Sei sulla pagina 1di 47

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 1
Lalfabeto
Si compone di 22 consonanti:
segno

nome

traslitterazione

a
b
g
d
h
w
z
x
j
y
k
l
m
n
s
[
p
c
q
r
f
v
t

leph

bet

ghmel

dlet

he

waw

zyin

et

yod

kaph

lamed

mem

nun

smek

ayin

peh

adh

qoph

re

in

in

tw

$
~
!

@
#

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Le consonanti begadkepat
- con dage

b
g
d
k
p
t
sono tenui, si trovano dopo una consonante, allinizio o in corpo di parola (con dage lene)
oppure in corpo di parola con valore di consonante raddoppiata (con dage forte)
- senza dage

sono aspirate, si trovano dopo una vocale


* con le altre consonati il dage indica il raddoppiamento della consonante (dage forte)
** in quanto segue si indicher solamente il dage che indica raddoppiamento

Il genere, il numero
In ebraico esistono due generi grammaticali: maschile, femminile.
Le parole maschili non hanno una desinenza propria,
le parole femminili terminano solitamente in -h (h-), -at (t-), -et (t-),
il plurale maschile esce in -m (~y-),
il plurale femminile esce in -t (tw-).

$lm
hklm

mlek
malkh

~yklm
twklm

melkm
melkt

Larticolo
In ebraico esiste solamente larticolo determinativo, anteposto al termine cui si lega: -h. Esso possiede solitamente un suono in /a/ e provoca il raddoppiamento della prima consonante. Es.:

$lm
~ym

mlek (un re)


myim (acqua)

$lMh
~yMh

hammelek (il re)


hammyim (lacqua)

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

VOCABOLARIO

rma
ldb
arb
hyh
arq
har

mar
bdal

dire
separare

br

creare

hyh
qr

essere
chiamare

rh

vedere

~yhla
#ra
~wy
hlyl
xwr
~ymv

elhm
ere (f.!)

Dio, di
terra

ym

giorno

laylh (m.!)
ra (f.!)

notte
spirito

mayim

cielo

ESERCIZI
1) Si traslitteri il seguente passo (Gen 1,1-5) utilizzando i segni indicati nella tabella (a p. 1)

#rah taw ~ymvh ta ~yhla arb tyvarb 1


~wht ynp-l[ $vxw whbw wht htyh #rahw 2
~ymh ynp-l[ tpxrm ~yhla xwrw
rwa-yhyw rwa yhy ~yhla rmayw 3
$vxh !ybw rwah !yb ~yhla ldbyw bwj-yk rwah-ta ~yhla aryw 4
dxa ~wy rqb-yhyw br[-yhyw hlyl arq $vxlw ~wy rwal ~yhla arqyw 5
2) Si proceda ora alloperazione inversa, ossia scrivendo in caratteri ebraici il seguente testo traslitterato (Gen 1,6-7), limitandosi ancora alle sole consonati e facendo attenzione al dage forte.
N. B.: / = y
/=w
6

wayymer lhm yeh rq` Betk hammyim wh mabDl Bn mayim lmyim

wayya`aS lhm et-hrq` wayyabDl Bn hammayim er miTTaHat lrq` bn

hammayim er m`al lrq` wayh kn


4

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 2
Lo stato dei nomi
Ogni sostantivo, oltre che un genere (maschile / femminile) e un numero (singolare / plurale), possiede uno stato. Gli stati sono tre: assoluto, determinato, costrutto.
Lo stato assoluto quello pi semplice, indeterminato.
Lo stato determinato la forma del sostantivo con larticolo (cf. lezione 1).
Lo stato costrutto la forma pi breve della parola, forma impiegata quando il sostantivo in questione funge da nomen regens (cf. sotto a proposito della catena costrutta).

m. sg.
pl.
f. sg.
pl.

stato assoluto

stato determinato

stato costrutto

$lm
~yklm
hklm
twklm

$lMh
~yklMh
hklMh
twklMh

$lm
yklm
tklm
twklm

-
-at

Dalla tabella si nota che lo stato costrutto dei sostantivi m. pl. e f. sg. ha una forma diversa da quella
dello stato assoluto.

La catena costrutta
La catena costrutta consiste nella sequenza di due (o pi) parole, la prima delle quali regge la seconda. Il nomen regens, sempre senza articolo in quanto determinato dalla parola seguente, nello
stato costrutto. Unattenzione maggiore meriteranno pertanto i sostantivi femminili singolari e maschili plurali. Il nomen rectum pu essere in forma determinata o indeterminata.
Esempi:
il cavallo del re: $lMh

sws
i cavalli del re: $lMh ysws
la regina della terra: #rah tklm
le regine di Israele: larfy twklm
I suffissi possessivi
Gli aggettivi possessivi si esprimono mediante dei suffissi, legati al sostantivo nella forma dello stato costrutto. Si comincino a studiare i suffissi che si rinvengono con i sostantivi maschili singolari:
y-
mio
ysws
il mio cavallo

^%A-

-ek
-k

tuo (m.)
tuo (f.)

suo (m.)

^sws
%sws
Asws

il tuo cavallo
il tuo cavallo
il suo cavallo
5

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

HWn~k!k~!-

FTER, A.A. 2010/2011

-h

suo (f.)

-n

nostro

-kem
-ken

vostro (m.)
vostro (f.)

-m

loro (m.)

-n

loro (f.)

Hsws
wnsws
~ksws
!ksws
~sws
!sws

il suo cavallo
il nostro cavallo
il vostro cavallo
il vostro cavallo
il loro cavallo
il loro cavallo

Il punto che si trova in H- (suffisso 3 f.s.) si chiama mappiq e serve unicamente a distinguere la
forma del suffisso in questione dalla comune desinenza femminile (h-).
I sostantivi f. sg., m. pl. e f. pl. hanno desinenze lievemente diverse:
al f. sg. il suffisso possessivo introdotto da - t- (cf. stato costrutto);
al m. pl. il suffisso possessivo introdotto da - y- (cf. stato costrutto);
al f. pl. il suffisso possessivo si aggiunge alla desinenza tw- seguita da -y- (per analogia con le forme
maschili).
La tabella sopra riportata si completa quindi nel seguente modo:

1 sg.
2 sg. m.
f.
3 sg. m.
f.
1 pl.
2 pl. m.
f.
3 pl. m.
f.

m. sg.

f. sg.

m. pl.

f. pl.

ysws
^sws
%sws
Asws
Hsws
wnsws
~ksws
!ksws
~sws
!sws

ytsws
^tsws
%tsws
Atsws
Htsws
wntsws
~ktsws
!ktsws
~tsws
!tsws

ysws
^ysws
%ysws
wysws
hysws
wnysws
~kysws
!kysws
~hysws
!hysws

ytwsws
^ytwsws
%ytwsws
wytwsws
hytwsws
wnytwsws
~kytwsws
!kytwsws
~hytwsws
!hytwsws

-y
-k
-yik
-w
-h
-nu
-kem
-ken
-hem
-hen

Si noti che:
con i sostantivi plurali non pi necessario luso del mappiq nel suffisso di 3 f. s.;
i suffissi di 3 pl. (m. e f.) hanno la forma lunga ( ~h-/ !h- anzich ~-/ !-).
N.B. Un sostantivo con suffisso personale gi determinato e quindi non ha MAI larticolo!

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

ESERCIZIO
Si traducano le seguenti espressioni:
1) lo spirito di Dio
2) il giorno del re
3) il soffio (= spirito) della regina
4) i cavalli del cielo
5) la regina del cielo
6) il suo (f.) cavallo
7) la loro (m.) cavalla
8) il nostro re
9) le vostre (f.) regine
10) il tuo (m.) cielo
11) il mio spirito
12) la sua (m.) terra
13) gli dei delle tue (f.) regine

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 3
I pronomi personali

yna / ykna
hTa
Ta
awh
ayh

an/ nk

io

atth

tu (m.)

att

tu (f.)

egli

ella

wnxna
~Ta
!Ta
~h
hNh

an n

noi

attem

voi (m.)

atten

voi (f.)

hm

essi

hnnh

esse

Il pronome dimostrativo

hz
taz

zeh

questo

zt

questa

awh
ayh

quello

quella

hLa

lleh

questi/e

~h
hNh

hm

quelli

hnnh

quelle

Laggettivo
Laggettivo pu avere funzione di attributo o di predicato. Quando attributo, segue solitamente il
nome a cui si riferisce e con esso concorda in genere, numero e stato (determinato, ossia con
larticolo, o indeterminato). Quando predicato, ossia in una frase in cui sottinteso il verbo, esso
concorda con il soggetto solo in genere e numero.
Esempi con un aggettivo attributivo:

bwj $lm
bwJh $lMh
hbwJh hklMh
twbwJh twklMh

un buon re
il re buono
la regina buona
le regine buone

Esempi con un aggettivo in funzione predicativa:

#rah hbxr
hklMh hpy

la terra vasta
la regina bella

(si osservi come il predicato preceda di norma il soggetto)

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

La proposizione nominale
In una proposizione nominale, nella quale si sottintende il verbo essere, il soggetto precisato da un
predicato. Il predicato pu essere un aggettivo (cf. sopra) oppure un sostantivo (eventualmente con
aggettivo). Esempio:

bwj $lm dywd

Davide un re buono

(si osservi come il predicato segua il soggetto)


Quando il soggetto espresso da un pronome personale, questo sta solitamente in fondo:
hTa bwj
sei buono

awh rvy $lm

(egli) un re giusto

VOCABOLARIO

hpy
rvy
bxr

ypeh (m.) / yph (f.)

bello/ bella

yr

retto, giusto

rb

vasto, ampio

rwa
rqb
[yqr

luce

bqer

mattino

rqa

firmamento

ESERCIZIO
Si traducano le seguenti espressioni:
1) sono buone
2) un giorno buono
3) siamo buoni
4) il firmamento vasto
5) quella terra (f.) vasta
6) la luce bella
7) quelle regine sono belle
8) egli il mio re
9) questi sono i nostri re
10) quei re sono giusti
11) il vento (= spirito) del mattino
12) il re dei re
13) la luce dei nostri re

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 4
Il sistema verbale
Il sistema verbale ebraico possiede solamente due tempi: il perfetto e limperfetto.
Questi due tempi si declinano in diverse coniugazioni:
QAL
NIPHAL
PIEL

la coniugazione semplice (come indica il nome)


ha significato medio-passivo (es.: rompersi, essere rotto)
- ha senso fattitivo (far perire, riempire, contaminare)
- pu essere denominativo ( cio il verbo corrispondente a un sostantivo, es.: parola
> parlare, comando > comandare, gelosia > essere geloso)
- pu essere intensivo (trucidare) o indicare una pluralit di azioni:
ripetute (es.: leccare, dileggiare),
compiute da una pluralit di soggetti (es.: domandare, in 2Sam 20,18),
compiute su una pluralit di oggetti (es.: tagliare, Gdc 1,6)

PUAL

il passivo del piel

HIPHIL
HOPHAL

generalmente causativo, es.: udire > fare udire


il passivo dello hiphil

HITPAEL

indica una pluralit di azioni con riferimento al soggetto, perlopi riflessivo (es.:
esaltarsi) o reciproco (es.: vedersi lun laltro)

Tempi e coniugazioni si formano a partire dalla radice verbale, costituita da 3 consonanti.

Il perfetto
Il perfetto detto con maggior precisione coniugazione con suffisso (oqatal, cf. sotto). Si ottiene infatti aggiungendo alle tre consonanti radicali il seguente sistema di suffissi:
sg.

pl.

3 m.
3 f.

h-

W-

2 m.

t'tyt-

~t!tWn-

2 f.
1

10

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Il perfetto qal
Per la memorizzazione, si consideri il modello con la radice ljq (uccidere):
sg.
pl.

ljq
hljq
t'ljq
tljq
ytljq

3 m.
3 f.
2 m.
2 f.
1

Wljq

qal
qelh
qlt

~tljq
!tljq
Wnljq

qalt
qlt

qel
qealtem
qealten
qln

Limperfetto
Limperfetto meglio definito coniugazione con prefisso (o yiqtol, cf. sotto). Si ottiene infatti
aggiungendo alle tre consonanti radicali il seguente sistema di prefissi:
sg.
pl.
3 m.

-y

3 f.
2 m.

-t
-t

W---y
hn---t
W---t
hn---t
---n

y---t
-a

2 f.
1

Limperfetto qal
Per la memorizzazione, si consideri ancora il modello con la radice ljq:
sg.

ljqy
ljqt
ljqt
yljqt
ljqa

3 m.
3 f.
2 m.
2 f.
1

pl.

Wljqy
hnljqt
Wljqt
hnljqt
ljqn

yiql
tiql
tiql
tiqel
eql

yiqel
tiqlnh
tiqel
tiqlnh
niql

VOCABOLARIO

btk

scrivere

rkz

ricordare

dqp

visitare

ESERCIZI
Una volta memorizzate le flessioni del perfetto e dellimperfetto, si scrivano le seguenti forme:
11

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

1) perfetto di btk (coniugazione completa)

2) imperfetto di rkz (coniugazione completa)

3) dqp pft. 3 f. sg.


4) dqp pft. 3 pl.
5) dqp pft. 1 pl.
6) dqp pft. 2 m. sg.
7) dqp pft. 1 sg.
8) btk impft. 3 f. sg.
9) btk impft. 2 f. sg.
10) btk impft. 2 m. pl.
11) btk impft. 2 f. pl.
12) btk impft. 1 pl.
13) btk impft. 3 f. pl.

12

FTER, A.A. 2010/2011

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 5
Le altre coniugazioni verbali
Le forme del perfetto e dellimperfetto studiate nella lezione precedente sono quelle del QAL.
necessario apprendere ora come si compongono le forme del perfetto e dellimperfetto nelle altre
coniugazioni.
Le coniugazioni niphal, piel, pual, hiphil, hophal, hitpael prendono il nome dalla radice che viene
presa a modello: l[p (= fare). Il nome della coniugazione suggerisce quindi il modo in cui il verbo
si declina.
NIPHAL: si caratterizza per linserimento di -n allinizio della parola
pft
impft

qal

niphal

ljq
ljqy

ljqn
ljQy

niqal
yiqql

Si osservi che
- al perfetto il nome niphal suggerisce interamente la formazione del verbo: -n iniziale e vocali i +
a;
- allimperfetto la consonante -n-, interposta tra prefisso e radice (*yinqa- ), assimilata alla consonante successiva che risulta cos raddoppiata: yiqqa-. Elemento caratteristico dellimperfetto quindi il raddoppiamento della prima radicale, segnalato dal dage forte.
PIEL e PUAL si caratterizzano per il raddoppiamento della seconda consonante radicale, segnalato dal dage forte
pft
impft

qal

piel

ljq
ljqy

lJq
lJqy

qil
yeqal

Si osservi che
- al perfetto le vocali sono quelle suggerite dal nome piel, ossia i + e;
- allimperfetto occorre memorizzare la vocalizzazione (yeqal).

pft
impft

qal

pual

ljq
ljqy

lJq
lJqy

qual
yequal

Nel pual le vocali rimangono u + a, sia al perfetto sia allimperfetto.

13

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

HIPHIL: si caratterizza per linserimento di -h allinizio della parola e di -y- tra la seconda e la terza
consonante radicale
pft
impft

qal

hiphil

ljq
ljqy

lyjqh
lyjqy

hiql
yaql

Si osservi che
- al perfetto il nome hiphil suggerisce interamente la formazione della forma verbale: -h iniziale, -ytra seconda e terza radicale, vocali i + i;
- allimperfetto la consonante -h-, interposta tra prefisso e radice (*yihaqtil), cade (sincope di h intervocalica); la forma si riconosce comunque dalla -y- tra seconda e terza radicale.
HOPHAL: si caratterizza per linserimento di -h allinizio della parola e per le vocali o + a
qal
hophal
pft
impft

ljq
ljqy

ljqh
ljqy

hoqal
yoqal

Allimperfetto la consonante -h-, interposta tra prefisso e radice, cade come allhiphil.
HITPAEL: si caratterizza per linserimento di -th allinizio della parola e per il raddoppiamento
della seconda consonante radicale, regolarmente segnalato dal dage forte
qal
hitpael
pft
impft

ljq
ljqy

lJqth
lJqty

hitqal
yitqal

Anche qui le vocali sono suggerite dal nome hitqattel e, allimperfetto, cade la consonante -h-, interposta tra prefisso e radice.
ESERCIZI
Memorizzate le regole di formazione delle coniugazioni sopra esposte, si scrivano i verbi seguenti:
1) ljq Ni. pft 3 f. sg.
2) ljq Ni. pft 3 pl.

6) ljq Hit. pft. 2 m. sg.


7) ljq Hit. impft. 1 sg.

3) ljq Pi. pft 2 m. sg.


4) ljq Pi. impft 1 sg.

8) ldb Hi. pft. 3 m. sg.


9) ldb Hi. impft. 3 m. sg.

5) ljq Pu. pft. 1 pl.

10) ldb Ho. pft. 2 m. pl.

14

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

TAVOLA DEI VERBI

PERFETTO

3 m.sg.
3 f.
2 m.
2 f.
1
3 pl.
2 m.
2 f.
1

qal

niphal

piel

pual

hiphil

hophal

hitpael

lj;q'
hl'j.q'
T'l.j;q'
T.l.j;q'
yTil.j;q'
Wlj.q'
~T,l.j;q.
!T,l.j;q.
Wnl.j;q'

lj;q.nI
hl'j.q.nI
T'l.j;q.nI
T.l.j;qinI
yTil.j;q.nI
Wlj.q.nI
~T,l.j;q.nI
!T,l.j;q.nI
Wnl.j;q.nI

lJeqi
hl'J.qi
T'l.J;qi
T.l.J;qi
yTil.J;qi
WlJ.qi
~T,l.J;qi
!T,l.J;qi
Wnl.J;qi

lJ;qu
hl'J.qu
T'l.J;qu
T.l.J;qu
yTil.J;qu
WlJ.qu
~T,l.J;qu
!T,l.J;qu
Wnl.J;qu

lyjiq.hi
hl'yjiq.hi
T'l.J;q.hi
T.l.j;q.hi
yTil.j;q.hi
Wlyjiq.hi
~T,l.j;q.hi
!T,l.j;q.hi
Wnl.j;q.hi

lj;q.h'
hl'j.qh'
T'l.j;q.h'
T.l.j;q.h'
yTil.j;q.h'
Wlj.q.h'
~T,l.j;q.h'
!T,l.j;q.h'
Wnl.j;q.h'

lJeq;t.hi
hl'J.q;t.hi
T'l.J;q;t.hi
T.l.j;q.t.hi
yTil.J;q;t.hi
WlJ.q;t.hi
~T,l.J;q;t.hi
!T,l.J;q;t.hi
Wnl.J;q;t.hi

qal

niphal

piel

pual

hiphil

hophal

hitpael

ljoq.yI
ljoq.Ti
ljoq.Ti
ylij.q.Ti
ljoq.a,
Wlj.q.yI
hn"l.joq.Ti
Wlj.q.Ti
hn"l.joq.Ti
ljoq.nI

ljeQ'yI
ljeQ'Ti
ljeQ'Ti
ylij.Q'Ti
ljeQ'a,
Wlj.Q'yI
hn"l.j;Q'Ti
Wlj.Q'Ti
hn"l.j;Q'Ti
ljeQ'nI

lJeq;y>
lJeq;T.
lJ.q;T.
yliJ.q;T.
lJeq;a]
WlJ.q;y>
hn"l.Jeq;T.
WlJ.q;T.
hn"l.Jeq;T.
ljeQ;nI

lJ;quy>
lJ;quT.
lJ;quT.
yliJ.quT.
lJ;quT.a]
WlJ.quy>
hn"l.J;quT.
WlJ.quT.
hn"l.J;quT.
lJ;qun>

lyjiq.y:
lyjiq.T;
lyjiq.T;
yliyjiq.T;
lyjiq.a;
Wlyjiq.y:
hn"l.jeq.T;
Wlyjiq.T;
hn"l.jeq.T;
lyjiq.n:

lj;q.y"
lj;q.T'
lj;q.T'
ylij.q.T'
lj;q.a'
Wlj.q.y"
hn"l.jeq.T;
Wlj.q.T;
hn"l.jeq.T;
lj;q.n"

lJeq;t.yI
lJeq;t.Ti
lJeq;t.Ti
ylJ.q;t.Ti
lJeq;t.a,
WlJ.q;t.yI
hn"l.Jeq;t.Ti
WlJ.q;t.Ti
hn"l.Jeq;t.Ti
lJeq;t.ni

IMPERFETTO

3 m.sg.
3 f.
2 m.
2 f.
1
3 m.pl.
3 f.
2 m.
2 f.
1

15

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LE VOCALI

b'

qame

be

ere

b;

a pta

b,

e segol

b]

/a

b/

/e

bo
bi

u
olem

bu

i ireq

b\

u qibbu

SHEWA

b.

16

/-

lo shewa pu indicare una vocale brevissima (e) o essere quiescente (ossia muto)

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 6
Terminata la presentazione dellossatura del sistema grammaticale, ci si pu inoltrare nella lettura di
pagine bibliche scelte. Le note che seguono intendono accompagnare lo studente impegnato nella
traduzione dei testi commentati in classe, quale sorta di vademecum.1

Radici e temi verbali


I sostantivi, gli aggettivi e i verbi sono solitamente ricondotti a radici. Per quanto si possa distinguere tra radici nominali (le quali originariamente indicano un sostantivo, in genere di senso concreto)2
e radici verbali (dalle quali derivano i temi verbali e un certo numero di nomi), il termine radice
pi propriamente riservato ai verbi.
Per comprendere il significato di una forma verbale occorre anzitutto individuarne la radice, al netto
di eventuali prefissi, suffissi e infissi.3 Nel caso non si rinvengano le tre consonanti che normalmente costituiscono una radice, occorre tenere presente che alcune consonanti, dette deboli, possono
non comparire in alcune flessioni. Si tratta di h, w, y, n, in queste precise posizioni:

es. verbo regolare


consonanti deboli

3a rad.

2a rad.

1a rad.

es.

I verbi la cui prima consonante radicale costituita da yod o nun sono detti rispettivamente primae
yod e primae nun (ovvero I-y e I-n), i verbi la cui seconda consonante radicale costituita da waw o
yod sono detti rispettivamente mediae waw e mediae yod (ovvero II-w e II-y), i verbi la cui terza
consonante radicale costituita da he sono detti tertiae he (ovvero III-h). Talvolta la seconda consonante replicata, nei cosiddetti verbi mediae geminatae (ovvero II=III radicale). Tutti questi verbi, contenendo una consonante radicale debole sono considerati deboli, a differenza degli altri,
considerati forti.4
1

Chi desiderasse adottare una grammatica di introduzione pu utilmente considerare una di queste: H.-P. STHLI,
Grammatica ebraica, ed. Paideia, Brescia 1986; G. DEIANA A. SPREAFICO, Guida allo studio dellebraico biblico, ed.
Societ Biblica Britannica, Roma 1993; L. PEPI F. SERAFINI, Corso di ebraico biblico con CD-audio per apprendere
la pronuncia dellebraico, ed. San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2006; P. MAGNANINI P.P. NAVA, Grammatica della
lingua ebraica, ESD, Bologna 2008. Assai pi completa e oramai classica quella harvardiana di T.O. LAMBDIN, Introduction to Biblical Hebrew, Darton Longman Todd, London 1996.
2
Esempio: bocca (), padre (), cane () .
3
Nei lessici i verbi sono appunto elencati secondo la loro radice. I sostantivi si trovano invece al singolare (in stato assoluto) e gli aggettivi in corrispondenza della forma maschile singolare.
4
Le consonanti della radice ( fare) impiegata come modello per esprimere i nomi delle diverse coniugazioni (niphal, piel, pual, hiphil, hophal, hitpael) sono spesso citate per indicare la posizione di una consonante radicale debole.

17

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Evidentemente (!) alcuni verbi possono avere pi di una consonante debole, es. , . Sapendo
questo, davanti a forme strane si deve cercare di indovinare quale consonante sia caduta, verificando poi su un vocabolario leffettiva esistenza della radice supposta.
Ogni radice compare nei diversi contesti morfologici in uno specifico tema. Perfetto, imperfetto
come pure imperativo, participio e infinito (cf. sotto) si coniugano invero in un tema di base (qal)
o in un tema modificato per raddoppiamento di una consonante o per inserzione di prefissi o infissi
(niphal, piel, pual, hiphil, hophal, hitpael).
Il tema del perfetto originariamente collegato al tema del participio (come appare ancora in alcuni
verbi deboli o nei verbi stativi), mentre il tema dellimperfetto comune allinfinito e allimperativo
(vedi sotto).

Verbi fientici e stativi


Le radici verbali indicano, a seconda del loro significato, azioni o stati. Di qui la distinzione tra
verbi fientici e verbi stativi, percettibile anche dalluso delle vocali. I verbi fientici esprimono
unazione transitiva o intransitiva e si coniugano solitamente nel modo visto nelle lezioni 4 e 5. Al
perfetto seguono dunque il modello qtal e allimperfetto il modello yiqtol.5
I verbi stativi, provenendo da aggettivi, designano il perdurare di uno stato (es. , essere pesante; , essere leggero) o unazione concepita come uno stato (es. , temere). Solitamente si
differenziano dai verbi fientici per le vocali che occorrono nelle coniugazioni: al perfetto compaiono soprattutto nella forma kbd ( ) e allimperfetto nella forma yikbad () .6

I temi del perfetto e dellimperfetto


Perfetto e imperfetto qal sono comunemente noti rispettivamente come qal e yiql, due forme ottenute da un tema composto da due sillabe, ossia con due vocali, lultima delle quali quella caratteristica, detta vocale tematica.7
Al perfetto la vocale della prima sillaba sempre a, laddove la vocale tematica pu essere a (cf. qtal), (cf. kbd) oppure, raramente, (ykl, potere; qn, essere piccolo).
Nellimperfetto confluiscono tre forme arcaiche distinte (yaqtul, yaqtil, yaqtal)8 presto risoltesi in
due: yaqtul, yiqtal.9 La vocale del prefisso era originariamente a per i verbi fientici e i per i verbi

I verbi I-y e I-n sono dunque anche detti rispettivamente ''e '', quelli II-w e II-y sono detti rispettivamente ''e '',
quelli III-h sono detti ''mentre i verbi geminati sono detti ''.
5
Cf. P. JOON T. MURAOKA, A Grammar of Biblical Hebrew (Subsidia biblica 27), Pontificio Istituto Biblico, Roma
2006 [= JM], 41a.
6
Cf. JM 41b-d.
7
Il perfetto deriva da una flessione dellaggettivo verbale in cui la vocale distintiva, diversa a seconda della radice,
appunto la seconda (cf. le forme paris, rapa, maru dellaccadico) seguito da elementi del pronome personale.
Limperfetto evolve da elementi dei pronomi personali preposti alla forma astratta del verbo, ossia al tema dellinfinito.
Cf. GK 44a; 47a-b-c.
8
Il prefisso era ya- se la vocale tematica della base era /u/ o /i/, ma yi- quando la vocale tematica era /a/, secondo la cosiddetta Legge di H.J. Barth (1894) - H.L. Ginsberg (1939).
9
La maggioranza degli imperfetti proto-semitici in i (yaqtil) in ebraico sono divenuti in a (yiqtal) mentre yaqtal, per la
legge sopra citata, si muta in yiqtal. Cf. H. BAUER P. LEANDER, Historische Grammatik der hebrischen Sprache,
Niemeyer, Halle 21922; Olms, Hildesheim Zrich New York 1991 [= BL], 40b.

18

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

stativi,10 poi *ya- in sillaba chiusa (ovvero in sillaba terminante in consonante) divenuta yi- e
quindi il prefisso yi- stato esteso a tutti i verbi forti. La vocale tematica invece (da *u) per i
verbi fientici11 e a per i verbi stativi e pochi altri verbi quali ( imparare), ( coricarsi),

( levarsi).
Il valore dei tempi verbali
La traduzione di un qatal o di un yiqtol pu essere estremamente facile o terribilmente complicata.
Facile se si adotta la regola base di rendere il qatal con il passato remoto (uccise) e lo yiqtol con il
futuro o con limperfetto (uccider, uccideva), complicata se, consultando una grammatica dettagliata, ci si accorge che il qatal di un verbo stativo ha valore di presente, che esiste un qatal performativo (per azioni con le quali si realizza un atto ufficiale, es. acquisto, giuro, annuncio),
un qatal profetico (impiegato in testi profetici per qualcosa che accadr), un qatal che esprime anteriorit nel passato o nel futuro (aveva ucciso, avr ucciso)12 e che un yiqtol pu essere impiegato come un qatal.13
Lo studio dei diversi significati delle due forme verbali mette in evidenza che il qatal indica principalmente il tempo passato ovvero lanteriorit cronologica (cf., in italiano, passato prossimo, passato remoto, trapassato prossimo, trapassato remoto, futuro interiore), mentre lo yiqtol riferisce anzitutto una modalit. Per meglio comprendere ci che questo significa, occorre ragionare sulluso dei
tempi verbali in italiano e accorgersi che tempo grammaticale" (in inglese tense) e tempo reale
(time) non coincidono necessariamente e che una forma verbale non veicola solamente un tempo.
Piove (indicativo presente), ad esempio, pu corrispondere a un fatto del presente (in oggi piove) ma anche a un evento futuro in unespressione quale domani piove. In Domani piove il
presente indicativo esprime la persuasione del locutore che si produrr un certo avvenimento, esprime cio una modalit. La modalit tipicamente resa in italiano da verbi modali (volere, potere, dovere) e dal modo condizionale o congiuntivo, in forme verbali che non intendono primariamente indicare (a differenza del modo indicativo) un riferimento temporale. Esempi: Verrebbe,
Pu venire, Deve venire, Vedeste quel vestito!. Lo stesso indicativo, daltronde, pu essere
sfruttato ai fini di mettere in evidenza la modalit di unazione: Domani Giovanni verr si distingue da Domani viene Giovanni per un diverso grado di certezza veicolato dal futuro.14 Ebbene,
mentre il qatal indica anzitutto un tempo passato, lo yiqtol indica una modalit, di vario tipo (cf.
sotto).
Una forma verbale pu infine porre in risalto laspetto di unazione, a seconda che questa sia considerata puntuale (toss) o continuata (tossiva). Lo yiqtol segnala solitamente unazione durativa.
10

Lo si constata ancora nei verbi geminati e mediae vocalis (cf. sotto) nei quali la sillaba, essendo aperta, non ha subito
riduzioni (a si allungata in e i divenuta ). Esempi: , ( fientici); , ( stativi).
11
Con eccezioni: hanno la vocale e (originariamanete *i) alcuni verbi come ( da , dare) e le radici I-w del tipo

( cf. sotto).
12
Si raccomanda la lettura di JM 112.
13
Cf. JM 113.
14
Gli esempi si prestano a diverse letture: rimando una loro compiuta spiegazione alle lezioni in classe.

19

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Schematicamente un verbo esprime quindi un tempo, un aspetto, una modalit. Nella fattispecie:15
TEMPO

ASPETTO

MODALIT

presente
passato

puntuale
durativo / iterativo

epistemica
- dichiarativa (lo salver, Sal 22,9)

futuro

(= di azione ripetuta) /

affermazione che proviene dallesperienza;

abituale

- assertiva (luomo d [= pronto a dare] ci


che possiede in cambio della vita, Gb 2,4)
affermazione basata su una convinzione personale;

- assuntiva (part [...] per soggiornare dove


avrebbe trovato, Gdc 17,8)
si specula sul futuro;

- dubitativa (vuoi forse andare?, Gen 24,58)


deontica
- obbligativa (lavorerai, Es 20,9);
- permissiva (possiamo mangiare i frutti,
Gen 3,2);
- abilitativa (una donna dimenticher [= potr
mai dimenticare] il suo bimbo?, Is 49,15)
il locutore si esprime sulla capacit del soggetto di
compiere lazione

Con questo bisogna rammentare lincidenza tanto del contesto quanto del significato lessicale del
singolo verbo. La radice in questione pu infatti denotare una situazione statica (rimanere, possedere) oppure unazione dinamica, dinamica durativa (camminare, dormire) o puntuale (esplodere), unazione atelica (correre) o telica/resultativa (arrivare), unazione semelfattiva
(tossire) o iterativa (cantare), incoativa (fiorire, guarire, indurire).16

15

Riassumo in estrema sintesi il contributo di A. GIANTO, Mood and Modality in Classical Hebrew, IOS 18 (1998)
183-198.
16
Gli esempi seguono la semantica dellitaliano. Per approfondimenti si veda J.I. SAEED, Situations 1, in Semantics,
Malden - Oxford - Melbourne - Berlin, 1997, 2003, 116-143.

20

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 7
I suffissi personali
Sostantivi, preposizioni e verbi possono avere dei suffissi. Si gi visto come, nel caso dei sostantivi, questi possiedano un senso possessivo (cf. lezione 2). Occorre ora considerare i suffissi legati alle preposizioni e ai verbi.
a) Con le preposizioni
Unito alle preposizioni, il suffisso esprime loggetto a cui queste si riferiscono.
I. Le preposizioni brevi (-B. e -l.) ricevono i suffissi pi brevi (ossia quelli utilizzati per i sostantivi
maschili, al singolare):

yBi = in me
^B. = in te (m.)
%B' = in te (f.)
AB = in esso
HB' = in essa

WnB' = in noi
~k,B' = in voi (m.)
!k,B' = in voi (f.)
~B' / ~h,B' = in loro (m.)
!h,B' = in loro (f.)

Il loro significato il seguente:


-b
-l
-

in (temporale); in, tra (locale); con (strumentale);


a, per.
Gli stessi suffissi si impiegano poi per:

~[i con (compagnia);


tae.
Questa particella, con il suffisso, assume due vocalizzazioni differenti, a seconda del significato:
yTiai itt con me

ytiao

t me (compl. ogg.)

II. Le preposizioni la, (a, verso), d[; (fino a),


dei sostantivi plurali:
yl;ae = a me

^yl,ae = a te (m.)
%yl;ae = a te (f.)
wyl'ae = a esso
hy'l,ae = a essa

l[;

(sopra) prendono invece i suffissi alla maniera

Wnyleae = a noi
~k,yl,a] = a voi (m.)
!k,yl,a] = a voi (f.)
~h,yl,a] = a loro (m.)
!h,yl,a] = a loro (f.)
21

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

b) Con i verbi
Il suffisso, legato a un verbo transitivo, indica il pronome personale oggetto:
1 sg.
2 m.
2 f.
3 m.
3 f.

yn^%WhH-

1 pl.
2 m.

Wn~k-

3 m.

~!-

3 f.

Es.: ^W>c;m. - hwc piel (transitivo!) ptc m. sg. + suff. 2 m. sg . (Dt 6,6)

~T'n>N:viw> - waw + !nv piel pft 2 m. sg. + suff. 3 m. pl. (Dt 6,7)
~T'r>v;q.W, ~T'b.t;k.W - rvq, btk waw + qal pft 2 m. sg. + suff. 3 m. pl. (Dt 6,8.9)

22

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 8
Il participio
qal

niphal

piel

pual

hiphil

hophal

hitpael

ljeqo

lj'q.nI

lJeq;m.

lJ'qum.

lyjiq.m;

lj'q.m'

lJeq;tm. i

Il participio si comporta come un aggettivo, concordando con il soggetto in genere e numero. Le


forme riportate sopra, quindi, si possono trovare con la terminazione ~y- e, per il femminile, con la
terminazione t ,-/ h- ( tl,j,qo/ hl'j.qo) e tw- .
Si confrontino le forme del participio e del perfetto niphal:

lj;q.nI > lj'q.nI


-> allungamento della vocale finale, anzich a (cf. lhophal:

lj;q.y'

>

lj'q.m')

* Al qal, accanto al participio appena riportato (di senso attivo), ne attestato un altro di senso passivo, eppure distinto dal qal passivo (cf. sotto). La sua forma la seguente:
Esempio:

lWtv'

ljuq'.

piantato (Sal 1,3)

Il qal passivo
Alcune, rarissime, forme passive non possono essere ricondotte al pual o allhophal: si tratta del qal
passivo.
pft
impft
ptc

lJ;qu
lj;q.yu
lJ'qu

Esempio:

(= pual!)
(= hophal!)

lK'au mangiato, consumato (Es 3,2)

23

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Limperativo
Limperativo si forma sul tema dellimperfetto, secondo il seguente paradigma:

2 m. sg.
f.
2 m. pl
f.

qal

niphal

piel

pual

hiphil

hophal

hitpael

ljoq.
ylij.qi
Wlj.qi
hn"l.joq.

ljeQ'hi
ylij.Q'hi
Wlj.Q'hi
hn"l.j;Q'hi

lJeq;
yliJ.q;
WlJ.q;
hn"l.Jeq;

----

ljeq.h;
yliyjiq.h;
Wlyjiq.h;
hn"l.jeq.h;

----

lJeq;t.hi
yliJ.q;t.hi
WlJ.q;t.hi
hn"l.Jeq;t.hi

----------

----------

Linfinito assoluto
In ebraico esistono due tipi di infinito. La prima forma, abbastanza rara, ha senso intensivo. Essa si
accompagna normalmente a una forma finita della stessa radice verbale, es.:

$ly $lh lett. andare, va = certo se ne va (Sal 126,6)


ytdqp dqp lett. visitare, ho visitato = ho visitato per davvero (Es 3,16)
La sua forma la seguente:
qal
niphal

piel

pual

hiphil

hophal

hitpael

lAjq'

lJeq;

----

lyjiq.h;

----

lJeq;t.hi

lAjQ'hi

Linfinito costrutto
Il secondo, il pi usato, linfinito costrutto. Tale forma pu essere legata a una preposizione (es.

lydbhl

- per separare) o avere un pronome suffisso (es. $bkv - il tuo giacere; $bkvb - nel

tuo giacere > mentre giaci), proprio come un sostantivo.


In quanto forma verbale, daltra parte, pu reggere un oggetto: ^yb,h]ao-ta,

anOf.li

- per odiare i tuoi

amici. Loggetto, se costituito da un pronome, suffisso (e la forma uguale a quella del suffisso
soggetto!): $ljq il tuo uccidere (tu uccidi) / lucciderti.
Questo il paradigma delle varie coniugazioni:
qal

niphal

piel

pual

hiphil

hophal

hitpael

ljoq.

ljeQ'hi

lJeq;

----

ljeq.h;

----

lJeq;t.hi

Tale forma, ottenuta mediante una riduzione della forma assoluta, risulta di fatto identica a quella
dellimperativo.

24

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 9
Le forme invertite
La congiunzione waw, accompagnata da una certa vocalizzazione, inverte il significato di qatal e
yiqtol, cosicch il wayyiqtol equivale al qatal e il weqatal equivale allo yiqtol.
Si noti la diversa vocalizzazione del waw inversivo: wayyiqtol (wa + raddoppiamento della prima
consonante del verbo con dage forte), weqatal (w con shewa).
Esempi:

, , , - e disse, e vide, e separ, e chiam (Gen 1,3.4.5);


,
, - e amerai, e li ripeterai, e parlerai (Dt 6,5.7).
Quando la prima consonte del verbo si accompagna a shewa, nel wayyiqtol non compare solitamente il dage (specie con yod o mem) e nel weqatal la congiunzione si vocalizza -.
Esempi:

- e fu (Gen 1,3);
, - e li legherai, e li scriverai (Dt 6,8.9).
Si comprender da queste forme verbali, tipiche della narrazione (il wayyiqtol in special modo), il
motivo di un uso pervasivo della congiunzione. In sede di traduzione sar bene dunque variare la
resa di e. Si confrontino al riguardo due recenti traduzioni italiane di Gen 1,1-6:
1

In principio Dio cre il cielo e la terra. 2 La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque. 3 Dio disse: "Sia la luce!".
E la luce fu. 4 Dio vide che la luce era cosa buona e Dio
separ la luce dalle tenebre. 5 Dio chiam la luce giorno,
mentre chiam le tenebre notte. E fu sera e fu mattina:
giorno primo. 6 Dio disse [Nuova Bibbia CEI - 2008].

In principio Dio cre il cielo e la terra. 2 Ma la terra era


informe e deserta: le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio era sulla superficie delle acque. 3 Dio allora
ordin: Vi sia la luce. E vi fu la luce. 4 E Dio vide che
quella luce era buona. E separ la luce dalle tenebre. 5 E
Dio chiam la luce giorno e chiam le tenebre notte. E
venne sera, poi venne mattina: questo fu il primo giorno. 6
Dio disse ancora [?uovissima Traduzione della Bibbia
dai testi originali, San Paolo 2010].

N.B. Se lo yiqtol preceduto da we-, la forma non invertita ma possiede valore finale-consecutivo;
si tratta del weyiqtol. Esempio: - affinch / cosicch appaia (Gen 1,9).

Uno sguardo diacronico


Quella che stata appena presentata come inversione di significato di qatal e yiqtol pu diversamente essere compresa alla luce dellorigine di queste forme verbali. In ugaritico lingua semitica
nord-occidentale assai prossima allebraico attestata allincirca tra il 1300 e il 1190 a.C. esistono
due tipi di coniugazioni, una con suffisso e una con prefisso. La coniugazione con suffisso attestata dal perfetto kataba; la coniugazione con prefisso esprime tre forme, ossia lindicativo yaktubu, il
congiuntivo yaktuba (forme lunghe, perch terminanti in vocale) e il narrativo/iussivo yaktub
(forma breve).
25

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Il perfetto designa unazione o un evento che appartiene al passato, senza collocarlo in una sequenza narrativa. Lindicativo esprime generalmente unazione duratura, come lo yiqtol ebraico. Nei testi epici tale forma descrive anche lo sfondo o le circostanze dellevento principale, il quale invece
espresso nella forma narrativa preservatasi nel wayyiqtol ebraico. La medesima forma poi impiegata come iussivo, proprio come lo yiqtol ebraico (cf. sotto). Il congiuntivo tende a essere usato nelle frasi dipendenti (non condizionali) mentre nelle proposizioni indipendenti esprime un desiderio.
In ebraico la vocale -a di yaktuba permane nel coortativo, ossia la prima persona singolare
dellimperfetto con laggiunta di -h finale, eqelh.17

Imperfetto lungo e imperfetto breve


Quanto detto consente di offrire precisazioni riguardo allimperfetto. Propriamente esistono due
forme di imperfetto: una forma lunga (cf. lindicativo ugaritico) e una breve (cf. il narrativo/iussivo
ugaritico). Finora si presentata la sola forma lunga. Da questa, operativamente, si pu ottenere la
forma breve mediante qualche riduzione (qualche taglio, di qui la denominazione forma apocopata) quando ci sono consonanti deboli che cadono. In assenza di consonanti deboli i due imperfetti non si distinguono.18
Nei verbi forti limperfetto breve dunque identico allimperfetto lungo: = , = .
Nei verbi deboli le forme sono invece facilmente distinguibili.
Esempi:

>
>
>

La riduzione di regola possibile allo hiphil, dove nel tema c sempre uno --.
Esempio:

> .

Limperfetto breve si usa per formare:


- lo iussivo, ossia per esprimere un comando,

( la terra faccia germogliare!);


es.: ( sia la luce!),
- lo wayyiqtol, composto di fatto da wa + imperfetto breve,
es.: , , .

Le proibizioni
Sia limperfetto lungo sia limperfetto breve sono utilizzati per esprimere proibizioni:
- + imperfetto breve (es.: , non fare);
-

17

+ imperfetto lungo (forma enfatica, es.: , non devi fare).

Cf. D. PARDEE, Ugaritic, in R.D. WOODARD (ed.), The Ancient Languages of Syria-Palestine and Arabia, Cambridge University Press 2008 (e-book), 5-35, in part. 20-23 oppure A. GIANTO, Appunti della lingua ugaritica. Dispense
ad uso degli studenti del Pontificio Istituto Biblico, 8; IDEM, Grief, Joy and Anger in Ugaritic Literary Texts, in W.H.
VAN SOLDT (ed.), Administration and Society at Ugarit. Proceedings of the Symposium held at Leiden, December 1314, Leiden 2010, 45-57, nota 8.
18
In ebraico non esistono infatti parole terminanti in vocale, elemento che differenziava in maniera precipua lugaritico
yaktubu da yaktub.

26

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 10
I segni di interpunzione maggiori
La comprensione di un testo agevolata dal riconoscimento di alcuni segni che ne indicano le suddivisioni principali. Si tenga pertanto presente che ogni versetto chiuso da sillq (`).
Laccentoan ( ) ne isola poi le due parti maggiori, ulteriormente distinte in unit di senso da
zqf ( ). Esempio:

`hS'M;B; ~t,ySinI rv<a]K; ~=k,yhel{a/ hw"hy>-ta, WSn:t. al{ (Dt 6,16)


hw"+hy> ynEy[eB. bAJh;w> rv"Y"h; t'yfi['w> (Dt 6,18)
`^yt,boa]l; hw"hy> [B;v.nI-rv,a] hb'Joh; #r<a'h'-ta, T'v.r;y"w> t'ab'W %l' bj;yyI ![;m;l.
Pronomi e avverbi interrogativi
chi?
che cosa?

ymi
hm'

verso dove?
dove?
come?
perch?

yae
%yae
hM'l'

es.: ~h,yhel{a/

-h] (particella interrogativa)

yae

(dove [] il loro Dio?)

es.: t'yair"h] (hai visto?)

Le forme qal dei verbi stativi


La flessione completa delle forme caratteristiche dei verbi stativi, di cui qualcosa gi si detto, la
seguente:
- perfetto QAL
sg.
3 m.
f.
2 m.
f.

1

pl.

- laggettivo verbale, del medesimo tema del perfetto, prende il posto del participio, ;
- imperfetto QAL
sg.
3 m.
f.
2 m.
f.

pl.





27

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

1


- limperativo, del medesimo tema dellimperfetto, , , ;
- linfinito ha una caratteristica terminazione in -h, es. ( amare), ( temere).
VOCABOLARIO
verbi stativi19
- di senso attributivo

essere buono

essere cattivo

essere piccolo

essere alto, imponente

essere forte

essere povero

essere pesante

essere leggero

essere lontano

essere vicino

essere puro

essere impuro

essere pieno
- indicanti uno stato mentale

amare

compiacersi di, desiderare

odiare

temere
dimenticare
- indicanti uno stato fisico
indossare

essere sazio

aver sete

dormire
giacere
- altro

19

imparare
morire
chiedere
abitare

Si riprende qui la classificazione di JM 41f.

28

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 11
Le matres lectionis
Le vocali apprese al termine della lezione 5, ossia quelle comunemente impiegate per lo studio e
limpiego anche corrente dellebraico, risalgono a un sistema introdotto nel IX-X sec. d.C. dai masoreti, i tradizionalisti (da , tradizione), entrato nelle edizioni critiche del testo biblico. Dalle iscrizioni pi antiche (in ebraico, come anche in fenicio e aramaico) si deduce che originariamente non cerano segni per le vocali poi, progressivamente, alcune consonanti furono impiegate per
indicare suoni vocalici, dapprima solo in fine di parola e quindi anche in corpo di parola. Queste
sono le cosiddette matres lectionis.20
Si considerino alcune linee di un ostrakon rinvenuto ad Arad (598-587 a.C.).21 Nella prima colonna
si riportano le consonanti incise, nella seconda il testo vocalizzato secondo le convenzioni
dellebraico biblico, nella terza una traduzione:
l lyb
wt ntn lktym yyn [] wktb
m hym

el elyb
weatth ntn lakkittyim yayin
ketb em hayym

a Eliashib:
e ora da ai Kittim vino
e scrivi il nome del giorno

Nella traslitterazione della seconda colonna si vede come, nel processo di normalizzazione della
lingua, alcuni suoni siano stati esplicitati dallinserimento di alcune consonanti: nel nome personale
lyb stato introdotto uno yod per facilitare la lettura della vocale /i/, nellavverbio t stato aggiunto uno he per esplicitare la terminazione vocalica /a/, il sostantivo ym letto ym divenuto
ywm (ove w = ). Yod, he e waw fungono qui da matres lectionis (= madri della lettura), sostengono cio la lettura delle vocali. Di fatto si constata che nel tempo tali matres lectionis trovarono un
uso sempre pi abbondante.
Le matres lectionis non sono di per s necessarie. In alcune pagine dalla Bibbia, ad esempio, il sostantivo naarh (ragazza) scritto nr (Dt 22,23), la desinenza del femminile plurale solitamente marcata da -t ma si rinviene anche -t: , ( vergini). Il suffisso del perfetto qal di 2
sg. non in genere distinto qlt vale infatti sia per qlt (m.) sia per qlt (f.) , eppure accanto
a c anche la forma . Analogamente si scriveranno oppure ( grande), a
fianco di ( credette).
Schematicamente
- indica oppure ,
- indica oppure ,
- indica oppure , o .

20

In ugaritico, dove non si sviluppano le matres lectionis una parola, a seconda del contesto, pu corrispondere a molti
significati: mlk, ad esempio, pu valere per malika/maluka (regn), malik/maluk (regnarono), malku (re, nominativo sg.), malki (del re, genitivo sg.), malka (re, accusativo sg.), malk (il mio re), mlik (regnante, ptc. m.
sg.), muluk (regna!, imptv. 2 m. sg.), mulk (regnate! imptv. 2 m. pl.).
21
Seguo la lettura di F.W. DOBBS-ALLSOPP al., Hebrew Inscriptions. Texts from the Biblical Period of the Monarchy
with Concordances, Yale University, New Haven London 2005, 8.

29

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Concretamente si vedr perci che la vocale /i/ pu essere segnalata dallo ireq (es. - , b) o accompagnata da yod (es. -, b), la vocale /o/ pu essere indicata dallo olem (es. -, b) o da waw
(es. -, b), /u/ pu essere resa da qibbu o da waw (es. . -, b), ecc.
Una considerazione a parte merita la aleph. Essendo una gutturale assai debole, quando non seguita da vocale di fatto non percettibile. In chiusura di sillaba e a fine parola rimane perci scritta
con mero valore etimologico, sempre che non sia addirittura tralasciata (raramente). In tali casi, non
aggiungendo alcun fonema, non fa che sostenere la vocale precedente. Di qui, e da una contaminazione dellaramaico, luso tardivo, ben attestato a Qumran, di impiegarla come mater lectionis.22
Nella Bibbia si pu cos ad esempio leggere accanto alla forma corretta ( innocente),
accanto a ( miriade).

Verbi in 3a h
I verbi di terza h terminavano originariamente in y,23 consonante che si preservata in alcune forme. Per quanto riguarda il QAL, al perfetto la h compare solo alla 3 m. sg. come mater lectionis (per
accompagnare la terminazione in /a/ del qtal), mentre la presenza di un suffisso ha conservato la
consonante y, eventualmente assimilata (3 m. pl.: *-y > -):
sg.
pl.
3 m.

f.
2 m.

f.


1


Allimperfetto, in assenza di suffisso, le forme terminano generalmente in -eh:
sg.
pl.
3 m. hn,b.yi
Wnb.yi
f. hn,b.Ti
hn'yn,b.Ti
2 m. hn,b.Ti
Wnb.Ti
f. ynib.Ti
hn'yn,b.Ti
1
hn,b.a,
hn,b.ni
La medesima terminazione in -eh caratterizza il participio sg. m., declinato secondo il modello:

hn<Bo, hn"Bo / hY"nIBo, ~ynIBo , tAnBo. Si noti che il femminile singolare pu preservare y.
Limperativo si ottiene facilmente dallimperfetto, togliendo il prefisso e allungando la vocale finale: hn<b.yI yibneh > hnEB. benh
Linfinito assoluto termina in -h: hnoB', mentre linfinito costrutto termina in -t: tAnB..
22
23

In 1QIsaiaa si trovano forme come ( , colpa), ( , colpir), ( , chi?).


Ci sono di fatto verbi originariamente di III-w ma questi sono stati presto assimilati alle radici di III-y (JM 79a).

30

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Data la presenza di una consonante debole, limperfetto breve si distingue da quello lungo: !b,yI.
Per le rimanenti coniugazioni si veda il seguente schema di riferimento:
perfetto
imperfetto
imperativo
infinito cs.

niphal

piel

pual

hiphil

hophal

hitpael

hn"b.nI
hn<B'yI
hnEB'hi
tAnB'hi

hL'GI
hL,g:y>
lG:
tALG:
hL,g:m.

hL'Gu
hL'Guy>

hl'g>hi
hl,g>y:
hleg>h;
tAlg>h;
hl'gm> ;

hl'g>h'
hl,g>y"

hL'g:t.hi
hL,g:t.yI

hl,gm> '

hL,g:t.mi

participio

hL,gmu .

AVVERTE)ZA: non appartengono a questo gruppo i verbi originariamente di 3-h , ossia quei verbi
la cui h non nasconde una y/w originaria. La h di tali verbi contraddistinta dal mappq: Hbg (essere alto), Hmt (essere attonito), Hhm (ritardare).

Verbi di 1a n
La nun iniziale, come gi visto nella formazione del niphal (lezione 5), si assimila alla consonante
successiva. La flessione del perfetto non presenta dunque difficolt, salvo il caso di =( dare),
irregolare a motivo della presenza della nun finale, che si assimila con il suffisso (coniugazione
QAL):
sg.
pl.
3 m. !t'n"
Wnt.n"
f. hn"t.n"
2 m. T't;n"
~T,t;n>
f. T.t;n"
!T,t;n>
1
yTit;n"
WNt;n"
Allimperfetto lassimilazione con il prefisso costituisce invece la regola. Nel QAL questo dunque
il paradigma:
sg.
3 m. lPoyI
m.
f.
1

lPoTi
lPoTi
yliP.Ti
lPoa,

pl.

WlP.yI
hn"l.PoTi
WlP.Ti
hn"l.PoTi
lPonI

Il verbo si distingue per la formazione con la vocale tematica /e/:


sg.
pl.
3 m.

m.
f.
1

-
-
31

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Imprevedibilmente il verbo =( prendere) si declina come fosse I-nun, forse per analogia di significato con : ( 3 m.sg.), ( 3 f.sg.), ( 1 sg.), ( 1 pl.).24
La flessione delle altre coniugazioni prevedibile. Si faccia come sempre attenzione
allassimilazione (ossia a niphal pft., hiphil e hophal):
niphal
piel
hiphil
perfetto
imperfetto

vG:nI

vyGIhi
vyGIy:

hophal

vG:hu
vG:yU

PIEL e NIPHAL, con verbi III-h, possono essere identici: ( ni.), ( pi.).
VOCABOLARIO
verbi I-n

colpire

avvicinarsi

(ni.) pentirsi; (pi.) consolare

cadere

vendicarsi

alzare

dare

distruggere
verbi III-h

piangere

costruire

svelare; (hi.) deportare

prostituirsi
I rispondere
II essere debole: (pi., hi.) umiliare

riscattare

(pi.) comandare
verbi I-n e III-h

(hi.) colpire

volgersi

(pi.) mettere alla prova

(ni.) essere innocente

24

Per la vocalizzazione, si vedano le particolarit dei verbi III-gutturale.

32

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 12
Alcuni verbi sono originariamente monosillabici, essendo costituiti da due sole consonanti collegate
da una vocale lunga ( oppure ). Tali verbi sono comunemente conosciuti come verbi vuoti.

Verbi di 2a W
Le radici mediae- al QAL, nel perfetto, seguono questa flessione:25
sg.
3 m.
f.
2 m.
f.
1

~q'
hm'q'
T'm.q'
T.m.q'
yTim.q'

pl.

Wmq'
~T,m.q;
!T,m.q;
Wnmq'

Nellimperfetto occorre prestare attenzione alla vocale che accompagna il prefisso: /a/ anzich /i/.26
La flessione del resto facilmente deducibile sostituendo le consonanti q-t-l (in yiqtl) con q--m
(*yqwm):
3 m.
f.
m.
f.
1

sg.

pl.

~Wqy"
~WqT'
~WqT'
ymiWqT'
~Wqa'

WmWqy"
hn"ym,WqT.
WmWqT'
hn"ym,WqT.
~Wqn'

In presenza di una consonante debole, le forme dellimperfetto breve si distinguono da quelle


dellimperfetto lungo: lo iussivo ~qoy", la forma narrativa ~q'Y"w: (wayyqom).
Imperativo e infinito costrutto possono come al solito dedursi allimperfetto,
- limperativo ~Wq, ymiWq, WmiWq, hn"m.qo;
- linfinito costrutto ~Wq.

~Aq.
~q', hm'q'

Linfinito assoluto si forma sul modello di qtl:


Il participio collegato al tema del perfetto:

(accento finale!), ~ymiq', tAmq'.

25

Si osservi che, sostanzialmente, delle due vocali del qtal si preserva solo la seconda (la vocale tematica), la quale
diviene lunga () nelle sillabe aperte e nelle sillabe chiuse toniche.
26
Come si potr ormai immaginare, anche in questo caso si preserva una forma originaria: *yaqtul > *yiqtul (la a in sillaba chiusa non accentata diviene i).

33

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Per le rimanenti coniugazioni si rimanda a uno schema di riferimento. Si osservi come le coniugazioni piel e pual siano sostituite rispettivamente da polel e polal (i nomi di tali coniugazione rendono conto dellassenza della seconda consonante radicale).

perfetto
imperfetto

niphal

hiphil

hophal

polel

polal

~Aqn"
~AQyI

~yqihe
~yqiy"

~q;Wh
~q;Wy

~meAq
~meAqy>

~m;Aq
~m;Aqy>

AVVERTE)ZA: non si confondano i verbi vuoti con i verbi di 2a w, regolari. Esempio:


mandare), hwq (attendere, sperare).

hwc

(co-

Verbi di 2a
Le radici mediae- presentano nella loro flessione caratteristiche analoghe a quelle viste a riguardo
delle radici mediae-, con le quali talvolta si sovrappongono.
Al QAL, il perfetto identico a quello appreso per :
sg.

pl.

3 m.
f.

2 m.
f.
1

Nellimperfetto la vocale del prefisso ancora /a/, mentre il tema si ottiene sostituendo le consonanti q-t-l (in yiqtl) con --m (*yym):
3 m.
f.
m.
f.
1

sg.

pl.

Le forme dellimperfetto breve si distinguono da quelle dellimperfetto lungo: lo iussivo


, la
forma narrativa .
Imperativo e infinito costrutto possono dedursi allimperfetto,
,
- limperativo
- infinito costrutto
/.
34

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Linfinito assoluto .
Il participio, collegato al tema del perfetto, identico a quello di: ,
,
,
.
Le coniugazioni diverse dal qal sono attestate alquanto raramente e sono spesso identiche a quelle
dei verbi mediae-.
VOCABOLARIO
verbi mediae-

soggiornare

fuggire

volgersi
assediare

alzarsi

essere alto; innalzarsi


correre

tornare

verbi mediae-

rallegrarsi
giudicare

trascorrere la notte
collocare, imporre

rallegrarsi

cantare
porre

35

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 13
Precisazioni su genere e numero
In alcuni sostantivi le desinenze - / - non corrispondono al genere solitamente da loro indicato.
Esempi:

padre -
nome -
/ cuore - /
luogo -

* <( nh) donna -

anno -

Alcuni nomi femminili non hanno poi una terminazione caratteristica: il genere deriva dal significato della parola, ma non necessariamente. Esempi:

madre
pecora

mano
citt (pl. )

Il genere di un nome, singolare o plurale, pu essere comunque dedotto dal contesto, ossia
dallimpiego degli aggettivi e dei verbi ad esso riferiti.
Sostantivi maschili e femminili, qualora denotino una coppia naturale (mani, piedi, occhi, braccia,
gambe) o, meno comunemente, un numero doppio (es. due catene, due mura), assumono la forma
del duale - (con accento sul qame).
Esempi: ralyim, i piedi (m.); ep tyim, le labbra (f.).

Luso del pronome relativo


In ebraico esiste un unico pronome relativo, invariabile: rv,a]. Esso si pu riferire a ogni tipo di sostantivo: maschile, femminile, singolare, plurale, essere animato, oggetto inanimato, nome comune,
nome proprio.
Ci che merita attenzione il suo impiego allinterno di una proposizione. Qualora esso funga da
oggetto o soggetto, il suo uso non presenta difficolt:
a) ^W>c;m.
b) %l;h'

ykinOa' rv,a] hL,aeh' ~yrIb'D>h; Queste cose che [OGG.] io ti comando (Dt 6,6);
al{ rv,a] vyaih' Luomo che [sOGG.] non ha camminato (Sal 1,1).

Nelle frasi in cui

rv,a] forma invece un complemento indiretto, il suo valore indicato da una pre-

posizione con un pronome di ripresa, di solito in posizione finale. Esempi:


c) Ab-A[r>z: rv,a] yrIP. hf,[o yrIP. #[e () Un albero da frutto che produce un frutto nel quale
[STATO IN LUOGO] il suo seme (cf. Gen 1,11)
lett.: un albero facente un frutto CHE il suo seme () IN ESSO (rv,a] allinizio della frase relativa + preposizione -b con suffisso 3 m. sg. che riprende il nome frutto a cui rv,a] si riferisce)

d) ^d>y"B. xq; raoy>h;-ta, AB t'yKihi rv,a] ^J.m;W Prendi in mano anche il tuo bastone, con il quale
[COMPL. DI STRUMENTO] hai colpito il ?ilo (Es 17,5)
36

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

lett.: e il bastone CHE hai colpito CON ESSO il Fiume prendi nella tua mano (rv,a] allinizio
della frase relativa + preposizione -b con suffisso 3 m. sg. che riprende il nome bastone)

e)

~h,l' hw"hy> rm;a' rv,a] hv,moW !roh]a; aWh Questi sono Aronne e Mos ai quali [COMPL. DI TER-

MINE]

il Signore aveva detto (Es 6,26)

lett.: Aronne e Mos CHE Yhwh disse A LORO (rv,a] allinizio della frase relativa + preposizione -l con suffisso 3 m. pl. che riprende Aronne e Mos cui rv,a] si riferisce)

f) T'l.k'a' WNM,mi-lk'a] yTil.bil. ^ytiyWIci rv,a] #[eh'-!mih] Hai mangiato dellalbero di cui [COMPL. PARTITIVO] ti avevo comandato di non mangiare? (Gen 3,11)
lett.: dallalbero CHE ti ho comandato di non mangiare DI ESSO hai mangiato? (rv,a] allinizio
della frase relativa + preposizione -!m con suffisso 3 m. sg.)

Nel caso di un complemento di luogo, il pronome di ripresa pu essere sostituito da un avverbio:


g) bh'Z"h;

~v'-rv,a]; #r<a,

Una terra in cui c loro (cf. Gen 2,11)

lett.: una terra CHE L () loro (rv,a] allinizio della relativa + avverbio di stato in luogo)

h) hM'v'

~yrIb.[o ~T,a; rv,a] #r<a'B' ?ella terra alla quale [MOTO A LUOGO] voi passate (Dt 6,1).

lett.: nella terra che voi (siete) passanti l (rv,a] allinizio della relativa + avverbio di moto)

Le sillabe
In ebraico come in italiano ogni parola pu essere mono- o polisillaba. Per una retta divisione in sillabe si tenga presente che:
-

ogni sillaba comincia con una consonante,

le sillabe possono essere aperte (Cv) o chiuse (CvC), a seconda che terminino in vocale o
consonante,

nelle sillabe aperte la vocale pu essere brevissima, breve o lunga,

- mentre in quelle chiuse la vocale pu essere lunga solo se accentata.


Per la sillabazione di una parola occorre prestare speciale attenzione alla presenza dello shewa:
-

se la vocale precedente allo shewa lunga (", e,o, A, W), lo shewa ha suono vocalico (e),
se la vocale presedente breve, esso muto e vale semplicemente a chiudere una sillaba
(shewa quiescente).

Di qui si deduce che lo shewa si pronuncia sempre quando allinizio di una parola.
Dopo uno shewa quiescente, le begadkepat sono munite di dage lene (cf. lezione 1). Nella pronuncia si differenziano solo b, k, p:27

B
K
P

27

=b
=k
=p

b
k
p

= (si pronuncia /v/)


= (si pronuncia come x)
= p (si pronuncia /f/)

Le consonanti con dage lene sono occlusive, senza dage lene sono spiranti.

37

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Esempi (da Dt 6,4-6):

laer"f.yI [m;v.
T'b.h;a'w>
^b.b'l.-lk'B.
^v.p.n:-lk'b.W
hL,aeh' ~yrIb'D>h;

38

e-ma yi-r-l
we--ha-t
e

* nota luso della lineetta per indicare una begadkepat aspirata


e

b -ol l -- -
- e- ol nap-e-
e

* " in sillaba chiusa non accentata vale /o/ (qame atuf)


* vedi il valore di due shewa consecutivi

had-d --rm h-l-leh * le consonanti raddoppiate appartengono a sillabe distinte

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 14
I verbi geminati (2a = 3a rad.)
Alcuni verbi derivano da radici biconsonantiche con una vocale breve intermedia. Nella loro flessione la seconda consonante radicale raddoppiata o ripetuta (di qui il nome di verbi mediae geminatae) a imitazione dei verbi triradicali.
Pi precisamente, nel QAL allimperfetto e allimperativo si constata la natura biconsonantica del
verbo in ogni forma in cui non ci sia un suffisso. Nel caso ci sia un suffisso si raddoppia la seconda
radicale e, se c una consonante, si introduce la vocale --:
3 m.
f.
2 m.
f.
1

sg.

pl.

bsoy"
bsoT'
bsoT'
yBisoT'
bsoa'

WBsoy"
hn"yB,suT.
WBsoT'
hn"yB,suT.
bson"

m.sg.
f.
m.pl.

bso
yBiso
WBso

La forma ysb, apparentemente assai diversa dal modello yiqtl, ben si comprende ricordando la
forma originaria *yaqtul. La vocale del prefisso *-a- in sillaba chiusa diventa -i-, mentre in sillaba
aperta si allunga in --, il tema si ottiene inserendo le consonati (s-b) con la vocale tematica (*u >
): *yaqtul > *yasub > y-sb.
Al perfetto la seconda radicale ripetuta (con la vocale tematica, -a-) ogni qualvolta non ci sia un
suffisso. In presenza di un suffisso, invece, si raddoppia la seconda radicale e, se c una consonante, si introduce la vocale --:
3 m.
f.
2 m.
f.
1

sg.

pl.

bb;s'
hb'b]s'(
t'ABs;
tABs;
ytiABs;

Wbb]s('
~t,ABs;
!t,ABs;
WnABs;

I verbi stativi, al perfetto, si distinguono da quelli di azione mantenendo sempre due sole radicali
(alla 3a pers.): ~T;, hM'T;, WMT;.
Per le altre coniugazioni, si tenga presente il seguente riquadro:
niphal
hiphil
hophal
polel

bb;As
bbeAsy>
imperfetto
bb'Asm.
participio
N.B. Le radici geminate possono talvolta seguire la flessione dei verbi di I-n, I-y o II-W.
perfetto

bs;n"
bS;yI

bsehe
bsey"

bs;Wh
bs;Wy
bs;Wm

polal

bbeAs
bbeAsy>
bbeAsm.

39

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 15
Verbi di 1a y
Il riconoscimento delle forme dei verbi di 1a y non difficile, se si tiene presente, come regola pratica, che la y iniziale pu comparire, essere rimpiazzata da w (dopo un affisso) o cadere. Si constata
infatti che la w iniziale del protosemitico diviene in ebraico y.28
Per entrare nei dettagli della flessione di questi verbi, necessario distinguerli due classi a seconda
che in origine siano *I-w o *I-y.
I) I verbi *I-w appartengono a due gruppi, a seconda che siano verbi di azione o verbi di stato.
a) I verbi di azione pi comuni sono:

dly

(generare);

acy

(uscire);

bvy

(risiedere, dimo-

rare); dry (scendere); $lh (!) (camminare); [dy (anche III-gutt.!) (conoscere).
Il perfetto e il participio QAL si flettono regolarmente come verbi la cui prima radicale

y (bv;y",

T'b.v;y" ; bvey, hb'v.y).


Per limperfetto si deve osservare come la consonante y sia vocalizzata in /e/:29
sg.
pl.
3 m. bveyE
Wbv.yE
f. bveTe
hn"b.v;Te
2 m. bveTe
WbveTe
f. ybiv.Te
hn"b.v;Te
1
bveae
bvenE
Le forme dellimperativo e dellinfinito sono come al solito deducibili dallimperfetto, con la sola
differenza che, non recando il prefisso personale, non recano traccia della prima consonante radicale:
imperativo: bve, ybiv., Wbv., hn"b.ve;30
infinito costrutto: tb,ve.31
La consonante originaria si preservata invece nelle ALTRE CONIUGAZIONI:
perfetto
imperfetto
imperativo
infinito cs.
participio

28

niphal

hiphil

hophal

bv;An
bveW"yI
bveW"hi
bveW"hi
bv'An

byviAh
byviAy
bveAh
byviAh
byviAm

bv;Wh
bv;Wy
Allo HIPHIL, lo iussivo bveAy,
la forma narrativa bv,AYw:.

bv'Wm

Il fatto che la prima consonante (y/w) possa semplicemente cadere, come allimperativo, porta a supporre che molti
verbi I-w fossero in realt biconsonantici, con un aumento wa- prefissato (cf. GAG 103b).
29
Dal modello *yaqtil: *yayib > yb.
30
Si noti la diversa vocale dellimperfetto 2 pl. f. (hn"b.v;Te).
31
La -t finale ripristina il trilitteralismo.

40

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

b) I verbi stativi sono di due tipi, a seconda che possiedano limperfetto QAL in /a/ o in /o/.
1)

@[y

(essere stanco),

#[y

(consigliare),

rqy

(essere prezioso/ caro),

(ereditare), !vy (dormire) hanno limperfetto yiqtal:


3 m.
f.
2 m.
f.
1

sg.

pl.

vr:yyI
vr:yTi
vr:yTi
yvir>yTi
vr:yai

Wvr>yyI

ary

(temere)

vry

32

Wvr>yTi
vr:ynI

2) Alcuni, pochissimi, verbi stativi allimperfetto hanno una forma hophal (!),33 come risulta dal paradigma di lky (essere capace, potere):
sg.
pl.
3 m.
f.
2 m.

lk;Wy
lk;WT
lk;WT

Wlk.Wy

lk;Wa

lk;Wn

Wlk.WT

f.
1

II) I verbi *I-y sono sette in tutto, cinque stativi, vby (essere arido), bjy (essere buono), qny
(succhiare), #qy (svegliarsi), rvy (essere diritto/ piano/ retto), e due denominali (fientici)
dei quali non attestato il Qal, lly (gemere), !my (andare a destra),
In tali verbi la y costitutiva della radice originaria ed sempre preservata, come si pu notare nelle
forme in cui sono attestati:
qal

hiphil

bj;yyI
bjoy>

byjiyhe
byjiyyE
byjiyhe
byjiyme

perfetto
imperfetto
infinito cs.
participio

AVVERTENZA: Alcuni verbi di I-y mostrano forme differenti. Nei verbi -cy, ad esempio, la prima
radicale si pu assimilare alla sibilante: qCoyI (da qcy versare), rCoyI (da rcy plasmare).

Si comprende cos la presenza di due y: yiqtal > yiyra (nei verbi fientici della medesima classe la y, originata da w,
trovandosi nel gruppo /ay/ diveniva /e/).
33
La questione dibattuta, sembra che questi siano i passaggi semantici soggiacenti a un simile uso dello hophal con
senso qal: sar reso capace > diverr capace > sar capace (JM 75i).
32

41

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 16
Verbi in 3a a
In questi verbi si osserva talvolta un allungamento della vocale precedente alla a. Non venendo
pronunciata in fine sillaba, a non chiude infatti la sillaba e riposa nella vocale precedente che, se
possibile, si allunga (aleph quiescente).
Di qui la coniugazione del perfetto QAL:
sg.
pl.
3 m.
f.
2 m.
f.
1

ar"q'
ha'r>q'
t'ar"q'
tar"q'
ytiar"q'

War>q'
~t,ar"q.
!t,ar"q.
Wnar"q'

Tali verbi esprimono limperfetto in a (anzich in ):


sg.
pl.
3 m.
f.
2 m.
f.
1

ar"q.yI
ar"q.Ti
ar"q.Ti
yar>q.Ti
ar"q.a,

War>q.yI
hn"ar,q.Ti
War>q.Ti
hn"ar,q.Ti
ar"q.nI

Limperativo, il cui tema uguale a quello dellimperfetto, varia di conseguenza:

ar"q.

yair>qi

War>qi

Per le altre coniugazioni, si tenga presente il seguente quadro:


niphal
piel
pual
hiphil
perfetto
imperfetto
imperativo
infinito ass.
infinito cs.
participio

ar"q.nI
arEQ'yI
arEQ'hi
aroq.nI
arEQ'hi
ar"q.nI

aLemi
aLem;y>
aLem;
aLom;
aLem;
aLem;m.

aL'mu
aL'muy>

aL'mmu .

aycim.hi
aycim.y:
acem.h;
acem.h;
aycim.h;
aycim.m;

Secondo la regola gi esposta, si noti lallungamento a >


- al NIPHAL perfetto,
- al PUAL / HOPHAL perfetto e imperfetto.

42

hophal

ac'm.h'
ac'm.y"

ac'm.m'

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Altri verbi con una consonante gutturale


Alcune consonanti non cadono necessariamente ma provocano nondimeno alterazioni nella forma. il caso di r e delle gutturali (a, h, x, [). Per tali verbi si tenga presente che:
- le gutturali non possono mai essere raddoppiate,
- e non possono mai essere vocalizzate con shewa (e): ove fosse necessaria una vocale brevissima
(indicata dallo shewa), si ricorre a uno shewa composto (hatef shewa) e pi precisamente a (hatef
patah) oppure a (hatef segol) [cf. sopra LE VOCALI];34 qualora fossero seguite da uno shewa
semplice (cio non composto), questo necessariamente muto.
Con tali avvertenze, si consideri la coniugazione del perfetto QAL:
2 a gutt.
3 a gutt.
1a gutt.
3 m. sg.
3 f.
2 m.
2 f.
1
3 m. pl.
2 m.
2 f.
1

dm;['
hd'm.['
T'd>m;['
T.d>m;[
yTid>m;['
Wdm.['
~T,d>m;[]
!T,d>m;[]
Wnd>m;['

rx;B'
hr'x]B'
T'r>x;B'
T.r>x;B'
yTir>x;B'
Wrx]B('
~T,r>x;B.
!T,r>x;B.
Wnr>x;B'

[m;v'
h['m.v('
T'[.m;v'
T.[;m;v'
yTi[.m;v'
W[m.v('
~T,[.m;v.
!T,[.m;v.
Wn[.m;v'

La presenza di una gutturale si accompagna di fatto a una preferenza per la vocale /a/, come si evidenzia allimperfetto:
3 m. sg.
3 f.
2 m.
2 f.
1
3 m. pl.
3 f.
2 m.
2 f.
1

34

1a gutt.

2 a gutt.

3 a gutt.

dmo[]y:
dmo[]T;
dmo[]T;
ydIm.[;T;
dmo[/a,
Wdm.[;y:
hn"d>mo[]T;
Wdm.[;T;
hn"d>mo[]T;
dmo[]n:

rx;b.yI
rx;b.Ti
rx;b.Ti

[m;v.yI
[m;v.Ti
[m;v.Ti
y[im.v.Ti
[m;v.a,
W[m.v.yI
hn"[.m;v.Ti
W[m.v.Ti
hn"[.m;v.Ti
[m;v.nI

yrIx]b.Ti
rx;b.a,
Wrx]b.yI
hn"r>x;b.Ti
Wrx]b.Ti
hn"r>x;b.Ti
rx;b.nI

Si ricorre a dopo oppure a (ossia dopo una vocale /a/), si ricorre a dopo e.

43

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Limperfetto dei verbi di 2a e 3a gutturale, rimpiazzando la vocale (cf. il modello yiqtl) con a,
detto imperfetto in a (cf. verbi in 3a a).
Alcuni verbi di 1a gutturale, anzich avere limperfetto in o (come sopra), hanno limperfetto in a,
con la seguente vocalizzazione:
3 m.
f.
2 m.
f.
1

sg.

pl.

qz:x/y<
qz:x/T,
qz:x/T,
yqiz>x,T,
qz:x/a,

Wqz>x,y<
hn"q.z:x/T,
Wqz>x,T,
hn"q.z:x/T,
qz:x/n<

Limperativo, il cui tema uguale a quello dellimperfetto, varia di conseguenza:


2 m. sg.

dmo[] / qz:x]

rx;B.

[m;v.

Linfinito costrutto:

dmo[]

rxoB.

[;mov.

Si noti linserimento di una vocale /a/ per rendere udibile la gutturale finale (patah. furtivum): ema

(lunica vocale pronunciata prima di una consonante!).

Per le altre coniugazioni, si tengano presenti i seguenti riquadri:


1a gutt.

niphal pual

hiphil

hophal

perfetto
imperfetto

bz:[/n<)
bzE['yE)
bzE['he(
bzo[]n;
bzE[')he(
bz"[/n<)

dymi[/h,
dymi[]y:
dme[]h;
dme[]h;
dymi[]h;
dymi[]m;

dm;[]h\ '(
dm;[\y"

imperativo
infinito ass.
infinito cs.
participio

bZ'[u

dme[]h\ '(
dm'[m\ '

Note:
-

al niphal imperfetto, non potendosi raddoppiare la gutturale, la vocale precedente viene allungata (regolare: yiqqatl; qui: yzb); imperativo e infinito cs. si formano sul tema
dellimperfetto;

perfetto niphal e hiphil: quando una sillaba chiusa non accentata (es. niq-tl, hiq-tl) finisce
in gutturale, la vocale della sillaba si abbassa (i > e) ed seguita dallo shewa composto corrispondente (*nizab > neezab; *himid > heemid).

44

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

2a gutt.

niphal

piel

pual

hitpael

perfetto

rx;b.nI

%reBe
r[eBi

%reB't.hi

imperfetto

rxeB'yI

%reb'y>
r[eb;y.

%r;Bo
~x;ru
%r;Boy>
~x;ruy>

imperativo

rxeB'hi

infinito ass.
infinito cs.

rAxb.nI
rxeB'hi

participio

rx'b.nI

%reB'
r[eB;
%reB'
%reB'
r[eB;
%reb'm.
r[eB;m.

%reB't.yI
%reB't.hi
%reB't.hi
%reB't.hi

%r'bmo
~x'rum.

%reB't.mi

Note:
- il niphal regolare;
-

al piel, non potendosi raddoppiare la seconda radicale, la vocale precedente allungata;


lallungamento reale (regolare: qittel; qui: brk) oppure virtuale (ossia inesistente,
es.: bir), di qui le due forme;

anche al pual esistono due forme: una con lallungamento della vocale in anzich u (brak

anzich quttal), una con un allungamento virtuale;


allo hitpael lallungamento fa s che la vocale precedente alla gutturale sia anzich a.

3a gutt.

niphal

piel

pual

hiphil

hophal

hitpael

perfetto

xl;v.nI
xl;V'yI
xl;V'hi
xAlv.nI
xl;V'hi
xl'v.nI

xL;vi
xL;v;y>
xL;v;
x:Lev;
xL;v;
x:Lev;m.

xL;vu
xL;vuy>

x:yliv.hi
x:yliv.y:
xl;v.h;
x:lev.h;
x:yliv.h;
x:yliv.m;

xl;v.h'
xl;v.y"

[G:T;v.hi
[G:T;v.yI
[G:T;v.hi

imperfetto
imperativo
infinito ass.
infinito cs.
participio

xL'vmu .

x;lev.h'
xl'vm. '

[:GET;v.hi
[:GET;v.mi

Note:
-

al niphal imperfetto la gutturale si accompagna alla vocale a, come al Qal; imperativo e infinito cs. si formano sul tema dellimperfetto;

al piel la gutturale si accompagna come di regola ad a (anche al participio, mediante il pata

furtivum);
il pual regolare;

allo hiphil la gutturale sempre preceduta da a, sia quando c lo yod tra la II e la III radicale, sia quando non c (come allimperativo, in cui ci sarebbe : haqtl).

45

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

LEZIONE 17
Approfondimenti sugli aggettivi
1) Il comparativo di maggioranza si riconosce unicamente dalla presenza della preposizione -!mi che
introduce il termine di paragone. Esempio:
~K,mi ~ymicu[]w: ~ylidoG> ~yIAG - nazioni pi grandi e pi forti di te (Dt 11,23),
lett.; nazioni grandi e forti di (!mi) te.
2) Gli aggettivi monosillabici nelle forme con suffisso (femminile, plurale) mostrano loriginario
raddoppiamento della seconda radicale:
lD; (povero)
hL'D:
~yLiD:

yx;
z[;
br:

(vivente)
(forte)
(grande)

hY"x;
hZ"[;
hB'r:

~yYIx;
~yZI[;
~yBir:

tALD:
tAYx;
tAZ[;
tABr:

*dallu
*azzu
*rabbu

Nel caso la seconda radicale sia una gutturale, si ricordi quanto detto a proposito dei verbi con una
gutturale (il raddoppiamento della gutturale, impossibile, si risolve in un allungamento della vocale
precedente):

rm;
[r:

(amaro)
(cattivo)

hr"m'
h['r"

~yrIm'
~y[ir"

tArm'
tA[r"

I numerali
uno
due
tre
quattro
cinque
sei
sette
otto
nove

dx'a,
~yIn:v.
XAlv'
[B;r>a;
vmex'
vve
[b;v,
hn<mov.
[v;Te
rf,[,

tx;a;
~yIT;v.
hv'Alv.
h['B'r>a;
hV'mix]
hV'vi
h['b.vi
hn"mov.
h['v.Ti
hr'f'[]

primo
secondo
terzo
quarto
quinto
sesto
settimo
ottavo
nono

!voarI
ynIv.
yXiyliv.
y[iyBir>
yviymix]
yVivi
y[iybiv.
ynIymiv.
y[iyviT.
yrIyfi[]

trenta
quaranta
cinquanta
sessanta
settanta
ottanta
novanta

~yvilv.
~y[iB'r>a;
~yVimix]
~yVivi
~y[ib.vi
~ynImov.
~y[iv.Ti
~yrIf.[,

dieci
decimo
venti
Per i numeri cardinali da 3 a 10, la forma maschile impiegata per i sostantivi femminili e, viceversa, la forma femminile impiegata per i sostantivi maschili.
Dalla forma maschile dei cardinali si deducono gli ordinali e i cardinali da 30 a 90. Degli ordinali
qui indicata la sola forma maschile, dalla quale si deduce la forma femminile aggiungendo la terminazione tyI- (tyXiyliv.).
Si ricordino infine:
cento
mille
46

ha'me
@l,a,

Marco Settembrini/ Appunti di ebraico

FTER, A.A. 2010/2011

Verbi in 1a
I verbi di questa classe non riportano modifiche che interessano le consonanti e sono quindi sempre
facilmente traducibili. Per meglio comprenderne la vocalizzazione, si ricordi tuttavia che
- normalmente la coniugazione segue il modello dei verbi primae gutturalis;
- allimperfetto QAL si distinguono due classi di verbi a seconda della vocale del prefisso
a) solitamente il prefisso ye- (seguito da nella sillaba successiva), salvo ci sia un suffisso vocalico (2 f.s., 1 m.pl., 2m.pl.):
3 m.
f.
2 m.
f.

sg.

pl.

rsoa/y<
rsoa/T,
rsoa/T,
yrIs.a;T;
rsoa/a,

Wrs.a;y:
hn"r>soa/T,
Wrs.a;T;
hn"r>soa/T,
rsoa/n<

1
b) i verbi ( dire), ( perire), ( volere), ( mangiare), ( cuocere) hanno il
prefisso y-:
sg.

rm;ayo
f.
rm;aTo
2 m. rm;aTo
f.
yrIm.aTo
1
rm;ao
wayyiqtol (!): rm,aYow:

3 m.

pl.

Wrm.ayO
hn"r>m;aTo
Wrm.aTo
hn"r>m;aTo
rm;anO
(salvo preceda immediatamente il discorso diretto);

- limperativo e infinito costrutto QAL rmoa/, rsoa/.

47