Sei sulla pagina 1di 563

GREGORIO MAGNO

STORIE DI SANTI
E DI DIAVOLI
VOLUME II
A CURA DI SALVATORE PRICOCO
E MANLIO SIMONETTI

F O N D A Z I O N E L O R E N Z O V A L L A / A R N O L D O M O N D A D O R I E D IT O R E

G REG O R IO M A GN O

STORIE DI SANTI
E DI DIAVOLI
(Dialoghi)
V o lu m e II
(L ibri III-IV )

Testo critico e traduzione


a cura di Manlio Simonetti
Commento
a cura di Salvatore Pricoco

F O N D A Z IO N E L O R E N Z O V A L L A
A R N O L D O M O N D A D O R I E D IT O R E

Questo volume stato pubblicato


grazie alla collaborazione della
Fondazione Cariplo

ISBN 88-04-54919-X
Grafica di Vittorio Merico
Fondazione Lorenzo Valla 2006
1 edizione maggio 2006
www.librimondadori.it

IN D IC E

IX

Abbreviazioni bibliografiche

T E S T O E T R A D U Z IO N E
3
7
17 3

C onspeciu s siglorum
L ib r o terzo
L ib r o quarto

C O M M EN TO
361

L ib ro terzo

444

L ib ro quarto

5 13

In d ice dei passi biblici

5 16

In d ice dei m iracoli

524

In d ice d i alcuni nom i e cose notevoli

!i

. t-cJi

il

r\
x

.i

pi

1
'i

-r
;

s tl
i >. , i ~ -

'

; v r 4

* 1 ^ '- ^

| IW

>

ti.

,1.

A B B R E V IA Z IO N I B IB L IO G R A F IC H E

O pere d i G reg o rio M agno


Cani.
Dial.

Ep.
llom . Eu.
Hom. Hiez.
In 1 Reg.
Mor.
Past.

Expositio in Canticum Canticorum, C C L C X L IV ; SCh


314 .
D ialogi
G regorii M agni D ialogi. cur. U. Moricca (Fonti per la
Storia d'Italia dellIstituto Storico Italiano. Scrittori. Se
colo VI), Roma 1924 (= Moricca 1924).
Grgoire le Grand, Dialogues. Introduction, bibliographie et carte de A. de Vogii, voi. I, Paris 1978 (= de
Voglie, SCh 2 51); voi. II, Paris 1979 (= de Vogii, SCh
260); voi. m , Paris 1980 (= de V ogii, SCh 26 j).
Registrum Epistularum , C C L C X L -C X L A ; M G H ep. III.
Homiliae in Euangelia, CCL C X L ; PL L X X V I; G M O II.
H om iliae in H iezecbielem , C C L C X L II; SCh 327, 360.
Expositio in librum primum Regum , CCL CXLIV; SCh
3 5 1,
.
Moralia in Iob, CCL C X L III-C X L IIIA B ; SCh 32bis,
2 12 , 221.
Regala pastoralis, P L L X X V II; SCh 38 1. 382.

391 449

R accolte e lessici
BH G
BH L
CC G
CCL
CSEL
DHGE

Bibliotheca Hagiographica Graeca


Bibliotheca Hagiographica Latina
Corpus Christianorum, Series Graeca
Corpus Christianorum, Series Latina
Corpus Scriptorum Ecclesiasticorum Latinorum
D ictionnaire d histoire et de gographie ecclsiastique

XII

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

D PA C
DSp
GCS
GM O
IC

M GH
PCBE
PG
PL
PLR E
SCh
T LL

Dizionario d i patrologia e d i antichit cristiane


D ictionnaire de spiritualit asctique et mystique
D ie griechischen christlichen Schri/tsteller der drei ersten
Jabrbunderte
G regorii M agni Opera, Roma 1992 sgg.
Inscriptiones Christianae ltaliae septimo saeculo antiquiores
M onumenta Germ aniae Historica
Prosopographie Chrtienne du Bas-Em pire
Patrologia Graeca
Patrologia Latina
The Prosopography 0/ th Later Roman Em pire
Sources Chrtiennes
Thesaurus Linguae Latinae

Studi
Arnaldi 1974
G . Arnaldi, San Benedetto guadagnato alla storia (in margine a
una nuova edizione della Regola, in Studi su l M edioevo cristiano
offerti a R . M orghen, Roma 1974, pp. 1-27.
Arnaldi 1985
G . Arnaldi, Gregorio Magno, i patrimoni di S. Pietro e le auto
rit imperiali in Italia e in Sicilia, in M iscellanea in onore d i Rug
gero Moscati, Napoli 1985, pp. 39-46.
Arnaldi 1995
G . Arnaldi, Gregorio Magno e la giustizia, in La giustizia
n ellA lto M edioevo (secoli V -V III), Spoleto 1995 (Settimane di
Studio del Centro Italiano sullAlto Medioevo X L II), pp. 57-10 1.
Arnaldi 2004

G. Arnaldi, Gregorio Magno e la circolazione delle sue opere,


in Gregorio Magno nel X IV centenario della morte, pp. 51-63.
Azzara 1991
C. Azzara, Gregorio Magno, i Longobardi e l'O ccidente barbarico.
Costanti e peculiarit d i un rapporto, Bullettino dellIstituto Sto
rico Italiano per il Medio Evo e Archivio Muratoriano XCV II
I 9 9 i , p p . 1-77.
Bartelink 1995

G. J. M. Bartelink, Pope Gregory th Greats Knowledge of


Greek, in J. C. Cavadini (a cura di), Gregory th Great. A Sympo
sium, Notre Dame-London 1995. pp- 117 -36 .

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

XIII

Boesch Gajano 19798


S. Boesch Gajano, Narratio e expositio n ei D ialoghi d i Gregorio
Magno, BuUettino dellIstituto Storico Italiano per il Medio Evo
e Archivio Muratoriano L X X X V I I I 1979, pp. 1-33.
Boesch Gajano 1979IJ
S. Boesch Gajano, D islivelli culturali e m ediazioni ecclesiastiche
n ei D ialogi d i Gregorio Magno, Quaderni Storici X L I 1979.
pp. 398-415.
Boesch Gajano 1980
S. Boesch Gajano, La proposta agiografica d ei D ialogi1 d i Gregorio
M agno, Studi Medievali X X I 1980, pp. 623-64.
Boesch Gajano 1981
S. Boesch Gajano, Demoni e miracoli nei Dialogi di Gregorio
Magno, in Hagiographie, Cultures et socits, pp. 263-81.
Boesch Gajano 1986
S. Boesch Gajano, Teoria e pratica pastorale nelle opere di G re
gorio Magno, in Fontaine-Gillet-Pellistrandi 1986, pp. 181-8.
Boesch Gajano 1988
S. Boesch Gajano, Agiografa e geografia nei Dialoghi di Grego
rio Magno, in S. Pricoco (a cura di), Storia della Sicilia e tradizio
ne agiografica nella tarda antichit, Catania 1988, pp. 209-20.
Boesch Gajano 1995
S. Boesch Gajano, Il demonio e i suoi complici, in S. Pricoco-T.
Sardella (a cura di), I l demonio e i suoi complici. D ottrine e creden
ze demonologiche nella Tarda Antichit, Soveria Mannelli 1995,
pp. 237-63.
Boesch Gajano 2000
S. Boesch Gajano, Gregorio I, in Enciclopedia d ei Papi, II, Ro
ma 2000, pp. 546-74.
Boesch Gajano 20048
S. Boesch Gajano, Gregorio Magno. A lle origini d el M edioevo, R o
ma 2004.
Boesch Gajano 20040
S. Boesch Gajano, La memoria della santit: Gregorio Magno
autore e oggetto di scritture agiografiche, in Gregorio Magno nel
X IV centenario della morte, pp. 319-46.
Boglioni 1974
P. Boglioni, M iracle et nature chez Grgoire le Grand: thorie et
thmes, Cahiers dEtudes Mdivales 1 1974, PP- 11- 10 2 .
Boglioni 1982
P. Boglioni, Gregorio Magno biografo di san Benedetto, in A tti
d el V II Congresso intem azionale d i studi sullA lto M edioevo, 29
sett.-f ott. 1980, Spoleto 1982, pp. 185-229.

XIV

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

Brechter 1938
H. S. Brechter, M onte Cassinos erste Zerstrung, Studien und
Mitteilungen zur Geschichte des Benediktiner-Ordens und seiner
Zweige L V I 1938, pp. 109-50.
Bruzzone 1991
A. Bruzzone, Sulla lingua d ei Dialogi d i Gregorio M agno, Studi
Latini e Italiani V 19 9 1, pp. 195-280.
Bruzzone 1992
A. Bruzzone, Sulla lingua d ei Dialogi d i Gregorio M agno, Studi
Latini e Italiani V I 1992, pp. 181-283.
Cavadini 1998
J . C. Cavadini, A N ote on Gregorys Use o f M iracles in th L ife and
M iracles o f St. Benedici, American Benedictine Review X L IX
1998, pp. 104-20.
Chapman 1929
J. Chapman, Saint Benedict and th Sixth Century, London 1929.
Ciccarese 1984
M. P. Ciccarese, V ita M artini 7: tra miracolo e visione dellal
dil, in L agiografia latina n ei secoli IV -V II. Incontro d i studiosi
dellantichit cristiana, Roma 1984 (Augustinianum X X IV ), pp.

227 33

- Ciccarese 1987
M. P. Ciccarese, V isioni d ellaldil in Occidente. Fonti, m odelli, te
sti, Firenze 1987.
Ciccarese 1989
M. P. Ciccarese, La genesi letteraria della visione dellaldil:
Gregorio Magno e le sue fonti, in Sogni, visioni e profezie n ellan
tico cristianesimo. Incontro d i studiosi d ellantichit cristiana, R o
ma 1989 (Augustinianum X X IX ), pp. 435-49.
Ciccarese 2002
M. P. Ciccarese. A nim ali sim bolici. A lle origini d el bestiario cri
stiano, I (agnello-gufo), Bologna 2002.
Clark 1986
F. Clark, The Authenticity o f th Gregorian Dialogues: a Reopening o f th Question?, in Fontaine-Gillet-Pellistrandi 1986, pp.
429-43.
Clark 19S7
F. Clark, The Pseudo-Gregorian Dialogues, I-II, Leiden 1987 (Studies in th History o f Christian Thought, 37-8).
Clark 19893
F. Clark, Dialogues: A Response lo Paul M eyvaert, Journal o f Ecdesiastical History X L 1989, pp. 323-43.

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

XV

Clark 1 9 8 ^
F . Clark, The Authorship o f th Gregaria Dialogues: a O ld Controversy R enew ed, Heythrop Journal X X X 1989, pp. 257-72.
Clark 19903
F. Clark, The Authorship o f th Gregorian Dialogues: a Challenge to th Traditional View, in Studia Patristica X V I I I 4, ed. by E .
A. Livingstone, Kalamazoo-Leuven 1990, pp. 120-32.
Clark i99ob
F. Clark, The R enew ed Dehate on th Authenticity o f th Grego
rian Dialogues, Augustinianum X X X 1990, pp. 75-105.
Clark 1991
F. Clark, The Renewed Controversy about th Authorship of th
Dialogues, in Gregorio M agno e i l suo tempo, II, pp. 5-25.
Clark 1997
F . Clark, The Authorship of th Gregorian Dialogues: th State
o f th Question, in Studia Patristica X X X III, ed. by E. A. Living
stone, Leuven 1997, pp. 407-17.
Clark 1999
F. Clark, R. A . Markus, Gregory th Great and In I Regum,
Heythrop Journal X L 1999, pp. 207-9.
Clark 2001
F. Clark, The unmasking o f th pseudo-Gregorian Commentary
on Kings and its relevance to th study o f Benedictine origins, in
Studia Patristica X X X V I, ed. by M. F. Wiles-E. J . Yarnold, Leu
ven 2001, pp. 3-8.
Clark 2002
F. Clark, Saint Benedicts Biography and th Turning Tide o f
Controversy, American Benedictine Review L U I 2002. pp. 305* Clark 2003
F. Clark, The Gregorian Dialogues and th O rigins o f Benedictine
M onasticism, Lcidcn-Boston 2003.
Consolino 1991
F. E. Consolino, Il papa e le regine: potere femminile e politica
ecclesiastica nellepistolario di Gregorio Magno, in Gregorio M a
gno e i l suo tempo, I, pp. 225-49.
Courcelle 19673
P. Courcelle, La Vision cosmique de saint Benoit, Revue des tudes Augustiniennes X I I I 1967, pp. 9 7 -117 .
Courcelle i97b
P. Courcelle, H abitare secum selon Perse et selon Grgoire le
G rand, Revue des tudes Anciennes LX X 1967, pp. 266-79.

XVI

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

Courcelle 1967C
P. Courcelle, G rgoire le G rand l cole de Juvenal, Studi e Ma
teriali di Storia delle Religioni X X X V I I I 1967, pp. 170-4.
Cracco 1977
G . Cracco, U om ini d i D io e uom ini d i Chiesa n ellalto M edioevo
(per una reinterpretazione d ei D ialogi d i Gregorio M agno), Ri
cerche di Storia Sociale e Religiosa X II 1977, pp. 163-202.
Cracco 19803
G . Cracco, Chiesa e cristianit rurale nellItalia di Gregorio M a
gno, in M edioevo rurale. Su lle tracce della civilt contadina, Bolo
gna 1980, pp. 361-79.
Cracco i98ob
G . Cracco, Gregorio Magno interprete di Benedetto, in S. B e
nedetto e otto secoli (X II-X IX ) d i vita monastica n el Padovano, Pa
dova 1980, pp. 7-36.
Cracco 1981
G . Cracco, Ascesa e ruolo dei V iri D ei nellItalia di Gregorio
Magno, in Hagiograpbie, Cultures etsocits, pp. 283-97.
Cracco 1986
G . Cracco, Gregorio e loltretomba, in Fontaine-Gillet-Pellistrandi 1986, pp. 234-66.
Cracco 1991
G. Cracco, Francis Clark e la storiografia sui D ialogi d i Gregorio
Magno, Rivista di Storia e Letteratura Religiosa X X V II 19 9 1,
pp. 115-24.
Cracco 1993
G . Cracco, E l dilem a d el monacato m edieval: retiro o m isin?,

Revista Chilena de umanidades XIV 1993, pp. 145-57.


Cracco 1994
G . Cracco, Gregorio M agno e M aometto, Rivista di Storia e Let
teratura Religiosa X X X 1994, pp. 247-57.
Cracco i999a
G . Cracco, H abitare secum : luoghi dello spirito e luoghi della sto
ria n el M edioevo europeo, Ricerche di Storia Sociale e Religiosa
X X V I I I 1999, pp. 9-34.
Cracco i999b
G . Cracco, G rgoire le G rand: un christianisme renouvel, AntiquitTardive V II 1999, pp. 215-29.
Cracco 2001
G . Cracco, Alle origini dellEuropa cristiana: Gregorio Magno,
in G . D e Rosa-G. Cracco (a cura di), I l Papato e lEuropa, Soveria
Mannelli 2001, pp. 13-54.

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

xvn

Cracco 2004
G . Cracco, Gregorio morale: la costruzione di una identit, in
Gregorio Magno n el X IV centenario della morte, pp. 170-96.
Cracco-Cracco Ruggini 1997
G . Cracco-L. Cracco Ruggini, Trame religiose attraverso il M e
diterraneo medievale, in G . Am aldi-G. Cavallo (a cura di), Euro
pa m edievale e mondo bizantino. Contatti effettivi e possibilit d i
studi comparati, Roma 1997, pp. 8 1-10 7.
Cracco Ruggini 19 81
L. Cracco Ruggini, Il miracolo nella cultura nel tardo impero:
concetto e funzione, in Hagiographie, Cultures et socits, pp.
161-202.
Cracco Ruggini 1985
L. Cracco Ruggini, Gregorio Magno, Agostino e i quattro Van
geli, in M iscellanea d i studi agostiniani in onore d i P. A . Trap,
Roma 1985, pp. 255-63.
Cracco Ruggini 1986
L. Cracco Ruggini, Grgoire le Grand et le monde byzantin, in
Fontaine-Gillet-Pellistrandi 1986, pp. 83-94.
Cracco Ruggini 2004
L. Cracco Ruggini, Gregorio Magno e il mondo mediterraneo,
in Gregorio M agno n el X IV centenario della m orte, pp. 11-50 .
Crem ascoli 1979
G. Cremascoli, Novissima hominis n ei Dialogi d i Gregorio Magno,
Bologna 1979.
Cremascoli 19893
G. Cremascoli, Se / Dialogi siano opera d i Gregorio M agno: due vo
lum i per una vexata quaestio, Benedictina X X X V I 1989, pp.
179-92.
Cremascoli i989b
G. Cremascoli, Infirmantium persona (Dialogi 4, 4, 9). Su i dubbi
del diacono Pietro, Invigilata Lucem is X I 1989, pp. 175-95.
Cremascoli 2001 a
G. Cremascoli, L'esegesi biblica d i Gregorio Magno, Brescia 2001.
Cremascoli 200 ib
G. Cremascoli, I v iri dei dellUmbria nei D ialogi di Gregorio
Magno, in Umbria cristiana, pp. 257-70.
Cremascoli 20043
G. Cremascoli, Gregorio Magno, in Cristianit d Occidente e
cristianit d O riente (secoli V I-X I), Spoleto 2004 (Settimane di
Studio del Centro Italiano sullAlto Medioevo LI), pp. 65-85.
Cremascoli 2004b
G. Cremascoli, Gregorio Magno esegeta: rapporti tra Commen-

XVII]

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

tari e O m elie, in Gregorio Magno n el X IV centenario della morte,


pp. 139-50.
Cristiani 1985
M. Cristiani, Ars artium . La psicologia di Gregorio Magno, in
L e trasformazioni della cultura nella Tarda Antichit. A tti d el Con
vegno d i Catania, 2 7 sett.-2 ott. 19 8 2, Roma 1985, pp. 309-31.
Cristiani 2001
R. Cristiani, Quello che i D ialogi non dicono. Il monacheSimo
basilicale romano nel passato di Benedetto, in Umbria cristiana,
pp. 795-813.
Curtius 1948
E. R. Curtius, Europische Literatur und lateinisches M ittelalter,
Bern 1948 (trad. it. Letteratura europea e M edio Evo latino, Firen
ze 1992).
Cusack 1974
P. A. Cusack, St Scholastica: M yth or R eai Person?, Downside
R eview X C II 1974, pp. 145-59.
Cusack 1975
P. A. Cusack, Some Literary Antecedents o f th Totila Encounter in th Second Dialogue o f Pope Gregory I, in Studia Patristi
ca X II, ed. by E . A. Livingstone, Berlin 1975, pp. 87-90.
Cusack 1976
P. A. Cusack, The Temptation o f St. Benedici: an Essay at Interpretation through th Literary Sources, American Benedictine Review X X V I I 1976, pp. 143-63.
Oagens 1968
C. Dagens, Grgoire le G rand et la culture de la 'sapientia huius
m undi la docta ignorantia, Revue des Etudes Augustiniennes
X IV 1968, pp. 17-26.
Dagens 1969
C. Dagens, La conversion de saint Benoit selon saint Grgoire
le Grand, Rivista di Storia e Letteratura Religiosa V 1969, pp.
384-9!.
Dagens 19778
C. Dagens, Saint Grgoire le Grand. Culture et exprience chrtiennes, Paris 1977.
Dagens i977b
C. Dagens, Grgoire le Grand et le ministre de'la parole. Les
notions d"O rdo praedicatorum et offcium praedicationis, in
Forma Futuri. Studi in onore del Card. M. Pellegrino, Torino 1977,
pp. 1054-73.
Dagens 1981
C. Dagens, Grgoire le Grand et le monde orientai, Rivista di Sto
ria e Letteratura Religiosa X V I I 19 8 1, pp. 243-52.

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

XIX

Dagens 1991
C. Dagens, Saint Grgoire ie Grand, consul D ei. L a mission
prophtique dun pasteur, in Gregorio Magno e il suo tempo, I,

33 45

PP- - de Gaiffer 19 66
B.
de Gaiffer, M iracles bibliques et Vies de Saints, Nouvelle Revue Thologique L X X X V I I I 1966, pp. 376-85.
deV ogii 1961
A.
de Vogii, La communaut et l'ab b dans la R gie de saint Benott, Paris 19 61.
de Voglie 1972
A. de Voglie, La rencontre de Benoit et de Scholastique. Essai d'interprtation, Revue d histoire de la spiritualt X L V III 1972,

257 73

PP- de Vogii 1975


A. de Vogii, Discretione praecipuam : quoi Grgoire pensait-il?,
Benedictina X X I I 1975, pp. 325-7.
de Vogii 19768
A. de Vogii, Benoit, m odle de vie spirituelle d aprs le deuxim e
iivre des Dialogues de saint Grgoire, Collectanea Cisterciensia
X X X V I I I 1976, pp. 147-57de Vogii 19760
A. de Vogii, La m ention de la regula monachorum la fin de la
vie de Benoit (Grgoire, D ial. II j6 ) . Sa fonction littraire et spiri
tuelle, Regulae Benedicci Studia V 1976, pp. 289-98.
de Vogii 19760
A. de Vogii, Grgoire le Grand, lecteur de Grgoire de Tours?,
Analecta Bollandiana X C IV 1976, pp. 225-33.
de Vogii 1976-77
A. de Vogii, Un cinquantenaire: Vdition des Dialogues de saint
Grgoire par Umberto Moricca, Bullettino dellIstituto Storico
Italiano per il Medio Evo e Archivio Muratoriano L X X X V I
l ^~ >PP- 183-216.
de Vogii 1986
A. de Vogii, De la crise aux resolutions: les Dialogues cornine histoireduneme,inFontaine-Gillet-Pellistrancli 19 86,pp. 305-14.
de Vogii 19883
A. de Vogii, La mort dans les monastres: Jonas de Bobbio et
les Dialogues de Grgoire le Grand, in M m orial Dom Jean G ribomont (1920-1986), Roma 1988 (Studia Ephemeridis Augustinianum X X V II), pp. 593-619.
de Vogii i988b
A. de Vogii, Grgoire le G rand et ses Dialogues d aprs deux ou-

97 77

XX

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

vrages recenti, Revue dHistoire Ecdsiastique L X X X III 1988,


pp. 281-348.
de Vogii 1991
A. de Vogii, Les Dialogues, oeuvre authentique et publie
par Grgoire lui-mme, in Gregorio Magno e il suo tempo, II,
pp. 27-40.
de Voglie 1996
A. de Vogii, L auteur du Commentane des Rois attribu saint
G rgoire: un m oine de Cava?, Revue Bndictine C V I 1996, pp.
319 -31.
de Vogii 1998
A. de Vogii, Genesi della Regola di s. Benedetto, in I F io ri e'
Frutti santi, pp. 7-16'.
de Voglie 1999
A. de Vogii, M oines, clercs et latcs dans les Dialogues de Grgoire
le Grand, Revue Mabillon L X X I 1999, pp. 9-35.
de Vogii 2000
A. de Vogii, Du nouveau sur les Dialogues de saint Grgoire,
Collectanea Cisterciensia L X II 2000, pp. 193-8.
Dudden 1905
F. H. Dudden, Gregory th Great: his Place in H istory and
Thought, I-II, London 1905.
Evans 1986
G . R. Evans, The Thought 0/ Gregory th Great, Cambridge 1986.
Fontaine-Gillet-Pellistrandi 1986
J . Fontaine-R. Gillet-S. Pellistrandi (a cura di), Grgoire le Grand.
Actes du Colloque intem ationalde Chantilly iy -19 septem bre 19 8 2,
Paris 1986.
Gasparri 1991
S. Gasparri, Gregorio Magno e lItalia meridionale, in Gregorio
Magno e i l suo tempo, I, pp. 7 7 -10 1.
Gillet 1961
R. Gillet, Spiritualit et place du moine dans lglise selon saint
Grgoire le Grand, in Thologie de la vie monastique. Paris 19 6 1,
pp. 323-51.
Gillet 1986
R. Gillet, Grgoire I le Grand, in D H G E X X I, Paris 1986, pp.
1387-420.
Gillet 1990
R. Gillet, Les Dialogues sont-ils de G rgoire?, Revue des Etudes
Augustiniennes X X X V I 1990, pp. 309-14.
Godding 1988
R. Godding, Les Dialogues... de Grgoire le Grand: propos d un
livre rcent, Analecta Bollandiana C V I 1988, pp. 201-29.

a b b r e v ia z io n i b ib l io g r a f ic h e

XXI

Godding 1990
R. Godding, Bibliografia d i Gregorio Magno ( 1890-1989), Roma
1990.
Godding 19 91

R. Godding, Cento anni di ricerche su Gregorio Magno. A pro


posito di una bibliografia, in Gregorio M agno e i l suo tempo, I,
pp. 293-304.
Godding 2004

R. Godding, Tra due anniversari: Gregorio Magno alla luce degli


studi recenti (1991-2003), in Gregorio M agno n el X IV centenario
della morte, pp. 88-104.
Gregorio Magno e i l suo tempo
Gregorio Magno e i l suo tempo. A tti d el X IX incontro d i studiosi
dell'antichit cristiana, I II, Roma 1991 (Studia Ephemeridis Au-

gustinianum XXXIII-XXXIV).
Gregorio M agno n el X IV centenario della morte
Gregorio M agno n el X IV centenario della morte. A tti del Convegno
internazionale d i Roma, 22-23 ottobre 2 0 0 J, Roma 2004 (Atti dei
Convegni Lincei 209).
Gross 1975
K. Gross. D er Tod des HI. Benedictus. Ein Beitrag zu Gregor d.
Gr., D ial. 2 , 3 7 , Revue Bndictine L X X X V 1975, pp. 164-76.
Guevin
B. Guevin, A new Gregorian Controversy: th Authorsbip o f th
Commentary on First K ing on Doubt, American Benedictine Re-

view L 1999, pp. 437-43.


Ilagiographie, Cultures et sacits
Hagiographie, Cultures et socits (IV t-X IItf sicles), Actes du Colbq u e de Nanterre et Paris (2 -3 m ai 1979), Paris 19 8 1.
Hallinger 1937
K. Hallinger, Papst Gregor der Grosse und der HI. Benedikt,
in B. Steidle, Commentationes in Regulam sancii Benedicti, Roma
1957 (Studia Anselmiana 42), pp. 2 31-319 .
Holtz 1986
L. Holtz, Le contexte grammatica! du dfi la grammaire: Grgoi
re et Cassiodore, in Fontaine-Gillet-Pellistrandi 19 86,pp. 531-40.
Iadanza 1995
M. Iadanza, I l tema della paternit gregoriana dei Dialogi e la tra
dizione manoscritta nei secoli V II e V ili, Benedictina XLII

1995. PP- 315*341 Fiori e ' Frutti santi

l F iori e Frutti santi. S. Benedetto, la Regola, la santit nelle testi


monianze dei manoscritti cassinesi, Abbazia di Montecassino 1998.

XXII

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

Jenal 199$
G . Jenal, Italia Ascetica atque Monastica. Das Asketen- u n i
Mncbtum in Italien von den Anfngen bis zur Z eit der Langobarden (ca. 1 $0/250-604), Stuttgart 1995.
Kinnirey 1935
A. J . Kinnirey, The Late Latin Vocabulary o f th Dialogues o f Si.
Gregory th Great, Washington 1935.
Laporte 1963
J . Laporte, S. Benoit et lepaganism e, Saint-Wandrille 1963.
L e G o ff 1981
J. L e G off, Vita et pre-exem plum dans le z* livre des Dialogues
de Grgoire le Grand, in Hagiographie, Cultures et socits, pp.
105-20.
Leyser 1991
C.
Leyser, St. Benedict and Gregory th Great: another Dialogue,
in S. Pricoco-F. Rizzo Nervo-T. Sardella (a cura di), Sicilia e Italia
suburbicaria tra IV e V ili secolo, Soveria Mannelli 19 9 1, pp. 21-43.
Leyser 2000
C. Leyser, A ulhority and Asceticism from Augustine to Gregory th
Great, Oxford 2000.
Luiselli 1992
B. Luiselli, Storia culturale d ei rapporti tra mondo romano e mondo
germanico, Roma 1992.
Mhler 1973
M.
Mahler, vocations bibliques et hagiographiques dans la V ie de
saint Benoit par saint Grgoire, Revue Bndictine L X X X III
I i< PP- 398-429Markus 1997
R. A. Markus, Gregory th Great and H is W orld, Cambridge 1997
(trad. it. Milano 2001).
Markus 2003
R. A. Markus, H aec non longe sunt. Gregory th Great on th
Antichrist and th End, in R. Barcellona-T. Sardella (a cura di),
M unera am icitiae. Studi d i storia e cultura sulla Tarda Antichit of
fe rti a S . Pricoco, Soveria Mannelli 2003, pp. 255-64.
Mazzarino 1980
S. Mazzarino, L *era costantiniana e la prospettiva storica di
Gregorio Magno, in II passaggio dal mondo antico a l medioevo,
da Teodosio a San Gregorio Magno, Roma 1980 (Atti dei Convegni
Lincei 45), pp. 9-28.
Me Cready 1989
W. Me Cready, Signs o f Sanctity. M iracles in th Thought o f G re
gory th Great, Toronto 1989.

97

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

XXIII

Me Culloh 1976
J. Me Culloh, The Cult o f Relics in th Letters and 'Dialogues
o f Pope Gregory th Great: a Lexicographical Study, Traditio
X X X I I 1976, pp. 145-84.
Meyvaert 1977
P. Meyvaert, B enedici Gregory, B edean d Others, London 1977.
Meyvaert 1979
P. Meyvaert, The Date o f Gregory th Greats Commentaires on
th Canticle o f Cantcles and on I K ings, Sacris Eruditi X X III
. PP- 19 1-2 16 .
Meyvaert 1988
P. Meyvaert, The Enigm a o f Gregory th G reat's Dialogues: a
R.esponse to Francis Clark, Journal o f Ecclesiastical History
X X X IX 1988, pp. 335-81.
Meyvaert 2004
P. Meyvaert, The Authentic Dialogues o f Gregory th Great, Sa
cris Erudiri X L III 2004, pp. 55-129.
Molland 1964
E. Molland, 'U t sapiens m edicus. M edicai Vocabulary in St. Benedicts Regala monachorum, Studia Monastica V I 1964, pp.
273-98.
Monfrin 1991
F. Monfrin, Voir le monde dans la lumire de Dieu. propos de
Gregoire le Grand, Dialogues II 35, in Les fonctions des Saints
dans le monde Occidental (IT-XU T' sicles). Actes du colloque or
ganisi par l cole franqaise de Rome, 27-29 o d . 1988, Roma 1991
(Coll, de lcole Franqaise de Rome 149), pp. 37-49.
Morin 1908
G. Morin, Pour la topographie ancienne du M ont-Cassin, Revue
Bndictine X X V 1908, pp. 277-303; 468-97.
O Donnell 1995
J. J. O Donnell, The Holiness of Gregory, in J . C. Cavadini (a
cura di), Gregory th Great. A Symposium, Notre Dame-London
1995, pp. 62-81.
Otranto 1991
G. Otranto, Italia m eridionale e Puglia paleocristiane, Bari 1991.
Pani Ermini 19 81
L. Pani Ermini, Subiaco a llepoca d i s. Benedetto. Note d i topogra
fia , Benedictina X X V III 19 8 1, pp. 69-80.
Pantoni 1981
A. Pantoni, R icordi e cim eli d i s. Benedetto a Montecassino, Bene
dictina X X V III 19 8 1, pp. 81-95.

1979

XXIV

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

Peifer 2000
C, J . Peifer, The Origins o f Benedictine M onasticism: State o f th
Question, American Benedictine Review L I 2000, pp. 293-31 5Penco 1983
G . Penco, Storia d el monacheSimo in Italia, Milano 19832.
Penco 1986
G . Penco, Sulla struttura dialogica dei Dialoghi d i s. Gregorio,
Benedictina X X X I I I 1986, pp. 329-35.
Penco 1998
G . Penco, La figura di s. Benedetto nella tradizione monastica
latina, in I F io ri e Frutti santi, pp. 25-35.
Petersen 1984
J. M. Petersen, The Dialogues o f Gregory th Great in their Late
A ntique Cultural Background, Toronto 1984.
Pricoco 1978
S. Pricoco, L'isola dei santi. I l cenobio d i Lerino e le origini d el mo
nacheSimo gallico, Roma 1978.
Pricoco 1991
S. Pricoco, Gregorio Magno e la sua et: ragioni di un incontro
di studio, in L. Giordano (a cura di), Gregorio M agno: il maestro
della comunicazione spirituale e la tradizione gregoriana in Sicilia,
Catania 19 9 1, pp. 9-19.
Pricoco 1992
S. Pricoco, Egredere de terra tua: L a fortuna di G en. 1 2 , 1 nella
prima cultura monastica, in D e Tertullien aux Mozarahes. M langes offerts ]. Fon faine, I, Paris 1992, pp. 119 -3 1.
Pricoco 1998
S. Pricoco, Benedetto nei D ialogi di Gregorio Magno, in I Fiori
e Frutti santi, pp. 17-24.
Prinz 1988
F. Prinz, Fruhes Mnchtum im Frankenreich. K ultur und G esellschafl in G allien, den Kheinlanden und Bayem am Beisptel der monastischen Entw icklung, Darmstadt 19882.
Prinz 1991
F. Prinz, Papa Gregorio Magno, il monacheSimo siciliano e
dellItalia meridionale e gli inizi della vita monastica presso gli an
glosassoni, in S. Pricoco-F. Rizzo Nervo-T. Sardella (a cura di),
Sicilia e Italia suhurbicaria tra IV e V ili secolo, Soveria Mannelli
19 9 1, pp. 7-20.
Ramos Lissn 1991
D. Ramos Lissn, Grgoire le Grand, Landre et Reccarde, in
Gregorio Magno e il suo tempo, I, pp. 187-98.

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

XXV

Recchia 1972
V. Recchia, La visione d i S. Benedetto e la compositi)} d el secondo
libro dei Dialoghi d i Gregorio M agno, Revue Bndictine
L X X X I I 1972, pp. 140-55.
Recchia 1974
V. Recchia, L e om elie d i Gregorio M agno su Ezechiele, Bari 1974.
Recchia 1978
V. Recchia, Gregorio Magno e la societ agricola, Roma 1978.
Recchia 1979
V. Recchia, I l praedicator nel pensiero e n ellazione d i Gregorio
Magno, Salesianum X L I 1979, p. 333 sgg.
Recchia 1982-83
V. Recchia, San Benedetto e la politica religiosa dell'O ccidente nel
la prim a met del secolo VI dai Dialogi d i Gregorio Magno, Ro
manobarbarica V II 1982-83, pp. 201-52.
Recchia 1983
V. Recchia, Gregorio Magno: lo Spirito Santo nella vita della
Chiesa e delle singole anime, in S. Felici (a cura di), Spirito Santo
e catechesi patristica,Fam a 1983, pp. 155-94.
Recchia 1984
V. Recchia, Monache e monasteri femminili nelle opere di G re
gorio Magno, in F. Marangelli (a cura di), L e Abbazie nullius.
Giurisdizione spirituale e feudale n elle comunit fem m inili fin o a
Pio IX , Fasano di Puglia 1984, pp. 89-130.
Recchia 1986
V. Recchia, I protagonisti delloffensiva romana antimonofisita tra
la fine del quinto e i primi decenni del sesto secolo dai Dialoghi di
Gregorio Magno, in Fonraine-Gillet-Pellistrandi 1986, pp. 159-69.
Ricci 2002
C. Ricci, Mysterium dispensationis. Tracce d i una teologia della
storia in Gregorio M agno, Roma 2002 (Studia Anselmiana 135).
Richards 1980
J. Richards, Consul o fG o d . The L ife and Tim es o fP o p e Gregory
th Great, London 1980 (trad. it. I l console d i D io, Firenze 1984).
Schmitt 1994
J.-C . Schmitt, Les revenants. Les vivants et les morts dans la socit
m divale, Paris 1994 (trad. it. Bari 1995).
Simonetti 1985
M. Simonetti, Lettera e/o allegoria. Un contributo alla storia del
l'esegesi patristica, Roma 1985.
Simonetti 1997
M. Simonetti, Gregorio Magno e la nascita dell'Europa, Vetera
Christianorum X X X IV 1997, pp. 310-27.

XXVI

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

Simonetti 2004
M. Simonetti, M ediator d ei et hominum. Cenni di cristologia gre
goriana, in Gregorio Magno n el X IV centenario della morte, pp.
197-206.
Straw 1988
C. Straw, Gregory th Great. Perfection in Im perfection, Berkeley
1988.
Straw 1995
C. Straw, Purity and Death, in J . C. Cavadini (a cura di), G re
gory th Great. A Symposium, Notre Dame-London 1995, pp.
16-37.
Straw 1996
C. Straw, Gregory th Great, Aldershot 1996.
Straw 2004
C. Straw, The classical heritage and a new spiritual synthesis, in
Gregorio Magno n el XIV centenario della morte, pp. 105-29.
Tateo 1965
F. Tateo, La struttura dei dialoghi d i Gregorio Magno, Vetera
Christianorum I l 1965, pp. 101-27.
Umbria cristiana
Umbria cristiana. Dalla diffusione d el culto a l culto dei santi (secc.
IV-X). A tti d el X V Congresso internazionale d i studi su llA lto M e
dioevo, Spoleto 23-28 ottobre2000, Spoleto 2001.
VanUytfanghe 1981
M. Van Uytfanghe, La controverse biblique et patristique autour
du mirade, et ses rpercussions sur lhagiographie dans lAntiquit tardive et le haut Moyen ge latin, in Hagiographie, Cultures et socits, pp. 205-33.
Van Uytfanghe 1986
M. Van Uytfanghe, Scepticisme doctrinal au seuil du Moyen
ge? Les objections du diacre Pierre dans les Dialogues de Grgoirele Grand, in Fontaine-Gillet-Pellistrandi 1986, pp. 314-26.
Van Uytfanghe 1987
M. Van Uytfanghe, Stylisation biblique et condition hum aine dans
l hagiographie m rovingienne (600-750), Brussel 1987 (Verhandelingen van de Koninldijke Academie voor Wetenschappen, Letteren en Schone Kunsten van Belgi. Klasse der Letteren, Jaargang
49, Nr. 120).
Van Uytfanghe 1991
M. Van Uytfanghe, Les Visiones du trs haut Moyen ge et les
rcentes expriences de mort temporaire, Premire panie, in
Aevum inter utrumque. M langes offerts G abriel Sanders, Steenbruge 19 91, pp. 447-81.

ABBREVIAZIONI BIBLIOGRAFICHE

XXVII

Van Uytfanghe 1992-93


M. Van Uytfanghe, Les Visiones du trs haut M oyen A ge et les rcentes expriences de m ori tem poraire', Deuxime partie, Sacris
E r u d ir i X X X III1992-93, pp. 135-8 1.
Var. Uytfanghe 2004

M. Van Uytfanghe, L eschatologie des Dialogues grgoriens:


expriences potentielles, assises idelles, fiction littraire, in G re
gorio Magno n elX IV centenario della morte, pp. 254-77.
Vilclla 1991

J. Vilella, Gregorio Magno e Hispania, in Gregorio Magno e il


suo tempo, I, pp. 167-86.
Vitale Brovarone 1974

A. Vitale Brovarone, La form a narrativa d ei Dialoghi d i Grego


rio Magno: problem i storico-letterari, Atti dellAccademia delle
Scienze di Torino. Classe di Scienze morali, storiche e filologiche
C V I II 1974, pp. 95-173Vitale Brovarone 1975
A. Vitale Brovarone, La form a narrativa d ei Dialoghi d i Gregorio
M agno: prospettive d i struttura, Atti dellAccademia delle Scienze
di Torino. Classe di Scienze morali, storiche e filologiche CIX
1975, pp. 117-8 5.
Von der Nahmer 1987
D. Von der Nahmer, Gregor der Grosse und der H eilige Benedikt,
Regulae Benedicti Studia X V I 1987, pp. 8 1-10 3.
Wansbrough 1965
J . H . Wansbrough, St. Gregorys Intention in th Stories o f St.
Scholastica and St. Benedict, Revue Bndictine L X X V 1965,
pp. 145-51.

1'

V *; 'uT\ I
:*' *' : * 'V*'
*. I-. r>
;i t i * i
i,'. ij, X 'i 1
- i
r w v if i
V n , - r\-A
>. , .
' '< ' . r
-,
I

i'i. ..
l *. > 1 : '
' * !m
'
..'vi. <
m
!

.y.-i

, :j S\ r

**


. ,

' *.a ' - ,, ' i w


J|

,1

II.*

"h :

' . r..- :V
< ! -V.
r-

t'I

> i.

.1 - V

r \ f , t ,~i '

'

1 /
"

,,

(.tu
* '/
1 i

<*1
1
: fi

1.1 .
I;
i. T .

.
i <v
I- /. ..u -v

). ' '

-A

"

1 i
,1 .

. ;

i ,

i ,
.t
V
, : , i . . . . ii

f
l-

'IVlP >V 1 .\* .V W 1- , V


7

IU., <
;*> i

1,

.f .
,

' ( :.T 1*'


'
l

.?v

-, >.

'

*- -A '
J\ v
.

f i w }

.'<r :.ri;; 4

-1

TESTO E TRADUZIONE j

, I.
n

,# i

; 0 1

Cl )j '

Conspectus siglorum

G SangaUensis 2 13 , saec. V ili


I l Augustodunensis 20, saec. V ili
b ed. Benedictinorum, Parisiis 1705 (= PL L X X V II)
m ed. U. Moricca, Romae 1924
v ed. A. de Vogu, SCb 2 5 1. 260. 265 (Parisiis 1978. 1979. 1980)
r ed. R. Mittermiiller, Ratisbonae 1880 (liber II)
w ed. G . Waitz, Hanovriae 1878 (excerpta)
z

uersio graeca Zachariae (PL L X X V II [libri I. III. IV ] P L L X V I


[liber II])

Siglum (ap) siglo editionum appositum indicat lectiones quae leguntur in apparatu editionis: ex. gr., m(ap) = lectio in apparati! editionis m.

DIALOGORVM GREGORIIPAPAE
LIBRI QUATTVOR
DE MIRACVLIS PATRVMITALICORVM

DIALOGHI DI PAPA GREGORIO


IN QUATTRO LIBRI
SUI MIRACOLI DEI PADRI ITALIANI

LIBER TERTIVS

Prologus
Dum uicinis ualde patribus intendo, maiorum facta reliqueram, ita ut Paulini miraculum Nolanae urbis episcopi, qui
multos quorum memini uirtute et tempore praecessit, memoriae defuisse uideatur. Sed ad priora nunc redeo eaque quan
ta ualeo breuitate perstringo. Sicut enim bonorum facta innotescere citius similibus solent, senioribus nostris per iustorum
exempla gradientibus praedicti uenerabilis uiri celebre nomen
innotuit, eiusque opus admirabile ad eorum se instruenda stu
dia tetendit. Quorum me necesse fuit grandaeuitati tam certo
credere, ac si ea quae dicerent meis oculis uidissem.

De Paulino Nolanae ciuitatis episcopo


i.
Dum saeuientium Wandalorum tempore fuisset Italia in
Campaniae partibus depopulata multique essent de hac terra
in Africana regione transducti, uir Domini Paulinus cuncta,
quae ad episcopii usum habere potuit captiuis indigentibusque largitus est. Cumque iam nihil omnimodo superesset quod

i, i . urbis b
1. dum... cum multis (lin. 87) accedit w I curri m(ap) w(ap)
africattarli rcgfottem m(ap) w(ap) b

4.

LIBRO TERZO

Prologo
P e r attendere ai padri vicini a noi nel tempo ho trascurato i
fatti di quelli pi antichi: cos sem bra m ancare al nostro ricordo il
miracolo di Paolino, vescovo di N ola, che ha preceduto per virt
e nel tempo m olti di coloro che ho qui ricordato. Perci torno ora
a fatti accaduti in precedenza e li espongo brevemente. Poich ci
che hanno fatto i buoni stato subito conosciuto da chi loro si
mile e i nostri antichi hanno bene operato sullesempio dei giusti,
diventato molto fam oso il nome di questo uomo venerabile, e la
sua opera ammirevole valsa ad alimentare il loro zelo. A lla loro
antica testimonianza io ora mi affid o con sicurezza, quasi che ab
bia visto con i miei occhi i fatti che essi hanno raccontato.

Paolino, vescovo della citt d i Nola


i.

<

Q uando in Italia la Cam pania fu devastata dallinvasione dei

Vandali e molti di l furono trasportati in A frica, Paolino, uomo


del Signore, elarg tutto quello che veniva utilizzato per la gestio
ne dellepiscopio a benefcio dei prigionieri e degli indigenti. N on

DIALOGORVM in , I

petentibus d a re potuisset, d ie qu od am q uaedam u id u a aduenit, q u ae a regis W an d aloru m genero suum filiu m in captiuitate fuisse ductum p erh ibu it, atque a u iro D e i eiu s pretium pos10 tulauit, si forte illiu s dom inu s h o c d ign aretu r accipere et hunc
con ced ere a d p ro p ria rem eare.
2. S e d u ir D e i, m agn op ere petenti fem inae q u id dare p o
tuisset in q uiren s, nihil ap u d se aliu d nisi se inuenit, p etentique
fem inae resp o n d it dicens: M u lier, q u id possim dare non hais b eo , sed m em etipsum tolle, m e seruum iu ris tui esse p ro fitere,
atque ut filium tuum recipias, m e uice illius in seruitium trad e. Q u o d illa e x ore tanti uiri audiens, inrisionem potiu s credid it quam conpassionem . A t ille, u t erat u ir eloquentissim us
atque ad p rim e ex te rio rib u s q u o q u e studiis eru d itu s, dubitanti
20 fem inae citius persu asit u t audita cred eret et p r recep tion e filii sui in seruitio ep isco p u m tradere n o n dubitaret.
3. P e rre x e re ig itu r u triq u e ad A frica m . P ro ced e n ti autem
regis genero, q u i eius filium h abebat, u id u a rogatu ra se obtulit
ac prius petiit ut ei donari debuisset. Q u o d cum u ir b arb aru s
25 typo su perb iae tu rgid u s, gau d io transitoriae p rosp eritatis in
flatus, non solum facere sed etiam au d ire d esp iceret, uidua
subiun xit dicens: E cce , h u nc hom inem p r eo uicarium praebeo, et solum m od o pietatem in m e e x h ib e m ih iqu e unicum fi
lium redde. C u m q u e ille uenusti u ultus hom inem conspexis30 set, quam artem nosset inquisiuit. C u i uir D o m in i P au linu s

respond it dicens: A rtem quidem aliquam nescio, sed hortum

7. die quodam G m(ap) w(ap): quodam die m b v w quadam de H m(ap) w(ap) (cf.
rpgg ti vi 2)
8-9. captiuitate H m v w(ap): -lem G m(ap) b w (cf. v Tf) alypaXuwin z) 9. fuisse ductum H w(ap) b: ductum fuisse G m v w fuisse deductum m(ap)
11. concedere m w: -rei G m(ap) w(ap) b v -rii H (cf. Jtagay.<up>iaa i z)
12. domini H m(ap) w(ap)
19. adprime: a prima aetate
m(ap)
lo -i. filii sui H m(ap) b: filiis e G m v \v su ifilii m(ap) (cf. toO tioO
aTfjg z)
21. seruitio G m(ap) \v(ap): -tium H m b v w z (cf. lin. 83)
22.
perrexere m b v w : -erunt G H m(ap) \v(ap)
24. filium post ei add. b z I donari
G m v w: -re H m(ap) w(ap) b
25. typho m(ap) b
28. et om. b z
30.
dei m(ap) b z

DIALOGHI III, 1

gli rimaneva altro da dare a chi chiedeva, quando un giorno venne


una vedova che gli disse che suo figlio era stato condotto in catti
vit dal genero del re dei Vandali e chiese alluom o di D io il prez
zo del riscatto, nella speranza che il padrone del figlio volesse ac
cettarlo e gli concedesse di tornare nella sua patria.
2. M a Paolino, cercando com e potesse esaudire la richiesta
della donna, non trov presso di s altro che s stesso, e allora le
disse: Donna, non ho di che darti: ma prendi me stesso, d i che
io ti appartengo e consegna me alla schiavit per recuperare tuo
tiglio. A sentir parlare in questo m odo un uom o tanto im portan
te, la donna credette che egli volesse prenderla in giro piuttosto
che com piangerla. M a quello, eloquente com era e bene istruito
nelle discipline profane, non d m ise m olto a vincere le esitazioni
della donna, che prest fede a ci che sentiva e si convinse a con
segnare il vescovo alla schiavit p er riavere suo figlio.
3. A m bedue si recarono in A frica e una volta che il genero del
re, padrone del figlio della donna, usc in pubblico, la vedova gli
si present e dapprim a gli chiese di restituirle senza riscatto il fi
glio. Poich il barbaro, gonfio di superbia ed euforico per la gioia
che gli arrecava la momentanea prosperit, rifiutava non solo di
fare ma anche di ascoltare, la vedova aggiunse: E cco, ti offro
questuom o in cambio dellaltro: abbi piet di me e rendimi il m io
unico figlio. Q uello, vedendo un uom o di aspetto piacevole, gli
chiese quale mestiere conoscesse, e Paolino rispose: N on cono-

IO

DIALOGORVM III, /

bene ex co lere scio. Q u o d uir gentilis uald e lib en ter accepit,


cum in nutriendis h olerib u s quia peritus esset audiuit. Suscepit itaqu e seruum , et roganti u id u ae red d id it filium . Q u o ac35 cep to, uidua ab A fric a n a regione discessit.
4. P au lin u s uero exco len d i h orti su scep it curam . C u m qu e
isdem regis gen er c reb ro in gred eretu r hortum suum que hortolanum q uaedam requ ireret, sapientem uald e esse hom inem uideret, am icos coep it fam iliares deserere et saepius cum suo
40 h orto lan o con lo qu i atque eius serm onibus delectari. C u i P a u
linus cotid ie a d m ensam od oras uiren tesque h erbas deferre
consueuerat et, accep to pane, ad curam horti rem eare.
5. C u m q u e h o c diutius ageretur, quadam d ie suo d om ino
secum secretius loq u en ti ait: V id e q u id agas, et W andalorum
45 regnum q ualiter d ispo n i d eb eat p rou id e, quia re x citius et sub
om ni est celeritate m oriturus. Q u o d ille audiens, quia ab eodem rege p rae ceteris diligebatur, ei m inim e tacu it sed quid
a suo h ortolan o, sapiente scilicet u iro, agnouisset indicauit.
Q u o d dum re x audisset, ilico respondit: E g o u ellim h u nc, d e
50 q u o loq ueris, hom inem u id ere. C u i gener eiu s, u enerabilis
Paulin i tem poralis dom inu s, respon d it dicens: V iren tes h er
bas m ihi ad p ran d iu m d eferre consueuit. H a s itaqu e h u c ad
m ensam eum d ep o rtare facio, u t qu i sit qu i m ihi h aec est locutus, agnoscas.
55

6. F actu m q u e est, et cum re x ad p rand end um discubuit,

31. accepit H m(ap) b v w(ap): accipit G m w (cf. aio z)


33-4. suscepit G
H m(ap) b v w(ap): suscipit m w (cf. E.ato z)
37. idem m(ap) b
yt.requirens m(ap) I et post requireret acid, w(ap) b
39. amicus m w(ap) (rette?) I et
antefamiliares add. m(ap) b
41. odoras m b(ap) v w: odoratas II b(ap) odoriferas m(ap) w(ap) b boleras G wlap) olera m(ap) w(ap)
45. debeat G m b v m
as H m(ap) w(ap)
46. est celeritate H m(ap) w(ap): cel- est G m b v w I quia G
m(ap) w(ap) b: qui H m v w (cf. >; z)
47. quid H G (ex corr.) m b v w z: quia
G (ante corr.) m(ap) quod m(ap)
48. sapiente G m b w: -ti H m(ap) w(ap) b
49. cum m om. w(ap) I rex om. m(ap) w(ap) I uellim m w: uellem G H m(ap) w(ap)
b v uelim m(ap) (cf. OXcu z)
53. qui sit H m v w: quii G m(ap) w(ap) b quid
m(ap) I mtbihaec G H m(ap) w(ap) b: haec mihi m v w z
55. dum b I prandium
G m(ap) w(ap)

DIALOGHI III, /

II

sco alcun mestiere, ma so coltivare bene un orto. Q uando quel


barbaro lo sent dire che era esperto nella cura degli ortaggi, ac
cett volentieri: prese Paolino e restitu il figlio alla vedova che
glielo chiedeva e che and via dallAfrica.
4. Cos a Paolino fu affidato rin carico di coltivare lorto. Il ge
nero del re vi si recava spesso, e quando gli chiedeva qualche
informazione, constatava che quelluom o sapeva molte cose. C o
minci allora a trascurare gli am ici consueti e a discutere pi di
frequente col suo ortolano, com piacendosi della sua conversazio
ne. D al canto suo, Paolino ogni giorno portava alla m ensa del pa
drone verdure fresche e odorose e, ricevuta la razione di pane,
tornava nellorto.
5. Continu cos p er parecchio tempo. U n giorno, parlando
pi confidenzialmente col suo padrone, Paolino gli disse: Valuta
bene ci che hai da fare e provvedi in che m odo si debba gestire il
regno dei Vandali, perch il re m orir prestissimo. A sentire
queste parole, quello che era caro al re pi di ogni altro, non gli
nascose la notizia e gli rivel tutto ci che aveva appreso dal suo
ortolano, che era uomo sapiente. A queste parole il re rispose:
Vorrei vedere anchio luom o di cui stai parlando. Suo genero,
padrone temporale di Paolino, gli disse: O gni giorno porta ver
dura fresca per il mio desinare. Perci gliela far portare alla tua
tavola, affinch tu conosca chi colui che ha parlato in questo
modo.
6. Cos fu fatto. Q uando il re sedette a pranzo, Paolino venne a

DIALOGORVM

12

ni, /

P au lin u s e x suo o p e re od o ra q u aeq u e et u irentia delaturus uenit. C u m q u e h u n c rex su b ito consp exisset, intrem u it atque,
ascito eiu s d om in o , sibi p e r fliam p ro p in q u o , ei secretum ,
q u o d p riu s abscon d erat, ind icau it dicens: V e ru m est quod
60 audisti. N an i n o cte h ac in som nio sedentes in tribu nalibu s
con tra m e iud ices u id i, in ter qu os iste etiam sim ul sed ebat, et
flagellim i, q u o d aliq u an d o accep eram , eoru m m ihi iu d icio tollebatur. S ed p ercu n ctare quisnam sit. N a n i ego h u n c tanti m e
riti uirum p op ularem , ut con sp icitu r, esse no n su spico r.
6$

7. T u n c regis gen er secreto P au lin u m tulit, q u id nam esset


inquisiuit. C u i u ir D o m in i respondit: Seru u s tuus sum , quem
p r filio u id uae uicarium suscepisti. C u m q u e instanter ille requireret, ut non q u id esset sed quid in su a terra fu isset indicaret atque h o c ab e o iteratione frequ entis inq uisitionis exigeret,

70 uir D o m in i, constrictu s m agnis coniu rationibu s, iam n o n ualens n egare q u id esset, episco pu m se fuisse testatus est. Q u o d
p ossesso r eius audiens, uald e pertim uit atque h u m iliter obtulit, dicens: P e te q u o d uis, quatenus ad terram tu am a m e
cum m agno m u n ere reuertaris. C u i u ir D o m in i P au lin u s ait:
75 V n u m est q u o d m ihi in p en d ere b en eficiu m p otes, u t om nes

ciuitatis m eae captiu o s relaxes.


8.

Q ui cuncti protinus in A frica n a regione requ isiti, cum

onustis frum ento nauibu s p r u enerand i uiri Pau lin i satisfactione in eius com itatu laxati sunt. P o st non m ultos u ero dies
80 W an d alorum re x occu bu it, et flagellu m , q u o d ad suam p em i-

56. odora G (ex corr.) H m b v w: adhora G (ante corr.) w(ap) ad botar w(ap) olera
m(ap) b(ap) \v(ap) I et om. w(ap) b(ap)
$6-7. aduenit ra(ap) w(ap) b
58.
ascilo H: acato m v w acito m(ap) w(ap> accanito m(ap) w(ap) b arcessilo G
w(ap)
63. quisnam H m b v w: quidnam G w(ap)
65 .e t post tulit add. b I
quidnam G m v w: quinam H quisnam m(ap) w(ap) b z
66. quem om. m(ap)
w(ap)
68. ut. et H m(ap) I non quis m(ap) w(ap) I sed inquid m(ap) w(ap) I
suam terram G terra sua b
69. frequentis inquisitionis G H m b v : frequen
ti inquisitione m(ap) b(ap) frequenti et inquisitione b(ap)
78. uiri om. m
w(ap)

DIALOGHI III, I

13

portargli verdure di ogni genere, fresche e odorose, da lui coltiva


te. M a appena il re lo vide, prov spavento e, fatto venire il padro
ne, che per parte della figlia era suo parente, gli rivel un segreto
che prima aveva tenuto nascosto: E vero ci che hai udito. Infat
ti la scorsa notte ho visto in sogno dei giudici che sedevano in tri
bunale per giudicarmi, e tra loro sedeva anche costui e la verga,
che tempo prima avevo ricevuto, per loro giudizio mi veniva tolta.
Perci informati chi egli sia, perch un uomo di tanto merito non
pu essere un popolano, quale appare.
7. Allora il genero del re prese da parte Paolino e gli chiese chi
fosse. L uomo del Signore rispose: Sono un tuo servo: mi hai
preso in sostituzione del figlio della vedova. M a quello insisteva,
chiedendo che egli rivelasse non ci che era attualmente ma chi
era stato nella sua terra. Insistette a lungo e con autorit e lo scon
giur, finch l uomo del Signore, costretto dalle insistenze, non
pot nascondere chi fosse e dichiar di essere stato vescovo. A p
presa la notizia, il padrone si spavent m olto e gli offr umilmente
riparazione: Chiedi ci che vuoi, in m odo da tornare al tuo paese
con un grande regalo. Paolino gli disse: U no soltanto il bene
ficio che mi puoi fare: libera tutti i prigionieri della mia citt.
8. Costoro furono subito ricercati in A frica e tutti furono libe
rati per dare soddisfazione a Paolino, e lo accom pagnarono nel ri
torno con navi cariche di grano. D o p o pochi giorni il re dei V an
dali mor e perse la verga che p er sua rovina aveva tenuto al fine

DIALOGORVM in , /

ciem dispensante D e o p r fidelium disciplinam tenuerat, amisit. S icq u e factum est, ut om nipotentis D ei fam ulus Paulinus
uera p raed iceret, et qui se in seruitio solum tradiderat, cum
m ultis a seruitio ad libertatem rediret, illum uidelicet im itatus
85 qui form am serui adsum psit, ne n os essem us serui peccati.
C u iu s sequens uestigia P au linu s ad tem pus uoluntarie seruus
factus est solus, ut esset postm odum lib e r cum m ultis.
9. p e t r v s . C um m e au d ire contigit qu od im itare non ualeo,
fiere m agis libet quam aliquid dicere.
90

GREGORIVS. D e cuius etiam m orte ap u d eius ecclesiam


scriptum est quia, cum d olo re esset lateris tactus, ad extrem a
perductus est, d um q u e eius om nis dom us in sua soliditate p er
sistere^ cubiculum , qu o iacebat aeger, facto terraem otu contrem uit om nesque qui illic aderant nim io terrore concussit,

95 sicque sancta illa anim a carne soluta est, factu m q u e est ut


m agnus p au o r inuaderet eos qui Pau lin i m ortem u id ere potuissent.
10. S ed quia haec, quam su periu s d ix i, P au lin i uirtus ualde
est intim a, n unc, si placet, ad m iracula e x te rio ra ueniam us,
100 q u ae et m ultis iam nota sunt, et ego tam religiosorum uirorum
relatione d id ici, ut d e his om n im o do am b igere non possim .

8i.</rtiG II mlap) b \v(p) z: domino m v w \ disciplinari G m(ap) w: -na H m \v(ap)


b v (cf. Szantyr, p. 271) I tenuerat G m(ap) w(ap): acceperal H m b v i ' <cf. tJ$(HTfci
z)
83. seruitio G m v w: -tittm H m(ap) w(ap) b z
88. dum b I contigit H m
v: contingil G m(ap) b (cf. owvptl z) I imitare G H m(ap): -ari m b v (cf. Szantyr, p.
292)
93. quo G m v: quodI I in quo m(ap) b z
99. intima m b v: intimala G
H m(ap) imitana m(ap) I si licet m scilicet m(ap)
101. possum m

DIALOGHI III, /

di castigare i cristiani, perch cos D io aveva voluto. Si avver


quindi la predizione di Paolino, servo di D io onnipotente, ed egli,
che da solo si era consegnato alla schiavit, torn in libert insie
me con molti, avendo imitato colui che per noi ha assunto la for
ma dello schiavo, affinch noi non fossim o schiavi del peccato.
Sulla sua traccia Paolino si fece schiavo volontariamente per un
certo tempo, per essere poi libero insieme con molti.
9. PIETRO. Q uando mi tocca di apprendere ci che non ho la
capacit di imitare, vorrei piangere piuttosto che parlare.

GREGORIO. Riguardo alla m orte, che lo colse nella sua chiesa,

hanno scritto che, colpito da un dolore al fianco, fu ridotto agli


estremi e, mentre tutta la sua casa restava intatta, la camera nella
quale egli malato era coricato trem p er un terremoto, terroriz
zando tutti i presenti. In questo m odo la sua anima si liber dalla
carne, e una grande paura invase tutti coloro che poterono assi
stere alla m orte di Paolino.
10. L a capacit di Paolino di fare il bene, della quale ho parla
to, era tutta interiore. Invece ora, se sei d accordo, veniam o a rac
contare di miracoli visibili e noti a molti, che ho appreso dal rac
conto di persone talmente pie da non poter nutrire dubbi a loro
riguardo.

, . Cf. Ep. Phil. 2, 7: Ep. Rom. 6, 17. 20

1 85

<

16

DIALOGORVM III, 2

De Iohatme papa
1. G o th o ru m tem po re, dum Ioh an nis u ir beatissim us, huius
R om anae e c d e s ia e p o n tife x , ad Iu stin u m seniorem principem
p ergeret, in C o rin th i p artibus aduenit. C u i n ecesse fuit u t in iti5 n ere ad sed end um equ u s requ iri debuisset. Q u o d illic quidam
u ir n o b ilis audiens, equum , quem p r m agna m ansuetudine
eius c o n iu x sed ere consueuerat, ita ei ob tu lit ut, cum ad loca
alia p eruenienti aptu s equ u s potuisset inu eniri, d eb eret ille
quem d ed erat p ro p te r suam coniugem retransm itti. Factu m q u e

io

est, et usque ad certum locum p raed ictu s uir, eq u o eodem subuehente, p erd u ctu s est. Q u i m o x u t alium rep perit, illum quem
accep erat retransm isit.
2. C u m q u e eum p raed icti nobilis uiri co n iu x sed ere e x m o
re uoluisset, ultra non ualuit, quia post sessionem tanti pontifi-

15 cis m ulierem ferre recusauit. C o ep it n am qu e in m en so flatu et


frem itu atque incessanti totius corp o ris m otu q u asi despiciend o p ro d ere quia p ost m em bra p on tifcis m ulierem ferre non
possit. Q u o d u ir eius p ru d en ter intuitus, h u nc ad eundem uenerabilem uirum p rotinu s retransm isit, m agnis p recib u s pe20 tens ut equum ip se possid eret, quem iuri suo sed en d o dedicasset.
3. D e q u o etiam illu d m irab ile a nostris sen ioribu s narrari
solet, q u o d in C on stan tin op olitan a u rb e ad portam quae uocatu r auream ueniens, p op u loru m tu rbis sibi occu rren tib u s, in
25 conspectu om nium roganti caeco lum en red d id it et m an u sup erpo sita o cu lo ru m tenebras fugauit.

2, 2. gothorum... aduenit (lin. 4) accedit w I cum b I iohannis G H m w: -es m(p) b v


w(ap)
3. iustinum b m v w: iustinianum G H m(ap) w(ap) z
4. corinthi-.
gotorum G I partes m(ap) w(ap)
8. peruenienti G m(ap) b v: -te H m I equus ap
tus m(ap) alias equus b
18. possit G H m: -et m(ap) b v
24. auream H m:
aurea G m(ap) b v (cf. Per. Aeth. 1 ) I sibi G m(ap) b v z: ibi H m b(ap)

DIAUX 5HI III, 2

17

I l papa Giovanni
1. A l tempo dei G o ti, quando il beato Giovanni, pontefice del
la nostra chiesa di Rom a, era in viaggio per recarsi dallimperatore
Giustino il Vecchio, arriv a C orinto e l si dovette cercare un ca
vallo di cui servirsi per il viaggio. L o venne a sapere un nobile che
risiedeva col e offr un cavallo m olto mansueto, di cui si serviva
abitualmente sua moglie, a patto che quando fosse arrivato in un
posto dove avrebbe potuto trovare una cavalcatura pi adatta,
quello offerto da lui gli venisse restituito per luso che ne faceva la
moglie. Cos fu fatto. Fino a un certo luogo G iovanni fu portato
da quel cavallo e, appena ne fu trovato un altro, quello fu riconse
gnato.
2. Ma quando la moglie del nobile volle come di consueto
mettersi in sella a quel cavallo, non le riusc perch il cavallo, d o
po che aveva portato un pontefice tanto importante, rifiut di es
sere cavalcato dalla donna. Si m ise infatti a sbuffare forte e a ni
trire e, agitandosi con tutto il corpo, dava a vedere com e per
disprezzo che, dopo aver portato il corpo del pontefice, non pote
va portare la donna. A llora il m arito, avendo capito, invi di nuo
vo il cavallo a Giovanni, pregandolo caldamente di tenerlo, dato
che sedendo in sella lo aveva reso di sua propriet.
3. D i G iovanni i nostri vecchi raccontano anche il seguente
miracolo. Q uando arriv alla porta di Costantinopoli che chia
mata Aurea, mentre il popolo gli veniva incontro in gran folla, al
la presenza di tutti, richiesto da un cieco gli pose la mano sugli o c
chi e cos scacci le tenebre e gli rese la vista.

D1ALOCOKVM 111, 3 - 4

18

De Agapito papa
1. P o st n on m ultum uero tem poris, exigen te causa G o th orum , uir quoq ue beatissim us A gapitu s, huius sanctae R om anae
ecclesiae p o n tifex cui D e o dispensante d eseru io, ad Iustis nianum p rin cip em accessit. C u i adhuc pergen ti quadam die
in G ra e cia ru m iam p artibus curandus oblatus est m utus et
clodus, qui neque ulla uerba edere n equ e ex terra um quam
surgere ualebat. C u m q u e hunc p ro p in q u i illius flentes obtulissent, uir D o m in i soUicite requisiuit an curationis illius ha10 berent fidem .
2. C u i dum in uirtute D e i e x auctoritate P e tri fix a m salutis
illius spem h ab ere se dicerent, p rotinu s uenerand u s u ir orationi incubuit, et m issarum sollem nia exo rsu s, sacrificiu m in conspectu D e i om nipotentis im m olauit. Q u o p eracto, ab altari
15 exien s, d o d i m anum tenuit atque, adsistente et aspiciente populo, eum m o x a terra in p ro p riis gressibu s erexit. C u m q u e ei
dom inicum corpu s in os m itteret, illa diu m uta ad loqu end u m
lingua soluta est. M irati om nes A ere p ra e gau d io coeperu n t eorum que m entes ilico m etus et reuerentia inuasit, cu m uidelicet
20 cernerent quid A gapitu s lacere in uirtute D o m in i e x ad iu torio
P etri potuisset.

De Datio Mediolanensis ciuitatis episcopo


1.

E iu sd em q u oq u e principis tem pore, cum D atiu s M e d io

lanensis urbis episcopu s, causa fid ei exactu s, ad C onstantino-

3, 7. clodus G H (ante coir.) m: claudus H (ex corr.) m(ap) b v (uid. eiiam lin. 1fi
18. prae: cum uel om. m(ap)
4> 1. mcdiolanensi episcopo b

DIALOGHI IH, 3 - 4

>9

I l papa Agapito
i.

Poco tempo dopo, esigendolo i G o ti per la loro causa, an

che il beato A gapito, pontefice della santa chiesa di Rom a alla <
quale, per volere di D io , anchio presto servizio, si rec dallim pe
ratore Giustiniano. M entre era ancora in viaggio e si trovava in
G recia, un giorno gli presentarono da curare un tale muto e stor
pio, che non poteva pronunciare parola n alzarsi in piedi. Q uan
do i suoi parenti in lacrim e glielo presentarono, luomo del Si
gnore chiese loro con sollecitudine se avessero fede in quella
guarigione.
1.

Poich lo assicurarono che per la potenza di D io e lautorit

di Pietro speravano fermamente nella guarigione del loro con


giunto, Agapito si mise a pregare e, dato inizio alla messa, immol
il sacrificio al cospetto di D io onnipotente. D o po che ebbe termi
nato, allontanandosi dallaltare, prese per mano lo storpio e alla
presenza e sotto gli occhi di tutti lo fece alzare da terra sulle pro
prie gambe. E quando gli mise in bocca il corpo del Signore, la
lingua, che tanto a lungo era rimasta muta, si sciolse. Presi da am
mirazione, tutti com inciarono a piangere di gioia e furono pervasi
da timore e reverenza, vedendo ci che A gapito aveva potuto fare
per la potenza del Signore e lintercessione di Pietro.

4
Dazio, vescovo d i Milano 1
1.

A l tempo del m edesimo im peratore, Dazio, vescovo della <

chiesa di M ilano, che era stato scacciato dalla citt a motivo della

20

DIALOGORVM III, 4

politanam urbem p ergeret, C o rin th i deuenit. Q u i dum largam


s dom um ad hospitand u m quaereret, quae com itatum illius totum ferre potuisset, et u ix inueniret, aspexit em inus dom um
congruentis m agnitudinis eam que sibi p raep arari ad h osp itan
d um iussit. C u m q u e eiusdem loci incolae dicerent in ea hunc
m an ere non posse, qu ia m ultis iam annis h anc diabo lu s inhaio bitaret atque id eo uacu a rem ansisset, uir u enerabilis D atiu s
respondit, dicens: Im m o id eo h ospitari in d om o eadem debem us, si hanc m alignus spiritus inuasit et ab ea hom inum
inhabitationem repulit. In ea sibi igitur parari p raecepit, securusq ue illam , antiqui hostis certam ina toleraturus intrauit.
1 s

2. Itaq u e intem pestae noctis silentio, cum uir D e i quiesceret, antiquus hostis inm ensis u o cibu s m agnisqu e clam oribu s
coepit im itari rugitus leonum , balatus p ecoru m , ruditus asinorum , sibilos serpentium , p orco ru m strid ores et soricum . C u m
repente D atiu s, tot bestiaru m u o cib u s excitatu s, su rrexit uehe-

20 m enter iratus et con tra antiquum hostem m agnis coepit u o ci


bus clam are, dicens: B e n e tibi contigit, m iser. T u ille qui
dixisti: Ponatn sedetti tneam a d aqu ilo tiem et ero sim ilis a ltissi
m o, ecce p e r su perb iam tuam p orcis et soricib u s sim ilis factus
es, et qui im itari D eu m indigne uoluisti, ecce, u t dignu s es,
2; bestias im itaris.
3.

A d quam eiu s uocem , ut ita d icam , deiectionem suam

spiritus m alignus eru bu it. A n non eru b u it, qui eandem d o


m um ad e xh ib en d a m onstra q u ae consu eu erat ulterius non in
trauit? S icq u e postm od u m fidelium h abitaculum facta est,

30

quia dum eam unus u eraciter fidelis ingressu s est, ab ea protinus m en d ax spiritus atque infidelis abscessit.

4. corinthum m(ap) b z
13. inhabitationem G m(ap) b v: -ne H m hahitationem
m(ap) (cf. xciTOiXTtaiv z) I parari m b v : -re G H (cf. TOipaaOfivai z) I leciti!
post parari add. b(ap) z
iy. ruditus m(ap) b v: rugitus li m(ap) alii alia
18. cum-. lune b
21. ille G m v: illi H I es post ille add. m(ap) b z
24. deum
G m(ap) b v: deo H m dominum m(ap)
27. spiritus malignus G II m(ap): malspir- m b v z
30. eam G b m v: ea H (ante coir.) in ea H (ex corr.) m(ap) z

DIALOGHI III, 4

21

retta fede, mentre si dirigeva a Costantinopoli, arriv a Corinto. <


Q ui cercava una casa grande per alloggiarvi, tale che potesse ospi
tare tutto il seguito, ma non riusc a trovarla. Finalmente vide da
lontano una casa di dimensioni adatte e dette disposizione di pre
pararla per alloggiarvi. Ma gli abitanti del luogo dissero che non
poteva fermarsi in quella casa, perch da molti anni vi abitava un
diavolo e per questo era rimasta vuota. Allora Dazio rispose: A n
zi, tanto pi dobbiam o prendere dim ora in questa casa, dal m o
mento che lo spirito maligno lha invasa e ne ha scacciato gli abi
tanti. Dette dunque disposizione di preparare per lui ed entr
senza timore nella casa, per ingaggiare la lotta con l antico avver
sario.
2. A notte fonda, mentre luomo di D io riposava nel silenzio,
lantico nemico gridando a gran voce com inci a imitare il ruggito
del leone, il belato della pecora, il raglio dellasino, il sibilo del
serpente, lo stridore del porco e del sorcio. Svegliato dun tratto
dal clamore di tante bestie, anche Dazio, in preda a gran collera,
cominci a gridare forte contro lantico nemico: Ben ti sta, m ise
rabile. T u hai detto: Porr i l m io seggio ad aqu ilone e sar sim ile
a llA ltissim o, ed ecco che per la tua superbia sei diventato simile
ai porci e ai sorci. H ai voluto im itare indegnamente D io, ed ecco
che imiti le bestie, come ti si addice.
3. A queste parole lo spirito m aligno si vergogn, se cos si pu
dire, di essere stato sconfitto. O che forse non si vergogn, dato
che non entr pi nella casa p er fare ancora sfoggio delle sue m o
struosit? Cos in seguito quella casa fu abitata dai fedeli, perch
dal momento che vi entr uno che era veramente cristiano, subito
lo spirito menzognero e infedele labbandon.

4, 22. Is. I4, 13-4

DIALOGORVM II!,

22

4.

4 -f

S ed op o rtet iam ut p rio ra taceam us. A d e a q u ae diebus

nostris sunt gesta ueniendum est.

De Sabino Canosinae ciuitatis episcopo


1. Q u id am etenim religiosi uiri A p u liae p ro u in ciae p artibus
cogniti, h o c q u o d ap u d m ultorum notitiam lon ge latequ e percrebuit, d e S ab in o C an o sin ae u rb is ep isco p o testari solent
5 quia isdem u ir lo n go iam sen io ocu loru m lum en am iserat, ita
ut om n im o d o nil uideret. Q u em re x G o th o ru m T o tila prophetiae h abere spiritum audiens, m inim e cred id it sed p ro b a re stud u it q u o d audiuit.
2. Q u i cum in eisdem p artibus deuenisset, h u nc u ir D om ini
10 ad p ran d iu m rogauit. C u m q u e iam uentum esset ad m ensam ,
re x d iscu m b ere nolu it, sed ad Sab in i u enerabilis uiri dexteram
sedit. C um uero eidem patri p u e r e x m o re uini p ocu lu m praeb eret, rex silenter m anum tetendit, calicem abstulit eum que
p e r se e p isco p o u ice pu eri p raebu it, ut u id eret an spiritu
is p rou id en te d iscem eret quis ei p ocu lu m praeberet. T u n c uir
D e i, accipiens calicem sed tam en m inistrum non uidens, dixit:
V iu at ip sa m anus. D e q u o u erb o re x laetus eru b u it quia,
quam uis ipse d ep reh ensu s, in u iro tam en D ei q u o d quaerebat
inuenit.
20

3. H u iu s autem uenerabilis uiri cum ad exem plu m uitae sequentium in longum senium uita traheretur, eiu s archidiaco-

S, 2. quidam... inuenit (lin. 19) accedii w I enim m(ap) b


4. canosinae H m w:
canosino G canusinae m(ap) w(ap) b v z
5. idem m(ap) b
6. uideret G H
(ex corr.) m(ap) b v w: -rii H (ame coir.) m
9. easdem partes m(ap)
10.
mensam
11. uoluit m
12. poculum nini w(ap) b
14-j. spirita prolu
dente G m b v w: episcopo proludente H spiritu prouidentiae m(ap) b(ap) z pronidentia b(ap)
17. laetatus b z
1S. deprehensus G H m(ap> w(ap): depr- est
m v w depr- fuisset m(ap) w(ap) b
21. eius oro. G (ame corr.) m(ap)

DIALOGHI III, 4 - }

4.

*3

M a ormai ora di mettere fine al racconto di fatti antichi,

per venire di nuovo ai fatti dei nostri giorni.

5
Sabino, vescovo della citt d i Canosa
1. Alcuni pii uomini, ben conosciuti nella provincia di Puglia,
confermano una notizia che si diffusa in lungo e in largo presso
molti, riguardante Sabino, vescovo di Canosa. E gli a causa della
vecchiaia aveva perso completamente la vista. Totila, il re dei G o
ti, sentendo dire che possedeva lo spirito profetico, non vi prest
lede e cerc di verificare quanto aveva inteso.
2. Arrivato da quelle parti, Sabino lo invit a pranzo. Q uando
presero posto a tavola, il re non volle adagiarsi sul divano ma si
mise a sedere alla destra di Sabino, e quando un servo, secondo
luso, porse al padre una coppa di vino, il re silenziosamente stese
la mano, tolse la coppa di mano al servo e la porse lu i al vescovo,
per vedere se, per ispirazione dello spirito, quello capisse chi fos
se colui che gli porgeva il vino. Allora luom o di D io, prendendo
la coppa senza poter vedere chi gliela porgeva, esclam: Viva
questa mano. A queste parole il re arross di vergogna perch era
stato colto in fallo, ma insieme si rallegr perch aveva trovato
nelluomo di D io ci che egli cercava.
3. Poich la vita di questuom o venerabile si prolungava in
lunga vecchiaia per servire d esem pio ai suoi successori, un suo

DIALOGORVM IH, S

24

nus, am bitione ad ipiscend i episcopatu s accensus, eum extingu ere ueneno m olitus est. Q u i cum uini fusoris eius anim um
corrupisset ut m ixtum uino ei ueneni p ocu lu m praeberet, re25 fectionis h ora, cum iam uir D ei ad edend u m discu m beret, ei
praem iis corru p tu s p u er h oc qu od ab arch id iacon o eius acceperat ueneni p ocu lu m obtulit. C u i statim u enerabilis episcopus d ixit: B ib e tu h oc quod m ihi b ib en d u m praebes.
T rem efactu s p u er, deprehensum esse se sentiens, m aluit mori-

30

turus b ib ere quam poenas pr illa tanti h om icid ii cu lp a tolerare. C u m q u e sibi ad os calicem duceret, u ir D o m in i conpescuit,
dicens: N o n bib as. D a m ihi, ego b ib o. Sed uade, die ei qui tibi illu d dedit: E g o quidem uenenum b ib o , sed tu episcopu s
non eris.

35

4. F a c to igitur signo crucis, uenenum episco pu s b ib it securus, ead em q ue h ora in loco alio quo inerat arch id iaconu s eius
d efun ctu s est, ac si p er os episcopi ad arch id iacon i uiscera illa
uenena transissent. C u i tam en ad inferendam m ortem uen e
num quidem corp o rale defu it, sed h u nc in consp ectu aetem i

40 iudicis uenenum suae m alitiae occidit.

5.

PETRVS.

M ira sunt h aec et nostris u ald e stu p en da tem po

ribus. S ed talis eiusdem uiri uita p erh ibetu r, ut qui conuersationem eius agnouerit uirtutem non debeat m irari.

23. uini fusoris G m b v z: uni ex pueris H b(ap) unius ex pueris b(ap)


24. mixio G mistum b I uenenum G
ig.se esse G b 30-1. toleraret m(ap)
31.
ducerii ni
37. archidiaconis m(ap)

DIALCXJHI 111, }

*5

arcidiacono, spinto dallambizione di succedergli nellepiscopato,


cerc di ucciderlo col veleno. A tal fine corruppe il coppiere, per
ch gli porgesse durante il pasto una coppa di vino avvelenato.
Cosi quando Sabino si mise a tavola il servo, che era stato corrot
to dal compenso datogli dallarcidiacono, gli present la bevanda
avvelenata. Allora il vescovo gli disse: Bevi tu ci che mi offri da
bere. Il servo, spaventato perch si accorgeva di essere stato sco
perto, era intenzionato a bere e m orire, piuttosto che subire la pe
na per un cos efferato omicidio. M a quando stava per accostare
la coppa alle labbra, luomo del Signore lo ferm dicendo: N on
bere. Dammela, berr io. M a tu va a dire a colui che ti ha dato
questa bevanda: lo bevo il veleno, ma tu non sarai vescovo.
4. Fatto il segno di croce, il vescovo bevve sicuro e in quello
stesso momento l arcidiacono, che si trovava altrove, mor quasi
che attraverso la bocca del vescovo il veleno fosse passato nelle
sue viscere. A lui venne m eno il veleno materiale per procurare la
morte, ma al cospetto del giudice eterno lo uccise il veleno della
sua malvagit.
5

. PIETRO. Sono

m eravigliosi

stupendi anche i m iracoli dei

nostri tempi. M a la condotta di vita di questuom o tale che chi


la b b ia conosciuto non si stupir del suo potere.

DIALOGORVM III, 6

6
De Cassio Namiensis ciuitatis episcopo
1. GREGORivs. N eq u e hoc, P etre, sileam , qu od m ulti nunc
qui hic de N a m ien si ciuitate adsunt m ihi sed u lo testificantur.
E o d e m n am que G o th o ru m tem pore, cum praefatu s rex T otila
5 N arn iis uenisset, ei uir uitae u enerabilis C assiu s, eius urbis episcop u s, occurrit, C u i quia ex consparsion e sem p er facies rubere consueuerat, h o c rex T otila non consparsion is esse credidit,
sed assiduae p otationis, eum que om nim odo d esp exit.
2. S ed om nipotens D eu s ut quantus uir esset qui despicieo batu r osten derit, in N a m ien si cam po, qu o rex aduenerat, malignus spiritus coram om ni exercitu eiu s spatarium inuasit
eum que uexare crudeliter coepit. Q u i cum ante regis oculos
ad uenerandum uirum C assiu m fuisset ad du ctu s, h u n c ab eo
uir D o m in i, o ratio n e facta, signum cru cis exp u lit. Q u i in eum
s ingredi ulterius non praesum psit sicqu e factum est ut re x barbarus seruum D e i ab ilio iam d ie ueneraretu r e x co rd e, quem
d esp ectum uald e iu d icabat e x facie. N am q u ia uirum tantae
uirtutis uidit, e rga eum illa m ens effera ab elationis fastu detumuit.

6, 2. neque hoc... ietumuit (lin. 19) accedii w


3. namiensi G m b w: -se H
m(ap) w(ap) I sedulo G m b v \v: sedule H (ex corr.) m(ap) sedole H (ante corr.)
m(ap)
5. narniis G mv w: alii alia I eiusdem m(ap) w(ap) b 2
6 . consparsio f G H m b(ap) v w: conspers- m(ap! \v(apl bpim 70eni(ap)
7. consparsionis m
v w: -nes H conspers- m(ap) wlapi b sparsionis n\(ap) w(ap) compassionis G w(ap)
10. ostenderit G H m: -ret m(ap) b v w I narniense H m(ap)
12. ttexarim w
13. uenerandum G II m(ap) w(ap) b: -hilem m v w I ah eo post domini trai, m w
14. signum H m w: signo G m(ap) w(ap) b v (cf. Szantyr, pp. 30. 215)
14-5. in
eum ingredi ulterius G H m(ap) w(ap) b: ingr- in eum uh- m v w in eum uh- ingrm(ap) tot) XoiJToO X'Setv Jtpg u tv 2
18. cum: illuni b

DIALOGHI IH, 6

*7

Cassio, vescovo della citt d i Narni

1. GREGORIO. N on passer neppure sotto silenzio, Pietro, un


fatto che molti di N arni, i quali stanno ora a Roma, mi conferm a
no con cura. Sem pre al tem po dei G o ti, quando il re Totila venne
a Narni, gli si fece incontro il vescovo di quella citt, di nom e C as
sio, uomo di esemplare condotta di vita. D ato che la sua faccia era
arrossata per un fatto congenito, il re credette che non fosse una
caratteristica naturale bens leffetto del bere, e cos nutr per lui
sentimenti di assoluto disprezzo.
2. Ma D io onnipotente volle far vedere di quanto valore fosse
l uomo che il re disprezzava. E cco allora che, nella campagna di
N arni dove il re era arrivato, alla presenza di tutto lesercito uno
spirito maligno si impossess di uno scudiero e com inci a tor
mentarlo crudelmente. Allora lo scudiero fu condotto, presente il
re, da Cassio che, dopo aver pregato, col segno di croce scacci lo
spirito che non os pi entrare in quelluomo. D allora in poi il re
barbaro vener di tutto cuore il servo di D io, che prim a aveva
molto disprezzato giudicandolo dallaspetto esteriore. N on appe
na infatti constat che Cassio aveva tanto potere, il suo animo sel
vaggio smise di nutrire sentimenti di orgoglioso disprezzo nei suoi
confronti.

2$

DIALOGORVM IH, 7

De Andrea Fundanae ciuitatis episcopo


1. S ed ecce, dum facta fortiu m u irorum n arro, repente ad
m em oriam uenit q u id erga A n d ream , F u n d an ae ciuitatis episcop u m , diuina m isericordia fecerit. Q u o d tam en ad h oc legentibus ut ualeat e x o p to , quatenus q u i corpu s suum continentiae dedicant, habitare cum fem inis non praesum ant, ne
m in a m enti tanto repentina su bripiat, q u an to ad h o c q u od
m ale co n cu p iscitu r etiam praesentia concu p itae form ae fam ulatur. N e c res est d u b ia quam narro, q u ia p aene tanti in ea testes sunt, quanti et eiusdem lo ci habitatores existunt.
2. H ic nam que uenerabilis u ir, cu m uitam m ultis plenam uirtutibus d uceret seq u e sub sacerdotali cu stodia in continentiae
arce cu sto d irei, quan dam sanctim onialem fem inam , quam secum p riu s h abuerat, nolu it ab ep isco p ii sui cu ra repellere, sed
certus d e sua eiu squ e continentia, secum hanc perm isit h abita
re, E x qua re actum est ut antiquus hostis ap u d eius anim um
aditum tem ptationis exqu ireret. N a m coep it speciem illius
oculis m entis eius im prim ere, ut inlectus nefan d a cogitaret.
3. Q u ad am uero die Iu d aeu s quidam , e x C am pan iae partib u s R om am ueniens, A p p ia e carpebat iter. Q u i ad Fu n d an u m
cliuum perueniens, cum iam diem u esperiscere cerneret et quo
declin are possit m inim e repererit, iu xta A p o llo n is tem plum
fuit ib iq u e se ad m anendum contulit. Q u i ipsum loci illius sa-

7, 4-5. legendum m(ap)


7, mentis m(ap)
8-9. famuleiur m
9. in ea:
mei b(ap) om. m(ap) ss
io. eiusdem G m(ap) b: eius H m v (cf. Tfj aTt z)
14. noluit: non curauit b(ap)
17. exqurerit m inuenirct b(ap)
[8. illeclus
m(ap) b nlectum m(ap) v xXivti z
20. appiae: captine b(ap) om. m(ap)
21. cliuum m(ap) b v: clibum H cleburn m cittem G I uesperiscere G H n : -rescerc
m(ap) v -rascere m(ap) b
22. possit G H m: posseI m(ap) b v (cf. cpsiTiei z) I
repererit G H: rcpperirel m b v reperirci uel rcpperit m(ap) I apollonis G H in: apollinis m(ap) b v -lenii m(ap)

DIALOGHI III, 7

*9

Andrea, vescovo della citt d i Fondi


1. Ma ecco che, mentre racconto le gesta di uomini forti, d un
tratto ricordo che cosa la m isericordia di D io ha disposto a riguar
do di Andrea, vescovo della citt di Fondi. M i auguro che questo <
racconto abbia efficacia sui lettori, affinch quanti intendono de
dicarsi alla pratica della continenza non osino abitare insieme con
donne; altrimenti ne conseguir la rovina dellanima, tanto pi re
pentina in quanto al desiderio cattivo si accom pagna anche la bel
la presenza delloggetto di tale desiderio. N on c dubbio circa il
fatto che racconto, perch i testimoni sono tanti quanti gli abitan
ti del luogo.
2. Q uestuomo, che viveva in m odo m olto virtuoso e custodiva
la continenza con im pegno di sacerdote, non voleva allontanare
una religiosa, che da molto tem po aveva con s e che si prendeva
cura cella dimora vescovile e, sicuro della castit sua e di lei, le
permise di abitare insieme con lui. D i questo approfitt lantico
avversario per tentarne lanima, e com inci a imprimere negli o c
chi del suo cuore la bellezza di quella donna, affinch tale alletta
mento gli ispirasse pensieri cattivi.
3. Un certo giorno un giudeo che dalla Cam pania era diretto a <
Roma viaggiava lungo la via A ppia. G iu n to al declivio di Fondi,
poich si faceva sera ed egli non sapeva dove andare, arrivato
presso il tempio di A pollo, vi si rec p er sostarvi. M a temeva lem- <

JO

D1ALOGORVM in , 7

crilegium pertim escens, quam uis fd em cru cis m inim e habe25 ret, sign o tam en se cru cis m unire curauit.
4. N o cte autem m edia, ip so solitudinis p au o re turbatus,
peruigil iacebat, et repente conspiciens uidit m alignorum spirituum turbam quasi in obsequium cuiusdam potestatis praeire, eum uero qui ceteris p raeerat in eiusdem grem io loci con30 sedisse. Q u i coep it singu lorum spirituum obsequentium sibi

causas actusqu e discutere, quatenus u n u sq u isqu e quantum nequitiae egisset inueniret.


5. C u m q u e singu li spiritus ad inquisitionem eius exponerent q u id operati contra bo n os fuissent, unus in m ed io pro35

siliuit, qui in A n d re a e ep isco p i anim um p er speciem sanctim onialis fem inae, quae in ep isco p io eius h abitabat, quantam
tem ptationem carnis conm ouisset aperuit. C u m uero h oc malignus qui praeerat spiritus inhianter audiret, et tantum sibi fa c
tum lucrum gran de crederet, quanto sanctioris uiri anim am

40

ad lapsum p erditionis inclinaret, ille spiritus, qui h aec eadem


fateb atur, ad iu n xit quia usque ad h o c q u oqu e die praeterito
uespertina h ora eius m entem traxerit, ut in terga eiusdem sanctim onialis fem inae bland iens alapam daret. T u n c m alignus sp i
ritus atque hum ani generis antiquus inim icus exhortatu s hunc

45 blan d e est ut p erficeret q u o d coepisset, quatenus ruinae illius

singularem in ter ceteros palm am teneret.


6. C u m q u e Iu d aeu s qui aduenerat h o c u igilans cerneret et
m agnae form id in is anxietate p alp itaret, ab eod em spiritu , qui
cunctis illic ob seq u en tibu s praeerat, iussum est ut requirerent
50 quisnam esset ille qui iacere in tem pio eod em praesum psisset.
Q uem m aligni spiritu s pergen tes et su btiliu s intuentes, crucis
m ysterio signatum uid eru nt m irantesque d ixeru n t: V a e , uae,

2$. potentis ni
34 .in medio G H m(ap) v: in medium m b (cf. v Tfi> pan z)
34*5- prosiluit H m(ap)
38. tanto m(ap) b
34. quantum m(ap) I animum
m(ap)b
48. pauitaret m
51. adante quem add. ni(ap) jiQsai'Tv z I sub
tilius G H m(ap) b: -liter m v jupt'Xig 2

DIALOGHI III, 7

31

piet di quel luogo, e bench non avesse fede nella croce, tuttavia
cur di segnarsi.
4. N el cuore della notte, spaventato dalla solitudine, era cori
cato ma sveglio, e dun tratto vide una folla di spiriti malvagi, che
sembravano precedere qualcuno in segno d onore, e quello che
ne era il capo si mise a sedere proprio in mezzo al tempio. Quindi
cominci a informarsi singolarmente da quelli che erano ai suoi
ordini, chiedendo in che m odo avessero espletato gli incarichi lo
ro affidati, in m odo che ognuno dicesse quanto di male avesse
operato.
5. M entre quegli spiriti rispondevano uno p er uno alle dom an
de, raccontando quanto di m ale avessero fatto alle persone per
bene, venne nel mezzo quello che aveva im presso nellanimo del
vescovo A ndrea limmagine della religiosa che abitava insieme
con lui nellepiscopio e spieg com e ne avesse tentato la carne.
Mentre il capo degli spiriti malvagi ascoltava avidamente e ritene
va di aver fatto un guadagno tanto pi grande quanto pi santo
era luomo la cui anima inclinava verso la via della perdizione, lo
spirito che riferiva questo fatto aggiunse che la sera precedente
aveva sollecitato il vescovo ad accarezzare con una pacca il sede
re di quella donna. A llora lo spirito malvagio, antico avversario
del genere umano, esort caldam ente quello spirito a completare
lopera che aveva iniziato, in m odo che, grazie alla rovina del ve
scovo, potesse riportare la palm a della vittoria su tutti quegli altri
spiriti.
6. Mentre il giudeo, venuto nel tempio, osservava sveglio que
sta scena e tremava per la gran paura, lo spirito che comandava
tutti gli altri ordin di cercare chi fosse colui che aveva osato cori
carsi nel tempio. Alcuni di quelli si diressero verso il giudeo e os
servando pi attentamente lo videro segnato col segno misterioso
della croce, e stupefatti gridarono: O him ! O him ! un vaso

DIALOGORVM III, 7

3*

uas uacuum et signatum . Q u ib u s h oc renuntiantibus, cuncta


illa m alignorum spirituum tu rba disparuit.
ss

7. Iu d aeu s uero, qu i h aec uiderat, ilico su rrexit atque ad


episco pum sub festinatione peruenit. Q u em in ecclesia sua
rep periens, seorsum tulit, qua tem ptatione u rgu eretu r inquisiuit. C u i confiteri ep isco p u s tem ptationem suam uerecundatus noluit. C um uero ille d iceret qu od in illa tali D e i fam ula

60 p rau i am oris oculos iniecisset atque ad h u c ep isco p u s negaret,


ad iunxit dicens: Q u are negas qu od inquireris, qui ad hoc
u sque u espere h esterno p erdu ctu s es, ut posteriora illius alapa
ferires?. A d quae nim irum u erba deprehensum se episcopus
intuens, h um iliter confessus est q uod priu s p ertinaciter ne6s gauit.
8. C u iu s ruinae et u erecundiae isdem Iu d aeu s consulens,
qualiter h o c cognouisset uel quae in conuentu m alignorum spi
rituum d e eo audisset, indicauit. Q u o d ille cognoscen s, sese in
terram p rotinus in orationem dedit, m o x q u e de su o habitacu lo
7 non solum eandem D e i fam ulam sed om nem q u oq u e fem inam ,
quae in eius illic ob seq u io habitabat, e x p u lit, in eod em uero
tem pio A p o llo n is beati A n d reae apostoli repente oratorium fecit atque om ni illa tem ptatione carnis fu n d itu s caruit.
9. Iu d aeu m uero, cuius uisione atque in crep atio n e saluatus
7s est, ad aetem am salutem traxit. N am sacram entis fid ei imbutum atque aqua baptism atis em undatum ad sanctae ecclesiae grem ium p erd u xit. S icqu e factum est ut H eb reu s isdem ,
dum saluti alienae consulit, perueniret ad suam , et om nipotens

60. negarti m
61. qui G m b v: quia H m(ap)
66. idem m(ap) b eliderti
II 67. cognouisset G II m(ap) b: agnou- m v
68. audiuissel b I cognoscens H
m v: agnosccns G b I sese H m v: se G m(ap) b
68-9. ad terram b
70. om
nem... feminam G m b v: -nes... -nas H m(ap) (cf. Jtoav... <h|.eiav 2)
71. ha
bitabat G (ante corr.) m b v: -barn H G (ex corr.) m(ap) (reetc? cf. Szantyr, p. 436
sq.)
72. apollonis G H m: apollinis m(ap) b v -lenis m(ap)
77. idem m(ap)
b
78. cumulili! uel -lei m(ap)

DIALOGHI IU, 7

33

vuoto ma segnato con la croce. Q uando ebbero riferito questo


agli altri, tutta la folla di spiriti m alvagi disparve.
7. Il giudeo, che aveva osservato la scena, subito si alz e si af
frett ad andare dal vescovo. Trovatolo in chiesa, lo prese da par
te c gli chiese da quale tentazione fosse sollecitato. Poich il ve
scovo, vergognandosi, non voleva confessare, quello lo accus di
aver rivolto sguardi di desiderio illecito a una serva di D io , e poi
ch quello ancora negava, continu: Perch dici di non aver fat
to ci su cui ti interrogo, tu che ieri sera sei arrivato al punto di
colpire con una pacca il sedere di quella donna?. D vescovo cap
di essere stato scoperto e con umilt ammise ci che prima ostina
tamente aveva negato.
8. Il giudeo intendeva mettere riparo alla caduta e alla vergo
gna del vescovo: perci gli spieg che era venuto a conoscenza di
quel fatto perch ne aveva sentito parlare nel consesso degli spiri
ti malvagi. A questa notizia il vescovo si prostr a terra in preghie
ra e immediatamente allontan dalla sua abitazione non solo quel
la serva di D io ma anche ogni altra donna che abitava l per
servizio, istitu subito un oratorio in onore dellapostolo Andrea
nel tempio di A pollo, e si liber completamente da ogni tentazio
ne carnale.
9. Quanto al giudeo che con la visione e il rim provero lo aveva
salvato, A ndrea lo trasse alla vita eterna, perch istruito nei miste
ri della fede e purificato dallacqua del battesimo, lo fece entrare
nel seno della chiesa. In questo m odo lebreo nel provvedere alla

D1AL0 G0 RVM III, 7 - 5

34

D eu s in d e alterum a d bonam uitam p erd u ceret, u nd e in bona


80 uita alterum custodisset.

io.

PETRVS. R e s h aec gesta, quam audiui,


et spem.
GKEGORIVS. V tiq u e sic oportet et d e D e i nos

et

metum

m ihi

praebet

sem p er m i

s e r a to n e co n fid ere et d e nostra infirm itate form id are. E c c e


8S enim p arad isi ced rum concussam audiuim us, sed no n euulsam , quatenus infirm is n o b is et d e eius con cu ssio n e nascatur
tim or et d e eius stabilitale fiducia.

8
D e Constando A quini ciuitatis episcopo
1 . V ir q u o q u e uenerabilis uitae C onstantius A qu in i episcopus fu it, qui n u p er p rod ecessoris m ei tem po re beatae m em oriae Ioh an nis p ap ae defu nctu s est. H u n c p rop h etiae habuisse
s spiritum m ulti testantur, qu i eum fam iliariter scire potuerunt.
C u iu s inter m ulta h o c ferunt religiosi ueracesq u e uiri, qui
praesentes fuerunt, q u o d in d ie ob itu s sui, cum a circum stantib u s ciuibus, utpote discessurus, p ater tam am abilis am arissim e
p lan geretur, eum flen d o requ isiuere, dicentes: Q u em post te,
io pater, h ab eb im u s? . Q u ib u s ip se p ater p e r p rop h etiae sp iri
tum respond it, dicens: P o st C onstantium m ulionem , post
m ulionem fullonem . O te, A qu in e, et h oc habes.
2. Q u ib u s p rop h etiae uerbis editis, uitae exhalau it sp iri
tum . Q u o d efu n cto , eius e cd e sia e p astoralem su scepit curam
i$ A n d reas diaconus illius, qui quondam in stabulis itinerum cur-

82. praebil m prefer m(ap)


8, 2. aquini H m b v: -ne G aquinac ciuitatis m(ap) b xf|c dxuivou Jieto; 2
j. praedecessoris m(ap) b
9. requisiuere m v; -sierunt G H b requirere m(ap)
li. o tu uel o m(ap)

DIALOGHI III, 7 - 8

35

salvezza altrui arriv alla propria, e D io onnipotente indirizz a


retta vita colui che nella retta vita aveva custodito l altro.
io .

PIETRO. L episodio che ho appreso m i ispira timore e spe

ranza.

GREGORIO. Certo,

bisogna confidare sempre nella m isericor

dia di D io e temere per la nostra debolezza. A bbiam o infatti ap


preso che il cedro del paradiso stato scosso ma non sradicato,
proprio al fine che nella nostra debolezza proviam o timore p er la
scossa che ha subito e fiducia per la sua stabilit.

Costanzo, vescovo della citt d i Aquino


1. Costanzo, venerabile per condotta di vita e vescovo della
citt di Aquino, m orto da poco, al tem po del m io predecessore,
papa Giovanni di beata memoria. M olti, che sono vissuti in fam i
liarit con lui, attestano che egli ha posseduto spirito profetico.
Tra i tanti episodi, testimoni pii e attendibili che sono stati pre
senti tramandano che nel giorno della sua morte, mentre i cittadi
ni che gli stavano intorno piangevano amare lacrime perch stava
per morire un padre tanto amabile, gli fu chiesto: Chi avremo
dopo di te, padre?. Q uello ispirato rispose profeticamente: D o
po Costanzo un mulattiere, e dopo il mulattiere un lavapanni. O
Aquino, questo ti tocca!.
2. D opo queste parole profetiche, esal lultimo respiro. M or
to lui, la cura pastorale della sua chiesa fu assunta dal diacono A n
drea, che un tem po nelle stazioni di posta si era occupato del

3<S

DIALOGORVM in , 8 -9

sum seruauerat equoru m , atque h o c e x uita su b d u cto , episcopatus ordinem Io b in u s sortitus est, q u i in eadem u rb e fu llo
fuerat. Q u o ad huc superstite, ita cuncti habitatores ciuitatis illius et barb aroru m gladiis et pestilentiae inm anitate uastati
sunt, ut p ost m ortem illius n ec quis ep isco p u s fierit nec qu ibu s
fieret potuisset inueniri. S icq u e conp leta est u iri D e i sententia,
quatenus post excessum d uorum se sequentium eius ecclesia
pastorem m inim e haberet.

9
De Frigdiano Lucensis ciuitatis episcopo
1. Sed neque h o c sileam , q u o d narran te u iro u enerabili V enantio, Lu n en si ep isco p o , m e ante b id u u m contigit agnouisse.
L u ca n a e nam que ecclesiae, sibim et p ro p in q u ae, fu isse m irae
uirtutis uirum F rigd ian u m nom ine n arrauit episcopu m .
2. C u iu s h o c opinatissim um a cunctis illic habitantibu s testatur m em orari m iraculum , q u od A u sa rit flu u iu s, qu i iu x ta u r
bis illius m uros influebat, saepe inu ndatione facta cursus sui
alueum egressus, p er agros d iffu n d i consu eu erat, et quaeque
sata ac piantata repererit euerterit. C u m q u e h oc creb ro fieret
et m agna eiusdem loci incolas necessitas urgueret, dato studio
o p eris, eum p er loca alia deriuare conati sunt. Sed quam uis
diutius laboratum fuisset, a p ro p rio alueo d eflecti non potuit.

16-7. episcopati ordinem... sorlitus est H tti(ap) b(ap): ad episcop- ord-... accitus est
m b(ap) v a sc iti est m(ap) b(ap) accersitus est G b assumptus est b(ap) eie t v x fjc
jtioxoitfj; paOpv... xaTrjvrilcrev z I iobinus G m(ap) b(ap) z: iouinus m b v tapeniH
18. inbabilalores m(ap) b
20. fierit m: fieret m(ap) b v fu eri! G H
(cf. TLL 6, col. 84, 74)
zi. fieri m(ap) I potuisset inueniri: inueniretur m(ap) I
sic itaque b otco t o v u v z
22. decessum b
% 4. propinquae m b v: -que G H -quum m(ap) b(ap)
J. narrauit H G tame
c o rr .) m(ap) b v: narrai G (ex corr.) m om. m(ap) (c f. irp /e lT O z)
7. ausarit H
m v: -rei G m(ap) alii alia
io. repererit G H: repperiret m b v reperii m(ap) I
euerterit G H m: -eret m(ap) b v -tere m(ap)

DIALOGHI III, 8 -9

37

cambio dei cavalli, e quando anchegli m or, fu chiamato alla di


gnit dellepiscopato G iovino, che era stato lavapanni in Aquino.
F.gli era ancora in vita quando la popolazione della citt sub pri- <
ma la violenza dei barbari e poi la devastazione della pestilenza, a
punto tale che dopo la morte di G io vin o non ci fu pi n chi p o
tesse fare il vescovo n a beneficio di chi lo dovesse fare. Si rea
lizz cos la predizione delluom o di D io, secondo cui dopo i suoi
due successori la chiesa di A qu ino non avrebbe avuto pi vescovi.

9
Frediano, vescovo della citt d i Lucca1
1. Non ometter neppure di parlare di ci che ho appreso sol
tanto due giorni fa dal racconto del venerabile Venanzio, vescovo
di Luni, riguardo a Frediano, vescovo della vicina chiesa di L u c
ca, uomo di m irabili poteri.
2. Di lui si ricorda un m iracolo fam oso, di cui sono testimoni
tutti gli abitanti della citt. Il fium e Ausarit, che lambiva le mura
della citt, sovente usciva dal suo alveo e inondava i campi p er lar
go tratto, distruggendo sementi e piante che trovava. D ata la fre
quenza delle inondazioni, gli abitanti si trovavano in grandi stret
tezze, e perci si dettero da fare per deviare il corso del fium e
facendolo scorrere per altri luoghi. M a nonostante prolungati la
vori non riuscirono a m odificarlo.

DIALOGORVM

3.

III,

9 -10

T u n c u ir D o m in i F rigd ian u s rastrum sibi p aru u lu m fe-

15 cit, a d alueum flu m in is accessit et solu s o ratio n i incu b u it,

atque eid em flu m in i p raecip ien s ut seq u eretu r, p er loca


q u aeq u e ei uisa sun t rastrum p e r terram traxit. Q u em , relieto
alu eo p ro p rio , to ta flu m in is aqu a secuta est, ita u t fu n d itu s locum consueti cu rsu s d esereret et ibi sib i alu eu m , u b i tracto
20 p e r terram rastro u ir D o m in i signum fecerat, u in d icaret et

q u aeq u e essent alim entis h om inum p ro fu tu ra sata u el p ian ta


ta ultra non laederet.

io

De Sabino Placentinae ciuitatis episcopo


1. H u iu s q u o q u e u enerabilis uiri V e n an ti ep isco p i aliud miraculum relatione cognou i, q u od in P iacen tin a u rb e perhibet
gestum . Q u o d uir q u oq u e ueracissim us Ioh an n is, in hac m od o
5 R om ana ciuitate locu m praefectoru m seruans, qui in eadem
P iacen tin a u rb e est ortus et nutritus, ita ut ep isco p u s m em orat
quia gestum fuerit adtestatur.
2. In ea n am que ciuitate Sab inu m nom ine fu isse asserunt
m irae uirtutis episcopum . C u i dum d ie quadam suus diaconus
io nuntiasset q u o d cursus sui P a d u s alueum egressus ecclesiae
agros occup asset totaque illic loca nutriendis hom inibus p ro
futura aqua eiusdem flum inis teneret, u enerabilis uitae Sabinus episco pu s respond it, dicens: V a d e, et die ei: M an d au it tib i episco pu s, ut te conpescas et ad p ro p riu m alueum redeas.
m

Q u o d diaconus audiens d esp exit et inrisit.

14. </m(ap) z

16, ie post ut add. m(ap) b a{'T< 7.


20. toO deovz
10, 1. de sabino episcopo piacentino, qui padum Jlumen per litteras suas compescuit
b
2. uenanti G H m :-/im (ap )b
4. iohannis G H m: -es m(ap) b v
\. praejectorium uel -toriibUp
9. cum m(ap)
1 1. hominibus G H m b v /:.
boleribus b(ap) seminibus m(ap) b(ap)
13. manda1 m(ap) b i^ot z

DIALOGHI III,

3.

9- I O

39

Allora luom o del Signore, Frediano, si fece un piccolo ra

strello, si avvicin allalveo del fium e e da solo si dette a pregare.


Com andando poi al fiume di seguirlo, fece scorrere il rastrello
sulla terra lungo un itinerario da lui ritenuto adatto. Tutta lacqua
del fiume, abbandonato il proprio alveo, lo segu in m odo da non
scorrere pi lungo il corso abituale. Si fece cos un nuovo alveo l
dove luomo del Signore aveva fatto segno per terra col rastrello, e
non fece pi danno agli alberi e alle culture che avrebbero nutrito
gii abitanti del luogo.

io

Sabino, vescovo della citt d i Piacenza


1. Ho appreso dal venerabile vescovo Venanzio un altro m ira
colo che ha avuto luogo a Piacenza. G iovanni, persona del tutto
affidabile, attualmente viceprefetto a Roma ma nato e cresciuto
proprio a Piacenza, conferm a il racconto di Venanzio.
2. Sia l uno sia laltro asseriscono che Sabino, vescovo di quella
citt, fu dotato di straordinari poteri. U n giorno gli fu annunciato
da un diacono che il P o aveva straripato inondando alcuni cam pi di
propriet della chiesa, cos che la terra che doveva servire a nutrire
gli abitanti del luogo era stata occupata dalle acque del fiume. A llo
ra Sabino rispose al diacono: V a a dire al fiume: Il vescovo ti ha
ordinato di calmarti e di ritornare nel tuo letto . A queste parole il
diacono ebbe un sorriso di derisione e di disprezzo.

DLALOGORVM 111,

40

3.

IO-Il

T u n c u ir D o m in i, arcessito notario, dictauit dicens: Sabi-

nus d om ini Iesu C h risti seruus com m onitorium P a d o . Praecip io tibi in nom ine Iesu C h risti dom ini, ut de alueo tuo in locis
istis ulterius non exeas nec terras ecclesiae laed ere praesum as.
20 A tq u e eidem notario su biu n xit dicens: V a d e, h o c scrib e et in
aqua eiusdem flu m in is p ro ice . Q u o facto, sancti u iri praeceptum suscipiens, statim se a terris ecclesiae flum inis aqua
conpescuit, atque ad p rop riu m alueum reuersa, e x ire ulterius in
loca eadem non praesum psit.
25

4. Q u a in re, P e tre , q u id aliu d quam inoboed ientiu m hom inum duritia con fu n d itu r, q u an do in uirtute Iesu et elem entum
inrationabile sancti u iri p raeceptis o b oed iu it?

11

De Cerbonio Vopulonii ciuitatis episcopo


1.

V ir q u oq u e u itae u enerabilis C e rb o n iu s, P o p u lo n ii epi-

scop u s, m agnam diebus nostris sanctitatis suae probationem


dedit. N am cum hospitalitatis stu d io uald e esset intentus, die
5 quadam transeuntes m ilites h osp itio su scepit. Q u os, G o th is sup eruenientibus, abscond it eoru m q u e uitam ab illorum nequitia
ab sco n d en d o seruauit. Q u o d dum G o th o ru m regi p erfid o T o tilae nuntiatum fuisset, crudelitatis inm anissim ae uesania succensus, h u n c ad locu m qui octau o hu iu s u rb is m illiario M erolis
io d icitur, u b i tunc ip se cum exercitu sed ebat, iussit d educi eum q u e in ex p e cta cu lo p o p u li ursis ad d eu orand u m proici.

16. domini H m v: dei G m(ap) b 2 I arcessito G m v: arcersito H m(ap) accersito


m(ap) b acato uel ascilo m(ap)
18. iesu christi domini m v: domini iesu christi
H iesu domini G iesu christi m(ap) iesu christi domini nostrib ioti xupiou riptv Irjoo xpioro z
21. aqua H m(ap): aquam G m b v z
11, 1. ciuitatis om. b
2. uir quoque... uiuentum (13, lin. 42) acceda w I populo
nii m b v w z: -lunii H -lanii G alii alia
9. ab octauo b z
11. expectaculo H
m \v: -!um G m(ap) w(ap) spectaculo m(ap) w(ap) b v

DIALOGHI III, t o - I I

41

3. Allora luomo del Signore fece venire il segretario e gli dett


questo testo: Sabino, servo del signore G es Cristo, d questo r
dine al Po. T i im pongo, nel nome del signore G es Cristo, di non
uscire pi dal tuo letto in questi luoghi e di non danneggiare le
propriet della chiesa. Poi aggiunse per il segretario: V a a scri
vere questo testo e gettalo nellacqua del fiume. C i fatto, in os
sequio allordine del santuomo l acqua del fiume fren subito il
suo impeto e torn nel proprio alveo, n in seguito ha pi osato
uscirne inondando quei luoghi.
4. Un miracolo di questo genere, Pietro, non fa forse arrossire
di vergogna la durezza di chi disobbediente, dal momento che
un elemento naturale, privo di ragione, ha obbedito, per la poten
za di Cristo, al com ando di questo santuomo?

11

Cerbonio, vescovo della citt d i Populonia


1.

Un altro uom o di venerabile condotta di vita, Cerbonio, ve

scovo di Populonia, ai nostri giorni ha dato grande dimostrazione


di santit. D ato che era m olto zelante nelloffrire ospitalit, un
giorno accolse alcuni soldati di passaggio, che nascose quando so
praggiunsero i G o ti: in questo m odo salv le loro vite, mettendoli
al riparo dalla nequizia di quei barbari. Q uando questo fatto fu ri
ferito a Totila, perfido re dei G o ti, in preda a violentissimo furore
costui fece portare il vescovo in una localit di nome M erolis di
stante otto miglia dalla citt, dove egli si era fermato con l eserci
to, e, quale spettacolo offerto al popolo, ordin di gettarlo agli o r
si per farlo divorare.

io, 17 . Cf. Ep. R0111. 1 , 1 ; Act. Ap. 16.18

4*

DIALOGORVM in .

I l

2. C u m q u e isdem re x p erfid u s in ip so q u o q u e e xp ectacu lo


consedisset, ad aspiciendam m ortem ep isco p i m agna populi
tu rba con fluxit. T u n c episco pu s d eductus in m ed io est, atque
is ad eius m ortem inm anissim us u rsu s exqu isitu s qu i, dum hum ana m em bra cru d eliter carperet, saeui regis anim um satiaret.
D im issus itaque u rsu s e x cauea est. Q u i accensus et concitus
episco pum petiit, sed su bito su ae feritatis ob litu s, d eflexa ceruice sum m issoque h um iliter capite, lam bere ep isco p i pedes
20 coepit, ut paten ter om nibus daretu r intellegi qu ia erga illum
uirum D e i et ferin a co rd a essent h om inum et quasi hum ana
bestiarum .
3. T u n c p o p u lu s, qui ad exp ectacu lu m u enerat m ortis, m a
gno clam ore uersus est in adm iratione uenerationis. T u n c ad
25 eius reuerentiam colendam rex ipse p erm otu s est, q u ip p e cum
quo supern o iu d icio actum fuerat ut q u i D eum sequi prius in
custo dien da uita ep isco p i noluit, saltem ad m ansuetudinem
bestiam sequeretur. C u i rei hii qu i tu nc praesentes fuerunt,
ad h u c n onnulli supersu nt eam qu e cum om ni illic p op u lo se ui-

jo

disse testantur.
4. D e q u o etiam u iro aliud m iracu lu m , V en an tio L u n en se
ep isco p o narran te, cognoui. In ea nam qu e P o p u lo n ii ecclesia,
cu i p raeerat, sepulcrum sibi praep arau it. S e d cum L an go b ard orum gens, in Italiani ueniens, cuncta uastasset, a d H elb am

35 insulam recessit. Q u i inruente aegritudine ad m ortem ueniens,


clericis suis sib iq u e obsequentibus p raecepit, dicens: In sep u lcro m eo, q u o d m ihi P o p u lo n ii parau i, m e ponite. C u i illi

12. idem m(ap) b hisdem m(ap) eisdem w(ap) I spectaculo m(ap) w(ap) b v
1j.
inspiciendam m(ap) w(ap) b
14. deductus post medio trai. m(ap) w(ap) I medio
H m v w: -um G m(ap) w(ap) b (cf. v ti$ (lciti) z)
23. expectaculum G m w:
speda- H m(ap) w(ap) b v
24. admirationem m(ap) w(ap) b
26. erat b
28. hi m(ap) w(ap) b
31. aliud G m w(ap) v z: aliud quoque H m(ap) b w I lu
nense G H m(ap) wlap): -si m b v w
34. uastassent m w(ap) (rccte? cf. Szantyr,
p. 436 sqq.) I helbam G H m b lap lv w: elham uel eluam m(ap) b(ap) iluamb U.(kiv
z (= lin. 47)
35. ingrucnteb
37. praeparaui m(ap) b

DIALOGHI III, l i

43

2. Il perfido re in persona era presente allo spettacolo e afflui


va folla di gente per assistere alla morte del vescovo. Cerbonio fu
portato nel mezzo, e per farlo m orire fu prescelto un orso crude
lissimo che, sbranando selvaggiam ente m em bra umane, appagas
se il re crudele. L orso fu m andato fuori dalla fossa e, incollerito
ed eccitato, si scagli contro il vescovo, ma dun tratto, dimentico
della sua ferocia, piegato il collo e abbassato umilmente il capo,
cominci a lambire i piedi del vescovo, facendo capire a tutti con
grande evidenza che, riguardo a quelluom o di D io , gli uomini d a
vano a vedere sentimenti bestiali, mentre quelli delle belve appa
rivano quasi umani.
3. Allora il popolo, che era venuto ad assistere a uno spettaco
lo di morte, con grande clamore m anifest ammirazione e venera
zione. Anche il re si dette a m anifestare la sua reverenza, e cos
per giudizio divino accadde che colui il quale prim a non aveva vo
luto seguire D io risparm iando la vita al vescovo, fin per seguire
almeno la mansuetudine delle belve. Sono ancora vivi alcuni che
furono presenti a questo episodio, e attestano di esserne stati
spettatori insieme con tutto il popolo.
4. D i Cerbonio ho appreso anche un altro miracolo, racconta
to dal vescovo di Luni, Venanzio. E gli si era preparata la tom ba a
Populonia, della cui chiesa era vescovo. M a poich i Longobardi,
discesi in Italia, stavano devastando tutto il paese, si ritir nelliso
la d Elba. Q uando l, colpito da grave malattia, era sul punto di
morire, disse ai suoi chierici e ai suoi dipendenti: Seppellitem i
nella tomba che mi sono preparato a Populonia. E poich quelli

44

DIALOGORVM ITI, I I

cum dicerent: C o rp u s tuum illue red u cere qualiter possum us, qui a L a n g o b a rd is teneri loca eadem et u b iq u e illic eos
40 d iscu rrere scim us?, ip se respondit: R ed u cite m e securi. N olite m etuere, sed festine m e sepelire curate. M o x autem sepultum corpu s m eum fuerit, e x lo co eodem su b om ni festinatione
discedite.
5. D efu n cti ig itu r corpu s inposu eru n t naui. C u m q u e P o p u 4S lonium tenderent, collecto in n u bibu s aere, inm ensa nim is
plu uia erupit. Sed ut cunctis patesceret cuius u iri co rp u s nauis
illa p ortaret, p er illu d m aris spatium q u o d ab H e lb a insula
usque P o p u lo n iu m duodecimi m illibus distat, circa utraque
nauis latera p rocellosa ualde plu u ia descendit, et in naui ea-

so

dem una plu uiae gutta non cecidit.


6. P eru en ere itaque ad locum clerici et sepultu rae tradid erunt corp u s sacerd otis sui. C u iu s p raecep ta seruantes, ad
nauem sub festinatione reuersi sunt. Q u am m o x ut intrare potuerunt, in eod em lo co , u bi u ir D o m in i sepultu s fuerat, L an -

55 go b ard oru m d u x crudelissim us G u m a ris aduenit. E x cuius

ad uentu uirum D e i h abu isse p rop h etiae spiritum claruit, qui


m inistros suos a sep ultu rae su ae lo c o su b festinatione d isced e
re p raecepit.

38. qualiter reducere G b


41. festine me sepelire H m v w: festine sepelire me b
z festinanter sepelire (-//-) G w(ap) I autem G m(ap) \v(ap) v: autem ut H m(ap)
w(ap) b autem cum m w
49-50. nauem eandent m(ap) w(ap) b eadem sv(ap)
jo. cecidit H m b v w: descendit G w(ap) (cf. jieov z)
51. peruenere G m v
w: -erutti H m(ap) b
53. nauim m(ap) w(ap)
54. eodem loco H m v \v:
eundem locum G w(ap) b (cf. tv tip tcctu) z)
55. gumaris scripsi: youppapic z
gumares G gumari m(ap) w v gummarith w(ap) b alii alia om. H
56. spiritum
prophetiae b z

DIALOGHI III,

Il

45

obiettavano: M a come possiamo ricondurre la tua salma in luogo


che sappiamo essere tenuto dai Longobardi, i quali devastano
tutto il paese?, egli rispose: Riconducetem i l in piena sicurez
za. Non abbiate paura, ma affrettatevi a seppellirmi. E appena
avrete seppellito la mia salma, allontanatevi in gran fretta da quel
luogo.
5. Allora im barcarono su una nave la salma del vescovo de
funto. Mentre si dirigevano a Populonia, il cielo si rannuvol e
cominci a cadere pioggia in gran quantit. M a affinch a tutti ap
parisse evidente chi fosse stato luom o la cui salma veniva traspor
tata dalla nave, per tutto il tratto di m are dallisola d E lba a P o p u
lonia, che di dodici miglia, una pioggia molto tempestosa cadde
su entrambi i fianchi della nave, ma sulla nave non cadde neppure
una goccia.
6. Cos i chierici arrivarono a destinazione c seppellirono la
salma del loro vescovo, poi - com e quello aveva detto - tornarono
alla nave in gran fretta. E ran o appena risaliti, quando arriv l,
dove era stato sepolto il vescovo, G um aris, un capo longobardo
dei pi crudeli. Il suo arrivo rese evidente che luomo di D io era
stato ispirato profeticamente, quando aveva dato disposizione ai
suoi dipendenti di allontanarsi in gran fretta dal luogo della sua
sepoltura.

46

DIALOC.ORVM III, 1 2

12

De Fulgentio Vtriculanae ciuitatis episcopo


1. H o c autem qu od , diuisa plu u ia, factum narraui m iraculum , etiam in alterius ep isco p i ueneratione m onstratum est.
2. N am quidam clericus sen ex, qui ad hu c superest, eidem rei
5 p raesto se fuisse testatur, dicens: F u lgen tiu s episcopu s, qui
V tricu len si ecclesiae praeerat, regem crudelissim um Totilam
infensum om n im o d o habebat. C u m q u e a d easdem partes cum
e x ercitu prop inq uasset, cu rae fu it e p isc o p o p e r d e ric o s suos
exen ia transm ittere eiusque fu roris insaniam , si possit, m uneriio bus m itigare. Q u a e ille ut uidit, p rotinu s spreuit, atque iratus
suis hom in ibu s iussit ut eundem episco pu m sub om ni asperitate constringerent eu m q u e eius exam in i seruarent. Q uem dum
feroces G o th i, m inistri scilicet crudelitatis illiu s, tenuissent, circum dantes eum , u n o in loco stare p raecep eru n t eiqu e in terra
i ? circulum designauerunt, e xtra quem p ed em ten d ere nullo m o
do auderet.
3. C u m q u e uir D ei in sole nim io staret, ab eisdem G o th is
circum datus et designatione circuii inclausus, repente coruscus et tonitruus et tanta uis p lu u iae eru p it, ut hii qui eum cus10 tod iend um acceperan t inm ensitatem plu u iae ferre non possint. E t dum m agna nim is inu ndatio fieret, intra eandem
designationem circuii, in qua uir D e i Fu lgen tiu s stetit, ne una

il, 2. autem: nero b I de diuisa m(ap) b de uisa b(ap)


2-j. miraculum narraui H
w(ap)
7. infensum H m(ap) w(ap) b v: offensum m w infeslum G w(ap)
9.
xenia m(ap) w(ap) b ei xenia w(ap) I transmittere G w(ap): mttere H m v w a trans
mittere b <L-tooTEX.ai z I eius m(ap) \v I possi! G H (ante coir.) m w: posse/ H (ex
corr.) m(ap) w(ap) b v (cf. i>vt|im 2)
12. examine m(ap) I quem om. m(ap)
15. pedem H m(ap) w(ap) b v: pede G m w (cf. .Tu 2)
17. starci G m v w
b(ap): aestuaret H b(ap) w(ap) b (cf '(orato z)
18-9. coruscationes b argajtch z
19. tonitruus G H m v: -Irta b(ap) w -trua b Pgovrai z I hi H m(ap)
w(ap) b
20. inmensitatem H m(ap) v vi: -teG m
20-1. passini 11 m w :pos
sali G m(ap) w(ap) b v
22. deiH m v w 2: dominiG m(ap) w(ap) b

DIALOGHI

in.

12

47

12
Fulgenzio, vescovo della citt d i Otricoli
1 . Il miracolo della pioggia divisa, che ho or ora raccontato, si
riscontra anche riguardo a un altro vescovo, com e segno della sua
venerabilit.
2. Un vecchio chierico infatti, tuttora in vita, me ne stato te
stimone con queste parole: Fulgenzio, vescovo della chiesa di
Otricoli, era quanto mai inviso al crudele re Totila. Perci, quan
do questi stava venendo con lesercito dalle sue parti, il vescovo
gli invi per tramite di suoi chierici doni ospitali, per cercare di
mitigare in questo m odo, se possibile, il suo insano furore. Q uan
do il re li vide, li rifiut subito sdegnosamente e, in preda alla col
lera, ordin ai suoi di tenere stretto il vescovo nel m odo pi bru
tale e di sorvegliarlo in attesa del suo giudizio. Q uando i G o ti,
esecutori crudeli di quellordine crudele, si furono im padroniti di
lui, standogli intorno gli im posero di stare fermo in uno stesso
luogo: tracciarono un cerchio in terra intorno a lui dal quale non
doveva mettere fuori neppure un piede.
3. M entre luomo di D io stava esposto al sole cocente, circon
dato dai G oti e chiuso dentro il cerchio, improvvisamente tra
lampi e tuoni si scaten un temporale tanto forte che i G o ti ad
detti alla sorveglianza non riuscirono a sopportare lintensit della
pioggia. M a, durante questo violento diluvio, nel cerchio dentro il
quale stava fermo Fulgenzio non cadde neppure una goccia d ac-

DIALOGORVM HI, 1 2 - 1 }

q uid em p lu uiae gutta descendit. Q u o d dum regi crudelissim o


nuntiatum fuisset, illa m ens effera ad m agnani eius reueren2$ tiam uersa est, cuius poenam priu s insanabili fu ro re sitiebat.
4.

Sic, sic om nipotens D eu s contra elatas carnalium m entes

potentiae suae m iracu la p er d espectos op eratu r ut, qui se su


p erb e con tra p raecep ta ueritatis eleuant, eoru m ceruicem ueritas p er hum iles prem at.

De Herculano Perusinae ciuitatis episcopo


1. N u p e r q u oq u e F lo rid u s uenerabilis uitae episco pu s narrauit q uod d am m em orab ile ualde m iraculum , dicens: V ir
sanctissim us H ercu lan u s, nutritor m eus, P eru sin ae ciuitatis
s episco pu s fuit, e x conu ersatione m onasterii ad sacerdotalis or-

dinis gratiam deductus. T otilae autem p erfid i regis tem poribus


eandem urbem annis septem continuis G o th o ru m exercitus
ob sed it, e x q ua m ulti ciuium fu gieru n t, qui fam is p ericuluni
ferre n on p oterant. A n n o u ero sep tim o n ecdu m finito obses10 sani u rb em G o th o ru m exercitu s intrauit.
2. T u n c com is, q u i eidem exercitu i p raeerat, ad regem T o tilam nuntius m isit, exqu iren s q u id d e ep isco p o uel p o p u lo
fieri iuberet. C u i ille p raecepit, dicens: E p isc o p o p riu s a uertice u sq u e ad calcaneum corrigiam tolle, et tu nc capu t illius
is am puta. O m nem nero p op nlu m , qui illic inuentus est, glad io
ex tin g u e . T u n c isdem com is uenerabilem uirum H ercu lan u m

24. esset b
26. sic sic G (ante corr.) m(ap) w(ap): sic H G (ex corr.) m b v w z
27. se om. G w(ap) ante eleuant (lin. 28) trai, b
29. bumilis m humibs H
i j , 6. deductus G H m b v w(ap): perductus w(ap) deuotus m(ap) w
8. fugierunt H m w: fugerunt G m(ap) w(ap) b v
9. nondum b
11. comis G H m
w: -es m(ap) w(ap) b v (= lin. 16)
12. nuntius H G (ante corr.) m w(accus. pi.;
cf. IT 21,1): -o j G (ex corr.) m(ap) w(ap) b v I de post uel add. m(ap) w(ap)
16.
idem m(ap) b

DIALOGHI III, 1 2 - 1 J

49

qua. Quando questo prodigio fu riferito al crudele re, la sua effe


rata ostilit si trasform in grande reverenza per colui che prima
desiderava punire con tanta ferocia.
4.

Cos D io onnipotente contro gli animi gonfi di superbia d e

gli uomini carnali opera m iracoli che attestino la sua potenza, ser
vendosi di esecutori che sono oggetto di disprezzo. In tal m odo
quanti si ergono pieni di superbia contro i precetti della verit, la
Verit li costringe a piegare il collo, valendosi dellopera di perso
ne umili.

13
Ercolano, vescovo della citt d i Perugia1
1. Poco tempo fa anche Florido, vescovo di vita venerabile, ha
raccontato un altro m em orabile miracolo: Ercolano, di vita san
ta, che mi ha cresciuto, stato vescovo di Perugia, passando dalla
vita monastica alla grazia della dignit episcopale. A l tem po del
perfido re Totila Perugia fu assediata ininterrottamente p er sette
anni dallarmata dei G o ti, e molti fuggirono dalla citt, non p o
tendo sopportare il rischio di patire la fame. Il settimo anno non
era ancora terminato quando l esercito dei G o ti entr in citt.
2. A llora il conte che era a capo dellesercito fece chiedere al
re Totila che cosa si dovesse fare del vescovo e della popolazione.
Quello ordin: Togli al vescovo una striscia di pelle dalla testa fi
no al calcagno c poi tagliagli la testa. Q uanto alla popolazione, fai
uccidere con la spada tutti quelli che troverai . A llora il conte.

DIALOGORVM III, r j

episco pum , super urbis m urum d ed u ctu m , capite truncauit


eiusque cutem iam m ortui a uertice u squ e ad calcaneum incidit, ut e x eius corp o re corrigia sublata uideretur, m o xq u e corio pus illius e x tra m urum proiecit. T u n c q u id am , hum anitatis
pietate con p ulsi, abscisum cap u t ceru ici adponentes, cum uno
p an n ilo infante, qui illic extin ctu s est inuentus, iu xta m urum
co rp u s e p isco p i sepultu rae tradideru nt.
3. C u m q u e, post eandem caedem , d ie quadragesim o rex
25 T o tila iussisset ut ciues urb is illius, q u i qu olibet dispersi essent, ad eam sine aliqua trep id atione rem earent, hii qui prius
fam em fugeran t, uiu end i licentia accepta reuersi sunt. Sed
cuius uitae eorum episco pu s fuerat m em ores, u bi sepultum esset corpus illius quaesierunt, ut h o c iu xta honorem debitum in

30

ecclesia beati P etri apostoli hum arent. C u m q u e itum esset ad


sep ulcrum , effossa terra inuenerunt co rp u s p u eri pariter hum ati utpote iam die qu ad ragesim o tab e corru p tu m et uerm ib u s plenum , corpus u ero episcopi ac si d ie eod em esset sep u l
tum et, q u o d est ad hu c m agna adm iratione uenerandum , quia

33 ita caput eius unitum fu erat corp o ri ac si nequaquam fuisset


abscisum , sic uidelicet ut nu lla u estigia sectionis appareret.
C u m q u e h o c et in terga uerterent, exq u iren tes si q u od signum
uel d e alia m onstrari incisione potuisset, ita sanum atque intem eratum om ne co rp u s inuentum st, ac si nulla h oc incisio
40 ferri tetigisset.
4

. PETRVS.

Q u is non ob stu p escat talia signa m ortuorum ,

q u ae fiu n t p r excitation e uiuentium ?

21. abscissum b
22. est inuentus G m(ap) w(ap): inuentus f t f H i n b v w
26. hi II m(ap) w(ap) b
27. fugierant ni(ap)
29. quaesiuerunt m(ap)
31. effusa m(ap) 36. abscissum b I appareret G m(ap) w: -rem H m w(ap) b v
(cf. Szantyr, p. 451)
42. excitatione H ra v: exerdtatione G m(ap) b (cf. Siyepctiv z)

DIALOGHI III, 1 }

5*

condotto Ercolano sopra le mura della citt, lo fece decapitare, e


quando era morto gli fece tagliare la pelle dalla testa ai piedi in
modo che si vedesse che gliene era stata tolta una striscia, e poi fe
ce gettare il corpo fuori delle mura. Allora alcune persone, spinte
da umana piet, dopo aver accostato la testa al collo, seppellirono
il corpo del vescovo presso le mura della citt, insieme con un
bambino che trovarono m orto col.
3. Q uando, quaranta giorni dopo questa strage, il re Totila
proclam che gli abitanti di quella citt, dovunque si fossero di
spersi, potevano far ritorno senza timore, tutti coloro che prima
erano fuggiti a causa della fam e, ottenuto il permesso di vivere in
citt, fecero ritorno. Q ui, ricordando la vita esem plare del loro ve
scovo, ricercarono dove fosse stato seppellito il suo corpo, per
dargli sepoltura consona alla sua dignit nella chiesa di san Pietro
apostolo. Recatisi al luogo della sepoltura e scavato il terreno, tro
varono che il corpo del bam bino, che era stato seppellito insieme
col vescovo, dopo quaranta giorni si era decomposto e brulicava
di vermi; invece il corpo del vescovo appariva com e se fosse stato
seppellito proprio in quel giorno e, cosa ancora pi degna di am
mirazione e venerazione, la testa appariva unita al corpo, com e se
non fosse stata mai tagliata, e non si vedeva alcun segno del taglio.
T.o voltarono di spalle cercando se apparisse qualche segno del
l incisione della pelle, e trovarono tutto il corpo sano e intatto, co
me se non avesse subito alcuna incisione.

4 . PIETRO. Chi non si stupisce di fronte a tali miracoli fatti dai


morti, che avvengono per stimolo ed esercizio dei vivi?

J2

DIALOGORVM III,

14

De Isaac seruo D ei

1. GREGORIVS.

P rio rib u s q u oq u e tem porib u s G o th o ru m

fuit iu xta Spolitanam urbem u ir uitae u enerabilis, Isaac n o m i


ne, qui usque ad extrem a p aen e G o th o ru m tem pora peruenit.
Q u em nostrorum m ulti nouerunt et m axim e sacra uirgo G re goria, q u ae nunc in hac R om ana urb e iu x ta ecclesiam beatae
M ariae sem p er uirginis habitat. Q u ae dum adolescentiae suae
tem pore, constitutis iam nuptiis, in ecclesiam fugisset et sanctim onialis uitae conuersationem quaereret, ab eodem uiro
d efensa atque ad eum quem d esiderabat habitu m , D o m in o
protegente, p erdu cta est. Q u ae, quia sponsum fu git in terra,
h abere sponsum m eruit in caelo. M u lta autem de eodem uiro,
narrante uenerabili patre E leu th erio , agnou i, qui et h u nc fam iliariter nouerat, et eius uerbis uita fidem praebebat.
2. H ic itaque uenerabilis Isaac ortus e x Italia non fu it, sed
ea illius n arro m iracula quae in Italia conu ersatu s fecit. C um
p rim o d e Syriae p artib u s ad Spolitanam u rb em uenisset, ingressus ecclesiam a cu stodibu s petiit ut sibi quantum uellit licentia con ced eretu r orandi eu m q u e h oris secretioribu s egred i
non urguerent. Q ui m ox ad orand u m stetit diem q u e totum
peregit in oratione, cui sequentem continuauit et noctem . Secun d o etiam d ie cum nocte subsequenti indefessus in precibus
perstitit. D iem q u oq u e tertium in oratione coniunxit.
3. C u m q u e h o c unus e x cu stodibu s su p erb iae spiritu infla
tus cem eret, lind e p roficere d eb u it ind e ad defectus dam na
peruenit. N am h unc sim ulatorem d icere et u erb o rustico coep it inpostorem clam are, qui se tribus d iebu s et noctibus orare
ante oculo s h om inum dem onstraret. Q u i protinus currens, ui-

14, 2. gothorum temporibus G m(ap) b z


17. primo de H m v: primttm de G m(apt
b primo die e m(ap)
18. uellit G H (ante corr.) m; uellet H (ex corr.) m(ap) b v
uelit m(ap) (cf. OXei z)
10 crmcderetur m
28. demonstrarit m

DIALOGHI HI, 1 4

14
I l servo d i Dio Isacco
1

. GREGORIO. A i prim i tempi della dominazione dei G o ti vive

va vicino a Spoleto un uom o venerabile, di nome Isacco, che so


pravvissuto fino agli ultimi tem pi di questa dominazione. M olti
dei nostri lhanno conosciuto, e in m odo particolare la vergine
consacrata G regoria, che attualmente vive nella nostra Rom a
presso la chiesa della beata M aria Vergine. Q uando era giovane
ed erano state gi decise le sue nozze, si era rifugiata in chiesa con
lintenzione di dedicarsi alla vita monastica; Isacco laveva difesa
c. con la protezione del Signore, le aveva fatto indossare labito
che essa desiderava. Cos, avendo rifiutato lo sposo in terra, ha
meritato di averlo in cielo. R iguardo a Isacco ho appreso molti al
tri fatti, raccontati dal venerabile padre Eleuterio, che era stato
anche lui in grande fam iliarit con quello, e la sua esem plare con
dotta di vita garantisce l attendibilit del racconto.
2. Isacco non era nato in Italia, ma ne racconto i prodigi per
che li ha compiuti mentre viveva qui. Appena giunto dalla Siria a
Spoleto, entrato in chiesa, chiese ai custodi di accordargli la fa- <
colta di pregare quanto volesse, senza obbligarlo a uscire durante
le ore in cui la chiesa rimaneva chiusa. Cos pass tutto il giorno
in preghiera e continu anche nella notte e nel giorno seguente.
Continu a pregare instancabilmente anche nel giorno ancora
successivo e nella notte seguente. Cos pass in preghiera anche il
terzo giorno.
3. Osservando tutto ci, uno dei custodi, che era gonfio di su
perbia, ne trasse m otivo di danno invece che di edificazione, co
me avrebbe dovuto. Com inci infatti a dire che quello era un ipo
crita e a definirlo a gran voce, con termine rustico, un impostore,
dato che pregava da tre giorni e da tre notti sotto gli occhi della
gente. Poi gli corse addosso e lo colp con uno schiaffo, per sver-

54

D IAL(X;O R V M IH,

14

rum D e i alapa p ercussit, u t q u asi religiosae uitae sim ulator d e


30 ecclesia cum contum elia exiret. S ed h u nc repente u ltor spiritus inuasit atq ue ad uiri D e i uestigia strauit ac p er os illius cla
m are coepit: Isaac m e eicit, Isa a c m e eicit. V ir q u ip p e peregrinus q u o cen seretur nom ine n esciebatu r, sed eius nom en ille
spiritus p ro d id it qui se ab ilio posse eici clam auit. M o x autem
35 super uexati corpus uir D e i incu b u it, m alignus spiritus qui
eum inuaserat abscessit.
4.

In tota urb e tunc statim q u id in ecclesia factum fuisset

innotuit. C u rre re uiri et fem inae nobiles atque ignobiles pariter coeperu nt certatim que eum in su is rapere d om ibu s co40 nabantu r. A lii a d construendum m onasterium p raed ia, alii
pecun ias, alii su bsid ia q u aeq u e p oteran t offerre u iro D e i supp liciter uo leban t, sed seruus om nipotentis D o m in i horu m
nihil accipien s, egressus urbem non lon ge desertum locum
rep perit ib iq u e sibi hum ilem habitacu lu m construxit.
45

5. A d quem dum m ulti p ergu n t, e x em p lo illius aetem ae u i


tae accendi d esiderio coeperu nt atque su b eius m agisterio in
om nipotentis se D o m in i seruitio dederunt. C u m q u e ei creb ro
d iscip uli h um iliter inm inerent ut p r usu m onasterii possessiones quae o ffereb an tu r acciperet, ille sollicitus suae paupertatis

so custos fortem sentendam tenebat, dicens: M on ach u s, qui in


terra possessionem quaerit, m onachus no n est. Sic q u ip p e
m etueb at p aup ertatis suae securitatem p erd ere, sicut auari
d iuites solent perituras diuitias custodire.
ss

6.
Ibi itaque prophetiae spiritu magnisque miraculis cunctis
longe lateque habitantibus uita eius inclaruit. Nam die quadam
ad uesperum in horto monasterii fecit iactari ferramenta, quae

32. isaac me eicit semel tantum m(ap) b z


35. incubuit G r a v i incubuit et H
mtap) b
36. inuaserat: tenuerat m
42. dei m z
44. humilem H m: -le
G m(ap) b v
47. 9e o z I seruitio G H m v: -tium mlap) b z
48. innuerent
uel exorarent b(ap)
49. acceperit m
56. horto G m(apl: ortu m hortum
mlap) b (cf. v xqi y.rptijv z)

DIALOGHI III, 1 4

55

gognarlo e scacciarlo dalla chiesa, quasi stesse l a simulare. M a


ecco che uno spirito vendicatore entr in lui, lo gett ai piedi
delluomo di D io e com inci a gridare, tramite la sua bocca:
Isacco mi scaccia, Isacco m i scaccia. Siccom e quello era stranie
ro, se ne ignorava il nome, finch lo rese noto quello spirito che
afferm di essere scacciato d a lui. A ppena infatti Isacco si distese
sopra il corpo dellossesso, lo spirito m aligno che se ne era im pos
sessato si allontan.
4. Subito si diffuse in citt la notizia di ci che era accaduto in
chiesa e tutti com inciarono ad accorrere, uomini e donne, nobili e <
popolani, e a gara si adoperavano a invitarlo nelle loro case. A lcu
ni supplicando dicevano di voler offrire alluom o di D io terreni
per edificarvi un monastero, altri prom ettevano denaro, altri an
cora aiuti di ogni genere. M a Isacco non accett nulla e, uscito
dalla citt, trov non lontano un luogo solitario e l costru p er s
unabitazione molto modesta.
5. M olti venivano da lui, sollecitati dal suo esem pio al deside
rio della vita eterna, e sotto la sua direzione si dedicavano al servi
zio del Signore onnipotente. D i frequente, p ur se umilmente, i d i
scepoli insistevano affinch, per uso del monastero, accettasse i
beni che venivano offerti, ma quello, sollecito custode della sua
povert, si atteneva a una massima di forte significato: Il monaco
che cerca di possedere in terra non monaco. In effetti temeva
di perdere la sicurezza che gli dava la sua povert, come invece
succede ai ricchi avari che custodiscono ricchezze destinate a ve
nire meno.
6. La sua condotta di vita fu conosciuta in lungo e in largo da
gli abitanti di quella regione, in virt dello spirito profetico e di
grandi miracoli. Per esem pio, la sera di un certo giorno fece get
tare nellorto del monastero quegli arnesi che usualmente sono

*6

DIALOGORVM III, 1 4

usitato n os nom ine uangas uocam us. D ix it itaque discipulis


suis: T o t uangas in h orto p roicite et citius redite. N o cte u ero
eadem , dum e x m ore cum fratribu s ad exh ib en d as lau d es D oo m ino surrexisset, p raecepit dicens: Ite, et operariis nostris pulm entum coquite, ut m ane p rim o paratum sit. F a c to autem m a
ne, fecit d ferri pulm entum qu od p arari iusserat, atque hortum
cum fratribu s ingressus, quot uangas iactari p raeceperat, tot in
eo laboran tes op erariu s inuenit. In gressi q u ip p e fures fuerant,
65 sed m utata m ente p er spiritim i ad preh en d eru n t uangas quas
inuenerunt, et ab ea hora qua ingressi sunt q u ou squ e u ir D o m i
ni ad eos ueniret, cuncta h orti illius spatia q u ae inculta fuerant
coluerunt.
7. Q u ib u s u ir D o m in i, m o x ut ingressu s est, ait: G a u d ete,
70 fratres, m ultum laborastis, iam qu iescite. Q u ib u s ilico ali
m enta q u ae detulerat p raeb u it, eo sq u e p o st tanti lab o ris fatigationem refecit. Su ffcien ter autem refectis ait: N o lite m alum facete. Q uotien s d e h orto aliq u id uultis, ad h orti aditum
uenite, tran quille petite, cum ben ed ictio n e p ercipite et a fu rti
75 p rauitate cessate. Q u o s statim collectis h olerib u s onustari fe
cit actum que est ut qui ad h ortum n o citu ri uenerant, cum la
b o ris sui p raem io et repleti ab e o et inn ocu i redirent.
8. A lio q u o q u e tem po re accesserunt ad eum peregrini q u i
dam m isericordiam postulantes, scissis pannis obsiti, ita ut

80

p aen e n u d i uiderentu r. C u m q u e h u n c uestim enta peterent,


eoru m u e rb a uir D o m in i tacitus audiuit. Q u i unum e x d iscip u
lis suis p rotinus silenter uocau it eiqu e p raecep it, dicens: V ade, atque in illa silua, in lo c o tali, cauam arborem requ ire et
uestim enta q u ae in ea inu eneris d efer . C u m q u e discipulus

58. hortum b m(ap) -tu m(ap)


64. operarius H m: -os (5 m(ap) bvlcf. Il 21,1)
7j. facete G H m v i : facete sed m(ap) b I de hortu m
79. scissis pannis obsiti G
mUp): scissis uestimentis pannis obsiti H m v scissis uestibus pannis obsiti m(ap) b (cf.
QCtxll l|lTl r|icpu;a)ivoi z) 82. praecipil m
8j. exquirc m

DIALOGHI n i, / 4

57

definiti vanghe, e disse ai discepoli: G ettate tutte queste vanghe


nellorto e tornate subito. Poi, in quella stessa notte, allorch si
alz, secondo luso, con i fratelli per cantare le lodi al Signore,
dette disposizione: A ndate a preparare un piatto di carne p er i
nostri lavoratori, perch sia pronto a prima mattina. Fattosi gior
no, si fece portare il piatto di carne che aveva ordinato di prepara
re e, entrato nellorto con i fratelli, per quante vanghe vi aveva fat
to gettare trov altrettanti lavoratori. Infatti erano entrati alcuni
ladri, ma per opera dello spirito la loro intenzione era cambiata:
perci, trovate le vanghe, le avevano prese e, dal m omento del lo
ro ingresso fino a quello della venuta delluomo del Signore, ave
vano lavorato tutta la terra che in quellorto fino allora era rimasta
incolta.
7. Appena entrato, Isacco disse: State allegri, fratelli, avete la
vorato molto, perci ora riposate. O ffr loro il cibo che aveva
portato, e dopo tanta fatica li rifocill. Q uando si furono riposati
a sufficienza, disse loro: N on fate pi del male. O gni volta che
volete qualcosa dallorto, venite allingresso, chiedete senza alzare
la voce e riceverete, insieme con la benedizione. Smettete di esse
re disonesti e di rubare, e fece loro portar via tutte le verdure che
avevano raccolto. Cos quelli che erano venuti p er far danno
nellorto, se ne andarono senza aver fatto alcunch di male, saziati
e col premio della loro fatica.
8. in unaltra occasione vennero da lui alcuni stranieri a chie
dere lelemosina, ricoperti di cenci sdruciti che li facevano sem
brare quasi nudi. Chiedevano indumenti, e Isacco ascolt le loro
richieste senza far motto. Poi chiam con un cenno uno dei disce
poli e gli disse: V a nel bosco, nel tal luogo, cerca un albero cavo
c porta qui i vestiti che troverai. Il discepolo and, cerc lalbero

58

DIALOGORVM III,

14

85 abisset, arborem , sicut fuerat iussus, exqu isiu it, uestim enta
rep perit et latenter detulit m agistro. Q u a e uir D e i suscipiens,
p eregrinis n u d is atq u e petentibus osten dit et p raebu it, dicens:
V en ite, q uia nudi estis, ecce tollite et uestite uos. H ae c illi
intuentes recognouerunt quae posu erant m agnoque p u d o re
90 con stem ati sunt, et qu i frau d u len ter uestim enta quaerebant
aliena, con fu si recep eru nt sua.
9. A lio q u oq u e tem pore quidam se eiu s orationibu s conm endans, sportas duas plenas alim entis ei p er pu eru m transmisit. Q u aru m unam isdem p u er su b rip u it atque in itinere abs-

95

con d it, unam u ero ad D e i hom inem d etu lit et petitionem illius
q u i se ei p er exenium conm endauerat enarrauit. Q u am u ir D o
m ini ben ign e suscipiens, eundem p u eru m adm onuit, dicens:
G ra tia s agim us. S ed uide sportam , quam in itinere posuisti, ne
incaute tangere praesum as, quia in ea serpens ingressus est.

100 E s to ergo sollicitus ne, si tollere incaute u o lu eris, a serpente feriaris. Q u ib u s u erbis p u er u ald e con fu su s exu ltau it quidem
q u o d m ortem euaserit, sed tristis a d m od icu m factu s est quia,
quam uis salu brem poenam , tam en p ertu lit uerecundiam suam.
Q u i reuersus ad sportam , caute ac sollicite adtendit, sed eam
ios

iam, sicut uir Dei praedixerat, serpens tenebat.


10 . H ic itaque, cum uirtute abstinentiae, contem ptu rerum
transeuntium , p rop h etiae spiritu, orationis intentione esset incom parab iliter praeditus, unum erat q u o d in eo reprehensibile
esse u id eb atu r, quia nonnum quam tanta ei laetitia inerat ut, illis

1 io tot uirtutibus nisi sciretur esse plenus, nu llo m odo crederetur.

11. PETRVS. Quidnam, quaeso te, quid hoc esse dicimus?


Sponte sibi laetitiae frena laxabat an, tot uirtutibus pollens,

85. iussus G H m(ap) v: -um b missus m


86. domini G m(ap)
89. posuerum m(ap)
94. idem ra(ap) b
96. xenium m(ap) b
99. ea m(ap): eo G
eam H m b v (cf. v aTfl z)
102. admodum b(ap)
109. tantae laetHiae m
tanta laetitia m(ap)
m . quid hoc m(ap): hoc G b v z quid H quidnam m quidnani hoc m(ap)

DIALOGHI III, 1 4

59

come gli era stato ordinato, trov i vestiti e senza dare nellocchio
li port al maestro. L uomo di D io li prese, li mostr agli stranieri
e li dette loro dicendo: Poich siete nudi, ecco, prendete e vesti
tevi. Quelli guardando riconobbero che erano i vestiti che essi
stessi, spogliatisi, avevano deposto in quel luogo al fine di ottener
ne altri con la frode: perci pieni di vergogna si ripresero i loro
vestiti.
9. In unaltra circostanza, un tale raccom andandosi alle sue
preghiere gli invi per tramite di un servo due sporte piene di ci
barie. Il servo ne sottrasse una e la nascose lungo la strada, port
laltra alluomo di D io e gli trasmise la richiesta del suo padrone,
che si raccomandava a Isacco con quei doni. L uom o del Signo
re accolse ringraziando, ma ammon il servo: T i ringrazio. M a
quando prenderai la sporta che hai nascosto lungo la strada, fai
attenzione perch vi entrato un serpente. Perci sta attento a
non essere morso, se la tocchi incautamente. A queste parole il
servo rest confuso: era contento di essere sfuggito alla morte, ma
si rattrist un p o , perch il rim provero, anche se salutare, lo ave
va fatto vergognare. Q uando torn dove aveva nascosto la sporta,
fece molta attenzione, perch, com e gli aveva preannunciato l u o
mo di Dio, vi era entrato un serpente.
10. Com e si vede, Isacco era dotato, in misura senza uguali,
della virt dellastinenza, del disprezzo dei beni tem porali, dello
spirito di profezia, dellintensit della preghiera. L unica cosa che
in lui appariva biasim evole, era la grande gioia che talvolta dava a <
vedere, tale che, se non fosse stato dotato di tante virt, non lo si
sarebbe creduto tale.
11

. PIETRO. Che cosa dobbiam o dire a questo proposito? E gli

si abbandonava a queste manifestazioni di gioia spontaneamente

6o

115

120

125

130

135

140

DIALOGORVM

III,

14

aliquando ad praesens gaudium etiam renitens eius animus


trahebatur?
z . GREGOR1VS. Magna est, Petre, omnipotentis Dei dispensatio, et plerumque contingit ut, quibus maiora bona praestat,
quaedam minora non tribuat, ut semper eorum animus habeat
unde se ipse reprehendat quatenus, dum appetunt perfecti es
se nec possunt, et laborant in hoc quod non acceperunt nec tamen elaborando praeualent, in his quae accepta habent se mi
nime extollant, sed discant quia ex semetipsis maiora bona
non habent, qui in semetipsis uincere parua uitia atque extrema non possunt.
13. Hinc est enim quod perducto Dominus ad terram promissionis populo, cunctos fortes atque praepotentes aduersarios eius extinguens, Philisteos atque Chananeos diutius
reseruauit ut, sicut scriptum est, in eis ex p eriretu r Isra el, quia
nonnumquam, ut dictum est, eis etiam quibus magna dona tribuit parua quaedam reprehensibilia relinquit, ut semper habeant contra quod bellum gerant, et deuictis magnis hostibus
mentem non erigant, quando eos adhuc aduersarii etiam mini
ni fatigant. Fit itaque ut miro modo una eademque mens et
uirtute polleat et ex infirmitate lassescat, quatenus et ex parte
constructa sit et ex parte se conspiciat esse destructam, ut per
bonum quod quaerit et habere non ualet, illud seruet humilicer quod habet.
14. Sed quid mirum quod hoc de homine dicimus, quando
illa superna regio in ciuibus suis ex pane damna pertulit et ex
parte fortiter stetit, ut electi angelorum spiritus, dum alios per
superbiam cecidisse conspicerent, ipsi tanto robustius quanto
humilius starent? Illi ergo regioni sua etiam detrimenta profe-

120. laborando G (ex corr.) b


it i. dona b(ap)
132. ut miro modo G H
m(ap) b: miro modo ut m v
134. constructa sit G H m b v: constructam b(ap)
(xoopr|pvov 2 disimela m
135. seruet G m(ap) b v: -il H m
141. sua
mbv: suae H m(ap) suam G

DIALOGHI Iti, 1 4

61

ovvero, :n quanto era dotato di tante virt, il suo animo a tratti


manifestava la gioia suo m algrado?
12 .

GREGORIO.

grande, Pietro, la provvidenza di D io onni

potente, e spesso accade che non dia beni m inori a coloro ai quali
ha elargito i maggiori. In tal m odo il loro animo ha sem pre motivo
di rimproverarsi in quanto, pu r aspirando alla perfezione, non rie
scono a conseguirla. Si danno da fare per ottenere ci che non
hanno ricevuto, ma nonostante i loro sforzi non ci riescono. In
questo n o d o non si possono insuperbire per ci che hanno rice
vuto e capiscono che i beni m aggiori non sono frutto della loro
iniziativa, dato che da soli non riescono a vincere neppure difetti
di poco conto.
13. stato per questo m otivo che, quando il Signore ha intro
dotto il popolo d Israele nella terra promessa, ne ha distrutto tutti
gli avversari forti e aggressivi e invece ha risparmiato a lungo F ili
stei e Cananei, affinch, com e sta scritto, grazie a loro Israele fo sse
messo alla prova. In questo m odo, come si gi detto, a coloro ai
quali ha dato grandi doni D io lascia alcuni difetti minori, cos che
abbiano sem pre contro chi com battere e, una volta vinti i nemici
pi potenti, non insuperbiscano, dato che avversari anche di m i
nor conto continuano a dar loro filo da torcere. A ccade perci in
modo meraviglioso che un solo e medesimo spirito eccella per
\:irt e sia afflitto da debolezza, per certi aspetti sia bene edificato
ma per altri constati la sua cattiva condizione, acciocch, dato che
non pu conseguire quel bene cui aspira, conservi umilmente
quel tanto che ha.
14. Che cosa c di strano in ci che raccontiamo di Isacco, dal
momento che anche il regno dei cieli ha subito danni in alcuni dei
suoi cittadini, mentre gli altri hanno resistito con forza? Cos gli
angeli eletti, mentre vedono che gli altri sono caduti a causa della
superbia, restano fermi, tanto pi forti quanto pi umili. Essi

14, 127. Iudic. 3, 1 sqq.

6z

DIALOGOKVM in , 1 4 - 1 j

cerunt, quae ad aeternitatis statum ex parte suae destructionis


est solidius instructa. Sic ergo et in unaquaque anima agitur, ut
in humilitatis custodia aliquando ad lucra maxima ex minimo
145 damno seruetur.
PETRVS. Placet quod dicis.

if

De Euthicio et Florentio seruis D ei

1. GREGORIVS.

N e q u e h o c sileam q u o d e x regione eadem

uen erabilis uiri Sanctuli p resb iteri n arratione cognoui, de


cuius uerbis ip se no n d u bitas, quia eiu s uitam fid em qu e minii m e ignoras.
2. E o d e m q u oq u e tem pore in N u rsia e partis prouinciae
d u o uiri in uita atque h abitu sanctae conuersationis habitabant, quorum unus E u th iciu s, alter u ero Flo ren tiu s dicebatur.
Sed isdem E u th iciu s in spiritali zelo atque feru o re uirtutis e x
io creuerat m ulto rum qu e anim as ad D e u m p erd u cere exhortand o satagebat, F lo ren tiu s u ero sim plicitati atque orationi deditam d u ceb at uitam . N o n lon ge autem erat m onasterium , qu od
rectoris sui fuerat m orte destitutum . E x q u o sibi m onachi eundem E u th iciu m praeesse uoluerunt. Q u i eorum precibu s adij

quiescens, m ultis annis m onasterium rexit discipu loru m qu e


anim as in stud io sanctae conu ersationis exercu it. A c n e oratorium , in q u o prius h a b iia u e ra l, solum rem anere potuisset, illic
uenerabilem uirum Flo ren tiu m reliquit.
3. In quo dum solu s h abitaret, d ie quadam sese in oratione

14). unaquaque G m(ap) b v: unaquacque H m


144. in om. m I custodia! b
15, 3. relatione m
6. nursiae G m(ap) b: -sinae H m v (ci. voupoia; 2) I partis
H m: parte G m(ap) (recto? cf. 16, lin. 2) -es m(ap) -ibus m(ap) b v z I prouincia G
m(ap)
9. idem m(ap) b I spiritali G H (ex corr.) m v: -le H (ame corr.) -tuali
m(ap) b I atque G m v z: atque in H m(ap) b
11. deducebal m(ap)
19. ora
tione H m(ap): -nem G in b v z

DIALOGHI IH. 1 4 - I f

63

traggono vantaggio anche dal danno che il loro regno aveva subi
to, perch a causa della distruzione parziale esso si pi solida
mente strutturato p er durare in eterno. Cos avviene in ogni ani
ma: se tiene bene da conto Pumilt, talvolta da un danno di
modesta entit essa consegue un grande guadagno.

PIETRO. Sono daccordo con quello che dici.

15
Eutizio e Fiorenzo, servi d i Dio
1.

GREGORIO. V oglio raccontare anche un fatto che accaduto


stato riferito dal venerabile

in questa stessa regione e che mi

presbitero Santolo: tu non puoi dubitare delle sue parole, perch


ne conosci bene la vita e la fede.
2. In quello stesso tem po, nella provincia di N orcia dim orava
no due uomini, di perfezione e abito monastici, uno di nome E u
tizio e laltro Fiorenzo. Eutizio aveva progredito p er zelo spiritua
le e fervore di virt, e si adoperava per condurre molte anim e a
D io con la sua predicazione; invece Fiorenzo viveva in tutta sem
plicit attendendo alla preghiera. In un monastero l vicino era
morto labate, e i monaci vollero come suo successore Eutizio,
che acconsent alla loro richiesta e resse per molti anni il m onaste
ro, esercitando lanimo dei discepoli nello zelo per la vita santa.
Affinch l oratorio nel quale aveva abitato in precedenza non ri
manesse abbandonato, vi lasci Fiorenzo.
j . Questi, che abitava da solo, un certo giorno si prostr in

DIALOGORVM in, / ;

6q

20 p rostrauit, atque ab om nipotente D o m in o petiit u t ei illic ad


h abitandum aliq uod solatium d on are d ignaretur. Q u i m o x ut
conp leuit orationem , oratorium egressu s, ante fores ursum
rep p erit stantem . Q u i dum ad terram cap u t d eprim eret nihilq ue feritatis in suis m otibus dem onstraret, aperte d abat intel2s legi q u o d ad uiri D e i ob seq u iu m uenisset. Q u o d u ir q u o q u e
D o m in i protinus agnouit, et quia in eadem cella pecu d es quatu o r uel q u in q u e rem anserant, quas om nino deerat qui pasceret et custodiret, eidem u rso p raecep it, dicens: V a d e, atque
has o u es ad pastum eice, ad sextam u ero horam reuertere.
jo

4. C o ep it itaque h o c ind esinenter agi. In iu n geb atu r u rso


cu ra pastoris, et quas m an du care consueuerat, p ascebat oues
bestia ieiuna. C um u ir D o m in i ieiunare uoluisset, ad nonam
p raecip ieb at urso cum ou ibus reuerti, cum u ero noluisset, ad
sextam , atque ita in om nibus m andato u iri D e i ob tem p erabat

j j ursus, ut neque ad sextam iussus rediret ad nonam , n equ e ad


nonam iussus rediret ad sextam .
5.

C u m q u e diu h o c ageretur, coepit in loco eodem tantae

uirtutis lon ge lateque fam a crebrescere. Sed quia antiquus hostis, und e b o n os cern ii enitescere ad gloriam , in d e p eru ersos
40 p e r inuidiam rapit a d poenam , q u atu o r u iri e x discipulis uenerabilis E u th icii, uehem enter inu identes q u o d eoru m m agister
signa non faceret et is qui solus ab eo relictus fu erat tanto h oc
m iracu lo clarus app areret, eundem ursum insidiantes occiderunt.
45

6. C u m q u e h ora q u a iussus fu erat non rediret, uir D ei Elorentius suspectus est redditus. Q u em u sq u e ad horam uesperis

20. onnipotenti H b
22. impleuit b 23. slmile! -ime: ursum trai, m I deprime
rei'. reclinaret b(ap)
30. itaque hoc m(ap) b z: itaque bec G hoc itaque H m v l
agi G H m v: agere m(ap) b z
31. pastoris G m v: pastorale! H -lis b
32-3.
ad nonam praecipiebat G m(ap): ad nonam horam praecipiebat b z ad nonam praeci
piebat horam m v ad nonam praecipiebat eadem horam H
33. urso G m b v: ur
sum H m(p) (cf. Tf| pXTtu z)
39. enitescere. crescere m(ap) peruenire b(ap)
46. uesperim(ap) b uespertinam m(ap)

DIALOGHI IH,

1}

65

preghiera e chiese al Signore onnipotente che gli desse un com pa


gno il quale vivesse insieme con lui. A ppena terminata la preghie
ra, usc dalloratorio e trov davanti alla porta un orso: con la te
sta chinata verso terra e senza segno di ostilit nei movimenti,
dava chiaramente a vedere di essere venuto per mettersi a servizio
delluomo di Dio. Fiorenzo, dal canto suo, cap subito, e dato che
dove lui abitava erano rimaste quattro o cinque pecore che non
avevano chi le facesse pascolare e le custodisse, ordin allorso:
V a a condurre al pascolo queste pecore e tom a a m ezzogiorno.
4. La cosa si ripet giorno dopo giorno. L orso era incaricato
di fare da pastore e, pur essendo una bestia feroce, rimaneva a di
giuno facendo pascolare le pecore che prim a era solito divorare.
Q uando luomo del Signore voleva digiunare, ordinava allorso di
ritornare con le pecore alle tre del pom eriggio; quando non vole
va, a mezzogiorno, e lorso gli ubbidiva scrupolosamente: mai tor
nava a mezzogiorno quando doveva tornare alle tre, n alle tre
quando doveva tornare a mezzogiorno.
5. Poich la cosa durava in questo m odo d a lungo tem po, la fa
ma di tale prodigio com inci a diffondersi in lungo e in largo nel
la regione. M a lantico avversario, quando vede i buoni risplende
re di gloria, rende invidiosi i cattivi per trascinarli alla rovina: cos
quattro dei discepoli di Eutizio, divorati dallinvidia perch il loro
maestro non faceva m iracoli, mentre Fiorenzo, che era stato la
sciato da lui in solitudine, rifulgeva di cos grande m iracolo, tese
ro unInsidia allorso e lo uccisero.
6. Dato che lorso non era tornato allora stabilita, Fiorenzo
cominci a preoccuparsi. A spett fino a sera, e prese a dolersi

66

DIALOGORVM III, / /

exp ectan s, ad fligi coepit q u o d is, q u em e x sim plicitate m ulta


fratrem u o care consueuerat, ursus m inim e reuerteretur. D ie
u ero altera p errexit ad agru m , ursum p ariter ou esq u e quaesiso turus. Q uem occisum rep perit, sed sollicite inquirens, citius a
q u ib u s fuerat occisu s inuenit. T u n c sese in lam entis dedit, fratrum m agis m alitiam quam urei m ortem d eplorans.
7. Q uem uenerandus uir E u th iciu s ad se deductum con so
l a r i studuit, sed isdem uir D o m in i coram eo, doloris m agni sti55 m ulis accensus, inprecatus est dicens: S p e ro in om nipotente D e o quia in h ac uita ante oculos om nium e x m alitia sua
uindictam recipiant qui nil se laedentem ursum m eum occiderunt. C u iu s uocem protinus ultio diu ina secuta est. N am quatu or m onach i, qui eundem ursum occiderant, statini elefanti60 n o m o rb o percussi sunt, ut m em bris putrescentibus interirent.
8. Q u o d factum uir D ei Flo ren tiu s u ehem enter exp au it se
q u e ita fratribu s m aled ixisse pertim uit. O m n i enim u itae suae
tem po re flebat: q uia exau d itu s fuerat, se crudelem , se in eorum m orte clam abat hom icidam . Q u o d id circo om nipotentem
65 D e u m fecisse cred im u s, n e u ir m irae sim plicitatis, quantolibet
d o lo re com m otu s, in torqu ere ultra praesum eret iaculum m aledictionis.
9. PETRVS. N u m qu id n am u ald e g rau e esse cred im u s, si fortasse cuilibet, exagitati iracu n d ia, m aled icam u s?
70

GKEGORIVS. D e h o c p eccato c u r m e percu n ctaris an grau e


sit, cum P a u lu s dicat:

Neque maledici regnum Dei poisidebunt?

P e n sa itaque quam grauis cu lp a est, q u ae separat a regno uitae.


10 . PETRVS. Q u id , si h o m o non fortasse e x m alitia, sed e x
linguae incuria m aledictionis in p ro x im o iacu latu r u erbu m ?

51. fuerit m(ap)


52. u n i mortem G H m(ap) b 2: mortem u ni m v
54.
idem m(ap) b
55. in: ab b(apj
55 6. omnipotente G H m(ap) v: -ti b -lem
m b(ap> z
56. deum m b(ap) z
57. aihil G m(ap) b
61. itaque H
m(ap)
65. mirae: tanlae m
69. exagitanti m(ap) b
74. in proximo G:
in proximum H m bvtcf. x<5ji>.t)oov z)

DIALOGHI III, / ;

67

perch non tornava l orso che, nella sua semplicit, egli soleva
chiamare fratello. Il giorno dopo and nei campi p er cercare lor
so e le pecore. L o trov ucciso, e indagando sollecitamente indivi
du in breve chi fossero gli uccisori. Com inci allora a lamentar
si, addolorato pi per la m alvagit dei fratelli che per la morte
dellorso.
7. Allora Eutizio lo volle far venire presso di s per consolarlo,
ma luomo del Signore, infiammato dal pungolo del grande dolo
re, se ne usc in una maledizione: Spero in D io onnipotente che
chi ha ucciso il m io orso, del tutto inoffensivo, riceva davanti agli
occhi di tutti la punizione della propria malvagit. Alle sue paro
le fece immediatamente seguito la vendetta divina: i quattro m o
naci che avevano ucciso lorso furono colpiti subito da elefantiasi
e morirono col corpo incancrenito.
8. Questa punizione spavent m olto Fiorenzo, che ebbe timo
re di aver scagliato una tale m aledizione contro i fratelli. Lam ent
per tutta la durata della vita di essere stato esaudito, e gridava di
essere stato crudele e om icida a causa della loro morte. Crediam o <
perci che D io onnipotente abbia disposto cos, per evitare che
quelluomo di m irabile semplicit, anche se stimolato da un gran
de dolore, non osasse in seguito scagliare ancora il dardo della
maledizione.
9.

PIETRO.

D obbiam o dunque ritenere che sia peccato molto

grave se, esasperati dalla collera, malediciamo qualcuno?

GREGORIO. Perch mi chiedi se questo peccato sia grave, dal

momento che Paolo dice: N eppure coloro che m aledicono possede


ranno i l regno d e i c ie li? Valuta dunque quanto sia grave la colpa
che tiene lontani dal regno della vita.
10.

PIETRO. M a che cosa dobbiam o pensare, se uno m aledice il

suo prossimo non per malvagit ma perch non sa tenere a freno


la lingua?

15, 71.1 Ep. Cor. 6, 10

6$
75

DIALOGORVM m , / ;

GREGORIVS. Si ap u d districtum iudicem , Petre, otiosus ser


m o rep reh en d itur, quanto m agis n o xiu s. P ensa ergo quantum
sit dam nabilis qui a m alitia non uacat, si et ille serm o poenalis
est qui a bonitate utilitatis uacat.

so

PETRVS. Adsentio.
n . GREGORIVS. Isd em u ir

D e i egit aliud, qu od sileri non d e

beat. C u m enim m agna eius op in io lon ge latequ e crebresceret,


quidam d iaconus lon ge p ositu s ad eum p ergere studuit, ut eius
se orationibus conm endaret. Q u i ad eius cellulam ueniens, omnem locum p er circuitum inuenit innum eris serpentibus ple85 num . C u m q u e uehem enter expau isset, clam auit dicens: Serue D o m in i, ora. E ra t autem tu nc m ira serenitas. E gressu s
uero Florentius, ad caelum ocu lo s et palm as tetendit, ut illam
pestem , sicut sciret, D om in u s auferret. A d cuius uocem subito
caelum intonuit, atque isdem tonitruus om nes illos, qui eun90 dem locum occupau eran t, serpentes interem it.
12 , Q u os dum uir D e i F lo ren tiu s interem ptos aspiceret,
d ixit: E c c e occid isti illos, D o m in e. Q u is eos h inc leuat?.
M o x q u e a d eius uocem tantae aues ueneru nt, quanti serpentes
occisi fueran t, q u ae asportantes singu los et lon giu s proicien95 tes, locum habitationis illius m undum om nim odo a serpentib u s red d id erunt.

13. PETRVS. Quid uirtutis, quid fuisse meriti dicimus, quod


eius ori tantum factus est proximus omnipotens Deus?
GREGORIVS. A p u d

om nipotentis D e i singularem m unditiam

100 atque eius sim plicem naturam m ultum , P etre, hum ani cordis
m unditia atque sim plicitas ualet. H o c ipsum nam que quod
eius fam uli, a terrenis actionibu s segregati, otiosa loqu i ne-

76. et ante noxius add. b


80. idem m(ap) b I sileri in b v: -re G H m(ap) (cf.
cnu>jnj9 i)vai z)
80-1. debeat H b ir n t -am G mlap) debet ucl debeo m(ap)
83. conmendaret G mlap) b v: -rii H m
86. d eimlap) b z 89. idem mlap)
b I tonitruus G m v: -trus mlap) b -Irttos H mlap)
95-6. a serpentibus omnimo
do G b
oi.actibusm

69

DIALOGHI III, / ;

GREGORIO.

Se, Pietro,

il

giudice severo punisce anche un di

scorso ozioso, quanto pi lo punir se dannoso! Considera dun


que quanto sia degno di condanna il discorso che non esente da
malvagit, dato che viene punita perfino una parola inutile.

PIETRO. Sono daccordo.


11. GREGORIO. A ncora Fiorenzo

ha operato un m iracolo che

non pu essere trascurato. D ato che la sua fam a aumentava d o


vunque, un diacono che abitava molto distante volle venire da lui
per raccomandarsi alle sue preghiere. M a quando arriv alla pic
cola cella di Fiorenzo, si accorse che tutto il luogo intorno era gre
mito di innumerevoli serpenti. Spaventatissimo esclam: Servo
del Signore, prega per m e. Il tem po era allora meravigliosamente
sereno, ma quando Fiorenzo usc e alz al cielo gli occhi e le mani
perch il Signore togliesse quella peste nel m odo che avesse volu
to, improvvisamente alla sua voce tuon dal cielo e quel tuono uc
cise tutti i serpenti che avevano gremito il luogo.
12. Allora Fiorenzo, uom o di D io, vedendo i serpenti m orti,
disse: Ecco, Signore, che li hai uccisi. M a chi li toglier di qui?.
Aveva appena parlato che vennero tanti uccelli quanti serpenti
erano stati uccisi, e uno per uno li portarono via e li gettarono
lontane, e cos ripulirono completamente il posto dove Fiorenzo
abitava.

13. PIETRO. M a qual

stata la sua virt, quale il suo m erito, dal

momento che D io onnipotente, alle sue parole, gli stato tanto vi


cino?

GREGORIO.

Data la singolare purezza e la semplicit

d i natura

di D io onnipotente, la purezza e la semplicit del cuore umano


possono m olto presso

d i lui.

Il fatto stesso che i suoi servi, distac

cati dalle occupazioni terrene, non parlano oziosamente ed evita-

D1ALOGORVM in, /;

sciunt et m entem p er u erba sp arg ere atque inqu inare deuitant,


au cto ris sui p rae ceteris exau d itio n em im petrant, cui, in quaniot tum est p ossibile, ip sa p u n ta te ac sim plicitate cogitationis q u a
si e x q uad am iam sim ilitudine concordant.
14 . N o s autem tu rbis p op u larib u s ad m ixti, d um frequ enter
otiosa, nonnum quam u ero edam grau iter n o xia loq u im u r, os
n ostrum om nipotenti D e o tantum longinquum fit, quantum
n o h u ic m un d o p roxim u m . M ultum q u ip p e deorsum d ucim ur,

d um locutio n e continua saecu larib u s adm iscem ur.


15 . Q u o d b en e E saias, postquam regem D om inu m exercituum uidit, in sem etipso rep reh end it et paenituit, dicens: V ae
m ihi, q u ia tacui, q u ia u ir p o llu tu s la b iis ego sum . Q u i cu r pol-

115

luta lab ia h aberet aperuit, cum su b iu n xit: In m edio p o p u li p o l


la ta la b ia h ab en tis ego b a b ito . P o llu tio n em nam qu e labiorum
h abere se doluit, sed u n d e h an c co n traxerit indicauit, cum in
m ed io p o p u li p ollu ta lab ia habentis se h abitare perhibuit.
16 . V a ld e enim d ifficile est ut lin gu a saecularium m entem

120 n on in q u in et quam tangit, quia, d u m p leru m q u e eis ad quaedam loq u en d a cond escend im u s, p au lisp er adsueti hanc ipsam
locutionem , quae n obis ind igna est, etiam d electabiliter tenem us, ut ex ea iam redire non libeat ad quam uelut e x condescen sione uenim us inuiti. S icq u e fit ut ab otiosis ad n o xia, a
12; leuibus ad grauiora uerba ueniam us, et os nostrum ab om nip oten te D o m in o tanto iam m inus e x au d itu r in p rece, qu an to
am plius inquinatur stulta locutione, quia, sicut scriptum est,
q u i au ertit aurem suam n e au diat legem , oratio eiu s erit execrab ilis.
130

17 . Q u id ergo m irum si postulantes tarde a D o m in o audim ur, qui praecipientem D o m in u m aut tarde aut nullo m odo

109. tantum... quantum G H m(ap): tanto... quanto m b v


115. apparuit
b(ap)
123-4' ex condescensionc m v: ex condesc- ducti G H m(ap) b (cf. x
ouYxaTafJdtoEios 2)
125-6. omnipotenti G m(ap) b
126. minus... quanto
om. G I exauditur m v z: -Jiatur H m(ap) b
130-1. audiamur m(ap)

DIALOGHI III,

1;

71

no di dissipare e inquinare lanima con le parole, fa s che essi sia


no ascoltati dal loro creatore pi degli altri dato che, per quanto
possibile, concordano con lui per una certa qual somiglianza, gra
zie alla purezza e semplicit di cuore.
14. Quanto invece a noi che, trovandoci sem pre in m ezzo alla
gente, diciamo spesso cose inutili, a volte anche m olto dannose, la
nostra bocca tanto pi lontana da D io onnipotente, quanto pi
vicina al m ondo. Siam o trascinati molto in basso, quando parlia
mo in continuazione con la gente del mondo.
15. Giustam ente Isaia, dopo aver contemplato il Signore re de
gli eserciti, rim provera s stesso con parole di pentimento: G u a i a
me, perch ho taciuto, perch sono com e un uom o con le labbra im
pure. E spiega l im purit delle labbra dicendo: Sto in mezzo a un
popolo dalle labbra im pure. N on solo ha manifestato il suo dolore
per avere le labbra im pure, ma ne ha indicato la causa quando ha
detto di stare in mezzo a un popolo con le labbra impure.
16. molto difficile che la lingua delle persone del m ondo
non contamini l anima con cui viene a contatto. Suole infatti acca
dere che, mentre prendiam o gusto a ci che costoro dicono, a p o
co a poco ci abituiam o a parole che sono indegne di noi e le fac
ciamo nostre con piacere, cos che non ce ne vogliam o liberare,
anche se le abbiam o accolte contro la nostra intenzione, p er con
discendenza. In questo m odo passiamo dalle parole inutili a quel
le dannose, da quelle di poco peso a quelle pi im pegnative, e la
nostra bocca quando preghiam o tanto m eno esaudita dal Signo
re onnipotente quanto pi insozzata da parole sciocche, perch
- come sta scritto - sar esecrabile la preghiera d i ch i distoglie
l orecchio d a llascolto della legge.
17 . Perch dunque m eravigliarci se, quando chiediam o, il Si
gnore sordo a esaudirci, dato che o tardi o niente affatto pre-

113 et 115. Is. 6,5

28. Prou. 28, 9

7*

DIALOGORVM III,

iyi6

aud im us, et q u id m iru m si Flo ren tiu s in p re ce sua citius est aud itu s, qui in p raeceptis suis D o m in u m citius audiuit?
PETRVS. N ih il est q u o d resp o n d eri ualeat apertae rationi.
135

18 . GREGORIVS. E u th iciu s u ero, q u i p raed icti Flo ren tii in


uia D e i socius fuerat, m aius post m ortem claruit in uirtute signorum . N am cum m ulta ciues urb is illiu s d e eo soleant narra
re m iracula, illud tam en est p raecip u u m , q u o d usqu e ad h aec
L an go b ard o ru m tem pora om nipotens D e u s p e r uestim entum

140

illius assidu e d ign abatu r o p erari. N a m quotiens p lu u ia d eerat


et aestu nim io terram lon ga siccitas e x u re b a t, collecti in unum
ciues u rb is illius eius tu nicam le u are atq u e in conspectu D o
m ini cum p recibu s o fferre consueuerant. C u m q u a dum p er
agros exoran tes p ergerent, rep ente p lu u ia tribu ebatu r, quae

145

p ien e terram satiare potuisset.


19 . E x q u a re p atu it eiu s anim a q u id uirtutis intus, qu id
m eriti haberet, cuius foris ostensa uestis iram cond itoris auerteret.

16

De Martino monacho de monte M anico


1.

N u p e r q u oq u e in p arte C a m p a n ia e u ir ualde u enerabilis,

M artinus nom ine, in m onte M a rsico solitariam uitam d u xit


m ultisque annis in sp ccu angustissim o inclausus tuie. Q u em
j m ulti e x nostris nouerunt eiu sq u e actib u s praesentes extiterunt. D e q u o m ulta ip se, et beatae m em oriae p ap a P elag io decessore m eo et aliis religiosissim is u iris n arran tibu s, agnoui.

136. maius m: magis G m(ap) b(ap) v magma l i m(ap) b pfcXov z


146. con
stai patuissc m(ap)
16 ,1. parte G m b v: panes H m(ap) -ibus m(ap) z
4. inclausus G m(ap) v: inclusus H m b
5. nouerunt G m b v: -rant H m(ap) <cf. yvwQioav z)
5-6.
sleterunl m(ap)

DIALOGHI ni, I J - 1 6

73

stiamo ascolto ai precetti divini? E perch meravigliarci, se la


preghiera di Fiorenzo fu esaudita prontamente, dato che egli
prontamente aveva prestato ascolto ai precetti del Signore?
PIETRO. N on c nulla da obiettare a un ragionamento tanto
chiaro.

18. GREGORIO. Q uanto

a Eutizio, che era stato com pagno di

Fiorenzo nella via di D io, egli divenne illustre per i m iracoli com
piuti soprattutto dopo la morte. T ra i tanti che i suoi concittadini
raccontano, uno soprattutto singolare, che D io onnipotente si
degnava di operare spesso p er tramite della sua veste, fino a que
sta et dei Longobardi. O gni volta che mancava la pioggia e la sic
cit bruciava la terra a causa delleccessiva calura, gli abitanti del
la sua citt, riunitisi tutti, avevano in uso di sollevare la sua tunica
e offrirla al cospetto del Signore con preghiere. M entre attraver
savano i campi in preghiera, improvvisamente veniva concessa
tanta pioggia da poter saziare tutta la sete della terra.
19. Q uesto prodigio rese manifesta quale fosse stata la virt
della sua anima, quanto avesse meritato, dal m omento che lespo
sizione pubblica della sua tunica era sufficiente a distogliere lira
divina.

16

Martino, monaco del monte Morsico


1. Poco tempo fa in Cam pania anche un uomo molto venera
bile, di nome M artino, ha praticato vita solitaria sul monte M arsico, e per molti anni ha vissuto rinchiuso in una piccola grotta.
Molti dei nostri lo hanno conosciuto e sono stati presenti alle sue
gesta. Io stesso ho appreso molto di lui dal racconto del m io pre
decessore, papa Pelagio, di beata memoria, e di altri uomini di
grande piet.

74

DIALOGORVM

in,

16

z. C u iu s h o c m iraculum prim um fu it qu od , m o x ut se in
p raed icti m ontis foram ine contulit, e x p etra eadem , quae in seio m etipsam con cau a angustum specu m fecerat, aqu ae stilla proru p it, q u ae M artin o D e i fam u lo in u so cotidiano su fficeret et
n ec p lu s adesset n ec necessitati deesset. Q u a in re ostendit omnipotens D e u s quantam sui fam u li cu ram gereret, cui uetusto
m iraculo potum in solitu d in e e x p etrae duritia m inistrare!.
15

3. S ed antiquus hostis h u m an i generis, eius uiribus inuiden s, h unc usitata arte p elle re e x eo sp ecu m olitus est. N am
am icam sib i bestiam , serpentem scilicet, ingressus, h u nc ab ea
d em habitatione eicere facto terro re conatus est. C o ep it etenim serpens in spelim ca inu eniri solus cu m solo, e o q u e orante

20 se ante illum ste m e re et cum cu b an te p ariter cu bare. Sed uir


sanctus om nino inp erterritu s eiu s ori m anum u d pedem extend ebat, dicens: S i licentiam accepisti u t ferias, e go non
p roh ib eo .
4. C u m q u e h o c continue p e r triennium gereretur, d ie qua25 dam antiquus hostis, tanta h ac eius fortitu d in e uictus, infrem uit seq ue p e r d iu exu m m ontis latu s in praecipitiu m serpens
d ed it, om niaque arbusta loci illius fiam m a e x se exeu n te concrem auit. Q u i in e o q u od m ontis latus om ne conbussit, cogen
te om nipotente D e o m on strare con p u lsu s est quantae uirtutis
30 fu erat qui uictus abscedebat. P e rp en d e , quaeso, iste uir D o m i
n i in quo m entis uertice stetit, qu i cum serpente p er triennium
iacuit securus.

petrvs . A u d itu
5.

GKEGORIVS.

ut
uso

paueo.
V ir iste u itae u enerabilis, inclausionis suae

in semetipsam

-sa
ex -sani
nam cum amica bestia serpente
speluncam inueniri
r. -re
ilio
deuexum
a quo
per quem iste: te
inclausionis

8.
om . m v
9 -1 0 .
H m:
G m (a p ) b v
m (a p )
11.
G H m:
m (a p ) b v
16 -7.
b (a p ) o fte v
r ti cp iX o v aTOO {h )Q o v ( p iv z
19.
b I
m b (a p )
G
H
m (a p ) b (c f. g io x s c r a i z)
20 .
m
26 .
m (a p ) b
v
30.
H m b v:
G m (a p ) I
b (a p )
b I
m
31.
m (a p ) b v :
G H ( - ) m (c f. t o v o g z)
34.
G m v:
H
m (a p ) b

uenire

usu

fuerat

mentis
montis
inclausione indusonis

-il

75

DIALOGHI III, l6

2. Com p il suo prim o m iracolo quando, arrivato a una piccola


grotta del monte M arsico, dalla pietra stessa che, naturalmente in
cavata, aveva form ato una stretta cavit sgorg subito un filo d ac
qua sufficiente per il suo bisogno quotidiano, in m odo che non
fosse n troppa n troppo poca. In questo m odo D io onnipotente
ha dato a vedere quanta cura egli si sia preso del suo servo, fo r
nendogli, secondo un tradizionale m iracolo, acqua sgorgata nella
solitudine, dalla dura roccia.
3. Ma l antico avversario del genere umano, invidioso delle ca
pacit di Martino, cerc di sloggiarlo dalla grotta m ettendo in
opera un espediente gi sperimentato. Entrato in un serpente,
animale a lui amico, cerc di spaventare M artino e scacciarlo dal
suo abitacolo. Infatti il serpente com inci a farsi trovare nella ca
verna da solo a solo: gli si distendeva davanti quando pregava e gli
si metteva a fianco quando riposava. M a il santuomo senza om
bra di paura tendeva la mano e il piede alla bocca di quello e dice
va: Se hai avuto licenza di m ordere, io non te lo im pedisco.
4. L a cosa continu per tre anni, finch un giorno l antico av
versario, vinto da tanto coraggio, dette un frem ito e il serpente si
gett lungo il pendio del monte in un precipizio, mettendo a fuo
co tutta la vegetazione di quel luogo con una fiamma che usciva
da lui. N el bruciare tutto il fianco del monte il diavolo, forzato da
D io onnipotente, fu costretto a mostrare quanto grande fosse la
sua potenza, anche se essendo stato vinto si era dovuto ritirare.
Considera, te ne prego, quale altezza spirituale avesse raggiunto
questuom o del Signore, che ha vissuto tre anni col serpente senza
riceverne danno.

PIETRO. M i spavento solo a sentirne parlare.


5. GREGORIO. Q uestuom o venerabile nei prim i

16 ,13 . Cf. Num. 20, 7 sqq.

tem pi

della

76

DIALOCORVM IH, 16

35 tem po re prim o, d ecreu erat ut ultra m u lierem non u id eret, non


q u ia asp e m a b a tu r sexu m , sed e x contem plata sp ecie tem ptationis in cu rrere m etuebat uitium . Q u o d quaedam m u lier aud iens, aud acter ascendit m ontem atque ad eius specum inpud en ter p roru pit. A t ille, p au lo longius intuens et uenientis ad
40 se m u liebria indum enta conspiciens, sese in orationem dedit,
in terra faciem depressit, et eo usque prostratus iacuit qu o
inp ud en s m ulier a fenestra cellu lae illius fatigata recederet.
Q u a e d ie eod em , m o x u t d e m onte descend it, uitam finiuit, ut
e x m ortis eius sententia d aretu r intellegi quia u ald e om nipo45 tenti D e o d isplicuit q u o d eiu s fam ulum ausu in p ro b o contristauit.
6. A lio q uoque tem pore, dum m ulti ad h u nc religiosa deuotione con curreren t atque arcta esset sem ita quae in d iu exo
m ontis latere ad eius cellulam p rop eran tes ducebat, p u er p ar
so uulus incaute gradiens e x eod em m onte cecidit et usque ad
uallem corruit, quae sub m onte eodem sita quasi in p rofu n d o
conspicitur. In lo c o q u ip p e eod em tanta m ons ip se altitudine
e x creu it, ut arbusta ingentia, q u ae e x eadem ualle p rod eu nt,
e x m onte aspicientibus q u asi frutecta esse uideantur. Pertur5s bari itaque sunt cuncti qui ueniebant, sum m aque cura quaesitum est sicubi corpus elapsi pu eri potuisset inueniri. Q u is enim
aliud nisi extinctum cred eret? Q u is u el corpu s ad terram integrum peruenisse suspicaretur, d um interpositis ubiqu e scopulis in p artib us d iscerpi potuisset? S ed requisitus p u er in ual60 le inuentus est, non solum uiu us sed etiam incolum is. T u n c
cunctis p atenter innotuit q u o d id e o laed i non potuit, quia
h unc in casu su o M artini oratio portauit.
7. In specu uero illius m agna d esu p er ru p is em inebat quae,

uideret G

35.
m (a p )
(c f. v Tf) y f | z)
m (a p ) b
58.
m (a p ) b

GH

b v: -rit H m 0
45 .

imposilis

e OT]TUI 2
m U p)
48 .
b(ap>
59.

auso

41 .

deuexo
parta m (a p )

terra G H m (a p ): -dm m b v
m la p ) b v
54. fruteta
b
63. rupis m v : rupes

DIALOGHI III, 16

77

sua clausura aveva deciso di non vedere pi una donna, non per
che nutrisse disprezzo per laltro sesso ma perch temeva di in
correre nella tentazione nel contemplarne la bellezza. U na donna,
venuta a saperlo, audacem ente sal sul monte e im pudentem ente
si diresse verso la grotta. M a M artino, guardando da lontano,
aveva riconosciuto che stava venendo verso di lui una donna; si
dette perci a pregare con la faccia a terra e rimase in questa po
sizione finch quella svergognata, stancatasi, si allontan dalla fi
nestra della sua cella. E ssa m or in quello stesso giorno, appena
discesa dal monte, e la sua morte dette a intendere quanto grave
mente D io onnipotente si fosse dispiaciuto della colpevole auda
cia con cui la donna aveva tentato di mettere in difficolt il suo
servo.
6. In unaltra occasione, dato che erano in molti ad accorrere
da M artino ed era stretto il sentiero che, lungo il pendio del m on
te, percorrevano quelli che venivano alla sua piccola cella, un ra
gazze salendo incautamente cadde gi e precipit nella valle che
si vede al di sotto com e in uno sprofondo. Infatti in quel luogo il
monte si erge tanto alto che, a quanti guardano dallalto, i grandi
alberi che sono cresciuti nella valle appaiono piccoli quasi siano
cespugli. Quelli che stavano venendo da M artino furono molto
turbati e cercarono con cura se si potesse trovare il corpo del ra
gazzo che era precipitato gi. Che cosaltro allora si sarebbe potu
to credere se non che quello fosse gi m orto? C h i avrebbe potuto
immaginare che il corpo sarebbe precipitato a terra integro, dal
momento che le rocce aguzze disseminate dovunque lungo il pen
dio del monte avrebbero dovuto straziarlo e dividerlo in pi p ar
ti? Ma il ragazzo fu trovato da chi lo ricercava nella valle, non sol
tanto vivo, ma anche incolume. Tutti allora com presero che non
era stato neppure scalfito da un graffio perch nel precipitare era
stato sorretto dalla preghiera di Martino.
7. Sovrastava la grotta di M artino una grande roccia che era at-

DIALOGORVM III, 1 6

cum e x p arte exigu a m onti u id eretu r ad fixa, M artini cellae


j p rom inens, casum suum cotid ie et illius interitum ruitura minabatur. A d hunc M ascator, inlustris u iri A rm en tarii nepos,
cum m agna rusticorum m ultitudine ueniens, p recab atu r ut uir
D e i d e specu eodem d ignaretu r e x ire , quatenus ip se ruituram
rup em e x m onte potu isset eueUere, atque in specu suo D ei fa70 m ulus iam securus habitaret. C u m q u e h o c uir D e i nequaquam
ad quiesceret, ei q u o d possit ut faceret p raecepit et ip se in cel
lae suae rem otiori p arte se contulit. S i tam en m olis ruerit, dubiu m non erat qu od sim ul et specu m destrueret et M artinum
necaret.
7s

8. Itaq u e dum ea quae uenerat m ultitudo conaretur, si p o s


sit, sine periculo uiri D ei ingens illud qu od d esu p er incu bu erat
saxum leuare, cunctis u identibus repente res ualde adm irabilis
contigit, quia m olis ipsa, quam con aban tu r euellere, su bito ab
eisdem laboran tib us euulsa, n e spelu n cae M artini tectum tan-

so geret, saltum dedit et quasi seru i D e i laesionem fugiens longius


cecidit. Q u o d ad iussum om nipotentis D e i angelico m inisterio
actum intellegit qui diuina p rou id en tia d ispo n i om nia fid eliter
credit.
9. H ic , cum prius in eodem m onte se contulit necdum d a u 85 so specu habitans, catena sibi ferrea pedem ligau it eam que
sa xo e x parte altera ad fixit, ne ei ultra liceret p ro g red quam
catenae eiusdem quantitas tendebatur. Q u o d uir uitae uenerabilis B en ed ictus audiens, cuius su periu s m em oriam feci, ei p er
d iscipulum suum m an dare curauit: Si seruus es D ei, non te
90 teneat catena ferri sed catena C h risti. A d quam uocem M arti-

66. hunc H m v: hanc b huc G


68. ipsi b(ap) ipsam m(ap)
69. potuissent
b(ap)
70. dei H m b v z: domini G m(ap)
71. possi! G m: -et H b(ap) b v
(cf. ftvutai z)
72. contulerit H m(ap) I ingens amc molis add. b z I molis G m:
moles H m(ap) b v I ruerit G II m: -et m(ap) b v (cf. Jit'TtTxoi z)
73. distruerit
m
74. nccaret m(ap) b v: -rit m negare! G II
75-6. possit G H m: -et m(ap)
b v (cf. ftOvatm z)
78. molis G m: moles H m(ap) b v
82. intelligit m(ap)
b cognoscit m(ap)
84. pnmum b -us b(ap) I sr in eundetn tnontem b
85. catenam sibiferream ad pedem ligauit b(ap)
90. ferrea H m(ap) z

DIALOGHI III, 1 6

79

taccata al monte per un tratto esiguo, cos che sporgendo sulla


cella minacciava ogni giorno di precipitare e di ucciderlo, Perci
Mascatore, nipote dellillustre Arm entario, venne con seguito di
contadini e lo preg di uscire dalla grotta per permettergli di svel
lere la roccia che m inacciava di precipitare, in m odo che il servo
di Dio avrebbe potuto abitare pi sicuro nella sua cella. M a M ar
tino non accett e disse a M ascatore di fare quello che poteva,
mentre egli si ritirava nella parte pi interna della grotta. Se per
ci la roccia fosse precipitata, inevitabilmente avrebbe distrutto la
cella e ucciso Martino.
8. M entre dunque tutti quelli che erano venuti cercavano, se
possibile, di svellere, senza pericolo per luom o di D io , la grande
roccia che incombeva, sotto gli occhi di tutti accadde un fatto
straordinario: il masso che quelli si davano d a fare per svellere,
staccato d un tratto, per non toccare la volta della grotta di M arti
no, fece un salto, quasi volesse evitare di colpire il servo di D io , e
and a cadere lontano. Chi crede con fede che ogni cosa dispo
sta dalla provvidenza divina, com prende che questo prodigio
accaduto per volere di D io onnipotente e per opera degli angeli.
9. Q uando M artino si rec sul monte per la prima volta e non
abitava ancora nella grotta, si leg al piede una catena di ferro che <
con laltro capo attacc alla roccia, perch non gli fosse consenti
to procedere al di l della lunghezza della catena quando era tesa.
Allora Benedetto, l uom o venerabile di cui ho gi parlato, aven
dolo saputo gli trasmise per mezzo di un discepolo questo m es
saggio: Se sei servo di D io, non ti trattenga la catena di ferro ma
la catena di Cristo. Ricevuto il messaggio, M artino liber il piede

8o

D ALO GO RV M III,

16-17

nus protinus eandem com pedem soluit, sed num quam postm odum solutum tetendit pedem ultra locum qu o ligatum
h unc tendere consueuerat, atque in tanto se spatio sine catena
coercuit in quanto et antea ligatus m ansit.
95

io . Q ui duni se postm od u m in eiusdem loci specu conclusisset, coep it etiam discipu los h abere, qui ab eius specu seorsum habitantes, ad usum uitae aquam d e puteo h aurire consueuerant. Sed funis, in q u o ad hauriendam aquam situla
d ep en d ebat, crebro rum pebatur. V n d e factum est ut eandem

100 catenam quam e x p ed e suo u ir D o m in i soluerat, eius discipuli


peterent eam que funi adiungerent atque in illa situlam ligarent. E x quo iam tem pore contigit ut isdem funis et cotidie tingu eretu r aqua et nullo m od o ru m peretu r. Q u ia enim catenam
uiri D ei funis ille contigit, ip se q u oq u e ad tollerandam aquam
105 ferri in se fortitudinem traxit.
11.

PETRVS. F acta haec placent, quia m ira, et m ultum , quia

recentia.

17

De monacho ex monte Argentario qui mortuum suscitauit


1.

GREGORivs. N ostris m o d o tem po rib u s quidam Q u adra-

gesim us nom ine B u xen tin ae ecclesiae su bd iaconu s fuit, qui


ouium suarum gregem p ascere in eiusdem A u reliae p artibus
5 solebat. C u iu s uald e ueracis u iri n arratione res m ira innotuit,
q u ae secreto fuerat gesta. Is nam qu e, ut p raed ixim u s, dum
gregis sui in A u relia curam gereret, in d ieb u s eiusdem uir fuit

100. ex pede suo uir domini G H m(ap) b: domini uir ex pede suo m V tx tov Jtoc
atoO Tot1 teoii avftpumog z
101-2. atque... ligarent om. G
101 .in d
io m(ap> b: in -am H m v (cf. v tf) oixXp z)
102. idem m(ap) b
104. tol
lerandam G H: toler- m b v tollendam b(ap) tolerantiam b(ap)
17, 3. buxentinae G H m(ap) b z: baxentinae m b(ap) v

DIALOGHI HI, 1 6 - 1 7

81

dai ceppi, ma anche dopo essersi slegato non si spinse al di l del


punto che gli era consentito quando era legato, e si limit a m uo
versi senza catena nello stesso spazio nel quale si tratteneva quan
do era legato.
10. Q uando poi si dette a vivere da recluso nella grotta che sta
va in quel luogo, com inci anche ad avere discepoli, che abitava
no al di fuori della grotta e per le usuali esigenze attingevano ac
qua da un pozzo. M a la fune, alla quale era appeso il secchio che
serviva per attingere, si rom peva spesso. Perci i discepoli gli
chiesero la catena dalla quale l uom o del Signore si era slegato,
per unirla alla fune e legarci il secchio. D a quel mom ento la fune
veniva immersa per attingere acqua e non si spezz pi. Infatti,
toccando la catena delluom o di D io, la fune trasse a s la resisten
za del ferro, in m odo da reggere il peso dellacqua.

11. PIETRO. A scolto questi fatti con m olto piacere, perch so

no meravigliosi, tanto pi perch sono recenti.

17
II monaco del monte Argentario che risuscit un morto1

1. GREGORIO.

vissuto nel nostro tem po un tal Q uadragesi

mo, suddiacono della chiesa di Buxentium , che era solito far pa


scolare le sue pecore nella regione Aurelia. Il suo racconto atten
dibile ci ha fatto conoscere un fatto straordinario che si era svolto
senza che lo si venisse a sapere. Egli, com e ho detto, faceva pasco
lare le sue pecore nella regione Aurelia, e in quello stesso tem po

82

DIALOGORVM IH, 7/

e m onte qui A rgentariu s uocatu r, ucnerabilis uitae, qui habitum m onachi, quem praeten debat specie, m oribus explebat.
io H ic itaque ad ecclesiam beati P etri apostolorum principis ab
eodem m onte A rgen tario annis singulis uenire consueuerat atq u e ad hunc, quem p raed ixi, Q uadragesim um subdiaconem ,
sicut ip se narrauit, h ospitalitatis gratia declinabat.
2. Q uadam u ero die, dum eius hospitium , q u od non longe
15 ab ecclesia aberat, intrasset, cuiusdam pau percu lae m ulieris
m aritus iu x ta d efunctu s est. Q uem e x m ore lotum , uestim entis
indutum et sabano constrictum , superueniente uespere, sepelire nequiuerunt. Iu xta defu ncti igitu r corpus uiduata m ulier
sedit, q u ae in m agnis fletibus noctem ducens, continuis lam en20 torum uocibus satisfaciebat dolori.
3. C u m qu e h oc diutius fieret et Aere m ulier nu llo m od o cessaret, uir D ei, qui receptus h osp itio fuerat, Q u adragesim o su b
d iacono conpunctus ait: D o lo ri huius m ulieris anim a m ea conpatitur. R ogo, surge et orem us. P e rre x e re igitur utrique ad
25 uicinam ecclesiam seseque pariter in orationem dederunt. C u m
que diutius orassent, con p lere orationem Q uadragesim um su b
d iaconem seruus D e i petiit. Q u a con p leta, ab altaris crepidine
puluerem collegit, atque cum eodem Q u ad ragesim o ad d efu n c
ti co rp u s accessit, sesequ e ibid em in orationem dedit.
30

4. C u m q u e diutius orasset, iam n on, sicut priu s fecerat,


conp leri orationem p e r su b d iacon em uoluit, sed ip se benedictionem dedit statim que su rrexit, et q u ia d extra m anu collectum p uluerem gestabat, sinistra pallium qu o facies defuncti
uelab atur abstulit. Q u o d cum m u lier fieri cerneret, contradi-

8. e Ci m b v 2:

in II m(np)

8-9. babitum C m(ap) b v: -tu m(ap) -to II m x<


12. subdiaconum m(ap) b
15. habebat b(ap) crai m(ap)
17. sabana m(ap) sabbaio blap)
24. perrexere C
m(ap): xerunl II m b v
25. seque m
26-7. subdiaconem m(ap): -um H
m b v (= linn. 31. 45)
31 . conpleri m b v: -re C H (cf. jiiTF.ftEvai z)
32.
dextra m(ap): -tera m b v
povcr/ixiu oxi'ipati XEXoo(ii]pvo; 2

DIALOGHI III, 1 7

83

viveva sul monte Argentario un uomo venerabile, che col suo m o


do di vivere faceva onore allabito monastico che indossava. E gli
era solito venire ogni anno dal monte Argentario alla chiesa di san
Pietro, prim o degli apostoli, e per trovare ospitalit era solito ri
volgersi al predetto Q uadragesim o, com e proprio costui ha rac
contato.
2. Un certo giorno, dopo che egli era entrato nel suo alloggio
non lontano dalla chiesa, m or il marito di una povera donna. Se
condo luso, lo lavarono, lo vestirono e lo coprirono con un telo,
ma sopraggiunse l oscurit e perci non lo poterono seppellire. <
Perci la vedova si mise a sedere presso la salma del defunto e
pass la notte in pianto dirotto, sfogando il suo dolore con conti
nui lamenti.
3. Poich la cosa durava da molto e la donna non dava cenno
di smettere di piangere, l uomo di D io, che era stato ospitato da
Quadragesimo, preso da compassione, gli disse: L anima mia
prende parte al dolore di questa donna. T i prego, alzati e mettia
moci a pregare. Si diressero ambedue alla chiesa vicina e si m ise
ro a pregare. D o po che ebbero pregato a lungo, il servo di D io in
vit il suddiacono a terminare le preghiere. Q uando anche questi
ebbe terminato, prese della polvere dal basamento dellaltare, si
avvicin alla salma del defunto insieme con Q uadragesim o e di
nuovo si immerse nella preghiera.
4. D o po aver pregato a lungo, non volle che la preghiera fosse
terminata, com e era accaduto prima, dal suddiacono, ma egli stes- <
so dette la benedizione, poi si alz e, poich nella m ano destra te
neva la polvere che aveva raccolto, tolse con la sinistra il telo con
cui era velato il viso del defunto. Q uando la vedova se ne accorse,

D1ALOGORVM in,

17

35 cere uehem enter coepit et m irari quid uellet facere. A b lato itaq u e p allio, diu eo quem collegerat p u lu ere defuncti faciem fricauit. Q u i dum diutius fricaretu r, recepit anim am , oscitauit,
oculo s aperuit seseque eleuans resedit, quid erga se ageretur
m iratus est, ac si d e graui som no fuisset excitatu s.
40

5. Q u o d dum m ulier lam entis fatigata conspiceret, coepit


e x gau d io m agis A ere et uoces am plius edere. Q uam uir D o m i
ni m odesta p roh ib ition e conpescu it, dicens: T ace, tace, sed si
quis uos requisierit qualiter factum sit, h oc solum m odo dicite
quia dom inus Iesus C h ristu s o p e ra sua fecit. D ix it h oc atque

45

ab eius hospitio exiu it, Q u adragesim u m subdiaconem protinus reliquit et in lo co eodem u ltra no n apparuit. Tem p oralem
nam que honorem fugiens, egit ut ab his a quibus uisus in tanta
uirtute fuerat, num quam iam in hac uita uideretur.
6. PETRVS. Q u id alii sentiant, ignoro. E g o autem cunctis mi-

50 raculis h o c potius existim o esse m iracu lu m , q u o d ad uitam


m ortui redeunt eoru m q u e anim ae ad cam en i e x occu lto reuocantur.
7. G R EG O R ivs. S i uisib ilia adtend im u s, ita necesse est credam us. S i u ero inuisibilia pensam u s, nim irum constat qu ia m aius
55

est m iraculum praed icationis u erb o atq u e orationis solacio


peccatorem conu ertere quam carn e m ortuum resuscitare. In
isto etenim resuscitatu r caro iterum m oritura, in ilio u ero an i
m a in aetem um uictura.
8. C u m enim p ro p o n o d uos, in q u o horum existim as m aio-

60 ri factum uirtute m iracu lu m ? Lazaru m q u ip p e , quem iam fidelem fuisse cred im u s, carne D o m in u s suscitauit, Saulum uero

35. uellet m(ap) b v: uellitC l i m uelit m(ap) (cf. r|ftX.nos z)


37. recipil m
40. cum b
42. moierata m
43. requisii!erti m b
45. exiit m v
48.
iam post in hac uita irai, m v (cf. piptCTt Xoiiiv z)
50. quod H m(ap): quo G
ra b v (cf. xot'TO... 6ti z)
56. carne G (ex corr.) m b v z: -nem G (ante corr.)
b(ap) in carne H I mortuam b(ap)
61. dominus suscitauit G H b z: suscitauit do
minus m(ap) dominus m v

DIALOGHI IH, ly

8*

si dette a protestare vivacem ente, stupita per ci che quello inten


deva fare. Q uello per, tolto il telo, sfreg a lungo il viso del de
funto con la polvere che aveva preso. D o po che ebbe strofinato
lungamente, il m orto torn a vivere, sbadigli, apr gli occhi, si
lev a sedere, meravigliandosi di quello che gli veniva fatto, quasi
si fosse ridestato da un lungo sonno.
5. Q uando la donna, che era sfinita per il lungo pianto, vide
tutto questo, ricom inci a piangere, ma di gioia, e a gridare anco
ra pi forte. L uom o del Signore la fece tacere con poche parole:
Sta zitta, e se qualcuno vi chieder che cosa successo, rispon
dete soltanto che il signore G es Cristo ha com piuto la sua ope
ra. Parl cos, abbandon lalloggio che lo ospitava, si allontan
da Quadragesim o e l non si fece pi vedere. Poich rifuggiva d a
gli onori mondani, fece in m odo di non essere pi visto, in questa
vita, da coloro che lo avevano visto dotato di cos grande potenza.
6. PIETRO. N on so come la pensino gli altri. Q uanto a me, ri
tengo che il pi grande di tutti i m iracoli sia quello di far rivivere i
morti, richiamando le loro anime dal luogo misterioso.
7. GREGORIO. Se guardiam o a ci che appare, dobbiam o cre
dere in questo m odo. M a se consideriam o le realt invisibili,
maggior m iracolo convertire il peccatore con la parola della pre
dicazione e il conforto della preghiera, piuttosto che risuscitare
un corpo morto. Infatti in questo risuscita la carne destinata a
morire di nuovo, mentre in quello risuscita lanima, destinata a vi
vere eternamente.
S.
Ti propongo due uomini: quale dei due ritieni che sia stato
oggetto di pi grande m iracolo? Lazzaro che, quando riteniamo
che fosse gi credente, il Signore ha risuscitato nella carne, o Sau-

17, 60-1. Cf. Eu. Io. I I . t sqq.; Aet. Ap. 9, 1 sqq.

86

D1ALOGORVM III, 1 7

resuscitauit in m ente. E t q u id em p ost resurrectionem carnis


de L a z ari uirtutibus tacetur. N a m p ost resurrectionem anim ae
cap ere no stra infrm itas non ualet quanta in sacro eloq u io de
65 P a u li uirtutibus dicuntur.
9. q u o d illae eius cru d elissim ae cogitationis ad pietatis m ollia conu ersae sunt uiscera; q u o d m ori cupit p r fratribus, in
q u oru m prius m orte gaudebat;
10. q u o d p lenus om ni scrip tu rae scientia, nihil se scire iudi-o cat, nisi C h ristum Iesu m et h u n c cru cifixu m ; q u o d p r C h risto
uirgis libenter caeditur, quem gladiis insequebatur; quod apostolatus h onore sublim is est, sed tam en spo n te ft p aruulus in
m ed io d iscip ulorum ;
1 1 . q u o d ad caeli tertii secreta d u citu r, et tam en m entis
75 ocu lu m p e r conpassionem reflectit ad d isponend u m cu b ile coniu gato rum , dicens: V x o ri u ir d ebitu m reddat, sim ilite r et u xor
utro; q u o d ad m iscetur in contem platione coetibus angelorum ,
et tam en no n a sp em atu r cogitare atque d ispo n ere facta carnalium ;
so

12 . q u o d gaud et in infirm itatibus sibiqu e in contum eliis


placet; q u od ei uiu ere C h ristu s est et m ori lucrum ; q u od totum
iam e x tra carnem est h o c ipsu m q uod uiuit in carne.
13 . E c c e qualiter uiuit qu i ab inferno m entis ad uitam p ieta
tis rediit. M in u s est ergo quem piam in carne suscitare, nisi for-

85 te cum p er uiuificationem carnis ad uitam red u citu r m entis, ut


h o c ei agatur p er exteriu s m iraculum , quatenus conu ersus interius uiuifcetur.
14. PETRVS. V a ld e infra cred id i h oc qu od m od o quam sit in-

62. resuscitauit G m(ap) b v: suscit- H m (cf. dvoxr|aE... yiQ z)


66. illae
eius G (illi) m b(ap) v z: illius H illius praedicationis b illae ctiam b(ap) om. m(ap) I
cogitationis (nom. pi.) G H m : -es m(ap) b v
66-7. mollitiam m
67. con
uersae m b v: -si G -sa H m(ap)
69. omni G m v 2: -is H m(ap) b I nil b
76.
similiter G H m(ap) b z (= Vulg.): om. m v
84. redii m z I suscitare H m(ap):
-ri m b v deperti, in G (cf. va<rtf|tiut z)
85. cum om. b I per uiuificationem H
m v z: uiuificatione G m(ap) -nem b I reducatur b

DIALOGHI III, 1 7

87

lo che stato risuscitato nello spirito? D o po la risurrezione carna


le non sappiamo nulla di prodigi operati da Lazzaro, mentre dopo
la risurrezione dellanima di Paolo la nostra pochezza non in
grado di far conto di quanti prodigi si dicano di lui in virt della
sua parola.
9. L e sue crudelissime intenzioni si sono trasformate in senti
menti di tenera piet; desidera morire per i fratelli della cui morte
prima gioiva;
10. conoscitore perfetto della Scrittura, giudica di non cono
scere nulla se non G es Cristo, e questo crocifisso; contento di
essere battuto con le verghe per Cristo, che prim a perseguitava
con la spada; pi in alto di tutti per la prerogativa dellapostola
to, e spontaneamente si fa piccolo in mezzo ai discepoli;
1 1 . viene innalzato ai misteri del terzo cielo, e tuttavia si volge
compassionevole a occuparsi dellunione delle persone sposate,
dicendo: I l m arito renda alla m oglie ci che le deve, e altrettanto la
m oglie a l m arito\ si unisce nella contemplazione ai cori degli ange
li, eppure non disdegna di provvedere a quello che fanno gli uo
mini carnali;
12. gode delle sue inferm it e si com piace degli insulti che ri
ceve; per lui vivere C risto e morire un guadagno; la vita che vive
nella carne gi tutta fuori della carne.
13. Ecco come vive colui che dallinferno spirituale tornato
alla vita dellam ore di D io. Perci di m inor conto essere risusci
tati nella carne, a m eno che grazie al rivivere della carne uno non
venga ricondotto alla vita dello spirito, in m odo che grazie a que
sto miracolo esteriore si converta e venga vivificato interiormente.
14 . FIETRO. H o creduto di m inor valore ci che ora ho consta-

67. Cf. 1 Ep. Thcss. 2, 8; 2 Ep. Cor. 12, 15: Ep. Phil. 2, 17
68. Cf. Act. Ap. 9,
i: 22, 19-20; 26, 10-1
69-73. Cf. 1 Ep. Cor. 2. 2; 2 Ep. Cor. 11, 25; 1 Ep.
Thess. 2,7
74. Cf. 2 Ep. Cor. 12 ,2
76. 1 Ep. Cor. 7, 3
80. Cf. 2 Ep.
Cor. 12. io
81-2. Cf. Ep. Phil. i . 21; Ep. Cai. 2,20

$8

DIALOGORVM

111,

17 -18

co n p arab iliter superiu s agnoui. S ed , q u aeso, coepta persequ e90 re, ut dum tem pus uacat, sine aed ificatione hora non transeat.

18

De Benedicto monacbo
1.

GREG O RIVS. F ra te r qu id am m ecum est in m onasterio con-

uersatus, in scrip tura sacra studiosissim u s, qu i m e aetate praeibat et e x m ultis q u ae nesciebam m e aed ificare consueuerat.
5 H u iu s itaque narratione d id ici q u o d fu it quidam in Cam paniae p artib u s intra qu ad ragesim u m R o m an ae urb is m illiarium ,
nom ine B en ed ictu s, et q u id em aetate iuuenis, sed m oribu s
gran daeuus et in sanctae conu ersationis regula se fortiter stringens.
10

2. Q u em T o tilae regis tem p o re cum G o th i repperissent,


h u n c incend ere cum sua cella m oliti sunt. Ignem nam que posuerunt, sed in circuitu arserunt om nia, cella u ero illius igne
con b u ri non potuit. Q u o d u identes G o th i m agisque saeuientes atque hunc e x suo h ab itacu lo trahentes, non lon ge aspexe-

15 runt succensum clibanum , qui coq u en dis panibus p arab atu r,


eum que in ilio proieceru nt cliban u m qu e clauserunt. S ed die
altero ita inlaesus inuentus est, ut non solum eius caro ab ignibus sed n eque extrem a ullo m od o uestim enta crem arentur.
V PETRVS. A n tiqu u m trium pu eroru m m ir a c u lu m audio,

10 qui p roiecti in ignibus laesi non sunt.


G REGO RIV S. I llu d , ut o p in o r , m ir a c u lu m ex parte a li q u a d is-

89-90. prosequcre mUp) b


18 , 1. frater... cremarentur din. 18) accedi! w
3. sacra G H m la p ) w(ap) b: sane
t m vw (cf. l e g d v z)
4. et ex G H m w(ap) b v : ex m(ap) w 2
11-1. posuerunt G H m v w : suppos- m(ap) b i'c p d i)ia v T E 5 x ai jiodviEg z
12. igne H
m b v w: ign iG m(ap) w(ap) om. m(ap)
15. succenso m w
16. illuni m(ap)
w(ap)
1S. nullo mlapl w(ap)

DIALOGHI III, 1 7 - 1 8

89

tato essere incomparabilm ente pi importante. M a, ti prego, con


tinua la narrazione che hai iniziato, cos che il tem po che ci resta
trascorra con nostra edificazione.

18

Il monaco Benedetto
1 . GREGORIO. vissuto con me nel m onastero un fratello, ap
passionato allo studio della sacra Scrittura, che m aggiore di me
per et mi edificava col racconto di molti fatti che io non sapevo.
Da lui appresi che in Cam pania, pi o m eno a quaranta miglia da
Roma, aveva vissuto un tale di nome Benedetto, giovane di et ma <
pi che m aturo per condotta di vita, che si atteneva rigorosam en
te alla norma della vita monastica.
2. Al tempo del re Totila i G o ti lo trovarono e decisero di bru
ciarlo nella sua cella. M a quando appiccarono il fuoco, and di
strutto tutto ci che era allintorno, ma la cella non pot essere di
strutta. A questa vista i G o ti incrudelirono ancora di pi: lo
trassero fuori dal suo abitacolo e, scorgendo non lontano di l un
forno acceso, preparato per cuocere il pane, ce lo gettarono den
tro e lo richiusero. M a il giorno dopo Benedetto era illeso a punto
tale che il fuoco non solo non aveva bruciato la sua carne ma nep
pure un lem bo del suo vestito.
5.
PIETRO. E cco che ho ascoltato di nuovo il m iracolo dei tre
fanciulli che, gettati nel fuoco, rimasero illesi.
GREGORIO. Ritengo per che quel m iracolo si sia svolto con

18, 19. O . Dan. 3, 23-4. 91 sqq.

D1ALOGORVM 111,

90

18 -19

sim iliter gestum est. T u n c q u ip p e tres p u eri ligatis p ed ib u s ac


m an ibus in igne p roiecti sunt, quos die altero rex requirens, in
cam ino inlaesis uestibus d eam bulantes repperit. E x qua re col21 legitur quia ignis in qu o iactati fuerant, qui eorum uestim enta
non contigit, eorum uincula consum psit, ut uno eodem que
tem pore in obsequium iustorum et haberet fiam m a uirtutem
suam ad solacium et non h aberet ad torm entum .

19

De ecclesia beati Zenonis in Veronense ciuitate


1. H u ic tam antiquo m iracu lo d iebu s nostris res sim ilis e
contrario euenit elem ento. N am n u p er Iohannis tribunus relatione sua m e docuit q uod P ro n u u lfu s com is, cum ilico adesset,
5 se cum rege A uth aric eo tem po re in lo c o eodem , u b i m ira res
contigit, adfuisse eam que se cognou isse testatus est.
2. P raed ictu s etenim tribu nu s n arrauit dicens qu ia ante h oc
fere quinquennium , q u an d o ap u d h an c R om anam urbem alueum suum T ib eris egressu s est, tantum que crescens ut eius
io u n d a su p er m uros u rb is influ erit atque in ea m axim as regiones
occu p arit, a p u d V ero n en sem u rb em flu u iu s A tesis excrescens
ad beati Z en o n is m artyris atque pontificis ecclesiam uenit.
C u iu s ecclesiae d um essent ian u ae apertae, aqua in eam m ini
m e intrauit. Q u a e p au lisp er crescens, usqu e ad fenestras eccle-

23.

igncm

m (a p ) b I

altera

m la p ) b

2 4 -5 .

coltigliur

m la p ) b

25.

quei

m la p )
1 9 , 1 . de ecclesia beati zenonis martyris aerarne, in qua aquae ultra portam apertam
imm Jantes minime inlrauerunt b
2 . huic tam... locum (lin. 2 6 ) accedi! w I ex G
mlap) w(ap)
3. iohannis G H m w: -nes m(ap) wlap) b v
4. Comes mlap) b
v I illic mlap) b illuni b(ap) I adiisset b(ap) w(ap)
5. autharic H: autharic G
w(ap) authari m v w alii alia
9. tantum b
io. influerit m: -rint H -rct G
mlap) b v w -rem mlap) I in G m v w: in eum H inde in ea iam b inde iam mlap)
w(ap) S O e v ... v O tfl z (fbrt. inde)
1 1 . occuparit H m: -rei G b v w 7!X.f)to 2
1 2 . martyris: con/essoris mlap) wlap) ( = lin. 2 3 )

DIALOGHI III. 1 8 - 1 9

91

modalit in parte diverse. A llora furono gettati nel fuoco i tre fan
ciulli legati piedi e mani, e il giorno dopo il re, che era venuto a
informarsi, li trov che camminavano nella fornace con le vesti in
tatte. Se ne ricava che il fuoco in cui erano stati gettati, mentre non
aveva toccato le loro vesti, aveva bruciato i loro legami, in m odo
che nello stesso tem po la fiamma era efficace per dare sollievo e
onorare i giusti, mentre non aveva la capacit di tormentarli.

19

La chiesa del beato Zenone nella citt di Verona1


1. Anche ai nostri giorni si verificato un prodigio sim ile a quel
lo antico, ma ha coinvolto lelemento contrario. P o co tem po fa in
fatti il tribuno G iovanni mi ha raccontato che il conte Pronulfo,
che era sul posto, stato spettatore, insieme con il re Autari, di un
fatto prodigioso, e ha reso testimonianza di ci che ha visto.
2. Quel tribuno ha raccontato che cinque anni fa, quando a
Roma il Tevere ha straripato e, cresciuto tanto da superare gli ar
gini, ha inondato vari quartieri della citt, a Verona lA dige strari
pando arrivato fino alla chiesa di san Zenone, m artire e vescovo. <
La chiesa aveva le porte aperte, eppure non vi entr una goccia
dacqua; crescendo gradualmente, lacqua arriv fino alle finestre

9*

DIALOGORVM 111, !<)

s siae q u ae erant tectis p ro x im a e peruenit, sicqu e stans aqua


ecclesiae ianuam clausit ac si illud elem entum liquidum in soliditatem parietis fuisset inm utatum .
3. C u m qu e essent m ulti interius inuenti sed, aquarum m a
gnitud ine ecclesia om ni circum data, qua possent egredi non
20 h aberent ibique se siti ac fam e d eficere form idarent, ad e ccle
siae ianuam ueniebant, ad bib en d u m h auriebant aquam , quae,
ut p raed ixi, usque ad fenestras ex creu e ra t et tam en intra ecclesiam nullo m od o d eflu ebat. H au riri itaque ut aqua poterat,
sed d eflu ere ut aqua non poterat. Stans autem ante ianuam ad
25 osten dendum cunctis m eritum m artyris, et aqua erat ad adiutorium et quasi aqua non erat ad inu adendum locum .
4. Q u o d ego antiquo antedicti ignis m iracu lo uere p ra ed ix i
non fuisse dissim ile, qui trium p u eroru m et uestim enta non
contigit et uincula incendit.
30

5. PETRVS. M ira sunt ualde sanctorum facta quae narras, et


praesenti infirm itati hom inum uehem enter stupenda. Sed quia
tantos n u p er in Italia fu isse au d io adm irandae uirtutis uiros,
nosse uellem : nullas eos contigit antiqu i hostis insidias pertulisse, an e x insidiis p rofecisse?

35

GREGORivs. S in e lab o re certam inis non est palm a uictoriae.


V n d e e rg o uictores sunt, n isi con tra antiqui hostis insidias decertauerunt? M alignu s q u ip p e spiritu s cogitationi, locu tioni
atque o p e ri nostro sem p er insistit, si fortasse q u id inueniat und e a p u d exam en aetem i iu d icis accu sator existat. V is etenim

40 nosse q u om od o ad d ecipien d u m sem p er adsistat?

17. in ih mutatimi w(ap) mutatimi m(ap) b


18. sed: sed et b et m(ap)
18-9.
magnitudine G m b(ap) v w: -ncm H muhitudine m(ap) w(ap) b
19. omni ec
clesia \v(ap) b
12-3. ecclesia mfapt w
23. diffluebat m b w I hauriri G
m(ap) b v w: -re H m w(ap) (cf. vrXr|thTvai z)
24. defluere H m(ap) w(ap) v:
diffl- m(ap) w(ap) b difflui m w efflu corr. defluire G
25. et: ut m(ap) b
29. contingit m
33. uellem m(apl: nelle G uellim II m udita m(ap) b v (cf.
ijflaXov z) I nullas G H m v : si nullas m(ap) b z
34. an: atque b(ap)
36. niflG H m v: nisi quodb nisi quia m(ap) et (if| OTI z

DIALOGHI HI, 19

93

che sono quasi allaltezza del tetto, ma stando ferma chiuse le p o r


te della chiesa, quasi che lelemento liquido si fosse solidificato, in
modo da form are una parete.
3. M olte persone erano riunite nella chiesa, e poich questa
era circondata da ogni parte dalla gran massa d acqua, non pote
vano uscire e perci temevano di venir meno per sete e fame. V e
nivano com unque alla porta della chiesa e per bere attingevano
lacqua che, come ho detto, si era innalzata fino alle finestre e tut
tavia non inondava la chiesa. Perci, in quanto acqua poteva esse
re attinta, ma pur essendo acqua non poteva defluire. Ferm a da
vanti alla porta, m ostrava a tutti il m erito del martire: era acqua
che portava soccorso e non invadeva il luogo.
4. H o detto che questo m iracolo stato simile a quello antico
del fuoco, perch in quello il fuoco non ha toccato le vesti dei tre
fanciulli e invece ha bruciato i loro legami.
j . PIETRO. Sono veram ente meravigliosi i fatti dei santi che vai

raccomando, tanto pi prodigiosi se messi a confronto con lat


tuale mediocrit della gente. M a poich sto apprendendo che p o
co tempo fa ci sono stati in Italia tanti uomini di m irabile potenza,
vorrei sapere se toccato loro di non incorrere nelle insidie del
lantico avversario ovvero se proprio da tali insidie abbiano tratto
giovamento spirituale.
GREGORIO. N on si riporta la palma della vittoria senza il trava- <

glio del combattimento. In che m odo perci sarebbero stati vinci


tori, se non avessero combattuto contro le insidie dellantico av
versario? L o spirito m aligno sta sem pre attento ai nostri pensieri,
alle nostre parole, alle nostre opere, p er cercare di trovare di che
accusarci presso il tribunale delFetem o giudice. V u o i sapere in
che modo sem pre pronto a ingannarci?

94

DIALOGORVM III, 2 0

20

De Stephano presbitero prouinciae Valerne


1. Q u id am , qui nunc nobiscu m sunt, rem quam n arro testantur, q u o d u ir uitae u enerabilis, Steph anus nom ine, V aleriae
p rou in ciae p resbiter fuit, huius nostri B o n ifacii d iaconi atque
$ dispensatoris ecclesiae agnatione p ro xim u s. Q u i quadam die,
de itinere dom um regressus, m an cipio suo neglegenter loquens p raecepit, dicens: V en i, diabole, discalcia m e. A d
cuius uocem m o x coeperu nt se caligarum corrigiae in sum m a
uelocitate d issoluere, ut aperte constaret qu od ei ip se qu i noio m inatus fuerat ad extrah en das caligas diabolu s oboedisset.
2. Q u o d m o x ut p resb iter uidit, uehem enter exp au it magnisque uo cibus clam are coepit, dicens: R eced e, m iser, rece
de. N o n enim tibi, sed m an cipio m eo locutus sum . A d cuius
uocem protinus recessit. Ita u t inuentae sunt, m agna iam e x
5 p arte dissolutae corrigiae rem anserunt. Q u a in re college antiquus hostis, qui tam p raesto est factis corpo ralibu s, quam nim iis insidiis nostris cogitation ibu s insistat.
3. PETRVS. Laboriosum ualde atque terribile est contra inim ici
insidias sem per intendere et continue quasi in aciem stare.
20

GREGORIVS. L a b o rio su m n on erit, si custodiam nostrana

no n n o b is sed gratiae su p e m a e tribu em u s, ita tam en u t et ipsi,


quantum p ossum us, su b p rotectio n e uigilem us. Si autem antiq u u s hostis a m ente co ep erit e x p e lli, e x diuina largitate plerum que agitur ut no n solum iam m eri n on d eb eat, sed ip se
25 edam b en e uiuentium uirtute terreatur.

2 0 ,1. cui diabolus caligas e libiis traxit post ualeriae add. b


2-3. nouerant atque
ante testantur add. G m(ap)
3 . quod om. b z
4. bonifacii G H m(ap) b: bo
nefa i m(ap) bonefati m bonefatii m(ap) bonifatii tn(ap) v
6. negligenter G
m(ap) v
14. recessit H m v: r i recessit m(ap) b z om. G m(ap)
13. college
H m(ap) v: collige G m colligi potest m(ap) b
19. in acie m(ap) b innocue
m(ap)
21. tribuemus H m(ap): -imus G m b v -amus m(ap) pmoTEawpEV
z
22. sub protectione Hmv : sub protcctionem G sub eius protectione b sub pro
tectione diuina uel dei m(ap) fat xt|v oxjtrjv avxo z

DIALOGHI 111,

20

95

20

Stefano, presbitero della provincia di Valeria


1. Alcuni che attualmente sono con noi conferm ano il fatto
che racconto e che riguarda Stefano, uomo di venerabile condotta
di vita, il quale stato presbitero nella provincia di Valeria, paren
te per nascita del nostro Bonifacio, diacono e amministratore del
la chiesa. Un giorno, tornato a casa da un viaggio, rivolgendosi a
un suo servo, sconsideratamente gli disse: Vieni, diavolo, a to
gliermi le scarpe. A queste parole i lacci delle scarpe com inciaro
no a sciogliersi da soli con grande rapidit, dal che apparve chiaro
che il diavolo, invitato per nome a togliergli le scarpe, aveva o b
bedito.
2. A questa vista il presbitero fu preso da grande spavento e si
dette a gridare forte: V a via, miserabile, va via. Io non stavo
parlando con te ma col m io servo. Pronunciate queste parole,
il diavolo se ne and via subito, e i lacci delle scarpe rimasero
com erano, in gran parte sciolti. D a questo fatto puoi capire
quanto, per insidiare i nostri pensieri, si dia da fare l antico avver
sario, che cos pronto ad agire quando si tratta di cose materiali.

3. PIETRO.

Com porta m olta fatica e provoca grande paura

lesigenza di dover stare sem pre in guardia contro le insidie dellaw ersario e, per cos dire, sem pre schierato a battaglia.
GREGORIO. N on sar faticoso se ci affideremo, per essere pro
tetti, non a noi stessi ma alla grazia divina, a condizione per che,
pur sotto questa protezione, noi siamo, per quanto possibile, vigi
lanti. Se infatti avrem o cominciato a scacciare lantico avversario
dalla nostra mente, la generosit di D io far in m odo che non solo
non dobbiam o pi temere, ma proprio lavversario sar spaventa
to dalla potenza di coloro che vivono rettamente.

96

D1ALCKJORVM III,

21

21

De puella conuersa cuius solo imperio homo


est a daemonio liberatus
1. R ei nam que, quam n arro, u ir sanctissim us E leu th eriu s
sen ex pater, cuius su periu s m em oriam feci, testis extitit mihis que h oc intim are curauit, q u o d in Spolitana urbe puella quaedam iam nubilis, cuiusdam prim arii filia, caelestis uitae d esid e
rio exarsit eiqu e p ater resistere ad uiam uitae conatus est, sed
con tem p to p atre conu ersationis habitu m suscepit. Q u a e x re
factum est ut earn pater su ae substantiae exheredem faceret
io nih ilque illi aliud nisi sex uncias unius possessiunculae largiretur. E iu s uero ex em p lo p rou o catae, coeperu nt ap u d eam m ultae nobilioris generis p u ellae conu erti atque om nipotenti D o
m in o dicata uirginitate seruire.
2. Q u ad am uero die isdem E leu th eriu s abbas, uir uitae ue15 nerabilis, ad eam grad a exh o rtatio n is atque aedificationis accesserat et cum ea d e uerbo D e i conloquens sedebat, cum re
p ente e x eodem fu n d o, quem in sex u ncias a p atre percep erat,
cum e x en io rusticus uenit. Q u i dum ante eos adsisteret, m ali
gn o spiritu correptu s cecidit fatigariqu e nim is strid oribu s at20 que balad b u s coepit.
3. T u n c sanctim onialis fem ina su rrexit atque irato uultu
m agnis clam oribu s im perauit, dicens: E x i ab eo, m iser. E x i
ab e o , m iser. A d cuius uocem m o x p e r os u exati diabo lu s resp on d it, dicens: E t si d e e o e x e o , in quem in trabo ?. C asu au2$ tem iuxta porcus p aruulus p ascebatu r. T u n c sanctim onialis

21,5. puella: pudica b(ap)


6 . iam G m b v 2: etiam m(ap) om. H m(ap) b(ap) I
nubilis m b v z: nobilis C H m(ap) b(ap>
8. sanctae ante conuersationis add. b I
suscipit m quaesiuit blap)
io. ei b
12. nobilioris m b v: -res m(ap) nubiiores G H m(ap) I generis H m b v : genere G in(ap) om. m(ap) (cf. etjyt:veoTiov yvoug zi
13. dedicata m(ap) b
14. idem m(ap) b
17. uncias H ni b(ap)
v: -iis G m(ap) b 8 oiyy.ia; z
18. xenio m(ap) b
19. nimis G H m(ap):
nimiis m b v (cf. Xiav z)
21. sanctimoniales G (= lin. 21)

DIALOGHI III, 21

97

21

Lordine d i una religiosa basta a liberare


un uomo dal demonio
1. Del fatto che mi accingo a raccontare mi stato testimone il
vecchio abate Eleuterio, uomo di vita santa, di cui ho gi avuto
occasione di parlare; anzi, egli stesso si preso cura di inform ar
mi. A Spoleto una giovane di alta condizione e in et da m arito fu
presa dal desiderio della vita celeste, cos che, non tenendo conto
del tentativo del padre di opporsi alla via della vita, rivest labito
monastico. Perci il padre la disered, a eccezione della met di
una piccola propriet. Attratte dal suo esem pio, molte giovani di
nobile famiglia si sono convertite alla vita religiosa accanto a lei e
hanno consacrato la loro verginit al Signore onnipotente.
2. Un giorno labate Eleuterio viene da lei per conferm arne il
proposito trattando di argomenti edificanti. M entre stava discu
tendo con lei della parola di D io , giunge inatteso dal terreno che,
come abbiam o detto, aveva ricevuto dal padre, un contadino che
recava un dono. M a appena si ferma davanti a loro, viene im prov
visamente afferrato da uno spirito malvagio, cade a terra e com in
cia a essere tormentato e a emettere belati e altre grida anim ale
sche.
3. Allora la m onaca si alza e in tono irritato e a gran voce inti
ma: Esci da lui, miserabile, esci da lui. A queste parole, usando
della bocca delluom o posseduto, il diavolo risponde: M a se esco
da lui, in chi entrer?. P e r caso l vicino pascolava un piccolo
maiale. A llora la m onaca comanda: E sci da lui ed entra in quel

21, 22. Cf. Eu. Lue. 4, 3f

DIALOGORVM ni, 21- 22

98

fem ina p raecepit, dicens: E x i ab eo, et in hunc porcum ingredere. Q u i statim de h om ine exiit, p orcu m quem iussus fuerat
inuasit, occidit et recessit.
4. PETRVS. V ellem nosse, si saltem porcum concedere spiri30 tui inm undo debuit.
GREGORIVS. P ro p o sitae regulae nostrae actionis sunt facta

ueritatis. Ip si etenim red em ptori nostro a legione, quae h om i


nem tenebat, dictum est: S i eicis nos, m itte nos in gregem porcorum . Q u i hanc et ab hom ine exp u lit, et in p orco s ire eosqu e
3$ in abyssum m ittere concessit. E x qua re h oc edam collegitur,

q u o d absque concessione om nipotentis D ei nullam m alignus


spiritus contra hom inem p otestatem habeat, qui in p o rco s intrare non potuit nisi perm issus. Illi ergo nos necesse est sp o n
te su bd i cui et aduersa om nia su biciu n tu r inuita, ut tanto nos40 tris hostibus potentiores sim us, quanto cum au ctore om nium

unum efficim u r p e r hum Eitatem .


5. Q u id autem m irum , si electi q u iq u e in carne p ositi m ulta
facere m irabiliter possunt, quoru m ip sa q u oq u e ossa m ortua
p leru m q u e in m ultis m iraculis uiu unt?

22

De presbitero prouinciae Valeriae quifurem


ad sepulcrutn suum tenuit
1.

In V aleriae nam que p rou in cia res est haec gesta, quam

narro, m ihique beatae m em oriae abbatis m ei V alentionis rela-

29. ueilem G: uellim H m uelim m(ap) b v (cf. fjdsAov z)


31. propositae G m b
v: praep- I l m(ap) Iactionis H m(ap): -n/G rabv (cf. tt(c fmeigas 6iayojyf; z)
35. etiam hoc G m(ap) b I colligilur m(ap) b
36. nullam H m(ap) b v z: nulla G
m
39. cui... ut', et aduersa omnia subiiciendo committere ut b(ap)
22, 3. ualeriae G m v z: -ia I I m(ap) b

DIALOGHI

III, 21-22

99

porco. L o spirito m aligno esce subito dal contadino, entra nel


porco come gli era stato ordinato, lo uccide e se ne va via.
4. PIETRO. Vorrei sapere se ella non poteva fare a m eno di con
cedere almeno un m aiale allo spirito impuro.
GREGORIO. L e azioni com piute dalla Verit sono proposte co
me regola al nostro operato. In effetti la legione di demoni che
possedeva l'uom o disse al Redentore: Se c i scacci, m andaci in q u el
gregge d i porci. E g li scacci da quelluomo tutti i dem oni e perm i
se loro di entrare nei porci e precipitare nellabisso. D i qui im pa
riamo che, se non lo concede D io onnipotente, lo spirito m alvagio
non pu nulla contro luomo: infatti non pot entrare nei porci se
non quando gli fu permesso. Perci dobbiam o sottometterci di
buon grado a colui al quale tutti gli avversari sono costretti a sot
tomettersi, in m odo da essere tanto pi potenti dei nostri avversa
ri, quanto pi in forza dellumilt diventiamo una cosa sola col
creatore di tutti.
5. Del resto, perch meravigliarci se gli eletti ancora in vita
possono com piere m olti e grandi prodigi, dal mom ento che anche
le loro ossa morte spesso vivono in virt di m olti m iracoli?

zi
Un presbitero della provincia di Valeria ferm a un ladro
presso il proprio sepolcro
1.

L episodio che racconto accaduto nella provincia di Vale

ria e io lho appreso dalla bocca del mio abate Valenzione, di bea-

33, Eu. Marth. S, 31

DIALOGORVM 111, 2 2

O O

5 tione cognita. Ib i etenim quidam uenerabilis sacerdos erat, qui


cum clericis suis, D e i lau d ib u s b o n isqu e op eribu s intentus,
sanctae conuersationis uitam ducebat. Su peru eniente autem
uocationis d ie d efunctu s est atque ante ecclesiam sepultus. E idem uero e cd e sia e caulae inh aerebant ou ium , atque isdem loio cus, in q u o sepultus est, ad easd em ou es tendentibus peru iu s
erat.
2.

Q uadam autem n octe, cum clericis intra ecclesiam psal-

lentibus fu r uenisset ut ingressus caulas furtum faceret, ueruecem tulit et concitus exiit. C u m u ero p eru enisset ad locu m u bi
15 u ir D o m in i sepultu s erat, rep ente haesit et gressum m ouere
non potuit. V eruecem quidem d e co llo d ep osu it eum que dem ittere uoluit, sed m anum la x a re non ualuit. C o ep it igitu r sta
re m iser cum p raed a sua reus et ligatus. V o leb at ueruecem dem ittere, nec ualebat. V o leb at egred i cum ueruece, nec poterat.
20 M iro itaque m od o fu r qu i a uiuis uideri tim uerat, h u nc m ortuus tenebat, eum que ita gressus m an usque illius fuisset obstricta, inm obilis perstitit.
j . F a c to autem m an e e x p le tisq u e lau d ibu s D e i. ab ecclesia
egressi sunt clerici, et inu enerunt ignotum hom inem ueruecem
25 tenentem m anu. R e s uenit in d ubium utrum ueruecem tolleret
an offerret, sed cu lp ae reus citius indicauit poenam . M irati
om nes, q u ia ingressus fu r u iri D e i m erito a d p raedam suam
stabat ligatus. Q u i se p r e o p rotinu s in orationem dederunt
suisqu e p recibu s u ix ob tin ere ualuerunt, ut qui res eoru m uejo nerat rapere, saltem u acuus e x ire m ereretur. Itaq u e fu r, qui
d iu steterat cum p raed a captiuus, qu an doqu e exiit uacuus et
liber.

8. sua post uocationis add. b eius add. m(ap) crirroO add. z


9. idem m(ap) b
io. tendentibus: custodiae mancipandas b(ap)
16-7. demittere G H: dim- m b
v
17. manum H m b v z : -nu G m(ap) I laxari G
18-9. demittere G H m:
dim- m(ap) b v
z i. fuisset ante manusque trai. H fuissent m(ap) b
25-6.
tollerit an offerrit m

DIALOGHI III, 2 2

IOI

la memoria. Un venerabile sacerdote viveva l con i suoi chierici


secondo le norm e della vita religiosa, intento a cantare le lodi di
Dio e a com piere opere buone. Venuto il giorno della sua chiama
ta, mor e fu sepolto davanti alla chiesa. L accanto cerano degli
ovili, e il posto dove quello era stato seppellito era di passaggio
per andare dalle pecore.
2. Una notte, m entre i chierici in chiesa cantavano i salmi, ven
ne un ladro per rubare nellovile, prese un castrato e usc in tutta
fretta. Ma quando arriv al luogo dove era stato seppellito luomo
del Signore, dun tratto si ferm e non pot pi m uovere un sol
passo. Allora pos a terra il castrato che portava in collo, perch
lo voleva lasciare libero, ma non pot aprire la mano. F u cos co
stretto a restare in piedi con la sua preda, reo confesso e com e le
gato. Voleva far andare via il castrato e non ci riusciva, voleva al
lontanarsi col castrato e non poteva. In m odo meraviglioso il
ladro, che temeva anche soltanto di essere visto dai vivi, il m orto
lo tratteneva, e quello, costretti i piedi e le mani, rimase immobile.
3. A mattina, terminato il canto delle lodi di D io , i chierici
uscirono dalla chiesa e trovarono quello sconosciuto che teneva
per mano il castrato. E rano in dubbio se egli volesse portare il ca
strato per offrirlo ovvero lo volesse portare via, ma il colpevole
spieg subito che era stato punito per la colpa che aveva com m es
so. Tutti furono presi da ammirazione nel vedere che il ladro, do
po essere entrato, per merito delluomo di D io era rimasto unito
alla sua preda. A llora si dettero a pregare per lui e con le loro pre
ghiere ottennero che colui il quale era venuto a rubare le loro co
se, almeno se ne potesse andare via a m ani vuote. Cos il ladro,
che a lungo era rimasto prigioniero insieme con la sua preda, age
volmente pot andare via libero, ma a mani vuote.

102

DIALOGORVM III,

22-2 J

4.
PETRVS. Apparet quantae sit super nos dulcidinis omnipotens Deus, cuius erga nos fiunt tam iucunda miracula.

23
De abbate Praenestini montis eiusque presbitero

1. GREGORIVS.

P raenestinae urb is m ons praeem inet, in quo

beati P etri apostoli m onasterium situm est uirorum D ei. Q u o


rum relatione ad hu c in m onasterio positus audisse m e contigit
5 m agnum h oc qu od narro m iraculum , qu od eiusdem m onasterii
m onachi se nosse testabantur. In eo nam que m onasterio fuit
p ater uitae uenerabilis, qui quendam m onachum nutriens
usque ad reuerendos p ro u e x it m ores. C u m qu e eum in tim ore
D om ini uiderit excreu isse, in eodem sibi m onasterio tunc pres10 biterum fecit ordinari.
2. C u i post ordinationem suam , quia non lon ge abesset eius

exitus reuelatione indicatum est. A p raed icto autem p atre m o


nasterii petiit quatenus ei con ced eret ut sibi sepulcrum pararet. C u i ille respond it: A n te te quidem m oriturus sum , sed ta15 m en uade, et sicut uis p raep ara sepulcrum tuum . R ecessit
igitur et praep arau it. C u m non p ost m ultos dies sen ex pater,
feb re praeuentus, ad extrem a peru enit atque adsistenti p res
bitero iussit, dicens: In tu o sep u lcro m e pone. C u m q u e ille
dieeret: Seis quia ego m o d o secu tu ru s sum. V tro sq u e cap ere
20 non potest, abbas p rotinu s respondit, dicens: Ita fa c ut d ixi,
quia sepulcrum tuum am b os n os capit.

33. siiti m(ap) suiti b(ap) I dulcidinis H G (ante corr.) m: dulced- b v dulcedines
m(ap) dulcido G (ex corr.)
33-4. omnipotens deus G (ante coir.) H m b v z:
-ntis dei G (ex cotr.) b(ap) dei -ntis m(ap)
23,2. urbis G H m: -bi m(ap) b v
3-4. quoque m(ap) b(ap)
4. positus G H
m(ap) b: -um m b(ap) v
8. mores-, annos b(ap)
9. uiderit H m: -rei G
m(ap) b v (cf. fletioato z)
19. te post modo add. m(ap) b post sum add. H
z 20. potest: ualet m(ap)

DIALOGHI Ul, 2 2 - 2 3

10 3

PIETRO. A pp are m anifesto quanto sia al di sopra della no

4.

stra capacit di com prendere la benevolenza di D io onnipotente,


dal momento che a nostro profitto avvengono m iracoli tanto pia
cevoli.

23
L'abate del monte Prenestino e il suo presbitero
1. GREGORIO. La citt di Preneste sovrastata da un monte sul

quale si trova il m onastero maschile di san Pietro apostolo. Q uan


do io vivevo ancora nel monastero, appresi il m iracolo, che mi ac
cingo a raccontare, dai monaci di quel monastero che ne erano
stati testimoni. C era l un abate di venerabile condotta di vita,
che educ un m onaco e lo fece progredire fino alla pratica di una
condotta di vita degna di reverenza. D opo che lo vide cresciuto
nel timore del Signore, lo fece ordinare presbitero in quello stesso <
monastero.
2. D o po lordinazione il presbitero seppe p er rivelazione che
sarebbe m orto tra breve. Chiese allora allabate che gli fosse con
cesso di prepararsi il sepolcro. L abate gli rispose: Io m orir pri
ma di te. V a com unque a preparare, com e vuoi, il tuo sepolcro.
Quello si ritir e prepar il sepolcro. D o po pochi giorni, labate,
che era vecchio, colpito da febbre, si ridusse in fin di vita, perci
dette disposizione al presbitero: Deponim i nel tuo sepolcro.
Poich quello obiettava: Sai che anchio ti seguir tra breve e il
sepolcro non pu contenere tutti e due, labate rispose: F a co
me ti ho detto, perch il sepolcro contiene tutti e due.

D1ALOGORVM III, 23-24

10 4

3. D efu n ctu s itaque est atq u e in sep u lcro eod em , q u o d sibi


p resb iter parau erat, positus. M o x q u o q u e et p resbiteru m corporis la n gu o r secutus est, q u o lan gu o re crescente citius pres25 b ite r uitam finiuit. C u m q u e ad sep u lcru m , q u od sibi ip se p a
rauerat, corpu s illius fuisset a fratribu s deportatum , aperto
eodem sep ulcro , uid eru n t om nes qu i aderant locum non esse
u b i p on i potuisset, q u ia c o rp u s patris m onasterii, q u o d illic
ante positum fu erat, om ne illu d sep u lcru m tenebat. C u m q u e
33 fratres, q u i p resbiteri corpu s detulerant, factam sibi sepeliendi d ifficultatem uiderent, unus eoru m exclam au it, dicens: E ,
p ater, u b i est q u o d d ixisti, qu ia sep u lcru m istud am bos uos
cap eret?.
4. A d cuius uocem su b ito, cunctis uidentibus, abbatis cor35 p us, q u o d illic ante h um atum fu erat et supinum iacebat, sese
uertit in latere et uacantem sep u lcri locum ad sepeliendum
co rp u s p resbiteri p raeb u it, et q u ia u trosq u e ille locus caperet,
sicut uiu us prom iserat m ortu u s inpleuit.
3.

S ed quia h o c q u o d p ra e d ix i a p u d Praenestinam urbem

4 in beati P e tri apo sto li m onasterio gestum est, uisn e aliquid


etiam in h ac u rb e d e eius e c d e s ia e cu stodibu s, u b i sacratissim um co rp u s illius est p ositu m , audire?
PETRVS. V o lo , atque id u t fiat m agnop ere d eprecor.

*4
De Theodoro mansionario ecclesiae beati Vetri apostoli
urbis Romae
1.

GREGORIVS. A d h u c su persu nt aliqui, qui T h eod oru m eius

ecclesiae custodem nouerunt. C u iu s narratione innotuit res

25 .finiuit uitam m(ap)


tum: positum m(ap) b
42. audisse m(ap)

31. c H m v: he G eh m(ap) o b m(ap)


35. buma37. presbiteri corpus b 2
38. implebat m(ap)

DIALOGHI III. 2 3 - 2 4

10 5

3. L abate m ori e fu seppellito nel sepolcro che il presbitero


aveva fatto preparare per s. Ben presto anche il presbitero si am
mal e, aggravatasi la febbre, mori. Q uando i suoi confratelli reca
rono la salma al sepolcro che egli si era fatto preparare e lo apri
rono, tutti i presenti videro che non c era posto dove deporlo,
perch il corpo dellabate, che era stato deposto l, occupava tut
to lo spazio. Q uando i fratelli che avevano portato la salma del
presbitero si accorsero della difficolt che im pediva la sepoltura,
uno di loro esclam: Eh, padre, che ne stato di ci che hai det10: che questo sepolcro vi avrebbe contenuti tutti e due?.
4. A queste parole, dun tratto, sotto gli occhi di tutti, la salma
dellabate, che seppellita col giaceva supina, si volt di fianco e
cos liber uno spazio del sepolcro, perch fosse seppellito anche
il corpo del presbitero. In questo m odo labate realizz da morto
ci che aveva prom esso da vivo: che quel sepolcro avrebbe conte
nuto luno e l altro.
5. D ato che, com e ho gi detto, questo m iracolo avvenuto
presso la citt di Preneste nel monastero di san Pietro apostolo,
vuoi sentire anche quello che accaduto nella nostra Rom a ai cu
stodi della chiesa dove deposto il suo corpo?

PIETOO. N e sono ben contento, e te ne prego caldamente.

*4
Teodoro, sacrestano del-a chiesa d i san Pietro
in Roma1

1. GREGORIO. Sono ancora in vita alcuni che hanno conosciuto


Teodoro, custode della chiesa di san Pietro a Roma. Da un suo

10 6

DIAI.OCORVM III, 2 4

5 q uae ei contigit uald e m em orabilis, qu od quadam nocte, dum


citius ad m elioranda iu xta ianuam lum ina surrexisset, e x m ore
ligneis grad ib u s su b lam p ad e p ositis stabat et lam padis refouebat lum en, cum repente beatu s P etru s apostolus in stola
can d id a deorsum in pau im ento constitit eiqu e d ixit: C o n li10 b erte, q uare tam citius su rrexisti? .

2. Q u o d icto ab ocu lis aspicientis euanuit, sed tantus in eo

p au o r inruit, ut tota in illum corp o ris uirtus defceret et p er


dies m ultos d e strato suo su rgere non ualeret. Q u a in re q u id
isd em beatus apostolu s seruientibus sibi uoluit nisi praesen15 tiam sui respectus osten dere, qu ia q u icqu id p r eius ueneratione agerent, ip se h o c p r m erced e retributionis sin e in ter
m issione sem p er uideret?

3. PETRVS. M ih i h o c non tam

20

app aret m irum q u ia uisus est,

sed quia is qui eum uidit, cum sanus esset, aegrotauit.

GREGORIVS. Q u id su per h ac re m iraris, Petre? N u m qu id n am

m ente exced it, quia, cum D an iel p rop h eta m agnam illam ac terribilem uisionem uidit, e x q u a ed am u isione contrem u it, protinus adiungit: E t ego e la n g u i et a eg ro ta u ip er d ies p lu rim o s? C a ro
enim ea quae sunt spiritu s c a p e re non ualet, et id circo nonnum 25 q uam , cum m ens hum ana u ltra se ad u id end u m d u citu r, necesse est ut h o c cam eum uascu lu m , q u o d ferre talenti pon d u s non
ualet, infirm etur.

PETRVS. Scru pu lu m

cogitation is m eae aperta ratio dissoluit.

24,6. luminaria m(ap) b


7. in ante ligneis add. b z
8. fune b
10. cito
m(ap)
n .e o H m : lio m(ap) eum G m(ap) b v z
12. illum H m: ilio G
m (ap)bvz
13. stratoG H m : -tu m(ap) b v
14. idem m(ap) b
14-5.
praesentia m
21. mente G H m(ap): -ti m b v I excedit H m v: -cidii G m(ap) b
s?OT| z
23. adiungit H m v z: -xit G m(ap) b

DIALOGHI 111, 2 4

10 7

racconto si conosciuto un fatto veramente degno di menzione,


che capitato proprio a lui. Una notte, quando si era alzato molto
presto per alimentare le lam pade vicino alla porta, com e di con
sueto aveva messo una scala di legno sotto una lam pada e ne stava
rianimando la fiamma, quando d un tratto il beato apostolo P ie
tro in bianca veste si ferm sotto di lui sul pavim ento e gli chiese:
Amico, perch ti sei alzato tanto presto?.
2. Ci detto, scom parve agli occhi del custode, il quale si spa
vent tanto che gli vennero meno le forze e per m olti giorni non si
pot alzare dal letto. Che cosa il beato apostolo ha voluto dare a ve
dere ai suoi servitori in questo modo, se non la sua presenza e il suo
apprezzamento? Infatti tutto ci che essi facevano per il suo culto
egli losservava continuamente in vista della loro ricompensa.
3. PIETRO. A me sem bra sorprendente non tanto lapparizione
di san Pietro quanto linfermit sopraggiunta a colui che ha visto
e che era in buona salute.
GREGORIO. Perch stupirti d i questo, Pietro? Forse ti uscito

di mente che quando il profeta D aniele ebbe quella grande e tre


menda visione, ne fu spaventato, e poi aggiunse: E rim asi debole e
m alato p er m olti g io rn i? L a carne infatti non pu com prendere
ci che dello spirito e perci talvolta, quando la mente delluo
mo sollecitata a vedere al di l della sua capacit, necessariamen
te il suo involucro corporeo, che non capace di sopportare il p e
so di un talento, resta infermo.
PIETRO. Il tuo chiaro ragionamento ha dissolto la difficolt che

mi dava da pensare.

24, 23. Dan. 8,27

DIALOGORVM in , 2 }

io 8

25
De Acontio mansionario ecclesiae suprascriptae
1.

GREGORIVS.

A liu s illic non ante longa tem pora, sicut

nostri sen iores ferunt, custos ecclesiae A con tiu s dictu s est
m agnae hum ilitatis atque grauitatis uir, ita om nipotenti D e o
5 fd eliter seruiens, ut isdem beatu s P etru s apostolu s signis ostend eret quam de ilio haberet aestim ationem . N am , cum quaedam
p uella paralitica in eius ecclesia perm anens m anibus reperet et
dissolutis renibus corpu s p e r terram traheret d iu q u e ab eodem
b eato P e tro apostolo peteret ut sanari m ereretur, nocte qua10 dam ei p e r uisionem adstitit, et d ixit: V a d e ad A contium m ansionarium et roga illum , atque ipse te saluti restituit.
2. C u m qu e illa d e tanta u isione certa esset sed quis esset
A con tius ignoraret, coepit h u c illu cq u e p e r ecclesiae loca se
trahere, ut quis esset A co n tiu s inuestigaret. C u i repente ip se
15 factus est obuiam quem qu aerebat eiqu e dixit: R o g o te, p a
ter, indica m ihi quis est A co n tiu s custos. C u i ille respondit:
E g o sum . A t illa inquit: P a sto r et nu tritor noster, beatus
P etru s apostolus, ad te m e m isit, ut ab infirm itate ista lib erare
m e debeas. C u i ille respond it: S i ab eo m issa es, surge,
20 eiusque m anum tenuit et eam in statu suo protinus erexit. Sicq u e e x illa hora om nes in eiu s co rp o re nerui ac m em bra so lid a
ta sunt, ut solutionis illius signa ulterius nulla rem anerent.
3. S ed si cuncta, quae in eius ecclesia gesta cognouim us, euoluere conam ur, ab om nium iam p ro cu l d u b io narratione conti25 cescim us. V n d e necesse est ut ad m od ernos patres, quoru m uita
p er Italiae p rouincias claruit, narratio se nostra retorqueat.

2{, 1. de ac- mam- eiusdem ecclesiae beati petti b


3. acontius: abundius m(ap)
b(ap) z (= linn. 10. 13. 14. 16)
5. idem m(ap) b
8. renibus G II m b v z:
Renibus b(ap)
11.te saluti m b v: te salute G H libi salutar: b(ap) oot tr|V i>yeiav z 1restituet m(ap) b
15. obuius b
20. statu suo H m v z: stato suo G
statimi suum b
25. modestosW b(ap)

DIALOGHI III. 2 }

I09

Aconzio, sacrestano della chiesa d i san Pietro in Roma

1. GREGORIO. N on m olto tem po fa c era l un altro guardiano,


come dicono i nostri vecchi, di nome Aconzio, uom o di grande
umilt e seriet, fedele servitore di D io onnipotente, a punto tale
che proprio san Pietro gli mostr con vari prodigi quanta stima
avesse di lui. Una ragazza paralitica stava nella sua chiesa: non
avendo forza si trascinava carponi a terra con le mani. P i volte
aveva chiesto allapostolo di guarirla, e una notte quello le appar
ve e le disse: V a da Aconzio, il sacrestano, rivolgi a lui la pre
ghiera ed egli ti risaner.
2. La ragazza era ben certa della visione, m a non sapeva chi
fosse Aconzio. Perci cominci a trascinarsi qua e l per la chiesa
cercando chi fosse. D im provviso le si fece incontro quello che
cercava e lei gli disse: T i prego, padre, indicam i chi il custode
Aconzio. L e rispose: Sono io, e la ragazza: D nostro pastore e
benefattore san Pietro apostolo mi ha inviato a te perch tu mi li
beri dal m io male. Aconzio le rispose: Se sei stata inviata da lui,
alzati. L a tenne p er mano e quella subito si alz. D a quel m o
mento in tutto il corpo le si consolidarono nervi e muscoli e non
rimase pi alcun segno della sua paralisi.
3. Ma se dovessim o raccontare tutti i prodigi che si sono verifi
cati nella chiesa di san Pietro, dovrem m o tacere su ogni altro ar
gomento. Perci opportuno volgerci ora a raccontare i fatti dei
padri dei nostri giorni, che con la loro vita si sono resi illustri in
tutte le province d Italia.

DIALOGORVM III,

IO

26

26

De Mena monacho solitario


1 . N u p e r in Sam n iae p ro u in cia qu id am uenerandus u it,
M en as nom ine, solitariam uitam d u cebat, qu i nostrorum m ultis cognitus ante h o c fere est decenniu m d efunctu s. D e cuius
5 o p eris narratione unum auctorem non infero, quia p aene tot
m ihi in eius uita testes sunt, q u o t Sam nii prou inciam nouerunt.
2. H ic itaque nih il ad usum suum aliud nisi p au ca apium
uascu la possidebat. H u ic curri L a n g o b a rd u s qu id am in eisdem
io ap ib u s rapinam uoluisset ingerere, priu s ab eod em u iro u erb o
correptus est, et m o x p er m alignum spiritum ante eius uestigia
uexatus. Q u a e x re factu m est ut, sicu t ap u d om nes incolas, ita
edam ap u d eandem b arbaram gentem eius celebre nom en haberetur, nullusque ultra praesu m eret eius cellulam nisi hum ilis
1; intrare.
3. S aep e u ero e x uicina silu a uenientes ursi apes eius com ed ere conabantur, q uos ille dep reh en so s feru la, quam p ortare
m anu consueuerat, caedebat. A n te cuius u erbera inm anissim ae b esd ae rugiebant et fu gieban t, et quae glad ios form id are
20 u ix poterant, e x eiu s m anu ictu s ferulae pertim escebant.
4. H u iu s studium fuit nihil in h o c m undo h abere, nih il
q uaerere, om nes q u i ad se caritads causa ueniebant ad aeternae uitae desideria accen d ere; si q u an d o autem q u oru m libet
cu lp as agnosceret, num quam ab increpatione parceret, sed
25 am oris igne succensus stu d eb at in eis p e r linguam saeuire.

26,2. nuper... intrare (lin. 15) accedit \v I samniae m b(ap) w (cf. 1 1, i;2, 2): samnii G
H m(ap) w(ap) b v samnia m(ap) z I prouincia G m w(ap) b v 2: ae H ni(ap) w 5.
auctorem om. m(ap) w(ap)
6. samnii G H m b v w: samniae b(ap) w(ap) z samniam m(ap)
8. apum m(ap) w(ap) b
9. eiusdem b(ap)
14. humiliter
b(ap)
19. gladios m b v : gladius H gladio G m(ap) iqpog z
20. uix: non
m(ap) z
24. parcere m(ap) b
25.1 cis m v: in eis uebementerG H m(ap) b
aTotc z

DIALOGHI III, 2 6

III

26

Mena, monaco eremita


1. P oco tem po fa nel Sannio conduceva vita solitaria un uomo
venerabile, di nom e M ena, che molti di voi hanno conosciuto. <
morte dieci anni o r sono. D ei fatti della sua vita non nomino in
m odo specifico alcun testimone, perch sono tanti quanti sono
quelli che conoscono il Sannio.
2. N on possedeva nulla per uso personale se non pochi alveari.
Un longobardo glieli voleva rapinare, ma prim a fu rimproverato
da lui e poi davanti a lui fu posseduto da uno spirito maligno. N e
deriv che il suo nome, com e era conosciuto da tutti gli abitanti
del luogo, cos com inci a diventare fam oso anche tra i barbari, e
nessuno os entrare nella sua cella se non in atteggiamento umile.
3. Spesso dal vicino bosco venivano gli orsi p er cercare di di
vorare le api; ma egli, quando li sorprendeva, li batteva con un b a
stone che portava con s. A i suoi colpi quelle bestie ferocissim e
ruggivano e fuggivano: difficilmente le avrebbero spaventate le
spade, e invece temevano i suoi colpi di bastone.
4. Sua somma aspirazione fu di non possedere n ricercare <
nulla nel m ondo, accendere al desiderio della vita eterna tutti
quelli che venivano a lui spinti dallamore di D io, non risparmiare
i rimproveri quando conosceva il peccato di qualcuno, ma arden
do del fuoco dellamore infierire con le parole. G li abitanti del

112

DlALOCiORVM III, 26

C onsuetudinem u ero uicini uel lon ge positi eiusdem loci accola e fecerant ut d iebus singu lis p e r ebd om ad em unu squ isqu e ei
oblationes suas transm itteret, ut esset q u od ipse ad se uenientibus o fferre potuisset.
30

5. Q u od am uero tem pore possessor quidam C arteriu s n o


m ine, inm undo d esiderio deu ictu s, quandam sanctim onialem
fem inam rapuit sibique inlicito m atrim onio coniunxit. Q u o d
m o x ut uir D o m in i cognouit, ei p e r quos p otu it q u ae fu erat dignus aud ire m andauit. C u m q u e ille sceleris sui conscius time-

35 ret atque ad uirum D e i acced ere nequaquam praesum eret, ne


forte hunc aspere, ut d elinquentes solebat, increp aret, fecit
oblationes suas easqu e inter aliorum oblationes m isit, ut eius
m unera saltem nesciend o susciperet.
6. Sed cum coram eo fuissent oblationes om nium deporta40 tae, uir D e i tacitus sedit, singillatim om nes considerare studuit, et om nes alias eligens atque seorsum ponens, oblationes
quas isdem C arterius transm iserat p er spiritum cognouit spreuit abiecit, dicens: Ite et dicite ei: O blationem suam om nipotenti D o m in i tulisti, et m ihi tuas oblationes transm ittis? E g o
45 tuam oblationem n on accip io, q u ia suam abstulisti D e o . Q u a
e x re actum est ut praesentes q u o q u e m agnus tim or inu aderet,
cum u ir D om ini tam scienter d e absentibu s iudicaret.
7. PETRVS. M ultos horu m su sp ico r m artyrium su b ire potuisse, si eos tem pus persecu tionis inuenisset.

50

GREGORIVS.

D u o sunt, P etre, m artyrii genera: unum in o c

culto, alterniti q u o q u e in p u b lico . N am et si p ersecu tio desit


exteriu s, m artyrii m eritum in occu lto est, cum uirtus ad p as
sioner p rom pta flagrat in anim o.
8. Q u ia enim esse p ossit et sine aperta passione m artyrium ,

27. singulis H m(ap) b: certis G m v (cf. xat) ' xkm|v rgipav z) I ehdamadam
m(ap) b
30. casterius G H (= lin. 42)
42. idem m(ap) v
43. abiecit G
I I m(ap): et ab- m v atque ab- b xa Ijil P Ileto z
44. deo m(ap) z I abstulisti
b
46. actum\factum b Iquosque b
47. dei H m(ap) z

DIALOGHI III,

26

113

luogo, vicini e lontani, presero l abitudine di portargli offerte, chi


in un giorno della settimana chi in un altro, in m odo che egli aves
se di che offrire a chi veniva da lui.
5. Una volta un proprietario di nome Carterio, vinto da un de
siderio im puro, rap una monaca e lun a s con matrimonio ille
cito. Q uando l uom o del Signore lo seppe, per tramite di qualcu
no che pot trovare gli mand a dire ci che quello aveva meritato
di ascoltare. M a Carterio, consapevole del suo delitto, era preso
da terrore e non osava recarsi da Mena, perch non voleva che
questi lo rim proverasse aspramente, com e era solito fare con chi
commetteva una mancanza. Perci fece la sua offerta e la invi in
sieme con quella degli altri, affinch quello, senza accorgersi, ac
cettasse almeno i suoi doni.
6. Ma quando gli furono presentate tutte le offerte, l uom o di
Dio si mise a sedere in silenzio e si dette a esam inarle una p er una:
scelse e mise da parte tutte le altre, ma riconobbe per ispirazione
dello spirito quella che gli aveva inviato Carterio, la rifiut e la
gett via dicendo: A ndate a dirgli: H ai tolto al Signore onnipo
tente la sua offerta, e m i m andi la tua? Io non l accetto perch hai
sottratto a D io la sua . A llora tutti i presenti furono colti da
grande timore, vedendo che luomo del Signore giudicava con
tanta cognizione di causa chi era assente.

7. PIETRO. Io credo che m olti di questi santi avrebbero avuto il

coraggio di affrontare il martirio, se fossero vissuti in tem po di


persecuzione.

GREGORIO. C i sono, Pietro, due generi di martirio: uno nellin


timo del cuore e l altro in pubblico. Perci, se terminata la per
secuzione esteriore, resta il merito del m artirio interiore, quando
arde nellanima la virt pronta anche a patire.
8. C h e ci possa essere martirio anche senza patimenti esterni

14

DIALOGORVM III, 2 6

si testatur in euangelio D o m in u s, qui Z eb ed aei filiis, ad hu c p rae


infirm itate m entis m aiora sessionis loca quaerentibus, dicit:

60

Potest bibere calicem, quetn ego bbiturus sum? C u i uidelicet


cum responderent: Possumus, utrisque ait: Calicem quidem
meum bibet, sedere autem ad dextram meam uel ad sinistram
non est meum dare uobis. Q u id autem calicis nom en nisi passionis p oculum signat? E t cum nim irum constet quia Iaco b u s
in passione occubuit, Ioh an nis u ero in p ace ecclesiae quieuit,
incunctanter coUegitur esse et sine aperta passione m artyrium ,
q u an d o et ille calicem D o m in i b ib ere dictus est, qu i e x perse-

5 cutione m ortuus n on est.


9.

D e his autem talibus tantisqu e uiris, q u oru m superius

m em oriam feci, cu r dicam us quia, si p ersecutionis tem pus


existeret, m artyres esse p otuissent, - qu i occulti hostis insidias
tolerantes, suosque in h oc m u n d o aduersarios diligentes,

70

cunctis carnalibus d esideriis resistentes, p er h oc qu od se omnipotenti D e o in co rd e m actauerunt, etiam pacis tem pore
m artyres fuerunt, - dum nostris m od o tem poribus uilis q u o
q ue et saecularis uitae p ersonas, d e qu ibu s nil coelestis gloriae
praesum i p osse u id eb atu r, o b o rta occasione contigit ad coro-

75

nas m artyrii peruenisse?

58. ulrique m(ap)


59. dextram G m(ap): Jexteram H m b v Iad ante sinistram om.
m(ap) b
62. iohannes m(ap) b v
68. exstitisset b
72. uilcs m(ap) b
74-5. coronas G H m(ap) b: -nam m v z 7 5. peruenisse G H m(ap) b: -re m v

DIALOGHI III, 2 6

115

ed evidenti, lo attesta nel vangelo il Signore il quale dice ai figli di


Zebedeo che, ancora spiritualmente deboli, aspiravano a onori di

Potete bere il calice che io sto per bere? E


Possiamo, disse ad ambedue: Certo, berre
te il mio calice, ma non sono io che posso farvi sedere alla mia de
stra e alla mia sinistra. Che cosa indica col nome di calice se non il
maggiore importanza:

avendo quelli risposto:

calice cella passione? E poich sappiamo che G iacom o mor su


bendo il martirio, e Giovanni invece si spense mentre la chiesa era
in pace, ricaviamo di qui con certezza che ci pu essere martirio
senza manifesti patimenti, perch anche di colui che non morto
a causa della persecuzione detto che avrebbe bevuto il calice del
Signore.
9.

Abbiam o parlato di tanti e tali uomini che hanno sopporta

to le tentazioni del nemico occulto, hanno amato i loro nemici nel


mondo, hanno resistito a tutti i desideri carnali, e per essersi im
molati in cuor loro a D io onnipotente sono stati m artiri anche in
tempo di pace. Perch mai allora ci chiediam o se in tem po di p er
secuzione avrebbero potuto essere martiri? Tanto pi che anche
ai nostri giorni laici di modesta condizione, i quali non sem brava
no poter aspirare alla gloria celeste, sopraggiunta loccasione,
hanno conseguito la corona del martirio.

26,57-8. Eu. Matth. 20. 22 sqq.

61. Cf. Act. Ap. 12, 2

116

DIAL0 GORVM III, 2 7 - 2 8

27
De qmdraginta rusticis pr eo quod carnes comedere
immolaticias noluerunt a Langobardis occisis
N a m ante hos fere annos q u ind ecim , sicut h ii testantur qui
interesse potuerunt, q u ad raginta rustici a L an go b ard is capti
5 carnes im m olaticias com ed ere conpellebantur. Q u i cum u ald e
resisterent et contingere cibu m sacrilegum nollent, coepere
L a n g o b a rd i qui eos tenuerant, nisi im m olata com ederent, eis
m ortem m inari. A t illi, aetem am potius quam praesentem uitam ac transitoriam d iligentes, fid eliter perstiterunt atq u e in
io sua constantia sim ul om nes occisi sunt. Q u id itaque isti nisi
ueritatis m artyres fu eru nt, qu i ne uetitum com eden d o conditorem suum offen d eren t, elegeru nt glad iis uitam finire?

28

De multitudine captiuorum pr eo quod adorare


caput caprae noluerunt occisorum
1.

E o d e m q u oq u e tem pore, dum fere quadringentos cap-

tiuos alios L a n g o b a rd i tenuissent, m ore suo im m olauerunt ca5 p ut caprae d iabo lo , h o c ei currentes p er circuitum et carm ine

n efan d o dedicantes. C u m q u e illu d ip si priu s su bm issis ceruicib u s adorarent, eos q u o q u e quos ceperant h oc ad orare pariter
conpeOebant. Sed e x eisdem captiuis m axim a m ultitudo, magis eligens m oriend o ad uitam inm ortalem tendere quam ado10 rando uitam m ortalem tenere, obtem p erare iussis sacrilegis

27, 1 . qui anlc pr add. b


2. uccisi sunt b
3. nam ante... baberent (28, lin.
14) accedit w I /erre G ferme b I h: H m(ap) b
7. eis G m v w: eorum H eis
post mortem trai, b 2
8-9, uitam ante quam trai, b z
28, 5. per circuitum currentes b z
7. coeperant H m w(ap) (= limi. 12-3)

DIALOGHI III, 2 7 - 2 8

"7

27
Quaranta contadini sono uccisi dai Longobardi
per non aver voluto mangiare carne consacrata agli idoli
Circa quindici anni fa, com e attesta chi pot essere presente,
quaranta contadini presi prigionieri dai Lon gobardi furono sol- <
lecitati a m angiare carni consacrate agli idoli. Poich resistevano
coraggiosamente e non volevano toccare cibo sacrilego, i L on go
bardi com inciarono a minacciarli di m orte se non ne avessero
mangiato. M a quelli, amando la vita eterna pi di quella tem pora
le e transitoria, resistettero con fede e p er la loro fermezza furono
tutti uccisi insieme. C h e cosa sono stati costoro se non martiri del
la verit? H anno infatti preferito morire di spada piuttosto che of
fendere il loro creatore m angiando cibo vietato.

28

M olti prigionieri sono uccisi per non aver voluto


adorare una testa d i capra1
1. Ancora in quel tempo, avendo i Longobardi catturato allincirca altri quattrocento prigionieri, secondo la loro usanza immola
rono una testa di capra al diavolo, dedicandogliela mentre correva
no all'intorno e intonavano canti sacrileghi. Prim a fecero essi stessi
arto di adorazione piegando il collo, e poi sollecitarono anche i p ri
gionieri a fare lo stesso. M a quasi tutti costoro, preferendo arrivare
con la m orte alla vita immortale piuttosto che adorando conservare
la vita mortale, non vollero ubbidire ai com andi sacrileghi e rifiuta-

iS

DIALOGORVM HI, 2 8

noluit et ceruicem qoam sem p er creatori flexerat creaturae


inclinare contem psit. V n d e factum est ut hostes qui eos cep erant, grau i iracun d ia accensi, cunctos gladiis interficerent,
q uos in e rro re suo p articip es non haberent.
15

2. Q u id ergo m iru m , si eru m pente persecutionis tem pore


illi m artyres esse potuissent, qui in ip sa q u oqu e p ace ecclesiae
sem etipsos sem per ad fligen d o angustam m artyrii tenuerunt
uiam , q uan do inruente persecutionis articulo hii etiam m eruerunt m artyrii palm as accipere, qu i in p ac e ecclesiae latas huius

20 saeculi uias sequi uid eban tu r?


3. N e c tam en h o c qu od de eisdem electis uiris dicim us, de
cunctis iam quasi in regu la tenem us. N am cum persecutionis
apertae tem pus inruit, sicut p leriq u e su bire m artyrium possunt, qui esse in p ac e ecclesiae desp icabiles uidentu r, ita non25 num quam in debilitatis form id in e corru u n t, qui in p a c e priu s
ecclesiae fortiter stare cred eban tu r.
4. S ed eos d e quibu s p raed ixim u s fieri m artyres p otu isse fidenter fatem ur quia h o c iam ex eoru m fin e collegim us. C a d ere
enim n ec in aperta p ersecu tion e poterant hii, d e qu ibu s c o n
io stat quia et u sque ad fnem u itae in occu lta anim i uirtute perstiterunt.
5. PETRVS. V t adstruis, ita est. Sed su p er indignos nos diuinae m isericordiae d ispensationem m iror, quia L an go b ard o rum saeuitiam ita m od eratu r, ut eoru m sacerdotes sacrilegos,
m

qui esse se fidelium q u asi u ictores u ident, o rth o d o xoru m fidem persequ i m inim e perm ittat. 1

11. rtoluit G H m vw: noluerunt b z (recie? cf. Szantyr, p. 436) nolunt m(ap) Iflexerat G H m v w: -ant m(ap) z fixerant b
12. contempsit G H u v w : -erunt b z
contemnunt m(ap)
12-3. acceperant mlap)
18. uitam m I hi m(ap) b
22. regula G m(ap): -lam H m b v
25. imbecillitatis uel aduersitats b(ap) Ifotmidine H m b(ap) v: -nem G mlap) b z
28. colligimus G m(ap) b
29. hiH
b
32. adstruisG m v: asserii H m(ap) b
33. qui\>
35. se m v z: om. G
H m(ap) b I rectores m I uidentur b tpaiveoflai z

DIALOGHI III, 2 8

119

reno di piegare di fronte a una creatura il capo che avevano sempre


piegato davanti al creatore. Allora i nemici che li avevano catturati,
accesi da violenta collera, uccisero con la spada tutti coloro che
non vollero diventare partecipi del loro errore.
2. N on c perci da stupirsi che in tem po di persecuzione
avrebbero potuto essere martiri coloro che, in tem po di pace del
la chiesa, m ortificandosi continuamente hanno percorso la stretta
via del martirio, dal m omento che, quando sopraggiunta la per
secuzione, hanno meritato di ricevere la corona del m artirio co
storo che, durante la pace della chiesa, sem bravano percorrere la
via larga di questo m ondo.
3. Ci che tuttavia diciamo per questi eletti non lo consideria
mo regola valida p er tutti. Q uando infatti sopraggiunge il tempo
della persecuzione manifesta, com e hanno il coraggio di affronta
re il martirio molti che in tem po di pace della chiesa sem brano
degni di disprezzo, cos talvolta cadono per debolezza e paura al
cuni che durante la pace della chiesa sem brano stare ben ferm i in
piedi.
4. Ma di coloro dei quali abbiam o parlato affermiamo con si
cura fiducia che avrebbero potuto diventare martiri, perch lo de
duciamo dalla loro fine. In effetti non sarebbero potuti cadere in
una persecuzione manifesta quelli di cui sappiam o che fino alla fi
ne della vita sono restati fermi nella loro interiore forza danimo.
5. PIETRO. com e tu affermi. M a sono pieno di ammirazione
per la m isericordiosa provvidenza di D io riguardo a noi indegni,
perch modera la crudelt dei Longobardi in m odo da non p er
mettere che i loro empi sacerdoti, che si reputano vincitori dei fe
deli, perseguitino la fede dei cattolici.

120

DIALOGORVM III, 29

*9

De am ano episcopo caecato


1 . GREGORIVS. H o c , P e tre, face re p leru m q u e conati sunt,

sed eorum saeuitiae m iracula superna restiterunt. V n d e unum


narro, qu od p er B on ifaciu m , m onasterii mei m onachum , qui
? u sque ante quadriennium cum L an go b ard is fuit, ad hu c ante
triduum agnoui.
2. C um ad Spolitanam urbem L an go b ard o ru m episcopu s,
scilicet arrianus, uenisset, et locum illic u b i sollem nia sua ageret non haberet, coep it ab eius ciuitatis ep isco p o ecclesiam p e
lo tere, quam suo erro ri ded icaret. Q u o d dum u ald e episco pu s

negaret, isdem qui uenerat arrianus beati P a u li apostoli illic


ecclesiam com m inus sitam se d ie altero u iolenter intraturum
esse p rofessu s est. Q u o d eiusdem ecclesiae custos audiens, festinus cucurrit, ecclesiam clausit, seris m uniuit. F a c to autem
15 u espere, lam p ades om nes e x tin x it seq u e in interioribu s abscondit.
3. In ip so autem subsequentis lucis crep u scu lo arrianus e p i
scop u s, colletta m ultitudine, aduenit, clausas ecclesiae ianuas
effrin gere paratus. S ed repente cunctae sim ul regiae diuinitus
20 concussae, abiectis longius seris, apertae sunt, atque cum m a
gn o sonitu om nia ecclesiae claustra patuerunt. E ffu s o d esu p er
lum ine om nes q u ae extinctae fueran t lam pades accensae sunt,
arrianus uero episco pu s, qui uim factu ru s aduenerat, subita
caecitate p ercussus est atque alienis iam m anibus ad suum ha25 bitaculum reductus.
4. Q u o d dum L a n g o b a rd i in eadem regione positi om nes
agnoscerent, nequaquam ulterius praesum pserunt catholica

29, 3. unum... ingressi sumus (30, linn. 13-4) accedit w I miraculum post unum add.
b
4. bonifacium H b: bonefacium G bonfatium m w(ap) v 2 bonefatium w
m(ap)
8. loco m w
1 1 . idem b
11-2. ecclesiam illic b 2
19. simul
cunctae m(ap) w(ap) cunclis simul G I rcgiac: portae b ianuae regiae b(ap) w(ap)

DIALOGHI III, 2 9

121

29
Un vescovo ariano diventa cieco
1. CREGORIO. In effetti, Pietro, hanno cercato di farlo pi volte,
ma miracoli celesti hanno fatto opposizione alla loro crudelt. A
questo proposito racconto un solo episodio, che ho conosciuto sol
tanto or sono quattro giorni grazie a Bonifacio, monaco nel mio
monastero, che fino a quattro anni fa stato con i Longobardi.
z. Un vescovo longobardo, perci di fede ariana, giunto a Spo- <
leto e non avendo a disposizione un luogo dove celebrare la sua li
turgia, richiese al vescovo della citt una chiesa, da consacrare alla
sua eresia. D ato che il vescovo rifiutava, lariano m anifest lin
tenzione di entrare il giorno dopo nella chiesa del santo apostolo
Paolo, situata l vicino. Q uando lo venne a sapere, il custode del
la chiesa corse svelto, chiuse la porta della chiesa e la rinforz con
sbarre di ferro. A sera spense tutte le lam pade e si nascose nel
loscurit.
3. A llalbeggiare del giorno dopo, il vescovo ariano venne con
molto seguito e si prepar a sfondare la porta della chiesa. M a
aH'im prowiso tutte insieme le porte della chiesa, com e percosse
da una forza divina, scagliate lontano le sbarre, si spalancarono e
con gran rum ore tutti gli ingressi della chiesa diventarono accessi
bili, mentre una luce proveniente dallalto accendeva tutte le lam
pade che erano state spente. In quel momento il vescovo ariano,
che si accingeva a fare uso della forza, fu colpito da unim provvisa
cecit e fu ricondotto dalle mani degli altri nella sua abitazione.
4. Q uando i Longobardi che stavano nella regione seppero
della cosa, non osarono pi profanare i luoghi sacri dei cattolici.

122

DIALOGORVM in, 29-30

loca tem erare. M iro etenim m o d o res gesta est ut, quia eiusdem arriani causa lam p ad es in ecclesia beati P au li fueran t ex30 tinctae, uno eod em q u e tem pore et ip se lum en p erderet et in

ecclesia lum en rediret.

30

De

arrianorum ecclesia quae in Romana urbe catholica


consecratione dedicata est

1. S ed neque h o c sileam , q u o d ad eiusdem arrianae hereseos dam nationem in h ac q u o q u e urb e ante biennium pietas
5 superna m onstrauit. E x his q u ip p e quae narro, aliud p op u lu s
agnouit, alia autem sacerd os et custodes ecclesiae se audisse,
se uidisse testantur.
2. A rrianorum ecclesia, in regione u rb is h uius quae S u b u ra
dicitur, cum clausa u sq u e ante biennium rem ansisset, p lacuit
10 ut in fid e catholica, in tro d u ctis illic b eati Sebastiani et sanctae
A gath ae m artyrum reliquiis, d ed icari debuisset. Q u o d factum
est. N am cum m agna p o p u li m ultitudine uenientes atq u e omnipotenti D o m in o lau d es canentes, eandem ecclesiam ingressi
sum us.
15

3. C u m q u e in e a iam m issarum sollem nia celebraren tu r et


p rae eiusdem lo ci angustia p o p u li se tu rb a conp rim eret, q u i
dam ex his qui e x tra sacrariu m stabant p orcu m su bito intra
suos pedes h uc illu cq u e d iscu rrere senserunt. Q u em dum unusq uisque sentiret et iu xta se stantibus indicaret, isdem por-

20 cus ecclesiae ianuas petiit et om nes p er q u os transiit in adm ira-

28. enim b
29. ecclesia m b v w: -ae G H w(ap)
31. ecclesia G H ni v w:
-am m(ap) w(ap) b
30, 5. aliud G H m v w : alia b z
6. alia G II m b v w z: aliud m(ap) w(ap) alii
m(ap)
7. se uidisse G m v w: et uidisse H m(ap) w(ap) b z et se uidisse w(ap)
13. dea m(ap)
16. angustia! uel -ias m(ap)
17. iuxta b(ap)
19. idem
m(api) b
20-1. admirationc G H ra(ap): -cm m b v (cf. v Aatiuaw z)

DIALOGHI III, 2 9 -jO

,23

J/aspetto pi straordinario della vicenda fu che, essendo state


spente le lam pade nella chiesa di san Paolo a causa del vescovo
ariano, in uno stesso momento questi perse la luce della vista e in
vece la luce torn nella chiesa.

3
A Roma una chiesa ariana viene consacrata
al culto cattolico
1. Non passer sotto silenzio neppure ci che due anni fa la
misericordia divina ha operato nella nostra citt per dare massimo
risalto alla condanna delleresia ariana. D i questi fatti che raccon
to uno lha conosciuto tutta la popolazione, laltro un sacerdote
attesta di averne sentito parlare e i custodi della chiesa conferm a
no di aver visto.
2. L a chiesa degli ariani che si trova nel quartiere della nostra
citt chiamato Suburra, dato che rimasta chiusa fino a due anni
fa, si decise di adibirla al culto della fede cattolica e collocarvi al
cune reliquie dei santi martiri Sebastiano e Agata. C o s fu fatto e,
con afflusso di grande folla e accom pagnati dal canto delle lodi al
Signore onnipotente, entrammo nella chiesa.
3. M entre vi si celebrava la messa e la folla era tutta accalca
ta per la ristrettezza del luogo, alcuni che erano rimasti fuori del
l edificio, ebbero la sensazione che un m aiale si intrufolasse qua e
l tra i loro piedi. M entre ognuno che lo notava lo indicava al pro
prio vicino, il maiale si diresse verso la porta della chiesa, facendo
meravigliare tutti quelli tra i quali passava, ma non si poteva vede-

124

DIALOGORVM III,

JO

tione conm ouit, sed uid eri nil potuit, quam uis sentiri potuisset. Q u o d id c irc o diuina pietas ostendit, ut cunctis patesceret
quia de lo co e o d e m inm u nd u s habitator exiret.
4. P eracta ig itu r m issarum celebratione, recessim us. Sed
25 adhuc nocte e ad em m agnus in eiusdem ecclesiae tectis strepitus factus est ac si in haec aliquis erran d o discurreret. Sequenti autem nocte g ra u io r sonitus excreuit. C u m subito tanto ter
rore insonuit a c si om nis illa ecclesia a fundam entis fuisset
euersa et p ro tin u s recessit, ac nulla illic ulterius inquietu do an30 tiqui hostis a p p a ru it, sed p e r terroris sonitum quem fecit innotuit, a loco q u em diu tenuerat quam coactus exiebat.
5. P o st p a u c o s u ero dies in m agna serenitate aeris su p er al
tare eiusdem e ccle sia e nubes caelitus descendit, su oq u e illud
uelam ine o p e ru it, om n em q u e ecclesiam tanto terrore ac sua31 uitate od o ris re p le u it, ut patentibus ianuis nullus illic praesum eret intrare, e t sacerdos atque custodes, uel hi qui ad celebran d a m issaru m sollem nia uenerant, rem uid ebant, in gred i
m inim e p o tera n t, et suauitatem m irifici odoris trahebant.
6. D ie uero a lio , cum in ea lam p ades sine lu m ine depende40 rent, em isso d iu in itu s lum ine sunt accensae, atque p ost p au co s
iterum dies, c u m expletis m issarum sollem niis, extinctis lam p ad ib us, custos e x eadem ecclesia egressus fuisset, p o st paululum intrauit et lam p ades quas extin xerat lucentes repperit.
Q uas n eglegen ter e x tin x isse se cred id it atque eas iam sollici45 tius extin xit. Q u i exien s ecclesiam clausit, sed p o st h orarum
trium spatium regressu s lucentes lam p adas quas e x tin xerat

21. uideri G m b v z: -re H m(ap) I nil m v: non H a nullo G b oapk z I sentiri


m(ap) b v: -re G H m (fon. sentire potuissent; cf. v<n)oav z)
24. celebratione
missarum G b
26. in haec G m v: hac in H in eis m(ap) b v avrai? z
28.
omnis m(ap> b v z: -es H m orris G
29. ac. et b
31. exibat b
36. et...
atque-. sacerdos quoque et b
40. atque om. b
44. atque om. b itaque
m(ap)
44-j. sollt'cilius H m b v: -tus G m(ap) (cf. itdvu jtipeXw? z)
45.
qui: et m(ap) b I ecclesiam-. atque ecclesiam sollicitius b
46. lampadas G H
m(ap): - n n i b v

DIALOGHI HI, J O

I2 S

re niente, anche se se ne percepiva la presenza. In questo m odo la


bont divina rese manifesto a tutti che l im m ondo abitatore se ne
era andato da quel luogo.
4. Terminata la celebrazione della messa, ce ne andammo. Ma
quella stessa notte si ud un gran rum ore sul tetto della chiesa, co
me se qualcuno vi stesse correndo di qua e di l. L a notte seguen
te il rumore si fece pi forte; poi im provvisamente risuon in
modo tanto terrificante da far credere che tutta la chiesa fosse
crollata dalle fondamenta. Poi il rumore cess e da allora l antico
nemico non apparve pi per portare turbamento, ma quel suono
terrificante fece intendere a tutti che egli era stato costretto ad an
darsene dal luogo che tanto a lungo aveva occupato.
5. Pochi giorni dopo, mentre il cielo era tutto sereno, una nu
be discese sopra laltare di quella chiesa e lo copr quasi fosse un
velo, ispirando una gran paura, e riemp tutta la chiesa di un odo
re soave cos che, p ur essendo le porte aperte, nessuno aveva il co
raggio di entrare, n 0 sacerdote n i custodi n quanti erano ve
nuti per partecipare alla celebrazione della messa: constatavano il
fatto, ma non potevano entrare e si limitavano a respirare quel
lodore soave.
6. Il giorno dopo, mentre le lam pade pendevano spente, furo
no accese da una luce inviata dal cielo; e ancora, trascorsi pochi
giorni, dopo che, terminata la celebrazione della messa e spente le
lampade, il custode era uscito dalla chiesa, quando vi rientr poco
dopo, trov che le lam pade che egli aveva spento risplendevano
di luce. Credette di essere stato poco attento nello spegnerle e le
spense di nuovo con cura, poi usc dalla chiesa e la chiuse. Ma
quando, dopo tre ore, vi ritorn, trov che le lam pade che aveva

DIAIOGORVM Ul,

12 6

30-31

inuenit, ut uidelicet e x ip so lu m ine aperte claresceret q u ia locus ille de tenebris ad lucem uenisset.

7. PETRVS. E tsi

in m agnis sum u s tribulationibus p ositi, quia

50 tam en a con d ito re n o stro no n sum us om nino despecti testantu r ea quae aud io eius stu p en da m iracula.

8. GREGORIVS. Q u am u is sola

q u ae in Italia gesta sunt n arra

re decreueram , uisne tam en u t p r osten denda eiusdem arrianae h ereseos d am natione transeam us u erbo ad H isp an ias, at55 q ue in d e p e r A fric a m ad Italiam redeam us?

PETRVS. P e rg e q u o libet. N a m

laetus d u cor, laetus red u cor.

De term inigildo rege Leuuigildi Wisigotharum regis filio


pr fide catholica ah eodem patte suo occiso
1.

GREGORIVS.

Sicu t m ultorum q u i ab H isp an iaru m par-

tibus ueniunt relatione cognouim us, n u p er H erm in igild u s


$ rex, L eu u igild i regis W isigotharu m filius, ab arriana h erese ad
catholicam fid em , u iro reuerentissim o L e an d ro H isp alitan o
ep isco p o , dud um m ihi in am icitiis fam iliariter iu n cto, praedicante, conuersus est.
1.

Q u em p ater arrianus, u t ad eandem heresem rediret, et

io praem iis suadere et m inis terrere conatus est. C u m q u e ille


constantissim e respo n d eret num quam se ueram fid em posse
relinquere quam sem el agnouisset, iratus p ater eum priu au it
regno rebu squ e om nibu s exp o liau it. C u m q u e nec sic uirtutem

jo. dispecti in
31, 3. sicut... limerei Gin. j) accedit w
4. herminigildus G m(ap> w(ap) b v:
alii alia
5. leuuigildi m(ap) b v: alii alia I wisigotharum G m v w: -thorurn H
in(ap) w(ap) b I herese G m v w: -jiHm (ap) w(ap) haeresib
6. hispalitano m w
b v: spai- m(ap) w(ap) spoi- H b(ap) espol- G w(ap)
9. heresem G m v w: -sim
H m(ap) haeresim b

DIALOGHI III,

3 0 -jl

I2 7

spento erano di nuovo illuminate, e l illuminazione indic con


evidenza che quel luogo era passato dalle tenebre alla luce.
7.

l;IETRO. I grandi prodigi che sto apprendendo attestano che,

anche quando siamo afflitti dalle tribolazioni, non veniam o mai


completamente abbandonati dal nostro creatore.

8. GREGORIO.

A nche se avevo deciso di raccontare soltanto

fatti accaduti in Italia, vuoi tuttavia che, al fine di mostrarti la con


danna delleresia ariana, passiamo col racconto in Spagna per poi
tornare, attraverso lA frica, in Italia?

PIETRO. V a dove vuoi, e io sono ben contento sia di andare sia


di ritornare.

3i

Il re Ermenegildo, figlio di Leovigildo re dei Visigoti,


viene ucciso dal padre per la fede cattolica1
1. GREGORIO. P o co tem po fa pi persone venute dalla Spagna
mi hanno inform ato che il re Erm enegildo, figlio di Leovigildo re <
dei Visigoti, si era convertito dalleresia ariana alla fede cattolica,
grazie allistruzione che gli aveva impartito il vescovo spagnolo <
Leandro, da lungo tempo mio intimo amico.
2. Il padre, che era ariano, cerc di ricondurlo alleresia sia
allettandolo con prom esse sia spaventandolo con minacce. M a
quello fermamente rispose che, una volta conosciuta la vera fede,
non la poteva abbandonare, cos che il padre, adirato, lo priv del
regno e lo spogli di tutti i beni. Poich neppure in questo modo

12 8

DIALOGORVM III, J i

m entis illius em ollire u aluisset, in arcta illum cu sto d ia conclui s dens collum m an usqu e illius ferro religauit. C o ep it itaque isdem H erm in igild us rex iuu enis, terrenum regnum d ispiciens
et forti d esiderio c a d e ste q u aerens, in ciliciis iacere uinculatus,
om nipotenti D e o ad con fortan d u m se p reces effu n d ere tantoq ue sublim ius gloriam transeuntis m undi desp icere, q u an to et
20 religatus agnouerat nihil fu isse qu od potuit auferri.
3. S u peru en ien te autem paschalis festiuitatis die, intem pestae noctis silentio ad eum p erfid u s p ater arrianum episcopu m
m isit, ut e x eius m anu sacrilegae consecrationis com m unionem
p erciperet atque p e r h o c ad patris gratiam red ire m ereretur.
25 S ed uir D e o d ed itus arrian o e p isco p o uenienti e x p ro b rau it, ut
debuit, eiusque a se p erfid iam dignis increpationibu s repulit
q uia, etsi exteriu s iacebat ligatu s, ap u d se tam en in m agno m en
tis culm ine stabat securus.
4. A d se itaque reu erso ep isco p o , arrianus p ater infrem uit

30

statim que suos ap p aritores m isit, qu i constantissim um confessorem D ei illic ubi iacebat occiderent. Q u o d factum est. N am
m o x ut ingressi sunt, securem cereb ro illius infgentes, uitam
corp o ris abstulerunt h o cq u e in e o u aluerunt perim ere, q uod
ip se q uoque qui perem ptu s est in se constiterat despexisse.

35

5. S ed p r osten den d a uera eius gloria, su perna q u oq u e


non d efu ere m iracula. N a m coep it in n o ctu m o silentio psalm od iae cantus ad corpu s eiusdem regis et m artyris audiri, at
q u e id eo ueraciter regis quia m artyris. Q u id am edam feru n t
q u o d illic n octurno tem po re accensae lam p ades apparebant.

15. religauit H m(ap) v w: rcleg- m w(ap) ligauit G m(ap) w(ap) b


15-6. idem
m(ap) b
16. dispiciens G H m w: desp- m(ap) w(ap) v despicere b z
20. re
ligatus G b v w z: releg- H m I nil w(ap) b Ipotuit G H m v w: potuerit b potert ucl
possit m(ap) uvr|OF.Tai z
21. superueniente H m(ap) b v w: -ti G m
27.
iegatus H m w(ap)
29. arriano b(ap) z arriano episcopo m(ap) 31. quod H m
v w: quo G quod et b z
32. securim m(ap) -re G
34. ipsc m(ap) b: -um G
H m b(ap) v w (cf. avito; z) I constituerat m(ap) b
38. et post quia add. b Ife
runt G H m b v w: fuerunt m(ap) w(ap) asserunt m(ap)

DIALOGHI III, J l

129

riusc a scuoterne la forza danimo, lo fece rinchiudere in u nan


gusta prigione, incatenato collo e mani. A llora il giovane Erm ene
gildo, in ceppi e com e rivestito di cilicio, sollecitato dal disprezzo
del regno terreno e dallaspirazione al regno celeste, si dette a pre
gare per cercare conforto in D io onnipotente, e tanto pi disprez
zava la gloria effim era del m ondo quanto pi si era convinto che,
carico comera di catene, non aveva pi nulla che potesse essergli
tolto.
3. Sopraggiunto il giorno di Pasqua, nel cuore della notte il
perfido padre gli invi un vescovo ariano, affinch ricevesse la co
munione consacrata da mano sacrilega e in questo m odo potesse
rientrare in favore presso il padre. M a quello, che si era donato a
Dio, rimprover, com era doveroso, il vescovo ariano che era ve
nuto da lui e respinse la sua perfidia con parole di sdegno: anche
se esteriormente giaceva a terra incatenato, interiormente la sua
anima si ergeva in piena sicurezza.
4. Q uando il vescovo torn dal re, questi dette in escandescen
ze, e subito m and i suoi subalterni con l ordine di uccidere l in
trepido confessore di D io, l dove giaceva. Cos fu fatto. Appena
entrati, lo colpirono in testa con una scure e gli tolsero la vita dal
corpo: cio, poterono uccidere in lui ci che colui che fu ucciso
aveva disprezzato dentro di s con tutta evidenza.
5. Ma per rendere manifesta la sua vera gloria non mancarono
prodigi celesti. N el silenzio della notte si ud il canto di una sal
modia presso il corpo del re morto, veramente re in quanto marti
re. Alcuni hanno anche detto che col di notte si vedeva la luce di

DIALOGORVM III,

130

}I

40 V n d e factum est quatenu s c o rp u s illius, ut u idelicet m artyris,


iu re a cunctis fid elib u s u enerari debuisset.
6. P a te r uero p erfid u s et p arricid a, conm otus paenitentia,
h o c fecisse se doluit, nec tam en u squ e ad obtinendam salutem ,
N am quia uera esset catholica fid es agnouit, sed gentis su ae ti45 m o re perterritus a d hanc p eru en ire non m eruit. Q u i o b orta

aegritudine ad extrem a p erd u ctu s, L e an d ro e p isco p o , quem


prius uehem enter a d flix e ra t, R ecch ared u m

regem

filium ,

quem in sua h eresi relinquebat, conm end are curauit ut in ip so


q uoque talia faceret, qualia in fratre illius suis exhortationibu s

50

fecisset. Q u a uidelicet conm endatione expleta, d efu n ctu s est.


7. P o st cuius m ortem R ecch ared u s re x , non patrem p e r
fid im i sed fratrem m artyrem sequens, ab arrianae h ereseos
p rauitate conu ersus est totam qu e W isigotharum gentem ita ad
ueram p erd u xit fid em , ut nullum suo regno m ilitare perm itte-

5! ret, qui regno D e i hostis ex iste re p er hereticam p erfid iam non


tim eret.
8. N e c m irum .quod u erae fid ei p raed icator factu s est, qui
frater est m artyris. C u iu s h u n c q u oq u e m erita adiuuant, ut ad
om nipotentis D ei grem ium tam m ultos reducat. Q u a in re
60 considerandum n o b is est q u ia totum h o c agi nequaquam possit, si H erm in igild u s re x p r ueritate m ortuus n on fuisset.
N a m , sicut scrip tum est: n i s i granum fru m e n ti cadens in terra
m ortuum fu e rit, ipsum solum m anet; s i autem m ortuum fu e rit,
m ultum fru ctu m a d fert, h o c fieri uidem u s in m em bris qu od
65 factum scim us in capite. In W isigotharu m etenim gente unus
est m ortuus ut m ulti uiuerent, et dum unum granum fid eliter
cecidit ad obtinendam fid em , anim arum segis m ulta surrexit.
PETRVS. R es m ira et nostris stu penda tem poribus.

40. et post unde add. b z


41. ustc m w(ap)
47. reccharedum H m v w: ali
alia 49. et ante in add. b 2 I cohortationibus b
53. wisigothorum H m(ap)
w(ap) b
57. ueraeb v w z : aereG H m
60. bocom. m(ap) w(ap)
601. possi! G H m w: -et m(ap) w(ap) b v t|6iivato 2
61. terram m(ap) b 2
65. wisigothorum m(ap) b
6 j. fidem: uitam b I segis H m: -cs G m(ap) b v

DIALOGHI HI. J l

131

lampade accese. N e conseguito che il corpo di Erm enegildo, in


quanto martire, stato ben a ragione venerato da tutti i fedeli.
6 .1 1 padre p erfido e omicida si pent e si dolse di aver agito in
questo m odo, ma non fino al punto di conseguire la salvezza, per
ch riconobbe, s, che la fede cattolica quella vera, ma per paura
della reazione del suo popolo non merit di ottenerla. Am m alato
si e ridotto in fin di vita, raccomand al vescovo Leandro, che pri
ma aveva duram ente angariato, il re Reccaredo suo figlio, parteci- <
pe anche lui della stessa eresia, invitandolo a fare per lui quello
che col suo insegnamento aveva ottenuto dal fratello. Fatta questa
raccomandazione, spir.
7. D opo la sua m orte il re Reccaredo segu lesem pio non del
padre eretico ma del fratello martire, si convert dallerrore del
leresia ariana e indirizz alla vera fede tutto il popolo dei V isigo
ti. N on permise perci di prestare servizio nel suo regno a chi per
causa delleresia non provasse timore a essere nemico del regno di
Dio.
8. N ci dobbiam o meravigliare se diventato annunciatore
della vera fede chi stato fratello di un martire. Q uesti infatti in
virt dei suoi meriti aiuta il fratello nellopera di condurre tanti
nel seno di D io onnipotente. Perci dobbiam o intendere che tut
to questo non sarebbe accaduto se il re Erm enegildo non fosse
morto per la verit. Infatti sta scritto: Se i l chicco d i frum ento, ca
duto a terra, non m uore, resta esso solo; se in vece m uore, porta m ol
to fru tto ; e noi vediam o che ci che accaduto al capo, si realizza
anche nelle membra. U no soltanto m orto dei Visigoti, affinch
molti vivessero; caduto un solo grano p er conservare fedelmente
la fede, ed cresciuta una gran messe di anime.
PIETRO. stata veramente una cosa m eravigliosa, stupenda, ed
accaduta ai nostri giorni.

j i , 62. Eu. I o. 12, 24

DIALOGORVM III,

J2

32

De episcopis africanis qui pr defensione catholicae fidei


abscisis ab arrianis Wandalis radicitus linguis
nullum locutionis solitae sustinuere dispendium
1 . GREGORIVS. Iustiniani q u oqu e A u gu sti tem poribu s, dum

s contra catholicorum uitam exo rta a W and alis arriana persecutio in A fric a uehem enter insaniret, quidam in defensione ueritatis episcopi fortiter persistentes ad m edium sunt deducti.
Q u os W and alorum rex uerbis ac m uneribus flectere ad perfidiam non ualens, torm entis fran gere posse se credidit. N am
io cum eis in ipsa d efensione ueritatis silentium indiceret, nec tam en ipsi contra perfdiam tacerent ne tacendo forsitan consensisse uiderentur, raptus in fu ro re eorum linguas abscid i ra d ici
tus fecit. Res m ira et m ultis nota senioribus, quia ita p ost pr
d efensione ueritatis etiam sine lingua loq u ebantu r, sicut priu s
15 loq u i p er linguam consueuerant.
2. PETRVS. M iran d u m u ald e et uehem enter stupendu m .
GREGORIVS. S crip tu m , P etre, est d e V n igen ito sum m i P a-

In principio erat Verbum, et Verbum erat apud Deum, et


Deus erat Verbum. D e cuius etiam uirtute subiun gitur: Omnia
per ipsum facta sunt. Q u id igitu r m iram ur, si uerba ed ere sine
tris:

20

lingua p otuit V e rb u m q u o d linguam fecit?


PETRVS. P lacet q u o d dicis.
3. GREGORIVS. H ii itaque e o tem pore p rofu gi a d C onstanti-

nopolitanam u rb em uenerunt. E o q u oq u e tem pore, q u o p r


25 exp len d is responsis ecclesiae ad principem ip se transm issus
sum , seniorem quend am episco pu m rep peri, q u i se ad h u c e o
rum ora sine linguis loq u en tia uidisse testabatur, ita ut apertis

32, 2. radicitus om. b


4. iustiniani... consueuerant (lin. 1j) accedit w
5. ui
tam-. /idem b z U H m b v w u I m U p ) w(ap) apud G
8-9. ad perfidiami flectere
b2
9 se posse w(ap) posse m(ap)
12. furorem m(ap) w(ap) b
23.
hii... testabatur (lin. 27) accedit w I hi H m(ap) b
24. eodem H m(ap)

D IALO GHI 111,

J2

13 3

32

Alcuni vescovi africani, ai quali i Vandali ariani avevano


tagliato la lingua alla radice perch difendevano
la fede cattolica, non persero lusuale capacit di parlare
1.

GREGORIO.

A l tempo dellim peratore Giustiniano, quando <

in Africa la persecuzione dei Vandali ariani incrudeliva aspram en


te contro i cattolici mettendo a rischio le loro vite, alcuni vescovi
furono condotti al cospetto dei persecutori, perch persistevano
nel difendere coraggiosamente la verit. Il re dei Vandali, non riu
scendo a piegarli alleresia con le parole e le prom esse di donativi,
ritenne di poterli piegare con le torture. A veva im posto il silenzio
alla loro difesa della verit, e poich quelli non tacevano nel con
trobattere leresia perch non sembrasse che tacendo vi acconsen
tissero, preso da furore fece loro tagliare le lingue alla radice. Ma
- meraviglia ben nota a molti anziani! - essi anche senza lingua
continuavano a parlare in difesa della verit, com e prim a avevano
latto usando la lingua.
2. PIETRO. un miracolo veramente stupefacente!
GREGORIO. scritto, Pietro, riguardo allUnigenito del som
mo Padre: In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio e il

Verbo era D io; e della sua potenza si aggiunge: Tutto stato fatto
per opera d i lui. Perch allora meravigliarci, se ha potuto parlare
senza lingua il V erb o che ha creato la lingua?
PIETRO. Sono d accordo con quanto dici.

3. GREGORIO.

Durante la persecuzione, questi vescovi erano

andati profughi a Costantinopoli. A l tempo in cui anchio ero an


dato dallim peratore per espletare alcuni affari della chiesa, ebbi
occasione di incontrare un anziano vescovo, il quale attestava di
aver inteso le loro bocche spalancate che gridavano senza lingua:

32,18-9. Eu. Io. 1.1.3

IJ4

DIALO GO RVM

III, J 2 - J J

oribu s d am aren t: E c c e , u id ete quia linguas n on h abem u s et


loq u im u r. V id e b a tu r enim a respicientibu s, ut fereb at, quia
30 abscisis radicitus lingu is q u asi q u od d am baratrum p ateb at in
gutture, et tam en o re u acu o p ien a a d integrum u e rb a form abantur.
4.

Q uorum illic unus in lu xu riam lap su s m o x p riu atu s est

d ono m iraculi, recto uid elicet om nipotentis D e i iu d icio , ut qui


35 cam is continentiam seru are neglexerat, sine lingu a carnea non
h aberet uerba uirtutis. S ed h aec n os p r arrianae h ereseos
d am natione d ix isse su fficiat. N u n c ad ea, quae n u p er in Italia
gesta sunt, signa redeam us.

33
De Eleutherio seruo D ei
1. Is autem , cuius su p eriu s m em oriam feci, E leu th eriu s, p a
ter m onasterii beati eu angelistae M a rc i q u o d in S p o litan ae u r
bis p om eriis situm est, diu m ecum est in h ac u rb e in m eo m o5 nasterio conuersatus ib iq u e defu nctu s est. Q u em sui discipuli
fereban t oran d o m ortu u m suscitasse. V ir autem tantae sim plicitatis erat et conp u nctionis, ut dubium non esset q u o d illae
lacrim ae e x tam h um ili sim pliciqu e m ente editae ap u d om nip otentem D eu m m ulta ob tin ere potuissent. H u iu s ergo aliio q u od m iraculum narro, q u o d inquisitus m ihi sim pliciter et
ipse fatebatur.
2. Q uadam n am qu e die dum iter carperet, facto u espere
cum ad secedendum lo cu s deesset, in m onasterium uirginum
deuenit, in quo quidam p aru u lu s p u er erat, quem m alignus
is spiritus om ni no cte u exare consueuerat. Sed sanctim oniales

19. ferebant m(ap) referebat m zheyov z


33, 6. referebant b
13. secedendum m b v: st/ccedendum H m(ap) b(ap) succendttm G (cf. xctTaxXivai z)

DIALOGHI III.

JJ-JJ

3S

Ecco, vedete: non abbiam o la lingua, eppure parliam o. Riferiva


infatti che chi guardava vedeva che, recise alla radice le lingue,
c era in gola una specie di vuoto, e tuttavia nella bocca vuota le
parole si form avano perfettamente.
4.

Uno di loro cadde in peccato di lussuria e fu subito privato

del dono m iracoloso, certo per giusto giudizio di D io onnipoten


te, nel senso che chi aveva trascurato di preservare la continenza
della carne non poteva avere parole prodigiose senza la lingua di
carne. Quanto abbiam o detto fin qui sia sufficiente per la condan
na delleresia ariana. Perci torniamo ora al racconto di quanto
accaduto in Italia in tem pi vicini a noi.

33

Eleuterio, servo di Dio1


1. Eleuterio, che ho ricordato sopra, abate del m onastero di
san M arco evangelista situato allinterno delle m ura di Spoleto,
vissuto a lungo insieme con me a Roma, nel m io monastero, dove
morto. I suoi discepoli dicevano che con la preghiera aveva risu
scitato un morto. In effetti l uom o era di tale semplicit e com
punzione che senza dubbio le lacrime sgorgate da unanima umile
e semplice hanno potuto ottenere molto presso D io onnipotente.
D i questuom o racconto qualche miracolo, di cui proprio lui, ri
chiesto, m i ha informato con la massima semplicit.
2. Un giorno, mentre era in viaggio, fattasi sera e non avendo
dove pernottare, and in un monastero di vergini, dove si trovava
un bambino che ogni notte era tormentato da uno spirito mali-

*3

DIALOGORVM III, J J

fem inae, ut uirum D e i su scep eru nt, eum rogauerunt dicentes:


T ecu m , pater, h ac n o cte p u er iste m aneat. Q u o d ip se b e n i
gne suscepit secum qu e eum no cte eadem lacere perm isit.
3. F a c to autem m an e, coeperu n t sanctim oniales fem inae
20 eundem patrem uigilanter in q u irere si q u id se p u ero quem dederant no cte eadem fecisset. Q u i m iratus c u r ita requ irerent,
respondit: N ih il . T u n c illae eiusdem p u eri innotuerunt causam , et q u o d m alignus spiritu s nulla ab eo nocte reced eret ind icauerunt, su m m o pere postulantes ut h u n c secum ad m onasn

terium tolleret, quia iam u exationem illius u id ere ip sae non


possent. C o n sen sit sen ex, pu eru m ad m onasterium d u xit.
4. Q u i cum m ulto tem p o re in monasteri fuisset atq u e ad
hunc antiquus h ostis acced ere m inim e praesum psisset, e iu s
dem senis anim us d e salute p u eri inm oderatius p e r laetitiam

jo tactus est. N am coram p ositis fratribu s d ixit: F ra tre s, diabolus sibi cum illis sororib u s iocabatur. A t u ero u bi ad seruos
D e i uentum est, ad h u n c puerum acced ere no n p raesu m psit.
P o st quam uocem h ora eadem ac m om ento isdem p u e r coram
cunctis fratribus, d ia b o lo se inu adente, u exatu s est.
35

5. Q u o uiso sen ex se p rotinu s in lam entum dedit. Q u em


dum lugentem d iu fratres consolari uoluissent, respon d it dicens: C re d ite m ihi quia in n u lliu s uestrum ore h o d ie panis ingred itur, nisi p u er iste a d aem onio fu erit ereptu s. T u n c se in
orationem cum cunctis fratrib u s strauit et eo usque oratum

40 est, q uousqu e p u er a u exatio n e sanaretur. Q u i et tam p erfecte


sanatus est, ut ad h u n c m alignus spiritu s acced en di ausum ulterius no n haberet.

17. quod G H m v: quem b xotixo z


18. suscepit G H m(ap) b v: suscipit m
6sd|ievoc z
20. quid: sibi m(ap) I se G m v: de H ei b ipse uel om. m(ap) I pue
ro G I I m v z: puer m(ap) b I sibi post quem add. m(ap) il . fecisset G H m b v:
ssent m(ap) ouvpr| z (se facete = fieri: Szantyr, pp. 294. 296)
30. factus m(ap)
bilaris factus b(ap)
31. ib ib om. m(ap) z 33. idem m(ap) b
35 .lam enti
G m(ap) (cf. dgiprov z)
37. in... ore H m b v: ori G in... os m(ap) (cf. v x>oxpnxiz)
37-8. ingredictur m(ap)
40. r t G I ! m(ap): etiam m v om. b

DIALOGHI III, J J

17

jjno. Le m onache nellaccogliere luom o di D io lo pregarono:


Questa notte, padre, il piccolo resti con te. E gli accett bene
volmente e quella notte il bam bino rest a dorm ire con lui.
}. L a mattina le monache chiesero con prem ura al padre se
avesse dovuto fare qualcosa per il bam bino che gli era stato affi
dato. M eravigliato della dom anda, egli rispose: N ulla affatto.
Allora esse lo misero al corrente della condizione del bam bino e
gli spiegarono che lo spirito maligno si presentava ogni notte. L o
pregarono perci con insistenza di portare con s quel bam bino
nel suo monastero, perch esse non potevano pi sopportarne i
tormenti. Il vecchio consent e condusse il bam bino nel suo m o
nastero.
4. D opo che il bam bino aveva vissuto nel monastero molto
tempo senza che lantico nemico avesse osato presentarsi, il vec
chio si rallegr oltre misura della riacquistata buona salute del ra
gazzo. Disse infatti ai fratelli riuniti alla sua presenza: Fratelli, il
diavolo si prendeva gioco di quelle sorelle, ma quando hanno fat
to ricorso a un servo di D io, quello non ha pi osato entrare nel
bambino. Erano state appena dette queste parole, ed ecco che,
alla presenza di tutti i fratelli, quel bam bino fu invaso dal diavolo
che cominci a tormentarlo.
5. A questa vista il vecchio si dette a piangere e ai fratelli che
volevano consolarlo disse: Credetemi, nessuno di voi manger
oggi un pezzo di pane, se questo bam bino non sar stato liberato
dal demonio. Si prostr a terra in preghiera con tutti i fratelli, e
pregarono fin tanto che quello fu risanato, e la guarigione fu tanto
completa che lo spirito malvagio non os pi accostarsi a lui.

ij

DIALOGORVM III, 3 3

6. PETRVS. C re d o , q u o d e i elatio p aru a su brep serat, eius discip u los om nipotens D e u s facti illius esse uoluit adiutores.
GREGORTVS. Ita est. N a m p o n d u s m iraculi solus p o rtare non

potuit. D iu id it h o c cum fratrib u s et p ortauit.


7. H u iu s u iri o rario q u an tae uirtutis esset, in m em etip so ex pertus sum. N am cum q u od am tem pore in m onasterio positus
incisionem uitalium paterer, crebrisq u e angustiis p e r horarum
50 m om enta ad exitum p rop in q u arem - quam m ed ici m olestiam

graeco eloq u io sin copin uo can t - , et nisi me freq u en ter fratres


cibo reficerent, uitalis m ihi spiritus fund itu s in tercid i uideretur, pasch alis superu enit dies. E t cum sacratissim o sab b ato , in
quo om nes et p aru u li p u eri ieiunant, ego ieiunare non possem ,
55 coepi plu s m oerore quam infirm itate deficere.
8. S ed tristis anim us consilium citius inuenit, u t eu nd em uirum D ei secreto in oratoriu m ducerem eu m q u e peterem quatenus m ihi, ut die ilio a d ieiunandum uirtus d aretu r, suis ap u d
om nipotentem D o m in u m p recibu s obtin eret. Q u o d factum
60 est. N am m ox ut oratoriu m ingressi sum u s, a m e h um iliter
postulatus sese cum lacrim is in orationem dedit, et p o st paululum com pleta oratio n e exiit. S ed ad uocem ben edictio n is illius
uirtutem tantam m eus stom achus accepit, ut m ihi fu n d itu s a
m em oria tolleretur cib u s et aegritudo.
65

9. C o e p i m irare quis essem , quis fuerim , q u ia et cum ad


anim um red iebat infirm itas, nih il in m e e x his quae m em ineram recognosceb am . C u m q u e in dispositione m onasterii o ccu
pata m ens esset, o b liu isce b ar fund itu s aegritudinis m eae. Sin
uero, ut p ra ed ix i, rediret aegritu d o ad m em oriam , cum tam

43. subripuerat G I et ideo ante eius add. b ideo add. m(ap) xat totou Svcxa z
44. uoluit esse m
45. quia post nam add. b pretri add. z
46. diuisit
m(ap) b
49. incisione mlap)
52. interdici b(ap) mlap)
54. possem
m(ap) b v: possim G mlap) potuissem H (rette?) (cf. f|6uvctpr)v z)
58. uirtus
ante ad trai, b z
59. quod H m v: quod et b z ut quo G
65. mirare G H
m(ap): -ri m b v
66. redibat m b
67. dispositione G m b v: tionem H dis
pensatone blap) (cf. v Tfj... & t o x f | O E i z)
68. sin m v: si G H b z in m(ap)

DIALOGHI III, 3 3

139

6. PIETRO. Credo c h e Eleuterio si sia un p o insuperbito; per


ci Dio onnipotente ha voluto che anche i suoi discepoli collaborassero alla guarigione.

GREGORIO. vero. Non pot sopportare da solo il peso del


miracolo: lo ha diviso con i fratelli, e cos ha potuto sopportarlo.
7. Quanto sia stata efficace la preghiera di questuomo, l ho
sperimentato su me stesso. Infatti una volta, quando stavo nel
monastero, soffrivo di mancamenti, e col passare delle ore p er i
frequenti dolori ero vicino a morire - i m edici chiamano questa
malattia, con termine greco, sincope - , e se i fratelli non mi <
avessero fatto mangiare spesso, sarei venuto m eno completamen
te. Venne il tempo di Pasqua, e il sabato santo, quando tutti, an
che i bambini, digiunano, io non potevo digiunare e perci co
minciai a venir m eno pi per il dispiacere che per la malattia.
8. In questa distretta trovai ben presto che cosa fare: condurre
in segreto questuom o nelloratorio e chiedergli di ottenere con le
preghiere dal Signore onnipotente che in quel giorno mi fosse ac
cordata forza sufficiente per digiunare. C o s fu fatto. Q uando en
trammo nelloratorio, richiesto umilmente da m e si dette a prega
re tra le lacrim e e dopo poco tempo, terminata la preghiera, usc.
Ma quando egli termin la preghiera con la benedizione, il mio
stomaco ricevette tanta forza che io m i dim enticai completamente
sia del cibo sia della malattia.
9. Cominciai a chiederm i con stupore chi fossi, chi fossi stato,
perch quando il mio ricordo correva alla malattia, non ricono
scevo in me nessuno dei sintomi che ricordavo. Q uando la mia
mente era occupata negli affari del monastero, mi dimenticavo
completamente della malattia. Se poi, come ho gi accennato, me
nc ricordavo, sentendomi pieno di forza mi chiedevo con meravi-

DIALCXORVM 111, 33-34

140

70 fortem m e esse sentirem , m irabar si non com edissem . Q u i ad


uesperum ueniens, tantae m e fortitudinis inueni ut, si uoluissem , ieiunium usque ad d iem alterum transferre potuissem .
S icq u e factum est ut in m e p robarem ea etiam d e ilio uera esse,
quibus ip se m inim e interfuissem .

75

10 . PETRVS. Q u ia eundem uirum m agnae conpunctionis fuisse d ixisti, ipsam lacrim aru m uim largius ad discere cu pio. V n d e
qu aeso ut m ihi q u o t sunt genera conpunctionis edisseras.

34

Quot sunt conpunctionis genera


1.

GREGOR 1VS.

In m ultis speciebu s conp u nctio diuiditur,

q u an d o singulae q uaeq u e a poenitentibus culpae p languntur.


V n d e e x uoce q u o q u e paenitentium H ierem ias ait: D iu isio n es
5 aquarum d ed u x it ocu lu s m eus.
2. P rin cip aliter u ero conp u nctionis genera d u o sunt, quia
D eum sitiens anim a prius tim ore conpungitur, p o st am ore.
P riu s enim sese in lacrim is afficit quia, dum m alorum suorum
recolit, p r his p erpeti su pp licia aetem a pertim escit. A t uero
io cum lon ga m oeroris an xietu d in e fuerit fo rm id o consum pta,
quaedam iam d e praesu m ption e ueniae securitas n ascitu r et in
am ore caelestium gau d ioru m anim us inflam m atur, et qu i prius
flebat ne d uceretur ad su pp liciu m , postm odum fiere am arissi
m e incipit quia d iffe rtu r a regno. C o n tem platu r ctcnim m cns
1 $ qui sint illi angeloru m ch ori, q u ae ip sa societas b eato ru m spirituum , quae m aiestas internae uisionis D e i, et am plius p langit

77. mihi ante edisseras trai, b om. z I quot m b v: quod G H quae b(ap) (cf. Jioa zi I
sint m(ap)
34, 2. multas species b
6. compunctionum b(ap)
9. et post supplicia add. G
I aetema supplicia m(ap) b z
16. internae G m v: aetcrnae H m(ap) b

141

DIALOGHI III, 3 3 - 3 4

glia se non avessi mangiato. Arrivata la sera, mi trovai a essere tan


to forte che, se avessi voluto, avrei potuto prolungare il digiuno
fino al giorno successivo. Sperim entai cos su me stesso che, ri
guardo a Eleuterio, erano veri anche tutti i fatti ai quali non avevo
assistito.
io.

PIETRO.

H ai detto che questuom o era dotato

di

grande

compunzione: vorrei perci conoscere in m odo pi diffuso leffi


cacia delle lacrime. T i prego quindi di spiegarmi quante specie ci
sono di compunzione.

34

Quante specie ci sono della compunzione


1

GREGORIO. C i sono varie specie di com punzione, secondo

che le colpe sono una per una deplorate e piante da chi fa peni
tenza. E cco perch in persona di costoro G erem ia dice: R iv o li d i
versi d i lacrim e sgorgano d a i m iei occhi,
z. C i sono due specie diverse di com punzione, perch l anima
che ha sete di D io prim a punta dal timore e successivamente
dalPamore. Prim a si effonde in lacrim e perch, ricordando i p ro
pri peccati, teme d i essere per questo sottoposta a supplizi senza
fine. Q uando poi il timore viene rimosso dal lungo affanno provo
cato dal dolore, la convinzione di essere stati perdonati produce
una certa qual sicurezza e l anima infiammata dallam ore delle
gioie celesti. Cos colui che prima piangeva, pregando di non esse
re condotto al supplizio, in seguito com incia a piangere amara
mente perch tenuto ancora lontano dal regno. Infatti la mente
immagina quali siano l i cori degli angeli, quale la societ degli
spiriti beati, quale la maest della visione interiore di D io, e dato

34,4. Thren. 3 ,4S

<

4 2

DIALOGORVM Ul, 3 4

quia a bo n is p eren n ibu s deest quam fleb at priu s cum m ala aetem a m etuebat. S icq u e fit ut p erfecta conp u nctio form idinis
tradat anim um con p u n ction i dilectionis.
20

3. Q u o d bene in sacra ueraciq u e h istoria figurata narratice


ne describitur, quae ait q u o d A x a filia C alep h , sedens su per

25

asinum , suspirauit. C u i d ix it p ater suus: Quid habes?, ad


quem illa respondit: Da mihi benedictionem. Terrarti austra
lem et arentem dedisli mihi, iunge et inriguam. Dedit ei pater
suus inriguum superius et inriguum inferius.
4.

A x a q u ip p e su p e r asinum sedit, cum inrationabilibus

cam is suae m otibus anim a praesedit. Q u a e suspirans a p atre


terram inriguam petiit, q u ia a creatore nostro cum m agno gem itu q uaerend a est lacrim aru m gratia. Sunt nam que nonnulli,
30 qui iam in d on o p ercep eru n t lib e re p r iustitia loqu i, op p ressos tueri, ind igen tibu s p ossessa tribuere, ardorem fid ei h abere,
sed ad huc gratiam lacrim arum non habent. H i nim irum ter
ram australem et arentem habent, sed adhuc inriguam indigent, quia in bonis op eribu s positi, in quibus m agni atque fer35 uentes sunt, op o rtet nim is ut aut tim ore su pp licii aut am ore
regni caelestis m ala etiam , q u ae antea perpetrau eru n t, d eplorent.
j . S ed quia, ut d ix i, d u o su n t conpunctionis genera, d ed it ei
p ater suus inriguum su periu s et inriguu m inferius. In rigu u m
40 q u ip p e superius accipit anim a, cum sese in lacrim is caelestis
regni desiderio ad fligit, inriguu m u ero inferius accipit, cum in
ferni supp licia flen d o pertim escit. E t quidem priu s inferius ac
post inriguum superiu s datur, sed quia conp u nctio am oris di-

17. fletti! b
19. tradat G m b(ap) v: trahat II b(ap) b (cf. Kazanpilll 2)
22-3. ad quem H m(ap): atque G m vrtblcf. atiy z at Vulg.)
24. dedit ei H m
v: dedit G dcditque ei m(ap) b z
2$. inriguum (1. 2) G H m b v: -guam m(ap)
b(ap) z
26-7. sedei... presidet m(ap) b
28. petiit H ni(ap): petit G m b v
(cf. (frijaaTO z)
30. iustitia loqui G m b v : iustitia eloqui m(ap) iustitiae loqui
H
39. inriguam (1. 2) m(ap) z
43. peuopvi) z

DIALOGHI III, } 4

>43

che ancora priva dei beni eterni piange ancora pi di quanto


non piangesse prim a, quando temeva i mali eterni, Accade perci
che la perfetta compunzione del timore consegni lanima alla
compunzione dellamore.
3. Tutto questo ben descritto allegoricamente nellepisodio
della Scrittura che, secondo il senso storico, dice che A xa, figlia di
Caleb, stando in groppa allasino, sospir. Il padre le disse: Che

bai?. Quella gli rispose: Dammi un dono. Tu m i hai dato una ter
ra che rivolta a mezzogiorno ed arida; aggiungine una ricca d ac
qua. Il padre le dette una terra irrigua in alto e in basso.
4. A xa sta sullasina quando lanima controlla e governa gli im
pulsi irrazionali della sua carne. Chiede al padre terra irrigua, per
ch dobbiam o chiedere con grandi gemiti al nostro creatore la
grazia delle lacrime. C i sono infatti alcuni che hanno gi ricevuto
in dono di parlare schiettamente a difesa della giustizia, di proteg
gere chi oppresso, di donare i loro beni ai poveri, di possedere
una fede ardente: eppure non hanno ancora la grazia delle lacri
me. Essi possiedono la terra arida a m ezzogiorno, ma mancano
ancora di quella irrigua perch, anche se sono efficaci e zelanti
nell operare il bene, per anche indispensabile che, sia per timo
re delia punizione sia per amore del regno celeste, piangano ama
ramente i mali commessi in precedenza.
j . Secondo quanto ho detto riguardo alle due specie di com pun
zione, il padre dette ad A x a terra irrigua sopra e sotto. L anima rice
ve la terra irrigua di sopra quando si affligge in lacrim e per il deside
rio del regno celeste; riceve terra irrigua di sotto quando esprime
con le lacrim e il timore di incorrere nelle pene dellinferno. L e viene
data prima la terra irrigua di sotto e poi quella di sopra, ma poich la

22. Ios. 15. 1S-9; Indie, i, 14-5

14 4

DIALOGOKVM IU. J 4 ~ j f

gnitate praeem inet, necesse fu it ut p riu s inriguum su periu s et


4? p o st inriguum in feriu s conm em orari debuisset.
6.

PETRVS. P lacet q u o d

dicis. S ed postquam h u nc ueneran-

d ae uitae E leu th eriu m h uius m eriti fu isse d ixisti, libet inquirere si nunc in m undo esse cred en d u m est aliquos tales.

35

De Amaritio presbitero prouinciae Tusciae


1.

GREGORIVS. F lo rid u s T ife m a e T ib erin a e ep isco p u s cuius

ueritatis atque sanctitatis est dilectioni tu ae incognitum non


est. H ic m ihi esse ap u d se presbiteru m quendam , A m antium
5 nom ine, p raecip u ae sim plicitatis narrauit uirum , quem h o c hab ere uirtutis p erh ibet, ut apo sto lo ru m m ore m anum su p er aegros ponat et salutem restituat, et quam libet uehem ens aegritu do sit, ad tactum illiu s abscedat.
2. Q uem h oc etiam h ab ere m iraculi ad iu nxit, quia in quoli[o bet loco , quam uis inm anissim ae asperitatis serpentem reppererit, m o x eum sign o cru cis signauerit, extin gu it, ita ut uirtute
crucis, quam uir D e i digito edid erit, disru ptis u isceribu s m oriatur. Q uem si q u an d o serpens in foram ine fu gerit, signo cru
cis os foram inis b en ed icit, statim que e x foram ine serpens iam
15 m ortuus trahitur.
3. Q uem tantae uirtutis uirum ip se etiam u id ere curaui,
eum q ue ad m e d ed u ctu m in infirm orum dom o paucis d iebu s
m an ere uolui, ub i, si q u a adesset curationis gratia, citius pro-

44. i>(ji>0|ivn5 z
3 1,2 . tifemae tiberinae m(ap) v: tiburtinae H b tidurtinae G alii alia (cf. SCh 260, p.
405) I ecclesiae ante episcopus add. b urbis add. m(ap)
7. salutem H m(ap)
b(ap): salute G -ti m b v (cf. a o iv z) I quamlibet G (ex corr.) H m v: quantumlibet
b quaelibct m(;ip) quamuis G (ante corr.)
S.tactum
11. mox G tn v: mox
u/Hm(ap)b
tyfu g irelm
17. domo G m(ap) b v: domum H tn (ci. v x
vuuoxO|1eliu z)
18. consolationis b(ap) orationis m(ap)

DIALOGHI III, 3 4 - 3 f

'4 5

compunzione dellamore precede per dignit, la Scrittura nomina


prima la terra irrigua di sopra e poi quella di sotto.
6.

PIETRO. H ai detto bene. M a

dopo che hai parlato dei meriti

ili Eleuterio e della sua venerabile condotta di vita, mi sarebbe


gradito apprendere se anche ora ci sono tra noi persone di tal
genere.

35
Amanzio, presbitero della provincia della Tuscia

1. GREGORIO.

Di Florido, vescovo di Tiferno Tiberino, non

sono sconosciute al tuo affetto la santit e lamore della verit.


Egli mi ha raccontato di avere presso di s il presbitero Amanzio,
uomo di grande semplicit, che ha il potere di im porre le mani sui
malati, a guisa degli apostoli, e di risanarli. P er quanto violenta sia
la malattia, al contatto della mano se ne va.
2. Aggiunse che Amanzio possiede anche il dono miracoloso
di uccidere i serpenti, segnandoli col segno di croce dovunque li
trovi, anche nei luoghi pi im pervi, in m odo che il serpente m uo
re con le viscere lacerate in virt della potenza della croce, segna
ta col dito dalluomo di D io. Se poi il serpente si rifugia in qual
che cavit, Am anzio la benedice col segno di croce e il serpente ne
viene estratto ormai senza vita.
3. Io stesso ho voluto conoscere un uom o dotato di tale potere
e, quando mi fu presentato, l ho ospitato per pochi giorni
nell'ospedale, dove si sarebbe potuto com provare subito se egli

146

DIALCXiORVM HI, j ;

b ari potuisset. Ib i autem quidam inter aegros alios m ente cap20 tus iacebat, quem m edicin a graeco u o cab u lo freniticu m a p
pellai. Q u i no cte q uadam cum m agnas uoces scilicet insanus
ederet cunctosque aegros inm ensis clam oribu s p ertu rb aret, ita
ut nulli illic capere som num liceret, fieb at res u ald e m iserabilis, quia und e unus m ale, ind e om nes deterius habebant.
25

4. S ed sicut et prius a reuerentissim o F lo rid o ep isco p o , qui


tunc cum p raed icto p resb itero illic pariter m anebat, et post
a puero, qui nocte eadem aegrotantibus seruiebat, subtiliter
agnoui, isdem uenerabilis p resbiter, de p ro p rio stratu surgens,
ad lectum frenitici silenter accessit et su p e r eum positis m ani-

30 bus orauit. M o x q u e illum m elius habentem tulit, atque in su


p eriora dom us secum ad oratorium duxit. V b i p r eo liberius
orationi incub uit et statim eum sanum ad lectum p rop riu m red u xit, ita ut nullas ulterius uoces ederet, neque aegrotorum
quem piam aliquo clam ore tu rbaret. N e c iam aegritudinem au35 xit alienam , qui p erfecte receperat m entem suam .
5. E x quo eius uno facto didicim us, ut d e eo illa om nia au
dita crederem us.
6.

PETRVS. M agn a

u itae aedificatio est u id ere uiros m ira fa-

cientes, atque in ciu ib u s su is H ieru salem caelestem in terra

40 conspicere.

2 0 .freniticum H m fa p ): frinii- ni frenet- m (a p ) v phrenet- b freniticus G


20 -1.
mediana... appellai m v: medici... appellant G H m fa p ) b (c f. f | latpixf] T/vil vop r i^ E l 2)
z i. ut a n te insanus a d d . m fa p ) b 2
2 3 -4 . miserabilis m b v: mirabilis G H m (a p ) b (a p ) (c f. kX etivv z )
25. reuerentissimo: om. z uiro a d d . b
28 . idem m (a p ) b
2 9 . frenitici G H m fa p ): frenet- m fa p ) v frinit- ni phrenetb
30 . ilio... habente m
33. nec iam b
34. perturbaret b I acgritudinc
m
3 4 -5 . auxit G (e x corr.) H in fa p ) b v: ausit G (ante coir.) m (cf. J tp o o O e io
z)
35. rcaperai m
38. tam a n te mira a d d . m (a p ) b

DIALOGHI III,

}}

47

fosse in possesso del dono delle guarigioni. L tra gli altri malati
c era un pazzo, uno di quelli che in greco, con termine medico,
sono definiti frenetici. Una notte il pazzo emetteva alte grida e
con questo clamore disturbava tutti i malati, in m odo che nessuno
riusciva a prendere sonno: la cosa era veram ente miserevole, per
ch il male di uno faceva stare peggio gli altri.
4. M a com e ho appreso prim a dal reverentissimo vescovo F lo ri
do, che era ospite anchegli col insieme col presbitero, e poi da un
ragazzo che quella notte era di servizio presso i malati, il venerabile
Amanzio, alzatosi dal suo giaciglio, si accost silenziosamente al
letto del frenetico e, impostegli le mani, si dette a pregare. Poich
quello si sent subito meglio, il presbitero lo prese con s e lo con
dusse nelloratorio, nella parte pi alta delledificio. L pot prega
re per lui pi liberamente e dopo breve tem po lo ricondusse risana
to al suo letto, cos che quello cess completamente di gridare e di
disturbare gli altri malati. N on aggrav linferm it degli altri chi
aveva recuperato perfettamente la propria mente.
5. D a questo solo episodio ci siamo convinti a prestare fede a
tutto quanto si dice di tale uomo.
6. PIETRO. di grande edificazione per la nostra vita vedere
persone che fanno miracoli e contemplare in terra la Gerusalem
me celeste rappresentata dai suoi cittadini.

35, 29 30. Ct. Eu. Marc. 16, 18

14$

DIALOCORVM HI,

j6

36
De Maximiano Siracusanae ciuitatis episcopo

1. GREGORIVS. N e q u e h o c silendum

p u to , q u od om nipotens

D eu s su p er M axim ian u m fam u lu m suum , nunc Siracusanum


episco pum , tu n c autem m ei m onasterii patrem , dignatus est
j m onstrare m iraculum . Narri dum iussione pontificis m ei in
C o n stan tin op olitan ae u rbis palatio responsis ecclesiasticis deseruirem , illic ad m e isdem u enerabilis M axim ianu s, can tate
exigente, cum fratribu s uenit.
2. Q u i cum ad m onasterium m eum R om am rediret, in m ari
io A d riatico nim ia tem pestate d epreh ensus, inaestim abili o rd in e
atque inusitato m iracu lo erga se cunctosque qu i cum eo aderant om nipotentis D e i et iram cognouit et gratiam . N am cum
in eorum m orte uentorum nim ietatibus eleuati flu ctus saeuirent, e x naui claui p erditi, arb o r abscisa est, uela in undis
1; proiecta, to tu m q u e uas nauis quassatum nim iis flu ctib u s ab
om ni fuerat sua co n p age dissolutum .
3. Rim is itaq u e p aten tib u s intrauit m are atque usqu e ad superiores tabu las inpleuit nauem , ita ut non tam nauis inter undas quam u nd ae iam intra nauem esse u iderentu r. T u n c in ea20 dem naui residentes, non iam e x m ortis uicinia sed e x ip sa eius
praesentia ac u isione tu rbati, om nes sibim et p acem dederunt,
corpus et sanguinem red em p toris acceperunt, D e o se singuli
conm endan fes, n f eoru m anim as b en ign e susciperet, quorum
corp o ra in tam p au en d a m orte tradiderat.

25

4. Sed om nipotens D eu s, qui eorum m entes m irabiliter terruit, eorum q u o q u e uitam m irabilius seruauit. N am d iebu s oc-

36, 7. illue m(ap) b I idem m(ap) b


13. morte H G (ex corr.) m(ap) b: -em G
(ante corr.) m v
14. clauis perditis b(ap) m(ap) clauo perdilo b(ap)
15. ni
m ist
17. rim ism b v: remisG H m(ap)
18. intra b
20. morte m(ap)
b I uicinia G (ex corr.) m b(ap) v: uicina b -nam G (ante corr.) -nae H uicinio ucl uicinitaie b(ap)
24. pauenda morte H m(ap) b: -am -em m v -am -te G (cf. (fo(JeqiJ ftavTO) z)

D IALO G H I III,

j6

149

36

Massimiano, vescovo d i Siracusa

1. GREGORIO. Intendo ricordare anche il m iracolo che D io on


nipotente si degnato di compiere a favore del suo servo M assi
miano, ora vescovo di Siracusa, allora abate del mio monastero.
Quando infatti io, per disposizione del mio pontefice, curavo gli
affari della chiesa di Roma presso la corte di Costantinopoli, an
che Massimiano venne col con alcuni fratelli, perch era solleci
tato dalla carit.
2. Mentre poi era in viaggio per ritornare a Rom a, nel mio m o
nastero, sorpreso da una violenta tempesta nel m are Adriatico,
egli ebbe m odo di conoscere sia l ira sia la grazia di D io onnipo
tente, per una straordinaria situazione e uno strepitoso miracolo a
beneficio suo e di tutti quelli che erano con lui. Infatti, infuriando
le onde sollevate dalla grande violenza del vento, essi si vennero a
trovare in pericolo di vita: la barra del timone, staccatasi dalla na
ve, era andata persa, lalbero si era spezzato, la vela era caduta in
acqua, linvaso della nave, squassato dalla violenza dei flutti, si era
quasi sfasciato.
3. Apertesi alcune falle, lacqua che entrava sommerse la nave
fino al ponte, in m odo che non sem brava tanto la nave tra le onde
quanto le onde dentro la nave. T utti quelli che erano imbarcati,
spaventati non pi daUapprossim arsi della m orte quanto dalla
sua visibile presenza, si erano scambiati il bacio della pace e ave
vano ricevuto il corpo e il sangue del Redentore, mentre ognuno
si raccomandava a D io perch accogliesse benigno le loro anime,
dato che aveva consegnato i loro corpi a una m orte cos tremenda.
4. Ma D io onnipotente, dopo averli straordinariamente spaven
tati, in m odo ancora pi straordinario salv le loro vite. Infatti la

DIALO GO RVM ITI,

J -J7

to nauis eadem usqu e ad su periores tabu las aquis p ien a, iter


p rop riu m p eragens, enatauit. N o n o autem d ie in C o tronensis
castri p orto d ed u cta est. E x qua exieru n t om nes incolu m es qui
50 cum p raed icto uen erabili M axim ian o nauigabant.
5.

C u m q u e p o st eos ipse q u oq u e fuisset egressus, m o x in

eiusdem p ortu s p ro fu n d u m nauis dem ersa est, ac si illis egred ientibus p r p o n d e re su bleu atione caruisset. E t q u ae piena
hom inibus in p elago aquas p ortau erat atque natauerat, M axi-

35

m iano cum suis fratrib u s recedente, aquas sine h om inibu s in


portu no n ualuit p ortare, ut h inc om nipotens D e u s ostenderet
quia hanc onustam sua m anu tenuerat, q u ae ab h om inibu s uacua et derelicta su p e r aquas non p otu it m anere.

37
De Sanctulo presbitero prouinciae Nursiae
1.

A n te dies q u o q u e fere quadraginta uidisti ap u d m e eum

cuius superius m em oriam feci, u enerabilis uitae presbiterum ,


Sanctulum nom ine, qu i ad m e ex N u rsia e p rou in cia annis sin$ gulis uenire consueuit. Sed e x eadem p rou in cia qu id am m onachus ante triduum uenit, qu i grauis nuntii m oero re m e perculit, quia eundem uirum ob isse nuntiauit. H u iu s ergo u iri, etsi
n on sine gem itu d u lced inis recolo, iam tam en sine form id in e
uirtutes narro, quas a uicinis eius sacerd otib u s, m ira ueritate et
io sim plicitate praeditis, agnoui. E t sicut in ter am antes se anim us
m agnum caritatis fam iliaritas ausum p raebet, a m e p leru m q u e

29. porto G H m(ap): -tu m v -tum m(ap) b v t (3 Pipivi z


32. porti m(ap)
36. porto m(ap)
37. qui hanc m(ap)
37,1. ante... insectati sunt (lin. 21) accedii w
4. nursia G m(ap)
7. ohiisse
b w obissct m(ap)
8. dulccdines m -nem m(ap) I iam: cum w
IO. animus G
H m w(ap): -os m(ap) b v w (cf. II 21,1)
11. magnum om. m(ap) Ifarniliaritatis
m(ap) w(ap)

DIALOGHI III,

36-37

5 i

nave, pur piena dacqua fino al ponte, continu il proprio itinera


rio per otto giorni e nel nono arriv nel porto di Crotone. Tutti co
loro che avevano navigato con M assim iano sbarcarono incolumi.
5.

D opo che il vescovo mise piede a terra per ultimo, subito la

nave affond nel porto, quasi che dopo lo sbarco le fosse venuto a
mancare ci che, invece di appesantirla, ralleggeriva: mentre in
fatti in mare, pur piena di uomini, aveva sostenuto l impeto delle
onde e aveva continuato a navigare, quando M assim iano e i suoi
fratelli sbarcarono, pur stando nel porto non pot pi sostenerlo.
In questo m odo D io onnipotente dette a vedere di avere sorretto
con la sua mano la nave carica, che invece, quando era stata alleg
gerita del peso di quelli che erano sbarcati, non pot pi reggersi
a galla.

37
Santolo, presbitero della provincia d i Norcia1
1.

Circa quaranta giorni o r sono, hai visto presso di me il vene

rabile presbitero che gi ho avuto occasione di menzionare, quel


Santolo che ogni anno era solito venirmi a visitare dalla provincia
di Norcia. M a tre giorni fa venuto di l un m onaco, che m i ha
arrecato grande dolore con la luttuosa notizia della sua morte.
Anche se ricordo la sua dolcezza non senza doloroso rimpianto,
ormai racconto senza pi alcuno scrupolo i suoi miracoli, che
sono venuto a sapere da alcuni sacerdoti, suoi vicini, semplici di
indole e amanti della verit. Inoltre, com e tra persone che si vo
gliono bene la familiarit si esprim e nellardim ento di chiedere li-

DIALO GO RVM III,

}J

e x d ulced ine exactu s, ipse q u oq u e de his quae egerat extrem a


quaedam fateri cogebatu r.
2. H ic nam que quodam tem pore, cum in p raelo L a n g o b a r15 di oliuam prem erent, ut in oleo liq u ari debuisset, sicut iu cu nd i
erat et uultus et anim i, utrem uacuum ad praelum detulit, laborantesque L a n g o b a rd o s laeto u ultu salutauit, utrem protulit, et iu b en d o p o tiu s quam p eten d o eum sibi in p leri d ixit. S ed
gentiles uiri, quia to to iam die laborau erant atque ab oliuis exi20 gere oleum to rq u en d o n on poterant, uerba illius m oleste susceperunt eum que iniuriis insectati sunt. Q u ib u s uir D e i laetiori adhuc uultu respo n d it, dicens: S ic pr me oretis. Istum
utrem Sanctulo inpleatis, et sic a u obis reuertitur. C u m q u e il
li e x oliuis oleum deflu ere non cernerent et uirum D e i ad in25 plendum utrem sibi insistere uiderent, uehem enter accensi
m aioribus hunc uerborum contum eliis detestari coeperu nt.
3. V ir autem D e i, uidens qu od e x p raelo oleum nu llo m od o
exiret, aquam sibi d ari petiit, quam cunctis u id en tibu s bened ixit atque in p raelo suis m anibus iactauit. E x q u a protinus

30

ben edictio n e tanta ubertas olei eru p it, ut L a n g o b a rd i, qui


p riu s d iu incassum laborau erant, non solum sua u ascu la o m
nia sed utrem q u o q u e quem uir D e i detulerat inplerent, gratias agerent q u ia is, qui oleum petere uenerat, b en ed icen d o
d ed it quod postulabat.

35

4. A lio q u oq u e tem po re uehem ens ubiqu e fam is incubuerat, et b eati L a u re n ti m artyris ecclesia a L a n g o b a rd is fu erat in
censa. Q uam u ir D e i restaurare cupien s, m ultos artifices ac
plures subm inistrantes op erario s adhibuit. Q u ib u s necesse

15. oliuam G H m v w :-a j m(ap) wlap) b z I oleo G H m(ap) w(ap): -um m b v w l


debuissent m(ap) b I iucundiG II m b v w: -dus bUp) m(ap) w(ap)
16. uultus
et animi G H m b v w: uultu et animo b(ap) m(ap) w(ap) z 18. inpleri G m b v w:
re H m(ap) w(ap) yi;|.aai z
19. qui b
19-20. exigere H m b v w z: exire
G b(ap) m(ap) w(ap)
21. d o m in i b
22. si b(ap) m(ap)
23. reuerti
tur G H m(ap): telar m b v ,TO<JTpit)tl z
29. praelum ra(ap) b
32. et
post inplerent add b z
35. alio... praeberentur (linn. 39-40) accedit w Ifamis G
m v \v: -es H m(ap) b
36. laurentiG H m: -tii m(ap) b v w

DIALOGHI n i,

)7

53

(neramente, egli, richiesto pi volte da me con dolcezza, fu co


stretto a raccontare alcuni dei prodigi da lui compiuti, quelli pi
modesti.
2. In una certa occasione, mentre alcuni Longobardi prem eva
no le olive nel frantoio per ricavarne olio, con fare sereno e sorri
dente, come di consueto, Santolo port al frantoio un orcio vuo
to, salut cordialm ente i Longobardi intenti alla fatica, porse loro
l'orcio e, con tono di chi com anda pi che di chi chiede, disse a
tinelli di riempirlo. M a quei barbari, che avevano faticato tutto il
giorno e non avevano affatto ricavato olio dalle olive, accolsero di
mala grazia le sue parole e presero a ingiuriarlo. A llora quello con
un sorriso ancora pi aperto rispose: Pregate cos per me: riem
pite questo orcio p er Santolo, ed egli se ne andr da voi. Quelli,
a vedere che dalle olive non veniva fuori una goccia d olio mentre
l'uom o di D io insisteva che gli fosse riem pito lorcio, pieni di rab
bia lo insultavano con m aggiore violenza.
3. Allora luom o di D io, vedendo che dal frantoio non veniva
fuori una goccia d olio, si fece dare dellacqua, la benedisse alla
presenza di tutti e la gett con le sue mani nel frantoio. Subito,
grazie alla benedizione, venne fuori tanto olio che i Longobardi,
dopo che avevano faticato a lungo senza risultato, riempirono non
solo tutti i loro recipienti ma anche l orcio che Santolo aveva p or
tato con s, ringraziandolo perch, venuto per chiedere olio, egli
stesso con la benedizione aveva dato ci che aveva richiesto.
4. In altra circostanza, mentre im perversava dovunque una
forte carestia, Santolo, avendo deciso di ricostruire la chiesa di
san Lorenzo martire, alla quale i Lon gobardi avevano dato fuoco,
mise al lavoro molti operai e ancor pi manovali. E ra necessario

DIALO GO RVM IH, J 7

154

erat ut cotidiani sum ptu s laboran tib u s sine dilatione p raebe-

4o

rentur, sed ex ige n te eiusdem fam is necessitate panis defuit.


C o ep eru n t laboran tes instan ter uictum quaerere, quia uires ad
laborem p rae inopiam non h aberent. Q u o d u ir D ei audiens,
eos uerbis con so lab atu r fo ra s prom ittend o qu od deerat, sed
ip se grauiter an xiab atu r intus, ex h ib ere cibum non ualens

45 quem prom ittebat.


5. C u m uero h u c illu cq u e anxius p ergeret, deu enit ad d ib a num , in q u o u icinae m ulieres p rid ie coxeran t p anes, ib iq u e incuruatus aspexit, n e fortasse panis a coqu entibu s rem ansisset.
C um repente panem m irae m agnitudinis atque insoliti cando50 ris inuenit. Q u em tulit quidem , sed d eferre artificibu s noluit,
ne fortasse alienus esset et culpam uelut ex pietate perpetraret,
P e r uicinas itaque h u nc m ulieres detulit eum que om nibus
ostendit, ac ne cui earum rem ansisset inquisiuit. O m nes autem , quae p rid ie panem coxeran t, suum hunc esse negauerunt
55 atque panes suos se integro num ero a olibano retulisse professae sunt.
6. T u n c laetus u ir D o m in i p errexit ad m ultos artifices cum
uno p ane, ut om nipotenti D e o gratias agerent adm onuit, et
quia eis annonam p raeb u erat indicauit eisque ad refectionem
60 protinus inuitatis inuentum panem adposuit. Q u ib u s sufficienter p len equ e satiatis, p lu ra e x e o quam ip se panis fu erat
fragm enta collegit. Q u a e d ie q u o q u e altero eis ad refectionem
intulit, sed id q u o d e x fragm entis su pererat ip sa q u oq u e, quae
adposita fueran t, fragm enta superabant.
65

7. Factu m q u e est ut p e r dies decem om nes illi artifices at


q ue o p erarii, e x ilio u no p an e satiati, h u nc et cotid ie ederent,

41. coeperunt H m v: coepere G m(ap) coeperuntquc b


42. prae inopiam H: prae
inopia m(ap) per inopiam G m b v
43. foris m(ap) b
44. anxiebatur m
47. panes coxerant m(ap) b z
48. forte b I a om. G m(ap)
49. eumque uel
tum m(ap) tunc b
58. ut omn- deo gratias G H m(ap) b v: et omn- deo ut gratias
m et ut omn- deo gratias mUp)
64. superabant H m: superarti G (ante con.) supraerant G (ex corr. ut uid.) superabat b v (cf. Szantyr, p. 439)

D IALO GH I III,

J7

*55

dare ogni giorno senza ritardo il nutrim ento a quelli che lavorava
no; ma a causa della carestia il pane venne meno. I lavoranti co
minciarono a insistere per avere di che mangiare, perch il digiu
no toglieva loro le forze necessarie per il lavoro. A sentire queste
lamentele Santolo cercava esteriormente di acquietarli prometten
do di dare ci che mancava, ma interiormente era in grandi amba
sce. poich non era in condizione di procurarsi il cibo che pro
metteva.
j . Mentre preoccupato si aggirava di qua e di l, arriv a un
lorno dove le donne del vicinato il giorno prim a avevano cotto il
pane, e si chin a guardare nella speranza che avessero lasciato l
qualche pezzo di pane, ed ecco che d un tratto trov un pane
molto grande e di insolita bianchezza. L o port fu ori ma non lo
volle dare agli operai, perch avrebbe potuto essere di altri, ed
egli non voleva commettere una colpa a titolo di piet. Perci
port la form a di pane alle donne del vicinato e la fece vedere a
tutte, informandosi se qualcuna lavesse lasciata nel forno. M a le
donne, che avevano cotto il pane il giorno prim a, dissero che
quello non era il loro, dato che avevano portato via dal forno tutti
i loro pani.
6. Allora Santolo corse tutto contento dagli operai, che erano
in molti, portando un solo pane e li sollecit a rendere grazia a
Dio onnipotente; disse che aveva portato loro il cibo e, invitatili a
mangiare, im band loro il pane che aveva trovato. Tutti si saziaro- <
no completamente ed egli raccolse molti avanzi che superavano la
quantit del pane che era stato imbandito. D istribu questi avanzi
il giorno dopo per il pranzo, e anche questa volta quello che
avanz superava gli avanzi che erano stati imbanditi.
7. Cos per dieci giorni tutti gli operai e i manovali si saziarono
di quellunico pane: ne mangiavano ogni giorno e ogni giorno ne

}7, 6j. Cf Eu. Io. 6, 12

DIALO GO RVM HI,

56

J7

et ex eo cotid ie q u o d ed i p osset in crastinum su peresset, ac si


fragm enta panis illius p e r esum crescerent, et cibu m com edentium ora repararent.
70

8. PETRVS. M ira res, atque in exem p lo dom inici op eris uehem enter stupenda.
GREGORIVS. Ip se, P etre, m uitos d e uno p an e pauit p e r seruum , qui e x q u in q u e panibus q u inq u e m illia h om inum satiauit
p er sem etipsum ; qu i p au ca sem inum grana in innum era sege-

75 tum frum enta m uitiplicat; qu i ipsa q u oq u e sem ina p ro d u x it ex


terra, et sim ili om nia creauit e x nihilo.
9.

S ed n e diutius m ireris q u id in uirtute D o m in i ueneran-

dus u ir Sanctulus exteriu s fecerit, au d i e x uirtute D o m in i qualis interius fuit.


80

io . D ie etenim quadam a L a n go b a rd is captus quidam diaconus tenebatur ligatus, eum que ipsi qu i tenuerant interficere
cogitabant. A d u esp erescen te autem die, uir D ei Sanctulus ab
eisdem L an go b ard is petiit ut relaxari eiqu e uita con ced i debuisset. Q u o d p osse se face re om nino negauerunt. C u m q u e

85 m ortem illius d eliberasse eos cem eret, petiit u t sibi ad custodiendum tradi deb u isset. C u i p rotinu s respond eru nt: T ib i
quidem eum ad cu stodien du m dam us, sed ea c o n d icio n e interposita, ut si iste fu gerit, p r e o ip se m oriaris. Q u o d uir
D om ini lib en ter accipien s, p raed ictu m d iaconem in su a susce-

90

pit fid e.
11.

Q uem n o cte m ed ia, cum L a n g o b a rd o s om nes som no

graui d ep resso s aspiceret, excitau it et ait: S u rg e , et concitus

69. repararent m(ap) b v: -rei H m praepararent G


70. exemplum rn(ap) b z
71, omnibus ante stupenda adei. b
74. semims b
75. ipse m
80.die...
liberanti (lin. 154) accedii w
81. legatus H m I quem G (ante corr.) b(ap)
82. aduesperescente H m v w : -rascente m(ap) w(ap) b riscente G m(ap) w(ap) I do
mini H rn(ap) w(ap)
85-6. custodiendum H b(ap) m(ap) w(ap): atstodiam G m
b v w (et. Jii ti jiagaiputgai 2)
89. diaconem G m(ap) b(ap): -um m b v w
diaconi H
89-90. in sua... fide m v w: in suam... fidem G m(ap) w(ap) b in sua...
{idem H (cf. v tri avxotS jriotEi z)

D IALO G H I 111,

J7

157

avanzava per il giorno dopo, quasi che quei tozzi di pane aumen
tassero a mano a mano che venivano mangiati e le bocche di chi
mangiava rinnovassero il cibo.
Si.

PIETRO.

E veram ente meraviglioso questo miracolo, sul

lesempio di quello operato dal Signore.

GREGORIO.

Ma

stato proprio il Signore, Pietro, che per tra

mite del suo servo con un solo pane ha dato da m angiare a tanta
gente, egli che di persona con cinque pani aveva saziato cinque
mila uomini, egli che m oltiplica pochi chicchi di grano in grandi
messi di frum ento, che fa nascere i semi dalla terra e, insomma, ha
creato tutto dal nulla.
9. M a perch tu non stia a m eravigliarti pi di tanto di ci che
il venerabile Santolo ha operato esteriormente grazie alla potenza
del Signore, sta a sentire quale egli sia stato interiormente, grazie
a questa stessa potenza.
10. Un certo giorno un diacono, catturato dai Longobardi, era
tenuto legato e quelli che lo avevano preso prigioniero intendeva
no ucciderlo. M entre calava la sera, Santolo chiese ai Longobardi
di liberare luomo e di lasciarlo in vita, m a quelli rifiutarono deci
samente. Vedendo che avevano ormai deciso di ucciderlo, Santo
lo chiese loro di affidarglielo in custodia, e quelli accettarono: Te
lo diamo in custodia, ma a condizione che, se lui fuggir, tu m ori
rai al posto suo. L uomo del Signore accett ben volentieri e sul
la sua fede prese in custodia il diacono.
1 1 . A met della notte, vedendo i Longobardi immersi in sonno
profondo, Santolo svegli il diacono e gli disse: Svelto, alzati e scap-

73. Cf. Eu. Mallh. 14, 13 sqq.

76. Cf. Gen. 1, 1 sqq.

j8

DIALO GO RVM III, J /

fuge. L ib e re t te om nipotens D eu s . Sed isdera d iacon u s, prom issionis eius no n inm em or, respond it dicens: F u g ire , pater,
95 non possum , quia si ego fu gero , p r m e sine d u b io ip se m orieris. Q uem u ir D o m in i Sanctulus ad fugiend u m conp u lit, d i
cens: Su rge , et uad e: te om nipotens D e u s eripiat. N a n i e go in
m anu eius sum ; tantum in m e possu nt facere, quantum ipse
perm iserit. F u g it itaqu e d iaconus, et quasi d eceptu s in m ed io
IC O

fid eiu sso r rem ansit.


12 . F a c to ig itu r m ane, L a n g o b a rd i, qu i d iaconem ad custodiendum dederant, uenerunt, illi quem d ed erant petierunt.
Sed h unc uenerand u s p resb iter fugisse respondit. T u n c illi inquiunt: S c is ip se m eliu s q u id conu enit. Seru u s autem D om i-

10 5

n i constanter ait: S cio . C u i dixeru nt: B o n u s h om o es. N olum us te p e r uarios cru ciatu s m ori. E le g e tibi m ortem quam
uis. Q u ib u s u ir D o m in i respond it, dicens: In m anu D ei
sum . E a m orte m e occid ite, qua m e occid i ipse perm iserit.
T u n c om nibus qui illic aderant L an go b ard is p lacu it ut eum ca-

1 io pite truncare debuissent, quatenus sine graui cruciatu uitam


eius con p en d iosa m o rte term inarent.
13 . C o gn ito itaq u e q u o d Sanctulus, q u i inter eos p r sanctitatis reuerentia m agni h onoris h abebatu r, occid en d u s esset,
om nes qui in eod em lo co inuenti sunt L a n g o b a rd i conuene115 runt, sicut sunt nim iae crudelitatis, laeti ad expectacu lu m
m ortis. C ircum steteru nt itaque acies. V ir autem D o m in i deductus in m edio est, atque e x om nibus uiris fortibu s electus
est unus, d e quo d ubiu m non esset q u od uno ictu cap u t eius
abscideret.

93. hisdem m(ap) w(ap) idem m(ap) b


94. fugire G H m : -ere m(ap) b v w
95. fugiero m
99. fugit G H m(ap) b v: fugiit m w
101. diaconem G m
w(ap): -um H m(ap) b v w
102. illi quem m w: quem G H m(ap) w(ap) b v
106. elege H m w(ap) v : elegi G elige m(ap) b w
107. quibus om. ra(ap)
w(ap)
n o . truncare H m b v w(ap): -ri G m (a p ) w (c f. d jt o x p t u o iv z)
1 1 5 . expectaculum G H m(ap) w : spect- m w(ap) b v
1 1 6 . itaque o m . m (a p )
w
1 1 7 . medium m (a p ) b w
1 1 8 . quod: quin b
1 1 9 . abscideret C
m (a p ) v w : -rii H m w ( a p ) abscinderet b i t o x p v o i z

DIALOGHI

111,

)7

159

pa. T i liberi D io onnipotente. M a il diacono, memore della p ro


messa, rispose: Padre, non posso fuggire, perch se io fuggir sarai
tu a morire al posto mio. M a Santolo lo sollecit dicendo: Alzati e
va. D io onnipotente ti salvi dal pericolo. Io sono nelle sue mani, e
costoro mi possono fare tanto quanto egli vorr permettere. Il dia
cono fugg, e il garante rimase l, come se fosse stato ingannato.
12. L a mattina vennero i Longobardi che gli avevano dato il
diacono in custodia e glielo richiesero. M a Santolo rispose che era
fuggito. Allora quelli: T u ben sai com e siam o d accordo e il ser
vo del Signore rispose con fermezza: L o so. G li dissero: Sei
una persona dabbene, non vogliam o ucciderti tra le torture: scegli
tu di quale m orte preferisci m orire. Q uello rispose: Sono nelle
mani di Dio. Uccidetemi con la m orte che egli vorr permettere.
Allora i Longobardi che stavano l decisero di decapitarlo, in m o
do da porre fine alla sua vita senza tormenti e rapidamente.
13. Tutti i Longobardi che si trovavano in quella zona, avendo
saputo che Santolo, il quale era tenuto da loro in grande onore
per la santit, sarebbe stato ucciso, vennero a vedere perch, cru
deli quali sono, gioiscono allo spettacolo della morte. P erci si
schierarono tutti intorno. L uomo del Signore fu portato in m ez
zo, e tra i pi forti di quelli fu scelto uno che certamente avrebbe
tagliato la testa a Santolo con un colpo solo.

160
120

DIALOGORVM [II, J J
14. V en eran d u s ig itu r uir, inter arm atos ded u ctu s, ad sua ar

m a statim cucurrit. N am petiit ut sibi p au lu lu m o ran d i licentia


d aretur. C u i d um concessum fuisset, in terram se strauit et
orauit. Q u i dum p au lo diutius oraret, h u nc electus in terfecto r
calce pulsauit ut surgeret, dicens: Su rge , et fle x o genu tende
125 ceruicem . S u rre x it autem u ir D o m in i, g e n u fle x it, ceruicem tetendit. S ed tenso co llo , edu ctam contra se spatam intuens, h o c
unum fertur p u b lice dixisse: San cte Ioh an nis, su scip e illam .
15 . T u n c electus carn ifex, euaginatum gladium tenens, adnisu forti in altum brach iu m p ercu ssu ru s leuau it, sed depone130 re nullo m o d o potuit. N a m repente diriguit, et erecto in c a d o
glad io brachium in flexib ile rem ansit. T u n c om nis L an go b ard orum turba, quae ad illud m ortis spectaculum aderat, in laudis fau o re conu ersa m irari coepit u iru m q u e D e i cum tim ore
uenerari, quia p ro fe cto d a ru e ra t cuius sanctitatis esset, qui

135

carnificis sui brach iu m in aere legasset.


16 . Itaq u e postulatus ut surgeret, su rrexit; postulatus ut
brach ium sui carnificis sanaret, negauit dicens: E g o p r eo
nullo m o d o o ra b o , nisi m ihi ante iuram entum d ed erit quia
cum m anu ista christianum hom inem non o ccid at. S e d L a n -

140 go b ard u s isdem , qui, ut ita dicam , brach iu m con tra D e u m ten
d en d o p erd id erat, p oen a sua exigen te conp u lsu s est iu rare se
christianum hom inem num quam o ccid ere. T u n c u ir D o m in i
p raecepit, dicens: D e p o n e m anum d eorsu m . Q u i statim dep osu it. A tq u e ilico ad iu nxit: R em itte gladium in u agina. E t
145 statim rem isit.

123. carnifex b(ap)


127. iohannis m: -es rr(ap)
128-9. adm'su m v: adnisum G H nisu b w ac nisu m(ap)
130. cado H m v w: caclum G m(ap) w(ap) b
(cf. v n dpi z)
132. spectaculum H m b v w(ap): cxpeclaculum m(ap) w
speclaculo G I aderant m(ap) aduenerat m \v(ap)
133. fauore H G (ut uid.)
m(ap) w(ap): -em m b v w z
133. aera H m(ap) I legasset H w(ap): legassi! m ligasset G b v w religasset m(ap)
139. ista manu w(ap) b
140. idem m(ap)
w(ap) b hisdem m(ap) w(ap)
140-1. tenendo m(ap) w
144. uagina m w:
-ina sua H (recte?) -mani G m(ap) w(ap) b v e t; Tt'|v {Wjxijv {irf|s z I et G H m b v
w: qui m(ap) w(ap)

DIALOGHI

111,

57

16 1

14. Q uelluom o venerando, portato in m ezzo a uomini armati,


ricorse alle sue armi. Chiese il permesso di pregare un p o . G li fu
concesso, allora si prostr a terra e si dette a pregare. Prolung la
preghiera tanto che quello che era stato scelto per ucciderlo con
un calcio lo sollecit ad alzarsi: Alzati, mettiti in ginocchio e ten
di il collo. Santolo si alz, si inginocchi e tese il collo. L o aveva
gi proteso quando, vedendo la spada puntata contro di s, si tra
manda che abbia detto ad alta voce soltanto queste parole: San
Giovanni, prendila.
15 . Quello che era stato scelto com e carnefice, tenendo la spa
da snudata, alz il braccio m olto in alto per colpire con gran fo r
za, ma non lo pot pi in nessun m odo calare gi, perch dun
tratto il braccio si irrigid e rimase im m obile con la spada levata in
alto. Allora tutta la folla dei Lon gobardi che era presente a quello
spettacolo di morte si volse tra gli applausi in favore di Santolo,
ammirando con timore reverenziale luom o di D io, perch era ap
parso manifesto a tutti di quale santit fosse dotato colui che ave
va immobilizzato in aria il braccio del suo carnefice.
16 . G li chiesero di alzarsi e si alz. G li chiesero di provvedere
al braccio del carnefice e rifiut dicendo: N on pregher per lui
in nessun m odo, a meno che non mi giuri di non uccidere pi al
cun cristiano di sua mano. Cos quel Lon gobardo che, per cos
dire, aveva perso il braccio che aveva proteso contro D io, costret
to dalla punizione inflitta, giur che non avrebbe ucciso pi alcun
cristiano. A llora l uom o del Signore ordin: M etti gi il brac
cio, e quello subito lo mise gi. Santolo aggiunse: Rimetti la
spada nel fodero, e quello subito ve la rimise.

l6z

DIALOGORVM III,
17.

O m nes igitur tantae uirtutis hom inem cognoscentes

b oues et ium enta, quae depraedati fuerant, certatim ei o fferre


in m unere uolebant. Sed u ir D o m in i tale m unus su scipere renuit, m unus autem bo n ae m erced is quaesiuit, dicens: S i mihi
1

aliquid uultis conced ere, om nes captiuos quos habetis m ihi tribuite, ut h abeam und e p r u obis d ebeam orare. Factu m q u e
est, et om nes captiui cum e o dim issi sunt atque, su pern a grafia
d isponente, cum se unus p r uno m orti obtulit, m ultos a m o r
te liberauit.

iss

18 .

PETRVS.

M ira res, et quam uis h anc ab aliis et ip se

co-

gnouerim , uere tam en fateo r quia m ihi, quotiens narratu r, innouatur.

GREGORIVS. N ih il

in h ac re in S anctu lo m ireris, sed pensa, si

potes, quis ille spiritus fu erit, qui eius tam sim plicem m entem
160 tenuit atque in tanto uirtutis culm ine erexit. V b i enim eius ani
m us fuit, q uan do m ori p r p ro x im o tam constanter decreuit,
et p r tem porali uita fratris unius d esp exit suam , atque sub
glad io ceruicem tetendit? Q u ae ergo uis am oris illud c o r te
nuit, q u o d m ortem suam pr unius salu te p ro x im i no n exi5 pauit?
19. Scim us certe quia isdem u enerabilis u ir Sanctulus ipsa
q u oq u e d em e n ta litterarum b en e non nouerat. L e g is praecepta nesciebat, sed q u ia p lenitu d o legis est caritas, legem totam
in D e i ac p ro x im i dilectione seruauit, et q u o d fo ra s in cogn i
t o tione non n o uerat ei intus uiu ebat in am ore. E t qu i num quam
fortasse legerat q u o d d e red em p tore nostro Ioh an n is apostolus d ixit:

Quoniam ille pr nobis animam suam posuit, sic et nos

146. ergo b
151. orare debeam m(ap) w(ap) 152. rt H m b v w: / G w(ap)
154. liberauit II m b v w(ap): -bit G mlap) w -rei m(ap) w(ap)
160. tantum...
culmett m
162. suam despexit b 2 dispexit suam m
163-4. cor t//d tenuit
m illuni continui! b(ap)
[66. idem mfap b
169. foris m(ap) b
170.e i
om. b I uigebat b(ap)
171. nostro om. b I iohannis G H m: -<?i b v
172. sicut ante ille add. b z

DIALOGHI in ,

J7

16 }

17. Allora tutti i presenti, vedendo che Santolo era dotato di


ranta potenza, a gara gli volevano offrire in dono i buoi e i cavalli
che avevano razziato. M a luomo del Signore rifiut di accettare
questo dono e richiese invece una ricom pensa pi importante:
Se mi volete offrire qualcosa, datemi tutti i prigionieri che avete,

cos che io abbia m otivo di pregare per voi. C os fu fatto: tutti i


prigionieri furono liberati insieme con lui, perch la grazia divina
dispose che quelluomo, che si era offerto alla m orte in cambio di
uno solo, liberasse dalla m orte molti altri.

18. PIETRO. un fatto veramente straordinario e, anche se lo


avevo appreso da altri, ogni volta che mi viene raccontato - lo
confesso - come se lo sentissi per la prima volta.
GREGORIO. In questo episodio non devi tanto ammirare San
tolo quanto considerare, se puoi, quale sia stato quello spirito che
ha conservato saldo il suo cuore e lo ha elevato a tanta altezza.
D o vera la sua anima quando con tanta fermezza decise di m orire
per il suo prossim o, per la vita tem porale di un fratello tenne in
nessun conto la propria e tese il collo sotto la spada? Q uale forza
d amore, dunque, tenne saldo quel cuore che non temette la pro
pria morte p er la salvezza di uno solo del suo prossim o?
19. Sappiamo per certo che Santolo non era istruito. Ignorava i <
precetti della legge: ma dato che la pienezza della legge lamore,
egli osserv tutta la legge dellamore di D io e del prossim o, e ci che
esteriormente non conosceva in teoria, lo viveva interiormente
nellamore. Forse non aveva m ai letto ci che lapostolo G iovanni
ha detto del nostro Redentore: E g li ha dato la sua vita p er noi, e n o i

168. Cf. Ep. Rom. 13, io

172. Eu. Io. 3, 1 6

i<>4

DIALOGORVM

111, J J

debemus pr fratribus animam ponete,

tam su blim e apostoli-

cum p raeceptum facien d o m agis quam s d e n d o nouerat.


175

20. C o n p arem u s, si placet, cum hac nostra ind octa scientia


illius doctam ignorantiam , u b i h aec nostra iacet, u b i illiu s d is
ciplina em inet. N o s d e u irtutibus uacui loq u im u r, et q u asi in
ter fru ttifera arbusta p ositi, od oram u s pom a nec m anducam us. Ille uirtutum fru ctu s carpere nouerat, quam uis hos in

180 uerbis od o rare nesciebat.

21.

PETRVS. Q u id n am , quaeso te, esse existim as, quod boni

quiqu e subtrahun tu r, et q u i uiu ere ad aed ificationem m ultorum poterant, aut penitus inu eniri nequeunt aut certe om nim od o rarescunt?
185

GREGORIVS. M alitia rem anentium m eretur u t hii qu i p ro


desse p oterant festine subtrahantur, et cum m undi finis adpropinquat, electi tolluntur, ne d eteriora uideant. H in c etenim

190

prop h eta ait: lustus perii, et nemo est qui recogitet in corde suo;
et uiri misericordiae colleguntur, quia non est qui intellegat.
22. H in c rursum scriptum est: Aperite, ut exeant qui conculcent eam; tollite de uia lapides. H in c Salom on ait: Ternpus mittendi lapides, et tempus collegendi. Q u o igitu r finis m u n d i urguit, eo necesse est ut uiu i lapides ad aedificium ca d e ste
collegantur, quatenus H ieru salem nostra in m ensuram suae

195

constructionis excrescat. N e c tam en ita electos om nes subtrahi


cred im u s, ut so li in m u n d o p eru ersi rem aneant, qu ia num quam peccato res ad lam entum p aenitentiae redirent, si nulla
essent bonorum e xem p la q u ae eoru m m entem traherent.

23. PETRVS. In cassu m

subtrahi b o n os q u eror, qui caterua-

200 tim p erire et m alos uideo.

173. animam G m v: -mas H m(ap) b 2


176. ubi (2): ib ib
178. odoramus G
m(ap) b: -murH m v
179. carperm(ap)b :capereG H m v Icf. QE;acr&CU z)
180. odorare G H m(ap) b: -ri m b(ap) v
183. iam post certe add. b 185. hi H
m(ap) b
186. fines mUp)
187. emiri b
190. cursus mUp) b
192.
quia b(ap) I finis mundi H b: mundifinis m b(ap) v mundifines G m(ap)
192-3.
arguiiG H m : urguet v urgeI m(ap) b surgitb(ap)
194. colliganlurm

DIALOGHI

n i,

J7

16 5

dobbiamo darla per i nostrifratelli', conosceva per questo sublime


precetto, non per scienza m a nella realizzazione pratica.

20.

Mettiamo a confronto, se sei d accordo, questa nostra

scienza ignorante con la sua ignoranza sapiente: questa nostra


scienza giace a terra, mentre la sua svetta in alto. N oi parliamo
delle virt essendone privi, ed com e se, stando in mezzo ad al
beri ricchi di frutti, li odoriam o senza mangiarli. Q uello invece sa
peva cogliere il frutto delle virt, anche se non ne percepiva il
profumo nelle parole.

21. PIETRO. C h e ne pensi, ti prego, del fatto che i buoni sono

tolti al m ondo, e coloro che avrebbero potuto vivere a edificazio


ne di molti o non ci sono pi o sono diventati m olto rari?

GREGORIO.

L a malvagit

di

quelli che restano merita che

scompaiano in fretta quelli che potrebbero essere loro di giova


mento, e avvicinandosi la fine del m ondo, gli eletti vengono meno
per non vedere il peggio. L o dice il profeta: Il giusto perisce e nes
suno ci pensa in cuor suo. I misericordiosi sono tolti di mezzo e non
c' chi li consideri.
22. Ancora: Aprite, perch escano coloro che calpestano la terra,
togliete le pietre dalla via. E Salom one dice: C' un tempo per sca
gliare le pietre e un tempo per raccoglierle. Q uanto pi si avvicina
la fine del m ondo, tanto pi necessario che le pietre vive si rac
colgano insieme per form are ledificio celeste, affinch la nostra
Gerusalem m e cresca secondo la m isura della sua costruzione.
Non crediamo tuttavia che tutti gli eletti siano tolti al m ondo, in
modo che vi restino soltanto i cattivi, perch i peccatori non p o
trebbero piangere il loro peccato e pentirsi, se non ci fossero i
buoni che col loro esem pio li attraggono.

23. PIETRO. N on

c motivo di lamentarmi che i buoni ven

gano meno, dal m omento che vedo anche i cattivi perire in gran
numero.

188. ls. j 7 , 1

190. Ier. 50. 26

191. Ecci. 3, 5

1 66

DIALOGORVM

111,

j8

3
De uisione Redem pti Ferentinae ciuitatis episcopi

1. GREGORIVS. H a c de

re nil, P etre, m ireris. N am R edem p-

tum , Ferentinae episco pu m , uitae uenerabilis uiru m , qui ante


hos fere annos septem e x h oc m u nd o m igrauit, tua d ilectio co5 gnitum h abuit. H ic , sicut m ihi adhuc in m onasterio p osito uald e fam iliariter iun geb atu r, h oc q u o d Ioh an n is iunioris prod ecessoris m ei tem pore d e m undi fine cognouerat, sicut lon ge
lateque claruerat, a m e requisitus m ihi ipse narrabat.
2. A ieb at n am que quia qu od am die, dum parroch ias suas
io e x m ore circuiret, p eruenit ad ecclesiam beati m artyris lu tici.
A d u esp erescen te autem d ie stratum sibi fieri iu xta sepulcrum
m artyris uoluit, atq u e ibi p ost laborem quieuit. C u m nocte
m ed ia, ut ad serebat, n ec d orm iebat n ec p erfecte u igilare poterat, sed d epressu s, u t solet, grau abatu r quodam p ond ere uigi15 lans anim us, atque ante eum isdem beatus m artyr Iu ticu s adstitit, dicens: R ed em p te, u igilas?. C u i respond it: V igilo .
Q u i ait: Finis uenit uniuersae carni. Finis uenit uniuersae car
ni. Finis uenit uniuersae carni. P o st quam trinam uocem uisio
m artyris, q u ae eius m entis oculis app arebat, euanuit. T u n c uir
20 D om ini surrexit sequ e in orationis lam entum dedit.
3. M o x enim illa terribilia in caelum signa secuta sunt, ut
hastae atque acies igneae ab aquilonis p arte u id erentu r. M o x
effera L a n go b ard o ru m gens, d e uagina suae hahitarionis edu c-

38, 2-3. redemptum... damai (Un. 39) acceda w


3. ferentinae G (ex coir.) H
m(ap) b v z: -tini m w(ap) -li uel -tinum m(ap) ciuitatis add. m(ap) b
4. dilectio
tua m 6-7. praedecessoris m(ap) b w
9. agebat H m(ap) I quadam w(ap) b I
dum G H m(ap) b: cum m v w
io. iutici G H m v w: eutychii b z alia alia (= lin.
15)
11. aduesperescente m v w: -rascentc G m(ap) b -riscentc H
14 . somno
post solet add. H m(ap) w(ap) b
15. idem m(ap) b
17. carni H m vw z: -is
G b (= Vulg.) (= linn. 17-8)
18. camis b
19. mentes H
20. dei b z
2 1 . caelum G H m w: -lo m(ap) w(ap) b v z

DIALOGHI III, j 8

167

38

La visione d i Redento, vescovo d i Perento


1 . GREGORIO. N on meravigliarti di questo, Pietro. T u hai co

nosciuto Redento, vescovo di Ferente, di venerabile condotta di


vita, che uscito da questo m ondo circa sette anni o r sono. Q ue
sti, che era con me in grande fam iliarit quando stavo ancora nel
monastero, richiesto da me mi raccont, cos com era stata cono
sciuta in lungo e in largo, la visione riguardante la fine del m ondo
che egli aveva avuto al tem po del m io predecessore, Giovanni il
Giovane.
2. Diceva che un certo giorno, mentre era in giro a visitare,
com era costume, le sue parrocchie, era arrivato alla chiesa del
santo martire Eutichio. Calando la sera, si fece preparare un giaci
glio presso il sepolcro del m artire e, dopo aver terminato la sua at
tivit, si dette a riposare. M a a mezzanotte, secondo quanto rac
contava, mentre n dorm iva n riusciva a essere completamente
sveglio, e il suo animo depresso, com e suole accadere, pu r sveglio
era oppresso come da un peso, gli si present il martire Eutichio e
gli chiese: Redento, sei sveglio?, egli rispose: Sono sveglio.
Allora quello disse: V iene la fin e d i tutta la carne. V iene la fin e d i
tutta la carne. V iene la fin e d i tutta la carne. Ripetute tre volte
queste parole, la visione, che si era presentata agli occhi della sua
mente, svan. Allora luomo del Signore si alz e si dette a pregare
tra le lacrime.
3. Terribili segni in cielo fecero subito seguito a quella visione:
si videro a settentrione lance e schiere di fuoco, e ben presto la
crudele gente dei Longobardi, uscita dalla sua terra, ha infierito

38,17. Gen. 6 ,13

D 1ALOGORVM ID,

1 68

j8

ta, in nostra ceru ice crassata est, atque h om inum genus, q uod
25 in h ac terra p ra e m oltitu d in e nim ia quasi spissae segetis m ore
su rrexerat, succisum aruit. N am d ep op u latae urbes, euersa
castra, concrem atae e cd e sia e , destructa sunt m onasteria uirorum atque fem inarum . D esolata ab h om inibu s p raed ia atque
ab om ni cultore destitu ta in solitudine uacat terra. N u llu s
jo hanc p ossesso r inhabitat. O ccu p au eru n t bestiae loca, q u ae
p riu s m ultitudo hom inum tenebat. E t q u id in aliis m u nd i partibus agatur ig n o ro , nam hac in terra, in q u a uiu im u s, finem
suum m undus n o n iam nuntiat, sed ostendit.
4.

T a n to ergo n o s necesse est instantius aete m a quaerere,

35 quan to a n obis cognoscim u s uelociter tem poralia fugisse. D e spicien dus a n o b is h ic m undus fuerat, ed am si b lan d iretu r, si
rebus p ro sp eris dem u lceret anim um . A t postqu am tot flagellis
p rem itur, tanta ad uersitate fad gatu r, tot n obis cotid ie dolores
ingem inat, q u id n o b is aliu d q u am n e d iligatu r d a m a t?
40

5. M u lta autem fueran t, q u ae ad h u c d e d e c to ru m facd s


narrari debuissent. S ed h aec silendo su p p rim o , qu ia a d alia
festino.

PETRVS. Q uam

m ultos intra sanctae e cd e sia e grem ium con-

stitutos de uita anim ae post m ortem cam is p erp en d o dubitare.


45 Q u aeso ut d eb eas, uel quae e x ratione suppetunt, u d si qua
anim arum e xem p la anim o occurrunt, p r m ultorum aedificatione dicere, ut h ii q u i su spicantu r discant cum carne anim am
non fniri.

GREGORivs. Laboriosum uald e hoc opus est, et m axim e oc-

24. nostra ceruice G H m v w(ap): nostram cerucem m(ap) b nos ceruice m(ap) w I
crassata G m w(ap): gras- H m(ap) b v w l hominum m v w: humanum G H m(ap)
w(ap) b (cf. T(v vQmusv z)
28. atque H m v w i c G m(ap) b I desolata G m
b v w z: dissoluta H m(ap) b(ap) deserta b(ap) destituta uel depopulata m(ap)
29. cultore m b v w: culture G m(ap) culturae H m(ap) w(ap) cultura m(ap) w(ap)
b(ap)
35-6. dispiciendus m
38. premimur... fatigamur m(ap) w(ap)
4]. narrari m b v: -re G H m(ap) I debuissent H G (ui uid.) m b v: -sem uel -set
m(ap) iT|Yr|oa<T0 a i kpeXov z
43 . quam H m v: quia b edam G
47. hi H
m(ap) b
48.fin iti G m b v: -re H b(ap) djtofrvifyjxei z

DIALOGHI 111, }8

16 9

sul nostro collo, e nella nostra terra la popolazione, che prima era
numerosa e ftta come cresce una messe di spighe, stata stermi
nata. L e citt sono state messe a sacco, le fortezze abbattute, le
chiese incendiate, distrutti anche i monasteri sia maschili che fem
minili. I campi sono rimasti privi di chi li coltivi, la terra deserta.
Nessun proprietario labita pi e le bestie occupano i luoghi p ri
ma abitati dagli uomini. N on so che cosa avvenga nelle altre parti
del mondo: ma in questa terra che abitiam o il m ondo non annun
cia nia manifesta con tutta evidenza la sua fine.
4. Perci dobbiam o aspirare ai beni eterni con tanto m aggior <
impegno quanto pi rapidamente sappiam o che sono scomparsi i
beni temporali. Avrem m o dovuto disprezzare questo m ondo an
che se ci avesse blandito e accarezzato con la prosperit materiale.
Ma dopo che lo vediam o oppresso da tanti flagelli, estenuato da
tante avversit, mentre ogni giorno i dolori si raddoppiano, che
cosaltro esso ci grida se non di non amarlo?
5. Avrei potuto raccontare molti altri fatti prodigiosi degli elet
ti. Ma li taccio perch m i affretto ad altri argomenti.

PIETRO. Ritengo che molti, i quali pure fanno parte della santa

chiesa, dubitano che lanima continui a vivere dopo la morte del


corpo. Ti prego perci di esporre, a edificazione di molti, sia gli
argomenti razionali che conosci sia esempi di anime che ti vengo
no in mente, affinch chi dubita impari che lanima non finisce di
vivere insieme col corpo.

GREGORIO. Questa incombenza faticosa, soprattutto per una

17 0

DIALOGORVM IU. j S

so cupato animo atque ad alia tendenti. Sed si sunt quibus pro


desse ualeat, uoluntatem meam procul dubio postpono utilita
ri proximorum, et in quantum Deo largiente ualuero, quod
anima post camem uiuat subsequenti hoc quarto uolumine demonstrabo.
EX PLIC IT LIBER TERTIVS

51 . ualeat H m b v z: -ant G am b(ap)

DIALOGHI III,

j8

171

mente gi occupata e volta ad altri argomenti. Ma se pu giovare a


qualcuno, pospongo senzaltro la mia volont allutilit del prossi
mo e, per quanto ne sar capace con laiuto di Dio, nel quarto li
bro che qui segue dimostrer che lanima continua a vivere dopo
la morte.
FIN E D EL TERZO LIBRO

LIBER QVARTVS

Quod aeterna spiritalia ideo a carnalibus


minus credantur quia ea quae audiunt per experimentum
minime nouerunt
1. P o stq u am d e p arad isi gau d iis, cu lp a exigen te, e xp u lsu s
5 est p rim u s hum ani generis p arens, in h uius e x ilii atque caecitatis q uam p atim u r aerum nam uenit, qu ia p eccan d o e x tra
sem etipsum fu su s iam illa caelestis p atriae gau d ia, q u ae p riu s
con ten p lab atu r u id ere non potu it. In p arad iso q u ip p e h om o
adsueuerat uerbis D e i p erfru i, beatorum angelorum spiritibus
io cordis m unditia et celsitudine uisionis interesse. S ed postquam
h u c cecidit, ab ilio q u o in p lebatu r m entis lum ine recessit.
2. E x cuius uidelicet carne nos in hu iu s exilii caecitate nati,
audim us quidem esse caelestem patriam , audim us eius ciues
angelos D e i, aud im us eoru ndem angelorum socios spiritus iusi$ forum p e rfe rfo n im , sed cam ales q u iq u e, qu ia illa inu isibilia
scire non ualent p e r experim en tu m , d ubitant u trum ne sit
q u o d co rp o ralib u s ocu lis no n uident. Q u a e nim irum d ubietas

i, 4. expulsus G H m(ap) b: pulsus m v (cf. epXr|{h| z)


13. audimus H m v:
-uimus G m(ap) b (cf. dxoopev z) I esse caelestem patriam G H m v: coelestem es
se patriam b iwtTgifia pv ogrviov {ijiuqx>*iv, z I audiuimus eius G tn(ap) b
14. audiuimus G m(ap) b (cf. xoopev z)
1 j. et perfectorum b perfcctorumque m(ap) I camalis m

LIBRO QUARTO

G li uomini carnali non credono alle realt spirituali


ed eterne perch non conoscono per esperienza
ci d i cui sentono parlare
1 . D opo che il progenitore del genere um ano fu scacciato dalle <
gioie del paradiso per la colpa che aveva commesso, venne in que
sta dolorosa condizione di esilio e di ignoranza, che siamo costret
ti a sopportare, perch essendosi effuso al di fuori di s stesso a
causa del peccato, non pot pi contemplare, com e invece faceva
prima, le gioie della patria celeste. Infatd nel paradiso luom o si
era assuefatto a godere delle parole di D io e della compagnia spi
rituale degli angeli, alla quale partecipava in virt della purezza di
cuore e dellelevatezza della visione. M a dopo che fu precipitato
quaggi, venne m eno la luce che illum inava la sua mente.
2. Q uanto a noi, che siamo nati dalla sua carne in questo oscu
ro esilio, sentiamo dire che c la patria celeste dove dim orano gli
angeli di D io, e che agli angeli si associano gli spiriti di quanti uo
mini sono perfettamente giusti; ma gli uomini carnali, poich non
possono avere concreta esperienza di quelle realt invisibili, dubi
tano che esista ci che essi non vedono con gli occhi del corpo. i,

i, 5. Cf. Gen. 3

8. Cf. Gen. z, 16-7

DIALOGORVM TV, /

*74

p rim o parenti n o stro esse non potuit, q u ia et e x d u s u s a p ara


disi gaud iis, h oc q u o d am iserat, quoniam uiderat, recolebat.
20 H i autem sentire uel recolere audita non possunt, quia eorum
nullum , sicut ille, saltem d e p raeterito experim entu m tenent.
3. A c si enim praegnans m u lier m ittatur in carcerem ibique
puerum pariat, qui natus p u er in carcere nutriatur et crescat;
cui si fortasse m ater, q u ae h u nc genu it solem lunam stellas
25 m ontes et cam p os, uolantes aues, currentes eq u o s nom inet, il
le uero qui est in carcere natus et nutritus nihil aliud quam ten ebras carceris sciat, et h aec quidem esse audiat, sed qu ia ea
p e r experim entum n on nouit, u eraciter esse d iffid at; ita in hac
e x ilii sui caecitate nati hom ines, dum esse sum m a et inu isibilia
30 aud iunt, d iffid u n t an u era sint, quia sola h aec infirm a, in quib u s nati sunt, uisib ilia nouerunt.
4. V n d e factu m est ut ip se inu isibilium et uisibilium creator
ad hum ani generis redem ptionem V nigenitu s P atris ueniret et
sanctum Spiritum ad co rd a nostra m itteret, quatenus p e r eum
35 uiuificati cred erem us quae ad hu c scire p e r experim en tu m non
possum us. Q u o tq u o t ergo h u nc Spiritu m , h ereditatis nostrae
p ignus, accepim us, d e uita inuisibilium non dubitam us.
5. Q u isqu is autem in h ac credulitate ad hu c solidus non est,
d eb et p ro cu l d u b io m aiorum dictis fd em p raeb ere eisque iam
40 p e r sanctum Spiritum inuisibilium experim entu m h abentibus
credere. N am stultus est p u er, si m atrem id eo aestim at de lu ce
m entiri, quia ip se n ih il aliud quam tenebras carceris agnouit.
6.

PETRVS. P la cet

uald e qu od dicis, S ed qui esse inu isibilia

non credit, p ro fecto infid elis est. Q u i u e ro in fid elis est, in eo


4S q u o d d u bitat, fd em non q u aerit sed rationem .

18. in ante primo add. b (cf. 2) I et m v z: om. G H m(ap) b


19. quoniam G H
21. nullus... lenet b(ap)
30. infirma m b(ap) (cf. t oixTpd 2):
infima G H m(ap) b v (rette? cf. lin. 29 summa)
32. uisibilium et inuisibilium
m
33. per experimentum H m(ap) b: experimento G m v om. m(ap) (cf. i
JtEQa; 2)
40. sanctum spiritum m 2: spir- sanc- G H ni(ap) b v
41 .nam
H m v 2: quia et G m(ap) b I aestimat H m v: -et G b (cf. vo pitti 2)
m r. quia b

DIALOGHI IV, I

75

Questo dubbio per certo non pot essere del nostro progenitore
perch, p ur escluso dalle gioie del paradiso, ricordava ci che ave
va perduto, in quanto ne aveva avuto visione. Invece gli uomini
carnali del nostro tempo non possono intendere n richiamare al
la memoria ci che sentono dire, perch non hanno alcuna espe
rienza neppure delle cose passate, come invece lha avuta il proge
nitore.
3. Supponiam o che una donna incinta sia mandata in carcere <
dove partorisce un figlio che, nato in carcere, col viene allevato e
cresce. Pu darsi che la m adre gli nomini sole luna stelle monti
campi, uccelli che volano, cavalli che corrono, ma il bam bino, in
quanto nato e cresciuto in carcere, non conosce altro che tenebre;
sente parlare di tutte quelle cose ma non le conosce per esperien
za, e perci diffida della loro realt. Cos gli uomini, nati in questo
esilio di tenebra, sentono parlare di realt eccelse e invisibili, ma
dubitano che esistano realmente, perch conoscono soltanto que
sto m ondo dappoco e visibile nel quale sono nati.
4. Per questo il creatore di tutte le cose invisibili e visibili,
lUnigenito del Padre, venuto a redim ere il genere umano e ha
inviato lo Spirito Santo nei nostri cuori, affinch da questo vivifi
cati credessimo nella realt di ci che non possiam o ancora cono
scere per esperienza. Quanti perci abbiam o ricevuto lo Spirito
Santo, avallo della nostra eredit, non dubitiam o dellesistenza
delle realt invisibili.
5. C h i poi non ancora ben ferm o in questa credenza, deve
prestare sicura fede alle parole dei nostri predecessori e credere a
loro che, grazie allo Spirito Santo, hanno avuto esperienza delle
realt invisibili. Sarebbe infatti sciocco quel bam bino se, non
avendo conosciuto altro che le tenebre del carcere, ritenesse che
la madre mentisca riguardo alla luce.
6.

PIETRO. Sono

pienamente daccordo con ci che dici. M a

chi non crede nellesistenza delle realt invisibili non ha fede, e


chi non ha fede, riguardo a ci di cui dubita richiede non laffer
mazione per fede ma la spiegazione razionale.

DIALOCORVM IV, 2 - j

17 6

Quod sine fide neque infidelis uiuat


i.

GREGORIVS.

A u d en te r d ic o quia sine fid e n equ e infidelis

uiuat. N am si eundem infdelem percu n ctari u o lu ero quem


patrem uel quam m atrem habuerit, p rotinu s respondit: Ulum
? atque illam . Q uem si statini requiram utrum ne nouerit q u an
d o conceptus sit uel uiderit q u an d o natu s, nihil horum se uel
nosse uel uid isse fateb itu r, et tam en q u o d non uidit credit.
N am illum p atrem illam qu e se h abu isse m atrem ab sq u e d u b i
ta to n e testatur.

io

2. PETRVS.

F a te o r qu ia nu nc usqu e nesciui q u o d et infidelis

h aberet fidem .

GREGORIVS.

H ab en t etiam infdeles fid em , sed utinam in

D eum . Q uam si u tiqu e haberent, infdeles non essent. S ed


hinc in sua p erfid ia red argu end i sunt, h in c ad fidei gratiam
15 p rou o can d i quia, si d e ip so suo uisibili c o rp o re cred u n t qu od
m inim e uiderunt, cu r inu isibilia non cred u nt, q u ae corporaliter u id eri n on p ossunt?
3.

N am quia p ost m ortem carnis uiuat anim a, p atet ratio,

sed fid ei adm ixta.

3
Q u o d tre s u ita le s s p iritu s s in t c re a ti

1.
Tres quippe uitales spiritus creauit omnipotens Deus:
unum qui carne non tegitur; alium qui carne tegitur sed non
cum carne moritur; tertium qui carne tegitur et cum carne mo-

2, 2. audenter. euidenter b(ap)


4. respondit G H m (praes. cf. Blaise, p. 718):
et m(ap) v -debit m(ap) b
io. et om. m(ap) b
12. necesse est ante f.idem
add. b(ap)

D IALO G H I IV,

2 -}

1 77

Senza la fede neppure linfedele pu vivere


1. GREGORIO. N on esito a dire che neppure linfedele vive sen
za fede. Se infatti gli avr chiesto chi abbia avuto per padre e per
madre, subito risponder: Q uesto e quella. Se poi gli chieder
se sappia quando sia stato concepito o abbia visto quando sia na
to, ammetter di non aver avuto conoscenza n esperienza di tut
to ci, e tuttavia crede in ci che non ha visto. Infatti afferma con
sicurezza di aver avuto quel padre e quella madre.
2. PIETRO. Ammetto di non aver saputo finora che anche lin
fedele avesse fede.
GREGORIO. A nche gli infedeli hanno fede, ma dovrebbero
averla in D io. Se lavessero, non sarebbero infedeli. M a se da una
parte debbono essere rimproverati per la loro mancanza di fede,
dallaltra debbono essere sollecitati alla grazia della fede. Se infat
ti riguardo al loro corpo visibile credono ci che non hanno visto
affatto, perch mai non dovrebbero credere nelle realt invisibili
che non possono essere viste corporalmente?
3. Che infatti lanima continui a vivere dopo la m orte del corpo,
ne appare chiara la ragione, ma purch la si conforti con la fede.

Sono stati creati tre spiriti vitali1


1.

Infatti D io onnipotente ha creato tre spiriti vitali: uno che

non rivestito di carne, un altro che ne rivestito ma non muore


con essa, il terzo che rivestito di carne e m uore con essa. L o spi-

DIALO GO RVM IV,

78

s ritur. Spiritus n am qu e est, qui carne n on tegitur, angelorum ;


spiritus, qui carn e tegitu r sed cum carne non m oritur, hom inum ; spiritus, qui carne tegitur et cum carne m oritu r, ium entorum om nium que bru toru m anim alium .
2.

H o m o itaque, sicut in m ed io creatus est, ut esset inferior

io angelo, su p erio r ium ento, ita aliqu id habet com m u ne cum


sum m o, aliquid com m u ne cum infim o, inm ortalitatem scilicet
spiritus cum angelo, m ortalitatem u ero carnis cum ium ento,
q uou squ e et ipsam m ortalitatem carnis gloria resurrectionis
absorbeat, et inh aerendo spiritu i caro seru etu r in p erpetu u m ,
ij q u ia et ip se spiritus inh aerendo seru atu r in D eu m . Q u ae tam en caro nec in rep rob is inter su pp licia p erfecte d eficit, quia
sem p er d eficien d o subsistit, ut qui spiritu et carn e peccauerunt, sem p er essentialiter uiuentes, et carne et spiritu sine fine
m oriantur.
20

3. PETRVS. R ation i fidelium p lacent cuncta q u ae dicis. Sed


quaeso te, dum spiritus hom inum atque ium entorum tanta
distinctione d iscem as, q u id est qu od Salom on ait: D ix i in cor
d e m eo d e filiis hom inum , u t pro baret eos D eu s et osten deret
sim ilis esse b e sliis, idcirco unus in teritu s est h o m in is et ium en-

25 torum , e t a eq rn u triu squ e co n d icio ? Q u i ad h u c eandem sententiam suam subtiliter exeq u en s, adiungit: Sicu t m oritu r hom o,
sic et illa m oriu ntu r. S im ilite r spiran t om nia, et n ih il h abet h o
m o iu m en tis am pliu s. Q u ib u s ad h u c u erbis generalem definitionem subinfert, d icens: C uncta subiacent u anitati, et om nia

30

p ergu n t a d unum locum . D e terra fa cta su nt et in terra p a riter


reu ertu ntu r.

3, 15. carni post inhaerendo add. m(ap) TO) Oet add. z ora. b(ap) I in deo m(ap) v
at'TW z
20. rationi m(ap) b v 2: -ne G H m
22. discretiotte distinguas
b(ap)
23. probaret G H m(ap) b v: -rit m I ostenderet H m(ap) b v: -rii G m
24. similis H m: -les G m(ap) b v
30. in terra G m v: in -am H m(ap) b z (=
Vulg.)
31. reuertentur miap) (= Vulg.)

D IALO GHI IV, j

179

rito che non rivestito di carne quello degli angeli, lo spirito che
rivestito di carne ma non m uore con la carne quello degli uo
mini, lo spirito che rivestito di carne e m uore con essa quello
di tutti gli animali, domestici e selvatici.
2. L uom o perci, che stato creato in posizione mediana, in
feriore agli angeli ma superiore agli animali, ha qualcosa in com u
ne sia con quelli sia con questi: con gli angeli condivide lim m or
talit dello spirito, con gli animali la mortalit della carne, finch
la mortalit della carne non sar assorbita nella gloria della risur
rezione, e anche la carne aderendo allo spirito rimarr in eterno
per la gloria di D io, aderendo a lui. N eppure la carne dei reprobi
viene completamente meno tra i tormenti perch, pur perdendo
forza e vitalit, continua a sussistere, cos che quanti hanno pecca
to con lo spirito e con il corpo vivono perpetuamente quanto
allessere, ma m uoiono senza fine in carne e spirito.
3.

PIETRO. Tutto

ci che dici appaga la ragione dei credenti.

M a, ti prego, dato che distingui in m odo tanto netto lo spirito de


gli uomini da quello degli animali, che ne di ci che dice Saiomone: H o detto in cuor m io, riguardo a i fig li d eg li uom ini, che D io
li m ette alla prova e mostra che sono sim ili alle bestie: perci una
sola la m orte d eg li uom ini e d eg li an im ali e uguale la condizione
d eg li u n i e d eg li altri? E precisando pi sottilmente questa affer
mazione, aggiunge: Com e m uore l uomo, cos m uoiono g li anim ali.
Em ettono tu tti lo stesso soffio vitale, e luom o non ha nien te d i p i
d eg li anim ali. A queste parole aggiunge una definizione di portata
generale: l utto soggetto alla vanit e tutto diretto a un solo luo
go. Sono stati fa tti dalla terra e parim enti ritornano alla terra.

3, 22-31. Ecd. 3,18 sqq.

180

D IALO GO RVM IV,

De quaestione Salomonis qua iicitur:


Vnus interitus est hominis et iumentorum
1.

GREGORIVS.

Salom onis lib er, in q u o h aec scrip ta sunt,

E cclesiastes app ellatu s est, Ecclesiastes autem p ro p rie concios nator dicitur. In con clo n e u ero sententia p ro m itu r p er quam
tum ultuosa tu rbae seditio conp rim atu r, et cum m ulti diuersa
sentiunt, p e r concionantis rationem ad unam sententiam perd ucuntu r. H ic ig itu r lib e r id circo co n cion ato r d icitu r, quia S a
lom on in e o quasi tum ultuantis tu rbae suscepit sensum , ut ea
10 p e r inquisitionem d icat q u ae fo n a sse p e r tem ptationem in p e
rita m ens sentiat. N a m q u ot sententias quasi p e r inquisitionem
m ouit, quasi tot in se perso n as diu ersoru m suscepit.

2. Sed concionator uerax, uelut extensa manu, omnium tumultus sedat eosque ad unam sententiam reuocat, cum in eius-

Finem loquenti omnes pariter audiamus:


Deurn time et mandata eius obserua; hoc est enim omnis homo.

15 d em lib ri term ino ait:

Si enim in lib ro eodem p er locutionem suam m ultorum p erso


nas non susceperat, c u r ad audiendum loq u en d i finem secum
p ariter om nes ad m oneb at? Q u ia igitu r in fine lib ri dicit:
20

nes pariter audiamus, ip se

Om-

sibi testis est quia in se m ultorum

p ersonas suscipiens, quasi solus locutus non est.


3. V n d e et alia sunt, quae in lib ro eodem p e r inquisitionem
m ouentur, atque alia q u ae p er rationem satisfaciunt; alia quae
e x tem ptati p ro fert anim o atque ad hu c huius m undi delecta25 tionibus dediti, alia u ero in qu ibu s ea quae rationis sunt edis-

4 ,6. tumultuosae m(ap) b


9. susdpit m(ap)
12. personas diuersorum susce
pit G H m v z: personas diuersorum susdpit m(ap) b diuersorum susdpit uoces uel
personarum susdpit uoces b(ap)
15. terminum m
19. quia H m: qui m(ap)
b v non leg. G 0T5 yQ z
24. tempiali G H m b v: -lo b(ap) tentatione b(ap)
tfjs xeiga^oiivug ilnixffe z
25-6. edisserat H m(ap): diss- G m v disserit b ditayyXXei z

DIALOGHI IV, 4

181

La questione posta da Salomone con le parole:


Una sola la morte degli uomini e degli animali
1 . GREGORIO. H libro di Salom one in cui si leggono queste pa- <
role ha per nome Ecclesiaste. L Ecclesiaste propriam ente l ora
tore. N el discorso egli propone unidea che sia capace di calmare
il tumulto della folla e, dato che molti sono di pareri diversi, il ra
gionare delloratore riduce a unanimit le loro convinzioni. Perci
questo libro prende nome dalloratore, in quanto qui Salomone
assume come suo il pensiero della folla che si agita con violenza
ed esprime sotto form a di questione ci che forse una mente non
esercitata tentata di pensare. Infatti quasi a m odo di ricerca sol
leva tante idee quanti sono i diversi personaggi che egli rappre
senta.
2. Ma l oratore veritiero, quasi stendendo la mano, calma ogni
disordine e richiama tutti a un parere unanime, secondo quanto
detto alla fine del libro: A scoltiam o tu tti parim enti la fin e d e l d i
scorso: Tem i D io e osserva i su oi precetti. In questo tutto l uomo.
Se infatti egli non avesse im personato nel suo discorso i pareri di
molti, perch li avrebbe esortati a prestare ascolto tutti in pari
modo alla fine del discorso? Poich alla fine del libro dice: A scol
tiam o tutti parim enti, attesta di aver im personato le idee di molti,
nel senso che non ha parlato soltanto per s.
3. Per questo nel libro alcuni argomenti sono proposti a m o di
questione e altri invece danno soddisfazione quanto alle esigenze
della ragione; alcuni lautore li presenta con lo stato d animo di
chi tentato ed ancora sensibile ai piaceri del m ondo, in altri in-

4, 15 et 19. Eccl. 12, 13

l8 a

DIAI.OGORVM IV,

serat atque aniraum a delectatione conpescat. Ibi namque ait:


H o c itaq u e m ih i uisum est bonurn, u t com edat q u is et b ib a t et
fru a tu r la etitia e x la b o re suo. Et longe inferius subiungit: M eliu s est ire a d dom um luctus quam a d dom um co n u iu ii.

30

4. Si enim bonum est manducare et bibere, melius fuisse uidebatur ad domum conuiuii pergere quam ad domum luctus.
E x qua re ostenditur quia illud ex infirmantium persona intulit, hoc uero ex rationis definitione subiunxit. Nam ipsas protinus rationis causas edisserit, et de domo luctus quae sit utilitas
35 ostendit, dicens: In illa en im fin is cunctorum adm on etu r hom inum , et u iu en s co gita i q u id fu tu ru s sit.

5. Rursum illic scriptum est: Laetare, iu u en is, in adolescentia tua. Et paulo post subditur: A do lescen tia en im et uoluptas
uana su n t. Qui dum hoc postmodum uanum esse redarguii
40 quod prius admonuisse uidebatur, patenter indicat quia illa
quasi ex desiderio carnali uerba intulit, haec uero ex iudicii
ueritate subiunxit.
6 . Sicut ergo delectationem prius carnalium exprimens, curis postpositis denuntiat bonum esse manducare et bibere,
45 quod tamen postmodum ex iudicii ratione reprehendit, cum
esse melius dicit ire ad domum luctus quam ad domum con
uiuii; et sicut laetari debere iuuenem in adolescentia sua quasi
ex deliberatione carnalium proponit, et tamen postmodum
per defnitionem sententiae adolescentiam et uoluptatem uana
50 esse redarguit, ita etiam concionator noster uelut ex mente
infirmantium humanae suspicionis sententiam proponit, dum
dicit: V nus in teritu s est hom in is et ium entorum , et aequa utrius-

16. atque G H m v: ut m(ap) b z (rette?)


33. subiungit m 36. futurum
b(ap)
37. rursus m(ap)
43. delectationem H m b v z: dilectionem G
b(ap)
49. f / G H m(ap) b v: ac tri

DIALOGHI IV, 4

i *3

vece discute secondo ragione e raffrena l anima dal piacere. Dice


intatti: M i parso bene che uno m angi, beva e s i goda in letizia i
frutti d el suo lavoro. M a molto dopo aggiunge: E m eglio recarsi in

una casa in pianto piuttosto che in una casa in festa.


4. Se bene mangiare e bere, sarebbe stato preferibile andare
in una casa dove si banchetta piuttosto che in una che in lutto.
Perci risulta evidente che il prim o dei due passi l autore lo ha
proposto rappresentando una persona debole di spirito, mentre il
passo che ha aggiunto lo ha definito secondo ragione. Infatti ad
duce subito la spiegazione razionale e m ostra quale sia lutilit
della casa in pianto: In quella casa s i vien e a vvertiti riguardo alla f i

ne d i tutti g li uom ini, e chi vive pensa a ci che sar d i lu i.


5. Ancora l scritto: D atti alla gioia, giovane, n ella tua gio vi
nezza, ma poco dopo: G iovinezza e piacere sono vanit. D ato che
dopo condanna come vanit ci che prim a sem brava aver app ro
vato, lautore d chiaramente a vedere di aver parlato, in un pri
mo momento, secondo i desideri della carne, mentre ci che ha
aggiunto dopo l ha detto con giudizio secondo verit.
6. Perci, dando dapprim a voce al piacere delluomo carnale,
Salomone afferma che bene mangiare e bere senza darsi pensie
ro di ci che pu preoccupare, mentre successivamente si esprime
sul medesimo argomento in tono di condanna secondo il giudizio
della ragione, quando dice che preferibile andare in im a casa in
pianto piuttosto che in una casa in festa. A llo stesso m odo, secon
do la preferenza degli uomini carnali afferma che il giovane deve
darsi alla gioia nella giovinezza, e tuttavia in seguito con definizio
ne sentenziosa biasima come cose vane giovinezza e piacere. A na
logamente il nostro oratore im persona un debole quando prop o
ne unopinione dettata da umana leggerezza, dicendo: Una sola
la m orte d egli uom ini e d eg li an im ali e uguale la condizione d egli

17. Eccl. 5, 17
52. Ecd. 3. 19

28. Eccl. 7, 2

35. Ecd. 7, 2

37-8. Ecd. 11,9-10

184

DIALOGORVM IV, 4

que condicio. Sicut moritur homo, sic et illa moriuntur. Similiter


spirant omnia, et nihil habet homo iumentis amplius.
ss

7. Q u i tam en e x d efin itio n e ration is suam p ostm od u m

Quid habet amplius sapiens stulto,


et quid pauper, nisi ut pergat illue, ubi est uita? Q u i igitu r
d ix it: Nihil habet homo iumentis amplius, ip se ru rsum defi-

sententiam p ro fe rt, d icens:

niu it q u ia h a b et a liq u id sap ien s n o n solu m am p liu s a ium eno to, sed e d a m a b h o m in e stu lto, u id elicet

est uita. Q u ib u s

ut pergat illue, ubi

u erb is p rim u m in d ica t q u ia h ic h om inum ui

ta non est, q uam esse alib i testatur. H a b e t e rg o h o m o h o c


am p liu s iu m en tis, q u o d illa p o st mortemi non u iu u n t, h ic uero tu n c u iu ere in ch o at, cum p e r m ortem carn is h an c uisibi6f lem uitam consum m at.
8. Q u i edam lo n g e inferiu s dicit: Quodcumque potest manus
tua facere, instanter operare, quia nec opus nec ratio nec scientia
nec sapientia erit apud inferos, quo tu properas. Q u o m o d o ergo
unus interitus est hom inis et ium end et aequ a u triu squ e condi-

70 ci, aut q u o m o d o nihil h abet h om o ium entis am p liu s, cum ium enta p o st m ortem carnis non uiu unt, h om inum u ero spiritus,
p r m alis suis o p erib u s post m ortem carnis ad in feros deducti,
nec in ip sa m orte m oriu ntu r? S ed in u traqu e tam d ispari sententia dem o n stratu r quia con cion ato r u erax et illu d e x tem pta-

75 tione carnali intulit et h o c postm od u m e x spiritali u eritate definiuit.


9.

PETRVS.

L ib e t nescisse q u o d requ isiui, dum m e in tanta

subtilitate contigit d iscere q u o d nesciui. S ed qu aeso te ut m e


aequanim iter feras, si ip se q u oq u e a p u d te m o re E cclesiasd s

80 nostri infirmandum in me personam suscepero, ut eisdem in-

56. stulto H m b(ap) v: a stulto G m(ap) b (= Vulg.)


61. homo hoc H b 2: hoc
homo G m v homo m(ap)
65. consummat H m(ap) b v: consumat G m teXsu<j\jz
70. ni! m
71. hominum H m b v z: -nes G -nis m(ap)
79. ecclesiastes m(ap)

DIALOGHI IV, 4

185

uni e degli altri. Com e m uore luomo, cos m uoiono g li anim ali.
! m ettono tu tti lo stesso soffio vitale, e l'uom o non ha niente d i p i
degli anim ali.

7.

Propone invece il suo giudizio razionalmente elaborato al

lorch dice: C he cos'ha il sapiente p i dello stolto, e che cosa i l po


vero, se non il dirigersi l dove la vita ? Colui che aveva detto:
1'.'uom o non ha nien te pi d egli anim ali, invece qui afferma che il
sapiente ha qualcosa in pi non solo degli animali ma anche
dell uomo stolto, vale a dire che e g li s i dirige l dove la vita. Con
udi parole dimostra in prim o luogo che questa degli uomini non
vita, dato che essa altrove. Perci l uomo ha questo in pi delle
bestie: esse dopo la morte non vivono, mentre egli comincia a v i
vere quando termina con la m orte della carne questa vita visibile.
8. Parecchio pi gi Salom one aggiunge: Tutto ci che pu fa re
la tua mano, fa llo a llistante, perch n opera n ragione n scienza
n sapienza saranno n eg li in feri, dove tu ti stai dirigendo in fretta.
Com e ci pu essere una sola m orte delluom o e dellanimale e
uguale condizione delluno e dellaltro? o com e luomo non ha
niente pi degli animali, se questi non vivono dopo la m orte della
carne, mentre lo spirito delluomo, che dopo la m orte della carne
viene condotto allinferno a causa delle sue cattive opere, non
muore neppure nella sua m orte? M a con queste due sentenze tan
to diverse una dallaltra si dim ostra che loratore dice la verit, in
quanto ne ha pronunciata una im personando luom o carnale,
mentre ha definito la successiva secondo lo spirito di verit.

9. PIETRO. Sono ben contento di essere stato alloscuro riguar

do agli argomenti sui quali ti ho interrogato, dato che ho potuto


apprendere con tanta precisione ci che prim a ignoravo. M a, ti
prego, sopportami pazientemente se, com e ha fatto il nostro E c
clesiaste, anchio im personer presso di te il ruolo di chi debole,

56. et 60. Eccl. 6, 8

18. Eccl. 3, 19

66. Eccl. 9, to

1 86

D1ALOGORVM IV, 4 - }

firm antibus p ro d e sse p rop in q u iu s q u asi p e r eoru m inquisitionem possim .


io .

GREGORivs. C u r condescendentem te infirm itati p rox

m orum aequanim iter non feram , cum P au lu s dicat:


8s

omnia factus sum, ut omnes facerem saluos? Q u o d

Omnibus

ip se qu oq u e

dum e x con d escen sion e caritatis egeris, in h ac re am plius uen erari d eb es, in q u a m orem egregii p raed icatoris im itaris.

5
De quaestione animae inuisibiliter exeuntis
an sit quae uideri non possit

1. PETRVS.

Q u od am fratre m oriente, praesentem m e fuisse

contigit. Q u i repente, dum loq u eretu r, uitalem em isit flatum ,


5 et quem p riu s m ecum loquentem u idebam , su bito extinctum
uidi. S ed eius animarti utrum egressa sit an non egressa sit non
uidi, et ualde d uru m uidetur, ut cred atu r res esse quam nullus
ualeat uidere.

2. GREGORIVS.

Q u id m irum , P etre, si egredientem anim am

10 non uidisti, quam et m anentem in co rp o re non uid es? N um quidnam m o d o , cum m ecum loq u eris, quia u id ere in m e non
uales anim am m eam , id c irco m e esse exanim em cred is? N atu
ra q u ip p e anim ae inu isibilis est, atque ita e x co rp o re inu isibili
ter egred itu r, sicut in corp o re inu isibiliter m anet.

15

3. PETRVS.

S ed uitam anim ae in c o rp o re m anentis pensare

possum e x ip sis m otibus corporis, quia, nisi corpori anim a


adesset, eiusdem m em bra corporis m oueri non possent; uitam
uero anim ae p ost carnem in quibus m otibus qu ibu su e operi-

83. infirmitate uel -lem m(ap)


$,3 .m e fuisse G m(ap) b z: fuisse H m v
6. animam G H m(ap): -ma m b v
15. pensari m
(cf. xf|v... ipuxnv z) I egressa sit post non om. b

DIALOGHI IV, 4 - f

18 7

in m odo da potergli giovare pi immediatamente, interrogando in


vece sua.
io.

GREGORIO. Perch non dovrei essere d accordo con te che

ti adatti alla debolezza del nostro prossim o, dal momento che


Paolo dice: M i sono fatto tutto a tutti p er salvare tu tti D ato che
sci sollecitato dalla condiscendenza che ispirata dallamore,
a maggior ragione devi essere apprezzato in questo tuo imitare
quelleccellente predicatore.

5
Si discute se lanima che esce invisibilm ente dal corpo
esista davvero, dato che non pu essere vista
1.

PIETRO.

M i accaduto di assistere alla morte di un fratello.

D un tratto, mentre parlava, ha emesso lultimo respiro, e com e


prima lo vedevo parlare con me, improvvisamente lho visto m or
to. Invece non ho visto se la sua anima fosse uscita oppure no, ed
molto dubbio che si creda in qualcosa che nessuno riesce a ve
dere.
2.

GREGORIO. Che c di strano, Pietro, se non hai visto uscire

lanima, dal momento che non la vedi quando sta nel corpo? Che
forse proprio ora, mentre parli con me, dato che non puoi vedere
la mia anima, crederai per questo che io ne sia privo? L anima
invisibile per natura e perci esce invisibilmente dal corpo, cosi
come ci resta invisibilmente.

3. PIETRO. Ma io posso valutare la vita dellanima che sta nel

corpo dai movimenti di questo, perch se l anima non fosse nel


corpo, le sue membra non potrebbero muoversi. M a la vita
dellanima dopo la morte della carne, da quali movimenti, da qua-

S4. 1 Ep. Cor. 9, 11

i8 8

DIALOGORVM IV, ;

bus u id eo, ut e x rebus uisis esse collegam q u o d u id ere non


20 possum ?

4.

GREGORTVS.

N o n quidem sim iliter, sed dissim iliter d ic

quia, sicut uis anim ae uiuifcat et m ouet corpu s, sic uis diurna
inplet quae creauit om nia, et alia inspirand o uiuifcat, aliis tribuit ut uiuant, aliis uero solum m odo praestat u t sint. Q u ia uero
25 esse non dubitas creantem et regentem , inplentem et circum plectentem , transcendentem et sustinentem , incircum scriptum
atque inuisibilem D eu m , ita dubitare non debes hunc inuisibilia obsequia habere. D eb en t qu ipp e ea quae m inistrant ad eius
sim ilitudinem tendere cui m inistrant, ut quae inuisibili ser30 uiunt, esse inuisibilia n on dubitentur. H a e c autem quae esse
credim us nisi sanctos angelos et spiritus iustorum ? Sicut ergo
m otum considerans corporis, uitam anim ae in corp o re m anentis perpend is a m inim o, ita uitam anim ae exeuntis a corpo re
p erpen d ere debes a sum m o, quia potest inu isibiliter uiu ere
35 quam oportet in obsequio inuisibilis conditoris m anere.
j . PETRVS. R ecte totum dicitur. S e d m ens refugit cred ere
q u o d corp o reis oculis non ualet uidere.

GREGORTVS. C u m

P au lu s dicat: E st en im fid e s speratidorum

substantia, rerum argum entum non apparentum , h o c u eraciter


40 d icitur cred i q u o d non ualet uideri. N a m cred i iam non potest
q u o d uid eri potest.
6.

V t tam en te b reu iter red u cam a d te, n u lla u isibilia n

p e r inuisibilia uidentu r. E c c e enim cuncta co rp o re a ocu lu s tu i


co rp o ris aspicit, nec tam en ip se corp o reu s ocu lu s aliqu id cor4s poreum uideret, nisi h u nc res in co rp o rea ad u id end u m acuerit. N am tolle m entem q u ae no n uidetur, et incassum p atet

19. colligam m(ap) b


21. simil-... dissmii-: subtiliter... solerler m(ap) b(ap)
33. a minimo H (ante con.) m b(ap) v (cf. uro to t' pixQoj z): ab imo m(ap) b animo
G H (ex con.) m(ap) b(ap) in animo b(ap) I uitam H m(ap) b v: -la G m 37. uideri
b(ap)
38. sperandarum m(ap) b
39. apparentum G m: -tium H b v
42.
a le mb(ap)
45. uiderit m
45-6. acucril G H m: -rei m(ap) b v

DIALOGHI IV, S

189

li operazioni posso vederla, in m odo che da ci che vedo io possa


dedurre lesistenza di ci che non posso vedere?

4. GREGORIO. N on per via di analogia ma di opposizione. C o

me la forza dellanima vivifica e m uove il corpo, cos la forza divi


na riempie tutto ci che ha creato: alcune cose vivifica col suo sof
fio, altre fa vivere, altre ancora fa soltanto esistere. Poich tu non
dubiti dellesistenza di Dio, che crea e governa, riem pie e circon
da, trascende e sostiene, senza essere circoscritto e visibile, cos
non devi dubitare che egli venga servito in m odo invisibile. Infatti
chi serve tende ad assomigliare a colui al quale presta servizio, co
si che quanti servono linvisibile, non c dubbio che siano invisi
bili. Chi crediamo che siano costoro se non gli angeli santi e gli
spiriti dei giusti? Perci, come quando consideri il movimento del
corpo, riconosci da questo elemento inferiore la vita dellanima
che sta nel corpo, cos devi valutare dallelemento superiore la v i
ta dellanima che esce dal corpo. P u infatti vivere invisibilmente,
perch deve prestare servizio al creatore invisibile.
5.

PIETRO. Tutto questo che dici giusto. M a la mente rifugge

dal credere che esista ci che essa non pu vedere con gli occhi.

GREGORIO. D ato che P aolo dice: L a fe d e sostanza d i d

che

speriam o e argom ento d d che non appare, le sue parole dicono


che oggetto di fede ci che non si p u vedere, poich ci che si
vede, in quanto si vede, non p u essere oggetto di fede.
6. Tuttavia, per farti capire in poche parole, tutto ci che vi
sibile non si pu vedere se non per m ezzo di ci che invisibile.
F.cco infatti che locchio del tuo corpo vede tutti gli oggetti cor
porei, e tuttavia questocchio corporeo non potrebbe vedere al
cunch di corporeo, se u nattivit incorporea non lo rendesse atto
a vedere. T ogli infatti la mente che non si vede, e locchio che ve-

5, 38. Ep. Hcbr. 11,1

190

DIALOGORVM IV, ;

oculus qui uidebat. S u b trah e anim am corp o ri: rem anent procul d u b io ocu li in co rp o re aperti; si ig itu r p er se uidebant, cur,
disced en te anim a, nihil u id ent? H in c ergo collige quia ipsa
50 q u oq u e uisib ilia n o n n isi p e r inu isibilia uidentu r.
7. P o n am u s q u o q u e ante ocu lo s m entis aed ificari dom um ,
inm ensas m oles leuari, p en d ere m agnas in m achinis colum nas.
Q uis, quaeso te, h o c op u s op eratu r: c o rp u s uisibile, qu od illas
m oles m an ibus trahit, an inuisibilis anim a, q u ae uiu ificat cor55 p u s? T o lle enim q u o d non u id etu r in corpo re, et m o x inm obi
lia rem anent cuncta quae m ou eri u id ebantu r, uisib ilia corpo ra
m etallorum .
8. Q u a e x re pensandum est quia in h u nc q u oq u e m undum
uisibilem nih il nisi p er creaturam inu isibilem d isponi potest.
60 N am sicut om nipotens D eu s, aspiran do uel inp lendo, ea quae
rationi subsistunt et u iu ificat et m ouet inu isibilia, ita ipsa q u o
q ue inuisibilia in p len d o m ouent atque sensificant carnalia c o r
p o ra q uae uidentur.

9. PETOVS. Istis, fateo r, allegationibus lib en ter uictus, p ro p e

nulla iam esse h aec u isibilia existim are con p ello r, qui priu s in
m e infirm antium personam su scipiens, d e inu isibilibu s dubitabam . Itaq u e p lacen t cuncta q u ae dicis. S ed tam en, sicut uitam
anim ae in co rp o re m anentis e x m otu co rp o ris agnosco, ita ui
tam anim ae p ost c o rp u s, apertis q u ibu sd am rebu s adtestanti-

70 bu s, agn o scere cupio.

48. operi!b(ap)
49. n i!m I colligeG H m(ap) b: collegem v
58. huncH m
v: hocG m(ap) b z
58-9. mundum uisibilem G H m v: mundo uisibilim(ap) b
z
61. rationi G H m: -ne m(ap) b v
62. sensificant G m(ap) b(ap) v: significant H uiuificant m(ap) b alii alia (et. <TO<piCcujoi z)
64. allegationibus G m b
v: allig- H m(ap) b(ap) tofi eopov toitou z
70. agnoscere G m v: cognoscere
H m(ap) b Siayvrvai z

DIALOGHI IV, S

191

deva resta aperto inutilmente. Togli lanima al corpo: gli restano


gli occhi aperti; ma se essi vedessero di per s perch, una volta
che lanima si allontanata, non vedono niente? D a questi esempi
puoi concludere che anche le cose visibili non possono essere vi
ste se non per mezzo di cose invisibili.
7. Immaginiamo con gli occhi della m ente che venga costruita
una casa: immensi massi vengono sollevati, grandi colonne sono
sospese alle macchine. C h i dunque, ti chiedo, com pie questop e
ra? Il corpo visibile che tira i massi con le sue mani o l anima invi
sibile che fa vivere il corpo? T ogli ci che sta nel corpo ma non si
vede, e subito si ferma tutto ci che prim a si vedeva m uovere, i
corpi visibili delle pietre.
8. Perci dobbiam o ritenere che anche in questo m ondo visi
bile niente venga disposto se non per tramite di una creatura in
visibile. Com e infatti D io onnipotente ispirando e pervadendo v i
vifica e muove le creature razionali e invisibili, cos le creature
invisibili pervadendoli m uovono e rendono sensibili i corpi carna
li e visibili.

9. PIETRO. Volentieri mi dichiaro vinto dai tuoi ragionamenti e

mi vedo costretto a stimare ben poca cosa queste realt visibili,


mentre prima, impersonando il ruolo di chi debole, dubitavo
delle realt invisibili. Perci sono daccordo su tutto ci che hai
detto. Tuttavia, come riconosco dal movimento del corpo che in
esso vive l anima, cos desidero conoscere con evidente dim ostra
zione in che m odo lanima viva dopo la m orte del corpo.

DIALOGORVM IV, 6

192

Quod uita animae manentis in corpore


sicut deprehenditur ex motu membrorum,
sic uita animae post corpus
in sanctis pensanda est ex uirtute miraculorum

i. GREGORIVS.

H a c in re si co r paratum tuae dilectionis

inuenio, in allegatione m inim e laboro. N u m qu id n am sancti


apostoli et m artyres C hristi praesentem uitam despicerent, in
m orte c a m is anim as p onerent, nisi certiorem anim arum uitam
subseq ui scirent? T u u ero ip se inquies qu ia uita anim ae in corio p o re m anentis e x m otibus corp o ris agnoscis. E t ecce hii, qui
anim as in m orte p osuerunt atque anim arum u itam post m ortem cam is esse crediderunt, cotidianis m iraculis coruscant. A d
extincta nam que eoru m corpo ra u iu entes aegri ueniunt et sanantur, periuri ueniunt et daem onio u exan tu r, daem oniaci ue1 5 niunt et liberantur, leprosi ueniunt et m undantur, deferuntur
m ortui et suscitantur.
2. P en sa itaqu e eoru m anim ae q u aliter uiu unt illic u bi
uiuunt, quoru m h ic et m ortua c o rp o ra in tot m iraculis uiuunt.
S i ig itu r uitam anim ae m anentis in co rp o re d ep reh en d is e x
20 m otu m em bro rum , cu r non p erp en d is uitam anim ae p o st co r
p u s etiam p e r ossa m ortua in uirtute m iracu loru m ?

3. PETRVS. N u lla ,

ut op in o r, h u ic allegationi ratio obsistit,

in q ua et e x rebus uisih ilibus eogim u r cred ere qu od non uidem us.

6, 6. alligationc H m(ap) b(ap) z


7-8. in morte H m v z: in mortem G m(ap) b
(ef. lin. 11)
9. inquis ud inquiens m(ap)
io. hi H rn(ap) b
11. mor
tem b
18. et om. b z
22. alligationi H m(ap) b(ap) z
23. et e x H m v:
ex G m(ap) b (cf. x ai 61 z)

DIALOGHI IV, 6

Come dal movimento delle membra si capisce


che nel corpo vive lanima, cos dal potere
d i fare miracoli si ricava che lanima vive nei santi
anche dopo la morte del corpo

1. GREGORIO. Su questo punto, se trovo la tua mente ben di


sposta, la mia dimostrazione sar agevole. Che forse i santi apo
stoli e martiri di Cristo avrebbero disprezzato la vita presente e
gettato le loro anime in preda alla morte, se non avessero saputo
che la vita dellanima sarebbe continuata pi sicura? T u stesso di
ci di riconoscere dai movimenti del corpo la vita dellanima che vi
si trova. E d ecco che costoro, che hanno gettato le loro anime in
preda alla morte perch hanno creduto nella vita dellanima dopo
la morte, risplendono di m iracoli che avvengono ogni giorno. U o
mini vivi che sono malati vanno ai corpi m orti dei santi e sono ri
sanati, vengono spergiuri e sono tormentati dai demoni, vengono
indemoniati e sono liberati, vengono lebbrosi e sono mondati, so
no portate persone morte e risuscitano.
2. Considera dunque quale sia la vita dellanima di costoro l
dove vivono, dal momento che quaggi i loro corpi morti vivono in
virt di tanti miracoli. Se riconosci dal movimento del corpo che in
esso vive l anima, perch non riconosci che l anima vive, dopo la
morte del corpo, anche nelle sue ossa in virt dei miracoli?
3.

PIETRO. A

questa dim ostrazione non si pu opporre alcun

argomento razionale, e dalle cose visibili siamo costretti a credere


allesistenza di quelle invisibili.

194

DIALOGORVM IV, j - 8

7
De egressibus animarum

GREGORIVS. P a u lo

su periu s questus es m orientis cuiusdam

egredientem te anim am n on uidisse. S e d h o c ipsum iam culp ae fu it, q u o d co rp o reis ocu lis rem u id ere inu isibilem quaesis5 ti. N am m ulti nostrorum , m entis ocu lu m fid e p u ra et uberi
o ratio n e m undantes, egredientes e carn e anim as frequ en ter uiderunt. V n d e m ihi n u nc necesse est uel q u aliter egredientes
anim ae uisae sint, uel quanta ipsae, dum egred erentu r, uiderint enarrare, quatenus flu ctuanti anim o, q u od pien e ratio non

io

ualet, e xem p la suadeant.

8
De egressu animae Germ ani episcopi Capuani
In secund o n am qu e h uius op eris lib ro iam fatus sum q u od
uir u enerabilis B en ed ictu s, sicut a fid elib u s eius d iscipulis
agnoui, lo n ge a C ap u an a u rb e positus, G e rm an i eiusdem urbis
5 ep isco p i anim am no cte m edia in g lo b o igneo a d caelum ferri
ab angelis aspexit. Q u i eandem q u o q u e ascendentem anim am
intuens, m entis la x ato sinu, quasi su b u no solis rad io cunctum
in suis o cu lis m und u m collectum uidit.

7* 3. animam te m(ap) b
4. corporis m
5. uberi G H m(ap) v: -re b uberiore m
6. oratione G H m b v ; -netti G ratione m(ap) I e G m b v: a H m(ap)
8, 2. iam: nam H om. z I fatus H m(ap): fassus m praefatus G m(ap) b (cf. Etrcov
z)
8. mundum in suis oculis H in suis oculis collectum mundum b

DIALOGHI IV,

7 -8

195

L uscita d ellanima dal corpo


GREGORIO. P o canzi ti sei rincresciuto di non aver visto mai

uscire dal corpo lanima di uno che stava per morire. M a il tuo
torto stato di voler vedere con gli occhi del corpo qualcosa di in
visibile. Per altro, m olti dei nostri, che avevano purificato locchio
della mente con fede integra e intensa preghiera, hanno visto m ol
te volte .e anime uscire dai corpi. Perci ora mio com pito rac
contare in che m odo queste anime siano state viste uscire e che
cosa esse abbiano visto quando uscivano, in m odo che tali esem pi
possano persuadere chi incerto in quanto la spiegazione razio
nale non lo soddisfa pienamente.

$
L'uscita dal corpo dell'anim a d i Germano,
vescovo d i Capua
N el secondo libro di questa opera ho gi raccontato che il ve
nerabile Benedetto, come ho appreso da alcuni suoi discepoli de
gni di fede, mentre stava lontano da C apua vide a mezzanotte che
lanima del vescovo G erm ano era portata in cielo dagli angeli in
un globo di fuoco. M entre contem plava l anima che saliva in cie
lo, si allarg la capacit della sua m ente e quasi sotto un solo rag
gio di sole egli vide raccolto nei suoi occhi tutto il mondo.

196

DIALOGORVM

IV,

9-/0
9

De egressu animae Speciosi monachi


1. E isd em q u oq u e discipulis illius narran tibu s, d id ici quia
d u o no biles uiri atque exterio rib u s studiis eru d iti, germ ani fratres, q u oru m unu s S p eciosu s, alter u e ro G re g o riu s d icebatur,
s eius se regulae in sancta conu ersatione tradideru nt. Q uos

isdem uenerabilis p ater in m onasterio, q u od iu xta T erracin en sem urbem constru xerat, fecit h abitare. Q u i m ultas quidem
p ecu n ias in h o c m u n d o p ossed erant, sed cuncta p au p eribu s
p r anim arum suarum red em p tione largiti sunt, et in eodem
io m onasterio perm anserunt.
2. Q u oru m unus, scilicet S p eciosu s, d um p r m ilitate m o
n a s te ri iuxta C ap u an am urbem m issus fuisset, die quadam
frater eius G re g o riu s, cum fratribu s ad m ensam sedens atque
conuescens, p e r spiritum subleuatus aspexit, et uidit Speciosi
15 germ ani sui anim am tam lon ge a se positi d e c o rp o re exire.
Q u o d m o x fratrib u s ind icau it et cu cu rrit iam que eundem fratrem suum sepultu m rep perit, quem tam en ea h ora q u a uiderat e x isse d e c o rp o re inuenit.

io

D e anima inclausi cuiusdam


Quidam religiosus atque fidelissimus uir adhuc mihi in mo
nasterio posito narrauit quod aliqui de Siciliae partibus nauigio Romam petentes, in mare medio positi, cuiusdam serui

9, 5. sonda: sanctae uitae b(ap)


6. idem m(ap) b
15. exisse m ^eXdaflaav z
16. f l G H m v: atquefeslinans m(ap) b
17. ea horaH m v: horam
C hora ea b
10, 2. quidam G b z: quidam autem H m v
4. mare H m: -riG m(ap) b v

DIALOGHI IV, 9 -/0

97

Luscita dal corpo dellanima del monaco Specioso


1 . Dal racconto dei medesimi discepoli di Benedetto ho appre
so che due fratelli, nobili e istruiti nelle discipline profane, che si
chiamavano uno Specioso e laltro G regorio, si erano convertiti
alla vita monastica, e il venerabile padre li aveva destinati al m o
nastero che aveva istituito presso la citt di Terracina. E ssi per la
salvezza delle loro anime elargirono a favore dei poveri tutte le in
genti ricchezze che avevano posseduto nel m ondo, e presero di
mora in quel monastero.
2. Uno di loro, Specioso, era stato inviato a C apua per affari ri
guardanti il monastero. U n giorno, suo fratello G regorio, mentre
sedeva a mensa con gli altri monaci, ispirato dallo spirito ebbe
una visione e vide uscire dal corpo lanima del fratello che in quel
momento era tanto lontano da lui. L o disse ai fratelli e corse via.
Trov che suo fratello era stato gi sepolto e seppe che era m orto
proprio nellora in cui egli aveva avuto la visione.

io

Lanima d i un recluso
Un uomo pio e del tutto attendibile, quando io stavo ancora
nel monastero, mi raccont che mentre alcuni che dalla Sicilia si
dirigevano a Rom a erano in mezzo al m are, avevano visto portare

19$

D1ALOGORVM IV, I O - I I

5 D e i, qui in S am n io fuerat in d a u su s, ad caelum ferri anim am


uiderunt. Q u i descendentes a d terram cau sam qu e an ita esset
acta perscru tantes, ilio d ie inu enerunt o b isse D e i fam ulum ,
q u o h unc ad regna caelestia ascendisse cognouerunt.

il

De egressu artimae Spei abbatis


1. A d h u c in m onasterio m eo positus, cuiusdam uald e uenerabilis uiri relatione cognou i qu od d ico. A ieb at enim quia uenerabilis p ater nom ine S p es m onasteria con stru xit in lo co cui
5 uocabulum C a m p le est, qu i sexti ferm e m illiarii interiacente
spatio a uetusta N u rsia e u rb e d isiungitu r. H u n c om nipotens et
m isericors D eu s ab aeterno u erbere flag ellan d o p ro tex it, eiq u e
d ispensationis suae m axim am et seueritatem seruauit et gratiam quan tum que eum priu s flagellan d o diligeret, postm od u m

io

p erfecte sanan do m onstrauit. E iu s n am q u e o cu lo s p e r quadraginta annorum spatium continuae caecitatis tenebris pressit,
nullum ei lum en uel extrem ae uisionis aperiens.
2. S ed quia nem o in u erb ere illius gratia se destituente subsistit, et nisi isdem m isericors P ater, qu i poenam inrogat, p a

li tientiam praestet, m o x p e r inpatientiam p eccatu m nobis auget


correp tio p eccato rum , fitq u e m od o m iserabili ut cu lpa nostra,
und e sperare d eb u it term inum , ind e sum at augm entum , idcirco nostra D eu s infirm a conspiciens, flagellis suis custodiam
p erm iscet, atque in percu ssione sua electis filiis n u nc m iseri

lo

co rd iter iustus est, ut sint qu ibu s p ostea d eb eat iuste m isereri.

5. indausus G H m(ap) v: indusus m b


6. causamque G m b v: causam quae H
m(ap)
6-7. an ita esset acta G m(ap) b v: agnita esset acta H agnita esset m(ap)
ita esse actam m
7. obiisse m(ap) b
S. butte, eum b
il,i.aiebat'iim (^p)bvi.agebatG m dicebatm {3![t)
5. uocabulo m
6.a om.
G m(ap)
8. et seueritatem G H m v: seueritatemb ueritatem m(ap) securitatem m(ap)
b(ap) serenitatem b(ap)
n.idem b
15. inp-: inpatientia b(ap)

DIALOGHI IV,

10-11

199

in cielo lanima di un servo di D io che viveva da recluso nel Sannio. Una volta sbarcati, avevano indagato se la cosa si fosse svolta
in quel m odo e constatarono che quel servo di D io era m orto nel
giorno in cui lo avevano visto salire in cielo.

11

Luscita dal corpo dellanima dellabate Speranza


1. M entre stavo ancora nel m io monastero, venni a conoscere
dal racconto di un uom o m olto venerabile lepisodio che ora a
mia volta racconto. D iceva che un venerabile padre, di nome Spe
ranza, aveva istituito alcuni monasteri nella localit chiamata
Cam ple, che dista circa sei miglia dalla vecchia citt di N orcia.
D io onnipotente e m isericordioso lo protesse dalla punizione
eterna flagellandolo in vita, e la sua provvidenza gli riserv la pi
grande severit e, insieme, la pi grande grazia, dando a vedere
quanto lo amasse, prim a flagellandolo poi risanandolo compietamente. Infatti oppresse i suoi occhi per quarantanni con le tene
bre di una completa cecit, non perm ettendogli neppure la luce
di una modesta capacit visiva.
2. Ma nessuno pu resistere a quei colpi se non lo soccorre la
grazia e se il Padre m isericordioso, che infligge la punizione, non
d anche la forza di sopportarla. Altrimenti, a causa della nostra
incapacit di sopportare la correzione dei peccati aumenta la n o
stra colpa e avviene miseramente che tale colpa diventa pi gran
d e proprio per il m otivo che avrebbe fatto sperare la remissione.
Perci D io, tenendo conto della nostra debolezza, alterna con i
flagelli la sua protezione e nel punire m isericordiosamente giu
sto con i suoi eletti, in m odo che siano tali da poter poi meritare la

zoo

DIALOGORVM IV, 11-12

V n d e uenerabilem senem , dum exterio rib u s tenebris prem eret, interna num quam lu ce destituit. Q u i cum flagello fatigaretu r co rp o ris, h ab eb at p er sancti S piritu s cu stodiam consolationem cordis.
v

3. C u m u ero iam anni quadragesim i fuisset in caecitate tempus exem p tu m , ei D o m inu s lum en red d id it, uicinum suum
obitum denuntiauit atque ut m onasteriis circu m q u aq u e constructis u erbu m uitae p raed icaret adm onuit, quatenus, co rp o
ris recep to lum ine, uisitatis in circuitu fratribu s cordis lum en

jo aperiret. Q u i statini iussis obtem perans, fratru m coenobia circuiuit, m andata uitae, quae agendo d id icerat, praedicauit.
4.

Q u in to d ecim o igitu r die ad m onasterium suum , peraeta

praed icatione, reuersus est, ibiqu e fratribu s conu ocatis adstans in m ed io sacram entum dom inici corpo ris et sanguinis
35 sum psit m o x q u e cum eis m ysticos psalm oru m cantus exorsu s

est. Q u i, illis psallentibus, orationi intentus anim am reddidit.


O m nes uero fratres, qui aderant, ex o re eius e x isse colum bam
uiderunt, q u ae m o x aperto tecto oratorii egressa, aspicientibus
fratribu s, p enetrauit caelum . C u iu s id c irco anim am in colum 40 b ae sp ecie app aru isse cred end u m est, ut om nipotens D eu s ex
h ac ip sa sp ecie osten deret ei u ir ille q u am sim plici co rd e seruisset.

12

D e egressu animae presbiteri Nursini


1.
Sed neque hoc sileam, quod uir uenerabilis abbas
Stephanus, qui non longe ante hoc in hac urbe defunctus est,

26. exemptum G H m blap) v: expletum m(ap) b exactum b(ap) jiX.r|pu>oev z I et


ante uicinum add. b z
41. ostenieril m I ei uir ille post corde trai, b z owto
vi|0 oOXewoev tirtS zi
12 ,3. hocC H m v: hoc lempus m(ap) b z bue uel hunc\tei om. m(ap)

DIALOGHI IV, 1 1 - 1 2

201

sua giusta misericordia. Perci, mentre opprim eva quel venerabi


le vecchio con le tenebre esteriori, non lo priv mai della luce in
teriore: flagellato nel corpo, la protezione dello Spirito Santo lo
consolava nel cuore.
3. D opo che era stato cieco p er quarantanni, il Signore gli re
stitu la vista e gli fece sapere che presto sarebbe morto. G li in
giunse di predicare la parola della vita nei monasteri circostanti:
una volta recuperata la luce esteriore, egli avrebbe dovuto aprire
alla luce interiore i cuori dei fratelli che andava in giro a visitare.
Q uello ubbid prontamente e and per i cenobi a predicare i pre
cetti di vita che egli aveva appreso praticamente mediante le sue
opere.
4. D opo quattordici giorni, com pletata la predicazione, torn al
monastero e l, riuniti i fratelli e stando in mezzo a loro, ricevette il
sacramento del corpo e del sangue del Signore, poi com inci a can
tare i salmi insieme con quelli. M entre cantavano e lui era intento
nella preghiera, rese l anima. Tutti i fratelli presenti videro uscire
dalla sua bocca una colomba che, sotto i loro occhi, se ne and su
bito attraverso il tetto delloratorio, che si apr, e arriv in cielo.
Crediam o che, facendo apparire la sua anima in form a di colomba,
Dio onnipotente abbia inteso mostrare in questo m odo con quanta
semplicit di cuore Speranza gli avesse prestato servizio.

12

L'uscita dal corpo dellanima d i un presbitero d i Norcia1


1.

Non intendo passare sotto silenzio neppure quello che il ve

nerabile abate Stefano, da te ben conosciuto e da poco defunto

202

D1AL0G0RVM IV, 1 2

quem ip se etiam b e n e nosti, in eadem p ro u in cia N u rsia e contis gisse referebat.


2. A ie b a t enim qu od illic p resb iter quidam conm issam sibi
cum m agno tim ore D o m in i regebat ecclesiam . Q u i e x tem pore
ord in is accepti presbiteram suam ut sororem diligens, sed q u a
si hostem cauens, ad se p ro p iu s acced ere num quam sinebat,

io

eam que sibim et p ro p in q u are nulla occasio n e perm ittens, ab ea


sibi com m unionem fund itu s fam iliaritatis absciderat. H ab en t
q u ip p e sancti uiri h o c p rop riu m : nam ut sem p er ab inlicitis
lo n ge sint, a se p leru m q u e edam licita abscid u nt. V n d e isdem
uir, ne quam p e r eam in cu rreret cu lpam , sibi etiam m in istrali

1 5 p er illam recu sab at necessaria.


3. H ic ergo uenerabilis presbiter, cum lon gam u itaein p lesset
aetatem , anno quad ragesim o ordinationis suae inardescente
grauiter feb re correptu s, ad extrem a d ed u ctu s est. S ed cum eum
p resb itera sua conspiceret, solutis iam m em bris, quasi in m orte
20 distensum , si q u o d adhuc ei uitale spiram en inesset, naribu s eius
ad po sita curauit aure dinoscere. Q u o d ille sentiens, cu i tenuissim us inerat flatus, quan tu lo adnisu ualuit ut lo q u i potuisset,
in feruescente spiritu collegit uocem atque eru p it, dicens: R e
ced e a m e, m ulier. A d h u c igniculus uiuit. P aleam tolle.
25

4. Illa ig itu r recedente, crescente uirtu te corp o ris cum m a


gn a coep it laetitia clam are, dicens: B e n e ueniunt d om ini m ei,
bene ueniunt d om ini m ei. Q u id ad tantillum seruulum uestrum estis dignati conu enire? V e n io , uenio. G ra tia s ago, gratias ago. C u m q u e h o c iterata c reb ro u o ce repeteret, quibus

30

h o c d iceret n oti sui qu i illum circum steterant requirebant.


Q u ib u s ille ad m iran d o respondit, dicens: N u m q u id conue-

4. ipse etiam G H m(ap) b: etiam ipse m v i


6. agebat G m (cf. 11, lin. 3) 8.
ordinis accepti H m b(ap) v: ordinationis accepti m(ap) ordinationis acceptae b 13.
abscindunt b abscidant uel abscedanl m(ap) I idem m(ap) b
14. quam m v: unquam H m(ap) in aliquam G m(ap) b 2
18. eo m
1f. in morte H m(ap) b:
morteG inmortemmv
20.distentumm(ip)b
16-7. ueniant...ueniantb

DIALOGHI IV, 1 2

203

nella nostra citt, riferiva essere accaduto in quella stessa provin


cia di Norcia.
2. Raccontava che col un certo presbitero dirigeva con gran
de timore del Signore la chiesa che gli era stata affidata. D a quan
do era stato ordinato, egli amava la sua consorte come una sorellama la temeva come una nemica, non le permetteva mai di acco- <
starglisi per nessun m otivo e aveva interrotto completamente ogni
rapporto di familiarit. Infatti i santi hanno questo di particolare,
che per tenersi lontani da ci che illecito, molte volte allontana
no da s anche ci che lecito. Perci questo presbitero, per non
incorrere a causa della donna in qualche peccato, rifiutava che es
sa gli prestasse anche le cure necessarie.
3. Arrivato in tarda et, dopo quarantanni dalla sua ordinazio
ne, il presbitero fu colto da febbre violenta e ridotto agli estremi.
Sua moglie, vedendolo con le membra ormai inerti, quasi irrigidi
to nella morte, accostando l orecchio alle sue narici, cercava di ca
pire se respirasse ancora. Q uello, animato ancora da un minimo
soffio di vita, se ne accorse e sforzandosi, per quanto poteva, di
parlare, infervorandosi il suo spirito vitale, con quel p o di voce
che riusc a emettere ingiunse: Lontano da me, donna. U na scin
tilla ancora in vita: allontana la paglia.
4. Mentre la donna si allontanava, il corpo riprendeva forza,
per cui egli tutto gioioso com inci a gridare: Benvenuti i miei si
gnori, benvenuti. Perch mai vi siete degnati di venire da questo
modestissimo vostro servo? V engo, vengo. G razie, grazie. Ripet
pi volte queste parole, e i conoscenti che gli stavano intorno gli
chiedevano a chi parlasse. Q uello in tono di sorpresa rispose:

204

D1ALOGORVM IV, 1 2 - 1 3

nisse h ic sanctos apostolos non u id etis? B eatu m P etru m et


P au lu m p rim os apostoloru m no n aspicitis?. A d q u os iterum
con u ersus d icebat: E c c e u enio, ecce uenio. A tq u e inter haec
js uerb a anim am red d id it, et qu ia ueraciter sanctos apostolos uiderit, eos ed am seq u en d o testatus est.
$. Q u o d p leru m q u e contingit iusds, ut in m orte sua sanctorum praeced entium uisiones accipian t, n e ipsam m ord s suae
poenalem sententiam p ertim escant, sed dum eoru m m enti in40 tern orum ciuium societas ostenditur, a carnis suae cop u la sine
d olo ris et form id in is fatigation e soluantur.

*3
D e anima Probi Reatinae ciuitatis episcopi
1. Q u a d e re n eq u e h o c sileam , q u o d P ro b u s om nipotentis
D e i fam ulus, qui n u n c in h ac u rb e m onasterio p raesto est, q u od
ap p ellatu r R enati, d e P ro b o p atru o su o, R eatin ae ciuitatis epi5 scop o, m ihi narrare consueuit, dicens q u ia, p rop in q u an te uitae
eius term ino, eum grauissim a d ep ressit aegritu d o. C u iu s pater,
nom ine M a x im u s, p u eris circu m q u aq u e transm issis, collegere
m ed icos studuit, si fortasse eius m olestiae su bu en ire potuisset.
S ed congregati e x uicinis locis u n d iq u e m ed ici ad tactum uenae
io d enuntiauerunt eius exitum citius adfuturum .
2. C u m uero iam tem pus refectionis in cu m beret atque diei
h ora tard ior excreu isset, uenerandus ep isco p u s, d e illorum
potius quam de sua salu te sollicitus, eos qu i ad erant adm onuit

32. W m (ap) I uidetis H m b v: indi sili C m<ap) (cf. OscDpeTe z)


35-6. uidert
H (ex corr.) m b v: -rei G H (ante corr.) m(ap) ftedoaxo
37. contingit H '
m(ap) b v. contigli m contiget G contegit m(ap) (cf. auppaivei z)
13, 3. praesto est G I I m v: praeest m(ap) b z
4. renati H b m v: -tutn b(ap) Qvn}5 z reme corr. remi G
5. propinquante I I m(p): adprop- G m b v
7.
collegere H m v: colligcre m(ap) b collegire G

/.

DIALOGHI IV, 1 2 - 1 }

20J

N on vedete che sono venuti qua i santi apostoli? N on vedete


Pietro e Paolo, i prim i degli apostoli?. E volgendosi nuovamente
a quelli ripeteva: Ecco, vengo, vengo. M entre parlava cos, rese
lanima, e conferm di aver visto veram ente i due apostoli, perch
and loro appresso.
5.

In effetti pi volte accade che i giusti nel morire abbiano la

visione cei santi che li hanno preceduti, perch non avvenga che
essi temano la morte come una punizione, e mentre alla loro
mente si presenta la com pagnia dei cittadini della citt spirituale,
essi vengono sciolti, senza l affanno del dolore e della paura,
dallunione con la carne.

13
Lanima d i Probo, vescovo della citt d i R ieti1
1. Su questo argomento non om etter neppure ci che era so
lito raccontarmi P robo, servo di D io onnipotente, che attualmen
te si trova a Roma, nel m onastero detto di Renato, riguardo a suo
zio, anchegli di nome Probo, che stato vescovo di Rieti. D iceva
che verso la fine della vita lo colse una grave malattia. Suo padre,
di nome Massimo, inviando per ogni dove i suoi servi si adoper
per riunire alcuni m edici, nella speranza che potessero soccorrere
il figlio in quel grave stato. M a i m edici, convenuti dalle localit
vicine, tastando il polso sentenziarono che presto sarebbe morto.
2. Q uando si era al momento di pranzare e si cominciava a far
tardi, il vescovo, sollecito pi della salute di quanti erano presenti

10 6

15

20

25

50

DIALOGORVM IV, 1 3 - 1 4

cum sene patre in superiores episcopii sui partes ascendere seque post laborem reficiendo reparare. Omnes igitur ascenderunt domum. Vnus ei tantummodo paruulus relictus est puer,
quem nunc quoque praedictus Probus adserit superesse.
3. Qui dum lecto iacentis adsisteret, subito aspexit intrantes ad uirum Dei quosdam uiros stolis candidis amictos, qui
eundem quoque candorem uestium uultuum suorum luce uincebant. Qua splendoris eorum claritate perculsus, quinam illi
essent emissa coepit uoce clamare. Qua uoce edam Probus
episcopus conmotus, intrantes eos aspexit et agnouit, atque
eundem stridentem uagientemque puerum consolari coepit,
dicens: Noli timere, quia ad me sanctus Iuuenalis et sanctus
Eleutherius martyres uenerunt.
4. Ille autem tantae uisionis nouitatem non ferens, cursu
concito extra fores fugit atque eos quos uiderat patri ac medicis
nundauit. Qui concite descenderunt, sed aegrum quem reliquerant iam defunctum inuenerunt, quia illi eum secum tulerant quorum uisionem puer ferre non potuit, qui hic remansit.

14

De transitu Gallae ancillae D ei

1.
Interea neque hoc silendum arbitrar, quod mihi persona
rum grauium atque fidelium est relatione conpertum. Gothorum namque temporibus Galla, huius urbis nobilissima puella,
s Symmachi consulis ac patricii filia, intra adolescentiae tempora

14. sene patre G H m b(ap) v: suo patre b suo patre sene m(ap) <5pa TO JtQEoPTOU
aTO JtaxQg z I superoris m b
19. amictus m
2 1. qua G m(ap) b: qui H
m b(ap) v I perculsus G H m(ap) b: -cussus m v
2}. intrantes eos G H m(ap) b:
eos intrantes m v (cf. eloEpxl*^vouS avrovg z) 25 .fili post timere add. b
28. conato G (ex corr.) H (ex corr.) m(ap) b v: -tu G (ante cotr.) H (ante coir.) m
14, 3. grauium atque-. ciuium b(ap)

DIALOGHI IV, 1 3 - 1 4

207

che della propria, li invit a salire al piano superiore dellepisco


pio insieme col vecchio padre, per rifocillarsi. Tutti salirono, la
sciando di sotto soltanto un giovinetto, che il suddetto Probo af
ferma essere tuttora in vita.
3. M entre questo giovane stava accanto al letto del malato,
d un tratto vide entrare presso l uom o di D io alcuni uomini in
bianche vesti, il cui candore era per superato dalla luminosit
dei volti. Il ragazzo, colpito da tutta questa luminosit, com inci a
chiedere a gran voce chi fossero. A queste parole anche il vescovo
Probo si scosse, li vide che erano entrati e li riconobbe; prese allo
ra a consolare il ragazzo che strillava e singhiozzava, dicendo:
N on temere, perch questi venuti da me sono i santi martiri G io
venale ed Eleuterio.
4. Il ragazzo non resse alla novit di una visione tanto im por
tante, e di corsa fugg fuori e com unic al padre di Probo e ai m e
dici quanto aveva visto. Q uelli scesero in fretta, ma trovarono or
mai defunto colui che avevano lasciato malato, perch se lo erano
portato via coloro la cui visione il ragazzo non era riuscito a soste
nere, dato che era destinato a restare ancora in vita.

Il transito di Galla, serva d i Dio


1.

In questo contesto ritengo anche di dovere far parola di

quanto sono venuto a sapere dal racconto di persone serie e atten


dibili. Al tempo dei G o ti G alla, nobile fanciulla della nostra citt, <
figlia del console e patrizio Simm aco, fu maritata quando era an-

20$

DIALOGORVM IV, 1 4

m arito tradita, in unius anni spatio eius est m orte uiduata.


Q uam d um , feruente m undi cop ia, ad iterandu m thalam um et
o p es et aetas uocaret, elegit m agis spiritalibu s nuptiis copulari
D e o , in q u ib u s a lu ctu in cipitu r sed ad gau d ia aetem a perueni10 tur, quam carn alibu s nuptiis su bici, q u ae a laetitia sem p er incip iunt et ad finem cum luctu tendunt.

2. H u ic autem cum u ald e ignea con sp arsio corp o ris inesset,


coeperu n t m ed ici d icere quia, nisi ad am p lexu s uiriles rediret,
calore nim io con tra naturam b arbas esset habitura; q u od ita
15 q u o q u e p ost factum est. S ed sancta m u lier nil exteriu s deform itatis tim uit, q u ae interioris sponsi speciem am auit, nec uerita est si h o c in illa fo ed aretu r q u o d a c a d e sti spo n so in ea non
am aretur.

3. M o x ergo ut d u s co n iu x d efu n ctu s est, abiecto saeculari


20 h abitu , ad om nipotentis D e i seruitium sese apu d b eati Petri
apo sto li e cd e sia m m onasterio tradidit, ib iq u e m ultis annis
sim plicitate cord is atque orationi d ed ita, larga indigentibu s
elem osinarum op era inpendit. C u m q u e om nipotens D eu s perennem iam m ercedem red d ere eiu s lab orib u s decreuisset,
25 cancri ulcere in m am illa p ercussa est. N o ctu rn o autem tem po
re ante lectum illius d u o can d elabra lu cere consueuerant, quia
uidelicet am ica lucis non solum spiritalis, sed etiam corporalis
tenebras o d io h abebat.

4. Q u a e d um no cte quadam e x h ac eadem iaceret infirm ita-

50

te fatigata, uidit beatum P etru m apostolu m inter u traque can


d elab ra ante suum lectulum constitisse. N e c perterrita tim uit,
sed e x am ore sum ens audaciam exu ltau it eiqu e dixit: Q u id
est, d om ine m eus? D im issa sunt m ihi p eccata m ea?. C u i ille,

8. uocarent m(ap) b
12. conspcrsio m(ap) b
1 5. exterioris b
19. eius
coniux H m v z: eius maritus b eius uir G m(ap) coniunx eius m(ap)
22. simpli
citate cordis G H ni: -tati cordis b v simplici corde b(ap) (cf. v xav.i <j xctQiag
xai Jiipvoi Jtpoceux z)
16. eius b
27. spiritalis... corporalis G H (ante
corr.) m: spiritales... corporales H (ex corr.) m(ap) b v
ji . lectum b I consistentem b b(mirra z
} j. meus: mi b

D IALO GH I IV,

14

209

cora giovinetta e nel giro di un anno rimase vedova. A nche se, da


ta labbondanza di beni materiali, let e le ricchezze la sollecitas
sero a risposarsi, essa prefer unirsi con D io in nozze spirituali,
nelle quali si comincia col cordoglio m a si arriva alla gioia eterna,
piuttosto che sottoporsi a nozze carnali, che cominciano con la
gioia ma terminano con il dolore.
2. D ato per che il suo temperamento era molto ardente, i me
dici le dissero che, se non tornava a unirsi con un uomo, a causa
delleccessivo ardore le sarebbe cresciuta, contro natura, la barba,
il che effettivamente avvenne. M a la santa donna non pavent la
bruttezza esteriore, in quanto amava la bellezza del suo sposo in
teriore, n ebbe timore che in lei fosse sfigurato ci che non era
oggetto dellamore dello sposo celeste.
3. Perci, subito dopo che il marito mor, gettata via la veste
secolare, si consacr al servizio di D io onnipotente nel monastero
che sta vicino alla chiesa di san Pietro apostolo, e col per molti
anni si dedic con semplicit di cuore alla preghiera, mentre d i
stribuiva ingenti elemosine agli indigenti. Q uando D io onnipo
tente decise di darle per questa sua attivit la ricompensa eterna,
tu colpita da un cancro alla mammella. Di notte, davanti al suo
letto cerano di solito due candelabri accesi, perch G alla, amante
della luce, aborriva non solo le tenebre spirituali ma anche quelle
materiali.
4. Una notte, mentre giaceva oppressa dalla sua infermit, vide
san Pietro che si era fermato davanti al suo letto tra i due candela
bri. Non si spavent, ma fatta audace dallamore esult e gli disse:
Che c, mio signore? Sono stati rimessi i miei peccati?. E quel-

2 10

DJALO GO RVM IV,

1 4 -1 5

benign issim i ut est uultus, inclinato capite annuit, dicens: D i-

3j

m issa. V en i. S e d qu ia quandam sanctim onialem fem inam in


eodem m onasterio p rae ceteris diligebat, d ico G a lla subiun xit:
R o g o ut so ro r B en ed icta m ecum ueniat. C u i ille respondit:
N o n , sed illa talis ueniat tecum . H a e c uero, quam petis, d ie te
erit trigesim o secutura. H is igitur exp letis, uisio apostoli

40

adsistentis et conloquentis ablata est.


5.

A t illa p rotinu s cunctae congregationis adsciu it m atrem

eiqu e q u id uid erit q u id u e au d ierit indicauit. T e rtio autem die


cum ea, quae iussa fu erat, so ro re d efu n cta est. Illa u ero, quam
ipsa p op oscerat, d ie est trigesim o subsecuta. Q u o d factum
45 nunc usque in eodem m onasterio m an et m em orab ile, sicqu e
h oc a p raeced en tibu s m atribus traditum narrare illic subtiliter
solent iuueniores, q u ae n u n c sunt, sanctim oniales uirgines, ac
si ilio in tem pore h u ic tam gran di m iracu lo et ip sae adfuissent.

15

De transitu Seruuli paralytici


1.

S ed inter h aec sciendu m est q u ia saep e anim abus exeun-

tibus electorum d u lced o solet lau d es caelestes eru m pere ut,


dum illam liben ter audiunt, d issolution em cam is ab anim a
s sentire m inim e perm ittantur.
z. V n d e in om eliis q u oqu e euangelii iam narrasse m e m em ini
q u o d in ea p ortico, quae euntibus ad ecclesiam beati Clem entis
est p ern ia, fuit quidam , Seru u lu s nom ine, cuius te q u o q u e non
am b igo m em inisse. Q u i quidem p au p er rebus sed m eritis diues

38. te om. m(ap) b


40. ei ante ablata add. b (trf) add. z
41. ast m I ad
sciuit H m v : asciati m(ap) aculi m(ap) b arciuit G
47. iuueniores H m v: iuniores G m(ap) b
i{, 3. dulces solent b(ap) I laudes caelestes G H m(ap) b(ap): laudis caelestis m b v
(cf. Bonnet, p. 121)
4. illam H m(ap) b: illa G m v Mas b(ap) T O liT O u z I dissolutione m
7. porticu m(ap) b

D IALO GH I IV,

1 4 - lS

2 11

lo in atteggiamento benevolo annu inclinando il capo: T i sono


stati rimessi. Vieni. M a G alla, che nel m onastero aveva cara una
monaca pi delle altre, soggiunse: T i prego di far venire anche
sorella Benedetta. M a san Pietro rispose: N o. M a ora con te
verr questaltra. C olei che tu richiedi seguir tra trenta giorni.
C i detto, svan la visione dellapostolo che le stava vicino e le
parlava.
5.

Subito G alla m and a chiamare la badessa della comunit e

le rifer ci che aveva visto e udito. T re giorni dopo m or con la


consorella che lapostolo aveva indicato. L a monaca che era stata
richiesta segu dopo trenta giorni. Questo fatto viene ricordato fi
no a oggi nel monastero, e le m onache pi giovani tuttora lo rac
contano dettagliatamente, come lo hanno appreso dalle monache
che le hanno precedute, quasi che esse stesse in quel tem po aves
sero assistito a un m iracolo tanto strepitoso.

15
II transito d el paralitico Servolo 1
1. Bisogna inoltre sapere che pi volte, quando le anime degli
eletti escono dai corpi, si sentono dolci canti di lodi celesti, in m o
do che il morente, mentre li ascolta con diletto, non percepisca af
fatto il distacco della carne dallanima.
2. A questo proposito mi ricordo di aver gi raccontato nelle
omelie sui vangeli che nel portico che conduce alla chiesa di san
Clemente cera un tale, di nome Servolo, del quale sono sicuro
che anche tu ti rammenti. Povero di beni materiali, era ricco di

2 12

D IALO GO RVM IV, / ;

io erat, quem longa aegritudo dissoluerat; nam ex qu o illum scire


potuim us usque ad finem uitae paralyticu s iacebat. Q u id dicam
quia stare non poterat, qui num quam in lecto suo surgere uel ad
sedendum ualebat, num quam m anum suam ad os d ucere, num
quam se potuit in latus aliud declin are?
15

3. H u ic ad seruiendum m ater cum fratre aderat, et quicquid e x elem osina potuisset accipere, h oc eoru m m anibus
p au p erib u s erogabat. N eq u aq u am litteras nouerat, sed scripturae sacrae sibim et codices em erat, et religiosos qu osqu e in
h ospitalitate suscipiens, hos coram se legete stu d iose faciebat.

20 F actu m q u e est ut iu xta m odum suum p ien e sacram scripturam disceret, cum , sicut d ix i, litteras funditus ignoraret. Stud eb at in d olo re sem p er gratias agere, hym nis D e i et lau d ib u s
d iebus ac n o ctibu s uacare.
4. Sed c u m ia m t e m p u s e s s e t u t tanta eius patientia rem u25 nerari d e b u is s e t , m e m b r o r u m d o lo r a d uitalia rediit. C u m q u e

se iam m orti p ro xim u m agnouit, p eregrin o s u iros atque in


h ospitalitate susceptos adm onuit ut su rgeren t et cum e o psalm os p r expectation e exitu s sui decantarent. C u m q u e cum eis
et ipse m oriens psalleret, uoces psallentium repente conpes30 cuit cum terrore m agni d a m o ris, dicens: T acete. N u m q u id

non auditis quan tae resonant lau d es in c a d o ? . E t dum ad


easdem laudes, quas intus audierat, aurem cordis intenderet,
sancta illa anim a carne soluta est.
5. Q u a scilicet exeu nte, tanta illic flagran tia od o ris aspersa
35 est, ut om nes illic qui aderant inaestim abili suauitate repleren-

tur, ita ut p e r h o c paten ter agnoscerent q u o d eam laudes in

12. suo om. b


14. in: ad h
19. hospitalitate G m v : -lem H m(ap) b tqc;
iragoixiav z I studiose legete b z
22. semper in dolore b z I deo b om. m(ap)
16. agnouisset b
27. hospitalitatem m(ap) b Jtpg t |EVoftoxi)oai z
2S.
exitus sui H m(ap) b: exitus G m v tf|; oi' Tf]5 4 >ux*S ato z
31. resonani m v: -nent G H m(ap) b
32. intenderti m 14. flagrantia G H m: fragranlia b v fraglantia m(ap) (= lin. 40) I adsparsa m
35. illic qui G: illi qui H m
v qui illic b z qui m(ap)
36. cognoscerent b

DIALOGHI IV,

1}

213

meriti, e una lunga malattia lo aveva privato delluso degli arti. In


tatti da quando lo abbiam o conosciuto fino alla m orte stato a
letto paralizzato. Che dire del fatto che non poteva reggersi in pie
di? Addirittura non poteva alzarsi dal letto per mettersi a sedere,
non poteva accostare la mano alla bocca, non poteva spostarsi da
un fianco allaltro.
3. G li prestavano assistenza la m adre e un fratello, e tutto ci
che riceveva in elemosina, tramite le loro mani lo distribuiva ai
poveri. N on aveva studiato, ma si era com prato i codici della sa
cra Scrittura e, quando riceveva la visita di qualche religioso, lo
pregava insistentemente di leggerglieli. Perci a m odo suo aveva
imparato tutta la Scrittura, anche se - com e ho detto - era del tut
to illetterato. Anche tra i dolori era zelante nel rendimento di gra
zie e passava giorno e notte a cantare inni e lodi a Dio.
4. Ma era ormai giunto il tem po che questa sua grande capa
cit di sopportare meritasse di essere premiata, e allora i dolori
degli arti si diffusero agli organi vitali. Q uando cap di essere
prossimo a morire, esort i pellegrini e quanti aveva accolto com e
ospiti ad alzarsi in piedi e a cantare insieme con lui i salmi, nellat
tesa della fine. M entre in fin di vita cantava i salmi con loro, d un
tratto li fece tacere con un grido che provoc grande spavento:
State zitti. Non sentite quante lodi risuonano in cielo?. E men
tre tendeva lorecchio del cuore alle lodi che aveva udito dentro
di s, quella santa anima si liber della carne.
5. Mentre essa se ne andava, si diffuse l un tale profum o che
tutti i presenti furono pervasi dal suo aroma, e cos com presero
chiaramente che quelle lodi lavevano accolta in cielo. F u presente

DIALOGORVM IV,

214

lf-16

caelo suscepissent. C u i rei m onachus no ster interfu it qui nunc


usque uiuit et cum m agno fletu adtestari solet q u ia, q u ou squ e
corp u s eius sep ultu rae traderent, ab eoru m n arib u s od o ris il40 liu s flagrantia non recessit.

16

De transitu Romulae ancillae D ei


1.

In eisdem qu oq u e om eliis rem narrasse m e recolo, cui

Speciosus conp resbiter m eus, qui h anc nouerat, m e narrante


adtestatus est. E o nam que tem pore q u o m onasterium pedi,
1 anus quaedam , R edem pta nom ine, in sanctim oniali habitu constituta, in u rb e h ac iu x ta beatae M ariae sem p er uirginis ecclesiam m anebat. H a e c illius H eru n d in is d iscip u la fuerat, quae
m agnis uirtutibus pollens su p er P raenestinos m ontes uitam
herem iticam d u xisse ferebatur.
io

2. H u ic autem R edem ptae d u ae in eodem habitu d iscip u lae


aderant: una nom ine R o m u la et altera q u ae n u nc ad hu c superest, quam quidem facie scio sed nom in e nescio. T re s itaque
h aec in u n o h abitacu lo conm anentes, m oru m q u id em diuitiis
plenam sed tam en rebus pau p erem uitam du cebant. H a e c au-

1 ? tem quam praefatus sum R o m u la aliam quam p ra ed ix i condiscipulam suam m agnis uitae m eritis anteibat. E ra t q u ip p e m irae
patiendae, sum m ae oboedientiae, custos oris sui ad silentium ,
studiosa uald e ad continuae orationis usum .
3.

20

Sed quia p leru m q u e hii, q u os iam p erfecto s hom ines aes-

tim ant, ad h u c in oculis sum m i op ificis aliqu id inperfectionis


h abent - sicut saep e inperiti hom ines necdu m p e rfe tte sculpta
sigilla consp icim us et iam quasi p e rfe tta lau d am u s, quae ta-

16, 2. rn 'G H n i b(ap) v: cuius m(ap) ijuam b


12. nomen m 2
13. haec G
H m v: hae b hac m(ap)
16-7. mirae patientiae G H m(ap) b: patientiae mirae
m v axpag ltopov^g xai vitaxofig 2
19. hi H m(ap) b

D IALO GHI IV,

IJ-l6

215

a questo fatto un nostro m onaco che ancora in vita ed solito


confermare, tra le lacrime, che quel profum o non svan fin tanto
che il corpo di Servolo non fu seppellito.

16

II transito della serva d i Dio Romola


1. Ricordo di aver raccontato in quelle stesse om elie un fatto
che viene confermato da Specioso, mio collega nel sacerdozio, il
quale ne aveva avuto conoscenza. A l tem po in cui entrai in m ona
stero, una vecchia di nome Redenta, che indossava l abito m ona
stico, dimorava nella nostra citt presso la chiesa della beata M a
ria Vergine. E ra stata discepola di quella Rondine che, dotata di
grandi virt, si diceva che avesse praticato vita eremitica sui m on
ti Prenestini.
2. Redenta aveva due discepole, che avevano abbracciato lo
stesso genere di vita religiosa, una di nome Rom ola e l'altra che
ancora in vita, e che conosco di vista ma ne ignoro il nome. Tutte
e tre risiedevano nello stesso alloggio e vivevano ricche di buoni
costumi ma povere di beni materiali. Q uella che ho detto chia
marsi Romola precedeva l altra per grandi meriti. E ra paziente e
obbediente in massimo grado, sapeva conservare il silenzio, atten
deva continuamente alla preghiera.
3. M a spesso accade che coloro i quali sono considerati perfet
ti dagli uomini, abbiano qualche im perfezione al cospetto di D io,
cos come spesso, da incompetenti quali siamo, a vedere una sta
tuetta non ancora perfettam ente rifinita, l apprezziamo com e ope-

n 6

DIALO GO RVM IV,

16

m en ad h u c artifex considerai et lim at, lau d ari iam audit et tam en ea tu n dere m eliorando non d esinit - , h aec quam prae

d ixim u s R o m u la ea, quam graeco u o cab u lo m edici paralysin


uocant, m olestia corp o ris p ercussa est, m ultisque annis in lectulo d ecu ban s p aene om ni iacebat m em bro ru m o fficio destituta. N e c tam en h aec eadem eius m entem ad inpatientiam flagel
la p erd u xeran t. N am ipsa ei d etrim enta m em brorum facta

jo fueran t increm enta uirtutum , quia tanto sollicitius ad usum


orationis excreu erat, quanto et aliud q u od lib et agere nequaquam ualebat.
4. N o c te igitur quadam eandem R edem ptam quam praefatus sum , quae utrasque d iscip u las suas filiarum lo co nutriebat,
3s uocauit dicens: M ater, ueni. M ater, ueni. Q u ae m ox cum
alia eius con d iscip u la su rrexit, sicut utrisque referentibus et
m ultis res eadem claruit, et ego q u oq u e in eodem tem pore
agnoui.
5. C u m q u e noctis m edio lectu lo iacentis adsisterent, subito
40 caelitus lu x em issa om ne illius eellulae spatium inpleuit et
sp le n d o r tantae claritatis em icuit, ut co rd a adsistentium inaestim abili p au o re perstrin geret atque, ut p ost ip sae referebant,
om n e in eis co rp u s ob rigesceret et in su b ito stu p ore rem anerent. C o ep it nam que quasi cuiusdam m agnae m ultitudinis in45 gred ientis sonitus au d iri, ostium eellu lae concu ti ac si ingredientium tu rba prem eretu r, atque, ut d iceban t, intrantium
m ultitudinem sentiebant, sed nim ietate tim oris et lum inis uid ere non p oterant, qu ia earum oculos et p au o r d epresserat et
ipsa tanti lum inis claritas reuerberabat. Q uam lucem protinus
io m iri est od o ris flagrantia subsecuta, ita ut earum anim um , quia
lu x em issa terruerat, od o ris suauitas refoueret.

33-4.fatus m
37. in om. b
39. ledo ni
45. ostiumque b 2
48. ea
rum G m(ap) b v: eorum H m
49-50. protinus... subsecuta: suauissimus odor secutus est b(ap)
50. flagrantia m: fragrantia b v fraglantia m(ap) (= lin. 38) I
quem b

D IALO GHI IV,

16

ni ben riuscita, mentre invece lautore non smette di tornarci so


pra e di perfezionarla: apprezza, s, le lodi che riceve, eppure con
tinua a rifinire la sua opera per renderla pi bella. P er tornare a
noi, Romola fu colpita dalla malattia che con nome greco i medici
chiamano paralisi, e per m olti anni giacque a letto priva quasi
completamente delluso degli arti. M a questo malanno non ebbe
leffetto di suscitare in lei l'insofferenza: anzi, il detrimento fisico
nc aveva incrementato le virt, perch era tanto pi sollecita nel
pregare quanto pi non le riusciva di fare qualcosaltro.
4. Una notte chiam Redenta che, come ho detto, educava le
due discepole quasi fossero sue figlie: Vieni, m adre, vieni. Su b i
to quella si alz con laltra discepola, e ci che avvenne in seguito
c stato riferito da am bedue le donne e in molti lhanno appreso; lo
appresi allora anchio.
5. A mezzanotte, mentre esse stavano al capezzale della m ala
ta, improvvisamente una luce proveniente dal cielo pervase tutto <
lo spazio della piccola cella e la illumin a punto tale che il cuore
delle due donne si gel p er il grande spavento e - come dissero in
seguito - tutto il loro corpo si irrigid ed esse rimasero impietrite
per il subitaneo stupore. Com inci a sentirsi com e il brusio di una
grande rolla che entrava e la porta della cella fu sbattuta com e se
quella folla entrando facesse pressione. L e due donne dicevano di
aver sentito entrare quella m oltitudine ma per leccesso sia di spa
vento sia di luce non avevano potuto vedere di pi, perch la p au
ra aveva fatto abbassare loro gli occhi e il riflesso di tanta luce le
accecava. A lla luce fece subito seguito laroma di un meraviglioso
profumo che port sollievo alle loro anime, terrorizzate dalla luce.

DIALOGORVM IV,

218

16 -17

6. S e d cum uim claritatis illius fe rre non possint, coepit eadem R o m u la adsistentem et trem entem R edem ptam suorum
m orum m agistram blan d a u o ce consolari, dicens: N o li time55 re, m ater. N o n m orio r m odo. C u m q u e h o c creb ro diceret,
p aulatim lu x quae fuerat em issa su btracta est, sed is qu i subsecutus est o d o r rem ansit sicqu e d ies secu nd u s et tertius transiit,
ut aspersa flagrantia od o ris m aneret.
7. N o c te ig itu r quarta eandem m agistram suam iterum uoo cauit. Q u a ueniente, uiaticum petiit et accepit. N ecd u m uero
eadem R ed em p ta uel alia eiu s d iscip u la a lectu lo iacentis abscesserant, et ecce subito in platea ante eiusdem cellulae ostium
d u o ch ori p sallentium constiterunt, et sicut se d iceban t sexus
e x u o cib u s discreuisse, psalm od iae cantus d icebant uiri et fe65 m inae respond ebant. C u m q u e ante fores cellulae exh iberen tu r
caelestis exsequ iae, sancta illa anim a carn e soluta est. Q u a ad
caelum ded ucta, quanto ch ori psallentium altius ascendebant,
tanto coepit psalm odia lenius audiri, q u ou squ e et eiusdem
psalm od iae sonitus et od o ris suauitas elongata finiretur.

17

De
1.

tra n s ito

Tarsillae sa cra e

u ir g in is

N on n u m q u am uero in consolatione egredientis anim ae

ip se app arere solet au cto r ac retrib u tor uitae. V n d e et h oc


qu od d e T arsilla amita m ea in om eliis euangelii d ixisse m e res colo, replicabo. Q u ae inter duas alias sorores suas uirtute continuae orationis, grauitate uitae, singularitate abstinentiae ad
culm en sanctitatis excreu erat. H u ic p er uisionem F e lix atauus

52. passim G H (ante coir.) m: -seni H (ex corr.) m(ap) b v


60. et om. H
m(ap)
61. Uh ante^/w add. b
66. caelestis G m: -Ics H m(ap) b v
67.
deducta H m(ap): ducta G m b v
68. leuius m

DIALOGHI IV, 1 6 - 1 7

219

6. Poich non potevano sopportare l intensit della luce, fu


proprio Romola che prese a confortare con dolci parole Redenta,
la sua maestra spirituale, che stava l tutta tremante: N on teme
re, madre, non m orir proprio ora. Ripet pi volte queste paro
le e a poco a poco la luce si attenu, ma rimase il profum o che
laveva seguita, e cos passarono il secondo e il terzo giorno, senza
che quel profum o svanisse.
7. La quarta notte Rom ola chiam di nuovo la maestra. A l suo
arrivo chiese e ricevette il viatico. Poi, mentre Redenta e l altra di
scepola non si erano ancora allontanate dal letto, ecco che nello
spazio antistante la cella si ferm arono due cori di salmodiami. L e
due donne dicevano di averli distinti per sesso in base al timbro
delle voci: gli uomini cantavano i salmi e le donne rispondevano.
Mentre davanti alla cella venivano celebrate queste esequie cele
sti, quella santa anima si sciolse dalla carne; e mentre veniva con
dotta in cielo, quanto pi in alto salivano i cori dei salm odiam i,
tanto pi fievole si udiva il canto finch, continuando i due cori
ad allontanarsi, svanirono suono e profum o.

17
I l transito della vergine consacrata Tarsilla1
1.

Talvolta poi, a consolazione dellanima che esce dal corpo,

appare proprio colui che ha creato la vita e la premia. A tal p ro


posito ripeter ci che ho gi detto nelle omelie sui vangeli riguar
do a mia zia Tarsilla. T ra due altre sorelle essa per la continua pre
ghiera, limpegno della vita, lastinenza non comune era arrivata al
vertice della santit. A lei apparve in visione il mio antenato Feli-

220

DIALOGORVM IV,

17-18

m eus, huius R om anae ecclesiae antistes, apparu it eiqu e mansionem p erpetuae claritatis ostendit, dicens: V e n i, quia in hac
io te m ansione Iucis su scipio.
2. Q u a e subseq u enti m o x feb re correpta ad diem p eruenit
extrem u m , et sicut n obilibu s fem inis uirisque m orientibus
m ulti conueniunt, qui eoru m p roxim o s consolentur, eadem
h ora e x itu s ipsius m ulti u iri ac fem inae eius lectulum circum 15 steterunt. C u m subito sursum illa respiciens Iesu m uenientem
uidit, et cum m agna anim adu ersione coepit circum stantibus
clam are, dicens: R eced ite, recedite. Iesu s uenit. C u m qu e in
eum intenderet quem uid ebat, sancta illa anim a est e corp o re
egressa, tantaque subito flagrantia m iri odoris aspersa est, ut
20 ip sa q u o q u e suauitas cunctis osten deret illic auctorem suauitatis uenisse.
3. C u m q u e co rp u s eius e x m ore m ortuorum ad lauandum
esset nudatum , longae orationis usu in cubitis eius et genibus
cam elorum m ore inuenta est o b d u rata cutis excreu isse, et quid
25 uiuens eius spiritus sem p er egerit, caro m ortua testabatur.

18

De transito Musae puellae


1.

S ed nequ e h o c sileo q u od p raed ictu s P ro b u s D e i fam u-

lus d e sorore sua, M u sa nom ine, p u ella p aru a narrare consueuit, dicens q u od quadam nocte ei p er uisionem sancta D ei
s g e n itrix u irgo M aria app aru it atq u e coaeuas ei in albis uesti-

bus puellas ostendit. Q u ib u s cum illa adm isceri ad peteret sed


sese eis iun gere non auderet, beatae M ariae sem p er uirginis est

17, io. mansione iucis G mv: iucis mansione H b (cf. Tf| |jovf| toO (piot; 2)
15. iila sursum m(ap) b z

19. flagrantia m: fragrantia b v fraglantia m(ap)

20. ostenderit m
23. longo b
18,5. semper ante uirgo add. b 2
7. sese m v: se G H b ! auderit m Isemper om. b

DIALXXHI IV,

17 -18

221

ce, che era stato vescovo della citt di Rom a, e le m ostr la dim o
ra della luce perfetta dicendo: Vieni. Io ti accolgo in questa d i
mora.
2. Subito dopo si ammal e arriv in fin di vita. D ato che
quando muoiono donne e uomini di nobile fam iglia, molti sono
soliti assistere per consolare i parenti, quando Tarsilla stava per
morire, intorno al suo letto erano convenuti in molti, e uomini e
donne. D un tratto essa volse lo sguardo in alto e vide G es che
veniva; allora in tono di rim provero com inci ad alzare la voce,
dicendo ai circostanti: Allontanatevi, allontanatevi. Viene G e
s. Mentre fissava lo sguardo in colui che vedeva, quella santa
anima usc dal corpo e fu subito cosparsa dallaroma di un m era
viglioso profum o, la cui fragranza indicava a tutti che col era ve
nuto lautore della vita.
3. Quando la spogliarono p er lavare il corpo, com e si usa fare
ai defunti, si constat che ai gomiti e ai ginocchi per la pratica del
la diuturna orazione la pelle era diventata dura come quella dei
cammelli: in questo m odo la carne orm ai morta attestava che cosa
in vita aveva sempre fatto il suo spirito.

18

I l transito della giovane Musa


1.

Non passer sotto silenzio neppure ci che il servo di D io

P robo, che ho gi ricordato, soleva raccontare di una sua sorella


molto giovane, di nome M usa. D iceva che una notte le era appar
sa in visione la vergine M aria, m adre di D io, e le aveva m ostrato
alcune giovani della sua stessa et in bianche vesti. M usa desidera
va unirsi a loro, ma non osava. A llora la vergine M aria le chiese se

22 2

DIALOGORVM IV,

l8

u o ce requisita an ueilit cum eis esse atque in eius ob seq u io


uiuere. C u i cum p u ella eadem diceret: V o lo , ab ea m an da
lo tum protinus accepit, ut n il ultra leue et pu ellare ageret, a risu

et iocis abstineret, sciens p e r om nia q u o d inter easdem uirgines, quas uiderat, ad eius ob seq u iu m d ie trigesim o ueniret.

2.

Q u ib u s uisis, in cunctis suis m oribu s puella m utata est

om nem que a se leuitatem puellaris uitae m agna grauitatis de15 tersit m anu. C u m q u e eam parentes eius m utatam esse m irarentur, requisita rem retulit, q u id sibi beata D e i gen itrix iusserit uel quo d ie itura esset ad ob seq u iu m eius indicauit.

3.

C u m p ost uicesim um et quintum diem feb re correpta

est. D ie autem trigesim o, cum hora eius exitu s propinqu asset,


20 eandem beatam genitricem D e i cum puellis, quas p er uisionem uiderat, ad se uenire con sp exit. C u i se etiam u ocanti resp o n d e re coepit, et depressis reu erenter oculis aperta u o ce cla
m are: E c ce , dom ina, uenio. E c c e , dom ina, uenio. In qua
etiam u o ce spiritim i red d id it et e x u irgineo corp o re habitatura
25 cum sanctis uirginibus exiuit.

4. PETRVS. C u m

hum anum genus m ultis atq u e innum eris ui-

tiis sit subiectum , H ieru salem caelestis m axim am partem ex


p aruulis uel infantibus arb itro r p osse conpleri.

8. ueilit G H m: uelit b uellet m(ap) v (cf. OA.T] 2)


io. et ante a risu add. b
14. magnaem(apb
17. quo die H m(ap): quod G qua die m b v
18. tuncb\
et om. b
19. propinquasset G H m(ap) b: adpropin- m v
20. dei genitricem
m(ap) b
24. habitatura H m b v : babitura m(p) abituro G m(ap) b(ap) (cf.
XaTXT)OEz)

DIALOGHI IV, i S

223

volesse vivere con loro, al suo servizio. L a fanciulla rispose: L o


voglio. A llora la Vergine le im pose di non com portarsi pi con
leggerezza giovanile, di astenersi dal riso e dal gioco, e le fece sa
pere che sarebbe entrata a suo servizio, insieme con quelle vergini
che aveva visto, di l a trenta giorni.
2. D opo che ebbe questa visione, la fanciulla m odific com
pletamente il suo m odo di vita e con grande impegno rimosse da
s ogni leggerezza fanciullesca. I genitori si meravigliarono del
cambiamento ed essa, richiesta, rifer il fatto, dicendo che cosa le
avesse imposto la m adre di D io, e indic il giorno in cui sarebbe
entrata a suo servizio.
3. D opo venticinque giorni si ammal. Il trentesimo giorno, ap
prossimandosi il m omento della morte, M usa vide venire a s la
madre di D io con le fanciulle della precedente visione. A M aria che
la chiamava rispose con gli occhi chini a terra e a gran voce: Ecco,
signora, vengo, ecco, signora, vengo. M entre diceva cos, rese lo
spirito e usc dal suo corpo verginale per andare a stare con quelle
sante vergini.

4. PIETRO. D ato

che gli uomini sono soggetti a innumerevoli

vizi, ritengo che in gran parte la Gerusalem m e celeste sia abitata


da bambini e da infanti.

2 Z4

DIALOGORVM IV,

19

19
Quod quibusdam paruulis regni caelestis aditus
a parentibus clauditur cum ab eis male nutriuntur,
et de puero blasphemo

1.

GRECORTVS.

E tsi om nes baptizatos infantes atque in ea-

5 dem infam ia m orientes ingredi regnum c a d e ste credendum


est, om nes tam en paruulos, qu i scilicet iam loq u i possunt, re
gna c a d e stia ingredi credendum non est, quia nonnullis p ar
uulis eiusdem regni caelestis aditus a parentibus clauditur, si
m ale nutriantur.
io

2. N am quidam uir cunctis in hac urb e notissim us ante


triennium filium habuit annorum , sicut arb itrar, quinque.
Q uem nim is cam aliter diligens, rem isse nutriebat, atque isdem
p aru u lu s, q u od dictu graue est, in o x eius anim o aliquid obstitisset, m aiestatem D e i blasph em are consueuerat. Q u i in hac

1 s ante triennium m ortalitate p ercussus, uenit ad m ortem .


3. C u m q u e eum suus p ater in sinum teneret, sicut hii testati
sunt qui p raesentes fu eru nt, m alignos ad se u enisse spiritus
trem entibus oculis p u er aspiciens, co ep it clam are: O b sta , p a
ter. O b sta, pater. Q u i clam ans d eclin ab at faciem , ut se ab eis
20 in sinu patris absconderet. Q u em cum ille trem entem requireret q u id uid eret, p u er ad iu n xit, dicens: M a u ri hom ines uenerunt, q u i m e to llere u olunt. Q u i cum h o c dixisset, m aiestatis
nom en p rotinus blasph em au it et anim am reddidit.
4. V t enim om nipotens D eu s osten deret p r qu o reatu tali25 b u s esset exsecuto rib u s traditus, unde uiuentem pater suus nolu it corrigere, h oc m orientem perm isit iterare, ut qui diu p er
diuinitatis patientiam blasph em us u ixerat qu an doqu e p er diui-

*9 5- caelorum ucl caelestem m(ap)


12. idem m(ap) b
13. dieta m(ap) I
graue: nefas b(ap) 1 max G ni v: mox ut li m(ap) b mox cum b(ap)
14. urbe
pose bue fidcl. b
16. sinum G H m v: sinu m(ap) b z I hi H mUp) b
21. r
derti m
24. reato m

DIAIjOGHI IV, 19

225

19
Laccesso al regno d ei cieli precluso ad alcuni bambini
dai loro genitori, perch li educano male.
Il bambino che bestemmiava
1. GREGORTO. Anche se bisogna credere che tutti i bambini <
molto piccoli che m uoiono dopo essere stati battezzati entrino nel
regno dei cieli, non dobbiam o ritenere che vi entrino tutti i barninni in et di parola, perch ad alcuni di loro lingresso al regno
dei cieli viene precluso dai loro stessi genitori, in quanto vengono
da costoro male educati.
2. Un uomo conosciuto da tutti nella nostra citt tre anni fa
aveva un figlio che ritengo avesse allora cinque anni. L o amava in
modo troppo carnale, lo educava senza severit, e il bam bino -
doloroso anche solo a dirsi - , quando qualcosa lo contrariava, be
stemmiava la maest di D io. T re anni fa, colpito dalla peste, venne
in fin di vita.
3. Mentre il padre Io teneva in braccio, il bam bino, secondo
quanto hanno attestato i presenti, vedendo venire a s gli spiriti
maligni, tutto tremante com inci a gridare: Ferm ali, padre, fer
mali. E nel gridare volgeva la faccia per nascondersi dagli spiriti,
rifugiandosi nel petto del padre. Questi, vedendolo tremante, gli
domand che cosa vedesse, e il bam bino soggiunse: Sono venuti
dei mori, che mi vogliono portare via. C i detto, bestemmi an
cora una volta la maest divina e rese lanima.
4. D io onnipotente, per rendere manifesto a causa di quali
peccati il bam bino fosse stato consegnato a tali carnefici, dato che
il padre non lo aveva voluto correggere quando era in vita, perm i
se che egli bestemmiasse anche in punto di morte. L a pazienza di
vina aveva permesso che il bestemm iatore vivesse per un certo

22 6

DIALOGORVM IV, I9 -2 Q

nitatis iud icium blasph em aret et m oreretu r, quatenus reatum


suum p ater eius agnosceret, qu i p aru u li filii anim am neglegens,
jo non p aru u lu m peccato rem gehenn ae ign ib u s nutrisset.
5.

S e d interim h oc triste sepon entes, ad ea quae narrare

coeperam laeta redeam us.

20

De transitu Stephani sem i D ei


1. P ra e d icto etenim P ro b o aliisque religiosis uiris narrantibus agnoui ea quae indicare audientibus d e uenerabili patre
Steph an o in om eliis euangelii curaui. F u it etenim uir, sicut

isdem P ro b u s et m ulti alii testantur, nihil in h oc m u nd o possidens, nihil quaerens, solam cum D e o p au p ertatem diligens, in
ter aduersa sem p er patientiam am plecten s, conu entus saecularium fugiens, u acare sem p er orationi concupiscens. D e quo
unum uirtutis bonu m refero, ut e x h o c u no ualeant eius m ulta

io pensari.
2. Is n am que cum qu od am d ie m essem , q u am sua m anu
seruerat, decisam ad aream d ed u xisset nih ilq u e aliud cum discipulis suis ad totius anni stipend iu m haberet, quidam peruersae uoluntatis uir, antiqui hostis stim ulis instigatus, eandem
15 m essem igni su b p osito, ita u t erat in area, incendit. Q u o d fa c
tum dum alter aspiceret, eid em D e i fam u lo cucurrit et nundauit. Q u o d postquam ind icau it, ad iu n xit dicens: V ae, uae,
p ater S teph an e, q u id tib i con d git? . C u i statim , uultu ac men-

29. fitti om. m


31. seponentes m b v: reponentes G m(ap) dep- H exp- m(ap)
32. coeperamus b I (dell b(ap)
20,4. enim m(ap) b
5. idem m(ap) b isdem G
6. requrens m(ap) b I solum mz(ap)
8. uacare G m(ap) b v: -ri H m (cf. crxoXd^eiv 2)
11. quadatn
m(ap) b
12. seruerat G H m v: seuerat b seminauerat rm(ap)
15. igni G H
m: igne m(ap) b v
16. conspiceretb
18. quid H m(ap) b z: quod G m v quo
m(ap)

DIALOGHI IV, 1 9 - 2 0

**7

tempo, ma poi per giudizio di D io era morto dopo aver ancora


bestemmiato, affinch il padre riconoscesse la propria colpa. In
fatti aveva trascurato di educare l anima del piccolo figlio e cos
aveva allevato per il fuoco della geenna un bam bino che, com e
peccatore, non era certo piccolo.
5.

M a lasciam o da parte queste tristezze e torniamo ai gioiosi

racconti di prima.

20

II transito del servo d i Dio Stefano


1. Dal racconto di P ro b o, di cui ho gi fatto cenno, e di altri
religiosi ho appreso lepisodio che nelle omelie sul vangelo ho fat
to conoscere ai miei ascoltatori riguardo al venerabile padre Stefa
no. Infatti P robo e m olti altri attestano che egli nulla possedeva in
questo mondo, nulla ricercava, amava soltanto D io e la povert,
era sempre quanto mai paziente nelle avversit, fuggiva il contatto
con gli uomini del m ondo, attendeva sem pre alla preghiera. Della
sua virt riferisco soltanto un esem pio, perch da questo solo fat
to si possano valutare i m olti altri.
2. Un certo giorno, dopo la mietitura aveva portato sullaia il
raccolto del grano che aveva a suo tem po seminato di sua m ano, e
non aveva altro per vivere tutto l anno, lui e i suoi discepoli. M a
un malvagio, istigato dallantico avversario, appicc il fuoco al
raccolto, cos come stava sullaia, e lo fece bruciare. U no che si ac
corse di ci che accadeva, corse dal servo di D io e glielo rifer, e
dopo aggiunse: C h e guaio, padre Stefano, ti capitato!. E quel-

228

D1ALOGORVM IV, 20-21

te p lacid a, ille respondit: V a e q u od illi contigit, qui h oc fecit.


20 N am m ihi quid contigit?.
3. In quibus eius u erbis osten ditu r in qu o uirtutis culm ine
sed ebat, qui unum quod in sum ptum m u nd i habuerat tam secu ra p erd eb at m ente, m agisqu e illi d oleb at qu i peccatum conm iserat quam sibi qui peccati illius dam na tolerabat, nec pen25 sabat quid ipse exteriu s, sed cu lpae reus quantum p erdebat
intus.
4. H u n c itaque cum dies m ortis egred i e c o rp o re urgueret,
conuenerunt m ulti, ut tam sanctae anim ae d e h oc m undo rece
den ti suas anim as conm endarent. C u m q u e lecto illius hi qui
30 conu enerant om nes adsisterent, alii ingredientes angelos uiderunt sed dicere aliquid nullo m od o potuerunt, alii om nino nihil
uid erunt sed om nes qu i aderant ita uehem entissim us tim or p erculit, ut nullus, egred iente illa sancta anim a, illic stare potuisset.
E t hi e rg o qui uiderant et hi qu i om nino nil uiderant, u no om 35 nes tim ore p erculsi et territi fu geru nt, ut palam daretu r intellegi
q u ae uis esset quae illam egredientem anim am susciperet, cuius
egressum nem o m ortalium fe r ie potuisset.

21

Quod aliquando animae meritum non in ipso


suo egressu ostenditur et postmodum declaratur
S ed inter h aec sciendu m est qu ia aliq u an do anim ae m eri
tum non in ip so su o egressu osten ditu r, post m ortem u ero cer-

quod G H (ante c o rr .) in v: quid H (ex c o rr .) m(ap) z quidcrn m(ap) om. m(ap)


22. sumptum H m(ap) v: -tu m -lo G -tus m(ap) b -tos m(ap) (cf. eie itoTQot()r|v z) I mundi: anni b(ap)
23 . condolebat b
27. f H m v t i J f G b
29. hii G
30. omnes G H m(ap) b V z: ornili; m nms m(ap) I ingredientis m
32. omnes H m(ap) b v z: omnis m oms G m(ap)
34. hii ( 1 . 2) G
36. quae
uis H m v: quis G quanta uis m(ap) quae et quanta uis b
2x, 4. in om. m(ap) I suo om. m(ap)
19.
b

DIALOGHI IV, 2 0 - 2 1

12 9

lo, sereno il volto, tranquillamente gli rispose: Il guaio capitato


a chi ha fatto tutto questo. A m e infatti che cosa capitato?.
3. D a queste parole risulta evidente lalto grado di virt rag
giunto da chi perdeva con tanta tranquillit lunica risorsa che
aveva nel m ondo, e si doleva per colui che aveva commesso il p ec
cato piuttosto che per s che ne subiva il danno, e non valutava
mnto questo danno esteriore quanto quello interiore che subiva il
colpevole.
4. N el giorno in cui Stefano stava per m orire, vennero in molti
per raccomandare la propria anima a quellanima santa che si al
lontanava dal mondo. M entre tutti i convenuti stavano intorno al
Ietto, alcuni di loro videro entrare gli angeli ma non riuscirono ad
articolare parola, altri non videro niente, m a un fortissimo timore
invase tutti i presenti, tale che nessuno di loro pot restare col,
mentre quellanima santa usciva dal corpo. Sia quelli che avevano
visto sia quelli che non avevano visto niente, atterriti tutti allo
stesso m odo se ne scapparono: fu dato cos di com prendere quale
potenza avesse ricevuto lanim a che usciva dal corpo, dal m om en
to che nessun mortale aveva potuto sopportare limpressione p ro
vocata da questa dipartita.

21

A volte il merito dellanima non appare a l momento


delluscita dal corpo ma si manifesta in seguito
M a a questo proposito bisogna sapere che talvolta il m erito
dellanima non viene posto in evidenza al m omento della morte,

230

DIALOGORVM IV,

21 - 2J

5 tius declaratur. V n d e et sancti m artyres ab infidelibus crudelia


m ulta p erpessi sunt, qui tam en, ut p raed ixim u s, ad ossa sua
m ortua signis cotidie et m iraculis clarescunt.

22

De duobus monachis Valentionis abbatis


1. V itae nam que uenerabilis V alentio, qui post in hac R o
m ana u rb e m ihi, sicut nosti, m eo qu e m onasterio praefuit,
p riu s in V aleriae p rou in cia suum m onasterium rexit. In quo
5 dum L a n g o b a rd i saeuientes uenissent, sicut eius narratione d i
dici, d uos eius m onachos in ram is unius arboris suspenderunt.
Q ui suspensi eodem die d efu ncti sunt. F a cto autem uespere,
utrorum que eorum spiritus claris illic apertisqu e u ocibu s psallere coeperu nt, ita ut ipsi q u oq u e q u i eos o ccid eran t, cum uoio ces psallentium audirent, nim ium m irati terrerentur.
2. Q u a s uidelicet u oces captiu i q u o q u e om nes, qu i illic aderant, audierunt atque eoru m p salm od iae p ostm odum testes
extiterunt. Sed has u oces spirituum om nipotens D eu s id circo
p ertingere uoluit ad aures corp o ru m , ut u iu entes q u iqu e in
15 carn e discerent quia, si D e o seru ire studeant, p ost carnem uerius uiuant.

23
De transitu Surani abbatis
i.

Q u ib u sd am religiosis q u o q u e uiris adtestantibus, adhuc

in m onasterio positus agnoui q u o d h o c L an go b ard o ru m tem-

7. clamami m
22, 2. uitae... oslendil (24, lin. 7) accedi) w i ualentio G H m b v w : ualentius m(ap)
b(ap) z ualentmus b(ap) w(ap)
4. ualeria m(ap) w(ap)
11. uocis m
15. cartiera G H m b(ap) v w: camis mortem b z

DIALOGHI IV,

21-2J

*31

ma si manifesta con chiarezza soltanto qualche tempo dopo. P er


questo a suo tempo i santi m artiri hanno patito m olto e crudel
mente a opera dei pagani, ma essi oggi, com e ho detto, si illustra
no quotidianamente con segni e m iracoli grazie alle loro ossa.

22

Due monaci d ellabate Valenzione


1. Valenzione, di venerabile condotta di vita, che qui a Rom a,
come ben sai, stato abate m io e del mio monastero, in preceden
za aveva diretto un suo monastero nella provincia di Valeria. C o
me ho appreso dal suo racconto, quando i Lon gobardi invasero il
monastero mettendolo a sacco, im piccarono due suoi m onaci ai
rami di un albero. G li im piccati m orirono in quello stesso giorno.
A sera i loro spiriti com inciarono a salm odiare l con voce alta e
chiara, cos che anche i carnefici, a sentire le voci, furono presi da
stupore e timore.
2. Udirono le voci anche tutti i prigionieri che stavano l e in
seguito testimoniarono in merito a quella salmodia. D io onnipo
tente volle che le voci di questi spiriti fossero percepite dalle orec
chie del corpo perch coloro che vivevano nella carne apprendes
sero che, adoperandosi al servizio di Dio, dopo la morte carnale
avrebbero vissuto una vita pi vera.

23

Il transito dellabate Sorano1


1. Quando stavo ancora nel monastero, dalla testimonianza di
alcuni religiosi appresi che al tem po dei Longobardi nel territorio

*3*

DIALOGORVM IV, 2 3 - 2 4

p o t iu x ta in h ac p rou in cia q u ae S u ra nom inatu r quidam m o5 nasterii p ater uitae uenerabilis Su ran u s nom in e fu erit, qui captiuis ad uenien tibu s atque a L a n g o b a rd o ru m dep raed atio n e fugien tibus

cuncta, q u ae in

m onasterio

u id eb atu r habere,

largitus est. C u m q u e in elem osinis uestim enta sua ac fratrum


om nia et cellarium consum psisset, q u icq u id h abere in h orto
io potuit expen d it.
1.

E x p e n sis uero rebus om nibu s, L a n g o b a rd i ad eum su b i

to uenerunt, eum que tenuerunt et aurum p etere coeperu nt.


Q u ib u s cum ille diceret se om n im o do nil h abere, in uicino
m onte ab eis ductus est, in qu o silua inm ensae m agnitudinis
15 stabat. Ib i captiuus quidam fugiens in caua arb o re latebat. V b i
unus e x Lan go b ard is, edu cto glad io, p raed ictu m uenerabilem
occidit uirum . C u iu s c o rp o re in terra cadente, m ons om nis
p rotinus et silua concussa est, ac si se ferre non posse pond u s
sanctitatis eius d iceret terra, quae trem uisset.

*4
De transito diaconi ecclesiae Marsorum
1. A liu s q u o q u e in M arsoru m p ro u in cia uitae uald e uenerbilis diaconus fuit, quem inu entum L a n g o b a rd i tenuerunt.
Q u o ru m unus, ed u cto glad io, capu t eiu s am putauit, sed cum
5 co rp u s eius in terram caderet, ip se qui h u n c capite truncauerat, in m un d o spiritu correptu s, ad p ed es eius corruit, et qu od
am icum D e i occid erit, inim ico D e i traditus, ostendit.
2. PETRVS. Q u id est h oc, q u aeso te, q u o d om nipotens D eu s
sic perm ittit m ori, qu os tam en p ost m ortem cuius sanctitatis
io fu erin t no n p atitur celari?

13 , 4. iuxta batte prouinciam m(ap)


7. haberi m(ap)
13. omnino m(ap)
17 .in terra G m w(ap): in terram H m(ap) b v w (cf. v r f j y j j j i e o v x o s z )
14, 5. in terram H m b v w :/# terra G m(ap) w(ap) (cf. elg tf|v yf|v jieoev

z)

DIALOGHI IV, 2 3 - 2 4

233

di Sora viveva un abate di venerabile condotta di vita, di nome


Sorano, il quale aveva dato in dono tutto ci che stava nel m ona
stero ad alcuni prigionieri dei Longobardi che erano evasi. Dette
loro in elemosina i suoi vestiti, quelli dei m onaci e quanto aveva il
dispensiere, e distribu anche quanto pot raccogliere nellorto.
2.

Q uando tutte le risorse del m onastero furono esaurite, im

provvisamente si presentarono i Longobardi, lo presero e gli chie


sero delloro. Poich diceva di non averne, lo condussero su un
monte l vicino, sul quale sorgeva una grande foresta, dove un
prigioniero che era fuggito si era nascosto in un albero cavo. L ,
snudata la spada, uno dei Lon gobardi uccise quelluom o venera
bile. Mentre il corpo cadeva a terra, tutto il monte e la selva subi
rono una forte scossa, quasi che la terra, tremando, volesse dire di
non poter sopportare il peso della santit di Sorano.

*4

I l transito d i un diacono della chiesa dei Marsi1


1. Anche un altro, che nella provincia dei M arsi conduceva da
diacono una vita venerabile, fu trovato e catturato dai L on gobar
di. Uno di costoro con la spada gli tagli la testa, ma mentre il
corpo cadeva a terra, colui che lo aveva decapitato, afferrato da
uno spirito immondo, cadde ai suoi piedi e, consegnato al nemico
di Din, dimostr che aveva ucciso un amico di Dio.

2. PIETRO. Perch

mai, ti chiedo, D io onnipotente permette

che muoiano in questo m odo coloro la cui santit egli non p er


mette che resti nascosta dopo la morte?

*34

DIALOGORVM IV, 2 4 - 2 }

GREGORTVS.

C u m scriptum sit: Iu stu s quacum que m orte

p ra eu en tu s fu e rit, iu stitia eiu s non a u feretu r ab eo, electi, qui


p ro cu l d u b io ad p erpetu am uitam tendunt, q u id eis ob est, si
ad m od icum d u re m oriu ntu r? E t est fortasse nonnum quam
15 eoru m cu lpa, licet m inim a, quae in eadem d eb eat m orte rese
cari.
3.

V n d e fit ut rep rob i potestatem quidem contra uiuentes

accipian t, sed illis m orientibu s h oc in eis grauius uindicetur,


quod contra bonos potestatem suae crudelitatis acceperunt;
20 sicut isdem ca m ife x , qui eundem uenerabilem diaconem uiuentem ferire perm issus est, gau d ere su p e r m ortuum perm issus non est. Q u o d sacra q u o q u e testantur eloquia.

2S

De morte u h i D ei qui missus Bethelfuerat


1. N am uir D e i contra Sam ariam m issus, q u ia p er inoboed ientiam in itinere com edit, h u n c le o in eod em itinere occidit,
sed statim scriptum est qu ia stetit leo iu x ta asinum et
5

medit leo de cadauere.

non co-

E x q u a re osten ditu r q u o d peccatum

in oboed ien tiae in ipsa fu erit m orte laxatu m , quia isdem leo,
quem uiuentem p raesum psit o ccid ere, contingere non praesum psit occisum . Q u i enim occid en d i ausum habuit, d e occisi
cad au ere com edend i licentiam n on accep it, quia is qu i culpa10 bilis in uita fuerat, p unita in o bo ed ien tia erat iam iustus e x
m orte. L e o ergo, qui priu s p eccato ris uitam necauerat, custodiuit postm od um cadau er iusti.
2. PETRVS. P lacet qu od dicis. Sed nosse uelim si nunc ante

12. preoccupati!s m(ap)


15. lieti m
20. idem m(ap) b I diaconem G m v:
-um b diacono H m(ap)
20-1. uiuente m(ap)
25, 5. leo om. m(ap) b 2
6. relaxatum m(ap) I idem m(ap) b
13. uelim m b
v: uellim m(ap) uellem G H m(ap) dX.w z

DIALOGHI IV, 2 4 - 2 }

235

GREGORIO. D ato che scritto: A nche se i l giusto m orir prem a


turamente, qualunque ne sia il m odo non sar privato della sua giu
stizia, quale danno patiscono gli eletti, che aspirano alla vita eter
na, se sul momento m uoiono crudelmente? Forse perch a volte
hanno commesso qualche leggero peccato, che la m orte provvede
a eliminare.
3.

Per questo si d il caso che i malvagi abbiano potere sugli

eletti quando sono in vita, ma allorch m uoiono vengono puniti


pi duramente, perch hanno agito con crudelt contro i buoni.
Cos, mentre fu permesso a quel carnefice di colpire il diacono
quando era in vita, non gli fu permesso di gioire sul morto. L o at
testano le parole della Scrittura.

2S

La morte d i un uomo d i Dio, che era stato inviato


a Bethel
1. Infatti un uomo di D io che era stato inviato contro Samaria,
poich disobbed e m angi lungo la via fu ucciso da un leone, ma
nella Scrittura si legge che il leone si ferm vicino allasino e non
m angi il cadavere. Q uesto dim ostra che il peccato di disobbe
dienza fia espiato con la morte, perch il leone non esit a uccide
re quelluom o da vivo m a non os toccarlo da morto. A chi aveva
osato uccidere non fu accordata la facolt di mangiare il cadavere,
perch chi era stato peccatore in vita, una volta punita la disobbe
dienza, era stato reso giusto dalla morte. Perci il leone, che pri
ma aveva ucciso quello che era incorso nel peccato, successiva
mente ne custod il cadavere perch era stato un uom o giusto.
2. PIETRO. Sono d accordo su ci che dici. M a vorrei sapere se

2 4 ,11. Sap. 4,7 (Ez. 18, 20)


*5, 4. 3Rcg. 13, 28

236

DIALOGORVM IV,

2} - 2

restitutionem corpo ru m in caelo recip i ualeant anim ae ius15 torum .

2 6

S i ante restitutionem corporum recipiantur


in caelo animae iustorum

1. GREGORIVS.

H o c n equ e d e om nibu s iustis fateri possu-

m us neque de om nibus negare. N a m sunt q uoru ndam ius5 torum anim ae, quae a c a d e sti regno q uibusdam ad hu c marn
sionibus d ifferuntu r. In q u o dilationis dam no quid aliud
inn uitur, nisi q u od de p erfecta iustitia aliquid m inus habuerunt? E t tam en lu ce clarius constat quia p erfectoru m iustorum
anim ae, in o x h uius cam is claustra exeu n t, in caelestibus sediio bus recipiuntur. Q u o d et ip sa p er se ueritas adtestatur, dicens:
V bicum que fu e r it corpus, illu e congregabuntur a q u ila e, qu ia u b i
ip se red em p tor est corp o re, illue p ro cu l d u b io collegu ntu r et
anim ae iustorum .
2. E t P a u lu s d isso lu i d esiderat et cum C h risto esse. Q u i er15 go C h ristu m esse in caelo n o n d u bitat, n ec P a u li anim am esse
in c a d o negat. Q u i etiam d e d issolu tion e sui co rp o ris atque
inh abitatione p atriae caelestis dicit: Scim u s qu on iam s i terrestris dom us nostra h u iu s b a b ita tio n is dissolu atu r, q u o d aedificatio n em habem us e x D eo, dom um n o n m anufactam s e d aeter10 nam in caelis.
j.

PETRVS.

S i ig itu r m ine in caelo sunt anim ae iustorum ,

1 6,9. mox G m(ap): mox ut H m b v 2 mox cum m(ap) (cf. 19, Un. 13)
11 .e t
ante aquilae add. m(ap) b
12. redemptor m v: redemptor noster G H m(ap) b z
I et om. G b (iustorum animae) 14. desiderat om. G m(ap) (cf. itefhipei z)
15.in caelo esse m(ap) b
16.de dissolutione H m(ap) b: dissolutione! G m(ap)
b(ap) de solulione m v (cf.
Siataiaeuig z) I cupiens post corporis add. b(ap) I
atque deb
17. inhabitatione H m b v: -nem G m(ap) b(ap)
19-20. sed aeternam m b v: aeternam G H m(ap) z (= Gr. Vnlg.)

DIALOGHI IV,

2 f-2

2J 7

le anime dei giusti possono essere accolte in ciclo prima della ri


surrezione dei morti.

16

Se le anime dei giusti siano accolte in cielo prima


della risurrezione dei morti
1. GREGORIO. Non possiamo affermarlo di tutti i giusti, ma
neppure negarlo. Le anime di alcuni giusti, infatti, sono separate
dal regno dei cieli e trattenute in altre dimore. Ma questa dilazio
ne dolorosa che cosaltro indica, se non che manc loro qualcosa
quanto alla perfetta giustizia? In effetti pi che evidente che le
anime perfettamente giuste, appena si separano dal corpo, sono
accolte nelle sedi celesti. Lo attesta proprio la Verit: Dovunque
sar stato il corpo, l si raduneranno le aquile , perch dove il Re
dentore col suo corpo, l per certo si radunano le anime dei giusti.
2. Inoltre, Paolo desidera morire ed essere con Cristo: chi per
ci non dubita che Cristo sia in cielo, non pu non affermare che
anche lanima di Paolo sia in cielo. Del resto, ancora Paolo affer
ma a proposito della dissoluzione del proprio corpo e della dimo
ra nella patria celeste: Sappiamo che, se questa nostra abitazione
terrena viene dissolta, abbiamo la dimora presso Dio, unabitazione
non fatta da mano d uomo, ma eterna in cielo.
3. PIETRO. Ma se ora le anime dei giusti sono in cielo, che cosa

2 6 ,11. Eu. Matth. 24, 28

14. Ep. Phil. 1, 23

7. 2 Ep. Cor. 5,1

238

DIALOGORVM IV,

26 -27

quid est quod in die iudicii pr iustitiae suae retributione recipiant?


GREGORIVS. Hoc eis nimirum crescit in iudicio, quod nunc
25 animarum sola, postmodum uero etiam corporum beatitudine
perfruuntur, ut in ipsa quoque carne gaudeant in qua dolores
pr Domino cruciatusque pertulerunt. Pro hac quippe gemi
nata eorum gloria scriptum est: In terra sua duplicia posside-

bunt.

30

4. Hinc etiam ante resurrectionis diem de sanctorum animabus scriptum est: D atae sunt illis singulae stolae albae, et
dictum est illis ut requiescerent tem pus adhuc modicum, donec
conpleatur num erus conseruorum et fratrum eorum . Qui itaque

nunc singulas acceperunt, binas in iudicio stolas habituri sunt,

35 quia modo animarum tantummodo, tunc autem animarum si


mili et corporum gloria laetabuntur.
5.
PETRVS. Adsentio. Sed uellim scire quonam modo agitur
quod plerumque morientes multa praedicunt.

27
Quibus modis morientes aliqua praedicant et de morte
Cumquodei aduocati et de reuelatione
Gerontii ac M elliti monachi et de morte pueri Arm entarii
et diuersitate linguarum
5

1. GREGORIVS. Ipsa aliquando animarum uis subtilitate sua


aliquid praeuidet, aliquando autem exiturae de corpore animae per reuelationem uentura cognoscunt, aliquando uero,

30. b in e G II m(ap) b v: butte m torno z


33. conpleatur H m(ap): inpleatur G
m bv
37. uellim H (ante corr.) m: uellem G H (ex corr.) uelim m(ap) b v
$ku> z
27, 6. praeuidet G m(ap) b v: dit H m (recte pr praeuidet?) npolleojpotiot z

DIALOGHI IV, 2 6 - 2 7

239

vuol dire che nel giorno del giudizio finale saranno ricompensate
per la loro giustizia?
GREGORIO. La loro crescita nel giudizio sta nel fatto che ora
solo lanima gode della felicit, mentre allora ne godr anche il
corpo, in modo che godano anche nella carne coloro che in essa
hanno sopportato dolori e tormenti per il Signore. Riguardo a
questa loro gloria raddoppiata scritto: Nella loro terra possiede

ranno ii doppio.
4. E ancora, delle anime dei santi prima della risurrezione sta
scritto: Furono date a ognuno d i loro vesti bianche e fu detto loro di

riposare ancora un p o , fin tanto che si completi il numero dei loro


fratelli e compagni d i servizio. Perci coloro che ora hanno ricevu
to una veste per uno, nel giudizio ne avranno due per uno, perch
ora si allietano soltanto della gloria deHanima, allora si allieteran
no della gloria dellanima e del corpo.

5. PIETRO. Sono daccordo. Ma a questo punto vorrei sapere


perch pi volte avviene che nel momento della morte molti fan
no predizioni.

27
In che modo coloro che stanno per morire fanno
predizioni. Morte d ellavvocato Cumquodeus e rivelazione
dei monaci Geronzio e M ellito. Morte dello schiavo
Armentario e diversit d i lingue
1.

GREGORIO. A volte la capacit dellanima tanto penetrante

da prevedere qualcosa; altre volte nel momento di uscire dal cor


p o le anime conoscono il futuro per rivelazione; in altri casi, infi-

28. Is. 61, 7

31. Apoc. 6, 1

240

io

15

20

25

jo

DIAL0 G0 RVM IV, 27

dum iam iuxta fit ut corpus deserant, diuinitus afflatae in secretis caelestibus incorporeum oculum mentis mittunt.
z. Nam quia uis animae aliquando subtilitate sua ea quae
sunt uentura cognoscit, patet ex eo quod Cumquodeus aduocatus, qui in hac urbe ante biduum lateris dolore defunctus
est, ante paululum quam moreretur, uocauit puerum, parare
sibi uestimenta ad procedendum iussit. Quem dum puer quasi
insanire cemeret eiusque minime praeceptis oboediret, surrexit, uestimento se induit et per uiam Appiam ad beati Syxti
ecclesiam se esse processurum dixit.
3. Cumque post modicum, ingrauescente molestia, esset
defunctus, deliberatum fuerat ut apud beatum Ianuarium
martyrem Praenestina uia eius corpus poni debuisset. Sed quia
longum hoc his qui funus eius curauerant uisum est, repente
orto consilio exeuntes cum eius funere per uiam Appiam nescientesque ille quid dixerat, in ipsa eum ecclesia quam praedixerat posuerunt. Et cum eundem uirum curis saecularibus
obligatum lucrisque terrenis inhiantem fuisse nouerimus, unde hoc praedicere potuit, nisi quia id quod futurum erat eius
corpori ipsa uis animae ac subtilitas praeuidebat?
4. Quod autem saepe edam reuelationibus agitur ut a morituris futura praesciantur, ex his collegere possumus quae nos
gesta in monasteriis scimus. In monasterio etenim meo, qui
dam frater ante decennium Gerontius dicebatur, qui cum
graui molestia corporis fuisset depressus, in uisione noctuma
albatos uiros et clari omnimodo habitus in hoc ipsum monas-

S./iVG H m v: sii m(ap) b est m(ap)


io. quia-, quod b
n . cumquodeus m
b(ap) v z: -deos H m(ap) cumquoddam G quidam m(ap) b alii alia
1 2. biennium
m(ap) b(ap)
13. ante paululum G m(ap) vz: sed ante paululum H m paululum
ante b I suum post puerum add. b z I parare G H m v: -ri m(ap) pararique m(ap) b
(cf. TQituiai z)
21. curauerant G H m(ap) b v: -runt m(ap) portauerant m
-runt b(ap) ra(ap) -turi erant m(ap)
23. ille quid H m(ap): quid ille m b v ille G
m(ap)
33. dare m
33-4. ipso monasterio m(ap) v xi (iovaon|yiu) gtoeMlvras z

DIALOGHI IV,

27

241

ne, quando si avvicina il m omento della separazione dal corpo,


divinamente ispirate esse indirizzano l incorporeo occhio della
mente fin dentro i recessi del cielo.
2. Che talvolta le anime conoscano le cose future grazie alla lo
ro capacit di penetrazione, chiaro da ci che segue. L avvocato
Cum quodeus, che m orto di pleurite nella nostra citt due giorni
fa, poco prim a di m orire chiam un servo e gli disse di preparargli
il vestito per uscire. Il servo pens che il padrone sragionasse e
non gli prest ascolto. A llora quello si alz, si vest da solo e disse
che si sarebbe recato p er la via A p p ia nella chiesa di san Sisto.
3. Poco tempo dopo, p er laggravarsi della malattia egli m or e
fu deciso di seppellirne il corpo presso il beato m artire G ennaro,
lungo la via Prenestina. M a questo luogo era lontano: perci gli
organizzatori del funerale cam biarono idea sul momento e, usciti
di citt col corteo funebre lungo la via A ppia, pur ignorando
quello che egli aveva detto due giorni prima di m orire, lo seppelli
rono proprio nella chiesa che egli aveva allora indicato. D ato che
lo abbiamo conosciuto attivo negli affari del m ondo e attento al
guadagno materiale, come ha potuto fare questa predizione se
non perch la capacit di penetrazione dellanima prevedeva ci
che sarebbe capitato al corpo?
4. Quanto alle rivelazioni circa la conoscenza del futuro fatte
da chi era sul punto di m orire, lo deduciam o da ci che sappiamo
essere accaduto in alcuni monasteri. N el m io m onastero circa d ie
ci anni fa c era un m onaco di nome G eronzio, che, mentre era o p
presso da una grave malattia, in una visione che ebbe di notte vide
degli uomini in bianche vesti e di aspetto lum inoso che dallalto

li,!

D1AL0C0RVM IV, 2 J

terium d escen d ere d e su p eriorib u s aspexit. Q u i dum coram


35 lecto iacentis adsisterent, unu s eoru m d ixit: A d h o c uenim us,
ut d e m onasterio G re g o rii q uosdam fratres in m ilitiam m ittam us, atque alteri p raecip ien s ad iu n xit: S c rib e M arcellum
V alentinianum A gn ellu m atque alios quoru m n u n c m inim e
reco rd o r. Q u ib u s expletis, ad didit dicens: S c rib e et h u nc
4 ipsum q u i nos aspicit.
5. E x qua uisione certus red d itu s, p raed ictu s frater facto
m ane innotuit fratribu s qu i et qui essent e x eadem cella m ori
turi, q uos se etiam denuntiauit esse secuturum . C um d ie alio
p raed icti fratres m ori coeperu nt, atque sub eodem ordine se in
45 m orte secuti sunt, quo fueran t in d escription e nom inati. A d
extrem um uero et ip se obiit, qui eosdem fratres m orituros
praeuidit.
6. In ea q uoque m ortalitate quae ante triennium hanc urbem uehem entissim a clade uastauit, in Portu ensis ciuitatis m o50 nasterio M ellitus dictus est m onach u s, ad hu c in annis iuuenalib u s constitutus sed m irae sim plicitatis atque hum ilitatis uir,
qui ad p ro p in qu an te uocation is d ie eadem clad e p ercu ssu s ad
e xtrem a d eductus est. Q u o d u ir uitae uenerabilis F e lix eiusdem ciuitatis episco pu s audiens, cuius et h aec relatione co55 gn o u i, a d eum acced ere studuit, et ne m ortem tim ere debuisset u erbis h unc persuasoriis confortare. C u i etiam ad hu c d e
d iu in a m isericordia lon gio ra u itae spatia p olliceri coepit.
7. S ed ad h aec ille respo n d it cu rsu s sui tem pora esse conp lcta, d icens app aru isse sibi iuu enem atq u e epistolas detulisse,
60 d icentem : A p e ri et lege. Q u ib u s apertis, asseruit quia se et
om nes qui eodem tem po re a p raed icto ep isco p o in pasch ali
festiuitate fueran t baptizati, scrip tos in eisdem epistolis litteris
aureis inuenit. P rim u m q u id em , u t d iceb at, suum nom en rep-

38.

nunc o m .

4 2 . in breui p o s t essent a d d . b
5 0 - 1 . iuuenalibm G
iuuenil- H ( e x c o rc .) m (a p ) b
5 3 . uitae-, uirtute m (a p )
6 3 . inuenisset b

m (a p )

(a n te c o r r .) m v :
pollicere m (a p )

H
57 .

D IALO GH I IV, 2 7

*43

scendevano nel monastero. Si fermarono davanti al letto del mala


to e uno di loro disse: Siam o venuti per arruolare nellesercito al
cuni fratelli del monastero di G regorio e, rivolgendosi a un altro,
soggiunse: Scrivi: M arcello Valentiniano A gnello e i nomi di al
tri che ora non ricordo. C i detto, aggiunse: Scrivi anche il nome
di questo che ora ci sta osservando.
5. Fatto certo da questa visione, la mattina dopo G eronzio co
munic ai fratelli i nomi dei monaci di quel m onastero che sareb
bero morti, e disse che anche lui li avrebbe seguiti. Il giorno dopo
quei fratelli com inciarono a m orire, e seguirono uno dopo laltro
nellordine in cui erano stati nominati. Ultimo mor anche G e ro n
zio, che aveva previsto la m orte dei fratelli.
6. Mentre tre anni fa la pestilenza devastava la nostra citt, nel
monastero della citt di Porto cera un monaco di nome M ellito,
ancora giovane ma di ammirevole semplicit e umilt il quale, ap
prossimandosi il giorno della sua chiamata, fu colpito dalla peste
e ridotto agli estremi. A vendolo saputo, il venerabile Febee, ve
scovo della citt, dal cui racconto ho appreso questo fatto, venne
da lui e si dette a confortarlo con parole di incoraggiamento, per
ch non lo prendesse il timore della morte; lo assicur anche che
la divina provvidenza gli avrebbe permesso di vivere pi a lungo.
7. M a quello gli rispose che il tem po della sua vita si era com
pletato. Infatti gli era apparso un giovane che portava una lettera,
e gli aveva detto: A pri e leggi. A perta la lettera, disse che v i era
no scritti in lettere d oro i nomi suo e di tutti coloro che insieme
con lui erano stati battezzati nella festivit di Pasqua dal vescovo.
Disse che il suo nome era il prim o dellelenco e seguivano quelli

244

D ALO G O R V M IV,

27

p erit, a c deinde om nium ilio in tem po re baptizatorum . Q u a d e


5 re certum tenuit et se et illos d e h ac uita esse su b celeritate migraturos.
8. Factu m q u e est ut d ie eadem ip se m oreretur, atque post
eum cuncti illi q u i baptizati fu eran t ita secuti sunt, ut intra
p au co s d ies eoru m nullus in h a c uita rem aneret. D e q u ibu s ni70

m irum constat q u o d eos p raed ictu s D ei fam u lu s id circo auro


scrip tos uiderat, q u ia eorum nom ina a p u d se fx a aetem a d a ritas h abebat.
9. S icu t itaque hi reuelationibus p otuerunt uentura cognoscere, ita nonnum quam egressu rae anim ae possunt etiam m ys-

7j teria caelestia non p e r som nium , sed uigilando praelibare.


A m m onium n am qu e m onasteri m ei m onachum bene nosti.
Q u i dum esset in saeculari h abitu constitutus, V aleriani huius
urb is aduocati naturalem filiam in con iu gio sortitus, eius obsequiis sedule atque incessanter ad haerebat et qu aequ e in eius
80 d om o agebantur nouerat.
10 . Q u i m ihi iam in m onasterio positu s narrauit qu od in ea
m ortalitate, quae patricii N a rse tem p o rib u s hanc urbem uehem enter ad flixit, in d om o p raed icti V alerian i p u er A rm en tariu s
fu it p raecip u ae sim plicitatis et hum ilitatis. C u m u ero eiusdem
85 ad uocati dom us ead em d a d e uastaretur, isdem p u er percussus
est et u squ e ad extrem u m deductus.
1 1 . Q u i subito sublatus a p raesentibu s, rediit sibiqu e d o m i
nim i suum uocari fecit. C u i ait: E g o in c a d o fu i et qui d e hac
d o m o m orituri sunt agnoui. Ille, ille atque ille m orituri sunt.
90 T u u ero ne tim eas, quia h o c tem pore m oriturus non es. V t u e
ro scias qu od m e in c a d o fu isse uerum fateor, ecce accepi illic

64.

deinde H

inde b de G (u t u id .)
6 9 . paucos G m (a p ) b : perpaucos H m v
nulius eorum b j m v a a i 'x r v z
7 3 . bi G H m (a p ) b : bii m
ii.ttarrabatm U p)
8 2 . narse ( e x c o r r .) H ( e x c o r r .) m v z : -saeb -selis
a lti a lia
8 5 . idem m (a p ) b
8 7 . posimodum a n t e rediit a d d . m (a p )
89. sunt ( 1 ) G m (a p ) b : sittl H m v
90. in a n te hoc a d d . m (a p ) b
m v:

(d f. X Y tu v 2 ) I
v
m (a p )
b

D IALO GH I IV,

27

*45

di coloro che erano stati battezzati nella medesima occasione. R i


teneva perci che in breve tempo egli stesso e tutti costoro avreb
bero abbandonato questa vita.
8. Egli m or in quello stesso giorno e dopo di lui tutti quelli
che erano stati battezzati, cos che nel giro di pochi giorni non ne
rimase vivo nessuno. Riguardo a costoro risulta evidente che quel
servo di D io vide scritti quei nom i a lettere d oro, perch erano
impressi nella luce eterna.
9. Com e tutti costoro hanno potuto conoscere per rivelazione il
futuro, cos talvolta le anime che stanno per uscire dal corpo posso
no anche avere una certa conoscenza dei misteri celesti, non in so
gno ma quando vegliano. Am m onio, il monaco del m io monastero
che tu conosci bene, quando era laico aveva sposato la figlia natu
rale di Valeriano, avvocato della nostra citt, era sem pre pronto al
suo servizio e conosceva tutto ci che si faceva nella sua casa.
10 . Q uando orm ai stava nel monastero, mi raccont che du
rante la pestilenza che afflisse la nostra citt al tem po del patrizio
Narsete, nella casa di Valeriano cera un servo di nome Arm enta
rio, persona molto sem plice e umile. Poich la peste devast an
che la casa dellavvocato, quel servo ne fu colpito e ridotto in fin
di vita.
1 1 . D im provviso fu come sottratto ai presenti; poi torn in s
e fece chiamare il padrone. G li disse: Io sono stato in cielo e ho
saputo chi dovr morire di questa famiglia: quello, quellaltro,
quellaltro ancora m oriranno. T u invece non temere, perch non
morirai adesso. Perch tu sappia che io dico il vero quando affer
mo di essere stato in cielo, ecco, l ho imparato a parlare tutte le lin-

24 6

DIALO GO RVM IV, 2 7

ut linguis om nibus loq u ar. N u m q u id tibi cognitum non fuit


G ra e c a m m e linguam om nino nescisse? E t tam en G ra e c e loquere, ut cognoscas an uerum sit qu od m e om nes linguas acce95 p isse testifico !.
12 .

C u i tunc G ra e c e dom inus suus locutus est atque ita ill

in eadem lingua respo n d it, ut cu ncti qu i aderant m irarentur.


In ea q u oq u e dom o p raed icti N a rse spatarius V u lg ar m anebat.
Q u i festine ad aegrum d ed u ctu s, ei V u lg arica lingu a locutus
100 est. Sed ita p u er ille, in Italia natus et nutritus, in eadem b a rb a
ra lo cu tio n e respond it ac si e x eadem fu isset gente generatus.
M irati sun t om nes qu i au d ieban t, atq u e e x d uarum linguarum
exp erim en to quas eum antea scisse non nouerant, crediderunt
d e om nibus quas p ro b a re m inim e ualebant.

105

13 . T u n c p e r b id u u m m ors eius d ilata est, sed die tertio,


q u o occulto iu d icio nescitur, m anus ac brachia lacertosque
su os d en tibu s laniauit atque ita e co rp o re exiit. Q u o m ortuo,
om nes illi quos p raed ixerat e x hac protinus lu ce subtracti
sunt, nullusque in illa dom o eadem tem pestate d efunctu s est

110 q u i u o ce illius denuntiatus n o n fest.


14 .

PETRVS. V a ld e terribile est ut qu i tale donum p ercip ere

m eruit, tali etiam p ost h o c p oen a plecteretur.


GREGORIVS. Quis occulta Dei iudicia sciat? Ea quae in diuino examine conprehendere non possumus, timere magis quam
iij discutere debemus.

92. cognitum non G H m(ap): incognitum m b v


93. non nasse b
93-4. loquere G H m(ap) b: -quar m b(ap) v (c f. XdXi|oov 2)
98. narse H m v z: -sae b
si G m(ap) alii alia
98-9. uulgar... uulgarica G H m: bulgar... bulgarica m(ap) b
vz
102. audiebant. aderant b(ap)
103. scisse non m v: nescisse G H m(ap)
b
107. fG H m v: deb a m(ap) I exiut b
109. tempestale: pesteb(ap) v
xfj aTfi toO

Oavauxov vdyxu z

D IALO GH I IV,

27

*47

gue. Che forse tu non sapevi che io ero del tutto alloscuro delia lin
gua greca? E tuttavia parler in greco, perch tu possa accertarti se
dico il vero, quando afferm o di aver imparato tutte le lingue.
12. Il padrone si mise a parlargli in greco, e quello gli rispose
nella stessa lingua, in m odo da far rimanere stupiti tutti i presenti.
In quella casa alloggiava anche un bulgaro, attendente di Narsete:
fu subito portato al capezzale del malato e gli parl in bulgaro; e
quel servo, nato e cresciuto in Italia, gli rispose nella stessa lingua
barbarica, quasi che fosse uno di quella gente. Tutti coloro che
stavano ascoltando si m eravigliarono in som mo grado, e in base
allesperienza fatta riguardo alle due lingue che sapevano prima
sconosciute al servo, gli prestarono fede anche riguardo a tutto
ci di cui non poteva portare alcuna prova.
13 . La m orte gli fu dilazionata per due giorni, ma nel terzo,
chiss per quale segreto consiglio di D io, egli con i denti si dilani
mani e braccia e cos mor. M orto lui, in breve tem po m orirono
anche tutti quelli che egli aveva predetto, e in quella contingenza
nessuno m ori di quella casa il cui nome non fosse stato predetto
dalle parole di quel servo.
14 . PIETRO. v e r a m e n te s c o n v o lg e n te ch e , d o p o a v e r ric e v u to
u n tale d o n o , p o i u n o s ia c o lp ito d a ta le p u n iz io n e .

GREGORIO. C h i conosce i segreti giudizi di D io? C i che non


comprendiamo del giudizio divino, dobbiam o temerlo pi che di
scuterlo.

DIALOGORVM IV, 2 8

248

28
De morte Theophani comitis
1.

V t autem d e egredientibus anim abus, quae m ulta prae-

noscunt, ea quae coepim us exeq u am u r, neque h oc silendum


est q u o d de T h eo p h an io Centum ceU ensis urbis com ite, in ea5 dem u rb e positus m ultis adtestantibus agnoui. F u it nam que
u ir m isericordiae actibus deditus, bo n is op eribu s intentus,
h ospitalitati praecip u e studens. E x e rc e n d is quidem com itatus
curis occup atus agebat terrena et tem poralia sed, ut post in f i
ne claruit, m agis e x d eb ito quam e x intentione.
io

2. N am cum p rop in q u an te m ortis eius tem pore grauissim a


aeris tem pestas obsisteret, ne ad sepeliendum duci potuisset,
eum q ue u x o r sua cum fletu uehem entissim o inquireret, dicens: Q u id faciam ? Q u o m o d o te ad sepelien dum eicio, quae
ostium dom us huius egred i p ra e nim ia tem pestate n on pos-

15 su m ?, tunc ille respondit: N o li, m u lier, fiere, quia m o x ut


e go d efun ctu s fu ero , aeris serenitas redit. C u iu s protinus uocem m ors et m ortem serenitas est secuta.
3. Q u o d signum alia sunt etiam signa com itata. N am m anus
eius ac p ed es, p o d agrae h u m o re tu m escentes, uersi in uulneri20 b u s fueran t et p roflu en te sanie p atebant. S ed dum corpu s eius
ex m ore ad lauandum fuisset nudatum , ita m anus p ed esq u e
eius sani inuenti sunt, ac si num quam uulneris nihil habuissent.
4. D u ctu s itaque ac sepultu s est, eiu squ e coniugi uisum est
25 ut q uarto die in sep u lcro illius m arm or, q u o d superpositum

28, 5. positis m(ap)


io. dum b Ipropinquante G m v: approp- H b
16. aeris
G H m(ap) b(ap) z: aeris eadem bora m v eadem bora aeris m(ap) b eadem bora
m(ap) I redit G H m v z: redibit m(ap) b rediet m(ap)
18. alia sunt etiam signa
G H m v: etiam alia sunt signa m(ap) etiam alia signa sunt b
19. et\>
20.
profluente G m v: -ti H m(ap)
22. numquam uulneris nihil scripsi (cf. Szantyr,
p. 802 sqq.): umquam uulneris nihil G (ut uid.) H numquam uulneris aliquid m b v
uulneris nihil b(ap) numquam uulneris nihil aliquid m(ap)

DIALOGHI IV, 2 8

24

28

La morte del conte Teofane


1. Per continuare a parlare, come abbiam o cominciato, delle
anime che, quando escono dai corpi, danno previsioni su molte
cose, non intendo tralasciare ci che ho appreso, per testimonian
za di molti, riguardo a Teofane, conte della citt di Civitavecchia,
quando mi trovavo col. E gli praticava gli atti di m isericordia e le
buone opere, ed era quanto mai ospitale. P e r svolgere i com piti
inerenti alla sua carica era occupato in faccende m ondane, ma,
come infine risult evidente, pi per dovere che per inclinazione.
2. Q uando infatti era sul punto di m orire, si scaten un tem
porale talmente violento che neppure lo potevano portare al se
polcro. Allora la m oglie rivolgendosi a lui tra le lacrim e diceva:
Che fare? D ove ti posso far seppellire, dal momento che non
posso fare un passo fuori di casa a causa del tem porale?, e quello
le rispose: N on piangere, m oglie mia, perch appena m orir, su
bito torner il sereno. A questo punto egli m ori e subito dopo
torn il sereno.
3. Altri segni accom pagnarono questa previsione. M ani e piedi
si erano gonfiati per la gotta, si erano ulcerati e presentavano p ia
ghe purulente; ma quando dopo la morte il corpo fu denudato
per essere lavato secondo il costume, si constat che si erano risa
nati, quasi che non fossero stati mai piagati.
4. Cos fu condotto al sepolcro. D opo quattro giorni la moglie
decise di cambiare la lastra di marmo che era stata collocata sulla

250

DIAL0 G 0 KVM IV, 2 8 - 2 9

fuerat, m utari debuisset. Q u o d u idelicet m arm or corp o ri eius


superpositum dum fu isset ablatum , tanta e x corp o re ipsius flagran tia odoris em anauit, ac si e x p u trescente carne illius p r
uerm ibus arom ata ferbuissent.
30

j , Q u o d factum dum , narran te m e in om eliis, infirm is qui-

bu sd am uenisset in d u biu m , d ie quadam , sedente m e in conuentu n o bilium , ip si artifces q u i in sep u lcro illius m arm or
m utauerant adfuerunt, aliqu id m e d e p ro p ria causa rogaturi.
Q u o s ego de eodem m iraculo coram clero, n obilibu s ac p leb e
35 requisirti. Q ui et eadem od o ris flagrantia m iro m od o se repletos fuisse testati sunt, et qu aed am alia in augm ento m iraculi,
q u ae n unc n arrare lon gu m existim o, de eodem sep u lcro eius
addiderunt.
6.

PETRV S. Inquisitioni m eae su fficienter iam uideo satisfac-

40 tum . S ed h oc est ad hu c q u o d q u aestione anim um pulsat, quia


cum superius dictu m sit esse iam sanctorum anim as in caelo,
restat p ro cu l d u b io ut iniqu oru m q u o q u e anim ae esse nonnisi
in in fern o credantur. E t q u id hac d e re habeat ueritas ignoro.
N a m hum ana aestim atio non h abet p eccato ru m anim as ante
45 iud icium posse cruciari.

29

Quod sicut perfectorum animae in caelo


ita post dissolutionem corporis iniquorum animae
in inferno esse credendae sunt
1.

GREGORIVS. S i esse sanctorum anim as in caelo sacri elo-

5 quii satisfactione credidisti, op o rtet ut p er om nia esse credas

17-&.flagrantia m: fragranti b vfraglantia m(ap) (=lin. 35)


3 ;. marmare mutato post eadem add. b(ap)
yj.aestimoh

l i . putrescenti m
43. ueritashabeat b z

DIALOGHI IV, 2 8 - 2 9

*51

tomba. Q uando la lastra che ricopriva il suo corpo fu tolta, ne


spir una fragranza dolcissima, quasi che dalla sua carne putre
scente fossero fermentati aromi invece che vermi.
5. Quando ho raccontato questo fatto durante una predica, al
cuni che erano poco ferm i nella fede sono rimasti in dubbio, ma
un giorno che stavo in seduta con i nobili, si presentarono proprio
gli artigiani che avevano cam biato la lastra di m armo sul sepolcro,
affinch io m i interessassi a un loro affare. Colsi l occasione per
interrogarli in m erito a quel m iracolo, alla presenza del clero, dei
nobili e del popolo; essi attestarono di essere stati in m odo straor
dinario pervasi da quel profum o e, per conferm are il miracolo,
aggiunsero altri dettagli che sarebbe troppo lungo riferire ora.
6

. PIETRO. H ai soddisfatto pi che a sufficienza la mia richie

sta. M a ora m i si presenta unaltra questione. Se hai detto prima


che le anime dei santi sono gi in cielo, ne deriva per certo che le
anime dei cattivi non possono trovarsi se non nellinferno. M a co
me stia la cosa su questo punto, lo ignoro. Infatti si crede com u
nemente che le anim e dei peccatori non possano essere torm enta
te dalla punizione prim a del giudizio finale.

29

Si deve credere che, come le anime dei perfetti


dopo la morte del corpo stanno in cielo, cos le anime
dei malvagi sono allinferno 1
1. GREGORIO. Se grazie allesauriente testimonianza della Scrit
tura ti sei convinto che le anime dei santi sono in cielo, necessaria-

*5*

DIALOGORVM IV, 2 9 - 3 0

et iniquorum anim as in in fern o , qu ia e x retribu tione in tem ae


iustitiae, e x q ua iam iusti gloriantu r, necesse est p er om nia ut
et iniusti crucientur. N am sicut electos beatitu d o laetificat, ita

io

cred i necesse est q u o d a d ie exitu s sui ignis rep rob o s exu rat.

2. PETRVS. E t q u a ration e cred en d u m est q u ia rem incorpo-

ream tenere ignis co rp o reu s possit?

3
Q u a ra tio n e c re d e n d u m s it u t in c o rp o re o s s p iritu s
te n e r e ig n is in c o rp o re u s p o s s it

1. GREGORIVS. S i

uiuentis h om inis in co rp oreu s spiritus te-

n etu r in corpo re, c u r non p ost m ortem , cum in co rp oreu s sit


s spiritus, edam co rp o reo ign e teneatur?

PETRVS. In uiuente quolibet idcirco incorporeus spiritus tenetur in corpore, quia uiuificat corpus.
2. GREGORIVS. Si in co rp oreu s spiritus, P etre, in h oc teneri
potest q u o d uiuificat, q u are non poenaliter et ib i teneatur ubi

io m ortificatur? T en eri autem p e r ignem spiritum dicim us, ut in


torm ento ignis sit u id en d o atq u e sentiendo. Ignem nam que eo
ip so p atitur quo uidet, et quia concrem ari se aspicit crem atur.
S icq u e ft ut res corp o rea in co rp oream exu rat, dum e x ign e uisibili ard or ac d o lo r inu isibilis trahitur, ut p er ignem corpo1 j reum m ens in co rp orea etiam in co rp o re a fiam m a crucietur.
3. Q uam uis collegere dictis euangelicis p ossum us quia incen dium anim a non solum u id en d o sed etiam exp erien d o,

19,6. intemae G H m(ap): aeternae m b v (cf. vf>OTttti|g 2; intemae regnine 46, lin.
7. iam H m v: dum G post iusti trai, b
io. et G H m(ap) b v: a m (cf.
xai z)
11. tenere G m(ap) b v 2: -r/ H m
jo, j. uiuentis hominis H m b v z: uiuente homine G -es -es m(ap)
11. uiuendo
b(ap)
12. uiJit m
15. incorporea fiamma G (ante cotr.) H b v 2: corporea
fiamma G (ex coir.) m(ap) b(ap) in corporea fiamma m
16. ex ante dictis add. b
x add. 2

681

DIALOGHI IV, 2 9 - 3 0

25}

mente devi credere che le anime dei cattivi sono allinferno, in


quanto per retribuzione di una interiore giustizia, com e i giusti gi
sono in gloria, cos gli ingiusti debbono essere tra i tormenti. Com e
la felicit rallegra gli eletti, cos si deve credere che il fuoco bruci i
reprobi gi fin dal giorno della loro morte.

2.

PIETRO. M a com e si pu spiegare che il fuoco m ateriale p os

sa avere effetto su qualcosa che incorporeo?

30

Per qual motivo si debba credere che il fuoco corporeo


abbia effetto su spiriti incorporei
1.

GREGORIO. Se lo spirito incorporeo di un uom o contenuto

nel corpo durante la vita, perch dopo la morte, nonostante sia in


corporeo, lo spirito non dovrebbe essere contenuto in un fuoco
corporeo?

PIETRO. In qualsiasi essere vivente lo spirito incorporeo con

tenuto nel corpo perch lo vivifica.


2.

GREGORIO. Se lo spirito incorporeo, Pietro, contenuto in

ci che esso vivifica, perch non dovrebbe essere contenuto, per


punizione, col dove venga m ortificato? D iciam o che lo spirito
viene contenuto dal fuoco, affinch si trovi, vedendo e sentendo,
nel tormento del fuoco. Infatti deve patire il fuoco in quanto lo
vede, e si sente bruciare perch si vede bruciare. Cos una cosa
corporea ne pu bruciare una incorporea, perch dal fuoco visibi
le si sprigionano bruciore e dolore invisibili, e lanima incorporea
a causa del fuoco corporeo viene tormentata anche da un fuoco
incorporeo.
3. Tuttavia dalle parole dei vangeli ricaviamo che lanima pati
sce il fuoco non solo in quanto lo vede ma -anche in quanto lo spe-

<

254

DIALOGORVM IV, JO

p atiatu r. V eritatis etenim u o ce d iu es m ortu u s in infernum dicitur sepultus. C u iu s anim a quia in ign e teneatur, insinuat qu i
20 A b rah am d ep recatu r, dicens: M itte Lazarum ut intinguat ex-

trem um d ig iti su i in aqua et refrigeret linguam meam, quia crncior in hac fiam m a. D u m e rg o p eccato rem d iuitem dam natum
ueritas in ignibus p erhibet, quisnam sapiens rep robo ru m anim as teneri ignibus neget?

25

4,

PETRVS. E c c e

ratione ac testim onio ad credulitatem flecti-

tu r anim us, sed dim issus iterum ad rigorem redit. Q u o m o d o


enim res in co rp orea a re co rp o rea teneri atque ad fligi possit
ignoro.

GREGORIVS. D ie, quaeso te, apostatas spiritus a c a d e sti glo-

30 ria d eiectos esse co rp o reu s an in co rp oreu s suspicaris?

PETRVS.

Q uis sanum sapiens esse spiritus corp o reu s di-

xerit?

GREGORIVS.

G e h e n n a e ignem esse in co rp oreu m an corpo-

reum fateris?

35

PETOVS.

Ignem gehenn ae corpo reu m esse non am bigo, in

q u o certum est co rp o ra cruciari.

5.

GREGORIVS.

C e rte rep robis ueritas in fine dictu ra est: Ite

in ignem aetem um , q u i praeparatus est diabolo et angelis eius.


S i ig itu r diabolu s eiusque angeli, cum sint incorp orei, corpo40 reo sunt igne crucian d i, q u id m irum si anim ae, et antequam
recip iant corp o ra, possu nt co rp o rea sentire torm enta?

PETRVS.

P atet ratio, n ec d eb et anim us d e h ac ulterius quaestion e dubitare.

18. infemum H m v: -no G m(ap) b


19. insinuai G m(ap): insinuat uox Jiuitis
H m v insinuat uox eiusdem Jiuitis b insinuat uox Jiuitis ipsius m(ap) (cf. or|pcnvei
z) I qui G m(ap) b: quia H quae m v
21. aqua G m(ap): aquam H m b v (aqua
nel aquam Vulg.)
23. in ignem b
}o. corporeus an incorporeus H m:-reos
an -reos G m(ap) b v (accus. pi. cf. I I 21,1)
31. corporeus H m: -reos m(ap) b v
depercl. in G
33-4. incorporeum an corporeum H m b v: corporeum an incorpo
reum G m(ap) (cf. dotpaxov... f) oiupaxixv 2)
38. praeparatus H m v : paratus G m(ap) b
41. possunt G H m(ap): -int m b v -ent m(ap)

DIALOGHI IV, JO

*55

rimenta sensibilmente. L a parola della Verit dice che il ricco


quando m orto viene seppellito nellinferno. Poich la sua anima

tormentata dal fuoco dellinferno, colui che scongiura A bram o

gli raccomanda: Manda Lazzaro, che intinga la punta d el suo dito

nell'acqua e rinfreschi la mia lingua, perch io brucio in questo fu o


co. Se dunque la Verit dice che il ricco peccatore viene condan
nato nel fuoco, quale persona saggia vorr negare che le anime dei
cattivi siano tormentate dal fuoco?

4. PIETRO. E c c o che il m io animo viene piegato a credere dalla

ragione e dalla testimonianza della Scrittura, ma una volta che vie


ne lasciato a s, torna di nuovo a irrigidirsi. N on capisco in che
m odo una cosa incorporea possa essere tenuta e tormentata da
qualcosa di corporeo.

GREGORIO. Dim m i, ti prego: ritieni corporei o incorporei gli


spiriti che sono stati respinti ed esclusi dalla gloria del cielo?
PIETRO. C h i, sano di mente, direbbe corporei questi spiriti?
GREGORIO. Il fuoco della geenna lo dici incorporeo o cor
poreo?
PIETRO. N on ho dubbio che sia corporeo, dal mom ento che in
esso sono tormentati i corpi.

5. GREGORIO. Sappiam o per certo che alla fine del m ondo la

Verit dir ai cattivi: Andate n el fuoco eterno, che stato preparato

al diavolo e ai suoi angeli. Se il diavolo e i suoi angeli, che sono in


corporei, sono tormentati dal fuoco corporeo, che c di strano se
anche le anime, prim a di riacquistare i corpi, possono percepire
con dolore tormenti corporei?

PIETRO.

L a spiegazione

evidente, e non

dubbi su tale questione.

30, 20. Eu. Lue. 16,24

37. Eu. Match. 25,41

lecito avere pi

25 6

DIALOGORVM IV, ) 1

De morte Theodorci regis anicini

1. GREGORIVS.

P o stqu am lab o rio se credidisti, op erae pre-

tium cred o, si ea quae m ihi a uiris fid elib u s sunt d igesta narrauero. Iulianus n am qu e hu iu s R o m an ae ecclesiae, cui D e o
s au cto re deseruio, secu nd u s d efen so r, qu i ante septem fere annos defunctus est, ad m e ad h u c in m onasterio p osito creb ro ueniebat, m ecum que conloqui d e anim ae utilitate consueuerat.
2. H ic itaque m ihi quadam die narrau it, dicens: T h eo d orici regis tem porib u s, p ater soceri m ei in Siciliana exaction em
io canonis egerat, atque iam ad Italiani rediebat. C u iu s nauis adp ulsa est a d insulam q u ae L ip a ris ap p ellatu r et, quia illic u ir
quidam solitarius m agnae uirtutis h abitabat, dum nautae nauis
arm am enta repararen t, uisum est p raed icto patri soceri m ei ad
eundem uirum D e i p ergere seq u e eius orationibu s conm en15 dare.
3. Q u o s u ir D om ini cum uidisset, eis inter alia conloquens
d ixit: Scitis quia re x T h e o d o ricu s m ortuus e st? . C u i illi protinus responderunt: A bsit. N o s eum uiuentem dim isim us, et
nihil tale ad nos d e eo n u n c usqu e perlatum est . Q u ib u s D e i
20 fam ulus addidit, dicens: E tiam m ortuus est. N am h estem o
d ie hora nona in ter Ioh an nem p ap am et Sym m achum patricium discinctus atq u e discalciatus et uinctis m anibus d eductus
in hac uicina uulcani olla iactatus e st .
4. Q u o d illi audientes, sollicite conscripseru nt diem , atque

31, 4. iulianus... udicaut din. 30) accedi! w


j-6. septem fere [ferme b [erre G)
annos G H m(ap) b: fere annos septem m v w
6. posito G m w: -tum H m(ap)
w(ap) b v
7. et mecum b
8-9. theodorici H m(ap) b v w(ap) z: theudor- G
m w theoder- m(ap) w(ap) (= linn. 17. 2j)
9. siciliam G H in v :- / m(ap)
w(ap) b z
io. redibat m(ap) b
20. hestemo G H m(ap) w(ap) b v: -na m
w
22. post tergum post manibus add. m(ap) wtinter uncos)
23. hanc uicinam m(ap) b I olla G H m v w; ollam m(ap) b insulam b(ap) vrjoij) z
24. et
oram post diem add. m(ap) wdnter uncos)

DIALOGHI IV, J I

*5 7

31

La morte del re ariano Teoderico


1.

GREGORIO.

D o p o che a fatica ti sei convinto, ritengo che

valga la pena raccontare ci che mi stato riferito da persone d e


gne di fede. Infatti G iuliano, secondo difensore di questa chie
sa di Roma di cui io sono a servizio per volere di D io, che m or
to circa sette anni fa, quando io stavo ancora nel monastero ve
niva di frequente a farmi visita ed era solito parlare del bene
dellanima.
2. Egli una volta m i raccont: A l tem po del re Teoderico, il
padre di m io suocero tornava in Italia dopo aver riscosso lim po
sta in Sicilia. Q uando la nave approd nellisola di L ip ari, dove ri
siedeva un anacoreta di grande virt, mentre i marinai riparavano
le attrezzature della nave, egli pens bene di andare da quelluo
mo per raccom andarsi alle sue preghiere.
3. Q uando l anacoreta li vide, parlando con loro tra laltro
disse: N on sapete che il re Teoderico m orto?*. G li risposero <
subito: N on sia mai. Q uando ci siamo congedati era vivo, e non
abbiamo ricevuto alcuna notizia di questo genere". M a il servo di
Dio riprese: E p p u re morto. Ieri, allora nona, senza cintura n
calzari e con le mani legate stato condotto, tra papa G iovanni e <
il patrizio Simm aco, nel cratere di questo vicino vulcano e v i sta- <
to gettato dentro .
4. Appresa la notizia, quelli presero nota del giorno e, tornati

258

D1ALOGORVM IV, J I - J 2

25 in Italia reuersi eo d ie T h e o d o ricu m regem inuenerunt fu isse


m ortuum , quo eius exitu s atque su pp liciu m D e i fam u lo fu erat
osten sum . E t quia Ioh an nem papam ad fligend o in custodiam
occid it, Sym m achum q u oq u e patricium ferro trucidauit, ab illis iuste in igne m itti app aru it, q u os in hac uita iniuste iudijo cauit.

32
De morte Reparati
1. E o q u oq u e tem pore q u o prim u m rem otae u itae desideriis anhelabam , quidam h onestu s sen ex, D eu sd ed it nom ine,
uald e huius urb is n o bilibu s am icus, m ihi qu oq u e in am id tiis
5 sedule iungebatur.
2. Q u i m ihi narrabat, dicens: G o th o ru m tem po re quidam
exp ectab ilis uir, R eparatu s nom ine, uenit ad m ortem . Q u i
dum diu iam m utus ac rigidus iaceret, uisum est qu od ab eo
fun d itus flatus uitalis exisset atque exan im e rem ansisset cor10 p us. C u m q u e et m ulti qu i conu enerant et eum iam m ortuum
fam ilia lugeret, su b ito rediit, et cu n cto ru m plangentium in stu
p o re uersae sunt lacrim ae.
3. Q u i reuersus ait: C itiu s ad ecclesiam beati L au ren ti
m artyris, quae e x nom ine cond itoris D am asi uocatu r, p u eru m
15 m ittite, et q u id d e T ib u rtio p resb itero agatu r uideat et renuntiare festinet . Q u i u idelicet tunc T ib u rtiu s carnalibus deside-

2 5 Italia H m w v: -iam G m(ap) w(ap) b z


26. eius exitus m(ap) w(ap) b: de
eius exitu G H m v w l supplicium G m(ap) w(ap) b: -ci H m v w (cf. |o6ov... pdoavov z)
27. custodiam G m w(ap) (cf. e15 tpuXaxf|V z): -dia H m (ap)bvw v
qpuXaxfj z(ap)
29. iuste H m b v wfinter uncos): om. G m(ap) w(ap) (cf.
txatcoj z) I igne G m v w : -em H m(ap) w(ap) b (cf. v t irugi z> I mitti G m v w
z: missus m(ap) w(ap) b mitti ante iuste trai. H
J 2 , 7. expectabilis G H m: spect- m(ap) b v om. z
11-2. stupore m: -rem H
m(ap) b v z deperd. in G
13. laurenti G H m: -tii m(ap) b v

DIALOGHI IV, 3 1 - 3 2

*59

in Italia, accertarono che Teoderico era m orto nel giorno in cui il


servo di D io aveva avuto la visione della punizione e della morte
del re. Poich aveva fatto m orire papa Giovanni in prigione fra i
tormenti e uccidere di spada il patrizio Simmaco, si cap che egli
era stato giustamente gettato nel fuoco da coloro che in questa v i
ta egli aveva ingiustamente giudicato.

3*
La morte d i Reparato
1. N el tempo in cui io com inciavo a desiderare la vita m onasti
ca mi era amico m olto zelante un rispettabile vecchio, di nome
Deusdedit, che era in familiarit con i nobili romani.
2. E cco quanto mi raccont: A l tem po dei G o ti un uom o rag- <
guardevole, di nome Reparato, venne a morte. Poich gi da tem
po giaceva rigido e senza far parola, sem br che avesse emesso
lultimo respiro e che il suo corpo fosse rimasto senza vita. M entre
i molti che erano convenuti e i suoi fam iliari lo piangevano morto,
dun tratto torn in s, e le lacrim e di tutti quelli che lo piangeva
no si mutarono in stupore.
3. Ripresa coscienza, disse: M andate subito un servo alla
chiesa di san Lorenzo m artire, quella che prende nom e da Damaso che lha fatta costruire, perch si informi e subito riferisca che
ne del presbitero T ib u rzio . Q uesto Tiburzio aveva fam a di es-

i6o

DIALOGORVM IV,

J2-JJ

riis subiacere ferebatu r, cu iu s ad h u c uitae m oru m qu e b en e


q u o q u e F lo ren tiu s eius n u nc ecclesiae p resb iter m em init.
4. C u m uero p u er p ergeret, narrauit isdem R eparatu s, qu i
20 ad se reuersus fu erat, qu id ilio u b i d u ctus fu erat agnouit, dicens: P aratu s fu erat rogus ingens. D ed u ctu s autem T ib u rtiu s
p re sb ite r in eo est su perp ositu s atq u e su b p osito igni concrem atus. A liu s autem p arab atu r rogus, cu iu s a terra in c a d o cacum en tendi uidebatur. Q u i em issa u oce clam atum est cuius
25 esset... . H is igitur dictis, statina R eparatu s defunctu s est. P u e r
uero, qui transm issus ad T ib u rtiu m fu erat, iam eum m ortuum
inuenit.
5. Q u i uidelicet R eparatu s, ductus ad loca poenarum , dum
uidit rediit narrauit et obiit, aperte m onstratur quia no bis illa,

30

non sibi uiderit, quibu s dum ad h u c concessum est uiuere, licet


edam a m alis op eribu s em endare. R o gu m u ero construi R e p a
ratus uidit, no n q u o d ap u d in fem u m ligna ardeant u t ignis
fiat, sed narraturus h aec u iu end bu s, illa d e incendio prauorum
uidit, e x quibus nutriri a p u d uiuentes corpo reu s ignis solet, ut

35 p er h aec adsueta audientes discerent q u id d e insuetis tim ere


debuissent.

33
De morte curialis cuius sepultura incensa est
1.

T e rrib ile edam q u id dam in V a le ria e p rou in cia contigisse

uir uitae uenerabilis M axim ian u s Siracu san u s ep isco p u s, qui


d iu in h ac u rb e m eo m onasterio p raefu it, narrare consueuit,

19- idem m(ap) b


20. quid H m(ap): quid de m(ap) b v (cf. ti z) I ilio H m b v;
illue uel illic uel illum m(ap) (cf. xsdsv z)
20-1. quid... fuerat om. G
Z2. igni G H m(ap): igne m b v
23. cacio G H m: -um m(ap) b v
24. qui:
'b
16.fuerat ante ad trai. G
33. quod post sed add. m(ap)
3} .haec
om. m(ap) z

DIALOGHI IV,

JJ-JJ

z6l

sere dedito ai piaceri della carne, e. il suo m odo di vivere lo ricor


da bene Fiorenzo, che ora presbitero di quella chiesa.
4. M entre il servo era in cammino, Reparato, che era tornato <
in s, raccont ci che aveva appreso, riguardo a Tiburzio, l dove
Io avevano condotto: E ra stato preparato un gran rogo. Tiburzio
vi fu condotto e, postovi sopra e appiccato il fuoco, fu bruciato.
Fu preparato anche un altro rogo, che da terra si innalzava fino
al cielo, e si ud una voce che gridava forte per chi quel rogo fos
se preparato . M entre parlava cos, im provvisamente Reparato
mori. Quanto al servo che stato inviato a Tiburzio, lo trov che
era gi morto.
5. Il fatto che Reparato, condotto al luogo dove si scontano le
pene, abbia visto, sia tornato, abbia raccontato e sia m orto dim o
stra con evidenza che quelle cose egli le ha viste non per s ma per
noi perch, fin tanto che ci concesso di vivere, ci data la possi
bilit di purificarci dalle cattive opere. Reparato poi ha visto alle
stire il rogo non perch nellinferno venga adoperata la legna per
fare il fuoco ma perch, dato che avrebbe raccontato quel fatto a
persone in vita, ha visto che il fuoco p er i cattivi veniva alimentato
col legno che si usa presso i viventi per alimentare il fuoco corpo
reo: in tal m odo, grazie a questa immagine ordinaria, gli ascoltato
ri avrebbero im parato che cosa dovessero temere riguardo a ci
che fuori dellordinario.

33
La morte d i un curiale e lincendio del suo sepolcro1
1. Il venerabile M assim iano, vescovo di Siracusa che a lungo
ha diretto a Rom a il mio monastero, era solito raccontare un fatto
terrificante, che si era verificato nella provincia di Valeria: Un

D1ALOGORVM TV,

262

JJ

dicens: Q u id am curialis illic sacradssim o paschali sabbato


iuuenculam cuiusdam filiam in baptism ate suscepit. Q u i post
ieiunium dom um reuersus m u ltoqu e uino debriatu s, eandem
filiam suam secum m an ere p ed it eam q u e nocte illa, q u o d dictu
nefas est, p erdidit.

io

z. C u m q u e m ane facto su rrexisset, reus cogitare coep it ut


a d baln eum pergeret, ac si aqu a b aln ei lau aret m aculam p ecca
ti. P e rre x it igitur, lau it coep itq u e trep id are ecclesiam ingredi.
S ed si tanto die n o n iret a d ecclesiam , eru bescebat hom ines,
sin u ero iret, p ertim escebat iu d iciu m D e i. V icit itaqu e hum ana

15 uerecund ia. P e rre x it ad ecclesiam , sed trem ebundus ac pauens


stare coepit, atque p e r singu la m om enta suspectus qua b o ra
inm und o sp irim i traderetu r et coram om ni p o p u lo uexaretu r.
C u m q u e uehem enter tim eret, ei in illa m issarum celebritate
quasi aduersi nihil contigit.
20

3. Q u i laetus exiit, et d ie altero ecclesiam iam securus intrauit. Factu m q u e est ut p er sex continuos dies laetus ac secu-.
rus proced eret, aestim ans q u o d eius scelus D o m in u s aut non
uidisset aut uisum m isericord iter dim isisset. D ie autem septim o subita m orte defu nctu s est. C u m q u e sepultu rae traditus

25 fuisset, p e r lon gum tem pus cunctis uidentibus d e sep u lcro


fiam m a e x iit et tam diu ossa eiu s concrem auit, q u ou squ e om ne
sep ulcrum consum eret et terra q u ae in tum ulo collecta fu erat
d efossa uid eretur.
4.

Q u o d uid elicet om nipotens D eu s faciens, ostendit q u id

30 eius anim a in occulto pertulit, cuius etiam corpu s ante hum anos oculos fiam m a consum psit. Q u a in re nobis q u oq u e haec
audientibus exem plu m form id in is d are dignatus est, quatenus

33,6. suscipit m
7. debriatus H m(ap): inebriatus G m b v ebriatus m(ap)
14. siti G m v: ji'H m(ap) b
23. uisum om. b
2 5. iiius post sepulcro add.
H m(ap) b eius add. G ipsius add. m v
26. ossa eius H m b v : eius ossa G m(ap)
(cf. l or q-tov z)
27. tumulo G m: -lum H m(ap) b v

DIALOGHI IV, 33

263

certo curiale faceva da padrino, il sabato santo, al battesimo di


una giovane ragazza, figlia di un tale. Tornato a casa dopo che era
terminato il digiuno, ubriacato dal molto vino disse alla figlioccia
di rimanere a casa sua e di notte - non si dovrebbe neppure dire le fece violenza.
2. Q uando al mattino si alz, consapevole del suo delitto,
pens di andare al bagno, quasi che quellacqua potesse lavare la
macchia del peccato. V i and, si lav, ma poi com inci ad aver
paura di entrare in chiesa. Se non fosse andato in chiesa in un
giorno tanto im portante, avrebbe provato vergogna di fronte agli
uomini, ma se d fosse andato temeva il giudizio di D io. Prevalse il
rispetto umano: entr in chiesa, e stava l pavido e tremante, te
meva ogni m omento di essere consegnato allo spirito im m ondo e
tormentato alla presenza di tutta la gente. E ra tanto spaventato,
ma durante la celebrazione della messa non gli successe alcunch
di male.
3. Usc tutto allegro dalla chiesa, e ormai rassicurato ci torn
anche il giorno dopo, e cos continu per i sei giorni successivi,
contento e sicuro, ritenendo che al Signore fosse sfuggito il suo
delitto, o che lavesse visto e m isericordiosamente l avesse p erdo
nato. M a il settimo giorno m or allimprovviso. D o po che fu se
polto, per lungo tem po tutti videro uscire dalla tom ba una fiam
ma, tanto a lungo che bru ci le ossa, distrusse tutto il sepolcro e
fece infossare la terra che era stata accumulata per form are il tu
mulo.
4. Agendo in questo m odo, D io onnipotente rese evidente che
cosa occultamente soffrisse l anima di quel curiale, dato che la
fiamma ne aveva consum ato il corpo alla presenza di tutti. H a in
teso dare cos a tutti noi che ascoltiamo un esem pio che ispira ti-

26 4

DIALOGORVM IV, J J - J

e x h ac consideratione collegam u s q u id anim a uiuens ac sentiens p r reatu su o patiatu r, si tanto ignis su p p licio etiam in35 sen sibilia ossa concrem antur.
5.

petrv s.

N o sse uellim si uel b o n i b o n os in r e g n o uel m ali

m alos in supp licio agnoscunt.

34
S i boni bonos in regno et m ali malos
in supplicio agnoscunt
1. GREGORIVS. H u iu s rei sententia in uerbis est dom inicis,
q u ae iam superius p rotulim us, lu ce clarius dem onstrata, In
5 q u i b u s c u m d ic t u m e s s e t : H om o qu idam erat diues, q u i in du e-

batu r pu rpu ra et bysso et epu labatu r co tid ie splen d id e. E t erat


qu idam m endicus, nom in e Lazarus, q u i iacebat a d ianuam eiu s
u lceribu s plen u s, cu piens satu rari d e m icis quae cadeban t de
m ensa d iu itis, et nem o i lli dabat; sed et canes u en ieban t et Ungeio ban t ulcera eiu s, s u b iu n c t u m e s t q u o d m ortuus Lazarus portatus est ab an g elis in sin u A b ra h a e, et m ortuus d iu es sep u ltu s est
in in fern o .
2. Q u i eleu an s oculos suos, cum esset in torm entis, u id it
A brah am a lon ge et Lazarum in sin u eius, et ip se clam ans d ix it:
15 P a ter A braham , m iserere m ei, e t m itte Lazarum u t in tin gu a t
extrem um d ig iti s u i in aqua et refrig eret lingu am m eam . C u i
A brah am d icit: F ili, recordare q u ia recep isti bona in u ita tua, et
Lazarus sim ilite r m ala. D iu es autem , d e se ip so iam spem sa-

33. culligamus G m(ap) b


36. uellim G H m : uelim m(ap) b v rjv'teXov 2
34,5. qui m(ap) b (cf. 80x15 zb tfG H m b(ap) v
io. mortuus lazarus m(ap) b:
mortuus est eliazarus G lazarus mortuus H m v (cf. itoftaviv Xct^agog z)
11.
est ante ab om. G I simun m(ap) b z
14. clamatili dicens b
16. aquali m:
-am G m(ap) b v (cf. 30, lin. 21) I quia crucior in bac fiamma (= Vulg.) post meam
add. m(ap) b z
17. abraham dicit G m v: abraham dixit m(ap) b z (= Vulg.)
abraham dicitur H ab abraham dicitur m(ap)

DIALOGHI IV, 33-34

265

more, perch dalla considerazione di questo episodio possiamo


dedurre che cosa soffra per il suo peccato lanima che vive ed
dotata di sensibilit, dal momento che anche le ossa insensibili fu
rono carbonizzate da quel grande fuoco punitore.
5.

PIETRO. V orrei ora sapere se i buoni si riconoscono tra loro

nel regno dei cieli e altrettanto i cattivi nella pena.

34
Se si riconoscano tra loro i buoni n el regno dei cieli
e i cattivi nella pena
1.

GREGORIO.

L a risposta a questa richiesta, di evidenza pi

chiara della luce, sta in queste parole del Signore: C e ra un ricco


che vestiva d i porpora e bisso e ogni giorno banchettava sontuosa
m ente. C e ra anche un m endicante, d i nom e Lazzaro, che giaceva al
la sua porta, co l corpo ulcerato, che desiderava saziarsi con le m olli
che che cadevano dalla tavola d e l ricco, e nessuno g lie le dava; ma
venivano i cani e leccavano le sue fe rite. D racconto continua:
Q uando Lazzaro m or, fu portato dagli an geli n e l seno d i A bram o,
m entre quando m or i l ricco, fu seppellito n e llinferno.
1.

Egli, tra i torm enti, alzando g li occhi vid e da lontano bra

mo, e Lazzaro n el suo seno, e g li grid: Padre A bram o, abb i com


passione d i me. M anda Lazzaro, che intinga la punta d e l suo dito
n ellacqua e rin freschi la m ia lingua. E A bram o a lu i: F iglio, ri
cordati che in vita tu h ai ricevuto m olti b en i e Lazzaro m olti m ali.
Allora il ricco, non avendo per s speranza di remissione, cerca di

54) 5. Eu. Lue. 16, 19sqq.

13. Eu. Lue. 1 , 23 sqq.

2 66

DIALOGORVM IV, 3 4

lutis non habens, ad p rom eren dam su oru m salutem conuerti20 tu r, dicens: R ogo te, pater, u t m ittas eum in dom o p atris m ei h ab eo en im q u in q u e fra tres - , u t testetu r illis , n e et ip s i u en ian t
in locum h u n c torm entorum .
j . Q u ib u s uerbis aperte d e d a ra tu r q u ia et bo n i bonos et m a
li cognoscunt m alos. S i ig itu r A b rah am L azaru m m inim e reco25 gnouisset, n equaquam ad diuitem in torm entis positum de
transacta eius contritione loq u eretu r, dicens q u o d m ala receperit in uita sua. E t si m ali m alos non recognoscerent, nequaquam
diues in torm entis positu s fratru m su oru m edam absentum mem inisset. Q u o m o d o enim praesentes n o n possit agnoscere, qui

30

edam p r absentum m em oria cu rau it exo rare?


4. Q u a in re illud q u o q u e osten ditu r qu od nequaquam ipse
requisisti, quia et b o n i m alos et m ali cognoscunt b onos. N am
et diues ab A brah am cognoscitu r, cui dictu m est: R ecep isti
bona in u ita tua, et electus L azaru s a rep ro b o est diuite cogni-

35 tus, quem m itti p recatu r e x nom ine, dicens: M itte Lazarum u t


in tin gu a t extrem um d ig iti s u i in aquam et refrigeret lingu am
m eam . In qua uidelicet cognitione utriu squ e partis cum ulus
retributionis excrescit, u t et b o n i am p liu s gaudeant, qu i secum
eos laetari conspiciunt q u o s am auerunt, et m ali, dum cu m eis
40 to rq u en tu r quos in h o c m u n d o, d esp ecto D e o , d ilexeru n t, eos
non solum sua sed edam eoru m p oen a consum at.
5. F it autem in elecd s q u id d am m irabilius, qu ia n o n solum
eos agnoscunt q u os in h o c m u n d o nou eran t, sed uelut uisos ac
cognitos recognoscu nt b o n o s q u os num quam uiderunt. N am
45 cum antiquos p atres in illa aetem a hered itate uiderint, eis in-

20. domo G H m: -un m ia p ) b v z (= Vulg.)


24. malos cognoscunt b 2
26.
conuersatione b(ap)
26-7. reccpcrit H m(ap) b v: recip- G reciperet m recepii
m(ap)
28. absentium m(ap) b (= lin. 30)
29. possit G H m: posset m(ap) b
v (ci. Stivalai 2)
33. cui G H m(ap) b v 2: cum m dum m (a p )
36. aqua
m(ap)
38. ut et G m(ap) b: et ut H m v ut m(ap) (cf. 'iva x a i z)
44. uide
runt G H m(ap) b: -rant m v (cf. Stduavxo 2)

DIALOGHI IV,

J4

267

procurare la salvezza ai suoi: T i prego, padre, m anda Lazzaro a ca


sa d i m io padre - ho in fa tti cinque fra te lli - , p er portare loro la sua
testim onianza affin ch essi possano evitare d i ven ire in questo luogo
d i torm ento.
3. Queste parole dim ostrano che i buoni conoscono i buoni e i
cattivi conoscono i cattivi. Se infatti A bram o non avesse ricono
sciuto Lazzaro, non avrebbe potuto parlare col ricco, im m erso nei
tormenti, del passato dolore d i Lazzaro, dicendo che aveva rice
vuto in vita molti mali. E se i cattivi non riconoscessero i cattivi,
senza motivo il ricco si sarebbe ricordato, tra i tormenti, anche dei
suoi fratelli assenti. Com e infatti avrebbe potuto non riconoscerli
se fossero stati presenti, dal momento che ebbe cura di ricordarsi
di loro che erano assenti e di pregare per loro?
4. In questo episodio si dimostra anche ci che tu non m i hai
richiesto, cio che i buoni conoscono i cattivi e i cattivi i buoni.
Infatti il ricco viene riconosciuto da A bram o che gli dice: H a i ri
cevuto in vita m olti ben i, e Lazzaro, leletto, viene riconosciuto
dal ricco cattivo, il quale prega perch quello, indicato per nome,
gli venga inviato: M anda Lazzaro, che intinga la punta d e l suo dito
n e llacqua e rinfreschi la m ia lingua. Tale riconoscimento degli
uni e degli altri accresce la loro retribuzione, in m odo che i buoni
gioiscano di pi vedendo che insieme con loro sono beati quelli
che essi hanno amato. Quanto ai cattivi, dato che insieme con loro
vengono suppliziati quelli che essi hanno amato in questo m ondo
mentre invece hanno disprezzato D io, essi sono tormentati dalla
punizione non solo propria ma anche di quelli.
5. Quanto agli eletti, avviene anche questo di m eraviglioso:
non soltanto essi conoscono quelli che avevano gi conosciuto in
questo m ondo ma, quasi che li avessero visti e conosciuti, ricono
scono anche i buoni che non hanno mai visto. Q uando infatti
avranno visto gli antichi padri nelleterna eredit, grazie a questa

20. Eu. Lue. 16,27-8

33. Eu. Lue. 16,25

35. Eu. Lue. 16, 24

268

D1ALOGORVM IV,

J4-J6

cogn iti p er uisionem n o n eru nt, q u os in o p e re sem p er nouerunt. Q u ia enim illic om nes com m uni claritate D eu m conspiciunt, quid est q u o d ibi nesciant, ubi scientem om nia sciunt?

35
De quodam religioso moriente qui propbetas uidit
N am quidam n o ster religiosus u ir uitae u ald e laudabilis,
cum ante quadriennium m oreretu r, sicu t religiosi alii qu i praesentes fu ere testati sunt, in h o ra sui exitu s Ionam p rop h etam ,
s H iezech ielem q u o q u e et D anielem coep it aspicere e o sq u e dom inos suos ex nom ine clam are. Q u o s dum ad se uenisse diceret et depressis lum in ib u s eis reuerentiae obsequium p raeberet, e x carne eductus est. Q u a in re aperte d atu r intellegi q u ae
erit in illa in co rru ptibili uita notitia, si u ir iste ad h u c in carn e
io corru p tib ili positus p rop h etas sanctos, q u os nim irum num quam uiderat, agnouit.

36
Quod se etiam ignotae anmae nonnumquam in exitu
recognoscunt quae uel pr culpis tormenta uel pr bonis
actibus similia sunt proemia recepturae et de morte
lohannis et Vrsi, Eum orpbii et Stephani

1. Solet autem p leru m q u e contingere ut egressura anim a


eos etiam recognoscat, cum q u ibu s p r aequalitate cu lparu m
uel etiam praem iorum in u na est m an sione depu tand a. N am

35,2. et ante uitae add. G m(ap)


3. quadriennium G H m v : hoc quadriennium
b z hoc triennium miap) 4. fuere G I I m v: fuerunt m(ap) b fuerant m(ap)

DIALOGHI IV, 3 4 - 3 6

l6 $

visione non resteranno pi a loro sconosciuti quelli che essi hanno


sempre conosciuto per le loro opere. Poich infatti l tutti vedono
D io nella comune luminosit, perch dovrebbero non conoscere
l dove conoscono colui che tutto conosce?

35

Una persona pia morendo vede i profeti


Q uando infatti, o r sono quattro anni, venne a m ancare un uo
mo pio della nostra citt, di condotta di vita m olto lodevole, com e
attestano altre persone pie che furono presenti, nel m omento di
morire egli disse di vedere i profeti G io n a Ezechiele e Daniele, e
per nome li chiam suoi signori. M entre diceva che erano venuti
da lui e li ossequiava con gli occhi bassi in segno di rispetto, usc
dalla carne. D i qui dato di capire quale sar la capacit di cono
scere in quella vita incorruttibile, dal m omento che questuomo,
ancora dimorante nella carne, riconobbe i santi profeti che mai
aveva visto.

36
Talvolta anche le anime di persone che non si conoscono
si riconoscono al momento di morire, quando
stanno per ricevere o i medesimi tormenti per le colpe
o i medesimi premi per le buone azioni.
Morte di Giovanni e Orso, Eumorfio e Stefano 1
1. Suole anche accadere sovente che lanima, al m omento di
uscire dal corpo, riconosca coloro insieme con i quali sar asse
gnata alla medesima dimora, data l uguaglianza sia delle pene sia

27

DIALOCORVM IV,

j6

u ir uitae uenerabilis E leu th eriu s sen ex, d e q u o p r e c e d e n te


lib ro m ulta n arraui, in m onasterio suo germ anum fratrem
io Ioh an n em nom ine se h ab u isse p erh ibu it, qui ante d ies quatuordecim suum fratribu s exitu m p raed ixit.
2.

C u m qu e decrescentes cotid ie conputaret dies, ante tri-

duum quam uocaretu r e x co rp o re, feb re correptu s est. A d horam uero m ortis ueniens, m ysterium d om inici corp o ris et san
ti guinis accepit u ocatu squ e fratres coram se p sallere p raecepit,
quibus tam en antiphonam ip se p er sem etipsum d e sem etipso

Aperite mihi portas iustitiae, et ingressus in


eas confitebor Domino. Haec porta Domini, iusti intrabunt per
eam.

inp osuit, dicens:

20

3. C u m qu e coram eo adsistentes fratres psallerent, em issa


subito et p rod u cta u o ce clam auit, dicens: V rse, ueni. Q u o d
m o x ut dixit, eductus e c o rp o re m ortalem uitam finiuit. M irati
sunt fratres, quia h o c qu od m oriens frater clam auerat ignorabant. Q u o defuncto, in m onasterio facta est m agna tiiscitia.

25

4. Q u arto autem die q u id dam fratrib u s necessarium fu it ut


ad m onasterium aliu d positu m lon ge transm itterent. Illu c igitu r euntibus fratrib u s, om nes eiusdem m onasterii m onachos
tristes uehem enter inu enerunt. Q u ib u s cum dicerent: Q u id
h abetis, q uod uos in tanto m oero re d ep rim itis?, responde-

30

runt dicentes: L o c i hu iu s desolationem gem im us, q u ia unus


frater, cuius nos in h o c m onasterio uita continebat, h od ie
q uartus est dies q u o d e x h ac lu c e subtractus est.
5. C u m q u e fratres qu i uenerant stu d io se requ irerent quali-

36, 8. precedenti m
15. uocatusque m: uocatosque H m(ap) v uocatisque m(ap)
b uocatis G (cf. Szantyr, p. 290 sq.) Ifratres H G (ante corr.) m v: fratribus G (ex
coir, ut uid.) m(ap) b
16. per semetipsum de semetipso G H m v: de semetipso
b(ap) z (tette?) per semetipsum m(ap) b
17. et G (ante corr.) H m b v: ut G (ex
corr.) m(ap) om. z
16. positum longe H m v: longe positum G b x |ifptOu;
a t v iaxeipvu z
26-7. ergo b
27. euntibusfratribus m: euntesfratres
G H m(ap) b v fratres euntes m(ap) (cf. itopeuOvtujv... ti5 v deXqnnv z)
31.
uita ante in boc trai, b z

DIALOGHI IV,

_}6

27 *

dei premi. Il vecchio Eleuterio, di vita venerabile, sul quale molto


mi sono intrattenuto nel libro precedente, disse di aver avuto nel
suo monastero un fratello germano di nome G iovanni, che predis
se alla comunit la sua futura m orte prim a di quattordici giorni.
2. Contava quotidianamente i giorni che dim inuivano e, tre
giorni prima di essere chiamato fuori del corpo, si ammal. A p
prossimandosi lora della morte, ricevette il sacramento del corpo
e del sangue del Signore e, chiamati a s i fratelli, li invit a salm o

Apritemi le porte della


giustizia: entrer e loder il Signore. Questa la porta del Signore e
per essa entreranno i giusti.
diare e assegn loro egli stesso l antifona:

3. M entre i fratelli presenti salmodiavano davanti a lui, d un


tratto con voce ben scandita disse: O rso, vieni. C i detto, usc
dal corpo m ortale e fin la vita. I fratelli si m eravigliarono, perch
non capivano ci che quello avesse gridato in punto di morte.
Q uando mor, fu lutto grande nel monastero.
4. Tre giorni dopo alcuni fratelli dovettero trasferirsi in un altro
monastero m olto distante. Q uando vi arrivarono, trovarono tutti i
monaci in atteggiamento di grande tristezza. Chiesero loro: C he
vi succede, ch sem brate tanto addolorati?. E quelli: Piangiam o
la desolazione di questo luogo, perch quattro giorni fa m orto un
confratello che era l anim a di tutto il monastero.
5 . 1 monaci che erano venuti si inform arono del suo nome, e fu

}6, 17.Ps. Il7,19-20

D1ALOGORVM IV,

171

j6

te r dictu s fuisset, respo n d eru n t: V rsu s . Q u i uocation is eius


35 horam subtiliter inquirentes, ip so eu m m om ento cognou eru nt
exisse d e c o rp o re, q u o p e r Ioh an nem , qu i a p u d eos defu nctu s
est, fu erat uocatus.
6. Q u a e x re collegitu r q u ia u troru m q u e p a r fu it m eritum ,
eisq u e datum est ut in una m an sione socialiter uiu erent, qui40 b u s e co rp o re contigit socialiter exire.
7. S ed n eque h o c sileam , q u o d dum ad h u c laicus uiu erem
atque in dom o m ea, q u ae m ih i in h a c u rb e e x iu re patris o b uenerat, m anerem , de q u ibu sd am uicinis m eis m e contigit
agnouisse. Q uaed am nam que iu xta m e uidua G a lla dicebatu r.

45

H a e c E u m o rp h iu m nom ine iuuenem filium h abebat, a qu o


non lon ge quidam Steph anu s, qu i in n um ero op tio fuit, habitabat.
8. Sed isdem E u m o rp h iu s ad extrem a uitae ueniens, uocauit puerum suum eiqu e p raecep it dicens: V a d e citius, et

50

die Steph ano optioni u t concitu s ueniat, quia ecce nauis parata
est ut ad Siciliani duci d eb eam u s. C u m q u e h u nc p u e r insa
nire crederet et o b o e d ire recu saret, coepit ille u ehem enter inm inere, dicens: V a d e, et nuntia illi q u o d d ico, q u ia non insanio.

ss

9. E gressu s est p u er, u t ad Steph anum pergeret. C u m q u e in


m edium iter uenisset, ei aliu s qu id am obuiam factus est, qu i
h u n c requisiuit, dicens: Q u o u ad is? . C u i respondit: A d
Steph anum optionem a d om in o m eo m issus sum . A tq u e ille
p rotinus d ixit: A b e o u enio, sed ante m e hac h ora defunctu s

60 est. R euersu s u e ro est p u e r ad E u m orp h iu m dom inum suum ,


sed eum iam m ortuu m inu enit. S icq u e factum est ut, dum alter

40. e G m(ap) b v: et PI a m (cf. x z) I contegit m


43 .contigit
G H m(ap) b v z: contegit m(ap) contingit m
46. qui... optio: cui cognomen op
tio uel qui in numero optionis b{ap)
48. idem m(ap) b
55. ilaque post est
add. b TOvuv add. z
56. eis m 58. mistum m I atque m b v (cf. z): adque
H ad que m(ap) ad quem G m(ap)
yi.fu cratb

DIALOGHI IV,

j6

*73

loro risposto: O rso. Si informarono accuratamente circa l ora


della morte e appresero che era uscito dal corpo nello stesso m o
mento in cui era stato chiamato da Giovanni, che era m orto pres
so di loro.
6. D a tutto ci ricaviamo che uguale fu il m erito delluno e
dellaltro, e fu lro concesso di vivere insieme in una stessa dim o
ra, come era loro toccato di uscire insieme dal corpo.
7. Non passer sotto silenzio neppure ci che appresi riguardo
ad alcuni miei vicini, quando ero ancora laico e vivevo nella casa
che avevo ereditato da m io padre. T ra questi vicini c era una ve
dova di nome G alla, che aveva un figlio giovane di nome Eum orfio. N on lontano di l abitava un certo Stefano, che era aiutante
nellesercito.
8. Eum orfo, arrivato in punto di morte, chiam un suo servo e
gli ordin: Corri, e di a Stefano laiutante di venire svelto, per
ch, ecco, pronta la nave che ci deve condurre in Sicilia. Il ser
vo credeva che Eum orfo fosse uscito di testa e non voleva o b b e
dire, ma quello insisteva con forza: V a e riferisci ci che ti dico,
perch non sono diventato pazzo.
9. Il servo usc per recarsi da Stefano. A mezza strada incontra
un tale che gli chiede: D ove vai?. E quello: Il m io padrone mi
ha mandato da Stefano laiutante. E laltro di rimando: Io ven
go proprio da lui, ma morto davanti a m e unora fa. Il servo
torn indietro dal suo padrone Eum orfo, ma lo trov orm ai m or
to. Cos, dato che quel tale gli era venuto incontro e il servo era

39. Cf. Eu. Io. 14, 2

*74

DIALOGORVM IV,

j6

ob uiam uenit et e x m ed io itinere p u er reuersus est, e x m ensura spatii potuisset collegi q u o d im o m om ento utrique fueran t
uocati.
65

io . PETRVS. T e rrib ile est uald e q u o d dicitur. S ed quaeso te,


cu r egredienti anim ae nauis app aru it, u el cur se d u ci a d S ic i
liani m oriturus p raed ixit?
1 1 . GREGORTVS. A n im a uehicu lo no n eget, sed m irum non

est si ad huc hom ini in co rp o re p osito illud app aru it q uod p er


70 co rp u s adsueuerat uidere, ut p e r h o c daretu r intellegi q u o eius
anim a spiritaliter d u ci potuisset.
12 . Q u o d uero se ad Siciliani d u ci testatus est, quid sentiri
aliud potest, nisi q u o d p rae ceteris locis in eius terrae insulis
eructuante igne torm entoru m ollae p atuerunt? Q u ae, ut solent
75 narrare qui nouerunt, laxatis cotid ie sinibus excrescu nt, ut
m und i term ino p rop in q u an te, quanto certum est illue am plius
e xu ren d o s collegi, tanto et eadem torm entorum loca am plius
uid eantur aperiri. Q u o d om nipotens D eu s ad correctionem
uiuentium in h o c m u n d o u o lu it ostendi, ut m entes infid eliu m ,
80 q u ae in fern i torm enta esse n on cred u nt, torm entorum lo ca uideant, q u ae audita cred ere recusant.
13 . Q u o d u ero siu e electi seu rep robi, quoru m com m unis
causa in op ere fu erit, ad lo ca etiam com m unia d ed u cu ntu r,
ueritatis n obis uerb a satisfacerent, etiam si exem pla deessent.
85 Ip sa q u ip p e p ro p te r electos in eu angelio dicit:

mei mansiones multae sunt.

In domo Patris

S i enim d isp ar retribu tio in illa

beatitud in e aetem a non esset, u na p otiu s m an sio quam m ultae


essent. M ultae ergo m ansiones sunt, in qu ibu s et distincte bonorum ord ines et p ro p te r m eritorum consortium com m im iter

66-7. ad siciliani duci b z


jz . sentiri m(ap) b v: sentire G H m lei. votjdfjvai
z)
74. emananti m
76. appropinquante b I quanto H m(ap) b v: -tum G
m
78. aperiri m b i c w G H apparer m(ap) b(ap) voLypEvoi z I correctio
nem G m v: correptionem H m(ap) b (cf. blpduKnv z)
82. seu m v: siue G H
m(ap) b
83. deducantur m(ap) b
88. et om. m(ap) b (cf. z) I distincte G
b(ap) v: -tae H m -ti m(ap) b xax ijiav z
89. consortia b

D IALO G H I IV,

36

275

tornato indietro dopo aver percorso mezza strada, m isurando la


distanza si arriv alla conclusione che ambedue erano stati chia
mati nello stesso momento.
10. PIETRO. veram ente terribile quanto vai dicendo. M a, ti
prego, perch allanima che era sul punto di uscire apparve una
nave? e perch il m orituro predisse che sarebbe stato trasportato
in Sicilia?
1 1 . GREGORIO. L anima non aveva bisogno di veicoli, ma non

strano che alluom o ancora dimorante nel corpo sia apparso ci


che il corpo era solito vedere, in m odo che di qui potesse capire
dove la sua anima avrebbe potuto essere condotta spiritualmente.
12 . Q uanto poi al dire di essere condotto in Sicilia, che cosal
tro possiamo immaginare se non che, pi che in altro luogo, nelle
isole di quella terra si spalancano i crateri da cui erutta il fuoco
dei tormenti? Q uesti, com e dicono gli esperti, si allargano giorno
dopo giorno perch si allentano i fianchi dei monti, in m odo che,
approssimandosi la fine del m ondo, quanto pi certo che si al
lunga il numero di quelli che saranno bruciati, tanto pi sem bra
no allargarsi i luoghi della punizione. Tutto questo D io onnipo
tente ha voluto che si vedesse nel nostro m ondo a correzione dei
viventi, cos che le menti degli increduli, che rifiutano di credere
nelle pene dellinferno, possano vedere i luoghi di queste pene,
che ricusano di credere quando ne sentono parlare.
13 . Q uanto poi al fatto che gli eletti, secondo che sono acco
munati dal m odo di operare, avranno in com une anche le loro se
di e lo stesso dicasi per i reprobi, anche se mancassero gli esempi,
ci basterebbero le parole della Verit, che riguardo agli eletti dice
nel vangelo: N ella casa d i m io Padre ci sono diverse dim ore. Se in
fatti in quella beatitudine eterna non ci fosse disparit di retribu
zione, ci sarebbe una sola dimora, non molte. Invece sono molte,
perch i buoni gioiscono in luoghi separati secondo i loro ordini,

85. Eu. Io. 14, 2

276

D ALOGORVM IV,

3 6 -J7

90 laetantur. E t tam en unum den arium om nes laboran tes accipiunt, qui in m ultis m an sionibus distinguuntur, qu ia et una est
beatitud o quam illic p ercipiu n t, et d isp a r retributionis qualitas
quam p e r op era diuersa consequu ntur.
14 .
95

Q u ae nim irum ueritas iu d icii su i diem denuntians ait:

lu n e dicam m essoribus: C ollegite zizania et ligate ea fasciculos


ad conburendum . M esso res q u ip p e angeli zizania ad conbu rendum in fasciculis ligant, cum pares p aribu s in torm entis sim ilibus sociant, u t su perb i cum su p erb is, lu xu rio si cum lu xu riosis, auari cum auaris, fallaces cum fallacibu s, inu idi cum

100 inuidis, in fid eles cum in fid elib u s ardeant. C u m ergo sim iles in
culpa ad torm enta sim ilia d u cu n tu r, qu ia eos in locis poenalibus angeli deputant, quasi zizaniorum fascicu los a d con b u ren
dum ligant.

37

De bis qui quasi per errorem educi uidentur e corpore


et de uocatione et reuocatione Petri monachi et de morte
et resuscitatione Stephani ac de uisione cuiusdam militis
1. PETRVS. Ad inquisitionem meam responsionis satisfactioi ne patuit causa rationis. Sed quidnam est, quaeso te, quod
nonnulli quasi per errorem extrahuntur e corpore, ita ut facti
exanimes redeant, et eomm quisque andisse se dirat quia ipse
non fuerit qui erat iussus deduci?
2. GREGORIVS. Hoc cum ft, Petre, si bene perpenditur, non
io error sed admonitio est. Superna enim pietas ex magna miseri-

91. r o m . b
95. zizaniam ni I ligate G m(ap) b v: legate H m alligate m(ap) Ifas(ante c o ir .) m b(ap) v: -lis G (ex c o r r .) m (a p ) b (a p ) -Im H in -os b e t ; 6 sa
lici 2
97. fasciculis G H m v : -los m(ap) b E 15 F.opd 2 I ligant H m (a p ) b v: legant G m
101. deducuntur b adduamtur m(ap)
103. legant m
37, 6 . e: a ucl de ucl o m . m (a p )
10. suprema m
cicutos G

DIALOGHI IV, 3 6 - 3 7

277

ma associati, ordine per ordine, secondo la comunanza dei meriti.


Tuttavia i lavoranti ricevono tutti un solo denaro, p ur ripartendo
si in diverse dimore, perch una sola la beatitudine di cui l go
dono, anche se diversa la qualit della retribuzione, che conse
gue a opere diverse.
14 .

questo che la Verit dice riferendosi al giorno del giudi

zio: A llo ra dir a i m ietitori: Radunate le zizzanie e legatele in fa sci


p er bruciarle. G li angeli mietitori legano in fasci le zizzanie da
bruciare, in quanto associano in tormenti simili il pari col pari, co
s che vengano bruciati i superbi con i superbi, i lussuriosi con i
lussuriosi, gli avari con gli avari, i mentitori con i mentitori, gli in
vidiosi con gli invidiosi, gli increduli con gli increduli. Pari nella
colpa, sono condotti a pari tormenti, quando gli angeli li assegna
no ai luoghi della pena, quasi che leghino i fasci delle zizzanie per
bruciarli.

37
Alcuni sembrano fatti uscire dal corpo quasi per errore.
I l monaco Pietro chiamato e richiamato.
Stefano muore e risuscita. Visione d i un soldato
1 . PIETRO. La tua risposta ha dato soddisfacente spiegazione
alla mia domanda. Ma perch mai, ti chiedo, alcuni sono portati <
via da: loro corpi come per errore, in quanto dopo essere morti
tornano in s, e ognuno di loro dice di aver appreso che non era
lui quello che si era comandato di tirare fuori dal corpo?
2. GREGORIO. Quando questo avviene, Pietro, se esaminiamo
bene, non perch ci sia stato un errore, ma per dare un ammoni
mento. La bont divina nella sua misericordia dispone che alcuni

90. Cf. Eu. Matth. 20,9-10

95. Eu. Matth. 13, 30

278

DIALOGORVM IV, J

cord iae suae largitate d isponit ut nonnulli edam post exitu m


repente ad corpus redeant, et torm enta inferi, quae audita non
cred id eran t, saltem uisa pertim escant.
3. N am quid am Illirician u s m onach u s, qu i in h ac u rb e m e

li

cum in m onasterio uiuebat, m ihi n arrare consueuerat quia


quod am tem pore, cum ad h u c in h erem o m oraretur, agnouerit
q u o d P etru s quid am m onach us e x regione ortus H ib e ria e , qui
ei in lo c o uastae solitudinis cui E u asa nom en est inhaerebat,
sicut ipso narrante d id icerat, p riu sq u am herem um peteret,

2c m olestia corp o ris interueniente defu nctu s est, sed p rotinu s,


co rp o ri restitutus, inferni se su p p licia atque inn um era loca
flam m arum uidisse testabatur. Q u i edam quosdam huius saeculi potentes in eisdem flam m is suspensos se u idisse narrauit.
4. Q u i cum iam d ed u ctu s esset ut ilio et ip se m ergeretur,
25 su b ito angelum coru sci h abitu s app aru isse fateb atu r, qu i eum
in igne m ergi proh ib eret. C u i etiam dixit: E gred ere, et qualiter tibi p o st h aec uiu endum sit cautissim e adtende. P o st
quam uocem paulatim recalescen tibu s m em bris ab aetem ae
m ortis som no euigilans, cu ncta q u ae circa illum fueran t gesta
30 narrauit tantisque se p ostm od u m uigiliis ieiu niisqu e constrin xit, ut inferni eum uidisse et p erdm u isse torm enta, etiam
si taceret lingua, conu ersatio loq u eretu r, q u ip p e cu i om nipotentis D e i m ira largitate in m orte actum est ne m ori debuisset.
5. S ed quia hum anum c o r grauis u ald e duritiae est, ip sa
31 q u o q u e poenarum ostensio aequ e om nibus utilis n on est. N am
inlustris u ir Steph anus, quem b en e nosti, de sem etipso m ihi

12. inferi H m v: -m i G m(ap) b


17. hiberiae G H m: iberiae b v yb- uel bybm(ap)
21. corporiG m(ap) b v: -re H m ev x< oojjicm z I jeom. m(ap) ante ui
disse (lb. 22) trai, b
23. narrabat b
24. ductus b I ilio H m(ap): illue G
m(ap) b(ap) Me m(ap) in ilio m b(ap) v in illas b (cf. xelOE z)
26. in igne G
H m(ap) v: in ignem m b (cf. v t> luigi z)
27. post haec G H m v: posthac
m(ap) b (cf. |2t xaOTO z)
30. uigiliis ieiuniisque G H m v: ieiuniis uigiliisque
b z uigiliisque ieiuniis m(ap)
32. quippe loqueretur m
34. humano cordi...
duritia b(ap)
35. non om. m(ap) ante acque trai, b

DIALOGHI IV, 3 7

279

tornino nel corpo dopo essere morti, in m odo che quei tormenti
dellinferno, che non hanno creduto quando ne hanno sentito
parlare, almeno li temano dopo averli visti.
3. Un m onaco delTUliria, che viveva qui a Rom a con me nel
monastero, era solito raccontarm i ci che aveva appreso quando
viveva ancora in solitudine. U n monaco della Spagna, di nome
Pietro, che si era unito a lui nella grnde solitudine di Evasa, gli
aveva raccontato che, prima di andare a vivere in solitudine, era
morto a causa di una malattia, ma poi era stato restituito al suo
corpo, e affermava di aver visto i supplizi dellinferno e innumere
voli fornaci ardenti. D iceva anche di aver visto sospesi in quelle
fiamme alcuni che in questo m ondo erano stati potenti.
4. M entre anche lui stava per essere immerso nel fuoco, era ap
parso - a quanto egli affermava - un angelo in splendida veste, il
quale aveva im pedito che egli fosse immerso nel fuoco e gli aveva
detto: Esci, e sta bene attento a com e dovrai vivere dopo questa
esperienza. D o po queste parole, a poco a poco le m em bra aveva
no riacquistato calore ed egli, risvegliatosi dal sonno della morte <
eterna, aveva raccontato tutto quello che gli era accaduto; in se
guito si era sottoposto a continui digiuni e veglie, tali che, pur ta
cendo la lingua, la sua condotta di vita indicava eloquentemente
che egli aveva visto e tem uto i supplizi delPinfem o. In effetti per
dono mirabile di D io onnipotente egli era stato fatto m orire per
ch non dovesse morire.
5. Ma tanto grande e oppressiva la durezza del cuore umano
che perfino la visione delle pene eterne non ugualmente utile a
tutti. L illustre Stefano, che tu hai ben conosciuto, mi raccontava

280

DIALOGORVM IV, J 7

n arrare consueuerat quia in C o n stantinop olitana u rb e p r


q u ad am causa d em oratus, m olestia corp o ris superueniente,
d efun ctu s est. C u m q u e m ed icu s atque pigm entarius ad ape40 riendum eum atque con d ien d u m esset quaesitus et d ie eodem
m inim e inuentus, subseq u enti nocte iacuit corpu s inhum atum .
6. Q ui ductus ad inferni lo ca uidit m ulta, quae prius audita
non cred id it. Sed cum praesidenti illic iudici praesentatus fuisset, ab eo receptus non est, ita u t diceret: N o n hunc deduci,
45 sed Steph anum ferrariu m iussi. Q u i statini reductus in corpore est, et Stephanus ferrariu s, qu i iu xta eum habitabat, eadem
h ora defunctus est. S icq u e probatu m est uera fuisse u erba quae
audierat, dum h aec effectu s m ortis Stephani dem onstrauit.
7. A n te triennium q u oq u e in hac pestilentia quae hanc ur-

50

bem clade uehem endssim a d ep op u lau it, in qua edam c o rp o ra


li uisu sagittae caelitus uenire et singulos quosque ferire uideban tur, sicut nosti, Steph an u s isdem defunctus est. Q u id am
u ero m iles in hac eadem nostra urb e p ercu ssu s ad extrem a
peruenit. Q u i edu ctus e c o rp o re exanim es iacuit, sed citius re-

s s diit et quae cum eo fueran t gesta narrauit.

8. Aiebat enim, sicut tunc res eadem edam multis innotuit,


quia pons erat, sub quo niger atque caligosus foetoris intolerabilis nebulam exhalans fluuius decurrebat. Transacto autem
ponte amoena erant prata atque uirentia, odoriferis herbarum
o floribus exomata, in quibus albatorum hominum conuenticula
esse uidebantur. Tantusque in loco eodem odor suauitatis inerat, ut ipsa suauitatis flagranda illic deambulantes habitantesque sadaret.
9. Ib i m ansiones d iu ersoru m singu lae m agnitudine lu cis

65

plenae. Ib i quaedam m irae p oten tiae aed ifcabatu r dom us,

43. praesidenti H m (praesed) m(ap) b v: praesenti G m(ap) (cf. jtQOxade^pevov


z)
45-4. fuisset H m b v: esset G m(ap)
52. idem m(ap) b
54. exani
mes H m: -mis m(ap) b v deperd. in G
56. aiebat mb vz : agebat G H m(ap)
57. caliginosus b
62. flagranza m: fraglantia m(ap) fragranza m(ap) b v
64. mansionis m

DIALOGHI IV, 3 7

281

di s che, mentre si trovava a Costantinopoli per trattare un certo


affare, si era ammalato ed era morto. E rano stati mandati a chia
mare un m edico e un profum iere per aprire il cadavere e imbalsa
marlo, ma non li avevano trovati, cos che nella notte seguente la
salma era rimasta insepolta.
6. Stefano, portato nellinfem o, vide molte cose che prim a non
aveva creduto vere, quando ne aveva sentito parlare. M a quando
fu presentato al giudice che presiedeva, non fu accettato da quel
lo, che disse: H o ordinato di portare qui non costui, ma Stefano
il fabbro ferraio. Perci egli fu subito restituito al suo corpo, e
Stefano il fabbro, che viveva vicino a lui, m or proprio in quel m o
mento. C o s fu provata lesattezza di ci che aveva udito, perch
la morte di Stefano il fabbro ne dette dimostrazione.
7. Tre anni fa, durante la pestilenza che ha devastato grave
mente la nostra citt, quando con i nostri occhi abbiam o visto
morire alcuni colpiti da frecce scagliate dal cielo, Stefano, come
tu ben sai, mor. A nche un soldato, colpito dal male, fu ridotto
agli estremi. Uscito dal corpo rest esanime, ma torn subito in s
e raccont quanto gli era successo.
8. Egli diceva - e di com e si fosse svolta la cosa vennero a co
noscenza m olti altri - , che aveva visto un ponte sotto il quale scor
reva un fium e nero e caliginoso, che esalava una nebbia di fetore
insopportabile. A l di l del ponte c e ra n o prati ameni e verdeg
gianti, adorni di fiori olezzanti, nei quali si vedevano gruppi di
persone biancovestite. D a quei prati emanava un profum o soavis
simo che con la sua fragranza saziava quanti passeggiavano l e si
intrattenevano.
9. L e dimore, diverse una dallaltra, risplendevano di luce. In
quel luogo veniva edificata una casa di grande prestigio, che sem-

282

DIALOGORVM IV,

JJ

q u ae aureis u id ebatu r latercu lis construi sed cuius esset non


p otuit agnosci. E ra n t uero su p er ripam praedicti flum inis n o n
nulla habitacula, sed alia exsu rgen tis foeto ris nebu la tangebantur, alia autem exsu rgen s fo e to r a flu m in e m inim e tangebat.
70

io . H a e c uero erat in p raed icto p onte p robatio , ut quisquis


p e r eum iniustorum uellet transire, in tenebroso foetentiqu e
flu u io laberetur, iusti uero, q u ib u s cu lp a non obsisteret, securo p e r eum gressu ac lib e ro ad loca am oena peruenirent.
1 1 . Ib i se edam P etru m , ecclesiasticae fam iliae m aiorem ,

75 qui ante quadriennium est d efunctu s, deorsum positum in lo-

cis teterrim is, m agno ferri p o n d e re religatum ac depressu m uidisse confessus est. Q u i d u m requ ireret cur ita esset, ea se
d ixit audisse quae nos, q u i eum in h ac ecclesiastica dom o
nouim us, scientes eius acta recolim us. D ictum n am qu e est:
80 H a e c id circo patitur, qu ia si quid ei p r facienda u ltione iub ebatur, ad inferendas p lagas plu s e x crudelitatis desiderio
quam oboedien tia seruiebat. Q u o d sic fuisse nullus qui illum
nouit ignorat.
12 . Ib i se edam qu em d am peregrinim i p resbiterum u id isse
85 fateb atur, q u i ad p raed ictu m pontem ueniens, tanta p e r eum
auctoritate transiit, qu an ta et h ic sinceritate uixit. In eodem
q u o q u e p on te h u n c quem p ra ed ix i Stephanum se recognouisse testatus est. Q ui dum transire uoluisset, eius p es lapsus est,
et e x m ed io co rp o re iam e x tra pontem deiectus, a quibusdam

teterrim is uiris e x flum ine su rgen tibu s p er co xas deorsum , atq u e a quibusdam albads et speciosissim is uiris coepit p er brachia sursum trahi. C u m q u e h o c luctam en esset, ut hunc bo n i
spiritus sursum , m ali deorsum traherent, ipse q u i h aec uid ebat

69. aliud m ltfG H m(ap) v: e b om. m


71. uellet m(ap) b v: uellit G H m (cf.
tJdeXev 2)
71-2. in tenebrosum foetentemque fluuium b
75. est defunctus
G m(ap) b: defunctus est H m v
76. religatum H m(ap) b v: releg- m ligatum
m(ap) leg- G eepevov z
82. ex ance oboedientia add. G b (cf. z)
87.
praediximus b

DIALOGHI IV, 3 7

28 3

brava rivestita da mattoni doro, ma non si poteva sapere a chi ap


partenesse. Sulle rive del fiume cerano altre abitazioni: alcune,
toccate dalla nebbia, erano fetide, mentre altre erano del tutto im
muni dal fetore che emanava dal fiume.
10. Quel ponte serviva di prova: se ci voleva passare un catti
vo, andava a cadere nel fiume tenebroso e puzzolente; invece i
giusti, dato che nessuna colpa li impediva, vi passavano con passo
sicuro e libero e arrivavano ai luoghi ameni.
11. Il soldato disse di aver visto col Pietro, il capo del perso
nale di servizio nella chiesa, morto quattro anni or sono, che stava
in basso, in luoghi spaventosi, legato e gravato da pesanti catene.
Avendo chiesto perch si trovasse in quella condizione, il soldato
aveva appreso ci che noi gi sapevamo, perch ci era ben noto il
modo con cui quello si era comportato in questa casa ecclesiasti
ca. Infatti gli fu detto: Patisce queste pene, perch se gli veniva
comandato di infliggere una punizione, dava i colpi spinto pi dal
desiderio di incrudelire che dallobbedienza. E tutti quelli che lo
hanno conosciuto sanno che laccusa corrispondeva a verit.
12. Il soldato disse anche di aver visto un presbitero straniero,
che arrivato al ponte lo aveva superato con autorit corrispondente
alla schiettezza della sua vita. Attest di aver riconosciuto sul ponte
anche Stefano. Voleva passare, ma il piede scivol, e quando con
met del corpo stava gi fuori del ponte, alcuni uomini dallaspetto
terrificante, venendo su dal fiume, cercavano di tirarlo gi affer
randolo per le cosce; invece altri uomini, bellissimi e biancovestiti,
si adoperavano a tirarlo su per le braccia. Mentre lottavano, gli spi
riti buoni per tirarlo su e gli spiriti cattivi per tirarlo gi, il soldato

28 4

9s

100

105

110

115

ne

DIALCXj ORVM IV,

ad corpus reuersus est, et quid de eo plenius gestum sit minime cognouit.


13. Qua in re de eiusdem Stephani uita datur intellegi quia
in eo mala camis cum elemosinarum operatione certabant.
Qui enim per coxas deorsum, per brachia trahebatur sursum,
patet nimirum quia et elemosinas amauerat et camis uitiis perfecte non restiterat, quae eum deorsum trahebant. Sed in ilio
occulti arbitris examine quid in eo uicerit, et nos et eum qui
uidit et reuocatus est latet.
14 . Constat tamen quia isdem Stephanus, postquam, sicut
superius narraui, et inferi loca uidit et ad corpus rediit, perfecte uitam minime correxit, qui post multos annos de corpore
adhuc ad certamen uitae et mortis exiit. Qua de re collegitur
quia ipsa quoque inferni supplicia cum demonstrantur, aliis
hoc ad adiutorium, aliis uero ad testimonium fiat, ut isti uideant mala quae caueant, illi uero eo amplius puniantur, quo
inferni supplicia nec uisa et cognita uitare uoluerunt.
15. PETRVS. Quid est hoc, quaeso te, quod in amoenis locis
cuiusdam domus laterculis aureis aedificari uidebatur? Ridiculum est ualde, si credimus quod in illa uita adhuc metallis talibus egeamus.
16 . GREGORIVS. Quis hoc, si sanum sapit, intellegat? Sed ex
eo quod illic ostensum est, quisquis ille est cui mansio ista construitur, aperte datur intellegi quid est quod hic operatur.
Nam quoniam praemium lucis aeternae elemosinarum largita
le promerebitur, nimirum constat quia auro aedificat mansio
nem suam. Quod enim superius memoriam fugit ut dicerem,
isdem miles qui haec uiderat narrabat quod eosdem laterculos

toi. arbitri m(ap) b I eum qui G H m(ap) b v: qui eum m (cf. ctTV tv cavea
teaodpevov z)
103. idem m(ap) b
104. inferi G H m v: feriti m(ap) b
115-6. exeo: per hoc b
11%. quoniam G H m b(ap) v: qui m(ap) b (cf. ineibr)
yp z) I lucis aeternae H m v: lucis et aeternae G aeternae lucis b
121. idem
m(ap)b

DIALOGHI IV, 3 7

28 5

che stava osservando era tornato nel suo corpo e non aveva potuto
pi sapere come la cosa fosse andata a finire.
13. A tal proposito, riguardo alla vita di Stefano, noi sappiamo
che in lui i peccati della carne gareggiavano con i meriti dellele
mosina. Dato che veniva tratto gi per le cosce e su per le braccia,
evidente che egli aveva amato fare elemosina, ma non aveva resi
stito adeguatamente alle sollecitazioni della carne, che lo tiravano
in basso. Ma che cosa abbia prevalso in lui secondo la sentenza
del giudice invisibile, rimasto celato sia a noi sia a colui che lo ha
visto ed stato richiamato in vita.
14. chiaro comunque che Stefano, dopo che - come ho rac
contato - aveva visto le sedi infernali e poi era tornato nel corpo,
non aveva emendato perfettamente il suo modo di vivere, dato
che uscito dal corpo dopo molti anni, per sostenere la lotta tra la
vita e la morte. Ne deduciamo che, quando si vedono i supplizi
infernali, per alcuni questa esperienza di giovamento ma per al
tri solo di testimonianza, affinch quelli vedano i mali e se ne
astengano, mentre questi invece vengono puniti pi duramente,
perch non hanno voluto evitare i supplizi delPinfemo, pur aven
doli visti e conosciuti.
15 . PIETRO. Che senso ha, ti prego, che in quei luoghi ameni la
casa di qualcuno sembra che venga edificata con mattoni doro?
piuttosto ridicolo credere che in quella vita si abbia ancora bi
sogno di quel metallo.
16. GREGORIO. Ma quale uomo di buon senso potrebbe inten
dere in questo modo? Da quanto si visto, chiunque sia colui per
il quale viene edificata quella dimora, si capisce chiaramente il si
gnificato dellopera. Infatti chi, largheggiando in elemosine, meri
ter il premio della luce eterna, evidente che costui edifica con
loro la sua dimora. In effetti, non mi sono ricordato di dire che il
soldato, che aveva visto tutte queste cose, diceva che i mattoni

286

D1ALOGORVM IV, 3 7 - 3 8

aureos ad aedificationem d om u s senes ac iuu enes, p u ellae et


pueri ferebant. Q u a e x re collegitu r qu ia hii, q u ib u s h ic pietas
facta est, ipsi illic op erato res esse uidebantur.

38
De Deusdedit cuius domus sabbato uisa est aedificari

1.
Sic etiam quidam iuxta nos, Deusdedit nomine, religiosus
habitabat, qui calciamenta solebat operari. D e quo alter per
reuelationem uidit quod eius domus aedificabatur, sed in ea
constructores sui solo die sabbati uidebantur operari. Qui eiusdem uiri postmodum subtiliter uitam requirens, inuenit quia ex
his quae diebus singulis laborabat, quicquid ex uictu atque
uestitu superesse potuisset, die sabbato ad beati Petri ecdesiam deferre consueuerat atque indigentibus erogare. Qua ex re
perpende quia non inmerito domus ipsius fabrica sabbato crescebat.
z. PETRVS. Hac de re mihi idonee uideo satisfactum. Sed
quaeso te, quid esse dicimus quod quorumdam habitacula foetoris nebula tangebantur, quorumdam uero tangi non poterant? Vel quid quod pontem, quid est quod fluuium uidit?
3. GREGORIVS. E x rerum, Petre, imaginibus pensamus meri
ta causarum. Per pontem quippe ad amoena loca transire iustos aspexit, quia angusta ualde est semita quae ducit ad uitam,
et foetentem fluuium decurrentem uidit, quia ad ima cotidie
defluit camalium hic putredo uitiorum.
4. Et quorumdam habitacula foetoris nebula tangebat, quo-

I2 j. h iiH G (ante corr. ut uid.) m v: h im(ap) b om. G (ex corr.)


} 8 ,2. sic. hic m(ap) b
6. inuenit G H m b v: -ni m(ap) b(ap) (cf. euqev z)
20. haec b(ap) om. m(ap)

DIALOGHI IV, 3 7 - 3 8

287

doro occorrenti per la costruzione della casa li portavano vecchi


e giovani, ragazze e ragazzi. Ne deduciamo che coloro i quali in
questa vita avevano beneficiato di tale atto di piet, erano col
quelli che edificavano la casa.

3
La casa d i Deusdedit viene edificata d i sabato
1. Abitava presso di noi un uomo pio, di nome Deusdedit, che
di mestiere faceva il calzolaio. A suo riguardo un tale vide per ri
velazione che la sua casa veniva costruita, ma i costruttori lavora
vano soltanto di sabato. Questo tale fece in seguito accurate ricer
che sulla vita di Deusdedit, e accert che egli da tutto ci che
guadagnava lavorando ogni giorno detraeva quanto serviva per
nutrirsi e vestirsi, e il resto lo portava ogni sabato nella chiesa di
san Pietro perch fosse distribuito ai poveri. Vedi dunque che
non senza motivo la costruzione della sua dimora procedeva di sa
bato in sabato.
2. PIETRO. Su questo argomento mi ritengo adeguatamente
soddisfatto. Ma, ti prego, che cosa significa che le dimore di alcu
ni venivano raggiunte dalla nebbia puzzolente, mentre quelle di
altri ne rimanevano immuni? E che cosa significa il ponte? che co
sa il fiume?
3. GREGORIO. Dalle immagini delle cose risaliamo a una valu- <
tazione di tipo morale. Quel tale vide i giusti che entravano nei
luoghi ameni attraverso il ponte, perch molto stretta la via che
conduce alla vita, e vide scorrere il fiume puzzolente perch gior
no per giorno in questo nostro mondo defluisce in basso il putri
dume dei vizi carnali.
4. Le dimore di alcuni erano toccate dalla nebbia mentre di al-

38,18. Cf. Eu. Matth. 7,1 4

288

DIALOGORVM IV, 3 8 - 3 9

rumdam uero ab ea tangi non poterant, quia sunt plerique qui


multa iam bona opera faciunt sed tamen adhuc camalibus uitiis in cogitationis delectatione tanguntur, et iustum ualde est
2? ut illic nebula foetoris obsideat quos hic adhuc camis foetor
delectat. Vnde et eandem delectationem camis esse beatus Iob
in foetore conspiciens, de luxurioso ac lubrico sententiam protulit, dicens: Dulcedo illius uermis. Qui autem perfecte cor ab
omni delectatione camis excutiunt, constat nimirum quia eojo rum habitacula foetoris nebula non tanguntur.
j. Et notandum quod isdem foetor esse et nebula uisa sit,
quia nimirum camalis delectatio mentem quam inficit obscurat, ut ueri luminis claritatem non uideat, sed unde delectatur
inferius, inde caliginem ad superna patiatur.
35
6. PETRVS. Putamusne hoc auctoritate sacri eloquii posse
monstrari, ut culpae camalium foetoris poena puniantur?

39
De poena Sodomorum
GREGORIVS. Potest. Nam libro Geneseos adtestante didicimus quia super Sodomitas Dominus ignem et sulphurem
pluit, ut eos et ignis incenderet et foetor sulphuris necaret.
s Quia enim amore inlicito corruptibilis camis arserant, simul
incendio et foetore perierunt, quatenus in poena sua cognoscerent quia aetemae morti foetoris sui se delectatione tradidissent.

23. multa iam G H m(ap) b: multa m v z


25. camis G m(ap) b: camalis H m v
(cf. 1% CK1QX5 z)
28. uermes m(ap) b I quia m
31. idem m(ap) b
39, 2. potest: putamus b(ap)
3. sulphurem G m(ap) b(ap) v: sulphorem H m
sulphur m(ap) b
4. sulphons H m
5. arserant G H m v: -runt m(ap) exarserant b exadr)oav z
6. sui m
7. morti G m b v: -is H m(ap) (cf.
OuvdTai z)

DIALOGHI IV, 3 8 - 3 9

28 9

tri non lo erano, perch sono in molti a fare molte opere buone e
tuttavia si dilettano ancora, nel pensiero, dei vizi della carne, ed
giusto perci che la nebbia fetida molesti coloro che ancora trag
gono diletto da tali vizi. P er questo il beato G io b b e, vedendo che
il piacere carnale si associava al fetore, riguardo alluomo lussu
rioso e lascivo ha detto: L a sua dolcezza va in pasto a i verm i. Se in
vece uno ha rimosso completamente dal suo cuore ogni diletto
carnale, la sua dim ora non viene raggiunta dalla nebbia fetida.
5. Bisogna ancora rilevare che si percepivano fetore e nebbia,
perch il piacere carnale ottunde la mente che se ne diletta, in
m odo che non ved e lo splendore della luce, m a com e si dilettava
di ci che in basso, cos viene impedita dalla caligine di vedere
ci che in alto.
6.

PIETRO. M a si p u dim ostrare con lautorit della Scrittura

che i peccati carnali vengono puniti col fetore?

39
La pena dei Sodomiti

GREGORIO. possibile. Infatti dallattestazione del libro della


G en esi abbiamo appreso che il Signore fece piovere fuoco e zolfo
sugli abitanti di Sodom a, perch il fuoco li bruciasse e il fetore
dello zolfo li uccidesse. A rdevano dellamore illecito della carne
corruttibile e sono morti nel fuoco e nel fetore affinch, puniti in
questo modo, im parassero che si erano consegnati alla m orte eter
na perch avevano tratto piacere da quel fetore.

i8 ,Iob 24 ,20
33. Cf. Eu. Io. 1, 9
39, 3. Cf. Gen. 19, 24

2^0

DIALOGOFVM IV,

39-40

PETRVS. D e his in quibus d ubius fui, nihil mihi, fateor, quaes10 tionis rem ansit.

40

Quod quorumdam animae adhuc in corpore positae


poenale aliquid de spiritalibus uident et de Theodoro
puero ac de morte Crisaurii et monachi cuiusdam Isaurii
1.

GREGORTVS.

S cien d u m q u o q u e est quia nonnum quam

5 anim ae ad huc in suis co rp o rib u s positae poenale aliqu id d e


spiritalibus uident, q u o d tam en q u ibu sd am ad aedificationem
suam , quibusdam u ero contingere ad aedificationem audientium solet.
2. N am is d e q u o in om eliis coram p o p u lo iam narrasse m e
io m em ini, inquietus u ald e T h e o d o ru s nom ine p u e r fuit, q u i in
m eo m onasterio fratrem suum necessitate m agis quam uoluntate secutus est. C u i nim ium grauis erat si quis p r su a salute
aliquid loqueretur. B o n a autem non solum face re sed edam
aud ire n on poterat. N u m qu am se ad sanctae conuersationis
15 h abitum uenire iu ran do irascend o d erid en do testabatur.
3. In hac autem pestilentia, quae n u p er huius urb is populum m agna ex p arte consum psit, percussus in inguine est perductus ad m ortem . C u m q u e extrem um spiritum ageret, conuenerunt fratres, ut egressum illius orand o protegerent. Iam
20 corpu s eius ab extrem a fu erat parte praem ortuum ; in solo tantum m odo p ecto re uitalis ad h u c calor anhelabat. C u n cti autem

40,9. G m b v: isdem H m(ap) I euangelii post omeliis add. b(ap)


11. meo monasterio m(ap): meum momsterium G H m v monasterium meum b (cf v t<2
(XOvaon)Q(() z)
12. nimium H m(ap) b(ap): nimirum G m b v (cf. Xiav z) I
grauis H m v: -uG b (cf
z) I quisG H m(ap) v: quim quiseihz
12-3.
sua salute aliquid G z: sua aliquid salute H m v salute sua aliquid b
13 enim b
17-8. perductus est b est et perductus m(ap) 20. partefuerat m(ap) b

DIALOGHI IV, )

9-40

291

PIETRO. Riconosco che in m erito a questa difficolt non m i


pi rimasto alcun dubbio.

40

Alcune anime, quando sono ancora n el corpo, vedono


qualcosa delle pene riguardo alle anime dei defunti.
I l giovane Teodoro. M orte d i Crisaurio
e d i un monaco dellTsauria

1. GREGORIO. Bisogna anche sapere che talvolta le anime,


mentre sono ancora nel corpo, vedono qualcosa delle pene che
sono toccate alle anime dei defunti, a volte per loro personale edi
ficazione, a volte per edificazione di chi ascolta.
2. M i ricordo di aver gi raccontato, in unom elia predicata al
popolo, di un ragazzo di nome Teod oro, molto turbolento, che
aveva seguito nel mio monastero suo fratello, pi p er necessit
che per sua volont. Perci gli era quanto mai sgradito che qual
cuno gli parlasse della sua salvezza. N on solo non faceva alcunch
di bene, ma neppure ne voleva sentir parlare. T ra giuramenti,
scoppi dira, prese in giro, assicurava che non avrebbe mai indos
sato la veste monastica.
3. Nella recente pestilenza che ha decimato la popolazione
della nostra citt, colpito allinguine, si ridusse in fin di vita. E s
sendo sul punto di emettere l ultimo respiro, si riunirono i fratelli
per confortare con le loro preghiere la sua dipartita. G i il corpo
appariva morto alle estremit, e solo nel p en o ansimava ancora un
po di calore vitale. A llora tutti i fratelli com inciarono a pregare

292

DIALOGORVM IV, 4 0

fratres tanto p r e o coep eru n t en ixiu s orare, qu an to eum iam


uid eban t sub celeritate discedere.
4.

C u m rep ente coep it eisdem fratribu s adsistentibus clam a-

25 re, atque cum m agnis u o cib u s orationes eoru m interrum pere,


dicens: R eced ite. E c c e d ra co n i ad d eu orand u m datus sum , qui
p ro p ter uestram p raesentiam d eu orare m e no n potest. C ap u t

di

v*

m eum iam in suo o re ab sorb u it. D a te locu m , ut non am plius m e


cruciet, sed faciat q u o d factu ru s est. S i ei ad deu orand u m datus
)o sum , q uare p ro p ter uos m oras p atio r? . T u n c fratres coeperu nt
ei dicere: Q u id est q u o d loq u eris, frater? Signum tibi sanctae

V'

crucis inprim e. R e sp o n d e b a t ille cum m agnis clam oribu s, d i


cens: V o lo m e signare, sed non possum , quia squam is huius
draconis p rem o r .
35

5. C u m q u e h o c fratres audirent, prostrati in terra cum lacrim is coep eru n t p r ereption e illiu s uehem entius orare. E t
ecce subito coep it a eg er cum m agnis uocibus clam are, dicens:
G ratias D eo . E c c e d raco, q u i m e ad d eu orandum acceperat,
fugit. O ration ibus uestris e xp u lsu s est, stare non p otuit. P ro

4 peccatis m eis m o d o interced ile, quia conuerti paratus sum et


saecularem uitam funditus relinquere. H o m o ergo qui, sicut
iam dictum est, ab extrem a corp o ris fuerat p arte praem ortuus,
reseruatus a d uitam toto ad D eu m cord e conuersus est, et postquam m utatus m ente diu est flagellis adtritus, tunc eiu s anim a
45 carne soluta est.

6.
At contra Crisaurius, sicut Probus propinquus illius,
cuius iam superius memoriam feci, narrare consueuit, uir in
hoc mundo ualde idoneus fuit, sed tantum plenus uitiis quan
24. cum H m b v : tum G lune m(ap)
26. recedite G 11 m v z: recedite recedite
m(ap) b (rette?) I ecce-, quia m(ap) b(ap)
28. iam in suo ore G m(ap) b z: in ore
suo iam H m v l non amplius me H z: non me amplius G m v me amplius non m(ap)
b me non m(ap)
35. in terra H m b v : / tenni G m(ap) ix'l Tfjs yrjc; z
37. coepit aeger G H m v: aeger coepit b(ap) z meUoratus aeger coepit b
39. est
om. m b
43. ad deum H m v: a deo G post corde trai, b z
48. idoneus G H
m(ap) b: diues m b(ap) v

DIALOGHI IV, 4 0

per lui con m aggiore im pegno, perch lo vedevano andarsene in


fretta.
4. M a im provvisamente com inci a gridare ai fratelli che lo as
sistevano, interrom pendo a gran voce le loro preghiere: Allonta
natevi. Ecco che sono stato consegnato al drago perch mi divori,
ma egli non mi pu divorare a causa della vostra presenza. G i ha
inghiottito la mia testa nella sua bocca. Dategli spazio, perch non
mi tormenti ancora ma faccia ci che deve fare. Se gli stato con
cesso di divorarmi, perch soffro questo indugio a causa vostra?.
Allora i fratelli gli dissero: C he cos questo che vai dicendo, fra
tello? Fatti il segno della croce. M a quello rispose gridando: M i
vorrei segnare ma non posso, perch il drago m i stringe tra le sue
squame.
5. A queste parole i fratelli, prostrati a terra, si dettero a prega
re pi intensamente tra le lacrime, per ottenere la sua liberazione.
Ed ecco che il m alato prese a gridare: G razie a D io. Il drago che
mi doveva divorare fuggito: le vostre preghiere lo hanno scaccia
to e non ha potuto resistere. Intercedete ora p er i miei peccati,
perch sono pronto a convertirmi e ad abbandonare compietamente la vita del m ondo. Q uel giovane che, com e h o gi detto,
era morto nelle estremit del corpo, richiamato in vita si conver
tito a D io con tutto il cuore e in seguito, una volta cambiata la sua
mente, fu a lungo tormentato da malanni e infine la sua anima fu
liberata dal corpo.
6. Un caso contrario. Crisaurio, come mi ha raccontato Probo,
suo parente da me sopra ricordato, fu del tutto a suo agio nella vi
ta di questo m ondo, ma tanto pieno di vizi quanto di beni, gonfio

DIALOGORVM IV, 4 0

tum rebus, su p erb ia tu m id u s, cam is su ae uolu ptatibu s su bd i50 tus, in ad quiren dis rebu s auaritiae facib u s accensus. S ed cum
tot m alis D o m in u s finem p on ere decreuisset, corpo rali hunc
m olestia percussit.
7. Q u i ad extrem u m ueniens, eadem h ora q u a iam d e corp o re erat exitu ru s, apertis ocu lis uidit tetros et nigerrim os sp i
li ritus coram se ad sistere et uehem enter insistere, ut ad inferni
claustra se raperent. C o ep it trem ere pallescere su d are et m agnis uocibus indutias p etere, filiu m qu e suum nom in e M a x i
m um , quem ip se iam m onach u s m onach u m u id i, nim iis et turbatis clam oribus u o care, d icens: M a xim e , curre. N u m qu am
60 tibi m ali aliquid feci. In fid e tua m e suscipe.
8. T u rb atu s m o x M a x im u s adfuit. L u gen s et perstrepens
fam ilia conuenit. E o s autem , q u os ille insistentes sibi grau iter
tolerabat, ip si m alignos spiritu s u id ere non p oterant, sed eorum praesentiam in confessione, in p allo re ac trem o re illius
s qui trahebatu r uid ebant. P a u o re autem tetrae eoru m im aginis
h u c illucque uertebatu r in lectu lo. Iaceb at in sinistro latere:
aspectum eorum ferre non poterat. V erteb atu r ad parietem :
ibi aderant. C u m q u e constrictus nim is relaxari se iam posse
desperaret, coepit m agnis u o cibu s clam are: Ind u tias uel us70 que m ane. In dutias uel usqu e m ane. Sed cum h aec clam aret,
in ipsis uocibus d e h abitacu lo suae cam is euulsus est.
9. D e quo nim irum constat quia p r nobis ista, non p r se
uiderit, ut eius uisio n obis p rofciat, quos adhuc diuina patientia longanim iter exp ectat. N am illi tetros spiritus ante m ortem
71 uidisse et indutias petisse q u id p ro fu it, qui easdem indutias
quas petiit non accepit?
10. E st etiam n u n c ap u d nos A thanasius, Isau riae presbiter,

56. se: eum b


61. ac b
64. confessione G m v: confusione H b(ap) b (cf.
|onoXoyr|oe)5 z) I in (z): et b z
73. uiderit G H m(ap) b: -rat m v t fredaaTO z
77. nunc om. G I isauriae H m b v: ex pracm. G lycaoniae m(ap)
b(ap)z

DIALOGHI IV, 4 0

di superbia, prono ai piaceri della carne, facile preda dellavidit


nel procurarsi ricchezze. Il Signore, avendo decretato di mettere
fine a tanti mali, lo colp con una malattia.
7. Arrivato agli estremi, quando ormai stava per uscire dal cor
po vide che si erano presentati alcuni spiriti nerissim i e spavento
si, che insistevano con veemenza per trarlo nella prigione inferna
le. Trem ava im pallidiva sudava, a gran voce chiedeva un indugio e
cominci a chiamare disperatamente il figlio M assim o, che ho vi
sto monaco quando anchio ero gi monaco, gridando: M assim o,
corri. Non ti ho mai fatto del male; accoglimi sotto la tua prote
zione.
8. Costernato, M assim o arriv subito e tutta la famiglia si pre
sent tra pianti e strilli. N on potevano vedere gli spiriti maligni, la
cui insistenza Crisaurio cercava di contenere con fatica e dolore,
ma ne avvertivano la presenza nelle parole, nel pallore e nel tre
m ore di quello che veniva tratto via. S i rigirava da una parte e
dallaltra del letto perch temeva la loro figura; giaceva sul fianco
sinistro, ma non poteva sopportare il loro aspetto; allora si girava
verso la parete, ma quelli erano l. Q uando, stretto da loro, ormai
disperava di potersi liberare, cominci a gridare: Datem i tregua
fino a domani, fino a domani. M a mentre gridava in questo m o
do, fu strappato dallabitacolo della sua carne.
9. D a tutto questo risulta evidente che la visione egli l aveva
avuta non p er s ma per noi, affinch ci fosse di profitto, mentre
la pazienza divina nella sua longanimit ci aspetta ancora. C h e co
sa infatti giov a lui aver visto, prim a di m orire, quegli spiriti spa
ventosi e aver chiesto una tregua, dato che non ottenne quello che
chiedeva?
10 . C ancora presso di noi il presbitero Atanasio, provenien-

296

D1ALOGORVM IV, 4 0

qui d iebu s suis Ico n ii rem terribilem narrat euenisse. Ib i nam que, ut ait, q u od d am m onasterium T o n G a la to n dicitur, in
80 q u o quidam m onachus m agnae aestim ationis h abebatu r. B o n is
q u ip p e cern eb atu r m orib u s atque in om ni actione su a conp ositus sed, sicut e x fin e res p atu it, lon ge aliter quam ap p arebat
fuit. N am cum se ieiu n are cum fratribu s d em onstraret, o ccu lte
m an ducare consueuerat. Q u o d eius uitium fratres om nino ne85 sciebant. Sed co rp o ris superueniente m olestia, ad uitae extrem a perductus est.
1 1 . Q u i cum iam esset in fine, fratres ad se om nes, qu i m onasterio inerant, co n gregari fecit. A t illi tali, ut p u tabant, u iro
m oriente, m agnum q u id ac d electabile se ab eo au d ire credi90 derunt. Q u ib u s ip se ad flictu s et trem ens conp u lsu s est prodere cui hosti traditus co g eb atu r exire. N am dixit: Q u an d o me
uobiscum ieiunare cred eb atis, occu lte com edebam . E t n u nc
ecce ad d eu orand um d racon i sum traditus, qu i cau d a sua m ea
genua p ed esq ue conligauit, caput u ero suum intra m eum os
95 m ittens, spiritum m eum eb ib en s abstrahit.
12 . Q u ib u s dictis stadm d efu n ctu s est, atque ut p aenitendo
liberari potuisset a d raco n e quem uiderat, expectatu s non est.
Q u o d nim irum constat qu ia a d solam utilitatem audientium
uiderit, qui eum hostem cui traditus fu erat et innotuit et non
100 euasit.
1 3 . PETRVS. D o c e ri u ellim si p ost m ortem p u rgato riu s ignis

esse cred end us est.

'b/il
78. in ante diebus add. m(ap) b I icona H m b vz: incanii G alii alia
79. galaton
G m(ap) b z: -thon II m v
83. se post ieiunare trai. m(ap) b ora. G
87-8.
in amc monasteri add. G m(ap)
88. inerant G H m v: aderant b erant m(ap)
vnfsyovraz z I congregari m b v: -re G H (cf. auvaSgoKjOfjvai zi I congregarife
cit'. uocauit m(ap)
89-90. credideranl b
95. extrahit b
101. doceri G
m(ap): -re H dicere m(ap) discere m b v (cf. 6i6ax<Hjvoi z) I uellim G H m: uelim
m(ap) v uetlem m(ap) b a iT r z

DIALOGHI IV, 4 0

*9 7

te dallIsauria, il quale racconta un fatto terribile, che era accadu


to a Icor.io quando egli stava col. D iceva che l c un monastero
detto dei G alati, dove viveva un monaco molto stimato. A p p a
riva di buoni costumi, com posto in ogni suo atto, m a, come si vi
de alla fine, era ben diverso da come appariva. Apparentem ente
digiunava con gli altri monaci, ma poi m angiava di nascosto e i
suoi fratelli erano completamente alloscuro di questo peccato.
Ammalatosi, giunse in fin di vita.
1 1 . Stando per m orire, fece venire a s tutti i monaci presenti
nel monastero. Costoro, dato che stava m orendo uno che godeva
di grande reputazione, ritenevano che egli avrebbe detto loro
qualcosa di im portante e gradevole. Invece quello, afflitto e tre
mante, si fece forza e confess loro a quale nemico dovesse essere
consegnato quando fosse morto. Infatti disse: M entre voi crede
vate che io digiunassi insieme con voi, io m angiavo di nascosto.
E d ecco che ora vengo consegnato al drago perch m i divori: mi
ha gi legato gambe e piedi con la sua coda, ha introdotto la sua
testa nella mia bocca ed estrae il mio spirito per aspirarlo.
12. Mentre faceva questa confessione m or, e non gli fu per
messo di indugiare finch con la penitenza potesse liberarsi dal
drago che aveva visto. Perci evidente che la sua visione fu di
utilit soltanto ai suoi ascoltatori, dato che egli fece conoscere il
nemico al quale veniva consegnato, ma non pot sfuggirgli.
1 3 . PIETRO. O ra vorrei sapere se si debba credere che dopo la

morte c' un fuoco che purifichi.

29 8

DIALOGORVM IV. 4 1

41

An post mortem purgatorius ignis sit


1.

GREGORIVS. In

eu angelio D o m inu s dicit: A m bu late, dum

lucem h abetis. P e r p rop h etam q u o q u e ait: T em pore accepto


ex a u d iu i te, et in d ie salu tis a d iu u i te. Q u o d P a u lu s apostolu s
j exp o n en s dicit: E cce n u n c tem pus acceptabile, ecce nu nc dies
salu tis.
2. Salom on q u o q u e ait: Q uodcum que potest m anus tua fa cere, in stan ter operare, qu ia n ec opus n ec ratio n ec sapien tia n ec
scien tia e rit a p u d in fero s, quo tu properas. D au id q u o q u e ait:
io Q uoniam in saeculum m isericordia eiu s.
3. E x quibus nim irum sententiis constat quia q u alis h inc
q uisque egred itu r, talis in iu d icio praesentatur. S ed tam en d e
q uibusd am leuibus cu lpis esse ante iu d iciu m p u rgato riu s ignis
cred end us est, p r eo q u o d ueritas dicit quia s i q u is in sancto
1 s S p irita blasphem iam d ix erit, n equ e in hoc saeculo rem ittitu r e i
n equ e in fu tu ro . In qua sententia datu r intellegi q uasdam culpas in h oc saeculo, qu asd am u ero in fu tu ro posse laxari. Q u o d
enim de uno negatur, consequens intellectus patet quia d e qu i
busd am conceditur.
20

4. Sed tam en, ut p ra ed ix i, h oc de paruis m inim isque peccatis fieri posse cred en d u m est, sicut est assiduus otiosus serm o,
inm oderatus risus uel peccatum curae rei fam iliaris, quae u ix
sine culpa uel ab ipsis agitur qui culpam qualitcr d eclin are debeant sciunt, aut in non grau ibu s rebus e rro r ignorantiae.

25 Q u ae cuncta etiam p ost m ortem grauant, si ad hu c in h ac uita


positis m inim e fuerint relaxata.

41, 2. dominus om. G post dicit trai, b


5. acceptabile G H m b v (= Vulg.): acceptum m(ap) b(ap)
7. salamon G H
8-9. nec sapientia nec scientia H m v:
nec scientia nec sapientia G m(ap) b z (= Gr. Vulg.)
15. rem ittiturG H m(ap):
-tetur m b v z (= Gr. Vulg.)
23. culpam-. culpa m(ap) I declinati m(ap)
23-4. debeant G m b v: debeat H m(ap) (cf. iaxpivEiv tKpEi).r|aav z)

DIALOGHI IV, 4 1

41
Se dopo la morte ci sia un fuoco purificatore

1. GREGORIO. N el vangelo il Signore dice: A ndate, fin c h avete


luce-, e tramite il profeta: T i ho esaudito a l m om ento giusto e ti ho
aiutato n el giorno della tua salvezza. Paolo esprime lo stesso con
cetto con queste parole: Ecco, ora il m om ento fa vo revo le; ecco,
ora i l giorno della salvezza.
1.

Anche Salom one dice: Tutto ci che pu fa re la tua mano,

fa llo a llistante, perch n opera n ragione n sapienza n scienza


saranno n egli in feri, dove tu lis t a i dirigendo in fretta . Anche D avi
de afferma: P erch eterna la sua m isericordia.
3. D a tutte queste affermazioni chiaro che quale uno esce di
qui tale viene presentato al giudizio. Tuttavia dobbiam o credere
che, per espiare qualche colpa di leggera entit, c un fuoco puri
ficatore, dato che la V erit dice: Se uno avr bestem m iato contro lo
Spirito Santo, non g li sar perdonato n in questo secolo n in qu el
lo a venire. D a queste parole ricaviamo che alcune colpe possono
essere espiate in questo secolo, altre in quello che verr. Se infatti
si nega una cosa, ci vuole dire che qualche altra viene permessa.
4. Tuttavia, come ho gi detto, questo si deve credere di pec
cati molto leggeri, come il parlare troppo e senza m otivo, ridere
fuor di misura, curare troppo il patrimonio familiare, attivit che
difficilmente pu essere praticata senza colpa anche da parte di
chi sa bene come evitarla, c inoltre l errore dovuto a ignoranza in
cose di poco conto. Tutte queste imperfezioni appesantiscono do
po la morte, se non sono state espiate gi durante la vita.

41, 2. Eu.Io. 12, 35


3.15.4.9,8
5. zEp. Cor. 6, 2
io. Ps. 117, 1
14. Eu. Matth. 12, 32; Eu. Marc. 3, 29

7. Eccl. 9, io

300

DIALOGORVM IV, 4 1 - 4 2

5. N am et cum P a u lu s d icat C h ristu m esse fundam entum ,


atque subiungat: S i q u is su p eraed ificau erit su per h oc fu n d a m en
tum aurum argentum la p id es p retio so s Ugna fo en u m stipu la
30 uniu scu iu squ e o pu s q u a le s it ig n is p ro ba bit. S i cuius opus m an-

serit q u o d su peraedificau it, m ercedem accipiet. S i cuius o pu s arserit, detrim en tu m p atietu r, ip se autem saluus erit, s ic tam en
q u a si p e r ign em , quam uis h o c d e igne tribulationis in hac nobis
uita ad hibito possit intellegi, tam en si quis h aec d e ign e futu35 rae p urgationis accipiat, pen san d u m sollicite est q u ia illuni
d ix it p e r ignem p o sse salu ari, n on q u i su p e r h o c fu n d am en
tum ferru m aes uel p lu m b u m aed ificat, id est p eccata m aiora
et id circo d uriora atque tunc iam insolu bilia, sed lign a foenu m
stipula, id est p eccata m inim a atque leuissim a, q u ae ignis facile
40 consum at.

6. H o c tam en sciendu m est quia illic saltem d e m inim is nil


q u isqu e p urgationis ob tin eb it, nisi b onis h o c actib u s in h ac
adhuc uita positus, ut illic ob tin eat prom ereatur.

42
D e a n im a P a s c h a s ii d ia c o n i
1.

N am cum ad h u c essem iuu encu lu s atque in laico h abitu

constitutus, n a rra li a m aioribu s atque scientibus au d iu i q u o d


P asch asius huius apo sto licae sedis diaconu s, cuius apu d nos
s rectissim i et luculenti d e sancto S piritu lib ri extan t, m irae

sanctitatis uir fu erit, elem osinarum m axim e op erib u s uacans,


cultor p auperum et con tem p to r sui. S ed h ic in ea contentione,

27. nani et G H m v: nam m(ap) b et m(ap) 2


29. stipula H m (neutr. pi. cf.
Greg. Tur. HFIV 36, lin. 33 Kruscli): -lam G m(ap) b v
30. quale H m(ap) b v:
is G m
34. hoc b z
36. per ignem ante dixit trai, b post posse trai. H
38. foenum: ferrum G m(ap)
39. stipula G m: -lam H m(ap) b v
42,4. paschasius H m(ap) b z: paseasius G m v, et sic deinceps

DIALOGHI IV, 4 1 - 4 2

JO I

5. Infatti Paolo, quando dice che C risto il fondamento, ag


giunge: Se uno avr edificato sopra questo fondam ento oro argento
p ietre preziose, ovvero legno fie n o paglia, i l fu o co vaglier l operato
d i ognuno. S e lopera che avr edificato resister, sar ricom pensato;
se in vece andr a fu oco, n e subir i l danno, ma e g li sar salvo, anche
se com e attraverso i l fu oco. Anche se questo passo pu essere rife
rito al fuoco della tribolazione che ci affligge in questa vita, se
per qualcuno lo intende in riferimento al fuoco della futura puri
ficazione bisogna soppesare con attenzione queste parole. Infatti
Paolo ha detto che per mezzo del fuoco si potr salvare non chi ha
messo sopra questo fondamento ferro bronzo piom bo, cio i pec
cati pi gravi, pi resistenti e che perci allora non potranno esse
re espiati, bens legno fieno paglia, cio peccati m olto leggeri che
il fuoco distrugge.
6. Tuttavia bisogna anche sapere che col uno non potr otte
nere la remissione neppure dei peccati pi lievi, se non lavr me
ritato grazie alle buone opere che ha com piuto in questa vita.

4*
Inanima del diacono Pascasio
1.

Q uando ero ancora ragazzo e vestivo da laico, sentii raccon

tare da persone bene informate e avanti negli anni che Pascasio, <
diacono di questa sede apostolica, autore di un libro di contenuto
ortodosso e di splendida form a sullo Spirito Santo, era stato di
mirabile santit, dedito in sommo grado alle opere di m isericor
dia, attento alle necessit dei poveri e niente affatto alle sue. M a

;8, 1 Ep. Cor. 3, n sqq.

D1ALOGORUM IV, 42

30 2

quae inardescente zelo fid eliu m inter Sym m achum atque L a u rentium facta est, ad pontificatus ordinem Lau rentiu m elegit,
io et om nium post unanim itate superatus, in sua tam en sententia
usque iu xta diem sui exitu s perstitit, illum am ando atque praeferend o, quem ep isco p o ru m iu d icio praeesse sibi ecclesia refutauit.
2.

H ic itaque cum tem porib u s Sym m achi apostolicae sedis

15 praesulis esset d efunctu s, eius dalm aticam feretro superpositam daem oniacus tetigit statim que saluatus est.
3. P o st m ultum u ero tem poris G e rm an o C ap u an o episco po ,
cuius superius m em oriam feci, m ed ici p r corpo ris salute dictauerunt ut in A n gu lan is term is lauari debuisset. Q u i ingressus
20 easdem term as, p raed ictu m P asch asiu m d iaconem stantem et
obsequentem in caloribu s inuenit. Q u o uiso u ehem enter extim uit et q u id illic tantus u ir faceret inquisiuit. C u i ille respondit:
P ro nulla alia causa in h o c p oenali lo co deputatus sum , nisi
quia in p arte Lau ren tii contra Sym m achum sensi. Sed quaeso
25 te, p r m e D om inum d ep recare, atque in h oc cognuscis qu od
exau d itu s sis, si h u c rediens m e non inueneris.
4. Q u a de re u ir D o m in i G e rm an u s se in p recib u s strinxit,
et post paucos dies red iit, sed iam p raedictum P asch asiu m in
lo c o eod em m inim e inuenit. Q u ia enim non m alitia sed igno30 rantiae erro re p eccau erat, p u rgari p ost m ortem p otu it a p e c
cato.
5. Q u o d tam en cred en d u m est qu ia e x illa elem osinarum
suarum largitate h o c ob tin u it, ut tu nc potuisset prom ereri ueniam , cum iam n il p osset operari.

9. sit m
11. iuxta: ad m(ap) b
20. diaconem G m: -num m(ap) b v dte
H
22. faceret m(ap) b v: facerit G H fecerit m
25. cognuscis G H m: cognoscis m(ap) v -sces m(ap) b -scas mUp) yvuxTfl z
27. constrinxit b
28.
dictum b
34. posset m(ap) b v: possit G m potuisset H (cf. nuvaxo z)

DIALOGHI IV. 4 2

nellaspra contesa che ci fu a Roma tra i partigiani di Sim m aco e


quelli di Lorenzo, egli scelse Lorenzo come pontefice e, pur scon
fitto dal generale consenso per Simmaco, rimase nella sua convin
zione fino al giorno della morte, m anifestando affetto e favore per
colui al quale la decisione dei vescovi aveva negato di poter essere
a capo della chiesa di Roma.
2. Q uando egli mor, al tempo del pontificato di Simmaco, un
indemoniato tocc la sua dalmatica, che era stata posta sopra il fe
retro, e subito guar.
3. M olto tem po dopo, i m edici prescrissero a G erm ano, vesco
vo di Capua, da me gi menzionato, di fare i bagni nelle terme <
Angolane, al fine di curare la sua salute. Q uando egli entr nelle
terme, trov Pascasio che stava col a regolare il calore delle stufe.
A vederlo si spavent, e gli chiese che cosa stesse a fare l, lui u o
mo tanto importante. G li rispose: L unico m otivo p er il quale so
no stato assegnato a questo luogo di pena stato di aver preso
parte per Lorenzo contro Simmaco. M a, di grazia, prega per me il
Signore, e capirai di essere stato esaudito se, al tuo ritorno in que
sto luogo, non mi troverai.
4. Germ ano, uomo del Signore, si dette a pregare con fervore,
torn dopo pochi giorni e non trov pi Pascasio in quel luogo.
In effetti aveva peccato per ignoranza e non per malizia, perci si
pot purificare dal peccato dopo la morte.
5. Dobbiam o com unque credere che, grazie alla sua generosit
nel fare elemosine, egli abbia ottenuto di m eritare il perdono
quando ormai non poteva pi farne.

J 4

DIALOGORVM IV, 4 }

43

Cur in extremis temporibus tam multa de animabus


clarescunt quae ante latuerunt
1.

petrvs.

Q u id h o c est, qu aeso te, q uod in his extrem is

tem poribus tam m ulta d e anim abus clarescunt, q u ae ante las tuerunt, ita ut apertis reu elationibu s atque ostensionibus uenturum saeculum in ferre se n obis atque aperire uid eatu r?

2. GREGORIVS.

Ita est. N am quantum praesens saeculum

p rop in q u at ad fnem , tantum fu turum saeculum ipsa iam q u a


si p rop in q uitate tan gitu r et signis m an ifestioribus aperitur.
10 Q u ia enim in h o c cogitation es nostras uicissim m inim e uidem us, in ilio autem no stra in alterutrum corda consp icim u s,
q u id h o c saeculum nisi noctem , et qu id uenturum nisi diem
d ixerim ? Sed q uem adm odu m cum n o x finiri et dies in cipit
oriri, ante solis ortum sim ul aliqu o m o d o ten ebrae cum lu ce
1 s conm ixtae sunt, q u ou sq u e discedentis noctis reliquiae in lu ce
dici subsequentis p erfecte uertantur, ita huius m undi finis iam
cum futuri saeculi e x o rd io perm iscetur, atque ipsae reliquiarum eius tenebrae quadam iam rerum spiritalium p erm ixtio n e
translucent. E t quae illius m undi sunt m ulta iam cernim us, sed
20 necdum p erfecte cognoscim u s, quia quasi in quodam m entis

crepu sco lo haec uelut ante solem uidem us.


3.

PETRVS.

P lacet qu od dicis. Sed d e tanto u iro P asch asio

h oc auim uin ad q uaeslionem m ouet, q u o d p ost m ortem ad


poenalem locum d uctus est, cuius feretri uestis tangi p otu it et
25 m alignus spiritus ab obsesso hom ine fugari.
4.

GREGORIVS. H a c in re m agna debet om nipotentis D e i dis-

43. 3. hoc est quaeso / c G H m(ap) z: hoc quaeso te est m v est hoc quaeso te m(ap)
hoc est quaeso b
8-9. ipso iam appropinquante nel propinquanle b(ap) I quasi
om. m(ap) Map)
io. saeculo post hoc add. b xopuj add. z
15. luce H m
v: lucer G m(ap) b
21. ante om. m
24. tanti m(ap) b I et: ut b
25.
malignos m(ap) b(ap) Ifugari G m b(ap) v: -re H fugauit b(ap) fugaretur b

DIALOGHI IV,

4j

35

43

Perch in questi ultim i tempi riguardo alle anime vengono


alla luce tante cose che prima sono rimaste nascoste
i.

PIETRO. Che cosa significa, ti prego, che in questi ultimi

tempi si vengono a conoscere, riguardo alle anime, tante cose che


in precedenza erano rimaste nascoste, in m odo che queste eviden
ti rivelazioni e visioni sem brano portarci e m anifestarci il secolo
venturo?
z. GREGORIO. proprio cos. Quanto pi infatti il secolo pre

sente si approssima alla fine, tanto pi quello futuro quasi si fa


toccare per la sua vicinanza e ci si manifesta con segni di m aggio
re evidenza. D ato infatti che in questo secolo non conosciamo gli
uni i pensieri degli altri e invece in quello futuro leggeremo ognu
no nel cuore dellaltro, com e chiameremo questo nostro secolo se
non notte, e quello futuro se non giorno? M a quando la notte sta
per finire e il giorno sta per cominciare, anche prim a del sorgere
del sole in certa misura le tenebre si m escolano con la luce, finch
ci che resta della notte che si allontana si trasforma compietamente nella luce del giorno che va a seguire: allo stesso m odo la fi
ne di questo m ondo si m escola con l inizio di quello futuro, e ci
che resta delle tenebre si illumina per la mescolanza della luce spi
rituale. Perci gi vediamo molte cose di questo m ondo a venire,
ma non le conosciamo ancora perfettamente, perch le scorgiamo
come in un crepuscolo della mente, prima del sorgere del sole.
3. PIETRO. Sono d accordo su ci che dici. M a riguardo a un
personaggio importante come Pascasio, mi mette in difficolt il
fatto che, dopo la morte, sia stato condotto in un luogo di pena,
mentre quando fu toccata la sua veste deposta sopra il feretro,
uno spirito maligno fuggito via da un ossesso.
4. GREGORIO. In questo affare si deve riconoscere quanto sia

yo6

D1ALOGORVM IV, 4 3-4 4

pensatio et quam sit m u ltip lex agnosci, cuius iu d icio actum est
ut isdem u ir P asch asiu s et ip se intus ad aliquantum tem poris
recip eret q u od peccasset, et tam en ante hum anos oculos m ira
jo p e r corpu s suum p o st mortemi faceret, qui ante m ortem eis
q u oq u e cognoscen tibu s p ia op era fecisset, ut n equ e hii qu i b o
na eius uiderant d e elem osinarum illius aestim atione fallerentu r, n equ e ip si sin e u ltione la x aretu r cu lp a, quam n ec esse culpam cred id it et id c irco h an c fletibu s n o n extinxit.
3(

5. PETRVS. P e rp en d o q u ae dicis. V eru m tam en h ac ratione


constrictus, non solum q u ae intellego, sed ipsa etiam q u ae in
m e non intellego, co g o r iam p eccata form idare.
6.

S e d q uaeso, qu ia p au lo su periu s sen n o d e locis poenali

b u s in fern i uersabatu r, ubin am esse in fe m u m p utam us? S u p e r


40 h an c terram an su b terra esse cred en d u s est?

44

Vbi esse infernus credendus est


i.

GREGORTVS. H a c d e re tem ere definire nil audeo. N o n

nulli nam que in q u ad an r terrarum p arte infernum esse putauerunt, alii uero h unc su b terra esse aestim ant. S ed tam en h o c
s anim um pulsat, quia si id circo in fem u m dicim us qu ia inferius
iacet, q uod terra ad caelum est h o c esse inferus d eb et ad ter
ram . V n d e et fortasse p e r psalm istam dicitur: L ib e ra sti an i
marti m eam e x in fern o in fe rio ri, ut infernus su p erior terra, in
fernus uero sub terra esse uideatur.
io

2. E t Iohannis u o x in ea aestim atione concordat. Q u i cum

28. idem m(ap) b


31. hii G m v: hi m(ap) b
36. etiam ipsa m(ap) b
44, i. nil H m(ap) b: non G in v (cf. o&v z)
4. nane m hoc m(ap)
6. in
ferus H m v: -rius G infernus m(ap) b
8. in ante terra add. b
9. credatur
b(ap)
io. ea aestimatione H m v: aestimatione G m(ap) aestim- isla b TCtur\] tQ
(pwvfl z

DIALOGHI rv, 43-44

37

grande e m olteplice la provvidenza di D io. P er suo giudizio infat


ti Pascasio ha occultamente scontato la pena per ci che aveva
peccato, e tuttavia agli occhi della gente egli dopo la m orte opera
va miracoli col suo corpo, dato che prim a di m orire aveva com
piuto opere di m isericordia ben note a tutti. In questo m odo non
diminuiva la stima di quanti erano stati testimoni delle sue buone
opere e non senza pena egli si purificava della sua colpa, che per
altro non aveva creduto colpa e perci non aveva provveduto a
espiare con le lacrime.
5. PIETRO. Rifletto su quanto vai dicendo e dal tuo ragiona
mento mi vedo costretto a temere non soltanto i peccati di cui so
no consapevole ma anche quelli che non ho coscienza di aver
commesso.
6. Ma, ti prego, dato che o r ora si parlava delle pene che si
scontano nei luoghi infernali, dove dobbiam o credere che si trovi
linferno? Su questa terra o sotto?

44

Dove si deve credere che si trovi linferno


1. GREGORIO. N on oso fare affermazioni temerarie su questo
argomento. Alcuni infatti hanno creduto che linferno si trovi in
qualche parte della terra, altri invece credono che stia sotto terra.
Ma mi si presenta con insistenza questa considerazione: se lo chia
miamo inferno perch sta sotto, quello che la terra rispetto al
cielo, tale deve essere linfem o rispetto alla terra. Forse per que
sto il salmista dice: H ai liberato la m ia anim a d a ll'in fern o inferiore,
nel senso che linferno superiore sem brerebbe essere la terra, e
linferno inferiore si troverebbe sotto terra.
2. La parola di Giovanni concorda con questa concezione.

44,

7-Ps. 85. 13

DIALOGOKVM IV,

308

44~4f

signatum libru m septem s ig illis uidisse se diceret, q u a ttetno


in u en tu s est dign u s n equ e in caelo n equ e in terra n equ e su btu s
terra a p erire libru m et so lu ere signacula eiu s, ad iu nxit: E t ego
fle b a m m ultum . Q u em tam en postm odum libru m p er leon em
1 5 d e trib lu d a dicit aperiri.
3.

In quo uidelicet lib ro q u id aliud quam sacra scrip tu ra s

gnatur, quam solus red em p tor noster aperuit? Q u i, h om o factus, m orien d o resurgen d o ascend endo cuncta m ysteria q u ae in
ea fueran t d a u sa patefecit. E t nullus in c a d o qu ia n equ e angezo lus, nullus in terra qu ia n eq u e h om o uiuens in corp o re, nu llu s

subtu s terra dignu s inu entus est, q u ia n equ e anim ae co rp o re


exu tae aperire n o b is p raeter D o m in u m sacri eloq u ii secreta

potuerunt. C u m ergo ad solu end u m librum nu llus su b terra


inuentus dignus dicitur, q u id obstet non uideo ut su b terra es25 se infernus credatur.

,
!

45

Vtrum unus gehennae ignis sit an diuersi


1.

PETRVS.

Q u aeso te, unus esse gehennae ignis cred en d u s 1

est, an quanta p eccatoru m diuersitas fu erit, tanta q u o q u e existim anda sunt et ip sa in cen d ia esse praep arata?
5

2, GREGORIVS. V n u s q u id em est gehennae ignis, sed non


uno m od o om nis cru ciai p eccatores. V n iu scu iu squ e erenim
quantum exigit cu lp a, tantum illic sentietur p ocna. N am sicu t 1

11. se om. G m(ap)


13. terra H m v : terra/ G m (a p ) b (= Vulg.)
14. post
modum librum G H m 5': postmodo librum m(ap) librum postmodum m(ap) librum
posteri b S j ie q p ifW .io v pETKJteira z
15. aperiri G m (a p ) b v : -re H m (c f. veipxfjvai z)
18-9. in eo m(ap) b
21. terram m(ap) b
4 5 , 3-4. existimanda G H m (a p ) v : aest- m b
6 . omnis m : -es G m (a p ) b v orni
H b(ap)
7. tantum H m b(ap) v : -to G -ta b I sentietur G I I m b (a p ) v : -titur
m (a p ) b sentiel in(ap) b(ap) a lo r O a v e ta i z I poena G m b v : poenam H b(ap)

D IALO G H I IV,

4 4 -4 }

} 9

Q uando dice di aver visto il libro sig illa lo con sette sig illi, dato che
non s i era trovato nessuno, in cielo in terra e sotto terra, degno d i
aprire i l lib ro e spezzare i s ig illi, ha aggiunto: Io piangevo m olto.
M a poi dice che il libro viene aperto d a l leon e della trib d i G iuda.
3.

Q uale libro viene indicato se non la sacra Scrittura, di cui

soltanto il nostro Redentore ha rivelato il significato? E gli, diven


tato uomo, col morire il risorgere e lascendere in cielo ha svelato
tutti i misteri che erano stati racchiusi nella Scrittura. E non si
trovato nessuno degno di farlo, nessun angelo in cielo, nessun uo
mo vivente in terra, nessuno sotto terra, perch neppure le anime
che si sono svestite del corpo ci hanno potuto rivelare i segreti
della Scrittura, se non il Signore. Perci, dato che non si trovato
nessuno sotto terra degno di aprire il libro, niente im pedisce di
credere che linferno si trovi sotto terra.

45

Se sia uno solo il fuoco della geenna o pi di uno


1.

PiETRO. T i

chiedo, dobbiam o credere che uno solo

il fuo

co della geenna, ovvero sono stati preparati tanti fuochi diversi


quanta la diversit da peccatore a peccatore?

1.

GREGORIO.

U no solo

il fuoco della geenna, ma non tor

menta in un solo m odo tutti i peccatori. Infatti per ognuno lin


tensit della pena corrisponde a quanto esige la colpa. Com e nel1

11. Apoc. 5, I sqq.

JIO

DIAJLOGORVM IV, 4^ -46

in h o c m undo sub uno sole m ulti consistunt, nec tam en eiusdem solis ardorem aequaliter sentiunt, quia alius plus aestuat
atque alius m inus, ita illic in u no igne non unus est m odus incendii, quia q u od h ic diuersitas corpo ru m h oc illic agit diuersitas peccatorum , ut et ignem non dissim ilem h abeant et ta
m en eosdem singulos d issim iliter exu rat.

46

Si semper ardeant qui gehennae incendio deputantur


1. PETRVS. N u m qu id n am ,

quaeso te, dicim us eos, qu i sem el

illic m ersi fuerint, sem p er arsuros?


GREGORTVS. C on stat nim is et incunctanter u erum est quia,
sicut finis non est gau d io bonoru m , ita finis non erit torm ento
m alorum . N am cum ueritas dicat: Ib u n t h ii in su ppliciu m aeternutn, iu sti autem in uitam aeternam , quia uerum est q u o d p ro
m isi!, falsum p ro cu l d u b io non erit qu od m inatus est D eu s.
2.

PETRVS. Q u id , si quis

dicat: id circo p eccan tibu s aeternam

poenam m inatus est, ut eos a p eccatoru m p erpetratione conpesceret?

GREGORIVS.

Si falsum est q uod m inatus est, ut

ab

iniustitia

corrigeret, etiam falsa est p ollicitus, ut ad iustitiam p rou ocaret.


Sed quis h o c d icere uel insanus praesum at? E t si m inatus est
qu od non erat in p letim is, dum ad serere eum m isericordem
uolum us, fallacem , qu od d ici nefas est, p raed icare conpellim ur.

9-10. alius... alius G m(ap) b v: alios... alios H m b(ap) (cf. pv... z)


12.
dissimiliter m(ap)
46 , 5. erit m I gaudio G H m b v : -in b(ap) 2 -diis m(ap) I gaudio bonorum non est H
2
5-6. oiirais oli t> ; (}aodvou tjv jiovtigiv xXog oxai z I tormento H m
b v: -ti b(ap) z -torum G
6. hii ni b(ap): hi m(ap) impii G b (cf. oixoi z)
13. falsum b z

DIALOGHI [V, 4 S -4 6

311

nostro m ondo sono in molti a stare sotto lo stesso sole e tuttavia


non percepiscono allo stesso m odo il calore perch uno lo sente
di pi e un altro di meno, cos l in un solo fuoco non unica la
misura del bruciore, perch da una parte si fa avvertire la diversit
dei corpi, dallaltra la diversit dei peccati. Perci il fuoco ugua
le per tutti, eppure brucia i corpi in m odo diverso uno dallaltro.

46
Se i condannati alfuoco della geenna brucino eternamente

1. PIETRO. D irem o forse che coloro i quali sono stati immersi


nel fuoco bruceranno per sempre?

GREGORIO. Sappiam o, ed incontrovertibile, che come il gau


senza fine, cos non ci sar fine ai tormenti dei

dio dei buoni

malvagi. Infatti la Verit dice: Costoro andranno a l supplizio eter


no, invece i giu sti alla vita eterna, e se sono vere le prom esse di
D io, non sono certo false le sue minacce.

2. PIETRO. M a che dire se uno obietta: forse ha minacciato la


pena eterna ai peccatori per distoglierli dal peccato?
GREGORIO. Se fosse falso ci che ha m inacciato per distogliere
dal malfare, allora sarebbe falsa anche la promessa che sollecita a
fare il bene. M a chi tanto folle da azzardare questa spiegazione?
E se ha minacciato ci che non avrebbe realizzato, mentre ne vo
gliamo confermare la m isericordia, lo dobbiam o professare m en
zognero, e dirlo empio.

46,6. Eu Matth. 2;, 46

DIALOGORVM IV,

46

3. PETRVS. S cire uellim q u om od o iustum sit ut cu lpa, quae

cum fin e perpetrata est, sine fine puniatur.

GREGORIVS.

H o c recte d iceretu r, si districtus iu d ex non

cord a hom inum , sed facta pensaret. In iq u i enim id eo cum fine


deliquerunt, quia cum fine uixerunt. N am uoluissent utique, si
potuissent, sine fin e uiu ere, ut potuissent sine fin e p eccare.
O stendu nt enim q u ia in p eccato sem p er u iu ere cupiunt qui

25

num quam desinunt p eccare dum uiuunt. A d m agnam ergo


iustitiam iud icantis pertinet ut num quam careant su p p licio qui
in hac uita num quam uolu eru nt carere peccato.

4. PETRVS. S ed

nullus iustus crudelitate pascitur, et delin-

quens seruus a iusto d om ino id circo caedi praecip itu r, ut a ne-

30

quitia corrigatur. A d h o c ergo uapu lat, ut em endari debeat.


In iqu i autem gehenn ae ignibus traditi, si ad correctionem non
perueniunt, q u o fin e sem p er ard ebu n t?
5. GREGORIVS. O m n ipo ten s D eu s, quia pius est, m iserorum

cruciatu non pascitur. Q u ia autem iustus est, ab iniqu oru m ul35 tione in perpetuum non sedatu r. Sed iniqui om nes aeterno

su p p licio deputati sua quidem iniquitate puniu ntu r, et tam en


ad aliquid ard ebunt, scilicet ut iusti om nes et in D e o uideant
gau d ia q uae p ercip iu n t et in illis respiciant su pp licia q u ae euaserunt, quatenus tanto m agis in aetem u m diuinae gratiae debi40 tores se esse cognoscant, qu an to in aetem um m ala pu niri conspiciunt quae eius ad iu torio uicerunt.

6. PETRVS. E t

ubi est q u od sancti sunt, si p r inim icis suis

q uos tunc ardere uiderin t non orabunt, quibus utique dictum

45

est: Pro in im icis u estris o rate?

7. GREGORIVS. O ran t p r inim icis suis eo tem pore, qu o pos-

sunt ad fm ctu o sam paenitentiam eoru m corda conu ertere at-

18, uellim G H m: uelim m(ap) b v unto m(ap) OXu> z


32. sine ante fine add.
m(ap) b(ap)
34. autem: nero b
42. sint b
45-6. possunt G II m(ap):
sint m b v
46. connetti m(ap) b(ap)

DIALOGHI IV,

46

3*3

3. PIETRO. Vorrei sapere come possa essere giusto che una col
pa, che finita, venga punita senza fine.
GREGORIO. Sarebbe giusta questa obiezione, se il severo giudi

ce valutasse non i cuori degli uomini ma soltanto le loro azioni. In


effetti le colpe dei malvagi sono finite, perch finita la loro vita.
Se avessero potuto, avrebbero voluto vivere senza fine per poter
peccare senza fine. Infatti coloro che non smettono di peccare du
rante tutta la vita, danno a vedere di voler vivere sem pre nel p ec
cato. Perci attiene alla somma giustizia del giudice che non abbia
mai termine il supplizio di chi in questa vita non ha voluto mai
smettere di peccare.

4. PIETRO. M a

nessun giusto trova diletto nella crudelt, e il

servo che delinque, se il padrone giusto, viene punito perch si


corregga: viene battuto perch deve emendarsi. M a se coloro che
sono consegnati alle fiamme della geenna non possono pi essere
corretti, a qual fine bruceranno p er sem pre?
5. GREGORIO. D io onnipotente buono, perci non si diletta

dei tormenti dei miseri. Ma anche giusto e perci non smette mai
di punire i cattivi. Tutti i malvagi destinati alleterno supplizio ven
gono puniti a causa della loro malvagit, e tuttavia la loro punizio
ne nel fuoco ha com e fine che tutti i giusti vedano in D io la gioia
che ricevono e nei dannati i supplizi che hanno scampato. In tal
m odo com prendono di essere tanto pi eternamente debitori della
grazia divina, quanto pi vedono che sono puniti per leternit i
mali che essi, grazie a quellaiuto, sono riusciti a evitare.
6.

PIETRO. M a com e possono essere santi, se non pregheranno

per i loro nemici che vedono puniti nel fuoco, dal momento che
viene loro detto: Pregate p er i vostri nem ici?

7. GREGORIO. Pregano per i loro nemici per tutto il tempo in


di quelli a fruttuosa penitenza e con-

cui possono volgere i cuori

44. Eu. Matth. 5,44

314

DIALOGORVM IV,

46

que ipsa conu ersione saluare. Q u id enim aliud p r inim icis


orandum est, nisi h o c q u o d apostolu s ait: V t d et illis D eu s paen ilen tia m a d cognoscendam ueritatem et resipiscant a d ia b o li laso queis, a quo capti ten en tu r a d ipsiu s u olu n tatem ? E t q u om od o
p r illis tunc o rabitu r, qui iam nullatenus possunt ad iustitiae
op era ab iniquitate conm utari?
8. E ad em itaqu e causa est c u r non oretu r tu nc p r hom inibus aeterno igne dam natis, quae nunc edam causa est ut non
ss oretur p r d iabo lo angelisque eius aetem o su p p licio deputatis.
Q u ae nunc etiam causa est ut non orent sancti hom ines pr
hom inibus in fid elib u s im piisqu e d efu nctis, q u o d d e eis utique,
q uos aeterno d ep u tatos su p p licio iam n ou eru nt, ante illum iudicis iusti conspectum orationis su ae m eritum cassari re fu
so giunt.
9. Q u o d si nunc q u oq u e uiuentes iusti m ortuis et dam natis
iniustis m inim e conp atiu ntu r, quan do ad hu c aliquid iu d icabile
d e sua carne se p erpeti etiam ip si nouerunt, qu an to districtius
tunc iniquorum torm enta respiciunt, quando ab om ni uitio
<1 corrup tio n is e x u ti ip si iam iustitiae uicinius atq u e arctiu s inh aerebun t. S ic q u ip p e eoru m m entes, p e r h oc q u o d iustissim o
iud ici inhaerent, uis districtionis absorbet, ut om n im o do eis
non libeat q u icq u id ab illius internae regulae subtilitate dis
cordar.

47. conuersione G m(ap) b v: conuersatione H m (cf. Ti1' 5 jtiOTQO<pf]c z) I saluare G


m b v: -ri H m(ap) b(ap) (cf. m orpstpai... oioai z)
48. apostolus ait H b z:
ait ap. G m v
50. capti G H m b(ap) v: captiui m(ap) b ^iuYQUpvoi z
51. orabitur G H m v : orabunt b apooeG |ovtai z
54. aeterno igne H m v: ae
terno igni G (recte?) igni aeterno b
57. quod G: nisi quod m(ap) qui m(ap) que
H nisi quia m b v I de eis m b(ap) v: de eos H eis G pr eis b eos b(ap)
58. ae
temo supplicio deputatos b(ap) z dep- act- sappi- m(ap)
59. cassari H m b v: cau
sati G m(ap) causa b(ap) (cf lov&evtoftfj z)
68. internae H G (ex corr.) m v:
aeternae G (ante corr.) m(ap) b (cf rfj Ivftov... f3ovXfi z)

DIALOGHI IV, 4 6

3 15

ven irli alla salvezza. A qual fine infatti bisogna pregare per i no
stri nemici, se non perch, come dice l apostolo, D io conceda loro
d i p entirsi affinch conoscano la verit e si liberino da i lacci d e l dia
volo, che li tien e p rigio n ieri perch facciano la sua volont? M a al
lora che senso ha pregare per coloro che ormai non possono pi
convertirsi dalliniquit alle opere di giustizia?
8. N on si pregher pi allora per gli uomini condannati al fuo
co eterno p er lo stesso m otivo per cui ora non si prega pi per il
diavolo e i suoi angeli, che sono stati condannati anchessi al su p
plizio eterno. Questo anche il motivo per cui ora i santi non pre
gano per gli em pi e gli increduli che sono m orti, in quanto gi
sanno che sono stati destinati al supplizio eterno. Rifuggono infat
ti dal rendere vano il merito delle loro preghiere al cospetto del
giusto giudice.
9. Se ora, durante la vita, i giusti non provano compassione
per i malvagi morti e condannati, quando sanno di essere essi stes
si soggetti a giudizio riguardo alla loro carne, tanto pi severa
mente osservano i tormenti dei m alvagi quando, ormai liberati
dalla corruzione del peccato, aderiscono pi strettamente a colui
che la Giustizia. Infatti le loro anime, in quanto intimamente
unite al giustissimo giudice, ne assorbono la severit a punto tale
che esse non hanno caro niente di ci che in qualche m odo di
scordi da quella tanto precisa regola interiore.

48. 2 Ep. Tim. 2,25-6

3i<S

DIALOGORVM IV,

47

47

Quomodo anima inmortalis dicitur si constai


quod mortis damnatione puniatur
1.

PETRVS.

N o n est iam q u o d responderi d eb eat apertae ra

tioni. S ed h aec n u n c qu aestio m entem m ouet, q u om od o anim a


5 inm ortalis d icitur, dum constet qu od in p erp etu o igne m oriatur.

2. GREGORIVS. Q u ia

d u ob u s m odis u ita dicitur, d u o b u s m o-

d is etiam m ors d eb et intellegi. A liu d est n am qu e q u o d in


D eum uiuim us, aliud u ero q u o d in h o c q u o d cond iti uel creati
10 sum us; id est aliu d est beate u iu ere atque aliud essentialiter.
A nim a itaque et m ortalis esse intellegitur et inm ortalis: m ortalis q u ip p e quia beate u iu ere am ittit, inm ortalis autem q u ia es
sentialiter u iu ere num quam desinit et natu rae su ae uitam p e r
d ere non ualet, nec cum in p erpetu a m orte fu erit dam nata.
15 IUic enim posita beate esse p erdit et esse non perdit. E x qua re
sem p er cogitur ut et m ortem sine m orte, et defectum sine defectu , et finem sine fin e patiatu r, quatenus ei et m ore inm orta
lis sit, et defectus ind eficien s, et finis infinitus.
3.

PETRVS.

Q u is h an c tam in explicabilem dam nationis sen

io tentiam , cuiuslibet sit op eris, ad exitum ueniens non pertim escat, q uan do etsi iam nouit q u id egit, ad hu c tam en facta illius
quam subtiliter iud icen tu r ignorat?

47, j. iam om. m I responderi mb v: -ere G H m(ap) (jioxeitiyvai z I debeai G H


m b v: debeam m(ap) 6uvu|iai uel vvaxai z
}-6. crucialur b(ap)
8-9. in
deum G H m: in deo m(ap) b v v ftew z
io, id est aliud f l l G H m v z : id est
aliudbitem aliud est b(ap) aliud est m(ap) I est ante essentialiter add. m(ap) b
li. et mortalis G (ante corr.) H m(ap) b v: mortalis G (ex corr.) m
15. beate G
H m b(ap) v: beata m(ap) b (recte? cf. x pazpta elvai z) I perdit... perdit G H m
b v: perdei... perdei m(ap) z perdidit... perdidit m(ap)
16. semper om. m(ap) z
post cogitur trai, b I cogitur C H m b v: colligitur m(ap) b(ap) m m oxaxai z
17. et ante mori om. b
21. etsi iam Hm(ap) b v: et si m et sua G I quod b

37

DIALOGHI IV, 4 7

47

Come si pu dire che lanima immortale, se si sa che


essa pu essere punita con la condanna a morte

1. PIETRO. N on c niente da opporre a questa spiegazione tan


to chiara. M a ora mi si presenta unaltra difficolt: com e possiamo
dire che l anima immortale, se sappiam o che essa muore nel fuo
co eterno?

2. GREGORIO.

Com e intendiamo la vita in due modi diversi,

cos anche la morte. A ltro vivere in D io e altro vivere in quanto


siamo stati creati: in altre parole, una cosa la vita beata in D io e
altra cosa la vita secondo la sostanza. Perci lanima insieme
mortale e immortale: m ortale in quanto si allontana dal vivere
beata in D io , immortale in quanto non cessa mai di vivere se
condo la sostanza e non pu perdere la sua vita naturale, neppure
se condannata alla m orte perpetua. Infatti nellinferno perde les
sere beata, ma non l essere stesso. Perci costretta a patire m or
te senza morte, difetto senza difetto, fine senza fine, perch p er lei
la morte immortale, il difetto indefettibile, la fine infinita.

3. PIETRO.

Chi mai, arrivato alla fine, non avr timore

di

que

sta inspiegabile sentenza di condanna, quale che sia stata la sua


condotta? A nche se egli consapevole di ci che ha fatto, tuttavia
non sa con quanto sottile giudizio saranno valutate le sue opere.

Jl 8

DIALOGORVM IV, 4 8 -4 9

48

De quodam sancto uiro qui ad mortem ueniens expauit

GREGORIVS. V t

t.K
fr.

adseris, ita est. S ed p leru m que de cu lpis mi-

nim is ip se solus p au o r egredientes anim as iustorum purgat, sicut narrar! d e qu od am sancto uiro m ecum frequ enter audisti,
s qui ad m ortem ueniens uehem enter tim uit, sed p o st m ortem
discipulis in stola alba app aru it et quam p raeclare sit susceptus indicauit.

49
Quod quidam ne in morte timeant reuelatione roborantur
et de Antonio ac Merulo et lohanne monachis
1. N on n u m q u am

uero om nipotens D eu s trepidantium

m entes q uibusd am priu s reuelationibus roborat, ut in m orte


$ m inim e pertim escant.
2. N am quid am m ecum in m onasterio frater A n ton iu s n o
m ine uiuebat, q u i m ultis cotidianis lacrim is ad gau d ia patriae
caelestis anhelabat. C u m q u e studiosissim e et cum m agn o feru o re desiderii sacra eloq u ia m editaretur, non in eis uerba
io scientiae sed fletum conpunctionis inquirebat, quatenus p er
h aec excitata m ens eius inardesceret et im a deserens ad regionem caelestis p atriae p er contem plationem uolaret.
3. H u ic p er nocturnam uisionem dictum est: P aratu s esto,
et quia D om inus iussit, m igra. C u m qu e ille no n h ab ere se
15 sum ptus ad m igrandum diceret, responsum p rotin u s audiuit
dicens: S i de peccatis tuis agitur. dim issa sunt. Q u o d dum
sem el audisset et m agn o ad h u c m etu trep id aret, no cte q u o q u e

48.2 . petre post est add. b z


49 16. dum H m v: cum G b

'%

DIALOGHI IV, 4 8 -4 9

319

48

Un santo prova grande paura al momento d i morire

GREGORIO.

come dici. M a p er lo pi il solo timore basta

purificare dalle colpe di m inore entit le anime dei giusti che


escono dal corpo. T u stesso insieme con me pi volte hai ascolta
to il racconto di quel santuom o che, in punto di morte, fu preso
da un forte spavento, ma dopo la m orte apparve ai discepoli in ve
ste candida e fece loro sapere quanto gloriosam ente fosse stato ac
colto in cielo.

49
Alcuni, in punto d i morte, sono confortati da una
rivelazione affinch non abbiano paura.
I monaci Antonio Merolo e Giovanni1
1. Talvolta poi D io onnipotente conforta in anticipo lanima di
coloro che sono timorosi con qualche rivelazione, affinch non
abbiano paura quando sopraggiunge la morte.
2. Un fratello di nome Antonio, che viveva con me nel m ona
stero, ininterrottamente tra pianti copiosi aspirava alla gioia della
patria celeste. M editava la sacra Scrittura con grande attenzione e
col massimo impegno: non vi ricercava per la parola della scien
za ma il pianto della compunzione, affinch la sua mente, solleci
tata da queste letture, si infiammasse ancora di pi e, lasciatesi
dietro le bassure, volasse con la contemplazione verso la patria ce
leste.
3. In una visione notturna gli fu detto: Sii pronto a partire,
perch te lo ha comandato il Signore. Poich quello diceva di
non avere denaro per il viaggio, gli fu risposto: Se si tratta dei
tuoi peccati, ti sono stati rimessi. D o po che ebbe udito una volta
questo messaggio ma trepidava ancora per la grande paura, fu av-

320

DIALOGORVM IV, 4 9

alia in eisdem est uerbis adm onitus. C u m post q u in q u e dies,


feb re correptu s, cunctis fratribu s flentibu s o ran tibu squ e de20 functus est.
4. A liu s etiam fra te r in eodem m onasterio M eru lu s dicebatur, uehem enter lacrim is atque elem osinis intentus, psalm od ia
uero e x o re illius p ae n e nu llo tem pore cessare consueuerat, excepto cum aut alim entum c o rp o ri aut m em bra d edisset sop ori.
25 H u ic n o ctu m a uisione app aru it quia e x albis flo rib u s corona
de caelo in caput illius descendebat. Q u i m o x m olestia corporis occup atus, cum m agna securitate anim i atque M a rita te defu n ctu s est.
5. A d cuius sep u lcru m d um P etru s, qui nunc m onasterio
30 praeest, sibi sepulturam facere post annos qu atu ord ecim uoluisset, tanta, ut adserit, d e eodem sep u lcro illius flagrantia
suauitatis em anauit, ac si illic flo ru m om nium fu issent odoram enta congregata. E x q u a re m anifeste patuit quam uerum
fu erit q u o d p e r n o ctu m am uisionem uidit.
3s

6. A liu s q u oq u e in eod em m onasterio Ioh an n is dictu s est


m agnae ind olis ad olescens, q u i aetatem suam intellectu et hum ilitate, d ulced in e et grauitate transiebat. H u ic aegrotanti at
que ad extrem um d ed u cto p e r n o ctu m am uisionem quidam
sen ex app aruit et h u nc uirga tetigit eiqu e dixit: Su rge. E x hac

40 enim m olestia m o d o m inim e m orieris. S ed paratus esto, quia


lon gum tem pus h is factu ru s non eris. Q u i dum iam esset a
m edicis d esperatus, rep ente sanatus est atque conu aluit, rem
quam uiderat narrau it sequ e p er biennium in D e i seruitio,
sicut p raed ixi, ultra aetatis suae annos exhibu it.
45

7. A nte h o c autem triennium , cum quidam frater fuisset

18. in on. b z I uerbis est m(ap) b I tutte b cumque m(up) et m(ap)


19. flentibus
orantibusque H m v: orantibus flentibusque G b (cf. xXaivtujv x al exopvwv
z)
22. elemosinis'. orationibus b
2 5. quod b
29. nunc. huic b(ap)
31. flagrantia m: fraglantia m(ap) fragrantia m(ap) b v
3 $. quoque: quidam b I
iohannis m: -es m(ap) b v (= lin. 48)
36. ultra ante aetatem add. b(ap)
37.
transiebat G H m b(ap) v: -sibai m(ap) b trascendebat uel superabili b(ap)

DIALOGHI IV, 4 9

visato anche nella notte successiva con le m edesime parole. D o po


cinque giorni, ammalatosi, tra i pianti e le preghiere di tutti i fra
telli, mor.
4. Anche un altro fratello dello stesso monastero, di nome Merolo, che praticava con zelo lelemosina e si profondeva in molte
lacrime, non cessava di salmodiare, interrompendo solo per rifo
cillarsi e dormire. In una visione notturna vide discendere dallal
to del cielo sul suo capo una corona di fiori bianchi. Subito dopo
cadde malato e mor ostentando grande sicurezza e allegria.
5. Q uando Pietro, che ora dirige il monastero, quattordici anni
dopo volle farsi preparare il sepolcro presso quello di M erolo, se
condo quanto egli afferma, si diffuse una fragranza tanto soave da
quella tomba, quasi che col si fossero concentrati insieme i pro
fumi di tutti i fiori. F u perci m anifesto quanto fosse stata veritie
ra la visione che M erolo aveva avuto di notte.
6. N el monastero cera anche un giovane di buon carattere, di
nome G iovanni, che nel crescere si m ostrava intelligente e umile,
affabile e rigoroso. M entre era ammalato e ridotto agli estremi, in
una visione notturna gli apparve un vecchio, lo tocc con una ver
ga e gli disse: Alzati, perch non m orrai ora per questa malattia.
M a sii preparato, perch non passerai cost molto tempo. M en
tre i medici lo avevano gi dato per spacciato, guar d un tratto e
riprese forza, raccont ci che aveva visto e per altri due anni si
prodig al servizio di D io, dim ostrandosi - com e ho gi detto - al
di sopra della sua et.
7. T re anni fa m or uno dei fratelli e lo seppellim m o nel cimite-

DIALOGORVM IV, 4 9 - f O

m ortuus atque in eiusdem m onasterii cym iterio a n o b is sepultus, cunctis no bis ab eodem cym iterio exeu n tibu s, isdem
Iohannis, sicut postm od u m pallens et trem ens indicauit, illic
n obis disced entibus inu entus, ab eod em fratre qu i m ortuus

so

fuerat d e sep u lcro uocatus est. Q u o d m o x etiam subsequens


finis edocuit. N am p ost dies decem , inuasus feb rib u s, carne
solutus est.

5
An obseruanda sint somma et quot sint modi somniorum

1. PETRVS. D o ce ri uellim

si h oc qu od p e r n o ctu m as uisiones

osten ditur debeat obseruari.

2. GREGORIVS.

Sciendum , Petre, est quia sex m od is tangunt

s anim um im agines som niorum . A liq u an d o nam que som nia uentris p lenitudine uel inanitate, aliq u an do uero inlusione, aliq u an d o cogitatione sim ul et inlusione, aliq u an d o reuelatione,
aliquan do autem cogitatione sim ul et reuelatione generantur.
S ed duo quae prim a d ixim u s, om nes exp erim en to cognosci10 m us. Su biu n cta autem q u atu or in sacrae scrip tu rae paginis
inuenim us.
3. Som nia etenim nisi p leru m q u e ab occulto h oste p e r inlusionem fierent, n equ aqu am h o c uir sapiens ind icaret, dicens:

M ultos enim errare fecerun t somma, et exciderunt sperantes in


15 illis; uel certe: N on auguriabim ini nec obseruetis som nia. Q uibus p rofecto uerbis cuius sint detestationis osten ditu r quae
auguriis coniunguntur.

46. coemeterio b (= lin. 47)


47. idem m(ap) b
48. Mine m(ap) xeVdev z
50,1. uellim G H m: uelim m(ap) b v dXo z
4. in hoc petre sciendum est b
5. animum G m(ap) b: -mam H m v
9. prima G H m b v: primo b(ap) supra
m(ap) Jlg T E Q O V z
14. exciderunt 11 m(ap) b v: exced- G m
15. auguriabi
m ini G H m v: augurabimini m(ap) b auguriamini uel auguramini m(ap)

DIALOGHI IV, 4 9 - 5 0

323

ro del monastero. D o po che tutti fum m o usciti dal cimitero,


Giovanni, come subito dopo ci fece sapere egli stesso pallido e
tremante, mentre si trovava l dopo la nostra uscita, si sent chia
mare dal sepolcro, dal fratello che era morto. L a fine che soprag
giunse poco dopo conferm le sue parole: infatti, ammalatosi,
m or dopo dieci giorni.

50
Se si debba prestare fede ai sogni e quante specie ce ne sono

1. PIETRO. Vorrei che tu

mi chiarissi se si debba far conto di

ci che ci appare nelle visioni notturne.

2. GREGORIO.

D evi sapere, Pietro, che le immagini che ci si

presentano in sogno toccano lanima in sei m odi. A volte si ha la


visione quando si sogna a pancia piena o vuota, altre volte i sogni
sono prodotti da illusione, altre volte da riflessione e illusione in
sieme, altre volte da rivelazione, altre ancora da riflessione e rive
lazione insieme. Tutti per esperienza conosciamo i primi due m o
di. G li altri quattro si ricavano dalle pagine della sacra Scrittura.
3. Se i sogni non provenissero sovente in m odo illusorio dal
locculto nemico, il sapiente non avrebbe detto: I sogni hanno in

dotto m olti in errore, e sono caduti qu elli che v i hanno sperato, e


ancora: N o praticate la divinazione e non osservate i sogni. Q ue
ste parole dimostrano come sia da respingere tutto ci che ha atti
nenza con larte divinatoria.

io, 14. Ecdi. 34,7

1 j. Leu. 19, 26

3*4

DIALlXiORVM IV, JO

4. R u rsu m n isi aliq u an d o e x cogitatione sim ul et inlusione


p roced eren t, u ir sapiens m inim e dixisset: M ultai curas sequun20 tur som nia. E t nisi aliq u an d o som m a e x m ysterio reuelationis
orirentur, Io sep h p raeferen du m se fratrib u s som nio no n uideret, n ec M ariae sp onsu m , ut ablato p u ero in A egyp tu m fugiret,
p er som nium angelus adm oneret.
5. R ursum nisi aliq u an do som nia cogitatione sim ul et reuela25 tione p roced eren t, nequaquam D aniel prop h eta N ab u co d o n o sor uisionem d isserens, a rad ice cogitationis inchoasset, dicens:

Tu, rex, coepisti cogitare in stratu tuo quid esset futurum post
haec, et q u i reuelat m ysteria ostendit tib i quae uentura sunt; et
p aulo post: Videbas, et ecce quasi statua una grandis. Statua illa

30

magna et statura sublim is stabat contra te, et caetera. D an iel itaque, dum som nium et inplendu m reuerenter insinuat et e x qua
ortum sit cogitation e m an ifestai, patenter osten ditu r quia h oc
p leru m que e x cogitation e sim ul et reuelatione generetur.
6. Sed nim irum cum som nia tot rerum qu alitatibus alter-

35 nent, tanto eis cred i d ifficiliu s debet, qu an to et e x qu o inp u lsu


ueniant facilius no n elucet. Sancti autem uiri inter inlusiones
atque reuelationes ipsas uisionum uoces aut im agines qu od am
intim o sap o re discern u n t, ut sciant uel quid a b o n o spiritu
p ercipian t uel q u id ab inlu sore p atiantur. N am si erga h aec
40 m ens cauta non fu erit, p er deceptorem spiritum m u lds se uanitatibus inm ergit, qu i nonnum quam solet m ulta uera praedicere, ut ad extrem u m ualeat anim am e x una aliq u a falsitate laqueare.

21. nec ante ioseph add. b ox add. z I sommo H m(ap) b v: -ninni G tn (cf. 61 vuJiviou z) I non om. b z
22. fugiret G m: fugeret H tn(ap) b v
24. somnia:
ex b
27. coepisti cogitare G H m(ap) b: cogitare coepisti m v z (= Vulg.)
31. reuelantur b(ap) reuenter G (ante coir.)
33. generetur G II b: -ratur m v
38. discernunt: percipiunt b(ap)
39. inlusore H m(ap): -sione G m b v (cf. nag
TO p^aitovro; z)
42-3. iltaqueare m(ap) I sicut referre poterimus post laqueare add. b(ap)

DIALOGHI IV, ; o

325

4. Ancora: se talvolta i sogni non provenissero da riflessione e


illusione insieme, il saggio non avrebbe detto: 1 sogni fan n o segui
to a m olte preoccupazioni. E se talvolta i sogni non provenissero da
rivelazione misteriosa G iu sepp e non si sarebbe visto in sogno pre
ferito ai fratelli, n l'angelo avrebbe avvertito in sogno lo sposo di
M aria di prendere il bam bino e fuggire in Egitto.
5. Ancora: se talvolta i sogni non procedessero da riflessione e
rivelazione insieme, il profeta Daniele, nellinterpretare la visione
di N abucodonosor, non avrebbe cominciato da una riflessione,
dicendo: Tu, re, n el tuo letto h ai com inciato a riflettere su ci che
avverr in seguito, e colui che rivela i m isteri ti ha mostrato ci che
avverr; e poco dopo: Tu Vedevi, ed ecco com e una grande statua.
Q uella statua con la sua grandezza e la sua altezza stava contro d i te,
ecc. Perci, quando Daniele osserva con deferente cautela che il
sogno si sarebbe realizzato e spiega da quale riflessione fosse stato
prodotto, si dimostra con evidenza che pi volte il sogno proviene
insieme da riflessione e rivelazione.
6. Ma dato che i sogni si differenziano tra loro per tante caratte
ristiche specifiche, tanto pi difficile prestare loro fede quanto
pi difficile capire da quale im pulso provengano. M a i santi, tra
illusione e rivelazione, sanno distinguere per un certo loro istinto
particolare le voci e le immagini delle visioni, e perci sanno quello
che ricevono da uno spirito buono ovvero subiscono per illusione.
Se infatti la mente non si com porta cautamente in siffatte esperien
ze, fuorviata da uno spirito ingannatore si sm arrisce in vane illusio
ni, dato che questo spirito a volte predice anche m olte cose vere, in
m odo da prendere al laccio lanima con una sola falsit.

19. Eccl. 5,2

21-3. Cf. Gen. 37,5 sqq.;Eu. Matth. 2,13

27. Dan. 2,29.31

}z6

DIALOGOKVM IV,

}I-}2

51
De eo cui per somnium briga spatia uitae promissa sunt
in tempore breui morituro
Sicu t quidam nostrum n u p er certum est contigisse, qui
dum som nia uehem enter adtenderet, ei p e r som nium lon ga
5 spatia huius uitae prom issa sunt. C u m q u e m ultas pecu n ias p r
lon gio ris uitae stipendiis coUegisset, ita rep ente defu nctu s est
ut intactas om nes relinqueret et ipse secum nihil e x b o n o o p e
re portaret.

52
An prosit animabus si mortuorum corpora
in ecclesia fuerint sepulta
PETRVS. Q u is sit ille m em ini. S ed quaeso te, ea q u ae coepim us exeq uam ur. P u tam u sn e anim abus aliqu id p rod esse, si
5 m ortuorum c o rp o ra in e c d e siis fuerint sepulta?

GREGORTVS. C u m grau ia peccata non d eprim unt, h o c prodest m ortuis si in ecclesiis sepeliantur, qu od eoru m p roxim i,
quotiens ad ead em sacra loca conu eniunt, suorum q u oru m sepulcra aspiciunt reco rd an tu r et p r eis D o m in o p reces fun10 dunt. N am q u os p eccata grau ia d eprim unt, non ad absolutionem potius quam a d m aiorem dam nationis cum ulum eoru m
c o rp o ra in ecclesiis ponuntur. Q u o d m elius ostendim us, si ea
q u ae d iebu s nostris gesta sunt b reu iter narrem us.

51, 3. nostrum G m(ap) b: nostro H m v (cf. v i tojv t)pEr(>o>v z)


j. cum
m(ap)
$1, 5. ecclesia m
6. cum H m(ap): quem G mquos m(ap) b v (cf. dv z)
7.
ecclesiis G m v: -sia H b (cf. v tc? xxXr|oioi; z)
9. conspiciunt b
13.
narremus G m(ap): narramus m v enarremus ro(ap) b enarramus H Xe^tpEOa z

DIALOGHI IV,

$I~}2

3*7

51

A un tale in sogno era stata promessa una lunga vita,


e invece sarebbe morto dopo poco tempo
Cos successo poco tem po fa a un nostro amico, che dava
molta importanza ai sogni. In sogno gli era stato prom esso che
avrebbe vissuto ancora m olto a lungo. Perci aveva accumulato
molto denaro che gli sarebbe servito per le spese di una lunga v i
ta, e invece m orto improvvisamente. C o s ha lasciato intatto tut
to quel denaro, e non si portato appresso neppure unopera
buona.

5*
Se giovi a llanima che il suo corpo
sia sepolto in chiesa
PIETRO. M i ricordo di chi parli. M a, ti prego, portiam o avanti

il discorso che abbiam o cominciato. Possiam o ritenere che giovi


allanima che il corpo del defunto sia seppellito in chiesa?

GREGORIO. Q uando uno non oppresso da peccati gravi, gli

giova se, una volta morto, viene seppellito in chiesa, perch i suoi
parenti e amici, quando vengono al luogo consacrato, si ricordano
di lui, dato che ne vedono il sepolcro, e intercedono per lui con
preghiere presso il Signore.

Ma quando uno oppresso da pecca

ti gravi, seppellire il suo corpo in chiesa non solo non serve di as


soluzione, ma piuttosto aumenta il carico della condanna. T e lo
dimostriamo con maggiore evidenza raccontandoti in breve alcu
ni fatti occorsi ai nostri giorni.

D1ALOGORVM IV, 33-34

328

J3
De quadam sanctimoniali fem ina in ecclesia
beati Lam enti martyris sepulta
quae dimidia appartiti incendi
i.

V ir nam que u itae u enerabilis F e lix , P o rtu en sis episco-

5 pus, in Sab inensi p rou in cia ortus atque enutritus est. Q u i


quam dam sanctim onialem fem inam in loco eodem fu isse testatur, quae cam is quidem continentiam habuit, sed lingu ae procacitatem atque stultiloquium non declinauit. H a e c igitur d e
functa atque in ecclesia sepulta est.
io

2. N o c te autem eadem eiusdem ecclesiae custos p e r reuelationem uidit quia d ed u cta ante sacrum altare p er m edium secabatur, et pars una illius igne crem abatur, p ars autem altera
intacta rem anebat. C u m q u e h oc surgens m ane fratribu s narraret et locum uellet osten dere in qu o fuerat ign e consum pta,

is ipsa flam m ae con b u stio ita ante altare in m arm orib u s apparuit, ac si illic eadem fem in a co rp o reo fu isset igne concrem ata.
3.

E x q u a re aperte d atu r intellegi qu ia hii, q u ibu s dim issa

p eccata no n fu erin t, ad euitandum iu d iciu m sacris locis post


m ortem n on ualent adiuuari.

$4

De Valeriani ptridi sepultura


1.

Ioh an nis q u o q u e u ir m agnificu s, in h ac u rb e locu m prae-

fecto ru m seruans, cu iu s ueritatis atque grauitatis sit nouim us.

53, 5. enutritus H m v: nutrilus G m(ap) b


12. igne H m b v: igni G m(ap) I
pars autem H m v: et pars b pars G
13-4. narrasset b
14. uellet m b v: uellit G H uelit m(ap) rjeX.e z
16. igne ante corporeo trai, b z
17. qua ex b I
h i Hm(ap) b
19. ualent H m v : ualeant G b (cf. vavrai z) I adiuuariG m v:
re H m(ap)
54, 2. iohannis m: -es m(ap) b v

DIALOGHI IV,

fJ-S4

53

Una monaca sepolta nella chiesa del martire san Lorenzo


apparve bruciata per met
1. Il venerabile Felice, vescovo di Porto, era nato e cresciuto
nella Sabina. E gli raccontava che l c era stata una m onaca che pra
ticava la continenza della carne ma non rinunciava alleccessiva lo
quacit e al pettegolezzo. Q uando m oti, fu seppellita in chiesa.
2. In quella stessa notte il custode della chiesa vide per rivela
zione che la donna veniva condotta davanti allaltare e l il suo
corpo era segato a met: una parte di lei veniva bruciata, mentre
laltra parte rimaneva intatta. Q uando a mattina si alz e raccont
il fatto ai fratelli, volle m ostrare il luogo nel quale la monaca era
stata bruciata, e si videro segni di bruciatura sulla lastra di marmo
collocata davanti allaltare, come se effettivamente la donna fosse
stata bruciata l da un fu oco materiale.
3. Da tutto ci si deduce con chiarezza che, quando a qualcu
no non sono stati rimessi i peccati, non serve a nulla che dopo la
m orte si cerchi aiuto dai luoghi consacrati, al fine di evitare la
condanna.

54
I l sepolcro del patrizio Valeriano1
1.

D i G iovanni, uom o di grande prestigio, viceprefetto nella

nostra citt, conosciamo affidabilit e seriet. E gli mi ha racconta-

33

DIALOGORVM IV,

Q ui m ihi testatus est V alerianu m patricium in ciuitate quae


5 B rix a dicitur fuisse defunctu m . C u i eiusdem ciuitatis episcop us, accep to p retio, locu m in ecclesia p raeb u it, in qu o sepeliri
debuisset. Q u i uid elicet V alerian u s u squ e ad aetatem decrepitam leuis ac lu b ricu s extitit m odum que suis prau itatibu s ponere contem psit.
io

2. E a d e m uero no cte q u a sepultu s est, beatus Fau stinu s


m artyr, in cuius ecclesia corpu s illius fu erat hum atum , cu stodi
suo apparuit, dicens: V a d e , et die e p isco p o p ro icia t h in c foetentes ca m e s quas h ic posu it, quia si no n fecerit, die trigesim o
ip se m orietur. Q u am uisionem cu stos e p isco p o tim uit confite-

1 5 ri, et rursus adm onitus d ed in au it. D ie autem trigesim o eiusdem


ciuitatis ep isco p u s, cum u espertina h ora sanus atque incolum is
ad lectum redisset, subita et inopinata m orte d efunctu s est.

55
De corpore Valentini defuncti ab ecclesia
post mortem proiecto
1. A d est q u o q u e in praesen ti u enerabilis frater V en an tiu s,
Lu n en sis ep isco p u s, et m agnificus L ib e riu s, u ir nobilissim us
5 atque ueracissim us, qu i se scire su osq u e hom ines interfu isse
testantur ei rei, quam narrant n u p er in G en u en si u rb e contigisse.
2. Ib i nam que, ut dicunt, V alentinu s nom ine M ed iolanensis
ecclesiae d efen so r d efunctu s est, uir u ald e lu bricu s et cunctis
io leuitatibus occup atu s, cuius corpus in ecclesia beati m artyris

$. brixa G H m(ap) b v: brixia m b(ap)


z
iz . ut ante proiciat add. m(ap)
b I has post hinc add. b
17. rediret m(ap) I subita et inopinata morte G H m(ap)
b: subita morte m v alcpvtitp x al yym u} davnp 7.
{5,3. uenerabilis frater. senex uenerabilis pater b(ap)
1 o. martyris G H m(ap) b
z: confessoris m v

DIALOGHI IV, S4 - J J

331

to quanto segue. N ella citt di Brescia era m orto il patrizio Vale- <
riano. E vescovo della citt, dietro congruo com penso, gli assegn
un posto in chiesa affinch vi fosse seppellito. V a premesso che fi
no a vecchiaia avanzata Valeriano era stato leggero e licenzioso e
non si era mai preoccupato di mettere un freno alla sua cattiva
condotta.
2.

Nella notte che segu alla sua sepoltura il beato martire F a u

stino, nella cui chiesa il corpo di Valeriano era stato seppellito,


apparve al custode e gli disse: V a a dire al vescovo che getti via
di qui le carni puzzolenti che vi ha collocato. Se non lo far, m o
rir entro trenta giorni. Il custode non ebbe il coraggio di far co
noscere al vescovo la visione e, avvertito una seconda volta, rinun
ci di nuovo. N el trentesimo giorno il vescovo della citt, dopo
che a sera si mise a letto in piena salute, m or improvvisamente e
inaspettatamente.

55
Il corpo del defunto Valentino viene gettato via
dalla chiesa dopo la morte1
1. Sono ancora tra noi il venerabile fratello Venanzio, vescovo
di Luni, e Liberio, uomo di grande prestigio, nobile e pienamente
attendibile. E ssi dichiarano di essere al corrente di un episodio al
quale la loro gente ha preso parte e che da poco accaduto a G e
nova.
2. Secondo il loro racconto, l era m orto Valentino, difensore
della chiesa di Milano, uomo dedito alla lussuria e a frivolezze di
ogni genere, e il suo corpo era stato seppellito nella chiesa del

33 *

D1ALOGORVM IV, j ; - /

Syri sepultum est. N o c te autem m edia in eadem ecclesia factae


sunt uoces, ac si quis uiolen ter e x ea rep elleretu r atque traheretur foras. A d q uas nim irum uoces con cu rreru n t cu stodes et
uiderunt d uos q uosd am teterrim os spiritus, qui eiu sd em V a15 lentini p ed es q uad am ligatu ra strinxerant et eum ab ecclesia
d am an tem ac nim ium u ociferantem foras trahebant. Q u i uidelicet exterriti ad sua strata reuersi sunt.
3. M ane autem facto, aperientes sepulcrum in qu o isdem
V alentinus p ositus fu erat, eius corpu s non inuenerunt. C um 20 que extra ecclesiam quaererent u bi proiectu m esset, inu ene
runt h o c in sep u lcro alio positum ligatis ad h u c p ed ib u s, sicut
d e ecclesia fuerat abstractum .
4. E x q ua re, P e tre , college quia hii q u os peccata grau ia dep rim unt, si in sacro lo c o sepeliri se facian t, restat ut edam de
25 sua p raesu m ptio n e iud icentu r, quatenus eos sacra loca non liberent sed edam cu lpa tem eritatis accuset.

56
De tinctoris corpore in ecclesia sepulto
et postmodum non inuento
1. N a m q u id q u o q u e in h ac urb e contigerit, tinctorum qui
h ic habitant plu rim i testantur, q u od quidam artis eoru m pri5 m us, cum defunctu s fuisset, in ecclesia beati Ian u arii m artyris
iuxta portam sancti L au ren tii a coniuge sua sepultu s est. Seq uen d autem n o cte e x sepultu ra ead em , audiente custode,
eius spiritus co ep it clam are: A rd e o , ard eo. C u m u ero has
d iu uoces em itteret, custos h o c eius nuntiauit u x o ri.

12. expelleretur b
15. legatura m(ap) I strinxerant G H m(ap) b v: extrincxerant
m constrinxerant m(ap)
18. idem m(ap) b
21. legniti G m
22. ab
m(ap) b
23. h iH m(ap) b
56, 3. contegerit m
9. diu ante has trai, b post uoces trai. m(ap) z I emitteret G
H v: -rit m emisisset b

DIALOGHI IV, ; ; - ; 6

333

beato martire Siro. A mezzanotte si udirono delle voci nella chie


sa, come se qualcuno ne fosse respinto a forza e tratto fuori. A
questo rumore accorsero i custodi e videro due spiriti spaventosi
che avevano legato i piedi di Valentino e lo tiravano fuori della
chiesa, mentre lui gridava a gran voce. I custodi, atterriti, tornaro
no ai loro letti.
3. A mattina aprirono il sepolcro nel quale era stato collocato
Valentino ma non trovarono pi il corpo. Cercarono, al di fuori
della chiesa, dove fosse stato gettato, e lo trovarono in un altro se
polcro, con i piedi legati, come era stato tirato via dalla chiesa.
4. Da questi fatti, Pietro, puoi dedurre che quanti sono op
pressi da peccati gravi, se si fanno seppellire in un luogo sacro,
vengono giudicati anche a motivo della loro presunzione, perch i
luoghi sacri non solo non li assolvono dai peccati ma li accusano
anche per la loro temerariet.

I l corpo d i un tintore viene sepolto in chiesa


e poi non viene pi ritrovato1
1.

Ecco ancora un fatto che accaduto nella nostra citt ed

confermato dai tintori di qui. Q uando m orto il capo della loro


corporazione, a cura della m oglie stato seppellito nella chiesa
del beato martire G ennaro, presso la porta di san Lorenzo. L a
notte successiva alla sepoltura, mentre il custode stava a sentire, il
suo spirito com inci a gridare: Brucio, brucio. Poich queste
parole furono ripetute per lungo tempo, il custode le rifer alla
moglie del defunto.

DIALOGORVM IV, j-J7

334

io

2.

V x o r uero illiu s eos, qu i diligenter inspicerent, artis eius-

dem uiros transm isit ad ecclesiam , uolens cognoscere qualiter


eius esset corpus in sep u lcro, de qu o talia clam aret. Q u i aperientes sep ulcrum uestim enta quidem intacca reppererunt,
quae n unc usque in eadem ecclesia p r eiusdem causae testii$ m onio seruantur, corpu s uero illius om nino non inuenerunt,
ac si in sep u lcro eodem positum non fuisset.
3.

E x q ua re collegen d u m est q u a u ltione anim a eius dam -

nata sit, cuius et ca ro est ab ecclesia p roiecta. Q u id ig itu r sacra


loca sepultis p rosu n t, q u an d o h ii q u i ind igni sunt ab eisdem
20 sacris locis diuinitus p roiciu n tu r?

57
Q uid sit quod post mortem ualeat ad absolutionem
animas adiuuare et de Centumcellensi presbitero
qui a cuiusdam spiritu petitus est ut per sacram hostiam
post mortem potuisset adiuuari et de anima busti monachi

1. PETRVS. Q u id n am

ergo esse poterit, qu od m ortu oru m u a

leat anim abus p rod esse?

2. GKEGORIVS. Si cu lpae p ost m ortem

insolubiles non sunt,

m ultum solet anim as etiam post m ortem sacra ob latio hostiae


salutaris adiuuare, ita ut h oc nonnum quam ipsae defu nctoru m
io anim ae uid eantur expetere.
3. N am p raed ictu s F e lix episco pu s a quodam uenerabilis
uitae p resb itero q u i u sq u e ante biennium u ixit et in diocesi
C entu m cellensis u rb is h abitau it atque ecclesiae beati Iohannis,
quae in loco qui T au rian a d icitu r sita est. praeerat, cognouisse

13. reppererunt H m b v: repperierunt m(ap) -riun G reperiunt uel reperierunt uel


repererunt mUp)
17. qua ex b I colUgendum m(ap)
19. b ili m(ap) b
57,7-8. morte... morte m(ap)
9. bene b
11 -2. uenerabilis uitae H m v: uitae
uenerabilis b z uenerabile G
14. tauriana H m b v z: -rina G m(ap)

DIALOGHI IV,

}6-S7

335

2. Costei invi alla chiesa alcuni m em bri della corporazione


per indagare accuratamente, perch voleva sapere in quali condi
zioni il corpo del m orto si trovasse nel sepolcro, dal quale levava
tali grida. Q uelli, aperto il sepolcro, v i trovarono i vestiti disposti
in perfetto ordine - e ancora oggi si conservano in quella chiesa a
testimonianza del fatto - , ma non trovarono il corpo di quelluo
mo, quasi che non fosse stato mai deposto nel sepolcro.
3. D a questo fatto com prendiam o a quale punizione sia stata
condannata lanima di quelluom o, dato che il suo corpo stato
gettato fuori della chiesa. Dunque, in che cosa i luoghi sacri pos
sono giovare a chi vi viene sepolto, dal momento che gli indegni
per volont divina ne vengono gettati fuori?

57
Che cosa pu contribuire allassoluzione dell'anima dopo
la morte. Un presbitero d i Civitavecchia viene richiesto
dallo spirito di un tale d i aiutarlo dopo la morte mediante
l'offerta dellostia. Lanima del monaco Giusto1
1 . PIETRO. M a allora che cosa mai ci potr essere, che riesca di

utilit alle anime dei defunti?


2. GREGORIO. Se i peccati non sono tali da non poter essere ri
messi dopo la morte, lanima trae m olto giovamento dalla sacra

o fferta

dellostia, tanto che a volte sem brano richiederla proprio

le anime dei defunti.


3. Il vescovo Felice, di cui ho gi parlato, dice di aver appreso
il fatto che sto per raccontare da un presbitero di venerabile con
dotta di vita, che era ancora vivo due anni fa: costui abitava a C i
vitavecchia e presiedeva alla chiesa di san G iovanni situata in un
luogo di nome Tauriana. In questo luogo sorgenti di acqua calda

JJ6

DIALOGORVM IV, j y

15 se adserit q u od isdem p resb iter in eodem lo c o , in q u o aquae


calidae u apo res nim ios faciunt, quotiens necessitas corpo ris
exigeb at, lau ari consueuerat.
4. V b i dum d ie qu od am fuisset ingressus, inu enit quem dam
incognitum uirum ad suum ob seq u iu m p raeparatum , qu i sibi
20 de p ed ib u s calciam enta abstraheret, uestim enta susciperet,
exeun ti e calorib u s sabana praeberet, atque om n e m inisterium
cum m agno fam ulatu perageret.
5. C u m q u e h o c saepiu s fieret, isd em p resb iter die qu od am
ad b alnea iturus intra sem etipsum cogitans, dixit: V iro illi,
25 qui m ihi solet tam deu otissim e ad lauandum ob seq u i, ingratus
app arere non d eb eo , sed aliqu id m e necesse est ei p r m unere
p ortare. T u n c d uas secum oblationum coronas detulit. Qui
m o x ut peruenit ad locum , hom inem inuenit atque e x m ore
eius ob seq u io in om nibus usus est. L a u it itaque, et cum iam
30 uestitus uoluisset egred i, h o c q u o d secum detu lerat obsequenti sibi u iro p r b en ed ictio n e obtulit, petens ut ben ign e su sci
p eret q u od ei caritatis gratia offerret.
6. C u i ille m oeren s ad flictu squ e respondit: M ih i ista quare
d as, pater? Iste panis sanctus est; e go hunc m an du care non
3s possum . M e etenim quem uides, aliquan do loci huius dom inus
fui, sed p r cu lpis m eis h ic p ost m ortem deputatus sum . S i autem m ihi p raestare uis, om nipotenti D e o p r m e ofifer hunc
panem , ut p r p eccatis m eis interuenias. E t tu nc exau d itu m te
esse cognosce, cum h ic ad lauandum ueneris et m e m inim e
inueneris. In quibu s uerbis d isparu it, et is q u i esse h om o uid eb atur, euan escen do innotuit qu ia spiritus fuit.

15 . idem m (a p ) b
16 . nimo m (a p )
18. cum m I quodam G H m(ap): quadam m b v
20-3. abstraberit... susaperit... praeberit... peragerit... fierit m
2 1 . e H m v: ex uel a m(ap) de b om. G
23. idem m(ap) b Iquadam m(ap) b
29. obsequium m
35. ego b
38. te exauditum m (a p )
39. cognosce G H
m (a p ) b: -sces m v (cf. y iv o x jX E 2) I hicQ H m v: bue m (a p ) b (cf. 2)
40. repereris
b I homo esse b z

DIALOGHI IV, /7

33 7

producono intensi vapori, e quel presbitero era solito fare dei b a


gni, quando lo richiedeva la buona salute del corpo.
4.

Q uando vi entr un certo giorno, vi trov un uomo che non

conosceva, iJ quale era pronto a servirlo. G li toglieva i calzari dai


piedi, prendeva i suoi vestiti, gli porgeva laccappatoio quando
usciva dai vapori. Insomma, lo serviva in tutto con grande im
pegno.
j. La cosa si ripet spesso; perci un giorno il presbitero, m en
tre stava per avviarsi alle terme, riflettendo disse tra s: N on vo
glio apparire ingrato a questuom o che m i serve con tanto im
pegno quando mi bagno: bisogna che io gli porti qualcosa in
regalo. Perci port con s due corone di pane da offerta. Q uan
do arriv al luogo, trov quelluom o, e com e di consueto fu da lui
servito in tutto. Q uando, lavato e vestito, stava per uscire, porse a
quelluomo tanto ossequioso, a m o di benedizione, ci che aveva
portato con s, pregandolo di accogliere la sua offerta in segno di
affetto.
6.

Ma quello, tutto addolorato, rispose: Perch mi dai questo,

padre? pane santo, e io non posso mangiarne. Io, che tu vedi,


ero un tem po il padrone di queste terme, ma dopo la morte, a
causa dei m iei peccati, sono stato assegnato qui. Se veram ente mi
vuoi essere di giovamento, offri tu p er me questo pane a D io on
nipotente, e intercedi per i m iei peccati. Com prenderai di essere
stato esaudito quando, venuto qui per i bagni, non mi troverai.
C i detto, disparve, e mentre aveva lapparenza di uomo, con la
sua scomparsa fece capire di essere uno spirito.

338

DIALOGORVM IV, 37
7. Isdem uero p resb iter ebd om ad a continua se p r eo in la-

crim is ad flixit, salutarem hostiam cotid ie obtulit, et reuersus


p ost ad baln eum eum iam m inim e inuenit. Q u a e x re quantum
45 p rosit anim abus im m olatio sacrae ob lationis ostenditur, quan
d o hanc et ipsi m ortuorum spiritus a u iu entibus petunt, et signa indicant q u ibu s p er eam absoluti uideantur.
8. S ed n equ e h o c silendum existim o, q u o d actum in m eo
m onasterio ante h o c triennium rem iniscor. Q u id am nam que
50 m onachus, Iustus nom ine, m edicin a arte fu erat inbutus, qui
m ihi in eodem m onasterio constituto sed u le ob seq u i atque in
assiduis aegritud inib u s m eis e x cu b a re consueuerat. H ic itaque, lan gu o re co rp o ris praeuentus, ad extrem um d ed u ctu s est.
C u i in ip sa sua m olestia frater germ anus nom ine C o p io su s ser55 uiebat, qui ipse q u oq u e n u nc in hac u rb e p er eandem m edicinae artem tem po ralis u itae stipend ia sectatur.
9. S e d p raed ictu s Iustus, cum iam se ad extrem u m peruenisse cognouisset, eidem C o p io so fratti suo qu ia occu ltos tres
aureos h aberet innotuit. Q u o d nim irum fratribu s non potuit
60 celari, sed su b tiliter indagantes atque illius om nia m edicam enta perscrutantes, eosdem tres aureos inuenerunt in m edicam ine absconsos.
10 . Q u o d m o x ut m ihi nuntiatum est, tantum m alum d e fratre qui nobiscum com m uniter u ixerat aequ anim iter ferre non
6 ; ualui, q u ip p e quia eiusdem m onasterii nostri sem p er regula fu e
rat ut cuncti fratres ita com m uniter uiu erent, quatenus eis singulis nulla h ab ere p ro p ria liceret. T u n c nim io m oero re percussus cogitare coepi uel qu id ad p urgationem m orientis facerem ,
uel q u id in ex em p lo uiuentibus fratribu s p rou id erem .
42. idemm(ap) b I ebdomadeG (excorr.) m(aptb: -dem v -i/acHmlap) -dadeG (an
te corr.) (cf. pSopida z)
44. ex: in m(ap)
50. medicina G m v:
-nae H m(ap) -natim(ap) b i a x p i x r f v z
63. malum G H m(ap) b : -lim v (cf. t
t o l o O t o v x a x v z)
65. monasterii nostri H m b v: nostri monasterii G m ( a p )
xoC f|petpou |iovaorr|ptou 2
67-8. percussus G H m v: -Isus b eompulsus
m(ap)
69. in exemplo G H m: ad exemplum b in excmplum m(ap) v jiqs
evbeiypa z

DIALOGHI IV, ; 7

339

7. Il presbitero per una settimana intera si mortific tra le la


crime a favore di quello, offr ogni giorno l ostia salutare e, quan
do torn al bagno, non lo trov pi. C i dimostra quanto giovi
allanima limmolazione della sacra offerta, dato che perfino gli
spiriti dei defunti la richiedono ai vivi e indicano i segni per far
capire di essere stati esauditi grazie a essa.
8. Ritengo di non dover passare sotto silenzio neppure un fatto <
che ricordo essere accaduto nel m io m onastero tre anni fa. Un
monaco, di nome G iu sto, esperto di medicina, quando io stavo
nel monastero m i prestava zelante servizio e m i assisteva quando
di frequente ero malato. M a anche lui cadde malato e si ridusse in
fin di vita. N ella malattia lo assisteva il fratello di sangue, di nome
Copioso, che tuttora si guadagna da vivere nella nostra citt eser
citando la medicina.
9. G iusto, conscio di essere arrivato agli estremi, disse al fratel
lo di avere in suo possesso, ben nascosti, tre aurei. L a cosa non
pot restare nascosta agli altri monaci che, cercando con cura an
che tra i suoi medicamenti, trovarono i tre aurei, nascosti in una
medicina.
10 . Q uando questo mi fu riferito, non riuscii a sopportare di
buon animo che un fratello, il quale aveva praticato vita comune
con noi, si fosse comportato tanto male, dato che la regola del
monastero im poneva a tutti di vivere in comunanza, senza che al
cuno potesse possedere qualcosa in proprio. Addoloratissim o, co
minciai a riflettere su che cosa si potesse fare per purificare il m o
ribondo da quel peccato o che cosa provvedere che fosse di
esempio ai fratelli in vita.

340

70

D1ALOGORVM IV, 37

1 1 . P re tio so ig itu r eiusdem m o n a ste ri p raep o sito a d m e


ascito d ixi: V a d e, et nullus e x fratribu s se ad eum m orientem
iungat, n ec serm onem consolationis e x cuiuslibet eorum ore
percipiat. S ed cum in m orte constitutus fratres quaesierit, ei
suus frater carnalis dicat quia p r solid is, q u os o ccu lte habuit,

7s a cunctis fratribu s abom inatus sit, ut saltem in m orte de cu lpa


sua m entem illius am aritudo transuerberet atque a peccato
quod p erpetrauit p urget. C u m uero m ortuus fuerit, corpu s il
lius cum fratrum co rp o rib u s non p onatu r, sed q u olib et fossam
in sterquilin io facite, in ea corpu s eius proicite, ib iq u e su p er

li

80 eum tres aureos q uos reliquit iactate, sim ul om nes clam antes:
P ecu n ia tua tecum s it in p erd itio n e , et sic eum terra operite.
12 . In quibus utrisq u e rebu s unam m orienti, alteram u e
ro uolui uiuentibus fratrib u s p rod esse, u t et illum am aritudo
m ortis a culpa solubilem faceret, et istos auaritiae tanta dam 85 natio m isceri in cu lp a proh iberet.
13 . Q u o d ita factu m est. N atn cum isdem m onach us peruenisset ad m ortem atque a n xie se quaereret fratrib u s conm endare nullusqu e e fratribu s ei ad plicari et lo q u i dignaretur, ei
carnalis frater c u r ab om nibu s esset abom inatus indicauit. Q u i
90 protinus d e reatu su o uehem enter ingem uit atque in ip sa tristi-

tia e co rp o re exiu it. Q u i ita est sepultu s ut d ixeram . S ed fratres om nes eadem eiu s sen tenda p ertu rb ati, coeperu nt singuli
extrem a q u aeq u e et uilia et q u ae eis h ab ere regu lariter sem p er

70. pretioso: specioso b(ap) om. z


71. ascito G H m(ap): acato m v accorsilo
m(ap) b
74. pr solidis G H m(ap) b v: propter solidos m propteraureos b(ap)
76. ipsius b
78-9. in sterquiliniofossam b z
79. in eaH m b v: in cam m(ap)
v avito z
79-80. in ea... iactate om. G
80. quod ni I omnes simul b z
81. in perditione G H m v: -em m(ap) b z (= Gr. Vulg.)
82. unam m b v: una G H
m(ap) Ialteram H m b v :- G m(ap) (cf. piav... ipav z)
83. uiuentibusfratri
bus prodesse H m v z: prodesscfratribus uiuentibus b uiuentibus prodesse G m(ap)
86. idem m(ap) b
88. nullustjue Ilm v: nullus G et nullus b I adplicari H m b v:
reGmUp)
90-1. in ipsa tristitia sua b
92. conturbatih

>

DIALOGHI IV, S 7

34*

1 1 . Feci venire da me Prezioso, il priore del monastero, e gli


dissi: Provvedi a che nessuno dei fratelli vada a trovare G iu sto
che sta m orendo, in modo che egli non riceva da loro neppure
una parola di consolazione. Q uando, in punto di morte, chieder
dei fratelli, il suo fratello carnale gli dica che, a causa del denaro
che ha tenuto nascosto, egli aborrito da tutti i fratelli, in m odo
che almeno in punto di morte lo colga l amarezza per la sua colpa
e cerchi di purificarsi del peccato che ha commesso. Q uando sar
morto, la sua salma non sar seppellita nel cimitero del monaste
ro, ma scavate una fossa nel letamaio e gettatecelo dentro, e insie
me con lui le tre monete, gridando tutti insieme: I l tuo denaro va
da con te in perdizione, e poi ricoprite la fossa di terra.
12 . In questo m odo volli portare giovam ento, con la prim a
delle due disposizioni a chi m oriva, con l altra, ai fratelli in vita,
affinch l amarezza che si accom pagnava alla m orte lo rendesse
degno di essere perdonato del peccato, e una cos forte condanna
dellavidit impedisse agli altri di incorrere in quella colpa.
13 . C i avvenne. G iu sto, arrivato in punto di morte, richiese
ansiosamente di potersi raccom andare ai fratelli, ma nessuno di
loro si degn di aw icinarglisi e di parlargli, mentre il fratello car
nale gli spiegava perch fosse in abom inio a tutti gli altri monaci.
Allora quello pianse a calde lacrim e il suo peccato e in questa tri
ste disposizione d animo u s d da questa vita e fu sepolto nel m odo
che ho detto. D a p an e loro, tutti i fratelli, sconvolti d a questa sen
tenza, com inciarono uno p er im o a mettere in com une anche
quelle piccole cose di nessun conto che la regola aveva loro con-

57,81. Act. Ap. 8,20

342

DIALOGORVM IV,

fj

licuerat a d m edium p roferre, uehem enterqu e fo rm id are ne


95 q u id ap u d se esset u n d e repreh endi potuissent.
14 . C um uero post rnortem eius triginta iam essent dies
euoluti, coep it anim us m eus d efuncto fratri conpati eiusque
cum d olo re graui su p p licia pensare, et si q u o d esset ereption is
eius rem edium quaerere. T u n c eu ocato ad m e eod em P retioso ,
100 m onasterii nostri p raep osito, tristis d ix i: D iu est q u o d frater
ille, qui d efun ctu s est, igne cruciatur. D ebem u s ei aliq u id caritatis inp end ere, et eum in quantum possum us u t erip iatu r
adiuuare. V a d e itaque, et ab h o d iem a d ie d ieb u s triginta continuis o fferre p r e o sacrificium stude, ut nullus om nino prae105 term ittatur dies, q u o p r absolutione illius salutaris hostia non
inm oletur. Q u i p rotinu s abscessit et paruit.
15 . N o b is autem alia curantibus atque euolutos dies non
num erantibus, isd em frater qui d efunctu s fu erat no cte quadam fratri suo germ ano C o p io so per uisionem apparuit. Q uem
no ille cum uidisset, inquisiu it dicens: Q u id est, frater? Q uom od o es?. C u i ip se respondit: N u n c usqu e m ale fui, sed iam
m od o b en e sum , q u ia h od ie com m unionem recep.
16 . Q u o d isdem C o p io su s p ergens p rotin u s ind icau it in
m onasterio fratribus. Fratres u ero sollicite conputaueru nt dies,
115 et ip se d ies extiterat, q u o p r e o trigesim a ob latio fu erat inpleta. C u m q u e et C o p io su s nesciret q u id p r e o fratres agerent et
fratres ignorassen t q u id d e ilio C o p io su s uidisset, u n o eodem q u e tem pore dum cognoscit ille isti q u id egerant atq u e isti cognoscu nt ille q u id uid erat, concord ante sim ul uisione et sacri

lo

ficio , res aperte d a ru it qu ia frater q u i d efu n ctu s fu erat p e r


salutarem h ostiam su pp liciu m euasit.
17 . PETRVS. M ira sunt uald e q u ae au d io et n on m ed io criter
laeta.

95.jiH m bv:fojm (ap)b(ap)m G


ruit add. b
10S. idem m(ap) b
118-9. quid isti... quid ille b z

99. pretiaso om. z


113. idem m(ap) b

106. dicth ante pa


ufi. et (1) om. b

DIALOGHI IV, J

343

sentito di tenere presso di s. Tem evano di avere qualcosa per cui


potessero essere ripresi in qualche modo.
14 .

Era gi morto da trenta giorni quando io presi a commise

rare il fratello morto, a valutare con gran dolore i tormenti cui era
sottoposto e a cercare un qualche rim edio che potesse liberarlo.
Fatto venire Prezioso, il priore, gli dissi tristemente: da molto
tem po che il nostro fratello m orto tormentato dal fuoco. D o b
biam o essere caritatevoli con lui e aiutarlo, per quanto possiamo,
affinch venga liberato. Perci da oggi e per trenta giorni continui <
abbi cura di offrire il sacrificio a suo beneficio: neppure un giorno
deve trascorrere senza che la vittima salutare venga immolata per
la sua assoluzione. Prezioso prese congedo e obbed.
r j . M entre ero preso da altre occupazioni e perci non conta
vo i giorni che passavano, il monaco che era m orto apparve in vi
sione notturna al fratello carnale Copioso. Q uesti, quando lo vide,
gli chiese: C he c, fratello? com e stai?. Q uello rispose: Finora
sono stato male, ma ora sto bene, perch oggi ho ricevuto la co
munione.
16 . Copioso and subito a riferire ai fratelli quanto aveva visto;
essi contarono con cura i giorni, e quel giorno era il trentesimo da
quando si era cominciato a offrire il sacrificio per il defunto. In
precedenza Copioso era rimasto alloscuro di quanto i fratelli fa
cevano per Giusto, e i fratelli nulla sapevano della visione di C o
pioso. D ato perci che nello stesso tem po egli apprese che cosa
quelli avessero fatto, e costoro vennero a sapere che cosa egli
avesse visto, concordando tra loro visione e sacrificio, fu ben chia
ro che il fratello m orto aveva sfuggito il supplizio eterno grazie al
la vittima salutare.

17. PIETRO. v e r a m e n te s tu p e fa c e n te c i c h e s to -a p p r e n d e n
d o e m o lto m i ra lle g ra .

344

DIALOGORVM IV, /-;< }

De uita et transitu Cassii episcopi

1. GREGOR 1VS.

N e nobis in dubium ueniant u erb a m ortuo-

rum , confirm ant h aec facta uiuentium . Nana uir uitae uenerabilis C assius, N a m ien sis episco pu s, q u i cotidianum D e o sas crifcium o fferre consueuerat seque in lacrim is inter ipsa
sacrifciorum arcana m actabat, m andatum D om ini p er cuiusdam sui uisionem p resbiteri suscepit, dicens: A g e q u o d agis,
op erare q u od operaris. N o n cesset pes tuus, non cesset m anus
tua. N atale apostoloru m uenies ad me, et retribuam tibi m er

lo

cedem tuam .
2. Q u i p ost annos septem ip so natalicio apo sto lo ru m die,
cum m issarum sollem nia peregisset et m ysteria sacrae com m unionis accepisset, e co rp o re exiuit.

S9

De quodam ab hostibus capto cuius uincula oblationis


bora soluebatur et de Varaca nautico per salutarem
hostiam a naufragio liberato
i.

H o c q u o q u e q u o d audiuim us, quem dam a p u d h ostes in

5 captiuitate p ositu m et in uinculis religatum fuisse, p r q u o sua


co n iu x d iebu s certis sacrifciu m o fferre consueuerat, qu i lon go
p ost tem pore ad coniu gem reuersus q u ibu s d iebu s eiu s uincula
soluerentu r inn otuit, eiu squ e con iu x illos fu isse dies qu ibu s p r

58, 4-5. deo sacrificium om. G post consueuerat trai, b


6-7. cuiusdam sui post
uisionem trai. G
7. suscipit m
9. natali m(ap) b I retribuam H m(ap) b:
buo G m v (cf. vTajtoQKja) z)
59,4. narramus ante quod add. m(ap) quod om. b
7-8. eius... soluerentur. a uinadis absolueretur b(ap)

DIALOGHI IV, j 8- f 9

345

Vita e transito del vescovo Cassio


1. GREGORIO. Perch non ci accada di mettere in dubbio le
parole dei m orti, esse vengono conferm ate dai fatti dei vivi. C as
sio, uomo di venerabile condotta di vita, vescovo di N am i, che o f
friva quotidianamente il sacrificio a D io e si immolava lui stesso
tra le lacrim e nel corso del m istico sacrificio, ricevette un ordine
dal Signore per tramite della visione di un suo presbitero, con
queste parole: F a ci che fai, continua nella tua opera, non si ar
restino n il tuo piede n la tua mano. N el giorno natalizio degli
apostoli verrai da me e io ti dar la ricom pensa che hai meritato.
2. Sette anni dopo, nel giorno natalizio degli apostoli, dopo
che aveva celebrato la messa e ricevuto il sacramento della santa
comunione, Cassio usc dal corpo.

S9

Le catene d i un prigioniero d i guerra si sciolgono


al momento dellofferta. I l marinaio Varaca scampa
dal naufragio grazie allostia d i salvezza
i.

A bbiam o anche appreso che un tale era stato catturato dai

nemici e messo in catene. L a m oglie in determinati giorni era soli


ta offrire il sacrifcio eucaristico p er lui. D o po molto tem po ri
torn e indic alla m oglie in quali giorni gli venivano sciolte le ca
tene, e quella constat che ci era avvenuto proprio nei giorni in

34 6

DIALOGORVM IV,

;9

eo sacrificium o ffereb at recognouit, et e x alia n o b is re quae anto te annos septem gesta est certissim e confirm atur.
2. A gath o etenim Pan orm itan u s episco pu s, sicu t fid eles m ihi
ac religiosi uiri m ulti testati sunt atque testantur, cum beatae
m em oriae d ecessoris m ei tem p o re iussus esset ut R om am ueniret, uim nim iae tem pestatis pertulit, ita ut se e x tanto undarum
1 s p e r io d o euadere p osse diffideret. N au ta u ero illius V a ra ca n o
m ine, qui n u n c eiusdem e cd e sia e clericatus o ffic io fungitu r, post
nauem carabum regebat. R u p to fune, cum eodem c arab o quem
regebat inter undarum cum ulos repente disparuit. N au is autem ,
cu i ep isco p u s p raeerat, tandem p ost m ulta p e r io d a ad H osti10 cam insulam flu ctib u s quassata peruenit.
3. C u m qu e d ie tertio episco pu s nautam , qui ab eo abreptus
in carab o fuerat, in nu lla m aris p arte uideret app arere, uehem enter ad flictus m ortu u m cred id it. S ed p e r obsequium caritatis unum q u o d m ortu o debebat inpend it, ut om nipotenti D e o
25 p r absolution e eius anim ae o fferre sacrificium uictim ae salutaris iuberet. Q u o ob lato, restaurata naue, p errex it ad Italiana.
C u m q u e ad Rom anum portu m uenisset, illic nautam repperit,
quem m ortuum p u tab at. T u n c inopinata exu ltation e gauisus
est eu m q u e q u aliter tot d ieb u s in ilio tanto m aris p e r io d o

30

uiu ere potuisset inquisiuit.


4. Q u i uidelicet ind icau it quotiens in illius tem pestatis flu c
tibus cum eodem quem regebat fuisset carab o uersatus, qualiter cum ilio und is p ien o natauerat, et quotiens eo a superiori
p arte deorsum u erso ip se carinae eius su persed erat, adiun-

3s gens, cum diebus ac noctibus h o c incessanter faceret iam que

9. sacrificium offerebat G b: offerebat sacrificium H m v (cf. Jigootpopv Jtgooipe> 2)


11. enim m(ap) b
13. decessoris G H m v : predecessoris m(ap) antecess- b
15. uaraca G m(ap) b(ap) v: baraca b (ktQaxog 2 alii alia
17. carapum m carbasum m(ap) et sic dcinceps I rupto G H m v : ruptoque b rupto itaque
m(ap)
19-20. bosticam H m: usticam b v ostcam G b(ap) oiiotixav 2
28.
putabat G b: putauit H m v Ccf. (ijrXpPve.v z)
29. et eum b

DIALOGHI IV,

S9

347

cui essa offriva per lui il sacrificio. C i che andiamo dicendo


confermato nel m odo pi certo da un fatto che accaduto sette
anni or sono.
2. Secondo quanto hanno attestato e attestano m olte persone
di piet, al tempo del mio predecessore di beata memoria, A gato
ne, vescovo di Palerm o, ricevette lordine di venire a Roma. D u
rante il viaggio la nave fu sorpresa da una tempesta cos violenta
che egli non sapeva se sarebbe potuto scam pare a tanto pericolo.
Un marinaio di nome Varaca, che ora fa parte del clero di quella <
chiesa, governava il canotto che era attaccato dietro la nave. Rotto
il cavo che teneva unito il canotto alla nave, il m arinaio subito
scomparve tra i flutti in tempesta. Invece la nave, che era sotto la
protezione del vescovo, p ur dopo m olti pericoli arriv m alconcia
nellisola di Ustica.
3. D o po tre giorni che il vescovo non vedeva com parire da
nessuna parte del m are il m arinaio che era stato portato via insie
me col canotto, fu preso da grande dolore perch lo credette m or
to. Cos, per obbligo di carit, essendo questa la sola cosa che
potesse fare per il morto, fece offrire il sacrificio della vittima sa
lutare per lassoluzione dellanim a del marinaio. Fatta l offerta, ri
parata la nave, si diresse in Italia. A rrivato al porto di Rom a, trov
l il marinaio che aveva creduto morto. Tutto lieto per linattesa
gioia, gli chiese come mai avesse potuto sopravvivere p er tanti
giorni tra tanti pericoli del mare.
4. Il marinaio raccont come, ogni volta che nel mare in tem
pesta egli era stato travolto insieme col canotto che governava,
fosse riuscito a stare a galla pur con limbarcazione piena dacqua
e, come ogni volta che il canotto si era rovesciato, egli si fosse
messo a sedere sulla chiglia. A veva fatto cos per giorni e notti, e

348

D ALOGORVM IV, 39

eius uirtus fun d itus e x fam e sim ul et la b o re cecidisset, quo


eum o rd in e m isericord ia diu ina seruauerit.
j . In d icau it etenim , q u o d edam n u n c u sq u e testatur, dicens: L a b o ran s in flu ctibu s atque d eficiens, su b ito m ends
40 p o n d ere sum grauatu s, ita ut n eq u e d ep ressu s som no essem
n equ e u igilare m e cred erem . C u m ecce in eodem m ed io m ari
m e p o sito quid am app aru it, q u i m ihi panem ad refectionem
detulit. Q u em m o x u t com edi, uires recep. N e c lon ge post
nauis transiens ad fuit, quae m e ab ilio undarum pericu lo sus45 cepit atque ad terram d ed u xit. Q u o d scilicet episco pu s audiens requisiuit diem atque illum fuisse diem rep perit, qu o p r
eo p resb iter in H o stica insula om nipotenti D o m in o hostiam
sacrae ob latio n is im m olauit.
6.

PETRVS. E a q u ae narras ipse q u o q u e in S icilia positus

50 agnoui.
GREGORIVS. Id c irc o cred o quia h oc tam aperte cum uiuentibus ac nescientibus agitur, ut cunctis h aec agentibus atque nescientibus osten datu r quia, si insolubiles cu lpae non fuerint,
ad absolution em p ro d esse edam m ortuis u icd m a sacrae obla55 d on is possit. S e d sciendu m est q u ia illis sacrae uictim ae m o r
tuis p rosunt, q u i h ic u iu en d o obtin uerunt ut e o s edam p ost
m ortem b o n a ad iu u en t q u ae h ic p r ip sis ab aids fiunt.

37. seruauerit G Hm(ap) b v: seruaret m seruauit uel reseruaret m(ap)


40-1. ita
ut neque uigilare me crederem neque depressus somno essem G b
41. cum: et
b
44 5. susdpil m
47. hostica H m: astica v usticuta b ostica G OOTixav z
I omnipotenti domino G H m v: domino omnipotenti m(ap) deo omnipotenti b tei)
jiavTOuvpu) e<>z
51-2. uiuentibus G H m(ap) b v z: scientibus quam m
sdentibus atque m(ap)
52. atque: acb
52-3. nescientibus H m b v z: scien
tibus G m(ap)
$6. ptrosint b

DIALOGHI IV,

349

gi le forze gli erano venute meno per la fatica e la fame, quando


la misericordia divina lo aveva salvato.
j. Cosi raccont, e ancora oggi conferma il racconto con que
ste parole: Mi trovavo in difficolt tra le onde e stavo per venir
meno, e dun tratto la testa mi si appesant in modo che n ero im
merso nel sonno n credevo di essere sveglio. Ma ecco che in mez
zo al mare mi apparve uno che mi dette del pane per rifocillarmi,
e appena mangiai, ripresi vigore. Dopo non molto tempo pass di
l una nave che mi tir fuori dallacqua e mi port a terra. A sen
tire questo racconto, il vescovo si inform del giorno e constat
che era stato proprio quello in cui a Ustica il presbitero aveva im
molato al Signore onnipotente, per il marinaio, la vittima della sa
cra offerta.
6.
PIETRO. Quanto hai raccontato lo sapevo anchio, perch al
lora mi trovavo in Sicilia.
GREGORIO. Io credo che tutto ci avvenga in modo tanto chia
ro a benefcio di quanti sono vivi e non sanno, affinch a tutti co
loro che fanno lofferta senza conoscerne lefficacia venga dimo
strato che, se i peccati non sono stati irremissibili, la vittima della
sacra offerta pu giovare anche allassoluzione dei defunti. Ma oc
corre sapere che le sacre vittime recano giovamento soltanto a
quei morti che durante la vita si sono comportati in modo da esse
re soccorsi, anche quando sono morti, dalle buone opere che altri
qui in terra compiono per loro beneficio.

35

DIALCXORVM IV, 6 0

6o

De uirtute ac mysterio uictimae salutaris


1. In ter h aec autem pensandum est q u od tu tio r uia sit ut
bonum qu od q u isqu e p ost m ortem suam sperat agi p e r alios,
agat dum uiuit ip se p r se. B eatiu s q u ip p e est liberu m exire
j quam p o st uincula libertatem quaerere. D eb em u s itaque praesens saeculum , uel quia iam conspicim us d eflu xisse, tota m en
te contem nere, cotid iana D e o lacrim aru m sacrificia, cotidianas
cam is eius et sanguinis hostias im m olare.
2. H a e c nam que singu lariter uictim a ab a ete m o interitu
io anim am saluat, q u ae illam n obis m ortem V n igen iti p e r m ysterium reparat, qui licet surgens a m ortuis iam non m oritu r et
m ors ei ultra n o n dom inabitur, tam en in se ip so inm ortaliter
atque in co rru p tib iliter uiuens, pr n o b is iterum in h o c m yste
rio sacrae ob latio n is im m olatur. E iu s q u ip p e ib i corpu s sum iis tur, eius caro in p o p u li salutem partitur, eius sanguis non iam
in m anus infid elium , sed in o ra fidelium funditur.
3. H in c ergo pensem us quale sit p r nobis h o c sacrificium ,
qu od p r absolu tion e nostra passionem u nigeniti F ilii sem p er
im itatur. Q u is enim fidelium h ab ere d u biu m p ossit ip sa im20 m olationis h ora ad sacerd otis uocem caelos aperiri, in ilio Iesu
C h risti m ysterio angelorum ch oros adesse, sum m is im a s o d a ti,
terram caelestibus iungi, unum qu id e x uisib ilibu s atque inuisibilibus fieri?

60,4. ipse dum uiuit G b I pr H m b(ap) v: per G m(ap) b v


a'Tc im kg a i9. namque-. autem m
1 1 . uidelicet m(ap) I resurgens b
12. in semetipso b
13. uerum corpus post iterum add. b(ap)
14. ibiG H m(ap) b v:
ubim xeioe z
17. hocom. m
22. unum quidG H m v z : unumque m(ap)
b unum quidem uel quidam uel quiddam m(ap)

tv z

DIALOGHI IV, 6 0

351

60
Misteriosa efficacia della vittima salutare
1 . Riguardo a questo argom ento bisogna considerare che la via
pi sicura che il bene, che ognuno spera di ricevere da altri do
po la sua morte, egli stesso lo faccia a suo beneficio durante la vi
ta. di gran lunga preferibile uscire libero da questa vita piutto
sto che cercare la libert dopo essere stato m esso in catene. Perci
dobbiam o disprezzare di tutto cuore il secolo presente, anche
perch vediamo che in gran parte gi trascorso, e imm olare a
D io i sacrifici quotidiani delle lacrim e e le vittime quotidiane del
la sua carne e del suo sangue.
2. Infatti in m odo del tutto singolare questa vittima salva lani
ma dalla m orte eterna, in quanto rinnova misteriosamente per noi
la morte dellUnigenito. E gli infatti, anche se risorto dai m orti,
non muore pi e la m orte non prevarr pi su di lui, tuttavia vi
vendo in s stesso immortale e im m utabile viene immolato di
nuovo per noi in questo m istero della sacra offerta. Q ui si riceve il
suo corpo, la sua carne viene divisa per la salvezza del suo popolo,
il suo sangue viene effuso non pi sulle mani degli infedeli ma nel
la bocca dei fedeli.
3. Consideriamo perci che cosa significhi per noi questo sa
crificio che imita sempre, per la nostra assoluzione, la passione
del Figlio unigenito. Chi dei fedeli pu dubitare che nel momento
delTimmolazione, alla voce del sacerdote, i cieli si aprano, che a
questo mistero di G es Cristo siano presenti i cori degli angeli,
che ci che in basso si unisca a ci che in alto, la terra al cielo,
e il visibile e linvisibile diventino una cosa sola?

60,11. Cf. Ep. Rom. 6,9

1
DIALOGORVM IV, 61-62

31 *

61
D e a d flig e n d o c o rd e in te r sacra m y s te ria e t d e m e n tis
c u sto d ia p o s t c o n p u n c tio n e m
1. S e d n ecesse est ut, cum h aec agim us, n osm etip sos D e o in
cordis contritione m actem us, quia q u i passionis dom inicae
5 m ysteria celebram us, deb em u s im itari q u o d agim us. T u n c er
go uere p r n obis D e o hostia erit, cum nos ip sos hostiam fecerit.
2. S e d studendum nobis est ut etiam post orationis tem po
ra, in quantum D e o largiente p ossu m u s, in ip so anim um suo
io p on d ere et uigore seruem us, ne p ost cogitatio flu x a dissoluat,
ne uana m enti laetitia su brep at et lucrum conpunctionis ani
m a p er incuriam flu x a e cogitationis perdat, S ic q u ip p e q u od
p op oscerat A n n a ob tin ere m eruit, quia se post lacrim as in eodem m entis u igore seruauit. D e qua nim irum scriptum est:
15 V u ltu squ e eiu s non sunt am pliu s in diu ersa m u tati. Q u ae igitu r non est oblita q u o d petiit, non est priu ata m u nere q u od
p oposcit.

62
D e re la x a n d is c u lp is a lie n is u t n o s tra e la x e n tu r
1. S ed in ter h aec sciendu m est qu ia illc recte sui delieti ueniam p ostulat, qui p riu s h o c q u o d in ip so d elin qu itu r relaxat.

61,3. haec G H m(ap) b: hoc m v (cf. TaTd z)


6. deo hoslia crii G H m v: hos
tia erit deo b hostia crii accepta deo b(ap) (cf. z)
11. mente uel mentem uel men
tis uel iuuentutis m(ap)
13. se om. m(ap) b
14. seruauit G H m z: perman
si! m(ap) b
15. quae G H m b v: quia m(ap) 6 u z
16. quod (1) m(ap) b:
ji eq z quia H m v qua G m(ap) quae m(ap)
61, 3. in ipso G H m b v: in co m(ap) 6L5 aijTv 2

DIALOGHI IV, 61-62

3S3

6l
B iso g n a a fflig g e r e i l c u o re d u ra n te i s a n ti m is te r i
e s o rv e g lia re lo s p ir ito d o p o la co m p u n z io n e
1. Ma necessario che, nel far questo, noi ci immoliamo a D io
col cuore contrito, perch quando celebriamo il mistero della pas
sione del Signore ci dobbiam o im medesimare in ci che facciamo.
A llora veramente la vittima sar offerta a D io per noi, quando
avr fatto di noi stessi una vittima.
1 . Ma dobbiam o adoperarci affinch, anche dopo il tempo
della preghiera, per quanto lo possiam o con laiuto di D io, mante
niamo lanima nella concentrazione e nel vigore, per evitare che
un pensiero vagante ci distragga, che una gioia inconsistente si in
sinui nella nostra mente, cos che la nostra anima, avendo dato in
cautamente spazio a un pensiero vano, perda quanto ha guada
gnato con la contrizione del cuore. A nna merit di ottenere ci
che aveva chiesto, perch d op o la richiesta continu a piangere,
sempre con la stessa concentrazione. Infatti di lei scritto: I l suo
volto non ha pi preso un atteggiam ento diverso. N on dimentic di
aver chiesto, e per questo non rimasta priva del dono che aveva
chiesto.

62

Bisogna perdonare le colpe degli altri affinch


siano perdonate le nostre
1. Bisogna com unque aver presente che a ragione chiede il
perdono delle proprie colpe colui che prima ha perdonato la col
pa che stata commessa a suo danno. Infatti un dono non accet-

61,15. iRcg. 1,18

DIALOCORVM IV, 62

354

M unus enim non accipitur, nisi ante d iscord ia ab anim o pella5 tur, elicente ueritate: S i o ffers m unus tuum ante altare et recordatu s fu e r is q u ia h abet a liq u id aduersum te fra te r tuus, relin q u e
ib i m unus tuum a n te altare et u ade p riu s, reco n ciliare fr a t r i tuo,
e t tu n c u en ien s o fferes m unus tuum . Q u a in re p ensand u m est,
cum om nis cu lp a m u n ere soluatur, quam grauis est cu lp a dis

io

cordiae, p r q u a n ec m u nu s accipitu r. D eb em u s itaqu e ad


p roxim u m quam uis lon ge positum lon geq u e disiunctum , m en
te ire eiqu e anim um su b d ere, h um ilitate illum ac beneuolentia
p lacare, et scilicet co n d ito r noster, dum tale placitum nostrae
m entis asp exerit, a p eccato n os soluit, qu ia m u nu s p r culpa

15 sum it.
2. V eritatis autem u oce adtestante d id icim u s q u ia seruus
qui d ecem m illia talenta d eb ebat, cum paenitentiam ageret,
absolutionem d eb iti a dom ino accepit, sed qu ia conseru o suo
centum sibi den arios debenti debitum non dem isit, et h o c est
20 iussus e x ig i q u o d ei fuerat iam dem issum . E x q u ibu s uidelicet
dictis constat quia, si h o c q u o d in n os d elinqu itu r e x corde
non dem ittim us, et illu d rursus e x ig im u r q u o d n o b is iam p e r
paenitentiam dem issum fu isse gaudebam us.
3. Ig itu r dum p e r indulti tem poris spatium licet, dum iu d e x
25 sustinet, dum conuersionem nostram is qui culpas exam inat
expectat, conflem us in lacrim is duriti am m entis, form em us in

4-j. repellatur b
5. ante G b: ad H m b(ap) v (= Vulg.) I ibi post et add. m(ap)
b z (= Gr. Vulg.)
6. frater tuus habet aliquid aduersum te m(ap) b z (= Gr.
Vulg.) I aduersus m(ap)
7. ibi om. b I reconciliari m(ap) b
8. offeres G H
m(ap) b: offers in v offer m(ap) npoocpepe z I in G H m(ap) b: de m v | o 5 z
13. e tH m v: ut G m(ap)b
14. soluitG H m v : soluat m(ap) b -uetm(ap)
15. sumit G m b v. sumitur H sumet m(ap) (cf. XapPdvei z)
19. demisit G H
m (= dimisit: cf. Blaise, p. 253): dim- m(ap) b v
20. exigi H m(ap) b v: exegi G
m I demissum G H m: dimissum m(ap) b v
22. demittimus G H m: dimittimus
m(ap) b v I exigimur m(ap) b(ap) v: exegimur m exigemur m(ap) exegemur H exigemus G a nobis exigitur m(ap) b
24. indulti G H m(ap) b: indulgente m v voewjz
25. conuersationem m

DIALOGHI IV, 62

35S

to se prima non si purifica lanima dalla discordia, secondo quan


to dice la Verit: Se n el presentare la tua offerta davanti a llaltare ti
sarai ricordato che un tuo fra tello ha qualcosa contro d i te, lascia la
tua offerta davanti a llaltare e v a ' prim a a riconciliarti co l fratello, e
p o i verrai a presentare la tua offerta. D ato che ogni colpa viene
rimessa grazie allofferta, queste parole ci debbono far valutare
quanto grave colpa sia la discordia, dato che a causa sua neppure
lofferta viene accettata. P erci con la m ente dobbiam o recarci
dal nostro prossim o, per quanto lontano sia da noi, sottomettere a
lui il nostro cuore, placarlo con lum ilt e la benevolenza. C os il
nostro creatore, osservata la buona volont, ci assolve dal peccato,
perch accetta lofferta a com penso della colpa.
2. Dalla voce della V erit abbiam o appreso che al servo debi
tore di diecimila talenti, dato il suo pentim ento, il padrone con
don il debito; eppure egli non condon il debito al suo conservo
che gli doveva cento denari. Perci il padrone gli comand di p a
gare quanto prima gli aveva rimesso. D a queste parole del Signore
ricaviamo che, se non avrem o perdonato di tutto cuore il male
commesso a nostro danno, ci viene nuovamente richiesto ci che
prima, con nostra grande gioia, ci era stato rimesso grazie alla pe
nitenza.
3. Pertanto, finch c tem po per ottenere il perdono, finch il
giudice attende, finch chi deve esaminare le nostre colpe aspetta
la nostra conversione, sciogliamo con le lacrim e la durezza del no
stro cuore e manifestiamo sentimenti di bont a beneficio del no-

62,5. Eu. Matth. 5, 23-4

16

. Cf. Eu. Matth. 18, 23 sqq.

35*

DIALOGORVM IV, 62

p ro xim is gratiam benignitatis, et fid en ter d ico quia salutari


hostia p ost m ortem non indigebim u s, si ante m ortem D e o hostia ip si fuerim us.
E X P L IC IT L IB E R Q V A R T V S

DIALOGHI IV. 6 2

357

stro prossimo. L o afferm o con fiducia: non avrem o bisogno delia


vittima salutare dopo la morte, se noi stessi ci saremo offerti vitti
ma a Dio prim a della morte.
F I N E D E L Q U A R T O L IB R O

CO M M EN TO

Il segno < che si trova sul margine destro della traduzione indica la presenza,
nel commento, di note indispensabili alla comprensione del testo, o comunque di
natura non tecnica; le note corrispondenti sono messe in rilievo da un segno identi
co, sul margine destro del commento.

Libro terzo

Il terzo libro contiene lo stesso numero di capitoli del precedente,


trentotto, ma pi lungo di circa un venti per cento. Dal protagonista
unico - Benedetto - si ritorna alla struttura del primo libro, dove ogni
capitolo destinato a un santo, ma in modo meno rigoroso, poich al
cuni capitoli sono dedicati a pi santi, come il quindicesimo, per Eutizio e Fiorenzo, o a gruppi di martiri, come il ventisettesimo e il ventot
tesimo, che celebrano quaranta contadini e quattrocento prigionieri
uccisi dai Longobardi per la loro fede cattolica, o il trentaduesimo, sui
vescovi africani mutilati dai Vandali. Alcuni dei taumaturghi celebrati
restano anonimi, come il monaco del monte Argentario (cap. 17), il
prete sulla cui tomba rest immobilizzato un ladro (cap. 22), labate e il
prete che trovarono sepoltura nello stesso sarcofago (cap. 23), la mo
naca - unica protagonista femminile di un evento miracoloso - che
esorcizz un contadino indemoniato (cap. 21 ). In due casi al centro del
miracolo non c un santo, ma una chiesa; quelle di san Zenone a Vero
na (cap. 19), di san Paolo a Spoleto (cap. 29).
La scena si allargata, non solo rispetto al secondo libro, nel qua
le la vicenda di Benedetto si svolge fra Subiaco e Montecassino, ma
anche al primo, ristretto alle province dellItalia centrale e fino ai con
fini col Sannio a sud. Qui vengono coinvolte citt del settentrione e
del meridione e, per due volte, la Spagna e lAfrica. In due episodi
(capp. 1 1 e 36) teatro della vicenda il mare. Anche i limiti temporali
sono dilatati, verso lalto, agli inizi del V secolo con un racconto su
Paolino di Nola portato prigioniero in Africa dai Vandali, e verso il
basso con i miracoli accaduti da poco, nuper, in et longobarda e
anche a pochi anni dalla redazione dellopera, cinque anni prima, ai
tempi dellesondazione del Tevere e dellAdige, nel 589 (cap. 19), o
due (cap. 30). In obbedienza allo scopo che si prefisso - quello di
mostrare che lera dei miracoli non chiusa - lautore ha cura di sot
tolineare lattualit dei prodigi per annunciare, come ripetutamente

J62

COMMENTO ili. P rol.

ribadisce a Pietro, il suo interlocutore, che la provvidenza non ha ab


bandonato il suo popolo. Complessivamente, nonostante qualche ar
resto e inversione, la progressione temporale continua e appare pre
siedere alla successione dei capitoli.
Anche la tipologia dei personaggi pi ricca e varia. Accanto a ec
clesiastici e monaci vengono celebrati dei laici (oltre ai rustici e ai pri
gionieri mandati al martirio dai Longobardi, il visigoto Leovigildo,
cap. 3 1). Molto spazio stato accordato ai vescovi, che formano una
prima, ininterrotta sezione (capp. 1 -13), e ricompaiono, con Massimia
no di Siracusa e Redento di Ferento (capp. 36 e 38), alla fine del libro,
che cos si conclude, come si era aperto, con la celebrazione della san
tit della chiesa gerarchica, rappresentata anche da un gruppo di preti,
spesso di alto profilo (come Santolo, cap. 37). Minore presenza hanno,
invece, i monaci, protagonisti nel primo e secondo libro. Fra di loro
compaiono alcuni anacoreti, raggruppati al centro del libro in una pic
cola sezione di particolare rilievo narrativo sia per i personaggi, dise
gnati con tratti vigorosi e originali, sia per i prodigi, anche pittoreschi,
di cui sono operatori: Isacco, Fiorenzo, Martino, grande taumaturgo
solitario sul monte Marsico, lanonimo recluso del monte Argentario,
leremita Benedetto, che visse in Campania ai tempi di Totila, il sannita
Mena, domatore di orsi feroci (capp. 14-8 e 26).
Sono poco pi numerosi, anche in percentuale, gli interventi di
Pietro, che in qualche caso (p. es. nei capp. 1 5 0 3 7 ) creano momenti
di reale dialogo. L interlocutore svolge il suo ruolo con la parsimonia
e la prudenza che abbiamo avuto modo di rilevare nei libri preceden
ti. Anche qui sono spesso i suoi quesiti a determinare il passaggio dal
racconto alla riflessione dottrinale. Questa arriva solitamente allin
terno del capitolo, quando Gregorio risponde alle domande che le
vento prodigioso da lui raccontato ha suscitato in Pietro. Un capitolo,
il 34, interamente occupato dalla spiegazione di Gregorio, che vi il
lustra le varie specie di compunzione in risposta al quesito con il qua
le si era chiuso il capitolo precedente. Oltre a quesca, la cxpositio di
maggior rilievo quella sui due generi di martirio, quello reso in tem
pi di persecuzione con la effusio sanguinis e quello praticato in occul
to in tempi di pace con la condotta virtuosa e le privazioni dellascesi
(cap. 26). Alla fine del libro Pietro pone il quesito pi importante di
tutti, se lanima non finisca col corpo ma gli sopravviva, c segna il
passaggio al tema del quarto libro.
L a storia che fa da sfondo al terzo libro continua a essere quella
dellItalia percorsa dai barbari. Goti e Longobardi. Incontriamo il go
to Totila, ospite infido nellepiscopio di Sabino di Canosa e Cassio di
Nam i (capp. 5 e 6), lo vediamo ordinare il supplizio di Cerbonio di
Populonia (cap. 11) , Fulgenzio di Otricoli (cap. 12). Ercolano di Pe-

COMMENTO III, P ro l.

ragia (cap. 1 j) e vediamo le sue bande torturare in Campania il mo


naco Benedetto (cap. 18). Pi dei G oti sono presenti i Longobardi.
L e loro spade hanno annientato gli abitanti di Aquino non meno del
la pestilenza (8,2) e devastato Populonia ( 1 1 ,4 ) , essi sono a Norcia ai
tempi del prete Santolo (cap. 37) e quando la tunica di Eutizio pone
fine alla siccit ( 15 ,18 ) , sono nel Sannio di Mena (26, 2), mandano al
martirio gruppi di cattolici (capp. 27 e 28), i loro vescovi tentano di
impadronirsi delle chiese (cap. 29). Spaventosi segni celesti hanno an
nunciato il loro arrivo dal nord, ab aquilonis parte, e le rovine terribili
inferte agli uomini e alle terre: popolazioni sterminate, citt deserte,
campi abbandonati, fortezze, chiese e monasteri distratti. il giorno
dellira del Signore, la fine del mondo e dei tempi. Con queste imma
gini di morte e di apocalisse si chiude il libro.

P ro logo
Questo prologo, assai pi breve dei due precedenti, ha anche una
funzione molto pi limitata. Non anticipa indicazioni sulla configura
zione e i caratteri del nuovo libro, ma si limita a introdurne solo una
piccola sezione, i primi quattro capitoli, dedicati a santi meno recenti.
Di questi Gregorio sottolinea con forte rilievo la lontananza rispetto
alle vicende narrate in precedenza. In realt, il caso che si discosta dai
libri precedenti solo quello di Paolino, vissuto tra IV e V secolo,
mentre restano assai prossimi quelli dei tre capitoli successivi. Non
c scarto cronologico, per esempio, fra un personaggio del primo li
bro come Equizio, che ebbe rapporti con il mago Basilio, condannato
a Roma per magia nel j 10 - 5 11, e con Castorio, vescovo di Amiterno
fra il 5 10 -5 11 e il 559 (ved. 4, 3), e i due pontefici Giovanni I (523526) e Agapito (535-536). O fra lo stesso Benedetto da Norcia e il ve
scovo milanese Dazio, morto prima del grande abate di Cassino e at
tivo fra Milano, Roma e Costantinopoli intorno alla met del V I
secolo, la cui vicenda chiude nel quarto capitolo la sezione dei priora.
1 . uicinis ualde patribus: laggettivo uicinus, usato per indicare vi
cinanza o contiguit spaziale, nelluso post-classico viene riferito an
che al tempo e indica prossimit o addirittura (p. es. in Tertulliano)
contemporaneit. Rafforzato dallaw erbio ualde, qui sottolinea con
forza l'opposizione fra i fatti.
10-1. Q uorum ... credere: sulla sollecitudine con la quale Gregorio
ribadisce la veridicit dei fatti narrati cfr. Introduzione, pp. XLVx lv ii . Con l'assicurazione di aver attinto le notizie da uomini anziani
degni di venerazione si era chiuso il prologo del primo libro (I Prol.
io Seniorum ualde uenerabilium didici relatione. L a stessa espressione

364

COMMENTO n i. P r o l.- I

in Horn. Eu. 23, 2. Per altre professioni di fede nei dieta maiorum
ved. IV 1 , 5 ; 4 2 ,1) . Crandaeuitas termine arcaico (caro ai primi tra
gici latini, come Pacuvio e Accio), recuperato nelluso tardoantico.
Gregorio lo impiega con rilievo in un capitolo dei M oralia (al riguar
do ved. la nota a 18, 7-8). Cfr. Bruzzone 19 9 1, p. 237.

1
P ao lin o, vescovo d ella citt d i N ola
1. Paulino-. Meropio Ponzio Paolino, detto comunemente Nolano
dalla citt campana nella quale ricopr la carica episcopale, era origi
nario di Bordeaux, nella Gallia aquitanica, dove nacque intorno al
353 da famiglia ricchissima e di rango senatorio. Sposato con Terasia,
anche lei di nobile e ricca famiglia, giunco al culmine di una rapida
carriera (fu governatore della Campania e consul suffectus a meno di
trentanni), si spogli di gran parte dei suoi beni e si dedic con la
moglie alla vita ascetica, prima in patria, poi a Nola, dove fond e di
resse un cenobio; fu eletto vescovo intorno al 4 10 e mor nel 4 3 1. A u
tore di carmi religiosi, di un ricco epistolario e di altri scritti, per noi
perduti, fra i quali un panegirico in onore dellimperatore Teodosio,
fu in corrispondenza con i pi celebrati letterati del suo tempo, come
Ausonio, che gli fu per alcuni anni maestro di retorica, e con i mag
giori scrittori cristiani, Ambrogio, Agostino, Gerolamo, Rufino, Sulpicio Severo, Eucherio. La conversione ascetica del giovane aristocra
tico, secondo a nessuno in Aquitania per censo familiare (come
scrive Ambrogio, Ep. 27, 1), risplendente fra le porpore senatorie
per discendenza sia patema che materna (come scrive il biografo
Uranio, de obitu Paulini 9, P L LU I, col. 8640), suscit enorme scal
pore. Fu avversata con scandalizzato stupore dai detrattori del mo
nacheSimo, dai benpensanti, dai membri delle grandi famiglie, e
celebrata come una vicenda esemplare ed eroica negli ambienti filo
monastici. Ausonio la rappresent come il frutto di una malattia della
mente, paragonabile allinsania dalla quale il mitico Bellerofonte era
stato condotto a vivere come una fiera, fuggendo gli uomini, in luoghi
deserti e impervi (Ep. 26, 69-74, ed- S. Prete, Leipzig 1978); Martino
di Tours, il grande santo delle Gallie, la indicava come mirabile esem
pio da seguire (Sulpicio Severo, Vita M artini 25, 4-5). Sicuramente
essa costitu laspetto di Paolino che la posterit conserv e celebr
pi di ogni altro. Gregorio invece non fa cenno n allesemplare vi
cenda ascetica n allattivit letteraria di Paolino; ricorda unicamente
loperato miracoloso del vescovo, miraculum episcopi, e solo per un
aspetto: limpegno profuso dal santo per la liberazione dei prigioniri

COMMENTO III, I

365

fino al proprio sacrificio. Dopo la grande figura di Benedetto nel li


bro II e alcuni personaggi di pi complesso profilo nel I, come Equizio o Fortunato, il capitolo su Paolino , ad apertura del nuovo libro,
una riconferma della semplificazione e specializzazione alla quale
Gregorio, pi di Venanzio Fortunato e di Gregorio di Tours, sotto
pone i suoi santi, del suo rifiuto di ogni modello cumulativo di san
tit. Paolino Nolano il pi remoto fra i personaggi dei D ialoghi ed
il primo a rappresentare il nuovo tipo di santo cristiano, dopo let
dei martiri, santo vivente, che d testimonianza di s non con il san
gue, ma con la condotta virtuosa e miracolosa. Cfr. PC BE II, M eropius Pontius Paulinus 1, pp. 1630-54 e **Paulinus, p. 1669.
2. saeuientium Wattdalorum tem pore, le prime incursioni dei Van
dali sulle coste italiane furono condotte dalla vicina Sicilia da Gense
rico, non prima del 440, e non si spinsero oltre la Calabria. Nel giu
gno 45 5, i barbari, sbarcati a Porto, occuparono Roma e, dopo averla
saccheggiata per due settimane, si spinsero a sud. Paolino era morto
da ventiquattro anni e non fu certo testimone delle vicende vandali
che. Lo fu, invece, del drammatico decennio visigotico, quando lar
mata di Alarico percorse la penisola, muovendo dal nord dellItalia,
nellinverno 402-403, fino al sud, dopo avere occupato e saccheggiato
Roma nellagosto 410. Della violenza dei Visigoti egli ebbe esperienza
personale quando, come testimonia Agostino, i barbari devastarono
la stessa Nola e Paolino fu tenuto prigioniero da loro (Ciu. I io,
CCL X LV II, p. 12, linn. 59-60). Per spiegare lanacronismo sono sta
te avanzate soluzioni diverse. Si pensato che Gregorio, alludendo a
lepoca in cui incrudelivano i Vandali, abbia usato il nome di quel
popolo metaforicamente, per indicare let delle invasioni barbariche,
ma troppo spesso (anche nei D ialoghi) egli ha voluto distinguere fra i
Germani invasori e troppo da vicino ha patito la ferocia degli ultimi,
i Longobardi, perch gli si possa attribuire una tale generica, indistin
ta notazione. Si anche supposto (ved. Moricca 1924, pp. xxxvn XXXIX) che il suo eroe sia un altro: un Paolino III, vescovo di Nola ai
tempi di una seconda incursione dei Vandali in Italia nel 508-509 e
vissuto fino al 535: a lui Gregorio avrebbe erroneamente attribuito
particolari biografici tratti da Uranio (ved. la nota a 90-1). Le ipotesi
avanzate finiscono colladdebitare a Gregorio confusioni sicuramente
meno spiegabili dellanacronistico riferimento ai Vandali. L o slitta
mento cronologico non una svista n, dal punto di vista narrativo,
un particolare neutro. L Africa di Gregorio non il continente nero e
inesplorato, teatro di tanti nostri intrecci romanzeschi e filmici, ma
lAfrica mediterranea, da secoli integrata nellimpero romano e nella
sua civilt, culla delle pi alte esperienze della stessa chiesa cristiana.
Spostato dalla Campania in una terra oltremare, sotto un regime la

}6 6

COMMENTO n i, I

cui crudelt e le cui persecuzioni contro i cattolici appartenevano or


mai alla topica letteraria, il sacrificio di Paolino riceveva unaura di
pi misterioso e avvincente eroismo. significativo che lagiografia
italo-bizantina collocher nellAfrica musulmana le pi avventurose
peripezie dei suoi santi, rapiti e fatti prigionieri dalle razzie arabe sul
le coste siciliane e calabresi. Gregorio aveva a disposizione molte te
stimonianze su Paolino. In tutte leggeva lapprezzamento concorde
della generosit del santo, delle sue elemosine, del suo disprezzo per i
tesori della terra. In Agostino trovava notizia della prigionia. In Ura
nio leggeva di un gran numero di prigionieri riscattati. In lui e in G re
gorio di Tours (de gloria confessorum 109) trovava il racconto della
visione dei santi Martino e Gennaro avuta da Paolino in punto di
morte, che egli terr presente in un altro capitolo dei D ialoghi (IV 13,
3-4). Da Uranio, al quale viene fatto riferimento esplicitamente (ved.
linn. 90-1), deriva il racconto della m one del santo. Lo spunto per
fam e un esperto di erbe e ortaggi pu provenire dallepistolario dello
stesso Paolino e dalle metafore frequenti in esso; l'intreccio del cre
scente rapporto con il genero del re e dello svelamento finale richia
ma la Vita d i san M aurilio attribuita a Venanzio Fortunato, nella qua
le il protagonista, vescovo di Angers, lontano dalla patria si conquista
il favore di un potente grazie ai suoi servizi di giardiniere (cfr. de
Vog, SCh 260, p. 442). Senza escludere che lautore possa avere at
tinto a una leggenda circolante ai suoi tempi, lavventura del santo
nolano ci offre uno degli esempi pi eloquenti dei procedimenti com
positivi di Gregorio, interessato non a costruire verificabili biografie,
ma a dipingere edificanti immagini di santit eroica, e perci in alcu
ne occasioni incurante dellesattezza storica, qualche volta disposto
anche a manometterla (cfr. de Vog, SCh 2 51, p. 154).
4-6. cuncta... largitus est: i contemporanei avevano celebrato nelle
dismissioni patrimoniali e nelle elargizioni di Paolino ai poveri il primo,
straordinario segno della sua conversione ascetica. Agostino aveva esal
tato il sentimento dal quale esse avevano tratto origine, il disprezzo per
i beni terreni, che proprio in tempi di guerra e di saccheggio si palesa
come la vera sapienza del cristiano, incurante di perdere i propri tesori
perch sa che le ricchezze vere sono altre. Gregorio ne fa un atto della
carit episcopale del santo e, a differenza di Uranio e di Gregorio di
Tours, che riferiscono delle elemosine fatte sia con il patrimonio perso
nale che con i beni della chiesa, magnifica unicamente loperato del ve
scovo che donava tutto: tutto quello di cui disponeva per la gestione
dellepiscopio. E la necessaria premessa per lepisodio che segue, lof
ferta di s stesso per il riscatto di un prigioniero. Vi si pu scorgere an
che la proiezione di sentimenti personali e la difesa di quella grandiosa
politica di assistenza, soccorsi, donazioni, che frutt al papa lammira

COMMENTO III, 1

36>

zione del suo maggior biografo (cfr. Giovanni Diacono, Vita G regorii II
26, P L L X X V , col. 97b), ma anche le critiche del suo clero.
22. Perrexere... ad Africani', teatro dellincontro con il genero del re
e dei successivi sviluppi dellepisodio Cartagine, capitale del regno
dei Vandali, sede della corte e del governo, ma Gregorio n qui n al
trove offre dati precisi (ved. linn. 4, 35, 77), anche se nellindicare le
coordinate spazio-temporali egli (come, del resto, gli agiografi in gene
re) pi incline a precisare le prime che le seconde (ved. Introduzione,
pp. x x x v h -x x x ix ). Questo accade specialmente quando la localizza
zione non estrinseca all'episodio raccontato e vi svolge invece una
funzione narrativa e persino religiosa. Qui per, come abbiamo rileva
to sopra, il riferimento indeterminato - lAfrica dei Vandali, lontana
e immensa, lungo la costa mediterranea dalla Mauretania alla Libia - a
conferire al racconto un velo di misterioso esotismo.
24-6. uir barbarus... inflatus: lassociazione dei due tratti, il turgo
re della superbia e lempito della gioia tracotante, riecheggia lespres
sione con la quale Agostino si duole del compiacimento provato
quando primeggiava nella scuola dei retori (Conf. I l i 3 ,6 gaudebam
superbe et tumebam typho, gioivo superbamente e mi gonfiavo di or
goglio). Per typo superbiae turgidus cfr. I l i 14, linn. 24-5 superbiae
spirita inflatus e IV 40, lin. 49 superbia tumidus. L a locuzione typus
(grafa pi comune: typhus, dal greco tqpog) superbiae al centro
della lettera inviata nel 597 da Gregorio al patriarca di Costantinopo
li, Ciriaco, per invitarlo a rinunciare al titolo di patriarca ecumenico:
solo cos sar eliminata la divisione creata fra le due chiese dal gon
fiore della superbia, per typbum superbiae (E p . V II 28). Nei D ialoghi
ricorrono pi volte episodi nei quali il barbaro superbo e feroce si
piega davanti al santo ed espressioni analoghe a queste ne contrasse
gnano latteggiamento. Totila si prostra ai piedi di Benedetto che ha
smascherato il camuffamento di un suo scudiero (II 14, 2 e 15 , 1);
prova vergogna (erubuit) quando il vescovo Sabino di Canosa scopre
un suo inganno (III 5, 2); il suo animo selvaggio smise di nutrire sen
timenti di orgoglioso disprezzo in seguito alla liberazione di un in
demoniato operata dal vescovo Cassio (III 6, 2 tnens effera ab elationis fastu detum uit); muta la ferocia in reverenza quando la pioggia
miracolosa caduta sul vescovo Fulgenzio di Otricoli mostra come la
divina onnipotenza schiacci per mezzo degli umili gli animi gonfi di
superbia (III 12, 4 elatas... m entes... per bum ilesprem at).
45-6. rex ... m oriturus: le predizioni di Paolino e lincontro col re
riecheggiano lepisodio di Giuseppe, figlio del patriarca Giacobbe e
di Rachele, ridotto in servit e in carcere, poi liberato e altamente
onorato dal Faraone per avere interpretato un suo sogno (G en. 394 1). Il racconto biblico costitu nella letteratura e nelliconografia

368

COMMENTO IH, /

cristiana larchetipo di ogni vicenda connessa allo svelamento dei


sogni.
6 t. inter quos iste... sedebat: il compimento della giustizia divi
na, che fa della vittima il giudice dei suoi persecutori. Raccontando la
morte di Teoderico, Gregorio metter in rilievo che il re ostrogoto
viene precipitato nel cratere del vulcano da papa Giovanni e dal pa
trizio Simmaco, che egli aveva torturato e ucciso (IV 3 1,4 ) .
62. flagellum : la verga, qui simbolo del potere di giudicare e puni
re, o la frusta per spronare i cavalli, come quella di cui si serve Liber
tino (ved. I 2, 2), o, in senso figurato, il flagello della malattia inflitta
da Dio per correggere o punire. Con questo significato Gregorio im
piega il vocabolo solo al plurale: ved. IV u , lin. 18; 16, linn. 28-9.
75-6. u t... relaxes: anche il prete Santolo, protagonista di un cla
moroso miracolo, rifiuter i doni dei Longobardi e chieder la libera
zione dei prigionieri (3 7 ,17 ).
82-7. factum est... multis: tutto il passo incentrato sullopposi
zione schiavit-libert e sullinsistente alternarsi delle coppie opposi
tive seruitium -libertas, seruus-liber. Paolino, indicato ripetutamente
con lappellativo u ir D om ini o D ei (linn. 4, 9, 12, 30, 66, 70, 74) - il
pi frequente di quelli con i quali Gregorio allude ai suoi santi tau
maturghi - , qui definito D ei fam ulus (espressione consueta, anche
in Gregorio, riferita ai preti e ai monaci), cio appartenente al servizio
di Dio, alla sua fam ilia, con un rapporto di devozione ben diverso
dalla schiavit corporale che lo lega al suo padrone temporale (lin.
31 temporalis dominus). Paolino, facendosi schiavo e guadagnando la
libert per molti ha imitato Cristo, che ha assunto la forma dello
schiavo perch gli uomini non fossero schiavi del peccato.
89. fie r e ... dicere: Gregorio riferisce a s stesso unespressione
identica, ad apertura di Hom. Eu. 33, 1, commentando lepisodio di
Eu. Lue. 7, 36-50 sul pentimento e d pianto della peccatrice Maria.
90-1. D e... m orte... scriptum est: esplicito richiamo - lunico a una
fonte scritta nellintera opera (cfr. de Vogii, SCh 2 5 1, p. 1 n ) - al de
obitu Paulini di Uranio. Gregorio ne ricava nelle grandi linee il raccon
to della morte del santo, semplificando al massimo i particolari - il do
lore che lo coglie al fianco, il terremoto che scuote la camera nella quale
egli giaceva ammalato, il terrore dei presenti - che lo scritto di Uranio,
mediocre componimento agiografico, fitto di luoghi comuni e di elogi
di routine, amplifica con ulteriori dettagli ed enfatici apprezzamenti.
98-9. uirtus... intim a: la carit di Paolino, pur risolcasi nella mira
colosa liberazione del santo e degli altri prigionieri, non un evento
manifestamente e clamorosamente prodigioso, ma il frutto di una ca
pacit tutta interiore. Quasi scusandosene e come se si fosse trattato
di una parentesi, Gregorio si dispone a ritornare prontamente ai mi

COMMENTO IH, 1-2

369

racoli visibili, esteriori (ved. de Vogu, SCh 2 5 1, pp. 88-9; Boesch


Gajano 1980, p. 637 nt. 98).
100-1. religiosorum ... didici: espressione quasi identica a quella
che conclude il prologo del primo libro (cfr. I Prol. io. Sul significato
di religiostts ved. la nota a l i , 34-5). Sulla puntualit con la quale
Gregorio cita i suoi testimoni e la sua costante preoccupazione di as
sicurare la veridicit dei racconti ved. le note a I Prol. 58 e 80-4 e In
troduzione, pp. XLV-XLVII.

I l papa G io van n i
2. lohannis: Giovanni I (523-526) il primo di quei papi, tutti di <
breve pontificato, che furono coinvolti nello scontro fra il regno
ostrogoto e limpero bizantino, dagli ultimi anni del regno di Teoderico a Totila e al suo successore, Teia. Gregorio ne celebrer un altro,
Agapito, nel capitolo successivo. Giovanni fu mandato a Costantino
poli da Teoderico per convincere il sovrano bizantino, Giustino, a re
vocare il decreto emanato alla fine del 524, che applicava agli ariani le
misure contro gli eretici, imponeva la chiusura delle loro chiese e li
espelleva da ogni carica civile e militare. Ottenne un risultato solo
parzialmente positivo, poich gli ariani, convertitisi in gran parte al
cattolicesimo, furono riammessi nellamministrazione imperiale, ma
non ottennero la restituzione delle chiese. Teoderico addebit lin
successo al papa e, quando questi rientr in Italia, lo tenne prigionie
ro a Ravenna, dove mor poco dopo. Gregorio non accenna qui alla
fine di Giovanni e si limita a raccontarne i due prodigi (di basso pro
filo il primo, narrato quasi en passoni il secondo) che lo videro prota
gonista, senza riverberare sul personaggio quellaura di martirio di
cui il trattamento subito lo circonfuse agli occhi dei cattolici romani.
L o far invece, come abbiamo ricordato sopra (ved. la nota a r, 6 1),
quando racconter di Teoderico, precipitato nel cratere del vulcano
per giudizio delle sue vittime, papa Giovanni e il patrizio Simmaco
(IV 3 1,4 ).
3. lustinum seniorem : Giustino I (518-527), detto il Vecchio per
distinguerlo da Giustino II (565-578).
4. Corinthi: Corinto, citt e porto del Peloponneso nord-orientale,
dove il papa sbarca provenendo da Ravenna e da dove muover, via
terra, verso la capitale bizantina.
6.
uir nobils: come sempre, ha significato sociale, non morale
(ved. la nota a II 23, 12-3).
14-5. post sessionem ... recusauit: lanimale si sottrae al servizio

37

COMMENTO HI,

1 -4

della padrona, come i cavalli della soldataglia gota del Comes Darida
nellepisodio di Libertino: qui per rispettare il privilegio stabilito dalla sessio delluomo santo, l per riscattare le offese arrecategli (ved. I

')
'

2, 2-3 con la nota a io - i ). Ved. anche I io, 9, a proposito del cavallo


reso mansueto dal vescovo Fortunato.
23-4. portam ... auream: nella parte sud-occidentale di Costantino

poli.
25-6. roganti... fugauit: un grande miracolo, di stampo evangelico
(cfr. Eu. Marc. 8, 22-6. Per un caso precedente ved. I io, 8 con la no
ta a 88-92), al quale viene dato minimo risalto. Evidentemente, G re
gorio maggiormente interessato al bizzarro e folldoristico prodigio
del cavallo.

3
II papa Agapito
3.
Agapitus: fu papa per meno di un anno, dal maggio 533 allapri- <
le 536. F u inviato dal re ostrogoto Teodato (534-536) a Costantino
poli per intervenire sullimperatore Giustiniano (527-565). La causa
dei Goti (linn. 2-3) che il papa doveva perorare non era pi, come
nel caso della precedente ambasceria di Giovanni I, la tutela del culto
-w
ariano in Oriente, ma la sussistenza stessa del regno ostrogoto, al qua
le limperatore si apprestava a muovere guerra. Giunto nella capitale
bizantina all'inizio di marzo, Agapito mor il mese successivo, in se
guito a una rapida malattia, dopo avere ottenuto dallimperatore
grandi riconoscimenti in questioni di politica religiosa, ma nulla ri
guardo al regno goto.
7.
clodus: classicamente claudus. Non significa semplicemente
claudicante o zoppo, ma gravemente sciancato e incapace di reggersi
in piedi. Il doppio miracolo, dal quale la santit taumaturgica del pro
tagonista emerge con ben altro rilievo rispetto alla guarigione del cie
co narrata nel capitolo precedente, richiama la guarigione dello stor
pio compiuta da Pietro (A ct. A p. 3, 1-10) e quella del sordomuto
operata da Ges (Eu. Marc. 7, 32-5).

4
Dazio, vescovo d i M ilano
2.
Eiusdem ... tempore-, let di Giustiniano, come nel capitolo pre
cedente.
Datius: vescovo di Milano dal 5 3 5 ,0 forse prima, fino al <
552, personaggio di spicco nella travagliata storia ecclesiastica del

'

COMMENTO III, 4

371

suo tempo: sia nelle drammatiche vicende della diocesi milanese, ri


petutamente assediata e devastata da Vitige, sia nello scontro che op
pose il papa Vigilio e limperatore Giustiniano sulla questione dei Tre
Capitoli. Cfr. P C B E II, Datius, pp. 532-4. Fu pi volte vittima, a fian
co di Vigilio, di soprusi e violenze e pi volte troviamo il suo nome
fra i sottoscrittori di primo rango dei documenti pontifici. G li avve
nimenti lo tennero lontano dalla cattedra milanese per quasi tutti gli
anni dellepiscopato, da quando, nellinverno 537-538, poco dopo
lelezione, si rec a Roma per chiedere aiuti al generale bizantino Be
lisario contro i Goti, fino alla morte, non oltre linverno del 552. A
Costantinopoli egli si trovava nellinverno 543-544, quando Giusti
niano eman leditto contro i Tre Capitoli; vi ritorn, dopo essere
rientrato in Occidente ed essersi incontrato con Vigilio in Sicilia, non
sappiamo se per accompagnare il papa, al quale sicuramente rest a
lungo accanto. A questo viaggio, per il quale la motivazione religiosa,
la causa fid e i di cui fa cenno Gregorio, appare pi immediata, pu ri
ferirsi lepisodio di Corinto. Ma si anche supposto, considerate le
linn. 32-3 (de Vogii, SCh 260, p. 271), che Gregorio pensi ad anni
precedenti, prima di Totila ( 541 - 5 5 2), il cui regno egli fa rientrare nei
dies nostri e nel quale colloca non pochi dei suoi racconti, a comincia
re dal capitolo che segue.
4.
Corim bi: come Giovanni (2, lin. 4 in C orim bi partibus) e forse <
Agapito (3, lin. 6 in Graeciarum ... partibus), anche Dazio, in viaggio
per Costantinopoli, fa tappa a Corinto. L episodio che al centro del
capitolo si svolge in questa citt, teatro frequente dellaneddotica e
della narrativa antica e dove ha luogo anche uno dei due racconti
segnalati fra le possibili fonti di Gregorio (cfr. Petersen 1984, pp.
175-7; de Vogii, SCb 260, p. 443): una lettera di Plinio il Giovane e
un dialogo di Luciano. Plinio racconta che il filosofo pitagorico Atenodoro, pur messo sullavviso, anzi tanto pi motivatamente, immo
tanto tnagis, prese alloggio ad Atene in una casa grande e capace,
spatiosa et capax domus, ma evitata da tutti perch abitata da un fan
tasma, che nelle tenebre compariva sotto le spoglie di un vecchio ma
cilento con catene paurosamente risuonanti nel silenzio notturno.
Sul far della notte, il fantasma comparve al filosofo, intento a scrive
re nellingresso, e cominci a fargli cenno di seguirlo. Atenodoro,
dopo avergli fatto segno con la mano di aspettare e avere continuato
a scrivere per un poco, lo segu nel cortile. Qui il fantasma scompar
ve. Il giorno successivo, avuto lassenso del magistrato, si scav nel
cortile e furono trovate delle ossa e delle catene. Raccolti e seppelliti
i miseri resti, la casa non fu pi frequentata dagli spiriti (Ep. V II 27,
5 -11). Non dissimile la trama dellepisodio raccontato da Luciano,
pi lungo ed elaborato, e inserito in una serie di storie intese a mo-

372

COMMENTO III, 4

strare quanto sia grande la creduloneria popolare. A narrare la vicen


da il protagonista stesso, il filosofo pitagorico Arignoto, che a Co
rinto si installa nella casa infestata in compagnia di un gran numero
di libri egiziani. Quando il fantasma lo assale assumendo forme di
verse di animali, un cane, un toro, un leone, Arignoto lo incalza con
terribili imprecazioni in egiziano, lo spinge in un angolo oscuro e ve
lo lascia. L indomani si scava nel posto e si trovano delle ossa inse
polte, che vengono esumate c sepolte secondo il rito. Da allora la ca
sa diventa abitabile e non vi appare pi nessun fantasma (Phtlopseudes 30-1). I due racconti sono espressione dellidea di morte propria
dellantichit mediterranea e, in particolare, della convinzione, am
piamente testimoniata nella letteratura greco-latina a partire daUI/wde omerica, che lo spirito dellinsepolto non trovi pace e si aggiri co
me uno spettro fino a quando non abbia ottenuto sepoltura. In
questo filone culturale si innesta la rappresentazione del filosofo, che
senza cedere, come tutti, al terrore si oppone con coraggio razionale
al fantasma e lo mette in fuga. Plinio affronta il tema con seriet, il
dialogo di Luciano, invece, improntato come molti altri suoi scritti
a un irridente scetticismo. Gregorio ha cristianizzato la vicenda. Non
pi lo spirito del morto insepolto ad avere reso inabitabile la casa,
ma il diavolo, e non pi il filosofo a mettere in fuga il tenebroso as
salitore, ma il santo. Il suo racconto pi vicino per alcuni particola
ri alla versione di Plinio (la casa spaziosa, linn. 4- 5 largam domum; la
risposta del protagonista, linn. 11-2 im m o... debem us), per altri a
quella di Luciano (la scena si svolge a Corinto, il fantasma si manife
sta in forme animali, viene affrontato con violente imprecazioni).
Non dimostrabile n che Gregorio conoscesse i due racconti per
lettura diretta, n quello di Plinio pi di quello di Luciano. Al pari di
questi ultimi, fra i quali non sembra esserci un rapporto diretto, egli
potrebbe avere raccolto una storia diffusa nellarea mediterranea,
forse anche per il tramite dei religiosi u iri citati alla fine del primo ca
pitolo, e averla riclaborata conformandola ai fini che si proposto e
al tema di questo capitolo: il santo e - potremmo dire con il titolo di
un bel romanzo moderno - la casa degli spiriti. anche ravvisabi
le la suggestione della Vita A nton ii di Atanasio, presente in ogni rap
presentazione del diavolo e dellazione demoniaca nei Dialoghi. H
confronto in particolare (come suggerisce de Vogii, SCh 260, p.
271 ) con Vita A nton ii 9, 4-9, dove Antonio, attaccato dai diavoli tra
sformati in animali - il leone, il toro, il lupo, il serpente e altri anco
ra - , apostrofa il demonio con la stessa argomentazione di Dazio
(linn. 21-5): ecco il segno della tua miseria, ecco a che ti sei ridotto, a
prendere la forma di porci, sorci e bestie simili.
9. diabolus: verr continuamente menzionato nelle righe successi-

COMMENTO IH,

4 -$

373

ve, ma con espressioni differenti: malignus spirititi (linn. 12 e 27), antiquus bostis (linn. 14, 16 e 20; questultima la perifrasi che G rego
rio impiega pi spesso; ved. la nota a I io , 33), mendax spiritus atque
infidelis (lin. 31).
15. intempestae noctis silenlio: cfr. II 35, lin. 19 e la nota ad loc.
22-3. Ponam ... altissimo-, il secondo di due versetti di Isaia (14,
13-4I, generalmente citati insieme, che fanno parte della lunga satira
del profeta contro il tiranno babilonese abbattuto e che lesegesi pa
tristica ha attribuito alla caduta di Lucifero, il principe dei demoni.
Allo stesso modo la citazione abbreviata in H ot. H iez. II 6, 20;
Past. I I 6 (SCh 3 8 1, p. 2o6,linn. 58-9); In 1 Reg. I I 12 , 3.
31-2. infidelis abscessit. .. oportct iam : dopo abscessit alcuni mano
scritti, non utilizzati da noi a eccezione della seconda mano del Vat.
Pai. Lat. 261 delledizione m, presentano questa inserzione: Petrus.
Eundetn uirum hoc facere sola fid e credimus an sanctitate posse? Gregorius. Vt ex multis eius aliis aclibus agnosco, sola hunc fid e cantra malignum spiritum preualuisse considero. Riguardo a essa il parere degli
studiosi (Orlandi, de Vog) discorde. Sia per la marginalit con
cui attestata nella tradizione manoscritta, sia per la collocazione in
fine di capitolo, noi riteniamo che debba essere considerata non ge
nuina. Per una documentazione completa sulla questione, ved. L . Ca
staldi, Per un'edizione critica d ei Dialogi d i Gregorio Magno. Ricogni
zioniprelim inari, Filologia mediolatina X 2003, p. 1 sgg.

5
Sabino, vescovo della citt d i Canosa
2-3. religiosi uiri... cogniti: ved. 1, linn. 100-1 e la nota ad loc. La
credibilit degli informatori qui assicurata anche dalla notoriet di
cui essi godono in tutta la loro regione.
4.
de Sabino... episcopo: Gregorio lo ha gi introdotto in un suo rac- <
conto e nella storia tragica di Roma, delle guerre di Totila, delle profe
zie di Benedetto (ved. I I 15 ,3 ). Qui viene rappresentato molto vecchio
e reso completamente cieco dagli anni, per cui lepisodio sembrerebbe
collocarsi molti anni dopo le frequenti visite a Montecassino ( I I 15, lin.
19 uenire consueuerat). Esso, tuttavia, va posto non pi di un anno do
po lincontro con Benedetto descritto nel secondo libro, nella prima
met del 547, quando il re ostrogoto venne neUi p//<J e i Bizantini la
sciarono Canosa, occupata (a quanto attesta Procopio, de bello Gothico I I 18) per qualche tempo. Il racconto di Gregorio - sia relativamen
te alla frequentazione di Benedetto sia allincontro del vescovo con
Totila a Canosa e al tentativo di avvelenamento da lui sventato - viene

374

COMMENTO III, ;

accolto, arricchito di particolari descrittivi e topografici, in una Vita


Sabini scritta agli inizi del IX secolo (Acta Sanctorum, Febr. II, pp. 3249). L anonimo autore dichiara esplicitamente il suo debito nei con
fronti dei D ialoghi, ma mostra di avere attinto anche ad altre fonti;
conserva un materiale agiografico non privo di dati storicamente atten
dibili, che arricchiscono quelli ricavabili dalle lettere pontificie e dagli
atti dei concili e confermano limmagine data da Gregorio. Sabino ap
pare avere avuto un posto di primo piano nella storia della chiesa del
VI secolo, non solo per il lunghissimo episcopato, per i numerosi uffici
svolti, per essere stato a fianco di pi papi, in momenti e in sedi deci
sionali di grande importanza, in Italia e a Costantinopoli, ma anche per
avere interpretato con costanza ed efficacia, e in accordo con altri pre
suli di rilievo come Germano di Capua (anche lui presente nei Dialo
ghi: cfr. II 35, 3-4; IV 8; 42, 3-4), una linea politica e teologica di co
stante e fermo sostegno della chiesa occidentale (cfr. Recchia 1982-83,
pp. 229-37; Otranto 19 9 1, pp. 2 3 1-6 1; A. Campione, Note sulla Vita di
Sabino d i Canosa, Vetera Christianorum X X V 1988, pp. 617-39).
6. rex ... Dotila: su Totila e la sua ferocia, pronta a tramutarsi in at
territo rispetto di fronte ai prodigi delluomo di Dio, ved. la nota a II
14. 2.
7. m inim e credidit: la stessa diffidenza manifestata nei confronti di
Benedetto e delle sue doti divinatorie.
12.
puer. il servo addetto alla mescita (ved. anche linn. 26 e 29). Su
questo vocabolo con significato di schiavo domestico ved. la nota a I
4 ,138 -9 .
2 1-3. archidiaconus... m olitus est: il terzo tentativo di avvelena
mento miracolosamente sventato, dopo quelli messi in opera, da mo
naci e da un prete, contro Benedetto (ved. I I 3 ,4 e 8, 2-6). Il veleno
molto presente nella letteratura agiografica e fornisce spesso materia
per casi mirabolanti, sia che minacci la salute degli uomini di Dio in
sinuandosi nella loro ascesi alimentare, sia che diventi strumento di
morte nelle mani dei loro avversari. Sulpicio Severo racconta che un
anacoreta egiziano rischi di intossicarsi gravemente nutrendosi di
erbe velenose e che fu salvato da uno stambecco selvatico venuto a in
segnargli il modo di distinguere le erbe commestibili (D ialogi 1 16 ,1) .
A proposito di Martino di Tours attesta che, ritiratosi nellisola di
Galinara ed essendo vissuto di radici, fu in pericolo di vita per avere
mangiato dellelleboro, ma seppe riconoscere il male e se ne liber
con la preghiera ( Vita M artini 6,5-6).
33-4. tu episcopus non eris: il prodigio di Sabino duplice: scon
giura il tentato avvelenamento e predice che il suo infedele arcidiaco
no non sar vescovo. L a medesima predizione fatta dal vescovo Bo
nifacio riguardo al nipote, il prete Costanzo (I 9 ,13 ) .

COMMENTO III,

375

Cassio, vescovo d ella citt d i N a rn i


2-3. m ulti... testificantur. non necessario supporre, come stato
fatto, che i molti testimoni presenti a Roma facciano parte di una
delegazione venuta per trattare la successione del vescovo di Narni
Preiecdcio. Ancora una volta Gregorio intende assicurare di avere at
tinto il suo racconto direttamente da testimoni credibili. Ved. sopra,
la nota a 1,1 0 0 - 1 .
4-5. cum ... N am iis uenisset-. durante la guerra gotica Narni fu <
dapprima occupata dai Bizantini, nel 537, venne poi riconquistata da
Totila, infine, nel 552, fu ripresa da Narsete. Antichissima citt um
bra (Nequinum), chiamata Narnia dai Romani e diventata, con la co
struzione della via Flaminia, unimportante stazione, fu cristianizzata
e costituita a vescovato nel corso del IV secolo, quando quasi tutti i
municipio dislocati lungo la grande arteria diventarono sedi episcopa
li e lUmbria fu costellata da un reticolo di piccole diocesi. Ne fu pro
tovescovo, secondo la tradizione, Giovenale, che una leggendaria Vi
ta scritta nellV III-IX secolo vorrebbe giunto a Narni nel 369, in una
regione ancora largamente pagana, e morto nel 376. Gregorio lo defi
nisce martire in una delle O m elie sui Vangeli e nel quarto libro ne
fa, con Eleuterio, uno dei due santi martiri, fulgidi di luce e di can
dide vesti, venuti a portar via lanima del vescovo Probo (IV 13 , 3-4).
5. Cassius: vescovo di Narni dal 536 al 552, con Fortunato di Todi <
(uno dei protagonisti di maggior rilievo del primo libro: ved. I io) e
Fulgenzio di Otricoli (III 12) fu uno dei vescovi del cui operato resta
sicura attestazione nella crisi sofferta dalla chiesa umbra nel V I secolo
a causa della guerra e degli sconvolgimenti politici. Sposato con Fau
sta, alla morte della moglie compose lepitaffio per lei e per s stesso,
sollecitando le preghiere dei fedeli. L iscrizione incisa su una lastra
marmorea riccamente decorata, che si conserva integra nel duomo di
Narni ( C I VI 14, pp. 23-5). In un lungo capitolo di una sua omelia
Gregorio ricorda Cassio per la pietosa solerzia con la quale era solito
celebrare ogni giorno il sacrificio eucaristico e racconta che, proprio
mentre era intento alla sacra cerimonia presso la tomba del martire
Giovenale, un prete, secondo lincarico ricevuto in sogno da unappa
rizione divina, rivel al santo vescovo che sarebbe morto il giorno
della festa degli apostoli (Hom. Eu. 37, 9). Molto in breve, ma con
alcune espressioni identiche, lepisodio viene narrato a IV 58. Cfr.
P C B II, Cassius 3, p. 4 10 sg.
6. ex consparsione: consparsio, che ritorna nel rigo successivo,
termine post-classico, non comune (un hapax semantico secondo

37

COMMENTO III,

6 -7

Bruzzone 19 9 1, p. 245) in questo significato di temperamento, costi


tuzione fisica. Lo ritroviamo impiegato con la medesima accezione a
IV 14, lin. 12 per la vedova Galla.
8.
eum que... despexit: ved. la nota a I 4, 108-9. La notazione ri
petuta alla lin. 17 despectum ... ex facie. Sulla diffidenza di Totila ved.
il capitolo precedente e la nota a II 14, 2.
10 -1. malignus spirititi: ved. la nota a 4 ,9 . Per spatarius ved. la no
ta a I I 14, 8.
14. oralione... expulit: lesorcismo, raccontato con brevit, serve
non tanto a celebrare la virt taumaturgica di Cassio, quanto a moti
vare il mutamento di Totila, passato prontamente dal disprezzo alla
venerazione. Ben altrimenti ricca e articolata la pagina dedicata a
Fortunato, rappresentato non come un semplice esorcista, ma come
un grande taumaturgo, vittorioso nella lotta contro le potenze diabo
liche dopo prove lunghe e difficili (ved. la nota a I io, 3).

7
A n d rea , vescovo d ella citt d i F o n d i
i.fo rtiu m uirorum : i santi di cui ha raccontato gli atti miracolosi,
quelli dei capitoli immediatamente precedenti, e anche quelli dei pri
mi libri, di nessuno dei quali Gregorio ha riferito cadute o cedimenti.
3-4. A ndream ... episcopum: non ne abbiamo altra notizia oltre
questa. Il suo episcopato dovrebbe collocarsi prima del 591-592,
quando divenne vescovo di Fondi Agnello, al quale il pontefice indi
rizza una lettera (Ep. II 45). Cfr. P C B E II, flndreas 15 , p. 132. Su
Fondi ved. la nota a l 1, 24. L episodio di Andrea tra i pi pittore
schi e popolari e, al tempo stesso, fitto di indicazioni morali e di am
maestramenti. Il primo paragrafo ha funzione introduttiva e serve
allautore per presentare ia sua pedagogia, mostrando quanto sia faci
le incappale nel peccato della carne e perci quanto sia necessario
non presumere di s, ma tenere lontana ogni tentazione, cio ogni
presenza femminile, e per assicurare, come sua consuetudine, la ve
rit dellepisodio, testimoniato dalla voce concorde dei fedeli della
diocesi. Dal paragrafo successivo fin quasi alle ultime righe, quando
Gregorio ne riassume il significato religioso, si snoda il racconto, ric
co di colpi di scena e di alcuni fra gli ingredienti propri delle pi fan
tasiose narrazioni agiografche medievali: il corteo dei diavoli, lora in
cui esso si svolge - la notte - e il luogo della scena - un tempio paga
no - , la partecipazione di un ebreo, lefficacia risolutiva del segno
apotropaico della croce, la congiura ordita dai diavoli e il suo svela
mento, la caduta imminente e quasi inevitabile delluomo di religione

COMMENTO III, 7

37 7

e il riscatto finale. Non una storia originale. Per quanto sostenga di


avere udito il racconto da testimoni oculari, Gregorio ha sicuramente
presenti delle fonti letterarie: almeno Cassiano, gli Apophthegmata
Patrum, la Historia ecclesiastica di Rufino. Sul tema della lussuria nei
Dialoghi e sulle idee di Gregorio in materia di morale sessuale ved. la
nota a I 4, 9-10.
n . uenerabilis uir: degno di venerazione non solo per la dignit
vescovile, ma anche per i costumi virtuosi, Andrea non fa qui una
grande figura. Cede con facilit alla tentazione, le sue carezze alla
donna sono abbastanza volgari, si ostina a negare la sua colpa (finn.
64-5 pertinaciter negauit) e confessa solo di fronte allevidenza. Il rac
conto, per, costruito in modo che risaltino la raccomandazione ini
ziale (non abitare con donne) e la lezione conclusiva (la misericordia
divina pronta a soccorrere la nostra debolezza).
13.
sanctimonialem fem inam ; la donna personaggio passivo, non
prende parte al dramma se non come portatrice di tentazione, non
accondiscende alle avances del vescovo, ma neanche si ribella o sot
trae a esse. Non accusata di essere ianua diaboli, ma ugualmente
strumento di peccato. L e locuzioni con cui viene indicata (ved. finn.
35-6, 42-3 sanctimonialis fem ina; 70 D ei fam ulo) non si riferiscono a
qualit morali ma solo alla condizione di monaca.
16-8. E x qua te ... cogitaret: sono le tre operazioni con le quali il
diavolo induce in tentazione la sua vittima dopo avere cercato un var
co (aitus lemptationis) nel suo animo: fissare limmagine della donna
nella sua mente, adescarlo irretendolo nel ricordo incessante della sua
bellezza (species) e infine indurlo a cattivi pensieri, cio a inconfessa
bili (nefanda da ne fari) immagini di lascivia. Punto di partenza del
processo che conduce alla perdizione (finn. 7 ,4 5 ,6 6 m ina; 40 lapsus
perditionis) la forma femminile, concupita form a (ved. lin. 8), im
pressa e continuamente riportata dal demonio agli occhi della mente,
come era stato detto, con espressione quasi identica, a proposito di
Benedetto (ved. l i 2, 1 con la nota a 2, 6-7). Il diavolo, qui e in tutto il
capitolo (ved. finn. 27-8 e 54 malignorum spirituum turba; 37-8 malignus... spiritus; 43-4 malignus spiritus atque hum ani generis antiquus
inimicus; 51 e 67-8 m aligni spiritus), non indicato con il vocabolo
specifico, ma con una perifrasi (ved. la nota a 4, 9).
19. ludaeus quidam : spettatore degli intrighi del diavolo, lebreo
non ne ancora complice, come sar, con la donna, in molta agiogra
fia medievale (cfr. Boesch Gajano 1995, pp. 258-61). L epistolario
gregoriano fornisce numerose informazioni sulla condizione degli
Ebrei alla fine del V I secolo; contro di loro, gi discriminati da una
diffusa ostilit antigiudaica e indicati come una minoranza estranea al
corpo sociale, non si ancora avviato quel processo di demonizzazio

37

COMMENTO

III,

ne che li render sospettabili di ogni nefandezza e li collocher tra i


seguaci pi specializzati di Satana, come eretici, maghi e stregoni,
profanatori del rito eucaristico, colpevoli di stupri e di infanticidi ri
tuali. La lettera ad Agnello, cui abbiamo fatto cenno sopra, una te
stimonianza eloquente di questa situazione e dellatteggiamento del
papa, che ordina al vescovo di rimuovere la sinagoga ebraica se la sua
vicinanza disturba il rito cristiano, ma proibisce che gli Ebrei siano
gravati e afflitti senza ragione (Ep. II 45), La vicenda dellebreo rie
cheggia molto da vicino un brano della seconda delle due Conlationes
- la settima e lottava - nelle quali, per bocca dellabate Sereno, Cassiano compone un trattato di demonologia cristiana; esse, anche do
po Gregorio, forniranno continui spunti agli agiografi latini. Della
settima Gregorio ha tenuto presente, come abbiamo ricordato a pro
posito di Equizio (ved. la nota a I 4, 11) , lepisodio nel quale labate
Sereno durante una visione notturna viene liberato da un angelo degli
stimoli della carne. N ellottava Cassiano, per mostrare che i diavoli
hanno una loro gerarchia e obbediscono a un capo, racconta di un
monaco in viaggio, il quale, ritiratosi sullimbrunire in una grotta per
recitarvi fino a notte le preghiere serali, quando stava per abbando
narsi al meritato riposo, vide il luogo invaso da un lungo corteo di
diavoli. Alcuni di essi precedevano, altri seguivano il loro comandan
te, il quale, quando il corteo si ferm, prese posto come giudice su un
seggio altissimo. Ciascun diavolo riferiva a lui del proprio operato,
delle insidie messe in opera per indurre al peccato i buoni cristiani, ri
cevendone gli uni, i neghittosi e incapaci, improperi e castighi, gli al
tri, i solerti e capaci, consensi ed elogi. Il plauso maggiore fu riservato
fra tutti al diavolo che, dopo averlo tentato per quindici anni, proprio
quella notte era riuscito a indurre al peccato di fornicazione un mo
naco notissimo per i suoi santi costumi. Scioltosi il corteo e dileguati
si i diavoli, appena si fece luce il monaco che aveva assistito a quel
processo demoniaco corse al convento del venerando confratello e vi
apprese che quello la notte precedente se nc era allontanato e aveva
preso la fuga con una ragazza (Conlationes 8 ,16 ). In altri particolari il
racconto di Gregorio richiama la storia, narrata da Rufino, di Grego
rio Taumaturgo, il quale, rifugiatosi durante un viaggio in un tempio
di Apollo, interruppe gli oracoli che un demone vi rilasciava; di con
seguenza il prete pagano del tempio, preso atto del potere vittorioso
del cristiano sui demoni, si convert alla vera fede (Rufino, Historia
ecclesiastica V II 28, 2, G C S IX 2, p. 954 sg.). Minori ma non insignifi
canti coincidenze sono rilevabili con due apoftegmi ( Vitae patrum V
5, 24 e 39, P L L X X III, coll. 885-6. Ved. de Vogii, SCh 2 5 1, p. 129;
260, pp. 444-5).
22. A pollonis templum : non un semplice tempio pagano, ma un <

COMMENTO ni,

7 -8

179

tempio di Apollo, dio profetico nella tradizione classica, guida e


istruttore di demoni e demonio egli stesso nell'antico concetto cristia
no (p. es. in Lattanzio, che nelle D iuinae institutiones, ripetutamen
te classifica Apollo fra i demoni e lo definisce nume capace pi di
tutti di divinazioni e profezie, praeter ceteros diuinus m aximeque falidicus). Un tempio di Apollo il uetustissimum fanum trovato da B e
nedetto sulla rocca di Cassino, distrutto dal santo e sostituito con una
chiesa dedicata a san Martino (II 8, 10-1). Anche qui, come nellepi
sodio benedettino (e nelle numerose lettere nelle quali il papa solleci
ta vescovi ed ecclesiastici a sradicare con ogni mezzo i persistenti cul
ti idolatrici), si pu notare come Gregorio sentisse il paganesimo
come una realt ancora diffusamente presente (ved. al riguardo la no
ta a II 8, 100-1).
25. tigno... crucis: il segno della croce il pi efficace strumento
apotropaico, sia contro difficolt, malattie, calamit, sia contro il pe
ricolo pi grande, lassalto del demonio. G li eroi di Gregorio vi fanno
spesso ricorso, da Onorato, che arresta il masso che sta per franare
sul suo convento tracciando il segno con la destra (I 1, 4), al prete
Amanzio, che provoca la morte dei serpenti tracciandolo con un dito
(III 3 5,2). L ebreo, spinto dalla paura, ne cerca la protezione e la po
tenza del segno tale che, pur essendo stato tracciato da un miscre
dente, mette in fuga i demoni, vanifica la loro congiura e determina
lesito positivo della vicenda.
43. alapam: su questo termine della lingua popolare e non classica,
ved. la nota a II 30, 12.
6 1. Quare negas: un battibecco simile a questo, fra il colpevole e il
suo inquisitore, in un episodio riguardante Benedetto ( I I 12, 2), ma
con ruoli invertiti: qui il colpevole che viene inquisito luomo di Dio.
73. tem ptalione... caruit: come Equizio, che dopo lintervento an
gelico fu al riparo da ogni tentazione come se fosse diventato privo di
sesso ( 4 ,1 ), e come Benedetto, che vinse la lussuria gettandosi fra le
spine eie ortiche e da allora non fu pi tentato dalla carne ( I I 2, 1 3).

8
Costanzo, vescovo della citt di Aquino
2. Constantius: sul personaggio ved. II 16, 1 (con le note a 16, 2 e
3-4), dove Costanzo manda da Benedetto un chierico tormentato dal
demonio. Da questo episodio sembrerebbe dedursi che egli fosse gi
vescovo al tempo di Totila e della sua visita a Montecassino, intorno
al 446, ma il riferimento cronologico (II 16, lin. 2 Eodem quoque tem
pore) troppo vago, secondo luso che Gregorio fa di questa e simili

380

COMMENTO n i,

8 -9

locuzioni (veci, infra lavverbio nuperI, perch sia lecito ricavarne un


elemento sicuro di datazione.
3-4. nuper... defunctus est: la morte di Costanzo avviene durante il
pontificato di Giovanni III (561-574). Nuper qui non indica un avve
nimento molto recente, ma risalente quanto meno a ventanni prima
(ved. la nota a I I 17, 15-6).
15-7. A ndreas... Iobinus: non sono noti da altre fonti. Cfr. PC BE
, Andreas 13, p. 1 3 1 ; louinus 5, p. 115 4 .
18-20. cunctibabitatores... uastatisunt: i barbari sono i Longobar
di, dai quali Aquino venne occupata e saccheggiata. La distruzione
della citt suole essere posta intorno al 577, ma studi recenti hanno
proposto di collocarla pi tardi, intorno al 587-589, contemporanea
mente a quella di Montecassino (su questultima ved. la nota a II 17,
15-6). Anche per la pestilenza si pensato a una data piuttosto tarda,
vicina a quella della terribile epidemia che nel 589-590 decim la po
polazione di Roma e di cui fu vittima il predecessore di Gregorio. Lo
spopolamento causato dai due tragici eventi - la furia longobarda e la
peste - segn la fine del vescovado, ma lascesa alla cattedra episco
pale di personaggi come Andrea e soprattutto Giovino, che proveni
va probabilmente dal laicato, senza essere passato per precedenti ca
riche ecclesiastiche, potrebbe essere indizio di una crisi demografica
in atto e del conseguente assottigliamento dei ranghi clericali (cfr. F.
Carcione,
vescovo Costanzo, santo patrono di Aquino: problema
prosopografico e contesto epocale tra riconquista bizantina dellItalia
e discesa longobarda, in F. Carcione [a cura di], Costanzo d i Aquino,
Venafro 2000, pp. 21-6 2, in particolare p. 56 sgg.).

11

11

9
Frediano, vescovo della citt di Lucca
2-3. Venantio, Lunensi episcopo: cfr. PC BE II, Venantius 8, pp.
2258-60. Venanzio fu vescovo di Luna (Luni, al confine fra Liguria ed
Etruria, oggi porto di La Spezia) negli ultimi anni del V I secolo e fino
ai primi del successivo. Dailepistolario di Gregorio apprendiamo che
fu in costante relazione con il papa e ne ricevette molti incarichi. La
prima lettera, diretta a Venanzio e contenente disposizioni sui cristia
ni schiavi di padroni giudei, del maggio 594 (Ep. IV 24); nello stesso
mese egli venne a Roma, da dove ripart latore di una lettera del papa
al vescovo di Milano, Costanzo (Ep. IV 22). Probabilmente in que
sta occasione - ed unipotesi compatibile con la data di composizio
ne dei D ialoghi - che egli informa Gregorio dei fatti raccontati in
questo capitolo, nei due che seguono e ancora a IV 55. L ultima lette

COMMENTO III,

9 -1 0

381

ra che lo riguarda del maggio 603 (Ep. X III 3 1), inviata al vescovo
di Milano, Deusdedit, al quale il papa comunica di avere dato incari
co a Venanzio di fare da giudice nella vertenza fra il vescovo milanese
e il suo coadiutore, Teodoro.
5.
Frigdianum: non ne abbiamo notizie certe. Una Vita del secolo
V m (BH L n. 3174) lo dice irlandese di nascita e vescovo. Cfr. PC BE
II, Frigdianus, p. 875.
7.
Ausarti: o A user (A usur in Rutilio Namaziano). il nome lati
no, originariamente etrusco, del Serchio. Il fiume, che oggi sfocia nel
Tirreno, a nord-ovest di Pisa, all'epoca era affluente dellAmo.

io

Sabino, vescovo della citt di Piacenza


4-7. lohann is... adtestatur. il potere delluomo santo sulle forze
della natura tra i pi mirabili e gli interventi che costringono e mo
dificano tali forze sono tra i prodigi pi clamorosi. Come del primo,
rimasto nel ricordo di tutti i Lucchesi, anche di questo secondo mira
colo riguardante un fiume Gregorio garantisce la piena verit chia
mandone a testimone un piacentino di sicura autorevolezza, il viceprefetto al pretorio di Roma, Giovanni. Questi ricordato, con la
stessa qualifica, come testimone altamente stimabile di unaltra vicen
da prodigiosa, a IV 54. Cfr. P C B E II, Iohannes 8 5, p. 1 1 1 1 .
8.
Sabinum: se si tiene conto del proposito espresso da Gregorio
(ved. 4, 4) di tornare al presente e non occuparsi pi di vicende del
passato, questo Sabino, vescovo di Piacenza, non pu essere identifi
cato, come si supposto (cfr. Moricca 1924, p. 154 sg.), con il Sabino
di due secoli prima, suddiacono della chiesa milanese, poi vescovo di
Piacenza, presente con santAmbrogio al concilio di Aquileia nel 381
e pi volte intervenuto contro le proposizioni ariane, verosimilmente
lo stesso che firm, con i vescovi dcllTtalia settentrionale, la lettera si
nodale inviata nel 392-393 da Ambrogio e dal concilio di Milano al
papa Silicio per sconfessare Gioviniano e i suoi discepoli e conferma
re la condanna pontifcia nei loro confronti (cfr. P C B E II, Sabinus 2,
pp. 1969-73). pi probabile che si tratti di un omonimo vescovo, al
trimenti sconosciuto.
16. notorio: sul vocabolo cfr. la nota a I 8 ,5.
16-9. Sabinus... praesumas: lellissi del verbo, dot o m iliti, e il ter
mine commonitorium conferiscono alla frase iniziale un tono di solen
ne ingiunzione giuridica. Commonitorium listruzione data per
iscritto, p. es. dallimperatore a un magistrato. E anche il titolo di ri
solute difese dottrinali di autori come Mario Mercatore o Vincenzo di

3 82

COMMENTO ni, IO -Il

Lerino. Il resto del messaggio , pi del precedente (linn. 13-4), im


perioso e irrevocabile. Il motivo del santo che si impone sugli elemen
ti naturali o sugli animali feroci in nome di Dio molto frequente nel
la letteratura agiografica. Per pi aspetti possibile il confronto con
una pagina della Vita sancti Settenni di Eugippio. Come qui, lordine
viene dato a un fiume in piena nel nome di Ges Cristo e riguarda la
propriet ecclesiastica (la chiesa stessa; qui le terre della chiesa). Poco
avanti, Severino trae occasione da un altro miracolo per esortare, co
me far anche Gregorio (linn. 23-7), i disobbedienti allobbedienza
(cfr. Vita sancti Seuerini 15 e 12). Severino per rivolge oralmente il
suo comando al fiume, non per iscritto. Di una epistola scritta al de
monio, seguendo lesempio del grande Gregorio Taumaturgo, da un
santo abate del Giura, Eugendo, per ingiungere al maligno di lasciare
libera una fanciulla, racconta diffusamente una delle Vitae Patrum
lurensium , raccolta di tre vite composta intorno al 520. Per lepisodio
del Taumaturgo, riferito da Rufino, ved. la nota a 7 ,19 .

11

Cerbonio, vescovo della citt di Populonia


2-3. Cerbonius, Populonii episcopus: vescovo di Populonium 0 Populonia, citt di antica origine etrusca, ora frazione del comune di
Piombino, non noto da altra fonte. D a Gregorio dipende una Vita
d eirV III secolo (BH L nn. 1728-9), che gli attribuisce origine africana.
Cfr. P C B E II, Cerbonius, p. 427.
3.
diebus nostris: secondo quanto affermato alla fine del quarto ca
pitolo. Di fatto il primo dei due episodi.qui raccontati va posto, come
molti altri, verso la fine della dominazione gotica, durante lassedio di
Roma, nel 546. Il secondo episodio - la fuga del vescovo all'isola
d Elba - posteriore di almeno un quarto di secolo e si ricollega
allinvasione longobarda della Tuscia, avvenuta fra il 571 e il 574.
Questo capitolo si lega ai due precedenti per via deUinformatore (il
vescovo di Luni, Venanzio, al quale Gregorio deve la conoscenza dei
miracoli che vi racconta) e delle caratteristiche che accomunano i
prodigi che vi si verificano, ma si lega anche ai due successivi, con i
quali forma come una rapida trilogia sul tema: Il barbaro feroce e il
santo vescovo. Il barbaro Totila, deuteragonista, accanto alluomo
di Dio, di alcuni racconti del secondo e del terzo libro, nei quali la
sua ferocia, pi volte annunciata, non ha ancora dato prova di s
(ved. le note a 5, 6 e a I I 14, 2). In questi capitoli, invece, egli condan
na le sue vittime a crudeli supplizi, destina la prima agli orsi (lin. 11) ,
ordina di trattare nel modo pi brutale la seconda (12 , linn. 11-2 sub

COMMENTO III, / /

}8 3

om ni asperitate), fa scuoiare e decapitare la terza (13, linn. 13-5). La


sua furia un fuoco (su succensus ved. le note a I 2, 47 e II 8 ,10 8 ), la
sua crudelt mostruosa (inmanissima) quanto la belva (inmanissimus ursus) che deve saziare sia la propria natura ferina sia lanimo del
re (linn. 15-6). Totila, definito rex perfidus (linn. 7 e 12) e rex saeuus
(lin. 16), detto semplicemente rex quando il prodigio lo ha piegato
alla reverenza (lin. 23).
17-20. Q uiaccensus... coepit: dai racconti sui cristiani condannati
ad bestias negli anfiteatri imperiali al francescano lupo di Gubbio il
tema della belva che risparmia il santo e si accuccia ammansita ai suoi
piedi tra i pi comuni nella tradizione martirologica e agiografica.
Troveremo poco oltre (cap. 15) un altro orso mansueto e obbediente
al santo. Non sono ugualmente reverenti gli orsi dai quali leremita
Mena difende i suoi alveari (26, 3), ma anche loro avvertono la sua
aura santa e cedono al suo potere soprannaturale, visto che si lasciano
mettere in fuga dai deboli colpi di bastone di un vegliardo.
31-2. V enantio... narrante', ved. la nota a 9, 2-3.
per illu d ... usque Populonium : il vescovo cerca rifugio prov
visorio nellisola, ma destina le sue spoglie alla citt, luogo della stabi
lit e di diritti religiosi che la violenza dei barbari non potr cancella
re. Gregorio si prende cura di restaurarli, almeno in parte, quando
nel 591 incarica il vescovo di Roselle (lat. Rusellae, antica citt etrusca
a nord-est di Grosseto) di recarsi come visitatore a Populonia, or
dinarvi nuovi presbiteri e provvedere alle esigenze religiose della
diocesi, rimasta senza vescovo dopo lirruzione longobarda (E p. I 15,
del gennaio
Sul significato simbolico del contesto spaziale - la
citt, lisola, il mare - in cui si svolge lepisodio cfr. Introduzione,
p.
e Boesch Gajano
p.
sg.
49-50. procellosa... gutta non cecidit: ancora un miracolo della na
tura, come nei due capitoli precedenti, che si ripeter - come far no
tare lautore - nel capitolo successivo, nel quale la pioggia torrenziale
risparmier langusto cerchio dove tenuto prigioniero il vescovo di
Otricoli, Fulgenzio (12 , 3), come qui ha risparmiato la barca di Cerbonio.
55. dux crudelissimus Gum aris: apertosi con un re di mostruosa
crudelt, il goto Totila, il capitolo si chiude con un capo crudelissimo,
il longobardo Gumaris (altrimenti sconosciuto). Dei Longobardi G re
gorio ha gi fatto cenno: li ha rappresentati furiosi, saeuientes, sulla
tomba di Equizio ( 4, 21 ) e distruttori del monastero di Benedetto (II
17, 2). Nel terzo libro essi compaiono pi frequentemente, e sempre
tacciati di crudelitas e di efferata ferocia (ved. Introduzione, p. XL).

47-8.

591).

xxxvm

1988, 212

3 84

COMMENTO III, l
12

Fulgenzio, vescovo della citt di Otricoli


3. in alterius episcopi ueneratione: testimonianza nelluno e nellal
tro caso, di Cerbonio come di Fulgenzio, della santit veneranda del
vescovo, il miracolo della pioggia divisa ha anche aspetti differenti.
Se leffetto fenomenico identico (ed espresso quasi con le medesime
parole: ved. 1 1 , Un. 50 una pluuiae gatta non cecidit; 12, linn. 22-3 ne
una quidem pluuiae gatta descendit), diverso lo scenario e altre sono
le funzioni. Nel primo caso ( n , linn. 45-50) una tempesta, preparata
dalladdensarsi delle nubi, sconvolge il mare e scatena una pioggia
smisurata, inmensa nim is pluvia, per la quantit di acqua che rove
scia, per larea che copre (il mare fra lElba e Populonia), per la dura
ta (il tempo necessario al lungo percorso: dodici miglia, sottolinea
lautore). Qui tutto si svolge rapidamente, il temporale si scatena
allimprovviso (lin. 18 repente) e interessa la ristretta zona nella quale
stanno il vescovo, costretto in un angusto cerchio tracciato sul suolo,
e i suoi carcerieri. Ben pi consistenti sono le conseguenze della piog
gia miracolosa, che risparmia subito a Fulgenzio il tormento del sole
cocente, lo salva da una morte sicuramente crudele, trasforma leffe
rata ostilit del re in reverenza e, infine, mostra ai superbi quanto
grande sia la potenza divina e capace di piegare il loro collo.
4. quidam clericus senex: il testimone resta anonimo, ma let e la
condizione ecclesiastica ne assicurano la saggezza e lautorevolezza:
ved. Introduzione, pp. XLV-XLVII.
5. Fulgentius: secondo il racconto di Gregorio, era vescovo di
Otricoli quando Totila arriv nella Tuscia (ved. la nota a 6,4-5), non
sappiamo fino a quando dur il suo episcopato. Il primo vescovo a
noi noto della diocesi otricolana, dopo Fulgenzio, un Dominicus,
firmatario con altri vescovi e preti italiani del decreto con il quale
Gregorio promulg il concilio tenuto a Roma il 5 luglio 595. Di Ful
genzio d notizia anche uniscrizione dedicatoria che il vescovo fece
scolpire sullaltare eretto sulla tomba del martire Vittore, da lui rinve
nuta. Il nome di Fulgenzio figura anche in uniscrizione, incisa su una
sola riga insieme ad altri nomi, su un architrave marmoreo. I due re
perti provengono dalla chiesa di san Vittore, diventata in seguito ab
bazia benedettina (IC I V I 1 e 2, pp. 6-7). Cfr. P C B E II, Fulgentius 3,
p. 878. Otricoli, antica citt sabina (lat. Ocriculum) nella Val Tiberi
na, a sud-ovest di Terni, oggi un piccolo centro, non pi in pianura,
vicino alla via Flaminia, ma in collina, trasferito forse in seguito allin
vasione longobarda o a condizioni di insalubrit create da alluvioni
del Tevere.

COMMENTO III,

12-13

3*5

9.
exenia: forma collaterale e meno comune di xenia.'Xenium (dal
greco jviov) era il dono fatto a un ospite o a un convitato. Xenia il
titolo del tredicesimo libro degli epigrammi di Marziale, costituito
dai bigliettini che accompagnavano scherzosamente i doni. Nel tenta
tivo di placare con donativi lostilit di Totila si pu intravedere il
ruolo di defensor ciuitatis, che spesso vescovi e papi assumevano di
fronte ai capi barbari (cff. Cremascoli 20Oib, p. 263).

13

Ercolano, vescovo della citt di Perugia


2. Floridus-, linformatore, autorevolissimo, di Gregorio qui un
vescovo, Florido, che si dice cresciuto dal protagonista, Ercolano. Il
seggio episcopale di Florido, Tifernum Tiberinum (oggi Citt di C a
stello), qui taciuto, menzionato nel cap. 35, dove egli riferisce al pa
pa di alai miracoli, compiuti dal prete Amanzio. Una Vita F loridi
(BH L n. 3062) fu scritta nel secolo X I dal diacono di Arezzo Arnolfo,
sulla base di una biografia precedente, composta in ambiente grego
riano. Cfr. P C B E II, Floridus, pp. 847-9.
45. H erculanus... episcopus: cfr. P C B E II, Herculanus, p. 978.
Dellantica diocesi perugina si sa molto poco. Si conoscono un vesco
vo Maximianus o M axim ilianus, presente a un concilio convocato da
papa Simmaco a Roma nel 499 e firmatario di vari documenti sinoda
li (PCBE II, M axim ilianus 2, pp. 458-60), e un Iohannes che nel 556
consacra il diacono Pelagio vescovo di Roma (PC BE II, Iohannes 423,
p. 1094:. Fra questi due si pone lepiscopato di Ercolano. Nutritor
colui che alleva e nutre, non solo materialmente, ma anche, in senso
traslato, educando alla vita o alla cultura. Secondo la Vita F loridi E r
colano accolse il futuro vescovo della diocesi tifernate quando questi,
gi diacono, lasci la sua citt minacciata da Totila e si rifugi a Peru
gia. Egli avrebbe cos nutrito Florido n e lla fede e nella dottrina.
Gregorio impiega il vocabolo in una lettera a Teoctista, sorella del
limperatore Maurizio, e Andrea, un inlustris legato alla famiglia im
periale, dove esorta i due, incaricati delleducazione dei figli del
sovrano, a essere per i loro imperiali discepoli nutritores di alti senti
menti e costumi cristiani (E p. V II 23, del giugno 597).
56. ex conuersatione... deductus: sui monaci assurti alla dignit
episcopale cfr. la nota a I 5, 3. Su conuersatio ved. la nota a I 1, 5.
68. T otilae... obsedit: Perugia fu assediata dai Goti per tre anni,
dalla seconda met del 545 al dicembre del 548, non per sette, come
scrive Gregorio (forse per influenza di una sua fonte: ved. sotto, la
nota a 28-9). Sette furono gli anni trascorsi dalla conquista della citt

386

COMMENTO III,

13

alla morte di Totila, nel 552. L episodio di Ercolano, suppliziato do


po la caduta della citt, si colloca alla fine del 548 o allinizio del 549.
13-6. Episcopo... extingue: col supplizio di Ercolano e luccisione
in massa dei cittadini di Perugia Gregorio rappresenta Totila al pa
rossismo della crudelt e della ferocia sanguinaria, sebbene, raccon
tando il suo incontro con Benedetto, avesse concluso che il re, scon
volto dalla profezia del santo, da quel giorno fu meno crudele (Il
15 ,2 ). Meno crudele del suo re il comandante goto che fa uccidere
il vescovo e solo dopo gli fa tagliare una striscia di pelle sul dorso
(linn. 18-9 cutem iam m orlui... inciditi.
25. urbis illiu s: ved. sopra (lin. 4) Perusinae ciuitatis. Per la con
correnza urbs-ciuitas ved. la nota a 1 4 ,20.
289. u bi sepultum ... quaesierunt: linizio consueto di ogni rac
conto di inuentio sanctorum corporum. Una vicenda molto simile a
questa di Ercolano nei Gesta A bundii (B H L n. 1620). I due racconti
coincidono anche in alcuni particolari: nella durata dellassedio della
citt (sette anni in entrambi), nella definizione di Totila (perfidus rex),
nel tipo di supplizio, nel seppellimento di un bambino assieme al
vescovo; ma differiscono in altri. Nei Gesta A bu ndii i due corpi, dis
seppelliti dopo un anno, non dopo quaranta giorni, vengono trovati
entrambi miracolosamente intatti e il bambino resuscita il giorno suc
cessivo. Gregorio e i Gesta sono perci da ritenere fra di loro indipendenti e debitori di una fonte comune, della quale i D ialoghi pre
senterebbero uno stadio pi antico e semplice, mentre i Gesta ne
deriverebbero una leggenda ulteriormente manipolata e arricchita
(come vuole Moricca 1924, p. 16 1), oppure lautore dei Gesta A bun
d ii avrebbe attinto ai Dialoghi, volgendo in oratio obliqua il racconto
diretto e immediato (in particolare le linn. 13-6, contenenti gli ordini
dati da Totila al comesi di Gregorio, come incline a credere Petersen 1984, pp. 78-9.
2930. u t... humarent: prima di Costantino e del riconoscimento
della chiesa nella societ romana, i vescovi venivano seppelliti come
gli altri abitanti della citt nelle vaste necropoli extraurbane. Poi ven
nero inumati nelle chiese, con riti di cui sappiamo poco ma sicura
mente di crescente pompa, talvolta ad sanctos, cio presso le tombe
dei martiri, o, sempre pi spesso, nel corso del V e del V I secolo, nel
le basiliche apostoliche: erede degli apostoli, il vescovo si ricongiun
geva a essi nella morte (cfr. J.-C h. Picard, L e souvenir des vques. Spultures, listes piscopales et culte des vques en Italie du N ord des
origines au X e sicle, Roma 1988, in particolare pp. 251-88). Nella
tarda antichit i rinvenimenti e le traslazioni di corpi santi da cimiteri
o da santuari suburbani entro la citt furono frequenti. Il grande ve
scovo di Milano, Ambrogio, se ne serv ai fini della sua politica ecde-

COMMENTO HI,

1 3 - 14

587

siastica e della lotta contro gli ariani; ne fece un formidabile strumen


to di propaganda religiosa e di emozione collettiva, solennizzando
con fastose cerimonie i ritrovamenti, mobilitando nel trasferimento
dei loro resti folle immense di fedeli ed esaltandone il significato nei
suoi scritti, nelle lettere, negli inni. Il suo esempio fu seguito per se
coli, soprattutto fra i vescovi dellItalia del nord e della Gallia me
ridionale. Le celebrazioni dei santi, lostensione delle reliquie, le so
lenni processioni e i riti di traslazione consentivano al vescovo di
rinsaldate i rapporti con il popolo della diocesi e accrescevano tanto
pi il suo prestigio quanto pi egli appariva capace di richiedere il
patronato dei santi, di acquisire i loro resti, di custodire le memorie
dei martiri e organizzare il culto delle reliquie. Anche i resti di vesco
vi confessori furono talvolta trasferiti e diventarono oggetto di culto.
Gregorio fu sempre avverso a ogni forma di manipolazione delle
tombe e dei corpi santi (ved. la nota a I 2, 58-62). L e sue lettere fan
no menzione di un caso di traslazione da lui approvato, quello delle
spoglie cii san Donato, che il vescovo di Euria chiedeva di inumare in
una chiesa di Corf. Si trattava per di un caso speciale: gli Euriani
avevano lasciato la loro citt a causa delle invasioni e, volendo evitare
che il santo corpo cadesse nelle mani degli invasori, lo avevano porta
to con s. Il papa riconobbe loro il diritto di inumarlo a Corf e di
riesumarlo quando fossero tornati in patria (E p . V II 7 e 13 , rispetti
vamente del novembre 603 e gennaio 604). Anche qui si tratta di un
caso speciale. Quella di Ercolano, infatti, non una traslazione for
malmente destinata al culto, ma semplicemente lo spostamento (pre
visto anche dalla legge romana) di un cadavere da un sepolcro tem
poraneo a uno definitivo (cfr. Me Culloh 1976, pp. 15 1-3 ). Non
una formale translatio neppure il trasporto del cadavere di Cerbonio
dallisola dElba a Populonia, dove il vescovo si era preparata la tom
ba ( 1 1 , 5-6).

14

II servo di Dio Isacco


2-4. Prioribus... peruenit: Isacco (cfr. P C B E II, Isaac 2, pp. 116 0 1 ) visse a lungo a Spoleto, dagli inizi alla fine della dominazione goti
ca, dunque fra il 493 e il 555. L avverbio quoque lo collega ai santi
precedenti, almeno agli ultimi tre, Cerbonio, Fulgenzio ed Ercolano,
esplicitamente collocati ai tempi di Totila. Di lui si sa solo quello che
ne dice qui Gregorio. Il territorio spoletino fra i pi ricchi di memo
rie cristiane e agiografiche tardoantiche e altomedievali (cfr. R . Grgoire, Lagiografia spoletina antica: tra storia e tipologia, in A tti d el

j8 8

COMMENTO

111,

14

IX Congresso internazionale d i studi su llA lto M edioevo, Spoleto


1983, pp. 335-65). In Isacco, venuto dalla Siria. Gregorio sembra vo
lere celebrare, accanto e prima ancora del potere taumaturgico, i va
lori dellascetismo orientale e la loro presenza negli ambienti monasti
ci italici. Isacco trascorre in preghiera tre giorni e tre notti di seguito,
respinge ogni donativo e proclama di volere seguire la povert pi as
soluta. Anche lo spirito di profezia e la capacit di leggere nei cuori in
definitiva sono da lui esercitati, nei tre episodi qui raccontati, per li
berare i fratelli dalla cupidigia (cfr. Cremascoli 2ooib, pp. 267-8).
5-6. Gregoria: laccenno a Gregoria (cfr. P C B E II, Gregaria, pp.
941-2; non nota da altre fonti) contiene, pur per rapidissimi tratti,
tutti i passaggi di una classica storia di monacazione contrastata: la
consacrazione a D io fin dalladolescenza, il rifiuto delle nozze stabili
te dalla famiglia, la fuga, lintervento di un venerato protettore, la
conquista del desiderato abito monastico e il resto di una lunga esi
stenza vissuta da monaca (anche se questo vocabolo non le viene mai
riferito: ved. a proposito la nota a I 4, 48). Analoga la vicenda della
monaca esorcista narrata nel cap. 2 1, anchella legata allambiente
spoletino e al venerando Eleuterio. Gregoria a Spoleto prima del
555, data approssimativa della morte del santo; vive a Roma - dove
da ritenere che Gregorio ne abbia ascoltato i ricordi su Isacco - anco
ra ai tempi della redazione dei D ialoghi (finn. 6-7 nunc... habitat),
iuxta ecclesiam beatae M ariae sem per uirginis, cio nei pressi dellat
tuale basilica di santa Maria Maggiore, forse in una piccola comunit
simile a quella costituita nella stessa zona da Redenta (cfr. IV t 6 , 1).
Queste comunit dovevano essere molto presenti a Roma, se in una
lettera Gregorio fa ascendere ad almeno tremila le monache assistite
dalle elargizioni pontificie (Ep. V II 23, del giugno 597).
12-4. M ulta... praebehat: altro informatore Eleuterio (cfr. PC BE
II, Eleutherius 2, pp. 617-8), di cui Gregorio, come solito, mette in
rilievo la credibilit, attestata sia dalla familiarit con Isacco sia dai
santi costumi. Eleuterio ritorna pi volte nei D ialoghi, com e relatore
di altre vicende spoletine (III 2 1; IV 36, 1-6) ed egli stesso protagoni
sta di fatti miracolosi (III 33). Gregorio lo dice abate, pater Gin. 13 e
2 1, lin. 4), di un monastero di san Marco evangelista entro la cinta
muraria di Spoleto (3 3 ,1) , nel quale era vissuto anche un suo fratello,
Giovanni (TV 36, 1). Lasciata Spoleto, Eleuterio visse a lungo nel mo
nastero romano del pontefice. E gi morto quando Gregorio scrive,
come lascia intendere qui limperfetto praebebat e come esplicita
mente indicato a III 3 3 , 1 . Un omonimo martire del TV secolo ricor
dato a IV 13, 3.
15-6. H ic itaque... fe d : Gregorio ha cura di spiegare che linclu
sione del siriaco Isacco non contravviene al proposito, annunciato ad

COMMENTO n i, 1 4

389

apertura dellopera (I Prol. 7-8) e fino a ora rispettato, di raccontare i


miracoli compiuti da santi italiani. Sconfiner fra poco con lo spagno
lo Ermenegildo e con i vescovi mutilati dai Vandali in Africa (capp.
3 1 e 32. Ved. Introduzione, pp. xxiv -xxvi).
18-9. u t... licentia concederetur orandi: la chiesa il luogo proprio <
non solo della preghiera liturgica, ma anche di quella personale, che
nel silenzio e nella sacralit del tempio trova le condizioni pi adatte.
Anche i regolamenti cenobitici consentivano al monaco di fermarsi
oltre il tempo del servizio liturgico comune. L a regola di san Benedet
to, in un breve capitolo che riassume efficacemente le indicazioni di
una lunga tradizione, da Agostino a Cassiano e alla Regula M agistri,
indica la disciplina deToratorium , deputato, come dice il nome stes
so, alla preghiera, e stabilisce che il monaco pu sostarvi, se vuole
pregare in un altro momento e pi nascostamente, secretius (Regula
Benedica 52 ,4 . Cfr. qui lin. 19 horis secretioribus). Ma Gregorio non
si ispira a un modello occidentale. Nel passo successivo (linn. 20-3)
non si limita a riferire che Isacco preg per tre giorni interi, come
riassumer sotto (lin. 27 tribus diebus et noctibus), ma fa delle tre
giornate come un itinerario in progress, un susseguirsi di traguardi di
volta in volta raggiunti: messosi a pregare, il santo trascorre in pre
ghiera un giorno intero, al quale fa seguire senza interruzione la not
te. Continua a pregare, senza stancarsi, un secondo giorno e la notte.
Infine un terzo giorno viene aggiunto ai primi due. Sono evidenti il ri
salto che Gregorio ha voluto dare alla prova di Isacco e la volont di
proporlo come rappresentante di una spiritualit e di una prassi asce
tica diverse, proprie del monacheSimo orientale e testimoniate dai
suoi rappresentanti pi celebri. Nella Vita A ntonii, nelle Vite dedica
te da Gerolamo a tre asceti orientali, Paolo di Tebe, Malco e Ilarione,
la preghiera gioca un ruolo fondamentale in tutti i momenti e i fran
genti della giornata dei santi. Negli Apophthegmata Patrum (sentenze
ed episodi attribuiti a famosi monaci e abati del deserto egiziano, tra
mandati prima oralmente, in copto o in greco, raccolti in compilazio
ni tardive e tradotti in latino nel V I secolo), nel capitolo 12 della col
lezione sistematica (cio ordinata per temi), intitolato Sulla preghiera
continua e vigilante, non si legge mai una definizione della preghiera
n un solo esempio di preghiera monastica, ma vengono celebrati
asceti capaci di prove incredibili, come apa Arsenio, che al tramonto
volgeva le spalle al sole e restava immobile a pregare finch lalba na
scente non gli rischiarasse il volto, o apa Bessarione, assorto nella pre
ghiera ininterrottamente per quattordici giorni. A ragione stato sug
gerito di accostare Isacco alla spiritualit dei messaliani o euchiti,
monaci siriaci che paragonavano la vita monastica a quella degli ange
li adoranti davanti al trono di Dio e la volevano perci interamente

39

COMMENTO III, 1 4

dedita alla preghiera e alla meditazione, lontana da ogni occupazione


e preoccupazione terrena. stata ricordata anche la vicenda narrata
nella Vita d i D aniele Stilila, che pass sette giorni in preghiera e fu
tacciato di impostura (cfr. de Vogii, SCh 260, pp. 305 e 446).
26-7. uerbo rustico... clamare: come a 1 12, 1; I l 2 , 1 e 18, di fronte
a una locuzione meno usuale Gregorio coglie loccasione per ribadire
le sue cautele linguistiche e il rifiuto del rusticanus stilus (ved. la nota
a I Prol. 80-4). Inpostor e lastratto inpostura sono vocaboli tardi, non
propriamente rustici, ma appartenenti al linguaggio giuridico e pre
senti in scrittori cristiani come Gerolamo, Rufino, Agostino, Paolino
Nolano. Pi chiara connotazione popolare ha alapa, impiegato poco
sotto (lin. 29), su cui ved. la nota a II 3 0 ,12 . Anche per uanga (termi
ne di origine germanica, in latino bipalium ) Gregorio far una preci
sazione linguistica indicandone luso colloquiale (lin. $7).
30-1. ultor spiritus: una definizione unica, che attribuisce al diavo
lo un atto positivo, riparatore. In un episodio analogo, nel quale ven
dicher loltraggio fatto a un santo eremita del Sannio (26, 2), il dia
volo sar detto, come il pi delle volte e come qui (lin. 35), spirito
maligno. Un notevole florilegio delle perifrasi con le quali esso viene
indicato nei D ialoghi fornito dal capitolo su Andrea di Fondi (ved.
la nota a 7,16 -8 ).
35. super... incubuit: come Benedetto, che si distese sul corpo del
bambino morto (Il 32, 3).
38-9. C urrere... coeperunt: laccorrere di folle attratte dalla fama
presto divulgata dei miracoli compiuti dal santo e la scelta delleremi
taggio in una solitudine provvisoria dove altri poi lo raggiungeranno,
sono tratti presenti nelle biografie dei primi grandi asceti e divenuti
poi veri e propri topoi agiografici: cfr. Atanasio, Vita A nton ii 15; Sulpicio Severo, Vita M artini io e Gregorio stesso, per Benedetto, I l 3 ,5
e 13-4. L e notazioni essenziali alle quali Gregorio riduce, come sua
abitudine, la descrizione topografica (linn. 43-4: il luogo deserto e
lumile abitacolo), se escludono con evidenza ogni deformazione sim
bolica della realt, finiscono tuttavia col proiettare in questa solitudi
ne monastica umbra la topica del paesaggio ascetico orientale e dello
stile di vita dei padri del deserto.
49-50. sollicitus... custos: sullamore del monaco per la povert
ved. la nota a I 9, 8. Il rifiuto costante e fermo di ogni possesso e la
dedizione alla preghiera caratterizzeranno, pi di ogni altra virt mo
nastica, anche la figura dellabate Stefano (IV 20, 1 paupertatem diligens... uacare sem per orationi concupiscens).
54-5. prophetiae spiritu... inclaruit: come Benedetto, Isacco pos
siede il dono della profezia. Egli sa prevedere ci che deve accadere e
ne d prova predisponendo le vanghe per i ladri che si introdurranno

COMMENTO 111, 1 4

nellorto. Non si tratta per del dono eccezionale che consente al san
to di Montecassino, come ai profeti biblici, di annunciare grandi
eventi storici, uentura praedicere, bens di un genere minore di veg
genza, che fa conoscere e riferire cose lontane o nascoste, proesentibus absentia nuntiare (secondo la distinzione fatta a proposito di B e
nedetto: cfr. II 1 1 , 3). Questo potere celebrato da Gregorio, oltre
che in Benedetto ( I I 12 ; 13 , 3; 14 , 2; 18; 1% 2; 20, 2), in Equizio ( 4,
3), Sabino (III 5, 2-3), Costanzo (III 8), Mena (III 26, j-6).
56. in bo rio ... ferramenta-, sullorto dei monaci, spesso teatro di
fatti prodigiosi, ved. la nota a I 3, 9. Anche Isacco, come il monaco
ortolano di Fondi, esorta i ladri al ravvedimento e alla buona condot
ta, fa dono degli ortaggi che essi avrebbero voluto rubare e li congeda
invitandoli a tornare per averne ancora.
78-9. accesserunt... peregrini quidam: una vicenda analoga rac
contata, pi brevemente, da Rufino, a proposito di H or, che nessun
monaco dei tanti monasteri di cui era abate nella Tebaide egiziana
os pi ingannare dopo che egli aveva svelato pubblicamente la frode
di un falso monaco, U quale aveva nascosto i vestiti per far mostra di
non averne (H istoria monachorum 2 ,16 ) .
94. puer. un servo, non un ragazzo, secondo luso consueto di
questo termine in Gregorio (ved. 5, lin. 12 e la nota a I 4, 138-9).
L episodio del serpente nel canestro del servo identico a quello di
Esilarato, il monaco colto in fallo da Benedetto a I I 18. Sul serpente e
la sua presenza nei D ialoghi ved. la nota a I 3, 14.
108. unum erat... reprehensibile: in un quadro di perfezione asce- <
tica - la continua astinenza, il disprezzo delle cose terrene, lo spirito
profetico, lintensit della preghiera - un unico neo: la letizia di cui
Isacco si mostra vivamente animato. Qui Gregorio rimprovera lec
cesso delle manifestazioni gioiose, che rischiano di offuscare limma
gine del santo, ma altrove condanner il sentimento stesso della gioia,
perch esso, insinuandosi nellanimo, compromette la gravit, il rac
coglimento, i pensieri edificanti. Una gioia inconsistente, uana laetitia, preciser a IV 6 1, 2 che egli vieta al prete officiante, ma che in
realt vuole negata sempre e a tutti, come dimostra l interpretazione
data in quel capitolo dellexemplum biblico di Anna (il cui volto non
cambi mai pi: 1 Reg. 1, 18) e riproposta nei M oralia (X X X III 23,
43). Questa condanna della gioia un tema frequente nella predica
zione del pontefice e ha tanto risalto da chiudere spesso le sue omelie.
Una delle O m elie sui Vangeli si conclude con l ammonizione a non
lasciarsi mai prendere dalla gioia vana (nos... nulla uana laetitia seducat), a cui seguono una fitta trama di citazioni bibliche contro il riso e
la gioia e lesortazione a lavare le colpe di cui ci macchiamo continuamente immergendo lo spirito in un battesimo di lacrime (baptizemus

39*

COMMENTO III, 1 4

lacrimis conscientiam: Hom. Eu. io, 7). L omelia successiva si chiude


con la considerazione che la gioia appartiene ai fanciulli (in mente
pueriliter hilarescit), va corretta da un animo virile e messa al bando,
se si teme il pianto eterno (ibid. n , 5). In unaltra, elencando le insi
die con le quali il maligno attacca la pace dellanima, mostra come la
gioia fatua indebolisca lo spirito non meno di lussuria, ira, invidia, su
perbia, falsit (quantum inepta laetitia uigorem mentis resoluat: Hom.
H iez. I 12 , 25). Questo continuo riemergere del tema attesta che, se
con laddebito mosso a Isacco Gregorio pu avere voluto creare loc
casione per riprendere il tema della provvidenza e completare la dot
trina delineata in precedenza, alla sua radice c un convincimento
profondo e mai dismesso, un ideale monastico che il papa continuava
a coltivare e condividere. Il concetto di perfezione ascetica elaborato
dalla tradizione orientale e accolto in Occidente, da Cassiano al Mae
stro e a Benedetto, vietava al monaco il riso e la gioia e lo invitava
allafflizione, alla compunzione, alle lacrime. Negli Apophthegmata
Patrum leggiamo che la vita monastica Jtvdo;, cio pianto e soffe
renza; il Maestro ammonisce che quello del monaco non tempo di
letizia, per ridere, ma di penitenza, per piangere i peccati (Regula
M agistri 1 1 , 76); la regola di Benedetto vuole che il monaco non sia
facile al riso, gli vieta le battute, la risata prolungata e fragorosa, lo
esorta alla compunzione e alle lacrime (Regula Benedicti 4, 53-4; 6, 8;
7,59-60; 20, 3; 52,4). Verso la fine di questo libro Pietro chieder di
essere meglio addottrinato sullefficacia delle lacrime, lacrimarum uis
(33, io) e Gregorio, distinguendo i vari dpi di compunzione, conclu
der che le lacrime sono un dono divino, non concesso a tutti e a cui
anela lanima che sia veramente assetata di Dio (34,4).
115 -6 . M agna... D ei dispensano: la spiegazione che segue, solleci
tata da Pietro (linn. 112 -4 ), non una grande pagina di dottrina. Nel
capitolo su Bonifacio, vescovo di Ferento, Gregorio aveva offerto al
suo interlocutore una prima definizione della suprema sapienza divi
na, che, concedendo le piccole cose, ci conduce a sperare le grandi (I
9, 19). Qui prospetta il caso opposto e, per spiegare come Isacco
fruisse delle virt pi alte e non sapesse, invece, liberarsi della laetitia,
chiarisce che nei disegni della provvidenza avviene anche che siano
accordati beni maggiori e negati i minori perch non sia smarrito lo
spirito di umilt (ved. la nota a 1 9 ,19 8 ).

COMMENTO III,

1}

393

1S

Eutizio e Fiorenzo, servi di Dio


1 . ex regione eadem: il territorio umbro, dei cui santi Gregorio si
occupato nei capitoli precedenti e al cui limite meridionale sta N or
cia, a una cinquantina di chilometri da Spoleto.
3. Sancitili: sul personaggio si veda il capitolo 37, nel quale Santo
lo sar egli stesso protagonista di pittoreschi racconti. L autorevolez
za della sua testimonianza - diretta, garantita dalla buona fede e dai
costumi, e a conferma della quale viene chiamato linterlocutore stes
so - ulteriormente ribadita in quel capitolo, che lo dice vissuto fino
a poco tempo prima in confidente familiarit col papa, narratore non
per abitudine n per millanteria, ma solo se costretto (3 7 ,1).
6. ir, N ursiae... prouinciae: Norcia, nella Valeria, nominata an
che altrove, per Benedetto (II Prol. 1) e per altri personaggi (ved. 4,
8), e sempre mettendone in rilievo il ruolo di provincia (ved. la nota a
II Prol. 7).
7. in u ita... conuersationis: su conuersatio e habitus e il loro valore
semantico legato per antonomasia alla realt monastica ved. le note a
1, 5 e l i Prol. 13-4.
8. Euthicius... Florentius: non sono noti da altra fonte (cfr. P C B E
II, Euthicius 2, p. 722; Florentius 19, p. 844). possibile che la comu
nit che Eutizio fu chiamato a dirigere fosse uno dei monasteri fonda
ti dallabate Speranza nel territorio di Norcia (cfr. IV 1 1 , 1). Coppie
analoghe a questa non sono infrequenti nella letteratura agiografica e
le somiglianze con alcuni racconti, specialmente degli Apophthegmata, sono rilevanti (ved. de Vogii, SCh 260, p. 446). Dei due ha rilievo
assai maggiore Fiorenzo, originale modello di vita anacoretica, prota
gonista di singolari taumaturgie e di vicende eccezionali dalle quali lo
scrittore si sente chiamato a un impegnativo commento dottrinale.
Eutizio compare pi volte nel corso della narrazione, ma sempre rapi
damente e a fianco del compagno, celebrato come taumaturgo per
un miracolo postumo, il suo profilo quello di un abate zelante e vir
tuoso, non di un personaggio straordinario. Fiorenzo il primo degli
eremiti che compaiono in questo libro e formano un piccolo gruppo,
sufficiente per illustrare un tipo di vita diversa da quella comunitaria,
fortemente ispirata a modelli orientali. A lui si aggiungeranno di se
guito altri tre solitari, Martino di monte Marsico, il santo innominato
di monte Argentario, il campano Benedetto (capp. 16-8); un quarto,
Mena, seguir poco oltre (cap. 26). Appartengono alla stessa genera
zione e sono tutti molto prossimi agli anni in cui Gregorio scrive. Fio
renzo e Mena hanno unoccupazione legata al mondo animale (luno

394

COMMENTO III,

13

pastore, laltro apicultore) e, come anche Martino, hanno con gli ani
mali un rapporto particolare (Fiorenzo con gli orsi, i serpenti, gli uc
celli, Martino con i serpenti, Mena con gli orsi e le api). Fiorenzo e
Benedetto sembrano attenersi a norme codificate (Fiorenzo negli ora
ri del pasto e dei digiuni, Benedetto osservando una regala: cfr. 18,
linn. 8-9. Ma ved. anche, sul significato di regala, la nota a I I 1,4 0 -1).
22-3. ursutn repperit stantem: dopo quello ammansito da Cerbonio (ved. la nota a 1 1 , 17-20), ecco un altro orso umile e reverente di
fronte al santo. L a belva esegue obbediente i suoi ordini e svolge ser
vizi di routine per lui, come il corvo che per sessantanni port la
mezza pagnotta alleremita Paolo nel racconto di Gerolamo (Vita
Pauli io); lo attende alla porta, come la lupa davanti alla capanna di
un eremita nel racconto di Sulpicio Severo (D ialogi 14). Anche Eugippio narra di un orso servizievole, che per incarico di Severino fa da
battistrada a un viandante che si reca dal santo e lo guida a lui per tut
to il cammino, attraverso un valico delle Alpi, di notte e nella neve
(Vita sanctiSeuerini 29).
32-4. ad nonam ... a i sextam: pur vivendo da eremita, Fiorenzo re
gola la giornata e i pasti secondo gli orari della prassi cenobitica bene
dettina e li impone anche allorso. L a sesta e la nona, calcolate sulla
levata del sole e quindi variabili a seconda delle stagioni e solo media
mente corrispondenti a mezzogiorno e alle tre pomeridiane, erano le
ore nelle quali era previsto il pasto principale: normalmente a mezzo
giorno, nel primo pomeriggio se si voleva ritardare per ragioni di la
voro, penitenziali, liturgiche. Nel periodo della quaresima il digiuno
veniva prolungato fino al vespro. L e regole pi antiche (come l'O rdo
m onasterii di Agostino o la Regala quattuor Patrutn) erano pi severe
e prevedevano lunico pasto allora nona tutti i giorni della settimana,
tranne la domenica e i festivi; nel sesto secolo, con il Maestro e pi
ancora con Benedetto, la disciplina dei digiuni si fa meno rigorosa
(cfr. Regala M agistri 28; Regala Benedicti 4 1).
38-40. anliquus h o slis... adpoenarn: la reazione invidiosa dei mo
naci e le considerazioni che la accompagnano ricordano la vicenda
del tentato avvelenamento di Benedetto da pane del prete Fiorenzo.
Anche qui la piaga terribile dellanima linvidia, a suscitarla sono
loperato miracoloso del santo e la fama che ne deriva, a spingere al
delitto il diavolo, lantico nemico (cfr. I l 8, 1). Come in un prece
dente episodio benedettino, quello dei frati avvelenatori di Vicovaro
(Il 3, 3-4), i colpevoli sono dei monaci: un altro esempio, dunque,
delle passioni che possono devastare la vita monastica. A esserne col
piti sono solo alcuni dei monaci di Eutizio, non lintera comunit, la
quale continuer a progredire nello zelo per la vita santa sotto la gui
da del suo abate. Questo concetto ribadito da Gregorio, il quale, se

COMMENTO III, 1 7

39$

era realisticamente consapevole delle miserie che flagellano la realt


conventuale, aveva anche ferma fiducia nella condotta virtuosa a cui
si tendeva (ved. Introduzione, p. XLIV sg.).
59-60. elefantino morbo: la lebbra (ved. la nota a II 26, 3-4).
64-5. Q uod idcirco... credimus: comincia qui, fino allassenso con- <
elusivo di Pietro (lin. 134), una lunga esposizione dottrinale, che trae
spunto sia dai prodigi raccontati in precedenza sia dal miracolo dei
serpenti e degli uccelli che occupa i paragrafi 11-2 . Vi sono svolte una
serie di considerazioni che le domande di Pietro interrompono e sem
brano diversificare. Pi ancora, il duplice prodigio dei paragrafi 11- 2 ,
introdotto dalla consueta formula di trapasso Ginn. 80-1 aliud, quod
sileni non debeat), sembra segnare uno stacco rispetto a una parte gi
conclusa e lavvio a una nuova parte e, eventualmente, a un nuovo te
ma di dottrina. Apparentemente vario e diversificato, il discorso dot
trinale invece unitario e affronta un unico tema, quello - assillante e
centrale nellesegesi e nella dottrina morale e antropologica di G rego
rio - del rapporto delluomo con Dio, della sua preghiera con lagire
provvidenziale. L a maledizione lanciata da Fiorenzo in seguito al
lodioso delitto dei monaci invidiosi fornisce loccasione per due con
siderazioni. La prima Ginn. 64-7) linterpretazione del tragico esito
seguito alla maledizione. Gregorio la introduce direttamente, senza
esservi sollecitato dallinterlocutore, riprendendo rapidamente il te
ma della omnipotentis dispensato D ei con il quale si era chiuso il ca
pitolo precedente. Non sono state le parole delleremita a determina
re la u lto diurna, anche se lorrenda malattia e la morte dei quattro
monaci tengono dietro immediatamente, protinus Gin. 58), alle sue
parole, ma la provvidenza ha voluto cos preservare in futuro Fioren
zo da ogni parola di vendetta. , questo, uno dei punti di pi sbriga
tiva e perfino bizzarra impostazione. La seconda considerazione vie
ne svolta in due parti Ginn. 70-2 e 75-8) in risposta a due domande di
Pietro, se sia peccato molto grave maledire spinti dalla collera e se sia
colpevole anche la maledizione fatta senza intenzioni vendicative ma
soltanto per un impulso incontrollato. A l primo quesito il papa ri
sponde citando in forma abbreviata un versetto di Paolo (/ Ep. Cor.
6, io), che rivolge ai m aledici la minaccia di non ereditare il regno di
Dio. In risposta al secondo ammonisce che, se la legge di Dio punisce
ogni discorso ozioso (il riferimento - indiretto - qui a Eu. Matth.
12, 36 omne uerbum otiosum quod locati fu erint homines, reddent rationem de eo in die iudicii; di ogni parola oziosa gli uomini renderan
no conto nel giorno del giudizio), tanto pi punir quello che abbia
avuto conseguenze dannose. Il brano che segue allultimo prodigio
operato da Fiorenzo Ginn. 99-133) risponde a una domanda di Pietro
sul merito che valso alleremita di essere ascoltato prontamente da

96

COMMENTO n i, 1 }

Dio (linn. 97-8). La risposta - Fiorenzo stato premiato perch la sua


obbedienza ai precetti divini era stata pronta - arriva molto dopo, so
lo alla fine del brano (linn. 132-3). L a riflessione che la precede, sulla
purezza e semplicit della natura di Dio, sulla purezza del cuore e la
semplicit che rendono accetta a Dio la preghiera delluomo, sulla
parola che si corrompe in mezzo alla gente, sembra prescindere dal
caso di Fiorenzo ed essere altra cosa, lapproccio a un tema diverso (o
linserzione di un escerto di pi alta e sapiente fattura, opera di altra
mano, come ritiene Clark 1987, p. 501 sg.). Il caso di Fiorenzo non
stato dimenticato, ma eretto da particolare a generale, allargato a tut
ti, a quanti, come lo stesso Gregorio, sono costretti a stare in mezzo
alla gente, turbis popularibus adm ixti, esposti a dire parole spesso inu
tili, talvolta molto dannose, frcquenler otiosa, nonnum quam ... grattiter noxia (linn. 107-8). il tema di prima, del rapporto delluomo con
Dio, della possibilit concessagli di essere ascoltato da lui. In tutta
questa pagina, dalle considerazioni sulla maledizione a quelle sul di
scorso ozioso, sulla purezza e semplicit, sulla preghiera, ritornano,
riassunti e semplificati, motivi ampiamente presenti negli altri scrtti
di Gregorio. Analoghe sono non solo le argomentazioni, ma anche le
citazioni scritturistiche dalle quali quelle muovono e ricevono legitti
mazione. Nel quarto libro dei M oralia, che affronta distesamente, fin
dalla prefazione, il tema della maledizione, il primo capitolo muove
da 1 Ep. Cor. 6, io, nella medesima forma abbreviata dei Dialoghi,
per distinguere il peccato di chi maledice con livore e malvagit
dallinnocenza del profeta, che maledicendo esegue una sentenza di
vina (M or. IV 1,2 ) . Il settimo libro, sugli errori della parola, si chiude
con unaspra e minuziosa requisitoria contro i discorsi oziosi, al cen
tro della quale sta un'esegesi di Eu. M atth. 12 , 36, pi ricca e com
plessa, ma analoga nella sostanza a quella dei D ialoghi (Mor. V II 37,
57-60). Alla pericope di Matteo Gregorio fa riferimento con lo stesso
procedimento retorico e con le stesse parole dei D ialoghi in un capi
tolo della Regola pastorale rivolto a chi parla poco e a chi troppo (se
ci si domander conto consideriamo quale pena attenda la chiac
chiera inutile, nel corso della quale si pecca anche con parole danno
se, pensemus quae poena m ultiloquium maneat, in quo etiam per
noxia uerha peccatur. Past. I l i 14) e in una lettera di rimprovero a un
patrizio transfuga dalla vita monastica (se la giustizia divina ci do
mander conto, rifletti dunque a quello che far per unazione per
versa, pensa ergo qu id factura est de peruerso opere: Ep. I 33, al pa
trizio Venanzio, del marzo 591). Anche la riflessione che segue al
prodigio dei serpenti e degli uccelli intrecciata di motivi trattati al
trove e argomentati con il medesimo apparato scritturistico. Del ver
setto di Isaia sulle labbra impure (Is. 6, 5, citato alle linn. 113-6 ), Gre-

COMMENTO III,

t$ -l6

397

gorio si serve ripetutamente, per illustrare e definire la parola buona e


quella dannosa, nella Regola pastorale (III 25), nei M oralia (III io , 17;
V II 37,60; X X X V 2, 3), nelle O m elie su Ezechiele ( 8 ,19 ). Allo stes
so modo si serve di quello dei Proverbi, citato alle linn. 128-9, Per distinguere la preghiera pura e accetta a Dio da quella impura e sgradi
ta (Proti. 28,9 . Cfr. M or. V 4 3,76 ; X 15 ,2 7 ; X V I 2 1, 26; X V II 8 ,15 ).
Nel ricorrere di queste citazioni (segnalate da de Vog, SCh 260, pp.
320-5) e nel trattamento che ne viene fatto nel nostro capitolo Clark
(1987, pp. 499-502) ha scorto un esempio fra i pi eloquenti del mo
do di operare del falsario al quale ascrive la paternit dei Dialoghi,
delle tecniche con le quali egli sarebbe solito accozzare i racconti da
lui composti a passi estrapolati dagli scritti autentici di Gregorio. Al
contrario - sembra a noi - il procedere frammentato della riflessione
dottrinale, le interruzioni e gli stacchi, la sutura poco elaborata e per
sino sciatta fra narratio ed expositio, lesegesi sbrigativa, ma sostan
zialmente analoga, di passi biblici altrove pi riccamente e minuziosa
mente interpretati nascono dagli scopi che lo scrittore ha assegnato ai
Dialoghi e sono esemplari - qui forse pi vistosamente che in altri ca
pitoli - delle sue scelte stilisdche e compositive.
136-7. m aius... signorum: l espressione lascia presumere che fra i
tanti miracoli attribuiti dai suoi concittadini a Eutizio ce ne fossero
anche di quelli che il santo aveva compiuto da vivo. Questo della tu
nica il pi memorabile perch si ripetuto a lungo nel tempo, usque
ad haecLangobardorum tempora-, la stessa espressione adoperata per
un altro oggetto prodigioso, il crivello ricomposto da Benedetto e ri
masto appeso alla porta di Affile (cfr. I I 1, 2). Il miracolo della tunica
portata in processione per le campagne nei periodi di siccit stato
accostato (cfr. de Voglie, SCh 260, p. 326) a quello del velo della mar
tire siciliana Agata (BH L nn. 133-6), che, secondo il racconto di una
Passio, lanno dopo la morte della santa fu opposto alla lava dellEtna
in eruzione e salv Catania dal magma che la minacciava. stato an
che assimilato ai riti di magia simpatica propri del mondo agrario
(cfr. la nota a 1 4, 2 1) o, al contrario, interpretato come uno dei rac
conti con i quali Gregorio ha tentato di orientare verso il soprannatu
rale cristiano gli ambienti ancora legati al folklore pagano (Dagens
i9 77a,p . 232).

16

Martino, monaco del monte Marsico


l-M artinus: non conosciuto da altra fonte (cfr. P C B E II, M artinus <
4, pp. 1420-1). Secondo quanto detto qui, egli conduceva gi vita so-

3?8

COMMENTO m , 6

litaria sul monte quando Benedetto divenne abate di Montecassino e


gli mand un suo messaggio. Nel gruppetto di eremiti che sono al cen
tro di questo libro, Martino ha una sua diversa, spiccata personalit. I
suoi miracoli sono tutti di alto profilo e richiamano le prove pi stre
nue del deserto monastico non meno che scene e vicende dellAntico
Testamento. Gregorio non manca di sottolineare il significato di ognu
no di essi: lacqua che sgorga miracolosa dalla roccia e il castigo morta
le inflitto alla donna tentatrice sono segni manifesti del particolare fa
vore divino; i tre anni passati senza paura e senza danno accanto al
serpente attestano laltissima spiritualit del santo; lepisodio del ra
gazzo precipitato dal monte a valle e rimasto incolume prova la forza
della preghiera di Martino; il macigno che si svelle dal costone e rispar
mia la sua grotta un prodigio voluto dalla provvidenza e operato da
gli angeli.
in monte M anico: il monte Marsico (o Massico), alto cir
ca 800 metri, a sud di Sessa Aurunca e domina il golfo di Gaeta.
4-7. Quem ... agnoui: il ventaglio delle testimonianze imponente,
proviene da un gran numero (multi) di testimoni diretti, che hanno
conosciuto Martino personalmente e hanno assistito alle sue imprese,
e dai racconti di persone del massimo scrupolo, fra le quali un papa.
Questi Pelagio II (579-590), dal quale Gregorio fu mandato come
rappresentante pontificio a Costantinopoli e al quale fu chiamato a
succedere dal popolo romano nel febbraio 590 (ved. Introduzione,
pp. xm -xiv), ricordato con la medesima espressione a IV 59, linn. 123 e com epontifex meus a III 36, lin. 5. D i un altro, pi lontano prede
cessore, il papa Giovanni III (561-574), Gregorio ha fatto cenno alcu
ni capitoli prima (cfr. 8, linn. 3-4).
13-4. uetusto m iraculo: lacqua che sgorga dalla roccia 0 affiora dal
suolo la condizione indispensabile perch lasceta viva in solitudine.
Questo tipo di miracolo perci presente in molti racconti di inse
diamento monastico. Operato da Mos nel deserto (Num . 20, 2 -11),
appartiene alla tradizione pi antica, alla stessa Bibbia: uetuslum,
c o m e antiquum il miracolo dei tre fanciulli nella fornace, col quale
Pietro confronter la vicenda del monaco gettato nel forno ardente e
ritrovato illeso (18, linn. 19-20. Cfr. de Gaiffier 1966, p. 378). E lo
stesso Pietro aveva accostato a Mos ( I I 8, 8) Benedetto per il miraco
loso ritrovamento di acqua compiuto per i monasteri di Subisco (ved.
la nota a II 5, 7-8).
17.
am icam... bestiam: indicato sopra, con la perifrasi pi consue
ta a Gregorio, come lantico avversario del genere umano (lin. 15;
ved. anche lin. 25), corruttore della prima coppia nellEden e perci
maledetto fra tutti gli animali e le bestie della terra (Gen. 3, 14), il
serpente lanimale amico del diavolo. Sulla sua presenza nei D ia
loghi ved. la nota a I 3, 14.

COMMENTO III, 1 6

99

3 1 .in qu o... stetti: espressioni simili ricorrono altre volte, impie


gate, come qui, per indicare il contrasto fra la forza spirituale del san
to e la situazione drammatica in cui si trova: cfr. 3 1 , linn. 27-8 (Erme
negildo resiste impavido al carcere, alle minacce, alle lusinghe. L a
stessa forma verbale, infrem uti a lin. 29, esprime lira impotente del
persecutore battuto dal coraggio della vittima, come qui del diavolo
sconfitto dalla sicura fiducia delleremita); IV 20, linn. 2 1-2 (labate
Stefano accoglie imperturbabile la notizia dellincendio che ha di
strutto la messe ammassata nellaia). Piuttosto che unoccasionale so
miglianza sembra un voluto accostamento la coincidenza con un pas
so delle O m elie su Ezechiele, dove la stessa frase, con le stesse parole e
inserita in un periodo costruito in forma identica (imperativo + inter
rogativa indiretta allindicativo + relativa allindicativo perfetto), sta
al centro di un vibrante elogio dellapostolo Pietro. Gregorio si rivol
ge ai fedeli che lo ascoltano invitandoli a considerare quale altezza
spirituale avesse raggiunto Pietro per avere accettato con umilt le
critiche di Paolo e difeso gli scritti che le contenevano: cfr. Hom.
H iez. I I 6 ,9 Pensate, rogo... in quo uertice mentis stetti q u i... Differi
sce il verbo iniziale, pensare, perfettamente equivalente in questo caso
a perpendere e, peraltro, consueto a Gregorio (ved., p. es., 15 , 9-10,
dove lo scrittore adopera questo verbo due volte in poche righe invi
tando il suo interlocutore a riflettere e valutare).
3 5. decreuerat u t... non uideret: il peccato della carne un rischio
perenne, al quale bisogna opporsi per tutta la vita. Come Giovanni di
Licopoli nel racconto di Rufino (Historia monachorum 1, 1, 4) e di
Palladio (Historia Lausiaca 35, 13), Martino aveva fatto proponimen
to di non vedere mai una donna per evitare la tentazione che nasce
dalla visione della sua bellezza, ex contemplata specie-, come labate
Paolo di Panefisi, il quale non toller non dicam uultum fem ineum ,
sed ne uestimenta quidem sexus illius (Cassiano, Conlationes 7, 26, 3),
quando, guardando da lontano, capisce dagli abiti femminili chi si
stia avvicinando, si prostra con la faccia a terra e non la solleva prima
che la donna si allontani dalla finestra della sua cella. Su questo tema
e gli insegnamenti che Gregorio fornisce nei vari episodi che ne trat
tano ved. le note a I 4, 9-10 (a proposito di Equizio, evirato durante
una visione angelica), e a II 2, 6-7 (a proposito di Benedetto, che
scaccia la tentazione rotolandosi nudo fra i rovi e le ortiche).
59-60. requisitus p u er... incolumis: il caso del fanciullo incolume
dopo la rovinosa caduta grazie alla preghiera del santo richiama quel
lo del monacello, puerulus monachus, risanato da Benedetto con la
preghiera e rimandato incolume al lavoro (II 11) . Qui la preghiera
previene e scongiura lincidente mortale, ma ugualmente lepisodio
sembra costituire unulteriore tappa del confronto fra leremita di

400

COMMENTO III,

16

monte Marsico e il grande abate di Montecassino, alla cui escalation


taumaturgica accostabile la sequenza dei prodigi che segnano il per
corso di santit di Martino: lacqua zampillante dalla roccia, il sicuro
dominio sugli inganni del diavolo, il rifiuto di ogni visione femminile,
infine il puer salvato.
66. M ascator... Arm entarii nepos: si tratta di personaggi altrimenti
ignoti. Riguardo Armentario non ci sono elementi per identificarlo
con lomonimo comandante militare che figura destinatario di una let
tera del papa Pelagio I (cfr. P C B E II, Mascator 2, p. 1428; Arm entarius
1, p. 192). Armentario anche il nome di uno schiavo protagonista di
un viaggio nellaldil e di un temporaneo ritorno (IV 27,10 -3).
80-1. longius cecidit: questo prodigio richiama lepisodio del mo
nastero di Fondi, risparmiato dalla frana per le preghiere del suo aba
te, Onorato. In quel caso il masso incombente, staccatosi dal costone,
si ferm, miracolosamente sospeso sul pendio (ved. 1 1, 4 con la nota
a 28-35), Unenorme massa rocciosa incombe dallalto anche sul mo
nastero di Subpentoma (I 8, lin. io ingens desuper rupis eminet), si er
ge, invece, e quasi lo soffoca, a fianco di un altro monastero, costruito
tutto in declivio sulla cima del monte Soratte (I 7, 2). Sulla dislocazio
ne montuosa dei monasteri e il paesaggio nel quale sono solitamente
collocati nei D ialoghi ved. la nota a I 8, io.
8 5. catena... ligauit: secondo un racconto di Palladio lincatenamento, ainQOcpopia, uno dei mezzi con i quali leremita Filoromo
vince la lussuria e l ingordigia (Historia Lausiaca 45, 2); pi comune
mente ha, come qui, lo scopo di rendere penoso allasceta ogni movi
mento e limitargli gli spazi dove muoversi. Si tratta di una prova non
insolita neUagiografia orientale n in quella occidentale, pi spesso
biasimata come segno di ostentazione,, che apprezzata come strumen
to di lodevole mortificazione. E , questo, naturalmente, il giudizio di
Benedetto e da esso deriva linvito recapitato a Martino di rinunciare
alla catena di ferro per quella di Cristo. Non dimostrabile lipotesi,
anticamente avanzata e ripre