETY TECHNICAL REPORT n.11
(1976);
2. BRITISH STANDARD 1881-120:1983;
3. AMERICAN CONCRETE INSTITUTE ACI 214.4R03 (2003);
proposta del METODO HOLOS (2010)
prendendo in considerazione tutti i fattori
influenzanti il valore delle resistenza in opera

RcINSITU = Fdia Fh/d Fmc FFe FTor FDir Ft FT Rccarote

PARAMETRI INFLUENZANTI
DIAMETRO (d) - RAPPORTO h/d
LOCALIZZAZIONE DEI CAROTAGGI
MODALIT DI CONSERVAZIONE
PRIMA DELLA PROVA

RESISTENZA
CAROTE

PRESENZA DI FERRI DI ARMATURA


EFFETTO TORMENTO
DIREZIONE DI PRELIEVO
TEMPO E TEMPERATURA

DIAMETRO DELLE CAROTE


Il valore della resistenza a compressione
influenzato dal rapporto tra il diametro della
carota (d) e la dimensione massima
dellaggregato utilizzato nel confezionamento
dellimpasto (Dmax). Questa influenza diventa
significativa quando d/Dmax risulta inferiore a 3.

DIAMETRO CAROTE d vs Dmax


Dmax (mm) 16 20-22
3 Dmax
48 60-66
dcarota (mm) 50 75

32
96

40
120

100 150

I calcestruzzi generalmente vengono


confezionati con aggregati aventi Dmax 32 mm
diametro delle carote 100 mm.

ESIGENZE PARTICOLARI
- valutare la resistenza di un calcestruzzo
confezionato con aggregati aventi Dmax > 32 mm
ricorrere a carote d = 150 mm;
- impossibilit di prelevare carote prive di ferri
darmatura paralleli allasse della carota
estrazione di una carota d < 100 mm (ad
esempio 75 mm), ma MAI INFERIORE A 50
mm.

DIAMETRO DELLE CAROTE


DIAMETRO DELLA CAROTA
RESISTENZA A COMPRESSIONE
COEFFICIENTE DI
VARIAZIONE (aumentare il
numero di prelievi)

Fattore di correzione per il diametro delle carote =

Fdia

DIAMETRO DELLE CAROTE

DIAMETRO CAROTA
d (mm)
Fdia

50

100 150

1.06 1.00 0.98

GEOMETRIA DELLA CAROTA


RAPPORTO h/d

RESISTENZA

d
h

A causa dellazione di contenimento (EFFETTO DI


CONFINAMENTO) esercitata dalle piastre della macchina
di prova

GEOMETRIA DELLA CAROTA


RAPPORTO h/d

RESISTENZA A COMPRESSIONE

Fattore di correzione per il rapporto h/d =

Fh/d

SNELLEZZA DELLE CAROTE


1.25

1.50

1.75 2.00

15 20 0.66 0.83 1.00 1.10

1.20

1.27 1.32

21 35 0.70 0.84 1.00 1.06

1.16

1.18 1.22

36 50 0.75 0.89 1.00 1.04

1.08

1.10 1.12

h/d
Rc-carota

0.5

0.75

1.0

RESISTENZA CUBETTI / CAROTE

Rcarota (d=100 - 150 mm; h/d=1) = Rcubetto (l=150mm)

ESEMPIO
Pertanto, se ad esempio stata determinata
una resistenza a compressione di 20 N/mm2 su
una carota di diametro 100 mm e rapporto h/d =
0.75 la resistenza a compressione cubica vale:
Rc-IN SITU(Fh/d;Fd) = Rc-carota * Fdia * Fh/d =
= 20 * 1.00 * 0.83 = 16.6 N/mm2

LOCALIZZAZIONE DEI CAROTAGGI


I carotaggi debbono
essere effettuati ad una
distanza
dai
bordi
dellelemento
almeno
pari a 1.5 volte il
diametro della carota

VERIFICHE PRELIMINARI
Prima di sottoporre i campioni alla prova di
compressione, NECESSARIO verificare:
PLANARIT delle superfici dappoggio;
ORTOGONALIT delle superfici dappoggio.
La lavorazione o preparazione inadeguata dei
provini porta a risultati erronei. Il semplice taglio
e la molatura delle superfici di prova pu non
soddisfare i requisiti di parallelismo e planarit
richiesti dalle norme.

RETTIFICA
Nellesecuzione delle operazioni di carotaggio
lutensile dovr essere fissato rigidamente alla
struttura
in
calcestruzzo
mediante
degli
opportuni tasselli al fine di garantire che lasse
della carota risulti perfettamente verticale. Dopo il
taglio meccanico si proceder alloperazione di

SPIANATURA E RETTIFICA DELLE BASI


DEL
PROVINO
CON
MACCHINA
PROVVISTA DI MOLE ABRASIVE.

CAPPATURA
Nel caso in cui non fosse possibile rettificare
meccanicamente la carota, si deve ricorrere alla
RETTIFICA CON STRATO DI MALTA (in gergo definita
CAPPATURA).
Tale operazione consiste nellapplicazione di uno strato
di malta sulle basi della carota che NON DEVE ESSERE
SUPERIORE A 10mm.
Infatti, in questa evenienza si ridurrebbe leffetto di
confinamento esercitato dai piatti della pressa sul
calcestruzzo con il risultato che la resistenza a
compressione misurata sul provino cappato
risulterebbe inferiore a quella misurata sullo stesso
provino rettificato meccanicamente

CAPPATURA

MATURAZIONE DELLA STRUTTURA


E opportuno far presente che al fine di limitare
linfluenza derivante da una non corretta
maturazione dei getti (che fortunatamente ha
scarse implicazioni sugli aspetti relativi alla
collaudabilit dellopera, ma incide
pesantemente sulla durabilit delle strutture)
opportuno quando si effettua il taglio della
carota che VENGANO RIMOSSI I PRIMI 2.5 - 3 cm
pi corticali che sono quelli interessati da un
minor grado di idratazione.

EFFETTO DELLA MATURAZIONE UMIDA


STAGIONATURA UMIDA PER:

Variazione % della resistenza rispetto a quella di un


calcestruzzo maturato a umido per 3gg

140

3gg

28gg

7gg

24h

12h
120

100

80

a/c = 0.60
U.R. = 50%

60
0

10

20

30

40

Distanza dalla superficie (mm)

50

60

CONSERVAZIONI DELLA CAROTA


Diverse considerazioni si debbono
fare nel caso delle modalit di
conservazione delle carote, nelle ore
successive allestrazione, in quanto
direttamente correlate al contenuto di
umidit delle carote

CONSERVAZIONI DELLA CAROTA


Condizioni di conservazione delle carote
dopo lestrazione e prima della prova a
compressione (ASTMC 42/C 42M 04)

COME
RICEVUTE

IN ACQUA
PER 48h

ASCIUGATE
ALLARIA

CONSERVAZIONI DELLA CAROTA


UMIDIT DEI CAMPIONI

RESISTENZA A COMPRESSIONE

Fattore di correzione per le condizioni di umidit =

Fmc

CONSERVAZIONI DELLA CAROTA


TIPO DI CONSERVAZIONE

Fmc

Come ricevute

1.00

In acqua

1.09

Essiccate allaria

0.96

ESEMPIO
Pertanto, se ad esempio stata determinata
una resistenza a compressione di 20 N/mm2 su
una carota di diametro 100 mm e rapporto h/d =
1, conservata in acqua fino al momento della
prova, la resistenza a compressione cubica
vale:
Rc-IN SITU(Fh/d;Fd;Fmc) = Rc-carota * Fd * Fh/d * Fmc =
= 20 * 1.00 * 1.00 * 1.09 =
= 21.8 N/mm2

FERRI DI ARMATURA
Prima di effettuare il carotaggio
opportuno dotarsi di un magnetometro
(pacometro
o
profometro)
per
individuare le zone della struttura dove
poter effettuare un carotaggio senza
interessare le barre di armatura.

CAROTE INUTILIZZABILI
NON POSSIBILE
UTILIZZARE CAROTE CHE
PRESENTINO FERRI
PARALLELI ALLASSE
LONGITUDINALE della
stessa in quanto il valore
misurato della resistenza a
compressione sarebbe
fortemente influenzato dalla
presenza del tondino.

CAROTE CON FERRI PERPENDICOLARI


ALLASSE DELLA CAROTA
Carote con ferri disposti
perpendicolarmente allasse
longitudinale possono essere
impiegate nella prova di
schiacciamento, ma il valore
misurato deve essere
opportunamente incrementato per
tener conto delleffetto di disturbo
dovuto alla presenza del ferro.

CAROTE CON FERRI DI ARMATURA


- RAPPORTO dBARRA/dCAROTA
- DISTANZA BARRA DALLE BASI
DELLA CAROTA
RESISTENZA A COMPRESSIONE

Fattore di correzione per i ferri di armatura =

FFe

CAROTE CON FERRI DI ARMATURA


BARRE

SINGOLE

RAGGRUPPATE

FFe

r l
1 + 1.5
d h
(r l)
1 + 1.5
d h

r = diametro della barra (mm)


l = distanza della barra dalla base pi vicina della carota (mm)
d = diametro della carota (mm);
h = altezza della carota (mm)

CAROTE CON FERRI DI ARMATURA


IN ASSENZA DI FERRI DI ARMATURA
NELLA CAROTA

FFe = 1
ALCUNE NORME VIETANO LIMPIEGO DI
CAROTE CONTENENTI FERRI DI
ARMATURA

ESEMPIO
Se ad esempio la resistenza a compressione
misurata su una carota con rapporto h/d=1 e
d=100
mm,
schiacciate
come
ricevute,
contenente un tondino 14 mm posto ad una
distanza di 30 mm dalla base della carota
risultata di 25 N/mm2, la resistenza a
compressione misurata su una carota priva di
ferro sarebbe risultata pari a:
Rc-IN SITU(Fh/d;Fd;Fmc;Ffe) = Rc-carota * Fd * Fh/d * Fmc * FFe
= 25 * 1.00 * 1.00 * 1.00 * FFe
= 25 * FFe

CALCOLO FFe
r l
14 30
FFe = 1+ 1.5
= 1+ 1.5

= 1.063
d h
100 100
Rc-IN SITU(Fh/d;Fd;Fmc;Ffe) = Rc-carota * Fd * Fh/d * Fmc * FFe
= 25 * 1.00 * 1.00 * 1.00 * FFe
= 25 * FFe = 25 * 1.063
= 26.58 N/mm2

LAZIONE DEL CAROTIERE


Durante lesecuzione del carotaggio
occorre ridurre al minimo gli effetti
torsionali che lutensile provoca sulla
struttura in calcestruzzo. Per questo
motivo, come gi in precedenza
suggerito occorre:
1. fissare rigidamente il carotiere alla
struttura per evitare il suo asse
subisca oscillazioni
durante loperazione di
estrazione della carota.

EFFETTO TORMENTO
Anche fissando saldamente lutensile, tuttavia,
loperazione di carotaggio non indolore per
il calcestruzzo in quanto pu determinare la
comparsa di microlesioni interne tanto pi
accentuate quanto pi scadente la qualit del
calcestruzzo in opera. Pertanto, di questo
effetto (definito di tormento) si deve tener
conto
incrementando
la
resistenza
a
compressione misurata sulla carota di un
fattore fTor inversamente proporzionale alla
resistenza del conglomerato

EFFETTO TORMENTO
SCADENTE QUALIT DEL
CALCESTRUZZO IN OPERA

EFFETTO TORMENTO

Fattore di correzione per effetto TORMENTO =

FTor

EFFETTO TORMENTO

Rc-carota

10 15

16 20

21 25

26 30

31 35

36 40

> 40

FTor

1.15 1.12 1.10 1.07 1.05 1.02 1.00

ESEMPIO
Se la resistenza a compressione misurata su
una carota con rapporto h/d=1 e d=100 mm,
testata come ricevuta, priva di ferri, pari a 25
N/mm2, la resistenza a compressione tenendo
conto anche delleffetto tormento pari a:
Rc-IN SITU = Rc-carota * Fd * Fh/d * Fmc * FFe * Ftor
= 25 * 1.00 * 1.00 * 1.00 * 1.00 * 1.10 =
= 27.5 N/mm2

DIREZIONE DEL CAROTAGGIO


PRELIEVO DELLE
CAROTE
DIREZIONE
DI GETTO

PERPENDICOLARE
ALLA DIREZIONE DI
GETTO

DIREZIONE DEL CAROTAGGIO


PRELIEVO DELLE CAROTE
PARALLELO ALLA
DIREZIONE DI GETTO
DIREZIONE DI GETTO

DIREZIONE DEL CAROTAGGIO


PERPENDICOLARE
rispetto alla
direzione di getto

IL CAROTAGGIO intercetta
microfessurazioni che
durante la prova di
schiacciamento si
dispongono parallelamente
alle isostatiche di
compressione

ROTTURA per
valori dello
sforzo
inferiori

PARALLELA
rispetto alla
direzione di getto

NESSUNA
INFLUENZA

DIREZIONE DEL CAROTAGGIO


DIREZIONE
DI GETTO

VARIAZIONE
DELLA
RESISTENZA A
COMPRESSIONE

PRELIEVO CAROTE

PERPENDICOLARE ALLA
DIREZIONE DI GETTO

La penalizzazione della resistenza per effetto di un carotaggio


perpendicolare alla direzione di getto risulta tanto pi marcata quanto
pi il prelievo viene effettuato verso le zone sommitali del getto che
sono maggiormente interessate dal fenomeno di bleeding e quindi
presentano un livello di microfessurazione interna pi accentuato
rispetto a quello che interessa le zone basali della struttura.

DIREZIONE DEL CAROTAGGIO


- Prelievo in direzione
PERPENDICOLARE;
- SOMMIT DEGLI ELEMENTI
PENALIZZAZIONE DELLA
RESISTENZA

Fattore di correzione per DIREZIONE DI CAROTAGGIO=

FDir

DIREZIONE DEL CAROTAGGIO


FDir
DIREZIONE DI PRELIEVO
POSIZIONE
DEL
CAROTAGGIO

PARALLELA

0 h
h h
h h

PERPENDICOLARE

1.05
1.00

1.075
1.10

Rck DI PROGETTO

28 GIORNI

T = 20 2 C

Rck

U.R. 95%

utilizzata per il calcolo strutturale

Rc DELLA CAROTA

Momento
della prova

T = ????C

1.PRIMA DI 28gg
2.DOPO 28gg

U.R. ??? %

Rc

In opera

TEMPO DI CAROTAGGIO
PRELIEVO CAROTE

PRIMA di 28 giorni

DOPO 28 giorni

CAROTE GIOVANI

CAROTE VECCHIE

Valore della resistenza a


compressione misurato
sottostimato rispetto a quello che il
calcestruzzo potrebbe attingere
allet di 28 giorni

Il valore della resistenza a


compressione sviluppato maggiore
di quello che il conglomerato
possedeva allet di 28 giorni

CAROTE GIOVANI
t (TEMPO) 28 GIORNI

RESISTENZA A COMPRESSIONE

Fattore di correzione per ET DELLA CAROTA =

Ft

CAROTE VECCHIE
t (TEMPO) > 28 GIORNI
RESISTENZA A COMPRESSIONE
ai fini della collaudabilit ininfluente che la resistenza a compressione a 28
giorni era inferiore a quella misurata sulle carote di et superiore

Fattore di correzione per ET DELLA CAROTA =

Ft

Rc DELLA CAROTA

Momento
della prova

T = ????C

U.R. ??? %

TEMPERATURA DI CANTIERE:

Rc

In opera

a) < 20C CLIMA FREDDO


b) > 20C CLIMA CALDO

TEMPERATURA PRIMA DEL CAROTAGGIO


TEMPERATURA DI CANTIERE

< 20C

> 20C

CLIMA FREDDO

CLIMA CALDO

La resistenza a
compressione
sottostimata rispetto a
quella che lo stesso
calcestruzzo avrebbe
evidenziato a 20C

La maturazione del
calcestruzzo a
temperature pi elevate
favorisce un pi rapido
sviluppo di resistenza

CLIMA FREDDO
T (TEMPERATURA) 20C
RESISTENZA A COMPRESSIONE
A causa del pi lento sviluppo della resistenza a compressione, il
valore della resistenza determinato nella prova di schiacciamento
dovr essere incrementato in quanto alle lunghe stagionature il
conglomerato potr recuperare il deficit di resistenza che evidenzia
qualora la rottura della carota avvenga a tempi brevi
dallesecuzione del getto.

Fattore di correzione per TEMPERATURA DI ESTRAZIONE =

FT

CLIMA CALDO
- T (TEMPERATURA) > 20C
- t (TEMPO) < 28 GIORNI
RESISTENZA A COMPRESSIONE
Si deve considerare il pi rapido sviluppo della resistenza
(riducendo il valore effettivo misurato) per non incorrere in
una sovrastima della resistenza a compressione a 28 gg

Fattore di correzione per TEMPERATURA DI ESTRAZIONE =

FT

CLIMA CALDO
- T (TEMPERATURA) > 20C
- t (TEMPO) 28 GIORNI
RESISTENZA A COMPRESSIONE
rispetto ad un calcestruzzo maturato a 20C

Fattore di correzione per TEMPERATURA DI ESTRAZIONE =

FT

LA MINORE RESISTENZA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA


DERIVANTE DALLELEVATA TEMPERATURA DI
MATURAZIONE NON PI RECUPERABILE

TEMPERATURA DA SCEGLIERE

Momento
della prova

T = ????C

U.R. ??? %

Si deve calcolare la media ponderale della temperatura


ambientale dal momento dellesecuzione dei getti e sino
al giorno in cui viene effettuato il carotaggio. Questi dati
possono essere ricavati consultando le pagine web
dellaeroporto pi vicino al cantiere oppure quelle
dellAgenzie Regionale Per lAmbiente (ARPA).

RESISTENZA IN SITU (STRUTTURALE)

RESISTENZA
IN SITU

DIAMETRO (d) - RAPPORTO h/d

Fdia Fh/d

MODALIT DI CONSERVAZIONE
PRIMA DELLA PROVA

Fmc

PRESENZA DI FERRI DI ARMATURA

FFe

EFFETTO TORMENTO

FTor

DIREZIONE DI PRELIEVO

FDir

TEMPO DI PRELIEVO

Ft

TEMPERATURA

FT

Rc- IN SITU

RESISTENZA IN SITU (STRUTTURALE)

RcINSITU = Fdia Fh/d Fmc FFe FTor FDir Rccarote

ESEMPIO (1) RIASSUNTIVO


PLATEA IN CALCESTRUZZO (sp = 35cm)
PRELIEVO CAROTE:

1. Prelievo PARALLELO;
2. d = 50mm e h = 100mm h/d = 2.00;
3. Sottoposte a prova dopo essere state in
ACQUA;
4. Presenza di ferro 8 a 20mm dalla base;
5. Rc-carota 32 N/mm2;
Rc-INSITU = ??????? N/mm2

DIAMETRO DELLE CAROTE

DIAMETRO CAROTA
d (mm)
Fdia

50

100 150

1.06 1.00 0.98

SNELLEZZA DELLE CAROTE


1.25

1.50

1.75 2.00

15 20 0.66 0.83 1.00 1.10

1.20

1.27 1.32

21 35 0.70 0.84 1.00 1.06

1.16

1.18 1.22

36 50 0.75 0.89 1.00 1.04

1.08

1.10 1.12

h/d
Rc-carota

0.5

0.75

1.0

CONSERVAZIONI DELLA CAROTA


TIPO DI CONSERVAZIONE

Fmc

Come ricevute

1.00

In acqua

1.09

Essiccate allaria

0.96

CAROTE CON FERRI DI ARMATURA

FFe

r l
8 30
1 + 1.5
1+ 1.5
= 1.072
50 100
d h
r = diametro della barra = 8mm
l = distanza della barra dalla base pi vicina della carota = 30mm
d = diametro della carota = 50mm;
h = altezza della carota = 100mm

EFFETTO TORMENTO

Rc-carota

10 15

16 20

21 25

26 30

31 35

36 40

> 40

FTor

1.15 1.12 1.10 1.07 1.05 1.02 1.00

DIREZIONE DEL CAROTAGGIO


FDir
DIREZIONE DI PRELIEVO
POSIZIONE
DEL
CAROTAGGIO

PARALLELA

0 h
h h
h h

PERPENDICOLARE

1.05
1.00

1.075
1.10

ESEMPIO

Fdia

Fh/d

Fmc

FFe

1.06

1.22

1.09

1.072

FTor FDir
1.06

1.60

RcINSITU = w Rccarote

1.00

ESEMPIO
N. Prelievo Rc-carota
1
32
2

34.5

30.5

Rc-IN SITU
51.2

1.6

55.2

+ 60%

48.8

APPROCCIO
FORFETTARIO

STIMA Rck-IN SITU


Rc-IN SITU
51.2
55.2
48.8

Rc-min-IN SITU

51.73

Rcm-IN SITU

Nprelievi

36

Rck-INSITU= Rcm-IN SITU K = 51.73-7 = 44.7 N/mm2


Rck-opera = Rcmin-IN SITU + 4 = 48.8 + 4 = 52.8 N/mm2

Rck STRUTTURALE = 44.7 N/mm2

ESEMPIO (2)
PILASTRO IN CALCESTRUZZO (35cm)
PRELIEVO CAROTE:

1.
2.
3.
4.
5.

Prelievo PERPENDICOLARE A h/2;


d = 100mm e h = 100mm h/d = 1.00;
Schiacciate cos come ricevute;
Assenza di ferri di armatura;
Rc-carota 15 N/mm2;
Rc-INSITU = ??????? N/mm2

DIAMETRO DELLE CAROTE

DIAMETRO CAROTA
d (mm)
Fdia

50

100 150

1.06 1.00 0.98

SNELLEZZA DELLE CAROTE


1.25

1.50

1.75 2.00

15 20 0.66 0.83 1.00 1.10

1.20

1.27 1.32

21 35 0.70 0.84 1.00 1.06

1.16

1.18 1.22

36 50 0.75 0.89 1.00 1.04

1.08

1.10 1.12

h/d
Rc-carota

0.5

0.75

1.0

CONSERVAZIONI DELLA CAROTA


TIPO DI CONSERVAZIONE

Fmc

Come ricevute

1.00

In acqua

1.09

Essiccate allaria

0.96

CAROTE CON FERRI DI ARMATURA

FFe
1.00

EFFETTO TORMENTO

Rc-carota

10 15

16 20

21 25

26 30

31 35

36 40

> 40

FTor

1.15 1.12 1.10 1.07 1.05 1.02 1.00

DIREZIONE DEL CAROTAGGIO


FDir
DIREZIONE DI PRELIEVO
POSIZIONE
DEL
CAROTAGGIO

PARALLELA

0 h
h h
h h

PERPENDICOLARE

1.05
1.00

1.075
1.10

ESEMPIO

Fdia

Fh/d

Fmc

FFe

FTor FDir

1.00

1.00

1.00

1.00

1.15 1.075

1.24

RcINSITU = w Rccarote

N.
Prelievo

Rc-carota

Rc-IN

11.3

14.0

15

18.6

14.3

17.7

12

14.9

12.2

15.1

14.7

18.2

13

SITU

1.2
4

APPROCCIO
STATISTICO

16.1

14

12.5

15.5

10

13.6

16.9

11

11

13.6

12

10.9

13.5

13

13.1

16.2

14

14.8

18.4

15

15

18.6

Rcm-IN SITU

16.3

17.4

Rcmin-IN SITU

sn = 1.82

STIMA Rck-IN SITU


Rck-INSITU= Rcm-IN SITU 1.48sn = 16.3-1.481.82 =
= 13.6 N/mm2
Rck-opera = Rcmin-IN SITU + 4 = 13.5 + 4 = 17.5 N/mm2

Rck STRUTTURALE = 13.6 N/mm2

NUMERO DI CAROTE
Vcls < 50m3

NUMERO MINIMO DI CAROTE = 7


(d=100mm)

Vcls > 50m3

NUMERO DI CAROTE = 7 + 3 ogni


50m3 AGGIUNTIVI (d=100mm)

Per un pavimento di 20 cm di spessore che ha richiesto


un volume di conglomerato di 100 m3 (superficie del
pavimento 500 m2) utilizzare un lotto di carote minimo
costituito da 10 estrazioni con d=100 mm. Per un
pavimento di 1000 m2 per il quale sono stati impiegati
200 m3 di calcestruzzo il lotto sar costituito da 16 carote
e cos via